Sei sulla pagina 1di 264

REMINISCENCES

OF A STOCK OPERATOR



La sensazionale biografia del miglior operatore di
borsa di sempre e del mondo





Versione italiana



Con l’acquisto del libro hai ottenuto il diritto a far parte del gruppo Facebook di
Jesse Livermore, dove puoi trovare discussioni e approfondimenti di ogni
capitolo del libro e del mercato azionario in generale. Richiedi l’iscrizione nel
link sottostante.
“Jesse Livermore’s Club”


ISBN
979-12-200-2000-8


Prima edizione digitale 2017



Quest’opera è protetta dalla Legge sul diritto d’autore.
E’ vietata ogni duplicazione, anche parziale, non autorizzata.


PREFAZIONE DEL TRADUTTORE

Genio e sregolatezza sono i due termini che si addicono di più a Jesse
Livermore. Li ho letti su un articolo sul web ed ho subito pensato che non sarei
mai riuscito a trovarne di più adatti, così ho deciso di riutilizzarli per questa
prefazione. Genio perché Livermore ha rivoluzionato il mondo degli
investimenti, era un visionario. Ha capito prima di tutti che il mercato azionario
segue dei movimenti ripetitivi tanto da essere eletto come: “il padre del trend
following”. Il perché il termine “sregolatezza” gli si addice te lo lascio scoprire
nelle pagine seguenti.
Apprezzo molto che tu stia leggendo queste righe, perché la traduzione di questo
libro è stata un’esperienza fantastica e sono sicuro che dopo che lo avrai finito,
lo rileggerai...e poi lo rileggerai tante altre volte perché ogni capitolo nasconde
una miriade di insegnamenti sugli investimenti e sulla vita di tutti i giorni.
Non mi dilungo oltre perché non voglio essere l’ostacolo tra te e il più grande
investitore di tutti i tempi, stai per conoscere una persona straordinaria...volta
pagina...
CHAPTER I
Finita la scuola elementare avevo iniziato subito a lavorare: ero il “ragazzo del
tabellone” in un ufficio di brokeraggio. Sono sempre stato molto bravo con la
matematica e mi riusciva molto facile fare i conti a mente. Il mio lavoro
consisteva nell’appendere il prezzo dei titoli nel tabellone delle quotazioni che si
trovava nella sala clienti. Di solito c'era un cliente seduto davanti alla
telescrivente1 che annunciava a voce alta il valore dei titoli. L'annunciatore non
riusciva a mettermi in difficoltà. I numeri, io, li ho sempre ricordati.
C’erano molti impiegati in quell’ufficio - molti erano diventati miei amici - ma il
lavoro che facevo, se il mercato era molto movimentato, mi impegnava gran
parte della giornata e quindi riuscivo a malapena a parlare con loro; anche se
devo ammettere che questa cosa non mi pesava.
Un mercato movimentato però non distoglieva il mio pensiero da una concetto:
per me il valore delle azioni non corrispondeva a del denaro, ma solo a semplici
numeri. Esatto - dei semplici numeri, ma in realtà avevano un significato
particolare: cambiavano continuamente e io ero interessatissimo ai cambiamenti.
Perché lo facevano? Non lo sapevo e non me lo ero neanche mai chiesto,
semplicemente vedevo che il valore cambiava. Questo è quello a cui dovevo
pensare dal lunedì al venerdì per cinque ore al giorno e per altre due ore il
sabato: il continuo cambiamento dei numeri.
E’ così che avevo iniziato ad interessarmi al comportamento delle azioni. Avevo
un’ottima memoria per i numeri e potevo ricordare dettagliatamente se i prezzi
nei giorni precedenti erano aumentati o se erano diminuiti. La mia passione per
gli esercizi aritmetici mentali si era rilevata molto utile.
Avevo notato che, sia gli apprezzamenti che le svalutazioni delle azioni, avevano
certe abitudini. C'erano tantissimi titoli che seguivano dei movimenti ripetitivi
nel tempo e queste ripetizioni erano diventate la mia guida. Avevo solo 14 anni e
dopo aver memorizzato centinaia di movimenti ne avevo testato la loro
accuratezza, comparando il grafico del giorno stesso con quello dei giorni
precedenti. Dopo un po' di tempo riuscivo ad anticipare i movimenti dei prezzi.
La mia unica guida era la performance passata del titolo e quindi avevo
memorizzato tutti i prezzi delle azioni che appendevo. Cambiavo il valore sul
tabellone e lo memorizzavo all'istante.
Potevo individuare, ad esempio, quando un acquisto era più profittevole di
pochissimi punti rispetto ad una vendita allo scoperto. Il mercato azionario è una
battaglia continua e il grafico è il tuo cannocchiale. Puoi fare affidamento
sull’analisi tecnica del grafico perché ti permette di fare una previsione esatta
ben 7 volte su 10.
Un’altra cosa che avevo imparato abbastanza in fretta è che non c’è nulla di
nuovo a Wall Street. Non ci può essere nulla di nuovo perché la speculazione è
vecchia come il cucco. Qualsiasi cosa accada oggi nel mercato azionario è già
successa in passato e succederà in futuro, non dimenticare mai questa cosa.
Ricordo perfettamente quando e come si sono mossi i mercati negli anni
precedenti e credo che sia questo il fattore chiave che mi ha fatto arricchire.
Ero così interessato e ansioso di anticipare i rialzi e i ribassi di tutte le quotazioni
che annotavo su un taccuino tutte le mie osservazioni. Molti traders possedevano
un “diario” dove scrivevano ipotetiche azioni da compiere qualora avessero
guadagnato o perso milioni di dollari; lo facevano per evitare di montarsi la testa
se le cose fossero andate bene o per evitare di ritrovarsi in bancarotta o in una
mensa dei poveri se le cose non fossero andate per il verso giusto. Il mio
taccuino non era uno di questi. Io annotavo tutte le volte che riuscivo o non
riuscivo a prevedere un trend correttamente e analizzavo i dati trascritti per
cercare di prevedere il trend futuro. Quello che attirava particolarmente la mia
attenzione però erano le volte che riuscivo a prevedere un trend correttamente.
Dopo aver studiato ogni variazione giornaliera del mercato azionario mi
permetto di dire questo: “Le azioni si comportano esattamente come nel
passato”. Annotavo il nome e il prezzo dell'azione il lunedì e, ricordando le
performance passate, scrivevo accanto al nome il valore che avrebbe raggiunto il
titolo il Martedì e il Mercoledì. Successivamente verificavo i dati sul grafico e
annotavo se la mia previsione era esatta o no.
E’ così che ho fatto il mio primo passo verso l'analisi tecnica del grafico.
Riuscivo a prevedere se il trend sarebbe stato al rialzo o al ribasso. C'era
sicuramente una ragione per cui si verificavano queste variazioni ma il grafico
non ti spiega il motivo e sinceramente non glielo ho mai chiesto, né quando
avevo 14 anni né ora che ne ho 40. Il motivo per cui il valore di un'azione
cambia non si viene a sapere prima di due o tre giorni o prima di alcune
settimane o addirittura prima di alcuni mesi, ma cosa diavolo ti importa? Devi
guadagnare oggi, non domani, quindi la ragione può aspettare e tu puoi scegliere
se passare subito all'azione e guadagnare oppure aspettare il motivo della
variazione e lasciarti sfuggire tutte le occasioni.
Ricorderai che l'altro giorno la Hollow Tube2 era scesa di tre punti mentre il
resto del mercato era stato toro3 . Solo successivamente hai scoperto che il
motivo per cui il titolo è sceso è che, lo scorso lunedì, l'assemblea aveva
approvato il dividendo4 . I dirigenti sapevano cosa sarebbe successo e anche se si
sono limitati a non vendere le proprie azioni puoi star certo che non avevano
intenzioni di acquistarne altre; questo è il motivo per cui il titolo è sceso.
Ho tenuto il taccuino per circa sei mesi, invece di tornare a casa per pranzo
scrivevo tutte le variazioni giornaliere dei titoli a cui ero interessato,
controllando se si verificavano ripetizioni o parallelismi nel grafico. Mentre
svolgevo questo lavoro, anche se ancora non me ne stavo rendendo conto, stavo
imparando l’analisi tecnica del grafico.
Un giorno uno degli impiegati dell’ufficio, che lavorava lì da prima di me, mi si
era seduto accanto nel tavolo dove stavo pranzando e mi aveva chiesto se avessi
dei soldi con me.
“Perché ti interessa?” Gli chiesi.
“Ho avuto un'ottima soffiata sulle Burlington5 . Investirei lì se facciamo una
colletta”. Rispose.
“Che cosa intendi per investire?” Gli chiesi. Per me le uniche persone che
potevano investire erano i ricconi perché per investire servivano molti soldi.
Investire significava possedere una carrozza privata e avere un cocchiere che
indossa un cappello di seta.
“E' proprio quello il significato, investire!” Disse. “Quanto hai?” Chiese.
“Di quanto hai bisogno?” Risposi.
“Posso investire in 5 azioni con 5$” Rispose.
“Come farai a investirli?” Domandai.
“Sto andando a comprare tutte le Burlington che riesco a comprare.
Il bucket shop6 mi permette di comprare le azioni ma si tengono una piccola
percentuale di margine. Saliranno sicuramente! Sarà come seminare i soldi,
raddoppieranno in un baleno.”
“Aspetta un attimo” gli dissi, e tirai fuori il mio taccuino.
Non ero interessato a raddoppiare i miei soldi, ma quando aveva detto che le
azioni della Burlington sarebbero salite, se realmente lo avrebbero fatto, il mio
taccuino lo doveva prevedere. Ero abbastanza sicuro che, secondo i dati che
avevo raccolto, il titolo si stava comportando come era solito fare prima di
apprezzarsi. Non avevo mai comprato o venduto azioni nella mia vita e non
avevo neanche mai scommesso con gli altri ragazzi ma quello che mi si stava
presentando era una grande occasione per testare l'affidabilità del mio
lavoro/hobby. Se tutto il lavoro teorico che avevo fatto non avesse funzionato
nella pratica voleva dire che era stato del tutto inutile. Diedi all'impiegato tutti i
soldi che avevo e unendoli ai suoi andò nel bucket shop più vicino per comprare
alcune azioni della Burlington. Due giorni dopo riscuotemmo le azioni
generando un profitto di ben 3,12$. Dopo questa prima transazione iniziai a
investire da solo nel bucket shop. Mi recavo lì durante la pausa pranzo e o
compravo azioni o le vendevo allo scoperto7 , non faceva differenza per me.
Stavo seguendo una strategia di investimento, non mi limitavo ad investire solo
nel mio titolo “preferito” e non ascoltavo le opinioni della gente. Il mio sistema
aveva basi matematiche. La mia strategia di investimento era ideale per un
“bucket shop” dove tutte le transazioni venivano basate esclusivamente sulle
fluttuazioni del grafico che veniva disegnato dalla telescrivente. Dopo poco
tempo ricavavo più soldi dal bucket shop che dal mio lavoro nell'ufficio di borsa.
Così decisi di lasciare il lavoro per iniziare ad investire a tempo pieno.
Inizialmente i miei genitori si opposero ma non poterono controbattere dopo che
gli spiegai cosa stavo facendo. In fondo ero solo un ragazzo e lo stipendio che
percepivo come impiegato non ero molto elevato così mi dedicai interamente
all'occasione della mia vita.
Avevo quindici anni quando avevo guadagnato i miei primi 1.000$; li posai sul
tavolo davanti a mia madre, li avevo guadagnati tutti in pochi mesi di
investimenti e a questi andavano aggiunti anche quelli che avevo guadagnato
con il precedente lavoro. Mia madre era terrorizzata, voleva portare tutti i soldi
in una banca in modo da allontanarmi dalla tentazione di spenderli. Disse che
non aveva mai sentito parlare di nessun quindicenne che partendo da zero era
riuscito a guadagnare tutti quei soldi. Non riusciva quasi a credere che fossero
soldi veri. Questa situazione la preoccupava, io però non potevo pensare ad altro
eccetto al fatto che i miei calcoli erano esatti. La cosa divertente era che la
strategia che avevo elaborato funzionava, e visto che funzionava con decine di
azioni avrebbe funzionato ancora meglio con centinaia di azioni. Questo
significava che potevo guadagnare molto di più. Serviva più coraggio per
investire una maggiore quantità di denaro? No! Nessuna differenza! Tutto quello
che avevo erano dieci dollari e li avevo investiti rischiando tutto il mio capitale,
quindi serve molto più coraggio per investire tutti i propri soldi piuttosto che
investire un milione di dollari sapendo che ne hai un altro da parte.
All'età di quindici anni già potevo permettermi un buon tenore di vita, all'infuori
del mercato azionario. Avevo iniziato ad investire abitualmente in un piccolo
bucket shop dove c'erano persone che al massimo acquistavano venti azioni per
volta. Queste persone avevano iniziato a sospettare che fossi John W. Gates8
travestito per non farsi riconoscere oppure che fossi J.P. Morgan9 che viaggiava
in incognito. I bucket shop in quel periodo imponevano raramente delle
penalizzazioni ai propri clienti e quello dove investivo io non lo aveva mai fatto.
Utilizzavano altri metodi per separare il cliente dal proprio denaro. Gli
investimenti erano molto profittevoli quando erano gestiti onestamente - intendo
dire fino a quando il bucket shop si accontentava di piccole somme di denaro. Di
solito tenevano un margine di soli tre quarti di punto. Non era per niente difficile
annullare quel piccolo margine.
Non avevo nessuno che mi aiutava, decidevo tutto autonomamente. Ascoltavo
solo la mia testa. O il valore delle azioni andava nella direzione che avevo
previsto, senza alcun aiuto di amici o parenti, o andava in direzione opposta e
nessuno, con un gesto di cortesia nei miei confronti, poteva invertirne la
tendenza. Non vedevo il bisogno di parlare dei miei investimenti con nessuno.
Avevo degli amici ovviamente ma i miei affari sono stati sempre miei, questo è il
motivo per cui ho sempre investito in solitaria.
Non avevo impiegato molto tempo a far diventare il bucket shop sofferente nei
miei confronti, entravo e facevo camminare il loro margine su una passerella dei
pirati10 e loro non facevano nulla per cercare di salvarlo. Dicevano che non
potevano farci nulla e iniziarono a chiamarmi “il ragazzo speculatore”11 . Ero
costretto a cambiare bucket shop continuamente e ogni volta mi inventavo un
nome falso per non essere riconosciuto. Per non insospettirli iniziavo con cifre
piccole, quindici o venti azioni, e quando diventavano sospettosi perdevo di
proposito per poi tornare a vincere. Dopo poco tempo però costavo troppo al
bucket shop e venivo invitato ad andare ad investire altrove perché non dovevo
interferire con gli incassi dell’ufficio.
Una volta gli impiegati di una di queste agenzie, avevano il timore che avrei
investito per mesi nel loro ufficio, così mi vietarono sin da subito di investire
così, contrariato, decisi di portar via tutti i soldi che avevano a disposizione nei
vari bucket shop. Questo bucket shop aveva filiali in tutta la città, nelle hall degli
hotel e nelle città vicine. Mi recai in una filiale all'interno di un hotel e feci
alcune domande al direttore, poi iniziai ad investire. Non appena iniziavo a
investire seriamente, utilizzando la mia formidabile strategia, il direttore iniziava
a ricevere messaggi dalla sede centrale per sapere chi fossi. Una volta un
direttore venne da me dicendomi che la sede centrale voleva conoscere il mio
nome e io dissi che mi chiamavo Edward Robinson e venivo da Cambridge. Il
direttore telefonò al grande capo riferendogli le informazioni che avevo fornito
ma il grande capo, non soddisfatto, volle che lui gli descrivesse il mio aspetto. Il
direttore venne di nuovo da me dicendomi quanto gli era stato riferito e io
risposi: “Digli che sono basso, grasso con i capelli neri e una folta barba!” Non
mi diede ascolto e gli descrisse dettagliatamente il mio aspetto; poco dopo il suo
viso divenne rosso, riattaccò e mi disse di darmela a gambe.
“Che cosa ti ha detto il grande capo?” Gli chiesi gentilmente.
Mi ha detto: “Sei un maledetto imbroglione! Non ti avevo detto di non accettare
gli investimenti da parte di Larry Livermore? Gli hai dato, consapevolmente,
700 dollari!” Non mi riferì altro della conversazione.
Avevo provato ad entrare in tutte le altre filiali ma mi riconoscevano all’istante e
mi dicevano che i miei soldi non erano ben accetti in nessuno dei loro uffici.
Non potevo neanche entrare per guardare le quotazioni perché arrivava subito un
impiegato ad allontanarmi. Avevo anche provato a convincerli ad accettare i miei
investimenti a lungo termine diminuendo la mia presenza nel bucket shop della
metà, ma non aveva funzionato neanche quello. Alla fine mi era rimasta una sola
cosa da fare, andare nel bucket shop più grande e più ricco di tutti, il
“Cosmopolitan Stock Brokerage”. Il Cosmopolitan aveva una classificazione A-
1 e aveva un enorme giro d'affari; aveva filiali in ogni città industrializzata del
New England. Lì avevano accettato i miei investimenti, così avevo comprato,
avevo venduto, avevo guadagnato e avevo perso soldi per mesi ma alla fine si
era ripetuta la solita storia. Non avevano rifiutato i miei investimenti di punto in
bianco, come avevano fatto i bucket shop più piccoli, perché sarebbe risultata
una cosa “antisportiva”. Sarebbe stata una pessima pubblicità per loro se sui
giornali si fosse letto che la società non accettava più gli investimenti di un
cliente perché costui gli aveva portato via un po' di soldi. Fecero una cosa
peggiore, applicarono un margine di tre punti sui miei investimenti e mi
costrinsero a pagare subito una penale sull'acquisto che, inizialmente era di
mezzo punto, poi di un punto e infine di un punto e mezzo. Come funzionava
questo handicap? Semplice, ipotizza che la U.S. Steel era valutata 90 e tu la
compravi, sul tuo biglietto avresti dovuto trovare il prezzo fissato a 90,125. Se tu
applichi un punto percentuale di handicap però se il valore raggiungeva i 89,25$
il tuo investimento sarebbe andato in fumo e avresti perso tutti i soldi investiti.
Nei bucket shop non veniva applicato nessun handicap ai clienti e i clienti non
venivano messi nella penosa condizione di pregare il proprio broker di vendere o
acquistare quante più azioni ti permettevano di piazzare.
Quando il Cosmopolitan mi aveva imposto quella penalità mi aveva dato un
colpo sotto la cintura. Significava che se il prezzo era di 90 quando io compravo,
invece di darmi un biglietto con scritto il prezzo di 90,125 me ne davano uno con
scritto 91,125 così ero costretto ad aspettare che il valore salisse di un punto,
prima di iniziare a guadagnare, e se vendevo l'azione prima che il prezzo
sorpassava quella cifra chiudevo la transazione in perdita. Anche se avevo
provato ad insistere sul fatto che avrei accettato un margine di tre punti applicato
subito all'acquisto avevano ridotto la cifra massima che potevo investire di due
terzi. Tuttavia era l'unico bucket shop che mi permetteva di investire, quindi o
accettavo i loro termini o ero costretto ad abbandonare il mondo degli
investimenti.
Avevo avuto i miei alti e bassi ma il bilancio finale dimostrava che ero un
vincente. Quindi nonostante mi avessero applicato quello spaventoso handicap i
dipendenti del Cosmopolitan non erano ancora soddisfatti. Premetto che quella
penalità avrebbe tagliato fuori dagli investimenti chiunque. Avevano provato
anche a fare il doppio gioco con me ma avevo intuito la cosa e me ne ero andato
ancora prima che erano riusciti a truffarmi.
Il Cosmopolitan, come ho detto prima, era la mia ultima possibilità. Era il bucket
shop più ricco del New England e non imponevano nessun limite per gli
investimenti. Credo di essere stato l'investitore più attivo che abbiano mai avuto
– ero costantemente lì, tutti i giorni. Avevano un bell'ufficio e avevano il
tabellone delle quotazioni più grande che abbia mai visto, si distendeva per tutta
la lunghezza dello stanzone e c'erano tutte le quotazioni immaginabili. Intendo
tutte le azioni che erano quotate in borsa a New York e a Boston, il cotone, il
grano, i metalli e tutto quello che si poteva comprare o vendere a New York,
Chicago, Boston e Liverpool.
Ti spiego come funziona il trading in un bucket shop: dai i tuoi soldi ad un
impiegato e gli dici quale titolo vorresti acquistare o shortare, lui guarda il
grafico o il tabellone delle quotazioni e legge l'ultimo prezzo che andrà subito a
segnare nel biglietto. Accanto scrive anche l'ora a cui è stata effettuata
l'operazione in modo da renderlo il più possibile simile ad un biglietto regolare,
come quello degli uffici di borsa. Nel biglietto c'è scritto se hai comprato o
venduto allo scoperto, su quale titolo hai operato, la quantità di azioni su cui hai
investito, a quale prezzo, a quale ora, in quale giorno e quanto hai pagato in
totale. Quando desideri chiudere l'operazione vai o dallo stesso impiegato o da
un altro, dipende da quanti impiegati lavorano lì, e chiedi di chiudere la
transazione. L'impiegato legge l'ultima quotazione del titolo e se quest’ultimo in
quel momento non è attivo aspetta che si aggiorni. Scrive il prezzo sul biglietto,
lo convalida e te lo restituisce così puoi recarti alla cassa per riscuotere il denaro.
Naturalmente quando il mercato ti va contro e il prezzo scende sotto il limite
imposto il tuo biglietto diventa uno dei tanti pezzi di carta straccia e il tuo
investimento va a finire nel cestino.
Nei bucket shop più umili, dove le persone potevano comprare cinque azioni per
volta veniva applicata una piccola commissione; se acquistavi un titolo che era
quotato a 20 dollari nel biglietto leggevi il prezzo di acquisto a 20,25. Quindi
acquistavi con un prezzo maggiorato di solo un quarto di punto.
Io però ero costretto ad investire al Cosmopolitan perché era il bucket shop
migliore di tutto il New England, aveva migliaia di clienti. Inoltre, nessuno dei
due vincoli che mi erano stati imposti aveva frenato il mio trading né i tre punti
di margine né il prezzo di acquisto maggiorato. Compravo e vendevo azioni fino
a che me lo permettevano e a volte ero arrivato a scambiarne addirittura 5.000.
Un giorno accadde una vicenda particolare, avevo venduto allo scoperto 3.500
contratti di zucchero e mi avevano consegnato 7 biglietti grandi di colore rosa
dal valore di 500 azioni ciascuno. Questi biglietti avevano una casella vuota
accanto al prezzo dove gli impiegati potevano segnare un ulteriore margine. Di
certo il bucket shop non ti chiedeva mai di aggiungere più margine, più piccola
era la cifra meglio era per loro perché avevano più possibilità di prenderti tutti i
soldi. Nei bucket shop più piccoli se tu volevi aggiungere un po' di margine al
tuo investimento ti facevano un nuovo biglietto, in questo modo ti venivano
applicate solo le commissioni sull'acquisto e ti prendevano ¼ di punto. Per loro
ogni acquisto risultava esattamente come se fosse un nuovo investimento.
Quel giorno ricordo che avevo investito intorno ai 10,000 dollari.
Avevo vent'anni la prima volta che avevo tenuto in mano 10,000$ e avresti
dovuto sentire mia madre: “nessuno può permettersi di andare in giro con 10,000
dollari in contanti tranne il vecchio John D.”12 . Mi aveva detto che mi dovevo
accontentare di quanto ero riuscito a guadagnare e dovevo iniziare cercarmi un
lavoro. Avevo impiegato molto tempo per convincerla che non stavo giocando
d'azzardo ma che mi basavo su dei dati precisi. Alla fine lei era rimasta dell'idea
che 10,000$ erano tanti e io invece vedevo ancora molto margine di guadagno.
Avevo venduto allo scoperto le mie quotazioni dello zucchero a 105,25. C'era
anche un altro cliente, si chiamava Henry Williams, che aveva shortato 2.500 di
quelle azioni. Solitamente mi sedevo alla telescrivente e annunciavo le
quotazioni al ragazzo del tabellone. Il prezzo si era comportato come avevo
previsto, era prontamente sceso di un paio di punti, aveva fatto una pausa per
riprendere “fiato” e poi teoricamente avrebbe dovuto tuffarsi verso il basso ma
non lo fece. Il mercato generale era abbastanza calmo e tutto sembrava procedere
secondo i piani. All'improvviso però avevo iniziato ad avere una brutta
sensazione, non mi piaceva che lo zucchero stesse facendo una pausa così lunga
e avevo iniziato a pensare che dovevo coprire la mia posizione. Alla fine avevo
chiuso la transazione con il prezzo a 103, il più basso del giorno ma invece di
sentirmi sicuro provavo ancora una sensazione di incertezza. Sapevo che c'era
qualcosa di sbagliato da qualche parte ma non ero ancora riuscito a capire che
cosa non andasse. Stava per accadere qualcosa e non sapevo esattamente cosa
fosse e non potendo prendere precauzioni avevo deciso che la cosa migliore da
fare era uscire dal mercato.
Sai bene che non investivo alla cieca, non mi piaceva farlo e non lo ho mai fatto:
anche se ero solo un ragazzo, dovevo essere certo di cosa facevo. Questa volta
non avevo una ragione precisa per uscire dal mercato, ma mi sentivo così a
disagio che non ero riuscito a non farlo. Chiesi ad un ragazzo che conoscevo, si
chiamava Dave Wyman: “Dave, prendi il mio posto alla telescrivente. Vorrei che
facessi una cosa per me, aspetta un po' prima di annunciare l'ultimo prezzo dello
Zucchero ok13 ?”
Mi disse che lo avrebbe fatto così io mi alzai e lui si sedette al mio posto per
annunciare i prezzi agli altri clienti. Tirai fuori dal portafoglio i miei sette
biglietti e andai allo sportello dove gli impiegati ti permettevano di chiudere la
transazione. Ancora non sapevo perché volevo uscire dal mercato, così rimasi lì
in piedi davanti allo sportello con i biglietti in mano tenuti in modo che
l'impiegato non potesse vederli. Dopo pochi minuti sentii il ticchettio di un
telegrafo e vidi Tom Burnham, l'impiegato, che girava rapidamente la testa per
ascoltare. Sentii che qualcosa stava per andare storto e decisi di non aspettare
oltre, appena Dave Wyman dalla telescrivente pronunciò: “Zucch” sbattei i miei
biglietti sul bancone veloce come un fulmine, ero proprio di fronte all'impiegato
e gridai: “Chiudi la transazione” prima che Dave finì di annunciare il prezzo. In
questo modo il bucket shop era costretto a chiudere la mia transazione all'ultimo
prezzo che era stato annunciato. Ma il prezzo annunciato da Dave era sempre
103.
Secondo i miei calcoli a quell'ora lo Zucchero doveva aver sfondato i 103 ma
questo non era accaduto; sentivo che c'era una trappola nelle vicinanze. Alla fine
il telegrafo ticchettava come un pazzo e avevo notato che Tom Burnham,
l'impiegato, aveva lasciato i miei biglietti esattamente dove li avevo messi e
stava ascoltando il ticchettio come se aspettasse che succedesse qualcosa. Così
gli urlai: “Hey Tom, che cosa diavolo aspetti? Scrivi il prezzo su questi biglietti!
103 forza!”
Mi avevano sentito tutti nella stanza e avevano iniziato a guardarmi cercando di
capire quale fosse il problema perché, come sai, anche se il Cosmopolitan non
l'aveva mai stabilito - a dire il vero non c'era neanche bisogno di dirlo, una corsa
in un bucket shop è come una corsa in una banca. Se un cliente si fosse
insospettito della qualità del servizio tutti gli altri lo avrebbero seguito. Così
Tom, imbronciato, si era avvicinato al bancone e aveva scritto sui miei biglietti:
“Chiuso a 103” e mostrò i sette biglietti ai clienti che si trovavano nelle
vicinanze. Si vedeva dal viso che si era inacidito.
La distanza dalla postazione di Tom a quella del cassiere non superava gli otto
piedi14 , non avevo fatto in tempo ad arrivare alla cassa per ritirare i soldi che
Dave Wyman, dalla telescrivente, urlò eccitato: “Perbacco! Lo Zucchero a 108!”
Ma era troppo tardi, quindi con il sorriso sulle labbra chiamai Tom dicendogli:
“La tua tecnica non ha funzionato stavolta, eh vecchio mio?”.
Avevano preparato una bella trappola. Henry Williams e io, insieme, avevamo
venduto allo scoperto 6.000 contratti dello zucchero. Il Cosmopolitan aveva i
miei soldi, quelli di Henry e molto probabilmente anche quelli di altre persone,
per un totale di circa ottomila o diecimila azioni vendute allo scoperto. Avevano
un totale di 20.000 dollari investiti. Quella cifra era sufficiente per comprare una
grande quantità di contratti di zucchero, investendo direttamente sul mercato;
con l’intenzione di far salire il prezzo per prendere tutti i nostri soldi compiendo
una vera e propria truffa. Ai vecchi tempi, ogni qualvolta un bucket shop si
ritrovava ad avere molti investitori che puntavano tutti sul deprezzamento di un
titolo, incaricavano alcuni broker per far salire il prezzo di quanto bastava per
tagliare fuori tutte le persone che ci avevano investito. Questa tecnica faceva
guadagnare migliaia di dollari al bucket shop e raramente gli costava qualche
punto in più su poche centinaia di azioni.
Questo è quello che il Cosmopolitan aveva cercato di fare per truffare me, Henry
Williams e tutti gli altri che avevano venduto allo scoperto, i loro broker a New
York avevano fatto salire il prezzo a 108. Sicuramente poi avrebbero fatto
riscendere il prezzo ma intanto Henry e tutti gli altri investitori erano stati tagliati
fuori. Tutte le volte che un titolo faceva un inspiegabile ascesa per poi riscendere
poco dopo, i giornali del giorno dopo chiamavano questo movimento “la
manovra del bucket shop”.
La cosa più divertente di questa vicenda è che neanche dieci giorni dopo che il
Cosmopolitan aveva tentato di truffarmi un investitore di New York aveva
guadagnato 70.000$ in uno dei loro uffici. Quest'uomo era molto influente sul
mercato ed era anche un membro della Borsa Valori di New York, era
soprannominato “Bryan il panico del 1896”. Si era sempre battuto contro le
regole del mercato azionario perché gli impedivano di svolgere alcuni dei suoi
piani e i suoi colleghi ne avevano subito le spese. Un giorno aveva capito che
non si sarebbero lamentati né la Borsa Valori né le autorità se lui avrebbe tratti
guadagni illeciti dai bucket shop, così aveva costruito una squadra composta da
ben trentacinque uomini che investivano seguendo le sue indicazioni. Inviava
questi uomini nelle sedi principali e nelle succursali più importanti della borsa e
in un determinato giorno ad una determinata ora tutti dovevano acquistare
quante più azioni possibili. Successivamente avevano tutti il compito di
sgattaiolare via dopo che avevano raggiunto un certo profitto. La sua tecnica
funzionava così: suggeriva quale titolo sarebbe salito ai suoi compari, lui andava
in un ufficio di borsa e, con l'aiuto degli altri investitori che lo reputavano una
persona onesta, faceva salire, senza troppi problemi, il prezzo di 3 o 4 punti. A
questo punto i compari riscuotevano il guadagno prestabilito.
Un mio collega mi aveva detto che Bryan era riuscito a guadagnare 70.000$ al
netto delle spese e della paga che doveva distribuire ai suoi compari. Aveva
utilizzato questo giochetto molte volte in tutte le città, aveva punito tutti i più
grandi bucket shop di New York, Boston, Philadelphia, Chicago, Cincinnati e St.
Louis. Preferiva operare nella costa occidentale perché gli risultava più facile far
muovere il mercato di qualche punto in su e in giù. I suoi scagnozzi compravano
ad un prezzo ben prestabilito, vendevano raggiunti i due punti di profitto per poi
vendere subito allo scoperto lo stesso titolo per guadagnare altri 3 punti.
Tuttavia ho letto in giro che quest'uomo è morto povero e in solitudine. Se fosse
morto nel 1896 avrebbe avuto almeno una colonna sulla prima pagina di ogni
quotidiano di New York, invece ha avuto due righe nella quinta pagina.
CHAPTER II

Avevo scoperto che il Cosmopolitan era pronto ad utilizzare dei metodi scorretti
nei miei confronti se il micidiale handicap di tre punti di margine che mi era
stato imposto non avesse funzionato, inoltre avevano sparso la voce che non
gradivano che io operassi nel loro ufficio. A seguito di questi fatti avevo pensato
di andare a New York dove potevo fare trading in un legale ufficio di borsa. Non
volevo più frequentare nessuna succursale di Boston dove la quotazione dei titoli
arrivava tramite la telescrivente, volevo andare direttamente alla fonte. Mi recai
a New York all’età di 21 anni, portando con me tutto quello che avevo che vale a
dire duemilacinquecento dollari.
Ti avevo detto che quando avevo 20 anni ero arrivato a guadagnare 10.000
dollari e a dire il vero ne avevo guadagnati anche di più con degli investimenti
sullo zucchero. Però non ho sempre e solo guadagnato, anche se la mia strategia
di investimento mi portava ad avere più guadagni che perdite. A dire il vero se
mi fossi sempre attenuto alla strategia avrei guadagnato anche di più di sette
volte su dieci. Effettivamente riuscivo a guadagnare solo quando ero veramente
sicuro dei miei investimenti e ogni volta che perdevo soldi era perché non ero
abbastanza intelligente da ascoltare il mio cervello - avrei dovuto investire solo
quando i movimenti del grafico rispettavano le regole imposte dalla mia strategia
di investimento. C’è una tempistica per ogni cosa in borsa ma ancora non lo
sapevo. E’ proprio questo il motivo per cui molte persone non riescono a
guadagnare e Wall Street non ci mette molto a riempire le sale di perdenti.
Esistono strategie di investimento folli che ti fanno perdere sempre e comunque
ma ci sono anche persone folli che pensano di poter scambiare azioni tutti i
giorni. Nessun uomo ha sufficienti motivazioni o sufficienti conoscenze per
permettersi di comprare e vendere azioni giornalmente seguendo una strategia
intelligente.
Posso dirlo per esperienza, ogni qualvolta interpretavo il grafico attenendomi al
lume della ragione e alla mia esperienza facevo soldi ma quando mi attenevo ad
una strategia folle ne ho sempre persi. Neanche io ero un eccezione, mi capitava
di lasciar prendere delle decisioni alle emozioni piuttosto che al giudizio. C’era
un enorme tabellone di fronte a me, la telescrivente aggiornava i prezzi e gli
investitori guardavano i loro biglietti trasformarsi in soldi o in cartaccia. Nei
bucket shop dove il tuo margine è minimo non potevi fare investimenti a lungo
termine perché era molto probabile che il titolo, oscillando, raggiungesse il
limite precedentemente prefissato e vedevi spazzati via tutti i soldi investiti in
poco tempo. Il desiderio di scambiare azioni continuamente, indipendentemente
dalle condizioni del mercato, è il motivo per cui molte persone perdono a Wall
Street e questo succede anche tra i professionisti che pensano di poter portare a
casa tutti i giorni un po’ di soldi, come se dovessero percepire uno stipendio
regolare.
Ricordo che ero un ragazzo, ancora non sapevo una cosa che avrei imparato 15
anni dopo; questa cosa mi avrebbe fatto aspettare due lunghe settimane per
vedere un’azione, che già stava salendo molto, salire di altri 30 punti prima di
sentirmi sicuro di comprarla. Avevo perso tutto e pensavo a come rimediare ma
non potevo permettermi un investimento rischioso e quindi avevo aspettato
ulteriormente. Era il 1915 e questa è una lunga storia che finirò di raccontarti
dopo, in un momento più appropriato. Ora vi racconto di come, dopo anni di
guadagni continui nei bucket shop, ho lasciato che i regolari uffici di borsa mi
portassero via la maggior parte dei miei guadagni.
Bisognava stare molto attenti a vari fattori e infatti avevo iniziato ad investire
tenendo gli occhi ben aperti! Questo non è stato l’unico periodo della mia vita in
cui ho dovuto prestare questa particolare attenzione. Un investitore deve
combattere tanti nemici molto costosi che si annidano dentro la propria testa.
Sono andato a New York con 2.500$ e non c’erano bucket shop di cui ti potevi
fidare, sia la polizia che il mercato stesso avevano contribuito a chiuderne la
maggior parte in poco tempo. Cercavo un ufficio dove l'unico limite imposto
sugli investimenti fosse la quantità di denaro che una persona aveva a
disposizione; è vero che al tempo non avevo molto denaro ma avevo intenzione
di trovare un posto dove avrei potuto fermarmi a lungo. Così andai al New York
Stock Exchange House che aveva anche una filiale nella città dove vivevo prima
di venire a New York. Conoscevo anche alcuni impiegati che lavoravano lì ma
ormai avevano abbandonato il settore da tempo. Non mi fermai molto in
quell'ufficio perché non mi piaceva uno dei soci così decisi di andare alla A.R.
Fullerton & Co. Qualcuno doveva aver parlato di me in quest'ufficio, perché
dopo poco tempo iniziarono a chiamarmi il “Boy Trader15 ”. Sono stato sempre
visto come un ragazzino e risultava essere una cosa svantaggiosa ma al
contempo aveva anche degli aspetti positivi perché ero stato costretto a lottare
per ottenere i miei diritti perché c’erano alcune persone che cercavano di
approfittarsi della mia giovinezza. Ho dimostrato all’impiegato del bucket shop
che tipo di ragazzino ero, lui pensava che fossi baciato dalla fortuna e questo era
l’unico motivo per cui battevo così spesso il banco.
Quanto appena descritto accadeva neanche sei mesi prima che persi tutto. Ero un
investitore piuttosto attivo, avevo una reputazione da vincente e credo che tutte
le spese di commissione che ho pagato in passato confermino le voci. Avevo
incrementato il mio portafoglio di parecchio ma alla fine avevo perso tutto.
Avevo investito con la solita attenzione ma il mio metodo era perdente e ti dico
anche la ragione: il successo dei miei investimenti nei bucket shop!
Riuscivo a battere il gioco seguendo la mia strategia; ma questa funzionava solo
nei bucket shop dove si potevano acquistare e vendere le azioni basandosi sulle
sole oscillazioni del grafico. Quando compravo le azioni conoscevo
perfettamente il prezzo di acquisto perché era scritto nel tabellone delle
quotazioni proprio di fronte a me e poi le potevo rivendere nell’istante in cui
volevo farlo. Guadagnavo molto con lo scalping16 perché potevo eseguire le
operazioni in un lampo. Potevo far correre la mia fortuna o potevo tagliare le
perdite in un secondo. Alcune volte, ad esempio, ero sicuro che un'azione
sarebbe salita di almeno un punto e, non essendo costretto a conservare le azioni
a lungo, potevo fissare il margine ad un punto e raddoppiare i miei soldi in un
battibaleno oppure potevo accontentarmi anche di mezzo punto. Questa
operazione eseguita su duecento o trecento azioni al giorno alla fine del mese
non era male, no?
Il problema dei bucket shop era che, anche se avevano sufficiente liquidità per
subire una grande e costante perdita, non avevano assolutamente intenzione di
continuare a subirla. Non volevano avere nulla a che fare con un cliente che
aveva il cattivo gusto di vincere sempre.
La strategia d'investimento che funzionava perfettamente per i bucket shop non
funzionava nell'ufficio Fullerton dove attualmente stavo investendo. Il prezzo
dello zucchero sul grafico era di 105 e avevo previsto una discesa di tre punti.
Mentre la telescrivente disegnava sul grafico il prezzo a 105 il valore dello
zucchero sul mercato era già diventato 104 o 103. Quando andavo a comunicare
all’impiegato dell'ufficio di vendere allo scoperto un migliaio di azioni c'era il
rischio che il prezzo fosse calato ulteriormente. Non sapevo a che prezzo avevo
piazzato l’ordine fino a che l’impiegato non mi consegnava il report con scritto il
prezzo. In un bucket shop avrei sicuramente guadagnato tremila dollari ma la
stessa transazione effettuata in un ufficio di borsa non mi avrebbe fruttato un
centesimo. Ho fatto un esempio estremo ma fondamentalmente nell'ufficio di
Fullerton il grafico mostrava i prezzi troppo in ritardo per la mia strategia di
investimento ma io ancora non lo avevo capito.
Inoltre se vendevo allo scoperto una grande quantità di azioni la mia stessa
vendita tendeva a far abbassare il prezzo, nei bucket shop questo non accadeva e
quindi non dovevo tenere in considerazione questo fattore nella mia strategia.
Avevo perso molti soldi a New York perché il gioco era completamente diverso.
Non perdevo soldi perché non stavo investendo sensatamente, ma li perdevo
perché stavo investendo con ignoranza. Ti avevo detto che ero molto abile ad
interpretare il grafico ma neanche questo mi aveva salvato. Avrei fatto
sicuramente meglio se fossi stato da solo nella sala degli investitori; ero
addirittura costretto ad adattare la mia strategia quando c'era molta folla. Di
sicuro però, anche se mi fossi ritrovato da solo nella stanza, se avessi continuato
ad investire in quel modo avrei comunque fallito a causa della mia strategia
basata sui prezzi.
In poche parole non sapevo come investire negli uffici di borsa. Conoscevo gli
investimenti e anche abbastanza bene e questo si era rivelato molto importante
nel tempo, ma con tutto quello che avevo perso che chance avevo di vincere, o
meglio, guadagnare?
Non ci misi molto tempo a capire che c’era qualcosa che non andava con la mia
strategia ma non riuscivo ad individuare il problema. Alcune volte sembrava
funzionare benissimo, ma poi, all’improvviso, prendevo uno schiaffo dopo
l’altro. Ricordo che avevo solo 22 anni, non ero così pieno di me da non voler
cercare dove stavo sbagliando, ma a quell’età nessuno conosce
approfonditamente qualcosa.
Le persone nell’ufficio erano molto gentili con me. Non potevo investire quanto
avrei voluto a causa del margine imposto dall’ufficio ma il vecchio A.R.
Fullerton e tutti gli impiegati erano così gentili con me che dopo sei mesi di
trading, anche se avevo perso tutti i soldi che possedevo, mi avevano permesso
di indebitarmi di qualche centinaia di dollari.
Ero un ragazzo semplice che non si era mai allontanato da casa e mi ritrovavo al
verde ma sapevo che non c’era nulla di sbagliato in me, quello che non andava
era la mia strategia. Non so se prendevo gli investimenti con troppa superficialità
ma non avevo mai perso il mio temperamento verso il mercato azionario e non
avevo mai litigato con i grafici. Lamentarsi del mercato non porta da nessuna
parte.
Ero così ansioso di tornare ad investire che non persi un minuto e andai dal
vecchio Fullerton e gli dissi: “Prestami 500$”.
Mi disse: “A cosa ti servono?”.
“Ho bisogno di un po’ di soldi” risposi.
“A cosa ti servono?” Disse nuovamente.
“Per investire, ovviamente” gli risposi.
“Cinquecento dollari?” Disse aggrottando le sopracciglia.“Sai che ti chiederanno
un margine del 10% e questo significa mille dollari ogni cento azioni. Meglio
che chiedi un credito.”
“No” dissi, “Non voglio avere un credito qui, già sono in debito con l’ufficio.
Quello che voglio è che tu mi presti 500 dollari così io posso uscire per
guadagnare un po’ di soldi per poi tornare qui.”
“Dove andresti a guadagnare?” Chiese il vecchio Fullerton
“Andrò ad investire in un bucket shop” gli dissi.
“Investi qui” rispose.
“No” gli dissi. “Non sono ancora sicuro di riuscire a guadagnare in questo
ufficio ma sono più che sicuro che riesco a guadagnare in un bucket shop. So
come investire in quelle agenzie e ho appena appreso che la mia strategia qui
non funziona”.
Mi prestò i soldi e “il terrore dei bucket shop”, come mi chiamavano lì dentro,
uscì dall’ufficio dopo aver perso tutti i soldi che aveva guadagnato in passato.
Non potevo tornare a casa perché i bucket shop lì non mi volevano. New York
era fuori questione, non c'era nessuno lì che poteva farmi guadagnare in quel
periodo. Mi consigliarono di andare sulla novantesima tra Broad Street e New
Street perché c’erano molti bucket shop. Ma in quelle zone quando dovevo
investire io sparivano magicamente tutti gli impiegati. Così, dopo averci pensato
un po’, decisi di andare a St. Louis perché avevo sentito che c’erano due bucket
shop che avevano molti investitori provenienti da tutto il Centro-Ovest. Il
profitto di questi bucket shop doveva essere enorme perché avevano aperto filiali
in una dozzina di città. Effettivamente avevo sentito che non c’erano uffici ad est
che potevano competere con il volume di investimenti di questi bucket shop. Gli
uffici erano aperti a chiunque e gli investitori più bravi potevano operare senza
scrupoli. Un impiegato mi aveva detto che il proprietario di uno di questi due
uffici era il vice presidente della camera di commercio e non poteva essere mai
presente a St. Louis. Ad ogni modo dovevo andare lì con i miei 500$ per poi
tornare indietro con un bel gruzzoletto che mi avrebbe permesso di investire
nuovamente nell’ufficio “A.R. Fullerton & Co”, di cui il direttore era membro
della borsa valori di New York.
Quando arrivai a St. Louis andai in hotel, mi lavai e uscii in cerca di un bucket
shop. Ce ne erano due; uno si chiamava “J. G. Dolan Company” e l’altro “H. S.
Teller & Co.”. Ero consapevole di poterli battere, avevo intenzione di fare
investimenti sicuri utilizzando una strategia conservativa e accurata. La mia
unica preoccupazione era quella di essere riconosciuto; se qualcuno mi avesse
riconosciuto non mi avrebbero permesso di investire perché tutti i bucket shop
d'America avevano sentito parlare del “Boy Trader”. I bucket shop funzionano
come i casinò, i direttori ascoltano i pettegolezzi come se fosse una professione17
.
Il Dolan era più vicino rispetto al Teller e inizialmente andai lì, con la speranza
che mi avessero permesso di investire per qualche giorno prima di essere invitato
ad andare ad investire altrove. Entrai e vidi una sala enorme, ci saranno state
circa 200 persone che fissavano il tabellone delle quotazioni. Rimasi
piacevolmente colpito perché tra la folla avrei avuto meno possibilità di essere
notato. Mi fermai a guardare il tabellone attentamente fino a che non scelsi il
titolo su cui iniziare ad investire. Mi guardai attorno e notai l’impiegato seduto
dietro la finestrella dell’ufficio dove si consegnano i soldi in cambio del
biglietto. Iniziò a guardarmi così mi avvicinai e chiesi: “ E’ qui dove posso
investire sul cotone e sul grano?”.
“Si, figliolo” disse.
“Qui si possono comprare anche le azioni?”.
“Puoi comprare azioni se hai dei soldi con te” disse.
“Oh, si li ho. Giusto, giusto” dissi con fare da spaccone.
“Li hai, li hai?” Disse con un sorriso sulle labbra.
“Quante azioni posso comprare con 100 dollari?” Chiesi innervosito.
“Cento azioni, se tu hai realmente cento dollari” rispose.
“Ne ho cento certo e anche altri cento” gli dissi.
“Accidenti!” Rispose.
“Ora comprami duecento azioni” dissi bruscamente.
“Duecento azioni di cosa?” Chiese, con tono serio questa volta in fin dei conti
stava lavorando.
Guardai di nuovo il tabellone come se tirassi ad indovinare e gli dissi: “duecento
Omaha18 ”.
“Va bene!” Rispose. Prese i miei soldi, li contò e scrisse il biglietto.
“Come ti chiami?” Mi chiese.
Risposi “Horace Kent”.
Mi diede il biglietto e andai a sedermi accanto agli altri clienti in attesa che il
valore del mio investimento aumentasse. Quel giorno ero stato molto attivo e
avevo fatto molti investimenti; feci la stessa cosa il giorno seguente. In due
giorni avevo guadagnato 2.800 dollari e speravo che mi avrebbero permesso di
investire per tutta la settimana perché stavo tenendo un ritmo che non era niente
male. Poi mi sarebbe piaciuto affrontare l’altro bucket shop, e se avessi avuto la
stessa fortuna che avevo avuto nel primo sarei tornato a New York con un bel
gruzzolo e avrei potuto iniziare ad investire di nuovo.
Al terzo giorno andai dall’impiegato e timidamente chiesi di comprare 500
azioni della B.R.T.19 , l’impiegato mi disse: “Signor Kent, il titolare desidera
incontrarla”.
Sapevo di cosa si trattava ma chiesi comunque: “Come mai vuole vedermi?”.
Rispose “Non lo so”.
“Dove si trova?” Chiesi.
Rispose: “Nel suo ufficio privato” mentre indicava una porta.
Entrai e vidi Dolan che era seduto nella sua scrivania, si voltò e disse “Siediti,
Livermore” indicando la sedia. Le mie ultime speranze svanirono, non so come
aveva fatto a scoprire chi ero, forse dal registro dell’hotel dove risiedevo.
“Per quale motivo ha chiesto di incontrarmi?” Chiesi.
“Ascolta, ragazzo. Come avrai notato io non ho nulla contro di te, niente di
niente” disse.
“No, non lo ho notato” risposi.
Si alzò dalla sedia girevole, era un uomo enorme. “Vieni con me, Livermore”
disse mentre si avvicinava alla porta dell’ufficio. Aprì la porta e indicò l’enorme
stanza dei clienti domandandomi: “Hai visto?”.
“Visto cosa?” chiesi.
“Quelle persone, guardale ragazzo. Saranno circa trecento. Trecento perdenti!
Loro sfamano la mia famiglia. Li hai visti? Trecento perdenti! Poi arrivi tu e in
due giorni mi porti via più di quanto io riesco a guadagnare con tutte queste
persone in una settimana. Non è business questo ragazzo, non per me. Ti ripeto
non ho nulla contro di te e contro quello che hai guadagnato qui ma non
presentarti mai più!”.
“Perché, io…” cominciai a dire.
Interrompendomi disse “E’ tutto. Ti ho visto entrare l’altro ieri e non mi piaceva
il tuo aspetto ma in quel momento avevo pensato che fosse un tuo sosia”. Mentre
indicava l’impiegato disse: “Ho chiamato anche quell’asino nel mio ufficio e gli
ho chiesto che cosa stavi facendo e, dopo aver ascoltato la sua risposta, gli dissi
che non mi piaceva il tuo aspetto perché assomigliavi a Livermore”. Questo
pezzo di formaggio20 mi rispose: “Fidati di me, capo! Il suo nome è Horace Kent
ed è così entusiasta di esser un perdente. E’ un tipo ok!”. Mi sono fidato
dell’impiegato e questo mi è costato 2.800 dollari. “Non ti rimprovero per questo
ragazzo mio ma d’ora in poi la cassaforte è chiusa per te”.
“Ascolta” iniziai a dire.
“Ascoltami tu, Livermore” disse interrompendomi. “Ho sentito tutto nei tuoi
riguardi. Guadagno i miei soldi con le monetine che ricavo dalle puntate dei
perdenti e tu non fai parte di questo ufficio. Tendo ad essere gentile con tutti e ti
lascio la libertà di curiosare in giro se vuoi ma nulla al di là di questo perché
altrimenti mi fai perdere soldi. Ora che so chi sei segui la tua strada ragazzo”.
Lasciai l’ufficio Dolan con i miei 2.800 dollari di profitto. Il bucket shop di
Teller si trovava nello stesso blocco. Avevo saputo che Teller era molto ricco ed
era proprietario di molti ippodromi così avevo deciso di andare nel suo bucket
shop. Mentre mi dirigevo verso l’ufficio mi domandavo se sarebbe stato più
saggio iniziare ad investire in modo conservativo e acquistare fino a mille azioni
oppure iniziare subito ad investire al massimo delle mie potenzialità e acquistare
sin da subito molte azioni, perché c’era la possibilità che non sarei riuscito ad
investire per più di un giorno. Avevo intenzione di comprare mille azioni della
B.R.T. perché ero sicuro che sarebbe salita di 4 o 5 punti ma sarei diventato
subito sospetto e, inoltre, se molti clienti erano lunghi21 su quell'azione non
avrebbero permesso anche a me di comprarle. Così avevo pensato che forse era
meglio iniziare piano scegliendo di dilazionare i miei investimenti.
L’ufficio non era grande come quello di Dolan ma l’arredamento era più bello, si
notava anche che le clientela era di maggior classe. Decisi di adattarmi alla
situazione e al luogo così mi recai allo sportello con l'intenzione di comprare
mille azioni della B.R.T. Dissi all’impiegato: “Vorrei comprare alcune azioni
della B.R.T., qual è il limite?”
“Non ci sono limiti” rispose l’impiegato. “Puoi comprare tutte le azioni che vuoi,
se hai soldi a sufficienza”.
“Compro 1.500 azioni allora” dissi. Mentre l’impiegato stava scrivendo il
biglietto io stavo prendendo i soldi dalla tasca.
Quando rialzai lo sguardo vidi un uomo dai capelli rossi che invitava l’impiegato
a lasciargli il posto e sporgendosi verso di me disse: “Livermore tornate
all’ufficio di Dolan, non accettiamo i tuoi soldi”.
“Aspetta fino a che non mi consegna il biglietto, ho appena comprato un po’ di
B.R.T.” dissi.
“Non avrai nessun biglietto qui” disse. Nel frattempo, alle spalle dell’uomo dai
capelli rossi, si erano ammassati tutti gli impiegati per guardarmi, dissero in
coro: “Non venire mai più qua per investire, non accetteremo i tuoi investimenti.
Capito?”
Non c’era motivo di controbattere o di mettermi ad urlare così tornai all’hotel
dove alloggiavo pagai il conto e presi il primo treno per New York. Era stato un
duro colpo, volevo prendere un po’ di soldi anche dal bucket shop di Teller ma
lui non mi aveva permesso di fare neanche un investimento.
Tornato a New York restituii i cinquecento dollari al signor Fullerton e
ricominciai ad investire con i soldi guadagnati a St. Louis. Ho avuto dei periodi
buoni e dei periodi no ma tirando le somme stavo facendo meglio di break
even22 . Dopotutto non avevo molto da disimparare, dovevo solo capire che
c’erano anche altri fattori da considerare quando si investe direttamente in borsa
prima di poter tornare ad operare nell’ufficio di Fullerton. Fondamentalmente
ero come uno di quei fan dell’enigmistica che vuole fare le parole crociate del
supplemento del quotidiano della domenica, finché non le risolve non è
contento. Cercavo la soluzione del mio problema. Pensavo di aver trovato la
soluzione nei bucket shop ma mi sbagliavo.
Dopo un paio di mesi che ero tornato a New York un cliente anziano entrò
nell’ufficio di Fullerton. Il signor Fullerton e lui già si conoscevano, qualcuno
aveva anche detto che questo signore una volta possedeva molti cavalli da corsa;
era chiaro che aveva visto giorni migliori. Mi fu presentato dal vecchio
McDevitt.
Stava raccontando ai presenti di un gruppo di truffatori che in un ippodromo a
St. Louis truccavano le corse.
Disse che il loro capo era proprietario di alcuni ippodromi e il suo nome era
Teller.
“Quale Teller” gli chiesi.
“H. S. Teller” disse.
“Lo conosco” risposi.
“Non è una brava persona” disse McDevitt.
“E’ anche peggio di quello che si pensa, ho un conto in sospeso con lui” dissi.
“Riguardo a cosa?” chiese.
“L’unico modo per pareggiare i conti con lui è attraverso il suo portafoglio, non
ci sono riuscito a St. Louis ma un giorno lo farò”. Raccontai a McDevitt il torto
che mi aveva fatto.
“Bene” disse il vecchio McDevitt “Ha provato ad aprire un locale qui a New
York ma non c’è riuscito così ne ha aperto uno a Hoboken”. Mi è giunta voce che
il locale non impone limiti sulle puntate.
“Di che tipo di locale si tratta?” pensavo parlasse di un ippodromo.
“Un bucket shop” disse McDevitt.
“Sei sicuro che è aperto?” chiesi.
“Si, molti colleghi mi hanno parlato di quel posto”.
“Secondo me sono solo dicerie” dissi. “Puoi andare a verificare se è aperto e se
realmente non impongono limiti di investimento?”
“Certo figliolo” disse McDevitt. “Ci andrò domani e tornerò qui a riferirti”.
McDevitt il giorno seguente fece quanto promesso. Sembrava che l’ufficio di
Teller avesse già un bel giro d’affari e cercava di far avvicinare quanti più clienti
gli era possibile. Ricevetti queste informazioni il venerdì quando il mercato
azionario era salito per tutta la settimana. Questo accadeva circa venti anni fa.
Sicuramente il bilancio settimanale delle banche, il sabato, avrebbe mostrato una
bella diminuzione del fondo cassa23 .
I proprietari degli uffici di borsa più importanti avrebbero avuto la scusa per
balzare nel mercato con l’intenzione di svuotare i conti correnti delle persone
che generavano poche spese di commissione. Questa cosa avrebbe portato alla
solita reazione dell’ultima mezz’ora di trading della giornata. Questa reazione si
sarebbe notata in particolare nei titoli che erano stati scambiati maggiormente.
Erano inclusi, ovviamente, anche quelli che i clienti del Teller avevano
scambiato maggiormente e credo che l’ufficio avrebbe accettato con piacere un
cliente che vendeva allo scoperto uno di questi. Non c’è nulla di più bello che
colpire i perdenti ai fianchi e nulla di più facile fissando un solo punto di
margine.
Quel sabato mattina andai ad Hoboken nell'ufficio di Teller. L’ufficio era
composto da una grande sala per i clienti e c’erano molti impiegati, inoltre c’era
anche un responsabile della sicurezza vestito di grigio. Ci saranno stati circa 25
clienti.
Andai a parlare con il direttore, mi chiese in cosa poteva essermi utile e io
risposi : “Un cliente può fare molti più soldi all’ippodromo per la possibilità e la
libertà di poter puntare tutti i propri soldi. Intendo dire che si può guadagnare
migliaia di dollari in pochi minuti invece di cercare di prendere pochi spiccioli
nel mercato azionario ed essere magari costretto ad aspettare dei giorni”. Iniziò a
dirmi quanto fosse sicuro investire nel mercato azionario e quanto avevano
guadagnato alcuni dei suoi clienti - mi disse che se si facevano molti
investimenti nel mercato azionario si poteva guadagnare abbastanza denaro da
poter soddisfare chiunque. Avresti giurato che fosse un normale broker di borsa
che effettivamente comprava e vendeva le tue azioni direttamente sul mercato24 .
Doveva aver pensato che ero andato lì aspettandomi di trovare un ippodromo e
cercava di arrivare ai miei soldi prima che le puntate ai cavalli mi avrebbero
svuotato le tasche perché diceva che dovevo sbrigarmi se volevo investire perché
il mercato di sabato chiudeva a mezzogiorno. La chiusura anticipata mi avrebbe
lasciato del tempo libero da dedicare ad altre attività. Disse anche che avevo la
possibilità di poter portare più soldi all’ippodromo se avessi investito sul titolo
giusto.
Lo guardai come se non credevo a quello che dicesse allora lui cercò di insistere.
Stavo guardando l’orologio e alle 11:15 dissi: “Va bene” e iniziai a chiedergli di
vendere allo scoperto varie azioni. Investii 2.000 dollari e lui fu molto felice di
prenderli, mi disse che secondo il suo parere avrei potuto guadagnare moltissimi
soldi e sperava che sarei andato lì più spesso.
Si verificò quello che avevo previsto. Gli investitori martellarono tutte le azioni
che, secondo i loro calcoli, avrebbero subito una brusca frenata e quindi il prezzo
scese. Chiusi la mia vendita allo scoperto cinque minuti prima che la discesa di
prezzo fosse coperta dai soliti investitori.
Avevo guadagnato 1.500 dollari, andai a ritirarli.
“Avrei piacere di chiudere l’investimento” dissi al direttore mentre gli
consegnavo i biglietti.
Rispose: “Non riesco a darti questa somma, non mi aspettavo un movimento così
brusco. Ti darò i soldi lunedì mattina, promesso”.
“Va bene, ma intanto dammi tutti i soldi che hai nel fondo cassa” dissi.
“Devi lasciarmi la possibilità di pagare gli altri investitori. Ti darò tutto quello
che rimane ma devi aspettare che prima abbia pagato gli investitori minori”
rispose.
Aspettai che pagasse gli altri, sapevo che il mio denaro era al sicuro. Teller non
avrebbe trovato scuse per non pagare un debito in un bucket shop che andava
così bene. Se non lo avesse fatto, cosa potevo fare di meglio che prendere tutti i
soldi che avevano disponibili lì per lì? Ripresi i miei 2.000 dollari più altri 800
dollari che erano tutti quelli che avevano nell’ufficio. Gli dissi che sarei andato a
prendere i restanti il lunedì mattina. Mi
giurò che mi avrebbe fatto trovare pronti i soldi.
Andai ad Hoboken lunedì poco prima di mezzogiorno. Vidi un impiegato che
parlava con il direttore; quell’impiegato lo avevo già visto a St. Louis quando
Teller mi avevo detto di ritornamene al Dolan. Capii subito che il direttore aveva
inviato un messaggio con il telegrafo alla casa madre e la casa madre aveva
inviato uno dei suoi impiegati per investigare sulla vicenda. I truffatori non si
fidano mai di nessuno.
“Sono venuto per ritirare i miei soldi” dissi al direttore.
“E’ questo l’uomo di cui parlavamo?” Chiese l’impiegato di St. Louis.
“Si” disse il direttore, è tirò fuori un mazzo di “yellow backs25 ” dal suo
portafogli.
L’impiegato disse al direttore: “Aspetta!”. Si voltò verso di me e disse:
“Livermore, non ti avevamo detto che non volevamo che investissi nei nostri
uffici?”.
“Come prima cosa dammi i miei soldi” dissi al direttore, e tirò fuori circa 2400 o
2500 dollari più altri 300 dollari.
“Cosa dicevi?” Dissi rivolgendomi all’impiegato di St. Louis.
“Noi ti avevamo detto che non vogliamo che tu investi nei nostri uffici!”.
“Si, è vero” dissi “E’ questo il motivo per cui sono venuto”.
“Bene, non tornare mai più. Vattene!” Ringhiò.
L’uomo della sicurezza vestito di grigio si avvicinò. L’impiegato si rivolse al
direttore e disse mentre scuoteva il pugno: “Avresti dovuto informarti meglio,
fessacchiotto, prima di permettere a questo ragazzo di ripulirti. Lui è Livermore,
conosci i tuoi ordini”
“Ascolta” dissi all’impiegato. “Non siamo a St. Louis e tu non puoi usare nessun
trucchetto, non puoi fare come il tuo capo con il ragazzo di Belfast26 ”
“Te ne devi andare da questo ufficio! Tu non puoi investire qui!” Urlò.
“Se io non posso investire qui, nessuno può farlo” gli dissi, “Non puoi cacciarmi
in questo modo”.
Finalmente l’impiegato cambiò il tono di voce.
“Guardati intorno, ragazzo mio” disse con un tono lamentoso “Facci un favore,
sii ragionevole. Sai che non possiamo star qui tutti giorni. Il capo stava per dare
un colpo al soffitto quando ha capito chi eri. Usa il cuore, Livermore!”
“Me ne vado senza fare storie” promisi.
“Hai ascoltato la ragione non è vero? Per amor di Dio vattene. Lasciaci la
possibilità di iniziare, siamo nuovi qui. Lo farai?”
“Non farò nessun investimento la prossima volta che verrò” dissi, e lasciai
parlare il direttore con l’impiegato.
Avevo preso loro dei soldi per come mi avevano trattato a St. Louis, non avevo
intenzione di scaldarmi o di cercare di farli chiudere. Tornai all’ufficio di
Fullerton e raccontai a McDevitt quanto era accaduto. Gli chiesi di andare nel
bucket shop di Teller e di iniziare ad investire in 20 o 30 azioni in modo tale da
farsi conoscere nell’ambiente, successivamente quando avrei visto un buon
investimento gli avrei telefonato per informarlo e lui avrebbe speculato al mio
posto.
Diedi a McDevitt 1.000 dollari, andò ad Hoboken e fece come gli avevo chiesto.
Doveva diventare un cliente abituale. Un giorno quando pensavo che ci sarebbe
stata una discesa imminente feci la soffiata a McDevitt che vendette allo
scoperto tutto quello che gli avevo dato. Quel giorno dopo aver pagato McDevitt
e tutte le spese mi ritrovavo con 2.800$ di guadagno, ho anche il sospetto che
McDevitt abbia investito dei soldi di tasca sua. Dopo neanche un mese
dall’accaduto Teller chiuse quel bucket shop. La polizia aveva avuto il suo bel da
fare, il bucket shop non pagava i clienti nonostante io abbia fatto investire
McDevitt per sole due volte. Entrammo in un periodo molto favorevole, anche se
un titolo non saliva abbastanza da coprire il punto di margine imposto dal bucket
shop e un cliente faceva break even tutti gli altri clienti erano long e
guadagnavano tutti. Chiusero moltissimi bucket shop in tutta la nazione a causa
di questo periodo.
Il gioco nei bucket shop cambiò. Gli investimenti nei vecchi bucket shop
avevano dei sostanziali vantaggi rispetto agli investimenti fatti in un ufficio di
borsa regolare. Il vantaggio principale era la chiusura automatica del tuo
investimento quando il prezzo raggiungeva il margine prefissato, era il miglior
tipo di stop loss27 in assoluto. Non potevi perdere più del limite prefissato
precedentemente e non c’era il rischio che l’ordine non fosse eseguito al prezzo
deciso, insomma: questi vantaggi e anche altri. Avevo sentito che a New York gli
uffici di borsa non erano mai stati generosi con i loro clienti come lo erano gli
uffici ad ovest. A New York limitavano i guadagni in certi titoli a soli due punti.
Lo Zucchero, la Tennessee Coal Iron & Railroad Co. e il ferro erano tra questi.
Non importava se il titolo guadagnava dieci punti in dieci minuti, ogni biglietto
al massimo aveva un guadagno di due punti. Avevano capito che i clienti
avevano avuto troppe possibilità di guadagnare, perdevano un dollaro di margine
per guadagnarne dieci. C’erano anche certi periodi in cui tutti gli uffici, compresi
i più grandi, non prendevano gli ordini di alcune azioni. Nel 1900, nel giorno
prima delle elezioni, quando ormai era scontato che McKinley avrebbe vinto,
nessun ufficio in tutti gli Stati Uniti permetteva ai propri clienti di acquistare
azioni. Le probabilità che McKinley fosse stato eletto erano di tre a uno.
Comprando le azioni il lunedì ti avrebbe permesso di guadagnare dai tre ai sei
punti o anche di più. Chiunque avrebbe acquistato azioni e scommesso sulla
vittoria di Bryan28 avrebbe fatto soldi sicuri. I bucket shop non prendevano
ordini quel giorno.
Se nei bucket shop non avessero rifiutato i miei ordini non avrei mai smesso di
investire nei loro uffici e non avrei mai compreso che c’era molto di più negli
investimenti che cercare di guadagnare con variazioni di pochi di punti.
CHAPTER III

Ci vuole molto tempo per imparare da tutti i propri errori. Si dice che in tutte le
cose si può scegliere sempre tra due strade, ma nel mercato azionario ce ne è
solo una. Non parlo del mercato toro o del mercato orso29 , ma della direzione
giusta. Ho impiegato più tempo ad imparare questo principio e a fissarlo bene in
mente che ad imparare tutti gli aspetti tecnici della speculazione.
Ho sentito parlare di alcune persone che si divertono ad investire nel mercato
azionario con soldi immaginari per vedere se riescono a guadagnare. Alcune
volte questi investitori immaginari guadagnano milioni, ma è molto più facile
per loro. E' come la vecchia storia dell'uomo che il giorno dopo aveva un duello.
Quando il suo avversario gli chiese: “Sei un buon tiratore?”
Lui rispose: “Posso colpire il collo di una bottiglia di vino a una distanza di venti
passi” e mentre lo diceva sembrava addirittura modesto.
“Molto bene” disse con indifferenza l'avversario. “Ma puoi colpire il collo di una
bottiglia di vino mentre la bottiglia di vino ti punta una pistola dritta al cuore?”.
Io dovevo sostenere il duello con i miei soldi. Le perdite mi avevano insegnato
che non dovevo iniziare ad avanzare fino a che non ero sicuro che non sarei
tornato indietro. Ma se non potevo avanzare allora dovevo rimanere dov’ero.
Con questo non intendo dire che un investitore non deve limitare le sue perdite
quando fa un investimento sbagliato. Lo deve fare ma questo non deve
provocare indecisione. Ho fatto molti errori nella vita e continuerò a farli, ma ho
maturato molta esperienza sulle cose da non fare per non perdere soldi. Mi sono
ritrovato più volte al verde ma non mi sono mai ritrovato in situazioni
irrecuperabili. In caso contrario non mi ritroverei qui ora. Ho sempre saputo di
avere una seconda possibilità e non avrei ripetuto gli stessi errori la seconda
volta. Ho creduto in me stesso.
Un umo deve credere in se stesso e al suo giudizio se ha intenzione di
sopravvivere in questo gioco, questo è il motivo per cui non ascolto i consigli
degli altri. Se io compro delle azioni ascoltando il consiglio di Smith poi dovrò
rivendere queste azioni quando Smith me lo dirà, quindi dipendo da lui. E se
Smith è via per una vacanza quando è ora di vendere le azioni? No signori,
nessuno può guadagnare se gli altri gli dicono cosa fare. So per esperienza che
nessuno può darmi un consiglio o una serie di consigli che mi faranno fare più
soldi del mio giudizio. Ho impiegato cinque anni per imparare ad investire in
modo intelligente, poi ho iniziato a fare parecchi soldi.
Non ho avuto chissà quale tipo di esperienze particolari come magari qualcuno
pensa. Intendo dire che il processo per imparare ad investire non sembra così
drammatico se guardo indietro. Ho perso tutto svariate volte, e non è mai
piacevole, ma il modo in cui ho perso i miei soldi è uguale a quello di tutte le
altre persone che hanno perso soldi a Wall Street. Speculare è difficile se vuoi
farne un business, uno speculatore deve essere sempre concentrato sul proprio
operato altrimenti, ben presto, si ritroverà senza lavoro.
Il mio compito, avrei dovuto saperlo prima di perdere tutto nell'ufficio di
Fullerton, era molto semplice: guardare la speculazione da un'altra angolazione.
Non sapevo che c'era ancora molto da imparare sul mercato azionario rispetto a
tutto quello che avevo appreso nei bucket shop. Pensavo di battere il mercato
quando in realtà stavo solo battendo il bucket shop. Al contempo però l'abilità
nel leggere il grafico e l'abilità nel ricordare tutto a mente che avevo dovuto
sviluppare nei bucket shop si sono rivelate molto preziose. Entrambe le cose mi
venivano naturali. Devo i miei primi successi come investitore a queste abilità e
non alla conoscenza perché ero completamente inesperto e completamente
ignorante in materia. Gli investimenti stessi mi hanno insegnato a giocare in
borsa e non hanno risparmiato le bastonate.
Ricordo la mia prima volta a New York. Ti avevo detto come il bucket shop, non
permettendomi di investire, mi aveva indirizzato alla ricerca di un ufficio di
brokeraggio rispettabile. Uno degli impiegati che lavorava nell’ufficio dove
avevo iniziato ad investire stava lavorando per Harding Brothers, un membro
della borsa valori di New York. Ero arrivato in città di mattina e alle 13:00 dello
stesso giorno avevo già un conto corrente con cui potevo fare investimenti.
Non sto a dirti quanto fosse naturale per me investire nello stesso identico modo
in cui investivo nei bucket shop, dove tutto quello che facevo era puntare su
piccole fluttuazioni che mi permettevano di guadagnare poco ma in modo sicuro.
Nessuno si era offerto di dirmi le differenze sostanziali tra un bucket shop e un
ufficio di investimento regolare. Se qualcuno mi avesse detto che il mio metodo
non funzionava io avrei comunque investivo seguendo quella strategia in modo
tale da potermene convincere. Solo se perdo soldi mi convinco che sto
investendo nel modo sbagliato e sono sicuro di investire nel modo giusto solo
quando guadagno. Questa è la speculazione.
Era un periodo molto favorevole, il mercato era molto attivo e come al solito
c'era sempre un collega che esultava a voce alta. Mi sentivo a casa, c'era il
vecchio e familiare tabellone davanti a me e si parlava un linguaggio forbito di
termini che avevo imparato ancora prima di compiere 15 anni. C'era un ragazzo
che faceva la stessa identica cosa che io facevo abitualmente nel mio primo
lavoro nel bucket shop. C'erano i clienti, il solito vecchio gruppo, chi guardava il
tabellone o chi stava davanti a chi annunciava i prezzi e tutti parlavano del
mercato. Anche la telescrivente sembrava identica a quella che usavo io.
L'atmosfera era la stessa atmosfera che avevo sempre respirato, sin da quando
avevo fatto il mio primo investimento dove avevo guadagnato 3,12$ sulle
Burlington. Lo stesso tipo di telescrivente e lo stesso tipo di investitori
significava lo stesso modo d'investire. Ricorda che avevo solo 22 anni. Pensavo
di conoscere il gioco dalla A alla Z, perché non avrei dovuto?
Guardai il tabellone e vidi qualcosa che mi sembrava positivo, il titolo si stava
comportando correttamente, così comprai cento azioni a 84. Le rivendetti dopo
neanche mezz'ora a 85. Poco dopo vidi un'altra cosa che mi piaceva e ripetei
l’operazione. Guadagnai ¾ di punto in pochissimo tempo. Avevo iniziato bene,
no?
Ora segnati quanto ti sto per dire: come mio primo giorno da cliente in un
regolare ufficio di brokeraggio, in sole due ore, avevo movimentato un totale di
1.100 azioni. A fine giornata, tirando le somme, avevo perso esattamente 1.100
dollari. Vale a dire che, al primo tentativo, quasi metà della mia bistecca aveva
risalito la canna fumaria30 . Inoltre ricordo che alcuni investimenti mi avevano
fatto guadagnare ma a fine giornata mi son ritrovato con 1.100$ in meno.
Non mi preoccupò la cosa perché non riuscivo a vedere nulla di sbagliato in me.
Anche i miei investimenti erano stati corretti, e se sono riuscito ad investire nel
Cosmopolitan avrei fatto sicuramente meglio di break even qui. L'ingranaggio
del motore non funzionava come avrebbe dovuto e i 1100 dollari evaporati me lo
dicevano chiaramente. Ma fino a quando il macchinista pensa che tutto funziona
bene non c'è bisogno di preoccuparsi.
L'ignoranza a ventidue anni non è un difetto irrimediabile.
Dopo pochi giorni mi ero detto: “Non puoi investire così qui, la telescrivente non
ti aiuta come dovrebbe” ma ahimè, avevo lasciato scivolare via la frase senza
prenderla in considerazione.
Avevo continuato ad investire, avevo avuto dei giorni buoni e dei giorni cattivi,
ma alla fine mi ero ritrovato senza un soldo. Andai dal vecchio Fullerton e gli
chiesi di prestarmi 500 dollari. Andai a St. Louis, come ti avevo raccontato
prima, e guadagnai i soldi nel bucket shop, quel gioco lo avevo sempre battuto.
Tornato avevo iniziato ad investire con maggiore attenzione e le cose andarono
meglio per un certo periodo. Appena la situazione si era sistemata iniziai a
vivere un po' meglio. Mi ero fatto degli amici e mi stavo divertendo. Non ero un
comune ventitreenne, tutto solo a New York con dei soldi facili nel portafoglio e
con la sensazione che stavo iniziando a capire il nuovo meccanismo.
In quel periodo stavo mettendo da parte del denaro, avevo iniziato ad essere più
cauto ma ero ancora troppo attaccato al grafico. Stavo ancora ignorando i
principi generali e finché continuavo ad investire in quel modo, non sarei stato in
grado di individuare dove sbagliavo.
Nel 1901 iniziò il boom dei mercati e io feci un sacco di soldi, considerando gli
standard di un ragazzo. Ti ricordi quel periodo? Il benessere del paese era senza
precedenti. Non solo entravamo in un'era di consolidazione industriale e di
formazione di capitali talmente prosperosi che non avevano mai avuto
precedenti; la gente era diventata matta per le azioni. Negli anni precedenti
avevo sentito che Wall Street vantava uno scambio di 250.000 azioni al giorno
per un valore nominale di venticinque milioni di dollari. Nel 1901 ne
scambiavano tre milioni ogni giorno. Guadagnavano tutti quanti. Una folla di
industriali era entrata in città, un'orda di milionari che aveva meno riguardo del
denaro di un marinaio ubriaco. L'unica cosa che li soddisfaceva era investire sul
mercato azionario. C'erano tutti i più grandi scommettitori che si erano mai visti
per strada: John W. Gates conosciuto anche come “Bet you a million31 ” e i suoi
amici, John A. Drake, Loyal Smith e tutti gli altri. La Reids-Leeds-Moore
crowds aveva venduto una parte delle sue quote della U.S. Steel32 e con i ricavi
aveva comprato sul mercato la maggioranza delle azioni della Rock Island.
C'erano anche le confraternite di Frick, Phipps e Pittsburg per non parlare poi
delle decine di uomini che si sono persi in mezzo alla confusione ma che
comunque si potevano tranquillamente chiamare speculatori in un qualsiasi altro
periodo storico33 . Un cliente poteva comprare o vendere tutti i tipi di azioni.
Keene34 aveva messo sul mercato le U.S. Steel e un broker aveva venduto
centomila azioni in pochi minuti. Era un periodo fantastico e c'erano anche
guadagni fantastici. Non c'erano neanche le tasse da pagare. Il giorno della resa
dei conti non si vedeva neanche lontanamente.
Come al solito, dopo un po', avevo iniziato a sentire parlare dell’imminenza di
varie calamità e i “vecchi volponi” dicevano a tutti, tranne che a se stessi, che
erano pazzi ad investire; ma tutti, tranne loro, guadagnavano. Sapevo,
ovviamente, che c'era un limite al progresso e che ci sarebbe stata una fine a
questa corsa all'acquisto di qualsiasi azione; ma a quel punto sarei diventato
ribassista. Però ogni volta che vendevo allo scoperto perdevo soldi e se non fossi
stato così maledettamente veloce a chiudere le transazioni ne avrei persi molti di
più. Avevo visto una pausa ma ero diventato cauto - guadagnavo quando
acquistavo e quando vendevo allo scoperto chiudevo la transazione appena
riuscivo a fare piccoli guadagni. In questo modo non ero riuscito a guadagnare
tanto durante il boom considerando che generalmente, anche quando ero più
giovane, tenevo volumi molto maggiori.
C'era un titolo che non avevo venduto allo scoperto, era il Norther Pacific35 . La
mia analisi tecnica del grafico si era rivelata utile. Pensavo che la maggior parte
delle azioni erano state portate ad un punto morto, ma la Northern Pacific si
stava comportando come se ancora la sua salita non fosse finita. Ora tutti sanno
che la società fu assorbita dalla Kuhn-Loeb-Harriman36 . Avevo comprato mille
azioni della Northern Pacific nonostante tutti nell'ufficio me lo avevano
sconsigliato. Il valore di una singola azione era salito fino a 110 e avevo ottenuto
30 punti di profitto; a quel punto le avevo vendute. Questo aveva portato il mio
conto in banca vicino ai 50.000 dollari, non ero mai riuscito ad accumulare una
cifra così alta. Non male per un tipo che aveva perso ogni centesimo investendo
nel medesimo ufficio pochi mesi prima.
Se ti ricordi la società di Harriman aveva informato J. P. Morgan e Hill
dell'intenzione di fondere la Burlington con la Northern Pacific. Morgan aveva
istruito Keene di comprare 50.000 azioni della Northern Pacific per mantenere il
controllo della società. Ho sentito dire che Keene aveva detto a Robert Bacon di
fare un ordine di 150.000 azioni e il banchiere lo aveva eseguito. Alla fine Keene
aveva mandato uno dei suoi broker, Eddie Norton, nella Northern Pacific per
acquistare 100.000 azioni. Dopo questo ordine ne fu eseguito un altro da,credo,
50.000 azioni e la famosa disputa era proseguita. Dopo che il mercato aveva
chiuso l’8 Maggio 1901 il mondo intero sapeva che si stava disputando una
battaglia tra due giganti della finanza. Non c'era mai stata una guerra tra due
capitali così importanti in questa città. Harriman contro Morgan, una forza
irresistibile incontra un oggetto inamovibile.
Era il 9 maggio e mi ritrovavo con circa 50.000$ e nessuna azione. Come ti
avevo già detto, ero stato orso37 per alcuni giorni e questa era la mia occasione.
Sapevo cosa sarebbe successo, un terribile break e poi alcune fantastiche
occasioni. Ci sarebbe stato un rapido recupero e un grande profitto per chi avesse
raccolto le occasioni che si presentavano. Non c'era bisogno di Sherlock Holmes
in queste occasioni. Avremmo avuto l'opportunità di sfruttare il loro entrare ed
uscire dal mercato non solo per fare tanti soldi ma per fare soldi sicuri.
Tutto andò come avevo previsto. Avevo maledettamente ragione e avevo perso
ogni centesimo! Ero stato spazzato via da qualcosa che non mi era mai capitato.
Se non capitassero mai gli imprevisti non ci sarebbero differenze tra le persone e
non ci sarebbe nulla di divertente nella vita. Il gioco diventerebbe una semplice
addizione o sottrazione. Saremmo un ammasso di contabili con poco cervello. E'
l'ipotizzare che sviluppa il cervello di un uomo, prova ad immaginare quanto
deve lavorare il cervello per cercare di indovinare un ipotesi.
Il mercato era abbastanza agitato, come mi aspettavo. I volumi erano enormi e le
fluttuazioni erano così ampie che non avevano mai avuto precedenti. Avevo
piazzato molte vendite allo scoperto e quando avevo visto il prezzo di apertura
ebbi una fitta, le variazioni erano terribili. I miei intermediari erano sul posto di
lavoro, erano competenti e consapevoli come chiunque altro ma per quando
riuscivano ad eseguire gli ordini le azioni avevano subito variazioni di più di
venti punti. Il grafico era sempre in ritardo rispetto al mercato e i report erano
lenti ad arrivare a causa della grande quantità di lavoro. Quando avevo scoperto
che le azioni che avevo chiesto di vendere allo scoperto quando il grafico
mostrava il prezzo a 100 erano state vendute allo scoperto a 80, un prezzo più
basso di 30 o 40 punti rispetto alla chiusura, mi era sembrato di aver deciso di
shortare ad un prezzo a cui, precedentemente, avevo pianificato di entrare long38
; così decisi di chiudere le mie vendite allo scoperto e mettermi long.
Il mio broker comprò, non al prezzo a cui avevo deciso di invertire da short a
long, ma al prezzo di mercato di quando accettarono il mio ordine. Il prezzo era
salito di circa 15 punti in più del prezzo a cui volevo entrare. Una perdita di 35
punti in un giorno era troppo da sopportare, non ci sarebbe riuscito nessuno.
La telescrivente mi aveva battuto ritardando i movimenti del mercato. Mi ero
abituato a considerare il grafico come il mio migliore amico perché avevo
sempre preso tutte le decisioni basandomi su quanto mi diceva. Questa volta
però il grafico mi aveva trafitto per due volte. La differenza tra il prezzo
disegnato dalla telescrivente e il prezzo reale mi aveva rovinato. Era l'apice dei
miei insuccessi, la stessa cosa che mi aveva sconfitto in precedenza. Mi
sembrava così ovvio ora che l'analisi del grafico non era sufficiente,
indipendentemente dalla velocità del broker, quello che mi chiedevo era perché
non ero riuscito a vedere cosa non funzionava e perché non avevo trovato
l'eventuale rimedio.
Avevo fatto anche peggio del non vedere, avevo continuato ad investire senza
considerare l’esecuzione degli ordini. Avrai notato che investivo senza nessun
limite. Dovevo approfittare delle opportunità del mercato. Stavo cercando di
battere il mercato, non un titolo in particolare. Quando pensavo che avrei dovuto
vendere, avevo venduto; quando pensavo che l'azione doveva salire compravo.
L’attaccamento al principio generale della speculazione non mi aveva salvato.
Gli investimenti che si basano solo sul prezzo sono il vecchio modo di investire
nei bucket shop, in un ufficio rispettabile che investe direttamente in borsa
questo metodo non funziona. Non avrei mai saputo cos’è la speculazione se non
avessi iniziato ad investire in un regolare ufficio di borsa ma avrei continuato ad
investire su quello che la mia limitata esperienza mi aveva insegnato che era
sicuro.
Ogni qualvolta provavo a limitare i prezzi degli ordini, per minimizzare gli
svantaggi di quando la telescrivente rimaneva indietro rispetto al prezzo di
mercato, scoprivo che il mercato si stava semplicemente allontanando da me.
Accadde così spesso che smisi di provarci. Non ti dico quanti anni mi ci sono
voluti per imparare che invece di cercare di anticipare i movimenti del mercato a
breve termine dovevo cercare di anticipare come si sarebbe comportato il
mercato nel lungo termine.
Dopo l'incidente del 9 maggio avevo iniziato ad usare un nuovo metodo, questo
però presentava ancora dei difetti. Se non avessi guadagnato soldi dopo un po' di
tempo avrei comunque acquisito, in poco tempo, familiarità con il mercato
azionario. Stavo comunque guadagnando soldi a sufficienza per vivere bene. Mi
piaceva prendermi del tempo libero e mi piaceva stare con gli amici. Quell'estate
mi trovavo poco più a sud della costa di New Jersey insieme ad altre centinaia di
investitori di Wall Street. I miei guadagni non erano sufficienti a compensare le
perdite e il mio stile di vita.
Non stavo mantenendo quello stile di vita grazie agli investimenti ma a causa
della mia testardaggine. Semplicemente non ero capace di affrontare i miei
problemi da solo e non avevo nessuna speranza di riuscire a risolverli. Insisto su
questo argomento solo per mostrarti quello che ho dovuto vivere e passare prima
di iniziare a guadagnare parecchi soldi. Il mio vecchio fucile da caccia e la mia
pistola non avrebbero potuto far nulla contro la mitragliatrice del mercato
azionario.
Non mi ritrovavo semplicemente al verde, ero anche disgustato dal fatto che non
riuscivo a fare soldi investendo, quindi decisi di lasciare New York e di provare
qualcos'altro da qualche altra parte. Avevo sempre investito da quando avevo
compiuto quattordici anni. Avevo guadagnato i miei primi mille dollari quando
avevo quindici anni ed ero arrivato a diecimila dollari ancora prima di compiere
ventuno anni. Avevo guadagnato e perso diecimila dollari per più di una volta, a
New York avevo guadagnato cinquantamila dollari e dopo neanche due giorni li
avevo persi. Non sapevo fare nessun altro lavoro. Dopo tanti anni ero tornato al
punto di partenza. Ormai mi ero abituato a tenere uno stile di vita dispendioso e
la cosa non mi aveva infastidito tanto quanto l'aver investito costantemente nel
modo sbagliato.
CHAPTER IV

