Sei sulla pagina 1di 12

E-­‐book

 gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

 
 

 
-­‐   DR.SSA   ILARIA   CADORIN   -­‐  

• COSA  SIGNIFICA  "TRASGREDIRE"  IN  ADOLESCENZA?  


• COSA  SUCCEDE  QUANDO  GLI  ADULTI  DI  RIFERIMENTO  MOLLANO?  
• COSA  DICONO  I  GIOVANI  DEGLI  INSEGNANTI  
• COSA  DICONO  I  GIOVANI  DEI  GENITORI  
• ADULTI:  CHE  ADOLESCENTI  SIETE  STATI?  
• ADULTI  POSITIVI  DI  RIFERIMENTO  
• DECALOGO  PER  L’ADULTO  CHE  DEVE  FARE  L’ADULTO  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 1


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

Ci  si  lamenta  sempre  più  dei  "ragazzi  di  oggi":  giovani  senza  testa,  fuori  controllo,  al  
limite,   giovani   problematici.   Ed   è   spesso   immancabile   il   conseguente   riferimento   ai  
tempi  passati,  ai  giovani  che  noi,  adulti-­‐di-­‐oggi,  eravamo  stati:  "Sì,  ci  divertivamo,  ma  
erano  rari  i  comportamenti  che  invece  ora  si  vedono  così  assiduamente.  Noi,  giovani  di  
"ieri",  eravamo  diversi".  

Sì,   eravamo   "diversi"   e   il   bullismo,   ovvero   le   condotte   di   presa   in   giro,  


prevaricazione,  denigrazione,  aggressione  fisica  e/o  verbale,  non  erano  così  frequenti  
e  all'ordine  del  giorno  come  lo  sono  oggi  (tanto  da  rendere  i  progetti  di  prevenzione  al  
bullismo  tra  i  più  richiesti  nelle  scuole).  

Ma  i  giovani  di  oggi  sono  i  figli  degli  adulti  di  oggi.  

Cosa   sta   succedendo,   quindi,   a   questi   adulti,   per   cui   i   nostri   ragazzi   sono   così   fuori  
controllo?  

“Una  volta”  le  regole  erano  implicite,  si  sapeva  che  c’erano  senza  che  venissero  dette.  
Bastava   uno   sguardo   del   papà   per   riconoscere   di   non   superare   un   limite   e   guai   a  
portare   a   casa   un   rimprovero   dei   docenti:   per   i   genitori   la   parola   della   scuola   era  
legge.   Se   quello   era   un   estremo   che   si   cerca   di   non   riproporre   ai   propri   figli,   ciò   che   si  
tende  a  fare  oggi  è  di  muoversi  nell’estremo  opposto,  quello  del  lassismo,  del  lasciar  
fare,  riflesso  della  fragilità  degli  adulti  che  non  sanno  più  cosa  significhi  essere  adulti.  

I   comportamenti   di   cui   tuttora   i   ragazzi   si   fanno   portatori   prendono   il   nome   di  


"trasgressioni",  ma  queste,  che  di  fondo  sono  sane,   fisiologiche   e   necessarie  nella  
vita   ed   evoluzione   di   un   ragazzo   (soprattutto   in   quella   fascia   d'età,   dai   9-­‐10   anni   della  
preadolescenza   fino   ai   19-­‐20   dell'adolescente,   che   oggi   si   potrai   sempre   più   avanti),  
possono   anche   essere   gravemente   al   limite   (per   saperne   di   più   leggi   l'articolo  
PREADOLESCENZA:  CHE  CONFUSIONE!)  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 2


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

COSA  SIGNIFICA  "TRASGREDIRE"  IN  ADOLESCENZA?  

La   trasgressione   non   è   per   forza   riferita   esclusivamente   all'alcool,   alla   droga,   al  


sesso,  alle  condotte  che  escono  dalla  norma.    

Trasgredire,   per   il   preadolescente/adolescente,   è   sperimentare   un’esperienza,   al  


di  fuori  delle  regole,  senza  che  possa  causare  danno.    

Ad   esempio,   il   mentire   ai   genitori   per   trovarsi   con   l'amica   o   per   il   primo  


appuntamento   con   un   ragazzo/una   ragazza,   così   come   frequentare   dei   tipi   "diversi"  
da   quelli   accettati   dalla   famiglia,   ma   anche   la   prima   sbornia,   il  
marinare/bruciare/saltare  la  scuola  perché  alla  quarta  ora  c’è  un  interrogazione  per  
la  quale  non  si  è  preparati,  queste  sono  tutte  trasgressioni.    

