Sei sulla pagina 1di 8

Marimba Spiritual

Marimba: Luca Valenza

Ensemble


Carlo Pisciotta
Alfonso Rizzo
Vito Vultaggio

Verso la fine del 1983 Minoru miki ricevette la commissione da parte di Keiko Abe per comporre un
nuovo pezzo per marimba con tre percussionisti. L’anno successivo avrebbe avuto l’opportunità di
suonare un nuovo pezzo con percussionisti olandesi (Amsterdam Percussion Group).

Il 1984 fu l’anno in cui molte persone morirono per fame in Africa. Come persona che aveva vissuto
esperienze simili di sofferenza prima e dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, Miki non poteva
rimanere in silenzio. Colse piuttosto l’occasione per esprimere la sua condoglianza e rabbia per quella
situazione. Per questo compose la prima sezione lenta come un requiem statico e la seconda sezione
veloce come una resurrezione vitale.

Il titolo “Marimba Spiritual” venne concepito come espressione di un processo totale.

Le sequenze ritmiche e melodiche vengono strettamente annotate in tutto il brano ma nelle parti dei tre
percussionisti vengono indicate solo le altezze relative e le qualità sonore (nella prima parte strumenti a
percussione di metallo e legno e nella seconda di pelle).
C’è una certa libertà ma gli esecutori devono porre particolare attenzione al bilanciamento tra le varie
sezioni.
Le sequenze ritmiche della seconda parte sono state prese dal Festival dei Tamburi di Chichibu, area a
nord-ovest di Tokio.
Il compositore

Emmanuel Sèjournè nasce in


Francia, il 16 Luglio 1961. La sua
musica è ricca ritmicamente,
romantica, energetica, inspirata sia
dalla tradizione classica che da quella
della “popular culture” (jazz, rock,
extraeuropea).
Numerose sono le orchestre di tutto il
mondo che hanno eseguito le sue
composizioni, tra cui la Luxembourg
Philharmonic, Sinfonia Toronto, Nagoya Philharmonic Orchestra, Orchestre de la
Suisse Italienne, Orchestra Sinfonica Siciliana, Sofia Soloists Orchestra, ecc…

Apprezzato dalla “community” dei percussionisti internazionali, i suoi lavori sono


stati commissionati e registrati da alcuni tra i più celebri esecutori, come, tra gli
altri, Bogdan Bacanu et Wave Quartet, Christoph Sietzen e Gary Cook.

I suoi Concerti per percussioni hanno sempre avuto un gran successo, dalla sua
prima fatica, Concerto pour Vibraphone et Orchestre a Cordes (1999) al suo
recentissimo Double Concerto for Marimba, Vibes & Orchestra (2014), eseguito
per la prima volta in Bulgaria, poi in tutta Europa ed oggi finalmente anche in
Italia.

Il Concerto for Marimba and String Orchestra (2005), commissionato ed eseguito


da Bogdan Bacanu, è subito diventato pilastro per la letteratura degli strumenti a
percussione.
Sèjournè ha composto inoltre numerosi brani per Orchestra, Ensemble Cameristici
e Coro; spaziando oltre il mondo delle percussioni.

Da sempre affascinato dall’interazione tra svariate forme di espressione artistica,


egli scrisse musica per show televisivi, teatrali, balletti e Musical.

Emmanuel Sèjournè è attualmente Docente Principale del Dipartimento di


Percussioni presso la Strasbourg Music Academy.

Viene spesso chiamato come giurato nei più importanti concorsi di tutto il mondo
come la ARD Munich Competition, Salzburg Marimba Competition, Days of
Percussion - PAS Italy.
Attraction - Solo Version

Marimba: Vito Vultaggio

Descrizione

Attraction è un brano scritto nel 2017 per il Duo “Contrastes”, a cui è dedicato.
Proprio come l’uomo non può sfuggire all’attrazione primordiale terreste, o può
farlo soltanto per pochi istanti, anche il compositore cede al richiamo della natura,
della sua cultura, del suo essere umano.

“In questo brano è evidente il mio debole per il ritmo, il groove e per le sonorità
della band indo-britannica Shakti, che ha segnato la mia giovinezza.

Nello sviluppo centrale di “Attraction” cerco talvolta di bloccare questa tendenza


naturale al “rifugio primordiale”, con l’ausilio di frasi musicali fisse, immobili,
cercando una sperimentazione sonora, timbrica, simbolo dell’evoluzione della
musica nel corso degli anni; che cede però nuovamente al richiamo del “groove”,
a quell’attrazione a cui l’uomo non riesce a sottrarsi.”