Ritornai a casa. Ancora prima di arrivare sapevo che avevo un solo obiettivo da
raggiungere: guadagnare un po’ di soldi per poter ritornare ad investire a Wall
Street. Era l’unico posto che mi permetteva di investire senza limiti. Certi giorni,
soprattutto quando investivo correttamente, avevo bisogno di un posto come
quello. Quando un uomo investe cerca di guadagnare quanto più possibile per
rafforzare la propria posizione.
Non avevo molte speranze ma tentai comunque di tornare ad investire in un
bucket shop. Ce ne erano molti ed alcuni erano frequentati da molti forestieri. Se
qualcuno si fosse ricordato di me non mi avrebbe lasciato nessuna chance di
dimostrargli se avevo fatto progressi o se ero regredito come trader. Avevo
raccontato la verità: che a New York avevo perso tutti i soldi che avevo
guadagnato e questo voleva dire che non ero così esperto come la gente pensava.
Non c’erano più motivi per cui non fossi un buon cliente per un bucket shop,
quindi mi dovevano permettere di investire. Non lo fecero. I nuovi bucket shop
che avevano aperto erano inaffidabili, i proprietari pensavano che venti azioni
era la quantità massima che un gentiluomo doveva acquistare se aveva ragione di
sospettare che il suo investimento fosse corretto.
Avevo bisogno di soldi e i bucket shop più grandi ne ricavavano una gran
quantità dai clienti abituali. Avevo mandato un mio amico ad investire per conto
mio in uno degli uffici. Gironzolavo da quelle parti ogni tanto per studiare la
situazione. Tentai un’altra volta di convincere l’impiegato ad accettare almeno
piccoli ordini di sole 50 azioni. Ovviamente non accettò. Così avevo iniziato a
comunicare con un linguaggio in codice con il mio amico così lui poteva
comprare o vendere seguendo le mie istruzioni. Questa tecnica però mi aveva
fruttato una piccola somma di denaro perché gli impiegati iniziarono a
lamentarsi degli ordini del mio amico. Infine un giorno il mio amico aveva
provato a vendere allo scoperto 100 azioni della St. Paul ma l’impiegato non
aveva accettato l’ordine.
Venimmo a sapere che uno dei clienti ci aveva visto parlare fuori dall’ufficio ed
aveva informato l’impiegato del fatto. Quando il mio amico andò dall’impiegato
per vendere allo scoperto le 100 azioni di St. Paul il ragazzo gli disse: “Non
accettiamo nessuna vendita allo scoperto delle St. Paul, non da te”.
“Che cosa significa, Joe?” Chiese il mio amico.
“Niente da fare, chiudiamola qui” rispose Joe.
“Non ti piacciono i miei soldi? Guardali, eccoli qua” disse mentre porgeva i
soldi all’impiegato e aggiunse: “Dieci pezzi da dieci dollari”. Aveva provato
anche a guardarlo indignato; io intanto avevo assistito alla scena con
indifferenza. Nel frattempo la maggior parte dei clienti si erano concentrati sui
due sfidanti; questo accadeva ogni qualvolta qualcuno alzava la voce o c’era la
minima parvenza di una lite fra un impiegato e un cliente. Cercavano di andare a
fondo sulla questione in modo tale da capire come si sarebbe conclusa la
vicenda.
Joe, che era una specie di vice direttore, era uscito dallo sportello e si era
avvicinato al mio amico. Aveva guardato sia me che lui e disse sotto voce: “E’
buffo, dannatamente buffo che tu non fai nessun investimento quando il tuo
amico Livermore non è da queste parti. Ti siedi e guardi il tabellone una volta
ogni ora, mai un’ulteriore occhiata. Quando arriva Livermore però diventi
improvvisamente attivo. Forse lo starai facendo per te stesso, ma non lo farai più
in questo ufficio. Non falliremo per colpa dei consigli che ti da Livermore”.
Questo tagliò le mie entrate. Al netto delle spese mi erano rimaste qualche
centinaia di dollari e mi chiedevo come avrei potuto far fruttare quei soldi, avevo
bisogno di guadagnarne una cifra più alta per poter tornare a New York il prima
possibile. Sentivo che avrei fatto meglio al mio ritorno. Avevo avuto il tempo di
pensare con calma ad alcuni investimenti che avevo fatto e avevo capito che
erano stati folli, da una certa distanza riuscivo a vedere meglio i miei errori, non
essendo coinvolto direttamente negli investimenti. Il problema principale era
accumulare un po’ di soldi.
Un giorno mi trovavo nella hall di un hotel e stavo parlando con alcuni amici che
lavoravano lì – anche loro investivano costantemente. Parlavamo del mercato
azionario. Avevo fatto l’osservazione che nessuno poteva battere il mercato a
causa dei tempi di esecuzione degli ordini richiesti dai broker, specialmente se si
faceva scalping39 come facevo io. Si era avvicinato un ragazzo e mi aveva
chiesto a quale broker mi stavo riferendo.
Risposi: “Il migliore sulla faccia della terra”.
Chiese: “E quale sarebbe?”.
Si vedeva dalla faccia che non credeva che in passato avevo investito in degli
uffici di prima classe, così dissi: “Mi riferisco ad un qualsiasi broker della borsa
valori di New York. Non dico che sono disonesti o sbadati, ma quando si effettua
un ordine non sai a quale prezzo acquisti il titolo fino a che non ricevi il report.
Sono più frequenti i movimenti di un punto o due rispetto a quelli da quindici ma
non è possibile fare scalping a causa di questi ritardi nell’esecuzione degli
ordini. Avrei preferito continuare ad investire nei bucket shop se solo mi
avessero permesso di investire grandi quantità di denaro”.
Il ragazzo che stava parlando con me non l’avevo mai visto prima, si chiamava
Roberts. Sembrava molto amichevole. Mi prese da parte e mi chiese se avevo
mai investito in altri mercati; risposi di no. Mi disse: “Conosco alcuni uffici dove
si possono scambiare le New York Cotton Exchange40 e le New York Produce
Exchange41 e altri titoli minori. Questi uffici sono molto precisi e dedicano una
particolare attenzione all’esecuzione degli ordini”. Mi disse che erano
strettamente connessi con i migliori uffici della borsa di valori di New York, che
il loro personale effettuava e garantiva un volume di centinaia di migliaia di
azioni al mese e che il servizio offerto era più di quanto un singolo cliente
potesse pretendere.
Aggiunse: “Aiutano molto i piccoli investitori. Anche se non sono a New York
sono specializzati negli investimenti e trattano gli ordini da dieci azioni
esattamente come gli ordini da diecimila. Sono molto competenti e onesti”.
“Ok, ma se investono sul mercato dovranno pagare la commissione all’ufficio,
come guadagnano?” Domandai.
“Si suppone che pagano la commissione all’ufficio, ma sai come vanno queste
cose” disse mentre faceva l’occhiolino.
“Ok, ma un ufficio di borsa non divide le sue commissioni con nessuno. I
membri preferirebbero avere come socio un assassino, piromane e bigamo
piuttosto che una persona che divide le commissioni con un estraneo per meno di
un onesto ottavo di margine. La sopravvivenza della borsa dipende dal non
violare questa regola”.
Aveva capito che avevo parlato con persone che lavorano negli uffici di borsa
perché disse: “Ascolta! Ogni tanto uno di questi “pii uffici" di borsa viene
sospeso per un anno per aver violato questa regola, non è così? Ci sono modi e
modi di per pagare queste persone così nessuno può dire nulla”. Probabilmente
aveva visto dalla mia espressione che non gli credevo così aggiunse: “Inoltre in
certe transazioni noi, intendo questi uffici, aggiungono 30 secondi extra da
sommare alla commissione. Sono molto validi, non applicano mai delle
commissioni extra tranne che in casi inusuali e generalmente solo se il cliente ha
il conto inattivo. Sai che non guadagnano con i conti inattivi. Tuttavia non
guardano esclusivamente ai loro interessi”.
In quel momento avevo capito che stava pubblicizzando alcuni broker fasulli.
“Conosci qualche ufficio di questo tipo che sia affidabile?” Gli chiesi.
“Conosco l’ufficio più grande di tutti gli Stati Uniti” rispose. Aggiunse: “Anche
io investo lì, hanno filiali in settantotto città tra Stati Uniti e Canada. Hanno un
volume enorme d’affari e non potrebbero andare così bene ogni anno se non
seguissero rigorosamente un regolamento valido, non trovi?”.
“Sono d’accordo con te” acconsentii. “Hanno gli stessi titoli che sono scambiati
nella borsa di New York?” Chiesi.
“Certamente e scambiano anche tutte le altre azioni di questo paese e
dell’Europa. Investono nel grano, cotone, provviste e tutto quello che vuoi.
Hanno corrispondenti in tutto il mondo e collaboratori in tutti i mercati, sia a
nome dell’ufficio che anonimi.
In quel momento avevo capito le sue intenzioni, ma avevo pensato che sarei
riuscito a condurlo dove volevo così dissi: “Ok, ma questo non cambia il fatto
che gli ordini devono pur essere eseguiti da qualcuno. Nessuno può prevedere i
prezzi del mercato e nessuno può ipotizzare un prezzo che si avvicini a quello
effettivo della borsa. Dal momento in cui un uomo legge la quotazione, effettua
un ordine e quest’ordine viene telegrafato a New York è passato molto tempo
prezioso. Per me sarebbe meglio tornare a New York e perdere i miei soldi in
una compagnia rispettabile”.
Rispose: “Per quanto riguarda il perdere denaro non so nulla, i nostri clienti non
hanno questa abitudine. Loro fanno soldi e noi ci curiamo che questo accada”.
“Tuoi clienti?” Chiesi.
“Beh, ho un certo interesse verso l’ufficio e se posso procurargli un po’ di clienti
lo faccio solo perché sono sempre stati onesti con me e perché sono riuscito a
guadagnare una bella somma di denaro investendo da loro. Se ti fa piacere ti
presento al direttore” disse.
“Come si chiama l’ufficio?” Gli domandai.
Mi disse che avevo già sentito parlare di loro, che c’erano annunci in tutti i
giornali che sottolineavano i grandi profitti fatti dai loro clienti che avevano
ascoltato le informazioni trasmesse all’interno dell’ufficio.
Questa era il loro punto forte. Non erano bucket shop ma erano dei bucketeers42 ,
presunti intermediari che trattavano gli ordini come i bucket shop ma attraverso
un elaborato camuffamento cercavano comunque di convincere il mondo che
loro erano dei broker regolari che non violavano la legge. Questi uffici erano i
più vecchi della categoria43 .
I principi generali e i modi per spennare i clienti erano sempre gli stessi, anche
se avevano apportato delle piccole modifiche. Alcuni dettagli dovevano essere
cambiati quando i trucchetti diventavano troppo noti.
In questi uffici suggerivano alle persone di comprare o vendere certe azioni -
centinaia di telegrammi consigliavano l’istante in cui comprare un certo titolo a
dei clienti e altre centinaia di telegrammi consigliavano ad altri clienti di vendere
lo stesso titolo; utilizzavano la vecchia corsa alle informazioni. Arrivavano
all’ufficio gli ordini di vendere e comprare. Il bucketeers avrebbe comprato e
venduto, da come dicono, un migliaio di azioni attraverso un regolare ufficio di
borsa e avrebbero ottenuto un regolare report. Questo report serviva, per
eliminare ogni dubbio, a chiunque fosse stato così scortese da tirare fuori
l’argomento dei falsi ordini.
Formavano anche dei gruppi di clienti che, come se fosse un grande favore
concesso solo a loro, avevano la possibilità di autorizzare il bucketeers, in forma
scritta, ad investire a loro nome con i loro soldi; secondo l’opinione degli
impiegati dell’ufficio questo era metodo migliore. In questo modo anche il più
irascibile dei clienti non poteva passare per vie legali quando i suoi soldi
sparivano. Iper-compravano44 un titolo poi consigliavano ai clienti di acquistarlo
e successivamente eseguivano uno dei metodi vecchio stile dei bucket shop “la
manovra del bucket shop” e spazzavano via centinaia di piccoli margini. Non
risparmiavano nessuno e il loro target preferito erano le donne, gli studenti e gli
anziani.
Gli dissi: “Sono sofferente verso tutti i broker, ci penserò un po’ su prima di
decidere”. Appena avevo finito la frase mi allontanai così lui non avrebbe
continuato il discorso.
Mi ero informato nei riguardi di questo ufficio. Mi avevano detto che aveva
centinaia di clienti e, sebbene giravano le solite storie, non avevano mai sentito
parlare di nessun caso in cui un cliente che aveva guadagnato con un
investimento non aveva riscosso i soldi. La cosa difficile era trovare qualcuno
che avesse mai guadagnato in questo ufficio. Io però, ci riuscii. Le cose
sembravano andare per il verso giusto per il bucketeers e questo significa che
molto probabilmente non mi avrebbero negato i soldi guadagnati se fossi andato
ad investire da loro. Naturalmente la maggior parte di queste preoccupazioni alla
fine sarebbero svanite. C’erano dei periodi in cui c’erano epidemie di bucketeers
che fallivano, come accade spesso alle banche dopo che una fallisce; i clienti
delle altre banche si preoccupano e corrono tutti a prelevare i propri soldi.
Questo paese però è pieno di pensionati che riforniscono i bucketeers.
Bene, non avevo sentito nulla di allarmante sul conto dell’ufficio promosso dal
bagarino tranne il fatto che cercava di lucrare sugli ordini sia inizialmente, che
dopo che per tutto il tempo; inoltre non erano sempre onesti. La loro specialità
erano i perdenti che cercavano di arricchirsi velocemente; ma loro però
chiedevano sempre ai propri clienti il permesso scritto per poter poterli spennare.
Avevo incontrato un tizio che mi aveva raccontato che uno di questi uffici aveva
inviato seicento telegrammi che consigliavano a dei clienti di comprare le azioni
di un certo titolo e, allo stesso tempo, aveva inviato altri seicento telegrammi ad
altri clienti consigliando di vendere con urgenza le azioni dello stesso identico
titolo.
Gli dissi: “Conosco questo trucchetto”
Rispose: “Si ok, ma il giorno dopo avevano inviato un telegramma alle stesse
identiche persone consigliando loro di chiudere tutte le posizioni aperte e di
acquistare un altro titolo”. Ero andato a chiedere ad un socio dell’ufficio:
“Perché fate questo?” La prima parte l’avevo capita, alcuni clienti guadagnavano
sulla carta per un certo periodo, e alla fine sia quelli che avevano guadagnato che
gli altri erano destinati a perdere. Gli avevo fatto notare però che inviando questi
telegrammi avrebbero svuotato le tasche di tutti e gli chiesi: “Per quale
ragione?”.
Il socio disse: “Beh, i clienti sono costretti a perdere i loro soldi in ogni caso,
non importa cosa comprano o come comprano o dove comprano o quando.
Quando un cliente finisce i soldi io lo perdo. Facendo così spillo loro quanto più
denaro possibile e poi aspetto che trovino altri soldi da portare di nuovo in
ufficio”.
Gli dissi francamente che non ero interessato all’etica di questo ufficio.
Sottolineai che i modi del bagarino che mi aveva parlato dell’ufficio mi avevano
infastidito e mi aveva infastidito anche il modo in cui mi aveva spinto ad andare
ad investire da loro. Però non avevo avuto alcun interesse emotivo nei riguardi di
questi uffici. Potrebbero essere dei truffatori come potrebbero non esserlo o
magari non sono neanche così male come la gente dice. Di certo non avrei
permesso a loro di investire al mio posto e non avrei neanche ascoltato i loro
consigli e soprattutto non avrei creduto alle loro bugie. Il mio unico interesse era
di rimettere insieme un po’ di soldi e di tornare a New York con una quantità di
denaro sufficiente per poter investire in un ufficio rispettabile dove non dovevi
aver paura di una possibile irruzione della polizia, come accadeva nei bucket
shop, e non dovevi avere il terrore della possibilità che la polizia postale
piombasse all’interno dell’ufficio per bloccare i tuoi soldi. Quando eri fortunato
poi riuscivi a riprendere al massimo, un anno e mezzo dopo, 8 centesimi per ogni
dollaro sequestrato.
Tuttavia, mi ero auto convinto di andare a vedere quali vantaggi in più offriva
questo ufficio rispetto a quello che potremmo chiamare un broker legittimo. Non
avevo molto denaro da investire e questo ufficio sarebbe stato sicuramente più
tollerante su questo lato, così le mie poche centinaia di dollari avrebbero potuto
percorrere molta più strada nei loro uffici.
Mi recai nel bucketeers e parlai con il direttore in persona. Quando scoprì che
ero un investitore che precedentemente aveva un conto corrente in un ufficio di
borsa di New York e che avevo perso tutto quello che avevo mi fermò e mi
promise che avrebbero guadagnato per me un milione in un minuto se solo gli
avessi permesso di investire i miei risparmi. Immaginava che ero un perdente
nato, un telescrivente dipendente che investiva di continuo e perdeva di
continuo, una fonte di reddito costante per i broker, il tipo che cestinava
continuamente gli ordini o che si accontentava di recuperare le spese di
commissione.
Avevo detto al direttore che avevo bisogno di un’esecuzione degli ordini decente
perché avevo sempre investito sul mercato e non volevo ricevere dei report che
mostravano una differenza di mezzo punto o un punto rispetto al prezzo reale.
Mi diede la sua parola d’onore che avrebbero fatto tutto quello che chiedevo. Mi
disse che voleva che io investissi lì per dimostrarmi che erano dei broker di
prima classe, che i loro impiegati erano i migliori sul mercato e per questo erano
famosi per il loro operato. Aggiunse che se ci fosse stata una qualsiasi differenza
tra il prezzo reale e il prezzo del report questa era sempre a favore del cliente,
anche se, ovviamente, non garantivano la cosa. Se avessi aperto un conto con
loro avrei potuto comprare e vendere al prezzo disegnato dalla telescrivente,
avevano molta fiducia nei loro intermediari.
Questo significava che potevo investire nello stesso identico modo in cui
investivo nei bucket shop. Se avessi voluto mi avrebbero permesso di investire
sin da subito, ma non volevo apparire troppo ansioso così scossi la testa e dissi al
direttore che non avrei aperto il conto quel giorno ma gli avrei fatto sapere più
avanti. Mi invitò calorosamente ad aprire un conto proprio in quel momento dato
che il mercato era rialzista e avrei potuto guadagnare sin da subito. In realtà era
un mercato noioso con i prezzi che avevano oscillazioni minime, proprio il tipo
di mercato che permetteva all’ufficio di far comprare le azioni ai clienti per poi
spazzarli via con una delle loro mosse che facevano capovolgere il mercato.
Avevo avuto qualche difficoltà ad allontanarmi.
Gli diedi il mio nome e il mio indirizzo, appena aperto il conto iniziai a ricevere
telegrammi e lettere che mi invitavano a comprare urgentemente determinate
azioni perché sapevano che un socio dell’azienda si stava impegnando per farle
salire di cinquanta punti.
Ero andato in giro per scoprire il più possibile su questo tipo di uffici. Mi
sembrava che l’unico modo per mettere insieme una quantità di denaro
sufficiente, se mi avessero assicurato che sarei stato in grado di prendere i miei
guadagni dalle loro grinfie, era l’investire in queste specie di bucket shop.
Quando avevo appreso tutto quello che potevo nei loro confronti aprii tre conti
correnti su tre uffici distinti poi scelsi un piccolo ufficio che aveva contatti diretti
con tutti e tre i broker.
Iniziai con piccoli investimenti così non si sarebbero impauriti sin da subito.
Dopo un po' di tempo avevo tirato le somme e avevo notato che avevo
guadagnato dei soldi e loro non esitavano a dirmi che si aspettavano degli
investimenti seri da un cliente che aveva dei collegamenti diretti con i loro uffici.
Non volevano delle formichine, supponevano che più soldi avessi investito più
ne avrei persi e quindi prima mi avrebbero ripulito prima avrebbero guadagnato.
La teoria era giusta se consideri che i clienti di questi uffici erano gli investitori
medi; e gli investitori medi non hanno mai vita lunga, finanziariamente parlando.
Un trader al verde non può investire. Un cliente con il conto dimezzato può
lamentarsi, insinuare cose e creare problemi di qualunque tipo che potrebbero far
diminuire il business dell’ufficio.
Ero anche in contatto con un ufficio locale che era collegato direttamente con gli
intermediari di New York, e tra questi c’erano anche membri della borsa valori
di New York. Ci avevo piazzato una telescrivente e avevo iniziato ad investire in
modo conservativo. Come ti avevo detto era più o meno come investire nei
bucket shop l’unica differenza erano le tempistiche, che erano più lente.
Era un gioco che potevo tranquillamente battere, e ci riuscii. Non sono mai
arrivato al punto di guadagnare dieci volte su dieci ma a conti fatti avevo un
profitto, alcune settimane guadagnavo e altre perdevo. Ero tornato ad avere un
buono stile di vita ma mettevo sempre da parte un po’ di soldi per aumentare il
conto in banca per tornare ad investire a Wall Street. Nel frattempo avevo stretto
dei contatti con altri due bucketeers per un totale di cinque uffici.
Alcune volte le mie previsioni erano sbagliate e i titoli che sceglievo non
seguivano l’andamento che avrebbero dovuto seguire, anzi facevano l’opposto di
quanto avrebbero dovuto fare se si fossero basati sulle performance passate.
Quando accadeva questo non subivo grandi perdite, non avrei potuto subirne con
i pochi soldi che investivo. Avevo un rapporto abbastanza amichevole con i miei
broker. I loro conteggi non corrispondevano sempre ai miei e quando si
verificavano queste differenze erano sempre a mio svantaggio. Una curiosa
coincidenza! Ma combattevo per far tornare i conti e alla fine vincevo sempre io.
Non poteva essere una curiosa coincidenza. Speravano continuamente di
riprendersi quello che avevo guadagnato da loro, credo che consideravano le mie
vincite come un prestito momentaneo.
I bucketeers in realtà non erano per niente sportivi, erano nel giro degli
investimenti solo per guadagnare soldi facendo pressione alle persone
consigliandogli un investimento sbagliato o truffandole, non si accontentavano
della sola commissione sugli investimenti. Siccome i perdenti, quando
scommettono sul mercato, perdono soldi continuamente – essi in realtà non
speculano mai – potresti pensare che questi impiegati fanno un lavoro che si
potrebbe chiamare “una legittima attività illegittima” ma in realtà non è così.
“Spilla un penny qui e un penny là ai tuoi clienti e diventerai ricco45 ”. Questo è
un antico detto e sembra proprio che loro non lo conoscessero, quindi non
smettevano di cercare di prenderti tutti i soldi. Più volte, utilizzando vecchi
trucchetti, avevano tentato di fare il doppio gioco con me. Un paio di volte ci
sono cascato perché non ero stato attento. Li avevo accusati di essere antisportivi
e avevo detto loro anche di peggio ma negarono tutto; finì che tornai a investire
come al solito. Il bello dell’avere a che fare con dei truffatori è che loro
perdonano sempre le accuse che gli rivolgi. Fino a quando non smetti di fare
affari con loro sono disposti a venirti incontro per più di metà strada. Anime
magnanimi!
Avevo deciso che non potevo permettermi di continuare ad accontentarmi di
questi piccoli guadagni perché spesso venivano compromessi dai loro trucchi
ingannevoli, così decisi di dare loro una lezione. Scelsi un po’ di titoli che, dopo
aver subito forti speculazioni, avevano iniziato ad essere inattivi. Se avessi scelto
delle azioni che erano sempre state inattive si sarebbero insospettiti. Diedi
l’ordine di acquistare un determinato titolo ai cinque bucketeers. Dopo che
avevano inoltrato l’ordine i broker stavano aspettando che il prezzo si
aggiornasse sul grafico per trascriverlo sul mio biglietto, nel mentre avevo
inviato al mio ufficio di borsa un altro ordine per vendere allo scoperto un
centinaio di azioni dello stesso titolo. Avevo chiesto di fare l’operazione molto in
fretta.
Puoi immaginare cosa era accaduto quando era arrivato l’ordine di vendere allo
scoperto, un’azione noiosa e inattiva che un regolare ufficio di borsa - che aveva
anche filiali in periferia – aveva urgenza di vendere allo scoperto. Qualcuno
avrebbe comprato il titolo a buon mercato. L’ultimo movimento, per come era
stato disegnato nel grafico, era il prezzo che avrei voluto pagare per i miei
cinque ordini d’acquisto. Al netto ero lungo, ad un prezzo d’acquisto basso, di
400 azioni di questo titolo. Un impiegato del bucketeers mi aveva chiesto se
avevo sentito notizie in giro e io gli avevo detto che mi era arrivata una soffiata.
Poco prima della chiusura del mercato avevo chiesto al regolare ufficio di borsa
di ricoprire le 100 azioni che avevo venduto allo scoperto; gli dissi che non
dovevano perdere altro tempo perché non volevo rimanere corto per nessuna
ragione e non mi importava a quale prezzo avrebbero chiuso l’operazione.
Inviarono l’ordine a New York per chiudere la mia posizione short con la
massima urgenza e si notò un rialzo sul grafico. Ovviamente nel frattempo avevo
dato l’ordine di vendere le mie 500 azioni ai miei amici intermediari. Il
trucchetto funzionò benissimo.
I bucketeers non si tutelavano contro questa strategia, così la usai diverse volte.
Non avevo osato punirli severamente come meritavano, raramente vendevo a più
di un punto o due di guadagno su un centinaio di azioni. Il trucchetto però mi
avevo aiutato ad incrementare il mio piccolo gruzzoletto di soldi che stavo
tenendo da parte per la mia prossima avventura a Wall Street. Qualche volta
avevo apportato delle piccole varianti vendendo allo scoperto alcuni titoli,
sempre senza esagerare. Mi accontentavo di guadagnare i miei 600/800 dollari
per ogni volta che agivo in quel modo.
Un giorno la bravata aveva funzionato così bene che era andata molto al di là
delle mie aspettative per un totale di dieci punti di guadagno. Non puntavo ad un
guadagno così elevato. Quando era accaduta questa vicenda avevo cento azioni
per ognuno dei quattro broker e duecento azioni sul quinto broker. Questo era
più di un colpo di fortuna per loro. Avevano sofferto molto il colpo e avevano
iniziato a diffondere la vicenda attraverso la rete telegrafica. Andai dal direttore,
lo stesso uomo che era così ansioso di farmi aprire il conto da loro, non
ricordava tutte le volte che li avevo scoperti quando cercavano di rubarmi
qualche punto di margine. Parlò molto per un uomo nella sua posizione.
“L’andamento di questo titolo è falsato e non ti daremo nemmeno un dannato
centesimo!” Imprecò il direttore.
“Non era un mercato falsato quando hai accettato il mio ordine d’acquisto. Mi
hai permesso di entrare e ora devi permettermi di uscire. Non puoi non essere
onesto!” Risposi.
“Certo che posso!” Gridò. “Posso provare che qualcuno ha falsato il titolo”.
“Chi è stato?” Chiesi.
“Qualcuno!” Rispose.
“Chi è stato l’artefice?” Chiesi nuovamente.
“E’ stato sicuramente qualche tuo amico” disse.
Controbattei subito: “Sai molto bene che lavoro sempre solo, tutti lo sanno. Da
quando ho iniziato ad investire ho sempre fatto tutto da solo. Ora voglio darti un
consiglio da amico: vendi le mie azioni e dammi i miei soldi. Non voglio essere
antipatico. Fai semplicemente quello che ti ho chiesto”.
“Non ho intenzione di pagarti. E’ una transazione truccata” gridò.
Iniziai ad essere stanco della discussione, così dissi: “Tu mi darai i miei soldi
immediatamente”.
Fece lo spaccone ancora per un po’ e mi accusò di essere la mente di questa
truffa ma alla fine tirò fuori i soldi. Gli altri quattro uffici non furono così
chiassosi. In un ufficio il direttore aveva analizzato questa mia strategia di
investire nei titoli inattivi e quando aveva inoltrato il mio ordine aveva comprato
un po’ di azioni anche per se, così anche lui guadagnò un po’ di soldi. Agli
impiegati degli uffici non importava di essere citati in giudizio per frode da
qualche cliente poiché generalmente avevano una buona difesa legale sempre
pronta. Avevano più paura che gli rompessi l’arredamento perché non avrei
avuto modo di toccargli i soldi in banca in quanto erano attenti a non esporli a
nessun pericolo. Non avrebbe rovinato la loro reputazione il far sapere in giro
che erano abbastanza furbi ma il far sapere che non pagavano un debito sarebbe
stato fatale per loro. Vedere un cliente che perdeva i propri soldi non era cosa
rara nei bucketeers ma vedere un cliente che guadagnava e l’ufficio non lo
pagava era il peggior crimine che si poteva trovare nello statuto degli investitori.
Ogni volta che avevo utilizzato questo trucchetto avevo guadagnato ma questo
rialzo di dieci punti aveva messo fine al piacevole passatempo di “scuoiare gli
scuoiatori”. Stavano cercando di individuare il trucchetto che loro stessi avevano
utilizzato centinaia di volte per truffare i poveri investitori. Ero stato costretto a
tornare al mio solito sistema di investimento; il mercato non andava sempre bene
per la mia strategia. Ero limitato dal numero di ordini che l’ufficio accettava, non
potevo fare un colpaccio.
Avevo continuato ad investire per oltre un anno, durante la quale avevo usato
qualsiasi metodo che riuscivo a pensare per guadagnare denaro in questi
bucketeers. Avevo uno stile di vita molto confortevole, avevo comprato
un’automobile e non limitavo le spese. Dovevo mettere da parte dei soldi ma
contemporaneamente dovevo continuare a mantenere lo stesso stile di vita. Se
guadagnavo con un investimento non potevo spendere tutti i guadagni in modo
tale da mettere da parte un po’ di soldi. Se invece perdevo soldi non guadagnavo
e di conseguenza non potevo spendere. Avevo risparmiato una quantità di denaro
sufficiente e non c’erano più soldi da guadagnare in questi cinque uffici così
avevo deciso di ritornare a New York.
Avevo la mia automobile e avevo invitato un mio amico, anche lui investitore, a
venire con me; accettò e partimmo. Ci fermammo a New Haven per pranzo. In
hotel incontrai un vecchio conoscente e tra i vari discorsi mi disse che c’era un
bucket shop in città che aveva parecchi clienti.
Lasciammo l’hotel per dirigersi verso New York ma passai casualmente proprio
davanti a questo bucket shop. Appena ci trovammo di fronte non riuscimmo a
resistere alla tentazione di fermarsi e di guardare com’era all’interno. Non era
molto sontuoso ma c’era il vecchio tabellone delle quotazioni, i clienti e il
mercato era attivo.
Il direttore era un tizio che assomigliava ad un attore o a un giornalista
televisivo, faceva molta scena. Aveva detto “Buongiorno” con fare molto
cordiale. Aveva notato che eravamo arrivati su un’automobile sportiva, che
eravamo giovani e che non avevamo prestato molta attenzione all’aspetto
esteriore così aveva immaginato che fossimo universitari. Non gli dissi che non
lo eravamo, non me ne aveva lasciato il tempo perché iniziò un lungo discorso.
Disse che era molto lieto di vederci. Ci domandò se il viaggio era stato
confortevole. Ci informò che avremmo trovato un mercato filantropico quel
giorno; infatti cercava a gran voce qualche studente universitario a cui ingrossare
il portafogli con una cifra talmente alta che nessuno aveva mai visto prima della
laurea. Proprio in quel momento, grazie alla beneficenza della telescrivente, un
piccolo investimento iniziale si sarebbe trasformato in migliaia di dollari. Quello
che il mercato azionario bramava era il farci avere più soldi di quanto potevamo
spenderne.
Beh avevo pensato che fosse un vero peccato non prestare ascolto a quello che
quest’uomo così piacevole è così ansioso ci chiedeva di fare, così gli dissi che
avrei fatto quello che desiderava, perché avevo sentito che molte persone
avevano guadagnato parecchi soldi con il mercato azionario.
Avevamo iniziato ad investire in modo molto conservativo ma sia io che il mio
amico stavamo guadagnando.
Ci eravamo fermati a New Haven per la notte e il giorno dopo eravamo tornati in
questo ospitalissimo bucket shop alle 9:55. Il direttore era molto contento di
vederci, pensava che questa volta era il suo turno. A fine giornata avevo
guadagnato poco meno di 1.500 dollari. Il giorno seguente quando ci eravamo
presentati davanti al direttore chiedendo di vendere allo scoperto 500 contratti di
zucchero lui aveva esitato, ma infine aveva accettato l’ordine in silenzio. Lo
zucchero era sceso di oltre un punto e io avevo chiuso il mio investimento.
C’erano in arrivo per me 500 dollari di guadagno oltre ai 500 dollari investiti.
Aveva preso venti pezzi da cinquanta dalla cassa e li aveva contati per tre volte
molto lentamente, infine li aveva contati per la quarta volta davanti ai miei
occhi. Sembrava come se le sue dita stessero producendo una strana sudorazione
che gli faceva attaccare le banconote alle dita ma alla fine mi consegnò i soldi.
Dopo incrociò le braccia, morse il labbro inferiore e mentre continuava a
mordersi il labbro fissava la finestra in alto che era dietro di me.
Gli dissi che mi sarebbe piaciuto vendere allo scoperto 200 U.S. Steel ma lui non
fece una mossa. Non mi aveva sentito. Ripetei le mie intenzioni, solo che invece
di 200 gli dissi 300. Si voltò verso di me e io aspettai che iniziasse a parlare ma
lui mi guardava senza dire nulla. Dopo schioccò le labbra e deglutì come se un
estimato politico dell’opposizione stesse per iniziare un discorso contro un
governo che aveva gestito male il paese per 50 anni.
Infine fece un cenno con la mano rivolto alle banconote che avevo in mano e
disse: “Fa sparire quei cosi”.
“Cosa devo far sparire?” Non avevo capito a cosa alludesse.
“In quale città stai per andare, studente?” Chiese.
“A New York” dissi.
“Esatto” disse, annuendo una ventina di volte. “E’ corretto quello che dici. Stai
per andartene perché ora conosco due cose – anzi due studenti! So cosa non siete
e so cosa siete. Si! Si! Si!”.
“E’ realmente così?” Chiesi molto gentilmente.
“Si! Voi due…” fece una pausa, cambiò tono di voce e ringhiando disse: “Voi
due siete gli squali più temuti di tutta l’America. Studenti eh? Immagino che
siate matricole!”
Lo lasciammo parlare da solo. Probabilmente non gli importava molto del
denaro. A nessun giocatore d’azzardo interessa, basano tutto sul gioco e sulla
fortuna che è destinata a girare. Quello che aveva ferito il suo orgoglio era
l’essere stato ingannato da noi.
E’ così che sono tornato per la terza volta a New York. Ovviamente avevo anche
studiato e avevo cercato di individuare le falle della mia strategia di investimento
che erano il motivo principale dei miei fallimenti nell’ufficio di Fullerton. Avevo
vent’anni quando avevo guadagnato i miei primi 10.000 dollari e poi li avevo
persi. Ora però sapevo come e perché avevo perso quei soldi. Li avevo persi
perché non potevo investire seguendo la mia strategia, che era fondata sullo
studio e sull’esperienza, quindi ero diventato uno scommettitore qualunque.
Speravo di vincere invece di sapere che la vera vincita era investire con la giusta
strategia. Quando avevo circa 22 anni il mio portafoglio era cresciuto fino a
50.000 dollari e li ho persi tutti il 9 maggio. Ma ora sapevo esattamente come e
perché li avevo persi. Le cause erano la lentezza negli aggiornamento del grafico
e i movimenti così violenti che non avevano mai avuto precedenti. Non sapevo
però perché avevo perso di nuovo dopo il mio ritorno da St. Louis o perché
avevo perso dopo il panico del 9 maggio. Avevo una teoria - che è questa: avevo
posto rimedio ad alcune falle che avevo individuato nella mia strategia, ma
avevo bisogno di applicare questi cambiamenti nella pratica.
Non c’è cosa migliore al mondo che perdere tutti i tuoi soldi che ti può insegnare
cosa non devi fare. E quando sai cosa non devi fare per perdere soldi inizi ad
imparare cosa devi fare per guadagnarne. Capito il concetto? Vedo che inizi ad
imparare!
CHAPTER V

Il telescrivente dipendente medio o come viene soprannominato “il verme
solitario”, è specializzato esclusivamente nel seguire il grafico disegnato dalla
telescrivente. Questo significa che ha una inelasticità che gli risulterà essere
molto costosa. Dopo tutto il gioco della speculazione non è tutto matematica e
regole, per quanto possano essere rigide le leggi principali. Anche nel mio modo
di interpretare il grafico c'è qualcosa in più della sola aritmetica. C'è quello che
io chiamo “il comportamento di un titolo”, movimenti che ti consentono di
giudicare cosa sta procedendo secondo le osservazioni che avevi fatto in
precedenza e cosa no. Se un titolo si sta comportamento in modo strano non
investirci perché è impossibile capire il motivo di questo comportamento, non
puoi prevedere che strada seguirà. Nessuna diagnosi, nessuna prognosi. Nessuna
prognosi, nessun guadagno.
Notare il comportamento di un'azione e studiarne le performance passate è una
pratica molto vecchia. La prima volta che ero andato a New York c'era un ufficio
di brokeraggio dove un uomo di origini francesi parlava abitualmente del suo
grafico. All'inizio pensavo che fosse un tizio strambo che era tenuto lì
appositamente dall'ufficio perché aveva un buon carattere, ma successivamente
capii che era un ottimo oratore, molto persuasivo e toccante. Diceva che l'unica
cosa che non mente, semplicemente perché non può, è la matematica. Intendeva
dire che le curve del suo grafico potevano prevedere i movimenti di mercato.
Così lui le poteva analizzare e dire, per esempio, perché Keene fece la cosa
giusta nella sua famosa operazione chiamata “la manipolazione spinta46 ” e
successivamente perché sbagliò nell'accumulare azioni della Southern Pacific47 .
Più volte alcuni investitori professionisti avevano provato ad utilizzare la
strategia del francese ma poi erano tornati tutti ad utilizzare il proprio metodo
non scientifico di guadagnarsi da vivere. Dicevano che la strategia del francese
aveva guadagni e perdite minime. Avevo sentito dire da quest’uomo che Keene
avevo ammesso che il suo grafico era sicuro al cento per cento ma che il suo
metodo era troppo lento per essere applicato ad un mercato attivo.
C'era un ufficio dove appendevano il grafico dei movimenti giornalieri dei
prezzi. Bastava un'occhiata al grafico per vedere come si era comportata ogni
azione nei mesi passati. Confrontando le oscillazioni individuali con quella del
mercato generale - e tenendo a mente specifiche regole - i clienti potevano dire
se il titolo, sulla quale avevano ricevuto una soffiata senza fondamenta
scientifiche, era candidato a salire. Utilizzavano il grafico come una sorta di
informatore complementare. Oggi ci sono moltissimi uffici che appendono
questi tipi di grafici. Vengono disegnati dagli esperti di statistica dell'ufficio e
non includono solo le azioni ma anche le commodity48 .
Posso dire che un grafico aiuta quelle persone che sono in grado di leggerlo o
meglio che assimilano quello che leggono. Il lettore del grafico medio, tuttavia, è
propenso a diventare ossessionato dal concetto che i ribassi, i rialzi, i movimenti
primari e i movimenti secondari sono tutto quello che compone la speculazione.
Se chi interpreta il grafico ripone la fiducia in questa logica limitata è destinato a
perdere tutto. C'era un uomo abilissimo, un ex socio di una nota casa di borsa,
che era letteralmente trainato dalla matematica. Si era laureato in una famosa
scuola tecnica e aveva ideato un grafico che si basava su un attentissimo e
minuzioso studio del comportamento dei prezzi di molti mercati: azioni,
obbligazioni, grano, cotone, valute e così via. Aveva disegnato il grafico
partendo da molti anni addietro e tracciava la correlazione e i movimenti
stagionali di tutto. Aveva investito basandosi sul grafico per anni. Quello che
aveva creato gli permetteva di avere un vantaggio tra gli analisti più intelligenti.
Mi avevano detto che aveva guadagnato regolarmente fino a quando la guerra
mondiale aveva scombussolato tutto. Avevo sentito dire che sia lui che i suoi
seguaci avevano perso milioni prima di abbandonare quel metodo. Nemmeno
una guerra mondiale può interrompere un mercato toro quando le condizioni
sono rialziste, o interrompere un mercato orso quando le condizioni sono
ribassiste. Tutto quello che un uomo deve sapere per guadagnare soldi è: valutare
le condizioni.
Non avevo intenzione di smontare quel metodo, ma non potevo farne a meno
quando ripensavo ai miei primi anni a Wall Street. Ora so quello che non sapevo
allora, ripenso agli errori fatti in passato dovuti alla mia ignoranza perché sono
gli stessi errori che uno speculatore medio compie ogni anno. Dopo che ero
tornato a New York, per tentare per la terza volta di battere il mercato in un
ufficio di borsa, avevo iniziato ad investire abbastanza attivamente. Non mi
aspettavo di far bene come facevo nei bucket shop, ma pensavo che dopo un po'
di tempo sarei riuscito a fare meglio perché ero in grado di tenere una linea
molto più forte. Ora riuscivo a vedere che il problema principale era la mia
incapacità di cogliere la differenza fra scommettere sulle azioni e speculare.
Anche se grazie ai miei sette anni di esperienza nella lettura del grafico e grazie
ad una certa attitudine naturale negli investimenti il mio portafoglio non stava
guadagnando una fortuna, aveva un altissimo tasso d'interesse. Vincevo e
perdevo come prima, ma a conti fatti stavo guadagnando. Quello che
guadagnavo in più lo spendevo, questo è quello che fa la maggior parte delle
persone. Non parlo solo delle persone che fanno soldi facili ma di tutti gli
uomini che non diventano schiavi dell'istinto di accaparramento. Alcuni uomini,
come il vecchio Russell Sage, aveva l'istinto di fare i soldi sviluppato in egual
misura a quello di accaparrarli e ovviamente morì disgustosamente ricco.
Battere il mercato mi interessava esclusivamente dalle dieci del mattino alle tre
del pomeriggio di ogni giorno, ma dopo le tre mi concentravo nel vivere la mia
vita. Non fraintendermi, non ho mai permesso al piacere di interferire con il
lavoro. Se perdevo soldi era perché non stavo investendo correttamente non
perché mi mancavano le energie a causa degli eccessi. Le crisi di nervi o il
cervello annebbiato non hanno mai danneggiato i miei investimenti. Non potevo
permettermi di fare nulla che mi allontanava dal sentirmi fisicamente e
mentalmente in forma, anche adesso di solito vado a dormire alle dieci di sera.
Da giovane non sono mai andato a letto tardi perché altrimenti non sarei riuscito
ad investire correttamente se non avessi dormito a sufficienza.
Stavo facendo meglio di break even ed è per questo motivo che pensavo che
non c'era alcun bisogno di privarmi delle cose belle della vita. Il mercato era
sempre lì a supportarmi. Stavo acquisendo la fiducia che un uomo, con un
atteggiamento professionalmente spassionato, raggiunge con il proprio metodo
di procurarsi il pane.
La prima cosa che avevo cambiato nella mia strategia era stata la tempistica.
Non potevo aspettare per eseguire un investimento sicuro e prendere un punto o
due di profitto come facevo nei bucket shop. Dovevo anticipare l’esecuzione
dell’investimento se avevo intenzione di guadagnare su un movimento
nell'ufficio di Fullerton. In altre parole, dovevo studiare cosa stava per accadere
per anticipare il movimento del mercato. Può suonare come una stupida banalità,
ma sai cosa intendo dire. Era il cambiamento delle abitudini che avevo verso gli
investimenti che aveva un importanza primaria per me. Questo mi aveva
insegnato, piano piano, la differenza sostanziale tra puntare sulle fluttuazioni e
anticipare degli inevitabili rialzi e ribassi e tra scommettere e speculare.
Dovevo andare a studiare il mercato ancora più indietro rispetto ad una sola ora e
questo non l'avrei mai imparato a fare neanche nel più grande bucket shop del
mondo. Mi interessavo di rapporti commerciali, guadagni delle ferrovie e
statistiche finanziare. Certo, mi piaceva essere molto attivo sul mercato, infatti
loro mi chiamavano il “ragazzo speculatore”, ma mi piaceva studiare anche le
fluttuazioni del grafico. Nessuna cosa mi infastidisce se mi aiuta ad investire con
maggiore intelligenza. Prima di considerare risolto un problema devo dimostrare
a me stesso che la soluzione funziona. Conosco solo un modo per dimostrarlo:
attraverso i miei soldi.
Per quanto erano lenti i miei progressi suppongo che avevo imparato più in fretta
che potevo, considerando che stavo guadagnando soldi. Se avessi perso più
spesso forse sarei stato stimolato a studiare di più perché avrei avuto più errori
da individuare. Non conosco la cifra esatta che avrei dovuto perdere perché se
avessi perso molto mi sarebbe mancato il denaro per testare i miglioramenti nella
mia strategia d'investimento.
Studiando il mio metodo d’investimento, che era vincente, nell'ufficio di
Fullerton avevo scoperto che, anche se spesso avevo ragione al 100% sull’analisi
delle condizioni e del trend generale del mercato, non stavo guadagnando
abbastanza soldi; non quanto la mia “esattezza” mi attribuiva. Perché non lo
stavo facendo?
C'era da imparare dalle vittorie parziali tanto quanto dalle sconfitte.
Per esempio, ero rialzista agli albori di un mercato toro ma man mano che avevo
acquistato azioni avevo ritrattato le mie opinioni e avevo chiuso la posizione.
Subito dopo seguì un rialzo, come avevo chiaramente previsto. Cos'altro avrei
dovuto fare? Avevo ascoltato gli statisti più maturi e avevo frenato il mio impeto
giovanile. Avevo cambiato idea per essere saggio e per investire con cautela, in
maniera conservativa.
Tutti sanno che il modo migliore è incassare i profitti per poi ricomprare le
azioni sui ribassi. E questo è precisamente ciò che avevo fatto, o perlomeno
quello che avevo tentato di fare; poiché spesso avevo incassato i profitti
aspettando una reazione a ribasso che non arrivava mai. Avevo visto le mie
azioni salire di dieci punti, intanto io restavo con i miei quattro punti di profitto
sicuri nel mio portafoglio conservativo. Dicono che non diventerai mai povero
incassando profitti; ed è corretto. Ma non diventerai mai ricco incassando un
profitto di quattro punti in un mercato toro.
Dove avrei potuto guadagnare ventimila dollari, ne riscuotevo duemila. Questo è
quello che faceva il conservativismo per me. Nel momento in cui mi ero reso
conto di quanto era piccola la percentuale che stavo guadagnando rispetto a
quella che avrei potuto realmente avere, avevo scoperto un’altra cosa: che i
perdenti differiscono tra loro in relazione al loro grado di esperienza.
Il principiante non sa nulla, e tutti - incluso se stesso – lo sanno. Al gradino
superiore c’è chi pensa di conoscere gran parte delle nozioni di mercato e lo fa
credere agli altri. Questo è il perdente con esperienza, che non ha studiato il
mercato ma ha semplicemente sentito un po' di osservazioni fatte da una classe
superiore di perdenti. La seconda classe dei perdenti sa come evitare di perdere
soldi in alcuni modi, e questo li classifica come “i principianti inesperti”. Sono
quest’ultimi che sostengono di anno in anno gli uffici con le commissioni, più
dell'inesperto che perde il cento per cento delle volte. I principianti inesperti
durano di media tre anni e mezzo; di più della durata media di una persona che
investe per la prima volta - che è di una singola stagione che va da tre a trenta
settimane. C’è il semi-predente nato che cita continuamente gli aforismi sul
trading e nomina le varie regole del gioco. Conosce tutte le cose che gli
investitori più famosi dicono di non fare ma ne tralascia una, la più importante:
non essere un perdente!
Questo tipo di semi-perdente pensa di aver raggiunto un buon livello perché ama
comprare le azioni quando c'è un ribasso. Aspetta un ribasso. Misura i suoi
guadagni contando la differenza tra il prezzo di quando ha venduto e il prezzo
più alto. In un mercato toro la strategia di un vero perdente, del tutto ignaro delle
regole e dei movimenti precedenti, è quella di comprare alle cieca perché egli
spera ciecamente. Così guadagna la maggior parte del denaro - fino a quando
una sana reazione glielo porta via tutto in un solo colpo. Ma il perdente attento fa
quello che io facevo quando pensavo di investire intelligentemente – mi basavo
sull'intelligenza degli altri. Sapevo che dovevo cambiare il metodo utilizzato nei
bucket shop e pensavo che avrei risolto il problema facendo alcuni cambiamenti,
in particolare dovevo esaminare i migliori guadagni degli investitori più esperti
tra i clienti.
Lasciatemi chiamare la maggior parte di loro “clienti” perché sono tali.
Troverete veramente poche persone che possono realmente dire che a Wall Street
non hanno mai lasciato dei soldi. Nell'ufficio di Fullerton c'era la solita folla.
Persone di ogni genere! Ebbene, c'era uno tipo anziano che non era come gli
altri. Prima di tutto, era molto più vecchio degli altri. Un'altra differenza era che
non aveva mai dato consigli volontariamente e non si era mai vantato delle sue
vincite, era veramente abile ad ascoltare attentamente gli altri. Non sembrava
molto desideroso di ricevere consigli - non aveva mai chiesto ai chiacchieroni
che cosa avevano sentito o che cosa sapevano. Ma quando qualcuno gli
raccontava una soffiata, lo ringraziava sempre molto educatamente. Alcune volte
ringraziava nuovamente la persona che gli aveva passato il consiglio quando
quest'ultimo si rivelava giusto ma se il consiglio era sbagliato non si era mai
lamentato, in modo tale che nessuno potesse dire se lo avesse seguito o no. C'era
una leggenda nell'ufficio secondo cui l'anziano cliente era ricco e poteva far
oscillare un po' la linea del grafico49 . Ma non aveva mai pagato grandi cifre di
commissioni all'ufficio o perlomeno nessuno lo aveva mai visto farlo. Il suo
nome era Partridge ma, a sua insaputa, era soprannominato “tacchino” perché
aveva un torace molto robusto e aveva l'abitudine di camminare impettito per le
varie stanze con il mento appoggiato sul petto.
I clienti, che erano ansiosi di essere spinti o costretti a fare delle cose in modo
tale da poter incolpare gli altri del proprio fallimento, avevano l'abitudine di
andare dal vecchio Partridge per dirgli cosa, alcuni amici di amici di un membro
della borsa valori, avevano consigliato loro di fare con un certo titolo. Questi
clienti gli avrebbero detto cosa non avrebbero fatto con il consiglio che avevano
ricevuto affinché egli potesse dire loro cosa avrebbero dovuto fare. Ma sia che il
consiglio che gli riferivano fosse di comprare o di vendere, l'anziano rispondeva
sempre allo stesso modo.
Il cliente avrebbe finito con esprimere le sue perplessità e avrebbe domandato:
“Cosa pensi che dovrei fare?”
Il vecchio Tacchino avrebbe piegato la testa su un lato, contemplando il cliente
con un sorriso paterno e infine avrebbe detto in modo imponente: “Lo sai, è un
mercato toro!”
Più di una volta l'avevo sentito dire: “Lo sai, è un mercato toro” come se ti stesse
donando un talismano prezioso avvolto in una polizza assicurativa da milioni di
dollari. E di certo non ne avevo compreso il significato.
Un giorno un cliente che si chiamava Elmer Harwood irruppe nell'ufficio, scrisse
un ordine e lo diede all'impiegato. Poi corse fuori dove il signor Partridge stava
educatamente ascoltando la storia di John Fanning di quella volta che aveva
origliato di nascosto un ordine che Keene aveva dato ad uno dei suoi
intermediari; tutto quello che John aveva guadagnato ascoltando
quell’informazione erano tre miseri punti su un centinaio di azioni, mentre nei
tre giorni successivi alla vendita di John quel titolo era salito di ventiquattro
punti. Era almeno la quarta volta che John gli aveva raccontato quella dolorosa
storia, ma il vecchio Tacchino stava sorridendo con simpatia come se fosse la
prima volta che la sentiva.
Elmer si diresse verso l'anziano e, senza nemmeno scusarsi con John Fanning,
disse al Tacchino: “Signor Partridge, ho appena venduto le mie Climax Motors. I
miei informatori mi hanno detto che il titolo farà un ribasso che mi permetterà di
ricomprarlo a un prezzo più basso. Per cui farebbe meglio ad imitarmi. Faccia
così, se ne possiede ancora”.
Elmer guardò in maniera sospettosa l'uomo al quale aveva dato,inizialmente, il
consiglio di comprare. L'informatore dilettante pensa sempre di possedere il
corpo e l'anima della persona a cui da il consiglio, anche prima di sapere se è
valido o no.
“Certamente, signor Harwood, ne possiedo ancora!” disse con gratitudine il
Tacchino. Elmer era stato carino a pensare a lui.
“Bene, è arrivato il momento di riscuotere i suoi profitti per poi ricomprare le
azioni al prossimo ribasso”, disse Elmer, come se avesse appena tirato fuori
l’ordine di vendere del signor Partridge. Non riuscendo a percepire entusiasmo e
gratitudine nell’espressione del beneficiario, Elmer proseguì : “Ho appena
venduto ogni azione che possedevo!”
Dalla sua voce e dal suo atteggiamento avreste stimato una vendita di diecimila
azioni.
Ma il signor Partridge scosse la testa con rammarico e si lamentò: “No! No! Non
posso farlo!”
“Cosa?”, gridò Elmer.
“Semplicemente, non posso farlo!” disse il signor Partridge. Era in grande
difficoltà.
“Non fui io a darle la dritta di comprarle?”
“Sì, signor Harwood, e le sono molto grato, signore, davvero. Ma...”
“Attenda! Mi faccia finire di parlare! Quelle azioni non salirono di sette punti in
dieci giorni? Non andò così?”
“Sì, e le sono molto riconoscente, mio caro. Ma non posso nemmeno pensare di
vendere le azioni.”
“Non può?”, domandò Elmer che era diventato a sua volta dubbioso. E' abitudine
comune per chi da consigli di essere in realtà un ascoltatore di consigli.
“No, non potrei”
“Perché no?” disse Elmer avvicinandosi.
“Perché questo è un mercato toro!” L'anziano lo disse come se avesse dato una
lunga e dettagliata spiegazione.
“Mi trova d'accordo”, disse Elmer, guardandolo in cagnesco per la delusione.
“So come lei che questo è un mercato toro. Ma farebbe meglio a vendere il suo
pacchetto di azioni per poi ricomprarlo quando il prezzo sarà calato. Potrebbe
guadagnare di più facendo così”.
“Mio caro”, disse il vecchio Partridge, in grande imbarazzo: “Mio caro ragazzo,
se vendessi quelle azioni ora perderei la mia posizione, e poi dove sarei?”
Elmer Harwood alzò le mani, scosse la testa e camminò verso di me per ottenere
la mia simpatia e disse: “Riusciresti ad averla vinta?” mi chiese con un sussurro
udibile, “Dico a te!”
Io non dissi nulla, così proseguì il discorso: “Gli ho dato una dritta sulle Climax
Motors e lui ha comprato cinquecento azioni. Ottiene un profitto di sette punti e
gli consiglio di venderle per ricomprarle dopo il prossimo ribasso, ed è già in
ritardo. Cosa risponde quando glielo dico? Dice che se le vende perderebbe il
lavoro. Cosa ne sai a riguardo?”
“Le chiedo scusa, Signor Harwood; io non ho detto che perderei il lavoro”
continuò il vecchio Tacchino. “Ho detto che perderei la mia posizione. E quando
sarà vecchio come me e avrà attraversato tanti boom e tante crisi quanto me,
saprà che perdere la posizione è qualcosa che nessuno può recuperare; nemmeno
John D. Rockefeller. Spero che l'azione scenda e che lei possa ricomprarla con
un sostanziale guadagno, signore. Ma io posso investire solo in conformità agli
anni della mia esperienza. Ho pagato un prezzo alto per quelle azioni e non me la
sento di ripagare per una seconda volta la commissione. Ma le sono così grato
che è come se avessi già i soldi in tasca. E' un mercato toro, lo sa”. Si allontanò
impettito lasciando Elmer frastornato.
Quello che il signor Partridge disse non ebbe molto significato per me fino a che
non iniziai a pensare a tutte le volte che non ero riuscito a guadagnare quanto
avrei dovuto quando le mie posizioni erano concordi con il mercato generale.
Più studiavo il concetto più capivo quanto fosse saggio l'anziano signore.
Evidentemente aveva avuto il mio stesso problema quando era giovane,
conosceva le sue debolezze e quelle umane. Non si sarebbe mai lasciato tentare
perché l'esperienza gli aveva insegnato che era difficile resistere e ogni volta che
aveva ceduto si era rivelato costoso per lui, come lo era stato per me.
Penso che era stato un lungo passo in avanti per la mia educazione finanziaria
quando avevo realizzato che quando il signor Partridge continuava a dire agli
altri clienti: “Lo sai che questo è un mercato toro” in realtà intendeva dire che le
grandi somme di denaro non si guadagnano nei trend a breve termine ma con i
trend primari, e non si doveva analizzare il singolo grafico ma il trend del
mercato generale.
Dopo aver speso molti anni a Wall Street e dopo aver guadagnato e perso milioni
di dollari ho intenzione di dirti questo: non è mai stato il pensare a farmi
guadagnare un sacco di soldi, ma è stato il mantenere le azioni nel portafoglio.
Capito? Il mantenere le azioni! Non sto scherzando: tutto quello che bisogna fare
è essere nella direzione giusta del mercato. Potrai trovare continuamente molti
tori all'inizio di un mercato toro e molti orsi all'inizio di un mercato orso. Ho
conosciuto molti uomini che entravano nel mercato al momento giusto,
iniziavano a comprare o shortare le azioni quando il prezzo raggiungeva o il
supporto o la resistenza50 e avrebbero dovuto massimizzare i profitti. La loro
esperienza era inevitabilmente uguale alla mia - proprio così, non riuscivano a
guadagnare i soldi veri. Gli uomini che sono in grado di entrare nel momento
giusto e che non cedono alla tentazione di vendere sono rari. Ho trovato questo
concetto uno dei più difficili da imparare. Ma solo dopo che un investitore ha
perfettamente compreso il significato di questo concetto può fare molti soldi. E'
proprio vero che un investitore riuscirà a fare milioni solo dopo che diventa
consapevole di aver trascorso centinaia di giorni ad investire da ignorante.
Capita che un uomo può prevedere una tendenza, però quando il mercato segue
le sue previsioni diventa impaziente e dubbioso. E' per questo motivo che molti
uomini a Wall Street, che non sono propriamente dei perdenti o della terza
categoria dei perdenti, perdono comunque soldi. Il mercato non batte loro ma
loro si battono da soli perché il cervello non riesce a rimanere tranquillo. Il
vecchio Tacchino aveva maledettamente ragione nel fare quello che faceva e nel
dire quello che diceva. Non aveva soltanto il coraggio di difendere le sue
convinzioni ma aveva anche la capacità di rimanere tranquillo.
Trascurando i trend primari e cercando di entrare e uscire dal mercato era stato
fatale per me. Nessuno poteva azzeccare tutte le oscillazioni. In un mercato toro
la strategia è quella di comprare e tenere le azioni fino a che non credi che la
tendenza rialzista non abbia quasi raggiunto la fine. Per fare questo devi studiare
il mercato in generale e non i consigli o dei fattori in particolare che colpiscono
un singolo titolo. Infine vendi tutte le azioni che possiedi, ma vendile sul serio.
Aspetta fino a che non vedi, o se preferisci, fino a che non pensi che ci sia
un'inversione del mercato - l'inizio di un'inversione delle condizioni del mercato
generale. Devi utilizzare il tuo cervello e la tua capacità visiva per fare ciò
altrimenti il mio consiglio risulterebbe stupido, come se ti dicessi di acquistare
quando il prezzo è basso e rivendere quando il prezzo è ai massimi. Una delle
cose più utili che chiunque può imparare è quello di cercare di prendere l'ultima
ottava o la prima. Queste due sono le ottave più costose del mondo. Costano ad
un operatore di borsa, nel complesso, talmente tanti soldi che basterebbero
costruire una strada che attraversa tutto il continente.
Un'altra cosa che avevo notato studiando la strategia applicata nell'ufficio di
Fullerton, dopo che avevo iniziato ad investire con meno ignoranza, era che i
miei investimenti iniziali erano perdenti solo di rado. Questa constatazione mi
aveva fatto decidere di investire sin da subito grandi cifre. Avevo acquisito
maggiore fiducia del mio giudizio prima che questo fosse viziato dai consigli
degli altri o anche, delle volte, dalla mia impazienza. Senza la fede nel proprio
giudizio nessuno arriva lontano in questo gioco. Questo è quello che avevo
imparato studiando le condizioni generali: prendere una decisione e attenersi ad
essa. Posso aspettare senza essere mai impaziente. Posso subire una perdita
senza agitarmi, sapendo che è solo una cosa temporanea. Avevo venduto allo
scoperto centomila azioni quando avevo visto l'inizio di un grande discesa e ne
avevo tratto un ottimo guadagno. Avevo previsto – e lo avevo fatto correttamente
– che questo deprezzamento che era inevitabile, oltre che sano, mi avrebbe
generato un milione di dollari di profitto, sulla carta. Anche se all’inizio il trend
non mi dava ragione avevo comunque lasciato le cose come stavano ed ero
rimasto a guardare mentre metà del mio profitto veniva spazzato via, non avevo
considerato neanche una volta l'opportunità di coprire il mio investimento per
poi reinvestirlo nuovamente. Sapevo che se l'avessi fatto avrei perso la mia
posizione e avrei subito una perdita enorme. Sono le grandi oscillazioni che ti
fanno fare tanti soldi.
Il motivo per cui avevo impiegato parecchio tempo per imparare tutto questo era:
l’aver imparato dagli errori. Trascorreva sempre un certo periodo di tempo tra
quando commettevo l'errore e quando me ne rendevo conto, ed era passato
ancora più tempo da quando mi rendevo conto di aver fatto un errore e quando
riuscivo a definirlo dettagliatamente. Allo stesso tempo però me la passavo
abbastanza bene ed ero molto giovane. La maggior parte dei guadagni li facevo
grazie all’analisi tecnica del grafico perché il tipo di mercato che c'era in quel
periodo si prestava abbastanza bene al mio metodo. Non stavo perdendo così
spesso come nella mia prima esperienza a New York. Non c'era niente per cui
andare fieri, se pensi che avevo perso tutto per tre volte in meno di due anni.
Come ti avevo detto, perdere tutto è un'ottima lezione.
Non avevo incrementato il mio portafoglio in poco tempo perché avevo tenuto
sempre un certo tenore di vita. Non mi ero mai privato della maggior parte delle
cose che un ragazzo della mia età vorrebbe avere. Avevo la mia automobile e
non vedevo nessun valido motivo per economizzare il mio stile di vita fintanto
che ricavavo i soldi dal mercato azionario. La telescrivente si fermava solo la
domenica e per le vacanze. Ogni volta che capivo la ragione di una perdita o il
perché o il come di un certo sbaglio, lo aggiungevo nella lista delle cose da non
fare. Il modo migliore per capitalizzare i soldi guadagnati in più era il non
tagliare le spese e mantenere il mio stile di vita. Ho vissuto alcune esperienze
divertenti ed altre meno divertenti ma se mi metto a raccontare tutti i dettagli non
finisco più. A dire il vero gli unici episodi della mia vita che ricordo senza
alcuno sforzo sono quelli che mi hanno insegnato ad investire correttamente;
tutti quelli che hanno incrementato la mia conoscenza sugli investimenti - e su
me stesso.
CHAPTER VI

Nella primavera del 1096 mi trovavo ad Atlantic City per trascorrere una breve
vacanza. Non avevo nessuna azione in portafoglio, avevo intenzione di cambiare
aria e di godermi la vacanza. Tuttavia tornai dal mio primo broker, la Fratelli
Harding, e diedi modo al mio conto di tornare molto attivo. Potevo muovere
tremila o quattromila azioni. Nulla di più di quanto avevo scambiato nel vecchio
bucket shop Cosmopolitan quando ero ventenne. C'era una certa differenza fra il
punto di margine applicato nel bucket shop e il margine richiesto da un broker
che compra o vende allo scoperto le azioni direttamente nella borsa valori di
New York.
Forse ricorderai la storia che ti avevo raccontato, di quella volta che avevo
venduto allo scoperto 3.500 contratti dello zucchero nel Cosmopolitan e
improvvisamente avevo la sensazione che c'era qualcosa di sospetto così avevo
deciso che era meglio chiudere la transazione? Bene, avevo avvertito spesso
questa curiosa sensazione. Mi ero imposto una regola: dare la precedenza a
questa sensazione. Al tempo avevo ridicolizzato l'idea e mi ero detto che sarebbe
stato stupido dare ascolto a uno di questi impulsi di invertire la posizione. Avevo
attribuito questa sensazione allo stress causato dal fatto che avevo fumato troppi
sigari, o al fatto che non avevo dormito abbastanza o forse avevo il fegato
ingrossato o a qualcosa del genere. Ogni volta che avevo deciso di trascurare la
sensazione e rimanere fedele alla mia decisione iniziale avevo avuto sempre
modo di pentirmene. Una dozzina di volte non avevo venduto le azioni dopo che
avevo avvertito questa sensazione perché il giorno dopo il mercato dovrebbe
essere toro, o almeno avrebbe dovuto salire un po'; mi sarebbe piaciuto dire a me
stesso quanto fosse stato sciocco l’aver seguito questa strana sensazione di
vendere. Il giorno seguente però si era sempre verificato un brusco ribasso.
Qualche volta se fossi stato più impulsivo, mettendo da parte la logica e la
saggezza, avrei guadagnato di più. Evidentemente la ragione non è fisiologica
ma psicologica.
Voglio raccontarti una sola storia di questo genere per farti capire come mi era
stata d'aiuto. La vicenda accadde quando ero in vacanza ad Atlantic City nella
primavera del 1906. C'era un amico con me ed anche lui era un cliente della
Fratelli Harding. Durante quel periodo non mi importava se il mercato era
ribassista o rialzista perché avevo intenzione di godermi la vacanza. Posso
sempre rinunciare ad investire per divertirmi, a meno che non ci sia un mercato
molto attivo che mi impegna molto tempo. Mi ricordo che in quel periodo il
mercato era toro. La prospettiva generale era favorevole, il mercato azionario
aveva rallentato ma tutti i segnali indicavano un rialzo dei prezzi.
Un giorno, dopo che avevamo fatto colazione e dopo che avevamo finito di
leggere tutti i quotidiani di New York, ci eravamo stancati di guardare i gabbiani
che raccoglievano le vongole con il becco per poi volare ad un altezza di venti
piedi per farle cadere sulla sabbia per farle aprire e fare colazione, il mio amico e
io avevamo iniziato a fare una passeggiata lungomare. Era la cosa più divertente
che avevamo fatto quel giorno.
Non era ancora mezzogiorno e camminavamo lentamente per ammazzare il
tempo e per respirare un po' d'aria salata. La Fratelli Harding avevano una filiale
vicino al lungomare e passavamo abitualmente lì tutti i giorni per vedere come si
comportava il mercato in apertura. Era più un’abitudine che altro perché non
avevo intenzione di investire.
Trovammo un mercato molto forte e attivo. Il mio amico, che principalmente era
rialzista, stava tenendo un profilo moderato perché aveva comprato delle azioni
ad un prezzo molto basso. Mi diceva che era saggio tenere le azioni nel
portafoglio per aspettare che raggiungessero un prezzo molto più alto. Non gli
stavo prestando molta attenzione per prendermi la briga di essere in accordo con
lui. Stavo guardando il tabellone delle quotazioni, avevo notato che per lo più i
prezzi salivano fino a che non avevo letto la quotazione della Union Pacific.
Avevo il presentimento che avrei dovuto vendere le Union Pacific allo scoperto.
Non riesco a spiegare il motivo, semplicemente sentivo la sensazione di farlo.
Mi ero domandato perché stessi avvertendo quella sensazione ma non ero
riuscito a trovare nessuna motivazione valida per vendere allo scoperto.
Mi ero fissato sull'ultimo prezzo del tabellone e non riuscivo più a vedere nessun
altro dato e nessun tabellone e nessun’altra cosa. Sapevo solo che volevo
shortare le Union Pacific senza riuscire a capire il perché volevo farlo.
Dovevo aver guardato in modo strano il mio amico, che era accanto a me, perché
improvvisamente mi aveva dato una gomitata e mi chiese: “Hey , che cosa
succede?”.
“Non lo so” risposi.
“Ti stai addormentando?” Disse.
“No, non ho intenzione di dormire. Quello che ho intenzione di fare è vendere
questo titolo allo scoperto”. Avevo sempre guadagnato soldi seguendo le mie
intuizioni.
Camminai fino al tavolo dove c'erano alcuni ordini in bianco da compilare. Il
mio amico mi aveva seguito. Compilai un ordine per vendere allo scoperto mille
azioni della Union Pacific e lo avevo consegnato al direttore. Mentre il direttore
stava prendendo il biglietto mi sorrise in modo amichevole ma dopo che lo
aveva letto smise di farlo e mi guardò.
“E' compilato correttamente?” Mi chiese. Mi era bastato uno sguardo per fargli
capire che doveva consegnare il biglietto all'impiegato.
“Che cosa hai intenzione di fare” chiese il mio amico.
“Sto vendendo allo scoperto” gli dissi.
“Vendendo allo scoperto cosa?” gridò. Se lui era rialzista io come potevo essere
ribassista? C'era qualcosa che non andava.
“Un migliaio di Union Pacific” risposi.
“Perché?!” domandò con grande fermento.
Scossi la testa, il che significava che non avevo nessuna ragione. Doveva aver
pensato che avevo ricevuto una soffiata perché mi prese per un braccio e mi
trascinò fino al corridoio dove nessun cliente dell'ufficio ci poteva vedere o
sentire.
“Cosa hai venduto allo scoperto?” Mi chiese.
Era molto emozionato. La Union Pacific era uno dei suoi titoli preferiti e lui
aveva acquistato delle azioni a causa delle prospettive di guadagno ma era
pronto ad ascoltare la mia soffiata ed invertire la tendenza in un attimo.
“Nessuna soffiata!” Dissi.
“Nessuna?” Era scettico e me lo fece capire chiaramente.
“Non ho sentito niente a riguardo” risposi.
“Allora perché diamine le stai vendendo allo scoperto?” Chiese.
“Non lo so”. Gli dissi la pura verità.
“Dai andiamo Larry” disse. Sapeva che era mia abitudine essere consapevole del
perché facevo un investimento. Avevo venduto allo scoperto mille azioni della
Union Pacific, dovevo avere una valida motivazione per vendere allo scoperto
così tante azioni in un mercato rialzista.
“Non lo so” ripetei. “Ho la sensazione che sta per accadere qualcosa”.
“Che cosa sta per accadere?” domandò.
“Non lo so, non posso darti nessuna motivazione. Tutto quello che so è che
voglio vendere allo scoperto questo titolo e sto per andare a vendere allo
scoperto altre mille azioni”.
Tornai dentro l'ufficio e ordinai di shortare altre mille azioni. Se avevo ragione
nel vendere allo scoperto le prime mille azioni dovevo avere ragione anche nel
venderne altre mille.
“Che cosa potrebbe accadere?” Insistette il mio amico che non riusciva a
decidere se imitarmi oppure no. Se gli avessi detto che avevo sentito che le
Union Pacific sarebbero scese le avrebbe vendute senza chiedermi né da chi
avevo sentito la notizia né il perché. “Cosa potrebbe accadere?” Domandò
nuovamente.
“Un milione di cose potrebbero accadere ma non posso prometterti che una di
queste cose accadrà. Non posso darti nessuna spiegazione e non posso predire il
futuro” gli dissi.
“Allora sei pazzo” disse. “Decisamente pazzo, vendi allo scoperto questo titolo
senza alcuna ragione. Veramente non conosci il motivo per cui shorti questo
titolo?”.
“Non so perché voglio venderlo allo scoperto so solo che lo voglio fare” dissi.
La sensazione era così forte che vendetti allo scoperto altre mille azioni.
Era troppo per il mio amico. Mi afferrò il braccio e disse: “Usciamo da questo
ufficio prima che investi tutto il tuo capitale”. Avevo venduto allo scoperto e
avevo soddisfatto completamente il mio presentimento, così lo seguii senza
aspettare il report delle ultime duemila azioni. Anche se avessi avuto la ragione
migliore al mondo avevo venduto troppe azioni per i miei standard. Mi sembrava
più che sufficiente aver venduto allo scoperto tutte quelle azioni senza alcun
motivo, soprattutto perché il mercato generale stava andando così bene e non
c'era niente che poteva far pensare ad un'inversione di tendenza. Ricordavo però
che in passato, quando avevo provato la stessa sensazione di vendere allo
scoperto e non lo avevo fatto avevo sempre avuto motivo di pentirmene.
Raccontai alcune di queste storie agli amici e alcuni di loro mi dissero che questa
sensazione è generata dal subconscio; l'intelligenza creativa al lavoro. E' questo
tipo di intelligenza che fa fare agli artisti delle cose senza che si rendano conto di
come ci siano riusciti. Forse io avevo sviluppato questa intelligenza grazie ad un
insieme di moltissimi fattori che se vengono presi singolarmente sono
insignificanti, ma se vengono messi tutti insieme diventano potentissimi. E'
possibile che l'ottusa tendenza al rialzo del mio amico aveva suscitato dentro di
me uno spirito di contraddizione così avevo scelto la Union Pacific proprio
perché l'aveva elogiata così tanto. Non so dirti qual'è la causa o il motivo per cui
ho queste intuizioni. Tutto quello che so è che ero uscito dalla filiale di Atlantic
City dei fratelli Harding con tremila azioni vendute allo scoperto in un mercato
rialzista e non ero per niente preoccupato.
Ero curioso di sapere a che prezzo avevo venduto allo scoperto le mie ultime
duemila azioni così dopo aver pranzato camminammo fino all'ufficio. Ebbi il
piacere di vedere che il mercato generale era rialzista e che la Union Pacific si
era apprezzata.
“Vedo la tua fine” disse il mio amico, avresti dovuto vedere quanto era contento
di non aver venduto nessuna delle sue azioni.
Il giorno dopo il mercato generale salì ancora un po' e io non provavo nient'altro
che felicità per il mio amico. Ero certo però di aver fatto bene a vendere le
Union Pacific e non sono mai impaziente quando mi sento sicuro di quello che
faccio. Per quale motivo dovrei esserlo? Quel pomeriggio il prezzo delle Union
Pacific fermò la sua risalita e poco prima che la borsa chiudesse iniziò a
scendere. In poco tempo finì un punto sotto il prezzo medio di carico51 delle mie
tremila azioni. Ero più felice che mai perché ero nella giusta direzione; dopo
aver avvertito questa sensazione avevo dovuto vendere allo scoperto ancora un
po' di azioni. Così, poco prima della chiusura del mercato, avevo venduto allo
scoperto altre duemila azioni.
Eccomi qua, con cinquemila azioni della Union Pacific vendute allo scoperto a
causa di una sensazione. Era la massima quantità di azioni che potevo vendere
allo scoperto nell'ufficio di Harding. Erano troppe azioni per essere uno che sta
in vacanza, così ci rinunciai e ritornai a New York quella stessa notte. Non si
poteva prevedere cosa sarebbe successo e io avevo pensato che sarebbe stato
meglio essere pronto ad affrontare una situazione di emergenza. A New York
avrei potuto operare più rapidamente.
Il giorno dopo ricevemmo la notizia del terremoto di San Francisco52 . Fu un
terribile disastro ma il mercato aprì soltanto con un paio di punti al ribasso. La
potenza del mercato toro si faceva sentire, le persone non reagiscono mai
individualmente alle notizie. E' sempre stato così. Se ci sono delle solide basi
rialziste per esempio, sia che i giornali scrivano che si sta per verificare
un'inversione del mercato rialzista sia che non lo facciano, queste notizie non
riescono ad avere l'effetto che avrebbero se Wall Street fosse ribassista. Dipende
tutto dallo stato d'animo del momento. In questo caso le persone non avevano
valutato l'entità della catastrofe perché semplicemente non avevano voluto farlo.
Il mercato tornò in pari poco prima della chiusura. Io ero corto di cinquemila
azioni. Il “fatto” era accaduto ma le mie azioni non ne avevano approfittato. Il
mio presentimento era giustissimo ma il mio conto in banca non cresceva.
L'amico che era con me quando ad Atlantic City avevo venduto allo scoperto le
Union Pacific era felice e triste allo stesso tempo nei riguardi del mio
presentimento.
Mi disse: “Era solo un presentimento, ragazzo. Quando il talento e i soldi sono
entrambe dalla parte del mercato toro che cosa si può contrapporre a loro? Essi
sono destinati a vincere”.
“Dagli tempo” dissi, mi stavo riferendo ai prezzi. Non avevo intenzione di
chiudere la mia posizione perché sapevo che il danno era stato enorme e la
Union Pacific sarebbe stata una delle società più colpite. Era stato esasperante
però vedere la cecità della gente.
“Dagli del tempo e la tua pelle si ritroverà insieme a tutte le altri pelli di orso53
che si distendono al sole ad essiccare” mi assicurò.
“Cosa vorresti fare?” Gli domandai.“Compreresti ancora Union Pacific sulla
base dei milioni di dollari di danno che le sue linee ha subito? Dove saranno i
soldi per i dividendi dopo che avranno pagato per tutte le loro perdite? La cosa
migliore che puoi dire per difenderti è che il problema non è tanto grave come
dicono. E' questa la ragione per cui compreresti le azioni di una delle società
principalmente colpite? Rispondi a questa domanda”.
Tutto quello che il mio amico disse è: “Si, il tuo discorso fila ma ti dico che il
mercato non è d'accordo con te. Il grafico non mente, giusto?”
“Non racconta sempre la verità, a breve termine” dissi.
Ribatté: “Ascolta. Un uomo stava parlando con Jim Fisk poco prima del venerdì
nero54 , spiegandogli dieci buone ragioni per cui l'oro sarebbe dovuto scendere.
Fu così incoraggiato dalle sue stesse parole che finì il discorso dicendo a Fisk
che sarebbe andato a vendere allo scoperto un po' di milioni di dollari. Jim Fisk
lo guardò appena e disse: “Vai, fallo! Vendi allo scoperto e poi invitami al tuo
funerale”.
Dissi: “E’ vero, e se quel tizio avesse venduto allo scoperto l'oro, avrebbe
guardato il suo conto in banca aumentare a dismisura. Vendi le tue Union
Pacific”.
“No, sono il tipo a cui non piace remare contro vento” rispose.
Nei giorni seguenti, quando arrivarono dei rapporti più completi, il mercato
iniziò a scivolare verso il basso, anche se non violentemente come credevo.
Sapevo che niente avrebbe potuto evitare un ribasso sostanziale, così raddoppiai
le mie 5.000 azioni vendute allo scoperto. A quel punto la situazione era chiara
alla maggior parte delle persone. Il giorno seguente, il mercato iniziò ad andare
nella direzione giusta. C'erano moltissimi problemi. Decisi di sfruttare al
massimo la mia fortuna. Raddoppiai nuovamente e vendetti allo scoperto altre
10.000 azioni. Era l'unica strategia che potevo seguire.
Non pensavo ad altro che al fatto che avevo ragione al cento per cento e questa
era un'opportunità caduta dal cielo, era arrivata fino a me per permettermi di
usufruirne. Ne vendetti ancora. Avevo pensato che un rialzo non avrebbe
impiegato molto tempo a spazzare via tutti i miei profitti e la possibilità di
guadagnare? Non so se lo avevo pensato o no ma se lo avevo fatto non gli avevo
dato molto peso. Non stavo speculando incautamente. Stavo tenendo un profilo
molto conservativo. Nessuno può fare niente per annullare un terremoto. Non
potevamo ripristinare gli edifici crollati durante la notte, gratuitamente, in
cambio di nulla. Tutti i soldi del mondo non sarebbero stati in grado di aiutare le
persone in quei giorni.
Non stavo investendo alla cieca, non ero un ribassista folle. Non ero ubriaco di
successo e non avevo pensato che visto che San Francisco era stata distrutta
dalla catastrofe fosse un paese da rottamare. No, infatti! Non avevo seminato
panico. Il giorno dopo avevo fatto tombola. Avevo guadagnato 250.000 dollari, il
guadagno più alto che ero mai riuscito a realizzare. Era arrivato tutto nel giro di
pochi giorni. Le persone non avevano prestato attenzione al terremoto per i primi
due giorni. La gente ti dirà che non aveva prestato attenzione perché le prime
notizie che erano arrivate non erano così allarmanti ma io penso che il vero
motivo è che le persone impiegano troppo tempo a cambiare punto di vista nel
mercato. Anche la maggior parte degli investitori professionisti erano lenti e
miopi.
Non ho nessuna spiegazione da darti. Ti sto raccontando quello che avevo fatto,
perché lo avevo fatto e quello che ne avevo ricavato. Ero più preoccupato dalla
natura di questo misterioso sentimento che dal fatto che ne avevo ricavato un
quarto di milione. Questo significava che potevo sfruttare la quantità di denaro
maggiore di sempre, se o quando sarebbe arrivato il momento giusto.
Quella primavera andai a Saratoga Springs. Si supponeva che fosse una vacanza
ma io tenevo sempre d'occhio il mercato. Tanto per cominciare non mi
infastidiva pensare al mercato perché non ero così stanco. Inoltre, tutti quelli che
conoscevo erano interessati agli investimenti e naturalmente parlavamo
dell’argomento. Ho notato che c'è una bella differenza tra il parlare e l'investire.
Alcuni di questi tizi si ricordavano solo di quell'impiegato sfacciato che parlava
del suo capo irascibile e lo paragonavano ad una persona spregevole.
I fratelli Harding avevano una filiale a Saratoga. La maggior parte dei suoi
clienti si trovava lì, ma suppongo che la vera ragione per cui avevano aperto
questa filiale era la pubblicità. Avere una filiale in un resort di grande classe è un
ottimo cartellone pubblicitario. Generalmente entravo nell'ufficio e mi sedevo in
mezzo alla folla. Il direttore era molto bravo, veniva da un ufficio di New York e
stava stringendo la mano, con fare felice, sia agli amici che alle persone che non
conosceva con la speranza di ricavarne qualche investimento. Era un posto
fantastico per le soffiate, di qualsiasi genere: corse dei cavalli, mercato azionario
e altro. Il direttore sapeva che al momento non possedevo nessuna azione così,
come noterai più avanti, non venne da me a sussurrarmi confidenzialmente
all'orecchio la notizia che aveva appena ricevuto dall'ufficio di New York. Mi
consegnerà semplicemente il telegramma dicendo: “Questo è quello che ti
mandano” o qualcosa del genere.
Stavo guardando il mercato, fissavo il tabellone delle quotazioni e leggevo i
segnali. Avevo notato che la mia cara Union Pacific, sembrava intenzionata ad
apprezzarsi. Il prezzo era alto, ma il titolo si stava comportando come se dovesse
salire ulteriormente. Lo tenni d'occhio per un paio di giorni senza investire in
esso e più lo guardavo più ero intenzionato a farlo. Infine mi convinsi che stava
per esser acquistato da qualcuno che non era una ragazzina, qualcuno che non
solo aveva molti soldi ma sapeva anche che cosa c'era da fare. “Accumulo molto
intelligente”, pensai.
Appena ero sicuro di questa cosa naturalmente iniziai a comprare azioni a circa
160 dollari l’una. Il titolo iniziò a tenere un comportamento “muscoloso” così
decisi di comprare 5.000 azioni per volta. Più ne compravo più diventava forte e
mi sentivo sempre più sicuro di me. Non vedevo alcuna ragione per cui questo
titolo non sarebbe dovuto salire ancora; non da quello che avevo letto sul
grafico.
All'improvviso il direttore venne da me e mi disse che aveva ricevuto un
messaggio da New York, i due uffici comunicavano molto velocemente, dove gli
chiedevano se io fossi in ufficio. Dopo che il direttore aveva risposto di si ne
ricevette un altro che diceva: “Fallo rimanere nell'ufficio e digli che il signor
Harding ha intenzione di parlargli”.
Risposi che lo avrei aspettato e intanto avevo comprato altre 5.000 azioni della
Union Pacific. Non potevo immaginare cosa volesse dirmi il signor Harding.
Non pensavo che riguardasse gli investimenti. Avevo molti più soldi di quanto
avevo investito. Poco dopo il direttore venne da me dicendomi che il signor Ed
Harding voleva parlare con me al telefono.
“Ciao Ed” Dissi.
Lui rispose: “Cosa diavolo ti prende? Sei pazzo?”
“Cosa?” dissi.
“Che cosa diavolo stai facendo? Sei impazzito?” Domandò.
“Perché?” Chiesi.
“Che cosa stai facendo?” gridò.
“Che cosa intendi” risposi.
“Compri tutte queste azioni” disse Ed.
“Perché non ho abbastanza soldi?” Domandai.
“Non si tratta di soldi ma del fatto che vuoi diventare un perdente”.
“Non ti capisco Ed”
“Perché stai comprando tutte queste Union Pacific?”.
“Il titolo sta per salire” gli dissi.
“Cosa diavolo dici! Non sai che i membri hanno intenzione di sbranarti? Sei la
preda più facile per loro. Ti divertiresti di più perdendo questi soldi ai cavalli.
Non farti prendere in giro da loro”.
“Nessuno mi sta prendendo in giro, non ho parlato ad anima viva di questo”.
Dissi.
“Non puoi aspettarti che un miracolo ti salva ogni volta che investi su questa
azione. Vendi le azioni finché sei in tempo. E' un delitto comprare le azioni di
quel titolo a quel prezzo quando queste persone senza scrupoli ne stanno
vendendo a tonnellate” mi disse.
“Il grafico dice che le stanno comprando” insistetti.
“Larry, ho avuto un attacco di cuore quando ho visto il tuo ordine. Per amor di
Dio non fare il perdente. Chiudi subito la tua posizione! Il titolo può crollare da
un minuto all'altro. Ho fatto il mio dovere, ciao!” Riattaccò.
Ed Harding era una persona molto intelligente e ben informata, un amico di buon
cuore; inoltre sapevo che, data la posizione che ricopriva, poteva aver ricevuto
una soffiata. Quello che mi aveva spinto ad acquistare le Union Pacific si basava
su anni di studio del comportamento delle azioni e sulla percezione di certi
segnali che l'esperienza mi aveva insegnato a cogliere; generalmente questo
binomio si trasformava in un sostanziale guadagno. Non so cos’era accaduto di
preciso ma credo che l'analisi del grafico mi aveva convinto che il titolo sarebbe
stato assorbito da un’altra società; ero giunto a questa conclusione perché i soci e
i manipolatori più abili avevano fatto raccontare al grafico una storia che non era
vera.
Forse mi ero lasciato impressionare dalla telefonata di Harding e avevo deciso di
chiudere la mia posizione; questo mi avrebbe impedito di fare quello che
sicuramente si sarebbe rivelato un errore colossale. Né la sua intelligenza né le
sue intenzioni potevano essere messe in discussione. Non so cosa mi aveva
spinto a seguire il suo consiglio, fatto sta che lo ascoltai. Vendetti tutte le mie
Union Pacific. Ovviamente se non era saggio essere long su questo titolo era
saggio essere short. Così dopo che che avevo venduto tutte le azioni acquistate
ne vendetti allo scoperto 4.000 piazzandone la maggior parte intorno a 162.
Il giorno dopo il direttore della Union Pacific dichiarò il 10% di dividendo per le
Union Pacific. All'inizio nessuno a Wall Street ci credeva, assomigliava troppo
ad una disperata manovra speculativa. Tutti i giornali assalirono i direttori
dell'azienda. Mentre Wall Street esitava ad agire il mercato era in ebollizione,
quella dichiarazione aveva portato la Union Pacific ad avere volumi di scambio
enormi. In breve tempo aveva raggiunto il prezzo più alto di sempre. Alcuni
investitori fecero una fortuna nel giro di un ora; ricordo di aver sentito parlare di
un investitore piuttosto ottuso che aveva acquistato le Union Pacific per errore e
questo gli aveva permesso di intascare 350.000 dollari. Aveva chiuso la sua
posizione la settimana seguente ed era diventato un gentiluomo di campagna il
mese successivo.
Nel momento in cui avevo sentito la notizia dell'ufficializzazione di questo
dividendo senza precedenti avevo capito che avrei ottenuto quello che mi sarei
meritato per aver ignorato la voce dell'esperienza e per aver dato ascolto ad una
soffiata. Avevo messo da parte le mie convinzioni per i sospetti di un amico
semplicemente perché egli non aveva nessun interesse a darmi un consiglio
sbagliato e perché spesso sapeva cosa stava facendo.
Appena avevo visto le Union Pacific raggiungere un nuovo massimo55 mi ero
detto: “Questo non è un titolo su cui rimanere corto”.
Tutto quello che avevo al mondo erano i soldi nell'ufficio di Harding e la
consapevolezza di questo fatto mi lasciava indifferente. La cosa chiara era che
avevo letto il grafico accuratamente e che ero stato uno sciocco a lasciarmi
condizionare da Ed Harding. Non aveva senso rimuginarci ancora sopra, perché
non avevo tempo da perdere; d’altronde ciò che è fatto è fatto. Così decisi di
chiudere la mia posizione short. Il prezzo dell'azione era intorno a 165 quando
avevo deciso di ricoprire le mie 4.000 Union Pacific. Avevo chiuso la
transazione con tre punti di perdita. Il mio broker aveva pagato 172 dollari e 17
centesimi per ricoprire parte delle azioni. Avevo scoperto, quando mi avevano
consegnato il report, che le buone intenzioni di Ed Harding mi erano costate
40.000 dollari. Un prezzo basso da pagare per non aver avuto il coraggio di
seguire le mie convinzioni! Tutto sommato fu una lezione economica.
Non ero preoccupato perché il grafico diceva che il titolo avrebbe raggiunto
prezzi ancora più alti. I direttori avevano fatto una manovra inusuale, senza
precedenti. Questa volta feci ciò che ritenevo giusto fare, non appena avevo
ordinato di ricoprire le mie 4.000 azioni decisi di approfittare dei segnali del
grafico e di tornare lungo sul mercato. Comprai 4.000 azioni e le tenni fino al
giorno successivo. Poi decisi di venderle. Non avevo guadagnato solo i 40.000
dollari che mi ero lasciato sfuggire ma ne feci altri 15.000. Se Ed Harding non
avesse cercato di farmi risparmiare soldi avrei guadagnato una fortuna, in fin dei
conti però mi fece un gran regalo: la lezione che imparai da questo episodio, ne
sono certo, completò la mia formazione.
Non avevo bisogno di imparare a non accettare consigli ma dovevo imparare a
seguire le mie convinzioni. Avevo guadagnato la fiducia in me stesso ed ero
finalmente in grado di scrollarmi di dosso il vecchio metodo di investire.
L'esperienza di Saratoga era stata il mio ultimo investimento azzardato. Da allora
avevo iniziato a pensare alle condizioni generali invece che ai singoli titoli.
Avevo raggiunto un grado più alto nella difficile scuola della speculazione;
avevo fatto un passo in avanti molto lungo e faticoso.
CHAPTER VII

