Sei sulla pagina 1di 128

PUBBLICAZIONI TECNICHE

Guida alla stampa


di Adobe® InDesign® CS
per i service di stampa
Sommario
Introduzione .............................................................................................................1

Per fezionare lo stato dell’ar te ...................................................................................2 ii


Palet te Anteprima selezioni colore ................................................................................................................. 3
Palet te Anteprima conversione trasparenz a .................................................................................................. 4
Miglioramenti delle pagine al vivo, delle aree indicazioni e del tavolo di montaggio ........................... 4
Inchiostri misti ................................................................................................................................................... 6
Gruppi di inchiostri misti .................................................................................................................................. 6
Suppor to per PDF/ X-1a, PDF/ X-3 e PDF 1. 5 ( compatibile con Acrobat 6 ) .................................................. 7
Suppor to avanz ato per i colori di Photoshop ............................................................................................... 8
Unire f ile Photoshop DCS e EPS di tipo raster ............................................................................................... 8
Palet te Informazioni .......................................................................................................................................... 9
Miglioramenti della traccia .............................................................................................................................. 9
Visualiz z azione e aree di lavoro .................................................................................................................... 10
Editor brani ....................................................................................................................................................... 11
Controllare i sot toinsiemi per ampi set di carat teri durante l’output ...................................................... 11

Aiutare i clienti a preparare file InDesign ............................................................... 12


Preparare la trasparenz a ................................................................................................................................. 12
Preparare i f ile libro ........................................................................................................................................ 13
Usare i predef initi e i f ile delle impostazioni per snellire il f lusso dei materiali trasmessi
dal cliente ......................................................................................................................................................... 14
Ef fet tuare la verif ica preliminare .................................................................................................................. 14
Preparare il “pacchet to” di f ile per la consegna .......................................................................................... 15
Consegnare f ile Adobe PDF ............................................................................................................................ 17

Aprire file di InDesign ............................................................................................. 19


Icone di InDesign e versioni del programma ............................................................................................... 19
Gestire le dif ferenze tra dizionari ................................................................................................................. 19
Gestire i font mancanti ...................................................................................................................................20
Gestire i collegamenti e ricollegare i f ile impor tati ....................................................................................22
Gestire le av ver tenze relative ai prof ili di colore mancanti o senz a corrispondenz a ............................ 26

Preparare i documenti InDesign per l’output .......................................................... 30


Lavorare con un f ile libro ...............................................................................................................................30
Visualiz z are in anteprima l’area di output e gli elementi stampabili ....................................................... 33
Verif icare le dif ferenze nei f ile conver titi da una versione precedente di Adobe InDesign .................34
Verif icare le dif ferenze nei f ile conver titi da Quark XPress o Adobe PageMaker ....................................34
Ef fet tuare la verif ica preliminare del documento .......................................................................................36
Applicare l’abbondanz a ai documenti .......................................................................................................... 42
Visualiz z are l’anteprima delle selezioni colore, della trasparenz a e delle sovrastampe ....................... 47
Conver tire la trasparenz a per la stampa ad alta risoluzione ..................................................................... 51

Finestra di dialogo Stampa ...................................................................................... 66


Aree comuni ..................................................................................................................................................... 67
Impostare i percorsi di output PostScript .................................................................................................... 71
Scheda Generali ............................................................................................................................................... 76
Scheda Conf igurazione ................................................................................................................................... 79
Scheda Indicatori e pagine al vivo .............................................................................................................. 8 4
Scheda Output ................................................................................................................................................. 87
Scheda Graf ica ................................................................................................................................................. 97
Scheda Gestione colore ................................................................................................................................10 0
Scheda Avanz ate ............................................................................................................................................ 102
Scheda Riepilogo ..........................................................................................................................................10 4
Espor tare file Adobe PDF ...................................................................................... 105
Aree comuni ..................................................................................................................................................106
Scheda Generali ............................................................................................................................................. 107
Scheda Compressione ................................................................................................................................... 110
Scheda indicatori e pagina al vivo ............................................................................................................. 112
Scheda Avanz ate ............................................................................................................................................ 113
Scheda Protezione ........................................................................................................................................ 116
Scheda Riepilogo ........................................................................................................................................... 117 iii

Semplificare il flusso di stampa con i predefiniti di stampa .................................. 118


Impostare i predef initi di stampa ............................................................................................................... 119
Distribuire i predef initi di stampa tra gli addet ti ai lavori ...................................................................... 121
Applicare i predef initi di stampa ai f ile dei clienti .................................................................................. 122

Semplificare il flusso di stampa con i predefiniti di espor tazione PDF .................. 123
Informazioni sui predef initi di espor tazione PDF incorporati ............................................................... 123
Impostare i predef initi di espor tazione PDF ............................................................................................. 125
Introduzione
Benvenuti nella Guida alla stampa di Adobe® InDesign® CS per i service di stampa. Non un
semplice documento di riferimento tecnico dettagliato per gestire i processi di InDesign, ma
soprattutto un utile strumento di formazione. È organizzato in modo che possiate trovare
1
rapidamente informazioni riguardo a situazioni specifiche che i vostri clienti possono
presentarvi. Potete anche leggere l’intero documento per avere una visione complessiva delle
funzioni di InDesign CS utili per i service di stampa.

Ogni nuova versione di Adobe InDesign è stata realizzata tenendo conto del feedback
inviato dai professionisti della stampa di tutto il mondo. La stretta collaborazione con il
mondo della stampa ha portato grandi vantaggi nell’efficienza e nella qualità dell’output
in Adobe InDesign 1.5.2 e Adobe InDesign 2, come il supporto per un’ampia varietà
di flussi di lavoro Adobe PostScript®, l’abbondanza incorporata avanzata e la Gestione
inchiostri. Il numero di service provider che hanno adottato Adobe InDesign è in continua
crescita, in quanto l’esperienza sul campo conferma l’affidabilità e la coerenza dell’output
di Adobe InDesign. Adobe continua a lavorare in stretta collaborazione con i professionisti
della stampa, per continuare a crescere sulla base dell’esperienza accumulata dalla
realizzazione delle tre versioni principali di Adobe InDesign a partire dal 1999.
Perfezionare lo stato dell’arte
Adobe InDesign CS è nato da una moderna architettura di stampa che ora si sta avviando
verso la terza generazione, come dimostrano i più recenti sistemi operativi e dispositivi di
output di prestampa. Il supporto per Adobe PostScript® 3™ in Adobe InDesign CS è stato 2
costantemente migliorato e ottimizzato nel corso di quattro anni. Allo stesso modo, con
Adobe InDesign è stato possibile produrre output su Mac OS X fin dalla versione 2, e la
consolidata integrazione con i flussi di lavoro Adobe PDF è stata ulteriormente potenziata.
Poiché è in grado di gestire perfettamente i principi fondamentali dell’output sui sistemi e
sui flussi di lavoro di oggi, Adobe InDesign CS ha sviluppato miglioramenti avanzati per
ridurre i costi e aumentare la produttività negli ambienti di prestampa.

Adobe si impegna inoltre a fornire ai service di prestampa funzioni di produzione e di


output che si accompagnano perfettamente ai layout sofisticati che i designer possono
creare in Adobe InDesign CS. Un’altra priorità consiste nell’assicurare che Adobe InDesign
CS riproduca correttamente le funzioni di output avanzate usate in file importati da
Adobe Photoshop®, Adobe Illustrator® e Adobe Acrobat®. Adobe continua a rendere le
funzioni avanzate di design e output il più possibile coerenti tra prodotti: ad esempio, la
nuova palette Anteprima conversione trasparenza funziona allo stesso modo in InDesign CS,
Adobe Illustrator CS e Adobe Acrobat 6 Professional.

Di conseguenza, i miglioramenti dell’output in Adobe InDesign CS possono essere


raggruppati nelle seguenti categorie generali:

• Nuove palette di anteprima per valutare accuratamente le selezioni colore, la trasparenza


e la conversione della trasparenza prima di lanciare la stampa, prevenendo errori costosi.
• Nuove opzioni di output PDF conformi agli standard più aggiornati, tra cui PDF/X�1a e
PDF/X-3.
• Nuovi metodi per valutare potenziali problemi di output per un documento e i relativi
oggetti.
• Interfaccia utente e terminologia relative alle funzioni di prestampa più coerenti con le
altre applicazioni Adobe.
• Più opzioni per gestire i campioni e gli inchiostri.
• Ulteriori possibilità di salvare il flusso di lavoro e le impostazioni standard di output
come predefiniti personalizzati, che potete fornire ai vostri clienti per assicurare che i
loro documenti siano pronti per la stampa.

Le seguenti sezioni illustrano questi miglioramenti in linea generale.


Palette Anteprima selezioni colore
Potete prevedere con certezza come un documento Adobe InDesign eseguirà le selezioni
colore, comprese le tinte piatte. La palette Anteprima selezioni colore visualizza i
cambiamenti effettuati sulle sovrastampe, sul nero ricco e su altre impostazioni legate alla
stampa. Limite inchiostro visualizza le aree del layout che superano il limite inchiostro
3
specificato. Muovendo il mouse sulla pagina, ogni inchiostro nella palette Anteprima
selezioni colore mostra la percentuale di inchiostro sotto il puntatore del mouse,
comportandosi come un densitometro digitale. L’anteprima viene visualizzata nella normale
finestra del documento, quindi è possibile modificare il documento mentre visualizzate in
anteprima le selezioni colore o il limite inchiostro.

Nota:
Tutte le immagini di
Adobe InDesign in
questo documento
sono state create con
Mac OS X.
Potete anche utilizzare
Adobe InDesign CS in
Microsoft® Windows®
2000 con Service
Pack 2 o Windows XP.

La palette Anteprima selezioni colore mostra come verrà eseguita la selezione dei colori in quadricromia e
delle tinte piatte.

Indica inoltre le aree che eccedono il limite inchiostro.


Se conoscete la palette Canali di Adobe Photoshop, il funzionamento della palette
Anteprima selezioni colore vi risulterà piuttosto familiare. Tutti i colori in quadricromia
e le tinte piatte del file vengono elencati nella palette, e potete nascondere o mostrare gli
inchiostri per visualizzare l’anteprima di qualsiasi combinazione.

Per velocizzare il flusso di lavoro di prestampa, potete usare il comando Finestra > Disponi >
4
Nuova finestra per visualizzare la stessa pagina o le pagine affiancate in più finestre: una
che visualizzi l’anteprima delle separazioni colore, un’altra che indichi le aree che eccedono
il limite inchiostro e una terza che visualizzi i colori compositi. Potete effettuare delle
correzioni in ciascuna finestra e contemporaneamente controllare gli effetti delle modifiche
sulle selezioni colore, sulle aree che eccedono il limite inchiostro e sul documento composito.

Per ulteriori informazioni, consultate “Visualizzare l’anteprima delle selezioni colore, della
trasparenza e delle sovrastampe” a pagina 47.

Palette Anteprima conversione trasparenza


Prima di generare l’output, valutate gli effetti delle impostazioni di conversione della
trasparenza. La palette Anteprima conversione trasparenza mostra quali aree della pagina
saranno interessate dalla conversione della trasparenza, senza modificare il documento.
Potete provare predefiniti diversi e verificare i risultati. Una volta ottenuti i risultati
desiderati, potete applicare le impostazioni visualizzate correnti alle impostazioni di stampa
del documento, facendo clic sul pulsante Applica impostazioni in stampa.

Questa funzione è di facile utilizzo, in quanto è simile alla conversione trasparenza in


Adobe Illustrator e in Adobe Acrobat 6 Professional. Inoltre, la conversione trasparenza
viene visualizzata in anteprima direttamente sulla pagina (non in una finestra o in una
palette a parte), quindi potete modificare gli oggetti della pagina mentre la conversione della
trasparenza è in funzione. Per ulteriori informazioni, consultate “Visualizzare in anteprima
i predefiniti di conversione trasparenza” a pagina 61.

L’oggetto originale è collocato a sinistra. L’anteprima conversione trasparenza a destra indica le aree della
pagina interessate dall’uso del predefinito di conversione trasparenza per convertire la trasparenza nelle
ombre esterne.

Miglioramenti delle pagine al vivo, delle aree indicazioni e del tavolo di montaggio
Impostate le aree di pagina al vivo e indicazioni al di fuori dell’area del documento. Potete
specificare una distanza al di fuori della pagina entro la quale gli oggetti della pagina
possono espandersi nell’area al vivo. Potete anche specificare un’area indicazioni in cui le
informazioni possono essere aggiunte al di fuori dell’area della pagina ed essere comprese
nell’output, se lo desiderate. Le aree indicazioni sono generalmente usate nella pubblicità per
mostrare informazioni su un annuncio che non fa parte dell’annuncio principale.

Nella finestra di dialogo Imposta documento, fate clic sul pulsante Più opzioni per visualizzare le opzioni
Pagina al vivo e area indicazioni.

Le pagine al vivo e le aree indicazioni sono perfettamente integrate in tutte le fasi del flusso
di lavoro. Adobe InDesign CS è dotato di modalità di anteprima per pagine al vivo e aree
indicazioni, per visualizzare sullo schermo un documento dopo il rifilo all’area al vivo o
all’area indicazioni (Adobe InDesign 2 era già dotato di una modalità di anteprima per
visualizzare un documento rifilato al bordo della pagina). Le aree di pagina al vivo e di
indicazioni possono essere comprese nell’output PDF o nell’output di stampa.

Anteprima su schermo delle aree


del documento
A Margini
B Bordo pagina
C Pagina al vivo A
D Area indicazioni
B

In Adobe InDesign CS è possibile visualizzare l’area pagina, l’area al vivo e l’area indicazioni.

Per chiarezza, la preferenza Guide sotto ora controlla anche il bordo della pagina, se
desiderate che le guide e il bordo pagina vengano visualizzati di fronte o dietro a tutti
gli oggetti sullo schermo (per impostazione predefinita, l’impostazione Guide sotto è
disattivata). Inoltre, le preferenze Guide e tavolo di montaggio comprendono l’opzione
Offset minimo verticale per aumentare l’altezza del tavolo di montaggio.
Inchiostri misti
Create campioni che possono essere mescolati usando le tinte piatte. Un inchiostro misto
è basato non sui valori dei colori ma sugli inchiostri già definiti nel documento, come gli
inchiostri composti da blu tinta piatta e giallo quadricromia. Ad esempio, potete creare un
inchiostro misto marrone dato dalla combinazione di percentuali specifiche di inchiostri
6
giallo tinta piatta e nero quadricromia. Quando un documento con inchiostri misti viene
sottoposto alla selezione colore, le lastre vengono contrassegnate solo se contengono un
inchiostro che è stato effettivamente usato. Questo si verifica quando si effettua la selezione
colore di inchiostri misti usando un flusso di lavoro incorporato, in-RIP o composito.
Inoltre, gli inchiostri misti vengono mantenuti quando esportate file PSD o stampate con
una stampante composita.

I campioni degli inchiostri misti consentono di definire i campioni dei colori usando almeno
un colore tinta piatta.

Gruppi di inchiostri misti


Usate un gruppo di inchiostri misti per generare automaticamente una gamma di campioni
basata sui campioni esistenti. Questo è un metodo veloce per creare un set di campioni
correlati di inchiostri misti. Potete creare un gruppo di inchiostri misti selezionando due
campioni “principali” e specificando gli incrementi per creare campioni intermedi (allo
stesso modo in cui usate il comando Duplica e ripeti per gli oggetti). Questa funzione è
utile quando lavorate con le tinte piatte, perché i campioni in un gruppo di inchiostri misti
possono usare solo i campioni principali come componenti di inchiostri (creando un gruppo
di inchiostri misti da due colori tinta piatta non si generano colori quadricromia). Potete
creare palette di colori ad ampia gamma anche quando il numero di inchiostri è ristretto dal
budget. I gruppi di inchiostri misti sono collegati ai rispettivi inchiostri principali, quindi se
modificate gli inchiostri principali vengono aggiornati tutti i campioni presenti nel gruppo
di inchiostri misti. Anche gli oggetti che usano campioni del gruppo di inchiostri misti
vengono aggiornati.
7

I gruppi di inchiostri misti vi consentono di generare intere gamme di campioni quando


stampate non più di due inchiostri.

Suppor to per PDF/ X-1a, PDF/ X-3 e PDF 1. 5 ( compatibile con Acrobat 6 )
I file di output Adobe PDF usano i formati PDF/X-1a, PDF/X-3 e PDF 1.5 (compatibile con
Acrobat 6). I formati PDF/X-1a e PDF/X-3 sono stati sviluppati come standard ISO per una
maggiore affidabilità dell’output, riducendo i contenuti e le esigenze di output di un file PDF.
PDF/X-1a è basato sui colori CMYK e sulle tinte piatte, mentre PDF/X-3 supporta anche i
colori RGB e i profili di gestione del colore ICC. Potete usare Adobe Acrobat 6 Professional
per effettuare una verifica preliminare dei file PDF per la conformità con gli standard
PDF/X-1a e PDF/X-3.

Adobe InDesign CS supporta anche il formato PDF 1.5, che è utile nei flussi di lavoro
che comprendono livelli PDF 1.5 o immagini compresse che usano JPEG 2000.
Adobe InDesign CS può esportare livelli di documenti in livelli PDF 1.5. Il formato PDF
1.5 è supportato anche da Adobe Acrobat 6 Professional. Tuttavia, molti flussi di lavoro di
prestampa PDF sono attualmente basati su versioni precedenti di PDF, pertanto i flussi
di lavoro PDF 1.5 non diventeranno comuni fino a quando il formato PDF 1.5 non sarà
supportato da più RIP e applicazioni di prestampa.

Adobe InDesign CS può importare file PDF 1.5 che contengono già immagini compresse
JPEG 2000 e offre un’opzione di compressione JPEG 2000 quando esportate file PDF 1.5.
Notate tuttavia che Adobe InDesign CS non può importare direttamente file di immagine
che sono stati compressi con JPEG 2000. I service di stampa devono verificare se JPEG 2000 è
supportato con i produttori di RIP e di applicazioni di prestampa.

Suppor to avanzato per i colori di Photoshop


Eseguite senza problemi l’output di file Adobe Photoshop e TIFF che usano canali tinta
piatta e file Photoshop a più tonalità. Questi cambiamenti rendono più facile l’impiego di file 8
nativi di Photoshop in una maggiore varietà di scenari di output.

Unire file Photoshop DCS e EPS di tipo raster


Potete ottenere in automatico l’immagine composita da file Adobe Photoshop DCS
2.0 inseriti in Adobe InDesign CS. Poiché per i file DCS la selezione colori avviene a
monte, potrebbe essere difficile integrarli in alcuni flussi di lavoro di prestampa. Unendo
automaticamente file DCS 2.0 creati da Adobe Photoshop, è più semplice riutilizzare file di
versioni precedenti. L’unione (compresa la selezione colore e la conversione della trasparenza
con il sistema di abbondanza incorporato) è supportata quando esportate o stampate.
Questi miglioramenti sono dovuti al fatto che Adobe InDesign CS legge i file Photoshop
DCS e EPS come immagini. Questo comporta due ulteriori vantaggi: la risoluzione dei file è
determinata e riportata nella palette Informazioni e nella verifica preliminare, e la gestione
del colore dei file Photoshop EPS può essere effettuata se è stato incorporato un profilo ICC.

Per poter usare queste funzioni per un file EPS o DCS in Adobe InDesign CS, il file deve
soddisfare i seguenti requisiti:

• Deve essere stato creato in Photoshop.


• Deve essere un file a 8 bit. I modelli di colori CMYK, RGB e grigi devono essere
supportati. Può comprendere tinte piatte ed essere un file a più tonalità (ad esempio a due
tonalità).
• Un file DCS non deve essere salvato con l’opzione Includi dati vettoriali selezionata (i
tracciati di ritaglio sono supportati).
• I file DCS devono essere conformi alle specifiche DCS 1.0 o 2.0.

I file EPS e DCS che non soddisfano questi requisiti possono essere importati, ma non
potranno usufruire del flusso di lavoro migliorato.
Palette Informazioni
Visualizzate informazioni dettagliate sul progetto selezionato. Analogamente alla palette
Informazioni di altre applicazioni Adobe, la palette Informazioni di Adobe InDesign CS
visualizza informazioni come la posizione, le dimensioni, i campioni colore o i valori del
colore, lo spazio cromatico e il profilo di colore. La palette Informazioni indica anche i
metadati delle immagini, se presenti. 9

La palette Informazioni fornisce informazioni utili sulle immagini, compresa la risoluzione.

È importante per i provider di prestampa e indica due valori di risoluzione per un’immagine
selezionata: ppi originali (la risoluzione del file grafico originale) e ppi risultanti (tale
valore può essere maggiore o minore della risoluzione corrente se l’immagine è stata
ridimensionata in Adobe InDesign CS). Ad esempio, se un designer importa un’immagine
salvata a 300 dpi e la ridimensiona del 200%, la risoluzione finale diventa 150 dpi. La
palette Informazioni riporta la risoluzione orizzontale e verticale, che può indicare un
ridimensionamento non proporzionale o anamorfico.

Miglioramenti della traccia


Sovrastampate il colore spazio delle tracce continue, tratteggiate o a strisce e controllate
come le tracce si posizionano lungo un tracciato. Quando lavorate con tracce continue,
tratteggiate o a strisce che usano un colore spazio diverso da Nessuno, potete usare la nuova
opzione Sovrastampa spazio nella palette Attributi per sovrastampare il colore spazio sopra i
colori sottostanti.

La palette Attributi con la nuova opzione Sovrastampa spazio

La selezione colore delle tracce continue, tratteggiate e a strisce avviene in modo particolare.
Per la selezione colori, immaginate il colore spazio non soltanto come uno spazio, ma come
una traccia continua di colore dietro ai punti, ai trattini o alle strisce. Durante la selezione
colori, l’opzione Sovrastampa spazio opera prima sul colore spazio, poi sui punti, sui trattini
o sulle strisce. Ad esempio, se le opzioni Sovrastampa traccia e Sovrastampa spazio sono
entrambe selezionate per una linea tratteggiata, viene sovrastampato continuamente il
colore spazio lungo l’intera lunghezza della traccia, quindi il colore traccia. Gli utenti che
non sono al corrente di questo comportamento potrebbero pensare che non venga eseguita
la sovrastampa del colore spazio dietro i trattini. Prima di creare l’output finale, verificate
che sia stata eseguita la sovrastampa delle tracce non continue multicolore come desiderato 10
dal cliente, tramite la funzione Anteprima sovrastampa sullo schermo, oppure la funzione
Simula sovrastampa in un PDF esportato per una prova di stampa o per la stampa con un
dispositivo composito.

Adobe InDesign CS aggiunge inoltre stili di traccia che vi consentono di personalizzare le


tracce punteggiate, tratteggiate e a strisce. Gli stili di traccia personalizzati sono visualizzati
nel menu a comparsa Tipo della palette Traccia. Potete anche applicare stili di traccia
personalizzati ai filetti di paragrafo e ai formati sottolineato e barrato.

Nella finestra di dialogo Modifica stile traccia potete personalizzare le tracce punteggiate,
tratteggiate o a strisce.

Visualizzazione e aree di lavoro


Salvate le configurazioni personalizzate delle palette e garantite impostazioni di
visualizzazione standard. Ogni utente può creare una disposizione personalizzata per
le palette e salvarla dal sottomenu Finestra > Area di lavoro. Salvare le aree di lavoro è
utile specialmente quando usate le nuove palette Anteprima selezioni colore e Anteprima
conversione trasparenza, perché potete salvare una disposizione delle palette specifica per
valutare un documento e prepararlo per l’output.

I nuovi controlli di visualizzazione garantiscono la visualizzazione più veloce possibile


dei documenti Adobe InDesign che ricevete. La nuova preferenza Mantieni impostazioni
visualizzazione a livello di oggetto consente di ignorare le impostazioni di visualizzazione
dei singoli oggetti grafici in qualsiasi documento. In questo modo potete sempre usare
come predefinita la vostra preferenza di visualizzazione. I service di stampa solitamente
preferiscono usare una impostazione di visualizzazione veloce, ad esempio Tipica.

Editor brani
11
Modificate il testo in una finestra separata dal layout. Per modificare rapidamente il testo,
apritelo dalla finestra Editor brani in un’unica visualizzazione che è possibile scorrere senza
usare il modulo di composizione del layout. Potete personalizzare la visualizzazione Editor
brani nella finestra di dialogo Preferenze.

Controllare i sottoinsiemi per ampi set di caratteri durante l’output


Migliorate le prestazioni dell’output quando stampate un documento che contiene ampi
set di caratteri, come alcuni font OpenType o i font giapponesi. Adobe InDesign scarica per
impostazione predefinita set completi di font, tuttavia l’output potrebbe essere rallentato
quando si incorporano font molto grandi, come i font giapponesi che contengono molti
più glifi degli alfabeti Roman. Potete usare la preferenza Crea sempre sottoinsieme di font
se i glifi usati sono più di per specificare un limite al di sotto del quale Adobe InDesign CS
incorpora solo il sottoinsieme di glifi effettivamente usati nel documento. Per impostazione
predefinita, Adobe InDesign CS crea automaticamente sottoinsiemi di font che contengono
oltre 2000 glifi. Se desiderate specificare un limite diverso, questa opzione è disponibile nella
sezione Generali della finestra Preferenze. Notate che questa opzione si applica solo quando
l’opzione Completo non è selezionata nel menu a comparsa Scaricamento della scheda
Grafica della finestra di dialogo Stampa.

I miglioramenti descritti in questa introduzione sono soltanto un elenco parziale dei modi
in cui Adobe InDesign CS migliora l’efficienza dei service di stampa. Il resto del documento
li descrive in modo approfondito. Lo scopo di Adobe è rendere la gestione dei documenti
Adobe InDesign il più facile possibile. Per raggiungere e mantenere questo standard, il
team di InDesign continuerà a tenere conto delle richieste dei service di stampa relative ad
Adobe InDesign CS e a cercare di esaudirle. Potete prendere parte a questo processo usando
le seguenti risorse per inviare richieste, suggerimenti o altro feedback, o per discutere di
Adobe InDesign con altri service di stampa.

Per richiedere una funzione, andate alla pagina:


http://www.adobe.com/support/feature.html

Per scambiare idee e soluzioni con altri service provider Adobe InDesign, andate al forum
utenti dei service di stampa di Adobe InDesign:
http://www.adobeforums.com/cgi-bin/webx?14@@.ee6b338

Per segnalare problemi del software, andate alla pagina:


http://www.adobe.com/misc/bugreport.html
Aiutare i clienti a preparare file InDesign
Se fornite ai clienti un elenco di verifiche da effettuare prima della consegna, potete usare
questa sezione per adattare l’elenco per InDesign CS. Le funzioni di InDesign qui descritte
verranno trattate in modo più approfondito nelle sezioni successive del presente documento.
12
Preparare la trasparenza

Per informazioni dettagliate sui problemi legati alla trasparenza, consultate “Convertire la
trasparenza per la stampa ad alta risoluzione” a pagina 51. Per ridurre i problemi legati alla
trasparenza, date ai vostri clienti i seguenti suggerimenti:

• Usate impostazioni di colore compatibili con il vostro abituale flusso di lavoro, in particolare
spazi di lavoro CMYK (impostazione predefinita) e RGB. Consultate “Usare i predefiniti e i
file delle impostazioni per snellire il flusso dei materiali trasmessi dal cliente” a pagina 14.

• Impostate lo spazio fusione trasparenze su CMYK (selezionate Modifica > Spazio fusione
trasparenze > CMYK).

• Importate formati Adobe nativi che supportano la trasparenza non convertita: Illustrator 9.0
o 10 (formato .AI nativo, non EPS), Photoshop 4.0 o superiore, PDF 1.4 (supportato da
Acrobat 5.0 o superiore).
Adobe InDesign CS può convertire la trasparenza di versioni EPS di file Illustrator che
intersecano un oggetto che usa la trasparenza. Tuttavia, i risultati potrebbero non essere
soddisfacenti se il file Illustrator EPS era stato sottoposto alla conversione della trasparenza
con impostazioni non adatte a un output colore ad alta risoluzione.

• Usate Illustrator 10 o versione successiva per ottenere i risultati migliori con le tinte piatte e
la sovrastampa.
• Se le pagine con trasparenza comprendono grafica di Illustrator 9 o 10 (specialmente se la
grafica è stata salvata in formato nativo di Illustrator o in un formato EPS precedente alla
versione Illustrator 9), usate l’Anteprima sovrastampa per verificare che il risultato finale
corrisponda a quello desiderato.

• Quando usate la trasparenza con le tinte piatte, usate l’Anteprima sovrastampa per verificare
i risultati. I clienti sono liberi di usare le tinte piatte con la trasparenza, ma i file importati
creati con versioni precedenti di altre applicazioni grafiche potrebbero causare problemi
identificabili a monte grazie alle funzioni di Anteprima sovrastampa.

• Quando applicate i metodi di fusione Differenza, Esclusione, Tonalità, Saturazione, Colore


o Luminosità agli oggetti trasparenti che usano tinte piatte, usate Anteprima sovrastampa o
la palette Anteprima selezioni colore per verificare i risultati con precisione. In alternativa,
usare altri metodi o tecniche di fusione per ottenere i risultati desiderati.
• Se i file con selezione colori effettuata a monte (multicanale o DCS) interagiscono con gli
oggetti che usano la trasparenza, convertiteli in file Photoshop prima di creare l’output
dal documento InDesign. Per alcuni file Photoshop DCS 1.0 e 2.0 non è necessario
effettuare la conversione se producono i risultati desiderati. Tenete conto del fatto che
Adobe InDesign CS può importare file Adobe Photoshop che contengono canali tinta piatta e
file a più tonalità (come i file a due tonalità), ma non può importare file di Photoshop salvati 13
in modalità multicanale.

• Eseguite la verifica preliminare del documento e assicuratevi che tutti i font e i collegamenti
ad alta risoluzione siano disponibili. Senza questi elementi la trasparenza non può essere
calcolata in base alle risoluzioni della fotounità. Potete verificare la risoluzione di ciascuna
immagine dalla scheda Collegamenti e immagini della finestra Verifica preliminare o
nel resoconto della verifica preliminare. Se utilizzate un flusso di lavoro OPI, verificate le
condizioni necessarie nella sezione “Convertire la trasparenza nei flussi di lavoro OPI” a
pagina 57.
• Assicuratevi che tutti i collegamenti e i font ad alta risoluzione nei file EPS importati siano
stati incorporati nei file. Ad esempio, se un documento InDesign comprende un file di
Illustrator contenente un’immagine TIFF, tale immagine deve essere incorporata nel file di
Illustrator (il file di Illustrator deve essere normalmente collegato al documento InDesign).

• Per i file PDF e EPS importati, assicuratevi che tutti i font necessari siano incorporati o
disponibili. Per eseguire questo controllo potete usare il comando Verifica preliminare.

• Esaminate in dettaglio le pagine di InDesign che contengono trasparenza. Potete farlo


tramite le prove colore oppure usate la palette Anteprima conversione trasparenza per
anticipare gli effetti delle impostazioni dei predefiniti di conversione trasparenza. La palette
Pagine visualizza un motivo a scacchi per identificare le pagine che contengono oggetti a cui
è stata applicata la trasparenza.
Preparare i file libro
Per informazioni dettagliate sui file libro, consultate “Lavorare con un file libro” a pagina
30. Prima della consegna, i clienti devono assicurarsi che i file libro siano completamente
aggiornati effettuando le seguenti operazioni:

• Avvisare il service di stampa che la pubblicazione è controllata da un file libro.

• Sincronizzare il libro. Dopo che il libro è stato sincronizzato dal cliente, non deve essere
riordinato o sincronizzato nuovamente dal service di stampa.

• Verificare la paginazione.
• Se sono stati generati un sommario e un indice, verificare che siano aggiornati.

• Eseguire la verifica preliminare del libro.