Al  limite  troviamo  le  condotte  autolesive,  come  il  tagliarsi,  l'ubriacarsi  fino  al  coma  
etilico,  l'avere  rapporti  sessuali  promiscui  già  a  13-­‐14  anni.  

La   trasgressione   è   fondamentale   e   sana   perché   permette   ai   giovani   di   fare  


esperienza   di   se   stessi   attraverso   la   messa   in   discussione   dei   canoni,   dalle  
regole,   dai   codici,   che   definiscono   la   comunità   di   appartenenza  (come  la  famiglia,  
la  scuola,  la  città,  la  società,  la  cultura  di  appartenenza).  

Come  il  buio  è  tale  perché  c'è  il  giorno,  così  la  trasgressione  può  essere  tale  perché  ci  
sono   delle   regole,   dei   limiti,   dei   paletti   che   reggono   e   resistono   ai   vari   attacchi.  Ma  
come  si  può  "trasgredire"  se  non  ci  sono  più  quei  paletti  determinati  e  mantenuti  dagli  
adulti?  

La   trasgressione,   infatti,   ha   un   obiettivo   principale:  far   verificare   al   ragazzo   che   il  


contenitore  famiglia/scuola/società,  c'è  e  lo  tiene  e,  in  questa  "lotta",  permettergli  di  
verificare   la   propria   forza,   la   propria   autonomia,   la   propria   autostima,   in   un   periodo   –  
quello  dell’adolescenza  –  la  cui  meta  è  proprio  la  costruzione  della  propria  identità.  

L’adolescente   deve   trasgredire   per   testare   quanto   forte   è   il   suo   motore   interno,  
quanto   è   potente   la   sua   Ferrari,   ma   questo   non   vuol   dire   che   gli   adulti   gli   debbano  
spalancare  le  porte  consentendogli  di  correre  a  200  all’ora  e  di  sbattere  addosso  a  un  
muro  alla  prima  curva.  

Se   quei   paletti   non   ci   sono,   i   ragazzi   sperimenteranno   questo,   questo   e   quest'altro  


alzando   sempre   di   più   l'asticella   fino   a   superare   la   soglia   del   limite   socialmente  
accettabile.  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 3


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

COSA  SUCCEDE  QUANDO  GLI  ADULTI  DI  RIFERIMENTO  MOLLANO?  

Insegnanti  e  genitori  di  oggi  hanno  mollato  o  stanno  mollando  la  presa  o  persino  non  
l'hanno   mai   tenuta.   Sono   adulti   che   non   riescono   ad   assumersi   il   ruolo   che   hanno   e  
che,   spesso,   nemmeno   sanno   chiedere   aiuto   ai   professionisti   psicologi   che   possono  
offrire  loro  un  valido  sostegno  .  

Alla  fine,  a  lamentarsi  e  ad  evidenziare  il  problema,  devono  essere  proprio  i  giovani  
di   oggi,   con   i   loro   comportamenti   fuori-­‐limite,   che   altro   non   sono   che   tentativi   di  
richiamare  gli  adulti  alla  responsabilità  del  proprio  ruolo.  

COSA  DICONO  I  GIOVANI  DEGLI  INSEGNANTI  

Nel   mio   studio   e   nei   vari   contesti   scolastici,   incontro   preadolescenti/adolescenti   che  
con  estrema  consapevolezza  mi  dicono  frasi  come  queste:  

"Siamo   una   classe   scalmanata,   è   vero,   ma   ai   prof   non   frega   niente   di   noi.   I   prof   ci  
dicono  che  chi  vuole  ascoltare  si  siede  davanti  e  chi  vuole  far  casino  sta  dietro  ma  alla  
fine  così  regna  il  caos  ed  è  ovvio  che  poi  nessuna  ascolta.  Non  si  capisce  niente.  A  quel  
punto  tanto  vale  non  stare  attenti."  

O  ancora:  "Il  problema  è  che  i  prof  stanno  zitti,  ormai  nemmeno  sgridano  più.  Mettono  
note,  alcuni  compagni  ne  hanno  10,12,  ma  tanto  non  fanno  niente.  Sappiamo  che  tiriamo  
la   corda   ma,   tanto,   loro   non   reagiscono.   C’è   chi   sta   zitto   e   chi   sbraita   ma   sono   tutti  
molli”.  

Molli,  è  così  che  i  giovani  definiscono  gli  adulti.  