Non ho mai esitato a dire agli altri se ero rialzista o ribassista però non ho mai
consigliato a nessuno di comprare o vendere un titolo in particolare. In un
mercato orso tutte le quotazioni scendono e viceversa in un mercato toro.
Ovviamente non intendo dire che in un mercato orso, causato da una guerra, le
azioni delle munizioni non salgono. Parlo in senso generale. L'uomo medio però
non vuole sapere se il mercato è rialzista o se è ribassista. Quello che desidera è
che gli venga detto quale titolo in particolare deve comprare o deve vendere.
Vuole qualcosa in cambio di niente. Non vuole lavorare e non vuole neanche
pensare, è troppo infastidito dal dover contare i soldi che trova per terra.
Beh io non sono pigro ma mi restava più semplice tenere d'occhio una singola
azione che tenere d'occhio il mercato, era più facile controllare il movimento di
una singola azione rispetto al movimento del mercato generale. Sono stato
costretto a cambiare metodo e l'ho fatto.
Sembra che le persone non riescono a cogliere facilmente i fondamentali del
mercato azionario. Ho detto più volte che comprare in un mercato rialzista è il
modo più confortevole di acquistare azioni. Ora, il punto non è tanto comprare al
prezzo più basso possibile o vendere allo scoperto al prezzo più alto, ma
comprare o vendere allo scoperto nel momento giusto. Quando sono ribassista e
vendo allo scoperto un titolo, ogni vendita deve essere effettuata ad un prezzo
più basso della precedente e quando sono rialzista faccio il contrario. Devo
comprare seguendo una scala a salire. Non compro azioni quando il prezzo
scende, compro azioni quando il prezzo sale dilazionando le transazioni.
Supponiamo, per esempio, che sto comprando alcune azioni. Comprerò 2.000
azioni a 110. Se il titolo sale fino a 111 dopo che lo ho acquistato sto facendo,
almeno temporaneamente, un'operazione corretta perché il punto in più mi sta
dando un guadagno. Bene, visto che ho ragione compro altre 2.000 azioni. Se il
mercato sale ancora compro un terzo lotto di 2.000 azioni. Diciamo che il prezzo
raggiunge 114; penso che sia sufficiente per il momento. Ora ti spiego come
funzionano le basi di questa strategia di investimento. Sono long di 6.000 azioni
che hanno un p.m.c.56 di 111,75 e l'azione è quotata a 114. Non ne comprerò più,
aspetto e rimango a guardare. Immagino che ad un certo punto della risalita ci
sia una reazione. Voglio vedere come si comporterà il mercato dopo questa
reazione. Probabilmente il titolo scenderà fino al prezzo di acquisto del terzo
lotto di azioni. Diciamo che dopo che è salita un po' scende a 112,25 per poi
ripartire. Bene, appena ritorna a 113,75 sparo un altro ordine d'acquisto di 4.000
azioni. Se riesco ad acquistare queste quattromila azioni a 113,75 so che
qualcosa non va e farò un test con un vendita di mille azioni per vedere come si
comporta il titolo. Supponi però che l'ordine d'acquisto di 4.000 azioni che
piazzo quando il prezzo è 113,75 si scompone in: 2.000 azioni quando il prezzo
ha raggiunto 114, altre 500 azioni a 114,5 e le restanti acquistano ad un prezzo
sempre più alto fino alle ultime 500 azioni che pago 115,5. Allora so di avere
ragione. E' il modo in cui riesco ad accaparrarmi le 4.000 azioni che mi fa capire
se è giusto comprare il titolo in quel determinato momento perché sto investendo
con la convinzione di aver studiato bene le condizioni generali del mercato, che
sono rialziste. Non voglio mai comprare azioni ad un prezzo troppo basso57 .
Ricordo una storia che ho sentito nei riguardi del “Diacono” S.V. White quando
era uno dei più grandi operatori di borsa. Era un uomo anziano e molto fine,
intelligente e coraggioso. Ha fatto alcune cose memorabili ai suoi tempi, da
quello che mi hanno detto.
Ai vecchi tempi, quando lo zucchero era uno dei migliori titoli del mercato,
H.O.Havemeyer58 , presidente della compagnia, era all'apice del suo potere.
Avevo dedotto dai discorsi delle persone che lo frequentavano che H.O. e i suoi
seguaci avevano tutte le risorse economiche e la furbizia necessaria per
concludere con successo ogni transazione sul proprio titolo. Mi avevano detto
che Havemeyer aveva ripulito, con questo titolo, molti piccoli investitori
professionisti, più di qualsiasi altro membro di qualsiasi altro titolo.
Generalmente, un socio di un titolo che investe per il proprio conto ha più
probabilità di mettere i bastoni tra le ruote agli altri soci che di aiutarli.
Un giorno un uomo che conosceva il diacono White irruppe nell'ufficio tutto
eccitato e disse: “Diacono una volta mi avevi detto che se avessi mai avuto una
qualsiasi valida informazione che avrebbe potuto aiutarti tu mi avresti pagato
questa informazione con qualche centinaia di azioni”. Fece una pausa per
respirare e per attendere la conferma dal diacono.
Il diacono S.V. White lo guardò e con l'espressione meditativa che aveva sempre
disse: “Non so se ho mai detto esattamente queste parole o no, ma ho intenzione
di pagare per un'informazione che posso utilizzare a mio favore”.
“Bene, ne ho una per te” disse il tizio.
“Che bello” disse il diacono così blandamente che l’uomo con l’informazione
gonfiò il petto e gridò: “Si signor diacono!”. Poi si avvicinò a lui così nessun
altro avrebbe potuto sentire e disse: “H.O. Havemeyer sta comprando lo
zucchero”.
“Davvero?” chiese White con estrema calma.
L'informatore si irritò e disse: “Si signore, sta comprando tutto quello che riesce
ad acquistare”.
“Amico mio ne sei sicuro?” chiese il vecchio White.
“Diacono, sono a conoscenza di questo fatto. I componenti della sua banda
stanno cercando di mettere le mani nel maggior numero di contratti dello
zucchero che riescono ad acquistare. Questo ha avuto qualcosa a che fare con la
tassa di importazione59 e ci sarà un rialzo spaventoso. Può approfittare di una
posizione privilegiata, questo significa un guadagno, sicuro, di trenta punti solo
per iniziare.
“Davvero la pensa così?” L'anziano lo guardò attraverso gli occhiali rotondi di
color argento, ormai passati di moda, che indossava per leggere il grafico.
“La penso così? No, non la penso così lo so con assoluta certezza! Perché
quando H.O. Havemeyer e i suoi amici comprano lo zucchero come stanno
facendo ora, non sono soddisfatti fino a che non raggiungono almeno 40 punti di
profitto netti. Non mi sorprenderei di vedere che il mercato balzi da un momento
all'altro con un picco in rialzo prima ancora che loro riescano a comprare la
quantità di contratti desiderata”.
“Sta comprando lo zucchero eh?” Ripeté il diacono, si poteva vedere che mentre
diceva questo con il cervello era assente.
“Comprando lo zucchero?” Sta raccogliendo i contratti il più rapidamente
possibile, senza badare al prezzo.
“Così questo è tutto?” Disse il diacono.
Fu sufficiente per far irritare l'informatore che disse: “Si signore e io la chiamo
un'ottima informazione perché è estremamente chiara”.
“Lo è?” Rispose.
“Sì e dovrebbe valere molto. Ha intenzione di sfruttarla?” Chiese.
“Certamente, sto andando ad approfittarne”. Disse il diacono.
“Quando?” chiese l'informatore che iniziava ad insospettirsi.
“Subito!” Il diacono chiamò: “Frank”, era il nome del suo broker preferito che in
quel momento si trovava nella stanza accanto.
“Mi dica” disse Frank.
“Vorrei che ti recassi alla tua postazione per vendere allo scoperto 10.000
contratti dello zucchero”.
“Vendere allo scoperto?” Gridò l'informatore. C'era talmente tanta sofferenza
nella sua voce che Frank, che si stava dirigendo alla sua postazione, si fermò e
tornò sui suoi passi.
“Sì!” disse il diacono mantenendo la calma.
“Ma io ti ho detto che Havemeyer le sta comprando!” Replicò l'informatore.
“So che lo hai detto, amico mio” disse il diacono con estrema calma e
rivolgendosi al broker “Fai in fretta, Frank”.
Il broker si precipitò ad eseguire l'ordine e l'informatore diventò paonazzo.
Disse furiosamente: “Sono venuto qui con l'informazione migliore che abbia mai
avuto. Ho dato questa informazione a te perché pensavo che fossi mio amico. Mi
aspettavo che avresti sfruttato questa dritta”.
“La sto sfruttando” disse il diacono con un tono di voce molto tranquillo.
“Ma io ti ho detto che Havemeyer e la sua banda stanno acquistando!”.
“Esatto, ho sentito”
“Comprare! Acquistare! Ho detto comprare!” gridò l'informatore.
“Esatto comprare! E' quello che hai detto” disse il diacono rassicurandolo mentre
sedeva vicino alla telescrivente per controllare il grafico.
“Ma tu le stai vendendo allo scoperto” replicò l'informatore.
“Esatto, diecimila contratti” sottolineò il diacono.
Il diacono smise di parlare per concentrarsi sul grafico e l'informatore si avvicinò
per guardare cosa stesse osservando perché l'anziano era veramente furbo.
Mentre l'informatore stava guardando il grafico da dietro le spalle del diacono un
impiegato entrò con un foglietto in mano, era ovviamente il report da parte di
Frank. Il diacono lo guardò a malapena, aveva già visto nel grafico che il suo
ordine era stato eseguito.
Disse al commesso: “Dì a Frank di venderne altre 10.000”.
“Diacono, ti giuro che loro stanno realmente comprando questo titolo” disse
l'informatore.
“Te lo ha detto il signor Havemeyer?” chiese il diacono con molta calma.
“Ovviamente no! Non dice niente a nessuno. Egli non avrebbe battuto ciglio per
aiutare il suo migliore amico a guadagnare un nichelino. Però so che è così”
disse l'informatore.
“Non farti prendere dall'entusiasmo amico mio” disse il diacono che ad un certo
punto alzò una mano. Stava guardando il grafico.
L'informatore disse amaramente: “Se avessi saputo che avresti fatto l'opposto di
quello che mi aspettavo, non avrei mai sprecato il tuo tempo o il mio. Non sarò
comunque contento quando vedrai che hai mancato un guadagno importante. Mi
dispiace per te, diacono. Sii onesto, se ti scuserai con me andrò da qualche altra
parte a trasmettere le mie informazioni”.
“Le sto sfruttando, le tue informazioni. Penso di conoscere un po' il mercato
azionario; forse non lo conosco bene come lo conosce il tuo amico Havemeyer
ma un po' lo conosco anche io. Quello che sto facendo è quello che la mia
esperienza considera che sia saggio fare con l'informazione che mi hai dato.
Dopo che un uomo ha investito a Wall Street a lungo come ho fatto io è grato a
chiunque si senta dispiaciuto per me. Rimani calmo amico mio”.
L'informatore fissò il diacono, aveva grande rispetto per il suo giudizio e per la
sua calma.
Poco dopo ritornò l'impiegato è consegnò il report al diacono che lo guardò e
disse: “Ora di a Frank di comprare 30.000 contratti dello zucchero. Trentamila!”.
L'impiegato corse ad eseguire l'ordine e l'informatore si limitò a sorridere e a
guardare la vecchia volpe.
Spiegò il diacono: “Amico mio, come puoi vedere non avevo dubbi che tu mi
stessi dicendo la verità. Ma anche se avessi sentito Havemeyer che ti diceva
queste cose avrei comunque agito così. C'è un solo modo per scoprire se
qualcuno sta comprando grandi quantità di contratti come stavano facendo
Havemeyer e i suoi amici, il metodo è fare come ho fatto io. I primi 10.000
contratti si vendono allo scoperto abbastanza facilmente, non chiariscono molto;
ma i secondi 10.000 sono assorbiti solo da un mercato che è rialzista. La vendita
allo scoperto dei 20.000 contratti è per dimostrare che qualcuno era realmente
disposto a comprare tutti i contratti che erano nel book. Non ha particolare
importanza a questo punto chi li sta acquistando. Così ora ho ricoperto la mia
posizione corta di ventimila contratti e sono long di 10.000 contratti e penso che
la tua informazione sia valida”.
“Io quanto ci guadagno” chiese l'informatore.
“Hai 500 contratti in questo ufficio al prezzo medio dei miei 10.000 contratti”
disse il diacono. “Buona giornata amico mio e rimani calmo la prossima volta”.
L'informatore disse: “Diacono, venderesti anche i miei contratti quando vendi i
tuoi? Non so quando sarà il momento giusto per farlo”.
E' per questo motivo che io non ho mai acquistato a prezzi troppo bassi. Anche
se ovviamente ho sempre cercato di comprare ad un prezzo che agevolasse la
mia posizione nel mercato. Quando arriva il momento di vendere le azioni di un
titolo è chiaro che nessuno può farlo finché non c'è qualcuno che le vuole
comprare.
Se agisci su larga scala dovrai sempre tenerlo a mente. Un uomo deve studiare le
condizioni, progettare le sue operazioni attentamente e poi agire. Se si prevede
un trend si può accumulare un grande guadagno, sulla carta. Bene quest'uomo
non può vendere tutte le proprie azioni. Non può aspettarsi che il mercato
assorba 50.000 azioni di un solo titolo così facilmente come con cento azioni.
Deve aspettare che ci sia qualcuno intenzionato ad acquistarle e questo avviene
solo quando qualcun altro pensa che ci siano i requisiti giusti; quando questo si
verifica si deve essere pronti a cogliere l'occasione. E' una regola, si deve
aspettare che qualcuno sia intenzionato ad acquistare. Non ci sono trucchetti che
ti dicono quando il mercato è pronto per assorbire le tue azioni, ma all'inizio di
un trend è sconsigliato investire tutti i propri soldi a meno che tu non sia
convinto che esistano le condizioni giuste per farlo. Ricorda che i titoli non sono
mai troppo alti per iniziare a comprarli o troppo bassi per iniziare a venderli allo
scoperto. Dopo la prima transazione però non farne una seconda fino a che la
prima non ti ha generato un profitto. Aspetta e guarda. E' l'analisi del grafico che
ti consente di decidere quando è il momento giusto per investire. Iniziare ad
investire al momento giusto è un fattore molto importante. Ho impiegato anni
per capire l'importanza di questa cosa e questo insegnamento mi è costato anche
qualche centinaia di migliaia di dollari.
Non dico che acquistare un titolo facendo più transazioni sia un consiglio da
tenere sempre in considerazione. Ovviamente a volte si guadagna di più con
questa strategia, ma intendo dire che: se ipotizzi che un uomo possa acquistare al
massimo 500 azioni di un determinato titolo, quest’ultimo non deve fare un
unico acquisto, non se sta investendo intelligentemente. Se invece quest'uomo
stesse semplicemente scommettendo il mio unico consiglio è: non farlo!
Invece supponi che quest’uomo compri le sue prime cento azioni e queste
prontamente vadano in perdita, perché dovrebbe comprare altre azioni?
Dovrebbe accorgersi subito che si è sbagliato, almeno momentaneamente.
CHAPTER VIII

L'evento di Saratoga del 1906 che mi fece guadagnare con le Union Pacific mi
aveva reso più indifferente che mai ai consigli e alle chiacchiere della gente. Le
opinioni, le congetture e i sospetti delle altre persone, che siano amichevoli o
altro, non mi interessavano. I fatti, non il vanto, mi avevano dimostrato che
potevo interpretare il grafico in maniera più accurata di chiunque altro. Ero
avvantaggiato rispetto al cliente medio della Fratelli Harding per il fatto che io
ero completamente libero dai pregiudizi speculativi. Essere ribassista non mi
attirava di più dell'essere rialzista e viceversa. Il mio unico pregiudizio era
rivolto al perdere soldi.
Anche da giovanotto avevo sempre interpretato i fatti esclusivamente per come li
vedevo io. E’ l’unico modo in cui interpreto le cose. Non posso considerare reale
quello che la gente mi vuole far credere. Se credo in qualcosa in particolare puoi
star sicuro che è perché ci credo fermamente. Sono rialzista quando
l'interpretazione delle condizioni generali mi ci fanno diventare. Puoi trovare
molte persone, note per la loro intelligenza, che sono convinte che il mercato è
toro solo perché possiedono azioni nel proprio portafoglio. Io non permetto al
mio portafoglio o al mio pregiudizio di pensare per me. E' per questo motivo che
ripeto spesso che non ho mai litigato con il grafico. Essere arrabbiati con il
mercato perché, inaspettatamente o senza logica, segue una tendenza opposta
alla tua è come essere arrabbiati con i propri polmoni perché hanno preso la
polmonite.
Ero arrivato gradualmente alla conclusione che c'era molto di più della sola
analisi tecnica del grafico nella speculazione. L'insistenza del vecchio Partridge
su quanto fosse importante continuare ad essere rialzisti in un mercato toro
aveva senza dubbio radicato nella mia mente la necessità di considerare, prima
di tutte le altre cose, in quale tipo di mercato si stava investendo. Iniziavo a
capire che i soldi veri si fanno esclusivamente nei trend primari. Qualsiasi cosa
sembrerebbe dare una spinta ad un trend primario, che sia un movimento
iniziale, che sia il proseguo di un trend senza che venga manipolato da un
gruppo di investitori o da uno stratagemma dei finanzieri, dipende dalle
condizioni base. Non importa chi o cosa si oppone ad un trend, quest’ultimo
deve inevitabilmente fare il suo percorso il più velocemente possibile finché la
sua forza propulsiva non si esaurisce.
Dopo Saratoga avevo iniziato a vedere questo concetto più chiaramente, o
meglio più consapevolmente: siccome tutti i titoli si muovono in conformità con
gli indici generali non c'era questo gran bisogno, come credevo, di studiare un
singolo titolo o il comportamento di questo titolo o di quell'altro. Dirò di più:
pensando in questo modo non si avevano limiti; si poteva comprare o vendere
allo scoperto l'intera lista di azioni. In certi titoli, però, essere ribassisti diventa
pericoloso se si vende allo scoperto la maggior parte del proprio capitale;
l'ammontare dipende da come, da dove e da chi effettua la transazione. Si può
vendere allo scoperto un milione di azioni scegliendole dalla lista generale se si
hanno soldi a sufficienza e se non si corre il rischio di essere tagliati fuori.
La cosa ovvia da fare è: essere rialzisti in un mercato toro ed essere ribassisti in
un mercato orso. Sembra sciocco, non è vero?
Ma ho dovuto comprendere a fondo questo principio generale prima di notare
che il metterlo in pratica significava realmente anticipare i movimenti di
mercato. Mi ci è voluto molto tempo per imparare ad investire con questo
principio. Ma in tutta sincerità devo ricordarti che fino a quel momento non
avevo abbastanza soldi per investire in questo modo. Una grande oscillazione
significherà guadagnare molti soldi se possiedi molte azioni, e per essere in
grado di possedere molte azioni devi avere una grande disponibilità di denaro nel
tuo conto in banca.
Avevo sempre dovuto ricavare il pane quotidiano dal mercato azionario; questo
aveva interferito con i miei sforzi per aumentare i fondi per poter adottare un
metodo più profittevole ma più lento e costoso di investire sulle oscillazioni.
La fiducia in me stesso cresceva più forte che mai e gli impiegati smisero di
pensare a me come a un “ragazzo speculatore” fortunato. Avevano guadagnato
molti soldi dalle commissioni che pagavo; ed ora ero in procinto di diventare il
loro cliente migliore e come tale dovevano iniziare ad avere più rispetto nei miei
confronti. Un cliente che guadagna è un vantaggio per qualsiasi ufficio di borsa.
Dal momento in cui avevo smesso di essere soddisfatto di studiare
esclusivamente il grafico avevo anche smesso di preoccuparmi delle fluttuazioni
giornaliere di un pacchetto specifico di azioni; quando avevo realizzato questo
concetto avevo capito che dovevo semplicemente studiare il “gioco” da una
prospettiva diversa. Facevo un lavoro inverso, dal valore del titolo fino ai
principi base: dalle oscillazioni dei prezzi alle condizioni di base.
Continuai per molto tempo a leggere i resoconti giornalieri; tutti gli investitori lo
facevano. Ma la maggior parte di questi rapporti erano chiacchiere, qualcuna
volutamente falsa mentre le altre erano opinioni personali degli autori. Quando i
giudizi settimanali affidabili toccavano le condizioni di base del mercato non
erano, a mio avviso, del tutto soddisfacenti. Il punto di vista degli editori
finanziari non era legge per me. Elencare tutti i fattori e tirare le conclusioni non
era una questione vitale per loro, ma lo era per me. Inoltre, c'era una grande
differenza tra la mia valutazione dell'elemento tempo e la loro. Per la mia
concezione l'analisi tecnica della settimana appena passata era meno importante
della previsione delle settimane che ci aspettavano.
Sono stato per anni la vittima di una sfortunata combinazione tra inesperienza,
giovinezza e insufficienza di capitale. In quel momento,però, sentivo
l'entusiasmo di un esploratore. Il mio nuovo modo di giocare in borsa spiegava i
ripetuti fallimenti nel cercare di guadagnare quando ero a New York. Ma ora con
le adeguate risorse, l'esperienza e la fiducia in me stesso ero così impaziente di
provare la mia nuova chiave che non avevo notato che c'era un lucchetto nuovo
sulla serratura. Era stata una svista comprensibile. Dovevo prendere la solita
lezioni costosa, come era già capitato in passato per ogni passo in avanti che
avevo fatto.
Avevo studiato il quadro generale del 1906 e pensavo che la situazione
monetaria era particolarmente grave. Gran parte della ricchezza mondiale era
stata distrutta. Tutti quanti prima o poi avrebbero subito il colpo e quindi non
sarebbero riusciti ad aiutarsi a vicenda. Non sarebbe stato quel tipo di tempi duri
che si hanno quando si scambia una casa del valore di 10.000 dollari per dei
cavalli da corsa che valgono 8.000 dollari. L'incendio aveva distrutto la casa e un
deragliamento aveva ucciso la maggior parte dei cavalli. Era stato piuttosto
difficile ripagare quello che i cannoni della guerra coi Boeri avevano mandato in
fumo: i milioni spesi per finanziare l'esercito in Sud Africa non avrebbero
permesso agli aiuti per gli investitori britannici di arrivare. Inoltre il terremoto,
l'incendio di San Francisco e altri disastri avevano toccato tutti quanti: artigiani,
agricoltori, commercianti operai e milionari. La rete ferroviaria aveva sofferto
molto. Nulla può evitare ad una pesca che cade di frantumarsi. In quella
situazione c'era solo una cosa da fare: vendere allo scoperto!
Come appena scritto sopra avevo constatato che il mio investimento iniziale,
dopo che avevo deciso puntare al ribasso, era propenso a darmi un guadagno.
Dato che stavamo entrando in un mercato orso “genuino” ero sicuro che avrei
potuto fare il guadagno più importante della mia carriera. In realtà avevo iniziato
a giocare d’azzardo nel momento in cui avevo deciso di vendere allo scoperto.
Il mercato andò giù, poi tornò su, poi oscillò e infine iniziò una risalita costante.
I miei profitti diminuivano e le mie perdite aumentavano. Un giorno sembrava
che nessun orso sarebbe sopravvissuto per raccontare la storia del mercato
puramente ribassista. Non riuscivo a sopportare la cosa e ricoprii le mie vendite
allo scoperto. Era stato un bene, se non lo avessi fatto non mi sarebbero rimasti
nemmeno i soldi necessari per comprare una cartolina. Avevo perso la maggior
parte dei miei guadagni, ma era meglio sopravvivere per combattere ancora un
altro giorno.
Avevo fatto un errore, ma dove? Ero ribassista in un mercato orso ed è una cosa
saggia da fare, avevo ricoperto la mia posizione e anche questo era corretto.
Avevo coperto la mia posizione troppo presto e questo mi era costato parecchio.
La direzione era giusta ma la mia strategia era sbagliata. Resta il fatto che, ogni
giorno che passava, il mercato si avvicinava sempre di più ad un inevitabile
disastro. Decisi di aspettare e quando i rialzi iniziarono ad appiattirsi e a
rallentare vendetti tante azioni allo scoperto per quanto la mia disponibilità,
tristemente diminuita, mi permetteva. Avevo avuto ragione soltanto per un
giorno perché quello successivo ci fu un altro rialzo; un'altra batosta! Avevo
coperto nuovamente la mia posizione e avevo aspettato. A tempo debito avevo
venduto allo scoperto per più volte e i titoli erano scesi in modo promettente per
poi risalire bruscamente ogni singola volta.
Sembrava che il mercato stesse facendo del suo meglio per farmi ritornare alla
mia semplice e vecchia strategia di investimento che utilizzavo nei bucket shop.
Per la prima volta avevo lavorato con un piano di investimento ben definito che
includeva il mercato in generale invece di uno o due titoli. Avevo pensato che
avrei vinto se avessi resistito. Ovviamente al tempo non avevo sviluppato un
sistema per piazzare gli investimenti, altrimenti avrei iniziato la tendenza
ribassista quando il mercato era in declino - come ti ho spiegato il capitolo
precedente. Non avrei ridotto così tanto il mio capitale; avrei sbagliato ma non
sarei andato contro un muro. Come puoi notare, avevo osservato determinati
fattori ma non li avevo coordinati. Questo modo errato di osservare non solo non
mi aveva aiutato ma mi aveva ostacolato.
Ho sempre trovato molto profittevole studiare i miei errori e alla fine avevo
scoperto che è bene non chiudere una posizione corta in un mercato orso, ma il
grafico va comunque analizzato continuamente per poter determinare il
momento più favorevole per operare. Se inizi subito bene non vedrai mai la tua
posizione seriamente minacciata e quindi non troverai problemi nel mantenerla.
Oggi ho una grande confidenza nel fare osservazioni accurate dove né la
speranza né la passione influiscono e inoltre riesco, con grande facilità, a
verificare le condizioni generali così come riesco a verificare la validità delle
mie osservazioni. Nel 1906 però il susseguirsi di importanti oscillazioni aveva
diminuito enormemente i miei guadagni.
Avevo quasi 27 anni. Ero nel mondo degli investimenti da 12 anni, ma per la
prima volta investivo a causa di una crisi che doveva ancora verificarsi; avevo
constatato che stavo usando un telescopio. Tra il primo sguardo alla nube di
tempesta e il momento per incassare grazie al grande break l'arco temporale era
evidentemente molto più lungo di quello che avevo calcolato, iniziai a chiedermi
se realmente avevo visto quello che pensavo di aver visto così chiaramente.
Avevamo avuto molti avvertimenti e un sensazionale aumento degli interessi dei
prestiti a breve termine60 . Ancora c'erano alcuni grandi finanzieri che speravano
che i giornalisti, a causa del conseguente rialzo del mercato azionario, avessero
mentito sull'entità del disastro. Avevo realmente sbagliato ad essere ribassista o
ero in errore solo momentaneamente avendo iniziato a vendere allo scoperto
troppo presto? Avevo deciso che avevo iniziato a vendere allo scoperto troppo
presto. Le persone poi iniziarono a vendere grandi volumi di azioni, questa era la
mia opportunità. Vendetti allo scoperto tutto quello che potevo e il mercato fece
nuovamente una brusca risalita fino a raggiungere prezzi molto elevati.
Questo movimento mi fece perdere tutto.
Eccomi lì, avevo ragione ed ero al verde.
Ti dico che questa esperienza fu eccezionale. Quello che accadde era questo:
avevo guardato avanti e avevo visto un mucchio di dollari. Da questa esperienza
avevo ricavato un grande insegnamento. Posso dire che quello che accadde “MI
AVEVA AIUTATO” a caratteri cubitali. Accanto al mucchio di soldi c'era anche
un vagone con scritto “Autotrasporti Lawrence Livermore” e avevo una pala
nuova di zecca in mano. Non c'era anima viva in giro così non avevo neanche
concorrenti che avrebbero potuto spalare; è bellissimo vedere un mucchio di
dollari prima degli altri.
Era la prima volta che vedevo così tanti contanti davanti a me così avevo iniziato
a correre verso di loro ma prima che potessi raggiungere la pila di soldi fui
colpito da una folata di vento che mi fece cadere a terra. I soldi erano ancora lì
ma avevo perso la pala e il vagone non c’era più. Alla faccia dell'aver iniziato a
correre troppo presto! Ero troppo ansioso di dimostrare a me stesso che quello
che avevo visto era reale e che non era un miraggio. Li avevo visti quei soldi, ne
ero certo. Essendo troppo concentrato sulla mia eccellente visione non avevo
considerato la distanza che mi divideva dalla pila di dollari. Avrei dovuto
camminare, non correre.
Questo è quello che era accaduto. Non avevo aspettato per determinare se era o
no il momento giusto per iniziare ad investire al ribasso. Proprio quando avrei
dovuto chiedere l'aiuto all'analisi tecnica del grafico, non lo avevo fatto. Ecco
come ho imparato che anche quando si è ribassisti all'inizio di un mercato orso
non è bene investire gran parte del proprio capitale fino a che non si è sicuri che
non ci sarà un ritorno di fiamma nel motore.
Avevo investito in parecchie migliaia di azioni nell'ufficio di Harding in tutti
questi anni e gli impiegati dell'ufficio avevano fiducia in me e nei nostri rapporti
che erano molto piacevoli. Penso che erano consapevoli del fatto che ero
destinato ad avere di nuovo ragione molto presto, sapevano che con l'abitudine
di spingere al massimo la fortuna che ho tutto quello di cui avevo bisogno era un
capitale; così avrei guadagnato più di quanto avevo perso.
L'ufficio aveva guadagnato parecchio dalle mie commissioni e avrebbe potuto
guadagnarne molto di più se avessi continuato ad investire lì, quindi mi
permisero di continuare a farlo anche se possedevo poco denaro.
La serie di sculacciate che avevo ricevuto mi avevano fatto diventare meno
aggressivo e meno presuntuoso, forse dovrei dire meno superficiale. Sapevo che
ero molto vicino al successo. Tutto quello che dovevo fare era aspettare ed essere
vigile, come avrei dovuto fare prima di investire. Non era il caso di chiudere la
stalla dopo che il cavallo era scappato. Dovevo semplicemente essere sicuro la
prossima volta che ci avrei provato. Se un uomo non commettesse mai errori nel
giro di un mese sarebbe il padrone del mondo. Se un uomo però non ricava
profitto dai propri errori non possiederà mai niente.
Bene signori, un bel giorno ero andato in ufficio sentendomi, di nuovo, sicuro di
me. Questa volta non avevo dubbi. Avevo letto un'inserzione nella pagina
finanziaria di tutti i quotidiani che spiegava il perché non avevo avuto il buon
senso di aspettare prima di investire tutto il mio capitale. Era l'annuncio di una
nuova emissione di azioni da parte della Northern Pacific e della Great Northern.
I pagamenti potevano essere fatti a rate per la comodità degli azionisti, era una
cosa nuova a Wall Street. La notizia mi sembrava molto inquietante61 .
Per anni le voci rialziste sulle azioni privilegiate62 della Great Northern avevano
annunciato che un altro melone doveva essere tagliato, dicendo “melone” faccio
riferimento al diritto dei fortunati possessori di queste azioni di sottoscrivere al
valore nominale un nuovo ordine delle Great Northern. Questo diritto era
prezioso perché il prezzo di mercato oscillava sempre intorno al valore
nominale. Ma ora i soldi sul mercato erano pochi e le banche più potenti del
paese non erano sicure che gli azionisti fossero in grado di pagare in contanti per
le negoziazioni; inoltre le azioni privilegiate della Great Northern erano vendute
a circa 330 dollari!
Appena entrato nell'ufficio avevo detto ad Ed Harding: “Il momento di vendere
allo scoperto è proprio ora. Avrei dovuto iniziare a farlo ora. Basta guardare
questo annuncio”.
Ed guardò l'annuncio. Espressi la mia opinione sulla confessione dei banchieri
ma lui non riusciva proprio vedere che un forte ribasso era proprio davanti ai
nostri occhi. Pensava che fosse meglio aspettare prima di iniziare a vendere allo
scoperto perché il mercato aveva l'abitudine di fare dei grandi balzi. Se avessi
aspettato, i prezzi potrebbero essere stati più bassi ma la transazione sarebbe
stata più sicura.
Dissi: “Ed, più tardiamo a vendere allo scoperto più il ribasso sarà definito.
Questo annuncio è una confessione firmata dai banchieri, quello di cui hanno
paura è quello che io speravo accadesse. Questo è il segnale di salire a bordo del
“vagone orsi”. Se avessi dieci milioni di dollari li investirei tutti al ribasso in
questo istante”.
Avevo dovuto argomentare un po' di più la mia intuizione. Per lui non era
sufficiente la mia sola deduzione. Un uomo sano di mente potrebbe trarre un
grande vantaggio da questo sorprendente annuncio. Il solo articolo era
sufficiente per me ma non lo era per la maggior parte delle persone che si
trovavano nell'ufficio. Così ho venduto un po' di azioni allo scoperto, troppo
poche.
Dopo pochi giorni era venuto fuori che la St. Paul aveva un problema a sé stante
o con le azioni o con le cambiali, non ricordo quale dei due ma non è importante.
Quello che era importante è che nel momento in cui avevo letto l'annuncio mi
ero accorto che la data del pagamento era fissata prima rispetto alle date della
Great Northern e della Northern Pacific che le avevano già annunciate. Era
chiaro come se lo avessero annunciato al megafono che la St. Paul stava
cercando di battere le altre due linee ferroviarie con quel poco denaro che
galleggiava intorno a Wall Street. I banchieri della St. Paul erano alquanto
preoccupati che non ci fossero abbastanza soldi per tutte e tre le compagnie e
non avevano detto: “Dopo di te, mio caro Alphonse63 !”. Se il denaro scarseggia
e tu scommetti che i banchieri lo sanno, cosa accadrà? Le ferrovie avevano
bisogno di quei soldi disperatamente ma il denaro non c'era. Quale era la
risposta?
Vendere allo scoperto! Ovviamente! La gente, con lo sguardo fisso sul mercato,
non se ne era accorta quella settimana. Gli investitori saggi vedono queste cose
molto prima degli altri, è questa la differenza.
Per me era la fine di ogni dubbio e esitazione. Lo stesso giorno avevo iniziato
quella che era realmente la mia prima campagna sulla nuova strategia che stavo
seguendo. Avevo detto ad Harding quello che pensavo e lui non aveva fatto
obiezioni al mio voler vendere allo scoperto le azioni privilegiate della Great
Northern a circa 330 e le altre azioni ad un prezzo ancora più alto64 . Avevo
ricavato una lezione preziosa dal costoso errore compiuto in precedenza e avevo
venduto allo scoperto più intelligentemente.
La mia reputazione fu ristabilita in un attimo. Questo è il bello dell'avere ragione
in un ufficio di borsa, sia se guadagni grazie ad un colpo di fortuna che no.
Questa volta avevo avuto ragione “a sangue freddo”, non grazie ad una
sensazione o ad un'abile interpretazione del grafico. La mia analisi delle
condizioni generali si poteva attribuire a tutto il mercato in generale, questo non
lo avevo previsto. Avevo anticipato l'inevitabile. Non è stato un atto di coraggio
il mio vendere allo scoperto quel titolo, non riuscivo a vedere nient'altro che un
un prezzo più basso così avevo deciso di muovermi in quella direzione. Cos'altro
potevo fare?
L'intera lista di titoli era soffice come polenta. In quel momento si era verificato
un rialzo e le persone erano venute da me per avvertirmi che il declino era finito.
I membri più ricchi, sapevano che le persone erano enormemente esposte con le
vendite allo scoperto, così avevano deciso di scuoiare gli orsi. Era chiaro che i
membri più ricchi non avrebbero avuto pietà. Avevo l'abitudine di ringraziare
gentilmente quelli che mi dicevano che il declino era finito. Non volevo
discutere con loro perché dopo avrebbero pensato che fossi stato uno a cui non
piace ricevere gli avvertimenti.
L'amico che era venuto con me ad Atlantic City era angosciato. Non riusciva a
capire il ribasso che si era verificato dopo il terremoto. Non era riuscito a
crederci fino a che non avevo guadagnato 250.000$ obbedendo intelligentemente
e ciecamente al mio impulso di vendere allo scoperto le Union Pacific. Aveva
detto che era stata la Provvidenza, che opera nel suo modo misterioso, a farmi
vendere allo scoperto le azioni e contemporaneamente aveva fatto rimanere lui
rialzista. Poteva capire il mio secondo investimento sulle Union Pacific fatto a
Saratoga perché poteva capire qualsiasi scambio che riguardava un singolo
titolo, dove una singola notizia poteva definire un movimento in anticipo,
rialzista o ribassista. Ma il fatto di predire che tutto il mercato era costretto a
scendere lo esasperava. Che cosa aveva fatto a tutti questa specie di droga?
Riporto la citazione preferita del vecchio Partridge: “Beh, questo è un mercato
toro, lo sai” come se questo consiglio fosse abbastanza per chiunque fosse
saggio; a dire il vero lo è. E' veramente curioso come, dopo aver sofferto una
tremenda perdita di quindici o venti punti, le persone che non avevano ancora
venduto accoglievano a braccia aperte un rialzo di tre punti e diventavano certe
che il prezzo più basso era stato raggiunto e sarebbe iniziato il recupero.
Un giorno il mio amico venne da me e mi chiese: “Hai coperto?”.
“Perché avrei dovuto farlo?” gli dissi.
“Per la ragione migliore al mondo”. Rispose.
“Qual'è questa ragione?” domandai.
“Per fare soldi. Il mercato ha toccato il fondo e quello che è sceso deve risalire.
Non è così?” disse.
“Si, prima deve scendere al limite più basso poi risalirà, ma non subito. Il
mercato è stato buono poi è quasi morto. Non è il momento per questo cadavere
di risalire in superficie, non è ancora morto del tutto.
Un veterano mi aveva sentito. Era uno di quei tizi che ricorda sempre qualcosa.
Aveva detto che William R. Travers, che era ribassista, una volta aveva
incontrato un suo amico che era rialzista. I due si erano scambiati delle opinioni
sul mercato e l'amico gli aveva chiesto: “Signor Travers, come puoi essere
ribassista con un mercato così rigido?”. Travers gli aveva risposto: “Si! La r-r-
rigidità della morte!”. Una volta il signor Travers si era recato in un ufficio di
un'azienda e aveva chiesto la possibilità di vedere i libri contabili. L'impiegato
gli aveva chiesto: “Ha un particolare interesse per questa compagnia?” e Travers
gli aveva risposto: “Po-potrei di-dire che la ho! Ho ve-venduto allo scoperto v-v-
venti mila a-azioni della società!”.
La risalita era lemme lemme. Io stavo spingendo la mia fortuna al massimo.
Ogni volta che vendevo allo scoperto qualche migliaia di azioni privilegiate
della Great Northern il prezzo scendeva di parecchi punti. Tutti i titoli
scendevano tranne una curiosa eccezione, le azioni della Reading.
Quando l'intero listino azionario era a bordo di una toboga65 la Reading era
solida come la Rocca di Gibilterra. Tutti quanti dicevano che era stata
monopolizzata. Sicuramente si comportava come se lo fosse realmente. Mi
dicevano che era chiaramente un suicidio vendere le Reading allo scoperto.
C'erano delle persone nell'ufficio che erano ribassiste in generale proprio come
me; ma quando qualcuno accennava a vendere allo scoperto le Reading gli altri
gridavano aiuto. Anche io avevo venduto allo scoperto un po' di Reading ed ero
convinto della mia scelta. Allo stesso tempo avevo naturalmente preferito
cercare di colpire i titoli più deboli invece di attaccare quelli più forti. La mia
analisi tecnica del grafico riusciva a trovare soldi con più facilità in altri titoli.
Avevo sentito parlare di un grande accordo tra una cordata di investitori che
possedevano le Reading; era una cordata molto influente. Per iniziare
possedevano molte azioni ad un prezzo basso così che il loro prezzo medio di
carico era al di sotto del prezzo attuale, secondo quanto mi avevano detto i miei
amici. Inoltre, i membri principali della cordata avevano relazioni strette e molto
amichevoli con le banche che avevano prestato loro i soldi per poter acquistare
una grande quantità di azioni. Fino a quando il prezzo sarebbe rimasto alto
l'amicizia coi banchieri sarebbe stata molto solida. Il profitto, sulla carta, di uno
dei membri della cordata era di oltre tre milioni, questo gli permetteva di
sopportare le perdite. Nessuna meraviglia se il titolo non si deprezzava e
sconfiggeva gli orsi. Tutti gli investitori guardavano al prezzo di tanto in tanto e
soddisfatti testavano il titolo con un migliaio o due di azioni. Non provocando
nessun ribasso chiudevano la transazione e andavano a cercare soldi più facili
altrove. Ogni volta che notavo questo anch'io ne vendevo un po'- quanto basta
per auto convincermi che ero fedele ai miei nuovi principi di investimento e che
non ero rimasto aggrappato a quelli del passato.
Infatti, ai vecchi tempi, la forza delle Reading avrebbe potuto farmi impazzire. Il
grafico continuava a dirmi: “Lasciale in pace”; ma la ragione mi diceva altro.
Stavo prevedendo un crollo generale e non ci sarebbero state eccezioni, cordate
o non cordate.
Ho sempre investito in solitaria. Avevo iniziato ai tempi del bucket shop e l'ho
sempre fatto. Il mio cervello funziona così: deve pensare e vedere a modo suo.
Devo ammettere però che dopo che il mercato aveva iniziato a dare ragione alla
mie previsioni avevo percepito per la prima volta nella mia vita di avere gli
alleati più forti e più giusti del mondo: le condizioni base. Mi stavano aiutando
con tutta la loro forza; forse erano appena troppo lente nel far lievitare il mio
portafoglio, ma erano affidabili se gli si concedeva il tempo necessario. Non
stavo contrapponendo la mia analisi tecnica del grafico e le mie intuizioni contro
il caso. L'inesorabile logica degli eventi stava facendo soldi per me.
Era semplice: bastava sapere cosa sarebbe accaduto e agire di conseguenza. Le
condizioni base, le mie fedeli alleate, avevano detto ”giù!”, e le Reading
avevano disobbedito all'ordine. Era un affronto, per noi. La cosa iniziava ad
infastidirmi: le Reading mantenevano saldamente il loro prezzo, come se non
fosse successo niente. Sarebbe dovuta essere la miglior vendita allo scoperto
dell'intero listino titoli perché non era scesa e la cordata continuava a possedere
un numero molto alto di azioni che non sarebbe più stata in grado di mantenere
quando la mancanza di denaro si sarebbe accentuata. Alcuni giorni gli amici dei
banchieri non se la passavano tanto meglio degli investitori senza conoscenze. Il
titolo doveva raggiungere gli altri; se le Reading non avessero subito un ribasso,
allora la mia teoria era sbagliata, io ero sbagliato, i fatti erano sbagliati e la
logica stessa era sbagliata.
Avevo pensato che il prezzo rimanesse alto perché le persone avevano paura di
vendere le azioni che avevano. Così un giorno ordinai contemporaneamente a
due broker di vendere allo scoperto quattromila azioni.
Avreste dovuto vedere quel titolo nella sua posizione dominante di cui la gente
diceva che vendere al ribasso equivaleva ad un suicidio fare un tuffo verso il
basso quando quei due ordini significativi lo colpirono. Ne vendetti allo scoperto
qualche altro migliaio. Il prezzo, quando avevo iniziato a shortare, era a 111;
dopo pochi minuti vendetti allo scoperto le mie ultime azioni a 92.
Avevo passato un periodo magnifico dopo quell'investimento, e a Febbraio del
1907 avevo chiuso la mia posizione short.
Le azioni privilegiate della Great Northern erano scese di sessanta o settanta
punti e gli altri titoli le avevano seguite.
Avevo messo a segno un buon colpo, ma la ragione per cui avevo chiuso la
posizione era frutto della convinzione che il grande calo avrebbe condizionato
l'immediato futuro. Avevo immaginato che ci sarebbe stato un bel recupero, ma
non ero abbastanza toro per voler investire in quel momento. Non avevo
intenzione di invertire completamente la mia posizione; il mercato non sarebbe
stato adatto per i miei investimenti per un po' di tempo. Avevo perso i primi
diecimila dollari guadagnati nei bucket shop perché avevo investito ogni giorno,
sia se le condizioni erano buone sia che erano pessime. Non avrei fatto lo stesso
errore una seconda volta, e poi ricordatevi che ero andato in bancarotta pochi
mesi prima perché avevo previsto questa crisi troppo presto e avevo iniziato a
vendere allo scoperto prima del tempo. Ora che avevo avuto un gran profitto
volevo fare cassa così che potessi sentire che avevo avuto ragione. I rialzi mi
avevano fatto fallire in passato, non avrei permesso al prossimo di spazzarmi via.
Invece di stare in giacca e cravatta andai in Florida. Amo pescare e avevo
bisogno di una pausa: potevo fare entrambe le cose laggiù. E inoltre, ci sono
collegamenti diretti tra Wall Street e Palm Beach.
CHAPTER IX

Ero in crociera sulle coste della Florida e la pesca andava benissimo; ero lontano
dal mercato azionario e la mia mente era libera. Stavo passando un periodo
piacevole. Un giorno a largo di Palm Beach erano arrivati degli amici su una
barca a motore. Uno di loro aveva un quotidiano con sé: non ne leggevo uno da
giorni e non avevo nessuna voglia di farlo. Non ero interessato a nessuna notizia.
Diedi giusto un'occhiata al quotidiano che il mio amico aveva portato sullo yacht
e vidi che il mercato aveva avuto un grande rialzo: più di dieci punti.
Dissi ai miei amici che sarei tornato a riva con loro. Rialzi moderati di tanto in
tanto erano ragionevoli, ma il mercato orso non era finito e questo era opera o di
Wall Street o di qualche pazzo o di una mossa rialzista disperata che trascurava
le condizioni monetarie. Stavano pompando i prezzi al di là di ogni criterio, o
lasciavano che qualcuno lo facesse per loro.
Questo era troppo: dovevo assolutamente dare un'occhiata al mercato. Non
sapevo cosa avrei dovuto fare, ma sapevo che il mio impulso irrefrenabile era la
lettura dell'elenco delle quotazioni.
La società dei miei broker, la fratelli Harding, aveva una filiale a Palm Beach;
quando entrai trovai molte facce conosciute. La maggior parte di loro parlava di
un mercato rialzista. Erano quei tipi che investono basandosi solo sul grafico e
prediligono operazioni a breve termine; a queste persone non interessava
ragionare a lungo termine, perché il loro modo di investire non lo prevedeva. Vi
avevo già detto che nell'ufficio di New York mi conoscevano come “ragazzo
speculatore”. Di solito la gente ingrandisce le vincite di un collega e i margini di
profitto. I compagni nell'ufficio avevano sentito che avevo fatto un gran colpo a
New York con un investimento al ribasso e ora si aspettavano che mi tuffassi
nuovamente dalla parte delle vendite allo scoperto. Essi stessi pensavano che il
rialzo avrebbe raggiunto una percentuale più alta, ma al tempo stesso ritenevano
che fosse mio dovere combatterlo.
Ero andato in Florida per pescare. Era stato un periodo molto stressante per me e
avevo bisogno di una vacanza, ma nel momento in cui avevo visto quanti punti
avevano recuperato i titoli non sentivo più la necessità di svagarmi. Non avrei
mai immaginato cosa avrei fatto quando sarei tornato a riva, ma ora sapevo che
dovevo vendere allo scoperto. Avevo ragione e lo dovevo provare nel vecchio e
unico modo che conoscevo: con i soldi. Vendere allo scoperto il listino intero
sarebbe stata un'azione giusta, prudente, redditizia e – perché no – patriottica.
La prima cosa che avevo visto sull'elenco delle quotazioni era che la Anaconda
era sul punto di superare i 300 dollari. Avrebbe superato quella cifra con passi da
gigante e sembrava che ci fosse un party di tori aggressivi. Ho una mia vecchia
teoria secondo cui quando un titolo supera i 100 o 200 o 300 per la prima volta,
non ferma il rialzo e il prezzo sale; così se compri non appena il titolo supera la
cifra tonda è quasi sicuro che avrai un profitto. Le persone timorose non amano
comprare un titolo che raggiunge il prezzo più elevato di sempre, ma io
ricordavo le precedenti esperienze e lasciavo che esse mi guidassero.
Anaconda aveva un valore nominale66 di soli venticinque dollari. Servono 400
azioni della Anaconda per uguagliare cento azioni di un altro titolo che ha un
valore nominale di cento dollari. Immaginavo che dopo che avrebbe sorpassato i
300 dollari avrebbe continuato a salire fino a raggiungere i 340 dollari in un
attimo.
Ricordo che ero ribassista ma ero anche uno che analizzava il grafico.
Conoscevo Anaconda, se avesse seguito la strada che immaginavo, si sarebbe
mossa molto velocemente. Mi hanno sempre attirato quei titoli che si muovono
rapidamente sul mercato. Avevo imparato a pazientare e a rimanere calmo ma
quello che preferivo erano i movimenti rapidi e di certo Anaconda non era pigra.
Avevo acquistato il titolo appena aveva oltrepassato i 300 dollari perché ero
spinto da un desiderio ardente di affermare le mie osservazioni.
Poco dopo il grafico diceva che la posizione lunga era migliore della posizione
corta e questo significava che il rialzo avrebbe continuato ancora per un po'.
Aspettare prima di scegliere la posizione corta sarebbe stato prudente ma avrei
potuto guadagnare anche mentre aspettavo; potevo prendere 30 punti di profitto
in poco tempo con Anaconda. Ero ribassista sul mercato in generale e rialzista
solo su questo titolo. Così comprai 32.000 azioni parziali67 di Anaconda – in
totale erano 8.000 azioni. Ero sicuro delle mie premesse e immaginavo che il
profitto ricavato da questa operazione mi avrebbe permesso di aumentare il
margine di guadagno per le transazioni ribassiste che avrei fatto
successivamente.
Il giorno dopo il telegrafo non funzionava a causa di una tempesta, o di qualcosa
di simile, che si stava manifestando a Nord. Mi trovavo nell'ufficio di Harding in
attesa di notizie. La gente chiacchierava e si chiedevano ogni genere di cose,
generalmente i trader che non possono investire fanno così. Poi ricevemmo una
quotazione, l'unica della giornata: Anaconda a 292.
C'era un tizio con me un broker che avevo conosciuto a New York. Sapeva che
ero lungo con 8.000 azioni e credo che ne possedeva alcune anche lui perché
quando avevamo letto la quotazione gli venne una specie di fitta. Non poteva
sapere se l’ultimo prezzo era a 292 o se era sceso di altri 10 punti. Per il modo in
cui era salito il titolo non c'era nulla di strano se avesse perso 20 punti. Gli dissi:
“Non preoccuparti John, andrà meglio domani”. Era quello che realmente
pensavo. Lui mi guardò e scosse la tessa, conosceva Anaconda meglio di me.
Così mi misi a ridere e aspettai in ufficio in attesa di altre informazioni. Non
arrivò nessuna informazione tranne quella: Anaconda a 292. Significava una
perdita di circa 100.000 dollari per me. Cercavo dei movimenti veloci, beh li
avevo trovati.
Il giorno dopo le linee erano tornate attive e ricevevamo gli aggiornamenti
regolarmente. Anaconda aveva aperto a 298 ed era salita fino a 302,75 ma poco
dopo aveva iniziato a scendere. Anche gli altri titoli non salivano. Mi ero
prefissato che qualora Anaconda fosse tornata a 301 avrei preso in
considerazione che tutti gli ultimi movimenti erano falsati. In una risalita
legittima il prezzo avrebbe dovuto raggiungere i 310 senza storni. Se invece
avesse reagito significava che i movimenti precedenti mi avevano ingannato e io
ero nella direzione sbagliata; l'unica cosa da fare quando si è nella direzione
sbagliata è smettere di essere nella direzione sbagliata. Avevo comprato 8.000
azioni aspettandomi una risalita di 30 o 40 punti. Non era il mio primo errore e
neanche l'ultimo.
Ero abbastanza sicuro che Anaconda sarebbe scesa fino a 301. Nel momento in
cui il prezzo aveva raggiunto quella soglia mi recai di nascosto dall'impiegato –
quello che aveva i contatti diretti con l'ufficio di New York – e gli dissi
sottovoce: “Vendi le mie 8.000 azioni”. Non volevo che nessun altro sentisse
quello che stavo facendo.
Mi guardò con orrore ma io annuii e dissi: “Tutte quelle che possiedo”.
“Certo Signor Livermore, non crede nel mercato?”. Sembrava come se stesse per
perdere due milioni di dollari a causa di una transazione eseguita male da un
broker disattento. Gli dissi: “Vendile, non discutere della cosa”.
Due ragazzi di colore, Jim e Ollie, erano nell'ufficio ma non riuscivano a sentire
quello che ci dicevamo io e l'impiegato. Erano degli investitori molto astuti,
provenivano da Chicago. Erano diventati famosi per gli investimenti sul Grano e
ora erano diventati bravissimi nel mercato azionario; erano molto ricchi.
Mentre mi stavo allontanando dall'impiegato e stavo tornando al mio posto, che
era di fronte al tabellone delle quotazioni, Oliver mi aveva guardato e mi aveva
sorriso.
“Te ne pentirai Larry” mi disse.
Mi fermai e gli chiesi: “Cosa intendi?”
“Domani le ricomprerai”.
“Ricomprerò cosa?” Dissi. L'unica persona che sapeva che avevo venduto le
Anaconda era l'impiegato.
“Ricomprerai le Anaconda. Le avevi pagate 320 non è stata una buona vendita”
e rise di nuovo.
“Cosa?” e lo guardai con aria innocente.
“Hai venduto le tue 8.000 azioni di Anaconda” insistette Ollie.
Sapevo che era molto intelligente e aveva sempre investito basandosi su
informazioni che riceveva. Come faceva a conoscere i dettagli del mio
investimento?. Ero sicuro che l'impiegato non si era allontanato per dirglielo.
“Ollie come fai a sapere cosa ho fatto?” gli chiesi.
Sorrise e mi disse: “Lo ho saputo da Charlie Kratzer”.
Charlie Kratzer era l'impiegato che aveva eseguito la mia vendita.
“Ma non si è mai mosso dalla sua postazione” risposi.
“Non potevo ascoltare le parole che vi sussurravate” ridacchiò “Ma ho sentito
ogni singola parola del messaggio che lui aveva inviato per te a New York. Ho
imparato il linguaggio morse anni fa dopo che avevo litigato con un impiegato
che aveva inviato un messaggio sbagliato. Da quella volta faccio quello che ho
appena fatto, faccio un ordine ad un operatore e poi ascolto per essere sicuro che
l'impiegato invia il messaggio corretto. So cosa scrive a mio nome. Comunque ti
pentirai di aver venduto le Anaconda, arriveranno a 500!”.
“Non in questo viaggio Ollie” gli dissi.
Mi fissò e disse: “Sei abbastanza arrogante quando si parla di investimenti”.
“Non io, ma il grafico” risposi. Non c'erano telescriventi nei paraggi e quindi
non c'erano grafici ma sapeva quello che volevo dire.
Disse: “Ho sentito parlare di questi tizi che guardano il grafico e invece di
vedere i prezzi vedono gli orari di arrivo e di partenza dei titoli; ma sono
rinchiusi in celle imbottite dove non si possono far male”.
Non gli risposi perché in quel periodo il ragazzo mi aveva ricordato una cosa.
Avevano venduto 5.000 azioni a 299,75 ma sapevo che il prezzo mostrato nel
tabellone non era aggiornato. Il prezzo sul tabellone di Palm Beach era di 301
quando avevo dato l'ordine di vendere – ero sicuro che in quel momento a New
York il prezzo era inferiore; se nessuno avesse acquistato le mie azioni a 296
avrei dovuto venderle ad un prezzo molto inferiore. Quello che accadde ti
dimostra che ho ragione a non imporre mai dei limiti agli investimenti. Immagini
se avessi impostato lo stop loss a 300? Non sarei mai riuscito a venderle. No
signore! Quando vuoi vendere, fallo!
Avevano venduto cinquecento azioni a 299,75. Altre mille azioni a 299,62. Poi
altre cento a 299,50, altre duecento a 299,375 e altre duecento a 299,25.Il resto
erano state vendute a 298,75. Mi avevano aiutato gli investitori più “intelligenti”
dell'ufficio di Harding a ricoprire le ultime centinaia di azioni. Non volevano che
rimanessero azioni in attesa di essere vendute.
Nel momento in cui avevo ricevuto il report della vendita delle mie ultime azioni
avevo iniziato a fare quello che avrei dovuto fare, cioè vendere allo scoperto.
Ero stato costretto a farlo. C'era il mercato che implorava di essere venduto allo
scoperto dopo quella risalita esorbitante. Le persone iniziavano a parlare di
mercato toro. I movimenti del mercato, tuttavia, mi dicevano che la risalita era
finita. Era più sicuro vendere allo scoperto, senza pesarci troppo.
Il giorno dopo Anaconda aveva aperto sotto a 296. Oliver, che si aspettava un
ulteriore aumento del prezzo, era arrivato prima del solito per essere pronto
quando il titolo avrebbe raggiunto i 320. Non so quanti soldi aveva investito o se
li aveva investiti tutti ma non aveva riso quando aveva visto il prezzo in apertura
e non aveva riso neanche nel corso della giornata quando era arrivato il report a
Palm Beach che diceva che il prezzo era sceso ancora.
Questa è la conferma di cui ogni uomo ha bisogno: il mio profitto sulla carta
cresceva e mi ricordava che avevo ragione, ora per ora. Naturalmente avevo
venduto allo scoperto ancora un po' di azioni. Era un mercato orso! Tutti i titoli
scendevano. Il giorno dopo era venerdì ed era il Presidents' Day68 . Non potevo
rimanere in Florida a pescare perché avevo venduto allo scoperto molte azioni.
C'era bisogno di me a New York. Chi aveva bisogno di me? Io! Palm Beach era
troppo lontana, troppo distaccata. Si perdeva troppo tempo prezioso per mandare
telegrammi avanti e indietro.
Avevo lasciato Palm Beach per andare a New York. Il lunedì avevo dovuto
aspettare il treno a St. Augustine per tre ore. C'era un ufficio di brokeraggio lì
vicino e ovviamente ero andato a vedere come si stava comportando il mercato
durante l'attesa. Anaconda era scesa di parecchi punti dalla mia ultima
transazione. Infatti non avrebbe smesso di scendere fino a che il mercato orso
non avrebbe finito il suo corso.
Arrivato a New York avevo investito al ribasso per circa altri quattro mesi. Il
mercato aveva delle risalite frequenti come prima e io coprivo e riaprivo la mia
posizione. Ad essere sincero non avevo tenuto duro. Ricorda, avevo perso ogni
centesimo dei 300.000 dollari che avevo guadagnato con il terremoto di San
Francisco69 . Avevo avuto ragione e tuttavia avevo perso tutto. Stavo investendo
in maniera conservativa perché dopo che un uomo ha toccato il fondo ha piacere
di risalire anche se non raggiunge i massimi livelli. Il modo per guadagnare soldi
è guadagnarli. Il modo per fare molti soldi è essere nella direzione giusta al
momento giusto. In questa professione un uomo deve pensare sia alla teoria che
alla pratica. Un investitore non può essere soltanto uno studente, deve essere sia
uno speculatore che uno studente.
Stavo facendo abbastanza bene, anche se ora posso vedere che la mia campagna
era tatticamente inadeguata. Quando era arrivata l'estate il mercato era diventato
noioso. Avevo il presentimento che non ci sarebbe stato nulla da fare fino ad
autunno inoltrato. Sapevo che tutti erano andati in Europa. Pensavo che ci sarei
potuto andare anch'io. Così avevo chiuso tutte le mie transazioni. Quando mi ero
imbarcato per l'Europa avevo un conto con più di 750.000 dollari.
Mi godevo la vacanza ad Aix-les-Bains70 , me l'ero guadagnata. E' piacevole
essere in un luogo come quello quando sei pieno di soldi e gli amici, i conoscenti
e tutti gli altri sono intenti a godersi le giornate. I problemi ad Aix sparivano.
Wall Street era talmente lontana che non l'avevo neanche pensata e non avrei
potuto trovare resort migliore negli Stati Uniti. Non dovevo sentir parlare del
mercato azionario e non dovevo investire. Avevo abbastanza soldi per potermi
godere una lunga vacanza e inoltre quando sarei tornato a New York sapevo che
cosa avrei dovuto fare per guadagnare più di quanto avevo speso in Europa per
tutta l’estate.
Un giorno avevo letto sul Herald de Paris71 un comunicato da New York che la
Smelters aveva dichiarato un dividendo extra. Il titolo era salito e il mercato in
generale aveva iniziato a seguirlo. Questa notizia aveva cambiato i miei piani,
stava a significare che una mandria di tori stava combattendo disperatamente
contro le condizioni generali – contro il buon senso e contro l'onestà comune
perché sapevano cosa sarebbe accaduto e a cosa avrebbe portato questa strategia:
far alzare il mercato con l'intenzione di scaricare le azioni prima che la tempesta
si fosse scatenata. C'era la possibilità che loro non sapessero veramente che il
pericolo era serio ed era dietro l’angolo; come immaginavo. Gli uomini più
importanti di Wall Street sono soggetti a pensare che accada quello che loro
desiderano proprio come fanno i politici o i perdenti. Io non riesco a pensare
così, per un investitore un tale atteggiamento è fatale. Solo un promotore
finanziario o un promotore di nuove aziende può permettersi di sperare in questo
modo.
Ad ogni modo, sapevo che tutte le manipolazioni rialziste erano destinate a
fallire in questo mercato ribassista. Nell'istante in cui avevo letto la
comunicazione sapevo che c'era una sola cosa da fare per stare tranquilli:
“vendere le Smelters allo scoperto” perché i soci quando aumentano il dividendo
sono sull'orlo di una crisi monetaria. Era irritante come lo erano le vecchie sfide
dell'adolescenza, mi avevano sfidato a vendere allo scoperto questo titolo.
Avevo piazzato alcune vendite allo scoperto della Smelters e avevo consigliato ai
miei amici di fare lo stesso. Quando avevo ricevuto il report dal broker avevo
visto che il prezzo segnato era di sei punti più basso di quello che avevo visto sul
Herald de Paris. Questo ti dimostra com'era la situazione.
Il piano iniziale era di andare a Parigi alla fine del mese e dopo tre settimane di
soggiorno lì mi sarei imbarcato per New York, ma quando avevo letto il report
che il broker mi aveva consegnato tornai subito a Parigi. Appena arrivato avevo
chiamato l'ufficio del porto e mi avevano detto che c'era una nave veloce che
salpava per New York il giorno seguente. La presi.
Così ero di nuovo a New York, un mese prima rispetto ai piani iniziali, perché
era il posto più comodo in cui stare per investire in un mercato ribassista. Avevo
più di mezzo milione da investire; il profitto non era dovuto all'essere stato orso,
ma al mio essere stato logico.
Avevo venduto allo scoperto altre azioni. Appena erano diminuiti i soldi erano
aumentati i prestiti a breve termine e il prezzo delle azioni si era abbassato. Lo
avevo pronosticato: anche se all'inizio la mia lungimiranza mi aveva fatto fallire,
ora ero nel giusto e mi stavo arricchendo. Anche se devo ammettere che la vera
goduria era di avere la consapevolezza che come investitore ero finalmente salito
sul treno giusto. Avevo ancora molto da imparare ma sapevo cosa fare; non
dovevo più annaspare, non avevo più metodi giusti solo a metà: la lettura del
grafico era un'importante parte del gioco, così come iniziare ad investire al
momento giusto e così come il non abbandonare le proprie idee. La più grande
scoperta però era che si devono studiare le condizioni generali e valutarle
attentamente per essere in grado di anticipare una tendenza. In poche parole,
avevo imparato che dovevo lavorare per i miei soldi. Non dovevo più
scommettere alla cieca o interessarmi di padroneggiare le tecniche di
investimento, dovevo guadagnarmi il successo con uno studio attento e con
ragionamenti lucidi. Avevo anche scoperto che nessuno era immune dall’essere
un perdente. Giocando da perdente un uomo ricava un paga da perdente perché
chi distribuisce le buste paga a Wall Street è sempre sul posto di lavoro e non
perde mai l'occasione di consegnartele.
Il nostro ufficio aveva guadagnato una grande somma di denaro. La mia sola
operazione fu così profittevole che loro iniziarono a parlarne e ovviamente la
esagerarono. Avevo iniziato a guadagnare quando varie azioni avevano iniziato a
scendere. Delle persone che non conoscevo si avvicinavano per congratularsi
con me. Pensavano tutti che la cosa più bella che avevo fatto erano i soldi che
avevo guadagnato. Non parlavamo mai della tempistica. La prima volta che
avevo iniziato a parlare con loro del mercato ribassista pensavano che ero un
orso pazzo in un mercato azionario perdente, vendicativo e brontolone. Il fatto
che avevo previsto la crisi monetaria non significava nulla. Il fatto che il mio
broker aveva utilizzato un terzo di una goccia di inchiostro per scrivere nella mia
colonna dei guadagni era un successo fantastico per loro.
Gli amici mi dicevano che “il ragazzo speculatore” che investiva nell’ufficio di
Harding veniva classificato in vari luoghi come la persona che stava facendo
ogni tipo di caccia contro le mandrie di tori che avevano cercato di far salire il
prezzo di vari titoli anche dopo che era chiaro che il mercato era destinato a
scendere. Ancora oggi parlano delle mie razzie.
Dalla seconda metà di Settembre il mercato monetario stava gridando al
megafono all'intero mondo del pericolo incombente. Ma il credere ai miracoli
impediva alle persone di vendere quello che rimaneva del loro pacchetto
azionario. Un broker mi aveva raccontato una vicenda accaduta nella prima
settimana di Ottobre che mi aveva fatto sentire quasi in imbarazzo per essere
stato così modesto con le mie vendite allo scoperto.
Ti ricorderai sicuramente che venivano effettuati dei prestiti all'interno degli
uffici di borsa in degli appositi sportelli. I broker che avevano ricevuto un avviso
di pagamento del prestito dalle loro banche sapevano all'incirca quanti soldi
dovevano riprendere nuovamente in prestito. Ovviamente le banche sapevano
che la situazione dei fondi di prestito era preoccupante e sapevano anche che
questi soldi che prestavano sarebbero stati reinvestiti in borsa. Il denaro era
gestito da pochi broker che erano specializzati nei prestiti.
Verso mezzogiorno veniva mostrato il nuovo tasso d'interesse e generalmente
questo rappresentava il valore medio dei prestiti fatti fino a quel momento. I
prestiti, di norma, si basavano sul binomio tra domanda e offerta così tutti
sapevano indicativamente com’era la situazione generale. Tra mezzogiorno e le
due del pomeriggio di solito non c'erano molti scambi ma dopo il tempo di
consegna – ossia intorno alle 14:15 – i broker volevano sapere esattamente quale
sarebbe stata la possibile posizione giornaliera dei propri soldi ed erano
addirittura capaci ad andare agli sportelli a prestare i soldi che avevano o a
prendere in prestito quello di cui avevano bisogno. Questa attività veniva fatta
apertamente.
Bene, a volte prima di Ottobre i broker di cui ti parlavo venivano da me e mi
dicevano che non potevano andare allo sportello dei prestiti quando avevano
soldi da prestare. La ragione era che i membri di un paio di note case di
commissioni tenevano d'occhio quello sportello erano pronti per accaparrarsi
qualsiasi offerta di denaro. Di certo nessun creditore poteva rifiutarsi di prestarli
a queste case perché avevano una buona garanzia. Il problema era che, una volta
che queste case prendevano i soldi in prestito non c'era alcun modo per chi
prestava i soldi di riprenderli indietro. Dicevano semplicemente che non
potevano pagare e che il creditore avrebbe dovuto, volente o nolente, rinnovare il
prestito. Così gli uffici di borsa che avevano dei soldi da prestare ai propri
clienti mandavano un impiegato nella sala dei clienti, invece di mandarlo al
solito sportello, a sussurrare all’orecchio dei clienti più fidati: “Vuoi un
centone?”. Con questa frase chiedevano ai propri clienti se volevano avere in
prestito cento dollari. I broker che lavoravano per le banche e che avevano soldi
da prestare facevano la stessa cosa, era veramente triste guardare gli sportelli dei
prestiti. Pensaci.
Questi broker mi avevo anche detto che, durante quel periodo di Ottobre, gli
uffici di borsa per guardare ai propri interessi facevano decidere a chi richiedeva
il prestito il tasso di interesse ma non so perché il tasso fluttuava sempre tra il
100 e il 150 percento per anno. Immagino che lasciando decidere ai debitori il
tasso di interesse il creditore, non so per quale motivo, si sentiva un po' meno
usuraio. Puoi scommetterci che con questo metodo guadagnavano comunque
parecchio. Il debitore ovviamente non sognava di non pagare un tasso alto, lui
era onesto e pagava quanto gli altri. L’unica cosa di cui aveva bisogno erano i
soldi ed era felice di riceverli.
Le cose erano andate di male in peggio. Venne il terribile giorno di fare il conto
per i tori, gli ottimisti, i pensatori positivi e quelle vaste orde che temevano il
panico di una piccola perdita iniziale; erano tutti in procinto di subire
un'amputazione senza anestesia. Un giorno che non dimenticherò mai, il 24
Ottobre 190772 .
Il resoconto inizialmente indicava che i debitori avrebbero dovuto pagare quello
che gli istituti di credito ritenevano opportuno chiedere. C'era poco da girarci
intorno quel giorno la quantità di persone presenti allo sportello era maggiore del
solito. Quando era scoccato l'ora di consegna quel pomeriggio ci saranno stati un
centinaio di broker, ognuno sperava di prendere in prestito i soldi di cui aveva
bisogno per la propria attività. Senza denaro avrebbero dovuto vendere le azioni
che avevano ad un qualsiasi prezzo sarebbero riusciti a venderle, in un mercato
dove gli acquirenti sono scarsi come i soldi; e in quel momento non c'era un
dollaro in vista.
Il partner del mio amico era ribassista proprio come me. L'ufficio quindi non
doveva prendere in prestito dei soldi ma il mio amico, il broker di cui ti parlavo,
appena dopo che aveva visto i volti sparuti intorno allo sportello prestiti era
venuto da me. Sapeva che ero corto su tutto il mercato.
Disse: “Mio Dio, Larry! Non so cosa stia accadendo. Non ho mai visto niente del
genere. Non può andare avanti così. Cosa accadrà? Mi sembra che siano rimasti
tutti al verde. Non puoi ricoprire le azioni, non ci sono più soldi”.
“Che cosa intendi?” Gli chiesi.
Ma quello che mi rispose fu: “Hai mai sentito parlare dell'esperimento del topo
in una campana di vetro? Dopo averlo messo dentro la campana iniziano a
pompare fuori l'aria! Puoi vedere il respiro del povero topo che diventa sempre
più veloce, i fianchi ondeggiano come dei soffietti sotto sforzo cercando di
prendere una quantità maggiore d'ossigeno dall'aria che diventa sempre più
rarefatta. Lo vedi soffocare finché gli occhi gli escono quasi fuori dalle orbite,
ansimante e moribondo. Ebbene questo è quello che penso di aver visto quando
ho visto l'orda di persone davanti allo sportello prestiti. Non ci sono soldi da
nessuna parte e tu non puoi ricoprire le azioni che hai venduto allo scoperto
perché non c'è nessuno che può acquistarle. L'intera popolazione è in banca rotta
in questo momento, credimi!”.
Questa cosa mi aveva fatto pensare. Avevo visto l'avvenire di una crisi ma devo
ammettere che non mi aspettavo la peggiore crisi della storia. Non è redditizio
per nessuno se la crisi si manifesta troppo.
Infine era diventato chiaro per tutti che era inutile rimanere in attesa di un
prestito davanti allo sportello. Non c'erano soldi per nessuno. Successivamente si
scatenò l'inferno.
Il presidente della Borsa Mr. R.H. Thomas, così ho sentito nel corso della
giornata, sapeva che ogni ufficio di borsa stava affrontando un catastrofe e
quindi era andato in cerca di soccorso. Aveva chiamato James Stillman,
presidente della National City Bank, l'uomo più ricco degli Stati Uniti. Poteva
vantare di non aver mai effettuato un prestito con un tasso di interesse più alto
del 6%.
Stillman aveva ascoltato quello che il presidente della Borsa aveva da dirgli e
disse: “Mr. Thomas dobbiamo andare ad incontrare il Signor Morgan per parlare
di questo”.
I due, sperando di arginare la peggiore crisi economica della storia finanziaria,
andarono insieme nell'ufficio di J.P. Morgan per incontrarlo. Nel momento in cui
il Signor Thomas iniziò a parlare Mr. Morgan disse: “Torna indietro e comunica
che ci saranno soldi per loro”.
“Dove?” Chiese Thomas
“In banca!” Rispose Morgan.
La fiducia verso gli uomini, in questi periodi di crisi, era così forte per Mr.
Morgan che Thomas non aveva aspettato per sentire ulteriori dettagli ma era
ritornato di corsa nell'ufficio di borsa annunciando la sospensione della
condanna a morte dei soci della Borsa.
Più tardi, prima delle due e trenta del pomeriggio, J.P. Morgan aveva mandato
John T. Atterbury della Van Emburgh & Atterbury, era risaputo che aveva stretti
contatti con la J.P. Morgan & Co., tra la folla di richiedenti. Il mio amico mi
aveva detto che l'anziano investitore aveva camminato rapidamente verso lo
sportello prestiti. Aveva alzato le mani al cielo come un esortatore alle feste. La
folla, che all'inizio si era calmata come se stesse per fare un annuncio il
presidente Thomas, cominciavano a temere che i piani di soccorso erano stati
aboliti e il peggio doveva ancora venire. Ma quando avevano guardato la faccia
di Mr. Atterbury e avevano visto le sue mani che si alzavano verso il cielo si
erano impietriti.
Nel terrificante silenzio che era seguito a quella vicenda Mr. Atterbury disse:
“Sono autorizzato a darvi dieci milioni di dollari. Prendeteli! C'è abbastanza
denaro per tutti!”
Dopo, invece di prendere per ogni debitore il nome del creditore, si era
semplicemente annotato il nome del richiedente e l'ammontare del prestito e poi
diceva ad ognuno: “Dovrai dichiarare dove dobbiamo mettere i tuoi soldi”.
Intendeva dire il nome della banca dalla quale il debitore avrebbe riscosso il
denaro.
Avevo sentito, un giorno o due dopo, che Mr. Morgan aveva semplicemente
detto ai banchieri spaventati di New York che avrebbero dovuto fornire i soldi di
cui la Borsa valori aveva bisogno.
Le banche protestarono: “Ma non abbiamo ricevuto nulla, abbiamo già prestato
tutto quello che avevamo”.
“Dovete attingere alle vostre riserve” scattò J.P.
“Ma abbiamo già oltrepassato il limite legale” ulularono.
“Utilizzate tutte le riserve! Sono lì per quello!” Gridò J.P.
Le banche avevano obbedito a J.P. e avevano preso circa venti milioni di dollari
dalle riserve. Questa cosa aveva salvato il mercato azionario. J.P. Morgan era un
vero uomo e nessuno era più grande di lui.
Questo è il giorno che ricordo meglio di tutti gli altri giorni della mia vita da
investitore. Era il giorno in cui il mio portafoglio aveva superato il milione di
dollari. Avevo segnato, con successo, la fine della mia deliberata campagna di
investimento. Quello che avevo previsto si era verificato. Ma la cosa più
importante era questa: si era realizzato un mio sogno selvaggio, ero stato il Re
per un giorno!
Ora ti spiego meglio. Dopo i primi due anni passati a New York, avevo iniziato a
scervellarmi per cercare di determinare l'esatta ragione per cui non riuscivo a
battere il gioco negli uffici di borsa della Grande Mela, mentre a quindici anni lo
facevo regolarmente nei bucket shop di Boston.
Ero consapevole che fosse importante individuare gli errori nella mia strategia e
correggerli; così non avrei avuto solo la ragione dalla mia parte, ma anche la
consapevolezza di essere in possesso delle conoscenze necessarie per investire
correttamente in futuro.
Questo significa potere. Ti prego di non fraintendermi, non è stato un sogno di
grandezza o un futile desiderio di vanità. Era piuttosto il desiderio che, un
giorno, gli stessi investitori che mi avevano confuso nell'ufficio di Fullerton e in
quello di Harding mi avrebbero implorato di dargli lezioni. Sentivo che quel
momento sarebbe arrivato: era il 24 Ottobre del 1907; quel giorno, un broker che
aveva avuto parecchio a che fare con i miei intermediari e che sapeva che stavo
speculando al ribasso aveva guidato fino all’azienda di uno dei partner di una
delle banche più famose del paese. Qui aveva raccontato al banchiere dei miei
investimenti e del fatto che stavo spingendo al ribasso utilizzando tutte le risorse
che avevo a disposizione. A cosa serve investire correttamente se poi non cerchi
di ricavare quanto più profitto possibile?
Forse il broker aveva esagerato con le parole per rendere il suo racconto più
interessante, forse avevo più seguaci di quanto pensassi o il banchiere conosceva
meglio di me la criticità della situazione generale. Ad ogni modo il mio amico
mi riferì: “Il banchiere ha ascoltato con grande interesse quando gli ho riferito il
tuo punto di vista sul comportamento che assumerà il mercato quando la vendita
al ribasso sarebbe realmente iniziata. Quando ho finito di parlare il banchiere mi
ha detto che avrebbe avuto qualcosa da farmi fare più tardi...”.
Quando le case di commissione avevano scoperto che non avrebbero ricevuto
nemmeno un centesimo, sapevo che il momento era giunto. Avevo mandato
degli intermediari tra le varie folle di persone e avevo scoperto che al momento
non c’era nessun singolo ordine per le Union Pacific. Nessuno a nessun prezzo!
Pensaci! La stessa cosa valeva per gli altri titoli. Non c’erano soldi per
mantenere le azioni nel portafoglio e al contempo non c’era nessuno che le
voleva acquistare.
Avevo un profitto enorme sulla carta ed ero sicuro che per abbassare ancora un
po' i prezzi avrei dovuto vendere allo scoperto 10.000 azioni della Union Pacific
e di altri sei titoli di aziende che pagavano un ottimo dividendo; successivamente
si sarebbe scatenato l’inferno. Mi sembrava che il panico che avrei scatenato
sarebbe stato di tale intensità e carattere che il consiglio di amministrazione
avrebbe ritenuto opportuno la chiusura della Borsa - come era stato fatto
nell’Agosto del 1914 quando era scoppiata la guerra mondiale.
Se avessi venduto allo scoperto avrei generato un profitto enorme sulla carta, ma
avrebbe anche significato l’impossibilità di convertire questo guadagno in
denaro contante. C’erano anche altre cose da considerare e una di queste era che
un ulteriore ribasso avrebbe ritardato l’inizio del recupero che mi ero
immaginato - il rialzo che sarebbe susseguito a tutte queste salassate. Un tale
panico avrebbe fatto molto male al paese in generale così mi ero convinto che
sarebbe stato inopportuno e spiacevole continuare l’attività ribassista e quindi
era illogico mantenere la posizione corta. Avevo invertito la posizione e avevo
iniziato ad acquistare73 .
Dopo poco tempo i miei broker avevano iniziato a comprare per mio conto e,
nonostante tutto avevo acquistato a prezzi ancora più bassi di quello che mi
aspettavo.
Il compito che il banchiere aveva affidato al mio amico era di dirmi: “Vorrei che
tu andassi immediatamente dai tuoi amici per dire loro che noi speriamo che non
ci siano più vendite allo scoperto oggi. Il mercato non reggerebbe un’ulteriore
pressione. Per come è la situazione sarà veramente difficile evitare un crisi così
devastante. Fai appello al patriottismo dei tuoi amici. Questo è il caso in cui un
uomo deve lavorare per il bene di tutti. Fammi sapere il prima possibile cosa ti
risponderanno”.
I miei amici si avvicinarono a me e dissero che quest’uomo aveva molto tatto.
Secondo me loro avevano pianificato di dare un ulteriore schiaffo al mercato e
prendere in considerazione questa richiesta significava per loro gettare al vento
la possibilità di guadagnare dieci milioni di dollari. Sapevano che giocavo al
ribasso su alcuni dei principali titoli per il modo in cui avevano agito; avevano
provato ad inginocchiare gli investitori colpendo svariati titoli quando avevano
previsto, come avevo previsto io, quello che si stava per verificare.
Difatti i grandi investitori erano quelli che soffrivano di più e la maggior parte
dei titoli che avevo acquistato ad un prezzo veramente stracciato erano tra i più
gettonati. Al tempo ancora non lo sapevo, ma non importava. Avevo
praticamente coperto tutte le mie posizioni corte e c’era la possibilità di
comprare le azioni a buon mercato e al contempo aiutare la ripresa dei prezzi;
questo si sarebbe verificato solo se nessuno avrebbe martellato il mercato.
Così dissi ai miei amici: “Andate a dire a Mr. Blank che sono d’accordo con lui e
che ho pienamente compreso la gravità della situazione prima ancora che me la
spiegasse. Non solo non venderò più allo scoperto oggi, ma ho intenzione di
comprare il maggior numero di azioni che riesco ad acquistare”. Mantenni la mia
parola, comprai centomila azioni quello stesso giorno. Non vendetti più allo
scoperto per nove mesi di fila.
E’ per questo motivo che dicevo ai miei amici che il mio sogno si era realizzato e
che ero stato il re per un momento. Il mercato azionario quel giorno era alla
mercé di chiunque volesse colpirlo. Non soffro di manie di grandezza; infatti sai
come mi sento quando vengo accusato di aver saccheggiato il mercato, e conosci
la mia opinione sulla esagerazione dei giornali nei confronti delle mie
transazioni.
Sono uscito da questa storia in ottima forma. I giornali dicevano che Larry
Livermore, il ragazzo speculatore, aveva guadagnato parecchi milioni di dollari.
Beh, avevo guadagnato più di un milione quel giorno ma la mia vittoria più
grande non era quantificata in dollari ma era intangibile: avevo avuto ragione,
avevo visto oltre e avevo elaborato un ottimo piano. Avevo capito che cosa deve
fare un uomo per guadagnare milioni di dollari; ero definitivamente fuori dalla
cerchia degli scommettitori. Avevo finalmente imparato ad investire
intelligentemente e in grande stile. Era il giorno dei giorni per me.
CHAPTER X

