Sei sulla pagina 1di 186

Manuale 09/14 MN040011IT

PowerXL™
DE1 – Avviatore a velocità variabile
Variable Speed Starter VSS
DXE-EXT-SET – Modulo di configurazione
Tutti i nomi delle marche e dei prodotti sono marchi di fabbrica o marchi registrati dei
relativi detentori.

Assistenza in caso di guasto


Telefonate al vostro rappresentante locale:http://www.eaton.eu/aftersales
o
Hotline After Sales Service:
+49 (0) 1805 223822 (de, en)
AfterSalesEGBonn@eaton.com

For customers in US/Canada contact:


EatonCare Customer Support Center
Call the EatonCare Support Center if you need assistance with placing an order,
stock availability or proof of shipment, expediting an existing order, emergency
shipments, product price information, returns other than warranty returns, and
information on local distributors or sales offices.
Voice: 877-ETN-CARE (386-2273) (8.00 a.m. – 6.00 p.m. EST)
After-Hours Emergency: 800-543-7038 (6.00 p.m. – 8.00 a.m. EST)
Drives Technical Resource Center
Voice: 877-ETN-CARE (386-2273) option 2, option 6
(8.00 a.m. – 5.00 p.m. Central Time U.S. [UTC-6])
email: TRCDrives@Eaton.com
www.eaton.com/drives

Manuale di istruzioni originale


La versione tedesca di questo documento è rappresentata dal manuale di istruzioni
originale.
Traduzioni del manuale di istruzioni originale
Tutte le edizioni del presente documento non in lingua tedesca sono traduzioni del
manuale di istruzioni originali.

1a edizione 2014, data di redazione 09/14


© 2014 by Eaton Industries GmbH, 53105 Bonn

Autori: Jörg Randermann, Heribert Joachim


Redazione: René Wiegand

Tutti i diritti riservati, compresi quelli relativi alla traduzione.


Vietata la riproduzione o elaborazione, copia o diffusione mediante sistemi
elettronici di alcuna parte del presente manuale in qualunque forma
(stampa, fotocopia, microfilm o altro procedimento) senza l'autorizzazione scritta
della Eaton Industries GmbH, Bonn.
Con riserva di modifiche.
Pericolo!
Tensione elettrica pericolosa!

Prima di iniziare l'installazione

• Togliere tensione all'apparecchio • Occorre adottare misure che consentano di riprendere


regolarmente un programma interrotto in seguito ad
• Proteggerlo da interventi indesiderati
un'interruzione o caduta di tensione. In tale occasione non
• accertarsi che non sia sotto tensione si devono verificare condizioni di esercizio pericolose.
Eventualmente forzare l'arresto d'emergenza.
• cortocircuitare e collegare a terra
• Nei punti in cui il dispositivo di automazione può causare
• Coprire o separare le parti adiacenti sotto tensione.
danni personali o materiali a causa di un guasto, è
• Seguire le istruzioni per il montaggio dell'apparecchio (IL). necessario adottare provvedimenti esterni, che
garantiscano o forzino un funzionamento sicuro anche in
• Soltanto personale qualificato secondo EN 50110-1/-2
caso di guasto o anomalia (ad esempio mediante soglie di
(VDE 0105 Parte 100) è autorizzato ad effettuare interventi
allarme indipendenti, interblocchi meccanici, ecc.).
su questo apparecchio/sistema.
• Durante il funzionamento, i convertitori di frequenza
• Durante l'installazione l'operatore deve scaricare la
possono avere, in accordo al loro grado di protezione,
propria carica elettrostatica prima di toccare
parti conduttrici di tensione, esposte, eventualmente
l'apparecchio.
anche parti in movimento o rotanti e superfici ad elevata
• La terra funzionale (FE, PES) deve essere collegata alla temperatura.
terra di protezione (PE) o alla linea di compensazione del
• La rimozione non autorizzata delle coperture, l'errata
potenziale. L'installatore è responsabile dell'esecuzione
installazione e il non corretto funzionamento del motore o
di questo collegamento.
del convertitore di frequenza possono portare a guasti
• L'installazione dei cavi di collegamento e segnale deve degli apparecchi e a seri danni a persone o cose.
avvenire in modo tale che le interferenze induttive e
• Utilizzando l'apparecchio in tensione e necessario
capacitive non compromettano le funzioni di automazione.
osservare le regolamentazioni locali vigenti
• I dispositivi di automazione da installare e relativi elementi (per es. VBG 4).
di comando devono essere protetti contro l'azionamento
• L'installazione elettrica deve essere eseguita nel rispetto
accidentale.
delle norme vigenti (ad es. riguardo alle sezioni dei cavi,
• Per evitare che la rottura di un cavo o di una rottura del filo i fusibili, i collegamenti dei cavi di protezione).
sul lato segnale possa condurre a stati indefiniti nel
• Tutti i lavori relativi al trasporto, all'installazione, alla
dispositivo di automazione, per l'accoppiamento dei
messa in servizio e alla manutenzione devono essere
moduli I/O occorre adottare sul lato software e hardware
eseguiti solo da personale qualificato (osservare
adeguate misure di sicurezza.
IEC 60364 o HD 384 oppure DIN VDE 0100 e
• Per l'alimentazione 24 Volt accertarsi che sia presente regolamentazioni locali).
una separazione elettrica sicura della bassa tensione.
• Gli impianti contenenti convertitori di frequenza devono
Possono essere utilizzati soltanto moduli di alimentazione
avere dispositivi addizionali di monitoraggio e protezione
conformi ai requisiti descritti in IEC 60364-4-41 oppure
in accordo alle regolamentazioni locali di sicurezza sul
HD 384.4.41 S2 (VDE 0100 Sezione 410).
lavoro. Sono ammesse modifiche al convertitore di
• Le oscillazioni o le deviazioni della tensione di rete dal frequenza solo tramite software di comando.
valore nominale non devono superare i limiti di tolleranza
• Durante il funzionamento tutte le coperture e le porte
indicati nei dati tecnici; in caso contrario non è possibile
devono essere tenute chiuse.
escludere anomalie di funzionamento o condizioni di
pericolo. • Al fine di ridurre i rischi di danni a persone e cose, l'utente
deve prevedere, al momento della costruzione della
• I dispositivi di arresto d'emergenza secondo
Eaton Industries GmbH

macchina, misure che limitino i pericoli derivanti da


IEC/EN 60204-1 devono restare operativi in tutte le
malfunzionamenti e guasti (aumento della velocita del
Avvisi di sicurezza

modalità di funzionamento del dispositivo di automazione.


motore o motore in blocco). Queste misure includono:
Lo sblocco dei dispositivi di arresto d'emergenza non deve
innescare un riavvio. – apparecchiature indipendenti per monitorare grandezze
relative alla sicurezza (velocità di rotazione, percorso,
• Gli apparecchi da incasso per custodie o quadri devono
posizione finale, ecc.).
essere azionati e manovrati solo nello stato inserito, gli
apparecchi da tavolo o portatili solo con custodia chiusa. – Dispositivi di sicurezza elettrici e non (interblocchi o
interblocchi meccanici).
– parti esposte o cavi di collegamento dell'inverter non
devono essere toccati dpo la disconnessione dalla rete,
dal momento che i condensatori sono ancora in carica.
Prevedere cartelli di avviso.
I
II
Contenuto
0 Note relative al presente manuale ........................................... 5
0.1 Gruppo target ............................................................................... 5
0.2 Altri documenti............................................................................. 5
0.3 Convenzioni di lettura................................................................... 5
0.3.1 Note su possibili danni materiali................................................... 5
0.3.2 Note su possibili lesioni personali ................................................ 6
0.3.3 Consigli......................................................................................... 6
0.4 Abbreviazioni ................................................................................ 7
0.5 Tensioni di rete............................................................................. 8
0.6 Unità di misura ............................................................................. 8

1 Serie di apparecchi DE1............................................................. 9


1.1 Introduzione ................................................................................. 9
1.2 Composizione del sistema ........................................................... 10
1.3 Verifica della fornitura................................................................... 11
1.4 Valori nominali .............................................................................. 12
1.4.1 Valori nominali sulla targa dati ...................................................... 13
1.4.2 Albero di ricerca tipi...................................................................... 14
1.5 Designazione................................................................................ 15
1.6 Classi di tensione ......................................................................... 16
1.7 Criteri di selezione........................................................................ 17
1.8 Impiego secondo le norme .......................................................... 18
1.9 Manutenzione e ispezione ........................................................... 19
1.10 Stoccaggio.................................................................................... 19
1.11 Caricare i condensatori DC link .................................................... 20
1.12 Assistenza e garanzia ................................................................... 20

2 Progettazione ............................................................................. 21
2.1 Introduzione ................................................................................. 22
2.2 Rete elettrica................................................................................ 23
2.2.1 Collegamento alla rete e tipo di rete ............................................ 23
2.2.2 Tensione di rete e frequenza........................................................ 24
2.2.3 Total Harmonic Distortion (THD) .................................................. 24
2.2.4 Compensazione della potenza reattiva......................................... 24
2.3 Sicurezza e collegamento............................................................. 25
2.3.1 Dispositivo di disinserzione .......................................................... 25
2.3.2 Fusibili e sezioni dei cavi .............................................................. 25
2.3.3 Interruttori differenziali (RCD)....................................................... 26
2.3.4 Contattori di linea ......................................................................... 27
2.3.5 Utilizzo di un collegamento bypass .............................................. 27

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 1


2.4 Compatibilità EMC ....................................................................... 28
2.5 Selezione del motore ................................................................... 30
2.5.1 Collegamento in parallelo di motori.............................................. 30
2.5.2 Tipi di circuito con motore trifase................................................. 31
2.5.3 Collegamento di motori EX .......................................................... 31

3 Installazione ............................................................................... 33
3.1 Introduzione ................................................................................. 33
3.2 Montaggio.................................................................................... 33
3.2.1 Posizione di montaggio ................................................................ 34
3.2.2 Spazi liberi .................................................................................... 34
3.2.3 Fissaggio ...................................................................................... 36
3.3 Installazione elettrica.................................................................... 38
3.3.1 Controllo dell'isolamento ............................................................. 39
3.3.2 Collegamento allo stadio di potenza ............................................ 40
3.3.3 messa a terra ............................................................................... 43
3.3.4 Ponticelli di collegamento EMC ................................................... 44
3.3.5 Blocco sbarre per corrente trifase................................................ 46
3.3.6 Collegamento motore .................................................................. 48
3.3.7 Installazioni a norma UL®.............................................................................. 50
3.3.8 Collegamento alla porta di comando............................................ 51
3.4 Interfaccia RJ45 ........................................................................... 58
3.5 Display a LED............................................................................... 60
3.6 Schema a blocchi ......................................................................... 62
3.6.1 DE1-12…FN-… ............................................................................ 62
3.6.2 DE1-12…NN-…............................................................................ 62
3.6.3 DE1-34…FN-… ............................................................................ 63
3.6.4 DE1-34…NN-…............................................................................ 63

4 Funzionamento .......................................................................... 65
4.1 Lista di controllo per la messa in servizio..................................... 65
4.2 Note per il funzionamento............................................................ 66
4.3 Messa in servizio con impostazione di fabbrica ........................... 68

5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET................................. 69


5.1 Designazione su DXE-EXT-SET .................................................... 69
5.2 Montaggio/smontaggio sull'avviatore a velocità variabile DE1 .... 70
5.3 Descrizione e operazioni .............................................................. 71

2 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro ................................................................................... 77
6.1 Organo di comando DX-KEY-LED................................................. 78
6.1.1 Combinazioni di tasti .................................................................... 80
6.1.2 Struttura dei parametri ................................................................. 81
6.1.3 Impostare parametri..................................................................... 82
6.2 drivesConnect .............................................................................. 83
6.3 Modbus RTU ................................................................................ 83
6.4 SmartWire-DT .............................................................................. 84
6.5 Descrizione del parametro ........................................................... 85
6.5.1 Tempo di accelerazione/tempo di ritardo ..................................... 85
6.5.2 Dati motore .................................................................................. 88
6.5.3 Protezione motore........................................................................ 90
6.5.4 Curva caratteristica U/f................................................................. 93
6.5.5 Frenatura a corrente continua ...................................................... 97
6.5.6 Configurazione dei morsetti di comando...................................... 98
6.6 Blocco parametri .......................................................................... 108
6.7 Impostazione di fabbrica .............................................................. 109
6.8 Visualizzazione dati di esercizio ................................................... 110

7 Modbus RTU............................................................................... 111


7.1 Generalità ..................................................................................... 111
7.1.1 Comunicazione............................................................................. 112
7.1.2 Porta COM ................................................................................... 113
7.1.3 Abilitazione ................................................................................... 113
7.1.4 Formato dati ................................................................................. 113
7.2 Parametri Modbus........................................................................ 114
7.3 Funzione dei morsetti di comando con Modbus RTU .................. 116
7.4 Modalità Modbus RTU ................................................................. 118
7.4.1 Struttura di una richiesta del master ............................................ 119
7.4.2 Struttura di una risposta dello slave ............................................. 120
7.4.3 Mappatura dei registri .................................................................. 121
7.4.4 Spiegazione del codice funzione .................................................. 126

8 Dati tecnici .................................................................................. 129


8.1 Caratteristiche .............................................................................. 129
8.2 Valori nominali generali ................................................................ 130
8.3 Dati nominali ................................................................................ 131
8.3.1 DE1-12… (collegamento alla rete monofase)............................... 131
8.3.2 DE1-34… (Collegamento alla rete trifase) .................................... 135
8.4 Dimensioni ................................................................................... 141

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 3


9 Accessori..................................................................................... 143
9.1 Organo di comando esterno DX-KEY-LED ................................... 143
9.2 Pen drive di comunicazione DX-COM-STICK ............................... 146
9.3 SmartWire-DT DX-NET-SWD3 ..................................................... 148
9.4 Cavo PC DX-CBL-PC1M5............................................................. 149
9.5 Collegamento bus di campo DX-COM-PCKIT .............................. 150
9.6 Splitter DX-SPL-RJ45-2SL1PL...................................................... 152
9.7 Cavi e dispositivi di protezione..................................................... 153
9.8 Contattori di linea DIL…............................................................... 156
9.9 Induttanze di rete DX-LN… .......................................................... 157
9.10 Induttanze motore DX-LM3…...................................................... 159
9.11 Filtro sinusoidale DX-SIN3… ........................................................ 161

10 Segnalazioni d'errore ................................................................ 163


10.1 Tacitazione della segnalazione d'errore (reset) ............................ 164
10.2 Memoria errori ............................................................................. 164
10.3 Elenco errori................................................................................. 166

11 Elenco parametri........................................................................ 169

Indice........................................................................................... 179

4 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


0 Note relative al presente manuale
0.1 Gruppo target

0 Note relative al presente manuale


Il presente manuale contiene informazioni specifiche necessarie per
selezionare un avviatore a velocità variabile DE1, per collegarlo e
all'occorrenza per configurarlo con l'ausilio dei parametri in base alle singole
esigenze. Il manuale illustra tutte le grandezze costruttive della serie DE1 così come il modulo
di configurazione opzionale DXE-EXT-SET. Differenze e particolarità delle
singole grandezze e dei valori di potenza sono adeguatamente
contrassegnate.

0.1 Gruppo target


Il presente manuale MN040011DE è destinato agli ingegneri e agli elettricisti.
Per la messa in servizio è assolutamente necessario disporre di conoscenze
di elettrotecnica e fisica. Per l'uso di macchine e impianti elettrici e per la
consultazione dei disegni tecnici sono richieste conoscenze di base.

0.2 Altri documenti


Maggiori informazioni si trovano nei seguenti documenti:
• Sommario AP040092DE: „DE1“
• Istruzioni per il montaggio IL040005ZU:„DE1-12…, DE1-34…“
• Istruzioni per il montaggio IL040020ZU: „DXE-EXT-SET“

0.3 Convenzioni di lettura


Nel presente manuale si utilizzano simboli con il seguente significato:
▶ mostra istruzioni per l'uso.

0.3.1 Note su possibili danni materiali


ATTENZIONE
segnala il rischio di possibili danni materiali.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 5


0 Note relative al presente manuale
0.3 Convenzioni di lettura

0.3.2 Note su possibili lesioni personali


ATTENZIONE

 Segnala la presenza di situazioni pericolose che possono


causare lesioni lievi.

AVVERTENZA

 Segnala la presenza di situazioni pericolose che possono


causare lesioni gravi o mortali.

PERICOLO

 Segnala la presenza di situazioni pericolose che causano lesioni


gravi o mortali.

0.3.3 Consigli

→ richiama l'attenzione su consigli utili.

→ Alcune figure tralasciano la custodia dell'avviatore a velocità


variabile e altre parti importanti per la sicurezza per migliorare la
spiegazione. L'avviatore a velocità variabile, tuttavia, deve
essere sempre utilizzato con una custodia montata nel modo
corretto e tutte le necessarie parti di sicurezza.

→ Tutti i dati contenuti nel presente manuale si riferiscono sulle


versioni hardware e software qui documentate.

→ Per ulteriori informazioni sugli apparecchi qui descritti, visitare il


sito Internet: www.eaton.eu/powerxl

6 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


0 Note relative al presente manuale
0.4 Abbreviazioni

0.4 Abbreviazioni
In questo manuale vengono utilizzate le seguenti abbreviazioni:

Tabella 1: Abrreviazioni usate


Abbreviazione Significato
dez Decimale (sistema numerico in base 10)
EMC EMC
FE Terra funzionale
FS Frame Size (grandezza)
FWD Forward Run (campo di rotazione orario)
GND Ground (potenziale 0 V)
hex Esadecimale (sistema numerico in base 16)
ID Identifier (identificatore univoco)
IGBT Insulated Gate Bipolar Transistor (transistor bipolare con elettrodo di gate isolato)
LED Light Emitting Diode (LED)
LSB Least Significant Bit (Bit meno significativo)
MSB Most Significant Bit (Bit più significativo)
OLED Organic Light Emitting Diode (LED organico)
PC Personal Computer
PDS Power Drive System (sistema di azionamento)
unità standard Protective Earth (terra di protezione) 
PES Protective Earth Shield (Collegamento PE per cavi schermati)
PNU Numero parametro
REV Reverse Run (campo di rotazione antiorario)
RMS Root mean square (valore medio quadratico)
ro Read Only (solo accesso con diritto di lettura)
rw Read/Write (accesso con diritto di lettura e scrittura)
SCCR Short Circuit Current Rating
UL® Underwriters Laboratories
VSS Variable Speed Starter (avviatore a velocità variabile)
IF Impostazione di fabbrica

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 7


0 Note relative al presente manuale
0.5 Tensioni di rete

0.5 Tensioni di rete


I dati della tensione nominale d'impiego riportati nella seguente tabella si
basano su valori nominali standard in reti a stella collegate a massa nel
centro.
Nelle reti elettriche ad anello (per es. in Europa) la tensione nominale
d'impiego nel punto di trasferimento delle compagnie elettriche corrisponde
a quella della rete di consumo (per es. 230 V, 400 V).
Nelle reti elettriche a stella (per es. in Nordamerica) la tensione nominale
d'impiego nel punto di trasferimento delle compagnie elettriche è superiore a
quella della rete di consumo.
Per esempio: 240 V → 230 V, 480 V → 460 V.
L'ampia banda di tolleranza degli avviatori a velocità variabile tiene conto di
una caduta di tensione consentita pari al 10% (ovvero ULN - 10 %) e, nella
classe a 400 V, della tensione di rete nordamericana di 480 V + 10 % (60 Hz).
Le tensioni di alimentazione consentite dalla serie di apparecchi DE1 sono
elencate nella sezione relativa ai dati tecnici in allegato.
I valori nominali della tensione di rete si basano sempre sulle frequenze di
rete 50/60 Hz nel range compreso tra 48 e 62 Hz.

0.6 Unità di misura


Tutte le grandezze fisiche riportate nel presente manuale si riferiscono al
sistema metrico internazionale SI (Système International d’Unités). Per la
certificazione UL tali grandezze sono state integrate in parte dalle unità di
misura nordamericane.

Tabella 2: Esempi di conversione delle unità di misura


Designazione SI valore Valore anglo- Valore di Denominazione
americano conversione statunitense

Lunghezza 25,4 mm 1 in (’’) 0,0394 inch (pollice)


Potenza 0,7457 kW 1 HP = 1,014 PS 1,341 horsepower
Coppia 0,113 Nm 1 lbf in 8,851 pound-force inches
Temperatura -17,222 °C (TC) 1 °F (TF) TF = TC × 9/5 + 32 Fahrenheit
Numero di giri 1 min-1 1 rpm 1 revolu3tions per minute
Peso 0,4536 kg 1 lb 2,205 pound
Portata 1,698 m3/min 1 cfm 0,5889 cubic feed per minute

8 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


1 Serie di apparecchi DE1
1.1 Introduzione

1 Serie di apparecchi DE1

1.1 Introduzione
Per la loro semplicità d'uso e l'elevata affidabilità, gli avviatori a velocità variabile
PowerXL™ della serie DE1 sono particolarmente indicati per impieghi di
carattere generale con motori trifase. L'avviatore a velocità variabile DE1 si
colloca tra il classico modulo partenza motore diretto e il convertitore di
frequenza e riunisce i vantaggi delle due tipologie di apparecchio in un unico
dispositivo: da un lato la semplicità d'uso del modulo partenza motore diretto e
dall'altro il numero di giri motore variabile del convertitore di frequenza. La
partenza motore graduale e temporizzata a un numero di giri predeterminato con
coppia completa, senza picchi di corrente all'inserzione consente all'utente di
ottenere per la sua applicazione l'efficienza energetica richiesta dalla Direttiva
ErP. Oltre alla possibilità di preimpostare un numero di giri variabile (comando
U/f), l'avviatore a velocità variabile DE1 offre funzioni quali ad esempio il
funzionamento invertito (teleinvertitore), l'arresto temporizzato dell'azionamento
e la possibilità di variare le funzioni tramite i morsetti di comando.
Gli apparecchi in esecuzione compatta e robusta della serie DE1 con un campo
di potenza da 0,25 kW (con 230 V) a 7,5 kW (con 400 V) sono disponibili in due
grandezze. Con un filtro soppressione radiodisturbi e un'interfaccia seriale,
l'avviatore a velocità variabile DE1 soddisfa le principali esigenze del settore
della costruzione macchine (MOEM) relative all'ottimizzazione dei processi di
produzione, garantendo la stessa rapidità ed economicità di montaggio e
messa in servizio di un modulo partenza motore diretto convenzionale.
L'ampia gamma di accessori permette inoltre una maggiore flessibilità in
diversi ambiti di applicazione. A questo proposito il modulo di configurazione
DXE-EXT-SET rende possibili adeguamenti personalizzati con un semplice
cacciavite. Il software di parametrizzazione drivesConnect, supportato da PC
garantisce una maggiore sicurezza dei dati e consente adattamenti specifici e
la riduzione del dispendio di tempo per la messa in servizio e la manutenzione.

L1/L L2/N L1/L L2/N


L3 L3 

0 V +10 V 1
2 3 4
0 V +10 V 1 13 14
2 3 4 13 14

U V W
U 
V W 

Figura 1: Varianti di custodia di DE1 (a sinistra: 45 mm, a destra:


90 mm) e modulo di configurazione opzionale DXE-EXT-SET

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 9


1 Serie di apparecchi DE1
1.2 Composizione del sistema

1.2 Composizione del sistema


L1/L L2/N
⑥ L3 

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 

④ ②
Ready

I A
O

Ramp
3s 5s
Fixed Freq.
1s
10s STATUS
0.1s
15s
180s
30s 60Hz
120s min
60s max
2 3 50Hz
1
4
0 SET
5
9 6
8 7 25% 100%
Mode
I Motor
DXE-EXT-SET

Figura 2: Composizione del sistema (Esempio)


a Avviatore a velocità variabile DE1-…
b Induttanza di rete DX-LN…, bobina motore DX-LM3-…, filtro sinusoidale DX-SIN3-…,
filtro soppressione radiodisturbi esterno DX-EMC…
c Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
d Collegamento SmartWire-DT DX-NET-SWD3
e Modulo di comunicazione DX-COM-STICK e accessori (ad esempio cavo di collegamento DX-CBL-…)
f Organo di comando (esterno) DX-KEY-…

10 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


1 Serie di apparecchi DE1
1.3 Verifica della fornitura

1.3 Verifica della fornitura

→ Prima di aprire l'imballaggio, verificare sulla targa dati presente


sull'imballaggio che l'avviatore a velocità variabile sia del tipo
ordinato.

Gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 vengono accuratamente


imballati e consegnati per la spedizione. Il trasporto deve avvenire
esclusivamente nell’imballo originale e con mezzi di trasporto idonei.
Osservare le scritte e le istruzioni riportate sull’imballaggio, nonché l’utilizzo
del dispositivo estratto dall’imballaggio.
Aprire l'imballaggio con un attrezzo idoneo e verificare, dopo averla ricevuta,
se la dotazione presenta eventuali difetti e se è completa.
La confezione deve contenere le seguenti parti:
• un avviatore a velocità variabile della serie DE1,
• le istruzioni per il montaggio IL040005ZU.

L1/L L2/N L1/L L2/N


L3  L3 

IL

0 V +10 V 1 0 V +10 V 1
2 3 4 2 3 4
13 14 13 14

U V W U V W
 

Figura 3: Entità della fornitura: avviatore a velocità variabile DE1 nelle grandezze 45 mm o
90 mm e istruzioni per il montaggio IL0400005ZU

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 11


1 Serie di apparecchi DE1
1.4 Valori nominali

1.4 Valori nominali


I valori nominali specifici dell'avviatore a velocità variabile DE1 sono riportati
sulla targa dati sul lato destro dell'apparecchio.

L1/L L2/N
L3 

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 

Figura 4: Posizione delle targhe dati

La targa dati applicata sul lato superiore (targa dati B) è una versione
semplificata per l'identificazione univoca dell'apparecchio, nel caso in cui la
targa dati (A) sia coperta a causa di un montaggio laterale.

DE1 TM
PowerXL
Variable Frequency Drive
IP20 → DE1 - MN040011...
Article-No: 174335
DE1-343D6FN-N20N Style-No: DE1343D6FNN20N
Input : 380-480 V +/-10 %, 50/60 Hz, 3 phase, 4.9 A (pk)
Output : 0-500 V, 3.6 A, 1.5 kW/ 2.0 HP, 3 ph, 0-300 Hz
Serial No.: 11111111111

Power down for 5 mins


before removing cover S/Ware : 0.00
Read User guide before 27032014
installation or servicing
CAUTION
www.eaton.com/moeller/support
Max Amb. 50 ºC
Made in UK N4246 
Figura 5: Targa dati A (applicata lateralmente)

DE1-343D6FN-N20N Art.No: 174335


I/P: 380-480 V +/-10 %, 50/60 Hz, 3 ph 4.9 A (pk)
O/P: 0-500 V, 3.6 A, 1.5 kW, 3 phase, 0-300 Hz
Serial No.: 11111111111 S/Ware: 0.00

Figura 6: Targa dati B (applicata sul frontale)

12 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


1 Serie di apparecchi DE1
1.4 Valori nominali

1.4.1 Valori nominali sulla targa dati


Le scritte riportate sulle targhette dati hanno il seguente significato
(esempio):

Scritta Significato

DE1-343D6FN-N20N Denominazione tipo:


DE1 = Avviatore a velocità variabile della serie DE1
3 = collegamento alla rete trifase/collegamento motore trifase
4 = classe di tensione di rete 400 V
3D6 = corrente nominale d'impiego (3 decimale 6, corrente di uscita)
F = filtro soppressore radiodisturbi integrato
N = nessun chopper frenatura interno
N = nessun display (unità di comando)
20 = grado di protezione IP20
N = apparecchio base
Codice interno: Codice interno 174335/Codice ordinazione dell'avviatore a velocità variabile
Style-No: DE1-343D6FN-N20N
DE1343D6FNN20N = Codice interno/Denominazione per l'ordine negli USA
I/P (Input): Valori nominali del collegamento alla rete:
380 - 480 V ±10 % (tensione alternata trifase)
50 - 60 Hz (frequenza di rete)
Trifase, 4.9 A (corrente di fase in ingresso)
O/P (Output): Valori nominali del lato sotto carico (motore):
0 - 500 V (tensione alternata trifase)
3,6 A (corrente di fase in uscita)
1,5 kW / 2 HP (Potenza motore assegnata)
Trifase 0 -300 Hz
Numero di serie: Numero di serie
L'avviatore a velocità variabile DE1 è un apparecchio elettrico.
a Leggere il manuale (MN040011-DE) prima di collegarlo all'alimentazione elettrica o
prima di metterlo in funzione.

Variable Frequency Drive Avviatore a velocità variabile con frequenza di uscita variabile (VSS)
IP20 Grado di protezione della custodia: IP 20
S/Ware: 0.00, versione software
Amb. max 50 °C Temperatura ambiente massima ammissibile: 50 °C
(senza declassamento)
27032014 Data di produzione: 27.03.2014

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 13


1 Serie di apparecchi DE1
1.4 Valori nominali

1.4.2 Albero di ricerca tipi


L'albero di ricerca tipi e la denominazione tipo della serie di avviatori a
velocità variabile DE1 sono suddivisi in tre gruppi
Serie – Stadio di potenza – Esecuzione – (Varianti)
e strutturati come segue

DE 1 - 3 4 3 D6 F N - N 2 0 N Spiegazione

Esecuzione
N = apparecchio base

Grado di protezione
20 = IP20/NEMA 0

Unità di visualizzazione (display)


N = nessuna unità di visualizzazione

Chopper frenatura
N = nessun chopper di frenatura interno (brake chopper)

EMC (Filtro di soppressione radiodisturbi)


N = nessun filtro RFI interno
F = filtro RFI interno

Corrente nominale d'impiego (esempi)


1D4 = 1,4 A
9D6 = 9,6 A
016 = 16 A

Classe tensione di rete


2 = 230 V (200 - 240 V ±10 %)
4 = 400 V (380 - 480 V ±10 %)

Collegamento nello stadio di potenza


1 = collegamento alla rete monofase/collegamento motore trifase
3 = collegamento alla rete trifase/collegamento motore trifase

Serie di apparecchi
DE1 = Avviatore a velocità variabile (VSS), economico
(D = Drives, E = Economy, 1 = Series)

Figura 7: Albero di ricerca tipi

14 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


1 Serie di apparecchi DE1
1.5 Designazione

1.5 Designazione
Il disegno seguente mostra un esempio di denominazione per l'avviatore a
velocità variabile DE1 nella grandezza 90 mm.

⑨ L1/L L2/N

L3 



0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

⑥ U V W 


Figura 8: Denominazione (larghezza: 90 mm)
a Fori di fissaggio (fissaggio a viti)
b Targa dati
c Tacca per il montaggio su una guida DIN
d Targa dati (forma breve)
e Morsetti di collegamento nello stadio di potenza (utenza motore)
f Morsetti di comando
g Interfaccia di comunicazione e slot per DXE-EXT-SET o DX-NET-SWD3
h Indicatori di stato a LED
i Morsetti di collegamento nello stadio di potenza (lato rete)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 15


1 Serie di apparecchi DE1
1.6 Classi di tensione

1.6 Classi di tensione


Gli avviatori a velocità variabile DE1 sono suddivisi in due classi di tensione:
• DE1-12…
• Collegamento alla rete monofase 230 V
• ULN = 1~, 200 - 240 V ±10 %, 50/60 Hz
• Ie: 1,4 - 9,6 A
• Motore: 0,25 - 2,2 kW (230 V), 1/3 - 3 HP (230 V)
Mains, ULN = 1 ~ 200 - 240 V ±10 %
Ie Motor
U
L1/L
L1 V M 230 V
N L2/N 3∼
W

PE
 

EMC Filter (DE1-12…FN-…)

Figura 9: DE1-12…FN-N20N (con filtro soppressore radiodisturbi)

Mains, ULN = 1 ~ 200 - 240 V ±10 %


Ie Motor
U
L1/L
L1 V M 230 V
N L2/N 3∼
W

PE
 

Figura 10: DE1-12…NN-N20N (senza filtro soppressore radiodisturbi)


• DE1-34…
• Collegamento alla rete trifase 400 V
• ULN = 3~, 380 - 480 V ±10 %, 50/60 Hz
• Ie: 1,3 - 16 A
• Motore: 0,37 - 7,5 kW (400 V), 1/2 - 10 HP, (460 V)
Mains, ULN = 3 ~ 380 - 480 V ±10 %
Ie Motor
L1/L U
L1
L2/N V M 400 V
L2
L3 W 3∼ 440 - 480 V
L3

PE
 

EMC Filter (DE1-34…FN-…)

Figura 11: DE1-34…FN-N20N (con filtro soppressore radiodisturbi)

Mains, ULN = 3 ~ 380 - 480 V ±10 %


Ie Motor
L1/L U
L1
L2/N V M 400 V
L2
L3 W 3∼ 440 - 480 V
L3

PE
 

Figura 12: DE1-34…NN-N20N (senza filtro soppressore radiodisturbi)

16 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


1 Serie di apparecchi DE1
1.7 Criteri di selezione

1.7 Criteri di selezione


La selezione dell'avviatore a velocità variabile DE1 si basa sulla tensione di
alimentazione ULN della rete da alimentare e sulla corrente nominale del
motore assegnato. A tal fine occorre scegliere il tipo di circuito (Δ / ) del
motore adeguato alla tensione di alimentazione.
La corrente nominale di uscita Ie dell'avviatore a velocità variabile DE1 deve
essere superiore o uguale alla corrente nominale d'impiego motore.

L1/L L2/N
L3  P-07 P-08

P-07: Tensione nominale motore


230/400 V △ 3.2/1.9 A
cosϕ 0.79
P-08: Corrente nominale motore
0,75 KW
0 V +10 V 1
2

U
3

V
4 13 14

W 1410 mi n-1 50 Hz P-09: Frequenza nominale motore


P-10: Regime nominale motore

P-10 P-09

Figura 13: Criteri di selezione

Nella scelta di un azionamento devono essere noti i seguenti criteri:


• Tensione di rete = Tensione nominale d'impiego del motore,
• Tipo ed esecuzione del motore (ad es. motore asincrono a corrente
trifase),
• Corrente nominale d'impiego motore (valore indicativo, dipendente dal
tipo di circuito e dalla tensione di alimentazione),
• Condizioni ambientali (temperatura ambiente per DE1, grado di
protezione richiesto).

Esempio relativo alla figura 13


• Tensione di rete: 3~ 400 V, 50 Hz
• Motore pompa centrifuga
• Collegamento a stella (400 V)
• Corrente nominale d'impiego: 1,9 A (400 V)
• Montaggio in quadri elettrici
(temperatura ambiente max. 50 °C senza declassamento, IP20)
→ Avviatore a velocità variabile da selezionare: DE1-342D1…
• …-34: 3 fasi, 400 V
• …2D1: 2,1 A (1,9 A corrente nominale d'impiego motore)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 17


1 Serie di apparecchi DE1
1.8 Impiego secondo le norme

1.8 Impiego secondo le norme


Gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 non sono apparecchi
domestici, bensì sono destinati esclusivamente all'utilizzo come componenti
per uso industriale.
Gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 sono apparecchi elettrici per il
controllo di azionamenti a velocità variabile con motori a corrente trifase e per
l'installazione in una macchina o per l'assemblaggio con altri componenti a
formare una macchina o un impianto.
In caso di installazione in macchine, la messa in servizio dell'avviatore a
velocità variabile è vietata fino a quando la macchina assegnata non soddisfa
i requisiti di sicurezza della Direttiva macchine 2006/42/CEE (ad es.
rispettando EN 60204). La responsabilità per il rispetto delle direttive CE
nell'applicazione della macchina è esclusivamente a carico dell'utente finale.
La marcatura CE applicata all'avviatore a velocità variabile della serie DE1
conferma che gli apparecchi, nella loro configurazione di azionamento tipica,
sono conformi alle direttive in materia di bassa tensione e CEM dell'Unione Europea
(Direttiva Bassa Tensione 2006/95/CE,CEM 2004/108/CE e ROHS 2011/65/UE).
Gli avviatori a velocità variabile della serie DE1, nella configurazione di
sistema descritta, sono idonei all'esercizio su reti pubbliche e non pubbliche.
Il collegamento di un avviatore a velocità variabile DE1 alle reti IT (reti senza
potenziale di messa a terra di riferimento) è consentito solo limitatamente,
poiché i condensatori di filtraggio interni all'apparecchio mettono in
collegamento la rete con il potenziale verso terra (custodia).
Nel caso di reti senza messa a terra, ciò può portare a situazioni di pericolo o
danni all'apparecchio (è necessario un sistema di monitoraggio
dell'isolamento!).

→ Sull'uscita dell'avviatore a velocità variabile DE1 (morsetti U, V, W)


non è consentito
• collegare una tensione o carichi capacitivi (ad es.
condensatori di compensazione di fase),
• collegare tra di loro in parallelo più avviatori a velocità
variabile,
• realizzare un collegamento diretto all'ingresso (bypass).

Rispettare i dati tecnici e le condizioni di collegamento!


I dati al riguardo si trovano sulla targhetta dati macchina dell'avviatore a
velocità variabile e nella rispettiva documentazione. Ogni altro utilizzo è
considerato improprio.

18 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


1 Serie di apparecchi DE1
1.9 Manutenzione e ispezione

1.9 Manutenzione e ispezione


Se si rispettano i valori nominali generali e i dati tecnici delle rispettive
grandezze prestazionali, gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 sono
esenti da manutenzione. Alcuni influssi esterni possono tuttavia influire
negativamente sul suo funzionamento e sulla durata.
Pertanto raccomandiamo di controllare periodicamente gli apparecchi e di
eseguire i seguenti interventi di manutenzione rispettando gli intervalli
indicati.

Tabella 3: Interventi di manutenzione consigliati per l'avviatore a velocità variabile DE1


Intervento di manutenzione Intervallo di manutenzione
Pulire le aperture (feritoie) di raffreddamento Su richiesta
Controllare il funzionamento del ventilatore 6 - 24 mesi (a seconda dell'ambiente)
Controllare i filtri nelle porte del quadro elettrico 6 - 24 mesi (a seconda dell'ambiente)
(vedere l'indicazione del produttore)
Verificare che le prese di terra siano integre regolarmente, a intervalli periodici
Controllare le coppie di serraggio dei collegamenti regolarmente, a intervalli periodici
(morsetti di comando, morsetti di alimentazione)
Verificare la corrosione dei morsetti di 6 - 24 mesi, in caso di stoccaggio al massimo dopo 12 mesi
collegamento e di tutte le superfici metalliche (a seconda dell'ambiente)
Cavo motore e collegamento schermante (EMC) Secondo indicazione del produttore del cavo, al massimo
dopo 5 anni
Caricare i condensatori 12 mesi
(→ Sezione „1.11 Caricare i condensatori DC link“)

Non sono previste sostituzioni o riparazioni di singole schede dell'avviatore a


velocità variabile DE1! Nel caso in cui l'avviatore a velocità variabile DE1
subisse danni irreparabili a causa di agenti esterni, la riparazione non è
possibile.
Si deve provvedere allo smaltimento dell'apparecchio nel rispetto delle
normative vigenti in materia di protezione ambientale e delle disposizioni
sullo smaltimento di apparecchi elettrici ed elettronici.

1.10 Stoccaggio
Se l'avviatore a velocità variabile DE1 viene stoccato in magazzino prima
dell'utilizzo, nel punto di stoccaggio devono esserci condizioni ambientali
adeguate:
• Temperatura di stoccaggio: -40 - +70 °C,
• Umidità dell'aria media relativa: < 95 %, non condensante
(EN 61800-5-1),
• per evitare danni ai condensatori DC link dell'avviatore a velocità
variabile, non è consigliabile stoccarli per oltre 12 mesi
(→ Sezione „1.11 Caricare i condensatori DC link“).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 19


1 Serie di apparecchi DE1
1.11 Caricare i condensatori DC link

1.11 Caricare i condensatori DC link


Il circuito intermedio dell'avviatore a velocità variabile DE1-12… è dotato di
condensatori elettrolitici. Dopo uno stoccaggio prolungato o tempi di inattività
prolungati (> 12 mesi) senza alimentazione, i condensatori del circuito
intermedio devono essere ricaricati per evitare danni. A tal fine l'avviatore a
velocità variabile DE1-12… deve essere alimentato con un modulo di
alimentazione a tensione continua regolato tramite i due morsetti di
collegamento rete L1/L e L2/N. L'avviatore a velocità variabile non può
essere abilitato in tal caso (nessun segnale di avviamento).
La massima tensione di carica deve raggiungere il valore della tensione
circuito intermedio (UDC ∼ 1,41 x Ue).
• DE1-12…: circa 324 V DC con Ue = 230 V AC

→ Nell'avviatore a velocità variabile DE1-34… non è necessaria la


rigenerazione del condensatore superiore (“circuito intermedio
compatto”).

1.12 Assistenza e garanzia


Nel caso in cui si verificassero problemi con gli avviatori a velocità variabile
DE1, si prega di rivolgersi al rappresentante locale.
Tenere a portata di mano i seguenti dati e le seguenti informazioni:
• Il tipo esatto dell'avviatore a velocità variabile (vedere targa dati),
• Il numero di serie (Serial No.: – vedere la targa dati),
• La data di acquisto,
• Una descrizione esatta del problema verificatosi in relazione all'esercizio
dell'avviatore a velocità variabile.
Qualora alcuni dei dati riportati sulla targa dati non fossero leggibili, si prega di
fornire solo i dati leggibili chiaramente.
Per informazioni sulla garanzia si prega di consultare le condizioni generali di
vendita (CGV) di Eaton Industries GmbH.
Assistenza in caso di guasto
Si prega di contattare telefonicamente la filiale locale:
http://www.eaton.eu/aftersales
oppure
Hotline After Sales Service
+49 (0) 180 5 223822 (de, en)
AfterSalesEGBonn@eaton.com

20 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


2 Progettazione

2 Progettazione
Questo capitolo contiene le istruzioni da seguire per l'assegnazione della
potenza motore e la scelta dei dispositivi di comando e protezione, dei cavi e
guida cavi e per l'esercizio dell'avviatore a velocità variabile DE1.
Le leggi in vigore e le norme locali devono essere rispettate nel corso della
pianificazione e dell'esecuzione dell'installazione. La mancata osservanza
delle raccomandazioni formulate potrebbe causare problemi di utilizzo che
non sono coperti dalla garanzia.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 21


2 Progettazione
2.1 Introduzione

2.1 Introduzione
Questo paragrafo descrive per estratti le caratteristiche principali nel circuito
energetico di un sistema di azionamento (PDS = Power Drive System) di cui
tener conto nel corso della progettazione.

L1
L2
① L3
PE

I> I> I>

③ RCD

PES

PES

M
3 ϑ ⑨
˜

Figura 14: Esempio di sistema di azionamento con alimentazione trifase
per un motore a corrente trifase
a Tipi di reti, tensione di rete, frequenza di rete, interazioni con impianti di compensazione
b Fusibili e sezioni dei cavi, protezione cavi
c RCD, dispositivi differenziali
d Contattore di linea
e Induttanza di rete, event. filtro soppressione radiodisturbi esterno, filtro di rete
f Avviatore a velocità variabile: struttura, installazione; collegamento dei cavi; misure EMC; esempi di
circuito
g Bobina motore, filtro sinusoidale, filtro du/dt
h Lunghezze cavi, cavi motore, schermatura (EMC)
i Protezione motore, termistore
j Motore e applicazione, esercizio parallelo di più motori su un avviatore a velocità variabile,
collegamento bypass; frenatura a corrente continua

22 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


2 Progettazione
2.2 Rete elettrica

2.2 Rete elettrica

2.2.1 Collegamento alla rete e tipo di rete


Gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 possono essere collegati e
utilizzati senza limitazioni in tutte le reti a corrente alternata con messa a terra
al punto neutro (TN-S, TN-C, TT, vedere al riguardo IEC 60364).

L1 L1 L1
L2 L2 L2
L3 L3 L3
N PEN N
PE

TN-S TN-C TT

Figura 15: Reti a corrente alternata con punto centrale messo a terra

→ In fase di progettazione tenere conto di una ripartizione


simmetrica sui tre conduttori di fase nel caso in cui siano
collegati più avviatori a velocità variabile con alimentazione
monofase. La corrente totale di tutte le utenze monofase non
deve portare a un sovraccarico del conduttore di neutro
(conduttore N).

Il collegamento e l'esercizio di avviatori a velocità variabile su reti TN con


messa a terra asimmetrica (rete a triangolo con messa a terra in fase
"Grounded Delta", USA) o su reti IT non messe a terra oppure messe a terra
ad alta resistenza (oltre 30 Ω) sono consentiti solo con limitazioni.

→ L'utilizzo in reti di tensione senza messa a terra (IT) richiede


l'uso di adeguati dispositivi di controllo dell'isolamento
(ad es. metodo di misurazione a codifica di impulsi).

→ Nelle reti di tensione con conduttore di fase messo a terra la


tensione fase-terra massima non deve superare il valore di
300 V AC.

Se gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 vengono collegati a una
rete con messa a terra asimmetrica o a una rete IT (non messa a terra,
isolata), il filtro soppressione radiodisturbi interno (DE1-…FN-…) deve essere
disattivato nelle varianti in cui è previsto (rimuovendo entrambi i ponticelli
EMC).

→ Indicazioni dettagliate per la rimozione dei ponticelli EMC sono


disponibili nel → Sezione „3.3.4 Ponticelli di collegamento
EMC“, pagina 44.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 23


2 Progettazione
2.2 Rete elettrica

2.2.2 Tensione di rete e frequenza


L'ampia banda di tolleranza dell'avviatore a velocità variabile DE1 consente
l'esercizio alle tensioni standardizzate europee (ULN = 230 V/400 V, 50 Hz) e americane
(ULN = 240 V/480 V, 60 Hz):
• 230 V, 50 Hz; 240 V, 60 Hz a DE1-12…
200 V - 10 % - 240 V + 10 % (180 V - 0 % - 264 V + 0 %)
• 400 V, 50 Hz; 480 V, 60 Hz a DE1-34…
380 V - 10 % - 480 V + 10 % (342 V - 0 % - 528 V + 0 %)
Il campo di frequenza consentito è per tutte le classi di tensione 50/60 Hz
(48 Hz - 0 % - 62 Hz + 0 %).
Negli avviatori a velocità variabile con alimentazione trifase (DE1-34…)
l'asimmetria della tensione di rete (fase-fase) deve essere inferiore al 3 %.
Qualora questa condizione non fosse soddisfatta oppure non fosse nota la
simmetria nel luogo di collegamento, si consiglia di utilizzare un'induttanza di
rete assegnata (vedere → Sezione „9.9 Induttanze di rete DX-LN…“,
pagina 157), con valore uk ≦ 4 %.

→ Asimmetrie di fase superiori al 3 % causano lo spegnimento


dell'avviatore a velocità variabile DE1 con segnalazione di errore
(il LED Fault Code lampeggia a intermittenza 9 volte con una
pausa di 2 s, → Tabella 50, pagina 166.)

2.2.3 Total Harmonic Distortion (THD)


Il valore THD (THD = Total Harmonic Distortion, distorsione armonica totale) è
definito nella normativa IEC/EN 61800-3 come il rapporto tra il valore effettivo
di tutte le componenti armoniche e il valore effettivo della prima armonica.

→ Nell'avviatore a velocità variabile DE1-12… con alimentazione


monofase il valore THD può essere ridotto del 30% circa
collegando a monte un'induttanza di rete
(→ Sezione „9.9 Induttanze di rete DX-LN…“, pagina 157).

L'avviatore a velocità variabile DE1-34… con alimentazione trifase è


configurato come “Low Harmonic Drive”. L'impiego di un'induttanza di rete
per la riduzione del valore THD non è necessario.

2.2.4 Compensazione della potenza reattiva

→ Nelle reti a corrente alternata con dispositivi di compensazione


della corrente reattiva senza bobine è possibile l'insorgere di
oscillazioni di corrente (armoniche), antirisonanze e situazioni
non definite.
In fase di progettazione, per il collegamento di avviatori a
velocità variabile a reti a corrente alternata in condizioni non
definite, considerare l'utilizzo di induttanze di rete,
→ Sezione „9.9 Induttanze di rete DX-LN…“, pagina 157.

