Sei sulla pagina 1di 99

MANUALE

dell’Organizzazione di Addestramento Dichiarata

AERO CLUB SAVONA


ORGANIZZAZIONE DI ADDESTRAMENTO DICHIARATA

Sede Legale e sede Operativa:


Aeroporto di Villanova d'Albenga
17038 VILLANOVA D'ALBENGA
Tel. +39 0182.582.919; Fax. +39 0182.582.695
info@aeroclubsavona.it
Ufficio@pec.aeroclubsavona.it

Edizione 08/04/2019
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………..………….…………… 0 Capitolo: …………………….Introduzione
Revisione n. …………….………..…………..….…….. 0 Pagina………….………………..…….……. I

ELENCO PAGINE EFFETTIVE

Pag. Edizione Revisione Pag. Edizione Revisione


n. n. data n. data n. n. data n. data
1 0 08/04/19 0 08/04/19 D-1 0 08/04/19 0 08/04/19
2 0 08/04/19 0 08/04/19 D-2 0 08/04/19 0 08/04/19

POLITICA PER LA SICUREZZA


3 0 08/04/19 0 08/04/19 D-3 0 08/04/19 0 08/04/19
INTRODUZIIONE

4 0 08/04/19 0 08/04/19 D-4 0 08/04/19 0 08/04/19


5 0 08/04/19 0 08/04/19 D-5 0 08/04/19 0 08/04/19
6 0 08/04/19 0 08/04/19 D-6 0 08/04/19 0 08/04/19
7 0 08/04/19 0 08/04/19 D-7 0 08/04/19 0 08/04/19
8 0 08/04/19 0 08/04/19 D-8 0 08/04/19 0 08/04/19
9 0 08/04/19 0 08/04/19 D-9 0 08/04/19 0 08/04/19
10 0 08/04/19 0 08/04/19 D-10 0 08/04/19 0 08/04/19
11 0 08/04/19 0 08/04/19 D-11 0 08/04/19 0 08/04/19
12 0 08/04/19 0 08/04/19 D-12 0 08/04/19 0 08/04/19
13 0 08/04/19 0 08/04/19 D-13 0 08/04/19 0 08/04/19
D-14 0 08/04/19 0 08/04/19
Pag. Edizione Revisione D-15 0 08/04/19 0 08/04/19

n. n. data n. data
A-1 0 08/04/19 0 08/04/19 Pag. Edizione Revisione
conformità

A-2 0 08/04/19 0 08/04/19


Politica

n. n. data n. data
A-3 0 08/04/19 0 08/04/19
GENERALITA’

A-4 0 08/04/19 0 08/04/19 E-1 0 08/04/19 0 08/04/19

A-5 0 08/04/19 0 08/04/19 E-2 0 08/04/19 0 08/04/19


A-6 0 08/04/19 0 08/04/19
A-7 0 08/04/19 0 08/04/19
Pag. Edizione Revisione
A-8 0 08/04/19 0 08/04/19
Addestramento

0 n. n. data n. data
personale

A-9 08/04/19 0 08/04/19


A-10 0 08/04/19 0 08/04/19 F-1 0 08/04/19 0 08/04/19
A-11 0 08/04/19 0 08/04/19 F-2 0 08/04/19 0 08/04/19
A-12 0 08/04/19 0 08/04/19 F-3 0 08/04/19 0 08/04/19
F-4 0 08/04/19 0 08/04/19
Pag. Edizione Revisione
n. n. data n. data Pag. Edizione Revisione
B-1 1 08/04/19 0 08/04/19 n. n. data n. data
OPERAZIONI DI VOLO

B-2 1 08/04/19 0 08/04/19 MA-1 0 08/04/19 0 08/04/19


NORME PER LE

B-3 1 08/04/19 0 08/04/19 0


MA-2 08/04/19 0 08/04/19
B-4 1 08/04/19 0 08/04/19 0
MA-3 08/04/19 0 08/04/19
MODULISTICA MMINISTRATIVA

B-5 1 08/04/19 0 08/04/19 0


MA-4 08/04/19 0 08/04/19
B-6 1 08/04/19 0 08/04/19 MA-5 0 08/04/19 0 08/04/19
B-7 1 08/04/19 0 08/04/19 MA-6 0 08/04/19 0 08/04/19
B-8 1 08/04/19 0 08/04/19 MA-7 0 08/04/19 0 08/04/19
B-9 1 08/04/19 0 08/04/19 MA-8 0 08/04/19 0 08/04/19
B-10 1 08/04/19 0 08/04/19 MA-9 0 08/04/19 0 08/04/19
B-11 1 08/04/19 0 08/04/19 0
MA-10 08/04/19 0 08/04/19
MA-11 0 08/04/19 0 08/04/19
Pag. Edizione Revisione MA-12 0 08/04/19 0 08/04/19
n. n. data n. data MA-13 0 08/04/19 0 08/04/19
TECNICA
PARTE

C-1 0 08/04/19 0 08/04/19 MA-14 0 08/04/19 0 08/04/19


C-2 0 08/04/19 0 08/04/19 MA-15 0 08/04/19 0 08/04/19
C-3 0 08/04/19 0 08/04/19 MA-16 0 08/04/19 0 08/04/19
C-4 0 08/04/19 0 08/04/19 MA-17 0 08/04/19 0 08/04/19
MA-18 0 08/04/19 0 08/04/19
DTO AEROCLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: …………..…………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….………………..…..…….… II

Pag. Edizione Revisione


n. n. data n. data
MO-1 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-2 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-3 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-4 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-5 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-6 0 08/04/19 0 08/04/19
MODULISTICA OPERATIVA

MO-7 0 08/04/19 0 08/04/19


MO-8 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-9 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-10 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-11 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-12 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-13 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-14 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-15 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-16 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-17 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-18 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-19 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-20 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-21 0 08/04/19 0 08/04/19
MO-22 0 08/04/19 0 08/04/19
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 1

INDICE
INTRODUZIONE
Pagine effettive ………………………………….…………………………………………………………………………………………..……… Pag. I
Indice ………………………………………………….…………………………………………………………………………………………..……… Pag. 1
Riferimenti ……………………………………………………………………………………………….……………………………………..……… Pag. 5
Lista di distribuzione …………………………………………………………………………………….………………………………..……… Pag. 6
Revisioni del manuale ………………………………….………………………………………………………………………………………… Pag. 7
b. Revisioni temporanee ………………………………….…………………………………………………………….…………... Pag. 7
PART.FCL 010
Definizioni e abbreviazioni ……………………...…………………………………………………….………………..…… Pag. 8

GENERALITA’
A.1 Elenco e descrizione delle parti del manuale …………………………………………………………………………….… Pag. A-1
A.2 Amministrazione DTO.GEN.210 …………………………………………………………….……………………………………….… Pag. A-1
DTO.GEN.116
A.2.1 Modifiche all’organizzazione …………………………………………………………………… Pag. A-2
DTO.GEN.116
A.2.2 Cessazione delle attività di addestramento ……………………………………………… Pag. A-2
DTO.GEN.135
A.2.3 Fine del diritto ad impartire l’addestramento …………………………………………… Pag. A-2
DTO.GEN.140
A.2.4 Accesso ……………………………………………………………………………………………………… Pag. A-2
DTO.GEN.150-ARA.GEN.350
A.2.5 Rilievi ……………………………………………………………………………………… Pag. A-3
DTO.GEN.155-NCO.GEN.145-ARA.GEN.135
A.2.6 Reazione immediata ad un problema di sicurezza … Pag. A-3
A.3 Requisiti relativi al personale DTO.GEN.210 …………………………………..……………………………………………… Pag. A.3
A.3.1 Rappresentante della DTO……………………………………………………………………….……..…………… Pag. A-3
A.3.2 Responsabile dell’Addestramento della DTO ………………………………………….……..…………… Pag. A-4
A.3.3 Istruttori di volo ( FI) …………………………………….………………………………………….……..…………… Pag. A-4
A.3.3.1 Istruttori di volo dell’Aeroclub Savona ……………………………………………………. Pag. A-5
A.3.4 Istruttori di teoria ……………………………………………………….……………………………………….……. Pag. A.5
A.3.4.1 Istruttori di teoria dell’Aeroclub Savona ……………………………………………………. Pag. A-5
DTO.GEN.270
A.3.5 Responsabile della Revisione annuale e relazione annuale dell’attività …… Pag. A-5
A.3.6 Segreteria …………………………………………………………………………………………………………………… Pag. A-5
A.4 Sede della DTO DTO.GEN.110 ……………………………………………………………………………..………………………….. Pag. A-6
A.5 Infrastrutture DTO.GEN.210 ……………………………………………………………………………..………………………….. Pag. A-6
A.6 Ausili didattici ……………………..…………………………………………………………………………..………………………….. Pag. A-11
A.7 Conservazione dei documenti ORA.GEN.220 – AMC1.ORA.GEN.220(b) ……………………..……………………….. Pag. A-11
A.8 Disciplina e sanzioni disciplinari ……………………………………………..……………………..…………………………….. Pag. A-11
A.8.1 Disciplina ………………..…………………………………………………………………..……………………………… Pag. A-11
A.8.2 Provvedimenti disciplinari …………………………………………..………………..…………………………… Pag. A-11
A.8.3 Consiglio di disciplina .…………………………………………………………………………………………………. Pag. A-12
NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
B.1 Autorità competente NCO.GEN.100 …………………………………………………………………………………………….… Pag. B-1
B.2 Autorizzazione al volo ………………………………………………………………………………………….………………….…. Pag. B-1
FCL.060
B.2.1 Piloti già in possesso di licenza ………………………………………………………………………… Pag. B-1
FCL.020
B.2.2 Allievo pilota solista ………………………………………………………………………………………….. Pag. B-1
B.3 Comando dell’aeromobile ………………………………………………………………………………………..……..…………. Pag. B-1
NCO.GEN.105-GM1 NCO.GEN105
B.3.1 Responsabilità e autorità del pilota in comando ……….……… Pag. B-1
NCO.GEN.110
B.3.2 Conformità a leggi, regolamenti e procedure …………………………………….……. Pag. B-2
B.4 Trasporto passeggeri …………………………………………….…………………………………..…………………………….…. Pag. B-2
B.4.1 Voli didattici …………………………………………………………………….……………………………………….…. Pag. B-2
NCO.GEN.103
B.4.2 Voli introduttivi …………………………………………………………………………….………… Pag. B-2
B.4.3 Voli per turismo …………………………………………………………………………………………………………… Pag. B-2
B.4.3.1 Voli in compartecipazione finanziaria ……………………………………………………….. Pag. B-2
B.4.3.2 Trasporto passeggeri a titolo amichevole ……………………………………………….. Pag. B-2
B.5 Informazioni ai passeggeri NCO.OP.130-AMC1 NCO.OP.130 –NCO.OP.150 …………………………………………………….. Pag. B-2
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 2

Segue: NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO


B.6 Rifornimento con passeggeri a bordo NCO.OP.145 ………………………………………..……………………………….. Pag. B-3
B.7 Documenti , manuali ,informazioni obbligatori a bordo NCO.GEN.135.GM1.NCO.GEN.135 ………………….. Pag. B-3
NCO.OP.100
B.8 Uso di aerodromi e siti operativi …………………………..…………………..……………………………….. Pag. B-4
NCO.OP.105
B.9 Specifiche degli aerodromi isolati …………………………..……………………..………………………….. Pag. B-4
B.10 Minimi operativi NCO.OP.110 …………………………………………………..……………………..…………………………….. Pag. B-4
B.10.1 Voli per turismo. …………………………………………………………………………..……………………………… Pag. A-4
B.10.2 Voli di addestramenti con allievi ………………………………..………………..…………………………… Pag. B-5
B.10.3 Voli allievi piloti solisti …………………………………………………………………………………………………. Pag. B-5
B.10.4 Aeroporti utilizzati per l’addestramento alla navigazione ……...……..…………………………… Pag. B-5
B.10.5 Aree di addestramento per voli locali ………………………………………………………………………… Pag. B-6
NCO.OP.110
B.11 Procedure di partenza e di avvicinamento …………………………………………………………….…… Pag. B-7
NCO.OP.125-NCO.OP.185
B.12 Rifornimento e gestione del carburante ……………………………………………….…… Pag. B-7
NCO.OP.135
B.13 Preparazione del volo …………………………………………………………………………………………….…… Pag. B-8
NCO.OP.140-NCO.OP.160
B.14 Condizioni meteorologiche aeroporto di destinazione e alternati ………..…… Pag. B-8
NCO.OP.175
B.15 Condizioni per il decollo …………………………………………………………………………………..…..…… Pag. B-8
NCO.OP.205
B.16 Condizioni per l’avvicinamento e l’atterraggio ………………………….……………………..…..…… Pag. B-8
NCO.POL.100 – NCO.POL.105
B.17 Limitazioni operative per i peso e centraggio ……..……………………..…..…… Pag. B-8
NCO.POL.110
B.18 Prestazioni ………………………………………………………………………..…..……………………..…..…… Pag. B-9
NCO.OP.180
B.19 Simulazioni di situazioni anormali in volo …………………………..…..……………………..…..…… Pag. B-9
NCO.OP.165
B.20 Ghiaccio e depositi contaminanti – Procedure a terra …………………………..……..…..…… Pag. B-9
NCO.OP.170
B.21 Ghiaccio e depositi contaminanti – Procedure in volo …………………………..……..…..…… Pag. B-9
NCO.IDE.A.175
B.22 Voli sopra l’acqua …………………………………………………………………..…………..……..…..…… Pag. B-9
NCO.OP.190
B.23 Uso di ossigeno supplementare …………………………………………………..…………..……..…..…… Pag. B-9
NCO.OP.195
B.24 Rilevamento di prossimità al suolo …………………………………………………..……...……..…..…… Pag. B-9
NCO.GEN.140
B.25 Trasporto di merci pericolose ……………………………….………………………..……...……..…..…… Pag. B-9
NCO.GEN.125 . GMC1-NCO.GEN.125
B.26 Dispositivi elettronici portatili ………………….………..……...……..…..…… Pag. B-9
NCO.GEN.130- GMC1.NCO.GEN.130
B.27 Equipaggiamenti di emergenza e di sopravvivenza …………………..… Pag. B-9
NCO.OP.155
B.28 Autorizzazione a fumare a bordo …………………………………………………..………………..…..…… Pag. B-9
B.29 Pilota di sicurezza …………………………………………………………………………………………..………………..…..…… Pag. B-10
B.30 Manovre del velivolo ……………………………………………………………………………………..………………..…..……. Pag. B-10
B.30.1 Norme generali durante le manovre degli aeromobili …………………………………………………. Pag. B-10
B.30.2 Rullaggio NCO.GEN.115 . GMC1-NCO.GEN.115 ……………………….……………………………………………. Pag. B-10
B.30.3 Decollo e atterraggio ………………………………………………….……………………………………………. Pag. B-10
B.30.4 Uso del motore in emergenza simulata………………………….……………………………………………. Pag. B-10
B.30.5 Manovre critiche ( stalli, viti, posizioni inusuali) ……….…….…………………………………………. Pag. B-10
B.30.6 Uso degli interruttori automatici ( Circuit breaker ) ……….…….……………………………………. Pag. B-10
B.30.7 Istruttore che riprende il controllo del velivolo in condizioni critiche……………………………. Pag. B-11
B.30.8 Verifica della quantità di carburante nei serbatoi …………………………………..……………………. Pag. B-11
B.30.9 Rifornimento ………………………………………………………………………………………….……………………. Pag. B-11
B.30.10 Controllo del carburante durante il volo …………………………………………………..…………………. Pag. B-11
B.30.11 Uso dell’aria calda al carburatore …………………………………………………………..……………………. Pag. B-11

PARTE TECNICA
C.1 Generalità ………………………………………………………………………………………………………………………………….… Pag. C-1
C.2 Attività sotto contratto ORA.GEN.205-AMC.ORA.GEN.210 – GM1 ORA.GEN.210 ………………………….…………… Pag. C-1
C.3 Note descrittive degli aeromobili ……………………………………………….…………………………..……..…………… Pag. C-1
C.3.1 Caratteristiche degli aeromobili …………..……………………………………………………………………… Pag. C-2
C.3.2 Uso dei velivoli di terze parti……………………………………………………………………………………….. Pag. C-2
C.4 Gestione degli aeromobili ..……………………………………………………………………………………..……..…………. Pag. C-2
C.5 Liste di controllo …………..……………………………………….…………………………………..…………………………….…. Pag. C-2
C.5.1 Check list delle procedure normali e delle procedure anormali e di emergenza …….…. Pag. C-3
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 3

Segue : PARTE TECNICA


C.5.2 Check list delle ispezioni pre-volo rinforzate ………………………………………………………….…. Pag. C-3
C.6 Limitazioni …………………………………………………………………………………………………………………………………… Pag. C-3
C.7 Registri tecnici per la manutenzione ……………………………………………………………………………………………. Pag. C-3
C.7.1 Registri di manutenzione …………………………………………………………………………………………….. Pag. C-3
C.7.2 Quaderno tecnico …………………….……………………………………………………………………………….. Pag. C-3
C.8 Ispezione giornaliera e pre volo rinforzata ………………………………………………………………………………….. Pag. C-3
C.9 Radio e radioaiuti alla radio navigazione ………..………………………………………………………………………….. Pag. C-4
C.10 Difetti differiti …………………………………………….…..………………………………………………………………………….. Pag. C-4
C.11 Attrezzatura di emergenza ………………………….…..………………………………………………………………………….. Pag. C-4
C.12 Sistema interfonico per i membri dell’equipaggio di condotta NCO.IDE.A.135 AMC1 NCO.IDE.A.135 …………. Pag. C-4

POLITICA PER LA SICUREZZA


D.1 Introduzione………………………………………………………………………………………………………………………………….… Pag. D-1
D.2 Politica per la sicurezza ORO.GEN.200 (a)(2) …………………………………………………………………..……..…………… Pag. D-2
D.3 Impegno del responsabile della DTO ORO.GEN.200 (a)(1) ………………………………………………..…..…………… Pag. D-2
D.4 Assegnazione dei compiti e delle responsabilità ..………………………………………………………..……..…………. Pag. D-3
D.5 Responsabile DTO …………..……………………………………….…………………………………..…………………………….…. Pag. D-3
D.6 Delegato per la sicurezza AMC1.ORO.GEN.200 (a)(1)(a) ……………………..……………..……………..……..…………… Pag. D-3
D.7 Comitato per la sicurezza GM2.ORO.GEN.200 (a)(1) …….…………………..……………..……………..……..…………… Pag. D-4
D.8 Segnalazioni di sicurezza …………………………. …….…………………………..……………..……………..……..…………… Pag. D-4
D.9 Identificazione dei rischi ORO.GEN.200 (a)(3)- GM2.ORO.GEN.(a)(3))e)(5) …………..……………..…..……..…………… Pag. D-4
D.10 Probabilità dei rischi GM2.ORO.GEN.200 (a)(3(e)(6) …………………………………….…………..……………..…………… Pag. D-6
D.11 Severità dei rischi GM2.ORO.GEN.200 (a)(3(e)(7) ……………………………………..……………..……………..…………… Pag. D-6
D.12 Tollerabilità dei rischi GM2.ORO.GEN.200 (a)(3(e)(9) ………………………………………………………..……….……..…………… Pag. D-7
D.13 Mitigazione dei rischi ………………………………….…………………………………………………..……….……..…………… Pag. D-8
D.14 Registrazioni ORO.GEN.220 (b) ……………………………………………………………………………..……….……..…………… Pag. D-8
D.15 Misura delle prestazioni di sicurezza ………………………………………………………………..……….……..…………… Pag. D-9
D.16 Gestione del cambiamento ORO.GEN.200 (a)(3 – AMC2.GEN.200(a)(5)(b)(11) ……………..……….……..…………… Pag. D-9
D.17 Gestione degli inconvenienti ……………………….…………………………………………………..……….……..…………… Pag. D-9
D.18 Addestramento ……………………….………………….…………………………………………………..……….……..…………… Pag. D-9
D.19 Piano di Emergenza ( ERP) AMC1.ORO.GEN.200 (a)(1);(2);((5)(f) e AMC1.ORO.GEN.200(a)(3)(g) ………….………… Pag. D-10
D.19.1 Introduzione ……………………………………………………………………………………………………………………. Pag. D-10
D.19.2 Eventi che possono attivare il piano di emergenza …………….………………………………………….. Pag. D-10
D.19.2.1 Allarme bomba, sabotaggio, terrorismo, sciopero, blocco degli accessi ………. Pag. D-10
D.19.2.2 Incendio, esplosione, inquinamento, terremoto con crolli, inondazioni ……... Pag. D-11
Incidente/inconveniente grave a velivolo dell’Aero Club all’interno o nelle
D.19.2.3 Pag. D-11
prossimità dell’aeroporto di Albenga …………………………………………………...…...
Incidente/inconveniente grave a velivolo dell’Aero Club in area diversa da
D.19.2.4 Pag. D-12
Aeroporto Albenga ( o nelle prossimità)………………………………………………...…...
D.19.3 Rapporti con i media e famiglie coinvolte ………………………………………………………………………. Pag. D-12
D.19.4 Ritorno alle normali operazioni ……………….……………………………………………………………………. Pag. D-12
D.20 Investigazioni ………………………………………………………………………………………………………………………………… Pag. D-12
D.21 Personale responsabile da allertare ……………………………………………………………………………………………… Pag. D-13
D.22 Recapiti degli Enti …………………………………..……………………………………………………………………………………… Pag. D-13
D.23 Comunicazione a ANSV…………………………..……………………………………………………………………………………… Pag. D-13
D.24 Registro delle comunicazioni relative all’incidente ………………………………………………………………………… Pag. D-13

POLITICA PER LA CONFORMITA’


E.1 Politica per la conformità …………………………………………………..……………………………………………………….… Pag. E-1
E.2 Responsabile DTO – Compiti e responsabilità …………………………………………..……………..……..…………… Pag. E-1
E.3 Delegato per la sicurezza …………………………….…………………………..……………..……………..……..…………… Pag. E-1
E.4 Responsabile dell’addestramento ………………….…………………………..……………..……………..……..…………… Pag. E-1
E.5 Verifiche …………………..…………………………. …….…………………………..……………..……………..……..…………… Pag. E-1
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 4

ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE


F.1 Personale responsabile per lo standard e la competenza del personale di volo ….……………………….… Pag. F-1
F.2 Selezione degli istruttori ……………………………………..……………………………………..……………..……..…………… Pag. F-1
F.2.1 Selezione degli istruttori di teoria ……………………………………………………………………………………… Pag. F-1
F.2.2 Selezione degli istruttori di volo ……………………………………………………………………………………… Pag. F-1
F.3 Addestramento iniziale ………………………………….…………………………..……………..……………..……..…………… Pag. F-1
F.3.1 Addestramento iniziale degli istruttori di teoria …………………….…………………………………………… Pag. F-1
F.3.2 Addestramento iniziale di un istruttore di volo …………………………………………….…………………… Pag. F-1
F.3.3 Restrizioni peri un istruttore di volo ………………………………………………………………………………… Pag. F-2
F.4 Addestramento ricorrente………………………. …….…………………………..……………..……………..……..…………… Pag. F-2
F.4.1 Corsi aggiornamento per istruttori di teoria ……………………………………………………………………… Pag. F-2
F.4.2 Corsi aggiornamento per istruttori di volo ………………………………………………………………………… Pag. F-2
F.5 Addestramento di standardizzazione …….……….………………………..……………..……………..……..…………… Pag. F-2
F.5.1 Standardizzazione degli istruttori di teoria ……………………..…….…………………………………………… Pag. F-2
F.5.2 Standardizzazione degli istruttori di volo ……………………..…….…………………………………………… Pag. F-3
F.5.3 Deontologia professionale …………………………….……………..…….……….…………………………………… Pag. F-3
F.5.4 Rapporti con gli studenti …………….………………….……………..…….…………………………………………… Pag. F-3
F.5.5 Sicurezza del volo …………………….………………….……………..…….……………………………………………… Pag. F-4
F.5.6 Condotta standard di una missione di volo ….……………..…….……………………………………………… Pag. F-4

MANUALISTICA OPERATIVA
Cessna C 172 – Check list normale ………….…………………………….……………………………….…………………………………………. Pag. MO -1
C 172

Cessna C 172 – Check list procedure emergenza ……………………………………………………………………………………….……… Pag. MO - 3


Cessna C 172 – Peso e bilanciamento – Prestazioni in decollo e atterraggio…………………………………..………….......... Pag.MO - 4
Cessna C 172 – Piano di navigazione ………………………………………………….…………………………………….…………………… Pag. MO - 5
Piper PA 28 – Check list normale ………….…………………………….……………………………….……………………………………………. Pag. MO - 6
PA 2 8

Piper PA 28 – Check list procedure emergenza ………………………………………………………………………………………….……… Pag. MO - 8


Piper PA 28 – Peso e bilanciamento – Prestazioni in decollo e atterraggio…………………………..………..………….......... Pag.MO - 9
Piper PA 28 – Piano di navigazione ………………………………….………………….………………………………….…………………… Pag. MO - 10
PS 28 Cruiser – Check list normale ………….…………………………….……………………………….…………..……………………………. Pag. MO - 12
PS 28

PS 28 Cruiser – Check list procedure emergenza ……………………………………………………………………………………….……… Pag. MO - 14


PS 28 Cruiser – Peso e bilanciamento – Prestazioni in decollo e atterraggio…………………………..………..……….......... Pag.MO - 16
PS 28 Cruiser - Piano di navigazione ………………………………….………………….………………………………….…………………… Pag. MO - 17
Informazioni su procedure e segnali visivi da parte di a/m intercettanti e intercettati ………………….…………. Pag. MO - 18
Autorizzazioni voli di solista locali e fuori campo ………………………………………………………….………………………….. Pag. MO - 19
Segnalazione volontaria per la sicurezza ……………………………..……………………….…………………………………………. Pag. MO - 20

MANUALISTICA AMMINISTRATIVA
Comunicazione per iscrizione allievo pilota PPL …………………………………………………………………………….…………. Pag. MA - 1
Autocertificazione( per allievo minorenne) …………………………………………………………………………………………………… Pag. MA - 2
Assenso per minorenne …………………………………………………………………………………………………………………………… Pag. MA - 3
Autocertificazione( per allievo maggiorenne) ……………………………………………………………………………………………… Pag. MA - 4
Domanda esame corso teorico ………………….……………………………………………………………………………………………… Pag. MA - 6
Modulo richiesta esaminatore ………………….……………………………………………………………………………………………… Pag. MA – 7
Dichiarazione idoneità per esame pratico ……………………………………………………………………………………………….. Pag. MA – 8
Domanda rilascio licenza PPL ………………………………………………………………………………………………………………….. Pag. MA – 9
Documentazione per rilascio licenza PPL …………………………………………………………………………………………………. Pag. MA – 10
Modulo per richiesta rinnovo o ripristino abilitazione SEP ………………………………………………………………………… Pag. MA – 11
Modulo per richiesta rinnovo o ripristino abilitazione FI (a) ……………………………………………………………………… Pag. MA – 12
Rapporto annuale di riesame delle attività DTO ……………………………………………………………………………………….. Pag. MA – 13
Dichiarazione per Organizzazione di addestramento dichiarata ( DTO)………….…………………………………………. Pag. MA – 16
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 5

RIFERIMENTI

1. Basic Regulation
Regolamento (CE) n. 216/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 febbraio 2008,
recante regole comuni nel settore dell’Aviazione Civile e che istituisce l’Agenzia Europea per la
sicurezza aerea, e che abroga la direttiva 91/670 CEE del Consiglio, il regolamento (CE) n.
1592/2002 e la direttiva 2004/36/CEE e successive modifiche

2. Aircrew Regulation
Regolamento (UE) n. 1178/2011 della Commissione del 3 novembre 2011 che stabilisce i
requisiti tecnici e le procedure amministrative relativamente agli equipaggi dell’Aviazione
Civile ai sensi del regolamento (CE) n. 216/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio.

3. Amended Aircrew Regulation


Regolamento (UE) n. 290/2012 del 30 marzo 2012, che ha modificato il Regolamento (UE)
1178/2011.

4. Regolamento (UE) 965/2012 della Commissione del 5 ottobre 2012 che stabilisce i requisiti
tecnici e le procedure amministrative per quanto riguarda le operazioni di volo ai sensi del
regolamento (CE) 216/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio

5. Regolamento (UE) n. 379/2014 del 7 Aprile 2014, che ha modificato il Regolamento (UE)
965/2012 della commissione e stabilisce i requisiti tecnici e le procedure amministrative per
quanto riguarda le operazioni di volo ai sensi del regolamento ( CE) 216/2008 del Parlamento
europeo e del consiglio.

6. Regolamento (UE) n. 800/2013 del 14 Agosto 2013 che introduce i requisiti per le operazioni
non commerciali e per le organizzazioni di addestramento

7. Regolamento (UE) n. 1119/2018 del 31 Luglio 2018 che modifica il regolamento (UE)
1178/2011 per quanto concerne le organizzazioni di addestramento dichiarate
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 6

LISTA DI DISTRIBUZIONE

Le copie del Manuale sono distribuite come riportato nella seguente tabella:

DESTINATARIO FORMA

ENAC – Direzione Operazioni Torino Cartacea e elettronica

Responsabile DTO Elettronica

Cartacea (copia master) (*) e


Responsabile Addestramento
elettronica

Delegato Sicurezza Elettronica

CAMO Elettronica

Istruttori di volo Elettronica

Istruttori di teoria Elettronica

Segreteria Elettronica

Allievi piloti Sito Aeroclub Savona

Piloti Sito Aeroclub Savona

Archivio Elettronica

Nota (*): una copia cartacea del manuale viene mantenuta presso l’ufficio del Responsabile
dell’Addestramento considerata Copia Master.
Le copie in formato elettronico sono distribuite ai destinatari dalla Segreteria in file di tipo pdf che, su
richiesta, può essere inviato anche via e-mail.

