Sei sulla pagina 1di 6

Karl Rahner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Karl Rahner (Friburgo in Brisgovia, 5 marzo 1904 – Innsbruck, 30 marzo
1984) è stato un gesuita e teologo tedesco, cattolico, fra i protagonisti del
rinnovamento della Chiesa che portò al Concilio Vaticano II.

Indice
Biografia
Il ruolo nel Concilio Vaticano II
Il pensiero
La «svolta antropologica» in teologia
La teoria del «cristianesimo anonimo»
Il dialogo con il marxismo
Opere principali
Onorificenze
Karl Rahner
Note
Bibliografia
Altri progetti
Collegamenti esterni

Biografia
Karl Rahner crebbe in una famiglia cattolica medio-borghese; suo padre insegnava presso un istituto magistrale. In gioventù
frequentò il movimento cattolico del Quickborn dove conobbe Romano Guardini. Dopo aver conseguito la licenza liceale, entrò
nell'ordine dei gesuiti nel 1922 (già suo fratello maggiore Hugo vi era entrato nel 1919; altri due fratelli diventarono medici).[1]

Studiò in seguito filosofia e teologia a Feldkirch, Pullach, Valkenburg, Friburgo in Brisgovia e Innsbruck. Decisiva si rivelò, per
la formazione di Rahner, la partecipazione ai seminari di Martin Heidegger negli anni 1934 – 1936.

Nel 1939 Rahner ottenne la prima docenza a Vienna. Negli ultimi anni della Seconda guerra mondiale svolse anche l'attività
pastorale nella Bassa Baviera. Dopo il conflitto proseguì l'attività di docente, dapprima quale insegnante di dogmatica alla scuola
superiore dell'ordine a Pullach. Dal 1948 fu docente e dall'anno successivo professore ordinario di dogmatica presso l'Università
di Innsbruck.

Nel 1963 Papa Giovanni XXIII lo chiamò fra i teologi del Concilio Vaticano II, alla cui preparazione egli aveva già peraltro
contribuito. Nel 1964 Rahner successe a Romano Guardini nella cattedra presso l'Università Ludwig Maximilian di Monaco. Le
sue lezioni presso questa università sul tema “introduzione al cristianesimo” fungeranno da base per la sua opera fondamentale
apparsa nel 1975 con il titolo Grundkurs des Glaubens.

Nel 1965, fondò (con Antonie van den Boogaard, Paul Brand, Yves Congar, Hans Küng, Johann Baptist Metz ed Edward
Schillebeeckx) la rivista Concilium, uno dei più importanti forum della teologia cattolica contemporanea.
In questi anni si accese anche il suo impegno, sotto forma di saggi ed articoli, in favore del pacifismo, del disarmo nucleare,
dell'aiuto ai paesi del Terzo mondo e della lotta contro lo sfruttamento dei popoli oppressi (con particolare attenzione ai
movimenti della teologia della liberazione).[2]

Dal 1967 al pensionamento, nel 1971, fu professore ordinario di dogmatica e storia del dogma presso la Westfälischen Wilhelms-
Universität di Münster. Nel 1971 fu nominato dalla Hochschule für Philosophie München professore onorario per le questioni
filosofiche e teologiche "di frontiera".

Nel 1969 il papa Paolo VI, lo nomina membro della Commissione Teologica Internazionale, incarico che svolse fino al 1972.

Nel 1981 si trasferì a Innsbruck, dove improvvisamente morì nel marzo 1984 e dove è sepolto nella cripta della Chiesa dei
Gesuiti.