24 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


2 Progettazione
2.3 Sicurezza e collegamento

2.3 Sicurezza e collegamento

2.3.1 Dispositivo di disinserzione

→ Installare un dispositivo di sezionamento ad azionamento


manuale tra il collegamento alla rete e l'avviatore a velocità
variabile DE1.
Questo dispositivo di sezionamento deve essere realizzato in
modo da consentirne il bloccaggio in posizione aperta durante le
operazioni di installazione e manutenzione.

Nell'Unione Europea per rispettare le direttive europee secondo la normativa


EN 60204-1, “Sicurezza del macchinario”, il dispositivo di sezionamento deve
soddisfare una delle seguenti caratteristiche:
• sezionatore della categoria d'uso AC-23B (EN 60947-3),
• sezionatore con contatto ausiliario che seziona sempre il circuito di carico
prima che i contatti principali del dispositivo di sezionamento si aprano
(EN 60947-3),
• interruttore automatico di potenza progettato per un sezionamento a
norma EN 60947-2.
In tutte le altre parti del mondo devono essere rispettate le norme di
sicurezza ivi applicabili.

2.3.2 Fusibili e sezioni dei cavi


L'avviatore a velocità variabile DE1 e il rispettivo cavo di alimentazione
devono essere protetti dal sovraccarico termico e dal corto circuito.

→ I fusibili assegnati e le sezioni dei cavi relativi al collegamento


sul lato rete dipendono dalla corrente di ingresso ILN
dell'avviatore a velocità variabile DE1.
Le assegnazioni consigliate sono riportate nel
→ Sezione „9.7 Cavi e dispositivi di protezione“.

Il cavo di rete e il cavo motore devono essere dimensionati in conformità alle


norme locali e progettati per le rispettive correnti di carico. Le correnti
nominali d'impiego sono indicate nel → Sezione „8.3 Dati nominali“,
pagina 131.
La sezione del conduttore PE deve essere uguale alla sezione del conduttore
di fase. I morsetti di collegamento contrassegnati con  devono essere
collegati al circuito della corrente verso terra.

ATTENZIONE
Le sezioni minime prescritte per i conduttori PE (EN °61800-5-1)
devono essere rispettate.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 25


2 Progettazione
2.3 Sicurezza e collegamento

Le correnti passanti superiori a 3,5 mA devono essere collegate a una messa


terra rinforzata (PE) ai sensi dei requisiti della normativa EN 61800-5-1. La
sezione del cavo deve essere almeno pari a 10 mm2 o essere costituita da
due cavi di terra collegati separatamente. Nel → Sezione „8.3 Dati
nominali“, pagina 131 sono indicate le correnti passanti delle singole
grandezze.
I requisiti EMC che il cavo motore deve soddisfare sono descritte nel
→ Sezione „3.3.6 Collegamento motore“, pagina 48. Deve essere utilizzato
un cavo motore simmetrico, completamente schermato (360°), a bassa
resistenza. La lunghezza del cavo motore dipende dalla categoria
radiodisturbo e dall'ambiente.
Per un'installazione US devono essere utilizzati esclusivamente fusibili,
zoccoli portafusibili e cavi (AWG) muniti di approvazione UL. I cavi omologati
devono avere una resistenza termica di 75 °C (167 °F) e spesso richiedono
l'installazione di un tubo di protezione metallico (vedere norme locali).

2.3.3 Interruttori differenziali (RCD)


Con partenze motore DE1-34… con alimentazione trifase, possono essere
utilizzati esclusivamente dispositivi differenziali sensibili a correnti onnipolari
AC/DC di tipo B. Con partenze motore DE1-12... con alimentazione monofase
(L, N) possono essere utilizzati dispositivi differenziali di tipo A e di tipo B.

ATTENZIONE
Gli interruttori differenziali (RCD = Residual Current Device
secondo IEC/EN 61800-5-1, IEC 755) possono essere installati
esclusivamente tra il sistema di alimentazione (rete di
alimentazione in AC) e la partenza motore DE1 – non sull'uscita
verso il motore!

L'entità delle correnti passanti dipende generalmente nella ponderazione:


• dalla lunghezza del cavo motore,
• dalla schermatura del cavo motore,
• dall'entità della frequenza di ripetizione dell'impulso (frequenza di
switching dell'invertitore),
• dall'esecuzione del filtro soppressore radiodisturbi,
• dalle misure di messa a terra nel luogo di installazione del motore.
Per l'avviatore a velocità variabile DE1 possono essere adottate anche altre
misure di protezione contro il contatto diretto o indiretto; ad esempio il
sezionamento dal sistema di alimentazione mediante un trasformatore.

26 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


2 Progettazione
2.3 Sicurezza e collegamento

2.3.4 Contattori di linea


Il contattore di linea consente un'inserzione e una disinserzione in condizioni di
esercizio della tensione di alimentazione dell'avviatore a velocità variabile e il
suo spegnimento in caso di guasto. Il contattore di linea viene dimensionato in
base alla corrente di ingresso proveniente dalla rete ILN dell'avviatore a velocità
variabile DE1, in base alla categoria d'uso AC-1 (IEC 60947) e a seconda della
temperatura ambiente nel luogo d'impiego. I contattori di linea e al loro
assegnazione agli avviatori a velocità variabile della serie DE1 sono riportati nel
→ Sezione „9.8 Contattori di linea DIL…“, pagina 156, nell'allegato.

→ Nel corso della progettazione tenere conto del fatto che non è
consentito il funzionamento con comandi ad impulsi attraverso il
contattore di linea. La frequenza di inserzione massima
consentita della tensione di rete per l'avviatore a velocità
variabile DE1 è di una volta ogni 30 secondi (esercizio normale).

2.3.5 Utilizzo di un collegamento bypass


AVVERTENZA

 I morsetti di derivazione U, V e W dell'avviatore a velocità variabile


DE1 non devono essere mai collegati al sistema di alimentazione
(L1, L2, L3). Una tensione di rete sui morsetti di derivazione può
portare alla distruzione dell'avviatore a velocità variabile.

Qualora fosse necessario un bypass, utilizzare gli interruttori o i contattori


collegati meccanicamente per garantire che i morsetti del motore non
vengano collegati contemporaneamente al collegamento alla rete e ai
morsetti di derivazione dell'avviatore a velocità variabile.

L1 L2 L3

Q1 F1 ②
I> I> I>

Q11 a Q1 Protezione contro il sovraccarico termico e il corto circuito


b F1 Fusibile e relè termico F2 (in alternativa a ①)
Contattore di linea Q11
T1 U V W T1 avviatore a velocità variabile DE1
S1 Commutazione bloccata tra avviatore a velocità variabile e
S1 bypass
Protezione motore F2 (relè termico)
Motore trifase M1
F2 ②

M1 M
3∼

Figura 16: Comando motore a bypass (esempio)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 27


2 Progettazione
2.4 Compatibilità EMC

2.4 Compatibilità EMC


In un sistema di azionamento con numero di giri variabile (PDS) è necessario
prevedere le misure per la compatibilità elettromagnetica (EMC) già allo
stadio di progettazione, poiché l'esecuzione di modifiche resesi necessarie al
momento del montaggio dell'installazione oppure di successive migliorie nel
luogo di installazione comporta costi ulteriori e maggiori.
Per via delle tecnologie utilizzate e del sistema stesso, un sistema di
azionamento controllato in frequenza è attraversato durante il funzionamento
da correnti passanti ad alta frequenza. Pertanto tutte le misure di messa a
terra devono essere realizzate a bassa resistenza e su ampia superficie.
Per un'installazione a norma EMC dell'avviatore e velocità variabile DE1 si
consiglia di implementare le seguenti misure:
• Installazione in una custodia metallica conduttiva
dotata di un buon collegamento al potenziale di messa a terra,
• Cavi schermati con lunghezza il più possibile breve

→ In un sistema di azionamento controllato in frequenza tutti i componenti


e le custodie in grado di condurre la corrente elettrica devono
essere messi a terra attraverso un cavo che sia il più corto
possibile e che presenti la sezione più grande possibile
(cavetto in Cu).

Nel quadro elettrico tutte le parti metalliche degli apparecchi e del quadro
elettrico devono essere collegate fra loro su ampia superficie in maniera da
condurre frequenze elevate. Le piastre di montaggio e le porte dei quadri
elettrici devono essere collegate all'armadio attraverso cavetti corti ad alta
frequenza che siano a contatto su ampia superficie. Al riguardo evitare le
superfici verniciate (superfici anodizzate, cromature gialle).

→ Se possibile installare l'avviatore a velocità variabile DE1


direttamente (senza distanziatore) su una piastra metallica
(piastra di montaggio).

→ Far passare i cavi di rete e del motore nel quadro elettrico il più
possibile vicino al potenziale di messa a terra. I cavi lasciati liberi
di oscillare agiscono come antenne.

→ I cavi che conducono frequenze elevate (ad es. i cavi motore


schermati) e i cavi schermati (ad es. la linea di alimentazione di
rete, le linee di comando e di segnale) devono essere posati
parallelamente ad una distanza di almeno 300 mm, per evitare
un'irradiazione di energia elettromagnetica.
Anche in presenza di grandi differenze nel potenziale di tensione
occorre predisporre una guida cavi separata. Gli incroci inevitabili
fra i cavi di comando e di potenza devono essere sempre ad
angolo retto (90°).

28 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


2 Progettazione
2.4 Compatibilità EMC

② ①

≧ 300 mm
(≧ 11.81“)

Figura 17: passaggio cavi

→ Non posare i cavi di comando e di segnale ② nello stesso


canale dei cavi di potenza ①.
I cavi di segnale analogici (valori di misura, valori nominali e di
correzione) devono essere posati con schermatura.

b b a
a
Figura 18: Posa dei cavi separata
a Cavo di potenza: tensione di rete, collegamento motore
b Cavi di comando e di segnale, collegamento bus di campo

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 29


2 Progettazione
2.5 Selezione del motore

2.5 Selezione del motore

→ Verificare se l'avviatore a velocità variabile DE1 e il motore a


corrente alternata trifase assegnato sono tra di loro compatibili
secondo le tabelle dei dati nominali nel → Sezione „8.3 Dati
nominali“, pagina 131.

2.5.1 Collegamento in parallelo di motori


Gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 consentono l'esercizio in
parallelo di più motori.

→ Collegando più motori, la somma delle correnti dei motori deve


essere inferiore alla corrente nominale d'impiego dell'avviatore
e velocità variabile DE1.

Attraverso il collegamento in parallelo dei motori si riduce la resistenza di


collegamento sull'uscita dell'avviatore a velocità variabile. L'induttività
complessiva degli statori si riduce e la capacità parassita dei cavi aumenta. In
tal modo aumenta la distorsione elettrica rispetto al collegamento di un
singolo motore. Per ridurre la distorsione elettrica occorre utilizzare una
induttanza motore o un filtro sinusoidale sull'uscita dell'avviatore a velocità
variabile.

→ In caso di collegamento in parallelo di più motori non è possibile


utilizzare la protezione motore elettronica dell'avviatore a
velocità variabile. Ogni motore deve essere protetto
singolarmente con termistori e/o un relè termico.

→ Nel campo di frequenza da 20 a 120 Hz per la protezione motore


è possibile utilizzare anche l'interruttore per protezione motore
elettronico PKE sull'uscita di un avviatore a velocità variabile.

30 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


2 Progettazione
2.5 Selezione del motore

2.5.2 Tipi di circuito con motore trifase


Sulla scorta dei valori nominali sulla targhetta dati macchina è possibile
collegare l'avvolgimento dello statore del motore trifase a stella o triangolo.

230/400 V △  3.2/1.9 A
0,75 KW cosϕ 0.79
1410 mi n-1 50 Hz

Figura 19: Esempio di targa dati


(targhetta dati macchina) di un motore

U1 V1 W1 U1 V1 W1

W2 U2 V2 W2 U2 V2

Figura 20: Tipi di circuito:


collegamento a stella (a sinistra), collegamento a triangolo (a destra)

Esempio relativo alle figure 19 e 20


DE1-124D3… (ULN = 230 V): motore in collegamento a triangolo
DE1-342D1… (ULN = 400 V): motore in collegamento a stella

2.5.3 Collegamento di motori EX


Per il collegamento di motori con protezione contro le esplosioni rispettare i
seguenti punti:
• Un avviatore a velocità variabile DE1 può essere installato in una
custodia protetta contro le esplosioni all'interno dell'area a rischio di
esplosione o in un quadro elettrico all'esterno dell'area a rischio di
esplosione.
• Rispettare le norme di settore e nazionali in materia di aree protette
contro le esplosioni (ATEX 100a).
• Tenere conto delle indicazioni e delle note del costruttore del motore per
l'uso in avviatori a velocità variabile, ad esempio se è prevista
l'installazione di induttanze motore (limitazione du/dt) o di filtri
sinusoidali.
• I sistemi di monitoraggio della temperatura negli avvolgimenti motore
(termistori, thermoclick) non devono essere collegati direttamente
all'avviatore a velocità variabile DE1, bensì devono essere collegati
attraverso un apparecchio di reazione omologato per l'utilizzo in aree a
rischio di esplosione (ad es. EMT6).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 31


2 Progettazione
2.5 Selezione del motore

32 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.1 Introduzione

3 Installazione

3.1 Introduzione
Questo capitolo descrive il montaggio e il collegamento elettrico della serie di
avviatori a velocità variabile DE1.

→ Durante l’installazione e il montaggio dell' avviatore a velocità


variabile DE1, coprire oppure incollare tutte le fessure di
areazione per evitare che possano penetrare corpi estranei.

→ Eseguire tutte le operazioni di installazione esclusivamente con


gli attrezzi indicati e a regola d'arte e senza sforzare.

→ Altre note di montaggio dell'avviatore a velocità variabile DE1


sono disponibili nelle istruzioni per il montaggio IL040005ZU.

3.2 Montaggio
Le istruzioni per il montaggio qui descritte prevedono l'installazione in
un'adeguata custodia per apparecchi con grado di protezione IP20 secondo la
norma EN 60529.
• Le custodie devono essere realizzate con materiale termicamente
conduttivo.
• Se si utilizza un quadro elettrico ad armadio con aperture di ventilazione,
tali aperture dovranno essere posizionate sopra e sotto l'avviatore a
velocità variabile DE1 per garantire una buona circolazione dell'aria. L'aria
dovrà essere immessa dal basso ed espulsa verso l'alto.
• Se l'ambiente circostante il quadro elettrico contiene particelle di sporco
(ad esempio polvere), un filtro antiparticolato dovrà essere installato sulle
aperture per ventilazione e si dovrà utilizzare una ventilazione esterna. Se
necessario, il filtro dovrà essere sottoposto a manutenzione e pulizia.
• In ambienti con elevato tenore di umidità, salinità e agenti chimici deve
essere utilizzato un quadro elettrico chiuso (senza aperture per
ventilazione).

→ Montare l' avviatore a velocità variabile DE1 soltanto su un


supporto di fissaggio non combustibile (per es. su una lastra di
metallo).

Figura 21: Montaggio su lastra di metallo

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 33


3 Installazione
3.2 Montaggio

3.2.1 Posizione di montaggio


Gli avviatori a velocità variabile DE1-121D4… e DE1-122D3… devono essere
montati verticalmente (apparecchi senza ventilatore interno). L'inclinazione
massima consentita è di 5°.
Tutte le altre grandezze della serie DE1 possono essere montate con
un'inclinazione massima di 90°.
Non è consentito un montaggio appeso!
≦ 5° ≦ 90°
≦ 5° ≦ 90°
≦ 5° ≦ 90°

Figura 22: Posizioni di montaggio (a sinistra: apparecchi DE1-121D4… e DE1-122D3…)

3.2.2 Spazi liberi


Per garantire una sufficiente circolazione dell'aria e in funzione della
grandezza dell' avviatore a velocità variabile DE1, è necessario rispettare
delle distanze minime dagli oggetti circostanti per la dissipazione del calore.

Sigla a [mm] (in) L1/L L2/N L3 


a

DE1-121D4 50 (1,97) FS1


DE1-122D3 50 (1,97) FS1
L1/L L2/N L3  L1/L L2/N L3 

DE1-122D7 50 (1,97) FS1


DE1-124D3 50 (1,97) FS1
DE1-127D0 50 (1,97) FS1
0 0 DE1-129D6 75 (2,96) FS2 0 V +10 V 1 2 3 4 13 14

DE1-341D3 50 (1,97) FS1 U V W 

DE1-342D1 50 (1,97) FS1


2xa

0 V +10 V 1 2 3 4 13 14 0 V +10 V 1 2 3 4 13 14 DE1-343D6 50 (1,97) FS1


U V W  U V W  DE1-345D0 75 (2,96) FS2
DE1-346D6 75 (2,96) FS2
0 L1/L L2/N L3 

DE1-348D5 75 (2,96) FS2


a

DE1-34011 100 (3,94) FS2


DE1-34016 100 (3,94) FS2

Figura 23: Spazi liberi per il raffreddamento ad aria

→ Gli avviatori a velocità variabile DE1 possono essere montati


affiancati senza dover mantenere distanze laterali.

34 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.2 Montaggio

→ Apparecchi dotati di maggiori campi magnetici (per es. bobine o


trasformatori) non devono essere montati nelle dirette vicinanze
dell' avviatore a velocità variabile.

Lo spazio libero frontale non deve essere inferiore a 15 mm.

→ Se si utilizza una scheda opzionale


• DX-NET-SWD3 (SmartWire-DT),
• DXE-EXT-SET (modulo di configurazione),
• DX-KEY-LED (elemento di comando esterno)
tenere conto dello spazio libero aggiuntivo necessario sul lato
frontale dell'avviatore a velocità variabile DE1.

≧ 15 mm
(≧ 0.59”)

Figura 24: Spazio libero minimo

→ Le dimensioni, i pesi e le quote di fissaggio necessari delle


singole grandezze (FS1, FS2) sono indicati in allegato.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 35


3 Installazione
3.2 Montaggio

3.2.3 Fissaggio
L'avviatore a velocità variabile DE1 può essere montato in tutte le grandezze:
• con viti,
• su una guida di montaggio.

3.2.3.1 Fissaggio a vite

→ Le dimensioni, i pesi e le quote di fissaggio necessari delle


singole grandezze (FS1, FS2) sono indicati in allegato.

→ Utilizzare viti con rondella e anello elastico con coppia di


serraggio 1 Nm per proteggere la custodia e per assicurare un
montaggio sicuro.

a1 4 x M4

L1/L L2/N L3 
b1

U V W 

Figura 25: fissaggio a vite

36 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.2 Montaggio

3.2.3.2 Fissaggio su una guida di montaggio


In alternativa al fissaggio a vite gli avviatori a velocità variabile DE1 possono
essere montati anche su una guida di montaggio a norma IEC/EN 60715.

1.38”
35
1 0.04”
7.5 0.29”
15 0.59”
[mm] [in]

Figura 26: Guida di montaggio a norma IEC/EN 60715

▶ Inserire l'avviatore a velocità variabile DE1 dall'alto sulla guida di


montaggio e spingerlo verso il basso [1]. Appoggiarlo alla guida di
montaggio [2] e farlo scattare in posizione con forza elastica [3].

3 2

Figura 27: Fissaggio su guida di montaggio

Smontaggio di una guida di montaggio


▶ Per smontarlo, premere l'avviatore a velocità variabile verso il basso [1].
Tirare l'avviatore a velocità variabile DE1 in avanti afferrandolo per il
bordo inferiore [2]. Sollevarlo infine verso l'alto, staccandolo dalla guida di
montaggio [3].

2
Figura 28: Smontaggio della guida di montaggio

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 37


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3 Installazione elettrica


ATTENZIONE

 Le operazioni di cablaggio possono essere eseguite soltanto


quando l' avviatore a velocità variabile è stato montato e fissato
correttamente.

PERICOLO

 Pericolo di lesioni da folgorazione!


Il cablaggio deve essere eseguito (solo da personale qualificato)
in assenza di tensione e rispettando le norme di sicurezza alle
pagine I e II.

ATTENZIONE
Pericolo di incendio!
Utilizzare esclusivamente cavi, interruttori automatici e
contattori che riportano l’indicazione della corrente nominale
consentita.

PERICOLO

 Anche dopo la disinserzione della tensione di alimentazione, i


componenti nello stadio di potenza dell' avviatore a velocità
variabile restano sotto tensione ancora fino a 5 minuti (tempo di
scaricamento dei condensatori DC link).

Rispettare le note!
.

→ Eseguire le seguenti operazioni esclusivamente con l'attrezzo


isolato indicato e senza sforzare.

38 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.1 Controllo dell'isolamento


Gli avviatori a velocità variabile della serie DE1 sono forniti già controllati e
non richiedono ulteriori controlli.
Se si rende necessario eseguire dei controlli dell'isolamento nel circuito di
potenza del PDS, è necessario adottare le misure seguenti.

→ Eseguire i necessari controlli dell'isolamento, prima di collegare i


cavi all'avviatore di velocità variabile DE1.

ATTENZIONE

 Sui morsetti di comando e di collegamento dell' avviatore a


velocità variabile non devono essere eseguiti controlli della
resistenza di isolamento con un'apparecchiatura di controllo
dell'isolamento.

Controllo dell'isolamento del cavo di rete


▶ Il cavo di rete deve essere scollegato dalla rete di alimentazione elettrica
e dai morsetti di collegamento L1/L, L2/N e L3 dell'avviatore a velocità
variabile DE1.
Misurare la resistenza di isolamento del cavo di rete fra i singoli
conduttori di fase e fra ciascun conduttore di fase e il conduttore di terra.
La resistenza di isolamento deve essere maggiore di 1 MΩ.

Controllo dell'isolamento del cavo del motore


▶ Il cavo del motore deve essere scollegato dai morsetti di collegamento
U, V e W dell'avviatore a velocità variabile DE1 e del motore (U, V, W).
Misurare la resistenza di isolamento del cavo del motore fra i singoli
conduttori di fase e fra ciascun conduttore di fase e il conduttore di terra.
La resistenza di isolamento deve essere maggiore di 1 MΩ.

Controllo dell'isolamento del motore


▶ Il cavo del motore deve essere scollegato dal motore (U, V, W).
Aprire i circuiti a ponte (stella o triangolo) nella morsettiera del motore.
Misurare la resistenza di isolamento dei singoli avvolgimenti del motore.
La resistenza di isolamento deve essere maggiore di 1 MΩ.

→ Le resistenze di isolamento esatte e le tensioni di prova


ammesse sono riportate nelle istruzioni del costruttore del
motore.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 39


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.2 Collegamento allo stadio di potenza


Il collegamento allo stadio di potenza avviene sul lato rete tramite i morsetti
di collegamento:
• L1/L, L2/N, PE per la tensione di alimentazione monofase con DE1-12…
• L1/L, L2/N, L3, PE per la tensione di alimentazione trifase con DE1-34….
La sequenza fasi in questo caso non è importante.
1 AC 230 V 3 AC 400/480 V
50/60 Hz PE 50/60 Hz PE

L1/L L2/N L3  L1/L L2/N L3 

U V W  U V W 

PES PES

M  M 
3~ 3 AC 230 V 3~ 3 AC 400/460 V

Figura 29: Collegamento nello stadio di potenza (principio)

Il collegamento sul lato motore avviene attraverso i morsetti di collegamento


U, V e W.

ATTENZIONE
L'avviatore a velocità variabile deve essere inoltre collegato con
il potenziale di messa a terra attraverso un apposito conduttore
(PE).

ATTENZIONE
I morsetti di collegamento chiusi nello stadio di potenza non
possono essere utilizzati.

40 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

PE

L1/1 L2/N
L3 

Figura 30: Morsetti di collegamento chiusi (esempio: DE1-12…NN-…)

I morsetti di collegamento chiusi nella figura 30 (L3 e ) non hanno alcuna


funzione.

→ Se per l'impiego in condizioni d'esercizio normali di un avviatore


a velocità variabile DE1-…FN-… il ponticello di collegamento
EMC è stato rimosso (ad es. in una rete IT), si consiglia di
coprire i morsetti di potenza aperti e inutilizzati (ad es. con
nastro isolante) per evitare complicazioni in seguito.