• Creare il pacchetto del libro (questa operazione è importante perché il numero di file e di
font presenti può essere elevato).
Usare i predefiniti e i file delle impostazioni per snellire il flusso dei materiali trasmessi
dal cliente
Potete ridurre al minimo potenziali problemi di output usando al meglio le impostazioni
che potete configurare in InDesign. Fornite ai vostri clienti dei predefiniti che potete usare
per aumentare l’affidabilità dell’output e del lavoro, come i seguenti:
14
• Predefiniti di documento, nuovi in Adobe InDesign CS. Questi predefiniti salvano le
impostazioni nella finestra di dialogo Imposta documento.

• Predefiniti di stampa. Questi predefiniti salvano le impostazioni nella finestra di dialogo


Stampa.
• Predefiniti di abbondanza. Questi predefiniti salvano le impostazioni di abbondanza.

• Predefiniti di conversione trasparenza. Questi predefiniti salvano le impostazioni per la


conversione della trasparenza quando create output per formati o dispositivi che non sono in
grado di elaborare i dati di trasparenza.

Inoltre, potete impostare i seguenti tipi di file di impostazioni, che sono descritti in questo
documento:

• Predefiniti di esportazione PDF. Se accettate file PDF dai clienti, dotateli di un predefinito
di esportazione PDF personalizzato per il vostro flusso di lavoro. Se i predefiniti Macchina
da stampa o PDF/X-1a (presenti in InDesign) non generano output ottimale per il flusso di
lavoro, potete crearne una versione personalizzata da fornire ai clienti.

• File di impostazione del colore. Se usate la gestione del colore, comunicate ai clienti le
relative impostazioni per evitare eventuali problemi alla consegna dei lavori. La finestra di
dialogo Impostazioni colore in Adobe InDesign CS è analoga a quella di Adobe Photoshop,
Adobe Illustrator e altre applicazioni Adobe. Potete creare un file personalizzato di
impostazione del colore da applicare a tutti i computer e da inviare ai clienti. Ad esempio,
nel file di impostazione del colore, potete specificare se il computer del cliente incorpora
i profili o converte i colori, nonché il profilo di destinazione usato per le prove colore.
Impostate le opzioni nella finestra di dialogo Impostazioni colore e fate clic su Salva.
Se non usate la gestione del colore, potete chiedere ai vostri clienti di disabilitarla. Questo è
possibile selezionando Modifica > Impostazioni colore e deselezionando Attiva gestione del
colore.

Ef fettuare la verifica preliminare


Incoraggiate i clienti a effettuare la verifica preliminare dei documenti prima di consegnarli,
per identificare e risolvere a monte eventuali problemi. Consultate “Effettuare la verifica
preliminare del documento” a pagina 36.
Preparare il “pacchetto” di file per la consegna
La preparazione del “pacchetto” di un documento InDesign è analogo al comando Prepara
per service esterno di Adobe PageMaker® o alla funzione Raccolta dati per la stampa
di QuarkXPress™. Grazie al comando Pacchetto, i vostri clienti o i loro rappresentanti
possono raccogliere i file necessari per la stampa di un documento InDesign, oltre a
fornire informazioni di contatto e istruzioni che aiutano a semplificare il processo di 15

comunicazione tra designer e professionisti della stampa e della prestampa. La funzione


Pacchetto raccoglie gli elementi grafici e i font collegati, compresi i font usati nei file collegati
EPS e PDF. Tutti questi file vengono in seguito salvati in un’unica cartella insieme ai report
della verifica preliminare e del pacchetto, per semplificare la consegna. Potete usare questa
funzione in due modi: selezionando File > Pacchetto o facendo clic su Pacchetto nella
finestra di dialogo Verifica preliminare. Se il documento contiene problemi che generano
avvisi durante la verifica preliminare, vi consigliamo di risolverli prima di preparare il
pacchetto; altrimenti, quest’ultimo potrebbe risultare incompleto. Spiegate al cliente che la
consegna di pacchetti incompleti è la causa principale dei ritardi di produzione.

Fi n e s t r a d i d i a l o g o I s t r u z i o n i d i s t a m p a
La finestra di dialogo Istruzioni di stampa è il primo passo nella preparazione dei file
per la consegna. In questa sezione i clienti possono inserire informazioni di contatto ed
eventuali istruzioni di stampa specifiche. Le informazioni compariranno in un resoconto
generato automaticamente, che comprende un elenco di tutti i font usati, i collegamenti e
gli inchiostri richiesti per stampare il documento, oltre alle impostazioni di stampa correnti.
Tale resoconto viene salvato nella stessa cartella degli altri file preparati per la consegna e
rappresenta una valida fonte per la risoluzione dei problemi.
S c he d a Cre a c ar te ll a p e r pacc he t to o Pre para pacc he t to pu b b lic a z ione
In questa scheda potete specificare un nome e una posizione per la cartella del pacchetto,
oltre a specificare se copiare i font e la grafica collegata usati nel documento (per ogni
opzione selezionata viene creata una sottocartella). Il documento InDesign e il resoconto
Istruzioni di stampa vengono copiati automaticamente nella cartella specificata.
16

Aggiorna collegamenti agli elementi grafici del pacchetto: questa opzione assicura che
tutti gli elementi grafici e i collegamenti delle immagini siano aggiornati. Quando create
il pacchetto di un documento, i file collegati vengono raccolti e copiati in una cartella
chiamata Collegamenti. L’aggiornamento dei collegamenti agli elementi grafici eseguita
durante la preparazione del pacchetto è importante per evitare eventuali problemi di stampa
legati ai collegamenti.

Usa solo le eccezioni di sillabazione del documento: questa opzione incorpora il dizionario
utente del cliente nel documento InDesign e garantisce che altri dizionari utente (ad esempio
quelli dei computer usati per stampare il file) vengano ignorati. In questo modo è possibile
prevenire interruzioni di riga indesiderate dell’ultimo minuto, che a loro volta possono
causare ritardi nella produzione.
Includi font e collegamenti di livelli nascosti: questa opzione comprende tutti i font e i
file collegati su livelli nascosti in un documento InDesign. Questa opzione è disattivata
per impostazione predefinita: questo significa che Adobe InDesign CS comprende solo il
contenuto su livelli visibili nel momento in cui il documento viene preparato per la stampa.

Visualizza resoconto: questa opzione visualizza automaticamente il resoconto Istruzioni di


17
stampa dopo che è stato creato il pacchetto. Il resoconto viene sempre salvato nella cartella
del pacchetto, indipendentemente dal fatto che questa opzione sia selezionata.

Istruzioni: questo pulsante apre la scheda Istruzioni di stampa.

Consegnare file Adobe PDF


La difficoltà dei file PDF non risiede nella loro creazione ma nella definizione corretta delle
impostazioni per la qualità di prestampa. Prima di ricevere i file Adobe PDF dai clienti,
è consigliabile discutere con loro i fattori che influenzano l’output dei file PDF, come
la compressione, il subsampling e il downsampling di immagini e l’incorporamento di
font. Per semplificare il più possibile il processo, potete fornire ai clienti un predefinito
di esportazione PDF che definisce tutte le opzioni di esportazione PDF. Per cominciare,
InDesign CS comprende già un predefinito di esportazione PDF chiamato [Prestampa]
destinato alla stampa cartacea. InDesign CS comprende anche due nuovi predefiniti di
esportazione PDF, [PDF/X-1a] e [PDF/X-3], per i clienti che lavorano con varianti del
formato PDF approvate da norme ISO. I predefiniti di esportazione PDF si usano nello stesso
modo dei predefiniti di stampa, ma si gestiscono dal menu File > comando Predefiniti di
esportazione PDF.

La versione di PDF usata è importante perché le funzioni disponibili variano a seconda


della versione, inoltre alcuni flussi di lavoro (come i RIP e le applicazioni di prestampa)
supportano versioni specifiche di PDF. Di seguito trovate un breve riepilogo delle differenze
tra le diverse versioni PDF più importanti per la prestampa:

• Il formato PDF 1.3 è supportato da molti RIP ed è la versione su cui si basa lo standard
PDF/X-1a. La trasparenza deve essere convertita per il formato PDF 1.3.

• PDF 1.4 aggiunge il supporto per la trasparenza. Alcuni RIP elaborano il formato PDF 1.4
direttamente. La trasparenza in un documento Adobe InDesign non deve essere convertita
quando si esporta in formato PDF 1.4 o superiore.

• PDF 1.5 aggiunge il supporto per i livelli dei documenti e per la compressione delle immagini
JPEG 2000.

Adobe InDesign CS supporta tutte queste versioni di PDF. Per ulteriori informazioni sugli
standard PDF/X, consultate “Informazioni sui predefiniti di esportazione PDF incorporati”
a pagina 123. I clienti possono tranne ulteriori suggerimenti su come impostare i file PDF
dal documento “How to Create Adobe PDF Files for Print and Press,” disponibile alla pagina
seguente:

http://www.adobe.com/print/prodzone/pdfs/PDFforPrint.pdf

Assicuratevi di consultare la versione più recente del documento, in quanto viene aggiornato
con informazioni sulle nuove versioni delle applicazioni, ad esempio Adobe InDesign CS. 18
Aprire file di InDesign
Quando aprite un file, InDesign visualizza un messaggio ogni qualvolta il file non è pronto
per la stampa finale (ad esempio se vi sono font mancanti o file collegati). Questa sezione
spiega come comportarsi in tali situazioni.
19
Icone di InDesign e versioni del programma
A causa del modo in cui i sistemi operativi associano le icone ai programmi, le icone dei
documenti InDesign CS e 2.x sono identiche. Facendo doppio clic sui documenti con icona
InDesign, verranno aperti in InDesign CS.

Se un documento è in formato InDesign 1.x o 2, verrà convertito in formato InDesign CS.


Questo non comporta problemi di stampa a meno che il testo non venga modificato dopo la
conversione. Se un documento è stato convertito da InDesign 1.x e il testo viene modificato,
lo scorrimento potrebbe cambiare.

Gestire le dif ferenze tra dizionari


Quando aprite alcuni file dei clienti, è possibile che venga visualizzato un messaggio che
informa di un conflitto tra il dizionario di sillabazione del documento e il dizionario utente
installato sulla vostra postazione.

Per mantenere la sillabazione di un documento, fate clic su Documento e non su Dizionario utente.

Le opzioni disponibili sono Dizionario utente e Documento. Dal punto di vista del service
di stampa, Dizionario utente indica il dizionario installato sulla propria postazione, mentre
Documento indica il dizionario nel file di un cliente.

Di solito, la presenza di un conflitto indica che il cliente ha modificato il dizionario nel


documento. In tal caso, per comporre lo stesso testo visualizzato dal cliente, la scelta più
sicura è l’opzione Documento. Scegliendo Dizionario utente, rischiate di ottenere risultati
imprevisti, in quanto viene applicato il dizionario residente nel computer sul quale si sta
aprendo il documento.
Gestire i font mancanti
Quando aprite il file di un cliente che usa font inattivi sul computer corrente, InDesign
visualizza un avviso che elenca i font mancanti. Fate clic sul pulsante Trova font per aprire
la finestra di dialogo Trova font. Questa finestra di dialogo consente di localizzare la
posizione dei font mancanti nel documento e di raccogliere informazioni aggiuntive sul
font (PostScript Type 1, TrueType o OpenType). La finestra di dialogo Trova font consente 20

inoltre di sostituire il font mancante non disponibile. Tuttavia, la modifica del font rischia di
modificare la composizione del testo; avvisate sempre il cliente e procedete solo dopo un suo
consenso esplicito.

Vengono persino identificati i font mancanti di EPS e di file PDF inseriti. Se un font
mancante ricorre in più elementi grafici, ogni occorrenza viene elencata nella finestra di
dialogo Trova font e viene indicata da un’icona ( ). I font mancanti incorporati negli
elementi grafici non possono essere sostituiti, ma si può intervenire a monte avvisando il
cliente prima di effettuare l’output del file. Dovrete ottenere il font o aprire l’oggetto grafico
nell’applicazione originale per modificare il font. Inoltre, viene visualizzato un avviso
se importate un file EPS contenente font mancanti ma senza un’anteprima PICT o TIFF:
InDesign cerca di crearne una, ma non è possibile creare un’anteprima per i font mancanti.

In Adobe InDesign CS è stata migliorata la segnalazione di errori e sostituzioni di font. Un


font mancante viene riportato anche se un font dello stesso nome è disponibile in un diverso
formato di font. Ad esempio, se Copperplate (Type 1) è mancante, viene visualizzato un
avviso di font mancante, anche se sul sistema è attiva una versione TrueType di Copperplate.
Inoltre, la versione TrueType non verrà automaticamente sostituita per la versione Type 1
mancante. In questo modo potete prevenire modifiche indesiderate alla composizione del
testo dovute a differenze tra formati di font. Inoltre, se un font è attivo in più di un formato,
Adobe InDesign CS visualizza ogni istanza del font in un menu con un’etichetta indicante il
formato (T1 per Type 1, TT per TrueType e OTF per Open Type).

Dopo l’apertura del file, tutti i font mancanti sono evidenziati in rosa nel layout se
l’opzione Font sostituiti viene selezionata nella scheda Composizione della finestra di
dialogo Preferenze. Potrebbe essere utile esaminare le altre preferenze di questa scheda nel
caso in cui risulti utile evidenziare i problemi di composizione (visualizzate le preferenze
di composizione da Modifica > Preferenze > Composizione in Windows o InDesign >
Preferenze > Composizione in Mac OS X).
Per sostituire i font:
1. Con un documento aperto, scegliete Testo > Trova font.

21

2. Nell’elenco Font nel documento, selezionate un font. I font mancanti sono identificati da
un triangolo giallo ( ).
Potete anche selezionare i font nell’elenco Font nel documento facendo clic nell’elenco e
usando i tasti freccia.
3. Effettuate una delle seguenti operazioni:
• Per trovare la prima occorrenza del font selezionato nell’elenco, fate clic su Trova.
Viene visualizzato il testo che usa il font. Il pulsante Trova non è disponibile se il font
selezionato è contenuto in un elemento grafico importato o se avete selezionato più font
nell’elenco.
• Per visualizzare l’elemento grafico importato che usa un font segnalato nell’elenco,
fate clic su Trova elemento grafico (viene visualizzata l’icona della grafica ( )
accanto all’etichetta di formato che identifica i font nella grafica importata). Viene
visualizzato l’elemento grafico. Una volta selezionata la grafica, potete usare il
comando Modifica originale (disponibile nel menu della palette Collegamenti) per
aprirlo nell’applicazione in cui è stato creato. Il pulsante Trova elemento grafico non
è disponibile se l’istanza selezionata del font viene usata solo nel layout o se avete
selezionato più font nel relativo elenco.
4. Per visualizzare i dettagli relativi a un font selezionato, scegliete Più informazioni; per
nasconderli, scegliete Meno informazioni. L’area Informazioni rimane vuota se avete
selezionato più font nell’elenco.
Nota: il tipo di font potrebbe essere indicato come Sconosciuto se il formato di file di un
elemento grafico selezionato non fornisce informazioni riguardo al tipo di font. Inoltre,
i font vengono elencati solo se sono applicabili a caratteri identificabili nella ricerca. 22
Questo significa che non potete trovare e sostituire font che sono stati convertiti in profili
o usati in elementi grafici bitmap (ad esempio le immagini TIFF).
5. Per sostituire il font, selezionate il nuovo font nell’elenco Sostituisci con e procedete in
uno dei seguenti modi:
• Fate clic su Sostituisci per sostituire solo un’occorrenza del font selezionato.
• Fate clic su Sostituisci/Trova per sostituire il font in quell’occorrenza e trovare la
successiva.
• Fate clic su Sostituisci tutto per sostituire tutte le occorrenze dei font selezionati
nell’elenco.
Quando tutte le occorrenze di un font sono state rimosse dal file, il nome del font è
eliminato dall’elenco.
Nota: per modificare i font degli elementi grafici importati, usate il programma con cui
sono stati esportati, quindi, in InDesign, sostituite o ricollegate l’elemento grafico nel
documento tramite la palette Collegamenti.
6. Se avete fatto clic su Sostituisci, scegliete Trova successivo per trovare la successiva
occorrenza del font.
7. Fate clic su Fine.

Suggerimento: per sostituire più font con lo stesso font, potete selezionarli nell’elenco.
Tuttavia, potete trovare le occorrenze dei font o visualizzarne i dettagli solo se nell’elenco ne
avete selezionato uno solo.

Gestire i collegamenti e ricollegare i file impor tati


Quando aprite un file che contiene collegamenti mancanti o modificati a file importati,
InDesign visualizza un avviso ed è dotato di diverse funzioni che rendono facile la
risoluzione di problemi relativi ai collegamenti nei file dei clienti. Per risolvere il problema
al volo, fate clic su Correggi collegamento. Vi sarà chiesto di ricollegare i collegamenti
mancanti; quelli modificati (i file sul disco modificati dopo che sono stati collocati nel
documento InDesign) vengono automaticamente aggiornati. InDesign consente di effettuare
il collegamento verso file con nomi diversi ed anche di tipo diverso (ad esempio, ci si può
ricollegare ad un file TIFF anziché all’EPS originale); anche se si effettua il collegamento
verso un file diverso, vengono rispettate tutte le trasformazioni ed il ritaglio applicati al file
originale.
Links palette
A Icona di collegamento mancante A B

B Posizione pagina
C Menu della palette C
D Icona di collegamento modificato 23
E Icona grafica incorporata D
F Ricollega
E
G Vai al collegamento
H Aggiorna collegamento
I Modifica originale
F G H I

Tutti i file di testo o di grafica inseriti in un documento sono elencati nella palette
Collegamenti. Se necessario, scegliete Finestra > Collegamenti per aprire la palette
Collegamenti. Per impostazione predefinita, i file sono ordinati per stato, a cominciare
da quelli con problemi o assenza di collegamento per agevolarne l’identificazione. I
collegamenti mancanti (relativi a file la cui posizione è stata cambiata) vengono segnalati da
un cerchio rosso con un punto di domanda ( ). I collegamenti modificati sono segnalati
da un triangolo giallo con un punto esclamativo ( ). Per ricollegare un file manualmente,
fate clic su Ricollega ( ) e localizzate il nuovo file.

I file collegati possono essere ordinati nella palette per stato, nome o numero di pagina a
seconda dell’opzione scelta nel menu della palette. Per i documenti contenenti numerosi
collegamenti, scegliete Righe palette piccole, per visualizzare più collegamenti in meno
spazio.

Per ottenere più informazioni (dimensioni e tipo) su un file collegato, fate doppio clic
sul collegamento nella palette o selezionate il collegamento e scegliete Informazioni
collegamento dal menu della palette.

Ricollegare e aggiornare globalmente gli elementi grafici collegati


Nel caso di documenti InDesign contenenti più collegamenti mancanti o modificati, potete
agire in modo globale anziché individualmente. Procedete come segue:

1. Nella palette Collegamenti, fate clic sullo spazio vuoto a sinistra del pulsante Ricollega
per deselezionare tutti i collegamenti.
2. Fate clic sul pulsante Ricollega ( ) per correggere tutti i collegamenti mancanti che
InDesign può individuare automaticamente.
3. Nella finestra di dialogo Ricollega, fate clic su Sfoglia per localizzare la cartella
contenente il primo collegamento mancante.
4. Selezionate il file corrispondente al nome nella barra del titolo della finestra di dialogo
Trova, quindi fate clic su Apri (Windows) o Scegli (Mac OS).
Se tutti gli altri elementi grafici mancanti si trovano nella stessa cartella, tutti i relativi
collegamenti saranno immediatamente risolti. Per tutti gli elementi grafici non presenti
nella prima cartella, dovrete specificare la corretta posizione. Per questo motivo, è bene
che i clienti memorizzino tutti i loro elementi grafici nella stessa cartella. Per evitare 24
errori di collegamento, accertarsi che InDesign sia indirizzato su nome e posizione esatti
del file.
5. Fate clic su Aggiorna collegamento ( ) per assicurarvi che il documento contenga la
versione più recente di tutti gli elementi grafici collegati.

Nota: i collegamenti presenti in diverse cartelle vengono ricollegati o aggiornati all’apertura


di ogni cartella con il comando Ricollega.

Incorporare e distaccare elementi grafici inseriti


I clienti possono incorporare o meno i file di grafica collegati in un documento.
L’incorporamento dei file complica il lavoro del service di stampa e aumenta le dimensioni
dei file InDesign in modo proporzionale a quelle del file incorporato. Per questi motivi, gli
elementi grafici inseriti in InDesign sono collegati per impostazione predefinita.

Il vantaggio per i service di stampa è che i file incorporati sono più facili da gestire in
InDesign CS. Quando incorporate un elemento grafico collegato, il nome del file rimane nella
palette Collegamenti, evidenziato dall’icona Incorporato ( ). Inoltre, InDesign CS registra
la posizione originale dell’elemento grafico e vi consente di annullarne l’incorporamento;
potete cioè ricollegare l’elemento grafico incorporato a un file esterno. Tenete presente che
ciò funziona solo con gli elementi grafici inseriti; non è possibile annullare l’incorporamento
di quelli incollati. È bene ricordare ai clienti di inserire e non di incollare, se possibile, gli
elementi grafici, per migliorare la flessibilità e la qualità (in alcuni casi è preferibile incollare,
ad esempio incollare percorsi di Illustrator in Adobe InDesign per apportare ulteriori
modifiche. Tuttavia, è bene comunicare al cliente che l’operazione di incollaggio non consente
di aggiornare un elemento grafico da un file esterno).

Quando voi o un vostro cliente eseguite la verifica preliminare di un file che contiene
elementi grafici incorporati, il nome originale dell’elemento grafico viene sostituito da
(Incorporato) e la pagina e il tipo di grafica rimangono nell’elenco. Per visualizzare il nome
dell’elemento grafico incorporato, chiudete la finestra Verifica preliminare e aprite la palette
Collegamenti.

Per annullare l’incorporamento di un elemento grafico:


1. Nella palette Collegamenti, selezionate un elemento grafico associato all’icona
Incorporato ( ).
2. Nel menu della palette Collegamenti, scegliete Annulla incorporamento file.
3. Nel collegamento, dovrete indicare il file originale o un nuovo file. Fate clic su Sì per
collegare al file originale, No per collegare ad un altro file (se ricollegate ad un altro
file, assicuratevi che possa sostituire correttamente l’elemento grafico precedentemente
incorporato).
25
L’opzione Sì funziona se il file si trova nella stessa posizione di quando è stato inserito la
prima volta. Se lavorate con un file dato da un cliente, dovete localizzare il file originale sul
vostro computer.

Se stampate un documento contenente collegamenti mancanti o modificati, viene


visualizzato un avviso. Potete annullare o meno la stampa, sebbene Adobe consigli di
risolvere tutti i collegamenti mancanti o modificati prima di procedere con la stampa. I
collegamenti mancanti o modificati vengono segnalati nella finestra di dialogo Verifica
preliminare, dove possono anche essere risolti.

Scollegare e ricollegare file di testo inseriti


Diversamente dai file di grafica, i file di testo inseriti sono sempre completamente inclusi
nel documento e quindi possono essere modificati in InDesign. Essendo inoltre collegati
ai loro file di origine, la palette Collegamenti può indicare la data dell’ultima modifica
dopo l’inserimento. Se i file di testo sono contrassegnati come mancanti nella palette
Collegamenti o nella finestra di dialogo Verifica preliminare, non si verificano problemi per
la stampa ad altra risoluzione poiché il testo è compreso completamente nel documento.

I testi inseriti possono essere scollegati dai loro file di origine tramite la palette Collegamenti.
In questo modo, InDesign non li ricerca più. Se un cliente usa un flusso di lavoro in
cui il testo viene modificato e formattato in Adobe InDesign dopo l’importazione, lo
scollegamento dei file di testo è consigliato per prevenire avvisi indesiderati causati da file
esterni mancanti o modificati che non sono più in uso. A seconda del flusso di lavoro di
editing del cliente, potrebbe essere utile aggiungere lo scollegamento alla lista di operazioni
da eseguire prima della consegna che fornite al cliente.

Per scollegare i file di testo:


1. Selezionate tutti i file di testo nella palette Collegamenti. Potete usare i metodi standard
per la selezione multipla (Maiusc-clic o Ctrl/Comando-clic sulle voci nella palette).
2. Nel menu della palette Collegamenti, scegliete Scollega. Le voci scollegate vengono
rimosse dalla palette Collegamenti, ma i file di testo vero e proprio rimangono nel
documento.

Il comando Inserisci consente di ricollegare un brano scollegato a un file di testo esterno.


Questa opzione è valida solo se il nuovo file di testo è adatto a sostituire il testo selezionato,
in quanto lo sostituisce per intero. Inoltre, se il testo originale è stato formattato in InDesign,
il testo sostitutivo non conserverà la formattazione originaria.
Per sostituire i file di testo:
1. Per selezionare il testo da sostituire, usate lo strumento testo.
2. Scegliete File > Inserisci.
3. Localizzate il file di testo di sostituzione e assicuratevi che l’opzione Sostituisci elemento
selezionato sia selezionata nella finestra di dialogo Inserisci.
26
4. Fate clic su OK o su Apri.

Gestire le av ver tenze relative ai profili di colore mancanti o senza corrispondenza


L’apertura di un file il cui profilo colore è mancante o non corrispondente allo spazio di
lavoro corrente viene segnalata da InDesign con un’avvertenza. L’azione corretta dipende
dal modo in cui gestite il colore. Le decisioni sono più facili se le impostazioni della gestione
del colore sono state standardizzate (se non usate la gestione del colore, è consigliabile
disattivarla).

P r eve n i r e i m e s s a g g i d i p r o f i l o i n u n f l u s s o d i l avo r o s e n z a g e s t i o n e
del colore
Se adottate un flusso di lavoro senza la gestione del colore e InDesign segnala una mancata
corrispondenza del profilo all’apertura di un file, fate clic su Annulla per fermare l’apertura
del file. Per prevenire tali messaggi, disattivate la gestione del colore. Se la gestione del colore
è disattivata, i valori del colore nei file (del cliente) che aprite non vengono alterati.
Per disattivare la gestione del colore:
1. In InDesign, chiudete tutti i documenti.
2. Scegliete Modifica > Impostazioni colore.

27

La finestra di dialogo Impostazioni colore in Adobe InDesign CS è identica a quella di


Adobe Photoshop 6 e versioni successive, oltre ad altri recenti prodotti Adobe.
3. Deselezionate Abilita gestione colore e fate clic su OK.

G e s t i r e i m e s s a g g i d i p r o f i l o i n u n f l u s s o d i l avo r o c o n g e s t i o n e
del colore
Se ottenete frequenti avvertenze su profili mancanti o non corrispondenti, suggerite i clienti
di usare delle impostazioni di colore più vicine alle vostre. Se non seguite un flusso di lavoro
con la gestione del colore, disattivate questa funzione in InDesign come descritto sopra. Se
usate la gestione del colore, sia voi che il cliente dovete applicare le stesse impostazioni agli
spazi di lavoro InDesign. Tenete presente quanto segue:
• Per il profilo dello spazio di lavoro RGB, standardizzate le vostre postazioni e quelle del
cliente su uno spazio cromatico sufficientemente ampio per una macchina da stampa CMYK,
come Adobe RGB (1998).

• Se disponete di un profilo CMYK preciso per le prove colore o la macchina da stampa,


accertatevi che tale profilo venga usato sia da voi che dal vostro cliente come spazio di lavoro
28
CMYK. Ciò evita problemi di mancate corrispondenze di profilo e consente ai clienti di
simulare più fedelmente il colore CMYK finale sul monitor e la stampante a colori.

• Non è necessario né consigliabile applicare presso il cliente i profili di monitor delle vostre
macchine. Ogni monitor richiede un profilo specifico generato per quel singolo monitor,
tramite Adobe Gamma o altri hardware o software di calibrazione.

Nota: il profilo del colore del documento influenza i colori creati in InDesign, nonché le
immagini bitmap inserite senza un profilo incorporato. Non modifica i valori del colore
negli elementi grafici inseriti contenenti già dei profili incorporati.

L’apertura di un file in un flusso di lavoro con gestione del colore può generare due
avvertenze; la prima per lo spazio di lavoro InDesign RGB e l’altra per quello InDesign
CMYK.

In risposta a questo tipo di avvertenze, scegliete una delle seguenti procedure:

Risolvere il problema a monte.


Fate clic su Annulla e determinate il motivo per cui il cliente usa un’impostazione di profilo
di documento diversa dalla vostra. Se possibile, chiedete al cliente di usare le stesse vostre
impostazioni di colore per evitare simili episodi in futuro.

Impostare i colori del documento pari a quelli dell’ambiente del cliente.


• Per un profilo mancante, assegnate un profilo che descrive l’ambiente del cliente (se è
noto) o selezionate Lascia invariato.
• Per una mancata corrispondenza del profilo, selezionate Usa profilo incorporato.
Impostare i colori del documento pari a quelli dell’ambiente dello studio.
• Per un profilo mancante, selezionate Lascia invariato (per usare il vostro spazio di lavoro
InDesign senza salvarlo) o Assegna spazio di lavoro corrente (per usare il vostro spazio di
lavoro InDesign e salvarlo con il documento).
• Per una mancata corrispondenza del profilo, scegliete Converti colori del documento in
29
spazio di lavoro corrente (per usare il vostro spazio di lavoro InDesign e salvarlo con il
documento) o Ignora il profilo incorporato (per usare lo spazio di lavoro InDesign senza
salvarlo).

Per una panoramica completa sulla gestione del colore, consultate il capitolo “Creare colori
coerenti” nella Guida utente di Adobe InDesign CS o nell’Aiuto in linea.

Escludere singoli elementi grafici dalla gestione del colore


In un documento, è possibile escludere immagini specifiche dalla gestione del colore. Ad esempio,
in un flusso di lavoro con gestione del colore, potete escludere le immagini CMYK già ottimizzate
per i colori della macchina da stampa in modo che i valori del colore non vengano modificati
dalla gestione del colore.

Per escludere un singolo elemento grafico inserito dalla gestione del colore:
1. Con lo strumento selezione diretta ( ), selezionate un’immagine.
2. Selezionate Oggetto > Impostazioni colore dell’immagine.

3. Deselezionate Abilita gestione colore e fate clic su OK. In questo modo si disabilita la
gestione del colore solo per quel singolo elemento grafico. La gestione del colore degli altri
elementi grafici contenenti profili e di eventuali copie dello stesso elemento grafico non
varia se la gestione del colore è attivata in Modifica > Impostazioni del colore.

Ricordate che potete usare la palette Informazioni in qualsiasi momento per identificare
il profilo colore di un’immagine selezionata. La palette Informazioni è una novità di
InDesign CS.
Preparare i documenti InDesign
per l’output
Questa sezione descrive i flussi di lavoro e le operazioni che si eseguono più frequentemente 30
quando si prepara un file di un cliente per l’output. La comprensione di tali procedure è utile,
in quanto Adobe InDesign CS offre funzioni più efficienti rispetto ad altri programmi di
impaginazione.

Lavorare con un file libro


Adobe InDesign CS consente di organizzare e gestire un set di file in un file libro, un file
che ha la funzione di raccogliere i documenti che condividono dinamicamente attributi e
formati. Ad esempio, consente di creare un libro di riferimento con dieci capitoli, formato
da dieci file separati, ma gestiti congiuntamente per paginazione, creazione di indici e altre
operazioni. È preferibile sapere se un cliente ha utilizzato un file libro per la gestione delle
operazioni di prestampa, come la verifica preliminare e la stampa di tutti i documenti in un
libro. A tale scopo è necessario utilizzare la palette Libro, che mostra i documenti di un libro
di Adobe InDesign come un elenco.

Palette Libro B
A Icona documento sorgente stili
C
B Colonna di impaginazione
C Menu della palette
A
D Icona documento mancante D
E Icona documento modificato E
F Icona documento aperto F
G Icona documento in uso o di sola lettura
H Pulsante Rimuovi documento
G
I Pulsante Aggiungi documento
J Pulsante Stampa libro (o file selezionati)
K Pulsante Salva libro
L Pulsante Sincronizza libro

L K J I H
Quando lavorate con i file libro, tenete presente quanto segue:

• Per aprire un libro scegliete il comando File > Apri. L’estensione dei file libro è .indb (se le
estensioni dei file non sono visibili, attivate l’apposita impostazione del sistema operativo).

