Sei sulla pagina 1di 49

AIR POWER GROUP SPA

Sede Legale: via Ca’ del Miele, 9 - 42013 Casalgrande (RE) – Italy
C.S. Euro 4.000.000,00 i.v. - C.F. 02494070366 - P.I. 01906390354 -

CURVA A CINGHIOLI

MANUALE USO E MANUTENZIONE


ISTRUZIONI ORIGINALI

M76.01.211-00-ITA-380V-50HZ
Pubblicazione emessa da: AIRPOWER S.P.A. - Via Cà del Miele, 9 - 42013 Casalgrande (RE) - Italia
Edizione: 01/17
Revisione: 00

AIRPOWER S.P.A.

Tutti i diritti di riproduzione del presente manuale sono riservati a AIRPOWER S.P.A., la riproduzione anche
parziale è vietata.

Il presente manuale è realizzato in conformità alla norma CEI EN 62079-2002-01. AIRPOWER S.p.A. si riserva il
diritto di apportare in qualsiasi momento tutte le modifiche che riterrà opportune alla presente pubblicazione.
Il presente manuale:
– è parte integrante della fornitura e deve essere letta attentamente al fine di un utilizzo corretto, in conformità ai
requisiti essenziali di sicurezza;
– elaborato secondo le disposizioni della Direttiva Macchine 2006/42/CE, riporta le informazioni tecniche necessarie
per svolgere correttamente tutte le procedure in condizioni di sicurezza;
– deve essere conservato con cura (protetto in un involucro trasparente e stagno per evitarne il deterioramento)
e deve accompagnare la macchina durante tutta la sua vita, compresi eventuali passaggi di proprietà.
In caso di smarrimento o deterioramento è possibile riceverne una copia facendo richiesta alla AIRPOWER
S.p.A. segnalando i dati riportati sulla targhetta d’identificazione;
– è stato realizzato in Italiano come lingua di origine.

La AIRPOWER S.p.A. declina ogni responsabilità per danni causati in seguito ad operazioni non
contemplate in questo manuale.
CAPITOLO

INDICE
1 INFORMAZIONI GENERALI ......................................................................................................... 3
1.1 PREMESSA ..............................................................................................................................................3
1.2 CONSIGLI PER L’ACQUIRENTE ............................................................................................................3
1.3 CONSIGLI PER L’UTILIZZATORE ..........................................................................................................3
1.4 SCOPO DEL MANUALE ..........................................................................................................................4
1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE FORNITA ...............................................................................................4
1.6 CRITERI DI RICERCA E CONSULTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ...................................................4
1.6.1 COME AGGIORNARE IL MANUALE ..............................................................................................5
1.6.2 SIMBOLOGIA UTILIZZATA NEL MANUALE ...................................................................................6
1.6.3 PITTOGRAMMI DI OBBLIGO RELATIVI ALLA SICUREZZA..........................................................7
1.6.4 PITTOGRAMMI DI PERICOLO RELATIVI ALLA SICUREZZA .......................................................7
1.7 GARANZIA ED ESCLUSIONE DELLE RESPONSABILITÀ....................................................................8
1.8 RICHIESTA DI ASSISTENZA TECNICA .................................................................................................8
1.9 ORDINE RICAMBI....................................................................................................................................9
2 IDENTIFICAZIONE ...................................................................................................................... 11
2.1 DESCRIZIONE DELLA MACCHINA ......................................................................................................11
2.2 IDENTIFICAZIONE DELLA MACCHINA ...............................................................................................11
3 SPECIFICHE DEL PRODOTTO .................................................................................................. 13
3.1 USO PREVISTO ED USI NON CONSENTITI.........................................................................................13
3.1.1 USO PREVISTO ...........................................................................................................................13
3.1.2 USO NON CONSENTITO .............................................................................................................13
3.1.3 PRODOTTI PER LA PULIZIA UTILIZZABILI .................................................................................14
3.1.4 PRODOTTI DA NON UTILIZZARE ...............................................................................................14
3.2 ELENCO DEI COMPONENTI PRINCIPALI............................................................................................15
3.2.2 IMPIANTO ELETTRICO ........................................................ Errore. Il segnalibro non è definito.
3.3 DATI TECNICI ........................................................................................................................................16
3.3.1 DESTINAZIONE D’USO ................................................................................................................17
3.4 NORMATIVE DI SICUREZZA ........................................................................................................................17
4 TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE ......................................................................................... 21
4.1 AVVERTENZE GENERALI ....................................................................................................................21
4.2 IMBALLO ...............................................................................................................................................21
4.2.1 Imballo macchina ..........................................................................................................................21
4.3 SOLLEVAMENTO E MOVIMENTAZIONE MACCHINA IMBALLATA ...................................................22
4.3.1 Sollevamento dell’imballo con l’utilizzo di un carrello elevatore.....................................................23
4.4 IMMAGAZZINAMENTO MACCHINA IMBALLATA ...............................................................................24
4.5 DISIMBALLO - VERIFICA DEL CONTENUTO ......................................................................................25
4.5.1 DISIMBALLO DI MACCHINA IN CASSA DI LEGNO ...............................................................................25
4.5.2 DISIMBALLO DI MACCHINA SU PALLET ..............................................................................................25
4.6 MOVIMENTAZIONE MACCHINA ...........................................................................................................26
4.7 SMALTIMENTO MATERIALI D’IMBALLO ............................................................................................26
4.8 STOCCAGGIO .......................................................................................................................................27
5 INSTALLAZIONE ........................................................................................................................ 29
5.1 CONDIZIONE PER L’INSTALLAZIONE ................................................................................................29
5.2 INSTALLAZIONE ...................................................................................................................................29
5.3 POSIZIONAMENTO ...............................................................................................................................30
5.4 ALLACCIAMENTI ..................................................................................................................................31
6 NORME DI SICUREZZA ............................................................................................................. 31
6.1 PROTEZIONI ..........................................................................................................................................31
6.2 RISCHI RESIDUI ....................................................................................................................................34
6.3 POSIZIONAMENTO PITTOGRAMMI .....................................................................................................35
7 FUNZIONAMENTO...................................................................................................................... 37
7.1 AVVERTENZE GENERALI ....................................................................................................................37
7.2 AVVIAMENTO ........................................................................................................................................37
7.3 ARRESTO ..............................................................................................................................................37
7.4 FUNZIONAMENTO ................................................................................................................................38
7.5 PANNELLO COMANDI ..........................................................................................................................38
7.6 REGOLAZIONI ...............................................................................................................................................38
8 MANUTENZIONE ........................................................................................................................ 41
8.1 AVVERTENZE DI SICUREZZA PER L’OPERATORE ...........................................................................41
8.2 NORME GENERALI PER UNA BUONA MANUTENZIONE ..................................................................42
8.3 MANUTENZIONE ORDINARIA PROGRAMMATA ................................................................................43
8.4 MANUTENZIONE STRAORDINARIA ............................................................................................................44
8.6 RICAMBI CONSIGLIATI .................................................................................................................................44
CAPITOLO

9 MESSA FUORI SERVIZIO .......................................................................................................... 45


9.1 SMANTELLAMENTO E ROTTAMAZIONE ............................................................................................45
11 RICAMBI ...................................................................................................................................... 47
11.1 Come ordinare le parti di ricambio ......................................................................................................47
11.2 Avvertenze di sicurezza .......................................................................................................................47
TAVOLA 1 ............................................................................................................................................................48
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1
1 INFORMAZIONI GENERALI

1.1 PREMESSA

Ci complimentiamo con Voi per aver scelto la macchina CURVA A CINGHIOLI. Leggete attentamente e
conservate con cura il presente manuale, le informazioni in esso contenute Vi saranno indispensabili per un
corretto uso della macchina.

Con questo manuale è volontà di AIRPOWER S.p.A. impostare con Voi un rapporto di collaborazione al
fine di perfezionare il nostro prodotto per renderlo più versatile alle Vostre esigenze. Per questo motivo Vi
preghiamo di segnalarci qualunque cosa riguardante eventuali errori, sviste, malfunzionamenti,
suggerimenti, osservazioni, pareri, ai contatti che trovate su questo manuale.

Siccome per garantire un uso corretto e sicuro della macchina è necessario un coordinamento fra tutte le
figure produttive, questo manuale, è stato pensato e redatto per fornire nozioni e consigli (responsabilità,
formazione, procedure, uso e manutenzione) per ogni figura.

