Sei sulla pagina 1di 1

Cosa sono i metodi didattici?

Occorre innanzi tutto compiere una distinzione tra ciò che comunemente s’intende con il termine “metodo didattico” e con
quello di “tecnica didattica”, la quale trattazione è svolta nell’apposita sezione.
Benché, infatti, la maggior parte della letteratura su questo tema non sottolinei quanto necessario tale distinzione, i due termini
nascondono due concetti molto diversi, benché tra loro correlati.
Come sottolinea P. L. Muti1, con il termine “metodo didattico” s’intendono i concetti e principi che stanno alla base di un’azione
formativa; e con il termine “tecnica didattica” s’intendono semplicemente le modalità operative vere e proprie che si impiegano
in un’azione formativa.
Per comprendere meglio la distinzione tra i due termini, e per ridurre la confusione che talvolta si è sviluppata intorno a questi
temi, basta citare un semplice esempio: il conosciutissimo “metodo dei casi”, chiamato ormai con tale termine da tutti i più noti
formatori, non è un “metodo didattico”, ma una vera e propria tecnica didattica, rappresentando esclusivamente un’applicazione
pratica. Il metodo didattico cui si riferisce tale tecnica è il “metodo attivo”, più specificatamente psicosociologico.

Per essere più precisi possiamo fornire un’ulteriore definizione fornitaci da P. Goguelin, secondo il quale il metodo, methodus,
dal latino, methòdos (metà = per, dopo, e hòdos = via, cammino), dal greco, significano “successione si strade”, è:

“l’insieme, la successione dei passaggi che deve fare la mente per scoprire e/o dimostrare la verità e, più in generale,
arrivare a un obiettivo. Scegliere sin dall’inizio un metodo adatto alla difficoltà da risolvere costituisce quindi un
mezzo per non procedere a tentoni.”2

Il metodo è quindi il percorso che conduce al risultato; esso riguarda il come insegnare ma ha origine dall’intreccio di due
fattori il che cosa si vuole insegnare e a chi si vuole insegnare.

Il metodo didattico si configura come una modalità procedurale e processuale attivata e programmata dal docente, che facilita
l'acquisizione significativa, stabile e fruibile di ciò che si offre con l'azione di insegnamento. L’insegnamento è una proposta
complessa di contenuti, metodi e tecniche operative, di valori, di strategie e di visioni del mondo.

Il compito specifico di un metodo didattico è di creare le condizioni, interne ed esterne al soggetto, che consentano
l'attivazione di operazioni intellettuali necessarie all'assimilazione dei contenuti dell'apprendimento nella struttura
conoscitiva dell'allievo e alla riorganizzazione di tale struttura.

1
P. L. Muti, Organizzazione e formazione, Angeli, Milano, 1988, p. 44
2
P. Goguelin, La formazione animazione., tr. it, Isedi, Torino, 1991, p. 92