Sei sulla pagina 1di 4
News REPORTAGE NELLA CLINICA DOVE SI ADOTTANO GLI EMBRIONI i Monica Picciri ‘Siamo andati « Barcellona, nel primo centro che in Europa ha permesso alle coppie infertil ci diventare genitori grazie alla “embriodonazione’. Una tecnica vietata in Italia ma ben vista dalla Chiesa. E.conmeno effetti collateral per le future mamme ella sala d'sttesa dell'Instituto Marquis Rarcello- 8 tata pantee material ecologic neicontenitor divetroci sono ciucci per neonati al posto delle ca- ramelle. «Sembra un dettaglio, ma per una donna ‘chenon riesce ad avere figli¢ il segnodi essere arrivata nel posto giusto» racconta Sara,42anni, ristoratrice conil ma~ rito sul lago ¢’Orta. Un anno fae diventata mamma grazie all'embriodonazione, una tecnica non autorizzata in Talla ‘ma possibile in questa clinica spagnola fondata 95 annifa. (Oggi ha sede in una costruzione moderna che assomiglia poco a.un centro medico di riprodurione assis nelle intenzioni della direttrice Marisa Lopez-Teijon Pérez. ita, come La privacy, insieme alla pazienti da piitdi 20 Paesi del mondo. Dopo una scomoda, diagnosi d'infertilita («i miei ovociti sono di scarsa quali- ta»), 4 anni fa Sara ha conosciuto in un gruppo Facebook una ragazza che leha parlato della possibilita di adottare un embrione. «La legge spagnola parla di “donazion2” quando una coppia dona volontariamente gli ovuli fecondati in so- vrannumero, parladi “adozione™ quando | genitori biologic ‘non prevedono una destinazione precisa peri lorocmbrioni, lasciandoli di fatto in custodia alla clinica che depo 4 anni, pud donarl ad altrecoppie,allaricereao distruggesli» spiega Jordi Suro, direttore medico dell'Instituto Marquis che, tra juscita dei trattamenti, attirano News «A CHI MI DICE CHE UN FIGLIO A TUTTI | COSTINON E UN DIRITTO, RIBATTO CHE IN QUESTO MODO HO FATTO NASCERE UNA VITA POTENZIALE CHE NEL NOSTRO PAESE SAREBBE RIMASTA CONGELATA ALLINFINITO» le altre teeniche, dal 2004 ha avviato il primo Programma internazionale di adozione di embrioni, Negli Stati Uniti questa possibilita ¢ sostenuta dalle associazioni cattoliche fin dal 1908, anno di nascita della prima “snowflake baby” a bambina fioceo di neve, come sono chiamatii bimbi nati daembrioni crioconservati, Mentre in Europa gli standard della procedura sono regolamentati da dirertive europee, che poi ogni singolo Paese integra con le proprie leg Una scelta che solleva dubbi etici. 1 pellegrinagaio verso Festero di tante coppie italiane @ dovuto al fatto che non esiste una legislazione che dichiari adottabili gli embrio- ni, La legge 4o sulla procteazione medicalmente assistita t aperta alla fecondazione eterologa, ma stabilise che il de- stino degli embrioni soprannumerari érestare congelati per sempre, conservatiin azoto liquide (in gergo, “vitrficati")a tuna temperatura di -196 gradi, E mentre le spese di mante- nimento sonoa carico dello Stato, ai genitori biologici che non intendono piu! impiantarli noné permesso deciderne la sorte, come invece accade altrove. «A chi midice che un figlio a tutti costi non é un diritto, da atea ribatto che in questo modo ho fatto nascere una vita potenziale che in Italia sarebbe rimasta congelata all’infinito» precisa Sa- ra, Nel nostro Paese il tema ¢ molto delicato, Le posiziont ruotano intornoa una questione etica: l'embrione in vitro @ gia una vita umana o prima di essere accolto nell'utero& un insieme di cellule? «Gia la scelta del termine pud esse- re intenzionale» spiega Chiara Lalli, docente di Bioctica all'universita La Sapienza di Roma. «Parlare di adozione, peresempio, ben si coniuga con I'idea pro-vita per cui gli embrioni siano soggetti gluridici con dei diritti fondamen- DENTRO LINsTITUTO MARQUES. |. Ledificio modemissimo del centro medico diBoreellona: qui i rvelgone pazienti de pil di 20 Paesine monde. 2.Le drettrice el ittuto, Merisa Lopez-Tején Pérez, con une bimba nata graze lle tecriche di procreczione assstita. 3. Una delle stanze pperle patient in otese dircevere fembrione odottato. 4. Yevoluzione colulare, che si pud seguire fose per fose sul tablet. a” News «VASPETTO DIFFICILE E ACCETTARE IDEA CHE ILTUO BAMBINO NON AVRA IL DNA NE TUO NE DI TUO MARITO. MA PO! PENSI: UN FIGLIOE DI CHI LO PORTA NELLA PANCIA PER 9 MESIE LO CRESCE TUTTA LA VITA» tali, come per esempio a nascere ¢ a vivere, al pari di chi & gid vento al mondo e potrebbe essere chiamato a deci- dere del loro destino». Non a caso la Chiesa, da sempre ‘contrariaa ogni forma di fecondazione attificiale, & inve- ce favorevole a questa ipotesi. «Se per alcuni cattolici gli ‘embrioni sono persone gia formate, & chiato che la cosa migliore ¢ che qualcuno li adotti» aggiunge Chiara Lalli «