Sei sulla pagina 1di 244

Antipodes Casa Editrice

Via Toscana, 2 – 90144 Palermo


www.antipodes.it – info@antipodes.it
ISBN: 978-88-99751-17-3
Citazione del volume: Badami G., Caracci M., Costanzo D. (a cura di) (2017)
Le filiere agroalimentari siciliane. Analisi puntuale e tendenze del settore
ad uso delle imprese agricole e dell'utenza pubblica, Antipodes, Palermo
Sommario

Prefazione ................................................................................................................... 9

Introduzione ...............................................................................................................12

1. Le politiche agroalimentari, dalla conoscenza all’orientamento


di Gianfranco Badami ..........................................................................................15

2. Le filiere agroalimentari: aspetti comunicativi


di Maurilio Caracci ...............................................................................................17

3. Uno strumento per i policy maker


di Dario Costanzo ................................................................................................20

4. La filiera vitivinicola .............................................................................................22

4.1 Descrizione generale della filiera ............................................................................... 22

4.2 Panorama mondiale ................................................................................................... 24

4.3 Analisi della situazione in Sicilia ................................................................................. 26

4.3.1 Analisi statica .......................................................................................................... 27

4.3.2 Analisi dinamica ...................................................................................................... 31

4.4 Import-export............................................................................................................. 36

4.5 Conclusioni ................................................................................................................. 38

5. La filiera olivicola e olearia ......................................................................................39

5.1 Descrizione generale della filiera ............................................................................... 39

5.2 Schema organizzazione filiera .................................................................................... 43

5.3 Analisi statica ............................................................................................................. 44

5.4 Analisi dinamica ......................................................................................................... 50

5.5 Import-export............................................................................................................. 53

5.6 Conclusioni ................................................................................................................. 61

6. La filiera agrumicola ................................................................................................62

6.1 Descrizione generale della filiera ............................................................................... 62

5
6.2 Gli attori della filiera .................................................................................................. 70

6.3 Analisi statica ............................................................................................................. 71

6.4 Analisi dinamica ......................................................................................................... 79

6.5 Import-export ............................................................................................................ 83

6.6 Conclusioni ................................................................................................................ 86

7. La filiera cerealicola ................................................................................................ 87

7.1 Descrizione generale della filiera............................................................................... 87

7.2 Analisi statica ............................................................................................................. 90

7.3 Analisi Dinamica ........................................................................................................ 94

7.4 Import-export .......................................................................................................... 112

7.5 Conclusioni .............................................................................................................. 113

8. La filiera orticola ...................................................................................................114

8.1 Descrizione generale della filiera............................................................................. 114

8.2 Analisi statica ........................................................................................................... 117

8.2.1 Ortaggi in pien’aria ........................................................................................... 118


8.2.2 Ortaggi in serra ................................................................................................. 130
8.3 Analisi dinamica ....................................................................................................... 135

8.3.1 Ortaggi in pien’aria ........................................................................................... 135


8.3.2 Ortaggi in serra ................................................................................................. 143
8.4 Import-export .......................................................................................................... 146

8.5 Conclusioni .............................................................................................................. 149

9. La filiera della frutta secca a guscio ........................................................................150

9.1 Descrizione generale della filiera............................................................................. 150

9.2 Analisi statica ........................................................................................................... 154

9.3 Analisi dinamica ....................................................................................................... 155

9.4 Import-export .......................................................................................................... 157

9.5 Conclusioni .............................................................................................................. 161

6
10. La filiera della frutta fresca .................................................................................. 162

10.1 Descrizione generale della filiera ........................................................................... 162

10.2 Analisi statica ......................................................................................................... 163

10.3 Analisi dinamica ..................................................................................................... 172

10.4 Import-export......................................................................................................... 182

10.5 Conclusioni ............................................................................................................. 184

11. La filiera mielicola e apistica ................................................................................ 185

11.1 Descrizione generale della filiera ........................................................................... 185

11.2 Analisi statica ......................................................................................................... 188

11.3 Analisi dinamica ..................................................................................................... 195

11.4 Import-export......................................................................................................... 198

11.5 Conclusioni ............................................................................................................. 200

12. La filiera delle carni rosse .................................................................................... 201

12.1 Descrizione generale della filiera ........................................................................... 201

12.1.1 Zootecnia: bovini e bufalini ............................................................................. 203


12.1.2 Schema della filiera ......................................................................................... 206
12.2 Analisi statica ......................................................................................................... 206

12.3 Analisi dinamica ..................................................................................................... 211

12.4 Import-export......................................................................................................... 218

12.5 Conclusioni ............................................................................................................. 220

13. La filiera ovicaprina ............................................................................................. 221

13.1 Descrizione generale della filiera ........................................................................... 221

13.2 Analisi statica ......................................................................................................... 225

13.3 Analisi dinamica ..................................................................................................... 229

13.4 Import–export ........................................................................................................ 232

13.5 Conclusioni ............................................................................................................. 238

Sitografia .................................................................................................................. 239

7
8
Prefazione

L’Osservatorio CORERAS sulle principali filiere agricole siciliane restituisce ai


decisori pubblici ed agli imprenditori privati una fotografia aggiornata della situazione
dell’agricoltura siciliana, basata su dati di fatto oggettivi ed inconfutabili, perché
provenienti da banche dati istituzionali.
La rappresentazione che se ne trae è meno drammatica rispetto a quella che spesso ne
viene fatta dagli stessi operatori che, per inveterata attitudine tutta tipica dei siciliani,
sono spesso inclini alla lamentazione piuttosto che alla esaltazione.
Senza voler nascondere le criticità dei diversi comparti, per via di condizioni
orografiche ed infrastrutturali spesso estremamente difficili, alcuni dati rappresentano
tuttavia una realtà che a volte, noi stessi siciliani, non conosciamo o sottovalutiamo.
Per non rimanere nel vago, si consideri che:
La Sicilia è la regione italiana che possiede la maggiore Superficie Agricola Utilizzata
(SAU).
Nel periodo intercensuario 2010/2000, tale SAU si è ulteriormente incrementata, così
come la Superficie Agricola Totale (SAT).
La struttura delle imprese agricole è migliorata, avendo assistito alla diminuzione del
numero di aziende ma al conseguente aumento della superficie media aziendale; si è
quindi finalmente avviato quel percorso di deframmentazione aziendale da tutti
auspicato.
La Sicilia assorbe oltre 26 milioni di giornate lavorative in agricoltura, collocandosi
al secondo posto dopo la Puglia, testimoniando l’importanza del settore nel panorama
economico complessivo della regione.
In alcuni comparti la Sicilia si colloca ai primi posti nello scenario economico
nazionale:
- L’agrumicoltura siciliana è leader in Italia annoverando oltre il 50% delle
superfici coltivate

9
- Il comparto olivicolo/oleicolo è di grande importanza sia per la indiscussa e
riconosciuta qualità dell’olio che per la superficie investita (terzo produttore
in Italia dopo la Puglia e la Calabria)

Nel settore zootecnico aumentano le aziende, in controtendenza rispetto al dato


nazionale e aumenta pure il numero di capi allevati per azienda.
Nel comparto ovino, la Sicilia è il secondo produttore in Italia, dopo la Sardegna, di
latte e formaggi.
La Sicilia è regione di eccellenza per le produzioni tipiche e di qualità:
- 69 sono i prodotti agroalimentari a marchio comunitario DOP/IGP
- è la prima regione italiana per SAU in biologico, per dimensione media
aziendale e per incremento del numero degli operatori nell’ultimo decennio.
- è la prima regione in Europa per superficie di vigneti biologici.

Anche nel settore della trasformazione la Sicilia si colloca ai primi posti in Italia per
numero di industrie alimentari: sono 7.321 quelle attive nel 2016 rappresentando il
12% del totale nazionale.
Pane, pasta, dolci, vini, birre, carni e salumi, formaggi, pesce e conserve sono solo
alcuni dei prodotti dall'agroalimentare artigiano siciliano, il cui export è recentemente
cresciuto soprattutto nei mercati extraeuropei.

Tanta strada ancora deve essere percorsa per rendere ancora più efficiente il settore
agricolo siciliano, ma tanta strada è stata già fatta.
Auspico che tutti insieme, decisori pubblici, organizzazioni dei produttori,
imprenditori privati ed enti istituzionali, possiamo collaborare per rendere un servizio
alla nostra amata terra ed ai suoi abitanti, collaborando proficuamente per lo sviluppo
dell’agricoltura siciliana.

Assessore Regionale
dell’Agricoltura, dello
Sviluppo rurale e della Pesca
mediterranea
On. Antonello Cracolici

10
11
Introduzione

L’Osservatorio statistico-economico sulle principali filiere agricole siciliane,


ispirandosi alle finalità generali del CORERAS, intende assicurare la disponibilità di
numerosi flussi informativi, raccolti in un unico volume, realizzando tuttavia uno
strumento di facile consultazione per le diverse esigenze delle imprese agricole e
dell’utenza pubblica.

La possibilità di disporre di dati certi e misurati, provenienti da fonti istituzionali, è


indispensabile per orientare i programmi di sviluppo dei diversi comparti e
individuare le migliori strategie a supporto della crescita economica ed occupazionale
della Sicilia.

A differenza del Datawarehouse (DWH) dell’ISTAT, che contiene informazioni


statistiche al massimo dettaglio territoriale suddivise per materie, la forma tradizionale
della “pubblicazione”, scelta dal CORERAS per il suo Osservatorio, presenta il
vantaggio della compattezza dei dati e della loro pronta disponibilità a beneficio delle
diverse tipologie di utenti.

La pubblicazione, scaricabile anche attraverso il sito web del CORERAS, contiene i


valori relativi alle variabili ritenute più importanti per descrivere il panorama agricolo
siciliano, organizzati in modo uniforme per ogni filiera.
L’Osservatorio, partendo dai dati provenienti dal 6° Censimento generale
dell’agricoltura 2010, intende aggiornare la situazione dei vari comparti, acquisendo
e rappresentando gli ultimi dati disponibili, alcuni dei quali riferiti ai primi mesi del
2017.

La rappresentazione dei dati anche sotto forma di grafici e tabelle, rende più agevole
la loro lettura e la percezione del fenomeno dal punto di vista statistico fornendo, per

12
ciascun indicatore, una serie storica dei dati regionali che può consentire di delineare
le tendenze di medio periodo e, ove possibile, la scomposizione a livello provinciale
della serie temporale.

Viene inoltre estesa la conoscenza dei fenomeni raffrontando i dati regionali con quelli
complessivi nazionali e internazionali.

Per ogni filiera l’Osservatorio riporta:

1. Descrizione generale della filiera


a. Descrizione prodotti
b. Storia
c. Diffusione nel mondo, in Europa, in Italia e in Sicilia
d. Usi e proprietà (alimentare, farmaceutico, cosmetico, nutraceutico,
industriale etc.)
e. Schema organizzazione filiera (grafico)
2. Analisi statica
a. Descrizione, attraverso tabelle e grafici, della situazione attuale, basata
ove disponibili, su dati provinciali. L’analisi contiene:
i. Numero complessivo di aziende della filiera e loro
distribuzione territoriale
ii. Superfici coltivate o numero animali allevati
iii. Quantità di prodotti venduti
iv. Indicazioni relative ai prezzi alla produzione
4. Analisi dinamica
a. Descrizione dell’evoluzione dei fenomeni statistico-economici negli
ultimi anni (dal Censimento Generale dell’Agricoltura 2010 ad oggi).
L’analisi contiene:
i. evoluzione numero aziende
ii. evoluzione superfici coltivate o numero animali allevati
iii. evoluzione quantità prodotte
iv. evoluzione prezzi alla produzione

13
v. Import-export: descrizione dei principali mercati di sbocco,
evoluzione dei flussi import-export per prodotto (quantità per paese),
contributo dell’export sul bilancio economico della filiera su base regionale.

14
1. Le politiche agroalimentari, dalla conoscenza
all’orientamento
di Gianfranco Badami

Con la presente pubblicazione il CORERAS riprende la sua attività editoriale (ferma


dal gennaio 2011) al fine di contribuire allo sviluppo e all’ammodernamento
strutturale ed organizzativo dei sistemi: agroalimentare, agroindustriale ed
agroambientale della Sicilia (art. 3 dello Statuto).

In particolare, appare utile fornire alle imprese ed ai decisori pubblici uno strumento
di conoscenza delle principali filiere agroalimentari siciliane, per orientare le scelte
produttive ed operative a livello aziendale secondo criteri di economica gestione
compatibili con gli obiettivi della programmazione ed in conformità all'esigenza di
combinare a livello ottimale i fattori della produzione e le innovazioni tecniche onde
elevare le possibilità di occupazione ed i redditi da lavoro. (art. 4 comma b – L.R. 1
agosto 1977, n. 73 - Provvedimenti in materia di assistenza tecnica e di attività
promozionali in agricoltura).
Grazie alla collaborazione con l’E.S.A. e con gli studenti dell’Università di Palermo
in tirocinio presso l’Ente, è stata pertanto raccolta una serie di dati di tipo statistico-
economico, che ha restituito, aggiornandola all’attualità, la situazione delle seguenti
dieci filiere agroalimentari siciliane:

• Filiera Vitivinicola
• Filiera Olivicola e Olearia
• Filiera Agrumicola
• Filiera Cerealicola
• Filiera Orticola
• Filiera della Frutta Secca a Guscio
• Filiera della Frutta Fresca
• Filiera Mielicola e Apistica

15
 Filiera delle Carni Rosse
 Filiera Ovicaprina

Il lavoro, coordinato e diretto dagli esperti del CORERAS, ha quindi messo a


disposizione di quanti hanno la necessità di avere conoscenza sullo stato dell’arte delle
diverse filiere, dati ufficiali, prelevati da fonti istituzionali certe (ISTAT, CREA,
ISMEA, MIPAF etc.). I dati, organizzati e commentati, hanno inteso aprire una
finestra di conoscenza sugli aspetti strutturali e congiunturali delle filiere, offrendo un
panorama aggiornato ed il più completo possibile.
L’analisi è stata estesa anche alla situazione produttiva e commerciale in ambito
internazionale, per contestualizzare le produzioni siciliane all’interno di un mercato
sempre più globalizzato.
Al termine di questo sforzo editoriale, mi corre l’obbligo di ringraziare quanti, con in
vari ruoli e le diverse funzioni hanno partecipato all’elaborazione di questo imponente
lavoro ed in primis la Dott.ssa Francesca Abate – Dirigente della sede territoriale Istat
per la Sicilia che, insieme al Dott. Rosario Milazzo, hanno fornito preziose indicazioni
di tipo metodologico, mettendo a disposizione degli studenti e degli esperti del
CORERAS i dati ISTAT, che hanno rappresentato la base delle successive
elaborazioni.
Un sentito ringraziamento agli studenti dell’Università degli Studi di Palermo che con
dedizione e disponibilità hanno collaborato alla realizzazione dell’Osservatorio:
Giorgia Antonacci, Carolin Araca, Morena Arbisi, Delia Bonelli, Barbara Coglitore,
Ignazio Cugino, Rosanna Felici, Danilo Genduso, Sonia Gentile, Maria Grimaudo,
Vincenzo Iacona, Milena La Rosa, Beniamino Leone, Aurora Lo Cicero, Fabio Lo
Dico, Federica Lo Piccolo, Matteo Mammana, Anna Chiara Pappalardo, Luciano
Sapìa e Fabiola Serra.

16
2. Le filiere agroalimentari: aspetti comunicativi
di Maurilio Caracci

In questo lavoro, nel quale è stato determinante il contributo degli studenti


dell’Università di Palermo che hanno svolto un’accurata ricerca desk sulle principali
fonti disponibili sul tema, si presenta un quadro esaustivo dell’attuale situazione delle
filiere produttive siciliane. Nella sua compilazione si è puntato in particolare alla
completezza delle informazioni riportate, che analizzano le variabili più significative
dell’analisi macroeconomica di carattere congiunturale e, al contempo, sono in grado
di suggerire interessanti informazioni sui fenomeni emergenti che si stanno
progressivamente strutturando all’interno del processo evolutivo del settore primario.
I punti di forza e di debolezza del settore sono ben noti: insieme ai buoni standard
qualitativi, con particolare riferimento alle produzioni biologiche ed integrate, al
riconoscimento presso i consumatori mondiali come espressione del “made in Italy”
alimentare, e alla presenza di specie e cultivar autoctone assoggettabili ad una
riqualificazione produttiva, permangono uno scarso orientamento al mercato, una
carente organizzazione dell’offerta, anche frutto di una elevata frammentazione, una
bassissima incidenza dell’attività trasformativa e una forte incidenza di aziende di
piccola dimensione.
Sono queste alcune delle sfide alle quali bisogna rispondere con la programmazione
2014-2020. Si noterà, purtroppo, che i temi non sono molto dissimili da quelli che
sono stati affrontati nella precedente programmazione, ma la crescita della cultura
d’impresa, in certi casi anche dovuta al cambio generazionale, ma anche l’ampia eco
mediatica creatasi attorno ai talent show legati alla cucina, da Masterchef ai suoi vari
imitatori o spin off, alla divizzazione degli chef, alla proliferazione dei libri sul tema,
scritti da improbabili epigoni di Marie Antonin Carême che, al di là del fenomeno
mediatico, hanno finito per attirare l’attenzione attorno alla qualità delle materie prime
agricole utilizzate, ai loro legami con il territorio, con la sua storia e le sue tradizioni.

17
Oggi è in considerevole incremento la figura del turista enogastronomico che dedica
il suo tempo libero, weekend o ferie, alla scoperta delle diverse e numerosissime
culture del cibo dislocate in tutto il territorio nazionale. Come risposta, si sono
moltiplicate le iniziative che promuovono le specialità territoriali. Alle kermesse
“storiche”, come il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo, ormai giunto nel 2017 alla
XX edizione, e quindi nato in tempi non sospetti, si sono uniti nella nostra regione
vari eventi di celebrazione di questa o quella tipicità alimentare che sono, ipso facto,
l’evoluzione “colta” delle vecchie sagre di paese. Laddove nelle sagre si cucinava alla
buona la salsiccia in strada (adesso si chiama street food), ora fanno il loro trionfale
ingresso le ricette, il territorio, gli chef e i ristoratori, come a Palazzolo Acreide, dove
si tiene la giovane manifestazione (II edizione) “Vicoli&Sapori”, così comunicata in
gazzettadelgusto.it:
Nel borgo medievale della cittadina che, dal 2002 è Patrimonio
dell’Umanità UNESCO, si prevedono due giornate ricche di
appuntamenti con molti visitatori, giornalisti e tour operator che vivranno
un suggestivo percorso enogastronomico, con degustazioni di eccellenze
del territorio preparate dagli chef dell’Associazione dei Ristoratori
“Vicoli&Sapori”. La kermesse è anche l’occasione per scoprire le
bellezze di Palazzolo Acreide che, oltre ad essere uno dei Borghi più belli
d’Italia, nel 2017 è stato anche insignito, dal giornale “Cronache di
Gusto”, del premio Best in Sicily come miglior comune per l’offerta
enogastronomica grazie, in primis, alla salsiccia tradizionale, prodotto
della cultura locale tutelato da Slow Food.

Come si può notare, nelle nuove copy strategies si assiste al collegamento con le
attrattive del territorio (Patrimonio UNESCO, Borgo più bello d’Italia), alla
nobilitazione del mero prodotto (la salsiccia) attraverso preparazioni tradizionali e non
(le ricette) curate da esperti (gli chef) e legittimate da istituzioni (le associazioni) che
conferiscono premi alla presenza di professionisti della comunicazione, come
giornalisti e bloggers. Proprio i bloggers, ormai, rappresentano l’imprescindibile
braccio armato della comunicazione in generale e, nello specifico, della
comunicazione enogastronomica. I bloggers, per quantità e - in molti casi - per qualità,
hanno vinto la guerra del SEO rispetto alle tradizionali testate cartacee, e sono in grado

18
di creare opinioni e spostare masse. Gli stessi Assessorati Regionali della Regione
Siciliana, ad esempio del Turismo e delle Risorse Agricole ed Alimentari, così come
alcuni Gruppi di Azione Locale dell’Isola, hanno organizzato alcuni educational per
promuovere, attraverso i bloggers, il territorio e le sue specialità alimentari. Un’altra
parte dei fondi dedicati allo sviluppo turistico e rurale che ormai, per quanto detto,
devono viaggiare parallelamente sui progetti comunicativi, è stata dedicata alle
strategie di social media management, con una punta di eccellenza rappresentata dalla
pagina Facebook dell’Assessorato Turismo, indicata come quella con più followers
tra le equivalenti di tutte le regioni italiane.
Sono numerose le strategie di sviluppo proposte per i prodotti agroalimentari siciliani,
sulle cui filiere questo tomo fornisce un quadro aggiornato ed esaustivo. Noi vogliamo
porre l’accento sulle evoluzioni degli aspetti di marketing e comunicativi, e sulla
necessità di una maggiore cooperazione tra pubblico e privato, e tra i differenti enti
regionali fin dalle loro funzioni di indirizzo, su questi aspetti. Ciò passa anche dal
fornire una maggiore continuità alle strategie intraprese, senza dannose vacationes tra
una programmazione e l’altra, dal produrre strategie integrate di filiera su tutte le leve
del marketing mix, quindi sui prezzi e sulla distribuzione commerciale e fisica, e non
soltanto sulle strategie di comunicazione e di prodotto, ad esempio in relazione ai
sistemi di qualità e rintracciabilità che, comunque, rappresentano la base di ogni
azione di mercato nel settore. La comunicazione, poi, cambia continuamente i suoi
fattori critici di successo; la riduzione dei tempi che intercorrono tra la formulazione
delle strategie di communication mix e la sua applicazione pratica rappresenta,
dunque, un ulteriore driver di successo per l’intero comparto.

19
3. Uno strumento per i policy maker
di Dario Costanzo

Con questa pubblicazione, il Coreras intende fornire agli operatori economici, ai


policy maker e agli studiosi uno strumento compatto, aggiornato e di facile
consultazione, che rappresenta anche un quadro sinottico aggiornato sulle filiere
agroalimentari siciliane.
Le opportunità derivanti dalla disponibilità di dati certi, misurati e sistematizzati,
fornisce, sia a livello micro che macroeconomico, l’opportunità di elaborare strategie
di crescita ed ottimizzazione delle risorse che, nel medio e lungo termine, avranno una
ricaduta significativa sulla crescita economica ed occupazionale della Sicilia.
A differenza delle fonti tradizionali questa pubblicazione, oltre a fornire un approccio
oggettivo ai temi trattati, fornisce al lettore un quadro sintetico, esaustivo ed uniforme
sul panorama agricolo siciliano da cui sviluppare progetti di ricerca personalizzati,
utilizzando le fonti citate nel testo stesso.
Il quadro dell’agricoltura siciliana che se ne ricava è quello di una realtà economica
complessa ed articolata: alcune filiere sono tuttora afflitte da difficoltà strutturali e
inserite all’interno di un ciclo economico congiunturale negativo, altre invece
rappresentano realtà di grande rilievo dal punto di vista economico e reddituale, grazie
agli investimenti in innovazione e in capitale umano realizzati negli ultimi anni.
La visione della Sicilia che i dati dell’Osservatorio restituiscono nel complesso
rimanda a note differenze strutturali e a performance diversificate per le diverse
filiere. La crisi dei comparti, che negli ultimi anni ha messo a dura prova il tessuto
imprenditoriale dell’Isola, emerge chiaramente nei dati relativi a molte variabili e
nelle serie storiche per esse riportate. Di contro, altre filiere si propongono sui mercati
come filiere pronte a raccogliere le sfide dell’internazionalizzazione.
L’evidenza statistica dei dati è, in questo quadro, più che mai necessaria per
aggiornare i riferimenti degli osservatori e dei policy maker, al fine di cogliere le

20
dinamiche più significative ed orientare le decisioni pubbliche e degli imprenditori
privati, sia in termini di analisi SWOT che di politiche e piani di intervento.

21
4. La filiera vitivinicola

4.1 Descrizione generale della filiera

La filiera vitivinicola è da sempre considerata una delle più complesse.


Essa viene declinata nelle seguenti fasi:
1. viticoltura
2. vinificazione
3. imbottigliamento e confezionamento
4. distribuzione

La prima fase (viticoltura) comprende le pratiche agronomiche, quali: le lavorazioni


del terreno, le potature, i trattamenti antiparassitari, la vendemmia etc.
La vinificazione comprende varie fasi ed operazioni quali: la diraspatura e la
pigiatura, la fermentazione e la conservazione. Con la vinificazione l’uva si trasforma
in vino, divenendo prima mosto e poi, attraverso il processo di fermentazione, vino.
Nella fase di imbottigliamento e confezionamento rientrano i seguenti processi:
riempimento, tappatura, capsulatura, etichettatura, inscatolamento e pallettizzazione.
La quarta fase (distribuzione) è caratterizzata sostanzialmente dal trasporto del
prodotto ai mercati di vendita, a livello locale, regionale, nazionale o internazionale,
in relazione alla strategia commerciale e alla capacità produttiva dell'azienda1.
Le origini del vino sono tanto antiche da affondare nella leggenda. Alcune di esse
fanno risalire l'origine della vite ai tempi di Adamo ed Eva. Al di là degli aspetti
mitologici, sono in molti ad affermare che la vite sia originaria dell'India e che da qui,
nel terzo millennio a.C., si sia diffusa prima in Asia e in seguito nel bacino del
Mediterraneo. Dall'Egitto, la pratica della vinificazione si diffuse presso gli Ebrei, gli
Arabi e i Greci. Questi dedicarono infatti al vino una divinità: Dionisio, dio della
convivialità. Contemporaneamente, nel cuore del mediterraneo, la vite iniziava dalla
Sicilia il suo viaggio verso l’Europa, diffondendosi prima presso i Sabini e poi presso
gli Etruschi, i quali diventarono abili coltivatori e vinificatori e allargarono la
coltivazione dell'uva dalla Campania sino alla pianura Padana. La nascita del
Cristianesimo e il conseguente declino dell'Impero Romano, segnò l'inizio di un
periodo buio per il vino, accusato di portare ebbrezza e piacere effimero. A ciò si
aggiunse la diffusione dell'Islamismo nel Mediterraneo tra l'ottocento e il

1
http://ww2.unime.it (vis. il 4/7/17)

22
millequattrocento d.C. con la messa al bando della viticoltura in tutti i territori
occupati. Bisognerà attendere il Rinascimento per ritrovare una letteratura che
restituisca al vino il suo ruolo di protagonista della cultura occidentale e che torni a
decantarne le qualità2.
La vite che è stata coltivata con grande soddisfazione in tutta l'Europa, sino alla metà del 1800, è la
vitis vinifera. Fu in quel periodo che, "sbarcò" nel vecchio continente, proveniente dall'America del
nord, un insetto della famiglia degli Afidi: la Philloxera vastratix. I primi ad accorgersi delle
devastazioni che l'insetto era in grado di provocare alla vite europea furono i Francesi intorno al 1860.
In Italia la fillossera giunse 20 anni dopo, e anche qui si propagò rapidamente. Gli sforzi profusi nella
lotta di questo insetto furono per lunghi anni vani e, ad un certo punto, si pensò che la fillossera che
attacca le radici della vite europea e le fa marcire, avrebbe finito con il portare all'estinzione della
vite autoctona.

La soluzione al problema fu trovata con uno


stratagemma che è probabilmente anche il
primo esempio di lotta biologica della storia
dell'umanità: innestare sulle radici delle viti
americane, resistenti all'insetto, la vite
europea che possiede una costituzione delle
foglie non gradita alla fillossera. È in questo
modo che le varietà europee di grande qualità
organolettica sono riuscite a resistere e a
giungere sino a noi cariche dei loro
meravigliosi frutti3.
Figura 1: Fonte:www.italyeno.com

Recenti studi medici hanno dimostrato che fra coloro che si recano in viaggio nei paesi in cui sono
frequenti le infezioni alimentari, i turisti che consumano vino sono meno soggetti ad attacchi di
dissenteria rispetto a coloro che consumano acqua anche se imbottigliata. E questo perché, a
prescindere dalle cause della contaminazione, molti batteri in acqua sopravvivono e a volte prolificano
mentre nel vino muoiono per via di alcune caratteristiche concomitanti quali l'acidità, la presenza di
alcool e di tannini. Per di più queste stesse caratteristiche rendono il vino una bevanda salutare per
l'uomo a condizione che venga assunta in quantità moderate (un bicchiere a pasto). Studi medici
dimostrano che un moderato consumo di vino ha effetti positivi sul sistema cardiovascolare riducendo
i rischi di malattie cardiache4.
La sostanza maggiormente responsabile di questi benefici è il resveratrolo, una
molecola in grado di contrastare e prevenire malattie come l'arteriosclerosi, o malattie
cardiache come l'infarto, l'ictus o l'angina pectoris.

2
http://www.italyeno.com/vinificare/storiadelvino.htm (vis. il 1/3/17)
3
http://www.italyeno.com/vinificare/vitis.htm (vis. il 1/3/17)
4
Rosselli C. e Caputo V. (2012) La miscelazione e la “sua storia” ed. ilmiolibro self publishing (pag.
118)

23
4.2 Panorama mondiale

Nel panorama mondiale della produzione di vino, la Francia ha ridotto del 12% la sua
produzione rispetto al 2015 e del 10% rispetto alla media. In Europa la vendemmia
2016 è stata molto povera; anche in Germania si è assistito ad una riduzione del 5-6%
di prodotto e in Portogallo ad una produzione del 12% sotto la media e del 20% sotto
quella del 2015. Fuori dall’Europa, va certamente menzionato il caso dell’Argentina,
passata dai 13 ai 9 milioni di ettolitri, oltre un terzo peggio della media storica. Anche
nel vicino Cile le cose non sono andate bene, anche se rispetto alla media manca solo
il 4% della produzione: la verità è che i 10 milioni di ettolitri del 2016 per il Cile
“marcano” un anno cattivo, mentre negli anni buoni ormai sfiorano i 13. Stesso
discorso per il Sud Africa, dove la produzione perde due milioni di ettolitri, scendendo
sotto i 10 milioni di ettolitri per la prima volta dal 2011.
L’Italia è certamente il paese con la miglior vendemmia 2016 tra i maggiori produttori.
Secondo OIV la produzione 2016 supera quella del 2015 e raggiunge l’11% in più
della media degli ultimi 10 anni5.

Tabella 1 - Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

5
www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

24
Grafico 1 - Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

In un ipotetico bilancio Europa e resto del mondo, come si vede dai grafici che
seguono, anche nel 2016 la forbice si sta riallargando a favore dell’Europa. Ciò è frutto
della forte volatilità delle produzioni extraeuropee. Se in Italia e Francia mediamente
la produzione varia in più o in meno dell’8% annuo, in paesi come Argentina e Cile
le vendemmie sono mediamente del 15% in più o in meno della media, e per la stessa
Australia si registrano valori intorno al 10%. Tale volatilità aumenta analizzando i dati
dell’Est Europa.

Grafico 2 – Dati in milioni di ettolitri. Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

25
Grafico 3 - Dati in milioni di ettolitri. Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

4.3 Analisi della situazione in Sicilia

Il comparto vitivinicolo costituisce uno dei settori più rappresentativi del sistema
agroalimentare siciliano in termini di fatturato complessivo; esso risulta trainante per
l’economia del territorio sia per le capacità competitive sui mercati internazionali che
per l’importante ruolo socioeconomico e occupazionale che svolge6.
Nel corso dell’ultimo trentennio il settore vitivinicolo siciliano ha affrontato un
profondo processo di ristrutturazione, mostrando caratteri di dinamismo e
innovazione.
In breve tempo, un nucleo significativo di imprese si è affermato sul mercato con una
produzione di qualità, orientata all’export, basata sulla sperimentazione e sulla
capacità di utilizzare tecnologie avanzate.
I cambiamenti del sistema produttivo vitivinicolo della Sicilia sono avvenuti
all’interno di un quadro ampio, che ha modificato il mercato del vino sia a livello
nazionale che mondiale, dove si è assistito a volte ad una riduzione della produzione
ed alla trasformazione della domanda.
La Sicilia è la regione con la maggiore superficie vitata del Paese, circa 17% (dati
Istat). In particolare, la coltura si concentra nelle provincie di Trapani, Agrigento e
Palermo, che insieme raggiungono l’89,1%.
Il numero di aziende viticole si attesta intorno a 52.000 unità, di cui circa 5.500
producono uva da tavola e circa 46.500 uva da vino.

6
www.psr-sicilia.it (vis. il 01/03/2017)

26
4.3.1 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni ISTAT disponibili su base


provinciale (ove presenti) o su base regionale, relative alle superfici vitate ed alle
relative produzioni realizzate in Sicilia7.

Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2016 -
Uva da tavola Uva da vino Vino

Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale

Sicilia
Trapani 30 30 4500 4500 56000 56000 3920000 3920000 2940000
Palermo 80 75 6040 6000 13674 13674 1159308 1159308 967216
Messina 25 25 5500 5000 1950 1950 180000 150000 100000
Agrigento 5750 5590 989000 935000 23480 22750 1290000 1275000 885000
Caltanissetta 3050 3000 600000 600000 5053 4953 395200 395200 296400
Enna - - - - 310 310 21700 21700 16275
Catania 4000 4000 1160000 1160000 2000 2000 140000 140000 84000
Ragusa 3000 3000 740000 740000 1200 1200 107000 107000 76000
Siracusa 180 180 27600 27600 2450 2450 189000 189000 105500
Totale Sicilia 16115 15900 3532640 3478100 106117 105287 7402208 7357208 5470391

La superficie totale destinata a uva da tavola è di circa 16 mila ettari nel 2016, con
una produzione totale di 3.532.640 quintali (dati Istat).
La superficie totale di uva da vino, che nel quinquennio 2002-2006 era pari a 140,1
mila ettari, nell’anno 2016 registra una riduzione a poco più di 106 mila ettari. La
produzione di uva da vino è pari nel 2016 a 7.402.608 quintali.
Considerando gli ultimi dati forniti dall’Istat nel 2016, la produzione di vino è per la
Sicilia di 5,470 milioni di quintali.

Tavola C26A - Destinazione dell'uva da vino (in quintali). Anno 2014


Province Vinificazione e Mosti Consumo diretto Succhi d'uva
Totale Sicilia 6263165 - 15200

Se si analizza la destinazione dell’uva da vino si vede che è predominante l’avvio


verso la produzione di vini e mosti, mentre risulta marginale la produzione di succo
d’uva.

7
www.istat.it vis. l’ 8/3/17

27
Tavola C26B - Produzione di vino e mosto per tipologia (ettolitri). Anno 2012
Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
Vino Mosto Totale vino e mosto Vino
Mosto Totale vino e mosti
Bianco Rosso e rosato Bianco Rosso e rosato
Totale Sicilia 2.296.344 2.206.258 666.602 5.169.204 -2,6 23,4 -16,4 6,7

Negli ultimi anni la produzione di vini rossi è cresciuta moltissimo (+ 23,4%) mentre
è diminuita in percentuale quella di vini bianchi (-2,6%), rendendo ormai equivalenti
le due produzioni.

Tavola C26C - Produzione di vino per marchio di qualità (ettolitri). Anno 2012
Vino Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
Province
D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale
Totale Sicilia 163.610 3.027.172 1.311.820 4.502.602 9,0 26,9 -13,3 11,2

Tavola C26D - Produzione di vino e mosto per tipologia e per marchio di qualità (ettolitri). Dettaglio per regione - Anno 2016 (a)
Vino DOP Vino IGP Vino da tavola
Totale Vino Mosti Totale vino e mosti
Totale Bianco Rosso e rosato Totale Bianco Rosso e rosato Totale Bianco Rosso e rosato
Totale Sicilia 5322558 1334395 718218 616177 2916902 1735376 1181526 1071261 636330 434931 695350 6017908

Anche i vini a denominazione di origine, che fino a qualche anno fa venivano


denominati DOC, DOCG e IGT, ora prendono il nome di DOP e IGP, denominazione
usata in ambito comunitario.
La quantità di vino a denominazione di origine è cresciuta in maniera esponenziale
negli ultimi anni e, nello scenario internazionale, si è inserita anche la DOP Sicilia.

28
Grafico 4 - Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

Tabella 2 - Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

29
Grafico 5 - Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

Grafico 6 - Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

30
4.3.2 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010 – 2016, tratte
dalle rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale, relative alle superfici e alle
produzioni di vitivinicole. Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a partire
dall’ultimo Censimento generale dell’agricoltura.
Si riporta di seguito l’evoluzione delle superfici e delle produzioni dal 2010 al 2016.

Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2010 -
Uva da tavola Uva da vino Vino
Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale
Sicilia
Trapani - - - - 65600 54600 3740000 3740000 2805000
Palermo 65 60 6500 6500 15689 11724 1450000 1270139 1117805
Messina 20 20 2700 2430 1875 1870 140000 140000 95920
Agrigento 6320 5450 846000 782300 24820 24170 1137000 1018000 763500
Caltanissetta 4100 4100 701000 697000 6900 6850 850000 822000 616500
Enna - - - - 900 900 66000 66000 42000
Catania 4000 4000 1100000 1100000 4000 4000 160000 150000 78500
Ragusa 3000 3000 780000 780000 1500 1500 104300 104300 77625
Siracusa 20 20 4000 3500 1577 1577 164000 154000 78920
Totale Sicilia 17525 16650 3440200 3371730 122861 107191 7811300 7464439 5675770

Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2011 -
Uva da tavola Uva da vino Vino
Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale
Sicilia
Trapani - - - - 65250 51050 2718750 2718750 2245313
Palermo 65 60 6500 6500 15537 14750 843506 843506 472890
Messina 20 20 1800 1620 1875 1875 126000 126000 86328
Agrigento 6220 5410 871990 784500 24270 23795 1130500 1130500 610500
Caltanissetta 4150 4100 615000 584000 6610 6560 518663 518663 383460
Enna - - - - 450 450 31500 31500 22050
Catania 4000 4000 1200000 1200000 4000 4000 120000 120000 63000
Ragusa 3000 3000 750000 750000 1500 1500 120000 120000 90000
Siracusa 189 178 37534 34460 2256 2223 82700 82700 73955
Totale Sicilia 17644 16768 3482824 3361080 121748 106203 5691619 5691619 4047496

Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2012 -
Uva da tavola Uva da vino Vino
Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale
Sicilia
Trapani - - 350 350 64600 61600 4928000 4928000 2526000
Palermo 65 60 8000 8000 15537 14750 1501000 640630 427603
Messina 20 20 1800 1620 1800 1600 126000 110000 82920
Agrigento 5920 5630 890450 801400 24100 23820 1214270 1114700 595300
Caltanissetta 3050 3000 683060 683060 5650 5600 693840 693840 520380
Enna - - - - 310 310 21700 21700 16274
Catania 4000 4000 1200000 1200000 4000 4000 130000 125000 65625
Ragusa 3000 3000 800000 800000 1200 1200 108000 108000 75000
Siracusa 170 170 37400 37000 2256 2200 200000 200000 193500
Totale Sicilia 16225 15880 3621060 3531430 119453 115080 8832970 7941870 4502602

31
Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2013 -
Uva da tavola Uva da vino Vino
Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale
Sicilia
Trapani 30 30 4000 4000 61800 61800 5994600 5994600 3910560
Palermo 80 75 7100 7000 13674 13174 1317400 1307400 774119
Messina 20 20 2025 1822 1800 1700 136800 129960 83292
Agrigento 5632 5338 1040810 940630 22580 22465 1325570 1244530 645911
Caltanissetta 3050 3000 600000 598000 5650 5600 840000 835000 544710
Enna - - - - 310 310 23250 23250 15168
Catania 4000 4000 1120000 1120000 4000 4000 140000 140000 61647
Ragusa 3000 3000 780000 780000 1200 1200 104000 104000 63495
Siracusa 140 140 36000 36000 2200 2200 193000 193000 142644
Totale Sicilia 15952 15603 3589935 3487452 113214 112449 10074620 9971740 6241546

Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2014 -
Uva da tavola Uva da vino Vino
Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale
Sicilia
Trapani 30 30 4300 4300 59400 59400 3083501 3083501 2312626
Palermo 70 65 6100 6000 13674 13174 1348835 1348835 951164
Messina 25 25 3000 2700 1800 1700 124876 112389 78672
Agrigento 5568 5437 979320 920340 23110 22880 928723 862566 538257
Caltanissetta 3050 3050 640500 630000 5605 5560 529532 529532 397149
Enna - - - - 310 310 18627 18627 13887
Catania 4000 4000 1200000 1200000 4000 4000 130050 118146 67026
Ragusa 3000 3000 780000 780000 1200 1200 66947 66947 47309
Siracusa 140 140 36000 36000 2200 2200 156674 157648 133132
Totale Sicilia 15883 15747 3649220 3579340 111299 110424 6369377 6278365 4539222

Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2015 -
Uva da tavola Uva da vino Vino
Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale
Sicilia
Trapani 30 30 4500 4500 55000 55000 3842000 3842000 2881000
Palermo 3280 3280 250000 250000 15289 15289 1150000 1150000 768000
Messina 25 25 4000 3600 1950 1900 170000 150000 100000
Agrigento 5568 5437 978660 932320 23810 23000 1294000 1281000 930867
Caltanissetta 3050 3000 600000 600000 5486 5468 627076 627076 485290
Enna - - - - 310 310 23250 23250 17437
Catania 4000 4000 1160000 1160000 2000 2000 140000 140000 84000
Ragusa 3000 3000 700000 700000 1200 1200 112000 112000 83000
Siracusa 180 180 28000 28000 2450 2450 191000 191000 126500
Totale Sicilia 19133 18952 3725160 3678420 107495 106617 7549326 7516326 5476094

32
Tavola C26 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): uva da tavola, uva da vino, vino. Dettaglio per Provincia - Anno 2016 -
Uva da tavola Uva da vino Vino
Province Superficie Superficie in Produzione Produzione Superficie Superficie in Produzione Produzione Produzione
totale produzione Totale raccolta totale produzione Totale raccolta Totale
Sicilia
Trapani 30 30 4500 4500 56000 56000 3920000 3920000 2940000
Palermo 80 75 6040 6000 13674 13674 1159308 1159308 967216
Messina 25 25 5500 5000 1950 1950 180000 150000 100000
Agrigento 5750 5590 989000 935000 23480 22750 1290000 1275000 885000
Caltanissetta 3050 3000 600000 600000 5053 4953 395200 395200 296400
Enna - - - - 310 310 21700 21700 16275
Catania 4000 4000 1160000 1160000 2000 2000 140000 140000 84000
Ragusa 3000 3000 740000 740000 1200 1200 107000 107000 76000
Siracusa 180 180 27600 27600 2450 2450 189000 189000 105500
Totale Sicilia 16115 15900 3532640 3478100 106117 105287 7402208 7357208 5470391

Si passa quindi ad analizzare l’evoluzione della destinazione dell’uva da vino (in


quintali), dal 2010 al 2014.

Tavola C26A - Destinazione dell'uva da vino (in quintali). Anno 2010 -


Vinificazione e Mosti Consumo diretto Succhi d'uva
Totale Sicilia 7415439 39000 10000

Tavola C26A - Destinazione dell'uva da vino (in quintali). Anno 2011 -


Vinificazione e Mosti Consumo diretto Succhi d'uva
Totale Sicilia 5308256 46000 10000

Tavola C26A - Destinazione dellâ€


uva da vino (in quintali). Anno 2012 -

Vinificazione e Mosti Consumo diretto Succhi d'uva
Totale Sicilia 7926870 15000 -

Tavola C26A - Destinazione della uva da vino (in quintali). Anno 2013 -
Vinificazione e Mosti Consumo diretto Succhi d'uva
Totale Sicilia 8466930 16000 -

33
Tavola C26A - Destinazione dell'uva da vino (in quintali). Anno 2014 -
Vinificazione e Mosti Consumo diretto Succhi d'uva
Totale Sicilia 6263165 - 15200

Si presentano di seguito le produzioni di vino e mosto suddivise per tipologia (ettolitri)


nel periodo 2010 - 2014.

Tavola C26B - Produzione di vino e mosto per tipologia (ettolitri). Anno 2010 -
Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
Vino Mosto Totale vino e mosto Vino
Mosto Totale vino e mosti
Bianco Rosso e rosato Bianco Rosso e rosato
Totale Sicilia 2984210 1915953 775607 5675770 -3,1 3,3 -37,5 -8,1

Tavola C26B - Produzione di vino e mosto per tipologia (ettolitri). Anno 2011 -
Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
Vino Mosto Totale vino e mosto Vino
Mosto Totale vino e mosti
Bianco Rosso e rosato Bianco Rosso e rosato
Totale Sicilia 2356514 1690982 775607 4823103 -26,6 -13,3 - n.d.

Tavola C26B - Produzione di vino e mosto per tipologia (ettolitri). Anno 2012 -
Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
Vino Mosto Totale vino e mosto Vino
Mosto Totale vino e mosti
Bianco Rosso e rosato Bianco Rosso e rosato
Totale Sicilia 2296344 2206258 666602 5169204 -2,6 23,4 -16,4 6,7

Tavola C26B - Produzione di vino e mosto per tipologia (ettolitri). Anno 2013 -
Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
Vino Mosto Totale vino e mosto Vino
Mosto Totale vino e mosti
Bianco Rosso e rosato Bianco Rosso e rosato
Totale Sicilia 3617925 2623621 1040128 7281674 57,6 18,9 56,0 40,9

Tavola C26B - Produzione di vino e mosto per tipologia (ettolitri). Anno 2014 -
Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
Vino Mosto Totale vino e mosto Vino
Mosto Totale vino e mosti
Bianco Rosso e rosato Bianco Rosso e rosato
Totale Sicilia 2138352 1686038 714832 4539222 -40,9 -35,7 -31,3 -37,7

L’analisi procede con l’andamento relativo alla produzione di vino a marchio di


qualità (ettolitri), nel periodo compreso tra il 2010 e il 2014.

34
Tavola C26C - Produzione di vino per marchio di qualità (ettolitri). Anno 2010 -
Vino Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale
Totale Sicilia 170188 2365823 2364152 4900163 -20,2 38,3 -21,5 -0,7

Tavola C26C - Produzione di vino per marchio di qualità (ettolitri). Anno 2011 -
Vino Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale
Totale Sicilia 149045 2385081 1513370 4047496 -14,1 0,8 -56,2 -21,0

Tavola C26C - Produzione di vino per marchio di qualità (ettolitri). Anno 2012 -
Vino Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale
Totale Sicilia 163610 3027172 1311820 4502602 9,0 26,9 -13,3 11,2

Tavola C26C - Produzione di vino per marchio di qualità (ettolitri). Anno 2013 -
Vino Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale
Totale Sicilia 226009 4205522 1810015 6241546 38,1 38,9 38,0 38,6

Tavola C26C - Produzione di vino per marchio di qualità (ettolitri). Anno 2014 -
Vino Variazione percentuale rispetto all'anno precedente
D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale D.O.C. e D.O.C.G. I.G.T. Da tavola Totale
Totale Sicilia 444708 2236814 1142868 3824390 96,8 -46,8 -36,9 -38,7

35
4.4 Import-export

Una sezione particolare dell’analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export della filiera a livello nazionale8.

Le maggiori esportazioni di vino “Made in Italy” volano nel nuovo continente, regno
incontrastato della birra. Secondo le statistiche della Coldiretti l’Italia è il principale
fornitore di vino negli USA con un quantitativo di circa 2,4 milioni di ettolitri.
Il paese a stelle e strisce rappresenta un mercato florido, sono soprattutto i giovani e
in particolare le donne, circa il 60%, a consumare vino italiano. Il Prosecco riscuote
un grande successo bevuto come aperitivo ma particolarmente apprezzati sono anche
il Pinot Grigio, Barolo, Chianti, Brunello di Montalcino.
A suggellare l’esito positivo di questi numeri contribuisce sicuramente il brand
enogastronomico italiano legato a valori quali genuinità e raffinatezza.
Gli Stati Uniti mantengono alto il giro d'affari dell’export di vino italiano, ma quali
sono gli altri paesi nel mondo dove si beve vino tricolore?
Al secondo posto si piazza la Germania con un mercato stimato intorno al 14% del
totale con una piccola variazione in negativo del 4,37%. Un leggero calo dovuto alla
diminuzione di acquisto di vino sfuso. Segue il Regno Unito dove spopolano le
bollicine del Prosecco e si registra una forte crescita con una variazione positiva del
settore del 20,3%, che incide nel totale per una differenza del 5%.
Il Canada è il quarto paese importatore, il vino italiano in queste terre è
particolarmente gradito; tuttavia nel 2014 si evidenzia una flessione in negativo del
3,2%. In Cina il vino italiano segna un + 0,9% nonostante i nostri produttori siano
arrivati tardi sul mercato cinese. La causa? Un’inadeguata preparazione a collocare i
propri prodotti sul mercato. Il continente cinese è il principale consumatore di vino al
mondo, i vini vengono considerati un’alternativa più raffinata rispetto ai super
alcolici.
Sono particolarmente ricercati i nostri Barbaresco, Barolo, Chianti, Brunello di
Montalcino. Altri mercati di riferimento per l’export italiano sono: Svizzera,
Giappone - in cui il vino italiano è stato scelto dal 90% dei consumatori - e Russia
dove i vini italiani più amati sono quelli piemontesi e toscani. Il podio lo conquista il
Barolo piemontese.
Un’altra sorpresa: il vino italiano sembra stia entrando nelle abitudini alimentari dei
paesi del Nord Europa. La Danimarca risulta settima tra gli importatori di vino
italiano. Un dato importante: la popolazione danese è formata da soli 5 milioni di
abitanti.
La Danimarca è anche l’unico stato nordeuropeo a non avere il monopolio sul vino e
nonostante ciò preferisce di gran lunga il vino italiano a quello francese. È facile

8 Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

36
intuire che i mercati del Nord Europa hanno tutte le potenzialità per diventare un punto
di riferimento per i produttori italiani in un prossimo futuro.

Grafico 7 - Fonte: www.inumeridelvino.it (vis. il 7/3/17)

• Le importazioni di vino nel 2015 sono cresciute del 10% a 317 milioni di euro,
con un rallentamento nella seconda metà dell’anno, +4% rispetto al +13%
circa dei primi 6 mesi dell’anno.
• La categoria trainante è stata quella dei vini spumanti francesi, che sono poi il
principale prodotto importato. Le importazioni sono cresciute del 13% a 137
milioni di euro. Di questi 100 milioni sono stati importati nel secondo
semestre. Come vi dicevo praticamente tutto dalla Francia.
• Per quanto riguarda il vino sfuso, l’import è decelerato visibilmente nei
secondi sei mesi. L’anno chiude a +5.4%, 122 milioni di euro, ma nel secondo
semestre è calato del 6%. Abbiamo importato 2.4 milioni di ettolitri di vino,
+4.5% (1.1 milioni, -16% nel secondo semestre). Come da copione il nostro
principale fornitore è la Spagna con 55 milioni di euro (+9%), seguito dagli
USA a 40 milioni di euro, in calo del 9% presumibilmente per il problema del
rafforzamento del cambio. Il terzo fornitore diventa invece l’Australia con 15
milioni di euro di importazione (+62%), che scavalca la Francia calata del 26%
a 6 milioni di euro. Questi quattro mercati rappresentano 116 dei 122 milioni
di import totale. Se guardiamo invece i volumi, dei 2.4 milioni di import di
vino sfuso ben 1.65 milioni (a 0.34 euro al litro!) arrivano dalla Spagna, mentre

37
sia l’import americano che quello australiano sono realizzati a 0.9-1 euro al
litro.
• Chiudiamo con una menzione ai vini imbottigliati, che non sono una categoria
popolare. Importiamo soltanto 58 milioni di euro, meno della metà che per i
vini sfusi. Naturalmente la Francia è il principale mercato con 23 milioni di
euro, +5%. Ma a guidare la crescita della categoria (+11%) sono stati i prodotti
provenienti dalla Germania (9 milioni, +15%) e dalla Spagna (9 milioni,
+21%). Sempre molto esigue le importazioni dei vini dagli altri mercati del
nuovo mondo.

4.5 Conclusioni

La filiera vitivinicola rappresenta per quantità di prodotto, per qualità realizzata e per
reddito, una tra le più importanti filiere agricole siciliane.
Il vino siciliano è ormai considerato un Ambasciatore del Made in Sicily, esprimendo
tutte le migliori qualità dell’ambiente pedoclimatico siciliano e della laboriosità dei
suoi abitanti.
Negli ultimi anni il settore è cresciuto enormemente, con l’introduzione di cultivar
alloctone che, sposandosi con quelle autoctone, nel territorio siciliano hanno prodotto
vini di assoluta eccellenza, riconosciuti in ambito mondiale.
Anche la qualificazione dei produttori è cresciuta negli anni, anche grazie
all’istruzione scolastica e alla formazione accademica specialistica che in Sicilia vede
delle eccellenze di tutto rispetto.
L’aggregazione degli operatori all’interno della filiera va ancora sostenuto, non
avendo raggiunto sempre e ovunque risultati certi e duraturi.
Il marketing del vino di qualità sta facendo grossi progressi, grazie alla professionalità
di specialisti del settore.
La filiera si è allargata, negli ultimi anni, anche alla multifunzionalità, introducendo
elementi caratteristici di altri settori e realizzando connubi di grande successo. Si pensi
alle strade del vino, alle “cantine aperte” e più in generale al fenomeno
dell’enoturismo.
Una governance sempre più attenta del settore non potrà che produrre risultati di
grande prestigio a beneficio di tutta la Regione.

38
5. La filiera olivicola e olearia

5.1 Descrizione generale della filiera

La Filiera Olivicola e Olearia è una tra le più importanti filiere agricole in Italia.
Essa si declina nelle seguenti fasi:
- fase agricola di coltivazione delle olive;
- fase di produzione olio di oliva/olive da mensa;
- fase di gestione degli scarti e dei sottoprodotti;
- fase di trasporto e distribuzione commerciale;
- fase di commercio al dettaglio/consumo.

Al termine della fase di consumo e utilizzo, l’olio non va disperso nell’ambiente e


pertanto si può aggiungere alle precedenti anche una fase complementare data dalla
gestione degli olii esausti.

Secondo quanto riportato nelle Sacre Scritture, l'Ulivo era già presente agli albori
dell'umanità; infatti nel Vecchio Testamento l'ulivo è spesso menzionato. Dal
racconto riguardante il diluvio universale si riporta: "Attese altri sette giorni e di
nuovo fece uscire la colomba dall'arca e la colomba tornò a lui sul far della sera;
ecco, essa aveva nel becco un ramoscello di ulivo. Noè comprese che le acque si erano
ritirate dalla terra." (Genesi 8, 10-11). Forse anche per questo motivo l’ulivo divenne
simbolo della pace ed è tutt'oggi utilizzato liturgicamente anche la Domenica delle
Palme.
Nell’antichità l'ulivo era considerato un albero immortale. Questa associazione deriva
dal fatto che il legno dell'ulivo ha una particolare resistenza al decadimento organico.
La pianta inoltre, se il fusto centrale muore, sfrutta la sua grande capacità pollonifera
riproducendo un nuovo esemplare che nascerà dal "colletto" posto alla base del tronco.
La zona di origine dell'olivo va, con ogni probabilità, ricercata in Asia Minore.
I Fenici, preceduti da non ben definiti popoli di navigatori anatolici, introdussero la
coltura in Grecia (nel XVI secolo a.C.), in Italia e probabilmente nella Spagna e nella
Francia meridionali; ma furono i Greci che, intorno al IV secolo a.C., la
incrementarono nelle colonie della Magna Grecia (Calabria, Campania, Basilicata,
Puglia) e in Sicilia, diffondendola ulteriormente in tutte quelle regioni mediterranee
che avevano in loro il maggiore referente culturale.

39
Con l'avvento del dominio di Roma l'ulivo conosce uno dei suoi maggiori momenti di
gloria, estendendo il suo areale fino a raggiungere zone in cui, fino a quel momento
anche a causa del clima sfavorevole, la sua coltivazione era stata marginale o
inesistente. Non è noto il contesto in cui le popolazioni berbere dell'Africa
settentrionale hanno appreso l'arte di innestare gli olivastri, ma da fonti latine
sappiamo che essi la praticavano già quando i Romani conquistarono le loro terre. Nel
Nuovo Mondo, infine, gli ulivi sono stati introdotti subito dopo la scoperta alla fine
del XV secolo. Le prime piante d'ulivo arrivarono nelle Antille dal porto di Siviglia
dopo la scoperta del Nuovo Mondo e fin dal 1560 si osservano uliveti in Messico e
successivamente anche in Perù, in California, in Cile e in Argentina9.
L’olio extravergine di oliva (EVO) ha moltissime proprietà utili alla salute. L’olio di
oliva, a differenza da tutti gli altri oli che si ottengono da semi, è l’unico che si ottiene
dal frutto della pianta. Il grado di acidità degli olii EVO non deve essere superiore allo
0,8%. L’olio extravergine di oliva contiene il 99,9% di lipidi, vitamina E e vitamina
K. Contiene inoltre potassio, sodio, calcio, ferro e zinco. Altri costituenti sono: fenoli
semplice, flavoni, e flavonoli.
L’olio vanta diverse proprietà benefiche10:
-abbassa il colesterolo: i fitosteroli, un gruppo di steroli presenti nell’olio, riducono i
livelli di colesterolo nel sangue. Queste sostanze aiutano inoltre a prevenire la malattie
cardiache e l’ictus.
-pressione arteriosa: diminuisce di circa il 30% la possibilità di infarto cardiaco.
-antitumorale: esistono dati che mettono in relazione l’uso di olio extravergine di oliva
con una riduzione di alcuni tipi di tumore.
-diabete: una dieta ricca di questo prezioso liquido e in grado di ridurre il rischio di
diabete 2 di quasi il 50%.

9
Fonte: www.frantoionline.it (vis. il 7/3/17)
10
Fonte: www.laperanzana.org (vis. il 7/3/17)

40
Nel periodo 2005-2010, la produzione ed il consumo mondiale potevano essere così
riassunti11:

La situazione mondiale e comunitaria (Annuario dell’agricoltura italiana 2015-


CREA12)
Nella campagna 2014/2015, secondo i dati del Coi, la produzione mondiale di olio
d’oliva ha subìto una contrazione di quasi il 25%, attestandosi a 2,4 milioni di
tonnellate. Le previsioni per la campagna 2015/2016 riportano la produzione in
aumento e quasi pari a 3 milioni di tonnellate. In entrambi i casi, il segno
dell’andamento mondiale è determinato dalle dinamiche della produzione spagnola,
che nella campagna 2014/2015 si è più che dimezzata rispetto a quella precedente
portandosi poco sopra le 800.000 tonnellate, mentre nella successiva è stimata in
aumento (+54%) e pari a 1,3 milioni di tonnellate.
Nella campagna 2014/2015, il secondo produttore mondiale, a notevole distanza dalla
Spagna, è stata la Tunisia con 340.000 tonnellate, seguita dalla Grecia e, in quarta
posizione, dall’Italia. Per la campagna successiva (2015/2016), si stima la ripresa della
produzione italiana, che si riporta così al secondo posto, la stabilità della Grecia, che
scende in terza posizione, e il calo della Tunisia, che scivola al sesto posto dopo Siria
e Turchia.
Il consumo mondiale torna a calare riportandosi sotto i 3 milioni di tonnellate (-7,1%
rispetto alla campagna 2013/2014). A tale dinamica sono stati interessati tutti i
maggiori consumatori (Ue -11,5%, Usa -3,8%, Siria -26,1%) a eccezione della
Turchia, che ha fatto registrare un aumento del consumo del 40%. Per la campagna
2015/2016 il consumo mondiale è previsto in aumento (+4,6%) e pari a circa 3 milioni

11 https://it.wikipedia.org/wiki/Olio_di_oliva (vis. il 7/3/17)


12
www.crea.gov.it (vis. il 7/3/17)

41
di tonnellate, grazie al recupero dell’Ue (+5,4%), degli Usa (+6,2%) e della Siria
(+35%), nonostante la contrazione della Turchia (-15,3%).
Secondo il Coi, nel 2014/2015 il commercio mondiale è risultato in crescita (+14%
rispetto alla campagna precedente) portandosi poco sotto le 900.000 tonnellate. Tra
gli esportatori si evidenzia il netto calo dell’Ue (-16%), mentre la Tunisia fa registrare
incrementi superiori al 400%. L’area comunitaria (si ricorda che dal computo è
escluso il commercio intracomunitario) resta comunque il primo esportatore mondiale
con 504.000 tonnellate (56% del totale), seguita dalla Tunisia (303.000 tonnellate,
pari al 34%). In particolare, per quel che riguarda l’Ue, l’arretramento si deve tanto
alla Spagna (-22%), quanto all’Italia (-11%).
Per via della diversa intensità del calo, nella campagna in esame la quota dei due paesi
sul commercio extracomunitario è quasi equivalente, sebbene continui a prevalere la
Spagna (45% rispetto al 41% dell’Italia). Per quel che riguarda le importazioni,
invece, si registra un aumento degli acquisti extracomunitari dell’Ue, quasi
quadruplicati rispetto alla campagna 2014/2015 grazie al vertiginoso aumento delle
importazioni di Spagna (+600%) e Italia (+200% circa), e una leggera contrazione
degli acquisti degli Usa (-3%). Questi ultimi restano i principali importatori mondiali
(33%), seguiti dall’Ue (22%) e dal Brasile (7%).
Per la campagna 2015/2016 si prevede un’ulteriore flessione del commercio
mondiale13.

La situazione italiana
L'Italia, dopo la Spagna, è il secondo produttore al mondo di olio d’oliva, con una
produzione nazionale media di oltre 500.000 tonnellate, due terzi dei quali
extravergine e con ben 41 denominazioni DOP e una IGP riconosciute dall'Unione
europea. Le regioni che offrono la maggiore produzione di olive da mensa e di olio
extravergine di oliva sono quelle dell’Italia meridionale, con una percentuale di circa
79% dell’intera produzione italiana.

La situazione siciliana
La coltivazione dell’ulivo (Olea europea) occupa una superficie di circa 140.000
ettari, dei quali il 96% destinato a olive da olio mentre solo il 4% sono destinati alla
coltivazione di olive da mensa. Circa 16.000 ettari sono coltivati in biologico.
In Sicilia il valore della produzione di olio di oliva negli ultimi anni è pari a 160
milioni di euro. La produzione media di olive è di circa 350.000 tonnellate mentre per
quanto riguarda quella di olio raggiunge all’incirca le 50.000 tonnellate. Tutte le nove
province siciliane sono interessate alla coltivazione olivicola. In tutta la Sicilia sono
impegnate 140.000 aziende e 572 frantoi14. L’olivicoltura di qualità siciliana, oltre ad
avere ottenuto il marchio Sicilia I.G.P., annovera ben 6 D.O.P. che sono: Monte Etna,

13
www.antares.crea.gov.it (vis. 15/3/17)
14
http://www.agi.it (vis. Il 9/2/17)

42
Monti Iblei, Val di Mazara, Valdemone, Valle del Belice e Valli Trapanesi. Anche tra
le olive da mensa si annovera una D.O.P. la “Nocellara del Belice”.
Le cultivar principali allevate nell'isola sono: Biancolilla, Cerasuola, Moresca,
Nocellara del Belice, Nocellara Etnea, Oglialora Messinese, Santagatese e Tonda
Iblea.
L’olio prodotto sull’isola è destinato per il 15% all’autoconsumo, il 45% al mercato
regionale il 30% a quello nazionale e il 10% al export.
Attualmente la Sicilia è la terza regione maggiormente produttrice di olio in Italia e
ottava per quanto riguarda l’imbottigliamento del prodotto sfuso. Molte aziende,
grazie al PSR, hanno avviato un percorso di qualificazione e completamento di filiera,
realizzando anche piccoli laboratori di imbottigliamento. Questo conduce le aziende
non solo ad avere un marchio proprio ma a garantire una migliore tracciabilità.

5.2 Schema organizzazione filiera

Autoconsumo
Olivicoltori olive

Frantoi

Olio
extravergin Olio vergine Olio lampante Sanse Sansifici

Autoconsumo e Raffinerie
vendita diretta

Sfuso Importazioni

Imbottigliatori
Industria conserviera

Mercato Esportazioni

Dettaglio

tradizionale
e-commerce e altri
Ho.Re.Ca.
canali Dettaglio
D.M.

Consumatori finali

Figura 2 - Schema organizzazione della filiera

43
5.3 Analisi statica

La situazione in Italia
Nella tabella che segue sono riportati i numeri della filiera olivicola e olearia relativi
alle aziende, alla superficie, ai frantoi attivi, nonché alle imprese industriali e alle
produzioni del settore, tenendo conto dei dati degli anni 2013, 2014 e 2015;

44
Tradizionalmente e per motivi pedoclimatici, la coltivazione dell’olivo avviene
prevalentemente nel Sud, con la Puglia che da sola copre il 33% della produzione
nazionale. Nel Centro e in qualche regione del Nord la produzione, bassa in termini
quantitativi, assume un ruolo molto importante nel panorama produttivo locale e con
un gradimento molto elevato da parte dei mercati, presso ai quali spunta generalmente
prezzi nettamente superiori.

Degli oltre 4.900 frantoi 910 sono dislocati in Puglia. Segue la Calabria con 817.
L’estrema frammentarietà della produzione italiana emerge anche dal numero di
frantoi: quasi 5.000 contro i 1600/1700 della spagna. Il 70% dei frantoi italiani
molisce meno di 5000 quintali di olive.

Il gran numero di frantoi se da un lato aumenta i costi del sistema, dall’altro potrebbe
rappresentare garanzie di qualità. La prossimità del frantoio al luogo di produzione
assicura la molitura entro le 24 ore, requisito essenziale per la qualità.

45
15

Tra settembre 2013 e settembre 2014, nella Gdo (Grande Distribuzione) sono stati
venduti 153.000.000 di litri di olio extravergine, per un corrispondente valore di 623
milioni di euro. Il 65% di tali volumi è stato venduto in promozione.
Tale situazione è
riscontrabile anche per
il 100% italiano, per il
quale sono stati
venduti 27.000.000 di
litri per un
corrispondente valore
di 13 milioni di euro. Il
49% di tali volumi,
anche in questo caso, è
stato venduto in
promozione. Per gli oli bio e per i Dop-Igp la situazione non cambia. Queste due
tipologie di olio hanno un peso notevolmente basso rispetto ai volumi venduti, pur
essendo i prodotti con maggiori connotazioni qualitative. Per il bio, sempre con
riferimento allo stesso arco temporale, sono stati venduti 2.000.000 di litri per un
corrispondente valore di 17 milioni di euro. I volumi venduti in promozione
ammontano al 48%.
Per gli oli a denominazione di origine si registrano 2.800.000 di litri venduti per un
valore di 30 milioni di euro, il 51% dei volumi sono sati venduti in promozione.16

15
Fonte: ISMEA
16
https://agriregionieuropa.univpm.it/it/content/article/31/39/la-qualita-delle-produzioni-olivicole-e-
olearie (Vis. il 06/06/2017)

46
Il problema di fondo dell’olivicoltura nazionale è la scarsa redditività, specie nella
fase agricola. Infatti, per ogni 100 euro spesi dal consumatore nella vendita del
dettaglio, 49 euro sono destinati alla fase agricola che però ne utilizza 47 per coprire
i costi. Tuttavia, l’analisi della catena del valore rivela che anche le altre due fasi
prima della distribuzione, frantoio e imbottigliamento (che in molti casi coincidono
nella stessa azienda) risultano avare margini limitati17. Il problema, quindi, più che la
ripartizione del valore lungo la filiera è aumentare il valore da ripartire nella filiera.

Aggiornamenti (Annuario dell’agricoltura italiana 2015 – CREA)


Nel 2015 (campagna 2015/2016) l’Istat ha stimato una superficie investita a olivo
pari a oltre 1,1 milioni di ettari, sostanzialmente stabile (+0,7%) rispetto all’anno
precedente. Le maggiori aree produttive del paese hanno fatto registrare variazioni
non particolarmente elevate, ma di segno opposto. Secondo le stime dell’Istat, la
produzione oleicola nazionale ha superato le 500.000 tonnellate, con un incremento
del 70% rispetto ai disastrosi livelli della campagna precedente.
Tale dato produttivo, tuttavia, differisce da quello pubblicato da ISMEA18 che pone
la produzione nazionale nella campagna 2015/2016 pari a 474.620 tonnellate, un
valore che corrisponde a più del doppio di quello rilevato dalla stessa fonte nella
campagna 2014/2015 (222.000 tonnellate). In generale, emerge una discordanza tra i
dati riportati da Istat e da Ismea. Un possibile motivo di questa discordanza è legato
al fatto che, mentre il dato pubblicato dall’Istat si basa su delle stime, quello
pubblicato da Ismea deriva da una elaborazione di dati amministrativi, cioè le
informazioni contenute nei registri di carico/scarico tenuti da Agea. Tali registri sono

17
www.newspapergame.lagazzettadelmezzogiorno.it (vis. il 15/3/17)
18
Con d.m. 2565 del 17 aprile 2014, Ismea è stata incaricata di elaborare le informazioni detenute da
Agea per arrivare a determinare la produzione nazionale di olio d’oliva. Tale dato viene poi trasmesso
dal Mipaaf alle istituzioni competenti (Commissione europea e Coi) per alimentare le statistiche
ufficiali.

47
stati istituiti in ottemperanza al reg. (Ue) 299/2013 che obbliga tutti coloro che
detengono olio d’oliva e olio di sansa, sia per fini commerciali che da utilizzare per
successiva lavorazione, a tenere dei registri di entrata e di uscita per ogni categoria
di questi oli.

Tab. 26.5 - Superficie olivicola e produzione di olive e di olio in Italia

(superficie in migliaia di ettari, produzione in migliaia di tonnellate)


Olive destinate
Superficie in Produzione Resa (t/ha)1 al consumo Olio di pressione
produzione raccolta diretto all'oleificazione prodotto

2014
Nord-ovest 17,9 13,2 0,9 0,8 12,4 1,7
Nord-est 8,5 17,9 2,1 0,0 17,9 2,2
Centro 201,3 147,0 1,1 1,9 145,1 19,6
Sud 898,9 1.735,6 2,1 57,3 1.678,3 271,4
Italia 1.126,6 1.913,7 1,9 60,1 1.853,7 294,9

2015
Nord-ovest 19,0 45,4 2,7 5,9 45,7 8,0
Nord-est 8,8 27,1 3,1 - 27,8 3,6
Centro 197,0 338,2 1,8 6,3 357,1 48,7
Sud 909,2 2.756,0 3,1 88,7 2.739,3 442,6
Italia 1.134,1 3.166,7 2,9 100,8 3.169,8 502,9

Var. % 2015/14
Nord-ovest 6,5 244,6 187,6 643,4 268,4 363,9
Nord-est 3,5 51,0 46,9 -100,0 55,3 68,5
Centro -2,1 130,0 67,4 225,8 146,1 148,0
Sud 1,1 58,8 46,9 54,7 63,2 63,1
Italia 0,7 65,5 50,4 67,8 71,0 70,5

1
La resa è calcolata sulla produzione totale.
Fonte: antares.crea.gov.it vis. il 22/3/17. elaborazioni su dati ISTAT.

Complessivamente, nella campagna 2015/2016 hanno operato sul territorio nazionale


4.950 frantoi, per un totale di olive molite pari a 3,2 milioni di tonnellate.
La maggior parte dei frantoi attivi ha operato in Puglia (18,5%), Calabria (16,7%) e
Sicilia (12,1%). La Puglia ha molito poco meno del 50% delle olive destinate alla
oleificazione, con una quantità trasformata pari a poco più di 1.700 tonnellate a
frantoio. Si tratta di un dato notevolmente superiore a quello fatto registrare dalla
Calabria (poco meno di 520 tonnellate a frantoio) e dalla Sicilia (618 tonnellate a
frantoio). Grazie a una resa di olive in olio superiore al dato medio nazionale, la
Puglia ha prodotto nella campagna poco più della metà dell’olio nazionale (51%),
seguita da Calabria (14%) e Sicilia (11%) (Ismea).

48
Il valore della produzione nazionale di olio, nel 2015, è stato di 1.888 milioni di euro,
quasi doppio rispetto al 2014 (+91,4%), rappresentando il 3,5% della produzione
agricola nazionale. L’eccezionale incremento dell’ultimo anno è da attribuire alla
crescita dell’offerta e al contestuale aumento di prezzi.
Nel 2015, a causa della scarsità di offerta che ha interessato la campagna 2014/2015,
il prezzo dell’olio extravergine di oliva è aumentato di circa il 38% rispetto al dato
medio dell’anno precedente, raggiungendo 5,34 euro/Kg.
Il massimo di 6 euro/Kg è stato toccato a febbraio e marzo 2015, una quotazione
quasi doppia rispetto a quella raggiunta negli stessi mesi dell’anno precedente. A
partire da marzo, tuttavia, i prezzi hanno iniziato a calare toccando il minimo di 3,66
euro/Kg a dicembre quando, con l’avvio della campagna 2015/2016, è stato evidente
il buon andamento produttivo. Prezzi più stabili si rilevano per l’olio vergine (+35%
rispetto al dato medio del 2014), anche se proprio sul finale d’anno le quotazioni si
sono portate al di sotto dei 3 euro/Kg. In crescita è anche la quotazione media annua
del vergine lampante (+40%).

Tab. 26.6 - Prezzi all'origine medi mensili dell'olio d'oliva per tipologia di prodotto in Italia

(euro/kg)
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Media annua

Olio extravergine d'oliva


2014 3,00 3,13 3,23 3,32 3,49 3,61 3,70 3,90 4,01 4,14 5,67 5,57 3,88
2015 5,87 6,01 6,00 5,92 5,85 5,71 5,48 5,53 5,38 4,83 3,84 3,66 5,34
Olio d'oliva vergine
2014 2,27 2,33 2,36 2,37 2,36 2,39 2,42 2,44 2,54 2,67 3,49 3,39 2,58
2015 3,52 3,78 3,73 3,71 3,49 3,49 3,49 3,58 3,63 3,53 2,98 2,82 3,47
Olio d'oliva vergine lampante
2014 1,76 1,72 1,62 1,59 1,54 1,62 1,81 1,94 2,14 2,08 2,21 2,22 1,85
2015 2,24 2,33 2,33 2,37 2,60 2,64 2,85 3,17 3,24 2,87 2,50 2,28 2,59

Fonte: ISMEA, Datima.

