Sei sulla pagina 1di 261

INSTALLAZIONE & TUTORIAL

per Windows®
e Macintosh®
Versione Italiana
FINALE 2008 PER WINDOWS E MACINTOSH
© 2007 MakeMusic! Inc.
Giugno 2007 - Edizione italiana Marzo 2008
U.S. Patents Nos. 4,945,804 and 4,960,031 and 5,396,828

Project Manager Beth Sorensen


Product Specialist Scott Yoho
MakeMusic Product Specialist Tom Johnson
Direttore tecnico Mark Maronde
Sviluppo Software Randall Stokes, Chris Cianflone, Joe Lenarz, Tim
Fischer, Kay Paulus, Scott Puhl, Dave Polashek,
Scott McSpadden, Ryan Demlow, Jeff Nordquist
Controllo qualità: Michael Johnson, Allen Fisher, Trey ZehrGrimm,
Shawn McClain, Kami Miller, Gary Pederson,
Nathan Carlton, Alex Smith, Yvonne Grover,
Carla Hennes, Joy Islam
Supporto utenti James Anderson, Norm Briden, Matthew Ferry,
Fred Flowerday, James Gould, Scott Hirsch, Philip
Holst, Matt Kettelhut, David Olson, Doug
Rasmussen, Mike Reed, David Scheffing, Chris
Smit, Ryan Wooley
Documentazione Mark Johnson

Distribuzione per l’Italia: MIDI MUSIC S.A.S. - Corso Enrico De Nicola, 8 - TORINO
Traduzione e adattamento del software per l’edizione italiana a cura di Mario Bricca.
La traduzione della presente documentazione è stata curata da Mario Bricca.
Finale e SmartMusic Studio sono marchi registrati. Finale Allegro, Finale PrintMusic!, e
The Art of Music Notation sono marchi registrati di MakeMusic.
ENIGMA Music Publishing Toolkit ”1987-2006 MakeMusic, Inc. All rights reserved.

7615 Golden Triangle Drive Suite M


Eden Praire MN 55344-3848
952.937.9611
800.843.2066
FAX 952.937.9760
Customer Support 952.937.9703
Sommario

PRIMA DI INIZIARE .................................................................................. 1


Grazie per aver scelto Finale! ....................................................................................... 1
Conoscere Finale ......................................................................................................... 1
Cartolina di registrazione / Assistenza .......................................................................... 2

INSTALLAZIONE PER WINDOWS ............................................................... 3


Installazione di Finale .................................................................................................. 3
Note per chi già possedeva Finale: ............................................................................... 3
Istruzioni per utenti di Windows ................................................................................. 4
Preparazione per la stampa .......................................................................................... 4
Assemblaggio del sistema MIDI ................................................................................... 4
Lancio di Finale ........................................................................................................... 6

INSTALLAZIONE PER MACINTOSH ............................................................ 9


Installazione di Finale .................................................................................................. 9
Note per chi già possedeva Finale: ............................................................................. 10
Preparazione per la stampa ........................................................................................ 10
Assemblaggio del sistema MIDI ................................................................................. 10
Configurare il vostro software MIDI con OS X ........................................................... 12
Lancio di Finale ......................................................................................................... 14
La finestra di dialogo Impostazioni MIDI ................................................................... 14
Impostare Finale con OS X ........................................................................................ 14

COME STUDIARE FINALE ....................................................................... 17


Terminologia ............................................................................................................. 17
Razionalizzare la procedura di lavoro ........................................................................ 18

TUTORIAL 1A: INSERIMENTO SEMPLICE .................................................. 19


Creazione di un nuovo documento con l'Impostazione guidata del documento ......... 19
Inserimento Semplice dei simboli musicali ................................................................ 28
Alterazioni ................................................................................................................. 38
Accordi ...................................................................................................................... 40

Installazione & Tutorial sommario - a


Sommario

Gruppi irregolari ........................................................................................................41


Cambiare l’altezza delle note ......................................................................................42
Cambiare Tonalità, Indicazione di tempo e Chiave. ...................................................42
Aggiungere battute .....................................................................................................43
Modifica della visuale .................................................................................................43
Salvare il lavoro su disco ............................................................................................46
Quando siete pronti per continuare ...........................................................................46

TUTORIAL 1B: INSERIMENTO RAPIDO ......................................................47


Qualche cenno sul MIDI ............................................................................................47
Creazione di un nuovo documento da Modello ..........................................................47
Come aggiungere nuove battute .................................................................................48
Inserimento rapido ....................................................................................................48
Correzioni rapide con il tastierino numerico ..............................................................51
Inserimento degli accordi ...........................................................................................53
Le alterazioni .............................................................................................................54
I Gruppi Irregolari .....................................................................................................54
Inserimento di note o pause .......................................................................................58
Inserire la musica: Inserimento rapido .......................................................................60
Selezione multipla mediante click-maiuscolo (shift-click) ..........................................61
Copia su destinazione non visibile sullo schermo .......................................................62
Cancellare le misure ...................................................................................................62
Cancellare la musica ..................................................................................................63
Altre notizie su Inserimento rapido ............................................................................64
La riproduzione .........................................................................................................65
Definizione del tempo metronomico iniziale ..............................................................67
Quando siete pronti per continuare ...........................................................................67

TUTORIAL 1C: HYPERSCRIBE - SCRIVERE SUONANDO ..............................69


Introduzione a HyperScribe .......................................................................................69
Creare un documento nuovo predefinito ...................................................................70
Click e battute a vuoto ...............................................................................................70
Trascrivere una scala (con il click) .............................................................................71
Trascrizione di una melodia (con il Tap) ....................................................................73

sommario - b Installazione & Tutorial


Sommario

Definizione di moduli ritmici e figurazioni ................................................................ 75


Trascrizione a due mani con HyperScribe .................................................................. 76
Quando siete pronti per continuare ........................................................................... 79

TUTORIAL 2: AGGIUNGERE I DETTAGLI .................................................. 81


Modifica dell’armatura di chiave ................................................................................ 81
Modificare l’indicazione di tempo .............................................................................. 82
Inserimento dei testi cantati in modo “Digita in partitura” ......................................... 83
Inserimento dei testi cantati in modo “Assegnazione con il click” .............................. 86
Assegnazione del testo Canto ..................................................................................... 86
Aggiunta di una seconda riga di testo ........................................................................ 89
Lo Strumento Ripetizione .......................................................................................... 91
Sigle per gli accordi (sezione opzionale) .................................................................... 92
Le voci interne e i Livelli ............................................................................................ 97
Quando siete pronti per continuare ......................................................................... 101

TUTORIAL 3: ARTICOLAZIONI E ESPRESSIONI ....................................... 103


Segni di Articolazione e di espressione ..................................................................... 103
Inserimento di legature di frase ................................................................................ 106
Strumento Selezione ................................................................................................ 108
I Metatool: inserimento collettivo dei simboli .......................................................... 108
Simboli musicali personalizzati ................................................................................ 112
I tasti cursore (frecce) .............................................................................................. 114
Segni di articolazione che influenzano la riproduzione ............................................ 114
Elenco dei righi: inserimento selettivo dei simboli ................................................... 114
Operazioni di Copia e Incolla con i simboli ............................................................. 118
Uso di librerie personalizzate ................................................................................... 119
Quando siete pronti per continuare ......................................................................... 120

TUTORIAL 4: CONFIGURAZIONE E STAMPA .......................................... 121


La configurazione delle battute ................................................................................ 121
Misure in levare ....................................................................................................... 124
La spaziatura della musica ....................................................................................... 124
La Mappa della battuta (mappa dei tempi) ............................................................... 126

Installazione & Tutorial sommario - c


Sommario

Lo Strumento Configura-Pagina ...............................................................................127


Interruzioni di pagina ..............................................................................................132
Inserire o cancellare righi o accollature ....................................................................133
Lo Strumento Ridimensiona .....................................................................................133
Lo Strumento Testo ..................................................................................................136
Lo strumento Grafica ...............................................................................................139
Nozioni fondamentali sulla stampa ..........................................................................142
Quando siete pronti per continuare .........................................................................143

TUTORIAL 5: PARTITURA E PARTI STACCATE ........................................145


Impostare le chiavi e i nomi degli strumenti .............................................................145
Selezione parziale; trasporto di zone del brano .........................................................148
Visualizzazione selettiva dei righi (Set di Righi) ........................................................149
Inserimento di nuovi righi .......................................................................................150
Strumenti traspositori ..............................................................................................151
Stili del rigo .............................................................................................................152
Ottimizzazione delle accollature ...............................................................................154
Parti collegate ...........................................................................................................157
Quando siete pronti per continuare .........................................................................161

TUTORIAL 6: PLAYBACK ......................................................................163


Strumenti ed Assegnazione dei Canali MIDI .............................................................163
Uso di Kontakt Player 2 per Finale con la Garritan Personal Orchestra (GPO) .........167
Mixer .......................................................................................................................170
Human Playback ......................................................................................................172
Lo Strumento MIDI ..................................................................................................174
Creazione di un DIMINUENDO ..............................................................................176
Modifica delle Key Velocity ......................................................................................181
Modifica della durata delle note ...............................................................................184
Altri possibili impieghi di queste funzioni ................................................................187
Gli eventi MIDI non-nota (Dati continui) .................................................................188
Copia e cancellazione dei dati MIDI .........................................................................191
Riproduzione ed espressività ....................................................................................192
Indicazioni di andamento “intelligenti” ....................................................................197

sommario - d Installazione & Tutorial


Sommario

Generare una riproduzione “swing” ......................................................................... 198


Sincronizzare Finale con un Video ........................................................................... 199
Quando siete pronti per continuare ......................................................................... 201

TUTORIAL 7: INTAVOLATURA PER CHITARRA E STRUMENTI A TASTO ...... 203


Creare un rigo di intavolatura per chitarra ............................................................... 203
Copiare la musica da e verso un rigo di intavolatura ................................................ 204
Modificare la corda e il numero di tasto nel rigo di intavolatura .............................. 205
Inserimento diretto delle note nel rigo di intavolatura ............................................. 206
Inserimento di Slide, Bending e Tremoli .................................................................. 208
Hammer-on, Pull-off (legature ascendenti e discendenti) e altri simboli .................. 210
Inserire la musica usando una chitarra MIDI (opzionale) ......................................... 211
Consigli e suggerimenti per l’intavolatura ................................................................ 214

TUTORIAL 8: NOTAZIONE PROFESSIONALE ........................................... 217


Gli “Strumenti Speciali” ........................................................................................... 217
Lo Strumento Sposta-Note ....................................................................................... 223
Correzione del Punto di suddivisione ...................................................................... 226
I numeri di battuta .................................................................................................. 227
Lo Strumento Disegno ............................................................................................. 229
Scannerizzare la musica ........................................................................................... 234
Mappe delle percussioni .......................................................................................... 236
Quando siete pronti per continuare ......................................................................... 237

PROCEDURE AVANZATE DI FINALE ....................................................... 239


Gli stili di documento .............................................................................................. 239
L’uso di modelli ....................................................................................................... 239
Salvataggio di nuovi modelli .................................................................................... 240
Fasi di lavorazione ................................................................................................... 241
Suggerimenti per velocizzare il lavoro: Ridisegno dello schermo .............................. 242
Tasti di scelta rapida da tastiera ............................................................................... 243
Le macro ................................................................................................................. 244
Portabilità dei dati ................................................................................................... 245
Futuri sviluppi di Finale .......................................................................................... 246

Installazione & Tutorial sommario - e


Sommario

ACCORDO DI LICENZA .........................................................................247

INDICE ...............................................................................................249

sommario - f Installazione & Tutorial


Prima di iniziare

GRAZIE PER AVER SCELTO FINALE!


Finale è un potente programma integrato per la trascrizione, la notazione, la
riproduzione e la stampa musicale. Il software riunisce in sé elementi tipici dei word
processor, dei programmi di grafica, dei programmi di sequencing e dei sistemi
software dedicati alla tipografia professionale. Tutto ciò a vostra disposizione con un
semplice click del mouse. Questo programma è concepito per aiutarvi a creare,
stampare la vostra musica e ascoltarla con un’esecuzione MIDI basata su suoni di
altissimo livello, più rapidamente e con maggiore qualità di quanto non sia stato sino
ad oggi possibile.
Investite qualche istante nel controllare il contenuto della vostra confezione di
Finale: essa dovrebbe comprendere:
• Il volume Installazione & Tutorial
• La “Guida di riferimento rapido”
• La scheda di registrazione Midi Music (se non si tratta di un aggiornamento da una
precedente versione)
• Il Disco di installazione della versione originale italiana di Finale, sulla cui custodia
troverete il codice di attivazione e, se si tratta di un nuovo acquisto e non di un
aggiornamento, il numero di serie della vostra copia di Finale

CONOSCERE FINALE
Le versioni per Windows e Macintosh sono sufficientemente simili da consentire
l’incorporamento delle istruzioni relative al loro utilizzo all’interno di un solo
volume. Noterete in ogni caso che per quanto riguarda l’installazione sono stati
previsti due capitoli specifici: uno per gli utenti Windows e uno per quelli
Macintosh. Questi capitoli prevedono istruzioni specifiche relative all’installazione e
alla configurazione del programma all’interno di ciascuna delle due piattaforme. I
capitoli successivi prevedono invece le istruzioni, relative all’uso del programma, che
si possono applicare a entrambe le versioni. Le eventuali differenze, che di solito
riguardano le combinazioni di tasti come ! per Windows, a o b per
Macintosh, sono poste fra parentesi.
Imparare a usare Finale non dovrebbe riuscirvi difficile. Anche se il programma offre
centinaia di funzioni e opzioni, potrete imparare tranquillamente solo l’uso dei
comandi che vi servono effettivamente. Non possedete uno strumento MIDI? Saltate
semplicemente la sezione corrispondente del manuale. Pensate che non avrete mai
bisogno delle intavolature per chitarra? Non preoccupatevi di studiare questa

Installazione & Tutorial 1


Prima di iniziare

funzione. Può darsi che queste e altre funzioni vi servano in futuro, o forse non vi
serviranno mai. Sarete sempre in tempo a studiarne il funzionamento al momento in
cui vorrete servirvene.
Prima di procedere nella lettura del presente volume, seguite le istruzioni riportate
nella sezione seguente per installare Finale sul vostro Hard Disk.
Non trascurate di leggere il file chiamato ReadMe, che il programma di installazione
copierà sul vostro Hard Disk e inserirà nel gruppo o directory di Finale 2008. Questo
file contiene importanti informazioni “dell’ultimo momento” sul programma, che per
motivi di tempo non è stato possibile includere nel presente manuale.

CARTOLINA DI REGISTRAZIONE / ASSISTENZA


Per ottenere tutti i privilegi riservati ad un Utente Registrato di Finale, assicuratevi di
compilare e inviare al più presto l’acclusa cartolina di registrazione.
Gli utenti registrati hanno diritto a chiamare il Servizio di Supporto Tecnico
telefonico della Midi Music al numero (011) 318.56.02 ogniqualvolta abbiano
bisogno di aiuto e non trovino nei manuali la soluzione ai loro problemi.

2 Installazione & Tutorial


Installazione per Windows
Installazione per Windows

INSTALLAZIONE DI FINALE
Gli utenti Macintosh dovono passare alla successiva sezione “INSTALLAZIONE PER
MACINTOSH”.
L’installazione di finale sul vostro Hard Disk è assai facile, sia che stiate aggiornando
il programma da una versione precedente, sia che lavoriate con Finale per la prima
volta. Seguite semplicemente le istruzioni.
Prima di iniziare, assicuratevi di avere sufficiente spazio sul vostro Hard Disk per
contenere il programma e tutti i file ad esso associati. Vi serviranno all’incirca
trecento Megabyte (300.000K) liberi sull’Hard Disk per effettuare l’installazione
completa. Se intendete installare anche i suoni della Garritan Orchestra forniti con
Finale, vi occorreranno ulteriori milleseicento Megabyte (1.6 GB) liberi sull’Hard
Disk. Come molti altri software, Finale fa uso di file temporanei durante le normali
operazioni. Questi file vengono poi eliminati dal programma stesso al momento della
sua chiusura. Per questo motivo, vi raccomandiamo di riservare uno spazio libero di
ulteriori dieci Megabyte (10.000K) sul disco per questi file.
Poiché alcuni programmi di ricerca virus possono bloccare l’installazione di alcuni
file, vi raccomandiamo di disabilitare temporaneamente eventuali anti-virus. Potete
essere sicuri in ogni caso che il vostro CD originale di Finale non contiene virus. Se
effettuate l’installazione su Windows NT, Windows 2000 o Windows XP, assicuratevi
di effettuare la procedura come amministratore di sistema e di riavviare il computer
dopo l’installazione.

Note per chi già possedeva Finale:


Il programma di installazione di Finale 2008 non comprometterà la vostra
preesistente cartella di Finale. Dopo aver installato Finale 2008, copiate i file da voi
creati (librerie, modelli e brani) nelle nuove directory di Finale 2008. A questo
punto, dopo aver preso confidenza con la nuova versione, potrete cancellare la
vecchia directory per liberare spazio su disco.
Quando caricherete un vecchio file di Finale, Finale 2008 impiegherà alcuni istanti
per convertirlo nel nuovo formato e aprirlo come documento senza titolo. Una volta
che avrete salvato un file in Finale 2008 non potrete più aprirlo con versioni
precedenti di Finale (è possibile almeno parzialmente condividere i file di Finale
2008 con versioni precedenti di finale utilizzando il plug-in MusicXML. Per ulteriori
informazioni consultate la documentazione in linea alla voce omonima). Vi
suggeriamo pertanto di salvare ogni file che pensate di dovere reimpiegare, prima o
poi, su una vecchia versione di Finale con un nome leggermente diverso (per

Installazione & Tutorial 3


Installazione per Windows

esempio, CANZONE.MUS può diventare CANZONE2.MUS).

ISTRUZIONI PER UTENTI DI WINDOWS


• Inserite il Disco di installazione nel drive del DVD-Rom.
• Nel caso in cui il programma di installazione non partisse automaticamente,
cliccate sul pulsante di Avvio (Start), cliccate su Esegui. Digitate d:\setup (dove
“D” rappresenta il vostro drive per CD Rom) cliccate su OK. Il programma di setup
farà partire il processo di installazione.
• Seguite le istruzioni sullo schermo sino al completamento della procedura di
installazione. Durante la prima fase dell’installazione, vi verrà richiesto di inserire
il Codice di attivazione che trovate sul contenitore del CD originale di Finale.
Inseritelo prestando attenzione alle eventuali maiuscole/minuscole e conservatelo
con attenzione, perché vi verrà richiesto anche per l’installazione di eventuali
aggiornamenti scaricati dal nostro sito www.midimusic.it per la versione italiana.
La schermata “Installazione di Finale” vi permette di selezionare i file che volete
installare e definire il loro posizionamento all’interno dell’hard disk. Il programma di
installazione propone come directory C:\Programmi\Finale 2008. Vi raccomandiamo
di installare tutti i file di Finale. Normalmente è sufficiente confermare le
impostazioni predefinite contenute in ciascuna finestra premendo Enter (Invio). Il
programma di installazione creerà un gruppo di programma chiamato Finale 2008
italiano.
• Rimuovete il disco CD-ROM di installazione dal drive e conservatelo in un posto
sicuro! Se dovesse accadere qualcosa al vostro hard disk, potrete sempre reinstallare
il programma e tutti i file accessori se avete a disposizione il disco originale.

PREPARAZIONE PER LA STAMPA


Prima di poter stampare da Finale, è necessario impostare Windows in modo che
possa lavorare correttamente con la vostra stampante. Consultate al riguardo il
Manuale dell’Utente di Windows della Microsoft.
Per avere ulteriori informazioni relative alla stampa, consultate la voce STAMPA
nella documentazione.

ASSEMBLAGGIO DEL SISTEMA MIDI


Se non volete usare Finale in abbinamento con un sistema MIDI, saltate questa
sezione. Se invece avete già impostato correttamente il sistema MIDI, dovete
solamente assegnare e configurare la vostra interfaccia MIDI all’interno di Finale. Se
invece incontrate il MIDI per la prima volta, questa parte può aiutarvi a collegare

4 Installazione & Tutorial


Installazione per Windows

correttamente tra di loro le vostre apparecchiature.


Il MIDI, acronimo di Musical Instrument Digital Interface (Interfaccia Digitale per
Strumenti Musicali), è il linguaggio usato dai computer e sintetizzatori per dialogare
fra di loro. Daremo per scontato che vogliate collegare una tastiera elettronica, anche
se potete usare un qualsiasi tipo di strumento MIDI.
Possiamo pensare inoltre che il vostro computer sia equipaggiato con una scheda
suono che abbia anche le funzioni di interfaccia MIDI e abbia inoltre il driver relativo
correttamente installato. Se invece utilizzate un’interfaccia MIDI dedicata, consultate
le relative istruzioni per impostare in modo corretto l’intero sistema MIDI.
Come minimo irrinunciabile, avrete bisogno del seguente equipaggiamento per un
sistema MIDI in grado di lavorare (a parte il vostro computer):
• Una tastiera MIDI
• Amplificatore, casse acustiche o cuffia
• Due cavi MIDI
• Una scheda di interfaccia MIDI
L’ultimo oggetto, l’interfaccia MIDI, è un dispositivo che trasforma i segnali in arrivo
dal sintetizzatore in segnali comprensibili al computer e viceversa.
• Installate la vostra interfaccia MIDI, USB, o la scheda suono con interfaccia MIDI
incorporata. Consultate il manuale dell’interfaccia per avere le relative istruzioni.
• Posizionate il computer e la tastiera nella posizione desiderata. Inserite le spine
nelle prese della corrente, ma per ora non accendete nulla.
• Inserite il cavo adattatore MIDI/porta joystick nella scheda suono, oppure, se si
tratta di un’interfaccia USB, connettetela al computer tramite l’apposito cavo.
• Inserite uno degli spinotti terminali del cavo MIDI nella presa del sintetizzatore
contrassegnata dalla scritta MIDI IN. L’altra estremità del cavo andrà inserita nella
presa dell’interfaccia contrassegnata dalla scritta MIDI OUT. Di solito le prese
MIDI si trovano sul retro dello strumento. Assicuratevi poi di collegare correttamente
il cavo (da MIDI IN a MIDI OUT). Il problema più frequente incontrato dai
principianti del MIDI è proprio il non corretto collegamento dei cavi. Inserite uno
degli spinotti terminali del secondo cavo MIDI nella presa del sintetizzatore
contrassegnata dalla scritta MIDI OUT. L’altra estremità del cavo andrà inserita nella
presa dell’interfaccia contrassegnata dalla scritta MIDI IN. In questo modo avete
installato entrambi i cavi MIDI. Il primo collega la MIDI IN alla MIDI OUT, mentre il
secondo collega la MIDI OUT alla MIDI IN.
I vostri collegamenti dovrebbero essere simili a quelli rappresentati nella figura:

Installazione & Tutorial 5


Installazione per Windows

• Attivate tutte le vostre periferiche e dispositivi MIDI.


Se qualcosa non funzionasse, consultate la documentazione relativa all’utilizzo e
configurazione delle vostre apparecchiature MIDI. Potete inoltre consultare
l’Appendice della Documentazione in linea di Finale alla voce Approfondimento sul
MIDI oppure, se avete problemi con la configurazione MIDI di Finale, la
documentazione relativa alla finestra di dialogo Impostazioni MIDI.

LANCIO DI FINALE
• Fate doppio click sull’icona “Finale 2008” sulla scrivania.
Poichè questa è la prima volta che lanciate Finale, apparirà prima la finestra per
l’inserimento dei vostri dati di registrazione, e poi la finestra di dialogo Impostazioni
MIDI. La finestra di dialogo Impostazioni MIDI si trova nel menu MIDI e nella
maggioranza dei casi è in grado di autoconfigurarsi. Finale 2008 controlla il sistema
operativo del vostro computer per verificare i driver MIDI che sono installati e cerca
di effettuare la scelta migliore. Se volete effettuare personalmente le vostre scelte,
cliccate sul pulsante Avanzate. Al suo interno potete dire a Finale quali driver volete
usare per le funzioni MIDI. Sul lato sinistro della finestra di dialogo, sotto la scritta
Periferica MIDI In, trovate una colonna di liste a discesa, ciascuna con la scritta
“nessuno”. Cliccate sulla lista in cima: apparirà un elenco a discesa contenente tutti i
driver di ingresso MIDI (MIDI In) installati nel vostro computer. Questi sono i driver
che accettano i dati MIDI in ingresso provenienti, ad esempio, da una tastiera esterna.
Di solito dovete selezionare un nome che contenga al suo interno la dicitura “MIDI
In”: guardate l’esempio sottostante. (Se non appare alcun driver, assicuratevi di aver
installato correttamente il software fornito insieme alla scheda suono o all’interfaccia
MIDI: se il problema persiste, consultate la documentazione relativa alla scheda o
all’interfaccia). Similmente, sul lato destro trovano posto delle liste a discesa anche
loro con la scritta “nessuno”. Iniziando da quella più in alto, potete scegliere il driver

6 Installazione & Tutorial


Installazione per Windows

desiderato per l’uscita MIDI, ossia il dispositivo che Finale dovrà utilizzare per
riprodurre la vostra musica. Se pensate di utilizzare i suoni presenti nella scheda
suono e quindi ascoltare la musica attraverso i diffusori collegati ad essa, di solito
dovete cercare un termine contenente il termine “Synth” o “Synthesizer”. Se invece
volete riprodurre la musica attraverso un dispositivo MIDI (tastiera o espander)
esterno, scegliete un driver che contenga la dicitura “MIDI Out”.
Potete lasciare impostata l’opzione predefinita SoftSynth come periferica MIDI in
uscita se intendete utilizzare i suoni General MIDI forniti con Finale.
• L’illustrazione seguente mostra una corretta configurazione nel caso di un sistema
MIDI la cui riproduzione sia affidata automaticamente ai suoni di Finale.

L’illustrazione seguente mostra una corretta configurazione nel caso di un sistema


MIDI la cui riproduzione sia affidata ad una periferica MIDI esterna.

Subito dopo, Finale vi chiederà se desiderate visualizzare subito i Suggerimenti Video


QuickStart. Poiché state per apprendere i concetti base di Finale utilizzando i
presenti tutorial, potete per ora accantonare questa possibilità. Se non volete far
apparire questa finestra ogni volta in cui avviate Finale, cliccate su Non mostrare
nuovamente questa finestra. In ogni caso, cliccate su Non ancora. Ricordate, potrete
accedere in qualunque momento ai suggerimenti Video dal menu Aiuto
Ora siete pronti per esplorare Finale, andate alla successiva sezione Come imparare
Finale.

Installazione & Tutorial 7


Installazione per Windows

8 Installazione & Tutorial


Installazione per Macintosh
Installazione per Macintosh

INSTALLAZIONE DI FINALE
Gli utenti Windows dovono passare alla precedente sezione “INSTALLAZIONE PER
WINDOWS”
L’installazione di finale sul vostro Hard Disk è assai facile, sia che stiate aggiornando
il programma da una versione precedente, sia che lavoriate con Finale per la prima
volta. Seguite semplicemente le istruzioni.
Prima di iniziare, assicuratevi di avere sufficiente spazio sul vostro Hard Disk per
contenere il programma e tutti i file ad esso associati. Vi serviranno all’incirca
trecentocinquanta Megabyte (350.000K) liberi sull’Hard Disk per effettuare
l’installazione completa. Se intendete installare anche i suoni della Garritan
Orchestra forniti con Finale, vi occorreranno ulteriori milleseicento Megabyte (1,6
GB) liberi sull’Hard Disk. Come molti altri software, Finale fa uso di file temporanei
durante le normali operazioni. Questi file vengono poi eliminati dal programma
stesso al momento della sua chiusura. Per questo motivo, vi raccomandiamo di
riservare uno spazio libero di ulteriori dieci Megabyte (10.000K) sul disco per questi
file.
• Inserite il disco di installazione nel vostro drive. Apparirà la sua icona sul desktop e
si aprirà la relativa finestra.
• Fate doppio click sull’icona dell’Installer. Apparirà dopo qualche secondo la
schermata dell’Installer di Finale.
• Seguite le istruzioni sullo schermo sino al completamento della procedura di
installazione. Durante la prima fase dell’installazione, vi verrà richiesto di inserire
il Codice di attivazione che trovate sul contenitore del CD originale di Finale.
Inseritelo prestando attenzione alle eventuali maiuscole/minuscole e conservatelo
con attenzione, perché vi verrà richiesto anche per l’installazione di eventuali
aggiornamenti scaricati dal nostro sito www.midimusic.it per la versione italiana.
La schermata “Installazione di Finale” vi permette di selezionare i file che volete
installare e definire il loro posizionamento all’interno dell’hard disk. Il programma di
installazione propone come cartella “Finale 2008”. Vi raccomandiamo di installare
tutti i file di Finale. Normalmente è sufficiente confermare le impostazioni
predefinite contenute in ciascuna finestra premendo Return.
• Cliccate su Riavvia. È necessario riavviare il Macintosh prima di procedere.
Rimuovete il disco CD-ROM di installazione e conservatelo in un posto sicuro! Se
dovesse accadere qualcosa al vostro hard disk, potrete sempre reinstallare il
programma e tutti i file accessori se avete a disposizione il disco originale.

Installazione & Tutorial 9


Installazione per Macintosh

Note per chi già possedeva Finale:


Il programma di installazione di Finale 2008 non comprometterà la vostra
preesistente cartella di Finale. Dopo aver installato Finale 2008, copiate i file da voi
creati (librerie, modelli e brani) nelle nuove directory di Finale 2008. A questo
punto, dopo aver preso confidenza con la nuova versione, potrete cancellare la
vecchia directory per liberare spazio su disco.
Quando caricherete un vecchio file di Finale, Finale 2008 impiegherà alcuni istanti
per convertirlo nel nuovo formato e lo aprirà come documento senza titolo. Una
volta che avrete salvato un file in Finale 2008 non potrete più aprirlo con versioni
precedenti di Finale (è possibile almeno parzialmente condividere i file di Finale
2008 con versioni precedenti di finale utilizzando il plug-in MusicXML. Per ulteriori
informazioni consultate la documentazione in linea alla voce omonima). Vi
suggeriamo pertanto di salvare ogni file che pensate di dovere reimpiegare, prima o
poi, su una vecchia versione di Finale con un nome leggermente diverso (per
esempio, CANZONE può diventare CANZONE2).

PREPARAZIONE PER LA STAMPA


• Installate i driver per OS X relativi alla vostra stampante. Se la vostra stampante è
compatibile con OS X, troverete i driver sul CD allegato alla stampante. È possibile
solitamente scaricare i driver aggiornati dal sito internet della casa produttrice della
stampante stessa. Consultate il manuale dell stampante per ulteriori informazioni.
• Esplorate l’hard disk di sistema, scegliete Applicazioni, Utility, Utility di
configurazione della stampante. Apparirà la relativa finestra di dialogo.
• Se la vostra stampante non compare nell’elenco, cliccate sul pulsante Aggiungi.
Apparirà la relativa finestra di dialogo.
• Nella nuova finestra, scegliete la zona appropriata dal menu a discesa.
• Selezionate il nome della stampante e cliccate su Aggiungi.
• Uscite da Utility di configurazione della stampante.

ASSEMBLAGGIO DEL SISTEMA MIDI


Se non volete usare Finale in abbinamento con un sistema MIDI, saltate questa
sezione. Se invece avete già impostato correttamente il sistema MIDI, dovete
solamente assegnare e configurare la vostra interfaccia MIDI all’interno di Finale. Se
invece incontrate il MIDI per la prima volta, questa parte può aiutarvi a collegare
correttamente tra di loro le vostre apparecchiature.
Il MIDI, acronimo di Musical Instrument Digital Interface (Interfaccia Digitale per
Strumenti Musicali), è il linguaggio usato dai computer e sintetizzatori per dialogare

10 Installazione & Tutorial


Installazione per Macintosh

fra di loro. Daremo per scontato che vogliate collegare una tastiera elettronica, anche
se potete usare un qualsiasi tipo di strumento MIDI.
Come minimo irrinunciabile, avrete bisogno del seguente equipaggiamento per un
sistema MIDI in grado di lavorare (a parte il vostro computer):
• Una tastiera MIDI
• Amplificatore, casse acustiche o cuffia
• Due cavi MIDI
• Una scheda di interfaccia MIDI e il cavo seriale o USB.
L’ultimo oggetto, l’interfaccia MIDI, è un dispositivo che trasforma i segnali in arrivo
dal sintetizzatore in segnali comprensibili al computer e viceversa. Le interfacce
possono essere molto semplici o molto elaborate. Quelle di base non richiedono
alimentazione esterna e hanno l’ ingresso per una sola tastiera, mentre a quelle più
elaborate possono essere collegate più tastiere e possono essere connesse sia alla
porta modem che alla porta stampante che si trovano sul retro del Macintosh. (Se il
vostro Macintosh ha una porta USB al posto della seriale, dovete avere un’interfaccia
MIDI disegnata per lavorare con l’USB, oppure un dispositivo in grado di aggiungere
al vostro computer una porta seriale.)
• Posizionate il computer e la tastiera nella posizione desiderata. Inserite le spine
nelle prese della corrente, ma per ora non accendete nulla.
• Inserite una delle estremità del cavo riservato all’interfaccia MIDI (se questo non è
collegato permanentemente all’interfaccia). Inserite l’altra spina del cavo nella
Modem Port o USB posta sul retro del Macintosh. Se lo preferite, potete usare la
Printer Port al posto della Modem Port. La maggior parte degli utenti, però, usano la
Modem Port per le loro connessioni MIDI, e la configurazione di partenza di Finale
assume che voi stiate usando quella porta. (La Modem Port e la Printer Port sono
evidenziate da icone poste sul retro del computer, che rappresentano rispettivamente
una cornetta telefonica e una stampante). Nel caso in cui decidiate di usare la porta
stampante, assicuratevi di disattivare prima l’AppleTalk nella Scelta Risorse (che si
trova nel menu Apple, ossia mela, posto nell’angolo superiore sinistro dello
schermo). Dovete inoltre riconfigurare il settaggio MIDI nella finestra di dialogo
MIDI Setup di Finale: consultate al riguardo la documentazione in linea alla voce
MIDI Setup dialog box.
• Inserite uno degli spinotti terminali del cavo MIDI nella presa del sintetizzatore
contrassegnata dalla scritta MIDI IN. L’altra estremità del cavo andrà inserita nella
presa dell’interfaccia contrassegnata dalla scritta MIDI OUT. Di solito le prese
MIDI si trovano sul retro dello strumento. Assicuratevi poi di collegare correttamente
il cavo (da MIDI IN a MIDI OUT). Il problema più frequente incontrato dai

Installazione & Tutorial 11


Installazione per Macintosh

principianti del MIDI è proprio il non corretto collegamento dei cavi. Inserite uno
degli spinotti terminali del secondo cavo MIDI nella presa del sintetizzatore
contrassegnata dalla scritta MIDI OUT. L’altra estremità del cavo andrà inserita nella
presa dell’interfaccia contrassegnata dalla scritta MIDI IN. In questo modo avete
installato entrambi i cavi MIDI. Il primo collega la MIDI IN alla MIDI OUT, mentre il
secondo collega la MIDI OUT alla MIDI IN.
I vostri collegamenti dovrebbero essere simili a quelli rappresentati nella figura:

• Accendete tutte le apparecchiature.


Se state utilizzando OS X con una porta USB, il vostro sistema MIDI è già utilizzabile.
Se desiderate dare un nome alla vostra configurazione, andate alla sezione successiva
CONFIGURAZIONE DEL MIDI CON OS X per impostare i nomi dei dispositivi MIDI e
ulteriori configurazioni.

CONFIGURARE IL VOSTRO SOFTWARE MIDI CON OS X


Se state utilizzando OS X, potete utilizzare le utility di aiuto presenti sul computer
per configurare le vostre periferiche MIDI seguendo questa procedura:
• Cercate all’interno del vostro Hard disk e scegliete Applicazioni, Utility,
Configurazione MIDI Audio. Apparirà la finestra Configurazione MIDI Audio. Ora è
possibile aggiungere nuove periferiche

12 Installazione & Tutorial


Installazione per Macintosh

• Nella barra dei pulsanti, cliccate su Aggiungi Disp. Se necessario, trascinate la nuova
icona in modo che non si sovrapponga a quella dell’interfaccia MIDI.
• Fate doppio click sull’icona del nuovo dispositivo.
• Immettete il nome del dispositivo, quindi selezionate o digitate il nome del
produttore e il modello. Se sono richieste ulteriori opzioni, cliccate sulla freccia
Maggiori informazioni.
• Cliccate su OK. Ripetete la procedura precedente per ogni altro dispositivo. Ora
collegheremo i nuovi dispositivi con l’interfaccia MIDI.
• Se state utilizzando un controller per l’inserimento MIDI, trascinate la freccia
indicante l’uscita del Controller MIDI sino a connetterla con la freccia indicante
l’ingresso dell’interfaccia MIDI.
• Se state utilizzando per la riproduzione un modulo sonoro esterno, trascinate la
freccia indicante l’uscita dell’interfaccia MIDI sino a connetterla con la freccia
indicante l’ingresso del modulo sonoro.

Installazione & Tutorial 13


Installazione per Macintosh

• Se state utilizzando una periferica, come ad esempio una tastiera MIDI, sia per il
playback che per l’inserimento MIDI, collegate l’uscita della tastiera MIDI con
l’ingresso dell’interfaccia MIDI e l’uscita dell’interfaccia MIDI con l’ingresso della
tastiera.
• Uscite dalla Configurazione MIDI Audio.
Ora che avete configurato il MIDI con OS X, potete andare alla sezione LANCIO DI
FINALE.

LANCIO DI FINALE
• Doppio click sull’icona “Finale 2008” sul Dock. Il programma verrà avviato e vi
verrà chiesto di inserire i vostri dati di registrazione. Subito dopo, Finale vi chiederà
se desiderate visualizzare subito i Suggerimenti Video QuickStart. Poiché state per
apprendere i concetti base di Finale utilizzando i presenti tutorial, potete per ora
accantonare questa possibilità. Se non volete far apparire questa finestra ogni volta in
cui avviate Finale, cliccate su Non mostrare nuovamente questa finestra.
• In ogni caso, cliccate su Non ancora. Ricordate, potrete accedere in qualunque
momento ai suggerimenti Video dal menu Aiuto (?).
• Verrà lanciata la Finestra di Avvio. Approfondiremo l’argomento nel primo tutorial.
Poiché per ora ci dobbiamo occupare della configurazione MIDI di Finale, cliccate su
Annulla.
• Dal menu MIDI, scegliete Impostazioni MIDI.

LA FINESTRA DI DIALOGO IMPOSTAZIONI MIDI


La finestra Impostazioni MIDI è il luogo preposto per istruire Finale su quali
dispositivi usare per gestire le funzioni MIDI. Sulla parte destra della finestra di
dialogo, sotto Periferiche in ingresso, è possibile selezionare le periferiche in ingresso
presenti nel vostro computer. Con questa scelta potete decidere a quali periferiche
desiderate affidare la riproduzione della vostra musica.

IMPOSTARE FINALE CON OS X


• Avviate Finale.
• Dal menu MIDI scegliete Impostazioni MIDI. Apparirà la relativa finestra di dialogo.
• Selezionate le periferiche appropriate in ingresso ed uscita dai loro rispettivi
menu. Se sono elencate solamente le porte, selezionate sulla vostra interfaccia la porta

14 Installazione & Tutorial


Installazione per Macintosh

alla quale è connesso il vostro dispositivo MIDI.

• Cliccate su OK. Tutto ora dovrebbe essere impostato per consentirvi di esplorare Finale
in modo appropriato.

Installazione & Tutorial 15


Installazione per Macintosh

16 Installazione & Tutorial


Come studiare Finale
Come studiare Finale

La restante parte di questo volume contiene Tutorial graduati. Dovreste affrontarli


seguendo l’ordine propostovi dato che ogni Tutorial è più avanzato di quello che lo
precede. Sentitevi liberi, in tutti i casi, di interrompervi in qualsiasi momento.
Potreste ad esempio affrontare un unico Tutorial per ogni notte!
Lavoreremo sui documenti di esempio contenuti nella sottodirectory TUTORIAL,
posta a sua volta all’interno della directory principale di Finale sull’Hard Disk. Alla
fine di ogni Tutorial troverete una breve sezione chiamata PER MAGGIORI
INFORMAZIONI, che vi guiderà attraverso alcuni argomenti della documentazione
attinenti a quanto avete appena studiato nel Tutorial.
• La Barra dei messaggi posta in basso (Win) o in alto (Mac) nella finestra principale
mostra il nome degli Strumenti cliccati, e vi suggerisce l’azione seguente da compiere.
• L’Aiuto in linea fornisce un aiuto “sensibile al contesto”. Premete il pulsante Aiuto
(?) (o il tasto F1 in Win) in ogni finestra di dialogo per visualizzare una spiegazione
dettagliata della finestra stessa. Oppure scegliete Sommario dal menu Aiuto per
vedere e scegliere fra tutti gli argomenti disponibili. Il menu Aiuto ha anche accesso
alla documentazione in linea, all’elenco dei tasti di selezione rapida e alla mappa dei
caratteri.
• I suggerimento Video QuickStart, disponibili solamente in lingua inglese, sono
costituiti da una serie di video che vengono visualizzati sul vostro computer e
forniscono delle istruzioni passo-passo su come utilizzare gli strumenti principali di
Finale. I Suggerimenti Video, ai quali si può accedere dal menu Aiuto, sono pensati
per approfondire e fornire un supporto a questi tutorial.
• La documentazione in linea (On-line) è la più potente, completa e comprensibile
fonte di informazioni disponibile. Al suo interno potrete trovare tutte le
informazioni per utilizzare nel migliore dei modi gli Strumenti, le finestre di dialogo
e le altre caratteristiche di Finale. Le istruzioni su come usare la documentazione in
linea, sono accessibili dal menu Aiuto, scegliendo dal sottomenu Manuale dell’utente
la voce Come usare il Manuale dell’utente.

TERMINOLOGIA
Se questo è il vostro primo incontro con un computer, dovreste spendere un po’ del
vostro tempo per imparare i fondamenti del suo manuale.
Questo manuale di Finale presume che voi sappiate come scegliere un comando da
un menu e come muovervi all’interno di una finestra di dialogo. Inoltre dovete avere
familiarità con le barre di scorrimento (bordo inferiore e destro) la barra del titolo

Installazione & Tutorial 17


Come studiare Finale

(bordo superiore) la casella di controllo (angolo superiore sinistro), di


dimensionamento (angolo inferiore destro).
In molti programmi, compreso il presente, vi verrà di quando in quando chiesto di
eseguire un !-click (o per Mac a-click) su un oggetto dello schermo. Ciò
significa semplicemente che mentre si preme il tasto Control o Mela si deve anche
eseguire un click con il tasto del mouse e quindi abbandonare entrambi i tasti. Una
volta compreso il principio, il significato di !-click, d (o a)-click, e
persino di !–d-click dovrebbe essere chiaro.
Poiché Finale compie alcune operazioni che i programmi musicali sino ad oggi non
avevano mai effettuato, incontreremo sicuramente dei termini che vi suoneranno
nuovi. Questi termini vi verranno via via spiegati nei Tutorial. Ma ricordate che se
incontrate un termine nuovo mentre usate il programma, potete ricercarne il
significato nella documentazione o nella guida in linea; guardate semplicemente in
quale menu o finestra di dialogo appare il termine sconosciuto.

RAZIONALIZZARE LA PROCEDURA DI LAVORO


In genere nella maggioranza dei casi potete ottenere il massimo dei risultati
utilizzando il seguente ordine nella creazione di un documento.
Potete consultare nuovamente questa lista quando avrete preso un po’ più di
confidenza con il programma e dopo esservi esercitati con i tutorial.
1. Specificate il titolo, numero degli strumenti e il tempo e armatura di chiave iniziali.
(Consultate l’Impostazione guidata del documento nel Tutorial 1a).
2. Inserite le note.
3. Ascoltate il vostro pezzo onde correggere eventuali errori.
4. Modificate la musica (correzioni, modifiche, ecc...).
5. Inserire il testo cantato.
6. Aggiungere gli eventuali ritornelli, simboli degli accordi e i diagrammi per
chitarra.
7. Inserire tutti i simboli: dinamica, agogica, articolazioni e legature di frase.
8. Verificare che la musica sia spaziata correttamente.
9. Controllare la visualizzazione complessiva: se è il caso, ridurre la dimensione della
pagina per far stare più musica in meno spazio.
10. Correggere le voltate di pagina errate o le interruzioni delle medesime.

18 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice
Tutorial 1a: Inserimento semplice

In questo tutorial vi verrà spiegato il modo più semplice e più veloce per creare un
nuovo documento e inserire la musica in partitura. Ci sono tre metodi fondamentali
per l’inserimento della musica, quindi il tutorial sarà suddiviso in tre sezioni
principali: Inserimento semplice, Inserimento rapido e HyperScribe. Vi consigliamo
di comiciare dall’Inserimento semplice, che vi offre tutti gli elementi per muovervi in
Finale con rapidità ed efficacia, soprattutto all’inizio. Se avete già familiarità con le
versioni precedenti di Finale, potrete notare da subito che in Finale 2008
l’Inserimento semplice è stato potenziato in modo significativo. Se volete potete
inserire le note in un rigo con un semplice click del mouse. In aggiunta potete adesso
inserire la musica semplicemente utilizzando la tastiera del computer o una tastiera
MIDI. Inoltre, potete inserire anche articolazioni e altri elementi musicali al volo.
Dopo aver letto questo tutorial sarete in grado di lavorare con Finale utilizzando al
meglio tutte le nuove possibilità offerte dallo Strumento Inserimento semplice.

CREAZIONE DI UN NUOVO DOCUMENTO CON L'IMPOSTAZIONE GUIDATA DEL


DOCUMENTO
Probabilmente avrete già familiarizzato con le procedure automatizzate (Wizard)
presenti in altre applicazioni, come word processor e fogli di calcolo. Questa
Impostazione guidata è stata disegnata per aiutarvi nell'impostazione di un vostro
nuovo documento di Finale. In questo esempio creeremo una partitura per
pianoforte.
Se non avete ancora lanciato Finale, l’Impostazione guidata dovrebbe avviarsi
automaticamente. Se avete già aperto Finale cliccate sul menu File e scegliete Nuovo,
quindi Documento con Impostazione guidata.
Apparirà la pagina “Selezionare un ensemble e lo stile del documento”. In questa
pagina troverete un elenco degli stili che potete usare per personalizzare il vostro
nuovo documento. Per il momento avete semplicemente bisogno di creare un
documento con un singolo rigo nello stile solito a stampa con il font Maestro, quindi
lasciate invariate le selezioni “Crea un nuovo Ensemble” e “Font Maestro (editoria a
stampa). Tenete presente che avete la possibilità di scegliere indipendentemente fra
orientamento verticale o orizzontale del foglio della partitura e delle parti staccate, e
scegliere una dimensione di pagina diversa da quella standard del formato A4 (21cm
per 29,7 cm); naturalmente la vostra stampante deve essere in grado di gestire il
formato da voi selezionato.

Installazione & Tutorial 19


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Cliccate su Avanti. L’Impostazione guidata vi chiederà quali parti o strumenti volete


utilizzare in partitura. Nella prima colonna trovate un elenco di categorie di
strumenti; la seconda invece contiene l'elenco specifico degli strumenti relativi alla
categoria selezionata nella prima colonna. La terza colonna è vuota, ma conterrà in
seguito gli strumenti da voi scelti per creare la partitura.
• Nella prima colonna, selezionate la categoria Strumenti a tastiera. Nella seconda
colonna apparirà un elenco degli strumenti a tastiera più comuni.
• Nella seconda colonna, cliccate su Pianoforte; cliccate su Aggiungi. Ora la terza
colonna conterrà come strumento il pianoforte, ossia lo strumento che intendete
usare in questa partitura.
Dovete prestare attenzione al fatto che l’ordine degli strumenti mostrato nella terza
colonna corrisponde alla successione degli strumenti che, dall’alto al basso, apparirà
in partitura. Se state creando una partitura per più strumenti e l’Impostazione guidata
ordina i vostri strumenti in modo scorretto, usate le piccole frecce in su o in giù per
spostare gli strumenti all'interno dell’elenco. Potete anche preselezionare una
disposizione “standard” della partitura dal menu a discesa: Personalizzata, Orchestra,
Corale, Banda da concerto o Jazz Band.

20 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

Se desiderate salvare l’impostazione degli strumenti da voi usati come Ensemble per
poterla usare in seguito, cliccate su Salva come nuovo Ensemble, inserite il nome
desiderato e cliccate su OK. La volta successiva in cui utilizzerete l’Impostazione
guidata il nome da voi salvato apparirà nella prima pagina.
La vostra finestra dovrebbe essere simile a questa:

• Cliccate su Avanti. Apparirà la pagina Informazioni sul File.

Installazione & Tutorial 21


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Cliccate nella casella Titolo e digitate Fra’ martino. Quando verrà creata la partitura
il titolo risulterà centrato in alto.
• Cliccate nella casella Compositore e digitate Canzone tradizionale.
• Cliccate nella casella Copyright e inserite il vostro nome.
• Cliccate su Avanti. L’Impostazione vi chiederà di scegliere l’indicazione di tempo e
l’armatura di chiave. Avete a disposizione le indicazioni di tempo più comuni e un
pulsante ? che vi permette di impostare un’eventuale indicazione meno usuale.
Nella parte inferiore della finestra, usate la barra di scorrimento per impostare la
tonalità. Cliccate la freccia in su per aggiungere diesis (o sottrarre bemolli). Cliccate
quella in giù per aggiungere bemolli (o sottrarre diesis). Potete inoltre specificare con
il menu a discesa se la tonalità è maggiore o minore.
• Cliccate il pulsante relativo al Tempo tagliato C .
• Cliccate sulla freccia in giù per impostare la tonalità su Fa maggiore. La vostra
finestra dovrebbe essere simile alla sottostante figura:

22 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Cliccate su Avanti. Il Wizard ora vi consente di impostare un’indicazione di tempo,


l’eventuale misura in levare e scegliere il font musicale fra Maestro (per un look da
stampa) o Jazz (manoscritto.)
• Selezionate la casella accanto a Specificate l'indicazione metronomica iniziale.
Lasceremo il tempo predefinito: 120 pulsazioni per quarto. Non essendo un brano
con un inizio in levare, lasciate deselezionata la casella Impostate la misura in levare.
Vogliamo che la nuova partitura usi il font Maestro, quindi assicuratevi che sia
selezionato Maestro come Font musicale predefinito. L’immagine mostra un esempio
musicale con il carattere selezionato.
La vostra finestra dovrebbe essere simile alla seguente:

Installazione & Tutorial 23


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Cliccate su Fine. Finale creerà un nuovo documento “Senza titolo”, contenente il


titolo da voi scelto e un’accollatura per pianoforte con armatura di chiave e
indicazione di tempo corretti (per default, Finale crea ogni nuovo documento con
ventuno misure vuote).
Potremmo continuare con questo file, ma per la funzione di questo tutorial
chiudiamolo e apriamo un file contenente la mano sinistra già completata.
• Scegliete Chiudi dal menu File per chiudere il file senza nome. Non avete bisogno
di un file vuoto per questo Tutorial. Se lo desiderate potete però salvarlo.
• Aprite il file di tutorial “Tutorial 1a”. Per far ciò, scegliete Apri dal menu File (o
cliccate sull’icona Apri nella barra degli strumenti). Cercate il file chiamato Tutorial
1a nella sottodirectory TUTORIALS e fate doppio click su di esso. Dopo qualche
istante vedrete comparire un semplice arrangiamento per piano di “Fra’ Martino”. La
parte della mano sinistra è stata preparata per voi: in questo Tutorial dovrete
completare la melodia.
Osservate lo schermo. Lungo il bordo superiore vedrete la barra dei menu standard di
Windows. Questi menu vi servono per gestire e controllare il comportamento di
Finale. In tutto, i menu invariabili sono dieci: File, Modifica, Utilità, Visualizzazione,

24 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

Opzioni, MIDI, Plug-in, Strumenti, Finestre e ? (Aiuto). Inoltre, su questa barra dei
menu, viene visualizzato di volta in volta il menu corrispondente allo Strumento
selezionato dalla Tavolozza principale. Il lato destro dello schermo vede la presenza
di una barra di scorrimento verticale, che useremo per spostare verso l’alto o il basso
la pagina musicale che stiamo guardando. Lungo il bordo inferiore dello schermo
corre la barra di scorrimento orizzontale, che useremo per muoverci verso sinistra o
destra, lungo il nostro brano. Noterete inoltre il Contatore delle Pagine: questo
numero identifica la pagina visibile nello schermo. Per saltare ad una pagina qualsiasi
del brano, digitate semplicemente il suo numero in questo box e premete j.
In basso nella finestra del documento (nella parte alta per Mac), vedrete la Barra dei
Messaggi. Quando avrete maggiore confidenza con Finale potrete nasconderla, per
disporre di maggiore spazio. Dovete semplicemente deselezionare l’opzione Barra dei
messaggi nel menu Finestre; selezionando nuovamente questo comando la barra
riapparirà.
Sotto la barra dei menu si trova quella degli strumenti principali; sotto di essa trovate
la Tavolozza Principale. Verticalmente disposte lungo i lati trovate le Tavolozze
dell’Inserimento semplice e delle Pause di inserimento semplice. Ciascuna icona
quadrata presente al loro interno rappresenta uno strumento di lavoro o la sua
funzione. Tutte queste tavolozze possono essere nascoste o rese fluttuanti sopra la
musica. Nota: a seconda del tipo di risoluzione del vostro video, inizialmente le
tavolozze potrebbero essere fluttuanti e non accostate ai lati della finestra principale.
Per nascondere una tavolozza, deselezionatela dal menu Finestre. Per farle riapparire
dovete semplicemente selezionarle di nuovo (la stessa cosa vale per le Tavolozze
degli Strumenti Speciali e delle Forme intelligenti, che verranno trattate più avanti).

Installazione & Tutorial 25


Tutorial 1a: Inserimento semplice

Videata versione per Windows

Tavolozza Strumenti principali


Tavolozza Barra dei menu
accostata ai lati
(Inserimento Finestra del documento
semplice)

Barra di
scorrimento
verticale

Barra di
scorrimento
Contatore pagina Scorrimento pagina orizzontale

(UTENTI WINDOWS: per far diventare fluttuante una tavolozza accostata ai lati, o in
alto cliccate sul lato contenente due linee (si trova in alto o a sinistra della tavolozza
accostata) e trascinatela verso il centro dello schermo. Dopodiché rilasciate il
pulsante del mouse. Questa tavolozza resa fluttuante può essere spostata nell’ambito
dello schermo cliccandone la Barra del titolo e trascinandola dove si desidera.)

26 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

Videata versione per Macintosh

Finestra del documento

Barra del titolo


Tavolozza Principale

Barra di scorrimento
verticale

Scorrimento pagina
Contatore pagina Barra di scorrimento
orizzontale

Possiamo anche modificare le dimensioni della tavolozza o la sua forma, trascinando


opportunamente la sua cornice di dimensionamento. La tavolozza degli Strumenti
non può essere coperta da altre finestre o box e si mantiene sempre in primo piano,
rendendo semplicissimo l’accesso agli Strumenti stessi. Se lo desiderate potrete però
nasconderla completamente, cliccandone il Pulsante di Chiusura. Selezionate
nuovamente Tavolozza Strumenti principali dal menu Finestre per farla riapparire.
Per riportarla alla sua originale posizione, cliccate sulla barra del titolo e trascinatela
in modo da accostarla al lato dello schermo, quindi rilasciate il pulsante del mouse.
Per adesso, lasciate le tavolozze dove si trovano.
• Cliccate e trascinate il puntatore sopra ai vari Strumenti della tavolozza (dovete
tenere il pulsante abbassato mentre trascinate). Man mano che il puntatore sfiora i
vari Strumenti, la barra dei messaggi identifica lo strumento toccato e vi specifica il

Installazione & Tutorial 27


Tutorial 1a: Inserimento semplice

suo nome e le istruzioni di base sul suo uso.

Notate che Finale riempie automaticamente ogni battuta vuota con una pausa di
intero (d’ora in poi detta pausa di intero di default). Ciò vi consente di risparmiare
tempo, ma la funzione può essere disattivata, se lo si desidera. Noterete anche che la
musica viene visualizzata su una pagina. Questa è la visione iniziale tipica di Finale,
detta Visualizzazione pagina.
Se usate il computer per la prima volta, prendetevi qualche minuto per spostare il
puntatore del mouse (mentre tenete premuto il pulsante del mouse dopo aver
cliccato) lungo le intestazioni dei menu posti alla sommità dello schermo, e notate
come le liste dei comandi si “srotolano” ogni volta che passate su uno dei vari titoli.
• Cliccate lo Strumento Rigo musicale s sulla tavolozza degli Strumenti. L’icona
viene selezionata e sulla barra dei menu compare il menu Rigo musicale. Alcuni
menu di Finale compaiono solo quando si selezionano determinati Strumenti e si
mantengono invisibili quando non servono.
Ora che avete dato un primo sguardo al programma, iniziamo a lavorare sul nostro
capolavoro. Se la battuta 1 del brano non è visibile, cliccate sulle barre di scorrimento
della pagina sino a portarla in posizione.

INSERIMENTO SEMPLICE DEI SIMBOLI MUSICALI


Finale offre diversi modi per inserire la musica in partitura. Lo Strumento
Inserimento semplice può essere usato per inserire la musica con il mouse, cliccando
nel rigo, con la tastiera del computer oppure utilizzando un dispositivo MIDI, come
una tastiera. Qui di seguito vi indicheremo come utilizzare ciascuno di questi tre
metodi.
• Cliccate lo Strumento Inserimento semplice 4. Diverranno attive le tavolozze
Inserimento semplice e Pause di inserimento semplice. Esse contengono note e pause
di differenti valori e altri simboli:

28 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

“Gomma” per cancellare

Modifica altezza

Breve (doppio intero)

Semibreve (intero)

Minima

Semiminima (quarto)

Croma (ottavo)
Pausa di Breve
Semicroma (16esimo)
Pausa di Semibreve
Biscroma (32esimo)
Pausa di Minima
Semibiscroma
(64esimo) Pausa di Semiminima
128esimo
Pausa di Croma
Punto di valore
Pausa di Semicroma
Diesis
Pausa di Biscroma
Bemolle
Pausa di Semibiscroma
Bequadro
Pausa di 128esimo
Alza di un semitono

Abbassa di un semitono

Legatura di valore

Gruppi irregolari

Abbellimenti

Appare inoltre un altro menu nella barra dei menu: il menu Ins. semplice. Questo
menu contiene l’elenco dei comandi, delle scorciatoie da tastiera e tutte le opzioni
che vi possono tornare utili per muovervi più rapidamente e per personalizzare lo
strumento, in modo che vi sia più facile utilizzarlo.
• Dal menu Ins. semplice, scegliete Opzioni Inserimento semplice. Apparirà la
finestra di dialogo Opzioni Inserimento semplice. Usando questa finestra di
dialogo potrete personalizzare il comportamento dello Strumento Inserimento
semplice.

