Sei sulla pagina 1di 112

Corso di

ELETTRONICA INDUSTRIALE

“Trasformatori ad alta frequenza”


Trasformatori ad alta frequenza
• Motivazioni per l’uso di trasformatori
ad AF
• Richiami sul trasformatore ideale
– Relazioni tra le tensioni
– Relazioni tra le correnti
• Trasformatore a piú avvolgimenti
• Calcolo del flusso
• Dimensionamento del nucleo
• Caratteristiche del trasformatore reale
Motivazioni per l’uso dei trasformatori
ad alta frequenza

+ +
u1 u2
- -

• Isolamento tra ingresso ed uscita


• Adattamento del livello di tensione
• Minore potenza di dimensionamento
del convertitore (Ui ≈ U0max)
Motivazioni per l’uso dei trasformatori
ad alta frequenza
Motivazioni valide
+
anche per +
utrasformatori
1 u2
a bassa
-
frequenza -

• Isolamento tra ingresso ed uscita


• Adattamento del livello di tensione
• Minore potenza di dimensionamento
del convertitore (Ui ≈ U0max)
Motivazioni per l’uso dei trasformatori
ad alta frequenza

+ +
u1 u2
- -

• Piccole dimensioni
• Possibilitá di realizzare convertitori
multi-uscita
Motivazioni per l’uso dei trasformatori
ad alta frequenza

Motivazioni tipiche
+ +
udei
1
trasformatoriu2
ad
- alta frequenza -

• Piccole dimensioni
• Possibilitá di realizzare convertitori
multi-uscita
Richiami sul trasformatore ideale

i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
Φ1
Richiami sul trasformatore ideale

i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
Trasformatore ideale: Φ1
- nucleo con μ = ∞
R =0
Richiami sul trasformatore ideale

i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
Trasformatore ideale: Φ1
- nucleo con μ = ∞
R =0
- avvolgimenti perfettamente accoppiati
Φ1 = Φ2 = Φ
Relazione tra le tensioni
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
Relazione tra le tensioni
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
λ = NΦ = flusso concatenato
Relazione tra le tensioni
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
λ = NΦ = flusso concatenato
dλ 1 dΦ1 dΦ
u1 = = N1 ⋅ = N1 ⋅
dt dt dt
Relazione tra le tensioni
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
λ = NΦ = flusso concatenato
⎧u dλ 1 N dΦ1 N dΦ
⎪ 1 = = 1 ⋅ = 1 ⋅
dt dt dt
⎨ dλ 2 dΦ 2 dΦ
⎪u2 = = N2 ⋅ = N2 ⋅
⎩ dt dt dt
Relazione tra le tensioni
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
λ = NΦ = flusso concatenato
⎧u dλ 1 N dΦ1 N dΦ
⎪ 1 = = 1 ⋅ = 1 ⋅
dt dt dt ⇒ u1 = N1
⎨ dλ 2 dΦ 2 dΦ
⎪u2 = = N2 ⋅ = N2 ⋅ u2 N2
⎩ dt dt dt
Relazione tra le correnti
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
Relazione tra le correnti
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
Compensazione delle forze magnetomotrici
Relazione tra le correnti
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
Compensazione delle forze magnetomotrici

N1 ⋅ i1 + N2 ⋅ i2 = R ⋅ Φ = 0
Relazione tra le correnti
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
Compensazione delle forze magnetomotrici