• Una volta aperto, un file libro viene visualizzato come una palette. Notate che il comando
della palette Libro non esiste nel menu Finestra, perché le palette Libro esistono solo quando 31
uno o più file libro sono aperti. Nel caso di più libri aperti, saranno visualizzate più palette
Libro. Il nome di una palette Libro è uguale al nome del rispettivo file libro.

• Per trovare i comandi che controllano i file in un libro, aprite il menu della palette del libro
specifico. Ad esempio, per effettuare la verifica preliminare di un libro, scegliete Verifica
preliminare libro dal menu della palette Libro. Se scegliete Verifica preliminare dal menu
File, verrà effettuata la verifica solo del documento in primo piano, indipendentemente
dai documenti selezionati nella palette libro. Analogamente, i comandi del menu File per
l’esportazione di un PDF o per la stampa riguardano solamente il documento in primo
piano, non i libri. Per stampare o esportare i libri è dovete scegliere i comandi Stampa o
Esporta dal menu della palette Libro. Il nome preciso dei comandi può cambiare a seconda
delle selezioni dei documenti nella palette Libro.

• Eseguite sempre la verifica preliminare di un libro prima di crearne l’output. I messaggi di


avviso, ad esempio i messaggi riguardanti i font e gli elementi grafici mancanti, non sono
visualizzati quando si apre un file libro, poiché un libro contenente numerosi documenti
potrebbe generare un certo numero di avvisi indesiderati.

• Osservate quali documenti sono selezionati nel file libro. Alcuni comandi del menu della
palette Libro, quali Verifica preliminare libro, Esporta libro su PDF e Stampa libro, sono
eseguiti esclusivamente sui documenti selezionati. Per effettuare una verifica preliminare,
esportare o stampare un libro intero, assicuratevi che nella palette Libro nessun documento
sia selezionato o che siano selezionati tutti i documenti. Quando i documenti sono
selezionati nella palette Libro, i comandi Verifica preliminare libro, Esporta libro su PDF
e Stampa libro sono visualizzati come i comandi Verifica preliminare documenti, Esporta
documenti selezionati su PDF e Stampa documenti selezionati.

• Potete creare e stampare un libro in cui la dimensione e l’orientamento delle pagine


variano per ciascun documento del libro. È consigliabile verificare queste opzioni prima
di impostare i supporti di output, facendo doppio clic su ogni file della palette Libro.
Normalmente non è necessario aprire i singoli file per eseguire l’output del libro.

R i s o l ve r e l e i c o n e m o d i f i c a t e i n u n l i b r o
Un’icona modificata ( ) viene visualizzata quando un documento in un libro è stato
modificato dall’ultimo salvataggio. Dopo la modifica di un documento di un libro, è
possibile che la paginazione del libro non sia più corretta, perché alcune pagine potrebbero
essere state aggiunte o eliminate dal documento modificato. Per questo motivo, l’unico
modo per risolvere un’icona modificata è ripetere la paginazione del libro, per consentire
a InDesign di determinare le pagine aggiunte o eliminate dal documento modificato e
aggiornare il libro di conseguenza.

Prima di effettuare la prima paginazione di un libro specifico, è buona norma eseguire


una verifica preliminare, per accertarsi della presenza di tutti i font necessari. Se mancano
32
dei font, il testo potrebbe ricomporsi, modificando le interruzioni di riga. Ripetete la
paginazione solo dopo aver consultato il cliente, perché potrebbe alterare i contenuti (ad
esempio i numeri di pagina) dei documenti del libro.

Per ripetere la paginazione di un libro:


Scegliete Ripeti paginazione dal menu della palette del libro.

Sincronizzare i documenti di un libro


Nella sincronizzazione di un libro, gli stili e i campioni del documento sorgente stili
sostituiscono quelli degli altri documenti. Un documento può appartenere a più file libro.
Per questi motivi, quando un cliente utilizza un file libro dovrebbe essere identificato il
documento sorgente stili.

La formattazione di un libro è controllata da un documento sorgente stili, un documento


in un libro che controlla tutti gli altri documenti del libro stesso. Il documento sorgente
stili può essere qualsiasi documento del libro, ma, per impostazione predefinita, è il primo
documento in un file libro. Quando si effettua la sincronizzazione, gli attributi elencati di
seguito vengono uniformati a quelli del documento sorgente stili:

• Stili sommario

• Stili di carattere

• Stili di paragrafo

• Stili di abbondanza

• Campioni (di colore, di sfumature e di inchiostri misti)

Nota: la sincronizzazione di un file libro non risolve le incongruenze dei profili di gestione
del colore tra i documenti del libro. Per anticipare i messaggi di errore relativi alla gestione
del colore prima dell’output ad alta risoluzione, effettuate un test di esportazione in PDF,
poiché i messaggi di avviso relativi ai conflitti tra profili sono visualizzati quando il libro
è stampato o esportato. Se viene visualizzato un messaggio di errore relativo a un conflitto
tra profili, specificate le impostazioni corrette (è consigliabile discuterne con il cliente)
e modificate le impostazione del colore nei documenti come richiesto. Per effettuare
rapidamente tale operazione salvate le impostazioni corrette su un file (nella finestra di
dialogo Modifica > Impostazioni colore), quindi caricatele in altri documenti.
Poiché un libro può contenere collegamenti, rimandi e altre dipendenze complesse, è
consigliabile che i clienti sincronizzino, effettuino verifiche preliminari, creino pacchetti
e controllino i file libro in modo tale che i clienti possano risolvere i problemi in sospeso
prima di consegnare i file. Se necessario, potete sincronizzare un libro, purché abbiate il file
libro e tutti i documenti in esso elencati. Sincronizzate un libro solo dopo aver consultato il
cliente, perché questa operazione potrebbe alterare l’aspetto dei documenti del libro. 33

Per sincronizzare un intero file libro:


1. Aprite il file libro. Non è necessario aprire tutti i file del libro, ma è consigliabile, poiché
il comando Modifica > Annulla neutralizza le modifiche della sincronizzazione solo per i
file aperti.
2. Controllate che sia specificato il corretto documento sorgente stili, come indicato
dall’icona del documento sorgente stili ( ).
3. Fate clic in un’area vuota sotto all’elenco dei documenti per deselezionare tutti i
documenti.
4. Dal menu della palette Libro, scegliete Opzioni sincronizzazione. Assicuratevi che tutte le
opzioni che desiderate sincronizzare siano attivate, quindi fate clic su OK.
5. Dal menu della palette Libro, scegliete Sincronizza libro.
6. Quando appare un avviso che indica che la sincronizzazione è stata effettuata
correttamente, fate clic su OK.

Visualizzare in anteprima l’area di output e gli elementi stampabili


Dopo l’apertura di un file e prima dell’apertura della finestra di dialogo Stampa, controllate
il documento in modalità Anteprima, Pagina al vivo o Area indicazioni. In modalità
Anteprima, la pagina appare nella versione stampata e rifilata, senza pagine al vivo e senza
elementi non stampabili. Gli elementi non stampabili includono righelli, guide, griglie,
bordi delle cornici, testo evidenziato in corrispondenza di font mancanti o problemi di
composizione e oggetti specificati come non stampabili nella palette Attributi. Se avete
specificato una pagina al vivo o un’area indicazioni nella finestra di dialogo Imposta
documento, potete includere tali aree nell’anteprima utilizzando, rispettivamente, le
modalità Pagina al vivo o Area indicazioni.

Per visualizzare l’anteprima del documento:


Fate clic sull’icona di modalità visualizzazione in fondo alla casella degli strumenti e
selezionate una modalità dal menu a comparsa che viene visualizzato.

Normale

Icone della modalità di visualizzazione in basso della finestra degli strumenti


Se mancano alcuni oggetti dalla modalità Anteprima, è possibile che tali oggetti siano stati
impostati come non stampabili (tramite l’opzione Non stampabili nella palette Attributi). Se
livelli interi sono inaspettatamente visibili o non visibili, le impostazioni di visibilità ad essi
corrispondenti nella palette Livelli potrebbero non essere corrette. In questi casi, controllate
le prove di stampa del cliente o verificate le impostazioni di visibilità corrette con il cliente
prima di continuare. 34

L’opzione Non stampabile è disponibile nella palette Attributi.

Verificare le dif ferenze nei file conver titi da una versione precedente di Adobe InDesign
In generale, l’apertura di un documento creato con una versione precedente di InDesign
non comporta la ridisposizione del testo. Tuttavia, se aprite un documento da una versione
precedente e iniziate a modificare il testo, potrebbero verificarsi piccole differenze nella
composizione, poiché il testo viene ricomposto utilizzando Adobe InDesign CS. Per ottenere
i migliori risultati, stampate i documenti InDesign utilizzando la versione di InDesign con la
quale sono stati creati.

Adobe InDesign CS migliora considerevolmente l’output dei file PDF inseriti, ad esempio
nella rilevazione dei colori tinta piatta e quadricromia in essi utilizzati. Se utilizzate
Adobe InDesign CS per aprire un documento Adobe InDesign 2 contenente file PDF
inseriti, i file PDF potrebbero venire stampati come se si usasse Adobe InDesign 2, perché
non vengono analizzati nuovamente durante la conversione. Se un cliente utilizza ancora
Adobe InDesign 2 e consegna frequentemente file PDF, consigliate un aggiornamento ad
Adobe InDesign CS.

Se non avete a disposizione la versione di InDesign utilizzata per la creazione del documento,
confrontate il file convertito con la bozza del cliente per assicurarvi che non ci siano
modifiche inaspettate, in particolare nella composizione del testo.

Verificare le dif ferenze nei file conver titi da Quark XPress o Adobe PageMaker
InDesign può convertire i documenti e i modelli di Adobe PageMaker e di QuarkXPress 3.3
o 4.1x. Per convertire i documenti creati con QuarkXPress 5 o versioni successive, riaprite i
documenti in QuarkXPress e salvateli nel formato della versione 4. Se convertite dei file con
per creare un output di qualità prestampa, effettuate una verifica preliminare e controllate il
file per valutare le modifiche che potrebbero essere state generate dalla conversione.

All’apertura di un file di PageMaker o di QuarkXPress, InDesign converte i dati del file


originale in dati nativi di InDesign. Ad esempio:
• Il testo viene convertito in cornici di testo di InDesign.
• Gli stili vengono convertiti in stili di InDesign.
• I collegamenti di testo e grafica sono mantenuti e visualizzati nella palette Collegamenti.
Gli elementi grafici incorporati, cioè aggiunti al documento originale con il comando
Incolla, non vengono convertiti. Per ulteriori informazioni sulla grafica incorporata,
35
consultate “Gestire i collegamenti e ricollegare i file importati” a pagina 22.
Nota: InDesign non supporta OLE né Quark XTensions®. Di conseguenza, quando
si aprono file con elementi di grafica vettoriale OLE o Quark XTensions, questi non
vengono visualizzati nel documento InDesign. Se il documento QuarkXPress non viene
convertito, controllate l’originale ed eliminate gli oggetti creati da XTension, quindi
salvatelo e riprovate a convertirlo.
• I profili colore dei file PageMaker vengono convertiti direttamente. Poiché QuarkXPress
usa profili colore diversi, questi vengono ignorati da InDesign.
• I colori vengono convertiti esattamente in colori di InDesign, salvo che nei seguenti casi: i
colori HLS di PageMaker sono convertiti in colori RGB e i colori della libreria colori sono
convertiti in base ai loro valori CMYK; i colori HSB di QuarkXPress 3.3 sono convertiti
in RGB e i colori della libreria colori sono convertiti in base ai loro valori CMYK; i colori
HSB e LAB di QuarkXPress 4.1 sono convertiti in RGB e i colori della libreria colori sono
convertiti in base ai loro valori RGB; i colori di QuarkXPress 4.1 della libreria colori sono
convertiti in base ai loro valori CMYK.
• Tutte le pagine mastro e i livelli vengono convertiti in pagine mastro e livelli di InDesign.
• Per impostazione predefinita, un nuovo documento (o uno convertito da QuarkXPress)
contiene solo un livello, chiamato Livello 1. InDesign converte i documenti di
Adobe PageMaker in modo diverso per limitare le differenze tra i livelli di PageMaker e
di InDesign. In PageMaker, gli oggetti della pagina mastro sui livelli compaiono dietro a
tutti gli oggetti sulle pagine del documento. In InDesign, tuttavia, gli oggetti mastro non
compaiono sul fondo di ciascun livello corrispondente.
• Tutti gli oggetti mastro, oltre alle guide di QuarkXPress, sono posizionati sulle
corrispondenti pagine mastro di InDesign.
• Le guide dei documenti di PageMaker vengono posizionate sul livello Predefinito in
InDesign.
• Gli oggetti raggruppati rimangono raggruppati, tranne se in un gruppo sono inclusi
elementi non stampabili.
• Tutte le tracce e le righe sono convertite negli stili di linea più simili. Tracce e trattini
personalizzati sono convertiti in tracce e trattini personalizzati di InDesign.

Per altre informazioni sulla conversione di file, consultate i documenti di supporto tecnico
sul sito Web di Adobe.
Per aprire un documento o un modello di documento di PageMaker o QuarkXPress:
1. Accertatevi che il file sia chiuso nell’applicazione di origine. Per assicurarvi che tutti
i collegamenti vengano mantenuti, copiate tutti i file collegati nella stessa cartella di
PageMaker o QuarkXPress.
2. In InDesign, scegliete File > Apri.
36
3. In Windows, scegliete PageMaker 6.5-7.0 o QuarkXPress 3.3-4.1x dal menu Tipo file.
4. Selezionate un file e fate clic su Apri. Se InDesign non è in grado di convertire un file o un
componente specifico di un file, un avviso descrive i motivi e i risultati del tentativo di
conversione.
5. Se compare una finestra di avvertenza, effettuate una delle seguenti operazioni:
• Fate clic su Salva per salvare una copia del messaggio come file di testo e aprire il file in
InDesign.
• Fate clic su Chiudi per chiudere la finestra di dialogo e aprire il file con InDesign.
Ef fettuare la verifica preliminare del documento
InDesign dispone di un comando Verifica preliminare incorporato che automatizza il
processo di controllo dei documenti per verificare che non vi siano componenti mancanti
o preparati incorrettamente, quali font o immagini ed elementi grafici collegati. Quando
eseguite la verifica preliminare di un documento (scegliete File > Verifica preliminare),
viene visualizzata la scheda Riepilogo. Se il documento contiene problemi da risolvere prima
di eseguire l’output del file, verranno visualizzate delle icone di avviso ( ).

Per visualizzare informazioni più dettagliate, fate clic sui nomi delle schede per aprire le
schede di font, collegamenti e immagini, colori e inchiostri, impostazioni di stampa e plug-
in esterni.
S c h e d a Fo n t

37

Durante la verifica preliminare di un documento InDesign contenente font mancanti


(inclusi i font mancanti da file EPS e PDF collegati), la scheda Font indica la pagina della
prima occorrenza del font mancante. Nelle informazioni visualizzate sui font, i Font
incorporati sono utilizzati nei file EPS, i Font incompleti sono font visualizzati sullo
schermo senza un corrispondente font per la stampante e i Font protetti non possono essere
incorporati nei file PDF o EPS a causa di limitazioni della licenza. Selezionate Mostra solo
problemi per visualizzare un elenco sintetico dei font mancanti. Se fate clic su Trova font
si apre la finestra di dialogo Trova font che vi consente di ottenere ulteriori informazioni
sui caratteri mancanti o di sostituire i caratteri mancanti con quelli disponibili (tenete
presente che non è possibile utilizzare il comando Trova font per sostituire i font mancanti
inclusi negli elementi grafici importati: dovete procurarveli o modificare i font della grafica
utilizzando l’applicazione di origine). Per ulteriori informazioni, consultate “Gestire i font
mancanti” a pagina 20.
S c h e d a Co l l e g a m e n t i e i m m a g i n i

38

La scheda Collegamenti e immagini consente di controllare lo stato degli elementi grafici


collegati del documento, delle immagini, dei file di testo e o dei file PDF inseriti. Potete
inoltre controllare i collegamenti per verificare la presenza di file DCS o TIFF nidificati in
un elemento grafico EPS, se l’opzione Leggi collegamenti immagini OPI incorporate era
selezionata quando avete inserito i file EPS. (Nota: Adobe Illustrator non include i commenti
OPI nei file EPS se vi sono degli elementi grafici mancanti. I clienti, prima di salvare i file
EPS da Illustrator, devono verificare che la palette Collegamenti in Illustrator non contenga
collegamenti mancanti).

Se i file collegati sono stati modificati o se contengono dati immagine RGB, la scheda
visualizza un avviso, poiché questi file non sono adatti per un flusso di lavoro per la
selezione in quadricromia. (Nota: InDesign non può individuare dati sul colore RGB
incorporati nei file EPS o PDF. I clienti devono controllare i dati RGB prima di salvare i file
in tali formati. I dati RGB possono essere individuati nei file EPS raster di Photoshop).

Adobe InDesign CS dispone di due indicatori di risoluzione aggiuntivi nella scheda


Collegamenti e immagini. La risoluzione viene visualizzata come PPI originali nel file
originale (questo valore è scritto nel file dall’applicazione che ha creato l’immagine). Molto
più utili sono i PPI risultanti, che indicano se la risoluzione è sufficiente per l’output ad alta
risoluzione. Se sono diversi dai PPI originali, solitamente questo indica che l’immagine è
stata ridimensionata nel documento di InDesign. Entrambi gli indicatori di risoluzione
contengono un paio di valori che rappresentano le risoluzioni orizzontali e verticali, che
potrebbero aiutare a capire se un’immagine è stata ridimensionata in modo sproporzionato.
Potete controllare la risoluzione di tutte le immagini selezionando la prima immagine e
premendo il tasto Freccia giù mentre controllate l’indicatore dei PPI risultanti o generando
un rapporto.

Aggiorna/Ricollega: l’opzione Aggiorna consente di selezionare un singolo collegamento


mancante o modificato e correggerne lo stato semplicemente facendo clic su Ricollega. Se
il percorso o il nome del file è stato alterato da quando il documento è stato salvato per
39
l’ultima volta, fate clic su Ricollega per individuare il collegamento mancante.

Ristabilisci tutti: questa opzione offre un modo veloce per risolvere tutti i collegamenti
mancanti o modificati. Se il percorso originale o i nomi di file sono stati modificati
dall’ultimo salvataggio del documento, InDesign visualizza la finestra di dialogo Trova
collegamenti per consentirvi di individuare i collegamenti e risolvere tutti i collegamenti
mancanti o modificati.

Nota: i collegamenti presenti in più cartelle vengono ricollegati o aggiornati all’apertura di


ogni cartella tramite il comando Ricollega.
S c h e d a Co l o r i e i n c h i o s t r i

40

Nella scheda Colori e inchiostri potete visualizzare gli inchiostri specificati nel documento
InDesign, inclusi gli inchiostri specificati nei file EPS e PDF inseriti. I valori Angolo e Linee/
Pollice qui visualizzati sono basati sulle retinature ottimizzate per la stampante PostScript
selezionata correntemente nella finestra di dialogo Stampa.

Tenete presente che tutti i campioni disponibili nel documento sono elencati, inclusi quelli
contenuti negli elementi grafici inseriti. Per elencare i colori e gli inchiostri in uso, cancellate
tutti i campioni non utilizzati dalla palette Campioni prima della verifica preliminare del
documento (scegliete il comando Seleziona quelli non usatidal menu della palette Campioni,
quindi fate clic sul pulsante Elimina).
Scheda Impostazioni di stampa

41

La scheda Impostazioni di stampa riassume le impostazioni di stampa correnti del


documento. Questo può essere utile per individuare le differenze tra le prove di stampa laser
fornite dal cliente e quelle create da voi.
Scheda Plug-in esterni

42

La scheda Plug-in esterni riepiloga i plug-in usati nel documento, che non vengono inclusi
con la versione in commercio di Design ma che sono stati usati nel documento.

Applicare l’abbondanza ai documenti


In InDesign CS l’abbondanza viene calcolata confrontando i colori a livello degli inchiostri
invece che a livello degli oggetti. Si tratta di un indubbio vantaggio rispetto all’abbondanza
basata sugli oggetti, perché può definire chiaramente situazioni in cui un oggetto contiene
più colori, ad esempio sfumature, o in cui gli oggetti si sovrappongono ad aree di diversi
colori.

È possibile applicare l’abbondanza sia tramite InDesign cha tramite la funzione


Adobe In-RIP Trapping incorporata in numerosi RIP Adobe PostScript 3. Entrambe queste
soluzioni offrono dei comandi di abbondanza di alta qualità pari a quelli di applicazioni
dedicate, come la capacità di impostare controlli di abbondanza per il testo e il nero ricco e
di compensare gli inchiostri personalizzati. Adobe In-RIP Trapping applica l’abbondanza
agli oggetti creati in InDesign e alle immagini inserite.

Anche con l’abbondanza incorporata di Adobe InDesign viene applicata l’abbondanza agli
oggetti InDesign e alle immagini inserite, ma a certe condizioni. L’abbondanza può essere
applicata ai file di Adobe Illustrator (formato nativo o PDF, ma non EPS) se sono stati
creati utilizzando Adobe Illustrator 9 o versioni successive. I file PDF possono indicare se
l’abbondanza è stata applicata precedentemente. Adobe InDesign applica l’abbondanza a
questi file solo se non è stata applicata precedentemente.
Le abbondanze sono visibili solo quando si stampano le selezioni colore: non possono essere
simulate su schermo. Potete specificare le impostazioni delle abbondanze utilizzando la
palette Predefiniti di abbondanza.

La palette Predefiniti di abbondanza


I predefiniti di abbondanza consentono di applicare diverse impostazioni di abbondanza a 43
qualsiasi intervallo di pagine in un documento o in un libro. Potete applicare i predefiniti di
abbondanza direttamente alle pagine, durante la visualizzazione.

I predefiniti di abbondanza possono essere importati da altri documenti. Ad esempio, potete


configurare un file contenente predefiniti di abbondanza per le macchine di stampa usate e
importarli nel documento del cliente per applicarli rapidamente a determinate pagine.

Nota: le impostazioni predefinite di abbondanza devono essere modificate solo da personale


a conoscenza delle condizioni della macchina da stampa e del lavoro. Ulteriori informazioni
sulle opzioni di abbondanza sono disponibili nella Guida Utente di Adobe InDesign CS e
nell’Aiuto in linea.

Per creare o modificare un predefinito di abbondanza:


1. Scegliete Finestra > Predefiniti di abbondanza.

2. Effettuate una delle seguenti operazioni:


• Per creare un nuovo predefinito di abbondanza, tenete premuto Alt (Windows) o
Opzione (Mac OS) e fate clic sul pulsante Nuovo predefinito (se fate clic sul pulsante
Nuovo predefinito senza tener premuto il tasto Alt/Opzione, fate doppio clic sul
nuovo predefinito risultante per aprire la finestra di dialogo Modifica predefinito di
abbondanza).
• Per modificare un predefinito di abbondanza, fate doppio clic sulla palette Predefiniti
di abbondanza.
44

3. Specificate le seguenti opzioni e fate clic su OK.


• In Nome, digitate un nome per il predefinito. Il nome [Predefinito] non può essere
modificato.
• In Ampiezza dell’abbondanza, specificate di quanto sovrapporre gli inchiostri Potete
utilizzare valori fino a 8 punti con Adobe In-RIP Trapping. I valori saranno limitati
a 4 se si applica l’abbondanza integrata. Il valore Predefinito viene applicato a tutti i
colori tranne che al nero. Il valore Nero viene applicato a tutte le aree di nero pieno. Per
verificare le aree di nero pieno di InDesign, impostate le opzioni Colore nero e Densità
nero nella sezione Soglie di abbondanza di questa finestra di dialogo.
• In Aspetto abbondanza, specificate le opzioni per controllare la forma del vertice
esterno di due segmenti di abbondanza e l’intersezione di tre abbondanze. Le opzioni
del menu a comparsa Stile vertice sono le stesse della palette Traccia. L’impostazione
predefinita Angoli vivi mantiene la compatibilità con le versioni precedenti del modulo
di abbondanza Adobe, producendo identici risultati di abbondanza. Stile estremità
controlla l’intersezione di tre abbondanze. L’impostazione predefinita Angoli vivi
modella l’estremità dell’abbondanza per mantenerla lontana dall’oggetto intersecante,
mentre Sovrapposizione dispone l’estremità dell’abbondanza più chiara (definita da
densità neutra) intorno al punto di intersezione dei tre oggetti.
• In Immagini, specificate le impostazioni di abbondanza per le bitmap importate:
Posizione abbondanza immagine: fornisce opzioni per il posizionamento
dell’abbondanza tra gli oggetti vettoriali (compresi quelli creati in InDesign) e le
immagini bitmap. Tutte le opzioni, eccetto Densità neutra, creano un bordo uniforme.
Centra applica l’abbondanza sulla linea mediana tra gli oggetti e le immagini;
Abbondanza negativa sovrappone gli oggetti all’immagine adiacente; Densità neutra
applica le regole di abbondanza usate altrove nel documento. L’abbondanza tra un
oggetto e una foto con impostazione Densità neutra può risultare in margini assai
irregolari, in quanto l’abbondanza potrebbe spostarsi da un lato all’altro del bordo. Con
Abbondanza positiva il bordo dell’immagine bitmap si sovrappone all’oggetto adiacente.
Applica abbondanza oggetti alle immagini: attiva l’abbondanza tra oggetti vettoriali
(quali cornici) e immagini adiacenti, secondo le impostazioni di Posizione abbondanza
immagine.
45
Applica abbondanza immagini alle immagini: attiva l’abbondanza lungo il bordo di
immagini bitmap sovrapposte o adiacenti.
Applica abbondanza immagini interna: attiva l’abbondanza tra i colori all’interno di
ogni singola immagine bitmap (e non solo laddove tocca grafica vettoriale e testo). Usate
questa opzione solo per gli intervalli di pagine contenenti immagini semplici ad alto
contrasto (quali schermate o fumetti). Non selezionate questa opzione per immagini
a tono continuo e altre immagini complesse. Se questa opzione non è selezionata,
l’elaborazione dell’abbondanza risulta più veloce.
Applica abbondanza a immagini a 1 bit: imposta l’abbondanza delle immagini a 1
bit rispetto agli oggetti adiacenti. Le opzioni di Posizione abbondanza immagine non
influiscono su questa opzione poiché le immagini a 1 bit hanno un solo colore. Nella
maggior parte dei casi è bene attivare questa opzione. In altri casi, ad esempio con
immagini a 1 bit con ampia spaziatura tra i pixel, l’opzione può scurire l’immagine e
rallentare l’elaborazione.
• In Soglie abbondanza specificate le condizioni di applicazione dell’abbondanza.
Incremento: indica la variazione dei componenti (valori CMYK) dei colori adiacenti oltre
la quale viene applicata un’abbondanza. Specificate un valore tra 1% e 100%; il valore
predefinito e 10%. Per risultati ottimali, usate un valore tra 8% e 20%. I valori inferiori
aumentano la sensibilità alle differenze di colore e generano più abbondanze.
Colore nero: indica la quantità minima di inchiostro nero necessaria per l’impostazione
di ampiezza del nero. Digitate un valore tra 0% e 100%; il valore predefinito è 100%.
Per risultati ottimali, usate un valore non inferiore a 70% Consultate “Applicare
l’abbondanza con nero e nero “ricco”” nella Guida Utente di Adobe InDesign CS o
nell’Aiuto in linea.
Densità nero: indica il valore di densità neutra raggiunto o superato il quale InDesign
considera un inchiostro come “nero”. Ad esempio, se desiderate applicare a un inchiostro
tinta piatta scuro l’impostazione di ampiezza del nero, specificate un valore pari a quello
impostato qui. Usate un valore tra 0,001 e 10. Viene in genere impostato un valore
prossimo a 1,6 (predefinito).
Spostamento abbondanza: indica la differenza percentuale tra le densità neutre dei
colori adiacenti in corrispondenza della quale l’abbondanza viene spostata dal lato più
scuro del bordo verso la linea mediana, per un risultato più elegante.
Riduzione colore abbondanza: indica la quantità dei componenti di colori adiacenti
usata per ridurre il colore dell’abbondanza. Questo è utile per evitare che per alcuni
colori adiacenti (quali i colori pastello) venga generata un’abbondanza visibile, più scura
di entrambi i colori iniziali. Se specificate una percentuale inferiore al 100%, il colore
dell’abbondanza inizia a schiarirsi; il valore 0% crea un’abbondanza con densità neutra
uguale a quella del colore più scuro.

Assegnare predefiniti di abbondanza 46


Potete assegnare un predefinito di abbondanza a un documento o a un intervallo di pagine
di un documento. Anche se potrebbe essere più semplice applicare un predefinito di
abbondanza a un intero documento uniformemente, il flusso di lavoro può essere migliorato
se non si applica nessun predefinito di abbondanza a pagine affiancate specifiche per le quali
l’applicazione di abbondanza non è necessaria. Se disattivate l’applicazione dell’abbondanza
per le pagine che non contengono colori adiacenti, selezionando Nessun predefinito
di abbondanza nella palette Predefiniti di abbondanza la stampa risulterà più rapida.
L’abbondanza viene applicata solo al momento della stampa del documento.

Per applicare un predefinito di abbondanza:


1. Scegliete Assegna predefinito di abbondanza dal menu della palette Predefiniti di
abbondanza.

2. In Predefinito di abbondanza, selezionate il predefinito da applicare.


3. Selezionate l’intervallo di pagine al quale desiderate applicare il predefinito di
abbondanza. Se l’intervallo desiderato non è elencato, selezionate Intervallo e digitate
uno o più intervalli in ordine crescente utilizzando un trattino per ogni intervallo e
separando le pagine e gli intervalli utilizzando una virgola o virgola e spazio. Ad esempio,
2-4, 6, 9-10, 12- è un intervallo valido.
4. Fate clic su Assegna.
Nota: se fate clic su Fatto senza scegliere Assegna, la finestra di dialogo verrà chiusa senza
apportare alcuna modifica alle assegnazioni di abbondanza. Verranno mantenute le
assegnazioni di abbondanza specificate in precedenza tramite il pulsante Assegna.

Per disattivare un intervallo di pagine di abbondanza:


1. Scegliete Assegna predefinito di abbondanza dal menu della palette Predefiniti di 47
abbondanza.
2. Digitate un intervallo di pagine e scegliete [Nessun predefinito di abbondanza] dal
menu Predefinito di abbondanza (è possibile che il menu della palette visualizzi
invece [Nessuno stile di abbondanza], se il documento è stato creato utilizzando una
versione precedente di Adobe InDesign. [Nessuno stile di abbondanza] è l’opzione
usata precedentemente al posto di [Nessun predefinito di abbondanza] e ha lo stesso
significato).
3. Fate clic su Assegna.

Visualizzare l’anteprima delle selezioni colore, della trasparenza e delle sovrastampe


Utilizzate la palette Anteprima selezioni per visualizzare sullo schermo le selezioni colore
di un documento prima della stampa. Potete visualizzare le singole lastre tinte piatte e
quadricromia o qualsiasi altra combinazione di lastre. Se dovete apportare modifiche, potete
vederne immediatamente i risultati se l’anteprima delle selezioni colore è attivata.

Adobe InDesign effettua l’anteprima delle separazioni colore visualizzando le diverse


combinazioni degli inchiostri definiti nel documento, come lastra cyan e lastra magenta. I
risultati sono visualizzati sul monitor tramite il motore di visualizzazione ad alta risoluzione
di InDesign, utilizzando la trasparenza dove necessario per rappresentare condizioni
quali sovrastampa, conversione da RGB a CMYK e interazioni tra colori tinta piatta e
trasparenza. Tuttavia, l’applicazione dell’abbondanza non è simulata. Grazie alla possibilità
di visualizzare i limiti di sovrastampe e inchiostro per le diverse combinazioni di lastre, la
funzione di anteprima selezioni colore è più utile ai fini della valutazione di una prova di
stampa al laser delle selezioni colore. L’anteprima selezioni colore è calcolata utilizzando le
caratteristiche dell’inchiostro per colori quadricromia e tinta piatta.