Ci si riferisce alla produzione oleicola contabilizzata nella branca agricoltura, perché


ottenuta dalla trasformazione delle olive in impianti propri. È esclusa, quindi, la
produzione di olio derivante dalle olive vendute alle cooperative o all’industria, che
afferisce alla branca industria. In questa ottica vanno valutati gli scostamenti che
alcune regioni presentano tra il peso che assumono sulla produzione in quantità e
quello che registrano sul valore della produzione.
Il rialzo dei prezzi ha riguardato anche gli oli di qualità certificata. L’olio extravergine
prodotto con il metodo dell’agricoltura biologica ha fatto registrare una quotazione
media annua di 6 euro/Kg rispetto ai 4,79 euro/Kg del 2014. In media, tuttavia, si è
ridotto il differenziale di prezzo rispetto all’olio convenzionale, anche se in maniera
non uniforme lungo tutto l’arco dell’anno. L’olivicoltura condotta con il metodo della
produzione biologica nel 2015 è tornata nuovamente a crescere (+6% circa)
raggiungendo quasi 180.000 ettari, dei quali poco più di 45.000 in conversione
(Sinab).

49
Risultati positivi si registrano anche per tutti i più importanti oli di origine certificata,
con incrementi di prezzo che spaziano da +5% dell’Igp Toscano a +108% della Dop
Garda, che ha così raggiunto la quotazione record di circa 20 euro/Kg in media annua.
Resta piuttosto ampia la forchetta di prezzo entro cui si collocano gli oli con
indicazione di origine, che spaziano da poco più di 5 euro/Kg delle Dop Terre di Bari
e Dauno ai 20 euro/Kg delle Dop Garda, Veneto e Brisighella (Ismea).
Sebbene riferito al 2014, è interessante il quadro che emerge entrando nel dettaglio
delle produzioni con indicazione di origine. Nell’anno in questione, infatti, la
produzione di olio extravergine Dop e Igp è diminuita del 14,1% rispetto al 2013,
attestandosi a 9.681 tonnellate. Nell’anno, è diminuito anche il valore della
produzione (-9,3%), che si è portato su 56 milioni di euro rappresentando meno
dell’1% del valore dei prodotti alimentari certificati (Qualivita-Ismea). La superficie
olivicola certificata si è attestata su poco più di 106.000 ettari, in calo dell’1,8%
rispetto al 2013, così come in calo risultano anche i produttori certificati (Istat). Le
esportazioni di olio Dop/Igp hanno riguardato poco più di 5.000 tonnellate, per un
valore di 40,1 milioni di euro. Circa il 33% della produzione certificata si deve alla
Dop Terre di Bari (+0,7% rispetto al 2013), che recupera la prima posizione grazie al
calo fatto registrare dall’Igp Toscano (-34%), passato al secondo posto con una quota
del 24,5%. Tra le prime dieci referenze si notano andamenti piuttosto diversificati:
risultano infatti in crescita le quantità certificate delle Dop Val di Mazara (+8,9%),
che grazie al continuo consolidamento della produzione balza al terzo posto con una
quota del 10% circa, Riviera Ligure, Garda, Monti Iblei e Sardegna; diminuisce
invece la produzione certificata nel caso delle Dop Umbria, Brutio e Valli Trapanesi.
In termini di valore della produzione, nonostante il forte arretramento rispetto al 2013
(-31,7%), l’Igp Toscano risulta il più importante olio certificato, seguito dalla Dop
Terre di Bari che, anche grazie all’aumento dei prezzi, ha accresciuto il valore della
propria produzione del 28% mantenendo la seconda posizione con una quota di poco
meno del 22%. Queste due referenze contano, inoltre, per il 76% del valore delle
esportazioni di olio certificato e per il 79% delle quantità (Qualivita-Ismea).

5.4 Analisi dinamica

La produzione italiana è pari ad un terzo di quella spagnola, che si attesta mediamente


a 1,2 milioni di tonnellate. Al di là del lato congiunturale del 2014 legato ad una
concatenazione di eventi particolarmente sfavorevoli che ha messo a nudo tutte le
criticità del settore oleicolo nazionale, c’è da mettere in evidenza che, a parità di
superficie olivicola, l’Italia negli ultimi anni ha perso molta produzione per il
fenomeno legato alla non raccolta. I costi di conduzione degli oliveti, soprattutto nella
fase di raccolta, unitamente ai prezzi di mercato considerati non remunerativi e al

50
disaccoppiamento della PAC hanno indotto molti operatori all’abbandono della
produzione.
Questo fenomeno ha ridotto le disponibilità di olio italiano rendendo il settore ancora
più dipendente dall’estero.

Archiviata una delle peggiori annate della storia per l’olivicoltura italiana (2014), quella
del 2015/16 si preannuncia una campagna decisamente migliore. Da una primissima
ricognizione Ismea, si evince un forte incremento produttivo per l’Oliveto Italia che dalle
222 mila tonnellate della scorsa campagna (preconsuntivo Ismea su dati Agea) potrebbe
arrivare quest’anno a una produzione superiore a 350 mila. Si avrebbe così un recupero
di quasi il 60%, che manterrebbe comunque la produzione sotto i livelli del 2013, quando
si erano ottenute 460 mila tonnellate di oli di oliva.
In generale, non si segnalano problemi fitosanitari, dopo i pesanti attacchi di mosca
olearia della scorsa annata. Una condizione, dunque, ottimale sia in relazione alle rese in
olio sia alla qualità del prodotto finale.

Il 59% dell’olio di oliva (produzione interna più import) è destinato al consumo


interno, il 37% è esportato.

51
In Italia anche il consumo di olio d’ oliva, come la produzione, sta scendendo in
termini pro-capite. Da stime ISMEA, il consumo di olio extravergine è di oltre l’80%
all’interno delle mura domestiche. L’olio destinato dalle aziende direttamente agli
acquisti dei privati è in media il 25% dell’intera produzione. Gli ultimi anni sta
diminuendo il fenomeno dell’approvvigionamento che veniva fatto direttamente ai
frantoi nei primi mesi di campagna e che sarebbe servito alle famiglie durante tutto
l’anno.19

19
Fonte - ISMEA

52
Figura 3 Dinamica dei prezzi dell’olio extravergine di oliva da gennaio 2010 a gennaio 2016 (fonte: Ismea)
5.5 Import-export

Una sezione particolare dell’Analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export della filiera a livello nazionale e internazionale.

Figura 4 I principali player dell’olivicoltura mondiale (fonte Ismea.it vis. il 7/2/17)

53
La produzione dell’ulivo è concentrata nel bacino Mediterraneo, ed in particolare in
Spagna ed Italia, paesi che rappresentano anche la quasi totalità delle esportazioni
mondiali (60% Spagna, 20% Italia).
La produzione Italiana copre mediamente il 15% di quella mondiale, mentre la
Spagna ha una quota di oltre il 40%.
Dopo un 2014 segnato da una produzione mondiale particolarmente bassa dovuta ad
una contemporanea flessione produttiva sia in Italia che in Spagna, per il 2015 si
stima un ritorno sui 3 milioni di tonnellate.

54
55
56
57
Aggiornamenti (Annuario dell’agricoltura italiana 2015 – CREA)
Nella campagna 2014/2015, Usa (35%), Brasile (10%), Giappone (9%) e Cina (6%)
sono stati i principali mercati di sbocco delle esportazioni comunitarie, mentre il
principale fornitore dell’Ue è stata la Tunisia (84%), seguita dal Marocco (11%) (Dg-
Agri).
La scarsità di offerta sul mercato comunitario ha spinto al rialzo i prezzi di tutte le
tipologie di olio su tutte le principali piazze europee. Sul mercato di Bari, l’olio
extravergine d’oliva ha iniziato la campagna 2014/2015 con una quotazione di 4
euro/Kg per toccare il picco dei 6 euro/Kg nel febbraio 2015 e poi iniziare a scendere
e chiudere la campagna (nel mese di ottobre) a 5,40 euro/Kg. In questa campagna i
prezzi della piazza di Bari sono stati significativamente più elevati di quelli registrati
sulle altre due più importanti piazze europee (Jaén e Creta). Tale margine si è però
ridotto nella campagna 2015/2016 quando i prezzi di Bari hanno continuato il trend
declinante, fino a toccare la quotazione minima a dicembre 2015 con 3,44 euro/Kg,
per poi tornare a salire, pur mantenendosi sempre al di sotto dei 4 euro/Kg (Dg-Agri).
Sul fronte legislativo si segnala la pubblicazione di due regolamenti, il reg. (Ue)
2016/580 e il reg. (Ue) 2016/605, con i quali si istituisce e si disciplina un contingente
temporaneo supplementare a dazio zero di 35.000 tonnellate di olio d’oliva
(lampante, vergine ed extravergine) proveniente dalla Tunisia per gli anni 2016 e
2017. Questo quantitativo integra il contingente annuale di 57.000 tonnellate previsto
dal reg. (Ce) 1918/2006 in attuazione dell’accordo euro mediterraneo di associazione
tra l’Ue e la Tunisia. Dall’inizio del 2016 e fino al 6 settembre dello stesso anno si
rileva la totale allocazione della quota di 56.700 tonnellate e la parziale allocazione
della seconda quota (poco più di 9.000 tonnellate, pari al 27% delle disponibilità).
Occorre tuttavia precisare che l’allocazione delle quote può anche non tradursi in una
effettiva importazione, in quanto gli importatori hanno a disposizione un arco
temporale durante il quale poter utilizzare i titoli di importazione. Al 6 settembre
2016 il quantitativo effettivamente importato entro le quote era pari a poco più di
30.000 tonnellate (il 46,4% di quanto allocato). Nel 2016, l’andamento complessivo
delle importazioni dalla Tunisia (in quota e fuori quota) non presenta un andamento
anomalo rispetto alle campagne immediatamente precedenti, in quanto le
importazioni dai paesi del bacino del Mediterraneo, Tunisia in testa, sono influenzate
più dall’andamento produttivo dei paesi importatori (Spagna e Italia) e di quelli
esportatori che da decisioni di politiche commerciali. Infatti, grazie al Traffico di
perfezionamento attivo (Tpa) – il regime tariffario in base al quale un prodotto può
entrare nell’Ue a dazio zero purché, dopo una lavorazione, venga riesportato uno
stesso quantitativo di prodotto – il mercato dell’olio d’oliva comunitario è di fatto già
liberalizzato. Di conseguenza, come atteso, l’aumento delle quote ha avuto come
effetto una modifica del canale d’accesso all’Ue, con un minore ricorso al Tpa e un
maggior ricorso alle quote, ma non ha influito sui quantitativi scambiati.
Nel 2015 si registra una consistente contrazione delle quantità di olio d’oliva
scambiate sul mercato estero, che ha riguardato in eguale misura tanto le importazioni

58
che le esportazioni. Le prime si sono ridotte del 12,7% interessando tutte le tipologie
di olio, a eccezione dell’olio di sansa greggio. L’olio vergine resta il prodotto
maggiormente importato con una quota in aumento e pari al 77%. Anche le
esportazioni sono diminuite del 12%, per effetto di un calo che ha interessato tutte le
tipologie, a eccezione dell’olio di sansa greggio. L’olio vergine si conferma come il
prodotto maggiormente esportato, con una quota del 70%. Il consistente aumento
delle quotazioni ha più che bilanciato la riduzione delle quantità scambiate, così che
il valore degli scambi è aumentato rispetto al 2014. Le importazioni in valore,
pertanto, sono aumentate del 22,6%, portandosi a 1,851 miliardi di euro, mentre le
esportazioni sono cresciute dell’11,4%, portandosi a 1,527 miliardi di euro. Il saldo
commerciale è quindi peggiorato facendo segnare un disavanzo di 324 milioni di
euro.

Tab. 26.7 - Tipi di olio di oliva importato ed esportato in Italia

(tonnellate)
Quantità % sul totale
2014 2015 var. % 2014 2015

Importato

Oliva vergine 497.982 448.010 -10,0 74,8 77,1


Oliva lampante 72.134 58.952 -18,3 10,8 10,1
Oliva raffinato 58.967 42.545 -27,8 8,9 7,3
Sansa greggio 15.044 15.159 0,8 2,3 2,6
Sansa raffinato 21.987 16.699 -24,1 3,3 2,9
Totale 666.114 581.365 -12,7 100,0 100,0

Esportato
Oliva vergine 289.389 252.341 -12,8 70,5 69,8
Oliva lampante 10.528 7.336 -30,3 2,6 2,0
Oliva raffinato 76.877 61.446 -20,1 18,7 17,0
Sansa greggio 634 9.848 1.453,3 0,2 2,7
Sansa raffinato 33.226 30.318 -8,8 8,1 8,4
Totale 410.654 361.289 -12,0 100,0 100,0

Fonte: elaborazioni su dati Assitol.

A tale peggioramento ha contribuito soprattutto l’olio vergine ed extravergine che


rappresenta il 3,2% delle complessive esportazioni agro-alimentari italiane e il 3,6%
delle importazioni, il cui deficit si è portato oltre 340 milioni di euro. Tale risultato è
il frutto di un aumento del valore delle importazioni (+26%) superiore alla crescita
delle esportazioni (+12,5%). In entrambi i casi ha giocato positivamente l’aumento
dei prezzi a fronte di quantità scambiate in diminuzione.

59
Il principale fornitore resta la Spagna con una quota del 51%, anche se in netta
diminuzione rispetto al 2014, seguita da Grecia (30,3%) e Tunisia (13,4%), entrambe
in crescita per effetto congiunto dell’incremento di prezzi e quantità. Le nostre
esportazioni di olio vergine ed extravergine sono molto meno concentrate. Gli Usa si
confermano il nostro principale mercato di sbocco con una quota di circa il 30%,
seguiti da Germania (16,1%) e Francia (9,9%). Nell’anno è cresciuto il disavanzo
anche per l’olio lampante, mentre l’insieme degli oli raffinati e di sansa ha fatto
registrare un incremento dell’avanzo di bilancio.
Nell’anno, non si segnalano interventi normativi nazionali di rilievo, fatta eccezione
per tutti gli adempimenti relativi alla gestione della questione della Xylella. Su questo
fronte l’Italia è stata destinataria di due lettere di costituzione in mora da parte della
Commissione europea. La prima, a dicembre 2015, si basa sugli esiti dell’ispezione
condotta in novembre dall’Ufficio alimentare e veterinario europeo che ha rilevato
un insufficiente monitoraggio delle aree a rischio e la parziale applicazione della
decisione Ue 2015/789 riguardo alle misure di abbattimento delle piante infette e di
quelle ospiti [Dg(Sante) 2015-7580 – Mr]. La seconda è una lettera complementare
alla prima, inviata a luglio 2016 a seguito della modifica della decisione 2015/789 ad
opera della decisione (Ue) 2016/764 che estende la zona infetta ad alcuni comuni
delle province di Brindisi e Taranto e allenta alcuni vincoli in termini di trasferimento
di piante e misure di contenimento ed eradicazione. Alla base della contestata scarsa
operatività dell’azione italiana c’è l’opposizione di olivicoltori e ambientalisti
all’abbattimento degli alberi previsto dal piano Stiletti (in ottemperanza alla
decisione Ue) rispetto al quale il Tar del Lazio ha chiesto parere di conformità ai
princìpi comunitari alla Corte di giustizia europea e che ha fatto scattare i sequestri
cautelativi predisposti dalla procura di Lecce. La Corte di giustizia, sulla base dei
pareri espressi dall’Efsa il 6 gennaio 2015, ha stabilito, con sentenza emanata il 9
giugno 2016, che l’abbattimento degli ulivi, anche se non infetti, posti a 100 metri di
distanza da alberi infetti non contrasta con i princìpi comunitari di precauzione,
proporzionalità e adeguatezza, confermando, dunque, la legittimità delle misure
previste nel piano. Tuttavia, la stessa Corte ha sottolineato la possibilità di introdurre
misure meno gravose alla luce di nuove evidenze scientifiche.
Infine, vale la pena segnalare la firma, avvenuta nel novembre 2015, di un accordo
quadro tra gli attori della filiera, volto a valorizzare la produzione italiana di oli
extravergine di qualità elevata. L’accordo, di validità triennale a partire dalla
campagna 2015/2016, sancisce il pagamento di una maggiorazione di prezzo di 0,40
euro/Kg per l’olio extravergine con specifiche caratteristiche qualitative, tra le quali
un’acidità non superiore a 0,4%. La maggiorazione è riconosciuta rispetto alla
quotazione sul mercato di Bari.

60
5.6 Conclusioni

Il settore olivicolo/oleicolo siciliano rappresenta ancora uno dei principali comparti


dell’economia isolana. Vaste aree della Sicilia risultano tutt’ora coltivate, conferendo
al paesaggio un carattere di tipicità unico nel suo genere. La coltura dell’olivo, per
tale motivo, è protetta dal Regolamento di polizia forestale e l’estirpazione degli ulivi
è soggetta ad autorizzazione da parte dei competenti organi regionali. Oltre
all’aspetto paesaggistico, la coltura rappresenta, per le famiglie degli agricoltori, una
presenza imprescindibile, per via della produzione di olio per autoconsumo che ne
ricavano.
Gli aspetti economici legati alla coltivazione dell’olivo restituiscono tuttavia una
situazione problematica, a causa degli elevati costi di produzione dovuti alle
condizioni orografiche dei suoli e della difficoltà nel procedere alla meccanizzazione
delle operazioni colturali.
La estrema frammentazione delle superfici coltivate e la insufficiente aggregazione
all’interno della filiera completano il quadro, determinando una bassa redditività del
comparto.
Le leve sulle quali agire per restituire all’olivicoltura siciliana l’importanza che
merita sono:
- Valorizzazione delle produzioni a marchio comunitario sui mercati
internazionali
- Completamento della filiera, aumentando la quota di prodotto attualmente
sfuso da avviare all’imbottigliamento e all’etichettatura
- Riduzione dei costi di produzione attraverso l’uso di tecnologie innovative
per la raccolta
- Aggregazione orizzontale e verticale per favorire processi di concentrazione
dell’offerta sui mercati.

61
6. La filiera agrumicola

6.1 Descrizione generale della filiera

La filiera agrumicola siciliana rappresenta uno dei settori più importanti


dell'economia agricola isolana. Gli agrumi comprendono un importante gruppo di
piante, che appartengono alla famiglia delle Rutacee. I loro frutti, molto ricchi di
vitamina C, si consumano sia allo stato fresco che trasformati in succhi, spicchi,
conserve, gelatine e marmellate; dagli agrumi si ottengono anche sottoprodotti per
usi cosmetici, medicinali, zootecnici e, di recente, anche tessili.
Le caratteristiche organolettiche degli agrumi, li rendono un alimento utilissimo per
conservare la salute umana: recenti studi medici hanno dimostrato che il loro alto
contenuto di vitamina C, sostanza mantenuta grazie al grado di acidità tipico del
frutto, contribuisce all'attività surrenale, aiuta a prevenire l'infarto del miocardio ed
il tumore allo stomaco e contribuisce a ridurre i danni del fumo.
La situazione mondiale e comunitaria20
La produzione mondiale di agrumi nel 2015 si è mantenuta sugli stessi livelli
dell’anno precedente (91 milioni di tonnellate) e ha consolidato la posizione della
Cina quale primo produttore, con oltre 30 milioni di tonnellate (Usda – Foreign
Agricultural Service).
La produzione globale di arance, leggermente inferiore a quella del 2014 (-6%), si è
attestata su 48,8 milioni di tonnellate. Il Brasile, pur con una tendenza al ribasso, resta
il primo produttore di arance fresche, con 16,7 milioni di tonnellate. Tale produzione
è principalmente destinata all’industria (poco meno del 69%) e trasformata in circa
un milione di tonnellate di succo, quasi interamente commercializzato all’estero
(97%), soprattutto in Europa e negli Usa. Il 78% del succo di arancia presente sui
mercati internazionali nel 2015 è di origine brasiliana.
I maggiori esportatori di arance fresche sono Egitto e Sudafrica che, assieme,
detengono il 58% del commercio mondiale.
Il maggiore importatore si conferma l’Ue (926.000 tonnellate), seguita dall’Arabia
Saudita (510.000 tonnellate) e dalla Russia (440.000).

20
Annuario dell’agricoltura italiana 2015 – CREA

62
I limoni e i lime hanno registrato un incremento del 17,5%, sostanzialmente
imputabile al recupero della produzione argentina che, dopo la forte contrazione del
2014 (-42%) provocata dalle gelate primaverili, ha ripreso il normale andamento. I
paesi più dinamici, dal punto di vista commerciale, sono stati Messico e Turchia che,
insieme, hanno fornito il 60% del prodotto mondiale con volumi pari,
rispettivamente, a 610.000 e 433.000 tonnellate.

I piccoli frutti hanno aumentato la produzione del 7% portandosi su 28,6 milioni di


tonnellate, il 68% dei quali realizzato in Cina. Sul mercato internazionale è stata
scambiata in prevalenza merce di provenienza cinese (31,5%) e turca (26,1%).
La produzione di pompelmi non ha subìto variazioni rispetto al 2014 (6 milioni di
tonnellate) ed è stata ottenuta per oltre il 64% in Cina. In questo paese il trend è in
continua crescita, al contrario di quanto sta avvenendo negli Usa dove, a causa del
Citrus Greening (Huanglongbing-Hlb), si assiste a un progressivo ridimensionamento
della produzione, soprattutto in Florida.

La produzione comunitaria di agrumi, in linea con quella della passata stagione, si è


attestata su 11 milioni di tonnellate. All’interno dell’Ue, la Spagna continua a
primeggiare fornendo il 58% delle arance (contro il 23% dell’Italia), il 69% delle
clementine e mandarino-simili (contro il 25% dell’Italia) e il 68% dei limoni (contro
il 27% dell’Italia). Il paese iberico è anche leader nel commercio, esportando 4,1
milioni di tonnellate di agrumi (Comité de Gestión de Citricos), prevalentemente
circolanti sul mercato europeo.

La situazione italiana (Annuario dell’agricoltura italiana 2015 – CREA)


A livello nazionale, la produzione raccolta supera i 3 milioni di tonnellate.
La superficie in produzione si attesta su 141.096 ettari.

L’incidenza del settore agrumi sull’agricoltura e sull’industria (2013) è la seguente:

FASE AGRICOLA: valore ai prezzi di base 1.190 milioni di euro

63
Grafico 8 la rilevazione nel settore fase agricola (Fonte: www.ismea.it vis. il 06/03/2017)

FASE DI TRASFORMAZIONE: fatturato (frutta e agrumi) 1.136 milioni di euro

Si
Grafico 9 la rilevazione nel settore, fase di trasformazione (Fonte: www.ismea.it visitato il 06/03/2017)
riportano di seguito le caratteristiche tipologiche degli agrumeti italiani

64
Tabella 3: i sistemi aziendali di riferimento; principali indici tecnici di identificazione (www.ismea.it
visitato il 07/03/2017)

65
I numeri della filiera, nel periodo 2011-2013 sono i seguenti:

66
La localizzazione della produzione
I dati del Censimento dell’agricoltura del 2010 indicavano:
- 79.590 aziende agrumicole
- 128.920 ettari investiti a specie agrumicole
- La dimensione media aziendale pari ad 1,62 ettari

21
Grafico 10: la localizzazione della produzione

21
Ibidem 08/03/2017

67
Grafico 11 numero di aziende e superficie ad agrumi per classe di ampiezza (www.ismea.it visitato l’08/03/2017)

Più in particolare:
Censimento agricolo 2010 STIMA ISMEA
(128.921 ettari) (121.721 ettari)

Sicilia 55% Sicilia 58%


Calabria 28% Calabria 27%
Puglia 7% Puglia 7%
Basilicata 5% Basilicata 5%
Sardegna 3% Sardegna 2%
Altre regioni 2% Altre regioni 1%
Tabella 4 superfici ad agrumi in Italia per regione (www.ismea.it vis. il 22/02/2017)

La suddivisione della superficie agrumetata italiana per specie è la seguente:

- Arancio 60%
- Clementino e simili 17%
- Limone 17%
- Mandarino 5%
- Altri agrumi 1%

Più in particolare:

68
ITALIA CENSIMENTO 2010 STIMA ISMEA
Arancio 79.551 72.598
Clementino 20.916 20.883
Limone 15.429 20.470
Mandarino 8.481 6.437
Altri agrumi 4.548 1.334
AGRUMI 128.921 121.721
Tabella 5 - superfici ad agrumi in Italia per specie (www.ismea.it vis. il 22/02/2017)

L’agrumeto in Sicilia ha una storia importante. I primi a realizzare degli agrumeti in


modo razionale nell'isola furono gli Arabi ai quali si deve l’introduzione dell’arancio
amaro.
Successivamente, furono introdotte diverse specie e, per ognuna di esse, si coltivano
in Sicilia numerose varietà, distinte per epoca di maturazione ed esigenze
pedoclimatiche.
Tra di esse si annoverano:
Arancio
Varietà: Moro, Navel, Sanguinello, Tarocco comune, Tarocco gallo, Tarocco
nucellare, Washington navel, Ovale, Valencia

Clementine
Varietà: Comune apirene, Hernandina, Spinoso, Caffin

Limoni
Varietà: Femminello, Interdonato
Tale specie produce diverse tipologie di frutto durante l’annata agraria, come: Primo
fiore, Verdello e Bianchetto.

Mandarini
Varietà: Avana, Tardivo di Ciaculli

La qualità degli agrumi siciliani è indiscutibilmente riconosciuta in ambito europeo


e la Sicilia annovera i seguenti prodotti a marchio comunitario:
• Arancia di Ribera D.O.P.
• Arancia Rossa di Sicilia I.G.P.
• Limone di Siracusa I.G.P.
• Limone Interdonato Messina I.G.P.

Il Mandarino tardivo di Ciaculli è invece annoverato tra i Presidi dell’Arca del gusto
di Slow food e tra i Prodotti dell’agricoltura tradizionale (P.A.T.) del M.I.P.A.F

69
Tra i P.A.T. si segnalano pure:
- l’arancia bionda di Scillato, il Limone in seccagno di Pettineo e il Limone
verdello tra i prodotti freschi
- il liquore al mandarino e la marmellata d’arance tra i prodotti derivati.

In Sicilia opera il Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia, già riconosciuto con D.A.
n. 614/GAB del 27/12/2011 e successivi decreti di proroga; attualmente, ai sensi del
D.A. n. 1937/2 del 28/06/2016 dell’Assessorato Attività Produttive della Regione
Siciliana, il Distretto è in fase di ricostituzione e comprende al suo interno le imprese
delle filiera agrumicola siciliana (in qualità di soci del Consorzio di distretto) e un
discreto numero di enti (Enti Locali e Territoriali, Istituzioni pubbliche, Enti di
ricerca, rappresentanze agricole etc. in qualità di partner) che hanno manifestato
adesione al Distretto sottoscrivendo il nuovo Patto di sviluppo i cui obiettivi sono:
- marketing associativo
- accesso al credito e alla fiscalità di vantaggio
- internazionalizzazione
- ortomercati e filiera corta
- ricerca scientifica
- turismo relazionale integrato
- formazione

6.2 Gli attori della filiera

70
6.3 Analisi statica

La situazione italiana (Annuario dell’agricoltura italiana 2015-CREA)


A livello nazionale, la produzione raccolta ha superato i 3 milioni di tonnellate, con
un incremento del 16,5% rispetto al 2014. Di contro, la superficie in produzione ha
perso altri 915 ettari (413 ettari a mandarino, 300 a bergamotto, 239 ad arancio),
attestandosi su 141.096 ettari (tab. 25.8).

Tabella 6 - Annuario Crea, www.crea.gov.it. Vis. il 16.03.17

L’andamento climatico, caratterizzato da temperature particolarmente elevate


durante tutto l’anno e da precipitazioni molto modeste (volumi pluviometrici
talmente esigui non si registravano dal 2003), ha condizionato l’intera campagna
commerciale. Gli effetti del caldo, amplificati dalla siccità, si sono riflessi sui frutti,
la cui qualità non è risultata sempre ottimale in quanto a pezzatura, coloritura e
succosità. Di contro, il clima secco ha ridotto i problemi fitosanitari e i casi di cascola
anticipata, soprattutto per le varietà tardive.

La produzione di arance ha superato 1,9 milioni di tonnellate, con un incremento del


14% rispetto al 2014, mentre la superficie non ha subìto variazioni di rilevo (-0,3%).
I frutti hanno sofferto la siccità e, laddove non si è intervenuti adeguatamente con
l’irrigazione, hanno presentato calibro modesto, difetti di pigmentazione e fenomeni
di spigatura, pur mantenendo un discreto contenuto in zuccheri e gusto gradevole. La
campagna di commercializzazione, iniziata normalmente, è proseguita con poco
entusiasmo. La domanda interna, ormai costantemente tendente al ribasso, ha subìto
un’ulteriore frenata, condizionata dalle alte temperature invernali, che non hanno
incoraggiato i consumi. Le quotazioni si sono mantenute su livelli non esaltanti.
Le arance del gruppo Navel sono state scambiate, mediamente, a 0,30 euro/Kg, le
Valencia a 0,32 euro/Kg e le Ovali a 0,35 euro/Kg (tab. 25.9). Migliore
considerazione hanno ricevuto le arance pigmentate, in particolare le rosse siciliane

71
che, grazie all’elevato standard qualitativo, sono state commercializzate sui mercati
nazionali a 0,70 euro/Kg. Va segnalato il buon consenso raccolto dall’Arancia di
Ribera Dop, grazie alla qualità eccellente, sia sotto il profilo organolettico che
estetico.

Tabella 7 - Annuario Crea, www.crea.gov.it. Vis. il 16.03.17

Le clementine hanno incrementato la produzione di oltre il 40%, raggiungendo


671.400 tonnellate. Il mercato, pur in un quadro generale non esaltante, ha retto
relativamente bene. Nel corso della campagna di commercializzazione, compresa tra
metà ottobre e febbraio, si è assistito a una notevole variazione delle quotazioni
comprese tra 0,24 e 0,89 euro/Kg, a seconda del periodo, delle varietà e della qualità
della merce. A ottobre le primizie della cultivar Caffin sono state scambiate a oltre
0,90 euro/Kg, a novembre lo Spinoso è stato quotato mediamente 0,65 euro/Kg;
mentre i prezzi all’origine del Clementino Comune Apireno si sono mantenuti, in
media, attorno a 0,30 euro/Kg. Dura da vincere è la concorrenza straniera,
prevalentemente iberica (oltre l’85% delle clementine importate dall’Italia proviene
dalla Spagna), soprattutto nel periodo novembre/dicembre. Peraltro, la Spagna riesce
a vincere anche la competizione sulle primizie, anticipando l’immissione del proprio
prodotto sul mercato con le eccellenti “Clemenrubi”, che maturano a fine settembre.

I mandarini, con una produzione di 151.000 tonnellate, superiore a quella dello scorso
anno dell’8,9%, hanno alimentato un mercato alquanto opaco, nel quale le quotazioni
non hanno mai superato quelle del 2014 (Avana 0,28 euro/Kg e Tardivo di Ciaculli
0,30 euro/Kg).

72
Più interessante è apparsa la campagna dei limoni, la cui produzione ha raggiunto
388.400 tonnellate (+4,9%), quotando 0,42 euro/Kg, con punte di oltre 0,50 euro/Kg
per i Verdelli a settembre e 0,59 per il Primo Fiore a ottobre.

73
Il comparto dell’agrumicoltura biologica
Il 31 Gennaio 2017 CREA ha individuato che la superficie coltivata ad agrumi
biologici è passata da 17.411 ettari a 19.124 ettari facendo segnalare un variazione
positiva del 9,8%. Un dato che conferma la crescita nel tempo costante.22
Nel 2011 la superficie coltivata era di 10.778 ettari in pochi anni le superfici coltivate
a biologico sono raddoppiate.

I numeri evidenziano che la Sicilia, oltre ad essere indubbiamente la regione italiana


maggiormente produttrice di agrumi, (circa il 60% della produzione nazionale), e al
contempo anche la regione con maggiore estensione di coltivazione biologica ad
agrumi, seguita dalla Calabria.

SICILIA: N° AZIENDE BIOLOGICHE: 1859


- SIRACUSA: 771 AZIENDE BIO
- CATANIA: 365 AZIENDE BIO
- MESSINA: 227 AZIENDE BIO
- AGRIGENTO: 140 AZIENDE BIO
- Altre province: 356 AZIENDE BIO

Tabella 8 - Le aziende agrumicole biologiche (fonte www.crea.gov.it, vis. il 28/2/17)

Gli agrumi biologici vengono per lo più esportati verso i mercati europei: il 70% della
produzione è venduta all'estero, il 10% è destinato alla trasformazione, il restante
20% viene commercializzato in Italia come prodotto fresco, per metà nella Gdo e per
metà in mercatini e gruppi di acquisto solidali sui quali l'impatto del biologico è molto
forte. Non è la stessa cosa per la produzione convenzionale che per il 20% viene
trasformata, per il 5% esportata e per il 75% commercializzata come prodotto fresco
prevalentemente nella Gdo.

Suddivisione su base provinciale

La suddivisione delle produzioni agrumicole siciliane è stata, nel 2016, la seguente:

22
www.crea.gov.it vis. il 28/02/2017

74
Tabella 9 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): arancio; dettaglio per provincia, anno 2016 (Fonte:
www.istat.it vis. il 07/03/2017)

Tabella 10 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): mandarino; dettaglio per provincia, anno 2016 (Fonte:
www.istat.it vis. il 07/03/2017)

Tabella 11 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): clementina: dettaglio per provincia, ANNO 2016 (Ibidem
visitato il 07/03/2017)

75
Tabella 12 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): limone; dettaglio per provincia, anno 2016 (Ibidem
visitato il 07/03/2017)

I prezzi degli agrumi variano in funzione della specie, della cultivar e del periodo in
cui si rendono disponibili sui mercati

Tabella 13- Prodotti e valuta/UM dal 2016/01 al 2016/04 (www.istat.it visitato l’08/03/2017)

76
Tabella 14- Pprodotti e valuta/UM dal 2016/05 al 2016/08 (Ibidem visitato l’08/03/2017)

Tabella 15- Prodotti e valuta/UM dal 2016/09 al 2016/12. (Ibidem visitato l’08/03/2017)

77
Tabella 16 - Prodotti e valuta/UM DAL 2017/01 AL 2017/02 (Ibidem visitato l’08/03/2017)

78
6.4 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016, tratte dalle
rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale, relative alle produzioni agrumicole.
Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a partire dall’ultimo Censimento
generale dell’agricoltura.

Tra il 2000 ed il 2010 si è verificato un processo di concentrazione delle strutture


produttive: si è dimezzato il numero di aziende in produzione (-75mila unità), mentre
la superficie investita si è ridotta del 3% (-3.645 ettari). Nonostante ciò, nel 2010 il
35% delle aziende agrumicole aveva una SAU inferiore ad 1 ettaro ed il 69%
presentava una SAU inferiore a 3 ettari. Queste aziende coprono circa un quarto della
superficie italiana investita ad agrumi.
Nel 2010, le aziende con SAU compresa tra 3 e 20 ettari costituiva il 26% delle
aziende agrumicole ed il 44% della produzione italiana ad agrumi.

Negli anni 2010 -2016, si è assistito ad una riduzione di S.A.U. coltivata ad arancio
di circa il 10%, mentre la produzione raccolta si è invece ridotta solo dell’1,6%,
indice di una migliore produttività ad ettaro.

Negli stessi anni, la S.A.U. a mandarino si è ridotta di circa il 18%. In questo caso la
produzione si è ridotta del 20% circa.

Stessa percentuale di riduzione sulla S.A.U. si è avuta per il limone (-18%) mentre la
produzione si è ridotta di oltre il 20%

Estendendo l’analisi alla clementina la situazione si fa più drammatica, giacché la


SAU si è ridotta di quasi il 30%, mentre la produzione si è ridotta del 27%.