i1 N2
N1 ⋅ i1 + N2 ⋅ i2 = R ⋅ Φ = 0 ⇒ =−
i2 N1
Conservazione delle potenze
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
Conservazione delle potenze
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
N1 N2
P1 = u1 ⋅ i1 = − ⋅ u2 ⋅ ⋅ i2 = − u2 ⋅ i2 = − P2
N2 N1
Conservazione delle potenze
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
N1 N2
P1 = u1 ⋅ i1 = − ⋅ u2 ⋅ ⋅ i2 = − u2 ⋅ i2 = − P2
N2 N1
P1 + P 2 = 0
Conservazione delle potenze
i1 Φ2 i2
+ +
u1 N1 N2 u2
- -
avvolgimento avvolgimento
primario Φ1 secondario
N1 N2
P1 = u1 ⋅ i1 = − ⋅ u2 ⋅ ⋅ i2 = − u2 ⋅ i2 = − P2
N2 N1
P1 + P2 = 0 La totale potenza entrante nel
trasformatore é nulla (potenza
entrante = potenza uscente)
Adattamento di impedenza
Trasformatore ideale
i1 i2
+ +
u1 Z’ u2 Z
- -
Adattamento di impedenza
Trasformatore ideale
i1 i2 u1(t) N1
=
+ + u2 (t) N2
u1 Z’ u2 Z
- -
Adattamento di impedenza
Trasformatore ideale
i1 i2 u1(t) N1 U1(s) N1
= ⇒ =
+ + u2 (t) N2 U2 (s) N2
u1 Z’ u2 Z
- -
Adattamento di impedenza
Trasformatore ideale
i1 i2 u1(t) N1 U1(s) N1
= ⇒ =
+ + u2 (t) N2 U2 (s) N2
u1 Z’ u2 Z
- - i1(t) N2 I1(s) N2
= ⇒ =
i2 (t) N1 I2 (s) N1
Adattamento di impedenza
Trasformatore ideale
i1 i2 u1(t) N1 U1(s) N1
= ⇒ =
+ + u2 (t) N2 U2 (s) N2
u1 Z’ u2 Z
- - i1(t) N2 I1(s) N2
= ⇒ =
i2 (t) N1 I2 (s) N1

U1(s)
Z ′ (s) =
I1(s)
Adattamento di impedenza
Trasformatore ideale
i1 i2 u1(t) N1 U1(s) N1
= ⇒ =
+ + u2 (t) N2 U2 (s) N2
u1 Z’ u2 Z
- - i1(t) N2 I1(s) N2
= ⇒ =
i2 (t) N1 I2 (s) N1

U1(s) U2 (s) ⎛ N1 ⎞
2 2
⎛ N1 ⎞
Z ′ (s) = = ⋅ ⎜ ⎟ = ⎜ ⎟ Z(s)
I1(s) I2 (s) ⎝ N2 ⎠ ⎝ N2 ⎠
Trasformatore a piú avvolgimenti

+
N2 u2
-
+ N3 +
u3
u1 N1 -
-
+
NN uN
-
Φ

Trasformatore ideale
Trasformatore a piú avvolgimenti

+ Φ1 = Φ 2 = . . . . = Φ N = Φ
N2 u2
-
+ N3 +
u3
u1 N1 -
-
+
NN uN
-
Φ

Trasformatore ideale
Trasformatore a piú avvolgimenti

+ Φ1 = Φ 2 = . . . . = Φ N = Φ
N2 u2
- Legge delle tensioni
+ N3 +
u3 uk Nk
u1 N1 - =
- uj Nj
+
NN uN
-
Φ

Trasformatore ideale
Trasformatore a piú avvolgimenti

+ Φ1 = Φ 2 = . . . . = Φ N = Φ
N2 u2
- Legge delle tensioni
+ N3 +
u3 uk Nk
u1 N1 - =
- uj Nj
+
NN uN
-
Φ In particolare:
u2 N2 uN NN
= ; ... =
Trasformatore ideale u1 N1 u1 N1
Trasformatore a piú avvolgimenti

