Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIX n. 253 (48.281) Città del Vaticano giovedì 7 novembre 2019
.

All’udienza generale il Papa commenta il discorso di Paolo ad Atene e ribadisce l’importanza del dialogo con le culture Nel libro di Dario Cornati «Ma più grande è l’amore»

Mani tese per costruire ponti Affetto e pensiero


un’unità da ricomporre
con chi non crede o ha altre fedi somma: staccare gli affetti dalla vi-
di GIOVANNI CESARE PAGAZZI
sione della realtà significa amputa-
Per costruire «ponti con la cultura, iniziando a frequentarne «i luoghi e sco, deve interrogare «sul nostro «scherno e derisione» e il suo tenta- el titolo del “manifesto” del re la forza dell’ontologia, inclinan-
con chi non crede o con chi ha un
credo diverso dal nostro» anche oggi
bisogna avere «sempre la mano te-
le persone più significativi»: la sina-
goga, simbolo della vita di fede; la
piazza, simbolo della vita cittadina;
modo di guardare le nostre città: le
osserviamo con indifferenza? — si è
chiesto — Con disprezzo? Oppure
tivo sembri fallito, costringendo Pao-
lo ad allontanarsi, accade invece che
alcuni aderiscano alla sua parola
N pontificato di Francesco —
Evangelii gaudium — vibra
un affetto, gaudium, appunto. “Af-
dola verso l’attrazione per il nulla.
Separare gli affetti da un’ariosa vi-
sione del reale, dall’ontologia, com-
sa», mentre serve a ben poco l’ag- e l’Areopago, simbolo della vita po- con la fede che riconosce i figli di aprendosi alla fede. Come Dionigi, fettive” sono le intestazioni di altri porta privarli del luogo e delle for-
gressività. È l’insegnamento che Pa- litica e culturale. E nel farlo, ha os- Dio in mezzo alle folle anonime?». membro dell’Areopago, e Damaris. suoi importanti documenti: Amoris me che li mantengono amici della
pa Francesco ha tratto dal famoso servato il Pontefice, Paolo «incontra Primo merito di Paolo è dunque Per cui, ha concluso il Papa, «anche letitia, Veritatis gaudium, Gaudete et vita, non energie inerti e tristi. Af-
discorso di san Paolo all’Areopago tutta la gente; non si chiude, va a quello di aver aperto «un varco tra il ad Atene il Vangelo attecchisce e exsultate. Tale insistenza “emozio- fetti e giusta visione della realtà na-
di Atene, commentandolo all’udien- parlare» con tutti. Dunque, è la suc- Vangelo e il mondo pagano» e di può correre a due voci: quella nale” non è certo un cedimento al scono insieme. L’uomo non separi
za generale di mercoledì mattina, 6 cessiva considerazione, egli «non averlo fatto «nel cuore di una delle dell’uomo e quella della donna!». gusto corrente. Oggi infatti si cerca ciò che Dio ha unito.
novembre, in piazza San Pietro. guarda la città di Atene e il mondo istituzioni più celebri del mondo an- di compensare col calore dei senti- Proprio di questa originaria uni-
Proseguendo le catechesi sugli At- pagano con ostilità, ma con gli occhi tico». Ma c’è anche un ulteriore suc- tà e dei molteplici, variegati divorzi
menti il freddo del nihilismo, vale
ti degli apostoli, il Pontefice si è sof- della fede». E ciò, secondo France- cesso: infatti nonostante susciti PAGINA 8
a dire il pugno di mosche ereditato a essa imposti parla il bel libro di
fermato sui versetti 22-23 del capito- dall’Occidente dando retta ai pro- Dario Cornati «Ma più grande è
lo 17, per mostrare un modello esem- l’amore». Verità e giustizia di agápe
clami di emancipazione dai “grandi
plare d’inculturazione della fede:
racconti” di un tempo; fossero essi (Queriniana, Brescia 2019, pagine
proprio quello scelto da Paolo in
filosofici, religiosi, artistici. Si 432, euro 33). Teologo milanese che
una città, la capitale greca appunto,
aspettava la libertà ed è arrivata la ha perfezionato i propri studi alla
«che malgrado la decadenza politi-
noia. Si sono tolti di mezzo ingom- Gregoriana e sotto la guida di un
ca, custodiva ancora il primato della
branti santi, grandi pensatori, arti- maestro del calibro di Pierangelo
cultura». Ne è scaturita una riflessio-
ne molto attuale sulla necessità «di sti ed eroi, riempiendo il vuoto con Sequeri (davvero magistrale la sua
inculturare con delicatezza il mes- l’emozionata convinzione di essere postfazione al libro), Cornati ap-
saggio della fede, ponendo su quanti tutti santi, tutti grandi pensatori, porta al panorama filosofico e teo-
sono nell’ignoranza di Cristo uno tutti artisti e tutti eroi. Magari con- logico qualcosa di nuovo, qualcosa
sguardo contemplativo, mosso da un tentandosi di santità “all’acqua di che mancava. Grazie a una scrittu-
amore che scaldi anche i cuori più rose”, di pensieri e arte che durano ra raffinata, accessibile e bella (in
induriti». Con la conseguente richie- un giorno e di eroismi scadenti, co- alcune pagine sembra di trovarsi in
sta da parte di Francesco di doman- me non farsi scappare l’ultimo mo- un romanzo), l’autore ricompone
dare «anche noi oggi allo Spirito dello di telefonino. con perizia e leggerezza tutta la vi-
Santo di insegnarci» a dialogare con Ma riducendo gli affetti a calori- cenda storica dell’infelice separa-
chi la pensa in modo diverso. feri sentimentali se ne ammutolisce zione tra affetto e pensiero, tra af-
Prendendo spunto dall’impatto il desiderio di pensare e agire “in fetto e libertà, tra le forze del senti-
dell’apostolo delle Genti col pagane- grande”, perciò si vendicano, tra- mento e le forme della ragione e
simo — che «però, invece di farlo sformandosi in risentimento o ani- della morale. Come è risaputo, per-
fuggire, lo spinge a creare un ponte mosità euforiche e depressive per fino nei divorzi più rispettosi e
per dialogare con quella cultura» — nulla; anzi per il nulla. Un affetto consensuali entrambi i coniugi van-
il Papa ha elogiato la sua scelta «di nasce solo con grandi aspettative; no in sofferenza; entrambi irrime-
entrare in familiarità con la città» non stando alla sua altezza lo si diabilmente perdono qualcosa. E
mortifica e diventa mortifero. Gli così è stato sia per le forze sia per
affetti non intendono promuovere le forme, anche se non sono man-
animosità dal fiato corto, ma donne cati promettenti e generosi tentativi
e uomini longanimi, magnanimi, dai di ricongiungimento. La ricomposi-
desideri, immaginazioni, azioni di zione di una relazione è possibile
Raggiunto un accordo tra il governo del presidente Hadi e gruppi ribelli del sud ampio respiro. Insomma, gli affetti solo grazie alla rivisitazione serena
tendono a un’ontologia, vale a dire e onesta della sua storia, dal mira-
Spiragli nella crisi yemenita a una visione complessiva della
realtà, della sua origine e del suo
coloso inizio che ha visto i due le-
gati tra loro prima ancora di essersi
scelti, fino alle vicende che li han-
destino; non si accontentano di
meno, non reggono la grettezza e no esposti alla separazione. Il meri-
SANA’A, 6. Spiragli di dialogo nello separatiste appoggiate invece da alcuni gruppi di ribelli non legati ad Aden e nelle province limitrofe e l’angustia di chi è affascinato dal to di Cornati è proprio questo: ri-
Yemen. Il governo del presidente ye- Abu Dhabi. In base all’intesa, queste agli huthi — il cosiddetto Consiglio contribuisca a migliorare la vita dei nulla. Un bimbo appena nato, ri- costruire la storia di questo vinco-
menita Abd Rabbo Mansour Hadi e ultime otterranno dei posti ministe- di transizione del sud — avevano cittadini». cambiando per la prima volta lo lo, nella speranza che oggi sia il
i ribelli del Consiglio di transizione riali nell’esecutivo yemenita in cam- preso controllo di Aden e del suo L’accordo è «un passo in avanti sguardo e il sorriso della mamma, momento opportuno della rinnova-
del sud hanno siglato ieri a Riad un bio del loro ritiro dalla zona di porto. Ne erano seguiti violenti verso una soluzione politica per por- avverte affettivamente l’accensione ta unità, dove, in maniera inconfu-
accordo per porre fine alla lotta per Aden, porto strategico nel sud del scontri: dopo settimane di negoziati re fine alla guerra in Yemen» ha det- della sua anima, la messa in moto sa e indivisa, gaudium ed evange-
il potere nel sud del Paese. Lo ripor- paese. tra Riad e Abu Dhabi e i loro rispet- to il principe ereditario Mohammed del suo “Io” e del suo mondo, co- lium staranno insieme.
tano media sauditi. La guerra nello Yemen è in corso tivi alleati yemeniti si è raggiunto un bin Salman in dichiarazioni riportate me qualcosa di bello e buono, di
Il re saudita bin Salman ha pre- dal 2015. Ad affrontarsi sono la coa- accordo. da «Al Arabiya» dopo l’annuncio giusto e vero. La scintilla affettiva
senziato alla cerimonia di firma lizione filo-saudita, e di cui fanno «La firma dell’accordo tra il go- dell’intesa. Il principe ereditario sau- che scocca tra un uomo e una don-
dell’intesa tra il governo yemenita in parte anche gli Emirati Arabi Uniti, verno e i separatisti del Consiglio di dita, che è anche vice premier e mi- na reclama una parola sul loro pas-
esilio, sostenuto da Riad, e le forze e gli insorti huthi. Nell’agosto scorso transizione del sud è un passo im- nistro della difesa della monarchia sato, presente e futuro, sulla loro
portante per il nostro impegno co-
mune volto a portare avanti una so-
del Golfo, ha avuto colloqui bilate-
rali sia con Hadi che con il leader
nascita e sulla morte; anzi perfino
oltre la morte, giacché, al suo sor-
ALL’INTERNO
luzione pacifica per il conflitto in del Consiglio di transizione del sud, gere, un sentimento ha questa pre-
Yemen» ha affermato l’inviato delle Aidarus Al Zoubaidi. tesa: durare “per sempre”. Perciò Democrazia inclusiva - 4
I risultati del voto locale negli Stati Uniti Nazioni Unite per lo Yemen, Martin Il conflitto yemenita ha avuto fi- aiuta a immaginare perfino quanto
Griffiths. In una dichiarazione diffu- nora pesantissime conseguenze sulla ci si aspetta dopo la fine. La recen- La democrazia
Test elettorale negativo per Trump sa dal suo ufficio, Griffiths «si con-
gratula con le parti e ringrazia l’Ara-
popolazione civile. Secondo le stime
delle Nazioni Unite e di diverse or-
te incapacità di immaginare il Para-
diso e l’inferno è sintomo di insuf-
rappresentativa
bia Saudita per la mediazione e i ganizzazioni internazionali, oltre il ficienza affettiva. Sono le lune del- ha i secoli contati
suoi faticosi sforzi diplomatici». sessanta per cento della popolazione la volontà e i calcoli della ragione
Spero — ha detto Griffiths — «che yemenita è ridotto in condizioni di a costringere gli affetti nei confini SARO FRENI A PAGINA 3
questo accordo rafforzi la stabilità estrema povertà. dell’“adesso”, e del “subito”. In-

Venti lezioni contro l’odio

Per sconfiggere
il razzismo sul campo
NOSTRE INFORMAZIONI
GAETANO VALLINI A PAGINA 4

Il Santo Padre ha ristrutturato la come suffraganee: le Diocesi di Muniz Alves, O.F.M., finora Vesco-
Provincia Ecclesiastica di Belém Macapá, Castanhal, Bragança do vo Prelato di Xingu. Pezzi librari, numismatici
do Pará (Brasile), sopprimendo la Pará, Ponta de Pedras, Marabá, e archeologici di pregevole fattura
Prelatura territoriale di Xingu e, Abaetetuba, Cametá e la Prelatu-
dal suo intero territorio al quale è ra territoriale di Marajó. Il Santo Padre ha nominato La biblioteca
Operazioni di voto in un seggio (Ap)
stato accorpato un municipio del- primo Vescovo Prelato della nuo- di Assemani
la Diocesi di Marabá, ha eretto va Prelatura territoriale di Alto
WASHINGTON, 6. Risultati amari cratico è considerata come una due nuove circoscrizioni ecclesia- Provviste di Chiese Xingu - Tucumã (Brasile) il Re- GIACOMO CARDINALI A PAGINA 5
per Donald Trump nel “Super Tue- svolta indicativa del calo di gradi- stiche: la Diocesi di Xingu-Alta- verendo Padre Jesús María López
Il Santo Padre ha nominato
sday” elettorale in quattro stati mento del presidente a causa delle mira e la Prelatura territoriale di Mauléon, O.A.R., finora Parroco
primo Arcivescovo Metropolita Il sinodo greco riconosce
americani, considerato un test cru- indagini per impeachment. «Sono Alto Xingu - Tucumã. nell’Arcidiocesi di Fortaleza.
ciale in vista del voto nel 2020. I qui per dichiarare ufficialmente og- della nuova Arcidiocesi di Santa- la nuova Chiesa ortodossa ucraina
Contestualmente, il Papa ha rém (Brasile) Sua Eccellenza
repubblicani potrebbero aver perso gi, 5 novembre 2019, che il Virginia creato la Provincia Ecclesiastica
la maggioranza in tre dei quattro è ufficialmente blu» ha detto il de- Monsignor Irineu Roman, C.S.I., Vicini e lontani
di Santarém (Brasile), elevando a trasferendolo dalla Sede titolare Nomina
stati dove si sono tenute le elezioni mocratico Ralph Northam, eletto
y(7HA3J1*QSSKKM( +}!=!#!"!/!

Chiesa Metropolitana la Sede ve- vescovile di Sertei e dall’Ufficio di Vescovo Coadiutore GIOVANNI ZAVATTA 6
governative e legislative. I risultati governatore dello stato. I democra- A PAGINA
scovile di Santarém ed assegnan-
confermano la vittoria dei demo- tici — sottolineano i commentatori di Vescovo Ausiliare di Belém do Il Santo Padre ha nominato
cratici in New Jersey, tradizional- — hanno ottenuto il pieno control-
dole come suffraganee: la Diocesi
Pará. Vescovo Coadiutore della Diocesi
mente uno stato blu. In Mississip- lo di entrambe le Camere della Vir- di Óbidos, la Prelatura territoria- Riflessioni sui vangeli festivi
le di Itaituba e le nuove circoscri- di Córdoba (Messico), Sua Eccel-
pi, stato repubblicano, la vittoria ginia per la prima volta in oltre
del Grand Old Party non è stata ri- vent’anni. In Kentucky il partito zioni di Xingu-Altamira e di Alto Il Santo Padre ha nominato lenza Monsignor Eduardo Cirilo Davanti allo specchio
cevuta come una sorpresa. democratico ha rivendicato la vitto- Xingu - Tucumã. primo Vescovo della nuova Dio- Carmona Ortega, C.O.R.C., trasfe- della Parola
In Virginia e in Kentucky, inve- ria con un margine dello 0,4 per La Provincia Ecclesiastica di cesi di Xingu-Altamira (Brasile) rendolo dall’ufficio di Vescovo di
ce, l’affermazione del partito demo- cento. Belém do Pará (Brasile) conserva Sua Eccellenza Monsignor João Parral. LEONARD O SAPIENZA A PAGINA 7
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 7 novembre 2019