79
SICILIA ARANCIO MANDARINO CLEMENTINA LIMONE
2010 59.950 5.976 3.440 26.531

2011 59.447 5.743 3.574 25.032


2012 56.204 5.306 2.926 23.369

2013 55.392 5.026 2.557 23.159


2014 56.094 5.188 2.704 23.289

2015 55.374 5.036 2.699 23.159


2016 54.416 5.103 2.369 21.969
Tabella 17 - Superficie totale (ettari): arancio, mandarino, clementina, limone. (www.istat.it visitato il
03/03/2017)

SICILIA ARANCIO MANDARINO CLEMENTINA LIMONE

2010 58.680 5.446 3.340 22.328

2011 58.049 5.171 3.444 20.806

2012 54.474 4.745 2.804 18.719

2013 54.088 4.423 2.516 18.039


2014 54.644 5.038 2.502 17.999

2015 53.974 4.925 2.696 18.409

2016 52.796 4.482 2.346 18.369

Tabella 18 - Superficie in produzione (ettari): arancio, mandarino, clementina, limone. (www.istat.it visitato il
03/03/2017)

80
SICILIA ARANCIO MANDARINO CLEMENTINA LIMONE

2010 12.492.900 748.530 599.320 4.970.900

2011 12.518.117 717.597 669.181 4.378.066

2012 10.865.140 675.856 560.180 3.735.290

2013 10.630.840 585.526 478.440 3.474.730

2014 10.104.260 524.656 426.810 3.309.830

2015 9.851.020 502.276 482.260 3.360.260

2016 12.062.386 585.256 430.630 3.844.580

Tabella 19 - Produzione totale (quintali): arancio, mandarino, clementina, limone (www.istat.it visitato il
03/03/2017)

SICILIA ARANCIO MANDARINO CLEMENTINA LIMONE


2010 12.043.460 723.101 583.790 4.777.185
2011 9.556.110 591.718 537.619 3.902.654

81
2012 10.618.062 659.476 555.637 3.023.382
2013 10.525.723 571.692 474.449 2.781.239
2014 9.926.540 510.254 421.848 3.242.473
2015 9.473.173 480.252 477.719 3.304.079
2016 11.855.266 578.168 426.938 3.789.378
Tabella 20 - Produzione raccolta (quintali), arancio, mandarino,clementina, limone (Ibid. vis. il 03/03/2017)

82
6.5 Import-export

Una sezione particolare dell’analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export della filiera a livello nazionale e internazionale.
Sul mercato internazionale del fresco, gli agrumi italiani soffrono non poco la
concorrenza straniera; oltre a quella storica della Spagna, desta più di una
preoccupazione quella di paesi extraeuropei, come il Marocco, il Sudafrica, la
Turchia.
Il Marocco, per il quale gli agrumi nel 2015 hanno rappresentato circa il 75% del
volume totale delle esportazioni di ortofrutta, ha concentrato i suoi sforzi commerciali
sull’Europa. Va inoltre considerato che il Marocco ha investito parecchio nella
coltura, anche in termini qualitativi. Basti ricordare che tra il 2006 e il 2013 sono stati
realizzati 37.000 ettari di nuovi impianti, di cui 23.000 ettari a clementine e 4.000
ettari a mandarini a facile sbucciatura, easy peeler; e 10.000 ettari di arance, dei quali
2.500 ettari di Maroc Late e 7.800 ettari di Navel.
Il Sudafrica è il principale fornitore di arance in Europa, con spedizioni che vanno da
maggio a ottobre. In virtù del recente Accordo di partenariato economico (Ape) tra
l’Ue e gli Stati della Sadc (South African Development Community) aderenti all’Ape
(Botswana, Lesotho, Mozambico, Namibia, Swaziland e Sudafrica) il periodo è stato
esteso a tutto novembre, quando arrivano sui mercati nazionali le prime produzioni
italiane.
Anche la Turchia sta concentrando le esportazioni in Europa, da quando la Russia,
nel corso del 2015, ha chiuso le frontiere anche agli agrumi ottomani. L’embargo
russo, quindi, ha causato un doppio danno alle produzioni nostrane. Da un lato ha
interrotto un importante canale commerciale e dall’altro, indirettamente, ha inasprito
la concorrenza sui mercati internazionali.

Il commercio con l’estero del frutto fresco ha accusato un peggioramento del deficit,
che si è attestato su 180,8 milioni di euro, contro i 100,7 milioni del 2014, nonostante
il valore delle esportazioni sia moderatamente cresciuto (+8,2%). Le importazioni si
sono attestate su 375,5 milioni di euro, segnando un +33,7% rispetto all’annata
precedente. In particolare, emerge il forte incremento delle importazioni di arance
(+48%), con un netto peggioramento del saldo, passato da -2,4 milioni di euro nel
2014 a -34,3 milioni di euro nel 2015. I limoni, pur avendo visto crescere il valore
delle esportazioni (+10,6%), hanno aumentato la dipendenza dall’estero con un
deficit che supera 86 milioni di euro. Anche per i piccoli frutti si è assistito a un
peggioramento del saldo, attestatosi su -38,3 milioni di euro.
La Germania si conferma il principale destinatario degli agrumi italiani, con una
spesa di 43,6 milioni di euro per il 49% destinati all’approvvigionamento di arance e
per il 33% a quello di limoni. Seguono la Svizzera, con 25,4 milioni di euro, e
l’Austria, con 22,7 milioni di euro.

83
La Spagna resta il principale mercato di approvvigionamento italiano, fornendo il
58% del complesso delle importazioni di agrumi, per un valore pari a 219 milioni di
euro.

Il commercio con l’estero dei derivati agrumari nel 2015 ha prodotto un attivo di
196,7 milioni di euro, in linea con il 2014 (+2,8%), al quale hanno contribuito per il
57% i succhi e per il 43% gli oli essenziali

Tabella 21 Valore delle importazioni e delle esportazioni dell'Italia di derivati agrumari


(http://antares.crea.gov.it vis l’8/2/2017)

Complessivamente, l’intero comparto (frutto fresco e derivati) ha registrato un saldo


positivo della bilancia commerciale, pari a 16 milioni di euro, con una perdita di 74,6
milioni di euro rispetto al 2014.
Sul fronte fitosanitario, continua la preoccupazione da parte dei produttori italiani nei
confronti del Citrus Black Spot (Cbs) e del Citrus Greening (Hlb), gravi fitopatie
fortunatamente ancora non penetrate in Europa. Nel corso del 2015, al confine
europeo, sono stati segnalati 15 casi di positività al Cbs su merce proveniente dal
Sudafrica e 10 su merce argentina. In Portogallo (Algarve) e in Spagna (Galizia),
invece, è stata rilevata la presenza del vettore dell’Hlb. Desta non poche perplessità
la decisione del Comitato permanente dell’Ue di adottare un regime di minori
controlli sull’importazione di frutti da avviare alla trasformazione, anche quando
questi provengono da paesi quali Brasile, Uruguay, Sudafrica, nei quali il Citrus
Black Spot è in espansione.
In ultimo, va segnalato che, in seguito all’allarme lanciato dall’Efsa (Ente europeo
per la sicurezza alimentare) circa il consumo di agrumi con residui di guazatina, il 13
maggio 2016 è entrato in vigore il reg. (Ue) 2015/2010 che, di fatto, impedisce di
importare in Ue agrumi trattati con il fungicida. La guazatina viene utilizzata in post-

84
raccolta come trattamento anti marciume, soprattutto in Sudafrica, Argentina,
Uruguay e Cile.

Situazione in Sicilia

Relativamente ai flussi commerciali in entrata delle arance e dei limoni, tanto in


quantità quanto in valore monetario, essi si valorizzano in maniera diversa negli anni.
Le quantità importate di arance provengono principalmente dal Sudafrica e dalla
Spagna (secondo paese fornitore di arance per la regione) mentre le importazioni
limonicole provengono principalmente dall’Argentina e dal Sudafrica.
Le esportazioni di arance sono principalmente destinate al mercato tedesco, svizzero
e austriaco assorbendo in media 41,3 mila tonnellate (70,3% delle esportazioni totali
di arance siciliane) generando un flusso finanziario pari a 22 milioni di euro.
Dalle analisi effettuate si evince una marcata perdita di competitività del comparto
agrumicolo siciliano nel suo complesso da ricercare principalmente nella presenza
sempre maggiore, sulle principali piazze di consumo europee, di agrumi provenienti
da altri Paesi produttori-esportatori (Spagna, Grecia, Marocco, Turchia ecc.) in grado
di esercitare una forte concorrenza attraverso politiche di prezzo; tali politiche, infatti,
sono anche rese realizzabili da una più efficiente rete organizzativa che consente di
realizzare economie di scala rispetto a quella specifica dell’agrumicoltura regionale.
La caduta delle esportazioni è altresì riconducibile alle politiche adottate dall’Unione
Europea, quali: la progressiva riduzione delle tariffe doganali all’importazione e lo
smantellamento dei prezzi di riferimento e delle barriere fitosanitarie, nonché i
sostegni all’esportazione per il comparto agrumicolo23.

23
www.inea.it

85
6.6 Conclusioni

Il settore agrumicolo siciliano, un tempo uno dei principali comparti dell’economia


isolana, negli ultimi anni ha subito un pesante ridimensionamento a causa della
diminuzione della redditività aziendale. Tale riduzione ha comportato un
ripensamento sui sistemi di coltivazione e sui sistemi organizzativi, spingendo verso
un’agrumicoltura di qualità, una razionalizzazione dei sistemi di produzione e di
trasformazione/commercializzazione, un aumento delle produzioni bio ed una
migliore organizzazione della filiera, mediante strumenti associativi di tipo verticale
ed orizzontale.
La costituzione di un Distretto produttivo tematico, dedicato agli agrumi di Sicilia,
può contribuire a rendere il settore più efficiente e ad aprire migliori prospettive di
sviluppo per il comparto.

L’internazionalizzazione dei mercati, il miglioramento del capitale umano, la


cooperazione in ambito regionale e la costante attenzione rivolta all’innovazione
potranno determinare il successo della filiera, facendole riassumere un ruolo
importante nell’economica isolana.

86
7. La filiera cerealicola

7.1 Descrizione generale della filiera

Il termine “cereale” deriva da Cerere, la dea romana considerata la madre della terra
e della fertilità.
Vengono definiti cereali tutte quelle piante che, in coltivazione o allo stato spontaneo,
producono dei frutti dai quali si può ricavare la farina24.
Allo stato attuale, è possibile conteggiare circa 10.000 tipologie di cereali, la maggior
parte appartenenti alla famiglia delle Graminaceae, anche definite Poaceae. 25 Tra le
più diffuse si possono annoverare: il frumento o grano, la segale, l'orzo, l'avena, il
riso, il mais e il sorgo26.
I cereali meno coltivati sono: il farro, il miglio, il panico, il grano saraceno e la
quinoa27.
La coltura dei suddetti cereali ha origini antiche. Si ritiene che il grano e l'orzo
venissero consumati dai Babilonesi e dagli egiziani; il riso, invece, veniva coltivato
dai cinesi già nel 2800 a.C. Molto remota risulta anche la coltura del mais, come si
evince dal ritrovamento di alcuni granelli nelle tombe del Messico e del Perù. Più
recenti sono invece le coltivazioni della segale e dell'avena28.
I cereali sono uno tra gli alimenti di maggior rilievo nell'economia agricola mondiale,
dato che vengono utilizzati sia nell'alimentazione animale, che soprattutto in quella
umana29. Infatti, secondo quanto dichiarato dalla FAO (Food and Agriculture
Organization of the United Nations), la produzione mondiale di grano, nel 2016 e nel
2017, è stimata in 732 milioni di tonnellate, grazie ad un miglioramento delle
condizioni climatiche nell'Unione Europea, nella Federazione Russa e negli Stati
Uniti30. Al contrario, le stime sulla produzione di mais nel 2016 sono state riviste al
ribasso.

24
www.treccani.it (vis. il 04/03/2017)
25
Messina B. (2012-2013) "Aspetti della filiera cerealicola in Sicilia e abitudini di consumo dei
prodotti derivati dal grano duro e da altri cereali in età preadolescenziale"
26
www.treccani.it (vis. il 04/03/2017)
27
Ibidem
28
Ibidem
29
Messina B. (2012-2013) "Aspetti della filiera cerealicola in Sicilia e abitudini di consumo dei
prodotti derivati dal grano duro e da altri cereali in età preadolescenziale"
30 www.fao.org (vis. il 04/03/2017)

87
L'utilizzo mondiale totale dei cereali nell'anno commerciale 2016/2017 ammonta a
2.555,6 milioni di tonnellate, l’1,3% in più in relazione alle stime riguardanti il
2015/201631. Si stima che al termine della stagione agricola, gli stock mondiali di
cereali ammonteranno a 635 milioni di tonnellate, l'1,5% in meno rispetto al loro
livello iniziale32.

Anche in Italia i cereali svolgono un ruolo fondamentale tra le varie colture erbacee,
tra i quali primeggiano il frumento duro e il mais.
Secondo i dati elaborati dall'ISTAT relativi all'anno 2016, l'Italia ha registrato una
produzione totale di frumento duro pari a 51.292.050 quintali. Tra le varie regioni è
la Puglia ad eccellere nella produzione di frumento duro, registrando una produzione
di 13.289.000 quintali; mentre al secondo posto troviamo la Sicilia che raggiunge i
7.845.710 quintali33.
Altro cereale annoverato è il mais: nel 2016 si è rilevata una produzione totale di
69.040.206 quintali; la Sicilia ha contribuito con 14.500 quintali.

Nell'Isola, la produzione di cereali è maggiormente concentrata nelle province di


Palermo, Enna e Caltanissetta, mentre risulta carente nella provincia di Messina. Tale
diffusione è legata alle condizioni orografiche e pedoclimatiche favorevoli.34
Come è stato accennato precedentemente, il grano è il maggior cereale ad essere
coltivato in Sicilia. Esso può presentarsi in due tipologie: grano tenero e grano duro.
Il primo risulta più semplice alla lavorazione e da esso si ricava la farina, il secondo
invece oppone maggiore resistenza alla lavorazione e da esso si ricava la semola.
La commercializzazione del grano duro in Sicilia, passa generalmente attraverso i
centri di stoccaggio, considerati come gli intermediari tra la fase agricola e la fase
industriale35.

In generale, il frumento costituisce la principale materia prima sia per la produzione


di pasta che di pane, alimenti base della "Dieta Mediterranea" che l'UNESCO ha
dichiarato patrimonio immateriale dell'umanità nel 201036.
L'unico prodotto DOP (denominazione origine protetta) in Sicilia, derivato dai
cereali, è il "Pane di Dittaino"37 anche conosciuto come "Pagnotta di Dittaino", cioè
un pane ricavato da farina di grano duro38, prodotto nelle province di Enna e

31 Ibidem
32 Ibidem
33 Elaborazione dati istat relativi al 2016. www.agri.istat.it (vis. il 04/03/2017)
34 PSR SICILIA 2007/2013

35
Coreras (2008) “La filiera del grano duro in Sicilia“
36
www.unesco.beniculturali.it (vis. il 04/03/2017)
37
www.pandittaino.it (vis. il 04/03/2017)
38
Messina B. (2012-2013) "Aspetti della filiera cerealicola in Sicilia e abitudini di consumo dei
prodotti derivati dal grano duro e da altri cereali in età preadolescenziale" in www.agraria.org (vis. il

88
Catania.39

I dati forniti dall’INEA (Istituto Nazionale di Economia Agraria) evidenziano le


importazioni e le esportazioni dei cereali siciliani con il resto del mondo, relative
all’anno 2011. In totale le importazioni ammontano a 225.863 tonnellate, mentre le
esportazioni ammontano a 226.795 tonnellate. I principali paesi importatori in Sicilia
di cereali sono la Francia, gli Stati Uniti e il Messico, rispettivamente con 64.464
tonnellate, 37.922 tonnellate e 27.500 tonnellate; mentre gli Stati che acquistano
cereali provenienti dalla Sicilia sono la Tunisia, l’Algeria e la Turchia, acquistando
108.754 tonnellate, 104.072 tonnellate e 6.650 tonnellate.

Ciò che contraddistingue la Sicilia per la produzione di cereali e di derivati, è la sua


attenzione verso i cosiddetti grani antichi e verso il biologico. I grani duri antichi
siciliani o varietà locali di grani siciliani contano 52 tipologie40, su un totale di 291
presenti in Italia nel 192741.
Tra i maggiori grani antichi coltivati troviamo: il grano maiorca (grano tenero), il
grano timilia (o tumminia), il grano saragolla, il grano russello, il grano bidì, il grano
perciasacchi, il grano margherito, il grano biancolilla e il senatore Cappelli. Negli
ultimi anni, vi è stato un maggiore interesse nei confronti dei grani antichi non solo
da parte degli agricoltori, ma anche di nutrizionisti, ricercatori e consumatori.42 Gli
agricoltori sono orientati verso i grani antichi perché essi non necessitano di
particolari investimenti; i nutrizionisti e i ricercatori considerano i suddetti migliori
per una sana alimentazione43.
La rivalutazione dei grani antichi è mossa da diversi studi che sembrerebbero
dimostrare che essi abbiano una maggiore digeribilità del glutine, nonostante sia
presente in quantità maggiori rispetto alle varietà moderne.
Tale rivalutazione non vuole solamente evidenziare i numerosi punti di forza a livello
nutrizionale, ma anche culturale, etico, ambientale ed economico44.
I grani antichi siciliani appartengono alle „varietà locali da conservazione“, cioè
popolazioni, ecotipi e varietà adattate alle condizioni locali e regionali, minacciate da
erosione genetica, ma che hanno un alto interesse economico, scientifico,
ambientale.45 Sia per quanto riguarda le varietà moderne, sia per quanto riguarda le
varietà antiche, la legislazione comunitaria ha previsto un sistema di riconoscimento
e certificazione delle sementi che per poter essere commercializzate devono essere

04/03/2017)
39
www.politicheagricole.it (vis. il 04/03/2017)
40
De Cillis U. (2004) "I frumenti siciliani", Maimone, Catania
41
Li Rosi G. (2012) "I custodi dei semi" (in www.terrefrumentarie.it (vis. Il 04/03/17)
42Piergiovanni A. (2007) "I cereali antichi tra credenze popolari e riscontri scientifici"
43Ibidem
44 www.ilgranoduro.it (vis. il 08/03/2017)
45 Ibidem

89
iscritte in un registro nazionale delle varietà.46 L’iscrizione avviene secondo l’iter
previsto dal D. Lsg 2009; inoltre, l’iscrizione per le varietà locali da conservazione è
gratuita e avviene su richiesta di enti pubblici, istituzioni scientifiche, organizzazioni,
associazioni, singoli agricoltori, previo parere favorevole delle regioni competenti
per territorio (Decreto 17 dicembre 2010)47.
In Sicilia è stata istituita la “Commissione tecnico scientifica di valutazione delle
richieste di iscrizione al Registro nazionale delle sementi – sezione varietà da
conservazione”48. Nel 2014, sono stati registrati tre grani antichi siciliani: Maiorca49,
Timilia50 e Perciasacchi51.
Sono ventidue le varietà di grano che hanno incassato il parere di legittimità
favorevole da parte della Commissione regionale e che potranno essere iscritte al
Registro nazionale delle varietà da conservazione. I pareri saranno inviati al
Ministero Politiche Agricole per l’emanazione dei successivi decreti ministeriali di
iscrizione al registro. La valutazione della commissione regionale ha riguardato 46
richieste di iscrizione. «Dall’esame sono stati rilasciati 22 pareri favorevoli che
riguardano varietà di grano - spiega Gaetano Cimò, dirigente generale del
Dipartimento Agricoltura che preside la Commissione - altre 22 domande di
iscrizione saranno oggetto di chiarimenti ed integrazione documentale e saranno
valutate in Commissione non appena verranno completate, mentre 2 istanze sono
state rigettate». Quelle valutate positivamente sono Romano, Regina, Capeiti,
Tripolino, Tumminia Reste Bianche e Maiorca. Si aggiungono poi 6 Perciasacchi, 2
Bidì, 4 Russello e 4 Tumminia Reste Nere.
Inoltre, le sementi di una varietà di conservazione possono essere commercializzate
solamente se sono state prodotte nella loro zona di origine e se sono commercializzate
nella loro zona di origine52.

7.2 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni ISTAT disponibili su base


provinciale (ove presenti) o su base regionale, relative alle superfici investite a cereali
ed alle relative produzioni realizzate in Sicilia, nonché il numero di aziende
cerealicole censite.

46 Ibidem
47 D. Leg. 149/2009 www.camera.it (vis. il 08/03/2017)
Decreto MIPAAF 17/12/2010 www.entecra.it (vis. il 08/03/2017)
48 Www.siciliaagricoltura.it (vis. il 08/03/2017)
49 Decreto 2 maggio 2014 www.gazzettaufficiale.it (vis. il 08/03/2017)
50 Decreto 17 ottobre 2014 www.gazzettaufficiale.it (vis. il 08/03/2017)
51 Decreto 17 ottobre 2014 www.gazzettaufficiale.it (vis. il 08/03/2017)
52 D.L. 149/2009 www.camera.it (vis. il 08/03/2017)

90
LEGENDA: r: Valore rilevato; t: Totale; s: Valore imputato;

Frumento tenero
Province Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
Trapani - - - r
Palermo - - - r
Messina 150 3.400 3000 r
Agrigento - - - r
Caltanissetta - - - r
Enna - - - r
Catania 250 6.500 6.500 r
Ragusa - - - r
Siracusa - - - r
Totale Sicilia 400 9.900 9.500 t

Tabella 22- Superficie (ettari) e produzione totale (q.li): frumento tenero. Mese di
rilevazione: 10/2016. www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

Frumento duro
Province Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
Trapani 21.000 525.000 525.000 r
Palermo 80.500 2.153.000 2.153.000 r
Messina 1.500 33.000 31.000 r
Agrigento 26.530 848.960 843.280 r
Caltanissetta 43.000 1.075.000 1.075.000 r
Enna 51.625 1.548.750 1.471.312 r
Catania 35.000 1.000.000 1.000.000 r
Ragusa 12.000 330.000 310.000 r
Siracusa 12.850 332.000 332.000 r
Totale Sicilia 284.005 7.845.710 7.740.592 t

Tabella 23- Superficie (ettari) e produzione totale (q.li): frumento duro. Mese di
rilevazione: 10/2017. www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

91
Segale
Province Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
Trapani - - - R
Palermo - - - R
Messina - - - R
Agrigento - - - R
Caltanissetta - - - R
Enna - - - R
Catania 15 250 250 R
Ragusa - - - R
Siracusa - - - R
Totale Sicilia 15 250 250 T

Tabella 24- Superficie (ettari) e produzione totale (q.li): Segale. Mese di rilevazione:
10/2016. www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

Orzo
Province Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
Trapani 120 1.800 1.800 R
Palermo 1.750 56.610 52.610 R
Messina - - - R
Agrigento 665 18.620 17.700 R
Caltanissetta 1.300 36.400 36.400 r
Enna - - - r
Catania 120 2.400 2.400 r
Ragusa - - - r
Siracusa 845 16.800 16.800 r
Totale Sicilia 4.800 132.630 127.710 t

Tabella 25- Superficie (ettari) e produzione totale (q.li): Orzo. Mese di rilevazione:
12/2016. www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

92
Mais
Province Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
Trapani - - - r
Palermo 38 2.500 2.500 r
Messina 150 12.000 11.000 r
Agrigento - - - r
Caltanissetta - - - r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa - - - r
Siracusa - - - r
Totale Sicilia 188 14.500 13.500 t

Tabella 26- Superficie (ettari) e produzione totale (q.li): Mais. Mese di rilevazione:
11/2016. Www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

Avena
Province Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
Trapani 1.800 36.000 36.000 r
Palermo 1.900 53.300 53.000 r
Messina - - - r
Agrigento 600 16.800 15.900 r
Caltanissetta 400 11.200 11.200 r
Enna - - - r
Catania 50 750 750 r
Ragusa - - - r
Siracusa 830 12.500 12.500 r
Totale Sicilia 5.580 132.550 129.350 t
Tabella 27- Superficie (ettari) e produzione totale (q.li): Avena. Mese di rilevazione:
12/2016. Www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

93
Altri cereali
Province Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
Trapani - - - r
Palermo 3.400 98.000 97.000 r
Messina - - - r
Agrigento - - - r
Caltanissetta - - - r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa 450 13.000 12.000 r
Siracusa 750 28.500 28.500 r
Totale Sicilia 4.600 139.500 137.500 t
Tabella 28- Superficie (ettari) e produzione totale (q.li): Altri cereali. Mese di
rilevazione: 12/2017. Www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

Coltura N. aziende Totale Sicilia


Frumento tenero e spelta 288
Frumento duro 44.889
Segale 37
Orzo 5.594
Avena 2.619
Altri cereali 319

Tabella 29-Aziende con cereali – Anno 2013. Www.agri.istat.it (vis. il 02/03/2017)

7.3 Analisi Dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016, tratte dalle
rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale e provinciale, relative alle superfici e
alle produzioni cerealicole. Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a partire
dall’ultimo Censimento generale dell’agricoltura.
Si riporta di seguito l’evoluzione delle superfici e delle produzioni dal 2010 al 2016

94
Aziende SAU (ha) SAT (ha)
(N.)
Trapani 29.310 137.447 147.297
Palermo 38.887 266.362 294.427
Messina 26.166 162.118 192.360
Agrigento 33.828 150.866 169.936
Caltanissetta 18.117 117.072 130.354
Enna 17.336 182.519 196.504
Catania 28.590 169.274 195.737
Ragusa 12.770 90.702 101.586
Siracusa 14.673 111.161 121.217
Sicilia 219.677 1.387.521 1.549.417
Tabella 30- Aziende, SAU, SAT per provincia. Sicilia, 2010, valori assoluti.
www.censimentoagricoltura.istat.it (vis. il 03/03/2017)

Frumento duro
Superficie
Trapani 11.2
Palermo 23.8
Messina -
Agrigento 24.9
Caltanissetta 40
Enna 26.6
Catania 26.4
Ragusa 13.5
Siracusa 12.5
Sicilia 20.5
Tabella 31 - Aziende e superficie del frumento duro per provincia. Anno 2010, valori
percentuali rispetto alla SAU. Www.censimentoagricoltura.istat.it (vis. il
03/03/2017)

95
Frumento tenero
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
2010 1.100 31.900 31.700 t
2011 800 19.900 19.700 t
2012 700 17.900 17.700 t
2013 600 10.800 10.620 t
2014 350 7.500 7.250 t
2015 400 9.500 9.500 t
2016 400 9.900 9.500 t
Tabella 32 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): Frumento tenero (Sicilia).
Mese di rilevazione: 10/2010; 10/2011; 10/2012; 10/2013; 10/2014; 10/2015.
Www.agri.istat.it vis. il 03/03/2017

Superficie

1.200

1.000

800

600

400

200

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 12

35.000 Produzione totale


30.000
25.000
20.000
15.000
10.000
5.000
0
1 2 3 4 5 6 7 8

Grafico 13

96
Produzione raccolta
35.000

30.000

25.000

20.000

15.000

10.000

5.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 14

Frumento duro
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
2010 301.821 8.279.883 8.053.734 t
2011 295.690 8.183.136 7.981.718 t
2012 301.641 8.722.870 8.357.009 t
2013 283.231 7.536.808 7.320.669 t
2014 284.760 7.904.820 7.680.712 t
2015 286.798 8.355.787 8.138.256 t
2016 284.005 7.845.710 7.740.592 t

Tabella 33- Superficie (ettari) e produzione (quintali): Frumento duro (Sicilia).


Mese di rilevazione: 10/2010; 10/2011; 10/2012; 10/2013; 10/2014; 10/2015.
www.agri.istat.it vis. il 03/03/2017

97
Superficie

305.000

300.000

295.000

290.000

285.000

280.000

275.000

270.000
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 15

Produzione totale

8.800.000
8.600.000
8.400.000
8.200.000
8.000.000
7.800.000
7.600.000
7.400.000
7.200.000
7.000.000
6.800.000
1 2 3 4 5 6 7 8

Grafico 16

98
Produzione raccolta

8.400.000
8.200.000
8.000.000
7.800.000
7.600.000
7.400.000
7.200.000
7.000.000
6.800.000
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Grafico 17

Segale
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
Totale raccolta
2010 - - - -
2011 10 150 150 t
2012 10 160 160 t
2013 10 150 150 t
2014 10 160 160 t
2015 15 250 250 t
2016 15 250 250 t
Tabella 34 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): Segale (Sicilia). Mese di
rilevazione: 10/2010; 10/2011; 10/2012; 10/2013; 10/2014; 10/2015.
Www.agri.istat.it (vis. il 03/03/2017)

Superficie -

16
14
12
10
8
6
4
2
0
1 2 3 4 5 6 7

Grafico 18

99
Produzione Totale -

250

200

150

100

50

0
1 2 3 4 5 6 7

Grafico 19

Produzione raccolta -

250

200

150

100

50

0
1 2 3 4 5 6 7

Grafico 20

Orzo
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
2010 13.340 327.170 313.720 t
2011 10.393 269.805 259.243 t
2012 7.510 212.960 200.470 t
2013 4.360 114.650 107.920 t
2014 4.474 130.265 124.330 t
2015 4.850 137.130 130.630 t
2016 4.800 132.630 127.710 t
Tabella 35- Superficie (ettari) e produzione (quintali): Orzo (Sicilia). Mesi di
rilevazione: 12/2010; 12/2011; 12/2012; 12/2013; 12/2014; 12/2015.
www.agri.istat.it (vis. il 03/03/2017)

100
Superficie

14.000

12.000

10.000

8.000

6.000

4.000

2.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 21

Produzione totale

350.000

300.000

250.000

200.000

150.000

100.000

50.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8

Grafico 22

101
Produzione raccolta

350.000

300.000

250.000

200.000

150.000

100.000

50.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 23

Avena
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
2010 7.425 171.050 168.484 t
2011 5.623 158.520 152.063 t
2012 6.975 163.220 158.210 t
2013 5.931 134.400 128.995 t
2014 5.626 136.900 132.055 t
2015 5.860 134.370 129.250 t
2016 5.580 132.550 129.350 t

Tabella 36- Superficie (ettari) e produzione (quintali): Avena (Sicilia). Mese di


rilevazione: 12/2010; 12/2011; 12/2012; 12/2013; 12/2014; 12/2015.
Www.agri.istat.it (vis. il 03/03/2017)

102
Superficie

8.000
7.000
6.000
5.000
4.000
3.000
2.000
1.000
0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 24

Produzione totale

180.000
160.000
140.000
120.000
100.000
80.000
60.000
40.000
20.000
0
1 2 3 4 5 6 7 8

Grafico 25

Produzione raccolta

180.000
160.000
140.000
120.000
100.000
80.000
60.000
40.000
20.000
0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 26

103
Riso
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
2010 - - - -
2011 - - - -
2012 4 20 20 t
2013 1 10 10 -
2014 2 10 10 -
2015 - - - -
2016 - - - -
Tabella 37- Superficie (ettari) e produzione (quintali): Riso (Sicilia). Mese di
rilevazione: 04/2011; 04/2012; 04/2013; 04/2014; 04/2015. Www.agri.istat.it (vis. il
03/03/2017)

Mais
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
2010 515 170.000 168.850 t
2011 466 34.260 32.710 t
2012 509 31.212 29.752 t
2013 420 28.002 26.572 t
2014 190 12.500 11.500 t
2015 260 20.450 19.450 t
2016 188 14.500 13.500 t

Tabella 38- Superficie (ettari) e produzione (quintali): Mais (Sicilia). Mese di


rilevazione: 11/2010; 11/2011; 11/2012; 11/2013; 11/2014; 11/2015.
Www.agri.istat.it (vis. il 03/03/2017)

104
Superficie

600

500

400

300

200

100

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Grafico 27

Produzione totale

200.000

150.000

100.000

50.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8

Grafico 28

Produzione raccolta

180.000
160.000
140.000
120.000
100.000
80.000
60.000
40.000
20.000
0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 29

105
Sorgo
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
totale raccolta
2010 75 1.500 1.400 t
2011 69 1.404 1.333 t
2012 64 1.200 1.200 t
2013 400 10.000 9.500 t
2014 100 2.500 2.500 t
2015 100 1.800 1.300 t
2016 - - - -
Tabella 39- Superficie (ettari) e produzione (quintali): Sorgo (Sicilia). Mese di
rilevazione: 12/2010; 12/2011; 12/2012; 12/2013; 12/2014; 12/2015.
Www.agri.istat.it vis. il 03/03/2017

Altri cereali
Anno Superficie Produzione Produzione Metodo
Totale raccolta
2010 5.960 170.000 168.850 t
2011 4.660 135.138 124.868 t
2012 4.750 138.250 128.000 t
2013 4.850 141.000 131.000 t
2014 4.750 145.500 135.500 t
2015 5.050 160.518 150.313 t
2016 4.600 139.500 137.500 t
Tabella 40- Superficie (ettari) e produzione (quintali): Altri cereali (Sicilia). Mese
di rilevazione: 12/2010; 12/2011; 12/2012; 12/2013; 12/2014; 12/2015.
Www.agri.istat.it (vis. il 03/03/2017)

Superficie

6.000

5.000

4.000

3.000

2.000

1.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 30

106
Produzione Totale

200.000

150.000

100.000

50.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8

Grafico 31

Produzione raccolta

200.000

150.000

100.000

50.000

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Grafico 32

107
• Rese e prezzi medi

Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)


Agrigento Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 42 18 24
Orzo 30 18 22
Avena 25 18 20
Mais - - -
Altri cereali - - -
Tabella 41-Rese e prezzi medi: Agrigento - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)


Caltanissetta Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 50 19 22
Orzo 35 22,33 25
Avena 30 23,33 28
Mais - - -
Altri cereali - 25,33 28
Tabella 42- Rese e prezzi medi: Caltanissetta - www.regione.sicilia.it (vis. il
05/03/2017)

Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)


Catania Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 50 16 25
Orzo 40 16 16
Avena 40 19 20
Mais - - -
Grano tenero 60 12 14
Tabella 43- Rese e prezzi medi: Catania - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

108
Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)
Enna Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 45 22,67 24
Orzo 25 22 22
Avena 25 23 23
Mais - - -
Grano tenero 45 - -
Tabella 44- Rese e prezzi medi: Enna - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)


Messina Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 35 15 15
Orzo 22 12 13
Avena 20 16 16
Mais - - -
Altri cereali 11 22 22
Tabella 45- Rese e prezzi medi: Messina - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)


Palermo Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 45 21 22
Orzo 45 22 22
Avena 25 19 22
Mais - - -
Altri cereali - - -
Tabella 46- Rese e prezzi medi: Palermo - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

109
Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)
Ragusa Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 50 15 18
Orzo 40 16 19
Avena 40 - -
Mais 400 5 5
Grano tenero 50 17 20
Tabella 47- Rese e prezzi medi: Ragusa - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)


Siracusa Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 50 19 24
Orzo 20 17 22
Avena 20 20 23
Mais 458 6 6
Grano tenero 50 17 22
Tabella 48- Rese e prezzi medi: Siracusa - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011)


Trapani Resa Media q./ha Prezzo medio €/q. Prezzo medio ottenuto
nell'anno 2012 (€/q.)
Grano duro 40 17 24
Orzo - - -
Avena 30 21 25
Mais - - -
Altri cereali - - -
Tabella 49- Rese e prezzi medi: Trapani - www.regione.sicilia.it (vis. il 05/03/2017)

110
Prodotto Prezzo Var. Su sett. precedente Condizione di vendita
Frumento duro- Buono 202,50€/T 0,00% Franco magazzino-
mercantile Partenza
Frumento duro- 207,50€ /T 0,00% Franco magazzino-
Fine Partenza
Frumento duro- 197,50€ /T 0,00% Franco magazzino-
Mercantile Partenza
Tabella 50 - Prezzi cereali, Palermo. Data di rilevazione: 16/02/2017.
www.ismeamercati.it (vis. il 04/03/2017)

Prodotto Prezzo Var. Su sett. precedente Condizione di vendita


Avena Estera 215€/T 0,00% Franco magazzino-
Partenza
Frumento duro- 202,50€/T -2,40% Franco magazzino-
Buono mercantile Partenza
Frumento duro- 207,50€/T -2,40% Franco magazzino-
Fino Partenza
Frumento duro- 197,50€/T -2,50% Franco magazzino-
Mercantile Partenza
Mais estero- 184€/T 0,00% Franco magazzino-
Comunitario Partenza
Orzo estero 183€/T 0,00% Franco magazzino-
Partenza
Semole di frumento 325€/T -3,00% Franco magazzino-
duro-Caratteristiche di Arrivo
legge
Tabella 51 - Prezzi cereali, Catania. Data di rilevazione: 14/02/2017.
www.ismeamercati.it (vis. il 04/03/2017)

111
7.4 Import-export

Una sezione particolare dell’Analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export della filiera a livello regionale.

Import Export
Quantità Valore Valore Quantità Valore Valore
corrente costante corrente costante
Mais da 0 0 0 0 2 0
semina
Frumento 115.248 32.580 20.189 226.108 72.253 44.653
duro
Frumento 42.979 10.835 5.454 552 285 167
tenero e
spelta
Segale, orzo, 21.452 4.875 2.922 69 30 19
avena
Risone 0 0 0 11 13 7

Mais 46.130 10.504 5.817 0 0 0

Altri cereali 53 22 13 54 22 33

Cereali (tot) 225.863 58.816 34.394 226.795 72.605 44.880

Tabella 52- Import, export Sicilia nel mondo, 2011. Quantità in tonnellate.
Valori in .000 di €. Dati INEA

112
7.5 Conclusioni

La filiera cerealicola siciliana occupa la quasi totalità dei seminativi e si inserisce


all’interno di una rotazione colturale in successione con gli erbai da foraggio e/o da
granella.
Come per le altre filiere, anche e soprattutto in questo caso la dimensione aziendale
fa la differenza in termini di efficienza e sostenibilità economica.
La frammentazione aziendale e la polverizzazione su base regionale delle
coltivazioni, determinano la necessità di ricorrere a figure di intermediazione
(stoccaggio) che impongono prezzi poco remunerativi agli agricoltori.
La sopravvivenza del comparto, in questi casi, è legata alla corresponsione dei titoli
del Primo pilastro della PAC e delle indennità di superficie e/o di biologico alle
aziende (Secondo Pilastro della PAC), giacché il costo di produzione non è in genere
compensato dai ricavi.
Le esperienze delle OO.PP. presenti in Sicilia, hanno dimostrato che possibile ed
auspicabile procedere ad una aggregazione orizzontale di filiera, per intercettare i
mercati extra-regionali più interessanti, saltando ogni forma di intermediazione e
garantendo all’agricoltore la giusta remunerazione del capitale investito e del lavoro
profuso nella coltivazione.
Se a tale aggregazione si riuscisse a legare anche la cooperazione verticale, per tentare
di chiudere la filiera sul territorio regionale (mulini, pastifici, mangimifici etc), tutto
il valore aggiunto rimarrebbe in Sicilia, con indubbi benefici diretti e indiretti a
vantaggio della filiera e dell’indotto.