Al  contrario,  vi  stupirete  nel  pensare  che  ciò  che  i  ragazzi  vogliono  e  richiedono  sono  
"prof  più  severi"   e   sono   i   primi   a   dire   che   i   prof   ai   quali   si   sono   affezionati   di   più   e   che  
sentono   davvero   che   a   loro   ci   tengono,   sono   i   prof   che   riescono   a   tenere   la   classe,   che  
si  fanno  rispettare  e  non  di  certo  quelli  che  fanno  gli  “amiconi”.  

Si  pensa  che  per  gli  adolescenti  il  prof  preferito  sia  quello  che  dà  volti  alti  a  tutti,  che  
li   lascia   copiare,   che   fuma   con   loro   in   ricreazione,   che   scrive   al   cellulare,   che   fa  
l’aperitivo   nei   locali   dove   vanno   loro,   che   posta   la   sua   vita   privata   in   Instagram   (il  
social   più   diffuso   alla   loro   età).   Quel   prof.   non   è   un   “grande”,   ma   un   adulto   fallace,  
debole,   che   disconferma   il   suo   ruolo.   È   invece   davvero   un   “grande”   il   prof/mister  
coerente  con  i  valori  di  cui  si  fa  portatore  e  di  cui  i  ragazzi  hanno  tanto  bisogno.  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 4


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

COSA  DICONO  I  GIOVANI  DEI  GENITORI  

La   stessa   cosa   la   si   ritrova   nel   contesto   familiare.   Consideriamo   che   i   genitori   dei  
ragazzini  che  oggi  hanno  11-­‐12  anni,  inizio  della  preadolescenza,  sono  uomini  e  donne  
dai  45  anni  in  su.  Questa  è  un'età  molto  particolare  per  due  motivi.  

Il  primo  perché  è  una  fase  altamente  lavorativa  per  gli  adulti  che  finiscono  per  non  
avere  il  tempo,  ma  soprattutto  le  energie,  per  dedicarsi  ai  figli  con  la  forza,  la  presenza  
e   l’attenzione   che   la   loro   età   richiederebbe.   Con   il   protendersi   via   via   sempre   più   in   là  
dell’età  in  cui  si  mettono  al  mondo  dei  figli,  tra  una  decina  d’anni  ci  ritroveremo  a  fare  
i  conti  con  genitori  di  60  anni  che  hanno  figli  di  15  anni.  Ma  che  energie  possono  avere  
per  competere  di  fronte  alla  sfida  che  essi  portano?  

Il   secondo   motivo   riguarda   i   cambiamenti   a   livello   neuro-­‐psico-­‐endocrino-­‐


immunologico:  a  45/50  anni  i  genitori  vivono  quella  che  è  stata  descritta  come  “crisi  
di   mezza   età”,   una   situazione   di   rimescolamento   delle   carte   e   che,   proprio   per   questo,  
entra   in   risonanza   con   la   fase   evolutiva   della   preadolescenza/adolescenza   che   è  
appunto   un’altra   fase   di   crisi,   ma   contrapposta.     Fisicamente,   uomo   e   donna   fanno   i  
conti   con   l’andro-­‐menopausa   e   con   le   loro   inevitabili   conseguenze   a   livello   di  
cambiamenti  e  trasformazioni  fisici  (per  quanto  si  cerchi  di  ritardare  questo  momento  
con  rimedi  ormonali,  omeopatici  o  altro)  ma  anche  cambiamenti  emotivi  e  psicologici;  
al   contrario,   i   giovani   sono   nell’alba   del   loro   sviluppo   psico-­‐sessuale,   nel   fiorire   del  
loro  sviluppo  più  pieno.  

Questi  genitori  sono  in  un'età  di  rimessa  in  discussione,  certo,  di  "seconda  nascita”,  
come  spesso  amano  sottolineare,  ed  è  vero  perché  uomo  e  donna  over  45-­‐50  devono  
riorganizzare  la  loro  vita  in  un  modo  nuovo,  diverso.  Ma  se  fisicamente  menopausa  e  
andropausa  segnano  l'avvio  di  una  fase  di  "decadenza",  a  livello  psicologico  si  è  portati  
inconsciamente  a  fare  di  tutto  per  combattere  questo  ineluttabile  percorso,  e  spesso  lo  
si   fa   assumendo   atteggiamenti   adolescenziali,   non   congruenti   con   ciò   che   invece   da  
loro  la  natura,  e  i  loro  figli,  si  aspetterebbero.  

Capita   che   gli   adulti,   moderni   45enni-­‐50enni,   “impazziscano”   e   vogliano   fare   i  


ragazzini:   frequentano   discoteche,   fanno   aperitivi   con   gli   amici,   fumano   gli   spinelli,  
hanno   relazioni   affettive   rapide   e   confuse.   Spesso   è   a   quest’età   che   i   genitori   si  
separano  e  hanno  storie  con  uomini  e  donne  più  giovani  di  loro.    

