Sei sulla pagina 1di 1

GRAMMATICA – Sintassi del periodo. Analisi logica.

alla reggente, e le chiameremo subordinata di I o II


grado.
PERIODO = unione di più frasi semplici (proposizioni)
Il papà dice che domani pioverà perché il cielo è
La seguente frase, ad es., si compone in realtà di 3 grigio.
frasi semplici (o proposizioni):
Il papà che domani perché il cielo è
Ieri non sono uscito perché pioveva e faceva freddo. dice pioverà grigio.

Ieri non sono uscito perché e faceva REGGENTE Subordinata Subordinata


pioveva freddo. I grado II grado

Ho sottolineato i verbi. Noti qualcosa?


Sembrerebbe che per capire quante sono le
proposizioni basti osservare il numero di verbi.
Non sempre è così facile!
Infatti nel periodo: TIPI DI SUBORDINATE

Ieri avrei voluto uscire, ma ho lasciato perdere perché Le subordinate che utilizzano l’Infinito (essere, avere,
ha iniziato a piovere. udire,...), il gerundio (andando, facendo, studiando...)
o il participio (andato, fatto, studiato...) si dicono
Ieri avrei voluto ma ho lasciato perché ha IMPLICITE.
uscire, perdere iniziato a
piovere. Negli altri casi si dicono ESPLICITE.

Come vedi i verbi sono 6 ma le proposizioni restano Sono caduto scendendo dalle scale (IMPL.).
sempre 3. Sono caduto mentre scendevo le scale (ESPL.).
Meglio quindi aiutarsi osservando le congiunzioni (ma,
perché). Altri tipi di subordinate:

SOGGETTIVE Forma impersonale (è bello, è giusto,


COORDINAZIONE e SUBORDINAZIONE è possibile, è una fortuna, è un
problema, si crede, si prevede,
Le congiunzioni sono importanti perché ci dicono sembra, spiace, capita, occorre...)
quale proposizione fra quelle che formano il periodo è OGGETTIVE Complemento oggetto (chi? che
più importante dell’altra (se lo è!). cosa?)
CONDIZIONALI Ipotesi (se, purché, quando, a patto
Pioveva e faceva freddo. che, nel caso che...)
CONCESSIVE Ostacolo all’azione (anche se,
Pioveva e faceva freddo. malgrado, benché, sebbene...)
CONSECUTIVE Conseguenza (sicché, in modo tale
In questo periodo la congiunzione è la e: le due che...)
proposizioni hanno la stessa importanza (rapporto di COMPARATIVE Paragone (più, meglio, maggiore,
COORDINAZIONE). così come, tanto quanto, meno...)
MODALI Modo dell’azione (così, in tal modo...)
STRUMENTALI Attraverso un’azione
Ieri non sono uscito perché pioveva. AGGIUNTIVE Azione aggiuntiva (oltre a/che...)
ESCLUSIVE Esclusione (senza, che non...)
Ieri non sono uscito perché pioveva.
ECCETTUATIVE Eccezione (fuorché, tranne che, a
meno che, salvo che, se non che...)
In questo periodo la congiunzione è perché: le due
LIMITATIVE Limite (per quanto, in quanto, per
proposizioni non hanno la stessa importanza, infatti la
quello che, secondo quello che...)
seconda spiega il significato della prima ed è da
AVVERSATIVE Avversione (mentre, quando invece,
questa dipendente (rapporto di SUBORDINAZIONE).
laddove invece, anziché, invece di...)
TEMPORALI Tempo (quando, mentre, finché,
La proposizione “Ieri non sono uscito” viene detta
ecco, appena, prima che, fino a
PRINCIPALE (o REGGENTE), mentre “perché pioveva”
che, dopo che, nel momento in cui..)
viene detta SUBORDINATA.
CAUSALI Causa (perché, siccome, poiché...)
A volte possiamo trovare segni di interpunzione: in FINALI Scopo (al fine di/che, perché,
questo caso la virgola (,) corrisponde alla e, e i due affinché, onde, in modo che...)
punti (:) corrispondono a un perché. RELATIVE Precisazione (posizione topologica o
temporale, caratteristica).
Attenzione! Anche una subordinata può avere essa
stessa una subordinata! Noi le riferiremo però sempre