3.3.2.1 Denominazione dei morsetti di potenza


Tabella 4: Denominazione dei morsetti di potenza
Designazione Funzione Nota

L1/L Collegamento alla rete: Tensioni nominali d'impiego della rete:


• Fase L1 con DE1-34… DE1-34…: 400 V/480 V (fase-fase)
• Fase L con DE1-12… DE1-12…: 230 V/240 V (fase-conduttore di neutro)
L2/N Collegamento alla rete: Tensioni nominali d'impiego della rete:
• Fase L2 con DE1-34… DE1-34…: 400 V/480 V (fase-fase)
• Conduttore di neutro N con DE1-12… DE1-12…: 230 V/240 V (fase-conduttore di neutro)
L3 Collegamento alla rete: Potenziali di tensione nominale di rete:
• Fase L3 con DE1-34… DE1-34…: 400 V/480 V (fase-fase)
Presa di terra (PE) per il filtro di rete interno Solo con filtro soppressione radiodisturbi interno (DE1-…FN-…).
Ponticello per collegamento PE utilizzato solo in combinazione con il
ponticello di collegamento EMC sul lato motore.
 PE, presa di terra sul lato rete Allacciamento interno per il collegamento PE del lato motore
U Collegamento motore fase 1 Tensioni nominali d'impiego motore:
DE1-34…: 400 V/460 V
V Collegamento motore fase 2 DE1-12…: 230 V
W Collegamento motore fase 3
Presa di terra (PE) per il filtro interno del circuito Solo con filtro soppressione radiodisturbi interno (DE1-…FN-…). Ponticello
intermedio (condensatore a Y) per collegamento PE utilizzato solo in combinazione con il ponticello di
collegamento EMC sul lato rete.
 PE, presa di terra sul lato motore Allacciamento interno per il collegamento PE del lato rete

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 41


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.2.2 Esempi di cablaggio


Tabella 5: Esempi di cablaggio nello stadio di potenza
Morsetti di collegamento Descrizione

L N PE DE1-12…FN-… in caso di tensione di alimentazione


monofase
(230 V, 240 V) con filtro soppressione radiodisturbi interno
L1/L L2/N L3 

L N PE DE1-12…NN-… in caso di tensione di alimentazione


monofase
(230 V, 240 V) senza filtro soppressione radiodisturbi interno
L1/L L2/N L3 

L1 L2 L3 PE DE1-34…FN-… in caso di tensione di alimentazione trifase


(400 V, 480 V) con filtro soppressione radiodisturbi interno
L1/L L2/N L3 

L1 L2 L3 PE DE1-34…NN-… in caso di tensione di alimentazione trifase


(400 V, 480 V) senza filtro soppressione radiodisturbi interno
L1/L L2/N L3 

Collegamento motore trifase per motori trifase:


U V W  • DE1-12…FN-… (230 V)
• DE1-34…FN-… (400 V/460 V)
con filtro soppressione radiodisturbi interno

PES

M
3

Collegamento motore trifase per motori trifase:


U V W  • DE1-12…NN-… (230 V)
• DE1-34…NN-… (400 V/460 V)
senza filtro soppressione radiodisturbi interno

PES

M
3

42 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.2.3 Sezioni di collegamento e lunghezze di spelatura

PE PE PE
A1 A1 A1

DE1-12… DE1-34… cavo motore

Figura 31: Lunghezze di spelatura nello stadio di potenza

Tabella 6: Lunghezze di spelatura, sezioni del conduttore, coppia di serraggio

Lunghezza di spelatura A1 Sezione del conduttore Massima coppia di serraggio


collegabile delle viti
mm in mm2 AWG Nm Lb-in
8 0,3 1-6 18 - 6 1,7 15,2

3.3.3 messa a terra


Ogni avviatore a velocità variabile deve essere collegato singolarmente e
direttamente nel luogo di impiego al collegamento di terra della rete di
alimentazione (Messa a terra del sistema). Questo collegamento a terra non
deve essere interrotto da altri apparecchi.
Tutti i conduttori di terra devono essere posati a forma di stella dal punto di
messa a terra centrale e tutti i componenti conduttivi del sistema di
azionamento (avviatore a velocità variabile DE1, induttanza di rete, induttanza
motore, filtro sinusoidale) devono essere allacciati.
L'impedenza delle spire di messa a terra deve essere conforme alle norme di
sicurezza industriali applicabili a livello locale. Per soddisfare le disposizioni
UL, per tutti i collegamenti del cablaggio di terra devono essere utilizzati
capicorda ad anello omologati UL.

→ Evitare la formazione di spire di messa a terra in caso di


installazione di più avviatori a velocità variabile nello stesso
quadro elettrico. Provvedere inoltre a una messa a terra perfetta
e su ampia superficie di tutti gli apparecchi metallici e da mettere
a terra con la piastra di montaggio.

→ Negli avviatori a velocità variabile (DE1-…FN-…) con filtro


soppressione radiodisturbi, il collegamento del cavo PE deve
essere effettuato dietro il ponticello di collegamento EMC

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 43


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

PZ2

Figura 32: Inserire il cavo PE dietro il ponticello di collegamento EMC


(bloccaggio da dietro in avanti)

3.3.4 Ponticelli di collegamento EMC


L'avviatore a velocità variabile DE1 è realizzato in due varianti:
• DE1-…FN-…: con filtro soppressione radiodisturbi interno, con ponticelli
di collegamento EMC,
• DE1-…NN-…: senza filtro soppressione radiodisturbi interno, senza
ponticelli di collegamento EMC.
I ponticelli di collegamento EMC collegano il filtro lato rete e il filtro circuito
intermedio (condensatori a Y) al collegamento PE sul lato rete e sul lato di
collegamento motore tramite i morsetti di collegamento.
Se l'avviatore a velocità variabile DE1-FN-… deve essere collegato a una rete
IT (senza messa a terra) o a una rete TN con messa a terra asimmetrica, i filtri
EMC interni devono essere disinseriti rimuovendo i ponticelli di collegamento
EMC. Negli apparecchi senza filtri interni (DE1-…NN-…) i ponticelli non sono
presenti e i morsetti di collegamento dei filtri sono senza funzione (chiusi).
PE
PE

L1/L L2/N L3 
L1/L L2/N L3 

U V W 
U V W 

 

M
3~
M
3~

Figura 33: DE1-…FN-… (con filtro) DE1-…NN-… (senza filtro)

44 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

ATTENZIONE
I ponticelli di collegamento EMC non devono essere rimossi né
inseriti, se l'avviatore a velocità variabile DE1 è collegato alla
rete elettrica.

0 V +10
V 1 2 3 4 13 14

L1/L L2/N
L3 

Figura 34: Rimozione dei ponticelli di collegamento EMC sul lato rete e sul lato motore

→ È necessario rimuovere sempre entrambi i ponticelli di


collegamento EMC!
Il funzionamento con un solo ponticello di collegamento EMC
non è ammesso!

→ Con i ponticelli di collegamento EMC rimossi, l'effetto filtrante


richiesto per la compatibilità elettromagnetica (EMC) non è più
disponibile.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 45


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.5 Blocco sbarre per corrente trifase


Gli avviatori a velocità variabile DE1-34… possono essere collegati sul lato
rete tramite i blocchi sbarra trifase DIL12M-XDSB0/… protetti contro i
contatti accidentali e il corto circuito.

→ L'installazione con blocco sbarra trifase DIL12M-XDSB0/… è


ammessa solo per l'avviatore a velocità variabile DE1-34….

PK(Z)M FAZ

1 L3
T3 6

3 L2
T2 4

5 L1
T1 2
DILM12-XEK
DILM12-XDSB0/3...5

L1/L L2/N
L3  L1/L L2/N
L3  L1/L L2/N
L3  L1/L L2/N
L3 

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14
U V W
0 V +10 V 1
2 3
 4 13 14
U V W 
U V W 
U V W 

M M M M

Figura 35: Esempi di cablaggio con blocco sbarra trifase

→ Prestare attenzione all'amperaggio massimo dei blocchi sbarra


trifase (Iu = 35 A). Una prolunga del collegamento trifase
mediante montaggio ruotato dei blocchi sbarra trifase non è
possibile per l'avviatore a velocità variabile DE1-34….

46 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

Blocco sbarra Adatto per un numero massimo di grandezze


trifase

DILM12-XDSB0/3 3 x FS1 2 x FS1 + 1 x FS2 2 x FS2


DILM12-XDSB0/4 4 x FS1 3 x FS1 + 1 x FS2 1 x FS1 + 2 x FS21)
DILM12-XDSB0/5 5 x FS1 4 x FS1 + 1 x FS2 2 x FS1 + 2 x FS21) 3x FS21)
1) La somma delle singole correnti di ingresso (DE1-34…) può superare, in questa combinazione, l'amperaggio
massimo ammesso (35 A) del blocco sbarra trifase e del blocco di alimentazione.

AVVERTENZA

 Ogni avviatore a velocità variabile DE1-34… deve essere


collegato singolarmente al conduttore di terra della tensione di
rete.

L1/L L2/N
L3  L1/L L2/N
L3  L1/L L2/N
L3  L1/L L2/N
L3 

Figura 36: Collegamento PE dei singoli avviatori a velocità variabile (esempio)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 47


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.6 Collegamento motore


Il collegamento tra l'avviatore a velocità variabile DE1 e il motore deve essere
il più corto possibile. Per un'installazione conforme a EMC il cavo di
collegamento motore deve essere schermato.
▶ Collegare la schermatura su entrambi i lati e su ampia superficie
(sovrapposizione a 360 gradi) con la messa a terra di protezione (PE) .
Il collegamento a terra della schermatura del cavo (PES) deve avvenire
nelle immediate vicinanze dell'avviatore a velocità variabile DE1 e
direttamente nella morsettiera del motore.

0 V +10
V 1 2 3 4 13 14

Figura 37: Collegamento lato motore

▶ Evitare di sciogliere le trecce della schermatura, ad esempio spostando


la guaina in plastica separata oltre l'estremità della schermatura per
mezzo di una guaina di gomma all'estremità della schermatura.
In alternativa è possibile intrecciare, oltre al passacavo ad ampia
superficie, anche la treccia schermante all'estremità e collegarla alla
messa a terra di protezione. Per evitare disturbi EMC, questo
collegamento della schermatura intrecciato deve essere il più breve
possibile (valore indicativo dello schermo per cavo: b ≧ 1/5 a).

15 mm
(0.59’’)

a b
PES

PES

Figura 38: Cavo di collegamento schermato nel circuito motore

48 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

Per il cavo motore si consiglia di utilizzare sempre dei cavi schermati a


quattro conduttori. Il conduttore verde/giallo di questo cavo unisce i
collegamenti del conduttore di terra del motore e dell'avviatore a velocità
variabile e riduce così al minimo il carico sulla treccia schermante dovuto a
elevate correnti di compensazione.
La figura seguente mostra l'esempio di una struttura di un cavo motore
schermato a quattro conduttori (esecuzione consigliata).

b
a

c
e d

Figura 39: Cavo motore schermato a quattro conduttori

a Treccia schermante in Cu
b Guaina esterna in PVC
c Cavetto (fili in Cu)
d Isolamento del conduttore in PVC, 3 x nero, 1 x verde/giallo
e Nastro in tessuto e materiale interno in PVC

Se in un'utenza motore sono disposte delle unità aggiuntive (ad esempio


contattori motore, relè di protezione motore, relè termici, filtri sinusoidali o
morsetti), la schermatura del cavo motore può essere interrotta in prossimità
di queste unità e messa a contatto su ampia superficie con la piastra di
montaggio (PES). I cavi di collegamento liberi, ossia non schermati, non
devono essere più lunghi di 300 mm circa.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 49


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.7 Installazioni a norma UL®


L'avviatore a velocità variabile DE1 soddisfa i requisiti UL, qualora le seguenti
condizioni siano completamente rispettate:
• Per DE1-12… la tensione di alimentazione monofase è collegata a L1/L e
L2/N. Il valore massimo effettivo ammesso non deve superare
240 V RMS.
• Per DE1-34… la tensione di alimentazione trifase è collegata a L1/L,
L2/N e L3. La sequenza fasi in questo caso non è importante. Il valore
massimo effettivo ammesso non deve superare 500 V rms.
• Per rispettare i requisiti CSA è necessaria una protezione contro
sovratensioni transitorie sul lato rete del DE1. Essa deve monitorare i
600 V (fase a terra) e i 600 V (fase a fase), deve essere adatta alla
categoria di sovratensione III, deve offrire protezione per una tensione
nominale ad impulsi con picchi di 4 kV o equivalenti e deve essere ad
essi resistente.
• L'intensità massima di corrente di corto circuito ammessa (AC)
nell'alimentazione in ingresso deve essere pari a 100 kA con l'utilizzo di
fusibili (600 V, UL Classe CC o Classe J), a 14 kA con interruttori
protettori (480 V, interruttore di protezione della linea tipo B) e per
DE1-34…., 18 kA con interruttore di protezione della linea tipo E.
• Un'installazione fissa viene realizzata con un sezionatore adeguato tra
DE1 e la tensione di alimentazione secondo i codici di sicurezza e le
norme locali.
• Sono utilizzati cavi di rete e motore in filo di rame con un campo di
temperature di isolamento minimo di 75 °C (167 °F).
• Le coppie di serraggio dei collegamenti di potenza devono essere
utilizzate secondo le specifiche relative alle singole grandezze.
• Per ogni morsetto di potenza è ammesso un unico tipo di conduttore. Il
conduttore PE deve essere collegato alle custodie metalliche mediante
un capicorda ad anello.
• Varianti per protezione contro il sovraccarico motore:
• Relè termico, ubicato tra l'avviatore a velocità variabile DE1 e il
motore che disinserisce il DE1 in caso di sovraccarico, oppure
• Motore con termistore, che disinserisce l'avviatore a velocità
variabile DE1 mediante un termoprotettore a termistori (EMT6) in
caso di sovraccarico, oppure
• Motore con termistore, che disinserisce direttamente il DE1 in caso
di segnalazione di errore esterna (collegamento termistore al
morsetto di comando 3 e +10V), EXTFLT con modalità 1 (P-15 = 1),
modalità 3 (P-15 = 3), modalità 5 (P-15 = 5), modalità 7 (P-15 = 7) e
modalità 9 (P-15 = 9). Presupposto: P-19 = 0, oppure
• Accumulatore termico motore (P-33 = 0).
Presupposto: P-08 = corrente nominale motore impostata.

→ Nelle istruzioni per il montaggio IL040005ZU è riportato un


riepilogo “Additional Information for UL® Approved
Installations”.

50 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.8 Collegamento alla porta di comando


Il collegamento alla porta di comando avviene attraverso i seguenti morsetti
di collegamento:
• 0 V, +10 V: uscita della tensione di comando,
• 1, 2, 3, 4: ingressi digitali e analogici,
• Morsetti 13, 14: per un'uscita relè a potenziale zero

0 V +10 V 1 2 3 4 13 14

Figura 40: Disposizione dei morsetti di collegamento sulla porta di comando

Misure ESD
Per proteggere gli apparecchi dalla distruzione a causa di scariche
elettrostatiche, prima di toccare i morsetti e i circuiti stampati di
comando, è necessario scaricare la carica elettrostatica del
proprio corpo toccando una superficie a massa.

3.3.8.1 Denominazione dei morsetti porta di comando


Tabella 7: Denominazione dei morsetti porta di comando
Designazione Funzione Nota

0V Potenziale di riferimento GND • per tensione di comando interna (10 V)


• per tensioni di comando esterne (10 V/24 V)
• per gli ingressi di comando 1 - 4
+10 V Uscita in tensione +10 V DC, Uscita della tensione di comando interna +10 V per gli ingressi analogici e digitali di DE1
max. 20 mA (morsetti 1 4)
1 DI1, ingresso digitale 1 • Livello per segnale High: +9 - 30 V
• Corrente di ingresso: 1,15/3 mA (10/24 V)
• Impostazione di fabbrica: FWD (Abilitazione campo di rotazione orario)
• configurabile
2 DI2, ingresso digitale 2 • Livello per segnale High: +9 - 30 V
• Corrente di ingresso: 1,15/3 mA (10/24 V)
• Impostazione di fabbrica: REV (Abilitazione campo di rotazione antiorario)
• configurabile
3 DI3, ingresso digitale 3 • Livello per segnale High: +9 - 30 V
• Corrente di ingresso: 1,15/3 mA (10 V/24 V)
• Impostazione di fabbrica: FF1 (frequenza fissa 20 Hz)
• configurabile
4 AI1, ingresso analogico 1 • Segnale analogico: 0 - +10 V
• Corrente di ingresso: 0,12 mA
• Risoluzione: 12 Bit
• Impostazione di fabbrica1) f-REF: 0 - f-max (50/60 Hz)

DI4, ingresso digitale 4 • Livello per segnale High: +9 - 30 V


• Corrente di ingresso: 1,15/3 mA (10/24 V)
• configurabile
13 Contatto di relè • Contatto di relè a potenziale zero (contatto NA), RUN
• 230 V AC/30 V DC
14 Contatto di relè • Corrente di carico max. : 6 A (AC-1) / 5 A (DC-1)
1) Commutazione a ingresso digitale con parametro P-15 (→ Tabella 22, pagina 92 e → Tabella 30, pagina 104)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 51


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.8.2 Collegamento dei cavi di comando


Il collegamento dei cavi di comando avviene senza schermatura. In ambienti
con carico EMC elevato o in caso di cavi di comando collegati esternamente
al quadro elettrico ad armadio (ad es. quadro di comando con cavo di
collegamento lungo), si consiglia il collegamento di un cavo schermato.
La schermatura in questo caso deve essere applicata su un solo lato nelle
dirette vicinanze dell'avviatore a velocità variabile DE1 (PES).

X1

+10...+24 V DC 1 2
+10 V
< 20 mA

15 mm
(0.59”)
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4
3
0V +10 V 1 2 3 4 2
Cu 2.5 mm
PES
PE
≦ 25 m (≦ 82 ft)

M4

PES ZB4-102-KS1

4K7
M M
FWD REV R1

Figura 41: Esempi di cablaggio morsetti di comando

L'esempio di cablaggio sopra riportato (figura 41) mostra il collegamento PE


su un solo lato (PES) della schermatura del cavo di comando con un
passacavo. I cavi di comando devono essere intrecciati.

→ Evitare di sciogliere le trecce della schermatura, ad esempio


spostando la guaina in plastica separata oltre l'estremità della
schermatura oppure per mezzo di una guaina di gomma
all'estremità della schermatura.

3.3.8.3 Sezioni di collegamento e lunghezze di spelatura


Le sezioni di collegamento e le lunghezze di spelatura sono riportate nella
tabella sottostante.

Tabella 8: Cavi di collegamento sui morsetti di comando

M3

mm2 mm2 AWG mm in Nm Lb-in mm

0,5 - 1,5 0,5 - 1 30 - 16 5 0,2 0,5 6 0,7 x 3

52 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.8.4 Esempi di cablaggio porta di comando


Tabella 9: Esempi di cablaggio con impostazione di fabbrica modalità 0 (P-15)
Morsetti di collegamento Descrizione

Funzione avviamento graduale


Partenza motore temporizzata con senso di rotazione preselezionato.
DI1 = Abilitazione campo di rotazione orario (FWD)
X1 A1/DI4 = Impostazione valore di riferimento (f-REF ), +10 V = frequenza massima 50/60 Hz
(P-09)
Tempo della rampa di accelerazione: 5 secondi (P-03),
+10...+24 V DC Con la disattivazione in DI1 si ha un arresto controllato con un tempo di ritardo di 5 secondi
+10 V (P-04).
< 20 mA
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

f
0V +10 V 1 2 3 4 [Hz]
FWD

f-REF

50
(60)

f-REF

5 5 t [s]

FWD

Avviatore a velocità variabile (Standard, impostazione di fabbrica)


X1 Partenza motore in entrambi i sensi di rotazione con numero di giri a regolazione variabile
DI1 = Abilitazione campo di rotazione orario (FWD)
DI2 = Abilitazione campo di rotazione antiorario (REV)
+10...+24 V DC DI3 = Frequenza fissa (FF1 = 20 Hz), supera il valore nominale della frequenza analogico,
+10 V variabile f-REF (0 - 10 V)
< 20 mA A1/DI4 = Impostazione valore di riferimento (f-REF ), 0 - 10 V = 0 fino a frequenza massima
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

50/60 Hz (P-09)
0V +10 V 1 2 3 4 Tempo della rampa di accelerazione: 5 secondi (P-03)
Tempo della rampa di ritardo: 5 secondi (P-04)
FWD

REV

FF1

f-REF

R1: Potenziometro valore di riferimento (ad es. valore fisso 4,7 kΩ)
f
[Hz]

R1 50
(60)
f-REF
20

5 t [s]
f-REF

5
FWD

FF1

REV

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 53


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

→ Il funzionamento dei morsetti di collegamento può essere


adeguato tramite:
• il selettore modalità del modulo di configurazione
DXE-EXT-SET,
• i parametri nel software di parametrizzazione
“drivesConnect”,
• i parametri tramite l'organo di comando esterno
DX-KEY-LED.

3.3.8.5 Ingresso analogico


Il morsetto di comando 4 (AI1/DI4) è predisposto per i segnali d'ingresso
analogici e digitali.
Nell'impostazione di fabbrica il morsetto di comando 4 è cablato come
ingresso analogico (AI1) per 0 - 10 V. Il potenziale di riferimento è il morsetto
di comando 0 V.
Una variazione della funzione richiede un adeguamento tramite il parametro
P-15.
Il parametro P-16 consente di impostare altri valori in ingresso analogici:
• 0 - 10 V (impostazione di fabbrica),
• 0 - 20 mA,
• 4 - 20 mA con monitoraggio circuito aperto (segnalazione di errore
< 3 mA),
• 4 - 20 mA con monitoraggio circuito aperto (< 3 mA: commutazione
guidata da rampa alla frequenza fissa FF1).

X1

+10...+24 V DC
+10 V
< 20 mA
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

0V +10 V 1 2 3 4
f-REF

U
f-REF
0...+10 V
(0/4...20 mA)

Figura 42: Esempio di cablaggio per una sorgente valore nominale analogica esterna

Con il parametro P-17 è possibile scalare i valori dell'ingresso analogico e con


P-18 è possibile invertirli.

→ L'impostazione parametri è descritta in → Tabella 32,


pagina 107.

54 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.8.6 Ingressi digitali


I morsetti di comando 1, 2 e 3 sono, come ingressi digitali (DI1, DI2, DI3),
identici in termini di funzionamento e modo d'azione. Nell'impostazione di
fabbrica, il morsetto di comando 4 è impostato come ingresso analogico AI1
e può essere attivato anche come ingresso digitale DI4 mediante il
parametro P-15.

X1

+10...+24 V DC
+10 V
< 20 mA
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4
0V +10 V 1 2 3 4
FWD

Figura 43: Esempio di cablaggio con quattro ingressi digitali


a Configurazione degli ingressi digitali in P-15 o con
modulo di configurazione DXE-EXT-SET (→ Tabella 10)

Tabella 10: Configurazione degli ingressi digitali in P-15


Modalità P-15 DI2 DI3 DI4

2 2 REV FF20 FF21


4 4 UP FF1 DOWN
5 5 UP EXTFLT DOWN
6 6 REV UP DOWN
7 7 FF20 EXTFLT FF21

Il pilotaggio degli ingressi digitali può avvenire con la tensione di comando


interna di +10 V (logica positiva) dal morsetto di comando +10 V oppure con
massimo +24 V da una sorgente di tensione esterna:
• 9 - 30 V = High (logico “1”)
• 0 - 4 V = Low (logico “0”)
Il potenziale di riferimento con tensione di comando esterna è il morsetto di
comando = 0 V.

→ Se si utilizza una sorgente di tensione esterna, assicurarsi che i


potenziali 0-V della sorgente di tensione esterna e dell'avviatore
a velocità variabile DE1 (0 V) siano collegati. L'ondulazione
residua della tensione di comando esterna deve essere inferiore
a ±5 % ΔUa/Ua.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 55


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

Tabella 11: Esempi di cablaggio degli ingressi digitali (Modalità 0)


Morsetti di collegamento Descrizione

Impostazione di fabbrica
X1
Pilotaggio degli ingressi digitali (DI1 - DI3) e
impostazione valore di riferimento (AI1) con la
+10...+24 V DC tensione di comando interna +10 V mediante il
+10 V potenziometro R1 (0 - 10 V).
< 20 mA

DI1

DI2

DI3

AI1
DI4
0V +10 V 1
FWD 2 3 4

REV

FF1

f-REF
R1

Alimentazione esterna della tensione di


X1 comando 24 V

Pilotaggio degli ingressi digitali (DI1 - DI3) con una


+10...+24 V DC tensione di comando esterna (+24 V).
+10 V
< 20 mA L'impostazione valore di riferimento avviene con la
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

tensione di comando interna +10 V mediante il


0V +10 V 1 2 3 4 potenziometro R1 (0 - 10 V).
FWD

REV

FF1

f-REF

R1

+24 V

Tensione di comando esterna via PLC


X1
Pilotaggio degli ingressi digitali (DI1 - DI3) con una
tensione di comando esterna (+24 V).
+10...+24 V DC
+10 V L'impostazione valore di riferimento avviene con un
< 20 mA segnale esterno (0 - 10 V).
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

0V +10 V 1 2 3 4 Nota:
Il potenziale di riferimento per le uscite analogiche e
FWD

REV

FF1

f-REF

digitali del PLC è 0 V.