Copia del presente manuale viene pubblicato in formato PDF sul Sito dell’Aero Club di Savona
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 7

REVISIONI DEL MANUALE


Il Responsabile dell’Addestramento si accerta che le informazioni contenute in questo manuale siano aggiornate,
applicando le revisioni quando un nuovo emendamento EASA o una regolazione nazionale viene pubblicato, o un
cambiamento è applicato dalla organizzazione di addestramento.
Le revisioni devono essere preparate e pubblicate dallo stesso.
Le revisioni che richiedono l'approvazione di ENAC devono essere presentate ad ENAC almeno 30 giorni prima della
data di prevista applicazione, o come concordato.
Tutte le revisioni saranno pubblicate:
· Per la Copia Master: su carta, come pagine che sostituiscono le pagine cambiate,
· Per i manuali in forma elettronica: come nuovo file del manuale.
I cambiamenti applicati sono evidenziati con una linea verticale sul lato destro del testo cambiato, o con il simbolo [ ]
scritto dove il testo è stato cancellato.
La pagina che è stata modificata riporterà nell’intestazione i dati della revisione.
La lista delle pagine effettive, il sommario e la Tabella delle revisioni devono essere aggiornati in accordo ai
cambiamenti applicati.
TABELLA DELLE REVISIONI

EDIZIONE REVISIONE
DATA DI
NOTE
APPLICAZIONE
n° DATA N. DATA

0 08/04/2019 -- 08/04/2019 08/04/2019


0 1

0 2
3
4

Quando una revisione è applicata al manuale , il responsabile dell’Addestramento deve inviare una e-mail a tutti i
destinatari segnalati nella tabella della lista di distribuzione.

a) Revisioni Temporanee
Se è necessario applicare una revisione al manuale in breve tempo, si può ricorrere ad una revisione temporanea.
La Revisione Temporanea deve essere inviata immediatamente a ENAC, se è necessaria l’autorizzazione/accettazione
.
Sarà comunque considerata accettata se nessuna risposta è ricevuta entro 30 (trenta) giorni.
La Revisione Temporanea deve riportare: il cambiamento da applicare, la data di applicazione e la data di scadenza.
L'inserzione di una revisione temporanea deve essere riportata nella “ Tabella delle revisioni temporanee".
La revisione rimane attiva fino alla data di scadenza o fino alla pubblicazione di nuova revisione che comprenda tutte
le revisioni provvisorie in corso.
TABELLA DELLE REVISIONI TEMPORANEE

REVISIONE
TEMPORANEA DATA DI DATA DI
NOTE
APPLICAZIONE SCADENZA
n° DATA
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 8

PART-FCL.010
DEFINIZIONI
Ai fini di questa parte, si applicano le seguenti definizioni:
· «Abilità di pilotaggio»
l’utilizzo uniforme della capacità di valutazione e della conoscenza, abilità ed atteggiamento per
conseguire gli obiettivi di volo.
· «aeromobile (velivolo) a motore complesso»
è un velivolo con massa massima certificata al decollo superiore a 5.700 Kg, certificato per una
configurazione massima di posti superiore a diciannove, certificato per operare con equipaggio minimo di
almeno due piloti o dotato di uno o più motori a turbogetto o più di un motore a turboelica;
· «aeromobile ELA1»
indica il seguente aeromobile leggero europeo con pilota:
un velivolo con una massa massima al decollo (MTOM) inferiore o pari a 1 200 kg, non classificato come
aeromobile a motore complesso;
· «aeromobile ELA2»
indica il seguente aeromobile leggero europeo con pilota:
un velivolo con una massa massima al decollo (MTOM) inferiore o pari a 2.000 kg, non classificato come
aeromobile a motore complesso;
· «aeromobile LSA»
si intende un aeroplano sportivo leggero con le seguenti caratteristiche:
- massa massima al decollo (MTOM) non superiore a 600 Kg
- una velocità massima di stallo ( VSO) nella configurazione di atterraggio non superiore a 45 nodi di
velocità calibrata alla massa massima certificata e al centro di gravità più critico del velivolo;
- un numero massimo di posti disponibili pari a due persone, compreso il pilota;
- un motore singolo senza turbine, dotato di propulsore
- una cabina non pressurizzata,
· «Aeromobile»
macchina il cui sostentamento nell’atmosfera deriva dalla reazione dell’aria, diversa dalla reazione
dell’aria contro la superficie della terrA.
· «Aeromobile a equipaggio singolo»
un aeromobile certificato per essere pilotato da un pilota.
· «Aeroporto adeguato»
aeroporto sul quale può operare un aeromobile tenuto conto dei requisiti prestazionali applicabili e delle
caratteristiche della pista;
· « Aerodromo agibile dal punto di vista meteorologico»
un aerodromo adeguato nel quale, per quanto riguarda il tempo di utilizzo previsto, i rapporti
meteorologici, o le previsioni, o l’eventuale combinA- zione di entrambi, indicano che le condizioni
meteorologiche saranno uguali o superiori ai minimi operativi richiesti per l’aerodromo e i rapporti sulle
con- dizioni di superficie della pista indicano che e possibile un atterraggio sicuro;
· Aeroporto alternato al decollo»
un aeroporto alternato in cui può atterrare un aeromobile in caso si renda necessario poco dopo il
decollo e non sia possibile utilizzare l’aeroporto di partenza;
· «Aeroporto alternato in rotta (ERA)»
un aeroporto adeguato lungo la rotta, che può essere richiesto durante la fase di pianificazione del volo;
· «Aeroporto ERA combustibile»
un aeroporto alternato in rotta scelto allo scopo di ridurre il combustibile per le necessità contingenti;
· «Allievo pilota in comando (SPIC)»
un allievo pilota che esercita le funzioni di pilota in comando durante un volo con un istruttore, il quale si
limiterà ad osservare l’allievo pilota e non influenzerà o controllerà il volo dell’aeromobile.
· «Atterraggio forzato in sicurezza»
un atterraggio o ammaraggio inevitabile effettuato con la ragionevole aspettativa che non siano procurati
danni alle persone a terra o a bordo dell’aeromobile
«Audit»
Un processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze e valutarle con obiettività
per determinare la misura in cui i requisiti sono rispettati.
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 9

· «Azioni correttive»
Le azioni correttive sono misure che vengono prese per eliminare le cause di una non conformità
esistente o situazione indesiderabile. Il processo di azione correttiva è progettato per impedire il ripetersi
di non conformità o di situazioni indesiderabili. Si cerca di fare in modo che le non conformità e le
situazioni esistenti non si ripetano. Si cerca di prevenire il ripetersi, eliminando le cause. Per questo
motivo, il processo di azione correttiva può essere pensato come un processo di soluzione dei problemi.
· «Base delle nubi»
l’altezza della base della più bassa copertura di nuvole osservata o prevista nella vicinanza di un aeroporto o
di un sito operativo, o all’interno di una specifica area di operazioni, misurata normalmente al di sopra
dell’elevazione aeroportuale o, in caso di operazioni fuori costa, sopra il livello medio del mare;
· «Classe di velivolo»
la categorizzazione di velivoli a equipaggio singolo che non richiedono un’abilitazione per tipo.
· «Carico pagante»
la massa totale dei passeggeri, bagagli, carico ed equipaggiamenti specialistici trasportati a mano,
compresa la zavorra;
· «Categoria di aeromobili», la categorizzazione degli aeromobili secondo le caratteristiche di base
specificate: per esempio velivolo, convertiplano, elicottero, dirigibile, aliante, pallone libero.
· «Combustibile per le necessità contingenti (contingency fuel)»
la quantità di combustibile necessario per far fronte a circostanze impreviste che possono influenzare il
consumo di combustibili fino all’aeroporto di destinazione;
· «Competenza»
una combinazione di abilità, conoscenza e atteggiamento richiesti per eseguire il compito
conformemente alle norme prescritte.
· «Controlli di professionalità»
dimostrazione di capacità finalizzata al rinnovo o ripristino di abilitazioni, che può comprendere anche
un esame teorico se richiesto.
· «Copilota»
un pilota, diverso dal pilota in comando, che opera un aeromobile per la cui condotta è richiesto più di un
pilota, escludendo però il pilota presente a bordo con la sola finalità di ricevere istruzioni di volo per una
licenza o un’abilitazione.
· «Distanza di atterraggio disponibile (LDA)
la lunghezza di pista dichiarata disponibile dallo Stato dell’aeroporto e idonea per la corsa a terra del
velivolo durante l’atterraggio;
· «Distanza disponibile per il decollo (TODA)»
la lunghezza di pista disponibile per la corsa di decollo piu la lunghezza dell’area libera dagli ostacoli
disponibile posta sul prolungamento della pista;
· «distanza disponibile di accelerazione e arresto (ASDA)»
la lunghezza di pista disponibile per la corsa di decollo più zona d’arresto, a condizione che tale zona
d’arresto sia dichiarata disponibile dallo Stato dell’aeroporto e sia in grado di sopportare la massa del
velivolo nelle condizioni operative prevalenti;
· «eE-MOR»
(Electronic ENAC Mandatory Occurrence Reporting): sistema progettato e realizzato dall’ENAC per la
gestione della raccolta, dell’analisi e della diffusione in formato digitale delle segnalazioni degli incidenti,
degli inconvenienti gravi e delle informazioni relative agli inconvenienti/eventi.
· «Errore»
un’azione o una non-azione da parte dell’equipaggio di volo che porta a scostamenti dalle intenzioni o
dalle aspettative organizzative o del volo.
· «Evento precursore»
Evento, che, senza adeguata mitigazione, può causare effetti indesiderati, inconvenienti e incidenti.
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 10

· «Gestione dei cambiamenti»


Un processo per identificare i cambiamenti interni ed esterni che possono avere un effetto negativo (o
positivo) sulla sicurezza. Questo processo utilizza i processi d’ identificazione, valutazione e mitigazione
dei rischi esistenti.
Il processo di gestione del rischio inizia con l'identificazione dei pericoli che possono pregiudicare la sicurezza
delle operazioni e la valutazione dei rischi associati a tali pericoli.
· «Gestione dell’errore»
il processo per l’identificazione e la reazione agli errori con contromisure atte a ridurre o eliminare le
conseguenze degli errori e a mitigare la probabilità di errori o stati dell’aeromobile indesiderati.
· «Inchiesta di sicurezza»
Un insieme di operazioni svolte da un’autorità investigativa per la sicurezza ai fini della prevenzione degli
incidenti ed inconvenienti, che comprende la raccolta e l’analisi di dati, l’elaborazione di conclusioni, la
determinazione della causa o delle cause e/o di fattori concorrenti e, ove opportuno, la formulazione di
raccomandazioni in materia di sicurezza.
· «Incidente»
Un evento associato con l’impiego di un aeromobile che si verifica fra il momento in cui una persona si
imbarca con l’intento di compiere un volo e il momento in cui tutte le persone che si sono imbarcate con la
stessa intenzione sbarcano e nel quale:
a. una persona riporti lesioni gravi o mortali, per il fatto di essere dentro l’aeromobile, o venire in contatto
diretto con una parte qualsiasi dell’aeromobile, comprese parti staccatesi dall’aeromobile stesso,
oppure essere direttamente esposta al getto dei reattori, fatta eccezione per i casi in cui le lesioni siano
dovute a cause naturali, o siano procurate alla persona da sè medesima o da altre persone, oppure
siano riportate da passeggeri clandestini nascosti fuori delle zone normalmente accessibili ai passeggeri
e all’equipaggio;
b. l’aeromobile riporti un danno o un’avaria strutturale che comprometta la resistenza strutturale, le
prestazioni o le caratteristiche di volo dell’aeromobile e richieda generalmente una riparazione
importante o la sostituzione dell’elemento danneggiato, fatta eccezione per i guasti o avarie al motore,
quando il danno sia limitato al motore stesso, alla cappottatura o agli accessori, oppure per i danni
limitati alle eliche, alle estremità alari, alle antenne, ai pneumatici, ai dispositivi di frenatura, alla
carenatura, a piccole ammaccature o fori nel rivestimento dell’aeromobile; oppure
c. l’aeromobile sia scomparso o completamente inaccessibile;
· «Incidente fatale»
Un incidente fatale si ha quando almeno un componente a bordo perde la vita, immediatamente o entro
I 30 giorni dall’accaduto.
· «Inconveniente»
Un evento, diverso da un incidente, associato all’impiego di un aeromobile, che pregiudichi o possa
pregiudicare la sicurezza delle operazioni.
· «Inconveniente grave»
Un inconveniente associato all’impiego di un aeromobile le cui circostanze rivelino che esisteva un’alta
probabilità che si verificasse un incidente tra il momento in cui, nel caso di un aeromobile con
equipaggio, una persona si imbarca con l’intento di compiere un volo e il momento in cui tutte le persone
che si sono imbarcate con la stessa intenzione sbarcano o tra il momento in cui, nel caso di un
aeromobile a pilotaggio remoto, l’aeromobile è pronto a muoversi per compiere un volo e il momento in
cui si arresta alla conclusione del volo e il sistema di propulsione principale viene spento.
Esempi di inconvenienti gravi.
Gli eventi elencati sono tipici esempi di inconvenienti che possono costituire inconvenienti gravi. L’elenco
non è esauriente e serve soltanto da orientamento ai fini della definizione di «inconveniente grave»:
v volo controllato fin quasi all’urto, evitato di misura, contro il terreno,
v decolli interrotti su una pista chiusa o occupata, su una via di rullaggio, escluse le operazioni
autorizzate poste in essere da elicotteri, o su una pista non assegnata,
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 11

v decollo da una pista chiusa o occupata, su una via di rullaggio, escluse le operazioni autorizzate
poste in essere da elicotteri, o su una pista non assegnata,
v atterraggio o tentativo di atterraggio su una pista chiusa o occupata, su una via di rullaggio,
escluse le operazioni autorizzate poste in essere da elicotteri, o su una pista non assegnata,
grave insufficienza nel raggiungimento delle prestazioni previste durante il decollo o la salita
iniziale,
v casi di incendio e presenza di fumo nella cabina passeggeri o nel vano bagagli o di incendio al
motore, anche se spenti mediante agenti estinguenti,
v eventi che richiedono l’uso di ossigeno di emergenza da parte dell’equipaggio,
v avaria strutturale dell’aeromobile o disintegrazione del motore, tra cui avarie non contenute del
motore a turbina, non classificata come incidente,
v malfunzionamento multiplo di uno o più sistemi di bordo che compromette gravemente l’operatività
dell’aeromobile,
v inabilità fisica dell’equipaggio in volo,
v quantitativo di carburante che richiede la dichiarazione di emergenza da parte del pilota,
v incursioni in pista classificate come di gravità A ai sensi del manuale per la prevenzione delle
incursioni sulla pista (ICAO doc. 9870) che contiene informazioni sulle classificazioni della gravità,
v inconvenienti in fase di decollo o atterraggio. Inconvenienti quali atterraggio prima della soglia di
pista o dopo la fine pista o sconfinamento laterale,
v avaria ai sistemi, fenomeni meteorologici, operazioni oltre i limiti dell’inviluppo di volo approvato o
altri eventi che possono aver causato difficoltà nel controllo dell’aeromobile,
v avaria di più di un impianto di un sistema ridondante obbligatorio per la condotta del volo e la
navigazione.
· «Istruttore di volo»
un istruttore con i privilegi di fornire addestramento su un aeromobile in conformità alla Parte FCL
· «Lesione grave»
Una lesione riportata da una persona in un incidente e che comporti una delle condizioni seguenti:
v una degenza ospedaliera di oltre 48 ore, con inizio entro sette giorni dalla data in cui è stata riportata;
v una frattura ossea (tranne le fratture semplici delle dita delle mani, dei piedi o del naso);
v lacerazioni che provochino gravi emorragie o lesioni a nervi, muscoli o tendini;
v lesioni a qualsiasi organo interno;
v ustioni di secondo o terzo grado o estese su più del 5 % della superficie corporea;
v un’esposizione accertata a sostanze infettive o a radiazioni nocive.
· «Lesione mortale»
Una lesione riportata da una persona in un incidente che abbia come conseguenza la sua morte entro
trenta giorni dalla data dell’incidente;
· «Lunghezza disponibile per la corsa di decollo (TORA)»
la lunghezza della pista dichiarata disponibile dallo Stato dell’aeroporto e idonea per la corsa a terra di un
velivolo in decollo
· «Metodi accettabili di rispondenza (AMC)»
norme non vincolanti adottate dall’EASA per illustrare i metodi atti a stabilire la conformità al
Regolamento ( CE) 216/2008 e alle relative norme attuative
· «Metodi alternativi di rispondenza (AltMoC)»
metodi che propongono un’alternativa agli AMC esistenti o quelli che propongono nuovi mezzi per
stabilire le conformità al Regolamento (CE) 216/2008 e lal relative norme attuative per i quali l’EASA non
ha adottato una AMC corrispondente
· «Mitigazione»
Mitigare l'esito (la gravità) di un incidente o inconveniente. Una volta che il livello di rischio è stato
identificato, azioni correttive o attenuanti possono essere avviate per ridurre il rischio a un livello ragionevole
ed accettabile.
Le azioni di mitigazione attuate devono essere controllate per garantire che siano efficaci.
· «Navigazione»
volo tra un punto di partenza e un punto di arrivo secondo una rotta pianificata utilizzando procedure di
navigazione standard.
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 12

· «Notte»
il periodo compreso fra la fine del crepuscolo serale civile e l’inizio del crepuscolo mattutino civile o altro
periodo di tempo compreso tra il tramonto e l’alba, così come previsto dalla pertinente autorità, come
definito dallo Stato membro.
· «Organizzazione di addestramento dichiarata (DTO)»
un’organizzazione autorizzata ad addestrare piloti sulla base di una dichiarazione effettuata in conformità
all’articolo 10 del Regolamento (UE) 1119/2018
· «Pilota in comando (PIC)»
il pilota designato in comando e responsabile per lo svolgimento sicuro del volo.
· «Pilota in comando sotto supervisione (PICUS)»
un copilota che svolge, sotto la supervisione del pilota in comando, i compiti e le funzioni del pilota in
comando.
· «Pericolo»
Una condizione, oggetto, attività o evento che potrebbe causare lesioni al personale, danni alle
apparecchiature o strutture, la perdita di materiale, o la riduzione della capacità di eseguire una funzione.
Un pericolo può essere inteso come una condizione o un evento che potrebbe portare o contribuire ad un
evento imprevisto o indesiderabile. Il pericolo è legato al presente mentre il rischio è associato con un esito
probabile che potrebbe aver luogo in futuro. Si deve considerare che un pericolo può essere associato a più
conseguenze negative a livello di rischi specifici.
· «Persona coinvolta»
il proprietario, un membro dell’equipaggio, l’esercente dell’aeromobile coinvolti in un incidente o
inconveniente grave; qualsiasi persona coinvolta nella manutenzione, nella progettazione, nella
costruzione dell’aeromobile, nell’addestramento del suo equipaggio; qualsiasi persona coinvolta nelle
attività di controllo del traffico aereo, nelle informazioni di volo, nei servizi aeroportuali, che abbia
fornito servizi per l’aeromobile; il personale dell’autorità nazionale dell’aviazione civile; il personale
dell’AESA.
· «Probabilità»
Probabilità è usato in questo manuale come sinonimo misura di come probabilmente qualcosa che
accadrà. La probabilità è valutata utilizzando termini come 'molto basso, basso, medio, alto e molto alto'.
· «Programma di addestramento della DTO»
documento elaborato dalla DTO che descrive in modo dettagliato il corso di addestramento tenuto da
tale DTO
· «Raccomandazione di sicurezza»
Una proposta dell’autorità investigativa per la sicurezza, formulata sulla base dei dati emersi dalla
inchiesta di sicurezza o da altre fonti come studi in materia di sicurezza, ai fini della prevenzione di
incidenti ed inconvenienti;
· «Rinnovo»
(per esempio di un’abilitazione o di un certificato), l’azione amministrativa adottata all’interno del
periodo di validità di un’abilitazione o di un certificato, che consente al titolare di continuare ad
esercitare i privilegi dell’abilitazione o del certificato per un successivo e ulteriore periodo determinato,
fermo restando il rispetto dei requisiti prescritti.
· «Ripristino»
(per esempio di un’abilitazione o di un certificato), l’azione amministrativa adottata dopo la scadenza di
un’abilitazione o di un certificato, che ripristina i privilegi dell’abilitazione o del certificato per un
successivo e ulteriore periodo determinato, fermo restando il rispetto dei requisiti prescritti.
· «Rischio»
La misura di quanto è probabile che qualcosa accada.
Si utilizza una terminologia come “molto basso, basso, medio, alto e molto alto”.
· «Sicurezza ( Safety)»
Si intende la condizione nella quale la possibilità di danni a persone o proprietà è ridotto e mantenuto
pari o al di sotto di un livello accettabile attraverso un processo continuo di identificazione dei pericoli
(hazard) e gestione dei rischi.
· «Tempo di volo come solista»
il tempo di volo durante il quale un allievo pilota è la sola persona a bordo di un aeromobile.
· «Tempo di istruzione a doppio comando»
tempo di volo durante il quale una persona riceve istruzione di volo da un istruttore appositamente
autorizzato.
DTO AERO CLUB SAVONA – INTRODUZIONE
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data Revisione..:……....…08/04/2019
Edizione n ……….……………………….…………… 0 Capitolo: ……………………Introduzione
Revisione n. …………….………..…………….…….. 0 Pagina………….…………..……….…….… 13

· «Test di abilitazione»
dimostrazione di capacità finalizzata al rilascio di una licenza o abilitazione, che può comprendere anche
un esame teorico se richiesto.
· «Tipo di aeromobile»
una categorizzazione di aeromobili che necessita di un’abilitazione per tipo così come stabilito dai dati di
idoneità operativa di cui alla Part 21 e che include tutti gli aeromobili con le stesse caratteristiche
progettuali, incluse tutte le modifiche con l’eccezione di quelle risultanti in un cambiamento del
funzionamento o delle caratteristiche di volo.
· «Trasporto aereo commerciale»
il trasporto di passeggeri, merci e posta effettuato dietro compenso o mediante noleggio.
• «Tratta»
un volo comprendente il decollo, la partenza, una crociera di almeno 15 minuti e le fasi di arrivo,
avvicinamento e atterraggio
· «Velivolo»
aeromobile a motore, con ala fissa, più pesante dell’aria, sorretto in volo dalla reazione dinamica dell’aria
a contatto con le sue ali.
· «Velivolo per il quale è richiesta la presenza di un copilota»
tipo di velivolo per il quale il manuale di volo o il certificato di operatore aereo richiede la presenza di un
copilota.
· «Volo introduttivo»
un volo effettuato dietro compenso o altro titolo oneroso consistente in un viaggio aereo di breve durata,
offerto da una organizzazione di addestramento approvata o da una organizzazione creata con l’obiettivo
di promuovere gli sport aerei o l’aviazione da diporto, al fine di attirare nuovi tirocinanti o nuovi membri.
· «Volo in compartecipazione finanziaria»
attività di volo effettuata da parte di privati a condizione che il costo diretto sia condiviso da tutti gli
occupanti dell’aeromobile, incluso il pilota e che il numero di persone che condividono i costi diretti sia
limitato a sei
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-1

GENERALITÀ
Il presente manuale fornisce le informazioni per la conduzione della Organizzazione di Addestramento Dichiarata
“ Aero Club di Savona “ pertinenti alle figure responsabili dell’organizzazione, agli istruttori di volo, agli istruttori
teorici, al personale addetto alla segreteria e alla manutenzione, ai piloti ed allievi piloti in addestramento.
Contempla informazioni generali, tecniche, di rotta e relative all’addestramento del personale.
Il manuale fornisce una descrizione dell’organizzazione di addestramento, dei suoi compiti e standard, per permettere
al personale di assolvere alle sue funzioni e di fornire indicazioni agli allievi su come soddisfare i requisiti dei corsi
autorizzati.
I corsi approvati, come specificato "Nel certificato - Approvazione dei corsi di addestramento" rilasciato da ENAC,
sono i seguenti:
(1) Conseguimento Licenza di pilota su aeromobili Leggeri - LAPL (A)
(2) Conseguimento Licenza di Pilota Privato su velivoli - PPL(A)
(3) Ripristino delle abilitazioni per classe su velivolo monomotore pilota-singolo SE SP CR(A)
(4) Conseguimento abilitazione per classe su velivolo monomotore pilota-singolo SE SP CR(A)
(5) EFIS Familiarizzazione per differenze – Sistemi EFIS
(6) Corsi Part-FCL in accordo al regolamento (EU) 1178/2011

Il contenuto dei corsi è riportato nei relativi Programmi di Addestramento.


A.1 ELENCO E DESCRIZIONE DELLE PARTI DEL MANUALE
Il Manuale è suddiviso nelle seguenti parti:
· Introduzione – Contiene l’elenco delle pagine effettive, l’indice del manuale, i documenti presi a riferimento,
l’elenco di distribuzione del Manuale , le procedure e le responsabilità per l’aggiornamento del Manuale.
Contiene le definizioni dei termini usati sia per il presente manuale che nei programmi di addestramento.
· Generalità – Sono indicate le figure preposte alla conduzione della DTO, Istruttori di volo e di teoria ,
indicandone le relative responsabilità. Vengono riportate le infrastrutture in uso e norme relative alla
conservazione dei documento e di disciplina per gli iscritti all’Aero Club di Savona;
· Norme per le operazioni di volo – Riporta le norme applicabili per le attività di volo ( scolastica, turistica,
operazioni NCO) e le aere di addestramento per i voli locali.
· Parte Tecnica – Sono riportate le caratteristiche dei velivoli in uso all’Aero Club di Savona con cenni relativi
alla manutenzione degli stessi.
· Politica per la Sicurezza – contiene la politica e la gestione della sicurezza, indicando i compiti e le
responsabilità del Responsabile della DTO , del delegato alla Sicurezza e del Responsabile
dell’addestramento.
Fa parte integrante il Piano ERP ( Piano di Risposta alle Emergenze )
· Politica per la conformità - contiene le istruzioni per il personale responsabile per mantenere la conformità
dell’Organizzazione alle norme in vigore.
· Addestramento del personale – sono riportati gli addestramenti del personale istruttore di teoria e di volo
· Modulistica operativa
· Modulistica amministrativa
DTO GEN 210
A.2 AMMINISTRAZIONE
Le funzioni e i nominativi del personale sono indicati nel seguente organigramma che segnala le linee di responsabilità
fra le persone citate.

Rappresentante Responsabile DTO

Giovanni MONTICELLI Delegato Sicurezza


Maurizio PIZZAMIGLIO
Responsabile Segreteria AeC SV
Rita AGACCIO
Responsabile Addestramento Responsabile CAMO
Cesare PATRONO Andrea JERI

Responsabile Manutenzione
Istruttori di volo Istruttori Teoria Antonello RUSSO
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-2
DTO.GEN.116
A.2.1 Modifiche all’organizzazione
Ogni modifica interessante:
(a). Il campo di applicazione del certificato o le condizioni di dichiarazione o approvazione dei programmi di
addestramento; o
(b). Ogni elemento del sistema di gestione ,
richiede una notifica immediata all’ ENAC.
Il Rappresentante della DTO, in coordinamento con il responsabile dell’addestramento firmerà la documentazione
necessaria all’autorità, segnalando sul modello di dichiarazione riportato nella parte “ Modulistica amministrativa”
alla Pagina MA-16.
Il cambio sarà applicato solo dopo aver ricevuto una approvazione formale da parte di ENAC.
(c). Per tutte le modifiche che richiedono la preventiva approvazione, l’Aero Club di Savona ne farà richiesta
per ottenere l’approvazione di ENAC. La domanda deve essere presentata prima che il cambiamento sia
applicato, per permettere all'autorità competente di determinare la conformità con il Regolamento
216/2008 ) e le sue regole implementari e di emendare, se necessario, il certificato di organizzazione ed i
relativi termini ivi riportati.
L’organizzazione dovrà operare in accordo alle condizioni prescritte dalla competente autorità per tale cambiamento.
(a). Tipici esempi di cambiamenti che possono influenzare il certificato dei termini di approvazione sono i
GM1 ORA.GEN.130(a) - DTO.GEN.115
seguenti:
- Il nominativo dell’organizzazione di addestramento;
- La sede legale dell’organizzazione di addestramento;
- Lo scopo delle attività dell’organizzazione di addestramento;
- Basi addizionali dell’organizzazione di addestramento;
- Il rappresentante della DTO;
- Il responsabile dell’addestramento;
- Variazioni ai programmi di addestramento;
- Modifiche all’organico del personale istruttore o tecnico;
- Cambiamenti alle infrastrutture;
- Cambiamenti di velivoli utilizzati per l’addestramento;
- Modifiche riguardanti la manualistica o le procedere descritte nel presente manuale, la
politica di sicurezza
(b). I cambiamenti che non richiedono la preventiva approvazione devono comunque essere comunicati a
ENAC e saranno applicabili dopo la accettazione di ENAC o dopo 30 giorni dalla data ufficiale di ricevuta
AMC1 ORA.GEN.130
della richiesta da parte di ENAC.
(c). Nel caso di un cambiamento di un responsabile, l’Aero Club di Savona informerà l'autorità competente
almeno 10 giorni prima della data del cambiamento proposto. AMC1 ORA.GEN.130
(d). I cambiamenti imprevisti devono essere comunicati quanto prima, per permettere all'autorità
competente di determinare la continuazione alla conformità ai requisiti applicabili e di emendare, se
necessario, il certificato di organizzazione ed i relativi termini di approvazione. AMC1 ORA.GEN.130

A.2.2 Cessazione delle attività di addestramento DTO.GEN.116


L’Aero Club Savona è tenuto a notificare con immediatezza all’ENAC la cessazione , totale o parziale, delle attività di
addestramento già autorizzate, inviando una nuova dichiarazione redatta secondo il modello riportato alla pagina MA
17 della “ Modulistica amministrativa”.

A.2.3 Fine del diritto ad impartire l’ addestramento DTO.GEN.135


L'organizzazione DTO Aero Club Savona non è più autorizzata ad impartire parzialmente o totalmente
l’addestramento specificato sulla base della dichiarazione, qualora si verifichi una delle seguenti condizioni :
· La DTO ha notificato all’ENAC la cessazione di alcune o di tutte le attività di addestramento
· La DTO non ha effettuato attività di addestramento per oltre 36 mesi consecutivi.
A seguito d revoca della certificazione, il certificato dovrà essere rinviato senza ritardi all’ENAC.

A.2.4 Accesso DTO.GEN.140


Allo scopo di determinare la conformità alla dichiarazione, l’Aero Club di Savona garantisce ad ogni persona
autorizzata dall’ENAC di accedere in qualsiasi momento a qualsiasi struttura, velivolo, documento, registro, dati,
procedure o qualunque altro materiale relativo alle attività di addestramento oggetto della dichiarazione.
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-3

A.2.5 Rilievi DTO.GEN.150 – ARA.GEN.350


L’ENAC emette un rilievo di livello 1 qualora venga riscontrata una non conformità significativa rispetto ai requisiti
applicabili del regolamento (CE) n. 216/2008 e delle relative norme attuative, laddove le procedure e i manuali
dell’organizzazione o i termini di un’approvazione o di un certificato diminuiscano la sicurezza o mettano in serio
pericolo la sicurezza del volo.
Tra i rilievi di livello 1 rientrano:
1) il mancato rilascio all’autorità competente dell’approvazione ad accedere alle strutture dell’organizzazione ai
sensi del paragrafo A.2.4 durante il normale orario di lavoro e a seguito di due richieste scritte;
2) l’ottenimento o il mantenimento della validità del certificato dell’organizzazione per mezzo di falsificazione
dei documenti probatori presentati;
3) elementi che dimostrino un uso improprio o fraudolento del certificato dell’organizzazione;
4) mancata nomina di un responsabile .
In caso di rilievi di livello 1, l’autorità competente agisce immediatamente e in modo adeguato per proibire o limitare
le attività e, se opportuno, si adopera per revocare il certificato o l’approvazione specifica o limitarne o sospenderne la
validità in tutto o in parte, a seconda dell’entità del rilievo di livello 1, fino a quando non sia stata intrapresa con
successo un’azione correttiva da parte dell’organizzazione
L’autorità competente emette un rilievo di livello 2 qualora venga riscontrata una non conformità rispetto ai requisiti
applicabili del regolamento (CE) n. 216/2008 e delle relative norme attuative, laddove le procedure e i manuali
dell’organizzazione o i termini di un’approvazione o certificato possano ridurre la sicurezza o mettere a repentaglio la
sicurezza del volo.
In caso di rilievo di livello 2, l’autorità competente:
· concede all’organizzazione un periodo di tempo per attuare un’azione correttiva adeguato alla natura del
rilievo, che in ogni caso all’inizio non supera i 3 mesi. Alla fine di questo periodo, e a seconda della natura del
rilievo, l’autorità competente può estendere il periodo di 3 mesi a condizione che venga approvato
dall’autorità competente un piano di azioni correttive soddisfacente;
· valuta l’azione correttiva e il piano di attuazione proposti dall’organizzazione e, se la valutazione conclude
che sono sufficienti a fronteggiare la non conformità o le non conformità, li accetta.
Nel caso in cui l’ENAC ha comunicato un rilievo alla DTO Aero Club Savona , quest’ultima adotta le seguenti misure
entro il termine stabilito dall’ ENAC:
a. individuare le cause che sono alla base della non conformità
b. adottare le necessarie misure correttive per risolvere la non conformità e, se del caso, ovviare alle
conseguenze che ne derivano
c. informare l’ENAC in merito alle misure correttive adottate.
A.2.6 Reazione immediata a un problema di sicurezza DTO.GEN.155 – NCO.GEN.145 -ARA.GEN.135
Per reagire prontamente a un problema di sicurezza concernente i prodotti, le parti, le pertinenze, le persone, la DTO
Aero Club Savona attua:
· le misure di sicurezza imposte dall’ENAC
· le pertinenti informazioni di sicurezza obbligatorie rilasciate da EASA, incluse le direttive di aeronavigabilità.
Al verificarsi di un problema che concerne la sicurezza del volo, l’organizzazione provvede a disseminare
l’informazione al personale chiave dell’Aero Club e le competenti autorità.
A.3 REQUISITI RELATIVI AL PERSONALE DTO.GEN.210
Le responsabilità dei responsabili della DTO e del personale di segreteria indicati nell'organigramma riportato al
paragrafo A.2, sono specificate nei successivi sotto paragrafi.
A.3.1 Rappresentante della DTO
Il Rappresentante della DTO è il Presidente dell’Aero Club di Savona.
Ha la responsabilità di:
(1) Garantire la conformità della DTO e delle sue attività ai requisiti applicabili e alla dichiarazione
(2) Elaborare e attuare una politica di sicurezza che garantisca che le attività della DTO siano svolte in
condizioni di sicurezza , adottare le misure necessarie per conseguire gli obiettivi di tale politica di
sicurezza.
(3) Promuovere la sicurezza all’interno della DTO.
(4) Garantire la disponibilità di risorse sufficienti all’interno della DTO, affinchè le attività di cui ai punti (1),
(2), (3) possano essere solte in modo efficace.
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-4
(5) Implementare e mantenere un sistema di gestione per quanto riguarda la sicurezza e lo standard di
addestramento e tendere al continuo miglioramento del sistema;
A.3.2 Responsabile dell’Addestramento della DTO
Il responsabile dell’addestramento deve avere una vasta esperienza come istruttore qualificato nelle aree rilevanti
per l’addestramento fornito dall’organizzazione e deve possedere una buona capacità di gestione.
Ha la responsabilità di:
(1) Garantire che l’addestramento impartito soddisfi i requisiti di cui allegato I , parte FCL, e sia conforme ai
programmi di addestramento..
(2) Mantenere aggiornato i manuali applicando i cambiamenti richiesti .
(3) Accertarsi che tutto il personale coinvolto nell'addestramento possieda le qualificazioni richieste per
effettuare l'attività di addestramento assegnata,
(4) Preparare la programmazione dei corsi teorici e dei Long Briefing.
(5) Sorvegliare l'esecuzione dei corsi teorici secondo i programmi di addestramento ,
(6) Assicurare una soddisfacente integrazione tra l’addestramento in volo e l’istruzione teorica,
(7) Coordinare con gli istruttori di teoria la preparazione ed il controllo dei test intermedi e della prova
teorica pre-esame,
(8) Supervisionare l’attività degli istruttori teorici e gli istruttori di volo.
(9) Controllare le attività quotidiane così come le attività di programmazione.
(10) Supervisionare il progresso degli allievi.
(11) Accertarsi che tutte le operazioni di volo siano condotte in un modo sicuro ed efficace e conforme alle
regole di ENAC e le procedure dell’ Organizzazione,
(12) Controllare e assicurare che non vengano superati i limiti di impiego sia per istruttori che allievi.
(13) Assicurare la standardizzazione dell'istruzione di volo conformemente alla regolamentazione ENAC e alle
politiche dell’Aero Club di Savona .
(14) Coordinare con il servizio tecnico la manutenzione dei velivoli per assicurare la navigabilità richiesta,
(15) Segnalare all'autorità qualsiasi incidente grave,
(16) Assicurare che i previsti rapporti di addestramento siano archiviati e mantenuti per almeno 3 anni.