Su una macchina da stampa, l’inchiostro nero non è opaco al 100%. Tuttavia, quando la
gestione del colore è disabilitata per un documento Adobe InDesign, il colore nero viene
visualizzato sullo schermo come opaco al 100%. Questa simulazione non è utile se si
desidera valutare l’interazione del nero con gli altri colori, ad esempio nelle aree alle quali
viene applicato il colore nero ricco. Per una simulazione più accurata dell’opacità del nero,
potete attivare e configurare correttamente la gestione colore o selezionare il comando
Desatura nero dal menu della palette Anteprima selezioni colore. L’opzione Desatura nero
riduce l’opacità solo della lastra Nero. L’opzione Desatura nero è disabilitata quando la
gestione colore è attivata, perché la simulazione dell’opacità del nero fa parte delle funzioni
della gestione colore.
Tenete presenti i seguenti suggerimenti quando utilizzate la palette Anteprima selezioni
colore:

• Le lastre CMYK sono sempre elencate anche quando vengono utilizzate solo due tinte piatte.
Tuttavia, non viene eseguito l’output delle lastre CMYK se nessun colore viene stampato su
di esse.
48
• La palette Anteprima selezioni colore elenca tutti gli inchiostri definiti in un documento,
indipendentemente dal fatto che vengano utilizzati nel documento. Se sospettate che siano
visualizzati inchiostri non utilizzati, scegliete Seleziona quelli non usati dal menu della
palette Campioni ed esaminate i campioni selezionati (ricordate che le icone dei campioni
possono indicare di che tipo di colore si tratta, ad esempio una tinta piatta). Se desiderate
ridurre il numero di inchiostri in uso, ci sono due alternative. Potete utilizzare Gestione
inchiostri per creare un alias di un inchiostro con un altro inchiostro o potete eliminare
dei campioni dalla palette Campioni, ad esempio quelli selezionati dal comando Seleziona
quelli non usati. Tuttavia, il metodo Gestione inchiostri ha il vantaggio di non alterare il file
del cliente. Dopo aver utilizzato entrambi i metodi potete valutare i risultati utilizzando la
palette Anteprima selezioni colore.

• Potete visualizzare l’effetto della conversione dei colori tinta piatta in colori quadricromia
e l’effetto della creazione di alias di un colore tinta piatta. Entrambe queste opzioni sono
disponibili in Gestione inchiostri dal menu della palette Anteprima selezioni colore. Ad
esempio, se un cliente ha utilizzato tre colori verdi tinta piatta quando ne era specificato
solo uno e voi utilizzate la funzione Gestione inchiostri per assegnare i colori verdi tinta
piatta aggiuntivi a un’unica lastra tinta piatta o quadricromia, lo schermo visualizzerà
correttamente gli alias inchiostro che avete applicato. Per ulteriori informazioni, consultate
“Gestione inchiostri” a pagina 92.

• Non è possibile visualizzare l’anteprima degli effetti di sovrastampa dell’abbondanza


incorporata o di Adobe In-RIP Trapping. L’anteprima delle selezioni colore visualizza
solo gli effetti delle sovrastampe applicate manualmente tramite la palette Attributi o
l’applicazione della trasparenza.

• È consigliabile disabilitare le modifiche locali delle prestazioni di visualizzazione applicate


ai singoli elementi grafici. Quando si utilizza Anteprima sovrastampa, Adobe InDesign
utilizza la modalità Visualizzazione alta qualità per visualizzare gli elementi grafici ad alta
risoluzione, tranne quelli dotati di proprie impostazioni delle prestazioni di visualizzazione.

Per visualizzare la palette Anteprima selezioni colore:


Selezionate Finestra > Anteprima di output > Selezioni colore.

Per rimuovere i colori non utilizzati (in modo tale che non compaiano inchiostri
aggiuntivi nella palette Anteprima selezioni colore):
Nella palette Campioni, scegliete Seleziona quelli non usati, quindi fate clic sull’icona
Elimina campione (il cestino).
Per visualizzare l’anteprima delle selezioni colore:
1. Nella palette Anteprima selezioni colore, scegliete Selezioni colore dal menu a comparsa
Visualizza.
2. Visualizzate le diverse combinazioni di selezioni colore facendo clic sulle icone Occhio
per nascondere o visualizzare le lastre. Se fate clic sull’icona occhio CMYK, tutte le lastre
49
CMYK vengono visualizzate.

Per effettuare l’anteprima delle aree che superano il Limite inchiostro:


Nella palette Anteprima selezioni colore, scegliete Limite inchiostro dal menu a comparsa
Visualizza e inserite un valore di limite inchiostro.

Le aeree in rosso eccedono il limite inchiostro, in particolare le aree con i rossi più saturi. Le
aree in grigio sono rientrano nei limiti inchiostro.

Le aree rosse (a sinistra) indicano le aree oltre al Limite inchiostro specificato nella palette Anteprima selezioni
colore (a destra) e le percentuali sul lato destro della palette indicano le quantità di inchiostro nell’area
indicata dal puntatore.

Per visualizzare la percentuale di inchiostro in qualsiasi punto del layout:


1. Posizionate il mouse nel punto in cui desiderate calcolare le percentuali di inchiostro.
2. Fate riferimento alle percentuali sul lato destro della palette Anteprima selezioni. I valori
dell’inchiostro vengono visualizzati per ciascuna lastra, insieme al totale per le lastre
CMYK.
Nota: quando visualizzate i limiti della copertura d’inchiostro per un documento che
contiene sia colori quadricromia che tinta piatta, determinate la percentuale totale
dell’inchiostro aggiungendo la percentuale di inchiostro CMYK alle percentuali di ciascuna 50
tinta piatta.

Per modificare la visualizzazione delle singole lastre:


Sul menu della palette Anteprima selezioni colore, selezionate Mostra singole lastre in nero
per visualizzare le lastre in nero singolarmente. In alternativa, deselezionate questa opzione
per visualizzare le lastre nel loro colore reale.

Per modificare la visualizzazione del nero:


Sul menu della palette Anteprima selezioni colore, selezionate Desatura nero per visualizzare
l’opacità reale del colore nero ricco (opacità in combinazione con altri inchiostri) o
deselezionate Desatura nero per visualizzare il nero con un’opacità del 100%.

A n t e p r i m a s ov r a s t a m p a
Anteprima sovrastampa è un comando del menu Visualizza che simula la visualizzazione
degli oggetti che utilizzano l’attributo Sovrastampa nell’output in selezione colori (o output
composito quando l’opzione Simula sovrastampa viene attivata). Questo comando può
essere utilizzato al posto della palette Anteprima selezioni colore come scelta rapida per
una visualizzazione specifica. Quando l’opzione Anteprima sovrastampa è attivata, potete
vedere gli oggetti sottostanti attraverso gli oggetti sovrastampati, come apparirebbero
una volta stampati. Poiché l’opzione Anteprima sovrastampa controlla il comportamento
dell’inchiostro, gli oggetti sovrastampati che usano inchiostri chiari o retinati appaiono più
trasparenti nell’anteprima della sovrastampa, in quanto saranno più trasparenti nella stampa.

Anteprima sovrastampa disattivata (a sinistra) e attivata (a destra). Il riempimento e la traccia relativi al testo
e la traccia azzurra dell’onda hanno tutti la sovrastampa attivata nella palette Attributi. Poiché le tracce sono
centrate sopra i bordi di riempimento, metà di ogni traccia cade fuori ogni riempimento.
Quando utilizzate Anteprima sovrastampa, tenete presenti i consigli relativi alla palette
Anteprima sovrastampa, elencati a pagina 47.

Per visualizzare un’anteprima della sovrastampa:


Scegliete Visualizza > Anteprima sovrastampa.

Nota: l’anteprima delle sovrastampe è possibile anche nella stampa su periferica di stampa 51
composita o su un file PDF. Per fare ciò, attivate Simula sovrastampa nella scheda Avanzate
della finestra di dialogo Stampa o Esporta PDF. L’opzione Simula sovrastampa dovrebbe
essere disattivata per la creazione di stampe per le selezioni. Come indicato dal nome, questa
funzione dovrebbe essere utilizzata solo per le prove di stampa e non mantiene i colori tinta
piatta.

Conver tire la trasparenza per la stampa ad alta risoluzione


La trasparenza è una funzione da lungo tempo usata negli editor di immagini come Adobe
Photoshop. I vantaggi di design offerti dalla trasparenza sono così eccezionali che i clienti
hanno da sempre richiesto una simile funzione nei programmi di disegno vettoriali e
paginazione. Mentre alcuni programmi di disegno supportano la trasparenza per alcuni
tipi di oggetti, Adobe ha scelto di supportare la trasparenza a livello globale in modo che
possa essere usata per tutte le applicazioni pratiche, dalle ombre esterne semitrasparenti
realistiche alla modifica dell’opacità degli oggetti. Per realizzare questa scelta, Adobe ha
incluso il supporto della trasparenza nel motore di grafica Adobe Graphics Manager (AGM)
per una visualizzazione di alta qualità degli effetti di trasparenza. Il supporto integrato della
trasparenza consente di mantenere gli effetti di trasparenza dai file Illustrator e Photoshop e
di applicarli a oggetti InDesign.

Trasparenza nativa o trasparenza viva sono termini che descrivono la trasparenza, ad


esempio specificando il 25% di opacità o il metodo di fusione Schermo. Tuttavia, Adobe
PostScript funziona in termini di colori solidi o retinati e valori della scala di grigi e non
supporta i dati di trasparenza nativa. Per questo motivo, la trasparenza nativa deve essere
convertita nei valori inchiostro richiesti per riprodurre l’aspetto della trasparenza su stampa.
La conversione può essere effettuata da un RIP o dall’applicazione che genera i dati di output.
Sono disponibili RIP che sono in grado di elaborare dati di trasparenza nativa direttamente,
tramite il supporto di specifiche PDF 1.4 e di dati di conversione di trasparenza in-RIP.
Tuttavia la maggioranza dei RIP attuali non sono in grado di elaborare i dati di trasparenza
direttamente. Ciò costringe alla conversione della trasparenza in modo da poterla stampare
su tali periferiche.

Può sembrare che la trasparenza richieda una gestione particolare da parte dei service
di stampa. Tuttavia, questa situazione andrà migliorando in futuro. La trasparenza è già
parte delle specifiche PDF 1.4 e 1.5 supportate da Adobe InDesign (dalla versione 2 in
poi), Acrobat (dalla versione 5 in poi) e Illustrator (dalla versione 9 in poi). Come descritto
precedentemente, sono disponibili RIP in grado di ricevere trasparenza nativa. Mano a
mano che i produttori e i service di stampa aggiornano i RIP, il software e i flussi di lavoro,
la conversione a monte non risulterà più così necessaria. Lo scopo di Adobe è quello di
standardizzare il lavoro con la trasparenza nativa come è stato fatto con la retinatura (che ha
rappresentato in passato un problema per l’editoria elettronica).

Per le periferiche incapaci di elaborare le trasparenze native, Adobe InDesign include


52
importanti miglioramenti per semplificare la stampa delle stesse. La palette Anteprima
conversione trasparenza funziona insieme ai predefiniti di conversione trasparenza,
consentendovi di valutarli, personalizzarli e applicarli. Inoltre, la palette Pagine segnala le
pagine contenenti trasparenze (da Adobe Illustrator 9 in poi; InDesign o Photoshop) tramite
un motivo a scacchi.

M o d i f i c a r e i l d o c u m e n t o t r a m i t e l a c o nve r s i o n e d e l l a t r a s p a r e n z a
Il processo di conversione trasparenza modifica il modo in cui vengono disegnati gli oggetti
con trasparenza sovrapposta, senza modificarne l’aspetto, in modo tale che il documento
conservi le caratteristiche della trasparenza garantendo nello stesso tempo una stampa
corretta su periferiche di stampa che non supportano la trasparenza nativa.

Per realizzare tale effetto, la conversione della trasparenza di InDesign esamina le interazioni
di ogni punto della trasparenza e applica tre operazioni alle pagine contenenti trasparenza:

1. Ritaglia l’immagine trasparente e rappresenta le aree trasparenti sovrapposte con


elementi distinti adiacenti, ognuno con il proprio colore.
2. Protegge il più possibile l’integrità degli oggetti trasparenti originali (ad esempio, il testo
resta testo e la grafica vettoriale resta vettoriale), ma potrebbe rasterizzare del testo o
degli elementi grafici a seconda del predefinito di conversione della trasparenza applicato.
3. Le aree rasterizzate vengono impostate a una risoluzione basata sul predefinito di
conversione trasparenza corrente. Le immagini già presenti nel documento sono
convertite utilizzando la risoluzione dell’immagine a risoluzione più elevata presente nel
documento.
53

Elemento grafico originale con trasparenza nativa L’elemento grafico convertito simula la
trasparenza ritagliando gli oggetti
(nell’illustrazione gli oggetti appaiono lievemente
spostati unicamente a scopo esplicativo)

Se una pagina non contiene trasparenza, la conversione la ignora.

Nota: la conversione della trasparenza in InDesign CS mantiene le impostazioni di


sovrastampa, tranne che in due casi:

• Le sovrastampe contengono trasparenza. In questo caso, la conversione della trasparenza


tiene conto degli oggetti di sovrastampa. Il risultato è lo stesso output che si otterrebbe su
un RIP che supporta la trasparenza. Tuttavia, si potrebbero verificare delle discrepanze
se il RIP è configurato per convertire colori tinta piatta in colori quadricromia. Potete
utilizzare Gestione inchiostri per convertire i colori tinta piatta in colori quadricromia
prima della stampa.
• L’opzione Simula sovrastampa è attivata nella scheda Avanzate delle finestre di dialogo
Stampa o Esporta PDF. Questo fatto sembra contraddittorio, ma non lo è. Le istruzioni
di sovrastampa sono per la stampa di selezioni. L’opzione Simula sovrastampa è
destinata alle prove di colore di sovrastampe con periferiche incapaci di rappresentare le
sovrastampe nelle stampe composite. Non attivate Simula sovrastampa quando inviate
l’output composito finale alla macchina da stampa digitale o al sistema di gestione del
flusso di lavoro di stampa.

Va l u t a r e u n f i l e p e r l ’u s o d e l l a t r a s p a r e n z a
La gestione di un file InDesign ricevuto da un cliente varia a seconda del modo in cui la
trasparenza è stata usata. Alcuni scenari non richiedono procedimenti speciali, mentre altri
richiedono procedimenti accurati. Questa sezione spiega come valutare un file InDesign e le
azioni da applicare per ottimizzare la stampa.

È importante tenere presente che un documento InDesign può contenere delle trasparenze
native in più modi. La trasparenza può essere applicata a InDesign o importata in un file di
un altro prodotto, come indicato sotto.
Per valutare la trasparenza di un documento InDesign:
1. Verificate la palette Pagine. Tutte le pagine contenenti trasparenze sono associate ad un
motivo a scacchi se la trasparenza è stata creata in:
• InDesign 2 o superiore
• Illustrator 9 o superiore (solo il formato di file nativo, non EPS)
54
• Photoshop 4 o superiore (solo il formato di file nativo)
• PDF 1.4 o superiore (generato da applicazioni come Illustrator 9 o superiore)

Le pagine affiancate 20-21 presentano un motivo a scacchi perché contengono oggetti trasparenti da
InDesign o all’interno di elementi grafici importati.

2. Sulle pagine che contengono trasparenza, potete individuare precisamente le aree


interessate, selezionando Oggetti trasparenti dal menu a comparsa Evidenzia nella palette
Anteprima conversione trasparenza (consultate “Visualizzare in anteprima i predefiniti
di conversione trasparenza” a pagina 61).
3. Se la verifica preliminare indica che il documento contiene elementi grafici EPS, chiedete
al cliente se gli elementi grafici EPS provengono da Adobe Illustrator 9 o 10. Dovete
cercare file EPS che potrebbero essere stati convertiti con le impostazioni sbagliate per
una stampa ad alta risoluzione. Anche se la trasparenza degli elementi grafici EPS di
quei programmi può essere modificata da Illustrator, InDesign non la riconosce come
trasparenza viva, poiché considera i file EPS come già convertiti. La trasparenza nativa di
Illustrator è supportata direttamente da InDesign solo per i file salvati nel formato nativo
(.AI) da Illustrator 9 o superiore o PDF 1.4 e superiore. Sebbene la conversione della
trasparenza InDesign non influenzi le versioni EPS di questi file, si consiglia di convertirli
usando le impostazioni Illustrator appropriate per la stampa ad alta risoluzione.
Nota: il cliente potrebbe ignorare i diversi modi in cui la trasparenza viene utilizzata.
Ad esempio, la trasparenza potrebbe provenire da un attributo di effetti (come ombre
esterne) e di pennelli Illustrator.

Una volta identificato l’uso della trasparenza del documento, potete impostare il file per
la stampa. Potete selezionare le impostazioni di stampa più adatte utilizzando la palette
Anteprima conversione trasparenza (consultate “Visualizzare in anteprima i predefiniti di
conversione trasparenza” a pagina 61) e sulla base degli scenari seguenti.

Senza trasparenza
Nello scenario più semplice, il cliente non ha usato trasparenze nel documento. Potete
stampare il documento senza conversione.
55
Trasparenza di base (solo trasparenza InDesign)
Tutte le trasparenze del file sono state applicate con InDesign. In questo caso, basta usare
lo stile di conversione della trasparenza Alta risoluzione (o il vostro stile personalizzato per
l’alta risoluzione); la stampa del documento dovrebbe rispecchiare fedelmente la trasparenza.

Trasparenza moderata (trasparenza InDesign e trasparenza Illustrator senza conversione)


Il documento contiene delle trasparenze InDesign e dei file importati che usano anch’essi
delle trasparenze. Se i file sono salvati nei formati elencati al punto 1 precedente, la
conversione della trasparenza di InDesign non dovrebbe presentare problemi nel convertire
e stampare la trasparenza dei file.

Trasparenza complessa
Il documento è più impegnativo se contiene trasparenze e se non appartiene ai formati
elencati al punto 1 precedente. Questi file richiedono una gestione speciale, come di seguito
descritto:

• File di Illustrator con trasparenze ma salvati in formati precedenti a formati nativi


Illustrator 9 (.ai). La trasparenza usata in questi file è stata simulata tramite la conversione.
La qualità di stampa di questi file varia a seconda delle impostazioni di conversione di
Illustrator al momento dell’esportazione. Per questo tipo di file, è necessario sapere se tali
impostazioni erano appropriate o meno per la stampa ad alta risoluzione. Se la conversione
è stata associata a una bassa risoluzione, i file potrebbero non essere adatti per operazioni
di prestampa. Esaminate le prove colore ad alta risoluzione delle pagine contenenti questi
elementi grafici. Se le prove colore non sono soddisfacenti, gli elementi grafici devono
essere sostituiti con le loro versioni native Illustrator 9 o 10 non convertite. Per ulteriori
informazioni sulla gestione di file Illustrator 9 o superiore contenenti trasparenze, consultate
il sito Web di Adobe (www.adobe.com).

• Modalità di fusione. Come in Photoshop, le modalità di fusione sono una forma di


trasparenza che influenza il modo in cui i livelli sovrapposti vengono visivamente combinati.
Adobe InDesign gestisce correttamente i colori tinta piatta e la trasparenza nella maggior
parte delle situazioni. Tuttavia, se i metodi di fusione Differenza, Esclusione, Tonalità,
Colore, Saturazione o Luminosità sono applicati agli oggetti con colori tinta piatta, utilizzate
la palette Anteprima selezioni colore per controllare i risultati più accuratamente o utilizzate
altre tecniche o modalità di fusione per ottenere lo stesso effetto. L’utilizzo di queste
modalità di fusione con i colori tinta piatta non le convertirà in colori quadricromia, ma la
natura di queste modalità di fusione ne rende difficile l’utilizzo con colori tinta piatta.

• Flussi di lavoro OPI. È necessario adottare un procedimento specifico per garantire la


presenza di dati ad alta risoluzione per le immagini destinate ad un flusso di lavoro OPI,
in quanto la conversione avviene prima della generazione del PostScript. Consultate
56
“Convertire la trasparenza nei flussi di lavoro OPI” a pagina 57.

• Dati di immagini già in selezione colori, come i file DCS o a più tonalità. Questi file sono
già assegnati a lastre, al pari delle tinte piatte. Tuttavia, la trasparenza non è un problema per
la maggior parte dei file Photoshop DCS 2.0, poiché Adobe InDesign CS ne può ricombinare
le lastre, integrarli in un layout contenente oggetti trasparenti e quindi separarli nuovamente.
Per consigli sull’utilizzo della trasparenza con i file salvati nei formati in selezione colori,
diversi dal formato Photoshop DCS 2.0, consultate “Convertire la trasparenza nei flussi di
lavoro DCS” a pagina 57.
• Gestione del colore. L’applicazione della gestione del colore influenza tutte le conversioni di
colore frutto della trasparenza. Questo è un altro motivo per cui le impostazioni di gestione
del colore devono essere sincronizzate con quelle del cliente e adatte al flusso di lavoro
corrente, altrimenti la trasparenza rischia di generare colori imprevisti. Prima di stampare
assicuratevi che lo spazio cromatico del documento sia correttamente impostato per la
periferica di stampa. Ciò garantisce l’assegnazione della gamma di colori adatta agli oggetti
trasparenti durante la conversione.

• Testo parzialmente convertito. Quando utilizzate la palette Anteprima conversione


trasparenza, selezionate Testo convertito in contorni dal menu a comparsa Evidenzia
per vedere come le aree di testo vengono convertite. Se l’evidenziazione indica che alcuni
caratteri in una cornice di testo, ma non tutti, sono convertiti in profili, il testo potrebbe
mostrare incoerenze quando viene stampato. Ciò si verifica se una cornice di testo interseca
più oggetti trasparenti, provocando diversi risultati di conversione per i caratteri del blocco
di testo. Per queste aree, è possibile applicare un predefinito di conversione trasparenza
personalizzato, se l’opzione Converti tutto il testo in contorni è attivata. Questo garantisce
la coerenza del testo nelle aree convertite, sebbene i caratteri piccoli possano apparire
leggermente più spessi.

Riepilogo
Instaurate sempre una costante comunicazione con il cliente, soprattutto se si tratta
di lavorare con trasparenze. Aiutando i clienti a identificare i punti chiave relativi alle
trasparenze, potete snellire il vostro lavoro. Consultate “Aiutare i clienti a preparare file
InDesign” a pagina 12 per ulteriori elementi che il cliente deve verificare, come i problemi
affrontati in questa sezione.
Co nve r t i r e l a t r a s p a r e n z a n e i f l u s s i d i l avo r o D C S
La conversione della trasparenza varia a seconda dell’elaborazione di oggetti e colori prima
della stampa. Tuttavia, i file DCS sono già in selezione colori, in modo che gli inchiostri
non possano essere ricostituiti e riselezionati. Ciò significa che la trasparenza non è sempre
compatibile con alcuni flussi di lavoro DCS.
57
Un flusso di lavoro DCS è molto più semplice con Adobe InDesign CS: i file Photoshop
DCS 1.0 e 2.0. Adobe InDesign CS può unire la maggior parte dei file Photoshop DCS 1.0 e
2.0 durante l’esportazione o la stampa. Come risultato, potete visualizzare in anteprima la
trasparenza di un file Photoshop DCS 1.0 e 2.0. Per ulteriori informazioni sui requisiti per
l’unione dei file Photoshop DCS, consultate “Unire file Photoshop DCS e EPS di tipo raster”
a pagina 8.

Quando un file DCS è direttamente interessato dalla trasparenza in un layout di InDesign


e non può essere unito, utilizzate Photoshop per convertire il file in formato PDF o nativo
di Photoshop (PSD) prima di convertire la trasparenza del documento InDesign (la
conversione in file EPS non è consigliata perché tale conversione non mantiene i colori tinta
piatta se utilizzati nel file DCS).

Co nve r t i r e l a t r a s p a r e n z a n e i f l u s s i d i l avo r o O PI
Per un calcolo preciso della conversione della trasparenza in base alla risoluzione della
fotounità, occorrono i dati dell’immagine ad alta risoluzione al momento della conversione.
La conversione viene applicata durante l’esportazione o la stampa, ma prima della
generazione del codice PostScript. A causa di questo ordine di elaborazione nei flussi di lavoro
OPI, accertatevi che i dati di alta risoluzione siano già disponibili al momento della stampa.

La procedura più semplice è anche quella più affidabile:

1. Il cliente importa gli elementi grafici ad alta risoluzione nel layout. Questi vengono
mantenuti con il documento in modo da essere disponibili al momento della conversione
della trasparenza e della stampa.
2. Nella scheda Avanzate della finestra di dialogo Stampa, Ometti per OPI: attivate l’opzione
EPS per includere il documento in un flusso di lavoro OPI.

Se la presenza di dati ad alta risoluzione rallenta la visualizzazione, potete usare i comandi


Visualizzazione ottimizzata e Visualizzazione tipica del menu Visualizza per visualizzare
le immagini con una risoluzione del monitor più bassa o per sostituirle sullo schermo con
segnaposti grigi. Questi comandi sono personalizzabili dall’utente.

Nei casi in cui le immagini ad alta risoluzione possono essere sostituite da proxy a bassa
risoluzione con un nome identico (grazie al ricollegamento automatico), le immagini ad alta
risoluzione devono essere incorporate nel file per garantirne la disponibilità al momento
della stampa.
Se le immagini proxy a bassa risoluzione contenenti commenti OPI sono ancora presenti
quando il documento viene inviato al RIP, la conversione verrà effettuata con i dati a bassa
risoluzione. Questo darà luogo a una stampa a bassa risoluzione, in corrispondenza delle
immagini a bassa risoluzione. In uno scenario simile, per fornire i dati ad alta risoluzione
per la conversione, il cliente deve sostituire tutte le immagini coinvolte in effetti di
trasparenza con le corrispondenti versioni ad alta risoluzione prima della stampa finale. 58
Non è necessario sostituire tutte le immagini, ma solo quelle effettivamente associate alla
trasparenza. Per risparmiare tempo, potete usare l’opzione Grafica interessata della palette
Anteprima conversione trasparenza per identificare velocemente le immagini che devono
essere sostituite con le versioni ad alta risoluzione.

Per ricordarsi come gestire trasparenza e OPI è utile memorizzare la frase “sostituire prima
di convertire”, laddove “sostituire” significa assicurarsi di sostituire le immagini a bassa
risoluzione con le corrispondenti immagini ad alta risoluzione prima della stampa.

P r e d e f i n i t i d i c o nve r s i o n e t r a s p a r e n z a
InDesign CS è dotato di tre predefiniti di conversione trasparenza incorporati, ottimizzati
per la stampa a risoluzione bassa, media o alta. Per semplificare l’apprendimento, i controlli
di conversione di Adobe InDesign CS sono uniformi a quelli di Adobe Illustrator CS e
Adobe Acrobat 6 Professional. Il valore predefinito di InDesign CS è Risoluzione media per
accelerare la stampa con le stampanti desktop del cliente. Nel flusso di lavoro di un service
di stampa, laddove sono richiesti dei risultati più vicini alla qualità della macchina da
stampa, si consiglia l’uso dello stile di conversione Alta risoluzione (o di un altro predefinito
personalizzato simile). Lo stile Bassa risoluzione deve essere usato solo per la stampa di
bozze o per lavori destinati alla pubblicazione online.

Sebbene lo stile di conversione Alta risoluzione sia quello consigliato per la prestampa,
alcuni problemi possono sorgere a causa di insufficienza di memoria o se le risoluzioni
di stampa non corrispondono al flusso di lavoro. Per identificare le impostazioni che
ottimizzano i risultati con le macchine disponibili, effettuate alcuni test su lavori contenenti
trasparenze, partendo dallo stile di conversione Alta risoluzione. Se riscontrate problemi di
qualità o di prestazioni, potete creare uno stile di conversione trasparenza personalizzato,
seguendo la precedura descritta di seguito.

Potete utilizzare i pulsanti Salva e Carica nella finestra di dialogo Predefiniti di conversione
trasparenza per salvare i predefiniti collaudati in modo che possano essere caricati su altri
computer del service di stampa o del cliente.

È importante comprendere che il processo di conversione della trasparenza può risultare sia
in oggetti vettoriali che in aree rasterizzate. Questa si verifica poiché si privilegia la velocità
di conversione rispetto alla qualità. Naturalmente i service di stampa daranno la priorità alla
qualità.
Per creare o modificare un predefinito di conversione trasparenza:
1. Scegliete Modifica > Predefiniti di conversione trasparenza.

59

2. Effettuate una delle seguenti operazioni:


• Per creare un predefinito, fate clic su Nuovo.
• Per basare un predefinito su un predefinito preimpostato, selezionatelo nell’elenco e
fate clic su Nuovo.
• Selezionate un predefinito personalizzato nell’elenco e fate clic su Modifica.
Nota: non è possibile modificare uno dei predefiniti di conversione trasparenza, ma
è possibile selezionarne uno come punto di partenza per la creazione di un nuovo
predefinito completamente modificabile, adatto al proprio flusso di lavoro.

3. Nella finestra di dialogo Opzioni predefinito di conversione trasparenza, digitate un


nome nella relativa casella di testo o accettate il nome file predefinito.

4. Trascinate il cursore Bilanciamento raster/vettoriale solo se necessario. Nella maggior


parte dei flussi di lavoro dei service di stampa non è necessario utilizzare un valore
inferiore a 100. L’abbassamento di questo valore comporta una maggiore rasterizzazione
degli oggetti. Potete abbassare questo valore per pagine molto complesse che necessitano
tempi di stampa incredibilmente lunghi.
Nota: la rasterizzazione dipende dalla complessità della pagina e dai tipi di oggetti
sovrapposti. InDesign tenta la conversione della trasparenza solo se necessario. Gli
oggetti e le pagine non associati a trasparenze non vengono convertiti.
60
5. Effettuate le seguenti operazioni:
• Impostate una Risoluzione grafica e testo per la grafica che viene rasterizzata perché
interagisce con effetti di trasparenza (esclusi gli oggetti sfumati, trattati nell’opzione
seguente). Questa opzione funziona solo se il valore del Bilanciamento raster/vettoriale
è inferiore a 100. Nella maggior parte dei casi, il valore non dovrebbe essere modificato.
Se decidete di procedere comunque, è consigliabile iniziare con la risoluzione
minima accettabile per il testo sulla vostra periferica di stampa e migliorarla fino a
raggiungere la qualità di stampa desiderata. Tuttavia, se il vostro obiettivo è la qualità,
è consigliabile impostare il Bilanciamento raster/vettoriale su 100, in modo tale che la
Risoluzione grafica e testo non sia più valida.
• Impostate la Risoluzione sfumatura e trama per gli oggetti sfumati. In generale,
specificate la stessa risoluzione usata per gli oggetti inseriti (di solito 300 dpi). Non è
detto che InDesign rasterizzi tutti gli oggetti sfumati, ma solo quelli effettivamente
associati a trasparenze. È possibile che InDesign usi questa impostazione per
rasterizzare le sfumature in elementi grafici inseriti, se le sfumature interagiscono con
le trasparenze e se sono salvate in un formato di file che include le informazioni sulla
trasparenza nativa (come Illustrator 10).
Nota: non modificate questo valore per contorni sfocati e ombre esterne. InDesign
aumenta automaticamente la risoluzione per i valori delle opzioni Larghezza contorno
sfocato o Sfoca (rispettivamente nelle finestre di dialogo Contorno sfocato e Ombra
esterna), che scendono al di sotto dei 0,5 punti.
6. Scegliete una delle seguenti opzioni e fate clic su OK:
• Converti tutto il testo in contorni per convertire in contorni tutto il testo nell’intero
documento. La selezione di questa opzione dipende dal modo in cui il testo viene
utilizzato nel documento in relazione alla trasparenza. Se delle ampie aree di testo
ricoprono delle aree trasparenti, una parte del testo viene convertita in profili, il resto
rimane intatto. Ciò è dovuto al fatto che InDesign tenta di convertire la trasparenza
laddove è necessario. Con una risoluzione inferiore a 1200 dpi, il testo convertito in
contorni rischia di apparire leggermente diverso da quello non convertito. Questo
accade perché il testo diventa un po’ più spesso in seguito alla conversione e questo
fenomeno si nota maggiormente con i font di piccole dimensioni. La selezione di questa
opzione converte tutto il testo in profili. Come risultato il testo appare uniforme.
• Converti tutte le tracce in contorni, per convertire in contorni tutte le tracce del
documento e non solo quelle degli oggetti con trasparenza.
• Ritaglia aree complesse, per diminuire la probabilità di “stitching” (giunture visibili) o
tratti seghettati nei punti in cui le aree rasterizzate incontrano quelle ancora vettoriali.
Se il valore del Bilanciamento raster/vettoriale è minore di 100, durante la conversione
le aree complesse potrebbero trasformarsi in raster. Di solito, le aree del layout vengono
rasterizzate a zone rettangolari, indipendentemente dalla forma degli oggetti. Ciò può
produrre giunture visibili, o “stitching”. L’opzione Ritaglia aree complesse diminuisce 61
la probabilità di giunture visibili in quanto colloca l’intersezione raster/vettoriale
lungo i bordi degli oggetti esistenti. Se vi sono giunture visibili sui file PDF esportati
da InDesign, disattivate l’opzione Arrotonda immagini in Adobe Acrobat (nel
pannello Arrotondamento nella finestra di dialogo Preferenze). Se le giunture visibili
scompaiono dopo aver modificato le preferenze, si tratta solo di una modalità dello
schermo e solitamente non compare nella stampa.