Installazione & Tutorial 29


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Deselezionate l’opzione Crea nuove misure, quindi cliccate su OK. Per lavorare
con questo tutorial, sono sufficienti le misure già presenti. In futuro potrete
selezionare nuovamente questa opzione, in modo che Finale aggiunga automaticamente
nuove misure, via via che inserite la musica, se quelle presenti nel documento non sono
sufficienti. Quando voi scrivete la vostra musica, una volta riempita l’ultima misura
presente, Finale ne aggiungerà un’altra. Procederà in questo modo fino a quando avrete
terminato l’inserimento della musica.
• Potete cliccare gli strumenti direttamente sulla Tavolozza per specificare la durata
ritmica e gli altri attributi di una nota, prima di inserirla. Gli strumenti sono
suddivisi in diversi gruppi. Vi sono le icone delle durate ritmiche (Breve, Semibreve
ecc.), le alterazioni, come il diesis e il bemolle, uno strumento per le legature di valore,
gli strumenti relativi ai gruppi irregolari e alle notine di abbellimento. Cliccate sull’icona
di uno strumento per selezionarlo e renderlo attivo. Cliccate nuovamente su di essa per
deselezionare lo strumento quando non volete più utilizzarlo. In alternativa potete
utilizzare delle scorciatoie da tastiera: ad esempio, premete 5 sul tastierino numerico per
selezionare la durata di 1/4 e premete il tasto + della tastiera alfanumerica per
selezionare lo strumento diesis. Per selezionare uno strumento e deselezionare tutti gli
altri, fate doppio click sulla sua icona oppure digitate due volte in rapida successione la
sua scorciatoia da tastiera. Notata che, una volta selezionato uno strumento, questo vi
viene ricordato da Finale con la visualizzazione della relativa icona come cursore del
mouse.

Potete anche selezionare gli strumenti in modo tale da predefinire


tutto ciò che caratterizza la nota che dovete inserire, ad esempio
potete predisporre gli strumenti in modo tale da inserire una nota con
il diesis, il punto di valore e la legatura di valore che sia la prima nota
di una terzina! Tutte le caratteristiche della nota saranno visualizzate
sul cursore del mouse, e non dovrete far altro che cliccare sul rigo.
Potrete sempre, in seguito all’inserimento, selezionare la nota e
modificarla. Il metodo più semplice per l’inserimento della musica
con lo Strumento Inserimento semplice, consiste nell’utilizzo delle
scorciatoie da tastiera per selezionare gli strumenti dalla tavolozza,
inserire la musica e modificarla. Vi spiegheremo qui di seguito come
fare.

30 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Cliccate sull’icona della Semiminima 5,


sulla tavolozza, oppure premete il tasto 5
del tastierino numerico, per selezionare
questa durata ritmica. All’inizio della prima
misura apparirà il cursore a forma di
semiminima, per ricordarvi la selezione
operata e per rammentarvi il valore che avrà
la nota che inserirete. Questo cursore è
chiamato Indicatore di inserimento
semplice. Equivale al cursore in un
programma di videoscrittura, avvertendovi
della posizione del prossimo inserimento che farete e della sua durata ritmica.
• Premete tre volte il tasto f. Potete utilizzare i tasti e e f per specificare la
posizione sul rigo della nota che volete inserire, determinandone così l’altezza musicale.
• Premete j dopo aver posizionato il
cursore sul primo spazio del rigo, in modo
da inserire un Fa. Sul rigo apparirà la nota da
1/4. Se nella finestra di dialogo Opzioni
Inserimento semplice è selezionata la casella
Playback delle note durante l’inerimento
(l’opzione è selezionata per default), Finale
suonerà una nota corrispondente a quella che
inserite. Premete j ogni volta che volete
inserire la nota visualizzata dall’indicatore di inserimento semplice. Potete inserire
direttamente una nota di altezza determinata utilizzando le lettere della tastiera
alfanumerica secondo la codifica anglosassone (A=La, B=Si, ecc...).
• Premete il tasto G e il tasto A e Finale inserirà rispettivamente le note Sol e La;
l’indicatore si sposterà automaticamente sulla destra.
• Premete nuovamente il tasto A. Noterete che il La (l’ultima nota inserita) è ora di
colore differente rispetto alle altre note. Questo indica che la figura è selezionata,
quindi potete facilmente modificarla e cambiarla di altezza sul rigo utilizzando i
comandi dell’inserimento semplice o le scorciatoie da tastiera ad essi associate. Potete
anche fare !-click in Windows (b-click in Macintosh) su una nota per
selezionarla.

Installazione & Tutorial 31


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Premete due volte il tasto freccia in basso f.


La nota si sposterà di due posizioni verso il
basso posizionandosi sul Fa. Potete anche fare
!-click (b-click in Macintosh) sulla
nota e trascinarla sulla posizione del Fa. In
modo ancora più semplice, potete specificare
l’altezza della nota prima del suo inserimento
(in questo caso, sarebbe sufficiente premere il
tasto F della tastiera alfanumerica prima
dell’inserimento, in modo da scrivere un Fa). Consultate i vari sottomenu contenuti
nel menu Ins. semplice per conoscere i tasti associati a ciascuna nota ed agli
spostamenti di ottava.
Se doveste sbagliare, potrete fare uso dello Strumento “gomma” i posto in alto a
sinistra nella tavolozza dei simboli di nota (tavolozza Inserimento semplice).
Selezionatelo e quindi posizionate il puntatore sulla nota che desiderate cancellare.
Un singolo click sulla testa della nota cancella completamente la nota. Cliccate sopra
o sotto un accordo per eliminare l’accordo stesso. Cliccate su un’alterazione, gruppo
irregolare, legatura o punto per rimuoverlo.
Un’utile caratteristica di Finale è che non è mai necessario inserire due volte la stessa
musica. Sappiamo, ad esempio, che la seconda battuta di “Fra’ Martino” contiene
esattamente la stessa melodia della prima. Invece di inserire nuovamente queste note,
possiamo procedere alla copia della prima battuta sulla seconda.
Per la copia, lo spostamento e la cancellazione dei simboli musicali, useremo sempre
lo Strumento Selezione.
• Cliccate lo Strumento Selezione .
• Cliccate la prima battuta del rigo superiore. La battuta è ora selezionata. Con questa
operazione “diciamo” a Finale che è su questa battuta che intendiamo lavorare.
• Trascinate la prima battuta a destra sino a che la sua immagine sarà sovrapposta
direttamente alla seconda battuta. Con il puntatore del mouse vedrete spostarsi un
profilo tratteggiato della battuta selezionata. Trascinerete quindi l’immagine della
battuta 1 sulla battuta 2.

32 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Rilasciate il tasto del mouse. Voilà! Abbiamo ottenuta la copia desiderata della
battuta 1 sulla 2.
Ora completiamo la melodia.
• Cliccate nuovamente lo Strumento Inserimento
semplice 4. Inserite le prime due note della terza
battuta cliccando il rigo:
La nota seguente è una minima, per cui dovremo
scegliere l’appropriato simbolo.
• Cliccate il simbolo di Minima 6 o premete il numero 6
sul tastierino numerico. Ora il cursore (o l’indicatore di
inserimento semplice) avrà l’aspetto di una minima. A
questo punto potete posizionare il cursore sul terzo
spazio (Do) nella battuta e premere j (oppure potete
direttamente cliccare con il mouse sulla posizione del Do). Vedrete comparire una
nota da una metà.
ATTENZIONE: se premete 6 sulla tastiera alfanumerica, non selezionerete la durata
ritmica di minima, bensì inserirete una nota a distanza di sesta dall’ultima immessa!
Per completare la quarta misura, potete usare nuovamente lo Strumento Selezione
e copiare la terza battuta sulla quarta. Oppure, se lo preferite, ripetere
l’inserimento nota per nota (in questo caso, data la brevità della battuta, conviene
riscriverla nota per nota).
• Premete j per attivare il cursore per l’inserimento.

Installazione & Tutorial 33


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Completate ora la quarta battuta utilizzando la tastiera del computer.

• Cliccate lo strumento Croma (nota da un ottavo) 4 sulla tavolozza (o premete 4


sul tastierino numerico). L’indicatore di inserimento semplice assumerà l’aspetto
di una croma.
Se avete un dispositivo MIDI, come una tastiera MIDI, potete utilizzarla con
l’Inserimento semplice per scrivere velocemente la musica. Innanzitutto assicuratevi
che il vostro dispositivo MIDI sia configurato correttamente (fate riferimento ai
capitoli INSTALLAZIONE PER WINDOWS o INSTALLAZIONE PER MAC, in base alla
piattaforma che utilizzate, per maggiori informazioni sulla configurazione delle
periferiche MIDI), quindi procedete seguendo i prossimi punti. Se non utilizzate un
dispositivo MIDI saltate i prossimi due punti.
• Assicuratevi che nel menu Ins. semplice sia selezionata l’opzione Usa un
dispositivo MIDI per l’inserimento.
• Sul vostro dispositivo MIDI suonate il Do5 (il Do sopra il Do centrale), Re, Do e Si.
Finale aggiungerà le note nella misura e l’indicatore di inserimento semplice
avanzerà verso destra. Una nota suonata su una tastiera MIDI equivale alla pressione
del tasto j o di una lettera associata ad una nota, con la differenza che utilizzando
una tastiera MIDI Finale è in grado di riconoscere ed inserire automaticamente le
alterazioni e gli accordi quando suonate più note simultaneamente. Se avete utilizzato il
dispositivo MIDI per inserire le quattro crome, saltate il prossimo punto.
• [Per chi non utilizza un dispositivo MIDI] Inserite le note Do, Re, Do e Si
premendo le relative lettere sulla tastiera del computer C, D, C e B (o, se preferite,
cliccando direttamente nel rigo o posizionando l’indicatore all’altezza desiderate e
premendo j).
• Cliccate sullo strumento Semiminima 5 o premete 5 sul tastierino numerico.
• Premete i tasti A e F sulla tastiera alfanumerica (o suonateli sul vostro dispositivo
MIDI). Le note La e Fa verranno inserite completando la battuta. Se volete, a questo
punto, potete copiare la misura 5 sulla misura 6. Per il nostro esempio, continuiamo ad
inserire le note senza copiarle.

34 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Selezionate lo strumento Croma 4 oppure premete il tasto 4 sul tastierino


numerico. La prossima nota che dovete inserire è il Do sul terzo spazio del rigo,
ma se premete il tasto C sulla tastiera del computer, sul rigo apparirà il Do
centrale (quello sotto il rigo). Finale, infatti, quando digitate la lettera corrispondente
ad una nota, inserisce la nota specificata nella posizione più vicina rispetto all’attuale
collocazione dell’indicatore di inserimento.
• A questo punto premete il tasto e mentre tenete premuto il tasto d. Facendo
questo l’indicatore di inserimento si spoterà di un ottava sopra.
• A questo punto inserite le note Do, Re, Do e Si, utilizzando il metodo che preferite.
Potete anche inserire la nota Do, quindi tornare su di essa premendo il tasto g e
in seguito premere d-e. In questo modo trasporterete direttamente la nota di
un’ottava sopra. A questo punto proseguite con l’inserimento delle altre note.
• NOTA: se aveste la necessità di spostarvi di un’ottava verso il basso premete f
mentre tenete premuto il tasto d.
• Premete 0 sul tastierino numerico Verrà
inserita una pausa di croma. La pressione del
tasto 0 sul tastierino numerico serve ad inserire
una pausa del valore di durata attualmente
selezionato.
• Premete il tasto A mentre tenete premuto il
tasto d. La pausa verrà commutata in un
La della durata di 1/8. A questo punto dovete
modificare il valore della nota appena inserita.
• Digitate 5 sul tastierino numerico mentre tenete premuto il tasto @ (Mac:
b). La nota da 1/8 verrà trasformata in una nota da 1/4.
• Premete il tasto 5 sul tastierino numerico. L’indicatore di inserimento semplice
muterà in semiminima e lo strumento Semiminima verrà selezionato sulla Tavolozza.
• Premete F sulla tastiera del computer. A questo punto dovete procedere
all’aggiunta di un’articolazione.
• Premete il tasto * (asterisco) sul tastierino numerico. Apparirà una finestra di
dialogo per avvertirvi che Finale è in attesa che indichiate quale articolazione
volete inserire.
Potrete digitare il metatool corrispondente all’articolazione che volete inserire, se lo
conoscete, oppure cliccare sul pulsante Seleziona, per far apparire la finestra di
dialogo Selezione dell’articolazione, all’interno della quale sono contenuti tutti i
simboli disponibili.

Installazione & Tutorial 35


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Premete il tasto A. Apparirà un simbolo di accento sotto la


nota. La lettera A è il metatool associato a questo simbolo di
articolazione.
• Premete il tasto Z mentre tenete premuto ! (Mac:
a) per annullare l’ultima operazione (quindi, in
questo caso, per cancellare il simbolo appena inserito).
L’articolazione verrà cancellata e voi potrete proseguire
con l’inserimento delle note.
Noterete che Finale raggruppa automaticamente le note
da un ottavo a due per volta. Il criterio di raggruppamento può essere modificato in
qualsiasi momento; vedi la documentazione in linea alla voce FINESTRA DI DIALOGO
INDICAZIONE DI TEMPO. Per adesso, Finale unirà le crome tra di loro in modo coerente
con la segnatura metrica.
Noterete, probabilmente, anche che le misure variano di ampiezza quando inserite
delle crome. Questa è una caratteristica di Finale subordinata alle impostazioni di
spaziatura automatica della musica, pensata per disporre automaticamente la vostra
partitura secondo gli standard tipografici professionali. Questa caratteristica di Finale
viene discussa in modo più approfondito nel capitolo Tutorial 4.

œ œ
5

&b œ œœœœ œ œœœœ

? œ œœ œœœ œ œœ œœœ
b œ œ œ œ œ œ
• Completate la melodia spostandovi sulle ultime due battute e cliccando in queste
le note appropriate.

36 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

Congratulazioni! Avete completato la vostra prima melodia con Finale!

Potete utilizzare le scorciatoie da tastiera dello Strumento Inserimento semplice per


aggiungere legature di valore, notine di abbellimento, articolazioni e per effettuare
cambi di chiave, tonalità e indicazione di tempo. Si veda in proposito STRUMENTO
INSERIMENTO SEMPLICE nel Manuale dell’utente. Inoltre, sempre con lo Strumento
Inserimento semplice, potete fare clicl con il pulsante destro del mouse (Mac: !-
click) su una nota o su una pausa per far apparire dei menu contestuali che vi
permetteranno di nascondere le note (o le pause) e apportare altre modifiche alla
vostra partitura. Potete anche utilizzare il menu Ins. semplice e i relativi sottomenu
per una lista dettagliata di tutte le operazioni e le procedure possibili e dei relativi
comandi. In merito potete anche consultare la vostra Guida rapida di riferimento o
vedere il capitolo SCORCIATOIE DA TASTIERA nel manuale dell’utente.

Installazione & Tutorial 37


Tutorial 1a: Inserimento semplice

Potete modificare e controllare il


comportamento dello Strumento
Inserimento semplice intervenendo
sulle opzioni disponibili nel menu
Ins. semplice e nella finestra di
dialogo Opzioni Inserimento
semplice, come le opzioni Verifica le
note in eccesso, Crea nuove misure,
Riempi con pause sino alla fine della
misura, Playback delle note durante
l’inserimento, Usa l’indicatore di
inserimento semplice, Seleziona le
note dopo l’inserimento con il mouse
e Seleziona le note d’intavolatura
dopo l’inserimento con il mouse. Per
visualizzare tutte queste opzioni, scegliete Opzioni Inserimento semplice dal menu
Ins. semplice. Quando l’opzione Verifica le note in eccesso è selezionata, Finale terrà
conto dell’indicazione di tempo e non vi consentirà di inserire più note di quante
possibile all’interno di una battuta. Se avete una periferica MIDI di uscita e un
modulo sonoro, selezionando l’opzione Playback durante l’inserimento, Finale
suonerà ogni nota che inserirete in partitura. Se selezionate l’opzione Crea nuove
misure, Finale aggiungerà una nuova misura ogni volta che verrà completata l’ultima
misura disponibile. L’opzione Riempi con pause sino alla fine della misura fa si che
Finale completi una battuta con le pause necessarie quando voi abbandonate la
misura stessa per iniziare a scrivere in una successiva. Quando è selezionata
l’opzione Seleziona le note dopo l’inserimento con il mouse, vi permette di
intervenire immediatamente sull’ultima nota immessa, modificandola attraverso le
scorciatoie da tastiera, senza doverla preventivamente selezionare. Per maggiori
informazioni si veda OPZIONI INSERIMENTO SEMPLICE, nel manuale dell’utente.

ALTERAZIONI
Aggiungiamo alcune alterazioni “blues” alla nostra linea melodica per imparare come
inserire delle alterazioni. Potete inserire le alterazioni mentre inserite le note
cliccando sulla durata e poi sull’alterazione desiderata, prima di inserire la nota.
Potete anche utilizzre delle scorciatoie da tastiera per inserire delle alterazioni su una
nota appena inserita (premete il tasto + o il tasto - del tastierino numerico per alzare
o abbassare di un semitono la nota, ad esempio, oppure il tasto + o il tasto - sulla
tastiera alfanumerica per aggiungere rispettivamente un diesis o un bemolle). Se
selezionate soltanto lo Strumento diesis m o lo Strumento bemolle o potrete

38 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

aggiungere un diesis o un bemolle alla nota, se è richiesto dall’armatura di chiave. Se


usate lo Strumento Semitono in su r o Semitono in giù v, alzerete o abbasserete la
nota stessa. Se la nota è già diesis, innalzandola di un semitono diverrà doppio diesis.
• Selezionate lo Strumento Selezione . È importante, adesso, eliminare quanto
contenuto in una misura, in modo da vedere chiaramente cosa avviene quando inserite
delle alterazioni.
• Cliccate sulla quinta misura del brano, in modo da selezionarla. A questo punto
premete $ (Mac: o). Questo è il metodo più rapido per “svuotare” una misura,
vale a dire per eliminare le note contenute in essa, senza eliminare però la battuta dalla
partitura.
• Selezionate lo Strumento Inserimento semplice 4.
• Selezionate lo Strumento Croma 4 oppure premete 4 sul tastierino numerico ed
inserite un Do sul terzo spazio all’inizio di misura 5.
• Sul tastierino numerico premete +. Verrà aggiunto un diesis alla nota.
• Premete due volte il tasto -, sempre sul
tastierino numerico. Apparirà un bemolle al
posto del diesis. Finale, quando utilizzate i
tasti + e - del tastierino numerico interviene
alterando cromaticamente la nota, alzandola e
abbassandola rispettivamente di un semitono
ad ogni pressione del tasto. Questo equivale
ad utilizzare gli Strumenti Innalza di un
semitono r e Abbassa di un semitono v.
• Potete anche utilizzare gli Strumenti Diesis
m e Bemolle o, per inserire direttamente una specifica alterazione ad una nota.
• Cliccate sullo Strumento Bemolle o, oppure usate la scorciatoia da tastiera @-
- (meno) o @- + (più) (Mac: b - - o b- +) per selezionarli direttamente.
• Premete h per attivare l’indicatore di inserimento semplice.
• Mentre tenete premuto il tasto d premete il tasto e per far salire l’indicatore
di un’ottava.
• Digitate D sulla vostra tastiera. Verrà inserito in partitura un Re bemolle.
• Fate doppio click sullo Strumento Croma 4 oppure premete due volte 4 sul
tastierino numerico, in modo da deselezionare tutti gli altri strumenti.
• Terminate la misura digitando C, B per le note Do e Si. Premete 5 sul tastierino
numerico in modo da selezionare lo Strumento Semiminima, quindi digitate A e F
per le note La e Fa. Notate che il Do non porterà un bequadro, in quanto le

Installazione & Tutorial 39


Tutorial 1a: Inserimento semplice

alterazioni di Finale sono “intelligenti”, vale a dire che sono predisposte per
influire su tutta la misura. Eventualmente interverrete manualmente su di esse, se
questo si renderà necessario.
• Fate doppio click sull’icona del bemolle o. Viene selezionato il solo Strumento
bemolle.
• Andate alla misura 5. Sul rigo superiore della terza battuta, cliccate sul La.
Apparirà un bemolle accanto alla semiminima.

• Cliccate sull’icona semitono in giù . Nella


misura 5, cliccate due volte sul Fa. Apparirà
un doppio bemolle accanto al Re. Notate che
quando avete selezionato lo Strumento
semitono in giù, viene automaticamente
deselezionata l’icona del bemolle. Questo
perché non è possibile avere
contemporaneamente selezionati due
strumenti relativi alle alterazioni.
Proviamo ad aggiungere un diesis.
• Cliccate sull’icona diesis m. Nella misura 4 al rigo superiore, terzo quarto, cliccate
sul Do. Apparirà un diesis accanto alla minima.
Poiché la melodia non suonerà proprio benissimo, rimuoviamo il diesis.
• Cliccate sull’icona della Gomma i. Cliccate sul diesis. Il diesis scomparirà.

ACCORDI
Inserire gli accordi con l’inserimento semplice è molto facile.
Selezionate la stessa figura di valore della nota già immessa,
quindi cliccate nel rigo sopra o sotto alla nota. Se utilizzate
l’indicatore di inserimento semplice, digitate soltanto il numero
corrispondente all’intervallo che volete creare (usate i numeri
della tastiera alfanumerica e NON quelli del tastierino numerico).
Aggiungiamo una nota nella mano sinistra.
• Selezionate lo Strumento Selezione e cliccate su battuta 5
per selezionarla. Premete $ (Mac: o) per eliminare il
contenuto preesistente della battuta.

• Cliccate lo Strumento Inserimento semplice 4, quindi lo strumento Semiminima


5 (o premete 5 sul tastierino numerico).

40 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Nella misura 5, inserite la nota La. Cliccate


sulla posizione della nota Sol per inserirla e poi
completate l’accordo con il Fa sotto il rigo.
Notate che la nota Sol, essendo un intervallo di
seconda, viene posizionata automaticamente
alla destra del gambo.
• Premete j per attivare l’indicatore di
inserimento semplice.
• Digitate C per inserire la nota Do sulla seconda
pulsazione della misura. Digitate il numero corrispondente all’intervallo che volete
aggiungere alla nota appena inserita. In questo caso premete il tasto 5 per inserire un
Sol (una quinta sopra il Do) e poi 3 per inserire la nota Si (una terza sopra il Sol).
• Se utilizzate un dipositivo MIDI suonate contemporaneamente le note Fa, La e Do
per inserire l’accordo di Fa maggiore sul terzo tempo della battuta.
• Se non utilizzate una periferica MIDI, usate le lettere della tastiera, digitando F
(Fa), A (La) e C (Do), quindi completate la battuta inserendo un Do sull’ultimo
quarto.

GRUPPI IRREGOLARI
Proviamo ad aggiungere una terzina sul terzo quarto della misura 5.
• Cliccate sullo Strumento Gomma i, quindi fate click sull’ultimo quarto del rigo
superiore di misura 5.
• A misura 5 selezionate la nota Lab sul terzo tempo facendo ! (Mac: b) click.
• Premete j per attivare l’indicatore di inserimento semplice.
• Premete 4 sul tastierino numerico e digitate F per inserire la nota Fa col valore di
croma.
• Premete il tasto 9 (indifferentemente sulla
tastiera alfanumerica o sul tastierino
numerico) per dire a Finale che la nota
appena inserita (il Fa) deve essere la prima
di una terzina. Finale completerà la terzina con
delle pause. Cliccate su queste pause all’altezza
desiderata sul rigo per commutarle in note.
• Se volete inserire la terzina cliccando con il
mouse, selezionate la durata che intendete
usare dalla tavolozza e poi selezionate lo Strumento Gruppo irregolare ]. A

Installazione & Tutorial 41


Tutorial 1a: Inserimento semplice

questo punto cliccate sul rigo per inserire le note.


• Fate doppio click sullo Strumento Gruppo irregolare ] nella tavolozza
Inserimento semplice (in questo modo sarà selezionato soltanto quello strumento).
• Cliccate sulla prima nota di battuta 6. Questa diventerà la prima nota di una
terzina. Cliccate sul Laf da un quarto. La semiminina diverrà una croma e sarà l’inizio
di una terzina di crome.
Per modificare le caratteristiche del gruppo irregolare premete @ (Mac: a) e
digitate 9 mentre è attivo l’indicatore di inserimento, oppure tenete premuto il tasto
d e cliccate in partitura. Apparirà la finestra di dialogo Definizione del Gruppo
irregolare per l’Inserimento semplice.

CAMBIARE L’ALTEZZA DELLE NOTE


Avrete notato che potete sovrascrivere le note esistenti con delle note nuove, per
modificare la musica nella vostra partitura. Al posto di usare questa caratteristica di
sovrascrittura, potete utilizzare lo Strumento Modifica Altezza.
• Cliccate sullo Strumento Modifica altezza , o premete ! (Mac: a) e il
tasto R.
• Posizionatevi con il mouse in corrispondenza della nota che volete modificare,
all’altezza che la nota dovrà assumere e cliccate (ad esempio, a battuta 1,
posizionatevi all’altezza del La, in corrispondenza della nota Fa e cliccate; il Fa verrà
sostituito da un La).
• Premete j, si attiverà l’indicatore di inserimento semplice.
• Digitate B per modificare il Sol esistente in un Si. Potete continuare in questo modo
modificando tutta la vostra musica.
• Premete 3 sulla tastiera alfanumerica per aggiungere una terza sopra la nota
preesistente (in questo caso un Re).
• Premete il tasto + del tastierino numerico per
aggiungere un Diesis alla nota. Se usate un
dispositivo MIDI, come una tastiera, suonate
semplicemente la nota per modificarne l’altezza.
• Se state usando una tastiera MIDI suonate un
Do per modificare il La sul terzo tempo della battuta in un Do. Potete anche suonare
più note contemporaneamente per inserire un accordo.

CAMBIARE TONALITÀ, INDICAZIONE DI TEMPO E CHIAVE.


Quando utilizzate lo Strumento Inserimento semplice, potete utilizzare i metatools

42 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

per modificare l’armatura di chiave, l’indicazione di tempo e la chiave.


NOTA: per questi esempi selezioneremo una nota. In seguito potrete utilizzare questi
metatool su ogni nota selezionata automaticamente o anche usando l’indicatore di
inserimento semplice.
• Selezionate una nota cliccando su di essa mentre tenete premuto il tasto !
(Mac: b).
• Digitate K mentre tenete premuti il tasto @ (Mac: b). Apparirà un
messaggio con cui Finale vi informa che è in attesa.
• Cliccate su Seleziona. Apparirà la finestra di dialogo Armatura di chiave, all’interno
della quale potrete impostare la nuova tonalità.
• Cliccate su OK. La nuova armatura di chiave apparirà in partitura.
• Per cambiare l’indicazione di tempo digitate T mentre tenete premuti il tasto @
(Mac: b). Apparirà un messaggio con cui Finale vi informa che è in attesa.
• Cliccate su Seleziona. Apparirà la finestra di dialogo Indicazione di tempo.
All’interno di questa finestra di dialogo potrete impostare la nuova indicazione di
tempo che volete inserire in partitura.
• Cliccate su OK. La nuova indicazione di tempo apparirà in partitura.
• Per cambiare chiave digitate C mentre tenete premuti il tasto @ (Mac: b).
Apparirà un messaggio con cui Finale vi informa che è in attesa.
• Cliccate su Seleziona. Apparirà la finestra di dialogo Cambio chiave.
• Selezionate la chiave che volete inserire e cliccate su OK.
NOTA: quando compare uno di questi messaggi di attesa, al posto di cliccare su
Seleziona, potete scegliere la chiave, l’indicazione di tempo o l’armatura di chiave che
desiderate utilizzando i metatool. Si veda METATOOLS nel capitolo Scorciatoie da
tastiera del manuale per l’utente.

AGGIUNGERE BATTUTE
Anche se nel caso di questo tutorial non avete bisogno di aggiungere delle misure,
prima o poi avrete sicuramente la necessità di farlo. Questa operazione può essere
fatta in diversi modi. Il più semplice prevede l’utilizzo del menu Modifica scegliendo
la voce Aggiungere misure.
Potete anche usare la scorciatoia da tastiera !-click (Mac: b-click) sull’icona
dello Strumento Misure.

MODIFICA DELLA VISUALE


Prima di proseguire, dovete familiarizzarvi con i metodi per spostarvi lungo la vostra

Installazione & Tutorial 43


Tutorial 1a: Inserimento semplice

partitura.
Finale vi offre due tipologie di visualizzazione della musica. Sino ad ora, avete
lavorato in Visualizzazione pagina, dove avete potuto visualizzare la musica come se
fosse scritta su un foglio di musica. Finale possiede anche un altro tipo di
visualizzazione chiamata Visualizzazione lineare, dove la musica viene visualizzata
come se fosse una striscia continua orizzontale. La maggioranza degli strumenti di
Finale funzionano allo stesso modo a prescindere dal tipo di visualizzazione
selezionato, anche se il ridisegno dello schermo viene effettuato in modo più rapido
quando lavorate in visualizzazione lineare.
• Scegliete Visualizzazione lineare dal menu Visualizzazione. Finale ridisegna lo
schermo e mostra la musica come una striscia orizzontale.
Come potrete vedere, il nome del brano è scomparso. Nomi, numeri di pagina, e
l’eventuale testo collegato alla pagina sono visibili solamente in Visualizzazione
pagina. Vedrete inoltre che il contatore di pagina presente in visualizzazione pagina è
stato rimpiazzato dal contatore delle misure, indicante il numero della battuta
correntemente visibile.
• Cliccate il cursore della barra orizzontale di scorrimento e mantenete il tasto
premuto. Osservate il contatore delle battute nell’angolo inferiore sinistro della
finestra. Spostando a sinistra o a destra il cursore, il contenuto del contatore cambia,
specificando il numero della misura che verrà visualizzata al rilascio del mouse.
• Spostate il mouse completamente a sinistra, sino a quando il contatore visualizzerà
la cifra 1. Rilasciate il tasto del mouse. Siete così tornati all’inizio della partitura.
Notate che il cursore di scorrimento rappresenta la vostra posizione nella partitura.
La casella di scorrimento vi indica
se vi trovate all’inizio...

... alla metà...

... o alla fine del brano.

A questo punto, a meno che non abbiate un monitor molto grande, potreste vedere
una parte piuttosto ridotta del brano. Per vedere una parte più ampia della pagina è
possibile selezionare una scala di rappresentazione più piccola, ovvero effettuare uno
“zoom out”.

44 Installazione & Tutorial


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Spostate il mouse lungo il menu Visualizzazione sino al comando “Zoom”. Non


rilasciate ancora il tasto. Quando si posiziona il puntatore sull’opzione “Zoom” si
causa l’apertura di un submenu sulla destra.
• Spostate il puntatore sopra il sottomenu sino a che sia selezionato “Zoom 3
personalizzato (75%)”. Rilasciate il tasto del mouse. La figura sullo schermo
verrà ridisegnata al 75% delle dimensioni originali, in modo da consentire la
visione di una parte più ampia della pagina.
Con questa operazione non abbiamo ridotto fisicamente le dimensioni di stampa
della pagina. Abbiamo semplicemente cambiato il modo in cui essa è visualizzata
sullo schermo. La musica perciò verrebbe stampata nelle sue piene dimensioni,
anche dopo la riduzione di scala.
Ora abbiamo una buona visione panoramica del brano. Ma nella prossima sezione
dovremo aggiungere una legatura di frase al brano, per cui la pagina dovrà essere
grande a sufficienza da permetterci di manovrare con precisione. Finale vi
permette di avere la botte piena e la moglie ubriaca, consentendo l’apertura di una
seconda finestra che rappresenti lo stesso documento. In questa seconda finestra
potremo effettuare zoom in, zoom out, passare da Visualizzazione pagina a
Visualizzazione lineare, ecc. senza disturbare l’immagine visualizzata nella
finestra originale. Facciamo qualche prova:
• Nel menu Finestre selezionate l’opzione Nuova finestra. Apparirà una nuova
finestra, contenente anch’essa il documento “Fra’ Martino”. Sarebbe simpatico poter
vedere il contenuto di ambo le finestre contemporaneamente.
• Nel menu Finestre selezionate l’opzione Affianca orizzontalmente (Mac: Affianca
le finestre). Finale pone la nuova finestra al di sotto della prima e ridimensiona
ambedue per adattarle allo schermo.
Ricordate, queste non sono due copie distinte del vostro capolavoro, ma solo due
viste indipendenti dello stesso brano. L’evidenziazione della barra dei titoli della
finestra superiore, indica che la finestra superiore è attiva. Usando i comandi del
menu Visualizzazione potrete effettuare su di essa zoom in, zoom out, passare da
Visualizzazione pagina a Visualizzazione lineare, ecc. ma tutte queste azioni
influiranno sempre solo sulla finestra attiva. Potete anche utilizzare lo Strumento
Zoom b per ingrandire o rimpicciolire una specifica zona della partitura.
• Nel sottomenu “Zoom” del menu Visualizzazione selezionate l’opzione Zoom 3
personalizzato (200%). Ora disponete di due finestre: una in scala doppia, l’altra in
scala ridotta.
Supponiamo che decidiate di lavorare sulla finestra attiva e che vogliate fare in modo
che questa occupi tutto lo schermo, pur conservando l’accessibilità all’altra finestra.

Installazione & Tutorial 45


Tutorial 1a: Inserimento semplice

• Nel menu Finestre selezionate l’opzione Sovrapponi in cascata. Finale ordina le


finestre in modo che la finestra attiva sia in primo piano sullo schermo, mentre della
seconda finestra restano visibili solo i margini sullo sfondo, lungo i bordi dello
schermo; un click del mouse porterà in primo piano e renderà attiva questa seconda
finestra.
Detto per inciso, non esistono limitazioni al numero di finestre che si possono aprire.
Le finestre possono essere aperte in qualsiasi numero, anche appartenenti a
documenti differenti, e avere ognuna una propria scala di visualizzazione.

SALVARE IL LAVORO SU DISCO


Quando abbiamo aperto il presente documento, Finale ha trasferito il brano dal disco
alla memoria del computer; in questo momento, tutte le modifiche da noi effettuate a
“Frè re Jacques” esistono solo sullo schermo. Se qualcuno inciampasse sul cavo di
alimentazione del computer in questo istante, tutto il vostro lavoro andrebbe perso
per sempre, e vi rimarrebbe solo l’originale, incompleto file “Tutorial 1a”.
Per questa ragione, è buona norma salvare il proprio lavoro sul disco a intervalli
regolari: 15 minuti o qualcosa del genere. Per salvare il proprio lavoro su disco:
• Selezionate l’opzione Salva del menu File o premete !-S (Mac: a-S. Le
modifiche da voi apportate sono ora salvate sull’Hard Disk. Vi resta comunque
sempre una copia intatta e senza modifiche del documento: si trova sul CD originale.
Se temete di dimenticarvi di registrare il vostro lavoro e di correre il rischio di
perdere alcune delle vostre modifiche nel caso di una caduta di tensione, potete fare
uso della funzione di salvataggio (backup) automatica di Finale. Consultate la
documentazione relativa alla finestra di dialogo OPZIONI DEL PROGRAMMA-SALVA.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Selezionate l’opzione Chiudi del menu File per ciascuna delle finestre attive del
brano. Se non avete ancora salvato il vostro lavoro, Finale vi avvertirà, dandovi la
possibilità di salvare le modifiche o di lasciare il documento come si trovava prima
che fosse da voi manipolato.
Sulla vostra Guida di riferimento rapido compare un diagramma in cui sono elencate
le corrispondenze tra numeri e valori di durata delle note. Se volete fare qualche
esperimento prima di passare al Tutorial 2, selezionate l’opzione Nuovo del menu
File. Finale aprirà un nuovo documento senza nome.
Se siete pronti a proseguire, passate direttamente al prossimo Tutorial. Se invece per
ora ne avete a sufficienza, selezionate l’opzione Esci del menu File. Uscirete dal
programma.

46 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido
Tutorial 1b: Inserimento rapido

Mentre Inserimento semplice si dimostra utile per l’editing veloce e per il lavoro
senza uno strumento MIDI, un metodo di gran lunga più veloce ed efficiente è quello
che prevede l’uso dello Strumento Inserimento rapido di Finale; particolarmente se
usato in connessione con un sintetizzatore. Con questo Strumento potrete inserire i
simboli musicali molto velocemente, con una mano sulla tastiera del sintetizzatore e
l’altra sul tastierino numerico del computer. Con uguale agio potrete editare musica
già inserita in un documento.
In questo Tutorial, esploreremo lo Strumento Inserimento rapido a fondo, e
impareremo a conoscere alcune delle potenzialità MIDI di Finale, sia per
l’inserimento sia per la riproduzione della musica.

QUALCHE CENNO SUL MIDI


Il MIDI (acronimo di Musical Instrument Digital Interface) è un linguaggio
elettronico parlato da computer e sintetizzatori. La maggior parte dei dispositivi
MIDI sono tastiere, ma esistono anche chitarre, archi, fiati, percussioni e persino
dispositivi MIDI comandati dalla voce. In questo manuale, con il termine
sintetizzatore ci riferiremo a qualsiasi strumento MIDI voi stiate usando.
Se avete bisogno di aiuto per collegare correttamente il vostro sintetizzatore, fate
riferimento alla sezione ASSEMBLAGGIO DEL SISTEMA MIDI posta in precedenza
in questo volume. Se iniziate questo Tutorial e vi accorgete che il vostro
sintetizzatore non lavora correttamente, potete consultare il manuale dell’utente alla
voce FINESTRA DI DIALOGO IMPOSTAZIONI MIDI.

CREAZIONE DI UN NUOVO DOCUMENTO DA MODELLO


Finale viene fornito con oltre 30 differenti tipi di modello (per pianoforte, vocali,
corali orchestra da camera e così via) per aiutarvi nell’allestire un documento di
partenza.
Inizieremo questo Tutorial con il modello di foglio guida (Lead Sheet) per creare
un’arrangiamento di “Oh, Susannah.” Se non avete ancora utilizzato Finale, chiudete
ogni documento aperto o uscite dall’impostazione guidata.
• Dal menu File, scegliete Nuovo, quindi Documento da modello.
• All’interno della cartella Modelli, fate doppio click su Generici, quindi scorrete
sino a selezionare Lead Sheet. Cliccate su Apri. Finale aprirà un nuovo file senza
titolo con un rigo contenente una pagina vuota di musica.

Installazione & Tutorial 47


Tutorial 1b: Inserimento rapido

COME AGGIUNGERE NUOVE BATTUTE


• Anche se ogni documento nuovo di Finale contiene una pagina di misure vuote, che
sono più che sufficienti per lo svolgimento di questo tutorial, verrà indubbiamente il
momento in cui avrete la necessità di aggiungere ulteriori battute. Questa operazione
può essere effettuata in diversi modi; il più semplice è quello di utilizzare lo
Strumento Misure z. Fate !-click (Mac: b-click) sull’icona dello Strumento
Misure. Nella finestra di dialogo Aggiungere battute che compare subito dopo,
digitate il numero di battute che volete aggiungere, quindi cliccate su OK.

Finale vi chiederà quante misure volete aggiungere. Il numero 1 che compare nel box
significa che cliccando OK il programma aggiungerà una sola misura. Ma il numero
“1” è selezionato e ciò significa che digitando un qualsiasi altro numero, questo
andrà a sostituire immediatamente il numero 1.
Ora siamo pronti per iniziare a inserire musica in modalità Inserimento rapido.

INSERIMENTO RAPIDO
• Cliccate lo Strumento Inserimento rapido a. Vedrete comparire un altro menu: il
menu Ins. rapido. I suoi comandi gestiscono il comportamento dello Strumento
omonimo. Aprite il menu e assicuratevi che vi sia un segno di “visto” a fianco
dell’opzione Usa la tastiera MIDI.
Se preferite non lavorare con un sintetizzatore, potete inserire la musica con lo
Strumento Inserimento rapido disattivando l’opzione Usa la tastiera MIDI per
l’inserimento. Esiste persino un modo per “battere a macchina” la musica, usando i
tasti delle lettere per definire l’altezza di nota, e i tasti numerici per specificare la
durata di ogni nota. Vedete la documentazione relativa allo Strumento Inserimento
rapido nella documentazione.
Se l’opzione Apri automaticamente la cornice di editing è selezionata, vedrete la
prima battuta contornarsi di una cornice rettangolare, sul lato sinistro della quale
compare un sottile cursore verticale, detto barra di inserimento. Oltre a questo
compare un corto cursore orizzontale, detto collimatore delle altezze, che useremo
per indicare le altezze delle varie note. Nell’angolo superiore sinistro compare un
piccolo “V1” a significare che Finale è pronto a ricevere la Voce 1 (se voleste creare

48 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

più voci, con le gambe delle note coerentemente verso l’alto o il basso, Finale le
chiamerebbe Voce 1 e Voce 2. In ogni caso, è più conveniente utilizzare i quattro
livelli trasparenti di Finale; potete trovare una trattazione più approfondita sui livelli
e le voci neti Tutorial 2 e 8).

Indicatore Voce1/Voce2 Collimatore delle altezze

Barra di inserimento cornice di modifica

Usate i tasti freccia su/giù per spostare il collimatore delle altezze, e i


tasti freccia sinistra/destra per spostare la barra di inserimento.
Premete il tasto dello zero per uscire dalla cornice di modifica.

• Suonate il Do centrale sul vostro sintetizzatore. Mentre mantenete abbassato il


tasto dello strumento, premete il tasto 5 sulla tastiera del computer. Se il vostro
sistema MIDI è collegato correttamente, dovrebbe comparire un Do centrale del
valore di una semiminima. Se il vostro sintetizzatore non sta trasmettendo
correttamente al computer, vedrete apparire una pausa da un quarto. In quel caso
rivedete ASSEMBLAGGIO DEL SISTEMA MIDI all’inizio del presente volume. Per
rimuovere la pausa, cliccatela e premete il tasto k (Canc.).
Perché premere il tasto 5? I tasti numerici del computer (sia sul tastierino numerico,
sia nella riga superiore della tastiera alfanumerica) hanno speciali significati in
Finale. Ad esempio, 5 significa semiminima (nota da un quarto). Osservate il
diagramma:

Installazione & Tutorial 49


Tutorial 1b: Inserimento rapido

50 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

Dato che il sintetizzatore fornisce a Finale le informazioni inerenti le altezze, tutto


ciò che dovete fare è inserire i valori delle durate. Allo scopo premete l’appropriato
tasto numerico. Mantenendo premuto un tasto dello strumento mentre si pigia un
tasto numerico si ottiene una nota; premendo un tasto numerico senza tasto
abbassato sullo strumento, si ottiene una pausa.
• Mantenete premuto il tasto del Re centrale sul vostro strumento e premete
nuovamente il tasto numerico 5. Quindi Mi (e premete 5), e infine Fa (e premete
5). Avrete costruito così un frammento di scala di Do maggiore. Nel frattempo Finale
ha spostato la cornice di modifica sulla battuta seguente, pronta per l’inserimento di
nuove note.
La funzione di avanzamento automatico, che sposta la cornice di modifica sulla
misura seguente non appena la precedente è “piena”, può essere disattivata.
• Per uscire dalla cornice di modifica, premete il tasto zero (0) o cliccate una
qualsiasi zona bianca dello schermo. La cornice sparisce e ricompare il menu Ins.
rapido.
• Nel menu Ins. rapido selezionate “Salta alla misura successiva”. Vedrete
scomparire il segno di “visto” a fianco all’opzione: ciò significa che abbiamo
disattivato l’avanzamento automatico sulla battuta seguente.
• Premete nuovamente il tasto zero. Il tasto 0 premuto nuovamente vi riporta dentro
la cornice di modifica in cui vi trovavate prima.
Ora che abbiamo disattivato la funzione “Salta alla misura successiva” come faremo a
muoverci di misura in misura?
• Premete il tasto di parentesi aperta ( [ ) sulla tastiera del computer (oppure
shift+tasti freccia se avete la tastiera italiana per Win e non quella americana).
Finale tornerà a posizionarsi sulla prima battuta. Le parentesi aperta e chiusa
(shift+frecce destra e sinistra) spostano la cornice di modifica corrente
rispettivamente di una battuta a sinistra o a destra.
• Ora premete alcune volte i tasti freccia destra e sinistra sulla tastiera del computer.
Ad ogni pressione dei tasti la barra di inserimento si sposta sulla nota o pausa
precedente (freccia sinistra) o seguente (freccia destra). La barra di inserimento può
essere spostata anche cliccando su una nota con il mouse.

CORREZIONI RAPIDE CON IL TASTIERINO NUMERICO


• Posizionate la barra di inserimento sulla prima nota (Do centrale) e premete il
tasto 4. In Finale, 4 indica una nota da un ottavo (croma), per cui il Do centrale che
valeva prima un quarto, assume ora la durata di un ottavo. Se si inserisce una durata
sbagliata, non è quindi necessario cancellare la nota e riscriverla; sarà sufficiente

Installazione & Tutorial 51


Tutorial 1b: Inserimento rapido

allineare la barra di inserimento con la nota errata e premere il tasto corrispondente


alla durata che si desidera.
Ogni volta che si modifica la durata di una nota (o si inserisce una nota nuova) la
barra di inserimento si sposta verso destra, pronta per inserire la nota o pausa
seguente (o per modificare il valore di una nota preesistente).
• Premete altre tre volte il tasto 4. Così facendo avrete cambiate in ottavi le durate di
tutte le quattro note della battuta. Le crome da voi ottenute vengono
automaticamente raggruppate a quattro. Se volete raggrupparle a due deselezionate
l’opzione “Unisci le crome a gruppi di quattro in tempo ordinario” nella finestra di
dialogo Opzioni del documento del sottomenu Impostazioni del documento del
menu Documento.

• Posizionate il puntatore esattamente sulla testa dell’ultima nota. Trascinate


quest’ultima (Fa) sulla linea del Fa un’ottava più in alto. In modalità Inserimento
rapido, le note possono essere spostate su differenti altezze trascinandole in questo
modo. Se la vostra tastiera MIDI è collegata in modo corretto, Finale vi farà ascoltare
la nota ogni volta che questa cambierà altezza (per non sentire nulla deselezionate
l’opzione “Ascolto durante il trascinamento” del menu Ins. rapido).

• Cliccate esattamente la testa della nota Fa acuta. Mantenendo premuto il tasto del
mouse, trascinatela leggermente a destra o sinistra. Lo Strumento Inserimento rapido
vi permette un controllo completo: non solo sull’altezza delle note, ma anche sulla
loro posizione nella battuta. Anche se ciò non è raccomandabile, una nota può essere
persino trascinata sino a trovarsi su una posizione ritmica completamente diversa, o
persino oltre la stanghetta di battuta: Finale continuerà a riprodurla correttamente.
Se volete trascinare una nota solo orizzontalmente (senza rischiare di modificarne
l’altezza) o solo verticalmente (per cambiarne l’altezza senza spostarla a destra o
sinistra) premete il tasto d durante l’operazione di trascinamento
• Spostate la barra di inserimento sulla terza nota della misura (il Mi). Ricordate, la

52 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

barra di inserimento si sposta premendo i tasti freccia o cliccando la nota.


• Premete k (Canc) (Mac: $). Premendo il tasto k (o $) si cancella
una nota, pausa o accordo dalla partitura.
Ma cosa possiamo fare se cancelliamo una nota per errore? Ogni volta che lavoriamo
con lo Strumento Inserimento rapido, ricordiamo che è possibile annullare l’ultima
azione intrapresa scegliendo l’opzione Annulla del menu Modifica.
• Scegliete Annulla dal menu Modifica (oppure premete !-Z) (Mac: a-Z). La
nota da voi cancellata ricompare.
• Spostate indietro la barra di inserimento sino al Do centrale, e premete quattro
volte il tasto 5.
In questo modo trasformate le quattro note in semiminime (note da un quarto).

INSERIMENTO DEGLI ACCORDI


• Posizionate la barra di inserimento sul Fa, e usate i tasti freccia su/giù per spostare
il collimatore delle altezze sul Do del terzo spazio.
• Premete j. Avete creato un bicordo. Usando i quattro tasti freccia potete
posizionarvi ovunque nella battuta e aggiungere nota a nota mediante il tasto j
(se la barra di inserimento di trova su di una pausa, j trasformerà la pausa stessa
in una nota).

Provate a spostare il collimatore verso l’alto o il basso delle note di questo bicordo. se
manterrete premuto il tasto e abbastanza a lungo, Finale aggiungerà tanti tagli
addizionali che la battuta su cui stiamo lavorando dovrà spostarsi vero il basso (o
verso l’alto se compiamo la stessa operazione con il tasto freccia giù f).
• Fate doppio click sul secondo spazio per aggiungere un La al bicordo. Il doppio
click è un altro modo di aggiungere note a un accordo.
• Usate il tasto freccia in su e per posizionare il collimatore esattamente sulla testa
della nota più alta nell’accordo. Premete il tasto $ (Mac: o). Questo ha il
compito opposto a quello di j: $ (o o) infatti cancella dall’accordo la nota
su cui si trova il collimatore. Se quest’ultimo si trova su una singola nota, invece che
su di un accordo, $ (o o) trasformerà la nota stessa in una pausa di uguale

Installazione & Tutorial 53


Tutorial 1b: Inserimento rapido

durata.

LE ALTERAZIONI
• Posizionate il collimatore sul Do dell’accordo. Premete il tasto (+). Vedrete
aggiungersi un diesis alla nota. Il tasto (+) innalza la nota di un semitono.
• Posizionate il collimatore sul La e premete il tasto (-). Come avrete immaginato, il
tasto (-) abbassa la nota di un semitono.

Per sostituire una nota con il suo equivalente enarmonico si usa il tasto 9.
• Lasciate il collimatore sul Lab e premete il tasto 9. La nota si trasforma in un Sol#.
• Spostate il collimatore al di sotto delle due note. Premete più volte il tasto 9. Se il
collimatore si trova non sulla testa, ma sul gambo di una nota, le successive pressioni
del tasto 9 fanno spostare enarmonicamente e ciclicamente l’intero accordo.
Per ora, spostiamoci enarmonicamente sino a quando la nota inferiore sarà un Lab.
nel passo successivo vedremo come nascondere o forzare la visualizzazione delle
alterazioni.
• Posizionate il collimatore sul Lab. Premete il tasto asterisco (*). Normalmente è più
comodo usare l’asterisco del tastierino numerico, ma funziona anche quello della
tastiera alfanumerica.
Premendo il tasto asterisco si nasconde un alterazione esistente o, se l’alterazione non
compare, se ne forza la visualizzazione “di cortesia”. Le note con l’alterazione
nascosta o forzata suonano sempre correttamente: la nota che ora appare come un
semplice La, suona sempre come un La bemolle. Per fare ricomparire l’alterazione,
premete nuovamente il tasto asterisco.
Finale permette anche di inserire alterazioni tra parentesi. Quando avrete completato
questo Tutorial, potrete trovare maggiori informazioni nella sezione ALTERAZIONI
DI CORTESIA della documentazione in linea.

I GRUPPI IRREGOLARI
Ci dedicheremo ora ai gruppi irregolari con lo Strumento Inserimento rapido
(terzine, quintine e così via). Scorrete sino a battuta 10 nel rigo superiore—che è

54 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

vuota—e imparate a usare lo Strumento Gruppi irregolari.


• Cliccate lo Strumento Inserimento rapido a e quindi cliccate la battuta 10 nel rigo
più in alto. Inseriremo alcune note, per cui assicuriamoci che il nostro strumento
MIDI sia collegato.
• Suonando un tasto qualsiasi del sintetizzatore, premete quattro volte il tasto 5.
Inserirete così in partitura quattro semiminime della stessa altezza.
Se Finale non avanza automaticamente portando la Cornice di modifica sulla battuta
seguente, premete il tasto della parentesi destra ( ] ) oppure d-h.
• Premete !-3 (Mac: b-3). Questa operazione ve eseguita prima di inserire una
terzina; Finale immette un piccolo “3” in alto a destra, nella Cornice di modifica, e “si
aspetta” che le tre note seguenti costituiscano una terzina.
• Suonando un tasto qualsiasi del sintetizzatore, premete tre volte il tasto 6. Appena
compare la terza nota il programma centra il “3” sopra alla terzina. Abbiamo così
creato una terzina di minime.
• Premete il tasto 0 (zero) per uscire dalla cornice di editing. A battuta 10 troviamo
quattro semiminime, a battuta 11 una terzina di minime. Ambedue le misure
possono essere modificate con lo Strumento Gruppi irregolari.
• Cliccate lo Strumento Gruppi irregolari 9. Cliccate quindi la prima semiminima di
battuta 10. Vedrete comparire la finestra di dialogo Impostazione del gruppo
irregolare.

Installazione & Tutorial 55


Tutorial 1b: Inserimento rapido

Sul lato superiore della finestra sono presenti varie opzioni per la definizione
temporale della terzina. Usandole, dovrete porvi questa domanda: quante e quali
figure musicali irregolari voglio inserire? Quante e quali figure regolari voglio
sostituire? Osservate i due box di testo alla sommità della finestra. Come vedete,
Finale ipotizza che vogliate inserire tre semiminime nello spazio di due: ovvero che
vogliate costruire una terzina di semiminime.
Nella sezione Visualizzazione della finestra potremo specificare quale aspetto grafico
dovrà avere la terzina stessa. Avrà una legatura o una parentesi? Verrà espressa con
l’indicazione del rapporto? Per ora utilizziamo l’impostazione predefinita.
• Cliccate su OK. Avrete così trasformato la semiminime regolari in una terzina,
cliccando la prima di esse con lo Strumento Gruppi irregolari.
Notate che la parentesi specificata non appare come tale quando si torna alla
partitura. Essa ha l’aspetto di una linea retta interrotta. Cliccando la prima nota della
terzina vedrete comparire cinque maniglie, che servono a dare forma ai vari elementi
della parentesi:

56 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

Trascinate questa maniglia


per muovere la parentesi in
Trascinate questa maniglia
modo indipendente rispetto al
per cambiare l’angolazione
numero
della parentesi

Trascinate questa maniglia in Trascinate questa maniglia


su o in giù per cambiare la per muovere il numero
lunghezza dell’”uncino” rispetto alla parentesi
Trascinate questa maniglia per
muovere l’intera parentesi con il
numero

Possiamo anche modificare la terzina di battuta 3.


• Cliccate la prima nota della terzina di battuta 3. Vedrete comparire le cinque
maniglie.
• Trascinate le maniglie sino a quando la terzina apparirà come voi volete.
Finale permette anche di creare gruppi irregolari all’interno di gruppi irregolari. E
non ha importanza se si inizia creando il gruppo “esterno” o quello “interno”.
Se pensate di dovere inserire spesso lo stesso gruppo irregolare nel brano, potete
definire il gruppo stesso come MetaTool dello Strumento Gruppi irregolari. Ecco
come:
• Cliccate la maniglia principale e premete k (Mac: $). In questo modo le
note definite come appartenenti a un gruppo irregolare tornano a essere note
regolari.
Ora definiremo un MetaTool per i gruppi irregolari. Possiamo creare sino a trentasei
gruppi irregolari predefiniti, completi di parentesi e informazioni sulle durate.
Inizieremo a definire una semplice terzina di minime, con la sua parentesi.
• Mantenendo premuto d, premete il tasto 1 (sulla tastiera alfanumerica, non il
tastierino sulla destra). Vedrete comparire la finestra Impostazione del gruppo
irregolare. In essa dovrete definire il gruppo irregolare corrispondente a quello che
dovrà essere prodotto dal MetaTool.
• Digitate 3 nel primo box di testo. Spostatevi nel secondo box premendo Tab e in
esso digitate 2. Cliccate “Mezzi” in ambo le colonne relative alla durata. Il
MetaTool da noi creato inserirà nella partitura una terzina di minime al posto di due
minime regolari.
• Mantenendo premuto il tasto 1, cliccate la prima nota di battuta 3. Finale inserirà
automaticamente il gruppo irregolare in partitura. Potrete allo stesso modo spostarvi
lungo il brano inserendo i gruppi irregolari ogniqualvolta essi siano necessari, e senza

Installazione & Tutorial 57


Tutorial 1b: Inserimento rapido

accedere al box di dialogo.


Infine, se si sta lavorando su di un brano contenente molti gruppi irregolari, è
possibile predefinire il loro aspetto grafico. Con questo metodo non dovremo, ad
esempio, più definire ogni volta l’apparenza di ogni successivo gruppo irregolare
creato. Le definizioni operate saranno già disponibili in partenza, sia lavorando in
HyperScribe, sia con lo Strumento Trascrizione, sia con lo Strumento Inserimento
rapido. Notate però che quanto stiamo per spiegare non è equivalente alla creazione
di un MetaTool, che converte le note regolari in note irregolari dopo che esse sono
state inserite nella partitura. Con la procedura seguente potremo definire l’aspetto dei
gruppi irregolari prima di inserirli in partitura.
• Fate !-click (Mac: doppio click) sullo Strumento Gruppi irregolari 9. Vedrete
comparire la finestra di dialogo Impostazione predefinita dei gruppi irregolari. Esso
assomiglia alla finestra Impostazione del gruppo irregolare.
• Digitate nei box di testo le cifre necessarie per definire l’aspetto grafico dei gruppi
irregolari al momento del loro inserimento nel brano. Se si desiderano parentesi
orizzontali, si possono usare le cifre indicate nella figura precedente. Se preferite
utilizzare le legature al posto delle parentesi o il rapporto al posto del numero,
scegliete le diverse opzioni dalle liste a discesa.
• Cliccate su OK. Da questo momento, qualsiasi gruppo irregolare verrà inserito in
partitura con la graffa al suo posto. Se volete sperimentare la funzione, ricordate che,
per inserire una terzina con lo Strumento Inserimento rapido, dovrete premere
!-3 (Mac: b-3) prima di inserire le note stesse.
Nota: Ricordate che i cambiamenti operati nella finestra Impostazione predefinita dei gruppi
irregolari avranno effetto solo sui gruppi irregolari non ancora inseriti. Per modificare i
gruppi irregolari esistenti, consultate la documentazione alla voce GRUPPI
IRREGOLARI.

INSERIMENTO DI NOTE O PAUSE


• Selezionate lo Strumento Inserimento Rapido a, posizionate la barra di
inserimento sul bicordo, e cancellatelo premendo k (Mac: $).
• Riportate la barra di inserimento sul Do centrale. Mantenendo premuto d,
premete il tasto 6. Premendo d, “diciamo” al programma che desideriamo
inserire una nota o pausa appena prima della barra di inserimento. Premendo il tasto
6 abbiamo aggiunto una pausa di una metà; infatti 6 è l’equivalente da tastiera del
valore di minima. (Se avessimo invece premuto un tasto del sintetizzatore mentre
mantenevamo abbassati d-6, avremmo inserita una nota invece della pausa).
Ricordate che per inserire una nota o una pausa, bisogna usare i tasti numerici posti
in linea sopra la tastiera principale, non quelli del tastierino numerico.

58 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

Il vostro esempio dovrebbe avere un aspetto di questo genere:

Il problema in questo caso sta nel fatto che nella battuta ora ci sono cinque
movimenti: la pausa di minima e le tre note da un quarto. Dato che abbiamo
disattivato il sistema di controllo ritmico di Finale (“Salta alla misura successiva”), il
programma non vi notificherà l’errore sino all’uscita dalla cornice di modifica.
• Premete il tasto di zero per uscire dalla cornice di modifica. Finale aprirà un box di
dialogo per avvertirvi che ci sono troppe note nella battuta.