Legge delle correnti


+
N2 u2
-
+ N3 +
u3
u1 N1 -
-
+
NN uN
-
Φ

Trasformatore ideale
Trasformatore a piú avvolgimenti

Legge delle correnti


+ N
N2 u2
+ N3 +
- ∑ Nk ⋅ ik = R ⋅ Φ = 0
u3 1
u1 N1 -
-
+
NN uN
-
Φ

Trasformatore ideale
Trasformatore a piú avvolgimenti

Legge delle correnti


+
N2 u2 N
+ N3
-
+ ∑ Nk ⋅ ik = R ⋅ Φ = 0
u3 1
u1 N1 -
- In particolare:
+
NN uN 1
Φ i1 -= − ⋅ (N2 ⋅ i2 +. . . . NN ⋅ iN )
N1

Trasformatore ideale
Trasformatore a piú avvolgimenti

+ Legge delle potenze


N2 u2
-
+ N3 +
u3
u1 N1 -
-
+
NN uN
-
Φ

Trasformatore ideale
Trasformatore a piú avvolgimenti

+ Legge delle potenze


N2 u2
- N N
+
u1
N3
N1
+
u3
-
∑ ∑
uk ⋅ ik = Pk = 0
1 1
-
+
NN uN
-
Φ

Trasformatore ideale
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
• La tensione non puó avere componenti
continue
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
• La tensione non puó avere componenti
continue

1 t
Φ(t) − Φ(0) = ⋅ ∫0 u( τ )dτ
N

... altrimenti il flusso cresce


indefinitamente
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
• La tensione non puó avere componenti
continue
• Bmax é limitata dalla saturazione
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
• La tensione non puó avere componenti
continue
• Bmax é limitata dalla saturazione

B
Bsat μ0

H
Funzionamento con nucleo non saturo
Φ
u

Ni
Φ

i
φ = ∫ u ⋅ dt
Funzionamento con nucleo non saturo
Φ
u

Ni
Φ

Imprimendo una tensione i


φ = ∫ u ⋅ dt
sinusoidale il flusso e la
corrente risultano
anch’essi sinusoidali
Funzionamento con nucleo saturo
u Φ

Ni
Φ

φ = ∫ u ⋅ dt i
Funzionamento con nucleo saturo
u Φ

Ni
Φ
Imprimendo una tensione
φ = ∫ u ⋅ dtil flusso risulta
sinusoidale i
sinusoidale, ma la corrente
si deforma a causa della
nonlinearità della curva B-H
Funzionamento con nucleo saturo
u Φ

Ni
Φ

φ = ∫ u ⋅ dt i
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
• La tensione non puó avere componenti
continue
• Bmax é limitata dalla saturazione

B
Bsat μ0

H
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
• La tensione non puó avere componenti
continue
• Bmax é limitata dalla saturazione (e dalle
perdite per correnti parassite e isteresi)
B
Bsat μ0
Pi = Ki f Bmaxα
μ Pp = Kp f 2 Bmax2
H
Limiti d’impiego posti dal nucleo magnetico
• La tensione non puó avere componenti
continue
• Bmax é limitata dalla saturazione (e dalle
perdite per correnti parassite e isteresi)
Materiali magnetici per alta
B
frequenza debbono avere
Bsat coefficienti diμ0perdita
bassi Pi = Ki f Bmaxα
Ki e Kp.
Si usanoμferriti, che sono
Pp = Kp f 2 Bmax2
sinterizzati a piccola
isteresi magnetica.
H
Dimensionamento del nucleo
Dimensionamento del nucleo
• Il flusso Φ determina le dimensioni del
nucleo
Dimensionamento del nucleo
• Il flusso Φ determina le dimensioni del
nucleo
1 t
Φ(t) − Φ(0) = ⋅ u( τ )dτ

N 0
Φ max = Bmax ⋅ S ≤ Bsat ⋅ S
Dimensionamento del nucleo
• Il flusso Φ determina le dimensioni del
nucleo
1 t
Φ(t) − Φ(0) = ⋅ u( τ )dτ

N 0
Φ max = Bmax ⋅ S ≤ Bsat ⋅ S
S

B
Dimensionamento del nucleo
• Il flusso Φ determina le dimensioni del
nucleo
1 t
Φ(t) − Φ(0) = ⋅ u( τ )dτ