+24 V

56 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.3 Installazione elettrica

3.3.8.7 Contatto relè (RUN)


I morsetti di comando 13 e 14 sono collegati al contatto di relè interno a
potenziale zero (contatto NA) dell'avviatore a velocità variabile DE1.
• Il contatto si chiude in presenza di un segnale di consenso (FWD, REV,
ENA) e se non è presente alcuna segnalazione di errore.
• Il contatto si apre solo se è presente una segnalazione di errore.
• Il contatto si apre alla disattivazione del segnale di consenso (FWD, REV,
ENA) e il motore si arresta in modo non guidato (impostazione di fabbrica
P-05 = 0).
• Il contatto si apre con un ritardo allo scadere del tempo di ritardo
impostato in P-04 (f2 = 0 Hz), se il segnale di consenso (FWD, REV, ENA)
viene disattivato.
• Il contatto si apre con un ritardo se il segnale di consenso (FWD, REV,
ENA) è disattivato e il motore viene portato a numero di giri 0 secondo la
rampa di decelerazione (tempo di rampa P-04).
I dati di collegamento dei morsetti di comando 13 e 14 sono:
• 250 V AC, max. 6 A AC1
• 30 V DC, max. 5 A DC1
Per un funzionamento senza anomalie, si consiglia di cablare le utenze
induttive (ad es. relè di accoppiamento, contattori):

13
Drive relay output
K1
K1 14 250 V ∼ ≦ 6 A, AC-1
I 30 V ⎓ ≦ 5 A, DC-1

13 14
Run

(-)

(+)
Varistor RC filter Diode
AC AC AC DC
DC

Figura 44: Esempi di cablaggio con circuito di protezione

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 57


3 Installazione
3.4 Interfaccia RJ45

3.4 Interfaccia RJ45


L'interfaccia RJ45 sul lato frontale consente un collegamento diretto con i
moduli di comunicazione e il collegamento bus di campo (→ Figura 46,
pagina 59).

L1/L L2/N
L3 

X1
PIN 8

PIN 7
RS485
RJ45

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 

Figura 45: Interfaccia RJ45

L'interfaccia RS485 interna trasmette il protocollo Modbus RTU


(→ Capitolo 7 „Modbus RTU“, pagina 111).

→ Gli avviatori a velocità variabile DE1 non dispongono di una


resistenza di terminazione bus interna.
All'occorrenza utilizzare DX-CBL-TERM o EASY-NT-R.

→ Per ulteriori informazioni sugli accessori, vedere il


→ Capitolo 9 „Accessori“, pagina 143.

→ Il modulo di configurazione DXE-EXT-SET è descritto


esaustivamente nel → Capitolo 5, „Modulo di configurazione
DXE-EXT-SET“.

58 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.4 Interfaccia RJ45

DX-KEY-LED

DE1-12... DE1-34...

L1/L L2/N L1/L L2/N


L3 L3 

l∼3m
(l ∼ 9.84 ft)

→ IL IL04012020Z

0 V +10 V 1 0 V +10 V 1
2 3 2 3 4
4 13 14 13 14

DX-COM-STICK U V W 
U V W 

→ IL IL040005ZU

DX-NET-SWD3

→ IL IL04012021Z Ready

DX-NET-SW
D3

I A
O
drivesConnect
ParameterEditor
DriveControl/Monitor
FunctionBlockEditor
Scope/DataLogger DX-CBL-1M5
Ready

→ IL IL040008ZU

→ MN MN04012009Z...

→ MN drivesConnect
MN040003... DXE-EXT-SET
→ IL IL040002ZU
Ramp
3s 5s
Fixed Freq.
1s
10s STATUS
0.1s
15s
180s
30s 60Hz
120s min
60s max
2 3 50Hz
1
4
0 SET
5
9 6

DX-COM-PCKIT 8
Mode
7 10%
I Motor
100%
DXE-EXT-SET

USB

6 5 4 3
2 1
PWR
RxD
→ IL IL040020ZU
TxD

SW
Serial

→ IL IL04012022Z

Figura 46: Composizione del sistema dell'interfaccia RJ45 dell'avviatore a velocità variabile
DE1

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 59


3 Installazione
3.5 Display a LED

3.5 Display a LED


Gli stati operativi dell'avviatore a velocità variabile DE1 sono visualizzati con
tre diodi luminosi (LED).

Run

Status

Fault Code

1 pulse - overload
2 pulses - external fault
3 pulses - over voltage
4 pulses - over current
5 pulses - over temperature

Figura 47: Indicatori LED con codici di errore (stampa sulla custodia)

I tre LED Run, Status e Fault Code segnalano i seguenti comportamenti:


LED Run:
• Segnale di RUN.
• Lampeggia (verde) ogni due secondi (con una frequenza di 4 Hz), quando
è presente la tensione di rete, quando è assente il segnale di consenso
su DI1 o DI2 e nessuna segnalazione di errore è attiva.
• Si accende (verde) quando è abilitato l'esercizio.
• Non si accende se l'alimentatore switching (SMPS) non funziona (ad es.
sottotensione alimentazione) e in presenza di un errore di comunicazione
interno (l'avviatore a velocità variabile DE1 è difettoso).
LED Status:
• Messaggio di stato
• Lampeggia rosso con una frequenza di 2 Hz e in combinazione con il LED
Fault Code in caso di sottotensione alimentazione.
• Si accende rosso in combinazione con il LED Fault Code in presenza di
un errore (l'avviatore a velocità variabile DE1 è difettoso).
LED Fault Code:
• Indicazione codice errore
• Lampeggia rosso (sequenza ciclica di intermittenza con tempo di pausa)
con il seguente numero
(1 x, 2 x, 3 x, …, 13 x) e a seguire 2 secondi di pausa (2 Hz + 2 s)
(→ Tabella 12).
• Lampeggia rosso con una frequenza di 2 Hz e in combinazione con il LED
Status in caso di sottotensione alimentazione.
• Si accende rosso in combinazione con il LED Status in caso di errore di
comunicazione interno (DE1 difettoso).
• Si accende giallo se è attiva la frenatura a corrente continua
dell'avviatore a velocità variabile DE1.

60 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.5 Display a LED

Tabella 12: Segnalazioni di errore del LED “Fault Code”


Fault Code (codice errore) Frequenza di intermittenza: 2 Hz, Significato della segnalazione di
(seguita da 2 secondi di pausa) errore

1 pulse - overload 1x Sovraccarico termico motore


2 pulses - external fault 2x Segnalazione di errore esterna
3 pulses - over voltage 3x Sovratensione
4 pulses - over current 4x Sovracorrente
5 pulses - over temperature 5x Surriscaldamento
6x Errore nello stadio di potenza
7x Errore di comunicazione
8x Impostazione di fabbrica dei parametri
9x Ondulazione residua DC
10 x Errore live-zero
11 x Temperatura insufficiente
12 x Errore termistore
13 x Errore dati

→ Una descrizione dettagliata delle segnalazioni di errore è


riportata nel → Capitolo 10 „Segnalazioni d'errore“, pagina 163.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 61


3 Installazione
3.6 Schema a blocchi

3.6 Schema a blocchi


I seguenti schemi a blocchi mostrano tutti i morsetti di collegamento dell'
avviatore a velocità variabile DE1 e il loro funzionamento nell'impostazione di
fabbrica.

3.6.1 DE1-12…FN-…
1 AC 230 V
50/60 Hz PE

L1/L L2/N L3  DE1


X1
6 A, 250 V AC
5 A, 30 V DC
+10...+24 V DC
+10 V
< 20 mA

DI1

DI2

DI3

AI1
DI4
U V W  0V +10 V 1 2 3 4 13 14
RUN Mode 0
FWD

REV

FF1

f-REF
PES
R1
4K7
M 
3~ 3 AC 230 V

Figura 48: Schema a blocchi DE1-12…FN-…


Avviatore a velocità variabile con tensione di alimentazione monofase e filtro
soppressione radiodisturbi interno

3.6.2 DE1-12…NN-…
1 AC 230 V
50/60 Hz PE

L1/L L2/N L3  DE1


X1
6 A, 250 V AC
5 A, 30 V DC
+10...+24 V DC
+10 V
< 20 mA
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

U V W  0V +10 V 1 2 3 4 13 14
RUN Mode 0
FWD

REV

FF1

f-REF

PES
R1
4K7
M 
3~ 3 AC 230 V

Figura 49: Schema a blocchi DE1-12…NN-…


Avviatore a velocità variabile con tensione di alimentazione monofase
senza filtro soppressione radiodisturbi interno

62 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


3 Installazione
3.6 Schema a blocchi

3.6.3 DE1-34…FN-…
3 AC 400/480 V
50/60 Hz PE

L1/L L2/N L3  DE1


X1
6 A, 250 V AC
5 A, 30 V DC
+10...+24 V DC
+10 V
< 20 mA

DI1

DI2

DI3

AI1
DI4
U V W  0V +10 V 1 2 3 4 13 14
RUN Mode 0

FWD

REV

FF1

f-REF
PES
R1
4K7
M 
3~ 3 AC 400/460 V

Figura 50: Schema a blocchi DE1-34…FN-…


Avviatore a velocità variabile con tensione di alimentazione trifase e filtro
soppressione radiodisturbi interno

3.6.4 DE1-34…NN-…
3 AC 400/480 V
50/60 Hz PE

L1/L L2/N L3  DE1


X1
6 A, 250 V AC
5 A, 30 V DC
+10...+24 V DC
+10 V
< 20 mA
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

U V W  0V +10 V 1 2 3 4 13 14
RUN Mode 0
FWD

REV

FF1

f-REF

PES
R1
4K7
M 
3~ 3 AC 400/460 V

Figura 51: Schema a blocchi DE1-34…NN-…


Avviatore a velocità variabile con tensione di alimentazione trifase
senza filtro soppressione radiodisturbi interno

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 63


3 Installazione
3.6 Schema a blocchi

64 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


4 Funzionamento
4.1 Lista di controllo per la messa in servizio

4 Funzionamento

4.1 Lista di controllo per la messa in servizio


Prima di mettere in funzione l'avviatore a velocità variabile, verificare i
seguenti punti (lista di controllo):

Tabella 13: Lista di controllo per la messa in servizio


N°. Attività Spazio per le note del lettore

1 Il montaggio e il cablaggio sono stati eseguiti in conformità


alle istruzioni di montaggio (→ IL040005ZU).
2 Eventuali residui dell'operazione di cablaggio, pezzi di cavi e
tutti gli attrezzi utilizzati sono stati allontanati dalle vicinanze
dell'avviatore a velocità variabile, del motore e delle parti
mobili della macchina.
3 Tutti i morsetti di collegamento nello stadio di potenza e nella
porta di comando sono serrati alla coppia indicata.
4 I cavi collegati ai morsetti di derivazione (U, V, W)
dell'avviatore a velocità variabile non sono in cortocircuito,
né collegati a terra (PE).
5 L'avviatore a velocità variabile è correttamente messo a terra
e collegato a PE. I morsetti di collegamento sono
contrassegnati con il segno di terra .
6 Tutti i collegamenti elettrici nello stadio di potenza sono
eseguiti correttamente e sono stati posati in conformità ai
requisiti.
DE1-12… L1/L, L2/N e PE
DE1-34… L1/L, L2/N, L3 e PE
Motore U, V, W e PE
7 Ogni fase della tensione di alimentazione (L o L1, L2, L3)
è protetta da un fusibile o da un interruttore protettore.
8 L'avviatore a velocità variabile DE1 e il motore sono adatti
alla tensione di rete.
DE1-12…: 220 - 240 V ±10 %
DE1-34…: 380 - 480 V ±10 %
Motore: tipo di collegamento (stella, delta)
9 La qualità e la quantità di aria fredda corrispondono alle
condizioni ambientali richieste per l'avviatore a velocità
variabile DE1 e il motore.
10 Tutti i cavi di comando e le apparecchiature garantiscono le
condizioni di Stop.
11 Il senso di azione di una macchina accoppiata consente di
avviare il motore (→ controllare la sequenza fasi U, V, W o la
direzione del campo di rotazione FWD o REV).
12 Tutte le funzioni di arresto di emergenza e di protezione sono
in perfette condizioni.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 65


4 Funzionamento
4.2 Note per il funzionamento

4.2 Note per il funzionamento


Rispettare le seguenti note.

PERICOLO

 La messa in servizio può essere svolta solo da personale


specializzato e qualificato.

PERICOLO

 Tensione elettrica pericolosa.


Rispettare le norme di sicurezza alle pagine I e II.

PERICOLO

 I componenti nello stadio di potenza dell'avviatore a velocità


variabile DE1 si trovano sotto tensione quando la tensione di
alimentazione (tensione di rete) è collegata. Per esempio i
morsetti di potenza L1/L, L2/N, L3, U, V, W.
I morsetti di comando sono isolati dal potenziale di rete.
Sui morsetti dei relè (13, 14) può essere presente una tensione
pericolosa anche quando l'avviatore a velocità variabile non è
alimentato dalla rete elettrica (per esempio per l'integrazione dei
contatti di relè in comandi con tensioni > 48 V AC / 60 V DC).

PERICOLO

 Anche dopo la disinserzione della tensione di alimentazione,


i componenti nello stadio di potenza dell' avviatore a velocità
variabile DE1 restano sotto tensione ancora fino a 5 minuti
(tempo di scaricamento dei condensatori DC link).

Rispettare le note!

PERICOLO

 Dopo lo spegnimento (per anomalie, interruzione della tensione


di rete), il motore può riavviarsi automaticamente al ritorno della
tensione di alimentazione, se è stata attivata la funzione di
riavvio automatico (→ Parametro P-31).

66 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


4 Funzionamento
4.2 Note per il funzionamento

ATTENZIONE
Non è consentito il funzionamento con comandi ad impulsi
attraverso il contattore di linea.
Sul lato motore i contattori e gli apparecchi di comando
(interruttori di riparazione e di manutenzione) non devono essere
aperti durante il funzionamento del motore.
Non è consentito il funzionamento ad impulsi del motore
attraverso contattori e apparecchi di comando sull'uscita
dell'avviatore a velocità variabile DE1.

ATTENZIONE
Controllare che l'avvio del motore non dia origine a situazioni di
pericolo. Disaccoppiare la macchina azionata se insorge una
situazione di pericolo in presenza di uno stato operativo errato.

→ Se occorre utilizzare motori con frequenze superiori alle


frequenze standard di 50 o 60 Hz, questi ambiti di esercizio
devono essere autorizzati dal costruttore del motore. In caso
contrario possono verificarsi danni ai motori.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 67


4 Funzionamento
4.3 Messa in servizio con impostazione di fabbrica

4.3 Messa in servizio con impostazione di fabbrica


Di seguito è riportato un esempio di cablaggio semplificato per l'esercizio
all'impostazione di fabbrica:

Esempi di cablaggio Morsetto Designazione

L1/L Collegamento alla rete monofase Collegamento alla rete trifase


L1 L2 L3 PE
(DE1-12…) (DE1-34…)
L2/N
L3 –
L N PE
 Presa di terra (PE)
L1/L L2/N L3  Ponticello di collegamento dal filtro EMC interno alla presa di terra – solo
per DE1-…FN-…
0V Potenziale di riferimento (0 V)
+10 V Tensione di comando interna +10 V (uscita, massimo 20 mA)
U V W  0V +10 V 1 4
1 FWD, consenso avviamento campo di rotazione orario
FWD

REF

4 Valore nominale della frequenza (ingresso f-REF 0 - +10 V) del


potenziometro R1
U Collegamento per motore a corrente alternata trifase
M R1 (Motore trifase)
3~  V
W
 Presa di terra (PE), schermatura cavo motore (PES)
Ponticello di collegamento dal filtro EMC interno alla presa di terra – solo
per DE1-…FN-…

▶ Collegare l'avviatore a velocità DE1variabile seguendo l'esempio di


cablaggio sopra riportato per la semplice messa in servizio con
l'impostazione di fabbrica predefinita (vedere l'esempio di cablaggio in alto).
Il potenziometro valore di riferimento dovrebbe avere una resistenza fissa da
1 kΩ a massimo 10 kΩ (collegamento morsetti di comando +10V e 0V).
In questo caso è consigliato un valore di 4,7 kΩ.

→ Se i collegamenti del potenziometro del valore di riferimento non


possono essere assegnati in maniera univoca ai morsetti 0 V, +10 V
e 4, è necessario impostare il potenziometro al 50% circa prima di
impartire per la prima volta un consenso all'avviamento (FWD).

→ Verificare che il contatto di abilitazione (FWD) sia aperto prima di


attivare la tensione di rete.
Applicando la tensione di alimentazione prevista ai morsetti di collegamento
rete (L1/L e L2/N per DE1-12… o L1/L, L2/N e L3 per DE1-34…)
l'alimentatore switching (SMPS) nel circuito intermedio genera la tensione di
comando e il LED Run lampeggia verde. L'avviatore a velocità variabile DE1 è
pronto al funzionamento (stato operativo corretto) e nella modalità STOP.
Il consenso all'avviamento avviene mediante il pilotaggio del morsetto di
comando 1 con +10 V: il LED Run si illumina (luce permanente).
Il potenziometro R1 può essere impostato al valore della velocità desiderato
per il motore.
68 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com
5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.1 Designazione su DXE-EXT-SET

5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET

Ramp
3s 5s
Fixed Freq.
1s
10s STATUS
0.1s
15s
180s
30s 60Hz
120s min
60s max
2 3 50Hz
1
4
0 SET
5
9 6
8 7 25% 100%
Mode
I Motor
DXE-EXT-S
ET

Figura 52: Modulo di configurazione DXE-EXT-SET

Il modulo di configurazione DXE-EXT-SET consente di modificare facilmente


le impostazioni di base dell'avviatore a velocità variabile DE1, senza dover
utilizzare un organo di comando o un PC. DXE-EXT-SET opera come una
memoria parametri meccanica. Per le macchine in serie è possibile, ad
esempio, trasmettere (copiare) i valori impostati con il modulo di
configurazione (LED di stato acceso verde) ad altri avviatori a velocità
variabile DE1 della stessa grandezza (pulsante SET).

→ Il modulo di configurazione DXE-EXT-SET è un'unità opzionale e


non è compreso nell'entità della fornitura dell'avviatore a
velocità variabile DE1.

5.1 Designazione su DXE-EXT-SET


⑧ ⑨ ①

Ramp
3s 5s
Fixed Freq.

0.1s
1s
10s STATUS ②
15s

⑦ 180s
120s 60s
30s
min
max
60Hz
2 3 50Hz
1
4
0
5
SET ③
⑥ 9
8 7
6
25% 100%
Mode
I Motor
DXE-EXT-S
ET ④

Figura 53: Designazioni su DXE-EXT-SET
a Visualizzazione di stato LED
b Clip di fissaggio per avviatore a velocità variabile DE1
c Selettore 50/60 Hz – per l'adattamento delle impostazioni di base alla frequenza di rete
d Pulsante SET – per la trasmissione dei valori di regolazione modificati nell'avviatore a velocità
variabile DE1
e Potenziometro I Motor – per l'adattamento della protezione motore (valore I2t)
f Selettore Mode per la configurazione delle funzioni dei morsetti di comando
g Selettore Ramp – per l'impostazione dei tempi di rampa (accelerazione e ritardo)
h Potenziometro Fixed Freq. – per la regolazione della frequenza fissa FF1 tra il valore minimo e il valore
massimo della frequenza
i Mode, panoramica per la configurazione dei morsetti di comando

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 69


5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.2 Montaggio/smontaggio sull'avviatore a velocità variabile DE1

5.2 Montaggio/smontaggio sull'avviatore a velocità variabile DE1


Il modulo di configurazione DXE-EXT-SET viene inserito nella presa RJ45 e
nelle due aperture a incastro per la clip di fissaggio dell'avviatore a velocità
variabile DE1.

→ Il montaggio e lo smontaggio del modulo di configurazione


DXE-EXT-SET vengono eseguiti a mano, senza strumenti.
Eseguire le operazioni di montaggio necessarie e le impostazioni
senza forzare.

→ Il modulo di configurazione DXE-EXT-SET può essere inserito e


rimosso durante l'esercizio (LED Run illuminato).

L1/L L2/N
L3  L1/L L2/N
L3 

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 
2 U V W 

Figura 54: Montaggio e smontaggio

Normalmente il modulo di configurazione DXE-EXT-SET non rimane inserito


nell'esercizio continuativo. Una variazione involontaria delle posizioni
dell'interruttore e dei valori di regolazione non è generalmente possibile nello
stato di inserito, essendo necessari uno strumento e il comando di
trasmissione (SET), che è possibile solo nello stato STOP.
Tuttavia occorre verificare che sia possibile una variazione intenzionale di tutti
i valori regolabili meccanicamente fintantoché il modulo di configurazione è
inserito.
Per lo smontaggio premere le due clip di fissaggio [1] e tirare il modulo di
configurazione in avanti [2].

70 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.3 Descrizione e operazioni

5.3 Descrizione e operazioni


Per eseguire regolazioni sul potenziometro e sul commutatore rotante del
modulo di configurazione DXE-EXT-SET è necessario un cacciavite a "taglio"
(0,4 x 2,5 mm).

Ramp
3s 5s
Fixed Freq.
1s
10s STATUS
0.1s
15s
180s
30s 60Hz
120s min
60s max
2 3 50Hz
1
4
0 SET
5
9 6
8 7 25% 100%
Mode
I Motor
DXE-EXT-SET

Figura 55: Cacciavite (0,4 x 2,5 mm)

La “modifica meccanica delle impostazioni (parametri)” può avvenire con


modulo di configurazione DXE-EXT-SET inserito e disinserito dalla partenza
motore DE1 (fuori esercizio).

ATTENZIONE
Modifica delle impostazioni specifiche dell'azionamento!

Se in un avviatore a velocità variabile DE1 già impostato, dopo


l'inserimento di un modulo di configurazione DXE-EXT-SET “non
definito”, il LED STATUS (del DXE-EXT-SET) si illumina giallo, è
possibile modificare le impostazioni specifiche dell'azionamento
premendo il tasto SET (nella modalità STOP).

Per esempio:
• Configurazione dei morsetti di comando (Modalità = P-15)
• Limitazione di corrente (I Motor = P-08)
• Tempi di accelerazione e ritardo (Ramp = P-03 e P-04)
• Valore della frequenza fissa (FF1 = P-20)
• Tutti i valori dei parametri basati sulla frequenza base
(50/60 Hz → P-01)

→ I parametri dell'avviatore a velocità variabile DE1 possono


essere protetti da modifica (sovrascrittura) tramite il software di
parametrizzazione drivesConnect o l'organo di comando
DX-KEY-LED, impostando il parametro P-39 = 1 (blocco
parametri)
Eccezione:
Anche a parametri bloccati, il valore di P-20 (FF1) può essere
modificato con il potenziometro Fixed Freq. del modulo di
configurazione DXE-EXT-SET.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 71


5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.3 Descrizione e operazioni

L'elenco seguente descrive le operazioni e le funzioni degli elementi di


comando e visualizzazione del modulo di configurazione DXE-EXT-SET nello
stato di inserito e pronto al funzionamento dell'avviatore a velocità variabile
DE1 (LED Run illuminato).