Il ruolo nel Concilio Vaticano II


Chiamato, per iniziativa di Papa Giovanni XXIII, come «perito», cioè teologo consultore, del Concilio Vaticano II, Rahner entrò
in Commissione teologica e divenne un personaggio chiave del Concilio, promuovendo la nuova visione di una «Chiesa
mondiale», non più «chiusa in trincea» e continuamente sulla difensiva, bensì attivamente e positivamente aperta al dialogo con
le altre confessioni cristiane e con le grandi religioni del mondo; Rahner contribuì anche a traghettare la teologia cattolica verso la
fine della neoscolastica, con la valorizzazione del laicato nella Chiesa e con la concessione, ai vescovi di tutto il mondo, di una
maggiore libertà d'iniziativa all'interno della Chiesa stessa.[3]

Il pensiero
«Sei tu [Gesù] l'irraggiungibile lontananza a cui vanno pellegrini tutti i tempi e tutte le generazioni e la
nostalgia di ogni cuore, per vie che non hanno fine[4]»

La «svolta antropologica» in teologia


Rahner diede il contributo più vigoroso, in ambito cattolico, alla «svolta antropologica» in teologia, cioè la conversione al
soggetto dall'oggettivismo della teologia scolastica: per Rahner, come per Immanuel Kant, bisogna partire dall'esperienza
trascendentale dell'uomo, in alleanza con la ragione, per costituire una teologia che sia autocomprensione dell'essere umano
(definito «via della Chiesa») e superare così il divario, creatosi in epoca moderna, tra rivelazione ed esperienza umana.[5]

La svolta antropologica non è universalmente accettata. Alcune riserve a questa teoria sono state espresse dal collega e amico
Hans Urs von Balthasar, secondo il quale «la filosofia trascendentale logora il concetto del reale, dell'oggettivo» e quindi, nella
svolta, vi sarebbe il pericolo di una «antropologizzazione» del cristianesimo.[6] La critica più forte viene da Cornelio Fabro,
secondo cui "è la ripresa più vistosa e fortunata dei ripetuti tentativi nel nostro secolo di riprendere la linea di Hermes, Günther,
Frohschammer... respinta un secolo fa dall'episcopato tedesco e dai pontefici e definitivamente condannata dal Concilio Vaticano
I"[7].

La teoria del «cristianesimo anonimo»


Tra i frutti del pensiero rahneriano, riveste particolare importanza la teoria teologico-religiosa cosiddetta dei «cristiani anonimi».
Attraverso di essa vengono superate le interpretazioni più restrittive della dottrina della salvezza ottenibile esclusivamente per
mezzo della piena comunione con la Chiesa (Extra Ecclesiam nulla salus). D'altra parte, già il Concilio di Trento insegnava
l'antica dottrina – risalente ai tempi di Sant'Ambrogio – del «battesimo di desiderio» secondo la quale chiunque, nel suo autentico
indirizzo morale, sia orientato positivamente verso Dio è una persona «giustificata», anche se non ha ancora ricevuto il
battesimo.[8]

La base per la teologia di Rahner è che tutti gli esseri umani hanno una consapevolezza latente (“atematica") di Dio in tutte le
esperienze. Poiché tale esperienza è “la condizione di possibilità" per conoscere e per la libertà come tale, Rahner prende in
prestito l'espressione di Kant per descrivere questa esperienza come “trascendentale".

Rahner focalizza la propria riflessione sul carattere universale della salvezza, rivolta anche alle animae naturaliter christianae,
volendole così definire. Il teologo, ben inteso, nega che la dottrina dei cristiani anonimi sia in contrasto con la pretesa del
cristianesimo di essere la più alta espressione del rapporto di grazia fra l'uomo e Dio – o che tale dottrina faccia venir meno la
necessità del battesimo e della fede cristiana.[8] Pur non manca, nell'approccio di Rahner, un riconoscimento di quanto anche gli
appartenenti a fedi diverse dalla cristiana – così come i non aderenti ad alcuna fede – possano essere portatori di Verità.
«Cristianesimo anonimo», spiega Rahner, significa questo: «chiunque segue la propria coscienza, sia che ritenga di dover essere
cristiano oppure non-cristiano, sia che ritenga di dover essere ateo oppure credente, un tale individuo è accetto e accettato da Dio
e può conseguire quella vita eterna che nella nostra fede cristiana noi confessiamo come fine di tutti gli uomini. In altre parole: la
grazia e la giustificazione, l'unione e la comunione con Dio, la possibilità di raggiungere la vita eterna, tutto ciò incontra un
ostacolo solo nella cattiva coscienza di un uomo.»[9]