113
8. La filiera orticola

8.1 Descrizione generale della filiera

Nell’ambito del comparto orticolo, la Sicilia occupa in Italia un posto di rilievo,


soprattutto per quanto concerne i volumi della produzione. Ciò è testimoniato dal
fatto che nel 2002 la produzione orticola siciliana ha raggiunto una quota, in valore,
superiore a 700 milioni di euro, rappresentando l’11% della produzione nazionale. È
evidente, dunque, che il comparto orticolo costituisce una filiera produttiva
essenziale per l’economia agricola della regione.53
I canali distributivi sono diversi. La maggior parte della produzione viene collocata
a livello regionale, sui mercati ortofrutticoli all’ingrosso di Palermo, Catania, Vittoria
e Gela. L’offerta è rilevante anche sul mercato nazionale, grazie alla distribuzione
all’ingrosso o all’approvvigionamento direttamente dalle aree produttive. Infine
l’allocazione dei prodotti avviene anche attraverso la GDO (Grande Distribuzione
Organizzata), i supermercati, gli ipermercati e altri intermediari.54
Le colture ortive si distinguono in coltivazioni in pieno campo e in coltivazioni in
ambiente protetto. Le prime consistono in coltivazioni di ortaggi e legumi freschi
realizzate all’aperto in orti stabili o industriali; le seconde consistono in coltivazioni
in serra, tunnel o campane, estese a tutto o buona parte del ciclo vegetativo.
Le coltivazioni maggiormente rappresentative dell’orticoltura siciliana sono: il
pomodoro, il peperone, la melanzana, la zucchina, il carciofo e la patata, sia in termini
di superfici investite che di produzione.
Tra le altre specie coltivate sul territorio regionale, quelle principalmente prodotte in
pien’aria sono: fava fresca, fagiolo e fagiolino, pisello, aglio e scalogno, carota,
cipolla, cavoli (tra cui cavolo cappuccio e cavolo verza), cavolfiore e cavolo
broccolo, finocchio, indivia, lattuga, radicchio o cicoria, spinacio, cetriolo da mensa,
cocomero, fragola, popone o melone e pomodoro da industria.
Le principali coltivazioni in ambiente protetto sono: cetriolo da mensa, fagiolino,
fragola, lattuga, melanzana, popone o melone, peperone, pomodoro, zucchina.55
Nel 2000 il comparto orticolo contava poco meno di 40.000 aziende agricole, come
si evince dal 5° Censimento Generale dell’Agricoltura dell’Istat secondo il quale,

53 Il sistema agricolo nelle aree rurali della Sicilia, Coreras


54 Ibidem
55
6° Censimento Generale dell’Agricoltura, Istat

114
inoltre, la produzione orticola si sviluppava anche all’interno dei vivai: si contavano
infatti 129 unità produttive per una superficie di 46,11 ettari. L’ortovivaismo era
presente soprattutto a Ragusa e provincia, dove il comune di Vittoria deteneva il
primato produttivo, seguito da Trapani e Siracusa.56
Nel 2010, anno del successivo Censimento Generale dell’Agricoltura, il numero
complessivo delle aziende orticole si è ridotto a circa 20.000. Quasi la metà delle
aziende agricole, che hanno in media una dimensione di 6,9 ettari, coltivano
seminativi. Nel 2010, in riferimento al tipo di utilizzo dei terreni agricoli, circa la
metà della superficie era investita a seminativi (49,1%; in Italia la quota è pari al
55%); gli orti familiari raggiungevano una quota esigua, pari a 0,2%. La SAU
(superficie agricola utilizzata) non raggiungeva i 150.000 ettari nel 2000; nel 2010 si
è registrato un leggero incremento che tuttavia non consente ancora alla filiera di
superrare i 150.000 ettari.57
Per quanto attiene a importazioni ed esportazioni, il comparto orticolo vanta ingenti
esportazioni in termini di quantità e di valore, prevalentemente di pomodori. I
principali Paesi europei che importano prodotti siciliani sono: Germania, Austria,
Francia e Regno Unito. Le importazioni dell’isola risultano minori rispetto alle
esportazioni, la Sicilia importa principalmente patate, soprattutto dalla Francia.
Le importazioni e le esportazioni siciliane registrano valori esigui o inesistenti al di
fuori del continente europeo.58
È ben nota a tutti l’importanza dell’assunzione di frutta e verdura all’interno della
nostra alimentazione, in modo regolare e costante. La verdura, infatti, contiene una
serie di principi nutritivi ed è una naturale fonte di fibra alimentare. Gli ortaggi sono
anche una fonte importante di sali minerali (gli ortaggi a foglia verde sono ricchi di
calcio e ferro, la patata e il pomodoro di potassio) anche se l’assorbimento di questi
ultimi è in genere inferiore rispetto a quello degli stessi minerali contenuti negli
alimenti di origine animale. Il consumo di vegetali può, inoltre, assicurare un apporto
rilevante di selenio e zinco che rientrano nei sistemi di difesa antiossidante
dell’organismo.

Gli attori della filiera

Nell’ambito della filiera orticola, è possibile individuare due sottotipi sulla base delle
azioni di vendita:
- Produzione e vendita in azienda;
- Produzione e conferimento a centrale di lavorazione.

56 Produzione e mercato del vivaismo in Sicilia, Coreras


57 Elaborazione su dati del 6° Censimento Generale dell’Agricoltura.
58 Elaborazione su dati da database Inea, anno: 2011

115
Figura 5 - Filiera corta: Produzione e vendita in azienda

Figura 6 - Filiera corta: produzione e conferimento a centrale di lavorazione

116
8.2 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni ISTAT disponibili su base


regionale e provinciale, relative alle superfici, alle produzioni e alle aziende
produttrici di ortaggi in Sicilia.

Numero aziende Superficie (ha) Superficie media aziendale


Coltivazioni orticole: 29.604 24.131 0,8
Pien'aria 24.013 17.544 0,7
Protette 6.373 6.687 1
Patate 3.805 3.288 0,9
Tabella 53- Numero aziende, Superficie (ha), Superficie media aziendale.
5° Censimento Generale Istat, 2000

35.000
30.000
25.000
20.000
Numero Aziende
15.000
10.000 Superficie (ha)
5.000
0 Superficie media
aziendale

Figura 7 - Numero aziende, Superficie (ha), Superficie media aziendale.

117
Tabella 54 - Importazioni e Esportazioni totali Sicilia 2011 (quantità in tonnellate, valori in .000 di euro)

Tabella 55 - Importazioni e Esportazioni per prodotto, Sicilia 2011 (quantità in tonnellate, valori in .000 di euro)

8.2.1 Ortaggi in pien’aria

r = valore rilevato; s = valore imputato; t = totale


Fava fresca
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 50 1250 1250 r
Palermo 25 3200 3200 r
Messina 230 18000 16000 r
Agrigento 1770 118590 109230 r
Caltanissetta 500 20000 20000 r
Enna 200 6650 6317 r
Catania 300 15000 15000 r
Ragusa 150 8600 8600 s
Siracusa 25 2400 2400 r
Totale
3250 193690 181997 t
Sicilia
Tabella 56 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): fava fresca.
Mese di rilevazione: 09-2016. Fonte: www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

118
Fagiolo e fagiolino
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 150 4500 4500 r
Palermo 120 6400 6400 r
Messina 85 8000 7500 r
Agrigento 165 4372 4050 r
Caltanissetta 5 30 30 r
Enna - - - r
Catania 40 2400 2400 r
Ragusa 25 3000 2800 r
Siracusa 150 20500 20500 r
Totale
740 49202 48180 t
Sicilia
Tabella 57 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): fagiolo e fagiolino.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Pisello
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo - - - r
Messina 170 12000 11000 r
Agrigento 560 33040 31100 r
Caltanissetta 100 1600 1600 r
Enna - - - r
Catania 20 600 600 r
Ragusa - - - r
Siracusa - - - r
Totale
850 47240 44300 t
Sicilia
Tabella 58 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): pisello.
Mese di rilevazione: 10-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

119
Carota e pastinaca
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo - - - r
Messina 5 300 250 r
Agrigento 34 6834 6130 r
Caltanissetta 60 12000 12000 r
Enna - - - r
Catania 110 33000 33000 r
Ragusa 1400 510000 490000 r
Siracusa 890 235000 235000 r
Totale
2499 797134 776380 t
Sicilia
Tabella 59 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): carota e pastinaca.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Cipolla
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 8 640 640 r
Palermo 100 14000 14000 r
Messina 300 70000 60000 r
Agrigento 485 128040 121100 r
Caltanissetta 300 30000 30000 r
Enna 50 6000 5700 r
Catania 130 33000 33000 r
Ragusa 55 12000 12000 r
Siracusa 25 5000 5000 r
Totale
1453 298680 281440 t
Sicilia
Tabella 60 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): cipolla.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

120
Carciofo
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 170 13600 13600 r
Palermo 1180 275000 250000 r
Messina - - - r
Agrigento 4270 446000 405500 r
Caltanissetta 6000 420000 420000 r
Enna 120 13200 12540 r
Catania 2000 200000 200000 r
Ragusa 400 54000 51000 r
Siracusa 980 176400 176400 r
Totale
15120 1598200 1529040 t
Sicilia

Tabella 61 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): carciofo.


Mese di rilevazione: 06-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Cavolo cappuccio
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo 12 2200 2200 r
Messina - - - r
Agrigento 83 14608 13842 r
Caltanissetta - - - r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa - - - r
Siracusa 40 7360 7360 r
Totale
135 24168 23402 t
Sicilia
Tabella 62 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): cavolo cappuccio.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017

121
Cavolo verza
Province
Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo - - - r
Messina - - - r
Agrigento 69 11695 10265 r
Caltanissetta - - - r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa - - - r
Siracusa 25 4250 4250 r
Totale
94 15945 14515 t
Sicilia
Tabella 63 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): cavolo verza.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Altri cavoli
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo 100 12000 12000 r
Messina 100 15000 13000 r
Agrigento 225 45855 41310 r
Caltanissetta 250 30000 30000 r
Enna 30 4800 4560 r
Catania 100 18000 18000 r
Ragusa 25 3500 3100 r
Siracusa 120 32000 32000 r
Totale
950 161155 153970 t
Sicilia
Tabella 64 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): altri cavoli.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

122
Cavolfiore e cavolo broccolo
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 350 42000 42000 r
Palermo 212 36400 36400 r
Messina 200 35000 27000 r
Agrigento 830 185837 182350 r
Caltanissetta 250 18750 18750 r
Enna 30 5400 5130 r
Catania 140 30100 30100 r
Ragusa 51 8500 7800 r
Siracusa 150 39000 39000 r
Totale
2213 400987 388530 t
Sicilia
Tabella 65 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): cavolfiore e cavolo broccolo.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Finocchio
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 40 4800 4800 r
Palermo 350 75000 75000 r
Messina 160 25000 20000 r
Agrigento 172 34400 32100 r
Caltanissetta 400 64000 64000 r
Enna 60 9600 9120 r
Catania 130 33030 33000 r
Ragusa 55 13000 13000 r
Siracusa 440 127500 127500 r
Totale
1807 386330 378520 t
Sicilia
Tabella 66 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): finocchio.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

123
Indivia (riccia e scarola)
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo 150 15000 15000 r
Messina 6 550 400 r
Agrigento 85 10285 9810 r
Caltanissetta 5 100 100 r
Enna - - - r
Catania 150 30000 30000 r
Ragusa - - - r
Siracusa 130 18500 18500 r
Totale
526 74435 73810 t
Sicilia
Tabella 67 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): indivia (riccia e scarola).
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Lattuga
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 30 1500 1500 r
Palermo 300 90000 90000 r
Messina 150 20000 18000 r
Agrigento 520 107120 98750 r
Caltanissetta 250 42500 42500 r
Enna 70 8400 7980 r
Catania 150 30000 30000 r
Ragusa - - - r
Siracusa 380 72500 72500 r
Totale
1850 372020 361230 t
Sicilia
Tabella 68 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): lattuga.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

124
Radicchio o cicoria
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo 50 8500 8500 r
Messina - - - r
Agrigento - - - r
Caltanissetta 60 6000 6000 r
Enna - - - r
Catania 5 500 500 r
Ragusa - - - r
Siracusa - - - r
Totale
115 15000 15000 t
Sicilia
Tabella 69 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): radicchio o cicoria.
Mese di rilevazione: 07-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Spinacio
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo - - - r
Messina 3 135 120 r
Agrigento 11 1880 1750 r
Caltanissetta 100 1300 1300 r
Enna - - - r
Catania 40 3600 3600 r
Ragusa - - - r
Siracusa 65 6250 6250 r
Totale
219 13165 13020 t
Sicilia
Tabella 70 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): spinacio.
Mese di rilevazione: 02-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

125
Cocomero
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 80 20000 20000 r
Palermo - - - r
Messina - - - r
Agrigento 300 80200 74600 r
Caltanissetta 500 75000 75000 r
Enna - - - r
Catania 350 122500 122500 r
Ragusa - - - r
Siracusa 248 6050 6050 r
Totale
1478 303750 298150 t
Sicilia
Tabella 71 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): cocomero.
Mese di rilevazione: 10-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Fragola
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo - - - r
Messina 2 240 190 r
Agrigento 216 13154 11720 r
Caltanissetta 10 150 150 r
Enna - - - r
Catania 32 600 600 r
Ragusa - - - s
Siracusa 185 14800 14800 r
Totale
445 28944 27460 t
Sicilia
Tabella 72 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): fragola.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

126
Melanzana
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 70 8400 8400 r
Palermo 350 55000 52000 r
Messina 300 60000 50000 r
Agrigento 380 79800 75200 r
Caltanissetta 70 7000 7000 r
Enna 40 5600 5320 r
Catania 120 24000 24000 r
Ragusa 170 41000 38000 r
Siracusa 340 96000 96000 r
Totale
1840 376800 355920 t
Sicilia
Tabella 73 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): melanzana.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Peperone
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 30 2100 2100 r
Palermo 235 28000 27300 r
Messina 110 20000 18000 r
Agrigento 270 49896 44200 r
Caltanissetta 90 13500 13500 r
Enna 30 4500 4275 r
Catania 140 28000 28000 r
Ragusa 210 55000 51000 r
Siracusa 350 79000 13000 r
Totale
1465 279996 201375 t
Sicilia
Tabella 74 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): peperone.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

127
Popone o melone
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 1100 143000 143000 r
Palermo 1350 142300 140000 r
Messina - - - r
Agrigento 5150 1060900 948000 r
Caltanissetta 300 48000 48000 r
Enna 20 3600 3420 r
Catania 200 36000 36000 r
Ragusa 50 14000 13000 r
Siracusa 430 115000 115000 r
Totale
8600 1562800 1446420 t
Sicilia
Tabella 75 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): popone o melone.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Zucchina
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 15 1500 1500 r
Palermo 320 55200 55200 r
Messina 110 25000 23000 r
Agrigento 185 36630 33500 r
Caltanissetta 312 42120 42120 r
Enna 20 3600 3420 r
Catania 5 2500 2500 r
Ragusa 350 110000 101000 r
Siracusa 440 122000 122000 r
Totale
1757 398550 384240 t
Sicilia
Tabella 76 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): zucchina.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

128
Pomodoro
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 500 45000 45000 r
Palermo 590 72000 71000 r
Messina 450 95000 80000 r
Agrigento 4700 846000 810000 r
Caltanissetta 700 119000 119000 r
Enna 140 21000 19950 r
Catania 150 35000 35000 r
Ragusa 250 100000 93000 r
Siracusa 270 97000 97000 r
Totale
7750 1430000 1369950 t
Sicilia
Tabella 77 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): pomodoro.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Pomodoro da industria
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo 3300 380000 370000 r
Messina - - - r
Agrigento - - - r
Caltanissetta 900 162000 162000 r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa 350 110000 100000 r
Siracusa 130 25400 25400 r
Totale
4680 677400 657400 t
Sicilia
Tabella 78 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): pomodoro da industria.
Mese di rilevazione: 12-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

129
8.2.2 Ortaggi in serra

Cetriolo da mensa
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani - - - r
Palermo - - - r
Messina 14 260 200 r
Agrigento 410 2337 2090 r
Caltanissetta 5500 52250 52250 r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa 13000 48000 47000 s
Siracusa 1100 2100 2100 r
Totale
20024 104947 103640 t
Sicilia
Tabella 79 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): cetriolo da mensa.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Fagiolino
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 14000 8000 8000 r
Palermo 200 440 440 r
Messina 10 95 75 r
Agrigento 1150 3795 3420 r
Caltanissetta 8500 59500 59500 r
Enna 50 500 475 r
Catania - - - r
Ragusa - - - s
Siracusa 2900 3150 3150 r
Totale
26810 75480 75060 t
Sicilia
Tabella 80 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): fagiolino.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

130
Fragola
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 13000 10400 10400 r
Palermo - - - r
Messina 5 30 23 r
Agrigento 690 1449 1350 r
Caltanissetta 100 300 300 r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa - - - s
Siracusa 2400 11400 11400 r
Totale
16195 23579 23473 t
Sicilia
Tabella 81 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): fragola.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Lattuga
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 2000 800 800 r
Palermo 220 4818 4818 r
Messina 10 70 50 r
Agrigento 1200 3960 3620 r
Caltanissetta - - - r
Enna 50 1300 1235 r
Catania - - - r
Ragusa - - - s
Siracusa 1450 2900 2900 r
Totale
4930 13848 13423 t
Sicilia
Tabella 82 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): lattuga.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

131
Melanzana
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 15000 12000 12000 r
Palermo 100 1570 1570 r
Messina 10 70 60 r
Agrigento 5420 32520 29780 r
Caltanissetta 7500 127500 127500 r
Enna 50 1050 997 r
Catania - - - r
Ragusa 50000 225000 222000 s
Siracusa 2500 5500 5500 r
Totale
80580 405210 399407 t
Sicilia
Tabella 83 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): melanzana.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Popone o melone
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 4000 4000 4000 r
Palermo 1250 20375 20375 r
Messina 5 90 72 r
Agrigento 1350 8775 7980 r
Caltanissetta 3500 7000 7000 r
Enna - - - r
Catania - - - r
Ragusa 5000 20000 20000 s
Siracusa 20000 42000 42000 r
Totale
35105 102240 101427 t
Sicilia
Tabella 84 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): melanzana.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

132
Peperone
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 6000 3000 3000 r
Palermo 190 1425 1425 r
Messina 6 40 35 r
Agrigento 4700 23500 21200 r
Caltanissetta 1800 3600 3600 r
Enna 50 900 855 r
Catania - - - r
Ragusa 70000 250000 250000 s
Siracusa 18350 34500 34500 r
Totale
101096 316965 314615 t
Sicilia
Tabella 85- Superficie (ettari) e produzione (quintali): melanzana.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Pomodoro
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 13000 13000 13000 r
Palermo 3400 163540 163540 r
Messina 20 900 700 r
Agrigento 18200 63700 42000 r
Caltanissetta 54000 162000 162000 r
Enna 50 3200 3040 r
Catania 10 5000 5000 r
Ragusa 200000 1400000 1100000 s
Siracusa 22800 235000 23500 r
Totale
311480 2046340 1512780 t
Sicilia
Tabella 86 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): melanzana.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

133
Zucchina
Province Produzione Produzione
Superficie Metodo
totale raccolta
Sicilia
Trapani 8000 4800 4800 r
Palermo 429 4300 4300 r
Messina 8 150 120 r
Agrigento 452 2486 2250 r
Caltanissetta 1500 1500 1500 r
Enna 50 1250 1188 r
Catania 5 2500 2500 r
Ragusa 85000 320000 285000 s
Siracusa 19450 42800 42800 r
Totale
114894 379786 344458 t
Sicilia
Tabella 87 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): melanzana.
Mese di rilevazione: 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

134
8.3 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016, tratte dalle
rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale, relative alle superfici e alle
produzioni di ortaggi siciliani.
Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a partire dall’ultimo Censimento
generale dell’agricoltura.

8.3.1 Ortaggi in pien’aria

Fava fresca
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 3.597 213.900 206.502


2011 1.531 80.200 75.907
2012 3.395 206.560 193.727
2013 3.725 208.230 189.120
2014 3.370 199.900 182.567
2015 3.268 194.840 178.297
2016 3.250 193.690 181.997
Tabella 88- Superficie (ettari) e produzione (quintali): fava fresca.
Mesi di rilevazione: 09-2010; 09-2011; 09-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Fagiolo e fagiolino
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta
2010 883 65.475 60.027
2011 883 61.738 57.073
2012 870 56.855 54.034
2013 743 53.325 51.455
2014 840 51.691 50.200
2015 826 51.445 30.955
2016 740 49.202 48.180
Tabella 89- Superficie (ettari) e produzione (quintali):fagiolo e fagiolino.
Mesi di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

135
Pisello
Totale Superficie Produzione totale Produzione raccolta
Sicilia

2010 1.633 77.859 73.714


2011 1.485 72.490 67.260
2012 1.343 62.540 57.080
2013 887 50.630 45.145
2014 893 48.780 44.020
2015 868 47.255 42.958
2016 850 47.240 44.300
Tabella 90- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pisello.
Mesi di rilevazione:10-2010; 10-2011; 10-2012; 10-2013; 10-2014; 10-2015; 10-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Carota e pastinaca
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 3.178 633.440 599.706


2011 3.180 1.213.950 1.179.153
2012 2.867 1.157.062 1.121.955
2013 2.358 954.600 953.940
2014 2.525 1.029.020 1.027.540
2015 2.624 1.025.800 1.024.300
2016 2499 797134 776380
Tabella 91- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pisello.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Cipolla
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 1.700 300.210 284.110


2011 1.635 288.900 277.530
2012 1.593 278.876 261.305
2013 1.435 270.640 255.800
2014 1.414 261.880 250.865
2015 1.094 214.720 207.595
2016 1.453 298.680 281.440
Tabella 92- Superficie (ettari) e produzione (quintali): cipolla
Mesi di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 Province
www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

136
Carciofo
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 14.860 1.669.300 1.553.650


2011 14.765 1.663.960 1.557.900
2012 14.832 1.651.466 1.552.648
2013 14.540 1.656.510 1.527.960
2014 14.425 1.609.050 1.541.365
2015 14.485 1.368.376 1.323.208
2016 15.120 1.598.200 1.529.040
Tabella 93- Superficie (ettari) e produzione (quintali):cipolla.
Mesi di rilevazione:06-2010; 06-2011; 06-2012; 06-2013; 06-2014; 06-2015; 06-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Cavolo cappuccio
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 270 49470 44.125


2011 266 49.330 44.380
2012 226 43.036 38.656
2013 198 36.180 34.195
2014 195 35.080 33.690
2015 192 34.840 33.740
2016 135 24.168 23.402
Tabella 94- Superficie (ettari) e produzione (quintali):cavolo cappuccio.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Cavolo verza
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 160 26.790 25.690


2011 150 25.214 23.528
2012 128 22.475 21.483
2013 146 24.825 23.320
2014 145 25.190 24.115
2015 110 17.990 17.325
2016 94 15.945 14.515
Tabella 95- Superficie (ettari) e produzione (quintali):cavolo verza.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

137
Altri cavoli
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 1.035 149.290 142.000


2011 983 141.228 134.950
2012 814 118.038 111.826
2013 980 143.230 136.270
2014 1.023 148.175 142.990
2015 955 140.350 136.520
2016 950 161.155 153.970
Tabella 96- Superficie (ettari) e produzione (quintali):altri cavoli.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Cavolfiore e cavolo broccolo


Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 1.905 382.200 372.450


2011 1.848 358.975 349.818
2012 2.233 410.054 386.463
2013 2.417 453.490 435.910
2014 2.342 439.350 422.720
2015 2.345 435.940 427.970
2016 2.213 400.987 388.530
Tabella 97- Superficie (ettari) e produzione (quintali):cavolfiore e cavolo broccolo.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Finocchio
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.053 365.460 348.840


2011 1.848 314.170 299.655
2012 1.861 314.388 298.585
2013 1.853 327.770 321.440
2014 1.429 301.110 295.365
2015 1.723 354.790 349.600
2016 1.807 386.330 378.520
Tabella 98- Superficie (ettari) e produzione (quintali):finocchio.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

138
Indivia (riccia e scarola)
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 661 142.790 137.290


2011 599 131.850 126.337
2012 606 128.204 122.221
2013 477 97.350 94.734
2014 478 95.780 93.300
2015 489 88.270 85.500
2016 526 74.435 73.810
Tabella 99- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pisello.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Lattuga
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.175 400.230 379.758


2011 2.118 402.313 381.704
2012 2.160 450.587 424.365
2013 2.065 400.430 384.535
2014 2.125 406.190 391.240
2015 2.085 402.247 390.220
2016 1.850 372.020 361.230
Tabella 100- Superficie (ettari) e produzione (quintali):lattuga.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Radicchio o cicoria
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 290 16.200 15.800


2011 157 15.200 14.700
2012 155 14.950 14.450
2013 155 14.950 14.750
2014 115 12.550 12.450
2015 68 4.280 4.280
2016 115 15.000 15.000
Tabella 101- Superficie (ettari) e produzione (quintali):radicchio o cicoria.
Mesi di rilevazione:07-2010; 07-2011; 07-2012; 07-2013; 07-2014; 07-2015; 07-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

139
Spinacio
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 191 10.530 10.210


2011 206 12.543 12.015
2012 165 7.660 7.215
2013 215 12.260 12.010
2014 205 11.145 10.710
2015 219 13.165 13.020
2016 219 13165 13020
Tabella 102- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pisello.
Mese di rilevazione:02-2010; 02-2011; 02-2012; 02-2013; 02-2014; 02-2015; 02-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Cocomero
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.485 540.580 515.500


2011 1.800 535.520 511.100
2012 1.253 290.676 274.090
2013 1.260 308.305 295.840
2014 1.420 291.745 283.930
2015 1.475 312.393 304.525
2016 1.478 303.750 298.150
Tabella 103- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pisello.
Mese di rilevazione:10-2010; 10-2011; 10-2012; 10-2013; 10-2014; 10-2015; 10-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Fragola
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 612 126.130 121.959


2011 488 90.740 86.149
2012 489 90.090 85.885
2013 505 88.290 85.772
2014 508 29.646 27.865
2015 490 29.120 27.719
2016 445 28.944 27.460
Tabella 104- Superficie (ettari) e produzione (quintali):fragola.
Mesi di rilevazione:09-2010; 09-2011; 09-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

140
Melanzana
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.500 457.900 438.865


2011 2.340 473.740 457.475
2012 2.267 464.420 448.563
2013 1.857 389.945 378.030
2014 1.844 367.730 357.320
2015 1.805 367.700 267.660
2016 1.840 376.800 355.920
Tabella 105- Superficie (ettari) e produzione (quintali):melanzana.
Mesi di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Peperone
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.160 471.560 434.160


2011 2.560 574.807 557.515
2012 2.476 561.427 541.945
2013 1.789 378.619 371.224
2014 1.501 302.180 294.773
2015 1.491 288.600 215.998
2016 1.465 279.996 201.375
Tabella 106- Superficie (ettari) e produzione (quintali):peperone.
Mesi di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Popone o melone
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 9.690 1.734.010 1.662.520


2011 8.374 1.523.622 1.471.470
2012 8.646 1.549.710 1.454.260
2013 8.210 1.467.120 1.369.940
2014 8.775 1.553.110 1.423.560
2015 8.445 1.480.200 1.348.555
2016 8.600 1.562.800 1.446.420
Tabella 107- Superficie (ettari) e produzione (quintali):popone o melone.
Mesi di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

141
Zucchina
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.667 560.430 542.515


2011 2.563 642.954 628.031
2012 2.461 678.266 591.711
2013 2.087 521.010 515.190
2014 2.129 509.780 502.862
2015 632 123.576 118.161
2016 1.757 398.550 384.240
Tabella 108- Superficie (ettari) e produzione (quintali):zucchina.
Mese di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 Province
www.agri.istat.it (vis. il 28/02/2017)

Pomodoro
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 8.040 1.652.770 1.585.300


2011 7.346 1.411.006 1.358.291
2012 7.308 1.520.774 1.381.104
2013 7.770 1.591.340 1.502.030
2014 7.655 1.538.430 1.460.850
2015 7.710 1.573.550 1.387.840
2016 7.750 1.430.000 1.369.950
Tabella 109- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pomodoro.
Mesi di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Pomodoro da industria
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 10.360 1.834.000 1.700.000


2011 5.360 924.000 880.000
2012 5.358 920.500 878.000
2013 4.860 833.000 823.000
2014 5.150 802.000 797.000
2015 4.840 797.850 705.050
2016 4.680 677.400 657.400
Tabella 110- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pomodoro da industria.
Mesi di rilevazione:12-2010; 12-2011; 12-2012; 12-2013; 12-2014; 12-2015; 12-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

142
8.3.2 Ortaggi in serra

Cetriolo da mensa
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.839 18.631 17.422


2011 17.731 42.581 41.535
2012 17.932 56.127 55.936
2013 19.527 106.320 104.874
2014 18.944 105.185 103.765
2015 19.036 105.013 103.576
2016 20.024 104.947 103.640
Tabella 111- Superficie (ettari) e produzione (quintali):cetriolo da mensa.
Mesi di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Fagiolino
Superficie Produzione totale Produzione raccolta
Totale Sicilia
2010 9.580 25.970 24.850
2011 16.890 24.610 23.660
2012 10.025 12.200 11.746
2013 28.135 82.905 81.380
2014 26.135 76.020 74.428
2015 27.186 77.013 75.405
2016 26.810 75.480 75.060
Tabella 112- Superficie (ettari) e produzione (quintali):fagiolino.
Mesi di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016. www.agri.istat.it
(vis. il 28/02/2017)

143
Fragola
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 2.516 12.336 11.612


2011 8.116 15.286 14.497
2012 6.546 7.856 7.648
2013 19.980 38.135 37.325
2014 21.888 31.542 30.758
2015 19.684 29.039 28.242
2016 16.195 23.579 23.473
Tabella 113- Superficie (ettari) e produzione (quintali):fragola.
Mesi di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Lattuga
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 3.015 13.055 11.997


2011 2.305 14.455 13.075
2012 1.405 9.931 9.294
2013 3.882 16.405 14.895
2014 5.400 15.605 14.231
2015 5.366 15.560 14.161
2016 4.930 13.848 13.423
Tabella 114- Superficie (ettari) e produzione (quintali):lattuga.
Mesi di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Melanzana
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 26.016 129.046 122.788


2011 72.978 326.046 316.804
2012 62.974 392.091 387.901
2013 79.265 421.990 416.190
2014 81.525 411.082 404.763
2015 83.145 410.696 404.784
2016 80.580 405.210 399.407
Tabella 115- Superficie (ettari) e produzione (quintali):melanzana.
Mesi di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

144
Popone o melone
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 60.605 184.820 176.551


2011 33.725 186.700 176.871
2012 10.665 39.938 37.594
2013 39.700 133.660 129.150
2014 36.726 105.095 101.385
2015 35.718 113.428 109.318
2016 35.105 102.240 101.427
Tabella 116- Superficie (ettari) e produzione (quintali):popone o melone.
Mesi di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016 www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Peperone
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 26.405 96.315 91.541


2011 124.472 227.585 221.716
2012 106.468 474.255 472.289
2013 134.200 516.965 514.215
2014 113.764 392.855 389.213
2015 111.932 392.475 389.434
2016 101.096 316.965 314.615
Tabella 117- Superficie (ettari) e produzione (quintali):peperone.
Mese di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

Pomodoro
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 173.060 813.900 780.752


2011 368.107 2.096.620 2.044.097
2012 277.428 1.864.619 1.852.759
2013 302.830 1.961.305 1.945.235
2014 314.290 2.085.885 2.070.012
2015 314.475 2.133.980 2.112.753
2016 311.480 2.046.340 1.512.780
Tabella 118- Superficie (ettari) e produzione (quintali):pomodoro.
Mese di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

145
Zucchina
Totale Sicilia Superficie Produzione totale Produzione raccolta

2010 34.914 166.625 162.502


2011 105.955 511.565 509.048
2012 81.934 302.995 302.502
2013 110.630 353.335 352.770
2014 114.263 362.852 362.357
2015 115.222 380.839 380.232
2016 114.894 379.786 344.458
Tabella 119- Superficie (ettari) e produzione (quintali):zucchina.
Mese di rilevazione:09-2010; 09-2011; 12-2012; 09-2013; 09-2014; 09-2015; 09-2016. www.agri.istat.it (vis. il
28/02/2017)

8.4 Import-export

Una sezione particolare dell’Analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export mondiale della filiera messa a confronto con la situazione a livello nazionale.
Anche nel 2015 la produzione mondiale di ortaggi ha proseguito il trend di crescita
prevalente ormai da anni, in forza della progressiva estensione delle superfici messe
a coltura e del miglioramento delle rese. Secondo le stime del Servizio informazione
del mercato agricolo di Bonn (AmI), gli oltre 1,05 miliardi di tonnellate di ortaggi
(meloni esclusi) prodotti nel 2015 segnano un incremento di circa l’8% rispetto
all’anno precedente.

La stima della produzione Ue è invece leggermente al ribasso, facendo registrare una


produzione di circa 61 milioni di tonnellate, con un calo del 3% rispetto al 2014.

I dati Fao per il 2014 consentono confronti di maggiore dettaglio e confermano che
l’Ue ha un peso limitato al 5-6% sulla scena della produzione orticola mondiale
(meloni inclusi).

La sola Cina esprime il 51% della produzione globale, seguita dall’India con oltre il
10%. Anche nella ripartizione dei 385 milioni di tonnellate di patate prodotte
globalmente nel 2014 la Cina primeggia con un quarto della produzione, sebbene in
questo caso l’Ue compaia al secondo posto con oltre il 15%, seguita da India e Russia.
Se si restringe all’Ue-28 il panorama produttivo, allora l’Italia compare in una
posizione di rilievo. I dati Eurostat collocano infatti il nostro paese, nel 2015, al
secondo posto per importanza, con il 18,9% del valore della produzione comunitaria
di ortaggi, legumi e patate, subito a ridosso della Spagna (19,2%), assieme alla quale
si distanziano significativamente dagli altri produttori principali (Germania, Polonia
e Francia). Per quanto riguarda il commercio internazionale, la gerarchia dei paesi si

146
presenta normalmente molto diversa, in quanto il peso crescente nella produzione di
ortaggi e patate di molte economie emergenti, pur contribuendo a modificare le
dinamiche di mercato mondiale per molti prodotti, è in larga parte assorbito
dall’analogo andamento dei loro consumi interni. In effetti, approssimativamente,
solo un 4% della produzione mondiale di ortaggi è commercializzato oltre frontiera.
Questo consente a paesi più piccoli e fortemente eccedentari, o ben posizionati nei
canali di commercializzazione internazionale, di emergere come player di rilievo. Nel
2014, per il complesso degli ortaggi, legumi e patate, è nuovamente la Cina a detenere
il primato nell’export, con 6,2 miliardi di euro, seguita a ruota dai Paesi Bassi, dalla
Spagna e dal Messico con valori compresi tra i 4 e i 6 miliardi di euro (dati Un
Comtrade). In tale quadro, l’Italia occupa tradizionalmente una posizione di rilievo,
collocandosi al decimo posto con esportazioni per quasi 1,3 miliardi di euro. Va
comunque rilevato che, in termini dinamici, le economie emergenti che vediamo
primeggiare nella produzione sono in larga parte le stesse il cui export orticolo fresco
cresce maggiormente nell’ultimo decennio: in particolare, oltre alla Cina, anche
Egitto, Tailandia e Canada vedono crescere le loro quote di mercato a spese dei
principali esportatori tradizionali, Ue e Usa.

Il pomodoro è la specie quantitativamente più rilevante nella produzione orticola


mondiale, con oltre 170 milioni di tonnellate (Fao 2014). Secondo le stime del World
Processing Tomato Council (Wptc), oltre il 20% di tale produzione è destinato
all’industria di trasformazione. Anche nel pomodoro da industria si conferma
l’importanza dell’Italia sia dal punto di vista commerciale (primo esportatore
mondiale di conserve di pomodoro) che produttivo. Le stime 2015 del Wptc per il
pomodoro da industria confermano le previsioni formulate lo scorso anno circa la
crescita dei principali player a eccezione della Cina. Quest’ultima si è assestata su
5,6 milioni di tonnellate (-12,5% rispetto al 2014), dopo il pieno recupero del pesante
taglio produttivo operato nel 2012. Gli altri produttori principali sono tutti in crescita:
gli Usa, grazie alla produzione californiana, superano i 13 milioni di tonnellate
(+2,5%), mentre l’Italia registra un forte picco produttivo, crescendo del 9,7% e
giungendo a insidiare, con 5,4 milioni di tonnellate, la posizione dei cinesi alle spalle
della California. Analogo andamento riguarda in genere gli altri produttori europei e
mediterranei di rilievo e in particolare Spagna (+12,1%), Turchia e Portogallo. Nel
complesso, quindi, nonostante il calo della Cina, l’offerta mondiale è cresciuta del
3,7% e ha superato i 41 milioni di tonnellate. Le previsioni 2016 anticipano una
contrazione più o meno pronunciata di tutti i produttori principali.

La situazione italiana – In base alle stime Istat, il valore della produzione vendibile
di ortaggi e patate nel 2015 ha recuperato il calo dello scorso anno, risalendo a quasi
7,7 miliardi di euro (+6,2%). L’andamento è nuovamente dipeso dalla dinamica dei
prezzi medi alla produzione, in questo caso in crescita del 7,8%, mentre le quantità
restano poco dinamiche (-1,5%). Il dato Istat di produzione raccolta, riportato nella

147
tabella 25.1, restituisce tuttavia un quadro positivo anche per le quantità, almeno per
quanto riguarda il dato aggregato per gli ortaggi e i legumi. Per queste produzioni di
pieno campo si registra un incremento del 7,7% che porta a oltre 11,8 milioni di
tonnellate la produzione raccolta; questo in forza della crescita di quasi il 7% delle
rese che compensa anche la lieve contrazione delle superfici (-1,9%). Se si esaminano
solo i legumi principali, tuttavia, si nota che il 2015 è un anno di contrazione
generalizzata della produzione, mentre per le patate è un’annata di stasi, con una
produzione quasi invariata (-0,7%).

