Sei sulla pagina 1di 5

DERIVATI

Btp future: la situazione tecnica rimane precaria


Strategia Btp future
Nella seduta di giovedì il Btp future (scadenza dicembre 2019) è sceso verso il
sostegno posto a 143 punti prima di iniziare un veloce recupero intraday. La
situazione tecnica di breve periodo rimane precaria: negativa una discesa sotto
142,90 in quanto può innescare un’ulteriore flessione, con target teorici a quota
142,65 prima e attorno a 142,35 in un secondo momento. Un segnale di forza
arriverà solo con il ritorno sopra i 145 punti. Improbabile tuttavia il superamento
della solida resistenza grafica posta in area 146-146,10. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Eustoxx50 future: il trend di breve termine rimane positivo


Strategia Dax future
Nella seduta di giovedì il Dax future (scadenza dicembre 2019) ha compiuto un
nuovo allungo ed è salito fino ad un picco di 13.208 punti. Il trend primario
rimane positivo anche se il forte ipercomprato di breve termine può impedire un
ulteriore balzo in avanti (che avrà un primo target a quota 13.240 e un secondo
obiettivo in area 13.260-13.265) e innescare una fisiologica pausa di
consolidamento. Pericoloso il ritorno sotto 12.785 anche se, da un punto di vista
grafico, soltanto la rottura del sostegno situato in area 12.600-12.585 punti
potrebbe provocare un’inversione ribassista di tendenza.
L’Eurostoxx50 future (scadenza dicembre 2019) ha compiuto un nuovo spunto
rialzista ed è salito fino ad un massimo di 3.689 punti. Il trend di breve termine
rimane quindi positivo e solo il forte ipercomprato può impedire un ulteriore
allungo che avrà un primo target in area 3.698-3.700. Difficile per adesso
ipotizzare un’inversione ribassista di tendenza. Un’eventuale correzione troverà
un primo supporto in area 3.625-3.620 e un secondo sostegno a ridosso dei
3.585 punti. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

S&P500
Nella seduta di giovedì l’S&P500 future (scadenza dicembre 2019) ha oscillato a
ridosso di quota 3.070 senza fornire particolari spunti operativi. La situazione
tecnica rimane costruttiva anche se il forte ipercomprato di breve termine può
impedire un ulteriore allungo (che avrà un primo target a 3.100 punti) e
innescare una fisiologica pausa di consolidamento. Pericoloso ritorno sotto 3.020
anche se, da un punto di vista grafico, solo il cedimento del sostegno posto in
area 2.980-2.975 potrebbe provocare un’inversione ribassista di tendenza. (G.
Defendi)
Petrolio: positivo solo il superamento di quota 57$
Nella seduta di martedì il petrolio (analizzato tramite il contratto E-Mini Crude Oil
future quotato sul Cme) ha subito una veloce correzione intraday ed è sceso in
area 54,50-54,45 dollari. La situazione tecnica di breve periodo rimane quindi
contrastata: prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà
pertanto necessaria una fase riaccumulativa al di sopra del sostegno situato in
area 54,50-54 dollari. Da un punto di vista grafico, infatti, soltanto il breakout
della barriera posta a quota 57$ potrebbe fornire una nuova dimostrazione di
forza e aprire ulteriori spazi di crescita, con target teorici a 58 dollari prima,
attorno a 58,65-58,70 poi e in area 59,25-59,50 in un secondo momento.
(riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Oro ($): consolidamento laterale sopra i 1.500 dollari


Nella seduta di martedì l’oro (analizzato tramite il contratto E-Mini Gold future
quotato sul Cme) ha subito una veloce correzione che si è arrestata a ridosso dei
1.502 dollari. La tendenza primaria rimane positiva ma, da un punto di vista
grafico, un nuovo segnale rialzista arriverà soltanto con il breakout della solida
barriera grafica posta in area 1.540-1.545 dollari. Pericolosa invece una discesa
sotto i 1.500 dollari in quanto può innescare una rapida correzione in area 1.485-
1.483 prima e attorno a quota 1.470$ in un secondo momento. Difficile per
adesso ipotizzare un’inversione ribassista di tendenza. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Nasdaq100 future: prossima resistenza in area 8.000-8.050 punti