Potrete scegliere tra differenti opzioni per risolvere la situazione. Selezionando la


prima opzione lascerete i movimenti in più nella battuta. Con la seconda istruirete il
programma ad eliminare i movimenti in più togliendoli dalla fine della battuta. Con
la terza opzione, il programma inserirà le note in eccedenza sull’inizio della misura
seguente.
Infine, con la quarta opzione farete sì che il programma sposti le stanghette di battuta
dell’intero brano, sino a quando nessuna battuta conterrà più movimenti di quelli
indicati dalla segnatura metrica (vedi RIDISTRIBUIRE LA MUSICA nella
documentazione in linea).
• Cliccate “Eliminare le note in eccedenza,” e quindi OK. Finale eliminerà il
movimento in più - l’ultimo Mi da un quarto - e uscirà dalla cornice di modifica.

Installazione & Tutorial 59


Tutorial 1b: Inserimento rapido

Nella prossima sezione creeremo un foglio guida (per le “orchestrine”) che inizia con
un levare (in anacrusi). Per completare la trasformazione della battuta l’unica cosa
che ci resta da fare è la creazione di un ritmo puntato.
• Premete il tasto di zero. Accederete nuovamente alla battuta.
• Posizionate la barra di inserimento sul Do e premete il tasto del punto (.). Finale
aggiungerà un punto di valore alla nota. Il programma consente di aggiungere sino a
10 punti a una nota o pausa.
• Premete la freccia destra h, e quindi il tasto 4. Avrete così trasformato l’ultima
nota da un quarto in una nota da un ottavo. La battuta in levare è completa.

INSERIRE LA MUSICA: INSERIMENTO RAPIDO


Abbiamo imparato i fondamenti nell’uso dello Strumento Inserimento rapido con la
tastiera MIDI. Abbiamo visto come inserire rapidamente le note, modificare il loro
valore, la loro altezza, aggiungere pause, intercalare note, aggiungere punti di valore
e spostarsi lungo la partitura usando i tasti parentesi aperta e chiusa.
La battuta su cui abbiamo sino a ora lavorato contiene le note in levare per l’inizio di
“Oh Susanna”. Usando le vostre conoscenze sull’uso dello Strumento Inserimento
rapido, inserite le seguenti dodici battute come mostrato più in basso. Per il
momento, però, non fermatevi a battuta 13. Ricordate i comandi da tastiera di
Inserimento rapido che avete imparato più sopra.
Tasto Effetto
. (punto) Aggiunge un punto di valore
4 Croma (nota da un ottavo)
5 Semiminima (nota da un quarto)
6 Minima (nota da una metà)
] (parentesi chiusa o shift+h) Vai alla battuta seguente
[ (parentesi aperta o shift+g) Vai alla battuta precedente
k (Mac: $) Cancella una nota, pausa o accordo

60 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

1
j
&C Ó œ.
j
œ œ œ œ. œ œ œ
œ.
j
œ œ œ œ œ
5
j
& ˙ Œ œ œ œ. œ œ œ j
œ œ œ. œ œ œ œ œ
9

& ˙ Ó ˙ ˙ œ ˙ œ œ œ œ œ ˙. œ œ
Arrivati a misura 14, vi accorgerete che le ultime quattro battute di “Oh, Susanna”
sono esattamente uguali alle misure da 6 a 9. Per risparmiare tempo potete usare lo
Strumento Selezione per copiare la restante parte della melodia.
Nel primo Tutorial, avevamo copiato una battuta di “Fra’ Martino” trascinando la
battuta stessa in modo che la sua immagine fosse sovrapposta alla battuta di
destinazione. In questo esempio non è possibile agire nello stesso modo perché quel
tipo di copia funziona solo quando sia possibile vedere contemporaneamente la
sorgente e la destinazione sullo schermo.
Nel caso in esame useremo due “scorciatoie” di Finale che possono essere impiegate
per la copia di qualsiasi numero di battute, anche se l’origine e la destinazione sono
distanti centinaia di battute.

SELEZIONE MULTIPLA MEDIANTE CLICK-MAIUSCOLO (SHIFT-CLICK)


Useremo una funzione caratteristica dei computer, impiegata per selezioni multiple
nei word processor, nei fogli elettronici e anche nei programmi musicali. Essa viene
detta Click-Maiuscolo (d-click), e funziona come segue:

Cliccate qui... andate alla posizione finale... e fate shift-click qui.

Il materiale compreso viene selezionato

Questa tecnica può essere impiegata per selezionare le quattro battute da copiare.
• Cliccate sullo Strumento Selezione sulla tavolozza degli Strumenti.
• Cliccate battuta 6. Cliccate la barra di scorrimento orizzontale sino a quando diverrà

Installazione & Tutorial 61


Tutorial 1b: Inserimento rapido

visibile la battuta 9.
• Mantenendo premuto il tasto d, cliccate la battuta 9. Le battute da 6 e 9 sono
ora selezionate.
Esiste anche un altro metodo per selezionare misure multiple, che non richiede lo
scorrimento sino al punto finale della selezione, per usare lo d-click. Si tratta
della funzione Selezione della regione del menu Modifica. Ne parleremo più avanti.

COPIA SU DESTINAZIONE NON VISIBILE SULLO SCHERMO


Le battute selezionate debbono ora essere copiate alla fine del brano. Ma non
possiamo ovviamente trascinare le battute selezionate sino alla destinazione, dato che
questa non è visibile sullo schermo.
Useremo invece un’altra “scorciatoia”, che funziona come segue:

Selezionate le misure di ...e fate Ctrl-Shift (Mac: Option-Shift) click


origine... scorrete... sulla prima delle misure di destinazione.

Questa musica... ...verrà copiata qui.

Le battute da copiare sono già selezionate, pertanto procederemo come segue:


• Trascinate il cursore di scorrimento orizzontale sino a quando il contatore segna
“Misure: 14.” Oppure procedete più rapidamente digitando 14 nel contatore e quindi
premendo j.
• Mantenete premuti simultaneamente ! e d (Mac: b e d) e cliccate
battuta 14. Questa funzione va ricordata: effettuare il !–d-click (Mac: b-
d-click) della misura di destinazione equivale al trascinare l’immagine della
battuta sorgente sulla battuta destinazione.
Apparirà un box di dialogo nel quale dovrete definire quante volte volete copiare il
materiale. Usate la definizione di default “una volta” per copiare una volta sola le
battute.
• Cliccate OK. L’operazione è conclusa e voi avete completato il vostro primo Foglio
guida.

CANCELLARE LE MISURE
Questa versione di “Oh, Susanna” occupa diciassette misure. Ricordate però che

62 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

Finale ha inserito una pagina di misure vuote quando avete iniziato questo tutorial.
Di conseguenza, ora dovete eliminare le battute dalla 18 alla fine, usando lo
Strumento Misure e il comando Selezione della regione.
• Cliccate sullo Strumento Misure z. Ora regolate la visualizzazione in modo che la
misura 18 sia visibile.
• Cliccate la misura 18. Dal menu Modifica, scegliete Selezione della regione. Apparirà
la finestra di dialogo Selezione di una regione. Potete ora specificare una qualunque
regione di musica all’interno della partitura, anche se in quel momento non fosse
visibile sullo schermo. (L’elenco a discesa Pulsazione vi consente inoltre di scegliere
quali pulsazioni di una misura includere nella selezione.)
Poiché avete già selezionato la prima delle misure che debbono essere incluse nella
regione da cancellare, Finale ha preventivamente riempito il campo di testo Da
Misura: e aggiustato l’elenco a discesa Rigo in modo corretto. Infatti, il solo numero
che dovete modificare è quello del box Sino a Misura:, ossia dovete immettere il
numero corrispondente all’ultima misura attualmente presente.
• Andate al campo di testo Sino a:. Digitate il numero dell’ultima misura (dovrebbe
corrispondere a 21). Cliccate su OK. Finale evidenzia automaticamente le misure da
voi specificate, anche nel caso in cui non vediate le regione selezionata.
• Dal menu Misure, selezionate Cancella. Finale eliminerà le battute in eccesso.
Tecnicamente, questo arrangiamento di “Oh, Susanna” è in tempo tagliato, per cui
procederemo a modificarne la metrica. Per tornare alla prima battuta del brano potete
usare la barra di scorrimento, o digitare 1 nel contatore. Oppure sperimentare il
comando seguente:
• Selezionate l’opzione Posizione all’inizio nel menu Visualizzazione. Questo
comando vi riporta alla prima battuta del brano.

CANCELLARE LA MUSICA
• Cliccate lo Strumento Selezione .
• Selezionate le prime due battute del brano. Potete usare uno qualsiasi dei metodi di
selezione sperimentati in precedenza: cliccate la prima battuta e quindi eseguite uno
d-click sulla seconda, o catturatele entrambe in una sola operazione.
• Premete $ (Macintosh o). Le battute sono ora vuote.
Per gli scopi di questo Tutorial, in realtà non è necessario cancellare le prime due
battute del brano. Fortunatamente, è sempre possibile annullare un’azione condotta
mediante lo Strumento Selezione, in questo modo:
• Selezionate l’opzione Annulla del menu Modifica. Finale recupererà la musica delle

Installazione & Tutorial 63


Tutorial 1b: Inserimento rapido

battute cancellate.

ALTRE NOTIZIE SU INSERIMENTO RAPIDO


La combinazione del modo Inserimento rapido con la comodità di copia di Selezione
che abbiamo sperimentata costituisce un rapido e preciso metodo di inserimento
della musica - specialmente quando avrete acquisito maggior pratica.
Scopriremo, proseguendo, altre “scorciatoie”: ad esempio, per inserire più note
ripetute è sufficiente mantenere abbassato il tasto del sintetizzatore mentre si preme
ripetutamente il tasto del computer corrispondente al valore di durata. Non è cioè
necessario risuonare la nota ogni volta.
Possiamo però procedere anche all’opposto. Possiamo “dire” a Finale che tutte le
note da noi suonate saranno sedicesimi, e quindi suonarle semplicemente alla
velocità che preferiremo, sul sintetizzatore. Finale inserirà le note in partitura. Per
maggiori informazioni, consultate la documentazione alla voce “Inserimento
rapido—Inserire più note dello stesso valore”.
Le note vengono inserite solo quando si preme un tasto corrispondente a un valore di
durata. Per cui potete suonare a vostro piacimento senza timore di inserire note
indesiderate in partitura. Anche gli accordi sono molto semplici da trattare: è
sufficiente mantenere premute le note dell’accordo mentre si abbassa il tasto del
valore di durata.
Possiamo trascinare verso l’alto o il basso una qualsiasi nota di un accordo, per
modificarne l’altezza, come abbiamo fatto in precedenza nel Tutoria. Se però
eseguiamo un doppio click e manteniamo premuto, sul secondo click, il tasto del
mouse; possiamo trascinare in su e in giù l’intero accordo. E non dimentichiamo che
possiamo anche trascinare una nota o un accordo solo orizzontalmente o solo
verticalmente. Sarà sufficiente premere d durante il trascinamento, e il puntatore
sarà “costretto” a compiere solo movimenti perfettamente verticali od orizzontali.
Osservate nuovamente il diagramma Inserimento rapido apparso più sopra in questo
Tutorial. Imparerete nuove funzioni di Inserimento rapido. Ad esempio,
posizionando la barra di inserimento sulla seconda di due note che fanno parte dello
stesso movimento e premendo il tasto (/) si interrompe il raggruppamento delle note
mentre con (\) viene convertito il raggruppamento delle note da angolato a
orizzontale. Con il tasto (;) è possibile convertire una qualsiasi nota in appoggiatura,
e viceversa.
Premendo il tasto di uguale (=) con la tastiera americana o di più (+) con quella
italiana si lega con una legatura di valore (o slega se è gia legata) una nota con quella
seguente. !-segno di uguale (=) (Mac: b-segno di uguale) o più (+), lega la
nota a quella precedente. Possiamo legare contemporaneamente tutte le note di un

64 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

accordo, posizionando la barra di inserimento sulla gamba dell’accordo, e non sulle


singole teste. E, se si sta lavorando su una partitura con molti pentagrammi,
premendo i tasti d-freccia in giù (Mac: i) è possibile spostare la cornice di
modifica verso il basso, sul pentagramma immediatamente inferiore. Premendo
d-freccia in su (Mac: d-i) ci si sposta verso l’alto.
Infine, se si desidera nascondere una nota o pausa, è sufficiente posizionare la barra
di inserimento su di essa e premere il tasto della lettera O. La nota scomparirà. E
quando scopriremo come lavorare con i quattro livelli (strati) trasparenti per i
pentagrammi di Finale (denominati Livello 1... Livello 4), potremo passare da un
Livello all’altro semplicemente premendo i tasti d-’ (apostrofo) (Mac: d-
freccia in su o in giù). Entro ogni Livello si hanno a disposizione due voci con
direzione dei gambi indipendenti (dette Voce 1 e Voce 2). Il tasto dell’apostrofo (‘)
permette la commutazione da una voce all’altra. Troveremo nel Tutorial 2 e 7
maggiori informazioni sul metodo di lavoro con le voci interne e i Livelli.
Non è necessario per ora imparare a memoria questo diagramma; ma potrà esservi
utile se tenuto a portata di mano. Esso compare anche sulla Guida di riferimeno
rapido.

LA RIPRODUZIONE
Siamo in procinto di scoprire che il nostro brano “Oh, Susanna,” non solo ha un
bell’aspetto, ma suona anche in modo corretto. Se non vi trovate all’inizio del brano,
tornate a battuta 1 (o scegliete Posizione all’inizio dal menu Visualizzazione).
Non ha importanza quale sia lo Strumento correntemente selezionato.
• Selezionate l’opzione Controlli per il Playback del menu Finestre (nel caso in cui i
medesimi non fossero già in primo piano). Vedrete comparire la palette fluttuante
contenente i controlli per la riproduzione (Controlli per il Playback). Come le altre
palette di questo tipo, essa si trova sempre in primo piano e può essere spostata
trascinandola per la barra del titolo. (in Windows la palette è allineata nella parte alta
della finestra).

Installazione & Tutorial 65


Tutorial 1b: Inserimento rapido

In Macintosh la palette è , come abbiamo già detto, fluttuante.

• Cliccate sul pulsante Play. Se il vostro sistema MIDI è assemblato correttamente,


Finale inizia la riproduzione del brano. Per interrompere la musica, potete cliccare
sia Pausa, sia Stop.
Se non sentite nulla, consultate la sezione ASSEMBLAGGIO DEL SISTEMA MIDI
all’inizio di questo volume.
Se, durante la riproduzione, volete riascoltare un determinato passaggio, cliccate e
mantenete premuto per un istante. Il numero in “Misura” diminuisce,
mostrandovi quale battuta ascolterete riavviando la riproduzione (il comando
inserisce 1 nel box Misura, per cui la riproduzione riprenderà dall’inizio della
partitura. Il comando incrementa rapidamente il numero di Misura,
permettendovi di spostarvi rapidamente avanti durante la riproduzione. Il comando
infine, salta all’ultima battuta della partitura).
• In Macintosh, chiudete il box dei Controlli per il Playback deselezionandoli dal
menu Finestre, selezionando l’opzione Controlli per il Playback del menu, in modo
da eliminare il simbolo di “visto”. (In Windows questa operazione non è necessaria)
Come potete intuire, non è obbligatorio usare i Controlli per il Playback per
riprodurre la vostra partitura.
• Mantenendo premuta la barra spaziatrice, cliccate su di una qualsiasi battuta.
Ugualmente, Finale riproduce il vostro brano, questa volta a partire dalla misura
cliccata. Per fermare la riproduzione, cliccate un punto qualsiasi dello schermo.
• Mentre premete ! (Mac: b)e la barra spaziatrice, trascinate il puntatore
avanti e indietro lungo le note della partitura. Questa funzione di “scrub” vi
permette di controllare parti differenti della partitura senza dovere ascoltare l’intero
brano.
Potrete porre in riproduzione qualsiasi documento di Finale usando sia il metodo
“Barra spaziatrice-click” sia i Controlli per il Playback.
La funzione Human Playback presente in Finale consente l’interpretazione durante la
riproduzione dei segni di dinamica, agogica e delle abbreviazioni e abbellimenti
seguendo un’interpretazione “umana” nelle Opzioni per il playback e selezionatelo
dal sottomenu Human Playback.

66 Installazione & Tutorial


Tutorial 1b: Inserimento rapido

DEFINIZIONE DEL TEMPO METRONOMICO INIZIALE


Finale prevede vari modi di definire il tempo per un brano. Nel Tutorial 6, ad
esempio, impareremo come fare in modo che indicazioni agogiche del tipo di
Allegro, Presto, e ritardando controllino effettivamente il tempo di riproduzione. Per
adesso, però, definiremo il tempo nel modo più veloce.
• Selezionate nuovamente l’opzione Controlli per il Playback del menu Finestre.
Ricompariranno i Controlli per il Playback. Notate il comando Opzioni (il riquadro
con l’altoparlante) (in Macintosh è il triangolino alla sinistra).
• Cliccate sull’icona di altoparlante (Mac: triangolo a sinistra). La finestra Controlli
per il Playback si espande e vi permette di accedere alle opzioni “nascoste”.
• Eseguite un doppio click sul box di testo Tempo (che in Windows è già presente
senza bisogno di espandere la finestra) e digitate 200. Potete anche cliccare le
piccole frecce per aumentare o diminuire il numero nel box. L’unità di misura per il
tempo metronomico può essere scelta nell’apposito menu a discesa “Tempo”.
• Cliccate Play. Finale entra in riproduzione a un tempo più veloce.
• Selezionate l’opzione Salva del menu File. Ricordate di salvare sempre il vostro
lavoro alla fine di ogni sessione.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Se volete proseguire, lasciate in memoria “Oh, Susanna”. Altrimenti selezionate Esci
nel menu File. Il successivo tutorial si occuperà della scrittura in tempo reale con
HyperScribe.

Installazione & Tutorial 67


Tutorial 1b: Inserimento rapido

68 Installazione & Tutorial


Tutorial 1c: 1c:
Tutorial HyperScribe - suonando
HyperScribe - Scrivere

Scrivere suonando

Sino ad ora abbiamo analizzato i modi per inserire simboli musicali in partitura
agendo nota per nota. La funzione Inserimento semplice è utile per il lavoro senza
una tastiera MIDI, mentre Inserimento rapido si avvale del sintetizzatore per
aumentare ancora la velocità di lavoro.
Una delle funzioni più utili di Finale è la possibilità di trascrivere un’esecuzione dal
vivo in tempo reale. Allo scopo potremo usare lo Strumento HyperScribe, in grado di
trascrivere la vostra esecuzione mentre essa avviene.
Se non possedete uno strumento MIDI, o un microfono per usare il MicNotator
(consultate il manuale utente in linea alla voce MICNOTATOR per avere le istruzioni
su come regolarlo e utilizzarlo all’interno degli Strumenti per l’inserimento della
musica come HyperScribe e Inserimento rapido), saltate al Tutorial 2.

INTRODUZIONE A HYPERSCRIBE
Ogni volta che si preme un tasto del sintetizzatore, il computer ad esso collegato
riceve alcune informazioni tramite il cavo MIDI: quale tasto è stato abbassato, con
quale forza, per quanto tempo. Ma, per convertire la vostra esecuzione in notazione
convenzionale, il computer deve sapere quale sia il rapporto tra la durata della nota,
l’unità di movimento e l’unità di battuta.
In passato, i programmi musicali risolvevamo il dilemma generando un click
metronomico mentre si suonava. In altre parole, il computer stesso forniva un punto
di riferimento, forzando l’esecutore a conformarsi al metronomo del computer.
Finale, pur offrendo sempre questa opportunità, introduce anche un nuovo concetto:
il metronomo generato dal musicista. In questo modo il computer riceve i suoi punti
di riferimento ad ogni movimento della battuta e il musicista è libero di accelerare o
rallentare la propria esecuzione.
In più, Finale vi lascia la massima libertà nella scelta di come battere il tempo. Se
suonerete una singola linea melodica, potrà essere comodo il battere il tempo su di
un tasto molto grave o molto acuto della tastiera, con l’altra mano. Suonando con due
mani si potrà scegliere di battere il tempo con un pedale. Ogni Controller MIDI, dal
Breath Controller alla Modulation Wheel, può essere impiegato per battere il tempo.
HyperScribe, (così viene chiamata questa funzione) può essere estremamente
accurato. Dovrete in primo luogo definire alcuni valori relativi alla vostra esecuzione:
• A quale valore ritmico corrisponde il vostro movimento? Battete i quarti o gli
ottavi?
• Ci saranno voci interne o terzine?

Installazione & Tutorial 69


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

Nel presente Tutorial analizzeremo il modo in cui le definizioni da voi operate


influenzano la trascrizione del brano.
Per usare HyperScribe non è necessario essere dei virtuosi della tastiera. Potete
suonare lentamente a vostro piacimento e HyperScribe vi permetterà di inserire la
musica in partitura facilmente e agevolmente, in particolar modo quando si tratta di
linee melodiche singole o semplici. Se siete un copista, per esempio, potreste arrivare
a preferire HyperScribe per l’inserimento veloce e accurato delle note. Se non
utilizzate una tastiera, potrete comunque registrare la musica suonando il vostro
strumento, come un clarinetto o un saxofono. Si veda, in proposito, la sezione
MicNotator nella documentazione in linea.
Nelle prossime sezioni sperimenteremo questa nuova funzione. Per una disamina più
accurata delle definizioni che possono essere operate, controllate la documentazione
alla voce REGISTRARE CON HYPERSCRIBE, o all’Appendice “Guida alle
impostazioni di quantizzazione”.

CREARE UN DOCUMENTO NUOVO PREDEFINITO


Vi sono centinaia di variabili nella creazione di musica destinata alla pubblicazione
editoriale: spessore delle linee del rigo, dimensione delle note, distanza fra alterazioni
nell’armatura di chiave e così via.
Potete sempre definire personalmente una a una tutte le variabili, ma per la
stragrande maggioranza delle situazioni, questo è stato già fatto per voi in un file
predefinito chiamato “Maestro font default” che si trova all’interno della cartella di
Finale. Questo non è altro che un file vuoto senza musica avente già preimpostate
tutte le variabili di cui sopra.
• Selezionate l’opzione Nuovo del menu File, quindi Documento predefinito. Finale
aprirà un nuovo documento chiamato “Senza titolo”, il cui formato dipende dal file
di default (Maestro font default) posto nella cartella di Finale.
• Dal menu Visualizzazione, scegliete Scala la Visualizzazione al, quindi selezionate
il 75%. Ora dobbiamo assicurarci che le impostazioni siano corrette per il nostro
esperimento.

CLICK E BATTUTE A VUOTO


• Dal menu Documento, scegliete Click e battute a vuoto. Apparirà la finestra di
dialogo Click e battute a vuoto, che vi permette di controllare una serie di
impostazioni relative alle caratteristiche del click metronomico e del conteggio “fuori
misura” prima di iniziare. Per esempio, potete dire a Finale di far sentire il click
metronomico durante la riproduzione del brano; oppure di battere due misure a
vuoto prima di iniziare la registrazione, in modo da prepararvi a partire con il giusto

70 Installazione & Tutorial


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

ritmo. Le impostazioni predefinite dovrebbero essere corrette, ma in ogni caso è


meglio verificare.

• Dalla lista a discesa Batt. a vuoto, selezionate Durante la registrazione.


• Nel campo di testo Misure, digitate il numero di battute a vuoto che volete
ascoltare prima di iniziare la registrazione. L’impostazione predefinita è 2.
• Dalla lista a discesa Click, selezionate Durante la registrazione.
• Cliccate su OK. Ritornerete alla partitura. In questo modo abbiamo chiesto a Finale
di battere due misure a vuoto prima di iniziare a registrare e di far sentire il click
metronomico durante la registrazione. Ora istruiamo Finale affinché fornisca lui il
tempo e non voi.

TRASCRIVERE UNA SCALA (CON IL CLICK)


• Cliccate sullo Strumento HyperScribe g. Vedrete comparire, sulla barra dei menu,
un nuovo menu chiamato HyperScribe, mediante il quale opereremo le definizioni
necessarie alla trascrizione.
• Nel sottomenu Sorgente della pulsazione del menu HyperScribe, selezionate
l’opzione Playback e/o click. Dovrete specificare al programma un segnale per
iniziare a registrare, impostare il tempo per la registrazione, e indicare se volete o
meno ascoltare gli eventuali altri righi mentre registrate. Le impostazioni predefinite
prevedono una indicazione metronomica pari a 96 alla semiminima, e l’avvio della
registrazione a seguito dell’invio di un qualsiasi segnale MIDI. Notate inoltre che è
possibile accedere alla finestra Click e battute a vuoto direttamente dall’interno di
questa finestra cliccando sul pulsante relativo.

Installazione & Tutorial 71


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

• Cliccate su OK. Ecco fatto! Finale ora è pronto per fornirvi un click metronomico.
• Dal menu HyperScribe, scegliete Modalità di registrazione. Assicuratevi sia
selezionata l’opzione Registra in un rigo. Per questo test abbiamo bisogno di un solo
rigo.
• Cliccate sulla prima battuta. Vedrete la battuta circondata da una cornice
tratteggiata indicante che Finale è pronto ad iniziare la registrazione.
Facciamo una prova. Non ha importanza se si suona staccato o legato: HyperScribe
prolungherà ciascuna nota sino all’inizio della nota o del movimento seguente, in
modo di evitare inutili pause disseminate nella musica alla fine della procedura.
Finale sta aspettando l’invio di un qualsiasi segnale MIDI per iniziare la registrazione,
potete premere ad esempio un tasto qualsiasi o il pedale del sustain.
• Suonate una nota sulla tastiera. Finale inizia a battere il tempo metronomico e
dovete aspettare il completamento delle due battute a vuoto. Se non sentite il click
del metronomo provate a controllare la sezione COME CONFIGURARE IL VOSTRO
SISTEMA MIDI, nel capitolo Installazioni di questo volume. Eventualmente consultate
anche il manuale dell’utente alla voce FINESTRA DI DIALOGO IMPOSTAZIONI MIDI.
• Al termine delle due battute a vuoto, suonate una scala di Do Maggiore di due
ottave con la mano destra, in semiminime, a iniziare dal Do centrale.

72 Installazione & Tutorial


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

Mentre suonate, Finale inserisce le sole teste delle note sino a riempire una battuta,
quindi fa comparire la notazione completa e passa alla battuta seguente, e così via.
• Quando avete terminato, cliccate su un punto qualunque dello schermo. La cornice
di modifica scomparirà. Scorrete le battute suonate e osservate il risultato ottenuto:
avete scritto correttamente la vostra scala di Do? Se questo non fosse successo,
provate a rallentare il tempo nella finestra Playback e/o Click. Ora scriviamo una vera
e propria melodia, ma saremo noi a fornire il tempo a Finale.

TRASCRIZIONE DI UNA MELODIA (CON IL TAP)


Prima di iniziare la trascrizione della vostra melodia, dovete modificare alcune
impostazioni, come le battute a vuoto.
• Cliccate sullo Strumento HyperScribe g.
• Nel sottomenu Sorgente della pulsazione del menu HyperScribe, selezionate
l’opzione Tap (anche nel caso in cui fosse già selezionata). Dovrete specificare al
programma quale tasto, pedale o altro Controller MIDI userete per battere il tempo. Il
box di dialogo mette a disposizione diverse possibilità di scelta: il pedale di Sustain,
un pedale di Sustain “invertito” come capita in alcuni strumenti Yamaha, un tasto del
sintetizzatore o un altro controller MIDI.
Per questa prova, useremo un tasto. Se conoscete il numero di nota MIDI del tasto
che intendete usare, potete inserirlo direttamente nella casella di testo MIDI Note
(Do centrale = 60). Altrimenti potete fornire l’informazione richiesta semplicemente
suonando il tasto stesso:
• Cliccate su Ascolto. Finale è ora in grado di ricevere i dati inviati dal vostro
strumento MIDI.
• Suonate il Do posto un’ottava sotto il Do centrale. Ovviamente, qualsiasi nota può
essere usata come Controller MIDI.
Se tutto è collegato correttamente, la finestra “Finale è in ascolto...” scomparirà e il
programma visualizzerà il numero del tasto da voi scelto come nota MIDI.
• Nella sezione Pulsazione, assicuratevi sia selezionata l’icona della semiminima. In
altre parole, state indicando che ogni “tap” equivarrà ad una semiminima.

Installazione & Tutorial 73


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

• Cliccate su OK. Ritornerete alla partitura.


• Cliccate sulla prima battuta. Non dovrete più effettuare altre definizioni nel menu
HyperScribe menu; Finale ricorda le regolazioni effettuate in precedenza. Non
dovrete neppure cancellare la scala che avete inserito prima: ciascun passaggio di
HyperScribe cancella il materiale registrato in precedenza.
• Suonate “My Country, ‘Tis of Thee” come mostrato in figura. Ricordate di battere i
quarti con regolarità usando la mano sinistra sul Do posto un’ottava sotto al Do
centrale. Non dimenticate di battere un quarto in più al termine della frase registrata.

• Al termine, cliccate su un punto qualunque dello schermo. Scorrete indietro alla


prima battuta. Ora, cliccando ripetutamente l’area grigia della barra di scorrimento

74 Installazione & Tutorial


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

orizzontale a destra del cursore di scorrimento, esaminate il brano. Scorrete le battute


suonate e osservate il risultato ottenuto: tutto è stato trascritto correttamente tranne,
probabilmente, l’ultima nota. Ciò perché, come accennato, Finale non trascrive le
note comprese in un movimento sino a che non viene iniziato il movimento
seguente. Per assicurarvi di trascrivere tutte le note suonate, pertanto, dovrete
sempre battere un tempo in più alla fine dell’inserimento, per consentire la
trascrizione delle ultime note suonate.
Quando avrete presa confidenza con la trascrizione di una melodia singola, potrete
provare a suonare con due mani, mentre battete il tempo con un piede sul pedale.

DEFINIZIONE DI MODULI RITMICI E FIGURAZIONI


Negli esercizi precedenti abbiamo usata la definizione iniziale di Finale, che
assumeva come unità di movimento la semiminima. Nel prossimo esperimento
creeremo un brano in N e dovremo perciò apportare alcune modifiche alle definizioni
preesistenti di HyperScribe.
• Cliccate sullo Strumento Indicazione di tempo d.
• Fate doppio click sulla prima battuta. Vedrete comparire il box di dialogo
Indicazione di tempo.
• Cliccate due volte la freccia sinistra della barra di scorrimento superiore. Ciò potrà
stupirvi: stiamo tentando di cambiare la metrica in N, per cui ci aspetteremmo che il
numero superiore sia un 6. E perché allora stiamo sottraendo movimenti (e il loro
numero è divenuto ora 2)? Continuiamo a leggere.
• Cliccate una volta la freccia destra della barra di scorrimento inferiore.
Aumentando l’unità di movimento ad una semiminima puntata, anche l’operazione
precedente acquista un senso: in effetti due quarti puntati costituiscono una metrica
di N.
Con queste definizioni è possibile ottenere ben più che la semplice regolazione della
metrica; esse determinano anche le figurazioni che verranno impiegate dai
raggruppamenti. Se avessimo aumentato il numero superiore sino a 6 e diminuita
l’unità di movimento sino agli ottavi, avremmo ottenuto una situazione di questo
genere:

nella quale però ci saremmo trovati privi del raggruppamento automatico delle note.

Installazione & Tutorial 75


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

Specificando invece una metrica di N costituita da due quarti puntati, abbiamo istruito
Finale a raggruppare automaticamente le note che fanno parte di uno stesso
movimento, ossia a gruppi di tre crome.
• Selezionate Dalla misura 1 sino alla fine del brano (se non è già selezionato).
• Cliccate su OK.

TRASCRIZIONE A DUE MANI CON HYPERSCRIBE


• Cliccate lo Strumento HyperScribe g. Vedrete comparire il menu HyperScribe.
• Selezionate l’opzione Tap dal sottomenu Sorgente della pulsazione del menu
HyperScribe. Dato che stiamo per suonare un brano in N , dovremo specificare al
programma che batteremo il tempo con il piede ad ogni semiminima puntata.
• Cliccate l’icona della semiminima puntata. La stessa icona andrebbe cliccata per
brani in 3/8, 9/8, o 12/8.
• Selezionate Pedale standard del sustain. In questo modo state dicendo a Finale che
batterete il tempo sul pedale del sustain invece di utilizzare un tasto qualsiasi della
tastiera MIDI.
• Cliccate su OK.
• Selezionate Impostazioni di quantizzazione dal menu Documento. Apparirà la
finestra di dialogo Impostazioni di quantizzazione.
• Sotto il riquadro Valore della figura più breve, cliccate sulla croma. Il senso ritmico
di Finale è più raffinato del nostro; infatti è in grado di percepire suddivisioni
ritmiche sino al 1024esimo di semiminima. (Questi piccoli incrementi di durata
vengono chiamati ENIGMA Durational Units, o EDUs). Poiché la percezione di
Finale è così precisa, il programma deve arrotondare, o quantizzare, ciascuna nota
della vostra esecuzione allineandola all’ottavo più vicino (o alla figurazione ritmica
che desiderate impostare), in modo da convertire l’esecuzione in una notazione
leggibile. Poiché in un tempo di 6/8 la ritmica più usata è spesso l’ottavo, che in
questo caso è il valore da voi ora impostato.
• Cliccate su OK. Ora il programma “sa” che batterete il tempo con un piede sul
pedale, che batterete i quarti puntati e specificato un valore di quantizzazione. Un
altro parametro deve però essere impostato: voi state per scrivere su due righi, ma
dovete specificare il punto di suddivisione, ossia una nota della tastiera MIDI, al di
sotto della quale tutte le note verranno trascritte sul rigo inferiore, mentre le note
superiori verranno trascritte sul rigo superiore.
• Dal sottomenu Modalità di registrazione del menu HyperScribe, scegliete
Suddividi in due righi. Se avete familiarità con i numeri delle note MIDI (Do
centrale=60), potete inserire il numero relativo nel campo di testo Suddividi alla nota

76 Installazione & Tutorial


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

MIDI. È comunque molto facile definire il punto di suddivisione semplicemente


suonando il relativo tasto.
• Cliccate su Ascolto. Finale vi chiederà di suonare il tasto relativo alla nota che
intendete usare come punto di suddivisione.

• Suonate il Si sotto il Do centrale. Finale inserirà il numero della nota nella casella di
testo.
• Cliccate su OK. A questo punto siete pronti per partire. Tenete comunque presente
che Finale offre altre numerose e sofisticate opzioni, che potrete usare man mano che
acquisterete maggior familiarità con il programma.
• Scegliete Impostazioni di quantizzazione dal menu Documento; cliccate sul
pulsante Ulteriori impostazioni. Apparirà la finestra di dialogo Ulteriori
impostazioni di quantizzazione, che vi mostrerà un elenco di opzioni addizionali. Per
avere maggiori informazioni su questa finestra di dialogo, consultate la voce relativa
alla FINESTRA DI DIALOGO ULTERIORI IMPOSTAZIONI DI QUANTIZZAZIONE nella
documentazione in linea.
• Cliccate su Annulla due volte; quindi selezionate HyperScribe Opzioni dal menu
HyperScribe. Apparirà la finestra di dialogo Opzioni di HyperScribe che vi mostrerà
un elenco di opzioni addizionali. Per avere maggiori informazioni su questa finestra
di dialogo, consultate la voce relativa alla finestra di dialogo Opzioni di HyperScribe
nella documentazione in linea.
• Cliccate su OK. Avete completate le definizioni necessarie. Ora il programma “sa”
che batterete il tempo con un piede sul pedale, che batterete i quarti puntati, che la
musica dovrà essere quantizzata sugli ottavi e suddivisa tra le due mani a seconda che
le note si trovino al di sopra o al di sotto del Si sotto il Do centrale e che desiderate
registrare tutte le sfumature della vostra esecuzione.
Una buona definizione vi permette di ottenere i risultati migliori.
• Cliccate la prima battuta del rigo superiore. Suonate, ad esempio, un semplice
arrangiamento di “Chopsticks”, detta in italiano “I ciccioli”—il sottofondo usato
spesso nelle comiche mute, come appare in figura. Suonate quanto lentamente volete:

Installazione & Tutorial 77


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

l’importante è che battiate un piccolo colpo sul pedale di Sustain ad ogni movimento
di semiminima puntata, come indicato anche dalle frecce. Quando avrete terminato,
non dimenticate di battere un movimento extra per svuotare il buffer di HyperScribe.

• Al termine del brano, cliccate su un punto qualsiasi dello schermo. Tornate alla
prima battuta. Se tutto è stato eseguito regolarmente, dovreste avere ora una
trascrizione pulita e correttamente suddivisa de “I ciccioli”.
Se il rettangolo tratteggiato non si è mosso dalla prima battuta, qualcosa non
funziona nel vostro cablaggio MIDI. Se ad ogni battito del piede non compare un
punto nella finestra del buffer, il pedale non sta inviando segnali; controllate i
collegamenti.
Se ottenete una trascrizione poco accurata, controllate le definizioni operate nel
menu HyperScribe. Assicuratevi anche di battere il tempo in sincronia con le mani.
• Riproducete la vostra esecuzione (premete la barra spaziatrice e fate click sulla
prima misura). Finale riprodurrà la vostra versione de “I ciccioli” completa della
vostra dinamica e libertà ritmica, ma solo troppo velocemente (nel Tutorial 2
abbiamo impostato il tempo nei Controlli per il Playback su 200 battiti al minuto;
Finale ricorda sempre le ultime istruzioni ricevute).
In circostanze normali, Finale riproduce la musica, ma l’immagine a schermo non
cambia. Se lo desiderate, è possibile dire a Finale di far scorrere la musica durante la
riproduzione, in modo da poter seguire la partitura mentre suona.
Nota: Per far suonare un brano—in particolare un’ampia partitura—un computer deve
svolgere un notevole lavoro; se a questo deve aggiungere il compito di ridisegnare lo
schermo con una certa frequenza è facile intuire che lo sforzo complessivo di calcolo è

78 Installazione & Tutorial


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

veramente notevole. Di conseguenza, quando viene fatta scorrere la musica durante la


riproduzione, i Controlli per il Playback aiutano il computer utilizzando una parte del
tempo per preparare in anticipo una porzione di audio. Quindi, durante la
riproduzione, vengono computate solo le parti visibili.
• In Windows, cliccate sull’icona di altoparlante dei Controlli per il Playback per far
apparire la finestra Opzioni per il playback.
• In Macintosh cliccate sul triangolino di sinistra per espandere la finestra Controlli
per il Playback.
• Fate doppio click sulla casella Tempo e digitate 140.
• Dall’elenco a discesa Modalità, selezionate Scorrimento (nel caso in cui l’opzione
non sia già selezionata). In Windows chiudete la finestra cliccando su OK. In
Macintosh spostate la finestra Controlli per il Playback in basso a destra (in modo da
poter vedere la musica). Ora viene il bello:
• Cliccate su Play. La barra dei messaggi vi comunica che Finale sta pre-calcolando la
musica. Quando il tutto è finito, ascolterete nuovamente la versione de “I ciccioli” e
vedrete la musica scorrere contemporaneamente.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Sperimentate a piacere l’uso di HyperScribe. In particolare, provate a usare le
impostazioni di quantizzazione, che vi permettono di suonare sedicesimi o gruppi
irregolari e ottenere ugualmente una partitura pulita e dovutamente quantizzata.
Consultate la documentazione per avere ulteriori informazioni.
Chiudete il documento, se lo desiderate salvandolo.

Installazione & Tutorial 79


Tutorial 1c: HyperScribe - Scrivere suonando

80 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli
Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

Oltre alle note, nella creazione di un foglio di musica è necessario inserire molti altri
elementi: armature di chiave, indicazioni di tempo, testo cantato, ritornelli, accordi e
così via. Aprite il file chiamato “Tutorial 2” posto nella directory TUTORIALS; esso è
completo sino al punto da cui vogliamo partire per esplorare le capacità di Finale
nella creazione di un foglio guida.

MODIFICA DELL’ARMATURA DI CHIAVE


Provate a cambiare la tonalità dell’intero brano. Per questo esperimento scorrete
indietro sino a battuta 1.
• Cliccate lo Strumento Tonalità h. Apparirà una maniglia su ciascuna linea di
battuta.
• Fate doppio click sulla prima battuta (all’interno dei pentagrammi). Comparirà una
finestra di Dialogo. Finale visualizza una finestra di dialogo quando ha bisogno di
informazioni. In questa particolare finestra, useremo le barre di scorrimento per
scegliere la nuova tonalità. Cliccate la freccia verso l’alto per aggiungere diesis alla
tonalità (o sottrarre bemolli), verso il basso per aggiungere bemolli (o sottrarre
diesis).

• Cliccate due volte la freccia verso l’alto della barra di scorrimento, in modo da fare
scomparire le alterazioni. Ora osservate la parte inferiore della finestra di dialogo:

Installazione & Tutorial 81


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

Finale vi permette di specificare se volete o non trasportare le note al momento di


cambiare la tonalità. Lasciate queste definizioni come si trovano, e trasporterete tutto
il brano un tono sopra, in Do maggiore.
Ora specifichiamo quante battute vogliamo siano influenzate dalla nuova tonalità.
• Cliccate sul bottone “Da misura 1 sino alla fine del brano.”
• Cliccate OK. La finestra di dialogo si chiuderà e il vostro brano verrà
automaticamente trasportato in Do maggiore.

MODIFICARE L’INDICAZIONE DI TEMPO


• Cliccate lo Strumento Indicazione di tempo d, quindi cliccate sulla prima battuta.
Fate doppio click a metà della battuta (sulle linee del rigo). Cliccando la chiave o
l’area dell’armatura di chiave, non succederebbe nulla. Vedrete apparire il seguente
box di dialogo:

In questo box compaiono due barre di scorrimento: la superiore controlla il numero


dei movimenti, mentre l’inferiore controlla la durata di ogni movimento.
• Sulla barra di scorrimento superiore, cliccate due volte la freccia sinistra, sino a
cambiare il numero da 4 a 2. Se la metrica deve contemplare due note da una metà
per battuta (J), dobbiamo diminuire il numero superiore, che definisce il numero dei
movimenti per misura.
• Cliccate ora due volte la freccia destra della barra di scorrimento inferiore. La barra
inferiore definisce la durata di ogni movimento, ovvero il numero inferiore della
segnatura ritmica. Aumentiamo il valore da un quarto a una metà, portando il
numero da 4 a 2. Il box avrà assunto l’aspetto in figura:

82 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

• Cliccate su Dalla misura 1 sino alla fine del brano.


• Cliccate OK. Ora “Oh, Susanna” è in tempo a cappella. Finale usa normalmente per
questa metrica il simbolo di C. Se preferite invece vedere J, riferitevi alla voce TEMPO
TAGLIATO nella documentazione.

INSERIMENTO DEI TESTI CANTATI IN MODO “DIGITA IN PARTITURA”


Uno dei maggiori punti di forza di Finale è la sua capacità di trattare i testi sillabati
delle canzoni in modo intelligente. Se si dispone di un testo, completo dei trattini di
sillabazione tra le sillabe, Finale distribuisce automaticamente il testo sulla linea
melodica, evitando le note legate e le pause e centrando ogni sillaba sotto alla nota
corrispondente. Ogni sillaba resta così collegata a una nota; se quest’ultima viene
spostata, la sillaba ne segue i movimenti.
Esistono due modi per creare testi cantati con Finale. Possiamo digitare i testi
direttamente in partitura, in modo da seguire il lavoro passo per passo; questo
metodo viene detto Digita in partitura. O possiamo usare il più rapido modo
Assegnazione con il click, con il quale i testi vengono “battuti” nell’elaboratore di
testi di Finale e quindi incollati nella partitura in un’unica operazione. Il modo
Assegnazione con il click vi offre anche la possibilità di incollare i vostri testi
prelevandoli da altri programmi di elaborazione dei testi.
In questo Tutorial sperimenteremo entrambe le tecniche.
• Dal sottomenu Scala la visualizzazione del... nel menu Visualizzazione, scegliete
75%.

• Cliccate lo Strumento Testo cantato k . Vedrete comparire il nuovo menu


corrispondente.

Installazione & Tutorial 83


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

• Selezionate l’opzione “Digita in partitura” del menu Canto. Sul bordo sinistro dello
schermo vedrete comparire una serie di quattro triangoli di posizionamento
• Cliccate sul pentagramma al di sopra della prima nota della melodia. Non cliccate
la testa della nota. Cliccate invece un punto qualsiasi sopra di essa, all’interno del
rigo. Sotto alla prima nota comparirà un piccolo cursore lampeggiante: il punto di
inserimento.
• Digitate: “Oh, I come from Al-a-ba-ma, with a ban-jo on my knee.” Ogni volta che
digiterete uno spazio o un trattino, Finale sposterà automaticamente il punto di
inserimento sulla nota seguente, pronto all’inserimento della seguente sillaba.
Durante l’inserimento del testo, Finale scorre automaticamente lungo la partitura.
Mentre scrivete, vi insegneremo alcuni trucchetti che vale la pena conoscere. Se
commettete un errore di battitura, tornate semplicemente indietro premendo il tasto
$ (Mac k). Tornando sulla sillaba precedente, questa sarà selezionata,
permettendovi di sostituirla interamente con ciò che digiterete. Se volete modificare
una sillaba già inserita, cliccate all’interno del rigo sopra la sillaba in questione in
modo che essa sia selezionata; quindi scrivete la correzione.
Scrivendo il seguito di questo testo, incontreremo Alcune sillabe che debbono essere
tenute lungo due note della melodia:

In simili casi, saltate semplicemente oltre la nota legata mediante la barra spaziatrice.
Questa operazione serve anche per saltare oltre le pause.
• Finite di scrivere la prima strofa:
I’m [Spazio] goin’ to Lou’-si-a-na, my [Spazio] true love for to see. [Spazio]
Oh, Su-san-nah, now don’t you cry for me,
Oh, I come from Al-a-ba-ma with a ban-jo on my knee.
I quattro piccoli triangoli posti a sinistra dello schermo controllano la linea
dell’allineamento medio inferiore (linea base) del testo: la linea immaginaria su cui
insiste il bordo inferiore della parola. Trascinando il triangolo più a sinistra
scopriremo che possiamo spostare verso l’alto o il basso la linea base e tutto il testo ad
essa collegato.
Mentre si digita il testo, Finale immagazzina ogni sillaba in un elaboratore di testi

84 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

integrato, contenuto nella finestra Modifica il testo cantato. Vediamo come esso
funziona.
• Selezionate l’opzione Modifica il testo cantato del menu Canto. Nella finestra che si
apre vedrete la vostra strofa, sotto forma di testo lineare. Dobbiamo ricordare sempre
che il contenuto della finestra Modifica il testo cantato e il testo nella partitura sono
collegati dinamicamente. Modificando una sillaba nella finestra Modifica il testo
cantato, si ha la modifica automatica della stessa sillaba in partitura e viceversa.

Tra qualche istante ci serviremo di questa strofa. Per ora, copiamola nell’area di
memoria degli Appunti (Clipboard).
• Selezionate il testo trascinando su di esso il puntatore del mouse. Cliccate davanti
alla prima parola; mantenete premuto il tasto del mouse e trascinatene il puntatore
verso il basso. Il testo sarà così selezionato.
• Premete !-C (Mac a-C). Questa combinazione costituisce l’equivalente da
tastiera per il comando Copia. Anche se nulla sembra cambiato, una copia del testo si
trova ora negli Appunti.
• Cliccate OK per tornare alla partitura.
• Selezionate l’opzione Posizione all’inizio del menu Visualizzazione. Tornerete così
all’inizio della partitura.
La procedura Digita in partitura è comoda, ma non è la più veloce possibile per
l’inserimento di testo in partitura. Quando si lavora su partiture molto grandi o
quando si desidera importare il testo da un altro programma, è possibile usare il
metodo Assegnazione con il click, con il quale il testo viene inserito direttamente
nell’elaboratore di testi Modifica il testo cantato. A prescindere da quale procedura
preferiate, il metodo Digita in partitura resta utile per modificare rapidamente il testo
già inserito.
Nella prossima sezione impareremo come funziona il metodo Assegnazione con il
click. Per riportare la melodia alla sua forma originale priva di testo useremo il
comando Versione precedente di Finale, che riporta il documento nelle condizioni in
cui si trovava al momento dell’ultimo comando di Salva.

Installazione & Tutorial 85


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

• Selezionate l’opzione Elenco Annulla/Ripristina dal menu Modifica. Finale vi


mostrerà un elenco contenente tutti le modifiche effettuate. al documento. Sul lato
sinistro si trovano le azioni che è possibile annullare. Sul lato destro quelle che è
possibile ripristinare, nel caso in cui abbiate effettuato degli “Annulla”. Dobbiamo
annullare tutti gli inserimenti di testo cantato, di conseguenza scorrete verso il basso
sino a vedere la linea di testo più bassa relativa all’inserimento del testo cantato.
• Cliccate su questo testo onde indicare l’azione da annullare. In questo modo
intendete dire a Finale di tornare indietro nelle azioni sino al punto selezionato, di
conseguenza vengono evidenziate anche le altre azioni intermedie.
• Cliccate OK. Finale mostrerà “Oh, Susanna” com’era all’inizio della sessione di
lavoro.

INSERIMENTO DEI TESTI CANTATI IN MODO “ASSEGNAZIONE CON IL CLICK”


Con questo metodo inseriremo tutto il testo in una volta nell’elaboratore di testi di
Finale. Poiché il computer non deve aggiornare continuamente il testo come nel
modo Digita in partitura, la battitura risulta molto più rapida.
• Selezionate l’opzione Modifica il testo cantato del menu Canto. La finestra Modifica
il testo cantato è l’elaboratore di testi di Finale. Se avete usato il comando Versione
precedente, questa finestra sarà vuota. Ricordiamo però che l’intero testo si trova
negli Appunti. Tutto ciò che dobbiamo fare è incollarlo nella finestra.
• Premete !-V (Mac: a-V). Questa combinazione di tasti è l’equivalente da
tastiera per l’opzione di Incolla. Il testo compare nella finestra esattamente come lo
avevate inserito. La tecnica di Copia e Incolla che abbiamo appena imparata si rivela
utile in molti altri contesti: ad esempio per incollare testo copiato da un elaboratore
di testi esterno a Finale; o per copiare parti del testo da una posizione a un’altra
all’interno di Finale.
Il testo può essere modificato nella finestra Modifica il testo cantato come si farebbe
in un qualsiasi elaboratore di testi. Gli errori possono essere cancellati con il tasto
$ (Mac: k), il testo selezionato può essere copiato negli appunti con la
combinazione !-C (Mac: a-C) e di lì incollato con !-V (Mac: a-V). Il
testo può anche essere tagliato (Taglia) in modo da rimuoverlo dalla finestra per
copiarlo negli Appunti, pronto per essere incollato altrove. Il comando di Taglia è
!-X (Mac: a-X).
• Click OK. Tornerete alla partitura.

ASSEGNAZIONE DEL TESTO CANTO


• Selezionate l’opzione Assegnazione con il click del menu Canto. Comparirà una

86 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

piccola finestra orizzontale contenente il testo. La finestra può essere spostata


trascinandola per la barra del titolo.

Fate doppio click sulla


casella di controllo al Usate la barra del titolo per spostare la
termine della asse- finestra al di fuori della musica, se
gnazione con il click necessario. Usate la barra di
scorrimento
laterale per
Selezionate Auto cambiare tra un
aggiornamento se verso (o sezione,
state assegnando o chorus) e l’altro.
una sillaba alla
volta e volete che
Cliccate le frecce
Finale ridimensioni
destra o sinistra
le battute di Trascinate la casella di Cliccate nell’area grigia per far scorrere il
conseguenza scorrimento per per far scorrere il testo testo di una sillaba
dopo ogni click. spostarvi velocemente di un intera schermata. per volta in
in un altro punto del entrambe le
testo. direzioni.

Sul bordo sinistro dello schermo compaiono nuovamente i quattro triangoli.


Ricordiamo che essi controllano la linea di allineamento del testo. Trascinate il
triangolo più a sinistra verso l’alto o il basso per avvicinare o allontanare il testo dal
rigo.
• Posizionate il puntatore del mouse sul rigo nella posizione della prima nota della
melodia. il metodo Assegnazione con il click non funziona cliccando la testa della
nota: cliccate sul pentagramma.
• Cliccate una prima volta. La prima sillaba, “Oh,” salterà fuori dalla finestra di
Assegnazione con il click e si incollerà alla prima nota.

• Spostate il puntatore del mouse sulla seconda nota e cliccate il pentagramma. La

Installazione & Tutorial 87


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

sillaba seguente si è collegata alla sua nota.


Questo metodo è molto funzionale, ma può essere accelerato: premendo il tasto
! (Mac: b) è possibile distribuire tutto il testo con un solo click.
• Mantenendo premuto il tasto ! (Mac: b), cliccate la terza nota. Finale
assegnerà l’intero testo alle note del brano automaticamente.
• Fate click sul pulsante di chiusura posto nell’angolo superiore destro della finestra
Assegnazione con il click. Scorrete il vostro Foglio guida e controllate l’operazione
appena conclusasi. Probabilmente noterete un problema: a cominciare da battuta 5 il
testo “I’m goin’ to Lou’-si-a-na” non è stato assegnato correttamente alle note.

Ciò perché Finale non ha saltate, nella sua assegnazione, le note di passaggio;
operazione che nella procedura Digita in partitura avviene semplicemente premendo
la barra spaziatrice.
Questo problema può essere rapidamente corretto: in ogni punto in cui la sillaba
serve per più di una nota possiamo fare sì che Finale sposti tutto il testo verso destra
di una nota.
• Selezionate l’opzione Sposta il testo dal menu Canto. Vedrete comparire una
finestra di dialogo entro il quale specificare la direzione di spostamento delle sillabe.
La definizione di partenza “verso destra” è quanto ci serve.
• Cliccate OK.
• Cliccate il rigo sopra la sillaba “goin’.”

Cliccate qui

Finale sposterà la sillaba “goin’” e tutte le sillabe seguenti verso destra. Scorriamo poi
sino a quando incontreremo la parola “true,” anch’essa non correttamente assegnata.

88 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

• Cliccate la nota sopra alla parola “true.” Il testo è ora correttamente assegnato alla
musica.

AGGIUNTA DI UNA SECONDA RIGA DI TESTO


Come spesso accade, “Oh, Susanna” ha più di una strofa. Se non lavorate spesso con
testi musicati potete anche saltare questa sezione. Altrimenti, in essa imparerete
come inserire strofe multiple.
• Selezionate l’opzione Modifica il testo cantato del menu Canto. Vedrete comparire,
nella finestra di testo, la prima strofa. Notate come al fondo della finestra di dialogo
sia presente un elenco a discesa (attualmente impostato su Strofa) e una casella di
testo (attualmente impostata su 1), indicanti che state visualizzando il testo della
strofa 1.
• Cliccate la freccia superiore accanto alla casella di testo. La casella di testo mostra
ora il numero 2, indicante che Finale è pronto a ricevere la seconda strofa.
Questa volta, come esperimento, anticiperemo i passaggi nei quali una sillaba viene
usata per più di una nota, in modo da non dover usare il comando Sposta il testo
dopo avere inserito il testo.
Allo scopo, creeremo una sillaba invisibile all’interno del testo. Questa sillaba è
semplicemente un carattere vuoto. Premendo e mantenendo premuto il tasto @,
digitate sul tastierino numerico il numero 0160. Quando rilasciate il tasto @
verrà prodotto un carattere invisibile. Gli utenti Macintosh devono invece utilizzare
la combinazione b+barra spaziatrice. Finale considera il carattere “spazio” come
una sillaba autonoma, anche se esso è invisibile sullo schermo. Per avere maggiori
informazioni su come creare caratteri di questo tipo in ogni applicazione, cliccate su
Start (Avvio), selezionate prima Programmi e poi Accessori, quindi Mappa caratteri).
Ma ricordiamo che Finale si aspetta uno spazio o un trattino, come indicazione della
fine di una sillaba, sia questa visibile o invisibile; per “convincere” Finale che un il
carattere spazio è una sillaba invisibile, faremo seguire ciascuno spazio invisibile da
uno spazio normale.
NOTA IMPORTANTE: Con Finale vengono forniti due font aggiuntivi (LyricsTimes
e LyricsHelvetica) in grado di inserire al posto dello spazio invisibile una piccola
legatura fra le sillabe che condividono la medesima nota. I due font forniti sono
rispettivamente il font set Times e il font set Helvetica (Arial) con l'aggiunta di un
carattere per effettuare la legatura.
Selezionate uno dei due font come font predefinito per il testo cantato (Opzioni/
Opzioni del documento/Font (Caratteri), oppure selezionatelo nella finestra
MODIFICA DEL TESTO CANTATO.

Installazione & Tutorial 89


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

Per inserire la legatura tra le sillabe, in Windows tenete premuto @ e componete


il numero 0248 sul tastierino numerico (alt+0248), mentre in Macintosh premete alt
e il tasto del trattino di sillabazione (sopra il tasto mela a destra della barra
spaziatrice).
• Digitate la seconda strofa esattamente come la vedete scritta qui sotto. Create uno
spazio di sillaba invisibile (@-0160 o b+barra spaziatrice) dove indicato. Non
dimenticate di battere uno spazio normale prima e dopo di ogni spazio invisibile.
It [@-0160 o b+barra spaziatrice] rained all night the day I left, the wea-ther it
was dry,
The [@-0160 o b+barra spaziatrice] sun so hot I froze to death, Su-san-nah,
don’t you cry.
Oh Su-san-nah, now don’t you cry for me,
I [@-0160 o b+barra spaziatrice] come from Al-a-ba-ma with a ban-jo on my
knee.
• Cliccate OK.
• Selezionate l’opzione Assegnazione con il click del menu Canto.
• Fate !-click (Mac: b-click)sul rigo sopra alla prima nota. Se avete inserito il
testo correttamente, Finale posizionerà la seconda strofa senza problemi. Gli spazi
delle sillabe invisibili da voi aggiunti faranno in modo che tutte le sillabe siano
allineate con le loro note.
Se desiderate modificare la posizione verticale della seconda strofa, trascinate la più a
sinistra delle quattro “maniglie” di posizionamento verso l’alto o il basso.
Finale aggiungerà automaticamente le linee di estensione alle sillabe che necessitano
di questi elementi.

Trascinate il triangolo più a sinistra


in su o in giù per aggiustare la
linea base del testo della lirica
(ossia la linea immaginaria sulla
quale si allinea la parte inferiore
dei caratteri)

• Dal menu Canto scegliete Modifica le linee di estensione. Appariranno delle


maniglie al fondo delle linee di estensione.
• Cliccate sulla maniglia di una linea di estensione e trascinatela a destra per
allungarla o a sinistra per accorciarla. Premete k per eliminare le linee di
estensione.