Ma   anche   la   coppia   genitoriale   che   sta   insieme   può   non   essere   esente   dalla   crisi  
perché   i   figli   che   crescono   obbligano   la   coppia   a   riorganizzarsi   e   a   recuperare   degli  
spazi,  individuali  e  condivisi,  nuovi.  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 5


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

Ed  ecco  che  in  studio  incontro  ragazzini/ragazzine,  che  si  lamentano  dei  genitori  che  
si  mettono  al  loro  livello,  i  papà  che  si  vestono  come  dei  venticinquenni  e  le  mamme  
che   si   mettono   più   in   posa   e   fanno   più   selfie   di   loro;   genitori   che   fumano   con   loro,   che  
“rollano”   con   loro   le   sigarette   o   che   comunque   gli   consentono   di   farlo,   per   quanto  
“fuori   dalla   porta   di   casa”;   genitori   che   non   danno   orari   di   "coprifuoco"   o   che  
dipendono  da  loro  andando  a  prenderli  alle  2-­‐3  di  notte  fuori  dalla  discoteca  più  e  “in”  
del   momento,   spesso   frequentata   da   ragazzi   molto   più   grandi   di   loro;   genitori   che  
hanno   più   love  stories   di   Beautiful,   che   (spesso   i   più   separati)   presentano   ogni   anno   al  
figlio  un  moroso,  una  morosa  nuovi,  o  che  comunque  raccontano  ai  figli  cosa  fanno  nel  
weekend,  dove  vanno,  che  mostrano  loro  le  foto  e  i  video  dei  loro  momenti  di  festa.  

Ci   sono   anche   i   genitori   iper-­‐presenti,   che   vorrebbero   vivere   la   preadolescenza   e  


l'adolescenza   del   figlio,   quasi   tenendolo   a   braccetto,   oppure   completamente   assenti,  
immersi  nella  loro  vita  e  convinti  che  già  a  11  anni  il  proprio  figlio  si  debba  arrangiare,  
che   sia   grande   per   decidere   da   solo   della   sua   vita   assumendosi   liberamente   le   sue  
responsabilità  (non  è  raro  trovare  genitori  che  accettano  passivamente  che  il  figlio  di  
16  anni  si  sia  ritirato  da  scuola,  rimanendo  in  casa  sul  divano  per  ore  e  giustificandolo  
con   frasi   quali   "è  giusto  che  si  prenda  un  tempo  per  decidere  cosa  fare",  “i  prof  hanno  
sbagliato   tutto   con   lui”,   “lui   è   consapevole   che   così   si   rovina   la   vita   ma   ha   scelto   di   farlo,  
affari  suoi”).  

O   ancora,   per   non   dimenticarcene,   genitori   che  alla   prima   nota   degli   insegnanti,  
urlano   e   sbraitano   ma   non   con   il   figlio,   bensì   con   l'insegnante,   sminuendolo,  
criticandolo,  denigrandolo  e  dimostrando  loro  stessi  di  non  rispettare  l'altro  ruolo  di  
autorità  e  autorevolezza  ad  essi  complementare.  

L'adolescenza  dei  ragazzi  smuove  molto  negli  adulti  che  stanno  con  loro  e  che  vivono  
il  loro  cambiamento,  soprattutto  per  i  genitori  che  appunto  sono  nella  fascia  d'età  dei  
45-­‐50  anni  perché  mentre  loro  genitori  sono  nella  fase  del  tramonto,  i  loro  figli  sono  
in  quella  dell'alba  e  se  io  adulto  non  ho  fatto  i  conti  con  la  mia  esperienza  passata,  la  
mia  confusione  e  la  non-­‐integrazione,  è  probabile  che  con  mio  figlio/i  miei  alunni,  io  
rischi  di  fare  una  grande  frittata,  piuttosto  che  un  gran  capolavoro.  

In   tutto   questo,   il   genitore   e   l'insegnante   stabili,   solidi,   maturi,   ADULTI,   che   fine  
hanno  fatto?  

   

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 6


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

ADULTI:  CHE  ADOLESCENTI  SIETE  STATI?  

L’adulto   che   regge   deve   aver   risolto   la   maggior   parte   delle   sue   dinamiche  
adolescenziali   per   essere   in   grado   di   reggere   sanamente   all’adolescenza   del   figlio  
consentendogli  di  diventare,  a  sua  volta,  un  adulto  solido  ed  evoluto.  