Riconoscere i propri errori non dovrebbe portare maggiore beneficio dello studio
dei propri successi. Anche se c’è una tendenza naturale in ogni uomo che tende
ad evitare la punizione. Quando associ certi errori ad una sconfitta non desideri
neanche per un secondo che questi si verifichino, tutti gli errori del mercato
azionario ti feriscono in due diversi punti – il tuo portafoglio e il tuo orgoglio. Ti
racconterò una cosa curiosa: un investitore alcune volte fa degli errori essendo
consapevole che li sta facendo ma dopo averli commessi si chiede perché lo
abbia fatto. Dopo che ci ha pensato a sangue freddo, quando il dolore derivante
dalla punizione è svanito, forse può capire come ha commesso questi errori,
quando li ha commessi, in quale momento del suo investimento; ma non capisce
il perché. Una volta individuato un errore gli da semplicemente un nome e non
lo considera più.
Ovviamente, se un uomo è sia fortunato che saggio, non commetterà lo stesso
errore due volte. Ma commetterà, uno per volta, i diecimila errori che sono i
fratelli o i cugini del primo errore. La famiglia degli errori è così numerosa che
c’è sempre uno di loro nei paraggi quando hai intenzione di investire senza
strategia.
Per raccontarti del mio primo milione di dollari di errori devo tornare indietro al
periodo in cui ero diventato per la prima volta milionario, esattamente dopo la
grande crisi del 1907. Per quanto riguarda gli investimenti avere un milione di
dollari significa solo avere più denaro a disposizione. I soldi non danno più
tranquillità ad un investitore, sia se si è ricchi sia che si è poveri si possono
comunque commettere errori o sbagliare e non è mai piacevole farlo. Quando un
investitore milionario non commette errori i suoi soldi sono solo uno dei suoi
tanti servitori. Perdere soldi è il minore dei miei problemi. Perderli non mi ha
mai infastidito me ne dimentico dopo una notte, ma sbagliare – non perdere soldi
– è quello che rosicchia il tuo portafoglio e la tua anima. Ricorderai la storia di
Dickson G. Watts74 l’uomo che era così nervoso che i suoi amici lo chiamavano
“Qual’è il problema”.
“Non posso dormire” disse l’uomo nervoso ad un suo amico.
“Perché no?” Chiese l’amico.
“Ho acquistato così tanti contratti di cotone che non riesco a dormire perché
penso a quello. Mi sta usurando. Cosa posso fare?”.
“Vendilo fino a che non riesci a dormire” rispose l’amico.
Generalmente un uomo si adatta alle condizioni così rapidamente che perde la
prospettiva; non nota la differenze a tal punto che non ricorda come ci si sente a
non essere milionari. Si ricorda solo che ci sono cose che prima non poteva fare
ma che ora può fare. Non ci vuole molto tempo a perdere l’abitudine della
povertà, ci vuole un po' più tempo però a dimenticare le usanze della ricchezza.
Credo che il motivo sia che i soldi o creano bisogni o ti esortano a moltiplicarli.
Quello che voglio dire è che un uomo che guadagna nel mercato azionario perde
molto rapidamente l’abitudine di non spendere; ma dopo che ha perso tutti i
soldi impiega molto tempo prima di perdere l’abitudine di spendere.
Dopo che avevo chiuso la mia posizione corta ed ero entrato lungo nel mercato,
nell’Ottobre del 1907, avevo deciso di prendermela comoda per un po'. Avevo
comprato uno yacht e avevo pianificato una crociera nelle acque del sud.
Andavo pazzo per la pesca e avevo intenzione di dedicarmi un po' a me stesso.
Volevo pescare per l’intera durata della crociera anche se in realtà poi non lo
feci, il mercato non me lo aveva permesso.
Ho sempre investito sia nelle commodity che nelle azioni, ero l’investitore più
giovane in assoluto dei bucket shop. Avevo studiato le commodity per anni
anche se forse non le avevo studiate così assiduamente come il mercato
azionario. In fin dei conti però preferisco investire nelle commodity, non si può
mettere in dubbio la loro legittimità. Sono influenzate maggiormente dai rischi
della natura piuttosto che dai volumi fatti in un singolo titolo. Si potrebbero
usare argomenti fittizi a favore o contro un trend di una commodity ma il
risultato sarebbe solo un inversione temporanea, alla fine dei conti sono i fatti
che prevalgono, questo permette ad un investitore di guadagnare grazie allo
studio e alle osservazioni proprio come si guadagna se si possedesse un’azienda.
Si possono guardare e valutare le condizioni e puoi saperne più di chiunque altro
su una commodity; non devi stare in guardia contro i complotti. I dividendi non
sono aumentati o diminuiti improvvisamente nel corso della notte sul mercato
del cotone o quello del mais. A lungo termine le commodity sono regolamentate
da una sola legge: la legge della domanda e dell’offerta. Una persona che investe
sulle commodity deve basarsi semplicemente sulla domanda e sull’offerta,
presente e futura. Non deve cercare di indovinare una dozzina di cose come deve
fare nel mercato azionario. Mi hanno sempre attirato gli investimenti sulle
commodity.
Naturalmente succedono le stesse cose in tutti i mercati dove c’è speculazione. Il
messaggio del grafico è sempre lo stesso, è perfettamente chiaro a chiunque si
prenderà la briga di analizzarlo. Chiunque può capire, se si pone delle domande
e se considera le condizioni generali, e troverà le risposte direttamente da solo.
Le persone però non si prendono mai il disturbo di porsi delle domande, cercano
solo risposte. L’americano medio è scettico sempre e ovunque tranne quando
entra in un ufficio di borsa e guarda il grafico, che sia di un’azione o di una
commodity. L’unico gioco che realmente richiede uno studio prima di iniziare a
praticarlo è l’unico che non viene studiato ed è l’unico in cui non ci si pone i
soliti dubbi precauzionali. L’americano medio rischierebbe metà del suo
patrimonio nel mercato azionario riflettendo la metà del tempo che dedicherebbe
all’acquisto di un’automobile di fascia media.
Questo significa che l’analisi tecnica del grafico non è così complicata come
sembra. Sicuramente avrai bisogno di esperienza ma è importante tenere bene in
mente certi concetti fondamentali. Per interpretare il grafico non ti devi affidare
alla fortuna. Il grafico non ti dice con precisione a quale prezzo sarà il titolo il
prossimo giovedì alle 13:15. Lo scopo dell’analisi tecnica del grafico è stabilire
sin da subito come e quando investire – è questo: se è meglio acquistare o
vendere allo scoperto. Funziona nello stesso modo per le azioni come per il
cotone o il grano o il mais o l’avena.
Guarda il mercato, i movimenti dei prezzi sono registrati dal grafico con un
unico obiettivo: determinarne la direzione; questi, come sappiamo, si muovono o
verso l’alto o verso il basso a seconda della resistenza che incontrano. Per
spiegare facilmente il concetto diremo che questi prezzi, come tutti gli altri, si
muovono lungo le linea che ha minore resistenza. Faranno quello che gli resta
più facile, quindi saliranno se c’è poca resistenza e viceversa.
Nessuno dovrebbe essere perplesso se un mercato è rialzista o ribassista dopo
che ha scelto una direzione. Il trend è evidente a chiunque ha una mentalità
aperta e una buona visione perché per un operatore di borsa non è mai saggio
adattare i fatti alle proprie teorie. Un uomo simile dovrà, o dovrebbe, sapere
quando il mercato è toro o quando è orso e se è consapevole di questo sa quando
è il momento di comprare o di vendere allo scoperto. E’ proprio all’inizio di un
trend che un investitore ha bisogno di sapere se acquistare o vendere allo
scoperto.
Diciamo, per esempio, che il mercato, per come si comporta in questo periodo,
fluttua con un range di dieci punti; dai 130 ai 120. Potrebbe sembrare molto
debole quando si trova a 120 o dopo che è salito di otto o dieci punti potrebbe
sembrare forte. Un uomo non dovrebbe essere indotto ad investire dal prezzo ma
dovrebbe aspettare fino a che il grafico non gli dice che è il momento di entrare
nel mercato è arrivato. Infatti sono stati persi milioni su milioni di dollari dalle
persone che acquistavano le azioni perché vedevano il prezzo basso o vendevano
allo scoperto perché vedevano che il prezzo era alto. Lo speculatore non è un
investitore. Lo scopo di uno speculatore non è quello di avere un rendimento
costante con un buon tasso di interesse; il suo scopo è quello di guadagnare o da
un rialzo o da una discesa dei prezzi o da qualsiasi altra cosa può essere soggetta
a speculazione. Pertanto la prima cosa da determinare è la linea speculativa con
meno resistenza nel momento in cui si investe e la seconda è quanto si deve
aspettare fino a che il movimento sia finito, perché è quello il segnale dove
bisogna darsi da fare.
L’interpretazione del grafico permette solo di vedere che a 130 la vendita allo
scoperto è più profittevole dell’acquisto; quindi il prezzo subisce un ribasso fino
al punto in cui la vendita allo scoperto prevale sull’acquisto. Gli studentelli del
grafico potrebbero arrivare alla conclusione che a 130 il prezzo non si fermerà
fino a che non avrà raggiunto i 150, e acquistano. Subito dopo però inizia
l’inversione e hanno tre opzioni: tenere le azioni nel portafoglio o vendere
subendo una piccola perdita oppure vendono allo scoperto e iniziare a parlare da
ribassisti. A 120 però il ribasso incontra una forte resistenza e quindi l’acquisto
prevale sulla vendita, c’è un forte rialzo e i corti coprono la loro posizione.
La gente perde soldi così spesso che una persona si meraviglia della loro
costanza nel non imparare la lezione75 .
Alla fine succede qualcosa che aumenta la forza o del rialzo o del ribasso e il
punto con maggiore resistenza diventa maggiore o minore – l’acquisto a 130
diventa per la prima volta migliore della vendita allo scoperto oppure è meglio
vendere allo scoperto a 120 piuttosto che comprare. Il prezzo romperà la
resistenza o il supporto e così via. Generalmente c’è sempre un gruppo di
investitori che vendono allo scoperto a 120 perché vedono il titolo debole o che
acquistano a 130 perché lo vedono forte e dopo che il mercato prende la
direzione opposta, dopo un po' di tempo, cambieranno la loro visione e: o
invertono la loro posizione o chiudono la transazione. In entrambe i casi questi
gruppi aiutano a definire ancora più chiaramente la linea con minore resistenza.
Quindi l’investitore intelligente che ha pazientemente aspettato per determinare
questa linea può ingaggiare l’aiuto delle condizioni fondamentali di investimento
e può arruolare anche la forza degli investimenti delle persone che non hanno
indovinato il movimento del mercato e che ora devono correggere la loro
posizione. Queste correzioni tendono a spingere il prezzo verso il punto con
minore resistenza.
Dovrò dirti che, sebbene non considero questa cosa una certezza matematica o
un assioma della speculazione, la mia esperienza è stata data da questi errori –
proprio così, l’imprevisto o l’imprevedibile mi hanno sempre aiutato nella
posizione di mercato ogni qualvolta ho basato quest’ultima sulla linea con minor
resistenza. Ricordi l’episodio con le Union Pacific a Saratoga di cui ti parlavo?
Bene, avevo acquistato perché pensavo che la linea con minore resistenza era
indirizzata verso l’alto. Sarei dovuto rimanere lungo invece di permettere al mio
broker di dirmi che i soci stavano vendendo le azioni. Quello che frullava nella
testa degli amministratori non faceva nessuna differenza, era una cosa che non
potevo sapere. Ma sapevo quello che il grafico mi stava dicendo: “Vado su!” Poi
venne il rialzo inaspettato del dividendo e il titolo era salito di trenta punti. A
164 il prezzo sembrava molto alto, ma come ti ho detto prima, un titolo non è
mai troppo alto per essere acquistato o troppo basso per essere venduto allo
scoperto. Il prezzo, di per sé, non ha niente a che fare con la determinazione
della linea con minor resistenza.
Nella pratica potrai constatare che, se investi secondo le mie indicazioni,
qualsiasi importante notizia verrà fuori tra la chiusura di un mercato e l’apertura
di un altro sarà in armonia con la linea che ha minor resistenza. Il trend è
stabilito prima che la notizia venga pubblicata, in un mercato toro gli elementi
ribassisti vengono ignorati e le notizie rialziste esagerate e vice versa. Prima
dello scoppio della guerra il mercato era molto debole. Ci fu la proclamazione
della “politica dei sottomarini” tedeschi76 , io avevo nel portafoglio 100.000
azioni vendute allo scoperto non perché sapevo di questa notizia ma perché stavo
seguendo la linea con minor resistenza. Questa notizia è venuta fuori dal nulla
nonostante i miei investimenti ne erano strettamente collegati. Avevo tratto un
bel vantaggio da quella situazione e avevo coperto la mia posizione corta il
giorno stesso.
Risulta facile dire che quello che devi fare è: guardare il grafico, fare il punto
della situazione e, non appena l’hai determinata, essere pronto ad investire
seguendo la linea con minor resistenza. Nella pratica però bisogna tenere conto
di molte cose, la principale è che la maggior parte dei nostri nemici si trovano
proprio dentro di noi – proprio così, fanno parte della natura umana. E’ per
questa ragione che dico che un uomo che investe consapevolmente ha due forze
che lavorano in suo aiuto: una sono le condizioni base e l’altra sono gli uomini
che non investono correttamente. In un mercato toro le notizie ribassiste
vengono ignorate. Questa è la natura umana, anche se gli uomini ancora si
stupiscono quando notano questa cosa. Le persone ti diranno che la raccolta del
grano è stata pessima perché ci sono stati acquazzoni in uno o due campi e
alcuni contadini ne hanno risentito parecchio. Ma quando tutti i contadini
iniziano a riunire il raccolto nei mulini i rialzisti rimangono sorpresi della esigua
entità del danno che era stato annunciato e scoprono che sono stati proprio loro
ad aiutare i ribassisti.
Quando una persona investe nel mercato delle commodity non deve
assolutamente permettersi di trarre opinioni proprie. Deve avere una mentalità
aperta e flessibile. Non è saggio trascurare il messaggio che ci manda il grafico,
non è importante la tua opinione sull’esito del raccolto o di quanta domanda ci
potrebbe essere. Ti ricordo come ho perso una grande opportunità di guadagno
solo perché avevo cercato di anticipare il segnale iniziale. Ero così sicuro delle
condizioni generali che avevo pensato che non fosse necessario aspettare che la
linea con minore resistenza fosse definita. Avevo anche pensato di aiutare la
formazione di questa linea perché sembrava che avesse bisogno di una semplice
spintarella.
Ero rialzista nel mercato del cotone e il prezzo oscillava con un range di circa 12
centesimi; saliva e scendeva di pochi punti. Sapevo che si trovava nel mezzo di
uno di quei punti77 si vedeva chiaramente. Sapevo che avrei dovuto aspettare
ancora un po' ma avevo pensato che se gli avessi dato una piccola spinta avrebbe
sfondato il punto di resistenza.
Avevo comprato 50.000 balle di cotone, ero sicuro che si sarebbe apprezzato ed
ero quasi certo che nel momento in cui avrei smesso di comprarle la quotazione
avrebbe interrotto la sua risalita. Infatti appena avevo smesso di acquistare le
balle il prezzo aveva iniziato a riavvicinarsi al valore d’acquisto iniziale. Avevo
chiuso la posizione e il prezzo aveva interrotto la discesa. Pensavo che dopo quel
movimento la linea con minor resistenza fosse definita e avevo ripetuto
l’operazione. Ripetuta l’operazione era successa la stessa cosa. Avevo fatto salire
il prezzo solo per vedere se fosse sceso quando smettevo di comprare. Lo avevo
fatto per quattro o cinque volte e infine avevo smesso, disgustato. Queste
operazioni mi erano costate 200.000 dollari. Avevo chiuso con quei giochetti.
Poco dopo che avevo smesso di entrare ed uscire il prezzo aveva iniziato ad
aumentare e non si era più fermato. Se avessi tenuto le balle e le avessi vendute
quando la risalita era finita avrei guadagnato una fortuna – se solo non avessi
avuto tutta questa fretta.
Questa disavventura è stata vissuta talmente tante volte da talmente tanti
investitori che ho deciso di imporre questa regola: in un mercato orizzontale
dove i prezzi oscillano in un range abbastanza ristretto non ha senso cercare di
anticipare se il prossimo trend sarà rialzista o ribassista; bisogna guardare il
mercato, leggere il grafico per determinare i limiti di prezzo e convincersi
mentalmente che non farai nessuna operazione fino a che il prezzo non ha rotto
uno di questi limiti. Uno speculatore deve occuparsi di guadagnare soldi sul
mercato e non deve cercare di spingere il grafico a comportarsi come vuole lui.
Mai discutere con un grafico per sapere le ragioni o i motivi di un determinato
comportamento. Un mercato moribondo non paga.
Dopo un po' di tempo ero ad una festa con degli amici. Avevano iniziato a
parlare del grano, alcuni di loro erano rialzisti ed altri ribassisti. Alla fine mi
avevano chiesto un parere. Bene, avevo studiato quel mercato per parecchio
tempo. Sapevo che non avrebbero voluto nessuna statistica e nessuna analisi
delle condizioni così avevo detto: “Se cercate di tirare fuori un po' di soldi dal
mercato del grano posso dirvi cosa dovete fare”.
Mi avevano promesso che avrebbero seguito il mio consiglio, così dissi: “Se
volete essere sicuri di guadagnare con il grano rimanete a guardare e aspettate.
Nel momento in cui oltrepassa 1,20$ compratelo e farete dei bei guadagni”.
“Perché non comprarlo ora a 1,14$?” aveva chiesto un amico.
“Perché ancora non sono sicuro che salirà” avevo risposto.
“Allora perché lo vuoi comprare a 1,20$? Mi sembra un prezzo troppo alto”.
“Hai intenzione di scommettere alla cieca con la speranza di avere un grande
profitto o vuoi speculare intelligentemente e prendere un guadagno minore ma
più sicuro?”.
Avevano detto in coro che avevano intenzione di guadagnare di meno ma di
avere un guadagno più sicuro. Allora avevo detto: “Fate come vi ho detto, se
supera i 1,20$ compratelo”.
Come ti avevo anticipato, avevo studiato il grano per parecchio tempo. Era stato
scambiato per mesi tra gli 1,10$ e i 1,20$ senza scegliere una direzione ben
definita. Beh Signori, un giorno aveva chiuso a circa 1,19$, ero pronto. Ero
abbastanza sicuro che il giorno dopo avrebbe aperto a 1,20$. Lo avevo comprato
e aveva iniziato a salire 1,21$, 1,22$,1,23$, 1,25$ e io salivo con lui.
Non avrei potuto dirti, prima che superasse il 1,20$, quello che stava per
accadere. Non potevo darti nessuna spiegazione sul comportamento del grano
mentre oscillava nel range di 1,10$ e 1,20$. Non potevo dirti se avrebbe rotto il
limite sopra il 1,20$ o quello sotto il 1,10$ anche se sospettavo che avrebbe rotto
al rialzo perché non c’era abbastanza grano per far crollare il prezzo.
Infatti, sembra che in Europa degli investitori avevano acquistato il grano senza
dare nell’occhio mentre molti altri trader avevano venduto allo scoperto quando
il prezzo si aggirava intorno al 1,19$. Grazie all’acquisto degli Europei e ad altri
fattori la maggior parte del grano disponibile sul mercato era stata acquistata,
così finalmente il grande movimento avrebbe potuto avere inizio. Il prezzo aveva
superato il 1,20$, era tutto quello di cui avevo bisogno. Sapevo che sarebbe
salito dopo che avrebbe sorpassato il 1,20$ perché i fattori che lo spingevano
verso l’alto si erano riuniti per spingerlo oltre il limite e qualcosa sarebbe dovuta
accadere. In altre parole, oltrepassando il limite della resistenza il prezzo del
grano era stabilito.
Ricordo che era un giorno festivo e il mercato negli Stati Uniti era chiuso. A
Winnipeg78 il grano aveva aperto con un apprezzamento di sei centesimi per
bushel. Il giorno dopo quando anche il mercato degli Stati Uniti aveva aperto il
grano era aumentato di sei centesimi per bushel anche lì, il prezzo stava
semplicemente seguendo la linea con minor resistenza.
Quello che ti ho detto ti fa capire l’essenza della mia strategia di investimento
che si basa sullo studio del grafico. Ho semplicemente imparato il modo in cui,
molto probabilmente, si muovono i prezzi. Ho controllato il mio sistema di
investimento sottoponendo a vari test per determinare il momento psicologico
giusto. Ci sono riuscito guardando il modo in cui si comportano i prezzi dopo
che inizio ad investire.
E’ sorprendente il numero degli investitori esperti che mi guardano increduli
quando dico loro che, quando acquisto le azioni, mi piace pagare un prezzo alto -
e quando vendo allo scoperto, mi piace entrare quando il prezzo è basso. Non è
difficile fare soldi per un investitore che rimane fedele alle sue cartucce
speculative – funziona così: aspettate la linea con minor resistenza e una volta
che è definita acquistate solo quando il grafico dice su, oppure vendete allo
scoperto quando il grafico dice giù. Come detto precedentemente si dovrebbe
acquistare gradualmente mentre il prezzo sale lungo la linea con minor
resistenza. Bisogna investire solo un quinto delle proprie potenzialità, se questo
non genera un guadagno non bisogna incrementare perché non è un investimento
giusto, in quel momento si è dalla parte sbagliata e non c’è mai guadagno
quando si è nella direzione sbagliata. Il grafico stesso che stava dicendo “salgo”
non stava necessariamente mentendo perché magari ora sta dicendo “NON
ANCORA!”.
Avevo avuto successo per molto tempo nel mercato del cotone. Avevo la mia
teoria e gli ero molto fedele. Ipotizziamo che avevo deciso di investire un totale
di quarantamila o cinquantamila balle di cotone. Avrei studiato il grafico come ti
avevo detto per cercare un’occasione di acquisto o di vendita allo scoperto.
Ipotizziamo che la linea con minor resistenza fosse quella rialzista. Bene, avrei
comprato diecimila balle di cotone. Dopo che avevo acquistato quelle balle se il
prezzo saliva di dieci punti dal valore del mio primo acquisto ne avrei prese altre
diecimila. Poi se il prezzo aumentava di venti punti, o di un dollaro per balla,
avrei acquistato altre ventimila balle. Questo delineava la mia linea di
investimento – le mie basi di investimento. Ma se dopo che avevo acquistato le
prime diecimila o le prime ventimila balle fossi stato in perdita la mia intenzione
era quella di chiudere la transazione. O avevo fatto un investimento sbagliato o
ero momentaneamente nella direzione sbagliata. Come detto prima: iniziare male
non paga mai.
Avevo allegato un’altra regola a quella appena descritta: dovevo sempre avere
una linea di investimento su ogni oscillazione importante. Durante i vari acquisti
dilazionati per definire la mia linea mi capitava di perdere tra i 50.000$ e i
60.000$. Potrebbe sembrare un test molto dispendioso, ma non lo era. Dopo che
il trend primario era iniziato quanto tempo impiegavo a riguadagnare i 50.000$
che avevo perso per essere sicuro che stavo iniziando ad investire nel momento
giusto? Non molto! Essere nella posizione giusta al momento giusto ha sempre
pagato.
Come avevo anche detto prima questo descrive quello che potrei chiamare la mia
strategia per piazzare gli acquisti. E’ sufficiente la semplice aritmetica per
constatare che è cosa saggia investire molti soldi solo quando si ha ragione. Se
un uomo investe seguendo quanto appena descritto si troverà sempre in una
posizione profittevole ed è in grado di incassare grandi somme.
Gli investitori professionisti hanno sempre operato con strategie che si basano
sulle loro esperienze e queste sono governati dal loro atteggiamento
momentaneo verso la speculazione o dai loro desideri. Ricordo di aver incontrato
un vecchietto gentiluomo a Palm Beach di cui non ricordo il nome o forse non si
era addirittura presentato. Sapevo che aveva investito a Wall Street per anni,
anche prima della guerra civile, e qualcuno mi aveva detto che quello strambo
vecchietto era molto saggio, che aveva vissuto molte crisi e molti boom
economici e per questo diceva sempre che non c’era niente di nuovo sotto al sole
e a maggior ragione non c’era nulla di nuovo nel mercato finanziario.
Il vecchietto mi aveva fatto molte domande. Quando gli avevo descritto la mia
strategia di investimento aveva annuito e aveva detto: “Si! Si! Hai ragione. La
strategia che hai inventato e il mondo in cui ragioni fanno del tuo sistema un
ottimo sistema. Ti resta facile praticare quello che predichi perché la quantità di
soldi che investi è il minimo delle tue preoccupazioni. Mi ricordo di Pat Hearne,
hai mai sentito parlare di lui? Bene, lui era uno sportivo molto noto e aveva un
conto in banca da noi. Tipo intelligente e nervoso. Aveva guadagnato dei soldi
con il mercato azionario e delle persone gli chiedevano dei consigli. Non ne
aveva mai dato uno. Se gli chiedevano un’opinione a bruciapelo che riguardava
i loro investimenti lui aveva l’abitudine di rispondere con una usuale massima
da ippodromo: “Non si può dire fino a che non scommetti”. Investiva nel nostro
ufficio, comprava cento azioni di un’azienda e quando, o se, il prezzo saliva
dell’uno per cento ne comprava altre cento. Quando avanzava di un altro punto,
altre cento e così via. Aveva l’abitudine di dire che non investiva per far
guadagnare i soldi agli altri e quindi fissava lo stop loss a un punto sotto il
prezzo dell’ultimo acquisto. Quando il prezzo saliva lui saliva con esso e quando
il prezzo si fermava si fermava anche lui. Con un deprezzamento dell’uno per
cento chiudeva tutti gli investimenti. Diceva che non capiva il senso di perdere
soldi per più di un punto percentuale, faceva così sia quando perdeva un punto
percentuale dai profitti dei suoi investimenti che quando lo perdeva
dall’investimento iniziale.
“Sai che uno scommettitore professionista non cerca il colpo di fortuna ma
cerca i soldi sicuri. Ovviamente i colpi di fortuna sono ben accetti quando si
verificano. Nel mercato azionario Pat non cercava di prendere venti punti di
guadagno in un colpo solo ma cercava di prendere soldi sicuri nella quantità
sufficiente per vivere bene. Fra le migliaia di estranei che ho incontrato a Wall
Street Pat Hearne era l’unico che aveva visto nella speculazione un semplice
gioco di probabilità come faro79 o come la roulette, ma tuttavia aveva avuto il
buon senso di attenersi ad un metodo studiato per piazzare le scommesse.
“Dopo la morte di Hearne uno dei clienti, che aveva sempre investito con Pat
utilizzando la sua strategia, aveva guadagnato più di centomila dollari a
Lackawanna80 . Successivamente aveva investito su altre azioni perché aveva
fatto un bel guadagno e pensava di non dover più attenersi alla strategia di Pat.
Quando si era verificata una reazione, invece di limitare le sue perdite le aveva
lasciate correre come se fossero guadagni. Ovviamente perse tutto. Quando alla
fine aveva deciso di mollare ci doveva molte migliaia di dollari.
“Aveva ciondolato in giro per due o tre anni. Ricordo che ammetteva
liberamente che lui era stato un vero asino a non attenersi alla strategia di Pat.
Un giorno era venuto da me tutto eccitato e mi aveva chiesto di permettergli di
vendere allo scoperto alcune azioni nel nostro ufficio. Era un tipo abbastanza
piacevole ed era stato un buon cliente nei suoi periodi migliori e gli avevo detto
che avrei garantito personalmente cento azioni a suo conto.
“Aveva venduto cento azioni della Lake Shore. Era il periodo in cui Bill Travers
aveva martellato il mercato, il 1875. Il mio amico Roberts aveva venduto allo
scoperto le Lake Shore nello stesso identico momento di Bill Travers e aveva
iniziato a shortare come era solito fare ai vecchi tempi prima che abbandonasse
il sistema di Pat Hearne per ascoltare il consiglio degli speranzosi.
“Beh ragazzo, in quattro giorno di acquisti a piramide, il conto in banca di
Robert mostrava un profitto di 15.000 dollari. Avendo visto che non aveva
fissato uno stop loss glielo avevo fatto notare e lui mi aveva detto che il ribasso
non era ancora finito e non aveva intenzione di autoescludersi per un rialzo di
un punto. Questo accadeva in agosto. Prima della metà di settembre mi aveva
chiesto un prestito di dieci dollari per una carrozzina per la figlia – era la
quarta volta che lo faceva. Non rispettava la sua strategia. Era il problema della
maggior parte di loro,” e il vecchietto aveva scosso la testa.
Aveva ragione. A volte penso che la speculazione è una sorta innaturale di
business, perché sono convinto che lo speculatore medio si ritrova schierata
contro di lui la sua stessa natura. Le debolezze alle quali tutti gli uomini sono
inclini sono fatali per il successo nella speculazione – di solito proprio quelle
debolezze che lo rendono simpatico ai suoi compagni o lo proteggono contro le
avversità degli altri tipi di business non sono tanto pericolose quanto lo sono nel
mercato azionario o nelle commodity.
Il capo dei nemici di uno speculatore è sempre la noia. La speranza e la paura
sono elementi radicati nella natura umana. Nella speculazione quando il mercato
ti va contro speri che ogni giorno sia l’ultimo poi perdi più di quanto avresti
perso se non avessi ascoltato la speranza. Quando il mercato segue la tua stessa
direzione inizi a preoccuparti che il giorno dopo potresti perdere tutto il tuo
profitto e vendi troppo presto. La paura ti impedisce di guadagnare quanto
dovresti. Un investitore di successo deve combattere questi due istinti radicati.
Deve fare il contrario di quello che chiami impulso naturale. Invece di sperare
deve avere paura; invece di essere preoccupato deve essere speranzoso. Deve
avere paura che la sua perdita potrebbe diventare una perdita ancora maggiore e
sperare che il suo profitto diventi un profitto maggiore. E’ assolutamente
sbagliato investire nelle azioni provando le emozioni che prova l’investitore
medio.
Sono stato nel giro delle speculazioni sin da quando avevo quattordici anni, è
quello che ho sempre fatto. Penso di sapere di cosa sto parlando. La conclusione
che ho raggiunto dopo circa trent’anni di investimenti costanti, sia che avevo
pochi soldi sia che ero milionario, è questa: un uomo può battere un titolo in un
determinato momento ma nessun essere vivente può battere il mercato! Un uomo
può guadagnare da un investimento singolo nel cotone o nel grano, ma nessuno
può battere il mercato del cotone o il mercato del grano. E’ come negli
ippodromi. Un uomo può vincere una singola corsa ma non può vincere tutte le
corse dei cavalli.
Se conoscessi il modo di fare queste affermazione in maniera più enfatica o forte
lo avrei certamente fatto. Non fa nessuna differenza se qualcuno dice il
contrario. So che ho ragione nell’affermare queste dichiarazioni
incontrovertibili.
CHAPTER XI

Ora tornerò indietro all’Ottobre del 1907. Avevo comprato uno yacht e avevo
fatto tutti i preparativi per lasciare New York e per andare a fare una crociera
nelle acque del sud. Sono pazzo per la pesca e quello era il momento in cui
avevo deciso che sarei andato a pescare per appagare il cuore, sul mio yacht
personale. Potevo andare ovunque avrei voluto, ogni volta che ne avrei avuto
voglia; era tutto pronto. Avevo fatto un bel colpo sul mercato ma all’ultimo
momento il mais mi aveva trattenuto a New York.
Devo spiegarti che prima del panico monetario che mi aveva permesso di
raggiungere il mio primo milione avevo investito a Chicago sul grano. Avevo
venduto allo scoperto dieci milioni di bushel81 di grano e dieci milioni di bushel
di mais. Avevo studiato il mercato di queste commodity per molto tempo ed ero
corto sia sul mais che sul grano, così come lo ero sul mercato azionario.
Bene, entrambe avevano iniziato a deprezzarsi; ma mentre il prezzo del grano
continuava a scendere il più grande investitore di Chicago – lo chiamerò Stratton
– si era messo in testa di monopolizzare il mais. Dopo aver coperto tutte le mie
posizioni corte nel mercato azionario ero quasi pronto per imbarcarmi nel mio
yacht ma avevo notato che il grano mi stava dando buon profitto mentre la
quotazione del mais era salita a causa di Stratton e stavo subendo una perdita
cospicua.
Sapevo che nel paese c’era più mais rispetto a quanto indicava il prezzo. La
legge della domanda e dell’offerta è sempre valida. Principalmente la domanda
proveniva da Stratton e l’offerta non soddisfaceva affatto la richiesta perché
c’erano delle grosse difficoltà nel trasporto del mais. Ricordo che avevo pregato
per una forte ondata di freddo che avrebbe congelato le strade impraticabili,
rendendole praticabili, in modo tale che avrebbero permesso ai coltivatori di
portare il loro mais al mercato. Non ero stato fortunato.
Ero lì in attesa di partire per la mia gioiosa vacanza di pesca ma la perdita che
stavo subendo con il mais mi stava trattenendo. Non potevo partire a causa del
mercato. Ovviamente Stratton aveva analizzato attentamente le vendite allo
scoperto. Sapeva di avermi in pugno e io sapevo come aveva fatto per tenermi in
pugno. Ma, come dicevo, stavo cercando di convincere il meteo ad impegnarsi
per darmi una mano. Dopo un po' avevo capito che né il meteo né nessun
taumaturgo82 prestavano attenzione alle mie richieste così avevo iniziato a
studiare un metodo per risolvere da solo questa situazione difficile.
Avevo coperto la mia posizione corta sul grano con un buon profitto ma il
problema con il mais era infinitamente più difficile. Se avessi potuto coprire i
miei dieci milioni di bushel di mais al prezzo attuale avrei istantaneamente avuto
il piacere di farlo, anche se avrei subito una grossa perdita. Ma nel momento in
cui avrei iniziato a coprire la mia posizione, Stratton mi avrebbe spremuto come
un agrume e a me non piaceva far salire il prezzo perché mi sarei tagliato la gola
da solo con il mio coltello.
Per quanto fosse forte il mais il mio desiderio di andare a pescare era ancora più
forte. Era mio compito il dover trovare una via d’uscita immediata. Dovevo fare
una ritirata strategica. Dovevo coprire i dieci milioni di bushel che avevo
venduto allo scoperto e dovevo cercare di limitare al minimo, per quanto mi era
possibile, la perdita.
Il caso aveva voluto che Stratton allo stesso tempo stava operando anche
sull’avena e la commodity si stava comportando abbastanza bene. Avevo tenuto
traccia di tutto quello che riguardava il grano, dalla raccolta alle notizie che
giravano e avevo sentito che Armour83 aveva dei forti interessi che non erano
amichevoli, finanziariamente parlando, con Stratton. Sapevo che Stratton mi
avrebbe lasciato il mais di cui avevo bisogno solo al prezzo che voleva lui ma,
dal momento in cui avevo sentito delle dicerie riguardo ad Armour che era
contro Stratton, mi era venuto in mente che avrei potuto chiedere aiuto agli
investitori di Chicago. L’unico modo in cui mi potevano aiutare era il vendermi
il mais che Stratton non mi lasciava, il resto era facile.
Per iniziare avevo inviato l’ordine di acquistare 500.000 bushel di mais ogni
volta che il prezzo scendeva di 0,12584 .
Dopo aver effettuato questi ordini avevo chiesto contemporaneamente a quattro
uffici di vendere allo scoperto 50.000 bushel di avena che, secondo i miei
calcoli, avrebbero dovuto causare una notevole discesa al prezzo. Sapendo come
ragionano gli investitori avevo il presentimento che loro avrebbero
istantaneamente pensato che Armour stava sparando contro Stratton. Vedendo
questo attacco contro l’avena avrebbero pensato che il prossimo attacco era
destinato al mais e avrebbero iniziato a venderlo. Se questo stratagemma avesse
funzionato i vantaggi sarebbero stati fantastici.
La mia supposizione sulla psicologia degli investitori di Chicago era
assolutamente corretta. Quando avevano visto che l’avena era scesa di molti
punti a causa della vendita allo scoperto di vari uffici iniziarono prontamente a
vendere il mais e lo fecero con grande entusiasmo. Ero stato in grado di ricoprire
6 milioni di bushel di mais nei dieci minuti successivi. Nel momento in cui
avevo visto che avevano smesso di vendere il mais avevo semplicemente
comprato i 4 milioni di bushel di mais rimanenti. Questo fece salire nuovamente
il prezzo, ma il risultato al netto della mia manovra era che avevo coperto
interamente la mia posizione corta di 10.000.000 di bushel di mais con un prezzo
più alto di solo mezzo centesimo rispetto al prezzo a cui avevo venduto allo
scoperto. I duecentomila bushel di avena che avevo venduto allo scoperto per far
vendere agli investitori il mais li avevo ricoperti con una perdita di soli 3.000
dollari. Era stata un esca a buon mercato. I guadagni che avevo fatto con il grano
compensavano quasi totalmente le perdite del mais; al netto la mia perdita reale
era di soli 25.000 dollari. Successivamente il mais salì di venticinque centesimi
per bushel. Stratton mi aveva in pugno, se avessi cercato di coprire i miei dieci
milioni di bushel di mais senza fare il giochino che avevo fatto avrei perso
moltissimi soldi.
Un uomo non può passare anni negli investimenti senza riuscire ad acquisire un
atteggiamento, verso di essi, del tutto diverso da quello di un principiante
qualsiasi. La differenza tra un professionista e un principiante è il modo in cui un
uomo guarda ai guadagni o alle perdite che ha incontrato nel suo cammino. Le
persone hanno un punto di vista da dilettanti verso il loro modo d’agire. L’ego si
impone troppo e il pensiero non riesce ad essere sufficientemente lucido.
L’interesse del professionista è rivolto verso il fare la cosa giusta piuttosto che al
guadagnare soldi, sapendo che i guadagni si prendono cura di se stessi se le altre
cose lo assistono. Un investitore deve giocare le partite come fa un giocatore
professionista di biliardo – deve guardare oltre, invece di considerare il singolo
tiro che sta per fare deve pensare anche alla posizione che la pallina assumerà
dopo il tiro.
Ricordo di aver sentito una storia su Addison Cammack che spiega molto bene il
concetto che vorrei spiegarti. Da quello che ho sentito dire penso che Cammack
è stato uno dei migliori operatori di borsa di sempre. Non era un ribassista
cronico come molti credevano ma era molto attratto dall’essere ribassista,
sfruttava in suo favore i due fattori più importanti delle persone: la speranza e la
paura. Si dice che abbia coniato questo avvertimento: “Non vendere allo
scoperto quando la linfa scorre sugli alberi!”. I più anziani mi avevano detto che
il suo maggior guadagno era derivato dall’essere rialzista, questo spiega che non
investiva seguendo i suoi pregiudizi ma basandosi sulle condizioni generali del
mercato. Era un perfetto operatore di borsa. Sembra che una volta avesse messo
al mercato rialzista una bandierina con scritto “fine”. Cammack era ribassista e J.
Arthur Joseph, scrittore di articoli finanziari, lo sapeva. Il mercato, tuttavia, non
era solo forte ma stava ancora salendo grazie alla spinta dei principali rialzisti e
alle notizie ottimiste dei giornali. Joseph sapeva di cosa era capace Cammack
per far diventare il mercato ribassista, così un giorno irruppe nel suo ufficio con
buone notizie.
“Mr. Cammack, ho un caro amico che fa l’impiegato e che è stato appena
trasferito all’ufficio di St. Paul, che mi ha appena detto qualcosa che penso tu
debba sapere”.
“Cosa ti ha detto?” Chiese Cammack svogliatamente.
“Sei ribassista giusto?” Chiese Joseph per esserne sicuro. Se Cammack non fosse
interessato alla notizia Joseph non avrebbe sprecato munizioni preziose.
“Si, qual è la bellissima notizia?” Chiese Cammack.
“Sono andato dalle parti dell’ufficio di St. Paul oggi, come faccio sempre per
raccogliere informazioni due/tre volte a settimana, e il mio caro amico mi ha
detto: ‘Il Vecchio sta vendendo azioni’”. Con il Vecchio alludeva a William
Rockefeller. Gli chiese: “Veramente Jimmy?”
Joseph rispose: “Si, sta vendendo 1.500 azioni ogni volta che il titolo sale di
0,375$. Ormai sono due o tre giorni che fa questo”. Riprese Joseph: “Non ho
perso altro tempo e mi sono precipitato da te per dirtelo”.
Cammack non era facilmente emozionabile, inoltre era così avvezzo nel ricevere
ogni tipo di persona che irrompeva follemente nel suo ufficio con ogni tipo di
notizia, diceria, consiglio e bugia che era diventato molto diffidente.
Disse semplicemente: “Sei sicuro che quello che hai sentito è vero, Joseph?”.
“Sono sicuro? Certo che lo sono! Credi che sia sordo?” Disse Joseph.
“Sei sicuro del tuo uomo?” Disse Cammack.
“Assolutamente si! Lo conosco da anni e non mi ha mai mentito. Non lo farebbe
mai! So che è super affidabile e io stesso in passato ho scommesso la mia vita su
quello che mi aveva detto. Lo conosco meglio di chiunque altro al mondo, molto
meglio di quanto ti sembra di conoscere me dopo tutti questi anni”.
“Sicuro di lui eh?” e Cammack guardò nuovamente Joseph. Dopo disse: “Bene”.
Chiamò W.B. Wheeler85 , il suo broker. Joseph si aspettava che Cammack
dicesse al broker di vendere allo scoperto almeno 50.000 azioni della St. Paul.
William Rockefeller stava scaricando tutte le azioni che possedeva della St.Paul
approfittando della forza del mercato. Era irrilevante se si trattava di un
investimento o di speculazione; la cosa più importante era che il miglior
investitore della Standard Oil stava vendendo tutte le azioni della St.Paul che
possedeva. Che cosa dovrebbe fare un uomo che viene a sapere questa notizia da
una fonte certa? Non c’è bisogno di chiederlo.
Cammack però, il miglior investitore al ribasso dei suoi tempi, che era ribassista
sul mercato, in quel momento, disse al suo broker: “Billy vai e compra 1.500
azioni della St. Paul ogni volta che sale di 0,375$”. Il titolo si aggirava intorno ai
novanta dollari per azione.
Intervenne subito Joseph: “Non intendi dire vendere allo scoperto?”. Non era un
novellino a Wall Street ma stava ragionando dal punto di vista di un giornalista e
quindi, casualmente, come qualsiasi altra persona. Il prezzo sarebbe dovuto
sicuramente scendere a causa della notizia della vendita di azioni di un socio e a
maggior ragione quando si viene a sapere che il socio è William Rockefeller. La
Standard Oil stava uscendo dalla St.Paul e Cammack stava comprando! Era
incredibile.
“No, intendo comprare!” Disse Cammack.
“Non credi a quello che ti ho detto?” Rispose Joseph.
“Si!” Disse Cammack.
“Non credi alla mia informazione?” Controbatté Joseph.
“Si!” Disse Cammack.
“Non sei ribassista?” Disse Joseph.
“Si!” Disse Cammack.
“E allora?” disse Joseph sbalordito.
“E’ per questo motivo che sto acquistando” disse Cammack: “Ora ascoltami,
rimani in contatto con il tuo affidabile amico e appena Rockefeller smette di
vendere, informami all’istante! Capito?”.
“Si” disse Joseph e se ne andò non capendo il motivo per cui Cammack stava
comprando le azioni di William Rockefeller.
Era la consapevolezza che Cammack era ribassista che faceva diventare questa
manovra di difficile interpretazione. Tuttavia Joseph aveva incontrato il suo
amico e gli aveva detto di informarlo quando Rockefeller avrebbe smesso di
vendere le azioni. Joseph chiamava regolarmente il suo amico per due volte al
giorno per aggiornamenti.
Un giorno l’amico aveva telefonato a Joseph dicendo: “Non ci sono più vendite
da parte del Vecchio”. Joseph ringraziò l’amico per l’informazione e iniziò a
correre verso l’ufficio di Cammack.
Cammack ascoltò attentamente, si voltò verso il broker e chiese: “Billy quante
St.Paul abbiamo?” L’impiegato controllò e disse che avevano accumulato circa
60.000 azioni. Cammack era ribassista sulle altre Grangers86 e anche in altri
titoli. Anche se aveva acquistato le St.Paul, in quel momento stava tenendo una
linea ribassista molto accentuata. Ordinò prontamente al broker di vendere le
60.000 azioni della St.Paul che possedeva. Aveva utilizzato le 60.000 azioni
della St.Paul come leva per far crollare tutto il mercato a beneficio della sua
posizione ribassista.
Le St.Paul finirono il loro movimento al raggiungimento dei quarantaquattro
dollari e Cammack guadagnò una fortuna. Aveva giocato le sue carte con grande
abilità e ne aveva ricavato un bel guadagno. Il fattore che vorrei sottolineare è il
suo atteggiamento verso gli investimenti. Non aveva dovuto pensarci. Aveva
visto sin da subito quello che era più importante per lui e non aveva ragionato
sul profitto di una singola azione. Aveva visto che non solo gli era stata
provvidenzialmente offerta l’opportunità di iniziare a vendere allo scoperto al
momento giusto, ma gli era stata data la possibilità di essere l’autore di una bella
spinta al ribasso. Dopo la soffiata sulle St.Paul aveva iniziato a comprare invece
di vendere allo scoperto perché aveva visto sin da subito che l’acquisto gli
avrebbe dato molte più munizioni da sparare nella sua campagna ribassista.
Torniamo a me. Dopo che avevo chiuso i miei investimenti nel grano e nel mais
ero andato nelle acque del sud con il mio yacht. Navigavo sulle acque del
Florida, me la passavo bene. La pesca andava alla grande e tutto era fantastico.
Non avevo nessuna preoccupazione e non avevo intenzione di cercarmele.
Un giorno ero sceso sulla terra ferma a Palm Beach. Avevo incontrato molti
amici investitori che stavano parlando tutti del più pittoresco speculatore del
cotone del giorno. Da New York era arrivata la notizia che Percy Thomas aveva
perso tutto. La notizia non era arrivata da una dichiarazione di bancarotta ma
erano delle semplici voci a riguardo del più famoso operatore del mercato del
cotone.
Avevo sempre avuto una grande ammirazione verso Percy. La prima volta che
avevo sentito parlare di lui era sui giornali quando era fallito l’ufficio di borsa
Sheldon & Thomas, quando Thomas aveva provato a prendere il controllo del
cotone. Sheldon, che non aveva la visione e il coraggio del suo partner, aveva
avuto paura e si era ritirato proprio sull’orlo del successo; o almeno le voci
dicevano così al tempo. In poche parole invece di fare un mucchio di soldi
avevano fatto il più sensazionale fallimento dell’anno; ho dimenticato di quanti
milioni si parlava. L’ufficio era stato liquidato e Thomas era tornato a lavorare
da solo. Si era dedicato esclusivamente al cotone e non aveva impiegato molto
tempo per tornare in carreggiata. Aveva ripagato i creditori con tanto di interessi
– non erano debiti che era legalmente obbligato a saldare e ciò nonostante aveva
ancora un milione di dollari per se. Il suo ritorno nel mercato del cotone era
stato, a suo modo, eccezionale come quando Deacon S.V. White aveva
guadagnato un milione di dollari in un anno. Il coraggio e l’intelligenza di
Thomas mi avevano portato ad ammirarlo molto.
Tutti a Palm Beach stavano parlando del fallimento di Thomas nel cotone. Sai
quanto si ingigantiscono le storie; quanta esagerazione e disinformazione e
perfezionamenti hai sentito. Avevo sentito una voce su di me che era stata
esagerata così tanto che l’uomo che se l’era inventata non la riconobbe quando
l’aveva risentita ventiquattro ore dopo, era gonfia di cose nuove e di dettagli
pittoreschi.
La notizia dell’ultima disavventura di Percy Thomas mi aveva distolto il
pensiero dalla pesca e mi aveva fatto tornare a pensare al mercato del cotone.
Avevo iniziato a leggere dei documenti commerciali per definire le condizioni
generali. Quando ero tornato a New York avevo subito iniziato a studiare il
mercato. Erano tutti ribassisti e tutti stavano vendendo il cotone. Sai come sono
fatte le persone. Suppongo che sia l’istinto di emulazione che fa fare ad un uomo
una cosa perché tutti intorno a lui la stanno facendo. Forse è una fase dell’istinto
del gregge. In ogni caso, secondo l’opinione di centinaia di trader, la cosa saggia
e giusta da fare era vendere il cotone. E ne erano certi! Non puoi dire che questa
vendita di massa era una cosa “spericolata” perché sminuiresti la cosa. Gli
investitori guardavano solo ad un lato del mercato, ai gran profitti. Erano certi
che il prezzo sarebbe collassato.
Ovviamente avevo notato tutte queste cose, mi aveva colpito il fatto che gli
investitori che erano corti non avevano tempo di ricoprirsi. Più studiavo la
situazione più mi diventava chiaro il concetto e infine avevo deciso di comprare
il cotone. Tornato in ufficio avevo subito acquistato centomila balle di cotone.
Non avevo riscontrato problemi per acquistarle perché c’erano molte persone
che le vendevano. Avrei potuto offrire una taglia di un milione di dollari sulla
testa di un singolo trader che non stava vendendo il cotone, nessuno l’avrebbe
rivendicata.
Questo accadeva nella seconda metà di Maggio. Avevo continuato ad acquistarle
e loro avevano continuato a vendermele fino a che non avevo comprato tutti i
contratti aperti per un totale di 120.000 balle. Dopo un paio di giorni che avevo
acquistato l’ultimo contratto il cotone aveva iniziato a salire. Una volta avviato
al rialzo il mercato era stato così gentile da continuare a salire – saliva di circa
quaranta o cinquanta punti al giorno.
Un sabato, circa dieci giorni dopo che avevo iniziato questa operazione, il prezzo
aveva iniziato a salire. Non sapevo se c’era ancora cotone in vendita sul mercato.
Stava a me scoprirlo così aspettai fino agli ultimi dieci minuti di apertura della
borsa. Poco prima della chiusura sapevo che gli investitori avevano l’abitudine
di vendere allo scoperto, e se il mercato avesse chiuso la giornata in positivo li
avrei presi all’amo. Mandai sul mercato quattro differenti ordini di acquisto,
contemporaneamente, ognuno di 5.000 balle. Questa manovra fece salire il
prezzo di trenta punti e i corti iniziarono a fare del loro meglio per divincolarsi.
Il mercato aveva chiuso con il prezzo ai massimi del giorno. Avevo comprato le
ultime ventimila balle.
Il giorno dopo era Domenica ma il lunedì Liverpool avrebbe dovuto aprire con
un apprezzamento di venti punti per pareggiare con il rialzo di New York.
Quando aveva aperto però era salito di cinquanta punti. Questo significava che
Liverpool aveva oltrepassato il rialzo di New York di oltre il cento per cento.
Non dovevo più fare nulla. Questo mi aveva dimostrato che la mia deduzione era
stata corretta e che avevo comprato lungo la linea che aveva minore resistenza.
Allo stesso tempo però non avevo perso di vista il fatto che avevo investito una
grande somma di denaro per questa operazione. Il mercato può avere un rialzo
brusco o salire gradualmente senza avere la forza necessaria per assorbire più di
una certa quantità di vendite.
Di certo le linee telegrafiche di Liverpool avevano reso il nostro mercato
deserto. Avevo notato però che più aumentava il prezzo del cotone più la sua
disponibilità sul mercato diminuiva. Non stavo vendendo neanche una balla in
mio possesso. Sebbene quel Lunedì non era molto gioioso per i ribassisti non
avevo rilevato nessun segnale che avrebbe potuto impedire un ulteriore ribasso,
non c’era l’inizio di una ricopertura di massa e io avevo 140.000 balle di cotone
da piazzare sul mercato.
Il Martedì mattina mentre mi stavo dirigendo verso il mio ufficio incontrai un
amico all’ingresso dello stabile.
“Questa è la notizia del giorno, in tutto il mondo!” Disse con un sorriso.
“Quale notizia?” Gli chiesi.
“Cosa? Vorresti dirmi che non l’hai letta?” Rispose il mio amico.
“Non ho mai visto il mondo” dissi. “Qual è questa notizia?”.
“La notizia parla di te! Dice che tu hai monopolizzato il cotone” disse il mio
amico.
“Non l’ho vista” gli dissi mentre me ne andavo. Non so se mi aveva creduto o
no; probabilmente pensava che ero un irriverente per il fatto che non gli avevo
detto se la storia era vera o no.
Una volta entrato nell’ufficio avevo tirato fuori una copia del giornale, ero
abbastanza sicuro che il titolo scritto a lettere cubitali in prima pagina era:

IL COTONE MONOPOLIZZATO DA LARRY LIVERMORE87

Naturalmente sapevo sin da subito che l’articolo avrebbe fatto indiavolare il
mercato. Se avessi studiato a fondo il metodo migliore per rivendere sul mercato
le mie cento quarantamila balle non sarei riuscito a escogitare un piano migliore
di questo articolo di giornale. In quel momento stavano leggendo la notizia in
tutti gli Stati Uniti e anche in tutto il resto del mondo. Era stato inoltrato anche in
Europa e questo era evidente dal comportamento del prezzo a Liverpool. Il
mercato del cotone era semplicemente scatenato. Non c’era da meravigliarsi, con
questa notizia!
Sapevo come si sarebbe comportata New York e sapevo cosa avrei dovuto fare.
Il mercato aveva aperto alle 10:00 e alle 10:10 non possedevo più neanche una
balla di cotone. Avevo venduto tutte le cento quarantamila balle. Le avevo
vendute quasi tutte al prezzo più alto del giorno. Gli investitori avevano lavorato
per me. Avevo bisogno di un aiuto dal cielo per avere l’opportunità di liberarmi
del cotone, questo aiuto era arrivato e l’avevo colto al volo; non potevo farne a
meno. Cos’altro avrei potuto fare?
Il problema che mi si sarebbe presentato sarebbe stato molto difficile da
risolvere ma un “incidente” lo aveva risolto per me. Se non fosse stato
pubblicato l’articolo in tutto il mondo non sarei mai stato in grado di chiudere la
mia posizione senza sacrificare una buona porzione dei miei profitti. Vendere
cento quarantamila balle di cotone senza far ribassare il prezzo era una manovra
che andava oltre le mie potenzialità. Fortunatamente la “notizia del giorno”
aveva risolto il problema egregiamente.
Perché hanno deciso di pubblicare quell’articolo non lo so e non lo sono mai
venuto a sapere. Credo che un giornalista aveva ricevuto una soffiata da qualche
mio amico e quindi pensava di pubblicare uno scoop. Non sono mai venuto a
sapere chi aveva sparso la notizia. Non sapevo nulla di questo articolo fino alle
9:00 del giorno in cui è stato pubblicato; e se il mio amico non mi avesse fatto
prestare attenzione alla notizia del giorno me ne sarei accorto anche più tardi.
Senza questo articolo non avrei avuto un mercato così dinamico per poter
vendere tutte le balle che possedevo. Questo è uno dei problemi del trading su
larga scala. Non puoi sgattaiolare fuori come se fossi in un casello autostradale.
Non puoi sempre vendere tutto quello che possiedi quando vorresti o quando lo
ritieni saggio. Devi vendere tutto quando puoi; quando il mercato è in grado di
assorbire il tuo portafoglio intero. Se non cogli l’opportunità per uscire che ti si
presenta ti potrebbe costare milioni. Non puoi esitare. Se esiti perdi. Non puoi
fare acrobazie come l’alzare il prezzo per scacciare gli orsi perché potresti
ridurre la capacità di assorbimento del mercato. Inoltre voglio dirti che capire
quando si presenta l’occasione non è così facile come sembra. Bisogna essere
sempre all’erta e quando l’occasione si presenta alla porta devi afferrarla al
volo.
Naturalmente non tutti erano a conoscenza del mio fortunato incidente. A Wall
Street e in qualsiasi altro posto ogni incidente che fa guadagnare parecchi soldi
ad un uomo è visto sempre con diffidenza. Ma quando un incidente ti fa perdere
soldi non è mai considerato tale ma il risultato logico della tua superficialità o
della tua eccessiva sicurezza. Quando di mezzo c’è un profitto però ti dicono che
hai guadagnato una fortuna e parlano di quanto sia profittevole la
spregiudicatezza e maledicono il conservativismo e la decenza.
Non è solo la mente diabolica dei ribassisti, che soffrono le pene causate dalla
loro sconsideratezza, che mi accusano di aver deliberatamente pianificato il
colpo ma anche le altre persone pensano la stessa cosa.
Un giorno o due dopo la vicenda avevo incontrato uno dei migliori investitori
del mondo del mercato del cotone e mi aveva detto: “Questa è di certo la
manovra più astuta che potevi fare, Livermore. Mi stavo chiedendo quanti soldi
avresti perso dopo che avevi scelto di percorrere quella linea d’investimento. Sai
che nel mercato del cotone non puoi vendere più di 50.000 o 60.000 balle perché
abbasseresti di troppi punti il prezzo, ma il modo in cui hai venduto tutte le balle
che possedevi senza perdere il tuo profitto sulla carta inizia ad interessarmi. Non
avevo pensato a questo piano che si è dimostrato molto astuto”.
“Io non c’entro nulla con la pubblicazione dell’articolo”. Glielo avevo garantito
con la mia migliore sincerità.
Ma lui mi ripeté: “Molto astuto, amico mio. Molto astuto! Non essere così
modesto!”.
E’ dopo questo fatto che alcuni giornali mi avevano eletto come “Il Re del
Cotone”. Ma come ti dicevo non avevo il diritto di indossare quella corona. Non
c’è bisogno di dirti che non ci sono soldi a sufficienza in tutti gli Stati Uniti per
comprare la prima pagina del “New York World88 ” e non esiste nessun tipo di
raccomandazione che ti permette di pubblicare una notizia come quella. Mi era
stata attribuita una reputazione immeritata in quel momento.
Non ti ho raccontato questa storia per moralizzare il fatto che le corone a volte
vengono messe di forza sulla testa di investitori immeritevoli o per enfatizzare il
bisogno di cogliere l’occasione, non importa quando o come questo si verifica. Il
mio semplice obiettivo era spiegare come avevo guadagnato una grande
notorietà sui quotidiani grazie all’investimento sul cotone. Se non fosse stato per
i quotidiani non avrei mai incontrato questo uomo eccezionale, Percy Thomas.
CHAPTER XII

Non molto tempo dopo che avevo chiuso la mia transazione sul cotone, con più
successo di quanto mi aspettassi, avevo ricevuto per posta una richiesta per un
colloquio. La lettera era firmata da Percy Thomas89 . Avevo risposto
immediatamente che avrei avuto il piacere di incontrarlo nel mio ufficio in
qualsiasi momento, era sufficiente che mi avrebbe avvertito in anticipo. Il giorno
dopo venne a trovarmi.
Lo avevo ammirato per molto tempo. Il suo nome era sulla bocca di tutti gli
uomini che erano interessati alla crescita, all’acquisto o alla vendita del cotone.
In Europa, così come in tutto il paese le persone attribuiscono le opinioni di
Percy Thomas a me. Ricordo che una volta in un resort svizzero stavo parlando
con un banchiere di El Cairo, era in società con Sir Ernest Cassel90 , ed entrambe
erano interessati alla crescita del cotone in Egitto. Quando aveva sentito dire che
provenivo da New York mi aveva domandato immediatamente di Percy Thomas,
di cui aveva ricevuto e letto le relazioni di mercato con regolarità immancabile.
Avevo sempre pensato che Thomas investiva basandosi su una strategia
scientifica. Era uno speculatore vero, un pensatore con la visione di un sognatore
e il coraggio di un combattente – un insolito uomo ben informato che conosceva
sia la teoria che la pratica degli investimenti sul cotone. Amava ascoltare ed
esprimere le idee e le teorie astratte, allo stesso tempo però riusciva a curare il
lato pratico del mercato del cotone e la psicologia degli investitori che non
conosceva, perché aveva investito per anni e aveva sia guadagnato che perso
grosse somme di denaro.
Dopo che lo “Sheldon & Thomas”, il suo ufficio di borsa, era fallito era tornato
ad investire da solo. In due anni era tornato ai vertici in modo quasi spettacolare.
Ricordo di aver letto nel Sun91 che la prima cosa che aveva fatto quando era
riuscito a rimettersi in pista era stato il saldare tutti i debiti che aveva con i suoi
creditori e la seconda cosa era stata l’assunzione di un esperto per determinare
qual era il miglior modo per investire un milione di dollari. Questo esperto aveva
esaminato molte aziende e infine gli aveva consigliato di acquistare le azioni
della “Delaware & Hudson”.
Dopo aver fallito con milioni di dollari di debito ed essere ritornato in pista con
altrettanti milioni Thomas aveva perso tutto nuovamente, proprio come gli era
capitato in passato con il cotone. Dopo poco tempo era venuto a trovarmi. Mi
aveva proposto di formare un’alleanza: qualsiasi informazione avesse ricevuto
sarebbe passata da me prima di essere stata resa pubblica. Il mio compito era
continuare ad investire come ora perché per quel che diceva avevo una capacità
speciale di investire che lui non aveva.
Questa proposta non era allettante per me per varie ragioni; gli dissi francamente
che non potevo stare con il piede in due staffe e non avevo intenzione di
imparare a farlo. Lui insistette che saremmo stati un’accoppiata ideale fino a che
gli dissi categoricamente che non volevo assolutamente essere influenzato da
altre persone.
“Mentirei a me stesso” gli dissi. “Soffro da solo e pago il conto subito. Non
saltano fuori pagamenti sospetti o seccature inaspettate, faccio un gioco solitario
anche perché è il modo più semplice ed economico per investire. Mi piace
confrontare il mio cervello con quello degli investitori che non ho mai visto o
con la quale non ho mai parlato e a cui non ho mai consigliato di comprare o
vendere e di cui non mi aspetto di incontrare mai. Quanto guadagno lo faccio
grazie alle mie opinioni. Le mie opinioni non sono in vendita. Se guadagnassi
soldi in un qualsiasi altro modo sarebbe come se non li avessi guadagnati. La tua
proposta non mi interessa perché sono interessato soltanto agli investimenti nel
modo in cui li vedo io; gioco per me stesso e nel mio modo”.
Disse che gli dispiaceva per la scelta che avevo fatto e aveva provato a
convincermi che la decisione che avevo preso era sbagliata ma io rimasi fermo
sui miei passi. Il resto della chiacchierata fu piacevole. Gli dissi che sapevo che
sarebbe ritornato in pista e che, se me lo avesse permesso, consideravo un
privilegio il poterlo aiutare finanziariamente. Mi rispose che non avrebbe
accettato nessun prestito da me. Successivamente mi chiese della mia operazione
sul cotone e gli raccontai tutto; perché lo avevo acquistato, quanto ne avevo
acquistato, a quale prezzo lo avevo comprato e tutti gli altri dettagli. Parlammo
ancora per un po’ e poi se ne andò.
Qualche tempo fa ti avevo detto che uno speculatore ha una miriade di nemici,
molti di questi nemici operano con successo dentro di noi, e io tenevo a mente la
mia moltitudini di errori. Ho imparato che un uomo può avere una mente
brillante e l’abitudine di pensare con il proprio cervello ma al contempo può
essere vulnerabile agli attacchi di alcune personalità persuasive. Sono quasi
immune agli errori più comuni del mondo degli investimenti; che sia la paura,
l’avidità o la speranza. Ma essendo un uomo comune trovo che posso sbagliare
con grande facilità.
Sarei dovuto stare in guardia in questo momento in particolare perché poco
prima avevo avuto un’esperienza che provava quanto facilmente un uomo può
essere convinto a fare qualcosa contro la sua volontà e contro le proprie
convinzioni. Una cosa simile era accaduta nell’ufficio di Harding dove avevo
una sorta di ufficio privato - una stanza che il direttore mi permetteva di
occupare dove si supponeva che nessuno potesse entrare, senza il mio consenso,
quando il mercato era aperto. Non volevo avere seccature e, dato che investivo
su larga scala e il mio conto era molto profittevole, Harding lo faceva custodire
bene.
Un giorno appena il mercato aveva chiuso avevo sentito qualcuno dire: “Buon
pomeriggio, Mr. Livermore”.
Mi ero voltato e difronte a me c’era uno sconosciuto – un tizio che aveva circa
30/35 anni. Non riuscivo a capire come fosse entrato ma era proprio di fronte a
me. Gli avevo lanciato appena un'occhiata e disse subito: “Sono venuto ad
incontrarla per proporle Sir Walter Scott”.
Era un venditore di libri. Non è che avesse dei modi particolarmente piacevoli o
era abile nel parlare. Non era neanche un bell’uomo ma di certo aveva una
grande personalità. Aveva parlato per un po’ e io penso di aver ascoltato ma non
aveva la minima idea di che cosa avesse detto. Non credo di averlo mai saputo,
neanche in quel momento. Quando aveva finito il suo monologo mi aveva
consegnato come prima cosa una penna stilografica e dopo un modulo vuoto,
che ho firmato. Era un contratto di 500 dollari per ricevere un set di libri di
Walter Scott92 .
Nel momento in cui avevo firmato avevo riacceso il cervello ma ormai il
contratto era al sicuro nella sua valigetta. Non volevo quei libri, non avevo posto
dove metterli. Non mi erano di alcuna utilità e non sapevo a chi regalarli. Eppure
avevo accettato di acquistarli per 500 dollari.
Ero così abituato a perdere soldi che non avevo mai pensato, prima di ora, a
questa mia lacuna. L'avevo sviluppata a causa degli investimenti. Desidero
conoscere le mie limitazioni e le mie abitudini di pensiero. Questo è uno dei
motivi per cui non voglio fare gli stessi errori per due volte. Un uomo può
perdonare i suoi errori solo se riesce a trarne un profitto.
Avevo fatto un errore da 500 dollari ma non avevo capito per quale motivo.
Avevo iniziato a studiare quest’individuo per cercare di ricavare qualche
informazione, era come se lo vedessi per la prima volta. Aveva stampato in
faccia un sorrisetto, sembrava che riusciva a leggere i miei pensieri. In qualche
modo sapevo che non dovevo spiegargli nulla, già sapeva cosa pensavo ancora
prima che parlassi. Così avevo deciso di saltare le spiegazioni e i preliminari e
gli chiesi: “Che percentuale di commissione prenderai su questi 500 dollari?”
Scosse prontamente la testa e disse: “Non posso farlo! Mi dispiace”
“Dimmi quanto prendi” insistetti.
“Un terzo, ma non posso farlo!” Disse.
“Un terzo di 500 dollari sono 166,66 dollari. Ti darò duecento dollari se mi
consegni il contratto firmato”. Come dimostrazione tirai fuori dal portafogli i
200 dollari.
“Ti avevo detto che non posso farlo!” Disse.
“Tutti i tuoi clienti ti fanno questa offerta?” Chiesi.
“No” Rispose.
“Allora perché eri così sicuro che ti avrei fatto questa proposta?”.
“E’ quello che fanno gli speculatori come te. Sei un perdente di prima classe e
questo fa di te uno speculatore di prima classe. Le sono molto grato ma non
posso farlo”.
“Ora spiegami perché non vuoi guadagnare di più della tua commissione”.
“Non è esattamente così. Non lavoro soltanto per la commissione” rispose.
“Per quale motivo lavori allora?”.
“Per la commissione e per il record” rispose.
“Quale record?” Domandai.
“Il mio!”
“Che cosa intendi?”
“Lavori solo per i soldi?” Mi domandò.
“Si” dissi.
Mentre scuoteva la testa disse: “No. Non lavori solo per i soldi. Non ti
divertiresti abbastanza. Tu, sicuramente, non lavori esclusivamente per far
aumentare il tuo conto in banca e di certo non lo fai perché a Wall Street ci sono
soldi facili. Il tuo lavoro ti diverte in qualche modo”.
Non controbattei ma chiesi: “Tu come ti diverti con il tuo lavoro?”.
“Beh” confessò “abbiamo tutti un punto debole”.
“Qual è il tuo?”
“La vanità” disse.
“Bene, sei riuscito a farmi firmare quel foglio e ora per riaverlo indietro ti sto
offrendo 200$ per dieci minuti di lavoro. Non è abbastanza per il tuo orgoglio?”.
Gli dissi.
“No” rispose. “Devi sapere che tutti i miei colleghi che hanno lavorato a Wall
Street per mesi non sono riusciti a chiudere un contratto. Dicono che era colpa
dei libri e del territorio. Così l’ufficio mi ha mandato qui per dimostrare che la
vera colpa è nell’arte del vendere di chi ha tentato e non dei libri o del posto.
Loro lavoravano per il 25 per cento di commissione. Io ero a Cleveland e avevo
venduto 82 set di libri in due settimane. Sono qui non solo per vendere i libri alle
persone che non lo hanno acquistato dagli altri venditori ma sono qui anche per
vendere alle persone che non avrebbero mai potuto incontrare. Ecco perché mi
danno il 33 per cento di commissione”.
“Ancora non sono riuscito a capire come hai fatto a vendermi questo set di
libri”.
“Perché…” disse con tono consolatorio “…li ho venduti anche a J.P. Morgan”.
“No, non ci credo” dissi.
Non era arrabbiato e disse semplicemente: “L’ho fatto veramente”.
“Un set di libri di Walter Scott per J.P. Morgan che non solo avrà alcune edizioni
limitate di quei libri ma avrà anche qualche manoscritto originale delle novelle?”
domandai.
“Beh, ecco la sua firma” disse mentre mi mise sotto agli occhi un contratto
firmato da J.P. Morgan. Poteva aver falsificato la firma ma in quel momento non
mi venne in mente anche perché: non aveva anche il mio contratto nella borsa?
La cosa mi incuriosiva e gli chiesi: “Come hai fatto ad ottenere la firma dal
bibliotecario?”.
“Non ho visto nessun bibliotecario, ho incontrato J.P. Morgan in persona. Nel
suo ufficio!”.
“Questo è troppo!” dissi. Tutti sanno che è più facile entrare nella Casa Bianca
con un pacco in mano che ticchetta come un orologio che riuscire ad entrare
nell’ufficio privato di Morgan dopo essere stati perquisiti.
Ma dichiarò: “Io l’ho fatto”.
“Come sei arrivato nel suo ufficio?” Chiesi incuriosito.
“Come sono entrato nel tuo?” rigirò la domanda.
“Non lo so, dimmelo” dissi.
“Beh, il modo in cui sono entrato nel tuo ufficio e il modo in cui sono entrato in
quello di Morgan è lo stesso. Ho parlato poco fa con il tuo collega che ha come
compito il “non farmi entrare”. Il modo in cui ho ottenuto la firma di J.P. Morgan
è lo stesso con cui ho ottenuto la tua firma. Non stavi firmando un contratto per
ricevere dei libri. Tu hai preso la penna stilografica che ti ho dato e hai fatto
quello che ti ho chiesto. Lo stesso è stato per Morgan.
“Questa è realmente la firma di Morgan?” domandai scettico dopo circa tre
minuti.
“Certo! Ha imparato a scrivere il suo nome da bambino”
“Questo è tutto quello che hai da dirmi?” Chiesi.
“E’ tutto” rispose. So esattamente cosa devo fare, questo è il mio segreto. Le
sono molto grato, buona giornata Mr. Livermore” e si incamminò verso la porta.
“Fermo!” dissi. “Sono intenzionato ad aggiungere altri duecento dollari!”.
Scosse la testa. Dopo un po’ disse: “No. Non posso farlo, ma posso fare questo!”
prese il contratto dalla borsa e lo strappò a metà poi mi consegnò i due pezzi.
Contai i soldi e glieli porsi ma lui scosse nuovamente la testa.
“Non eravamo d’accordo così?” Dissi.
“No” rispose.
“Allora perché hai strappato il contratto?”
“Perché non hai piagnucolato ma hai gestito la situazione come l’avrei gestita io
se fossi stato la tuo posto”.
“Ma ti avevo offerto quattrocento dollari” dissi.
“Lo so ma i soldi non sono tutto”.
Qualcosa nella sua voce mi fece dire: “Hai ragione, non sono tutto. Ora cosa
vuoi che faccia per te?”.
“Vuoi realmente fare qualcosa per me?” Chiese.
“Si” gli dissi. “Se lo farò o meno però dipende da quello che mi chiederai”.
“Portami nell’ufficio di Ed Harding e digli che gli devo parlare per circa tre
minuti; poi lasciami solo con lui”.
Scossi la testa e dissi: “E’ un mio caro amico”.
“Ha cinquanta anni ed è un agente di borsa” rispose.
Era perfettamente vero, così lo accompagnai nell’ufficio di Ed.
Da quella volta non avevo avuto più notizie di quel venditore di libri ma una
sera, qualche settimane dopo, mi stavo recando in un quartiere residenziale e ci
incontrammo in un treno della Sixth Avenue L. alzò il cappello molto
educatamente e io gli feci un cenno per salutarlo. Si avvicinò e disse: “Come sta
Mr. Livermore? E il signor Harding?”.
“Harding sta bene, come mai me lo chiedi? Sentivo che aveva una storia da
raccontarmi.
“Gli ho venduto dei libri per un valore totale di 2.000 dollari quel giorno che mi
hai accompagnato nel suo ufficio”.
“Non mi ha mai parlato di questo” dissi.
“No, quel genere di persone non parla di queste cose”.
“Che cosa intendi dire?”.
“E’ il tipo di uomo che non commette mai errori. E’ il tipo di persona ha sempre
saputo quello che vuole e nessuno può dirgli diversamente. E’ il tipo di uomo
che sta educando i miei figli e che mantiene buono l’umore di mia moglie. Mi
hai girato un ottimo affare, Mr. Livermore. Me lo aspettavo dopo che avevo
rinunciato ai quattrocento dollari che eri così ansioso di darmi”.
“E se il Signor Harding non ti avesse firmato nessun contratto?”.
“Sapevo che lo avrebbe fatto. Avevo capito che tipo di uomo era. E’ stato un
gioco da ragazzi”.
“Ok, ma se non ti avesse comprato neanche un libro?” insistetti.
“Sarei tornato da te e ti avrei venduto qualcosa. Buona giornata Livermore, sto
andando ad incontrare il Sindaco” si alzò mentre il treno si stava fermando al
Park Place.
“Spero che gli venderai dieci set di libri, so che fa parte della Tammany Hall93 ”
dissi.
“Sono un repubblicano anche io” disse, e uscì dal treno. Era sceso senza fretta
convinto che il treno non sarebbe partito, e così era stato.
Ti ho raccontato questa storia in modo così dettagliato perché riguarda un uomo
eccezionale che mi aveva fatto comprare quello che non volevo comprare. Era
stato il primo uomo a farmi fare una cosa del genere. Non ci dovrebbe essere
stato un secondo, ma purtroppo c’è stato.
Quando Percy Thomas aveva lasciato il mio ufficio, dopo che avevo
definitivamente declinato l’offerta di entrare in società con lui, avrei giurato che
le nostre strade non si sarebbero più incrociate. Ero sicuro che non lo avrei mai
rivisto. Il giorno dopo però mi aveva scritto una lettera ringraziandomi della mia
proposta di aiutarlo economicamente e mi aveva invitato ad andare a trovarlo.
Gli avevo risposto che lo avrei fatto. Mi aveva scritto di nuovo. Andai a trovarlo.
Avevo avuto modo di vedere i grandi guadagni che Percy aveva fatto in passato.
Era sempre un piacere per me ascoltarlo, sapeva tantissime cose ed era
estremamente interessante quando esprimeva le sue conoscenze. Penso che sia
l’uomo più magnetico che abbia mai incontrato.
Avevamo parlato di molte cose, egli era un gran lettore ed aveva una
sorprendente padronanza su molti argomenti, inoltre aveva lo straordinario dono
di rendere tutto molto interessante. La saggezza dei suoi discorsi era
impressionante e non aveva eguali nel renderli plausibili. Avevo sentito molte
persone che accusavano Percy Thomas di molte cose, inclusa la mancanza di
sincerità, a volte però mi ero chiesto se la sua inattendibilità non derivasse dal
fatto che si auto convinceva così profondamente di alcune sue teorie da acquisire
una tale forza da convincere anche gli altri.
Avevamo parlato molto a lungo delle questioni di mercato. Io non ero rialzista
sul cotone e lui sì. Io non riuscivo a vedere un rialzo imminente ma lui sì. Aveva
espresso così tanti fattori e dati che mi avrebbe dovuto sopraffare, ma io avevo
resistito. Non potevo smentirlo perché non potevo negare la sua autenticità, ma
lui non poteva scuotere le mie convinzioni che derivavano dalle mie
interpretazioni di vari fattori. Lui però aveva continuato ad espormi le sue
convinzioni fino a che non ero più sicuro delle informazioni che avevo ricavato
dai quotidiani e dai documenti. Questo significava che non potevo vedere il
mercato con i miei occhi. Un uomo non può andare contro le proprie convinzioni
ma può incappare in uno stato di incertezza e indecisione, che è ancora peggio,
perché questo significa che non può investire con convinzione e con serenità.
Non posso dire che ero confuso ma avevo perso il mio equilibrio; o più
propriamente avevo smesso di pensare con la mia testa. Non posso spiegarti
dettagliatamente i vari passi che avevo fatto per raggiungere questo stato
mentale. Credo che era stato un infuso fra la sua sicurezza sulla precisione dei
suoi dati, che erano esclusivamente suoi, e la mia insicurezza, che non era
esclusivamente mia, ma di proprietà pubblica. Aveva parlato con insistenza
dell’assoluta attendibilità, che era stata dimostrata più volte nel tempo, di tutti i
suoi diecimila corrispondenti sparsi nel sud. Alla fine avevo iniziato a
interpretare le condizioni come le leggeva lui perché stavamo entrambe leggendo
la stessa pagina dello stesso libro, tenuto da lui davanti ai miei occhi. Aveva una
mente logica. Una volta che avevo accettato le sue teorie era ovvio che le mie
stesse conclusioni, che derivavano dalle sue convinzioni, sarebbero state in
accordo con le sue.
Quando aveva iniziato a parlarmi della situazione del cotone non ero ribassista
solo su quella commodity ma lo ero sul mercato in generale. Gradualmente,
appena avevo iniziato ad assimilare i suoi dati e i suoi fattori, mi assaliva la
paura di aver basato i miei investimenti su informazioni sbagliate. Ovviamente
non potevo avere paura e non chiudere la mia posizione. Una volta chiusa la mia
posizione, perché Thomas mi aveva convinto che fosse sbagliata, l’avevo
semplicemente invertita. Il mio cervello funziona così. Lo sai, non ho fatto altro
nella mia vita che investire in azioni e in commodity. Avevo pensato che se
essere ribassista era sbagliato diventare rialzista sarebbe stato corretto; e se il
rialzo era la direzione giusta comprare era imperativo. Come diceva il mio
vecchio amico a Palm Beach; “Pat Hearne diceva sempre: Non si può dire fino a
che non scommetti" dovevo dimostrare se avevo ragione o no; le prove si
potevano ricavare solo dalle cifre scritte nel mio estratto conto a fine mese.
Avevo iniziato a comprare il cotone e in poco tempo avevo stabilito la mia solita
linea, circa sessantamila balle. Era stato il peggior investimento della mia
carriera. Invece di rimanere in piedi o cadere basandomi sulle mie osservazioni e
deduzioni stavo giocando il gioco di un'altra persona. Era abbastanza chiaro che
il mio folle investimento non sarebbe finito con quella transazione scellerata.
Non solo avevo acquistato quando non c’era l’ombra di un rialzo ma non avevo
seguito neanche la mia strategia, che si basava su anni di esperienza, di
accumulare le balle di cotone gradualmente solo se il primo investimento
sarebbe risultato profittevole. Non stavo investendo correttamente perché dopo
che avevo ascoltato Percy mi ero perso.
Il mercato non seguiva la mia direzione. Non sono mai impaziente o preoccupato
quando sono sicuro della mia posizione. Il mercato però non seguiva la linea che
avrebbe dovuto seguire secondo Percy Thomas. Avendo sbagliato il primo step
avevo sbagliato anche il secondo e il terzo e questo mi aveva confuso ancora di
più. Non avevo solo persuaso me stesso dal non accettare le perdite, ma mi ero
convinto di dover sostenere il mercato. Questa strategia di investimento era
estranea alla mia natura ed era contraria ai miei principi. Anche quando ero
ragazzo e investivo nei bucket shop investivo meglio, ma non ero me stesso. Ero
un altro uomo – una persona “Thomasizzata”.
Non solo ero rialzista sul cotone ma stavo tenendo una linea rialzista anche sul
grano, che oltretutto mi stava dando un bel profitto. I miei sforzi per far alzare il
cotone mi avevano portato a comprarne circa 150.000 balle. Posso dirti che in
quel periodo non mi sentivo molto bene. Non lo dico per trovare una scusa per i
miei errori ma proprio per riportare dei fatti reali. Ricordo che ero andato a
Bayshore94 per riposarmi.
Mentre mi trovavo lì avevo pensato. Mi sembrava che la mia posizione era
troppo esposta. Generalmente non sono mai pauroso ma avevo iniziato ad essere
nervoso così avevo deciso di alleggerire la posizione. Per alleggerirmi dovevo
liberarmi o del cotone o del grano.
Sembra incredibile che conoscendo gli investimenti così bene come li conoscevo
io, con in aggiunta un’esperienza di 12 o 14 anni di speculazione nelle azioni e
nelle commodity, avevo fatto esattamente la cosa sbagliata. Il cotone mi stava
facendo perdere soldi e lo avevo tenuto, il grano mi stava facendo guadagnare e
lo avevo venduto. Stavo facendo degli investimenti completamente folli, come
attenuante posso dire che non erano investimenti realmente decisi da me ma da
Thomas. Tra tutti gli errori che ci sono nella speculazione sono pochi quelli
peggiori del cercare di mediare in un investimento perdente. Il mio investimento
sul cotone lo aveva provato appieno poco dopo. Devi sempre vendere il titolo
che perde e tenere quello che guadagna. Era così ovvio che è la cosa saggia da
fare e lo sapevo così bene che mi sono meravigliato di me stesso per aver fatto al
contrario.
Infine avevo venduto il grano, essendo consapevole che ne avrei diminuito i
profitti. Dopo che avevo venduto il grano il prezzo era salito, senza mai fermarsi,
di venti centesimi per bushel. Se lo avessi tenuto avrei guadagnato circa otto
milioni di dollari ma avendo deciso di voler continuare a perdere di proposito,
avevo comprato altre balle di cotone.
Ricordo perfettamente perché compravo ogni giorno il cotone, sempre più
cotone. Per quale motivo pensi che lo compravo? Per impedire al prezzo di
scendere! Se non è un gioco da super perdenti, cos’è questo? Continuavo ad
investire sempre più soldi e poi ancora altri soldi; infine li avevo persi tutti. I
miei broker e i miei amici più intimi non riuscivano a capire; e ancora tutt’oggi
non hanno capito. Ovviamente se l’investimento fosse finito diversamente sarei
stato un prodigio. Più di una volta ero stato messo in guardia dal dare troppa
fiducia alle brillanti analisi di Percy Thomas. Non avevo prestato attenzione a
quelle parole ma avevo continuato a comprare il cotone per impedire che il
prezzo scendesse. Ero andato ad acquistarlo anche a Liverpool. Avevo
accumulato 440.000 balle di cotone prima di rendermi conto di quello che stavo
facendo. Ma era troppo tardi, così avevo finalmente deciso di vendere tutto il
cotone che possedevo.
Avevo perso quasi tutto quello che avevo guadagnato da tutti i miei investimenti
sulle azioni e sulle commodity. Non ero completamente al verde ma mi erano
rimaste poche centinaia di migliaia di dollari rispetto ai milioni che avevo prima
di incontrare il mio brillante amico Percy Thomas. Per me di tutti gli uomini che
hanno violato le leggi che l’esperienza mi aveva insegnato per il fine di
prosperare, Percy era peggio di un asino.
Sapere che un uomo può investire come un folle senza dare ascolto alla ragione
era una lezione preziosa per me. Mi era costato milioni di dollari imparare che
un altro pericoloso nemico di un investitore è la suscettibilità verso le
sollecitazioni di una personalità magnetica con una mente brillante. Tuttavia se
avessi imparato la lezione spendendo un solo milione di dollari sarebbe stato
meglio. Il fato però non sempre ti permette di fissare un prezzo. Ti offre la
lezione educativa e poi ti presenta il conto, sapendo che pagherai comunque,
indifferentemente da quale sia la cifra. Dopo aver capito quale follia ero stato in
grado di fare avevo chiuso questo particolare incidente. Percy Thomas sparì
dalla mia vita.
Eccomi qua, con più di nove decimi del mio portafoglio che, come Jim Fisk è
solito dire: “E’ andato dove si arrampica il caprifoglio – in rovina”95 . Ero
diventato un milionario neanche un anno prima. Avevo guadagnato usando il
cervello e l’aiuto di un pizzico di fortuna e avevo perso tutto facendo il processo
al contrario. Avevo venduto i miei due yacht e avevo iniziato a tenere uno stile di
vita decisamente meno stravagante.
Una sola batosta non era sufficiente. La fortuna era di nuovo contro di me.
Inizialmente avevo combattuto contro la malattia e poi contro l’urgente bisogno
di duecentomila dollari in contanti. Pochi mesi prima quella cifra non sarebbe
stato niente di che per me ma ora significava quasi l’intera somma di denaro che
mi era rimasta. Dovevo guadagnare quei soldi e la domanda era: “Dove posso
prenderli?” Non volevo prenderli dal mio conto in banca perché altrimenti non
ne avrei avuti abbastanza per investire; in quel momento poi avevo bisogno di
investire nel modo più semplice possibile se avevo intenzione di riguadagnare
milioni in poco tempo. Riuscivo a vedere solo una soluzione: guadagnarli sul
mercato azionario!
Pensaci un attimo! Se conosci più cose del cliente medio degli uffici di borsa
sarai d’accordo con me che la speranza che il mercato azionario paghi il conto al
posto tuo è uno dei metodi migliori per perdere soldi a Wall Street. Perderesti
tutto quello che hai investito se ti aggrappassi solo alla tua determinazione.
Per spiegarmi meglio ti racconto questa vicenda. Nell’ufficio di Harding, un
inverno, un piccolo gruppo di aviatori aveva speso trentamila o quarantamila
dollari per una pelliccia. Il caso volle che un importante investitore, che era
divento famoso in tutto il mondo come uno dei dollar-a-year man96 , era entrato
in ufficio indossando una pelliccia di lontra. In quei giorni, prima che il prezzo
delle pellicce salisse alle stelle, quel cappotto era valutato appena diecimila
dollari. Beh, un tizio nell’ufficio di Harding, Bob Keown, aveva deciso di
comprare una pelliccia di zibellino russo. Il costo era molto simile, circa
diecimila dollari.
“Quel cappotto costa troppo” obiettò uno degli impiegati.
“E’ vero, è vero” ammise Bob Keown. “Circa la paga di una settimana” – a
meno che voi ragazzi mi promettiate che prenderete quello che sto per esprimere
come un semplice segno di stima nei suoi confronti: posso dire che era l’uomo
più bello dell’ufficio. “Hai sentito il discorso di presentazione? No? Bene.
Lascio che il mercato azionario lo compri per me!”
“Per quale motivo vuoi una pelliccia di zibellino?” chiese Ed Harding.
“Credo che stia molto bene su di me” replicò mentre si alzava.
“E dove hai detto che prenderai i soldi per questa pelliccia?” Chiese Jim
Murphy, che era il miglior cacciatore di soffiate dell’ufficio.
“Tramite un investimento, James. Ecco dove” rispose Bob sapendo che Murphy
era a caccia di una soffiata.
“Quale titolo hai intenzione di acquistare?” Chiese Jimmy.
“Sbagli di nuovo, amico mio. Non è tempo di acquistare nulla. Ho intenzione di
vendere allo scoperto 5.000 azioni della U.S. Steel. Scenderà di almeno dieci
punti. Mi accontenterò di prendere due punti e mezzo. E’ una mossa prudente,
no?”
“Dove hai sentito che scenderà?” chiese avidamente Murphy. Era un uomo alto,
secco, aveva i capelli neri e aveva lo sguardo affamato perché non andava mai a
pranzo per paura di perdere qualche movimento sul grafico.
“Sento che questa pelliccia è la più gradevole che abbia mai pianificato di
acquistare”. Si voltò verso Harding e disse: “Ed, vendimi allo scoperto
cinquemila azioni della U.S. Steel al prezzo attuale di mercato. Oggi, tesoro!”.
Bob era uno speculatore e gli piaceva l’umorismo. Era il suo modo per far capire
al mondo che aveva nervi d’acciaio. Aveva venduto allo scoperto cinquemila
U.S. Steel e il prezzo era prontamente salito. In realtà, non era così asino quanto
si potesse pensare quando parlava, Bob aveva fermato le perdite a un punto e
mezzo e aveva detto che l’ufficio di New York era troppo animalista, malsano e
ostentato per delle pellicce. I suoi amici lo avevo deriso per questo; però poco
dopo uno di loro aveva acquistato un po’ di Union Pacific per cercare di
guadagnare i soldi sufficienti per acquistare la pelliccia. Aveva perso ottocento
dollari e aveva detto che le pellicce di zibellino andavano bene per le donne ma
non andavano bene per un uomo modesto ed intelligente.
Dopo questa vicenda, un cliente dopo l’altro aveva provato a ricavare i soldi per
comprare la pelliccia dal mercato azionario. Un giorno mi ero offerto volontario
per acquistarla onde evitare che le persone all’interno dell’ufficio rimanessero al
verde ma tutti mi dissero che sarebbe stata una cosa antisportiva e che se avessi
voluto acquistare quella pelliccia avrei dovuto ricavare i soldi dal mercato
azionario. Ed Harding però aveva approvato in maniera decisa le mie intenzioni
e quella stessa sera andai dal pellicciaio per acquistare la famigerata pelliccia.
Scoprii che un tizio di Chicago l’aveva acquistata una settimana prima.
Quello che ho appena raccontato è un caso isolato. Non c’è uomo a Wall Street
che non ha perso denaro perché ha cercato di farsi pagare dal mercato azionario
o un automobile o un braccialetto o una barca o un quadro. Potrei costruire un
ospedale enorme con tutti i regali che l’avaro mercato azionario si è rifiutato di
pagare. Infatti, di tutti gli artifici magici che utilizzano le persone a Wall Street
penso che la volontà di indurre il mercato azionario ad agire come se fosse una
fata madrina sia il più utilizzato e il più persistente.
Come tutti gli artifici magici questo ha la sua ragione di esistere. Che cosa fa un
uomo quando si convince mentalmente che il mercato azionario deve pagare un
bisogno improvviso? Si limita a sperare. Scommette. Quindi si prende dei rischi
maggiori rispetto a quelli che si prenderebbe se investisse intelligentemente,
basandosi sulle opinioni o sulla logica che si raggiunge dopo aver studiato
spassionatamente le condizioni base. Iniziando ad investire con il bisogno di
guadagnare si ha bisogno di un profitto immediato. Non si può aspettare. Il
mercato deve essere favorevole al primo colpo. La gente si convince che non sta
scommettendo per fare pari perché deve guadagnare rapidamente – fissa lo stop
loss a due punti quando al massimo spera di fare due punti di guadagno –
commette l’errore di accontentarsi di un semplice cinquanta e cinquanta. Ho
conosciuto uomini che hanno perso migliaia di dollari in questo modo, l’errore
più frequente è l’acquistare all’apice di un mercato toro poco prima che questo
subisce un piccolo ribasso. Questo non è certo il modo di investire.
Questo episodio folle della mia carriera come operatore di borsa era l’ultima
goccia. Mi aveva sconfitto. Avevo perso anche quei pochi soldi che il mio ultimo
investimento sul cotone mi aveva lasciato. Quel duro colpo mi aveva fatto molto
male perché avevo continuato ad investire e avevo continuato a perdere soldi. Mi
ero convinto mentalmente che il mercato azionario alla fine doveva farmi
guadagnare per forza. Ma l’unica fine che si intravedeva era quella delle mie
risorse. Mi ero indebitato non solo con i miei broker principali ma anche con
tutti gli uffici che avevano accettato i miei investimenti senza prefissare un
adeguato margine di perdita. Non solo avevo chiesto dei soldi in prestito, non
essendo riuscito a restituire i soldi mi ritrovavo con dei debiti da pagare.
CHAPTER XIII