90 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

LO STRUMENTO RIPETIZIONE
Per finire, il vostro Foglio guida necessita dei simboli di ritornello con un finale
primo e secondo e richiede l’uso dello Strumento Ripetizione (Ritornello).
In Finale, un ritornello è semplicemente un simbolo che devia il flusso delle
riproduzione musicale su di un’altra battuta. Un ritornello non deve
obbligatoriamente inviare il sequencer a una battuta posta più indietro; esso può far
sì che la riproduzione musicale salti verso una battuta posta più avanti, come capita
quando si usa un simbolo per una coda. Con Finale è possibile costruire ritornelli
“nidificati”, circoli infiniti, oppure servirsi di simboli puramente grafici, che non
hanno effetto alcuno sulla riproduzione.
Nel Foglio guida di “Oh, Susanna” dovrete in realtà inserire diversi simboli di
ritornello: uno all’inizio della partitura, più un finale primo e un finale secondo. Per
far sì che i finali di ritornello funzionino correttamente, dovremo modificare l’inizio e
la fine della musica stessa, adattare il testo e inserire la battuta relativa al primo
ritornello. La partitura avrà un aspetto di questo genere:

Inizio... ...Fine

Se ve la sentite, potete tentare queste modifiche da soli. Dovrete cancellare la prima


sillaba della seconda strofa, riscriverla alla fine della prima strofa (nella finestra
Modifica il testo cantato) e quindi “cliccarla” inserendola alla fine della partitura
mediante l’opzione Assegnazione con il click del menu Canto. Dovrete inoltre usare
lo Strumento Inserimento rapido a per modificare le note dei finali primo e secondo
e lo Strumento Misure z per creare una battuta in più.
Se non volete faticare troppo, aprite il documento “Tutorial 2a” nel quale queste
modifiche sono già state effettuate.
In entrambi i casi, tornate all’inizio del brano. Battuta 1 è una battuta in levare,
quindi il primo ritornello dovrà apparire all’inizio di battuta 2.
Lo Strumento Ripetizione è stato pensato per consentire un facile inserimento delle
stanghette di ritornello e dei finali di ritornello più usati utilizzando i menu
contestuali. Cliccando con il pulsante destro del mouse (Mac b-click) sulle
misure o sulle regioni selezionate, potrete agevolmente inserire e modificare le
indicazioni di ritornello senza perdere di vista la vostra partitura. Ora aggiungiamo
un ritornello con Finale primo e secondo.

Installazione & Tutorial 91


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

• Cliccate sullo Strumento Ripetizione x. La misura 1 è una misura in levare, di


conseguenza la prima stanghetta di ritornello dovrà apparire all’inizio di battuta 2.
• Gli utenti Windows clicchino con il pulsante destro del mouse (Mac b-click)
sulla misura 2. Apparirà un menu contestuale all’interno del quale avrete a
disposizione diverse opzioni.
•Scegliete Crea la stanghetta di
ritornello in avanti. Apparirà una
stanghetta di ritornello in avanti
all’inizio della misura 2. Notate
inoltre che è possibile effettuare la
medesima operazione cliccando sulla
misura 2 e scegliendo Crea la
stanghetta di ritornello in avanti dal menu Ripetizione.
Ora tutto quello che dobbiamo fare è creare il finale primo e secondo. Il Finale primo
deve iniziare a battuta 17, quindi spostiamoci in partitura sino a rendere visibile la
misura 17.
• Gli utenti Windows clicchino con il pulsante destro del mouse (Mac b-click)
sulla misura 17. Nel caso in cui un Finale primo fosse più lungo di una battuta,
dovete selezionare la regione di misure che vi interessa e poi far apparire il menu
contestuale.
• Scegliete Crea il Finale primo e secondo. Finale inserirà un finale primo sulla
misura selezionata e un finale secondo sulla misura successiva. Questo è tutto! La
ripetizione è inoltre già definita correttamente per il playback e quando andrete in
riproduzione il flusso musicale rispetterà le indicazioni di ritornello.
Per rimuovere una stanghetta di ritornello o le parentesi dei finali, cliccate sullo
Strumento Ripetizione e poi cliccate nella misura contenente l’indicazione di
ritornello che volete eliminare. Selezionate la relativa maniglia e premete Canc. sulla
tastiera del computer (Mac $).
Non preoccupatevi se il vostro foglio guida termina con una sola battuta lunga
quanto l’intero ultimo rigo, la metteremo a posto durante il Tutorial 4.
Anche se lo Strumento Ripetizione vi permette di risparmiare molto tempo, potrete
trovare un’esauriente spiegazione di come funziona lo Strumento per i ritornelli nella
documentazione in linea alla voce “Strumento Ripetizione.”

SIGLE PER GLI ACCORDI (SEZIONE OPZIONALE)


Un vero Foglio guida richiede la presenza delle sigle per gli accordi. Con un piccolo
aiuto da parte della vostra tastiera MIDI, l’inserimento degli accordi sarà

92 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

estremamente veloce. (Se la maggior parte del vostro lavoro non prevede l’utilizzo
delle sigle degli accordi, potete saltare questa sezione).
Questa sezione richiede che si sia completato il Foglio guida di “Oh, Susannah” nel
modo descritto nella sezione precedente. Se così non è , selezionate l’opzione Apri del
menu File; aprite il documento “Tutorial 2b” (che è completo sino a questo punto) e
proseguite nella lettura.
NOTA BENE: Per le esigenze di questo Tutorial, le sigle degli accordi saranno
inserite secondo lo stile anglosassone (A=La, B=SI, ecc...). Per utilizzare lo stile
italiano (che non deve essere confuso con lo stile Solfeggio presente nel menu di
Finale, in quanto corrispondente al nostro Do mobile), leggete il paragrafo SIGLE
DEGLI ACCORDI IN ITALIANO alla fine di questa sezione.
• Tornate alla prima battuta del brano, se necessario.
• Cliccate lo Strumento Accordi 2. Vedrete comparire il menu Accordi. Le cinque
opzioni più in alto nel menu servono all’inserimento degli accordi: Inserimento
manuale (gli accordi si inseriscono manualmente digitandone le cifre in un apposito
box); Digita in partitura (funziona nello stesso modo della corrispondente funzione
per il testo cantato); Inserimento via MIDI (gli accordi si inseriscono suonandoli
sulla tastiera); Analisi su un rigo (Finale analizza ogni singola nota degli accordi da
voi cliccati sul rigo); e Analisi su due righi (Finale analizza l’accordo completo, anche
se questo è suddiviso su due righi, come in un arrangiamento per piano). Possiamo
anche selezionare l’opzione Modifica gli accordi appresi, con la quale è possibile
“insegnare” A Finale a “riconoscere” accordi inusuali o particolarmente complessi.
• Selezionate l’opzione Inserimento via MIDI del menu Accordi. Se non usate uno
strumento MIDI, non preoccupatevi: inserire le cifre per gli accordi in partitura è
altrettanto semplice anche senza fare uso del MIDI. Consultate la documentazione
alla voce SIMBOLI DEGLI ACCORDI.
• Cliccate la prima nota della seconda battuta. Apparirà un piccolo orecchio sopra al
rigo. Ciò indica che Finale è pronto a ricevere l’accordo da voi suonato.
• Suonate una triade di Do Maggiore, in posizione fondamentale, sul sintetizzatore.
Non importa la disposizione delle voci nell’accordo o la loro ottava; assicuratevi
semplicemente che al basso ci sia un Do.
Finale inserisce la sigla per l’accordo, C, sopra al rigo.

Installazione & Tutorial 93


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

Ora dobbiamo spostare il puntatore del mouse verso destra, per prepararci a inserire
la sigla seguente. Per segnalare a Finale che desideriamo posizionarci sull’accordo
seguente, suoniamo una nota qualsiasi più acuta del Do centrale.
• Suonate una singola nota qualsiasi più acuta del Do centrale. Se volete spostarvi
all’indietro, suonate una singola nota più grave del Do centrale.
• Suonate altre tre note singole più acute del Do centrale. Il cursore con l’orecchio si
è così spostato sul battere seguente, dove l’armonia cambia.

• Suonate un altro accordo di Do maggiore, questa volta in primo rivolto (Mi al


basso):

Finale scriverà C/E—per indicare un accordo di Do maggiore con il Mi al basso.


• Continuate ad aggiungere accordi in questo modo: spostatevi sul punto seguente
premendo un singolo tasto più acuto del Do centrale e quindi suonate l’accordo
desiderato. Se l’accordo da voi suonato non si trova in posizione fondamentale,
Finale lo scriverà come triade posta sopra alla nota del basso, separate da una
barretta. Potrete inserire qualsiasi simbolo per gli accordi da voi desiderato, come è
mostrato nell’esempio seguente.

94 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

Vedrete come Finale non abbia problemi nella trascrizione dell’accordo G7 di battuta
5. Possiamo suonare accordi di settima, di nona, accordi eccedenti, diminuiti, e
persino accordi più complessi: Finale non avrà nessun problema a riconoscerli.
Inoltre potremo persino insegnare a Finale a riconoscere nuovi accordi.
Se commettete un errore, selezionate l’opzione Annulla del menu Modifica, cliccate la
nota e suonate nuovamente l’accordo.
Per segnalare a Finale che avete concluso l’inserimento degli accordi:
• Cliccate un punto vuoto qualsiasi dello schermo. Proseguite e ascoltate quanto
realizzato (premete la Barra spaziatrice e cliccate la prima battuta.) scoprirete che
Finale suona gli accordi ogni volta che ne incontra la sigla. (Questa funzione può
essere disattivata: vedete la documentazione alla voce SIMBOLI DEGLI ACCORDI.)
Per spostare la sigla di un accordo, assicuratevi che sia selezionato lo Strumento
Accordi. Selezionate l’opzione Inserimento manuale del menu Accordi e quindi
cliccate la nota cui l’accordo è collegata. Vedrete comparire la sua maniglia quadrata,
che potrete trascinare per spostare la sigla dell’accordo. Cliccando la maniglia e
premendo k (Mac: $), si cancella l’accordo. Se si esegue un doppio click
sulla maniglia stessa, si accede al box di dialogo Definizione dell’accordo (cliccate sul
pulsante di Aiuto per avere maggiori informazioni).
Supponiamo ora di volere inserire dei diagrammi intavolati per accordi di chitarra al
di sopra dei pentagrammi: nulla di più semplice.
• Selezionate l’opzione Mostra i diagrammi per chitarra del menu Accordi. Finale
inserisce istantaneamente i diagrammi al di sotto delle sigle per gli accordi. Se si
trasporta il brano, i diagrammi vengono modificati automaticamente!

Installazione & Tutorial 95


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

Per posizionare i diagrammi, selezionate l’opzione Posiziona i diagrammi per chitarra


del menu Accordi e trascinate il triangolo più a sinistra verso l’alto o il basso. Si veda
la documentazione alla voce DIAGRAMMI PER CHITARRA per una descrizione
completa della funzione.

SIGLE DEGLI ACCORDI IN ITALIANO. Per scrivere gli accordi in italiano avete a
disposizione due modalità:

Creare un file nuovo partendo da un Modello:


• Andate al menu File e scegliete Nuovo/Documento da Modello.
• Nella finestra di dialogo che appare andate nella cartella Modelli e selezionate
Accordi italiani.FTM.
• Si aprirà un documento vuoto già impostato per la scrittura degli accordi in italiano.
Per scrivere gli accordi dovete utilizzare le procedure standard di Finale per la
scrittura degli accordi (quelle illustrate precedentemente in questo capitolo). Dovete
scrivetere la sigla dell'accordo in inglese, dopo la digitazione questa verrà sostituita
dalla nota corrispondente in italiano.

Impostare un file esistente che non abbia gli accordi inseriti:


• Dal menu Documento, scegliete Opzioni del documento. Selezionate a sinistra Font
(caratteri).
• Nel menu a discesa Accordi, assicuratevi sia presente Simboli, cliccate sul pulsante
Carattere e scegliete dall'elenco a discesa "Carattere" il font Italy music (se lo
desiderate potete variare anche le dimensioni).
• Selezionate dallo Strumento Accordi la voce Inserimento manuale.
• Cliccate su di una nota qualsiasi, nella successiva finestra Definizione dell'accordo
cliccate su Avanzate e poi al fondo della finestra sul pulsante Seleziona che si trova
accanto a Suffisso.
• Nella finestra Selezione del suffisso dell'accordo, senza cliccare dentro la finestra, fate
scorrere la barra di scorrimento a destra sino al fondo dell'elenco dei suffissi esistenti
e fate shift-click sull'ultimo suffisso.
• A questo punto tutti i suffissi sono selezionati (neri). Premete il pulsante Cancella
per svuotare tutta la libreria di suffissi esistenti.
• Cliccate su Annulla in entrambe le finestre.
• Andate al menu File e selezionate Carica la Libreria.
• All'interno della cartella Librerie, fate doppio click sulla cartella Suffissi degli accordi

96 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

e poi fate doppio click su Accordi italiani.LIB per caricare la libreria. A questo punto
il documento è impostato per la scrittura degli accordi in italiano.
Ricordatevi che per scrivere gli accordi dovete utilizzare le procedure standard di
Finale per la scrittura degli accordi (quelle illustrate precedentemente in questo
capitolo). Dovete scrivere la sigla dell'accordo in inglese, dopo la digitazione questa
verrà sostituita dalla nota corrispondente in italiano. (Se desiderate utilizzare solo la
fondamentale in italiano, mentre volete mantenere per il suffisso la libreria inglese,
procedete solo per i primi due punti di queste istruzioni senza caricare la libreria
italiana).

LE VOCI INTERNE E I LIVELLI


Finale permette la creazione di un numero massimo di voices (voci) polifonicamente
indipendenti, per ogni rigo. (In ogni voce, un accordo può avere sino a 12 note, il che
dà un totale di 96 voci per ogni rigo). Nella maggior parte dei casi saranno sufficienti,
con tutta probabilità, due voci: una con i gambi in su e l’altra con i gambi in giù.
Questo tipo di notazione è particolarmente agevole in Finale perché ogni rigo può
disporre di quattro strati completamente indipendenti di note. Possiamo pensarli
come fogli trasparenti sui quali scrivere le note, ognuno indipendente dall’altro. Il
passaggio dall’uno all’altro dei Livelli è molto semplice, ed è possibile di volta in
volta “nascondere” gli “strati” su cui non si sta lavorando.
Ogni Livello può disporre di due voci di polifonia, dette Voce 1 e Voce 2, dando un
totale di otto voci possibili. Il meccanismo Voce 1/Voce 2 è leggermente macchinoso:
ne faremo uso quando ci serviranno più di quattro voci indipendenti per ogni rigo.
Dovremo comunque imparare a conoscerlo, perché ambo gli Strumenti HyperScribe
e Trascrizione trascrivono le voci secondarie come Voce 1 e Voce 2 nello stesso
Livelli.
Tratteremo questo esempio nel Tutorial 8.”
• Selezionate l’opzione Livelli di musica nella finestra Opzioni del documento del
menu Documento. Vedrete comparire una finestra di dialogo entro la quale potrete
definire il comportamento di ciascuna voce.

Installazione & Tutorial 97


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

• Per il Livello 1, selezionate l’opzione “Blocca gambi e legature,” e quindi


selezionate l’opzione “Su” del menu a comparsa. Quindi, selezionate l’opzione
“Blocca le legature nella stessa direzione dei gambi” e “Applica solo se vi sono
note negli altri Livelli”. Dopodiché selezionate l’opzione Livello 2 del menu a
comparsa “Impostazioni per”.
• Per il Livello 2, selezionate l’opzione “Blocca gambi e legature,” e quindi
selezionate l’opzione “Giù” del menu a comparsa. Poi, selezionate l’opzione
“Blocca le legature nella stessa direzione dei gambi” e “Applica solo se vi sono
note negli altri Livelli.” Quindi cliccate “Aggiusta le pause fluttuanti di,” e digitate
–4 nel box di testo. Così facendo abbiamo “detto” a Finale che ogni volta che
incontrerà due voci indipendenti dovrà disporre automaticamente le gambe delle
note poste sul Livello 1 verso l’alto, e le gambe delle note poste sul Livello 2 verso il
basso. Le legature, in casi del genere, dovranno spostarsi sul lato “sbagliato” per
evitare collisioni con l’altra voce. Quando sul Livello 2 compare una pausa, essa
appare quattro linee o spazi più in basso (–4) della sua posizione abituale. Tra
qualche istante, comunque, vedremo gli effetti della nostre definizioni.
Potremmo ripetere le definizioni operate per i Livelli 3 e 4, ma per ora sono
sufficienti due voci.

98 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

• Cliccate su OK. Ora, inseriremo la seconda voce nel Livello 2. Per fare ciò,
scopriremo anche l’uso dei pulsanti “1, 2, 3, 4” posti nell’angolo inferiore sinistro
dello schermo.
• Cliccate sul pulsante Livello 2 (in Macintosh scegliete Livello 2 dal menu popup)
posto nell’angolo inferiore sinistro dello schermo. Il Livello 2 diviene attivo per
tutti i righi.

• Digitate 10 nel Contatore delle Battute (angolo inferiore sinistro accanto ai


pulsanti dei Livelli) e premete j. Salterete a battuta 10.
• Cliccate lo Strumento Inserimento rapido a. Cliccate su Salta alla misura
successiva nel menu Inserimento rapido per disattivare l’opzione (nel caso in cui
non lo sia già). Cliccate nella battuta 10. Essa contiene una scala con i gambi delle
note in ambo le direzioni. Notate che cliccando la battuta, le note preesistenti del
Livello 1 divengono grigie, perché abbiamo reso attivo il Livello 2.

• Mentre suonate il La sotto il Do centrale sul sintetizzatore, premete il tasto 6.


Vedrete comparire una minima. Il gambo verrà immediatamente rivolto nella
direzione specificata (verso il basso).
(Stiamo assumendo che usiate uno strumento MIDI. Ma è comunque semplice
inserire la stessa nota anche senza strumento. Consultate la documentazione al
riguardo).
• Mentre suonate il La sotto il Do centrale sul sintetizzatore, premete nuovamente il
tasto 5.
• Premete d-’ (apostrofo) tre volte (Mac: d-freccia in su una volta) per
ritornare al Livello 1 (o cliccate sul pulsante 1 in basso a sinistra). La Cornice di

Installazione & Tutorial 99


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

modifica torna al Livello 1 e il Livello 2 appare grigio. Ricordate questa “scorciatoia”:


quando ci si trova dentro la Cornice di modifica è possibile commutare da un Livello
all’altro. d-apostrofo (Mac: freccia) vi sposterà in avanti dal Livello 1 verso il
Livello 4. (Attenzione: con la tastiera italiana la combinazione d-apostrofo
potrebbe non funzionare. Al suo posto tenete premuto il tasto @ e digitate 34 sul
tastierino numerico. Al rilascio del tasto @ otterrete il cambio di Livello).
• Premete 0 (zero) per uscire dalla cornice. Lo schermo verrà aggiornato.
Ci sono due particolari situazioni che potete incontrare lavorando con i Livelli. Il
primo caso si presenta quando la seconda voce inizia a metà di una battuta (destra),
dovremo riempire la parte precedente della misura con delle pause (sinistra).

Per rendere chiaro il fatto che la voce del Livello 2 inizia a metà battuta (destra), è
necessario inserire prima di essa delle pause “di riempimento” (sinistra). Per
nascondere le pause usate il tasto della lettera O.
In Inserimento rapido, posizionate la Barra di Inserimento su ciascuna pausa e
premete il tasto O (lettera). La pausa scomparirà istantaneamente, diventando un
semplice “segnaposto invisibile” per l’allineamento della seconda voce. Il tasto O
rende alternativamente visibili e invisibili sia le pause, sia le note.
Il secondo problema accade quando le note nei due Livelli si trovano a distanza di
seconda come in figura:

Si dovrà fare in modo da spostare una delle voci, per evitarne la sovrapposizione. La
soluzione consiste nel trascinare semplicemente ambo le note da un lato quando si
sta editando con lo Strumento Inserimento rapido a. (Le note, durante l’editing,
possono essere trascinate sia orizzontalmente, sia verticalmente. Premendo il tasto
d mentre trascinate, il puntatore del mouse potrà spostarsi solo perfettamente in

100 Installazione & Tutorial


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

orizzontale, o perfettamente in verticale, senza movimenti diagonali).


Esiste un’altra soluzione che consiste nell’utilizzare la funzione di Spaziatura
automatica della musica. Nella finestra di dialogo Opzioni di spaziatura della musica,
che si ottiene nel sottomenu Spaziatura della musica del menu Documento, vi sono
delle caselle di selezione che indicano a Finale di evitare la collisione fra due voci
disposte per unisono o per intervallo di seconda.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


In questo Tutorial abbiamo affrontato molti argomenti. Se siete arrivati in fondo,
congratulazioni! Selezionate l’opzione Salva del menu File, se ancora non lo avete
fatto. Se volete sospendere il vostro studio, selezionate l’opzione Esci del menu File.
Se invece volete proseguire, chiudete il documento e iniziate con il prossimo
Tutorial.

Installazione & Tutorial 101


Tutorial 2: Aggiungere i dettagli

102 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni
Tutorial 3: Articolazioni e
Espressioni
Ora che conoscete le tecniche fondamentali per inserire in partitura le note e per
modificarle, è tempo di imparare a conoscere le potenti funzioni di Finale dedicate
alla realizzazione della pagina musicale. Questa sezione è dedicata in particolare
modo a coloro che lavorano su grandi partiture, in particolare per orchestra.
Aprite il tutorial 3.

SEGNI DI ARTICOLAZIONE E DI ESPRESSIONE


Inseriremo ora alcuni segni di articolazione: ad esempio un accento. Tornate
all’inizio del brano.
• Cliccate lo Strumento Articolazioni t. Potete cliccare sopra, sotto, o sulla nota. I
simboli di articolazione in Finale sono “intelligenti”: vengono automaticamente
centrati sulla nota a cui appartengono.
• Cliccate una nota di minima (esempio battuta 2). Vedrete comparire il box
Selezione dell’articolazione.

Alcuni simboli, come U, sono stati disegnati in modo da capovolgersi


automaticamente quando cambia la direzione del gambo della nota (ad esempio, a

Installazione & Tutorial 103


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

causa di una trasposizione). I simboli cui è associato un uguale simbolo capovolto si


trovano fianco a fianco nello stesso quadrato del box, come viene qui mostrato:

• Fate doppio click sul simbolo di accento (prima riga, secondo quadrato da
sinistra). Eseguire un doppio click su di un simbolo di questo box ha lo stesso
risultato ottenuto cliccando una volta il simbolo e quindi cliccando Seleziona.
Tornati alla partitura potrete vedere che Finale non solo ha centrato l’accento sulla
testa della nota, ma ha anche saputo scegliere quale lato della nota usare (sopra o
sotto). La decisione di Finale può essere aggirata, naturalmente; per spostare il
simbolo trascinatene la maniglia. Per cancellarlo, cliccate la maniglia e quindi
premete k (Mac: $).
Per meglio comprendere cosa sta succedendo, facciamo una prova:
• Cliccate lo Strumento Inserimento rapido a, e quindi cliccate la battuta 2. Vedrete
comparire la cornice di Modifica.
• Cliccate esattamente sulla testa della minima; mantenendo premuto il tasto del
mouse, trascinate la nota con cautela verso l’alto sino a quando la direzione del
gambo cambia. Finale oltre a capovolgere la gamba della nota, collocherà dall’altro
lato l’accento. In effetti Finale è in grado di scegliere da solo la versione capovolta di
un simbolo quando la direzione della gamba viene a cambiare. Se inserite un simbolo
di corona u sotto a una nota, quando cambierà la direzione del gambo il simbolo di
corona verrà capovolto u.
• Cliccate sullo Strumento Espressione y. I simboli di Espressione fanno riferimento
alla battuta da voi cliccata o a una nota specifica di quella misura. Per il momento,
limitiamoci ad inserire un’indicazione di Allegro.
• Posizionate il puntatore del mouse sopra alla prima battuta del rigo Violino I.
Cliccate il punto in cui volete inserire il simbolo. Vedrete comparire la finestra di
dialogo Selezione dell’espressione legata alla partitura. (Se la finestra apparisse vuota,
vuol dire che nessuna libreria è stata caricata).

104 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

Queste sono le assegnazioni dei Metatool

Selezionate un’espressione, quindi cliccate


su Modifica per effettuare dei cambiamenti, o
su Cancella per cancellarla dalla lista (se non
è stata ancora usata nella partitura attuale).
Cliccate su Crea per aggiungere una nuova
espressione.

Cliccate per muovere un elemento


in su o in giù nell’elenco

Cliccate su Testo per visualizzare le


espressioni testuali come quelle qui presenti.
Cliccate su Disegno per visualizzare le
espressioni grafiche come i diagrammi dei
pedali per arpa e i segni di glissando.

Usate la barra di scorrimento per visualizzare


tutto l’elenco dei segni di espressione
disponibili.

Cliccate per selezionare a cosa debba


essere attaccata l’espressione

Notate i comandi Testo e Disegno posti in basso nella finestra. Essi permettono di
accedere a due distinte librerie. Quella che vedete, Testo, contiene solo parole. Anche
le indicazioni dinamiche (come p o f) sono semplicemente lettere del font musicale
Maestro.
Cliccando sul bottone Disegno, vedrete una nuova serie di simboli, contenente solo
forme grafiche: legature, forcelle, glissandi, ecc. Queste, contenute nella libreria delle
espressioni disegnate, sono state create in origine con il programma integrato di
grafica Strumento Disegno.
(Si veda la documentazione alla voce Strumento Disegno e il Tutorial 8).
Notate anche i pulsanti in basso nella finestra: Attaccata alla misura e Attaccata alla
nota. Un’espressione attaccata alla misura può apparire in un rigo o in più righi, e
può anche apparire in una misura vuota; un’espressione attaccata alla nota può
apparire solamente nel rigo nel quale è stata creata, ed è , come fa capire il nome,
attaccata ad una specifica nota (o pausa).

Installazione & Tutorial 105


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

Indubbiamente nella maggior parte dei casi non farà molta differenza quale tipo di
espressione sceglierete. In ogni caso, di seguito trovate alcune semplici regole che vi
consentiranno di scegliere il giusto tipo di espressione: Usate espressioni attaccate
alla misura se dovete usare elementi come lettere indicanti le sezioni di musica,
indicazioni di andamento, segni di dinamica che vengono applicati a tutti gli
strumenti, e così via. Riservate le espressioni attaccate alle note per le indicazioni
dinamiche specifiche per uno strumento, indicazioni per il singolo esecutore, e così
via. (Il pulsante per le espressioni attaccate alle note è attualmente disattivato; potete
selezionare le espressioni attaccate alle note facendo doppio click sulla singola nota.
Poiché avete cliccato sopra ad una misura, è disponibile la sola opzione Attaccata alla
misura.)
• Scorrete verso il basso la lista delle espressioni testuali, sino ad incontrare la
parola Allegro. Eseguite un doppio click su di essa. Vedrete comparire un altro box
di dialogo, le cui opzioni discuteremo più oltre.
• Cliccate su OK. La parola Allegro compare ora in tutti i righi. Se si desidera
modificare la sua posizione, è necessario cliccare sulla misura per fare comparire la
maniglia. Quindi si potrà trascinare la parola, che si sposterà contemporaneamente in
tutti i righi. Per cancellare un simbolo di espressione, è sufficiente cliccare la sua
maniglia e premere k (Canc) (Mac:$).
Per ottenere più precisi posizionamenti è necessario usare i tasti cursore
(“spostamento fine”).

INSERIMENTO DI LEGATURE DI FRASE


Come rapido esercizio, inseriremo alcune legature di frase nella partitura.
• Nel sottomenu “Scala la visualizzazione del” del menu Visualizzazione,
selezionate l’opzione 100%. La partitura torna alle sue normali dimensioni.
• Cliccate lo Strumento Forme ‘intelligenti’ W. Apparirà una nuova tavolozza,
contenente icone per le legature, le forcelle dinamiche, simboli di ottava e vari tipi di
parentesi e linee. Questa tavolozza è simile a quelle che già abbiamo incontrato:
possiamo spostarla trascinando la sua barra di trascinamento, o cambiarne forma e/o
dimensioni mediante la cornice di dimensionamento.

Le curve e le linee disponibili in questa tavolozza vengono dette Forme ‘intelligenti’,


perché si comportano in modo “intelligente”. Se la battuta si allarga, altrettanto fanno
le Forme ’intelligenti’ ad essa ancorate. Se una Forma ‘intelligente’ inizia sulla fine di
un rigo o accollatura di righi e finisce sull’inizio del rigo o accollatura successivo, la

106 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

figura si divide automaticamente in due.


L’icona dello Strumento legature W dovrebbe essere già selezionata.
• Posizionate il puntatore sulla testa della prima nota della melodia (nel rigo
superiore).
• Fate doppio click, mantenendo abbassato il tasto del mouse dopo il secondo click.
Trascinate il puntatore verso destra, sino all’ultima nota della seconda battuta in
modo da evidenziarla. Sino a quando manterrete abbassato il tasto del mouse,
potrete variare il punto di arrivo della legatura.
• Rilasciate il tasto del mouse. Avete appena creato una legatura di frase ancorata a
due note. Guardate. La legatura di frase si trova esattamente dove la volevate? La
curvatura è troppo in alto o troppo in basso?
Una Forma ‘intelligente’ può essere modificata facilmente. Quando una Forma
‘intelligente’ ha più maniglie, vuole dire che essa è in quel momento selezionata.
Ciascuna legatura ha sei maniglie:

Trascinate questa maniglia per Trascinate questa maniglia Trascinate questa maniglia per
muovere asimmetricamente l’arco per cambiare l’arco muovere asimmetricamente l’arco

Trascinate questa Trascinate questa Trascinate questa


maniglia per maniglia per muovere maniglia per
spostare il termine l’intera legatura spostare il termine
sinistro destro

Tenete premuto il tasto d, per “costringere” il puntatore a muoversi solo


perfettamente in orizzontale o perfettamente in verticale. Inoltre, se si trascina la
zona mediana esterna di un’arcata o legatura di frase mantenendo premuto il tasto
! (Mac: b), è possibile creare un arco asimmetrico influenzando anche l’altra
estremità.
• Posizionate il puntatore sulla maniglia al vertice della curva. Trascinate verso l’alto
per diminuire la curvatura. Create ora una nuova legatura. Scorrete sino all’inizio di
battuta 3.
• Posizionate il puntatore sulla testa della prima nota della melodia in battuta 3.
Eseguite un doppio click e trascinate sino all’ultima nota della battuta. La nuova
legatura di frase è circondata dal rettangolo di dimensionamento, lasciando così

Installazione & Tutorial 107


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

intendere che è selezionata. La prima legatura che avevate creato, nel frattempo, è
stata deselezionata. Essa mostra invece una piccola maniglia quadrata. Per
selezionare una figura Forme ‘intelligenti’ che non sia circondata dal rettangolo di
ridimensionamento, è necessario cliccare questa maniglia.
Fate qualche esperimento con le figure Forme ‘intelligenti’. Diminuite la profondità
della seconda legatura da voi creata, se volete. Provate a inserire una forcella
dinamica, ecc.
Quando lo Strumento Forme ‘intelligenti’ è selezionato, ogni Forma ‘intelligente’
presente in partitura mostrerà una piccola maniglia quadrata (tranne quella
eventualmente selezionata che sarà circondata dal rettangolo di ridimensionamento).
Per cancellare una Forma ‘intelligente’, cliccate la maniglia per selezionarla e premete
il tasto k (Canc) (Mac: $). Consultate la documentazione relativa alle Forme
’intelligenti’ per avere maggiori informazioni.
Prima di andare avanti, potete scegliere di nascondere la tavolozza deselezionandola
dal menu Finestre. Se non vi disturba, potete anche lasciarla sullo schermo.

STRUMENTO SELEZIONE
Se state lavorando “di corsa” e state ultimando le ultime procedure di editing e
impaginazione e vorreste non perdere tempo nel passare da uno Strumento all’altro
per intervenire sui vari elementi della partitura, vi può essere di aiuto lo Strumento
Selezione. Cliccate sullo Strumento Selezione e cliccate sul simbolo sul quale
desiderate intervenire. Ora potete muoverlo, cancellarlo o fare clic con il pulsante
destro (Mac: c-click) su di esso per visualizzare un elenco dei possibili comandi
di editing. Se decidete di dover utilizzare delle procedure di editing avanzato, fate
doppio-click sul simbolo per commutare sullo Strumento che lo ha generato. Potete
anche usare la scorciatoia c-d-A (Mac: a-d-A) per passare allo
Strumento Selezione.
Lo Strumento Selezione funziona per le misure (Strumento Misure), note
(Inserimento rapido), Forme intelligenti, Espressioni, Articolazioni, Ritornelli, Testo
cantato, Accordi, Blocchi di testo, Gruppi irregolari, Indicazioni di tempo, Armature
di chiave, Chiavi, Ossia, Grafica, Righi e Nomi dei Gruppi. Per maggiori dettagli,
consultate il manuale in linea alla voce STRUMENTO SELEZIONE.

I METATOOL: INSERIMENTO COLLETTIVO DEI SIMBOLI


Il sistema che abbiamo imparato in precedenza per le articolazioni va bene per
indicazioni che capitano occasionalmente. Ma se si desidera accentare una serie di
note si rivela macchinoso.
Fortunatamente non è necessario ogni volta aprire tutti i box di dialogo. Per

108 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

assegnare a più note lo stesso simbolo, è sufficiente selezionare una regione e quindi
attribuire collettivamente l’accento a tutte le note selezionate. Oppure è possibile
assegnare un simbolo a un tasto del computer, anche in questo caso evitando di
passare attraverso i box di dialogo. I simboli assegnati ai tasti del computer vengono
detti Metatool. I simboli possono essere assegnati a ciascun tasto delle lettere
alfabetiche (a-z) o ai tasti numerici (0 a 9). Si possono assegnare trentasei simboli per
lo Strumento Articolazioni, e altri trentasei per lo Strumento Espressione.
L’operazione fondamentale è sempre la stessa: premete d-numero o lettera per
programmare il Metatool; usate il tasto alfabetico o numerico da solo per inserire il
corrispondente simbolo sulla pagina. Per voi sono già stati pre-programmati
ventisette metatool; diamogli un’occhiata più da vicino.
• Cliccate lo Strumento Articolazioni t.
• Mantenendo premuto il tasto d, premete il tasto S. Potete usare sia il tastierino
numerico, sia la riga di tasti superiore della tastiera alfanumerica. In ambo i casi
vedrete comparire la finestra di dialogo Selezione dell’articolazione.
Ogni articolazione presente nella finestra di dialogo ha un numero ad essa assegnato
(questo numero appare nell’angolo superiore sinistro di ciascuna casella). Alcune
hanno un secondo numero o lettera che appare in parentesi e indica il Metatool
correntemente impostato per quell’articolazione. Il Metatool 1 è assegnato al simbolo
di staccato, il Metatool 2 al segno di accentato e così via. Ricordate che premendo
d-S avrete accesso alla finestra di dialogo e indicherete a Finale che state
programmando il Metatool S (staccato). Per adesso, teniamo buona la scelta
predefinita di assegnare al Metatool S il segno di staccato.
• Cliccate su Annulla.
• Posizionate il puntatore del mouse sulla prima nota nel rigo del Trombone I
(misura 2). Mantenendo premuto il tasto S, cliccate su di essa. Finale inserirà un
puntino di staccato nella partitura. La maniglia del simbolo è più grande del simbolo
stesso, per cui vedrete solo la maniglia stessa. Per vedere il puntino, selezionate un
altro Strumento, quindi selezionate nuovamente lo Strumento Articolazioni.
• Mantenendo premuto il tasto S, cliccate la seconda nota. Come potete vedere, l’uso
dei Metatool risparmia il fastidio di selezionare il simbolo di articolazione
nell’apposito box ogni volta che lo si vuole inserire in partitura. Cliccate
semplicemente una nota mantenendo premuto il tasto appropriato e vedrete apparire
il simbolo desiderato. Inoltre, potete anche riprogrammare gli altri tasti con simboli
diversi da quelli attualmente definiti.
• Mentre premete d, premete il tasto A. Come potete vedere, il Metatool A è
attualmente assegnato al simbolo di accento. Nel caso in cui utilizzaste di rado questa
articolazione, potreste riassegnare il Metatool A ad un’altra articolazione.

Installazione & Tutorial 109


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

• Fate doppio click sul simbolo di respiro (’) nella casella 36.
Quando ritornate alla partitura, non sembra sia successo nulla. In realtà avete appena
programmato un Metatool. (Ricordate, questo è successo quando avete premuto
d-A; ossia avete detto a Finale, per mezzo del tasto d, che state per
impostare un Metatool).
• Posizionate il cursore del mouse sulla terza nota di battuta 5 nel rigo del
Trombone I. Mentre premete il tasto A, fate click sulla nota. Finale inserirà in
partitura un simbolo di respiro.
Anche la serie di simboli usata dallo Strumento Espressione può essere assegnata a
un numero massimo di trentasei Metatool. Ad esempio ai numeri da 1 a 4 si
potrebbero assegnare le indicazioni dinamiche più spesso usate, 5 e 6 potrebbero
contenere cresc. e dim. e così via. I Metatool vengono programmati nello stesso
modo: selezionate lo Strumento, premete d e il numero o lettera desiderato;
vedrete comparire il box di selezione dei simboli. Eseguite un doppio click sul
simbolo da assegnare (sia questo una forma grafica o un testo). Quando sarete pronti
a inserire il simbolo in partitura, premete il tasto numerico e cliccate il punto in cui
volete appaia il simbolo scelto. Notate che con i Metatool per le espressioni, dovete
predeterminare se l’espressione deve essere attaccata a una nota o a una misura.
Questo può essere fatto utilizzando il menu Espressioni; scegliete semplicemente una
delle tre voci nella parte bassa del menu. (La voce Sensibili al contesto significa che
se cliccate su di una nota, l’espressione verrà attaccata alla nota; se cliccate su una
misura, verrà attaccata alla misura.)
L’assegnazione dei Metatool viene salvata con i documenti in modo da poterla
riutilizzare in seguito quando riaprirete il file. Essa può essere ridefinita in qualsiasi
momento, a piacere dell’utente.
I Metatool programmati sono specifici per il file sul quale avete lavorato; di
conseguenza avrete delle serie diverse di Metatool per ogni diverso brano. Se vi
accorgete di utilizzare spesso una stessa serie di Metatool, potete cambiare il file di
default (Maestro font default) in modo da includere la vostra serie di Metatool
personalizzata. In questo caso questa sarà a vostra disposizione ogni volta che
aprirete un nuovo file.
Esiste anche un modo per accelerare ulteriormente l’inserimento dei simboli di
espressione, quando si voglia ad esempio aggiungere uno stesso segno di
articolazione a un gruppo di note.
• Con lo Strumento Articolazione selezionato, trascinate il puntatore del mouse
attraverso le ultime quattro note della battuta 1. Quando rilasciate il pulsante del
mouse, vedrete comparire la finestra di dialogo Applicare l’articolazione.

110 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

• Cliccate su Seleziona, ed eseguite un doppio click sul simbolo di staccato.


Tornerete alla finestra di dialogo principale. Osservate le altre opzioni: ad esempio,
Finale permette di inserire il simbolo selezionato solo su semiminime e crome, se lo
desiderate. Per ora, lasciamo selezionata l’opzione Tutte le note.
• Cliccate su OK. Nella partitura, le restanti note hanno ora il puntino di staccato.
Finale offre ancora un altro metodo per inserire contemporaneamente più simboli di
articolazione, ed è inoltre il più veloce di tutti. Esso infatti combina la potenza dei
Metatool alla possibilità che ha Finale di selezionare una regione di note.
• Scegliete Annulla Applica l’articolazione dal menu Modifica. Il segno di staccato
che avete appena aggiunto viene rimosso.
• Mentre premete il tasto 2, cliccate e trascinate il mouse sulle quattro note della
misura 2. Quando rilasciate il pulsante del mouse, vedrete il simbolo di respiro
aggiunto su ciascuna nota da voi selezionata, poiché questo è il simbolo attualmente
assegnato al Metatool 2.
Ma supponiamo che avreste voluto realmente inserire un simbolo di staccato su
queste note, e per errore avete premuto il tasto del Metatool sbagliato. Nessun
problema!
• Dal menu Modifica, scegliete Annulla. Il simbolo di staccato da voi inserito in
precedenza scompare.
Ora usate questa tecnica per inserire velocemente i segni di staccato in tutta la
misura:

Installazione & Tutorial 111


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

• Mentre premete il tasto 1, cliccate e trascinate attraverso tutte le note di battuta 2.


I segni di staccato sono ora inseriti su ciascuna nota della misura.

SIMBOLI MUSICALI PERSONALIZZATI


Supponiamo che il primo trombone suoni a volte con la sordina. Questi termini non
si trovano nelle librerie standard di Finale, per cui dovremo crearli noi, da soli.
Inoltre, queste indicazioni esecutive dovranno comparire in un solo rigo, per cui
dovremo crearle come Espressioni attaccate alle note.
• Cliccate lo Strumento Espressioni y, e fate doppio click al di sopra della minima
puntata di battuta 1 (nella parte del Trombone I). Poichè dobbiamo creare
un’espressione attaccata ad una nota, dovete cliccare sopra, sotto, o sulla nota o
pausa. Se non cliccate su una specifica nota o pausa, l’opzione Attaccata alla nota sarà
disattivata. Apparirà la finestra di dialogo Selezione dell’espressione.
Noterete anche che le indicazioni Con sordina e Senza sordina, non compaiono nella
lista.
• Cliccate su Crea. Vedrete comparire la finestra Impostazione delle espressioni
testuali.

112 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

• Digitate la parola “Con sordina”.


• Dal menu Testo scegliete Catattere, quindi cliccate su Corsivo; cliccate su OK due
volte; cliccate su Attaccata alla nota; cliccate su Seleziona; infine su OK. Mentre
passate da un box all’altro noterete che la parola Con sordina è stata aggiunta alla
lista dei simboli di espressione. La prossima volta che ne avrete bisogno, essa sarà a
vostra disposizione.
Tornati alla partitura noterete che la posizione dell’indicazione è stata determinata
dal click eseguito in precedenza. La parola può essere riposizionata trascinandola per
la sua maniglia.
• Cliccate la freccia destra della barra di scorrimento sino a vedere battuta 10.
• Fate doppio click al di sopra della prima nota di battuta 10 (rigo del Trombone I).
Create un’indicazione di Senza sordina esattamente con lo stesso metodo usato per
“Con sordina”.
Anche se normalmente il testo viene posizionato trascinandolo tramite la propria
maniglia, vi sono dei casi in cui potete regolare finemente la posizione tramite i tasti
cursore.

Installazione & Tutorial 113


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

I TASTI CURSORE (FRECCE)


Se non vedete la maniglia della parola Con sordina, cliccate battuta 1.
• Cliccate la maniglia di Con sordina e premete il tasto freccia sinistra g. La parola
si sposterà di un pixel (un punto dello schermo) a sinistra. Dovrete osservare assai da
vicino per notare lo spostamento. Qualsiasi segno di espressione la cui maniglia sia
selezionata può essere spostato mediante i tasti cursore alto, basso, sinistra, destra.
Questa tecnica funziona praticamente con tutti gli oggetti grafici di Finale, la cui
maniglia sia selezionata: righi, sigle per gli accordi, sillabe di testo, parentesi dei
gruppi irregolari, Espressioni e Articolazioni.

SEGNI DI ARTICOLAZIONE CHE INFLUENZANO LA RIPRODUZIONE


Ora che avete inserito alcuni simboli di articolazione in partitura, fate una nuova
prova: mantenendo premuta la Barra Spaziatrice, cliccate la prima battuta (questa è la
scorciatoia per entrare rapidamente in riproduzione). Noterete che i simboli di
staccato e gli accenti influiscono in effetti sulla riproduzione!
Tutti i simboli di espressione dello Strumento Espressione sono stati definiti in modo
da influire sulla riproduzione. Inserendoli in partitura, la musica viene influenzata
dalla loro presenza, in modo coerente con il loro significato.
In più, potrete creare vostri propri simboli e programmarli in modo che anch’essi
influiscano sulla musica riprodotta: una parola o forma grafica può influenzare una
qualsiasi variabile MIDI durante l’esecuzione del brano: Key Velocity, tempo,
trasporto, Canale MIDI, pitch Bend, pedale e via dicendo. Nel Tutorial 6, “Altro sul
MIDI,” impareremo come programmare i nostri personali simboli di espressione.

ELENCO DEI RIGHI: INSERIMENTO SELETTIVO DEI SIMBOLI


Nelle ultime sezioni abbiamo esaminato lo Strumento Espressione, che inserisce un
determinato simbolo in tutti i pentagrammi o in un solo pentagramma. A volte, però,
può essere necessaria una via di mezzo: l’inserimento di un simbolo che compaia ad
esempio in tutti i righi dei fiati.
Lo Strumento Espressione prevede una funzione integrata chiamata Elenco righi, che
permette di stabilire gruppi predefiniti di pentagrammi nei quali un determinato
simbolo dovrà apparire. I pentagrammi non debbono essere necessariamente
adiacenti: ad esempio è possibile usare questa funzione per inserire una lettera sopra
il primo rigo di ogni sezione dell’orchestra.
• Cliccate lo Strumento Espressione y. Scorrete sino a battuta 10 e fate doppio
click proprio al di sopra della stanghetta di battuta di sinistra. Vedrete comparire il
box di selezione dei simboli di espressione. Nell’esempio che stiamo studiando

114 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

potreste volere inserire una lettera di riferimento per una sezione musicale.
• Cliccate su Crea. Digitate una A maiuscola e cliccate Racchiudi l’espressione
dentro.... Cliccando Racchiudi l’espressione dentro..., vedrete comparire un box nel
quale scegliere la forma che dovrà racchiudere il simbolo della lettera. La selezione
iniziale; Rettangolo, si adatta perfettamente ai nostri scopi.

Se lo desiderate, potete cambiare posizione, dimensioni e spessore della linea nella


“cornice”. Ciò può rendersi a volte necessario perché la stampa delle lettere non
sempre combacia esattamente con quanto visualizzato sullo schermo. (Si veda la
documentazione alla voce LETTERE CHE DEFINISCONO UNA SEZIONE DI
MUSICA). Per adesso, lasciatela così com’è .
• Cliccate su OK per due volte sino a raggiungere la finestra Assegnazione delle
espressioni legate alla misura.

Installazione & Tutorial 115


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

Vi sono più opzioni degne d’interesse in questo box. Una di esse, Consenti
posizionamento individuale, consente di inserire il simbolo di espressione in più
pentagrammi contemporaneamente e mantenere la libertà di riposizionare i simboli
inseriti individualmente. Se non si attiva questa opzione, spostando uno dei simboli
uguali inseriti, si sposteranno contemporaneamente anche quelli corrispondenti
negli altri righi.
Per il momento siamo però più interessati alla sezione centrale della finestra di
dialogo.
• Cliccate sul bottone dell’Elenco righi; selezionate Nuovo elenco righi dall’elenco a
discesa. Vedrete comparire un box di dialogo entro il quale compare una lista dei
pentagrammi presenti nella vostra partitura. Le cose più interessanti sono le due
colonne di sinistra: Partitura e Parti.

116 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

Cliccando la colonna Partitura all’incrocio con il nome di un rigo, compare una “X”.
In questo pentagramma verrà inserito il simbolo desiderato. Se cliccate di nuovo, la X
verrà rimpiazzata con una F. La F indica che Finale forzerà l’apparizione
dell’espressione in quel rigo anche se avete selezionato di nascondere le espressioni
in quel rigo all’interno della finestra Attributi del rigo. Si possono selezionare quanti
righi si desidera: in effetti è anche possibile selezionare o deselezionare tutti i righi
cliccando la parola Partitura alla sommità del box, per poi cliccare rispettivamente
Imposta o Annulla.
Tenete presente anche la colonna Parti: cliccando in essa, il simbolo apparirà anche
sulla parte staccata, al momento di stamparla. I segni di attivazione “X” possono
essere inseriti indipendentemente nelle colonne Partitura e Parti, ad esempio per
creare un indicazione di tempo che compaia una sola volta in alto nella partitura e
ciononostante compaia in tutte le parti staccate. Si veda ATTRIBUTI DEL RIGO, nel
manuale dell’utente, per maggiori informazioni. Si veda anche ESTRAZIONE DELLE
PARTI nel Tutorial 5.
Per fare pratica, inseriamo la lettera nelle parti del Trombone I e del Trombone 4.
• Cliccate i nomi Trombone I e Trombone 4. Ad ogni click compare una “X” sia nella

Installazione & Tutorial 117


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

partitura sia nella parte staccata per questi strumenti. In un lavoro “vero” dovremmo
inserire nella lista anche i rimanenti strumenti, perché ovviamente vorremmo che la
lettera sia presente in tutte le parti staccate, apparendo però solo una volta in
partitura.
• Cliccate nella casella di testo accanto a Elenco dei righi; digitate “Lettere di
sezione”. Avete in questo modo dato un nome all’Elenco dei righi.
• Cliccate su OK. Nell’elenco a discesa a fianco dell’Elenco dei righi c’è ora il nome
“Lettere di sezione”. Finale ricorderà questa configurazione, nel caso che vogliate
usarla in futuro. Quando sarà tempo di inserire la lettera B nella partitura, non sarà
necessario accedere nuovamente al box di dialogo dell’Elenco righi: basterà
selezionare “Lettere di sezione” dall’elenco a discesa e cliccare su OK.
• Cliccate su OK per tornare alla partitura. La lettera A compare solo nei
pentagrammi specificati.
A questo punto potremmo domandarci: “Inserendo una dinamica in partitura e
facendo uso dell’Elenco dei righi, in modo che questa dinamica compaia solo una
volta in alto, nella partitura stessa, il simbolo inserito avrà una qualche influenza
sulla riproduzione di tutti gli altri pentagrammi?”.
La risposta è la seguente: se volete che un simbolo di Espressione influenzi la
riproduzione di pentagrammi nei quali non appare, dovrete inserire un “X” sul nome
di quei pentagrammi nella colonna Parti del box di dialogo Elenco dei righi.

OPERAZIONI DI COPIA E INCOLLA CON I SIMBOLI


Se avete inserito numerosi simboli di articolazione nella parte del primo trombone,
certamente non desidererete ripetere tutto il procedimento per la seconda, terza e
quarta tromba. Finale vi permette di copiare i simboli da un rigo a un altro, anche se
le note sono differenti.
• Cliccate lo Strumento Selezione . Scorrete sino a battuta 2, in modo che essa
divenga la prima battuta sullo schermo.
• Selezionate l’opzione “Modifica il filtro” del menu Modifica. Un elemento immesso
è una nota, una pausa o qualsiasi cosa sia collegato a una nota o pausa; a differenza di
un elemento della misura che può essere un’armatura di chiave, una legatura o una
stanghetta di battuta.
Vedrete comparire una finestra di dialogo entro la quale potrete definire quali
elementi della partitura desiderate copiare. Deselezionate tutto cliccando sul pulsante
Nessuno.
• Selezionate l’opzione Articolazioni. Cliccate su OK. Una volta specificato quali
oggetti si desidera copiare, tutto ciò che ci resta da fare è decidere l’origine e la

118 Installazione & Tutorial


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

destinazione della copia.


• Cliccate su battuta 2 nel rigo superiore. Così facendo selezioniamo la zona da cui
vogliamo copiare i segni di espressione. (Per selezionare l’intera battuta è necessario
un doppio click perché l’opzione Selezione parziale delle misure è ancora attiva).
• Trascinate la battuta selezionata sino a sovrapporla alla battuta 3 (dello stesso
rigo). Rilasciate il pulsante del mouse. Apparirà la finestra di dialogo Copia delle
misure selezionate.
• Cliccate su OK. Infatti volete solamente copiare una volta le articolazioni.
Finale copia i segni di espressione dalla battuta 2 assegnandoli alle note di battuta 3.
Se i valori ritmici di origine e destinazione non sono identici, Finale cercherà di
posizionare i simboli di articolazione su note che cadano sullo stesso movimento.
La tecnica appena vista per copiare i simboli di articolazione da una zona a un’altra è
molto importante e può essere usata in qualsiasi momento. Un esempio tipico è la
copia di sigle per gli accordi: in una canzone strofica avente schema strofa-ritornello-
strofa, sarà necessario inserire le sigle solo per gli accordi della prima strofa. Quindi,
con la tecnica Muovi gli elementi immessi appena sperimentata, potrete copiare solo
le sigle dalla prima strofa sulla seconda, anche se la melodia fosse ogni volta
differente. Inoltre, se l’ultima strofa è in una tonalità differente, Finale trasporterà
automaticamente le sigle copiate nella nuova tonalità.

USO DI LIBRERIE PERSONALIZZATE


Supponiamo di avere terminata la composizione del quartetto d’archi. Durante il
lavoro abbiamo creato numerose indicazioni per l’esecutore (Con sordina, Senza
sordina), lettere, ecc. La possibilità di salvare tutti questi simboli in un file da potere
usare ancora in seguito ci farà risparmiare molto tempo al prossimo lavoro. Come
abbiamo detto in precedenza, questi simboli sono contenuti in file separati chiamati
librerie.
• Selezionate l’opzione Salva la libreria dal menu File. Vedrete comparire una finestra
di dialogo entro la quale potrete definire quali elementi del documento desiderate
salvare separatamente.
• Cliccate Espressioni testuali, quindi cliccate su OK. In questo modo avete detto a
Finale che volete salvare le nuove espressioni di testo e non, per fare un esempio, i
nuovi suffissi per accordi che sono contenuti in una diversa libreria. Quando avrete
acquistato più familiarità con Finale, potrete salvare anche questi diversi tipi di
libreria, in quanto la procedura è sempre la stessa. Dovrete ora scegliere un nome per
la vostra libreria.
• Digitate un nome per il file (ad esempio “Espressioni per fiati”). Selezionate la

Installazione & Tutorial 119


Tutorial 3: Articolazioni e Espressioni

cartella Librerie (una sotto-directory di Finale 2008) nell’elenco a discesa “Salva


in”. Cliccate su OK. La prossima volta che avrete bisogno dei simboli appena visti,
aprite il documento entro il quale volete inserire i simboli stessi; selezionate l’opzione
Apri la libreria del menu File, ed eseguite un doppio click sul nome della vostra
libreria nella finestra che apparirà. Usando lo Strumento Espressione, vedrete nei
loro riquadri i simboli importati, pronti all’uso.
È auspicabile che almeno per alcune sessioni di lavoro continuiate a creare le vostre
nuove espressioni di testo. Infatti, nel caso in cui creiate una nuova libreria ogni volta
che definite una nuova espressione, vi troverete nella condizione di dover aprire
molti file di libreria quando iniziate un nuovo lavoro.
Fortunatamente questo problema può essere evitato sovrascrivendo il file di libreria
esistente, anziché creare ogni volta un nuovo file. Finale salverà ogni espressione di
testo a prescindere dal fatto che sia stata importata da una libreria preesistente o
creata durante quella sessione di lavoro. Di conseguenza se avete importato un file di
libreria e avete anche creato delle nuove espressioni che volete aggiungere a quelle
esistenti, dovete seguire semplicemente le istruzioni precedenti, ma anziché inserire
un nuovo nome, digitate quello della libreria che avete caricato. Finale vi chiederà
conferma della vostra intenzione di sovrascrivere il file esistente. Cliccate su Si. Fate
attenzione che nel caso in cui non abbiate caricato le espressioni dalla libreria
esistente e decidete di sovrascriverla, perderete tutte le espressioni preesistenti che
non avete caricato. D’altro canto, se tra le preesistenti espressioni ve ne sono alcune
che non intendete utilizzare mai, potete eliminarle nella finestra Selezione
dell’espressione legata al rigo (o alla partitura) e poi salvare la libreria.
Consultate la documentazione per avere ulteriori notizie circa l’utilizzo delle librerie.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Chiudete il documento; se lo desiderate, prima salvatelo su disco.

120 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa
Tutorial 4: Configurazione e Stampa

Uno dei punti di forza di Finale è la sua flessibilità nella definizione degli spazi e
della configurazione della partitura in fase di stampa. Usando gli Strumenti Selezione
e Configura-Pagina, tra gli altri, è possibile creare partiture di livello professionale. In
questo Tutorial impareremo alcune delle procedure a questo scopo.
Per prepararvi a questa lezione, aprite il file “Tutorial 4” che contiene il vostro foglio
guida completo sino al punto giusto.

LA CONFIGURAZIONE DELLE BATTUTE


Esistono tre modi di forzare la disposizione delle battuta in un’accollatura (ad
esempio per evitare voltate scomode).
Il primo metodo, che fa uso dello Strumento Misure, consiste nel forzare una
particolare battuta ad apparire sempre all’inizio di un sistema. Se ad esempio battuta
33 inizia un ritornello in una nuova tonalità, sarà comodo averla all’inizio di una riga.
Fate qualche esperimento usando il documento “Tutorial 4”. Assicuratevi di trovarvi
in Visualizzazione pagina, per vedere gli effetti delle vostre prove. Se avete uno
schermo piccolo, dovreste selezionare 75% dal sottomenu Scala la visualizzazione del
menu Visualizzazione.
• Cliccate lo Strumento Misure z. Su ogni stanghetta di battuta compariranno delle
maniglie. Rintracciate battuta 10: quella in cui inizia il ritornello.

Installazione & Tutorial 121


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

• Fate doppio click su battuta 10. Vedrete comparire la finestra Attributi della misura.

• Selezionate l’opzione “Inizia un nuovo rigo di accollatura.” Cliccate


su OK. Tornati alla partitura, la battuta 10 inizierà sempre una nuova
riga di musica e appare un’icona di freccia di accapo verso destra
indicante appunto che quella misura è bloccata in modo da iniziare
sempre un rigo di accollatura, anche se si aggiunge o sottrae musica
prima di essa. L’unico modo di restituire alla battuta la sua “mobilità” (in modo che
Finale possa, se necessario, spostarla in altri sistemi), è di deselezionare il box “Inizia
un nuovo rigo di accollatura”.
Il secondo metodo consiste nello spostare una battuta o due da sistema a sistema usando
una procedura che prevede l’uso dello Strumento Selezione.
• Cliccate lo Strumento Selezione . Cliccate battuta 1; quindi d-cliccate
battuta 5. Le cinque battute saranno così selezionate.
• Selezionate l’opzione Adatta le misure del menu Utilità. Vedrete aprirsi questo box:

122 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

• Selezionate l’opzione “Fai stare in un rigo le misure selezionate.” Cliccate su OK.


Tornerete alla partitura, con le prime cinque battute tutte insieme sul primo rigo.
Usando l’altra opzione del box di dialogo Adatta la musica, “Misure per rigo,”
potremo selezionare una zona qualsiasi e chiedere a Finale di posizionare un certo
numero di esse su ogni rigo.
Con i comandi di Adatta la musica la configurazione della musica (ossia il suo
aspetto a livello di impaginazione) dipende dal vostro giudizio. Ricordate che Finale
scrive automaticamente la vostra musica usando il massimo numero possibile di
battute per riga. Potrete sempre scavalcare le decisioni del programma, ma il risultato
potrebbe non essere soddisfacente.
Ciò che abbiamo appena creato è un gruppo di battute (appare accanto al rigo a
indicare il blocco del gruppo di misure un’icona di lucchetto): il sistema usato da
Finale per bloccare le battute facenti parte di un sistema. Possiamo usare i tasti
freccia verso l’alto e il basso per creare dei gruppi; teniamo solo presente che, una
volta manipolata in questo modo, una battuta è bloccata insieme a quelle facenti
parte della nuova disposizione (appare un simbolo di lucchetto accanto alle misure
bloccate); queste battute non verranno influenzate da successive funzioni di
ridisposizione delle misure, come Aggiorna la disposizione della musica o “Inizia un
nuovo rigo di accollatura.” L’unico modo di rimuovere i gruppi consiste nel
selezionare l’opzione Aggiorna la disposizione della musica del menu Modifica
mantenendo premuto il tasto d.
I gruppi di battute sono particolarmente utili se si vuole forzare Finale a creare un
determinato numero di battute per riga: il terzo metodo per posizionare le battute.
Cliccate lo Strumento Configura-Pagina e vedrete comparire il menu Configura-
Pagina. Selezionate l’opzione Raggruppa le misure di questo menu e digitate il

Installazione & Tutorial 123


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

numero di battute che desiderate sia contenuto in ciascun rigo di accollatura


(sistema). Finale ignorerà qualsiasi gruppo di battute e i tasti freccia su/giù e creerà
nuovi gruppi di battute secondo quanto da voi specificato. Ancora, per riportare
queste battute alla loro primigenia “mobilità”, è necessario selezionare l’opzione
Aggiorna la disposizione della musica mantenendo premuto il tasto d.
Questo comando lavora esattamente come il comando Aggiorna la disposizione della
musica, influenzando le pagine da quella sulla quale state lavorando fino all’ultima.
Se lavorate a pagina 2, ad esempio, e avete creato dei raggruppamenti di battute a
pagina 1, utilizzando questo comando potreste comprometterne la distribuzione e
l’impaginazione. Potete però spostare poche battute utilizzando lo Strumento
Selezione.
Cliccate lo Strumento Selezione .
Cliccate a battuta 18. Premete il tasto e sulla vostra tastiera. Finale sposterà la
battuta nel rigo superiore.