Ogni uomo, quindi, può essere, secondo Rahner, un cristiano anonimo, anche se non è formalmente un cristiano: Dio vuole la
salvezza di tutti e, in ragione di questa universale volontà salvifica, offre a tutti – cristiani espliciti e non – la possibilità della
salvezza.[10][11]

Il dialogo con il marxismo


Pur sostenendo l'inaccettabilità, per il cristiano, di quel comunismo che erige l'ateismo a religione di Stato, Rahner individua,
nell'ambito della morale sociale, dei punti d'incontro tra etica cristiana e marxismo: «Che i poveri debbano essere trattati in
maniera più decente; che non sia lecito opprimere i deboli; che in America Latina vi siano tremende ingiustizie sociali: su questi e
simili dati, cristiani e marxisti possono benissimo trovarsi d'accordo. Là dove la povera gente viene sfruttata, il marxista e il
cristiano devono lottare insieme per l'eliminazione di un simile sfruttamento.»[12]

Opere principali
La bibliografia di Karl Rahner è sterminata, una delle più ampie del cristianesimo moderno e contemporaneo: circa 4000
pubblicazioni sono uscite dalla sua penna. Qui si può accennare solo alle più importanti.

"Tu sei il silenzio" (1938)


"Spirito nel mondo" (1939)
"Ascesi e mistica nei Padri della Chiesa" (1939)
"Uditori della Parola" (1941)
"L'ora santa e la meditazione della Passione" (1949)
"Necessità e benedizione della preghiera" (1949)
"Pericoli nel cattolicesimo d'oggi" (1950)
"Le molte messe e l'unico sacrificio" (1951)
"De Penitentia" (1952)
"Visioni e profezie" (1952)
"La libertà di parola nella Chiesa" (1953)
"Piccolo anno liturgico" (1954)
"Saggi teologici" 16 voll. (1954-1984). È l'Opus Magnum di Rahner, contenente i più importanti saggi teologici
composti tra il 1932 ed il 1984. Molti contributi che andarono a formare volumi in collaborazione sono qui
contenuti. I volumi espressamente dedicati alla teologia spirituale ed alla spiritualità sono il terzo (1956), il
settimo (1966), il dodicesimo (1975); l'undicesimo (1973) è esclusivamente composto da saggi di teologia e
storia del dogma della penitenza.
"Maria, madre del Signore" (1956)
"Sulla ispirazione delle Scritture" (1958)
"L'elemento dinamico nella Chiesa" (1958)
"Sulla teologia della morte" (1958)
"Missione e Grazia: Contributi alla teologia Pastorale" (1959)
"Eucaristia" (1959)
"La fede in mezzo al mondo" (1961)
"Chiesa e sacramenti" (1961)
"Piccolo dizionario teologico" (1961)
"Episcopato e primato" (1961, con J. Ratzinger)
"Il problema dell'ominizzazione" (1961, con P. Overhage)
"Diaconia in Cristo" (1962, con H. Vorgrimler)
"Presenza del Cristianesimo" (1963)
"Cose d'ogni giorno" (1964)
"Manuale di teologia pastorale" (1964-69, più un quinto volume di Dizionario di Pastorale, 1972; con F. X. Arnold,
V. Schurr, F. Klostermann). Il più importante manuale di pastorale della sua generazione, considerato ancor oggi
il primo a fondare adeguatamente a livello teologico la pastorale cattolica.
"Osservazioni sul libro degli Esercizi di S. Ignazio" (1965)
"Rivelazione e Tradizione" (1965, con J. Ratzinger)
"Prediche bibliche" (1965)
"La gerarchia nella Chiesa" (1965, con A. Grillmeier e H. Vorgrimler)
"Sul dialogo in una società pluralistica" (1965)
"La fede che ama la terra: coscienza cristiana nella quotidianità del mondo" (1966)
"Piccolo compendio del Concilio" (1966)
"La Trinità" (1967)
"Magistero e teologia dopo il Concilio'" (1967)
"Servi di Cristo: meditazioni sul sacerdozio" (1967)
"L'unico Mediatore e la molteplicità delle mediazioni" (1967)
"Grazia come libertà: piccoli contributi teologici" (1968)
"La riforma degli studi teologici" (1969)
"Parole critiche: problemi attuali nella Chiesa e nel mondo" (1970)
"Libertà e manipolazione nella società e nella Chiesa" (1970)
"Pratica di vita sacerdotale" (1970)
"Teologia del futuro" (1971)
"Prospettive della fede: frammenti di una moderna spiritualità" (1971)
"Cos'è un Sacramento?" (1971), con E. Jungel
"Morale oggettiva e soggettiva" (1971)
"Cristologia dal punto di vista sistematico ed esegetico" (1972)
"Trasformazione strutturale della Chiesa come compito e come chance" (1972)
"Esperimento uomo: sulla relazione tra Dio e uomo" (1973)
"Ritiri spirituali: Il rischio del cristiano" (1974)
"Contributi di Cristologia" (1974)
"Il libro dei sacramenti" (1974)
Dio si è fatto uomo (1975)
"Corso fondamentale sulla fede" (1976). Considerato, sebbene in maniera alquanto imprecisa, la summa
sistematica della teologia rahneriana.
"Il morire cristiano" (1976)
"Fede come coraggio" (1976)
"Esperienza dello Spirito" (1977)
"Invito alla preghiera" (1977) con J.B. Metz
"Ignazio di Loyola" (1978) con P. Imhof e Biallows
"Problemi di fede della nuova generazione" (1979)
"Il dono del Natale" (1980)
"Chi è tuo fratello?" (1981)
"Cosa significa amare Gesù?" (1982)
"Per un nuovo amore a Maria" (1984)
"Ricordi. A colloquio con Meinhold Kraus" (1984)
La fatica di credere (1984)