N 0
Φ max = Bmax ⋅ S ≤ Bsat ⋅ S
S
Bsat é una caratteristica del
materiale: quindi Φmax
B determina S (cioé la sezione
del nucleo magnetico)
Dimensionamento del nucleo
• Il flusso Φ determina le dimensioni del
nucleo (assegnata Bsat)
Dimensionamento del nucleo
• Il flusso Φ determina le dimensioni del
nucleo (assegnata Bsat)
• Data la forma d’onda della tensione, il
valore massimo del flusso (Φmax) é
proporzionale al periodo
Dimensionamento del nucleo
Data la forma d’onda
della tensione, il valore
massimo del flusso u
(Φmax) é proporzionale T’ T
al periodo t
Dimensionamento del nucleo
Data la forma d’onda
della tensione, il valore
massimo del flusso u
(Φmax) é proporzionale T’ T
al periodo t

φ = ∫ u ⋅ dt Φ
Φmax
Φ’max

T’ T t
Dimensionamento del nucleo
Data la forma d’onda
della tensione, il valore
massimo del flusso u
(Φmax) é proporzionale T’ T
al periodo t

φ = ∫ u ⋅ dt Φ
Φmax
Φ max T Φ’max
=
Φ max
′ T′
T’ T t
Dimensionamento del nucleo
• Il flusso Φ determina le dimensioni del
nucleo (assegnata Bsat)
• Data la forma d’onda della tensione, il
valore massimo del flusso (Φmax) é
proporzionale al periodo

Un trasformatore dimensionato per


funzionare a frequenza più elevata
risulta più piccolo
Potenza gestibile dal nucleo
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax

0.5T Saturazione

Bmax =
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax

0.5T Saturazione

Bmax = 0.1T 100 kHz

Al crescere della frequenza crescono le


perdite per isteresi e correnti parassite
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax

0.5T Saturazione

Bmax = 0.1T 100 kHz

0.03T 500 kHz


Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax

Posto: Φ = Φ max ⋅ senωt



u = N⋅ = N ⋅ ω ⋅ Φ max ⋅ cos ωt
dt
N ⋅ ω ⋅ Bmax ⋅ SFe
U= U ↑ se ω ↑
2
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax
N ⋅ ω ⋅ Bmax ⋅ SFe
U=
2
Sa

S a ⋅ kr N ⋅ I
Savv = =
2 δI
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax
N ⋅ ω ⋅ Bmax ⋅ SFe
U=
2
Sa
coeff. riempimento ≅ 0.5
S a ⋅ kr N ⋅ I
Savv = =
2 δI
3-5 A/mm2
2 avvolgimenti
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax
N ⋅ ω ⋅ Bmax ⋅ SFe
U=
2
Sa S a ⋅ kr δ I
I= ⋅
2 N
kr
P = P1 = P2 = U ⋅ I = ω ⋅ Bmax ⋅ SFe ⋅ S a ⋅ δ I ⋅
2 2
Dimensioni del nucleo
Potenza gestibile dal nucleo
SFe
Φmax = SFe ⋅Bmax
N ⋅ ω ⋅ Bmax ⋅ SFe
U=
2
Sa S a ⋅ kr δ I
I= ⋅
2 N

P ∝ ω ⋅ SFe ⋅ S a ∝ ω ⋅ Vol
Trasformatore reale ( μ < ∞ )

i1 i2
N1 N2
+ +
u1 u2
- -
Trasformatore reale ( μ < ∞ )

i1 i2
N1 N2
+ +
u1 u2
- -

La riluttanza del nucleo non è trascurabile


Trasformatore reale ( μ < ∞ )

Φ21
i1 i2
N1 N2
+ +
u1 λ2d u2
-
λ1d -

Φ12
La riluttanza del nucleo non è trascurabile
I flussi concatenati con gli avvolgimenti
sono diversi
Trasformatore reale ( μ < ∞ )