Tabella 120 Annuario dell'agricoltura italiana, Fonte: CREA, 2015

148
8.5 Conclusioni

Il comparto orticolo siciliano è dotato di grande dinamicità, potendo registrare al suo


interno significative realtà produttive, sia in termini di qualità prodotta e certificata
che in termini di propensione all’export.
L’analisi strutturale restituisce, tuttavia, complessivamente una situazione simile a
quella delle altre filiere, caratterizzate da dimensioni aziendali ancora troppo modeste
e da una inadeguata capacità di chiudere la filiera con la fase della
lavorazione/commercializzazione o della trasformazione.
L’introduzione di nuove forme organizzative nelle fasi di trasformazione e
commercializzazione dei prodotti orticoli, unitamente ad una politica di
valorizzazione e certificazione della qualità, possono determinare un miglioramento
complessivo del valore aggiunto della filiera e dei singoli elementi che la
caratterizzano.
L’innovazione di prodotto, auspicabile per migliorare le performance aziendali, non
deve però far trascurare la valorizzazione del germoplasma locale, capace di
assicurare calendari di produzione più lunghi senza ricorrere alla coltivazione in
ambiente protetto ed un’offerta di prodotti a Km 0 molto apprezzata dai consumatori
più attenti, nonché dalle mense collettive e dalle strutture alberghiere e ristorative per
la somministrazione di alimenti ai turisti.

149
9. Filiera della frutta secca a guscio

9.1 Descrizione generale della filiera

Il comparto della frutta secca a guscio contiene quel gruppo di frutti rivestiti da un
guscio legnoso59. La frutta secca in guscio appartiene ad una categoria di alimenti
ricchi in grassi e poveri in zuccheri, comprendente frutti veri e propri, semi e
legumi.
Largamente diffusa a livello mondiale, viene in parte consumata direttamente
come prodotto fresco, essiccato o tostato, in parte destinata alla trasformazione
industriale per la produzione di snack, preparazioni dolciarie, burro, olio e
margarina. La frutta secca commercialmente più importante comprende arachidi
(Arachis hypogaea L.), mandorle (Prunus dulcis Mill.), nocciole (Corylus avellana
L.), noci (Juglans regia L.), pinoli (Pinus pinea L.) e pistacchi (Pistacia vera L.).
La frutta secca è molto apprezzata non solo per le sue peculiari caratteristiche
organolettiche, ma anche per l’elevato valore nutrizionale. Grazie al ridotto
contenuto di acqua, infatti, rappresenta un concentrato di macro e micro-nutrienti,
oltre a costituire un’eccellente fonte di preziose sostanze nutraceutiche.60

Tale comparto ha da sempre dato un contributo significativo all’economia


siciliana, in particolare per quanto riguarda la produzione di mandorle, nocciole,
noci, pistacchio e carrubo.
A partire dagli anni ‘60/’70, la produzione in Sicilia, ad eccezione del pistacchio,
ha subito un declino a causa della globalizzazione. Quest’ultima infatti ha messo
in concorrenza la regione con altri paesi produttori, in particolare la Turchia e la
Spagna, i quali producono con costi più contenuti. Per questo motivo
l’amministrazione regionale siciliana si è impegnata al fine di consolidare il
settore, attraverso molteplici linee di intervento, rivolte ai produttori, ai
trasformatori e al mondo della ricerca, volte a garantire l’ammodernamento del
settore. 61
La frutta secca a guscio è diffusa, generalmente, su tutto il territorio siciliano, ma
vede concentrata la coltivazione delle singole specie in aree differenti.

59 http://www.edizionilucisano.it/atlante_visuale/Alimenti/frutta_guscio.html (02/03/2017)
60 http://dspace.unitus.it/bitstream/2067/2752/1/rmoscetti_tesid.pdf#page=21 (vis. il 06/03/2017)
61

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratoregion
aledelleRisorseAgricoleeAlimentari/PIR_DipIntInfrastrutturali/PIR_CircolarieDirettive/Piano%20Frutta%20Se
cca_0.pdf (vis. il 06/03/2017)

150
In questa sezione verranno trattate le tre specie più significative sul panorama
siciliano: mandorle, nocciole e pistacchi.

La mandorla

Con una produzione totale di 514.450 quintali, la mandorla risulta essere la specie
di frutta a guscio più diffusa sul territorio siciliano. Essa viene prodotta in quantità
differente in tutte le province della regione, con maggiore concentrazione nelle
province di Siracusa ed Agrigento.62 Secondo gli ultimi rilevamenti Istat, relativi
all’anno 2013, la Sicilia conta 11.136 aziende impegnate nella produzione
mandorlicola63.
La mandorla contiene importanti proprietà nutritive, in quanto ricca di Vitamina
E, e viene impiegata in diversi settori, quali la pasticceria, la confetteria, la
gelateria e la gastronomia, nonché nell’industria cosmetica e farmaceutica per via
dell’olio che ne viene estratto64.

Il nocciolo

Il nocciolo è, per ordine di importanza, la seconda specie di frutta a guscio più


diffusa in Sicilia, con una produzione totale pari a 122.120 quintali. La sua
produzione si concentra principalmente nella provincia di Messina con 110.000
quintali, e a seguire nelle province di Catania, Palermo ed Enna. 65 Il numero di
aziende impegnate nella produzione di nocciole in Sicilia, secondo l’ultimo
rilevamento Istat dell’anno 2013, è pari a 4.113. 66
Il settore della corilicoltura ha subito, negli ultimi anni, un forte decremento nella
regione siciliana. Le cause sono dovute alla concorrenza di paesi in cui la
produzione avviene a prezzi più contenuti, come la Turchia, e all’incapacità di
intervenire attraverso una efficace meccanizzazione del settore67.

62 ibidem
63 www.istat.it (vis. il 07/03/2017)
64

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratoregion
aledelleRisorseAgricoleeAlimentari/PIR_DipIntInfrastrutturali/PIR_CircolarieDirettive/Piano%20Frutta%20Se
cca_0.pdf (vis. il 07/03/2017)

65

http://agri.istat.it/sag_is_pdwout/jsp/dawinci.jsp?q=plC190000030000203200&an=2016&ig=1&ct=270&id=15
A|21A|30A (vis. il 07/03/2017)
66 www.istat.it (vis. il 07/03/2017)
67

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratoregion
aledelleRisorseAgricoleeAlimentari/PIR_DipIntInfrastrutturali/PIR_CircolarieDirettive/Piano%20Frutta%20Se
cca_0.pdf (vis. il 07/03/2017)

151
La nocciola è un frutto energetico, ricco di acido oleico, noto per la sue proprietà
collegate alla prevenzione delle malattie cardiovascolari.
Essa viene utilizzata nell’industria agroalimentare e nel settore della pasticceria,
mentre i semi rotti e fuori calibro vengono impiegati nella produzione di pasta e
granella68.

Il pistacchio

Attraverso una produzione di 38.720 quintali di pistacchio69, la Sicilia si aggiudica


il primato produttivo in Italia, con una concentrazione nella provincia di Catania
e in particolare nei comuni di Bronte ed Adrano.70 Una rilevante quantità di
superfici dedite alla pistacchicoltura, ricade nelle aree protette del Parco regionale
dell’Etna. Il pistacchio coltivato in tali aree, denominato “Pistacchio verde di
Bronte” ha ottenuto il riconoscimento DOP71.
Il suo utilizzo varia dal consumo diretto, alla gastronomia, al comparto industriale
o artigianale72.

Dalle ultime rilevazioni Istat, relative all’anno 2016, la Sicilia conta 19.209
aziende che si occupano di produzione e trasformazione della frutta secca a
guscio.73 Nell’anno 2011 la Sicilia ha esportato 5.034 tonnellate di prodotto, ad un
valore corrente di 27.169 Euro. I mercati internazionali di riferimento per
l’esportazione di frutta secca sono in ordine di importanza la Francia e la
Germania. Le importazioni sono pari a 6.163 tonnellate, ad un valore corrente di
42.653 Euro, prevalentemente da Spagna e Stati Uniti d’America74.

68 ibidem
69

http://agri.istat.it/sag_is_pdwout/jsp/dawinci.jsp?q=plC190000030000203200&an=2016&ig=1&ct=270&id=15
A|21A|30A (vis. il 07/03/2017)
70

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratoregion
aledelleRisorseAgricoleeAlimentari/PIR_DipIntInfrastrutturali/PIR_CircolarieDirettive/Piano%20Frutta%20Se
cca_0.pdf (vis. il 07/03/2017)
71 PSR SICILIA
72

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratoregion
aledelleRisorseAgricoleeAlimentari/PIR_DipIntInfrastrutturali/PIR_CircolarieDirettive/Piano%20Frutta%20Se
cca_0.pdf (vis. il 07/03/2017)

73

http://agri.istat.it/sag_is_pdwout/jsp/dawinci.jsp?q=plSPA0000030000203200&an=2013&ig=1&ct=
1153&id=15A|21A|30A|68A|98A (vis. il 07/03/2017)
74
INEA

152
153
9.2 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni ISTAT disponibili su base


provinciale, relative alle superfici, alle produzioni e alle aziende produttrici di frutta
secca più diffusa in Sicilia.

Tabella 121 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): mandorle. Mese di rilevazione


Ottobre 2016. www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

Tabella 122 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): nocciole. Mese di rilevazione Novembre 2016.
www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

Tabella 123 - Aziende con frutta in guscio. Anno 2013. www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

154
Tabella 124 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): pistacchi.
Mese di rilevazione Aprile 2016. www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

Tabella 125 - Importazioni ed esportazioni nell’anno 2011.


Quantità in tonnellate e valori in .000 di Euro. Fonte: INEA

9.3 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016, tratte dalle
rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale, relative alle superfici e alle
produzioni di frutta secca siciliana. Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a
partire dall’ultimo Censimento generale dell’agricoltura.

Tabella 126 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): mandorle.


Mese di rilevazione Ottobre 2016. www.istat.it (vis. il 07/03/2017)
www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

155
800.000
700.000
superficie totale
600.000
500.000 superficie in
400.000 produzione
300.000 Produzione totale
200.000
Produzione raccolta
100.000
0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016
Grafico 33 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): mandorle.
Mese di rilevazione Ottobre 2016. www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

Tabella 127- Superficie (ettari) e produzione (quintali): nocciole. Mese di rilevazione Novembre 2016.
www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

160.000

140.000

120.000

100.000 superficie totale

80.000 superficie in produzione

60.000 produzione totale


produzione raccolta
40.000

20.000

0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016
Grafico 34- Superficie (ettari) e produzione (quintali): nocciole. Mese di rilevazione Novembre 2016.
www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

156
Tabella 128- Superficie (ettari) e produzione (quintali): pistacchi. Mese di rilevazione Aprile 2016.
www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

45.000
40.000
35.000

30.000
superficie totale
25.000
superficie in produzione
20.000
produzione totale
15.000 produzione raccolta
10.000
5.000

0
2011 2012 2013 2014 2015 2016
Grafico 35 - Superficie totale (ettari) e produzione (quintali): pistacchi. Mese di rilevazione Aprile 2016.
www.istat.it (vis. il 07/03/2017)

9.4 Import-export

Una sezione particolare dell’analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export della filiera a livello nazionale.

La situazione mondiale e comunitaria – In base ai dati Usda e del World Nut and
Dried Fruit Council l’annata 2014/2015 ha presentato andamenti di segno positivo
per la produzione mondiale di noci e in contrazione per quella di nocciole e, sia pure
lievemente, quella di mandorle. Le stime quasi definitive della produzione 2015/2016
prevedono la ripresa produttiva di tutte e tre le specie considerate.
Per quanto riguarda le mandorle, la produzione mondiale del prodotto sgusciato
oscilla da qualche anno poco sopra il milione di tonnellate e ha segnato nel 2014/2015
una flessione di quasi il 3%, riconducibile alla contrazione dell’offerta di Usa e
Turchia, in parte compensata da incrementi degli altri paesi produttori di rilievo (Ue,

157
Australia e Cile). Va ricordato che l’andamento della produzione mondiale dipende
abbastanza strettamente dall’offerta statunitense, che ne rappresenta quasi l’80%. Le
stime 2015/2016 segnalano una ripresa mondiale che porta la produzione a 1,1
milioni di tonnellate, in forza della crescita non solo statunitense (+1,6%), ma anche
dell’Ue (+20%) e di altri paesi produttori, quali Australia, Cina e Turchia.
La produzione 2014/2015 di nocciole si è caratterizzata per la forte contrazione della
produzione mondiale, causata principalmente dalle gelate primaverili in Turchia. Il
calo produttivo turco (di circa il 20%) ha influenzato in misura importante l’equilibrio
del mercato mondiale, in quanto dalla Turchia proviene normalmente circa il 70%
della produzione globale, ed è stato rafforzato anche dalla minore produzione italiana.
Gli impatti positivi sui prezzi mondiali e nazionali sono stati molto significativi nei
18 mesi a partire dalla metà del 2014. Le stime per il 2015/2016 segnalano una ripresa
produttiva sia turca che italiana e di altri produttori di rilievo (Georgia, Usa e
Azerbaigian) con la produzione globale che risale tra le 800.000 e le 900.000
tonnellate di prodotto sgusciato.
La produzione mondiale di noci continua invece da diversi anni una crescita
ininterrotta. Nel 2014/2015 ha superato 1,8 milioni di tonnellate e nel 2015/2016
sfiora i 2 milioni. L’ulteriore espansione nel 2015/2016 della Cina (+11%) e degli
Usa – che coprono rispettivamente oltre il 50% e oltre il 27% della produzione
mondiale – spiega l’ulteriore record. Anche la produzione europea, che si colloca al
di sopra delle 110.000 tonnellate, quella dell’Ucraina e quella della Turchia sono
cresciute.
La situazione italiana – Il quadro nazionale dell’evoluzione della produzione di frutta
in guscio si caratterizza per variazioni legate, da un lato, alla tradizionale ciclicità
delle annate di carica e scarica e, dall’altro lato, agli impatti degli andamenti climatici
e fitosanitari.

158
Tabella 129 - Superficie e produzione delle specie di frutta in guscio in Italia. Fonte: Annuario CREA
dell'agricoltura siciliana. Elaborazioni su dati ISTAT.

Tabella 130 - Prezzi all’origine medi mensili di alcune tipologie di frutta in guscio. Fonte: Annuario CREA
dell'agricoltura siciliana. Elaborazioni su dati ISMEA, Banca dati DATIMA.

Le mandorle, dopo la lieve ripresa dello scorso anno, ridiscendono a 70.400


tonnellate nel 2015 (-4,9%), nonostante l’incremento del 6% delle superfici
(tab.25.6). I relativi prezzi di mercato interno, cresciuti a partire dall’estate 2013 per
la concomitante riduzione della produzione nazionale e lo scarso dinamismo di quella
globale, sono rimasti elevati nel 2014 e 2015 (tab. 25.7).
Per quanto riguarda le nocciole, la produzione nel 2015 è risalita a oltre 101.000
tonnellate (+34,7%), grazie alla ripresa produttiva meridionale (+64,7%) e del Centro

159
Italia (+40%), mentre il Piemonte e il resto del Nord-ovest registrano una contrazione
del 5,5%. Nonostante il rilevante recupero sia della produzione nazionale che
dell’offerta mondiale, gli indici dei prezzi sono rimasti molto elevati lungo tutto il
2015, raggiungendo, in media annua, un livello pari a quasi 2,5 volte il valore
dell’indice nel 2010.
Tra le specie minori, prosegue la crescita del pistacchio, che raggiunge le 3.900
tonnellate in forza della crescita delle superfici, e si segnala l’invarianza della
produzione del carrubo (31.500 tonnellate) che nel 2014 era triplicata.
È di rilievo che il protrarsi di quotazioni elevate per le principali produzioni di frutta
in guscio nazionali stia favorendo il rilancio di produzioni per le quali il nostro paese
è particolarmente vocato, in particolare attraverso investimenti indirizzati a
migliorare la localizzazione, intensificare la meccanizzazione e migliorare la
competitività internazionale delle produzioni italiane.
Anche nel 2015 l’interscambio commerciale italiano di frutta secca e in guscio ha
fatto registrare una crescita. Sono infatti cresciute del 21,6% le importazioni, che
hanno superato 1,36 miliardi di euro, e in misura minore le esportazioni (+16,9%),
che sono giunte oltre 480 milioni di euro. Naturalmente il nostro paese resta un forte
importatore netto e, peraltro, il saldo normalizzato 2015 è peggiorato di poco più di
un punto percentuale, scendendo a -47,8%, a causa del maggiore dinamismo delle
importazioni.
I prodotti di maggior rilievo nell’import italiano di frutta secca e in guscio sono
nocciole e mandorle. Le prime hanno sfiorato i 420 milioni di euro, con una crescita
di quasi il 52% da attribuirsi quasi interamente all’ulteriore forte crescita delle
quotazioni sui mercati internazionali, almeno fino alla metà dell’anno, e al livello
piuttosto elevato mantenuto in seguito. Una dinamica simile ha riguardato le
mandorle, le cui importazioni sono cresciute del 41,1% superando i 310 milioni.
Anche in questo caso la crescita è dovuta essenzialmente all’andamento dei prezzi,
sebbene vada anche rilevata una parziale sostituzione di forniture spagnole al posto
di quelle statunitensi.
Le nocciole sono il principale prodotto anche nelle esportazioni italiane di frutta secca
e in guscio, seguite da mandorle e castagne. Le prime, nel 2015, sono ulteriormente
cresciute (+33,5%) attestandosi a quasi 189 milioni di euro per le stesse ragioni
richiamate a proposito dell’import. Sono risultate in forte crescita anche le
esportazioni di mandorle (+26%) e, in misura minore, quelle di castagne (+11,3%).
Il saldo commerciale dell’Italia nei riguardi della frutta secca a guscio è negativo75:

Importazioni Esportazioni Saldo


1.364,0 milioni di euro 481,5 milioni di euro -882,5 milioni di euro

75
Annuario dell’agricoltura italiana 2015 - CREA - Centro Politiche e bioeconomia, 2017 Volume
LXIX

160
9.5 Conclusioni

La Filiera della frutta secca a guscio ha tradizionalmente fornito un contributo


significativo all’economia siciliana, in particolare per quanto riguarda la produzione
di mandorle, nocciole, noci, pistacchio e carrubo.

Negli ultimi anni, tuttavia, la produzione in Sicilia, ad eccezione del pistacchio, ha


subito un declino a causa della globalizzazione. Paesi produttori come U.S.A.,
Spagna, Turchia, Australia, Cile, Cina, Georgia e Azerbaigian hanno invaso i mercati
internazionali con i loro prodotti, i cui costi di produzione sono molto più bassi di
quelli italiani (e siciliani) a causa delle diverse condizioni orografiche delle aree
produttive e della sostanziale differenza nell’introduzione della meccanizzazione
nelle operazioni colturali e di raccolta.
Solo il pistacchio ha subito un discreto incremento sia nelle superfici coltivate che
nelle produzioni (in quantità ed in valore) intraprendendo il percorso di certificazione
ed ottenendo il marchio comunitario di denominazione di origine (Pistacchio verde di
Bronte D.O.P.).
La estrema frammentazione nelle fasi della produzione e della trasformazione, incide
inoltre negativamente sulla redditività del comparto.
L’introduzione di nuove forme organizzative nelle fasi di trasformazione e
commercializzazione dei prodotti, unitamente ad una politica di valorizzazione della
qualità, possono determinare un miglioramento complessivo del valore aggiunto
della filiera.

161
10. La filiera della frutta fresca

10.1 Descrizione generale della filiera

La filiera della frutta fresca comprende vari tipi di frutti dolci


commestibili, compresi alcuni che, dal punto di vista botanico, sono
classificati come “falsi frutti”, come le pomacee. In base al tipo di uso
alimentare, vengono invece esclusi dalla filiera altri frutti, come i
pomodori, che afferiscono invece alla filiera orticola.
Oggi è ormai una consuetudine diffusa acquistare la maggior parte di
frutta in qualsiasi momento dell’anno, a prescindere dal normale
calendario di produzione. Le ragioni di questa disponibilità sono
diverse: dalla coltivazione in serra, che protegge le produzioni agricole,
alla facilità dei trasporti, che favorisce gli scambi commerciali con Paesi
dalle condizioni climatiche diverse, consentendo quindi una
disponibilità di prodotti “fuori stagione” per l’Italia.

La filiera frutticola siciliana è caratterizzata da una elevata


specializzazione delle produzioni, sia fresche che trasformate; grazie al
clima favorevole di cui beneficia generalmente il territorio regionale, è
infatti possibile ottenere produzioni di ottima qualità, concorrenziali
rispetto alle altre produzioni nazionali ed estere, con un calendario di
offerta reso molto ampio dalla possibilità di effettuare le coltivazioni
tanto in pieno campo che in ambiente protetto. L’insieme di queste
condizioni determina un vantaggio competitivo che consente un forte
orientamento all’export del prodotto fresco.
La Sicilia può vantare la presenza, più o meno intensa, delle più
importanti filiere frutticole, da quelle tipiche delle zone temperato-
continentali (melo e pero), a quelle delle aree più temperate o
mediterranee (pesco, susino, ciliegio, albicocco, kiwi, uva da tavola) e
infine alle specie subtropicali o tropicali (ficodindia, mango, avocado,
litchee etc.)
In termini di distribuzione territoriale questo mosaico diventa ancora
più complesso. Coesistono, infatti, areali fortemente specializzati, come
quelli dell’uva da tavola (Canicattì e Mazzarrone), del ficodindia (S.
Cono, bacino Etneo, S. Margherita Belice e Roccapalumba) e, in misura

162
diversa, del pesco (areali di Leonforte, Bivona, ma anche Alcantara,
Riesi e, in genere colline interne) e areali a vocazione mista76.
Numerosi sono gli usi della frutta: essa è generalmente consumata come
cibo fresco; spesso viene anche sottoposta a trasformazione alimentare
(confetture, canditi, gelatine, frutta sciroppata, purea etc.), diventando
ingrediente per vari piatti, specialmente i dolci. Il consumo di frutta, nei
Paesi mediterranei, è tradizionalmente più alto rispetto ai Paesi più
nordici.
È provato scientificamente che un abbondante consumo di frutta (e
verdura) fresca, riduca notevolmente l'insorgere di numerose malattie. La
frutta è componente essenziale della Dieta mediterranea.

10.2 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni ISTAT disponibili su


base provinciale, relative alle superfici e alle produzioni frutticole
siciliane.

“Le indagini sulle coltivazioni agricole sono continuativamente condotte


dall'Istat sin dagli anni '20. L'indagine nata nel 2008 è confluita nella
rilevazione “Stima delle superfici e produzioni delle coltivazioni agrarie,
floricole e delle piante intere da vaso”. I dati sono rilevati seguendo una
metodologia di tipo estimativo. Le stime vengono effettuate in base a
valutazioni da parte di esperti locali del settore che sono dislocati sul
territorio. Le stime degli esperti possono includere i risultati di verifiche
dirette sul territorio, nonché le indicazioni provenienti da fonti esterne
(ad esempio organismi professionali ed associazioni di produttori, fonti
amministrative, fonti di dati ausiliari correlate con la coltivazione
oggetto di stima). Le coltivazioni oggetto di indagine sono diverse per
ogni mese e tengono conto dello stadio fenologico della coltivazione. Per
questo motivo più di una stima può essere determinata per ciascuna
coltivazione durante l'annata agraria. Il calendario di rilevazione è
stabilito all'interno del Protocollo di intesa Istat-Mipaaf-Regioni”77.

Per l’uva da tavola si riporta la suddivisione delle superfici investite,


ripartite per classi di età, rimandando tutti gli altri dati al capitolo che
tratta la filiera vitivinicola.

76
https://iris.unipa.it/retrieve/.../Mango-Mangifera-indica-L.%2B%20copertina.pdf
77
Dal sito http://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=5000033&refresh=true&language=IT

163
Melo
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani - - - -
Palermo 60 60 9000 8800
Messina 120 80 12400 11000
Agrigento 82 80 19640 18500
Caltanissetta 4 4 164 164
Enna - - - -
Catania 430 430 86000 86000
Ragusa - - - -
Siracusa - - - -
Totale Sicilia 696 654 127204 124464
Tabella 131. Superficie (ettari) e produzione (quintali): melo, mese di rilevazione 11/2016. www.istat.it, vis. il
07/03/2017

Pero
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani - - - -
Palermo 60 60 10000 9500
Messina 400 350 38500 34000
Agrigento 1400 1397 224218 200500
Caltanissetta 40 40 1640 1640
Enna 96 96 17280 16416
Catania 1200 1200 264000 264000
Ragusa 25 25 5000 4500
Siracusa 150 150 26500 26500
Totale Sicilia 3371 3318 587138 557056
Tabella 132. Superficie (ettari) e produzione (quintali): pero, mese di rilevazione 11/2016. www.istat.it, vis. il
07/03/2017

164
Tabella 133 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): albicocca, mese di rilevazione 09/2016,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Ciliegio
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani - - - -
Palermo 135 135 12217 12217
Messina 20 20 3000 1400
Agrigento 48 45 4050 3783
Caltanissetta 25 25 500 500
Enna - - - -
Catania 480 480 9500 9500
Ragusa - - - -
Siracusa - - - -
Totale Sicilia 708 705 29267 27400
Tabella 134 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): ciliegio, mese di rilevazione 09/2016,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

165
Pesco
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani 40 40 3200 3200
Palermo 900 850 127000 124000
Messina 400 390 70000 65000
Agrigento 2375 2370 463098 430500
Caltanissetta 1300 1250 262500 262500
Enna 234 234 35100 33345
Catania 550 550 143000 143000
Ragusa 75 75 13000 12500
Siracusa 230 230 28500 28500
Totale Sicilia 6104 5989 1145398 1102545
Tabella 135 – Superficie (ettari) e produzione (quintali): pesco, mese di rilevazione 11/2016,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Nettarina
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani 30 30 2400 2400
Palermo 20 20 2200 2000
Messina 280 250 21000 18000
Agrigento 103 102 19818 18200
Caltanissetta 350 300 63000 63000
Enna - - - -
Catania 50 50 12250 12250
Ragusa - - - -
Siracusa 80 80 9800 9800
Totale Sicilia 913 832 130468 125650
Tabella 136 – Superficie (ettari) e produzione (quintali): nettarina, mese di rilevazione 11/2016,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

166
Susino
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani - - - -
Palermo 168 165 21633 21133
Messina 160 160 24000 22000
Agrigento 54 53 6293 5900
Caltanissetta 50 50 2200 2000
Enna - - - -
Catania 55 55 8800 8800
Ragusa 15 15 2200 1900
Siracusa 8 6 1300 1300
Totale Sicilia 510 504 66426 63033
Tabella 137 - Superficie(ettari) e produzione (quintali): susino, mese di rilevazione 10/2016,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Tabella 138 – Superficie (ettari) e produzione (quintali): nespolo del Giappone, mese di
rilevazione 04/2016, (www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

167
Cotogne
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani - - - -
Palermo - - - -
Messina 1 1 100 80
Agrigento - - - -
Caltanissetta - - - -
Enna - - - -
Catania 5 5 1000 1000
Ragusa - - - -
Siracusa - - - -
Totale Sicilia 6 6 1100 1080
Tabella 139 – Superficie (ettari) e produzione (quintali): cotogne, mese di rilevazione 12/2016,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Tabella 140 - Superficie(ettari) e produzione (quintali): loti, mese di rilevazione 12/2016,


(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

168
Tabella 141 - Superficie(ettari) e produzione (quintali): melograne, mese di rilevazione 12/2016,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Actinidia o kiwi
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani - - - -
Palermo - - - -
Messina 10 10 1500 1350
Agrigento - - - -
Caltanissetta 2 2 100 100
Enna - - - -
Catania 30 30 2700 2700
Ragusa - - - -
Siracusa 9 9 1130 1130
Totale Sicilia 51 51 5430 5280
Tabella 142 - Superficie(ettari) e produzione (quintali): actinidia e kiwi, mese di rilevazione
02/2016, (www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

169
Carrubo
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani - - - -
Palermo - - - -
Messina - - - -
Agrigento 15 15 1020 913
Caltanissetta - - - -
Enna - - - -
Catania - - - -
Ragusa - - - -
Siracusa 50 50 2350 2350
Totale Sicilia 65 65 3370 3263
Tabella 143 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): carrubo, mese di rilevazione 11/2015,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Fichi d'India
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani 50 50 2000 2000
Palermo 560 540 51000 50000
Messina 900 600 8000 4800
Agrigento 1020 1010 197000 185000
Caltanissetta 750 700 84000 82000
Enna 750 750 82500 78375
Catania 3800 3300 990000 990000
Ragusa 70 70 7200 7200
Siracusa 90 90 16000 16000
Totale Sicilia 7990 7110 1437700 1415375
Tabella 144 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): fichi d'India, mese di rilevazione 04/2015
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

170
Nespolo comune
Province
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
Sicilia
Trapani 4 4 220 220
Palermo - - - -
Messina - - - -
Agrigento - - - -
Caltanissetta - - - -
Enna - - - -
Catania - - - -
Ragusa - - - -
Siracusa 6 6 450 450
Totale Sicilia 10 10 670 670
Tabella 145 - Superficie (ettari) e produzione (quintali): nespolo comune, mese di rilevazione 04/2015,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Tabella 146 - Superficie (ettari) per classe di età delle piante (http://siqual.istat.it/SIQual/dationline vis. il
07/03/2017)

171
10.3 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016, tratte
dalle rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale, relative alle superfici e alle
produzioni frutticole siciliane. Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a
partire dall’ultimo Censimento generale dell’agricoltura.

Melo
Anni
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
2010 822 821 189200 185090
2011 829 807 176610 174230
2012 718 697 126870 123769
2013 670 648 123260 120489
2014 672 670 126420 123124
2015 702 700 132380 129180
2016 696 654 127204 124464
Tabella 147 - Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali): melo,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Sup. totale Sup. in prod.

Grafico 36 - Superficie totale e in produzione (ettari) melo, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

172
200000
180000
160000
140000
120000
100000
80000
60000
40000
20000
0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Prod. Totale Prod. raccolta

Grafico 37 - Produzione totale e raccolta (quintali) melo, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

Pero
Anni
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
2010 3521 3229 662680 652211
2011 3427 3321 648375 631156
2012 3211 3133 592345 568941
2013 3208 3126 595630 573635
2014 3206 3126 596910 575020
2015 3404 3321 627065 617168
2016 3371 3318 587138 557056
Tabella 148- Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali): pero, (ibid.)

173
1200

1000

800

600

400

200

0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Sup. totale Sup. in prod.

Grafico 38 - Superficie totale e in produzione (ettari) pero, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

680000
660000
640000
620000
600000
580000
560000
540000
520000
500000
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Prod. Totale Prod. raccolta

Grafico 39 - Produzione totale e raccolta (quintali) pero, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

174
Tabella 149 - Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali):
albicocca, (www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

780

760

740

720

700

680

660
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Sup. totale Sup. in prod.

Grafico 40 - Superficie totale e in produzione (ettari) albicocca, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

175
40000

35000

30000

25000

20000

15000

10000

5000

0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Prod. Totale Prod. raccolta

Grafico 41 - Produzione totale e raccolta (quintali) albicocca, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

Tabella 150- Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali): ciliegio,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

176
780

760

740

720

700

680

660
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Sup. totale Sup. in prod.

Grafico 42 - Superficie totale e in produzione (ettari) ciliegio, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

Grafico 43 - Produzione totale e raccolta (ettari) ciliegio, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

177
Pesco
Anni
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
2010 5703 5670 943340 921930
2011 5621 5538 946010 903460
2012 5516 5436 1067100 1012573
2013 6085 5952 1115750 1074360
2014 6140 6015 1149450 1116205
2015 6164 5999 1143500 1110245
2016 6104 5989 1145398 1102545
Tabella 151- Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali): pesco,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

6400

6200

6000

5800

5600

5400

5200

5000
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Superficie totale Superficie in produzione

Grafico 44 - Superficie totale e in produzione (ettari) pesco, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.,)

1400000

1200000

1000000

800000

600000

400000

200000

0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Produzione Totale Produzione raccolta

Grafico 45 - Produzione totale e raccolta (quintali) pesco, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

178
Tabella 152- Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali): nettarina,
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

1400

1200

1000

800

600

400

200

0
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Superficie totale Superficie in produzione

Grafico 46 - Superficie totale e in produzione (ettari) nettarina, serie storica 2010-2016, totale Sicilia (ibid.)

179
Grafico 47 - Produzione totale e in produzione (raccolta) nettarina, serie storica 2010-2016, totale
Sicilia (ibid.)

Susino
Anni
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
2010 502 487 65000 61475
2011 495 482 62527 58804
2012 498 491 63980 60125
2013 498 491 62570 59290
2014 504 496 64798 61570
2015 495 489 64426 61286
2016 510 504 66426 63033
Tabella 153. Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali): susino, (ibid.)

515
510
505
500
495
490
485
480
475
470
465
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Superficie totale Superficie in produzione

Grafico 48 - Superficie totale e in produzione (ettari) susino, serie storica 2010-2016, totale Sicilia
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

180
68000

66000

64000

62000

60000

58000

56000

54000
2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

Produzione Totale Produzione raccolta

Grafico 49 - Produzione totale e raccolta (quintali) susino, serie storica 2010-2016, totale Sicilia
(www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

Nespolo del Giappone


Anni
Sup. totale Sup. in prod. Prod. Totale Prod. raccolta
2010 - - - -
2011 460 452 62220 60980
2012 425 420 58900 57880
2013 120 114 12575 11790
2014 445 439 58650 57900
2015 - - - -
2016 434 428 58036 57436
Tabella 154. Serie storica 2010-2016: Superficie (ettari) e produzione (quintali): nespolo del
Giappone, (www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

500
450
400
350
300
250
200
150
100
50
0
2011 2012 2013 2014 2015 2016

Superficie totale - Superficie in produzione -

Grafico 50 - Superficie totale e in produzione (ettari) nespolo del Giappone, serie storica 2010-2016,
totale Sicilia (www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

181
70000

60000

50000

40000

30000

20000

10000

0
2011 2012 2013 2014 2015 2016

Produzione Totale - Produzione raccolta -

Grafico 51 - Produzione totale e raccolta (quintali) nespolo del Giappone, serie storica 2010-2016,
totale Sicilia (www.istat.it, vis. il 07/03/2017)

10.4 Import-export

Una sezione particolare dell’Analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export della filiera a livello nazionale.

Gli scambi con l’estero

Nei primi nove mesi del 2016 la bilancia commerciale della frutta fresca ha registrato
un saldo attivo di circa 870 milioni di euro, in aumento del 3,9% rispetto allo stesso
periodo del 2015. Tale risultato è frutto soprattutto della riduzione dell’esborso
sostenuto per le importazioni che è diminuito del 2% circa, mentre gli introiti generati
dalle esportazioni sono cresciuti di oltre l’1%.

In termini di volumi scambiati, le esportazioni sono cresciute (+1%) a fronte di prezzi


medi all’export sostanzialmente stabili, mentre le importazioni sono diminuite
dell’1,5% a fronte di un lieve calo dei listini medi all’import78.

78
http://www.ismeamercati.it (vis. il 7/2/17)

182
Tabella 155 - Import, export e saldo per la frutta in milioni di euro. (dati cumulati gennaio-settembre).
Elaborazioni Ismea su dati Istat

La tabella che segue riporta invece i dati dell’import/export di alcune delle


produzioni più importanti della filiera frutticola siciliana − (mele, pere, pesche,
albicocche ciliegie e altro) − relativi all’ultima rilevazione prodotta dall’Inea
(l’Istituto Nazionale di Economia Agraria) condotta nel 2012.

La tabella riporta gli elementi essenziali dell’analisi dell’import/export quali:


Quantità, Valore corrente e Valore costante.

Nell’analisi proposta il valore corrente offrire una valutazione economica dei prodotti
della filiera frutticola siciliana che risente del processo inflazionistico; il valore
costante (o storico) è invece un indicatore che non tiene conto della variazione dei
prezzi.

Importazioni Esportazioni
Quantità Valore corrente Valore costante Quantità Valore corrente Valore costante
mele 80 40 34 99 95 55
pere 1490 1064 873 71 86 50
pesche 1227 1338 1234 3013 2768 2181
albicocche 206 245 199 165 206 177
ciliegie e amarene 341 707 741 35 119 88
fragole e piccoli frutti 100 126 563 380 262 1506
altra frutta 405 464 545 2737 2867 3270
Tabella 156 - Tabella 1- importazioni, esportazioni, dati Inea, www.inea.it

183
10.5 Conclusioni

La Filiera della frutta fresca rappresenta una delle più interessanti realtà agricole
siciliane; essa annovera n. 3 D.O.P. (Ciliegie dell’Etna, Ficodindia dell’Etna e
Ficodindia di San Cono), n. 4 I.G.P. (Pescabivona, Pesca di Leonforte, Uva da tavola
di Canicattì e Uva da tavola di Mazzarrone)79 oltre a numerosissime produzioni
effettuate con metodo biologico.