Tabella 14: Funzioni degli elementi di comando e visualizzazione in DXE-EXT-SET


Elemento Comportamento Descrizione

verde LED STATUS


I valori di regolazione sono identici ai valori dei parametri nell'avviatore a velocità variabile DE1.
giallo I valori di regolazione non sono identici ai valori dei parametri in DE1.
STATUS Esempio:
• i valori di regolazione del modulo di configurazione inserito e adattato DXE-EXT-SET (LED
STATUS illuminato verde) sono stati modificati,
• un modulo di configurazione DXE-EXT-SET con altri valori di regolazione è stato inserito.
verde – lampeggiante Nella modalità STOP è stato azionato il tasto SET per circa 2 secondi. Tutti i valori di regolazione di
lentamente (3 x per 2 s), DXE-EXT-SET vengono trasferiti nei parametri dell'avviatore a velocità variabile DE1.
poi verde fisso La luce permanente verde indica poi la conclusione con esito positivo del trasferimento dei dati.
lampeggiante Il tasto SET è stato azionato brevemente (< 1 s). Il potenziometro Fixed Freq. è attivo e sovrascrive
rapidamente (4 Hz) direttamente il valore nel parametro P-20 (FF1) dell'avviatore a velocità variabile DE1.
Nota:
Nella modalità RUN e con segnale di consenso FF1 sul morsetto di comando assegnato (v. Mode 0,
2 , 3, 4, 7, 8 = P-15) è possibile impostare direttamente il numero di giri dell'azionamento.
Premendo nuovamente il tasto SET il valore attuale del potenziometro Fixed Freq viene memorizzato
in P-20.

60 Hz Selettore 50/60-Hz
Il selettore per la frequenza di rete consente un adattamento automatico per i calcoli nel modello motore
e nei parametri della curva caratteristica (ad es. frequenza max., curva caratteristica U/f, controllo
50 Hz velocità, ecc.) per il funzionamento dei motori con queste frequenze standardizzate (50/60 Hz).

SET Pulsante SET


• Il tasto SET attiva la trasmissione di tutti i valori impostati “meccanicamente” del modulo di
configurazione DXE-EXT-SET nei rispettivi parametri di DE1, se premuto per circa 2 secondi nella
modalità STOP. Durante la trasmissione il LED STATUS lampeggia tre volte per 2 secondi e
diventa acceso fisso verde alla conclusione del trasferimento dati.
• Nella modalità RUN un breve azionamento del tasto SET (< 1 secondi) attiva la trasmissione
diretta dei valori di regolazione dal potenziometro Fixed Freq. nel parametro P-20 (FF1)
dell'avviatore a velocità variabile DE1. Per terminare questa impostazione, premere nuovamente
il tasto SET.
• In una modalità operativa con istruzione di comando attiva FF1 (Mode 0, 2, 3, 4, 7, 8) è possibile
impostare direttamente il numero di giri dell'azionamento con il potenziometro Fixed Freq.

Ramp
Selettore Ramp
3s 5s 0,1 s / 1 s / 3 s / 5 s / 10 s / 15 s / 30 s / 60 s / 120 s / 180 s
1s 10s Il selettore a 10 posizioni Ramp consente di selezionare un tempo di accelerazione (P-03) e un tempo
di ritardo (P-04) regolato in modo fisso. Il tempo di rampa selezionato deve essere attivato con il tasto
0.1s 15s
SET (azionato per 2 secondi) nella modalità STOP (il LED STATUS lampeggia tre volte per 2 secondi
180s 30s e successivamente diventa verde fisso).
120s 60s
f2
[Hz]
P-09 = Frequenza P-09
nominale del motore

P-03 P-04 t [s]

72 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.3 Descrizione e operazioni

Elemento Comportamento Descrizione

Potenziometro Fixed. Freq.


Fixed Freq. Con il potenziometro Fixed Freq. è possibile regolare in modo continuo il valore nominale della
frequenza tra i due valori limite f-min (P-02) e f-max (P-01). Il potenziometro è attivo se è stato
azionato il tasto SET (< 1 secondo). Il LED STATUS lampeggia con una frequenza di 4 Hz.
Il potenziometro Fixed Freq. sovrascrive direttamente il valore del parametro P-20 (frequenza fissa
FF1) dell'avviatore a velocità variabile DE1.
min max

Nota:
Nella modalità RUN e con segnale di consenso FF1 sul morsetto di comando assegnato (v. Mode 0,
2, 3, 4, 7, 8 = P-15) è possibile impostare direttamente il numero di giri dell'azionamento. Azionando
brevemente ancora una volta il tasto SET, il valore della frequenza trasmesso viene memorizzato in
P-20.
Potenziometro I Motor
Il potenziometro I Motor permette, per la funzione di protezione motore (I2t), di regolare il valore della
corrente del motore (P-08) tra il 10 % e il 100 % della corrente nominale d'impiego dell'avviatore a
velocità variabile DE1. Il valore percentuale impostato deve essere attivato con il tasto SET (azionato
per 2 secondi) nella modalità STOP (il LED STATUS lampeggia tre volte per 2 secondi e
10% 100%
Esempio: successivamente diventa verde fisso).
I Motor
Tensione di rete:
ULN = 400 V → P-07

Avviatore a velocità L1/L L2/N


L3
P-07 P-08
variabile: DE1-342D1

→ 2,1 A = P-08

Corrente nominale
motore:
I Motor = 1,9 A → ~90 % 230/400 V △ 3.2/1.9 A
(P-08) 0,75 KW cosϕ 0.79
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 
1410 mi n-1 50 Hz
Collegamento: a stella

U1 V1 W1
P-10 P-09
W2 U2 V2

Digital Inputs Function Select (Mode)


Selettore Mode
0 = FWD/REV/FF1/REF 5 = FWD/UP/EXTFLT/DOWN
Il selettore a 10 posizioni Mode consente di configurare i morsetti di comando dell'avviatore a
1 = FWD/REV/EXTFLT/REF 6 = FWD/REV/UP/DOWN velocità variabile DE1.
0 1
2 = FWD/REV/FF2 /FF2 7 = FWD/FF20/EXTFLT/FF21 Il selettore Mode può essere utilizzato esclusivamente nell'impostazione P-12 = 0.
3 = FWD/FF1/EXTFLT/REF 8 = ENA/DIR/FF1/REF
4 = FWD/UP/FF1/DOWN 9 = ENA/DIR/EXTFLT/REF Abbreviazioni e denominazione delle funzioni:

FWD = campo di rotazione orario (comando di avvio)


REV = campo di rotazione antiorario (comando di avvio)
1s
Ramp
3s 5s
Fixed Freq.
FF1 = frequenza fissa 1 (20 Hz = P-20)
0.1s

180s
10s

15s

30s
STATUS

60Hz
REF = valore nominale della frequenza (ingresso analogico 0 - +10 V)
EXT FLT = segnalazione di errore esterna (in caso di circuito aperto)
120s min
60s max
2 3 50Hz
1
4

FF0, FF1 = frequenze fisse (in codice binario)


0 SET
5
9 6
8 7 10% 100%
Mode
I Motor
DXE-EXT-SET UP = aumentare il valore nominale della frequenza
DOWN = ridurre il valore nominale della frequenza
ENA = segnale di consenso in combinazione con DIR
DIR = inversione del senso di rotazione (L = FWD ↔ H = REV)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 73


5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.3 Descrizione e operazioni

Elemento Comportamento Descrizione

Modalità 0
Impostazione di fabbrica 0V +10 V 1 2 3 4
Con due sensi di rotazione (FWD, REV) e valore

FWD

REV

FF1

f-REF
nominale della frequenza mediante potenziometro
(0 - +10 V) o frequenza fissa (FF1 = 20 Hz).

Modalità 1
Segnalazione di errore esterna 0V +10 V 1 2 3 4 Nota:
Con due sensi di rotazione (FWD, REV) e valore
FWD

REV

EXTFLT

f-REF
Tenere conto della classe di
nominale della frequenza mediante potenziometro isolamento in caso di termistori
(0 - +10 V). collegati direttamente!
All'ingresso DI3 può essere collegata una
segnalazione di errore esterna (EXT FLT). Per il
funzionamento è necessario applicare un segnale
High (= tensione di comando) a DI3 (a prova di
rottura del filo).

Con contatto aperto (Low) nell'avviatore a velocità +10 V 3


variabile DE1 viene visualizzata la segnalazione di
EXTFLT

Esempio di segnalazione di errore esterna:


errore a LED:
ϑ

Collegamento di termistori (PTC).


ϑ

• Stato: LED rosso illuminato M


3~
• Fault Code: LED rosso lampeggiante, a 2 La segnalazione di errore ha luogo a partire da 3600 Ω e
impulsi per valori inferiori a 1600 Ω viene resettata
ϑ

(2 pulses –external fault) automaticamente (Reset).


Modalità 2
0V +10 V 1 2 3 4
Frequenze fisse (1)
FWD

REV

FF20

FF21

Con due sensi di rotazione (FWD, REV) e valore


nominale della frequenza fisso tramite ingressi con
codice binario.

Frequenza FF20 FF21 f2 PNU


fissa
FF1 l l 20 Hz P-20
FF2 H l 30 Hz P-21
FF3 l H 40 Hz P-22
FF4 H H 50 Hz P-23

Modalità 3
0V +10 V 1 2 3 4
un senso di rotazione (FWD)
FWD

FF1

EXTFLT

f-REF

Valore nominale della frequenza mediante


potenziometro (0 - +10 V) o frequenza fissa
(FF1 = 20 Hz).
All'ingresso DI3 è possibile collegare una
segnalazione di errore esterna (EXTFLT)
(v. Mode 1).

74 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.3 Descrizione e operazioni

Elemento Comportamento Descrizione

Modalità 4
0V +10 V 1 2 3 4
valore di riferimento digitale (1), un senso di

FWD

UP

FF1

DOWN
rotazione (FWD).
Il valore nominale della frequenza può essere
preimpostato come frequenza fissa (FF1 = 20 Hz) o
come valore di riferimento digitale. Con l'istruzione
di comando UP il valore digitale nominale della
frequenza aumenta e con DOWN si riduce.
Impartendo contemporaneamente il comando UP e
DOWN, prevale DOWN.
Modalità 5
0V +10 V 1 2 3 4
valore di riferimento digitale (2)

FWD

UP

EXTFLT

DOWN
Un senso di rotazione (FWD) con preimpostazione
del valore nominale digitale della frequenza
tramite le istruzioni di comando UP (per aumentare)
e DOWN (per ridurre). Impartendo
contemporaneamente i comandi UP e DOWN, il
valore nominale della frequenza si azzera.
All'ingresso DI3 è possibile collegare una
segnalazione di errore esterna (EXTFLT)
(v. Mode 1).
Modalità 6
0V +10 V 1 2 3 4
valore di riferimento digitale (3)
FWD

REV

UP

DOWN
Due sensi di rotazione (FWD, REV) con
preimpostazione del valore nominale digitale della
frequenza tramite le istruzioni di comando UP
(per aumentare) e DOWN (per ridurre).
Impartendo contemporaneamente i comandi UP e
DOWN, prevale il comando DOWN.
Modalità 7
0V +10 V 1 2 3 4
Frequenze fisse (2)
FWD

FF20

EXTFLT

FF21

Un senso di rotazione (FWD) e valore nominale della


frequenza fissa tramite gli ingressi con codice
binario:

Frequenza FF20 FF21 f2 PNU


fissa
FF1 l l 20 Hz P-20
FF2 H l 30 Hz P-21
FF3 l H 40 Hz P-22
FF4 H H 50 Hz P-23

All'ingresso DI3 è possibile collegare una


segnalazione di errore esterna (EXTFLT) (v. Mode 1).
Modalità 8
0V +10 V 1 2 3 4
Comando macchine (1)
ENA

DIR

FF1

f-REF

Segnale di consenso ENA.


Il senso di rotazione si determina in funzione
dell'istruzione di comando DIR (Low = FWD/ High =
REV). Il valore nominale della frequenza viene
preimpostato mediante il potenziometro (0 - +10 V)
o la frequenza fissa (FF1 = 20 Hz).

Nota:
In caso di rottura del filo in DI2 (DIR = REV) si
verifica automaticamente un'inversione del senso
di rotazione (FWD)!

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 75


5 Modulo di configurazione DXE-EXT-SET
5.3 Descrizione e operazioni

Elemento Comportamento Descrizione

Modalità 9
0V +10 V 1 2 3 4
comando macchina (2), segnale di consenso ENA

ENA

DIR

EXTFLT

f-REF
Il senso di rotazione si determina in funzione
dell'istruzione di comando DIR (Low = FWD/ High =
REV). Il valore nominale della frequenza viene
preimpostato mediante il potenziometro
(0 - +10 V).
All'ingresso DI3 è possibile collegare una
segnalazione di errore esterna (EXTFLT)
(v. Mode 1).

Nota:
In caso di rottura del filo in DI2 (DIR = REV) si
verifica automaticamente un'inversione del senso
di rotazione (FWD)!

76 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro

6 Parametro
Di seguito sono descritti i parametri e le funzioni dell'avviatore a velocità
variabile DE1. I parametri possono essere richiamati tramite l'interfaccia
RJ45 posta sul frontale e richiedono un convertitore d'interfaccia opzionale
per la visualizzazione e l'impostazione:
• Organo di comando DX-KEY-LED (a partire dalla versione 1.2) con
rispettivo cavo Patch da 3 m con connettori RJ45
• Convertitore d'interfaccia DX-CBL-PC-1M5 (da RJ45 a USB, con
separazione galvanica e cavo da 1,5 m) per il collegamento al PC con
software di parametrizzazione drivesConnect.
• Pen drive di comunicazione DX-COM-STICK per copiare e memorizzare i
parametri su altri apparecchi della serie DE1 e per il collegamento
wireless (Bluetooth) ad un PC con software di parametrizzazione
drivesConnect.

→ I convertitori d'interfaccia qui indicati non rientrano nella


fornitura dell'avviatore a velocità variabile DE1.

L1/L L2/N
L3 

1 2 3 4 5 6 7 8

RJ45

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 

Figura 56: Interfaccia RJ45

Tabella 15: Occupazione PIN dell'interfaccia RJ45


Pin Descrizione

1 Non occupato (nessuna funzione)


2 Non occupato (nessuna funzione)
3 0V
4 OP-Bus (Operazione Bus) / Organo di comando esterno / Collegamento PC
5 OP-Bus (Operazione Bus) / Organo di comando esterno / + Collegamento PC
6 +24 V, tensione di alimentazione DC
7 RS485- / Modbus RTU (A)
8 RS485+ / Modbus RTU (B)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 77


6 Parametro
6.1 Organo di comando DX-KEY-LED

6.1 Organo di comando DX-KEY-LED


L'organo di comando opzionale DX-KEY-LED (a partire dalla versione 1.2)
dell'avviatore a velocità variabile DE1, fornito con un cavo di collegamento da
3 m (cavo patch con connettore RJ45), consente una facile
parametrizzazione.
Il collegamento avviene tramite l'interfaccia RJ45 posta sul frontale
dell'avviatore a velocità variabile DE1.

→ L'organo di comando DX-KEY-LED non rientra nella fornitura


dell'avviatore a velocità variabile DE1.

Vista
(Display)

Elementi di comando
(tasti)

Figura 57: Vista dell'organo di comando DX-KEY-LED

78 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.1 Organo di comando DX-KEY-LED

Tabella 16: Descrizione dell'organo di comando DX-KEY-LED


Elemento dell'organo di Spiegazione
comando

Display LED a 7 segmenti


a sei cifre con punti decimali

Pulsante START
Avvio motore con il senso di rotazione preselezionato (FWD, REV):
• vedere parametri P-12 (z. B. P-12 = 1)
• Segnale di consenso (+10 - 24 V) su DI1 (FWD) o DI2 (REV)

Nota:
Con P-24 = 2 o 3 il pulsante START è bloccato.
Pulsante STOP
• Arresta il motore in moto nella modalità STOP impostata in P-05:
• vedere parametri P-12 (z. B. P-12 = 1)
• Segnale di consenso (+10 - 24 V) su DI1 (FWD) o DI2 (REV)
• Esempio P-05 = 1, l'azionamento si arresta con il tempo di ritardo impostato in P-04
• Reset – ripristino (tacitazione) dopo una segnalazione di errore

Nota:
Con P-24 = 2 o 3 il pulsante STOP è bloccato.
Tasto OK
• Il valore visualizzato passa da Hz o rpm a A… e viceversa
• Attivazione dell'immissione dei parametri (modalità di editing, tenere premuto per 2 s)
• Valore del parametro, attivazione della modifica (il valore visualizzato lampeggia)
• Memorizzazione, conferma e attivazione del valore del parametro impostato (tenere
premuto per 2 s)
Pulsante UP
• Aumento del valore numerico o del numero parametro (esponenzialmente)
• Aumento della frequenza di uscita (velocità del motore) (vedere parametri P-12 e P-24)

Pulsante DOWN
• Riduzione del valore numerico o del numero parametro (esponenzialmente)
• Riduzione della frequenza di uscita (velocità del motore) (vedere parametri P-12 e P-24)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 79


6 Parametro
6.1 Organo di comando DX-KEY-LED

Display LED a 7 segmenti


L'unità di visualizzazione è costituita da un display LED a 7 segmenti e sei
cifre con cinque punti decimali. I segmenti LED si accendono rossi.

Figura 58: Display LED a 7 segmenti

→ In caso di sovraccarico motore (vedere parametro P-08)


lampeggiano i cinque punti decimali.

→ In caso di blocco parametri (vedere parametro P-39) nel


segmento a sinistra è visualizzata una L(Lock, blocco).
Applicando la tensione di alimentazione prevista (morsetti di collegamento
L1/L, L2/N, L3) l'avviatore a velocità variabile DE1 esegue automaticamente
un autotest. Nel display dell'organo di comando collegato lampeggiano in
successione Scan-Load e, in funzione della modalità operativa, Stop
oppure i valori operativi (Hz, rpm, A).

6.1.1 Combinazioni di tasti


Tabella 17: Combinazioni di tasti degli organi di comando
Funzione Combinazione di tasti

Indirizzo dell'organo di comando + +


(porta Keypad) in un OP-Bus

Indirizzo dell'avviatore a velocità +


variabile DE1

Prova ventilatore e display (FS2) + + + +


1)
1) Azionare prima il pulsante

80 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.1 Organo di comando DX-KEY-LED

6.1.2 Struttura dei parametri


In combinazione con l'organo di comando DX-KEY-LED i parametri
nell'avviatore a velocità variabile DE1 sono disposti in serie in un circuito
chiuso (in senso figurato). La selezione avviene azionando il pulsante OK
(premuto per 2 secondi), a partire da P-01. Con i due tasti freccia
(UP, DOWN) è possibile selezionare progressivamente tutti i parametri
fino a P-14.
Il set parametri estesi si apre nel parametro P-14 immettendo 101
(= P-38, impostazione di fabbrica) e viene integrato nel circuito.
Con P-00 nel set parametri estesi, azionando il tasto OK si apre un ulteriore
circuito con parametri visualizzati (da P00-01 a P00-20).

P-00 P00-01

P-01 P-01
P00-02
P-02 P-02

P-03 P-03 P00-03

P-14 101 P-14 P00-20


(P-38)
P-15

P-16

P-41

Figura 59: Struttura dei parametri

→ Il valore per l'abilitazione del set parametri estesi è determinato


dal parametro P-38 (impostazione di fabbrica: 101).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 81


6 Parametro
6.1 Organo di comando DX-KEY-LED

6.1.3 Impostare parametri


La tabella sottostante 18 mostra, a titolo di esempio, le operazioni da
eseguire sull'organo di comando esterno DX-KEY-LED per la selezione e
l'impostazione del parametro P-02 (f-min), se per un azionamento deve
essere fissato un numero di giri minimo (frequenza).

Tabella 18: Esempio di impostazione di un parametro


Sequenza Comandi vista Descrizione

0 StoP Modalità Stop:


l'avviatore a velocità variabile DE1 è pronto al funzionamento.
1 P-01 Tenere premuto il tasto OK per circa due secondi.
La visualizzazione passa al parametro P-01 (la cifra destra 1 lampeggia).

2 P-02 Premere il tasto freccia (UP).


La visualizzazione passa al parametro P-02 (la cifra destra 2 lampeggia).

3 H 0.0 Azionare il tasto OK.


La visualizzazione passa al livello di immissione del parametro P-02 (la cifra destra 0 lampeggia)
e mostra nell'impostazione di fabbrica il valore 0,0 Hz.

4 H 20.0 Con il tasto freccia (UP) è possibile impostare il valore desiderato (ad es. 20 Hz):
• Premendo → Incremento progressivo
• Tenendo premuto → Incremento esponenziale

5 P-02 • Azionare il tasto OK.


Il valore di P-02 (f-min = 20.0 Hz) qui impostato viene memorizzato.
La visualizzazione passa al livello parametri e mostra P-02 (la cifra destra lampeggia). Con i
StoP tasti freccia (UP, DOWN) può essere selezionato un altro parametro.
• Tenere premuto il tasto OK per circa due secondi.
Il valore di P-02 (f-min = 20.0 Hz) qui impostato viene memorizzato e si esce dal livello
parametri. Il display mostra StoP.
6 H 20,0 Vista P-02 (La cifra destra lampeggia).
• Tasto OK azionato. Ritorno al livello di immissione di P-02.
Il valore (f-min = 20.0 Hz) può essere modificato (vedere passo 4).
StoP • Tenere premuto il tasto OK per circa due secondi per uscire dal livello parametri.
Il display mostra StoP.

→ Se i valori immessi nel campo parametri non vengono


confermati con il tasto OK e se entro 20 secondi non vengono
effettuate altre immissioni, il valore impostato non viene
memorizzato e il livello parametri si chiude automaticamente.
Il display mostra StoP.

Con l'impostazione descritta nella tabella 18 l'avviatore a velocità variabile


DE1, in presenza di un segnale di consenso (FWD, REV), mette in funzione
l'azionamento con la rampa di accelerazione impostata (P-03) a 20 Hz
(= f-min), se il valore nominale della frequenza (f-REF) è zero.
Con un valore nominale della frequenza compreso ad esempio tra 0 e 10 V, è
possibile impostare il numero di giri dell'azionamento da 20 Hz (= f-min) fino
a f-max (P-09).

82 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.2 drivesConnect

6.2 drivesConnect

Figura 60: Aree tematiche di drivesConnect nella finestra di avvio

Il software di parametrizzazione drivesConnect consente, tramite un PC, una


rapida parametrizzazione, comando e diagnostica nonché la documentazione
(stampa e memorizzazione di liste di parametri) e il trasferimento dati con un
avviatore a velocità variabile DE1. Il software può essere scaricato via
Internet (www.eaton.eu) e installato. Il software drivesConnect è eseguibile
con i sistemi operativi Windows 7, Windows 8 e Windows XP. Sistemi
operativi Windows precedenti non sono supportati.
Il collegamento di un computer con il software drivesConnect all'avviatore a
velocità variabile DE1 avviene tramite l'interfaccia RJ45 posta sul frontale e
richiede l'impiego del convertitore d'interfaccia DX-CBL-PC-1M5 o
dell'interfaccia Bluethooth DX-COM-STICK.

→ Ulteriori informazioni sul software drivesConnect e sugli


accessori necessari (DX-CBL-PC-1M5 o DX-COM-STICK) si
trovano in allegato.

→ Il software drivesConnect può essere acquistato qui:


http://www.drive-support-studio.com/OTS/Eaton/downloads/deploy/
drivesConnect.htm

6.3 Modbus RTU


Modbus RTU consente una parametrizzazione ciclica e il pilotaggio
dell'avviatore a velocità variabile DE1 tramite un sistema bus centralizzato.
L'integrazione nel sistema bus avviene tramite l'interfaccia RJ45 ubicata sul
frontale del DE1 con il cavo di collegamento DX-CBL-RJ45-… (cavo Patch) e
lo splitter DX-SPL-RJ45-… (connettore a T).

→ Ulteriori informazioni sull'argomento Modbus RTU sono


disponibili nel → Capitolo 7, „Modbus RTU“, pagina 111.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 83


6 Parametro
6.4 SmartWire-DT

6.4 SmartWire-DT
La parametrizzazione ciclica e la gestione dell'avviatore a velocità variabile
DE1 può avvenire tramite il sistema di cablaggio centralizzato SmartWire-DT.
Il sistema SmartWire-DT richiede un cavo di collegamento speciale a 8 poli e
relativo connettore.
Per il collegamento dell'avviatore a velocità variabile DE1 al sistema di
cablaggio SmartWire-DT è necessario il collegamento bus di campo
DX-NET-SWD3 opzionale da inserire nell'interfaccia RJ45 sulla parte frontale
dell'avviatore a velocità variabile DE1 (→ Sezione „9.3 SmartWire-DT DX-
NET-SWD3“, pagina 148).