Φ21 λ 1 = λ 12 + λ 1d
i1 i2
N1 N2 λ 2 = λ 21 + λ 2d
+ +
u1 λ2d u2
- λ1d -
Φ12
Trasformatore reale ( μ < ∞ )

Φ21 λ 1 = λ 12 + λ 1d
i1 i2
N1 N2 λ 2 = λ 21 + λ 2d
+ +
u1 λ2d u2
- λ1d - λ 12 = N1 ⋅Φ 12
λ 21 = N2 ⋅Φ 21
Φ12
Trasformatore reale ( μ < ∞ )

Φ21 λ 1 = λ 12 + λ 1d
i1 i2
N1 N2 λ 2 = λ 21 + λ 2d
+ +
u1 λ2d u2
- λ1d - λ 12 = N1 ⋅Φ 12
λ 21 = N2 ⋅Φ 21
Φ12
Φ12 = Φ 21 = Φ
Trasformatore reale ( μ < ∞ )

Φ21 λ 1 = λ 12 + λ 1d
i1 i2
N1 N2 λ 2 = λ 21 + λ 2d
+ +
u1 λ2d u2
- λ1d - λ 12 = N1 ⋅Φ 12
λ 21 = N2 ⋅Φ 21
Φ12
Φ 12 = Φ 21 = Φ

λ 1d = L1d ⋅ i1
Induttanze di dispersione:
λ 2 d = L 2 d ⋅ i2
Trasformatore reale

i1 Φ21 i2
+ N1 N2 +
u1 λ2d u2
- λ1d -
Φ12
Trasformatore reale
dλ 1 dλ 1d dλ 12 di1 dΦ
u1 = = + = L1d ⋅ + N1
dt dt dt dt dt
dλ 2 dλ 2d dλ 21 di2 dΦ
u2 = = + = L 2d ⋅ + N2
dt dt dt dt dt

i1 Φ21 i2
+ N1 N2 +
u1 λ2d u2
- λ1d -
Φ12
Trasformatore reale
dλ 1 dλ 1d dλ 12 di1 dΦ
u1 = = + = L1d ⋅ + N1
dt dt dt dt dt
dλ 2 dλ 2d dλ 21 di2 dΦ
u2 = = + = L 2d ⋅ + N2
dt dt dt dt dt
Posto:
⎧ di1 i1 Φ21 i2
⎪ e 1 = u1 − L1d ⋅ N1 N2
dt + +
⎨ di2
u1 λ2d u2
⎪ e 2 = u2 − L2 d ⋅ - λ1d -
⎩ dt Φ12
Trasformatore reale
dλ 1 dλ 1d dλ 12 di1 dΦ
u1 = = + = L1d ⋅ + N1
dt dt dt dt dt
dλ 2 dλ 2d dλ 21 di2 dΦ
u2 = = + = L 2d ⋅ + N2
dt dt dt dt dt
Posto:
⎧ di1
⎪ e 1 = u1 − L1d ⋅ e1 N1
dt si ha: =
⎨ di2
⎪ e 2 = u2 − L2 d ⋅ e2 N2
⎩ dt
Circuito equivalente del trasformatore reale
i1 i2
+ L1d e+ + L +
u1 1 e2 2d u2
- - - -

Trasformatore
ideale e1 N1
di1 =
u1 = L1d ⋅ + e1 e2 N2
dt
i1 N2
di2 =-
u2 = L2d ⋅ + e2 i2 N1
dt
Circuito equivalente del trasformatore reale
i1 i2
+ L1d e+ + L +
u1 1 e2 2d u2
- - - -
Circuito equivalente semplificato