Crisi umanitaria nello stato di Zamfara

Centinaia di migliaia in fuga


dalle violenze in Nigeria
ABUJA, 6. Nello stato nigeriano delle persone liberate dal raid degli
nord-occidentale di Zamfara, le vio- agenti — riferisce il portavoce della
lenze di gruppi criminali hanno co- polizia — erano state incatenate. In-
stretto alla fuga centinaia di migliaia tanto, il proprietario del centro e al-
di persone. È quanto denuncia Me- tre otto persone sono state arrestate.
dici senza frontiere (Msf), riferendo A informare la polizia su quanto ac-
che gli abitanti di questo stato dai cadeva è stato un diciassettenne fug-
loro villaggi hanno cercato rifugio gito da un’altra struttura di deten-
nella città di Anka, dove operano le zione nella zona. Il commissario di
loro équipes, fornendo cure d’emer- polizia di stato, Shina Olukolu, af-
genza, garantendo assistenza medica ferma che alcune vittime hanno di-
di base e distribuendo generi di pri- chiarato di essere state detenute per
ma necessità alle nuove famiglie di anni. Le condizioni nella moschea
sfollati. erano disumane e sono stati inoltre
Le persone che arrivano ad Anka segnalati alcuni casi di decessi. L’Onu chiede il dialogo in vista delle elezioni
hanno perso praticamente tutto. Vi- Nell’ultimo mese oltre 1.000 persone
vono in edifici scolastici e ripari im-
provvisati o allestiti da Msf nell’area
del palazzo dell’Emiro, un edificio
sono state liberate da fantomatici
centri religiosi in cui le condizioni di
vita sono terrificanti. I centri di ria-
Stallo politico
fatiscente che ora ospita centinaia di
sfollati. A Zamfara è arrivata inoltre
la stagione delle piogge che si preve-
bilitazione coranica sono scelti da
genitori e familiari per bambini e
persone dalla condotta problematica
in Guinea-Bissau
de porterà un picco di malaria, ma a a seguito dell’abuso di droghe o di
suscitare preoccupazione è anche piccoli reati. Questi centri sono BISSAU, 6. Stallo politico in Gui- Gomes, esponente del Partito afri-
l’alimentazione insufficiente, che spesso trasformati in veri e propri nea-Bissau a poche settimane dalle cano per l’indipendenza della Gui-
rappresenta un ulteriore rischio per luoghi di tortura. elezioni presidenziali, fissate per il nea e Capo Verde (Paigc), al pote-
la salute. A soffrire sono soprattutto Infine, in queste ore a scuotere la prossimo 24 novembre. C’è il timo- re, nominando un sostituto di un
i bambini della zona. Da gennaio a Nigeria è anche un grave incendio re di possibili nuove violenze. partito di minoranza.
settembre 2019, le équipes di Msf di scoppiato ieri in un supermercato di Al rifiuto delle dimissioni da
Il Consiglio di sicurezza delle
Anka hanno curato 7.445 minori per Lagos. Non si hanno per ora notizia parte di Gomes si sono intanto ag-
di vittime o di feriti. Rimane da ac- Nazioni Unite ha chiesto ieri mo-
malnutrizione. I bambini sono spes- giunte le tensioni durante la cam-
so affetti anche da infezioni alle vie certare anche la causa dell’incendio. derazione e dialogo per risolvere la
pagna per le presidenziali iniziata
respiratorie e da avvelenamento da Alcuni video condivisi sul web mo- crisi. Lo riportano i media locali,
lo scorso fine settimana nel paese,
piombo a causa dell’estrazione arti- strano persone in preda alla dispera- ricordando che il presidente, José
che ha attualmente due primi mini-
gianale dell’oro praticata nei dintor- zione gettarsi dalle finestre per met- Mário Vaz, martedì scorso ha desti- stri e due governi. Durante una
ni di Anka. Scontri nello stato nigeriano nord-occidentale di Zamfara tersi in salvo. tuito il primo ministro, Aristides protesta pre-elettorale di sabato
L’elevato numero di bambini trat- scorso, oltre a diversi feriti, è rima-
tati in particolare per la malnutrizio- sta uccisa almeno una persona.
ne ad Anka ha preoccupanti impli- Sulla crisi politica si è espressa
cazioni anche per la situazione nel anche la Comunità economica de-
resto dello stato di Zamfara. A causa gli stati dell’Africa occidentale (Ce-
dell’abbandono delle fattorie, si te-
Colpite soprattutto le regioni di Hiraan e Bakool
Assassinato deao) definendo il licenziamento di
me inoltre una grave crisi nutrizio-
nale, anche nelle zone di difficile ac-
Oltre 370.000 sfollati in Somalia un parlamentare Gomes «illegale», come aveva fatto
la scorsa settimana anche l’Unione
cesso per problemi di sicurezza. La europea.
maggior parte dei villaggi remoti so-
no inaccessibili e la fornitura di assi-
in Burkina Faso Più cauto è stato invece il Consi-
glio di sicurezza Onu, che in una
stenza sanitaria di base alle comuni- GINEVRA, 6. Dieci persone sono voce dell’Unhcr. Save the children Programma alimentare mondiale, dichiarazione si riferisce a lui come
tà locali è gravemente compromessa morte e oltre 370.000 persone sono ha creato un centro integrato di l’Organizzazione internazionale OUAGAD OUGOU, 6. Si amplia in primo ministro «incaricato di gui-
dai frequenti casi di rapimenti, rapi- state costrette a fuggire dalle loro salute e nutrizione e sta fornendo per le migrazioni, l’Unhcr e l’O r- Burkina Faso il conflitto con il
dare il processo elettorale». Il Con-
ne e violenza diffusa. case in Somalia, a causa delle vio- acqua potabile, provviste alimen- ganizzazione mondiale per la sani- terrorismo. Oumaru Dicko,
siglio ha inoltre sottolineato «l’ur-
La Nigeria è alle prese anche con lente inondazioni che stanno col- tari, effettuando controlli sanitari tà stanno velocemente erogando membro del parlamento del pae-
gente bisogno» di tenere le elezioni
altri tipi di violenza. La polizia nige- pendo le regioni di Hiraan e Ba- e installando servizi igienici. Il aiuti. se e anche vicesindaco di Djibo,
in tempo al fine di garantire una
riana nel sud-ovest dello stato di kool. Una delle aree più colpite, se- città nella provincia del Sahel, è
Oyo ha liberato 259 persone da un stato assassinato sulla strada tra transizione pacifica del potere. Vaz,
condo quanto riporta Bbc News
centro di detenzione illegale in una Djibo e la capitale. Lo rende che ha completato il suo mandato
Africa, è Beledweyne, dove interi
moschea di Ibadan. Lo rendono no- villaggi sono stati sommersi. Diver- noto Al Jazeera, citando fonti il 23 giugno scorso, a luglio aveva
to i media locali. La maggior parte se organizzazioni, fra cui agenzie locali. Finora, nessuno dei grup- annunciato la formazione di un
delle Nazioni Unite e alcune orga- pi armati che operano nel paese nuovo governo dopo mesi di crisi
nizzazioni non governative, stanno ha rivendicato l’attacco. Si tratta politica e su spinta decisiva della
erogando aiuti umanitari e assisten- tuttavia della prima volta che un Cedeao, che ha autorizzato il presi-
za d’emergenza. membro del parlamento viene dente Vaz a rimanere in carica do-
Diverse zone nell’Africa orientale assassinato nel conflitto interno po la fine del mandato, cedendo
Preoccupazione sono colpite da pesanti piogge che che ha investito il paese dal col- tuttavia il potere al governo del
della comunità internazionale continueranno per almeno un mese. po di stato del 2015. primo ministro Gomes.
Le inondazioni nella regione, ha ri- Il veicolo su cui stava viag-
L’Iran riprende portato Bbc News Africa, avrebbero
costretto complessivamente un mi-
giando domenica scorsa il parla-
mentare con altri tre passeggeri
l’arricchimento lione di persone ad abbandonare le
proprie case.
è stato colpito da un ordigno
esplosivo, uccidendo sul colpo
dell’uranio In Somalia, due dei principali due persone. Passeggeri di un Egitto: uccisi
fiumi sono esondati. Le organizza- autobus diretto a Djibo hanno
zioni umanitarie sono preoccupate
per la diffusione di colera e mala-
assistito all’attacco e riferito di
aver cercato di salvare Dicko e
83 sospetti
TEHERAN, 6. È ripreso in Iran, come
annunciato ieri dal presidente, Has-
san Rohani, l’arricchimento dell’ura-
ria. L’Alto commissariato delle Na-
zioni Unite per i rifugiati (Unhcr)
un altro sopravvissuto prima che
alcuni uomini armati, non iden-
jihadisti
nio nella centrale atomica di Fordo, ha fatto sapere che almeno 230.000 tificati, portassero via i due uo-
nuovo passo del disimpegno di delle persone colpite si trovano nel mini per giustiziarli. La Francia IL CAIRO, 6. Il portavoce dell’eser-
Teheran dall’accordo sul nucleare distretto di Beledweyne. Terreni ha intanto annunciato lunedì cito egiziano, Tamer el Rifae, ha
Jcpoa del 2015. Lo ha confermato la agricoli, infrastrutture e strade sono che estenderà l’operazione Bar- annunciato che, tra il 28 settembre
tv di Stato iraniana, precisando che state distrutte. Sono stati riportati kahne — la propria missione mi- e il 4 novembre, 83 sospetti jihadi-
è stato iniettato gas di uranio nelle numerosi feriti ma le cifre non sono litare nel Sahel — anche in Bur- sti del gruppo regionale affiliato al
centrifughe del sito, alla presenza di ancora chiare. kina Faso, inviando soldati nelle sedicente Stato islamico (Is), sono
ispettori dell’Aiea. Con l’iniezione di «Le inondazioni dimostrano la regioni del Nord. Quest’anno il stati uccisi in diverse operazioni
gas di uranio, quello di Fordo passa crescente vulnerabilità della Soma- conflitto ha causato quasi 1.700 militari nella regione del Sinai set-
da impianto di ricerca (autorizzato lia al cambiamento climatico», ha morti, provocando una grave tentrionale. Sei degli oltre 80 uo-
dall’accordo firmato a Vienna quat- dichiarato Andrej Mahecic, porta- crisi umanitaria. mini uccisi, ha precisato ancora il
tro anni fa) a sito nucleare attivo. funzionario, facevano parte di una
Immediato è scattato l’allarme lista di terroristi considerati “molto
della comunità internazionale. «Sia- pericolosi” e 61 persone, che risul-
mo preoccupati — hanno fatto sape- tavano ricercate e sospette, sono
re dalla Commissione europea — e state arrestate. In più al termine di
sollecitiamo l’Iran a invertire le atti- Attacco al valico di frontiera Assalto separatista ogni singola operazione sono state
sequestrate grandi quantità di armi
vità che non sono coerenti con l’ac-
cordo sul nucleare e a evitare qual-
siasi altra misura che minerebbe la
tra Tadjikstan e Uzbekistan nel sud della Thailandia e munizioni, sono stati distrutti 14
nascondigli dei jihadisti. L’esercito
preservazione e la piena attuazione egiziano, che in queste operazioni
dell’intesa». Anche la Russia, che ha DUSHANBE, 6. È di almeno dicias- Secondo quanto riferito dalle BANGKOK, 6. Almeno 15 persone pace nelle tre province meridionali ha perso tre soldati, ha disinnesca-
ripetutamente attribuito agli Stati sette morti, e alcuni feriti, il bilan- autorità del Tadjikstan, il gruppo sono state uccise in un attacco sfer- di confine», usando un’espressione to 376 ordigni artigianali posiziona-
Uniti la responsabilità di aver spinto cio dei violenti scontri a fuoco av- di assalitori — si presume terroristi rato dai separatisti con armi da usata dal Governo di Bangkok per ti sulle strade e distrutto circa 115
Teheran a ridurre i suoi obblighi, ri- venuti nella notte al confine tra del sedicente stato islamico (Is) — fuoco ed esplosivi in un villaggio indicare i separatisti musulmani del veicoli su tutto il territorio nazio-
tirandosi unilateralmente lo scorso Tadjikstan e Uzbekistan, dove una si è impossessato di cinque fucili di Yala, nel sud della Thailandia. sud. Tra le vittime si contano abi- nale, dal confine con la Libia a
anno dal Jcpoa, ha detto di ritenere ventina di uomini armati hanno automatici, aprendo poi il fuoco Lo ha reso noto il ministero della tanti del villaggio e uomini della quello col Sudan, come nel Sinai.
«preoccupanti» i piani dell’Iran, attaccato il checkpoint di frontiera contro il presidio composto dalle Difesa di Bangkok. Il premier, Pra- sicurezza. Tre delle province più Le operazioni degli ultimi qua-
poiché il collasso dell’accordo non uzbeko di Ishkobod, nel distretto unità della polizia di frontiera. yut Chan-o-cha, che ha condanna- meridionali del paese asiatico, ranta giorni rientrano nell’ambito
porterebbe «nulla di buono», ha di- di Rudakia, circa 80 chilometri da La linea di confine tra i due sta- to con forza l’attacco, ha ordinato quelle di Yala, Narathiwat e Patta- di una vasta offensiva all’Is partita
chiarato alla Tass il portavoce del D ushanbe. ti dell’Asia centrale misura in tota- alle autorità di catturare gli assali- ni, sono teatro di una rivolta sepa- in Egitto, e nella penisola del Sinai
Cremlino, Dmitri Peskov. Un appel- Lo riferisce il ministero degli le oltre 1300 chilometri e circa il tori per poterli consegnare alla giu- ratista nella quale, dal 2004, sono in particolare, a febbraio dello
lo all’Iran «a rivedere le sue decisio- Interni tadjiko in una nota, spie- 20 per cento di quel territorio è ri- stizia. Prayut ha quindi inviato rin- morte circa 7000 persone. La Thai- scorso anno. In 20 mesi sono stati
ni» è arrivato dalla Francia, da mesi gando che negli scontri sono stati masto senza presidi militari in se- forzi militari nella zona. landia è a maggioranza buddhista, uccisi circa 850 presunti jihadisti e
in prima fila nelle trattative europee uccisi 15 assalitori e due uomini guito alla caduta del Muro di Ber- In una nota, il ministero ha pun- ma la maggior parte della popola- una cinquantina sono i militari che
per salvare l’accordo Jcpoa. delle forze governative. lino e alla dissoluzione dell’Urss. tato il dito contro «chi disturba la zione del sud è musulmana. hanno perso la vita.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria@ossrom.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione@ossrom.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
giovedì 7 novembre 2019 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Mattarella ricorda Benigno Zaccagnini

PECHINO, 6. L’accordo di Parigi sul


clima siglato nel dicembre 2015 è
Il senso umano
della politica
«irreversibile». Lo hanno dichiarato
oggi il presidente cinese Xi Jinping
e il presidente francese Emmanuel
Macron a Pechino, a poco meno di
48 ore dall’annuncio formale del riti-
ro dall’accordo da parte degli Stati
Uniti. In un comunicato congiunto RAVENNA, 6. Nel solco di Benigno una attenuazione della propria
al termine dei colloqui, i due leader Zaccagnini, tra i fondatori e segre- aspirazione. Al contrario».
hanno ribadito il «loro deciso soste- tario della Democrazia Cristiana, C’è del fascino, ha detto ancora
gno all’accordo di Parigi, che consi- «l’onesto Zac», figura che ha sapu- Mattarella, nel legame di Zaccagni-
derano un processo irreversibile e to incarnare pienamente l’impegno ni «con il territorio e il suo sguar-
dei cattolici nella gestione della co- do verso l’altrove. Nella veglia di
una bussola per un’azione forte sul
sa pubblica italiana, occorre ricor- 30 anni fa, la notte prima dei fune-
clima».
dare che «la politica non può esse- rali di Zaccagnini, una veglia illu-
Xi e Macron hanno quindi chiesto
re disumana» e che serve offrire ai minata dalle parole del vescovo di
ai paesi più sviluppati di investire
giovani, come accadde proprio ai allora, Ersilio Tonini, c’erano tanti
100 miliardi di dollari entro il 2050
tempi di Zaccagnini, «un orizzonte ravennati nel duomo ma anche tan-
per contrastare i cambiamenti clima-
di ideali, una prospettiva di valori te persone venute da tante parti
tici, dicendosi «determinati a mette- per evitare l’inaridimento», vero
re in atto sforzi senza precedenti per d’Italia perché la gente percepiva
«pericolo che si corre» in questa la credibilità delle sue parole e del-
garantire il futuro delle nuove gene- società. Sono parole del presidente
razioni». I due leader sono concordi le sue azioni: era credibile quando
della Repubblica italiana, Sergio parlava della tensione morale del
nell’«impegnarsi seriamente per in- Mattarella, espresse nel giorno, ieri,
tensificare gli sforzi e la cooperazio- politico. Il suo sorriso — ha ricor-
in cui si commemorava la scompar- dato il capo dello Stato — mostrava
ne internazionali sui cambiamenti sa del politico ravennate. Davanti
climatici». In conferenza stampa Xi la sua attitudine al confronto,
alla platea del Pala De Andrè, do-
e Macron hanno anche sollecitato Francia e Cina affermano l’irreversibilità dell’accordo di Parigi po avere deposto un mazzo di fiori
l’apertura al suo interlocutore».
una «accelerazione della transizione Zaccagnini era un uomo che «face-
sulla lapide di Zaccagnini, accom-

Impegno sul clima


verso lo sviluppo verde». va sviluppare amicizie autentiche».
pagnato dai figli Livia, Carlo e
Nel suo intervento Macron non Giovanni, il capo dello Stato ha Ieri Mattarella, ha anche inviato
ha citato esplicitamente gli Stati tratteggiato dunque la figura del al prefetto Salvatore Mulas, Capo
Uniti, ma ha detto di «non approva- politico democristiano, sottolinean- Dipartimento dei Vigili del Fuoco
re la decisione di alcuni paesi di riti- done, in particolare il «senso di un messaggio nel quale scrive di
rarsi» dall’accordo di Parigi sul cli- cambiamenti climatici può rendere do sono molto migliorati», sottoli- Nel corso dei due ultimi decenni umanità profondo» e lo slancio alla aver «appreso con profonda tristez-
ma. «La voglio considerare una scel- gli tsunami ancora più devastanti. nea l’Onu, non solo per quanto ri- ricerca, «con tutti gli altri, del bene za la notizia del decesso, durante
gli tsunami sono stati la causa del
ta isolata — ha aggiunto — perché L’allerta è stata lanciata ieri dal se- guarda l’Oceano Pacifico ma anche comune», tracciando, di fatto, un un intervento in provincia di Ales-
dieci per cento delle perdite econo-
quando la Cina, la Ue, la Russia, gretario generale dell’Onu, António per quello indiano, per i Caraibi, parallelo con la realtà di oggi. sandria, dei vigili del fuoco Anto-
miche dovute a catastrofi. Perdite nino Candido, Marco Triches e
che hanno ratificato l’accordo di Pa- Guterres. Il rischio di tsunami anco- l’Atlantico del nord est e il Mediter- «Questo messaggio così attuale —
che hanno ritardato i progressi in Matteo Gastaldo». In «questa do-
rigi qualche settimana fa, sono impe- ra più gravi «sono immensi» perché raneo e ciò ha permesso di salvare ha evidenziato Mattarella — è in
gnati seriamente, la scelta isolata di materia di sviluppo. Per questo le lorosa circostanza — ha aggiunto —
680 milioni di persone nel mondo molte vite umane. «Ciononostante — fondo il messaggio storico-culturale
uno o dell’altro non è sufficiente a Nazioni Unite sottolineano come «la desidero esprimere a lei e al Corpo
vivono sulle coste e nel 2050 si stima ha aggiunto Guterres — le perdite del cattolicesimo democratico». Un
cambiare il corso del mondo. Porta che potrebbero essere più di un mi- economiche sempre più pesanti subi- riduzione dei rischi è una compo- atteggiamento, quello di Zaccagni- nazionale dei Vigili del Fuoco la
solo a un marginalizzazione». liardo. Dopo l’evento che ha scon- te in questi ultimi 20 anni dimostra- nente essenziale dell’azione per rag- ni, ha proseguito il capo dello Sta- mia solidale vicinanza, rinnovando
Intanto, l’Onu ha lanciato un volto l’oceano indiano causando 230 no quanto non sia ancora stata presa giungere gli obiettivi di sviluppo du- to, «che lo accomuna a Luigi Stur- il profondo sentimento di fiducia e
nuovo allarme sul clima. Secondo mila vittime in 14 paesi, e di cui que- piena coscienza dell’importanza di revole fissati dall’Agenda 2030» e in- zo, Alcide De Gasperi, Aldo Moro. di riconoscenza per la generosa de-
gli scienziati delle Nazioni Unite, la st’anno ricorre il quindicesimo anni- proteggere le infrastrutture critiche coraggiano i governi a investire nei Un atteggiamento che non è una dizione al servizio della collettivi-
crescita del livello dei mari dovuta ai versario, «i dispositivi di allerta rapi- dai disastri naturali». sistemi di prevenzione. rinuncia alle opinioni e neppure tà».