Elemento grafico originale Dettaglio dell’elemento con conversione della


trasparenza; la giuntura è visibile a metà della
F e nell’area blu vicino alla parte superiore

Potete creare e collaudare i predefiniti personalizzati in anticipo, in modo tale che se arriva
un lavoro che richiede la modifica delle impostazioni di conversione trasparenza, sappiate
già cosa funzionerà.

V i s u a l i z z a r e i n a n t e p r i m a i p r e d e f i n i t i d i c o nve r s i o n e t r a s p a r e n z a
Adobe InDesign CS vi consente di evidenziare gli effetti di qualsiasi predefinito di
conversione trasparenza sullo schermo utilizzando la nuova palette Anteprima conversione
trasparenza. Poiché il calcolo degli effetti della conversione trasparenza può richiedere
tempo, potete eseguire un controllo quando lo schermo si aggiorna. Quando siete soddisfatti
dalla qualità di stampa indicata dell’anteprima conversione trasparenza, potete applicare
le impostazioni correntemente visualizzate alle impostazioni di stampa del documento
selezionando il pulsante Applica impostazioni in stampa.
Quando utilizzate la palette Anteprima conversione trasparenza, specificate il tipo di
risultati che desiderate visualizzare e quale predefinito di conversione trasparenza desiderate
applicare. Questo visualizza in grigio tutti gli oggetti nella finestra del documento, tranne
le aree interessate dalle impostazioni specificate, che vengono visualizzate in rosso. Se
desiderate, potete inoltre modificare il documento durante l’anteprima della conversione
trasparenza. 62

Di seguito trovate le istruzioni per l’utilizzo della palette Anteprima conversione trasparenza
con la copertina di una rivista. Se impostate la palette Anteprima conversione trasparenza
per evidenziare Tutte le aree rasterizzate, vedrete tutte le aree che devono essere rasterizzate
per l’output degli effetti di trasparenza utilizzati sulla copertina della rivista. Le aree
evidenziate in rosso sono le aree di testo che saranno rasterizzate a causa dell’interazione
tra la trasparenza e un predefinito di conversione trasparenza specifico. Poiché il testo
deve essere stampato ad alta risoluzione per essere uniforme (almeno a 1200 dpi), dovrete
applicare al documento un predefinito Alta risoluzione (almeno alla copertina).

Il pulsante Applica impostazioni in stampa modifica le impostazioni di conversione


trasparenza solo nella finestra di dialogo Stampa. Se desiderate modificare le impostazioni
di conversione trasparenza per l’output PDF, assicuratevi di specificare un predefinito
di conversione trasparenza nella scheda Avanzate della finestra di dialogo Esporta PDF.
Notate inoltre che il pulsante Applica impostazioni in stampa modifica le impostazioni di
conversione trasparenza dell’intero documento. Se desiderate modificare le impostazioni di
conversione trasparenza per una pagina, potete utilizzare la palette Anteprima conversione
trasparenza per valutare le impostazioni alternative, ma dovrete applicare la modifica alla
pagina selezionando la pagina nella palette Pagine e selezionando Conversione trasparenza
pagine affiancate > Personalizzato dal menu della palette Pagine.

Per visualizzare la palette Anteprima conversione trasparenza:


Scegliete Finestra > Anteprima di output > Conversione trasparenza.

Per valutare gli effetti della conversione della trasparenza:


1. Nella palette Anteprima conversione trasparenza, selezionate un’opzione dal menu a
comparsa Evidenzia:
• Aree complesse rasterizzate evidenzia aree che rasterizzano in base alle impostazioni
del predefinito di conversione trasparenza. Quando il cursore Bilanciamento
raster/vettoriale è impostato su 100, non viene evidenziata nessuna area perché la
rasterizzazione si verifica solo all’interno dei profili di ciascun oggetto di testo o grafica
interessato.
• Oggetti trasparenti evidenzia gli oggetti che utilizzano la trasparenza. Non indica
nessuno dei possibili risultati della conversione della trasparenza.
• Tutti gli oggetti interessati evidenzia sia gli oggetti che utilizzano la trasparenza
che quelli in cui va convertita perché interagiscono con gli oggetti che utilizzano la
trasparenza. Questa impostazione non indica i risultati della conversione, ma è utile
perché indica tutti gli oggetti che potrebbero essere eventualmente convertiti.
• Grafica interessata evidenzia le immagini che verranno convertite, ma non gli effetti
o gli oggetti diversi dalle immagini (come la grafica vettoriale). Questa impostazione 63
risulta particolarmente utile per i flussi di lavoro OPI, perché le immagini evidenziate
devono essere invertite con versioni ad alta risoluzione al momento dell’output, in
modo da eseguire una corretta conversione della trasparenza. Se un’immagine non è
evidenziata, non è necessario convertirne la conversione della trasparenza in un flusso
di lavoro OPI. Potete utilizzare questa impostazione in combinazione con la palette
Informazioni per verificare la risoluzione di ciascuna immagine evidenziata.
• Tracce convertite in contorni evidenzia le tracce che risulteranno leggermente più
spesse una volta eseguita la conversione della trasparenza. A volte le tracce vengono
convertite in aree riempite della stessa larghezza per ricreare un effetto di trasparenza
dopo la conversione. Queste aeree possono risultare più spesse perché alcuni RIP
elaborano le tracce in maniera diversa rispetto alle forme riempite. Tuttavia, l’effetto
di solito non è visibile in risoluzioni di periferiche superiori a 1200 dpi. Se stampate
su una periferica inferiore a 1200 dpi e questa funzione evidenzia molti oggetti in una
pagina, potete rendere uniformi tutte le tracce applicando un predefinito dove è stata
attivata l’opzione Converti tutte le tracce in contorni.
• Testo convertito in contorni evidenzia i tipi di caratteri che verranno convertiti in
profili nel predefinito di conversione trasparenza attualmente applicato. I caratteri
diventano leggermente più spessi quando vengono convertiti in profili, tuttavia l’effetto
di solito non è visibile in risoluzioni di periferiche superiori a 1200 dpi. Se stampate
su una periferica con risoluzione inferiore a 1200 dpi e questa funzione evidenzia
molti caratteri in una pagina, potete rendere uniforme l’intero testo applicando un
predefinito in cui è stata attivata l’opzione Converti tutte le tracce in contorni.
• Testo e tracce con riempimento raster evidenzia il testo o le tracce interessate dai RIP
che registrano oggetti CT (Continuous Tone, tono continuo) a una risoluzione diversa
rispetto agli oggetti LW (Linework). È probabile che gli oggetti interessati utilizzino
gli effetti di trasparenza che creano immagini, ad esempio ombre esterne o contorni
sfocati. Non dovete utilizzare questa opzione se non disponete di questo tipo di RIP o
se la relativa versione in vostro possesso non comporta problemi nell’output di testo o
tracce con ombre esterne e contorni sfocati.
• Tutte le aree rasterizzate evidenzia tutte le aree che verranno riempite con
rasterizzazione (non soltanto le aree complesse) a causa del predefinito di conversione
trasparenza attualmente in uso. Questo implica la rasterizzazione dei riempimenti,
non dei profili, i riempimenti rasterizzati vengono ritagliati con precisione entro i
profili originali. Ancora una volta, questa visualizzazione risulta utile se eseguite
l’output per un RIP che elabora oggetti CT e LW in maniera diversa, perché indica
quali parti verranno visualizzate in una pagina CT come risultato della conversione
della trasparenza. Inoltre, evidenzia gli oggetti che verranno rasterizzati quando
Bilanciamento raster/vettoriale utilizza un valore inferiore a 100. Se sono evidenziate
molte aree, potreste considerare l’uso delle impostazioni di conversione della
trasparenza con Bilanciamento raster/vettoriale impostato su 100 o aumentare 64
Risoluzione grafica e testo, se impostato su Bilanciamento raster/vettoriale su un valore
inferiore a 100.
Nota: se non desiderate che il testo sia sottoposto a rasterizzazione, verificate se è
possibile sovrapporre il testo rispetto a tutti gli altri oggetti; ad esempio, spostandolo
davanti ad altri oggetti. Se riuscite a eseguire tale operazione senza modificare
l’aspetto del design, impedirete la conversione della trasparenza dei caratteri del testo,
rimuovendoli dagli oggetti di trasparenza.
2. Selezionate un predefinito di conversione trasparenza dal menu a comparsa Predefinito.
3. Se l’opzione Aggiorna automaticamente l’evidenziazione è disattivata, fate clic su
Aggiorna per verificare l’effetto del predefinito selezionato.

L’oggetto originale si trova a sinistra. L’anteprima della conversione trasparenza a destra mostra l’effetto delle
ombre esterne.

Per controllare l’aggiornamento dell’anteprima, eseguite una delle seguenti operazioni:


• Fate clic sul pulsante Aggiorna dopo aver modificato l’impostazione Evidenzia o
Predefinito.
• Selezionate Aggiorna automaticamente l’evidenziazione per far sì che InDesign aggiorni
la visualizzazione dopo la modifica delle impostazioni Evidenzia o Predefinito.

A p p l i c a r e i p r e d e f i n i t i d i c o nve r s i o n e t r a s p a r e n z a
Anche se potete applicare e visualizzare in anteprima i predefiniti di conversione della
trasparenza in qualsiasi momento, la conversione trasparenza non viene applicata a
un documento InDesign finché non viene stampato o esportato. Un’ottima strategia di
conversione della trasparenza consiste nell’applicarla prima a livello dell’intero documento
e infine a livello delle pagine affiancate. In altri termini, applicate prima un predefinito di
conversione trasparenza all’intero documento, quindi gli altri predefiniti di conversione
trasparenza a specifiche pagine affiancate, a seconda delle esigenze. In questo modo, potete
gestire facilmente casi particolari senza compromettere l’intero documento.
Anche se è più semplice applicare un predefinito di conversione trasparenza di massima
qualità all’intero documento in maniera uniforme, è più vantaggioso per il flusso di lavoro
applicare un predefinito di conversione della trasparenza di qualità inferiore alle pagine
affiancate specifiche in cui non sono presenti dettagli precisi. I predefiniti di conversione
trasparenza di qualità inferiore vengono elaborati più rapidamente e generano file PDF o
output più ridotti. 65

A livello del documento, potete applicare un predefinito di conversione della trasparenza


dalla scheda Avanzate delle finestre di dialogo Stampa o Esporta o semplicemente utilizzare
la palette Anteprima conversione trasparenza. A livello delle pagine affiancate, potete
utilizzare il comando Conversione trasparenza nel menu della palette Pagine.

Per applicare un predefinito di conversione trasparenza a tutte le pagine affiancate per


l’output di stampa utilizzando la palette Anteprima conversione trasparenza:
1. Accertatevi che il predefinito di conversione trasparenza desiderato sia selezionato nel
menu a comparsa Predefinito.
2. Se desiderate che il predefinito venga applicato a tutte le pagine affiancate, selezionate
Ignora precedenza pagine affiancate.
3. Fate clic su Applica impostazioni in stampa.

Per applicare impostazioni di conversione della trasparenza solo a determinate pagine


affiancate:
1. Nella palette Pagine, accertatevi che tutte le pagine affiancate siano selezionate.
2. Scegliete Conversione trasparenza pagine affiancate nel menu della palette Pagine (per
visualizzare il menu, fate clic sul triangolo nell’angolo in alto a destra).
3. Scegliete una delle seguenti opzioni e fate clic su OK:
• Predefinito per applicare il predefinito di conversione trasparenza del documento.
• Nessuno (ignora trasparenza) per ignorare la trasparenza per queste pagine. Ciò risulta
utile per risolvere eventuali problemi.
• Personalizzato per aprire la finestra di dialogo Impostazioni personali conversione
trasparenze in pagine affiancate, in cui potete specificare le impostazioni.

Nota: se siete certi che un cliente ha applicato le impostazioni di conversione trasparenza a


tutto il documento, ma sapete o sospettate che le impostazioni non siano adatte al vostro
flusso di lavoro, potete facilmente applicare un predefinito di conversione trasparenza
che sostituisca quella del cliente. Nella scheda Avanzate della finestra Stampa o Esporta,
specificate il predefinito di conversione trasparenza e selezionate Ignora precedenza pagine
affiancate.
Finestra di dialogo Stampa
InDesign CS offre un’ampia gamma di opzioni di stampa che a prima vista potrebbe
sembrare ridondante, tuttavia vi consente di personalizzare con precisione le impostazioni
di stampa per il vostro flusso di lavoro. Una volta determinate le migliori combinazioni di
66
impostazioni di InDesign per il vostro flusso di lavoro, salvatele come predefiniti di stampa.
In questo modo, potrete eseguire molti lavori semplicemente scegliendo un predefinito dal
menu Predefiniti di stampa in alto nella finestra di dialogo. Se il vostro obiettivo è preparare
predefiniti di stampa per i tipi di output più comuni, in modo che la stampa dei file InDesign
risulti facile e uniforme. Potete modificare tutte le opzioni di stampa dalla finestra di dialogo
Stampa.

Panoramica della finestra


di dialogo Stampa
A
A Menu Predefinito di
B
stampa
B Menu Stampante e PPD
C Elenco schede
D Proxy C
E Pulsanti stampante SO
(su Windows, viene
visualizzato solo il G
pulsante Imposta)
F Pulsante Salva
predefinito D
G Opzioni specifiche delle
schede

E F

In alto nella finestra di dialogo Stampa sono presenti i menu Predefinito di stampa,
Stampante e PPD.

Al centro del lato sinistro si trova un elenco di ciascuna scheda della finestra di dialogo
Stampa. Vi basterà fare clic sull’elenco per passare a un’altra scheda o premere Ctrl+Freccia
su/Freccia giù. La finestra di dialogo Stampa include le seguenti schede:

• Generali (pagina 76). Informazioni di base sui lavori, quali l’intervallo di pagine.

• Imposta (pagina 79). Opzioni di adattamento pagina, quali le dimensioni del supporto e
l’orientamento.

• Configurazione e pagine al vivo (pagina 84). Opzioni per gli elementi aggiunti al di fuori
dell’area della pagina, quali i segni di stampa.
• Output (pagina 87). Opzioni di controllo dell’output del colore, quali le impostazioni
Composito, Selezioni colore e Abbondanza.

• Grafica (pagina 97). Opzioni per il download dei font e della grafica e il formato dati del
linguaggio PostScript.

• Gestione colore (pagina 100). Opzioni utilizzate in un flusso di lavoro con gestione del
67
colore.

• Avanzate (pagina 102). Opzioni quali Sostituzione immagini OPI e Predefiniti di


conversione di trasparenza.

• Riepilogo (pagina 104). Resoconto di tutte le impostazioni di output, che potete salvare sul
disco come file di testo.

Le impostazioni di stampa vengono mantenute in maniera indipendente per ciascun


documento. Pertanto, ciascun documento aperto può mantenere le proprie impostazioni.

Aree comuni
Nella finestra dialogo Stampa, l’unica area soggetta a cambiamenti è la sezione contenente
le opzioni specifiche per ciascuna scheda. Tutte le altre sezioni della finestra di dialogo
Stampa sono aree comuni che restano visibili indipendentemente dalla scheda visualizzata.
Per garantire uniformità, le opzioni che non vengono applicate in un determinato flusso di
lavoro sono oscurate, ma comunque presenti. Se un’opzione è oscurata, ma non la relativa
etichetta, l’opzione si applica, ma non potete modificarla.

M e n u P r e d e f i n i t o d i s t a m p a , S t a m p a n t e e PPD
I menu Predefinito di stampa, Stampante e PPD si trovano in alto nella finestra di dialogo
Stampa e consentono di impostare i comandi nel resto della finestra. I tre menu sono
indipendenti e dovete impostarli dall’alto verso il basso.

Predefinito di stampa. I menu Stampante e PPD configurano l’ambiente di stampa globale.

Il menu Predefinito di stampa, il più in alto della finestra di dialogo, vi consente di


modificare una qualsiasi, o tutte, le opzioni di stampa applicando le impostazioni salvate che
potete personalizzare.

I menu Stampante e PPD impostano la modalità di scrittura di PostScript. InDesign CS può


anche eseguire un output PostScript specifico per o indipendente da driver e periferiche
PostScript. Per ulteriori informazioni, consultate “Impostare i percorsi di output PostScript”
a pagina 71.
Il menu Stampante vi consente di scegliere tra File PostScript o qualsiasi altra stampante
configurata nel sistema operativo.

Le scelte del menu PPD sono determinate dall’impostazione corrente del menu Stampante.
In particolare, se è stata selezionata una stampante PostScript nel menu Stampante, il menu
PPD visualizzerà come oscurato il PPD impostato per la stampante dal relativo driver
68
(mediante Installazione stampante in Windows o Centro stampa in Mac OS X). In questo
modo si evita di assegnare un PPD diverso da quello correttamente impostato con una
particolare periferica. Per creare un file PostScript indirizzato a un PPD per una stampante
non connessa al computer, scegliete File PostScript nel menu Stampante.

Per questa ragione, accertatevi che le periferiche di output siano configurate correttamente
utilizzando Installazione stampante (Windows) o Centro stampa (Mac OS X). Accertatevi
che le periferiche di output PostScript siano configurate con i PPD corretti. Una volta
configurate le stampanti, non dovete modificarle finché il flusso di lavoro o le periferiche
disponibili non cambiano.

Elenco delle schede


Usate l’elenco delle schede per modificare le opzioni sul lato destro della finestra di dialogo
Stampa. Potete scorrere l’elenco verso l’alto o il basso premendo Ctrl (Windows) o Comando
(Mac OS) e i tasti Freccia su/ Freccia giù o PgGiù/PgSu.
P r ox y
Il proxy nell’angolo in basso a sinistra della finestra di dialogo Stampa fornisce feedback
grafico sul rapporto tra il supporto selezionato e le impostazioni del lavoro corrente. Si
aggiorna automaticamente ogni qualvolta che modificate un’impostazione che interessi
l’area di stampa richiesta per il lavoro.
69

Il proxy include tre viste. Per passare da una vista all’altra, fate clic sul proxy. Le
visualizzazioni sono le seguenti:

Visualizzazione standard: visualizza il rapporto spaziale tra le impostazioni di stampa


correnti e le dimensioni del supporto (carta) in uso. Valuta la posizione della pagina rispetto
al supporto. Tiene conto di tutte le opzioni nella finestra di dialogo Stampa che interessano i
requisiti dell’area di stampa per un lavoro, come, l’area indicazioni, l’area al vivo, la divisione
in porzioni, le miniature e il ridimensionamento. L’area al vivo è evidenziata in rosso e l’area
indicazioni è in blu; i punti di sovrapposizione sono indicati dal porpora.

Visualizzazione testo: presenta i dati proxy come testo.


Visualizzazione Pagina personalizzata o Foglio ritagliato: visualizza il rapporto spaziale
tra le dimensioni del supporto selezionato (carta) e il sistema di trasporto della carta, inclusa
l’area di stampa. Valuta la posizione del supporto in relazione al sistema di trasporto della
carta della periferica. Visualizza inoltre gli indicatori per la modalità di output del colore e
il rapporto tra la carta e il sistema di trasporto della carta. Visualizza inoltre gli effetti delle
impostazioni Offset, Spazio e Trasversale sul formato del supporto, in rapporto all’intera 70
larghezza del supporto; queste opzioni sono disponibili solo quando sono selezionate
dimensioni pagina personalizzate.

Opzioni specifiche per la periferica


Le schede della finestra di dialogo Stampa sono progettate per rispondere alle più comuni
esigenze di output. Alcune periferiche di output presentano opzioni speciali non disponibili
nelle schede della finestra di dialogo Stampa. Potete accedere alle opzioni specifiche per
la periferica facendo clic sul pulsante Imposta (Windows) o Imposta pagina e Stampante
(Mac OS). Grazie all’interfaccia utente uniforme per le opzioni standard di output e
all’accesso alle opzioni specifiche per la periferica, InDesign CS offre un controllo completo
sull’output.

L’accesso alle opzioni specifiche per la periferica è disponibile mediante i pulsanti a sinistra del pulsante Salva
predefinito.

Avvertenza: se fate clic sul pulsante Imposta (Windows) o sui pulsanti Imposta pagina o
Stampante (Mac OS) e impostate le opzioni nelle finestre di dialogo, accertatevi di aver
compreso la modalità di interazione delle opzioni con il resto della finestra di dialogo
Stampa, come descritto di seguito:

• Se dovete impostare spesso opzioni specifiche per la periferica non disponibili in nessuna
delle schede della finestra di dialogo Stampa, salvate le impostazioni specifiche per la
periferica prima di eseguire i processi InDesign. Questa operazione va eseguita solo la prima
volta in cui gestite un particolare flusso di lavoro.

• Alcune opzioni sono presenti sia nella finestra di dialogo Stampa di InDesign che nella
finestra di dialogo specifica per i driver, come le impostazioni di intervallo pagine, formato
pagina, livello PostScript e le opzioni di scaricamento dei font. Quando le opzioni sono
duplicate, impostatela nella finestra di dialogo Stampa di InDesign. Per questa ragione,
solitamente non dovete impostare le opzioni nella finestra di dialogo Imposta pagina.

• Se usate le opzioni dei driver di una stampante per stampare su un file, InDesign consegna
il comando al driver della stampante. Ad esempio, gli attributi dei file come l’estensione
71
del nome verranno impostati dal codice dei driver di stampa, non InDesign. Tuttavia,
indipendentemente dalla modalità di stampa, il codice che visualizza le pagine stesse è
comunque sempre generato da InDesign.

Nota per Mac OS X: InDesign CS non supporta l’opzione Anteprima nella finestra di dialogo
Stampa per Mac OS X. L’opzione Anteprima di Mac OS X genera una qualità video PDF non
adatta all’anteprima di un documento di qualità di prestampa. Usate invece una qualsiasi
delle opzioni di anteprima di alta qualità di Adobe InDesign:

• Per l’anteprima dell’area di output, utilizzate i pulsanti Modalità anteprima, Modalità


Pagina al vivo e Modalità area indicazioni in fondo alla casella degli strumenti.
• Per simulare la visualizzazione dei colori su una periferica di output, scegliete
Visualizza > Imposta bozza, quindi Visualizza > Colori bozza.
• Per visualizzare il layout ad alta risoluzione, scegliete Visualizza > Prestazioni
visualizzazione > Visualizzazione alta qualità. Anche le due opzioni successive offrono
una risoluzione ad alta risoluzione.
• Per simulare le sovrastampe, scegliete Visualizza > Anteprima sovrastampa.
• Per simulare la selezione dei colori, scegliete Finestra > Anteprima di output >
Selezioni colore.
Pulsante Annulla
Se fate clic su Annulla, le modifiche effettuate nella finestra di dialogo Stampa non verranno
salvate. L’unica eccezione si verifica se avete salvato le impostazioni in una finestra di dialogo
specifica per i driver. Se desiderate salvare le modifiche nella finestra di dialogo Stampa, ma
non desiderate stampare, fate clic sul pulsante Salva predefinito per salvare le impostazioni
come predefinito di stampa.

Impostare i percorsi di output PostScript


InDesign CS offre un controllo completo sull’output PostScript. È possibile includere o
escludere il codice specifico per la periferica e i driver PostScript con il PostScript generato
da InDesign. Ciò semplifica la regolazione dei file PostScript sui requisiti hardware o
software a valle del flusso di lavoro. Impostate ciascun flusso di lavoro scegliendo Stampante
e PPD nella finestra di dialogo Stampa. Questa sezione descrive ciascun percorso di output e
la relativa impostazione.

Ciascun percorso di output che genera i file PostScript può essere indirizzato a una cartella
di consegna per un’ulteriore elaborazione da parte di un’altra applicazione del flusso di
lavoro, come Adobe Acrobat Distiller. Quando create un file PostScript, vi viene richiesto di
specificare la posizione di una cartella: qui potete specificare una cartella di consegna.

Fi l e Po s t S c r i p t d i I n D e s i g n , i n d i p e n d e n t e d a l d r i ve r e d a l l a p e r i f e r i c a
PostScript generato da: solo Adobe InDesign
72
Periferica di destinazione: Nessuna

Considerazioni su questo percorso di output:

• Ideale per i flussi di lavoro di prestampa in cui l’output viene elaborato in un secondo
momento (ad esempio, se vengono applicate l’imposizione o l’abbondanza).
• 100% compatibile con DSC.
• Completamente indipendente dalla periferica.
• CMYK composito con colori tinta piatta. La selezione colori e l’abbondanza devono
avvenire in un secondo momento nel flusso del lavoro.
• Può essere salvato solo in un file, non direttamente in una periferica.

Nota: poiché questo percorso di output è indipendente dal driver e dalla periferica, non può
indicare i formati di carta disponibili nella periferica di output.

Per impostare un file PostScript di InDesign indipendente dal driver e dalla periferica:
1. Nella finestra di dialogo Stampa, scegliete File PostScript® dal menu a comparsa
Stampante.
2. Scegliete Indipendente del dispositivo dal menu a comparsa PPD. Indipendente dal
dispositivo è il primo elemento nel menu.

I menu Stampante e PPD impostati per l’output PostScript di InDesign indipendente dal driver e dalla
periferica.

Fi l e Po s t S c r i p t d i I n D e s i g n , i n d i p e n d e n t e d a l d r i ve r e d i p e n d e n t e
dalla periferica
PostScript generato da: solo Adobe InDesign
Periferica di destinazione: solo con PPD

Considerazioni su questo percorso di output:

• Utile per flussi di lavoro con selezione dei colori a monte destinati all’imposizione,
per controllare Adobe In-RIP Trapping da InDesign o per utilizzare l’abbondanza
incorporata di InDesign. Le selezioni In-RIP e l’abbondanza Adobe In-RIP sono
disponibili solo se selezionate un PPD che le supporti.
• Le funzioni speciali della stampante supportate da PPD non sono disponibili. Per
utilizzarle, usate un percorso di output PostScript che utilizzi un driver della stampante.
• Compatibile DSC tanto quanto il flusso di lavoro PostScript di InDesign indipendente dal
73
driver e dalla periferica, che può essere indirizzato ad una periferica specifica.
• Contiene informazioni specifiche della periferica per la retinatura, le dimensioni dei
supporti e le risoluzioni.
• Supporta l’output in qualsiasi modalità di colore (composito o in selezione), incluso
CMYK composito con tinte piatte, se selezionate un PPD che supporti queste
funzionalità.
• L’abbondanza può esservi applicata da InDesign quando le selezioni colore vengono
specificate nella scheda Output della finestra di dialogo Stampa.
• Può essere salvato solo in un file, non direttamente in una periferica.

Per impostare un file PostScript indipendente dal driver e dipendente dalla periferica
InDesign:
1. Nella finestra di dialogo Stampa, scegliete File PostScript® dal menu a comparsa
Stampante.
2. Scegliete il nome di una periferica dal menu a comparsa PPD.

I menu Stampante e PPD impostati per l’output InDesign indipendente dal driver e dipendente dalla
periferica.

Fi l e Po s t S c r i p t d e l d r i ve r Ad o b e P S / Po s t S c r i p t 5 ( W i n d ow s )
PostScript generato da: sia da Adobe InDesign che dal driver della stampante AdobePS
Periferica di destinazione: stampante preconfigurata nel sistema operativo

Considerazioni su questo percorso di output:

• Utile se gestite tutte le attività di prestampa nel RIP, come quando eseguite una stampa
digitale o quando il sistema RIP è in grado di applicare l’abbondanza, sostituire le
immagini OPI ed eseguire l’imposizione. Utile anche per le prove colore presso il cliente.
Se qualche operazione di prestampa va eseguita successivamente nel flusso di lavoro, un
altro percorso di output potrebbe essere più efficace.
• Contiene informazioni specifiche della periferica per la retinatura, le dimensioni del
formato e le risoluzioni, nonché quelle sul supporto di funzioni specifiche per i driver di
una periferica di output specifica. Ciò implica un supporto più diretto per la stampa e
una minore compatibilità con le periferiche diverse da quella di destinazione dei driver.
• Elevata compatibilità con DSC. Tuttavia, non eguaglia la compatibilità dei flussi di lavoro
basati su file PostScript di InDesign.
• Supporta tutte le modalità di colore dell’output (composita o selezionata).
74
• Potete utilizzare InDesign per impostare l’abbondanza incorporata o Adobe In-RIP.
• Può essere stampato direttamente su un file o su una periferica.

Per impostare un percorso di output AdobePS PostScript dipendente dal driver e dalla
periferica:
Nella finestra di dialogo Stampa, scegliete una stampante dal menu a comparsa Stampante.
Il menu PPD visualizzerà automaticamente il nome del PPD utilizzato per impostare la
stampante. Se desiderate scegliere come destinazione un altro PPD, scegliete dal menu
a comparsa Stampante una stampante che utilizzi il PPD desiderato. Se la stampante
appropriata non è nell’elenco, impostatela mediante Aggiungi stampante.

I menu Stampante e PPD impostati per l’output AdobePS dipendente dal driver e dalla periferica.

Fi l e Po s t S c r i p t ® d e l d r i ve r A p p l e L a s e r Wr i t e r ( M a c O S X )
In Mac OS X, il driver LaserWriter produce un PostScript compatibile con DSC e flessibile
come il percorso di output AdobePS. Le implicazioni tecniche del percorso di output
LaserWriter OS X sono identiche a quelle elencate nel flusso di lavoro del driver Windows
AdobePS/PostScript 5 indicato in precedenza.

Per impostare un file PostScript Apple LaserWriter dipendente dal driver e dalla
periferica su Mac OS X:
1. Nella finestra di dialogo Stampa, scegliete una stampante dal menu a comparsa
Stampante.

I menu Stampante e PPD impostati per l’output Apple LaserWriter dipendente dal driver e dalla periferica.

Il menu PPD visualizza automaticamente il nome del PPD utilizzato per impostare
la stampante. Se desiderate scegliere come destinazione un PPD differente, scegliete
dal menu a comparsa Stampante una stampante che utilizzi il PPD desiderato. Se la
stampante appropriata non è nell’elenco, impostatela mediante l’applicazione Centro
stampa Mac OS X.
2. Fate clic sul pulsante Stampante in fondo alla finestra di dialogo Stampa e impostate la
destinazione su file. Specificate ogni altra opzione specifica per la periferica necessaria,
secondo le esigenze, e fate clic su Salva.
75

L’opzione Registra come Doc attivata nel percorso di output Apple LaserWriter dipendente dal
driver e dalla periferica in Mac OS X. Questa finestra di dialogo viene visualizzata dopo aver fatto clic sul
pulsante Stampante in fondo alla finestra di dialogo Stampa di InDesign.