i1 i2
+ + 2
L’d e+1 ⎛ N1 ⎞
u1 u2 L ′d = L1d + ⎜ ⎟ ⋅ L 2d
- - - ⎝ N2 ⎠
Corrente magnetizzante
Corrente magnetizzante
e1
Φ(t) = ∫ N1
dt
Corrente magnetizzante
e1
Φ(t) = ∫ N1
dt
Al flusso è associata una forza
magnetomotrice, che viene fornita dalla
sorgente di alimentazione (circuito
primario)
Corrente magnetizzante
e1
Φ(t) = ∫ N1
dt
Al flusso è associata una forza
magnetomotrice, che viene fornita dalla
sorgente di alimentazione (circuito
primario)
R ⋅Φ
R ⋅ Φ = N1 ⋅ iμ 1 iμ 1 =
N1
Corrente magnetizzante
e1
Φ(t) = ∫ N1
dt
Al flusso è associata una forza
magnetomotrice, che viene fornita dalla
sorgente di alimentazione (circuito
primario)
R ⋅Φ
R ⋅ Φ = N1 ⋅ iμ 1 iμ 1 =
N1
La corrente iμ1 è la corrente magnetizzante
(riferita a primario) del trasformatore
Corrente magnetizzante
La corrente magnetizzante iμ1 viene
associata ad una induttanza equivalente
nonlineare (induttanza magnetizzante Lμ1)
alimentata alla tensione e1
i1 i2
+ L1d + + L2d +
iμ1 e1 u2
u1 e2
- Lμ1 -
- -
Corrente magnetizzante
La corrente magnetizzante iμ1 viene
associata ad una induttanza equivalente
nonlineare (induttanza magnetizzante Lμ1)
alimentata alla tensione e1
i1 i2
+ L1d + + L2d +
iμ1 e1 u2
u1 e2
- Lμ1 -
- -
Lμ1 puó essere rappresentata anche a
secondario
Schema equivalente complessivo
Schema equivalente complessivo
i1 i2
+ R1 L1d + + L R2 +
u1 e1 e2 2d u2
Rμ1 Lμ1
- - - -
Schema equivalente complessivo
i1 i2
+ R1 L1d + + L R2 +
u1 e1 e2 2d u2
Rμ1 Lμ1
- - - -

R1 e R2 sono le resistenze degli


avvolgimenti
Schema equivalente complessivo
i1 i2
+ R1 L1d + + L R2 +
u1 e1 e2 2d u2
Rμ1 Lμ1
- - - -

R1 e R2 sono le resistenze degli


avvolgimenti
Rμ1 tiene conto delle perdite nel nucleo
(isteresi e correnti parassite)
Schema equivalente complessivo
i1 i2
+ R1 L1d + + L R2 +
u1 e1 e2 2d u2
Rμ1 Lμ1
- - - -

Nota: Il trasformatore reale non


conserva la potenza. Vi sono
elementi dissipativi (R1, R2,
Rμ1) e di accumulo energetico
(L1d, L2d, Lμ1)
Schema semplificato del trasformatore reale
Schema semplificato del trasformatore reale
i1 Rd
i 2
+ Ld +
u1 iμ Lμ u2
- -

2
⎛ N1 ⎞ ⎛ N1 ⎞
2
L d = L 1d + ⎜ ⎟ 2d R d = R 1 + ⎜
L ⎟ R2
⎝ N2 ⎠ ⎝ N2 ⎠
Schema semplificato del trasformatore reale
i1 Rd
i 2
+ Ld +
u1 iμ Lμ u2
- -

Ipotesi semplificative:

2
⎛ N1 ⎞ ⎛ N1 ⎞
2
L d = L 1d + ⎜ ⎟ 2d R d = R 1 + ⎜
L ⎟ R2
⎝ N2 ⎠ ⎝ N2 ⎠
Schema semplificato del trasformatore reale
i1 Rd
i 2
+ Ld Lμ + + +
u1 iμ e1 e2 u2
- - - -