Eccomi qua, di nuovo in bancarotta. La cosa peggiore di questa situazione era
che avevo sbagliato completamente gli investimenti. Ero malato, nervoso,
agitato e incapace di fare ragionamenti lucidi. Ero entrato in uno stato mentale
che un operatore di borsa non dovrebbe mai avere. Era andato tutto a picco, me
compreso. Avevo iniziato a pensare che non sarei più stato in grado di recuperare
il vecchio metodo di giudizio. Essendomi abituato ad investire una grande
quantità di denaro – intendo dire più di centomila azioni – avevo paura che non
sarei stato più in grado di giudicare correttamente gli investimenti di poche
centinaia di azioni. Mi sembrava quasi inutile investire correttamente avendo in
portafoglio solo un centinaio di azioni. Dopo che mi ero abituato ai grandi
profitti che derivavano da un gran numero di azioni non ero più sicuro di
accorgermi di quando si sarebbe presentato il momento più opportuno per
portare a casa i profitti di esigue quantità di azioni. Non riesco a descriverti
quanto mi sentivo disarmato.
Ero di nuovo al verde ed ero incapace di assumere un atteggiamento
adeguatamente offensivo, ero indebitato e non ero lucido. Dopo tutti questi anni
di guadagni, coronati da alcuni errori che mi avevano aiutato a lastricare la via
del successo, mi ritrovavo peggio di quando avevo iniziato nei bucket shop.
Avevo imparato moltissimo sul gioco della speculazione, ma non avevo imparato
abbastanza bene le debolezze umane. Nessuno ha un cervello che si può
paragonare ad una macchina che funziona sempre con la stessa efficienza. Avevo
appena appreso che non potevo confidare nella mia indifferenza verso un attacco
combinato tra l’influenza delle persone e le disgrazie che ti si scagliano contro.
Perdere soldi non mi ha mai preoccupato minimamente, ma i problemi collegati
al perdere soldi si. Avevo studiato nel dettaglio il disastro avvenuto e avevo
trovato senza alcuna difficoltà dove avevo sbagliato. Avevo individuato il posto
e l’ora esatta in cui era avvenuto. Un uomo deve conoscere a fondo se stesso se
ha intenzione di fare un bel lavoro nella speculazione. Sapere in quale misura ero
stato capace di seguire una linea folle di investimento era stata un’ottima
lezione. Alcune volte penso che non c’è un prezzo sufficientemente elevato per
uno speculatore che impara qualcosa che non gli farà montare la testa in futuro.
Le più grandi batoste subite dalle persone brillanti posso essere attribuite al loro
montarsi la testa – questa è una malattia molto costosa per tutti ma è
particolarmente costosa per uno speculatore di Wall Street.
Non riuscivo ad essere felice a New York a causa del pessimo investimento che
avevo fatto. Non avevo più la voglia di investire perché non mi sentivo in forma
per farlo. Avevo deciso di andarmene e di cercare guadagni altrove. Il cambio di
scenario mi avrebbe aiutato a ritrovare me stesso, o perlomeno così pensavo.
Lasciai di nuovo New York, ero stato sconfitto ancora una volta dal gioco della
speculazione. Ero in una situazione peggiore della banca rotta dal momento in
cui ero indebitato con vari broker per più di centomila dollari .
Ero andato a Chicago e lì avevo trovato dei soldi per investire. Non erano molti e
questo stava a significare che avrei impiegato un po’ più tempo del previsto per
riguadagnare il denaro che possedevo precedentemente. Un broker dove avevo
investito in passato aveva fiducia nelle mie abilità di investitore così il direttore
aveva deciso di permettermi di investire nel suo ufficio piccole quantità di
denaro.
Avevo iniziato in modo molto conservativo. Non so come me la sarei cavata se
fossi rimasto lì, ma una delle esperienze più interessanti di tutta la mia carriera
aveva accorciato il mio soggiorno a Chicago. E’ una storia quasi incredibile.
Un giorno avevo ricevuto un telegramma da Lucius Tucker. Lo avevo conosciuto
quando lavorava come direttore in un ufficio di borsa dove avevo investito per
un certo periodo, poi però ne avevo perso le tracce. Sul telegramma c’era scritto:

“Vieni subito a New York”.
L. TUCKER”

Sapevo che era stato informato della mia disavventura da degli amici che
avevamo in comune e quindi ero sicuro che aveva qualche asso nella manica. Al
contempo però volevo spendere soldi per tornare a New York solo se fosse stato
strettamente necessario; così invece di fare quello che mi aveva chiesto gli avevo
telefonato.
“Ho ricevuto il tuo telegramma. Che cosa significa?” Gli domandai.
“Significa che un importante banchiere di New York vuole vederti” rispose.
“Chi è questo banchiere?” domandai, non sapevo proprio chi fosse.
“Te lo dirò quando vieni a New York. Non chiedere altro” controbatté.
“Hai detto che vuole vedermi?”.
“Esattamente”
“Per quale motivo?”
“Te lo dirà di persona se gli darai l’opportunità” disse Lucius.
“Non può scrivermi?”
“No”
“Allora parla più chiaramente” dissi.
“Non posso farlo” disse.
“Ascolta Lucius, dimmi almeno una cosa: è un viaggio sprecato?” domandai.
“Ovviamente no, è vantaggioso tornare a New York per te”.
“Puoi darmi qualche indizio?”.
“No” disse. “Non sarei corretto nei suoi confronti. Inoltre non so di preciso cosa
vuole proporti. Ma ascolta il mio consiglio: vieni e fallo in fretta”.
“Sei sicuro che sono io la persona che vuole incontrare?”.
“Non vuole vedere nessun altro all’infuori di te. Te l'ho detto, è meglio che vieni.
Mandami un telegramma dove mi indichi quale treno prenderai e ti verrò a
prendere alla stazione”.
“Molto bene” dissi e attaccai il telefono.
Non mi piaceva molto che Lucius fosse così misterioso ma sapevo che era un
buon amico e che aveva sicuramente delle valide ragioni per parlare in quel
modo. Non è che me la passassi così bene a Chicago e lasciarlo non mi avrebbe
spezzato il cuore. Al ritmo con cui stavo investendo, lì, avrei impiegato molto
tempo prima di rimettere insieme denaro a sufficienza per tornare ad investire
come facevo in passato.
Ritornai a New York non sapendo che cosa sarebbe accaduto. Infatti durante il
viaggio, per più di una volta, avevo avuto paura che il ritorno a New York non
sarebbe servito a nulla e che stavo solo sprecando tempo e denaro. Non potevo
immaginare che stavo andando incontro all’esperienza più curiosa di tutta la mia
vita.
Avevo incontrato Lucius alla stazione e senza perdere tempo mi aveva detto che
aveva inviato la richiesta urgente per conto di Daniel Williamson, del famoso
ufficio di borsa “Williamson e Brown”. Il Signor Williamson aveva detto a
Lucius che voleva propormi personalmente un accordo, ed era sicuro che lo
avrei accettato perché risultava essere molto vantaggioso. Lucius mi aveva
giurato che non sapeva nulla di questa proposta ma grazie alla fama dell’ufficio
garantiva che non mi sarebbe stata fatta nessuna proposta sconveniente.
Dan Williamson era il membro più anziano dell’ufficio che era stato fondato da
Egbert Williamson nel lontano 1870. Non c’era nessun Brown e non ce ne era
stato nessuno per vari anni. L’ufficio era veramente prosperoso ai tempi di suo
padre e Dan aveva ereditato una notevole quantità di denaro. Avevano un cliente
che valeva come cento clienti medi; si chiamava Alvin Marquand, era il cognato
di Williamson, che oltre ad essere il direttore di una dozzina esercizi, tra banche
e società fiduciarie, era il presidente della grande Chesapeake Atlantic Railroad
System. Dopo James J. Hill era la figura più pittoresca fra le compagnie
ferroviarie di tutto il mondo, era anche il portavoce e membro dominante della
potente cricca conosciuta come “Fort Dawson gang”. Da un capitale di cinquanta
milioni di dollari era arrivato ad uno di cinquecento milioni di dollari. Quando
era morto avevano scoperto che aveva un conto in banca di duecentocinquanta
milioni di dollari, tutti guadagnati a Wall Street. Puoi notare da queste cifre che
da solo valeva per parecchi clienti.
Lucius mi aveva mentito, aveva appena accettato di lavorare con la Williamson
& Brown – un lavoro fatto apposta per lui. Doveva fare una specie di agente che
andava in giro per procacciare affari. Lucius aveva anche indotto Mr.
Williamson ad aprire un paio di filiali, una in un grande hotel dei quartieri alti e
l’altra a Chicago. Avevo capito che mi stavano per offrire un lavoro nella filiale
di Chicago, credo come direttore dell’ufficio, ed era una posizione che non avrei
accettato. Ancora non avevo detto nulla a Lucius perché pensavo che sarebbe
stato meglio aspettare che mi proponessero il lavoro prima di rifiutarlo.
Lucius mi aveva portato nell’ufficio privato di Mr. Williamson, mi aveva
presentato ed era uscito di fretta; era come se volesse evitare di essere chiamato
come testimone dal momento in cui conosceva entrambe le parti. Ero pronto ad
ascoltare la proposta e a rifiutarla. Mr. Williamson era una persona molto
piacevole. Era un gentiluomo con modi molto educati e un sorriso benevolo, si
poteva notare che riusciva facilmente a farsi degli amici e riusciva anche
mantenere i rapporti. Non poteva essere altrimenti! Era generoso ed era sempre
di buon umore. Aveva moltissimi soldi e non potevi accusarlo di essere
meschino. Queste cose, sommate alla sua educazione e alla sua formazione
sociale, gli rendevano facile l’essere non solo educato ma anche amichevole, e
non solo amichevole ma anche disponibile.
Non dissi nulla, d’altronde non avevo nulla da dire. Lascio sempre finire il
discorso agli altri prima di iniziare a parlare. Qualcuno mi aveva detto che James
Stillman, presidente della National City Bank – che, a proposito, era un intimo
amico di Williamson – aveva l’abitudine di ascoltare in silenzio, impassibile,
chiunque aveva una proposta da fargli. Quando un uomo finiva di parlare Mr.
Stillman continuava a fissarlo, come se si aspettasse il proseguo del discorso.
Così l’oratore, sentendo il bisogno di dire qualcos’altro, continuava a parlare.
Stillman, rimanendo a fissare e ad ascoltare, spesso induceva l’uomo che gli
presentava la proposta a pattuire termini ancora più vantaggiosi per la banca
rispetto a quelli che sarebbe riuscito ad ottenere se avesse parlato.
Io non rimanevo in silenzio per indurre le persone a proporre un affare migliore,
lo facevo perché mi piaceva conoscere tutti i dettagli della proposta. Lasciando
finire il discorso a chi ti propone qualcosa ti permette di prendere subito una
decisione. E’ un ottimo modo per risparmiare tempo. In questo modo si evitano i
dibattiti e le discussioni prolungate che non portano a nulla. In quasi tutte le
proposte che mi sono state fatte mi sono preoccupato solo di dire semplicemente
sì o no. Però non posso dire sì o no fino a che non ho ricevuto una spiegazione
completa di quello che mi si sta proponendo.
Dan Williamson fece il suo discorso e io lo ascoltai. Mi disse che aveva sentito
parlare del grande profitto che avevo generato con le mie transazioni sul mercato
azionario e che era rammaricato dal fatto avevo preso un fiasco con il cotone.
Tuttavia doveva ringraziare la sfortuna che avevo avuto perché gli aveva
concesso il piacere di avere quel colloquio con me. Pensava che il mio forte era
il mercato azionario, che ero nato per il mercato azionario e che non dovevo
allontanarmi da quel settore.
“E’ per questa ragione Mr. Livermore” concluse piacevolmente il discorso “che
avrei intenzione di fare affari insieme a lei”.
“Che tipo di affari?” gli domandai.
“Essere il tuo broker” disse. “Gradirei che investissi in azioni nel mio ufficio”.
“Mi piacerebbe farlo, ma non posso” dissi.
“Per quale motivo?” chiese.
“Non ho soldi da investire” risposi.
“Beh questo non è un problema” disse amichevolmente mentre sorrideva. “Te li
fornirò io i soldi”. Prese dal portafogli un blocchetto di assegni, ne scrisse uno da
venticinquemila dollari intestato a me e me lo consegnò.
“Cosa devo fare con questo assegno?” chiesi.
“E’ per te, da depositare nel tuo conto in banca. Voglio che investi nel nostro
ufficio. Non mi importa se guadagni o se perdi. Se oggi stesso perdessi i
venticinquemila dollari che ti sto consegnando ti assicuro che ti farò un ulteriore
assegno, così non sarai limitato dalle emozioni. Ok?”.
Sapevo che l’ufficio era molto ricco e prosperoso da non avere bisogno di altri
clienti, tantomeno aveva bisogno di dare dei soldi ad un cliente per permettergli
di investire. Era tutto troppo bello! Invece di prestarmi il denaro mi avevano dato
direttamente i soldi in contanti, così facendo solo lui sapeva da dove
provenivano quei soldi. L’unica limitazione che dovevo rispettare era: investire
nel suo ufficio. Inoltre mi aveva anche promesso che se avessi perso quei soldi
ce ne sarebbero stati altri ad aspettarmi.
Ci doveva essere un motivo per cui mi aveva fatto questa proposta, così gli
chiesi: “Per quale motivo mi consegni questi soldi?”.
“Il motivo è semplice: vogliamo avere un cliente nell’ufficio che ha la fama di
investitore molto attivo. Tutti sanno che avevi investito una grande quantità di
denaro vendendo allo scoperto, è questo che mi piace particolarmente di te. Hai
la fama da speculatore”.
“Ancora non capisco” dissi.
“Sarò franco con te, Mr. Livermore. Abbiamo due o tre clienti molto ricchi che
movimentano una grande quantità di denaro. Non voglio che le persone si
insospettiscono di una manipolazione al ribasso ogni qualvolta che questi clienti
vendono diecimila o ventimila azioni di un qualsiasi titolo. Se la gente viene a
sapere che tu investi nel nostro ufficio non sapranno mai se tu stai vendendo allo
scoperto o se gli altri clienti stanno vendendo le proprie azioni”.
Avevo capito subito le sue intenzioni. Voleva coprire le operazioni del cognato
con la mia reputazione di speculatore! Un anno e mezzo fa avevo fatto il mio più
grande guadagno investendo al ribasso così i pettegolezzi di strada e gli stupidi
mercanti di rumor avevano preso l’abitudine di incolpare me per ogni crollo dei
prezzi. Tutt’ora quando il mercato è molto debole attribuiscono questa debolezza
a me97 .
Non dovevo rifletterci sopra. Fondamentalmente Dan Williamson mi stava
offrendo la possibilità di tornare, e di tornare rapidamente. Avevo preso
l’assegno, l’avevo depositato, avevo aperto il conto nella sua banca e avevo
iniziato ad investire. C’era un mercato abbastanza attivo. Avevo iniziato ad avere
paura, come ti avevo detto in precedenza, di aver perso l’abilità nell’investire
correttamente; mi sbagliavo, i fatti lo avevano dimostrato. In tre settimane avevo
generato un profitto di centododici mila dollari, al netto dei venticinquemila
dollari che mi erano stati prestati da Dan Williamson.
Ero andato da lui e gli dissi: “Sono venuto a ridarti i venticinquemila dollari che
mi avevi prestato”.
“No, no!” disse facendomi un cenno a distanza come se gli avessi offerto un
cocktail di olio di ricino. “No, no, ragazzo mio. Aspetta fino a che il tuo conto in
banca non sia cresciuto a sufficienza. Non stare a pensare a quei soldi. Quello
che hai guadagnato finora sono spiccioli”.
Proprio in quel momento avevo compiuto l’errore che ho rimpianto
maggiormente in tutta la mia carriera a Wall Street. Questo errore è stato il
responsabile di lunghi anni di sofferenza e tristezza. Avrei dovuto insistere e
fargli prendere i soldi. Mi ero incamminato verso la via del guadagno, poi
l'avevo persa e mi ero allontanato di corsa. Per tre settimane il mio profitto
medio settimanale era stato del 150%. Da allora in poi i miei investimenti erano
aumentati costantemente, ma invece di liberarmi da ogni obbligo avevo lasciato
decidere a Dan e non lo avevo costretto ad accettare i venticinquemila dollari
che volevo restituirgli. Fintanto che non avrei pareggiato il conto sentivo che non
avrei potuto attingere ai miei guadagni. Gli ero molto grato, ma per come sono
fatto non mi piace avere debiti o soldi in prestito. Posso restituire i soldi con i
soldi ma i favori e le gentilezze devo ripagarle con la stessa moneta e sono
propenso a fare favori più grandi di quello che ho ricevuto, è come se fosse un
obbligo morale. Non c’è una legge che impone un limite.
Avevo lasciato indisturbati i soldi e avevo riniziato ad investire. Lo stavo
facendo veramente bene. Avevo recuperato il mio equilibrio ed ero sicuro che
non sarebbe passato molto tempo prima che sarei tornato alla situazione
economica del 1907. Una volta che avrei raggiunto la situazione economica del
1907, avrei chiesto al mercato di resistere ancora fino a che non avrei
compensato con ampio margine le perdite. Non mi preoccupavo se guadagnavo
o perdevo soldi, quello che mi rendeva felice era che avevo perso l’abitudine di
sbagliare e di non essere me stesso. Ero stato nel caos per vari mesi ma avevo
imparato la lezione.
Proprio in quel periodo avevo invertito la mia posizione a ribassista e avevo
iniziato a vendere allo scoperto le azioni di varie società ferroviarie. Tra queste
c’era anche la Chesapeake & Atlantic, credo di aver venduto allo scoperto circa
8.000 azioni.
Un giorno quando ero in città Dan Williamson mi aveva chiamato nel suo ufficio
privato prima che aprisse il mercato e mi aveva detto: “Larry, non operare sulle
Chesapeake & Atlantic per il momento. Vendere allo scoperto 8.000 azioni è un
investimento sbagliato. Ci ho pensato io a ricoprire la tua posizione e a farti
diventare long”.
Ero sicuro che la Chesapeake & Atlantic sarebbe scesa, il grafico me lo diceva
abbastanza chiaramente. Inoltre ero ribassista sul mercato in generale; non
credevo che il mercato sarebbe sceso violentemente, ma pensavo che sarebbe
sceso quel tanto che bastava per sentirmi tranquillo nel tenere un profilo
moderatamente ribassista. Dissi a Williamson: “Che cosa hai fatto? Sono
ribassista nel mercato in generale e sono sicuro che il titolo scenderà”.
Lui scosse la testa e disse: “Ho fatto questo perché qualcuno mi ha detto che
accadrà qualcosa alla Chesapeake & Atlantic che tu non puoi sapere. Il consiglio
che ho da darti è di non vendere questo titolo allo scoperto fino a che non ti dirò
che è sicuro farlo”.
Cosa avrei potuto fare? Non era una soffiata qualsiasi. Era un consiglio che
arrivava dal cognato del presidente del consiglio di amministrazione. Dan non
era soltanto un intimo amico di Alvin Marquand ma era stato gentile e cortese
con me. Aveva dimostrato che aveva fiducia in me e che credeva nella mie
parole. Non potevo far altro che essergli grato, così i miei sentimenti avevano
vinto di nuovo sul mio giudizio e gli avevo dato ascolto. Subordinare il mio
giudizio alla sua volontà era stata la mia rovina. La gratitudine è qualcosa che
non aiuta lo stato d’animo delle persone per bene, anzi crea un legame stretto
con chi è stato così gentile da fargli un favore. Poco dopo non solo avevo perso
tutti i miei guadagni ma ero in debito con l’ufficio di centocinquantamila dollari.
Mi sentivo uno straccio ma Dan mi aveva detto di non preoccuparmi.
“Ti tirerò fuori da questa situazione” promise. “So che posso farlo, ma ci riuscirò
solo se me lo permetti. Devi smettere di investire per conto tuo. Non posso
lavorare per te se poi tu annulli tutto il mio lavoro operando in tuo favore. Smetti
di operare sul mercato per il momento e dammi la possibilità di fare un po’ di
soldi per te. Lo farai Livermore?”.
Ti chiedo di nuovo: “Cosa potevo fare?”. Avevo ripensato alle sue gentilezze e
non potevo fare nulla che poteva essere considerato un gesto privo di
apprezzamento. Era veramente piacevole e amichevole. Ricordo che mi aveva
incoraggiato. Mi aveva assicurato che un giorno tutto si sarebbe risolto. Circa sei
mesi dopo era venuto da me con un gran sorriso e mi aveva dato alcuni bollettini
di credito.
“Ti avevo detto che ti avrei tirato fuori da questa situazione e lo ho fatto”.
Successivamente avevo scoperto che non solo aveva estinto ogni mio debito ma
addirittura avevo un po’ di denaro nel conto in banca.
Pensavo che sarei potuto tornare ad investire senza troppi problemi perché il
mercato era in un momento favorevole ma lui mi disse: “Ho acquistato diecimila
azioni della Southern Atlantic per te”. Era un’altra società ferroviaria controlla
da suo cognato, Alvin Marquand.
Quando un uomo fa quello che Dan Williamson aveva fatto per me non potevi
far altro che dire: “Grazie” – indipendentemente dalla visione che hai in quel
momento del mercato. Potresti essere sicuro di aver ragione ma come Pat Hearne
dice sempre: “Non si può dire fino a che non scommetti98 !" e Dan Williamson
aveva investito per me con i suoi soldi.
Le Southern Atlantic erano scese, non mi ricordo quanti soldi avevo perso con
quelle 10.000 azioni prima che Dan Williamson chiudesse l’operazione. Ero più
che mai sotto il suo controllo. Non avevo mai visto un creditore così piacevole e
tranquillo in tutta la mia vita. Non aveva mai piagnucolato. Piuttosto, mi
incoraggiava e mi esortava a non preoccuparmi. La perdita che avevo subito si
era verificata nello stesso modo della precedente, gentile ma misteriosa.
Non mi avevano dato nessun dettaglio. Erano tutti conti cifrati. Dan Williamson
mi aveva soltanto detto: “Stiamo trasformando la tua perdita della Southern
Atlantic in un profitto in quest’altra transazione”, e mi aveva detto che aveva
venduto allo scoperto per mio conto settantacinquemila azioni di altri titoli e ne
aveva tratto un bel profitto. Posso dirti con la massima sincerità che non avevo
mai saputo niente a riguardo degli investimenti fatti a mio nome fino a che non
mi avevano detto che i miei debiti erano stati saldati.
Dopo che questa vicenda si era ripetuta per parecchie volte avevo iniziato ad
insospettirmi e avevo iniziato a guardare le vicende da un’altra angolazione.
Finalmente me ne ero reso conto: era chiaro che Dan Williamson mi stava
usando. La cosa mi aveva fatto arrabbiare ma quello che mi faceva ancora più
rabbia è che non lo avevo capito prima. Non appena avevo capito cosa stava
accadendo andai da Dan Williamson e gli dissi che non volevo avere più niente a
che fare con lui e uscii dall’ufficio di Williamson & Brown. Non avevo nulla da
dire, né a Dan Williamson né ai suoi colleghi. A cosa diavolo serviva quello che
mi avevano fatto? Devo ammettere che ero seccato nei confronti dell’ufficio
Williamson & Brown tanto quanto lo ero verso me stesso.
Perdere soldi non mi preoccupava. In ogni situazione in cui li avevo persi nel
mercato azionario avevo sempre tenuto in considerazione che ogni qualvolta che
la vicenda si verificava accumulavo esperienza, e il denaro perso era stato il
prezzo della lezione. Un uomo ha bisogno di fare esperienza e deve pagare per
farla. Ma la cosa che mi infastidiva maggiormente di tutta la vicenda vissuta
nell’ufficio di Dan Williamson era: la perdita di una grande opportunità. I soldi
che si perdono non sono niente, possono essere riguadagnati. Ma l’opportunità
che avevo avuto non si verifica ogni giorno.
Il mercato, come hai potuto vedere, era ottimo per investire e io lo stavo
interpretando accuratamente. C’era l’opportunità di guadagnare milioni ma io
avevo permesso alla mia gratitudine di interferire con i miei investimenti. Mi ero
legato le mani da solo. Avevo dovuto fare quello che Dan Williamson, con la sua
gentilezza, voleva che io facessi. Fare affari con un parente è molto più
soddisfacente che farlo con sconosciuti.
Quanto appena descritto non era la cosa peggiore della vicenda. La cosa
peggiore era che dopo quel periodo non si era più presentata l’opportunità di
guadagnare grandi somme di denaro. Il mercato si era appiattito. Le cose
andavano di male in peggio. Non solo avevo perso tutto quello che avevo ma ero
nuovamente indebitato – della cifra più alta di sempre. Erano stati anni di magra
il 1911, 1912, 1913 e il 191499 . Non c’erano soldi da prendere. Non c’era la
minima opportunità di guadagnare, mi ritrovavo peggio di sempre.
Non è sconfortante perdere soldi quando la perdita non è accompagnata da una
visione chiara di quello che avresti potuto fare per evitarlo. Anzi era proprio la
visione chiara della situazione quello che non avevo considerato, e questo mi
aveva sconvolto ulteriormente. Avevo imparato che le debolezze a cui è incline
uno speculatore sono quasi infinite. Avevo agito in maniera impeccabile
nell’ufficio di Dan Williamson se si parla del lato morale delle persone, ma se si
guarda con gli occhi di uno speculatore è assolutamente improprio e sconsigliato
farsi influenzare le proprie considerazioni e andare contro il proprio giudizio. La
nobiltà obbliga, ma non nel mercato azionario, perché il grafico non è
cavalleresco e non premia la lealtà. Avevo realizzato che non avrei potuto agire
diversamente. Non potevo mettere primo piano me stesso perché desideravo
investire nel mercato azionario. Ma gli affari sono sempre affari, e i miei come
speculatore devono seguire sempre il mio giudizio.
Era stata una curiosa esperienza. Ti dico quello che penso sia accaduto. Dan
Williamson era stato sincero quando mi aveva parlato per la prima volta. Ogni
volta che nel suo ufficio venivano movimentate migliaia di azioni di qualsiasi
titolo la gente pensava sempre che era opera di Alvin Marquand. Era
sicuramente l’investitore più ricco dell’ufficio ed era la principale fonte di
reddito per l’ufficio; si può dire che era uno dei migliori investitori di Wall
Street. Beh, io dovevo essere usato come cortina fumogena per gli investimenti
di Marquand.
Alvin Marquand si era ammalato poco dopo il mio arrivo nell’ufficio di
Williamson. La sua malattia era stata subito diagnosticata come incurabile,
ovviamente Dan Williamson sapeva da tempo cosa avrebbe dovuto fare.
Questo è il motivo per cui Dan aveva coperto la mia posizione della Chesapeake
& Atlantic. Aveva iniziato a liquidare un po’ di azioni di questa società e di altre
società del cognato.
Ovviamente quando Marquand morì la compagnia doveva liquidare i suoi
investimenti e il mercato in quel periodo aveva invertito la posizione diventando
orso. Dan legandomi a lui aveva aiutato molto questo procedimento. Non sono
vanitoso quando dico che ero un ottimo investitore e che avevo un ottima visione
del mercato. So che Williamson ricordava la mia profittevole operazione nel
mercato ribassista del 1907 e non poteva correre il rischio di lasciarmi a piede
libero. Se avessi continuato ad investire per conto mio avrei guadagnato molti
soldi e, quando Dan avrebbe liquidato gli investimenti di Alvin Marquand, avrei
potuto interferire nell’operazione con centinaia di migliaia di azioni. Come
ribassista molto attivo avrei potuto far diminuire di qualche milione di dollari la
somma che gli eredi di Marquand avrebbero dovuto ricevere, perché pare che
Alvin abbia lasciato per loro “poco” più di duecento milioni di dollari.
Era molto più economico per loro farmi continuare ad indebitare ed estinguere i
debiti piuttosto che avermi in giro per qualche altro ufficio dove avrei potuto
investire al ribasso. D’altronde è esattamente quello che avrei fatto se non mi
fossi sentito in difetto nei confronti di Dan Williamson.
Ho sempre considerato questa sventura la più interessante tra tutte quelle che ho
avuto nella mia esperienza di operatore di borsa. Era stata una lezione che mi era
costata un prezzo sproporzionalmente alto. Per uscire da questa situazione avevo
impiegato parecchi anni. Ero abbastanza giovane per aspettare con pazienza che
i milioni di dollari che avevo guadagnato in passato tornassero indietro. Cinque
anni di povertà però sono molto lunghi – sia che sei giovane sia che sei vecchio
non è una situazione da provare. Mi era restato molto più semplice fare a meno
degli yacht piuttosto che fare a meno di un mercato dove investire. La più grande
opportunità della mia vita era proprio davanti al mio naso. Era come se mi fosse
caduto il borsellino in terra ed io non riuscivo a tirare fuori le mani dalle tasche
per raccoglierlo.
Un ragazzo eccezionale, Dan Williamson: scaltro, brillante, previdente,
ingegnoso e audace. Era un pensatore, aveva un’ottima immaginazione,
individuava il punto debole di qualsiasi persona e pianificava, a sangue freddo,
come colpirla. Aveva fatto in modo di farmi indebitare, subito dopo che avevo
guadagnato grazie ai soldi che mi aveva prestato, in modo tale da rendermi
completamente inoffensivo sul mercato. Non voleva realmente svuotarmi le
tasche. Al contrario, all’apparenza era molto gentile ma amava la sorella, Miss
Marquand, e aveva compiuto il suo dovere verso di lei.
CHAPTER XIV

Ho sempre rimuginato sul fatto che dopo che avevo lasciato l’ufficio Williamson
& Brown’s non c’erano più soldi da poter spremere fuori sul mercato. Eravamo
incappati in un periodo dove non c’erano possibilità di guadagno; quattro anni di
magra. Come disse una volta Billy Henriquez: “E’ il tipo di mercato dove
neanche una puzzola può emettere una fragranza”.
Sembrava che fossi in debito con il destino; deve essere stata la Provvidenza a
punirmi, anche se non ero così pieno di orgoglio da meritarmelo. Non avevo
commesso nessuno di quei peccati speculativi che un investitore deve espiare.
Non mi ero comportato da perdente. Quello che avevo fatto, o piuttosto, quello
che avevo tralasciato, era qualcosa per cui avrei dovuto ricevere una lode e non
una colpa ma a Wall Street il comportamento che avevo tenuto è assurdo e
costoso. Comunque, la cosa peggiore era che avevo lasciato interferire i miei
sentimenti nel “distretto delle telescriventi”.
Avevo lasciato l’ufficio di Williamson e avevo provato altri broker. In ognuno di
questi avevo perso soldi. Mi era servito da lezione perché stavo cercando di far
prendere al mercato la direzione che non aveva intenzione di prendere, cioè
l’opportunità di fare soldi. Non avevo trovato nessuna difficoltà a prendere dei
soldi in prestito perché chi mi conosceva aveva fiducia in me. Puoi renderti
conto di quanto era forte la loro fiducia nei miei confronti dal fatto che quando
avevo smesso di prendere soldi in prestito ero in debito di oltre un milione di
dollari.
Il problema non era l’aver perso l’abilità nell’investire, il vero problema era che
durante quei quattro anni miserabili non c’era nessuna possibilità di guadagnare.
Più cercavo di guadagnare più avevo successo nell’incrementare i debiti. Avevo
smesso di investire per me stesso perché non volevo che i miei amici mi
prestassero ancora dei soldi e avevo creato un conto in cui potevano investire
tutte le persone che credevano che conoscessi abbastanza bene il gioco da
batterlo, anche se il mercato era piatto. Come compenso per il mio servizio
ricevevo una percentuale sui profitti, qualora ci fossero stati. E’ così che vivevo,
anzi è così che sopravvivevo.
Ovviamente non perdevo soldi continuamente, ma non avevo mai guadagnato
abbastanza per ridurre il mio debito. Infine, quando le cose peggiorarono, avevo
iniziato ad avvertire un senso di scoraggiamento, per la prima volta nella mia
vita.
Sembrava che tutto doveva andarmi storto. Ero passato dall’avere milioni e
yacht all’essere indebitato con uno stile di vita minimalista. Non mi piaceva la
situazione, ma non dovevo autocommiserarmi. Non mi ero proposto di aspettare
pazientemente che il tempo passasse e che la Divina Provvidenza portasse a
termine il mio sconforto. Perciò avevo studiato la situazione. Era chiaro che
l’unico modo che avevo per risolvere i miei problemi era guadagnare soldi. Per
guadagnarli dovevo semplicemente investire correttamente. Lo avevo fatto in
passato e lo potevo fare ancora. Più volte in passato avevo investito poche
centinaia di dollari e le avevo trasformate in migliaia. Prima o poi il mercato mi
avrebbe offerto un’opportunità.
Mi ero autoconvinto che c’era qualcosa che non andava in me e non nel mercato.
Di che cosa si trattava? Mi ero posto questa domanda con lo stesso spirito con
cui avevo sempre studiato i vari problemi, nelle varie fasi, dei miei investimenti.
Ci avevo pensato con calma ed ero arrivato alla conclusione che il problema
principale proveniva dai soldi che avevo ricevuto in prestito. Avevo sempre una
sensazione di disagio; ma non era la sola consapevolezza di essere indebitato.
Ogni uomo d’affari contrae debiti nel corso di una normale attività commerciale.
La maggior parte dei miei debiti non erano altro che semplici debiti causati da
condizioni sfavorevoli di lavoro, e non erano peggiori di quelli di un mercante,
per esempio, quando si verifica un inusuale e prolungata pioggia fuori stagione.
Con il passare del tempo non riuscivo a pagare i miei creditori e avevo iniziato a
avvertire i debiti con meno filosofia. Ti spiego: ero in debito di più di un milione
di dollari, li avevo persi tutti investendo nel mercato azionario. La maggior parte
dei miei creditori erano molto piacevoli e non mi infastidivano; ma ce ne erano
due che mi tormentavano. Mi seguivano ovunque. Ogni volta che traevo profitto
da un investimento erano sempre nei paraggi, volevano conoscere tutti i dettagli
dell’investimento e insistevano che rivolevano i soldi indietro. Uno di questi, che
in totale gli dovevo 800 dollari, aveva minacciato di citarmi in giudizio, di
pignorare il mobilio della mia abitazione insieme ad altre minacce. Non riuscivo
a concepire perché pensasse che gli stavo nascondendo un patrimonio, forse
perché non avevo l’aspetto di un barbone che era sul punto di morire di
indigenza.
Appena avevo studiato il problema avevo capito che non bisognava chiamare in
causa l’interpretazione del grafico ma l’interpretazione di me stesso. A sangue
freddo avevo raggiunto la conclusione che non sarei mai stato capace di
compiere qualcosa di utile finché sarei rimasto così preoccupato, ed era chiaro
che la mia preoccupazione non sarebbe svanita finché sarei rimasto indebitato.
Intendo dire che sarei rimasto preoccupato finché ogni creditore poteva
tormentarmi o poteva interferire con i miei metodi per guadagnare denaro
insistendo di rivolere i soldi indietro ancora prima che fossi stato in grado di
rimettere insieme una certa quantità di denaro. Era così chiaramente vero che mi
ero detto: “Devi dichiarare il fallimento”. In che altro modo avrei potuto
alleviare la mia mente?
Messa così sembra una cosa abbastanza facile e indolore, giusto? Ma era stato
molto sgradevole, te lo garantisco. Avevo odiato farlo. Odiavo il fatto di
assumere una posizione che poteva essere fraintesa o giudicata male. Non mi ero
mai preoccupato dei soldi. Non avevo mai pensato che valesse la pena di mentire
per dei soldi. Ma sapevo che gli altri non la pensavano allo stesso modo. Di certo
sapevo che se fossi riuscito a riguadagnare dei soldi avrei ripagato i miei debiti
per intero. Ma fino a che non sarei riuscito ad investire con il vecchio metodo
non sarei mai stato in grado di racimolare quel milione.
Mi ero fatto forza ed ero andato ad incontrare i miei creditori. Per me era una
cosa estremamente difficile da fare, perché la maggior parte di loro erano cari
amici o vecchi conoscenti.
Avevo spiegato la situazione con estrema sincerità. Dissi: “Non sto facendo
questa scelta perché non ho intenzione di pagarvi ma perché, per onestà nei
vostri confronti e nei miei, devo assumere una posizione che mi permetterà di
guadagnare soldi. Stavo pensando a questa soluzione da oltre due anni, ma non
ho avuto i nervi abbastanza saldi per venirvelo a dire. Sarebbe stato decisamente
meglio per tutti se lo avessi fatto tempo fa. Mi ribolle dentro questa cosa: non
posso investire correttamente come facevo in passato finché i debiti mi turbano.
Ora ho deciso di fare quello che avrei dovuto fare un anno fa. Non ho altre
giustificazioni tranne quella che vi ho dato”.
Quello che disse il primo a parlare erano le intenzioni di tutti i presenti. Parlava a
nome del suo ufficio: “Livermore, abbiamo compreso la situazione. Ti
firmeremo una liberatoria. Fai preparare dal tuo avvocato un qualsiasi tipo di
liberatoria e te la firmeremo”.
Questo in sostanza è il riassunto di tutto quello che dissero i miei creditori. Ti ho
appena mostrato un lato nascosto di Wall Street. Era stata una decisione molto
furba, perché agevolava la posizione di tutti i presenti. Avevo apprezzato sia la
buona volontà che il buon senso degli affari di quelle persone.
Quasi tutti i creditori firmarono la liberatoria del debito che ammontava a oltre
un milione di dollari; solo i due creditori a cui dovevo meno soldi di tutti non
volevano firmarla. Uno di questi era il tizio a cui dovevo ottocento dollari di cui
ti ho parlato prima. L’altro era un ufficio di brokeraggio a cui dovevo
sessantamila dollari che stava per dichiarare bancarotta, e i creditori, che non mi
conoscevano da molto tempo, mi giravano sempre attorno come avvoltoi. Devo
giustificarli però perché, anche se fossero stati disposti a seguire l’esempio degli
altri creditori, non credo che la corte gli avrebbe permesso di firmare. Alla fine
della vicenda, dopo la bancarotta, dovevo restituire solo centomila dollari;
sebbene, come ti avevo detto, in realtà ero in debito di oltre un milione di dollari.
Era stato estremamente spiacevole leggere la storia sui giornali100 . Avevo
sempre estinto i debiti e questa nuova esperienza era estremamente mortificante
per me. Sapevo che avrei ripagato tutti un giorno, se la vita me lo avrebbe
permesso, ma non tutte le persone che leggevano l’articolo erano a conoscenza
di questo fatto. Mi vergognavo ad uscire di casa dopo che avevo letto
quell’articolo sul giornale. In quel momento però il sentimento di oppressione
era sparito e non riesco a descriverti quanto mi sentivo sollevato sapendo che
non sarei più stato tormentato dalle persone che non capivano come si deve
sentire un uomo per fare affari, soprattutto se quest’ultimo vuole avere successo
nella speculazione.
La mia mente ora era libera di poter investire con prospettive di successo, era
sgombra dai debiti; il prossimo passo da compiere era guadagnare un nuovo
capitale. Il mercato azionario era stato chiuso dal trentuno luglio alla metà di
Dicembre del 1914, Wall Street stava attraversando un periodo di forte
depressione. Non si era potuto investire per molto tempo ed ero indebitato con
tutti i miei amici. Non potevo permettermi di chiedere nuovamente aiuto a loro
anche perché erano stati già così gentili e amichevoli con me quando tutti
sapevano che in quel periodo nessuno poteva fare gran che per nessun altro.
Era un compito molto difficile il rimettere insieme un po' di soldi perché, a causa
della chiusura del mercato, non potevo chiedere nessun favore a nessun broker.
Avevo provato in un paio di posti, ma niente da fare.
Infine ero andato ad incontrare Dan Williamson. Era il Febbraio del 1915. Gli
avevo detto che avevo sgombrato la mente dall’incubo dei debiti ed ero pronto a
tornare ad investire come una volta. Ricorderai che quando aveva avuto bisogno
di me mi aveva offerto venticinquemila dollari senza che glielo chiedessi.
Questa volta mi aveva proposto: “Quando vedi che si sta per presentare un buon
affare e vuoi acquistare cinquecento azioni di un titolo fallo”.
Lo avevo ringraziato e me ne ero andato. Mi aveva impedito di guadagnare
parecchi soldi mentre l’ufficio aveva guadagnato molto dalle mie commissioni in
passato. Devo ammettere che avevo sofferto un po' il fatto che il Williamson &
Brown non mi aveva messo a disposizione una quantità di denaro maggiore.
Intendevo investire conservativamente all’inizio. Se mi avessero permesso di
investire in più di cinquecento azioni alla volta avrei avuto modo di recuperare
un bel gruzzolo facilmente e velocemente. Tuttavia avevo realizzato che era la
mia unica chance per poter ritornare ad investire.
Avevo lasciato l’ufficio di Williamson e avevo studiato la situazione generale ed
i particolari dei problemi che avevo riscontrato precedentemente. Era un mercato
toro. Era chiaro per me come lo era per migliaia di investitori. Il mio portafoglio
però mi permetteva di acquistare al massimo cinquecento azioni. Non avevo
libertà di manovra essendo limitato da quel numero di azioni. Non potevo
permettermi di perdere soldi con la prima transazione. Avrei dovuto guadagnare
sin da subito per avere a disposizione un portafoglio decente. La prima
operazione con le cinquecento azioni doveva rivelarsi subito profittevole, non
potevo fallire avevo bisogno di guadagnare parecchio. Sapevo che fino a che non
avrei avuto un capitale sufficiente da investire non sarei stato in grado di
giudicare bene le situazioni. Senza un portafoglio adeguato sarebbe stato
impossibile avere il sangue freddo e l’atteggiamento distaccato, verso gli
investimenti, che deriva dall’abilità di affrontare le piccole perdite che spesso
subivo per testare il mercato prima di piazzare un grosso investimento.
Credo che al tempo mi trovavo nella situazione più critica di tutta la mia carriera
da speculatore. Se avessi fallito questa volta non so se si sarebbe mai presentata
un'altra occasione per cercare di tornare in pista. Era chiaro che dovevo
semplicemente aspettare il momento psicologico esatto.
Non dovevo avvicinarmi all’ufficio di Williamson & Brown. Intendo dire che mi
ero intenzionalmente autoimposto di stare lontano da quell’ufficio per sei lunghe
settimane per studiare il mercato. Avevo paura che se mi fossi avvicinato
all’ufficio, sapendo che potevo acquistare cinquecento azioni, avrei potuto
investire al momento sbagliato o nel titolo sbagliato. Un investitore, oltre a
studiare le condizioni base del mercato, deve ricordare i movimenti precedenti e
deve tenere a mente la psicologia della gente e i limiti del proprio broker, oltre a
conoscere se stesso e combattere le proprie debolezze. Non bisogna prendersela
con la natura umana. Sono giunto alla conclusione che è necessario imparare ad
interpretare se stessi proprio come è necessario imparare ad interpretare il
grafico. Avevo studiato e avevo fatto i conti con certi comportamenti che
assumevo regolarmente quando si verificavano determinati impulsi e come mi
comportavo con l’inevitabile tentazione di un mercato attivo, con lo stesso stato
d’animo e con lo stesso spirito avevo studiato le condizioni delle colture e
l’analisi dei rapporti di guadagno.
Così giorno dopo giorno, ansioso di riniziare ad investire, mi ero seduto davanti
ad un tabellone delle quotazioni di un altro ufficio di brokeraggio dove avrei
potuto comprare o vendere allo scoperto al massimo un’azione, studiavo il
mercato, non mi perdevo un singola movimento del grafico, cercavo il momento
psicologico giusto per buttarmi a capofitto.
A causa delle condizioni generali del mondo intero sapevo che l’azione che
sarebbe salita maggiormente in questi giorni critici, all’inizio del 1915, era la
Bethlehem Steel101 .Ero moralmente certo che il titolo si sarebbe apprezzato, ma
per essere sicuro che avrei guadagnato sin da subito con il primo investimento
avevo deciso di aspettare che oltrepassasse il punto cruciale102 .
Penso di averti già detto che ogni qualvolta un titolo oltrepassa il valore di
100,200 o 300 dollari per la prima volta quasi sempre si apprezza di altri 30 o 50
punti; inoltre quando sorpassa i 300 dollari sale più velocemente di quando
sorpassa i 100 o i 200 dollari. Uno dei miei primi pezzi grossi era stato
Anaconda, che avevo comprato appena aveva oltrepassato i 200$ e le avevo
rivendute il giorno dopo a 260 dollari. La strategia di acquistare un titolo appena
il prezzo oltrepassa le centinaia la utilizzavo dai tempi del bucket shop. E’ un
vecchio principio di investimento.
Puoi immaginare quanto avevo voglia di tornare ad investire come in passato. Il
desiderio era così ardente che non riuscivo a pensare a nient’altro; ma mi tenevo
al guinzaglio. Avevo visto la Bethlehem Steel salire ogni giorno, sempre più in
alto, ero sicuro che si sarebbe apprezzata eppure stavo controllando il mio
impulso di correre all’ufficio di Williamson per comprare cinquecento azioni.
Sapevo che la mia prima operazione doveva essere più che sicura.
Ogni volta che il titolo saliva di un punto significava che non stavo guadagnando
cinquecento dollari. Dopo che sarebbe salita di dieci punti sarei stato in grado di
acquistare a piramide e invece di possedere cinquecento azioni ne avrei potute
possedere mille, questo avrebbe significato un guadagno di mille dollari ogni
rialzo di un punto. Ero rimasto seduto e invece di prestare ascolto alla voce della
speranza o alle mie convinzioni prestavo attenzione soltanto alla mia esperienza
e il mio buon senso. Una volta che avrei rimesso insieme un bel gruzzoletto
avrei potuto correre dei rischi. Senza un portafoglio però, prendersi dei rischi,
anche se piccoli, era un lusso che non potevo permettermi. Sei settimane di
pazienza, ma alla fine, il buon senso aveva vinto contro l’avidità e la speranza.
Avevo iniziato a sudare e a sentirmi il sangue in ebollizione quando il titolo si
avvicinava ai cento dollari per azione. Pensate a quello che avevo sopportato non
comprando neanche un'azione. Bene, quando aveva raggiunto i 98 dollari mi ero
detto: “Bethlehem sta per raggiungere il punto cruciale, e quando questo si
verificherà salirà di molti punti!” Il grafico diceva la stessa cosa con estrema
chiarezza. Infatti lo stava dicendo al megafono. Ti dico che avevo visto che
avrebbe raggiunto i cento dollari appena il titolo era arrivato a 98 dollari. Sapevo
che non era la voce della speranza o quella del desiderio, ma quello che
affermava questo concetto era la mia analisi tecnica del grafico. Così mi ero
detto: “Non posso aspettare che oltrepassi i cento dollari, devo acquistare le
azioni immediatamente. E’ come se avesse già sorpassato il punto cruciale”.
Mi ero precipitato nell’ufficio di Williamson e avevo piazzato un ordine di
acquisto di cinquecento azioni della Bethlehem Steel. Il valore era di 98 dollari.
Avevo acquistato cinquecento azioni con il prezzo che oscillava tra i 98 e i 99
dollari. Dopo poco il valore era schizzato in alto,credo, intorno ai 114 o 115
dollari per azione. Ne avevo acquistate altre cinquecento.
Il giorno dopo le Bethlehem Steel erano arrivate a 145 dollari e finalmente avevo
rimesso insieme un gruzzoletto. Me l’ero guadagnato. Quelle sei settimane di
attesa per cogliere il momento giusto erano state le più estenuanti della mia vita.
Ma mi avevano ripagato, perché ora avevo un capitale sufficiente per investire
seguendo la mia strategia. Non sarei arrivato da nessuna parte se avessi
continuato ad investire con sole 500 azioni per volta.
E’ un grande vantaggio iniziare bene, non solo negli investimenti ma in ogni tipo
di attività. Al tempo avevo lavorato veramente bene dopo il mio investimento
sulle Bethlehem Steel, infatti, non credevo quasi di essere lo stesso uomo di
prima. A dire il vero non ero lo stesso uomo, perché prima ero tormentato ed
investivo male ora ero sereno e investivo correttamente. Non c’era nessun
creditore che mi dava noie e non c’era mancanza di fondi ad interferire con i
miei pensieri e con la mia esperienza, queste erano le condizioni giuste per
guadagnare.
All’improvviso, mentre percorrevo la strada giusta, c’era stato il naufragio della
Lusitania103 . A volte ad un uomo prende improvvisamente una fitta nel plesso
solare104 , probabilmente questo gli ricorda il triste fatto che nessuno può avere
continuamente ragione nel mercato azionario, nessun uomo è immune dagli
imprevisti che ti fanno perdere soldi. Avevo sentito persone che affermavano che
neanche uno speculatore professionista era stato colpito duramente dalla notizia
del siluramento della Lusitania. Forse non ero stato abbastanza intelligente da
chiudere la transazione grazie a delle soffiate che erano arrivate in anticipo
rispetto ai giornali. Tutto quello che posso dirti è che a causa del naufragio della
Lusitania e di altre due vicende che non ero stato abbastanza saggio da
prevedere, mi ritrovavo alla fine del 1915 con un conto in banca di circa 140.000
dollari. Questa era la cifra che avevo guadagnato, sebbene i miei investimenti
erano stati corretti per la maggior parte dell’anno.
Avevo fatto molto meglio l’anno seguente. Ero stato molto fortunato. Ero un toro
scatenato in un mercato rialzista. Le cose procedevano così tanto in mio favore
che non c’era altro da fare che guadagnare soldi. Quel periodo mi aveva fatto
ricordare il detto del defunto, H. H. Rogers, della Standard Oil, che diceva: “In
certe situazioni non si può non guadagnare, come un uomo non può far a meno
di inzupparsi se esce durante un temporale senza ombrello”. Era la spiegazione
più chiara di mercato toro che avessi mai sentito. Era chiaro a chiunque che gli
acquisti di ogni tipo di fornitura da parte degli alleati della guerra avevano reso
gli Stati Uniti la nazione più prosperosa di tutto il mondo. Avevamo tutte quelle
cose che nessun altro stato poteva vendere, stavamo racimolando in fretta tutto il
denaro del mondo. Intendo dire che c’erano fiumi d’oro che scorrevano nel
nostro paese. L’inflazione era inevitabile, ovviamente questo significava un
rialzo di tutti i prezzi.
Era chiaro sin dall'inizio che non c’era bisogno di nessuna manipolazione dei
prezzi. E’ per questo motivo che la fase di preparazione del mercato rialzista era
stata molto più corta di un normale mercato toro. Non era solo il boom, dovuto
alla guerra, più evidente di tutti gli altri, ma si era rilevato un boom
estremamente redditizio per tutti. I profitti che distribuiva il mercato azionario
nel 1915 erano maggiori di qualsiasi altro boom nella storia di Wall Street. Il
pubblico non aveva convertito tutti i profitti in denaro e non aveva appreso che i
guadagni generati erano semplicemente dovuti al ripetersi della storia. In nessun
altro settore la storia si ripete così spesso e così uniformemente come a Wall
Street. Quando interpreti un boom o un panico economico attuale la cosa che ti
sorprende maggiormente è la poca differenza fra la speculazione e gli speculatori
di oggi rispetto a quelli passati. Il gioco non cambia mai e la natura umana
neanche.
Il boom e io eravamo andati a braccetto fino al 1916. Ero rialzista come
chiunque altro, ma ovviamente tenevo sempre gli occhi aperti. Sapevo, che come
ogni cosa, ci doveva essere una fine, e tenevo un profilo guardingo in cerca di
segnali. Non ero particolarmente interessato nell’individuare da quale parte
sarebbe arrivato il segnale e così non mi ero fissato su un solo aspetto. Non ero,
e non mi ero mai sentito di essere, sposato indissolubilmente con un lato o con
l’altro del mercato. Che un mercato toro mi aveva ingrossato il portafoglio o che
un mercato orso era stato particolarmente generoso non le avevo mai considerate
ragioni sufficienti per affezionarmi ad un mercato rialzista o ad un mercato
ribassista dopo che ricevo l’avviso di uscire dal mercato. Un uomo non giura
fedeltà eterna né al mercato toro né a quello orso. L’interesse deve essere rivolto
solo alla giusta direzione.
C’è un altra cosa da ricordare: un mercato non si conclude in una grande
fiammata di gloria e non inverte neanche improvvisamente la tendenza. Un
mercato cessa spesso di essere toro molto prima che i prezzi iniziano a scendere.
Mi ero accorto di un tanto aspettato segnale di pericolo quando avevo notato che,
uno dopo l’altro, i titoli che erano stati i leader del rialzo del mercato si erano
deprezzati di molti punti per la prima volta dopo tanti mesi. La loro risalita era
evidentemente finita, c’era chiaramente bisogno di una modifica alla strategia di
investimento.
Era abbastanza semplice. In un mercato toro il trend dei prezzi, ovviamente, è
verso l’alto. Quindi ogni qualvolta che un titolo va in direzione opposta al trend
generale del mercato sei giustificato nel supporre che c’è qualcosa che non va in
quel titolo specifico. Quel segnale è sufficiente per accorgersi che c’è qualcosa
di sbagliato. Non si deve aspettare che il grafico ti spieghi il motivo come se
fosse un professore. Devi ascoltare il tuo cervello e devi dire: “Fuori!” Non devi
aspettare un resoconto ufficiale per uscire.
Come avevo detto prima, avevo notato che i titoli che erano stati i leader di
questo spettacolare rialzo avevano smesso di apprezzarsi. Erano scesi di sei o
sette punti per poi stabilizzarsi. Allo stesso tempo il resto del mercato
continuava ad avanzare sotto il comando di altri portabandiera. Dato che non era
accaduto nulla di strano alle aziende che avevano smesso di salire, bisognava
cercare il motivo di questo comportamento altrove. Questi titoli avevano seguito
il trend comune per mesi. Quando avevano smesso di farlo, sebbene il corso del
mercato toro era ancora ben definito, significava che per questi titoli in
particolare il mercato toro era finito mentre per il resto della lista la tendenza era
decisamente al rialzo.
Non c’era da essere perplessi per questa inattività, perché c’erano dei trend
incrociati. Non avevo invertito la mia posizione al ribasso nel mercato, perché il
grafico non mi aveva ancora detto di farlo. La fine del mercato toro non era
ancora arrivata, sebbene era agli sgoccioli. Mentre aspettavo la sua fine c’erano
ancora tanti soldi da ricavare dal mercato toro. Stando così le cose, avevo
semplicemente invertito la posizione a ribassista sui titoli che avevano smesso di
salire mentre ero rialzista nel resto del mercato che aveva ancora forza, così
avevo sia acquistato che venduto allo scoperto.
I titoli leader che avevano smesso di fare i leader li avevo venduti allo scoperto.
Avevo venduto allo scoperto cinquemila azioni per ognuno di questi; poi avevo
acquistato le azioni di quelli che erano diventati i nuovi leader. Il prezzo dei titoli
su cui ero corto non si erano mossi granché ma quelli in cui ero rialzista avevano
continuato a salire. Quando infine anche questi titoli avevano smesso di
apprezzarsi avevo invertito la posizione e avevo venduto allo scoperto
cinquemila azioni di ognuno. In quel momento ero più ribassista che rialzista,
perché i soldi veri si sarebbero guadagnati nel lato ribassista del mercato. Anche
se ero certo che il mercato ribassista era iniziato ancora prima che il mercato
rialzista fosse realmente finito, sapevo che non era ancora il momento di
diventare un orso rampante. Non c’era bisogno di diventare più monarchico del
re – soprattutto se era ancora troppo presto. Il grafico diceva semplicemente che
il pattugliamento da parte dell’esercito di orsi era iniziato.
Avevo continuato ad acquistare e a vendere fino a che, dopo circa un mese di
investimenti, avevo una linea corta di sessantamila azioni – cinquemila azioni di
dodici differenti titoli che all’inizio dell’anno erano stati i preferiti del mercato
perché erano stati i leader di quel magnifico mercato rialzista. Non era una linea
ribassista spinta; non dimenticarti però che ancora il mercato orso non era ancora
ben definito.
Un giorno tutto il mercato era diventato abbastanza debole e i prezzi avevano
iniziato a scendere. Quando avrei raggiunto almeno quattro punti di profitto in
tutti i titoli che avevo venduto allo scoperto, avrei avuto la consapevolezza che
avevo ragione. Il mercato mi avrebbe detto che era ribassista, così avrei
prontamente raddoppiato la posizione.
Avevo definito la mia linea di investimento. Ero corto in un mercato che ora era
chiaramente orso. Non c’era bisogno di accelerare le cose con una bella spinta. Il
mercato era destinato a seguire la direzione che avevo scelto, ed ero consapevole
che potevo permettermi di aspettare. Dopo che avevo raddoppiato le mie vendite
allo scoperto non avevo fatto nessun altro investimento per molto tempo. Circa
sette settimane dopo che avevo definito la mia linea ribassista, c’era stata la
famosa “perdita” e i titoli erano scesi di molti punti. Si era sparsa la voce che il
Presidente Wilson avrebbe inviato da Washington una lettera che avrebbe
riportato la colomba della pace in Europa in poco tempo. Ovviamente il boom
economico era iniziato ed era stato mantenuto dalla guerra mondiale, la pace era
un elemento ribassista. Quando uno degli investitori più scaltri dell’ufficio era
stato accusato di approfittare di informazioni anticipate aveva risposto
semplicemente che aveva venduto allo scoperto non a causa di una soffiata ma
perché considerava che il mercato toro ormai era troppo maturo. Anche io, come
lui, avevo raddoppiato le mie vendite allo scoperto sette settimane prima.
Quando arrivano certe notizie il mercato scende vertiginosamente. Ne avevo
approfittato e avevo coperto la mia posizione105 . Quando si verifica qualcosa, di
cui non avevi tento conto, ti conviene sfruttare l’opportunità che il fato ti ha
offerto. L’unica cosa da fare quando c’è un forte ribasso dopo che il mercato era
all’apice è trasformare il tuo profitto su carta in denaro. Anche in un mercato
orso un investitore non può ricoprire centoventi mila azioni senza far rialzare il
prezzo dei titoli. Un investitore deve aspettare il momento giusto in cui il
mercato gli permette di coprire la posizione senza che venga intaccato il profitto
che ha sulla carta.
Ci terrei a puntualizzare che non stavo confidando in un ribasso in particolare o
in un momento in particolare che si sarebbe verificato per una ragione in
particolare. Ma come ti avevo detto prima, grazie alla mia esperienza di oltre
trentanni come investitore, tali incidenti sono usuali lungo la linea con minore
resistenza, ed è sulla linea con minore resistenza in cui baso la mia posizione nel
mercato. Un’altra cosa da tenere bene a mente è questa: “Non provare mai a
vendere al prezzo più alto. Non è saggio. Vendi dopo un ribasso e solo se
successivamente non si verificheranno più dei rialzi”.
Avevo guadagnato circa tre milioni di dollari nel 1916 essendo rialzista finché
era durato il mercato toro e poi essendo ribassista quando il mercato orso era
iniziato. Come avevo detto prima, un uomo non deve sposarsi con una direzione
del mercato finché morte non li separi.
Quell’inverno ero andato a Palm Beach per la mia solita vacanza, perché sono
appassionato di pesca in mare. Ero corto su alcuni titoli e sul grano ed entrambe
mi stavano dando un ottimo profitto. Non c’era nulla che poteva infastidirmi e
stavo passando un bel periodo. Anche se ero in vacanza però non potevo
disinteressarmi completamente del mercato azionario e delle commodity. Per
esempio, nelle Adirondack avevo addirittura una linea diretta da casa all’ufficio
di borsa106 e a Palm Beach avevo l’abitudine di andare nella filiale del mio
broker regolarmente. Avevo notato che il cotone, nella quale non avevo interessi,
era forte e stava salendo. Quel periodo - era quasi il 1917 – avevo sentito parlare
molto degli sforzi del Presidente Wilson per ristabilire la pace. La notizia
arrivava da Washington, sia sotto forma di dispacci che di consigli privati degli
amici di Palm Beach. E’ grazie a questo che un giorno ero giunto alla
conclusione che il corso dei vari mercati sarebbe dipeso dal successo del
Presidente Wilson. Con la pace a portata di mano i prezzi dei titoli azionari e il
valore del grano sarebbero dovuti scendere e il prezzo del cotone sarebbe dovuto
salire. Per quanto riguardava il grano e i titoli ero pronto, ma al tempo non mi
ero interessato al cotone.
Alle 14:20 quel pomeriggio non possedevo neanche una balla di cotone, ma alle
14:25 credevo che il trattato di pace era imminente e avevo acquistato
quindicimila balle, giusto per iniziare. Mi ero riproposto di seguire il mio
vecchio metodo di investimento – acquistare a piramide come descritto in
precedenza.
Lo stesso pomeriggio, dopo che il mercato aveva chiuso, avevamo ricevuto una
notizia sulla guerra. Non c’era altro da fare che aspettare l’apertura del mercato
del giorno seguente. Mi ero ricordato che a Gridley quella notte uno dei più
grandi magnati della città si era offerto di vendere le sue azioni ad un prezzo
ribassato di cinque punti rispetto al prezzo che avrebbero raggiunto le U.S. Steel
in chiusura, indipendentemente da quale fosse stato il prezzo dopo la chiusura
del mercato. C’erano molti milionari di Pittsburgh che avevano sentito la notizia.
Nessuno aveva colto l’occasione offerta dal magnate. Tutti sapevano che il titolo
era destinato a subire un forte ribasso in apertura.
Quasi sicuramente il giorno dopo il mercato azionario e quello delle commodity
sarebbero stati in tumulto, come puoi immaginare. Alcuni titoli avevano aperto
con otto punti di ribasso rispetto alla chiusura. Avevo un’opportunità mandata
dal cielo per chiudere la mia posizione corta senza causare un rialzo. Come detto
in precedenza, in un mercato orso è sempre saggio coprire le proprie vendite allo
scoperto se si sviluppa un’improvvisa demoralizzazione. E’ l’unico modo se hai
investito parecchi soldi per trasformare un grande profitto su carta in soldi reali,
rapidamente e senza spiacevoli riduzioni di profitto. Per farti capire, avevo
venduto allo scoperto 50.000 azioni solo della United States Steel. Ero corto
anche su altri titoli e quando avevo notato che il mercato era favorevole per la
ricopertura, avevo agito. Il profitto ammontava a circa un milione e mezzo di
dollari, non potevo ignorarlo.
Il cotone, dove ero lungo di quindicimila balle, comprato nell’ultima mezz’ora di
apertura del mercato del giorno precedente, aveva aperto a ribasso di cinque
punti. Avevo subito una perdita di 375.000 dollari in una sola notte. Mentre era
perfettamente chiaro che l’unica cosa da fare con le azioni e con il grano era
chiudere la mia posizione, non sapevo cosa avrei dovuto fare con il cotone.
C’erano più cose da considerare, anche se avevo sempre accettato le perdite nel
momento in cui mi convincevo di aver sbagliato, non mi piaceva subire una tale
perdita quel giorno. Mi convinsi che sarei dovuto andare al sud per pescare
qualche tonno invece di rimanere perplesso sui movimenti del mercato del
cotone. Inoltre avevo appena guadagnato con i titoli azionari e con il grano così
avevo deciso di tenermi la perdita del cotone. Immaginavo che il mio profitto era
poco più di un milione invece che un milione e mezzo. E’ tutta questione di
contabilità, come dicono sempre i promoter quando gli poni troppe domande.
Se non avessi acquistato il cotone poco prima della chiusura del giorno prima
avrei risparmiato quattrocentomila dollari. Questo dimostra quanti soldi si
possono perdere in poco tempo con un investimento moderato. La direzione del
mercato che avevo scelto era corretta; avevo beneficiato di un incidente della
natura che era diametralmente opposto alle considerazioni che mi avevano
guidato nella scelta della direzione che avevo preso nel mercato azionario e nel
grano. Presta attenzione, per favore, alla linea con minore resistenza che
dimostra ancora una volta il suo valore negli investimenti. I prezzi erano andati
dove mi aspettavo che andassero, nonostante erano stati influenzati da una
vicenda inattesa causata dai tedeschi. Se le cose fossero andate secondo le mie
previsioni avrei avuto ragione al cento per cento su tutti e tre gli investimenti
perché, raggiunta la pace, le quotazioni delle azioni e del grano sarebbero scese e
quella del cotone sarebbe aumentata e avrei chiuso tutti e tre gli investimenti. Sia
che ci fosse stata la guerra o la pace, ero nella direzione giusta, è per questo
motivo che l’evento inaspettato mi aveva aiutato. Per quanto riguarda il cotone
avevo basato il mio investimento su qualcosa che sarebbe dovuto accadere al di
fuori del mercato azionario, avevo scommesso sul successo di Mr. Wilson nel
suo trattato di pace. Erano stati i leader tedeschi che non mi avevano fatto
guadagnare sul cotone.
Quando ero tornato a New York agli inizi del 1917 avevo ripagato tutti i miei
debiti, oltre un milione di dollari. Se fosse stato un vero piacere per me ripagare i
debiti lo avrei fatto qualche mese prima, ma non era stato un piacere per una
semplice ragione: stavo investendo attivamente e con successo e avevo bisogno
di più capitale possibile. Lo dovevo fare per me stesso così come lo dovevo fare
per i miei creditori per trarre più vantaggio possibile dal meraviglioso mercato
del 1915 e del 1916. Sapevo che avrei guadagnato parecchi soldi e non mi ero
preoccupato perché stavo facendo aspettare qualche mese in più la maggior parte
delle persone che non credevano che avrebbero mai ricevuto i soldi indietro.
Non avevo intenzione di ripagare i miei debiti con il contagocce, un creditore
alla volta, ma li volevo ripagare tutti in una volta. Quindi fintanto che il mercato
stava facendo tutto il possibile per aiutarmi avevo semplicemente continuato ad
investire per quanto le mie risorse mi permettevano.
Avrei voluto pagare gli interessi, ma tutti i creditori che avevano firmato la
liberatoria senza fare storie non li avevano accettati. Il creditore che ho pagato
per ultimo era il tizio a cui dovevo ottocento dollari, che avevo reso la mia vita
insopportabile e mi aveva infastidito a tal punto da non riuscire ad investire. Non
gli avevo restituito i soldi fino a che non aveva sentito che avevo ripagato tutti
gli altri. Avevo intenzione di insegnarli che la prossima volta che qualcuno gli
doveva dei soldi doveva dimostrare riguardo.
Ed è così che ero tornato.
Dopo che avevo pagato tutti i debiti avevo messo da parte parecchi soldi come
rendita. Mi ero autoconvinto di non voler tornare ad avere le mani legate, un
senso di sconforto e soprattutto non volevo tornare ad essere povero.
Ovviamente dopo che mi ero sposato avevo messo dei soldi nel conto fiduciario
di mia moglie. Avevo fatto lo stesso per mio figlio dopo che era nato.
La ragione per cui avevo creato questi fondi non era la paura che il mercato
azionario mi portasse via tutti i soldi ma perché so che un uomo spende tutto il
denaro che gli passa tra le mani. Dopo quel gesto mia moglie e mio figlio erano
al sicuro.
Più di una persona che conosco ha fatto la stessa cosa imponendo il vincolo della
firma per ogni volta che la moglie voleva ritirare dei soldi; tutti hanno svuotato il
conto fiduciario. Io avevo risolto il problema bloccando i soldi, così non
importava cosa voleva mia moglie o cosa volevo io. In questo modo eravamo
entrambe protetti da qualsiasi tipo di attacco. Protetto dal mercato azionario e
certo di avere una moglie devota.
CHAPTER XV