Nota: In InDesign, non potete usare l’opzione Anteprima nella finestra di dialogo Stampa
di Mac OS X, perché i documenti PDF che produce sono a bassa risoluzione e non adatti
alla prestampa. Utilizzate invece le funzioni di anteprima di InDesign, come Modalità
anteprima, Anteprima sovrastampa, palette Anteprima selezioni colore o Colori bozza.
4. Fate clic su Stampa o Salva. InDesign è ora impostato per l’utilizzo dei driver Apple
LaserWriter per l’output di PostScript su file.
Riepilogo : impostare i percorsi di output PostScript

Pe r g e n e r a r e : Impostate il menu I m p o s t a t e i l m e n u PPD s u :


Stampante su :
PS indipendente da driver e periferica File PostScript® indipendente dal dispositivo
PS dip. da periferica, indip. da driver File PostScript® <PPD periferica>
Stampa dip. da driver e periferica <nome periferica> (n/d; usa config. stampante) 76
PS specifico per periferica e driver <nome periferica> (n/d; usa config. stampante)
fate clic sul pulsante
Stampante (o Imposta
in Windows) e accertatevi
che vi sia un file di
destinazione

Scheda Generali
La scheda Generali della finestra di dialogo Stampa contiene opzioni di stampa di base
come quelle disponibili nella maggior parte delle finestre di dialogo Stampa, oltre ad alcune
opzioni specifiche per InDesign.

Nota: alcune opzioni della scheda Generali sono disponibili anche nella finestra di dialogo
Stampa del driver della stampante corrente, che potete aprire facendo clic su Imposta
(Windows) o Stampante (Mac OS X) in fondo alla finestra di dialogo Stampa. Dove le
opzioni sono duplicate, Adobe consiglia di specificare le impostazioni nella finestra di
dialogo Stampa di InDesign in modo da poterle salvare come predefiniti di stampa e ridurre
al minimo i potenziali conflitti riguardo la configurazione (o non configurazione) di una
determinata impostazione. Fate clic su Imposta o Stampante solo per impostare le opzioni
specifiche per la periferica non disponibili nella finestra di dialogo Stampa di InDesign.
77
S e z i o n e Pa g i n e
Copie: sono consentite fino a 999 copie.

Ordina: stampa la prima copia dell’intero intervallo di pagine richiesto prima di stampare
una seconda copia e così via. Se deselezionata, il numero specifico di copie della prima
pagina richiesta viene stampato, seguito dal numero specifico di copie della seconda pagina
richiesta e così via. Ciò si basa su un modello di ordinamento software (anziché hardware)
in cui la fascicolazione viene eseguita dall’applicazione e non dalla periferica. Per migliorare
le prestazioni di stampa, questa opzione è deselezionata per impostazione predefinita.
Questa opzione è disabilitata, a meno che non vengano specificate più copie nella casella di
testo Copie.

Pagine: fate clic su Tutte (impostazione predefinita) o digitate un intervallo di pagine


utilizzando i trattini. Per intervalli discontinui, immettete virgole e spazi. Ad esempio, per
stampare la pagina 1 e successivamente le pagine da 4 a 7, immettete 1, 4-7.

Potete inoltre specificare un intervallo di pagine per sezione aggiungendo un prefisso di


sessione e un numero di sezione prima dell’intervallo di pagine. Ad esempio, per stampare
dalla Sezione 1, pagina 2 alla Sezione 2, pagina 5, immettete Sez12-Sez25.

Ordine inverso: inizia la stampa dall’ultima pagina e termina con la prima. Se deselezionata
(impostazione predefinita), le pagine vengono stampate in ordine numerico ascendente.

Nota: alcune stampanti eseguono l’output rivolto verso l’alto quindi quando l’opzione è
selezionata Ordine inverso, le pagine escono nell’ordine 3-2-1 anziché 1-2-3. Questa opzione
non ne tiene conto e risulta utile effettuare dei test prima di svolgere il lavoro.

Stampa pagine mastro: stampa le pagine mastro e nessuna delle pagine del documento.
Quando questa opzione è attiva, l’opzione Intervallo è deselezionata e tutte le pagine mastro
vengono stampate, perché non sono numerate. La stampa delle pagine mastro è utile
soprattutto per i designer e gli art director. Nelle attività quotidiane dei service di stampa è
consigliabile deselezionare questa opzione.

Sequenza: stampa solo le pagine pari, solo le pagine dispari o entrambe (impostazione
predefinita). Si utilizza principalmente quando eseguite la stampa fronte retro su stampanti
desktop a una sola facciata, pertanto per un service di stampa questa opzione deve essere
impostata di solito su Entrambe quando create un’output finale o predefiniti di stampa.
Questa opzione non è disponibile quando Pagine affiancate è selezionata.
Pagine affiancate: stampa tutte le pagine affiancate su un singolo foglio di supporto. Questa
opzione è solitamente più utilizzata dai designer che dai service di stampa. Tenete presente
che questa opzione non agisce sul ridimensionamento o sul riorientamento delle pagine
affiancate in relazione al formato carta selezionato. Per effettuare tale operazione, passate
alla sezione Imposta e regolate le opzioni Orientamento o Ridimensiona. Se state eseguendo
prove colore, Adatta alla pagina è la soluzione più semplice. Se state stampando l’output 78
finale di pagine affiancate, scegliete il formato del supporto sufficientemente grande per il
lavoro.

Sezione Opzioni
Stampa oggetti non stampabili: fa sì che InDesign ignori l’opzione Non stampabile
applicata ai singoli oggetti mediante la palette Attributi. Domandate ai clienti se hanno
applicato l’attributo Non stampabile agli oggetti e chiedete conferma se gli oggetti devono
essere stampati o meno.

Stampa pagine vuote: stampa tutte le pagine nell’intervallo specificato anche se non
contengono oggetti. Per risparmiare i supporti, quando si stampano le selezioni colore,
questa impostazione non esegue mai l’output di una pagina di lastre vuote.

Stampa guide e griglie linee di base visibili: stampa le guide dei margini del righello e della
colonna, le griglie delle linee di base, la pagina al vivo e area indicazioni utilizzando i colori
come specificato nel documento. Ad esempio, se questa opzione è attivata e la griglia delle
linee di base è visibile, la griglia viene stampata; se non è visibile non viene stampata. Questa
opzione è principalmente utilizzata dai designer e dagli art director. I service di stampa
devono solitamente accertarsi che questa opzione sia disattivata quando creano l’output
finale o i predefiniti di stampa.

Nota: per prestazioni ottimali, disattivate l’opzione Stampa guide e griglie linee di base
visibili. Noterete la differenza quando dovrete convertire la trasparenza delle pagine
affiancate. Queste opzioni vengono automaticamente disattivate quando si seleziona
Selezioni colore nella scheda Output.
Scheda Configurazione
La scheda Configurazione definisce il rapporto tra la pagina e i supporti di output in termini
di formato, orientamento e posizione.

79

S e z i o n e Fo r m a t o c a r t a
Menu Formato carta: per impostazione predefinita, InDesign utilizza il formato carta
specificato nello stile della stampante predefinito. Le selezioni disponibili qui dipendono dal
tipo di output selezionato in alto nella finestra di dialogo Stampa:

• Se avete indicato un file PostScript indipendente dalla periferica (stampante: file


PostScript®; PPD: indipendente dal dispositivo), nessun formato carta è disponibile perché
verrà specificato in una fase successiva di elaborazione.

• Se avete indicato un file PostScript dipendente dalla periferica (stampante: file PostScript®;
PPD: <nome periferica>), potete scegliere tra i formati carta definiti nel PPD selezionato.
L’opzione Formato carta personalizzato potrebbe essere disponibile se è attivato dal PPD
selezionato.

• Se avete indicato la configurazione di una stampante tramite il sistema operativo


(Stampante: <nome stampante>; PPD: <predefinito con stampante>), potete modificare il
formato carta definito dal driver facendo clic su Imposta pagina per scegliere un formato
carta fornito dal driver. Altrimenti, potete scegliere tra i formati carta nel menu, quelli
forniti dal PPD. L’opzione Formato carta personalizzato potrebbe essere disponibile se è
attivata dal PPD selezionato.
Nota: l’opzione Formato carta personalizzato non è disponibile per periferiche di output
diverse da PostScript. 80

Larghezza e Altezza: visualizza le dimensioni della selezione nel menu Formato Carta.
Queste opzioni sono modificabili solo se l’opzione Personalizzato è selezionata. Potete
specificare valori di Larghezza e Altezza separati per la stampa anamorfica, come la
flessografia. Se selezionate Automatico dal menu a comparsa Formato carta, Larghezza
e Altezza visualizzano i valori in parentesi, che indicano che InDesign calcola
automaticamente il formato carta minimo necessario per l’output di una pagina con tutte
le aree di pagina al vivo e di indicazioni (se selezionate), per risparmiare sull’uso di carta o
pellicola in bobina.

Orientamento: imposta l’orientamento della pagina sul supporto. In tal modo il supporto
non viene ruotato. Per ruotare il supporto, selezionate un formato carta Trasversale, o per
i formati carta personalizzati, selezionate l’opzione Trasversale. Se selezionate l’opzione
Trasversale, è una buona idea impostare il proxy sulla visualizzazione Pagina personalizzata/
Foglio ritagliato (facendo clic sul proxy) per verificare che l’orientamento produca i risultati
desiderati.

Le seguenti opzioni sono disponibili quando Personalizzato è selezionato nel menu Formato
carta. L’intervallo dei valori per queste opzioni è specificato dal PPD selezionato, che
controlla i limiti della periferica di output.

Spostamento: imposta la distanza tra il bordo sinistro del supporto e il bordo sinistro della
pagina.

Spazio: imposta la distanza tra le pagine su supporto continuo.

Trasversale: esegue l’output come se i supporti fossero ruotati di 90 gradi, il che risulta
utile per le pagine alte stampate su periferiche alimentate a bobina con ampie dimensioni
del supporto, come le fotounità. Questa opzione non modifica le opzioni di orientamento,
Larghezza o Altezza.

Sezione Opzioni
Scala, Larghezza e Altezza: specifica il ridimensionamento della pagina da 1 a 1000%
con una precisione di un decimo di punto percentuale. Le opzioni Larghezza e Altezza (di
ridimensionamento) non sono disponibili se avete selezionato Adatta alla pagina.

Adatta alla pagina: calcola automaticamente il fattore di ridimensionamento necessario per


adattare il formato della pagina all’interno del supporto, incluso tutti i segni della pagina
attivati che ingrandiscono l’area di stampa richiesta. Le proporzioni originali della pagina
vengono mantenute. La percentuale determinata da InDesign viene visualizzata a destra
dell’opzione Adatta a pagina eccetto quando Pagine affiancate è selezionata nella scheda
Generali, perché la percentuale di ridimensionamento può variare a seconda del numero di
pagine affiancate.
81
Mantieni proporzioni: mantiene le proporzioni originali della pagina appena modificate
con il variare di Larghezza e Altezza di ridimensionamento. Quando modificate la
percentuale di ridimensionamento di una dimensione, InDesign regola automaticamente
l’altra dimensione in modo che corrispondano. Le proporzioni originali vengono mantenute
quando selezionate Adatta alla pagina.

Posizione pagina: specifica dove la pagina e i relativi segni verranno visualizzati sul
supporto di stampa. Per impostazione predefinita, una pagina viene posizionata nell’angolo
in alto a destra del supporto. Le opzioni di questo menu consentono inoltre di centrare una
pagina nel senso orizzontale, verticale o in entrambi i sensi. La posizione della pagina si
riferisce a tutto il formato del supporto, non solo alla sua area stampabile. Questa opzione
non è disponibile se avete selezionato l’opzione di suddivisione in porzioni, Miniature o
Adatta alla pagina.

Miniature: stampa da 2 a 49 pagine su una singola pagina di supporto per scopi di


revisione. Nella maggior parte delle attività del service di stampa, questa opzione deve essere
deselezionata.

L’orientamento delle pagine miniatura potrebbe non corrispondere all’orientamento del


documento, perché InDesign usa automaticamente l’orientamento che colloca nel modo più
efficiente le miniature sul supporto. Ad esempio, se avete selezionato l’opzione 1x2 per un
documento con lunghe pagine e l’orientamento originale è Verticale, le pagine entreranno
meglio in un foglio con orientamento Orizzontale.

A B C
Per risparmiare supporto, InDesign sceglie automaticamente l’orientamento per le miniature. In questo
esempio, le miniature 1x2 di pagine verticali (A) vengono stampate in modo più efficiente su un foglio in
orizzontale (B) anziché in verticale (C).

Porzione: consente di stampare una pagina di dimensioni maggiori di quelle del supporto;
la pagina viene divisa in porzioni e stampata su più fogli. I segni di suddivisione vengono
aggiunti ad ogni foglio. Se selezionate Porzione, il relativo menu offre le opzioni seguenti:
• Automatico. Calcola automaticamente il numero di fogli richiesto per stampare il
documento, sulla base del valore Sovrapposizione. Le porzioni vengono allineate sui
bordi superiore e sinistro dell’area stampabile totale di tutti i fogli da stampare.
• Giustificazione automatica. Calcola automaticamente il numero di fogli richiesto
per stampare il documento, usando come valore minimo quanto specificato per
Sovrapposizione. Le porzioni vengono allineate su tutti i bordi dell’area stampabile totale 82
di tutti i fogli da stampare, e la sovrapposizione potrebbe quindi risultare maggiore di
quella specificata. Il vantaggio di questa opzione è che non dovete procedere al rifilo dello
spazio vuoto in eccesso lungo i bordi destro e inferiore dell’insieme dell’area di stampa.
• Manuale. Stampa una singola porzione. Potete impostare l’angolo superiore sinistro
della porzione posizionandovi sul punto zero dei righelli. Il valore Sovrapposizione non è
disponibile per Manuale in quanto viene stampato un solo foglio alla volta.
• Sovrapposizione. Specifica di quanto i bordi si sovrappongono gli uni sugli altri. Il valore
predefinito di questa opzione è 9 pica.
Automatico Giustificazione automatica Manuale

Opzioni di porzione: Automatico (a sinistra) parte dall’angolo superiore sinistro sulla base del valore
Sovrapposizione. Giustificazione automatica (centro) aumenta la sovrapposizione fino a rientrare entro
i bordi stampabili esterni del supporto. Manuale (a destra) consente di impostare la posizione di ogni
singola porzione.

Nota: la suddivisione in porzioni aggiunge dei segni di suddivisione ad ogni foglio. Questi si
aggiungono all’area di stampa totale richiesta per stampare tutti i fogli.

Cr e a r e u n a d i m e n s i o n e d i p a g i n a p e r s o n a l i z z a t a
L’unità di misura di una pagina personalizzata è quella specificata nella finestra di dialogo
Preferenze di InDesign, accessibile dal menu Modifica. Potete modificare le unità con
abbreviazioni standard come descritto nell’Aiuto in linea (ad esempio, immettete 12 i o 12”
per 12 pollici o 612 pt per 612 punti).

Per creare una dimensione di pagina personalizzata:


1. Nell’elenco delle schede della finestra di dialogo Stampa, scegliete Configurazione.
2. Nel menu Formato carta, scegliete Personalizzato. L’opzione Personalizzato è disponibile
solo se le dimensioni personalizzate della carta sono abilitate nel PPD della periferica.

83

3. Se necessario, specificate Larghezza e Altezza. L’impostazione predefinita Automatico è


utile per i supporti continui (carta o pellicola in bobina). Questa opzione usa quel tanto
che basta di supporto per stampare la pagina e gli eventuali segni visibili.

4. Specificate le opzioni seguenti, se richieste:


• Orientamento, per ruotare la pagina.
• Spostamento, per specificare la distanza tra il bordo sinistro del supporto e il bordo
sinistro della pagina.
• Spazio, per specificare uno spazio tra le pagine su supporto continuo.
• Trasversale, per ruotare sia la pagina che il supporto per le periferiche con supporto
largo, come le fotounità.

Per ottenere un riscontro visivo di queste opzioni, fate più volte clic sull’anteprima in
basso della finestra Stampa fino a visualizzare la vista pagina personalizzata/foglio
ritagliato. La miniatura viene automaticamente aggiornata man mano che modificate i
valori.

Spostamento Spazio Trasversale Tutti


Scheda Indicatori e pagine al vivo
Questa scheda controlla gli elementi che si estendono oltre il bordo della pagina, come i
segni di taglio e l’area di pagina al vivo.

84

Nota: InDesign ridimensiona automaticamente la pagina per fare posto ai segni di stampa
solo se avete selezionato Adatta alla pagina; assicuratevi che la dimensione della carta
sia essere abbastanza ampia per contenere la pagina e tutti i segni di stampa. Se l’area
stampabile non è abbastanza grande, i segni di stampa rischiano di essere troncati o di non
apparire affatto. Usate il proxy per controllare lo spazio disponibile per i segni di pagina. Se
desiderate che il formato carta venga ridimensionato al formato del supporto (consentendo
i segni della stampante), scegliete Automatico dal menu a comparsa Formato carta nella
scheda Configurazione.

Area di stampa insufficiente Area di stampa sufficiente


Sezione Indicatori

A
Segni di stampa
B
A Barre colore
B Segni di pagina al vivo C 85
C Segni di taglio
D Crocini di registro
E Area pagina D
(in grigio per scopi
illustrativi)
F Area indicazioni

Printer marks 1 07/16/01, 6:03 PM

Tutti i segni di stampa: attiva o disattiva tutti i segni di stampa elencati di seguito. Se questa
opzione non appare completamente attivata o disattivata, significa che alcuni segni sono
attivati e altri disattivati.

Segni di taglio: aggiunge dei filetti orizzontali e verticali precisi per indicare il punto di
rifilo.

Segni di pagina al vivo: aggiunge dei filetti sottili per indicare la quantità di area stampata
attorno all’immagine oltre la dimensione della pagina, per essere sicuri che la copertura
d’inchiostro per quell’elemento arriverà effettivamente fino al bordo della pagina dopo il
rifilo.

Crocini di registro: aggiunge i crocini per l’allineamento delle selezioni colore.

Barre colore: aggiunge due barre nella parte superiore della pagina, una di quadretti grigi e
l’altra di quadretti a colori con andamento crescente, per regolare la densità dell’inchiostro
nella macchina da stampa. Quando eseguite l’output per le selezioni, vengono visualizzate
anche le barre delle selezioni.

Informazioni pagina: aggiunge il nome di file, il numero di pagina, la data e l’ora correnti e
il nome della selezione colore in fondo ad ogni pagina.

Nota: se l’opzione Informazioni pagina è attivata, il font richiesto per la stampa delle
informazioni viene sempre scaricato, a prescindere dall’impostazione Scarica font.

Tipo: specifica il tipo di segni da stampare. L’unica opzione disponibile è Predefinito.

Spessore: definisce lo spessore dei segni di taglio e di pagina al vivo.


Spostamento: lo spazio tra il bordo della pagina e i segni della pagina; valore predefinito
6 punti.

O p z i o n i p e r l e a r e e p a g i n a a l v i vo e i n d i c a z i o n i
Usa impostazioni pagina al vivo del documento: applica i valori di pagina al vivo specificati
in Imposta documento anziché specificarli qui. 86

Pagina al vivo: specifica la quantità di area al vivo su ciascun lato della pagina. Le quattro
opzioni sono Superiore, Inferiore, Sinistra, Destro quando Pagine affiancate è deselezionata
nella finestra di dialogo Imposta documento. Le opzioni sono Superiore, Inferiore, Interna,
Esterna quando Pagine affiancate è selezionata. Se desiderate specificare lo stesso valore per
tutti i lati, fate clic sull’icona di collegamento ( ) per far sì che tutti i valori siano identici,
quindi immettete un valore in ciascuna casella.

Se i segni di pagina al vivo sono attivati, vengono sempre stampati, anche se la pagina al
vivo ha un valore di zero; infatti, questo valore influenza solo di quanto gli oggetti stampati
possono oltrepassare il bordo della pagina. Tuttavia, se il valore di pagina al vivo è zero, i
segni di rifilo e di pagina al vivo rischiano di sovrapporsi gli uni agli altri.

Includi area indicazioni: aggiunge l’area indicazioni (specificata in Imposta documento)


all’area di output totale. Quando non è selezionata, l’area indicazioni non viene stampata: il
lavoro verrà stampato fino al bordo dell’area al vivo.
Scheda Output
Questa scheda consente di controllare la stampa in selezione colori. La maggior parte delle
sue opzioni sono disponibili solo se avete scelto una stampante PostScript. Se la stampante
scelta non è PostScript, sono disponibili il menu Colore, l’opzione Testo in nero e l’opzione
Simula sovrastampa, ma non le altre.
87

Per informazioni sui


RIP che supportano Colore: definisce il modo in cui il colore del documento è trasmesso alla stampante, con le
Adobe In-RIP Trapping,
seguenti opzioni:
contattate i seguenti
partner Adobe OEM
• Composito non modificare. Invia un output ma non converte il colore nello spazio
che hanno concesso in
licenza Adobe In-RIP colore della periferica di output. Utile se desiderate che tutta la conversione del colore
Trapping:
venga effettuata dalla periferica o se desiderate inviare dati CMYK e RGB alla periferica
Agfa-Gevaert N.V.
di output.
Fuji Photo Film Co., Ltd.
• Grigio composito. Stampa in scala di grigi. Tutti i colori vengono convertiti
Heidelberger
Druckmaschinen nell’equivalente grigio. Opzione utile per la stampa con stampanti non a colori.
Information • RGB composito. Stampa in RGB composito a colori. Utile per la stampa su periferiche di
Presentation Tech, Inc. stampa basate su RGB come le stampanti a getto d’inchiostro o i film recorder.
Monotype Prepress
• CMYK composito. Stampa in CMYK composito a colori. Utile per stampare con
RIPit Computer
periferiche di prove colore o in altri flussi di lavoro CMYK compositi. Tenete presente che
Corporation
in un ambiente composito, questa modalità di stampa a colori converte le tinte piatte in
quadricromia, ma le preserva se la stampa PostScript generata è gestita in un ambiente
di selezione colore. La conversione da RGB a CMYK è determinata dalle impostazioni
di gestione del colore, se attivata. Se la gestione del colore è disattivata, la conversione
viene eseguita mediante il profilo Apple RGB come spazio cromatico RGB e il profilo
Photoshop 5 Default CMYK come spazio cromatico CMYK. 88
• Selezioni. Stampa in selezioni colore CMYK, più tutte le tinte piatte. Utile per la stampa
destinata ad una macchina di stampa o per i flussi di lavoro con selezione colori CMYK
effettuata a monte. Si tratta di una modalità di selezione colore effettuata sul computer
host o incorporata.
Nota: per i file PDF o EPS inseriti, la modalità Selezioni può stampare in selezione
solo le immagini in modalità CMYK, scala di grigi o monocromatica. La stampa in
selezione delle immagini RGB, Lab o di altri spazi cromatici presenti nei file PDF o EPS
inseriti non è ottimale se eseguita InDesign. Per ottenere risultati migliori, aprite i file
nell’applicazione usata per crearli e convertiteli in una modalità colore supportata dalla
stampa in selezione incorporata. La modalità Selezioni colore In-RIP non è soggetta a
questa limitazione.
• Selezione colori in-RIP. Invia in output dati CMYK compositi e tinta piatta, ottimizzati
per la selezione colori effettuata dal RIP. Questa opzione è disponibile solo se la periferica
di destinazione supporta la stampa in selezione In-RIP. La stampa in selezione colori
In-RIP è possibile con una periferica di output PostScript 3 o PostScript Level 2 il cui
RIP supporti la stampa in selezione In-RIP. È necessario anche disporre di un PPD che
supporti questa periferica e di un driver di stampa compatibile con Adobe PostScript.

Note aggiuntive importanti sulle modalità di stampa a colori:


• Le modalità di output composito a colori non alterano gli spazi cromatici degli elementi
grafici basati su spazi cromatici non CMYK. Ad esempio, la stampa di un EPS RGB in
modalità Grigio composito non converte l’EPS nella modalità in scala di grigi.
• Nella maggior parte dei casi, InDesign crea solo le selezioni che effettivamente
contengono oggetti. Se una pagina contiene solo un riquadro magenta, verrà stampata
solo la selezione del magenta.
• Quando la miniatura è nella vista pagina personalizzata/foglio ritagliato, l’icona in basso
a sinistra indica la modalità di colore dell’output.

89

Grigio composito RGB composito CMYK composito Separazioni CMYK


Nel proxy, l’iconcina in basso a sinistra indica la modalità di colore dell’output.

Testo in nero: stampa il testo in nero quando il valore è diverso da Nessuno, da Carta o con
una tinta 0%. Questa nuova opzione è destinata a semplificare la revisione del testo e deve
essere disattivata nella maggior parte delle attività dei service di stampa. È disponibile solo
per la stampa composita di testo creato in InDesign. Non agisce sul testo degli elementi
grafici importati o sul testo convertito in profili.

Abbondanza: imposta l’abbondanza per i flussi di lavoro che includono la selezione colore. Il
menu Abbondanza include le opzioni seguenti:

• Disattivato. Non applica alcuna abbondanza. Questa impostazione viene


automaticamente applicata se avete selezionato la stampa composita, in quanto
l’abbondanza è legata solo alle selezioni colore.
• Incorporato nell’applicazione. Crea delle abbondanze man mano che le selezioni
vengono stampate, tramite il motore di abbondanza incluso in InDesign (detto anche
abbondanza effettuata sul computer host). Non applica l’abbondanza ai file EPS inseriti,
a meno che non siano immagini raster Photoshop DCS 1.0-2.0/EPS. Adobe In-RIP
Trapping non presenta questo limite. Se un documento usa dei font TrueType a cui sono
state applicate delle tracce, i migliori risultati si ottengono con Adobe In-RIP Trapping o
convertendo il testo in profili (selezionatelo e scegliete Testo > Crea profili).
• In-RIP Adobe. Invia i dati del colore sul quale è possibile applicare l’abbondanza a livello
del RIP. Questa opzione è disponibile solo se avete selezionato il comando Selezione
colori In-RIP nel menu Colore e se la periferica di destinazione supporta Adobe In-RIP
Trapping.

Nota: l’opzione Risoluzione disponibile nelle versioni precedenti alla 2 di InDesign non è più
disponibile in InDesign 2 o nelle versioni successive. Questa opzione era usata per calcolare
il downsampling delle immagini. Attualmente, il downsampling di immagini a 1 bit si basa
sulla risoluzione fornita da Adobe Graphics Manager (AGM), di solito ottenuta dal PPD
della periferica. Il downsampling delle immagini in scala di grigi e a colori si basa ora sulla
frequenza di retino corrente. Tenete presente che il downsampling è controllato dall’opzione
Invia dati della scheda Grafica della finestra di dialogo Stampa. Nel menu a comparsa Invia
dati, l’opzione Tutti non effettua alcun ricampionamento a differenza delle altre.

Rifletti: crea un’immagine riflessa di ogni pagina, con lo scopo di produrre un’emulsione
rivolta nella direzione richiesta. Le opzioni di riflessione seguenti non sono disponibili per
le stampanti diverse da PostScript e per i file PostScript indipendenti dalla periferica. Sono
90
disponibili le seguenti opzioni di riflessione:

• Nessuno. Non modifica la stampa. Questa è l’impostazione predefinita.


• Orizzontale. Riflette le pagine lungo l’asse orizzontale, il testo si legge a rovescio.
• Verticale. Riflette le pagine lungo l’asse verticale, il testo si legge a rovescio e dal basso
verso l’alto.
• Orizzontale e Verticale. Riflette le pagine lungo entrambi gli assi. Il risultato è lo stesso
di una rotazione di pagina di 180 gradi.

Negativo: inverte la polarità delle pagine; gli oggetti neri diventano bianchi e viceversa.
Viene di solito usata per produrre i negativi di pellicole. Questa opzione è disponibile solo
per la stampa in selezione colori e per quella in scala di grigi. Questa opzione adotta un
metodo setpagedevice, non una funzione di trasferimento. Di conseguenza, InDesign usa gli
stessi retini personalizzati per la stampa in negativo usati dal RIP.

Retinatura: specifica la combinazione di retino (in righe per pollice) e risoluzione (in punti
per pollice) della stampa. Le impostazioni di questo menu variano a seconda che la stampa
sia composita o in selezione colori:

• Per la stampa composita, è disponibile un’impostazione Predefinito. In questo modo,


vengono usate le impostazioni predefinite della periferica, visto che la maggior parte delle
periferiche desktop a colori non offrono un controllo sul retino usato da ogni inchiostro.
• Per le selezioni, le impostazioni disponibili sono fornite dal PPD della periferica di
destinazione e l’impostazione Predefinita non è disponibile.

InDesign CS usa solo le combinazioni di retino e di risoluzione descritte sopra. Per usare
una combinazione non presente, aggiungetela ad una copia personalizzata del PPD della
periferica.
Sezione Inchiostri
Le opzioni della sezione Inchiostri consentono di controllare il modo in cui i campioni di
colore del documento vengono convertiti in inchiostri da stampa. Questa sezione include
Gestione inchiostri, che semplifica la gestione degli inchiostri al momento dell’output senza
alterare i colori originali degli oggetti.
91

Elenco Inchiostri: visualizza tutti gli inchiostri e indica il loro stato di stampa. L’elenco può
contenere un numero minore di inchiostri in un ordine diverso rispetto a quello generato
dai campioni di colore del documento, se avete utilizzato Gestione inchiostri per riassegnare
gli inchiostri (mediante la creazione di alias inchiostro). In altri termini, l’elenco Inchiostri
funziona come un elenco filtrato da Gestione inchiostri.

Icona Stampa: ( ) indica che l’inchiostro verrà stampato.

Frequenza: specifica il retino, in righe per pollice, per il retino mezzatinta dell’inchiostro
selezionato.

Angolo: specifica l’angolo in gradi di rotazione del retino mezzatinta dell’inchiostro


selezionato.

Simula sovrastampa: consente di simulare la sovrastampa per le prove colore desktop.


Questa opzione deve essere disattivata per la stampa finale; è infatti destinata solo per le
prove colore. Non è disponibile quando selezionate la modalità di stampa Composito non
modificare.

Gestione inchiostri: fate clic per aprire la finestra di dialogo Gestione inchiostri.
Gestione inchiostri
Gestione inchiostri consente un controllo diretto sulla stampa delle selezioni dei colori
quadricromia e delle sovrapposizioni delle tinte piatte. Una nuova funzione chiave, l’alias
di inchiostro, consente di modificare rapidamente la relazione tra le tinte piatte di un
documento e le lastre di inchiostro generate durante la stampa in selezione colori, in modo
92
indipendente dalla palette Campioni. Ciò è necessario quando il documento del cliente
contiene un numero di tinte piatte maggiore di quello richiesto per la stampa. Senza
Gestione inchiostri, risulta difficile impostare eventuali tinte piatte superflue affinché
vengano stampate su altre lastre o convertire le tinte piatte in quadricromia. Bisognerebbe
alterare i colori nella palette Campioni o nelle versioni originali degli elementi grafici
inseriti, correndo il rischio di sconvolgere il design del cliente. Gestione inchiostri offre una
soluzione razionale; potete assegnare determinati colori a specifiche lastre, senza intervenire
sulla definizione dei colori originali.

Finestra di dialogo Gestione inchiostri

Gestione inchiostri include un elenco di inchiostri e delle opzioni per ogni inchiostro. Le
opzioni di inchiostro consentono di ridurre il numero totale di lastre, forzando la stampa di
una tinta piatta su un’altra lastra o convertendo una tinta piatta nel corrispondente valore
(per approssimazione) in quadricromia. Non è possibile assegnare una tinta piatta a un
singolo inchiostro di quadricromia.

Elenco Inchiostri: per impostazione predefinita, contiene tutti gli inchiostri presenti
nella palette Campioni. In altri termini, se il documento definisce 15 tinte piatte e usa
anche i colori in quadricromia, Gestione inchiostri elenca i primi 15, più i quattro della
quadricromia, ossia un totale di 19 inchiostri.