MISURE IN LEVARE
Facciamo in modo che la prima misura di “Oh Susanna” diventi una vera e propria
misura in levare. Esistono vari modi per creare una misura in levare, per avere
informazioni consultate il manuale in linea alla voce “Misure in levare”.
• Dal menu Documento, scegliete Misura in levare. Apparirà la relativa finestra di
dialogo dove potete impostare la durata complessiva del levare. Nel nostro caso il
levare è costituito da una semiminima puntata e una croma per un totale di due
quarti.
• Cliccate sulla figura di minima, quindi cliccate su OK. Finale nasconderà la pausa
da un mezzo e mostrerà solamente il resto della battuta. Finale inoltre ha aggiustato
la numerazione delle battute onde saltare automaticamente la misura in levare.
Noterete inoltre che la spaziatura della musica in quella misura potrebbe non essere
corretta. In questo caso correggeremo il tutto con le successive istruzioni.

LA SPAZIATURA DELLA MUSICA


Come avete notato durante il Tutorial 1, Finale applica automaticamente una
spaziatura professionale alla musica durante il suo inserimento. (Questa caratteristica
può essere disattivata deselezionando l’opzione Spaziatura automatica della musica
dal menu Modifica.) La “Spaziatura automatica della musica” non solo spazia le note,
ma è disegnata per evitare la collisione tra gli accordi, le sillabe del testo, e altri
elementi della partitura. Nella maggior parte dei casi, queste caratteristiche sono
quanto vi serve per ottenere un risultato eccellente. In ogni caso, potreste avere la

124 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

necessità di spaziare diversamente la musica in alcune situazioni. Di seguito, trovate


le istruzioni per eseguire la spaziatura della musica (che non è stata ancora effettuata
nel presente documento):
• Cliccate lo Strumento Selezione .
• Cliccate subito a sinistra del rigo del tenore. Questo è un modo veloce per
selezionare un intero pentagramma con un unico click. Per selezionare anche il rigo
del basso, premete il tasto d e cliccate alla sinistra del rigo. Entrambi i righi
saranno ora selezionati.
• Nel sottomenu Spaziatura della musica del menu Utilità, selezionate l’opzione
Spazia in base alle figure. Dopo qualche secondo il puntatore riassumerà l’aspetto
convenzionale e voi potrete riprendere il vostro lavoro.
Alla fine, noterete che la spaziatura delle battute e delle note ha un aspetto molto più
professionale. Ogni battuta è larga esattamente quanto basta e a ogni nota è
assegnato l’esatto ammontare di spazio orizzontale. La musica spaziata in questo
modo si dice spaziata in modo non proporzionale, in quanto una semibreve, ad
esempio, non riceve tanto spazio quanto quattro semiminime, ma molto meno.
La possibilità di impiegare questo tipo di spaziatura fa di Finale un programma unico
e di livello altamente professionale: se volete che la vostra musica sia stampata al
meglio, una volta completato l’inserimento delle note usate la funzione Spaziatura
della musica per ogni partitura.
“Dietro le quinte”, Finale esegue sempre un’azione molto importante durante lo
svolgimento delle funzioni sopra esposte: Aggiornamento della disposizione della
musica. Come per la spaziatura della musica, Finale è stato configurato per effettuare
questa funzione automaticamente (opzione disabilitabile selezionando Opzioni per
l’aggiornamento della musica dal menu Documento, quindi deselezionando
Aggiornamento automatico).
Se doveste verificare che le misure siano più ampie o più strette del necessario,
aggiornate la disposizione della musica scegliendo Aggiornamento della disposizione
della musica dal menu Modifica, e imparate sin d’ora l’equivalente da tastiera per
questa funzione: !-U (Mac: a-backslash, ossia la barra inversa).
NOTA: Le funzioni Spazia nelle pulsazioni e Spazia in base alle figure (del sottomenu
Spaziatura della musica) dispongono le note di ogni battuta in modo differente. Usando
Spazia nelle pulsazioni, Finale calcola il punto della battuta in cui dovrebbe essere
posizionato ogni movimento, e ogni nota compresa nel movimento viene spaziata
proporzionalmente (ovvero una nota da un ottavo riceve esattamente la metà dello
spazio assegnato ad una nota da un quarto, ecc.). Finale calcola la larghezza totale del
movimento addizionando gli spazi assegnati alle varie note comprese nel movimento

Installazione & Tutorial 125


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

stesso, ma non può “ricordare” i singoli valori; solo il loro totale viene usato per
calcolare lo spazio assegnato all’intero movimento. Usando Spazia in base alle figure,
Finale consulta le definizioni operate per le Spaziatura per determinare la precisa
posizione di ogni singola nota o pausa in una battuta. Pertanto, Spazia in base alle
figure consente una spaziatura più precisa di quanto non permetta Spazia nelle
pulsazioni. Le due funzioni di spaziatura possono liberamente essere mescolate in un
brano. La spaziatura Spazia in base al tempo riporta le figure alla distanza originale di
quando le avete inserite per la prima volta. Per maggiori informazioni, consultate la
documentazione alla voce MENU UTILITA’.

LA MAPPA DELLA BATTUTA (MAPPA DEI TEMPI)


Abbiamo appena imparato ad usare il comando Spaziatura della musica per ottenere
una spaziatura esteticamente soddisfacente della musica, dei testi cantati e delle
alterazioni. Ricorderete che la procedura consisteva nella selezione di una zona cui
applicare la spaziatura e nella successiva attivazione dell’opzione Spaziatura della
musica del menu Utilità.
Usando Spaziatura della musica, si attribuisce ad ogni battuta su cui si agisce, una
mappa. Una mappa della battuta è costituita da alcune maniglie che consentono di
riposizionare i movimenti della battuta stessa e le note che su quei movimenti vanno
a cadere. Tutto ciò contemporaneamente per tutti i righi di un’accollatura.
• Cliccate lo Strumento Misure n. Per ogni stanghetta di battuta del brano
compaiono due maniglie sovrapposte. La maniglia superiore può essere spostata per
allargare o restringere la battuta.
Cliccando invece la maniglia inferiore, vedrete comparire la Mappa della Battuta.
• Scorrete alla misura 5.
• Cliccate la maniglia inferiore posta sulla stanghetta finale di battuta 5. Al di sopra
del pentagramma più in alto compariranno due serie di maniglie. La serie di maniglie
più in alto, regolarmente spaziata, mostra dove cadrebbero i movimenti della battuta
se fossero spaziati linearmente: ovvero dove si troverebbero se non avessimo usata la
funzione Spaziatura della musica. La serie di maniglie inferiori è pronta per i vostri
esperimenti.

126 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

Cliccando la maniglia inferiore di una


stanghetta di battuta...

…comparirà la mappa della battuta stessa. La serie


superiore di maniglie indica la posizione dei
movimenti spaziati linearmente; mentre la serie
inferiore vi permette trascinandoli di spostare
l’effettiva posizione dei movimenti stessi.

• Trascinate per circa un centimetro verso destra la terza maniglia inferiore della
battuta. Al termine dell’operazione vedrete come l’inizio del terzo movimento si è
spostato verso destra in tutti i righi dell’accollatura.
• Mantenendo premuto d, trascinate la maniglia inferiore del secondo
movimento verso sinistra. Se si preme il tasto d mentre si trascina una maniglia,
si influisce anche su tutte le maniglie alla sua destra.
• Posizionate il puntatore del mouse tra le prime due maniglie superiori. Eseguite un
doppio click. Vedrete comparire una nuova maniglia. Quando si esegue un doppio
click tra due maniglie della serie superiore, si causa la comparsa di una maniglia che
controlla il punto mediano tra le due maniglie stesse. In questo caso, la maniglia
generata controlla la seconda suddivisione del movimento.
In generale, la funzione Spaziatura della musica compie da sola la maggior parte del
lavoro. Ma la mappa aggiunge una grande flessibilità e consente di ottenere
spaziature perfette. Se, ad esempio, avete bisogno di fare spazio per aggiungere una
cesura o creare una misura di recitativo, la mappa vi consente di farlo con estrema
precisione.

LO STRUMENTO CONFIGURA-PAGINA
L’unità di misura impiegata dallo Strumento Configura-Pagina e in tutti i box di
dialogo di Finale è di solito il pollice. Possiamo però scegliere una qualsiasi unità di
misura di nostro gradimento.
• Selezionate il sottomenu Unità di misura del menu Modifica e in esso selezionate
l’opzione Pollici (se non è già selezionata). Pollici e Centimetri sono unità di misura
a voi familiari. Punti e Pica sono unità tipografiche (72 punti = 1 pollice e 12 punti =
1 Pica). Una EVPU è una “ENIGMA Virtual Page Unit,” cioè un’unità di misura
molto piccola che è divisibile per un numero intero di pollici, punti e pica. In un

Installazione & Tutorial 127


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

pollice ci sono 288 EVPU.


• Cliccate sullo Strumento Configura-Pagina 3. La vostra pagina di musica si coprirà
istantaneamente di una serie di linee verticali e orizzontali con delle maniglie ad esse
attaccate. Anche se all’inizio il tutto potrebbe crearvi una qualche confusione, la
situazione vi diverrà più chiara esplorando la pagina con maggiore attenzione.

Maniglie dei
margini di Icone blocco
pagina dei righi

Margine
superiore e
sinistro dei righi
o accollature

Icona nuovo
rigo/accollatura

Numerazione
dei righi o
accollature Margine inferiore
e destro dei righi
o accollature

Le maniglie (e le linee a loro associate) controllano due distinte tipologie di margini:


i margini di pagina, che vi consentono di impostare quanto dello spazio relativo alla
pagina volete sia usato dalla musica; e i margini dei righi o accollature (staff system),
che vi consentono di far rientrare un rigo, aumentare la distanza fra le accollature e
così via. Per accollatura (staff system o system in inglese), si intende una linea di
musica in partitura, a prescindere dal numero di righi relativi agli strumenti
contenuti al suo interno.
Come avrete già capito, le linee che si trovano accanto ai bordi della pagina
definiscono i margini della pagina stessa. I cinque rettangoli che racchiudono i righi
di musica definiscono i margini degli stessi. Ciascun rettangolo che definisce i

128 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

margini dell’accollatura possiede due maniglie, una posta sull’angolo superiore


sinistro e una su quello inferiore destro; trascinate semplicemente le maniglie per
modificare i margini del rigo di accollatura relativo. Potete anche trascinare con il
moouse per includere nella selezione le maniglie desiderate o selezionarle tutte
premendo d-A (Mac: a-A).
Per assecondare le finalità di questo tutorial, abbiamo fatto in modo che questo
documento abbia i vari righi spaziati in modo scorretto. Notate, ad esempio, come gli
accordi e il testo cantato si sovrappongano tra un rigo e l‘altro.
Ora potete affrontare i problemi di spaziatura dei righi all’interno della partitura:
• Cliccate all’interno della prima accollatura e trascinate verso il basso di circa un
paio di centimetri.

I righi seguenti si spostano di conseguenza verso il basso.


Finale è in grado di spaziare uniformemente le accollature all’interno della pagina
con il comando Spazia uniformemente le accollature. Per effettuare la spaziatura,
Finale regola la distanza fra le accollature, senza modificarne i margini. Poiché
dobbiamo essere sicuri che il titolo non venga coperto in seguito quando spazieremo
le accollature, dobbiamo incrementare il margine superiore del primo rigo in modo
da riservare lo spazio per il titolo.
• Cliccate sulla maniglia superiore sinistra del primo rigo e trascinatela verso l’alto,
in modo che il margine del rigo/accollatura coincida con quello del margine

Installazione & Tutorial 129


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

superiore della pagina:

Ora indentiamo, ossia facciamo rientrare, la prima accollatura.


• Trascinate la maniglia superiore del primo sistema verso destra, per circa un
centimetro, come mostrato sotto.

Potete notare come con il semplice trascinamento delle maniglie sia possibile
modificare posizione e margine dei righi o accollature direttamente a video. In ogni
caso, se preferite immettere dei numeri anziché trascinare delle maniglie, potete farlo
nelle due finestre di dialogo messe a disposizione allo scopo da Finale:

130 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

• Dal sottomenu Accollature del menu


Configura-Pagina, scegliete Modifica i
margini. Apparirà la finestra di dialogo
Modifica i margini dell’accollatura. Se
non siete in grado di vedere la vostra
musica, spostate liberamente la finestra
in un punto che non dia fastidio
(trascinandola dalla barra del titolo).

I quattro campi di testo corrispondono ai


valori relativi ai margini delle singole
accollature (superiore, sinistro, destro e
inferiore). Noterete probabilmente che, a
meno di avere avuto una mano molto
ferma e precisa, il rientro del primo rigo
non corrisponde esattamente ad un
pollice (inch). Provate in questo modo:
• Fate doppio click nel campo di testo “Sinistra” e digitate “1”. Fate doppio click nel
campo di testo chiamato Sopra e digitate nuovamente “1”. Deselezionate tutte le
caselle di selezione faatta eccezione per Sinistra e Sopra. Nei campi Cambia
assicuratevi che l’ambito sia Da accollatura 1 alla 1. A questo punto, Finale regolerà
il rientro e la distanza dal margine superiore facendo in modo che corrisponda
esattamente ad un pollice.
Usando questa finestra di dialogo, potete regolare i margini di un solo rigo, di tutti i
righi, o per un ambito specifico di righi. Esiste una finestra simile per controllare i
margini della pagina; potete trovarla all’interno del sottomenu Margini di pagina del
menu Configura-Pagina.
Normalmente le modifiche effettuate influenzano solo la singola pagina o
l’accollatura che state aggiustando. Ad esempio, normalmente potete semplicemente
trascinare verso il basso l’accollatura per far spazio al titolo. Ma se volete che la vostra
azione si rifletta in modo omogeneo su più accollature, potete farlo sia utilizzando la
finestra che abbiamo visto in precedenza (Modifica i margini dell’accollatura) sia
utilizzando un metodo più veloce che stiamo per illustrarvi:
• Cliccate a destra sopra la maniglia del primo rigo e tenete premuto il tasto del
mouse. Trascinate verso il basso in modo da includere nella selezione le maniglie
inferiori di tutte le accollature presenti nella pagina. Da questo momento ogni
modifica influenzerà le altre accollature selezionate.
• Cliccate su una delle maniglie selezionate e trascinatela verso il basso in modo che

Installazione & Tutorial 131


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

il margine inferiore si trovi al di sotto della nota più bassa.

Quando rilascerete il pulsante del mouse noterete che la spaziatura si è riflessa in


tutte le altre accollature.
Potete inoltre trascinare in modo individuale le accollature per spaziarle
uniformemente, ma Finale può farlo automaticamente per voi.
• Dal menu Configura-Pagina, scegliete Spazia uniformemente le accollature. Nella
finestra di dialogo che appare, potete indicare quali pagine spaziare e quando non
applicare la spaziatura uniforme (nel caso ad esempio di pagine parziali contenenti
solo poche accollature). Le impostazioni predefinite sono corrette, quindi cliccate su
OK.
Ecco fatto! Tutte le accollature sono spaziate uniformemente fra i margini superiore e
inferiore di pagina.

INTERRUZIONI DI PAGINA
Come fare nel caso in cui abbiate la necessità di creare un fascicoletto contenente una
raccolta di brani? Potete creare ogni brano su un file separato, oppure inserire
un’interruzione di pagina fra un brano e l’altro. Per prima cosa dobbiamo aggiungere
alcune misure alla fine del brano.
• Cliccate sullo Strumento Misure z. Dal menu Misure scegliete Aggiungi. Digitate
25 nella finestra. Cliccate su Ok.
• Andate a pagina 2. Ora abbiamo alcuni righi extra per fare esperimenti.
• Cliccate sullo Strumento Configura-Pagina f. Appariranno delle maniglie sui
margini di pagina e dei righi.
• Cliccate sul rigo 7. La maniglia apparirà di colore nero. Questo vuol dire che il rigo è
selezionato.

132 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

• Dal menu Configura-Pagina, scegliete Inserisci interruzione di pagina. Finale


posizionerà il rigo all’inizio di una nuova pagina. Inoltre vedrete accanto al rigo
apparire l’icona di interruzione pagina.

Icona Interruzione
di pagina

INSERIRE O CANCELLARE RIGHI O ACCOLLATURE


Poniamo il caso che abbiate appena saputo che l’arrangiatore ha aggiunto una
introduzione al brano che avete appena finito di impaginare attentamente. Nessun
problema!
• Dal menu Configura-Pagina, scegliete Inserimento accollature. Finale aprirà la
finestra di dialogo Inserimento nuove accollature. Qui potete specificare il numero di
righi o accollature da inserire, quante misure, dove inserire i righi e se debba essere
ricalcolata la spaziatura uniforme fra le accollature.
• Cliccate nel campo di testo Inserisci __ , immettete 2 e poi cliccate su OK. Finale
aggiungerà al brano una introduzione di 8 misure su due righi. Finale permette con
la stessa facilità di eliminare delle accollature, come può accadere, ad esempio,
togliendo una scena in un musical.
• Cliccate sulla maniglia del primo rigo, quindi fate shift-click sulla maniglia del
secondo rigo. Ora entrambi i righi sono selezionati.
• Dal menu Configura-Pagina, scegliete Cancella accollature.

LO STRUMENTO RIDIMENSIONA
Abbiamo già sperimentato gli effetti dell’opzione “Scala la visualizzazione del” del
menu Visualizzazione. Questa funzione e le opzioni del relativo sottomenu
consentono di “avvicinare” (“zoom in”) e “allontanare” (“zoom out”) il documento,
ingrandendone o riducendone la visione. In questi casi, però, le effettive dimensioni
di stampa della musica non vengono alterate. Ciò che varia è solo la visualizzazione
sullo schermo del brano.
Lo Strumento Ridimensiona, invece, modifica le dimensioni della musica vera e

Installazione & Tutorial 133


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

propria.
Anche per questo esempio useremo il documento “Tutorial 4” sul quale avete
lavorato sino a questo momento.
• Cliccate lo Strumento Ridimensiona w. La parte della partitura da ridimensionare
dipende da dove si clicca.
• Cliccate la testa di una nota. Vedrete comparire il box Ridimensiona la testa della
nota. I valori limite per le modifiche sono 10% e 999%.

• Digitate 200 e cliccate su OK. In questo modo si raddoppiano le dimensioni della


nota. Per tornare alle dimensioni originali è necessario cliccare esattamente il punto
in cui si trovava la nota di dimensioni normali. Vedrete comparire nuovamente il
box: digitate 100 e cliccate OK. (Oppure selezionate Annulla dal menu Modifica).
Le modifiche non sono cumulabili: la percentuale indicata nel box è sempre riferita
alle dimensioni originali della nota. Se avete ridotto una nota della metà (50%) e
decidete di ridurla ulteriormente della metà, dovete digitare nel box 25% e non
nuovamente 50%.
• Scorrete sino a battuta 1. Cliccate la gamba della prima coppia di crome del rigo
più in alto. Vedrete comparire il box, che questa volta ci servirà per ridimensionare
un intero gruppo di note: in altre parole un accordo o tutte le note di un movimento
della battuta. Ingrandendo o rimpicciolendo un gruppo, qualsiasi testo cantato o
segno di dinamica collegato a quelle note viene egualmente ridimensionato.
• Digitate 50 e cliccate su OK. Avrete così creato una guida strumentale.
Queste sono le sole due funzioni dello Strumento Ridimensiona in modalità
Visualizzazione lineare.
• Selezionate l’opzione Visualizzazione pagina del menu Visualizzazione. Scegliete
Posizione all’inizio dal menu Visualizzazione.
• Cliccate alla sinistra del rigo superiore (sul nome dello strumento “Flauto”).
Vedrete comparire il box di dialogo entro il quale potrete definire questa volta le
dimensioni del rigo musicale.

134 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

• Digitate 80 e cliccate su OK. Il rigo così rimpicciolito può servire, ad esempio, come
guida per l’accompagnamento, nello spartito del pianoforte.
• Cliccate in mezzo a due righi a sinistra di un’accollatura. Nel box di dialogo questa
volta compariranno due nuove opzioni: Mantieni i margini e Ridimensiona lo spazio
verticale.
Finale permette di conservare i margini della pagina quando si ridimensionano i
pentagrammi. Se non si seleziona l’opzione Mantieni i margini e si procede alla
riduzione della partitura, essa verrà rimpicciolita in entrambe le dimensioni,
risultando, di fatto, più stretta. Selezionando l’opzione Mantieni i margini, Finale
ridurrà l’accollatura mantenendone la larghezza, e facendo così in modo che in ogni
sistema trovino posto più battute.

Selezionate l’opzione Mantieni i margini se volete che i sistemi


mantengano la distanza dai bordi del foglio (sinistra). Altrimenti Finale
ridurrà proporzionalmente la partitura in ambo le direzioni (destra).

Finale richiede anche di specificare se si desidera mantenere lo stesso spazio tra il


sistema ridotto e quello seguente, o se si vuole ridurre anche questa distanza. Se
desiderate avvicinare il sistema a quello seguente, selezionate l’opzione Ridimensiona
lo spazio verticale.
• Digitate 75. Selezionate le opzioni Mantieni i margini e Ridimensiona lo spazio
verticale (nel caso in cui non siano già selezionate). Accoll. 1 sino alla 1. Cliccate
su OK. Provate poi a esercitarvi nella rimozione delle modifiche dimensionali.
• Cliccate tra due pentagrammi a sinistra della prima accollatura (sul nome dello
strumento “Piano”). Digitate 100 %, Selezionate Accoll. 1 sino alla 1 e cliccate OK.
L’accollatura riprenderà le sue dimensioni originali.

Installazione & Tutorial 135


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

Resta ora da vedere come agire sull’intero brano, ad esempio per ridurlo e fare così in
modo da diminuire le voltate.
Se non riuscite a vedere l’angolo superiore sinistro della pagina, selezionate l’opzione
Posizione all’inizio del menu Visualizzazione
• Cliccate l’angolo superiore sinistro della pagina. Vedrete comparire il box
Ridimensiona la pagina (per il ridimensionamento della pagina, appunto).
• Digitate 75. Cliccate su OK.
Nota: Usando lo Strumento Ridimensiona su un sistema o un’intera pagina come abbiamo
visto, si modifica la larghezza delle battute. Ogni volta che si compie un’azione, in
Finale, che modifica la larghezza di battuta, è necessario ordinare al programma di
compensare la modifica adattando la disposizione delle battute. (Notate, ad esempio, la
sproporzione nella larghezza di battuta 2.) Come abbiamo detto in precedenza, Finale
effettua automaticamente l’aggiornamento della disposizione della musica. Se però
avete disattivato questa opzione, dovete effettuare voi stessi l’aggiornamento:
• Selezionate l’opzione Aggiorna la disposizione della musica del menu Modifica.
Solo a questo punto Finale ridistribuirà le battute, in modo da ottenere, come
desiderato, un minore numero di pagine in stampa.

LO STRUMENTO TESTO
Lo Strumento Testo viene utilizzato per inserire un qualsiasi tipo di testo in una
singola pagina o in più pagine. Titoli, sottotitoli, dati relativi agli autori, numeri di
pagina, copyright e date sono solo alcuni degli esempi possibili.
Per ottenere i migliori risultati, non usate lo Strumento Testo per testi agogici (come
Adagio, Allegro, ecc.) e per le lettere da usare in prova. Per questi scopi, usate
piuttosto lo Strumento Espressione (vedete in proposito il Tutorial 6).
Per prima cosa sostituiremo il titolo fittizio con il vero titolo “Oh, Susanna”; quindi
aggiungeremo un sottotitolo.
• Scegliete Scala la visualizzazione del... dal menu Visualizzazione; selezionate 75%
dal relativo sottomenu.
• Selezionate l’opzione Posizione all’inizio del menu Visualizzazione. In modalità
Visualizzazione pagina, Posizione all’inizio sposta la vista verso l’angolo superiore
sinistro della pagina (mentre in modalità Visualizzazione lineare, vi riporta a battuta
1.)

136 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

• Cliccate lo Strumento Testo 5. Appariranno i menu


Testo e Cornice, e il titolo fittizio, “Titolo,” porta ora
una piccola maniglia quadrata. Per Modificare un
blocco di testo, dovete fare doppio click sulla sua
maniglia.
• Eseguite un doppio click sulla maniglia del titolo fittizio. Apparirà una cornice di
modifica attorno al testo e il cursore lampeggiante, tipico dei programmi di scrittura
testi, si troverà all’inizio del testo.
• Cliccate e trascinate attraverso la scritta “Titolo”. Il testo fittizio Titolo sarà
selezionato; pertanto potremo digitare direttamente il titolo autentico, in quanto ogni
cosa da voi digitata sostituirà la selezione.
• Digitate “Oh, Susannah.” Se volete modificare l’aspetto dei caratteri, selezionate il
nuovo testo e scegliete Carattere dal menu Testo. (Il titolo fittizio è in Times New
Roman, corpo 24, grassetto). Se stamperete su una stampante laser, potete
sperimentare anche un corpo 24 grassetto con il font Helvetica (corrispondente al
TrueType Arial). Se invece volete solamente cambiare la dimensione o lo stile (ad
esempio togliere il grassetto) del testo, potete effettuare direttamente il cambiamento
scegliendo la voce appropriata dal sottomenu del menu Testo, senza far aprire la
finestra di dialogo Carattere.
Ora aggiungeremo un sottotitolo.
• Eseguite un doppio click poco sotto il titolo esistente. Apparirà la cornice di
modifica con il cursore lampeggiante.
• Scrivete “American Folk Song”.
• Definite il corpo (size) del carattere. Selezionate il testo che avete scritto e
scegliete una dimensione nel sottomenu Dimensione del menu Testo. Per un
sottotitolo è indicato un corpo 12 o 14. Potete anche cambiare il carattere
selezionando il testo e scegliendo Carattere dal menu Testo. Ora bisogna allineare il
sottotitolo all’interno della pagina.
• Dal menu Cornice, scegliete Allineamento.
Nota: il menu Testo viene usato per specificare i caratteri (font) e gli stili da
attribuire all’interno di un blocco di testo. Il menu Cornice viene usato per
allineare un blocco di testo, applicare ad esso degli effetti particolari o
circondarlo con cornici, assegnarlo a una misura (in Visualizzazione lineare) o
a una pagina (in Visualizzazione pagina) e specificare su quale pagina o su
quale ambito di pagine volete farlo apparire. Scegliendo Allineamento, si
aprirà un sottomenu contenente comandi che vi permettono di specificare il

Installazione & Tutorial 137


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

punto in cui volete far apparire il testo all’interno della pagina. Notate come le
opzioni In alto (intestazione), e Posiziona dal margine della pagina, siano già
selezionate: dovete solo dire a Finale di centrare il vostro sottotitolo nella
pagina (Centra orizzontalmente).
• Selezionate Centra orizzontalmente. Finale centrerà il sottotitolo (facendo
riferimento ai margini, e non al foglio). Potete anche rifinire manualmente il
posizionamento di ciascun blocco di testo trascinandone semplicemente la maniglia.
Potreste, ad esempio, definire meglio la posizione verticale del vostro sottotitolo. (Per
cancellare un blocco di testo, cliccatene la maniglia e premete k.)

In aggiunta alla funzione di inserire titoli e istruzioni particolari per gli esecutori, lo
Strumento Testo può anche essere utilizzato per inserire in partitura i numeri di
pagina, così come il nome del file, la data corrente e l’ora corrente (dati importanti
nel caso in cui pensiate di dover intervenire nuovamente sul vostro lavoro in futuro).
Finale è provvisto di numerosi tasti di scelta rapida per molte di queste
caratteristiche: esploriamone alcune.
• Fate doppio click nell’angolo superiore sinistro della pagina, ad un’altezza
leggermente superiore di quella del titolo principale. Apparirà una cornice di
modifica.
• Digitate “Pagina”, aggiungete uno spazio, quindi premete la combinazione
!-d-P (Mac: a-d-P). Questa combinazione di tasti di scelta rapida,
indica a Finale di inserire un numero di pagina nella posizione corrente del cursore.
(Potete anche selezionare Numero di pagina dal sottomenu Inserimenti del menu
Testo.) Apparirà il numero 1, circondato da una cornice. La cornice indica che quel
numero non rappresenta del testo ordinario, ma un inserimento dinamico, che si
adatta di volta in volta alle diverse situazioni. In questo caso se voi aveste inserito
quel numero nella seconda pagina, sarebbe apparso il numero 2 invece dell’1.
Consultate la documentazione alla voce STRUMENTO TESTO.
• Premete !-d-[ (parentesi quadra aperta per la tastiera americana;
apostrofo per la tastiera italiana) (Mac: a-d-[). Questa combinazione di tasti
di scelta rapida, indica a Finale di allineare il blocco di testo al margine sinistro della
pagina. (Potete anche selezionare Sinistra, dal sottomenu Allineamento del menu

138 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

Cornice.) Avete in questo modo inserito con successo un numero di pagina nella
vostra partitura; se questa fosse più lunga di una pagina, potete facilmente istruire
Finale in modo che mostri il vostro numero di pagina in tutte la pagine successive
senza doverlo inserire manualmente ogni volta.
Per avere ulteriori informazioni al riguardo, consultate la documentazione alla voce
STRUMENTO TESTO e ATTRIBUTI DELLA CORNICE DI TESTO (FINESTRA DI
DIALOGO).
Se il vostro lavoro vi soddisfa, salvatelo mediante l’opzione Salva del menu File.
• Selezionate l’opzione Stampa la partitura del menu File e cliccate OK nel box di
dialogo che comparirà. La stampante, dovrebbe iniziare entro pochi secondi la
stampa. Leggete la parte finale di questo tutorial per avere alcuni suggerimenti
relativi alla stampa.

LO STRUMENTO GRAFICA
Oltre ad aggiungere del testo alla vostra partitura, potreste voler inserire un elemento
grafico (come ad esempio un logo) creato da un programma destinato
all’elaborazione grafica. Oppure, seguendo una procedura opposta, potreste voler
esportare un esempio musicale creato con Finale in un programma di scrittura (word
processing). Entrambe le funzioni di importazione ed esportazione vengono svolte
dallo Strumento Grafica.
Iniziamo con l’esportare un esempio dal nostro brano.
• Scegliete Posizione all’inizio dal menu Visualizzazione.
• Scegliete “Scala la visualizzazione del” dal menu Visualizzazione e specificate
100%.
• Selezionate lo Strumento Grafica .
Fate doppio click e trascinate il mouse includendo nella selezione la prima misura in
levare di Oh, Susannah: per fare questo, posizionate il puntatore del mouse sopra e
alla sinistra della prima misura. Fate doppio click con il mouse, tenete abbassato il
pulsante dopo il secondo click, quindi trascinate il mouse in basso verso destra fino a
racchiudere con il rettangolo che si disegnerà sullo schermo la battuta in levare: ora
rilasciate il pulsante del mouse.
Quando selezionate lo Strumento Grafica, apparirà il menu Grafica nella barra dei
menu in alto.
• Selezionate Esporta la selezione dal menu Grafica. (Nota: se l’opzione Esporta la
selezione è in grigio ossia inattiva, significa che la vostra selezione non è stata
effettuata nel modo corretto).

Installazione & Tutorial 139


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

La finestra di dialogo Esporta la selezione vi permette di definire il tipo di formato


grafico che volete esportare. La decisione relativa al formato da utilizzare, è
influenzata dal tipo di stampante che avete (i file EPS vengono stampati SOLO da
stampanti PostScript) o dai formati accettati dal vostro programma di scrittura o di
impaginazione all’interno del quale volete inserire l’esempio creato con Finale.
• Accanto al box Tipo, scegliete TIFF dall’elenco a discesa. (Questo formato viene
stampato da tutte le stampanti).
L’opzione sottostante si riferisce a quali pagine volete esportare. Poiché abbiamo
selezionato Esporta la selezione dal menu Grafica e non Esporta le pagine, l’opzione
non è applicabile al nostro esempio, ma tenete presente che potete esportare intere
pagine senza selezionarle in precedenza.
• Sotto Nomi dei file, selezionate “Richiedi per ciascun nome”. Questa istruzione fa
in modo che Finale vi chieda ogni volta di dare un nome al file che sta per generare.
Se scegliete Genera i nomi da, Finale darà automaticamente il nome a ogni file.
Le Opzioni PostScript (le opzioni per la stampa nel linguaggio PostScript) sono
applicabili ai soli file EPS, quindi, poiché avete scelto il formato TIFF, queste sono
inattive. Nella maggioranza dei casi comunque, queste opzioni vengono entrambe
utilizzate in caso di file EPS, di conseguenza sono selezionate per default.
• Accanto a Risoluzione del TIFF scegliete 300 dall’elenco a discesa. In genere
bisogna scegliere la risoluzione in punti che corrisponde a quella della vostra

140 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

stampante: per esempio, se avete una stampante a 300 punti, dovete scegliere 300. Se
non siete sicuri della risoluzione della vostra stampante, 300 può essere una buona
scelta. Scegliendo una risoluzione superiore alle possibilità della vostra stampante, il
file risultante sarà più grande del necessario e possono esserci dei problemi in fase di
stampa. Un risoluzione inferiore provocherà semplicemente la stampa di
un’immagine meno definita. Tenete presente che questa opzione non è disponibile se
utilizzate il formato EPS.
• Cliccate su OK. Apparirà la finestra di dialogo Salva il file TIFF, che vi permette di
dare un nome al file e determinare dove questo verrà salvato.

Dovete ricordarvi dove avete salvato il file per poterlo utilizzare in seguito.
• Fate doppio click sulla cartella Finale 2008 nel campo Cartelle.
Nota: Per gli scopi di questo tutorial, abbiamo usato la directory predefinita di
Finale. Se avete installato Finale in una directory differente (o state usando
una diversa versione di Finale), utilizzate al posto di Finale 2008 la directory
che avete utilizzato per l’installazione di Finale. Lasciate il tipo di file (Salva
come) su TIFF.
• Nel campo Nome file, digitate tut4.tif, quindi cliccate su OK. Questo file può essere
ora importato in qualsiasi programma di impaginazione (desktop publishing) o di
scrittura (word processing). Consultate il manuale relativo a questi programmi per
sapere come importare al loro interno il file grafico da voi creato. In genere il termine
utilizzato è “inserire” (nei manuali inglesi Place o Insert).
Ora che avete creato un file TIFF, con un processo inverso possiamo importare lo
stesso file all’interno di Finale. Anche se chiaramente non si è soliti importare in
Finale un esempio creato dallo stesso programma (a meno che vogliate inserire in un
altro brano una particolare battuta di incipit), questa procedura vi serve in quanto è

Installazione & Tutorial 141


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

la stessa che potete usare per importare un logo o un’intestazione.


• Selezionate lo Strumento Grafica .
• Scegliete l’opzione Inserisci grafico dal menu Grafica (potete anche fare doppio
click nella finestra del documento—in Visualizzazione pagina—nel punto in cui
volete far apparire l’elemento grafico).

La finestra di dialogo Inserisci grafico vi permette di specificare l’elemento grafico


che volete importare: in questo tutorial useremo il file da voi salvato poco prima.
• Cliccate una volta su tut4.tif per selezionarlo, quindi premete il pulsante di OK.
Poiché anziché fare doppio click nel punto in cui volete far apparire il grafico avete
scelto direttamente l’opzione Inserisci grafico, Finale cambierà il cursore del mouse e
rimarrà in attesa che indichiate, cliccando, il punto in cui volete inserire il grafico
stesso.
• Posizionate il cursore del mouse nel punto in cui volete far apparire il grafico a
partire dal suo angolo superiore sinistro. Il vostro elemento grafico apparirà. Potete
cliccare su di lui per spostarlo e posizionarlo come meglio credete, oppure cliccate e
trascinate una delle sue maniglie per ridimensionarlo.
Consultate la documentazione relativa alla sezione STRUMENTO GRAFICA per
avere ulteriori informazioni.

NOZIONI FONDAMENTALI SULLA STAMPA


Essenzialmente, due sono i tipi di stampanti in grado di lavorare con Finale:
stampanti PostScript come quelle utilizzate nella stampa a livello professionale; e
stampanti non PostScript, il cui novero comprende stampanti a matrice di punti e a

142 Installazione & Tutorial


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

getto d’inchiostro.
• Stampanti PostScript (laser, ecc.)—Finale da il meglio di sé stesso quando la
stampa avviene con una stampante PostScript. Il PostScript è un linguaggio di
descrizione della pagina parlato da computer e stampanti, esattamente come il MIDI
è un linguaggio che parlano tra di loro i computer e i sintetizzatori. Se si desidera una
stampa di altissima qualità è anche possibile salvare un file di Finale su di un disco e
recarsi con esso presso appositi negozi, nei quali il vostro file può essere stampato su
un fotocompositore Linotronic: una grossa e molto costosa macchina in grado di
comprendere il PostScript e di fornire stampe di qualità professionale.
Esattamente come le lettere A, B, e C sono caratteri nei font standard, le note e gli
altri simboli musicali sono caratteri nel font musicale di Finale, chiamato Maestro.
Tutto quanto detto per Maestro è altrettanto valido per qualsiasi altro font incluso
con Finale.
Se si desidera, è possibile ottenere il tiling delle pagine (ovvero ricavare una grande
pagina dalla giustapposizione di più pagine di misure standard). La maggior parte
delle stampanti economicamente accessibili al grosso pubblico non stampa su fogli
più grandi del formato legale (poco più grande dell’A4). Consultate la
documentazione alla voce STAMPARE UNA PAGINA SU PIÙ FOGLI.
• Visualizzazione a schermo e stampanti Non-PostScript. La qualità della
visualizzazione a schermo e quella della stampa che si può ricavare dalle stampanti di
questa categoria, a prescindere dal programma usato, dipende fortemente dai font
installati nel vostro computer. Con Finale sono incluse le versioni TrueType di
Maestro, Seville e Tamburo che durante l’installazione di Finale vengono
automaticamente copiati nella corretta directory di Windows (Nella cartella Fonts
all’interno della cartella Sistema per Macintosh).
Tutti i testi e i simboli musicali verranno riprodotti in modo corretto a prescindere
dalla dimensione. Tenete presente che normalmente, quando si stampa in scala
ridotta, una stampante non-PostScript produce linee non regolarmente spaziate nei
pentagrammi, cediglie leggermente scalettate nelle note dall’ottavo in su e legature
un poco a gradini. (La ragione sta nel fatto che questi “oggetti” non fanno parte di
nessun font).

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Abbiamo affrontato alcuni importanti concetti. In effetti queste tecniche e principi
costituiscono la maggior parte del lavoro di modifica che dovrete affrontare
lavorando con Finale. Di seguito troverete un rapido riassunto di quanto avete
imparato.
• Uso degli Strumenti Misure e Selezione per aggiustare le misure.

Installazione & Tutorial 143


Tutorial 4: Configurazione e Stampa

• Uso della funzione Spaziatura della musica per spaziare e allineare le note, evitare
collisioni tra testo e alterazioni e definire la larghezza ideale per le battute.
• Specialmente dopo l’uso del comando di Spaziatura della musica è importante
selezionare l’opzione Aggiorna la disposizione della musica del menu Modifica, in
modo da poter vedere quale sarà l’aspetto finale del layout (configurazione).
Dovreste abituarvi ad aggiornare frequentemente il layout, ad esempio ogni volta che
passate in modalità Visualizzazione pagina; e comunque sempre, prima della stampa,
onde non avere dei risultati indesiderati.
• Usate lo Strumento Configura-Pagina per definire la spaziatura delle accollature
sulla pagina.
• Usate lo Strumento Grafica per Importare/Esportare elementi grafici.
• Usate lo Strumento Testo per aggiungere titoli, autori, copyright, ecc.
• Uso dello Strumento Testo Cantato e del Plug-in per aggiungere le linee di
estensione dei melismi.
Salvate su disco il vostro lavoro. Se volete interrompere lo studio, selezionate
l’opzione Esci del menu File. se volete invece proseguire, chiudete il documento
correntemente aperto.

144 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate
Tutorial 5: Partitura e
Parti staccate
Ora che conoscete le tecniche fondamentali per inserire in partitura le note e per
modificarle, è tempo di imparare a conoscere le potenti funzioni di Finale dedicate
alla realizzazione della pagina musicale. Questa sezione è dedicata in particolare
modo a coloro che lavorano su grandi partiture, in particolare per orchestra.
Se avete un documento aperto, chiudetelo.
• Aprite il documento “Tutorial 5.” Inizialmente questo consiste di un unico
pentagramma, in cui si trovano delle note.
• Selezionate Visualizzazione lineare dal menu Visualizzazione. Troverete più
semplice lavorare con una visualizzazione lineare della musica, specialmente quando
si tratta di una partitura costituita da più righi musicali.
• Cliccate lo Strumento Rigo musicale s.
• Dal menu Rigo musicale, scegliete l’opzione Nuovi righi. Vedrete comparire la
finestra di dialogo Nuovi righi, che vi chiederà il numero di righi che volete
aggiungere e la distanza che deve intercorrere tra ciascuno di essi. Il numero negativo
indica la distanza dalla linea superiore di un rigo alla linea superiore del rigo subito al
di sotto. Qui, come praticamente in ogni box di Finale, un numero positivo indica
una misura verso l’alto, mentre un numero negativo indica una misura verso il basso.
• Digitate 3 e cliccate su OK. Finale ha aggiunto tre pentagrammi regolarmente
spaziati. Ora possiamo immaginare di creare un quartetto d’archi.
I pentagrammi possono essere riposizionati trascinandoli verso l’alto o il basso per
mezzo della loro maniglia. Per cancellare un rigo, cliccatelo e quindi premete k.
Nota: Se avete difficoltà a visualizzare i righi sul vostro monitor, selezionate una
percentuale di “Visualizzazione” diversa dal sottomenu Scala la
visualizzazione del menu Visualizzazione.

IMPOSTARE LE CHIAVI E I NOMI DEGLI STRUMENTI


Se usate l’Impostazione guidata per aggiungere righi o configurare una partitura ex
novo, tutti questi dati vi vengono già richiesti e impostati per voi. In questo caso
dobbiamo imparare a gestire questi dati in modo diretto.
• Cliccate il rigo più in alto. Cliccando un punto qualsiasi del pentagramma a destra
dell’indicazione di tempo, selezionerete il rigo.
• Selezionate l’opzione Modifica attributi del rigo dal menu Rigo musicale. Apparirà
la finestra di dialogo Attributi del rigo. (Potete anche far apparire la finestra di
dialogo facendo doppio click sul pentagramma).

Installazione & Tutorial 145


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

• Cliccate sul pulsante Modifica che si trova lungo la linea di Nome intero. Apparirà
la finestra Modifica del testo.

• Digitate “Violino I”; quindi cliccate su OK. Il nome per esteso (Nome intero) dello
strumento comparirà vicino al rigo nel primo sistema del brano. Il nome abbreviato
comparirà a fianco dei sistemi seguenti.
• Cliccate sul pulsante Modifica che si trova lungo la linea di Nome abbr. (nome
abbreviato).
• Digitate “Vln. I”; quindi cliccate su OK.
La posizione globale per i nomi degli strumenti viene definita mediante il sottomenu
Posizione predefinita dei nomi del menu Rigo musicale, mentre i font per i nomi
degli strumenti vengono definiti mediante l’opzione Selezione dei font predefiniti del
menu Documento (queste opzioni influenzeranno tutti i nomi dei righi che non sono
ancora stati creati; non avranno alcuna influenza su quelli preesistenti). Dopo aver
creato il nome del rigo, potete modificare il suo font usando il comando Carattere nel
menu Testo, che appare nella finestra Modifica del testo. L’impostazione globale
relativa alla posizione del nome può però essere aggirata cliccando sulla casella
Posizione posta nella finestra di dialogo Attributi del rigo. Ad esempio, cliccando sul
pulsante Posizione e sulla casella di selezione accanto, potete spostare il nome

146 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

abbreviato, Vln. I, più vicino al rigo.


La chiave per il primo violino è ovviamente una chiave di Sol: dato che questa è le
configurazione di partenza, non è necessario modificarla.
Potreste a questo punto cliccare su OK; ritornereste alla partitura, dove apparirà il
nome per il primo rigo. In ogni caso, mentre siete nella finestra, conviene che
impostiate anche gli altri righi.
• Nel menu a comparsa posto alla sommità della finestra di dialogo Attributi del
rigo, selezionate [Rigo 2]. Le scritte nel box cambiano, per rappresentare la
situazione del secondo pentagramma.
• Attribuite al secondo rigo il nome Violino II e il nome abbreviato Vno II. Ancora
una volta, potete spostarvi sugli attributi di un altro rigo senza uscire dalla finestra di
dialogo:
• Nel menu a comparsa posto alla sommità della finestra di dialogo Attributi del
rigo, selezionate [Rigo 3]. Le scritte nel box cambiano nuovamente, per
rappresentare questa volta la situazione del terzo pentagramma, quello per la viola.
• Inserite Viola come nome per esteso e Vla come abbreviazione. Cliccate Seleziona a
fianco del box contenente i simboli per le chiavi ed eseguite un doppio click sulla
chiave di contralto (la seconda in alto).

• Nel menu a comparsa posto alla sommità della finestra di dialogo Attributi del
rigo, selezionate [Rigo musicale 4]. Digitate il nome per esteso, Cello e il nome
abbreviato, Vc. Quindi selezionate la chiave di basso.
• Cliccate su OK. Se desiderate modificare la posizione globale dei nuovi nomi degli
strumenti, scegliete Nomi completi dei righi o Nomi abbreviati dei righi dal

Installazione & Tutorial 147


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

sottomenu Posizione predefinita dei nomi dal menu Rigo musicale. Vedrete in questo
caso aprirsi un piccolo box di dialogo, entro il quale sarete in grado di trascinare il
nome nella posizione desiderata rispetto al pentagramma.

SELEZIONE PARZIALE; TRASPORTO DI ZONE DEL BRANO


Sino a questo punto abbiamo operato modifiche alla partitura ragionando in termini
di battute intere. Usando lo Strumento Selezione, abbiamo cliccata una battuta per
selezionarla, o trascinate più battute intere “catturate”, cliccato sulla prima misura e
poi effettuato un d-click sull’ultima, o ancora cliccato il margine sinistro per
selezionare un intero rigo.
A volte può essere però necessario selezionare solo mezza battuta, o una sola nota.
Per effettuare queste selezioni parziali, agite come segue:
• Cliccate lo Strumento Selezione . Per selezionare parzialmente le misure non
dovete effettuare alcuna modifica alle impostazioni, ma solo imparare alcune
tecniche.
Nell’esempio che stiamo trattando, supponiamo di volere innalzare di una terza
maggiore un determinato passo del violino I.
• Cliccate sulla battuta 6, proprio prima del terzo movimento e mantenete premuto
il tasto del mouse. Trascinate verso destra il puntatore del mouse sino a quando
avrete selezionate le prime due crome di battuta 7. Al rilascio del tasto del mouse,
questa zona sarà selezionata.

• Tenete premuto il tasto d e premete h una volta. La selezione si espanderà


di una nota verso destra.
• Tenete premuto il tasto d e premete g una volta. La selezione si contrarrà
tornando alla sua posizione originale. Quando selezionate inizialmente una regione,
tenete premuto il tasto d e premete g se volete regolare la parte iniziale della
selezione anziché la parte finale. Tenete premuto il tasto d e ! (utenti
Macintosh b ), per espandere la selezione di misure intere.
• Selezionate l’opzione Trasponi del menu Utilità. Vedrete comparire una finestra di
dialogo.
• Nel menu a comparsa selezionate Su e Terza (su di una terza). Cliccate su OK.

148 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

Tornerete alla partitura, dove la zona selezionata apparirà trasportata di una terza
maggiore verso l’alto.
Con la selezione parziale delle misure, cliccando una battuta non la si seleziona
completamente, ma si marca solamente l’inizio di una zona che si intende
“catturare”. Pertanto, se si vuole effettivamente selezionare un’intera battuta, è
necessario eseguire un doppio click sulla battuta. Se la pagina contiene più di un rigo,
un secondo doppio click estende la selezione in verticale, selezionando quella stessa
battuta in tutti i pentagrammi.
La tecnica appena sperimentata, in cui si seleziona una zona per poi applicare
un’opzione del menu Utilità, è estremamente potente. Selezionate una zona e quindi
osservate le opzioni del menu. Oltre a Trasponi vedrete: Ridistribuisci la musica (che
serve a ridistribuire le stanghette di battuta se si modifica la metrica di un brano);
Cambia i raggruppamenti (che influenza il modo in cui sono raggruppati gli ottavi
dopo che questi sono già stati inseriti); Adatta la musica (che, in Visualizzazione
pagina, forza un gruppo di battute selezionate in un unico sistema; e molte altre utili
funzioni. Con la combinazione dell’opzione Selezione parziale delle misure e delle
funzioni del menu Utilità (e Modifica) è possibile effettuare qualsiasi modifica sul
contenuto della partitura.
Useremo un’altra importante opzione del menu Utilità più oltre, nella sezione SEGNI
DI ARTICOLAZIONE. Per maggiori informazioni sulle altre opzioni del menu, si
veda la documentazione alla voce Menu UTILITA’.

VISUALIZZAZIONE SELETTIVA DEI RIGHI (SET DI RIGHI)


Quando si lavora su una grande partitura, il tempo necessario a ridisegnare la pagina
sullo schermo può diventare eccessivo.
Fortunatamente, Finale può accelerare grandemente il vostro lavoro, permettendovi
di nascondere, in Visualizzazione lineare, i righi sui quali non si sta lavorando.
Poniamo di volere nascondere i due righi del Violino II e del Violoncello, in modo da
non occupare inutilmente il programma a ridisegnarli ogni volta.
• Cliccate sullo Strumento Rigo musicale s. Useremo questo Strumento per
specificare quali righi vogliamo mantenere visibili.
• Cliccate il rigo Violino I. Quindi, mantenendo premuto il tasto d, cliccate il rigo
della Viola. Usando lo d-click sarete in grado di selezionare più righi, uno alla
volta, anche se essi non fossero adiacenti sulla pagina.
Ora che abbiamo definito i righi, è necessario programmare uno degli Set di righi.
• Mantenendo premuto il tasto ! (Mac: b), selezionate l’opzione Programma
il set di righi dal menu Visualizzazione; selezionate l’opzione Set numero 1 del

Installazione & Tutorial 149


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

sottomenu a comparsa. In questo modo avete programmato lo Set di righi 1 per


visualizzare solo il primo e terzo rigo (in Finale, il premere il tasto ! o b
serve spesso a programmare qualcosa. Nel menu Visualizzazione, Finale mostrerà
determinati comandi a seconda del fatto che abbiate o meno premuto il tasto ! o
b prima di selezionare il menu).
Appena avrete programmato lo Set di righi 1, vedrete scomparire i due righi vuoti.
Essi fanno ancora parte del brano, ma per il momento sono nascosti. Inoltre, in ogni
Set di righi è possibile riarrangiare i pentagrammi, spostandoli quanto si vuole vero
l’alto o il basso, senza influire sulla posizione dei righi nella partitura completa.
Addirittura, se si cancellano dalla partitura completa dei pentagrammi che fanno
parte di uno Set di righi, sarà ancora possibile accedere a questi pentagrammi ed
editarli.
I Set di righi possono essere usati per riposizionare i righi sullo schermo senza
influenzare la loro posizione al momento della stampa della partitura. Diciamo, ad
esempio, che in Visualizzazione lineare il rigo superiore vi sembra si trovi troppo
vicino o troppo lontano dal margine superiore dello schermo per poter lavorare
agevolmente. Se selezionate lo Strumento Rigo musicale e trascinate semplicemente i
righi sullo schermo, verrà alterata anche la distanza di tutti i righi in fase di stampa.
Se invece assegnate quel rigo ad uno Set di righi, potete selezionare quel Set e
trascinare liberamente il rigo sullo schermo senza che la sua posizione influenzi la
partitura al momento della stampa finale.
In qualunque momento potete ritornare alla visualizzazione completa della partitura
selezionando Tutti i righi dal sottomenu Seleziona il set di righi del menu
Visualizzazione (senza in questo caso premere prima il tasto ! o b).

INSERIMENTO DI NUOVI RIGHI


Immaginiamo di voler aggiungere un flauto al nostro quartetto d’archi. Potremmo
utilizzare la medesima tecnica vista precedentemente, ma in questo caso utilizzeremo
l’impostazione guidata.
• Dal menu Visualizzazione, scegliete Seleziona il set di righi, poi Tutti i righi. In
questo modo torneremo alla visualizzazione totale della partitura.
• Cliccate sullo Strumento Rigo musicale s. Apparirà il relativo menu. Vogliamo
inserire il rigo del Flauto sopra a quello del Violino I.
• Cliccate sulla maniglia del rigo del Violino I. La maniglia è il piccolo quadrato che
si trova in alto nel rigo accanto alla chiave.
• Dal menu Rigo musicale, scegliete Nuovi righi (con Impostazione guidata).
Apparirà la pagina iniziale.

150 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

• Dalla colonna di sinistra scegliete Legni.


• Fate doppio click su Flauto nella colonna centrale. Il nome flauto appare nella
colonna di selezione di destra.
• Cliccate sul pulsante Fine. L’impostazione guidata aggiungerà un nuovo rigo per
Flauto sopra al rigo selezionato (in questo caso Violino I).

STRUMENTI TRASPOSITORI
Cosa accadrebbe se avessimo fatto un errore? Mettiamo il caso in cui avremmo
voluto inserire come strumento un clarinetto anziché il flauto. Potremmo sempre
cancellare il rigo del flauto e con la precedente procedura aggiungere un rigo per
clarinetto. Ma vi sono casi in cui il cambio di scelta strumentale avviene dopo aver
magari già inserito della musica che non volete perdere. È possibile in questo caso
mutare il rigo per strumenti in Do in uno per strumenti traspositori.
• Cliccate sullo Strumento Rigo musicale s.
• Fate doppio click sul rigo del flauto alla destra della chiave e armatura di chiave.
All’interno della finestra Attributi del rigo, modificate il nome intero in Clarinetto e
quello abbreviato in Cl., ma non uscite dalla finestra.
• Cliccate sulla casella trasposizione e cliccate su Seleziona. Apparirà la finestra
Trasposizione per il rigo all’interno della quale potete impostare il tipo di
trasposizione deesiderato. Per gli strumenti più comuni, come appunto il clarinetto,
esistono già delle impostazioni predefinite.

Installazione & Tutorial 151


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

• Cliccate sul menu a discesa accanto a Tonalità, dal menu scegliete (Sib) 2M su,
agg. 2 diesis.
• Cliccate due volte su OK. Ora il vostro rigo è diventato un rigo per strumento
traspositore in Si bemolle.

STILI DEL RIGO


Immaginiamo desideriate che il vostro strumentista dei fiati debba passare dal flauto
al clarinetto durante il pezzo - cosa abbastanza comune nei brani per jazz band. Gli
Attributi del rigo impostano la trasposizione predefinita per l'intero brano, ma gli
Stili del rigo vi consentono di modificare la struttura e le impostazioni del rigo
misura per misura. Gli Stili del rigo possono fare molte più cose della semplice
trasposizione; per maggiori informazioni, vedi STILI DEL RIGO nel Manuale Utente
in linea.
Per questo esperimento, commuteremo per flauto le misure da 5 a 8 del rigo per

152 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

clarinetto.
• Cliccate sullo Strumento Rigo Musicale s.
• Dal menu Modifica, scegliete Selezione parziale delle misure onde disattivare
l’opzione.
• Cliccate a metà di misura 5 quindi fate shift-click sulla misura 8. Fate attenzione a
non cliccare inavvertitamente alla sinistra del rigo altrimenti selezionerete ogni
misura presente nel rigo stesso. Lo stile del rigo che applicheremo influenzerà
solamente le misure selezionate senza modificare la trasposizione per clarinetto nel
resto del pezzo.
• Dal menu Rigo musicale, scegliete Applica lo stile del rigo. Apparirà la finestra di
dialogo Applica lo stile del rigo contenente una selezione di stili predefiniti. Tenete a
mente che potete creare degli stili personalizzati in grado di risolvere le vostre
esigenze. Potete anche creare una libreria di stili che potete poi caricare in ogni
documento.

• Fate doppio click su Trasposizione per flauto. Ora il vostro rigo per Clarinetto
conterrà il nome del rigo del flauto e una trasposizione per strumenti in Do. Tenete
presente che Finale aggiunge una barra blu con la scritta "14. Flute Transposition"
sulle misure. Questa barra non stampabile vi mostra dove sono stati operati dei cambi
di stile e la sua visualizzazione può essere disattivata dal menu Rigo musicale

Installazione & Tutorial 153


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

(deselezionate l’opzione Mostra gli stili del rigo.) Se tornate all’inizio del brano,
vedrete che le prime misure utilizzano ancora la trasposizione per clarinetto e non
hanno la barra blu di segnalazione.

OTTIMIZZAZIONE DELLE ACCOLLATURE


Questa sezione è importantissima per chi lavora su partitura orchestrali.
Quando un editore stampa una partitura orchestrale, solitamente tutti i pentagrammi
di ogni rigo di accollatura che contengano solo pause vengono rimossi
dall’accollatura stessa. Se, ad esempio, si ha una partitura per orchestra
comprendente 24 parti reali che inizia con 16 battute di flauto solo, con tutta
probabilità non si desidera sprecare quattro pagine di partitura per stampare la parte
del flauto con 23 righi vuoti. Sarà necessario invece fare in modo che la parte di
flauto appaia da sola sino a quando non entreranno gli altri strumenti.

Finale permette di rimuovere i pentagrammi vuoti, sia da un solo sistema (rigo di


accollatura), sia da tutto il brano, con un processo chiamato ottimizzazione dei
sistemi.
È molto importante capire come funziona questo procedimento. Torniamo
all’esempio del flauto. Quando si ottimizza il primo sistema, Finale memorizza la
situazione di tutti i 24 righi. E memorizza il fatto che solo la parte del flauto contiene
delle note.

154 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

Finale manterrà invariata la sua concezione della partitura, anche se in un secondo


tempo si aggiungono delle note. Ad esempio, se una volta ottimizzati i sistemi
decidiamo che il clarinetto deve raddoppiare il flauto, e copiamo sul clarinetto la
parte del flauto, Finale stamperà sempre e comunque solo la parte del flauto; a meno
che non si provveda a deottimizzare i sistemi e quindi a ottimizzarli nuovamente.
Pertanto: ottimizzate i sistemi solo quando il brano è proprio come lo volevate, ossia
al momento della stampa definitiva.
Per questo esempio assumeremo che vi troviate in Visualizzazione pagina, con il file
“Tutorial 5” aperto.
• Cliccate lo Strumento Configura-Pagina 3. Vedrete comparire il menu Configura-
Pagina
• Selezionate l’opzione Ottimizza le accollature del menu Configura-Pagina. Nel box
che si apre sono disponibili alcune opzioni: possiamo ottimizzare i sistemi o
deottimizzarli (rimuovere l’ottimizzazione: ripristina i righi rimossi nell’immagine in
stampa). Se si lascia invariata la definizione iniziale “Intero documento” la funzione
agirà sull’intero brano.