Ipotesi semplificative:
• piccole cadute di tensione: u1 ≅ e1 u2 ≅ e 2

2
⎛ N1 ⎞ ⎛ N1 ⎞
2
L d = L 1d + ⎜ ⎟ 2d R d = R 1 + ⎜
L ⎟ R2
⎝ N2 ⎠ ⎝ N2 ⎠
Schema semplificato del trasformatore reale
i1 Rd
i 2
+ Ld Lμ + + +
u1 iμ e1 e2 u2
- - - -

Ipotesi semplificative:
• piccole cadute di tensione: u1 ≅ e1 u2 ≅ e 2
• perdite nel nucleo trascurabili: R μ1 = ∞
2
⎛ N1 ⎞ ⎛ N1 ⎞
2
L d = L 1d + ⎜ ⎟ 2d R d = R 1 + ⎜
L ⎟ R2
⎝ N2 ⎠ ⎝ N2 ⎠
Risposta in frequenza del trasformatore
Risposta in frequenza del trasformatore
i1 i2
Rd
+ Ld +
u1 Lμ u2 R
- -
Risposta in frequenza del trasformatore
i1 i2
Rd
+ Ld +
u1 Lμ u2 R 2
- - ⎛ N1 ⎞
R′ = R ⋅ ⎜ ⎟
⎝ N2 ⎠
Risposta in frequenza del trasformatore
i1 i2
Rd
+ Ld +
u1 Lμ u2 R 2
- - ⎛ N1 ⎞
R′ = R ⋅ ⎜ ⎟
⎝ N2 ⎠
Ipotesi: Lμ >> Ld Rd << R’
Risposta in frequenza del trasformatore
i1 i2
Rd
+ Ld +
u1 Lμ u2 R 2
- - ⎛ N1 ⎞
R′ = R ⋅ ⎜ ⎟
⎝ N2 ⎠
Ipotesi: Lμ >> Ld Rd << R’

s⋅
u2 (s) N2 Rd
Si trova: = ⋅
u1(s) N1 ⎛ Lμ ⎞ ⎛ Ld ⎞
⎜ 1 + s ⋅ ⎟ ⋅ ⎜⎝ 1 + s ⋅ ⎟⎠
⎝ Rd ⎠ R′
Risposta in frequenza del trasformatore
u2
u1
N2
N1

Rd R′ ω
Lμ Ld

s⋅
u2 (s) N2 Rd
= ⋅
u1(s) N1 ⎛ Lμ ⎞ ⎛ Ld ⎞
⎜1 + s ⋅ ⎟ ⋅ ⎜1 + s ⋅ ⎟
⎝ Rd ⎠ ⎝ R′ ⎠
Risposta in frequenza del trasformatore
u2
u1
N2
N1

Rd R′ ω
Lμ Ld
• La banda passante del trasformatore é
1 Rd
limitata inferiormente da ⋅ (fmin) e
2π Lμ
1 R′
superiormente da ⋅ (fmax)
2π L d
Risposta in frequenza del trasformatore
u2
u1
N2
N1

Rd R′ ω
Lμ Ld
• fmin é una caratteristica del trasformatore
Risposta in frequenza del trasformatore
u2
u1
N2
N1

Rd R′ ω
Lμ Ld
• fmin é una caratteristica del trasformatore
• fmax dipende dal carico (a vuoto fmax )= ∞
Risposta in frequenza del trasformatore
u2
u1
N2
N1

Rd R′ ω
Lμ Ld
• fmin é una caratteristica del trasformatore
• fmax dipende dal carico (a vuoto fmax )= ∞
• A bassa frequenza il trasformatore si
comporta come un corto circuito (Rcc=Rd)
Conclusioni
• I trasformatori dimensionati per operare ad alta
frequenza hanno ingombri contenuti
• Essi vanno realizzati con materiali magnetici
opportuni (ferriti)
• Nel fuzionamento ad alta frequenza le
induttanze parassite (dispersione e
magnetizzazione) causano effetti non
trascurabili
• I trasformatori hanno limiti di banda passante,
sia a frequenza bassa che elevata