1.2 CONSIGLI PER L’ACQUIRENTE

Vi consigliamo di integrare quanto riportato in questo manuale nelle vostre procedure interne di sicurezza e in
particolare di curare i seguenti punti:

- Analizzare la documentazione di macchina (in caso di infortunio il manuale è il primo documento


che viene acquisito dall’autorità competente).
- Fare l’analisi dei rischi palesi della macchina e del suo inserimento nel vostro ambiente di lavoro.
Redigere procedure per tutte le attività necessarie sulla macchina (tenendo conto di quanto riportato
in questo manuale).
- Determinare per ogni procedura la lista del personale addetto (magari affiggendola nei pressi della
macchina).
- Realizzare e documentare la formazione per il personale adibito all’uso della macchina o appartenete
alle liste sopra indicate (ripetere la formazione ed aggiornare le liste in caso di nuove assunzioni).

In questo modo l’acquirente dimostra di aver adottato tutto ciò che era in suo potere per dare agli utilizzatori
un ambiente di lavoro sicuro, inoltre solo in questo modo, in caso di infortunio dato dal non rispetto delle
procedure definite, l’acquirente è in grado di declinare le responsabilità.

1.3 CONSIGLI PER L’UTILIZZATORE

Per quanto riguarda gli utilizzatori consigliamo di curare i seguenti punti:


- Leggere interamente questo manuale (per meglio capire le procedure). Operare nel pieno rispetto
delle procedure aziendali e di questo manuale.
- Non compiere azioni o iniziative diverse da quelle indicate se non in accordo con il responsabile.

In questo modo l’utilizzatore dimostra di avere operato nel pieno rispetto delle procedure. Ogni intervento
diverso da quelli indicati potrebbe essere interpretato come una azione non richiesta e arbitraria, quindi, su
cui risponderne individualmente.

3
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1

1.4 SCOPO DEL MANUALE

Il presente manuale:
- riporta le informazioni tecniche necessarie per svolgere correttamente la movimentazione dell’imballo,
la messa in servizio, l’uso e la manutenzione della CURVA A CINGHIOLI;
- è parte integrante della fornitura e deve essere letto attentamente al fine di un utilizzo corretto, nel
rispetto dei requisiti essenziali di sicurezza;

- deve essere conservato con cura (protetto in un involucro trasparente e stagno per evitarne il
deterioramento) e deve accompagnare la macchina durante tutta la sua vita, compresi eventuali
passaggi di di proprietà. In caso di smarrimento o deterioramento è possibile riceverne copia
facendo richiesta a

- AIRPOWER S.p.A., segnalando i dati riportati sulla targhetta d’identificazione;


- rappresenta il primo volume di una serie di documentazione tecnica (par. 1.5) fornita con la macchina.

Nel seguito del manuale la CURVA A CINGHIOLI viene denominata in forma breve “macchina”.
Per esigenze di chiarezza nella spiegazioni, alcune illustrazioni rappresentano parti della macchina senza le
protezioni o con protezioni disattivate.

Prima di compiere qualsiasi operazione sulla macchina è obbligatorio leggere attentamente tutta la
documentazione fornita al fine di evitare possibili danneggiamenti alla macchina stessa, alle persone ed alle
cose. Non è consentito operare in caso di dubbi sulla corretta interpretazione delle istruzioni.

AIRPOWER S.p.A declina ogni responsabilità per uso improprio della macchina, per danni causati in seguito
ad operazioni non contemplate nel presente manuale ed in quelli allegati.

1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE FORNITA

- DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ;

- MANUALE DI USO E MANUTENZIONE;

- SCHEMI ELETTRICI;

- CATALOGO RICAMBI;

1.6 CRITERI DI RICERCA E CONSULTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

Il manuale è costituito da:


- un sommario degli argomenti;

- una serie di informazioni suddivise in capitoli, paragrafi e sottoparagrafi.


L’inizio del capitolo è contraddistinto da una pagina dispari che richiama il numero e il titolo del capitolo.
La numerazione delle pagine è progressiva.
La numerazione delle figure è riferita al paragrafo di appartenenza. Esempio 1.3-1 significa:

1.3 1

4
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1
Le informazioni che riguardano:
procedure o descrizioni informative sono rappresentate con carattere normale;
avvertenze di pericolo per l’operatore, possibili cause di anomalie o di danni alla macchina, ricerca di
descrizioni nel presente manuale o in quelli allegati sono rappresentate con carattere grassetto corsivo ed
accompagnate da un simbolo (par. 1.6.2);
operatori dedicati o tipologie di intervento specifico sono rappresentate con carattere normale ed
accompagnate da un simbolo (par. 1.6.2).

1.6.1 COME AGGIORNARE IL MANUALE

Qualora la macchina subisse modifiche tali per cui AIRPOWER S.p.A. consideri necessario l’aggiornamento
della suddetta pubblicazione, essa stessa provvederà a comunicare al Cliente utilizzatore l’avvenuta
modifica del manuale e a consegnare una copia aggiornata delle parti interessate da tali modifiche. Sarà
compito del Cliente distruggere le parti obsolete.

In seguito a riparazioni e/o modifiche (autorizzate per iscritto da AIRPOWER S.p.A.) è necessario aggiornare
il manuale nel seguente modo:

l’operatore autorizzato deve compilare una o più “schede di modifica” (vedere ultima pagina) che riportano:
la data di esecuzione; le operazioni eseguite; gli operatori autorizzati;
inviare alla AIRPOWER S.p.A. una copia della scheda di modifica per essere inserita nel Fascicolo Tecnico;
inserire la scheda tra gli allegati del manuale;
nelle parti del manuale interessate dalla modifica inserire una nota di rinvio alla scheda;
AIRPOWER S.p.A. provvederà all’aggiornamento delle informazioni e alla spedizione di una copia
aggiornata della nuova edizione.

5
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1
1.6.2 SIMBOLOGIA UTILIZZATA NEL MANUALE

Operatore generico: operatore privo di competenze specifiche, in grado di compiere


solo mansioni semplici su disposizioni di tecnici qualificati.

Conduttore della macchina: operatore privo di competenze specifiche, in grado di


svolgere solo mansioni semplici, ovvero la conduzione della macchina attraverso l’uso
dei comandi disposti sulla pulsantiera e operazioni di carico e scarico dei materiali
utilizzati durante la produzione, con le protezioni installate ed attive; non è abilitato all’uso
della macchina con funzionamento con comando ad azione mantenuta con protezioni
aperte.
Conduttore di mezzi di sollevamento e di movimentazione: operatore abilitato all’uso
di mezzi per il sollevamento e la movimentazione di materiali e di macchine (seguendo
scrupolosamente le istruzioni del costruttore), in ottemperanza alle leggi vigenti nel paese
dell’utilizzatore della macchina.
Manutentore meccanico: tecnico qualificato in grado di condurre la macchina in
condizioni normali, di farla funzionare con comando ad azione mantenuta con protezioni
disattivate, di intervenire sugli organi meccanici per effettuare le regolazioni, le
manutenzioni e le riparazioni necessarie. Tipicamente non è abilitato a interventi su
impianti elettrici in presenza di tensione.
Manutentore elettrico: tecnico qualificato in grado di condurre la macchina in condizioni
normali e di farla funzionare con comando ad azione mantenuta con protezioni
disattivate; è preposto a tutti gli interventi di natura elettrica di regolazione, di
manutenzione e di riparazione. E’ in grado di operare in presenza di tensione all’interno
di armadi e scatole di derivazione.
Tecnico del costruttore: tecnico qualificato messo a disposizione dal costruttore per
effettuare operazioni di natura complessa in situazioni particolari o comunque quanto
concordato con l’utilizzatore. Le competenze sono, a seconda dei casi, di tipo meccanico
e/o elettrico e/o elettronico e/o software.

ATTENZIONE!
I testi contrassegnati da questo simbolo indicano un potenziale pericolo e richiamano
l’attenzione dell’operatore al fine di non incorrere in una serie di conseguenze che
potrebbero provocare danni alla macchina e/o all’operatore stesso.

AVVERTENZA!
Indica situazioni di rischio per la macchina e/o per Il prodotto in lavorazione.

PER IL RISPETTO DELL’AMBIENTE


I testi contrassegnati da questo simbolo contengono avvertenze riguardanti l’ambiente.

NOTA
Indica notizie utili per la consultazione del manuale e per il buon funzionamento della macchina.

CENTRO ASSISTENZA TECNICA (C.A.T.)


indica le procedure di installazione, messa in servizio e/o manutenzione straordinaria (di tipo elettrico /
meccanico) che competono al tecnico d’assistenza dipendente o autorizzato dalla AIRPOWER
S.P.A.