Il Messico rifiuta Intervistato dalla Bbc apre a una riforma della Costituzione
PER UNA DEMOCRAZIA INCLUSIVA -4
l’aiuto Usa Il presidente cileno
dopo la strage La democrazia rappresentativa
dei mormoni intende proseguire il suo mandato
ha i secoli contati
CITTÀ DEL MESSICO, 6. «Ringra- SANTIAGO DEL CILE, 6. Il presidente
ziamo molto il presidente Trump. del Cile, Sebastián Piñera, ha ribadi-
Ma in questi casi dobbiamo agire to ieri – in un’intervista alla Bbc – di SARO FRENI* cano mai. Ripetutamente smentiti
con indipendenza, secondo quan- che non intende dimettersi ma si è dai fatti, non demordono, e repli-
to dice la Costituzione». Con detto pronto a discutere una riforma ochi indizi testimoniano così cano le loro previsioni con ammire-
queste parole ieri il presidente del
Messico, López Obrador, ha rin-
graziato l’omologo statunitense
della Costituzione. E rispondendo a
una domanda sulle denunce per il
presunto uso eccessivo della forza o
P bene la salute della democra-
zia come l’incessante pubbli-
cazione di libri sulla sua crisi. Non
vole tenacia, sperando che l’ultima
sia la volta buona. Vendono ricette
economiche e sociali strabilianti
Trump per l’offerta di un aiuto addirittura sui crimini e sugli abusi che questi volumi siano del tutto sperando che qualcuno le acquisti;
nella lotta ai cartelli della droga, commessi dalla polizia e dall’esercito privi di interesse: al contrario, met- ma spesso si tratta di cure finte per
dopo la strage di lunedì contro durante le proteste sociali delle ulti- tono bene in luce i difetti del siste- malattie inesistenti. In molti casi,
una famiglia di mormoni di na- me settimane ha promesso che ci sa- ma. Ma non riescono mai a prefi- mutate le mode ideologiche, si li-
zionalità Usa. Sempre ieri il go- ranno adeguate indagini. «Non ci gurare una credibile alternativa che mitano a sovrapporre nuove eti-
verno messicano ha aggiornato a sarà impunità», ha garantito Piñera li corregga. E molto spesso quando chette alle vecchie, ingiallite dal
9 morti il bilancio della strage e il all’emittente britannica. non si trovano le risposte giuste, è tempo: e così la democrazia diret-
perché le domande erano sbagliate. ta, il populismo, il sovranismo e
segretario della sicurezza naziona- Il leader cileno poi ha giustificato
La democrazia rappresentativa — tutte le nuove trovate del momento
le ha annunciato l’arresto di un la dichiarazione dello stato di emer-
diffidare dalle imitazioni — sembra hanno sostituito le vecchie utopie
uomo sospettato della strage. genza nel paese, come strumento una democrazia come il Cile, c’è fiducia nei suoi confronti. Dai son- avere i secoli contati, come si dice- del passato. Si tratta di intrugli che
«Dolore e indignazione» sono «democratico e costituzionale», per un’istanza per discutere delle riforme daggi emerge che quasi l’80 per cen- va del capitalismo. I suoi teorici
stati espressi dalla conferenza epi- «ripristinare l’ordine pubblico e pro- fanno male, o che nel migliore dei
costituzionali e quell’istanza è il to dei cileni vede di buon occhio le non pensano che sia del tutto priva casi non fanno niente, perché illu-
scopale messicana. «Ancora una teggere» i cittadini. Il presidente, fa- Congresso. E il Congresso potrà de- manifestazioni di protesta che si sus- di controindicazioni, ma ritengono dono il paziente — ossia i cittadini
volta un grido che sorge nel de- cendo riferimento a una prossima ri- cidere la via da seguire». seguono nel paese da ormai venti che possieda una sufficiente flessi- — e di fatto ne peggiorano le con-
serto. Regnano la desolazione, lo forma della Costituzione, ha annun- Alla domanda sul crollo del suo giorni e reputa che miglioreranno la bilità per sanarle. Credono infine dizioni, facendogli perdere tempo
scoraggiamento, la frustrazione» ciato che, una volta ristabilitasi la si- livello di approvazione tra i cileni – situazione sociale cilena. Anche ieri che sia ingiusto paragonare un’im- prezioso e accentuandone il decli-
ha affermato il segretario generale tuazione, «saremo disposti a parlare attestato intorno al 15 per cento – il a Santiago c’è stata un’imponente perfetta democrazia reale — quella no fisico e morale.
Alfonso Miranda Guardiola. di tutto», evidenziando come «in presidente ha affermato di sentire la manifestazione. che è sotto gli occhi di tutti: e so- Come accade in molti altri cam-
no spesso occhi molto severi — con pi della vita, anche in politica esi-
un sistema ideale del tutto astratto stono rimedi specifici per problemi
di cui si conoscono solo i pregi, specifici. In definitiva, i vizi della
perché non si è mai riusciti a speri- democrazia (in generale) sono in
mentarne i difetti. realtà i vizi delle democrazie (prese
Oppositori e sostenitori di Morales Bolsonaro: riforme Francia: quote Per un altro verso, i critici della
democrazia hanno molte ragioni
una per una). E questi vizi non an-

continuano a scontrarsi in Bolivia per tagliare sull’immigrazione per denunciarne i limiti. Ma talvol-
drebbero guardati né da troppo vi-
cino né da troppo lontano: nel pri-
ta rischiano di essere troppo inge-
il deficit economica nerosi verso un sistema che si fon-
mo caso la politica scade nella cro-
naca, quando non nel pettegolez-
LA PAZ, 6. Il centro della capitale mitati civici e assemblee popolari —, da proprio sul superamento di que- zo; nel secondo si trasforma in
boliviana, ieri sera, è stato nuova- con una massiccia partecipazione di sti limiti e sul principio dell’auto- ideologia, nella sua accezione più
mente teatro di scontri tra difensori giovani studenti universitari, che BRASÍLIA, 6. Il governo del presi- PARIGI, 6. Il governo francese si correzione. Inoltre — talvolta per deteriore.
e detrattori del presidente Evo Mo- chiedono la ripetizione del voto sen- dente brasiliano, Jair Bolsonaro, appresta ad annunciare nuove re- comodità espositiva, ma talvolta C’è invece una tendenza a per-
rales, che, stando a quanto ufficializ- za la partecipazione di Morales. I ha presentato ieri un pacchetto di gole per facilitare l’immigrazione per necessità propagandistiche — dere la misura delle cose e a tratta-
zato dal Tribunale supremo elettora- sostenitori di quest’ultimo, tra cui riforme economiche volte ad ab- economica. Sarà consentito ai set- mescolano situazioni molto diverse
re questi problemi per categorie ge-
le del paese, è il vincitore delle ele- gruppi di minatori, operai e contadi- bassare l’allarmante livello del de- tori in difficoltà nel reperire ma- le une dalle altre, facendo attenzio-
nerali, mescolando in un grande
zioni presidenziali svoltesi il 20 otto- ni, hanno risposto con veglie e sit- ficit. L’esecutivo di Bolsonaro af- nodopera di assumere stranieri. ne più alle similitudini che alle dif-
calderone questioni secolari e mo-
bre scorso. Da quel giorno però la in. Ieri a La Paz è dovuta intervenire fronta un disavanzo pubblico pari Lo hanno anticipato ieri ai media ferenze. E invece è opportuno sof-
mentanee, strutturali e contingenti,
Bolivia è un paese polarizzato. Nelle la polizia per disperdere entrambe le al 7 per cento del pil, mentre il fonti del governo di Edouard Phi- fermarsi sui dettagli, rinunciando
personali e collettive, nazionali e
principali città sono iniziate manife- fazioni ed evitare un’escalation di debito — secondo quanto reso lippe. talvolta ad accostamenti tanto sug-
internazionali. Per pigrizia o per
stazioni di protesta promosse dalle violenza. Una volta venute a contat- gestivi quanto arbitrari. È certa-
pubblico la scorsa settimana dal Un decreto, secondo quanto si inconsapevolezza, si evita di scen-
forze di opposizione — riunite in co- to infatti erano iniziati gli scontri. mente vero che l’Italia, la Francia,
Tesoro brasiliano — ha raggiunto apprende, fisserà, anno per anno, dere nei particolari, di studiare i
gli Stati Uniti, il Regno Unito —
l’81,8 per cento del pil. Il pro- il numero di persone che potran- dettagli, di analizzarli tecnicamen-
solo per citare i principali laborato-
gramma del governo prevede di- no entrare in Francia per lavorare ri politici del momento — hanno te, e anche di proporre soluzioni
verse privatizzazioni, tra cui quella in settori che mancano di mano- sintomi molto simili di insofferenza concrete e fattibili. Il caso italiano
di Eletrobras, la compagnia ener- dopera, senza che il datore di la- verso le regole tradizionali; ma non è emblematico, da questo punto di
getica statale. voro debba più dimostrare che sempre a sintomi simili corrispon- vista. Pensare che la nostra demo-
La prima proposta di emenda- non riesce a trovare manodopera dono malattie uguali. E se le ma- crazia sia in crisi solo perché un
mento costituzionale (Pec) concer- tra i residenti francesi. lattie sono diverse, dovranno esser- vento maligno spira per il mondo
ne la decentralizzazione delle ri- Il provvedimento — commenta- lo anche le cure. deresponsabilizza le classi dirigenti
sorse del budget pubblico. La Pec no i media — sta già creando ma- Vi è un tipo di cultura — di cui italiane del recente passato, perché
mira ad allentare le regole sulle lumori nell’esecutivo. Intervistata l’attuale negativismo antidemocrati- sembra attenuarne le colpe specifi-
spese pubbliche obbligatorie. questa mattina da radio France co e antiliberale è soltanto l’ultima che; e dà pessime indicazioni a
L’ultima proposta, la Pec dei fon- Inter, il ministro della Giustizia, declinazione — che è fatta di solu- quelle della nouvelle vague, che
di pubblici, libererebbe la mag- Nicole Belloubet, ha detto che «le zioni in cerca di un problema. Da sembrano volerne ripercorrere gli
gior parte delle risorse destinate ai quote non sono la risposta o in molti decenni, infatti, numerosi in- errori, in più aggiungendovene di
281 fondi pubblici per pagare il ogni caso l’unica risposta; nei pae- tellettuali oracolari con la verità in nuovi.
debito pubblico e investire si che le hanno instaurato, le quo- tasca predicono crolli inevitabili e
nell’economia. te non hanno mai funzionato». definitivi, che tuttavia non si verifi- * Dottore di ricerca in Studi Politici
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 7 novembre 2019

di GAETANO VALLINI In un libro venti lezioni contro l’odio che continua a infestare gli stadi
li stadi di calcio, in fondo, non so-

Per sconfiggere
G no altro che uno specchio della so-
cietà, microcosmi in cui si replica il
meglio e il peggio del quotidiano.
E purtroppo è il peggio, come
sempre, a fare notizia. Quanto accaduto domeni-
ca scorsa a Verona e a Roma, con i cori razzisti
all’indirizzo di giocatori di colore, non sorpren-
il razzismo sul campo
de, anche se indigna. Ed è bene che sia così, «Un incontro, una storia»
ogni volta che accade. Quest’anno episodi ana-
di colore senza mai un pro-

Voci in dialogo
loghi erano già avvenuti in altri stadi e anche al
Bentegodi di Verona. Indignano i cori ignoranti blema e, soprattutto, di ave-
di individui con scarsa cultura e ancor meno re da diciassette anni una
idee, ma soprattutto lasciano l’amaro in bocca e compagna marocchina, non-
sconcertano alcune prime balbettanti dichiara- ché un figlio sposato con
zioni, quasi a voler minimizzare la gravità di cer- una donna africana, padre Il concorso della Caritas
ti atteggiamenti, da parte di alcune società chia- (e lui nonno) di due bambi-
mate in causa. Che prendono le distanze dalle ne nere. «Mi rendo conto di
frange più estreme del tifo solo dopo essere fini- avere sbagliato — disse —,
te sotto accusa per la troppa accondiscendenza. mi meraviglio di me stes-
so». di MARINA PICCONE condividono con noi il loro quoti-
Per quanto limitati, sarebbe un errore mini-
Scuse indubbiamente sin- diano», dice don Benoni Ambarus,
mizzare la portata di certi comportamenti, anche
i vediamo tutti i giorni, direttore della Caritas di Roma. «È