La estrema polverizzazione della proprietà fondiaria, unita alla diffusa


frammentazione degli attori della filiera, producono una redditività di settore non
adeguata agli sforzi imprenditoriali ed alla potenzialità del comparto.

La creazione di filiere corte per i mercati locali e l’aggregazione di filiera orizzontale


e/o verticale per i mercati nazionali ed esteri potrebbe certamente contribuire ad
accrescere il valore aggiunto del comparto.

L’introduzione di nuove forme organizzative nelle fasi di trasformazione e


commercializzazione dei prodotti, unitamente ad una più efficace sperimentazione di
innovazioni di prodotto, possono determinare un miglioramento complessivo delle
performance aziendali.

I mercati nazionali ed esteri possono essere raggiunti solo ricorrendo a strumenti di


aggregazione che garantiscano calendari di conferimento certi, prodotti
standardizzati e certificati, per rispondere alle esigenze dei diversi regimi di controllo
operanti in ambito internazionale.

Per accrescere la loro competitività, le aziende devono cercare di produrre tenendo


conto delle esigenze del consumatore, in tema di sicurezza alimentare, proprietà
organolettiche e nutrizionali, etica della filiera, tipicità e sostenibilità ambientale.

79
Elenco delle denominazioni italiane, iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette,
delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite(Regolamento UE n.
1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012)(aggiornato al 20 aprile
2017)

184
11. La filiera mielicola e apistica

11.1 Descrizione generale della filiera

Il miele deriva da una trasformazione del nettare dei fiori, ad opera delle api,
attraverso processi enzimatici naturali.

Il nettare succhiato dalle api giunge nella borsa melaria, una capiente appendice a
forma di sacco dell'esofago, che l'ape utilizza per trasportare all'alveare il nettare e
l'acqua. Al rientro nell’alveare, le api bottinatrici ne rigurgitano il contenuto in favore
delle api operaie attraverso il fenomeno della trofallassi. Dopo diversi passaggi, tale
sostanza, additivata naturalmente con enzimi specifici, viene sistemata nelle celle,
dove subisce una concentrazione; quando il miele risulta maturo, cioè
sufficientemente concentrato, la cella viene chiusa con un opercolo di cera.

I mieli che derivano da un unico tipo di fiore si dicono "unifloreali" o "monofloreali",


mentre se il nettare è prelevato da essenze diverse il miele è detto "polifloreale" o
anche "millefiori". Ha consistenza sciropposa più o meno densa, colore dal giallo
chiaro all'arancione e al rossastro, aspetto da vischioso a trasparente, sapore dolce e
aromatico che varia secondo la provenienza del nettare.

L'apicoltura è praticata in quasi tutti i paesi del mondo, seppure con maggiore o
minore intensità, con specifiche caratteristiche che riflettono differenti condizioni
ambientali e sociali e che si concretizzano nei più svariati aspetti strutturali, nel livello
professionale degli operatori, nella tecnologia, nei metodi di allevamento e negli
indirizzi produttivi prevalenti.

Le api mellifere hanno un’importanza fondamentale sotto diversi aspetti. Tutti,


infatti, ne conoscono la sofisticata organizzazione sociale nonché la preziosa attività
pronuba, indispensabile per l'agricoltura e per l'ambiente e i preziosi prodotti che
l'uomo, fin dall'antichità, ricava dal loro allevamento.

Il denominatore comune dell'apicoltura moderna è comunque l'utilizzo dell'arnia


razionale a favo mobile, essendo l'arnia rustica, ormai, solamente un elemento della

185
tradizione senza alcun rilievo nell'apicoltura produttiva, almeno nei paesi
industrializzati.

In base a rilevamenti effettuati dalla FAO sarebbero presenti nel mondo oltre 60
milioni di alveari appartenenti a circa 6,5 milioni di apicoltori. La densità è maggiore
in Europa con una media di 2,8 alveari per kmq.

Lo scopo principale dell'allevamento delle api è la produzione di miele a cui seguono


altri pregiati prodotti dell'alveare quali gelatina reale, polline, cera e propoli.

I ruoli principali dell'attività apistica sono molteplici:

- produzione diretta di reddito (miele, polline, propoli, gelatina reale, cera e


servizio d’impollinazione);
- produzione indiretta di reddito attraverso l'impollinazione delle colture agrarie e
forestali;
- salvaguardia dell'ambiente attraverso l'impollinazione delle specie spontanee;
- indicatore dello stato di salute del territorio;
- modello di sfruttamento non distruttivo del territorio;
- preservare e rendere produttivi ecosistemi in degrado o comunque marginali.

È importante mettere in evidenza che nei paesi ad agricoltura più evoluta o intensiva
le api assumono sempre più importanza per l'apporto che l'apicoltura fornisce
all’impollinazione di diverse colture agrarie e della flora spontanea. La produzione
dell’84% delle specie coltivate in Europa dipende direttamente dall’impollinazione
degli insetti, tra i quali l’ape riveste un ruolo predominante.

La distruzione degli habitat, lo sfruttamento agricolo intensivo e il massiccio uso di


fìtofarmaci e diserbanti hanno portato ad una drastica diminuzione dei pronubi
spontanei ed ha “promosso” l’ape al ruolo di impollinatore principale. (Dati Rete
rurale nazionale)

L’apicoltura Siciliana è oggi rappresentata da oltre 800 aziende censite, per un totale
di 126.000 arnie dichiarate nelle province di Palermo, Catania, Ragusa, Siracusa,
Trapani, Messina e Agrigento. Questo pone la Sicilia al secondo posto in Italia per
numero di aziende, arnie e miele prodotto, e al primo posto per quantità di sciami
forniti per l’impollinazione nelle serre.

Le varietà di miele prodotte in Sicilia sono svariate: di agrumi, di eucalipto, di


castagno, di acacia, di sulla, di cardo, di nespolo, di asfodelo etc, oltre naturalmente
al miele millefiori. Il 20% del miele prodotto in Sicilia è miele di eucaliptus. Si tratta
di circa 880 tonnellate su oltre 4.400 tonnellate complessive; esso è infatti il

186
monoflora siciliano più importante dopo quello di agrumi. Questi due monoflora sono
i più richiesti dai consumatori e veicolano l’immagine della Sicilia.

Il miele siciliano viene esportato non solo in Europa, ma anche nel resto del mondo.
Non è possibile fare previsioni attendibili di produzione a causa delle condizioni
meteorologiche che variano di anno in anno e che vincolano lo sviluppo delle famiglie
delle api.

Il miele è considerato come un alimento nutraceutico e funzionale, essendo ricco di


numerose sostanze tra le quali i polifenoli, antiossidanti naturali che aiutano
l’organismo nella prevenzione di numerose malattie. Infine il miele può essere
considerato come un valido rimedio per la tosse.

Recentemente si sta sperimentando con efficacia la cosiddetta “apiterapia”.

L’apiterapia è nota fin dai tempi degli antichi egizi, e parte di questa ampia terapia
comprendeva anche respirare l’aria dell’alveare. Esso infatti contiene tutti i
componenti medicinali prodotti dalle api, cioè: miele, propoli, pappa reale, cera d’api
e polline.

Nell’aria ci sono anche minuscole particelle di veleno d’api. Il veleno d’api è da


sempre utilizzato in apiterapia in vari modi in particolare come agente
antinfiammatorio ed analgesico, principalmente per le malattie dei nervi ed è noto da
tempo come un ottimo antireumatico. È un modo innovativo che affonda le sue radici
in conoscenze antiche e permette di prevenire e trattare alcuni disturbi delle vie
respiratorie in maniera completamente naturale. Tutto questo col respirare l’aria
dell’alveare ricca di oli essenziali e resine che hanno un’azione, balsamica,
disinfettante e fluidificante.

Negli ultimi anni è notevolmente aumentata la produzione e la vendita di miele


biologico: Esso, oltre ad essere privo di sostanze chimiche di sintesi, deve provenire
dalla bottinatura di essenze floreali, sviluppatesi su terreni sui quali non sono stati
effettuati, negli ultimi anni, trattamenti con prodotti non autorizzati.

Tutto ciò assume un significato particolare per la Sicilia, che detiene il primato per
le produzioni biologiche. Il 62,5% delle aziende biologiche è attivo nel Sud e nelle
Isole, dove si concentra anche il 70,9% della superficie biologica complessiva. In
particolare, la Sicilia è la regione dove si conta il maggior numero di aziende bio
(7.873 unità).

187
11.2 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni disponibili su base nazionale e


regionale, relative alle produzioni (Dati Osservatorio nazionale miele - Report
2/2016)

Il 2016 si presenta come un’annata non soddisfacente per l’apicoltura: sono venute a
mancare o hanno fatto registrare risultati molto scarsi o, in qualche zona, nulli, due
produzioni determinanti per l’apicoltura professionale: il miele di acacia al Nord e
quello di agrumi al Sud.
Il raccolto dell’acacia è stato molto scarso, nessuna regione tradizionalmente vocata
ha ottenuto risultati discreti e neppure le regioni del Sud che negli ultimi anni si sono
contraddistinte per i buoni raccolti. Le cause sono imputabili al maltempo che ha
caratterizzato il periodo di raccolta.
Anche per il miele d’agrumi è andata male, le produzioni sono state nulle in Sicilia
(determinando condizioni gravissime per l’apicoltura di quella Regione) e inferiori
alla norma produttiva in Calabria e Basilicata; sono andate bene solamente in un
areale limitato del Tarantino.
Male anche i millefiori primaverili. Per quanto riguarda i mieli estivi, i risultati sono
stati discreti. I raccolti derivanti da colture sementiere, dal tiglio e dal castagno, oltre
a costituire i mieli uniflorali, hanno contribuito alla composizione dei millefiori e
hanno consentito un recupero, seppur parziale, delle medie produttive.

SITUAZIONE IN SICILIA
AGRUMI - La situazione si è presentata drammatica: i raccolti sono stati
compromessi in primis dalla siccità dei mesi precedenti e in ultimo dalle condizioni
di maltempo che si sono manifestate proprio al momento del raccolto. Gli sbalzi
termici tra il giorno e la notte, abbinati al forte vento, non hanno permesso alle
famiglie di produrre miele. Le produzioni sono state nulle in tutta la regione.
SULLA - Gli apicoltori della parte orientale dell’Isola hanno spostato gli alveari su
questa essenza a fioritura già iniziata in quanto prima hanno tentato quella degli
agrumi e per tale motivo hanno presentato produzioni inferiori rispetto a quelli della
parte occidentale della regione che invece avevano gli alveari in loco da più tempo. I
risultati sono stati discreti per quest’ultima area, stimabili in circa 25 Kg/alveare. La
media regionale si attesta sui 17-20 Kg/alveare.
CASTAGNO – I raccolti sono stati pessimi: produzioni esigue (circa 3 Kg/alveare) e
di scarsa purezza.
CARDO – Sono stati ottenuti raccolti medi di 20-25 Kg/alveare nel Palermitano, le
produzioni sono state insignificanti nel resto della regione.
EUCALIPTO – Sono state stimate produzioni minime, di circa 4-5 Kg/alveare.
MIELE DI MELATA – le produzioni sono state insignificanti.

188
TIMO – Le produzioni hanno avuto esito negativo: poco miele e di scarsa purezza;
si stimano produzioni medie insignificanti di circa 2 Kg/alveare.
MILLEFIORI PRIMAVERILE – I raccolti sono stati molto scarsi, di circa 5-10
Kg/alveare.
MILLEFIORI ESTIVO - Le produzioni di millefiori estivo sono state azzerate a
causa delle devastazioni dovute agli incendi.
SICILIA
TIPO DI MIELE Stima della produzione media regionale
in Kg/alveare
Acacia r.n.v.
Agrumi 0
Sulla 17-20
Tiglio r.n.v.
Castagno 3
Eucalipto 4-5
Cardo 20-25*
Melata 0
Timo 2
Millefiori primaverile 5-10*
Millefiori estivo 0
LEGENDA r.n.v. = regione non vocata * produzione limitata alla parte occidentale
della regione.
IL CALCOLO DELLA PRODUZIONE 2016
Al fine di ottenere una stima della produzione annuale sempre più aderente alla realtà,
per il 2016 sono stati utilizzati i dati dell’anagrafe apistica, rilevando il dato
complessivo registrato fino a marzo 2016, per un totale di circa un milione di alveari
censiti. Il dato degli apicoltori registrati per regione è stato dapprima distinto tra
quanti producono per “autoconsumo” e gli apicoltori con partita IVA che producono
per la commercializzazione, poiché sensibilmente differente si presenta la
produttività media rilevata per le due categorie di operatori. Nell’elaborazione si è
tenuto conto dell’informazione secondo la quale gli apicoltori che producono per
autoconsumo detengono circa il 19% del totale degli alveari censiti (anagrafe
apistica).
La seconda diversificazione ha riguardato l’entità degli apiari nomadisti presenti per
regione durante la campagna apistica 2016: la produttività degli alveari condotti con
questa pratica è infatti generalmente superiore a quella degli apiari stanziali. Al
numero degli alveari così classificati sono quindi stati applicati i dati produttivi medi
per regione registrati dai soci conferitori di Conapi Soc. Coop. Agricola, applicando
correttivi per le categorie su menzionate. Il dato è stato infine confrontato con quanto
rilevato, nel corso dell’anno, dall’Osservatorio, in tema di produttività per regione e
per tipologia di miele. La disponibilità di Conapi, Cooperativa aderente
all’Osservatorio, a mettere a disposizione propri dati cumulativi ha consentito di

189
operare il confronto delle rese produttive elaborate dall’Osservatorio con dati veri di
produzione.
L’analisi condotta riguardo il numero degli alveari denota il permanere di serie
difficoltà nel completamento e nella gestione dell’anagrafe apistica. L’elaborazione
così condotta ha portato ad una stima della produzione italiana di miele quantificabile
tra le 13.500 e le 14.500 tonnellate per l’annata apistica 2016. Il dato è
particolarmente significativo e degno di ulteriori valutazioni e approfondimenti. Tale
produzione risulta credibile anche dal confronto con il dato di esportazione fornito da
Istat per i primi 10 mesi del 2016.
Una produzione di 14.000 tonnellate prodotte nel 2016, in una annata con la
sostanziale assenza di agrumi e di acacia e con una produzione molto scarsa di mieli
primaverili, significa che la produzione media annuale (nelle annate normali) è molto
considerevole. Ciò conferma le valutazioni espresse dall’Osservatorio in occasione
dell’indagine strutturale eseguita nel 2012, indagine che sancì una produzione
accertata di almeno 23.000 tonnellate con l’aspettativa di un risultato decisamente
superiore da confermare coi successivi approfondimenti. Purtroppo l’Osservatorio ha
dovuto rimandare tale approfondimento perché le annate successive non hanno
evidenziato i requisiti minimi di rappresentatività richiesti. Il consolidarsi di una
consistenza produttiva di questo genere conferma l’importanza dell’apicoltura
italiana sul piano economico e su quello ambientale. Anche le valutazioni sul
consumo pro capite di miele nel nostro paese vanno riviste e approfondite in quanto
è credibile aspettarsi risultati più lusinghieri rispetto il sentore comune.

190
Il Mercato
Il mercato non si è dimostrato molto attivo nei primi otto mesi del 2016. La scarsità
delle produzioni inibisce le compravendite in quanto gli apicoltori tendono a
conservare più a lungo le partite maggiori con il proposito di spuntare prezzi più
elevati80.

ACACIA
Come atteso, il prezzo del miele di acacia ha fatto registrare un innalzamento delle
quotazioni, rispecchiando il calo produttivo di quest’anno.

Grafico 52 - prezzi medi mensili 2016 del miele di acacia. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

Grafico 53 - prezzi medi annui 2003-2016 del miele di acacia. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

Osservando il grafico si può dedurre che a seguito di una diminuzione costante


registrata negli anni 2000, con un valore minimo pari a 2,90 €/Kg nel 2007, si è
assistito ad un progressivo aumento del prezzo, con un picco massimo nel 2014 pari
a 8,36 €/Kg. Si può notare che anche negli anni della crisi economica il prezzo ha
mostrato una certa stabilità, con lievi incrementi. Nel 2016 (valore stimato sui dati

191
dei primi 8 mesi), si ha un valore di oltre 2,5 volte quello minimo registrato nel 2007.
L’andamento di quest’anno sta rispecchiando quello del 2014.

AGRUMI
Le transazioni sono mancate nei primi mesi dell’anno e hanno stentato a comparire
anche in seguito alle produzioni, rispecchiando i raccolti scarsi. Il prezzo è in netto
aumento rispetto al 2015, e una quotazione così elevata non era mai stata raggiunta.
Analizzando il grafico dei prezzi annuali si può notare come il miele di agrumi
presenti un trend al rialzo, con un’impennata a partire da quest’anno, a sottolineare
la scarsità delle produzioni.

Grafico 54- prezzi medi mensili 2016 del miele di agrumi. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

Grafico 55 - prezzi medi annui 2003-2016 del miele di agrumi. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

CASTAGNO
Le transazioni sono state esigue nel corso dei primi otto mesi dell’anno. I prezzi del
2016 sono stati calcolati nel periodo gennaio-agosto. Le quotazioni del miele di
castagno presentano un trend in crescita.

192
Grafico 56 - prezzi medi mensili 2016 del miele di castagno. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

Grafico 57 - prezzi medi annui 2003-2016 del miele di castagno. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

MILLEFIORI
Il mercato del miele millefiori si è dimostrato complessivamente attivo nel corso dei
primi otto mesi. Comparando le quotazioni medie annuali registrate a partire dal
2003, si nota che dal 2006, anno in cui è stato registrato il prezzo minore
nell’intervallo preso in considerazione, la quotazione ha mostrato un andamento
costantemente in crescita. I prezzi del 2016 sono stati calcolati nel periodo gennaio-
agosto.

Grafico 58 - prezzi medi mensili 2016 del miele millefiori. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

193
Grafico 59 - prezzi medi annui 2003-2016 del miele millefiori. Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

SCIAMI E REGINE
Il mercato degli sciami e delle regine si è dimostrato attivo nel corso della stagione
2016. I prezzi degli sciami si sono mantenuti in linea o lievemente più elevati rispetto
al 2015. Le quotazioni delle regine hanno presentato un incremento, in particolare
per le regioni nord-orientali.
Prezzi quadrimestre marzo-giugno: sciami e regine (razza ligustica) da apicoltura
convenzionale81

Tabella 157 - Prezzi quadrimestre marzo-giugno: sciami e regine (razza ligustica) da apicoltura convenzionale.
Fonte www.informamiele.it vis. il 9/3/17

81
Il prezzo del miele (€/Kg) è inteso Franco Produttore I.V.A. inclusa. Il prezzo delle regine (razza
ligustica) è inteso I.V.A. esclusa. Il prezzo degli sciami è inteso I.V.A. esclusa e si riferisce a sciami
su 5 telaini (di cui 3 di covata e 2 di scorte).

194
11.3 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016

REPORT PRODUZIONE E COSTO MIELE PER ANNO (2010-2016)82

Tipo di miele Kg/alveare Prezzo medio in Kg


Agrumi 25 3,05€/Kg
Eucalipto 20/25 3,50€/Kg
Millefiori 30/35 3,30€/Kg
Tabella 158 - Report annuale produttivo del miele stagione 2010

Castagno= I raccolti sono stati quasi ovunque buoni, con un generale aumento di
produzione consistente rispetto al 2009, ipotizzabile attorno al 20%. Il prezzo medio
è 4,12 €83

Tipo di miele Kg/alveare Prezzo medio in Kg


Agrumi 20/25 3,60€/Kg

Castagno 10/15 4,32€/Kg


Tabella 159 - Report andamento produttivo del miele stagione 2011

Millefiori= Il raccolto primaverile al Sud è stato negativo. Sono poi seguite in un


secondo momento, buone produzioni, per esempio in alcuni areali della Sicilia. La
stessa situazione si è riproposta per i millefiori estivi dove il raccolto è stato molto
scarso.

Tipo di miele Kg/alveare Prezzo medio in Kg

Agrumi 7 3,90€/Kg
Castagno 5 4,61€/Kg
Tabella 160 - Report andamento produttivo del miele stagione 2012

82
Fonte: Osservatorio Nazionale Miele (vis. il 09/03/2917)
83
Fonte: http://www.informamiele.it/ (vis. il 09/03/2017)

195
Tipo di miele Kg/alveare Prezzo medio in Kg
Agrumi 30 4,38€/Kg
Castagno 5-12 4,63€/Kg
Eucalipto 10-15 4,50€/Kg
Melata di Bosco 15-30 3,80€/Kg
Tabella 161 - Report andamento produttivo del miele stagione 2013

Sulla= Produzione bassissima, 10-15 Kg/alveare

Tipo di miele Kg/alveare Prezzo medio in Kg


Agrumi 5-10 4,81€/Kg

Castagno 5-7 7,50 €

Millefiori 7-10 4,43 €

Sulla 20-25 4,77 €


Tabella 162 - Report andamento produttivo del miele stagione 2014

Eucalipto= La produzione è pari a 0, ad eccezione di un areale ristretto della provincia


di Palermo.

Tipo di miele Kg/alveare Prezzo medio in Kg

Agrumi 10-20 4,99€ €


Castagno 10-15 6,92 €
Millefiori 15 4,68 €
primaverile
Millefiori estivo 15-25 4,27 €
Tabella 163 - Report andamento produttivo del miele stagione 2015

La produzione di cardo ed eucalipto è pari a 0 a causa del vento scirocco che ha


soffiato in concomitanza della fioritura.
Miele di melata: si sono avute abbondanti produzioni di miele di melata di agrumi,
stimabili in circa 20 Kg/alveare.

196
Tipo di miele Kg/alveare Prezzo medio in Kg

Agrumi 0 5,85 €

Castagno 3 7€
Millefiori 5-10 4,89 €
primaverile
Tab 8 - Report andamento produttivo del miele stagione 2016

Miele d’agrumi: Il raccolto è stato pari a 0, perché compromesso dalla siccità dei
mesi precedenti e in ultimo dalle condizioni di mal tempo che si sono manifestati
proprio al momento del raccolto.
Sulla= Gli apicoltori della parte orientale dell’Isola hanno spostato gli alveari e per
tale motivo hanno presentato produzioni inferiori rispetto a quelli della parte
occidentale della regione che invece avevano gli alveari in loco da più tempo. I
risultati sono stati discreti per quest’ultima area, stimabili in circa 25 Kg/alveare. La
media regionale si attesta sui 17-20 Kg/alveare.
Timo= Le produzioni hanno avuto esito negativo: poco miele e di scarsa purezza; si
stimano produzioni medie insignificanti di circa 2 Kg/alveare.
Eucalipto= Sono state stimate produzioni minime, di circa 4-5 Kg/alveare.
Millefiori estivo= Le produzioni di millefiori estivo sono state azzerate a causa delle
devastazioni dovute agli incendi84.

PREZZI FAMIGLIE E API REGINA PER ANNO (2010-2016)85

2010= Prezzi stabili in quest’annata sia per le famiglie sia per le api regina. Le
regine sono ormai stabili sui 10 Euro l’una, mentre le famiglie si sono assestate
intorno ai 95-100 Euro.
2011= Prezzi in linea a quelli degli ultimi anni sia per le famiglie sia per le api
regina. Le regine sono ormai stabili sui 10 Euro l’una, mentre le famiglie si sono
assestate intorno ai 90-95 Euro.

2012=Prezzi in aumento rispetto a quelli degli ultimi anni sia per le famiglie sia per
le api regina, le cui quotazioni seguono la tendenza generale del mercato. Le regine
sono ormai stabili su quotazioni superiori ai 12 Euro l’una, mentre le famiglie si
sono assestate intorno ai 95-100 Euro. I prezzi 2012 sono i più alti di sempre.

2013= Il trend dei prezzi di famiglie e api regine è in crescita negli ultimi anni del
mercato. Le regine si sono attestate sui 14 euro l’una, sia per le ligustiche sia per le

84
http://www.informamiele.it/ (vis. il 09/03/2017)
85
Ibid.

197
buckfast che per le carniche. Le quotazioni delle famiglie si sono attestate sui 95-
105 euro.

2014= I prezzi delle famiglie e delle api regine si sono mantenuti pressoché stabili
rispetto al 2013. In linea generale il trend delle quotazioni è in crescita negli ultimi
anni del mercato.

2015=Il mercato degli sciami e delle regine si è dimostrato molto vivace fin dal
mese di marzo, con prezzi che si sono mantenuti in linea o lievemente più elevati
rispetto al 2014.

2016=Il mercato degli sciami e delle regine si è dimostrato attivo nel corso degli
otto mesi. I prezzi degli sciami si sono mantenuti in linea o lievemente più elevati
rispetto al 2015.

SCIAMI REGINE
MIN MAX MIN MAX
80,00 100,00 12,00 15,00

Tabella 164 - Prezzi quadrimestre marzo-giugno: sciami e regine da apicoltura convenzionale. Anno 2016.
Fonte: http://www.informamiele.it/index.php/produttore/report-annuali-mercato-produzione (vis. il 07/03/2017)

11.4 Import-export

Le importazioni manifestano un costante aumento di anno in anno sia in termini di


quantità, sia in termini di valore, raggiungendo nel 2015 le 23.595 tonnellate
Di contro le esportazioni segnalano un andamento altalenante negli anni, arrivando
nel 2015 a 8883 tonnellate, mentre l’andamento del 2016 con i dati dei primi mesi
evidenzia la crisi produttiva di questo anno.
Ovviamente tutti gli anni le esportazioni risultano largamente inferiori alle
importazioni.
L’esame incrociato di dati di produzione nazionale, importazione, esportazione
evidenzia la vitalità di questo settore, la sua grande dipendenza dall’andamento
meteorologico e da altre criticità.
I dati incrociati dimostrano inoltre che il consumo procapite di miele in Italia è ben
superiore a quanto comunemente accettato fino a poco tempo fa. Fortunatamente
siamo ben al di sopra dei 450-500 g/procapite. Su questo l’Osservatorio intende
indagare con una ricerca specifica86..

IMPORTAZIONI
Nel 2015 i paesi principali da cui si importa maggiormente in termini di valore in
ordine decrescente sono: Ungheria (38% sul valore totale delle importazioni),
Romania (10%) Cina (10%), Spagna (8%), Germania (7%), Argentina (5%), Polonia

86
Osservatorio nazionale Miele – Report 2/2016 in www.informamiele.it (vis. il 7/3/17)

198
(4%), Serbia (3%), Moldavia (3%), Francia (2%), Slovacchia (2%), Cile (2%),
Bulgaria (2%), e Austria (1%).
In termini di quantità si osserva un ordine leggermente diverso nelle prime posizioni:
Ungheria (31% di tutte le quantità importate), Cina (20%), Spagna (10%), Romania
(8%), il che conferma in modo ineccepibile il basso prezzo d’importazione del miele
cinese.
Osservando gli andamenti nei singoli paesi dal 2013 al 2015, si evidenzia un costante
aumento delle importazioni dalla Ungheria, Romania, Cina; una diminuzione per la
Spagna e altalenante per la Germania. L’incremento maggiore delle importazioni
negli anni è registrato dalla Cina dove si passa da 1919 tonnellate nel 2013, a 2664
tonnellate nel 2014 e 4757 tonnellate nel 2015.
Su questo fenomeno si aprono tutte le riflessioni e le attenzioni del caso.
L’Argentina, tradizionale paese di approvvigionamento dell’Italia per decenni, è
praticamente scomparsa dalla scena.

ESPORTAZIONI
Nel 2015 i paesi principali in cui si esporta maggiormente in termini di valore in
ordine decrescente sono: Germania (36%) Francia (28%), Regno Unito (6%), Arabia
Saudita (3%), Spagna (3%), Stati Uniti (3%), Austria (3%), Giappone (2%), Svizzera
(2%), Paesi Bassi (2%), Belgio (2%), Irlanda (2%), Danimarca (1%), Polonia (1%),
Slovenia (1%) e Malta (1%).
La classifica non vede modifiche rilevanti nell’ordine di importanza in termini di
quantità.
Analizzando gli andamenti nei singoli paesi dal 2013 al 2015, si notano valori
inferiori per l’anno 2014 legati ad una generale diminuzione della produzione italiana
rispetto all’anno precedente.

ANDAMENTI TRIMESTRALI (APRILE 2015-SETTEMBRE 2016)


Ovviamente le importazioni sono costantemente superiori alle esportazioni. Si nota
comunque un andamento più altalenante per le importazioni, con diminuzioni dal
quarto trimestre 2015 fino al secondo trimestre 2016, con innalzamenti nel terzo
trimestre sia 2015 sia 2016.
Le esportazioni registrano un andamento più lineare, in leggero rialzo fino al primo
semestre 2016 e una successiva diminuzione da aprile a settembre 2016.

Importazioni ed esportazioni italiane di miele naturale


Importazioni Esportazioni Importazioni Esportazioni
Anno
tonnellate migliaia di euro
2012 15.220 8.352 43.630 29.867
2013 18.493 11.507 56.625 44.525
2014 21.174 8.093 68.651 34.938
2015 23.595 8.883 76.367 39.514
Tabella 165 - (Fonte: CREA - Annuario dell’agricoltura italiana – 2015 su dati Istat)

199
SICILIA87
Segno meno per le esportazioni siciliane, ma tra le imprese cresce la voglia di
incrementare il commercio estero. Il saldo import/export è negativo: si importa di più
di quanto si esporta per una differenza pari a circa 8,8 miliardi di euro.
Tra i principali importatori si confermano la Federazione Russa e l’Azerbaigian; in
crescita l’Algeria e in forte calo la Libia.
Sul fronte delle vendite all’estero, i principali mercati di riferimento sono Turchia e
Francia. In aumento, le esportazioni in Libia mentre gli Stati Uniti perdono interesse.
Più in generale, a livello di macroarea, il primo partner commerciale dell’export
siciliano sono i paesi Europei dove finisce circa il 50% dei prodotti made in Sicily
(per un valore di 6,1 miliardi di euro). Seguono Africa (22% del totale e un fatturato
di 2,4 miliardi) e il Medio Oriente (8,4% e 932 milioni di euro).
Come si può constatare, la Sicilia esporta poco perché produce poco in generale e
ancor meno per il mercato mediterraneo e non dispone di una rete commerciale
adeguata alle nuove esigenze della distribuzione su vasta scala. D’altra parte, basta
dare uno sguardo ai flussi dell’interscambio globale siciliano con l’estero per
accorgersi come il peso della nostra Regione sia davvero aleatorio e distorto, nel
senso che la Sicilia continua ad essere caricata di un'importazione esorbitante, senza
averne vantaggio sul terreno dell’export.

11.5 Conclusioni

La filiera mielicola ed apistica rappresenta in Sicilia un comparto sottodimensionato.


Il consumo di miele è solo in parte soddisfatto da prodotto siciliano. Le importazioni
di miele restituiscono valori sempre negativi nella bilancia dei pagamenti.
Di contro, la presenza dell’ape nera sicula, la grande biodiversità floricola e il clima
generalmente favorevole, potrebbero consentire agli operatori della filiera di crescere
moltissimo, assicurando produzioni di qualità sia per il consumo interno che per
quello extraregionale.

Come per altre filiere, gli obiettivi di sviluppo consistono in:

- Una corretta campagna di informazione indirizzata ai consumatori e


finalizzata a sostenere le produzioni locali
- Una più efficace azione di penetrazione delle produzioni locali all’interno
delle mense individuali (ristorazione, agriturismi etc) e delle mense collettive
(scuole, università, ospedali, case di riposo, case circondariali etc)
- Lo Sviluppo di sinergie profittevoli con il turismo sfruttando l’immagine del
territorio Siciliano
- Il sostegno alle produzioni di qualità certificata
- Lo sviluppo di settori collaterali come l’apiterapia.

87
www.unioncameresicilia.it

200
12. La filiera delle carni rosse

12.1 Descrizione generale della filiera

Per filiera della carne si intende l’insieme delle fasi di produzione e lavorazione che,
a partire dall’allevamento di animali da “reddito”, passando per la macellazione e la
lavorazione delle carni fresche, fornisce ed assicura all’uomo la più importante fonte
proteica della razione alimentare; in particolare, la “filiera delle carni rosse” è
rappresentata prevalentemente dalla categoria “bovini e bufalini”.
Almeno un milione e mezzo di anni fa, ovvero da quando l’uomo ha integrato la
propria dieta a base di vegetali con l’assunzione di carne, si è verificata una grande
svolta evolutiva per l’umanità: lo sviluppo e la diffusione dell’attività di caccia e la
disponibilità dei nutrienti della carne hanno infatti promosso lo sviluppo cognitivo,
fisio-morfologico e anatomico dell’uomo.
Oltre 10.000 anni orsono, l’uomo ha cominciato a sostituire la sua azione predatrice
nei confronti dell’ambiente con il sistematico allevamento del bestiame. Le prime
zone interessate all’allevamento furono le stesse che videro la nascita
dell’agricoltura. La consistenza attuale e l'entità delle produzioni delle carni rosse nel
Mondo, in Europa ed in Italia, possono essere riassunte facendo riferimento ai dati
elaborati dalla FAO: per quanto riguarda la carne bovina si osserva un trend
negativo della produzione nel corso degli ultimi cinque anni. Questo andamento
accomuna anche le tendenze dei primi dieci produttori comunitari con alcune
eccezioni: Francia (primo produttore con 1,6 milioni di tonnellate), Regno Unito
(936 mila tonnellate) e Polonia (391 mila tonnellate) registrano produzioni in ascesa
rispettivamente del 6%, 11% e 8%, mentre l’Italia, assieme alla Spagna, è uno dei
Paesi che arretra maggiormente (-9,8%). L'Italia contribuisce con l’allevamento del
bestiame alla produzione mondiale di latte, di carne, di pelli e di lana,
rispettivamente, per il: 2,3%; 1,7%; 1,6%; 0,4%.
Dal punto di vista strutturale il settore è caratterizzato da circa 80 mila aziende con
bovini non da latte e da un numero di capi che si aggira intorno ai 2,5 milioni,
considerando l’intera filiera carni. La distribuzione regionale del patrimonio
nazionale è concentrata: per la specie bovina nelle regioni del Nord (76%),
rappresentate principalmente da Veneto (24%), Lombardia (21%), Emilia Romagna

201
(15%) e Piemonte (12%). Nel Sud (18%) i capi bovini avviati al macello si
localizzano soprattutto in Campania e Sicilia (4%) ed in Sardegna (3%). Per la specie
bufalina, la produzione è concentrata nelle due regioni del Lazio e della Campania
(84%).
La zootecnia da carne, in Sicilia, costituisce un solido contributo alla formazione
del reddito agricolo, assumendo nel contempo una valenza estremamente
importante anche sotto il profilo dei delicati equilibri ambientali e sociali. Essa si
svolge prevalentemente nelle aree interne svantaggiate e di montagna dell’Isola;
si tratta soprattutto di allevamenti tradizionali di tipo estensivo o semiestensivo;
le aziende, di ridotte dimensioni, sono lontane dal mercato e carenti sia in termini
produttivi che organizzativi e strutturali; strutture e condizioni igienico-sanitarie
sono talvolta inadeguate. Il sistema di macellazione regionale si basa
prevalentemente sui macelli pubblici che risultano spesso insufficienti per
dimensioni e capacità di lavoro, sebbene si sia assistito ad una consistente
riduzione del numero dei macelli pubblici e ad uno sviluppo - anche se molto
contenuto rispetto alle regioni del nord Italia - dell’attività dei macelli privati.
Questi si caratterizzano per la presenza di impianti spesso all’avanguardia sotto il
profilo degli standard qualitativi ed igienico - sanitari.
Il mercato di sbocco della produzione di carni siciliane è rappresentato in gran
parte dalle macellerie locali. L’offerta risulta estremamente frammentata e la
carenza di strutture collettive crea le condizioni per il proliferare di molte figure
intermedie che si occupano di acquistare il prodotto direttamente alla stalla -
ottenendo dagli allevatori prezzi molto vantaggiosi - e di farlo pervenire fino ai
punti vendita.
Un mercato alternativo, molto diffuso sia in Sicilia che in altre parti del mondo,
strettamente legato alla cultura locale, è il cosiddetto “cibo di strada”, sempre più
spesso indicato anche con la dicitura anglosassone “Street food”. Il cibo di strada,
attraverso cui vengono somministrati anche prodotti ricavati dal “quinto quarto”,
è ormai un protagonista di rilievo della ristorazione contemporanea, che riproduce
cibi della tradizione in una versione innovativa e take away di qualità. È un
mercato in costante crescita, secondo i dati Fao, lo “Street food” è consumato ogni
giorno da circa 2,5 miliardi di persone in tutto il mondo e si stimano 20 mila
venditori di cibo su strada.
L’Italia ha assistito ad una crescita record delle imprese ambulanti, pari al 13% in
un solo anno; Palermo risulta la quinta città al mondo per il consumo di cibo di
strada.
La filiera sconta ancora i limiti dell’arretratezza delle tecniche di allevamento e
delle strutture di trasformazione e commercializzazione che le politiche di
intervento nazionali e regionali non sono pienamente riuscite a far superare. Il
P.S.R. SICILIA 2014-2020 prevede interventi volti ad incrementare la
competitività delle aree rurali dell’Isola attraverso il miglioramento delle strutture