6
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1

1.6.3 PITTOGRAMMI DI OBBLIGO RELATIVI ALLA SICUREZZA

Obbligo guanti di protezione:


La presenza di questo simbolo richiede l’utilizzo dei guanti a isolazione elettrica/termica
da parte dell’operatore.

Obbligo scarpe antinfortunistiche:


La presenza di questo simbolo richiede l’utilizzo delle apposite calzature di protezione da
parte dell’operatore.

Obbligo indumenti antinfortunistici:


La presenza di questo simbolo richiede l’utilizzo di indumenti approvati a fini
antinfortunistici (es. tuta).

Obbligo occhiali:
La presenza di questo simbolo richiede l’utilizzo di occhiali per la protezione degli occhi
da parte dell’operatore.

Obbligo cuffie di protezione:


La presenza di questo simbolo richiede l’utilizzo delle cuffie di protezione da parte
dell’operatore essendo implicito il rischio di inquinamento acustico.

1.6.4 PITTOGRAMMI DI PERICOLO RELATIVI ALLA SICUREZZA

Pericolo schiacciamento arti superiori ed arti inferiori:


La presenza di questo simbolo richiede particolare attenzione da parte dell’operatore
verso tutti i componenti meccanici che potrebbero provocare con un loro movimento
inatteso o per imprudenza uno schiacciamento degli arti superiori o degli arti inferiori
dell’operatore.

Pericolo carichi sospesi:


La presenza di questo simbolo avverte l’operatore del pericolo di carichi sospesi dovuto
al sollevamento di componenti appartenenti alla macchina.

Pericolo folgorazione:
Segnala al personale interessato che l’operazione descritta presenta, se non effettuata
nel rispetto delle normative di sicurezza, il rischio di uno shock elettrico.

Pericolo carrelli elevatori in movimento:


La presenza di questo simbolo avverte l’operatore del pericolo derivante da mezzi di
trasporto in movimento nelle vicinanze della macchina.

7
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1

1.7 GARANZIA ED ESCLUSIONE DELLE RESPONSABILITÀ

Le clausole complete della garanzia sono riportate nel contratto di vendita.


La garanzia è subordinata alle seguenti condizioni:
- la macchina deve essere usata entro i limiti dichiarati in contratto e riportati nel presente manuale;
- la macchina deve essere usata seguendo le istruzioni del manuale;
- la manutenzione deve essere effettuata nei tempi e nei modi previsti dal manuale, impiegando ricambi
originali ed affidando gli interventi a personale qualificato.
AIRPOWER S.p.A. declina ogni responsabilità derivante da:
- uso improprio;
- uso da parte di personale non autorizzato e/o non addestrato;
- inosservanza parziale o totale delle istruzioni;
- difetti dell’ambiente di lavoro (luminosità eccessiva, temperature ed umidità eccessive);
- carenza di manutenzione;
- inquinamento dall’esterno della macchina;
- modifiche e riparazioni non autorizzate;
- utilizzo di ricambi non originali;
- eventi eccezionali come sismi o allagamenti, incendi (se non provocati direttamente dalla macchina).

1.8 RICHIESTA DI ASSISTENZA TECNICA

Il servizio di assistenza è a disposizione per chiarimenti, per interventi presso il cliente con invio di personale
specializzato o per l’invio di pezzi di ricambio.

Specificare sempre:

- nome Cliente e dati identificativi;


- dati identificativi della macchina, quali: tipo; n° serie (commessa); anno di costruzione

Le richieste di interventi del Servizio Assistenza Tecnica Clienti vanno inoltrati via fax al seguente indirizzo:
AIR POWER GROUP SPA
Sede Legale: via Ca’ del Miele, 9 - 42013 Casalgrande (RE) – Italy
Tel. r.a. +39-0522.999334 - Fax +39-0522.770841
e-mail customer.service@airpowergroup.com - http:// www.airpowergroup.com

Si ricorda che è fatto obbligo al Cliente di acquistare sempre ricambi originali (od equivalenti
autorizzati per iscritto dalla AIRPOWER S.P.A. o dai C.a.t.).

8
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1
1.9 ORDINE RICAMBI

Ogni richiesta riguardo a pezzi di ricambio va inoltrata per iscritto via fax al seguente indirizzo:
Sede Legale: AIR POWER GROUP SPA via Ca’ del Miele, 9 - 42013 Casalgrande (RE) – Italy
Tel. r.a. +39-0522-848290 - Fax +39-0522-772266
e-mail amministrazione@airpowergroup.com - http:// www.airpowergroup.com

Per rendere più rapida e sicura l'identificazione dei pezzi di ricambio comunicare sempre le seguenti indicazioni:
- tipo di matricola della macchina
- descrizione del pezzo
- codice componente
- quantità voluta

E' importante indicare, inoltre, se si tratta di ordine esecutivo di una richiesta di pezzi, la data di consegna
richiesta, l'indirizzo di spedizione e quello di fatturazione ed eventuali istruzioni di spedizione. Comunicare il
nome, il telefono ed il fax della persona responsabile anche in futuro per tutto ciò che riguarda le forniture dei
pezzi di ricambio.
A ricevimento dell'ordine, la AIR POWER GROUP SPA invierà la conferma dell'ordine con l'indicazione dei
prezzi, la data di consegna definitiva e le condizioni sulla fornitura

Si ricorda che è fatto obbligo al Cliente di acquistare sempre ricambi originali (od equivalenti autorizzati per
iscritto dalla AIRPOWER S.P.A. o dai C.a.t.).

9
CAPITOLO

INTRODUZIONE 1

10
CAPITOLO

IDENTIFICAZIONE 2

2 IDENTIFICAZIONE

2.1 DESCRIZIONE DELLA MACCHINA

- La macchina, CURVA A CINGHIOLI, è un componente della linea di trasporto delle piastrelle


- La macchina è destinata all’utilizzo nel settore industriale in condizioni ambientali normali.
- La conduzione della macchina deve essere affidata a personale istruito sulle caratteristiche della stessa e
che sia informato sul contenuto del presente manuale.
- La macchina funziona in automatico.

2.2 IDENTIFICAZIONE DELLA MACCHINA

La macchina è formata da due macchine ed il quadro elettrico di gestione delle stesse in modo sincronizzato.
I dati di identificazione dellla macchina e la marcatura CE sono riportati nelle targhette illustrate in fig. 2.2-1

Per nessuna ragione i dati riportati sulla targhetta possono essere alterati.

FIG. 2.2-1

11
CAPITOLO

IDENTIFICAZIONE 2

E’ necessario comunicare il “modello” ed il “tipo” ogni qualvolta si


interpella la casa costruttrice per informazioni o per l’ordinazione dei pezzi
di ricambio.

La targa di identificazione riporta i seguenti dati:

Identificazione costruttore ed indirizzo Tensione in Volt


Tipo Macchina Frequenza in Hz
N.° di Matricola Potenza in kW
Marcatura CE e anno di costruzione Assorbimento elettrico in Ampere
della macchina

12
CAPITOLO

SPECIFICHE DEL PRODOTTO 3


3 SPECIFICHE DEL PRODOTTO

3.1 USO PREVISTO ED USI NON CONSENTITI

3.1.1 USO PREVISTO

La macchina mod. CURVA A CINGHIOLI è un componente della linea di trasporto delle piastrelle.
Per la salvaguardia degli operatori e l’ottenimento delle prestazioni promesse, nessun oggetto o prodotto
diverso da quelli suddetti dovrà essere introdotto in macchina e nessuna modifica alla macchina stessa
dovrà essere fatta senza aver prima avuto parere favorevole dalla AIRPOWER SPA. La macchina è
destinata ad uso industriale in condizioni ambientali normali come definito al punto 1 di EN 60204-1. Queste
condizioni sono relative all’impiego della macchina. La definizione dei limiti per la presenza di personale è
compito del progettista e può comportare limitazioni più restrittive.
La conduzione della macchina deve essere affidata a personale istruito sulle caratteristiche della macchina e che
sia informato sul contenuto del presente manuale.
La macchina è a funzionamento automatico; per essa non esiste quindi un posto di lavoro fisso.
La macchina può funzionare in modo manuale od automatico; tali modi sono accessibili all’utente attraverso
la selezione da consolle.

ATTENZIONE!
ogni altro uso della macchina è considerato uso improprio, non previsto, quindi
pericoloso. L’utilizzo della macchina per usi diversi o per ottenere valori di
produzione superiori ai limiti prescritti, viene considerato“USO IMPROPRIO”.
Pertanto AIRPOWER SPA è esonerata dalle responsabilità derivate dalla non
osservanza di queste prescrizioni.