L
perché il luogo in cui vengono esplicitati — gli cere. E allora? La frase illu-
davanti al supermercato un progetto di umanizzazione della
stadi pieni di telecamere tv — ne amplificano minante si trovava nel profi-
o vicino a un semaforo; città. L’invito è quello di andare in-
l’eco, con effetti deleteri. Il mondo del calcio in lo Facebook del commenta-
oppure a scuola, all’uni- contro a coloro che consideriamo
Italia deve finalmente riconoscere di avere un se- tore, in un post in cui spie-
versità o sul posto di la- diversi, per cultura o per motivi re-
rio problema al quale urge trovare una soluzio- gava come dovrebbe essere
voro, ma non sappiamo niente di ligiosi, di superare il disagio del
ne. Una presa di coscienza, in sostanza, del fatto una discussione televisiva
loro. Da dove vengono, cosa pensa- primo contatto e di recuperare la
che questo cancro esiste e va combattuto con ar- sul calcio, ovvero «nostrana
no, come vivono in un paese tanto loro ricchezza di vita».
mi efficaci, capaci di lasciare lontano dagli spalti ma chiaramente elegante». Particolare dalla copertina del libro «Un calcio al razzismo. 20 lezioni contro l’odio» «Le persone si conoscono guar-
quei tifosi che apertamente si riconoscono in diverso dal loro e come vivevano in
Ed è in quel “nostrana”, co- di Massimiliano Castellani e Adam Smulevich dandole in faccia, si conoscono fa-
gruppi neofascisti e neonazisti. quel luogo tanto diverso dal nostro.
me si faceva giustamente cendosi raccontare la loro storia e,
Finora l’azione di contrasto ha poggiato sul Per diffidenza, paura, ostilità, indif-
notare, che si cela molta soprattutto, si conoscono immedesi-
principio della responsabilità oggettiva della so- ferenza. Il concorso Un incontro,
parte di quel razzismo che mandosi nella loro storia», sostiene
cietà di appartenenza dei “tifosi” protagonisti di una storia, promosso dalla Caritas
si muove sottopelle e che emerge in espressioni Auschwitz con la moglie e due figli piccoli. C’è Gianni Del Bufalo, direttore della
episodi di razzismo. Ma invece di incentivare di Roma, in collaborazione con il
comuni apparentemente inoffensive in certe cir- la storia di Matthias Sindelar, anche lui austria- Focsiv (federazione di 86 ong di
l’auspicata collaborazione con le autorità sporti- ministero dell’Istruzione, dell’Uni-
costanze, ma che evidenziano un inquietante co, un centravanti fortissimo che a Milano s’in- ispirazione cristiana), uno dei mem-
ve e di pubblica sicurezza, questa prassi ha finito versità e della Ricerca e con il
problema culturale. Che nel contesto da stadio si namorò di una giovane ebrea. Non fu la sua bri della commissione che selezio-
per consegnare i club alle frange organizzate del patrocinio di Comune e Regione, ci
palesa in tutta la sua gravità. Come accaduto, ad unica “colpa”. Dopo l’Anschluss si rifiutò di in- nerà i vincitori. «Noi ci sentiamo
tifo, che hanno usato la responsabilità oggettiva esempio, a Roma, quando all’Olimpico girarono dossare la maglia della nazionale tedesca. I due dà l’occasione di superare i pre-
giudizi e di metterci in ascolto capiti quando un altro ci vede e ri-
come arma di ricatto. Da poco è stato invece in- le ignobili figurine di Anna Frank con la ma- vennero trovati morti in una casa a Vienna: col- conosce nella nostra storia una par-
trodotto un principio diverso: non punire più i glietta della Roma realizzate da ultrà della La- pa delle esalazioni di una stufa, la versione uffi- dell’altro.
Il progetto parte dal presupposto te della sua. Questo è il modo mi-
club, almeno non automaticamente, per lasciare zio. ciale della Gestapo. C’è anche l’incredibile rac- gliore per accogliere chi ha storie
loro mano libera nei confronti del tifo più scal- Non a caso è stato proprio da questo episodio conto del “derby di Sarnano” che nell’aprile del che conoscere le ragioni che spin-
diverse dalla nostra. In questo mo-
manato. È presto per dire se questa strada porte- che a Massimiliano Castellani e ad Adam Smu- 1944 vide affrontarsi una squadra della Werma- gono a lasciare il proprio Paese,
do, eviteremo di guardarci con so-
rà i risultati sperati — probabilmente sortirà un levich è venuta l’idea di scrivere qualcosa che cht e una formazione di partigiani sarnanesi sce- spesso attraverso percorsi travaglia-
spetto, eviteremo di essere vittime
qualche effetto nel giungere all’individuazione potesse raccontare come il calcio, il gioco più si dalle montagne: una partita inverosimile con ti, conoscere le condizioni socio-
della paura o dell’incertezza e in-
dei responsabili di episodi di razzismo e punirli, bello del mondo, abbia dovuto fare i conti in la quale i soldati tedeschi pretendevano sul cam- economiche di luoghi lontani nella
trecceremo le storie degli altri nella
come già avvenuto in un paio di casi — ma sicu- passato con il razzismo e come quanto tragica- concreta evidenza di una vita, svela-
po di calcio una vittoria riparatrice delle sconfit- treccia che compone la storia della
ramente non sarà risolutiva. Perché il problema è mente accaduto negli anni più bui non abbia in- re le storie di persone che incontria- nostra vita».
in primo luogo culturale. te militari. Finì con un pareggio forzato — i lo- mo tutti i giorni o con cui condivi-
segnato nulla, visto ciò che si sente e si vede og-
Oltre a quello conclamato, esiste infatti un cali stavano vincendo — che valse la vita dei par- diamo momenti lavorativi e di vita
gi negli stadi. Un calcio al razzismo. 20 lezioni
razzismo strisciante, perlopiù inconsapevole, che contro l’odio (Firenze, Giuntina, 2019, pagine 102, tigiani. quotidiana può contribuire ad
si esplicita in varie forme. E occorre estirpare an- euro 10) propone infatti storie, alcune inedite, di Quello proposto da Castellani e Smulevich è aprire spazi di comprensione e di
che questo se si vuole vincere la partita. Vale co- razzismo nel mondo del pallone. un percorso che spazia da Giorgio Bassani a Li- dialogo.
me esempio esplicativo quanto accaduto appena Si ricorda la partita di calcio giocata nel lager lian Thuram, che parla del ruolo salvifico svolto I partecipanti, dai 6 anni in su,
un paio di mesi fa sempre in ambito calcistico. e raccontata da Primo Levi ne I sommersi e i sal- dal calcio per alcuni reduci dai lager per arrivare dovranno raccontare storie di vita
Un ex dirigente di un club è stato licenziato dal- vati: da una parte le SS, dall’altra i Sonderkom- a chi attualmente propaga odio nelle curve. Ven- di persone che hanno vissuto o
la tv per la quale commentava le partite dopo mando, gruppi scelti di deportati costretti a col- ti storie tra passato e presente per dire che c’è stanno vivendo un’esperienza di
aver pronunciato questa frase riferendosi a un laborare con i carnefici. Una partita, scrisse Levi, un filo che collega i maestri danubiani del calcio migrazione e che, attualmente, vi-
giocatore di colore: «Nell’uno contro uno ti uc- «seguita con sentita partecipazione (…) come se epurati dai nazifascisti in quanto ebrei agli attac- vono a Roma. Si può partecipare
cide. O hai dieci banane e gliele dai da mangia- invece che davanti alle porte dell’inferno si svol- chi contro i calciatori di colore di oggi. «Memo- singolarmente o in gruppo presen-
re, oppure…». Scuse immediate, dettate al tele- gesse sul campo di un villaggio». Non manca la rie un po’ sbiadite, che — si legge nell’introdu- tando un elaborato scritto o filma-
fono a un giornalista del Corriere della sera, nel- vicenda di Árpád Weisz, austriaco, grande alle- zione — hanno invece molto da insegnarci... C’è to, entro il 20 gennaio 2020. «Il
le quali l’ormai ex commentatore ricordava di natore degli anni 30 e 40, le cui vittorie con Bo- un gioco da salvare. E la cura potrà essere solo concorso è una grande occasione
aver lavorato come dirigente con molti giocatori logna e Inter non lo salvarono dalla morte ad una buona dose di consapevolezza». per conoscere molte persone che

Il libro di don Luigi Maggiali


Impegno politico e libertà del Vangelo
Passi come parole Riproposti due scritti di Karl Barth

di FORTUNATO FREZZA di ROBERTO RIGHETTO tera del 1934: «Questi giovani (hitleria- della nazione tedesca”, chiaramente vo- «È importante che il concorso sia
ni) sono molti presuntuosi e perciò c’è tata al collaborazionismo. Dinanzi al aperto anche ai bambini perché è
ono tornato qualche tempo fa dalla Terrasanta. arl Löwith, uno dei tanti filoso- poco da fare con loro. Invece di edu- tentativo di mettere in relazione la vi- sin da piccoli che si impara a stare

S K
Una delle voci più ricorrenti che mi sono fi tedeschi discepoli di Heideg- carli alla modestia, si continua a instil- sione biblica e cristiana con la Weltan- con gli altri, a non avere timore di
giunte alle orecchie tocca proprio il ger costretti a prendere la via lare loro che essi costituiscono il futuro schauung e la morale dello Stato nazio- chi è diverso da noi», afferma Anab
pellegrinaggio, chiamato a volte Sulle orme di dell’esilio dopo la vittoria di Hitler e i della Germania. Proprio come si fa in nalsocialista, Barth manifesta il suo Farah Abdi, mediatrice intercultura-
Gesù, oppure Sui passi del Salvatore, o anche Il primi segni di antisemitismo, nel libro Italia!». Infastidita per la sua attività dissenso: «Tale operazione — scrive — le di origine somala e membro della
cammino della salvezza. Queste diverse denominazioni La mia vita in Germania prima e dopo intellettuale e pedagogica, la Gestapo non possiamo intenderla come riforma. giuria. «L’altro sono io visto dall’al-
hanno in comune l’elemento dinamico del muoversi da il 1933 descrive il patetico e tragico al- chiuse il Castello di Rothenfels dove si Questo non è riformare, ma deformare. tra parte. I bambini non distinguo-
un luogo a un altro. In esse pertanto sembra che lineamento dell’intellighenzia alla dit- radunava la gioventù cattolica di cui Qui, di fatto, viene posto accanto a no la diversità. Sono i grandi che, a
predomini il semplice evento fisico e geografico quasi tatura. Con poche rare eccezioni, fra Guardini era assistente spirituale. E al Dio un secondo dio. L’Evangelo volte, creano la distanza, sottolinea-
anonimo e arido. Il superamento di questo stadio di cui spiccano alcune figure di teologi teologo stesso fu tolto l’insegnamento. nell’annuncio dei Deutsche Christen è no la differenza. Un comportamen-
frustrazione si ottiene se la guida del pellegrinaggio è cristiani: da Karl Barth, che scrisse un Dopo la guerra, così Guardini descris- un Evangelo non libero». La Chiesa to pericoloso che non contribuisce
capace di animare i percorsi, se riesce, sarebbe il caso di appello ai teologi per la resistenza mo- se la generazione che aveva subito la alla costruzione di un futuro di
dire, a far parlare le pietre (cf. Luca 19,40). Si tratta di rale dinanzi al potere, a Rudolf Bult- tragedia del nazismo: «I nostri giovani convivenza democratica e civile».
dare voce a chi e a quanti hanno originariamente mann, che disse no al compromesso sono dei feriti, dei grandi feriti di que-
In modo magistrale «Questo concorso parla di incon-
attraversato quei luoghi. Mi accompagnavano questi della Chiesa protestante col Terzo Rei- sta grande battaglia. Per dodici anni il filosofo definisce il rapporto tro e di dialogo, due elementi fon-
pensieri quando ho avuto in mano un libro che potrebbe ch, a Dietrich Bonhoeffer, che pagò sono stati affidati, indifesi, a maestri la damentali per capire, perché solo
essere considerato anche una guida di Terrasanta, oltre con la vita la sua ferma opposizione al- cui sola ambizione era impedir loro di
che i cristiani devono tenere guardando negli occhi una persona,
che sintesi teologica di caratura ben superiore alle la persecuzione degli ebrei, a Romano pensare. Ora bisogna tentare di resti- nei confronti dello Stato ascoltandola, si ha la possibilità di
appena settantasette pagine che lo compongono. Sto Guardini, che già nel 1933 tenne una tuire alla nostra gioventù l’inquietudi- mettersi nei suoi panni», sottolinea
conferenza pubblica a Marburgo criti-
Un rapporto che neghi
alludendo al testo di un prete parroco che ha pensato in ne dello spirito. Ed è questa che la sal- padre Camillo Ripamonti, presiden-
teologia quanto Gesù ha vissuto in strada. Il suo titolo è cando il regime. verà dal nichilismo». ogni forma di totalitarismo te del Centro Astalli, membro, an-
Gesù l’uomo della relazione (Firenze, Nerbini editore, Il pensatore italo-tedesco costituì in Anche in campo protestante si leva- che lui, della commissione di valu-
2019, pagine 88, euro 12) con prefazione di Roberto quei decenni un punto di riferimento rono alcune voci significative in difesa tazione. «L’iniziativa permette di ri-
Lepore, al momento della pubblicazione presidente alternativo all’ideologia dominante ed della libertà, fra cui come si diceva evangelica non può diventare una portare la storia nella dimensione
dell’associazione teologica italiana. L’autore è don Luigi esercitò sui giovani un’attrazione edu- quella di Karl Barth, il teologo svizze- Chiesa di Stato per il teologo, secondo della relazione e della conoscenza
Maggiali, nipote di quel don Andrea Maggiali che, anni cativa speciale, capace di strappare le ro ma docente in varie università tede- cui «l’appartenenza alla Chiesa non personale, una dimensione che è al-
or sono, con i suoi scritti spirituali ha alimentato in tutta coscienze di molti alla scellerata dottri- sche fino al 1935, quando fu espulso può essere condizionata dall’apparte- la base della costruzione di una so-
Italia anche la formazione seminaristica di tanti di noi. na nazista. Come i ragazzi della Rosa dal regime e dovette fare ritorno a Ba- nenza alla razza e al sangue». Parole cietà coesa».
Senza mezzi termini don Luigi scrive: «Gesù l’uomo Bianca, che diedero vita a un movi- silea. Mentre buona parte del mondo chiarissime che rimasero inascoltate e Di magia del raccontare e del
della strada. Gesù di Nazaret ha abitato continuamente mento di resistenza al nazismo e per teologico protestante dopo il 1933 si al- in gran parte isolate. Come hanno am- raccontarsi parla Sandro Baldi, già
la strada. Sceglie prioritariamente la strada, il traffico questo vennero condannati a morte. lineò al potere, confluendo nei Deut- messo in vari documenti la Chiesa cat- professore di filosofia, esperto di fi-
della strada, dove la sorpresa è sempre di casa. Sulla Ecco cosa scriveva Guardini in una let- sche Christen, un movimento che di- tolica e quella evangelica nei decenni losofia interculturale alla Caritas di
strada non si può scegliere chi incontrare. Sulla strada chiarava il proprio appoggio al nuovo scorsi, il cedimento di tanti cristiani al- Roma, altro membro della commis-
porta a compimento la sua missione: ricostruire e corso, egli rifiutò di prestare il giura- la logica del regime fu una colpa gra- sione. «Raccogliere le storie perso-
restituire alla loro verità il volto del Padre e il volto mento di fedeltà a Hitler. Ora l’editri- ve. Non a caso Giovanni Paolo II pro- nali degli altri darà vita a una
dell’uomo e creare una vera relazione tra di essi». È un ce Castelvecchi pubblica due suoi scrit- nunciò sulla questione più volte mea catena di storie, l’unica grande via
pellegrino degli incontri con quanti percorrono strade le ti dell’epoca col titolo Impegno politico e culpa memorabili, culminati nel grande per ricostruire la storia umana», af-
più diverse, dal cieco di Gerico ai discepoli di Emmaus. libertà del Vangelo (Roma, 2019, pagine Giubileo del Duemila. ferma.
Cammina perfino sull’acqua del mare di Galilea, pur di 78, euro 12,50) a cura di Francesco Sa- La disobbedienza alle leggi dello «Il vissuto interiore raccontato
suscitare risposte. È un cercatore di relazioni. I passi di verio Festa. Il primo testo è la prima Stato se ingiuste è un topos della civil- sarà la cosa più preziosa che avre-
Gesù sono parole in cammino al di là versione del celebre commento al capi- tà occidentale (si pensi ad Antigone mo alla fine tra le mani. Ma il teso-
dell’incomunicabile. Ricorrendo costantemente e tolo 13 della Lettera ai Romani di san che preferisce obbedire alle leggi non ro più grande sarà di coloro che
abbondantemente ai testi biblici don Luigi canonizza, Paolo ed apparve nel 1919: dopo la fine scritte e dare sepoltura al fratello Poli- avranno vissuto questo incontro.
rende categoria l’evento fortuito, almeno umanamente della Grande Guerra Barth definisce in nice o al rifiuto di sottomissione all’im- Sarà come fare un viaggio, attraver-
fortuito, di un incontro sui passi compiuti da Gesù con maniera magistrale i contorni del rap- peratore dei primi cristiani) che giunge sando territori sconosciuti. Si ha la
tutta intera la sua traboccante umanità. In questo modo porto che i cristiani devono tenere nei sino ai nostri giorni: dal no al nazismo possibilità di conoscere l’altro e, co-
incontra i Dodici, le donne, i bambini, i poveri e i ricchi, confronti dello Stato. Il secondo è una e a ogni forma di totalitarismo in no- me in ogni viaggio, anche un po’ di
Lui che nel seno della Trinità ama e riceve amore nella conferenza tenuta a Bonn il 22 luglio me della propria coscienza, come ab- più noi stessi», conclude don Beno-
suprema relazione eterna del Dio Trino. L’eco dei passi 1933, poco prima che si svolgessero le biamo visto in Barth, al gesto sovversi- ni. Perché, come dice papa France-
di Gesù sulle aridità terrene diventa voce che porta elezioni ecclesiastiche propedeutiche vo di un elemosiniere nella capitale sco, non si tratta solo di migranti.
parole di calda umanità evocatrice di risposte. alla nascita della “Chiesa evangelica d’Italia. Si tratta di noi.
giovedì 7 novembre 2019 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Pezzi librari, numismatici e archeologici di pregevole fattura

La biblioteca
di Assemani
Convegno internazionale in Vaticano
tardi, tutto sembrava perduto, e il
di GIACOMO CARDINALI
artedì circa
Primo Custode Angelo Mai annota-
va in testa al Vat. lat. 8182: «Credo
Chiesa
«M l’ore 20 si
scoprì im-
provvisa-
mente un
furioso incendio senza potersene in-
dagare la caggione, in una stanza
accaduto il bruciamento di questo
codice assemaniano nell’incendio
che consumò la biblioteca e magaz-
zino di quel grand’uomo nell’anno
1768 – 30 agosto – come è noto. È
dunque questo codice un avanzo in
quella disgrazia in cui perirono tanti
musica e interpreti
di MARCELLO FILOTEI direttore musicale all’abbazia di
dell’appartamento che gode Monsig.
lavori preparati dall’Assemani …» Westminster James O’Donnell, e
Evodio Assemani nel Palazzo Ponti-
vviata nel 2017 con un del preside del Pontificio Istituto