Ready

L1/L L2/N
L3 

I A
O

Ready

SWD4-8SF2-5

I A
+ 15V O

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 

Figura 61: Collegamento bus di campo SWD DX-NET-SWD3

→ Ulteriori informazioni e una descrizione dettagliata


dell'interfaccia SmartWire-DT sono disponibili nel manuale
MN04012009Z-DE, “Collegamento bus di campo DX-NET-SWD
SmartWire-DT per convertitori di frequenza PowerXL™”.

84 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5 Descrizione del parametro


Nelle seguenti descrizioni dei parametri, le abbreviazioni utilizzate nelle
tabelle hanno il significato di seguito esposto:

Abbreviazione Significato

PNU Numero parametro (Parameter number), denominazione del parametro nel software di
parametrizzazione drivesConnect e nel display dell'organo di comando esterno DX-KEY-LED
Modbus ID Numero di identificazione del parametro in Modbus (Identification number)
RUN Diritto di accesso al parametro durante il funzionamento (segnale di RUN)
STOP Diritto di accesso al parametro solo nella modalità STOP
ro/rw Diritto di lettura e scrittura del parametro:
ro = protetto da scrittura, in sola lettura (read only)
rw = in lettura e scrittura (read and write)
Nome Sigla del parametro
Valore Valore di taratura del parametro
Campo di valori
Valore visualizzato
IF Impostazione di fabbrica (valore del parametro al momento della consegna).
I valori tra parentesi sono impostazioni di fabbrica a 60 Hz.
Pagina Numero di pagina in questo manuale dove il parametro è descritto in dettaglio

6.5.1 Tempo di accelerazione/tempo di ritardo


Tabella 19: Parametri dei tempi di rampa
PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-01 129 STOP rw f-max P-02 - 250.0 50 Hz Frequenza di uscita massima


(300.0) Hz (60 Hz) Regolabile tra la frequenza di uscita minima
(P-02) e cinque volte il valore della frequenza
nominale del motore (P-09):
• Visualizzata in Hz, se P-10 = 0
• Visualizzata in g/min, se P-10 ≧ 200
P-02 130 STOP rw f-min 0 Hz - P-01 0 Hz Frequenza di uscita minima
Regolabile tra 0 Hz e la frequenza di uscita
massima (P-01):
• Visualizzata in Hz, se P-10 = 0
• Visualizzata in g/min, se P-10 ≧ 200.
P-03 131 RUN rw t-acc 0.1 - 300 s 5,0 s Tempo accelerazione (acceleration time)
Tempo di rampa per l'accelerazione da 0 Hz
(arresto) alla frequenza nominale del motore
impostata in P-09.
P-04 132 RUN rw t-dec 0,1 - 300 s 5,0 s Tempo di ritardo (deceleration time)
Tempo di rampa per il ritardo dalla frequenza
nominale del motore impostata in P-09 a 0 Hz
(arresto).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 85


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, ro/rw
STOP

P-05 133 RUN rw Modalità STOP 0/1 1 Modalità STOP


Determina il comportamento dell'avviatore a
velocità variabile DE1 alla disattivazione del
segnale di consenso (FWD/REV):
1: l'azionamento decelera con il tempo
impostato in P-04 fino a 0 Hz (arresto).
0: l'azionamento decelera in modo non guidato
fino all'arresto (arresto per inerzia,
decelerazione libera).
P-09 137 STOP rw Frequenza 20.0 - 300 Hz 50 Hz Frequenza nominale del motore
nominale del (60 Hz) Frequenza motore con tensione nominale
Motore d'impiego (P-07)
P-31 159 RUN rw Controllo 0/1 0 Controllo sovratensione
sovratensione Il controllo sovratensione (OV) impedisce lo
spegnimento dell'avviatore a velocità variabile
DE1, se in caso di esercizio rigenerativo del
motore una quantità eccessiva di energia viene
erogata nel circuito intermedio e di
conseguenza la tensione circuito intermedio
aumenta a valori troppo elevati:
0: OV attivo. Durante il ritardo il tempo di rampa
impostato (P-02) si allunga automaticamente e
nell'esercizio continuativo la frequenza di
uscita (numero di giri) aumenta
temporaneamente.
1: OV bloccato (spegnimento con segnalazione
di errore).

fout
[Hz]

P-01

P-09

P-02
P-03 P-04 t [s]
t1 t2

Figura 62: Tempo di accelerazione/tempo di ritardo

→ I punti di riferimento per i tempi di accelerazione e ritardo


impostati nei parametri P-03 e P-04 sono sempre 0 Hz e la
frequenza nominale del motore (P-09).

86 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

In riferimento alla frequenza nominale del motore (P-09), per una frequenza di
uscita massima P-01 il tempo accelerazione t1 e il tempo di ritardo t2 possono
essere calcolati come segue:

P-01 x P-03 P-01 x P-04


t1 = , t2 =
P-09 P-09

Con un tempo accelerazione t1 e/o un tempo di ritardo t2 preimpostati, per


una frequenza di uscita maggiore (P-01) è possibile calcolare i valori di
regolazione necessari per P-03 (t-acc) e/o P-04 (t-dec) come segue:

t1 x P-09 t2 x P-09
P-03 = , P-04 =
P-01 P-01

→ I tempi di accelerazione (P-03) e di ritardo (P-04) valgono per


tutte le modifiche del valore nominale della frequenza (f-REF).

Se per f-min (P-02) vengono impostati valori diversi da 0 Hz, l'azionamento


accelera dopo il consenso (FWD, REV) con il tempo di accelerazione
impostato in P-03 fino a raggiungere il valore di f-min nel tempo tf-min.
Esempio
P-02 = 20 Hz (= f-min), P-03 = 5 s, P-09 = 50 Hz

P-02 x P-03 20 Hz x 5 s
tf-min = = = 2s
P-09 50Hz

Il controllo sovratensione (impostazione di fabbrica: P-31 = 0) controlla


l'entità della tensione circuito intermedio e impedisce uno spegnimento
dell'avviatore a velocità variabile DE1 se, in seguito all'energia rigenerata, si
verifica un aumento eccessivo della tensione circuito intermedio. La
frequenza di uscita viene adattata automaticamente (U/f).
La segnalazione di errore in caso di tensione circuito intermedio eccessiva
P-31 = 1 è la seguente:
LED Fault Code: 3 pulses – over voltage.

→ Nel funzionamento continuativo una tensione circuito


intermedio eccessiva porta ad un temporaneo innalzamento del
numero di giri del motore.
In caso di esercizio con rampa di decelerazione P-04 questo
innalzamento della frequenza crea un effetto di prolungamento
della rampa.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 87


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.2 Dati motore


P-07 P-08

230/400 V 3.2/1.9 A
0.75 kW cosϕ 0.79
1410 min -1 50 Hz

P-10 P-09

Figura 63: Parametri del motore dalla targhetta dati macchina

→ Nell'impostazione di fabbrica i dati del motore (P-07, P-08, P-09)


sono impostati ai valori nominali dell'avviatore a velocità
variabile DE1 e dipendono dalla potenza nominale.

→ Nell'impostazione di fabbrica il parametro P-10 è impostato a 0,


la modalità U/f controllata in frequenza. Impostando qui il
numero di giri motore, si attiva automaticamente la
compensazione scorrimento e tutti i parametri basati sulla
frequenza sono rappresentati in giri al minuto, → Tabella 23,
pagina 93.

Nella selezione dei dati nominali tenere conto del fatto che il tipo di circuito
dipende dall'entità della tensione di rete in alimentazione:
• 230 V in P-07 → Collegamento a triangolo → P-08 = 3,2 A
• 400 V in P-07 → Collegamento a stella → P-08 = 1,9 A

U1 V1 W1 U1 V1 W1

W2 U2 V2 W2 U2 V2

Figura 64: Tipi di circuito (delta, stella)

88 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Tabella 20: Parametri P-07, P-08, P-09, P-10


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-07 135 STOP rw Tensione 50 - 500 V 230 V Tensione nominale d'impiego del
nominale (230 V) motore
d'impiego 400 V • 230 V a DE1-12… (50 Hz),
motore (460 V) • 230 V a DE1-12… (60 Hz),
• 400 V a DE1-34… (50 Hz),
• 460 V a DE1-34… (60 Hz),
Tensione nel motore in caso di
funzionamento a frequenza nominale
(P-09).

Nota:
Se la frequenza di uscita è superiore alla
frequenza nominale del motore impostata
in P-09, la tensione di uscita rimane
costantemente sul valore qui impostato.
P-081) 136 STOP rw Corrente (10 - 100 %) Ie Ie Corrente nominale d'impiego del
nominale motore
d'impiego Nell'impostazione di fabbrica il valore di
motore P-08 è identico alla corrente nominale
d'impiego (Ie) dell'avviatore a velocità
variabile DE1.
Qui è possibile impostare la corrente
nominale d'impiego motore per
l'adattamento della funzione di protezione
motore (I2t).

Nota:
Se un sovraccarico permane a lungo,
l'avviatore a velocità variabile DE1 si
spegne automaticamente con la
segnalazione di errore a LED “1 pulse –
overload” (Fault Code).
P-09 137 STOP rw Frequenza 20,0 - 300 Hz 50 Hz Frequenza nominale del motore
nominale del (60 Hz) Frequenza motore con tensione nominale
Motore d'impiego (P-07).
P-10 138 STOP rw Numero di giri 0/200 - 18000 0 Numero di giri nominale del motore
nominale del rpm Valore visualizzato:
motore 0: Frequenza di uscita in Hz
≧ 200: g/min (rpm). Tutti i valori dei
parametri riferiti alla frequenza vengono
ricalcolati e visualizzati in g/min.
Contemporaneamente si attiva la
compensazione scorrimento.

Nota:
La compensazione scorrimento non si
attiva, se viene immesso un valore della
velocità sincrono (ad es. 3000 g/min a
50 Hz – corrispondente alla velocità di
sincronismo di un motore a 2 poli).
1) I valori del parametri non vengono trasmessi durante la copia in un avviatore a velocità variabile DE1 di diversa potenza.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 89


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.3 Protezione motore

6.5.3.1 Protezione contro sovraccarichi (I2t)


Per proteggere il motore dal sovraccarico termico, per l'avviatore a velocità
variabile DE1 si calcola un modello termico del motore con curva
caratteristica I2t, basato sul valore del parametro P-08. Se la corrente
nominale d'impiego motore è inferiore alla corrente nominale d'impiego di
DE1, questo valore più piccolo deve essere immesso nel parametro P-08
oppure deve essere impostato con il potenziometro I-Motor tramite il modulo
di configurazione DXE-EXT-SET.

→ Misure di protezione del motore dal sovraccarico termico


possono essere implementate anche utilizzando un relè termico
con riduttore di corrente, termistori ecc.

ATTENZIONE
Il modello di calcolo termico non protegge il motore in caso di
riduzione dell'efficacia di raffreddamento causata ad esempio da
sporcizia, polvere o altro.

L'immagine termica calcolata del motore viene memorizzata


automaticamente alla disinserzione della tensione di alimentazione e
utilizzata come base per un ulteriore calcolo alla reinserzione. Con P-33 = 1 si
ha un azzeramento automatico.
Se la corrente del motore rimane a lungo al di sopra del valore impostato in
P-08 (I2t), l'avviatore a velocità variabile DE1 si spegne automaticamente con
la seguente segnalazione di errore:
• LED Fault Code: 1 pulse – overload.
• DX-KEY-LED: I.t-trP. Il tempo di sovraccarico viene visualizzato dai
punti decimali lampeggianti.

→ La segnalazione di errore deve essere tacitata disattivando il


segnale di consenso (FWD, REV) o tramite l'organo di comando
azionando il tasto STOP oppure disinserendo la tensione di rete.

90 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Tabella 21: Parametri P-08 e P-33


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione

RUN, ro/rw
STOP

P-081) 136 STOP rw Corrente (10 - 100 %) x Ie Ie Corrente nominale d'impiego del motore
nominale Nell'impostazione di fabbrica il valore di P-08 è
d'impiego identico alla corrente nominale d'impiego (Ie)
motore dell'avviatore a velocità variabile DE1. La corrente
nominale d'impiego motore può essere regolata per
adattare la funzione di protezione motore (I2t).

Nota:
Se un sovraccarico permane a lungo, l'avviatore a
velocità variabile DE1 si spegne automaticamente con
la segnalazione di errore (Fault Code) “1 pulse –
overload”.
P-33 161 STOP rw Accumulatore 0/1 0 Protezione motore, immagine termica motore
termico motore L'immagine termica calcolata per il motore (I2t) viene
memorizzata automaticamente alla disinserzione e
utilizzata come base alla reinserzione.
0: attivo
1: bloccato. L'immagine termica viene cancellata alla
reinserzione.
1) I valori del parametri non vengono trasmessi durante la copia in un avviatore a velocità variabile DE1 di diversa potenza.

6.5.3.2 Protezione termistore


Il rilevamento della temperatura negli avvolgimenti dello statore del motore
costituisce il sistema di protezione più efficace contro il sovraccarico termico.
L'avviatore a velocità variabile DE1 permette il collegamento diretto di
sensori di temperatura con coefficiente di temperatura positivo (PTC):
• Termistore
• Termostato (TermoClick)

ATTENZIONE
L'avviatore a velocità variabile DE1 è realizzato a norma
IEC/EN 61800-5-1. Ciò presuppone un isolamento rinforzato tra i
circuiti di rete e i circuiti con tensione più bassa. Pertanto è
necessario un isolamento rinforzato del termistore rispetto
all'avvolgimento motore per non indebolire il sistema di
isolamento completo del PDS.

Il termistore è collegato tra +10 V e DI3 (morsetti di comando +10 V e 3).


Nella configurazione P-15 = 1 / 3 / 5 / 7 / 9 è attivo come segnalazione di
errore esterna (EXTFLT).
L'avviatore a velocità variabile DE1 si spegne automaticamente a 3600 Ω con
la seguente segnalazione di errore:
• LED Fault Code: 2 pulse – external fault
• DX-KEY-LED: E-triP

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 91


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Con avvolgimento motore raffreddato (= termistori raffreddati) è possibile


tacitare (reset) la segnalazione di errore con un valore inferiore a 1600 Ω.

+10 V 3 R
[Ω]

EXTFLT

ϑ
M 12000
3~

4000 3600 Ω → EXTFLT

ϑ
1650 1600 Ω → Reset
750

Tolerance limit
60

TNF TNF TNF TNF TNF ϑ [°C]


-20 grd -5 grd +5 grd +15 grd

Figura 65: Esempi di cablaggio termistore e curva caratteristica d'intervento

Tabella 22: Parametri P-15, P-19


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-15 143 STOP rw DI Selezione 0- 9 0 Funzione dei morsetti di comando


configurazione Con P-12 = 0 i morsetti di comando da DI1 a
DI4 possono essere impostati sulle
seguenti funzioni:

Modalità DI1 DI2 DI3 AI1/DI4


0 FWD REV FF1 REF
1 FWD REV EXTFLT REF
2 FWD REV FF20 FF21
3 FWD FF1 EXTFLT REV
4 FWD UP FF1 DOWN
5 FWD UP EXTFLT DOWN
6 FWD REV UP DOWN
7 FWD FF20 EXTFLT FF21
8 AVVIO DIR FF1 REF
9 AVVIO DIR EXTFLT REF
Nota:
Le funzioni assegnate ai morsetti di
comando dipendono dal valore di
regolazione in P-12.
P-19 147 STOP rw Logica DI3 0/1 0 Ingresso digitale DI3, logica
Logica di DI3 nella funzione EXTFLT
assegnata (errore esterno) di P-15
(= 1, 3, 5, 7 o 9):
0: High = OK, Low = EXTFLT
1: Low = OK, High = EXTFLT
Segnalazione di errore a LED (Fault Code):
“2 pulses - external fault”

92 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.4 Curva caratteristica U/f


L'invertitore in DE1 funziona con una modulazione a durata di impulsi
sinusoidale (PWM). Il pilotaggio degli IGBT si effettua mediante due
procedure di comando basate sulla curva U/f con le seguenti caratteristiche:
U/f (P-10 = 0)
• Controllo della frequenza (Hz).
• Collegamento parallelo di più motori.
• Grande differenza di potenza tra avviatore a velocità variabile DE1 e
motore (PDE1 >> Pmotore).
• Commutazione nell'uscita.
• Funzionamento con filtro sinusoidale.
U/f con compensazione scorrimento (P-10 ≧ 200)
• Controllo velocità con compensazione scorrimento,
• Tutti i parametri basati sulla frequenza sono espressi in giri al minuto
(min-1, rpm).
• Funzionamento singolo (un solo motore collegato). La differenza di
potenza deve essere al massimo di una grandezza inferiore a quella
dell'avviatore a velocità variabile DE1.

Tabella 23: Parametri P-06, P-07, P-08, P-09, P-10, P-11


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-06 134 STOP rw Ottimizzazione 0/1 0 Ottimizzazione dell'energia


dell'energia 0: disattivato
1: attivata. La tensione di uscita varia
automaticamente e in base al carico. Nel
campo del carico parziale ciò porta ad una
riduzione della tensione e di conseguenza
ad un ridotto consumo di energia.

Nota:
Non adatta per applicazioni dinamiche con
carico che varia rapidamente!
P-071) 135 STOP rw Tensione 50 - 500 V 230 V Tensione nominale d'impiego del
nominale (230 V) motore
d'impiego 400 V • 230 V a DE1-12… (50 Hz),
motore (460 V) • 230 V a DE1-12… (60 Hz),
• 400 V a DE1-34… (50 Hz),
• 460 V a DE1-34… (60 Hz),
Tensione motore nel funzionamento con
frequenza nominale (P-09).

Nota:
Se la frequenza di uscita è superiore alla
frequenza motore impostata in P-09, la
tensione di uscita rimane costantemente al
valore qui impostato.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 93


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, ro/rw
STOP

P-081) 136 STOP rw Corrente (10 - 100 %) x Ie Ie Corrente nominale d'impiego del
nominale motore
d'impiego Nell'impostazione di fabbrica il valore di
motore P-08 è identico alla corrente nominale
d'impiego (Ie) dell'avviatore a velocità
variabile DE1.
La corrente nominale d'impiego motore può
essere qui impostata per adattare la
funzione di protezione motore (I2t).

Nota:
Se un sovraccarico permane a lungo,
l'avviatore a velocità variabile DE1 si
spegne automaticamente con la
segnalazione di errore a LED (Fault Code)
“1 pulse – overload”.
P-09 137 STOP rw Frequenza 20,0 - 300 Hz 50 Hz Frequenza nominale del motore
nominale del (60 Hz) Frequenza motore con tensione nominale
Motore d'impiego (P-07).
P-10 138 STOP rw Numero di giri 0/200 - 15000 rpm 0 Numero di giri nominale del motore
nominale del (18000 rpm) Valore visualizzato:
motore 0: Frequenza di uscita in Hz
≧ 200: g/min (rpm). Tutti i valori dei
parametri riferiti alla frequenza vengono
ricalcolati e visualizzati in g/min.
Contemporaneamente si attiva la
compensazione scorrimento.

Nota:
La compensazione scorrimento non si attiva
se viene immesso un valore della velocità
sincrono (ad es. 3000 g/min a 50 Hz –
corrispondente alla velocità di sincronismo
di un motore a 2 poli).
P-11 139 RUN rw U-Boost 0,0 - 40,0 % 0,0 % Boost di tensione
Innalzamento della tensione di uscita a
basse frequenze di uscita. Il valore qui
impostato è la tensione di avvio e si calcola
in percentuale dalla tensione nominale
d'impiego del motore (P-07). V-Boost è
attivo fino al 50 % circa della frequenza
nominale del motore (P-09).

Nota:
Il boost di tensione comporta una coppia di
inserzione più elevata e migliora il
comportamento della coppia a bassa
velocità. La corrente del motore aumenta e
provoca un maggiore riscaldamento del
motore.
1) I valori del parametri non vengono trasmessi durante la copia in un avviatore a velocità variabile DE1 di diversa potenza.

94 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Modalità di comando U/f


La curva caratteristica U/f (curva caratteristica tensione/frequenza)
contraddistingue il processo di comando dell'avviatore a velocità variabile
DE1, nel quale la tensione del motore viene comandata in un determinato
rapporto rispetto alla frequenza. Se il rapporto tensione/frequenza è costante,
si parla di curva caratteristica U/f lineare.
in un'applicazione standard i valori di riferimento (①) della curva caratteristica
U/f (ad esempio 400 V/50 Hz) corrispondono ai valori nominali del motore
collegato (vedere targhetta dati macchina del motore):
• Tensione di uscita = tensione nominale d'impiego motore (P-07)
• Frequenza di riferimento = Frequenza nominale del motore (P-09)

U U
[%] [%]
① ①
P-07 P-07

0...40 % P-07

P-11

f [Hz] f [Hz]
P-02 = 0 Hz P-09 P-01 P-02 = 0 Hz 50 % P-09 P-09 P-01

Figura 66: Curva caratteristica U/f

Boost di tensione
Il grado di efficienza (η) e il fattore di potenza (cos ϕ) si riducono
sensibilmente nel campo al di sotto del 50 % circa dei valori nominali del
motore. In funzione del tipo e delle caratteristiche del rotore, diminuiscono le
caratteristiche di funzionamento regolare e aumenta il consumo di corrente.
Aumentando la tensione (boost di tensione, P-11) questi effetti sulla coppia di
avvio e sulle caratteristiche di funzionamento regolare del motore possono
essere migliorate a frequenze ridotte.

→ La tensione di avvio più alta (boost) ha una corrente del motore


più elevata e di conseguenza porta ad un maggiore
riscaldamento del motore. Se possibile è necessario un
raffreddamento motore intensificato (ventilatore esterno).

Il boost di tensione (P-11) può essere impostato su valori massimi pari al


40 % della tensione nominale d'impiego del motore (P-07). Il boost di
tensione impostato con P-11 è efficace fino a circa il 50 % della frequenza
nominale del motore (P-09).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 95


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Ottimizzazione dell'energia
Con il parametro P-06 = 1 si attiva il sistema di ottimizzazione dell'energia
dell'avviatore a velocità variabile DE1 e si modifica la tensione di uscita in
modo automatico e in base al carico. Con un carico parziale questa funzione
consente di ridurre la tensione di uscita e pertanto le perdite nel motore. Il
consumo di energia si riduce.

→ Questa impostazione non è adatta per applicazioni dinamiche


con carico che varia rapidamente!

Comando U/f con compensazione scorrimento


Nella modalità comandata U/f con compensazione scorrimento (P-10 ≧ 200)
l'avviatore a velocità variabile DE1 è in grado di compensare le variazioni di
velocità di rotazione dovute al carico. In una rappresentazione semplificata, con
un momento di carico in aumento ① aumentano automaticamente la
frequenza di uscita ② e la tensione di uscita e si ha la compensazione della
variazione della velocità di rotazione dovuta al carico. Il numero di giri impostato
(n1) rimane pressoché costante. Per un calcolo esatto è necessario disporre dei
dati precisi riportati sulla targhetta dati del motore (P-07, P-08, P-09, P-10).

→ Con l'attivazione della compensazione scorrimento (P-10 ≧ 200),


tutti i valori dei parametri riferiti alla frequenza vengono
convertiti e visualizzati in giri al minuto (min-1, rpm).
La compensazione scorrimento non si attiva in questa impostazione, se viene
immesso un valore della velocità sincrono (ad es. 3000 g/min a 50 Hz –
corrispondente alla velocità di sincronismo di un motore a 2 poli).

M M
b
M2 M2

a
a

M1 M1

Dn
n1 n n2 n1 n

Figura 67: Comportamento in velocità con e senza compensazione dello scorrimento.

Senza compensazione scorrimento le variazioni di carico ① che agiscono


sull'albero motore determinano un maggiore scorrimento (Δn), quindi un
numero di giri del motore ② modificato. Il comportamento in velocità di un
motore asincrono trifase è paragonabile in questo caso all'esercizio in una
rete in AC costante. Le variazioni dei numeri di giri dovute al carico (n1 → n2).
non vengono compensate.

