Sei sulla pagina 1di 2

Supplemento online a il Balboni.

Corso comunicativo di italiano per stranieri


per gentile concessione dell’editore © Bonacci Editore - Torino 2015 - www.bonaccieditore.it

B1, Unità 5

Queste schede non sono pensate per farti lezione di italiano, anche
se impari parole e forme nuove: sono fatte per darti il piacere
dell’opera in italiano.
Non sono ‘esercizi’, sono pagine di civiltà italiana.

Vissi d’arte, vissi d’amore


Da Tosca, musica di Giacomo Puccini
su testo di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica.
Opera composta nel 1900.

Siamo nella Roma dei Papi, il 14 giugno 1800: l’azione torturano Mario.
si svolge tutta in un giorno. Disperata, Tosca indica il nascondiglio dell’amico di
Mario: ma questo significa la condanna a morte anche
Mattina. del suo amante.
Tosca, cantante famosa, è amante di Mario, pittore Scarpia allora le propone un accordo: se lei farà
che segue le idee rivoluzionarie di Napoleone l’amore con lui, la fucilazione di Mario sarà finta e
Bonaparte e che nasconde nella sua casa un altro potranno fuggire con un permesso che lui le dà.
rivoluzionario. Scarpia, capo della polizia, sospetta di Tosca prega Dio di aiutarla: questa è la romanza.
Mario, va nella chiesa dove il pittore sta dipingendo Scarpia cerca di prenderla con la forza e lei lo uccide
un affresco, non lo trova, ma c’è Tosca e Scarpia, con un coltello.
convinto che prima o poi andrà dal suo Mario, la fa
seguire di nascosto. Notte.
Tosca va a Castel Sant’Angelo dove stanno per fucilare
Sera, Palazzo Farnese. Mario (che ricorda il suo amore con Tosca, nell’aria
C’è una festa dove Tosca canta per il re di Napoli, E lucevan le stelle: hai una scheda). Tosca gli dice che
che è in visita dal Papa; al piano di sotto Scarpia sta la fucilazione sarà finta, ma in realtà Scarpia ha dato
cenando; i poliziotti gli portano Mario prigioniero e l’ordine di uccidere Mario; quando Tosca lo capisce si
lui fa chiamare Tosca, mentre nella stanza accanto butta dal castello.

Leggi la preghiera di Tosca, con l’aiuto dell’insegnante o del dizionario.

Vissi d’arte, vissi d’amore,


non feci mai male ad anima viva!
Con man furtiva Senza farmi vedere
quante miserie conobbi, aiutai... quanti poveri ho conosciuto e aiutato.

Sempre con fe’ sincera, Fede


la mia preghiera
ai santi tabernacoli salì. Altari (il “tabernacolo” è la parte centrale dell’altare)
Sempre con fe’ sincera
diedi fiori agli altar.

  1
Supplemento online a il Balboni. Corso comunicativo di italiano per stranieri
per gentile concessione dell’editore © Bonacci Editore - Torino 2015 - www.bonaccieditore.it

Nell’ora del dolore


perché, perché Signore,
perché me ne rimuneri così? Mi compensi, mi dimostri il tuo apprezzamento.

Diedi gioielli
della Madonna al manto, Mantello della statua
e diedi il canto
agli astri, al ciel, Stelle
che ne ridean più belli. Il cui sorriso diventava più bello, con il mio canto.

Nell’ora del dolore,


perché, perché Signore,
perché me ne rimuneri così?

Ascolta l’aria, leggendo il testo.


Angela Gheorghiu ha un’interpretazione molto chiara, che puoi usare
per il primo ascolto.

Ascoltiamo ancora, facendo attenzione alla musica.


www.youtube.com
Come sempre in Puccini l’orchestra inizia piano piano, ma in
certi momenti prende forza e si aggiunge alla voce di Tosca,
dandole pienezza. Nell’incisione della Gheorghiu si sente
più la voce che l’orchestra; se prendi quella di Maria Callas,
l’orchestra è molto più presente.

Il tuo parere.
www.youtube.com
Quale delle due versioni ti piace di più? Perché?
Discutine con i compagni.

2