Onorificenze
Gran Croce al Merito con Placca dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale
Tedesca
— 1970
Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg
— 1983

Note
1. ^ Karl Rahner a colloquio con Meinold Krauss, La fatica di credere, Edizioni Paoline, 1986, pp. 15-36.
2. ^ Karl Rahner, Dimensioni politiche del cristianesimo. Testi scelti e commentati da Herbert Vorgrimler, Città
Nuova Editrice, Roma 1992, pp. 115-145 e 170-187.
3. ^ Karl Rahner, La fatica di credere, op. cit. , pp. 91-100.
4. ^ Karl Rahner, Tu sei il silenzio, Queriniana, Brescia 1956, 201311
5. ^ Rosino Gibellini, La teologia del XX secolo, Queriniana, Brescia 1999, 20147, pp. 251-253.
6. ^ Rosino Gibellini, La teologia del XX secolo, op. cit. , p. 252.
7. ^ Fabro, Cornelio, La svolta antropologica di Karl Rahner, Segni (RM), Verbo Incarnato, 1974 (3ed 2011), p. 5,
ISBN 978-88-89231-35-7.
8. Karl Rahner, La fatica di credere, op. cit. , p. 87.
9. ^ Karl Rahner, La fatica di credere, op. cit. , p. 86.
10. ^ Rosino Gibellini, La teologia del XX secolo, op. cit. , p. 246.
11. ^ Per competezza si legga anche l'articolo completo ATTENTI A KARL RAHNER: SEGUIRLO FINO IN FONDO
PUÒ AVERE GRAVI CONSEGUENZE PER LA FEDE (http://www.parrocchie.it/correggio/ascensione/karl_rahner
_2014.htm) Archiviato (https://web.archive.org/web/20160920144145/http://www.parrocchie.it/correggio/ascensio
ne/karl_rahner_2014.htm) il 20 settembre 2016 in Internet Archive.
12. ^ Karl Rahner, La fatica di credere, op. cit. , p. 89.