3.1.2 USO NON CONSENTITO

Non è prevista la possibilità di impiego della macchina in una o più delle seguenti condizioni:

- in ambiente esterno;
- in ambienti aventi condizioni di temperatura ed umidità non ammessi (par. “Dati tecnici”); in località
con altitudine superiore a 1000 m sul livello del mare;
- in presenza di acidi, agenti corrosivi, sale;
- in presenza di radiazioni ionizzanti e non ionizzanti (Laser, microonde, raggi ultravioletti); per scopi
diversi da quelli concordati sul contratto di vendita.

ATTENZIONE!
La macchina non deve essere utilizzata in atmosfere esplosive in quanto non
risponde ai requisiti della direttiva ATEX 94 /9/CE.
Vengono definite “atmosfere esplosive” le aree in cui possono originarsi gas
infiammabili, vapori e/o miscele di polveri combustibili.
È pertanto assolutamente vietato l’utilizzo di prodotti che rilasciano vapori
infiammabili (alcoli, solventi, benzine, ecc.).

13
CAPITOLO

SPECIFICHE DEL PRODOTTO 3


3.1.3 PRODOTTI PER LA PULIZIA UTILIZZABILI

- Acqua;

- Detergenti;

- Disinfettanti.

3.1.4 PRODOTTI DA NON UTILIZZARE

In generale deve essere evitato l’utilizzo diretto sulla superficie della macchina di detergenti contenenti
cloruri o:

- acido cloridrico;

- acido fluoridrico;

- acido solforico.

ATTENZIONE!
PER DEROGHE A QUANTO SOPRADDETTO OCCORRE UNA SPECIFICA DICHIARAZIONE DA
PARTE DELLA AIRPOWER SPA

14
CAPITOLO

SPECIFICHE DEL PRODOTTO 3

3.2 ELENCO DEI COMPONENTI PRINCIPALI

FIG. 3.2.-1

1 GRUPPO TELAIO
2 GRUPPO TRAINO
3 GRUPPO PULEGGE FOLLI

15
CAPITOLO

SPECIFICHE DEL PRODOTTO 3


3.3 DATI TECNICI

- Massa tot. mod.1000 (Kg.) 95


- Formato min. (cm.) 10 x 10
- Formato max. (cm.) 60 x 60

Telaio 1000 R1400


A (mm) 1060
B (mm) 987
C (mm) 1850

16
CAPITOLO

SPECIFICHE DEL PRODOTTO 3

3.3.1 DESTINAZIONE D’USO

Condizioni ambientali di funzionamento

Temperatura min. di stoccaggio:.......................................................................................+ 0 °C


Temperatura max. di stoccaggio:......................................................................................+ 40 °C
Temperatura min. di esercizio: .........................................................................................+ 18 °C
Temperatura max. di esercizio: .........................................................................................+ 35 °C
Umidità relativa (non condensata):............................................................................................. max. 60 %
Altitudine: ........................................................................................................max. 1000 m s.l.m.

Caratteristiche del luogo di lavoro

La macchina deve operare esclusivamente in ambienti chiusi, protetti dagli agenti atmosferici e dove non
sussistano pericoli di esplosione o incendio in quanto non è realizzata in allestimento antideflagrante. È
vietato quindi installarla e farla lavorare in locali a rischio di deflagrazione (esplosione).

Il luogo di lavoro della macchina deve disporre di sufficiente luce naturale e deve essere dotato di un’adeguata
luce artificiale per salvaguardare la sicurezza e la salute dell’operatore.

L’illuminazione minima del locale deve quindi garantire una buona visibilità in ogni punto della macchina
mentre la massima deve essere tale da evitare abbagliamenti all’operatore (per l’uso normale 250 - 300 lux
di luce artificiale o naturale; per la manutenzione 500 lux di luce localizzata nel punto di intervento).

3.4 NORMATIVE DI SICUREZZA


Nella progettazione e lo sviluppo della famiglia dei refrigeratori sono state applicate le seguenti normative
internazionali e nazionali. In considerazione dei “Requisiti di essenziali di Sicurezza” dell’Allegato 1°
Direttiva Macchine 2006/42/CE.
Direttive Comunitarie Europee applicate:
 Direttiva Macchine 2006/42/CE
 Direttiva Bassa Tensione 2006/95/CE
 Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 2004/108/CEE (EMC)
Normative applicate:

 EN 60204-1 Sicurezza del macchinario – Equipaggiamento elettrico delle macchine.


 EN ISO 3746 Acustica – Determinazione dei livelli di potenza sonora delle sorgenti di rumore
mediante pressione sonora – Metodo di controllo con una superficie avvolgente
su un piano riflettente.
 EN 292-1/2 Sicurezza del macchinario.
 EN 61000-6-2 Compatibilità Elettromagnetica – Norma Generica “Immunità”.
 EN 61000-6-4 Compatibilità Elettromagnetica – Norma generica “Emissione”.

17
CAPITOLO

SPECIFICHE DEL PRODOTTO 3

18
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4
4 TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE

Tutte le operazioni di movimentazione e di sollevamento devono essere eseguite secondo


le vigenti normative di sicurezza e di prevenzione infortuni.

4.1 AVVERTENZE GENERALI


La lettura del presente capitolo presuppone, ai fini di un utilizzo sicuro della macchina, la conoscenza di quanto
contenuto del capito 6 “Norme di sicurezza”.
Inoltre le prescrizioni specifiche per interagire in modo sicuro con la macchina, relative al presente capitolo, sono
dettagliate nei successivi paragrafi.
In questo capitolo sono descritte le procedure da utilizzare per sollevare, spostare e trasportare la macchina
salvaguardando l’incolumità della stessa e la sicurezza del personale adibito allo scopo.

4.2 IMBALLO
4.2.1 Imballo macchina
La macchina può essere imballata, a seconda di quanto concordato con l’utilizzatore all’atto di vendita, tramite cassa di
legno completamente chiusa (A).
Per garantire che, durante il trasporto, nessun elemento all’interno dell’imballo possa in alcun modo danneggiarsi, si è
provveduto a bloccare con fissaggi le parti mobili ed a proteggere maggiormente le parti più delicate.
Al fine del trasporto può essere protetta, nelle sue parti più esposte, con materiali impermeabili, oppure posizionata su
un pallet di legno e fissata ad esso tramite fascette o legacci in modo da ottenere un unico corpo rigido.

Gli imballi non sono impilabili (C).

21
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4
4.3 SOLLEVAMENTO E MOVIMENTAZIONE MACCHINA IMBALLATA

Le operazioni di sollevamento, trasporto e movimentazione sono di esclusiva


competenza del tecnico della manutenzione e da personale addestrato (imbracatori,
gruisti ecc.) coordinati da una persona al suolo, esperta per tale compito, in grado di fare
le dovute segnalazioni.

Tale personale deve essere perfettamente a conoscenza delle norme di sicurezza di carattere
generale vigenti in ogni singolo paese, in più dovrà conoscere le norme di sicurezza relative alla
macchina riportate nel presente manuale.

Le istruzioni che seguono vanno rispettate scrupolosamente, poiché tali operazioni


comportano potenziali pericoli.
Accertare che tutti i mezzi di sollevamento, trasporto e movimentazione che si intende
utilizzare abbiano una portata adeguata al peso totale dell’imballo.
Ogni altro sistema utilizzato per il sollevamento, trasporto e movimentazione dell’imballo
che non rientrino tra quelli consigliati da AIR POWER GROUP SPA vanifica di fatto la
garanzia assicurativa per eventuali danni riportati dalla macchina e/o dai gruppi
opzionali ad essa legati.
Se le dimensioni dell’imballo impediscono all’operatore una perfetta visuale durante le
operazioni di sollevamento, trasporto e movimentazione, utilizzare quindi due operatori
che controllino a terra possibili pericoli o impedimenti contro cui l’imballo potrebbe
urtare.
Il mezzo di sollevamento utilizzato deve avere una portata adeguata al peso totale dell’imballo riportato
sull’imballo stesso.