Collabora inoltre con il rappresentante della DTO per la politica della Sicurezza e della conformità

A.3.3 Istruttori di volo ( FI)


Gli istruttori di volo devono essere in possesso dei requisiti richiesti dalla parte FCL per il tipo di addestramento che
sono chiamati a fornire.
L’istruttore di volo deve controllare prima del volo che gli aeromobili sono dotati di tutti gli apparati per la
navigazione, la comunicazione e altri sistemi necessari per il volo previsto, tenuto conto dei regolamenti e delle regole
dell’aria applicabili al traffico aereo durante ogni fase del volo.
E’ anche responsabilità dell’istruttore di volo:
(1) Garantire che tutte le operazioni di volo siano condotte in modo sicuro ed efficace e nel rispetto della
normativa ENAC e secondo le procedure dell’organizzazione,
(2) Richiedere all’AFIS di Albenga, prima dell’inizio dell’attività di volo, le condizioni meteorologiche, i
NOTAM relativi all’Aeroporto di Albenga e degli alternati
(3) Verificare la disponibilità di moduli del “ Piano di navigazione” “ Peso e Centraggio” , ( modelli
riportati nella “ Modulistica Operativa “ ) ;
(4) Prendere visione degli gli statini di volo dello studente per controllarne la situazione didattica,
(5) Presentare e discutere con gli studenti la missione di addestramento da eseguire,
(6) Verificare il “ Piano di navigazione” ed il “ Peso e Centraggio “, compilati dall’allievo.
(7) Sviluppare le lezioni di volo in base al programma e lo standard stabilito,
(8) Agire in modo adeguato durante il volo di addestramento, evitando di agire frettolosamente o al di
fuori delle manovre previste dal programma,
(9) Autorizzare e Supervisionare i voli da solista degli allievi, come segue:
Per i voli locali preventivamente compilato e firmato l’ ” Autorizzazione voli a solo pilota” ( pag.MO-
19 ) della Modulistica Operativa) da conservare nella “Cartella personale dell’allievo”.
Per i voli di Navigazione da 150 NM con atterraggio completo in due diversi aeroporti, l’allievo deve
portare con sé anche il modello “ Navigazione solo pilota 150 NM” e fare apporre timbri e firma. ( pag.
MO-20 della Modulistica Operativa”
(10) Compilare ( o far compilare dall’allievo) le parti pertinenti del Quaderno Tecnico,
(11) Effettuare il de-briefing post volo
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-5
(12) Aggiornare nella “ Cartella personale dell’allievo “ alla sezione “ Documenti delle attività pratiche” il
“sommario della attività di volo” dell’allievo e compilare lo “statino” della missione di volo effettuata.
L’allievo appone la sua firma su entrambi i documenti.
Nel caso di emergenze in volo che richiedano un intervento immediato, l’istruttore di volo può deviare da
qualsiasi regola prevista nelle Norme per le operazioni di volo di questo Manuale nella misura necessaria per
rispondere a tale emergenza.
A.3.3.1 Istruttori di volo dell’ Aero Club Savona
Nome Licenza Corsi Tempo pieno/parziale
Cesare PATRONO IT.FCL.4913 LAPL(A) - PPL(A) - Abilitazioni Tempo pieno
Francesco TOSCANO GBR.FCL-AT.446833C.A LAPL(A) - PPL(A) - Abilitazioni Parziale
Stefano RINALDELLI IT.FCL. 4918 LAPL(A) - PPL(A) - Abilitazioni Parziale
Piero CANU IT.FCL.1593 LAPL(A) - PPL(A) - Abilitazioni Parziale
A.3.4 Istruttori di teoria
Gli Istruttori di teoria devono:
ü avere una conoscenza pratica nei settori pertinenti all’addestramento erogato, e
ü dimostrare, prima della loro nomina, la competenza dando una lezione di prova sulla base del materiale
che hanno preparato per gli allievi
Un istruttore teorico ha la responsabilità di:
ü Eseguire e controllare in collaborazione con il responsabile dell’Addestramento i risultati dei test intermedi al
fine di verificare lo stato di avanzamento degli studenti,
ü Mantenere il livello di standardizzazione richiesto nell’addestramento teorico.
ü Registrare sul “ Registro delle Lezioni “ i nominativi dei partecipanti alla lezione, aggiornare il “ Sommario
della partecipazione dell’allievo alle lezioni teoriche.

Gli allievi apporranno la loro firma su entrambi i documenti.


A.3.4.1 Istruttori di teoria dell’ Aero Club Savona
Nominativo Materia di insegnamento Corsi Tempo pieno/parziale
Corso macchina PS 28 Cruiser LAPL/PPL
Corso macchina C172 e PA 28 Abilitazioni e
Cesare PATRONO Tempo pieno
Corsi teorici per abilitazioni e ripristino ripristino
Regolamentazione aeronautica LAPL/PPL
Procedure operative
Maurizio PIZZAMIGLIO LAPL/PPL Parziale
Prestazioni e pianificazioni
Ivan RAFFAELI Navigazione LAPL/PPL Parziale
Comunicazioni
Alessio FIORINA Principi del volo LAPL/PPL Parziale
Andrea JERI Nozioni generali aeromobili LAPL/PPL Parziale
Alberto LUCIO Prestazioni umane LAPL/PPL Parziale
Alessandro CAMPELLO Meteorologia LAPL/PPL Parziale
A.3.5 Responsabile della Revisione annuale interna e relazione annuale di attività DTO.GEN.270
La revisione annuale interna e la relazione annuale di attività viene presentata , entro i termini stabiliti dall’ENAC, dal
Rappresentante della DTO secondo il modello riportatio nella “ Modulistica Amministrativa “ alle pagg. MA13-MA14-
MA15.
Lo stesso , in quanto responsabile del coordinamento della sicurezza e di monitorare le attività della DTO, al fine di
garantire le attività che avvengano nel rispetto delle normative applicabili, si avvale della collaborazione del
Responsabile dell’Addestramento, del delegato alla Sicurezza
A.3.6 Segreteria
La Segreteria ha il compito di:
· preparare le cartelle personale degli istruttori e degli allievi piloti
· Effettuare su indicazione del Responsabile tutte le pratiche inerenti gli allievi piloti
· preparare il registro delle lezioni teoriche
La documentazione va conservata per tre anni dalla fine del corso. DTO.GEN.220
La segreteria ha anche il compito di ricevere e registrare le prenotazioni dei voli richiesti dagli studenti e coordinare il
programma giornaliero di volo con il Responsabile dell’Addestramento, o suo delegato.
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-6

A.4 SEDE DELLA DTO DTO.GEN.210


L’Aero Club Savona opera all'interno dell'Aeroporto di Villanova d’Albenga dove sono assicurati tutti i servizi idonei
per l’adempimento delle attività della scuola (servizio anti-incendio, servizio sanitario, polizia, dogana, Servizio ATS).
a. Servizio ATS, assicurato dall’AFIU dell’ENAV
b. Servizio antincendio, assicurato dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
c. Servizio di Polizia di frontiera assicurato da Carabinieri della Stazione di Villanova d’Albenga
d. Servizio di dogana assicurato dalla Dogana di Savona - Sezione Operativa di Vado Ligure
e. Servizio sanitario assicurato dal 118 Savona (su chiamata di AVA) – Servizio Emergenze
f. Servizio di rampa e rifornimenti AVGAS 100 assicurati dall’AVA, Società di Gestione Aeroportuale
L’aeroporto di Villanova d’Albenga è dotato delle seguenti radioassistenze:
a. Comunicazioni T/B/T – frequenza 123.85
b. VOR – frequenza 116.95
c. Localizzatore /DME- frequenza 108.90
d. NDB – frequenza 420.
L’Aero Club di Savona dispone di una propria frequenza T/B/T ( 123.00), autorizzata dal Ministero dello Sviluppo
economico.
Al momento l’ Aero Club Savona non dispone di ulteriori basi secondarie.

A.5 INFRASTRUTTURE DTO.GEN.210


La sede operativa e legale dell’ Aero Club Savona è all’interno dell’Aeroporto di Villanova d’Albenga in due zone ben
distinte:
1^ - Area extra doganale – comprende:
a. Parcheggio per auto, accessibile dalla viabilità ordinaria
b. Aula didattica (PG.40) con:
(1) Servizi Igienici e lavabo
(2) Aula per lezioni climatizzata
(3) Ripostiglio
(4) 2 Uffici
c. Sede Aero Club ( PG6) con:
(1) Atrio ingresso
(2) Segreteria soci
(3) Servizio igienico
(4) Aula pianificazione navigazione
(5) Sala briefing
(6) Segreteria
(7) Salone
(8) Ufficio presidenza
(9) Servizio igienico
(10) Ripostiglio
(11) Cucina
(12) Sala ristoro
È disponibile inoltre un piano superiore con un locale soppalco.
2^ - Area doganale – comprende:
a. 2 hangar per velivoli ( PG 44 e PG 46) per ricovero velivoli, con illuminazione, riscaldamento, impianto
area compressa, etc
b. Locale officina con servizio igienico, spogliatoio personale, ripostiglio
c. Ufficio tecnico climatizzato, magazzino ricambi (al piano superiore)

In tutti i locali sopra elencati sono disponibili estintori , nel numero previsto.
Nelle pagine che seguono sono riportate le planimetrie.
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-7
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:……………………..………. Generalità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… A-8
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: Manuale Organizzazione Data di revisione:…....… 01/04/2019
Edizione n. …………………...………………0 Capitolo:……………………… Generalità
Revisione n. …………………..………………0 Pagina : ………………….…………….… A-9
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: Manuale Organizzazione Data di revisione:…....… 01/04/2019
Edizione n. …………………...………………0 Capitolo:……………………… Generalità
Revisione n. …………………..………………0 Pagina : ………………….…………….… A-10
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: Manuale Organizzazione Data di revisione:…....… 01/04/2019
Edizione n. …………………...………………0 Capitolo:……………………… Generalità
Revisione n. …………………..………………0 Pagina : ………………….…………….… A-11

A.6 AUSILI DIDATTICI


L’Aero Club Savona ha una varietà di ausili didattici che variano a seconda del tipo di addestramento che viene
effettuato.
Sono disponibili:
· tabelle sinottiche, che riguardano le apparecchiature e i sistemi dei velivoli impiegati, normative del
controllo del traffico aereo o della regolamentazione aeronautica delle licenze e abilitazioni, ecc.
· diapositive dedicate in particolare ai sistemi e alle prestazioni dei velivoli. Essi possono trattare anche
argomenti che hanno una grande importanza didattica come: analisi degli incidenti, fenomeni pericolosi
per il volo, ecc.
· proiettore per la proiezione di lucidi,
· computer e videoproiettore,
· attrezzature di radiotelefonica, idonee per impratichirsi sull’uso delle comunicazioni radio in lingua
italiana e inglese con un insegnante che simula l’ente ATC,
· pubblicazioni, inserite in una biblioteca dove sono presenti tutte le pubblicazioni necessarie per i corsi
teorici e pratici autorizzati.
I libri di testo presenti in biblioteca possono essere prestati agli studenti dietro richiesta alla segreteria, che deve
registrarne la consegna su apposito registro.
Tutti i manuali di volo dei velivoli, manuale delle manovre di volo, programmi di addestramento redatti dall’ Aero Club
Savona, sono disponibili sul sito www/aeroclubsavona.it.

A.7 CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ORA.GEN.220 – AMC1 ORA.GEN.220(b)


a. L’Aero Club Savona ha istituito un sistema di archiviazione che consente un'adeguata conservazione e la
tracciabilità della documentazione di tutte le attività addestrative sviluppate.
b. Viene mantenuta in forma cartacea, utilizzando materiale robusto che può resistere al normale trattamento e
l’archiviazione
c. I seguenti documenti sono conservati per un periodo non inferiore a tre anni a partire dalla data in cui è
stato creato il record:
· Cartella personale dell’allievo
· Cartella personale degli istruttori
· Registro delle lezioni teoriche;
d. I record sono tenuti all’interno di armadi che assicurano la protezione da danni e alterazioni.
e. Tutte le registrazioni sono accessibili in caso di necessità entro un termine ragionevole. Le registrazioni sono
conservate in cartelle organizzate per tipologia di corso o con il nome dello studente, in modo da garantire la
tracciabilità e il loro recupero per tutto il periodo di conservazione.

A.8 DISCIPLINA E SANZIONI DISCIPLINARI


A.8.1 Disciplina
Norme disciplinari di carattere generale
1. Gli studenti che frequentano un corso di addestramento devono rispettare tutte le regole fissate dal
Responsabile dell’Addestramento.
2. Gli orari delle lezioni devono essere rigorosamente rispettati;
3. Non è permesso fumare in classe;
4. Lo studente deve rispettare le regole di sicurezza sia a terra che in volo;
5. Se gli studenti non possono frequentare le lezioni di volo, devono informare la segreteria al più presto
possibile, al fine di riprogrammare il programma di volo;
6. Le procedure riportate nel presente manuale e nei Programmi di addestramento devono essere seguite da
tutti i partecipanti. Infrazioni o violazioni intenzionali a queste norme causeranno azioni disciplinari o di
allontanamento, a seconda della gravità della violazione.
7. Gli studenti sono responsabili delle proprie condizioni fisiche e psicologiche, devono essere adeguatamente
riposati, e non devono svolgere attività pericolose per l'attività di volo ( ad esempio, immersioni subacquee
nelle ore precedenti al volo)
8. L’uso di farmaci è assolutamente vietato; l’uso di medicine è consentito, con certificazione medica, se
compatibile con l'attività di volo;
9. Durante i voli di addestramento da solista gli studenti devono rispettare le regole del volo e della sicurezza
del volo, rispettare il programma di volo concordato con l'istruttore di volo, con particolare riguardo alle
DTO AERO CLUB SAVONA – GENERALITA’
Documento: Manuale Organizzazione Data di revisione:…....… 01/04/2019
Edizione n. …………………...………………0 Capitolo:……………………… Generalità
Revisione n. …………………..………………0 Pagina : ………………….…………….… A-12

rotte e quote. Variazioni sono ammesse solo per garantire la sicurezza del volo (problemi tecnici, condizioni
meteo, ecc.);
10. Quando l’ attività di volo è a solo pilota, gli studenti devono portare con sé un documento di identificazione
personale, copia della visita medica e l’autorizzazione rilasciata dall’Istruttore di volo ( pag. MO-19 della
Modulistica Operativa”)

A.8.2 Provvedimenti Disciplinari


La violazione delle norme e delle procedure stabilite nel presente manuale e nei programmi di Addestramento può
causare l'adozione di un provvedimento disciplinare, come di seguito:
a. Infrazioni lievi o violazioni alle procedure possono essere sanzionati con:
· rimprovero orale,
· rimprovero scritto .
· sospensione temporanea delle attività di addestramento, se trattasi di allievi piloti
· sospensione temporanea dall’attività di volo, se trattasi di pilota con licenza
Queste sanzioni disciplinari sono stabilite direttamente dal Responsabile dell’ Addestramento.
b. Violazioni gravi o infrazioni volontarie alle norme e procedure in vigore saranno contestate per iscritto allo
studente da parte del responsabile dell’addestramento che convocherà una riunione della Consiglio di
disciplina per discutere la violazione e prendere una decisione sul provvedimento disciplinare da adottare,
che potrebbe essere anche l’allontanamento dal corso
c. Violazioni gravi o infrazioni volontarie alle norme e procedure in vigore saranno contestate per iscritto al
pilota in possesso di licenza da parte del responsabile dell’addestramento che convocherà una riunione della
Consiglio di disciplina per discutere la violazione e prendere una decisione sul provvedimento disciplinare da
adottare, che potrebbe essere anche l’allontanamento dall’Aero Club e conseguente segnalazione all’ENAC.

A.8.3 Consiglio di disciplina


I membri del consiglio di disciplina sono il Rappresentante della DTO, il responsabile dell’Addestramento, un istruttore di
volo.
Il Consiglio può prendere decisioni se tutti e tre membri sono presenti. Prima di adottare la decisione il consiglio dovrebbe
chiamare lo studente e/o il pilota coinvolto ed ascoltare la loro versione dei fatti.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-1

B.1 AUTORITA’ COMPETENTE NCO.GEN.100


Per l’ Aero Club di Savona l’autorità competente è l’ENAC – Ufficio Operazioni di Torino, sia che trattasi di aeromobili
registrati in Italia che per aeromobili registrati in altro stato membro.
B.2 AUTORIZZAZIONE AL VOLO
B.2.1 Piloti già in possesso di licenza FCL.060
Per essere autorizzato ad effettuare un volo come PIC il pilota Socio dell’Aero Club Savona deve soddisfare le seguenti
condizioni:
a. abilitazioni SEP e visita medica in corso di validità
b. aver effettuato almeno un volo sul tipo di velivolo nei precedenti 40 giorni, se trattasi di volo senza passeggeri
c. aver svolto nei 90 giorni precedenti almeno 3 decolli, avvicinamenti ed atterraggi sul tipo di velivolo, se trattasi di
volo con passeggeri a bordo
In caso di mancanza dei requisiti di cui ai punti b. e c. l’interessato deve effettuare un volo di ripresa con istruttore.
B.2.2 Allievo pilota solista FCL.020
Per essere autorizzato ad effettuare un volo a solo pilota l’allievo deve soddisfare le seguenti condizioni:
a. visita medica in corso di validità
b. aver ottenuto l’autorizzazione scritta da parte dell’istruttore supervisore sul modulo riportato nella Modulistica
Operativa alla Pagina MO-19 ( per i voli di navigazione 150 NM anche il modello riportato alla pag,20 ).
B.3 COMANDO DELL’AEROMOBILE
(a). Per voli a doppio comando (Dual) il Pilota in Comando (PIC) è l’istruttore di volo o l’esaminatore.
(b). Durante i voli da Solista il pilota allievo in addestramento assume la responsabilità di PIC.
(c). Nei voli di allenamento i piloti già in possesso di licenza assumono la responsabilità di PIC.
B.3.1 Responsabilità e autorità del pilota in comando NCO.GEN.105 – GM1 NCO.GEN.105
a). il pilota in comando è responsabile dal momento che il velivolo è con il motore acceso, fino all’arresto del motore al
termine del volo:
(1). della sicurezza dell’aeromobile e di tutti i membri d’equipaggio, passeggeri a bordo
(2). di iniziare, continuare, terminare o dirottare un volo nell’interesse della sicurezza
(3). di assicurare che siano osservate tutte le procedure operative e liste dei controlli
(4). di iniziare un volo soltanto se è certo che siano osservate tutte le limitazioni operative, come segue:
- l’aeromobile sia aeronavigabile
- gli strumenti e gli equipaggiamenti richiesti per il volo da svolgere siano installati e operativi sull’aeromobile
( vedasi paragrafo C.10 della “ Parte Tecnica) NCO.IDE.A.105
- la massa dell’aeromobile e il baricentro siano tali da permettere la conduzione del volo entro i limiti prescritti
nella documentazione di aeronavigabilità
- tutto l’equipaggiamento, i bagagli, siano sistemati correttamente e fissati in modo sicuro e sia possibile una
evacuazione di emergenza
- siano rispettate le limitazioni operative dell’aeromobile, come specificato nel manuale di volo
dell’aeromobile ( AFM )
(5). di non iniziare un volo qualora non sia in grado di svolgere i propri compiti per una qualunque causa ( per esempio
lesioni, malattia, affaticamento o gli effetti di sostanze psicoattive ).
(6). di non continuare un volo oltre il più vicino aerodromo o sito operativo, agibile dal punto di vista meteorologico,
qualora la sua capacità di svolgere i propri compiti sia significativamente ridotta da cause quali affaticamento,
malattia o mancanza di ossigeno
(8). di registrare i dati relativi all’utilizzo e tutti i difetti noti o sospetti dell’aeromobile al termine del volo, o di una
serie di voli, nel quaderno tecnico
b). il pilota in comando appena possibile segnala all’unità dei servizi del traffico aereo le eventuali condizioni
meteorologiche o di volo pericolose incontrate che potrebbero incidere sulla sicurezza di altri aeromobili.
c). il pilota in comando , in una situazione di emergenza che costituisca un pericolo per il volo o la sicurezza
dell’aeromobile e/o delle persone a bordo, effettua tutte le azioni che ritiene necessarie ai fini della sicurezza. In questi
casi può deviare da regole , procedure operative e metodi stabiliti .
Qualora tali azioni comportino una violazione dei regolamenti o delle procedure locali, il pilota in comando ha la
responsabilità di informare immediatamente l’autorità competente.
d). Durante il volo, il pilota in comando deve:
1) tenere la cintura di sicurezza allacciata e
2) mantenere sempre i comandi dell’aeromobile .
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-2

e) Nei casi di interferenza illecita, il pilota in comando trasmette senza indugio la relativa segnalazione all’ Ente del traffico
aereo con cui è in contatto..
f) Il pilota in comando comunica all’autorità appropriata più vicina, il più rapidamente possibile, qualsiasi incidente che
coinvolga l’aeromobile e che provochi feriti gravi o morti o gravi danni all’aeromobile o a beni.
B.3.2 Conformità a leggi, regolamenti e procedure NCO.GEN.110
a) Il pilota in comando deve conformarsi alle leggi, ai regolamenti e alle procedure degli Stati nei quali vengono effettuate
le operazioni di volo.
b) Il pilota in comando deve avere familiarità con le leggi, i regolamenti e le procedure relativi allo svolgimento dei propri
compiti, prescritti per le zone da attraversare, gli aerodromi o i siti operativi che si prevede di utilizzare e i relativi
apparati di navigazione aerea.
B.4 TRASPORTO PASSEGGERI
B.4.1 Voli didattici
Il trasporto passeggeri durante i voli di addestramento è consentito solo quando trattasi di velivolo a 4 posti e::
· un altro studente è a bordo per effettuare il successivo addestramento ( ad esempio rientro da navigazione
fuori sede );
· l’altro studente sta eseguendo un tipo simile di addestramento e l’istruttore ritiene utile che osservi il volo dal
sedile posteriore;
· il Responsabile dell’addestramento sta supervisionando una missione a doppio comando durante un controllo di
standardizzazione.
B.4.2 Voli introduttivi NCO.GEN.103
“volo introduttivo”, è un volo effettuato dietro compenso o altro titolo oneroso consistente in un viaggio aereo di breve
durata, offerto da un’organizzazione di addestramento approvata o da un’organizzazione creata con l’obiettivo di
promuovere gli sport aerei o l’aviazione da diporto, al fine di attirare nuovi tirocinanti o nuovi membri;
I voli introduttivi di cui sopra vengono effettuati in conformità a quanto segue:
a) iniziare e concludersi nello stesso aerodromo o sito operativo;
b) essere operati in VFR di giorno;
c) essere condotti esclusivamente da piloti istruttori dell’Aero Club di Savona (disposizione ENAC 32/DG del
07/11/2014)
B.4.3 Voli per turismo
B.4.3.1 Voli in compartecipazione finanziaria
I soci piloti dell’Aero Club di Savona possono svolgere voli in compartecipazione finanziaria da parte di altri soci o da
parte di privati, a condizione che il costo diretto sia condiviso da tutti gli occupanti dell’aeromobile, incluso il pilota e che
il numero delle persone che condividono i costi diretti sia limitato a sei.
Il pilota responsabile del volo risponde verso l’amministrazione dell’Aero Club di Savona.
B.4.3.2 Trasporto Passeggero a titolo amichevole
Il trasporto passeggeri a titolo amichevole è favorito dallo Statuto dell’Aero Club Savona e regolato dal Codice della
Navigazione ( art. 414 ).
Prima di effettuare il volo il socio pilota deve compilare il modello, riportato nella “ Modulistica Amministrativa”, alla
pag.MA-16 , recante le generalità e le firme dei trasportati.
B.5 INFORMAZIONI AI PASSEGGERI NCO.OP.130-AMC1 NCO.OP.130 - NCO.OP.150
Il pilota in comando deve assicurare che prima del volo o, se appropriato durante il volo, i passeggeri siano informati in
merito all’equipaggiamento e alle procedure di emergenza. in particolare per:
a. sgancio cinghie sicurezza e abbandono rapido del velivolo;
b. uso giubbotti di salvataggio;
c. uso zattere di salvataggio;
d. altre attrezzature di emergenza prevista , quali estintore portatile, cassetta medicinali.
Il pilota in comando deve assicurare che, prima e durante il rullaggio, il decollo e l’atterraggio e ogni qualvolta lo ritenga
necessario ai fini della sicurezza, ogni passeggero a bordo abbia le proprie cinture o sistema di vincolo correttamente
allacciati.
B.6 RIFORNIMENTO CON PASSEGGERI A BORDO NCO.OP.145
Durante l’imbarco o lo sbarco dei passeggeri o quando i passeggeri sono a bordo non deve essere effettuata nessuna
operazione di rifornimento.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-3

B.7 DOCUMENTI, MANUALI, INFORMAZIONI OBBLIGATORI A BORDO NCO.GEN.135 GM1 NCO.GEN.135


a) I seguenti documenti, manuali e informazioni o copie di essi sono obbligatori a bordo di ogni volo, salvo indicazioni
diverse:
1) il manuale di volo dell’aeromobile (AFM), o documento equivalente;
2) il certificato di immatricolazione originale;
3) il certificato di navigabilità (Modello AESA 25) originale;
4) il certificato acustico ( Modello AESA 45 ) originale;
5) certificato di revisione dell’aeronavigabilità ( Modella AESA 15b form 3);
6) la licenza di stazione radio originale;
7) il certificato di assicurazione per la responsabilità civile verso terzi;
8) il giornale di rotta, o un documento equivalente, per l’aeromobile;
9) i dettagli del piano di volo ATS compilato, se applicabile;
10) carte aeronautiche attuali e adeguate per la rotta del volo proposto e per tutte le rotte sulle quali il volo
potrebbe essere dirottato
11) check normali ( stampate in bianco ) e di emergenza ( stampate in giallo)
12) aree FMC con relative codici e frequenze di monitoraggio
13) informazioni su procedure e segnali visivi per l’utilizzo da parte di aeromobili intercettanti e intercettati, di
seguito riportate; ENAC RAIT – AIP ITALIA ENR1.12
Le informazioni di al punto 13) sono riportate alla Pagina MO-18 della Modulistica Operativa.
Oltre a:
· Libretto personale di volo FCL040(d)
· Documento personale del pilota contenente la sua foto FCL045(b)
· Licenza di Pilota ( autorizzazione per l’allievo solista) FCL020-FCL050
· Certificato medicoFCL045a
b) In deroga alle disposizioni della lettera a), per i voli locali effettuati sull’aeroporto di Albenga, i documenti e le
informazioni di cui alla lettera a), dal punto 2 al punto 8, possono essere conservati in segreteria.
c) Il pilota in comando deve fornire, entro un tempo ragionevole dalla richiesta avanzata dall’autorità competente, la
documentazione obbligatoria da trasportare a bordo.
La perdita di tale documentazione deve essere segnalata immediatamente dal PIC alla Segreteria.
L'aggiornamento dei documenti / manuali a bordo è a cura del Responsabile dell’Addestramento.
B.8 USO DI AERODROMI E SITI OPERATIVI NCO.OP.100
Il pilota in comando deve utilizzare soltanto gli aerodromi e i siti operativi che sono adeguati al tipo di aeromobile e
operazione interessati.
B.9 SPECIFICHE DEGLI AERODROMI ISOLATI NCO.OP.105
Ai fini della selezione degli aerodromi alternati e delle linee guida per il rifornimento, il pilota in comando deve
considerare un aerodromo come aerodromo isolato se il tempo di volo per raggiungere l’aerodromo di destinazione
alternato più vicino risulta superiore a 60 minuti per velivoli con motori a pistoni;
B.10 MINIMI OPERATIVI NCO.OP.110
B.10.1 Voli per turismo
Per pianificare un volo il pilota deve:
(1) Verificare la disponibilità e l'aeronavigabilità del velivolo per il volo da svolgere;
(2) Controllare che tutti i documenti e manuali previsti siano disponibili a bordo;
(3) Controllare le caratteristiche e le attrezzature aeroportuali degli aeroporti di partenza e di arrivo;
(4) Analizzare le condizioni meteo, attuali e previste sugli aeroporti di partenza, di arrivo, alternato;
(5) Controllare la disponibilità a bordo della documentazione di rotta;
(6) Verificare i NOTAM interessanti l'aerodromo di partenza, la rotta e di l’aeroporto di arrivo;
(7) Selezionare la rotta da seguire;
(8) Selezionare l’aeroporto alternato;
(9) Calcolare la quantità di carburante da imbarcare;
(10) Verificare che i limiti di peso e di centraggio siano entro i limiti riportati nel manuale di volo del velivolo
durante tutte le fasi del volo, compilando il modulo del “ Peso e Centraggio”;
(11) Preparare il “Piano di navigazione”, per i voli di Navigazione, con le prestazioni in decollo e atterraggio.
(12) Preparare il piano di volo ATS per i voli di Navigazione ( se necessario)
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-4

a) Le attività di volo dell’Aero Club di Savona sono limitate a quelle svolte secondo le Regole VFR in condizioni di VMC.
b) Nello stabilire i minimi operativi di aerodromo, il pilota in comando tiene conto dei seguenti elementi:
1) tipo, prestazioni e caratteristiche di pilotaggio dell’aeromobile;
2) la propria competenza ed esperienza;
3) gli equipaggiamenti e apparecchi di bordo ai fini della navigazione;
4) i mezzi per la determinazione e la trasmissione delle condizioni meteorologiche;
5) la tecnica di volo da utilizzare durante l’avvicinamento finale.
Le seguenti limitazioni meteo sono stabilite :
- Limiti di vento: decollo e atterraggio con componente di vento al traverso massima: quella indicata nel
Manuale d’impiego del velivolo.
( ridotta del 20 % per operazioni sull’aeroporto di Albenga , come da disposizione
ENAC AOT-0041341-9 del 17 Aprile 2014)

VELOCITA’ DEL VENTO AL TRAVERSO IN ATTERRAGGIO VELOCITA’ RIDOTTA SU AEROPORTO ALBENGA


DIMOSTRATA ( DISPOSIZIONE ENAC)
PA 28 I-CCIM 17 KTS PA 28 I-CCIM 13 KTS
15 KTS in atterraggio 12 KTS in atterraggio
C172 I-ALBN C172 I-ALBN
20 KTS in decollo 16 KTS in decollo
12 KTS al traverso 9 KTS al traverso
PS28 I-ALBL PS 28 I-ALBL
24 KTS frontale 19 KTS frontale
- Turbolenza: Aree turbolente classificate come "gravi" dovrebbero essere evitati.
- Formazione di ghiaccio: Il volo in condizione di ghiaccio è vietato.
c). Volo VFR
Il volo non deve iniziare a meno che le condizioni meteo attuali e previste lungo il percorso e presso l’aeroporto di
destinazione non assicurino il mantenimento delle condizioni VFR come di seguito specificato:
(1) Entro spazi aerei controllati: CEILING 1.500 Ft. - VISIBILITA ' di 5 km.
(2) Al di fuori di spazi aerei controllati : CEILING 2.000 Ft. – VISIBILITA’ 8 km.
(3) VFR speciale (entro spazi aerei controllati) : VISIBILITÀ 1.500 mt. – 1000 Ft CEILING
Il decollo può essere effettuato solo se le condizioni meteo ufficialmente comunicate per la pista in questione sono uguali
o superiori di quelle per l’atterraggio.
L'aeroporto alternato deve essere raggiungibile considerando: le condizioni meteo, le altitudini minime di sicurezza lungo
il percorso e le limitazioni di altitudine specificate nel AFM.
Un aeroporto è considerato " utilizzabile " quando le informazioni meteo indicano che condizioni meteorologiche attuali e
previste dell'aeroporto sono uguali o migliori rispetto ai valori minimi di atterraggio applicabili.

B.10.2 Voli di addestramento con allievi


L’Aero Club Savona utilizza una tabella di prenotazione dei voli su cui vengono segnalati i tipi di voli che sono richiesti
dagli allievi piloti e concordati con gli istruttori.
L’istruttore di volo è responsabile di assicurare che, prima di iniziare l’attività di volo, siano disponibili, o possano essere
prontamente disponibili :
(1) Informazioni meteo aggiornate;
(2) NOTAM degli aeroporti e dell'area interessata dalle attività di addestramento;
(3) Moduli per la compilazione del piano di navigazione relativo al velivolo interessato al volo;
(4) Moduli per la compilazione del “ Peso e Centraggio” del velivolo interessato al volo
(5) Moduli per l’autorizzazione a solo pilota
(6) Ogni altro materiale ritenuto utile all’addestramento (carte aeronautiche, AIP, manuale Jeppesen, ecc.)
(7) Modulo ENAV per la compilazione del piano di volo

B.10.3 Voli allievi piloti solisti


Durante un volo da solista devono essere soddisfatte le seguenti prescrizioni:
(1) Il volo da solista deve essere autorizzato per iscritto dall’istruttore di volo utilizzando i moduli riportati nella
sezione Modulistica Operativa alla pagina MO.19..
(2) Disponibilità della radio per mantenere il contatto con l'aeromobile che sta eseguendo attività di addestramento
nel circuito di atterraggio e nelle zone di lavoro;
(3) La pianificazione di volo deve essere preparata dallo studente e controllata dall’istruttore.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-5

(4) L'Istruttore che autorizza il volo deve controllare che l’allievo abbia un livello accettabile di conoscenze teoriche e
la capacità di volo di volare in sicurezza.
(5) L’istruttore deve controllare che l’allievo sia a conoscenza del carburante minimo per raggiungere l’alternato e
delle procedure di traffico dell’aeroporto alternato.
(6) L’istruttore deve controllare la pianificazione del volo prima di firmare l’autorizzazione, che va conservata in
originale nella Cartella Personale dell’Allievo.
(7) L’allievo deve portare con sé l’autorizzazione per voli a solo pilota nel caso di voli di navigazione per altro
aeroporto.
Le minime meteorologiche per gli allievi solisti sono:
- Visibilità generale: 5 km
- Ceiling 3000 piedi AGL
- Contatto visivo con il terreno
- Componente di vento al traverso durante il decollo e l’atterraggio:
o Primo volo da solista: non superiore a 5 kts
o Altri voli da solista: non superiore a 10 kts

B.10.4 Aeroporti utilizzati per l’addestramento alla navigazione


Per i voli addestrativi vengono utilizzati aeroporti che abbiano le strutture e le caratteristiche appropriate per consentire
rullaggi, decolli e atterraggi tenendo conto del livello di addestramento raggiunto dagli allievi e dei valori delle prestazioni
del velivolo utilizzato.
Gli aeroporti normalmente utilizzati di volo sono:

AEROPORTO RADIOASSISTENZE DISPONIBILI


Genova LIMJ VOR-ILS-NDB
Cuneo Levaldigi LIMZ NDB-VDF-ILS
Torino Aeritalia LIMA
Castelnuovo don Bosco * LILF
Lucca LIQL
Vercelli * LILE
Casale Monferrato* LILM
Cannes** LFMD VOR - NDB
Calvi** LFKC NDB-DME-ILS

* per addestramento su piste non asfaltate


** solo voli a DC per allievi piloti candidati per l’ottenimento della fonia in lingua inglese

I percorsi da seguire durante il volo di addestramento sono scelti dall’allievo e controllati dall’ istruttore di volo, tenendo
in considerazione i seguenti elementi:
· Punti di ingresso e di uscita obbligatori
· Aiuti alla navigazione e radio lungo il percorso,
· Caratteristiche del terreno in relazione alle prestazioni del velivolo.
· Aree riservate, Aree classificate “Proibite”, “Pericolose”, “Regolamentate”, “FMC”
· Aeroporti di emergenza lungo il percorso,
· Condizioni meteorologiche attuali e previste, e possibilità di ricevere aggiornamenti durante il volo,
· Disponibilità di Carte aeronautiche aggiornate,

Durante i voli di navigazione vanno seguiti gli itinerari di ingresso e uscita VFR dall’aeroporto come riportato nell’AIP
/ Jeppesen VFR.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-6

B.10.5 Aree di addestramento per voli locali


I voli di addestramento locali devono essere volati all'interno delle aree di addestramento evidenziate nella cartine
sottostante.
1. Area S-W

Estensione : da Capo Mele a Sanremo


Quota minima: 1500 ft ( minimo 3000 ft per esecuzioni stalli, vite incipiente)
Contatto Radio: AFIS Albenga 123,85 o Milano INFO 128,925 ( come da istruzioni di Albenga)
Trasponder 7000
2. Area N-E

Estensione : da Loano a Capo Noli


Quota minima: 1500 ft ( minimo 3000 ft per esecuzioni stalli, vite incipiente)
Contatto Radio: AFIS Albenga 123,85 o Genova APP 119,60 ( come da istruzioni di Albenga)
Trasponder 7000 o altro codice richiesto da Genova APP.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-7

B.11 PROCEDURE DI PARTENZA E DI AVVICINAMENTO NCO.OP.115


a) il pilota in comando utilizza le procedure di partenza e di avvicinamento stabilite dallo stato nel quale è ubicato
l’aerodromo, se tali procedure sono state pubblicate
b) Il pilota in comando può deviare da una rotta di partenza, rotta di arrivo o procedure pubblicate:
1) a condizioni che siano osservati i criteri di separazione dagli ostacoli, siano prese in considerazione tutte le
condizioni operative e siano rispettate tutte le autorizzazioni ATC;
2) se sotto vettoramento radar;

B.12 RIFORNIMENTO E GESTIONE DEL CARBURANTE NCO.OP.125-NCO.OP.185


a). I piloti che svolgono attività di volo con i velivoli dell’Aero Club di Savona possono iniziare il volo soltanto se la quantità
di combustibile e lubrificante è sufficiente per:
1. Voli locali
eseguire il volo pianificato, raggiungere l’alternato ( Genova o Levaldigi) oltre ad almeno 30’ di volo alla
massima autonomia
2. Voli per altro aeroporto/sito operativo
eseguire il volo pianificato, raggiungere l’alternato oltre ad almeno 30’ di volo alla massima autonomia

NOTA : In caso di voli di allievi solisti è l’istruttore che verifica il carburante prima di autorizzare il volo da solista.

b). Nel calcolare il combustibile richiesto incluso quello per le necessità contingenti, si deve tenere conto dei seguenti
aspetti:
1) le condizioni meteorologiche previste;
2) le rotte ATC previste e i ritardi del traffico aereo;
3) ogni altra condizione che possa ritardare l’atterraggio del velivolo o aumentare il consumo di combustibile e/o
lubrificante.
c) Nulla osta la modifica di un piano di volo in volo, al fine di ripianificare il volo verso un’altra destinazione, a condizione
che tutte le prescrizioni possano essere soddisfatte dal punto in cui il volo è ripianificato.

