Sei sulla pagina 1di 4
PREFAZIONE* 1, Se non sbigo, ho wissuto deci usr; e mentee comtinuavo a sodere voile sole, lass [del cielo] ® ruotato aire sexe volte 2, Le fine inal, ¢ Dio ia mi avicina il tempo prossimo alla seccinn, Cosa ho fatto di buono in una sequela cost lunga danni 7 5. La primaeta pianse sotto lo schioceare della sferza}. Subi to dogo la toga ni insegnd a mentire+ non senza diferto dx parte nl, che git mi ero macchiato di ealpe. 4. Poila ascivaimpudenza ela srontatalssuria— ne ho ver gogne erimorso— guastaono Ia giovinezza eon le serie ei fan del peceato® do cmp uti iat poe a eee ae eres ee eT iddope ears c Fa TiVipeaen pt Papeete nD oo epee ae ree er cele pie ti ender Rd Solo vl ent se cat tee goecsieo ansaid supe gorse connec Shane voce See ce mad aor cn al lpettie Pavers Se rs denne wind a clos rosie. Ma olga caprecd fess pie es Se gad gh eb ie de pine prio sgpeteeg rate Nr ap See cea re ee ac Blvd eisai 1 a ee ea a a ee siti sei = Sas alge conan email ier Ma poco abc coe sn oa etn ol Ce 6 Pradeeio 5. Bit card i procesi reser ageressivo il mio caranere pole- ‘ico. Lostinata voglia di vincere, pure senza badare a serupoliy i costs spice experi 6, Due volte ho governato nobil ct, rendendo giustizia a ‘buoni ctadinie facendomi temere dei disonesti, 7.E finalmente Yaffe del principe mi promosse ad al ff, ed eghimiordind di assumere un importante caricanela sua corte! '8, Mente ia vita foggiva veloce in questo moda, ecco che ‘anizie mi ha colto di sorpzesa, come a sgridarmi per cxsermi sco dato del vecchio console Saia, 9-e della mia nascts sort di lui, Quantiinveri sono pass si uno dopo lizo, e [quante] rose sono tomate sui pra dopo 1 elo! La neve sul mio capo lo dimosta 10. Tutto questo, bene o male che sia, giovers forse quando ‘questa came non ci sari pid, quando ormei la morte ara distr Yo tata id he fusio? 11, Eore che confess a me stesso: «Chiunque tu si il mon- do che sevito, la tua anima lo ha formal] perdato, Non si in cena ve Di aie [epee 12. Ebbene, ora che giunta al ultima soglia,Fanima pec: cate si liberi della sua stolrezza;eeelebr Dio almeno con il ean ‘0, visto che non ha saputo farlocoa i meni eee sya te Ceaser rol arc amaen sateen aoe erga ncecsyon songs need en, ® iy omg ea er bts erence ate eran bagabie ietieey pan ajagee oe Mm ea oe anual pees Peelers tng esas one Cet en cnn sore rs eats ra we ‘on ques, Pefiione 6 13, Giomoc notte non smeta mai di inneggiare elodate Si more, combatacontto le erese' e illustra fede catolica 14, Calpest i iti dei pagan distrugga, 0 Roma, i tuoi ido- * consuct ur poema ai martri:*e lod gi apostoll 15, E mente seivo 0 dico cos, poss fo ~ libero dai legami {a corpo — vole dove mi porter la mobile lingua, con la sua ul: time parole B cee a ere jbl reciente De ae esa a ee ee Se ee Cs Peeeriorelagr omen Saeed eee segue ha Cass ge oe aus, rere Brier mcr eee opened ae maa es sree ee ete ay res 2 ee SEES Some a as EPILOGO* 1. Chi pio, fede, innocentee casto consacra« Dio Pace 2.1 doni della coscienza, che anima beata possiede abbondant dentro dis 3. Un altro ripuncia anche al denaro, per sfamare i bisognori 4, Not sacrfchiamo veloc giambi agli sochel’ 5. prvi come siamo di santa, “Sere come Pre ae fe dele me po, Epo ie poeta di Paden Lo proponiama por orice con smarts Gnome 3s Paclatio) due apleors canbe perch wn sso inaesane, Veo. estore wna ma tseme et vod aver onaato gh impegr esant elle Praca ecaon alimepoce dal eal ae Do de oo ‘oni tease La pocns Dicwrete dite um mar roca & 0 mera gamba cle "anima pecnce” dla Prefxone ¢ dives “sma beat”, ot hei propo plata cetera dla mats dl poets ¢ andaoa000 fie. $ pot eiffernza ta a Prato, peri sala iaone (perce scctta de Podenzio non ala vga dalla composion dele ue ope, ot ‘eto nat Oran de 1 seal, nt el 405), eF Epil che nvece 1 {reels condisone male del'atare savor caalso. 3 Guambe ewocheo sono due rept ow ped metro nih tie be cpa gr nin Qi ane ee nb ore) ‘appot a tito lasoo potdco di Pradensio, Quanta a due capelos ‘tore wre vers gamble nel Jes ences, VI, VIL 3, steele Cove det mare, W.1X, Xe 90. Ler ees trove pi ‘seamen nel Tane 1 e nla Coron “SP topos latensio della modes in versione eistiana. CE if, strofe 1.16 Eiogs, 114 291 non cos ricci da der solleve ai pover® 6. Ma Dio szprova il nostro umile canto, benigno lo arate 7 tn eas del ieco ci ono molt urns, in ogni angobo™ 8 splendelacoppa foro, enon manc i caine fame trate afoddoy 9c purelapentala diac, ll vasoio dargento masseco; 10, cer ogg sono in avi, alc nual nel leno di quercia © limo. 11 Opal anise ¢ buono quando & ule, gee al atone! 12. ee cota cao sian di legno’, soenpeardidea 15. Quanto ame, nella dimorapatena?, ‘come un vest cbeolero 14 Cito mfrierva per uni ws, asia che rest da pare in. uncactucia “a profeions oense ea cnr ko fursonaso pubblico re ‘ano suctratoprobabment a Paden un buon enor de stu economies os a pernterp di dod saps aon ne Teoh distcsone co ns Se erfe lb) camo qualche not sd faire e dome (Nile Seed geedie pelle, mee ole Nal se deere a pel’ een, mea alice dino 4 vedaoo materia 9) pega (ct sfe #0, So mtalory, Itppaa per nove ste 0-0) fabbondune Pradenio none mensee = ‘sche a0 Epos! Cone cand po sl pengons on eno cas Be fe pvr ttre ecole aund spe dae "toro or La econo dnb “e potora & arena. Telco 5 66. 202 Prudenio 1B, Unumids teraora nell regia dl Salavre?: eco quell ce sono. 16 Ma anche se al utine posto, gran conn aver sevito I Signore 17- Comunaue vada sari bell aver clebrto Cristo on la patola® INDICT 28 na, Wyaai or personae Crit. Slo nla conclrane ena sue 4) Prades allo sll us opera poet cisino, Nal Eiog Tare Since esata pofesone hums Md lexannte,ceneno pepo tl due dh guano aon mora crsana abla sap rae et a gh "i del Signore som propo vem,