Tra i pericoli della speculazione gli imprevisti, o potrei anche dire
l’imprevedibile, sono tra i peggiori. Ci sono certi rischi che anche la persona più
prudente del mondo deve prendere se spera di diventare qualcosa di più di un
commerciante da quattro soldi. I normali rischi legati al business non sono
peggio di quelli che un uomo assume quando esce di casa e scende in strada, o
quando fa un viaggio in treno. Quando perdo soldi per colpa di qualche evento
che nessuno poteva predire non ci rimugino sopra, non più di quanto farei
quando si verifica una acquazzone inaspettato. La vita stessa è una scommessa,
dalla culla alla tomba; e tutto quello che mi accade, visto che non possiedo il
dono della veggenza, lo posso sopportare senza troppa fatica. Ci sono stati
periodi nella mia carriera da speculatore quando avevo ragione e investivo bene
ma tuttavia mi avevano truffato e l’ingiustizia sordida degli avversari antisportivi
aveva portato via tutti i miei guadagni.
Contro le cattiverie dei truffatori vigliacchi solo un ragionamento veloce o
un’ottima visione della situazione riesce a proteggere il business di un uomo.
Non ho mai avuto a che fare con persone veramente disoneste, all’infuori di uno
o due bucket shop, perché anche nei bucket shop l’onestà era la politica
migliore; i soldi veri li fanno le persone sincere non quelle disoneste. Non avevo
mai pensato che si potesse fare un qualsiasi tipo di business in un qualsiasi posto
dove bisogna tenere sempre d’occhio il negoziante perché appena ti distrai cerca
di truffarti. Contro i disonesti che piagnucolano un uomo onesto non può nulla.
La correttezza è la correttezza. Potrei raccontarti dozzine di situazioni dove sono
stato vittima della mia stessa fede nella sacralità dell’impegno sulla parola o
dell’inviolabilità di un accordo tra gentiluomini. Non ti racconterò nessuna di
queste vicende perché non sono di alcuna utilità.
Agli scrittori di fantascienza, ai pastori evangelici e alle donne piace molto
paragonare gli uffici di borsa a un sanguinoso campo di battaglia, e paragonano
un giorno di investimenti a Wall Street ad una battaglia. E’ abbastanza
drammatico e molto fuorviante. Non penso che il mio lavoro sia una battaglia o
una competizione. Non ho mai dovuto combattere contro nessuno. Al massimo
posso avere opinioni differenti dagli altri – quando si parla di condizioni generali
del mercato. Quello che i drammaturghi chiamano battaglia di investimenti non
sono lotte tra uomini, sono o dei semplici test o dei punti di vista differenti. Io
cerco di attenermi ai fatti e solo ai fatti e agisco di conseguenza. Questa è la
ricetta di Bernard M. Baruch per la ricchezza. Alcune volte non vedo tutti i
fattori abbastanza chiaramente o non riesco a vederli in tempo, oppure non
ragiono con logica e ogni volta che si verifica una di queste tre condizioni perdo
soldi. Sto sbagliando e sbagliare è sempre costoso.
Nessun uomo ragionevole si rifiuta di pagare per i propri errori. Gli errori non
hanno dei clienti che preferiscono particolarmente, non hanno creditori
privilegiati e non fanno né eccezioni né esenzioni. Mi rifiuto, però, di perdere
soldi quando investo correttamente. Questi investimenti mi erano costati dei
soldi perché all’improvviso cambiavano delle regole di qualche mercato in
particolare. Alludo a certi rischi della speculazione che di volta in volta
ricordano alle persone che non devono considerare intascato il profitto di un
investimento fino a che non lo hanno depositato in banca.
Dopo che era scoppiata la Grande Guerra in Europa, era iniziata la risalita dei
prezzi delle commodity di quei beni di cui le nazioni in guerra avevano bisogno.
Era così facile da prevedere, come era facile da prevedere l’inflazione dovuta
alla guerra. Il rialzo sarebbe continuato con il prolungarsi del conflitto. Come
potrai ricordare, ero impegnato a tornare in pista nel 1915. Il boom della borsa
era iniziato ed era mio dovere approfittarne. I miei investimenti più sicuri, più
facili e più veloci erano sul mercato azionario, e come già sai ero stato molto
fortunato.
A Luglio del 1917 non solo ero stato in grado di ripagare tutti i miei debiti ma mi
erano rimasti parecchi soldi. Questo significava che avevo il tempo, il denaro e
la propensione per considerare sia gli investimenti nelle commodity che gli
investimenti nel mercato azionario. Per molti anni avevo studiato tutti i mercati.
I rialzi dei prezzi delle commodity, dopo la grande guerra, oscillavano tra il 100
e il 400%. C’era solo un eccezione, il caffè. Ci doveva essere un motivo per cui
il prezzo del caffè non si era apprezzato. Lo scoppio della guerra aveva fatto
chiudere il mercato Europeo e gli enormi carichi di caffè erano stati inviati nel
nostro paese, che era già il mercato principale. Questo aveva portato nel tempo
ad un enorme eccedenza di caffè, per questo motivo il prezzo era rimasto basso.
Quando avevo iniziato a considerare di speculare nel caffè quest’ultimo era
venduto ad un prezzo inferiore del prezzo dell’anteguerra. Se le ragioni di questa
anomalia erano chiare, era meno evidente che l’incremento e la maggiore
efficienza delle operazioni dei sottomarini Tedeschi e Austriaci erano la causa di
una spaventosa riduzione delle navi disponibili per il commercio. Questo a sua
volta avrebbe portato ad una diminuzione dell’importazione di questo bene. Con
meno disponibilità di caffè e un consumo invariato i carichi in surplus sarebbero
stati smaltiti; quando questo si sarebbe verificato il prezzo si sarebbe comportato
come il prezzo di tutte le altre commodity, sarebbe aumentato.
Non c’era bisogno di Sherlock Holmes per capire il quadro della situazione.
Perché non stessero tutti quanti comprando il caffè non so dirtelo. Quando avevo
deciso di acquistarlo non l’avevo considerata speculazione. Era un semplice
investimento. Sapevo che avrebbe impiegato del tempo per darmi un guadagno
ma sapevo anche che era destinato a generarmi un bel profitto. Questo la rendeva
un operazione conservativa – un bonifico bancario piuttosto che un
investimento.
Avevo iniziato ad acquistare nell’inverno del 1917, mi ero accaparrato parecchio
caffè. La commodity, tuttavia, non aveva fatto nessun movimento dovuto ai miei
acquisti. Manteneva la sua inattività, non era salito come mi aspettavo. Avevo
tenuto questa linea di investimento per nove mesi senza alcun risultato. I miei
contratti scaddero e fui costretto a venderli tutti. Avevo subito un enorme perdita
da questa transazione anche se ero sicuro che le mie previsioni erano esatte.
Avevo chiaramente sbagliato i tempi di esecuzione, ma confidavo nel fatto che il
prezzo del caffè sarebbe dovuto salire come avevano fatto tutte le altre
commodity, così poco dopo che i miei contratti erano scaduti avevo iniziato a
ricomprare di nuovo il caffè. Avevo comprato tre volte tanto il caffè che avevo
acquistato nei nove mesi precedenti. Ovviamente avevo acquistato tutte le
opzioni107 che ero riuscito ad acquistare.
Non era stata un’operazione tanto sbagliata. Appena avevo acquisito appieno la
mia linea triplicata il mercato in generale aveva iniziato ad apprezzarsi.
Sembrava che tutte le persone avessero realizzato all’improvviso quello che
doveva accadere al mercato del caffè. Avevo iniziato a vedere che il mio
investimento era destinato a generarmi un ottimo profitto.
Tenevo le persone che avevano venduto allo scoperto i contratti come polli allo
spiedo, la maggior parte delle affiliazioni e dei tedeschi che avevano comprato il
caffè in Brasile aspettavano fiduciosamente di portarlo nel paese. Ma non
c’erano navi per trasportarlo. In quel momento si trovavano in una posizione
scomoda, avevano grandi quantità di caffè in Brasile ma non ne avevano
neanche un granello nel loro paese.
Ti prego di tenere a mente che ero diventato rialzista sul caffè mentre il prezzo
era praticamente ai livelli dell’anteguerra, e non dimenticare che dopo che lo
avevo acquistato e dopo che lo avevo tenuto per quasi tutto l’anno avevo subito
una grave perdita. La punizione per chi sbaglia è perdere soldi. La ricompensa
per chi non sbaglia sono i soldi. Essendo chiaramente nella giusta direzione e
tenendo un’importante linea di investimento, avevo ragione di pretendere di
guadagnare una fortuna. Il caffè non sarebbe dovuto salire di molti punti per
generarmi un profitto soddisfacente, perché ne avevo acquistato parecchie
centinaia di migliaia di pound. Non mi piace molto parlare delle cifre dei miei
investimenti perché alcune volte sono piuttosto formidabili e le persone
potrebbero pensare che sono uno spavaldo. Difatti investivo una cifra idonea ai
miei mezzi e lasciavo sempre da parte un ampio margine di sicurezza. In questo
caso ero stato abbastanza conservativo. Il motivo per cui avevo comprato così
tante opzioni era perché non vedevo come avrei potuto perdere. Le condizioni
generali mi erano favorevoli. Avevo atteso per un anno, ma ora dovevo essere
ripagato dell’attesa perché avevo ragione. Vedevo il profitto che correva veloce
verso di me, non era frutto della mia intelligenza; semplicemente non ero cieco.
Avrei guadagnato milioni sicuri e in poco tempo. Ma i milioni non arrivarono
mai. Non avevano imboccato un'altra strada a causa di un cambiamento
improvviso delle condizioni generali. Il mercato non aveva invertito
improvvisamente la sua tendenza. Il caffè non abbondava nel paese. Cos’era
accaduto? L’imprevedibile! Quello che non mi era mai capitato in nessuna
esperienza della mia vita; quello per cui non avevo alcuna ragione di difendermi.
Avevo aggiunto un altro pericolo della speculazione alla lunga lista che tenevo
sempre a portata di mano. Semplicemente i commercianti che mi avevano
venduto il caffè sapevano cosa c’era in serbo per loro e grazie ai loro sforzi per
divincolarsi dalla situazione in cui si erano cacciati, anzi che loro stessi avevano
scelto, avevano messo a punto una nuova truffa. Si erano precipitati a
Washington per chiedere aiuto e lo avevano ottenuto.
Forse ricorderai che il Governo aveva sviluppato vari piani per prevenire lo
sciacallaggio. Sapete come avevano lavorato la maggior parte di loro. Beh, i
filantropici ribassisti del caffè erano apparsi prima della commissione che
fissava i prezzi, la War Industries Board108 credo che il nome ufficiale
dell’agenzia sia questo, e avevano fatto un appello patriottico a questa agenzia
federale per proteggere la colazione americana109 . Essi sostenevano che uno
speculatore professionista, un certo Lawrence Livermore, aveva monopolizzato
il caffè o comunque aveva intenzione di farlo. Il piano speculativo di Livermore
non avrebbe portato a nulla, avrebbe tratto vantaggio dalle condizioni create
dalla guerra e gli americani sarebbero stati costretti a pagare cifre esorbitanti per
il caffè giornaliero. Era impensabile per i patrioti che avevano venduto i carichi
di caffè a Livermore che non sarebbero riusciti a trovare le navi per trasportalo,
in questo modo circa un centinaio di milioni di americani avrebbero dovuto
pagare una tassa ad uno speculatore incosciente. Loro rappresentavano il
commercio del caffè, non gli investimenti sul caffè, ed erano intenzionati ad
aiutare il Governo a frenare la speculazione attuale e futura.
Ho il terrore dei piagnucoloni. Non intendo dire che la War Industries Board non
avesse fatto del suo meglio, agendo onestamente, per frenare lo sciacallaggio e
gli sprechi, ma questo non mi frena dall’esprimere che questa commissione non
era andata realmente a fondo nel vero problema del mercato del caffè. Avevano
fissato un prezzo massimo al caffè, come materia prima, e avevano imposto un
limite temporale che faceva chiudere tutti i contratti esistenti. Questa decisione
significava che il Coffe Exchange110 sarebbe dovuto uscire dal mercato. Potevo
fare solo una cosa, vendere tutti i miei contratti. Il profitto di milioni di dollari
che credevo fosse già nel mio conto in banca non si era mai materializzato. Ero,
e sono, contro lo sciacallaggio verso i beni di prima necessità come chiunque
altro, ma al tempo la War Industries Board aveva imposto le sue regole sul caffè
mentre tutte le altre commodity erano state vendute, per alcuni anni, ad un
prezzo superiore del 250 o del 400 per cento rispetto al prezzo pre-guerra e il
caffè, attualmente e per alcuni anni, era venduto con un prezzo medio inferiore al
prezzo pre-guerra. Non riuscivo a sopportare il fatto che queste regole non
avevano apportato nessuna differenza per chi possedeva il caffè. Il prezzo era
destinato a salire; e non a causa degli investimenti di uno speculatore
incosciente, il responsabile era la diminuzione della materia prima. La
diminuzione della materia prima era causata dalla terrificante distruzione delle
navi di importazione da parte dei sottomarini tedeschi. La commissione non
aveva aspettato che il caffè ripartisse, erano semplicemente saltati sul pedale del
freno.
Come questione politica e di convenienza avevano sbagliato a chiudere
forzatamente il Coffee Exchange. Se la commissione avesse lasciato in pace il
caffè il prezzo sarebbe indubbiamente salito per i motivi che ti ho spiegato in
precedenza, e non a causa di presunta monopolizzazione. Il prezzo più alto, però,
che non per forza doveva raggiungere prezzi esorbitanti, avrebbe attirato
l’attenzione dei fornitori delle materie prime. Avevo sentito dire da Mr. Bernard
M. Baruch che la War Industries Board aveva preso in considerazione questo
fattore: quello di garantire un prezzo fisso per la fornitura delle materie prime, e
per questo motivo le contestazioni verso i prezzi troppo alti di certe commodity
erano ingiuste. Quando successivamente avevano riaperto il Coffe Exchange il
caffè era venduto a ventitré centesimi. Gli americani pagavano questo prezzo a
causa dei pochi rifornimenti, ma il vero motivo era il prezzo fissato ad un valore
troppo basso, su suggerimento dei ribassisti filantropici, per poter pagare il
trasporto delle navi così da assicurare l’importazione nel paese.
Ho sempre pensato che il mio investimento sul caffè era il più legittimo di tutte
le mie operazioni sulle commodity. Lo consideravo più un investimento che
speculazione. Lo aveva tenuto per più di un anno. Se qualcuno giocava
d’azzardo quel qualcuno erano i torrefattori patriotici che avevano nomi e
discendenze tedesche111 . Essi possedevano del caffè in Brasile e me lo avevano
venduto a New York. La War Industries Board aveva fissato il prezzo dell’unica
commodity che non aveva un prezzo alto. Avevano protetto le persone contro lo
sciacallaggio prima che questo iniziasse, ma non l’avevano protetto contro
l’inevitabile innalzamento dei prezzi che sarebbe susseguito. Non finisce qui,
quando il caffè grezzo si aggirava intorno ai nove centesimi per pound, il caffè
tostato era salito di conseguenza. Solo i torrefattori avevano tratto profitto da
questa vicenda. Se il prezzo del caffè grezzo fosse salito di due o tre centesimi
per pound mi avrebbe generato un guadagno di molti milioni e non sarebbe
costato così tanto come costava dopo quella manovra.
Le autopsie nella speculazione sono tempo perso. Non ti portano da nessuna
parte. Ma questa particolare transazione ha sicuramente un certo valore
educativo. E’ stata una delle lezioni migliori che abbia mai ricevuto. Il rialzo era
così sicuro, così logico che non dovevo far nulla per guadagnare parecchi
milioni di dollari, ma alla fine non avevo guadagnato nulla.
In altre due occasioni ero stato penalizzato dalla War Industries Board che
cambiava le regole degli investimenti senza preavviso. In questi casi però la mia
posizione, anche se era tecnicamente giusta, non era azzeccata tanto quanto lo
era quella nel caffè. Non puoi mai essere assolutamente sicuro di nulla nella
speculazione. Era stata l'esperienza che ti ho appena raccontato che mi aveva
fatto aggiungere l’imprevedibile nella lista dei pericoli per un investitore.
Dopo l’episodio del caffè avevo riscosso così successo nel vendere allo scoperto
le altre commodity che ero stato vittima di sciocchi pettegolezzi. Gli esperti di
Wall Street e i giornali avevano preso l’abitudine di incolpare me e le mie
presunte incursioni per gli inevitabili ribassi. Al tempo le mie vendite allo
scoperto erano catalogate come “non patriottiche” – sia se vendevo realmente
allo scoperto sia se non lo facevo. L’esagerazione del magnetismo delle mie
operazioni, suppongo, servivano per soddisfare l’insaziabile bisogno delle
persone di capire la ragione di ogni movimento del mercato.
Come ho già ripetuto un migliaio di volte, nessuna manipolazione poteva far
abbassare e mantenere basso il prezzo di una commodity. Niente che non si
sapesse già. La ragione è chiara per chiunque si prende la briga di pensarci per
mezzo minuto. Supponi che un operatore manipolava un titolo – abbassava il
prezzo ad un valore inferiore di quello reale – che cosa sarebbe inevitabilmente
accaduto? Il manipolatore si sarebbe trovato, ancora una volta, contro un mare di
acquirenti. Le persone che sanno quale commodity è valida l’acquistano sempre
o comunque quando è venduta ad un prezzo basso. Se i soci del titolo non erano
in grado di comprare, a causa delle condizioni generali che erano contro il loro
comando e le loro risorse, non sono condizioni per un mercato toro. Quando le
persone parlano delle manipolazioni di un titolo il verdetto è che le
manipolazioni sono ingiustificate, quasi da criminali. Vendere un titolo allo
scoperto quando è già scambiato ad un prezzo basso per portarlo ad un prezzo
ancora più basso del suo reale valore è un investimento estremamente
pericoloso. E’ bene tenere a mente che se un titolo manipolato fallisce un rialzo è
sintomo che i soci non stanno acquistando azioni.
Posso dire che novantanove volte su cento quelle che vengono chiamate
incursioni sono dei ribassi legittimi, magari a volte viene accelerato il processo,
ma la causa principale non sono gli investimenti degli speculatori,
indipendentemente da quanto sia importante l’investimento che eseguono.
La teoria che la maggior parte dei ribassi improvvisi sono il risultato di alcune
operazioni speculative probabilmente era stata inventata come una semplice
spiegazione per quei speculatori che, essendo niente di più che giocatori
d’azzardo, credevano a qualsiasi cosa gli veniva riferita piuttosto che pensare ad
una motivazione valida. La scusa della manipolazione di un titolo che gli
speculatori sfortunati ricevono spesso dai propri broker o dalle persone che
raccontano gossip finanziari, in realtà sono solo consigli invertiti112 . La
differenza consiste in questo: un consiglio ribassista, è un’informazione utile per
vendere allo scoperto. Un consiglio invertito è una spiegazione che non spiega
nulla, serve semplicemente ad impedirti di fare una vendita allo scoperto
corretta. La naturale tendenza che si ha quando un titolo è destinato ad avere un
brusco ribasso è quella di vendere. C’è un motivo – il motivo è sconosciuto ma è
comunque valido: quindi liquida la tua posizione. Ma non è saggio vendere le
azioni quando il ribasso è il risultato di una manipolazione di un investitore,
perché nel momento in cui smette di manipolare il titolo il prezzo rimbalza.
Consigli invertiti!
CHAPTER XVI

CONSIGLI! Quanto vengono cercati dalle persone! Non vogliono soltanto
riceverli, ma vogliono anche darli. E’ una questione di avidità e di vanità. E’
veramente divertente, a volte, guardare persone estremamente intelligenti che
impazziscono a causa delle soffiate che hanno ricevuto. Le persone che ricevono
dei consigli non hanno bisogno di valutarne la qualità, non agiscono solo dopo
che hanno ricevuto una buona soffiata, ma dopo che ne hanno ricevuta una
qualsiasi. Se poi si rivela corretta, bene! Se si verifica il contrario, andrà meglio
la prossima volta. Sto parlando del cliente medio degli uffici di borsa. C’è una
specie di promoter o manipolatori che crede continuamente ai consigli, da
quando li riceve fino a che non chiude il suo investimento. Considera un buon
flusso di soffiate come una specie di lavoro pubblicitario eccezionale, il miglior
metodo al mondo per fare merchandising, perché chi vuole e chi riceve consigli
sono inevitabilmente persone che li ritrasmettono a loro volta, la diffusione al
pubblico è l’ultimo anello della catena. Il promotore di soffiate lavora con
l’illusione che nessun uomo al mondo può resistere all’influenza di un consiglio
che viene dato opportunamente. Studia l’arte di trasmettere le soffiate in modo
pittoresco.
Ho ricevuto centinaia di consigli ogni giorno, da ogni tipo di persona. Ti
racconterò la storia della Borneo Tin. Ti ricordi quando il titolo era stato
immesso sul mercato? Era l’apice del boom economico. Una cordata di promoter
aveva ricevuto il consiglio di un banchiere molto intelligente e avevano deciso di
lanciare subito la nuova azienda nel mercato invece di lasciare ad un consorzio
di garanzia il tempo necessario per farlo. Era stato un ottimo consiglio. L’unico
errore compiuto dai membri di questa cordata era l’inesperienza. Non sapevano
di cosa è capace il mercato azionario durante un incredibile boom economico e
allo stesso tempo nessuno di loro era una persona dalle ampie vedute. Erano tutti
d’accordo sul fatto di fissare un prezzo di lancio alto, ma lo avevano fissato ad
una cifra così elevata che gli investitori e gli speculatori non potevano acquistare
azioni senza provare timore.
Per fare bene i promotori sarebbero dovuti rimanere fedeli alla loro strategia, ma
in un mercato selvaggiamente toro le loro porcherie si erano trasformate in
conservativismo. La gente acquistava qualsiasi titolo gli fosse stato
adeguatamente consigliato. Le persone non cercavano investimenti, volevano
fare soldi facili. C’era oro in abbondanza nel paese grazie alle grandi quantità di
forniture necessarie per la guerra. Mi avevano detto che i promoter, mentre
sviluppavano un piano per lanciare la Borneo, avevano aumentato il prezzo di
apertura per ben tre volte prima che l’immissione sul mercato fosse ufficialmente
registrata.
Ero stato invitato a far parte della cordata dei promoter della Borneo, avevo
preso in considerazione la proposta ma alla fine non l’avevo accettata perché se
c’era una qualsiasi manovra da fare sul mercato avrei preferito farla da solo.
Avrei investito basandomi sulle informazioni che avrei letto e avrei seguito la
mia strategia di investimento. Quando la Borneo Tin era stata lanciata sul
mercato, conoscendo le risorse a disposizione dei promotori, la loro strategia e
sapendo di cosa era capace la gente, avevo comprato diecimila azioni durante la
prima ora del primo giorno in cui era stata quotata in borsa. Il suo debutto nel
mercato era stato un successo. I promotori avevano notato che c’era una grande
richiesta così avevano deciso che sarebbe stato un errore lasciare agli altri così
tante azioni sin da subito. Avevano anche constatato che avevo acquistato
diecimila azioni nel momento in cui avevano capito che sarebbero comunque
stati in grado di vendere tutte le azioni che possedevano semplicemente alzando
il prezzo di altri venticinque o trenta punti. Inoltre avevano deciso che il profitto
generato dalle mie diecimila azioni sarebbe stato troppo alto - un milione di
dollari - così avevano abbandonato l’idea del rialzo e si erano accontentati di
quanto stavano incassando. Avevano smesso di lavorare per far apprezzare il
titolo e avevano provato a tagliarmi fuori. Ma io ero rimasto paziente ad
aspettare. Mi consideravano un pessimo affare perché volevano che il mercato si
concentrasse esclusivamente su di loro, solo a quel punto avrebbero iniziato ad
alzare il prezzo senza lasciarsi sfuggire neanche un azione.
Avevano visto l’incredibile rialzo degli altri titoli e avevano iniziato a pensare in
miliardi. Beh, quando la Borneo aveva raggiunto i 120 dollari gli avevo lasciato
le mie diecimila azioni. Dopo che avevano preso visione della mia operazione il
direttore della cordata di promoter aveva dato il via libera al processo di risalita
del prezzo. Nel rialzo generale successivo avevano provato nuovamente a tenere
attivo il mercato della Borneo e avevano distribuito un bel po’ di azioni.
L’attività promozionale si era dimostrata piuttosto costosa. Infine erano riusciti a
portare il titolo a 150 dollari. Il momento migliore però era passato e il mercato
toro era concluso, così la cordata di promoter era stata costretta a tenersi quelle
azioni che avrebbe venduto, durante la discesa del prezzo, a quelle persone che
amano comprare dopo un ribasso, facendogli credere che un’azione che era
venduta a 150 sarebbe stata economica se fosse stata acquistata a 130 e sarebbe
stato un ottimo a fare a 120 dollari. Avevano anche fatto arrivare delle soffiate,
prima agli investitori che avevano la possibilità di generare un buon volume di
scambio sul mercato, poi agli uffici di borsa. Ogni tipo di aiuto era valido, anche
il più piccolo; utilizzavano tutte le armi che avevano a disposizione. Il problema
era che il momento per far alzare il titolo era passato. I perdenti si erano
ingozzati con altri titoli. La Borneo non era, o non voleva essere vista.
Ero a Palm Beach con mia moglie. Un giorno avevo guadagnato dei soldi al
Gridley113 e quando ero tornato a casa avevo dato 500 dollari a mia moglie, era
la cifra che avevo vinto. Era stata una curiosa coincidenza, ma la sera stessa mia
moglie aveva incontrato ad una cena il presidente della compagnia Borneo Tin,
Mr. Wisenstein che era il manager della cordata di promoter. Eravamo venuti a
sapere solo dopo un po’ di tempo che Mr. Wisenstein aveva deliberatamente
fatto in modo di sedersi vicino a Mrs. Livermore a cena.
Si era dimostrato molto cordiale nei suoi confronti ed era stato un ottimo
intrattenitore. Alla fine Wisenstein le disse confidenzialmente: “Mrs. Livermore,
sto per fare qualcosa che non ho mai fatto prima. Sono grato di fare questo per
lei perché lei sa esattamente cosa vuol dire”. Si era fermato e guardava Mrs.
Livermore ansiosamente, voleva assicurarsi che oltre ad essere saggia doveva
essere anche discreta. Lei glielo poteva chiaramente leggere in faccia, ma tutto
quello che disse fu: “Ok”.
“Bene, Mrs. Livermore. E’ un vero piacere aver incontrato lei e suo marito e
voglio dimostrarle che sarò estremamente sincero in quello che le sto per dire
perché spero che lei e suo marito ne trarrete un bel guadagno. Sono sicuro che
non c’è bisogno di dirle che quello che le sto per rivelare è estremamente
confidenziale!”. Disse con un filo di voce: “Se lei comprerà le Borneo Tin
guadagnerà un bel gruzzoletto di soldi”.
“Lei crede?” domandò Mrs. Livermore.
Rispose: “Poco prima che ho lasciato l’hotel ho ricevuto alcuni telegrammi con
delle notizie che verranno rese pubbliche solo fra qualche settimana. Io stesso
sto per acquistare il maggior numero di azioni che la mia disponibilità mi
permette. Se lei domani comprerà appena il mercato apre acquisterà le azioni in
contemporanea con me e allo stesso prezzo a cui le acquisto io. Le do la mia
parola che le Borneo Tin si apprezzeranno sicuramente. E’ l’unica persona a cui
ho dato questo consiglio! Non l’ho detto a nessun altro!”
Mia moglie lo ringraziò e gli disse che lei non sapeva nulla della speculazione.
Lui però la rassicurò che non doveva conoscere altro oltre a quello che gli aveva
riferito lui. Per essere sicuro che avesse compreso quanto gli avevo detto le
ripeté: “Tutto quello che deve fare è comprare tutte le Borneo Tin che riesce a
comprare. Posso darle la mia parola che se ascolterà il mio consiglio non perderà
neanche un centesimo. Non ho mai consigliato a nessuna donna – e neanche a
nessun uomo, per quello che conta - di acquistare nulla ma sono sicuro che
questo titolo non si fermerà neanche quando raggiungerà i 200 dollari e mi
piacerebbe che lei guadagni un po’ di soldi. Non posso acquistare tutte le azioni
da solo, e lei lo sa, e se qualcuno oltre a me può trarre un beneficio da questo
rialzo sono felice che questa persona sia lei piuttosto che qualche sconosciuto.
Ne sarei decisamente più felice. Le ho detto questo in confidenza perché sono
consapevole che non ne parlerà a nessuno. Ascolti il mio consigli Mrs.
Livermore e compri le Borneo Tin!”.
Era stato così convincente nel parlare che era riuscito ad impressionare mia
moglie che aveva iniziato a pensare di aver trovato un ottimo modo per utilizzare
i cinquecento dollari che le avevo consegnato quello stesso pomeriggio. Quei
soldi non mi erano costati nulla e non avevano nessun vincolo. In altre parole,
erano dei soldi che poteva tranquillamente permettersi di perdere se fosse stata
sfortunata. Lei però era convinta che avrebbe sicuramente guadagnato altri soldi.
Era entusiasta del fatto che sarebbe stata in grado di guadagnarne da sola e mi
avrebbe raccontato tutto successivamente.
Bene signori, il giorno seguente prima che il mercato aprisse mia moglie andò
nell’ufficio di Harding e disse al direttore: “Mr. Haley, ho intenzione di
acquistare un po’ di azioni, ma non voglio farlo con il solito conto bancario
perché non voglio che mio marito sappia nulla di questa operazione, almeno fino
a che non ho guadagnato un po’ di soldi. Puoi fare questo per me?”
Il direttore disse: “Certamente. Possiamo farlo con un conto corrente speciale.
Quale titolo vuole acquistare e quante azioni?”
Gli consegnò i cinquecento dollari e disse: “Ascolta per favore. Nell’eventualità
non voglio perdere neanche un centesimo in più dei cinquecento dollari che ti sto
per consegnare. Se dovessi perdere non voglio arrivare ad avere debiti e ricorda,
non voglio che mio marito sappia nulla di questa transazione. Compra tutte le
azioni che riesci a comprare, con cinquecento dollari, della Borneo Tin appena
apre il mercato”.
Haley aveva preso i soldi e le aveva detto che non lo avrebbe detto ad anima
viva, aveva acquistato per conto della Signora Livermore cento azioni appena il
mercato aprì. Credo che le abbia acquistate a 108. Il mercato era stato molto
attivo quel giorno e aveva chiuso con un rialzo di tre punti. Mrs. Livermore era
così felice della sua impresa che aveva continuato a tenermi tutto nascosto.
Nel frattempo io avevo iniziato a diventare ribassista nel mercato in generale. La
inusuale attività della Borneo Tin aveva attirato la mia attenzione. Non credevo
che fosse il momento giusto, per qualsiasi titolo, di apprezzarsi; soprattutto per
un titolo come quello. Avevo deciso di iniziare ad investire al ribasso quello
stesso giorno, così avevo venduto allo scoperto diecimila azioni della Borneo. Se
non lo avessi fatto credo che il titolo sarebbe salito di cinque o sei punti invece
che di tre.
Il giorno seguente avevo venduto allo scoperto duemila azioni delle Borneo
appena il mercato aveva aperto e altre duemila prima che il mercato chiudesse, il
titolo era sceso a 102.
Haley, il direttore della filiale dei fratelli Harding a Palm Beach, stava
aspettando che Mrs. Livermore arrivasse per chiamarla in ufficio. Lei
generalmente arrivava in ufficio verso mezzogiorno per vedere come andavano
le cose e per vedere cosa facevo io.
Appena arrivata Haley la prese da parte e le disse: “Mrs. Livermore, se vuole che
continui a tenere le azioni della Borneo Tin per suo conto mi deve dare altri
soldi”.
“Ma io non ne ho” gli disse mia moglie.
“Posso trasferirle al suo conto ufficiale” disse Haley.
“No” obiettò, “Perché in questo modo mio marito mi scoprirà”.
“Ma il conto speciale che le ho aperto già è in rosso” rispose.
“Ma ti avevo detto chiaramente che non volevo perdere di più dei 500 dollari che
ti avevo dato. A dire il vero non volevo perdere neanche quelli” disse Mrs.
Livermore.
“Lo so Signora, ma non ho le ho volute vendere prima di aver consultato con lei,
ora a meno che lei non mi autorizza a tenerle devo venderle per forza”.
“Si erano comportate così bene il primo giorno che le avevo acquistate che non
credevo che si deprezzassero in così poco tempo. Lei se lo aspettava?”. Disse.
“No, neanche io” disse Haley. Dovevano essere molto diplomatici in ufficio.
“Cosa pensa che sia andato storto, Mr. Haley?”
Haley sapeva delle mie operazioni ma non poteva dirle nulla perché gli
investimenti dei clienti sono segreti. Così le disse: “Non ho sentito nulla di
particolare a riguardo, né da una via né dall’altra. Il prezzo è basso!” disse
mentre indicava il tabellone delle quotazioni.
Mrs. Livermore guardò sul tabellone il titolo che era sprofondato e disse
piangendo: “Mr. Haley non voglio perdere i miei cinquecento dollari! Cosa
potrei fare per evitarlo?”.
“Non lo so Mrs. Livermore, ma se lo desidera posso chiederlo a suo marito”
disse Haley.
“Oh, no! Non vuole che investo da sola. Me lo ha già detto in passato. Lui
compra e vende azioni per me, se glielo chiedo, ma non ho mai investito da sola
senza prima informarlo. Non mi azzardo a dirglielo”.
“Stia tranquilla” disse il direttore in modo rassicurante: “Suo marito è un
eccellente investitore e saprà sicuramente cosa deve fare”. Vedendo che lei
scuoteva la testa energicamente aggiunse: “O preferisce rischiare altri mille o
duemila dollari per proteggere le sue azioni?”.
Non aveva deciso subito quale soluzione adottare ma lo aveva fatto più tardi. Era
rimasta nell’ufficio di borsa, ma man mano che il mercato diventava sempre più
debole venne da me, ero seduto a guardare il tabellone delle quotazioni, e mi
disse che voleva parlarmi. Andammo nel mio ufficio privato e mi raccontò
l’intera storia. Così le dissi: “Sei una sciocchina, devi stare lontana da questi
investimenti”.
Mi promise che lo avrebbe fatto, così le ridiedi cinquecento dollari e se ne andò
felice.
Avevo capito cosa era accaduto. Wisenstein era una persona astuta, aveva
immaginato che Mrs. Livermore mi avrebbe detto quello che le aveva riferito in
modo tale che io avrei analizzato il titolo. Sapeva che i titoli molto attivi mi
hanno sempre attratto ed avevo la fama di uno che investe parecchi soldi. Credo
che pensasse che avrei acquistato diecimila o ventimila azioni.
Era stata uno tra i consigli più intelligentemente pianificato e artisticamente
trasmesso che abbia mai sentito. Ma gli era andata male, non poteva andare
diversamente. Come prima cosa, mia moglie aveva appena ricevuto cinquecento
dollari come regalo e perciò aveva uno spirito più avventuroso del solito. Aveva
intenzione di guadagnare dei soldi autonomamente e per come sono fatte le
donne la tentazione era così forte che non era stata in grado di resisterle. Lei sa
come la penso sulla gente che specula sporadicamente e non aveva osato
parlarmi del suo investimento. Wisenstein non aveva considerato adeguatamente
la psicologia di mia moglie.
Wisenstein aveva anche completamente sbagliato nell’ipotizzare il mio profilo
da investitore; non ho mai ascoltato un consiglio e inoltre in quel momento ero
ribassista sul mercato in generale. La tattica, che credeva efficace, per indurmi
ad acquistare le Borneo mi aveva indotto a fare questo: il rialzo di tre punti era
stato proprio il fattore che mi aveva convinto a vendere allo scoperto vari titoli.
Dopo che avevo sentito la storia raccontata da mia moglie ero più convinto che
mai di vendere allo scoperto le Borneo. Ogni giorno appena il mercato apriva o
poco prima che chiudeva vendevo regolarmente un po’ di azioni allo scoperto.
Avevo continuato fino a quando non avevo visto un’ottima opportunità di
guadagno con la chiusura della mia posizione.
Ho sempre pensato che è pura follia investire basandosi sui consigli. Non credo
di aver mai compreso le persone che vanno alla ricerca di soffiate, anzi credo che
siano come degli ubriaconi. Ci sono alcuni che non resistono al desiderio di bere
e lo considerano un elemento indispensabile per essere felici. E’ così facile aprire
le orecchie e lasciare entrare le soffiate. A dirla tutta, per essere felici basta fare
con entusiasmo ciò che per noi è piacevole, questo è un importante primo passo
verso l'appagamento dei propri desideri. Non è tanto l’avidità che rende cieche le
persone che vanno a caccia di consigli, ma la speranza che è alimentata dalla
mancanza di volontà di fare un qualsiasi ragionamento.


I cercatori incalliti di soffiate non li trovi solo in mezzo alla gente comune ma ci
sono anche moltissimi investitori professionisti negli uffici di borsa che bramano
per ricevere soffiate, e questi sono anche peggio della gente comune. So per
certo che nessuno ha mai ricevuto una soffiata sbagliata da me perché non ne ho
mai data nessuna. Se dico al cliente medio: “Vendi allo scoperto 5.000 azioni
della U.S. Steel” lui farà quanto gli ho detto. Ma se gli dico che sono ribassista
sul mercato in generale e gli spiego le motivazioni nel dettaglio gli risulterà
difficile ascoltarmi e dopo che ho finito il mio discorso egli mi rivolgerà
un’occhiataccia perché ho sprecato il suo tempo esprimendo la mia visione sulle
condizioni generali del mercato invece di fornirgli un consiglio mirato. Come se
ci fossero in circolazione tantissimi filantropi che conoscono così bene Wall
Street e che amano riempire le tasche degli amici, conoscenti e i completi
sconosciuti.
Il credere ai miracoli, come fanno molti uomini, deriva da un immoderata
indulgenza verso la speranza. Ci sono persone che sperperano molti soldi
periodicamente a causa della speranza, e tutti noi conosciamo la speranza
cronica di un ubriacone che finge di essere ottimista.
Un mio conoscente, un membro della Borsa Valori di New York, pensa che io sia
egoista perché non ho né mai passato una soffiata né ho dato mai un consiglio
mirato sul mercato. Un giorno di alcuni anni fa questa persona stava parlando
con un giornalista che casualmente gli aveva fatto capire di aver ricevuto una
valida soffiata sulle G.O.H. che stavano per salire. Il mio amico aveva
prontamente acquistato mille azioni e aveva visto il prezzo scendere così
velocemente che aveva perso 35.000 dollari prima di riuscire a chiudere la
transazione. Dopo uno o due giorni aveva incontrato il giornalista, ancora
doveva digerire la perdita.
“E’ stata pessima la soffiata che mi hai passato” disse con tono lamentoso.
“Di quale soffiata parli?” chiese il giornalista, che non si ricordava.
“Quella delle G.O.H., mi hai detto che proveniva da una fonte attendibile”.
“Lo era. Il direttore della compagnia che è anche membro della commissione
finanziaria me lo aveva detto”.
“Qual’è il nome del membro?” chiese il broker con tono vendicativo.
“Se proprio vuoi saperlo” disse il giornalista “è tuo suocero, Mr. Western”.
“Perché diamine non mi hai detto che si trattava di lui!” gridò il broker. “Mi sei
costato 35.000 dollari!” Non poteva prestare ascolto alle soffiate che
provenivano dal nucleo familiare. Più la fonte delle soffiate è lontana più le
soffiate sono attendibili.
Il vecchio Westlake era un banchiere e un promotore ricco e di successo. Un
giorno incontrò John W. Gates che gli chiese cosa se aveva qualche soffiata da
passargli.
“Se agirai di conseguenza alla soffiata che ti sto per dare ti dirò tutto; in caso
contrario risparmierò il fiato” disse il burbero Westlake.
“Certo che agirò di conseguenza” promise Gates allegramente.
“Vendi allo scoperto le Reading! C’è un guadagno di venticinque punti
assicurato, e forse anche di più. Ma venticinque punti sono certi” disse
Westlake.
“Ti sono molto grato” e Bet-you-a-million Gates strinse calorosamente la mano e
andò in direzione dell’ufficio di borsa.
Westlake era un esperto della Reading, conosceva tutto dell’azienda ed era a
stretto contatto con i soci e con il mercato azionario, il titolo era come un libro
aperto per lui e tutti lo sapevano. In quel periodo Westlake stava consigliando a
degli investitori dell’ovest di vendere allo scoperto il titolo.
Beh, la Reading non aveva mai smesso di salire. Il prezzo era salito tipo di 100
punti in poche settimane. Un giorno Westlake aveva incrociato John W. per
strada ma aveva fatto finta di non vederlo e aveva continuato a camminare. John
W. Gates lo aveva raggiunto e con la faccia sorridente gli tese la mano. Il
vecchio Westlake gliela strinse sbalordito.
Gates disse: “Ci tenevo a ringraziarti per la soffiata che mi hai passato sulle
Reading”.
“Non ti ho passato nessuna soffiata” disse Westlake, aggrottando le sopracciglia.

“Certo che l’hai fatto. Ed è stata una soffiata fantastica. Ho guadagnato 60.000
dollari grazie a te”.
“Hai guadagnato 60.000 dollari grazie a me?” Domandò Westlake.
“Certo! Non ti ricordi? Mi hai detto di vendere allo scoperto le Reading; così le
ho acquistate! Ho sempre guadagnato parecchi soldi invertendo114 i tuoi consigli,
Westlake” disse Gates gradevolmente.
Il vecchio Westlake aveva ripensato al tranello che aveva architettato per gli
investitori dell’ovest e disse con ammirazione: “Gates, sarei ricchissimo se
avessi il tuo cervello!”
Il giorno dopo avevo incontrato Mr. W.A. Rogers, il famoso vignettista, che era
ammiratissimo dai disegnatori di Wall Street. Le vignette che comparivano
giornalmente nel New York Herald erano piaciute a migliaia di persone per
parecchi anni. Beh, mi aveva raccontato una storia. Era poco prima che
scoppiasse la guerra con la Spagna115 . Rogers stava trascorrendo la serata con
un suo amico broker e quando era arrivato il momento di rincasare il suo amico
aveva preso la propria bombetta dall’attaccapanni, o perlomeno credeva di aver
preso il suo cappello, perché gli calzava perfettamente.
La gente al tempo non faceva altro che parlare della guerra con la Spagna.
Sarebbe scoppiata o no? Se ci doveva essere una guerra il mercato sarebbe
sceso; non tanto a causa delle nostre vendite ma a causa della pressione
esercitata dagli Europei sui nostri titoli. Se ci fosse stata la pace, sarebbe stato un
gioco da ragazzi acquistare azioni, in quanto c’era stato un declino considerevole
causato dalle notizie gonfiate dai giornali. Mr. Roger aveva finito di raccontarmi
la storia così come te la riporto.
“Caro amico, il broker che sono andato a trovare quella notte, l’indomani si
trovava in un ufficio di borsa ed era indeciso su quale direzione del mercato
scegliere. Aveva confrontato i pro e i contro, ma era impossibile distinguere
quali notizie fossero vere e quali no. Non c’erano notizie autentiche che
potevano guidarlo. A volte pensava che la guerra era inevitabile, altre volte si
convinceva quasi che era del tutto improbabile. Questa perplessità doveva aver
surriscaldato la sua temperatura corporea perché si tolse il cappello per asciugare
la fronte febbricitante. Non sapeva proprio se comprare o se vendere allo
scoperto. All’interno del cappello aveva visto in un biglietto color oro la parola
“GUERRA”. Era quello di cui aveva bisogno. Era una soffiata che la
Provvidenza gli aveva trasmesso tramite il cappello? Decise di vendere allo
scoperto una valanga di azioni, la guerra fu puntualmente dichiarata, e lui ricoprì
la sua posizione dopo il declino guadagnando una fortuna. Successivamente
W.A. Roger concluse con: “Non restituirò mai questo cappello!”.
Il primo premio delle storie di soffiate della mia collezione riguarda uno dei
membri più popolari della Borsa Valori di New York, J.T. Hood. Un giorno un
altro investitore, Bert Walker, gli aveva detto che aveva fatto un favore ad un
importante direttore della Atlantic & Southern. Per ricambiare il favore il
direttore gli aveva consigliato di acquistare tutte le azioni della A. & S. che
riusciva a comprare. Non tutti i soci erano d’accordo ma la maggioranza avrebbe
votato per una manovra che avrebbe fatto salire il prezzo di almeno venticinque
punti.
Bert Walker aveva capito che sarebbe stato incrementato il dividendo. Aveva
riferito quanto sapeva al suo amico J.T. Hood ed avevano acquistato duemila
azioni ciascuno della A. & S. Il titolo si era rivelato molto debole, prima e dopo
che l’avevano l’acquistato i due amici, ma Hood aveva ipotizzato che fosse un
movimento, capeggiato dall’amico di Bert, che facilitava l’ingresso di alcuni
direttori.
Il giovedì successivo, dopo che il mercato aveva chiuso, il direttore della
Atlantic & Southern aveva annullato la distribuzione del dividendo. Il titolo
perse sei punti nei primi sei minuti di apertura del mercato il venerdì mattina.
Bert Walker piagnucolava come un cucciolo: lo aveva chiamato il direttore col
cuore spezzato, ed era molto dispiaciuto per questa situazione. Gli aveva detto
che si era dimenticato di aver detto a Walker di acquistare le azioni; per questo
motivo non lo aveva contattato per dirgli che c’era stato un cambiamento dei
piani da parte della maggioranza del consiglio di amministrazione. Il direttore si
sentiva così in colpa per l’accaduto che diede subito un altro consiglio a Bert.
Gli aveva spiegato che un paio dei suoi colleghi volevano acquistare le azioni a
buon prezzo così avevano fatto in modo che il titolo scendesse. Era stato
costretto a dargliela vinta per guadagnarsi la loro simpatia. Ora che avevano
accumulato le azioni che desideravano acquistare però, non c’era nulla che
potesse fermare la risalita del prezzo. Era più che sicuro che ora il prezzo delle
A. & S. sarebbe salito.
Bert non aveva solo perdonato il direttore ma gli aveva anche stretto
calorosamente la mano. Si era affrettato ad andare dal suo amico , Hood, per
trasmettergli la piacevole notizia. Avrebbero guadagnato una fortuna. Gli era
stato consigliato di acquistare le azioni di quel titolo che sarebbe dovuto salire
ma che erano sceso di quindici punti. Ora che aveva ricevuto quest’ulteriore
soffiata con il prezzo più basso sarebbe stato un gioco da ragazzi. I due amici
decisero di acquistare 5.000 azioni in società.
L’acquisto di cinquemila azioni era stato come una specie di fischio d’inizio, il
titolo era sceso bruscamente a causa di una vendita di azioni da parte dei soci.
Due analisti avevano allegramente confermato la cosa. Hood aveva venduto le
cinquemila azioni che aveva acquistato. Quando aveva incontrato Bert Walker
gli disse: “Se quel maledetto non fosse partito per la Florida l’altro ieri
gliel’avrei fatta pagare! Anzi voglio proprio fargliela pagare ma devi venire con
me”.
“Dove vuoi andare?” chiese Hood.
“All’ufficio postale. Ho intenzione di inviare a quel furfante un telegramma che
non dimenticherà mai. Andiamo!”.
Hood lo seguì. Bert lo aveva condotto fino all’ufficio postale. Lì, trasportato dai
sentimenti della grave perdita che aveva subito con le cinquemila azioni
compose un capolavoro di insulti. Lesse quanto aveva scritto ad Hood e disse:
“Questo si avvicina abbastanza a quello che penso di lui”.
Stava per consegnare il messaggio all’impiegato quando Hood disse: “Fermo,
Bert!”
“Per quale motivo?”.
“Non ho intenzione di inviare questo telegramma” disse Hood seriamente.
“Per quale motivo?” Scattò Bert.
“Lo farebbe sentire dannatamente a disagio!”.
“Non è quello che vogliamo?” disse Bert, guardando Hood con stupore.
Hood scosse la testa in segno di disapprovazione e disse molto seriamente: “Non
riceveremo più nessuna soffiata da lui se inviamo questo telegramma!”.
Un abile investitore una volta aveva detto: “A che cosa serve lamentarsi di una
pessima soffiata? La gente non ascolta le soffiate perché sono semplicemente
degli asini ma perché amano l’ebrezza della speranza”. La ricetta del vecchio
Barone Rothschild per la ricchezza si applica perfettamente alla speculazione.
Qualcuno gli aveva chiesto: “Guadagnare soldi in borsa è un compito difficile?”
Lui aveva risposto: “Al contrario, penso che sia una cosa molto semplice”.
“Per lei è facile perché è già ricco” obiettò l’intervistatore.
“Nient’affatto! Ho trovato un modo semplice per guadagnare soldi e gli rimango
fedele. Ti svelo il mio segreto se lo desideri. E’ questo: non ho mai acquistato al
prezzo più basso e ho venduto sempre troppo presto”.
Gli investitori sono come varie razze di gatti. La maggior parte di loro fanno
inventari e statistiche dei guadagni e fanno anche un sacco di conti matematici,
come se i risultati che ottengono fossero fatti reali e certezze. Il fattore uomo è
minimizzato. Moltissimi investitori basano i propri investimenti senza
considerare il fattore umano. Ma l’investitore più saggio che abbia mai
conosciuto è un uomo che era partito come tedesco della Pennsylvania116 ed era
arrivato fino a Wall Street.
Era un ottimo investitore e un instancabile Missouriano117 .
Credeva solo alle informazioni che riceveva personalmente o a quello che
vedeva con i suoi occhi. Non ascoltava nessun altro. Quanto ti sto per raccontare
accadde anni fa. Il tedesco della Pennsylvania possedeva un bel po’ di azioni
della Atchison. Aveva sentito parlare di alcuni resoconti inquietanti che
riguardavano la gestione dell’azienda. Si diceva che Mr. Reinhart, il presidente,
invece di essere un punto di forza per l’azienda era un peso. Era un manager
estremamente stravagante e la sua imprudenza stava spingendo rapidamente la
compagnia nel disordine. Nell’inevitabile giorno della resa dei conti l’azienda ne
avrebbe pagato le conseguenze.
Queste voci erano esattamente il tipo di notizia che adorava il tedesco della
Pennsylvania. Si era precipitato fino a Boston per incontrare Mr. Reinhart per
porgli alcune domande. Le domande riguardavano le accuse che aveva sentito, le
aveva poste al presidente della Atchison Topeka & Santa Fe Railroad in persona,
chiedendo se fossero fondate.
Mr. Reinhart non si era limitato a negare con enfasi le accuse ma aveva anche
aggiunto: “Ora ti proverò con i numeri che le persone che lo avevano accusato
erano solo dei bugiardi”. Il tedesco della Pennsylvania aveva chiesto
informazioni precise e il presidente gliele aveva fornite, mostrandogli come
stava operando la compagnia e la disponibilità finanziaria che aveva, nel
dettaglio.
Il tedesco della Pennsylvania aveva ringraziato il presidente Reinhart; quando
era tornato a New York aveva prontamente venduto tutte le azioni che
possedeva. Una settimana o due dopo aveva utilizzato i soldi che aveva liquidato
per acquistare una grande quantità di azioni della Delaware, Lackawanna &
Western.
Anni dopo stavamo parlando di transazioni fortunate e lui aveva citato il suo
caso. Aveva spiegato cosa lo aveva spinto a cambiare le Santa Fe con la
Delaware.
“Avevo notato che il presidente Reinhart, mentre stava scrivendo i dati, aveva
preso dei fogli di carta da un cassetto della sua scrivania in mogano. Era un
tipo di carta molto pregiato che aveva una bella intestazione a due colori. Non
solo era estremamente costosa ma era inutilmente costosa. Avrebbe potuto
scrivere i dati su un foglio di carta qualsiasi per mostrarmi quello che la
compagnia stava guadagnando, o per dimostrarmi come stavano tagliando le
spese superflue o per spiegarmi il modo in cui stavano riducendo i costi.
Quando aveva finito di darmi spiegazioni poi aveva accartocciato il costoso
foglio di carta e lo aveva gettato nel cestino. Poco dopo voleva impressionarmi
con le innovazioni che stavano introducendo in azienda e aveva preso un foglio
nuovo, identico a quello di prima con l’intestazione bicolore. Ancora un po’ di
dati e via dentro al cestino! Altri soldi buttati senza pensarci troppo. Mi aveva
meravigliato il fatto che il presidente fosse quel tipo di uomo. Quindi avevo
deciso di credere alle persone che mi avevano detto che la gestione aziendale
era stravagante invece di accettare la versione del presidente e avevo venduto
tutte le Santa Fe che possedevo.
“Pochi giorni dopo mi capitò l’occasione di andare nell’ufficio della Delaware,
Lackawanna & Western. Il vecchio Sam Sloan era il presidente. Il suo ufficio era
il più vicino all’ingresso e la sua porta era spalancata. Era sempre spalancata.
Nessuno che era entrato negli uffici della D.L. & W. aveva visto la scrivania del
presidente vuota, era sempre seduto lì. Il direttore finanziario mi aveva detto che
non avevano mai dovuto tergiversare con il vecchio Sam Sloan, ma potevano
porre le loro domande e ricevere come risposta un chiaro sì o no,
indifferentemente da quali potessero essere le esigenze degli altri direttori sul
mercato finanziario.
“Quando ero entrato in azienda avevo visto l’anziano signore molto impegnato.
All’inizio avevo pensato che stesse aprendo la posta che gli era arrivata, ma
dopo che ero entrato e mi ero avvicinato alla sua scrivania avevo visto cosa
stava realmente facendo. Dopo che aveva letto e sistemato la posta, invece di
buttare via le buste vuote le accumulava. Nel tempo libero strappava i bordi
delle buste vuote per tutto il perimetro. Questo gli permetteva di avere due fogli,
con un solo lato bianco su cui scrivere, per ogni busta. Impilava questi fogli e
poi li distribuiva per essere utilizzati in sostituzione dei block notes; alla faccia
di quello che aveva fatto Reinhart con la carta intestata. Non si sprecavano né le
buste vuote né il tempo libero del presidente. Era tutto ottimizzato.
“Avevo subito notato che se la D.L. & W. aveva come presidente quest’uomo, la
compagnia doveva essere gestita molto bene economicamente, in ogni reparto. Il
presidente faceva caso addirittura a queste piccolezze! Ero certo che la
compagnia avrebbe pagato il dividendo regolarmente e sapevo che aveva un
ottima gestione. Avevo acquistato tutte le D.L. & W. che potevo. Da quando
avevo acquistato le azioni il capitale dell’azienda era prima raddoppiato poi
quadruplicato. Il mio dividendo annuale ammontava alla cifra che avevo
investito all’inizio. Possiedo ancora le azioni della D.L. & W.
La Santa Fe era finita in mano ad un curatore fallimentare pochi mesi dopo che
avevo visto il presidente che gettava nel cestino della spazzatura la carta con
intestazione bicolore dove aveva scritto i dati per convincermi che non fosse un
tipo stravagante”.
Il bello di questa storia è che è del tutto vera e il tedesco della Pennsylvania non
è più riuscito ad acquistare un titolo che gli ha reso tanto quanto l’ottimo
investimento sulla Delaware, Lackawanna & Western.
CHAPTER XVII

Un dei miei migliori amici ama raccontare storie a proposito di quello che
chiama: le mie intuizioni. Egli è solito attribuirmi poteri che sfidano l’analisi. In
poche parole, afferma che seguo ciecamente certi impulsi misteriosi che mi
fanno chiudere gli investimenti esattamente al momento giusto. La sua storia
preferita racconta di un gatto nero che, durante la colazione, mi dice di vendere
tutte le azioni che possiedo, e dopo che ho ricevuto il messaggio del gattino sono
di malumore e nervoso fino a che non faccio quanto mi ha detto. Praticamente
vendo sempre al prezzo più alto e questo, ovviamente, rafforza la teoria delle
intuizioni del mio ostinato amico.
Dovevo andare a Washington per sforzarmi di convincere alcuni membri del
congresso che non era saggio tassarci fino alla morte e quindi non prestavo
molta attenzione al mercato azionario. Così avevo deciso, improvvisamente, di
vendere tutti i titoli che avevo nel portafoglio, in accordo con il racconto del mio
amico.
Devo ammettere che a volte ho un impulso irrefrenabile quando devo fare certe
operazioni nel mercato azionario. Indifferentemente che la posizione sia al rialzo
o al ribasso, devo chiuderla. Mi sento a disagio fino a che non lo faccio. Penso
che questo si verifica ogni qualvolta vedo molti campanelli d’allarme. Forse un
singolo segnale non è sufficientemente chiaro o potente per convincermi
definitivamente a fare quello che improvvisamente sento il bisogno di fare.
Probabilmente è questo quello che chiamano “sensibilità della telescrivente”; i
vecchi investitori dicevano che James R. Keene118 aveva sviluppato moltissimo
questa sensibilità e anche altri trader prima di lui. Il gatto nero non ha niente a
che vedere con questo. Quello che tutti chiamano “il mio malumore” credo che
possa essere spiegato – se è vero quello che dicono – dal mio disappunto.
Sapevo di non aver convinto gli uomini che partecipavano al congresso perché
avevo parlato dei problemi che si sarebbero riscontrati nel tassare Wall Street ma
la commissione non riusciva proprio a vederli. Non stavo cercando di fermare o
di evadere le tasse sugli investimenti ma stavo consigliando un tipo di
tassazione, essendo un operatore di borsa esperto, che non era né sleale né
stupida. Non volevo che lo Zio Sam119 uccidesse l’oca che deponeva così tante
uova d’oro che venivano distribuite, con un trattamento equo, fra tutti. Forse il
non essere riuscito a convincere la commissione non si limitava ad infastidirmi
ma mi aveva reso pessimista sul futuro di un business ingiustamente tassato. Ti
racconterò esattamente quello che accadde.
Quando era iniziato il mercato toro avevo pensato che c’erano buone prospettive
per investire sulla U.S. Steel e sulla Kennecott Utah Copper, pertanto sentivo che
ci sarebbe stato un rialzo dei prezzi su entrambe i titoli. Così avevo deciso di
accaparrare un po' di azioni. Avevo iniziato acquistando 5.000 azioni della Utah
Copper ma mi ero fermato perché non aveva reagito come avrebbe dovuto.
Proprio così, non si era comportata come avrebbe dovuto comportarsi per farmi
capire che avevo ragione ad acquistarla. Credo che il prezzo si aggirava intorno a
114 dollari per azione. Avevo iniziato ad acquistare anche le U.S. Steel
indicativamente allo stesso prezzo. Ne avevo accumulate 20.000 il primo giorno
perché, al contrario della Utah Copper, si stava comportando come avrebbe
dovuto. Avevo eseguito gli acquisti rimanendo fedele alla strategia che ti ho
descritto in precedenza.
La U.S. Steel continuava a comportarsi correttamente e pertanto avevo
continuato ad acquistarla fino ad arrivare ad un totale di 72.000 azioni. Il numero
di azioni della Utah Copper era quello del primo acquisto, cinquemila. Non le
avevo più comprate, il comportamento del titolo non mi aveva incoraggiato a
farlo.
Tutti sapevano cosa sarebbe accaduto. Avremmo avuto un forte rialzo, sapevo
che il mercato sarebbe diventato toro. Le condizioni generali erano favorevoli.
Anche dopo che il prezzo dei titoli era salito di parecchi punti e il mio profitto su
carta non era niente male, il grafico continuava a sbandierare: Non ancora! Non
ancora! Anche quando ero arrivato a Washington il grafico continuava a dirmi la
stessa cosa. Ovviamente, dato che era passato un po' di tempo da quando avevo
definito la mia posizione, non avevo intenzione di incrementarla ulteriormente,
anche se ero ancora rimasto rialzista. Il mercato stava chiaramente seguendo la
direzione che avevo scelto ma non avevo la possibilità di stare seduto difronte ad
un tabellone delle quotazioni tutto il giorno in attesa del momento giusto per
uscire dal mercato. Prima dello squillo di tromba della ritirata – a meno che non
si fosse verificata una catastrofe inaspettata – il mercato o avrebbe esitato o mi
avrebbe lasciato il tempo per preparare un’inversione di direzione. E’ questa la
ragione per cui ero andato spensierato per fatti miei con gli uomini del
congresso.
Nel frattempo, i prezzi continuavano a salire e questo significava che la fine del
mercato toro era vicina. Non c’era nessuna data fissata che ne indicava la fine.
Era qualcosa che era ben aldilà della mia capacità di giudizio. Non c’è neanche
bisogno di dirtelo ma ero all’erta in cerca di un segnale per uscire. A dire il vero
lo sono sempre, in ogni caso. E’ diventata una sorta di abitudine.
Non posso giurartelo ma ho il sospetto che il giorno prima che avevo venduto le
mie azioni, vedendo che i prezzi erano così elevati, avevo pensato all’importanza
del mio profitto su carta e alla linea di investimento che stavo tenendo;
successivamente avevo pensato ai miei sforzi, vani, per indurre i nostri
legislatori a trattare in modo corretto e intelligente Wall Street. Probabilmente è
questo il modo e il momento in cui era stato piantato il seme dentro di me. Il
subconscio aveva lavorato su questo concetto tutta la notte. Il giorno seguente
avevo pensato al mercato e avevo iniziato a meravigliarmi sul comportamento di
quel giorno. Quando ero andato in ufficio non avevo notato che i prezzi erano
ancora più alti e che avevo un profitto soddisfacente ma avevo notato che c’era
un mercato con una forza di assorbimento immane. Avrei potuto vendere tutte le
azioni che volevo con quel mercato; ovviamente, quando un investitore ha la
linea di investimento definita appieno non deve farsi sfuggire la possibilità di
trasformare il profitto su carta in soldi reali. Si deve cercare di perdere il minimo
possibile durante lo scambio. L’esperienza mi aveva insegnato che si può sempre
trovare l’opportunità di trasformare il profitto su carta in profitto reale e
generalmente questa opportunità si presenta alla fine del trend. Non centra nulla
l’interpretazione del grafico o l’intuizione.
Appena avevo capito che quel giorno il mercato avrebbe potuto assorbire tutte le
mie azioni senza troppi problemi avevo liquidato tutti gli investimenti. Non
serve più coraggio per vendere cinquantamila azioni piuttosto che cinquanta; ma
cinquanta azioni le puoi vendere in un mercato noioso senza far abbassare il
prezzo mentre le cinquantamila le devi vendere in un altro momento. Io
possedevo settantaduemila azioni della U.S. Steel. Potrebbe non sembrare un
pacchetto azionario colossale, ma non si possono vendere tutte queste azioni
senza perdere una buona parte del profitto; è come se perdessi dei soldi che
tenevi al sicuro in banca.
Avevo guadagnato circa 1.500.000 di dollari e li avevo intascati quando era il
momento giusto per farlo. Questo però non è una motivazione sufficiente per
credere che avevo fatto la cosa giusta vendendo le azioni in quel preciso
momento. Il mercato lo aveva dimostrato per me e questa era la vera fonte di
soddisfazione. Era successo in questo modo: avevo venduto le settantaduemila
azioni della U.S. Steel ad un prezzo medio che era solo un punto sotto al prezzo
massimo della giornata e dell’intero trend. Questo provava che avevo avuto
ragione. Ma quando, lo stesso giorno alla stessa ora, avevo venduto le
cinquemila azioni della Utah Copper, il prezzo era sceso di cinque punti. Ti
prego di ricordare che avevo iniziato a comprare le azioni di entrambe le aziende
nello stesso momento ed ero stato saggio ad incrementare la mia linea di
investimento della U.S. Steel da ventimila azioni a settantaduemila, ma ero stato
altrettanto saggio nel non incrementare la linea di investimento originale delle
cinquemila azioni della Utah Copper. Il motivo per cui non avevo venduto le mie
Utah Copper prima era che tenevo un profilo rialzista ed era un mercato toro,
quindi non avevo pensato che mi avrebbero danneggiato più di tanto e al
contempo sapevo che non avrei guadagnato grandi cifre con quel titolo. In quella
transazione non c’era nessuna intuizione.
La formazione di un investitore è come quella di un medico. I medici impiegano
molti anni ad imparare anatomia, fisiologia, farmacologia e gli effetti collaterali
dei farmaci. Il medico impara la teoria e poi dedica la sua vita alla pratica.
Osserva e cataloga ogni tipo di fenomeno patologico. Impara a diagnosticare e se
la sua diagnosi è corretta – questo dipende dall’accuratezza della sua analisi – la
prognosi è fatta con accuratezza, sempre tenendo a mente, che la fallibilità
umana e gli imprevisti lo tengono lontano dall’indovinare il cento per cento delle
volte.
Successivamente, appena guadagna esperienza, non impara solo a fare le cose
giuste ma impara a farle all’istante, così la maggior parte delle persone crederà
che questo deriva dal suo istinto. In realtà non è una cosa automatica. Deriva dal
fatto che ha diagnosticato il caso basandosi sulle osservazioni di casi simili
riscontrati negli anni precedenti; e ovviamente, dopo che ha emesso la diagnosi,
si limita a curare il cliente nel modo in cui l’esperienza gli ha insegnato. Puoi
trasmettere le tue conoscenze – la collezione dei tuoi avvenimenti passati – ma
non puoi trasmettere la tua esperienza. Un uomo può sapere cosa deve fare e al
contempo perdere soldi – se non agisce con la giusta rapidità.
Esperienza, spirito di osservazione , memoria e matematica – è questo quello da
cui dipende un investitore di successo. Non si deve solo osservare accuratamente
ma bisogna anche ricordarsi di tutte le volte che si è osservato. Non si può fare
affidamento sull’irragionevolezza o sull’inaspettato, per quanto possano essere
forti le convinzioni personali di un investitore c’è sempre la possibilità che si
verifichino degli imprevisti. Si deve investire sempre basandosi sulle probabilità
– proprio così, bisogna cercare di anticipare i movimenti. Anni di pratica sugli
investimenti, coronati da anni di studio costante e da un’ottima memoria,
permette all’investitore di agire nell’istante in cui si verifica l’inaspettato così
come quando si verifica il prevedibile.
Un uomo può essere molto portato per la matematica ed avere un’inusuale abilità
nell’osservazione ed essere comunque un pessimo investitore se non possiede
una buona memoria e se non ha anni di esperienza alle spalle. Successivamente,
come fanno i dottori che continuano ad aggiornarsi man mano che la scienza
avanza, l’investitore saggio non cessa mai di studiare le condizioni generali per
tenere traccia degli sviluppi, di ogni parte del mondo, che influenzano i
movimenti dei vari mercati. Dopo anni di esperienza diventa un’abitudine. E’
una cosa quasi automatica. Si acquisisce un’attitudine professionale inestimabile
e questo ti permette di battere spesso il gioco! E’ questa la differenza tra
l’investitore professionista, l’amatore e l’investitore occasionale. Ho notato, per
esempio, che la memoria e la matematica mi hanno aiutato moltissimo. Il denaro
a Wall Street ha delle basi matematiche. Intendo dire che il denaro dipende dalla
relazione tra il rapporto tra i fatti e i dati.
Quando dico che un trader deve tenersi sempre informato e deve avere
un’attitudine verso tutti i mercati e tutti gli sviluppi, semplicemente enfatizzo
nuovamente che le intuizioni e la sensibilità della telescrivente non hanno molto
a che fare con il successo. Spesso accade che un investitore esperto agisce così
in fretta che non riesce ad elencare tutte le motivazioni che lo hanno spinto a
farlo - quando agisce però ha ragioni sufficientemente buone, perché si basano
su elementi che conosce grazie ad anni di lavoro, studio e analisi viste
dall’angolazione di un professionista, tutto il grano che viene al tuo mulino è da
macinare120 . Permettimi di illustrarti che cosa intendo dire con attitudine
professionale.
Ho sempre tenuto traccia del mercato delle commodity. E’ un abitudine che ho
da anni. Come tu sai, i rapporti Governativi indicavano che la raccolta del grano
invernale sarebbe stata uguale a quello dell’anno passato e ancora meglio della
primavera del 1921. Le condizioni climatiche erano ottimali e molto
probabilmente si sarebbe raccolto prima rispetto al solito. Quando avevo messo
insieme i dati delle condizioni del raccolto avevo fatto dei conti matematici per
capire quello che ci si poteva aspettare in termini di rendimento. Avevo anche
pensato allo sciopero dei minatori di carbone e dei ferrovieri. Non avevo potuto
evitare di pensare a quello perché la mia mente pensa sempre a tutti gli sviluppi
che hanno una qualsiasi connessione con il mercato. Mi aveva subito colpito il
fatto che lo sciopero avesse già intaccato il trasporto delle merci in tutto il
mondo e questo avrebbe influito negativamente sul prezzo del grano. Avevo
pensato che per il mercato invernale del grano ci sarebbe stato un notevole
ritardo nello smistamento a causa dello sciopero dei mezzi di trasporto, e per
quando si sarebbe risolta questa situazione il raccolto del grano primaverile
sarebbe stato pronto per essere trasportato. Questo significava che per quando i
treni sarebbero stati pronti per trasportare grandi quantità di grano, sarebbero
stati in grado di trasportare contemporaneamente entrambe i raccolti - il grano
invernale in ritardo e i primi raccolti del grano primaverile - e questo avrebbe
portato ad una eccedenza di frumento nel mercato. Dato che le circostanze del
caso erano queste, gli investitori che avrebbero previsto e calcolato quello che
avevo previsto io, non avrebbero acquistato quella commodity per un po'. Non
avrebbero avuto voglia di acquistarla fino a che il prezzo non sarebbe sceso tanto
in basso da rendere l’acquisto un buon investimento. Senza acquisti importanti
sul mercato il prezzo sarebbe dovuto scendere per forza. Dovevo capire se il
ragionamento che avevo fatto era corretto oppure no. Come è solito rimarcare il
vecchio Pat Hearne “Non si può dire fino a che non scommetti”.
L’esperienza mi ha insegnato che il modo in cui si comporta un mercato è
un’ottima guida da seguire per un operatore di borsa. E’ come se si prendesse la
temperatura corporea e i battiti di un paziente senza controllare il colore degli
occhi e lo stato della lingua.
Generalmente si dovrebbe essere in grado di acquistare o vendere allo scoperto
un milione di bushel di grano con un range di ¼ di centesimo. Quel giorno
quando avevo venduto allo scoperto 250.000 bushel per testare la tempestività
del mercato, il prezzo era sceso di ¼ di centesimo. Poi, poiché la reazione non
mi aveva detto specificatamente quello che avrei voluto sapere, avevo venduto
allo scoperto un altro quarto di milione di bushel. Nella seconda vendita allo
scoperto avevo notato che i bushel venivano assorbiti con il contagocce;
venivano assorbite in lotti di 10.000 o di 15.000 invece di essere presi in due o
tre transazioni, come dovrebbe accadere normalmente. In aggiunta agli acquisti
omeopatici il prezzo era sceso di un altro ¼ di centesimo. In quel momento non
avevo bisogno di perdere tempo a sottolineare che il modo in cui il mercato
aveva assorbito le mie vendite allo scoperto e il forte ribasso che ne era
conseguito erano dei chiari segnali che il mercato non aveva forza a sufficienza
per sostenere il prezzo della commodity. Data la situazione, quale sarebbe stata
l’unica cosa da fare? Ovviamente, aumentare di molto le vendite allo scoperto.
Seguendo i dettami dell’esperienza puoi incappare in qualche errore, di tanto in
tanto, ma non seguire gli insegnamenti dell’esperienza continuamente è una cosa
stupida. Così avevo venduto allo scoperto 2.000.000 di bushel di grano e il
prezzo era sceso ulteriormente. Pochi giorni dopo il comportamento del mercato
mi aveva praticamente obbligato a vendere allo scoperto altri 2.000.000 di
bushel e il prezzo era sceso ancora un po'; dopo qualche giorno il grano aveva
iniziato a scendere rapidamente e aveva fatto una pausa dopo una discesa di 6
centesimi per bushel. Successivamente non si era fermato lì, era sceso ancora un
po' con un ribasso di breve durata.
Non stavo seguendo un’intuizione e nessuno mi aveva passato una soffiata.
Investivo come facevo abitualmente o forse era la mia attitudine professionale
verso il mercato delle commodity che mi mi aveva permesso di generare quel
profitto, e questa abitudine deriva da anni di pratica in questo business. Studio
gli investimenti perché è il mio lavoro. Nel momento in cui il grafico mi aveva
detto che stavo seguendo la giusta direzione era mio dovere incrementare la mia
linea di investimento. E lo avevo fatto. E’ questo quello che bisogna fare.
Ho notato che l’esperienza ha l’abitudine di pagare continuamente il dividendo
nel mondo degli investimenti e l’osservazione ti dà le migliori soffiate. Il
comportamento di un titolo in particolare è tutto quello di cui hai bisogno a
volte. Lo osservi, poi l’esperienza ti mostra come trarre un profitto dalle
oscillazioni, funziona così: questione di probabilità. Per esempio, sappiamo che
tutti i titoli non si muovono nella stessa direzione contemporaneamente ma
sappiamo che tutti i titoli dello stesso gruppo si apprezzano in un mercato toro e
si deprezzano in un mercato orso. E’ una cosa normale nella speculazione. E’ il
consiglio più comune che puoi darti, le case di commissione ne sono ben
consapevoli e lo trasmettono a tutti i clienti che ancora non ci sono arrivati;
intendo dire, il consiglio di investire in questi titoli che sono rimasti indietro
rispetto agli altri componenti del gruppo. Perciò, se la U.S. Steel sale, è logico
pensare che è solo questione di tempo prima che la Crucible o la Republic o la
Bethlehem121 faranno lo stesso. Le condizioni commerciali e le prospettive
dovrebbero essere simili con tutti i titoli che appartengono allo stesso gruppo e la
prosperità dovrebbe essere condivisa fra tutte. In teoria, l’esperienza può
confermarlo in innumerevoli occasioni, la gente acquisterà le A.B. Steel perché
non si sono apprezzate mentre le C.D. Steel e le X.Y. Steel lo hanno fatto.
Non ho mai acquistato un titolo se quest’ultimo non si comporta come dovrebbe
comportarsi in quel tipo di mercato, neanche se il mercato è rialzista. A volte mi
era capitato di acquistare un titolo durante un mercato toro molto marcato e dopo
che avevo notato che le azioni dello stesso gruppo di titoli non si stavano
apprezzando avevo chiuso la mia posizione. Perché? L’esperienza mi aveva
insegnato che non è saggio scagliarsi contro quello che chiamo: la tendenza
manifestata dal gruppo. Non posso aspettarmi di investire solo quando sono
certo al cento per cento. Devo fare i conti con le probabilità e devo anticiparle.
Un broker anziano una volta mi disse: “Se sto camminando lungo un binario di
una ferrovia e vedo che un treno viene verso di me a sessanta miglia orarie122 ,
continuo a camminare lungo il binario? Amico mio, mi faccio da parte. E non ho
bisogno di darmi una pacca sulla spalla per essere stato così saggio e prudente”.
L’anno scorso, dopo che il mercato toro era a buon punto, avevo notato che un
titolo di un determinato gruppo era rimasto indietro rispetto agli altri
componenti; anche se il gruppo, tranne questa eccezione, si stava comportando
proprio come il resto del mercato. Tenevo una posizione lunga molto accentuata
sulle Blackwood Motors. Tutti sapevano che la compagnia stava lavorando
moltissimo. Il prezzo delle azioni saliva da uno a tre punti al giorno e la gente
continuava ad acquistare sempre di più. Questo aveva attirato l’attenzione sul
gruppo e tutti i titoli motoristici avevano iniziato ad apprezzarsi. Uno di questi,
tuttavia, non si stava apprezzando ed era il Chester. Restava indietro rispetto agli
altri così dopo poco tempo la gente aveva iniziato a parlarne. Il prezzo basso e
l’apatia delle Chester erano in contrasto con la forza e l’energia delle Blackwood
e degli altri titoli del gruppo dei motori; la gente, però, “logicamente” ascoltava i
promotori, i consigli della gente, i saputelli e aveva iniziato ad acquistare le
azioni della Chester basandosi sulla teoria che il titolo avrebbe dovuto
raggiungere per forza il resto del gruppo.
Invece di apprezzarsi a causa dei moderati acquisti della gente, le Chester
continuavano a deprezzarsi. In quel momento, non si poteva fare niente per far
apprezzare quel titolo, considerando che la Blackwood, un titolo dello stesso
gruppo, era uno dei sensazionali leader del rialzo e non si sentiva altro che il
progressivo incremento delle richieste delle loro automobili.
Era chiarissimo che i soci della Chester non stavano facendo nessuna di quelle
cose che i soci fanno invariabilmente in un mercato toro. Ci potrebbero essere
due motivi per cui stavano seguendo questo comportamento. Forse i membri
interni non facevano salire il prezzo perché volevano accumulare altre azioni
prima di far ripartire il titolo. Questa teoria però era insostenibile se si andava ad
analizzare il volume di investimento sulle Chester. L’altra motivazione era che
non facevano salire il prezzo perché poi avevano paura di non riuscire ad
acquistare altre azioni, qualora avessero voluto farlo. Quando gli uomini che
dovrebbero volere le azioni di un titolo non vogliono averle, perché dovrei
volerle io? Ero giunto alla conclusione che non importava quanto fosse
prosperoso un titolo dello stesso gruppo delle Chester, era chiaro che bisognava
vendere allo scoperto quel titolo. L’esperienza mi aveva insegnato che dovevo
stare attento nell’acquistare un titolo che si rifiutava di seguire il gruppo.
Avevo capito che i soci non solo non stavano acquistando azioni, ma le stavano
addirittura vendendo. C’erano altri sintomatici allarmi contro l’acquisto delle
Chester, anche se era stato sufficiente il comportamento incoerente sul mercato.
Era stato ancora una volta il grafico a consigliarmi ed è per questo motivo che
avevo venduto allo scoperto le Chester. Un giorno, non molto tempo dopo, il
titolo aveva subito un forte ribasso. Più tardi era stato ufficializzato che i soci
stavano vendendo le azioni perché sapevano che le condizioni economiche
dell’azienda non erano delle migliori. La ragione, come accade ogni volta, era
stata divulgata dopo il declino. Ma il segnale di pericolo era arrivato prima del
ribasso. Non avevo visto un ribasso, avevo visto i segnali d’allarme. Non sapevo
quale fosse il problema delle Chester e non avevo neanche seguito un’intuizione.
Sapevo semplicemente che c’era qualcosa che non andava.
Solo l’altro giorno avevamo avuto quello che i giornali chiamano “il
sensazionale movimento delle Guiana Gold”. Il titolo non solo si era dimezzato e
valeva 50 dollari sul New York Curb Exchange123 era anche stato immesso nel
mercato azionario con un prezzo iniziale di 35 dollari e poi aveva iniziato a
scendere fino ad arrivare a 20 dollari.
Non avevo mai chiamato questo deprezzamento “sensazionale” perché era più
che prevedibile.
Se te lo fossi chiesto avresti capito la storia dell’azienda, tutti la conoscevano.
Mi era stata raccontata in questo modo: era stato formato un sindacato che era
composto da una mezza dozzina di capitalisti ben noti e da dei prominenti
banchieri. Uno dei membri era il proprietario della Belle Isle Exploration
Company, che aveva anticipato oltre 10.000.000 di dollari alla Guiana, ricevendo
in cambio obbligazioni e 250.000 azioni per un totale complessivo di un milione
di azioni della Guiana Gold Mining Company. L’azienda aveva fissato un
dividendo base ed aveva pubblicizzato fortemente la cosa. Gli abitanti di Belle
Isle avevano pensato bene di investire in questa azienda e avevano ottenuto un
opzione call124 sulle 250.000 azioni dai banchieri, che stavano cercando di
rendere negoziabile il titolo e le obbligazioni legate all’azienda.
Avevano pensato di affidare la manipolazione del mercato a un professionista
che avrebbe ricevuto un compenso di un terzo dei profitti ricavati dalla vendita
delle 250.000 azioni, alla condizione che sarebbero state vendute ad un prezzo
superiore ai 36 dollari. Avevo saputo che l’accordo era pronto per essere firmato
ma all’ultimo momento i banchieri avevano deciso di intraprendere la
manipolazione da soli per tenersi il compenso che spettava al professionista.
Così avevano organizzato una cordata di persone interne alla società. I banchieri
avevano un’opzione call su un pacchetto azionario di 250.000 azioni delle Belle
Isle a 36 dollari. L’avevano messa sul mercato a 41 dollari. Funziona così: i soci
stavano pagando ai loro colleghi banchieri 5 punti appena il titolo era stato
quotato in borsa. Non so se ne erano consapevoli o no.
Era perfettamente chiaro che per i banchieri era un gioco da ragazzi. Stavamo
attraversando un periodo rialzista e i titoli del gruppo a cui apparteneva la
Guiana Gold erano tra i leader del mercato. La compagnia stava facendo grandi
profitti e pagava i dividendi regolarmente. Questo insieme all’elevata
reputazione degli sponsor avevano reso la Guiana quasi un vero e proprio
investimento sicuro. Mi era stato detto che circa 400.000 azioni erano state
vendute sul mercato tra i 41 e i 47 dollari.
Il gruppo Gold era veramente potente, però le Guiana avevano iniziato ad
attenuarsi. Il prezzo del titolo era sceso di dieci punti. Sarebbe stato tutto
normale se i soci stessero vendendo le proprie azioni, ma non era così. Ben
presto iniziarono a girare delle voci per le strade che dicevano che le cose non
andavano bene e la proprietà non stava confermando le grandi aspettative dei
promotori. Successivamente il motivo del ribasso era diventato chiaro. Ma prima
che fosse nota la ragione del ribasso avevo notato un avvertimento e avevo
iniziato a testare le Guiana. Il comportamento del titolo era molto simile a quello
che aveva avuto la Chester Motor. Avevo venduto allo scoperto le Guiana e il
prezzo era sceso. Ne avevo vendute allo scoperto delle altre e il prezzo era sceso
ulteriormente. Il titolo stava ripetendo le performance della Chester e di un’altra
dozzina di aziende di cui ricordavo la “cartella clinica”. Il grafico diceva
chiaramente che c’era qualcosa di sbagliato – qualcosa che teneva lontano i soci
dall’acquisto di azioni – qualcosa che i membri interni sapevano perfettamente
perché neanche loro stavano acquistando le azioni della propria azienda quando
il mercato era chiaramente rialzista. Dall’altro lato, la gente che non era a
conoscenza di quanto appena detto, stava acquistando le azioni perché le
avevano vendute a 45 dollari ed ora che avevano raggiunto i 35 dollari gli
sembrava un prezzo molto vantaggioso. Il dividendo veniva ancora pagato
regolarmente. Il titolo a quel prezzo era un’occasione.
Successivamente era venuta fuori la notizia, mi era arrivata come importante
dritta di mercato ancora prima che fosse diffusa tra la gente. I rapporti
confermavano che l’azienda non era in salute e questo spiegava la vendita
anticipata delle azioni da parte dei soci. Io non avevo venduto allo scoperto
appena mi era arrivata questa “soffiata”. Avevo venduto allo scoperto molto
prima a causa del comportamento del titolo. Il mio interesse verso il titolo non
era filosofico. Sono un investitore e quindi faccio caso solo ad un segnale: se i
soci acquistano le azioni. Nessuno stava acquistando. Non avevo bisogno di
sapere per quale motivo non stessero acquistando le azioni della loro azienda
dopo che si erano deprezzate. Era sufficientemente chiaro che i loro piani non
includevano una manipolazione del titolo al rialzo. Questo aveva reso un gioco
da ragazzi la vendita allo scoperto. La gente aveva acquistato almeno mezzo
milione di azioni e l’unico cambiamento possibile in vista era che un gruppo di
investitori occasionali ignoranti avrebbero venduto le proprie azioni, con la
speranza di fermare le perdite, ad un altro gruppo di persone ignoranti che le
avrebbero acquistate con la speranza di guadagnare.
Non ti sto raccontando questo per moralizzare le perdite che le persone avevano
subito dopo che avevano acquistato le Guiana o per renderti partecipe dei profitti
che avevo generato io vendendole allo scoperto, ma per enfatizzare quanto è
importante lo studio del comportamento del gruppo e di come queste lezioni che
vengono ignorate dagli investitori meno scaltri. Il grafico non ti avverte soltanto
nel mercato azionario. Quando si parla delle commodity ti avvertirà con un
fischio molto più forte.
Ho vissuto un’interessante esperienza nel cotone. Ero moderatamente ribassista
sul mercato azionario e allo stesso tempo avevo venduto allo scoperto 50.000
balle di cotone. Gli investimenti sui titoli azionari erano profittevoli così avevo
trascurato il cotone. La prima volta che avevo guardato come andava la mia
vendita allo scoperto sul cotone avevo visto che stavo perdendo 250.000 dollari.
Come ti dicevo, i miei investimenti sui titoli azionari erano troppo interessanti e
stavo facendo così bene che non avevo voluto distrarmi da essi. Ogni volta che
pensavo al cotone mi ripetevo: “Aspetterò una reazione al ribasso poi coprirò la
mia posizione”. Il prezzo si era ribassato un po' ma prima che avevo deciso di
accettare le perdite e chiudere la transazione il prezzo era nuovamente salito, ed
aveva raggiunto il prezzo più alto di sempre. Così avevo deciso di attendere
ancora un po' e di concentrarmi nuovamente sui titoli azionari. Infine avevo
chiuso tutte le transazioni sul mercato azionario e ne avevo ricavato un ottimo
guadagno così avevo deciso di andare in vacanza ad Hot Spring e godermi un po'
di riposo.
Quella era la prima volta che avevo liberato la mente dalle perdite che stavo
subendo dalla transazione sul cotone. L’investimento era andato contro le mie
aspettative. C’erano dei momenti in cui mi sembrava quasi che avrei potuto
avere la meglio. Avevo notato che ogni qualvolta qualcuno vendeva parecchie
balle il prezzo subiva un interessante ribasso. Però, quasi istantaneamente, saliva
di nuovo e raggiungeva nuovi massimi.
Ero stato ad Hot Spring per pochi giorni, ero sotto di un milione di dollari e la
tendenza al rialzo non mollava. Avevo pensato a tutto quello che avevo e che
non avevo fatto e mi ero detto: “Devo aver sbagliato!” Dopo che avevo avuto
quella sensazione avevo istantaneamente deciso di coprire la posizione. Così
avevo chiuso la transazione, con un milione di dollari di perdita.
Il giorno seguente stavo giocando a golf e non pensavo ad altro. Avevo giocato
con il cotone, ma avevo giocato male. Avevo pagato per aver sbagliato e la
ricevuta era dentro al mio portafogli. Non dovevo più preoccuparmi del mercato
del cotone, almeno non in quel momento. Quando ero tornato in hotel per pranzo
mi ero fermato in un ufficio di brokeraggio e avevo guardato il tabellone delle
quotazioni. Avevo visto che il cotone era sceso di cinquanta punti, niente di che.
Però avevo notato che non si era apprezzato subito dopo, come aveva fatto le
settimane precedenti e questo si era verificato anche se non aveva più la
pressione della mia vendita allo scoperto. Questo indicava che quando avevo
venduto allo scoperto la linea con minor resistenza era ascendente, mi era
costato un milione investire ad occhi chiusi.
Ora, tuttavia, la ragione che mi aveva fatto coprire la posizione con una grossa
perdita non era più valida poiché non si era verificato l’usuale e vigoroso rialzo.
Così avevo venduto allo scoperto 10.000 balle di cotone e avevo aspettato. Poco
dopo il prezzo del cotone era sceso di 50 punti. Avevo aspettato ancora un po',
nessun rialzo. Nel frattempo mi era venuta molta fame così ero andato nel
ristorante e avevo ordinato il pranzo. Prima che il cameriere riuscisse a servirmi
ero balzato in piedi ed ero tornato all’ufficio di brokeraggio, avevo visto che non
c’era stato nessun rialzo così avevo venduto altre 10.000 balle. Avevo aspettato
per un po' e avevo visto il prezzo che scendeva di altri 40 punti. Questo
movimento dimostrava che stavo investendo correttamente così ero tornato al
ristorante, avevo mangiato poi ero tornato nell’ufficio di brokeraggio. Non c’era
stato neanche un rialzo per tutto il giorno. Quella stessa notte avevo lasciato Hot
Springs.
Era stato molto bello giocare a golf ma avevo sbagliato prima nel vendere allo
scoperto quella commodity poi avevo sbagliato la tempistica per coprire la mia
posizione. Dovevo semplicemente tornare a lavoro dove avrei potuto investire
con il massimo comfort. Il modo in cui il mercato aveva assorbito le mie prime
diecimila balle mi aveva convinto a venderne allo scoperto altre diecimila, e il
modo in cui il mercato aveva assorbito la seconda tranche mi aveva dato la
certezza che c’era stata un inversione di tendenza.
Bene, avevo raggiunto Washington ed ero andato nel solito ufficio di cui il
direttore era il mio vecchio amico Tucker. Mentre mi trovavo lì i prezzi erano
scesi ancora un po'. Ero più sicuro di essere nel giusto ora che essere nel torto in
precedenza. Così avevo venduto allo scoperto altre 40.000 balle e il prezzo era
sceso di 75 punti. Questo dimostrava che non c’era niente che lo supportava. Il
mercato quel giorno aveva chiuso con un prezzo ancora più basso. La precedente
forza d’acquisto era chiaramente sparita. Non si poteva prevedere quando quella
forza sarebbe tornata, ma mi sentivo sicuro che la direzione che avevo scelto era
giusta. Il giorno dopo avevo lasciato Washington per raggiungere New York.
Non avevo alcuna fretta.
Arrivato a Philadelphia avevo guidato fino ad un ufficio di brokeraggio. Lì
avevo visto che il mercato del cotone era nel caos. Il prezzo era sceso di molti
punti e c’era un semi-panico generale. Non avevo aspettato di arrivare a New
York; avevo chiamato al telefono il mio broker e gli avevo detto di coprire le mie
vendite allo scoperto. Appena ricevuto il report avevo notato che avevo
riguadagnato i soldi che avevo perso in precedenza. Avevo guidato fino a New
York senza mai fermarmi per evitare di andare a guardare qualche tabellone delle
quotazioni.
Alcuni amici che erano con me ad Hot Springs parlavano di come ero balzato in
piedi dalla sedia, poco prima del pranzo, per andare a vendere allo scoperto il
secondo lotto di 10.000 balle. Ma ancora una volta questa non era un’intuizione.
Era un impulso che proveniva dalla convinzione che il momento per vendere allo
scoperto il cotone era giunto, anche se in precedenza avevo sbagliato
completamente. Dovevo trarre vantaggio da questo. Era la mia chance. Forse era
il subconscio che aveva elaborato delle conclusioni per me. La decisione di
vendere allo scoperto a Washington era il risultato di un’attenta osservazione.
Gli anni di esperienza nel mondo degli investimenti mi aveva detto che la linea
con minore resistenza era cambiata da rialzista a ribassista.
Non portavo nessun rancore verso il mercato del cotone per avermi portato via
un milione di dollari e non odiavo me stesso per aver commesso un errore di
questo calibro: ero fiero di aver coperto la mia posizione a Philadelphia
accettando la perdita. La mia intelligenza di investitore si occupa dei problemi
legati alle operazioni in borsa e posso affermare che avevo subito la mia prima
vera perdita, perché era la prima volta che avevo perso soldi avendo un bagaglio
sia d’esperienza che di memoria.
CHAPTER XVIII