Ci  sono  adulti  che,  ad  esempio,  hanno  saltato  a  piè  pari  la  propria  adolescenza,  che  
sono   stati   nel   loro   passato   sempre   ligi   alle   regole   nell’ossessiva   paura   di   che   cosa  
potesse  accadere  come  vivranno  le  trasgressioni  del  figlio?  Potranno  forse  pensare  e  
giudicare   il   figlio   perché   “perde   tempo   con   gli   amici”,   perché   “pensa   solo   alla   ragazza”  
e   ritenere   invece   che   loro   “quelle   cose”   non   lo   avevano   mai   fatte   e   che   a   16   anni   il  
proprio   figlio   debba   già   aver   in   mente   la   costruzione   del   proprio   futuro   (cosa   che  
nemmeno   a   30   ormai   si   ha   chiara).   Spesso   sono   adulti   che   hanno   dovuto   diventare  
subito  “grandi”,  per  un  lutto,  la  separazione  dei  genitori,  una  malattia  o  per  problemi  
economici.    

Poi   ci   sono   gli   adulti   trasgressivi,   quelli   che   a   50   anni   si   fumano   le   canne   perché   è  
una   “loro   scelta   personale”   e   che,   essendo   stati   adolescenti   trasgressivi   a   loro   volta,  
spronano  perché  il  figlio  vada  in  discoteca,  stia  fuori  fino  a  tardi  con  il  morosetto/la  
morosetta,   posti   nei   social   foto   ammiccanti   e   provocanti   discutendo   su   quale   filtro  è  
migliore,   vivano   con   il   figlio   la   prima   sbornia,   quasi   a   rivivere   le   emozioni   che   loro  
stessi  hanno  provato.  Tutto  questo  però  non  rende  il  papà  e  la  mamma  degli  adulti  di  
riferimento.    

L’altro   risvolto   della   medaglia   di   un   adulto   “ex   adolescente   trasgressivo”   è   che,  


proprio  in  merito  a  ciò  che  ha  fatto  e  disfatto  nella  sua  giovinezza,  si  ritrovi  ad  essere  
un   genitore   iper-­‐protettivo   verso   il   figlio,   che   nega   e   vieta   qualsiasi   esperienza   e  
minando  così  la  sua  sperimentazione  autonoma.  

L’adulto  di  oggi  è  spesso  un  adulto  con  forti  bisogni  narcisistici  per  cui  l’adolescente  
che,   fisiologicamente,   comincia   a   differenziarsi   cercando   di   mettersi   in   mostra   nella  
sua  differenza  e  unicità,  incontra  dei  genitori  che  a  momenti  fanno  a  gara  a  chi  è  “più  
figo”.  
Siamo  in  una  società  in  cui  essere  adulti  è  fuori  moda:  bisogna  essere  giovani,  
aitanti,  prestanti,  fashion,  cool,  smart.  
L’adolescente  senza  adulti  di  riferimento,  si  sente  perso.    
Poi  ci  sono  gli  adulti  che  siccome  hanno  vissuto  la  loro  adolescenza  in  modo  pieno  e  
maturo,   tendono   ad   anticipare   la   maturazione   nei   propri   figli,   spingendoli   ad  
arrangiarsi,   a   fare   e   provare   da   soli,   catapultandoli   nel   mondo   dei   grandi   con   la  
convinzione   che   non   abbiano   bisogno   di   una   presenza.   Questo   può   portare   ad   una  
situazione  in  cui  gli  adolescenti  si  muovono  nella  realtà  e  nelle  loro  esperienze  senza  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 7


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

esserne  mentalmente  o  fisicamente  pronti  con  la  conseguenza  di  blocchi  paralizzanti  
nei  vari  contesti  della  loro  vita  (come  quello  scolastico  o  relazionale)  oppure  di  salti  
nel  vuoto…  senza  paracadute.  
Ma  di  cosa  hanno  bisogno  gli  adolescenti?  Come  deve  essere  un  adulto?  
 
   

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 8


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

ADULTI  POSITIVI  DI  RIFERIMENTO  

Ma  allora,  che  adulti  dobbiamo  essere  per  i  giovani  di  oggi?  