A
ficio Vaticano, contiguo alla celebre Per fortuna, Mai si sbagliava: la bi-
blioteca di Assemani non era stata convegno sui 50 anni Liturgico di Roma, il benedettino
Biblioteca Vaticana…, il quale non dalla Musicam Sacram e Jordi A. Piqué, che parlerà del suo-
fu possibile estinguerlo si presto, distrutta, ma solo danneggiata, e la
continuata nel 2018 con no della voce come musica nella li-
nonostante l’ajuto di molte persone collezione di antichità alienata dal
un incontro sul rappor- turgia.
opportunamente accorsevi»; così il nipote Stefano Evodio prima dell’in-
to tra Chiesa e compositori, la ri-
Diario di Roma dava conto del di- cendio; i libri stanno riemergendo
flessione del Pontificio Consiglio
vampare delle fiamme in Vaticano il dai depositi della Biblioteca Aposto-
della Cultura sulla musica si con-
30 agosto 1768. Per vincerle ci volle- lica e le antichità si trovano nelle ve-
centra quest’anno sugli interpreti. Il
ro giorni e lo smantellamento di va- trine dei Musei Vaticani. Con
«dialogo necessario» tra artisti del
rie pareti e del tetto, così che «la vo- l’avanzare degli studi si ricompone
suono e fedeli sarà indagato in un
ragine delle fiamme non si poté l’intera raccolta e, con essa, la perso-
nalità e l’inedito corso biografico di
convegno internazionale che si svol-
ge dal 7 al 9 novembre presso l’Au-
Restaurato
Assemani.
Nato il 29 giugno 1687, a 8 anni
“Pagina 486 del volume II della Bibliotheca Orientalis, in cui Assemani trascrive
la sottoscrizione del Vat. sir. 91”.
la Vecchia del Sinodo, in Vaticano.
I lavori saranno aperti dal presi-
l’organo
era a Roma alunno del Collegio dente del Dicastero, il cardinale di San Lorenzo
Alla Bav Maronita, a 23 scriptor Orientalis in
Se la sua collezione e il suo train versità «Saint-Joseph» di Beirut e Gianfranco Ravasi, con un appro-
Vaticana. E siccome nessuna biblio-
teca è asilo stanziale, anche per lui de vie erano quelli dei più significati- «Saint-Esprit» di Kaslik, e la Socie- fondimento su ermeneutica e inter- al Verano
Il pomeriggio del 7 novembre vi savants europei, le sue origini e tà Italiana di Studi Siriaci. pretazione. Al centro dell’intervento
arrivò il momento di dividersi tra la- «la complessità e i molteplici volti
nella Sala Barberini si terrà la l’antichissima tradizione della Chie- Per quanto illustre, tuttavia, il ri-
vori di erudizione e viaggi in Orien- del momento ermeneutico nell’espe-
sessione vaticana del convegno te, munito di perentorie patenti: sa e della cultura sira avevano fatto scontro più autentico della vitalità
internazionale The Christian East l’oggetto di un incredibile progetto dell’opera di Assemani non lo offre rienza teologica dove la Parola di-
«faire la recherche des vieux manu- venta Storia». In modo «analogi-
in the Latin West. Assemani’s editoriale, da lui ideato e realizzato il comitato organizzatore, ma la se-
scrits arabes et coptes, et de les co», anticipa il porporato, «l’inter-
Bibliotheca Orientalis (1719-2019) in oltre un decennio di studi e di la- rie di studiosi che scrivono ancora
acheter à quelque prix que ce fût», pretazione musicale ha nella comu-
300th Anniversary, organizzato voro tipografico: la Bibliotheca oggi alla Vaticana per avere notizie
come annotava il gesuita Claude Si- nità un dialogo di voci, di tecniche
dalla Biblioteca Apostolica Orientalis Clementino-Vaticana, edita dei manoscritti citati e discussi nella
card, col quale attraversò il deserto tradizionali e/o culturali che, in un
Vaticana in collaborazione con il in quattro tomi tra 1719 e 1728. Si Bibliotheca Orientalis, segno di un
della Tebaide e visitò i monasteri di circolo ermeneutico, costruiscono
Pontificio Istituto orientale (Pio), trattava della prima e più completa utilizzo corrente di questo strumen-
Sant’Antonio e di San Paolo (e le ri- esposizione della storia della Chiesa un ponte di comprensione reciproca
Saint Joseph University of Beirut spettive biblioteche). Missioni appa- to, che in non pochi casi costituisce
Sira, della sua teologia, dei suoi tra autori, esecutori e fruitori».
(Usjj), Holy Spirit University of rentemente culturali e scientifiche, attestazione di un patrimonio perdu-
scriptores, dei suoi riti e tradizioni, a «Ciascuna opera e comunità — con-
Kaslik (Usek), Italian Society of in realtà politiche, come avrebbe ri- to, anche a motivo dei funesti tor- tinua — esige e crea una propria er-
partire dallo spoglio sistematico e nanti storici che il Medio Oriente
Syriac Studies (Syri). Al termine velato il loro esito. meneutica. Ne consegue la vitale
diretto delle fonti documentarie, ha attraversato. Non passa anno che
del convegno si potrà visitare nel L’esito felice delle missioni diplo- condotto da Assemani in Vaticana e ricchezza delle interpretazioni nelle
Salone Sistino l’esposizione «The matiche e delle sue titaniche imprese qualcuno non ci scriva per avere no- diverse coordinate storico-esisten-
durante le perlustrazioni in Oriente.
Assemani’s Heritage». editoriali portarono Assemani a di- tizie dell’«Evangeliario aramaico ziali del passato e contemporanee».
Un’opera monumentale nell’impian-
venire Secondo (1736) e poi Primo manoscritto del 78 d. C., un tempo «Per usare l’espressione del filosofo
to, ricchissima nei contenuti e solida
Custode (1739) della Vaticana, gui- conservato a Bagdad», del cui colo- milanese Luigi Pareyson, sottolinea
nella cernita documentaria di cui
data fino al giorno della morte (13 quest’anno si celebra il terzo cente- fone Assemani riporta un’indiretta ancora Ravasi, «l’esecuzione musi-
gennaio 1768). Sempre più romano e nario, inaugurato nel pomeriggio notizia dal Vat. sir. 91 (II volume, pa- cale non è copia o riflesso, ma vita
avanzare più oltre». Se rimase «gra- gina 486). Ovviamente, il codice Dopo oltre un anno di lavori, il
zie a Dio, del tutto intatta la sudetta inserito nel sistema non solo curiale, con una sessione di studi in Biblio- e possesso dell’opera». Sullo stesso
non è mai giunto in Vaticana (se co- 9 novembre l’organo della
celebre e rara Biblioteca Vaticana», ma anche urbano ed erudito della teca Vaticana, cui ne seguiranno al- tema si eserciterà Chiara Bertoglio,
sì fosse, ne costituirebbe il tesoro!), Basilica di San Lorenzo fuori le
parve irrimediabile «la perdita de li- Città Eterna, l’erudito maronita vi- tre a Roma e Beirut. Al termine del pianista, musicologa e teologa, che
ma grazie alla Bibliotheca Orientalis Mura, a Roma, tornerà a
bri, manoscritti ed altre robbe ap- veva e operava da cittadino della re- primo pomeriggio di convegno sarà analizzerà «il “chi”, il “come” e il
permane traccia della sua mitica esi- suonare. Lo strumento, un
partenenti al detto Monsig. Assema- spublica litterarum, ben al di sopra per la prima volta esposta al pubbli- “cosa” dell’interpretazione, ossia le
stenza, che Assemani stesso avrebbe Ruffatti del 1958, versava da
ni.» del livello degli altri ecclesiastici che co, presso il Salone Sistino della bi- figure protagoniste dell’esecuzione
«si occupano più della carriera che smentito nel suo Catalogus (1758). musicale, le loro relazioni, le moda- diverso tempo in cattive
Nel sottotetto, infatti, era stata blioteca, una selezione di pezzi li-
della loro cultura; nel collegio dei Resta, dunque, il filo tenace della lità con cui esse si esprimono e gli condizioni e ha avuto bisogno di
trasportata la collezione personale di brari, numismatici e archeologici
cardinali si arriva sì e no a contare tradizione erudita, che sola può sal- oggetti di queste interazioni». interventi in diverse componenti,
Giuseppe Simonio Assemani: oltre provenienti dal «Moseo» personale
una mezza dozzina di persone dot- di Assemani. Il semplice elenco de- vare la memoria e la storia dalle di- Ricchissima la lista dei parteci- anche con l’aggiunta di
un migliaio di volumi a stampa, più
di 600 manoscritti: ebraici, siriaci, te», come stilettava Charles de Bros- gli enti organizzatori è emblematico struzioni di ogni genere; e svela panti a un convegno che nel secon- materiale elettronico di ultima
arabi, turchi, persiani, armeni, cine- ses, che ammetteva come «tra i pre- dell’interesse che quest’opera conti- l’acuto senso politico di chi spedì do giorno si concentrerà su «stili, generazione. Per questo è stato
si, greci e latini, oltre a uno glagoli- lati si possono considerare come uo- nua a suscitare: oltre alla Biblioteca Assemani in Oriente a raccogliere segni, improvvisazione, e vocalità» promosso un restauro accurato,
tico; migliaia di monete, medaglie e mini di lettere Assemani e Bottari, i Apostolica, infatti, sono coinvolti il testi e autori «à quelque prix que ce e si concluderà con «uno sguardo teso non solo al ripristino delle
antichità. Ancora mezzo secolo più due vice bibliotecari del Vaticano.» Pontificio Istituto Orientale, le uni- fût». all’interculturalità». Tra gli altri in- funzionalità originali, ma anche
terverranno il musicologo Dinko alla valorizzazione artistica, per
Fabris, con un focus sull’interpreta- poter sfruttare le caratteristiche
zione della musica sacra del passa- sia nel contesto liturgico sia in
to, il gesuita Pino di Luccio, deca- quello concertistico. La Ditta
no della sezione San Luigi della dell’Orto & Lanzini di
Pontificia Facoltà Teologica Dormelleto, in provincia di

Elogio della memoria dell’Italia meridionale, che si dedi-


cherà a canti, musica e danze in te-
sti delle religioni monoteiste
Novara, ha eseguito i lavori
sotto la supervisione del maestro
Marco Di Lenola, docente
nell’area del Mediterraneo, il vice- invitato al Pontificio Istituto di
Storie di vita e di conoscenza in «Come Dante può salvarti la vita» di Enrico Castelli Gattinara presidente dell’International Musi- Musica Sacra (Pims) che ha
cological Society, Egberto Bermu- seguito il progetto e lo stato di
dez, che parlerà di musica sacra in avanzamento dei lavori. La
rienza e l’umana sapienza diventano del cinema» che spinge verso la sal- lore in volto, che lo regge tra le Colombia tra il 1550 e il 1950, e il
di FRANCESCA ROMANA DE’ ANGELIS cerimonia di inaugurazione dello
libri, film, musiche, fotografie, di- vezza il giovane rifugiato etiope braccia con commovente delicatezza. compositore Salvatore Sciarrino, tra
strumento, patrocinata dal Pims,
n titolo che suscita cu- pinti, i diversi linguaggi con cui ci Dagmawi Yimer. Un estremo gesto di pietà per quella i più eseguiti al mondo, che appro-

U
prevede il rito di benedizione
riosità, un sottotitolo parlano uomini capaci di illuminare Accanto a tante vite salvate, risol- creatura che in vita non ne aveva fondirà il tema dell’uso della voce.
Da parte sua il filosofo Massimo dell’organo e una serie di
che riassume una vi- il nostro cammino. te, protette dalla cultura, nel libro trovata. interventi eseguiti allo strumento
sione della vita, un li- Al nastro di partenza troviamo il c’è spazio anche per il racconto di Come Dante può salvarti la vita è Donà, indagando il rapporto tra
musica e sacro sottolinerà come «la dallo stesso Di Lenola con la
bro che non solo man- padre della nostra letteratura e un vite perdute che pesano o almeno un libro ricco di luce perché ricco di
vera armonia parli sempre e sola- collaborazione, per le parti in
tiene tutte le promesse ma dà anche uomo del Novecento che nella vita dovrebbero pesare sul cuore di tutti. poesia, quella voce gentile, discreta
faceva il chimico ma che, dopo l’or- mente dell’invisibile. Ossia, di canto gregoriano, del cantore
tanto di più, un autore che riesce a Come la storia straziante di un e antica che attraversa i secoli me-
rore di Auschwitz, diventò scrittore «Bulletin scolaire» del Mali, cucito scolando passato e presente e che vi- quell’eterno che vive sempre e sola- sistino Stefano Fioravanti. In
essere narratore e maestro, senza mente in un presente che è tutto programma musiche di Johann
spinto dall’urgenza di testimoniare. da mani amorevoli all’interno del ve nel cuore degli uomini prima che
smarrire mai le due identità tenute nella negazione in cui consistono Sebastian Bach, Filippo
Castelli Gattinara riscrive per noi, e giubbotto di un adolescente ritrova- sulle loro labbra. Perché la poesia è
tenacemente insieme dalla passione tanto il passato quanto il futuro». Capocci, Theodor Flury,
lo fa con un’emozione che si tra- to in fondo al mare. Quella pagella un modo di annodare pensieri e
per la cultura e dall’impegno civile. smette tutta al lettore, l’episodio Previsti inoltre, tra gli altri, gli in- Girolamo Frescobaldi, Felix
era la fiducia nella conoscenza che sentimenti e di guardare il mondo
struggente di Primo Levi può cambiare la vita. Quella pagella cercando di renderlo se non buono terventi del compositore polacco Mendelssohn e Jean Langlais.
che per insegnare la lingua bagnata dall’acqua di mare è l’uma- almeno più accettabile. Paweł Łukaszewski, dell’organista e (marcello filotei)
italiana a un compagno del nità di noi tutti che si inabissa. Il «Per insegnare bisogna sapere, per
L’umana esperienza e l’umana sapienza campo di concentramento piccolo migrante ha concluso la sua educare bisogna essere» diceva Luis
diventano libri, film, musiche, dipinti parte dai versi che Dante brevissima vita una notte di aprile Alberto Hurtado, apostolo degli ul-
dedica a Ulisse, mandati a del 2015, in uno dei tanti naufragi timi e dei giovani. Basta scorrere i ti-
I diversi linguaggi con cui ci parlano memoria al tempo della che stanno drammaticamente cam- toli dei capitoli, suggestivi tanto da
uomini capaci scuola. Lingua come scam- biando la storia del Mediterraneo. suonare come frammenti di versi, e
di illuminare il nostro cammino bio di parole per compren- Mare nostrum, lo chiamavano gli an- già si intuisce la vocazione di educa- Inaugura la Filarmonica Romana
dersi, Ulisse come simbolo tichi. Oggi quel mare che era di tut- tore di Castelli Gattinara che a que-
dell’amore per la conoscen- ti noi è diventato nemico di qualcu- ste pagine affida un lungo contro-
za, la poesia come conforto no di noi. Dove un tempo navigava- canto per disegnare il profilo di una È l’inaugurazione concertistica numero 199 quella che sigla l’apertura della
In Come Dante può salvarti la vi- e speranza di mantenere qualcosa di no uomini, merci, lingue, culture scuola nuova. Scuola di domande e stagione 2019-20 dell’Accademia Filarmonica Romana, firmata dal
ta. Conoscere fa sempre la differenza umano nell’inferno di un lager. oggi vediamo barconi stipati di esse- non di risposte, perché «sono pro- direttore artistico Andrea Lucchesini. L’appuntamento è per il 7 novembre
(Firenze, Giunti, 2019, pagine 240, Tante altre storie seguono questo ri umani che vanno incontro alla prio le domande ad aprirci gli uni al Teatro Argentina, dove l’istituzione romana ha in programma fino ad
euro 16) Enrico Castelli Gattinara primo racconto: El Sistema, cioè un morte. Tutto è possibile: dovrebbero agli altri» e a far nascere curiosità aprile tredici concerti dedicati al grande repertorio della musica da
prende per mano il lettore e lo con- sogno diventato realtà grazie alla essere queste parole ad accogliere che sono il presupposto dell’impe- camera, passando dal barocco ai giorni nostri con vari percorsi d’ascolto.
duce attraverso i mondi dell’espres- determinazione di José Antonio quei disperati che fuggono la guer- gno; scuola senza muri per lasciar Protagonista della serata inaugurale sarà la violoncellista argentina Sol
sione creativa declinata in tutte le Abreu che rende lo studio della mu- ra, la violenza, le persecuzioni, la fa- entrare le voci del mondo e far cre- Gabetta, già solista con le più celebri orchestre al mondo. Con il suo
sue forme. Il cuore di questo volu- sica accessibile a tutti i bambini nel me. E invece per troppi di loro non scere le loro passioni acerbe. E anco- prezioso violoncello Matteo Goffriller del 1730, la Gabetta sarà affiancata
me è il sentimento dell’incontro che Venezuela poverissimo degli anni c’è riva, non c’è approdo, non ci ra elogio del silenzio perché nessuno dal pianista Nelson Goerner, anche lui argentino con la passione per la
si porta dietro valori quali il dialo- Settanta; la fiaba di Pinocchio che sono parole di speranza, non c’è fu- sia schiacciato dal rumore delle pa- musica da camera, e una predilezione per quella meno consueta.
go, la concordia, la solidarietà, l’ac- arriva in Kenya; la vita per immagi- turo. role urlate e imposte; elogio della Particolarità del programma sarà l’esecuzione di alcuni capolavori di
coglienza. Talvolta nella vita — scri- ni nelle foto di Vivian Maier e di Questa storia riporta alla memoria memoria, che rende nostre le parole Schubert, Brahms e Franck per violino e pianoforte trascritti per
ve Claudio Magris — abbiamo la fe- Mohamed Keita, un giovane immi- un’altra morte simbolo, quella di che amiamo; elogio della conoscenza violoncello e piano. «Il repertorio per la formazione violoncello-pianoforte
licità di incontrare persone che «ci grato africano in Italia; Antonio Li- Aylan, il bambino siriano annegato che può cambiare il corso della vita. è abbastanza ampio, tuttavia spesso nella vita musicale si sente il bisogno
rivelano... la verità, la grazia e l’in- gabue che dipingendo trova qualco- davanti alla spiaggia di Bodrum e Una scuola capace di far crescere i di sperimentare qualcosa di nuovo, spinti dalla curiosità», ha detto Sol
canto dell’esistenza». L’umana espe- sa che somiglia alla pace; «il vento l’agente turco, una maschera di do- talenti e di non spegnere i sogni. Gabetta annunciando il programma.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 7 novembre 2019

Vicini e lontani
Dopo il riconoscimento della nuova Chiesa ortodossa ucraina da parte del sinodo greco

di GIOVANNI ZAVATTA sa ortodossa di Ucraina con a capo ci a costituire una conferma che la tro dei vescovi greci. In ogni caso,
il metropolita Epifanio. Chiesa ortodossa di Grecia — l’unica in virtù dei canoni che «condanna-
l 29 ottobre il sinodo della A sancire ufficialmente tale avvici- al momento assieme al patriarcato di no coloro che pregano o concelebra-