Nota: tenete presente che Gestione inchiostri elenca tutte le tinte piatte definite nella
palette Campioni, non solo gli inchiostri effettivamente usati dagli oggetti del documento.
Se l’elenco inchiostri contiene troppi inchiostri da gestire, è probabile che il documento
contenga molti colori non impiegati. Potrete discuterne con il cliente. Se necessario, potete
rimuovere il numero di lastre utilizzando l’opzione Alias inchiostro (che non modifica
i colori assegnati agli oggetti) o rimuovere i campioni non utilizzati mediante la palette
Campioni (che modifica i colori assegnati agli oggetti).
93
Eccetto il nome dell’inchiostro, ciascuna proprietà visualizzata nell’elenco inchiostri può
essere modificata nella sezione delle opzioni sotto l’elenco inchiostri. Ciascun inchiostro
nell’elenco visualizza le seguenti proprietà:

• Icona dello stato dell’inchiostro. Indica se l’inchiostro è impostato come selezione tinta
piatta ( ) o quadricromia ( ). Indica inoltre se l’inchiostro è associato tramite alias a
un altro inchiostro ( ).
• Nome dell’inchiostro. Visualizza il nome dell’inchiostro fornito dalla palette Campioni.
• Tipo. Indica le caratteristiche di abbondanza dell’inchiostro. I tipi di inchiostro sono
definiti nella sezione Opzioni inchiostro seguente.
• Densità. Indica la densità neutra dell’inchiostro. Questa opzione è descritta nella sezione
seguente Opzioni inchiostro.
• Sequenza. Indica la posizione dell’inchiostro nell’ordine di abbondanza degli inchiostri.
Questa opzione è descritta nella sezione seguente Opzioni inchiostro.

Opzioni inchiostro: questa sezione presenta le opzioni dell’inchiostro selezionato


nell’elenco.

• Tipo. Indica le caratteristiche di abbondanza dell’inchiostro. I tipi di inchiostro


disponibili sono quattro:
Normale per gli inchiostri di quadricromia classici e per la maggior parte degli inchiostri
tinta piatta.
Trasparente per gli inchiostri trasparenti, per applicare l’abbondanza agli elementi
sottostanti. Utile per le vernici e le linee di fustella.
Opaco per inchiostri pesanti e non trasparenti, per applicare l’abbondanza solo lungo i
bordi dell’inchiostro ma non ai colori sottostanti. Usate questa opzione per gli inchiostri
metallizzati.
Opaco (ignora) per gli inchiostri pesanti e non trasparenti, per non applicare
l’abbondanza né ai colori sottostanti né lungo i bordi dell’inchiostro. Usate questa
opzione per gli inchiostri che potrebbero interagire in modo non desiderato con altri
inchiostri.
• Densità neutra. Indica la densità neutra dell’inchiostro. Se l’abbondanza è attivata,
questo valore è usato per calcolare i requisiti di abbondanza. È possibile regolare i valori
di densità neutra degli inchiostri che verranno utilizzati per stabilire la posizione esatta
delle abbondanze. I valori di densità neutra predefiniti per gli inchiostri di quadricromia
si basano sui valori di densità neutra dei campioni di inchiostri di quadricromia
conformi agli standard vigenti nelle varie aree geografiche. ad esempio, le versioni
inglese U.S. e canadese di InDesign si basano su valori di densità neutra conformi ai
valori per inchiostri a tinta unita delle specifiche SWOP (Specifications for Web Offset
Publications), pubblicate dalla Graphic Arts Technical Foundation of North America.
L’opzione Densità nella seconda metà della finestra di dialogo consente di regolare la 94
densità neutra degli inchiostri di quadricromia per rispettare le norme industriali di
stampa di altri paesi. Consultate “Regolare la densità neutra” di seguito.
• Sequenza abbondanza. Indica la posizione dell’inchiostro nell’ordine di abbondanza
degli inchiostri. Nella maggior parte dei casi queste impostazioni vanno modificate solo
dopo aver consultato gli operatori di stampa.
Nota: la sequenza dell’inchiostro non agisce sull’ordine di selezione colore della stampa
e non influenza l’ordine degli inchiostri nella macchina da stampa. Comunica solo la
sequenza dell’inchiostro al motore di abbondanz, allo scopo di calcolare le abbondanze.
• Alias inchiostro. Specifica una tinta piatta o inchiostri in quadricromia differenti su
cui stampare oggetti utilizzando la tinta piatta selezionata, fornendo un modo per
assegnare un colore tinta piatta a un’altra piastra. Ad esempio, se il documento di
un cliente contiene dei colori in quadricromia più tre tinte piatte, ma dovrà in realtà
essere stampato con i quattro inchiostri di quadricromia più una tinta piatta, usate il
menu Alias inchiostro per associare gli oggetti (associati alle due tinte piatte superflue)
alla tinta piatta o all’nchiostro in quadricromia corretto. Ogni tinta piatta può essere
associata a qualsiasi tinta piatta, ma i singoli colori in quadricromia non possono fungere
da alias, né essere associati ad alias di qualsiasi altro inchiostro. Se l’opzione Tutte le
tinte piatte in quadricromia è attivata, vengono ignorati tutti gli alias inchiostro. Potete
modificare le impostazioni degli alias inchiostro in qualsiasi momento, in quanto
agiscono solo sulla stampa. Non hanno alcun effetto permanente sui colori definiti nel
documento originale.
95

La tinta piatta Blu 3 è associata con alias al colore PANTONE 2725 CVC. Le altre occorrenze del colore
Blu 3 verranno stampate sulla lastra PANTONE 2725 CVC. Gli altri campioni di colore nel documento
rimangono invariati.

Nota: l’alias inchiostro rientra tra le impostazioni di cui potete vedere l’anteprima su
schermo quando utilizzate la palette Anteprima selezioni.
• Tutte le tinte piatte in quadricromia. Sottopone tutte le tinte piatte (a prescindere
dallo stato) alla selezione colore negli equivalenti in quadricromia. Questa opzione
è disponibile solo quando le tinte piatte sono definite nel documento. Per convertire
una singola tinta piatta nell’equivalente in quadricromia, fate clic sull’icona di stato
dell’inchiostro per la tinta piatta [ ] per passare all’icona di colore in quadricromia [
].)

Nota: se accedete a Gestione inchiostri da Esporta PDF, le opzioni Tipo, Densità neutra
e Sequenza non influenzano il file PDF. Tutte le altre opzioni di Gestione inchiostri sono
supportate.

Regolare la densità neutra. I valori predefiniti della densità neutra di una tinta piatta si
basano sull’equivalente CMYK e sono in genere sufficientemente precisi per consentire
un’abbondanza corretta. Tuttavia, è possibile regolare i valori di densità neutra per quelle
tinte piatte difficilmente simulabili tramite gli inchiostri di quadricromia, in modo che
l’abbondanza venga applicata correttamente. Digitando nuovi valori potete garantire che
un inchiostro più chiaro o più scuro venga trattato come tale anche da InDesign e che
l’abbondanza venga quindi applicata automaticamente. La modifica della densità neutra
di una tinta piatta ha effetto solo sull’abbondanza generata e non ne modifica l’aspetto del
colore nel documento.
Nota: consultate i tecnici delle macchine da stampa prima di modificare i valori di densità
neutra. I valori predefiniti sono corretti per la maggior parte dei lavori che richiedono
inchiostri standard. Prima di modificare i valori correnti, prendetene nota; l’applicazione
non consente il ripristino dei valori predefiniti (a meno che non premiate su Annulla
in Gestione inchiostri). Per ripristinare i valori predefiniti di Densità neutra, usate le
impostazioni nella tabella seguente. 96

Impostazioni predefinite della densità neutra


Cyan quadricromia......................................................................... 0,61
Magenta quadricromia ................................................................0,76
Giallo quadricromia ....................................................................... 0,16
Nero quadricromia ...........................................................................1,7

Per modificare le impostazioni predefinite della densità neutra, dovete prima chiudere tutti i
documenti. Aprite Gestione inchiostri dal menu Campioni, perché il comando Stampa non è
disponibile senza documenti aperti.

I valori della densità neutra devono essere compresi tra 0,001 e 10. Per regolare i valori della
densità neutra, rispettate le indicazioni seguenti:

• Inchiostri metallizzati e opachi. Gli inchiostri metallizzati sono più scuri degli
equivalenti in CMYK, mentre quelli opachi coprono gli inchiostri sottostanti. Impostate
la densità per i colori tinta piatta metallizzati e opachi su valori molto più alti di quelli
predefiniti per evitare che venga applicata l’abbondanza positiva. Si consiglia inoltre di
impostare la densità di colori metallizzati a un valore più elevato di quello di Nero, per
evitare che il nero sbordi sulle tinte piatte metallizzate.
• Inchiostri pastello. Questi inchiostri sono più chiari degli equivalenti in quadricromia.
Potete impostare la densità di questi inchiostri su valori inferiori a quelli predefiniti per
applicare l’abbondanza positiva sui colori adiacenti più scuri.
• Altri inchiostri tinta piatta. Alcuni inchiostri tinta piatta, come il turchese e l’arancione
fluorescente, sono più chiari o più scuri degli equivalenti in CMYK. Confrontate
campioni stampati degli inchiostri con campioni degli equivalenti in CMYK Potete
aumentare o diminuire il valore della densità di un inchiostro tinta piatta secondo le
esigenze.
Scheda Grafica
La scheda Grafica controlla la stampa dei font e degli elementi grafici collegati.

97

Sezione Immagini
Invia dati: definisce le modalità di invio dei dati delle immagini collegate. È utile per
omettere delle immagini nella stampa delle bozze o per alcuni flussi di lavoro.

La sezione Immagini include le opzioni seguenti:

• Tutti. Invia tutti i dati delle immagini bitmap inserite. Questa è l’impostazione
predefinita, perché è la più usata nella stampa finale con periferiche ad alta risoluzione.
Rischia di rallentare la stampa nelle prove colore ad alta risoluzione con periferiche a
bassa risoluzione perché invia più dati di quelli necessari.
• Subsampling ottimizzato. Invia la quantità di dati sufficiente per stampare la grafica con
la risoluzione migliore per la periferica di output. Se prevedete di stampare delle prove
colore con periferiche di varie risoluzioni, questa opzione risparmia tempo perché invia
la quantità giusta di dati, evitando al contempo di inviare una quantità insufficiente di
dati (salvo se la risoluzione delle immagini stesse è scarsa).
• Proxy. Invia i dati della risoluzione dello schermo relativi alle immagini inserite. Risulta
utile quando i dettagli non sono importanti, come nella stampa di bozze di revisione. La
stampa è più veloce rispetto a Subsampling ottimizzato.
• Nessuno. Sostituisce tutte le cornici degli elementi grafici inseriti con una grande X per
accelerare al massimo la stampa. Per i service di stampa, questa impostazione è utile per
determinare se eventuali problemi sono causati dalle immagini o per la stampa di bozze 98
di revisione. Risulta utile anche per una copia di verifica.

S e z i o n e Fo n t
Tenete presente che se le opzioni per scaricare i font sono presenti anche nel driver della
stampante (accessibili con il pulsante Stampante nella finestra Stampa), i migliori risultati
si ottengono usando le impostazioni della finestra Stampa di InDesign, come descritto di
seguito.

Adobe InDesign CS include inoltre una nuova preferenza che consente di creare sottoinsiemi
di font contenenti un gran numero di glifi, come i font giapponesi. Per ulteriori informazioni
a riguardo, consultate “Controllare i sottoinsiemi per ampi set di caratteri durante l’output”
a pagina 11.

Menu Scaricamento: specifica la modalità di invio dei font richiesti per la stampa del
documento.

• Nessuno. Scarica solo i riferimenti ai font. Questa è l’opzione ideale se i font sono
presenti nella stampante e se siete certi che la versione di tali font è identica a quella dei
font sul computer host.
• Completo. Scarica tutti i font della pubblicazione all’inizio del lavoro di stampa anziché
all’inizio di ogni pagina.
• Sottoinsieme. Scarica nella stampante solo i caratteri (glifi) usati nel documento, una
volta per ogni pagina. I glifi vengono scaricati un’unica volta per pagina. InDesign invia
ciascun sottoinsieme di font con il relativo nome nel flusso PostScript, impedendo una
sostituzione di font indesiderata. Inoltre, i sottoinsiemi di font sono leggermente più
efficienti perché più piccoli e viaggiano meglio rispetto ai font completi.

Scarica font PPD. Scarica tutti i font richiesti per la stampa, anche quelli già residenti nella
stampante. In caso di duplicati, i font della stampante vengono ignorati e sovrascritti da
quelli del computer. Questa opzione è utile se:

• La versione del set di caratteri presente nella stampante non corrisponde a quella del
computer. Ad esempio, quando il font sul computer è un font TrueType e il font sulla
stampante è un Type 1.
• I profili dei caratteri devono essere esatti per l’applicazione dell’abbondanza, ma
raramente i profili presenti nella stampante corrispondano a quelli usati nel documento.
• Il PPD non è accurato.

Non è un’opzione di solito richiesta per la stampa di bozze con una stampante desktop, salvo
se dovete usare un set di caratteri estesi. Questa opzione è disabilitata se avete scelto Nessuno
nell’elenco a discesa Scaricamento.
99
Altre opzioni della scheda Grafica
Tenete presente che se le opzioni PostScript sono presenti anche nel driver della stampante
(accessibili con il pulsante Stampante nella finestra Stampa), i migliori risultati si ottengono
usando le impostazioni della finestra Stampa di InDesign, come descritto di seguito.

PostScript: specifica il livello di compatibilità PostScript del lavoro. Il livello di compatibilità


deve tenere conto della periferica di stampa o dell’applicazione dedicata alle fasi successive di
elaborazione. Il menu PostScript contiene le opzioni seguenti:

• Level 2. Stampa velocemente i lavori rispettando la qualità con periferiche che


supportano PostScript Level 2 o superiore.
• Level 3. Stampa i lavori alla massima velocità e qualità, ma richiede un RIP PostScript 3.
Questa opzione non è disponibile se è stato indicato un PPD che supporta solo PostScript
Level 2.

Formato dati: specifica se il formato dei dati PostScript inviati da InDesign è esadecimale o
binario (incluse le sfumature e i font). Tenete presente che il supporto per la stampa binaria
varia a seconda del driver di stampante. Il menu Formato dati contiene le opzioni seguenti:

• Binario. Invia i dati PostScript in formato binario, più compatto (quindi più veloce)
rispetto a quello ASCII, ma che potrebbe non essere compatibile con tutti i sistemi.
Questa opzione è l’ideale se usate un parco hardware e una struttura di reti aggiornati.
Tenete presente che Mac OS X 10.2 non supporta la stampa binaria, quindi il solo formato
dati disponibile per Mac OS X è ASCII, a meno che non selezionate il file PostScript come
dipendente dalla stampante e dalla periferica come PPD. È possibile che l’opzione Binario
sia presente in altre applicazioni in Mac OS X 10.2, ma è probabile che i dati vengano
effettivamente inviati come ASCII.
• ASCII. Invia il PostScript alla stampante come testo. La codifica ASCII rappresenta ogni
byte binario di dati con due byte esadecimali, raddoppiando all’incirca la dimensione dei
dati con conseguente rallentamento della stampa. Usate questa opzione se riscontrate dei
problemi con i dati binari in ambienti con vecchie reti, stampanti parallele e piattaforme
diverse.
Scheda Gestione colore
Questa scheda consente di controllare i lavori con gestione del colore. Le opzioni della
scheda sono disponibili solo se avete abilitato la gestione del colore in Modifica >
Impostazioni colore.

100

Anche con la gestione del colore abilitata, come nell’esempio, la disponibilità di alcune opzioni varia a
seconda del supporto della periferica di destinazione (in questo percorso di stampa indipendente dalla
periferica, si è scelto di proposito una periferica sconosciuta).

Sezione Spazio sorgente


Le opzioni di questa sezione definiscono lo spazio cromatico entro cui i colori del
documento vengono preparati per la stampa. La sezione Spazio sorgente contiene le opzioni
seguenti:

Documento: prepara l’invio dei colori del documento nello spazio cromatico di lavoro del
documento, come specificato nella finestra di dialogo Modifica > Impostazioni colore. Si
tratta dell’impostazione corretta per la maggior parte dei casi.

Bozza: prepara il colore del documento dopo averlo convertito nello spazio cromatico
attualmente selezionato in Visualizza > Imposta bozza. Questa opzione è applicabile solo in
casi particolari, in cui i colori da inviare sono diversi sia da quelli dello spazio cromatico, sia
da quelli della periferica di stampa, ad esempio se si deve simulare l’impostazione di prove
attuale (Web Coated SWOP U.S.) su una periferica di prove colore.

Sezione Spazio di stampa


Le opzioni di questa sezione definiscono lo spazio cromatico entro cui i colori dello spazio
sorgente vengono effettivamente inviati alla periferica di stampa. In sostanza, un lavoro con 101
gestione del colore viene inviato con un profilo o con la gestione colore della stampante. La
disponibilità di queste opzioni dipende dalle impostazioni dei driver della stampante e di
gestione del colore per il documento. Le opzioni CRD e Intento di rendering agiscono solo
sui lavori stampati su RIP con supporto della gestione del colore PostScript, processo diverso
dalla gestione del colore ICC a livello dell’applicazione, pur essendo compatibile con esso.
Gestione colore PostScript® consente a una periferica di output di effettuare le regolazioni
del colore necessarie per il proprio spazio del colore. La sezione Spazio di stampa contiene le
opzioni seguenti:

Profilo: lo spazio cromatico entro cui i colori dello spazio sorgente vengono effettivamente
inviati alla periferica di stampa. Il valore predefinito deriva dallo spazio di lavoro CMYK,
impostazione corretta se corrispondente alla stampa finale. Questo valore viene di solito
modificato se cambia la periferica di stampa finale; ad esempio, quando un lavoro destinato
in un primo tempo ad un tipo di macchina da stampa viene eseguito su un’altra che richiede
un profilo diverso.
• Gestione colore PostScript®. Questa opzione nel menu a comparsa Profilo è l’unica che
non è un profilo ICC. Abilita le opzioni CRD e Intento di rendering, non interviene sui
colori di origine salvo per includere le impostazioni di queste due opzioni (se specificate
sotto) e consente alla periferica di stampa di effettuare le regolazioni necessarie del suo
spazio cromatico. Selezionate questa opzione solo se il RIP supporta Gestione colore
PostScript.

CRD: invia assieme al lavoro un dizionario di rendering del colore (Color Rendering
Dictionary) alla periferica di stampa. Un CRD è equivalente ad un profilo di stampa,
ma presenta un formato specifico alla gestione del colore PostScript. Nella stragrande
maggioranza dei casi, lasciate l’impostazione su Predefinito. Il CRD del computer ha la
precedenza sul CRD della periferica; modificate il valore predefinito solo se il computer host
contiene un profilo ICC per la periferica, più aggiornato e accurato rispetto al CRD del RIP.

Intento: invia un intento di rendering alla periferica di stampa. Questa opzione è


disponibile solo se avete scelto Bozza nello spazio di origine in modo da potere controllare la
conversione della gamma della periferica nel passaggio dalla bozza alla periferica di stampa.
Scheda Avanzate
La scheda Avanzate consente di controllare i flussi di lavoro OPI e la conversione di
sfumature e trasparenze in un formato compatibile con la maggior parte delle periferiche di
stampa.

102

S e z i o n e O PI
Le opzioni di questa sezione abilitano il supporto per i flussi di lavoro OPI (Open Prepress
Interface). Per il corretto funzionamento di queste opzioni, le versioni ad alta risoluzione
degli elementi grafici collegati devono essere disponibili, laddove richiesti dal server OPI. La
sezione OPI include le opzioni seguenti:

Sostituzione immagini OPI: consente a InDesign di agire come server OPI e di sostituire
gli elementi grafici collegati all’interno dei file EPS inseriti. È utile se dovete stampare dati
ad alta risoluzione invece di segnaposti OPI a bassa risoluzione (come nella conversione di
trasparenze). Quando attivate l’opzione Sostituzione immagini OPI, tenete presente quanto
segue:
• Quando inserite un file EPS, selezionate l’opzione Leggi collegamenti immagine OPI
incorporata della finestra Importa EPS, per poter sostituire poi i collegamenti OPI
durante la stampa.
• InDesign deve avere accesso alle immagini collegate tramite i commenti OPI. Se le
versioni ad alta risoluzione non sono disponibili, InDesign mantiene i collegamenti OPI e
include il proxy a bassa risoluzione nel flusso di stampa. 103

• Non selezionate questa opzione se il server OPI è incaricato di risolvere i collegamenti


OPI più avanti nel flusso di lavoro.

Ometti per OPI: consente di omettere in modo selettivo gli elementi grafici importati se
questi verranno poi sostituiti da parte della soluzione OPI, sulla base del tipo di file di
grafica, EPS (encapsulated PostScript graphics), PDF (file Acrobat) o Immagini bitmap. I file
Photoshop EPS sono considerati file EPS anche se contengono solo dati bitmap. La selezione
di una di queste opzioni esclude i file importati di quel tipo dal flusso di stampa, invece di
generare dei commenti OPI per la successiva gestione da parte del server OPI. Il percorso
del service di stampa deve disporre dell’accesso alla versione originale ad alta risoluzione
dell’immagine su un server al momento della sostituzione, altrimenti la grafica non verrà
stampata. Questa opzione trova un’applicazione utile per i file di grafica voluminosi e
difficili da memorizzare o trasmettere con il file InDesign.

Nota: particolare cura deve essere posta nell’uso di immagini OPI associate a trasparenze.
La conversione della trasparenza secondo la risoluzione delle fotounità richiede i dati
dell’immagine ad alta risoluzione. Per informazioni sui flussi di lavoro e le trasparenze con
OPI, consultate “Convertire la trasparenza nei flussi di lavoro OPI” a pagina 57.

S e z i o n e M o d u l o c o nve r t i t r a s p a r e n z a
Questa sezione controlla l’applicazione di un predefinito di conversione della trasparenza
su un lavoro. Notate che la trasparenza può essere convertita su ciascuna pagina affiancata
in maniera differente dal cliente o dal service di stampa che utilizza la precedenza pagine
affiancate. Per applicare un singolo predefinito all’intero documento, fate clic sull’opzione
Ignora precedenza pagine affiancate. Per ulteriori informazioni, consultate “Convertire la
trasparenza per la stampa ad alta risoluzione” a pagina 51.

Predefinito: il predefinito di conversione trasparenza da applicare alla trasparenza nel


file. I predefiniti di conversione della trasparenza elencati sono quelli definiti in Modifica >
Predefiniti di conversione trasparenza. Di solito, per la stampa finale ad alta risoluzione,
dovete usare il predefinito incorporato Alta risoluzione o un predefinito personalizzato
adatto ai requisiti di alto livello della stampa finale.

• Ignora precedenza pagine affiancate. Annulla il predefinito di conversione della


trasparenza applicato a pagine affiancate (impostazioni di conversione della trasparenza
applicate a specifiche pagine affiancate) e li sostituisce con il predefinito specificato
nella finestra di dialogo Stampa. Questo metodo garantisce l’applicazione di un unico
predefinito a tutte le conversioni di trasparenze del documento e risulta utile se i
predefiniti usati dal cliente non sono adatti per la stampa finale di alto livello.
Scheda Riepilogo
La scheda Riepilogo fornisce un resoconto completo sulle impostazioni di stampa correnti. Il
riepilogo può essere salvato per la risoluzione dei problemi e lo scambio delle impostazioni 104

tra addetti ai lavori e per archiviare le impostazioni esatte da utilizzare per la stampa di un
lavoro.

In Adobe InDesign CS, il file PPD di destinazione e il relativo percorso completo, sono ora
inclusi nel riepilogo.

Salva riepilogo: salva il riepilogo come file di testo per l’invio, la stampa o l’archiviazione.
Esportare file Adobe PDF
La funzione di esportazione PDF è stata progettata per assomigliare il più possibile a quella
di stampa. InDesign fornisce inoltre dei predefiniti di esportazione PDF con cui applicare
delle impostazioni già pronte. Per questi motivi, l’esportazione dei file PDF richiede, sia per
105
voi che per i vostri clienti, una formazione minima.

Questa sezione descrive le impostazioni e le opzioni disponibili per l’esportazione di un


documento InDesign in un file Adobe PDF. Quando scegliete File > Esporta e selezionate
Adobe PDF, InDesign genera un file esportato completamente indipendente e senza l’uso di
un driver di stampa PostScript o di un PPD. Inoltre, quando esportate in un file Adobe PDF,
invece di usare Acrobat Distiller per creare il file, InDesign usa la libreria PDF interna (che
supporta PDF 1.3-1.5) assieme ad Adobe Graphics Manager. Se usate delle applicazioni
dedicate per l’imposizione dei documenti, potete usare questo approccio e specificare quindi
le impostazioni di stampa dipendenti da periferica nel software di imposizione invece che
nell’applicazione del layout di pagina. Un altro vantaggio per voi e per i vostri clienti è
quello di esportare i file PostScript o EPS per creare dei file PDF pronti per la stampa. Questo
approccio vi evita tutti i problemi di versioni di driver di stampante, di PPD e di opzioni di
stampa associati alla stampa di file PostScript compositi. Potete continuare a usare Acrobat
Distiller per creare dei file PDF a partire da file PostScript creati in InDesign, per usufruire
di opzioni non disponibili nella finestra di dialogo Esporta PDF.

Nota: se voi state creando un file PDF da tutti i documenti in un file libro, scegliete Esporta
libro su PDF dal menu della palette libro quando non è selezionato alcun documento nella
palette libro.

Le opzioni della finestra di Dialogo Esporta PDF sono analoghe a quelle della finestra di
dialogo Stampa. Anche la disposizione delle varie opzioni è simile a quella della finestra
Stampa. La parte superiore della finestra Esporta PDF visualizza il menu Predefinito che
elenca i predefiniti di esportazione PDF in uso. In alto a sinistra appare un elenco delle
schede della finestra di dialogo. Fate clic su una voce dell’elenco per passare a un’altra
scheda o premete Ctrl+freccia su o giù. La finestra di dialogo Esporta PDF include le schede
seguenti:

• Generali (pagina 107). Informazioni generali sull’operazione PDF, come l’intervallo di


pagine e gli attributi PDF esportati. La conformità degli standard è specificata anche qui.

• Compressione (pagina 110). Analogamente ad Acrobat Distiller, queste opzioni controllano


l’equilibrio tra la dimensione del file e la qualità di stampa.

• Indicatori e pagina al vivo (pagina 112). Opzioni per gli elementi aggiunti fuori dall’area
della pagina, come i segni di stampa.
• Avanzate (pagina 113). Opzioni per il controllo del colore, dei font, per la sostituzione di
immagini OPI e per la conversione delle trasparenze.

• Protezione (pagina 116). Opzioni per limitare l’accesso al file PDF esportato.

• Riepilogo (pagina 117). Resoconto di tutte le impostazioni di stampa che si possono salvare
in un file formato testo.
106

Aree comuni
Come nella finestra di dialogo Stampa, l’unica area che cambia in questa finestra è la sezione
contenente opzioni specifiche per ogni scheda. Tutte le altre sezioni della finestra sono
comuni e rimangono visibili in tutte le schede.

Menu Predefinito
I predefiniti di esportazione PDF inclusi in InDesign sono molto simili a quelli di Acrobat
Distiller 5. Il loro funzionamento è analogo a quello dei predefiniti di stampa. Per accedere
ai predefiniti, scegliete File > Predefiniti di esportazione PDF. Per creare uno stile di
esportazione PDF, fate clic su Salva stile nella finestra di dialogo Esporta PDF.

InDesign integra quattro predefiniti di esportazione PDF che potete visualizzare dal menu
a comparsa Stampa. Di norma, i service di stampa devono usare il predefinito Macchina
da stampa o il predefinito Macchina da stampa come punto di partenza per creare un
predefinito di esportazione PDF personalizzato. Le impostazioni del predefinito Macchina
da stampa variano a seconda del livello di qualità richiesto per la prestampa. I predefiniti
PDF/X-1a e PDF/X-3 sono standard ISO di qualità di prestampa e possono essere richiesti
da alcuni clienti. Per una descrizione completa sull’uso dei predefiniti di esportazione PDF,
consultate “Semplificare il flusso di stampa con i predefiniti PDF” a pagina 123,

Nota: controllate periodicamente le impostazioni Adobe PDF di InDesign nella scheda


Riepilogo della finestra Esporta PDF. InDesign usa sempre l’ultima serie di opzioni definite;
non richiama automaticamente le impostazioni predefinite.
Scheda Generali
La scheda Generali contiene delle opzioni di base per la stampa come quelle della finestra
di dialogo Stampa (consultate la descrizione della scheda Generali della finestra Stampa, a
pagina 76). La scheda consente inoltre di specificare gli attributi PDF esportati.

107

S e z i o n e Pa g i n e
La sezione Pagine è identica a quella della finestra Stampa, salvo per l’assenza delle opzioni
Sequenza e Stampa pagine mastro. Consultate “Sezione Pagine” a pagina 77.

Nota: chiedete al cliente di non attivare l’opzione Pagine affiancate, perché può interferire
con i flussi di lavoro di imposizione.

Sezione Opzioni
Il menu a comparsa Compatibilità include le seguenti opzioni:

Acrobat 4: genera un file tramite lo standard PDF 1.3. Mantiene la compatibilità con
software o hardware non compatibile con le funzioni di Acrobat 5 (PDF 1.4) o Acrobat 6
(PDF 1.5), come la trasparenza attiva. Se selezionate questa opzione, la trasparenza deve
essere convertita.

Acrobat 5: genera un file tramite lo standard PDF 1.4. Scegliete questa opzione per includere
la trasparenza attiva in un file PDF.

Acrobat 6: genera un file tramite lo standard PDF 1.5. Scegliete questa opzione per includere
la trasparenza attiva in un file PDF e convertire i livelli InDesign in livelli PDF. Prima di
selezionare questa opzione, verificate che ogni flusso di lavoro downstream coinvolto (come i
RIP e le applicazioni di prestampa) supporti PDF 1.5.

Il menu a comparsa Standard include le seguenti opzioni:

PDF/X-1a: una specifica dello standard ISO che richiede la compatibilità PDF 1.3
(Acrobat 4), uno spazio cromatico di stampa CMYK e nessun contenuto OPI omesso. 108

PDF/X-3: simile a PDF/X-1a ma a differenza di quest’ultimo consente flussi di lavoro RGB e


con gestione colore e non richiede impostazioni di protezione.

Nota: PDF/X-1a e PDF/X-3 possono essere selezionati entrambi come predefiniti nonché dal
menu a comparsa Standard. Selezionandoli nel menu a comparsa Standard non modificate
le opzioni nel resto della finestra di dialogo come succederebbe con il predefinito, ma con
alcune speciali opzioni della finestra di dialogo siete limitati alle impostazioni conformi allo
standard selezionato.

Le seguenti opzioni sono disponibili anche nella sezione Opzioni:

Incorpora miniature pagine: crea una miniatura per ogni pagina esportata o per ogni
foglio se è stata selezionata l’opzione Pagine affiancate nella scheda Generali. Acrobat 5 e 6
generano automaticamente delle miniature, per cui questa opzione è più utile per Acrobat 4,
in cui potete ridurre la dimensione del file se deselezionate questa opzione.

Ottimizza per accesso rapido sul Web: ottimizza un file Adobe PDF per ridurne le
dimensioni. InDesign ristruttura il file per lo scaricamento di una pagina alla volta
(byte serving) dai server Web. Questa opzione comprime il testo e la grafica ignorando
le impostazioni di Compressione selezionate. In tal modo, l’accesso e la visualizzazione
risulteranno molto più rapidi durante lo scaricamento del file dal Web o dalla rete.

Visualizza PDF dopo l’esportazione: apre il file Adobe PDF in Acrobat. Per ottenere risultati
migliori, consigliamo di usare Acrobat 5 o Acrobat 6 Professional. Utilizzando questo
formato la trasparenza può essere visualizzata in Acrobat 5 o Acrobat 6 Professional. Il
comando Anteprima sovrastampa mostra a video il risultato della sovrastampa.

Crea livelli Acrobat: converte i livelli InDesign in livelli PDF. Questa opzione è disponibile
solo se avete selezionato Acrobat 6 (PDF 1.5) dal menu a comparsa Compatibilità. Quando
selezionata, i segni di stampa vengono posizionati su un nuovo livello denominato Segni
di stampa. Tenete presente che i livelli PDF in genere vengono utilizzati per controllare la
visualizzazione di più gruppi di contenuto, non semplicemente per organizzare gli oggetti.
Non selezionate questa opzione a meno che non usiate InDesign per creare contenuto che
sfrutti le funzionalità del livello PDF.
Includi
Questa sezione consente di specificare quali funzioni Acrobat sono incluse nel file PDF.

Segnalibri: crea dei segnalibri per le voci di sommario InDesign mantenendo i livelli
di sommario. Questa opzione consente inoltre di creare dei segnalibri Adobe PDF per i
collegamenti ipertestuali presenti nel documento InDesign, utili per navigare in Acrobat o 109
Acrobat Reader®.

Collegamenti ipertestuali: crea dei collegamenti ipertestuali a partire dai collegamenti


ipertestuali, dalle voci di sommario e di indice di InDesign. I collegamenti ipertestuali sono
supportati al 100% in Acrobat o Acrobat Reader®.

Oggetti non stampabili: esporta tutti gli oggetti, inclusi quelli con l’opzione Non stampabile
attivata nella palette Attributi.

Guide e griglia linee di base visibili: esporta le guide dei margini, del righello e delle
colonne e le griglie delle linee di base attualmente visibili nel documento. Le griglie e le
guide vengono esportate con lo stesso colore usato nel documento.

Tag per eBook: genera un file Adobe PDF che applica automaticamente i tag agli elementi
del brano, in base a un sottoinsieme di tag Acrobat 5 e Acrobat 6 Professional supportati da
InDesign.

Elementi interattivi: esporta filmati, audio e tutti gli stati dei pulsanti attivati. Anche se non
è direttamente rilevante per i progetti di prestampa, in tal modo viene consentito il supporto
di authoring multimediale in InDesign CS per tradurre direttamente nelle funzionalità
corrispondenti in Acrobat.

Multimedia: specifica se i filmati o l’audio sono collegati o incorporati nel PDF. Questa
opzione è disponibile solo quando Elementi interattivi è selezionata e non influenza i
pulsanti. Se Collega tutto è selezionata, archiviate i filmati e l’audio collegati nella stessa
cartella del PDF. Usa impostazioni oggetto fa sì che le impostazioni applicate ai singoli
oggetti determinino i collegamenti e gli incorporamenti. Incorpora tutto incorpora tutti i gli
elementi multimediali, indipendentemente dalle impostazioni dell’oggetto.
Scheda Compressione
La scheda Compressione contiene delle opzioni per ridurre le dimensioni di un file PDF. Per
ottenere i migliori risultati in un flusso di lavoro del service di stampa, la compressione deve
essere limitata in modo che non comprometta la qualità di stampa del file. Per semplificare
l’apprendimento, questa scheda ora è molto simile alla scheda Compressione in Adobe
Illustrator CS e Acrobat Distiller 6. 110

Le opzioni in questa scheda consentono di controllare la compressione delle immagini e


degli altri elementi nel documento InDesign. Per ogni tipo di immagine, potete scegliere
tra il downsampling (che usa la media dei valori del colore in un’area di campionatura) e
il subsampling (che usa il valore del colore del pixel al centro dell’area di campionatura).
Il downsampling bicubico è il metodo più lento ma più preciso e produce le gradazioni di
tonalità più uniformi.

Nel flusso di lavoro di un service di stampa, la qualità della stampa rappresenta la


priorità. Se viene applicata la compressione, il downsampling è preferibile al subsampling
e la compressione senza perdita fornisce una qualità superiore alla compressione con
perdite. Tenete presente che voi o il vostro cliente potete semplificare le decisioni sulla
compressione semplicemente scegliendo il predefinito Macchina da stampa, che utilizza già
le impostazioni di compressione appropriate per un flusso di lavoro del service di stampa.

Immagini a colori: per comprimere le immagini a colori, selezionate il downsampling


e specificate un valore dpi; InDesign effettua il downsampling dell’immagine se la sua
risoluzione supera di una volta e mezza il valore che specificate. Per la compressione, si
consiglia di scegliere Auto e il parametro Max per la qualità. Tenete presente che la
compressione JPEG 2000 (disponibile quando specificate la compatibilità Acrobat 6)
potrebbe non essere supportata da tutti i RIP e le applicazioni di prestampa.

Immagini in scala di grigi: per comprimere le immagini in scala di grigi, selezionate il


downsampling e specificate un valore dpi; InDesign effettua il downsampling dell’immagine
111
se la sua risoluzione supera di una volta e mezza il valore che specificate. Per la compressione,
si consiglia di scegliere Auto e il parametro Max per la qualità. Tenete presente che la
compressione JPEG 2000 (disponibile quando specificate la compatibilità Acrobat 6)
potrebbe non essere supportata da tutti i RIP e le applicazioni di prestampa.

Immagini monocromatiche: per comprimere le immagini a 1 bit, selezionate il


downsampling e immettete la risoluzione della periferica di stampa finale. Quindi,
selezionate CCITT Gruppo 4 per la compressione con perdita di dati ridotta al minimo.
InDesign supporta le opzioni di compressione CCITT Gruppo 3 e Gruppo 4. CCITT Gruppo
3, usata dai fax più diffusi, comprime le immagini bitmap monocromatiche una riga alla
volta. L’opzione Run Length comprime senza perdite e produce i migliori risultati con le
immagini contenenti ampie aree di nero o bianco pieno.

Comprimi testo e grafica: opzione selezionata per impostazione predefinita; si consiglia


di lasciarla tale. InDesign usa la compressione senza perdita di dati in modo da non
compromettere la qualità di questi elementi nel file PDF.

Ritaglia dati immagine in base alle cornici: questa opzione riduce le dimensioni del file
esportando solo i dati immagine compresi nella parte visibile della cornice. Non selezionate
questa opzione se in successive fasi di elaborazione saranno necessari anche i dati immagine
che non rientrano nella cornice (ad esempio, per riposizionare l’immagine o per stamparla
al vivo).
Scheda indicatori e pagina al vivo
Questa scheda controlla gli elementi che si estendono oltre il bordo della pagina, come
i segni di taglio e l’area di pagina al vivo. La scheda Indicazioni e pagine al vivo della
finestra di dialogo esporta PDF è identica a quella presente nella finestra di dialogo Stampa.
Come nella finestra di dialogo Stampa, questa scheda ora include controlli aggiornati
corrispondenti al supporto avanzato di aree di pagina al vivo e di indicazioni in Adobe 112

InDesign CS. Consultate “Scheda Indicatori e pagine al vivo” a pagina 84.

Se si esporta una pagina in PDF con segni, l’area al vivo e l’area indicazioni, accertatevi di
specificare un formato pagina abbastanza ampio da contenerli.
Scheda Avanzate
La scheda Avanzate contiene le opzioni per la conversione dei colori, l’incorporamento di
sottoinsiemi di font, l’omissione di elementi grafici per la sostituzione OPI o la selezione di
un predefinito di conversione della trasparenza.

113

S e z i o n e Co l o r e
Le impostazioni Colore determinano in che modo le informazioni sul colore vengono
rappresentate nel file Adobe PDF esportato. Ad esempio, se il cliente ha usato oggetti sia
RGB che CMYK, le impostazioni del colore determinano la conversione degli oggetti RGB
in CMYK durante l’esportazione, come la funzione svolta dalla scheda Output della finestra
Stampa (vedete pagina 87). Durante la conversione dei colori vengono conservate tutte
le informazioni sui colori tinta piatta; solo i colori di quadricromia equivalenti vengono
convertiti nello spazio cromatico designato.

Colore: specifica il tipo dell’eventuale conversione del colore da applicare. Nella prestampa,
le scelte più appropriate sono Non modificare o CMYK. Scegliete una delle seguenti opzioni:

• Non modificare. Questa opzione è adatta per i documenti in cui le modalità del colore
sono applicate in modo corretto.
• RGB. Crea file PDF adatti per la visualizzazione a schermo o per flussi di lavoro RGB
compositi.
• CMYK. Crea un file PDF pronto per la stampa in selezione, rappresentando tutti i valori
di colore nella gamma di inchiostri quadricromia cyan, magenta, giallo e nero.
Profilo destinazione: specifica il profilo da usare per la conversione del colore. Opzione
disponibile se avete attivato la gestione del colore. I profili di questo menu sono N/D, Solo
RGB o Solo CMYK, a seconda dell’opzione selezionata nel menu Colore. Se la gestione
del colore è attivata, InDesign usa il profilo di destinazione per descrivere la gamma della
periferica di output RGB o CMYK finale, quale il monitor o uno standard SWOP. Tramite
questo profilo, InDesign converte le informazioni sul colore del documento (definite dal 114
profilo di origine nella sezione Spazi di lavoro della finestra di dialogo Impostazioni colore)
nello spazio colore della periferica di output

Includi profili ICC: incorpora le informazioni sul profilo per la gestione del colore al
momento della visualizzazione o della stampa. In tal modo, l’applicazione o periferica
per l’output dal file Adobe PDF che richiede la conversione dei colori in un altro spazio
cromatico potrà disporre delle necessarie informazioni sul profilo.

Simula sovrastampa: esporta il file PDF e include gli effetti di sovrastampa dove è stata
applicata utilizzando la palette Attributi. Questa opzione è utile per sottoporre al cliente
i risultati delle prove colore con Acrobat 4.0, che a differenza di Acrobat 5 o Acrobat 6
Professional non supporta l’anteprima della sovrastampa. In tal modo, potrete verificare su
schermo i colori del documento prima di riprodurli su una periferica di output.

Nota: Simula sovrastampa serve per la revisione e le prove colore del cliente, non abilitate
Simula sovrastampa per un PDF utilizzato per generare selezioni o stampa finale ad alto
livello. Le tinte piatte non vengono mantenute se l’opzione Anteprima sovrastampa è attivata.

Gestione inchiostri: controlla l’impostazione dell’inchiostro per la successiva selezione


colori nel flusso di lavoro, senza modificare il documento originale del cliente. Consultate
“Gestione inchiostri” a pagina 92. Tenete presente che le modifiche apportate al documento
tramite Gestione inchiostri dalla finestra Esporta PDF (per esempio, la conversione delle
tinte piatte nell’equivalente quadricromia), vengono riportate nel file esportato e salvate con
il documento InDesign, ma non vengono salvate con il predefinito di esportazione PDF a
meno che non lo aggiorniate.

S e z i o n e PD F / X
Selezionate Profilo intento di output per il file PDF. Questa opzione è disponibile solo se
avete selezionato un predefinito PDF/X o lo standard PDF/X nella scheda Generali. Per
ulteriori informazioni sugli standard PDF/X, consultate “Informazioni sui predefiniti di
esportazione PDF incorporati” a pagina 123.

Profilo intento di output:incorpora un profilo che rappresenta il tipo di output CMYK per
cui il documento è stato preparato.
S e z i o n e Fo n t
InDesign incorpora sempre il font a meno che il produttore ne abbia limitato l’uso.
L’incorporamento previene la sostituzione del font durante le modifiche e assicura una
visualizzazione del testo nel font originale.

Se InDesign non riesce a incorporare un font a causa delle limitazioni imposte dal 115
produttore e se il file Adobe PDF viene aperto o stampato senza poter accedere al font
originale, InDesign sostituisce temporaneamente il font mancante con un font Multiple
Master: AdobeSerMM per tutti i font con grazie e AdobeSanMM per tutti i font senza grazie.
I font Multiple Master simulano la metrica e i fine riga del font originale e mantengono la
struttura del layout.

Incorpora sottoinsiemi di font se la percent. di caratteri usati è inferiore a: incorpora solo


i glifi effettivamente digitati nel documento, sulla base di una percentuale di soglia. Tale
soglia determina quando InDesign dovrà incorporare tutti i caratteri di un font, anziché un
sottoinsieme. Se ad esempio impostate il limite su 35, InDesign incorpora tutti i caratteri
solo se nel file viene usato più del 35% dei caratteri del font; se la percentuale dei caratteri
usati è inferiore al 35%, InDesign incorpora solo i caratteri effettivamente usati.

Per la stampa ad alta risoluzione, si consiglia di incorporare i sottoinsiemi dei font per essere
sicuri che i glifi usati nel documento siano gli stessi usati dalla periferica di stampa. Se non
create i sottoinsiemi dei font, alcuni glifi possono presentare lievi differenze nella stampa
rispetto a quelli delle versioni del font usate nel documento. Per questo motivo, il predefinito
di esportazione PDF Macchina da stampa prevede la creazione di sottoinsiemi di tutti i font
con una percentuale di utilizzo inferiore a 100%.

S e z i o n e O PI
Le opzioni OPI della finestra di dialogo Esporta PDF sono identiche a quelle della finestra
Stampa, salvo per l’assenza dell’opzione Sostituzioni immagini OPI. Consultate “Sezione
OPI” a pagina 102.

Le opzioni OPI in questa finestra di dialogo non modificano quelle della finestra di dialogo
Stampa.

S e z i o n e M o d u l o c o nve r t i t r a s p a r e n z a
Analogamente alla stampa, potete applicare un predefinito di conversione della trasparenza
anche per l’esportazione PDF. La sezione Modulo converti trasparenza della finestra di
dialogo Esporta PDF funziona in modo identico a quella della scheda Avanzate della finestra
Stampa. Consultate “Sezione Modulo converti trasparenza” a pagina 103.

Il predefinito di conversione trasparenza specificato in questa finestra di dialogo non


modifica l’impostazione della finestra di dialogo Stampa.
Scheda Protezione
Quando esportate un documento Adobe PDF, potete limitarne l’accesso. Quando i file
presentano funzioni limitate, tutti gli strumenti e i menu correlati a queste funzioni sono
inattivi. In Adobe InDesign CS, la scheda Protezione è conforme alla stessa scheda in
Adobe Illustrator CS e Acrobat 6 Professional.
116

Nota: i predefiniti di esportazione PDF non supportano le password e le impostazioni


di protezione. Se esportate un documento che include la protezione e fate clic su Salva
predefinito dalla finestra di dialogo Esporta PDF, le password e le impostazioni di protezione
non verranno mantenute.

S e z i o n e Pa s s wo r d
Un file Adobe PDF può presentare una password di apertura del documento (password
utente) e una password di modifica delle impostazioni di protezione (password primaria).
Se impostate delle protezioni nel file, dovete anche specificare una password primaria per
evitare che tutti coloro che aprono il file possano rimuovere tali limitazioni. Se un file viene
aperto tramite una password primaria, le protezioni sono temporaneamente disattivate. Se il
file presenta entrambe le password, potete aprirlo con una delle due.

La protezione del PDF può causare ritardi nei flussi di prestampa quando gli addetti alla
gestione del downstream del file non conoscono la password. Per questo motivo, la specifica
PDF/X-3 non consente l’uso delle impostazioni di protezione.
Richiedi una password per aprire il documento: impedisce l’accesso al file se digitate la
password utente sbagliata. La password è richiesta anche se il file PDF viene aperto in un
altro programma come Adobe Illustrator. Se selezionate questa opzione, immettete una
Password di apertura documento.

Usa una password per limitare stampa, modifica e altre operazioni: subordina le azioni
117
della sezione Autorizzazioni della scheda Sicurezza all’immissione della password primaria
corretta. Se selezionate questa opzione, immettete una password per le autorizzazioni.
La password deve essere diversa dalla password di apertura documento. Per modificare
qualsiasi opzione della sezione Autorizzazioni, dovete immettere la password.

S e z i o n e Au t o r i z z a z i o n i
Stampa consentita: controlla il livello in cui è consentita la stampa. Per i service di
prestampa, questa opzione va impostata su Alta risoluzione se Password per le autorizzazioni
è attiva. L’opzione Nessuna impedisce la stampa, che può essere utile per la revisione a video
del materiale in cui la riservatezza è importante.

Modifiche consentite: definisce le modifiche consentite. Nessuno impedisce tutte le


modifiche, incluse le firme e i campi moduli. Gli altri nomi dell’opzione descrivono l’ambito
delle restrizioni.

Consenti copia di contenuti e accesso per ipovedenti: consente agli utenti ipovedenti di
utilizzare lettori video per leggere il contenuto del documento. Gli utenti possono anche
copiare ed estrarre le informazioni dal documento.

Scheda Riepilogo
La scheda Riepilogo fornisce un resoconto completo sulle impostazioni di esportazione
correnti. Il riepilogo può essere salvato per la risoluzione dei problemi e lo scambio delle
impostazioni tra addetti ai lavori.

Salva riepilogo: salva il riepilogo come file di testo per l’invio, la stampa o l’archiviazione.
Semplificare il flusso di stampa con i
predefiniti di stampa
I predefiniti di stampa di InDesign sono la soluzione ideale per stampare i file InDesign 118
nel minor tempo e con il minimo sforzo possibile. Grazie ai predefiniti di stampa, le
impostazioni dei lavori possono essere facilmente standardizzate, limitando al massimo i
potenziali errori.

Prima di iniziare a gestire i file del cliente, dovete impostare dei predefiniti di stampa
specifici per ogni flusso di lavoro. Potrete poi applicare al file del cliente il predefinito di
stampa e molte o tutte le opzioni specifiche per la vostra configurazione verranno applicate
immediatamente. In molti casi, le sole opzioni da modificare riguarderanno piccoli dettagli
legati a un particolare lavoro. La creazione di un predefinito di stampa per ogni flusso di
lavoro usato regolarmente risulta in un risparmio di tempo e in una riduzione degli errori.

Un predefinito di stampa di InDesign memorizza tutte le impostazioni (incluse quelle della scheda Output)
della finestra di dialogo Stampa.
Impostare i predefiniti di stampa
Potete creare un predefinito di stampa a prescindere dalla presenza o meno di un documento
aperto o a partire dalla finestra di dialogo Stampa. Un predefinito di stampa salva lo stato di
tutte le opzioni delle schede della finestra Stampa. I documenti aperti possono condividere
gli stessi predefiniti di stampa o usarne ognuno uno diverso.
119
La finestra di dialogo Stampa di InDesign contiene le opzioni presenti nella maggior parte
delle stampanti. Tuttavia alcune impostazioni speciali, come il controllo dei cassetti della
carta o della fascicolazione, devono essere impostate dalle finestre specifiche della stampante
stessa. Le opzioni impostate al di fuori della finestra di dialogo Stampa non possono
essere salvate in un predefinito di stampa; se possibile, salvatele con la funzione del driver
(pulsante Salva impostazioni o altro nome a seconda del driver).

Per creare un predefinito di stampa:


1. Scegliere File > Predefiniti di stampa > Definisci. Per modificare lo stile predefinito,
scegliete la voce Predefinito nell’elenco dei predefiniti di stampa.

2. Effettuate una delle seguenti operazioni:


• Se intendete modificare lo stile predefinito, fate clic su Modifica.
• Se intendete creare un nuovo predefinito, fate clic su Nuovo. All’apertura della finestra
di dialogo Stampa, digitate un nome di predefinito nella casella Nome in alto nella
finestra.
3. Scegliete le opzioni richieste in ogni scheda. Potete specificare tutte le opzioni disponibili
tramite la finestra di dialogo Stampa di InDesign.
4. Fate clic su Imposta (Windows) o su Stampante (Mac OS X) e impostate i parametri
richiesti per la periferica.
Nota: se un’opzione è presente sia nella finestra di dialogo di InDesign che in quella della
periferica, si consiglia di impostarla in quella di InDesign per poterla salvare con un
predefinito di stampa. Usate la finestra di dialogo della stampante solo per quelle opzioni
che non sono disponibili nella finestra Stampa di InDesign. 120

5. Salvate le impostazioni specifiche per la stampante:


• In Windows, le impostazioni vengono salvate quando fate clic su Stampa nella finestra
Stampa.
• In Mac OS X, fate clic su Registrazione Impostazioni Ad Hoc.

6. Se la finestra di dialogo specifica della stampante è ancora aperta, fate clic su Salva,
Stampa o OK (il nome del pulsante varia a seconda del driver della stampante). Non fate
clic su Annulla.
7. Fate clic su OK per salvare le modifiche al predefinito di stampa.

Potete salvare le impostazioni di un documento in un predefinito di stampa direttamente


nella finestra di dialogo Stampa. Non dovete ricorrere ad altre finestre né prendere nota delle
impostazioni per non dimenticarle.

Per creare un nuovo predefinito di stampa della finestra Stampa:


1. Nella finestra di dialogo Stampa, fate clic su Salva predefinito.
2. Effettuate una delle seguenti operazioni e poi fate clic su OK:
• Per creare un nuovo predefinito, digitate un nome.
• Per ridefinire un predefinito di stampa esistente, scegliete un nome di predefinito
nell’elenco a discesa.

121

Distribuire i predefiniti di stampa tra gli addetti ai lavori


Una volta definiti i predefiniti di stampa, potete facilmente copiarli su altri computer dotati
di InDesign.

Per salvare le impostazioni di stampa in un file per trasferirle su altri computer:


1. Sul computer in cui avete definito i predefiniti di stampa standard, scegliete File >
Predefiniti di stampa > Definisci.
2. Selezionate i predefiniti da trasferire su altri computer e fate clic su Salva.
Per selezionare più predefiniti nell’elenco, tenete premuto un tasto di modifica quando
fate clic sui predefiniti nell’elenco: Maiusc+clic per selezionare una serie di voci contigue;
Ctrl+clic (Windows) o Comando+clic (Mac OS) per selezionare qualsiasi combinazione
di predefiniti.

3. Fate clic su Salva, specificate nome e posizione, quindi fate clic su Salva.
4. Su un altro computer dotato di InDesign, scegliete File > Predefiniti di stampa >
Definisci, fate clic su Carica, individuate il file esportato, quindi fate clic su Apri.
Applicare i predefiniti di stampa ai file dei clienti
Quando scegliete File > Stampa con un documento del cliente aperto, InDesign usa le ultime
impostazioni salvate con il documento in uso. Queste possono riferirsi alla stampante
desktop del cliente o alla stampante per prove colore e non essere immediatamente pronte
per la stampa finale. Per impostare velocemente il lavoro, servitevi dei predefiniti di stampa
che avete impostato. 122

Per applicare un predefinito di stampa a un file InDesign:


1. Scegliete File > Predefiniti di stampa > [nome del predefinito di stampa].
Se non vedete il predefinito ricercato, scegliete File > Predefiniti di stampa > Definisci e
fate clic su Carica per importare i predefiniti salvati.
2. Controllate le schede della finestra di dialogo Stampa. Se avevate già impostato un
vostro predefinito predefinito, specificate opzioni specifiche per il vostro flusso di
lavoro. Controllate tuttavia le impostazioni specifiche per il lavoro, come l’utilizzo
dell’inchiostro.
3. Apportate le modifiche necessarie per il file specifico e stampatelo.

Suggerimento: per definire un predefinito di stampa da usare per tutti i file InDesign,
scegliete un predefinito di stampa in assenza di documenti aperti.

Suggerimento: quando stampate un lavoro, create sempre un predefinito di stampa con


le impostazioni del lavoro e archiviatelo con il lavoro. Se in un secondo tempo dovrete
ristampare il lavoro o risolverne degli aspetti, potrete ricorrere al predefinito archiviato e
riprodurre la stessa identica stampa.
Semplificare il flusso di stampa con i
predefiniti di esportazione PDF
I predefiniti di stampa di InDesign sono la soluzione ideale per stampare i file InDesign nel 123
minor tempo e con il minimo sforzo possibile. Grazie ai predefiniti di esportazione PDF, le
impostazioni dei lavori possono essere facilmente standardizzate limitando al massimo i
potenziali errori.

Prima di iniziare a gestire i file del cliente, dovete impostare dei predefiniti di esportazione
PDF specifici per ogni flusso di lavoro. Potrete poi applicare al file del cliente il predefinito di
stampa e molte o tutte le opzioni specifiche per la vostra configurazione verranno applicate
immediatamente. In molti casi, le sole opzioni da modificare riguarderanno piccoli dettagli
legati a un particolare lavoro. La creazione di un predefinito di esportazione PDF per ogni
flusso di lavoro usato regolarmente risulta in risparmio di tempo e riduzione degli errori.

Informazioni sui predefiniti di espor tazione PDF incorporati


InDesign include dei predefiniti preimpostati per l’esportazione PDF. Tenete presente che
per i service di stampa, il predefinito Macchina da stampa è quello più usato, ma molte
organizzazioni ora utilizzano gli standard PDF/X-1a e PDF/X-3. Questi standard ISO
risultano particolarmente interessanti per i service di prestampa perché sono specificamente
progettati per aumentare l’affidabilità dei flussi di lavoro di prestampa basati su PDF. I
seguenti predefiniti di esportazione PDF sono incorporati in Adobe InDesign CS:

• eBook. Crea file Adobe PDF da leggere prevalentemente su schermo, ad esempio su computer
desktop o laptop o su lettori eBook. Questa serie di opzioni offre un compromesso tra la
dimensione del file e la risoluzione delle immagini per produrre un file relativamente piccolo.
Tutti gli spazi colorimetrici vengono convertiti in RGB; le immagini a colori e in scala di
grigi superiori a 225 dpi sono sottoposte a downsampling a 150 dpi, quelle monocromatiche
superiori a 450 dpi a 300 dpi; i sottoinsiemi di tutti i font usati nel file (ad eccezione dei
14 font di base) sono incorporati e tutte le informazioni compresse. I file Adobe PDF creati
con il predefinito eBook sono compatibili con Acrobat 5 o 6.

• Schermo. Crea file Adobe PDF compatti da visualizzare sul Web o su una intranet o da
distribuire per posta elettronica, destinati alla visualizzazione su schermo. Per contenere
il più possibile la dimensione dei file, questa serie di opzioni applica la compressione, il
downsampling e una risoluzione relativamente bassa; converte tutti i colori in RGB;
mantiene la compatibilità con Acrobat 4.0 e incorpora tutti i sottoinsiemi di font usati nel file
(ad eccezione dei 14 font di base). Consente inoltre di ottimizzare la funzione di byte serving.

• Stampa. Crea dei file Adobe PDF destinati alle stampanti desktop, alle fotocopiatrici digitali,
alla pubblicazione su CD-ROM o da sottoporre al cliente per la revisione finale. In questo
stile, le dimensioni dei file sono importanti ma non rappresentano l’obiettivo principale.
Questa serie di opzioni usa la compressione e il downsampling per contenere le dimensioni
del file, ma incorpora anche i sottoinsiemi di tutti i font usati nel file. La conversione della
trasparenza è impostata su Risoluzione media.

Nota: attenti a non confondere il predefinito Stampa con il predefinito Macchina da Stampa.
124
Il predefinito Stampa esporta i file Adobe PDF che vengono stampati perfettamente sulle
stampanti desktop e le periferiche per prove, mentre il predefinito Macchina da stampa
esporta i file PDF per le periferiche di output della prestampa.

• Macchina da stampa. Crea dei file Adobe PDF per la stampa delle versioni finali di alta
qualità ad esempio su fotounità o platesetter. In questo caso, la qualità della stampa è più
importante rispetto alla dimensione del file. L’obiettivo è di mantenere nel file Adobe PDF
tutte le informazioni richieste dal tipografo o dal service di stampa per la stampa corretta
del documento. Questo predefinito di esportazione PDF non converte gli spazi cromatici,
applica il downsampling alle immagini a colori e in scala di grigi a 300 dpi e quelle
monocromatiche a 1200 dpi; incorpora i sottoinsiemi di tutti i font usati nel file, imposta la
conversione della trasparenza su Alta risoluzione e usa altre impostazioni per preservare il
massimo di informazioni sul documento originale.

• PDF/X-1a. Crea file Adobe PDF conformi alla specifica PDF/X-1a dello standard ISO.
L’obiettivo di questo standard è fornire un file pronto per un output CMYK ad alta
risoluzione. Le impostazioni di compressione sono identiche al predefinito Macchina da
stampa. Il PDF viene generato per la compatibilità con PDF 1.3 (Acrobat 4), i colori vengono
convertiti in CMYK come lo spazio cromatico dell’output e il contenuto OPI non può essere
omesso. Potete eseguire una verifica preliminare dei file PDF/X-1a in Acrobat 6 Professional.

• PDF/X-3. Crea file Adobe PDF conformi alla specifica PDF/X-3 dello standard ISO.
L’obiettivo di questo standard è fornire un file pronto per un output ad alta risoluzione
all’interno di un flusso di lavoro CMYK o all’interno di un flusso di lavoro RGB con
gestione del colore. Le impostazioni di compressione sono identiche al predefinito Macchina
da stampa. Non consente le impostazioni di protezione. Per altri aspetti è identico a
PDF/X-1a.

• Acrobat 6 con livelli. Crea file Adobe PDF conformi a PDF 1.5. Rispetto ad altri predefiniti,
Acrobat 6 con livelli aggiunge supporto ai livelli di contenuto e compressione di immagini
JPEG 2000. Le impostazioni di compressione sono identiche al predefinito Macchina da
stampa e il colore è impostato su Non modificare.

Non potete modificare o eliminare i predefiniti di esportazione PDF incorporati. Se


desiderate utilizzare le impostazioni simili a o basate su un predefinito di esportazione PDF
incorporato, createne semplicemente uno utilizzando un predefinito incorporato come
punto di partenza. Se basate un predefinito su PDF/X-1a o PDF/X-3 selezionando uno di
questi standard dal menu a comparsa Standard nella finestra di dialogo Generali, le scelte
disponibili nel resto della finestra Predefinito di esportazione PDF sono limitate a mantenere
la conformità allo standard scelto.

Impostare i predefiniti di espor tazione PDF


L’impostazione dei predefiniti di esportazione PDF è analoga a quella dei predefiniti di
stampa. 125
Per aprire la finestra di dialogo Predefiniti di esportazione PDF:
Scegliete File > Predefiniti di esportazione PDF.

Per creare o modificare un predefinito di esportazione Adobe PDF:


1. Nella finestra di dialogo Predefiniti di esportazione PDF, effettuate una delle seguenti
operazioni:
• Per creare un nuovo predefinito, fate clic su Nuovo e specificate un nome.
• Per modificare un predefinito personalizzato esistente, fate doppio clic sul file nell’elenco
o selezionatelo e fate clic su Modifica.
2. Specificate le opzioni di esportazione nei diversi pannelli elencati a sinistra, quindi fate
clic su OK. Le opzioni disponibili sono le stesse della finestra di dialogo Esporta PDF,
eccetto le opzioni di protezione.

Per rinominare o eliminare i predefiniti di esportazione PDF:


1. Nella finestra di dialogo Predefiniti di esportazione PDF, effettuate una delle seguenti
operazioni:
• Per rinominare un predefinito esistente, selezionatelo nell’elenco, fate clic su Modifica,
modificatene il nome e fate clic su OK.
• Per eliminare i predefiniti, selezionateli nell’elenco, fate clic su Elimina e quindi su OK
per confermare l’eliminazione.
2. Fate clic su OK.

Per caricare dei predefiniti di esportazione PDF da un altro file:


1. Nella finestra di dialogo Predefiniti di esportazione PDF, fate clic su Carica.
2. Individuate il file di predefiniti PDF da caricare; fate doppio clic su di esso o selezionatelo
e fate clic su Apri.

Per salvare i predefiniti di esportazione PDF:


1. Nella finestra di dialogo Predefiniti di esportazione PDF, selezionate uno o più predefiniti
nell’elenco da esportare.
2. Fate clic su Salva. Specificate un nome e una posizione, quindi fate clic su Salva.

Adobe Systems Incorporated • 345 Park Avenue, San Jose, CA 95110-2704 USA • www.adobe.com, www.adobe.it

bc
Adobe, il logo Adobe, Acrobat, Illustrator, InDesign, InCopy, Photoshop, PostScript, PostScript 3 e Reader sono marchi registrati o marchi di
Adobe Systems Incorporated negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. Tutti gli altri marchi appartengono ai rispettivi proprietari.
© 2003 Adobe Systems Incorporated. Tutti i diritti riservati. Printed in the USA. 03/04