Sei sulla pagina 1di 2

Film: TONYA (2017)

Personaggi: Tonya Harding e la madre Lavona Harding


Ambientazione: Le due donne sono sedute ad un tavolo di una tavola
calda.
LAVONA
Non pensare che ti serva da mangiare...
TONYA
No! Non voglio niente da te mamma.
LAVONA
Ma guardati! Sembri una scolaretta.
TONYA
Non so se lo sai ma… mi sto allenando per le olimpiadi.
LAVONA
Che cosa vuoi dei soldi?
TONYA
Dio, no volevo… volevo solo vederti.
LAVONA
Sanguisuga! Ogni centesimo che ho guadagnato se ne è andato per il tuo
pattinaggio. Che altro vuoi? (LaVona si accende una sigaretta)
TONYA
Cristo! … Ho avuto proprio un’idea del cazzo… Ehm… ho mai fatto qualcosa di
giusto secondo te?
LAVONA
Eri debole.
TONYA
A tre anni?
LAVONA
Ti ho resa io forte! Non saresti andata così…
TONYA
Mi hai incasinato la testa, mi hai fatto credere che avrei pattinato meglio con una
vita di merda! E ora la mia vita è di merda e cazzo è tutta colpa tua e a me non sta
bene.
LAVONA
Sei stata fortunata dovresti ringraziarmi anziché rinfacciarmelo.
(Pausa)
TONYA
Tu mi hai mai… quando ero piccola mi hai mai voluto bene, almeno un po’?
LAVONA
Secondo te la madre di Sonja Henie le voleva bene? Povera piccola vittima. Io non
me ne stavo a casa a farti dei manicaretti, no, io ti ho reso una campionessa…
sapendo che mi avresti odiata. Sono questi i sacrifici che fa una madre, avrei tanto
voluta averla io una madre come me. L’affetto non ti dà un cazzo. Neanche a me
piaceva mia madre, e allora? Ti ho fatto un favore semmai.
TONYA
Mi hai rovinato… (si alza e se ne va) Sei un mostro!
LAVONA
Fattene una ragione bambina