La storia si ripete continuamente a Wall Street. Ti ricordi che ti ho raccontato di
quando dovevo coprire le mie vendite allo scoperto mentre Stratton aveva
monopolizzato il mais? Bene, avevo utilizzato la stessa tecnica in un’altra
occasione nel mercato azionario. L’azienda con cui avevo ripetuto la manovra
era la Tropical Trading. Avevo guadagnato con questo titolo sia quando ero toro
che quando ero orso. E’ sempre stato un titolo molto dinamico e favorevole per
gli investitori avventurosi. La congregazione di soci era stata accusata più volte
dai giornali di far oscillare il prezzo del titolo con lo scopo di favorire la
costanza degli investimenti su di esso. L’altro giorno uno degli investitori più
abili che conoscevo sosteneva che nemmeno Daniel Drew nelle Erie o H.O.
Havemeyer con lo zucchero125 avevano sviluppato un metodo così perfetto per
mungere il mercato come quello che aveva sviluppato il presidente Mulligan con
i suoi amici sulla Tropical Trading. Più volte avevano incoraggiato i ribassisti a
vendere allo scoperto le Tropical Trading per poi spazzarli via con
un’accuratezza da professionisti.
C’erano state delle persone che avevano parlato di alcuni “incidenti loschi”
accaduti alla Tropical Trading. Ma mi sbilancio dicendo che queste critiche
provenivano da alcune di quelle persone che erano state “spazzate via” dal titolo.
Perché gli investitori , che avevano sofferto così spesso a causa dei “dadi
truccati” dai soci dell’azienda, continuavano ad andare contro la tendenza del
mercato? Per un semplice motivo, essi amano l’azione e sicuramente riescono a
trovarla sulle Tropical Trading. Nessun ottuso incantesimo. Nessuna ragione da
chiedere o da dare. Non si perde tempo. Non c’è bisogno di pazienza per
aspettare il movimento giusto per iniziare ad investire. Sempre azioni disponibili
sul mercato – tranne quando le vendite allo scoperto erano talmente tante da
renderne scarsa la reperibilità.
Un po’ di tempo fa ero in Florida a fare la mia solita vacanza invernale. Stavo
pescando, mi godevo la vacanza e non pensavo al mercato azionario - tranne
quando ricevevo i quotidiani. Un giorno avevo ricevuto la posta a metà
settimana e avevo letto su un giornale che le Tropical Trading erano quotate a
155 dollari. L’ultima volta che avevo letto la quotazione il valore era di 140.
Secondo me stavamo per entrare in un mercato orso e stavo facendo passare del
tempo prima di iniziare a vendere allo scoperto. Non era iniziata una vendita di
massa delle azioni del titolo. Era per questo motivo che pescavo e mi tenevo alla
larga dalle telescriventi. Ancora non c’era una forte spinta al ribasso. Sapevo che
sarei tornato a casa quando sarebbe stato il momento giusto. In quel momento
niente di quello che avrei fatto o di quello che non avrei fatto avrebbe messo
fretta alla questione.
Secondo i giornali che avevo ricevuto quella mattina il comportamento della
Tropical Trading era una caratteristica importante per il mercato. Era servito a
cristallizzare il mio ribasso in generale perché pensavo che sarebbe stato
particolarmente stupido per i soci far rialzare il prezzo delle TT126 di fronte alla
pesantezza del listino in generale. C’erano dei periodi in cui la mungitura veniva
sospesa. Tutto quello che è anomalo è un fattore allettante per i calcoli e le stime
di un trader; mi sembrava che il rialzo di questo titolo fosse una cantonata.
Nessuno può tirare certi bidoni e rimanere impunito; non nel mercato azionario.
Dopo che avevo finito di leggere i quotidiani mi ero rimesso a pescare ma nel
frattempo pensavo a quello che stavano cercando di fare i soci della Tropical
Trading. Che erano destinati a fallire era sicuro, come è certo che un uomo che
salta dal tetto di un edificio di venti piani senza paracadute è destinato a
schiantarsi al suolo. Non riuscivo a pensare a nient’altro, infine avevo rinunciato
alla pesca e avevo inviato un telegramma al mio broker dove gli scrivevo di
vendere allo scoperto 2.000 azioni della TT. Dopo la vendita allo scoperto avevo
sgombrato la mente e mi ero rimesso a pescare. Devo dire anche che mi era
riuscito abbastanza bene.
Quello stesso pomeriggio avevo ricevuto risposta al mio telegramma da un
corriere. Il broker mi aveva inviato un report dove c’era scritto che venduto le
duemila azioni della TT a 153 dollari, fin qui tutto bene. Stavo vendendo allo
scoperto in un mercato ribassista, proprio come si dovrebbe fare. Però non
riuscivo più a pescare. Ero troppo lontano da un tabellone delle quotazioni.
Avevo capito che ero troppo distante dopo che avevo iniziato a pensare a tutti i
motivi per cui le Tropical Trading sarebbero dovute scendere insieme a tutti gli
altri titoli del mercato invece di salire a causa di una manipolazione. Quindi
avevo smesso di pescare ed ero tornato a Palm Beach, o per meglio dire ero
andato in un posto dove c’era una linea diretta con New York.
Nel momento in cui ero arrivato a Palm Beach avevo visto cosa stavano
cercando di fare incautamente i soci, così avevo deciso di vendere allo scoperto
un secondo lotto di 2.000 azioni della Tropical Trading. Appena avevo ricevuto
il report della vendita allo scoperto avevo inviato un ulteriore ordine per altre
2,000. Il mercato si comportava eccellentemente, si deprezzava ad ogni mia
transazione. Ma non ero sereno. Più ci pensavo più mi rattristava il fatto che non
ne avevo vendute allo scoperto di più. Così ero tornato in ufficio e avevo inviato
un ordine per altre duemila.
Ero felice solo quando vendevo allo scoperto quel titolo. In quel momento ero
corto di 10.000 azioni, così avevo deciso di tornare a New York. Avevo del
lavoro da sbrigare. Avrei pescato in un altro momento. Quando ero arrivato a
New York avevo fatto il punto della situazione per definire lo stato economico
dell’azienda, attuale e futuro. Quello che avevo appreso aveva rafforzato la mia
convinzione che i soci erano stati molto imprudenti nel far salire il prezzo nel
momento in cui un aumento di prezzo non era giustificato neanche dalla tonalità
del mercato generale o dai guadagni della compagnia.
Il rialzo, illogico e inopportuno com’era, aveva attirato un buon numero di
seguaci e questo aveva indubbiamente incoraggiato i soci a proseguire con la
loro tattica insensata. Quindi avevo venduto allo scoperto altre azioni. Infine i
soci avevano abbandonato il loro piano folle così avevo testato il mercato più
volte, seguendo la mia strategia di investimento, fino a che non avevo raggiunto
una posizione corta di 30.000 azioni della Tropical Trading. In quel momento il
prezzo era a 133 dollari.
Ero stato messo in guardia del fatto che i soci della Tropical Trading
conoscevano esattamente la destinazione di ogni singola azione che era stata
distribuita alle persone e sapevano perfettamente l’entità dell’interesse short
come sapevano altri importanti fattori tecnici. Erano uomini abili e trader scaltri;
era una pericolosa combinazione da affrontare ma i fatti sono i fatti e il più forte
di tutti gli alleati sono le condizioni generali.
Mentre il prezzo scendeva da 153 a 133 le posizioni corte erano aumentate e la
gente che aveva acquistato sui ribassi aveva iniziato a discutere: “Questo titolo
era considerato un buon acquisto a 153 e anche oltre. Ora è venti punti più basso,
è per forza un acquisto ancora migliore. Stesso titolo, stesso dividendo, stessa
gestione, stessa azienda. Grande guadagno!”
Gli acquisti delle persone avevano ridotto la disponibilità di azioni invendute e i
soci, sapendo che molti investitori avevano venduto allo scoperto il titolo,
avevano pensato che era il momento giusto per uccidere gli orsi. Il prezzo era
puntualmente salito fino a 150. C’erano un sacco di persone che avevano
ricoperto la posizione ma io ero rimasto sui miei passi. Perché non avevo
ricoperto anche io la posizione? I soci sapevano che la mia posizione corta di
30.000 azioni non era stata ricoperta ma perché questo doveva impaurirmi? La
ragione che mi aveva spinto ad iniziare a vendere allo scoperto al prezzo di 153
dollari e che mi aveva fatto mantenere la posizione sulla strada fino ai 133 non
solo era ancora valida ma era più forte che mai. I soci avevano cercato di
forzarmi a coprire la posizione ma non avevano fornito argomenti convincenti.
Le condizioni generali combattevano al mio fianco. Non è difficile essere
contemporaneamente impavido e paziente. Uno speculatore deve avere fiducia in
se stesso e nel proprio giudizio. Il defunto Dickson G. Watts127 , ex presidente
della New York Cotton Exchange e autore del famoso libro “Speculation as a
Fine Art128 ” disse che il coraggio di uno speculatore è la fiducia nel compiere
azioni che si basano sulle proprie decisioni. Riguardo a me non potevo aver
paura di aver sbagliato perché non penso mai che sono dalla parte sbagliata, fino
a che il perdere soldi non me lo dimostra. In effetti, mi sento a disagio se non
sfrutto la mia esperienza. La direzione del mercato in un determinato momento
non necessariamente dimostra che si sta sbagliando. E’ la natura del rialzo o del
ribasso che determina per me se ho scelto la direzione giusta o se ho scelto la
direzione sbagliata del mercato. Posso guadagnare solo grazie alla mia
consapevolezza, se cado è colpa esclusivamente degli errori che io stesso ho
compiuto.
Non c’era niente nella natura del rialzo dai 133 dollari ai 150 dollari che poteva
spaventarmi e indurmi a chiudere la posizione short. Anzi, come era prevedibile
il titolo aveva ricominciato a deprezzarsi. Era sceso fino a 140 dollari prima che
i soci avevano iniziato a supportarlo; avevano acquistato azioni in
contemporanea con un flusso di notizie rialziste che riguardavano il titolo.
L’azienda, avevo sentito dire, stava facendo un profitto favoloso e i guadagni
giustificavano l’incremento del dividendo. Inoltre, si diceva che le posizioni
corte erano moltissime e il colpo del secolo stava per essere inflitto a tutti gli orsi
del mercato, ma in particolare sarebbero stati colpiti certi operatori che erano
troppo esposti. Non riesco a raccontarti tutto quello che avevo sentito dire su
come avevano fatto per alzare il prezzo di dieci punti.
La manipolazione del titolo non sembrava essere particolarmente dannosa per
me, ma quando il prezzo aveva raggiunto i 149 dollari avevo deciso che non era
saggio lasciare che la gente prendesse per vere tutte le notizia rialziste che
giravano per strada. Ovviamente non c’era nulla che io o che chiunque altro
potevamo dire per poter infondere sicurezza ai ribassisti spaventati o a quei
clienti creduloni degli uffici di brokeraggio che investivano basandosi sulle
dicerie. La notizia più efficace e cortese è quella che solo il grafico può scrivere.
La gente non crederà neanche ad un atto notarile scritto da una qualsiasi persona
e tanto meno crederanno ad un tizio che ha venduto allo scoperto 30.000 azioni.
Così avevo deciso di utilizzare la stessa tattica che avevo utilizzato quando
Stratton aveva monopolizzato il mais, quando avevo venduto allo scoperto
l’avena per far diventare ribassisti gli investitori sul mais. Ancora una volta
avevo utilizzato l’esperienza e la memoria.
Quando i soci aveva gonfiato il prezzo delle Tropical Trading con l’intenzione di
spaventare i ribassisti non avevo venduto allo scoperto altre azioni del titolo per
cercare di bloccare il rialzo. Avevo già una posizione corta di 30.000 azioni della
Tropical Trading ed era una buona percentuale delle azioni disponibili sul
mercato, pensavo che quella era la quantità giusta e non andava modificata. Non
mi ero proposto di infilare la testa nel cappio che era cortesemente tenuto
disponibile per me. Quello che avevo fatto quando la Tropical Trading aveva
toccato i 149 dollari era stato il vendere allo scoperto 10.000 azioni della
Equatorial Commercial Corporation. Questa compagnia possedeva una buona
parte delle Tropical Trading.
Il prezzo della Equatorial Commercial, che non era un azione attiva come la
Tropical Trading, era sceso bruscamente dopo la mia vendita allo scoperto,
proprio come avevo previsto; avevo raggiunto il mio scopo. Quando gli
investitori e i tori estremisti della Tropical Trading avevano visto il prezzo del
titolo che saliva in contemporanea ad un’importante vendita allo scoperto che
aveva abbassato il prezzo della Equatorial, erano giunti alla conclusione che la
forza della Tropical Trading era semplicemente una cortina fumogena – una
manipolazione al rialzo che aveva lo scopo di facilitare la liquidazione delle
Equatorial Commercial, che era la principale azionista della Tropical Trading.
Doveva essere per forza una manovra fatta dai soci della Equatorial perché
nessun investitore si sarebbe mai sognato di vendere allo scoperto così tante
azioni quando la Tropical Trading era così forte. Così la gente aveva venduto le
Tropical Trading frenando il rialzo del titolo. I soci giustamente non avevano
intenzione di acquistare tutte le azioni che erano in vendita. Nel momento in cui
non avevano più supportato il titolo il prezzo era sceso. Gli investitori e le case
di commissione avevano iniziato a vendere anche alcune Equatorial il che mi
aveva dato un piccolo profitto sulla mia linea ribassista. Non stavo cercando di
guadagnare sulla vendita allo scoperto delle Equatorial, lo avevo fatto per
frenare il rialzo delle Tropical Trading.
Più volte i soci della TT con il duro lavoro pubblicitario avevano inondato di
elementi rialzisti, utilizzando ogni mezzo, le strade con l’intenzione di far salire
il prezzo del titolo. Ogni volta che lo facevano io vendevo allo scoperto la
Equatorial Commercial che bloccava la reazione della Tropical Trading
facendola deprezzare insieme alla Equatorial. Avevo tolto il vento dalle vele dei
marinai manipolatori. Il prezzo delle Tropical Trading infine era sceso fino a 125
e l’interesse short era cresciuto così tanto che i soci erano stati in grado di far
salire il prezzo di 20 o 25 punti. Questa volta era una manovra legittima contro
un enorme interesse short; ma anche se avevo previsto il rialzo non avevo chiuso
la transazione, non avevo intenzione di perdere la mia posizione. Prima che la
Equatorial Commercial potesse avanzare in sincronia con le Tropical Trading
avevo venduto allo scoperto un sacco di azioni dell’azienda ottenendo il solito
risultato. Questo aveva smentito le voci rialziste sulle Tropical Trading che
avevano riscosso molto successo dopo l’ultimo sensazionale rialzo.
In quel periodo il mercato era salito molto lentamente. Come ti avevo detto,
avevo la convinzione che eravamo entrati in un mercato orso quando avevo
iniziato a vendere allo scoperto le Tropical Trading mentre ero in vacanza in
Florida. Ero corto anche su altri titoli ma le Tropical Trading erano le mie
preferite. Infine, le condizioni generali avevano ridotto allo stremo i soci e le
Tropical Trading erano salite a bordo della toboga. Erano scese sotto i 120
dollari per la prima volta dell’anno; successivamente sotto i 110 poi sotto i 100 e
ancora non avevo coperto la mia posizione. Un giorno, quando il mercato
generale era debole e le Tropical Trading avevano subito un forte ribasso io,
demoralizzato, avevo coperto la mia posizione. Per il solito vecchio motivo.
Avevo avuto l’opportunità – la grande debolezza del mercato e l’eccedenza di
venditori allo scoperto rispetto ai compratori. Potrei dirti, correndo il rischio di
vantarmi monotonamente della mia intelligenza, che avevo chiuso la mia
posizione short di 30.000 azioni con il prezzo più basso di tutto il movimento,
anche se quando l’avevo chiusa non stavo pensando che quello fosse il prezzo
più basso. Avevo solo l’intento di trasformare il mio profitto su carta in soldi
reali senza perdere una porzione troppo grande del profitto durate la ricopertura.
Non stavo opponendo resistenza al trend del mercato e non stavo neanche
andando contro le condizioni base del mercato, stavo facendo l’esatto contrario
ed era per questo motivo che ero sicuro che la cricca di soci, che erano troppo
sicuri di sé, avrebbero fallito. Quello che hanno cercato di fare lo avevano già
fatto altre volte in precedenza e questa manovra ha sempre fallito. I continui
rialzi, anche quando sapevo come chiunque altro che erano legittimi, non
potevano spaventarmi. Sapevo che avrei fatto meglio rimanendo saldo sulla mia
posizione piuttosto che se avessi cercato di coprire la mia posizione corta per
cercare di aprirne un’altra ad un prezzo maggiore. Rimanendo fedele alla
posizione che credevo giusta avevo guadagnato più di un milione di dollari129 .
Non ero in debito con una intuizione o con l’abilità nell’analizzare il grafico o
con il coraggio. Era un dividendo autoproclamato dalla fede nel mio giudizio e
non dalla mia sagacia o dalla mia vanità. La conoscenza è potente e la potenza
non teme le bugie – neanche quando è il grafico a stamparle.
Un anno dopo, la Tropical Trading era salita nuovamente fino ai 150 dollari e
c’era rimasta per un paio di settimane. Il mercato in generale stava avendo un
rialzo legittimo perché il titolo stava salendo senza esitazioni e non stava
subendo nessuna manipolazione. So questo perché lo avevo testato. Il gruppo
alla quale apparteneva la Tropical Trading stava soffrendo a causa dei bassi
volumi di scambio e non riuscivo a vedere nessun elemento rialzista, anche se
intanto il resto del mercato stava legittimamente salendo. Così avevo iniziato a
vendere allo scoperto la Tropical Trading. Avevo intenzione di vendere allo
scoperto 10.000 azioni in totale. Il prezzo era andato a picco a seguito della mia
vendita. Riuscivo a vedere che non c’era nulla a supportare il titolo. Poi
all’improvviso, la natura degli acquisti era cambiata.
Non sto cercando di dirti che sono un mago quando ti assicuro che potevo dirti
l’esatto momento in cui il titolo aveva iniziato ad essere supportato. Mi ero
meravigliato che i soci, che non avevano mai sentito l’obbligo morale di alzare il
prezzo del titolo, avessero iniziato ad acquistare le azioni proprio quando era
iniziato il declino generale del mercato. Non erano persone ignoranti, non erano
filantropici e tanto meno erano interessati a mantenere il prezzo alto per vendere
le azioni sul mercato. Il prezzo continuava a salire nonostante le mie vendite allo
scoperto e quelle degli altri. A 153 dollari per azione avevo coperto la mia
posizione e a 156 dollari l’avevo invertita perché il grafico mi diceva che la linea
con minor resistenza era quella rialzista. Ero ribassista sul mercato in generale
ma mi trovavo di fronte ad una condizione particolare di investimento in un
determinato titolo, non era una teoria speculativa generale. Il prezzo era
schizzato oltre i 200 dollari. Era stato lo scalpore dell’anno. Ero lusingato dai
resoconti scritti dove era indicato che avevo tirato fuori un guadagno di otto o
nove milioni di dollari. Difatti, invece di essere ribassista ero stato lungo sulle
Tropical Trading per tutta la durata del trend rialzista. Mi ero fatto scappare un
po’ di profitto perché avevo tenuto le azioni più del previsto. Vorresti sapere
perché lo avevo fatto? Perché pensavo che i soci della Tropical Trading
avrebbero fatto quello che avrei fatto io se fossi stato al loro posto. Ma questi
sono affari di cui non mi devo interessare perché il mio business sono gli
investimenti – devo attenermi ai fatti che sono accaduti in precedenza e non
devo prestare ascolto a quello che penso che le persone faranno.
CHAPTER XIX

Non so quando e da chi è stata utilizzata per la prima volta la parola
“manipolazione” in relazione a quello che in realtà non è niente di più che un
normalissimo processo di merchandising applicato alla vendita di un pacchetto
importante di azioni nella Borsa Valori. Anche manovrare il mercato per favorire
gli acquisti a buon mercato di un titolo che si desidera acquistare è considerata
manipolazione. Ma in realtà è diverso. Potrebbe non essere necessario abbassarsi
a delle pratiche illegali, ma potrebbe risultare difficile evitare di far qualcosa che
le persone potrebbero considerare illegittimo. Come pensi di fare per acquistare
un importante quantitativo di azioni in un mercato toro senza far alzare il prezzo
del titolo? Potrebbe essere un problema. Come si potrebbe risolvere? Dipende da
molti fattori e non si riesce a dare una soluzione universale a meno che non dici:
si potrebbe risolvere il problema eseguendo una manipolazione molto astuta. Per
esempio? Beh, dipende sempre dalle condizioni. Non c’è una risposta più precisa
di questa.
Sono profondamente interessato a tutte le fasi del mio lavoro, ho imparato sia
dell'esperienza degli altri che dalla mia. Ma oggi è estremamente difficile
imparare a manipolare un titolo dalle vecchie storie che vengono raccontate di
pomeriggio negli uffici di brokeraggio, dopo la chiusura. La maggior parte dei
trucchi, dispositivi e espedienti del passato ormai sono obsoleti e futili; o
addirittura illegali. Le regole e le condizioni della Borsa Valori sono cambiate,
ma la storia di quello che Daniel Drew o Jacob Little130 o Jay Gould131 avevano
fatto cinquanta o settantacinque anni fa vale la pena di ascoltarla. I manipolatori
oggi non devono più considerare quello che questi signori avevano fatto e come
lo avevano fatto, non più di quanto un cadetto a West Point ha bisogno di
studiare il tiro con l’arco in modo tale da aumentare le sue conoscenze
balistiche.
D’altronde, si trae un certo profitto nello studiare i fattori umani: la facilità con
cui gli esseri umani credono a quello che gli fa comodo credere, in realtà spinge
le persone ad essere condizionate dalla propria avidità e dalla noncuranza – che è
caratteristica peculiare dell’uomo medio. La paura e la speranza sono sempre le
stesse; perciò lo studio della psicologia degli speculatori, in questo momento, è
prezioso più che mai. Le armi cambiano, ma la strategia rimane strategia, sia
sulla Borsa Valori di New York che in un campo di battaglia. Credo che Thomas
F. Woodlock132 abbia detto una frase che sia il riassunto più chiaro ed azzeccato
di tutta questa faccenda: “I principi degli speculatori di successo sono basati
sull’ipotesi che le persone continueranno in futuro a fare gli stessi errori che
hanno compiuto in passato”.
Durante i boom economici, che si verificano quando molte persone investono sul
mercato, non c’è mai bisogno di sottigliezza, quindi non ha senso perdere tempo
nel discutere se è manipolazione o speculazione durante questi periodi; sarebbe
come cercare di trovare la differenza tra le gocce di pioggia che cadono
simultaneamente sul tetto dell’edificio dall’altra parte della strada. I perdenti
hanno sempre cercato di ottenere qualcosa in cambio di niente e il piacere che
traggono da tutti i boom economici è sempre l'istinto del gioco d’azzardo che è
provocato dalla cupidigia, ed è spronato da una prosperità diffusa. Le persone
che cercano di guadagnare soldi facili hanno inevitabilmente il privilegio di
dimostrare definitivamente che i soldi facili non possono essere trovati in questo
mondo sordido. All’inizio, quando sentivo parlare dei resoconti delle vecchie
transazioni pensavo che le persone che investivano nei decenni del 1860 e 1870
erano più ingenue rispetto a quelle del 1900. Ma ero sicuro di leggere nei
giornali, ancora oggi o nel prossimo futuro, dell’ultimo Ponzi133 o del fallimento
di qualche broker illegale, per non parlare dei milioni dei creduloni che sono
scomparsi in silenzio insieme alla maggioranza dei risparmi di una vita.
Quando ero arrivato per la prima volta a New York c’era una gran confusione a
causa delle vendite fittizie134 e degli ordini accoppiati135 , perché tutte queste
pratiche sono proibite nella Borsa Valori. Al tempo queste pratiche ingannavano
tutti. I broker non esitavano a dire che “la lavanderia era attiva136 ” ogni volta
che qualcuno cercava di lavare alcuni titoli e, come ho detto in precedenza, più
di una volta si erano verificate quelle che chiamo “guide del bucket shop”,
quando si fa scendere improvvisamente un titolo di due o tre punti rispetto al
prezzo di mercato, in modo tale da far registrare il ribasso sul grafico per poter
tagliare fuori la moltitudine di trader che hanno investito pochi dollari
acquistando quel titolo in un bucket shop. Per quanto riguarda gli ordini
accoppiati, questi erano sempre utilizzati con qualche perplessità a causa della
difficoltà di coordinare e di sincronizzare le transazioni tra i broker, tutte queste
transazioni andavano contro le regole della Borsa Valori. Qualche anno fa un
famoso operatore di borsa aveva annullato la vendita ma non l’acquisto di un
ordine accoppiato, il risultato di questa operazione era che un broker innocente
aveva alzato, nel giro di pochi minuti, il prezzo di circa venticinque punti per poi
vederlo riabbassare con la stessa velocità del rialzo appena l’acquisto dell’ordine
accoppiato fallito era cessato. L’intenzione originaria era quella di far registrare
del volume di scambio apparente. Pessimo affare giocare con queste armi
inaffidabili. Successivamente le tasse avevano reso tutte le pratiche che
riguardavano transazioni fittizie molto più costose rispetto a quando si
utilizzavano ai vecchi tempi.
La definizione sul dizionario di “manipolazione” include la monopolizzazione di
un titolo. La monopolizzazione potrebbe essere il risultato di una manipolazione
o potrebbe essere il risultato di un acquisto concorrenziale, come per esempio la
Northern Pacific che era stata monopolizzata il 9 Maggio 1901, di certo quella
non era manipolazione. La monopolizzazione di Stutz137 era stata costosa per
tutti quelli che avevano a che fare sia con i soldi che con il prestigio. E quella
monopolizzazione non era stata volutamente architettata.
Difatti molte delle grandi monopolizzazioni erano state parecchio profittevoli
per chi le aveva portate a termine. Quella di Cornelius Vanderbilt sulle Harlem
era stata molto profittevole, ma poi l’anziano signore aveva perso parecchi
milioni subendo varie truffe da varie persone, legislatori disonesti e assessori
che avevano fatto il doppio gioco. Dall’altro lato Jay Goul aveva perso parecchi
soldi nel monopolizzare la Northwestern. Deacon S.V. White aveva guadagnato
milioni con la monopolizzazione della Lackawanna, ma Jim Keene aveva perso
parecchi milioni nella monopolizzazione della Hannibal & St. Joe. Il successo
finanziario di una monopolizzazione dipende dalla vendita delle azioni
accumulate ad un prezzo maggiore del costo, inoltre l’interesse ribassista deve
essere di una certa entità per rendere la monopolizzazione di facile esecuzione.
Mi chiedevo per quale motivo le monopolizzazioni erano così popolari tra i
grandi operatori di borsa di mezzo secolo fa. Erano uomini abili, esperti, molto
svegli e non erano ingenui da credere alla filantropia dei loro colleghi. Avevano
l’abitudine di pungere con una strabiliante frequenza. Un anziano broker molto
saggio mi aveva detto che tutti gli operatori di borsa degli anni 1860 e 1870
avevano una sola ambizione: architettare una monopolizzazione. In molti casi
erano spinti dalla vanità: in altri, dal desiderio di vendetta. In ogni caso, è da
segnalare che se una persona ha avuto successo nel monopolizzare un qualsiasi
titolo questo è avvenuto grazie alla sua intelligenza, audacia e grande
disponibilità economica. Chi era riuscito a compiere una monopolizzazione
aveva il diritto di essere altezzoso. Accettava i complimenti dei suoi colleghi
perché erano più che meritati. Era qualcosa di più che la prospettiva di guadagno
che spingeva gli architetti della monopolizzazione a fare del loro meglio. Era il
complesso di vanità che si affermava tra gli operatori.
Le persone sono disposte a fare qualsiasi cosa per avere successo in questi
giorni, e lo faranno con gusto. Penso di averti già detto prima che mi ero
destreggiato per più di una volta per uscire da situazioni scomode, non perché
possedevo un misterioso sesto senso delle telescriventi ma perché di solito posso
prevedere il momento in cui un certo acquisto di un titolo rende imprudente la
mia posizione ribassista. Ciò che faccio si basa su dei test sensati che ho messo
in atto con successo più volte in passato. Il vecchio Daniel Drew aveva
l’abitudine di spremere la gente con una certa frequenza e faceva pagare a caro
prezzo le “azzioni138 ” della Erie che aveva venduto allo scoperto. Daniel Drew
successivamente era stato spremuto a sua volta da Cornelius Vanderbilt nella
Erie, e quando il vecchio Drew aveva implorato pietà, Cornelius aveva citato un
paio di versi dello stesso Daniel Drew
Colui che vende cioè che non è suo
deve riacquistarlo o andare in prigione

Wall Street ricorda veramente poco degli operatori di borsa che per più di una
generazione hanno fatto parte dei “titani”. Rimangono solo affermazioni vaghe
con il passare del tempo, tipo: “Aumentava il valore nominale delle quotazioni
senza avere una autorizzazione ufficiale”.
Addison G. Jerome era stato proclamato da tutti il Re nella primavera del 1863.
Le sue soffiate, mi avevano detto, erano considerate come denaro contante. Era
stato un trader eccezionale e aveva guadagnato parecchi milioni. Era stato
estremamente generoso da diventare quasi stravagante e aveva molti seguaci
importanti a Wall Street finché Henry Keep conosciuto come William the Silent,
gli aveva fatto perdere tutto nella monopolizzazione della Old Southern.
Nella maggior parte delle vecchie monopolizzazioni la manipolazione consiste
principalmente nel non permettere di sapere alle altre persone che tu stai
monopolizzando il titolo, mentre gli altri hanno un interesse short. Questo si
riferisce principalmente ai colleghi professionisti, perché alla gente comune non
piace molto investire al ribasso. I motivi che spingono questi investitori
professionisti a vendere allo scoperto questo titolo sono più o meno simili a
quelli del giorno d’oggi. Tranne quando stavano vendendo la Harlem a causa di
una rottura politica, quando Commodore l’aveva monopolizzata, ho capito dalle
storie che ho letto che gli investitori professionisti stavano vendendo il titolo
perché il prezzo era troppo alto. La ragione per cui la gente aveva questa idea era
che le azioni dell’azienda non erano mai state vendute a cifre così elevate e
questo aveva reso il titolo troppo caro per essere acquistato - e se era troppo alto
per essere acquistato, era corretto venderlo allo scoperto. Questa sembra una
cosa abbastanza moderna, non è così? La gente pensava al prezzo, invece
Commodore pensava al valore! Così, per molti anni, gli anziani mi avevo
raccontato che la gente aveva l’abitudine di dire: “Ha venduto allo scoperto le
Harlem” ogni qualvolta avevano intenzione di descrivere la povertà.
Molti anni dopo mi era capitato di parlare con un broker di Jay Gould. Mi aveva
assicurato con sincerità che Mr. Gould non solo era l’uomo più strambo che
avessi mai visto – era a causa sua se il vecchio Daniel Drew commentava
tremolante: “Il suo tocco è la morte!” - ma era la mente e le braccia di tutti gli
altri manipolatori, presenti e passati. Doveva avere una visione finanziaria
magica per aver fatto quello che aveva fatto; senza ombra di dubbio. Anche se è
passato parecchio tempo posso vedere che aveva un incredibile abilità ad
adattarsi alle nuove condizioni, ed è un valore molto prezioso per un investitore.
Cambiava la sua strategia di attacco e di difesa senza alcun problema perché era
più interessato alle caratteristiche della manipolazione piuttosto che a quelle
della speculazione. Manipolava con lo scopo di investire piuttosto che con quello
di far invertire il trend del mercato. Aveva calcolato sin da subito che i soldi veri
si facevano possedendo una linea ferroviaria piuttosto che manipolandola in un
ufficio di borsa.
Aveva utilizzato il mercato azionario perché ho il sospetto che era la via più
veloce e facile per fare soldi e lui voleva possedere milioni di dollari, come il
vecchio Collis P. Huntington che aveva sempre bisogno di venti o trenta milioni
di dollari in più rispetto a quello che la banca gli poteva offrire. Avere visione
delle cose senza soldi significa dolori, averla con i soldi significa successo;
successo significa potere; potere significa soldi; soldi significa successo e così
via ancora e ancora e ancora.
Ovviamente la manipolazione non è confinata tra le grandi figure dei giorni
nostri. Ci sono molti manipolatori di minore importanza. Ricordo la storia che
mi aveva raccontato un vecchio broker che tratta i modi e la morale dei primi
anni del 1860. Mi disse: “Il primo ricordo che ho di Wall Street riguarda la mia
prima visita al distretto finanziario. Mio padre aveva delle questioni che lo
attendevano lì e per qualche motivo mi aveva portato con lui. Camminavamo
lungo Wall Street e ricordo che avevamo svoltato per Nassau Street all’angolo
dove c’era la società fiduciaria dei banchieri; avevo visto una folla che seguiva
due uomini. Il primo camminava verso est. Gli altri lo seguivano, era paonazzo
in viso, stava agitando energicamente il cappello con un mano e con l’altra
agitava il pugno in aria. Stava urlando alla folla “Shylock! Shylock139 ! Qual’è il
prezzo del denaro? Shylock! Shylock!” Vedevo le teste delle persone che
sputavano dalle finestre. Non c’erano grattacieli al tempo. Mio padre aveva
chiesto cosa stesse accadendo e qualcuno gli aveva risposto, ma io non ero
riuscito a sentire. Ero troppo impegnato a stringere la mano di mio padre per far
sì che gli spintoni non ci separassero. Il numero di persone stava aumentando e
non mi sentivo al sicuro. Persone in preda al panico arrivavano correndo lungo la
Nassau Street e la Broadway, da ovest e da est. Quando finalmente eravamo
riusciti ad uscire dall’ingorgo mio padre mi aveva spiegato che l’uomo che stava
gridando Shylock! Era tal dei tali. Ho dimenticato il nome, ma era il più grande
operatore di borsa della città ed aveva guadagnato – e perso – più di qualsiasi
altro uomo di Wall Street, escluso Jacob Little. Ricordo il nome Jacob Little
perché pensavo che fosse un nome buffo per una persona. L’altro uomo, quello
che veniva chiamato Shylock, era un famoso “collezionista140 ” di denaro. Ho
dimenticato il suo nome, ma ricordo che era alto, secco e pallido. In quei giorni
le congregazioni avevano l’abitudine di bloccare i soldi disponibili per il
prestito, o meglio, riducevano la disponibilità ai debitori della Borsa Valori. I
debitori erano costretti a prendere i soldi in prestito ma avrebbero ottenuto un
certificato. Non sarebbero stati in grado di trasformare il certificato in soldi.
Questa era di certo una manovra. Penso che sia una forma di manipolazione”.
Sono d’accordo con l’anziano signore. E’ un tipo di manipolazione che non
esiste più al giorno d’oggi.
CHAPTER XX

Non ho mai parlato dei grandi manipolatori di cui la gente ancora parla. Non sto
parlando dei leader, intendo proprio i manipolatori. Sono tutti di una generazione
precedente alla mia, sebbene quando per la prima volta ero andato a New York,
James R. Keene141 , il più grande di tutti i manipolatori, stava attraversando il
suo periodo migliore. Al tempo però ero un giovanotto qualunque che si
occupava di far raddoppiare il successo, in un ufficio di brokeraggio rispettabile,
che avevo avuto nei bucket shop della mia città natale. Inoltre, quando Keene era
impegnato con le U.S. Steel – nella sua manipolazione capolavoro – io non
avevo alcuna esperienza sulla manipolazione, non conoscevo il suo valore o
quello che significava e, per questo motivo, non sentivo il bisogno di studiarla.
Se mai in passato avevo pensato alla manipolazione credo che la considerassi
come una forma di gioco dei tre bicchieri eseguito da una persona vestita bene,
di cui la grossolanità era paragonabile agli imbrogli che avevano cercato di farmi
in un bucket shop. Avevo sentito parlare della manipolazione in un discorso ed
avevo sentito molte congetture e sospetti; era considerata un tirare ad indovinare
piuttosto che un’analisi concreta.
Più di una persona che conosceva bene Keene mi aveva detto che era l’uomo più
audace e il miglior operatore di borsa che Wall Street abbia mai avuto. Questo
dice molto, perché c’erano stati degli investitori veramente bravi. I loro nomi
ormai sono stati dimenticati, ma nessuno di loro era stato il re a suo tempo – per
un giorno142 ! Essi erano stati tirati fuori dall’oscurità ed erano stati messi sotto
la luce del sole della fama finanziaria dal grafico disegnato dalla telescrivente - il
piccolo nastro di carta però non si era rivelato abbastanza forte per tenerli
sospesi abbastanza a lungo per farli diventare istituzioni storiche. In ogni caso,
Keene era con tutta probabilità il miglior manipolatore della sua era.
Aveva capitalizzato la sua conoscenza del gioco, la sua esperienza come
operatore di borsa e il suo talento quando aveva venduto le sue prestazioni ai
fratelli Havemeyer, che lo avevano cercato per valorizzare il mercato dello
zucchero. Era in banca rotta al tempo e, se non avesse accettato, avrebbe dovuto
investire per conto suo. Aveva avuto successo con lo zucchero; aveva favorito la
negoziazione della commodity e l’aveva resa facilmente vendibile. Dopo quel
successo, gli era stato richiesto più volte, da varie cordate di persone, di
prendersi in carico alcune manipolazioni. Mi è stato detto che per fare queste
manipolazioni non aveva mai chiesto o accettato una parcella, ma aveva pagato
per le sue azioni come gli altri membri della cordata di persone. La conduzione
del titolo sul mercato, ovviamente, era esclusivamente a carico suo. Spesso lo
avevano accusato di tradimento. La sua contesa con la cricca di Witney-Ryan era
stata scaturita proprio da queste accuse. Non è cosa rara per un manipolatore
essere frainteso dai propri collaboratori. Non tutti riuscivano a vedere le cose
come le vedeva lui. So questo per esperienza.
E’ veramente rammaricante il fatto che Keene non abbia lasciato dei dati precisi
del suo grande exploit – parlo della magnifica manipolazione delle U.S. Steel
nella primavera del 1901. Da come ho capito Keene non aveva mai parlato con
J.P. Morgan della vicenda. Le azioni dell’azienda di J.P. Morgan erano passate
attraverso Talbot J. Taylor & Co. - un ufficio di brokeraggio dove Keene aveva
stabilito la sua sede centrale. Talbot Taylor era il genero di Keene. Mi avevano
assicurato che la parcella che Keene richiedeva per il suo operato consistesse nel
piacere che riusciva a trarre dal lavoro che gli veniva affidato. Aveva guadagnato
milioni nel mercato azionario e aveva contribuito a rendere quella primavera ben
nota. Aveva detto ad un mio amico che in poche settimane aveva venduto sul
mercato, per conto di un sindacato di sottoscrizione, più di
settecentocinquantamila azioni. Non male se consideri questi due fattori: primo,
che erano azioni di un titolo abbastanza nuovo sul mercato, di una società di cui
la capitalizzazione era superiore all’intero debito degli Stati Uniti; secondo, che
uomini come D.G. Reid, W.B. Leeds, i fratelli Moore, Henry Pipps, H.C Frick e
tutti gli altri magnati dell’acciaio avevano venduto centinaia di migliaia di azioni
nello stesso momento in cui Keene aveva dato vita a volumi di scambio
interessanti.
Ovviamente le condizioni generali gli erano favorevoli. Quello che aveva reso
possibile il suo successo non era solo il suo operato ma anche il suo
atteggiamento e le sue immense disponibilità economiche. Quello che aveva
creato non era un semplice mercato rialzista ma un boom economico e uno stato
d’animo generale che non è facile da replicare. Il panico era venuto dopo,
quando la U.S. Steel, che Keene aveva fatto rialzare fino a 55 nel 1901, era
venduta a 10 nel 1903 e a 8,875 nel 1904.
Non possiamo analizzare la campagna manipolativa di Keene. I suoi libri non
sono rintracciabili e non esiste un registro dove segnava accuratamente i dati.
Per esempio, sarebbe interessante vedere come aveva agito nella Amalgamated
Copper143 .
H.H. Rogers e William Rockefeller avevano cercato di disfarsi delle azioni che
avevano in surplus vendendole sul mercato, ma avevano fallito. Infine avevano
chiesto a Keene di fare il lavoro al posto loro e lui aveva accettato. Tieni a mente
che H.H. Rogers era uno degli uomini d’affari più abili dei suoi tempi a Wall
Street e che William Rockefeller era lo speculatore più audace dell’intera
congregazione della Standard Oil. Praticamente avevano risorse illimitate e una
grande reputazione, inoltre avevano molti anni di esperienza alle spalle sul
mercato azionario. Eppure avevano chiesto aiuto a Keene. Ti racconto questo per
dimostrarti che per portare a termine certi compiti è richiesta la performance di
uno specialista. In questo caso si parlava di un titolo ampiamente propagandato,
sponsorizzato dai più grandi capitalisti d’America, che non poteva essere
venduto se non sacrificando una grande quantità di denaro e di reputazione.
Rogers e Rockefeller erano abbastanza intelligenti da decidere che Keene, da
solo, gli sarebbe stato molto d'aiuto.
Keene si era messo subito al lavoro. C’era un mercato rialzista in cui doveva
vendere 220.000 azioni della Amalgamated. Dopo che aveva definito la linea di
investimento dei soci la gente aveva iniziato ad acquistare le azioni e il prezzo
era salito di dieci punti. I soci invece di cercare di manipolare il titolo avevano
iniziato a vendere le azioni che possedevano non appena avevano notato che le
persone le stavano acquistando. C’è una leggenda che dice che Rogers aveva
consigliato a Keene di acquistare delle azioni della società. Non è molto
credibile che Rogers avesse intenzione di scaricare Keene. Era un uomo troppo
scaltro per non sapere che Keene non era un allocco. Keene aveva lavorato come
aveva sempre fatto – effettuava la vendita del pacchetto azionario durante la
discesa del prezzo dopo che il titolo aveva avuto un forte rialzo. La sua mossa
tattica era guidata alle sue necessità e si adattava alle tendenze, che cambiavano
ogni giorno. Nel mercato azionario, come in guerra, è bene tenere a mente la
differenza tra strategia e tattica.
Uno degli uomini di fiducia di Keene - il miglior pescatore a mosca che conosco
– proprio l’altro giorno mi aveva detto che un giorno durante la campagna della
Amalgamated Keene aveva venduto quasi tutte le azioni della società che
possedeva nel suo portafoglio – proprio così, era stato costretto ad uscire quasi
del tutto dal mercato per far salire il prezzo; l’indomani poi aveva riacquistato
migliaia di azioni del titolo. Il giorno successivo a questo aveva venduto tutto e
aveva lasciato in pace il mercato per vedere se si prendeva cura di se stesso e per
farlo abituare alla sua assenza. Quando era arrivato il momento di vendere la
linea di investimento che gli era stata affidata aveva fatto quello che ti avevo
detto: aveva venduto mentre il prezzo del titolo stava scendendo. La gente
acquista sempre durante la discesa dei prezzi, e inoltre i corti stavano ricoprendo
la propria posizione.
L’uomo più vicino a Keene durante quell’operazione mi aveva detto che dopo
che aveva venduto tutte le azioni di Rogers e Rockefeller, per una cifra che era
tipo venti o venticinque milioni di dollari in contanti, Rogers gli aveva inviato un
assegno del valore di duecentomila dollari. Questo vi ricorderà la storia della
donna milionaria che aveva dato come ricompensa cinquanta centesimi alla
mascherina del Metropolitan Opera House che gli aveva ritrovato la collana di
perle del valore di centomila dollari. Keene aveva rimandato indietro l’assegno
con una nota molto cortese che diceva che non era un broker e che era grato di
essere stato in grado di aiutarli. Loro avevano stracciato l’assegno e gli avevano
scritto che sarebbero stati lieti di lavorare ancora una volta con lui. Questo
accadeva poco dopo che H.H. Rogers aveva dato l’amichevole consiglio di
acquistare le Amalgamated al valore di 130 dollari per azione.
James R. Keene era veramente brillante. La sua segretaria privata mi aveva detto
che quando il mercato seguiva la direzione che aveva scelto Keene, lui diventava
irascibile; quelli che lo conoscevano dicevano che la sua irascibilità era esternata
con frasi sardoniche che permanevano nella memoria di chi le ascoltava. Ma
quando perdeva soldi era di ottimo umore, l’uomo più educato del mondo,
gradevole, ironico e interessante.
Aveva in assoluto le qualità mentali superlative di uno speculatore di successo.
Che non litigava mai con il grafico era chiaro. Non aveva mai paura e al
contempo non era mai spericolato. Se capiva che aveva scelto la direzione
sbagliata la invertiva in un batter d’occhio.
Ai suoi tempi c’erano stati così tanti cambiamenti nelle regole del mercato
azionario, così tanti rigorosi rafforzamenti delle vecchie regole, un elevato
aumento delle tasse aggiuntive sulla vendita e sui profitti e altre limitazioni che
non sto ad elencare che avevano reso gli investimenti completamente diversi.
Mezzi che Keene poteva utilizzare con maestria e profitto non potevano più
essere utilizzati. Tuttavia è giusto dire che in un qualsiasi periodo storico Keene
sarebbe stato comunque un grande manipolatore perché era un ottimo operatore
di borsa e conosceva benissimo il gioco della speculazione. Aveva raggiunto
quel livello perché le condizioni del periodo glielo avevano permesso. Ma
avrebbe avuto comunque successo nelle sue impresa del 1922 così come quella
del 1901 o quella del 1876 quando per la prima volta era venuto a New York
dalla California guadagnando nove milioni di dollari in due anni. Era un uomo
che aveva un’andatura molto più veloce di una persona qualsiasi. Era destinato
ad essere un leader - non importava quanto cambiassero le regole.
Difatti, il cambiamento non era stato affatto così radicale come potresti
immaginare. Sotto certi aspetti la manipolazione è più facile di quello che
sembra; in altri più difficile rispetto ai tempi di Keene. Le ricompense poi non
sono così ingenti, perché non è un lavoro pionieristico e quindi non c’è una paga
da pioniere.
Non c’è dubbio che la pubblicità è un arte, e la manipolazione è l’arte di fare
pubblicità attraverso i grafici. Il grafico può raccontarti la storia che il
manipolatore vorrebbe che sentissi. Più la storia è vera e più sarà probabile che
la persuasione vada a buon fine, e migliore è la persuasione migliore sarà la
pubblicità. Un manipolatore oggi, per esempio, non deve solo far sembrare forte
un titolo ma lo deve rendere realmente forte. La manipolazione quindi deve
essere basata su solidi principi. E’ questo che aveva reso Keene un manipolatore
così eccezionale; era un investitore perfetto da cui partire perché la sua fama lo
precedeva.
La parola “manipolazione” suona male. Ha bisogno di un eufemismo. Io non
penso che ci sia nulla di così misterioso o scorretto nel processo stesso, a patto
che, ovviamente, queste operazioni non siano accompagnate da false
dichiarazioni l’obiettivo della manipolazione è la vendita in massa di azioni di
un titolo. Non c’è dubbio che un manipolatore cerca degli acquirenti tra i
speculatori. Punta verso gli uomini che stanno cercando grandi rendimenti dagli
investimenti del loro capitale e quindi quelle persone che sono disposte ad
assumersi un rischio più alto del normale. Non riesco a provare compassione per
gli uomini che, sapendo a cosa vanno incontro, incolpano comunque gli altri per
la propria incapacità di guadagnare soldi facili. Quando un uomo guadagna è un
dannato “intelligentone”. Ma quando perde è colpa degli altri; sono tutti
disonesti, manipolatori! In quei momenti dicono che le carte sono truccate, ma
non è così.
Di solito l’obiettivo della manipolazione è lo sviluppo della negoziabilità –
proprio così, l’abilità di disfarsi di una grande quantità di azioni in poco tempo e
allo stesso prezzo. Una congregazione, a causa di un’inversione di condizioni
generali di mercato, potrebbe non essere in grado vendere un importante
pacchetto azionario senza sacrificare una buona parte dei guadagni. Così
decidono di assumere un professionista, ritenendo che la sua abilità e la sua
esperienza gli permetterà di condurre una ritirata ordinata piuttosto che subire
una grave disfatta.
Noterai che non parlo della manipolazione progettata per permettere un notevole
accumulo di azioni al prezzo più basso possibile, come per esempio accade negli
acquisti per la monopolizzazione, perché questo non si verifica di frequente al
giorno d’oggi.
Quando Jay Gould voleva assicurarsi il controllo della Western Union e aveva
deciso di comprare un bel pacchetto di azioni, Washington E. Connor, che non si
era visto per anni negli uffici di borsa, era apparso improvvisamente in persona
alla sede della Western Union e aveva iniziato ad acquistarne le azioni. Gli
investitori gli avevano riso in faccia – per la sua stupidità e per i suoi modi da
sempliciotto - e avevano allegramente iniziato a vendergli tutte le azioni che
desiderava. Era un trucchetto troppo rozzo, non pensavano che potesse far alzare
il prezzo del titolo. Questa era manipolazione? Credo che si possa rispondere:
“Sì e no”.
Nella maggior parte dei casi l’obiettivo della manipolazione è, come detto in
precedenza, vendere le azioni alla gente al prezzo più alto possibile. Non è solo
una questione di vendita ma di distribuzione. E’ sicuramente meglio per un titolo
essere assorbito da migliaia di persone piuttosto che da un singolo uomo. Quindi
non bisogna solo pensare a vendere ad un buon prezzo ma bisogna pensare
anche al modo in cui queste azioni verranno distribuite sul mercato.
Non ha senso far alzare il prezzo fino a fargli raggiungere un livello alto se non
induci le persone a comprare le tue azioni. Ogni manipolatore inesperto che ha
provato a vendere al prezzo più alto ha fallito, i veterani più saggi ti diranno che
puoi portare un cavallo fino all’acqua ma non puoi costringerlo a bere. Difatti è
bene ricordare una regola della manipolazione, una regola che Keene e i suoi
precedessori sapevano bene. E’ questa: un titolo deve essere manipolato al
prezzo più alto possibile e poi deve essere venduto al pubblico durante il ribasso
che lo segue.
Lasciami spiegare dall’inizio. Ipotizza che c’è qualcuno – un consorzio di
garanzia o una cordata di persone o un investitore individuale che ha un monte di
azioni di un titolo che desidera vendere al miglio prezzo possibile. Il titolo è
regolarmente registrato nel New York Stock Exchange. Il miglior modo per
vendere questo pacchetto è tramite il mercato, e i migliori acquirenti sono le
persone comuni. La vendita è affidata ad un uomo. Lui o qualche socio attuale o
ex hanno già provato a vendere il pacchetto ma senza successo. Questa persona
acquisisce subito familiarità con le operazioni del mercato azionario e realizza
che è necessaria una maggiore esperienza e una grande attitudine a quel tipo di
lavoro rispetto a quello che possiede lui. Conosce personalmente o per sentito
dire che ci sono varie persone che avevano avuto successo nel gestire
contrattazioni simili, così decide di avvalersi della loro abilità professionale.
Cerca una persona con quelle capacità come se cercasse un dottore se fosse
malato o un ingegnere se avesse bisogno di quel tipo di figura.
Immagina che aveva sentito dire che io conosco bene quel tipo di operazione.
Beh, credo che cercherà di scoprire quanto più possibile sul mio conto.
Successivamente organizza un incontro e a tempo debito mi contatta in ufficio.
Ovviamente, è probabile che io già conosca il titolo che rappresenta questa
persona, è il mio lavoro conoscere i titoli. E’ così che mi guadagno da vivere. Il
visitatore mi spiega cosa, lui e i suoi soci, vorrebbero fare e mi chiedono di
prendermi in carico l’operazione.
Poi è il mio turno. Gli domando tutte quelle cose che ritengo necessarie per
avere una chiara comprensione di ciò che mi viene chiesto di fare. Determino il
valore e valuto la possibilità di vendere le azioni di questo titolo sul mercato.
Questo e la mia interpretazione delle condizioni attuali di mercato mi aiutano a
calcolare la probabilità di successo dell’operazione che mi è stata proposta.
Se le informazioni raccolte mi portano ad avere un parere favorevole accetto la
proposta e spiego al visitatore quali sono i miei termini per portare a termine il
servizio. Se lui accetta i termini, il compenso e le condizioni inizio a lavorare.
Generalmente richiedo e ricevo un’opzione call su un pacchetto di azioni. Insisto
nel dire che l’opzione call è la soluzione migliore di tutte. Il valore dell’opzione
call è fissata ad un prezzo leggermente inferiore a quello di mercato e poi sale
gradualmente; per esempio se fisso la chiamata su centomila azioni e il titolo ha
un valore di 40 dollari per azione, inizio con un pacchetto di qualche migliaia di
azioni a 35, un altro pacchetto a 37, un altro a 40, poi a 45...50...e così via fino a
75 o 80 dollari.
Se come risultato del mio lavoro – la mia manipolazione – il prezzo sale, e se al
livello più alto c’è ancora parecchia richiesta di azioni e sono sicuro di essere in
grado di venderne un numero rilevante, ovviamente utilizzo l’opzione call. In
questo modo sto guadagnando soldi ma lo stanno facendo anche i miei clienti. E’
così che dovrebbe essere. Se stanno pagando per le mie abilità devono trarre un
guadagno. Naturalmente alcune volte capita che subisco una perdita, ma è un
evento raro, perché non assumo il rischio fino a che non vedo che la strada che
sto scegliendo ha un profitto sicuro. Quest’anno non sono stato fortunato in una
o due operazione, e non ho guadagnato. Ci sono dei motivi in particolare, ma
questa è un’altra storia, che forse ti racconterò successivamente.
Il primo passo in un movimento al rialzo in un titolo è pubblicizzare il fatto che
c’è un movimento rialzista in corsa. Sembra stupido vero? Beh, pensaci un
momento. Non è così stupido come potrebbe sembrare. Il miglior modo per
pubblicizzare quello che in effetti sono le tue oneste intenzioni è rendere il titolo
attivo e forte. Dopo che è stato tutto calcolato, il più grande agente pubblicitario
del mondo intero è la telescrivente e il mezzo pubblicitario migliore è il grafico.
Non ho bisogno di inviare nessuna lettera ai miei clienti. Non devo informare la
stampa sul valore del titolo e non devo lavorare su recensioni finanziarie che
riguardano le prospettive dell’azienda. Tantomeno devo andare a caccia di
seguaci. Compio tutte queste azioni semplicemente tenendo il titolo attivo.
Quando c’è attività in un titolo c’è gente in giro che vuole sapere il perché; e
questo significa, ovviamente, che la gente pubblicizza il titolo senza che io
faccia nulla.
I titoli molto attivi sono quello che gli investitori cercano. Essi acquisteranno o
venderanno allo scoperto qualsiasi titolo a qualsiasi prezzo solo se c’è un
mercato libero sul titolo. Movimenteranno migliaia di azioni ogni qualvolta
vedranno che è attivo, e il volume che generano è considerevole. Costituiscono
la clientela iniziale di un manipolatore. Ti seguiranno per tutto il percorso e sono
di grande aiuto in tutte le fasi dell’operazione. Ero venuto a sapere che James R.
Keene sfruttava abitualmente il lavoro degli investitori più attivi, sia per tenere
nascosto chi architettava la manipolazione sia perché sapeva che erano di gran
lunga i migliori concimatori di business e i migliori distributori di soffiate.
Spesso dava delle opzioni call – verbali – sul mercato così essi potevano aiutarlo
ancora prima di iniziare ad investire. Io per accaparrarmi dei seguaci non ho mai
dovuto far altro che rendere un titolo attivo. Gli investitori non chiedono altro.
Ed è bene, ovviamente, ricordare che i professionisti degli uffici di borsa
comprano le azioni con l’intento di rivenderle guadagnandoci. Essi non puntano
tanto ad un grande profitto, ma ad un profitto rapido.
Rendevo il titolo attivo con l’obiettivo di attirare l’attenzione degli speculatori,
per le ragioni che ti ho spiegato. Acquistavo e vendevo le azioni del titolo e gli
investitori seguivano il mio esempio. La pressione di vendite allo scoperto non è
forte quando un umo possiede molte opzioni call – io insistevo sempre per
averne. L’acquisto quindi prevale sulla vendita allo scoperto, e la gente non
segue i manipolatori leader ma segue i leader degli uffici di borsa. Arrivano in
qualità di acquirenti e io appago la richiesta – vendo le azioni per mantenere
l’equilibrio. Se ci deve essere richiesta quest’ultima dovrà assorbire un numero
maggiore di azioni rispetto a quello che ero stato costretto ad accumulare nella
fase iniziale della manipolazione; e quando questo si verifica vendo le azioni allo
scoperto - in altre parole, vendo allo scoperto più azioni di quelle che possiedo.
E’ sicurissimo per me fare così dato che sto vendendo allo scoperto contro le mie
opzioni call. Poi quando la richiesta della gente diminuisce, il titolo smette di
apprezzarsi. Poi aspetto.
Dopo che il titolo smette di apprezzarsi ci sarà un giorno debole. Il mercato
intero potrebbe sviluppare una reazione al ribasso o alcuni investitori scaltri
potrebbero percepire che non ci sono ordini d’acquisto sul titolo e vendono le
azioni, e gli altri colleghi li seguono. Qualsiasi sia la ragione, il titolo inizia a
scendere. Bene, io inizio ad acquistare. Fornisco tutto il supporto di cui il titolo
potrebbe avere bisogno. C’è di più: sono in grado di supportarlo senza
accumulare azioni – senza dover aumentare la quantità di azioni che dovrò
vendere più tardi. Presta attenzione, riesco a fare questo senza diminuire le mie
risorse finanziarie. Quello che sto facendo in realtà è ricoprire le azioni che
avevo venduto allo scoperto in precedenza ad un prezzo più alto, quando la
richiesta da parte della gente o degli investitori o da parte di entrambe mi aveva
permesso di farlo. E’ sempre bene rendere le operazioni il più facile possibile per
gli investitori e per la gente, anche se la richiesta della gente è far scendere il
titolo. Questo tende a controllare sia le vendite allo scoperto spericolate di
qualche professionista, sia le liquidazioni degli azionisti spaventati che stanno
vendendo le azioni come fanno sempre quando un titolo diventa sempre più
debole. Queste ricoperture da parte mia consistono in quello che io chiamo: “il
processo di stabilizzazione”.
Appena si amplia il mercato vendo le azioni allo scoperto nella tendenza al
rialzo, ma non ne vendo mai abbastanza per frenare il rialzo. Questo è
strettamente collegato con il piano di stabilizzazione. E’ ovvio che più azioni
vendo allo scoperto in un rialzo ordinario più incoraggio gli investitori
conservativi, che sono più numerosi degli investitori spericolati, ad acquistare;
in aggiunta sono in grado di dare un supporto maggiore al titolo quando
arriveranno i giorni magri. Avendo venduto allo scoperto sono sempre in grado
di aiutare il titolo senza danneggiare le mie finanze. Come regola inizio a
vendere allo scoperto al prezzo che potrebbe darmi un guadagno. Anche se
spesso quando ricopro la posizione non ne ricavo nessun guadagno, lo faccio per
costruire o incrementare quello che potrei chiamare: “potere d’acquisto senza
rischi”. Questo business non serve solo per far alzare il prezzo del titolo o per
vendere un grande numero di azioni per un cliente, ma serve per farmi
guadagnare soldi. E’ per questo motivo che non chiedo a nessuno di finanziare le
mie operazioni. Il mio compenso è condizionato dal mio successo.
Ovviamente quanto descritto non è una pratica invariabile. Non ho mai utilizzato
un sistema che non sia flessibile. Modifico i termini e le condizioni in base alle
circostanze. Un titolo che si desidera distribuire dovrebbe essere manipolato al
prezzo più alto possibile e poi essere venduto. Ripeto questo perché è
fondamentale e perché la gente crede che le vendite sono fatte tutte al prezzo più
alto. Qualche volta un titolo rimane impantanato, non riesce a salire. Quello è il
momento di vendere allo scoperto. Ovviamente il titolo si deprezzerà, forse
anche più di quello che ti aspettavi, ma successivamente potrai curarlo. Finché il
titolo che sto manipolando si apprezza quando faccio ordini d’acquisto so che è
tutto a posto, e se c’è bisogno acquisto azioni utilizzando il mio denaro senza
avere paura – proprio come avrei acquistato un qualsiasi altro titolo che si
comporta nello stesso modo. E’ la linea con minore resistenza. Ricordi la mia
teoria di investimento sulla linea con minore resistenza, giusto? Bene, quando la
tendenza della linea con minore resistenza è stabilita la seguo: non perché sto
manipolando un determinato titolo in un momento particolare, ma perché sono
pur sempre un operatore di borsa.
Quando i miei acquisti non fanno salire il prezzo smetto di comprare e inizio a
vendere allo scoperto; ed è la stessa identica cosa che farei con un qualsiasi titolo
che non sto manipolando. Le principali compravendite in un titolo, come ben sai,
sono fatte sulla tendenza al ribasso. E’ sbalorditivo quante azioni riesce a
scaricare un uomo durante un ribasso.
Ripeto che durante la manipolazione non mi dimentico mai di essere un
operatore di borsa. I miei problemi di manipolatore, dopo tutto, sono gli stessi
che incontro da operatore. Tutte le manipolazioni finiscono quando il
manipolatore non riesce a far fare al titolo quello che lui vorrebbe facesse.
Quando un titolo che stai manipolando non si comporta come vorresti, stanne
alla larga. Non discutere col grafico. Scappa finché l’uscita dal mercato è valida
ed economica.
CHAPTER XXI

Sono consapevole che tutte queste generalità non sembrano particolarmente
notevoli. Le generalità raramente lo sono. Forse riesco a rendere meglio l’idea se
ti faccio un esempio concreto. Ti racconterò di come ho fatto alzare di trenta
punti il prezzo di un titolo, accumulando solo 7.000 azioni. Inoltre, avevo anche
generato un mercato che sarebbe stato in grado di assorbire una qualsiasi
quantità di azioni.
L’azienda in questione era la Imperial Steel. Il titolo era stato immesso nel
mercato da gente rispettabile ed era discretamente consigliata come un’azienda
di valore. Circa il 30 per cento del capitale del titolo era disponibile in vari uffici
di Wall Street, ma non c’era stato un volume di scambio di azioni significante
quando era stato immesso sul mercato. Di tanto in tanto qualcuno chiedeva
qualcosa al riguardo dell’azienda e a volte uno dei soci – membri del consorzio
di garanzia – dicevano che i guadagni della compagnia erano superiori alle
aspettative e le prospettive future erano più che incoraggianti. Era quasi tutto
vero ed era un bene. La notizia si era sparsa ma non era stata molto esaltante.
L’appeal speculativo era assente, e dal punto di vista degli investitori la stabilità
del prezzo e l’affidabilità del dividendo non era stata ancora dimostrata. Era un
titolo che non aveva mai avuto un comportamento sensazionale. Era un titolo
così signorile che nessun rialzo corroborativo si era verificato dopo che i soci
avevano pubblicato gli attendibilissimi report. Dall’altro lato però il prezzo non
era neanche sceso.
La Imperial Steel rimaneva senza onore, ignorata e sconsigliata; catalogata come
una di quei titoli che non si deprezza perché nessuno lo vende allo scoperto, e
non è venduto allo scoperto perché a nessuno piace andare contro un titolo che
non è ben distribuito; chi avrebbe venduto allo scoperto sarebbe stato alla mercé
della cricca interna dei soci. Inoltre non c’era nessuno stimolo che spingeva ad
acquistare questo titolo. Per un investitore la Imperial Steel corrispondeva a
speculazione. Per uno speculatore il titolo era un morto. L’uomo che è costretto a
trascinarsi dietro un titolo morto per un anno o due perde più soldi rispetto a
quanti ne spenderebbe per un funerale immediato; purtroppo, colui che trascina
il cadavere del titolo pensa che possa essere vantaggioso ritrovarsi insieme al
defunto perché spera che questo,un giorno, possa resuscitare.
Un giorno uno dei principali membri del sindacato delle Imperial Steel,
guardando ai suoi interessi e a quelli della società, venne a trovarmi. Avrebbe
voluto smuovere un po’ il volume di scambio del titolo, di cui i membri
controllavano il 70% che non era stato distribuito sul mercato. Avevano bisogno
di me per vendere le loro azioni ad un prezzo più vantaggioso rispetto a quello
che pensavano di ottenere se avessero cercato di venderle sul mercato
autonomamente. Volevano sapere i termini che mi avrebbero convinto ad
accettare l’affare.
Gli avevo detto che gli avrei fatto sapere nel giro di pochi giorni. Avevo iniziato
ad indagare sull’azienda. Avevo inviato degli esperti nei vari reparti della società
– produttivo, commerciale e finanziario. Mi avevano compilato dei report
imparziali. Non stavo cercando i pro o i contro, cercavo la realtà dei fatti così
come erano.
I rapporti mostravano che era un’azienda in salute. Le prospettive giustificavano
l’acquisto del titolo al prezzo attuale di mercato a patto che l’investitore era
disposto a tenere le azioni nel portafoglio per un po' di tempo. Date le
circostanze un rialzo del prezzo sarebbe stato il più legittimo di tutti i movimenti
di mercato. Inoltre non vedevo alcuna ragione per cui non avrei dovuto,
coscienziosamente e fiduciosamente, intraprendere una manipolazione al rialzo
delle Imperial Steel.
Avevo informato il socio della Imperial delle mie intenzioni e lui mi aveva
chiamato in ufficio per discutere dei dettagli. Gli avevo spiegato i miei termini.
Non volevo denaro in cambio del mio servizio ma volevo un opzione call su
centomila azioni dell’azienda. Il prezzo della chiamata oscillava fra i 70 e i 100
dollari. Sarebbe potuto sembrare un compenso elevato per qualcuno ma
dovevano considerare il fatto che i soci, indubbiamente, non avrebbero potuto
vendere centomila azioni, o anche cinquantamila azioni a 70 dollari. Non c’era
mercato per questo titolo. Solo belle parole sugli eccezionali guadagni
dell’azienda; le prospettive non gli avevano portato compratori, o perlomeno
nessuno di rilevante. In aggiunta, non avrei potuto prendere i soldi in contanti
prima che i miei committenti non avessero guadagnato dei milioni di dollari.
Quello che avevo richiesto non era un compenso esorbitante, era più che
legittimo.
Sapendo che il titolo aveva il suo valore, che le condizioni generali del mercato
erano rialziste e che le aziende valide erano favorevoli al rialzo mi ero
immaginato che avrei avuto successo in questa operazione. I miei committenti
incoraggiati dalle opinioni che avevo esplicato avevano accettato le condizioni
che avevo imposto e l’operazione era iniziata con i migliori propositi per tutti.
Avevo agito in modo tale da proteggermi il più possibile. Il sindacato controllava
circa il 70 per cento delle azioni che erano sul mercato ma mi avevano affidato il
loro 70 per cento con un contratto firmato. Non avevo intenzione di essere usato
come una discarica dai soci. Con la maggioranza delle azioni avevano le mani
legate, rimaneva fuori ancora il trenta per cento del pacchetto azionario ma era
un rischio che dovevo assumere. Gli speculatori esperti non si aspettano di
intraprendere sempre operazioni prive di rischio. Difatti, era meno probabile che
tutte le azioni di cui non avevo il controllo venissero vendute sul mercato in un
colpo solo piuttosto che tutte le persone che hanno una polizza sulla vita nella
stessa agenzia muoiano alla stessa ora, dello stesso giorno. Ci sono delle regole
non scritte dei rischi di borsa così come ci sono quelle della morale umana.
Essendomi tutelato da alcuni dei rischi evitabili del mercato azionario ero pronto
per iniziare la mia campagna. L’obiettivo della campagna era: valorizzare la mia
opzione call. Per farlo dovevo alzare il prezzo e sviluppare un mercato dove
avrei potuto vendere centomila azioni – le azioni di cui possedevo la chiamata.
La prima cosa che avevo fatto era una statistica su quanti titoli si stavano per
apprezzare. Era stata un operazione facile da attuare attraverso i miei broker, che
non avevano problemi nel constatare quali titoli erano scambiati sul mercato.
Non so se gli esperti avevano detto ai broker quali ordini avevo nei book o no. Il
valore era fissato a 70 ma non sarei riuscito a vendere centomila azioni a quel
prezzo. Avevo visto che nessuno era interessato né a quel prezzo né ad un prezzo
inferiore di qualche punto. Ero stato costretto a ad andare a chiedere ai miei
broker i volumi di scambio sul titolo. I dati che mi avevano fornito erano
sufficienti per capire che il volume di scambio era veramente basso.
Appena avevo elaborato i dati avevo acquistato tutte le azioni che erano vendute
dai 70 dollari in su. Quando dico “avevo acquistato” capirai che intendo che i
miei broker avevano acquistato per mio conto. Le vendite dovevano essere state
emesse per conto di uno dei soci azionari di minor conto perché i miei
committenti avevano cancellato ogni ordine di vendita che avevano emesso
prima che gli legassi le mani con il vincolo delle 100.000 azioni.
Non dovevo acquistare molte azioni. Sapevo che un certo tipo di rialzo avrebbe
portato la gente a fare acquisti – e ovviamente anche vendite allo scoperto.
Non avevo passato nessuna soffiata rialzista sulle Imperial Steel. Non dovevo
farlo. Il mio compito era di influenzare direttamente l’opinione delle persone,
che è il miglior modo per fare pubblicità. Non sto dicendo che non avevo mai
fatto propaganda rialzista sul titolo. E’ una cosa legittima, anzi auspicabile,
pubblicizzare il valore di un nuovo titolo come è legittimo pubblicizzare il valore
di un paio di scarpe o di un’automobile. Avevo trasmesso informazioni accurate
e attendibili alle persone. Ma quello che intendo dire era che il grafico aveva
fatto tutto quello di cui avevano bisogno i miei propositi. Come detto prima, i
quotidiani rispettabili hanno sempre cercato di stampare i motivi che causano
movimenti di mercato, fa notizia. I lettori non vogliono soltanto sapere come si
comporta un titolo sul mercato ma vogliono sapere anche perché assume quel
comportamento. Quindi i giornalisti, senza che io muovessi un dito, avevano
scritto ogni tipo di informazione, gossip, analisi dei report sui guadagni,
condizioni di investimento e prospettive future; in poche parole, tutte quelle cose
che rende probabile un rialzo. Ogni qualvolta un giornalista o un conoscente
chiedeva la mia opinione nei riguardi di un qualsiasi titolo, che avevo analizzato,
non esitavo ad esprimerla. Non ho mai dato consigli o soffiate volontariamente,
ma non avevo nulla da nascondere a riguardo delle mie operazioni. Sapevo che il
miglior consigliere, il più persuasivo di tutti, era il grafico.
Quando ero riuscito ad assorbire tutte le azioni che erano vendute dai 70 dollari
in su avevo alleviato la pressione al mercato, e questo aveva chiarito i propositi
della linea con minore resistenza della Imperial Steel. Era chiaramente rivolta
verso l’alto. Nel momento in cui era stata percepita questa tendenza dagli
investitori negli uffici di borsa avevano dedotto che il titolo era pronto per
apprezzarsi, non sapevano di quanti punti ma sapevano quanto basta per
giustificare l’acquisto. Avevano iniziato a chiedere le Imperial Steel, perché
avevano notato la palese tendenza rialzista del titolo – il grafico è un
dispensatore di consigli infallibile! – e io ne avevo subito approfittato. Avevo
venduto agli investitori le azioni che avevo acquistato dagli azionisti che ormai
erano stanchi di tenerle nel portafoglio. Ovviamente queste vendite erano fatte
giudiziosamente; mi limitai a soddisfare la domanda. Non stavo forzando il titolo
sul mercato e non volevo un rialzo troppo rapido. Non sarebbe stato vantaggioso
vendere metà delle mie centomila azioni in quella fase del rialzo. Il mio compito
era creare un mercato dove avrei potuto vendere tutto il mio pacchetto azionario.
Ma anche se avevo venduto solo le azioni che gli investitori erano ansiosi di
acquistare il mercato era momentaneamente privato della mia forza d’acquisto,
che avevo eseguito costantemente fino a quel momento. A tempo debito gli
acquisti degli investitori erano cessati e il prezzo aveva interrotto la sua risalita.
Appena verificatosi quanto detto, era iniziata la vendita da parte dei tori delusi o
da parte di quei trader che non vedevano più ragioni per acquistare le azioni
nell’istante in cui la tendenza rialzista era frenata.
Ero preparato per questa vendita, e durante il ribasso avevo ripreso indietro le
azioni che avevo venduto agli investitori ad un prezzo più alto di un paio di
punti. Sapevo che le azioni che avevo riacquistato erano destinate ad essere
vendute, a sua volta, quando il titolo avrebbe smesso di deprezzarsi.
Successivamente avevo ricominciato il giochino. Avevo acquistato tutte le azioni
che erano in vendita – non erano molte – e il prezzo aveva ricominciato a salire
per la seconda volta; ad un prezzo superiore rispetto ai 70 dollari precedenti.
Non dimenticare che durante il ribasso ci sono molti azionisti che vorrebbero
vendere le loro quote ma sicuramente non lo faranno a 3 o 4 punti sotto il
massimale. Questi speculatori promettono solennemente a se stessi che
venderanno le loro azioni semmai si verificherà un rialzo, poi cambiano i
propositi al cambiare della tendenza del prezzo del titolo. Ovviamente, c’è
sempre la possibilità di trarre un profitto da un mordi e fuggi conservativo, per
loro un qualsiasi profitto è sempre da prendere.
Quello che dovevo fare, ogni qualvolta si ripetesse il processo, era vendere ed
acquistare con l’intenzione di far aumentare i massimali.
Alcune volte, dopo che si acquistano tutte le azioni che sono in vendita, vale la
pena di far rialzare il prezzo bruscamente, per ottenere quello che la gente
potrebbe chiamare: “Lievi incursioni dei tori”, nel titolo che stai manipolando. E’
una pubblicità eccellente, perché fa chiacchierare la gente e inoltre attira sia gli
investitori rialzisti sia la porzione di persone che amano un po’ di azione nella
speculazione, che per come la vedo io questa porzione include maggior parte
della gente. Quanto detto lo avevo applicato nella Imperial Steel, questi rialzi
improvvisi del titolo, indotti da me, creavano continuamente richiesta di azioni.
Ogni qualvolta il trend era rialzista io vendevo una parte di azioni che possedevo
e questo limitava sia la velocità che l’estensione del rialzo. I miei acquisti
quando il trend era ribassista e le mie vendite nel trend rialzista non stavano solo
facendo apprezzare il titolo, stavano creando la negoziabilità delle Imperial
Steel.
Dopo che avevo iniziato la mia operazione sulla Imperial non era mai capitato
che qualcuno non potesse acquistare o vendere le azioni liberamente; intendo
dire acquistare o vendere un numero ragionevole di azioni senza causare una
violenta variazione di prezzo. La paura di essere lasciati a bocca asciutta se
avessero acquistato o la paura di essere spremuti fino alla morte se avessero
venduto allo scoperto era sparita. La graduale propagazione della fiducia nella
permanenza nel mercato della Imperial Steel tra gli investitori professionisti e la
gente aveva fatto molto per infondere sicurezza nel movimento del titolo; di
conseguenza, aveva anche messo a tacere la maggior parte delle opposizioni. Il
risultato era che dopo che avevo acquistato e venduto parecchie migliaia di
azioni ero riuscito a portare il prezzo di vendita a cento dollari. Al valore di
cento dollari per azione tutti volevano acquistare le Imperial. Perché non
avrebbero dovuto? Tutti ormai sapevano che era un titolo valido; un vero e
proprio affare. Lo provava il rialzo, un titolo che poteva salire di trenta punti da
70 a 100 dollari sarebbe potuto salire tranquillamente di più. E’ così che molti
giustificavano l’acquisto.
Nel periodo in cui avevo fatto salire il prezzo di questi trenta punti avevo
accumulato solo settemila azioni ad un prezzo medio di 85 dollari esatti.
Significava un profitto netto di quindici punti; anche se, ovviamente, il mio
profitto reale era molto più alto. Era un profitto quasi certo perché avevo creato
un mercato idoneo ad assorbire tutte le azioni che volevo vendere. Il titolo
sarebbe stato venduto ad un prezzo più alto e io avevo un opzione call graduale
sulle centomila azioni, partiva da 70 dollari e arrivava a 100.
Le circostanze mi avevano impedito di utilizzare certe strategie per convertire il
mio profitto su carta in denaro contante. Era stato, se posso dirlo, una bellissima
manipolazione legittima e meritevole. L’azienda era valida e il titolo non era
caro a quel prezzo. Uno dei membri del sindacato desiderava che il controllo
dell’azienda passasse in mano ad una prominente banca che aveva molte risorse.
Il controllo di un’azienda prosperosa e promettente come la Imperial Steel
Corporation è più prezioso per una società bancaria piuttosto che per un singolo
investitore. Ad ogni modo, questa banca mi aveva avanzato un’offerta per
acquistare tutte le mie opzioni call sul titolo. Significava un guadagno enorme
per me e avevo afferrato l’occasione al volo. Preferisco sempre vendere in
blocco quando posso farlo con un buon guadagno. Era piuttosto contento di
quello che ero riuscito a ricavarne.
Prima di liberarmi delle mie opzioni call sulle centomila azioni avevo sentito che
questi banchieri avevo assunto vari esperti per analizzare più a fondo le
caratteristiche del titolo. I loro report erano sufficienti per spingermi ad accettare
la proposta che avevo ricevuto. Avevo tenuto parecchie migliaia di azioni come
investimento perché credevo nell’azienda.
Non c’era nulla nella mia manipolazione sulle Imperial Steel che non era
normale e sensato. Finché il prezzo saliva quando acquistavo azioni sapevo che
era tutto ok. Il titolo non si era mai impantanato, come spesso accade. Quando
vedi che un titolo non risponde più adeguatamente ai tuoi acquisti non c’è
consiglio migliore che vendere allo scoperto. Sai che se il titolo ha un qualsiasi
valore e le condizioni generali del mercato sono favorevoli puoi sempre
prendertene cura dopo un declino, non importa anche se perde venti punti. Ma
non avevo mai dovuto fare niente di simile sulle Imperial.
Durante la manipolazione non avevo mai perso di vista i principi basilari di
investimento. Forse ti starai domandano perché ripeto questo o perché continuo
ad insistere sul fatto che non ho mai litigato con il grafico o che non ho mai
perso il mio temperamento sul mercato a causa del suo comportamento. Lo stai
pensando? Perché non dovresti? – Gli uomini scaltri che hanno guadagnato
milioni con le loro aziende e che in aggiunta hanno guadagnato milioni a Wall
Street potrebbero aver realizzato il concetto più importante di questo gioco, cioè
giocare con calma e in modo imparziale. Ti saresti sorpreso della frequenza con
cui alcuni dei nostri migliori promoter si lamentavano come ragazze permalose
perché il mercato non si comportava come avrebbero voluto loro. Sembravano
prenderla sul personale e continuavano a perdere soldi prima di perdere il loro
temperamento.
C’erano stati molti gossip sulla mia disputa con John Prentiss. Le persone erano
state indotte ad aspettarsi un racconto di una transazione sul mercato azionario
che non era andata a buon fine o un doppio gioco che aveva fatto perdere
parecchi milioni o a me o a lui; insomma qualcosa del genere. Beh, non era vero.
Prentiss e io siamo stati amici per anni. Mi aveva passato più volte delle
informazioni che avevo utilizzato in mio favore e ne avevo tratto profitto. Allo
stesso tempo io gli avevo dato alcuni consigli che non so se ha seguito o meno.
Se per caso lo aveva fatto avrebbe risparmiato parecchi soldi.
Era stato un valido aiuto nell’organizzazione e nella promozione della Petroleum
Products Company. Dopo un debutto riuscito più o meno bene le condizioni
generali erano cambiate in peggio e il titolo appena immesso sul mercato non si
era comportato così bene come Prentiss e i suoi soci avevano sperato. Quando le
condizioni generali erano tornate favorevoli Prentiss aveva formato una cordata
di persone e aveva iniziato ad operare sulla Pete Products144 .
Non posso dirti nulla sulla sua strategia. Non mi aveva detto come operava e io
non glielo avevo mai domandato. Ma era chiaro che nonostante la sua esperienza
a Wall Street e la sua indiscutibile intelligenza, qualsiasi cosa facesse dimostrava
poco valore e la cordata di persone non aveva impiegato molto tempo per capire
che non potevano sbarazzarsi di un monte di azioni interessante attraverso lui.
Doveva aver provato tutti gli stratagemmi che conosceva, perché un presidente
di una cordata non chiede di essere sostituito da un esterno a meno che non si
sente assolutamente inadeguato al compito, e questa è l’unica cosa che un uomo
medio non vorrebbe ammettere. Ad ogni modo era venuto da me e dopo un po’
di preliminari amichevoli mi aveva detto che voleva che mi prendessi in carico il
mercato della Pete Products per vendere le azioni dei soci, che ammontavano a
poco più di centomila. Il titolo era valutato 102 o 103 dollari.
La faccenda non mi era chiara e avevo rifiutato l’offerta ringraziandolo. Lui però
aveva insistito sul fatto che avrei dovuto accettare. L’aveva messa sul personale,
così alla fine avevo ceduto. Per mia natura, non mi piace buttarmi in operazioni
di cui non riesco ad essere fiducioso del risultato finale, ma avevo anche pensato
che un uomo deve pur fare qualcosa per i suoi amici e conoscenti. Gli avevo
detto che avrei fatto del mio meglio, ma lo avevo avvertito che non erano molto
fiducioso sul titolo e gli avevo elencato i diversi fattori con cui avrei dovuto fare
i conti. Prentiss mi aveva risposto che non mi stava chiedendo di garantirgli dei
milioni di profitto. Era sicuro che se avessi preso in carica il lavoro io avrei fatto
sufficientemente bene per soddisfare ogni richiesta.
Bene, ero impegnato a fare qualcosa contro il mio stesso giudizio. Avevo
riscontrato, come temevo, una situazione difficile, creata principalmente dagli
errori commessi da Prentiss mentre stava cercando di manipolare il titolo per
conto dei soci. Però, il mio principale antagonista era il tempo. Ero convinto che
ci stavamo avvicinando rapidamente alla fine del movimento rialzista, quindi la
fase favorevole del mercato che era così tanto decantata da Prentiss, si sarebbe
rivelata un semplice apprezzamento di pochi giorni. Avevo paura che il mercato
avrebbe invertito la tendenza in ribassista ancora prima che fossi riuscito a
compiere qualcosa con le Pete Products. Tuttavia, avevo fatto una promessa e
avevo deciso di mettermi a lavorare duro, come sempre.
Avevo iniziato ad alzare il prezzo, con moderato successo. Pensavo che sarei
stato in grado di farlo salire fino a 107 o giù di lì, perché lo ritenevo un valore
piuttosto corretto, che mi avrebbe permesso di vendere un po’ di azioni. Non era
molto, ma ero contento di non aver aumentato il numero di azioni acquistate da
parte dei miei clienti. C’erano molte persone, esterne alla cordata, che stavano
aspettando un piccolo rialzo per vendere le azioni, ed io ero la manna mandata
dal cielo per loro. Se avessi avuto le condizioni generali favorevoli avrei fatto
meglio di quanto ero riuscito a fare. Era stato un male che non mi avessero
chiamato prima. Tutto quello che potevo fare in quel momento era vendere tutte
le azioni che possedeva la cordata di persone facendogli perdere meno denaro
possibile.
Ero andato da Prentiss e gli avevo detto cosa pensavo di fare. Lui però aveva
iniziato ad obiettare. Dopo che gli avevo spiegato perché avevo preso quella
posizione e gli dissi: “Prentiss, posso percepire molto chiaramente l’impulso del
mercato. Il tuo titolo non ha seguaci, non posso fare nulla”. Ascoltami: “Quando
la Pete Products è sufficientemente attraente per gli investitori e tu gli dai tutto il
supporto di cui il titolo ha bisogno ma nonostante tutto la gente si disinteressa e
ti lascia solo, c’è sicuramente qualcosa che non va - non nel titolo ma nel
mercato in generale. Non serve a niente forzare la mano. Anzi, sei destinato a
perdere se lo fai. Un direttore della manovra dovrebbe essere incentivato ad
acquistare azioni quando anche gli altri lo fanno, ma quando non ci sono
acquirenti nel mercato è un vero e proprio asino se acquista. Per ogni cinquemila
azioni che acquisto la gente dovrebbe acquistarne altrettante. Non ho
assolutamente intenzione di prendermi il compito di acquistarle tutte io. Se lo
faccio, l’unico risultato che ottengo è che sono inondato da un mare di azioni che
non voglio. C’è solo una cosa da fare, ed è vendere. E l’unico modo per vendere
è vendere.”
“Intendi dire che devi vendere quante più azioni possibile?” domandò Prentiss.
“Esatto” Dissi. Vidi che era pronto a controbattere così aggiunsi: “Se vendo tutte
le azioni che mi sono state affidate capirai che il prezzo scenderà sotto i 100
dollari e forse anche di più!”
“Oh, no! Assolutamente!” gridò. “Non starai pensando che li ho invitati ad
suicidio di massa?”
“Prentiss, è un principio basilare della manipolazione far alzare il prezzo con
l’intenzione di vendere le azioni che si possiedono. Ma non devi vendere tutte le
azioni quando il titolo è nella fase rialzista. Non puoi. La vendita di massa deve
essere fatta dopo che il prezzo ha raggiunto l’apice e inizia il ribasso. Non posso
portare il titolo a 125 o 130. Mi piacerebbe, ma non è possibile. Devi
assolutamente iniziare a vendere ora. Secondo me il mercato in generale sta per
deprezzarsi, e la Petroleum Products non è un eccezione. E’ meglio per i tuoi
clienti che il prezzo scenda ora a causa delle loro vendite piuttosto che scenda il
prossimo mese a causa delle vendite di qualcun altro. Tanto si deprezzerà
comunque.”
Non posso dire che quello che avevo detto non fosse qualcosa di straziante, ma
si potevano sentire i suoi urli fino in Cina. Non voleva assolutamente sentire
cose simili. Non lo aveva mai voluto. Avrebbe fatto di tutto per non far scendere
il titolo, per non dire nulla di sconveniente alle banche che possedevano delle
azioni in garanzia al prestito che avevano emesso.
Gli avevo ripetuto che secondo il mio giudizio niente al mondo poteva impedire
alla Pete Products un ribasso di quindici o venti punti, perché tutto il mercato si
sarebbe comportato in questo modo, e avevo ripetuto ancora una volta che era
assurdo pensare che questo titolo fosse un eccezione. Ma ancora una volta le mie
parole erano state buttate al vento. Aveva insistito che dovevo supportare il
titolo.
Era un uomo scaltro, uno dei promoter con più successo di quel periodo, che
aveva guadagnato milioni a Wall Street e conosceva molto meglio degli
investitori medi la speculazione; ora però insisteva nel supportare un titolo
all’inizio di un mercato orso. Era il suo titolo, ma era comunque un pessimo
affare. Era andato addirittura contro i suoi principi e io avevo iniziato
nuovamente a discutere con lui ma non era servito a nulla. Insisteva nel
supportare il titolo.
Ovviamente quando il mercato generale si era indebolito e il declino era iniziato
la Pete Products aveva seguito il ribasso. Invece di vendere le azioni, le stavo
acquistando sotto ordine di Prentiss - per conto della cordata di persone interne
all’azienda.
L’unica spiegazione è che Prentiss non credesse che il mercato orso fosse alle
porte. Io ero sicuro che il mercato toro era finito. Lo avevo previsto per la prima
volta testando non solo la Pete Products ma anche altri titoli simili. Non avrei
aspettato che il trend ribassista venisse annunciato, era più sicuro vendere tutte le
azioni prima del suo arrivo. Ma non avevo venduto un azione delle Pete Products
sebbene avessi venduto allo scoperto altri titoli.
La cordata di persone della Pete Products, come mi aspettavo, era appesa a tutte
le azioni che possedevano sin dall’inizio e in più ne avevano sommate altre con
gli acquisti effettuati durante il loro inutile sforzo di tenere alto il prezzo del
titolo. Infine avevano liquidato tutto; però ad un prezzo molto inferiore rispetto a
quello a cui le avrei vendute io se Prentiss me lo avesse lasciato fare. Non poteva
essere altrimenti, Prentiss però ancora pensa di avere ragione - o perlomeno
ancora così dice. Ero venuto a sapere che diceva che la ragione per cui gli avevo
dato quel consiglio era che avevo investito al ribasso in vari titoli mentre il
mercato stava salendo. Questo implicava che il ribasso della Pete Products,
causato dalle vendite delle azioni dei soci, avrebbe aiutato la mia posizione
ribassista sugli altri titoli.
Tutto questo non aveva senso. Non pensavo che il mercato fosse ribassista
perché avevo venduto allo scoperto. Ero ribassista perché pensavo che era la
direzione che avrebbe preso il mercato, e avevo venduto allo scoperto solo dopo
che ne ero convinto. Non c’è denaro a sufficienza per permettersi di fare cose
sbagliate; non nel mercato azionario. La strategia di vendere le azioni dei soci si
basava su quello che vent’anni di esperienza mi dicevano che era fattibile e
quindi saggio. Prentiss era sufficientemente saggio come trader per vedere
chiaramente quello che avevo visto io. Ormai era troppo tardi per cercare di
riparare la situazione in un qualsiasi altro modo.
Credo che Prentiss condividesse la delusione di migliaia di persone che
pensavano che un manipolatore potesse fare qualsiasi cosa. Ebbene, non è così.
La più grande impresa l’aveva compiuta Keene durante la manipolazione della
U.S. Steel della primavera del 1901. Aveva avuto successo non perché era
intelligente, o perché aveva una grande disponibilità economica, e neanche
perché aveva creato un sindacato di persone tra le più ricche di America. Era
riuscito ad avere successo in parte per queste cose appena descritte ma
principalmente perché il mercato e lo stato mentale delle persone gli erano
favorevoli.
Non è mai un buon affare per un uomo agire contro quello che l’esperienza gli
ha insegnato e non ascoltare il buon senso. Ma i perdenti a Wall Street non sono
solo gli investitori occasionali. Le lagnanze di Prentiss nei miei confronti sono
quelle che ti ho appena descritto. Ce l’aveva con me perché non avevo fatto la
manipolazione come volevo io ma l’avevo fatta seguendo quello che lui mi
aveva espressamente richiesto.
Non c’è niente di misterioso, subdolo o ingannevole in una manipolazione che
ha lo scopo di vendere un monte di azioni, a patto che queste operazioni non
siano accompagnate da false dichiarazioni intenzionali. La manipolazione si basa
sugli stessi principi della speculazione. Le persone che utilizzavano le vecchie
pratiche della manipolazione erano stressatissime, basti pensare alle vendite
fittizie145 . Posso assicurarti però che gli inganni sono quasi del tutto inutili. La
differenza tra la manipolazione di un titolo e la vendita di un titolo o di un bond
che non è quotato in borsa consiste nella natura della clientela non nella
richiesta. J.P. Morgan & Co. emette dei bond per le persone – proprio così, per
gli investitori. Un manipolatore distribuisce un pacchetto di azioni di un titolo
alla gente – agli speculatori. Un investitore cerca sicurezza, per ricevere un
interesse continuo del capitale investito. Lo speculatore cerca un profitto veloce,
un’importante percentuale di guadagno del capitale che ha investito.
Un manipolatore trova mercato principalmente tra gli speculatori – perché questi
sono disposti ad assumersi rischi maggiori perché così facendo hanno molte più
probabilità di ottenere un grande ritorno di capitale. Io stesso non ho mai creduto
nello scommettere ciecamente. Posso speculare o posso comprare centomila
azioni. Ma in ogni caso devo sempre avere una ragione per farlo.
Ricordo distintamente come sono stato iniziato al gioco della manipolazione,
intendo dire vendere le azioni per conto di altre persone. Provo piacere nel
ricordarlo perché spiega molta bene l’attitudine degli esperti di Wall Street nei
confronti delle operazioni sul mercato azionario. Era accaduto dopo che ero
“tornato” – esattamente dopo che il mio investimento sulle Bethlehem Steel nel
1915 mi aveva indirizzato sulla via del recupero finanziario.
Avevo investito costantemente e avevo avuto parecchia fortuna. Non ho mai
cercato di farmi pubblicità sui giornali, ma non avevo neanche mai cercato di
nascondermi. Allo stesso tempo, sai che gli esperti di Wall Street esagerano sia i
successi che i fallimenti di qualsiasi operatore di borsa a cui capita di essere
particolarmente attivo; e ovviamente, i giornali sentendo le voci stampano le
notizie. Mi sono ritrovato al verde così tante volte, secondo i giornali, e ho
guadagnato talmente tanti milioni, sempre secondo gli autori della mie banche
rotte, che la mia unica reazione a queste notizie è il chiedermi quando o dove
sono nate. E quanto sono cresciute! Vari miei amici broker mi hanno riportato la
stessa storia che ogni volta cambiava leggermente, veniva migliorata e
circostanziata.
Tutta questa prefazione serve per dirti come sono arrivato per la prima volta a
manipolare un titolo per conto di qualcun altro. I giornali avevano stampato delle
storie di come avevo pagato appieno il debito che avevo. Le mie speculazioni e i
miei guadagni era stati talmente tanto ingigantiti dai quotidiani che la gente a
Wall Street parlava di me. I tempi in cui un operatore di borsa dominava il
mercato movimentando duecentomila azioni di un titolo erano passati. Ma, come
sai, la gente desidera trovare nuovi successori ai leader del passato. Era stata la
reputazione di abile operatore di borsa e quella di essere artefice di un guadagno
di svariati milioni di Mr. Keene che avevano indotto i promotori e gli uffici di
borsa ad attribuire a lui le vendite di enormi quantità di azioni. In pratica, il suo
servizio di manipolatore era richiesto perché le persone avevano letto le storie
scritte sui giornali che raccontavano i suoi successi come investitore.
Keene però era morto – era andato in paradiso e prima di morire aveva detto che
non ci sarebbe rimasto se non avesse trovato Sysonby146 ad aspettarlo. Altri due
o tre uomini che avevano fatto la storia del mercato azionario per qualche mese
erano piombati nell’oscurità di un’inattività prolungata. Mi riferisco in
particolare ad alcuni di quei speculatori occidentali che erano venuti a Wall
Street nel 1901 e, dopo che avevano guadagnato milioni con le azioni della U.S.
Steel, erano rimasti a Wall Street. Questi erano dei super-promoter piuttosto che
investitori del calibro di Keene. Però erano estremamente abili, estremamente
ricchi e avevano un enorme successo nelle azioni delle compagnie che loro o che
i loro amici controllavano. Non erano dei veri manipolatori, come Keene o il
Governatore Flower. Ancora la gente parla di molti gossip nei loro riguardi e
avevano dei seguaci tra i professionisti e le case di commissione. Dopo che
avevano smesso di investire attivamente la gente si era ritrovata senza
manipolatori, o almeno non si leggeva più nulla del genere sui quotidiani.
Ricorderai il grande movimento rialzista che era iniziato quando la borsa aveva
riaperto nel 1915. Appena il mercato si era ampliato e le forniture per gli alleati
della guerra ammontavano a miliardi di dollari era iniziato un mercato toro. Non
c’era bisogno della manipolazione, in quel periodo non era necessario alzare un
dito per avere un mercato attivo. Decine di uomini avevano guadagnato milioni
capitalizzando i contratti. Erano diventati promoter di successo, grazie all’aiuto
degli amici banchieri o grazie all’immissione delle loro aziende sul listino del
Curb Exchange. La gente acquistava qualsiasi cosa fosse adeguatamente
consigliata.
Quando il boom economico guidato dalla guerra era finito, alcuni di questi
promoter si erano ritrovati ad aver bisogno dell’aiuto degli esperti delle vendite
di azioni. Le persone si ritrovavano nel portafoglio ogni tipo di azioni, alcune di
queste acquistate al prezzo più alto, e in queste situazioni non è un compito
facile vendere le azioni di un titolo che non era stato ancora collaudato. Non è
che gli acquirenti fossero diventati più discriminanti, ma gli acquisti alla cieca
erano finiti. Era lo stato mentale che era cambiato. Il prezzo non deve per forza
scendere per rendere le persone pessimiste. E’ sufficiente che il mercato diventi
noioso e rimanga in tale stato per un certo periodo.
In ogni boom economico le aziende sono formate principalmente, se non
esclusivamente, per trarre vantaggio dall’appetito della gente per ogni tipo di
titolo. Ci sono anche i promotori che arrivano tardi; la ragione per cui i promoter
compiono questo errore è che essendo persone sono riluttanti nel vedere la fine
di un boom economico. Oltretutto è meglio approfittare delle opportunità quando
c’è la possibilità di un bel guadagno. L’apice del prezzo non si vede mai quando
lo sguardo è viziato dalla speranza. L’uomo medio vede un titolo che nessuno
avrebbe acquistato a dodici o quattordici dollari ad azione che improvvisamente
sale di trenta punti – questo è sicuramente il prezzo massimo – ma poi sale fino a
50 dollari. Questa è di certo la fine del rialzo. Poi raggiunge i sessanta dollari;
settanta; settantacinque. A questo punto diventa chiaro che questo titolo, che fino
a poche settimane fa era venduto a poco meno di quindici dollari, non può più
apprezzarsi. Ma in realtà arriva a ottanta dollari per azione, poi a ottantacinque.
Dopo di che l’uomo medio, che non pensa mai al valore del titolo ma solo al
prezzo, e non pensa mai ad agire in base alle condizioni generali ma segue la
paura, prende la strada più facile – smette di pensare che ci sia un limite al
rialzo.
La gente comune fa i soldi veri nei boom economici su carta. Poi però questi
profitti rimangono su carta.
CHAPTER XXII

