Sei sulla pagina 1di 17

52° Congresso Nazionale AIF, Mondovì 23-26 ottobre 2013

Achille Cristallini

Docente in pensione di Matematica e Fisica


AIF, Sezione di Bologna

EQUILIBRIO DI UN’ ASTA SOSPESA


(dai Giochi di Anacleto 2013)
Riassunto. Il problema sperimentale proposto per i Giochi
di Anacleto 2013 viene riesaminato ampliando le possibilità
d’indagine del sistema fisico considerato. Il modello
matematico ottenuto è applicato alle situazioni realizzate in
laboratorio e ai dati raccolti da alcune classi di liceo
scientifico.
1
2
i punti A, B, P e O sono allineati secondo l’asse baricentrico longitudinale dell’asta
si trascurano le forze d'attrito presenti nei perni A e O e le (eventuali) componenti
orizzontali delle reazioni vincolari negli stessi punti
3
• obiettivo proposto: caricare l’asta con diversi valori della massa aggiuntiva
M mantenendo costante la sua inclinazione (angolo α oppure altezza H) e
trovare la correlazione tra M e il valore della tensione T misurata dal
dinamometro; suggerimento:

T = k1 M + k 0
• perché mantenere costante l’inclinazione ?
• l’operazione richiede un aggiustamento continuo del supporto del
dinamometro e molta attenzione da parte degli studenti

4
equilibrio:

T − M 0 g − Mg + R = 0

  −Tx A + M 0 g ( L − x0 ) + Mgx  cos α = 0

 ( L − x 0 ) M 0 + xM
T = g
 xA
R = M + M g −T
 ( 0 )
5
T=
( L − x0 ) M0 + xM
g = k M +k 1 0
xA
la tensione misurata dal dinamometro non dipende (esplicitamente)
dall’inclinazione dell’asta

asta senza massa aggiuntiva:

L − x0
T0 = M0g
xA

6
lasciando variare liberamente l’inclinazione dell’asta …

H −h
sin α =
xA
e sostituendo nella condizione di equilibrio

T=
( L − x0 ) M0 + xM
g sin α
H −h

3 variabili dipendenti!
T, α, H
che non sono … indipendenti
7
nell’ipotesi che per ogni carico applicato (asta + massa aggiuntiva) la molla del
dinamometro si allunghi rispettando la cosiddetta Legge di Hooke, si ha

T = k ∆H = k ( H D − H )
(k è la costante elastica di allungamento della molla e HD l’altezza del gancio
del dinamometro a vuoto)
con l’asta senza massa aggiuntiva si ha

T0 = k ( H D − H 0 )
e quindi la costante elastica del dinamometro può essere espressa in funzione
dei parametri fisici e geometrici del sistema:

T0 L − x0
k= = M0g
H D − H0 ( H D − H0 ) xA
8
( L − x0 ) ( H D − h − x A sin α )
T= M0 g
xA ( H D − H0 )

9
H0 − h x ( HD − H0 )
sinα = − M
xA xA ( L − x0 ) M0

10
queste relazioni non sono lineari!

11
ponendo: Y = sin α
e scegliendola come definizione operativa di inclinazione …

( L − x0 ) ( H D − h − x AY )
T= M0 g
xA ( H D − H0 )

H0 − h x ( H D − H0 )
Y= − M
xA x A ( L − x0 ) M 0

che sono lineari !

12
Risultati sperimentali:
asta con inclinazione costante

13
asta con inclinazione variabile

14
asta con inclinazione variabile

15
conclusioni:

• le misure con inclinazione costante risultano più difficoltose


nell’esecuzione e meno affidabili nei risultati

• le misure con inclinazione variabile consentono uno studio più ampio del
sistema e l’uso del best fit dei dati sperimentali per ricavare i valori dei
parametri geometrici dell’asta

• sono possibili approfondimenti sulle tecniche e sul significato pratico


dell’approssimazione di una funzione

16
Ringraziamenti
Ringrazio la Prof.a Giuliana Cavaggioni, cui è dovuto il suggerimento di ap-
profondire la prova di laboratorio proposta per i Giochi di Anacleto 2013.
Ringrazio il Prof. Stefano Accorsi, dell’ISIS “Archimede” di San Giovanni in
Persiceto, e i suoi studenti del biennio di liceo scientifico, che mi hanno con-
sentito di utilizzare per questo lavoro i propri dati di laboratorio.

17