Il pilota in comando deve controllare a intervalli regolari che la quantità di combustibile utilizzabile rimanente in volo non
sia inferiore al combustibile richiesto per procedere verso un aerodromo o sito operativo agibile dal punto di vista
meteorologico e al combustibile di riserva pianificato come richiesto dalle norme di cui sopra.
NCO.OP.135
B.13 PREPARAZIONE DEL VOLO
a) Prima di iniziare un volo, il pilota in comando deve accertarsi, utilizzando ogni mezzo a sua disposizione, che le
strutture di terra , incluse le strutture per le comunicazioni e gli aiuti per la navigazione disponibili e direttamente richiesti
per tale volo siano adeguate per il tipo di operazione prevista per il volo che si intende effettuare.
b) Prima di iniziare un volo, il pilota in comando deve essere a conoscenza di tutte le informazioni meteorologiche
disponibili riguardanti il volo che si intende effettuare. La preparazione di un volo verso un punto distante dal luogo di
partenza e la preparazione di ogni volo in VFR, deve comprendere:
1) uno studio di tutte le osservazioni e previsioni meteorologiche aggiornate disponibili;
2) la pianificazione di una rotta alternativa nell’eventualità che il volo non possa essere completato come
pianificato a causa delle condizioni meteorologiche.
NCO.OP.140 – NCOOP160
B.14 CONDIZIONI METEOROLOGICHE AEROPORTO DI DESTINAZIONE E ALTERNATI
Le attività di volo dell’Aero Club di Savona sono svolte tutte secondo le regole del volo a vista ( VFR) in condizioni
VMC.
Il pilota in comando deve pianificare almeno un aeroporto alternato alla destinazione agibile dal punto di vista
meteorologico e le informazioni meteorologiche aggiornate disponibili indichino che lungo la rotta e all’aerodromo
alternato all’ora di arrivo prevista siano uguali o superiori ai minimi operativi VFR applicabili.
NOTA: Nel caso voli di allievo solista , l’istruttore deve verificare queste condizioni prima di firmare l’autorizzazione al
volo.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-8

B.15 CONDIZIONI PER IL DECOLLO NCO.OP.175


Prima di iniziare il decollo il pilota in comando verifica che:
a. in base alle informazioni disponibili, le condizioni meteorologiche dell’aerodromo o del sito operativo e le
condizioni della pista che si intende utilizzare non pregiudichino l’effettuazione del decollo e della partenza in
sicurezza;
b. siano soddisfatti i minimi operativi dell’aerodromo.
Vedasi anche le limitazioni riportate al paragrafo B.10..
NOTA: Nel caso voli con allievo solista , l’istruttore deve verificare queste condizioni prima di firmare l’autorizzazione al
volo.
NCO.OP.205
B.16 CONDIZIONI PER l’AVVICINAMENTO E L’ATTERRAGGIO
Prima di iniziare l’avvicinamento per l’atterraggio, il pilota in comando deve verificare che, in base alle informazioni
disponibili, le condizioni meteorologiche dell’aerodromo o del sito operativo e le condizioni della pista che si intende
utilizzare non pregiudichino l’effettuazione dell’avvicinamento, dell’atterraggio o del mancato avvicinamento in sicurezza.
NCO.POL.100 – NCO.POL.105
B.17 LIMITAZIONI OPERATIVE PER IL PESO E CENTRAGGIO
Durante qualsiasi fase operativa, il carico, la massa e il baricentro dell’aeromobile devono essere conformi ai limiti
specificati nel manuale di volo dell’aeromobile o documento equivalente.
L’Aero Club di Savona stabilisce la massa dell’aeromobile ( a vuoto) e il baricentro mediante pesatura. Gli effetti cumulati
delle modifiche e delle riparazioni sulla massa e sul bilanciamento devono essere considerati e documentati
correttamente. È necessario sottoporre i velivoli a una nuova pesatura nel caso non si conosca con esattezza l’effetto
delle modifiche sulla massa e sul bilanciamento.
NCO.POL.110
B.18 PRESTAZIONI
Il pilota in comando può utilizzare l’aeromobile soltanto se le prestazioni si conformano alle regole dell’aria applicabili e a
tutte le altre restrizioni applicabili al volo, allo spazio aereo o agli aerodromi o siti operativi utilizzati, tenendo conto della
precisione della cartografia di tutte le carte e mappe utilizzate.
B.19 SIMULAZIONE DI SITUAZIONI ANORMALI IN VOLO NCO.OP.180
Il pilota in comando, durante il trasporto di passeggeri non deve effettuare simulazioni di situazioni che richiedono
l’applicazione di procedure anomali o di emergenza;
NOTA: In deroga nel caso in cui vengano condotti voli di addestramento a doppio comando tali situazioni possono essere
simulate dall’istruttore anche con altro allievo pilota presenta a bordo.

B.20 GHIACCIO E ALTRI DEPOSITI CONTAMINANTI – Procedure a terra NCO.OP.165


Il pilota in comando può iniziare il decollo soltanto se l’aeromobile è libero da qualsiasi deposito che potrebbe avere
ripercussioni negative sulle prestazioni e/o sulla manovrabilità dell’aeromobile, salvo quando consentito dal manuale di
volo dell’aeromobile (AFM).

B.21 GHIACCIO E ALTRI DEPOSITI CONTAMINANTI – Procedure in volo NCO.OP.170


Il pilota in comando non inizia il volo né vola intenzionalmente in condizioni favorevoli alla formazione di ghiaccio note o
previste.
Tutti gli aeromobili dell’Aero Club di Savona non sono certificati per affrontare tali condizioni.

B.22 VOLI SOPRA L’ACQUA NCO.IDE.A.175


I velivoli dell’Aero Club Savona, se:
i) in volo su una distesa d’acqua oltre la distanza di planata dalla costa; o
ii) decollano o atterrano da un aerodromo o sito operativo dove, a parere del pilota in comando, il decollo o il
sentiero di avvicinamento è posizionato sull’acqua in maniera che esiste la probabilità di un ammaraggio;
devono essere dotati di un giubbotto salvagente per ogni persona a bordo o di un mezzo galleggiante equivalente
individuale per ogni persona a bordo di età inferiore a 24 mesi, che deve essere indossato o posto in un luogo facilmente
accessibile dal sedile della persona cui è destinato.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-9

B.23 USO DI OSSIGENO SUPPLEMENTARE NCO.OP.190


I velivoli in uso all’Aero Club di Savona non dispongono al momento di apparati per l’erogazione di ossigeno.
I voli sono pertanto limitati ad una altitudine di 13.000 ft e la permanenza a quote superiori a 10.000 ft è limitata a solo
30 minuti.
B.24 RILEVAMENTO DI PROSSIMITA’ AL SUOLO NCO.OP.195
il pilota in comando deve iniziare immediatamente la manovra correttiva per ristabilire condizioni di volo sicure, quando
un’eccessiva prossimità al suolo è rilevata dal pilota
B.25 TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE NCO.GEN.140
a) L’Aero Club di Savona non è operatore approvato per il trasporto di merci pericolose.
b) Il pilota in comando deve prendere tutte le precauzioni ragionevoli al fine di impedire che, inavvertitamente, siano
trasportate a bordo merci pericolose.
B.26 DISPOSITIVI ELETTRONICI PORTATILI NCO.GEN.125 – GM1.NCO.GEN:125
Il pilota in comando non permette a nessuno di usare a bordo dispositivi elettronici portatili (PED) che possono incidere
sulle prestazioni dei sistemi e degli equipaggiamenti dell’aeromobile.
B.27 EQUIPAGGIAMENTI DI EMERGENZA E SOPRAVVIVENZA NCO.GEN.130 – GM1.NCO.GEN.130
L’Aero Club di Savona garantisce che siano disponibili, per l’immediata comunicazione ai centri di coordinamento delle
ricerche (RCC), le liste contenenti le informazioni sugli equipaggiamenti di emergenza e di sopravvivenza presenti a bordo
.

B.28 AUTORIZZAZIONE A FUMARE A BORDO NCO.OP.155


Nessuno è autorizzato a fumare a bordo dei velivoli dell’Aero Club di Savona.
B.29 PILOTA DI SICUREZZA
Come riportato nel CR 1178/2011 Part MED.B.001 (d), (2) un pilota di sicurezza (POS) è un pilota che deve essere a bordo
con un pilota titolare di un certificato medico con una limitazione OSL. L’OSL agisce come pilota in comando sulla classe o
tipo di aeromobile munito di doppi comandi e l’altro pilota occupa un posto ai comandi.
La politica dell’Aero Club di Savona prevede che nei i voli in cui è previsto un pilota di sicurezza a bordo, lo stesso deve
essere designato di volta in volta dal Responsabile dell’addestramento.
B.30 MANOVRE DEL VELIVOLO
Le manovre di volo devono essere effettuate entro i limiti stabiliti dal costruttore ed in sicurezza secondo quanto previsto
dalle regole generali di volo.
Per quanto riguarda particolari situazioni incontrate durante le manovre di volo, (guasti ed emergenze), l’Aero Club
Savona ha stabilito le seguenti regole:
B.30.1 Norme generali durante le manovre degli aeromobili
E 'obbligatorio per gli occupanti allacciare le cinture di sicurezza prima dell’inizio del rullaggio, durante il volo fino
all’arresto del velivolo.
Le conversazioni a bordo tra allievi e istruttore dovrebbero considerare solo argomenti relativi al volo e devono essere
ridotte al minimo. E ' comunque facoltà dell’istruttore di introdurre altri argomenti per ridurre situazioni di tensione che
si siano sviluppate durante il volo.
B.30.2 Rullaggio NCO.GEN.115 - GM1 NCO.GEN.115(b)(4)
Un velivolo può rullare nell’area di movimento di un aerodromo soltanto se la persona ai comandi:
a) è un pilota adeguatamente qualificato; o
b) è stata designata dall’Aero Club Savona e:
1) è addestrata al rullaggio del velivolo;
2) è addestrata all’uso del radiotelefono, se sono necessarie comunicazioni radio;
3) ha ricevuto istruzioni in merito alla conformazione (layout) dell’aerodromo, ai percorsi, ai segnali,
alla segnaletica orizzontale, alle luci, ai segnali e alle istruzioni per il controllo del traffico aereo
(ATC), alla fraseologia e alle procedure;

B.30.3 Decollo e atterraggio


Il Pilota deve valutare con particolare attenzione le condizioni della pista e l’area di decollo e calcolare i dati di decollo e di
atterraggio secondo le tabelle riportate nel manuale di volo, verificando che i dati siano entro i limiti stabiliti dal AFM.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-10

B.30.4 Uso del motore in emergenza simulata


Nel corso di un atterraggio di emergenza simulato è assolutamente vietato lo spegnimento completo del motore.
La simulazione di malfunzionamento del motore deve essere eseguita posizionando la manetta del motore al valore
minimo di potenza.
Se l’emergenza motore simulata è effettuata sopra il campo, la manovra può essere completata con l'atterraggio sulla
pista.
Se invece la manovra viene eseguita da qualche altra parte, la manovra di emergenza simulata deve essere interrotta non
al di sotto di 500 piedi AGL. Per tali casi l’istruttore deve scegliere posti di atterraggio senza ostacoli significativi e lontano
da città e villaggi o abitati isolati.
B.30.5 Manovre critiche (stalli, viti, ecc.)
Stalli e viti devono essere effettuati ad un'altitudine iniziale non inferiore a 3000 ft AGL, con l'aereo stabilizzato in volo
livellato.
Stalli, viti e ogni altra manovra critica sono severamente vietati su aree abitate.
B.30.6 Uso degli interruttori automatici di sicurezza (Circuit Breaker)
Se un interruttore automatico scatta durante il volo non deve essere resettato a meno che sia necessario farlo per la
sicurezza del volo.
In ogni caso non è consentito ripristinare un interruttore automatico relativo al sistema di alimentazione.
Prima di resettare l’interruttore il sistema che lo regola deve essere escluso (OFF).
Il ripristino di un interruttore critico deve essere tentato una sola volta. Nel caso scattasse nuovamente l’interruttore
deve essere lasciato disinserito.
Attendere almeno 2 minuti prima di resettare l’interruttore automatico per consentire il suo raffreddamento.
La fonte primaria su come gestire un malfunzionamento rimane comunque sempre il manuale d’impiego dell’aeromobile.
B.30.7 Istruttore che riprende il controllo del velivolo in situazione critica
Durante l’addestramento l'istruttore deve monitorare continuamente la situazione per garantire in ogni caso almeno il
livello minimo di sicurezza del volo senza intervenire sui comandi.
Durante particolari manovre come decollo, atterraggio, manovre inusuali, stalli, viti, l'istruttore deve essere pronto a
prendere il controllo dell’aereo, al fine di evitare situazioni pericolose o il superamento dei limiti di manovra che possono
essere raggiunti in breve tempo se l’allievo non gestisce la manovra in modo corretto.
in caso di necessità l'istruttore prenderà il controllo aereo dopo aver detto " Ho il controllo ". A questo punto l’allievo
pilota dovrà lasciare i comandi di volo che saranno presi dall’istruttore per effettuare la manovra di recupero.
B.30.8 Verifica della quantità di carburante nei serbatoi
Durante i controlli pre-volo il pilota deve controllare la quantità di carburante a bordo leggendo il suo valore sugli
strumenti televel di bordo, e controllare poi visivamente il carburante nei serbatoi per verificare che ci sia corrispondenza
con la quantità indicata dai televels.
B.30.9 Rifornimento
Durante le operazioni di rifornimento il velivolo deve essere parcheggiato in una posizione idonea e libera da ostacoli per
un raggio di almeno 10 m (attrezzature a terra, altri aerei, personale, ecc.).
I motori e tutti gli impianti elettrici devono essere spenti, il freno parcheggio deve essere inserito e nessuno (passeggeri o
piloti) deve essere a bordo del velivolo durante le operazioni di rifornimento.
Prima di iniziare il rifornimento il pilota deve essere sicuro che il personale addetto al rifornimento abbia collegato il
velivolo con la presa di terra.
Una volta che il rifornimento è terminato il pilota deve:
· verificare che il cavo di messa terra viene rimosso dal velivolo,
· ricontrollare la corretta chiusura dei tappi del serbatoi,
· verificare che non vi sia alcuna perdita di carburante,
· verificare che il totale indicato dal televel sia pari a quello richiesto,
· firmare la ricevuta di consegna carburante.
Prima di spostare il velivolo il pilota deve avere pulito le superfici dell’aeromobile da eventuali perdite di carburante.
B.30.10 Controllo del carburante durante il volo
Durante il volo il Pilota deve controllare periodicamente il consumo di carburante e la sua quantità residua al momento
dell’atterraggio deve essere tale da consentire il dirottamento sull’alternato con una ulteriore disponibilità di 30 minuti di
volo.
DTO AERO CLUB SAVONA – NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: Norme per le operazioni di volo
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….….…………………….… B-11

ATTENZIONE
Se per qualsiasi motivo la quantità di carburante a bordo diventa inferiore a 30 minuti il pilota deve richiedere la priorità
per l’atterraggio all’Ente di controllo del traffico aereo con cui è in contatto e atterrare il più presto possibile al primo
aeroporto disponibile.
Nel caso di atterraggio di emergenza a causa di basso livello del carburante il pilota responsabile deve segnalare l'evento
al Responsabile dell’Addestramento e scrivere una relazione.

B.30.11 Uso dell’aria calda al carburatore


Per l'impiego dell’aria calda nel carburatore si applicano le seguenti regole generali, se non diversamente specificato nel
manuale di volo dell'aeromobile (AFM):
In particolari condizioni atmosferiche, con temperature esterne comprese tra +10 ° C e -35 ° C, è possibile una formazione
di ghiaccio nel sistema di aspirazione del motori a pistoni che utilizzano il carburatore.
Il raffreddamento è causato dall'alta velocità dell'aria che entra (caduta di pressione) e dall'assorbimento del calore
derivante dalla vaporizzazione del combustibile.
La temperatura nella camera di miscelazione può scendere di 20° C rispetto all’atmosfera. Se l’aria inalata contiene
un'alta percentuale di umidità, può iniziare una formazione di ghiaccio che può aumentare in modo tale da provocare una
perdita di potenza.
La perdita di potenza inizia immediatamente quando vi è una riduzione della pressione del collettore. Se questo calo non
viene eliminato il motore potrebbe arrestarsi.
L’apporto di aria calda nel carburatore evita la formazione di ghiaccio. Tuttavia una troppo elevata temperatura dell'aria
deve essere evitato perché può causare un'eccessiva perdita di potenza e arricchimenti elevati della miscela.
Temperature troppo alte dell'aria possono inoltre favorire la detonazione e la pre-accensione.
In rullaggio
Durante il rullaggio in condizioni di temperatura esterna inferiore a +10°C ed in presenza di aria umida è possibile la
formazione di ghiaccio al carburatore. E’ opportuno quindi usare l’aria calda : se usando l’aria calda si nota un incremento
di giri , questo sta a significare che si stava formando ghiaccio.
In decollo
Durante il decollo l'aria calda al carburatore va esclusa. La possibilità di formazione di ghiaccio è molto improbabile,
mentre ci sarà certamente una perdita di potenza e la probabilità di detonazione se la temperatura esterna è elevata.
In salita e crociera
In condizioni normali l'aria calda al carburatore va esclusa. In particolari condizioni ambientali (umidità, nuvolosità,
nebbia, ecc.) mantenere sotto controllo la pressione di alimentazione e il valore della temperatura dell’aria esterna . Se si
nota una caduta di potenza ( giri motore e MAP) : aprire l'aria calda al carburatore e aprire la manetta. Si avrà un
ulteriore calo della pressione del collettore, dopo di che però la pressione e i giri motore inizieranno ad aumentare
nuovamente non appena il ghiaccio si scioglie.
A questo punto impostare l'aria calda in modo da mantenere la temperatura oltre il punto di congelamento

AVVERTENZA
Quando si vola in condizioni di temperatura e di umidità che possono causare la formazione di ghiaccio, si evita il pericolo
regolando l’aria calda per mantenere la temperatura idonea.
AVVERTENZA
Se il motore si spegne a causa della formazione di ghiaccio, l’apertura dell'aria calda, anche se completamente, non si
rivelerà efficace. Il ghiaccio non potrà essere eliminato perché l'aria calda non viene aspirata. È pertanto assolutamente
necessario utilizzare l’aria calda prima dello spegnimento del motore
In Atterraggio
Durante la fase di avvicinamento l'aria calda deve essere impostata su ON. Se è richiesto di ridare la massima potenza (ad
esempio durante una riattaccata), l’aria calda dovrà essere impostata su OFF dopo aver aumentato al massimo la
potenza.
DTO AERO CLUB SAVONA – PARTE TECNICA
Documento: ……Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………………………….Parte Tecnica
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… C-1

C.1 GENERALITA’
Secondo i requisiti del Regolamento 216/2008 Allegato III capitolo 3, come ricordato nella Circolare ENAC Lic - 2B
Parte 2 - Organizzazioni di addestramento al volo, l’ Aero Club Savona:
a. È proprietario di velivoli idonei per l'attività di addestramento (in base al Regolamento Tecnico ENAC e
parte FCL) finalizzati al rilascio di licenze per le quali si riferiscono alla Lista dei velivoli autorizzati da ENAC
per l’addestramento al volo, come riportato nel successivo paragrafo C.3;
b. garantisce la corretta gestione della aeronavigabilità continua degli aeromobili assegnati all'attività di
addestramento al volo in conformità con il requisito del Regolamento Tecnico ENAC III/32/B, delegando
questa attività al CAMO Aero Club Savona, accettato da ENAC,
c. in caso di modifica o cambiamento dell'organizzazione per la gestione della aeronavigabilità continua degli
aa / mm impiegati nell'attività di addestramento al volo, l’Aero Club di Savona comunicherà
preventivamente all’ENAC - Ufficio Operazioni Torino,
d. in caso di una nuova richiesta di autorizzazione per l’impiego addestrativo di un altro aeromobile (in
aggiunta a quelli già autorizzati da ENAC, l'Aero Club Savona invierà la richiesta alla Direzione Operazioni
Nord-Ovest - Ufficio di Torino allegando la seguente documentazione:
· copia del Certificato di Registrazione per la prova di presa in carico , o, in caso di un a/m registrato
in uno Stato dell'UE, copia del contratto di leasing e di delega della sorveglianza a ENAC da parte
dello Stato (membro EASA di registrazione dell’a/m come da art. 38 bis della Convenzione di
Chicago),
· manuale d’impiego del velivolo,
· copia della assicurazione a/m per attività di addestramento al volo,
· copia di un CA corrente (modulo 25 AESA) e relativa ARC (AESA 15),
· copia dell'elenco aggiornato dei velivoli gestiti/autorizzati riportati nel Manuale
dell'Organizzazione (CAME) Aero Club Savona,
· copia del certificato di approvazione dell'Organizzazione (CAMO) e pertinente Lista delle
operazioni autorizzate.

C.2 ATTIVITÀ SOTTO CONTRATTO ORA.GEN.205 – AMC1 ORA.GEN.210 – GM1 ORA.GEN.210


L’ Aero Club Savona non ha attività esterne date in appalto, dispone autonomamente di:
ü CAMO IT.MG.1055 per la gestione dei propri velivoli
ü Impresa di Manutenzione IT.MF.0020 con le qualifiche richieste per la manutenzione ordinaria dei propri
velivoli.
La vicinanza della officina permette un costante scambio di informazioni fra l’ufficio operativo e chi controlla la
navigabilità degli aeroplani (Responsabile CAMO) che interagisce con il Responsabile dell’Addestramento per la
gestione operativa dei velivoli e con il Responsabile della manutenzione.
In caso di futuri contratti con altre organizzazioni che includono tutte o parte delle attività all’interno dello scopo di
approvazione dell’ Aero Club Savona:
a. L’ Aero Club Savona si accerta che l’organizzazione contrattata sia certificata
b. L’ Aero Club Savona si accerta che il servizio contrattato risponda ai requisiti applicabili
c. L’ Aero Club Savona verificherà che l’Autorità competente abbia accesso all’organizzazione contrattata per
determinare la continua conformità ai requisiti applicabili.
Indipendentemente dallo stato di approvazione dell'organizzazione contrattata, l’Aero Club Savona è responsabile
di accertare che tutte le attività contrattate siano soggette all'identificazione dei pericoli e alla gestione dei rischi
come richiesto dalla ORA.GEN.200 (a)(3) e al controllo di conformità come richiesto dalla ORA.GEN.200 (a)(6).

C.3 NOTE DESCRITTIVE DEGLI AEROMOBILI


L’Aero Club Savona utilizza per l’addestramento una flotta di aeromobili adeguata ai corsi di addestramento
approvati.
DTO AERO CLUB SAVONA – PARTE TECNICA
Documento: ……Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………………………….Parte Tecnica
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… C-2

C.3.1 Caratteristiche dei velivoli


CONFIGURAZIONE VFR
SEP
TIPO DI A/M MARCHE (RU, VP, TC, TW, IFR CORSI
MEP
EFIS, SLPC) NIGHT
LAPL(A) – PPL(A)
PS 28 Cruiser I-ALBL SEP EFIS - SLPC VFR
Addestramento per differenze EFIS
Cessna F 172 I-ALBN SEP VFR LAPL(A) – PPL(A)

PA 28 Cadet I-CCIM SEP VFR LAPL(A) – PPL(A)

Per i dettagli sui sistemi di bordo degli aerei e le caratteristiche di volo riferirsi ai manuali di volo dei velivoli, che sono
gli unici documenti pertinenti da considerare ufficiali.
C.3.2 Uso dei velivoli di parti terze
I velivoli di cui sopra sono utilizzati anche da soci piloti dell’Aero Club di Savona per attività turistica.

C.4 GESTIONE DEGLI AEROMOBILI


La gestione dei velivoli dell’Aero Club Savona, in relazione alla loro situazione aeronavigabilità, deve essere gestita dai
piloti secondo le regole specificate nel presente paragrafo e relativi sotto-paragrafi.
· I piloti non devono operare un aeromobile a meno che non sia rimesso in servizio da personale o da
organizzazioni qualificate, dopo la prevista manutenzione. Il documento di rilascio in servizio deve
contenere i dati essenziali delle operazioni di manutenzione effettuate.
· L’ispezione giornaliera è affidata esclusivamente al personale autorizzato.
· Prima di ogni volo o serie di voli consecutivi, il pilota deve controllare che il velivolo sia stato
ispezionato con un controllo pre-volo, per determinare se è idoneo al tipo di volo previsto.
I piloti devono operare un aeromobile:
· in conformità al documento di aeronavigabilità e di tutte le procedure e le limitazioni operative indicate
nel suo manuale di volo, o documento equivalente. I manuali di volo e i documenti equivalenti sono a
disposizione dei piloti e mantenuti aggiornati.
I piloti devono operare un aeromobile con:
· il velivolo idoneo al volo da effettuare;
· gli equipaggiamenti operativi e di emergenza , necessari per il volo previsto, funzionanti;
· il documento di aeronavigabilità dell'aeromobile valido;

C.5 LISTE DI CONTROLLO


L’Aero Club Savona ha pubblicato le liste di controllo degli aerei che devono essere utilizzate dai piloti, dagli allievi
piloti durante l'attività di volo di addestramento.
Le check list si basano sulla lista ufficiale riportata nel AFM/POH.
Le liste di controllo specificano le procedure normali e di emergenza che devono essere seguite dai piloti durante
l'esecuzione di un volo.
Le procedure normali sono le procedure da seguire durante un volo, al fine di condurre il volo in modo ordinato e
sicuro.
Le Procedure di emergenza sono le procedure relative a possibili e prevedibili condizioni anomale e di emergenza, e
stabiliscono le azioni che devono essere eseguite dal pilota per cercare di risolvere il problema.
Le liste di controllo riportano la data della revisione .
Sono in carta plastificata, così colorate:
BIANCO per le operazioni normali
GIALLO per le operazioni di emergenza
ROSSO per le informazioni su segnali e significato , in caso di intercettazione.

Le liste di controllo dei velivoli dell’Aero Club Savona sono riportate nel Capitolo Modulistica Operativa
DTO AERO CLUB SAVONA – PARTE TECNICA
Documento: ……Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………………………….Parte Tecnica
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… C-3

C.5.1 Check list delle procedure normali e delle procedure anormali e di emergenza
É obbligatorio:
· Usare la Check List per eseguire i controlli,
· Non modificare la sequenza dei controlli previsti negli elenchi,
· Continuare con i controlli solo se il precedente è completato.
C.5.2 Check list delle ispezioni pre-volo rinforzate
La parte aggiuntiva per l’ispezione pre-volo rinforzata è riportata nella Check list delle procedure normali. Può essere
effettuata da piloti abilitati dalla CAMO Aero Club Savona.
C.6 LIMITAZIONI
L'impiego degli aeromobili deve essere conforme alle limitazioni descritte nel AFM o nel POH.
Durante i voli di addestramento il Responsabile dell’Addestramento può applicare limitazioni preventive superiori a
quelle stabilite dai manuali, se lo ritiene necessario, per mantenere dei margini di sicurezza adeguati durante la
simulazione di situazioni anomale o pericolose.
Fare riferimento ai AFM / POH dei singoli velivoli al Capitolo: Limitazioni.
C.7 REGISTRI TECNICI PER LA MANUTENZIONE
C.7.1 Registri di manutenzione
I registri di manutenzione sono gestiti dalla CAMO e dal Servizio di Manutenzione, che hanno la responsabilità di
assicurare in particolare che:
· Tutti i documenti che dimostrano l'aeronavigabilità dell'aeromobile siano conservati finché le
informazioni contenute siano state sostituite da nuove informazioni equivalenti.
· Tutte le modifiche e le riparazioni siano conformi ai requisiti essenziali di aeronavigabilità. Devono
essere conservati i dati comprovanti la conformità ai requisiti di aeronavigabilità.

C.7.2 Quaderno tecnico (QT)


E’ un registro per la registrazione dei dati di volo, i difetti e i malfunzionamenti rilevati durante le operazioni e i
dettagli di tutti gli interventi effettuati.
Viene anche usato per registrare le informazioni operative rilevanti per la sicurezza del volo e contiene i dati di
manutenzione che l'equipaggio operativo deve conoscere.
C.8 ISPEZIONE GIORNALIERA E PRE-VOLO RINFORZATA
Normalmente la ispezione giornaliera viene effettuata e firmata sul QT dal personale tecnico, con le seguenti
eccezioni:
a. Voli turistici
I piloti dell’Aero Club, abilitati alla pre-volo rinforzata sul velivolo, possono effettuare e firmare la ispezione
sul QT rispettando le seguenti condizioni:
i. . deve trattarsi del primo volo della giornata
ii. . il pilota deve essere responsabile del volo
b. Voli scuola
Gli istruttori dell’Aero Club di Savona, abilitati dalla CAMO, possono effettuare e firmare la ispezione sul QT
rispettando le seguenti condizioni:
(1) Deve trattarsi esclusivamente di un volo a doppio comando, i successivi possono essere anche a
solo pilota.
NOTA: Nel caso sia già stata effettuata la pre-volo rinforzata da pilota abilitato che ha effettuato il primo volo della
giornata, se il successivo è un volo scuola l’istruttore abilitato o il personale tecnico deve effettuare e firmare
l’ispezione giornaliera
DTO AERO CLUB SAVONA – PARTE TECNICA
Documento: ……Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………………………….Parte Tecnica
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..…….…….…………….… C-4

C.9 RADIO E RADIOAIUTI ALLA RADIO-NAVIGAZIONE


La tabella che segue riporta le radio e i radioaiuti alla navigazione disponibili a bordo dei velivoli dell’Aero Club Savona:
MARCHE Radio Spaziatura Radioaiuti
I-ALBL 1 VHF 8,33/25 1 VOR – 1 GTN 750 – Trasponder Mod. S – ELT 406
1 VHF 25
I-ALBN 2 VOR – 1 ADF – 1 Trasponder Mod.C - ELT 406
1 VHF 8.33
I-CCIM 2 VHF 25 * 2 VOR – 1 ADF – 1 Trasponder Mod.C – ELT 406
*velivolo non operativo alla data del 08/04/2019 per installazione radio 8.33 Mhz e interfono

L'uso delle apparecchiature di comunicazione installate sui velivoli è consentito solo al personale autorizzato, cioè
istruttori di volo, piloti e allievi piloti; personale tecnico (per le sole prove a terra).
Usi diversi delle apparecchiature radio non sono ammessi, (ad esempio comunicazioni con altri velivoli che non
riguardano le procedure di volo standard).
Prima di ogni volo è compito del pilota responsabile verificare il corretto funzionamento di tutte le apparecchiature di
trasmissione di bordo.
Se disponibile, l’uso di apparecchiature radio portatili di bordo è consentito quando l’apparecchiatura radio di bordo
non funziona.
L’uso di radioaiuti durante la navigazione aerea deve essere fatto solo dopo aver identificato il segnale Morse della
stazione.
È altresì necessario che, prima di seguire l'indicazione del radio-aiuto, il pilota responsabile verifichi che l'indicazione
sia compatibile con la posizione nota del velivolo, al fine di assicurarsi che le indicazioni della stazione radio e
dell'apparecchiatura di bordo siano corrette.

C.10 DIFETTI DIFFERITI


I velivoli dell’Aero Club Savona non possiedono una lista di equipaggiamenti minimi che stabilisca i sistemi e gli
strumenti che devono essere efficienti prima di iniziare un volo .
Ci potrebbero essere situazioni in cui è possibile volare anche se un'apparecchiatura è parzialmente o totalmente
inefficiente. In tal caso l’autorizzazione all’utilizzo deve essere richiesto alla CAMO per il differimento del difetto. La
CAMO comunica per iscritto la possibilità del differimento, che viene annotata sul QT.
E’ lasciato poi alla discrezione del Responsabile dell’Addestramento decidere se il malfunzionamento è compatibile
con il volo da eseguire ed è entro i limiti di sicurezza.
I parametri che deve considerare sono:
(1) Tipo di missione di addestramento.
(2) Condizioni meteorologiche.
(3) Tipo di volo (locale o di navigazione),

C.11 ATTREZZATURE DI EMERGENZA


Le attrezzature di emergenza disponibili a bordo dei velivoli sono:
· un estintore
· una cassetta di pronto soccorso.
Nel caso di navigazione sopra l’acqua vanno portati a bordo il battellino ed i giubbetti salvagente per tutte le persone
a bordo.
Tutte le attrezzature di salvataggio devono essere di tipo approvato.