202
aziendali e delle condizioni di trasformazione e di commercializzazione dei
prodotti agricoli. Sono inoltre previste misure a favore della tutela dell’ambiente
naturale, del miglioramento delle condizioni di igiene e di benessere degli animali
e della valorizzazione delle specie animali in pericolo di estinzione e dei prodotti
agroalimentari sinonimo di tipicità e di qualità. È stata recentemente accolta, in
sede di Commissione Politiche Agricole, la richiesta della Regione Siciliana di
incrementare il capitolo relativo ai pagamenti diretti della PAC per il sostegno
accoppiato destinato a vacche nutrici, vitelli da macellazione e coltivazioni di
frumento: “Anche le vacche nutrici appartenenti ad allevamenti non iscritti alla
banca dati nazionale come allevamenti da latte potranno ottenere gli aiuti”. La
Commissione Politiche Agricole ha aumentato dall’11 al 12% il massimale
nazionale del plafond destinato al sostegno accoppiato, incrementando rispetto al
2015 gli aiuti con 38 milioni di euro in più. Nella ripartizione nazionale delle
somme aggiuntive, 7 milioni di euro verranno destinati agli allevamenti da carne
e alla tutela delle razze autoctone, 8 milioni di euro saranno destinati ai premi di
macellazione per i vitelli tra i 12 e i 24 mesi, mentre altri 7 milioni serviranno per
sostenere le coltivazioni di grano duro. 88

12.1.1 Zootecnia: bovini e bufalini

Nel comparto delle carni rosse, l'uomo ha specializzato per selezione alcune tra le
razze migliori per caratteristiche e attitudini. La specie bovina è quella che più
soddisfa le esigenze dell'uomo attraverso tre attitudini: quella della carne, del latte e,
una volta, del lavoro. Per la produzione della carne, razze definite digestive, sono
specialmente quelle francesi: “Limousine”, “Charollais”, “Blonde”e “Garronais”.
Quando si parla di razza a duplice attitudine invece si fa riferimento a quelle razze
che soddisfano sia la produzione di latte che quella della carne. Il morfotipo, ossia la
figura e il modello di un animale è definito mediante l'esame del profilo, del formato,
dell'armonia di conformazione e l'esame delle proporzioni diametriche. La qualità
organolettica delle carni si riferisce al colore, alla tenerezza, alla succosità, all’odore
e all’aroma. Si tratta di una qualità che è percepita in maniera soggettiva dai
consumatori e che può guidare a diverse scelte. Il colore e la tenerezza della carne
sono i fattori che influenzano sostanzialmente la scelta all’acquisto. Il colore dipende
dalla mioglobina, un pigmento presente nelle fibre muscolari della carne; il rapporto
tra la forma ridotta della mioglobina (ossimioglobina) e la forma ossidata
(metabioglobina) conferisce una diversa colorazione alle carni. La carne appena
tagliata si ossida e tende a diventare più scura. Ciò non incide sulla qualità vera e

88
http://www.siciliaagricoltura.it/2016/07/21 - Vis. il 3/3/2017

203
propria, ma è percepito dal consumatore come scarso indice di qualità, come pure la
colorazione giallastra del grasso, dovuta in realtà a pigmenti contenuti negli alimenti
di animali al pascolo89. Sono spesso destinati alla produzione di carni bianche vitelli
di razza da latte che vengono alimentati principalmente con latte, anche se oggi è
obbligatorio nutrire questi con piccole quantità di alimenti solidi. Le carni ottenute
mediante questa pratica risultano di colore chiaro poiché prive di ferro. Alcuni dei
principali motivi per cui questo tipo di allevamento continua ad essere incentivato
sono quelli di smaltire, se in eccesso, la produzione di latte e recuperare animali di
scadente attitudine alla produzione carnea. Le carni rosse invece derivano da soggetti
denominati “vitelloni” alimentati con cereali, che presentano carni più sode, ricche
di ferro e saporite. Le carni rosse scure derivano da animali aventi più di dieci anni i
quali vengono macellati a fine carriera (vacche da latte, buoi, tori da monta). La
qualità della carne è influenzata dall'alimentazione dell'animale in allevamento,
infatti la dieta deve essere composta da alimenti di prima qualità, fibre ben conservate
e non inquinate da tossine. L'animale deve essere alimentato regolarmente,
possibilmente con quantità costanti per soddisfare la quota di mantenimento e la
quota di produzione. Altro fattore importante che influenza la qualità della carne è
l'ambiente in cui l'animale vive. I ricoveri infatti devono essere ubicati generalmente
in luoghi soleggiati e salubri, ventilati ma protetti dai venti dominanti invernali. Per
ciò che concerne la “regole” della macellazione, anche se può sembrare un
controsenso, o un non senso, per la legge italiana il decreto legislativo 333/98
recepimento della Direttiva Europea 93/119/CE contiene norme sulla "Tutela del
benessere degli animali durante la macellazione". Lo scopo è quello di determinare
condizioni minime in un momento così particolare in modo da evitare loro sofferenze
"inutili", dice il decreto, chiaramente in un'ottica nella quale la macellazione a scopo
alimentare è una sofferenza "utile". Le norme prevedono una serie di garanzie legate
all'obbligo, per gli addetti ai lavori, di rispettare condizioni minime nel condurre gli
animali dai trasporti ai recinti di attesa e fino all'interno del macello, in maniera da
evitare loro le sofferenze che potrebbero derivare da comportamenti scorretti, violenti
o crudeli. Si cerca in particolare di realizzare dei percorsi all'interno delle strutture
nei quali gli animali possano muoversi senza troppe costrizioni in modo tale da
escludere percosse o violenze. Arrivano così al luogo dove vengono "storditi", cioè
uccisi prima del dissanguamento, senza subire troppe violenze4. Negli ultimi anni
però in Italia, e in particolare in Sicilia, si sta valutando la creazione di impianti
destinati alla macellazione degli animali secondo i metodi che fanno riferimento alla
macellazione islamica ed ebraica; lo scopo è quello di immettere sul mercato carni
destinate a questa ormai grande cerchia di consumatori, facente parte di queste realtà
religiose. L’Islam infatti prescrive delle norme precise per l’uccisione degli animali
affinché il fedele musulmano ne possa mangiare le carni. L’insieme di queste norme

89 La "qualità" della carne in RivistadiAgraria.org - Vis. il 26/05/2017


4
http://www.saicosamangi.info/animali/regole-macellazione.html - Vis. il 17/05/2017

204
va sotto il nome di “Macellazione Halal” dove la parola “Halal” ha il significato di
“lecito” ed è il contrario di “Halam”, proibito. La Macellazione Halal prescrive che,
al momento dell’uccisione, l’animale debba essere cosciente e che venga ucciso
tagliandogli la gola con un coltello affilato. La testa dell’animale deve essere
orientata verso la Mecca e non deve essere recisa. Nel momento dell’uccisione, il
macellaio islamico deve recitare la formula “In nome di Dio, Clemente,
Misericordioso”. La morte sopraggiunge lentamente, tra urla e sofferenze inaudite,
mentre il flusso di sangue fuoriesce dal collo della povera bestia. Pochi sanno che
questo terribile metodo di macellazione è in uso anche presso le comunità ebraiche
tra le quali ha il nome di “Shechita”.
Ebrei e Musulmani sono concordi nell’affermare che la carne così ottenuta è più
buona e tenera perché il sangue continua a circolare durante l’agonia dell’animale5.
La resa al macello è rappresentata dal rapporto peso morto/peso vivo e il rendimento
in carne è variabile da razza a razza, dalle condizioni individuali e dall'alimentazione
dell'animale; inoltre la resa è influenzata dal quantitativo di sangue che l'animale
trattiene6.

5
https://giuseppemerlino.wordpress.com/2013/07/03/halal-gli-orrori-della-macellazione-islamica - Vis. il
18/05/2017
6
http://doc.studenti.it/vedi_tutto/index.php?h=477a1bf8&pag=1 - Vis. il 2-3-2017

205
12.1.2 Schema della filiera

Tabella 166 - Fonte http://www.agri.marche.it/osservatorio/studi%20di%20settore/OAM_2002_2.pdf

12.2 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni ISTAT disponibili su base


regionale, relative alle superfici, alle produzioni e alle aziende zootecniche aderenti
alla filiera delle carni rosse in Sicilia.

• Consistenza del bestiame bovino e bufalino dell’anno 2016 da 0 a 2 anni e da 2


anni e più.

Tabella 167 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

Tabella 168 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

206
• Incidenza del settore bovino da carne su agricoltura e industria (Italia): si nota
dal primo grafico che la produzione di carni bovine occupa il secondo posto
insieme al pollame, incidendo per il 6% sulla produzione zootecnica generale
28%. Nel secondo invece si osserva che l’industria della carne bovina incide
il 4% nell’industria alimentare.

Grafico 60 – dati ISMEA - Vis. il 8/3/2017

• Dati bestiame macellato a carni rosse relativo all’anno 2016.

Tabella 169 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

207
• Dati mensili sul commercio estero degli animali vivi e delle carni (Gennaio-
Ottobre 2016)

Tabella 170 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

• Indice dei prezzi alla produzione – Bovini da macello

Grafico 61 – dati ISMEA - Vis. il 8/3/2017

208
• I dati della filiera delle carni rosse 2013/2014/2015

Tabella 171 – dati ISMEA - Vis. il 8/3/2017

• Import export Animali vivi – per paese – 2011 (Quantità in tonnellate, valori
in .000 di euro)

Tabella 172 – dati INEA - Vis. il 10/3/2017

• Import export animali vivi - per prodotto – 2011 (Quantità in tonnellate, valori
in .000 di euro)

Tabella 173 – dati INEA - Vis. il 10/3/2017

209
• Carni fresche e congelate – per paese – 2011 (Quantità in tonnellate, valori in .000
di euro)

Tabella 174 – dati INEA - Vis. il 10/3/2017

• Carni fresche e congelate – per prodotto – 2011 (Quantità in tonnellate,


valori in .000 di euro)

Tabella 175 – dati INEA - Vis. il 10/3/2017

• Carni preparate - per paese – 2011 (Quantità in tonnellate, valori in .000 di euro)

Tabella 176 – dati INEA - Vis. il 10/3/2017

210
• Carni preparate – per prodotto – 2011 (Quantità in tonnellate, valori in .000
di euro)

Tabella 177 – dati INEA - Vis. il 10/3/2017

12.3 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016, tratte dalle
rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale, relative agli allevamenti di bovini da
carne.
Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a partire dall’ultimo Censimento
generale dell’agricoltura.

• Consistenza del bestiame bovino e bufalino da 0 a 2 anni della Regione Siciliana


dal 2010 al 2016

2010

Tabella 178 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2011

Tabella 179 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

211
2012

Tabella 180 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2013

Tabella 181 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2014

Tabella 182 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2015

Tabella 183 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2016

Tabella 184 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

212
• Consistenza del bestiame bovino e bufalino da 0 a 2 anni della Regione Siciliana
dal 2010 al 2016.
2010

Tabella 185 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2011

Tabella 186 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2012

Tabella 187 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2013

Tabella 188 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2014

Tabella 189 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

213
2015

Tabella 190 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2016

Tabella 191 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

• In sintesi i dati ISTAT rielaborati dell’analisi dinamica riguardo la


consistenza del bestiame bovino e bufalino in Sicilia dal 2010 al 2016 sopra
elencati con le singole tabelle per anno.
Totale 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016
Sicilia

Bovini
di meno
di 1
91.854 90.457 95.348 74.261 97.987 98.313 100.498
anno

Bovini
da 1
anno a
56.153 54.985 53.106 52.772 56.279 54.763 56.240
meno di
2 anni

Bovini
di due 170.635 168.541 184.162 188.720 194.497 191.814 197.404
anni e
più

Bufalini 869 844 768 2.454 1.375 1.408 1.600

Totale
Bovini e 319.511 314.827 333.384 318.207 350.137 346.298 355.742
Bufalini

Tabella 192 – Rielaborazione dati ISTAT – Vis. il 6/3/2017

214
• Dati macellazione bovini e bufalini annuali 2010/2013/2014/2015

2010 – 1

Tabella 193 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2010 – 2

Tabella 194 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2010 – 3

Tabella 195 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2010 – 4

Tabella 196 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

215
2013 – 1

Tabella 197 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2013 – 2

Tabella 198 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2013 – 3

Tabella 199 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2014 – 1

Tabella 200 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

216
2014 – 2

Tabella 201 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2014 – 3

Tabella 202 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2015 – 1

Tabella 203 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

2015 – 2

Tabella 204 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

217
2015 – 3

Tabella 205 – dati www.istat.it - Vis. il 6/3/2017

12.4 Import-export

Una sezione particolare dell’Analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export mondiale della filiera messa a confronto con la situazione a livello nazionale.

La situazione in Italia nel comparto del bovino da carne resta caratterizzata da una
evidente accelerazione del processo di contrazione della produzione. Il calo delle
importazioni dei ristalli bovini registrato nell’ultimo trimestre del 2014 riflette una
inevitabile riduzione dell’offerta di capi pronti per la macellazione almeno fino a
tutto il mese di giugno.
Di pari passo si è riscontrata un’inversione di tendenza delle importazioni di carni
bovine nel primo bimestre 2015 (-6% rispetto a gennaio-febbraio dell’anno scorso),
dopo un 2014 che aveva fatto registrare invece una crescita del 4,1%.
Se si guarda alla dinamica delle macellazioni, i numeri parlano di un settore che da
tempo ha imboccato la strada del declino produttivo.

218
Fonte Eurostat Italia-2016

Contrariamente a quanto rilevato in Italia, il mercato internazionale delle carni bovine


resta vivace grazie all’incremento della domanda nei Paesi asiatici, in Nord Africa e
negli Stati Uniti. Dopo la crescita del 9,6% del 2014, l’export di carni bovine
mantiene un trend espansivo anche nel 2015, seppure a un tasso più contenuto (+2%).

In particolare, le esportazioni di carni bovine totali raggiungeranno il livello record


di 10,2 milioni di tonnellate, grazie soprattutto alle spinte di Brasile e India (anche se
in quest’ultimo caso si tratta prevalentemente di carne di bufalo), che compenseranno
prevalentemente le esportazioni di Usa ed Australia.

219
12.5 Conclusioni

Il settore della zootecnia da carne rappresenta, in prospettiva, uno dei settori più
interessanti per l’agricoltura siciliana.
La Sicilia, infatti, importa circa l’80% della carne consumata nella Regione. Spesso
i vitelli nati in Sicilia vengono venduti ad operatori del centro-nord, che si occupano
della fase di ingrasso e finissaggio, al termine della quale la carne macellata ritorna
in Sicilia sotto forma di mezzene o quarti.
L’efficienza economica del comparto trarrebbe grande giovamento se si strutturasse
meglio la filiera, incentivando gli allevatori ad operare all’interno di strutture
consortili, per la messa in comune di alcune attività.
I Distretti produttivi e i Consorzi di filiera possono svolgere un ruolo determinante in
tal senso, corroborati e sostenuti dalla ricerca scientifica, portata avanti dalle
Università siciliane e dai Consorzi di ricerca (Corfilcarni).
Gli obiettivi di sviluppo della filiera devono essere:
- La riduzione dei costi di produzione
- Il miglioramento delle condizioni di igiene e benessere degli animali
- La valorizzazione del germoplasma locale
- L’introduzione di innovazioni di prodotto e di processo
- Una corretta campagna di informazione indirizzata ai consumatori e
finalizzata a sostenere le produzioni locali
- Una più efficace azione di penetrazione delle produzioni locali all’interno
delle mense individuali (ristorazione, agriturismi etc.) e delle mense collettive
(scuole, università, ospedali, case di riposo, case circondariali etc.)
- La riduzione dell’impatto ambientale degli allevamenti, sostenendo gli
allevamenti estensivi e biologici
- Il sostegno alla zootecnia di montagna, rispettosa dell’ambiente e importante
presidio al fine di scongiurare fenomeni di dissesto idrogeologico ed incendi
dolosi.

220
13. La filiera ovicaprina

13.1 Descrizione generale della filiera

L’allevamento ovi-caprino rappresenta da millenni una risorsa fondamentale per


l’economia rurale e di montagna, soprattutto nelle regioni mediterranee.
La domesticazione della pecora è molto antica ed è avvenuta probabilmente in
Mesopotamia, nella cosiddetta mezzaluna fertile, intorno al 10.000 a.C. Il processo
di allevamento seguito alla domesticazione ha portato allo sviluppo e alla diffusione
di numerose razze. L'ovinicoltura ebbe un ruolo privilegiato sia nell'economia dei
Romani sia dei successivi stati europei Medioevali. Nell'Età Moderna le tecniche
europee di allevamento ovino si sono diffuse in tutto il mondo, compresi i nuovi
continenti (America e Oceania). Per l'allevamento ovino è stata molto importante una
mutazione avvenuta nel Maghreb, che ha portato alla comparsa di pecore con una
lana molto fine; condotta in Spagna, questa popolazione di pecore ha dato origine
alla razza Merinos, custodita gelosamente dagli Spagnoli fino al Settecento. Nel XX
secolo si è verificata nei Paesi occidentali una riduzione del numero di allevamenti
basati sulla transumanza ed un aumento degli allevamenti semi-stanziali e stanziali.90
Oggi l’allevamento degli ovini e dei caprini può essere considerato come una
primaria attività zootecnica, praticata in diverse regioni del mondo, che ha dato
origine a società pastorali, nomadi e stanziali. Molti territori delle aree interne, grazie
alla pastorizia, continuano ad essere presidiati dall’uomo, che ne ha potuto così
preservare il fragile equilibrio ambientale e idrogeologico.
Ancora oggi, infatti, i sistemi zootecnici ovini e caprini delle aree interne
rappresentano un’interessante realtà per i risvolti produttivi, ecologici e di protezione
della biodiversità. Proprio il ruolo multifunzionale di questa tipologia di allevamento
è recentemente manifestato attraverso interessanti esperienze locali.
Nonostante varie fluttuazioni, l’attuale consistenza del patrimonio ovi-caprino è
simile a quella di un secolo fa, con la differenza che è diminuito il numero di
allevamenti, ma è aumentato il numero medio di capi allevati in ogni azienda; per
poter godere di un reddito paragonabile a quello di altri settori, l’allevatore ha dovuto
mettere a punto e utilizzare tecnologie nuove che permettono, ancora oggi, di
praticare l’attività anche in quelle zone più disagiate, con importanti implicazioni di
carattere sociale e ambientale.

90
Fonte - https://it.wikipedia.org/wiki/Ovinicoltura vis. il 07/06/2017

221
Situazione mondiale
Le analisi delle consistenze del patrimonio ovicaprino a livello mondiale sono
complesse e, in alcuni casi, contraddittorie. La consistenza numerica della
popolazione ovina e di quella caprina in Europa nel 2012 è di 98.108.500 di cui
85.749.500 ovini e 12.359.000 caprini.
Nella maggior parte dei Paesi in cui è diffusa, l’ovinicoltura fornisce principalmente
carne e lana; il latte e i suoi derivati sono, per la quasi totalità, destinati al consumo
diretto. Nell’Europa Mediterranea, nel Nord Africa e nel Medio Oriente, nelle aree
in cui si è potuta sviluppare una adeguata catena del freddo, è sorto un mercato del
latte e dei derivati.
Il mercato della lana, dominato da paesi ad elevata specializzazione produttiva quali:
Nuova Zelanda, Australia e Argentina, ha conservato interesse specie per il pregio di
produzioni dell’Asia centro meridionale, nonostante la diffusione delle fibre
sintetiche. L’Ue è il maggiore importatore di lana per l’attività dell’industria italiana,
inglese, francese e tedesca.

La produzione mondiale di carne è dominata da paesi affacciatisi relativamente di


recente all’ovinicoltura e fortemente predisposti all’export quali Australia e Nuova
Zelanda. La UE è deficitaria per lana e carne, mentre per il comparto lattiero caseario
si riscontrano eccedenze per la Francia e per l’Italia, in relazione ai modesti consumi
e all’inadeguatezza delle strategie di trasformazione, valorizzazione e
commercializzazione.
Il Regno Unito è orientato verso la produzione di carne e lana; la Spagna e la Francia
verso carne, latte e lana; la Grecia produce latte e carne mentre l’allevamento italiano
è prevalentemente indirizzato al latte e alla commercializzazione della carne come
prodotto secondario.
Gli scambi internazionali di carne vedono al primo posto nell’importazione l’Ue
(Inghilterra seguita da Germania, Italia, Grecia e Francia). Altri importatori sono:
Arabia Saudita, Giappone, Usa, P. Nuova Guinea, Sudafrica, Cina. I maggiori
esportatori sono Nuova Zelanda, Australia, Uruguay e India.
L’esportazione dei formaggi vede al primo posto l’Italia, soprattutto per il Pecorino
romano verso gli Usa.
La produzione mondiale di latte ovino rappresenta meno del 2% di quella di latte
bovino, ma è importante per le sopracitate implicazioni di carattere ambientale e
socio economico. Pur peccando di approssimazione a causa della presenza di molti
paesi riguardo ai quali le statistiche non garantiscono certezze, secondo i dati
disponibili, oltre il 70% della produzione mondiale di latte ovino è concentrata nel
bacino Mediterraneo e nell’area dell’Est Europa, per il resto è distribuita senza
rilevanti concentrazioni tra Cina, area del Shael, Arabia Saudita ed altre aree di
minore importanza. Nel 2003 la produzione di latte ovino nell’Unione Europea è
stata stimata intorno a 2.836 migliaia di tonnellate, ed al suo interno, Italia e Grecia
detengono una quota produttiva di circa il 50% del totale Europa, seguite da Spagna,

222
Romania, Francia, Bulgaria e Portogallo.
Le aree maggiormente interessate sono:
-in Italia: Sardegna, Lazio, Toscana e Sicilia;
-in Spagna: Castiglia Vecchia e Leon, Castiglia-Mancia;
-in Francia: areale del Roqueford, Pirenei atlantici e Corsica;
-in Grecia: Epiro e Tessaglia, anche se è comunque diffuso su tutto il territorio.
Situazione italiana
L'allevamento ovino rappresenta per la zootecnia italiana una potenzialità importante
non solo dal punto di vista economico (carne, latte e derivati, lana) ma anche sociale
ed ambientale (presidio del territorio, controllo di aree interne esposte all'abbandono
etc.) in considerazione dell'assenza di valide alternative in molte delle aree dove si è
maggiormente sviluppato.
Un ulteriore elemento di forza è determinato dall’attività d’ingrasso degli agnelli.
Il sistema di allevamento dipende dalla localizzazione e dalle caratteristiche
produttive, come si evince dalla seguente tabella

Il numero di aziende dedite all’allevamento ovino si aggira sulle 60.000 unità mentre
l’allevamento caprino è presente in circa 27.000 allevamenti.
Nel contesto italiano, il patrimonio ovi-caprino nazionale al 2013, è stato di 8.157.000
capi (di cui 7.182.0000 ovini e 975.000 caprini).

223
Il 93% dei capi ovini vengono allevati nel Sud e nelle Isole mentre per i caprini tale
valore scende al 78%, grazie al contributo delle aziende alpine.
La Sardegna è di gran lunga la regione più importante sul panorama nazionale per
l’allevamento ovino e caprino, seguita dalla Sicilia per l’ovino e dalla Calabria per il
caprino.

In Sicilia, le razze ovine più allevate sono le locali: Pinzirita, Comisana, Pecora della
Valle del Belice, Barbaresca, anche se in realtà il numero più importante è
rappresentato da popolazioni indigene la cui origine risale ai tempi più remoti. Ogni
razza ha tuttavia un areale di diffusione particolare: la Pecora della Valle del Belice

224
nell’area geografica omonima, a cavallo tra le province di Agrigento e Trapani, ma
in forte espansione in virtù delle sue caratteristiche di buona produttività e
adattabilità. La Comisana nelle regioni pianeggianti e costiere, mentre la Pinzirita è
presente nelle regioni di montagna nelle provincie di Palermo e Messina e
nell’interno dell’isola. Infine, la razza Barbaresca, a forte rischio di estinzione a causa
dell’inquinamento genetico, è allevata in poche aree in varie parti della Sicilia.
L’allevamento delle capre, spesso associato a quello ovino, è localizzato
principalmente nelle zone di montagna, sui Nebrodi e sulle Madonie. Le razze e le
popolazioni più allevate sono: la Maltese e la Derivata di Siria. Presenti, benché in
numero ridotto, la Girgentana e l’Argentata dell’Etna. In alcune zone di montagna
dei Nebrodi, si trova anche una popolazione locale chiamata Capra dei Nebrodi.
L’allevamento caprino ha assunto, negli ultimi anni, una discreta importanza, grazie
alle ottime caratteristiche del suo latte, che può essere assunto anche da chi soffre di
particolari intolleranze alimentari (es. intolleranza al lattosio del latte vaccino o
intolleranze dei lattanti). Interessante è anche la trasformazione in yogurt, burro e
formaggi.

13.2 Analisi statica

Vengono di seguito presentate le ultime rilevazioni ISTAT disponibili su base


nazionale e (ove presenti) su base regionale, relative al comparto ovi-caprino91.

Nel 2013 il numero di allevamenti ovini in Sicilia era pari a circa 6.000 unità mentre
gli allevamenti caprini si sono attestati intorno a 1.880 unità.
Il patrimonio ovino siciliano è pari a circa 735.000 capi, mentre quello caprino è pari
a circa 137.000 capi.
Il prezzo degli agnelli varia durante l’anno, facendo registrare valori più alti in
prossimità delle festività pasquali e natalizie, essendo il maggior consumo concentrato
in tali periodi.

91
www.istat.it (vis. il 9/3/17)

225
Grafico 62 www.ismeamercati.it vis. il 9/03/2017

226
Grafico 63 (Fonte: www.ismeamercati.it vis. il 9/03/2017)

Il consumo pro-capite di carni ovicaprine si attesta intorno ad 1,0 Kg all’anno mentre


il consumo di formaggi è di circa 0,9 Kg/anno.

Il trend dei prezzi all’origine è in diminuzione, sia delle produzioni ovicaprine che dei
relativi mezzi di produzione

227
La produzione nazionale di latte di pecora si attesta sulle 390.000 tonnellate con una
resa in formaggio pari al 16-17%.
La produzione nazionale di latte di capra si attesta sulle 33.000 tonnellate (in crescita
negli ultimi anni) con una resa in formaggio pari al 18% circa.

La produzione di carne si attesta intorno alle 33.000 tonnellate per gli ovini e alle
1.800 tonnellate per i caprini.

228
13.3 Analisi dinamica

Vengono di seguito presentate le serie storiche riferite agli anni 2010-2016, tratte dalle
rilevazioni ISTAT disponibili su base regionale, relative alle produzioni ovicaprine.
Tali dati evidenziano l’evoluzione del comparto a partire dall’ultimo Censimento
generale dell’agricoltura.

Come già detto, negli ultimi anni si è assistito ad una diminuzione complessiva del
numero di allevamenti (-40,5% per gli ovini e -46,8% per i caprini) alla quale è però
corrisposto un aumento del numero di capi per azienda.
Complessivamente, dal 2010 al 2016, in Sicilia il numero di capi ovini è diminuito di
circa 59.000 unità pari al 7,4% rispetto al 2010.
Di segno opposto, nello stesso periodo, il numero di capi caprini che è aumentato di
circa 9.500 unità, pari al 7,5% rispetto al 2010.

229
230
Concentrando l’attenzione sull’analisi dei valori complessivi di macellazione nel
periodo 2010-2015, si riscontra una forte diminuzione del numero di capi macellati (-
79.511 unità pari al - 32,6% rispetto al 2010); di contro, si assiste ad un aumento
complessivo della produzione, analizzando il peso vivo macellato (+ 1.855 q.li pari
ad un + 4% rispetto al 2010). Ciò dipende dal fatto che sono stati macellati capi più
adulti, con un peso medio a capo pari a 29 Kg, contro un peso medio a capo di soli 19
Kg nel 2010. Il mercato si è cioè orientato verso carni di animali più adulti e ad un
prezzo/Kg più basso.

231
13.4 Import–export

Una sezione particolare dell’analisi dinamica è riferita alla situazione dell’import-


export della filiera a livello nazionale e internazionale.
Il settore a livello mondiale
Come già accennato, Australia e Nuova Zelanda dominano la produzione mondiale di
lana e carne, ovvero sono quei paesi che, essendosi affacciati più di recente
all'ovinicoltura, sono maggiormente predisposti all'export.
Il Regno Unito produce carne e lana, la Spagna e la Francia carne, latte e lana; la
Grecia produce latte e carne, mentre l'allevamento italiano è orientato verso la
produzione di latte/formaggi e marginalmente verso la produzione di carne.
Gli scambi internazionali di carne mettono al primo posto nell'importazione l'UE, altri
importatori sono Arabia Saudita, Giappone, Usa, Sudafrica, Cina, P. Nuova Guinea;
mentre i maggiori esportatori sono Nuova Zelanda e Australia, seguiti da Uruguay e
India.

A livello comunitario, la produzione di formaggi di pecora è in decisa crescita e


l’Italia, insieme alla Spagna, detiene il primato dei migliori Paesi produttori, seguita
dalla Francia.
Anche i formaggi caprini sono in decisa crescita ma, in questo comparto, l’Italia
assume un ruolo marginale in ambito comunitario dove, regina indiscussa, è la
Francia.

232
La situazione in ambito comunitario relativa alla produzione di carne ovina mostra un
andamento estremamente variabile ma, complessivamente, in diminuzione. Il paese
europeo maggiormente produttore si conferma la Gran Bretagna, seguita dalla Spagna.
Anche il comparto carne caprina ha subito, nell’ultimo quinquennio, un deciso
declino, confermando la Grecia come leader indiscusso in ambito comunitario, seguita
anche in questo caso dalla Spagna.

233
Situazione italiana
Il saldo della bilancia commerciale del comparto, nella sua interezza, è ancora
negativo anche se, negli ultimi quattro anni, si è sensibilmente ridotto.

Import di animali e carni


Le importazioni ovicaprine hanno subito, dal 2011 al 2015, una sensibile riduzione
sia nel numero di capi che nelle quantità di carne (tec=tonnellate equivalente carne).

234
Analizzando le importazioni di animali vivi si può affermare che questi provengono,
prevalentemente da Ungheria e Romania.
Limitando l’analisi al comparto carne (macellata), la situazione si fa più variegata,
dal momento che le importazioni provengono in misura decrescente dalla Spagna,
dal Regno unito, dalla Francia, dalla Nuova Zelanda, dalla Romania, dalla Grecia e
dall’Irlanda.

Export di formaggi
L’Italia si conferma Paese esportatore leader di formaggi ovini, in particolar modo di
pecorino romano, le cui esportazioni sono in crescita.
Il mercato di riferimento più importante è rappresentato dagli Stati Uniti.

235
L'ovinicoltura da latte nazionale presenta tre diverse condizioni produttive,
concentrate in Sardegna, Lazio-Toscana e Sicilia.
La Sardegna è tra le regioni al mondo con la più alta concentrazione d'allevamento ma
le sue strategie commerciali hanno indebolito l'immagine di formaggi tradizionali di
grande pregio destinati all'esportazione.
Lazio e Toscana, grazie al contesto infrastrutturale favorevole ed alle migliori
condizioni di mercato, hanno superato l'impostazione tradizionale, realizzando
produzioni a più alto valore aggiunto rispetto alle produzioni delle regioni meridionali.
La Sicilia sconta ancora una certa arretratezza nell’organizzazione dei processi
commerciali e non valorizza adeguatamente le proprie produzioni di qualità.
Il declino della popolazione zootecnica e del numero di allevamenti si può ricondurre
alla modifica strutturale cui è andata incontro la filiera, portando alla scomparsa degli
allevamenti familiari e di quelli non specializzati.

236
Il Caso della Capra Girgentana

Il suo nome deriva da Girgenti (oggi Agrigento) ed è assolutamente inconfondibile


per le lunghissime corna a spirale (o a cavaturacciolo). Il pelo e le corna ricordano
soggetti asiatici ancora viventi allo stato selvatico e la sua origine, secondo alcuni, va
ricercata fra le capre del Tibet (nella zona dell’Himalaya). Altri la ricollegano alla
Mark-hor, detta anche Falconeri, dal nome di Falconer, il naturalista inglese che per
primo la notò nell’Afghanistan settentrionale e nel Belucistan. L’importazione dei
primi soggetti asiatici è attribuita agli Arabi (nell’800 d.C.), quando toccarono il porto
di Marsala per diffondersi nel versante sud-occidentale della Sicilia. È una capra di
taglia media con pelo lungo, folto e bianco, talvolta maculato. Sul mento ha una
barbetta e, sulla fronte, un ciuffo folto, che gli allevatori tagliano “a frangetta” (con
l’eccezione del caprone). La bellezza di questo animale è legata innanzitutto alla
presenza di corna in entrambi i sessi: corna erette e unite alla base, che nei maschi
possono raggiungere i 70 cm. Ancora oggi si dedica molto tempo alla loro cura: si
bagnano in acqua calda e si infilano in tubi di ferro avvolti nel panno per disegnare
la forma a spirale più regolare possibile, evitando la loro divaricazione. La girgentana
è allevata al pascolo (con l’integrazione di fave, orzo, avena, carrubo) e, la sera, viene
ricoverata in stalla e legata. Il suo latte, rinomato per la qualità dovuta all’ottimo
equilibrio tra grasso e proteine, è stato destinato da sempre al consumo diretto. Negli
anni Venti e Trenta gli allevatori passavano di casa in casa, vendendolo direttamente:
in pratica si mungeva porta a porta. Si trattava di allevamenti spesso in purezza, situati
in periferia o all’interno della città stessa.92
Il suo latte, dopo quello di asina, è quello che si avvicina maggiormente alla
composizione del latte umano: dallo scarso odore ircino, è rinomato per la qualità
dovuta all’ottimo equilibrio tra grasso e proteine. È un latte altamente digeribile ed
ha un basso odore di ircino, che lo rende delicato al gusto e dalla sua lavorazione si
ottengono ottimi formaggi dal sapore unico.

L’adozione a distanza per scongiurare l’estinzione della Capra Girgentana


Sono già una trentina le capre adottate nell’Agrigentino nell’ambito del progetto
“Adotta una Capra” promosso dall’associazione per la tutela e la salvaguardia della
Capra Girgentana. “In provincia di Agrigento – spiega Ignazio Vassallo, referente del
presidio Slow Food della Capra Girgentana – ci sono circa mille capi; includendo gli
esemplari presenti in provincia di Palermo e di Catania non si superano i 1.200 capi”.
Con le adozioni, l’associazione che riunisce una dozzina di allevatori
nell’Agrigentino che fanno parte del presidio Slow Food, cerca di scongiurare il
pericolo estinzione, con conseguente perdita di biodiversità storia e tradizioni locali.

92
www.fondazioneslowfood.it vis. il 09/03/2017

237
L’adozione di una capra, con un contributo di 50 euro, dà diritto a ricevere un attestato
ufficiale di adozione con la foto dell’animale; le informazioni sull’allevatore; una
parte del formaggio di Girgentana spedito direttamente a casa nei periodi migliori per
la produzione, insieme ad un altro prodotto del territorio, come miele, mandorle
sgusciate, vino nero D’Avola, semola di grani antichi siciliani, macinati a pietra e
dolci di mandorla. Poi le schede tecniche e sensoriali dei prodotti; la mappa dell’area
dell’agrigentino in cui si trova la capra adottata; la possibilità di avere uno sconto
sulle tariffe di alcuni agriturismi del territorio.

13.5 Conclusioni

L'allevamento ovi-caprino possiede un imponente potenziale, sia a livello economico


che sociale ed ambientale. Questo comparto potrebbe influenzare maggiormente il
bilancio agroalimentare nazionale e regionale ma è ancora frenato da varie carenze di
tipo strutturale, commerciale, sanitario, organizzativo e dalla competitività delle
produzioni comunitarie ed extracomunitarie.
Le prospettive dell’allevamento ovi-caprino sono legate alla capacità di
valorizzazione delle produzioni, attraverso strategie di marketing che sappiano
corrispondere alle moderne esigenze dei mercati e dei consumatori.
Come per le altre filiere, il processo di valorizzazione non può prescindere da una
migliore organizzazione della filiera, attraverso processi aggregativi che consentano
una riduzione dei costi di produzione ed un miglioramento della capacità di
trasformazione e commercializzazione del prodotto finito.

238
Sitografia

doc.studenti.it
giuseppemerlino.wordpress.com
iris.unipa.it
it.wikipedia.org
pti.regione.sicilia.it
siqual.istat.it
ww2.unime.it
www.agi.it
www.agraria.org
www.agri.istat.it
www.agri.marche.it
www.antares.crea.gov.it
www.camera.it
www.censimentoagricoltura.istat.it
www.crea.gov.it
www.edizionilucisano.it
www.fao.org
www.fondazioneslowfood.it
www.frantoionline.it
www.gazzettaufficiale.it
www.ilgranoduro.it
www.inea.it
www.informamiele.it
www.inumeridelvino.it
www.ismea.it
www.ismeamercati.it
www.istat.it
www.italyeno.com
www.laperanzana.org
www.newspapergame.lagazzettadelmezzogiorno.it
www.pandittaino.it
www.politicheagricole.it
www.psr-sicilia.it

239
www.regione.sicilia.it
www.rivistadiagraria.org
www.saicosamangi.info
www.siciliaagricoltura.it
www.treccani.it
www.unesco.beniculturali.it
www.unioncameresicilia.it
www.unitus.it
www.univpm.it

240
Finito di stampare
nel mese di settembre 2017
presso la tipografia Seristampa
Palermo