Prendo   in   prestito   le   parole   di   Donald   W.   Winnicott   (Plymouth,   1896   –   Londra,  
1971),  pediatra,  psichiatra  infantile  e  psicoanalista,  riguardo  gli  adulti  di  riferimento  
per  l’adolescente:    
“Vi  sarà  questo  lungo  conflitto  al  quale  voi  dovrete  sopravvivere.  Con  qualcuno  voi  
sarete  fortunati  se  le  vostre  cure  lo  metteranno  rapidamente  in  grado  di  usare  simboli  
[riferimento   al   pensiero   simbolico   che   si   costruisce   e   avvia   in   adolescenza  ,  di  giocare,  
di  sognare,  di  essere  creativo  in  modi  soddisfacenti,  ma  anche  così  la  strada  fino  a  questo  
punto   può   essere   ardua.   E   in   ogni   caso   voi   farete   errori,   e   questi   errori   si   vedranno,   e  
saranno  sentiti  come  disastrosi,  e  i  vostri  figli  cercheranno  di  farvi  sentire  colpevoli  per  
le  loro  difficoltà  anche  quando  voi  non  ne  siete  affatto  responsabili.  I  vostri  figli  dicono  
semplicemente:  io  non  ho  mai  chiesto  di  nascere.”  
Per   l’adolescente   è   fisiologico   vedere   l’adulto   come   negativo,   non   più  
onnipotente,   non   più   “eroe”,   come   è   invece   per   il   bambino   quando   guarda   il   suo   papà,  
e   tutto   questo   è   sano   e   funzionale   al   ragazzo   perché   differenziandosi   dai   genitori   e  
vedendoli  anche  con  le  loro  fragilità  e  debolezze,  il  ragazzo  può  costruire  una  propria  
identità,   cosa   che   sarebbe   impossibile   se   ci   fosse   un   modello   onnipotente   e  
inattaccabile  (ovvero,  non  umano).  
Winnicott  continua:  
“Le   vostre   ricompense   vengono   nella   ricchezza   che   può   a   poco   a   poco   apparire   nel  
potenziale   personale   di   questo   e   di   quel   ragazzo.   E   se   voi   riuscite,   dovete   essere  
preparati   ad   essere   gelosi   dei   vostri   figli,   che   hanno   migliori   opportunità   di   sviluppo  
personali  di  quanto  voi  stessi  abbiate  avuto.  
Voi   vi   sentirete   ricompensati   se   vostra   figlia   un   giorno   vi   chiederà   di   fare   un   po’   di  
baby-­‐sitting   per   lei,   indicando   con   questo   che   essa   ritiene   che   voi   lo   possiate   dare   in   una  
maniera   soddisfacente;   […].Le   ricompense   vengono   indirettamente…   E   naturalmente   voi  
sapete  che  non  vi  si  dirà  “grazie.  La  questione  è  di  un  intrecciarsi  con  un  ambiente  che  
facilita.  Il  meglio  che  possiamo  fare  è  sopravvivere  senza  rinunciare  a  nessun  principio  
importante.   La   ribellione   appartiene   alla   libertà.   Per   ribellione   c’è   bisogno   di   limiti,  
regole,   adulti   che   sono   pronti   a   scontrarsi.   Gli   adulti   devono   essere   maturi   e   consapevoli  
e   credere   nella   propria   maturità   tanto   quanto   come   in   questo   periodo.   È   errato   se   la  
prematurità  deriva  da  una  linea  di  condotta  deliberatamente  assunta  dagli  adulti”1  
Gli  adulti  non  devono  pretendere  che  l’adolescente  diventi  grande  immediatamente,  
superando  come  per  magia  questa  fase  sicuramente  difficile  e  impegnativa  per  tutti  (il  

                                                                                                               
1  Donald  W.  Winnicott,  Gioco  e  realtà,  Armando  Armando  srl,  Roma,  1974,  p.  237.  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 9


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

“lungo   conflitto   al   quale   voi   dovrete   sopravvivere”).   Gli   adulti   dovranno   piuttosto  
indicare  al  giovane  la  strada  senza  pensare  che  lui/lei  siano  già  arrivati  lì.  
Avere  13-­‐15-­‐19  anni  non  vuol  dire  essere  “maturi”  perché  la  maturità  è  una  qualità  
che  si  conquista  con  il  tempo  e  con  le  sane  e  fondanti  esperienze  di  vita.    
Quanti   sono   gli   adulti   che   abdicano,   rinunciando   al   loro   ruolo   e   facendo   morire   la  
motivazione  al  proprio  compito  di  adulti  di  riferimento,  dicendo:  “Non  li  seguo  più,  che  
facciano   ciò   che   vogliono”   oppure   “Che   capiscano   da   soli   cosa   devono   fare,   mica  
possiamo  esserci  noi  a  vita!”.  
Gli   adolescenti   non   sono   seri,   non   sono   responsabili   e   non   sono   maturi.   No.   Ed   è  
normale   che   sia   così:   siamo   noi   adulti   a   doverli   sostenere   in   questo   importante  
cammino  per  raggiungere  quelle  qualità  e  competenze.  
Dall’altro   lato   l’adulto   non   deve   “normalizzare”   la   trasgressione   dell’adolescente:   è  
fisiologica  e  fa  parte  dell’adolescenza,  certo,  ma  è  sana  e  diventa  costitutiva  per  lui  nel  
momento   in   cui   l’adulto   c’è,   la   comprende   ma   è   fermo   e   la   gestisce   ritornando   alle  
regole  e  ponendo  al  giovane  dei  limiti.  