NCO.IDE.A.135 AMC1 NCO.IDE.A.135


C.12. SISTEMA INTERFONICO PER I MEMBRI DELL’EQUIPAGGIO DI CONDOTTA
I velivoli dell’Aero Club di Savona utilizzati per i voli scuola. per i quali è richiesta la presenza dell’istruttore e
dell’allievo a bordo , sono dotati di un sistema interfonico fisso che comprenda cuffie e microfoni .
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-1

D.1 INTRODUZIONE
I termini inglesi security e safety si traducono entrambi nel vocabolo italiano “sicurezza”. Entrambi i termini si
riferiscono infatti alla salvaguardia dell'incolumità della persona, ma si differenziano nella natura della minaccia.
Security significa, infatti, salvaguardia o protezione da attacchi, aggressioni o danni a persone o beni causati
volontariamente da individui o gruppi di individui mediante azioni criminali, militari, belliche, di sabotaggio, ecc.,
Safety si riferisce alla salvaguardia e protezione da eventi o circostanze accidentali e indipendenti da precise volontà,
che hanno in se stesse un'alta potenzialità lesiva.
Anche i termini inglesi incident e accident sono traducibili, in italiano, con lo stesso sostantivo “incidente”, ma il loro
significato e diverso, in quanto incident potrebbe essere tradotto come incidente di piccola entità, mentre accident
come incidente catastrofico o con conseguenze gravi a persone, cose, o all'ambiente.
Accident prevention, traducibile letteralmente in italiano con l'espressione “prevenzione degli incidenti” si potrebbe
tradurre con “interventi atti a impedire incidenti gravi”.
Dunque sicurezza del volo (safety) e prevenzione degli incidenti (accident prevention) esprimono lo stesso significato
per finalità coincidenti.
Il volo è un’attività intrinsecamente rischiosa e soggetta a pericoli che, quando non riconosciuti e neutralizzati,
possono provocare incidenti anche fatali.
La Sicurezza Volo ha il compito di:
• Individuare i pericoli ed i rischi esaminando tutti i settori pertinenti il volo;
• Gestire i pericoli ed i rischi con opportuni provvedimenti;
• Verificare e monitorare costantemente il livello di sicurezza.
La Sicurezza Volo si prefigge di ridurre progressivamente il numero degli incidenti fino ad arrivare all’agognato
traguardo di "zero incidenti", attraverso una costante attività di prevenzione.
La Sicurezza Volo, comunque, non è un ostacolo per il volo ma un prezioso alleato che consente di svolgere la
missione entro margini di sicurezza accettabili.
Gli incidenti possono essere imputati a:
• Fattore umano;
• Fattore tecnico;
• Fattore ambientale;
• Combinazione di tali fattori.
E’ opportuno evidenziare che la maggior parte degli incidenti è imputabile al fattore umano. La prevenzione è
l’insieme di tutte le attività/comportamenti/azioni volte a neutralizzare i rischi ed i pericoli che possono provocare gli
incidenti.
La prevenzione si basa su:
• Preparazione/addestramento;
• Disposizioni/regole adeguate;
• Rispetto delle disposizioni/regole vigenti;
• Manutenzione accurata e rispetto delle scadenze manutentive;
• Rispetto dei limiti strutturali e degli inviluppi di volo;
• Rispetto dei propri limiti e capacità;
• Valutazione delle condizioni meteorologiche;
• Controllo condizioni fisiche (forma, malessere, stanchezza, assunzione alcool e droga, ecc,)
• Esame degli inconvenienti di volo.
Un inconveniente di volo è un evento, diverso dall'incidente, associato all'impiego di un aeromobile, che pregiudichi o
possa pregiudicare la sicurezza delle operazioni.

Un inconveniente "grave" è quello in cui le circostanze rivelano che è stato sfiorato l'incidente.
E’ utile conoscere un inconveniente di volo perchè:
Ø Consente di estrapolare dati sulle problematiche ricorrenti e sugli errori più comuni;
Ø E’ dettagliato in quanto raccontato direttamente dai protagonisti che possono illustrare i particolari delle
azioni e del percorso che hanno portato all'evento;
Ø Consente di intervenire con azioni/disposizioni mirate;
Tutti i piloti e tutti coloro che sono coinvolti con il volo devono segnalare gli inconvenienti di volo.
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-2

Occorre la piena collaborazione e la massima apertura a voler "raccontare" senza timore o vergogna quello che di
anomalo accade durante il volo, anche gli errori, nella consapevolezza che chiunque, per quanto preparato ed esperto
possa essere, può sbagliare e che gli errori, le dimenticanze e le errate valutazioni si ripetono e possono capitare ad
altri con conseguenze peggiori.
"Non ci sono nuove cause di incidenti ma ci sono solo nuovi incidenti".
E importante sottolineare che la Sicurezza Volo "non cerca colpevoli" ma "cerca solo di prevenire gli incidenti".
Tutto ciò che si rivela attinente alla sicurezza deve essere prontamente segnalato alle Autorità competenti.
Ogni aeromobile fuori servizio o in sosta notturna parcheggiato all’esterno deve avere tutte le porte e l’accesso al
bagagliaio chiusi a chiave.
L’accesso agli a/m di persone non autorizzate deve essere impedito.

ORO.GEN.200(a)(2)
D.2 POLITICA DELLA SICUREZZA E OBIETTIVI
Tramite la politica di sicurezza, l’Aero Club di Savona afferma la sua intenzione di mantenere e, ove possibile,
migliorare i livelli di sicurezza in tutte le sue attività e di ridurre al minimo il rischio di un incidente aereo, per quanto
ragionevolmente possibile.
La politica di sicurezza:
· riflette gli impegni organizzativi in materia di sicurezza e la gestione proattiva;
· è resa nota a tutti i soci del Club con una comunicazione di impegno esposta nelle sede del Club;
· include i principi di riporto delle anomalie e malfunzionamenti che incidono sulla sicurezza dei voli.
La politica di sicurezza comprende un impegno a:
· migliorare verso i più elevati standard di sicurezza;
· rispettare tutte le normative applicabili, soddisfare tutti gli standard applicabili e prendere in considerazione
le migliori pratiche;
· fornire risorse adeguate;
· far rispettare la sicurezza come una responsabilità primaria dei responsabili delle attività del club; e
· non dare la colpa a qualcuno per la segnalazione di qualcosa che non sarebbe stato altrimenti rilevato.

Oltre a questi obiettivi generali sanciti nella politica di sicurezza, i dettagli per il raggiungimento di un elevato grado di
sicurezza sono affrontati dal monitoraggio delle attività da parte del personale che ha compiti di responsabilità.
Il Responsabile della DTO dovrà:
· promuovere continuamente la politica di sicurezza a tutto il personale e dimostrare il suo impegno ad esso;
· fornire le risorse finanziarie ed umane necessarie per la sua attuazione;
· stabilire obiettivi di sicurezza e standard di performance.
ORO.GEN.200(a)(1)
D.3 IMPEGNO DEL RESPONSABILE DELLA DTO
Per prevenire gli incidenti ed eliminare danni e lesioni, mi impegno ad attuare un sistema di gestione della
sicurezza secondo il presente manuale.
La sicurezza è un valore all'interno dell'organizzazione e chiedo a tutti di rispettare questa politica. Per
raggiungere questo obiettivo, è indispensabile avere segnalazione di tutti gli incidenti, eventi, pericoli, rischi e
altre informazioni che possono compromettere la sicurezza a condurre le nostre operazioni.
A tal fine invito ed incoraggio tutti a segnalare eventuali pericoli significativi o preoccupazione per la sicurezza.
L’attività di segnalazione avviene in assenza di qualsiasi forma di ritorsione. Lo scopo principale di segnalazione è
il controllo del rischio e della prevenzione degli incidenti, non attribuzione di colpa.
Non verrà intrapresa alcuna azione contro chi rivela una preoccupazione per la sicurezza attraverso il sistema di
segnalazione, a meno che tale divulgazione rivela, al di là di ogni ragionevole dubbio, un atto illegale,
negligenza o un non rispetto intenzionale di regolamenti o procedure.
Il nostro metodo per la raccolta, la registrazione e la diffusione di informazioni di sicurezza garantisce la
protezione nei limiti consentiti dalla legge, l'identità di coloro che forniscono informazioni utili per la sicurezza.
La Sicurezza è l’attività principale dell’Aero Club Savona. Il mio impegno è volto a sviluppare , implementare,
aggiornare le strategie ed i processi atti ad assicurare che tutte le attività di volo e non si svolgano in sicurezza ,
con le risorse umane e finanziare idonee e sufficienti ad ottenere un elevato livello di performance della sicurezza
seguendo le regolamentazioni vigenti, offrendo allo stesso tempo i nostri servizi.
Il mio impegno è quello di:
Sostenere la gestione della sicurezza attraverso la fornitura di tutte le risorse adeguate,
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-3

Incoraggiare le segnalazioni di sicurezza e di comunicazione;


Applicare la gestione della sicurezza come responsabilità primaria di tutti i responsabili, dipendenti, collaboratori,
soci piloti ed allievi piloti;
Definire chiaramente per tutto il personale, dirigenti e dipendenti, le loro responsabilità e le responsabilità per la
fornitura dei servizi e prestazioni offerte dall’organizzazione;
Istituire e gestire un processo di identificazione e di gestione dei rischi, che includa anche un sistema di
segnalazione che possa eliminare o mitigare possibile conseguenze dei rischi derivanti dalle nostre operazioni o
attività ad un punto che sia il più basso ragionevolmente possibile;
Assicurare che non ci siano azioni sanzionatorie nei confronti dei soci che rendono noto attraverso il sistema di
segnalazione , qualsiasi problematica attinente alla sicurezza, a meno che , non risulti evidente, al di la di ogni
ragionevole dubbio, l’esistenza di una negligenza od una inottemperanza ai regolamenti vigenti ed alle
procedure proprie dell’Aero club di Savona;
Rispettare e, per quanto possibile superare, i requisiti legislativi e normativi;
Garantire che le risorse umane siano sufficienti, qualificati e disponibili per implementare le strategie di sicurezza
e dei processi;
Stabilire e commisurare le prestazioni di sicurezza dell’Aeroclub con indicatori strettamente connessi alla realtà
dell’organizzazione;
Migliorare continuamente le prestazioni di sicurezza attraverso processi, monitoraggi regolarmente condotti e
adeguamento degli obbiettivi;
Assicurare che sistemi e servizi forniti da esterni per supportare le nostre attività sono adeguati agli standard di
sicurezza dell’Aeroclub di Savona.

Aeroporto Albenga 01 Aprile 2019 Giovanni MONTICELLI

D.4 ASSEGNAZIONE DEI COMPITI E DELLE RESPONSABILITA’


L’ assegnazione dei compiti e delle responsabilità al personale della DTO, relativamente alla Politica della Sicurezza, è
specificata nei seguenti paragrafi.
Responsabile DTO
COMITATO PER LA SICUREZZA
Giovanni MONTICELLI
Giovanni MONTICELLI ( Presidente )
Delegato per la sicurezza
Ing.M.PIZZAMIGLIO Ing. Maurizio PIZZAMIGLIO
Ing. Andrea JERI
Cesare PATRONO
Antonello RUSSO
Rappresente Piloti
Rappresentante Allievi

D.5 RESPONSABILE DTO


Con riferimento alla politica di Sicurezza il Rappresentante della DTO ha la responsabilità per la sicurezza in Aero
Club.
Egli :
· Fornisce all’Autorità evidenza di disponibilità di fondi per il raggiungimento degli standards;
· Approva, in virtù dei poteri conferitegli, gli investimenti e le azioni necessarie per mantenere ed
implementare adeguatamente gli standards qualitativi;
· Appoggia la politica di sicurezza (tra cui una dichiarazione sulla protezione dei dati relativi a chi effettua
una segnalazione di pericolo);
· Definisce le politiche e gli obbiettivi dell’organizzazione finalizzate all’efficienza, alla sicurezza ed al
monitoraggio delle operazioni;
· Fornisce le risorse umane e materiali necessari per il funzionamento della DTO e il raggiungimento degli
obiettivi di sicurezza;
· Nomina il Responsabile dell’addestramento, il delegato alla Sicurezza e fornisce agli stessi le risorse
necessarie affinchè le politiche definite siano adeguatamente applicate;
· Nomina e presiede il Comitato per la Sicurezza.
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-4

AMC1 ORO.GEN.200(a)(1)(a)
D.6 DELEGATO PER LA SICUREZZA
Il delegato per la sicurezza agisce , a nome del Responsabile della DTO, come punto focale ed è responsabile dello
sviluppo, gestione e manutenzione di un efficace politica per la sicurezza.
Le sue funzioni sono :
• identificare i pericoli e analizzare i rischi ;
• monitorare l'attuazione delle azioni intraprese per mitigare i rischi individuati;
• identificare le azioni necessarie per ridurre o eliminare eventuali rischi;
• garantire la gestione della documentazione, in particolare istituire un registro per la raccolta delle
segnalazioni e un registro per le riunioni del Comitato di sicurezza;
• assicurare che la gestione della sicurezza sia in linea con i regolamenti ed i requisiti dell’Autorità;
• promuovere la cultura della Sicurezza e fornire consultazioni interne sulla sicurezza, organizzando
seminari periodici di aggiornamento interno all’Aero Club;
• iniziare e seguire investigazioni ( interne) su incidenti e inconvenienti;
· Partecipare, unitamente al Responsabile della DTO e dell’Addestramento, al monitoraggio della
conformità
GM2 ORO.GEN.200(a)(1)
D.7 COMITATO PER LA SICUREZZA
E’ un comitato che considera le questioni inerenti alla Sicurezza, a sostegno del Responsabile della DTO.
Al Comitato possono partecipare anche terze persone ( previa approvazione del Presidente) nel caso fossero in
discussione eventi straordinari. Si riunisce ordinariamente in concomitanza con la presentazione della relazione
annuale all’ENAC, tuttavia i vari componenti ne possono chiedere di straordinari.
Ha la funzione di :
· stabilire le direttive operative sulla base delle informazioni pervenute dal delegato alla sicurezza , del
responsabile dell’addestramento e del servizio di manutenzione dei velivoli
· analizzare i pericoli, identificarne i rischi associati, stabilire le direttive per mitigarne le conseguenze ed
eventualmente eliminarli. Eventuali rischi residui dovranno essere accettati dal Responsabile della DTO.
Tutte le riunioni del Comitato per la sicurezza vengono verbalizzate dal responsabile della sicurezza su apposito
registro .
D.8 SEGNALAZIONI DI SICUREZZA
I rischi possono essere gestiti solo se si conoscono: questo è lo scopo delle segnalazioni di sicurezza, che sono
necessarie per identificare ogni condizione che può influenzare la sicurezza delle operazioni.
Segnalazioni spontanee ( anche anonime ) di eventi che possono influenzare la sicurezza sono incoraggiate dallo
impegno del Responsabile della DTO.
Tutti i soci dell’Aero Club piloti, allievi piloti, personale tecnico della manutenzione e personale responsabile devono
partecipare attivamente a questo sistema di segnalazioni spontanee.
Il Responsabile della DTO stabilisce una politica di “ NO-COLPA” affinchè tutti i soci dell’Aero Club siano incoraggiati a
questa tipologia di segnalazione. Il tutto si rende necessario affinchè vengano messe in evidenza situazioni di non
sicurezza, permettendo di investigarne le cause senza incolpare nessuno.
Il modello per la segnalazione è indirizzato al Delegato per la sicurezza , come da modello riportato nella parte
Manualistica Operativa pag. MO 20 di questo manuale ; devono essere riportati errori propri o eventi che si ritiene
avere riflessi sulla sicurezza.
Tutti I reports ricevuti dal Delegato alla Sicurezza sono catalogati e classificati in apposito registro..
Il Delegato per la sicurezza ha l’obbligo di dare una risposta a chi ha effettuato una segnalazione; analizzerà tutte le
segnalazioni inerenti la sicurezza e renderà noti i risultati delle analisi e mettere in atto azioni correttive, coinvolgendo
se necessario il Comitato per la Sicurezza.
ORO.GEN.200(a)(3) - GM2 ORO.GEN.200(a)(3)(e)(5)
D.9 IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI
Il processo di identificazione degli hazard è il mezzo di raccolta, registrazione, analisi dei pericoli che riguardano la
sicurezza delle attività operative dell'Aero Club .
È necessario effettuare una attività di identificazione iniziale dei pericoli sulle operazioni attuali per creare una base di
riferimento per l'organizzazione e le sue attività, che dovrà poi essere continuamente rivista e aggiornata , ogni volta
ci sia una variazione nell’organizzazione o ci sia consapevolezza di un nuovo rischio.
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-5

I pericoli provengono da fonti diverse, tra cui:


· naturale e ambientale: clima, vento , ceneri vulcaniche;
· economico: concorrenza, pressione di produzione, pressione dei costi, etc.
· condizioni non sicure: uso di documentazione non aggiornate, risorse scarse.
· atti non sicuri: errori, violazioni, negligenza, sabotaggio,
· fisiologici: malattie, ipossia, illusioni percettive, affaticamento, privazione del sonno, farmaci, alcool,
intossicazione, problemi di digestione, ecc
· tecnologico: progettazione o manutenzione , materiali pericolosi, inquinamento, esplosioni, ecc
· Missioni operative : ostacoli, siti di atterraggio impegnativo (campi corti, in erba, privi di assistenza ATS).
Di seguito una lista di esempi di potenziali pericoli:
N.o AREA POSSIBILE RISCHIO DA :
- Rapida crescita
- Recessione o difficoltà finanziarie
- Impegno limitato o mancanza di gestione
Organizzazione
- La gestione non dimostra supporto alle attività
1
- Limitata o mancanza di disponibilità di risorse o di pianificazione tra cui il personale
Gestione
- Mancanza o politica di segnalazione inefficace
- Elevato rapporto fra studenti ed istruttori
- Ampio uso di istruttori part-time
- Accordi contrattuali non chiaramente specificati
2 Attività sotto contratto - Contratti stipulati non approvati
- Mutamento imprevedibile di fornitore
- Rapporti di dipendenza non chiari
- Non previste le modalità di sostituzione in caso di assenza programmata o non pianificata
- Assenza di programma per la formazione periodica
- Elevato tasso di cambiamento del personale
3 Requisiti del personale
- Frequenti cambi di istruttore durante l’addestramento
- Mancanza o incompleta descrizione degli obblighi
- Mancanza, non corretto o incompleto, di controllo dei certificati necessari del personale ( licenze,
abilitazioni, certificati medici)
- Locali officina e laboratori esposti al alto livello di rumore ,distrazioni, etc.
Requisiti dei locali e
4 - Stessi locali utilizzati per la pianificazione dei voli e l'istruzione teorica
equipaggiamenti
- Modifiche, aggiornamenti o nuove attrezzature
5 Tenuta dei registri - Conforme alle disposizioni
- Mancanza di procedure operative o manuali inesatti o incompleti.
- Complicata procedura di aggiornamento dei documenti
6 Processi e procedure
- Esistenza di procedure informali
- Difficoltà di accesso alle procedure
- Frequenti cambi
Approvazione dei corsi di
7 - Ampia gamma di corsi approvati per la formazione
formazione
- Supervisione inadeguata
- Molteplici incarichi (carico di lavoro e stress )
- Fatica degli istruttori
8 Fattore umano - Abuso di alcol e sostanze medicinali
- Compiacimento
- Stress di natura psicologica e sociale ( finanziari, nascita di un figlio, divorzio, etc)
RISCHI DA OPERAZIONI DI VOLO
- Mancanza o scarsa verifica dell'aeronavigabilità
- Mancanza o scarsa verifica degli equipaggiamenti e strumenti
1 Preparazione al volo
- Mancanza , incorretta o incompleta pianificazione del volo
- Scarsa conoscenza delle procedure di rifornimento
- Stivaggio non corretto dei bagagli a mano
2 Peso e centraggio del velivolo
- Calcolo non corretto del peso e bilanciamento
- Uso di documenti non aggiornati
- Assenza a bordo del manuale d’impiego del velivolo e carte
- Incorrette esecuzioni di manovre in tutte le fasi del volo ( es. stalli, recupero dalla vite incipiente,
3 Operazioni in volo etc) compreso il rullaggio ed il parcheggio
- Procedure inadeguate e complicate
- Equipaggiamenti e strumenti necessari per il volo non disponibili
- Comunicazioni con ATC errate o incomplete
- Uso di aeroporto con grande volume di traffico con sistema di rullaggio e parcheggio complesso
4 Aeroporti
- Uso di aeroporti o siti non controllati, in erba o campi corti
- Uso di procedure per il rifornimento non chiare
5 Rifornimenti
- Imbarco di carburante non idoneo
6 Parcheggio - Mancanza di conoscenze per il parcheggio velivoli
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-6

Il processo di identificazione dei pericoli può essere reattivo e proattivo.


L'approccio reattivo è basato sull’analisi di incidenti o pericoli già accaduti o segnalati e consiste in cercare di capire
perché è accaduto ; si riassume nella seguente domanda : Cosa è accaduto e perché?
L'approccio proattivo è costituito da una attenta analisi per identificare i pericoli , per valutare i rischi, per ridurre i
rischi prima che si trasformino in un incidente o inconveniente; si riassume nella seguente domanda : Cosa potrebbe
accadere e perché?
GM2 ORO.GEN.200(a)(3)(e)(6)
D.10 PROBABILITA’ DEI RISCHI
Il rischio è anche valutato in termini di probabilità (qual è la probabilità che l’evento si verifichi?). Al fine di valutare la
probabilità occorre tener conto delle misure di mitigazione che sono attualmente in atto.
Per determinare la probabilità è di aiuto porsi le seguenti domande:
· Vi sono casi di eventi simili a quello in esame accaduti nel passato (sia nella propria che in altre organizzazioni
conosciute), o si tratta di un evento isolato?
· Quali altri aeromobili, equipaggiamenti o componenti dello stesso tipo potrebbero avere difetti simili?
· Quante persone sono coinvolte e quanto frequente è l'attività?
· Quali sono le misure attualmente in atto per prevenire il verificarsi dell’evento e qual è la loro efficacia?
Nella tabella che segue è riportato un esempio di classificazione dei livelli di probabilità dell’evento a ciascuno dei
quali è attribuito un valore identificativo.
DEFINIZIONE QUALITATIVA * SIGNIFICATO VALORE
Frequente Probabile che si verifichi molte volte 5
Occasionale Probabile che capiti qualche volta 4
Remota Improbabile, ma può possibilmente accadere 3
Improbabile Molto improbabile che l’evento si verifichi 2
Estremamente improbabile Quasi inconcepibile che l’evento si verifichi 1
(*) la probabilità di un evento in termini quantitativi viene generalmente definita da un valore numerico (numero
eventi accaduti) rapportato ad una base di riferimento (es. numero voli o ore di volo, cicli di funzionamento, tempo
calendariale).

D.11 SEVERITA’ DEI RISCHI GM2 ORO.GEN.200(a)(3)(e)(7)


Il rischio è valutato in termini di severità (se l’evento si verifica, quale sarà la conseguenza peggiore?). E’ necessario
valutare la severità nei termini del peggiore scenario realisticamente possibile e tener conto delle misure di
mitigazione attualmente in atto.
L’Aeroclub di Savona adotta l'approccio proattivo che consiste in analizzare la condotta delle operazioni per
identificare potenziali pericoli e valutare i rischi associati allo scopo di individuare i fattori di rischio prima che avvenga
un incidente o inconveniente.
Questo approccio fa scattare le seguenti domande:
1. Quali infortuni potrebbero accadere e perché?
2. Per quali motivi ciò potrebbe accadere?
3. Ci sentiamo abbastanza protetti? Quali azioni dovremmo prendere al fine di evitare che si verifichino danni alle
persone, agli aeromobili, alla proprietà altrui o di danno finanziario all’Aeroclub?
4. Qual’è il probabile impatto ambientale?
Nella tabella che segue è riportato la classificazione dei livelli di severità delle conseguenze dell’evento, a ciascuno dei
quali è attribuito un valore identificativo.
DEFINIZIONE SIGNIFICATO VALORE
Catastrofico Aeromobile/ equipaggiamento distrutto . Diversi decessi A
Forte riduzione dei margini di sicurezza, malessere fisico o carico di lavoro tale che
Pericolosa l’organizzazione non può svolgere i propri compiti con precisione e completezza. Lesioni gravi B
o decesso per un certo numero di persone. Danno maggiore all’equipaggiamento
Una significativa riduzione dei margini di sicurezza, una riduzione nella capacità della
organizzazione di far fronte alle avverse condizioni operative a causa di un aumento del carico
Maggiore C
di lavoro o come risultato di condizioni che possono compromettere la loro efficienza.
Inconveniente grave. Lesioni alle persone.
Minore Fastidio. Limitazioni operative. Uso di procedure di emergenza. Inconveniente minore D
Trascurabile Conseguenze minime E
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-7

D.12 TOLLERABILITA’ DEI RISCHI GM2 ORO.GEN.200(a)(3)(e)(9)


Una volta definite la severità e la probabilità, il rischio può essere valutato attraverso l’uso di una matrice di
valutazione. Una matrice di valutazione del rischio è riportata nella tabella che segue.

Severità delle conseguenze


Catastrofica Azzardosa Maggiore Minore Trascurabile
A B C D E
Frequente 5 5A 5B 5C 5D 5E
dell’evento
Probabilità

Occasionale 4 4A 4B 4C 4D 4E
Remota 3 3A 3B 3C 3D 3E
Improbale 2 2A 2B 2C 2D 2E
Estremamente Improbabile 1 1A 1B 1C 1D 1E

L’indice alfanumerico (1A, 2A, ecc.) ottenuto dalla tabella di valutazione del rischio deve essere quindi esportato in
una matrice di tollerabilità che individua i criteri di tollerabilità per la tipologia di organizzazione. Una matrice di
tollerabilità del rischio è riportata nella tabella che segue.

Indice di
Tollerabilità valutazione del Criterio di accettabilità del rischio
rischio
Inaccettabile nelle circostanze esistenti. La probalità e/o la severità delle conseguenze
5A , 5B ,5C è intollerabile. Le operazioni e/o attività non possono essere intraprese o proseguite
NON TOLLERABILE
4A ,4B ,3A senza interventi di mitigazione che riducano il rischio ( in termini di probabilità e
severità) nella zona gialla o verde.
Accettabile in ragione della mitigazione del rischio. Devono essere ricercate misure per
5D,5E,4C,4D
mitigare il rischio al livello ragionevolmente più basso ( ALARP). L’accettabilità del rischio
TOLLERABILE 4E,3B,3C,3D
residuale dopo la mitigazione deve può richiedere l’intervento decisionale
2A,2B,2C,1A
dell’Accountable Manager.
Accettabile. La conseguenza è così improbabile o non abbastanza grave da essere così
3E,2D,2E,1B preoccupante: il rischio è accettabile. Tuttavia, è consigliabile la riduzione ulteriore del
ACCETTABILE
1C, 1D, 1E rischio al livello ragionevolmente più basso praticabile, al fine di minimizzare il rischio di
un incidente o inconveniente.

Livello di rischio non tollerabile (zona rossa nella matrice): il rischio è troppo alto per continuare le operazioni e le
attività.
Azione richiesta: Proibire / sospendere l'operazione. Il funzionamento può essere ripreso solo quando livello di rischio
viene restituito alla tollerabile o accettabile.
I livelli di gestione che hanno l'autorità di prendere decisioni per quanto riguarda la tollerabilità del rischio:
· Per la validazione della valutazione dei rischi: Le ipotesi fatte per la determinazione del livello di rischio e la
sua tollerabilità devono essere convalidate dal Responsabile della DTO..
· Per l'autorizzazione delle operazioni: non applicabile, le operazioni non possono essere autorizzate.

Livello di rischio tollerabile (zona gialla nella matrice): il livello di rischio può essere tollerato per l'operazione, a
condizione che adeguate misure di mitigazione sono in atto.
Azione richiesta: introdurre appropriate misure di mitigazione .
I livelli di gestione che hanno l'autorità di prendere decisioni per quanto riguarda la tollerabilità del rischio:
· Per la validazione della valutazione dei rischi: le ipotesi formulate per la determinazione del livello di rischio e
la sua tollerabilità devono essere convalidate dal Delegato alla Sicurezza.
· Per l'autorizzazione delle operazioni: solo il Responsabile della DTO ha l'autorità per autorizzare operazioni a
questo livello di rischio.
Livello di rischio accettabile (zona verde nella matrice ): il rischio è tollerabile e può essere accettato per l'operazione.
Azione richiesta: Monitoraggio. Il rischio è considerato sufficientemente controllato e non sono necessarie ulteriori
misure di riduzione dei rischi. Tuttavia, in linea con il concetto ALARP (Aa Low As Reasonably Practicable = Livello più
basso ragionevolmente possibile) , possono ancora essere intraprese azioni per ridurre ulteriormente il livello di
rischio, se possibile e ragionevole.
I livelli di gestione che hanno l'autorità di prendere decisioni per quanto riguarda la tollerabilità del rischio:
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-8

· per la validazione di valutazione dei rischi: le ipotesi formulate per la determinazione del livello di rischio e la
sua tollerabilità devono essere convalidate dal Responsabile della DTO
· per l'autorizzazione delle operazioni: non è necessaria alcuna autorizzazione speciale, è compresa nel
regolare controllo operativo delle attività.
D.13 MITIGAZIONE DEI RISCHI
È necessario che i rischi siano gestiti al livello più basso ragionevolmente possibile.
Il livello di rischio deve risultare equilibrato in rapporto al tempo, al costo e alle difficoltà di prendere provvedimenti
per ridurre o eliminare il rischio.
Esso può essere mitigato:
· riducendo la severità delle conseguenze potenziali,
· riducendo la probabilità o la frequenza del suo verificarsi, o
· riducendo l'esposizione al rischio.
L’azione correttiva deve tenere conto delle eventuali difese esistenti e della loro incapacità di raggiungere un livello di
rischio accettabile. Essa sarà inoltre oggetto di ulteriori valutazioni, al fine di determinare se il rischio è ora accettabile
e verificare che nessun altro rischio sia stato introdotto nelle attività operative.
Le mitigazioni dei rischi saranno monitorate al fine di assicurarsi della loro efficacia nel tempo.
In generale le strategie di mitigazione rientrano nelle tre seguenti categorie:
· Eliminazione: l'operazione o l'attività viene annullata o evitata perché il rischio sulla sicurezza supera i
vantaggi ottenuti continuando l'attività, eliminando così il rischio del tutto.
· Riduzione: la frequenza delle operazioni o attività viene ridotta o si interviene per ridurre l'entità delle
conseguenze del rischio (ad es. limitare le operazioni soltanto ai voli in condizioni meteorologiche senza
vento ).
· Segregazione: l'azione viene intrapresa per isolare gli effetti delle conseguenze del rischio o aumentare la
ridondanza per proteggersi contro essi (es. limitare le operazioni agli aeromobili equipaggiati di
equipaggiamenti addizionali).
Gli effetti della mitigazione dei rischi sono valutati rispetto a:
· Funzionalità: La misura influenza la capacità di svolgere l'attività?
· Robustezza: Sarà la misura sia efficace in condizioni variabili e nel corso del tempo?
· Eventuali altri effetti, come l'introduzione di nuovi rischi.
Nell'individuare le misure di controllo del rischio devono essere identificati tutti i nuovi rischi che possono derivare
dalla attuazione di tali misure.
Il rischio è ri-valutato considerando gli effetti delle mitigazioni del rischio, come di seguito:

ALARP= as low as reasonably practicable (ALARP)- Livello più basso ragionevolmente possibile

D.14 REGISTRAZIONI ORO.GEN.220(b)


È necessario che tutti gli hazard individuati che potrebbero avere impatto sulla sicurezza, come pure le valutazioni dei
relativi rischi e le successive azioni che ne seguono siano documentati in modo chiaro.
L’Aero Club di Savona per documentare gli hazard ha istituito un registro tenuto dal Delegato alla Sicurezza.
II registro contiene tutti gli hazard identificati, i relativi rischi, i risultati della valutazione di ciascun rischio tenendo
conto delle eventuali misure mitigazione in vigore, le ulteriori misure di mitigazione del rischio e, se necessario una
nuova valutazione del rischio una volta che le misure di mitigazione sono state attuate, per verificare se tali misure
hanno ottenuto il risultato desiderato.
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-9

Il Delegato alla sicurezza terrà anche il controllo della seguente documentazione:


REGISTRO PERSONALE INCARICATO FORMA PERIODO
Verbali comitato di sicurezza Pizzamiglio Cartaceo Permanente
Registro lezioni sicurezza Patrono Cartaceo 5 anni
Raccolta segnalazioni Pizzamiglio Cartaceo 5 anni
Raccolta comunicazioni Pizzamiglio Cartaceo 5 anni

D. 15 MISURA DELLE PRESTAZIONI DI SICUREZZA


Per gestire la sicurezza in termini di performance dell’organizzazione, è necessario poterli misurare attraverso
indicatori in modo da verificare gli obbiettivi raggiunti.
L’Aero Club di Savona per il calcolo degli indicatori di sicurezza ha elaborato un sistema diagnostico personalizzato :
“ Aerodiagnostica per la sicurezza”.
D.16 GESTIONE DEL CAMBIAMENTO ORO.GEN.200(a)(3)(e) and AMC2 ORO.GEN.200(a)(5) (b)(11)
Le attività di una organizzazione sono dinamiche e possono essere soggette a frequenti modifiche.
E’ pertanto necessario implementare un processo di identificazione dei potenziali pericoli e valutazione dell’impatto
sulla sicurezza degli eventuali cambiamenti significativi apportati
I cambiamenti della gestione includono:
· introduzione di nuove attrezzature o equipaggiamenti;
· introduzione di nuovi corsi;
· modifiche nelle operazioni;
· introduzione di nuovi aeromobili ;
· introduzione di nuovi servizi sotto contratto;
· adozione di nuove procedure;
· variazione nelle posizioni chiave del personale;
· Variazioni di attrezzature e condizioni di esercizio;
Ogni cambiamento deve essere:
· approvato dal livello di direzione ed in ultimo dal Responsabile della DTO.
· pubblicizzato all’interno dell’Organizzazione e fatti conoscere a tutto il personale interessato

D.17 GESTIONE DEGLI INCONVENIENTI


Gli inconvenienti si verificano inevitabilmente e possono fornire una preziosa opportunità di apprendimento per
l'organizzazione.
Il livello di approfondimento sarà in funzione della gravità dell’inconveniente o incidente.
Sulla base delle segnalazioni e dei riporti Il re delegato alla sicurezza effettuerà una indagine e produrrà un documento
che riporta i risultati della investigazione.
Il Comitato della sicurezza analizzerà i risultati di tutte le indagini sugli inconvenienti e incidenti e metterà in atto i
miglioramenti ritenuti necessari.
Tutto questo si svolgerà con riunioni programmate e se del caso saranno effettuati meeting straordinari.
I risultati saranno anche oggetto di divulgazione all’interno dell’Aeroclub.