La movimentazione dell’imballo deve rispettare le seguenti disposizioni:


- Non deve essere di tipo impulsivo.
- Ad esclusione delle fasi di arresto e partenza, deve avvenire senza accelerazioni e decelerazioni.
- I cambiamenti di direzione devono avvenire dopo un arresto (qualora si utilizzi una gru o carro ponte).
- Per quanto possibile l’imballo sollevato va mantenuto lontano da ostacoli ed alla minima altezza da terra
possibile.
- La scelta della traiettoria più sicura, tra quelle possibili, deve essere fatta prima del sollevamento della
macchina.
- Non permettere a qualsiasi persona di transitare o permanere sotto i carichi sospesi.
- La velocità di movimentazione deve essere valutata in base alle forse inerziali che si sviluppano in arresto
e partenza, in quanto, quest’ultime, determinano componenti aggiuntive nella forza di tiro sulle catene o
funi e fenomeni di oscillazione del carico. Tale velocità, oltre che dalla massa della macchina, dipenderà:
dal tipo di gru o carrello elevatore, dalle dimensioni e dalla resistenza delle imbracature, dalla dislocazione
degli eventuali ostacoli.
- Il carico deve essere adagiato lentamente a terra per non danneggiare i componenti più delicati.

All’arrivo dei colli a destinazione verificare, in presenza del trasportatore, sia l’integrità
degli stessi che del loro contenuto. Controllare l’esatta fornitura mediante il foglio di
packing list unito alla macchina..

22
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4

4.3.1 Sollevamento dell’imballo con l’utilizzo di un carrello elevatore

Prima di procedere al sollevamento della cassa di imballo con l’utilizzo di un carrello elevatore occorre verificare
che la portata del carrello possa supportare la massa lorda riportata sull’imballo stesso.

- Posizionare le forche del carrello elevatore in corrispondenza degli appositi riferimenti posti alla base
dell’imballo.
- Sollevare lentamente per un breve tratto, al fine di verificare il corretto assestamento. Eseguire quindi le
operazioni finali di sollevamento e movimentazione dell’imballo.

Nella figura a fianco vengono riportate le indicazioni da osservare per la corretta movimentazione della cassa
con il carrello elevatore.

23
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4

4.4 IMMAGAZZINAMENTO MACCHINA IMBALLATA

La protezione della macchina, e dei componenti imballati con essa sia nel caso di un imballo effettuato solo su
pianale sia con cassa chiusa (non tipo via mare), destinate a paesi europei appartenenti alla U.E. (Unione
Europea) o comunque destinate a paesi non distanti, viene eseguita rivestendo la macchina con un involucro di
protezione di materiale plastico.

Con questo tipo di imballo non vengono garantiti tempi di immagazzinamento.

Per spedizioni via mare invece, a seguito di specifiche richieste o in casi in cui la AIR POWER GROUP SPA lo
ritenga opportuno, viene eseguito un imballo di protezione dell’armadio elettrico costituito da un involucro
“accoppiato barriera” sotto vuoto, all’interno del quale vengono inseriti apposito sacchi di sali disidratati. Questo
tipo di protezione può garantire, nel caso di immagazzinamento prolungato della macchina imballata, una
permeabilità di circa 6 mesi con 1 unità di sale (0,4 kg) ogni m3 di cassa, mentre con 3 unità di sale (1,2 kg) ogni
m3 è garantita l’impermeabilità per un anno.

I tempi di immagazzinamento superiori ad un anno non vengono garantiti da AIR


POWER GROUP SPA

Per la macchina imballata solo su pianale o imballata con cassa chiusa senza protezioni tipo via mare, è
comunque consigliabile, nel caso di immagazzinamento prolungato, disimballare la machina e collocarla in
ambiente protetto, con temperatura compresa tra lo 0°C e i 40°C e con valori di umidità relativa non superiori al
60%. Provvedere poi a proteggere con olii antiossidanti tutte le parti della macchina non verniciate ed ingrassare
appositamente tutte le parti di scorrimento.
Ad operazione conclusa occorre ricoprire la macchina con un involucro impermeabile di protezione.
Ripetere le operazioni descritte ogni 6 mesi, per tutto il tempo che la macchina rimane inattiva, controllando
regolarmente lo stato di conservazione della medesima.

La cassa o la macchina disimballata deve essere posizionata su di una area di appoggio


atta a sopportarne il carico stesso.
E’ vietato impilare gli imballi.

24
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4

4.5 DISIMBALLO - VERIFICA DEL CONTENUTO

4.5.1 DISIMBALLO DI MACCHINA IN CASSA DI LEGNO

ATTENZIONE!
L’imballo deve essere smontato nell’ordine indicato in
figura, forzando i chiodi che lo mantengono serrato,
facendo attenzione che nessun piano urti
violentemente alcuna parte di macchina e possa creare
danni.

NOTA BENE!
asportare eventuali sali per l’assorbimento
dell’umidità (utilizzati specialmente nel
trasporto via mare) e smaltirli seguendo le
norme vigenti per la tutela dell’ambiente. FIG. 5.4.1

4.5.2 DISIMBALLO DI MACCHINA SU PALLET

Togliere il materiale di protezione avendo cura di non


danneggiare parti delicate della macchina o accessorie.
Il materiale di protezione deve essere smaltito seguendo le norme
vigenti per il rispetto e la tutela dell’ambiente.

Attenzione!
È estremamente dannoso per l’ambiente e per l’uomo
bruciare il materiale di imballo sia esso derivato da
plastica o altro.

FIG. 5.4.2

25
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4
4.6 MOVIMENTAZIONE MACCHINA

Le operazioni di sollevamento, trasporto e movimentazione sono di esclusiva


competenza del tecnico della manutenzione e da personale addestrato (imbracatori,
gruisti ecc.) coordinati da una persona al suolo, esperta per tale compito, in grado di fare
le dovute segnalazioni.

Tale personale deve essere perfettamente a conoscenza delle norme di sicurezza di carattere generale vigenti in
ogni singolo paese, in più dovrà conoscere le norme di sicurezza relative alla macchina riportate nel presente
manuale.

Le istruzioni che seguono vanno rispettate scrupolosamente, poiché tali operazioni


comportano potenziali pericoli.
Accertare che i sistemi di sollevamento, trasporto e movimentazione che si intendono
utilizzare abbiano una portata adeguata al peso totale della macchina riportato all’interno
della scheda tecnica su questo manuale.

La fornitura consiste:
- La macchina viene fornita assemblata pronta per l’utilizzo

4.7 SMALTIMENTO MATERIALI D’IMBALLO

Lo smaltimento dei materiali d’imballo è a cura dell’utilizzatore che, per tale operazione,
deve attenersi scrupolosamente alle Norme vigenti nel proprio paese di utilizzo relative
ai seguenti materiali:
LEGNO;
CHIODI;
CARTONE;
PROTEZIONI ANTIUMIDITÀ (film di materiale plastico).

Se invece l’utilizzatore decidesse di conservare tutte le parti della cassa dell’imballo per un futuro impiego o per
spostare la macchina in altro luogo deve eseguire per il suo riutilizzo tutte le operazioni di imballo, previste nel
presente manuale.

26
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4
4.8 STOCCAGGIO
Nell’eventualità che la macchina non venga installata in tempi brevi, ma debba essere immagazzinata per un tempo
prolungato, si raccomanda di mantenere i componenti negli imballaggi originali e lo stoccaggio dovrà avvenire in
ambiente riparato, consono al grado di protezione richiesto.

Verificare che le caratteristiche dell’ambiente corrispondano a :

- Temperatura: +0/+40 °C.


- Umidità relativa 60% Max. (non condensata).
- Ambiente chiuso e riparato dagli agenti atmosferici.

Valori di temperatura o d’umidità che eccedono da quelli sopra indicati possono danneggiare gravemente i
componenti.
- Posizionare le parti della macchina a terra.
- Le parti della macchina deve essere imballata, prima di essere stoccati.
- Non appoggiare sopra ai colli scatole, casse o apparecchiature pesanti.
- Non posizionare vicino a materiale infiammabile.

Avvertenza!
La responsabilità di ogni evento causato dopo la consegna della macchina allo
spedizioniere, non è da considerarsi a carico della Airpower s.p.a

27
CAPITOLO

TRASPORTO E MOVIMENTAZIONE 4

28
CAPITOLO

INSTALLAZIONE 5

5 INSTALLAZIONE

5.1 CONDIZIONE PER L’INSTALLAZIONE

Il posizionamento della macchina deve essere effettuato in modo che rimanga tutt’attorno uno spazio libero per
poter accedere comodamente e con le adeguate attrezzature ad ogni sua parte per le operazioni di carico e
manutenzione.
SONO A CARICO DEL CLIENTE:
- le predisposizioni dei locali (opere murarie, fondazioni, canalizzazioni). Il cliente deve predisporre locali
idonei secondo i requisiti previsti dalle direttive europee che regolano la sicurezza nei luoghi di lavoro, in
particolare deve consentire gli spazi necessari per l’uso e la manutenzione;

- la planarità del pavimento. Essa deve soddisfare i requisiti richiesti da AIRPOWER S.p.A. in fase progettuale.
una buona climatizzazione degli ambienti di lavoro che permetta alla macchina di operare nei limiti di
lavoro prestabiliti (par. 3.3.1);

- la segnaletica verticale ed orizzontale da realizzare nel luogo di lavoro quale: cartelli ben visibili di
avvertenze e divieti per gli operatori;

- l’area dedicata all’installazione, al collaudo e all’uso della macchina deve essere sgombra da oggetti, che
non siano quelli di normale utilizzo, per permettere ai tecnici di effettuare le operazioni richieste ad una
corretta installazione.