• Cliccate su OK. Osservate la partitura: solo un rigo è visibile, invece di cinque. Gli
altri quattro, essendo vuoti, sono stati rimossi dalla visualizzazione. Se si desidera
ripristinarli, è necessario aprire nuovamente la finestra di dialogo Ottimizzazione

Installazione & Tutorial 155


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

delle accollature, e in essa selezionare l’opzione Rimuovi l’ottimizzazione.

Icone dell’ottimizzazione

Se si desidera mantenere visibile un rigo vuoto mentre la visualizzazione degli altri è


soppressa, esiste un modo veloce per assicurarsi che esso non venga “nascosto”.
Finale decide se un rigo è vuoto analizzando la presenza di eventi: note o pause. Se il
programma in un rigo non trova nulla all’infuori delle pause di Default, il rigo stesso
viene nascosto.
Pertanto, se vogliamo forzare la visualizzazione di un rigo, tutto ciò che dobbiamo
fare è introdurre una pausa “reale” di semibreve in una battuta qualsiasi (cliccate una
battuta con lo Strumento Inserimento rapido e premete il tasto 7, oppure cliccate lo
Strumento Inserimento semplice, cliccate sulla figura di semibreve nella palette e fate
d-click sulla misura). Finale considererà questa pausa “reale” come un evento,
sufficiente a impedire la rimozione dallo schermo del rigo durante l’ottimizzazione.
Possono esistere casi in cui si desidera ottimizzare i sistemi anche se tutti i righi
contengono delle note. Ciò perché un sistema ottimizzato offre un vantaggio
speciale: può essere, in Visualizzazione pagina, trascinato verso l’alto o il basso
mediante lo Strumento Rigo musicale. (Normalmente, selezionando lo Strumento
Rigo musicale in Visualizzazione pagina, non compaiono maniglie per i singoli righi
di un’accollatura). Inoltre, è possibile creare nuovi gruppi di righi e ridisegnare le
loro graffe. Si veda la documentazione alle voci MANIGLIE DEL RIGO MUSICALE e
PARENTESI e FINESTRA DI DIALOGO ATTRIBUTI DEL RIGO. Ricordate questo fatto
quando volete che la distanza tra i righi (o la configurazione delle graffe) cambi da
sistema a sistema.

156 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

PARTI COLLEGATE
Dopo l’ottimizzazione, la partitura dovrebbe essere completa. È ora tempo di
dedicarci alla gestione delle parti staccate per i singoli strumenti. Nelle precedenti
versioni di Finale, arrivati a questo punto era necessario estrarre le parti in
documenti autonomi, ciascuno con la necessità di essere controllato, ripulito,
formattato e preparato per la stampa. Nel caso poi di future modifiche alla partitura,
era necessario ritoccare manualmente ciascuna singola parte eventualmente
influenzata dalle modifiche. A partire dalla versione 2008 di Finale, le singole parti
sono integrate all’interno della partitura e collegate ad essa in modo interattivo e
intelligente. Le modifiche alla musica apportate in partitura, si rifletteranno
automaticamente nelle singole parti. Le modifiche alla notazione effettuate sia in
partitura sia nelle parti, verranno applicate alla rispettiva controparte, ma molti
elementi presenti nelle parti staccate, come le espressioni e il testo, possono essere
modificate in modo indipendente. In questa sezione impareremo a creare, gestire,
modificare e stampare le parti usando la tecnologia delle parti collegate.
A prescindere dal fatto che stiate creando un documento nuovo con l’Impostazione
guidata, o stiate inserendo nuovi righi con l’inserimento guidato, avete sempre a
disposizione l’opzione che vi consente di generare le parti collegate. Quando
selezionate questa opzione, dopo il completamento dell’impostazione guidata, Finale
genera le parti basandosi sugli strumenti da voi scelti. Per visualizzare le parti, dal
menu Documento scegliete Modifica la parte e poi scegliete la parte che desiderate
visualizzare. In origine il nome della parte corrisponde sempre al tipo di strumento
che avete scelto in partitura.

Tenete presente che, in ogni caso, non c’è urgenza di creare le parti collegate
immediatamente, in quanto queste possono essere aggiunte al documento in
qualsiasi momento. Potete anche attendere di avere terminato la partitura prima di
creare le parti collegate (ad esempio nel caso in cui stiate lavorando su un vecchio file
di Finale). Il nostro Tutorial 5 non contiene ancora le parti staccate, di conseguenza
le andiamo a generare adesso.
• Dovrebbe essere ancora selezionato lo Strumento Configura-Pagina 3 (in caso

Installazione & Tutorial 157


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

contrario selezionatelo). Dal menu Configura-Pagina, scegliete Ottimizza le


accollature. Selezionate Rimuovi l’ottimizzazione delle accollature e cliccate su OK.
Ora tutti i righi sono visibili (per il nostro scopo, in questo modo sarà più facile
distinguere fra partitura e parti staccate).
• Dal menu Documento, scegliete Gestione delle parti. Apparirà la relativa finestra.
• Cliccate su Genera le parti. Finale riempie l’elenco con una parte per ciascuno
strumento assegnando a ciascuna il nome del relativo strumento. Nel caso in cui in
partitura vi sia un’accollatura (ad esempio per pianoforte), Finale aggiungerà una
parte singola utilizzando il nome del gruppo.

• Cliccate su OK. Finale genererà le parti staccate. Potete scegliere una parte dal
menu Documento, oppure navigare agevolmente fra parti e partitura utilizzando la
combinazione !@ (perWindows) oppure ba (per Macintosh) e
premendo . (punto) oppure , (virgola).
Come è stato detto in precedenza, i cambi di notazione (come ad esempio l’altezza
delle note o la loro durata) effettuati sulla parte o sulla partitura si rifletteranno
automaticamente nela controparte. Poiché altri simboli (come ad esempio le
espressioni) necessitano di un posizionamento differente fra partitura e parte, il

158 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

collegamento fra il posizionamento del simbolo nella partitura e nella parte può
essere interrotto.
• Cliccate sullo Strumento Espressione y.
• In partitura, fate doppio click al di sotto del rigo superiore in corrispondenza della
misura 1.
• Fate doppio click sul segno F. Quindi assicuratevi che il pulsante Tutti i righi sia
selezionato e cliccate su OK. Apparirà un simbolo di F al di sotto della prima
misura in tutti i righi. Potete riposizionare il simbolo come desiderate - facendo
questo ricordatevi che state impostando la posizione del simbolo sia per la partitura,
sia per la parte. Proseguendo, ora imposteremo la posizione del simbolo per la parte,
ma non per la partitura.
• Dal menu Documento, scegliete Modifica la parte, poi Violino I. Ora state
visualizzando la parte del Violino I.
• Cliccate sul segno F e trascinatelo verso destra. Quando riposizionate
l’espressione nella parte, interrompete automaticamente il collegamento, per quanto
riguarda il posizionamento, nei confronti della partitura. L’espressione cambierà di
colore diventando arancione, indicando in questo modo che il collegamento è stato
interrotto. Quando riposizionate un’espressione in una parte, i vostri cambiamenti si
applicheranno solamente a quella parte, e futuri cambi di posizione effettuati
all’interno della partitura non influenzeranno la posizione di quell’espressione
all’interno della parte.
• Dal menu Documento, scegliete Modifica la partitura. Noterete come il
posizionamento dell’espressione in partitura non abbia subito alcun cambiamento.
Anche nelle altre parti non è stata effettuata alcuna modifica.
• Cliccate in partitura sul segno F e trascinatelo verso destra.
• Dal menu Documento, scegliete Modifica la parte, poi Violino I. Noterete subito
che l’espressione è rimasta nel punto originario. Ora supponiamo di volere collegare
nuovamente questa espressione alla partitura come in origine.
• Gli utenti Windows devono cliccare con il pulsante destro del mouse sulla
maniglia dell’espressione mentre gli utenti Macintosh devono effettuare un ctrl-
click sulla maniglia medesima. Scegliete Collega di nuovo in partitura dal menu
contestuale. L’espressione tornerà a posizionarsi nella stessa posizione della partitura
riprendendo il colore originale. Ricordate anche che, facendo questa operazione non
nella parte staccata ma in partitura, potete collegare l’espressione in tutte le parti
scegliendo all’interno del menu contestuale Collega di nuovo in tutte le parti.

Installazione & Tutorial 159


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

Le espressioni sono solo uno fra gli elementi che possono essere modificati in questo
modo. Testo, segni di ripetizione, articolazioni, accordi e altri simboli possiedono le
stesse capacità gestionali. Consultate il manuale utente in formato pdf alla voce
PARTI COLLEGATE per avere ulteriori informazioni.
• Quando partitura e parti sono quasi completate, è il momento di trasformare le
battute consecutive di pausa in misure d’aspetto.
• Scegliete lo Strumento Misure z.
• Dal menu Misure, scegliete Battute d’aspetto e infine Crea per Parti/Partitura.
Apparirà la relativa finestra di dialogo.

• Selezionate ogni parte che desiderate modificare. In genere il file della partitura non
contiene battute d’aspetto, di conseguenza in questa occasione selezioneremo tutte le
parti e non la partitura.
• Cliccate su OK. Finale trasforma le battute successive di pausa in un’unica battuta
indicante le misure d’aspetto. Per far questo si basa sulle impostazioni contenute
nella finestra Opzioni del documento-Battute d’aspetto raggiungibile all’interno del
menu Documento.
Dopo la creazione delle misure d’aspetto, potete controllare ciascuna parte per
effettuare, se lo desiderate, delle modifiche fini alla configurazione della musica. Ad
esempio, se una misura occupa un’intero rigo alla fine della parte, potreste usare i
comandi dello Strumento Selezione per spostarla nel rigo superiore.

160 Installazione & Tutorial


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

Quando le parti sono state completate, potete stamparle direttamente dal file di
progetto. Scegliete Stampa dal menu File e selezionate le parti che desiderate
stampare. Per maggiori informazioni consultate la voce STAMPA DELLE PARTI
COLLEGATE nel manuale utente.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Chiudete il documento; se lo desiderate, prima salvatelo su disco.

Installazione & Tutorial 161


Tutorial 5: Partitura e Parti staccate

162 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback
Tutorial 6: Playback

Può darsi che siate interessati all’uso di Finale come sequencer: questo Tutorial vi
presenterà alcune delle funzioni speciali orientate al MIDI di Finale. Se invece non
pensate di aver bisogno di funzioni sofisticate a livello di sequencer appunto, saltate
direttamente al Tutorial 7.
Una delle maggiori potenzialità di Finale è rappresentata dalla sua estrema versatilità
nella gestione del playback e nella modifica dei dati MIDI. Ad esempio potete
scegliere di riprodurre la vostra partitura usando i suoni professionali della GPO o di
qualunque strumento virtuale della Native Instruments, indicare che il vostro brano
debba essere eseguito in stile Reggae con Human Playback, infine regolare in tempo
reale il volume e il pan stereo di ciascuno strumento con i controlli mixer di Finale.
Infine, se una sezione non suona esattamente come desiderate, potete usare lo
Strumento MIDI per modificare in modo approfondito ogni minimo dettaglio.
Questo capitolo vi mostrerà inizialmente i modi più immediati e semplici per far
suonare la vostra musica in modo grandioso, poi imparerete alcune funzioni più
avanzate che vi permetterenno di modificare in modo specifico i parametri MIDI
desiderati.

STRUMENTI ED ASSEGNAZIONE DEI CANALI MIDI


Sino a questo punto abbiamo ascoltato la riproduzione dei dati MIDI attraverso un
unico Canale MIDI: il Canale 1, quello predefinito. Ma è possibile inviare i dati
relativi ad ogni rigo su di un distinto canale e persino avere voci di polifonia distinte
in un unico pentagramma, che verranno inviate su Canali MIDI separati. Inoltre, è
possibile inserire cambi di Canale e di Program su qualsiasi rigo, in qualsiasi
momento.
Ricordate: se volete che ogni pentagramma venga riprodotto con un suono differente,
dovrete fare uso di un sintetizzatore multitimbrico, ovvero in grado di generare più
di un singolo timbro contemporaneamente. Oppure dovrete usare più sintetizzatori
monotimbrici, ognuno dei quali regolato per ricevere su un differente Canale MIDI.
La maggior parte dei nuovi sintetizzatori è in grado di generare contemporaneamente
quattro, otto o sedici timbri distinti.
Per quanto riguarda il presente Tutorial, dovrete assicurarvi che il vostro
sintetizzatore si trovi in modo multitimbrico: controllate sul manuale. Spesso per
ottenere tale risultato è necessario definire il sintetizzatore in modo “Poly”. Il modo
“Omni,” che normalmente costituisce la situazione di partenza nelle macchine, fa in
modo che tutti i dati MIDI in arrivo vengano riprodotti usando un unico suono. In
conclusione la scelta più indesiderata corrisponde al modo “Mono”, che corrisponde

Installazione & Tutorial 163


Tutorial 6: Playback

all’ascolto di una sola nota per volta.


• Chiudete gli eventuali documenti aperti e aprite il documento “Tutorial 6.” Esso
contiene un breve arrangiamento per piano, basso, archi e arpa.
• Nel menu Finestre, selezionate l’opzione Elenco degli strumenti. Vedrete
comparire l’Elenco degli strumenti: un elenco rigo per rigo della vostra partitura. La
riga di ogni nome è attraversata da più colonne.
• Assicuratevi che sia selezionata la casella per l’opzione Invia i timbri prima di
iniziare la riproduzione, che si trova nell’angolo inferiore sinistro della finestra
Elenco degli strumenti.
Cliccate per silenziare tutti gli altri
Cliccate per silenziare un rigo. Cliccate righi (Solo). Cliccate di nuovo per
di nuovo per de-silenziare il rigo. ripristinare il normale playback. Usate questa colonna
Cliccate per impostare il per inserire un banco.
Cliccate e inserite il canale
rigo per la registrazione. MIDI per lo strumento.

Cliccate la
freccia per
espandere la
lista del rigo, in
modo da vedere
le singole
assegnazioni
per i vari livelli.

Cliccate sul campo di testo Cliccate la freccia per Quando è attivo Invia i Cliccate sulla freccia
per inserire un valore espandere l’elenco degli timbri prima di iniziare per scegliere un
specifico per il volume. strumenti disponibili. la riproduzione, timbro General MIDI
cambiando il numero
del Programma viene
inviato il relativo
messaggio alla vostra
periferica MIDI durante
la riproduzione.

Finale può riprodurre i dati su 64 Canali MIDI contemporaneamente—a seconda del


numero di schede MIDI presenti nel vostro computer. Per usare tutti questi canali
dovrete specificare che desiderate questo tipo di connessione mediante l’opzione
Impostazioni MIDI del menu Documento. Usando l’Elenco degli strumenti, sarete in
grado di assegnare un canale MIDI a ciascun pentagramma, o meglio a ciascuno
strato dei vari pentagrammi. (Sapremo di più sulla funzione degli “strati”, chiamati
Livelli, nel Tutorial 8.)
Finale vi mette a disposizione una flessibilità ancora maggiore, permettendovi di

164 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

creare degli Strumenti. Uno Strumento è l’equivalente MIDI di un timbro per la


vostra partitura. Uno Strumento può essere assegnato a più pentagrammi: se si scrive
una parte per pianoforte, ovviamente si vorrà che ambo i pentagrammi vengano
riprodotti con lo stesso suono e Canale MIDI, e sarà pertanto utile potere assegnare
lo stesso Strumento ai due pentagrammi. Uno Strumento può essere inoltre assegnato
ad un solo Livelli di un pentagramma: se si scrivono due parti, una per flauto e una
per clarinetto, sullo stesso rigo, ma ognuna su un distinto “strato”, ciascuna parte
può corrispondere a un diverso Strumento e fare riferimento così a un differente
suono e Canale MIDI.
Come potete vedere dal diagramma precedente, l’Elenco degli strumenti consente
anche di controllare agevolmente quali righi vengano posti in riproduzione.
Cliccando nella colonna Mute (M) è possibile porre in “mute” un rigo, mentre
cliccando la colonna Solo (S) è possibile attivare la riproduzione di un solo
pentagramma per volta (e silenziare gli altri).
• Nel menu a discesa Strumento del rigo Strings (archi) selezionate l’opzione Nuovo
Strumento (scorrete in cima alla lista). Vedrete comparire la finestra di dialogo
Definizione dello strumento.
• Denominate il nuovo strumento “Archi.” Digitate la cifra 3 nel box del Canale
MIDI. Per ulteriori approfondimenti relativi alle opzioni di selezione dei banchi
(Bank Seleziona) e di Cambio Timbro (Program Change) consultate la
documentazione.
• Cliccate su OK. L’Elenco degli strumenti mostrerà il nome del nuovo Strumento per
il primo rigo.
• Nell’elenco a comparsa del rigo Harp staff, selezionate l’opzione Nuovo Strumento.
Denominate il nuovo Strumento “Arpa,” e assegnatelo al Canale 4. Cliccate OK.

• Notate che per lo Strumento “Pianoforte” (sia la mano destra che quella sinistra),

Installazione & Tutorial 165


Tutorial 6: Playback

è già predefinita l’assegnazione al Canale 1. La creazione dei nomi per gli Strumenti
non è ovviamente obbligatoria: se lo trovate più comodo potete limitarvi a definire i
Canali MIDI. Provate a operare in questo modo per l’ultimo pentagramma.
• Dall’elenco a discesa Strumenti relativo al rigo del Basso, scegliete Acoustic Bass.
La configurazione finale della vostra finestra dovrebbe avere questo aspetto:

• Se necessario, usate la cornice di dimensionamento per rendere più piccola la


finestra Elenco degli strumenti e quindi trascinatela in modo da riuscire a vedere
la prima battuta.
• Mantenendo premuta la Barra Spaziatrice, cliccate la prima battuta. Se il vostro
sintetizzatore è correttamente configurato, ascolterete le quattro parti
dell’arrangiamento, riprodotte usando quattro suoni differenti.
Supponiamo ora di volere ascoltare la parte del piano “eseguita” da un altro
sintetizzatore, che riceva sul Canale 11, ad esempio. Tutto ciò che dobbiamo fare è
modificare il valore nella colonna “Can.” per uno dei righi Piano. Dato che entrambi
i pentagrammi sono stati assegnati allo stesso Strumento, Finale cambierà
automaticamente l’assegnazione dei canali su tutti e due i righi.
Prima di continuare, chiudete la finestra Elenco degli strumenti facendo click sulla
casella di controllo. Selezionate l’opzione Salva nel menu File, in modo da salvare su
disco il brano così configurato.

166 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

USO DI KONTAKT PLAYER 2 PER FINALE CON LA GARRITAN PERSONAL


ORCHESTRA (GPO)
Sino a questo punto, probabilmente avrete Per il playback potete
ascoltato le esecuzioni di Finale utilizzando i suoni usare una periferica MIDI
standard General MIDI. Anche se lo SmartMusic esterna, lo SmartMusic
SoftSynth è un modulo generatore di suoni GM SoftSynth, o un player
SoundFont di prima classe, Finale è in grado di della Native Instruments
offrire anche i suoni campionati professionali della (come il Kontakt player),
Garritan Personal Orchestra, tra le più rinomate ma non mescolare metodi
collezioni di librerie strumentali. Si tratta di suoni diversi all’interno di un
di strumenti reali registrati e masterizzati documento.
professionalmente, in modo da offrire una
riproduzione tra le più realistiche possibili. Con
Finale viene inclusa una collezione di strumenti GPO, che possono essere selezionati
sia durante l’impostazione guidata del documento, sia assegnandoli a dei righi
esistenti.
Ricordate che i requisiti di sistema richiesti per utilizzare i suoni della GPO sono
maggiori di quelli richiesti per il normale uso di Finale. Per ottenere la massima
prestazione dalla GPO, dovete avere almeno 1 GB di RAM e un processore con una
velocità di clock di 1.8 GHz per Win e un G4 di almeno 733 MHz su Mac. Per
effettuare l’esercitazione richiesta in questa sezione sono richiesti almeno 512 MB di
RAM. Chiudete tutte le applicazioni diverse da Finale.
Per specificare che desiderate utilizzare gli strumenti della GPO iniziando una nuova
partitura, seguite le istruzioni seguenti. (Non chiudete il Tutorial 6, continueremo fra
breve a utilizzarlo dal punto in cui siamo arrivati).
• Lanciate l’Impostazione guidata del documento. Potete farlo sia cliccando su
Impostazione guidata nella Finestra di Avvio, oppure, dal menu File, scegliendo
Nuovo > Documento con Impostazione guidata.
• Immettete il titolo, compositore e copyright e cliccate su Avanti per andare a
pagina 2.
• Nell’angolo superiore sinistro, dopo Set di strumenti, cliccate sul menu a discesa e
scegliete “Garritan Personal Orchestra 2.0 Finale Edition.” Apparirà un nuovo set
di strumenti nell’elenco sottostante.
• Aggiungete questi strumenti e completate l’impostazione guidata nel solito modo.
Quando apparirà la partitura, tutti i righi saranno impostati per poter usare
automaticamente gli strumenti GPO. Immettete alcune note e cliccate il pulsante di
Play nei Controlli per il playback per ascoltare il suono di questi strumenti.

Installazione & Tutorial 167


Tutorial 6: Playback

Naturalmente, potete anche assegnare gli strumenti GPO ai righi esistenti. Per poter
fare ciò, dovete anche assegnare i canali corrispondenti a ciascun rigo all’interno del
Kontakt Player. Ecco come fare:
• Dal menu Finestre, scegliete il file del Tutorial 6 con Gli utenti Windows
il quale abbiamo lavorato sino a poco prima. Lo premano Ctrl-Tab,
troverete al fondo del menu Finestre con il nome mentre gli utenti Mac
“Tutorial 6.mus.” Command-‘ per
• Dal menu MIDI, gli utenti Windows scelgano spostarsi tra i vari
Impostazione dei VST della Native Instruments. Gli documenti attivi.
utenti Mac scelgano invece Impostazione AU della
Native Instruments. Apparirà la relativa finestra di dialogo.
• Selezionate l’opzione Fai suonare Finale tramite i VST (AU) della Native
Instruments. Ai nostri fini, considerate “Audio Units” (AU) del Mac equivalenti ai
“VST” in Finale per Windows.
• Dal menu a discesa alla destra di 1-16, scegliete Kontakt Player 2.0. Notate che in
futuro potrete scegliere Kontakt Player 2.0 per tutti gli slot. Ciascuna istanza del
player può ospitare 16 differenti strumenti, di conseguenza potete usare
simultaneamente sino a 128 strumenti totali in un documento.
• Cliccate sul pulsante Modifica sulla destra. Apparirà il Kontakt Player 2.0 per Finale
con la Garritan Personal Orchestra. Il Kontakt Player può essere usato per effettuare
regolazioni dell’intonazione, key velocity e altri attributi degli strumenti. In ogni
caso, l’uso più comune di questo player per le necessità di Finale è quello di
assegnare gli strumenti GPO ai canali corrispondenti a quelli specificati per ciascun

168 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

rigo nella finestra Elenco degli strumenti.

• Cliccate sul triangolo alla destra del pulsante Instruments e selezionate Section
Strings > Full Strings > Full Strings Arco. Notate come questa scelta ora occupa la
parte destra della finestra nella parte superiore dell’interfaccia del player.
• Cliccate sul pulsante della regione di canale e scegliete il canale 3.
Ricordate che abbiamo impostato in precedenza il rigo degli archi sul canale 3
nell’Elenco degli strumenti. Vi consigliamo di aprire l’Elenco degli strumenti e
posizionare la finestra in alto nello schermo come riferimento per ricordarvi i canali
usati mentre assegnate i canali all’interno del Kontakt Player.
• Cliccate e trascinate la Modulation Wheel (il potenziometro in basso a sinistra) sin
quasi al massimo della sua corsa. Dovete cliccare e trascinare questo controllo ogni
volta in cui inserite un suono. Si tratta del controllo del volume e dell’espressione
della GPO, e cliccando su di esso impostate il suo volume ad un livello udibile.
• Cliccate triangolo alla destra del pulsante Instruments e selezionate Harp > Harp
KS. Impostate il canale sul 4. Cliccate sulla Mod Wheel.
• Poi aggiungete uno “Steinway Piano” e impostatelo sul canale 1, infine un “Solo

Installazione & Tutorial 169


Tutorial 6: Playback

Strings > Dbl Bass > Dbl Bass Plr1” impostandolo sul canale 2. Ricordate di cliccare
ogni volta sulla Mod Wheel.
• Ora che tutti gli strumenti sono stati impostati, chiudete il Kontakt Player 2. Nel
caso in cui i Controlli per il Playback non fossero visibili, dal menu Finestre scegliete
Controlli per il playback.
• Cliccate sul pulsante Play per riprendere il playback. Finale riprodurrà la vostra
partitura utilizzando i suoni degli strumenti da voi selezionati della GPO.
Ricordate che ciascuna istanza del Kontakt Player può contenere al massimo solo 16
strumenti. Di conseguenza, se desiderate utilizzare strumenti GPO separati per 17 o
più righi, dovrete aggiungere dei “Kontakt Player” per i canali aggiuntivi nella
finestra Impostazioni strumenti VST/AU della Native Instruments. Di conseguenza,
quando cliccate sul pulsante Modifica posto accanto a, per esempio, i canali 17-32,
apparirà un Kontakt player pronto per l’assegnazione dei successivi 16 canali. In
questo caso, il canale 1 del Kontakt Player corrisponderà al canale 17 nell’Elenco
degli strumenti di Finale.

MIXER
Durante l’ascolto del vostro documento, potreste I controlli di Volume,
scoprire di avere la necessità di regolare il pan stereo e di
bilanciamento sonoro di alcuni righi singoli. Ad strumento nelle Viste
esempio, potreste voler aumentare il volume della Mixer e Studio sono fra
sezione dei flauti, o spostare la sezione degli ottoni loro collegati. Un
sulla parte destra del campo di ascolto utilizzando i cambiamento effettuato
controlli del panning. Potete usare i controlli del in una di queste viste si
Mixer di Finale per effettuare queste modifiche. Il rifletterà sull’altra.
Mixer consente di effettuare regolazioni in tempo
reale al playback dell’intera partitura o di ciascun rigo
singolo. Le regolazioni che effettuate all’interno del mixer vengono post-processate
dopo i dati di playback esistenti, di conseguenza tutti i dati MIDI esistenti, inclusi i
dati HP, vengono lasciati intatti (come se steste inviando la musica dal vostro
computer a un mixer convenzionale). Le impostazioni del Mixer appaiono sia nella
finestra Mixer, sia nei controlli del rigo. Esiste inoltre la Visualizzazione Studio,
progettata specificatamente per ascoltare la vostra partitura. Per visualizzare questi
controlli, agite nel modo seguente.
• Dal menu Visualizzazione, scegliete Visualizzazione Studio. La vostra musica viene
disposta sulla pagina come se foste in Visualizzazione lineare. I controlli del rigo
appaiono alla sinistra di ciascun rigo. I controlli sono sempre e stabilmente
posizionati alla sinistra dei righi e possono essere visualizzati solamente in

170 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

Visualizzazione Studio.
• Dal menu Finestre, scegliete Mixer. Apparirà la finestra Mixer. Appaiono per primi
tutti i controlli dei righi. Nell’esempio seguente il Mixer è minimizzato. Per quanto
riguarda gli utenti Mac, cliccate e trascinate l’angolo inferiore destro per aggiustare le
dimensioni del mixer. Per gli utenti Windows, spostate il cursore lungo i bordi sino a
far apparire un puntatore a doppia freccia, quindi cliccate e trascinate per
ridimensionare il mixer.

Macintosh

Windows

I controlli Master si applicano all’intera partitura e includono uno slider del volume,
una rotella per il riverbero e un menu per la scelta della tipologia di stanza. I controlli
relativi ai singoli righi includono uno slider del volume, la rotella del pan e un
selettore degli strumenti, con inoltre i pulsanti del Solo, Mute e Record. Tutti i
controlli di ogni singolo rigo replicano i controlli presenti nella vista Mixer. Tutti i
controlli di Mixer/Rigo sono salvati con il documento, in questo modo la vostra
musica suonerà allo stesso modo quando riaprirete nuovamente il documento.
Ora effettuiamo un veloce tour dei controlli del Mixer e esploriamo alcune delle sue
caratteristiche in tempo reale:

Installazione & Tutorial 171


Tutorial 6: Playback

• Cliccate sul pulsante Play nei Controlli per il Playback. I passi seguenti possono
essere eseguiti durante il playback. Si tratta di un brano breve, di conseguenza, se il
brano arriva alla fine, cliccate nuovamente il pulsante di play e continuate dal punto
in cui vi siete interrotti.
• Cliccate sullo slider del volume Master nel Mixer e trascinatelo per regolare il
volume. Infine, per effettuare degli aggiustamenti più precisi, usate le frecce in su o
in giù per muovere finemente lo slider. Potete anche visualizzare questi cambiamenti,
o inserirli manualmente, nell’Elenco degli strumenti.
• Cliccate sul pulsante STRUMENTI nella parte inferiore del pannello di controllo
Master. Apparirà l’Elenco degli strumenti. Cliccate sulla barra del titolo in alto e
posizionate la finestra in modo che non ostruisca il Mixer o i Controlli del rigo.
• Agite sui controlli del rigo alla sinistra della Ricordate, le modifiche
schermata. Cliccate e trascinate una delle rotelle del alle impostazioni del
Pan in senso antiorario il più possibile per uno dei Mixer e ai Controlli del
righi del pianoforte. Quando rilascerete il pulsante del rigo si applicano anche a
mouse, una piccola casella di testo mosterà il valore tutti gli altri righi che
attuale. Notate come il suono del piano si sposti verso condividono lo stesso
la sinistra del campo sonoro. Notate inoltre la canale MIDI.
simmetrica risposta nelle caselle di testo della finestra
Elenco degli strumenti. Potete inoltre digitare un
valore MIDI (1-127) in una qualsiasi di queste caselle di testo per specificare un
valore preciso.
• Alla sinistra del rigo String, cliccate sul pulsante “S” nei Controlli del rigo.
Ascolterete solamente il suono degli archi. Cliccate nuovamente su “S” per riascoltare
tutti i righi. Il pulsante “M” effettua la funzione opposta, ossia quella di rendere muto
il rigo. Potete silenziare uno o più righi a vostro piacere.
• Infine, cliccate sulla rotella del Riverbero e trascinate in senso orario. Gli effetti del
Riverbero e la Dimensione della stanza vengono applicati solamente all’uscita sonora
della partitura complessiva e non ai righi singoli.

HUMAN PLAYBACK
Finale include una potente funzione in grado di interpretare articolazioni,
espressioni, forcelle di dinamica e altri simboli e generare un playback che simuli una
interpretazione “umana”. Questa funzione, chiamata Human Playback, può essere
impostata per emulare uno specifico stile musicale, come classico, barocco o jazz, e
anche riconoscere e interpretare espressioni testuali che appaiano in partitura, come
“rit.” o “cresc.”, e regolare il tempo o il livello della dinamica in relazione al loro
significato. Human Playback include nelle sue possibilità interpretative anche Forme

172 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

intelligenti come forcelle di crescendo e diminuendo, glissandi e trilli.


Tenete presente che gli aggiustamente della performance MIDI che apporterete
manualmente non verranno tenuti in considerazione da Finale se Human Playback è
attivo. Dovete, nel caso, disattivare questa funzione. Nei Controlli per il playback, dal
menu a discesa Stile Human Playback, selezionate l’opzione Nessuno.
È possibile integrare l’interpretazione Human Playback con alcuni dati MIDI
registrati in origine o modificati con lo Strumento MIDI (come i dati di Volume e
Velocity) utilizzando le Preferenze di Human Playback, raggiungibili dall’interno
della finestra Impostazioni per il Playback
Quando create un nuovo documento di Finale, Human Playback è già attivo e
preimpostato sullo stile Standard. Aggiungete semplicemente i simboli espressivi
sopra menzionati e mandate in riproduzione la partitura per ascoltare l’effetto di
Human Playback. Per personalizzare il tipo di interpretazione di Human PLayback,
seguite questa procedura:

• Utenti Windows: cliccate l’icona delle Impostazioni per il Playback sui


Controlli per il Playback. Utenti Macintosh: cliccate la freccia di espansione
triangolare sul lato sinistro dei Controlli per il Playback. Apparirà la finestra
Impostazioni per il Playback.
• Dal menu a discesa Stile Human Playback, scegliete lo stile più vicino al tipo di
musica che state scrivendo. Ad esempio, lo stile Jazz aggiungerà un po’ di swing
all’interpretazione del brano, mentre lo stile Barocco interpreterà le articolazioni in
modo consono allo stile dell’epoca.

• Utenti Windows: cliccate su OK per applicare il tipo di impostazione. Utenti

Installazione & Tutorial 173


Tutorial 6: Playback

Macintosh: potete minimizzare la finestra cliccando nuovamente sul triangolo


rivolto ora verso il basso.
• Cliccate sul pulsante Play per ascoltare l’interpretazione selezionata secondo
Human Playback. Gli utenti Windows noteranno che il metodo Barra spaziatrice-
click non processa le misure utilizzando Human Playback.
Potete anche applicare Human Playback a una regione specifica della partitura
utilizzando il plug-in Applica Human Playback. Per far questo, impostate Human
Playback su Nessuno nelle Impostazioni per il Playback (Mac: Controlli per il
Playback), quindi evidenziate la regione di musica desiderata con lo Strumento
Selezione e scegliete Applica Human Playback dal sottomenu Nuovi plug-in di Finale
2008 nel menu Plug-in.
Se desiderate avere un maggior controllo su ogni dettaglio della vostra esecuzione
MIDI, potete usare lo Strumento MIDI. In questo caso dovete impostare Human
Playback su Nessuno nelle Impostazioni per il Playback (Mac: Controlli per il
Playback). Notate che avete sempre la possibilità di applicare uno stile Human
Playback a parti specifiche della partitura utilizzando il plug-in Applica Human
Playback.
È viceversa anche possibile incorporare nello stile Human Playback alcuni dati
relativi alla esecuzione MIDI originale utilizzando le Preferenze Human Playback,
raggiungibili dai Controlli per il Playback, e impostando quali dati MIDI incorporare
nel riquadro “Dati MIDI dell’utente”.

LO STRUMENTO MIDI
Questo potente Strumento permette di modificare i dati MIDI della partitura, dalla
singola nota al pentagramma completo. Potete visualmente modificare il pitch bend,
la velocity, i cambi di timbro e altri parametri. Potete anche cambiare
l’interpretazione della vostra musica dando un po’ più di swing, facendola suonare
più “umana” (con minore quantizzazione), oppure—se dite a Finale di accentuare le
note in battere—facendola sembrare più rock.
Un’importante annotazione, prima di iniziare. Tutte le modifiche che apporterete con
lo Strumento MIDI avverranno sui “dati MIDI catturati”. Queste informazioni non
fanno parte della notazione vera e propria. Esse consistono di tutte quelle variabili
create dall’esecutore, in particolare usando lo Strumento Trascrizione o HyperScribe.
Accenti, pedaleggiatura, rubati, tutto ciò che rende “umana” un’esecuzione, sono i
dati che vanno sotto il nome di “dati MIDI catturati”.
Nel Tutorial 1c abbiamo ascoltato l’esecuzione originale di un brano leggendone la
partitura che scorreva sullo schermo. Finale consente sempre di scegliere per
l’ascolto, tra l’esecuzione originale, con tutte le sue umane imprecisioni, e la fedele e

174 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

“meccanica” riproduzione delle note contenute in partitura.


Fate una prova, ascoltando due volte lo stesso brano: una con e una senza i “dati
MIDI catturati”.
• Chiudete il documento, se volete. Aprite il documento “Tutorial 6a.” Il documento
contiene un passaggio dal brano “Spinning Song” di Ellmenreich. Ai fini di questo
tutorial, ci apprestiamo ad applicare manualmente i dati MIDI. Poiché Human
Playback è impostato in modo predefinito per sovrascrivere i dati MIDI generati dallo
Strumento MIDI, è necessario disattivare Human Playback.

• Utenti Windows: cliccate l’icona delle Impostazioni per il Playback sui


Controlli per il Playback. Utenti Macintosh: cliccate la freccia di espansione
triangolare sul lato sinistro dei Controlli per il Playback. Apparirà la finestra
Impostazioni per il Playback.
• Dal menu a discesa Stile Human Playback, scegliete Nessuno.
• (Gli utenti Windows devono cliccare su OK.) Ora Finale non processerà più l’intero
documento prima di iniziare la riproduzione. (Potete ancora applicare Human
Playback ad alcune regioni della musica utilizzando il plug-in Applica Human
Playback).
• Mantenendo premuta la Barra Spaziatrice, cliccate la prima battuta. Il brano entra
in riproduzione: tecnicamente perfetto, ma senza alcuna espressione.
Ascoltate ora l’esecuzione originale. Per specificare a Finale che dovrà fare uso dei
dati MIDI catturati dovrete operare alcune definizioni nella finestra dei Controlli per
il Playback. Per prepararvi alla “lezione” MIDI, agite come segue:
• Selezionate l’opzione Controlli per il Playback nel menu Finestre. Vedrete
comparire il box dei Controlli per il Playback.
• Cliccate su Opzioni per espandere la finestra (se non lo fosse già), quindi cliccate
su Opzioni per il playback. Vedrete comparire il box di dialogo delle Opzioni per il
playback.

Installazione & Tutorial 175


Tutorial 6: Playback

• Selezionate tutte le quattro caselle “Suona” poste nell’angolo superiore sinistro


del box. Ora Finale userà i dati MIDI catturati; ascoltate la differenza.
• Cliccate su OK; quindi cliccate Play. Finale entra in riproduzione con un tocco
molto meno meccanico. Ad esempio, dovreste notare un crescendo naturale nelle
prime due battute (se il vostro sintetizzatore è sensibile alla Key Velocity). Finale usa
i dati dell’esecuzione “catturati” dal vivo. Quando vorrete interrompere l’ascolto,
cliccate Stop.

CREAZIONE DI UN DIMINUENDO
Ora che sappiamo qualcosa di più sui dati MIDI catturati, le informazioni che
possiamo modificare con lo Strumento MIDI, proviamo a lavorare su di essi.
• Cliccate lo Strumento MIDI p. Vedrete comparire un nuovo menu: “Strumento
MIDI”.
• Catturate le prime due battute in ambo i righi. Ricordate che questa operazione
consiste nel cliccare un punto in alto a sinistra della zona da selezionare e,
mantenendo il tasto del mouse abbassato, trascinare il puntatore sino a un punto in
basso a destra della stessa zona. Al rilascio del tasto, la zona sarà selezionata.

176 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

Le due battute sono selezionate. La selezione della musica con lo Strumento MIDI
funziona esattamente nello stesso modo in cui funziona la selezione con lo
Strumento Selezione (se l’opzione Seleziona parzialmente le misure è disattivata). Si
seleziona una singola battuta cliccandola una sola volta; si selezionano più battute
catturandole con il mouse; si seleziona un’ampia zona della partitura cliccandone la
prima battuta, indi scorrendo all’ultima battuta da selezionare ed effettuando uno
d-click su di essa. Si seleziona il contenuto di un intero pentagramma cliccando
a sinistra del pentagramma stesso. Infine, si seleziona un intero brano attivando
l’opzione Seleziona tutto del menu Modifica.
Se si osservano le opzioni del menu Strumento MIDI, si nota l’esistenza di tre
differenti elementi che si possono editare: le Key Velocity (quanto velocemente viene
abbassato un tasto: di solito questo valore determina l’intensità del suono); le Durate
delle note (quanto a lungo viene mantenuto premuto il tasto dello strumento) e i Dati
continui (pedali, Pitch Bend, Program Changes, e simili). Assicuratevi che sia
selezionata l’opzione predefinita Key Velocity.
Per rendervi conto della potenza dello Strumento MIDI, creeremo un diminuendo
nelle prime due battute, dove ora in riproduzione si ascolta un crescendo.
• Selezionate l’opzione Scala nel menu Strumento MIDI. Essa consente di
programmare un cambio graduale in una grandezza (in questo caso la Velocity), da
un valore ad un altro superiore o inferiore.
Per questa ragione l’opzione Scala è ideale per creare dei crescendo o diminuendo
graduali.

Installazione & Tutorial 177


Tutorial 6: Playback

La Key Velocity MIDI può assumere tutti i valori da 0 a 127 compresi. Come è
intuibile, 127 rappresenta la massima Velocity (e quindi la massima intensità del
suono).
• Digitate 120 nel primo box di testo. Premete Tab e digitate 30 nel secondo box.
Cliccate su OK. Durante le due battute, Finale diminuirà la Velocity (e quindi
l’intensità delle note suonate).
• Mantenendo premuta la Barra Spaziatrice, cliccate battuta 1 per avviare la
riproduzione. Dovreste sentire un diminuendo regolare durante le prime due
battute. Se ciò non avviene, assicuratevi di avere effettuate le modifiche alle Opzioni
per il playback descritte nell’introduzione a questa sezione. Alcuni sintetizzatori non
sono sensibili alla Velocity: se l’intensità o il timbro dei suoni non variano,
qualunque sia la forza con cui si pigiano i tasti, il sintetizzatore non è “sensibile alla
Velocity.” Se questo è il vostro caso, saltate alla sezione MODIFICA DELLA
DURATA DELLE NOTE.
Oltre che ascoltate nei loro effetti, le modifiche apportate, ad esempio alla Velocity,
possono essere “viste” grazie alla funzione di visualizzazione grafica dei dati MIDI.
• Cliccate un qualsiasi punto vuoto dello schermo per arrestare la riproduzione.
• Catturate (trascinando con il mouse) nuovamente le prime due battute. Questa
volta potete limitarvi a catturare le prime due battute del rigo superiore.
• Eseguite un doppio click sulla prima battuta selezionata. Vedrete aprirsi la finestra
MIDI. In essa possono essere modificati i dati “catturati”, per un pentagramma alla
volta. Se si desidera modificare i dati di più righi contemporaneamente, non si deve
accedere alla finestra MIDI, ma selezionare i pentagrammi desiderati ed impiegare i
comandi del menu.

178 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

Windows

Trascinate nell’area grafica per


selezionare una regione di
musica da modificare

Trascinate la linea di
divisione per
aumentare o
diminuire lo spazio
di visualizzazione
della musica

Usate la barra di
scorrimento
verticale per
visualizzare e
modificare i diversi
righi presenti in
partitura

Fate click, shift-click o includete le Usate la barra di scorrimento orizzontale


maniglie nella selezione con il mouse per visualizzare e modificare le diverse
per selezionare le singole note battute presenti in partitura

Installazione & Tutorial 179


Tutorial 6: Playback

Macintosh
Ciascuna di queste
Trascinate nell’area
icone costituisce
grafica per
una scorciatoia di
selezionare una
un comando
regione di musica da
presente nel menu
modificare

Cliccate su questi
pulsanti per Fate click, shift-click o includete le
visualizzare altre maniglie nella selezione con il mouse
misure e righi della per selezionare le singole note
partitura

In basso, nella finestra, vedrete le note contenute nelle battute sulle quali avete
eseguito un doppio click. Sopra di esse compare un grafico. Ogni barra del grafico
corrisponde alla Key Velocity della nota posta immediatamente al di sotto. Sul lato
sinistro della finestra appare una scala da 0 a 127 dei valori di Velocity.
Gli effetti della funzione di Scala sono evidenti: le barre che rappresentano la Velocity
degradano con regolarità durante le prime due misure. Proviamo ora a fare in modo
da inserire un crescendo nella seconda metà della frase. Per spostare la
visualizzazione su altre zone della partitura, cliccate le frecce direzionali.
• Cliccate la freccia destra della barra di scorrimento orizzontale sino a portare
battuta 3 a sinistra nello schermo. A metà di ogni misura, tra le note e il grafico,
compare il numero di battuta.
• Cliccate il grafico all’inizio di battuta 3 e, senza rilasciare il tasto del mouse,

180 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

trascinate il puntatore sino alla fine di battuta 4, in questo modo:

Selezionando una zona del grafico si vedranno comparire automaticamente le


maniglie delle note selezionate. Se avete un monitor a colori, il colore delle barre del
grafico cambia in rosso, ad indicare che le note corrispondenti sono state da voi
selezionate.
• Selezionate l’opzione Scala nel menu Strumento MIDI. Digitate 30, premete Tab, e
quindi digitate 120. La seconda metà della frase andrà in crescendo.
• Cliccate su OK. Dalla finestra MIDI è anche possibile attivare rapidamente la
riproduzione:
• Selezionate l’opzione Esegui nel menu Strumento MIDI.

MODIFICA DELLE KEY VELOCITY


La parte seguente del Tutorial approfondisce alcune delle potenti funzioni di Finale.
Coloro che non sono interessati ai particolari troppo tecnici, possono saltare alla
sezione PARAMETRI DI RIPRODUZIONE.
Alcune annotazioni sulle rimanenti opzioni del menu Strumento MIDI. Le
descrizioni assumeranno che abbiate preventivamente selezionati gli eventi che
desiderate modificare. Ricordate che, quando non vi trovate nella finestra MIDI, la
selezione delle battute avviene esattamente come per lo Strumento Selezione. Nella
finestra MIDI le note possono essere selezionate “catturandole” o cliccando le loro
maniglie. All’interno della finestra MIDI è possibile editare un rigo singolo e potete
selezionare le note sia trascinando con il mouse nella parte grafica della finestra, sia
selezionando le maniglie delle singole note come viene qui di seguito mostrato:

Installazione & Tutorial 181


Tutorial 6: Playback

Per selezionare singole note nella finestra MIDI, potete catturarle, eseguire degli Shift-
Click individuali su di esse, o catturare gruppi di note con il tasto Shift abbassato.
Una volta effettuata la selezione, potete attivare una delle opzioni di trasformazione
elencate sotto la linea nel menu:

Imposta a assegna a tutte le note selezionate lo


stesso valore di Velocity. Potrete definire un numero
da 0 a 127.
Scala produce un cambio graduale da un valore di
Velocity a un altro, diluito su tutte le note contenute
nella zona selezionata. Attivando “Assoluto,” si
possono scegliere valori da 0 a 127. Selezionando
“Percentuale dell’originale,” Finale scala le Velocity
delle note selezionate in modo proporzionale al
valore di Velocity originale, conservando in tal modo
una proporzione tra un valore e l’altro. In questo
caso è possibile digitare qualsiasi valore positivo: se
ad esempio si inseriscono i valori 100 e 200, la prima
nota suonerà con la sua Velocity originale, mentre
l’ultima suonerà con una Velocity doppia rispetto al
suo valore di partenza.
Aggiungi aggiunge semplicemente il valore digitato alle note selezionate. Un valore
negativo, causa ovviamente una sottrazione. Si possono impiegare valori da -127 a
127, tenendo presente che la somma di questo valore e della Velocity originale deve

182 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

trovarsi tra 0 e 127.


Alterazione percentuale aumenta o diminuisce la Velocity della musica selezionata
di una percentuale del suo valore corrente. Per raddoppiare la Velocity di un
passaggio, ad esempio, si può attivare l’opzione Alterazione percentuale e digitare
200 (percento).
Limitazione consente di definire un valore massimo e minimo di Velocity per le note
selezionate. Se si inserisce ad esempio un valore massimo di 90, ogni valore superiore
(tra 91 e 127) verrà riportato a 90.
Altera l’interpretazione permette di accentare alcuni movimenti della battuta
rispetto agli altri, aumentando di un valore fisso (Assoluto) o in percentuale
(Percentuale dell’originale), la loro Velocity. Inserendo numeri negativi (se Assoluto
è attivo), si può diminuire la Velocity dei movimenti selezionati, che saranno di
conseguenza meno enfatizzati. Nel box di dialogo è possibile definire un’alterazione
assoluta o in percentuale separata per le note che cadono in battere, sulle
suddivisioni deboli della battuta, o sugli altri movimenti. Per maggiori informazioni
sulla definizione degli accenti si veda la documentazione alla voce ACCENTI
DEBOLI.
Poniamo di essere intenti a lavorare su una melodia in stile rock e di volere rinforzare
gli Accenti deboli per dare più “spinta” al brano. Dovremo allora selezionare l’intera
partitura con lo Strumento MIDI, indi attivare le opzioni Key Velocity e Altera
l’interpretazione nel menu Strumento MIDI, selezionare Percentuale dell’originale, e
digitare 150 nel box Accenti deboli. Avremo così un’intensità maggiore del 50% sui
Accenti deboli.
Modifica casuale altera aleatoriamente la Velocity della musica selezionata. Può
essere utile per rendere più “umano” un brano, introducendo una certa casualità
nelle Velocity. Utilizzate valori abbastanza contenuti come 10 o 20, a meno che non
desideriate un’accentazione decisamente imprevedibile.
Nota tecnica: Finale immagazzina il valore di Velocity di ogni nota sotto forma di differenza
rispetto alla Velocity Base. Questa viene definita nel box dei Controlli per il
Playback. Supponiamo che il suo valore sia 60. Se una nota visualizzata nella
finestra MIDI ha una Velocity pari a 90, Finale ricorderà semplicemente che la
Velocity della nota è uguale a 30 più la Velocity di Base (Base Key Velocity).
Questo metodo di gestione dei valori si rivela molto utile per modificare
rapidamente la Velocity di tutto un brano, semplicemente alterando il valore
della Velocity Base. Le sfumature del brano verranno conservate, mentre
l’intensità generale aumenterà o diminuirà a seconda della vostra scelta.

Installazione & Tutorial 183


Tutorial 6: Playback

MODIFICA DELLA DURATA DELLE NOTE


Per il prossimo esperimento, riportate tutti i valori di Velocity su di un livello
uniforme; quindi catturate, nel grafico, le battute 3 e 4 (nel caso in cui non siano già
selezionate).
• Premete $ (Mac: o). Il tasto $ (o) cancella tutte le alterazioni dei dati
MIDI nella zona selezionata, anche quando non ci si trova nella finestra MIDI. La
funzione non cancella tutti i dati MIDI, ma solo quelli selezionati nel menu
Strumento MIDI (“Key Velocity”, “Durate delle note,” ecc.).
Cliccando la freccia di sinistra, tornate a vedere le battute 1 e 2. Riportate anche la
loro Velocity a 64.
Ora proveremo a usare lo Strumento MIDI per modificare le durate delle note.
• Scegliete Durate delle note dal menu Strumento MIDI.
Scegliendo Durate delle note, abbiamo assistito anche al cambio del grafico. Ora ogni
nota viene rappresentata da una sottile linea orizzontale: più lunga è la linea e
maggiore è la durata della nota. Le linee grigie verticali rappresentano la posizione
rigorosamente quantizzata delle note trascritte.
La tastiera del pianoforte
vi aiuta ad identificare
l’altezza delle note
presenti nel grafico.
Potete trascinarla verso
l’alto o verso il basso.

Le opzioni del menu usate per lavorare sulle Key Velocity funzionano altrettanto per
le Durate delle note. In alcuni dei box di dialogo relativi a quelle opzioni troverete
però, a volte, le parole Momento iniziale e Momento finale.
Questi termini sembrano facili a comprendersi: Momento iniziale si riferisce
all’attacco della nota, mentre Momento finale fa riferimento al rilascio del tasto,

184 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

ovvero al termine della nota. Ciò che rende leggermente complicate queste
informazioni è il fatto che esse non si riferiscono alle durate riportate in notazione,
ma pongono in relazione i valori notazionali con i “dati MIDI catturati” registrati
durante l’esecuzione originale nella finestra dello Strumento Trascrizione, prima che
detta esecuzione fosse quantizzata e trasformata in notazione.

In effetti, Momento iniziale esprime la Momenti iniziali e finali


differenza tra il punto di inizio ideale
della nota (quello quantizzato che si
impiega nella notazione) e il momento Momento iniziale Momento finale
in cui è stato, nella realtà, premuto il
tasto. Nella figura in basso il valore di
Queste barre
Momento iniziale per la prima nota è rappresentano la durata
un numero positivo (perché la nota è delle note come le avete (a) (b)
suonate...
stata suonata leggermente dopo l’inizio
del movimento) mentre il suo valore di
Momento finale è negativo (perché la
nota è terminata leggermente prima
... e che Finale
dell’inizio del movimento seguente). quantizza, o arrotonda
Momento iniziale esprime la differenza alla pulsazione (tempo)
più vicino...
tra l’istante effettivo di inizio della nota
e il suo punto di inizio ideale data la
quantizzazione. Momento finale
rappresenta la differenza tra la fine
q q q
... per produrre la
seguente notazione.
“vera” e quella ideale della nota. Questi
valori possono essere positivi o
negativi: Momento finale (a), sopra, è
negativo, mentre Momento finale (b) è
positivo.
Se suonassimo esattamente a tempo, senza spostarci dall’inizio e dalla fine dei
movimenti neppure della 1024a parte di una semiminima, Momento iniziale e
Momento finale avrebbero valore pari a zero. Non ci sarebbe cioè differenza tra la
nota “suonata” e quella “ideale” ipotizzata dalla quantizzazione.
Momento iniziale e Momento finale vengono espressi in unità di misura tipiche di
Finale, chiamate EDU (ENIGMA Durational Units), pari a 1/1024esimo di
semiminima. In tabella compaiono alcune equivalenze tra figure musicali
convenzionali ed EDU. Per la tabella completa, si veda la documentazione o la Guida
di riferimento rapido.

Installazione & Tutorial 185


Tutorial 6: Playback

Figura Equivalente EDU


Semibreve 4096
Minima 2048
Semiminima puntata 1536
Semiminima 1024
Croma puntata 768
Croma 512
Semicroma 256

Con questa tabella a portata di mano, osserviamo alcune delle opzioni presenti nel
menu Durate delle note dello Strumento MIDI:
Imposta a assegna a tutte le note selezionate gli stessi valori di momento iniziale e
finale, espressi in EDU. Se, ad esempio, si desidera che tutte le note di una certa zona
suonino una frazione di movimento in anticipo, si può definire lo Momento iniziale
delle note comprese nella zona al valore -300. Definendo a zero i due valori di
momento iniziale e finale, si ottiene la quantizzazione “esatta” delle note.
Scala produce un cambio graduale da un valore di Momento iniziale o Momento
finale a un altro, diluito su tutte le note contenute nella zona selezionata. Nei box
possono essere definiti valori in EDU, per fare in modo che l’attacco o la fine delle
note si spostino via via sempre più vicini o lontani rispetto all’inizio dei movimenti.
Aggiungi permette di aggiungere o sottrarre il valore scelto ai punti di Momento
iniziale o Momento finale di ogni nota compresa nella zona selezionata. Questa
funzione conserva le differenze relative esistenti tra i valori di momento iniziale e
finale delle distinte note. Un valore positivo ritarda il punto di Momento iniziale (o di
Momento finale) mentre un valore negativo lo anticipa.
Alterazione percentuale è l’unica opzione in modo Durate delle note che influisca
sulla durata totale delle note selezionate, invece che sui punti di inizio e di fine. La
durata delle note può essere variata esprimendo la modifica per mezzo di una
percentuale del valore corrente. La funzione non influenza, ovviamente, il valore
notazionale, ma solo il risultato in riproduzione. Ad esempio, è possibile creare un
passaggio in staccato in cui ogni nota suona solo per il 50% del suo valore,
selezionando l’opzione Alterazione percentuale e digitando 50 (percento).
Limitazione consente di definire un valore massimo e minimo di momento iniziale e
finale per le note selezionate. In altre parole permette di “forzare” l’inizio e la fine di
una nota più vicini al valore ideale espresso dalla corrispondente figura musicale. Si
può pensare alla funzione Limitazione come a una pseudo quantizzazione, che limita

186 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

la differenza tra l’errore umano e la posizione temporale ideale di una nota.


Altera l’interpretazione cambia momento iniziale e finale dei Accenti tonici (battere)
degli Accenti deboli (suddivisioni deboli) e degli altri movimenti, come descritto
nella sezione MODIFICA DELLE KEY VELOCITY. Un valore positivo di Momento
iniziale ritarda l’attacco di una nota rispetto all’attacco ideale. Comprendendo questo,
è facile capire come si possa impiegare l’opzione Altera l’interpretazione per ritardare
l’inizio dei Accenti deboli; operazione che altro non è se non il principio dello swing.
Nella prossima sezione vedremo come creare un autentico swing usando lo
Strumento MIDI.
Modifica casuale altera aleatoriamente i punti di momento iniziale e finale delle note
selezionate, dando alla musica un andamento meno meccanico, più umano. Potreste
definire, ad esempio, un valore in EDU pari a A (o meno) del valore ritmico
predominante nel brano, per ammorbidire sottilmente la precisione ritmica di un
passaggio di crome (512 EDU ciascuna). In questo caso potrebbe essere indicato un
valore di 32, da digitarsi nei box di Momento iniziale e Momento finale.

ALTRI POSSIBILI IMPIEGHI DI QUESTE FUNZIONI


Lo Strumento MIDI Può rivelarsi utile per correggere alcune caratteristiche dei suoni
usati dal vostro sintetizzatore. Se si adopera, ad esempio, un tappeto d’archi con un
attacco molto lento, se ne può anticipare leggermente l’entrata inserendo un
adeguato anticipo nel Momento iniziale. Selezionate l’intero pentagramma.
Assicuratevi che nel menu Strumento MIDI sia selezionata Durate delle note ed
attivate l’opzione Aggiungi a tutto. Inserite un numero negativo per i valori di
momento iniziale e finale, per fare in modo che gli archi inizino a suonare (e
terminino) un poco prima. Gli archi suoneranno in tempo con gli altri strumenti.
La stessa tecnica può essere impiegata per ritardare leggermente le note in
riproduzione. Se si modifica una copia di un rigo in questo modo, si possono creare
interessanti effetti di eco—una nota del rigo non modificato suona per prima, seguita
subito dopo dalla stessa nota del rigo che ha subito lo spostamento dello Momento
iniziale delle note.
Lo Strumento MIDI può anche essere usato per accentare la melodia in una serie di
accordi, o per porre in evidenza una voce interna. Una volta selezionata la zona su
cui agire, eseguite un doppio click sulle note selezionate per accedere alla finestra
MIDI. Cliccando e d-cliccando (o catturando e d-catturando), è possibile
selezionare le maniglie delle sole note che si desidera modificare, anche se esse fanno
parte di accordi. Nell’esempio in figura sono selezionate solo le note della voce
interna, ossia la melodia principale.

Installazione & Tutorial 187


Tutorial 6: Playback

Una volta eseguita la selezione, attivate l’opzione Alterazione percentuale nel menu
Strumento MIDI. Aumentate tutte le Key Velocity del 150% (ad esempio) rispetto al
loro valore corrente; la melodia interna viene immediatamente posta in evidenza. Nel
grafico è visualizzata la situazione, con le barre che rappresentano la voce intermedia
più lunghe del 50% rispetto alle altre barre che rappresentano le note dell’armonia.