ORO.GEN.200(a)(4)
D.18 ADDESTRAMENTO
Tutto il personale deve avere la necessaria competenza per lo svolgimento delle funzioni e responsabilità inerenti la
sicurezza che gli sono state affidate.
Il programma di addestramento prevede la politica di sicurezza, le procedure di segnalazione , responsabilità sulla
sicurezza mediante addestramento in classe a cura del Delegato alla Sicurezza.
Almeno ogni anno il Delegato alla sicurezza terrà almeno 4 corsi di aggiornamento sulla sicurezza, evidenziando le
modifiche ai regolamenti e riassumerà gli eventi analizzati e quanto verificato in termini di sicurezza.
La partecipazione ai corsi di addestramento è certificata su un apposito registro.
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-10

D. 19 PIANO DI EMERGENZA ( ERP) AMC1 ORO.GEN 200(a)(1);(2);(3)(5) (f) and AMC 1 ORO.GEN.200(a)(3) (g)
D.19.1 Introduzione
Questo piano di emergenza è sviluppato e progettato per aiutare l'organizzazione a rispondere ad eventi quali
incidenti, incidenti gravi o qualsiasi altro evento anomalo, innescando una crisi.
Le fasi che devono essere attuate sono stabilite in modo da evitare potenziale confusione che potrebbe risultare
quando è in atto una situazione di emergenza.
Sono individuate le responsabilità all'interno dell’ organizzazione al fine di informare l’autorità incaricata di qualsiasi
indagine e fornire assistenza ai servizi di emergenza oltre a rispondere alle esigenze della famiglia dell'equipaggio o
passeggeri.
Lo scopo di questo piano di emergenza è quello di:
· Evidenziare le politiche e le procedure da attuare in caso di crisi,
· Offrire una guida ai membri del team di gestione della crisi nello svolgimento delle loro responsabilità
· Comunicare le informazioni utili ai dipendenti dell'organizzazione e pubblica opinione.

Il piano ERP è stato progettato per coprire le situazioni di crisi, che non possono specificatamente o esattamente
definibili.
E’ presentato un quadro organizzativo delle azioni e delle politiche necessarie da attuare; tuttavia, è improbabile che
una situazione di emergenza effettiva possa essere adattata ad un quadro preciso. Adattabilità e flessibilità sono
necessarie nella gestione di tali eventi.
Per poter gestire in modo ottimale una crisi tutto il personale deve avere ben chiaro le istruzioni necessarie per la
gestione della crisi.
Le fasi sono:
a. Identificazione dell’evento
b. Lanciare l’allarme
c. Gestire l’evento
d. Ritorno alle normali operazioni

D.19.2 Eventi che possono attivare il piano di emergenza


I seguenti eventi possono provocare una situazione di crisi e di attivare il piano di emergenza:

D.19.2.1 allarme bomba, sabotaggio, terrorismo, sciopero, blocco degli accessi .


Questi tipi di eventi richiedono un immediato allarme alle forze dell’ordine CC,PS, Prefettura di Savona.
La responsabilità di allertamento e trasmissione delle comunicazioni relative all’evento, trattandosi di
area all’interno del sedime aeroportuale, compete alla Società AVA che provvede secondo le proprie
procedure.
Il personale presente in Aero Club che per primo ha conoscenza dell’evento allerta come segue:

Personale presente in Aero Club

AVA - Aeroporto Albenga Responsabile DTO


Delegato alla sicurezza

Allertamento secondo proprie


procedure
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-11

D.19.2.2 incendio, esplosione, inquinamento, terremoto con crolli, inondazioni


Questi tipi di eventi richiedono un immediato allarme ai servizi di emergenza : Vigili del fuoco e Soccorso
sanitario, Forze dell’ordine.
La responsabilità di allertamento e trasmissione delle comunicazioni relative all’evento, trattandosi di
area all’interno del sedime aeroportuale , compete alla Società AVA che provvede secondo le proprie
procedure.

Il responsabile della DTO ( o in caso di assenza un Responsabile di area ) provvede se del caso ad allertare ulteriori
forze interne necessarie in supporto per risolvere la crisi.

Personale presente in Aeroclub

AVA - Aeroporto Albenga Delegato alla sicurezza


Responsabile DTO
Resp.le addestramento
Resp.le manutenzione
Allertamento secondo Segreteria
proprie procedure Personale e soci Aeroclub in
supporto

D.19.2.3 Incidente / inconveniente grave a velivolo dell’Aero Club all’interno o nelle prossimità dell’Aeroporto:
Questi tipi di eventi sono gestiti dall’AVA, Società di Gestione dell’Aeroporto di Albenga, secondo le norme e le
procedure dell’ “ Ordinanza della Direzione Circoscrizione Aeroportuale di Genova “.
(1) . Diffusione dell’evento
Il personale dell’Aero Club che ha ricevuto la segnalazione da AVA, provvede a:
· allertare tutto il personale responsabile dell’Aeroclub
· registrare sull’apposito modello riportato alla pagina 7 ogni telefonata sia in ingresso che in uscita

Il Responsabile della DTO ( o in caso di assenza un Responsabile di area) provvede ad informare :


· ANSV ( entro 60 minuti dall’accaduto come da modello riportato alla pagina D-14) ,
· ENAC – Direzione Aeroporto Nord Ovest – Genova
· ENAC Ufficio Operazioni di Torino
· Aeroclub d’Italia
a mezzo telefono e con posta certificata ( vedasi elenco riportato alla D-13 – Recapiti di Enti)

A.V.A
Allertamento e
comunicazioni secondo
proprie procedure Personale presente in
Aeroclub Delegato alla Sicurezza
Responsabile DTO Resp.le Manutenzione
Resp.le Addestramento
Comunicazioni a:
Segreteria
- ANSV - ENAC DA Genova - ENAC Operazioni TORINO
- AeCI
Rapporti con media

Si rammenta che secondo le norme vigenti fino all’arrivo degli investigatori ANSV, nessuno può modificare lo stato del
luogo dell’incidente, prelevare da esso campioni , intraprendere movimenti o effettuare campionamenti
dell’aeromobile, del suo contenuto o del suo relitto, spostarlo o rimuoverlo, a meno che ciò non si renda necessario
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-12

per ragioni di sicurezza o per assistere persone ferite o previa autorizzazione esplicita delle autorità responsabili del
sito e, ove possibile , in consultazione con l’autorità investigativa per la sicurezza ( ANSV ) .
D.19.2.4 Incidente/ inconveniente grave a velivolo dell’Aero Club in area diversa da Aeroporto Albenga ( o nelle
prossimità ) :
Questi tipi di eventi sono gestiti dall’ Aero Club non appena riceve notizia di un incidente ad un proprio velivolo in
operazioni di volo .
Il personale dell’Aero Club che ha ricevuto la segnalazione provvede a raccogliere i seguenti dati dopo aver stabilito,
se possibile ,l’autenticità della informazione:
§ Data e ora della chiamata e chi la fa
§ Nome località ove è avvenuto l’incidente
§ Raccogliere più informazioni possibili sulla dinamica dell’evento, in particolare stato
delle persone coinvolte e del velivolo
1. Diffusione dell’evento
Il personale dell’Aero Club che ha ricevuto la segnalazione , provvede a:
- allertare tutto il personale responsabile dell’Aero Club
- registrare sull’apposito modello, riportato alla D-15 , ogni telefonata sia in ingresso che in uscita
Il Responsabile della DTO ( o in caso di assenza un Responsabile di area ) provvede ad informare :
- ANSV ( entro 60 minuti dall’accaduto come da modello riportato alla pagina D-14) ,
- ENAC – Direzione Aeroporto Nord Ovest – Genova
- ENAC - Ufficio Operazioni di Torino
- Aeroclub d’Italia
a mezzo telefono e con posta certificata ( vedasi elenco riportato allaD-13 , Recapiti di ENTI)

Personale presente in Aero Club


Responsabile DTO
Delegato alla Sicurezza
Resp.le Manutenzione
Comunicazioni a: Resp.le Addestramento
- ANSV - ENAC DA Genova - ENAC Operazioni TORINO Segreteria
- AeCI
Rapporti con media

D.19.3 RAPPORTI CON I MEDIA e FAMIGLIE COINVOLTE


Ad eccezione del Responsabile della DTO ( o delegato alla Sicurezza, in caso di assenza) nessuno è deputato a
rapportarsi con i media e con i famigliari delle persone coinvolte.

D.19.4 RITORNO ALLE NORMALI OPERAZIONI


Viene valutato da Responsabile della DTO ( e dal responsabile della manutenzione , solo nel caso che esiste il
dubbio che l’evento è stato causato da cause tecniche ) una volta definite le condizioni dell’evento ed assicuratisi che
non ci sono effetti sulla normale operatività.
Viene comunicato agli interessati la fine dello stato d’emergenza ed il ritorno alla normalità.

D.20 INVESTIGAZIONI
L’autorità giudiziaria è responsabile dell’investigazione degli incidenti.
L’Agenzia Nazionale della Sicurezza Volo (ANSV) è responsabile dell’investigazione degli incidenti allo scopo di
prevenirli ed emettere raccomandazioni di Sicurezza.
L’Autorità dell’Aviazione Civile ha il compito istituzionale dell’indagine tecnica atta a determinare le cause dell’evento,
a promuovere azioni correttive.
L’Aero Club di Savona, se richiesto, deve fornire tutta la documentazione necessaria durante l’indagine.
E’ opportuno fin dall’inizio dell’evento preparare i seguenti documenti:
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-13

· Copia licenze personale di volo, attività di volo complessiva, attività di volo sul velivolo incidentato,
registrazioni delle attività addestrative, copia visita medica
· Metar e TAF in orari prossimi all’ora dell’evento
· Registrazione delle manutenzioni eseguite, copia certificato navigabilità, copia licenza radio, copie quaderno
tecnico.
D.21 PERSONALE RESPONSABILE DA ALLERTARE

Incarico Nominativo Telefoni Allertato alle ore


3357901085
Responsabile DTO Giovanni MONTICELLI 0182660563
3317705166
Delegato sicurezza Maurizio PIZZAMIGLIO 3200262886
019610834
Responsabile addestramento Cesare PATRONO 348 2611491
Responsabile manutenzione Andrea JERI 3396370832
Responsabile manutenzione Antonello RUSSO 3939078990
3386471048
Segreteria Mariarita AGACCIO 3939132252

D.22 RECAPITI DI ENTI ( in ordine alfabetico)

Telefono fax e-mail


Aeroclub Italia 063604601 0632609226 infoaeci@aeroclubitalia.it – segreteria.aeci@pec.aeci.it
AVA 0182582033 0182582924 ava@legalmail.it
ANSV 0682078207 068273672 Safety.info@ansv.it
Carabinieri Aeroporto 0182582814
Carabinieri Villanova 0182582700 0182582202 Stsv115440@carabinieri.it
Croce Bianca Villanova 0182580590
ENAC D.A Genova 0106512729 0106503258 nordovest.apt@enac.gov.it - protocollo@pec.enac.gov.it
operazioni.torino@enac.gov..it -
ENAC OPS Torino 0115114811 0115628296
protocollo@pec.enac.gov.it
Guardia Costiera 019666131 0102777812 cp-loanoalbenga@pec.mit.gov.it
Polizia Stato-Alassio 0182 64731
VV FF Aeroporto 0182 582992
Savona soccorso 118
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-14

D.23 COMUNICAZIONE ANSV

COMUNICAZIONE
DI INCIDENTI/INCONVENIENTI GRAVI
(art. 4, comma 3, d.lgs. 14 gennaio 2013 n. 18)

ANSV
email: safety.info@ansv.it
fax: 06/8273672 - 06/8273822

tel: 06/82078207 (Attivo H24)

OGGETTO: COMUNICAZIONE DI INCIDENTI/INCONVENIENTI GRAVI

In ottemperanza a quanto previsto dall’art. 9, comma 1, del regolamento UE n. 996/2010 la presente organizzazione
Aeroclub di Savona e della Riviera Ligure – Aeroporto Villanova d’Albenga – 17038 Villanova d’Albenga (SV) tel.
0182582929 – Fax 0182 582695 e-mail: info@aeroclubsavona.it
comunica in nome e per conto dei seguenti soggetti:
- Aeroclub Savona e della Riviera Ligure: proprietario dell’aeromobile;
- Aeroclub Savona e della Riviera Ligure:. esercente del suddetto aeromobile;
- ………………………………………………..……………………………………………. membri dell’equipaggio del suddetto
aeromobile.
Si è avuta conoscenza che in data …………………, presumibilmente alle ore ………………… UTC, in località
………………………………………………., all’aeromobile citato in premessa, operante il volo …………………, è occorso il seguente
evento, che, alla luce delle definizioni contenute nell’art. 2 del regolamento UE n. 996/2010, si ritiene classificabile
come INCIDENTE.
Persone coinvolte ……………………………………………………………………………………………………………………………….………
Danni riportati dall’aeromobile …………………………………………………………………………………………………………………..
Presenza a bordo di merci pericolose : NO
Descrizione sintetica:

Luogo e data di compilazione: Aeroporto Villanova d’Albenga , lì ………………………………………..……………

Persona fisica che ha compilato il presente modello: …………………………………………………………………………………


DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER LA SICUREZZA
Documento: …Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per la sicurezza
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… D-15

D.24 REGISTRO COMUNICAZIONI RELATIVA ALL’INCIDENTE……………………………………………………….

DATA …………………………………………………………………………………
In In
Recapito
Arrivo Uscita ENTE/ INTERLOCUTORE MOTIVO
telefonico
ORA ORA
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER CONFORMITA’
Documento: ….. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per conformità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… E-1

E.1 POLITICA PER LA CONFORMITA’


La politica della DTO Aero Club di Savona è quella di fornire agli allievi piloti l’addestramento al volo che consenta loro
il raggiungimento di un alto livello di competenza e professionalità e che permetta di ottenere le licenze e le
abilitazioni per le quali è autorizzata.
A tal fine ha stabilito norme per assicurazione della conformità alla regolamentazione EASA e nazionale , la cui
efficacia è monitorata, su delega del Responsabile della DTO, dal responsabile dell’Addestramento e dal Delegato alla
Sicurezza che effettuano verifiche approfondite di sistema e di prodotto, finalizzate alla ricerca dello stato di
applicazione e dell’efficacia del sistema nella prevenzione e risoluzione della non conformità.

Gli obiettivi generali delle verifiche sono:


Ø Monitorare la rispondenza dell’organizzazione ai requisiti stabiliti nella normativa;
Ø Verificare e migliorare ove possibile le attività della DTO;

Le verifiche sono processi per ottenere evidenze e valutarle con obiettività allo scopo di determinare la misura in cui i
requisiti sono rispettati ed effettuate su un’area o su un prodotto della DTO eseguita secondo check list ( Schede di
verifica ) dettagliate secondo un programma stabilito dal Responsabile della DTO.:

E.2 RESPONSABILE DTO – COMPITI E RESPONSABILITA’


Con riferimento alla conformità il Responsabile della DTO ha la responsabilità globale per il controllo della stessa.
Egli deve:
1) Definire la politica per il controllo della conformità;
2) Garantire che tutte le attività necessarie possono essere finanziate e condotte secondo le norme
richieste dall'Autorità, e secondo eventuali ulteriori requisiti definiti nei manuali della DTO.
3) Assegnare i compiti al Delegato alla Sicurezza e al Responsabile dell’Addestramento riguardanti il
monitoraggio della conformità ;
4) Assicurare l'effettiva attuazione delle misure correttive.
5) Assicurare l’invio all’ENAC del Rapporto annuale sulle attività della DTO.

E.3 DELEGATO ALLA SICUREZZA


Il Delegato alla sicurezza è responsabile del coordinamento della politica di sicurezza.
Egli agisce come punto focale ed è responsabile dello sviluppo, gestione e manutenzione di un efficace politica della
sicurezza.
In relazione al controllo della conformità deve coordinare con il Responsabile della DTO e il Responsabile
dell’addestramento la verifica di qualsiasi azione o situazione che ha o potrebbe causare una non conformità ai
requisiti stabiliti dall’EASA e alle normative nazionali
E.4 RESPONSABILE DELL’ADDESTRAMENTO
Il Responsabile dell’addestramento è responsabile del coordinamento delle attività di addestramento, sia teoriche
che pratiche..
Egli agisce come punto focale ed è responsabile dello sviluppo, gestione di un efficace sistema di addestramento.
In relazione al controllo della conformità deve coordinare con il Responsabile della DTO e il Delegato alla Sicurezza
qualsiasi azione o situazione che ha o potrebbe causare una non conformità ai requisiti stabiliti dall’EASA e alle
normative nazionali.

E.5 VERIFICHE
Le verifiche, da effettuare, almeno una volta all’anno, a cura del Responsabile della DTO, del Responsabile
dell’addestramento e del delegato alla sicurezza riguardano ::
· L’organizzazione;
· Le procedure;
· Il prodotto (corsi);
· Il personale (qualificazione ed addestramento).
DTO AERO CLUB SAVONA – POLITICA PER CONFORMITA’
Documento: ….. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: ………….Politica per conformità
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ………………….………………….… E-2

Di seguito una lista ( non completa) di verifiche .

N.o AREA VERIFICHE DA EFFETTUARE


- Manuali aggiornati e conformi alle norme
- Registrazione inerenti l’attività didattica - Parte teorica
- Registrazioni inerenti l’attività didattica - Parte pratica
- Documentazione aggiornata:
· Manuali impiego velivoli
· Lista controlli normali e di emergenza
1 Organizzazione
· Modulistica piano di navigazione
· Modulistica Peso e bilanciamento
· Carte e Manuale Jeppesen
- Assicurazioni velivoli
- Compilazione Quaderno Tecnico
- Registrazione dei voli scuola e turismo
- Il controllo requisiti allievi
- Il controllo requisiti piloti già con licenza
- la divulgazione di notizie riguardanti la sicurezza
2 Procedure per
- Il controllo dei minimi di operatività dell’aeroporto
- Il coordinamento tra segreteria voli e officina di manutenzione
- la prenotazione dei voli
- Programmi di addestramento aggiornati ed approvati
- Individuazione di eventuali carenze addestrative
3 Corsi
- Ricerca di cause di insuccesso di allievi presentati all’esame teorico ENAC
- Ricerca di cause di insuccesso di allievi presentati all’esame pratico
- Aggiornamento istruttori di teoria
- Aggiornamento istruttori di volo
4 Personale
- Iscrizione ENGA istruttori di volo
- Rispetto della fatica del volo da parte di istruttori ed allievi

E.6 MISURA DELLE PRESTAZIONI DELLA CONFORMITA’


Per gestire la conformità in termini di performance dell’organizzazione, è necessario poterli misurare attraverso
indicatori in modo da verificare gli obbiettivi raggiunti.
L’Aero Club di Savona per il calcolo degli indicatori di conformità ha elaborato un sistema diagnostico personalizzato
“ Aerodiagnostica per la conformità”.
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento:….. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………….….… MO-1

ISPEZIONE RINFORZATA *
CECK LIST PROCEDURE NORMALI C172
CONTROLLI PRE VOLO CONTROLLI AGGIUNTIVI ISPEZIONE ESTERNA
Copertura motore TOGLIERE
Volantini e pedaliera LIBERI
Perdita olio NESSUNA
Batteria, Interruttori , Magneti TUTTI OFF Olio Minimo 5 Qt AGGIUNGERE SE NECESSARIO
Radio,ADF,Trasponder OFF Cinghia Alternatore CONTROLLARE
ELT ARM Oggetti estranei NESSUNO
IN CABINA

Parcheggio INSERITO Cablaggi, tubazioni CONTROLLARE


Batteria ON Marmitta CONTROLLARE
Indicatori carburante CONTROLLARE Copertura motore METTERE
Flap PROVARE GIU’ poi SU *Solo per piloti autorizzati
Trim NEUTRO
Batteria OFF PRIMA DI SALIRE A BORDO
Equipaggiamenti emergenza A BORDO Batteria ON
Luci esterne,faro atterraggio PROVARE poi OFF
Parabrezza e finestrini PULITI
Batteria OFF
Carrello sinistro : Briefing pax abbandono velivolo EFFETTUARE
Tacchi,ancoraggio RIMUOVERE PRE - AVVIAMENTO
Pneumatico, freni,disco CONTROLLARE Porte CHIUSE e BLOCCATE
CARRELLO-FUSOLIERA-TIMONI

Fusoliera sinistra: Sedili REGOLATI


Condizioni generali CONTROLLARE Cinture ALLACCIATE
Antenne CONTROLLARE Freno parcheggio INSERITO
Vano bagaglio CHIUSO Riscaldamento cabina OFF
Timone Verticale: Aria calda carburatore OFF
Movimento CONTROLLARE Serbatoio carburante SUL PIU’ VUOTO
Luce anticollisione INTEGRA Batteria ON
Timone orizzontale Luce anticollisione ON
Movimento LIBERO AVVIAMENTO CON BATTERIA
Trim CONTROLLARE Primer 2/3 VOLTE poi BLOCCARE
Fusoliera destra: Miscela AVANTI
MOTORE FREDDO

Condizioni generali CONTROLLARE Manetta 1 cm. APERTA


Carrello destro : Magneti ENTRAMBI
Tacchi,ancoraggio RIMUOVERE GRIDARE: VIA DALL’ELICA
Pneumatico,freni, disco CONTROLLARE Starter ON
Pressione olio VERIFICARE ENTRO 30 s
Flap, alettone gioco cerniere CONTROLLARE
Manetta 1000/1200 RPM
Aletta trim CONTROLLARE Alternatore ON
ALA DESTRA

Luci navigazione INTEGRE Spie alternatore SPENTA


Condizioni ala dx CONTROLLARE Se pressione olio non aumenta in 30 secondi
Sfiato serbatoio LIBERO MISCELA OFF
Spurgo serbatoio EFFETTUARE Manetta APERTA 1 Cm
MOTORE CALDO

Carburante CONTROLLO VISIVO Miscela AVANTI


Presa ventilazione cabina LIBERA Magneti ENTRAMBI
Cerniere porta dx CONTROLLARE GRIDARE: VIA DALL’ELICA
Starter ON
Presa gruppo esterno CHIUSA
Pressione olio VERIFICARE ENTRO 30 s
Presa statica dx LIBERA Manetta 1000/1200 RPM
Astina olio motore MINIMO 5 Qt Pressione CONTROLLARE
Spurgo carburante motore EFFETTUARE Alternatore ON
Presa aria motore LIBERA Spie alternatore SPENTA
Elica, ogiva,faro atterraggio CONTROLLARE Manetta TUTTA AVANTI
Presa aria carburatore,filtro CONTROLLARE Miscela INDIETRO
Carrello anteriore: Magneti ENTRAMBI
INGOLFATO

GRIDARE: VIA DALL’ELICA


MOTORE

Tacchi e ancoraggio RIMUOVERE


Pneumatico,ammortizzatore CONTROLLARE Starter ON
Quando motore parte MISCELA AVANTI
Presa statica LIBERA
Manetta 1000/1200 RPM
Porta sx, cerniere CONTROLLARE Pressione olio VERIFICARE ENTRO 30
Presa ventilazione cabina LIBERA Alternatore ON
ALA

Carburante CONTROLLO VISIVO Spia alternatore SPENTA


Spurgo serbatoio sx EFFETTUARE AVVIAMENTO CON GRUPPO ESTERNO
Sfiato serbatoio sx LIBERO Batteria, Alternatore OFF
SINISTRA

Avvisatore stallo,Pitot LIBERI Corrente esterna 12 V INSERITA


Condizioni ala sx VERIFICARE PROCEDERE COME AVVIAMENTO CON BATTERIA
Luci navigazione INTEGRE Corrente esterna SCOLLEGARE
Alettone, flap: gioco cerniere CONTROLLARE Batteria, alternatore ON
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento:….. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………….….… MO-2

PRE – RULLAGGIO CROCIERA


Radio–VOR- ADF ON – SELEZIONARE FREQUENZE Potenza normale ( 65%) 2350 RPM
Pannello audio SPEAKER o PHONE(se cuffie) Potenza max continua MISCELA RICCA-2450 RPM
Cuffie METTERE Miscela ( sopra i 3000 ft) REGOLARE
Interfono ON - PROVARE Carburante BILANCIARE
Trasponder STBY – 7000 Bussola, girobussola CONTROLLARE
Luci navigazione ON
Chiamata radio EFFETTUARE
Altimetro VERIFICARE QNH
Bussola – girobussola SINCRONIZZARE DISCESA
Vuotometro IN ARCO VERDE Aria carburatore COME RICHIESTO
Zona rullaggio LIBERA Miscela TUTTA AVANTI
Temperatura olio e cilindri CONTROLLARE

RULLAGGIO
Freno parcheggio OFF
AVVICINAMENTO - ATTERRAGGIO
Freni a pedale PROVARE
Steering CONTROLLARE Cinture BLOCCATE
Virosbandometro CONTROLLARE Miscela TUTTA AVANTI
Bussola,girobussola CONTROLLARE Aria carburatore ON
Selettore carburante CAMBIARE Velocità in finale:
Flap 35° 75 MPH
Flap 15° 80 MPH
PROVA MOTORE Flap 0° 85 MPH
Freno parcheggio INSERITO
Selettore carburante SU ENTRAMBI
Primer CHIUSO e BLOCCATO RIATTACCATA
Strumenti motore IN ARCO VERDE
Manetta 1500 RPM Manetta TUTTA AVANTI
Aria carburatore ON poi OFF Miscela TUTTA AVANTI
Verificare :Caduta RPM e Incremento temperatura aria Aria carburatore OFF
Miscela RICERCA BEST POWER Assetto salita IMPOSTARE
Manetta 1800 RPM Velocità MINIMO 70 MPH
Magneti uno per volta PROVARE Flap RETRARRE
Max caduta 125 RPM Max differenza 125 RPM Velocità 80 MPH
Manetta 1200 RPM

PRIMA DEL DECOLLO DOPO L’ATTERRAGGIO

Batteria , alternatore CONTROLLARE ON Flap RETRARRE


Magneti CONTROLLARE BOTH Aria carburatore OFF
Primer CHIUSO e BLOCCATO Trasponder STBY
Miscela, Aria calda carburatore TUTTA AVANTI
Flap 15”
Breakers TUTTI IN AL PARCHEGGIO
Trim A ZERO
Sedili / Bretelle/Porte BLOCCATE Freno parcheggio INSERIRE
Comandi , provare LIBERI Manetta ( 1 min.) 1000 RPM
Trasponder ALT- 7000 Cinture SBLOCCATE
BRIEFING PASSEGGERI EFFETTUARE Radio, ADF,Trasponder OFF
Luci navigazione OFF
Luce anticollisione OFF
DECOLLO / SALITA Magneti a massa PROVARE
Miscela INDIETRO
Allineati in pista APPLICARE FRENI Alternatore OFF
Manetta 1500 RPM Batteria OFF
Bussola, girobussola CONTROLLARE
Freni RILASCIARE
Manetta progressivamente TUTTA AVANTI Ed.0 - Rev.0 08/04/2019
Rotazione da 70 a 75 MPH
Velocità iniziale salita 80 MPH
Flap RETRARRE A 500 FT
Velocità salita 90 MPH
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento:….. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………….….… MO-3

CHECK LIST PROCEDURE EMERGENZE C172 BASSA PRESSIONE OLIO


Evitare variazioni di potenza
INCENDIO Atterrare Al PIU’ PRESTO
Miscela INDIETRO Prepararsi per
LA MESSA
DURANTE
IN MOTO

Manetta TUTTA AVANTI ATTERRAGGIO SENZA POTENZA


Selettore carburante OFF
Magneti, Batteria OFF ALTA TEMPERATURA OLIO
ABBANDONARE IL VELIVOLO
Evitare variazioni di potenza
Miscela INDIETRO
Atterrare Al PIU’ PRESTO
In volo al MOTORE

Manetta TUTTA AVANTI


Prepararsi per
Selettore carburante OFF
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA
Ventilazione CHIUSA
Magneti OFF
BASSA PRESSIONE CARBURANTE
procedere come:
Selettore carburante SU ENTRAMBI
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA
Atterrare Al PIU’ PRESTO
Appena possibile : ATTERRARE
Prepararsi per
Batteria OFF
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA
ELETTRICO

Alternatore OFF
In volo :

Ventilazione APERTA
AVARIA ALTERNATORE
Riscaldamento CHIUSO
Appena possibile : ATTERRARE Alternatore OFF
Utenze non necessarie ESCLUDERE
Breaker alternatore IN
PERDITA POTENZA AL DECOLLO
Alternatore ON
Se pista disponibile consente ATTERRARE
Se si reinserisce PROSEGUIRE IL VOLO
Se la pista disponibile non lo consente:
Se non si reinserisce:
Velocità 70 MPH
Alternatore OFF
Selettore carburante, miscela OFF
Utenze non necessarie ESCLUDERE
Flap TUTTI GIU’
Batteria CONTROLLARE VOLMETRO
Batteria,alternatore OFF
Porte sbloccate PRIMA DELL’IMPATTO
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA
Velocità 70 MPH
PERDITA POTENZA IN VOLO Zona idonea atterraggio SCEGLIERE
Velocità 70 MPH Perdere quota SPIRALANDO SULLA ZONA
Selettore carburante ENTRAMBI Quando l’atterraggio è sicuro:
Miscela AVANTI Velocità MINIMA CONSENTITA
Primer CHIUSO e BLOCCATO Batteria OFF
Aria calda carburatore ON Carburante OFF
Se la potenza non si ripristina: Cinture STRETTE
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA Porte SBLOCCATE PRIMA IMPATTO
Se la potenza si ripristina:
ATTERRAGGIO APPENA POSSIBILE Ed.0 - Rev.0 08/04/2019
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-4

Peso Braccio Momento


I – ALBN (Kg) (metri) ( kg x mt)
VELIVOLO VUOTO ** 660,8 1,02 673,905
Pilota + passeggero 0,941
Passeggeri posteriore 1,85
Bagaglio 2,361
Carburante Lt ………..x0,72.= Kg 1,223
Dati al decollo

Consumo carb.L…………x0,72 = Kg 1,223


Dati atterraggio

** Pesata del 15.09.2017


DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-5

I-ALBN Data: DEP. ARR. Equipaggio: PIANIFICAZIONE NAVIGAZIONE da……………………….. a ………………………… C172

GS: Frequenze Radio: Radioassistenze: Bollettini meteo ore:

Aeroporto Partenza:
Aeroporto Arrivo:
Aeroporto Alternato:
Quota PERCORSO PRUA NM T. CARB ETO ATO RETO Si dichiara di aver preso visione dei Notam degli aeroporti di cui sopra
Firma allievo: Firma Istruttore
Il presente modello, compilato e firmato, va conservato in caso di allievo solista
AREE FMC (Frequency Monitor Code ) NORD Italia

MILANO NE
MILANO NW
Freq.Monitor.
Freq.Monitor.
126,300
134,425
Freq. FIC
Freq. FIC
124,925
124,925
Codice SSR
Codice SSR
A4611
A4610
PADOVA
MILANO NORD CENTRALE
Freq.Monitor. Freq.Monitor.
126,750 124,150
Freq. FIC Freq. FIC
124,925 124,150
TOTALI PER LA TRATTA
Codice SSR Codice SSR
ALTERNATO : A4612 A4777
Quota PERCORSO PRUA NM T. CARB ETO ATO RETO PRESTAZIONI C172 CARBURANTE NECESSARIO
CROCIERA POTENZA RPM LITRI/h TAS Per la tratta lt.....x0,72 = Kg
Economica 55% 2100 28 lt 80 Per alternato lt…..x0,72 = Kg
Normale 65% 2350 33 lt 90 Attesa 30’ lt. 14 = Kg 10
Veloce 75% 2450 38 lt 100 Totale Kg.
TOTALI Ed.0-Rev0–08/04/19 ARO Linate tel. 199199276 Fax 02 70143220 (per inviare e/o chiudere piano di volo)
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-6

CHECK LIST PROCEDURE NORMALI PA28 ISPEZIONE RINFORZATA *


CONTROLLI PRE VOLO CONTROLLI AGGIUNTIVI ISPEZIONE ESTERNA
Volantini e pedaliera LIBERI
Copertura motore sx e dx APERTE
Interruttori TUTTI OFF
Perdita olio NESSUNA
Parcheggio INSERITO Olio Minimo 5 Qt AGGIUNGERE SE NECESSARIO
Batteria ON
IN CABINA

Cinghia Alternatore CONTROLLARE


Indicatori carburante CONTROLLARE Oggetti estranei NESSUNO
Pannello annunciatore (3 luci) ACCESE Cablaggi, tubazioni VERIFICARE
Flap PROVARE MOVIMENTO poi SU’ Marmitta VERIFICARE
Trim NEUTRO Coperture motore CHIUDERE
Batteria OFF *Solo per piloti autorizzati
Equipaggiamenti emergenza A BORDO
Parabrezza e finestrini PULITI PRIMA DI SALIRE A BORDO
Flap, alettone: gioco cerniere CONTROLLARE Batteria ON
ALA DESTRA