5.2 INSTALLAZIONE
durante il posizionamento della macchina nel luogo di installazione è necessaria
la presenza di un aiutante per eventuali segnalazioni durante il trasporto.

Le operazioni di installazione e messa in servizio, devono essere svolte da


personale qualificato.

29
CAPITOLO

INSTALLAZIONE 5
5.3 POSIZIONAMENTO

La curva viene posizionata sulla linea di smaltatura per collegare due tratti, posti a 90° l'uno rispetto all'altro.

Dopo averla posizionata sul telaio, occorre livellarla, per mezzo di una livella manuale, con il piano della linea. Poi viene
fissata ai telai della linea per mezzo di due traversini in dotazione.

La ditta costruttrice declina ogni responsabilità inerente a danni subiti da cose o persone
qualora siano stati modificati, manomessi o eliminati protezioni e/o dispositivi di
sicurezza montati originariamente sulla macchina.

30
CAPITOLO

INSTALLAZIONE 5

5.4 ALLACCIAMENTI

Eseguire tutte le operazioni di allacciamento a macchina scollegata dalle fonti di energia.

La curva necessita a livello di collegamenti:


1)Allacciamento delle pulegge in ingresso alla curva con la linea.
2)Allacciamento delle pulegge in uscita dalla curva con la linea.

La corretta installazione e preparazione dell'area di lavoro, è a cura del committente, non


essendo noi a conoscenza degli eventuali progetti di posizionamento.

31
CAPITOLO

NORME DI SICUREZZA 6
6 NORME DI SICUREZZA

IMPORTANTE!
L’avviamento o l’impiego della macchina con le protezioni o i dispositivi di sicurezza
rimossi è tassativamente vietato.

6.1 PROTEZIONI

Al fine di prevenire incidenti, siano essi di origine meccanica, termica, acustica, la macchina è
equipaggiata da protettori che ne assicurano la sicurezza.

OBBLIGATORIO!
Sia le protezioni fisse che quelle mobili devono essere fissate con le viti originali
fornite in dotazione. E’ severamente vietato utilizzare viti o pomelli che si possano
rimuovere manualmente, cioè senza l’ausilio di appositi attrezzi.

IMPORTANTE!
La AIR POWER GROUP SPA non si assume nessuna responsabilità nei confronti
di danni causati dalla macchina a cose e/o persone qualora siano stati
modificati, manomessi o eliminati i dispositivi di sicurezza montati
originariamente sulla macchina.

31
CAPITOLO

NORME DI SICUREZZA 6
Protezioni fisse e sagomate

Sono carter di protezione disinseribili previo smontaggio, con l’ausilio di attrezzi meccanici.
Essi non hanno sicurezze che ne verifichino l’effettiva chiusura in quanto devono essere sempre installati prima
e durante il funzionamento della macchina.

Protezioni fisse e sagomate

OBBLIGATORIO!
Prima di procedere all’accensione della macchina, tutte le protezioni devono essere
fissate e funzionanti.

Di seguito riportiamo l’elenco delle protezioni:

1) Paramani a unghia per proteggere le dita dell' operatore nella trasmissione puleggia-cinghia .
Va posizionato nella parte superiore della puleggia nel senso di rotazione, incastrato in un profilo
scorricinghia che ha la funzione di guidare le cinghie.

ATTENZIONE!
È severamente vietato rimuovere i carter fissi con macchina in moto, ripristinare
sempre i carter fissi al termine di qualsiasi operazione di manutenzione.
Arrestare completamente la macchina prima di rimuovere tali protezioni.
I carter apribili solo tramite utensile non sono protetti da micro-interruttori, quindi la
loro apertura non arresta il funzionamento della macchina. si prescrive, prima
dell’apertura di queste protezioni, di arrestare la macchina, premendo un pulsante di
emergenza e togliendo tensione elettrica alla macchina.

32
CAPITOLO

NORME DI SICUREZZA 6

ATTENZIONE!
Nota per il manutentore:
Tutti le protezioni fisse verticali ed orizzontali presenti sulla macchina non sono asserviti
elettricamente e quindi privi di sicurezze.
Ogni qualvolta si deve eseguire lo smontaggio per eseguire eventuali verifiche od
operazioni di manutenzione è assolutamente indispensabile togliere tensione attraverso
l’interruttore elettrico generale.
E’ assolutamente vietato il funzionamento della macchina con i protezioni fisse smontate.
Si consiglia di apporre un cartello di segnalazione sul pannello di controllo a bordo
macchina o sull’interruttore generale di alimentazione elettrica (secondo i casi); il
suddetto cartello può riportare la seguente indicazione:
ATTENZIONE! NON TOCCARE - PERSONALE DI ASSISTENZA IN SERVIZIO.

33
CAPITOLO

NORME DI SICUREZZA 6
6.2 RISCHI RESIDUI

A. Dispositivi di protezione individuali (DPI)

Ove per ragioni operative o di manutenzione si deve operare manualmente occorre dotarsi sempre dei
richiesti DPI, quali:
- Casco
- Tuta
- Cuffie antirombo
- Guanti di protezione
- Scarpe antiscivolo
- Occhiali

B. Avvio imprevisto/accidentale della macchina


Si evita istruendo l’operatore a mantenere l’attenzione verso questo tipo di evento:
- disattivare l’alimentazione elettrica agendo sull’interruttore generale e bloccarlo mediante lucchetto;
- in caso di interventi avvertire il diretto responsabile in modo da escludere da parte di chiunque
l’accidentale avviamento della macchina.

C. Rumore
Anche se i valori d’emissione acustica rientrano in quanto previsto dalla normativa, si raccomanda
comunque l’impiego di cuffie o tappi di protezione a causa del livello di pressione sonora dell’ambiente in
cui la macchina viene installata.

D. Pericolo di folgorazione
La macchina durante il funzionamento è sotto tensione, prima di ogni intervento togliere energia elettrica.

Solo personale autorizzato (manutentore elettrico) è autorizzato a lavorare con macchina sotto tensione.

E. Pericolo di contatto accidentale del prodotto con gli occhi

Anche se la macchina non presente particolari pericoli di erogazioni di prodotto accidentale, si consiglia
durante il funzionamento di utilizzare occhiali per proteggere gli occhi.

G. F. Rischio di poveri di lavoro se l‘ aspirazione non è corretta

34
CAPITOLO

NORME DI SICUREZZA 6
6.3 POSIZIONAMENTO PITTOGRAMMI

I simboli per la Sicurezza e le segnalazioni sotto riportati, sono utilizzati sulle macchine e lungo il corso di tutta la
presente pubblicazione per attirare l’attenzione dell’Operatore sui pericoli inerenti l’incolumità della Macchina e
della Persona, per identificare le condizioni operative di rischio che possono provocare danni materiali alla
macchina o all’impianto generale, oppure per segnalare comportamenti atti ad ottenere un buon funzionamento
della macchina.

Organi in movimento
Avverte della presenza di organi in movimento e lo specifico divieto di rimuovere le protezioni con
macchina in funzione.

Pericolo folgorazione
Posizionato sugli involucri che contengono cavi e apparecchiature elettriche, avverte della
presenza di tensione.

Per nessuna ragione i pittogrammi posizionati sulla macchina possono essere alterati o
rimossi: essi devono comunque essere VISIBILI e LEGGIBILI.
In caso di pittogrammi rovinati e/o mancanti provvedere alla loro sostituzione.

35
CAPITOLO

NORME DI SICUREZZA 6

36
CAPITOLO

FUNZIONAMENTO 7
7 FUNZIONAMENTO

7.1 AVVERTENZE GENERALI

Prima di mettere in servizio la macchina assicurarsi di avere compreso i contenuti del


presente manuale.