Un giorno Jim Barnes, che non solo era uno dei miei principali broker, ma era
anche un amico intimo, mi chiamò. Mi disse che voleva che gli facessi un favore
enorme. Non me ne aveva mai parlato così gli avevo chiesto di dirmi di quale
favore si trattasse, sperando che fosse qualcosa che ero in grado di fare, perché
mi avrebbe fatto piacere aiutarlo. Mi aveva detto che il suo ufficio era interessato
ad un certo titolo; infatti, era uno dei principali promoter della compagnia e
avevano piazzato sul mercato la maggior parte delle azioni. Le circostanze che si
erano create avevano reso imperativo per loro vendere un altro importante
pacchetto azionario. Jim voleva che gli rendessi il titolo negoziabile. L’azienda
era la Consolidated Stove.
Inizialmente non intendevo avere niente a che fare con quell’azienda per varie
ragioni ma Barnes, che in passato mi aveva fatto alcuni favori, aveva insistito e
l’aveva messa sul personale; quello era stato sufficiente per sovrastare le mie
obiezioni. Era un buon amico e il suo ufficio era pesantemente coinvolto, così
alla fine gli avevo detto che avrei fatto quello che avrei potuto.
Ho sempre pensato che la differenza principale tra un boom economico dovuto
alla guerra ed un qualsiasi altro boom economico era che il ruolo era stato
interpretato da persone nuove nel mercato azionario – i giovani banchieri.
Il boom economico era stupendo e le sue origini e cause erano chiaramente colte
da tutti. Allo stesso tempo però le più grandi banche e società fiduciarie del
paese avevano fatto tutto quello che era in loro potere per rendere milionari, in
pochissimo tempo, tutti quelli che avevano a che fare con il mercato delle
munizioni. In quel periodo era sufficiente che un individuo parlasse dell’amico
di un amico che era membro della commissione degli Alleati e gli avrebbero
offerto tutto il capitale necessario per acquistare tutti i contratti che non erano
ancora stati agguantati. Avevo sentito storie incredibili su impiegati che erano
diventati presidenti delle compagnie facendo affari da milioni di dollari
prendendo in prestito il denaro dalle società fiduciarie, e di contratti che
generavano profitti semplicemente passando di mano in mano. Un flusso di oro
stava sgorgando nel paese dall’Europa e le banche avevano trovato il modo di
confiscarlo.
Il tipo di business che veniva fatto potrebbe essere stato guardato con diffidenza
dai banchieri più anziani, ma non sembra che ce ne fossero molti al tempo. La
moda per i presidenti delle banche dai capelli grigi era molto diffusa nei tempi
tranquilli, ma i giovani erano le figure più ricercate in questi periodi estenuanti.
Le banche avevano fatto enormi profitti.
Jim Barnes e i suoi soci, godendo dell’amicizia e della fiducia del giovane
presidente della Marshall National Bank, aveva deciso di unificare tre famose
aziende di stufe per poi vendere le azioni della nuova compagnia al pubblico che
per mesi aveva acquistato qualsiasi cosa fosse sotto forma di certificato147 .
Un problema era che il mercato delle stufe era così prosperoso che tutte e tre le
compagnie stavano riscuotendo i dividendi dalle loro azioni, per la prima volta
nella loro storia. I principali azionisti non avevano intenzione di dividersi il
comando. Le loro azioni avevano molta negoziabilità sul New York Curb
Exchange; e loro avevano già venduto il numero di azioni che desideravano
vendere ed erano soddisfatti di come andavano le cose. La loro capitalizzazione
individuale era troppo piccola per giustificare un grande movimento di mercato,
e l’ufficio di Jim Barnes lo aveva capito. Avevano rilevato che la Consolidated
era sufficientemente grande da poter essere inserita nella lista della Borsa Valori,
dove le nuove azioni potevano aumentare di valore rispetto alle vecchie. E’ un
metodo vecchio a Wall Street il cambiare colore ai certificati148 con lo scopo di
aumentargli il valore. Dicono che un titolo che ha un valore pari sia difficile da
vendere. Beh, alcune volte quadruplicando il numero di azioni puoi ottenere
nuovi azioni da vendere a 30 o 35149 . Equivale sempre a 120 o 140 dollari delle
vecchie azioni - un valore che non sarebbero mai state in grado di raggiungere.
Sembra che Barnes e i suoi soci fossero riusciti a persuadere alcuni dei loro
amici che possedevano alcuni pacchetti azionari della Gray Stove Company ad
aderire all’unificazione, sulla base di quattro azioni della Consolidated per ogni
azione della Gray. Successivamente, il Midland e lo Western avrebbero seguito
la sorella maggiore e avrebbero aderito con lo scambio di un azione per un
azione. Gli altri erano quotati sul Curb a circa 25-30 mentre la Gray, che era più
conosciuta e pagava i dividendi, viaggiava intorno ai 125.
Al fine di raccogliere il denaro per comprare le azioni degli investitori che
insistevano sul fatto che volevano denaro contante, e anche per fornire capitale
aggiuntivo per apportare migliorie e per far fronte alle spese di promozione,
c’era bisogno di accumulare qualche milione di dollari. Così Barnes aveva
incontrato il direttore della sua banca e lo aveva convinto a prestare al suo
sindacato 3.500.000 dollari. La garanzia erano centomila azioni della nuova
cooperativa. Il sindacato aveva assicurato al direttore, perlomeno così mi
avevano detto, che il prezzo delle azioni non sarebbe stato inferiore ai 50 dollari.
Sarebbe stato un affare molto redditizio.
Il primo errore dei promoter era stata la tempestività. Era stato raggiunto il punto
di saturazione delle nuove azioni emesse, ed essi avrebbero dovuto prevederlo.
Si sarebbero potuti accontentare di un profitto equo dopo tutto, se non avessero
tentato di raddoppiare i guadagni ingiustificati che gli altri promoter avevano
fatto al culmine del boom economico.
Ora non devi pensare che Jim Barnes e i suoi soci erano pazzi o ragazzini
inesperti, erano molto scaltri. Ognuno di loro aveva familiarità con Wall Street
ed alcuni di loro erano degli operatori di borsa che avevano avuto un successo
eccezionale. Avevano però sovrastimato esageratamente il potere d’acquisto
della gente. Dopo tutto, il potere d’acquisto non era qualcosa che poteva essere
determinato prima, teoricamente. Dove avevano sbagliato maggiormente era
sulla durata del mercato toro perché credevano fosse molto più lunga rispetto
alla realtà. Credo che il motivo fosse che questi uomini avevano raggiunto il
successo in un modo particolare e molto veloce e quindi non avevano dubbi che
sarebbero riusciti ad ultimare gli scambi prima che il mercato toro finisse. Erano
tutti molto conosciuti e avevano parecchi seguaci tra gli investitori professionisti
e i broker.
L’operazione commerciale era stata pubblicizzata moltissimo. I quotidiani erano
stati molto generosi utilizzando ampi spazi di giornale. Le loro stufe erano
conosciute in tutto il mondo. Era stata una fusione patriottica e i giornali
parlavano quotidianamente della conquista del mercato asiatico, africano e
sudamericano.
I nomi dei direttori della compagnia erano familiari a tutti i lettori delle pagine
finanziarie. La pubblicità era ben gestita e alcuni soci avevano spiegato bene
come si sarebbe comportato il prezzo, ed erano stati convincenti perché si era
creata una grande richiesta di azioni del titolo. Il risultato era che quando i book
avevano chiuso si era scoperto che il titolo, che era offerto alla gente al prezzo di
cinquanta dollari per azione, era stato sottoscritto150 del 25 per cento.
Pensaci! La cosa migliore che i promoter si potevano aspettare era riuscire a
vendere il nuovo titolo a quel prezzo dopo settimane di lavoro, poi avrebbero
messo il prezzo a 75 dollari o più con lo scopo di avere una media di vendita di
50 dollari. In quel modo, significava un aumento del cento per cento del vecchio
valore delle aziende. Questo era il punto critico e loro non lo avevano affrontato
come avrebbero dovuto. Questo ti dimostra che ogni business ha le sue necessità.
Una saggezza generale ha un valore inferiore rispetto ad uno studio specifico. I
promoter, deliziati dall’inaspettata sottoscrizione aggiuntiva, avevano dedotto
che la gente era pronta a pagare qualsiasi prezzo per qualsiasi quantità di azioni.
Dopo che i promoter si erano convinti ad essere egoisti, avrebbero dovuto
cercare di esserlo in modo intelligente.
Quello che avrebbero dovuto fare, ovviamente, era aggiudicarsi il titolo per
intero. Questo gli avrebbe permesso di vendere allo scoperto il venticinque per
cento del totale della sottoscrizione offerta alla gente e questo, ovviamente, gli
avrebbe permesso di supportare il titolo quando ce ne sarebbe stato bisogno,
senza costi aggiuntivi. Senza alcuno sforzo da parte loro si sarebbero trovati in
una posizione strategicamente forte che anche io cerco di assumere sempre
quando manipolo un titolo. Avrebbero potuto sostenere il prezzo durante i
cedimenti, ispirando fiducia sulla stabilità del prezzo del nuovo titolo al
consorzio di garanzia che li supportava. Avrebbero dovuto ricordare che il loro
lavoro non era finito quando avrebbero venduto tutte le azioni alle persone.
Questa è solo una parte di quello che dovevano fare.
Avevano pensato di aver avuto molto successo, ma non era passato molto tempo
prima che le conseguenze dei due errori capitali che avevano commesso
diventasse evidente. La gente non acquistava più neanche un’azione del nuovo
titolo perché il mercato intero stava subendo un ribasso. I soci si erano spaventati
troppo e non avevano supportato la Consolidated Stove; e se i soci non
acquistavano le loro azioni durante un ribasso, chi avrebbe dovuto farlo?
L’assenza di supporto da parte dei soci è generalmente interpretata come
un’ottima soffiata ribassista.
Non c’era bisogno di scendere in statistiche dettagliate. Il prezzo della
Consolidated Stove oscillava con il resto del mercato, ma non aveva mai
superato il prezzo iniziale, che era solo una frazione sopra i 50 dollari. Alla fine
Barnes e i suoi amici erano stati costretti ad acquistare azioni per mantenere il
prezzo sopra i 40 dollari. Il non aver supportato il titolo sin da quando era stato
immesso sul mercato è deplorevole; ma il non aver venduto allo scoperto tutte le
azioni della sottoscrizione era ancora peggio.
Ad ogni modo, il titolo era debitamente elencato sul New York Stock Exchange
e il prezzo era giustamente sceso fino a che non aveva raggiunto i 37 dollari.
Rimaneva fisso a quel prezzo perché Jim Barnes e i suoi soci lo dovevano
sostenere perché la banca aveva in prestito centomila azioni dal valore di 35
dollari l’una. Se la banca avesse liquidato il prestito non oso immaginare di
quanti punti sarebbe sceso il titolo. La gente che era desiderosa di acquistarlo a
50 dollari ora non lo voleva a 37 dollari, e probabilmente neanche a 27 dollari.
Col passare del tempo l’aumentare delle estensioni di credito aveva fatto pensare
la gente. Il periodo dei giovani banchieri era giunto al termine. L’attività
bancaria sembrava essere sul bordo del precipizio che l’avrebbe riportata
improvvisamente al conservativismo. Gli amici intimi erano ora invitati a pagare
il prestito.
Il prestatore non aveva bisogno di minacciare e il creditore non implorava per
avere più tempo. La situazione era scomoda per entrambe. La banca con cui il
mio amico aveva fatto affari, per esempio, era ancora ben disposta. Ma si
trattava di un caso: “Per l’amor del cielo prendi quel prestito o ci cacceremo tutti
in un dannato caos”.
L’entità del caos e la probabilità che la situazione collassasse erano sufficienti
per far venire da me Jim Barnes con la richiesta di vendere le centomila azioni
per una cifra che era in grado di ripagare i tre milioni e mezzo di prestito. Jim
non si aspettava di trarre profitto da questa transazione. Anche se avesse perso
una piccola quantità di denaro mi sarebbe stato comunque grato.
Sembrava una missione impossibile. Il mercato generale non era né attivo né
forte, sebbene al tempo c’erano dei rialzi quando tutti si rianimavano e
credevano che il mercato toro avesse ripreso vita.
Avevo risposto a Barnes che avrei studiato la faccenda e gli avrei comunicato a
quali condizioni avrei accettato il lavoro. Beh, avevo dato un’occhiata. Non
avevo analizzato i report dell’anno precedente, lo studio riguardava il problema
della fase di mercato. Non avevo intenzione di promuovere la risalita del prezzo
basandomi sui guadagni dell’azienda o sulle prospettive, avevo intenzione di
vendere questo pacchetto azionario sul mercato. Tutto quello che avevo
considerato era quello che avrebbe potuto aiutarmi o ostacolarmi in questo
compito.
Avevo scoperto per caso che c’erano troppe azioni tenute da troppe poche
persone – troppe per poter starmene al sicuro e per rimanere tranquillo. Clifton
P., Kane & Co., banchieri, broker e membri del New York Stock Exchange
possedevano 70.000 azioni ciascuno. Erano amici intimi di Barnes ed erano stati
influenti durante il consolidamento. I loro clienti erano persone molto
importanti. L’ex senatore Samuel Gordon, che era il partner speciale dell’azienda
dei suoi nipoti, possedeva settantamila azioni, il fratello di Gordon possedeva un
altro pacchetto di settantamila azioni; il famoso Joshua Wolff invece ne aveva
sessantamila. La somma dei tre faceva un totale di duecentomila azioni della
Consolidated Stove che erano possedute da questa manciata di veterani di Wall
Street. Non avevano bisogno di nessuno che gli dicesse quando vendere le loro
azioni. Se avessi fatto una qualsiasi cosa per manipolare il titolo e per venderlo
alla gente – rendendolo forte e attivo - avrei visto Kane e Gordon e Wolff
scaricare le loro azioni, e non in piccole quantità. Vedere le loro duecentomila
azioni buttate sul mercato non era molto entusiasmante. Non dimenticare che il
mercato toro era finito e che la mia operazione, per quanto potesse essere
sapientemente condotta, non stava per generare una richiesta enorme di azioni.
Jim Barnes non aveva illusioni particolari sul lavoro che mi aveva modestamente
affidato. Mi aveva dato da vendere centomila azioni di un titolo impantanato, in
un mercato toro che esalava gli ultimi respiri. Ovviamente i giornali non
parlavano della fine del mercato toro, ma io lo sapevo, Jim Barnes pure e puoi
scommettere che anche le banche lo sapevano.
Tuttavia avevo dato la mia parola a Jim. Le duecentomila azioni di Kane,
Gordon e Wolff erano la spada di Damocle. Avevo pensato che sarebbe stato
meglio sostituire il crine di cavallo con una catena d’acciaio151 . Una sorta di
accordo reciproco mi sembrava la strada più facile. Se mi avessero aiutato
passivamente tenendo le azioni mentre io vendevo il pacchetto azionario della
banca io li avrei aiutati attivamente cercando di rendere il titolo sufficientemente
negoziabile per vendere tutte le azioni che possedevano. Le cose stavano così:
loro non potevano vendere un decimo delle loro azioni senza causare un
considerevole ribasso del titolo, e lo sapevano così bene che non avevamo mai
sognato di farlo. Quello che gli avevo chiesto era di valutare il momento giusto
per vendere utilizzando un altruismo intelligente invece di essere degli stupidi
egoisti. Non vale mai la pena di essere il cane nella mangiatoia né a Wall Street
né da nessun’altra parte152 . Desideravo convincerli che una vendita prematura o
sconsiderata gli avrebbe impedito la vendita di tutte le azioni che possedevano. Il
tempo stringeva.
Speravo che la mia proposta fosse piaciuta agli altri perché erano uomini esperti
di Wall Street e non avevano strane illusioni sulla richiesta attuale delle
Consolidated Stove. Clifton P. Kane era il capo di una prosperosa casa di
commissione che aveva filiali in undici città e centinaia di clienti. Il suo ufficio
era stato il manager di varie cordate di persone in passato.
Il Senatore Gordon, che possedeva settantamila azioni, era un uomo
estremamente ricco. Il suo nome era familiare ai lettori della stampa
metropolitana perché era stato citato in giudizio per aver violato una promessa di
matrimonio ad una manicurista di sedici anni che “non si sa come” possedeva
una pelliccia di visone da cinquemila dollari e centotrentadue lettere da parte
dell’imputato. Aveva iniziato i suoi nipoti come broker e lui era il partner
speciale dell’ufficio. Era stato membro di dozzine di cordate di investitori.
Aveva ereditato una parte della Midland Stove Company e per questo motivo
aveva avuto centomila azioni della Consolidated Stove. Ne aveva così tante da
potersi permettere di non ascoltare il consiglio di Jim Barnes, aveva venduto
trentamila azioni prima che il mercato si spegnesse lentamente. Successivamente
aveva detto ad un amico che ne avrebbe vendute di più se non fosse stato per un
suo caro amico che lo aveva implorato di non farlo; oltre al fatto che non c’erano
più volumi di scambio sufficienti per farlo.
Il terzo uomo era Joshua Wolff. Probabilmente era il trader più conosciuto tra i
tre. Per venti anni era conosciuto come scommettitore, tra la gente degli uffici di
borsa. Nel far alzare i prezzi dei titoli o nel farli abbassare aveva pochi eguali,
per lui diecimila o ventimila azioni significava come duecento o trecento per un
investitore normale. Prima che arrivassi a New York avevo sentito parlare di lui
come speculatore. Era stato trascinato in una congregazione sportiva che non
aveva limiti di gioco, sia nella corsa dei cavalli che nel mercato azionario.
Lo accusavano dicendogli che non era altro che uno scommettitore, ma in realtà
era molto abile e aveva sviluppato una forte attitudine per la speculazione. Allo
stesso tempo la sua risaputa indifferenza per le attività intellettuali lo avevano
reso protagonista di molti aneddoti. Uno di quelli che circolava maggiormente su
Joshua è questo: era ospite a quello che lui aveva chiamato “una cena magnifica”
e per una svista della padrona di casa molti degli invitati avevano iniziato a
parlare di letteratura prima che venissero fermati.
Una ragazza che gli sedeva accanto non l’aveva mai visto aprire la bocca, tranne
che per masticare, così si era girata verso lui e aspettandosi ansiosamente di
sentire delle opinioni finanziarie gli chiese: “Mr. Wolff, che cosa pensa di
Balzac?153 ”
Josh smise educatamente di masticare, deglutì e rispose: “Non ho mai investito
in quel titolo sul Curb!”
Questi tre individui erano gli azionisti più importanti della Consolidated Stove.
Quando erano venuti ad incontrarmi gli avevo detto che se avessero formato un
sindacato dove avrebbero messo dei soldi e mi avrebbero dato l’opzione call
sulle loro azioni ad un prezzo leggermente maggiore di quello del mercato avrei
fatto del mio meglio per creargli negoziabilità del titolo. Mi avevano chiesto
prontamente di quanti soldi avessi bisogno.
Risposi: “Avete questo titolo da molto tempo e non potete farci nulla con le
azioni. In tre possedete un totale di duecentomila azioni e voi sapete bene che
non avete la minima possibilità di venderle, a meno che non rendete negoziabile
il titolo. C’è bisogno di un certo tipo di mercato per assorbire le azioni che avete,
ed è saggio avere denaro a sufficienza per pagare tutte le azioni che potrebbe
essere necessario acquistare all’inizio della manovra. E’ inutile iniziare se poi si
è costretti a fermarsi perché non c’è denaro a sufficienza. Vi consiglio di formare
un sindacato e di mettere a disposizione sei milioni di dollari. Successivamente
fissiamo un opzione call sulle vostre duecentomila azioni a 40 dollari e mettete
tutte le vostre azioni in un deposito di garanzia. Se tutto andrà per il meglio vi
libererete del vostro titolo morente e il sindacato guadagnerà dei soldi”.
Come ti avevo detto in precedenza, c’era stato ogni sorta di gossip che
riguardava i miei guadagni sul mercato azionario. Credo che questo mi abbia
aiutato perché nulla riesce ad avere successo come il successo. Ad ogni modo,
non avevo molto da spiegare a queste persone. Essi sapevano esattamente quanto
sarebbero arrivati lontano se avessero provato ad operare da soli. Avevano
pensato che il mio era un buon piano. Prima di andare via mi avevano detto che
avrebbero formato un unico sindacato.
Non avevano riscontrato grossi problemi ad indurre molti dei loro amici a
partecipare. Credo che loro avevano parlato con maggiore sicurezza rispetto a
quando avevo parlato io dei profitti dei sindacati. Da quello che avevo sentito
credevano fermamente nell’operazione, così suggerivano il titolo in buona fede.
Ad ogni modo il sindacato era stato formato in un paio di giorni. Kane, Gordon e
Wolff mi avevano dato l’opzione call a 40 dollari sulle duecentomila azioni e
avevo visto che queste erano state messe in un deposito di garanzia, così non ne
sarebbe stata venduta una se fossi riuscito a far alzare il prezzo. Dovevo
proteggermi. Più di una persona che aveva fatto una promessa aveva fatto fallire
la manipolazione perché, come era prevedibile, uno dei membri del sindacato
non l’aveva mantenuta. A Wall Street nessuno ha dei pregiudizi nel divorarsi un
altro. Al tempo era venuto fuori che i soci della American Steel e della Wire
Company si accusavano a vicenda di abuso di fiducia e stavano cercando di
disfarsi delle azioni. C’era stato un gentile accordo tra John W. Gates e i suoi
amici con Joseph Seligmans e i suoi soci. Beh, avevo sentito qualcuno in un
ufficio di borsa che recitava questa quartina, che da come diceva era stata
composta da John W. Gates:

La tarantola saltò sulla schiena del millepiedi
e ridacchiò con macabra gioia:
“Avvelenerò questo assassino figlio di una cagna.
Se io non lo faccio a lui, lui lo farà a me!”

Intendiamoci, non intendo dire che ogni mio amico a Wall Street si è mai
sognato di raggirarmi in una transazione. Ma come principio generale è
altrettanto giusto provvedere ad ogni tipo di contingenza.
Dopo che Wolff, Kane e Gordon mi avevano detto che avevano formato il
sindacato e che stavano per racimolare i sei milioni di dollari non potevo far
altro che aspettare che i soldi arrivassero. Era necessario fare in fretta ma il
denaro era arrivato con il contagocce, mi pare che fossero state necessarie
quattro o cinque rate. Non so per quale motivo il denaro fosse stato versato a
rate, ma ricordo che avevo mandato un chiamata di SOS a Wolff, Kane e
Gordon.
Quello stesso pomeriggio avevo ricevuto degli assegni importanti che portavano
la mia disponibilità per l’operazione a quattro milioni di dollari e mi avevano
promesso che mi avrebbero portato i due milioni restanti nel giro di un paio di
giorni. Si iniziava a vedere che il sindacato avrebbe potuto fare qualcosa prima
che il mercato rialzista si esaurisse del tutto. Già nella migliore delle ipotesi era
un compito molto difficile ma prima avrei iniziato, meglio era. La gente non
sembrava particolarmente appassionata al nuovo movimento di mercato di un
titolo inattivo. Con quattro milioni di dollari però un uomo può eseguire una
transazione che suscita interesse in un qualsiasi titolo. Erano sufficienti per
assorbire tutte le vendite. Se il tempo stringeva, come già detto in precedenza,
non aveva senso aspettare gli altri due milioni. Prima il titolo avrebbe sorpassato
i 50 dollari meglio era per il sindacato, questo è ovvio.
Il giorno dopo quando il mercato aveva aperto erano rimasto sorpreso di vedere
un inusuale attività sul Consolidated Stove. Come ti ho detto prima, il titolo era
rimasto inattivo per mesi. Il prezzo iniziava a fermarsi a 37, Jim Barnes si stava
prendendo cura del titolo in modo da non farlo scendere sotto i 35 dollari, a
causa del prestito bancario che aveva emesso.
Bene signori, quel giorno c’era parecchia richiesta per il titolo, e il prezzo era
arrivato fino a 39 dollari. Nella prima ora di scambio di quel giorno le
transazioni erano state maggiori rispetto ai sei mesi precedenti. Era la strana
sensazione che si provava quel giorno che aveva influenzato al rialzo l’intero
mercato azionario. Avevo sentito dire che i clienti non parlavano d’altro nelle
case di commissione.
Non so cosa aveva causato quel rialzo, ma la cosa non aveva infastidito le mie
sensazioni sul ravvivamento della Consolidated Stove. Come regola non devo
chiedere niente nei riguardi di questi strani movimenti, di qualsiasi titolo si tratti,
perché i miei amici sul campo – broker che lavoravano per me, e amici stretti
che erano regolarmente negli uffici di borsa – mi tenevano aggiornato. Essi
pensavano che mi avrebbe fatto piacere essere aggiornato su ogni notizia o
gossip che ricevevano, così quando ne ricevevano una mi telefonavano. In quei
giorni avevo sentito dire che c’erano degli inconfondibili acquisti da parte dei
soci della Consolidated Stove. Non c’era nulla di losco, era tutto molto genuino.
Gli acquirenti avevano acquistato tutte le azioni in vendita dai 37 ai 39 dollari e
quando venivano importunati per sapere la ragione o per ricevere una soffiata, si
rifiutavano categoricamente di rispondere. Gli investitori astuti e attenti erano
arrivati alla conclusione che stava per succedere qualcosa; qualcosa di grosso.
Quando il prezzo di un titolo sale grazie agli acquisti dei soci dell’azienda, che si
rifiutano di incoraggiare il mondo a seguire il suono della telescrivente, bisogna
iniziare a chiedersi quale sarà la prossima comunicazione ufficiale che salterà
fuori.
Io non avevo fatto nulla. Avevo guardato, chiesto in giro e tenuto traccia delle
transazioni. Il giorno dopo però gli acquisti non solo erano aumentati di volume
ma avevano un carattere più aggressivo. Gli ordini di vendita che erano stati nel
book per mesi ad un prezzo superiore ai 37 dollari erano stati assorbiti senza
troppi problemi, e non si era più visto neanche una vendita a fermare
l’apprezzamento del titolo. Il prezzo naturalmente era aumentato, aveva
sorpassato i 40 dollari. Poi aveva toccato i 42.
Nel momento in cui aveva raggiunto quella cifra mi sentivo giustificato nel
vendere le azioni che la banca possedeva come garanzia. Ovviamente mi ero
immaginato che il prezzo sarebbe sceso dopo la mia vendita, ma se fossi riuscito
a vendere tutte le azioni ad un prezzo medio di 37 dollari non avrei avuto nulla
da rimpiangere. Sapevo quanto valeva il titolo e mi ero fatto un’idea della
negoziabilità durante i mesi di inattività. Bene Signori, avevo venduto
attentamente alcune azioni riuscendo a scaricarne trentamila e il rialzo non era
stato intaccato!
Quel pomeriggio mi era stato detto il motivo di questo aumento. Sembra che gli
investitori avessero ricevuto una soffiata dopo la chiusura del giorno precedente
e la stessa cosa era avvenuta il giorno dopo prima dell’apertura, gli era stato
detto che ero un rialzista convinto sulla Consolidated Stove e stavo per far
correre il prezzo sopra i 50 dollari senza farlo ribassare mai, com’ero solito fare
– o perlomeno come ero solito fare per le persone che non conoscevano le mie
operazioni. Chi aveva trasmesso la soffiata non valeva meno di Joshua Wolff.
Era stato il suo acquisto che aveva fatto iniziare il rialzo del titolo il giorno
precedente. I suoi compari investitori erano fin troppo disposti a seguire il suo
suggerimento, perché sapeva troppo per dare consigli sbagliati ai propri
colleghi.
Ad ogni modo, non c’era stata molta pressione - come temevo - sul titolo. Devi
considerare che avevo preso in carico trecentomila azioni e ti renderai conto che
le solite paure erano fondate. Ormai era dimostrato che il mio lavoro per far
alzare il titolo era stato meno gravoso del previsto. Dopo tutto, il governatore
Flower aveva ragione. Ogni volta che veniva accusato di manipolare i titoli
preferiti dal suo ufficio, come Chicago Gas, Federal Steel o la B.R.T. lui diceva:
“L’unico modo che conosco per far salire il prezzo di un titolo è acquistarne le
azioni”. Questo è l’unico modo anche per gli investitori.
Il giorno seguente, prima della colazione, avevo letto nei quotidiani che erano
letti da migliaia di persone e che indubbiamente erano stati telegrafatati a
centinaia di filiali di case di commissione, che Larry Livermore aveva iniziato
un operazione rialzista sulla Consolidated Stove. I dettagli differivano tra i vari
giornali. Una versione diceva che avevo formato una cordata di persone tra i soci
dell’azienda e avevo intenzione di punire chi aveva investito al ribasso il titolo.
Un’altra accennava all’aumento del dividendo nell’immediato futuro. Un’altra
ricordava al mondo che ogni volta che facevo qualche operazione su un titolo era
sempre di natura rialzista. Un’altra ancora accusava l’azienda di nascondere il
bilancio con lo scopo di far accumulare le azioni ai soci. Tutte le versioni
concordavano sul fatto che il vero rialzo non era ancora iniziato.
Al tempo raggiungevo il mio ufficio e leggevo la posta prima che il mercato
aprisse, ero stato informato che le strade erano inondate di consigli di acquistare
la Consolidated Stove. Il mio telefono continuava a squillare e l’impiegato che
rispondeva sentiva sempre la stessa domanda, che era formulata in un modo o in
un altro per centinaia di volte al giorno: “E’ vero che la Consolidated Stove sta
per apprezzarsi?” Posso dire che Joshua Wolff, Kane e Gordon e forse Jim
Barnes avevano gestito con maestria le soffiate che avevano passato.
Non avevo idea di avere così tanti seguaci. Perché quel giorno gli ordini di
acquisto provenivano da tutto il paese – ordini di acquisto di un titolo che tre
giorni prima nessuno voleva. E non dimenticarti che, difatti, quello che la gente
stava realmente acquistando era la mia reputazione di speculatore di successo
che scrivevano i giornali; un motivo per cui devo ringraziare uno o due
giornalisti.
Ebbene: il terzo giorno in cui il prezzo continuava a salire avevo venduto le
Consolidated Stove, così avevo fatto anche nel quarto e nel quinto giorno: avevo
venduto per Jim Barnes le centomila azioni del titolo che la Marshall National
Bank possedeva come garanzia dei tre milioni e mezzo di dollari che aveva dato
in prestito. Se la manipolazione di maggior successo è costituita dal
raggiungimento degli obiettivi prefissati al minor costo possibile per il
manipolatore, la Consolidated Stove era stata la migliore della mia carriera.
Perché non avevo avuto mai bisogno di dover acquistare nessuna azione. Non
avevo dovuto iniziare acquistando azioni per poi rivenderle più facilmente
successivamente. Non avevo fatto alzare il prezzo al livello più alto possibile per
poi iniziare a vendere. Non avevo neanche venduto sul trend ribassista, ma bensì
sul rialzista. E’ come sognare il Paradiso il trovare una forza di acquisto creata
apposta per te senza aver bisogno di alzare un dito, soprattutto perché l’elemento
tempo era un fattore importante. Una volta avevo sentito dire da un amico del
Governatore Flower che in una delle più grandi operazioni rialziste per conto di
una cordata di persone interne alla B.R.T., la congregazione aveva venduto
cinquantamila azioni del titolo con profitto, ma la Flower & Co aveva riscosso la
commissione su oltre duecentocinquanta mila azioni e W.P. Hamilton aveva
detto che per distribuire duecentocinquantamila azioni della Amalgamated
Copper, James R. Keene aveva movimentato più di settecentomila azioni del
titolo durante il periodo della manipolazione. Una bel conto salato per le
commissioni! Pensaci, poi considera che l’unica commissione che avevo dovuto
pagare era quella su centomila azioni che avevo venduto per conto di Jim
Barnes. La chiamo “Fare economia!”
Avendo venduto quello che mi era stato richiesto dal mio amico Jim, avevo
deciso di non toccare il denaro del sindacato perché non sentivo il desiderio di
riacquistare le azioni che avevo venduto, così avevo deciso di farmi una breve
vacanza. Non ricordo bene la vacanza ma ricordo che avevo lasciato il titolo da
solo e che non era passato molto tempo prima che aveva iniziato ad afflosciarsi.
Un giorno, quando il mercato intero era debole, alcuni rialzisti delusi avevano
deciso di disfarsi delle azioni della Consolidated in fretta e furia, e eseguendo
l’operazione avevo fatto scendere il prezzo sotto il mio limite di chiamata, che
era 40 dollari. Nessuno sembrava volerle. Come detto prima, non ero rialzista sul
mercato in generale e questo mi aveva reso ancora più grato che mai al miracolo
che mi aveva permesso di vendere le centomila azioni senza dover far prima
salire il prezzo di venti o trenta punti in una settimana.
Non trovando supporto, il prezzo aveva iniziato a scendere regolarmente
affinché un giorno era sceso bruscamente fino a toccare i 32 dollari. Era il prezzo
più basso mai registrato dal titolo perché, come ricorderai, Jim Barnes e il suo
sindacato avevano mantenuto il prezzo a 37 dollari in modo tale da non ritrovarsi
altre centomila azioni scaricate sul mercato da parte della banca.
Mi trovavo nel mio ufficio quel giorno e stavo tranquillamente studiando il
grafico quando mi avevano annunciato Joshua Wolff. Avevo dato il permesso di
farlo entrare. Piombò all’interno dell’ufficio. Non era un uomo grasso ma appena
era entrato in ufficio era gonfio di rabbia.
Si era precipitato verso di me e aveva gridato: “Ehi?! Che razza di storia è
questa?”
“Prendi una sedia, Mr. Wolff” dissi educatamente mentre mi sedevo e lo
incoraggiavo a parlare con calma.
“Non voglio nessuna sedia! Voglio sapere che cosa significa!” gridò con tutta la
voce che aveva in corpo.
“Che cosa intendi?” Domandai
“Che cosa diavolo stai facendo?”
“Di che cosa parli?” Chiesi.
“Del titolo! Del titolo!” Continuava a gridare,
“Quale titolo?” Domandai.
Quella domanda lo aveva fatto diventare ancora più rosso in viso, perché gridò:
“Consolidated Stove! Che cosa stai facendo con quel titolo?!
“Niente! Assolutamente niente. Cosa c’è che non va?” Dissi.
Mi fissò per cinque secondi prima di esplodere: “Guarda il prezzo! Guardalo!”
Era arrabbiatissimo. Così mi avvicinai alla telescrivente, guardai il grafico e
dissi: “Il prezzo ora è a 31,25 dollari”.
“Esatto! Trentuno dollari e venticinque centesimi e io ho un mucchio di azioni”.
So che tu hai sessantamila azioni. Le hai tenute per tanto tempo, da quando hai
comprato in origine le Gray Stove...” non mi aveva lasciato il tempo di finire e
disse: “Ma io ne ho acquistate molte altre. Alcune le ho pagate addirittura 40
dollari! E ancora le possiedo!”
Mi stava guardando con una estrema ostilità, così gli dissi: “Non ti ho mica detto
io di acquistarle”
“Tu non hai fatto cosa?”
“Io non ti ho detto ci comprarle!”
“Non ho detto che lo hai fatto. Ma dovevi far alzare il prezzo”.
“Cosa dovevo fare?” lo interruppi.
Mi guardava, non riusciva a parlare dalla rabbia. Quando era riuscito a ritrovare
nuovamente la voce disse: “Tu farai alzare il prezzo. Hai soldi a sufficienza per
farlo”.
“Si, è vero. Ma non ho intenzione di acquistare neanche un’azione”, dissi.
Quella era stata l’ultima goccia.
“Allora hai oltre quattro milioni per fare cosa? Non acquisterai azioni?”.
“Neanche una” ripetei.
Era così arrabbiato che non riusciva a parlare chiaramente. Infine riuscì a dire:
“Come hai intenzione di chiamare questo tuo giochino?”
Mi stava accusando dei peggiori crimini. Riuscivo a vedere una lunga lista di
accuse dai suoi occhi. Mi aveva portato a dire: “Di cosa vuoi accusarmi
realmente Wolff, di non aver acquistato il titolo che voi avete portato sotto i 40
dollari a 50 dollari?. Non è così?”
“No, non è così. Tu avevi un opzione call a 40 e quattro milioni di dollari in
contanti per far salire il prezzo”.
“Esatto, ma io non ho toccato i soldi e il sindacato non ha perso un centesimo
dalla mia operazione”.
“Ascolta, Livermore” iniziando un discorso.
Non lo avevo lasciato continuare.
“Tu ascoltami, Wolff. Sapevi che le duecentomila azioni che tu, Gordon, e Kane
possedevate erano bloccate e che non c’erano neanche così tante azioni in
vendita per far salire il prezzo, avevo due obiettivi da raggiungere: il primo era
rendere negoziabile il titolo e il secondo era ricavare profitto dall’opzione call
fissata a 40 dollari. Tu però non eri soddisfatto di 40 dollari per le tue
sessantamila azioni e te le sei trascinate dietro per mesi; così hai deciso di
prendere un ulteriore lotto di azioni ad un prezzo inferiore ai 40 dollari per
scaricarle addosso a me quando avrei fatto alzare il prezzo con i soldi del
sindacato, perché pensavi che mi sarei comportato così. Avevi acquistato prima
che io utilizzassi la mia opzione call ma hai anche venduto prima che lo facessi;
con tutta probabilità sarei stato uno su cui avresti scaricato le tue azioni. Ho il
sospetto che tu ti aspettavi che portassi il prezzo fino a 60 dollari. Per te era stata
una specie di gioco da ragazzi, probabilmente hai acquistato diecimila azioni
esclusivamente con l’intento di scaricarmele addosso, e per assicurarti che
qualcuno tenesse alto il prezzo se io non l’avessi fatto hai consigliato il titolo a
tutti gli Stati Uniti, Canada e Messico senza pensare alle mie difficoltà
aggiuntive. Tutti i tuoi amici sapevano che cosa avevo intenzione di fare. Tra i
miei acquisti e quelli di loro tu avresti fatto il “bello”. Beh, i tuoi amici stretti a
cui hai dato la soffiata l’avranno passata ai loro amici dopo che avevano
acquistato le azioni che desideravano acquistare, e il terzo livello di persone che
hanno ricevuto la soffiata avevano pianificato di passarla alla quarta e alla quinta
e forse anche alla sesta generando sei livelli di perdenti, così quando avrei
finalmente deciso di vendere le mie azioni mi sarei ritrovato con migliaia di
investitori che mi avrebbero anticipato. E’ stato un pensiero gentile da parte tua
insegnarmi questa lezione, Wolff. Non ti immagini quanto ero sorpreso quando
la Consolidated Stove aveva iniziato ad apprezzarsi ancora prima che acquistassi
una singola azione. Ti sono molto grato che sono riuscito a vendere centomila
azioni del sindacato a 40 dollari alle persone che avevano intenzione di
scaricarmele addosso a 50 o 60 dollari. Di sicuro ero stato un perdente nel non
utilizzare i quattro milioni che erano destinati all’acquisto, giusto? Il denaro era
stato fornito per acquistare il titolo, ma solo se lo avessi ritenuto necessario. Beh,
alla fine non l’ho usato”.
Joshua era stato a Wall Street abbastanza per non lasciare che la rabbia
interferisse con gli affari. Si era raffreddato appena aveva sentito il mio discorso,
e quando ero nel bel mezzo del discorso mi aveva detto con tono amichevole:
“Beh Larry, vecchio mio, cos’altro avrei dovuto fare?”
“Fa quello che preferisci” risposi.
“Dai, sii sportivo. Cosa avresti fatto se ti fossi trovato al mio posto?” domandò.
“Se fossi stato al tuo posto” dissi solennemente: “Sai che cosa avrei fatto?”
“Cosa?” chiese.
“Avrei venduto le azioni che possedevo” dissi.
Mi guardò per un momento, e senza dire neanche una parola tornò sui suoi passi
e uscì dal mio ufficio.
Non molto dopo mi aveva chiamato anche il Senatore Gordon. Anche lui era
abbastanza scontroso e mi accusava dei suoi problemi. Successivamente anche
Kane si era unito al coro. Avevano dimenticato che le loro azioni erano
invendibili quando avevano formato il sindacato. L’unica cosa che si ricordavano
era che io non avevo venduto le loro azioni quando avevo a disposizione i
quattro milioni e il titolo era attivo al prezzo di 44 dollari; ora il titolo vale 30 ed
è estremamente noioso. Per come la pensano loro avrei dovuto vendere quando
avessi raggiunto un profitto enorme.
Ovviamente a tempo debito si erano raffreddati. Il sindacato non aveva tirato
fuori un centesimo e il problema di vendere le azioni era rimasto invariato. Un
giorno o due dopo erano venuti da me e mi avevano chiesto di aiutarli. Gordon
era stato particolarmente insistente, e alla fine avevo fatto mettere le loro azioni
a 25,50 dollari. Il compenso per il mio servizio era la metà di tutto quello che era
venduto sopra a quella cifra. L’ultima vendita era stata intorno ai 30.
Eccomi lì, con le loro azioni da liquidare. Date le condizioni generali e dato il
comportamento della Consolidated Stove c’era una sola cosa da fare: vendere
nel trend ribassista senza prima cercare di far salire il prezzo, e ovviamente avrei
ottenuto le azioni dalla gente nel trend rialzista. Nel trend ribassista però potevo
sempre trovare quegli acquirenti che parlavano del fatto che il titolo era a buon
prezzo perché era venduto a quindici o venti punti sotto il massimo del
movimento, in particolare perché questo massimo era stato raggiunto di recente.
Un rialzo era dovuto, secondo la loro opinione. Dopo che avevano visto la
Consolidated Stove venduta a 44 dollari era sicuramente un affare a 30 dollari.
Aveva funzionato come sempre. I cacciatori di occasioni avevano acquistato
azioni a sufficienza per permettermi di liquidare il monte di azioni del sindacato.
Ma pensi che Gordon, Wolff o Kane mi erano stati grati? Neanche per sogno. Si
sentivano ancora feriti da me, o così mi avevano detto i loro amici. Dicevano
spesso alla gente cosa gli avevo fatto. Non potevano perdonarmi per non aver
alzato il prezzo, come si aspettavano.
Ad ogni modo non sarei mai stato in grado di vendere le centomila azioni della
banca se Wolff e gli altri non avessero passato le soffiate ai loro amici. Se avessi
agito come al solito – in una situazione normale – mi sarei dovuto accontentare
di qualsiasi prezzo sarei stato in grado di strappare. Te lo avevo detto che il trend
era ribassista. L’unico modo per vendere in questo tipo di mercato non è il
vendere avventatamente ma vendere indipendentemente dal prezzo. Non ci sono
altri modi, ma penso che loro non ci credessero; erano ancora arrabbiati. Io no.
Essere arrabbiati non porta da nessuna parte. Più di una volta avevo visto che
uno speculatore arrabbiato è uno speculatore spacciato. In questo caso però non
c’era stata nessuna conseguenza a quello stato d’animo.
Ora però ti dirò qualcosa di curioso. Un giorno Mrs. Livermore era andata da
una sarta che le era stata caldamente consigliata. La donna era competente e
gentile e aveva una personalità molto piacevole. Alla terza o quarta volta che
mia moglie si recava lì, quando la sarta aveva iniziato a prendere un po' di
confidenza, la simpatica donnina chiese: “Spero che Mr. Livermore faccia salire
presto il prezzo delle Consolidated Stove. Abbiamo un po' di azioni e le abbiamo
comprate perché c’è stato detto che stanno per salire, abbiamo sentito dire che
suo marito ha avuto spesso successo nelle sue transazioni”.
Ti sto raccontando questo non perché provo piacere nel pensare che una persona
innocente potrebbe aver perso dei soldi a causa di un consiglio del genere. Forse
inizierai a capire perché io non dò mai consigli. La sarta mi aveva fatto capire
che in materia di lamentele avevo un vero e proprio antagonista, Wolff.
CHAPTER XXIII

In borsa, la speculazione non scomparirà mai. Non è auspicabile che avvenga.
Non è possibile prevedere i rischi e non importa quanta esperienza tu possa
avere, non puoi avvisare le persone affinché evitino di investire in modo
sbagliato. I piani ben studiati falliranno perché l’inaspettato e l’imprevedibile
accadranno. Il disastro potrà avvenire a causa di un evento naturale o
semplicemente a causa del meteo, oppure a causa della tua stessa avidità o della
vanità di qualcuno; per colpa della paura o della speranza. Ma a parte quello che
qualcuno potrebbe chiamare il suo “principale rivale”, uno speculatore deve
combattere con certe pratiche o abusi che sono moralmente e commercialmente
indifendibili.
Se guardo indietro di circa 25 anni, quando ero appena arrivato a Wall Street, e
ripenso a quali fossero le pratiche comuni devo ammettere che ci sono stati molti
miglioramenti. I vecchi bucket shop che andavano tanto di moda sono spariti
anche se i bucketeers ancora prosperano sulle spalle di uomini e donne che
persistono a giocare a “diventare ricchi rapidamente”. La Borsa Valori sta
facendo un ottimo lavoro, non solo sbaragliando questi truffatori ma insistendo
anche sulla stretta osservanza, da parte dei membri, delle regole. Oggi molti
validi regolamenti e molte restrizioni sono rigorosamente applicati, ma ci sono
ancora margini di miglioramento. Il conservativismo radicato di Wall Street e la
mancanza di etica sono da imputare alla persistenza di certi abusi.
Speculare in modo profittevole sta diventando sempre più difficile: non è passato
molto tempo da quando un investitore poteva avere una conoscenza approfondita
di ogni titolo del listino. Nel 1901, quando J.P. Morgan portò sul listino la U.S.
Steel Corporation, che era la semplice fusione di altre aziende minori che si
erano a loro volta consolidate con altre aziende; la Borsa Valori aveva un elenco
di 275 titoli nel listino e ce ne erano altri 100 nel Curb. Inoltre, parecchi di questi
titoli non bisognava neanche considerarli perché o non influivano sul mercato, o
erano inattivi, o erano titoli garantiti154 e quindi privi di attrazione speculativa.
Infatti, la maggior parte dei titoli non aveva registrato neanche una vendita negli
ultimi anni. Oggi155 ci sono circa 900 titoli sul listino di cui attivi circa 600156 .
Oltretutto, era molto più facile tenere traccia del vecchio gruppo di titoli. Non
solo era un numero inferiore ma la capitalizzazione era minore e le notizie che
un investitore doveva controllare erano molte di meno e non coprivano dei
settori così ampi. Oggi, però, un uomo investe in qualsiasi cosa; quasi tutte le
industrie del mondo sono presenti sul listino. A causa di questo incremento di
titoli è diventato molto più difficile speculare per chi investe utilizzando il
cervello, perché bisogna impiegare più tempo e più lavoro per tenere tutto
sott’occhio.
Ci sono migliaia di persone che comprano e vendono le azioni speculativamente
ma quelle che lo fanno con profitto sono veramente poche. Siccome ci sono
molte persone che investono nel mercato azionario ne consegue che ci sono
perdite di denaro continue.
I nemici mortali di uno speculatore sono: ignoranza, avidità, paura e speranza.
Tutti i libri del mondo od ogni tipo di provvedimento che regola il mercato non
possono rimuovere queste sensazioni radicate nella natura umana. Gli imprevisti
e i piani del Signore vanno ben al di là delle regole imposte dagli economisti a
sangue freddo o dai filantropi generosi. C’è anche un altra fonte di perdita ed è
questa: informazioni false che vengono considerate come consigli preziosi.
Siccome queste false informazioni, ben mascherate e camuffate, sono indirizzate
agli investitori le considero le più pericolose e insidiose.
L’investitore medio investe basandosi sia sulle voci che sui consigli, che siano
scritti o verbali, che siano diretti o indiretti. Non puoi difenderti dai “consigli”.
Per esempio, un amico di vecchia data che desidera farti arricchire ti consiglia di
fare la stessa operazione che ha appena fatto lui, quindi ti dirà se ha acquistato o
se ha venduto un certo titolo. Le sue intenzioni sono delle migliori. Ma se il
consiglio è sbagliato cosa puoi fare? Contro i dispensatori di consigli, che siano
professionisti o truffatori, la gente è “protetta” esattamente nello stesso modo in
cui è protetta dall’alcool. Le persone che speculano non sono protette contro i
tipici rumor di Wall Street e non vengono neanche risarcite. Quelli che vendono
in blocco importanti quantitativi di azioni, i manipolatori, le cordate di persone e
gli investitori individuali ricorrono a vari metodi che agevolano la vendita di
azioni che hanno in surplus al prezzo più alto possibile. La pubblicazione di
notizie rialziste da parte dei giornali e la propagazione di elementi rialzisti da
parte delle telescriventi sono i più dannosi di tutti.
Prendi i bollettini delle agenzie di stampa finanziaria e ti sorprenderai di vedere
quante delle dichiarazioni semi-ufficiali che vengono pubblicate ogni giorno
sono implicate con qualche manipolatore. L’autore del bollettino o è un
“direttore prominente” o un “socio importante” o una qualche persona
autorevole che presumibilmente sa di cosa parla. Ho con me un bollettino,
prendo un paragrafo a caso e riporto letteralmente cosa c’è scritto: “Il direttore di
una banca dice che è ancora troppo presto per aspettarsi un mercato ribassista”.
Lo aveva detto realmente il direttore di una banca? E se così fosse, perché lo
aveva detto? Perché non ha firmato la dichiarazione? Era preoccupato che le
persone gli avrebbero creduto se lo avesse fatto?
Ne ho anche un altro, riguarda un’azienda di cui il titolo è stato molto attivo
questa settimana. Questa volta il bollettino è stato scritto da un “direttore
prominente”. Se questo bollettino fosse stato realmente scritto da uno dei
direttori, quale dei dodici direttori è stato? E’ chiaro che rimanendo anonimo
nessuno può accusarlo se la sua dichiarazione provoca un qualsiasi danno a
qualcuno.
A prescindere dallo studio della speculazione, ogni volta che un trader investe
deve considerare certi fattori che sono strettamente connessi con il gioco di Wall
Street. Oltre a cercare di determinare come guadagnare soldi un’altra cosa
importante che si deve provare a fare è: non perderli. Sapere quello che non
bisogna fare è importante quasi quanto il sapere cosa bisognerebbe fare. E’ bene
ricordare che quando si verifica un rialzo di un solo titolo in particolare, spesso
questo tipo di rialzo anomalo è pianificato dai soci che hanno come unico
obiettivo il vendere le loro azioni con il maggior profitto possibile. Tuttavia, il
cliente medio dei broker crede di essere un Missouriano157 se insiste nel chiedere
informazioni dopo che gli è stato detto che un titolo è destinato a salire.
Naturalmente, il manipolatore “spiega” il rialzo in un modo, precedentemente
studiato, che gli facilita la distribuzione delle azioni. Sono fermamente convinto
che le persone perderebbero molti meno soldi se fossero vietate le dichiarazioni
rialziste anonime. Mi riferisco in particolare a quelle dichiarazioni studiate per
indurre le persone o ad acquistare un titolo o a tenere nel portafoglio le azioni
precedentemente acquistate.
La stragrande maggioranza degli articoli rialzisti, stampati per conto di direttori
o soci anonimi, trasmette inaffidabilità e sono fuorvianti per le persone. La gente
perde molti milioni di dollari ogni anno perché si fida di queste dichiarazioni e le
considera o semi-ufficiali o affidabili.
Ipotizziamo che una compagnia si ritrovi in un periodo di depressione settoriale
e che il titolo diventi inattivo. La quotazione del titolo in teoria dovrebbe
rappresentare il valore generale, presumibilmente accurato, dell’azienda. Se il
prezzo è basso rispetto al valore reale ed una persona lo sa inizia ad acquistare
azioni, in questo modo il titolo dovrebbe iniziare ad apprezzarsi. Se il titolo è
troppo caro la stessa persona lo venderebbe allo scoperto e il valore si
deprezzerebbe. Sia in un modo che nell’altro sarebbe come se niente fosse e
nessuno ne parlerebbe.
Se la depressione finisce chi è il primo a saperlo? I soci o le persone? Puoi
scommetterci che sono i soci. Che cosa accade poi? Se la ripresa continua i
guadagni dell’azienda aumenteranno e così il titolo sarà di nuovo in grado di
distribuire il dividendo; o se il dividendo non era stato interrotto possono iniziare
a pagare un tasso più alto. In questo modo il valore del titolo aumenta.
Ipotizziamo che il progresso continui. La direzione rende pubblica questa notizia
con piacere? Il presidente informa gli azionisti? Un direttore filantropo se ne
esce con una dichiarazione firmata a vantaggio di tutte le persone che leggono le
pagine finanziarie nei giornali o i bollettini delle agenzie di stampa? I soci più
modesti pubblicano con il loro solito profilo anonimo una dichiarazione anonima
che informa che il futuro dell’azienda è più promettente? Neanche per sogno.
Nessuno ne parlerà e non sarà stampata nessuna dichiarazione sui giornali.
L’informazione sul valore del titolo è attentamente tenuta nascosta alle persone
mentre i “soci prominenti”, in silenzio, cercano di acquistare tutte le azioni che
riescono a comprare al miglior prezzo. Appena questi acquisti privi di
ostentazione iniziano, il titolo si apprezza. I giornalisti finanziari, sapendo che i
soci sicuramente conoscono il motivo del rialzo, iniziano a fare domande. Questi
dichiareranno - anonimamente e all’unanimità - che non hanno nessuna news.
Essi non sanno se il rialzo è legittimo e diranno che non ci sono motivazioni
particolari che sono collegate con i capricci del mercato azionario o con la
condotta degli speculatori.
Il rialzo continua e arrivano dei giorni felici, intanto le persone che già sapevano
del rialzo hanno acquistato tutte le azioni che sono riusciti a comprare. Per le
strade si inizia subito a sentire ogni tipo di notizia rialzista. La telescrivente dice
agli investitori, con grande autorità, che l’azienda ha definitivamente invertito
tendenza. Gli stessi direttori modesti che non volevano che il loro nome
apparisse quando avevano scritto che il rialzo del prezzo del titolo non era
garantito ora scrivono, ovviamente sempre in forma anonima, che gli azionisti
hanno tutte le ragioni del mondo per sentirsi fiduciosi della prospettiva futura
dell’azienda.
Spinti dal diluvio di informazioni rialziste la gente inizia ad acquistare le azioni
e questo aiuta a far aumentare ulteriormente il prezzo. In quel momento le
previsioni dei direttori anonimi diventano vere e l’azienda ricomincia a
distribuire il dividendo - o aumenta quello che già distribuiva nel caso non fosse
stato interrotto. Durante questa fase i fattori rialzisti si moltiplicano, e non
diventano soltanto più numerosi ma anche più enfatici. Un direttore, di punto in
bianco, fa una dichiarazione sulle condizioni generali dell’azienda e informa il
mondo che il progresso si sta sviluppando notevolmente. Un “socio prominente”,
dopo parecchie lusinghe, si lascia finalmente convincere da un agenzia
finanziaria a confessare che i guadagni dell’azienda sono fenomenali. Un
banchiere ben noto, che è in qualche modo affiliato con l’azienda, dice che
l’espansione del volume di vendita non ha precedenti storici.
Un membro del comitato finanziario, con un manifesto, esprime il suo stupore
nei confronti dello sbalordimento delle persone nei riguardi del rialzo del titolo e
sottolinea che l’unica cosa sorprendente è che il rialzo sia stato così moderato.
Chiunque andrà ad analizzare il nuovo report annuale potrà facilmente constatare
quanto è superiore il valore del titolo rispetto al prezzo attuale di mercato. Ma in
nessuno di questi casi appena elencati apparirà il nome del “filantropo”.
I soci, fintanto che i guadagni continueranno ad essere interessanti e fintanto che
non percepiranno nessun segno di cedimento della prosperità aziendale,
rimarranno tranquilli con le azioni che già possiedono, acquistate a buon prezzo.
Non c’è nulla che potrebbe abbassare il prezzo, per quale motivo dovrebbero
vendere? Ma nel momento in cui c’è un peggioramento del business aziendale,
cosa accadrà? Verranno scritte nuove dichiarazioni o verranno pubblicati degli
avvertimenti? Nient’affatto. Il trend ora è ribassista. Faranno la stessa cosa che
hanno fatto quando hanno acquistato le azioni, venderanno silenziosamente. A
causa di questa vendita il prezzo, naturalmente, scenderà e la gente inizierà a
ricevere le solite motivazioni. Un “importante socio” dell’azienda dirà che è
tutto ok e che il ribasso è causato dalle vendite allo scoperto degli orsi che
stanno cercando di influenzare il mercato in generale. Se un bel giorno, dopo che
il titolo si sarà deprezzato per un certo periodo, si verificherà un netto ribasso e
la richiesta di spiegazioni diventerà molto pressante. A meno che qualcuno non
fornirà una spiegazione, la gente temerà il peggio. Così le notizie che verranno
stampate il giorno seguente saranno qualcosa di simile: “Quando avevamo
chiesto al direttore della compagnia di spiegarci il motivo della debolezza del
titolo, ci aveva risposto dicendo che l’unica conclusione che poteva trarre era
che il ribasso era causato da dei ribassisti. Che le condizioni base sono cambiate.
Che il guadagno della compagnia non è mai stato migliore di ora e che, se non si
verificherà qualche grave imprevisto, il dividendo sarà aumentato al prossimo
consiglio aziendale. Che l’interesse ribassista nel mercato generale è iniziato a
diventare importante e la debolezza del titolo è chiaramente causata da questa
incursione che ha l’intento di far abbassare il prezzo”. Probabilmente
scriveranno delle notizie, che hanno il solo intento di sistemare le cose, dove
diranno che le persone non sono al corrente che la maggior parte delle azioni,
acquistate nel giorno del ribasso, sono state prese dai soci; così al momento
opportuno gli orsi scopriranno che sono caduti in trappola e a breve ci sarà il
giorno della resa dei conti.
In aggiunta alle perdite sostenute dalle persone che hanno creduto alle
dichiarazioni rialziste e che hanno acquistato le azioni, ci sono anche le perdite
delle persone che sono state dissuase dal vendere. La cosa migliore da fare per
avere persone che acquistano le azioni che i “soci prominenti” vogliono vendere
è l’impedire alla gente comune di vendere le azioni del titolo che i soci non
hanno intenzione di supportare. Che cosa credono le persone dopo che hanno
letto le dichiarazioni dei “direttori”? Che cosa dovrebbe pensare l’uomo medio?
Ovviamente, che il titolo non può deprezzarsi ulteriormente; che questo ribasso è
stato forzato delle vendite allo scoperto degli orsi e che appena i ribassisti
smetteranno di vendere allo scoperto i soci architetteranno un rialzo punitivo che
indurrà gli orsi a ricoprire la loro posizione ad un prezzo più alto. La gente
crede, giustamente, a questo perché è esattamente quello che accadrebbe se il
ribasso fosse realmente causato dalle vendite allo scoperto.
Il titolo in questione, però, nonostante tutte le minacce o promesse di una
tremenda caccia al ribassista, non si rialza. Continua a deprezzarsi perché ci sono
troppe azioni in attesa di essere vendute da parte dei soci.
E questa vendita interna fatta dai direttori e dai soci diventa una partita a scacchi
tra gli investitori professionisti. Il prezzo continua a scendere e sembra che non
arrivi mai a raschiare il fondo. I soci sanno che le condizioni di investimento
pregiudicheranno i guadagni futuri dell’azienda e non hanno il coraggio di
supportare il titolo fino al prossimo miglioramento degli introiti dell’azienda. Poi
inizieranno nuovamente ad acquistare azioni “silenziosamente”.
Ho fatto la mia parte nel mondo degli investimenti, ho fatto abbastanza bene per
svariati anni nel mercato azionario e posso dire che non ricordo neanche
un’incursione dei ribassisti che ha causato un forte ribasso del prezzo. Quella
che è chiamata “incursione degli orsi” non è nient’altro che una vendita in massa
di azioni basata sulle reali condizioni del titolo. Però nessuno dice che il declino
è causato dalla vendita di azioni da parte dei soci o dal mancato supporto del
titolo. In ogni caso ognuno dovrebbe affrettarsi a vendere e quando tutti lo fanno
e nessuno acquista si crea il pandemonio.
La gente dovrebbe fissare bene a mente questo concetto: “La reale causa di un
ribasso prolungato non si può mai attribuire ai ribassisti”. Quando un titolo inizia
a deprezzarsi puoi scommetterci che c’è qualcosa che non va, sul mercato in
generale o sul titolo in particolare. Se un declino è ingiustificato il titolo
scenderà presto sotto il suo reale valore e questo porterà ad un conseguente
acquisto che annullerà in poco tempo il ribasso. Ad ogni modo, l’unico momento
in cui gli orsi possono guadagnare parecchi soldi vendendo allo scoperto un
titolo è quando il prezzo è troppo alto. E puoi scommettere tutto quello che
possiedi sul fatto che i soci non diranno mai che il prezzo è troppo alto.
L’esempio più classico è la New Haven. Tutti oggi sanno quello che al tempo
sapevano in pochi. Il titolo era valutato 255 dollari nel 1902 ed era il più
scambiato del New England. Le persone, in quella parte del paese, venivano
classificate all’interno della società in base a quante azioni della New Haven
possedevano. Se qualcuno avesse detto che l’azienda era sulla strada
dell’insolvenza non sarebbe stato messo in prigione; lo avrebbero direttamente
portato in manicomio insieme agli altri pazzi. Ma quando un nuovo presidente
molto aggressivo era stato messo al comando da Mr. Morgan, era chiaro fin
dall’inizio che la nuova linea di condotta avrebbe distrutto la strada che era già
stata spianata. Ma dopo che molte aziende avevano venduto del materiale a
prezzi gonfiati alla Consolidated Road, alcuni osservatori attenti cominciarono
ad avere dubbi sulla affidabilità della politica di Mellen. Un treno era stato
acquistato da un’azienda per due milioni di dollari ed era stato rivenduto alla
New Haven a dieci milioni; dopo questo episodio un uomo spericolato aveva
iniziato a dire che la direzione stava agendo incautamente. Lasciando intendere
che nemmeno la New Haven potesse sopportare tale stravaganza.
Ovviamente, i primi a percepire la crisi erano stati i soci. Si erano resi conto
delle reali condizioni della compagnia e avevano ridotto il numero di azioni che
avevano nel portafoglio. Con le loro vendite e con il loro mancato supporto, il
prezzo della ferrovia preferita del New England aveva iniziato a cedere. Erano
state poste delle domande e come al solito erano state richieste delle spiegazioni;
arrivarono prontamente le solite risposte. I “soci prominenti” dichiaravano che
non c’era niente che non andasse e che sapevano che il ribasso era stato causato
dalla vendita allo scoperto dei ribassisti. Così gli “investitori” avevano tenuto le
loro azioni. Perché non avrebbero dovuto farlo? I soci non avevano detto che
non c’era niente che non andasse? Il dividendo non era ancora pagato?
Nel frattempo la tanto promessa caccia all’orso non si era verificata ma il prezzo
più basso di sempre era stato raggiunto. La vendita dei soci era diventata ancora
più evidente. Tuttavia gli uomini che si erano lamentati più vivacemente a
Boston erano stati denunciati come demagoghi perché avevano chiesto una
spiegazione per il deplorevole declino del titolo che corrispondeva ad una
perdita spaventosa per tutte quelle persone che a New England avevano cercato
un investimento sicuro.
Questo storico ribasso da 255 dollari fino a 12 dollari per azione non poteva, e
non potrà mai essere attribuito ad una manovra ribassista. Non era stato causato
e non era stato tenuto vivo dai ribassisti. I soci avevano venduto al prezzo più
alto rispetto a quello che sarebbero riusciti a vendere se avessero detto la verità.
Non importa se il prezzo era di 250 dollari o di 200 o di 150 o anche di 50 o 25,
era troppo alto per quel titolo e i soci lo sapevano bene, mentre le persone no. Il
pubblico potrebbe trarre profitto nel considerare gli svantaggi che incontra
quando cerca di guadagnare soldi comprando e vendendo un titolo di una delle
società di cui solo pochi uomini sono in grado di conoscere la verità quando si
parla di affari interni.
I titoli che hanno subito i peggiori ribassi degli ultimi 20 anni non li hanno subiti
a causa di un raid ribassista. Ma il semplice accettare questo concetto come
spiegazione è stato responsabile delle perdite di parecchi milioni di dollari per le
persone. Queste notizie avevano tenuto lontane le persone dal vendere un titolo
che volevano vendere, e lo avrebbero sicuramente fatto se non si fossero
aspettate che il prezzo sarebbe tornato ai livelli di prima, dopo che l’incursione
ribassista era finita. Di solito veniva accusato Keene per questo e prima ancora
veniva accusato Charley Woerishoffer o Addison Cammack. Successivamente
avrebbero iniziato ad accusare me.
Riporto il caso della Intervale Oil. C’era una cordata di persone che stava
facendo salire il prezzo e avevano trovato alcuni acquirenti. I manipolatori
avevano portato il prezzo a cinquanta dollari per azione. A quel punto avevano
venduto le azioni che possedevano e c’era stato un importante ribasso. Era
seguita la solita richiesta di spiegazioni. Perché la Intervale Oil era così debole?
Parecchie persone avevano posto questa domanda rendendola una notizia
importante. Un giornalista finanziario aveva chiamato i broker che conoscevano
bene gli elementi rialzisti della Intervale Oil e che quindi dovevano per forza
conoscere le cause del ribasso. Che cosa avevano detto questi broker, membri
della cordata di rialzisti, quando il giornalista finanziario gli aveva chiesto quale
motivo poteva essere stampato e inviato in tutto il paese? “La causa era che
Larry Livermore stava facendo un’incursione sul mercato!” E non si erano
limitati a questo! Avevano aggiunto che stavano per intrappolarmi. Ma
ovviamente, i manipolatori della Intervale aveva continuato a vendere le azioni.
Il prezzo era arrivato a soli 12 dollari e avrebbero potuto portarlo anche a dieci
dollari per azione ma comunque il loro prezzo medio di vendita sarebbe stato
sopra al prezzo medio d’acquisto.
E’ saggio e corretto per i soci vendere le azioni durante un ribasso. Ma per le
persone che hanno pagato 35 o 40 dollari per azione è una questione differente.
In un mercato rialzista e in particolare in un boom economico le persone
inizialmente guadagnano soldi che poi successivamente perderanno
semplicemente perché hanno sovrastimato la fase rialzista. Questo parlare delle
“incursioni degli orsi” li aiuta a dilungarsi troppo. La gente dovrebbe riguardarsi
dalle dichiarazioni che spiegano solo quello che i soci anonimi desiderano fargli
credere.
CHAPTER XXIV

La gente ha sempre voglia di chiacchierare. E’ questo che rende il ricevere le
“dritte” e il darle una pratica universale. E’ giusto che i broker diano ai loro
clienti dei consigli verbali o scritti, inviando delle lettere, sugli investimenti; ma
non dovrebbero soffermarsi troppo a lungo sulle condizioni generali attuali
perché l’andamento del mercato è sempre avanti, dai sei mesi ai nove mesi. Gli
utili di oggi non giustificano i consigli di acquisto dei titoli che i broker danno ai
clienti, a meno che non c’è una qualche forma di garanzia sull’evoluzione della
gestione del titolo, per quello che è possibile stimare in previsione futura di sei o
nove mesi, che garantisca che la stesso tasso d’interesse verrà mantenuto nel
tempo. Se guardando avanti riesci a prevedere abbastanza chiaramente che lo
sviluppo delle condizioni cambierà la spinta attuale, i dibattiti sulle azioni che
sono a buon prezzo, oggi, non valgono più. L’investitore deve guardare al futuro,
ma il broker si preoccupa di incassare la commissione subito; questo spiega
l’inevitabile fallibilità delle lettere che consigliano gli acquisti che vengono
inviate dai broker. I broker si guadagnano da vivere con le commissioni
applicate agli investimenti eppure provano comunque ad indurre le persone ad
acquistare le azioni dei titoli che i soci o i manipolatori hanno intenzione di
vendere.
Spesso accade che un socio di un azienda si reca in un ufficio di brokeraggio e
dice: “Vorrei che rendi negoziabile questo titolo in modo tale che posso vendere
le 50.000 azioni che possiedo”.
Il broker poi richiede dettagli sul compenso. Ipotizziamo che il valore di un
titolo sia di 50 dollari. Il socio gli dice: “Ti darò l’opzione call su 5.000 azioni a
45 dollari e 5.000 azioni per ogni punto al di sopra del prezzo medio di vendita
delle cinquantamila azioni. Inoltre ti darò anche l’opzione put158 sulle 50.000
azioni sul mercato”.
Questi sono soldi abbastanza facili per un broker che ha molti seguaci - e
ovviamente questo è esattamente il tipo di broker che i soci cercano. Un ufficio
che ha una linea diretta con le filiali e che ha delle connessioni in varie parti del
paese generalmente riesce ad avere parecchi seguaci in questo tipo di
transazioni. Ricorda che in ogni caso il broker gioca sul sicuro grazie all’opzione
put. Se riesce a convincere la gente a seguire i suoi consigli sarà in grado di
disfarsi dell’intero pacchetto azionario affidatogli generando un grande profitto,
oltre ai soliti guadagni ricavati dalle commissioni.
Ho in mente l'exploit di un socio di un’azienda che è abbastanza conosciuto a
Wall Street. Costui chiama il direttore di un’importante casa di commissione - o
alcune volte capita anche che viene chiamato un partner meno importante -
dicendogli qualcosa del genere: “Voglio dimostrarti quanto apprezzi quello che
hai fatto per me più volte. Sto per darti la possibilità di guadagnare soldi veri.
Stiamo formando una nuova compagnia per assorbire il patrimonio di una delle
nostre quattro aziende e il prezzo di questo titolo aumenterà notevolmente
rispetto al prezzo attuale. Sto per regalarti 500 azioni della Bantam Shops a 65
dollari. Attualmente è quotata a 72.”
Il socio fa il “riconoscente” con una dozzina di direttori di varie case di
commissione. Ora poiché questi destinatari della “generosità del socio” sono a
stretto contatto con Wall Street, che cosa pensi che faranno dopo aver ricevuto in
dono le azioni che gli stanno dando un profitto sin da subito? Ovviamente,
consiglieranno ad ogni uomo e donna che riescono a contattare di acquistare le
azioni di questo titolo. Il generoso donatore sapeva questo e loro lo aiuteranno a
creare un mercato dove il gentile socio sarà in grado di vendere i suoi preziosi
beni, al prezzo più alto, alla povera gente.
Un altro metodo comune di vendita che costa milioni di dollari alle persone che
non usano il cervello, e che non manda nessuno in galera perché perfettamente
legale, è l’incremento del capitale del titolo esclusivamente per esigenze di
mercato. Il processo non costa in realtà di più che il cambiare il colore dei
certificati.
I giochi di prestigio per cui 2 o 4 o 10 azioni del nuovo titolo sono date in
cambio di una di quelle vecchie, viene generalmente richiesto per il desiderio di
rendere la veccia mercanzia più facilmente vendibile. Il prezzo di un dollaro per
pound è difficile da smuovere. Il prezzo di 25 centesimi per quarto di pound è
molto più facile da far oscillare; forse si riesce a portarlo anche a 27 o 30
centesimi.
Perché la gente non si chiede per quale motivo il titolo viene reso più
negoziabile? Credo che pensino ancora che esistono degli operatori filantropi a
Wall Street. Gli investitori saggi però stanno in guardia nei confronti dei Greci
che portano doni159 . Sono queste le cose che bisogna controllare; la gente però
le trascura e ogni anno perde milioni di dollari.
La legge punisce chiunque fa circolare notizie che hanno lo scopo di influenzare
negativamente il business di una persona o di una azienda, punisce qualsiasi cosa
tende ad abbassare il valore di un titolo per indurre la gente a venderlo.
Inizialmente, lo scopo principale potrebbe essere stato il ridurre i danni durante
un panico generale, sarebbe stato punito chiunque avrebbe espresso dei dubbi ad
alta voce sulla solvenza delle banche nei periodi di stress. Ma ovviamente,
serviva anche a salvaguardare le persone contro la vendita dei titoli con un
prezzo inferiore al reale valore. In altre parole la legge punisce i disseminatori di
elementi ribassisti.
Come vengono protette le persone contro il rischio di acquistare un titolo ad un
prezzo superiore del valore reale? Chi punisce chi mette in giro le false voci
rialziste? Nessuno; eppure la gente perde più denaro acquistando titoli, sotto
consiglio di soci anonimi dell’azienda, quando hanno un prezzo troppo elevato
piuttosto che quando chiudono una transazione a causa di consigli ribassisti
durante le cosiddette “incursioni” al di sotto del reale valore del titolo .
Se passasse una legge che punisse i rialzisti bugiardi così come vengono puniti i
ribassisti bugiardi credo che le persone riescano a risparmiare milioni di dollari
ogni anno.
Ovviamente i promotori e i manipolatori ti diranno che chiunque investe
basandosi sulle voci che circolano per le strade e su dichiarazioni non ufficiali
deve solo che condannare se stesso per le perdite subite. Qualcuno potrebbe
sostenere che se una persona è talmente stupida da assumere regolarmente
droghe non è autorizzata a ricevere protezione.
La Borsa Valori potrebbe aiutare. Ha un enorme interesse nel proteggere le
persone dalle pratiche sleali. Se un uomo è nella posizione di sapere alcune cose
nei riguardi di un titolo e vuole che le persone accettino le sue dichiarazioni o le
sue opinioni , deve mettere la sua firma. Le dichiarazioni rialziste firmate non
diventano necessariamente vere, ma il socio o il direttore che le emette lo farà
sicuramente con più giudizio.
La gente dovrebbe sempre tenere in mente i fondamenti degli investimenti.
Quando un titolo si sta apprezzando non c’è bisogno di nessuna spiegazione
dettagliata per sapere il motivo per cui lo sta facendo. Se un titolo viene
acquistato regolarmente continuerà a salire. Fintanto che questo si verifica, con
dei piccoli ribassi naturali di tanto in tanto, è abbastanza sicuro seguire la
tendenza. Ma se dopo un rialzo importante il titolo inizia a deprezzarsi
gradualmente, con dei piccoli rialzi occasionali, è ovvio che la linea con minore
resistenza è cambiata da rialzo a ribasso. Stando così le cose perché qualcuno
dovrebbe richiedere spiegazioni? Probabilmente ci saranno delle ragioni molto
valide per cui il titolo si deprezza, ma queste ragione le conoscono solo poche
persone che o si tengono queste ragioni per loro, o dicono alle persone che il
titolo è a buon prezzo. Così la “natura” del gioco è tale che la gente dovrebbe
realizzare che la verità non verrà mai detta da quelle poche persone che la
conoscono.
Molte delle cosiddette “dichiarazioni” che vengono attribuite a dei soci anonimi,
o anche quelle ufficiali, non hanno fondamento. Alcune volte non vengono
neanche richieste ai soci, che siano firmate o no. Queste storie sono inventate da
qualcuno che ha un importante interesse sul mercato.
Un socio potrebbe suggerire ad uno speculatore il momento giusto per
acquistare, ma puoi scommetterci che non gli dirà mai qual è il momento giusto
per vendere. Questo mette gli investitori che hanno maggiore disponibilità
economica sullo stesso livello delle persone comuni, l’unica differenza è che il
primo ha un pacchetto azionario molto più corposo da vendere. E’ il dopo aver
acquistato che si iniziano a ricevere le informazioni più ingannevoli. Anche se ci
sono certi soci che non sono mai credibili. Come regola l’uomo che è a capo di
una grande azienda potrebbe agire sul mercato basandosi sulle sue conoscenze
interne, ma questi in realtà non dicono bugie. Semplicemente non dicono nulla,
perché hanno scoperto che alcune volte il silenzio vale come l’oro.
Lo ho già detto più volte e non posso neanche ripeterlo troppo spesso che
l’esperienza di svariati anni come operatore di borsa mi ha convinto che nessun
uomo può battere continuamente il mercato azionario, anche se in certe
occasioni si può guadagnare investendo in un singolo titolo. Non importa quanta
esperienza abbia un investitore, la possibilità di essere perdenti è sempre alle
porte perché la speculazione non può essere mai sicura al cento per cento. Gli
esperti di Wall Street sanno che investire basandosi sulle “dritte” dei soci del
titolo ti poterà alla bancarotta più rapidamente della carestia, della pestilenza, di
annate di cattivi raccolti, di cambiamenti politici o di tutto ciò che può essere
chiamata una normale disgrazia. Non c’è asfalto a sufficienza per la via del
successo a Wall Street. Perché mettersi pure a bloccare il traffico?









THE END