Luci navigazione INTEGRE Luci esterne,faro atterraggio PROVARE poi OFF


Condizioni ala dx VERIFICARE Avvisatore stallo PROVARE
Carburante CONTROLLO VISIVO Batteria OFF
Spurgo serbatoio EFFETTUARE Briefing passeggeri EFFETTUARE
Sfiato serbatoio LIBERO
Presa ventilazione cabina LIBERA PRE - AVVIAMENTO
Carrello destro : Porta CHIUSA e BLOCCATA
Tacchi,ancoraggio RIMUOVERE Sedili , cinture REGOLATI
Pneumatico, freni, disco CONTROLLARE Freno parcheggio INSERITO
Presa gruppo esterno CHIUSA Aria calda carburatore OFF
Presa statica LIBERA Riscaldamento cabina OFF
Vano motore dx: Batteria, alternatore ON
Perdita olio,cablaggi VERIFICARE Luce anticollisione ON
Oggetti estranei NESSUNO Selettore carburante SUL PIU’ VUOTO
Presa aria motore LIBERA Pompa carburante ON
Elica ed ogiva,faro atterraggio CONTROLLARE
Cinghia alternatore CONTROLLARE AVVIAMENTO
Presa aria carburatore , filtro CONTROLLARE Miscela AVANTI
Carrello anteriore: Manetta ¾ cicchetti poi 1 cm.
Tacchi e ancoraggio RIMUOVERE Magneti ENTRAMBI
Pneumatico,ammortizzatore CONTROLLARE GRIDARE: VIA DALL’ELICA
MOTORE FREDDO

Spurgo carburante EFFETTUARE Starter ON


Vano motore sx: Pressione olio VERIFICARE ENTRO 30
Perdita olio,cablaggi VERIFICARE Manetta 1000/1200 RPM
Oggetti estranei NESSUNO Pompa carburante OFF
Astina olio motore MIN 5 QT Pressione carburante CONTROLLARE
Presa statica LIBERA Pannello annunciatore (3 luci) SPENTE
Presa ventilazione cabina LIBERA Se pressione olio non aumenta in 30 secondi
Carrello sinistro : MISCELA OFF
Tacchi,ancoraggio RIMUOVERE USARE LO STARTER PER MASSIMO 30 SECONDI
Pneumatico, freni, disco CONTROLLARE Poi attendere 5 minuti
Presa ventilazione cabina LIBERA Miscela AVANTI
Sfiato serbatoio LIBERO Manetta 1 cm
MOTORE CALDO
ALA SINISTRA

Spurgo serbatoio EFFETTUARE Magneti ENTRAMBI


Condizioni ala sx VERIFICARE GRIDARE: VIA DALL’ELICA
Carburante CONTROLLO VISIVO Starter ON
Avvisatore stallo LIBERO Pressione olio VERIFICARE ENTRO 30
Pitot LIBERO Manetta 1000/1200 RPM
Pompa carburante OFF
Luci navigazione INTEGRE
Pressione carburante CONTROLLARE
Alettone, flap: gioco cerniere CONTROLLARE
Pannello annunciatore (3 SPENTE
Fusoliera sinistra: Miscela
Condizioni generali CONTROLLARE
MOTORE INGOLFATO

INDIETRO
Manetta TUTTA AVANTI
Antenne CONTROLLARE
Timone Verticale: Magneti ENTRAMBI
Movimento CONTROLLARE GRIDARE: VIA DALL’ELICA
Luce anticollisione INTEGRA Starter ON
Timone orizzontale Quando il motore parte MISCELA AVANTI
Movimento LIBERO Pressione olio VERIFICARE ENTRO 30
Trim CONTROLLARE Manetta 1000/1200 RPM
Fusoliera destra: Pompa carburante OFF
Condizioni generali CONTROLLARE Pressione carburante CONTROLLARE
Pannello annunciatore (3 luci) SPENTE
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-7

AVVIAMENTO CON GRUPPO ESTERNO DECOLLO / SALITA


Batteria, Alternatore OFF Allineati in pista APPLICARE FRENI
Bussola, girobussola CONTROLLARE
Corrente esterna 12 V INSERITA
Vuotometro ARCO VERDE
PROCEDERE COME AVVIAMENTO CON BATTERIA Freni RILASCIARE
Corrente esterna SCOLLEGARE Manetta progressivamente TUTTA AVANTI
Batteria, alternatore ON Rotazione da 60 a 65 KTS
Velocità iniziale salita 70 KTS
Flap RETRARRE A 500
Pompa carburante OFF
PRE – RULLAGGIO Velocità salita 80 KTS
Avionic master ON
COM/NAV - ADF ON CROCIERA
Pannello audio SPEAKER o PHONE(se cuffie)
Cuffie METTERE Potenza normale ( 65%) 2350 RPM
Potenza max continua MISCELA RICCA-2450
Interfono ON - PROVARE
Miscela ( sopra i 3000 ft) REGOLARE
Radio,VOR,ADF SELEZIONARE Carburante BILANCIARE
Trasponder STBY – 7000 Bussola, girobussola CONTROLLARE
Luci navigazione ON
Chiamata radio EFFETTUARE
Altimetro VERIFICARE QNH DISCESA
Bussola - girobussola SINCRONIZZARE Aria carburatore COME RICHIESTO
Vuotometro IN ARCO VERDE Miscela TUTTA AVANTI
Zona rullaggio LIBERA Temperatura olio e cilindri CONTROLLARE
Chiamata Radio EFFETTUARE
QNH REGOLARE
AVVICINAMENTO - ATTERRAGGIO
Cinture BLOCCATE
RULLAGGIO Miscela TUTTA AVANTI
Pompa carburante ON
Freno parcheggio OFF Aria carburatore ON
Freni a pedale PROVARE Velocità in finale:
Steering CONTROLLARE Flap 35° 70 KTS
Virosbandometro CONTROLLARE Flap 15° 75 KTS
Bussola,girobussola CONTROLLARE Flap 0° 80 KTS
Selettore carburante CAMBIARE
RIATTACCATA
Manetta TUTTA AVANTI
PROVA MOTORE Miscela TUTTA AVANTI
Aria carburatore DENTRO
Freno parcheggio INSERITO
Assetto salita IMPOSTARE
Selettore carburante SUL PIU’ PIENO
Velocità MINIMO 70 KTS
Strumenti motore IN ARCO VERDE Flap RETRARRE
Manetta 2000 RPM Pompa carburante OFF
Aria carburatore CALDA Velocità 80 KTS
Verificare :Caduta RPM e Incremento temperatura aria
Miscela RICERCA BEST POWER DOPO L’ATTERRAGGIO
Magneti uno per volta PROVARE
Flap RETRARRE
Max caduta 175 RPM Max differenza 50 RPM
Aria carburatore DENTRO
Manetta 1200 RPM
Pompa carburante OFF
Trasponder OFF

PRIMA DEL DECOLLO


AL PARCHEGGIO
Batteria – alternatore- Magneti CONTROLLARE ON Freno parcheggio INSERIRE
Pompa carburante ON Manetta ( 1 min.) 1000 RPM
Miscela TUTTA AVANTI Cinture SBLOCCATE
Aria calda carburatore TUTTA AVANTI Avionic master OFF
Flap 15” Luci navigazione OFF
Breakers TUTTI IN Luce anticollisione OFF
Trim A ZERO Magneti a massa PROVARE
Sedili / Bretelle/Porte BLOCCATE Miscela INDIETRO
Comandi , provare LIBERI Alternatore OFF
Batteria OFF
Trasponder ALT
BRIEFING PASSEGGERI EFFETTUARE Ed.0 - Rev.0 08/04/2019
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-8

CHECK LIST PROCEDURE EMERGENZE PA 28 BASSA PRESSIONE OLIO


Evitare variazioni di potenza
INCENDIO
Atterrare Al PIU’ PRESTO
Miscela INDIETRO
Prepararsi per
Manetta TUTTA AVANTI
A TERRA

ATTERRAGGIO SENZA POTENZA


Selettore carburante OFF
Magneti OFF
Batteria OFF ALTA TEMPERATURA OLIO
ABBANDONARE IL VELIVOLO Evitare variazioni di potenza
Miscela INDIETRO Atterrare Al PIU’ PRESTO
Manetta TUTTA AVANTI Prepararsi per
In volo al MOTORE

Selettore OFF ATTERRAGGIO SENZA POTENZA


carburante
Ventilazione CHIUSA
Magneti OFF
Batteria OFF BASSA PRESSIONE CARBURANTE
Alternatore OFF Selettore carburante SU ENTRAMBI
procedere come: Pompa carburante ON
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA Atterrare Al PIU’ PRESTO
Appena possibile : ATTERRARE Prepararsi per
Batteria OFF ATTERRAGGIO SENZA POTENZA
ELETTRICO
In volo :

Alternatore OFF
Ventilazione APERTA
AVARIA ALTERNATORE
Riscaldamento CHIUSO
Appena possibile: ATTERRARE Alternatore OFF
Utenze non necessarie ESCLUDERE
PERDITA POTENZA AL DECOLLO Breaker alternatore IN
Se pista disponibile consente ATTERRARE Alternatore ON
Se la pista disponibile non lo consente: Se si reinserisce PROSEGUIRE IL VOLO
Velocità 70 KTS Se non si reinserisce:
Proseguire diritto o piccole accostate Alternatore OFF
Selettore carburante OFF Utenze non necessarie ESCLUDERE
Miscela INDIETRO Batteria CONTROLLARE VOLMETRO
Flap TUTTI GIU’
Batteria,alternatore OFF
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA
Porte sbloccate PRIMA DELL’IMPATTO
Velocità 70 KTS
PERDITA POTENZA IN VOLO Zona idonea atterraggio SCEGLIERE
Velocità 70 KTS Perdere quota SPIRALANDO SULLA ZONA
Selettore carburante ENTRAMBI Quando l’atterraggio è sicuro:
Miscela AVANTI Velocità MINIMA CONSENTITA
Primer CHIUSO e BLOCCATO Batteria OFF
Aria calda carburatore INDIETRO Carburante OFF
Se la potenza non si ripristina: Cinture STRETTE
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA Porte SBLOCCATE PRIMA IMPATTO
Se la potenza si ripristina:
ATTERRAGGIO APPENA POSSIBILE Ed.0 - Rev.0 08/04/2019
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-9

** Pesata del 29.07.2018

Peso Braccio Momento


I-CCIM Kg cm Kg x cm
VELIVOLO VUOTO ** 664,5 217 144159,7
Pilota + passeggero 204,47
Passeggeri posteriore 299,97
Bagaglio 362,71
Carburante Lt ………..x0,72.= Kg 241,30

Dati al decollo
Consumo carb.Lt …………x0,72 = Kg 241,30
Dati atterraggio
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-10

ICCIM Data: DEP. ARR. Equipaggio: PIANIFICAZIONE NAVIGAZIONE da……………………….. a ………………………… PA28

GS: Frequenze Radio: Radioassistenze: Bollettini meteo ore:

Aeroporto Partenza:
Aeroporto Arrivo:
Aeroporto Alternato:
Quota PERCORSO PRUA NM T. CARB ETO ATO RETO Si dichiara di aver preso visione dei Notam degli aeroporti di cui sopra
Firma allievo: Firma Istruttore
Il presente modello, compilato e firmato, va conservato in caso di allievo solista
AREE FMC (Frequency Monitor Code ) NORD Italia

MILANO NE
MILANO NW
Freq.Monitor.
Freq.Monitor.
126,300
134,425
Freq. FIC
Freq. FIC
124,925
124,925
Codice SSR
Codice SSR
A4611
A4610
PADOVA
MILANO NORD CENTRALE
Freq.Monitor. Freq.Monitor.
126,750 124,150
Freq. FIC Freq. FIC
124,925 124,150
TOTALI PER LA TRATTA
Codice SSR Codice SSR
ALTERNATO : A4612 A4777
Quota PERCORSO PRUA NM T. CARB ETO ATO RETO PRESTAZIONI PA 28 CARBURANTE NECESSARIO
CROCIERA POTENZA RPM LITRI/h TAS Per la tratta lt.....x0,72 = Kg
Economica 55% 2200 30 lt 85 Per alternato lt…..x0,72 = Kg
Normale 65% 2350 34 lt 95 Attesa 30’ lt. 14 = Kg 10
Veloce 75% 2470 38 lt 110 Totale Kg.
TOTALI Ed.0-Rev0–08/04/19 ARO-CBO Milano tel. 199199276 Fax 02 70143220 (per inviare e/o chiudere piano di volo)
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-12

PROCEDURE NORMALI PS 28 CRUISER Segue ISPEZIONE ESTERNA


ISPEZIONE CABINA Fusoliera CONTROLLARE
Sicura maniglia paracadute INSERITA Antenne radio , ELT.VOR CONTROLLARE
Oggetti estranei NESSUNO SUPERFICI, CERNIERE
Timone verticale
Comandi LIBERI LIBERTA’ MOVIMENTI
Pedaliera REGOLARE SUPERFICI, CERNIERE
Timone orizzontale
Magneti OFF LIBERTA’ MOVIMENTI, TRIM
Batteria ON Fusoliera CONTROLLARE
Spia tettuccio ACCESA
EMS 0N CONTROLLI AGGIUNTIVI
Indicatore carburante CONTROLLARE
PER ISPEZIONE RINFORZATA*
Volmetro MIN 12 V
· Solo piloti abilitati
Spia Generatore ACCESA ROSSA
Cofano motore RIMUOVERE
Pompa carburante: provare, poi OFF
Liquido refrigerante – Olio motore CONTROLLARE
Trim provare, poi 1 TACCA “ DOWN”
EMS OFF Supporto motore, marmitte CONTROLLARE
Flaps : provare, poi A “0” Tubi e connessioni CONTROLLARE

Batteria , Interruttori TUTTI OFF Cablaggi CONTROLLARE


Tettuccio e parabrezza PULITI Oggetti estranei NESSUNO
Documenti, carte, manuali A BORDO Cofano motore CHIUDERE
Bagaglio SISTEMATO
PRIMA DI SALIRE A BORDO
ISPEZIONE ESTERNA Batteria ON
Flaps cerniere CONTROLLARE Luci esterne,faro atterraggio PROVARE poi OFF
Batteria OFF
Carrello , freni,pneumatico CONTROLLARE
Briefing pax abbandono e paracadute EFFETTUARE
Alettone, cerniere CONTROLLARE
Superficie alare CONTROLLARE
ALA SINISTRA

PRE - AVVIAMENTO
Luce alare, strobo CONTROLLARE
Cinture BLOCCATE
Sfiato carburante LIBERO
Pedaliera REGOLATA
Pitot/statica LIBERI
Freni e freno parcheggio APPLICARE
Bordo d’attacco alare CONTROLLARE
Selettore carburante SUL SINISTRO
Carburante CONTROLLARE a VISTA
Cuffie METTERE
Bagagliaio CHIUSO
Batteria ON
Drenaggio serbatoio sx EFFETTUARE
Tettuccio CHIUSO e BLOCCATO-SPIA SPENTA
Presa ventilazione LIBERA
Interfono ON e ALL PROVARE
Olio motore CONTROLLARE
Strobo light ON
Ogiva, elica CONTROLLARE
EMS ON
Prese d’aria – faro atterraggio CONTROLLARE
Pompa elettrica ON
Drenaggio carburante motore EFFETTUARE
Presa ventilazione LIBERA
AVVIAMENTO ( motore freddo )
Carrello ant.: pneumatico CONTROLLARE
Manetta INDIETRO
Presa ventilazione LIBERA
Arricchitore TIRARE E MANTENERE
Drenaggio serbatoio dx EFFETTUARE
Zona elica LIBERA
Superficie alare inferiore CONTROLLARE
Starter ON
Bagagliaio CHIUSO
Pressione olio entro 10 sec. CONTROLLARE
ALA DESTRA

Bordo d’attacco alare CONTROLLARE


Arricchitore lentamente DENTRO
Carburante CONTROLLARE a VISTA
Pompa elettrica OFF
Sfiato carburante LIBERO
Manetta RPM IN ARCO VERDE
Luce alare, strobo CONTROLLARE Se pressione olio non aumenta in 10 secondi
Alettone e trim CONTROLLARE MAGNETI OFF
Flap CONTROLLARE
Carrello : freni, pneumatico CONTROLLARE AVVIAMENTO ( motore caldo )
Come sopra senza usare l’arricchitore.
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-13

PRE - RULLAGGIO CROCIERA


Generatore ON Potenza REGOLARE
Avionic ON Girobussola, bussola CONTROLLARE
Transponder STBY-7000 Strumenti motore NEI LIMITI
Luci navigazione ON Controllo carburante e bilanciamento EFFETTUARE
GTN 750 SELEZIONARE FREQUENZE
Spia generatore VERDE DISCESA
Breakers TUTTI IN Aria calda carburatore COME RICHIESTO
Zona rullaggio LIBERA Temperature CONTROLLARE
Chiamata radio EFFETTUARE
QNH REGOLARE
SOTTOVENTO
Cinture BLOCCATE
RULLAGGIO
Pompa carburante ON
Freni VERIFICARE
Faro atterraggio ACCESO
Serbatoio carburante sul DESTRO
Carburante SUL PIU’ PIENO
Virosbandometro,bussola,direzionale VERIFICARE
Velocità 70 Kts
Flaps 12°
PROVA MOTORE
Freni e freno parcheggio APPLICARE
IN FINALE
Selettore carburante sul SINISTRO
Flaps 30°
Strumenti motore ARCO VERDE
Velocità 60 Kts
Manetta 4000 RPM
Aria calda al carburatore, ON poi OFF
Magneti ( provare uno per volta) VERIFICARE RIATTACCATA
(caduta max 300 rpm – differenza 115 rpm Manetta TUTTA AVANTI
Manetta 2500 RPM Assetto salita IMPOSTARE
Flaps 12°
PRE – DECOLLO Velocità 65 Kts
Spia allarme tettuccio e EMS SPENTE Flaps a 500 ft AGL RETRARRE
Trasponder ALT-7000 Faro atterraggio, pompa carburante OFF
Batteria,Generatore,pompa carb. VERIFICARE ON
Flaps 12° POST-ATTERRAGGIO
Aria calda al carburatore VERIFICARE OFF Sicura paracadute INSERIRE
Trim TACCA” DOWN" Pompa carburante OFF
Strumenti motore IN ARCO VERDE Trim a 1 TACCA “DOWN”
Breakers TUTTI IN Flaps RETRARRE
Configurazione EMS e EFIS PER IL DECOLLO Trasponder STBY
Cinture BLOCCATE Strobo, faro atterraggio OFF
Comandi a fondo corsa LIBERI
Briefing passeggero EFFETTUARE AL PARCHEGGIO
Sicura paracadute TOGLIERE Freni e freno parcheggio APPLICARE
Freno parcheggio TOGLIERE Manetta ( per 2 minuti) AL MINIMO
Interruttori TUTTI OFF
DECOLLO - SALITA Magneti OFF
Allineati in pista: Bussola magnetica CONTROLLARE Cinture e tettuccio SBLOCCARE
Manetta TUTTA AVANTI
Rotazione 40 Kts
Velocità 56 Kts
Flaps a 500 ft AGL RETRARRE
Freni APPLICARE
Velocità 62 Kts
Pompa carburante OFF Ed.0 - Rev.0 08/04/2019
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-14

CHECK LIST PROCEDURE EMERGENZA PS28


RIMESSA IN MOTO IN VOLO
INCENDIO ( durante la messa in moto)
Batteria ON
Carburante CHIUSO
EMS ON
Manetta TUTTA AVANTI
Manetta AL MINIMO
Magneti OFF
Pompa elettrica carburante ON
Batteria e generatore OFF
Selettore carburante CAMBIARE
Abbandonare velivolo
Starter ON
Usare estinguenti esterni

INCENDIO IN VOLO GHIACCIO CARBURATORE

Carburante CHIUSO Aria calda carburatore ON


Manetta TUTTA AVANTI Manetta SETTARE 1/3 POTENZA
Magneti (quando il motore si arresta) OFF Cambiare quota APPENA POSSIBILE
Riscaldamento cabina ESCLUDERE Velocità 76 Kts
Velocità 60 Kts Potenza motore INCREMENTARE
Se non si ripristina,appena possibile ATTERRARE
Non tentare di rimettere in moto
Prepararsi per un atterraggio senza potenza o
all’estrazione paracadute emergenza ROTTURA CAVO MANETTA
Il motore rimane accelerato :
INCENDIO ELETTRICO – FUMO A BORDO GUADAGNARE QUOTA DIRIGENDO AEROPORTO
Batteria e generatore, altri interruttori OFF Su verticale aeroporto CARBURANTE OFF
Riscaldamento cabina OFF Impostare atterraggio senza motore
Ventilazione APRIRE
ATTERRARE appena possibile BASSA PRESSIONE OLIO
Variazioni potenza EVITARE
PERDITA POTENZA DOPO IL DECOLLO Appena possibile ATTERRARE
Se lunghezza pista consente ATTERRARE Prepararsi per un atterraggio senza motore o
Se pista disponibile non lo consente 60 Kts estrazione paracadute
Luogo atterraggio emergenza SCEGLIERE
Carburante,magneti,batteria OFF ALTA PRESSIONE OLIO
Prima dell’impatto: tettuccio SBLOCCATO
Potenza RIDURRE AL MINIMO PER IL VOLO
AZIONARE
Se pericoloso atterrare Appena possibile ATTERRARE
PARACADUTE
Prepararsi per un atterraggio senza motore o
estrazione paracadute
PERDITA DI POTENZA IN VOLO
Velocità 60 Kts
ALTA TEMPERATURA OLIO
Carburante, pompa carburante ON
Potenza RIDURRE AL MINIMO PER IL VOLO
Magneti ON
Se la potenza si ripristina appena Appena possibile ATTERRARE
ATTERRARE Prepararsi per un atterraggio senza motore o
possibile
Altrimenti: estrazione paracadute
ATTERRAGGIO SENZA POTENZA O
ESTRAZIONE PARACADUTE EMERGENZA ALTA TEMPERATURA TESTATA CILINDRI
Potenza RIDURRE AL MINIMO PER IL VOLO
VIBRAZIONI AL MOTORE Appena possibile ATTERRARE
Impostare RPM per vibrazioni più basse Prepararsi per un atterraggio senza motore o
Appena possibile atterrare estrazione paracadute
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-15

BASSA PRESSIONE CARBURANTE ESTRAZIONE PARACADUTE EMERGENZA

Pompa carburante ON Velocità RIDURRE


Appena possibile ATTERRARE Se è possibile LIVELLARE ALI
Prepararsi per un atterraggio di emergenza Tettuccio ( prima del contatto) SBLOCCATO
o Estrazione paracadute Carburante ( prima del contatto) OFF
Master GEN e batteria ( prima del contatto) OFF

AVARIA ALTERNATORE
VITE NON INTENZIONALE
RPM >3000
Utenze non necessarie ESCLUDERE Manetta AL MINIMO
Se non si ripristina: Master GEN OFF Cloche IN AVANTI
Appena possibile ATTERRARE Pedaliera CONTRARIA ALLA ROTAZIONE
Assetto volo livellato RECUPERARE
Vne – Massimo “ G “ NON SUPERARE
Volo livellato DARE POTENZA
VOLMETRO > 12 V

Manetta RIDURRE
Se persiste indicazioni >12V : GEN. OFF ATTERRAGGIO FORZATO SENZA POTENZA
Utenze non necessarie ESCLUDERE
Appena possibile ATTERRARE Velocità 60 Kts
Zona idonea atterraggio INDIVIDUARE
Spiralando PERDERE QUOTA IN ECCESSO
Master GEN e batteria OFF
AVARIA EFIS Carburante OFF
Efis breaker CONTROLLARE ON Cinture STRETTE
Interruttore avionics CONTROLLARE ON Tettuccio SBLOCCATO
Anemometro e altimetro Atterraggio sicuro FLAP 30°
USARE
riserva
Appena possibile ATTERRARE

ATTERRAGGIO FORZATO CON POTENZA

Velocità 60 Kts
AVARIA EMS
Zona idonea atterraggio INDIVIDUARE
EMS breaker CONTROLLARE ON Spiralando PERDERE QUOTA IN ECCESSO
Interruttore EMS CONTROLLARE ON Cinture STRETTE
Appena possibile ATTERRARE Atterraggio sicuro: MANETTA AL
FLAPS 30
Non dare tutto motore (mancano indicazioni RPM) MINIMO
Tettuccio SBLOCCATO
Carburante OFF
Master GEN OFF
TETTUCCIO SBLOCCATO ( in decollo )
Batteria OFF
Continuare il decollo VELOCITA’ MAX 65 KTS
( il tettuccio rimane aperti 50 mm, senza problemi Ed.0 – Rev.0 08/04/2019
per il volo)
Appena possibile ATTERRARE
Velocità MAX 75 Kts
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-16

Peso Braccio Momento


I-ALBL
Kg mm Kg x mm

VELIVOLO VUOTO ** 402 427,5 171.503

Pilota + passeggero 700

Bagaglio A 1310

Bagaglio B 1800

Bagaglio alare 600

Carburante
180
Lt ………..x0,72.= Kg

Dati al decollo

Corsa a terra Distanza per il


PISTA Consumo carburante
per il decollo decollo 180
mt ft mt ft Lt …………x0,72 = Kg
Asfalto 141 463 387 1270
Erba 214 702 457 1499 Dati atterraggio
Condizioni: Peso 600 Kg, Temperatura 15° C,
Livello del mare, Pista livellata e pavimentata
Corsa a terra Distanza per ** Dati pesata il 07-01-2017
PISTA
per l’atterraggio l’atterraggio
mt ft mt ft
Asfalto 146 479 362 1188
Erba 111 364 338 1109
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-17

IALBL Data: DEP. ARR. Equipaggio: PIANIFICAZIONE NAVIGAZIONE da……………………….. a ………………………… PS28

GS: Frequenze Radio: Radioassistenze: Bollettini meteo ore:

Aeroporto Partenza:
Aeroporto Arrivo:
Aeroporto Alternato:
Quota PERCORSO PRUA NM T. CARB ETO ATO RETO Si dichiara di aver preso visione dei Notam degli aeroporti di cui sopra
Firma allievo: Firma Istruttore
Il presente modello, compilato e firmato, va conservato in caso di allievo solista
AREE FMC (Frequency Monitor Code ) NORD Italia

MILANO NE
MILANO NW
Freq.Monitor.
Freq.Monitor.
126,300
134,425
Freq. FIC
Freq. FIC
124,925
124,925
Codice SSR
Codice SSR
A4611
A4610
PADOVA
MILANO NORD CENTRALE
Freq.Monitor. Freq.Monitor.
126,750 124,150
Freq. FIC Freq. FIC
124,925 124,150
TOTALI PER LA TRATTA
Codice SSR Codice SSR
ALTERNATO : A4612 A4777
Quota PERCORSO PRUA NM T. CARB ETO ATO RETO PRESTAZIONI PS 28 CARBURANTE NECESSARIO
CROCIERA POTENZA RPM LITRI/h TAS Per la tratta lt.....x0,72 = Kg
Economica 55% 4500 15,2 lt 80 Per alternato lt…..x0,72 = Kg
Normale 65% 4800 18,5 lt 85 Attesa 30’ lt. 9 = Kg 6
Veloce 75% 5000 21,5 lt 90 Totale Kg.
TOTALI Ed.0-Rev0–08/04/19 ARO Linate tel. 199199276 Fax 02 70143220 (per inviare e/o chiudere piano di volo)
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-18

Informazioni su procedure e segnali visivi da parte di aeromobili intercettanti e intercettati NCO GN135- ENAC RAIT-AIP ITALIA-AIP ITALIA EN1.12

SERIE SEGNALI e SIGNIFICATO dell’ INTERCETTORE Significato risposta dell’intercettato


Batte le ali e lampeggia le luci di navigazione ad intervalli regolari ( e le luci
di atterraggio nel caso di un elicottero da una posizione più in alto e avanti,
sul lato sinistro dell’aeromobile intercettato per essere seguito lungo la rotta, SIETE STATI INTERCETTATI Batte le ali e lampeggia le CAPITO
1^ o sul lato destro per l’accompagnamento all’atterraggio su un aeroporto luci di navigazione ad
designato e, dopo aver ricevuto risposta, una lenta virata in volo livellato intervalli irregolari e segue ESEGUO
verso sinistra o verso destra , in funzione della posizione dell’aeromobile SEGUITEMI
intercettore, per assumere la prua desiderata
Una brusca manovra di sganciamento dell’aeromobile intercettato CAPITO
2^ effettuando una virata in salita di 90° o più , senza intersecare la prua POTETE CONTINUARE Batte le ali
dell’aeromobile intercettato ESEGUO
Estrae il carrello ( se
estraibile) mantiene le luci
d’atterraggio accese e CAPITO
Estrae il carrello e mantiene accese le luci d’atterraggio, sorvola la pista in ATTERRATE SU QUESTO
3^ seguendo l’intercettore,
uso AEROPORTO
dopo aver sorvolato la pista, ESEGUO
atterra se la pista è
considerata idonea
Vedere
ULTIMO AVVERTIMENTO Usare i segnali della serie
Rilascia una o più salve di artifizi pirotecnici da una posizione e distanza tale segnali
3^b Se non eseguite la sicurezza 1^,5^ o 6^ previsti per
da non costituire pericolo per l’intercettato della serie
non è garantita l’intercettato
1^,5^,6^

SERIE SEGNALI INTERCETTATO e SIGNIFICATO Significato risposta dell’intercettore


Sorvola la pista a 1000 Ft, lampeggia le luci di atterraggio e fa rientrare il L’AEROPORTO E’ Se si vuole che segui sull’aeroporto
carrello( se estratto). INADEGUATO alternato, l’intercettore fa rientrare COMPRESO
4^
Se impossibilitato a lampeggiare il faro d’atterraggio, lampeggiare ogni altra NON POSSO il carrello e impiega i segnali della
luce possibile ATTERRARE serie 1^ SEGUIMI
Accende e spegne in maniera regolare tutte le luci disponibili, ma in modo NON POSSO
5^ Impiega i segnali della serie 2^ COMPRESO
tale da essere distinto dalle luci lampeggianti ESEGUIRE
6^ Lampeggia irregolarmente tutte le luci disponibili SONO IN PERICOLO Impiega i segnali della serie 2^ COMPRESO
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-19

AUTORIZZAZIONI VOLI SOLO PILOTA


ALLIEVO PILOTA Aeromobile Aeroporto Firma Firma
Data Istruttore
cognome nome Tipo Marche Partenza Arrivo Istruttore Allievo

Nato a il

VISITA MEDICA
Classe Rilasciata il: Valida fino al:

ATTESTAZIONE IDONEITA’ VOLI A SOLO PILOTA


Il sottoscritto responsabile dell’organizzazione di Addestramento Aero
Club di Savona DICHIARO che l’allievo è idoneo a condurre voli a solo
pilota previsti dal programma di addestramento per il conseguimento
della licenza PPL e l’uso della radio
data firma

RIFERIMENTI NORMATIVI
FCL .020 – ALLIEVO PILOTA
a. Un allievo pilota non deve volare come solista a meno che non
venga autorizzato e supervisionato da un istruttore di volo
b. Per poter effettuare il suo primo volo da solista l’allievo deve
aver compiuto 16 anni
FCL.045- OBBLIGO DI PORTARE CON SE’ ED ESIBIRE I DOCUMENTI L’apposizione della firma dell’istruttore e dell’allievo sta ad indicare che l’allievo ha eseguito con la supervisione dell’
a. L’allievo deve portare con sé un documento di identificazione istruttore le seguenti verifiche e procedure:
e certificato medico 1. Idoneità condizioni meteo per volo da solista 2. Consultazione NOTAM
b. Un allievo deve portare con sé , nei voli di navigazione a solo 3. Pianificazione della navigazione 4. Calcolo massa e bilanciamento
pilota, prova dell’autorizzazione di cui alla parte FCL 020 5. Calcolo prestazioni in decollo e atterraggio 6. Presentazione piano di volo ( se necessario)
c. l’allievo pilota deve esibire i propri documenti, autorizzazione 7. Documento velivolo e personali dell’allievo 8. Controlli previsti dalla check-list
dell’istruttore, visita medica su richiesta dell’autorità PER TUTTI I VOLI A SOLO PILOTA IL VELIVOLO DEVE ESSERE RIFORNITO “ FULL”
Il presente documento va aggiornato con i dati del volo che l’allievo eseguirà a solo pilota in duplice esemplare e firmati dall’istruttore e dall’allievo pilota.
Un esemplare va conservato nella cartella personale dell’allievo, l’altro va consegnato allo stesso per portarlo con sé.
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-20

Navigazione solo pilota (80 per LAPL) ( 150 NM per PPL)


Regolamento (EU) No. 1178/2011; PART-FCL

1. Parte riservata all’istruttore che autorizza il volo


Con la presente autorizzo l’allievo pilota ………………………………………….……………alle navigazione a solo pilota come segue:
Da : A:
Da : A:
Da : A:
Prevista partenza ore ………………….…. UTC A/M marche : ………………..: Data:
La pianificazione della navigazione dell’allievo pilota è stata controllata e discussa come segue :
Tempo meteorologico ☐ Osservazioni e previsioni.
☐ Scelta della rotta;
☐ Spazi aerei controllati;
Preparazione ed uso delle carte ☐ Zone proibite, pericolose , regolamentate, Aere FMC e RMZ
☐ Altitudine di Sicurezza;
☐ Prue magnetiche, tempi in rotta;
☐ Carburante necessario;
Pianificazione ☐ Peso e centraggio;
☐ Prestazioni per il decollo e l’atterraggio
☐ NOTAMs etc.;
Informazioni ☐ Radio frequenze;
☐ Aeroporti di arrivo ed alternati
☐ Documenti;
Velivolo ☐ Equipaggiamenti e sistemi per le operazioni previste
☐ Procedure amministrative;
Notifica del volo ☐ Compilazione piano di volo .
Comunicazioni radio ☐ Idoneo
Firma dell’istruttore che autorizza Data :

2. Parte riservata all’ allievo pilota ( per conferma)


Il sottoscritto dichiara di aver ricevuto le informazioni sopra riportate.
Firma dell’allievo pilota Data :

3. Aeroporto 1 ( a cura del gestore aeroportuale o Aero Club presente sull’aeroporto o Ente ATS)

Si certifica che il pilota sopra menzionato è atterrato a ………………….…………. Il ………….….………… alle ore (UTC)………………...
Firma e timbro:

4. Aeroporto 2 ( a cura del gestore aeroportuale o Aero Club presente sull’aeroporto o Ente ATS)

Si certifica che il pilota sopra menzionato è atterrato a ………………….…………. Il ………….….………… alle ore (UTC)………………...
Firma e timbro:
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-21

SEGNALAZIONE VOLONTARIA
L’unico fine delle informazioni riportate è aumentare la sicurezza delle operazioni.
Le informazioni possono essere riportate in forma anonima, in ogni caso l’identità delle persone
coinvolte non verrà divulgata né all’interno e né all’esterno dell’Aero Club di Savona.
INCIDENTE INCONVENIENTE POTENZIALE PERICOLO

MANCATA COLLISIONE TURBOLENZA DI SCIA WIND SHEAR

OPERAZIONI MANUTENZIONE OPERAZIONI DI VOLO OPERAZIONI A TERRA

Aeromobile tipo: Marche : Pilota in Allievo Tecnico Altri ( specificare ) Data:


comando Pilota manutenzione
solista

TURBOLENZA PRECIPITAZIONI
TIPO DI VOLO GIORNO PISTA IN USO:

CREPUSCOLO ………………….
TURISMO LEGGERA PIOGGIA
VMC ASFALTO LEGGERA
SCUOLA MODERATA NEVE
ERBA MODERATA
FORTE NEVISCHIO
FORTE
VISIBILITA’
LOCALE SEVERA GRANDINE
ASCIUTTA
Km ………….
BAGNATA
NAVIGAZIONE TEMPERATURA GHIACCIO ALTRE NOTIZIE:
ALLAGATA
……….. °C
VENTO: GHIACCIATA
LEGGERO
DA: Direzione : …….
CON NEVE
MODERATO
…………… Intensità : …….
FANGO
FORTE
Raffica ; ….……

A: ALT / FL
TIPO DELLE NUBI …………………………………………………………………………………………...
…………………. …………………….
POSIZIONE: BASE DELLE NUBI …………………………………………………………………………………………..