- Per chiarimenti ed approfondimenti si raccomanda di contattare il costruttore.


- Gli addetti alla conduzione ed alla manutenzione devono possedere le specifiche competenze richieste dal
presente manuale, nonché i requisiti psicofisici necessari e sufficienti a poter intervenire sulla macchina.
- I paragrafi seguenti precisano le modalità per la messa in servizio della macchina.

7.2 AVVIAMENTO

La messa in marcia della curva avviene nello stesso istante della messa in marcia della linea, essendo la curva folle e
quindi ha bisogno di un traino esterno.

VERIFICARE AD OGNI INIZIO CICLO LO STATO DI EFFICIENZA E


DI FUNZIONAMENTO DI TUTTI l DISPOSITIVI DI SICUREZZA ED EMERGENZA

PRIMA DI OGNI AVVIAMENTO VERIFICARE CHE NON VI SIA


PERSONALE ATTORNO ALLA LINEA.

PRIMA DI PROCEDERE ALLE OPERAZIONI DI AVVIAMENTO, ACCERTARSI CHE


QUALSIASI CONDIZIONE PERICOLOSA PER LA SICUREZZA SIA STATA
OPPORTUNAMENTE ELIMINATA.

7.3 ARRESTO

L'arresto della macchina può avvenire tramite l'arresto della linea o tramite funi di emergenza posti entrambi sulla linea.

QUANDO VIENE BLOCCATA L'INTERA LINEA TRAMITE FUNE DI EMERGENZA, IL


BLOCCO DEVE RIGUARDARE ANCHE LA MACCHINA.

37
CAPITOLO

FUNZIONAMENTO 7
7.4 FUNZIONAMENTO

La macchina funziona per mezzo di un albero traino, il quale, movimentato da un motore elettrico, trasmette il moto alle
pulegge di traino della curva. Il trasporto avviene su cinghie tonde autosaldanti che scorrono su altrettante guida cinghia
fissate sul telaio della curva per mezzo di morsetti.

7.5 PANNELLO COMANDI


La macchina non ha quadro elettrico

7.6 REGOLAZIONI

L'unica regolazione da effettuare sulla macchina (e solo la prima volta che si mette in moto) è quella della differenza di
velocità fra la cinghia interna e quella esterna. Per questa regolazione agire sulla puleggia variabile, aumentando il
diametro per aumentare la velocità, e diminuendolo per rallentare.

NON ESEGUIRE ALCUN INTERVENTO A MACCHINA IN FUNZIONE.

38
CAPITOLO

MANUTENZIONE 8

8 MANUTENZIONE

8.1 AVVERTENZE DI SICUREZZA PER L’OPERATORE

Attenzione attenersi scrupolosamente a quanto segue. La ditta AIRPOWER SPA.


non risponde in nessun caso per negligenze o danni agli operatori che non
rispettano le avvertenze riportate di seguito.

È VIETATO fare interventi di manutenzione, lubrificazione, riparazione quando


la macchina è in moto e/o sotto tensione elettrica.

Qualifica personale di manutenzione


L’operatore addetto alle fasi di manutenzione meccanica e manutenzione elettrica dovrà effettuare un training di
preparazione teorico e pratico secondo il seguente piano di addestramento:
 addestramento teorico e funzionale su tutte le attrezzature della macchina;
 affiancamento di tecnici del fabbricante durante la fase di avviamento.

 Segnalare lo svolgimento di operazioni manutentive mediante l’esposizione di appositi cartelli di


segnalazione.

 La pulizia, manutenzione ordinaria e straordinaria devono essere affidate esclusivamente a personale


esperto conoscitore della macchina. Le persone non autorizzate devono mantenersi alla dovuta distanza
dalla macchina. nessuna persona priva di addestramento può operare o soffermarsi nelle vicinanze della
macchina durante il funzionamento o la manutenzione.

La disattivazione dei dispositivi di protezione o sicurezze deve essere effettuata solo:

 da personale autorizzato esclusivamente per operazioni di manutenzione, il quale provvederà a


garantire l’incolumità degli operatori e a evitare qualsiasi danno alla macchina, nonché a ripristinare
l’efficacia dei dispositivi stessi al termine della manutenzione;

 per la durata necessaria alle operazioni di manutenzione, terminate le quali occorrerà ripristinare
l’efficacia dei dispositivi e testare l’effettivo funzionamento.

Dopo ogni intervento rimontare sempre le protezioni eventualmente rimosse, riportando la macchina allo stato
iniziale.
illuminare adeguatamente la zona di lavoro durante le operazioni di manutenzione e riparazione. È vietato usare
fiammiferi, accendisigari, torce, fiamme libere come mezzi di illuminazione.
tenere sempre pulita ed asciutta l’area adibita agli interventi di manutenzione. eliminare sempre eventuali
macchie d’olio o d’acqua.

dove necessario, utilizzare i dispositivi di protezione individuale (quali scarpe antiscivolo, caschi, guanti,
occhiali a mascherina) conformi alle norme vigenti del paese di utilizzazione della macchina. indossare un
equipaggiamento di protezione idoneo alle operazioni da effettuare. gli indumenti devono essere attillati al
corpo e resistenti ai prodotti impiegati per la pulizia. evitare di portare cravatte, collane o cinture che potrebbero
impigliarsi o infilarsi tra gli organi in movimento.

41
CAPITOLO

MANUTENZIONE 8
Al termine delle operazioni di manutenzione o riparazione occorre riavviare la macchina solo dopo l’ordine del
responsabile, il quale deve accertarsi che:

 I lavori siano stati effettuati completamente; la macchina funzioni perfettamente;


 i sistemi di sicurezza siano attivi;
 nessuno stia operando ancora sulla macchina.

Tenere sempre presente tutte le norme di sicurezza elencate nel seguente manuale
e quelle stabilite dalle normative vigenti nel paese d’installazione.

8.2 NORME GENERALI PER UNA BUONA MANUTENZIONE

Una buona manutenzione è fondamentale per il mantenimento delle funzionalità e


produttività della macchina. La carenza di ispezioni e manutenzioni possono
causare gravi danni. al fine di eseguire correttamente le operazioni di
manutenzione, bisogna prestare particolarmente attenzione a quanto segue

Per garantire un regolare funzionamento della macchina e prevenire anomalie indesiderate, attenersi alle frequenze
d’intervento indicate nelle tabelle “Programma di manutenzione ordinaria” descritte di seguito.
Alla fine del manuale è prevista una tabella denominata “REGISTRO DI MANUTENZIONE” che dovrà essere
compilata nelle sue parti da un responsabile addetto alla macchina o da chi esegue gli interventi indicati. Si
raccomanda di tenerla sempre aggiornata, in particolare durante il periodo di garanzia. In caso di mancato intervento e
compilazione, decade la garanzia.
Per ottimizzare le prestazioni della macchina è opportuno mantenerla sempre pulita. Soltanto su una macchina ben
accessibile e pulita si possono individuare e riparare eventuali guasti, prevenire malfunzionamenti e lavorare in
condizioni di sicurezza.
Durante lo smontaggio dei componenti evitare di fare entrare residui di polvere nelle zone di lavoro e nei
componenti stessi, in particolare in quelli pneumatici e oleodinamici.

Per pulire, non usare acqua, frammenti di spugna, panni umidi e/o abrasivi, non devono mai essere utilizzati
stracci filamentosi.

Non usare benzina o solventi infiammabili come detergente, ma ricorrere sempre a solventi commerciali autorizzati
non infiammabili e non tossici.

La polvere deve essere sollevata ed aspirata ponendo particolare attenzione alla componentistica elettronica.
Utilizzare aria compressa secca e pulita.

Attenersi scrupolosamente alle indicazioni di lubrificazione riportate di seguito. Nel caso in cui il reperimento del lubrificante
risulti difficoltoso, è possibile utilizzare dei lubrificanti di marca diversa ma con caratteristiche equivalenti. Si raccomanda
comunque di non miscelare tra loro i lubrificanti diversi.
Non effettuare fori sulle strutture, sulle tubazioni, sui cavi elettrici , sulle canaline e sui quadri elettrici.
Nella sostituzione di ricambi, si consiglia di utilizzare RICAMBI ORIGINALI. In caso contrario, i pezzi di ricambio
devono corrispondere ai requisiti tecnici stabiliti dal produttore.
Usare solo fusibili aventi l’intensità di corrente prescritta.
È vietato azionare, sregolare gli apparati di controllo o gli strumenti applicati alla macchina senza esserne autorizzati
o senza conoscerne il funzionamento.
Prima dell’accensione della macchina, accertarsi che non vi siano corpi estranei (cacciaviti, chiavi, viti, ecc.) sulla
macchina, e che i particolari registrati o sostituiti siano fissati saldamente.
Provvedere allo smaltimento e trattamento sicuro e biodegradabile dei materiali di consumo ed ausiliari nonché dei
pezzi sostituiti attenendosi alle normative vigenti per la tutela dell’ambiente.