Bibliografia
Cornelio Fabro, La svolta antropologica di Karl Rahner, Rusconi, Milano 1974.
Ignazio Sanna, Teologia come esperienza di Dio. La prospettiva cristologica di Karl Rahner, Queriniana, Brescia
1997, ISBN 978-88-399-0397-6.
Hansjürgen Verweyen – Albert Raffelt, Leggere Karl Rahner, Queriniana, Brescia 2004, ISBN 978-88-399-0801-
8.
Fausto Gianfreda, Il dibattito sulla "natura pura" tra H. de Lubac e K. Rahner, Pazzini, Villa Verucchio (RN), 2007.
Giovanni Cavalcoli O.P., Karl Rahner - Il Concilio tradito, Fede & Cultura, Verona 2009.
Serafino M.Lanzetta (a cura di), Karl Rahner. Un'analisi critica., Cantagalli, Siena 2009, EAN 9788882724283.
Marco Statzu, Mistica dell'Incarnazione. Per una conoscenza affettiva di Dio tra generazione eterna e opera
interiore della Grazia, Glossa, Milano 2010, ISBN 8871052838.
Giovanni Cavalcoli O.P., Lettera all'Arcivescovo di Oristano a proposito del pensiero di Karl Rahner (http://www.ar
pato.org/testi/lettere/letteresurahner/AMonsSanna24-3-10.pdf), 2010.
Altri progetti
Wikiquote contiene citazioni di o su Karl Rahner

Wikimedia Commons (https://commons.wikimedia.org/wiki/?uselang=it) contiene immagini o altri file su Karl


Rahner (https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Karl_Rahner?uselang=it)

Collegamenti esterni

Karl Rahner, su Treccani.it, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.


(EN) Karl Rahner, su Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc.
(EN) Karl Rahner, su Open Library, Internet Archive.
A 25 anni dalla morte di Karl Rahner (30 marzo 1984) (http://www.queriniana.it/blog/intervista-a-rosino-gibellini-s
u-karl-rahner-a-25-anni-dalla-morte-30-marzo-1984/138) intervista della giornalista brasiliana Patricia Fachin a
Rosino Gibellini, sito queriniana.it URL visitato il 22/09/2014
(EN) Karl Rahner (1904-1984) (http://people.bu.edu/wwildman/bce/rahner.htm) ampio articolo della Boston
Collaborative Encyclopedia of Western Theology, sito people.bu.edu. URL visitato il 2/03/2012
(EN) Karl Rahner Society, su krs.stjohnsem.edu.
(DE) Répertoire bibliographique, su ub.uni-freiburg.de.
VIAF (EN) 95297822 (https://viaf.org/viaf/95297822) · ISNI (EN) 0000 0003 6863 5937
(http://isni.org/isni/0000000368635937) · LCCN (EN) n79066426 (http://id.loc.gov/aut
horities/names/n79066426) · GND (DE) 118597868 (https://d-
nb.info/gnd/118597868) · BNF (FR) cb11921037v (https://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/
Controllo di
cb11921037v) (data) (https://data.bnf.fr/ark:/12148/cb11921037v) · NLA
autorità
(EN) 35796516 (https://nla.gov.au/anbd.aut-an35796516) · BAV ADV10282223 ·
CERL cnp02033597 (https://thesaurus.cerl.org/record/cnp02033597) · NDL
(EN, JA) 00453616 (https://id.ndl.go.jp/auth/ndlna/00453616) · WorldCat Identities
(EN) n79-066426 (https://www.worldcat.org/identities/lccn-n79-066426)

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Karl_Rahner&oldid=106253473"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 2 lug 2019 alle 00:35.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono
applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.