QUANTITA’ / 8 …………………………………………………………………………………………….

FASE DEL VOLO SCOPO DEL VOLO

PARCHEGGIO SALITA INIZIALE ATTESA TURISMO

TRAINATO SALITA CIRCUITO SCUOLA

RULLAGGIO CROCIERA AVVICINAMENTO VOLO PROVA

DECOLLO SALITA INIZIALE ATTERRAGGIO FERRY

PARTE A CURA DEL DELEGATO PER SICUREZZA

SEGNALAZIONE REGISTRATA AL N ……… . ANNO ……………. DATA ………………………… FIRMA ……………………………………………………..


DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA OPERATIVA
Documento: …. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo: …………… Modulistica Operativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : …………….…………………….… MO-22

Descrizione dell’evento: Spiegare cosa è accaduto, perché si considera che questo evento possa aver ridotto i margini di sicurezza e
cosa si consiglia per evitare che questo evento si ripeta.
COSA E’ ACCADUTO:

COME E’ STATO RISOLTO IL PROBLEMA - descrivere le azioni intraprese dal momento in cui si è venuto a conoscenza del problema e il
tempo trascorso per il recupero pieno controllo del volo. Illustrare l’ assistenza ricevuta

FATTORI CHE HANNO CONTRIBUITO – segnalare ogni deficienza e descrivere come abbia influito sull’incidente, es. problemi tecnici, di
addestramento, procedura inappropriata, fatica del volo,etc;

POTENZIALI RISCHI – Cosa poteva accadere se l'azione correttiva non fosse sta eseguita

RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA - A vostro avviso quale azione correttiva è idonea a prevenire il ripetersi dell’evento e chi deve
venire a conoscenza di questo evento ( piloti, istruttori, responsabili dell’ATO, tecnici, enti ATC,ENAC)

COMPILATO DA DESIDERI ESSERE CONTATTATO ?


Campi non
obbligatori Indica come ………………………………………….
………………………………………….

PARTE A CURA DEL DELEGATO PER SICUREZZA


Ulteriore analisi e raccomandazioni del delegato per sicurezza Data ……….………………………..

PROBABILITA’ CONSEGUENZE RISCHI


CONCLUSIONI DEL COMITATO DI SICUREZZA del ………………………………..

ACCETTABILE TOLLERABILE NON TOLLERABILE

Firma Responsabile DTO ………………………………………….


DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-1

COMUNICAZIONE PER ISCRIZIONE ALLIEVO PILOTA

ENAC
Direzione Aeroportuale Nord Ovest
Aeroporto C. Colombo
16154 Genova – Sestri Ponente

Oggetto: Comunicazione inizio corso per conseguimento licenza PPL( a )

L’Aero Club di Savona , nella persona del sottoscritto responsabile della Scuola di Volo a Motore , comunica
che:

il Sig. …………………………………..
Nato a ……………………………….
Residente a ……………………….
Codice Fiscale ……………………
Recapito telefonico………………..
Indirizzo e.mail …………………..

ha richiesto di frequentare il corso teorico / pratico per il conseguimento della licenza di pilota privato di
velivolo ( a ) presso la scuola di volo dell’Aero Club di Savona.
Il sottoscritto si impegna ad inviare il predetto a visita medica per la prescritta idoneità psicofisica prima del
primo volo da solista.
L’aspirante allievo pilota ha dichiarato di non trovarsi in condizioni di impedimento per conseguire titoli
aeronautici ed elegge il proprio domicilio presso la sede della nostra scuola.
Si allega:
· Copia documento di riconoscimento
· Copia codice fiscale
· Autocertificazione ( autocertificazione 1 se trattasi di minorenne, autocertificazione 2 se maggiorenne)

Distinti saluti

……………………………………..

Aeroporto Villanova d’Albenga …………………………………….

Aeroporto Vlllanova d'Albenga-17038 Villanova d'Albenga (SV) 0182 582919 Fax 0182 582695 – info@aeroclubsavona.it CF 81004970091
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-2

AUTOCERTIFICAZIONE 1 (per allievo minorenne)

AUTOCERTIFICAZIONE DI NASCITA DEL FIGLIO ( se minorenne)


( Art.2 Legge 4/1/1969 n,15 come modificato dall’Art.3, comma 10, legge 12/7/1997)

Il sottoscritto …………………………………………………………………….……………………… ( cognome e nome padre )


Nato a ………………………………………. Il ……………… e residente a …………………………………. CAP…………
Via ……………………………………………………………. N. ……..

e la sottoscritta …………………………………………………………………….…………………… ( cognome e nome madre )


Nata a ………………………………………. Il ……………… e residente a …………………………………. CAP…………
Via ……………………………………………………………. N. …………

DICHIARANO
che i figlio …………………………………………………………………………………………………………………… è nato a
…………………………………………………………. Prov. ………….. il …………………………………..

………………………………………………………………… ………………………………………………………….

Data…………………………………
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-3

ASSENSO PER MINORENNE

ENAC
Direzione Aeroportuale Nord Ovest
Aeroporto C. Colombo
16154 Genova – Sestri Ponente

Il sottoscritto …………………………………………………………………….……………………… ( cognome e nome padre )


Nato a ………………………………………. Il ……………… e residente a …………………………………. CAP…………
Via ……………………………………………………………. N. ……..

e la sottoscritta …………………………………………………………………….…………………… ( cognome e nome madre )


Nata a ………………………………………. Il ……………… e residente a …………………………………. CAP…………
Via ……………………………………………………………. N. …………
GENITORI
dell’Allievo ………………………………………………………………….
Nato a ………………………………………. Il ……………… e residente a …………………………………. CAP…………
Via ……………………………………………………………. N. ……..
Con la presente acconsentono che il proprio figlio ………………………………………………………………………
Possa conseguire la Licenza di Pilota Privato di velivolo presso la Scuola di Volo dell’Aero Club di
Savona, con sede in Aeroporto di Villanova d’Albenga.

………………………………………………………………… ………………………………………………………….

Data…………………………………

Si allegano copia documenti di riconoscimento


DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-4

AUTOCERTIFICAZIONE 2 (per allievo maggiorenne)

DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI


( Art.46 Legge DPR 445 del 28 Dicembre 2000 )

NOTA: Compilare le sole parti di interesse – Barrare le voci che riguardano la dichiarazione da produrre

Il sottoscritto …………………………………………………………………….……………………………………………………….
Nato a ………………………………………. Il ……………… e residente a …………………………………. CAP…………
Via ……………………………………………………………. N. ……..
Consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso di atti
falsi, richiamate dall’Art.76 del DPR 445 del dicembre 2000
DICHIARA
□ di essere nato a ………………………….…………………………………………. ( …… ) il ……………………………………
□ di essere residente a ………………………………………………….……………………………………………………………..
□ di essere ci adino italiano ( oppure ) ……………………………………………………………………………………………
□ di godere dei diri civili e poli ci ……………………………………………………………………………………………..
□ di essere celibe / nubile / di stato libero …………………………………………………………………………………..
□ di essere coniugato con ………………………………………………………………………………….……………..………..
□ di essere vedovo di ………………………………………………………………………………………….……………………….
□ di essere divorziato da ………………………………………………………………………………………………………………
□ che la famiglia convivente si compone di
( cognome e nome ) ( luogo e data di nascita) ( relazione di parentela)
…………………………………………………………………………. ……………………………………………………………………. ………………………………………………
…………………………………………………………………………. ……………………………………………………………………. ………………………………………………
…………………………………………………………………………. ……………………………………………………………………. ………………………………………………
…………………………………………………………………………. ……………………………………………………………………. ………………………………………………
…………………………………………………………………………. ……………………………………………………………………. ………………………………………………
□ di essere tu ora vivente
□ che il figlio è nato in data ………………………… a ……………………………………………………………….( )
□ che il proprio ………………………… ……………………………………………………….. nato il ………………………….
( rapporto di parentela) ( cognome e nome)

a ………………………………… e residente a ……………………………………………….. è morto in data ……….……


a ………………………………………………..
□ di essere iscritto nell’albo o elenco …………………….………………………………………tenuto da pubblica
amministrazione …………………………………. di ………………………………………………………………………………….
□ di appartenere all’ordine professionale …………………………………………………………………………………….
□ tolo di studio posseduto ………………………………………………… rilasciato dalla scuola/università
di………………………………………………………………………………………………………………………………………………....
□ esami sostenu ……………………………………………………… presso l’università di ……………………………..
□ qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di
aggiornamento e di qualifica tecnica ……………………………………………………………………………………………
□ situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi po
previsti da leggi speciali , per l’anno ……………… è la seguente ……………………………………………………..
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-5

□ assolvimento di specifici obblighi contribu vi con indicazione dell’ammontare corrisposto


……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..
□ possesso e numero del codice fiscale ……………………………………………………………………………………….
□ par ta IVA e qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria ……………………………….
□ stato di disoccupazione …………………………………………………………………………………………………………….
□ qualità di pensionato e categoria di pensione …………………………………………………………………………..
□ qualità di studente presso la scuola/università …………………………………. di …………………………………
□ qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..
□ iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi po …………………….…………………….
□ di essere nella seguente posizione agli effe e adempimen degli obblighi militari, ivi comprese
quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio ……………………………………..
□ di non aver riportato condanne penali e di non essere des natario di provvedimen che
riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti
amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa
□ di non essere a conoscenza di essere so oposto a procedimen penali
□ qualità di vivenza a carico di ……………………………………………………………………………………….…………….
□ nei registri dello stato civile del comune di ………………………………… risulta che
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..
□ di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di
concordato

Dichiaro di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all’Art.10 della Legge 675/96 che i dati
personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell’ambito del
procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa.

Data …………………………………. IL DICHIARANTE

………………………………………..

La presente dichiarazione non necessita dell’autenticazione delle firma e sostituisce a tutti gli effetti le normali
certificazioni richieste o destinate ad una pubblica amministrazione nonché ai gestori di pubblici servizi e ai privati che
vi consentono.
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-6

Marca da bollo
Domanda Esame Teorico
PPL

A: ENAC
Direzione Aeroportuale Nord-Ovest
Aeroporto " C.Colombo "
16154 Genova - Sestri Ponente

Il sottoscritto nato il
a provincia di
residente a
Indirizzo
Codice Fiscale
E mail/ telefono

CHIEDE

di essere inserito nella commissione d'esame teorico per il rilascio della licenza di Pilota
Privato A , con inizio in data ………………………………….. per le seguenti materie:

Materia Ex Novo Riparazione


Air Law
Human performance
Meteorology
Communications *
Principle of flght
Operational procedure
Flight Performance and planning
Aircraft general knowledge
Navigation
apporre una x sulle materie richieste

* in lingua Italiana/Inglese ( cancellare quella che non interessa)


ed elegge il proprio domicilio presso la Scuola di Volo dell'Aero Club di Savona

Con osservanza ………………………………………….

Io sottoscritto ………………………….……., responsabile della DTO Aeroclub Savona dichiaro che il Sig.
…………………………………………………………… ha completato il corso teorico PPL secondo PART-FCL,
effettuato dal …………………. al …………………………….
e HA SUPERATO IL PRE-ESAME con esito POSITIVO, pertanto può essere ammesso agli accertamenti
teorici per il conseguimento della licenza/ abilitazione suddetta.

Aeroporto Villanova d'Albenga ………………………… Firma ………………………………

Mod.E1 _ Nov.2015
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-7

MODULO RICHIESTA ESAMINATORE

Allievo pilota per rilascio licenza ed abilitazione SEP

NOME : ………………….………….. COGNOME: …………………….………………..


ABITAZIONE: VIA …….……………………… cap: …………… CITTA’: ………………………
CODICE FISCALE: ……………………………………………..
TEL. CELL: ………………………………………….. FISSO:
E MAIL: PEC (se posseduta):
Esame teorico superato il ……………………….. presso DA …………………………………………………………
Addestramento completato presso DTO Aeroclub Savona il ……………… con ….. ore DC e ……. ore SP
LUOGO ESAME : Aeroporto Albenga DATA: vedi nota

Pilota candidato per ripristino abilitazione SEP


NOME : ………………….………….. COGNOME: …………………….………………..
ABITAZIONE: VIA …….……………………… cap: …………… CITTA’: ………………………
CODICE FISCALE: ……………………………………………..
TEL. CELL: ………………………………………….. FISSO:
E MAIL: PEC (se posseduta):
SCADENZA DEL TITOLO CUI SI RIFERISCE LA PROVA: ……………………
Addestramento completato presso DTO Aeroclub Savona il …………………… con ….. ore DC
LUOGO ESAME : Aeroporto Albenga DATA: vedi nota
NOTA : si richiede l’effettuazione dell’esame nei giorni ………………….. a discrezione dell’esaminatore

DTO: Aero Club Savona INDIRIZZO: Aeroporto Albenga


Tel.: 0182 582919
E MAIL: info@aeroclubsavona.it PEC:ufficio@pec.aeroclubsavona.it
NOME HT: Cesare Patrono TEL.CELL.: 348 2611491

Aeroporto Albenga …………………………… Cesare Patrono

INVIARE QUESTO MODULO ALLEGANDO: COPIA DI UN DOCUMENTO D’IDENTITA’, DEL CODICE FISCALE E DI TUTTA LA
DOCUMENTAZIONE NECESSARIA ALLA VERIFICA DEI REQUISITI POSSEDUTI PER L’AMMISSIONE ALLA PROVA STESSA (es.: licenza,
stralcio voli, attestati, raccomandazione DTO completamento programma, esame teorico, TEA,ecc..)

A: Esaminatore ENAC
Perco: direzione Aeroportuale NW
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-8

DICHIARAZIONE IDONEITA’ PER ESAME PRATICO

All'Ente Nazionale per l’Aviazione Civile


Direzione Aeroportuale Nord-Ovest
bollo Ufficio Licenze ed Abilitazioni
Aeroporto " C. Colombo "
16154 Genova/Sestri Ponente

Il sottoscritto ………………………….. responsabile dell’Organizzazione di Addestramento “ Aero Club di Savona”


numero di autorizzazione I/DTO/………

dichiara

che il Sig. ……………………………………..……………….., nato a ………………………………………. Il …………………………….. CF :


…………………………………………
ha frequentato, con esito positivo, un corso teorico-pratico conformemente a quanto disposto dalle norme
EASA per il conseguimento della Licenza di Pilota Privato di Velivolo

svolgendo la seguente attività:


Totale attività voli addestrativi effettuati alla data del ………………. ( Minimo 45 h) . Ore Totali…………..
Così suddivise:
a. Attività doppio comando ( minimo 25 h) : Ore ………………………
b. Attività da solo pilota ( minimo 10 h) . Ore ……………… incluse cinque ore di navigazione da solo
pilota a bordo comprensivo di almeno un volo di navigazione minimo di 270 Km ( 150 NM), con
due atterraggi completi su due aerodromi diversi da quello di partenza.

ll Sig. …………………………………. ha superato l’esame teorico in data ………………………. presso la DA di


…………………………...
Per quanto sopra, si dichiara che l’allievo di cui in premessa, ha superato con esito positivo il pre-esame
pratico interno di questo centro di addestramento ed è idoneo a sostenere le prove per il conseguimento
della licenza di pilota privato di velivolo .

Si allega stralcio analitico dei voli effettuati presso l’ Aero Club di Savona

Il Responsabile dell'Addestramento

…………………………..…………………………..

Aeroporto Villanova d'Albenga …………………………………………..

Aeroporto Vlllanova d'Albenga-17038 Villanova d'Albenga (SV) 0182 582919 Fax 0182 582695 – info@aeroclubsavona.it CF 81004970091
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-9

Bollo assolto in modo virtuale


(aut.Direz. Reg.Entrate Lazio
N.135047/98 del 30/11/1998)

DOMANDA RILASCIO LICENZA PPL(a)

All'Ente Nazionale per l’Aviazione Civile


Direzione Aeroportuale Nord-Ovest
Ufficio Licenze Aeronautiche
Aeroporto " C. Colombo "
16154 Genova/Sestri P.

Il sottoscritto …………………………………
nato a ……………………………… il …………………………
residente a: ……………………………………… CAP ……………… Via ……………….
Codice Fiscale: ……………………………….
e-mail : ……………………… telefono:
ha sostenuto gli esami teorici con esito positivo per il conseguimento della PPL(a) in data ……………….. , ha sostenuto
con esito positivo la prova pratica per il conseguimento della licenza PPL(a) ìn data ……………………, con comunicazione
in lingua inglese
CHIEDE
il rilascio della Licenza PPL(a)
A tal fine allega:
· Copia documento di identità e codice fiscale
· Ricevuta pagamento di € 238 effettuata su portale dell’ENAC-Servizi on line
· Copia certificato medico in corso di validità
· Copia certificato TEA per trascrizione radiotelefonia in lingua Italiana/inglese

Il sottoscritto dichiara di non essere in possesso e/o di non aver fatto domanda per ottenere, sulla stessa categoria di aeromobile,
una equivalente licenza, abilitazione, autorizzazione o certificato in altro Paese membro e di non aver mai posseduto, sulla stessa
categoria di aeromobile, una licenza, abilitazione, autorizzazione o certificato equivalente che sia stato sospeso o revocato da altro
paese membro.
Dichiara altresì di essere a conoscenza che ogni informazione non corretta fornita nel presente modulo, può essere motivo di negato
rilascio di licenza, abilitazione, certificato o attestato.
Dichiara altresì di essere a conoscenza delle sanzioni penali nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate
dall’art. 76 del DPR 445 del 28.12.2000

Villanova d'Albenga,……………………………………. ……………………………………

Il sottoscritto, ai sensi del D.lgs. 196/2003, acconsente al trattamento dei propri dati personali anche con sistemi informatici da parte
di ENAC, per le finalità strettamente connesse al rinnovo e mantenimento dei propri titoli aeronautici.

Villanova d'Albenga,……………………………………. ……………………………………

Aeroporto Vlllanova d'Albenga-17038 Villanova d'Albenga (SV) 0182 582919 Fax 0182 582695 – info@aeroclubsavona.it CF 81004970091
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-10

All'Ente Nazionale per l’Aviazione Civile


Direzione Aeroportuale Nord-Ovest
Ufficio Licenze ed Abilitazioni
Aeroporto " C. Colombo "
16154 Genova/Sestri P.

Oggetto: Documentazione per rilascio Licenza Sig. ………………………………………….

Al fine del rilascio della “ Licenza di Equipaggio di Condotta “ si invia la sottoelencata


documentazione:
· Istanza dell’interessato con allegata fattura di € 238 per diritti ENAC
• Copia visita medica
• Fotocopia libretto di volo dell’interessato
• Fotocopia documento di riconoscimento in regolare corso di validità;
• Dichiarazione di idoneità per esame pratico rilasciato dall’Organizzazione di
addestramento con allegati stralcio dei voli effettuati e autorizzazioni per i voli effettuati
a solo pilota.
· Modulo richiesta inviato all’esaminatore
· Verbali esame pratico effettuato in data ………………………………………
· Certificato TEA

Villanova d'Albenga …………………………………………..

Il Responsabile dell’addestramento

Aeroporto Vlllanova d'Albenga-17038 Villanova d'Albenga (SV) 0182 582919 Fax 0182 582695 – info@aeroclubsavona.it CF 81004970091
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-11

MODULO PER RICHIESTA RINNOVO O RIPRISTINO ABILITAZIONI

ENAC – Ente Nazionale Aviazione Civile


Direzione Aeroportuale Nord-Ovest
Ufficio Licenze e abilitazioni
Aeroporto “ C. Colombo ” – 16154 Genova Sestri P.

Il sottoscritto ……………………………………………………………………………………………………………………………………………
Nato a ………………………………………………………………………… il ………..………………………………………………………………
Residente a …………………………………………….. Via/ Piazza ……………………………………………………………….n …………
Telefono ……………………………. Cell. ………………………….. e-mail ……………………………………@..............................
Titolare di licenza aeronautica ……………………………… n. …………………………………. scadenza ………………………..

Codice Fiscale

chiede
il □ rinnovo/revalida on - □ reintegro/renewal delle seguen abilitazioni:
1) Classe/tipo ………………………………………………………………………..…………… □ pilota - □ copilota
Attività effettuata nell’ultimo periodo dal ……….……….. al ................... □ tra e …… - □ ore ………….……

2) Altre abilitazioni ( specificare ) ………………………………………………………….………………………..………… Attività


effettuata nell’ultimo periodo dal …….……….. al ...................... □ tra e …… - □ ore …………

Consapevole delle sanzioni penali richiamate dall’art.56 della Legge28/12/2000 n 445 in caso di dichiarazioni
mendaci e di falsità di atti, dichiara di aver effettuato la suddetta attività come risulta analiticamente dal
proprio libretto di volo.
Si allega : fotocopia o visione di un documento di riconoscimento in corso di validità (Estremi del documento).
……………….. n ……………….………. rilasciato da …………………………… Scadenza …………………………………
Moduli di attestazione di controllo e istruzione ( training Flight e/o Proficiency Check ove previsto ( Circolare ENAC LIC 10 del
04/09/2008) e libretto personale di volo ( LogBook)
Data ………………………….
Nota: contrassegnare le voci che interessano ………………………………………………………….

AREA RISERVATA ALL’UFFICIO:


□ Training Flight □ Proficiency Check
Effettuato in data ……………………………… esito : □ SATISFACTORY - □ UNSATISFACTORY

□ FE - □ CRE - □ TRE - □ IRE □ Istruttore (Solo revalidation SEP / TMG)

Nome …………………………………………………….. Numero aut. o Numero licenza …………………………….

□ Revalidation / Rinnovo □ Renewal / Ripristino o Reintegro

Effettuato in data ……………………………………….. Nuova scadenza ………………………………………..

( Mod. JAR/ICAO) L’addetto all’Ufficio Licenze e abilitazioni ………………………………………………………………

Vers LIC 10 - Ottobre 2008 Aggiornamento sistema informatico effettuato ? □ SI


DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-12

Alla Direzione Regolazione Personale e Operazioni Volo

Fattura DB3 Bollo assolto in modo virtuale


N° Anno (aut.Direz. Reg.Entrate Lazio
N.135047/98 DEL 30/11/1998)
Cognome* Nome*
Nato a il nazionalità
residente CAP Prov.
tel E mail Cod. Fisc.
Licenza tipo Ore di volo
numero totali PIC IFR DC SIM
Tipo di abilitazione
FI(A o H) ⃞ dal IRI(A o H) ⃞ dal
Istruzionale
Ore istruzionali o come esaminatore Ore Istruzionali nell’ultimo anno (per IRI
Ore Istruzionali Totali
nel triennio (almeno 50) almeno 10)

Seminario di aggiornamento [FCL.940.FI (a)(2)]


ATO Data

Chiede : ⃞ il rinnovo / ripristino ⃞ della/e certificazioni soprariportata/e (1)

Data…………….. Firma………………………….

Si allega : 1. copia licenza e visita medica;


2. autocertificazione (artt.75 e 76 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000) delle ore istruzionali impartite o pagine (dx-sx)
( dx-sx) debitamente compilate e firmate, del libretto voli da cui si possa evincere il totale delle ore istruzionali
Confermate dal responsabile della Organizzazione di Addestramento;(2)
3. attestato di partecipazione al seminario di aggiornamento, svolto presso un ATO, entro Il periodo di validità
della/e certificazione/i.(3);
4. verbale e check list della valutazione di competenza [FCL.935-FCL.940.FI (b)] (3).

N.B. Per almeno un rinnovo ogni due (alternativamente) il titolare deve superare una valutazione delle competenze
conformemente alla parte FCL.935.

Legenda:
(1)-indicare la voce di interesse; (2)- da presentare in caso di rinnovo; (3)- da presentare in caso di rinnovo o ripristino;
Modalità di pagamento ed importo:
Versamento € 126,00 tramite portale “ Enac Servizi on-line “ N38-11- Diritti per rilascio della certificazione di Istruttore- Pers.Navigante
A conclusione del pagamento il codice alfanumerico che identifica la ricevuta di pagamento deve essere riportato nell’ apposito
riquadro in alto.

Il sottoscritto* dichiara di non essere in possesso e/o di non aver fatto domanda per ottenere, sulla stessa categoria di aeromobile, una
equivalente licenza, abilitazione, autorizzazione o certificato in altro Paese membro e di non aver mai posseduto, sulla stessa categoria
di aeromobile, una licenza, abilitazione, autorizzazione o certificato equivalente che sia stato sospeso o revocato da altro paese
membro.
Dichiara altresì di essere a conoscenza che ogni informazione non corretta fornita nel presente modulo, può essere motivo di negato
rilascio di licenza, abilitazione, certificato o attestato.

Data__________ Firma

Il sottoscritto*, ai sensi del D.lgs.196/2003, acconsente al trattamento dei propri dati personali anche con sistemi informatici da parte di
ENAC, per le finalità strettamente connesse al rinnovo e mantenimento del propri titoli aeronautici.

Data _________ Firma


DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-13

Rapporto annuale di riesame delle attività della DTO

1. Attività formativa

Numero di studenti attualmente in formazione / formazione completa nei precedenti 12 mesi

LAPL(A) / PPL(A) /

Numero di test di abilità negli ultimi 12 mesi

Numero di test di abilità superati negli ultimi 12 mesi

Numero di test di abilità non superati negli ultimi 12 mesi

Numero di esami teorici completamente superati negli ultimi 12 mesi

Numero di esami teorici completamente non superati negli ultimi 12 mesi

Numero di esami teorici parzialmente non superati negli ultimi 12 mesi

Materia Allievi esaminati Idonei Non idonei


Normativa aeronautica
Prestazioni umane
Meteorologia
Comunicazioni IT
Comunicazioni EN
Principi del volo
Procedure operative
Prestazioni e pianificazione
Conoscenza generale a/m
Navigazione

Sono state introdotti nuovi ausilii didattici o metodi di addestramento ? Se è così, quanto sono
stati efficaci per migliorare i risultati?
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-14

2. Risorse per la formazione

Personale

Istruttori di volo
Nome, cognone Licenza Scadenza FI Impiego pieno / parziale

Istruttori di teoria
Nome, cognone Materia

Flotta velivoli

Ore volate nei precedenti 12 mesi Operativo


Tipo Marche Ore disponibili
Scuola Turismo si no
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-15

3. Prestazioni di sicurezza

a. Numero di eventi, incidenti negli ultimi 12 mesi


VOLI D.C (Istruttore in comando) VOLI ALLIEVO SOLISTA VOLI Turismo (pilota in comando)

b. Analisi

Descrizione

Cause

Mitigazione messa in atto

Efficacia mitigazione
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-16

TRASPORTO PASSEGGERI A TITOLO AMICHEVOLE


(1)
Il trasporto passeggeri a titolo amichevole è favorito dallo Statuto dell’Aero Club di Savona e
regolato dal Codice della Navigazione ( art. 414) (2)

I sottoscritti amici del Sig ….…………………………………………………………………………. socio pilota dell’Aero Club di


Savona vengono dallo stesso trasportati a titolo amichevole sul velivolo ………………………………………….. di
proprietà dell’Aero Club di Savona.

I sottoscritti dichiarano di aver preso atto del massimale pari a 5.000.000 di copertura assicurativa
per RCT/RC Vettore e del massimale di 400.000 € per copertura assicurativa infortuni.

Tali massimali sono, dai sottoscritti, riscontrati adeguati al tipo di volo che si accingono ad
intraprendere e di propria piena soddisfazione.

Cognome e nome : …………………………………………………………


Data e luogo di nascita : …………………………………. …………………… Residenza : ……………………………………………
Aeroporto Villanova d’Albenga …………………………….. Firma : ………………………………………………………………

Cognome e nome : …………………………………………………………


Data e luogo di nascita : …………………………………. …………………… Residenza : ……………………………………………
Aeroporto Villanova d’Albenga …………………………….. Firma : ………………………………………………………………

Cognome e nome : …………………………………………………………


Data e luogo di nascita : …………………………………. …………………… Residenza : ……………………………………………
Aeroporto Villanova d’Albenga …………………………….. Firma : ………………………………………………………………

(1) Articolo 1 della Statuto dell’Aero Club Savona e della Riviera Ligure ASD

“ L’Aero Club di Savona esercita senza fini di lucro nell’ambito della Regione Liguria attività sportiva,
culturale, didattica, turistica e promozionale nei settori del:
a. Volo a motore non acrobatico
b. Volo da diporto o sportivo con motore
( omissis le altre specialità ) ……….L’aero club di Savona promuove ed incoraggi ogni altra forma di
attività nel campo aeronautico sportivo e di volontariato.
Svolge propaganda aeronautica, diffonde la cultura aeronautica
(2) Articolo 414 Codice della navigazione : Responsabilità del vettore nel trasporto amichevole

“ chi assume il traporto di persone o di bagagli a titolo amichevole è responsabile solo quando il
danneggiato provi che il danno dipende da dolo o colpa grave del vettore o dei dipendenti e preposti

(3) Articolo 942 Codice della navigazione : Obbligo di assicurazione

“ il vettore aereo deve assicurare la propria responsabilità verso i passeggeri secondo la normativa
comunitaria. Il passeggero danneggiato ha azione diretta contro l’assicuratore per il risarcimento del
danno subito ………….”
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-17

Bollo Assolto in modo


virtuale (aut. Direz. Reg.
entrate Lazio N. 135047/98
del 30/11/1998

DICHIARAZIONE PER ORGANIZZAZIONE DI ADDESTRAMENTO DICHIARATA (DTO)


Conforme al requisito DTO.GEN.115 del Regolamento (UE) n. 1178/2011 della Commissione
Europea. (1)

Dichiarazione iniziale (2) (vedi nota esplicativa)


Notifica di modifiche (3) – Numero di riferimento della DTO:

1. Organizzazione di addestramento dichiarata (DTO)


Nome:

2. Sede(i)
Recapiti (indirizzo, numero di telefono, indirizzo email) della sede principale della DTO:

3. Personale
Nome e recapiti (indirizzo, numero di telefono, indirizzo email) del rappresentante della DTO:
Nome e recapiti (indirizzo, numero di telefono, indirizzo email) del capo istruttore della DTO e, se del caso, del
vicecapo istruttore della DTO:
Elenco degli istruttori di teoria e di pratica (allegato)

4. Corsi di addestramento dichiarati


Elenco di tutti gli addestramenti forniti con allegati i sillabi di addestramento in accordo al RE 1178/2011
(allegato)

5. Aeromobili di addestramento e FSTD


Elenco degli aeromobili utilizzati per l'addestramento:
Elenco degli FSTD qualificati utilizzati per l'addestramento (se del caso, incluso il codice a lettere come indicato
sul certificato di qualificazione):

6. Aeroporti e siti operativi


Recapiti (indirizzo, numero di telefono, indirizzo email) di tutti gli aeroporti e siti operativi utilizzati dalla DTO
per fornire l'addestramento:

7. Data prevista di inizio delle attività di addestramento:

Requisiti relativi alle strutture


8.
Aule, ausili didattici, ecc.
DTO AERO CLUB SAVONA – MODULISTICA AMMINISTRATIVA
Documento: .. Manuale Organizzazione DTO Data di revisione: …..…......… 08/04/2019
Edizione n. ………………….............……….……… 0 Capitolo:…… Modulistica Amministrativa
Revisione n. ………………………...…..……………… 0 Pagina : ……………..……………..…….… MA-18

9. Dichiarazioni
La DTO (inserire la denominazione) dichiara che ha elaborato una politica in materia di sicurezza in conformità
all'allegato VIII, parte DTO, del regola- mento (UE) n. 1178/2011 e, in particolare, al punto DTO.GEN.210 a) 1) ii), e
applica tale politica durante tutte le attività di addestramento cui si riferisce la dichiarazione.
Durante tutte le attività di addestramento indicati nella presente dichiarazione la DTO (inserire la denominazione)
rispetta e continuerà a rispettare i requisiti essenziali di cui all'allegato III del regolamento (CE) n. 216/2008 e i
requisiti dell'allegato I, parte FCL e dell'allegato VIII, parte DTO, del regolamento (UE) n. 1178/2011.

Consapevoli delle conseguenze penali previste dalla Legge Italiana per dichiarazioni false si dichiara che tutte le
informazioni incluse nel presente modulo, compresi gli allegati (se del caso), sono complete e corrette.

Nome, data e firma del rappresentante della DTO

Nome, data e firma del capo dell’addestramento

(1) (Da inviare via PEC alla Direzione Operazioni )

(2) Nel caso in cui il dichiarante fosse un organizzazione registrata (OR) già approvata dall’ENAC sarà sufficiente riportare
alla voce 1. la denominazione dell’organizzazione come trascritto sul certificato dell’OR ed il relativo numero di
approvazione. Le voci 2., 3.,4., 5., 6., 7., 8., possono riportare la sola dicitura “vedi voce 1.” se non sono richieste variazioni
rispetto alla struttura esistente. La voce 9. deve invece essere sempre compilate e sottoscritta.
Nel caso in cui si richieda una variazione rispetto al certificato approvato dell’OR, deve essere indicata anche la casella
“notifica di modifiche”.

(3) In caso di modifiche è sufficiente compilare solo il punto 1 e i campi contenenti modifiche.»

Potrebbero piacerti anche