42
CAPITOLO

MANUTENZIONE 8

8.3 MANUTENZIONE ORDINARIA PROGRAMMATA

VERIFICARE AD OGNI INIZIO CICLO LO STATO DI EFFICIENZA E DI FUNZIONAMENTO DI TUTTI I


DISPOSITIVI DI SICUREZZA ED EMERGENZA.

ESEGUIRE SEMPRE A MACCHINA FERMA.

Le norme di manutenzione, essendo estremamente semplici e ridotte devono essere assolutamente rispettate per
ottenere una migliore regolarità di funzionamento ed una maggior durata.
La frequenza di controllo e di intervento, sono indicative e si intendono sempre come minime indispensabili per
una corretta manutenzione.

- Verificare ogni sei mesi lo stato di usura delle cinghie e sostituirle se si notano segni di cedimenti o
screpolature, evitando così rotture e quindi possibili problemi.

PRIMA DI OGNI INTERVENTO DI MANUTENZIONE TOGLIERE TENSIONE E


LUCCHETTARE L’INTERRUTTORE GENERALE.

DOPO OGNI INTERVENTO DI MANUTENZIONE, VERIFICARE L'EFFICIENZA


DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA PRIMA DELL'INIZIO CICLO.

43
CAPITOLO

MANUTENZIONE 8
8.4 MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Le operazioni di manutenzione straordinaria vengono solitamente eseguite da tecnici specializzati della ditta
costruttrice.

Eseguire le operazioni di manutenzione a macchina completamente isolata dalle fonti di


energia.

Per inconvenienti che comportino operazioni sostanziali interpellare sempre la ditta


costruttrice.

8.6 RICAMBI CONSIGLIATI

LA DITTA AIR POWER. DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ, PER QUALSIASI


CONSEGUENZA CAUSATA DALL’UTILIZZO DI RICAMBI NON ORIGINALI E
DALL'EVENTUALE MONTAGGIO NON CORRETTO

44
CAPITOLO

MESSA FUORI SERVIZIO 10


9 MESSA FUORI SERVIZIO

9.1 SMANTELLAMENTO E ROTTAMAZIONE

Per lo smaltimento della macchina, quando questa viene messa fuori servizio, non si presentano grossi problemi
di componenti o materiali a rischio.

Scollegare la macchina dalla rete di alimentazione elettrica .

Una volta effettuato lo smontaggio dei singoli moduli, iniziare la suddivisione dei componenti a seconda del
materiale:
Materiale ferroso: telaio, ecc.
Materiale plastico: nastrini, guarnizioni, ecc.
Materiale elettrico: cavi, ecc.

I principali materiali che compongono la macchina sono elencati sotto con riferimento alla parte interessata:
- Struttura principale Alluminio
- Mat. elettrico Rame rivestito con guaina.
- Pannelli:rivestimento Alluminio.
- Guide telai Polizene.
- Pannellatura Policarbonato
- Protezioni Acciaio Inox
- Motore elettrico e pistone idraulico da commercio.

PER IL RISPETTO DELL’AMBIENTE


TOGLIERE L’OLIO DAI RIDUTTORI E DEPOSITARLO NEGLI APPOSITI CONTENITORI,
PER AFFIDARLI POI AD AZIENDE SPECIALIZZATE PER LO SMALTIMENTO, A SECONDA
DELLE NORMATIVE VIGENTI NEL PAESE UTILIZZATORE.

Durante lo smantellamento, recuperare i componenti che possono essere recuperati.

PER IL RISPETTO DELL’AMBIENTE


TUTTI I COMPONENTI DELLA MACCHINA, DOPO ESSERE STATI SUDDIVISI A SECONDA
DEL MATERIALE, DEVONO ESSERE SMALTITI DA AZIENDE SPECIALIZZATE CHE
OPERANO SECONDO LE LEGGI VIGENTI NEL PAESE UTILIZZATORE.
NON DISPERDERE RIFIUTI NELL’AMBIENTE.

45
CAPITOLO

MESSA FUORI SERVIZIO 9

46
CAPITOLO

RICAMBI 11
11 RICAMBI

11.1 Come ordinare le parti di ricambio


E' obbligo del Cliente acquistare ricambi originali. Le operazioni di smontaggio e montaggio devono essere
eseguite secondo le istruzioni del costruttore.

ORDINAZIONE DEI PEZZI DI RICAMBIO

Per ordinare i pezzi di ricambio al Settore Assistenza de AIR POWER GROUP SPA è necessario specificare:
- TIPO DELLA MACCHINA
- N° MATRICOLA MACCHINA
- DISEGNO N°
- POSIZIONE
- DESCRIZIONE
- QUANTITA’

Se si ordinano pezzi di ricambio elettrici includere:


- N. DELLO SCHEMA ELETTRICO
- TENSIONE IN VOLT
- FREQUENZA IN Hz

Per effettuare un ordine compilare il modulo di richiesta di seguito allegato, ed inviare via fax al Servizio
Assistenza de AIR POWER GROUP SPA, come già descritto al capitolo 1 paragrafo 1.7 del presente manuale.

11.2 Avvertenze di sicurezza


Quando si sostituisce un componente di sicurezza (sensore, fotocellula, ecc.) è indispensabile
verificare che il nuovo componente abbia la stessa classe di sicurezza dell’originale.

Gli interventi di sostituzione dei pezzi di ricambio devono essere affidati ai tecnici
qualificati ed essere effettuati seguendo le procedure e prendendo TUTTE LE
PRECAUZIONI DI SICUREZZA indicate nel capitolo 8 “Manutenzione” e nel capitolo 6
“Sicurezza”.
In particolare occorre mettere la macchina in stato di manutenzione con funzioni
completamente bloccate per evitare avviamenti accidentali durante gli interventi.

47
CAPITOLO

RICAMBI 11

TAVOLA 1

48
CAPITOLO

RICAMBI 11

TAVOLA 1

POS. CODICE DESCRIZIONE Q.TA’

1 76.01.211.10 MOTORE 2

2 76.01.211.11 RIDUTTORE 2

3 76.01.211.12 PULEGGIA 6

4 76.01.211.13 PULEGGIA 6

6 76.01.211.14 ALBERO FOLLE 1

7 76.01.211.15 PULEGGIA 6

8 76.01.211.16 PULEGGIA 6

9 76.01.211.17 SUPPORTO 2

10 76.01.211.18 CHIAVETTA 1

11 76.01.211.19 ALBERO TRAINO 1

12 76.01.211.20 MORSETTO 6

13 76.01.211.21 CINGHIA 6

14 76.01.211.22 SUPPORTO 6

15 76.01.211.23 MORSETTO 4

16 76.01.211.24 STAFFA 4

17 TELAIO 1

18 ALBERO DI TRAINO LINEA

19 76.01.211.25 SUPPORTO 6

20 76.01.211.26 GUIDA 6

21 76.01.211.27 MORSETTO 8

22 76.01.211.28 ASTINA 4

23 76.01.211.29 CUSCINETTO 12

24 76.01.211.230 PULEGGIA 12

49
AIR POWER GROUP SPA
Sede Legale: via Ca’ del Miele, 9 - 42013 Casalgrande (RE) – Italy
C.S. Euro 4.000.000,00 i.v. - C.F. 02494070366 - P.I. 01906390354 -
Iscr. Reg. Imprese RE 2000-36460 REA 228840
Amministrazione: Via Cà del Miele, 9 - 42013 Casalgrande (RE) - Italy –
Tel. r.a. +39-0522-848290 - Fax +39-0522-772266 - www.airpowergroup.com -
amministrazione@airpowergroup.com
Commerciale: Via Regina Pacis, 70 - 41049 Sassuolo (MO) - Italy –
Tel. r.a. +39-0536-805042 - Fax +39-0536-807858 - www.airpowergroup.com - info@airpowergroup.com
Magazzino: Via Cà del Miele 8/m - 42013 Casalgrande (RE) - Italy -
Tel. r.a. +39-0522-999334 - Fax +39-0522-770841 - www.airpowergroup.com - magazzino@airpowergroup.com

76.01.211 REV. 00 18/07/2018 EA