La  regola  comunica  VALORE.  

E,  paradossalmente,  siamo  in  un’epoca  in  cui  diamo  ai  figli  di  4  anni  l’ultimo  modello  
di   iPhone   con   i   brividi   all’idea   che   gli   possa   scivolare   dalle   mani,   ma   lasciamo   che   i  
nostri   figli   rientrino   in   casa   a   qualsiasi   orario,   stiano   con   il   cellulare   24   ore   su   24,  
rispondano   ai   professori   nei   peggiori   modi   immaginabili,   si   fumino   e   facciano  
qualsiasi  cosa,  “basta  che  non  ci  rompano”.  

Dove  è  il  valore  di  questi  ragazzi?  Chi  glielo  sta  comunicando?  

Nessuno.  

I  genitori  che  non  richiamano  i  figli,  che  hanno  smesso  di  dare  loro   sanzioni,  che  li  
lasciano   nel   marasma   della   loro   vita   senza   limiti   e   che,   ancor   di   più,   accettano   e  
condividono  i  reciproci  non-­‐limiti,  non  stanno  comunicano  loro  di  tenerci.    

Così  come  gli  insegnanti  che  accettano  passivamente  la  ribellione  degli  alunni,  che  o  
stanno   zitti,   sottomessi   al   potere   della   classe,   oppure   danno   note   vuote,   richiami  
inconsistenti   da   parte   di   un   ruolo   a   cui   hanno   rinunciato   (e   in   questo   la   società   sta  
degenerando  instillando  la  paura  negli  insegnanti  delle  ritorsioni  da  parte  dei  genitori  
di  quei  loro  alunni).    

Questi  adulti  creano  danni  enormi  all’autostima  e  al  senso  di  sé  dei  ragazzi,  togliendo  
loro   stessi   valore   al   giovane   e   alla   comunità   che   difficilmente   viene   percepita   come  
reale  riferimento.  Cosa  fare  quindi?  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 10


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

DECALOGO  PER  L’ADULTO  CHE  DEVE  FARE  L’ADULTO  

Il   ruolo   degli   adulti   è   di   sostenere   il   ragazzo   nel   suo   percorso   evolutivo,   aiutandolo   a  
diventare   un   adulto   sano   ed   equilibrato,   in   grado   di   impegnarsi   per   costruire   la  
propria   vita,   affettiva,   relazionale,   lavorativa.   A   seguire   una   linea   guida   da   tenere   a  
mente  nel  rapporto  con  il  proprio  figlio/alunno  preadolescente/adolescente:  