GLI EVENTI MIDI NON-NOTA (DATI CONTINUI)


I dati non-nota (Dati continui) vengono visualizzati graficamente in modo un po’
diverso: essi appaiono, nella finestra MIDI, in nero “pieno”; non più, dunque, sotto
forma di barre come gli eventi di nota. In questo esempio proveremo ad aggiungere la
pedaleggiatura a un passaggio musicale. Assumeremo che vi troviate nella finestra
MIDI e che abbiate ancora dinnanzi a voi le prime due battute del file
“TUT07B.MUS”.
• Scegliete Dati continui dal menu Strumento MIDI. Vedrete comparire la finestra di
dialogo Visualizzazione dei dati continui entro la quale potrete selezionare il tipo di
dato (controller) che volete modificare. Per default (predefinito) è selezionato il
controller 64 relativo al pedale del sustain. (Potrete in ogni caso selezionare qualsiasi
altro controller dall’elenco a discesa).
• Cliccate su OK. Tornerete alla finestra MIDI, che visualizzerà i dati del tipo scelto. A
sinistra, una scala graduata per i valori del Controller (nel nostro caso del pedale di
Sustain), va da 0 (pedale alzato) a 127 (pedale abbassato).
I dati relativi al pedale di Sustain, a differenza di altri tipi di dati (ad esempio gli

188 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

eventi di Modulation Wheel), possono assumere solo due valori: 127 (pedale
abbassato) o 0 (pedale alzato). La finestra, per il momento, è vuota, perché il pedale
non è ancora stato usato in questo brano; il suo valore è pertando 0 per tutto il
brano.

La pedaleggiatura verrà rappresentata sotto forma di grafico a barre. Nell’esempio in


figura, il pedale è stato abbassato dopo il secondo movimento, e alzato dopo il
quarto.
Notate che le note nella finestra non hanno più “maniglie”. Ciò perché le
informazioni del Controller sono indipendenti dalle note effettivamente suonate.
Pertanto, è possibile specificare dove inserire un dato di “pedale giù” (o un altro dato
di tipo on/off) usando solo il mouse.
• Cliccate e trascinate il puntatore del mouse sino a creare una sottile barra all’inizio
del grafico, come mostrato nella figura sottostante. Ricordate che il messaggio di
“pedale abbassato” verrà inserito esattamente all’inizio della zona selezionata, come
mostra la freccia in figura. Notate che, per lo stesso motivo, non sarà importante
l’ampiezza della zona selezionata.

Installazione & Tutorial 189


Tutorial 6: Playback

• Selezionate l’opzione Imposta a nel menu Strumento MIDI. Vedrete comparire il


box Imposta a. Per creare un messaggio di “pedale giù” dovrete definire un valore
pari a 127.
• Digitate 127. Cliccate su OK. L’intera zona diverrà nera. Ciò perché abbiamo appena
inserito un dato di “pedale giù” senza un corrispondente messaggio di “pedale su”. Il
vostro sintetizzatore crederà quindi che il pedale venga mantenuto abbassato durante
l’intero brano. La piccola striscia bianca che compare all’inizio di ogni battuta serve
solo ad identificare l’inizio della misura, ma non significa che il pedale sia stato
“alzato”.
Ora inseriremo un dato di “pedale alzato”.
• Cliccate e trascinate il puntatore del mouse sino a creare una sottile barra a metà
di battuta 2, come mostrato in figura. Ricordate che il messaggio di “pedale alzato”
verrà inserito esattamente all’inizio della zona selezionata.

• Selezionate l’opzione Imposta a nel menu Strumento MIDI. Cliccate su OK. Non è
necessario digitare una cifra, perché il valore di partenza è già zero.
Tornati alla finestra, cliccate un punto qualsiasi al di fuori del grafico per annullare la
selezione. Vedrete che ora la barra rappresentante il pedale è molto più breve e copre
a malapena una battuta, esattamente come deve essere l’uso del pedale:

190 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

• Selezionate l’opzione Esegui nel menu Strumento MIDI. Finale “abbasserà il


pedale” nella zona specificata.
• Selezionate lo Strumento MIDI p nella Tavolozza Principale. Cliccando sullo
Strumento MIDI (o su ogni altro Strumento presente nella Palette), otterrete la
chiusura della finestra MIDI.
Una volta creato un dato MIDI come abbiamo appena fatto, potremo copiarlo in altri
punti dal brano, senza dovere ripetere ogni volta tutta la procedura. Troverete
spiegazioni sulla copia dei dati MIDI nella sezione seguente.

COPIA E CANCELLAZIONE DEI DATI MIDI


Per cancellare le modifiche effettuate con lo Strumento MIDI, selezionate le battute
desiderate, e quindi premete $ (Mac: o). Premendo $ (o) si cancellano
solo i dati del tipo selezionato. In altre parole, se abbiamo modificato sia le Key
Velocity, sia le Durate delle note, il tasto $ (o) cancellerà solo le modifiche
apportate ai dati il cui nome è in quel momento selezionato nel menu Strumento
MIDI. Anche lavorando sui Controller, il tasto $ (o) cancella solo le
modifiche apportate ai Controller del tipo correntemente selezionato.
Le modifiche operate possono essere copiate su altri pentagrammi o in altre zone
della partitura, in modo simile a come si copiano le note. Selezionate le battute di
origine con lo Strumento MIDI e trascinatele sino a che la loro immagine sia
sovrapposta alle battute di destinazione. Le modifiche da voi apportate ai dati MIDI
catturati delle battute originali verranno copiate sui dati omologhi della destinazione.
Anche in questo caso, verranno copiati solo i dati del tipo correntemente selezionato.
Una nota conclusiva: le modifiche ottenute con lo Strumento MIDI possono
aumentare notevolmente le dimensioni in Kilobyte del vostro documento. Questo
perché Finale dovendo registrare la velocity, la durata e ogni altro dato per ogni
singola nota all’interno dell’area selezionata, potrebbe dover raddoppiare le

Installazione & Tutorial 191


Tutorial 6: Playback

dimensioni del file nel caso in cui abbiate effettuato modifiche su grosse sezioni di
musica.

RIPRODUZIONE ED ESPRESSIVITÀ
Uno degli aspetti più notevoli di Finale è la sua capacità di reagire ai simboli di
espressione presenti in partitura, consentendo così una riproduzione “espressiva”. Se
il programma incontra una dinamica “f”, la musica diviene più forte. Se incontra dei
segni di staccato, le note divengono più brevi. Inoltre è possibile definire qualsiasi
simbolo o testo, in notazione tradizionale o non, e specificare gli effetti che il simbolo
dovrà avere sulla riproduzione.
Come primo passo apporteremo alcune modifiche ulteriori al documento sul quale
stiamo lavorando. Aprite (se non è già aperto) il file “Tutorial 6a”.
• Cliccate lo Strumento Espressione b. Scorrete sino a battuta 5.
• Fate doppo clickl sotto la prima nota a sinistra della battuta 5. Vedrete comparire il
box Selezione dell’espressione, nel quale compaiono le dinamiche, che in Finale
appartengono alla categoria delle Espressioni testuali.

192 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

• Cliccate su Attaccata alla nota.


Eseguite un doppio click sul simbolo
pp . Vedrete comparire la finestra di
dialogo Assegnazioni espressioni
legate alla nota entro la quale dovrete
cliccare su OK. Così facendo avrete
inserito il simbolo pp in partitura.
Perfezionate la sua posizione
trascinandolo per la sua “maniglia”.

• Cliccate sotto la prima nota, nel rigo più in basso, di battuta 7. Vedrete

Installazione & Tutorial 193


Tutorial 6: Playback

nuovamente comparire la finestra di dialogo.

• Assicuratevi che sia selezionata l’opzione in basso Attaccata alla nota. Eseguite un
doppio click sul simbolo F. Cliccate OK nella finestra che si aprirà. Perfezionate
la posizione del simbolo. Ascoltate quindi i suoi effetti sulla dinamica.
• Se i Controlli per il Playback non sono presenti sullo schermo, selezionate
l’opzione Controlli per il Playback nel menu Finestre.
• Cliccate Play. Quando Finale raggiunge la battuta 5, eseguirà la dinamica inserita.
Vediamo ora come ciò sia possibile. (Cliccate su Stop per interrompere la
riproduzione).
• Cliccate la nota alla quale è collegato il simbolo pp . Vedrete apparire la maniglia
del simbolo stesso.
• Eseguite un doppio click sulla maniglia. Vedrete comparire la finestra di dialogo
Impostazione delle espressioni testuali.
• Cliccate sul tab Playback nella finestra di dialogo, apparirà la pagina di opzioni
relative alle impostazioni per il playback delle espressioni.

194 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

Osserviamo la definizione per la riproduzione del simbolo pp . Nel menu a comparsa


Tipo è selezionata l’opzione Velocity e nel box Imposta sul valore compare la cifra
36. Il creatore di questo simbolo ha deciso che esso avrebbe dovuto portare la Key
Velocity delle note su cui influisce, al valore di 36. Quando Finale incontra il simbolo
pp tutte le note vengono suonate con una Velocity pari a 36, sino a quando si
incontra un altro simbolo dinamico.
Alcune delle variabili MIDI che possono essere correlate a un simbolo in partitura
sono estremamente utili. Ad esempio, selezionando Timbro nel menu a comparsa, è
possibile fare in modo che la parola “Al Clarinetto” inserita in partitura attivi l’uso di
un suono di clarinetto del sintetizzatore. Per ottenere un simile risultato sarà
sufficiente digitare nel box Imposta sul valore il numero di Program Change
corrispondente, sul vostro strumento, al suono desiderato.

Installazione & Tutorial 195


Tutorial 6: Playback

Al Clarinetto

Selezionando Timbro e definendo un numero di Program Change nel box


“Imposta sul valore” è possibile definire un suono da impiegarsi quando si
incontra l’Espressione legata al rigo “Al Clarinetto”

Similmente è possibile, ad esempio, creare un simbolo di √e fare in modo che esso


provochi il trasporto un’ottava sopra della musica seguente. Nel box di dialogo
selezioneremo l’opzione Trasposizione nel menu a comparsa e digiteremo 12 nel box
Imposta sul valore (per alzare la parte di 12 semitoni). Notate che il trasporto avviene
solo sulla riproduzione, e non sulle note scritte. Notate inoltre che Finale continuerà
a suonare un’ottava sopra, sino a quando non incontrerà un altro simbolo che sia
stato definito in modo da riportare la riproduzione all’ottava reale (selezionando
Trasposizione ed inserendo il valore zero nel box Imposta sul valore).
• Cliccate Annulla per tornare alla partitura. Creeremo ora un altro simbolo: un
indicazione agogica di Presto.

196 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

INDICAZIONI DI ANDAMENTO “INTELLIGENTI”


• Cliccate lo Strumento Espressione y e quindi cliccate esattamente sopra all’inizio
di battuta 4. Vedrete comparire la finestra Selezione dell’espressione. Come vedete,
l’indicazione di Presto non compare ancora nella lista.
• Cliccate su Crea. Accederete alla finestra Impostazione delle espressioni testuali; in
essa potrete definire il nuovo testo. Notate, incidentalmente, che non è
assolutamente necessario definire un testo: è perfettamente lecito assegnare una
definizione per la riproduzione a un simbolo invisibile. Di esso vedremo sullo
schermo solo la maniglia, e a patto di cliccare la battuta in cui il simbolo è stato
inserito. Dovremo solo fare attenzione a ricordare la sua posizione, per non rischiare
di “perderlo”.
• Digitate Presto. Se lo desiderate, è possibile cambiare il carattere e il corpo
(dimensione) del testo, selezionando Carattere. Ora aggiungeremo l’indicazione
metronomica.
• Dal menu Testo, scegliete Carattere. Apparirà la relativa finestra di dialogo.
• Scegliete come carattere Maestro e impostate la dimensione su 24 punti, quindi
cliccate su OK.
• Digitate “q” per inserire la semiminima.
• Dal menu Testo, scegliete nuovamente Carattere e selezionate Times New Roman
(Mac: Times) con dimensione 14, quindi cliccate su OK. Nella finestra aggiungete il
segno di uguale (=) e la velocità di 180. Potete, nella configurazione delle espressioni,
mescolare diversi caratteri, dimensioni e stili.

• Cliccate sul tab Playback, selezionate l’opzione Tempo. Digitate quindi 180 nel
box Imposta sul valore. Il numero definito indica la velocità metronomica in
semiminime per minuto. L’unità di movimento può essere cambiata per mezzo del
menu a comparsa posto a fianco di “Tempo”.
• Cliccate su OK o su Seleziona in ogni finestra di dialogo per tornare alla partitura.
L’indicazione di Presto può essere spostata trascinandone la maniglia, e cancellata

Installazione & Tutorial 197


Tutorial 6: Playback

selezionandola e quindi premendo k (Mac: $).


Ascoltiamo ora gli effetti in riproduzione del cambio di velocità.
• Scegliete Controlli per il Playback dal menu Finestre.
• Cliccate su Play per ascoltare la riproduzione nel modo da voi impostato.

GENERARE UNA RIPRODUZIONE “SWING”


La generazione di uno swing sulle crome è semplicissima, usando lo Strumento
MIDI. Potete saltare direttamente alla spiegazione passo-passo della procedura. Ma se
volete capire i principi su cui ci si muove, leggete accuratamente la seguente
descrizione tecnica.
In uno swing “puro” la seconda croma di ogni coppia
(Accento debole) viene suonata come se fosse la terza
nota di una terzina, ovvero:
In altre parole, la seconda nota è ritardata, mentre la
prima viene tenuta più a lungo. Ritardare o anticipare
la riproduzione delle note rispetto alla loro posizione
“scritta”, è precisamente il compito delle opzioni Durate delle note dello Strumento
MIDI.
Possiamo usare la funzione di Altera l’interpretazione per ritardare l’inizio di tutte le
seconde crome (gli accenti deboli). Tutto ciò che dobbiamo fare è calcolare di quante
EDU dovrà essere il ritardo.
Di quanto deve essere ritardato ogni Accento debole per suonare come se fosse
l’ultima nota di una terzina? Ovvero, quale valore deve sostituire il punto
interrogativo nella figura?
?
œ œ 512 512
œ œ œ 341 341 341

La risposta è : 512 EDU meno 341, ovvero 171. Digitando 171 nel box “Accenti
deboli del” del box di dialogo Altera l’interpretazione, la nostra riproduzione verrà
sottoposta allo swing terzinato. Ovviamente il numero nel box può essere modificato,
a seconda del tipo di swing desiderato. In un andamento veloce sarà probabilmente
indicato un numero inferiore (in modo che le crome suonino più “uguali”). In un
andamento lento si potrà aumentare il numero in questione, per ottenere uno swing
più marcato.
Lo swing può essere anche calcolato (ed è questa la procedura più semplice) usando

198 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

il comando Swing dello Strumento Espressione. Potete usare il comando Swing per
ritardare l’attacco di ciascuna croma sulla parte debole del movimento. Dovete
solamente decidere di quanto dovrà essere il ritardo.
Se digitate 100 nel box di Swing, ascolterete in riproduzione una perfetta terzina
swing. Potete naturalmente modificare questo numero, ad esempio potreste ridurre il
ritardo in caso di andamento di tempo veloce, oppure aumentarlo accentuandone
l’effetto se lo stacco di tempo è particolarmente lento.
• Cliccate sullo Strumento Espressione y, e fate doppio click appena sopra
all’inizio di misura 4. Apparirà la finestra Selezione dell’Espressione. La
rappresentazione dell’andamento swing viene fatta in modo grafico, quindi si tratta di
un’espressione disegnata.
• Cliccate su Disegno. Finale mostrerà tutte le forme disegnate caricate nel
documento.
• Cliccate sulla figurazione rappresentante lo swing. Dovrebbe essere la settima nel
box di selezione.
• Cliccate su Modifica. Appare la finestra Impostazione dell’espressione disegnata.
• Cliccate su Playback, nella finestra di dialogo, in modo da visualizzare la pagina di
opzioni relative.
• Dal menu a discesa Tipo, scegliete Swing. Nel campo Imposta sul valore digitate
100 oppure selezionate Standard dal menu Valori standard di swing.
• Cliccate su OK o su Seleziona in ogni finestra di dialogo sino a tornare alla
partitura. Per posizionare il simbolo trascinatene la maniglia. Potete cancellarlo
selezionando la maniglia e premendo k (Mac: $).
• Cliccate su Play. La musica selezionata ora suonerà con un autentico “swing”. Finale
“suona” la seconda croma di ogni coppia leggermente in ritardo, come farebbe un
pianista Jazz.

SINCRONIZZARE FINALE CON UN VIDEO


Finale vi consente ora di scrivere musica sincronizzandola con un filmato utilizzando
la finestra interna per la visualizzazione del filmato o un qualsiasi riproduttore
compatibile con lo standard SMPTE. Se desiderate sincronizzare Finale con un altro
prodotto software, dovete accertarvi che questi sia in grado di ricevere il MIDI Time
Code, ossia il formato SMPTE che Finale è in grado di inviare per la sincronizzazione
esterna. Se invece intendete utilizzare la finestra filmato integrata con Finale,
controllate che i filmati siano in formato QuickTime (Mac e Windows) oppure
Windows Media (solo Windows). Per riprodurre i filmati QuickTime sulla
piattaforma Windows, dovete avere installato il relativo software (disponibile

Installazione & Tutorial 199


Tutorial 6: Playback

gratuitamente per il download dal sito www.apple.com/it/software). Il filmato che


andremo a utilizzare per questo tutorial è appunto in formato QuickTime.
Finale offre degli strumenti pensati in modo specifico per chi scrive musica da film.
Ad esempio, il tempo, inteso come durata della vostra partitura o di porzioni di essa,
può essere modificato per fare in modo che questo si adatti alla durata del film.
Inoltre, per aiutarvi ulteriormente nella gestione temporale della vostra musica in
relazione al filmato, l’indicatore del tempo può essere usato per visualizzare il tempo
trascorso (in ore, minuti, secondi, frame) in corrispondenza di qualsiasi misura. In
questa sezione imparerete come sincronizzare Finale con un video e utilizzare gli
strumenti necessari per comporre con successo una colonna sonora.
Per prepararvi allo svolgimento di questo Tutorial, effettuate le seguenti operazioni:
• Aprite il “Tutorial 6b.mus”, poi, dal menu Finestre, scegliete Finestra del filmato.
• Nella finestra del filmato, cliccate su Seleziona, quindi, all’interno della cartella
Tutorials, aprite il file “Tutorial 6b.mov”.
• Cliccate sull’icona dell’altoparlante nella finestra del filmato e trascinate il volume
tutto verso il minimo. In questo modo l’audio presente nel filmato non interferirà
con la musica suonata da Finale.
• Assicuratevi sia selezionata l’opzione Sync. Notate come il Tempo venga
visualizzato nella finestra del filmato e nei Controlli per il Playback. Sino a quando
l’opzione Sync sarà selezionata, sia la musica, sia il filmato partiranno, si sposteranno,
si riavvolgeranno insieme. Proviamo queste funzioni.
• Cliccate sul pulsante di Play nella finestra Controlli per il Playback di Finale. La
musica e il fimato avranno inizio in contemporanea. Continuate a vedere il filmato
sino all’inizio della sequenza della giostra. Noterete come l’inizio del motivo del
pianoforte in stile valzer sia in anticipo di un paio di secondi rispetto alla sezione del
filmato in cui appare la giostra.
Immaginiamo di voler fare in modo che sia il pianoforte, sia la giostra abbiano inizio
nello stesso momento - una situazione abbastanza usuale quando si tratta di scrivere
per un film. Per fare ciò, dovremo aggiustare leggermente il tempo dall’inizio della
partitura sino a misura 14.
• Utenti Windows, dal menu Finestre scegliete Tavolozza Strumenti avanzati,
quindi scegliete lo Strumento MIDI (gli utenti Mac lo troverano già nella
Tavolozza Strumenti Principali).
• Cliccate sulla misura 13 nel rigo superiore per selezionarla. Quindi tenete premuto
il tasto Shift (Maiusc) e premete il tasto freccia in giù, poi, sempre continuando a
tenere premuto il tasto Shift (Maiusc), premete il tasto freccia verso sinistra. Ora
tutte le misure dalla 1 alla 13 saranno selezionate.

200 Installazione & Tutorial


Tutorial 6: Playback

• Dal menu Strumento MIDI scegliete Modifica il Tempo. Poi, sempre dal menu
Strumento MIDI, scegliete Adatta al tempo. Apparirà la relativa finestra di dialogo.
Qui è possibile specificare la durata temporale della regione selezionata e fare in
modo che Finale regoli il tempo di conseguenza.

• Nel campo Nuovo tempo trascorso (o Nuovo tempo finale), sostituite 41.736 con
37.5. Per nuovo tempo finale si intende il riferimento temporale alla fine della
regione selezionata. Nuovo tempo trascorso indica la durata della regione
selezionata. Poiché tutte le misure selezionate si trovano all’inizio del brano,
entrambi i campi porteranno allo stesso risultato.
• Cliccate su OK. Ora, se mandate in riproduzione la partitura, sentirete il pianoforte
intervenire esattamente nello stesso punto in cui iniziano le immagini della giostra.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Il simbolo di ritardando potrà essere salvato in una libreria apposita. Allo scopo
selezionate l’opzione Salva la libreria nel menu File. Cliccate Espressioni testuali,
quindi cliccate OK, assegnate un nome alla libreria (ad esempio RITARD.LIB) e poi
cliccate Salva. Se volete aggiungere questa espressione alla libreria da voi appena
creata, seguite la procedura presente alla fine del Tutorial 3.
Per finire, chiudete (e se volete, salvate) il file.

Installazione & Tutorial 201


Tutorial 6: Playback

202 Installazione & Tutorial


Tutorial 7: Intavolatura
Tutorial 7: Intavolatura per chitarra eper
strumenti a tasto

chitarra e strumenti a tasto

Finale 2008 offre una grande varietà di nuove caratteristiche per la creazione di
partiture con notazione per chitarra e per altri strumento a tasto. In questo capitolo
imparerete come creare una partitura con un rigo di intavolatura, modificare i righi
medesimi, inserire bending, strisciati, hammer-on, pull-off e anche come inserire la
musica in partitura usando una chitarra MIDI. Se non pensate di dover utilizzare la
scrittura per chitarra (o per altri strumenti a tasto), potete saltare al tutorial
successivo.
Se avete creato in passato della notazione per chitarra con Finale, scoprirete che vi
sono stati molti cambiamenti. Ora non è più necessario usare il plug-in Intavolatura
automatica e lo strumento Sposta-Note per creare e modificare un rigo di
intavolatura. Tutte le funzioni sono state raggruppate negli Strumenti Utilità, Rigo
musicale e Inserimento semplice. Ora la crezione di righi di intavolatura è diventata
un’operazione veramente semplice.

CREARE UN RIGO DI INTAVOLATURA PER CHITARRA


Iniziamo con il creare un nuovo documento contenente sia un rigo di notazione
standard, sia un rigo di intavolatura. Usereme per questo l’Impostazione guidata del
documento.
• Cliccate sul menu File, scegliete Nuovo, quindi Documento con Impostazione
guidata. Apparirà la prima pagina dell’Impostazione guidata.
• Come titolo digitate Chitarra con intavolatura.
• Cliccate nella casella del compositore e inserite il vostro nome.
• Cliccate su Avanti. Apparirà la seconda pagina dell’Impostazione guidata.
• Nella colonna di sinistra, cliccate sulla catagoria Corde tastate. Nella seconda
colonna apparirà un elenco di strumenti a corde tastate.
• Nella seconda colonna cliccate su Chitarra e poi cliccate sul pulsante Aggiungi.
Apparirà il nome Chitarra nella terza colonna.
• Nella seconda colonna cliccate su Chitarra [TAB] e poi cliccate sul pulsante
Aggiungi. Nella terza colonna ora appaiono i nomi Chitarra e Chitarra [TAB].
• Cliccate su Avanti. L’Impostazione guidata ora vi consentirà di selezionare il tempo e
la tonalità del brano e, nella successiva finestra dopo aver cliccato su Avanti,
l’indicazione metronomica, l’eventuale misura in levare e il font predefinito. Lasciate
le impostazioni predefinite.
• Cliccate su Fine. Il documento si aprirà e conterrà come primo rigo un rigo di

Installazione & Tutorial 203


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

notazione standard con al di sotto un rigo di intavolatura per chitarra. Ora siete
pronti per inserire la vostra musica.
Il documento da voi appena creato è già impostato per tener conto della usuale
trasposizione per chitarra che suona un’ottava sotto rispetto alla notazione scritta.
Ora impariamo quali possono essere le modalità di inserimento della musica.

COPIARE LA MUSICA DA E VERSO UN RIGO DI INTAVOLATURA


• Aprite il documento “Tutorial 7.” Apparirà una partitura chiamata “Spanish Dance
No. 2”. Le prime otto misure contengono notazione standard, ma senza le note di
intavolatura sottostanti. Ecco come creare la notazione di intavolatura partendo da
musica scritta in notazione standard.
• Cliccate sullo Strumento Selezione .
• Cliccate sulla prima misura, onde selezionarla.
• Tenete premuto il tasto d e cliccate sulla misura 4. Ora sono selezionate le
misure dalla 1 alla 4.
• Trascinate la regione selezionata sul rigo di intavolatura sottostante. Apparirà la
finestra di dialogo Tasto più basso. Parleremo più avanti di questa finestra.
• Cliccate su OK. Ora dovreste avere un rigo di intavolatura relativo alla linea
melodica come nell’esempio sottostante.

In questo caso, il numero del tasto rappresenta l’altezza della nota suonata sul tasto
più basso possibile (ossia il più possibile verso il capotasto, in prima posizione) della
tastiera dello strumento.
Poniamo il caso che adesso intendiate spostare più avanti nella tastiera la posizione
esecutiva. Ecco come fare. Lo strumento Selezione dovrebbe essere ancora
selezionato.
• Cliccate sulla misura 5 in modo da evidenziarla.
• Tenete premuto il tasto d e cliccate sulla misura 8. Ora sono selezionate le
misure dalla 5 alla 8.

204 Installazione & Tutorial


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

• Trascinate la regione selezionata sul rigo di intavolatura sottostante. Apparirà la


finestra di dialogo Tasto più basso.
• Inserite 5 nel campo Tasto più basso usato.
• Cliccate su OK. Il rigo di intavolatura ora proporrà tutte le note a partire dal quinto
tasto in su.
Questa possibilità di riposizionare l’intavolatura può essere applicata ad alcune
misure o porzioni di esse (se è selezionata l’opzione Selezione parziale delle misure).
Oltre alla traduzione diretta della notazione da un rigo standard ad uno di
intavolatura, è possibile anche la procedura inversa. Per far questo useremo la
seconda parte del brano “Spanish Dance No. 2”. In questo caso l’intavolatura è già
stata inserita precedentemente.
• Con lo Strumento Selezione, cliccate sulla misura 9 del rigo di intavolatura.
• Tenete premuto il tasto shift (maiuscole) e cliccate sulla misura 16 del rigo di
intavolatura. Ora sono selezionate le misure dalla 9 alla 16.
• Trascinate la regione selezionata in su sul rigo di notazione standard. Le misure
dalla 9 alla 16 vengono tradotte immediatamente in notazione. Ora dovreste avere
una notazione della linea melodica come questa:

Oltre a poter modificare il tasto più basso durante la copia, potete anche modificarlo
in quasiasi regione di intavolatura con lo Strumento Modifica-Massa. Per far questo,
cliccate sullo Strumento Selezione e evidenziate una regione dei rigo di intavolatura.
Quindi, dal menu Utilità, scegliete Cambia >> Tasto più basso... Inserite il numero
del tasto più basso da voi desiderato e cliccate su OK per applicare le modifiche e
tornare alla partitura.

MODIFICARE LA CORDA E IL NUMERO DI TASTO NEL RIGO DI INTAVOLATURA


È possibile modificare i numeri dei tasti e spostarli fra le diverse corde manualmente

Installazione & Tutorial 205


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

con lo Strumento Inserimento semplice. Questo metodo consente di avere maggiore


flessibilità in caso di modifiche saltuarie e non continue.
Se date un’occhiata alla misura cinque del rigo di intavolatura, noterete che la quarta
nota viene eseguita sul quinto tasto della quarta corda. Sarebbe più semplice
diteggiare il passaggio usando per quella nota il decimo tasto della quinta corda. Ecco
come cambiare il numero del tasto.
• Cliccate sullo Strumento Inserimento semplice 4.
• Mentre premete il tasto ! (Mac: b), sulla quinta misura, cliccate la
diteggiatura del quinto tasto sulla quarta corda e trascinatelo sulla quinta corda.
Vedrete che quella diteggiatura è stata spostata sulla nuova corda cambiando
automaticamente il numero. Potete anche usare i tasti freccia in su e e in giù f per
spostare i numeri da una corda all’altra, oppure i tasti freccia sinistra g o destra h
per spostare la selezione orizzontalmente fra i vari numeri.
Potete anche modificare agevolmente il numero del tasto. Lo Strumento Inserimento
semplice dovrebbe essere ancora selezionato.
• Mentre premete il tasto ! (Mac: b), cliccate su un numero di tasto nel rigo
di intavolatura. Il numero cambierà di colore per indicare che è stato selezionato.
• Digitate il nuovo numero. Potete usare la tastiera alfanumerica (QWERTY) o il
tastierino numerico per inserire un numero a una o due cifre.
• Nella prima misura, posizionate il cursore sul La o quarta corda e cliccate.
Apparirà la cornice di editing per quella corda.
• Premete il tasto “+” o “-”. Il tasto più aumenta il numero e il tasto meno lo
diminuisce di una unità alla volta. Ricordate che quando modificate il numero del
tasto, in effetti modificate l’altezza della nota. Alla fine delle modifiche, per essere
sicuri che la notazione standard rappresenti in modo accurato l’intavolatura,
trascinate l’intavolatura sul rigo standard con lo Strumento Selezione.

INSERIMENTO DIRETTO DELLE NOTE NEL RIGO DI INTAVOLATURA


Oltre alla possibilità di copiare la musica in un rigo di intavolatura da un rigo
standard, potete anche inserire direttamente la musica nel rigo di intavolatura.
Questa caratteristica può essere utile in caso di utilizzo di un solo rigo nella partitura
(solo quello di intavolatura) o se conoscete solamente la scrittura in intavolatura e
non quella standard. Continuiamo ad utilizzare lo stesso file per lavorare.
• Cliccate sullo Strumento Selezione e poi cliccate sulla prima misura del rigo di
intavolatura. Ora la prima misura risulterà evidenziata.
• Premete il tasto Backspace $ (Mac: o) per rimuovere tutta la scrittura in

206 Installazione & Tutorial


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

intavolatura esistente nella battuta. Dovreste vedere sopra il rigo di notazione


standard con le note e sotto la prima battuta vuota di intavolatura.
• Cliccate sullo Strumento Inserimento semplice 4. Ora possiamo iniziare ad
inserire manualmente le note nel rigo di intavolatura.
• Cliccate l’icona della croma nella Tavolozza Inserimento semplice 4. Dovete
selezionare la figura di durata appropriata prima di inserire la nota in intavolatura.
• Cliccate nel rigo di intavolatura in corrispondenza della terza corda (Sol)
direttamente sotto la prima nota del brano. Apparirà uno “0”. Cliccando
direttamente nel rigo di intavolatura, inizialmente appare uno zero. Questo sarà già
selezionato.
• Premete il tasto 2 sul tastierino numerico. Lo “0” si trasformerà in “2”.
• Cliccate nel rigo di intavolatura in corrispondenza della terza corda (Sol)
direttamente sotto la seconda nota del brano. Apparirà uno “0” sulla corda Sol.
• Premete il tasto 3 sul tastierino numerico. Lo “0” si trasformerà in “3”. Ora
terminate la misura usando la procedura appena descritta, cliccando in
corrispondenza di ciascuna nota presente nel rigo superiore di notazione standard.
• Cliccate sulla seconda corda (Si) e premete 3, sulla seconda corda e premete 1,
sulla terza corda e premete 3, infine sulla terza corda e premete 2. In questo modo
avete inserito tutte le note della prima misura. Naturalmente risulta essere più
semplice la procedura di copiare la musica direttamente dal rigo standard. Questo
metodo può essere utile se dovete inserire la musica in una partitura contenente
solamente il rigo di intavolatura.
• Potete anche utilizzare l’Indicatore di inserimento semplice. Usate questo
strumento nello stesso modo spiegato nel Tutorial 1a.
• Usate i numeri della tastiera per spostare l’indicatore da una corda all’altra del rigo
di intavolatura (ad esempio se premete 2 l’indicatore si sposterà sulla seconda corda,
il Si).
• Usate i numeri del tastierino numerico per inserire i numeri sul rigo di
intavolatura.
• Mentre tenete premuto il tasto @ (Mac: b), premete un numero sulla tastiera
alfanumerica per aggiungere uno 0 sulla corda corrispondente, sotto il numero
appena inserito in quella posizione.
• Premete k per eliminare eventuali numeri dal rigo di intavolatura.
• Premete insieme i tasti !, @ e d (Mac: c, b e d) e, sulla
tastiera alfanumerica, premete 6 per commutare la durata di valore, passando alla
minima.

Installazione & Tutorial 207


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

• Premete j per inserire uno 0 in corrispondenza della corda sulla quale avete
posizionato l’indicatore.
• Potete anche utilizzare un dispositivo MIDI per l’inserimento. Assicuratevi che nel
menu Ins. semplice sia selezionata l’opzione Usa un dispositivo MIDI per
l’inserimento, quindi selezionate le durate come vi abbiamo spiegato poco sopra, e
suonate la vostra musica. Nel menu Ins. semplice troverete un sottomenu chiamato
Comandi specifici per la TAB. Fate riferimento a questo sottomenu per avere
informazioni più dettagliate su come muovervi ed utilizzare l’Inserimento semplice
per la scrittura delle vostre intavolature.

INSERIMENTO DI SLIDE, BENDING E TREMOLI


Potete inserire questi elementi tipici della notazione di intavolatura utilizzando lo
Strumento Forme intelligenti. Poiché questi elementi appaiono spesso sia nel rigo
standard che in quello di intavolatura, iniziamo con l’inserirli nel rigo standard, per
poi copiarli in quello di intavolatura. Per preparare questa sezione, dovete aprire il
Tutorial 7a (Scala Blues).
• Cliccate sullo Strumento Forme intelligenti W.

• Cliccate sullo Strumento Strisciato (Tab Slide) nella tavolozza Forme


intelligenti.
• Fate doppio click sulla prima nota della scala. Apparirà una linea che si estende dal
La al Do. Cliccate sulle maniglie per modificare se necessario i punti finali.

• Cliccate sullo Strumento Bend Hat nella tavolozza Forme intelligenti. Ora
inseriremo un bending con il suo successivo rilascio dalla terza nota della seconda
misura sino al battere della terza misura.
• Fate doppio click sulla nota La sul terzo tempo della seconda misura. Ora vedrete
apparire un bending che si estende dal La al Si bemolle.
• Fate doppio click sul Si bemolle sull’ultimo tempo della seconda misura. Ora
vedrete apparire un bending che si estende dal Si bemolle al La.

• Cliccate sullo Strumento Estensione del trillo nella tavolozza Forme


intelligenti. Useremo questo Strumento per inserire un’indicazione di tremolo
sull’ultima nota.
• Sopra l’ultima nota, fate doppio click e trascinate per creare un segno di tremolo. Il
vostro rigo di notazione standard dovrebbe essere simile a questo:

208 Installazione & Tutorial


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

• Cliccate sullo Strumento Selezione .


• Cliccate alla sinistra del rigo di notazione standard per selezionarlo tutto.
• Trascinate l’area evidenziata sul rigo di intavolatura.
• Nella finestra Tasto più basso scrivete “0”.
• Cliccate su OK. Le note verranno convertite in numeri di intavolatura. I simboli di
bend verranno riscritti con lo stile dell’intavolatura.

Noterete che l’ultima nota è stata trascritta come La corda vuota. Per poter eseguire il
tremolo, è necessario spostarla sulla corda Mi.
• Cliccate sullo Strumento Inserimento semplice 4.
• Mentre premete il tasto ! (Mac: b), cliccate sull’ultima nota in modo da
selezionarla.
• Premete il tasto freccia in giù f per spostarla sulla sesta corda. Ora è possibile
effettuare un tremolo.
Supponiamo di voler aggiungere un bend da 1/4 sulla penultima nota.
• Cliccate sullo Strumento Forme intelligenti W.
• Cliccate sullo Strumento Bending per chitarra nella tavolozza Forme
intelligenti.
• Sulla penultima nota (3), premete il tasto ! (Mac: b) e fate un doppio click.
Vedrete apparire una linea curva con la freccia che punta verso l’alto e un’indicazione
di 1/4 rappresentante un bending da 1/4 di tono. Notate che è possibile anche
inserire un bending per chitarra nel rigo di intavolatura facendo semplicemente un

Installazione & Tutorial 209


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

doppio click sul primo di due numeri di tasto. Finale inserirà il testo appropriato
basandosi sulla differenza di altezza esistente fra le due note.
Ora desideriamo aggiungere un’indicazione di bending nel rigo di notazione standard
sulla penultima nota.
• Cliccate sullo Strumento Legatura di frase W nella tavolozza Forme intelligenti.
• Fate doppio click sulla penultima nota (Do) nel rigo di notazione standard.
• Cliccate e trascinate le maniglie per modificare la legatura. Potete usare le maniglie
della legatura per creare una piccola curva posizionata a destra della nota.
Per avere informazioni complete sull’inserimento di tutte le Forme intelligenti,
consultate la documentazione alla voce STRUMENTO FORME INTELLIGENTI.

HAMMER-ON, PULL-OFF (LEGATURE ASCENDENTI E DISCENDENTI) E ALTRI


SIMBOLI
Continuiamo ad usare il documento avente la scala blues per dimostrare come
inserire hammer-on e pull-off (le legature ascendenti e discendenti). Questa stessa
tecnica può essere utilizzata per inserire allo stesso modo una grande varietà di altri
simboli. Dovrebbe ancora essere selezionato lo Strumento Forme Intelligenti.
• Cliccate sullo Strumento Legatura di frase W nella tavolozza Forme intelligenti.
• Nel rigo di intavolatura, fate doppio click sul numero “1” dell’ultima nota della
prima misura. Vedrete apparire una legatura tra l’ultima nota della prima misura e la
prima nota della seconda misura.
• Mentre premete il tasto ! (Mac: b), cliccate sullo Strumento Linea
personalizzata ¿.
• Scorrete l’elenco sino a trovare la forma personalizzata con la lettera H e cliccate
su di essa in modo da evidenziarla.
• Cliccate su Seleziona.
• Fate doppio click sul numero “1” dell’ultima nota della prima misura e trascinate
sino a raggiungere la prima nota della misura successiva. Apparirà la lettera “H”
sopra la legatura.

Ora, potete usare i tasti freccia per spostare finemente il simbolo. La stessa tecnica

210 Installazione & Tutorial


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

viene usata per inserire il pull-off (legatura discendente), l’unica differenza consiste
nello scegliere la forma della “P” nella finestra di dialogo.
Usate il metodo sopra esposto per inserire tutta una serie di simboli normalmente
utilizzati nella scrittura per strumenti tastati. Nella finestra Selezione dello stile della
linea intelligente troverete figure per il bending (B), il rilascio (R), i palm mute
(P.M.), gli armonici (A.H. e P.H.) e altri ancora. Se lo desiderate, potete inserire
questi simboli come articolazioni. Per le informazioni relative alla creazione delle
articolazioni, consultate il manuale utente in linea alle voci CONFIGURAZIONE
DELL’ARTICOLAZIONE e ARTICOLAZIONI.

INSERIRE LA MUSICA USANDO UNA CHITARRA MIDI (OPZIONALE)


Potete usare una chitarra MIDI per inserire la musica esattamente come fareste con
una tastiera utilizzando lo Strumento HyperScribe. Finale è in grado inoltre di
riconoscere su quale corda avete suonato nel caso in cui desideriate scrivere
direttamente nel rigo di intavolatura.
• Per prima cosa, impostate e collegate l’interfaccia MIDI per chitarra al vostro
computer. Per poter comunicare a Finale le altezze delle note da voi suonate sulla
chitarra, avete bisogno di un’interfaccia che converta le vostre note in informazioni
MIDI. Questa si connette al vostro computer come se fosse una comune tastiera
MIDI. Nella preparazione di questo Tutorial è stata usata come riferimento una
Roland GR-33, anche se in genere qualsiasi interfaccia di questo tipo dovrebbe
funzionare correttamente. Consultate sempre il manuale di istruzioni per connettere
e impostare correttamente questo tipo di periferica.
• Mappate correttamente i canali MIDI in relazione alle corde della chitarra.
Apparirà la finestra Canali MIDI per l’intavolatura.

Installazione & Tutorial 211


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

I dati MIDI generati da ciascuna corda della chitarra MIDI raggiungono Finale su
canali MIDI differenti. Per poter organizzare in modo corretto queste informazioni,
dovete comunicare a Finale quali sono i canali assegnati a ciascuna corda. In questa
finestra inserite il canale di ciascuna corda così come è stato impostato sulla vostra
interfaccia MIDI per chitarra. Consultate in proposito la documentazione
dell’interfaccia.
• Cliccate sul menu MIDI e scegliete Impostazioni MIDI (poi, se utilizzate come
sistema Windows, cliccate sul pulsante Avanzate). Nella parte inferiore della
finestra, vedrete l’impostazione Latenza MIDI In. In genere esiste un leggero ritardo
tra il momento in cui suonate la nota sulla chitarra e quando l’informazione MIDI
raggiunge il computer. Finale è in grado di compensare questa latenza anticipando il
clock metronomico durante una sessione di registrazione con HyperScribe.
• Inserite “25” nel campo Latenza MIDI In. Questo valore può essere considerato un
valore di prova iniziale. Molto probabilmente, a seconda delle caratteristiche della
vostra interfaccia, sarà necessario modificare questo valore. In genere i valori si
dovrebbero attestare tra 25 e 150 millisecondi.

212 Installazione & Tutorial


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

• Cliccate su OK.
• Create un nuovo documento contenente un rigo di notazione standard e uno di
intavolatura utilizzando l’Impostazione guidata. Seguite le istruzioni riportate
all’inizio di questo capitolo per completare l’operazione.
• Dal menu Documento, scegliete Click e battute a vuoto. Apparirà la relativa finestra
di dialogo.
• Nei campi Batt. a vuoto e Click, scegliete Durante la registrazione.
• Come sorgente scegliete Nota MIDI.
• Nel campo Misure (intese come misure a vuoto) inserite 2.
• Cliccate su OK. Avete appena indicato a Finale di usare un conteggio a vuoto di 2
misure prima di iniziare a registrare, e di usare il click metronomico durante la
registrazione. Ora chiederemo a Finale di segnare lui il tempo e non voi.
• Cliccate sullo strumento HyperScribe g. Appare un nuovo menu chiamato
appunto HyperScribe, all’interno del quale potete impostare le vostre opzioni per la
registrazione.
• Dal menu HyperScribe, scegliete Sorgente della pulsazione, quindi Playback e/o
Click. Le impostazioni predefinite prevedono come riferimento per la pulsazione la
semiminima e come tempo 96.
• Per “Segnale iniziale per registrare”, cliccate sull’elenco a discesa e scegliete
Qualsiasi dato MIDI. In questo modo avete detto a Finale di attendere un qualsiasi
segnale MIDI per far partire il conteggio a vuoto e il clock metronomico.
• Cliccate su OK. Finale è ora pronto per registrare e fornirvi il click metronomico.
• Dal menu HyperScribe, scegliete Modalità di registrazione. Assicuratevi sia
selezionata l’opzione Registra in un rigo. In questo esempio registreremo sul solo
rigo di intavolatura.
• Cliccate sulla prima misura del rigo di intavolatura. Apparirà una cornice attorno
alla misura indicante che Finale è pronto per registrare. Il programma è in attesa di
un qualsiasi dato MIDI per iniziare il conteggio.
• Suonate una nota sulla vostra chitarra MIDI. Finale inizierà il conteggio
metronomico delle 2 battute a vuoto prima di procedere alla registrazione. Se non
sentite il click, controllate l’impostazione del vostro sistema MIDI facendo
riferimento alla sezione iniziale di questo manuale dedicata appunto alla
configurazione del sistema MIDI.
• Al termine del conteggio delle due battute a vuoto, suonate una scala di Do
maggiore con estensione di due ottave iniziando dal Do centrale (quinta corda)
come viene mostrato nell’esempio sottostante.

Installazione & Tutorial 213


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

Mentre suonate ciascuna misura, i numeri appariranno compressi, solo al termine


della misura (quando passate a quella successiva) la notazione si distribuirà
correttamente.
• Quando avete finito, cliccate con il mouse in un punto qualsiasi dello schermo. La
cornice scomparirà e vedrete nel rigo di intavolatura una scala di Do avente una
diteggiatura corrispondente a quella da voi suonata. Se così non fosse, provate a
impostare un tempo più lento nella finestra Playback e/o Click o a modificare la
latenza nella finestra Impostazioni MIDI.
Ora copieremo l’intavolatura da voi inserita nel rigo standard.
• Cliccate sullo Strumento Selezione .
• Evidenziate le misure che contengono i numeri dell’intavoltura e trascinate la
regione sul rigo di notazione. Il vostro documento ora dovrebbe essere simile alla
sottostante figura.

CONSIGLI E SUGGERIMENTI PER L’INTAVOLATURA


Per informazioni complete, vedi INTAVOLATURA nel Manuale dell’utente in linea.
1. I colpi di plettro in su e in giù si trovano nello Strumento Articolazioni.
2. Potete aggiungere gambi e linee di raggruppamento all’intavolatura configurando con
lo Strumento Rigo musicale il vostro rigo di intavolatura. Cliccate sullo Strumento Rigo
musicale, fate doppio click sul rigo di intavolatura e cliccate sul pulsante Impostazione
gambi nella finestra Attributi del rigo.
3. Per impostare il valore della figura più breve durante una sessione di HyperScribe,
dovete prima configurare le Impostazioni di quantizzazione. Dal menu Documento

214 Installazione & Tutorial


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

scegliete Impostazioni di quantizzazione. Consultate la voce IMPOSTAZIONI DI


QUANTIZZAZIONE nel manuale in linea dell’utente.
4. Se usate un’accordatura non standard o uno strumento tastato diverso (liuto, banjo,
ecc...) potete personalizzare manualmente l’accordatura nella finestra Attributi del rigo.
Cliccate sullo Strumento Rigo musicale, fate doppio click sul rigo di intavolatura e
cliccate sul pulsante Seleziona posto in basso accanto a Stile notazione. Quindi nella
successiva finestra cliccate su Modifica strumento.
5. Per utilizzare le lettere al posto dei numeri nell’indicazione dei tasti, cliccate sullo
Strumento Rigo musicale, fate doppio click sul rigo di intavolatura e cliccate sul
pulsante Seleziona posto in basso accanto a Stile notazione. Quindi nella successiva
finestra cliccate su Usa le lettere.

Installazione & Tutorial 215


Tutorial 7: Intavolatura per chitarra e strumenti a tasto

216 Installazione & Tutorial


Tutorial 8:Tutorial
Notazione
8: Notazione professionale

professionale

In questa sezione impareremo a usare alcune tra le più potenti funzioni notazionali di
Finale.

GLI “STRUMENTI SPECIALI”


Gli Strumenti Speciali permettono un controllo completo e dettagliato di spaziature,
raggruppamenti, legature, punti e gambi delle note. Per il prossimo esercizio, aprite il
documento “Tutorial 8”.
• Andate a battuta 1.
• Cliccate lo Strumento Strumenti Speciali 4. Vedrete comparire la tavolozza
Strumenti Speciali. Al suo interno trovano posto sedici icone ciascuna in grado di
controllare alcuni aspetti della notazione musicale. (Questa tavolozza fluttuante è
esattamente come le altre che avete già incontrato: potete muoverla trascinandola per
il titolo e cambiarne la forma per mezzo della cornice di ridimensionamento).

Posizione note: Posizione teste delle note:


muove orizzontalmente le note sposta orizzontalmente la testa della nota
Forma delle teste delle note: Spostamento alterazioni:
cambia la forma della testa delle note sposta le alterazioni in senso orizzontale
Lunghezza dei gambi: Strumento Cediglie:
allunga o accorcia il gambo delle note inverte la direzione di una cediglia
Direzione dei gambi: “congela” la direzione Raddoppia/Dividi i gambi: aggiunge un
dei gambi verso l’alto o verso il basso secondo gambo/suddivide un bicordo
Gambo invertito: Gambo personalizzato:
rivolge un gambo nella direzione “sbagliata” crea gambi delle note personalizzati
Angolazione linee di raggruppamento: Inter. linee di raggrupp. second.: interrompe
cambia altezza e angolo del raggrupp. le linee di raggrupp. a partire dai 16esimi
Estens. linee di raggr.: estende le linee di Angol. linee di raggrup. secondarie: cambia
raggruppamento (es.: a cavallo di battuta) l’angolazione delle linee di raggr. secondarie
Legature di valore: cambia lunghezza e Punto di valore:
arco delle legature di valore muove i punti di valore in ogni direzione
Ampiezza linee raggruppamento: Gambi nei raggruppamenti:
cambia lo spessore delle linee di un cambia la lunghezza dei gambi delle figure
raggruppamento raggruppate

Utilizzando gli Strumenti Speciali, potete intervenire su una battuta di musica alla
volta. Per modificare uno degli aspetti della notazione musicale rappresentati dagli
strumenti presenti nella tavolozza, cliccate sullo Strumento appropriato, quindi
cliccate sulla misura sulla quale volete intervenire. Finale mostrerà solitamente una

Installazione & Tutorial 217


Tutorial 8: Notazione professionale

maniglia su ciascuna nota, gambo, legatura o punto ( a seconda del tipo di Strumento
selezionato—per nascondere le maniglie, deselezionate l’opzione Mostra le maniglie
nel menu Strumenti Speciali). Selezionate la maniglia o le maniglie degli elementi che
volete modificare ed eseguite l’azione desiderata. (Potete selezionare più maniglie
comprendendole nella selezione mentre trascinate con il mouse, oppure facendo
d-click su ciascuna di esse).
Consultate la documentazione alla voce Strumenti Speciali per avere informazioni
più dettagliate.
Per il momento, facciamo qualche esperimento.
• Cliccate lo Strumento Posizione note B, nel caso in cui non sia già selezionato.
• Cliccate sulla prima misura del rigo di mezzo.
• Trascinate una qualsiasi nota verso destra o sinistra. Le note, gli accordi e le pause
possono essere spostati orizzontalmente usando questo Strumento, senza influenzare
la riproduzione. Ovviamente, è più semplice trascinare le note con lo Strumento
Inserimento rapido.
• Cliccate lo Strumento Posizionamento testa della nota C. Compare un maniglia per
ciascuna testa di nota. (Dopo che avete selezionato una misura con lo Strumenti
Speciali, Finale presume che tutti gli altri eventuali interventi con i diversi Strumenti
dello Strumenti Speciali continuino ad essere effettuati sulla stessa misura. In caso
contrario cliccate su di una diversa misura per selezionarla e lavorare su di essa).
• Trascinate una qualsiasi maniglia a destra o a sinistra. Questa funzione è utile, ad
esempio, per modificare la disposizione delle note in un cluster.
Le teste delle note possono anche mutare di aspetto.
• Cliccate lo Strumento Forma delle teste delle note y, ed eseguite un doppio click
sulla maniglia di una nota. Vedrete comparire una tavolozza contenente tutti i
simboli utilizzabili in Finale per le teste delle note. In essa potrete eseguire un doppio
click su un simbolo, ed esso andrà a sostituire la normale testa della nota cliccata.
Usando questa tecnica, potete creare teste di note a X, romboidali, triangolari o di
qualsiasi altra forma.
• Eseguite un doppio click sulla X (casella 192). La testa della nota è stata sostituita
da una X, che per il momento è coperta dalla sua maniglia.
• Cliccate sull’opzione Mostra le maniglie del menu Strumenti Speciali per
deselezionare la visualizzazione della maniglia. Disattivando Mostra le maniglie, si
rendono invisibili le maniglie: gli Strumenti Speciali possono essere ancora usati, a
patto di cliccare dove la maniglia si troverebbe se fosse visibile. A questo punto
vedrete la nuova testa della nota.
Notate che questa tecnica è utile per sostituzioni occasionali delle teste delle note. Se

218 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

si vuole creare una parte ritmica in cui la maggior parte delle note hanno la testa a
forma di X o di barretta, è meglio usare la funzione Elementi indipendenti: Teste
delle note (si veda la documentazione alla voce FORMA DELLE NOTE). Potremo
persino specificare a Finale come vogliamo che il gambo si colleghi a queste teste non
convenzionali. Si veda la documentazione alla voce FINESTRA DI DIALOGO
CONNESSIONE DEI GAMBI.
Facciamo qualche altra prova.
• Cliccate nuovamente Mostra le maniglie nel menu Strumenti Speciali. Le maniglie
ricompariranno.
• Cliccate lo Strumento Alterazioni E. Tutte le alterazioni della battuta mostrano ora
una maniglia. Provate a spostare queste maniglie: ciò può essere utile, ad esempio,
per ridisporre le alterazioni in un cluster.
• Cliccate lo Strumento Lunghezza dei gambi M. Per tutte le note non raggruppate
con altre note comparirà una maniglia, che potrà essere trascinata verso l’alto o il
basso e anche in orizzontale, allo scopo di allungare o accorciare il gambo della nota.
Premendo Shift (Maiusc) prima di trascinare costringerete il mouse a un movimento
perfettamente orizzontale o verticale. Provate ad allungare il gambo della seconda
semiminima.
Il prossimo Strumento, lo Strumento Cediglie z, è quello usato per modificare la
direzione della cediglia di una nota da un sedicesimo (o più piccola), come mostrato
in figura:

Prima Dopo

• Cliccate lo Strumento Direzione del gambo A. Sopra e sotto ad ogni nota della
battuta comparirà una maniglia. Cliccando una di queste maniglie, il gambo della
nota verrà diretto nella direzione della maniglia cliccata, e “congelato” in tale
posizione (ecco perché l’icona del fiocco di neve), anche se il brano verrà trasportato.
Cliccate nuovamente la stessa maniglia per restituire alla nota la sua “libertà”.
Ovviamente, è più semplice spostare le gambette con lo Strumento Inserimento
rapido. Allo scopo, posizionate la Barra di Inserimento su una nota e premete il tasto

Installazione & Tutorial 219


Tutorial 8: Notazione professionale

L per congelarne il gambo nella direzione opposta, o premete !-L (Mac b-L)
perché la nota torni “libera”.
• Cliccate lo Strumento Raddoppia/Suddividi il gambo N. Cliccando questo
Strumento si causa la comparsa di una maniglia per ogni testa delle note della
battuta; altre due maniglie appaiono sopra e sotto il rigo. Cliccate la maniglia
inferiore di una nota o di un accordo per creare una doppia gambetta, in questo
modo:

Provate subito:
• Cliccate la maniglia inferiore di tutte le semicrome. Il nuovo gambo è rivolto
sempre in direzione opposta al gambo originale, a prescindere dalla maniglia
(inferiore o superiore) cliccata.
Queste maniglie permettono anche di dividere le gambe delle note in un bicordo, per
ottenere l’effetto di una voce separata, tipico nei corali, come in questo caso:

Per ottenere questo effetto, sono necessari due passi successivi: prima, cliccate il
gambo inferiore per “dire” a Finale che volete creare due differenti serie di gambi.

220 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

Quindi cliccate la maniglia di quelle note che volete facciano parte della sola voce
superiore.
• Cliccate la maniglia sulla testa di ciascuna semicroma superiore dei bicordi.
Cliccate la casella di selezione Mostra le maniglie (del menu Strumenti Speciali)
per nascondere un istante le maniglie. Ora potete vedere come le semicrome
dispongano di gambi separati. Cliccate nuovamente Mostra le maniglie per riattivare
le maniglie.
Molto probabilmente non userete spesso i due successivi Strumenti, ma è
ugualmente importante che ne conosciate le caratteristiche. Lo Strumento Gambo
inverso F capovolge semplicemente il gambo di una nota da una direzione all’altra.
Questa funzione può essere utile nel caso in cui dobbiate raggruppare delle note a
cavallo di due righi (vedete più avanti in questo tutorial):

Lo Strumento Gambo personalizzato L consente di creare gambe per le note di


qualsiasi forma e dimensione (ad esempio per connettere un cluster di tre note come
Dob, Don e Do#): eseguendo un doppio click sulla maniglia di una nota, si accede al
box Disegno Selezione, entro il quale è possibile selezionare una forma alternativa (o
creare una nuova forma mediante lo Strumento Disegno, che abbiamo visto più
sopra). Per maggiori informazioni, si veda la documentazione alla voce GAMBI.
• Cliccate la prima misura del rigo superiore, quindi cliccate lo Strumento
Angolazione linea di raggruppamento G. Per tutte le note raggruppate insieme
compariranno due maniglie, una per ogni lato del gambo. La maniglia di destra
modifica l’angolo del raggruppamento; quella di sinistra altera l’altezza del
raggruppamento. Spostando verso l’alto o il basso la maniglia di sinistra, si sposterà
anche la maniglia di destra, senza che l’angolo di raggruppamento cambi.
Sperimentate ora la funzione, provando a muovere le maniglie dei due bicordi di
crome alla fine della battuta.
I cinque Strumenti che descriveremo ora, permettono un controllo supplementare
sui raggruppamenti. Ad esempio, lo Strumento Interruzione linee di raggruppamento
secondarie K vi consente di specificare dove debbono interrompersi le cediglie

Installazione & Tutorial 221


Tutorial 8: Notazione professionale

secondarie dei raggruppamenti (16esimi, 32esimi e così via). Lo Strumento


Estensione linee di raggruppamento H estende il raggruppamento oltre l’ultima nota
del gruppo; ciò può rendersi utile per raggruppare note che si trovino in battute
contigue (a cavallo di battuta). Ed esiste anche uno Strumento Angolazione linee di
raggruppamento secondarie J che permette di assegnare differenti inclinazioni ai
raggruppamenti delle linee interne dai sedicesimi in giù. Questo Strumento è utile
per creare la notazione moderna di accelerando e ritardando, nella quale le linee di
raggruppamento convergono. Lo strumento Ampiezza linee di raggruppamento
consente la modifica dello spessore delle linee del singolo raggruppamento; mentre
lo strumento Gambi nei raggruppamenti permette di regolare la lunghezza dei gambi
delle note che si trovano in un raggruppamento. Per maggiori informazioni si veda la
documentazione alla voce STRUMENTI SPECIALI.
• Cliccate la seconda misura del rigo di mezzo.
• Cliccate lo Strumento Legatura di valore I; quindi eseguite un doppio click sulla
maniglia di sinistra della legatura. Vedrete comparire il box Alterazioni della
legatura di valore. La definizione iniziale è Automatica, che prevede la curvatura
automatica delle legature, verso l’alto o il basso a seconda delle opzioni presenti nella
finestra di dialogo Opzioni per le legature di valore. Per avere maggiori dettagli
consultate la voce OPZIONI PER LE LEGATURE DI VALORE nella documentazione in
linea.
• Cliccate su Annulla.
• Cliccate sullo Strumento Punto di valore D. Eseguite un doppio click sulla
maniglia della prima nota puntata. Vedrete comparire un box di dialogo entro il
quale potrete definire il posizionamento del punto. Questo Strumento serve per
effettuare modifiche su note puntate singole. Per definire il posizionamento
orizzontale globale dei punti, si veda la documentazione alla voce NOTE PUNTATE.
L’offset O esprime la distanza orizzontale tra il punto e la sua posizione di default.
(Un valore più alto indica uno spostamento verso destra). L’offset V definisce la
posizione verticale del punto, in relazione alla sua posizione di default; un valore più
alto indica uno spostamento verso l’alto. E il valore Spazio fra i punti definisce le
distanza tra i punti di una nota con punti multipli. Se si decide, ad esempio, che un
punto deve essere spostato verso il basso, sino a raggiungere lo spazio inferiore del
rigo, si dovrà sommare –.083 (pollici) all’offset V. L’unità di misura usata da Finale
può essere cambiata agendo sul sottomenu Unità di misura del menu Documento.
• Cliccate su Annulla. Come avete appena visto, i due Strumenti precedenti hanno
ciascuno una finestra di dialogo associata ad essi, all’interno delle quali potete
controllare il posizionamento degli elementi specificati in modo molto preciso. In
ogni caso è sempre possibile trascinare la maniglia dell’elemento come avete

222 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

imparato a fare con tutti gli altri Strumenti Speciali.