I Chiesa ortodossa ucraina guida-


ta dal metropolita Epifanio ha
stabilito la piena comunione con la
namento ci sarebbero altri due fatti:
il 19 ottobre in una chiesa di Salo-
nicco, durante la concelebrazione li-
Costantinopoli — ha riconosciuto
l’autocefalia della nuova Chiesa or-
todossa ucraina.
no con i deposti o gli scomunicati»,
la Chiesa ortodossa russa cesserà la
comunione di preghiera ed eucaristi-
Chiesa ortodossa di Grecia. E que- turgica, il patriarca di Costantinopo- Nel frattempo la risposta del pa- ca «con quei vescovi della Chiesa
sto perché, si legge nel relativo de- li, Bartolomeo, in quei giorni in visi- triarcato di Mosca non si è fatta at- greca che sono entrati o che entre-
creto, il sinodo straordinario di que- ta in Grecia, e l’arcivescovo di Atene tendere. Il 17 ottobre il sinodo ranno in tale comunione con i rap-
st’ultima, riunitosi il 12 ottobre ad hanno menzionato nei dittici (l’ordi- straordinario presieduto da Cirillo presentanti delle comunità scismati-
Atene, ha riconosciuto l’autocefalia ne in cui i primati con i quali si è in ha espresso amarezza per la scelta che non canoniche ucraine. E non
La Comece a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino daremo più la nostra benedizione ai
del nuovo soggetto ecclesiale, auto- comunione vengono citati durante fatta da Atene, dopo che lo stesso
cefalia concessa ufficialmente dal un servizio liturgico) anche Epifanio Cirillo, in un messaggio, aveva rivol- pellegrinaggi nelle diocesi dirette da

Impegni patriarca ecumenico Bartolomeo il 5


gennaio 2019 con la firma del relati-
vo tomos nella cattedrale di San
di Kiev; il 28 ottobre poi il sito in
rete della nuova Chiesa ortodossa
to a Geronimo l’invito a non pren-
dere decisioni «unilaterali e affretta-
questi gerarchi».
Di conseguenza il sinodo russo ha
autorizzato il patriarca di Mosca a
ucraina ha diffuso l’originale di una te» e ad aspettare una riunione dei
da rilanciare Giorgio al Fanar. Com’è noto, gran
parte del mondo ortodosso si è
schierata contro la decisione di Co-
lettera “di riappacificazione”, datata
21 ottobre, scritta da Geronimo a
Epifanio, nella quale, in estrema sin-
primati di tutte le Chiese locali per
risolvere il problema in uno spirito
di unità e conciliarità. «È triste — si
«smettere di commemorare nei ditti-
ci il nome dell’arcivescovo di Atene
e di tutta la Grecia se quest’ultimo
inizierà a commemorare il capo di
stantinopoli, in particolare il patriar-
BRUXELLES, 6. L’invito a «lavorare soddisfatte — scrive l’organismo uno dei gruppi scismatici ucraini
cato di Mosca che considera Epifa-
insieme per un’Europa libera e uni- presieduto dall’arcivescovo di Lus- durante i servizi divini». E così è av-
nio e il suo clero degli scismatici e
ta, tramite un rinnovato processo di semburgo, cardinale Jean-Claude venuto: Cirillo, il 3 novembre, in oc-
riconosce come canonica soltanto la casione della cerimonia per il ricon-
dialogo che trascenda mentalità e Hollerich — ed «è innegabile che le Chiesa ortodossa ucraina presieduta
culture, rispettando le nostre diver- ideologie, un tempo alla base della giungimento dell’Arcivescovado del-
dal metropolita Onofrio. le parrocchie di tradizione russa in
se esperienze storiche e condividen- costruzione del muro, non sono del Nel decreto del 29 ottobre si ri-
do le nostre speranze e aspettative tutto scomparse in Europa e sono Europa occidentale alla Chiesa orto-
percorrono le fasi che hanno portato dossa russa, non ha menzionato Ge-
per un futuro comune di pace». Lo ancora oggi presenti, seppur in for- la Chiesa ortodossa di Grecia a tale
rivolge la Commissione degli epi- ronimo nei dittici, cessando di fatto
me diverse». riconoscimento, voluto fortemente
scopati dell’Unione europea (Co- la comunione eucaristica con lui.
La caduta del muro di Berlino dall’arcivescovo di Atene, Geronimo
mece) in una dichiarazione diffusa Dopo la pubblicazione della lette-
«non è solo un evento del passato II. Si ricorda a esempio che il 13
in occasione del trentesimo anniver- ra di Geronimo a Epifanio, il presi-
da celebrare, ma contiene anche agosto le competenti commissioni dente del Dipartimento per le rela-
sario della caduta del muro di Ber- una dimensione profetica: ci ha in- sulle questioni dogmatiche e canoni- zioni esterne del patriarcato di Mo-
lino. Per riuscirci, «dobbiamo ricor- segnato che costruire muri tra i po- che sono giunte alla conclusione sca ha espresso rincrescimento per la
dare che una cultura dell’incontro poli non è mai la soluzione, ed è che, «considerato il tema in termini scelta di Atene: «Ci dispiace che la
presuppone una sincera capacità di un appello a lavorare per un’Euro- canonici ma anche legali, dichiaria- Chiesa greca abbia preso questa de-
ascoltare. Come cristiani siamo pa migliore e più integrata». La mo rispettosamente che non ci sono cisione», ha dichiarato il metropolita
chiamati a predicare ed essere testi- Comece ricorda al riguardo l’im-
moni del Vangelo, coscienti che ostacoli al riconoscimento della Ilarione, auspicando che «nessun’al-
portante ruolo svolto da san Gio- Chiesa autocefala dell’Ucraina e il tra Chiesa segua questo esempio».
“solamente nel mistero del Verbo vanni Paolo II e il suo incoraggia-
incarnato trova vera luce il mistero nostro sostegno al patriarcato ecu- Nel clima di tensione che conti-
mento: «L’Europa ha bisogno di menico». Successivamente Geroni- nua a caratterizzare la vicenda ucrai-
dell’uomo” (Gaudium et spes, 22)».
respirare con due polmoni». mo ha osservato che la Chiesa ucrai- na, va segnalato l’appello al dialogo
Per i vescovi la caduta del muro
I vescovi riconoscono che il pro- na è sempre rimasta nella giurisdi- del metropolita dello Zimbabwe, Se-
di Berlino, il 9 novembre 1989, è
cesso di guarigione e riconciliazione zione ecclesiastica canonica del pa- tesi, il primo conferma la positiva legge in un comunicato — che l’arci- rafino, appartenente al patriarcato di
stato «uno degli eventi più impor-
è delicato e difficile: «Ancora oggi, triarcato ecumenico e che, quindi, le discussione avvenuta nel sinodo gre- vescovo Geronimo basi la necessità Alessandria e di tutta l’Africa, il
tanti della storia europea degli ulti-
per alcune delle vittime dei regimi pretese di tale giurisdizione da parte co, felicitandosi per la rimozione del riconoscimento della comunità quale ha proposto l’immediata con-
mi decenni». Da quel giorno in poi
oppressivi del passato, questo pro- del patriarcato di Mosca sarebbero dell’ostacolo che «ci ha diviso, cau- scismatica non canonica su una serie vocazione di una commissione eccle-
«il mondo è cambiato». Il muro in-
cesso è tutt’altro che concluso; la infondate (Costantinopoli, con un sando sofferenza, scandalo e danno» di argomenti errati e falsi ripetuta- siastica mista con la partecipazione
fatti rappresentava «il simbolo della
loro determinazione, il loro impe- atto datato 1686, avrebbe concesso alla Chiesa e alla testimonianza mente confutati non solo da vescovi, di rappresentanti del patriarcato di
divisione ideologica dell’Europa e
gno e la loro sofferenza sono stati alla Chiesa ortodossa russa soltanto dell’ortodossia nel mondo moderno. studiosi e teologi della Chiesa orto- Costantinopoli e del patriarcato di
del mondo intero» e la sua caduta
decisivi per la libertà di cui l’Euro- l’ordinazione del metropolita di Il comune auspicio, conclude l’arci- dossa russa ma anche da molti emi- Mosca per esaminare insieme la
— preceduta dai cambiamenti avve-
pa gode oggi». Per questo è neces- Kiev eletto da un’assemblea clerico- vescovo di Atene, è che il Signore, nenti arcipastori, pastori e teologi questione, preparare un incontro fra
nuti in Ungheria all’inizio del 1989,
sario «rilanciare e promuovere pro- laicale). L’arcivescovo di Atene ha «che di due ha fatto una cosa sola, della Chiesa ortodossa greca». Il pa- i due primati (Bartolomeo e Cirillo)
dal crollo della “cortina di ferro” ad ed «evitare il peggio». Senza dialo-
prio quei segni di speranza e quelle inoltre definito il riconoscimento abbattendo il muro di separazione triarcato segnala poi che il riconosci-
aprile e dalle prime libere elezioni go, conclude Serafino, «i problemi
aspettative per un futuro migliore «estremamente utile per la Chiesa che li divideva» (Efesini, 2, 14), «vi mento della Chiesa ortodossa
in Polonia a giugno — fu «un even- non si risolvono, anzi si aggravano.
in Europa e per gli europei che ortodossa in generale e prezioso per conceda di avere gli uni verso gli al- dell’Ucraina da parte di Atene non
to che aprì la strada per riottenere Non bisogna lasciarsi dominare
hanno guidato quel momento stori- rafforzare i rapporti delle due Chie- tri gli stessi sentimenti» (Romani, 15, sarebbe supportato dal testo del co-
la libertà, dopo più di quarant’anni 5). Secondo gli osservatori, è soprat- municato sinodale e che nessuna vo- dall’odio ma pensare alle crepe che
di regimi oppressivi nei paesi co del novembre 1989». se sorelle di Russia e Ucraina». Al
La dichiarazione si conclude con tutto la menzione da parte di Gero- tazione sulla questione avrebbe avu- minacciano l’unità visibile delle
dell’Europa centrale e orientale». sinodo del 12 ottobre, dunque, i ge-
nimo del nome di Epifanio nei ditti- to luogo, nemmeno durante l’incon- Chiese ortodosse locali».
Questi sforzi «devono il loro suc- l’invito a pregare Dio, «il Signore rarchi della Chiesa ortodossa di
cesso all’impegno di un grande nu- della Storia», affinché «ci aiuti a Grecia — non tutti però perché al-
mero di europei, che avevano co- dedicarci a un’Europa guidata dallo meno sette metropoliti hanno mani-
stantemente e pacificamente espres- Spirito santo, che è l’origine e il festato apertamente il loro dissenso
so il loro profondo desiderio di un fondamento della speranza, fonte e — hanno ratificato la proposta di
cambiamento politico». Tuttavia, forza di un nuovo impegno per i Geronimo II di riconoscere il diritto Un convegno sul concilio di Firenze del 1439
non tutte le aspettative suscitate valori su cui si fonda l’Europa: giu- canonico del patriarcato ecumenico
dalla caduta del muro sono state stizia, libertà e pace». di concedere l’autocefalia alla Chie-
Dono ecumenico per oggi
di RICCARD O BURIGANA tese e discriminazioni». Successiva- raldo, a lungo preside dell’Istituto
Dichiarazione della Comunione di Chiese protestanti in Europa mente monsignor Timothy Verdon di studi ecumenici di Venezia; nella
l concilio di Firenze, nella e il professor Cesare Alzati hanno sua relazione Giraldo ha posto l’ac-

Contro ogni sovranismo «I storia della Chiesa, costi-


tuisce un evento in cui i
cristiani sono riusciti a incontrarsi
descritto l’orizzonte culturale e teo-
logico nel quale si svolse il concilio
a Firenze, dove Occidente e Orien-
cento sulle divisioni che, al di là
delle dichiarazioni ufficiali, impedi-
scono a cattolici e ortodossi di vi-
per riflettere insieme sulla Chiesa e te si incontrarono per superare di- vere la comunione e per questo ri-
sulla sua missione, in una prospet- visioni confessionali nella ricerca leggere il concilio di Firenze è una
LONDRA, 6. «La dichiarazione teolo- Vangelo è la missione della Chiesa di samente «a coloro con i quali non si tiva di unità nella quale far conflui- dell’unità. fonte preziosa per percorrere nuove
gica che abbiamo pubblicato nasce Cristo e nel suo nome lottiamo per trovano d’accordo». Perché è la fede re le diverse tradizioni, senza per- Il convegno si è articolato in tre strade in una conversione spirituale
dal basso. Da tempo riceviamo dalle vivere in pace e libertà in questo in Gesù Cristo, «fondamento della dere di vista le proprie identità teo- sessioni (memoria, recezione e pre- continua, senza la quale il cammi-
Chiese membro precisi segnali di continente. Facendo questo testimo- nostra comunione ecclesiale», a indi- logiche, spirituali, liturgiche, di sente). Le numerose relazioni han- no ecumenico rischia di essere
dissenso nei confronti dei governi niamo al mondo che l’unità nella di- care la strada del dialogo e della pa- esperienza di fede»: con queste pa- no messo in evidenza quanto, no- sterile.
che attuano politiche volte alla sepa- versità rimane possibile». cificazione, da concretizzare con uno nostante le recenti acquisizioni so- Sulla dimensione quotidiana del
role dell’arcivescovo di Firenze, car-
razione e alla divisione. Il nostro co- La dichiarazione prosegue espri- sforzo comune e «celebrando il culto prattutto nel campo della recezione cammino ecumenico si è soffermato
dinale Giuseppe Betori, si è aperto
municato vuole essere un chiaro se- mendo il pieno rincrescimento per insieme attraverso tutti i confini na- del concilio in Europa orientale, anche John Anthony Berry, decano
il convegno Un concilio di oggi. La
gnale della sostanziale unità del pro- tali atteggiamenti di intolleranza che zionali, linguistici, culturali e confes- molto deve essere ancora fatto per della Facoltà di teologia dell’Uni-
memoria, la recezione, il presente del
testantesimo europeo, al di là dei rappresentano una vera e propria sionali». Con questi intenti «chiedia- versità di Malta, per il quale l’ecu-
concilio di Firenze (1439-2019), te- uscire da un’interpretazione che
confini e dei muri di contenimento». emergenza, «determinata da una cul- mo a Dio di concedere a tutti i lea- menismo quotidiano rappresenta la
nutosi nei giorni scorsi nel capo- sottolinei il suo fallimento, legato
Parole del pastore valdese Pawel Ga- tura politica sempre più divisa e di- der di governo la saggezza per rag- sfida che attende i cristiani per es-
luogo toscano. L’incontro, promos- alla successiva caduta di Costanti-
jewski, uno dei tredici membri del visiva e dall’uso di un linguaggio an- giungere decisioni che diano priorità sere credibili testimoni di Cristo nel
so dal Centro studi per l’ecumeni- nopoli, come se il concilio di Firen-
Consiglio generale della Comunione tagonista» e aggressivo che fomenta alla pace in Europa e alla giustizia XXI secolo, nella riscoperta della
smo in Italia, dalla Facoltà teologi- ze fosse stato convocato solo per
di Chiese protestanti in Europa deliberatamente i contrasti. Di fronte per tutte le genti». centralità della vocazione ecumeni-
ca dell’Italia centrale e dal Pontifi- ragioni politiche. La terza sessione
(Ccpe) che, nel corso della seduta a tale situazione le Chiese invitano a La preghiera come respiro della fe- ca, alimentata dalla Parola di Dio.
cio comitato di scienze storiche, è stata interamente dedicata allo
ordinaria tenutasi di recente a Cam- de, dunque, per preparare un cam- In questa sessione si è anche ascol-
non dimenticare il messaggio salvifi- con il sostegno di numerose istitu- stato del dibattito teologico
bridge, ha divulgato una dichiarazio- mino di riconciliazione con lo sguar- tata una voce dall’“altra parte del
co della Parola di Dio. «Il Vangelo zioni accademiche internazionali, è sull’unità, con una particolare at-
ne riguardante le tendenze sovraniste do sempre rivolto al Regno di Dio — mondo”, con l’intervento di Luiz
proclama che Gesù Cristo viene da stata l’occasione per una nuova tenzione al confronto tra cattolici e
e separatiste sempre più diffuse nella esorta il comunicato — il cui avvento Carlos Luz Marques, docente
noi pieno di grazia e verità. Ci ap- comprensione del concilio di Firen- ortodossi, che rappresenta un
società europea. è la speranza di tutti i cristiani. dell’Università cattolica del Per-
Nel documento della Ccpe, realtà pelliamo a tutte le persone affinché «Questa speranza ci porta a sostene- ze e della sua recezione, alla luce aspetto fondamentale del cammino
nambuco (Recife, Brasile), che ha
istituita nel 2003 e che riunisce 106 cerchino di trovare la verità» nel dia- re l’unità tra persone diverse, storie e delle più recenti ricerche che, in ecumenico dei cristiani, come ha ri-
tratteggiato, nella vastità del tema
Chiese di tradizione luterana, rifor- logo con l’altro e rispondere rispetto- fedi qui e ora, nei nostri Paesi, Chie- questi ultimi anni, hanno consenti- cordato il francescano Roberto Gi-
assegnatogli (ecumenismo e Ameri-
mata e metodista di oltre 30 Paesi se e comunità. Ci permette di accet- to una migliore comprensione del ca Latina tra passato e presente), le
europei in rappresentanza di circa tare le nostre differenze esistenti e significato del concilio per la vita radici dell’ecumenismo di Papa
cinquanta milioni di cristiani prote- consolidate nella consapevolezza che della Chiesa nel corso dei secoli. Francesco, le più recenti iniziative
stanti, si evidenzia la necessità di siamo tutti figlie e figli di Dio». Durante la sessione inaugurale, del Consiglio delle Chiese cristiane
mantenere l’unione tra le Chiese in Mettere da parte le diffidenze e i ospitata nella Facoltà teologica del Brasile e il ruolo di monsignor
un’epoca in cui si assiste a situazioni rancori e collaborare alla costruzione dell’Italia centrale (le altre sessioni Hélder Câmara nella recezione ecu-
di conflitti e divisioni tra gli Stati di una società più a misura d’uomo si sono svolte in una sala del com- menica del Vaticano II. Nel chiude-
che, si auspica, possano cadere come è il passo fondamentale che il Signo- plesso della basilica di San Loren- re il convegno, dopo aver ricordato
accadde per il Muro di Berlino re stesso chiede di compiere. zo), è stato letto un messaggio del quanto Firenze ha dato e ha ricevu-
trent’anni fa. «Nel 1973, l’anno in cui «L’amore di Dio ci chiama ad agire cardinale segretario di Stato, Pietro to dal concilio del 1439, il cardinale
le Chiese protestanti dichiararono la insieme ovunque sia richiesto con ur- Parolin, che, a nome di Papa Fran- Betori ha affermato che lo studio
comunione dopo secoli di divisione, genza — conclude la dichiarazione — cesco, ha voluto far giungere ai del concilio di Firenze e della sua
i legami tra Est e Ovest erano spora- come nel sostegno ai più poveri e partecipanti l’auspicio che «fare recezione deve proseguire poiché
dici. Essendo cresciuti insieme attra- vulnerabili nella società, nella cura memoria degli incontri e dei con- proprio la sempre più approfondita
verso quasi cinquant’anni di comu- compassionevole dei rifugiati e nel fronti tra credenti di diverse tradi- conoscenza di questo evento ancora
nione, e stando a fianco dei nostri rispetto della creazione. Fede, zioni che ebbero luogo a Firenze tanto rilevante per la vita della
fratelli e sorelle di altre tradizioni speranza e amore sostengono la no- può costituire una preziosa oppor- Chiesa può favorire la riscoperta
cristiane, resistiamo al crescere di stra unità nella diversità in quanto tunità per intensificare un dialogo delle ricchezze spirituali, dottrinali
odio e divisione all’interno e tra le comunione di Chiese in tempi di di- trasparente nella luce gentile del e liturgiche che sostengono il dialo-
nazioni e le società. Diffondere il visione». Vangelo che dissipa violenze, con- go per l’unità nella diversità.
giovedì 7 novembre 2019 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