1. SII   UN   RIFERIMENTO   SANO,  anche  se  ti  sembra  che  tuo  figlio/il  tuo  alunno,  non  
ti  guardi,  tu  sei  per  lui  il  fondamentale  punto  di  riferimento.  Cerca  di  essere  un  
modello  sano  e  centrato  per  lui,  per  quanto  lui  poi  ti  possa  comunque  attaccare.  
2. NON   FARE   L’AMICO  di  tuo  figlio/dei  tuoi  studenti:  i  loro  amici  e  le  “BFF”  ce  li  
hanno  già.  Hanno  bisogno  invece  di  adulti  a  cui  guardare  per  capire  entro  quali  
paletti  muoversi.  
3. SII  FLESSIBILE:  a  volte  ti  troverai  ad  essere  più  morbido,  altre  più  rigido,  come  
cambia   tuo   figlio,   anche   tu   impara   a   cambiare   e   ad   assumere   il   ruolo   e   la  
funzione   che   più   in   quel   momento   ti   viene   richiesta,   evitando   gli   antipodi  
dell’essere  “sempre”  duro  e  severo  o  sempre  libertino  e  aperto.  
4. DEFINISCI   LE   REGOLE:   non   darle   per   scontate   ma   definisce   con   il   giovane  
perché  lui  sappia  quali  sono  i  paletti  entro  cui  stare.  
5. NEGOZIA  LE  SANZIONI:  le   proprie   azioni   prevedono   sempre   delle   conseguenze  
e   più   si   cresce   più   i   rischi   sono   alti.   Le   sanzioni   sono   educative,   e   non   punitive,   e  
servono  per  essere  rispettate,  così  come  la  segnaletica  stradale  dei  “70”  impone  
il  non  superamento  della  stessa,    
6. ASCOLTA   tuo   figlio,   interessati   a   lui   e   rimani   disponibile   nei   suoi   tentativi   di  
avvicinamento.   Anche   come   docente,   approfitta   delle   lezioni   non   solo   per  
trasmettere   dei   contenuti   che   si   possono   trovare   anche   nel   libro,   ma   per  
ascoltare  i  tuoi  alunni,  qualsiasi  tema  tu  stia  trattando,  che  si  parli  di  Napoleone  
o  dei  Promessi  Sposi.    
7. ACCOGLI  le  sue  proposte  ma  valutale  con  lui,  senza  bocciarle  in  partenza.  
8. RICONOSCILO   nei   suoi   traguardi   e   successi   ma   anche   nelle   sue   fatiche   e   nel   suo  
impegno.  Non  scordarti  le  parole  magiche:  “Sono  orgoglioso  di  te”,  “Hai  fatto  un  
ottimo  lavoro”,  “Vedo  quanto  ti  stai  impegnando.  Sono  fiero  di  te”.  
9. SIATE   IN   DUE:  che  siate  genitori  separati  oppure  che  siate  ancora  insieme,  per  
lui  rimarrete  per  sempre  “coppia  genitoriale”.  Confrontatevi  su  di  lui  e  cercate  di  
prendere   le   decisioni   insieme,   accordandovi   su   eventuali   sanzioni   e   castighi   da  
rispettare  in  entrambe  le  abitazioni.  
10. RESPIRA.   Quando   raggiungi   il   culmine   della   tensione,   anziché   insultare   vostro  
figlio/i   tuoi   studenti   e   scivolare   in   frasi   e   azioni   irrazionali,   lascia   passare  
qualche  ora  e  riprendi  il  discorso  in  un  momento  di  riacquisita  tranquillità.  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 11


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com  
E-­‐book  gratuito:  ADOLESCENTI  FUORI  CONTROLLO  –  Dott.ssa  Ilaria  Cadorin  

Concludo  riprendendo  nuovamente  le  parole  di  D.  Winnicott.,  che  nonostante  siano  
state  dette  quasi  50  anni  fa,  sono  più  vere  e  attuali  che  mai:  

“È   emozionante   che   l’adolescenza   si   faccia   sentire   e   sia   attiva,   ma   la   ribellione  


adolescenziale  che  si  fa  sentire  oggi  sull’intero  mondo  deve  essere  raccolta,  deve  esserle  
data  realtà  attraverso  un  atto  di  confronto.  Il  confronto  deve  essere  personale.  Gli  adulti  
devono  esserci,  se  gli  adolescenti  devono  aver  vita  e  vigore.  […]  Lasciamo  che  il  giovane  
modifichi  la  società  e  insegni  agli  adulti  come  vedere  il  mondo  nuovo;  ma  là  dove  vi  è  la  
sfida  del  ragazzo  e  della  ragazza  che  cresce,  vi  sia  un  adulto  a  raccogliere  la  sfida.”2  

DR.SSA  ILARIA  CADORIN  

BIBLIOGRAFIA  

Crocetti   G.   Galassi   D.   (a   cura   di),   Bulli   marionette.   Bullismo   nella   cultura   del   disagio  
impossibile,  Pendragon,  Bologna,  2005.  

Pellai   A.,   Tamborini   B.,   L’età   dello   tsunami.   Come   sopravvivere   ad   un   figlio  
preadolescente,  DeAgostini,  Milano,  2017.  

Pietropolli   Charmet   G.,   Fragile   e   spavaldo.   Ritratto   dell’adolescente   di   oggi.   Laterza,  


Bari,  2010.  

Winnicott  D.D.,  Gioco  e  realtà,  Armando  Armando  srl,  Roma,  1974,  p.  237.  
 
 
CONTATTI:  
DR.SSA  ILARIA  CADORIN,  
Psicologa  n°  9570  Ordine  Psicologi  del  Veneto  
Pagina  Facebook:  Dr.ssa  Ilaria  Cadorin  Training  Autogeno  
Pagina  Instagram:  ilariacadorinpsicologa  
Sito:  www.ilariacadorin.com  
E-­‐mail:  cadorin.ilaria@gmail.com  

                                                                                                               
2  Winnicott,  Gioco  e  realtà,  cit.,  pp.  248-­‐249.  

DR.SSA ILARIA CADORIN PSICOLOGA 12


cadorin.ilaria@gmail.com
www.ilariacadorin.com