Per cancellare le modifiche apportate a un oggetto, cliccatene la maniglia e premete
k oppure $. Le modifiche effettuate con gli Strumenti Speciali possono
anche essere cancellate collettivamente. Selezionate la zona su cui volete intervenire
con lo Strumento Selezione. Nel menu Modifica, selezionate l’opzione Cancella gli
elementi. Cliccate Solo quelli selezionati, quindi cliccate Legati alle note. Ora
specificate quale tipo di alterazioni volete che siano annullate, secondo la tabella
seguente:
Per annullare le modifiche operate con: Selezionate, nel box Elementi immessi:
Posizionamento testa della nota Teste delle note e alterazioni percentuali
Forma delle teste delle note Teste delle note e alterazioni percentuali
Alterazioni Teste delle note e alterazioni percentuali
Cediglie Alterazioni dei gambi e linee di raggrup.
Lunghezza dei gambi Alterazioni dei gambi e linee di raggrup.
Gambo personalizzato Alterazioni dei gambi e linee di raggrup.
Angolazione linea di raggruppamento Alterazioni dei gambi e linee di raggrup.
Interruz. linee di raggruppamento secondarie Interruz. linea di raggrup. secondaria
Estensione linee di raggruppamento Estensione delle linee di
raggruppamento
Angolazione linee di raggrup. secondarie Alteraz. dei gambi e linee di raggrup.
Ampiezza linee di raggruppamento Alteraz. dei gambi e linee di raggrup.
Gambi nei raggruppamenti Alteraz. dei gambi e linee di raggrup.
Legatura di valore Alteraz. dei punti e legature di valore
Punto di valore Alteraz. dei punti e legature di valore

Le modifiche operate con gli Strumenti Direzione del gambo, Raddoppia/Suddividi il


gambo, e Gambo inverso possono essere annullate usando un metodo leggermente
differente. Selezionate la zona su cui intervenire mediante lo Strumento Selezione.
Quindi selezionate l’opzione Direzione dei gambi > Usa la direzione predefinita nel
menu Utilità.

LO STRUMENTO SPOSTA-NOTE
Lo Strumento Sposta-Note (quello della tavolozza principale) sposta note singole o
intere battute orizzontalmente o verticalmente, verso altre battute della partitura.
Esso risulta particolarmente utile operando con HyperScribe o con la modalità

Installazione & Tutorial 223


Tutorial 8: Notazione professionale

Trascrizione, dato che può essere usato per correggere errori di Punto di
suddivisione, come vedremo in questo Tutorial. Esso può anche essere impiegato per
ottenere raggruppamenti di note appartenenti a due pentagrammi (a cavallo di due
righi, tipico della notazione per pianoforte). Per il nostro esempio assumeremo che
abbiate ancora aperto il documento “Tutorial 8--Notazione avanzata.MUS”. Scorrete
sino a battuta 4.

• Cliccate lo Strumento Sposta-Note ( u o ). Cliccate battuta 4 nel


pentagramma di mezzo. Ora, ogni nota della battuta ha una maniglia. Nel rigo in
chiave di violino compaiono quattro quartine di semicrome.
Supponiamo di volere fare in modo che le ultime tre note di ogni quartina vengano
scritte nel rigo inferiore.
• Selezionate l’opzione A cavallo dei righi del menu Sposta-Note. Come al solito, con
lo Strumento Sposta-Note, specifichiamo l’azione da intraprendere prima di
effettuare la copia o lo spostamento.
• Cliccate e trascinate il puntatore del mouse in modo da catturare le note da
spostare, come in figura. Potete altrimenti selezionare le note eseguendo degli
d-click su di esse. In ambo i casi, le maniglie delle note appariranno selezionate.

• Trascinate una delle maniglie selezionate verso il basso, sul rigo inferiore. Tutte le
altre maniglie selezionate si muoveranno con quella da voi trascinata. Non è
necessario trascinare le note ad un’altezza particolare sul rigo di destinazione. Al
rilascio del mouse, Finale scriverà correttamente le note sul rigo inferiore.

224 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

Esistono alcune interessanti proprietà dei raggruppamenti tra due pentagrammi. Per
Finale queste note appartengono sempre al rigo di origine. Cliccando la battuta di
origine con lo Strumento Inserimento rapido, ad esempio, sarete in grado di
modificare le note spostate come se si trovassero ancora sul pentagramma di origine.
Anche la riproduzione avverrà sul Canale MIDI e con il Program assegnati al rigo di
origine.
Per riportare le note sul rigo di partenza, cliccate il pentagramma stesso per farne
apparire le maniglie; indi selezionate le note spostate e premete k. Dovrete
aggiornare lo schermo (Win: !-D; Mac: a-D) per vedere le modifiche
effettuate.
• Sulla Tavolozza Strumento speciali, cliccate lo Strumento Inversione dei gambi F
quindi cliccate in mezzo al rigo. Selezionate le maniglie in alto per i gambi che volete
rivolti verso l’alto e le maniglie in basso per i gambi che volete rivolti verso il basso.

• Selezionate lo Strumento Angolazione linee di raggruppamento G e sistemate le

Installazione & Tutorial 225


Tutorial 8: Notazione professionale

linee di raggruppamento in modo che vi soddisfino.

CORREZIONE DEL PUNTO DI SUDDIVISIONE


Una funzione dello Strumento Sposta-Note è quella di permettere la correzione
occasionale di Punto di suddivisione (punti di suddivisione) indesiderati, dopo una
trascrizione o l’uso di HyperScribe. Accade raramente che in un brano per pianoforte
le mani non superino mai lo Punto di suddivisione definito (generalmente il Do
centrale); ma ecco come possiamo correggere le battute in cui ciò accade.
• Scorrete sino a battuta 6. In essa, vedrete alcune note nel rigo superiore che
appartengono evidentemente alla parte della mano sinistra:

Per riportarle in chiave di basso useremo lo Strumento Sposta-Note, che dovrebbe


essere ancora selezionato.
• Cliccate battuta 6 del pentagramma di mezzo. Ogni nota presente nella battuta ha
ora una maniglia.
• Selezionate l’opzione “Cancella dopo l’incorporazione” del menu Sposta-Note.

226 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

Così facendo, chiediamo a Finale di integrare le note alla parte della mano sinistra,
cancellandole dalla mano destra.
• Catturate le maniglie delle note destinate alla mano sinistra che si trovano più alte
del Do centrale. Per catturare le maniglie, cliccate e trascinate il puntatore del
mouse, facendo comparire una cornice rettangolare tratteggiata che racchiuda tutte le
maniglie da selezionare.
• Trascinate una delle maniglie selezionate verso il basso, sul rigo inferiore. Al
rilascio del tasto del mouse, le note trascinate andranno a fare parte effettiva del
pentagramma di destinazione. La differenza sta nel fatto che questa volta le note
spostate suoneranno con il Canale MIDI e il Program definiti per il pentagramma di
destinazione.
Per maggiori informazioni, si veda la documentazione alla voce Sposta-Note MENU.

I NUMERI DI BATTUTA
Le battute vengono contrassegnate nei più svariati modi: si usano le lettere per
indicare i punti di un brano da cui è facile ripartire durante una prova; si usano i
numeri per contare semplicemente le battute; e si usano numerazioni come 33a, 33b,
33c. per indicare tagli, sezioni alternative, ecc. Finale è in grado di adottare differenti
sistemi di numerazione, uno per ogni “regione” di un brano.
In questo esempio ci limiteremo a numerare sequenzialmente ogni battuta. Allo
scopo ci serviremo dello Strumento Misure.
• Fate click sullo Strumento Misure z. Dal sottomenu Numeri di battuta del menu
Misure selezionate Modifica le regioni. Vedrete comparire la finestra di dialogo
Numerazione Battute.
Il campo di testo posto in alto è attualmente vuoto, indicando in questo modo che
per l’attuale documento non è stata definita alcuna regione di misure numerate.
• Cliccate su Aggiungi. Finale crea una regione di misure numerate, la Regione 1,
comprendente le misure da 1 sino a 999. (Non ci sono certamente 999 misure in
questo documento, ma Finale utilizza un numero molto alto per essere sicuro che
tutte le misure siano incluse in questa prima regione.)

Installazione & Tutorial 227


Tutorial 8: Notazione professionale

• Cliccate su Carattere e selezionate Helvetica (o Arial) 9 punti. Cliccate su OK per


uscire dalla finestra di dialogo Caratteri. Per ogni regione è possibile definire
indipendentemente il Font e il corpo del carattere.
• Cliccate su Posizione. Vedrete comparire una finestra, entro il quale potrete definire
la posizione del numero in relazione all’inizio della battuta.
• Trascinate il numero sino a portarlo sotto e a destra della stanghetta di battuta.
Non è necessario trascinare proprio lo zero. Potete trascinare qualunque punto
all’interno del riquadro.

228 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

• Cliccate su OK. Tutto ciò che ci resta da fare, è specificare con quale cadenza
dovranno essere numerate le battute. Selezionando l’opzione Mostra i numeri di
battuta all’inizio di ogni rigo o accollatura, i numeri appariranno solo sulle battute
che iniziano una nuova accollatura. Per il momento, però, numeriamo tutte le
battute.
• Cliccate il bottone relativo all’opzione Mostra ogni _ misure iniziando dalla misura
_. Digitate 1 in entrambi i box di testo e quindi cliccate su OK. Così facendo, tutte
le battute verranno numerate, con il numero visibile sotto ogni pentagramma. In un
brano per solista e pianoforte come questo, però, sarà più estetico fare in modo che la
numerazione compaia solamente al di sotto dell’intera accollatura.
• Cliccate lo Strumento Rigo musicale s e poi fate doppio click sul rigo superiore.
Vedrete comparire la finestra di dialogo Attributi del rigo per il pentagramma
cliccato.
• Cliccate Numerazione delle battute nell’area “Elementi da visualizzare”, in modo
da deselezionarne la casella di selezione. Nella lista a discesa Attributi per il rigo
posta in cima alla finestra selezionate l’opzione Piano L.H. (per spostarvi sul rigo
al fondo) e cliccate nuovamente Numerazione delle battute. Cliccate su OK. Così
operando, Finale non inserirà i numeri di battuta per i due righi superiori del
sistema, limitandosi a far comparire i numeri sul rigo inferiore.
Per definire un’altra regione, o per modificare la numerazione della regione appena
definita, dovremo selezionare nuovamente Modifica le regioni dal sottomenu Numeri
di battuta dal menu Misure. Esistono altre utili opzioni in questo box; per maggiori
informazioni si veda la documentazione alla voce FINESTRA DI DIALOGO
NUMERAZIONE DELLE MISURE.

LO STRUMENTO DISEGNO
Spesso ci si trova a lavorare in situazioni musicali per le quali la notazione standard è
insufficiente. Può capitare di volere inserire un grafico, un diagramma per la
pedaleggiatura dell’arpa, un simbolo che indichi un azione inconsueta per uno
strumento. Per situazioni simili, e per la notazione della musica contemporanea,
Finale dispone di un programma grafico integrato, chiamato Strumento Disegno.
Abbiamo già incontrato lo Strumento Disegno nei Tutorial precedenti, ma questa
volta lo studieremo un poco più a fondo.
Se avete già lavorato con programmi di grafica per computer, vi troverete altrettanto a
vostro agio con lo Strumento Disegno. Per familiarizzarvi con le sue funzioni, nel
prossimo esercizio creerete uno speciale diagramma per un flautista.
• Aprite il file del Tutorial chiamato “Tutorial 8.MUS.” Si tratta di un brano per
flauto e pianoforte.

Installazione & Tutorial 229


Tutorial 8: Notazione professionale

• Selezionate Visualizzazione lineare dal menu Visualizzazione.


• Scorrete sino a battuta 20.
Se il vostro monitor è abbastanza grande, fate in modo da vedere
contemporaneamente le battute 19 e 20.
Vogliamo inserire un grafico di tipo Espressione attaccata alla nota alla battuta 20
della parte di flauto, che è attualmente vuota. Dato che una Espressione attaccata alla
nota deve essere correlata a una nota o pausa (e non a una battuta vuota), dovremo
prima creare una pausa “reale” di semibreve a battuta 20.
• Cliccate lo Strumento Inserimento semplice 4. Quando comparirà la tavolozza
Inserimento semplice, cliccate la semibreve 7. Mantenendo premuto d,
cliccate battuta 20 della parte di flauto. Anche se non sembra sia accaduto nulla, in
realtà avete sostituito la pausa predefinita con una pausa reale. Questa pausa “reale”
di semibreve è qualcosa di esplicitamente creato, e non la pausa che Finale inserisce
automaticamente in ogni battuta vuota. Essendo questa pausa un oggetto a pieno
diritto, diviene possibile collegare ad essa un simbolo di tipo Espressione-Nota.
• Cliccate lo Strumento Espressione y; cliccate la pausa di semibreve a battuta 20.
Vedrete comparire la finestra di dialogo Selezione dell’espressione.
• Cliccate su Attaccata alla nota.

230 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

• Attraversando i vari box di dialogo, cliccate come segue: Disegno; Crea; Seleziona;
Crea. Accederete allo Strumento Disegno.

Usate questo controllo per


ingrandire o rimpicciolire.

Queste unità di misura O:


(orizzontale) e V: (verticale)
specificano la distanza di un
punto (o del cursore)
dall’origine.

Questo piccolo cerchio bianco è


l’origine. Non viene stampato, serve
per ancorare il vostro disegno.

Alla sommità delle finestra sono visibili dodici Strumenti grafici. Ecco a cosa serve
ciascuno di essi.

Per creare linee curve omogenee


Per selezionare, con le estremità non assottigliate
muovere e
ridimensionare gli Per creare linee curve con le
oggetti Per creare oggetti estremità assottigliate
di testo Per creare le parentesi
Per importare oggetti
grafici

Per muovere l’area di Trascinate


disegno all’interno della diagonalmente per
finestra Per creare qualsiasi tipo di
disegnare rettangoli
poligono chiuso
ed ellissi

Per disegnare Per creare linee spezzate


linee diritte costituite da più segmenti

Poniamo il caso in cui vogliate utilizzare un effetto speciale—ad esempio di volere


indicare al flautista che dovrà ruotare lo strumento di 90 gradi e suonarlo in verticale.

Installazione & Tutorial 231


Tutorial 8: Notazione professionale

• Nel menu a comparsa Zoom, selezionate l’opzione 200%. L’immagine sullo schermo
apparirà al doppio delle dimensioni reali.
Nella procedura seguente, le unità O. (coordinata orizzontale) e V. (coordinata
verticale) sono espresse in punti (72 punti sono pari a un pollice).
• Selezionate l’opzione “Righelli e griglia.” dal menu Strumento Disegno. Apparirà la
finestra di dialogo Righelli e griglia.
• Cliccate sull’opzione Punti, quindi cliccate su OK. Avete impostato l’unità di misura
su Punti.
• Se non appare un reticolo di punti nell’area di disegno, selezionate l’opzione
Griglia del sottomenu Mostra del menu Strumento Disegno. Ora nell’area di
disegno è presente una griglia di punti.
• Cliccate sullo Strumento Rettangolo S. Disegneremo un rettangolo lungo e sottile,
che raffigurerà il flauto.
• A partire dall’origine, cliccate e trascinate il puntatore del mouse
sino a quando O e V assumeranno all’incirca i valori rispettivi di 4
e 36. L’origine è il cerchietto bianco posto al centro dello schermo.
Il rettangolo disegnato ha un contorno troppo spesso. Ecco come
renderlo più sottile:

• Cliccate lo Strumento Seleziona Q, e


quindi cliccate il rettangolo appena
disegnato. Nel sottomenu Spessore delle
linee del menu Strumento Disegno
selezionate l’opzione Sottile. “Sottile”
corrisponde a uno spessore di linea di 0,25
punti.
Nel passo successivo, creeremo una freccia
curva, a indicare che desideriamo la
rotazione del flauto.

232 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

• Cliccate lo Strumento Curve V. A destra del rettangolo, cliccate e trascinate il


puntatore del mouse verso destra, in modo da creare una curva. Vedrete comparire
una curva con la convessità verso l’alto; se avessimo trascinato a sinistra, avremmo
ottenuta una convessità verso il basso.
• Cliccate sullo Strumento di selezione Q. cliccate sulla curva da voi appena
disegnata.
Le tre maniglie che appaiono servono a modificare la
posizione delle estremità della curva, e la sua curvatura.
Spostatele sino a che la curva assumerà un aspetto di questo
genere:

Quindi, aggiungete una freccia alla vostra curva.

• Cliccate lo Strumento Multilinea W. Quindi, cliccate tre


volte nei punti corrispondenti all’inizio in alto, alla
punta e alla fine, in basso, della freccia, come mostrato
in figura:

Se volete, potete perfezionare la freccia, spostandola o modificandone la forme, come


avete fatto per la curva. Allo scopo, cliccate lo Strumento Selezione Q; trascinate la
freccia per spostarla, eseguite un doppio click per alterarne la forma. Per cambiarne
lo spessore, cliccate la freccia stessa e selezionate uno spessore differente nel
sottomenu Spessore delle linee del menu Strumento Disegno.
Per fare in modo da conservare, d’ora in poi, le rispettive posizioni della curva e della
freccia, è possibile raggruppare i due oggetti in uno unico. Attivato lo Strumento
Selezione, cliccate un oggetto, e quindi fate d-click sull’altro. Selezionate
l’opzione Raggruppa del menu Strumento Disegno. A partire da ora, i due oggetti
formeranno un corpo unico. Per riottenere la separazione tra la freccia e la curva, è
necessario selezionare l’oggetto “complessivo” e attivare l’opzione Sciogli
raggruppamento del menu Strumento Disegno.
Per finire, inseriamo un testo esplicativo.

Installazione & Tutorial 233


Tutorial 8: Notazione professionale

• Cliccate lo Strumento Testo 5. Cliccate alla


sinistra del “flauto” e digitate “Flauto verso Flauto
l’alto”. verso l’alto

Per mandare a capo il testo, premete j. Per


cambiare il Font, selezionate l’intero blocco di testo
usando lo Strumento Selezione, e attivate l’opzione Carattere del menu Strumento
Disegno.
• Cliccate su OK o su Seleziona in ogni finestra di dialogo sino a tornare alla
partitura, oppure mentre premete ! (Mac: a), cliccate su OK. Il vostro
diagramma speciale appare vicino alla battuta che avevate cliccato. Trascinatelo per la
maniglia, per perfezionarne la posizione.
Anche se non utilizzerete tutti i giorni un diagramma strano come quello che avete
appena fatto, lo Strumento Disegno vi sarà utile per la creazione di schemi,
diagrammi, glissandi, pedaleggiature, cornici per le lettere e altri casi particolari della
notazione. Per maggiori informazioni si veda la documentazione alla voce Strumento
Disegno.

SCANNERIZZARE LA MUSICA
Finale fornisce vari modi per importare al suo interno le vostre immagini di pagine
musicali scannerizzate e convertirle nel formato di Finale. Cliccate sul menu File e
scegliete Importa per convertire un file creato con MIDIScan 2.5 (o superiore) o con
SmartScore 1.3.1 (o superiore). Oppure potete usare la possibilità incorporata in
Finale di importare direttamente i file tiff risultato della scansione scegliendo
SmartScore Lite dal menu File. Poiché la scansione non è una scienza perfetta, dovete
prestare attenzione durante la scansione medesima e ripulire il più possibile
l’immagine finale e naturalmente ritoccare il file di Finale generato dopo la
conversione. Alcuni utenti trovano in ogni caso più agevole reinserire nuovamente
tutta la musica anziché correggere il file convertito dalla scansione. Dipende da
quello che dovete fare e dal tipo di risultato che volete ottenere.
Ricordate che per poter sfruttare la possibilità di scansione offerta da Finale, dovete
aver installato uno scanner in modo corretto. Poiché le tipologie di scanner e di
software per la scansione differiscono in modo significativo fra di loro, non possiamo
inserire le istruzioni su come effettuare la scansione per tutte le tipologie di scanner e
software. A tal fine consultate la manualistica del vostro scanner e ricordate che il file
scansionato deve essere salvato in formato TIFF non compresso, con una risoluzione
di 300 punti e in bianco-nero (line-art, profilo, contorno, ecc...)
• Posizionate un foglio di musica sul vostro scanner. Assicuratevi che il suo

234 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

posizionamento sia corretto e le linee dei pentagrammi siano il più possibile


posizionate in modo regolare e non diagonalmente. Non usate manoscritti o
fotocopie. Nel caso in cui abbiate già scannerizzato e salvato in formato immagine la
partitura, dal menu File scegliete “Scansione: SmartScoreLite...” quindi “Importa file
TIFF...” (e saltate i tre punti successivi).
• Dal menu File, scegliete Scansione: SmartScore Lite... e poi Acquisisci. Finale
aprirà il vostro software di scansione. Nella maggior parte dei casi, le impostazioni
predefinite saranno già quelle corrette per generare un file in grado di essere
importato in Finale.
• Scannerizzate la prima pagina della partitura. Dopo la prima scansione, cliccate su
Si per effettuare la scansione di pagine aggiuntive. Cliccate su No quando avete
teminato di scannerizzare tutte le pagine desiderate.
• Cliccate su OK. Apparirà la finestra di dialogo SmartScore Lite.
• Cliccate sul pulsante Aggiungi file all’elenco. Apparirà la finestra Apri. Nel caso in
cui abbiate scannerizzato dei file, questi appariranno nell’elenco. Cliccate sul primo
file dell’elenco e poi sull’ultimo file mentre tenete premuto il pulsante Shift per
selezionarli tutti. Quindi cliccate su Apri (e saltate il punto successivo di queste
istruzioni). Se invece intendete aprire il file TIFF di dimostrazione fornito con Finale,
continuate con l’istruzione successiva.
• Andate alla cartella Tutorials che si trova all’interno della cartella di Finale,
cercate il file Tutorial 6a.tif e fate doppio click su di esso. Cliccando sul nome che
ora appare nell’elenco della finestra SmartScore Lite apparirà l’anteprima
dell’immagine nella parte sinistra della finestra stessa.
• Cliccate sul pulsante Inizia il riconoscimento. Finale tradurrà il file aprendolo come
nuovo documento di Finale. Tenete presente che è possibile inoltre aprire file
multipli selezionandoli nella finestra Apri, quindi evidenziando quelli che desiderate
tradurre prima di premere il pulsante Inizia il riconoscimento.
Potete anche importare un file .FIN generato e salvato dall’applicazione SmartScore.
Ecco come fare:
• Dal menu File, scegliete Importa, quindi SmartScore. Fate doppio click sul file
Tutorial 6a.fin (che si trova sempre all’interno della cartella Tutorials). Finale
trascriverà il file di SmartScore aprendolo come file nuovo. Noterete che rispetto al
file scannerizzato e aperto con SmartScore Lite, questo contiene anche il
riconoscimento di articolazioni (come staccati ed accenti) e anche legature di frase.
Per creare i file .fin da importare all’interno di Finale, è necessario possedere la
versione completa di SmartScore creata da Musitek. Per avere maggiori informazioni
potete contattare direttamente la Midi Music allo 011-318.56.02 o visitare il sito web
all’indirizzo “www.midimusic.it”.

Installazione & Tutorial 235


Tutorial 8: Notazione professionale

MAPPE DELLE PERCUSSIONI


Uno degli aspetti più potenti di Finale si trova nelle Mappe delle percussioni. In
General MIDI, ciascun suono di percussioni è assegnato ad una nota MIDI (es. la
nota MIDI 36 è un suono di Cassa). La mappatura delle percussioni vi consente di
associare ogni nota MIDI ad una qualsiasi posizione del rigo.
Supponiamo che vogliate creare una partitura per batteria e siate interessati a come
questa debba essere sia visualizzata che sentita.
• Cliccate sul menu File e scegliete Nuovo, quindi Documento con Impostazione
guidata. Inserite il nome del compositore, se lo desiderate e cliccate su Avanti.
Appare la seconda finestra all’interno della quale potete scegliere gli strumenti a
percussione.
• Cliccate su Drums nella prima colonna. Fate doppio-click su Set di batteria nella
seconda colonna. Cliccate due volte su Avanti e quindi su Fine per selezionare le
impostazioni predefinite e creare una partitura vuota per batteria.
• Cliccate sullo Strumento Inserimento semplice 4. Cliccate sull’icona di
semiminima 5 nella tavolozza Inserimento semplice.
• Cliccate sul primo spazio del rigo. Sentirete un suono di cassa. Se questo non
accadesse, assicuratevi che nel menu Inserimento semplice sia selezionata l’opzione
Playback.
Poiché diversi “pezzi” della batteria spesso appaiono sullo stesso rigo, ma con ritmi
differenti, dovete usare i livelli per ciascuno strumento che debba apparire
contemporaneamente. Per esempio, di solito la cassa viene scritta nello stesso rigo del
rullante.
• Ora cliccate nello spazio sopra al rigo superiore. Non solo sentirete il suono del
charleston chiuso, ma apparirà anche una nota con la testa a X.
Talvolta, due suoni differenti possono essere scritti sulla stessa linea o spazio. Ad
esempio, cliccate nel terzo spazio del rigo, per inserire un colpo di rullante. Anziché
un colpo di rullante, molto probabilmente sentirete il suono del bordo del rullante.
La soluzione è semplice: fate doppio click sull’icona di semitono in su r. Cliccate
sulla nota in questione. Ora dovreste sentire il suono del rullante.
Come esercizio, inserite il seguente passaggio:

236 Installazione & Tutorial


Tutorial 8: Notazione professionale

• Per prima cosa, usate lo Strumento Gomma i per cancellare i vostri precedenti
esperimenti.
• Inserite le note per il Charleston e il Crash sopra il rigo. Inserite le note del
rullante nel terzo spazio del rigo. Ricordate che per ottenere il suono del rullante
dovete aumentare la nota di un semitono. Usate lo Strumento diesis m in
congiunzione con la figura di sedicesimo. Se volete ripassare le modalità di
inserimento della musica con l’Inserimento semplice, consultate il Tutorial 1:
INSERIMENTO SEMPLICE.
• Dal menu Visualizzazione, scegliete Seleziona i Livelli, Livello 2. Inserite le note
della Cassa sul primo spazio.
• Riproducete il tutto premendo Play 7 sui Controlli per il Playback. Sentirete un
semplice pattern di batteria con i suoni corretti.
Per maggiori informazioni, consultate il Manuale dell’utente alla voce PERCUSSIONI.

QUANDO SIETE PRONTI PER CONTINUARE


Congratulazioni: in questi Tutorial avete visto come funzionano le più importanti
opzioni di Finale. Leggete l’ultimo capitolo per imparare qualche altro trucco e
quindi dedicatevi ai vostri personali lavori. Consultate al bisogno la documentazione
in linea.

Installazione & Tutorial 237


Tutorial 8: Notazione professionale

238 Installazione & Tutorial


Procedure avanzate
Proceduredi
avanzate di Finale

Finale

Se avete seguito tutte le procedure sino a questo punto, conoscete la maggior parte
delle funzioni di Finale. Non dovete aspettarvi di riuscire a ricordare tutto questo
materiale appena visto; potete sempre rivedere con calma gli argomenti presentati in
questo volume e consultare la documentazione.
Ma la conoscenza delle funzioni è solo il primo passo. Per lavorare efficientemente è
necessario imparare a rendere veloci le procedure, minimizzando gli errori e
riducendo i tempi.

GLI STILI DI DOCUMENTO


Come abbiamo specificato precedentemente, Finale consente di riutilizzare le
impostazioni di un documento prendendole da un documento preesistente e
applicandole ad uno nuovo. Il documento sorgente viene chiamato Stile del
documento. In pratica si tratta di un comune documento gia da voi creato dal quale
vengono estrapolate tutte le impostazioni esistenti per essere applicate ad un
documento nuovo. Quando designate un documento come Stile di documento,
indicate a Finale che tutte le opzioni presenti in quel documento relative a
articolazioni, espressioni, caratteri, elenchi dei righi, stili dei righi, configurazione
delle pagine e altre, oltre alle librerie esistenti e agli strumenti usati, devono essere
inglobate nel nuovo documento.
Per creare uno Stile di documento dovete semplicemente salvare o copiare il
documento “modello” all’interno della cartella Finale/Document Styles. Alla
successiva apertura dell’Impostazione guidata il file apparirà nell’elenco degli stili di
documento.

L’USO DI MODELLI
Per risparmiare tempo, è possibile salvare sotto forma di modello (Modelli) ogni
configurazione della partitura (senza musica al suo interno), in modo da poterla
usare come punto di partenza per i successivi documenti con lo stesso organico.
Per partire comunque da una base preordinata, potete servirvi delle configurazioni
già pronte conservate nella cartella Modelli sul vostro disco rigido. Essa contiene più
di 30 differenti tipi di partitura vuote (canto e piano, coro, orchestra da camera, ecc.).
Esistono più metodi per conservare sempre vuoto il modello, pur procurandosene
una copia su cui lavorare. Il più immediato è quello di caricare il modello
selezionando l’opzione Apri del menu File, e immediatamente dopo selezionare
l’opzione Salva con nome per registrare sotto nuovo nome il modello su cui vogliamo
lavorare. Il comando Salva con nome lascerà aperto il duplicato e chiuderà il

Installazione & Tutorial 239


Procedure avanzate di Finale

documento originale.
Ecco un altro metodo.
• Selezionate l’opzione Documento da Modello dal sottomenu Nuovo del menu File.
Vedrete comparire un box entro il quale selezionare un file. Trovate la cartella
Modelli ed eseguite un doppio click su di essa.
• Eseguite un doppio click sul nome del modello che volete aprire. Quando il
documento apparirà sullo schermo, sarà intitolato Senza titolo. In altre parole, questa
procedura consegue lo stesso risultato ottenuto con la tecnica di Salva con nome: la
conservazione del modello originale intatto e l’esecuzione di una sua copia su cui
lavorare.
In realtà, da quando avete iniziato a studiare Finale, state già usando un modello: il
File di Default (predefinito) di Finale. Questo speciale documento si duplica ogni
volta che Finale viene lanciato (o si seleziona l’opzione Nuovo del menu File),
aprendo sullo schermo una copia chiamata Senza titolo.

SALVATAGGIO DI NUOVI MODELLI


Oltre a salvare un nuovo file predefinito, potete anche salvare modelli diversi
preconfigurati in modo particolare per poter creare documenti nuovi già impostati
secondo le vostre esigenze.
In Windows, aprite un documento qualsiasi e modificatelo a vostro piacimento. Ad
esempio create l’accollatura con gli strumenti che siete più abituati ad utilizzare e
configuratela con le opzioni e le dimensioni che vi servono. Quando avete finito di
impostare la partitura, scegliete Salva dal menu File. Quindi, dal menu a discesa Salva
come, scegliete “File di modelo di Finale (*.FTM)”. Date un nome al file e salvatelo
in una locazione ricordabile, come potrebbe essere l’interno della cartella Modelli
(dentro alla cartella di Finale 2008) che si apre automaticamente quando scegliete di
creare un nuovo file da Modello. Salvandolo in formato *.FTM e aprendolo come
Modello, Finale aprira il file sempre come duplicato lasciando intatta la versione
originale.
In Macintosh, aprite un documento qualsiasi e modificatelo a vostro piacimento. Ad
esempio create l’accollatura con gli strumenti che siete più abituati ad utilizzare e
configuratela con le opzioni e le dimensioni che vi servono. Quando avete finito di
impostare la partitura, scegliete Salva dal menu File. Date un nome al file e salvatelo
all’interno della cartella Modelli (dentro alla cartella di Finale 2008) che si apre
automaticamente quando scegliete di creare un nuovo file da Modello. Per aprire il
file come modello, dovete scegliere Nuovo > Documento da Modello dal menu File.
Infatti in Macintosh potete usare qualsiasi file come modello se prima scegliete
Documento da Modello. Se invece usate File > Apri, il file verrà sovrascritto quando

240 Installazione & Tutorial


Procedure avanzate di Finale

lo salverete la prima volta.

FASI DI LAVORAZIONE
In generale, potrete trarre il massimo rendimento dal vostro tempo creando i
documenti nell’ordine descritto di seguito. Salvate il vostro lavoro dopo ciascuna
fase, o anche più frequentemente. Se state creando una partitura molto grossa,
considerate l’idea di suddividerla in più documenti, più piccoli e maneggevoli.
Quando essi saranno completi potrete unirli usando le opzioni Taglia, Copia e
Inserisci del menu Modifica. Per maggiori informazioni si veda la documentazione
alla voce COPIARE LA MUSICA.
1. Usate l’Impostazione guidata o un file di modello per definire l’impostazione della
partitura che intendete creare.
2. Inserite le note usando HyperScribe, lo Strumento Trascrizione, lo Strumento
Inserimento rapido, o cliccando con lo Strumento Inserimento Semplice. O
importate un MIDI file. (Si veda la documentazione alla voce FILE MIDI).
3. Editate la musica con lo Strumento Inserimento semplice o Inserimento rapido.
Fate l’abitudine all’uso dei comandi del tastierino numerico, comprese le
scorciatoie per le durate e per selezionre altri Strumenti. Ricordate che potete
cliccare con il pulsante destro del mouse (Mac c-click) su qualsiasi elemento
per poterlo modificare tramite un menu contestuale. Oppure, in inserimento
semplice, potete effettuare un !-click (Mac b-click) per selezionare una
nota qualsiasi e modificarla con una scorciatoia da tastiera. Per vedere l’elenco
delle scorciatoie, dal menu Ins. semplice scegliete la voce Comandi
dell’inserimento semplice.
4. Usando i Controlli per il Playback, verificate l’eventuale presenza di errori.
5. Inserite i testi cantati usando Digita in partitura, oppure Assegnazione con il
click.
6. Usate lo Strumento Ripetizione per posizionare gli eventuali ritornelli.
7. Aggiungete le sigle per gli accordi e i diagrammi se necessario.
8. Inserite i segni di espressione, dinamici, di articolazione, ecc. Per i simboli più
frequentemente usati, programmate dei Metatool, come descritto nel Tutorial 6.
9. Verificate la corretta spaziatura della musica. Se necessario usate il comando
omonimo dal menu Utilità.
10. Usate lo Strumento Ridimensiona per specificare le dimensioni globali della
partitura (cliccando sull’angolo superiore sinistro della pagina).
11. Osservate il brano in Visualizzazione pagina. Mettete a posto le voltate di pagina e
le interruzioni dei sistemi usando l’opzione Adatta le misure dello Strumento

Installazione & Tutorial 241


Procedure avanzate di Finale

Utilità.
12. Ottimizzate, se necessario, le accollature, selezionando l’opzione Ottimizza le
accollature del menu Configura-Pagina.
13. Aggiungete note, sottotitoli e numeri di pagina con lo Strumento Testo.
14. Usate Configura-Pagina per rifinire l’impaginazione della partitura.

SUGGERIMENTI PER VELOCIZZARE IL LAVORO: RIDISEGNO DELLO SCHERMO


Finale fa un uso intensivo della grafica, e spinge il computer ai suoi limiti di
elaborazione.
La produzione delle vostre partitura seguendo l’ordine suggerito nella sezione FASI
DI LAVORAZIONE vi aiuterà a sveltire il lavoro con Finale. Altrettanto farà l’uso,
appena possibile, dei Set di righi, per nascondere i righi su ci non si sta lavorando. E,
come sappiamo, sarà necessario lavorare il più possibile in Visualizzazione lineare.
Esistono molte funzioni integrate che accelerano Finale, minimizzando le
elaborazioni di immagini necessarie per ridisegnare lo schermo.
• Trascinamento diagonale della musica—avrete notato che Finale aggiorna lo
schermo ogni volta che ci si sposta lungo il brano per mezzo delle barre di
scorrimento. Più comodo però è l’uso dello Strumento Mano (che trascina) p, che
permette lo spostamento in tutte le direzioni, senza usare le barre di scorrimento. Se
non volete abbandonare uno Strumento con il quale state lavorando solo per
selezionare la Mano (che trascina) e spostare la musica, agite in questo modo:
trascinate la musica premendo il tasto destro del mouse (Mac: a-b). Al rilascio
del pulsante destro del mouse, potrete riprendere il lavoro con lo Strumento che
stavate usando.
• Ridisegno dello schermo limitati alla finestra attiva—possiamo accelerare
ulteriormente il nostro lavoro selezionando l’opzione “Ridisegna solo la finestra
attiva”, anch’essa nel box Opzioni di ridisegno dello schermo. Quando si hanno più
finestre aperte questa opzione evita l’aggiornamento delle finestre non attive ogni

242 Installazione & Tutorial


Procedure avanzate di Finale

volta che viene aggiornata quella attiva.

• Nascondere più cose possibili—un altro modo per tagliare drasticamente il tempo di
elaborazione grafica è quello di nascondere gli elementi della partitura su cui non si
sta lavorando. Anche queste opzioni si trovano nel box Opzioni di ridisegno dello
schermo del menu Visualizzazione.
Deselezionate gli oggetti (Musica, Testo cantato, Simboli degli accordi, ecc.) di cui
per il momento potete fare a meno. Se state lavorando sulle note, ad esempio, potete
nascondere i Testi cantati. Meno elementi devono essere ridisegnati da Finale, più
velocemente potrete lavorare voi.

TASTI DI SCELTA RAPIDA DA TASTIERA


La maggior parte delle funzioni di Finale dispone di comandi equivalenti da tastiera.
Avrete notato che premendo la combinazione !-A (Mac: a-A) si ottiene lo
stesso risultato ottenibile selezionando Seleziona tutto del menu Modifica; !-D
(Mac: a-D) ha lo stesso effetto di Ridisegno dello schermo, e !-U (Mac: a-
barra inversa) equivale a selezionare Aggiorna la disposizione della musica.
Ciò si rivela utile per selezionare gli Strumenti senza usare il mouse. In Windows gli
Strumenti di Finale possono essere assegnati a uno dei tasti funzione da F2 a F12 (F1
e F10 sono riservati da Windows). Per assegnare uno Strumento a un tasto,
selezionate lo Strumento che volete assegnare, quindi premete d e digitate il
tasto funzione al quale volete assegnare lo Strumento. Per alternarvi tra i vari
Strumenti, premete i tasti funzione assegnati.
In Macintosh gli Strumenti di Finale possono essere assegnati a uno degli otto tasti

Installazione & Tutorial 243


Procedure avanzate di Finale

(F, G, H, J, K, L, punto e virgola [;] e apostrofo [‘]). Per assegnare uno Strumento a
un tasto, premete b-c e digitate il tasto funzione al quale volete assegnare lo
Strumento. Nella finestra di dialogo che apparirà, selezionate lo Strumento, quindi
cliccate su OK. Per alternarvi tra i vari Strumenti, premete c e i tasti funzione
assegnati
Anche se non possono essere ritenuti equivalenti da tastiera, le tecniche di “power-
OK” e “power-Annulla” di Finale possono farvi risparmiare molto tempo. Quando
sono stati aperti successivamente molti box per operare una determinata definizione,
non è necessario ripercorrere a ritroso l’intero cammino fatto: premendo !
(Mac: a) mentre si clicca su OK o Annulla, si torna direttamente alla partitura o
all’indietro sino alla finestra di dialogo più lontana.

LE MACRO
Per aumentare ancora l’efficienza nel lavoro con Finale potreste considerare l’idea di
usare un programma di macro (abbreviazione di macroistruzioni) collegandolo a
Finale. Queste sono successioni di comandi che possono essere attivate con la
pressione di una sola combinazione di tasti.
I tasti di scelta rapida descritti in precedenza, vanno tutti bene, ma cosa dire dei
comandi che usate più spesso e che non possiedono un equivalente da tastiera?
Inoltre, come fare per sveltire quelle procedure multiple (ad esempio commutare in
Visualizzazione pagina, Scalare la visualizzazione del 75%, cliccare su Configura-
Pagina, far rientrare il primo rigo e infine cliccare su OK) che utilizzate più di
frequente?
Una procedura di Macro interessante è quella fornita con il plug-in FinaleScript.
Questo plug-in è stato pensato per automatizzare operazioni ripetitive come una
serie di comandi per la formattazione di un documento o stesse operazioni compiute
su un gruppo di file. Ad esempio, anziché aprire, modificare la spaziatura, trasporre e
configurare manualmente più documenti, questo plug-in permette di automatizzare
tutte queste operazioni con un solo comando. È possibile compiere più operazioni
consequenziali anche su un solo documento. Il plug-in Finale Script è accessibile dal
menu Plug-in > Varie > Finestra di Finale Script.
In aggiunta all’uso di questo plug-in, potreste voler usare un programma per le macro
di terze parti.
Un programma di macro permette di programmare tutte queste sequenze premendo
semplicemente un tasto. Se non avete familiarità con i programmi di macro, vi
conviene sedervi un attimo con il relativo manuale e spendere un po’ del vostro
tempo per imparare ad usarlo. Il vostro tempo vi verrà ripagato ampiamente quando
ne risparmierete molto di più lasciando alle macro il compito di effettuare per voi le

244 Installazione & Tutorial


Procedure avanzate di Finale

sequenze di comandi multipli di Finale.


Un programma di macro permette di programmare tutte queste sequenze premendo
semplicemente un tasto. I programmi QuicKeys (per Macintosh) (CE Software: 1-
800-5CE-SOFT), o Tempo II (Affinity Microsystems: 1-800-367-6771), per esempio,
possono rendervi la vita con Finale molto più facile. Se non avete familiarità con i
programmi di macro, vi conviene sedervi un attimo con il relativo manuale e
spendere un po’ del vostro tempo per imparare ad usarlo. Il vostro tempo vi verrà
ripagato ampiamente quando ne risparmierete molto di più lasciando alle macro il
compito di effettuare per voi le sequenze di comandi multipli di Finale.
Inoltre, un programma di macro può essere usato per assegnare equivalenti da
tastiera a tutti gli Strumenti (e non solo agli undici consentiti da Finale). Per esempio
potreste decidere di usare la combinazione !-U per selezionare lo Strumento
Utilità.

PORTABILITÀ DEI DATI


Finale può scambiare immagini con programmi di grafica, testi con programmi di
elaborazione testo, musica con sequencer e altri programmi di notazione. Inoltre i
documenti di Finale per Windows possono essere letti anche dalla versione
Macintosh del programma. Per maggiori informazioni si veda la documentazione alle
voci IMPORTARE ed ESPORTARE.
Finale può gestire gli standard MIDI file. Questi file speciali contengono dati musicali
MIDI. Molti sequencer (Sonar, Logic, Performer e così via) possono generare e
leggere simili file, e altrettanto può fare Finale. Ciò significa che potrete realizzare il
brano con il vostro sequencer favorito e salvarlo su disco sotto forma di MIDI file.
Dopodiché potrete caricarlo in Finale per ottenerne lo spartito. Finale mette a
disposizione numerosissime opzioni per la ridistribuzione dei dati sui vari
pentagrammi. Se lo desiderate, Finale è in grado di conservare le informazioni
relative alla Velocity, al “feeling” ritmico e ai Controller della sequenza originale. Per
maggiori informazioni si veda la documentazione alla voce FILE MIDI.
Notate, inoltre, che Finale 2008 può leggere file creati da altri programmi notazionali
della Coda Music Technology. Questi comprendono Finale, Allegro, Finale Guitar,
PrintMusic! e NotePad per Windows e per Macintosh. In caso di file creati con
versioni precedenti alla 3.7, usate il formato ENIGMA Transportable File (.ETF) per
condividere i file dei programmi della CODA tra le piattaforme Windows e
Macintosh. IMPORTANTE: Nessuno dei programmi summenzionati è in grado di
leggere i file generati da Finale 2008 compresi gli ENIGMA Transportable Files
(ETF) se le versioni non sono allineate. Quindi i file di Finale 2008 possono essere
letti solo dalla versione 2006 di PrintMusic!, NotePad ecc...

Installazione & Tutorial 245


Procedure avanzate di Finale

Per condividere i file creati con Finale 2008 è possibile scaricare dal nostro sito
www.midimusic.it la versione italiana di NotePad 2008 che è in grado di leggere i file
di Finale 2008, oppure utilizzare in Windows il plug-in Music XML per esportare i
file in formato importabile poi, con lo stesso plug-in, in versioni precedenti di Finale.
In aggiunta ai plug-in forniti con Finale, è possibile utilizzare plug-in aggiuntivi di
terze parti come, ad esempio, i plug-in TGTools (www.tgtools.de) e i plug-in
Patterson (www.robertgpatterson.com). Sono inoltre disponibili altri plug-in che
potete controllare all’indirizzo www.finaletips.nu.
Non esistono obblighi nell’uso dei Font musicali in Finale: è possibile sostituire il
Font Maestro con qualsiasi font musicale presente sul mercato. Per maggiori
informazioni si veda la documentazione alla voce CARATTERI.

FUTURI SVILUPPI DI FINALE


La vostra accoglienza nei confronti di Finale è estremamente importante per noi: la
versione del programma in vostro possesso è anche frutto dei commenti e dei
suggerimenti di migliaia di utenti. Finale continuerà a divenire migliore, più veloce e
semplice da usare. Assicuratevi di avere spedita la cartolina di registrazione, in modo
che possiamo avvertirvi al momento dell’uscita delle prossime versioni di Finale.
Allo stato attuale, avete a disposizione uno dei programmi più potenti e flessibili per
quanto riguarda la notazione musicale. In questi tutorial, avete avuto occasione di
sperimentare solo alcune delle tantissime possibilità che Finale è in grado di
realizzare. Con questo volume e la documentazione fornita, siete pronti per iniziare
un vostro lavoro. Vi auguriamo un fruttuoso e sereno lavoro musicale, con il vostro
Finale 2008.

246 Installazione & Tutorial


Accordo di Licenza
Accordo di Licenza

IMPORTANTE—LEGGETE QUESTO ACCORDO DI LICENZA PRIMA


DI APRIRE LA CONFEZIONE CONTENENTE IL DISCO DEL
PROGRAMMA! ROMPENDO IL SIGILLO DELLA CONFEZIONE DEL
DISCO, CONFERMERETE LA VOSTRA ACCETTAZIONE DEI
TERMINI DI QUESTO ACCORDO DI LICENZA.

SE NON INTENDETE ACCETTARE I TERMINI E LE LIMITAZIONI DI QUESTA


LICENZA, NON APRITE LA CONFEZIONE DEL DISCO! Restituite prontamente la
confezione del disco intatta, insieme all’intera confezione di Finale, presso il luogo in
cui lo avete ottenuto per ottenere il rimborso completo del prezzo di acquisto.
LA CODA MUSIC TECHNOLOGY (“CODA”) vi concede la licenza relativa ai
programmi software contenuti nella confezione dei dischi nonché l’intero pacco di
Finale (il tutto chiamato collettivamente “SOFTWARE”) in base ai seguenti termini e
condizioni:
1. CONTRATTO DI LICENZA. Poiché parte del prezzo da voi pagato per questo
prodotto consiste proprio nella licenza di utilizzo, la CODA vi concede, come
licenza, il diritto non esclusivo di utilizzare il SOFTWARE su di un singolo
computer (CPU) sulla base dei termini e delle limitazioni comprese in questo
accordo di licenza.
2. POSSESSO. Come licenza, voi prendete possesso del materiale di documentazione
e del supporto sul quale è stato registrato il SOFTWARE, ma la CODA mantiene
ogni possesso e diritto sul SOFTWARE stesso, inclusi tutti i diritti su parti del
SOFTWARE che dovessero essere presenti in file di output. Questo accordo di
licenza NON COMPRENDE la vendita del SOFTWARE.
3. RESTRIZIONI D’USO. Potete trasferire fisicamente il SOFTWARE da un
computer ad un altro, facendo però attenzione affinché il SOFTWARE venga
utilizzato da un solo computer alla volta. Non potete usare o installare il
SOFTWARE all’interno di una rete, su più CPU o qualsiasi altra configurazione
hardware in cui il SOFTWARE possa essere utilizzato da più di una CPU o da più
di un utente. Non potete usare mezzi di trasmissione dati in telecomunicazione
per trasferire elettronicamente il SOFTWARE da una CPU ad un’altra. È
assolutamente vietato effettuare alcun tipo di adattamento o modifica al
SOFTWARE, decompilarlo, disassemblarlo, tradurlo, convertirlo in un altro
linguaggio di programmazione o effettuare qualsiasi tipo di intervento sul
SOFTWARE.
4. RESTRIZIONI DI TRASFERIMENTO. È vietato trasferire, assegnare, vendere o

Installazione & Tutorial 247


Accordo di Licenza

disporre diversamente del SOFTWARE su base permanente senza il permesso


scritto della CODA. Per quanto riguarda il mercato italiano, questo permesso deve
essere in ogni caso prima richiesto alla MIDI Music, in quanto distributrice per
l’Italia. In ogni caso è vietato affittare, dare in leasing, concedere sottolicenze o
qualsiasi altro diritto relativo al SOFTWARE a terzi su base temporanea, incluso
l’affitto della CPU con incluso il SOFTWARE.
5. RESTRIZIONI PER LA COPIA. Potete effettuare una sola copia di sicurezza del
SOFTWARE. La copia di sicurezza diviene automaticamente proprietà della
CODA e sarà sottoposta a questo medesimo accordo di licenza. Dovete riprodurre
i dati relativi al copyright della CODA anche sulla copia di sicurezza.
6. ASSISTENZA E AGGIORNAMENTO. Per quanto riguarda l’assistenza e
l’aggiornamento relativo a questo SOFTWARE, dovete rivolgervi direttamente al
distributore italiano, ossia la MIDI Music. Per poter avere diritto all’assistenza e
agli aggiornamenti, dovete essere un utente registrato e aver quindi spedito
tempestivamente la cartolina di registrazione.
7. RISOLUZIONE DELL’ACCORDO. L’accordo di licenza ha effetto a partire dal
momento dell’apertura della confezione contenente il SOFTWARE e rimane in
essere sino al termine del copyright nei confronti del SOFTWARE. L’accordo di
licenza termina automaticamente senza preavviso da parte della CODA nel caso di
mancato rispetto di uno dei termini presenti in questa licenza. In caso di
risoluzione dell’accordo dovete restituire tutte le copie del SOFTWARE alla
CODA.

LIMITAZIONI DELLA GARANZIA


IL SOFTWARE E LA RELATIVA DOCUMENTAZIONE VENGONO FORNITI
NELLO STATO DI FATTO IN CUI SI TROVANO, SENZA GARANZIE DI ALCUN
TIPO. I RISCHI RELATIVI ALLA QUALITÀ E ALLE CARATTERISTICHE DEL
SOFTWARE E DELLA DOCUMENTAZIONE CHE L’ACCOMPAGNA, SONO
TOTALMENTE A VOSTRO CARICO. LA CODA E I SUOI RIVENDITORI,
DISTRIBUTORI O AGENTI DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ ESPLICITA O
IMPLICITA IN CASO DI DANNI PROVOCATI DALL’USO DEL SOFTWARE.

248 Installazione & Tutorial


Indice
Indice

A Chiave
cambiare chiave 42
Accollature Chiavi musicali 145
Cancellarle 133 Chitarra
Inserirle 133 Hammer-on, Pull-off e altri simboli 210
Accordi Legature ascendenti e discendenti 210
diagrammi per chitarra 95 Click e battute a vuoto 70
Inserimento rapido 53 Configura-Pagina 127
Inserimento semplice 40 Configurare il vostro software MIDI con OS
sigle 92 X (Macintosh) 12
Accordi in italiano 96 Configurazione della pagina 127
Aggiungere battute 43 Configurazione delle battute 121
Alterazioni Controlli per il Playback 79, 175
Inserimento rapido 54 Copiare i simboli di articolazione 118
Inserimento semplice 38 Copiare la musica 32, 61
Aprire un file 24 da e verso un rigo di intavolatura 204
Armatura di chiave 81 copyright 136
Articolazioni che influenzano il playback
114
Autori 136
D
Avviare il programma (Macintosh) 14 data 136
Avviare il programma (Windows) 6 Dati continui 188
Dati MIDI
B cancellarli 191
copiarli 191
Battere il tempo (tap) 73
Dati MIDI catturati 174
Battute
Diminuendo 176
Aggiungere 43
Documento
aggiungerne 48
Razionalizzare la procedura di lavoro
modificarne l’aspetto 121
18
Documento nuovo predefinito 70
C Durata delle note 184
Cambiare l’altezza delle note 42
Cambiare Tonalità, Indicazione di tempo e E
Chiave 42
Elenco dei righi
Canali MIDI 163
inserimento selettivo dei simboli 114
assegnazione 163
Espressività in riproduzione 192
Cancellare la musica 63
Estrazione delle parti staccate
Canto 83
parti collegate 157

Installazione & Tutorial 249


Indice

Eventi MIDI non-nota 188 Gruppi irregolari 54


Inserimento semplice 41
F Gruppo irregolare (Inserimento semplice)
Fasi di lavorazione 241 42
File
crearne uno nuovo 47 H
Finestra Armatura di chiave 81 Hammer-on 210
Finestra Assegnazione delle espressioni Human Playback 172
legate alla misura 115 HyperScribe 69
Finestra Assegnazioni espressioni legate alla trascrivere a due mani 76
nota 193
Finestra Controlli per il Playback 65 I
Finestra Definizione dello strumento 165
Impostare Finale con OS X (Macintosh) 14
Finestra dei dati MIDI 178
Impostazione guidata 19
Finestra del programma 24
Incollare i simboli di articolazione 118
Finestra Elenco degli strumenti 164
Indicazione di tempo 75, 82
Finestra Elenco dei righi 116
cambiare l’indicazione di tempo 42
Finestra Esporta la selezione 139
Indicazioni di andamento intelligenti 197
Finestra Impostazione del gruppo irregolare
Inserimento collettivo dei simboli 108
56
Inserimento rapido 47, 99
Finestra Impostazione della cornice 115
cambiare l’altezza di una nota 52
Finestra Impostazione delle espressioni
cambiare la posizione di una nota 52
testuali 112, 194
cancellare una nota 53
Finestra Indicazione di tempo 82
i tasti numerici 49
Finestra Opzioni per il Playback 175
inserire gli accordi 53
Finestra Posizionamento del numero di
inserire la musica 58
battuta 229
le alterazioni 54
Finestra Selezione dell’articolazione 103
menu 48
Finestra Selezione dell’espressione 105, 192
tastierino numerico 51
Finestra Strumento Disegno 231
troppe note nella battuta 59
Forme intelligenti 106
ulteriori possibilità 64
modificare 107
Inserimento semplice 230
Inserire la musica 28, 58
G HyperScribe 69
Garritan Personal Orchestra 167 MIDI 69
GPO 167 Installazione di Finale (Macintosh) 9
Grafica 139 Installazione di Finale (Windows) 3
esportare 139 Intavolatura
importare 142 consigli e suggerimenti 214

250 Installazione & Tutorial


Indice

copiare la musica 204 Misure


Hammer-on, Pull-off e altri simboli 210 cancellarle 62
Inserimento di Slide, Bending e Misure in levare 124
Tremoli 208 Mixer 170
Inserimento diretto delle note 206 Modelli 239
Modificare la corda e il numero di tasto nuovi modelli 240
205 Modello 47
Intavolatura per chitarra 203 Momento finale 184, 185
Interruzioni di pagina 132 Momento iniziale 184, 185
Musica contemporanea 229
K
Key Velocity 181 N
Kontakt Player 2 per Finale 167 Nomi degli strumenti 145
Note
L altezza 52
cancellarle 53
La finestra di dialogo Impostazioni MIDI
posizione 52
(Macintosh) 14
Note a cavallo di due righi 221
La finestra di dialogo Impostazioni MIDI
Numeri di battuta 227
(Windows) 7
Numeri di pagina 136
Legature di frase 106
Nuovi righi
Librerie personalizzate 119
Inserire 150
Livelli 97
Nuovo documento con Impostazione
cambiarli 100
guidata 19
Livelli di musica
Opzioni 97
O
M Opzione Aggiungi 182, 186
Opzione Altera l’interpretazione 183, 187
Mappa dei tempi 126
Opzione Alterazione percentuale 183
Mappa della battuta 126
Opzione Imposta a 182, 186
Mappe delle percussioni 236
Opzione Limitazione 183, 186
Metatool 108
Opzione Modifica casuale 183, 187
Metronomo 67
Opzione Scala 177, 182, 186
click 70
Opzioni dei livelli di musica 97
conteggio fuori misura 70
Ottimizzazione delle accollature 154
MicNotator 69
MIDI 174
impostazioni di base (Macintosh) 10 P
impostazioni di base (Windows) 4 Pagine

Installazione & Tutorial 251


Indice

impostarle 127 Sincronizzare Finale con un Video 199


Pedale dell’arpa 229 Spaziare la musica 124
Percussioni Stampa
Mappe delle percussioni 236 non PostScript 143
Playback e/o click 71 nozioni fondamentali 142
Preparazione per la stampa in OS X 10 PostScript 143
Pull-off 210 Stili del rigo 152
Punto di suddivisione Stili di documento 239
correzione 226 Strumenti
crearne uno nuovo 165
Q definirli 165
Quartine 54 inviare i timbri prima del playback 164
Quintine 54 MIDI 163
Strumenti Speciali 217
Strumenti traspositori 151
R Strumento Configura-Pagina 128
Ridimensionare la musica 133 Strumento Disegno 229
Ridimensionare la partitura 135 Strumento Grafica 139
Ridimensionare le note 134 Strumento MIDI 174
Ridisegno dello schermo 242 Strumento Ridimensiona 133
Righi Strumento Ripetizione 91
Cancellarli 133 Strumento Selezione 108, 125
Inserirli 133 Strumento Sposta-Note 223
Riprodurre la musica 65 Strumento Testo 136
Ritornelli 91 Swing 198

S T
Salvare Tasti cursore (frecce) 114
nuovi modelli 240 Tavolozza principale degli Strumenti 25
Salvare il lavoro 46 Terzine 54
Salvataggio di nuovi modelli 240 Teste delle note
Scannerizzare la musica 234 cambiarle 218
Segni di Articolazione 103 Testo 136
Segni di espressione 103 allinearlo 137
Selezionare la musica 125 Testo cantato 83
selezione parziale 148 assegnazione con il click 86
Sestine 54 finestra di modifica 85
Set di righi 149 scrivere in partitura 83
Simboli musicali personalizzati 112 spostare le sillabe 88

252 Installazione & Tutorial


Indice

strofe multiple 89
Titoli 136
Tonalità
cambiare tonalità 42
Tracrivere una melodia 73
Trasportare la musica 148

U
Unità di misura 127

V
Video
sincronizzarlo 199
Visualizzare la musica 43
Visualizzazione selettiva dei righi 149
Visualizzazione Studio 170
Voci interne 97

Installazione & Tutorial 253