Sei sulla pagina 1di 4

DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CINETICA DI

UNA REAZIONE CHIMICA PER VIA SPETTROFOTOMETRICA

OBIETTIVO
Analizzare la cinetica della reazione tra il Blu di Metilene (MB⁺) e l’Acido Ascorbico, utilizzato in eccesso
per poter essere considerato costante e inglobato nella costante k.
STRUMENTAZIONE
- Spettrofotometro
- Cuvette in plastica
- Micropipettatori automatici
- Beuta
SOSTANZE UTILIZZATE
- Soluzione acquosa 1,8x10-5 M di Blu di Metilene (MB+)
- Soluzione 0,023M di Acido Ascorbico (C6H8O6)
- Soluzione 0,27 M di Acido Cloridrico (HCl)
- Acqua distillata
CONSIDERAZIONI INIZIALI
La velocità di reazione, con volume costante, è data dalla seguente equazione:
1 𝑑𝐶
𝑟=
𝑣 𝑑𝑡
dove: r è la velocità della reazione , C è la concentrazione della specie chimica rispetto alla quale si
esprime la velocità , t è il tempo al quale si vuole conoscere la velocità della reazione ,v è il rapporto in cui
si trovano le moli della specie chimica considerata rispetto alle moli degli altri composti nella reazione
Per determinare la velocità di reazione, è necessario conoscere la concentrazione della specie chimica
esaminata.
In questo caso, poiché la reazione avviene con cambiamento di colore, è facilmente monitorabile per via
spettrofotometrica, sfruttando le capacità ottiche del colorante Blu di Metilene.
La concentrazione di una sostanza è infatti correlata all’assorbanza tramite la legge di Lambert-Beer:
A(t) = ε ∙ C(t) ∙ l
dove: A(t) è l’assorbanza della soluzione al tempo t, C(t) è la concentrazione di MB⁺ in soluzione al tempo t ,
ε è il coefficiente di estinzione molare (M-1cm-1 , l è il cammino ottico della luce
PROCEDIMENTO
Tariamo lo spettrofotometro, inserendo due cuvette contenenti 2mL di H2O distillata.
A questo punto prepariamo una prima provetta contenente:
- 1,0 mL di Blu di Metilene (MB⁺)
- 0,70 mL di Acido Cloridrico
- 0,30 mL di Acqua distillata
Si effettua lo spettro di assorbimento del Blu di Metilene,in un range di assorbimento che va da 400nm a
800nm, ovvero la porzione del visibile della luce.
Dallo spettro di assorbimento otteniamo il picco di assorbimento della sostanza, ad una lunghezza d’onda di
663,5 nm per un’assorbanza di 0,788.
Fatto ciò settiamo lo strumento ad un valore di λ che corrisponde al picco massimo di assorbimento del BM⁺,
per evitare che la presenza di contaminanti vada ad inficiare la mia misurazione.
Con questo settaggio va analizzata una seconda cuvetta, contenente:
- 1,0 mL di Blu di Metilene
- 0,70 mL di Acido Cloridrico
- 0,30 mL di Acido Ascorbico
L’Acido Ascorbico si inserisce quando la cuvetta è già inserita nell’alloggiamento dello spettrofotometro e
successivamente bisogna seguire l’avvenire della reazione con lo spettrofotometro: vanno registrati i valori di
assorbanza ogni 30s. Quando la variazione di assorbanza risulterà molto piccola avremo a disposizione tutti i
dati per analizzare la cinetica della reazione.
RISULTATI
In questa tabella sono riportati i valori di assorbanza registrati ad intervalli di tempo regolari, che saranno
necessari per le operazioni riportate di seguito.

TEMPO (s) ASSORBANZA ln(A◦/A)


0 0,778 0
30 0,728 0,066
60 0,685 0,127
90 0,644 0,189
120 0,604 0,253
150 0,565 0,320
180 0,526 0,391
210 0,489 0,464
240 0,452 0,543
270 0,417 0,624
300 0,384 0,706
330 0,353 0,790
360 0,324 0,876
390 0,296 0,966
420 0,271 1,055
450 0,247 1,147
480 0,224 1,245
510 0,203 1,344
540 0,183 1,447
570 0,165 1,551
600 0,150 1,646
630 0,135 1,751
660 0,121 1,861
690 0,109 1,965
720 0,098 2,072
750 0,088 2,179

Per vedere se la reazione è di ordine zero costruiamo un grafico in cui si riporta la variazione di assorbanza
della soluzione al procedere della reazione, in funzione del tempo: se il grafico risultante è una retta allora la
reazione segue una cinetica di ordine zero.
Il grafico ottenuto è il seguente:
Dato che il risultato del grafico non è una retta, possiamo affermare che la reazione tra Blu di Metilene e
Acido Ascorbico non segue una cinetica di ordine zero.

A questo punto verifichiamo se la reazione segue una cinetica del primo ordine, riportando sull’asse delle
𝐴°
ordinate 𝑙𝑛 𝐴 , in cui A◦ è il valore iniziale di assorbanza (che corrisponde a quello di concentrazione) e A è
l’assorbanza del di Blu di Metilene al procedere della reazione.

Risulta evidente che la reazione segue una cinetica del primo ordine:
𝐶°
𝑙𝑛 = 𝑘𝑡
𝐶
dove: C° è la concentrazione iniziale di Blu di Metilene , C è la concentrazione di Blu di Metilene dopo un
certo tempo , t è il tempo trascorso dall’inizio della reazione , k è la costante cinetica della reazione

𝐴°
La retta, però, non interseca l’origine degli assi cartesiani, cosa che sappiamo non poter avvenire poiché 𝑙𝑛 𝐴
=
0. E’ possibile però imporre alla retta il passaggio per il punto (0;0): da questo otteniamo una retta differente,
con distanze dai punti sperimentali, e un valore di k che differisce di poco dal valore precedente,
E’ possibile costruire infine il grafico che riporta l’inverso dell’assorbanza in funzione del tempo: per una
cinetica del secondo ordine si otterrebbe una retta, cosa che, nel nostro caso, non avviene.

CONCLUSIONI
L’equazione della linea di tendenza, risulta essere:
Nel caso della retta di interpolazione passante per l’origine l’equazione risulta essere
𝑦 = 0,0029𝑥 − 0,114
𝑦 = 0,0027𝑥

da cui si ricava il valore di k, che è uguale a 2,9∙10-3s-1.

il cui corrispondente valore di k è 2,7∙10-3s-1.

STUDENTE : PETTI FABIO


MATRICOLA : 154967