Il quadro tecnico del Nasdaq100 future (scadenza dicembre 2019) sta
migliorando. I prezzi hanno infatti compiuto un veloce balzo in avanti e si sono
portati a ridosso di quota 7.900. La pressione rialzista sta aumentando: dopo una
breve pausa di consolidamento è possibile un nuovo allungo che dovrà tuttavia
affrontare un duro ostacolo in area 8.000-8.050 punti. Soltanto il breakout,
confermato in chiusura di seduta, di quest’ultimo livello potrebbe fornire un nuovo
segnale long di tipo direzionale e aprire ulteriori spazi di crescita. Pericolosa
invece una discesa sotto i 7.740 punti anche se, da un punto di vista grafico, un
segnale negativo arriverà solo con il cedimento di quota 7.600. (Gianluca
Defendi)
Gas Naturale: nuova ondata ribassista fino a 2,03$
La situazione tecnica del Gas Naturale (Natural Gas future) rimane negativa. I
prezzi hanno infatti subito una brusca flessione e sono scesi fino ad un minimo di
2,03$. L’analisi quantitativa conferma la presenza di una solida tendenza
ribassista, con i principali indicatori direzionali che rimangono in posizione short.
Solo il forte ipervenduto di breve termine può impedire un ulteriore cedimento e
favorire una fase laterale di consolidamento. Un eventuale recupero dovrà invece
affrontare un primo ostacolo in area 2,20-2,22 dollari e una seconda barriera a
quota 2,33-2,35$ Soltanto il ritorno sopra questa zona potrebbe fornire un
segnale di forza. Prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà
pertanto necessaria un’adeguata fase laterale di riaccumulazione. (riproduzione
riservata)
Gianluca Defendi

Argento: reazione del sostegno posto a 18$


Dopo essere salito fino ad un picco di 19,74$ l’argento (Silver future) ha subito
una rapida correzione ed è sceso verso l’importante sostegno grafico situato a
ridosso dei 18 dollari. La tenuta di quest’ultimo livello può favorire un veloce
rimbalzo tecnico con target teorici a 18,60 prima e in area 18,85-18,90 dollari in
un secondo momento. Pericolosa invece una discesa sotto 17,85 in quanto può
innescare un’ulteriore flessione verso 17,55-17,50 prima e in area 17,25-17,20
dollari in un secondo momento. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Natural Gas: test con la resistenza posta in area 2,4750-2,50$


Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica del Gas Naturale (Natural Gas
future) è migliorata. I prezzi hanno compiuto un veloce balzo in avanti e si sono
portati a ridosso della solida resistenza grafica posta in area 2,4750-2,50$.
L’analisi quantitativa evidenzia un interessante rafforzamento della pressione
rialzista, con i principali indicatori direzionali che si trovano in posizione long.
Prima di poter tentare un nuovo allungo è comunque necessaria una fase
riaccumulativa al di sopra 2,30$. Da un punto di vista grafico, infatti, solo il
breakout di 2,50 potrebbe fornire un nuovo segnale rialzista di tipo direzionale.
(riproduzione riservata)
Gianluca Defendi
Platino: accelerazione rialzista verso i 1.000$
Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica del platino (Platinum future) è
migliorata. I prezzi, dopo aver costruito una solida base accumulativa al di sopra
di quota 835$, hanno superato di slancio la barriera posta a 870 dollari e si sono
portati a ridosso dell’importante soglia psicologica dei 1.000$. L’analisi
quantitativa evidenzia un chiaro rafforzamento della pressione rialzista anche se il
forte ipercomprato di brevissimo termine può impedire un ulteriore allungo e
innescare una fisiologica pausa di consolidamento al di sopra del sostegno situato
in area 940-935 dollari. Difficile per adesso ipotizzare un’inversione ribassista di
tendenza. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Eurostoxx Banks: i prezzi proseguono il loro trend positivo


Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica dell’indice Eurostoxx Banks è
migliorata. I prezzi hanno infatti compiuto un veloce balzo in avanti e, dopo aver
superato la resistenza grafica posta in area 81,50-81,70, sono saliti verso gli 88
punti. L’analisi quantitativa evidenzia un interessante rafforzamento della
pressione rialzista con i vari indicatori direzionali che si sono girati in posizione
long. Dopo una breve pausa di consolidamento è possibile pertanto un ulteriore
allungo con target teorici a 88,50-88,60 prima e attorno a quota 89,30-89,40 in
un secondo momento. Difficile per adesso ipotizzare un’inversione ribassista di
tendenza. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Zucchero: il trend di breve termine rimane negativo


La situazione tecnica dello zucchero (Sugar future) rimane negativa. I prezzi
hanno, confermando la tendenza ribassista nella quale si trovano inseriti, hanno
subito una nuova flessione e sono scesi fino ad un minimo di 10.86$. Solo il forte
ipervenduto di breve termine può impedire un ulteriore cedimento (che avrà un
primo target a ridosso degli 11 dollari e un secondo obiettivo a quota 10,85$) e
favorire una fase laterale di consolidamento. Da un punto di vista grafico,
tuttavia, soltanto il ritorno sopra 11,65 zona potrebbe fornire un segnale di forza.
Prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà pertanto
necessaria un’adeguata fase laterale di riaccumulazione. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi
Caffè: la struttura tecnica sta girando al rialzo
Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica del Caffè (Coffee future) è
migliorata. I prezzi, dopo una prolungata fase riaccumulativa a ridosso dei 95
dollari, hanno compiuto un veloce balzo in avanti e sono saliti oltre la soglia
psicologica dei 100$. L’analisi quantitativa evidenzia un interessante
rafforzamento della pressione rialzista, con i principali indicatori direzionali che si
sono girati in posizione long. Dopo una breve pausa di consolidamento è possibile
pertanto un nuovo allungo con un primo target a quota 102,50, un secondo
obiettivo attorno a 103,50$ e una terza proiezione teorica in area 105-105,30
dollari. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Palladio: il trend primario rimane ancora positivo


La situazione tecnica del Palladio (contratto future) rimane positiva. I prezzi
hanno infatti compiuto un nuovo allungo e sono saliti oltre i 1.780 dollari. Il trend
primario rimane quindi positivo ed è confermato dalla posizione long dei principali
indicatori direzionali. Dopo una breve pausa di consolidamento è possibile
pertanto un ulteriore allungo con un primo target in area 1.797-1.800$. Difficile
per adesso ipotizzare un’inversione ribassista di tendenza. Un’eventuale
correzione troverà infatti un valido supporto in area 1.700-1.697 dollari. Solo una
discesa sotto questa zona potrebbe fornire un segnale di debolezza. (riproduzione
riservata)
Gianluca Defendi

Eurostoxx Banks: i prezzi testano una solida resistenza


L’indice Eurostoxx Banks non è riuscito a superare quota 90,50 e ha accusato una
veloce correzione. Il trend di breve periodo rimane positivo anche se diversi
indicatori tecnici registrano un rafforzamento della pressione ribassista. Pericolosa
pertanto una discesa sotto 86,50 in quanto può innescare un’ulteriore flessione
verso 85,50-85,40 prima, a quota 84,75-84,70 poi e attorno a 84 punti in un
secondo momento. Positivo invece il ritorno sopra 89,50 anche se, da un punto di
vista grafico, solo il breakout di 90,50 potrebbe fornire un nuovo segnale rialzista
di tipo direzionale e aprire ulteriori spazi di crescita. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi