Sei sulla pagina 1di 11

Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )j9

JESSTE ANN O!rENS


musicali di ogni genere e straordinarie trasformazioni nelle strutture socia-
li relative alla composizione, all'esecuzione e al mecenatismo musicale. Que-
La musica inglese dalla Riforma alTa Restaurazione sto saggio propone alcune riflessioni circa I'impatto del cambiamento poli-
tico e religioso sulle istituzioni che finanziavano la musica, e sul genere di
repertori musicali che da queste condizioni derivarono. Visto che l'avvi-
cendarsi dei sovrani spesso implica anche un cambiamento politico e reli-
gioso, il saggio segue un ordine cronologico ed B suddiviso secondo due pe-
riodi principali: il primo coincide con il regno dei Tudor (Enrico VIII e i
r. Irtroduzione. suoi tre figli, Edoardo VI, Maria I ed Elisabetta I); il secondo con il regno
degli Stuart (Giacomo I e Carlo l, 16o3-49), iI Commonwealth e il Protet-
Il titolo stesso di questo saggio pone in evidenza i problemi cruciali in- torato, proseguendo fino alla restaurazione di Carlo II nel 166o.
siti nell'argomento ttattato. Aniitrrlto, il termine "riforma" sotto]inea che Qualunque indagine storica relativa a questi periodi deve confrontarsi
uno dei temi caratteristici del periodo preso in esame E il cambiamento re- soprattutto con due questioni di ordine metodologico [Maltby 1998; Todd
ligioso. Mentre all'inizio di questo periodo l'Inghilterra, come la maggior ry95l.Laprima riguarda la terminologia, un problema delicato quando si di-
parte dell'Europa, era cattolica, alla conclusione dello stesso la Chiesa uf- batte di credenze e pratiche religiose. Tutti i termini oggi usati dagli stu-
ficiale di stato - la Chiesa d'Inghilterra - era diventata protestante. Tutti diosi per descrivere i gruppi religiosi presenti in Inghilterra (per esempio
quegli anni {urono attraversati da un susseguirsi di conflitti derivanti dal- calvinisti, luterani, puritani, anglicani) sono potenzialmente anacronistici
l'esistenza di una grande variet) di credenze e di pratiche religiose, oggi e riflettono la tendenza a interpretare la storia nei termini dei risultati fi-
identificate come cattoliche, anglicane e puritane, che avevano in comune nali [Todd ryg5). La seconda questione B quella posta dalla contrapposi-
solo l'esperierrza di essere ora accettate, ora perseguitate. Inoltre, il termi- zione fia una storiogr afia che evidenzia i conflitti drammatici e un'altra che
ne "restaurazione" si riferisce alla fine di un periodo, talvolta di forte in- mette in luce le continuitll e le soluzioni di compromesso. Di recente, mol-
stabiliti politica, che comprese una guerra civile, l'esecuzione capitale di ti degli studi piri interessanti ricorrono ad accurate analisi di casi specifici,
un re, un periodo di governo parlamentare e infine la "restaurazione" del- che rivelano una complessiti di gran lunga maggiore di quanto i soliti luo-
la monarchia degli Stuart. I termini Riforma e Restaurazione sono ormai ghi comuni della storiografia non lascino supporre [Maltby 1998].
banalizzati al punto da servire essenzialmente come linee di demarcazione
dei confini di uno specifico arco di tempo, che grossomodo si protrae dal
r534 (Enrico VIII sancisce il suo Act of Suprernacy) aJ r66o (ritorno sul tro- 2. Il regno dei Tud.or (r5 j4-fioj).
no di Carlo II).
Anche il significato del termine "inglese" richiede qualche delucidazio- zt. La situazione politica e religiosa.
ne. L'area geografica nota come "Isole britanniche" comprendeva nel xvt
secolo tre territori separati - I'Inghilterra (incluso il Galles, che era passa- Come anticipato,la sezione sul governo dei Tudor non esordisce con
to sotto la giurisdizione della corona britannica nel ry36),I'Irlanda e la Sco- l'ascesa al trono di Enrico VIII (r49r-r 547) nel r jo9, ma con il suo Act of
zia - ognuno con una propria lingua e una propria storia specifica, sia reli- Supremacy del ry4 [per un dettagliato resoconto degli eventi dal ryo al
giosa sia politica, e di conseguenza musicale. Durante il periodo in esame, r58o cfr. Duffy 1992, p^tte II; Russell 1996, p. z7r). La, riforma di Enri-
le relazioni politiche fra questi tre territori sarebbero cambiate in modo si- co ebbe all'inizio obiettivi politici: ottenere un divorzio (annullamento) dal-
gnificativo: la (contestata) identit) "britannica" si sarebbe venuta definendo la sua regina, Caterina d'Aragona. L'Act of Suprcn ac! cred una Chiesa d'In-
in quanto tale nel corso del xvrr secolo, quanto meno riguardo alla titola- ghilterra separata da Roma, con un re anzichd un papa alla sua guida. L'at-
rith del potere. Il presente saggio concentra l'attenzione sulla musica inglese
intesa nella sua accezione piri ristretta, non includend6vi quindi quella scoz-
zese e quella irlandese.
Il periodo in questione, segnato da sconvolgimenti religiosi di portata
senza precedenti (associati e correlati con l'instabilit) politica della monar-
chia), visse anche inevitabilmente profondi cambiamenti nelle tradizioni nia in inglese del 1544 [a musica d pubblicata in Temperley 1979,1I,
)6o Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )6r
esempio zl. Salvo che per I'ubbidienza a Roma, la Chiesa d'Inghilterra sot- maggiore Maria I, fervente cattolica, trascinarono l'Inghilterra da un estre-
to Enrico VII[ era per molti versi d'impronta cattolica, come dimostra la mo all'altro. Maria reintrodusse la liturgia e le pratiche cattoliche, ordi-
seguente descrizione delle celebrazioni per la nascita del principe Edoardo nando la ristampa dei libri liturgici e la restituzione dei sussidi destinati d-
nel 1537: la complessa polifonia votiva gi) esistente ai tempi di Enrico VIII [Page
1996). Il susseguirsi di violenze settarie che avevano segnato i regni di En-
Quello stesso giorno, alle otto in punto del mattino, si cantd il Te Deum in ogni
parrocchia di Londra, con tutte le campane delle chiese che suonavano, e grandi rico e di Edoardo si protrasse anche con Maria; Thomas Cranmer e pid di
fuochi accesi in ogni strada. Al rintocco delle ore nove erano radunati a St Paul tut- trecento Protestanti furono giustiziati. La nanazione violentemente anti-
ti gli ordini dei frati, dei monaci, dei canonici, dei preti e dei chierici di Londra, cattolica di questi awenimenti negli Actes and Monumenls di Foxe (t56),
tutti disposti intorno a St Paul vestiti di ricchi piviali, portando le croci e i cande- un libro che quanto a diffusione fu secondo soltanto alla Bibbia, alimentd
labri piri belli di tutte le chiese pamocchiali di Londra [. ..] e dopo [. ..] i] coro di [St] contro i papisti e le loro pratiche una paura e un odio destinati a perdura-
Paul cantd un inno [antifona] della Trinit]r, e insieme il Te Deum e il nono respon-
re nei secoli sucessivi.
sorio [a mattutino] della Triniti [Summe Trinitati] con la colletta dello stesso. Poi
i musici del re e i musici di Londra suonarono con le ciaramelle; dopo di che furo- Alla morte senza eredi di Maria I, sali al trono nel ry58lasorellastra Eli-
no sparati molti colpi di cannone dalla torre di Lon&a, le quali solenniti tutte si fe- sabetta I ftyy$q). Il suo regno, durato quarantacinque anni, portd nel-
cero p€r rendere lode e ringraziamento a Dio per la gioia del nosto principe [Mil- la gestione delle questioni religiose e politiche una certa continuiti, se non
som 1995, p. 16rl. pace e stabiliti. Nel 1559, con un nuovo Act of Supremacy and Albgiance,
Elisabetta mise nuovamente fine alla giurisdizione papale sull'Inghilterra
E tuttavia il mondo sonoro rappresentato in questa descrizione sareb- diventando Capo Supremo della Chiesa. Nel 1559 venne promulgata una
be cambiato per sempre dopo la confisca da parte di Enrico delle terre e dei versione corretta del Book of Commott Prayer. L'impronta conferita da Eli-
i
denari della Chiesa; tra iI ry36 e r54o il re ordinb che fossero chiuse cir- sabetta al Protestantesimo fu decisamente diversa da quella di Edoardo, in
ca ottocento istituzioni religiose $andi e piccole, monasteri, priorati e al- quanto auspicava una via di mezzo: la Iiturgia mantenne alcuni aspetti del-
tro [Le Huray 1978, p. z]. La consegtrenz^ forse piri significativa dell'Act le pratiche cattoliche, mentre la teologia era saldamente protestante [Rus-
of Supreuacy di Enrico VIII consistette nel fatto che da quel momento in sell 1996, p. z8ol. Per Elisabetta, il fasto della liturgia era essenziale per
Inghilterra la religione sarebbe statalegata al credo personde del sovrano comunicare il suo messaggio; i molti visitatori che la regina invitava a pre-
e dunque suscettibile di cambiamento a ogni successione, come divenne senziare al "servizio divino" nella cappella reale riferivano della musica e del
chiaro nel corso dei decenni che seguirono la sua morte. ritude, dei paramenti sontuosi degli officianti, dell'altare adorno di can-
L'ascesa al trono del figlio di Enrico, Edoardo VI, di soli nove anni dele e persino (come viene riportato in alcuni resoconti) di un crocifisso
G:ll-s), segnb un periodo di radicale riforma protestante [Duffy r992f. [Monson 1989, pp. 3o7-ro].
Nel 1547 Edoardo portd a termine lo smantellamento di istituzioni che a- L'atteggiamento conciliante di Elisabetta suscitd un diffuso malcon-
vevano sostenuto le esecuzioni di complessa polifonia corale, abolendo le tento; i conflitti che ne derivarono avrebbero svolto un ruolo significativo
cappellanie, vale a dire le donazioni con cui si pagavano le Messe di suf- nella Guerra Civile, e si protrassero in forme diverse per altri due secoli.
fragio per i morti. Nello stesso anno si tenne a Westminster la prima ceri- Subito dopo la scomunica di Elisabetta da parte del papa, nel r57o, furo-
monia pubblica in inglese. no attivati espedienti politici e religiosi al fine di reintrodurre il cattolice-
Nel 1549 l'Act of Unifurmity metterh fuori legge l'osservanza cattolica simo in Inghilterra. Elisab
imponendo L Book of Common Prayer (che subi un'ulteriore, profonda re- {ece giustiziare sua cugina
visione nel r55z), un unico volume contenente tutte le liturgie della Chie- la minaccia rappresentata
sa d'Inghilterra. Vi era stata una netta riduzione nel numero delle funzio- Nel r58o erano giunti in Inghilterra dei missionari gesuiti; molti di essi, tra
ni: la Messa e le otto Ore dell'Ufficio furono limitate a Santa Comunione, i quali Edmond Campion, furono catturati e giustiziati pubblicamente nel
Preghiera del Mattino e Preghiera della Sera; le liturgie dei Santi e della corso di macabri spettacoli. I laici cattolici divennero cosl una minoranza
Madonna vennero abolite lBray ry95; Harper rygtf.I-:a liturgia si doveva
svolgere per intero in inglese. La teologia promulgata nei Quarantadue Ar-
ticoli (r553) da Thomas Ctanmer, arcivescovo di Canterbury e principale
autore del Book of Common Prayer, era essenzialmente calvinista.
La morte di Edoardo nel 1553 e l'ascesa al trono della sua sorellastra
)62 Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione *l
z.z. Istituzioni.
Fino al periodo della Riforma, preparatissimi insiemi vocali di tagazzie
di uomini cantavano una raffinata musica polifonica presso diverse istitu-
zioni grandi e piccole dell'intera Inghilterra. La chiusura dei monasteri, del-
le cappelle, delle cappellanie e di altre istituzioni ecclesiastiche che aveva-
no sostenuto finanziariamente questi insiemi, determind un cambiamento
permanente circa I'attivit)r e iI tirocinio dei musicisti, cosi come il ruolo del-
la musica nella liturgia [Le Huray r978]. Come spiega Bowers: sica delle cattedrali e quella delle parrocchie si fece piri evidente con il pas-
La riforma liturgica del 1547-49 fu annullata durante la reuione cattolica di sare del tempo, rivelandosi poi determinante duranti la Guerra Civile nella
Maria I, dal ry51 zl ry58, ma venne ripristinata nel r559, all'awento del suo suc- contrapposizione fra le pratiche religiose dei Puritani (parrocchia) e quelle
cessore protestante, con la trasformazione del coro della cattedrale da un insieme
degli Anglicani (cattedrale) [Temperley ry79).
di ecclesiastici tonsurati esecutori della liturgia cattolica in un coro di cantori sta-
bili, il cui ruolo era limitato a una funzione di testimonianza e di commento [1999, In seguito tituzionale, il luogo chiave
VI, p. vI/621. per le carriere ndra, con gli organismi mu-
sicali di corte. Gentiluomini e dodici fan-
Lo studio di Williamson sulla musica nella piccola citti di Louth, nel
Lincolnshire (circa mille abitanti), fornisce un esempio specifico sia dei cam-
biamenti sia dei tentativi di mantenere una continuith. Prima delle riforme
di Enrico e di Edoardo, i cittadini locali avevano offerto fondi per le litur-
gie dedicate alla Vergine Maria e per il suffragio dei morti attraverso le cor-
porazioni, le confraternite e le cappellanie. Persino in quella piccola citti
le donazioni erano sufficienti a sostenere un coro di otto uomini e sei ra-
gazzi,la copiatuJa e l'acquisto di manoscritti di musica polifonica, un orga-
no e una scuola di canto corale. In seguito allo scioglimento delle istituzio- mezzi di sostentamento. Le citt) essi
ni religiose, le corporazioni furono ricostituite per perseguire altre finalit) musicali conosciuti con il nome di fia-
sociali, e i fondi per sowenzionare l'attiviti musicale scomp,rvero. I do- to che servivano nelle pubbliche c ano
cumenti di Louth lasciano indovinare una trasformazione che, pur se gra- i propri servigi per vari tipi di riunioni sociali. corporazioni formalmente
duale, d senza dubbio per certi versi di fondamentale importanza: riconosciute regolavano l'appartenenza a queste categorie [Mills r995;
L'acquisto di piri copie del Salterio e di libri di canto [per la liturgia anglicana], I7oodfill ry6g1.
la manutenzione, sia pure ridotta d minimo, dell'organo, e Ia perdurante presenza
a Louth di giovani coristi e degli ecclesiastici gil cappellani o cantori lasciano sup-
porre nell'insieme che il coro non si sia dissolto d'improvviso nel t549. Ma il ruo-
lo liturgico e sociale della musica nell'ambito della chiesa e della comunit) era so-
stanzialmente cambiato e, a mano a mano che morivano gli ex cappellani o chieri-
ci, gli stalli del coro si vuotavano gradualmente e la memoria dell'antica religione,
dei suoi suoni e delle sue immagini che un tempo avevano arricchito la vita della
citti, svaniva nel nulla [Williamson zoor, p. 9r].
Infine, la sola musica rimasta nelle parrocchie fu quella che la congre-
gazione riusciva a produrre, in primo luogo il canto dei salmi; gli organi so-
pravvissuti ai periodi di iconoclastia erano destinati a cadere in pezzi [Tem-
perley rg79).
Le cattedrali garantirono una certa continuiti alle pratiche della reli-
gione tradizionale. Ad esempio Christ Church, una delle due cattedrali di to, quanto meno tra le persone di condizione agiata - e favori inoltre com-
Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )6j
)64 Storie
panano insieme in omofonia cosl che Ie parole risultano perfettamente com-
posizioni che bene si adattavano a essere eseguite "in camela": canzoni, prensibili. I momenti nei quali le voci procedono indipendenti a imitazione
musica per complessi strumentali e per tastiera.
l'una dell'altra, oppure in polifonia non imitativa, intervengono per lo piri
all'inizio delle frasi limitando cosi in misura minima la percezione del testo.
2.3. Repertori. L'ascesa di Maria al rono determind un ritorno alla polifonia elabora-
ta, che era stata caratteristica della musica sacra inglese . Pageft996] ha so-
I profondi cambiamenti nelle_pratiche reliSiose e nelle.strutture istitu- stenuto che Maria usava la musica come elemento di un elaborato proget-
zionaii richiesero ai compositori la capacit) di adattarsi alle mutate neces- to di autorappresentazione, per esempio quale "nuova Giuditta". Nel met-
sith della musica sacra. L;influenza di iali cambiamenti sulle vite dei singoli tere in musica la su s est (Maria I sperd invano
musicisti, nonchd sul genere di musica che veniva loro richiesto di com- in una gravidanza) nosa rappresentazione del
porre, si pud osservare Prendend motto della Regina:
ih. f,, alle dipendenze di quattro La musica del suo giovane collega Xflilliam Byrd (ca. 154o-16z3l livela
do, Maria ed Elisabetta. Tallis er una situazione politica e religiosa diversa da quella in cui si era trovato Tal-
nista nel priorato lis [Kerman zoor]. Dopo aver forse servito per qualche tempo come ap-
del priorato, inte prendista etag^zzo di coro nella Cappella Reale, nel 1563 Byrd divenne or-
nista a Saint Mar ganista e maestro di coro alla Cattedrale di Lincoln. Nel r57o fece ritorno
della Waltham A a Londra e nel r57z divenne membro della Cappella Reale, dove rimase fi-
sa. r54
Nel ico laic'
no al 1593, anno in cui si trasferl a Stondon Massey, nell'Essex, aderendo
per passare Reale, dove rimase in qualit)r di Genti-
a una comuniti cattolica dissidente [ibiil., pp. 7r4-zo]. Nonostante il suo
iuomo sino 1585 [Doe e Allinson zoor]' Per quan-
credo religioso, Byrd godette del favore a. La rcgi-
io le recenti ricerche lascino rrppotr. ut a sua simpatia per il cattolicesimo, na gli concesse iI monopolio sulla stampa per un pe-
T^[i. .o*pose musica polifoniia in conformit) ai criteri imperanti. La sua riodo di ventun anni; nel 1575, Byrd e T ntiones Sa-
i-po.r..tt. ,ntifona votiva a sei voci, menti
crae, vna pietra miliare per l'editoria musicale inglese, dedicate a Elisabet-
.r.i f.rtt..po intervenuti. La prima "l Pt- ta e intrise di un simbolismo numerico a lei riferito. Byrd compose musica
riodo di Enrico VIII; essa venne poi tratto
dai Salmi. Nella sua definitiva versione riveduta, fece parte del repertorio
istituito per la liturgia cattolica durante il regno di Maria [Milsom r98z;
Page ry961.
'I .o-poritori incaricati di produrre musica per la liturgia edoardia-
na dovettero confrontarsi con iifficolti di gran lunga maggiori che non sezioni contrastanti di minore o maggiore entitl, e cid in funzione del te-
il semplice cambiamento della lingua-del testo, com€ ci E dato di capire sto (per esempio in Blout tbe trumpet in the neut tlzoon - Salmo 8r , j-4; o nel-
dull, fr,oyol Iniunctions (ordinanzeieali) riguard antila Cattedrale di Lin- I'inno Sing ioyfrlly unto God). Byrd pubblicd due raccolte di musica sacra
coln nel 1548:
[Il coro] non dovri, da questo mo
a Nosta Signora o agli altri San
essere in latino; scelti [s/c] che li
la religione cristiana, li volgeranno in
una nota precisa: questi dovranno esser

ye
L'inno diTallis lf c6ntenuto nel li-
bro .o-tul. di Wanley, un Prav-vissute per-la
;;ri;; r;.; del periodo o del nuovo stile'
musicale di un testo tratto dal Nuovo Testamento pro-
Questa trasposizitne e John Baldwin di poter gustare la musica sacra "in camera" piuttosto che
prrJl. di Gesd. Le quattro voci, scritte in stile sillabico, spesso si di-
O-o_n-gi;
)66 Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )67
in 1625, wa sola stamperia veneziana, Li Figliuoli di Angelo Gardano, ne
zo pubblicava piri di mille.
n Altriimportant musica per complessi
IC strumentali e per ta William Byrd, un ma-
Pur se l'elaborata polifonia composta da Byrd e dai suoi colleghi d in ge- noscritto di musica supervisione, costitui-
nere considerata come rappresentativa delle produzioni musicali pili :,affi- sce una retrospettiva paragonabile ai grandi e-
nate del tempo, essa non costituisce che una minima parte della musica sa- riodo tra il 1588 e il r59r, e include fantasie a-
cra effettivamente cantata e ascoltata in Inghilterra. Di portata molto piti zioni sulla melodia di una canzone, grounds e
ampia dd punto di vista sociologico sono le umili intonazioni dei salmi stro- gagliarde).
fici, il genere maggiormente utiizzato dalle chiese parrocchiali e nella de-
vozione privata [Temperley 1979). Il canto dei salmi in volgare era legato
a Calvino e alle Chiese riformate del continente; intorno al 156r l'intero 3. Il regno degli Stuart e il Comrnonwealtb.
salterio fu disponibile in versi rimati inglesi, nella versione nota sotto i no-
mi di Sternhold e Hopkins ll.raver ry9r]. Tbe Wbolc Book of Psalms Collcct'
r559-r688) conobbe pi6 di ot
3.t. La situazione politica e religiosa.
melodia [Temperley ry98). La Nel 16o3 la morte di Elisabetta I mise fine
semplici, che potevano essere narchia passd agli scozzesi Stuart [per una vis
popolare e talaltra di composizione originale. 1996l.Il cugino di Elisabetta, re Giacomo VI (
Nel campo della musica profana un filone importante, che rappresenta di Scozia, divenne Giacomo I re d'Inghilterra,
\a canzone inglese nella sua tradizione locale, si pub individuare nelle can- tutti questi regni sotto un'unica corona. Giacomo si impegnd a realizzare
zoni di Byrd per complessi vocali polifonici, alcune delle quali arrangiate da un'unione politica di Scozia, Idanda e Inghilterra, ma fu osGggiato dal Par-
anteriori versioni di consort songs (per voce e viola), pubblicate in Psalmes, lamento inglese.
Sonets & Songs (r:88), Songs of SandieNatures (r:8g), ePsalmes,Songs and In materia di religione, Giacomo I auspicd di poter proseguire nella <<via
Sonnetst...lfitforVoyces orViols (r6r r). Quanto ai contenuti, queste can- media> di Elisabetta, cercando di barcamenarsi tra la coniezione di una
zoni spaziavano da un registro sefio Qtsalrnes, songes of sadnes and pietie) a ,[2
uno pi6 leggero (ad esempio Thougb Amaryllis dance in greenl. La canzone arte,
composta in memoria del martire gesuita Edmond Campion, Vby do I use
995;
my paper, irk, and pen, era di carattere sedizioso [Monson rggl). il re
Per contro, l'aspetto che piti i del xvl
secolo e dei primi due del xvll B italiane.
In musica questo vuol dire anzitu ente nel-
le sue forme pid leggere. Il brev musicale
(grossomodo dal 1585 al 16z) ebbe un ruolo decisivo nel diffondere que-
sto genere fra il pubblico inglese, nella forma di madrigali importati dal con'
tinente e corredati di traduzione inglese: Musica transalpina di Nicholas
-. . {l legno di Carlo_I fu segnato da una serie di errori di valutazione - po-
Yonge (1588 e $gil e lulian Madigalls Englished di Thomas I7atson (r59o), litici, finanziari e militari - da cui conseguirono sommosse senza precedenti
oltre a un gran numero di composizioni di Thomas Morley (canzoni, ma- in Inghilterra, rrlanda e Scozia. Il conflitto con il Parlamento lo indusse a
drigali, balletti) cosi come dei suoi grandi contemporanei John Willbye e dichiarare rl Persona nel 16z9; il fallimento del
Thomas \)Teelkes lper quanto concerne la stampa della.musica cfr. J. L. suo, tentativo di imp yer in Scoziae la sconfitta
Smith zoo3). Tuttavia, anche nel momento della sua massima espansione dell'esercito inglese della monarchia. Dall'ini-
l'editoria musicale non raggiunse mai in Inghilterra il livello di sviluppo che zio del 164r tl Parlamento dette il via a riforme costituzionali che mirava-
conosceva sul continente; pff rendere I'idea, si pud dire per esempio che no a trasformare il ruolo del monarca; ne consegui lo scoppio della guerra
mentre in Inghilterra venivano dati alle stampe rz5 titoli tra I ry75 e i civile fra partigiani realisti e sostenitori del Parlamento ft6az-a6). cirlo fu
)68 Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )69

costretto a lasciare Londra nel t642, trasferendo la sua corte a Oxford; l'In- O Dio'e Signore, ipagarihanno invaso la tua eredith: hanno profanato il tuo
ghilterra fu governata in quel periodo dal solo Parlamento. Nel r649 fu de- sacro tempio, efatto di Gerusalemme un cumulo di pietre (Salmo Zg).
capitato e vennero istituiti prima il Commonwealth e quindi, nel t651, il,
Il conflitto politico e religioso che coinvolgeva tutta l'Inghilterra d illu-
Protettorato. Guidati da Oliver Cromwell, gli eserciti del Parlamento con-
strato dai fatti accaduti nella Cattedrale di Canterbury lBowers ry99].Il
quistarono l'Irlanda e la Scozia. Cromwell mori nel r658; in assenza di un
ermone fosse officiato nel coro della cat-
possibile successore, l'esercito appoggib 7a restaurazione della monarchia
setmoni, accostando in questo modo la
Stuart e nel r66o Carlo II divenne re.
ascoltare iI sermone a quella anglicana
I due decenni fra il t64o e il 166o furono periodi di conflitto sfociati in
abituata alle funzioni del Book of Common Prayer.
un'altra " ", un secolo soltanto dopo il cambiamento
voluto da imposizione della Nuova Religione: ancora
una volta era la religione. L'impatto sulla vita musi-
cale sarebbe stato questa volta ancora piri profondo. Carlo, che aderiva al
pensiero del teologo olandese Arminius, non era incline a tollerare le am-
biguith di cui Elisabetta e Giacomo avevano dato prova; al contrario, im- tumulto di massa. I ilsuo sermone e si dette inizio al salmo
pose una rigorosa adesione a quelle pratiche religiose che avrebbero in se- strofico; I'organista tre officianti si diressero all'altare <scu-
guito preso il nome diHigb Churcb. Sotto la guida dell'arcivescoyo di Can- lettando come oche alla coda>> per dare inizio alla liturgia del
Vespro. La gente non voleva quella ..roba da papisti>; il Salmo r r9 non ha una so-
terbury, William Laud, la Chiesa d'Inghilterra si adoperd per cbnsolidare la strofa, sPontaneamente la congregazione pensd come un
le pratiche prescritte nel Book of Common Prcyer,.omprese quelle che ap- sol uomo Ufficio lanciandosi a precipizio nel canto della se-
parivano "papiste" ai Puritani, i quali temevano il ritorno del cattolicesi- conda str a cantare in sfida agli officianti. Dalla folla si udi
m tto del rito cattolico da par- un grido: <Abbasso I'ahare, abbasso I'altare,> libid., p. :vlc+sl.
te tt^ Iitica fra realisti e parla-
m va ione: i realisti di Carlo I
Il z6 agosto t64z le forze fedeli al Parlamento saccheggiarono la Cat-
(caualiers) sostenevano la Chiesa d'Inghilterra con la sua amministrazione tedrale:
episcopale e la liturgia del Book of Coruruon Prayer, mentre i parlamentari- bbattuto e i paramenti
sti (roundheads) erano puritani e sostenevano una forma di culto incentra-
to sul sermo pponevano a tut
fi;l;ii: itril':::
a farsesca a
sto a quella apista", ossia la dorso di cavallo det .n. ot ::fi:# libid., p. wl45o).
cattedrali co professionalizza
ganisti, nell' di enorme sfarz Nel 164z il Parlamento chiuse i teatri e I'anno successivo aboli il siste-
ritano, Nathaniel Holmes, chiarisce bene questa contrapposizione: ma episcopale;la Solerun League and Coaenant (patto di alTeanza con la Sco-
I salmi di Davide cantati nel nostro verso inglese differiscono molto dal canto zia) stabih l' or ganizz azione ec
della cattedrale, che i davvero abominevole, nel quale quasi tutto viene cantato, Ii- Nel r645 il Directory lor tbe
ranie illecite, Credo e altre sequenze in prosa, tutte cose non ordinate secondo una pubblico di Dio) impose un r
metrica adattaal canto. Inoltre non lasciano che tutta la congregazione canti, n6 ca- va letture dalla Bibbia e dai Salmi e un sermone; ilBook of Corarnon Prayer
pisca che cosa viene cantato: tanto ripetono inutilmente e tanto fanno vibrare la vo- fu bandito, cosl abolendo di fatto la musica delle cattedrali, e l'arcivesco-
neppure cantano tutti insieme, ma pri
vo Laud venne giustiziato [Temperley ry]9).
la meti del coro e poi tutto il coro, fa-

if.'it',lff lH5,*?.";'i:".f :',',ff 3.2. Istituzioni.


Per esaminare in modo adeguato il periodo trall t6o3 e il 166o occor-
I1 punto di vista opposto si pud leggere nel testo scelto dal compositore re suddividerlo in due parti: una prima abbraccia i regni di Giacomo I e di
realista rX/illiam Child per un suo inno del 1644 scritto <rin occasione del- Carlo I, una seconda comprendente la Guerra Civile, il Commonwealth e
l'abolizione del Comruon Prayer Book>>: il Protettorato di Cromwell [per una panoramica sulla musica nella societi
)7o Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )7r
del Seicento cfr. Spink 1992, pp.r-65J. Durante i regni di Giacomo I e di piego i musicisti di professione: -le cattedrali, la Chapel Royal e dtri com-
Carlo I la corte era I'istituzione musicale piri importante d'Inghilterra; era plessi musicali di corte, i teatri. E possibile valutare l'incidenza di simili ri
polo d'attrazione per i compositori e i musicisti piri illustri, tra i qualiJohn volgimenti osservando Ie vicende di molti eminenti musicisti. Il composito-
Bull, Orlando Gibbons, lVilliame Henry Lawes, Nicholas Lanier,John\Wil- re e organista lVilliam Child (15o6-97), organista alTa St George's Chapel
son. La Cappella Reale mantenne le stesse dimensioni (trentadue Genti- di l7indsor e autore di Tbe Fint Set of [zo] Psalms (Londra 1639), perse il
luomini e dodici cantori) ma i complessi strumentali conosciuti con il nome lavoro quando la St George fu chiusa nel fi43; non ci sono tracce di un suo
di King's Musick crebbero quanto a numero di componenti e, soprattutto impiego durante il Commonwealth, anche se ricevette diversi pagamenti,
sotto il regno di Carlo, subirono diverse trasformazioni. L'insieme detto tra cui nel 1658 la somma di 5 sterline dai Trustees for the Maintainance
Lutes and Voices, ufficialmente istituito nel 1625, comprendeva ventino- of Ministers (la societh per il sussidio dei ministri del culto), <<in seguito al-
ve musicr (diciotto cantori-liutisti, un arpista, due suonatori di strumenti a la presentazione di un certificato di povert)> [Le Huray 1978, p. ::]. John
tastiera, quattro gambisti e quattro violinisti); nel r63t I'orchestra d'archi Jenkins $592-fi78), il principale compositore di musica per consort, era
comprendeva quattordici elementi, divisi in cinque sezioni. L'orchestra di forse stato associato ufficiosamente ai circoli aulici prima della Guerra Ci-
strumenti a fiato fu riorganiz zata nel r 63o sulla base di tre insiemi preesi- vile (nel fi34 si era esibito a corte inunnasque). Jenkins trascorse la mag-
stenti - bombarde e tromboni, flauti traversi, flauti diritti - che vennero.. gior parte della sua vita lavorativa non gii come musicista di corte, ma piut-
raggruppati lHolman rygja| Intorno al 164o,la King's Musick contava 65 tosto in residenze nobiliari di campagna nel Norfolk e nel Cambridgeshire.
elementi [Woodfill ry6g]. Oltre a quelli della Cappella Reale e della King's William Lawes (t6oz-45), compositore e musicista di corte, si trasferl con
Musick vi erano anche musicisti legati alla famiglia della regina Anna di Da- il re a Ox{ord e perse la vita nell'assedio di Chester. La reazione di re Car-
nimarca, a quella della regina Eruichetta Maria, del principe Enrico e del lo merita di essere riportata:
principe Carlo prima che diventasse re. udendo della morte del suo diletto suddito William Lawes, mostrd un particolare
Le cattedrali, cosi come le cappelle delle collegiate e poche alre istitu- cordoglio, ch6 lo aveva amato quando era in vita e usava chiamarlo <Il Padre della
zioni (per esempio Westminster Abbey e St George a Windsor), prowide- Musica>> [Aashbee e Lasocki ry98, p. 7tzf.
ro a mantenere complessi musicali tSpink ry92). Testimonianze documen-
Simon Ives (r6oo-62), suonatore di strumenti ad arco e compositore,
tali rivelano livelli di esecuzione decaduti o quanto meno ineguali. Nel re- fu, secondo le parole di Anthony Wood,
soconto della sua visita all'arcivescovo Laud, John Cosin descrive lo stato
cantore nella Cattedrale cattolica di St Paul a Londra e maestro di musica prima che
delle cose al King's College di Cambridge negli anni intorno al 161o:
scoppiasse la Ribellione, dopo la quale lascid il posto di cantore e si dedicd unica-
I maestri di coro non sanno cantare e sono molto negligenti. I coristi sembrano mente all'insegnamento della musica, che gli permise di mantenete una condizione
semi-muti e si presentano senzala cotta. Non si dimostra alcuna riverenza e la fun- decorosa [Holman zoor, p. 7r3J.
zione viene sbrigata in fretta e furia [Morehen :^9g5, pp. zr8-r9].
Questo caso E un buon esempio di tante carriere troncate e dei relati-
Al contrario Hamond, un ufficiale che percorse l'Inghilterra frarl ft34 vi ripieghi. Il passaggio alle dipendenze dei privati, e dunque a contesti non
e 1l 1635, si mostrava spesso elogiativo, come ad esempio nel descrivere la istituzionali, per la composizione e I'esecuzione musicale, incoraggib la na-
Cattedrale di Canterbury: scita del concerto pubblico, un tratto che assumeri importanza nella musi-
qui ho visto e ascoltato un bell'organo, dolce e ben intonato, e un consort di can- ca inglese a paftire dal Settecento. Thomas Mace e Anthony Wood riferi-
tori profondo e seducente UDl.1. scono di concerti settimanali a Ox{ord e a Cambridge ('William Ellis), ma
ci sono anche notizie di concerti a rJTorcester (nella cerchia dei Tomkins) e
Molte altre istituzioni musicali mostravano una certa continuiti con il a Londra (Edmund Chilmead) [Irving r984; Spink r986].
periodo precedente il r6o3. I musici, specialmente i liutisti e i suonatori di
viola da gamba, restarono alle dipendenze di famiglie private in qualit)
di esecutori e insegnanti; altri strumentisti potevano associarsi ai comples- 3.3. Repertori.
si di musici municipali (waits).I menestrelli, come gii aweniva in prece- E possibile affrontare I'argomento dei repertori musicali in termini di
denza, si trovavano al gradino piri basso della scala sociale. opposizioni tradizionali - sacro/profano, vocale/strumentale, pubblico/pri-
Il fi42 portd con s6 mutamenti radicali. Con una serie di leggi, il Par- vato, ecc. - ma, consideratala disgregazione delle strutture istituzionali de-
lamento aboli gran parte delle istituzioni nelle quali potevano trovare im- legate alla musica, potri essere piri utile far riferimento al contesto esecu-
)72 Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )1)
tivo- distinguendo fra la musica utilizzata negli spettacoli complessi e quel-
la piri modesta eseguita negli ambie rti domestici o ,,in camera',,.
L'eseT-pio pifi importante di spettacolo con musica E rappresentato dal
lnasque [s7alls_ 1996]. A differenza dell'Italia, l'Inghilterra ion aveva svi-
luppato 7a tradizione dell'opera - intesa .orrr. .o.riposizione musicale ela-
boruta sulla base di un testo drammatico - se non iopo l" Restaurazione.
In quanto principale genere teatrale d'intrattenimento della corte e dell'ari-
stocrazia, i masques non venivano allestiti nei teatri pubblici ma nei palazzi teatri attivi nel periodo tra i t57 5 e fl, fi42) la musica interveniva nei cam-
dim
reali, n"lle contesti privati come gli Inns oiCourt biamenti di scena, durante le entrate e le uscite degli attori o con canzoni
(sedi delleasso forensi).-Si trattavadlcostose rappre_ intercalate; una gtgaveniva intonata eballata a conclusione della recita [Gurr
sentazioni mes are eventi particolari, come per esem- ry92f.
pio un matrimonio, e di rado venivano portate .ull" scenu piri di una volta. I
rnasques sono in sostanza balli su soggetti allegorici, v^gamente sostenuti da
un testo, con allestimenti elaborati, cr stumi Jmusica sia strumentale sia vo-
cale. La forma classic a del court masque, sviluppata daBenJonson con la col-
laborazione dell'artista e architetto Inigo Jones, oltre che di coreografi e
compositori, segue un ordine prestabilito di eventi: una musica rob*oante,
eseguita. da un complesso di strumenti a fiato, accompagnava l'ingresso dei
re;, seguiva. un- prologo di carattere grottesco e bizzairi eseguito -da musici
e danzatori, che consisteva almenolr una danza..r.ru.urrZone; quindi la
ata da una musica fragorosa; poi il
tre scene, ognuna delle quali preve-
ta da nobili in costume e masihera,
i; i reuels, danze che coinvolgevano
va ef o una danza lib{d.1.
erma il coinvolgimento di compo-
Reale, la King's Musick e altre fa-
di quaranta o piri musici profes-

,,i:1,3[Hi,1lr;?'"fi ,:T::fl:,',Il
ricite una rico s rruzione dell, ori gi n d. q:1l,Xd;lt:t;::l ; ;l;3:Xj;t"i-
blicat! dei masques comprendevano anche la musica. Del Maske of Fliwen
del conte di Somerset con Lady
issuta la musica delT'antiruasque
o fra Sileno, paladino del vino,

rro
voc
ffiffi:,:'.T::i:T:iuffi:
catcb, d decisamente omofoni_
cA, inite libid., pp. gr_gzl.
. ..In Inghilterra,la-musica veniva utilizzata nei teatri pubblici, sia
d4le compagnie di fanciulli cantori, sia da quelle "n.hedi professionisti adulii. I scrittura polifonica imitativa dei brani, paradossalmente non inter{erisco-
cboirboys plays erano lavori tearrali rapl resent ati daigiovani cantori dell,ab- no con la comprensione del testo ma, al contrario, ne esprimono f intento ce-
)74 Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione )75
lebrativo; l'accento emotivo dell'omofonia antifonale nel Peace in Heaoen una delle canzoni che Lawes compose per il masque di Milton Comus, rap-
'Word
port^ a una conclusione esuberante. Nel See, the is incarnate Gibbons presentato per il conte di Bridgewater nel 16l+ [Walls ry96).
crea una struttura drammatica aumentando gradualmente (da uno a quat- Un altro importante genere musicale concepito per l'esecuzione dome-
tro) il numero di cantori nel gruppo dei solisti, e introducendo poi l'intero stica o "in camera" E la consort music. La musica del longevo John Jenkins
coro nei momenti in cui l'orazione si fa pi6 intensa (per esempio Let us uel-
ft592-ft78) E in effetti rappresentativa di tutto il periodo. Jenkins compo-
cotne sucb o guest uith Hosanna, Sing Allcluia), quasi riecheggiando le Tur- se musica per tutti i generi principali - fantasie (fancies), variazioni (diuisions)
be in un'intonazione della Passione. su un basso ostinato, arie pi6 leggere e musica per danza, oltte a fantasia
La mutata tipologia delle opportunit) professionali che si offrivano ai suites [Field ry9zf inpiri movimenti. Appartengono alla sua produzione piri
musicisti indusse molti compositori a trovare un impiego presso le famiglie tarda le Fantasia-Air Sefs, composte per due violini, basso di viola e organo,
aristocratiche, e dunque non sorprende che i repertori di maggiore interes-
consistenti in due movimenti: una fantasia (imitativa, suddivisa in brevi se-
se si possano definire come musica da camera su scala ridotta, per uso do-
zioni, virtuosistica) e un'aria nel medesimo tono.
mestico: canzoni, musica per strumenti a tastiera, musica pet cot sort. Forse in seguito a questo ridimensionamento di scala verso una pratica
In Inghilterra il nucleo del repertorio musicale pre-Restaurazione d co- destinata a contesti familiari, la rcalizzazione di musica per dilettanti as-
stituito dai songs, elemento presente sia nella musica a pi:6 ampia diffusio-
sunse un'impofianza ancora maggiore. Il cambiamento diventa estrema-
ne pubblica, sia in quella destinata ad ambienti privati e piri intimi tSpink
mente evidente se si considera iI nuovo mercato della musica a stampa, che
r986J. La lute song, detta anche ayre, tratta un testo strofico in forma di
monodia con accompagnamento di liuto o viola; molte delle composizioni
il tipografo John Playfotd (i64-87) seppe sfruttare con awedutezza.I ti-
toli da lui stampati raccontano tutta la storia: Englisb DancingMaster (165r),
esistono anche in versione polifonica, da cantare a pi6 voci o da suonare
A Musicall Barquet ( r 6j r ), Music k' s Recreation (165 z), Catcb tbat Catcb Can
con le viole. Flou my teares, fall from yoilr spings di Dowland, pubblicato
(1652), Tbe Second Book of tbe Plcasant Musical Companion (5 edizioni fino
nel suo Second Booke of Songs (r6oo), denota un approccio emotivo al te-
sto(... andtearesandsigbes...)unitoaunanitidachiarezzanell'articolazio- al qo7), Select Musicall Ayres and Dialogues (t652), A Breefe lntroduction
ne delle frasi e a una delicata capacit) di trattare I'armonia. Dowland tra- to tbe Skill of Musick G6Sd, Court Ayres (16l) , oltre a numerosi metodi
sformd questa canzone in una serie di paoafi es strument ali (Lachinae , 16o4\ per strumento [Dean-Smith e Tanperley zoor, p.gr2].
che potevano essere eseguite daun consort di cinque viole o dal liuto.
i
Il repertorio delle canzoni vasto. Mentre molte raccolte di songs per
liuto furono pubblicate fino al 16zo circa, dopo questa datala musica cir- 4. Conclasione.
cold per lo piti in forma di manoscritto. In sostanza, scrivere musica rap-
presentava un modo di guadagnarsi da vivere per i compositori alle dipen- Uno studio sulla musica in tempi cosi turbolenti come quelli presi in esa-
denze delle famiglie nobili [Chan 1999; Jorgens 1986]. Un'eccezione che me deve inrziarc rendendo conto degli sconvolgimenti politici e religiosi che
conferma la regola d il libro Ayres and dialogues di Henry Lawes G6>), da interessarono tutti gli aspetti della vita in Inghilterra. TaJi eventi cambia-
lui pubblicato affinch6 i brani circolassero nella versione piti fedele tSpink rono proprio quelle istituzioni che promuovevano la creazione e l'esecu-
r986J. Lawes, membro del complesso Lutes and Voices fin dal 163r e mae- zione di musica. Essi ebbero inoltre forti ripercussioni sui generi musicali
stro di musica presso il conte di Bridgewater, fu il pif ihportante compo- prodotti e su tutti gli aspetti della vita musiide, compresa Iesistenza stes-
sitore di songs nella prima met) del xvu secolo. Nella dedica alle figlie del sa dei musicisti e la natura dell'esperienza d'ascolto e di esecuzione. Tutti
conte di Bridgewater, contenuta nell'edizione del 1653, Lawes fornisce una i resoconti di questi anni movimentati devono quindi prendere in conside-
descrizione delle sue canzoni: razione sia gli elementi di continuiti sia quelli di frattura.
la maggior paite delle quali sono state da me composte quando ero alle dipendenze
dei vostri sempre Onorati Genitori, incaricato di insegnare la musica alle Vostre Si-
gnorie [Spink zoor, p. 194). Aashbee, A.
1986-95 Recordsof EnglishCourtMusic, gvoll., Ashbee- ScolarPress, Snodland.
Le canzoni di Lawes sono state descritte come "arie declamatorie", nel Aashbee, A., e Holman, P.
tentativo di rendere la fluidit) del trattamento del testo che si colloca fra 1996 (a cura di), ]oh Jenkins and His Time: Studies in English Consort Music,
il recitativo e I'aria vera e propria. Se ne pud avere un esempio in Sueet Ecbo, Oxford University Press, Oxford.
)76 Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione 377

Ashbee, A., e Lasocki, D. Gurr, A.


ry98 A Biographical Dictionary of Enetish Cout Mtsicians, r485-r7r4, z voll., r9g2 The Shakespearcan Stage, t574-1642, CambridgeUniversity Press, Cambridge.
Ashgate, Aldershot. Haigh, C.
Austern, L. P. rg93 Engl*b Reforrzations, Oxford University Press, Oxford.
t992 Music in English Cbildren's Drama of the Later Renaissazce, Gordon and 1996 Politics in an age of peace and war, r57o-16 jo, in Morrill 1996, pp. 33o-6o.
Breach, New York. Harper, J.
Boydell, B. r99r Tbe Fonts and Orilcn of Westem Liturgt, Oxford University Press, Oxford.
2oor Catheilral music, city and sute: music in Reformation and political change at r99j <Ensemble Music>, in Bray ryg5, pp. 263-322.
Christ Cburcb Catbedral,Dublin, in Kisby 2oor, pp. t)r'42. Holman, P.
Bowers, R. rgg)a Foar and Twenty Fiddlett:The Violin at the English Cout r54o-169o, Oxford
r99g Englisb Churcb Polyphony: Singers and Sources from the t4b to the r/ Ce* University Press, Oxford.
tury, Ashgate, Aldershot. ry93b London: and Restoration, in C. Price (a cura di), The Early
Bray, R. W. B_qyggue r6il century to tbe r66os, Prentice Hall, Englewood
1995 (a cura di), Tbe S*teenth Cerrtury, in Tbe Bhckuell History of Music in Bit- Cliffs N
ain, acora di I. Spink, 6 voll., Blackvell, Oxford, II. 2oor <<Ives, Simon>>, inJ. Tyrrell e S. Sadie (a cura di), Tbe Nat Grcoe Diction-
ary of Musician and Musicians cit., vol. XII, p. 7r3.
Caldwell, J.
Irving, J.
t99r The Oxford History of English Music,l. From the Beginnings to c. r7ri, Oxford
Consort playing in mid- r /-centrry 'Vorcester: Tbomas Toukits and tbe Bod-
University Press, Oxford. r 984
hian panbooks Mas . Sch. 4 r 5- 4, 8, in Early Music >, XII, n. 3, pp. fi1 - 44.
<<
Chan, M.
Jorgens, E. B.
1999 Music books, inJ. Barnard e D. F, McKenzie (a cura di), The Cambidge His'
r986 Englisb Song 16oo-t675: Facsimiles of Tuenty+ix Manusuipts and an Ed.ition
tory of tbe Book,lY. r557-fi95, Cambridge University Press, Cambridge,
of tbe Texts, rz voll., Gadand, New York.
Pp.t27-17- Kerman, J.
Dean-Smith, M., e Temperley, N.
2oo r <Byrd, rVilliam >, inJ. Tyrrell e S. Sadie (a cura di), Tbe Nea.t Groue Diction-
2oor <Playford, John>, inJ. Tyrrell e S. Sadie (a cura di), Tbe New Groue Dic' ary of Musician and Musicians cit., vol. IV, pp. l14-22.
tionary of Masician and Musicians, Macmillan, London, vol. XIX, pP. 9ro- Kisby, F.
gr4; 2s ed. riveduta.
Doe, P., e Allinson, D.
2oor (a cura di), Music and Musicians in Retaissance Cities and Touns, Cambridge
University Press, Cambridge.
2oor <Tallis, Thomas>, in J. Tyrrell e S. Sadie (a cura di), The NewGrooe Dic' Krummel, D. lV.
tionary of MusiciarandMrsiciau cit., vol. XXY,pp.36-17.
rg75 Englisb Masic Pinting, r jjj-t7oo, The Bibliographical Society, Iondon.
Duffy, E. Kiimin, B.
r9g2 The Stripping of tbe Altan: Traditional Religion in England c ,r 4oo-c t58o, 2oor Masses, norris and metrical Psalms:music in the English Paish, c. r4oo-16oo,
Yale University Press, New Haven Conn. in Kisby zoor, pp. 7o-8r.
Field, C. Lake, P.
rgg2 Consort music I:up to 166o,in Spink 1992, pp. rg7-244. rgg5 Cahtinism azd tbe English Cburcb, in Todd r99j, pp. r7g-2o7.
Flynn, J. Leaver, R. A.
r99j The ed.acation of cboisten in Englail d*ing tbe sixteenth cerrtary, in J. Mo- rgga "poostly Psalmes and Spiituall Songes": Englisb and Dutcb Me*ical Psalms
rehen (a cura dl), Etglisb CboralPractice, r4oo-t65o, Cambridge University from Couerdale to Utenboue, r 5 j5- rj66, Oxford University press, Oxford.
Press, Cambridg., pp. r8o-99. Le Huray, P.
Goldie, M. rg78 Mtsic and tbe Refomatiott in Enghnd, r549-166o, Cambridge University
ryg6 The search for religious liberty, 164o-169o, in Morrill t996, pp. 291-rog. Press, Cambridge.
Gouk, P, Love, H.
rggg Music, Science and Natural Magic in Seoenteenth Ceilury Enghnd, YaIe Uni- rg9) ScibalPublication in Seoenteenth-Century Enghnd, Oxford University Press,
versity Press, New Haven Conn. Oxford
)78 Storie Owens La musica inglese dalla Riforma alla Restaurazione n9
Maltby, J. Smith, B. R.
rgg9 Prayer Book and Peopb in Elizabetban and Early Stuart England' Cambridge r9g9 The Acoustic Vorld of Early Modem Enghnd: Attending to the O-factor,Uni-
University Press, Cambridge. versity of Chicago Press, Chicago Ill.
Mellers, \V. , ', Smith, J. L.
tgg2 Music : Paradise in B. Ford (a cura di),
axd parudox in tbe sanenteenth century, 2oo3 Thomas East and Music Publishing ir Renaissance England, Oxford Univer-
Seuenteenth-Century Bitain, Cambridge University Press, Cambridg., Pp. sity Press, Oxford.
r78-zzr. Spink, I.
Mills, D. ry86 Etglish Song:Douhnd to Purcell, Taplinger, New York.
1995 Music and musicians in Chester: A sammary accolttt, in <Medieval English 1992 (a cura di), The Seoenteenth Century, in The Bhckuell History of Music in
Theatre>, XVII, pp. 58-75. Bitain cit.
Milsom,J. r99j Restoration Catbedral Music, 166o-1 7 t4, Oxford University Press, Oxford.
t98z A neu Tallis coltrafactam, in <Musical Times>>, n. t2), pp. 42g-)r. 2oor <Lawes, Henry>, in J. Tyrrell e S. Sadie (a cura di), Tbe Neu Grooe Dic-
r98g Music, in B. Ford (a cura di), Sixteenth-Ceilury Bitain, Cambridge Univer- tionary of Musician and Muicians cit., vol. XIV, pp. )94-96.
sity Press, Cambridge, pp. t68-2o7. Temperley, N.
rggj Sacted songs in tbe cbamber, inJ. Morehen (a cura di), Englisb Cboral Puctice rgjg Tbe Masic of the English Paisb Cburch, z voll. , Cambridge University Press,
cit., pp. t6r-79.
Cambridge.
Monson, C.
LggB The Hlmn Tune Index: A Census of English-Language Hymt Tunes in Pinted
t98z Voices and Viob in England, t6oo-r65o, Umi Research Press, Ann Arbor Sourcesfrom r5j5 to r8zo, Oxford University Press, Oxford.
Mich.
Todd, M.
1989 Elizabetban London,in I. Fenlon (a cura di), Tbe Renaissance From the t47os
r9g5
to the End of the t6b Century, Prentice Hall, Englewood Cliffs, pp. )o4-4o.
di), Reformation to Reaolution:Polilics and Religion in Eaily Moden
(a cura
Enghnd, Routledge, London.
rggT Byrd, the Catbolics, and the Motet:The heaingreopened, in D. Pesce (a cura
d), Heaing tbe Motet: Essays on the Motet of tbe Middle Ages atd Retaissance, Iflainwright, J. P.
Oxford University Press, New York, pp. j48-74. 1997 Mrsical Patrcnage in Seoenteentb-Centary Enghnd: Cbistopber, Fint Baron
Morehen, J. Hatlon, 16o5-167o, Scolar Press, Aldershot.
rggj The "Burdcn of Prcof : tbe editor as dctectiue, in Id. (a cura
di), Englbh Cboral Walls, P.
Practice 14oo-165o, Cambridge University Press, Cambridge, pp. 2oo-2o. r99) Londan, ftq-49,in C. Price (a cura di), The furly Baroque Era cit., pp. 27 o-
Morrill, J. ,o4.
,996 (a cura di), Tbe Oxford lllustrated History of Tudor & Stuart Bitain, Oxford ry96 Music in the Englisb Courtly Masqrc, 16o4-164o, Oxford University Press,
University Press, Oxford. Oxford.
Page, D. B. Iflhythorne, T.
1996 Unifurm and Catholic:Church Masic in the Reign of Mary Tudor (t 5 js,-r j j8), t96z Tbe Autobiography of Tbomas Vhythorne, a cura diJ. M. Osborn, Oxford
Tesi di laurea, Brandeis University, Waltham Ma. University Press, London.
Price, D. C. I7illiamson, M.
r98r Patrcns andMusbians of tbe English Renaissance, Cambridge University Press, 2oor The rolc of religious gailds in the cuhioation of itual polypbony in Enghnd:
Cambridge. j
The case of Loutb, r 4ro- r 50, in Kisby zoot, pp. 8z-93.
'\tr0oodfill, W. L.
Russell, C.
1996 The Reformation and ihe crcation of tbe Cburcb of Enghnd, r5oo-164o, in ry69 Masicians in English Society from Elizabetb to Charles I, Da Capo Press, New
Morrill 1996, pp. 258-92. York; r" ed. ry51.
Saunders, J. Wrightson, J.
2oo r Music and moonlighting:the cathedral cboirmen of earty modem England, r 558- 1995 (a cura di), Tbe Vanley Manuscripts,3 voll., A-R Editions, Madison Wis.
ft49,inKisby zoor, pp. t57-66. (<Recent Researches in the Music of the Renaissance)r, n. 99).
Scholes, P. A.
r9)4 Puitans and Music in Etghnd anil Neu England, Oxford University Press,
London.

Potrebbero piacerti anche