Emmanuel Séjourné (2018)

L’esecuzione sarà accompagnata da un live-action video che interagisce in tempo


reale con le atmosfere e gli impulsi ritmici proposti dal brano.
Il Direttore

Salvatore Magazzù, diplomato


in tromba con il massimo dei
voti presso il Conservatorio “A.
Corelli” di Messina, ha
intrapreso successivamente gli
studi di direzione d’orchestra
presso l’Accademia Musicale
Pescarese dove ha frequentato il
C o r s o Tr i e n n a l e d i A l t o
Perfezionamento di Direzione
d’Orchestra tenuto dal maestro
Donato Renzetti conseguendo il
diploma con il massimo dei voti.
In seguito ha approfondito la direzione con J. Kalmar e Hans Graf ai Master
Course di Vienna.

In qualità di direttore si è esibito sul podio di diverse orchestre quali la Jasi
Philarmonic Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Abbruzzese “Mario Gusella”, la
Szeged Philarmonic Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, che ha diretto nel
maggio del 1999 nel Concerto per la Pace promosso per il Kossovo. Si è esibito
anche in Giappone, in Cina e in America. Al Festival di Todi ha lavorato come
assistente musicale per la realizzazione dell’opera “Hansel e Gretel” di E.
Humperdinck ed alla produzione della fiaba “Pierino e il Lupo” di Prokof’ev con
l’attore Paolo Villaggio; sempre per il Festival di Todi ha collaborato per la prima
rappresentazione assoluta della fiaba per bambini “Il Cavallo sull’Isola” di Lucio
Gregoretti (voce recitante Giobbe Covatta) ed alla realizzazione di “Storia di
Babar l’elefantino” di Poulenc (voce recitante Milena Vukutic). Attualmente
ricopre il posto di prima tromba presso l’Orchestra Sinfonica Siciliana.
La sue qualità direttoriali sono state esaltate dal maestro Donato Renzetti che ha
affermato: “Il Maestro Salvatore Magazzù si è diplomato con il massimo dei voti
al Corso triennale di Alto Perfezionamento in Direzione d’Orchestra, da me
tenuto all’Accademia Musicale Pescarese. Il Maestro Magazzù è stato
sicuramente uno dei migliori allievi, nei dieci anni del mio insegnamento. Dotato
di un’elevata natura direttoriale, ha una tecnica precisa e incisiva, e una
musicalità certamente non comune. La sua direzione, pur nel rispetto delle
volontà dei compositori eseguiti, ha sempre riscontrato, grazie anche ad una
concertazione analitica e puntigliosa, favorevoli consensi di pubblico e di critica,
e quel che più conta, delle Orchestre da Lui dirette. Per queste caratteristiche,
senza ombra di dubbio, credo che il Maestro Magazzù sia uno dei giovani e
promettenti direttori d’orchestra di grande talento”.
Double Concerto for Marimba, Vibes & Orchestra

Direttore: Salvatore Magazzù

Vibrafono: Vito Vultaggio


Marimba: Carlo Pisciotta

Orchestra del Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani

Descrizione


“Dopo aver composto il Concerto for Vibraphone and Strings (1999) ed il
Concerto for Marimba and Strings (2004), che è stato suonato da più di 300
orchestre diverse, ho voluto mettere insieme le sonorità di questi due strumenti e
scrivere per due solisti ed Orchestra.

Per questi strumenti non vi è ancora un vasto repertorio solistico, ancor meno
nella forma del Concerto.
Eppure l’accompagnamento orchestrale fornisce un supporto che completa ed
amalgama perfettamente le differenti sonorità di questi due strumenti.

Il Concerto ha una forma classica, che prevede 3 Movimenti (Allegro - Adagio -


Allegro).

Come spesso accade nelle mie composizioni, le sonorità presenti traggono


ispirazione dalla classica, musica per film, Jazz e Pop.
Inoltre sono presenti influenze della potente, energetica e piena di vita, musica
balcanica.
Il Double Concerto fu commissionato dalla Marimbista Bulgara Tatiana Koleva
ed eseguito per la prima volta il 28 Marzo 2012, dalla Sofia Soloist Chamber
Orchestra, in occasione del Russe Festival in Bulgaria.

Successivamente venne eseguito in Cina, Giappone, Korea, Francia, Germania e


USA.”

Emmanuel Séjourné (2018)