All’udienza generale di mercoledì 6 Aus der Bundesrepublik Deutsch-


novembre, in piazza San Pietro, erano land: Pilgergruppen aus den Pfarr-
presenti i seguenti gruppi: gemeinden St. Georg, Amberg; St.
Johannes Baptist, Apolda; St. Mar-
Riflessioni sui vangeli festivi Da diversi Paesi: D omenicane tin, Fridingen; St. Peter, Gündl-
dell’Immacolata Concezione; Apo- kofen; St. Johannes der Täufer,

Davanti allo specchio


stole del Sacro Cuore di Gesù. Haaren bei Heinsberg; St. Martin,
Heimertingen; St. Kilian, Scheß-
Dall’Italia: Gruppi di fedeli dalle litz; St. Jakob, Wallgau; Pilger-
Parrocchie: San Giovanni Battista, gruppen aus dem Erzbistum Köln;

della Parola in Istrana; San Vicinio, in Sacra-


mora di Viserba di Rimini; San
Giovanni Evangelista, in Empoli;
Sacro Cuore di Gesù, in Andria;
Erzbistum Paderborn; Pilgergrup-
pen aus Bernbeuren; Esslingen;
Mitarbeiter des Ettaler Klosterho-
tels; Ärzte und Klinikdirektoren
Sacro Cuore di Gesù, in San Ferdi- aus Mühlheim und Umgebung;
«Il dovere di un cristiano è di specchiarsi nel Vangelo per ritrovare originalità e fre- nando di Puglia; Parrocchie di Set-
Freunde der Combonimissionare
schezza spirituale e riaffermare la propria autentica missione. Ma una rinnovata vo- timo Milanese, Lari Casciana Alta,
St. Paulus, Neumarkt i. d. OPf.;
cazione cristiana avrà concreto valore se saprà misurarsi con i compiti immensi e le e Usigliano; Consorzio siciliano di
Biblische Reisen, Stuttgart; Schüle-
attese della nostra epoca. Per questo, autenticamente e coraggiosamente, dovrà anche riabilitazione, di Catania; gruppo
rinnen, Schüler und Lehrer aus
specchiarsi nel nostro tempo». Nella quarta di copertina c’è tutto il senso di «Spec- sportivo difesa Grande Termoli;
dem Max-Planck-Gymnasium,
gruppo di preghiera, di Galliate;
chiarsi nel Vangelo» (editrice Rogate, 141 pagine, 14 euro), il volume con cui il reg- Karlsruhe.
Scuole primarie della Karis Foun-
gente della Prefettura della Casa pontificia conclude una trilogia del “rispecchiamen- dation, di Rimini e Riccione; Isti-
to” evangelico, offrendo — come recita il sottotitolo — «Riflessioni sui vangeli festivi - Aus der Republik Österreich: Pil-
tuto Vallauri, di Velletri; Istituto
Anno A». Di seguito pubblichiamo l’introduzione scritta dal sacerdote rogazionista gergruppen aus den Pfarren St. Ul-
comprensivo di Santo Stefano di
curatore del libro che intende proporre spunti per l’omelia domenicale, utili per chi Cadore e Comelico; gruppo di fe- rich in Höflein bei Bruck a.d. Leit-
predica e per chi ascolta a guardare dentro la Parola di Dio. deli da Vieste. ha; St. Martin, Mettersdorf; Pilger-

di LEONARD O SAPIENZA Allora: «specchiarsi nel Vangelo». Coppie di sposi novelli. Gruppi di fedeli gruppe aus Lienz; Abordnung des
Österreichischen Kulturzentrums,
Wien.
Le pagine del Vangelo sono uno
hi oggi legge i commenti specchio che ci permette di vedere ciò
Gruppi di fedeli da: Slovenia; Re-
in piazza San Pietro
«C pubblica Ceca; Slovacchia; Croa- De España: Agrupación de Co-
ai Vangeli, diventati sem- che diversamente mai vedremmo: il fradias y Hermandades de Cordo-
pre più voluminosi, alla fi- nostro volto. zia; Lituania.
ba; Escuela Efa Oretana, de Tole-
ne rimane deluso. Apprende molte co- «Specchiarsi nel Vangelo», perché
se utili sul passato, e molte ipotesi, I polacchi: Pielgrzymi z parafii From Scotland: Pilgrims from St. From the United States of Ameri- do.
— come diceva Don Mazzolari — «chi
che però alla fine non favoriscono per Bożego Ciała i z parafii Ducha Joseph’s Parish, Helensburgh. ca: Pilgrims from the Archdiocese
capisce il Vangelo trova le risposte a De Mexico: grupo de peregrinos
nulla la comprensione del testo. Alla tutte le difficoltà. Il metodo per fare Świętego w Bielawie; z parafii św. of Philadelphia, Pennsylvania; Pil-
fine si ha la sensazione che a quel so- Antoniego w Ratajnie; grupa piel- From Malta: Students and grims from the Diocese of Scrant- de la Diocesis de Izcalli; Adoratri-
il buon prete — e noi aggiungiamo: il
vrappiù di parole manchi qualcosa di grzymów z Mazurskiego Stowarzy- teachers from San Andrea Senior on, Pennsylvania; Pilgrims from ces perpetuas del Santísimo Sacra-
metodo per fare il buon cristiano — è
essenziale: l’entrare nel silenzio di Ge- szenia Osób Niepełnosprawnych - School. the following parishes: Our Lady mento; Parroquia San José, de Ja-
di seguire il Vangelo».
sù dal quale nasce la sua Parola. Se Warsztat Terapii Zajęciowej w of Guadalupe, San Bernardino, lostotitlan.
Non solo addita la via verso Dio,
non riusciremo a entrare in questo si- Kętrzynie; grupa sióstr zakonnych From Zimbabwe: A group of pil- California; St. Patrick, San Fran-
ed è fonte autentica per la conoscenza
lenzio, anche la Parola la ascolteremo ze zgromadzenia sióstr bernardy- grims. De Bolivia: Coro de La Sinfoni-
di Cristo, ma con i suoi valori morali cisco, California; St. Patrick,
sempre solo superficialmente e così nek wraz z duszpasterzami; piel- ca.
non la comprenderemo veramente» forma l’uomo perfetto e tiene viva la Brooklyn, Iowa; St. Bridget, Vic-
speranza. grzymi z Zespołu Szkół Katolic- From India: Pilgrims from Ker-
(Benedetto XVI). tor, Iowa; Our Lady of the Lake, De Colombia: grupo de Sacerdo-
Bisogna che torniamo a riaprire il kich im. św. Jadwigi Królowej w ala.
Per questo «Specchiarsi nel Vange- Holland, Michigan; Queen of tes de la Diocesis de Zipaquirá.
Vangelo; bisogna tenerlo sempre aper- Tczewie; grupy pielgrzymkowe;
lo» propone brevi spunti, per la medi- Heaven, Albuquerque, New Mex-
to, e posto davanti alla nostra attenta pielgrzymi indywidualni z kraju i From Indonesia: Pilgrims from
tazione e la riflessione sui Vangeli fe- ico; St. John-Visitation, The Bronx, De Guatemala: grupo de la Cate-
riflessione, alla nostra appassionata zagranicy. the Diocese of Manado, Sulawesi
stivi. New York; St. Philip the Apostle, dral metropolitana Virgen de la
contemplazione. Utara; Pilgrims from St. Paulus’
È stato detto che le narrazioni bi- Lewisville, Texas; St John the Asunción, de Guatemala.
«Contempliamo i Vangeli e, ammi- De France: groupe de pèlerins du Parish, Palu.
bliche non sono una finestra sul corti- Baptist, Draper, Utah; Members of
rando il modello di premura e bontà Diocèse de Quimper; Ecole Les
le del passato, per vedere che cosa è the Franciscan Missionaries of Our
in essi rispecchiato, cerchiamo di assi- Francs Bourgeois-La Salle, de Pa- From Israel: Students and teach- De Argentina: grupos de peregri-
accaduto allora. Sono, piuttosto, uno Lady, Baton Rouge, Louisiana; A
specchio, che fa vedere ciò che accade milarlo bene» (sant’Astèrio di Ama- ris; Ecole Fénelon, de Paris; groupe ers from the Carmel School, Haifa. nos.
de pèlerins de Arradon. group of pilgrims from Dynamic
ora in chi legge. sea).
From Malaysia: A group of pil- Catholic, Erlanger, Kentucky; Stu- De Portugal: Associação de Im-
From England: Students and grims. dents and teachers from the Em- prensa de Inspiração Crista.
teachers from the following schools manuel School of Mission, The
in the Diocese of Brentwood: St. From the Philippines: Pilgrims Bronx, New York; Faculty and stu- Do Brasil: grupo da Arquidioce-
Edward’s; St. Joachim’s; St. Mi- from St. Benedict Parish, Quezon dents from the University of Mis- ses de Arequipa; Comunidade Don
chael’s. City. souri, Kansas City. de Deus, Santa Rosa, Niterói.

Nomine episcopali
Le nomine di oggi riguardano la Conceição di Viamão e nell’univer- cerdote francescano il 4 settembre (1994-1997); e professore titolare
Chiesa in America latina. sità di Caxias do Sul, e quelli di 1993. All’interno del suo istituto re- dell’Istituto di baccalaureato a Lo-
teologia presso l’Instituto Teológi- ligioso è stato vice-maestro e poi dosa, Navarra (1997-1999).
co do Norte do Paraná a Londrina maestro dei postulanti a Bacabal; Nell’agosto 1999 si è trasferito in
Irineu Roman e presso la Pontificia università definitore della vice-provincia di Brasile, dove è stato: nella diocesi
primo arcivescovo Cattolica di Porto Alegre. Ha Nossa Senhora da Assunção e di Tianguá vicario parrocchiale di
emesso la professione religiosa il 2 quando questa è divenuta provincia Nossa Senhora dos Prazeres a
metropolita di Santarém gennaio 1988 nella congregazione Guaraciaba do Norte e professore
ne è stato ministro; guardiano della
(Brasile) di san Giuseppe (Giuseppini del comunità di São Luís do Mara- di teologia (1999-2001); nella dioce-
Murialdo) e ha ricevuto l’ordina- nhão. Nella diocesi di Bacabal, è si di Cachoeiro do Itapemirim, vi-
Nato il 10 agosto 1958 a Vista zione sacerdotale il 1° gennaio cario parrocchiale di Nossa Senho-
stato vicario parrocchiale di São
Alegre do Prata, diocesi di Caxias 1990. È stato professore, economo ra da Consolação; nella diocesi di
José a Lago da Pedra; vicario e poi
do Sul, nello Stato di Rio Grande e formatore nel seminario giuseppi- Franca, parroco di Nossa Senhora
parroco di São Francisco das Cha-
do Sul, ha compiuto gli studi di fi- no a Fazenda Souza; professore e Aparecida e professore di filosofia
La foto di copertina del volume (grafica: Giada Castellani) losofia nella facoltà Imaculada gas a Bacabal; membro del consi-
formatore nel collegio Murialdo ad glio presbiterale. Inoltre, è stato vi- nell’Istituto agostiniano (2003-
Ana Rech; vicario parrocchiale a sitatore generale della provincia 2011); nella prelatura territoriale di
Fazenda Souza, ad Ana Rech e a francescana di Mozambico e pro- Lábrea, vicario parrocchiale nella
Planaltina; parroco di Santa Edwi- fessore di teologia morale. Il 23 di- missione agostiniana e professore
ges nell’arcidiocesi di Belém do Pa- cembre 2015 è stato nominato ve- di teologia a Rio Branco (2001);
Ufficio delle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice rá, nella quale è stato inoltre mem- scovo prelato di Xingu e ha ricevu- nell’arcidiocesi di Fortaleza, vicario
bro del consiglio presbiterale e vi- to l’ordinazione episcopale il 5 parrocchiale e coordinatore
cario episcopale. L’8 gennaio 2014 dell’equipe di sacerdoti per l’area
Cappella papale in occasione è stato nominato vescovo titolare di
marzo 2016.
pastorale di Barra do Ceará (2011-
Sertei e ausiliare di Belém do Pará, 2012). Attualmente svolgeva il mi-
della Giornata mondiale dei poveri e ha ricevuto l’ordinazione episco-
Jesús María nistero a Fortaleza come parroco di
pale il 19 marzo successivo. All’in- São Pedro e vicario episcopale del-
terno della Conferenza episcopale López Mauléon la regione Nossa Senhora da As-
NOTIFICAZIONE nella Cappella di San Sebastiano tà di posti, e portando con sé amitto, brasiliana è responsabile per la pa- primo vescovo prelato sunção.
della Basilica Vaticana per indossare camice, cingolo e stola verde, vorran- storale del turismo religioso e se- di Alto Xingu - Tucumã
Domenica 17 novembre 2019, XXXIII le vesti sacre, portando con sé: i Car- no trovarsi presso il Braccio di Co-
del Tempo Ordinario, alle ore 10, gretario del regionale Norte 2, che (Brasile)
dinali e i Patriarchi la mitra bianca stantino, alle ore 8.30, per indossare comprende le circoscrizioni eccle- Eduardo Cirilo
nella Basilica Vaticana, il Santo Pa- le vesti sacre.
damascata, gli Arcivescovi e i Vescovi siastiche dello stato di Pará. Nato il 5 marzo 1955 in Spagna a Carmona Ortega
dre Francesco celebrerà la Santa
la mitra bianca. Mues, provincia di Navarra,
Messa in occasione della Giornata
***
coadiutore di Córdoba
Mondiale dei Poveri. I Sacerdoti, che desiderano conce- nell’arcidiocesi di Pamplona y Tu-
João Muniz Alves (Messico)
I Patriarchi, i Cardinali, gli Arcive- lebrare con il Santo Padre, muniti di dela, ha frequentato il corso di filo-
scovi e i Vescovi, che desiderano apposito biglietto rilasciato dall’Uffi- Tutti coloro che, in conformità al primo vescovo sofia presso il Seminario San Nico- Nato a Città del Messico il 18
concelebrare con il Santo Padre, so- cio delle Celebrazioni Liturgiche del Motu Proprio «Pontificalis Domus», di Xingu-Altamira lás de Tolentino, a Fuenterrabia, marzo 1959, ha ricevuto la forma-
no pregati di trovarsi alle ore 9.15 Sommo Pontefice, fino a disponibili- compongono la Cappella Pontificia Guipúzcoa (1973-1975) e quello di
e, muniti della Notificazione, desidera-
(Brasile) zione ecclesiastica nel seminario
teologia presso il seminario mag- degli Operai del regno di Cristo
no partecipare alla celebrazione litur- Nato l’8 gennaio 1961 a Carema, giore di Marcilla, Navarra (1976- (CORC) a Querétaro e nel semina-
gica senza concelebrare, indossando nel municipio di Santa Rita, arci- 1981). Poi, presso l’Università cat- rio maggiore di Toledo in Spagna.
l’abito corale loro proprio, vorranno diocesi di São Luís do Maranhão, tolica di Comillas a Madrid ha ot- Ordinato presbitero il 20 agosto
trovarsi, per le ore 9.30, presso l’alta- stato di Maranhão, ha compiuto tenuto il baccalaureato in teologia 1983 e incardinato nella fraternità
Lutto nell’episcopato re della Confessione per occupare il gli studi di filosofia e quelli di teo- pastorale (1986-1987) e la licenza in sacerdotale CORC, ha conseguito a
posto che verrà loro indicato dai ce- logia presso il seminario maggiore teologia biblica (2002). Emessa la Roma la licenza in teologia dog-
rimonieri pontifici. Sagrado Coração de Jesus a Teresi- professione religiosa negli agosti- matica presso la Pontificia universi-
Monsignor Daniel Joseph Mullins, vescovo emerito di Menevia, in Galles, na. Poi, a Roma, ha ottenuto la li- niani recolletti il 18 ottobre 1980, è tà Gregoriana. L’8 novembre 2003
Città del Vaticano, 5 novembre
è morto venerdì 1° novembre. Nato il 10 luglio 1929 a Kilfinane nella dio- cenza in filosofia presso la Pontifi- stato ordinato sacerdote il 18 luglio con l’erezione della nuova diocesi
2019
cesi irlandese di Limerick, era stato ordinato sacerdote per il clero di Car- cia università Antonianum, e la li- 1981. È stato vicario parrocchiale di di Puerto Escondido ne è stato no-
diff il 12 aprile 1953. Eletto alla Chiesa titolare di Sidnacestre il 5 febbraio Per mandato del Santo Padre cenza e il dottorato in teologia mo- San Sebastián a Chiclana de la minato primo vescovo e ha ricevu-
1970 e al contempo nominato vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Cardiff, rale presso la Pontificia accademia Frontiera, Cadiz, e di Santa Rita a to l’ordinazione episcopale il 7 gen-
aveva ricevuto l’ordinazione episcopale il successivo 1 aprile. Trasferito alla Mons. Guido Marini Alfonsiana. Ha emesso la professio- Madrid (1987-1991); parroco a Sá- naio 2004. Il 27 giugno 2012 è sta-
sede residenziale di Menevia il 12 febbraio 1987, aveva rinunciato al gover- Maestro delle Celebrazioni ne solenne nei Frati minori il 14 stago, Zaragoza (1991-1994) e di to trasferito alla sede residenziale
no pastorale della diocesi il 12 giugno 2001. Liturgiche Pontificie gennaio 1991 ed è stato ordinato sa- Santa Maria del Águila ad Almería di Parral.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 7 novembre 2019

Cari amici, in questo mese di novembre,


siamo invitati a pregare per i #defunti.
Affidiamo a Dio, specialmente nell’Eucaristia, i nostri familiari, amici
e conoscenti, sentendoli vicini nella compagnia spirituale della Chiesa.
#UdienzaGenerale
(@Pontifex_it)

Il Papa commenta il discorso di Paolo ad Atene e ribadisce l’importanza del dialogo con le culture

Mani tese per costruire ponti


con chi non crede o ha altre fedi
Occorre chiedere «anche noi oggi allo nelle sue piazze» (Evangelii gaudium, cristiano. Egli mostra la sproporzio-
Spirito Santo di insegnarci a costruire 71). Paolo non guarda la città di Ate- ne tra la grandezza del Creatore e i
ponti con la cultura, con chi non crede ne e il mondo pagano con ostilità templi costruiti dall’uomo, e spiega
o con chi ha un credo diverso dal ma con gli occhi della fede. E que- che il Creatore si fa sempre cercare
nostro»: lo ha auspicato il Papa — sto ci fa interrogare sul nostro modo perché ognuno lo possa trovare. In
attualizzando la “lezione” di san Paolo di guardare le nostre città: le osser- tal modo Paolo, secondo una bella
nel famoso discorso nell’Areopago viamo con indifferenza? Con di- espressione di Papa Benedetto XVI,
di Atene — proseguendo le catechesi sprezzo? Oppure con la fede che ri- «annuncia Colui che gli uomini
sugli Atti degli apostoli all’udienza conosce i figli di Dio in mezzo alle ignorano, eppure conoscono: l’Igno- tutti prova sicura col risuscitarlo dai il suo tentativo sembra fallito, e in- re ponti con la cultura, con chi non
generale di mercoledì mattina, folle anonime? to-Conosciuto» (Benedetto XVI, In- morti» (At 17, 31). vece alcuni aderiscono alla sua paro- crede o con chi ha un credo diverso
6 novembre, in piazza San Pietro. contro col mondo della cultura al Col- E qui, c’è il problema. La parola la e si aprono alla fede. Tra questi dal nostro. Sempre costruire ponti,
Paolo sceglie lo sguardo che lo
lège des Bernardins, 12 sett. 2008). un uomo, Dionigi, membro del- sempre la mano tesa, niente aggres-
spinge ad aprire un varco tra il Van- di Paolo, che finora aveva tenuto gli
Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Poi, invita tutti ad andare oltre «i l’Areopago, e una donna, Damaris. sione. Chiediamogli la capacità di
gelo e il mondo pagano. Nel cuore interlocutori con il fiato sospeso —
tempi dell’ignoranza» e a decidersi Anche ad Atene il Vangelo attecchi- inculturare con delicatezza il mes-
Proseguiamo il nostro “viaggio” con di una delle istituzioni più celebri perché era una scoperta interessante
per la conversione in vista del giudi- saggio della fede, ponendo su quanti
il libro degli Atti degli Apostoli. Do- del mondo antico, l’Areopago, egli —, trova uno scoglio: la morte e ri- sce e può correre a due voci: quella
zio imminente. Paolo approda così sono nell’ignoranza di Cristo uno
po le prove vissute a Filippi, Tessa- realizza uno straordinario esempio di surrezione di Cristo appare «stoltez- dell’uomo e quella della donna! sguardo contemplativo, mosso da un
al kerygma e allude a Cristo, senza
lonica e Berea, Paolo approda ad inculturazione del messaggio della za» (1 Cor 1, 23) e suscita scherno e Chiediamo anche noi oggi allo amore che scaldi anche i cuori più
citarlo, definendolo come l’«uomo
Atene, proprio nel cuore della Gre- fede: annuncia Gesù Cristo agli ado- che Dio ha designato, dandone a derisione. Paolo allora si allontana: Spirito Santo di insegnarci a costrui- induriti.
cia (cfr. At 17, 15). Questa città, che ratori di idoli, e non lo fa aggreden-
viveva all’ombra delle antiche glorie doli, ma facendosi «pontefice, co-
malgrado la decadenza politica, cu- struttore di ponti» (Omelia a Santa
stodiva ancora il primato della cul- Marta, 8 maggio 2013).
tura. Qui l’Apostolo «freme dentro Paolo prende spunto dall’altare
di sé al vedere la città piena di ido- della città dedicato a «un dio igno- All’udienza generale nei saluti ai fedeli polacchi il Pontefice rilancia un’iniziativa solidale di Aiuto alla Chiesa che soffre
li» (At 17, 16). Questo “impatto” col to» (At 17, 23) — c’era un altare con
paganesimo, però, invece di farlo
fuggire, lo spinge a creare un ponte
per dialogare con quella cultura.
scritto “al dio ignoto”; nessuna im-
magine, niente, soltanto quella iscri-
zione. Partendo da quella “devozio-
In soccorso dei cristiani del Sud Sudan
Paolo sceglie di entrare in familia- ne” al dio ignoto, per entrare in em-
rità con la città e inizia così a fre- patia con i suoi uditori proclama che E a quelli di lingua araba chiede di aprire i cuori alle necessità di disoccupati e rifugiati
quentare i luoghi e le persone più si- Dio «vive tra i cittadini» (Evangelii
gnificativi. Va alla sinagoga, simbolo gaudium, 71) e «non si nasconde a
della vita di fede; va nella piazza, coloro che lo cercano con cuore sin- La Giornata di solidarietà organizzata dall’Aiuto alla Chiesa che soffre assieme pacidad de inculturar con delicade- Saluto cordialmente i pellegrini
simbolo della vita cittadina; e va cero, sebbene lo facciano a tentoni» alla Conferenza episcopale polacca in soccorso ai cristiani del Sud Sudan e la za el mensaje de la fe. Que el fuego polacchi. Cari fratelli e sorelle, do-
all’Areopago, simbolo della vita po- (ibid.). È proprio questa presenza necessità di «aprire i nostri cuori» a bisognosi, indifesi, disoccupati e a «chi de su amor que es capaz de infla- menica prossima la Chiesa in Polo-
litica e culturale. Incontra giudei, fi- che Paolo cerca di svelare: «Colui bussa alla nostra porta in cerca di pane, di un rifugio» sono state ricordate dal nia celebra l’XI Giornata di Solida-
mar el corazón más endurecido abra
losofi epicurei e stoici, e molti altri. che, senza conoscerlo, voi adorate, Papa nei saluti rivolti al termine dell’udienza generale ai gruppi di fedeli rietà con la Chiesa Perseguitata, or-
io ve lo annuncio» (At 17, 23). los ojos de los que todavía no cono-
Incontra tutta la gente, non si chiu- presenti. cen a Cristo. ganizzata dalla Fondazione Papale
de, va a parlare con tutta la gente. Per rivelare l’identità del dio che “L’Aiuto alla Chiesa che soffre”, as-
In tal modo Paolo osserva la cultura gli Ateniesi adorano, l’Apostolo par- Que el Señor los bendiga. sieme alla Conferenza Episcopale
e, osserva l’ambiente di Atene «a te dalla creazione, cioè dalla fede bi- Saluto cordialmente i pellegrini insegnarvi a costruire ponti con co- Polacca. Quest’anno il soccorso spi-
partire da uno sguardo contemplati- blica nel Dio della rivelazione, per francofoni, in particolare i giovani loro che non credono. Possiate sa- Rivolgo un cordiale saluto ai pel- rituale e materiale è rivolto in parti-
vo» che scopre «quel Dio che abita giungere alla redenzione e al giudi- della Diocesi di Parigi. Fratelli e so- pere sempre come testimoniare loro legrini di lingua portoghese, in par- colare ai cristiani del Sud Sudan.
nelle sue case, nelle sue strade, e zio, cioè al messaggio propriamente relle, chiedete allo Spirito Santo di la nostra fede, volgendo su di essi ticolare ai membri dell’Associação de La vostra preghiera e le opere con-
uno sguardo d’amore che tocca an- Imprensa de Inspiração Cristã, di crete di solidarietà portino sollievo
che i cuori più induriti. Dio vi be- Portogallo, e ai fedeli brasiliani di ed aiuto ai fratelli e alle sorelle che
nedica! Niterói. Cari amici, in questo mese soffrono per Cristo in diverse parti
di novembre, siamo invitati a prega- del mondo. Vi benedico di cuore!
Do il benvenuto ai pellegrini di re per i defunti. Guidati dalla fede
lingua inglese presenti all’Udienza nella comunione dei Santi, cercate Rivolgo un cordiale benvenuto ai
odierna, specialmente a quelli pro- di affidare a Dio, specialmente pellegrini di lingua italiana. Saluto
venienti da Inghilterra, Scozia, Mal- nell’Eucaristia, i vostri familiari, le Domenicane dell’Immacolata
ta, Zimbabwe, India, Indonesia, Concezione; le Apostole del Sacro
amici e conoscenti deceduti, senten-
Israele, Malesia, Filippine e Stati Cuore di Gesù e i gruppi parroc-
doli vicini nella grande compagnia
Uniti d’America. Su tutti invoco la chiali, specialmente quelli di Andria
spirituale della Chiesa. Dio vi bene-
gioia e la pace del Signore Gesù e di San Ferdinando di Puglia.
Cristo. Dio vi benedica! dica a tutti!
Inoltre saluto il Gruppo sportivo
difesa Grande Termoli; e le Scuole
Saluto di cuore i pellegrini di lin- Rivolgo un cordiale benvenuto ai primarie di Rimini e di Riccione.
gua tedesca. Lo Spirito Santo vi pellegrini di lingua araba, in parti-
faccia crescere costantemente nella colare a quelli provenienti dal Me-
Saluto infine i giovani, gli anzia-
conoscenza di Dio in modo che dio Oriente! Cari fratelli e sorelle, ni, gli ammalati e gli sposi novelli.
possiate diffondere il suo amore e la davanti alle tante sofferenze del no-
Il mese di novembre, dedicato al-
sua verità nel mondo. stro tempo, chiediamo al Signore di
la memoria e alla preghiera dei de-
fare di noi dei costruttori di ponti, e
funti, sia per tutti l’occasione per ri-
Saludo cordialmente a los pere- di aprire i nostri cuori alle necessità considerare il significato dell’esi-
grinos de lengua española, venidos dei bisognosi, degli indifesi, dei po- stenza umana e della vita eterna.
de España y Latinoamérica. Pida- veri, dei disoccupati, e di chi bussa Questo tempo sia un incoraggia-
mos hoy al Espíritu Santo de ense- alla nostra porta in cerca di pane, mento a comprendere che la vita ha
ñarnos a construir puentes con di un rifugio e del riconoscimento un grande valore se vissuta come
quienes no creen o tienen otra fe della sua dignità. Il Signore vi be- dono, non soltanto a se stesso, ma a
distinta a la nuestra. Pidamos la ca- nedica! Dio ed al prossimo.

Un nuovo veicolo dei pompieri per l’eliporto vaticano


Ricordando nella preghiera i tre pompieri A illustrare al Papa il progetto e il nuovo dell’esperienza del Consorzio siciliano di
italiani — Matteo Gastaldo, Marco Triches e veicolo sono stati il cardinale Giuseppe riabilitazione, nata nell’ambito
Antonio Candido — morti Bertello, presidente del Governatorato dello dell’Associazione italiana per l’assistenza agli
in servizio per un’esplosione vicino Stato della Città del Vaticano, spastici. Avviata a Roma nel 1954 per
ad Alessandria nella notte tra il 4 e il 5 con il vescovo segretario generale Fernando iniziativa di un gruppo di genitori di
novembre, Papa Francesco ha benedetto un Vérgez Alzaga, e Gianluca Gauzzi bambini cerebrolesi, in una condizione di
nuovo automezzo che l’azienda tedesca Man Broccoletti, comandante assoluta carenza di strutture adeguate,
Truck & Bus ha donato del Corpo della gendarmeria e direttore dei l’Associazione in questi anni ha favorito la
ai vigili del fuoco Servizi di sicurezza e protezione civile. Con creazione di centri di riabilitazione e di
della Città del Vaticano. loro, a presentare al P0ntefice scuole di formazione, ha promosso e avviato
Il veicolo è stato presentato al Pontefice, dieci vigili del fuoco della Città del Vaticano la promulgazione di leggi e normative per
mercoledì mattina, davanti a Santa Marta, che utilizzeranno l’automezzo, l’integrazione sociale delle persone con
è stato l’ingegner Paolo De Angelis, disabilità. E oggi conta 110 sezioni su tutto
subito prima dell’udienza generale in piazza
funzionario tecnico del corpo. All’incontro il territorio italiano.
San Pietro.
erano presenti, tra gli altri, l’ambasciatore Il Consorzio siciliano, invece, costituito nel
Gli innovativi strumenti tecnici, delle Repubblica Federale di Germania 1980 a Catania, è una delle più importanti
che fanno dell’automezzo un pezzo unico “the other”. Il libro, che ha l’introduzione del altamente esemplari per i nostri giorni». Un
presso la Santa Sede, Michael Koch, e i realtà nel settore della riabilitazione in cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del lavoro — sostenuto anche dal cardinale
nel suo genere, consentiranno soprattutto di responsabili della storica azienda Sicilia con diciannove centri a cui fanno Pontificio Consiglio della cultura, è Miguel Ángel Ayuso Guixot, presidente del
rendere ancora più sicuro l’uso dell’eliporto automobilistica Man (Maschinenfabrik riferimento, ogni anno, circa cinquemila pubblicato in inglese e in arabo dall’editrice Pontificio Consiglio per il dialogo
vaticano che è adibito, Augsburg-Nürnberg) Truck & Bus. persone con disabilità. araba Mahjar e, spiega padre Cipollone, interreligioso — che è già stato presentato, a
in modo particolare, all’atterraggio Successivamente in piazza San Pietro — Padre Giulio Cipollone, docente emerito alla vuol essere «un segno di adesione giugno, ad Ahmad Al-Tayyeb, Grande imam
e al decollo, sia diurno sia notturno, di accompagnato anche dalle note e dalle voci Pontificia università Gregoriana e all’incessante esortazione al dialogo della di Al-Azhar proprio nella prospettiva di
eliambulanze e di elicotteri provenienti del coro tradizionale boliviano “La accademico dell’Accademia Ambrosiana, ha vita, attraverso gesti effettivi di rilancio del Documento sulla fratellanza
o diretti verso l’ospedale Bambino Gesù, per Sinfonica” — il Pontefice ha incontrato i presentato al Papa il volume When a Pope collaborazione nel campo della giustizia e umana per la pace mondiale e la convivenza
gravi urgenze ed emergenze pediatriche o pellegrini, con un particolare abbraccio alle and a Sultan spoke the same language of war: della pace». In concreto, fa presente il comune, che ha firmato insieme con Papa
per casi riguardanti espianti e impianti di persone malate e con disabilità. E un tolerance and the humanitarian way at the time sacerdote, «il libro propone pagine di storia Francesco il 4 febbraio scorso ad Abu
organi. incoraggiamento lo ha rivolto ai protagonisti of jihad and the crusades: a new outlook on di tolleranza e di servizio umanitario Dhabi.