96 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.5 Frenatura a corrente continua


Con la frenatura a corrente continua (frenatura DC), gli avvolgimenti statorici
del motore trifase collegato sono alimentati dall'avviatore a velocità variabile
DE1 con corrente continua. Ciò consente di frenare i motori già in rotazione
(ad esempio pompe o ventilatori) prima di un avvio oppure di mantenere i
motori frenati (ad esempio dispositivi di trasporto o avvolgitori) in una
posizione di arresto per un determinato periodo di tempo.
Il parametro P-25 consente di attivare la frenatura a corrente continua mentre
il parametro P-26 permette di definire il tempo di frenatura (massimo
10 secondi). La tensione di frenatura e la coppia frenante risultante possono
essere impostate con P-27 come valore percentuale della tensione nominale
del motore P-07. Valori elevati permettono una coppia frenante più alta, ma
causano un maggiore riscaldamento del motore.
Con una rampa di decelerazione attiva (P-05 = 1) nel parametro P-28 può
essere definita una frequenza di inserzione con cui si passa automaticamente
alla frenatura a frequenza continua dopo un comando di arresto. P-28 viene
impostato come valore percentuale di P-01 (f-max).
Con P-05 = 0 (“decelerazione libera”) la frenatura a corrente continua si attiva
direttamente con il comando di arresto. In questo caso P-28 non ha alcun effetto.

Tabella 24: Parametro frenatura a corrente continua


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-05 133 RUN rw Modalità STOP 0/1 1 Modalità STOP


Determina il comportamento di DE1 alla
disattivazione del segnale di consenso (FWD/REV):
1: l'azionamento decelera con il tempo impostato in
P-04 fino a 0 Hz (arresto).
0: l'azionamento decelera in modo non guidato fino
all'arresto (arresto per inerzia, decelerazione
libera).
P-25 153 STOP rw Freno DC 0-3 0 Frenatura a corrente continua, funzione
Determina le condizioni di esercizio in cui viene
attivata la frenatura DC.
0 = disattivato
1 = attivato in caso di STOP (P-26)
2 = attivato prima di START (P-26)
3 = attivato prima di START e in caso di STOP
P-26 154 RUN rw Freno t-DC@ 0 - 10 s 0s Frenatura a corrente continua, tempo
arresto Durata della frenatura a corrente continua.
P-27 155 RUN rw Tensione (0 - 100 %) P-07 0% Frenatura a corrente continua, tensione
frenatura DC Valore percentuale della tensione sul motore per la
frenatura a corrente continua.
P-28 156 RUN rw Freno f-DC@ (0 - 100 %) P-01 0% Frenatura a corrente continua, frequenza
arresto Valore percentuale della frequenza di uscita per
l'attivazione della frenatura a corrente continua
durante la fase di ritardo (P-05 = 1).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 97


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.6 Configurazione dei morsetti di comando


La funzione dei morsetti di comando 1 a 4 può essere configurata nel
parametro P15. L'accesso ai segnali di comando e ai valori di riferimento,
anche in combinazione con un organo di comando esterno, Modbus RTU o
SmartWire-DT, viene impostato nel parametro P-12 (accesso ai dati di
processo).

→ Per l'avviatore a velocità variabile DE1 il campo di rotazione


orario della frequenza di uscita (FWD) viene considerato sempre
come base e illustrato in tutti i campi senza segno. Il campo di
rotazione invertito (antiorario REV) è contrassegnato con un
segno meno.

L'impostazione valore di riferimento analogico (f-REF) e digitale (UP, DOWN)


così come le frequenze fisse (da FF1 a FF4) e la selezione della direzione del
campo di rotazione (FWD, REV) sono generalmente designati come valore di
riferimento per l'avviatore a velocità variabile DE1. Delle istruzioni di
comando fanno parte il segnale di consenso (ENA), l'inversione del senso di
rotazione (DIR) e la segnalazione di errore esterna (EXTFLT).
Nell'impostazione di fabbrica, il comando e e l'impostazione dei
valori di riferimento del DE1 avvengono tramite i morsetti di comando
(P-12 = 0, P-15 = 0).

0V +10 V 1 2 3 4
FWD

REV

FF1

f-REF

Figura 68: Impostazione di fabbrica dei morsetti di comando

FWD = campo di rotazione orario


REV = campo di rotazione antiorario
FF1 = frequenza fissa 1 (20 Hz)
f-REF = segnale analogico del valore nominale della frequenza (0 - +10 V = 0 - 50/60 Hz)

→ Il modulo di configurazione opzionale DXE-EXT-SET può essere


utilizzato esclusivamente nell'impostazione del parametro
P-12 = 0. L'impostazione della funzione dei morsetti di comando
(P-15) avviene tramite il selettore modalità.

98 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Le abbreviazioni qui utilizzate per la funzione dei morsetti di comando hanno


il seguente significato:

Tabella 25: Funzione dei morsetti di comando


Configurazione Descrizione
FWD, REV • Selezione della direzione del campo di rotazione (= consenso e comando di avvio):
• FWD = campo di rotazione orario in DI1
• REV = campo di rotazione antiorario in DI2
• Interblocco XOR (OR esclusivo).
Se vengono selezionate entrambe le direzioni del campo di rotazione (livello H),
l'azionamento si arresta.
FF1 • Frequenza fissa FF1 (20 Hz = P-20)
• All'attivazione (livello H) il segnale analogico del valore di riferimento (f-REF) non ha
alcun effetto.
f-Ref • valore nominale della frequenza analogica 0 - +10 V in AI1/DI4 (potenziale di
riferimento 0 V)
• Campo di segnale (P-16)
• Campo di taratura da f-min (P-02) a f-max (P-01)
EXTFLT • Segnalazione di errore esterna in DI3
• L'avviatore a velocità variabile DE1 si spegne a segnale mancante (livello L).
• Ingresso per un segnale digitale o termistore
FF20, FF21 Selezione con codice binario (livello H) delle frequenze fisse:
f2 = frequenza di uscita dell'avviatore a velocità variabile DE1

Frequenza FF20 FF21 f2 PNU


fissa
FF1 l l 20 Hz P-20
FF2 H l 30 Hz P-21
FF3 l H 40 Hz P-22
FF4 H H 50 Hz P-23

UP, DOWN Valore nominale della frequenza digitale compreso tra f-min (P-02) e f-max (P-01).
Pilotaggio (livello H) con UP = aumento e DOWN = riduzione.
ENA, DIR ENA = Consenso (livello H) in DI1 e comando di avvio, con senso di rotazione
preselezionato in DI2 (= DIR): H = campo di rotazione antiorario, L = campo di rotazione
orario

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 99


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Tabella 26: Configurazione parametri morsetti di comando


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-12 140 RUN rw ProcessDataAc 0 - 13 0 Accesso ai dati di processo


cess Canale di comando e valori nominali:
0: morsetti di comando (vedere P-15)
1: organo di comando (istruzione di
comando, valore di riferimento) per un
senso di rotazione.
2: organo di comando (istruzione di
comando, valore di riferimento) per due
sensi di rotazione.
3: Modbus RTU (istruzione di comando,
valore di riferimento)
4 - 8: nessuna funzione (riserva)
9: SmartWire-DT (istruzione di comando,
valore di riferimento)
10: SmartWire-DT (istruzione di comando),
valore di riferimento tramite morsetti di
comando.
11: SmartWire-DT (istruzione di comando,
valore di riferimento), consenso con DI1,
segnalazione di errore esterna in DI3.
12: SmartWire-DT (istruzione di comando,
valore di riferimento), commutazione
automatica sui morsetti di comando in caso
di interruzione della comunicazione.
13: SmartWire-DT (istruzione di comando,
valore di riferimento), consenso valore di
riferimento tramite i morsetti di comando.
Nota: indipendentemente dal canale di
comando selezionato, è sempre necessario
un segnale di consenso in DI1 o DI2.
Intervallo parametri esteso (codice di accesso: P-14 = 101 nell'impostazione di fabbrica)
P-15 143 STOP rw DI Selezione 0-9 0 Funzione dei morsetti di comando
configurazione Con P-12 = 0 i morsetti di comando da DI1 a
DI4 possono essere impostati sulle
seguenti funzioni:

Modalità DI1 DI2 DI3 AI1/DI4


0 FWD REV FF1 REF
1 FWD REV EXTFLT REF
2 FWD REV FF20 FF21
3 FWD FF1 EXTFLT REV
4 FWD UP FF1 DOWN
5 FWD UP EXTFLT DOWN
6 FWD REV UP DOWN
7 FWD FF20 EXTFLT FF21
8 AVVIO DIR FF1 REF
9 AVVIO DIR EXTFLT REF

Nota:
Le funzioni assegnate ai morsetti di
comando dipendono dal valore di
regolazione in P-12.

100 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.6.1 Morsetti di comando e organo di comando


In combinazione con un organo di comando esterno opzionale
(DXE-KEY-LED), il comando di avviamento/arresto dell'azionamento può
essere predefinito con i tasti START e STOP e il numero di giri e/o il valore
nominale della frequenza possono essere impostati con i tasti freccia.

→ Nell'impostazione di fabbrica, il valore nominale della frequenza


digitale qui impostato non viene memorizzato. Con ogni
comando di arresto viene automaticamente azzerato,
→ Sezione „6.5.6.4 Modalità di reset del valore di riferimento
digitale“, pagina 105.

0V +10 V 1 2 3 4

FWD

REV

FF1
Figura 69: Organo di comando opzionale DX-KEY-LED e morsetto di
comando P-15 = 0 (impostazione di fabbrica, modalità 0)

P-12 = 1 (un senso di rotazione)


Con il tasto START l'azionamento viene avviato nella direzione del campo di
rotazione predefinita dai morsetti di comando DI1 (FWD) e DI2 (REV).
P-12 = 2 (due sensi di rotazione)
Con il tasto START l'azionamento viene avviato nella direzione del campo di
rotazione predefinita dai morsetti di comando DI1 (FWD) e DI2 (REV).
Azionando nuovamente il tasto START si attiva una conversione automatica
nell'altro senso di rotazione.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 101


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

In entrambe le impostazioni (P-12 = 1, P-12 = 2) i morsetti di comando


possono essere configurati con P-15 come segue:

Tabella 27: Configurazione con organo di comando esterno


P-15 DI1 DI2 DI3 AI1/DI4
(modalità)

0 FWD REV FF1 n. F.


1 FWD REV EXTFLT n. F.
2 FWD REV FF20 FF21
3 FWD FF1 EXTFLT n. F.
4 FWD UP FF1 DOWN
5 FWD UP EXTFLT DOWN
6 FWD REV UP DOWN
7 FWD FF20 EXTFLT FF21
8 ENA DIR FF1 n. F.
9 ENA DIR EXTFLT n. F.
n. F. = no Function.
In questa configurazione il morsetto di comando non ha alcuna funzione!

6.5.6.2 Morsetti di comando e Modbus RTU


P-12 = 3 (Modbus RTU)

→ Le varianti di configurazione (P-15) dei morsetti di comando


in combinazione con Modbus RTU sono descritte nel
→ Sezione „7.3 Funzione dei morsetti di comando con Modbus
RTU“, pagina 116.

102 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.6.3 SmartWire-DT
In combinazione con SmartWire-DT, i morsetti di comando possono essere
configurati nel parametro P-15 come di seguito descritto.

→ L'accesso ai dati di processo tramite SmartWire-DT


(P-12 = 9, 10, 11, 12, 13) richiede un modulo SmartWire-DT
DX-NET-SWD3.

→ Ulteriori informazioni e dati tecnici relativi a SmartWire-DT e


all'interfaccia DX-NET-SWD3 sono disponibili nel manuale
MN04012009Z.

P-12 = 9 (istruzione di comando SmartWire-DT + valore di riferimento


SmartWire-DT)

P-12 = 11 (istruzione di comando locale + valore di riferimento


SmartWire-DT), abilitazione con DI1, segnalazione di errore
esterna a DI3.

Tabella 28: Configurazione con SmartWire-DT e P-12 (= 9, 11)


P-15 DI1 DI2 DI3 AI1/DI4
(Modalità)

0 ENA n. F. n. F. n. F.
1 ENA n. F. EXTFLT n. F.
2 ENA n. F. n. F. n. F.
3 ENA n. F. EXTFLT n. F.
4 ENA n. F. n. F. n. F.
5 ENA n. F. EXTFLT n. F.
6 ENA n. F. n. F. n. F.
7 ENA n. F. EXTFLT n. F.
8 ENA n. F. n. F. n. F.
9 ENA n. F. EXTFLT n. F.
n. F. = no Function.
In questa configurazione il morsetto di comando non ha alcuna funzione!

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 103


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

P-12 = 10 (istruzione di comando), valore di riferimento tramite i morsetti di


comando

Tabella 29: Configurazione con SmartWire-DT e P-12 (= 10)


P-15 DI1 DI2 DI3 AI1/DI4
(Modalità)

0 ENA n. F. FF1 f-REF


1 ENA n. F. EXTFLT f-REF
2 ENA P-01 FF20 FF21
3 ENA FF1 EXTFLT f-REF
4 ENA UP FF1 DOWN
5 ENA UP EXTFLT DOWN
6 ENA n. F. UP DOWN
7 ENA FF20 EXTFLT FF21
8 ENA n. F. FF1 f-REF
9 ENA n. F. EXTFLT f-REF
n. F. = no Function.
In questa configurazione il morsetto di comando non ha alcuna funzione!
P-01 =Frequenza di uscita massima

P-12 = 12 (istruzione di comando SmartWire-DT + valore di riferimento


SmartWire-DT), commutazione automatica sui morsetti di comando in caso
di interruzione della comunicazione.
P-12 = 13 (istruzione di comando SmartWire-DT + valore di riferimento
SmartWire-DT), consenso del valore di riferimento tramite morsetti di
comando.

Tabella 30: Configurazione con SmartWire-DT e P-12 (= 12, 13)


P-15 DI1 DI2 DI3 AI1/DI4
(Modalità)

0 FWD REV FF1 f-REF


1 FWD REV EXTFLT f-REF
2 FWD REV FF20 FF21
3 FWD FF1 EXTFLT f-REF
4 FWD UP FF1 DOWN
5 FWD UP EXTFLT DOWN
6 FWD REV UP DOWN
7 FWD FF20 EXTFLT FF21
8 ENA DIR FF1 f-REF
9 ENA DIR EXTFLT f-REF

104 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.6.4 Modalità di reset del valore di riferimento digitale


Tabella 31: Parametro P-24
PNU Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione

RUN, ro/rw
STOP

P-24 RUN rw Modalità di 0-3 0 Impostazione valore di riferimento digitale, modalità di reset
reset del Comportamento all'inserzione di DE1 in caso di impostazione valore di
valore di riferimento digitale (UP/DOWN) tramite:
riferimento i morsetti di comando con P-12 = 0 e P-15 = 4 / 5 / 6
digitale l'organo di comando (opzionale DX-KEY-LED) con P-12 =1 o 2

Nota:
Utilizzando l'organo di comando e i morsetti di comando in combinazione, i
comandi impartiti tramite i morsetti di comando hanno sempre la priorità.

Comportamento all'inserzione:
0: avvio con il valore di P-02 (f-min)
1: avvio con l'ultimo valore di riferimento prima della disinserzione
2: avvio (Auto-r) con il valore di P-02 (f-min)
3: avvio (Auto-r) con l'ultimo valore di riferimento prima della disinserzione.

(Auto r): DE1 può essere avviato solo tramite i morsetti di comando. I tasti START
e STOP sull'organo di comando non sono attivi.

Con la configurazione P-12 = 0 (istruzioni di comando tramite morsetti) e


P-15 = 4, 5 o 6 è possibile impostare il valore nominale della frequenza in
modo digitale (UP/DOWN). In caso di interruzione dell'alimentazione o dopo
un comando di arresto questo valore di riferimento impostato in modo
digitale viene resettato automaticamente a 0 Hz (P-24 = 0). Il riavvio avviene
soltanto con il valore del parametro P-02 (f-min).
Con P-24 = 1 la funzione di reset può essere disattivata. L'ultimo valore di
riferimento impostato viene memorizzato prima della disinserzione e
richiamato automaticamente al riavvio. Per la rampa di accelerazione viene
preso come base il tempo impostato in P-03 (t-acc).
Con P-12 = 1 (o = 2) è possibile impostare l'istruzione di comando e il valore
di riferimento con l'organo di comando opzionale DX-KEY-LED, a condizione
che sia presente un segnale di consenso su un ingresso digitale (DI1 o DI2).
Anche in questa configurazione il valore di riferimento impostato in modo
digitale viene resettato automaticamente a 0 Hz (P-24 = 0) in caso di
interruzione dell'alimentazione o dopo un comando di arresto. Il riavvio
avviene soltanto con il valore del parametro P-02 (f-min). Con P-24 = 1 anche
la funzione di reset può essere disattivata.
Il parametro P-24 con i valori 2 e 3 offre un'ulteriore possibilità di
impostazione. In questo caso i tasti START e STOP dell'organo di comando
sono disattivati. L'avviatore a velocità variabile DE1 reagisce solo ai comandi
di avvio e arresto impartiti tramite i morsetti di comando, mentre il valore
nominale della frequenza può essere impostato in modo digitale con i tasti
freccia dell'organo di comando.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 105


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

6.5.6.5 Ingresso analogico (AI1/DI4)


Nell'impostazione di fabbrica il morsetto di comando 4 è configurato come
ingresso analogico AI1 (0 - +10 V). Il potenziale di riferimento è il morsetto di
comando 0 V. Il campo di segnale dell'ingresso analogico può essere
configurato in P-16:
0 = 0 - 10 V (impostazione di fabbrica)
1 = 0 - 20 mA
2 = 4 - 20 mA (t 4 - 20 mA) con disinserzione dell'azionamento e
segnalazione di errore in caso di rottura del filo
3 = 4 - 20 mA (r 4 - 20 mA), in caso di rottura del filo l'azionamento si avvicina
al valore della frequenza fissa FF1 (P-20, IF= 20 Hz) con il tempo di rampa
impostato (P-04).
Con P-17 è possibile scalare il segnale d'ingresso dell'ingresso analogico AI1.
Esempio
P-01 = 50 Hz, f-REF = 0 - 10 V

P-17 = 1.000: (0 - +10 V) x 1 → 0 - 50 Hz


Con una tensione di riferimento di 10 V la frequenza di uscita
raggiunge il valore di P-01 (100 %).

P-17 = 0.100: (0 - +10 V) x 0,1 → 0 - 5 Hz


Con 10 V la frequenza di uscita raggiunge un valore pari al
10 % di P-01.
Nota:
non sono ammesse tensioni di riferimento più alte (> 10 V)!

P-17 = 2.000: (0 - +5 (10) V) x 2 → 0 - 50 (50) Hz


Con 5 V la frequenza di uscita raggiunge il valore di P-01 e
rimane quindi costante nel campo > 5 - 10 V (fattore di
amplificazione 200 %).

P-17 = 2.500: (0 - +4 (10) V) x 2,5 → 0 - 50 (50) Hz,


Con 4 V la frequenza di uscita raggiunge il valore di P-01 e
rimane costante nel campo > 4 - 10 V (fattore di
amplificazione 250 %).

AI1
P-17 = 1.000
(10 V)

P-17 = 2.000
(5 V)

P-01 f

Figura 70: Ingresso di riferimento scalato

106 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.5 Descrizione del parametro

Ingresso analogico AI1, inversione


Per applicazioni con tensione di riferimento invertita (f-max a 0 V, f-min a
10 V) l'ingresso analogico AI1 può essere configurato con il parametro P-18:
0: 0 V = f-min (P-02)
10 V = f-max (P-01)

1: 0 V = f-max (P-01)
10 V = f-min (P-02)

Tabella 32: Parametri P-16, P-17, P-18


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-16 144 STOP rw Campo segnale 0-3 0 Ingresso analogico AI1, campo di segnale
AI1 Preselezione del segnale d'ingresso analogico come
valore nominale della frequenza (f-REF):
0: 0 - 10 V
1: 0 - 20 mA
2: t 4 - 20 mA. Con disinserzione e segnalazione di errore
in caso di rottura del filo
3: r 4 - 20 mA. In caso di rottura del filo l'azionamento si
avvicina al valore di P-20 (FF1) con il tempo di rampa
impostato (P-04).

Nota:
Impostazione di fabbrica P-20 (FF1) = 20 Hz
P-17 145 RUN rw AI1 Gain 0,10 - 2.500 1.000 Ingresso analogico AI1
Amplificazione (messa in scala)
Adattamento del segnale di ingresso analogico

Esempio:
P-01 = 50 Hz, f-REF = 0 - 10 V
0.100: 10 V x 0,1 → 5 Hz (10 % P-01)
1.000: 10 V x 1 → 50 Hz (100 % P-01)
2.500: 4 V x 2,5 → 50 Hz (250 % P-01 – limitato a f-max
= 100 % P-01)
P-18 146 STOP rw AI1 inversione 0/1 0 Ingresso analogico AI1, inversione

Esempio:
Esempio: f-REF = 0 - 10 V
0: 0 V = f-min (P-02); 10 V = f-max (P-01)
1: 0 V = f-max (P-01); 10 V = f-min (P-02)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 107


6 Parametro
6.6 Blocco parametri

6.6 Blocco parametri


I parametri dell'avviatore a velocità variabile DE1 possono essere protetti da
errori di comando. Ciò consente di garantire che le modifiche vengano
apportate esclusivamente dal personale autorizzato. Con P-39 = 1 l'accesso a
tutti i parametri è bloccato (ro = read only).
Eccezione: l'accesso al parametro P-14 è sempre attivo. La sorgente di
accesso ai parametri è definita in P-41.
Nell'impostazione di fabbrica sono visibili e modificabili solo i “parametri di
base” (da P-01 a P-14). L'accesso a tutti i parametri avviene mediante
l'immissione del codice 101 nel parametro P-14 (impostazione di fabbrica).
Nel parametro P-38 è possibile modificare questo codice di accesso.
L'esempio che segue mostra i passi necessari per il blocco parametri
nell'impostazione di fabbrica. La sequenza di immissione deve essere
rispettata:
1. P-14 = 101 Codice di accesso nell'impostazione di fabbrica a tutti i
parametri (permette la selezione di P-39).

2. P-38 = 123 Esempio di immissione di un nuovo codice di accesso.

3. P-14 = 123 Test: il nuovo codice consente l'accesso a tutti i parametri.

4. P-39 = 1 Blocco parametri. Tutti i parametri sono nello stato “solo


lettura” (read only). L'immissione di valori è bloccata per
tutti i parametri (ad eccezione di P-39). Nel display
dell'organo di comando DX-KEY-LED viene visualizzata una
L (Lock = blocco) nel segmento a sinistra.
5. P-14 Nota:
nel parametro P-14 è ancora visualizzato il nuovo codice di
accesso 123.

6. P-14 ≠123 Nel parametro P-14 deve essere immesso un valore


diverso da 123! A questo punto sono visibili solo i
parametri da P-01 a P-14. Tutti gli altri parametri
torneranno ad essere visibili dopo aver inserito il nuovo
codice di accesso (123). Con P-39 = 0 il blocco parametri
può essere rimosso.

→ I set parametri bloccati possono essere letti (read only) con un


PC (software di parametrizzazione “drivesConnect”) o con un
organo di comando (DX-KEY-…); fa eccezione in questo caso la
password P-38.

I set parametri bloccati possono essere copiati con un PC


(software di parametrizzazione “drivesConnect”) o con una
DX-COM-STICK in un avviatore a velocità variabile DE1, se in
esso il set parametri non è bloccato.

108 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


6 Parametro
6.7 Impostazione di fabbrica

Tabella 33: Blocco parametri


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-14 142 RUN rw Password 0 - 65535 0 Codice di accesso


Protezione tramite password per il set
parametri estesi (da P-15 a P-42).
La password è definita in P-38.
Impostazione di fabbrica: 101
P-38 166 RUN rw Password 0 - 9999 101 Password
Level 2 Codice di accesso al set parametri estesi da
immettere in P-14.
P-39 167 RUN rw Blocco 0/1 0 Blocco parametri
parametri 0: non bloccato. Tutti i parametri possono
essere modificati.
1: bloccato. Tutti i parametri sono bloccati.

Nota:
ad eccezione di P-14, P-20 (FF1). Il valore di
questo parametro può essere modificato
tramite DXE-EXT-SET anche nella modalità
di blocco.
P-41 169 RUN rw Parametri 0/1 0 Accesso ai parametri
Access 0: tutti i parametri possono essere
modificati da ogni sorgente (SmartWire-DT,
drivesConnect, organo di comando esterno).
1: tutti i parametri sono bloccati e possono
essere modificati solo tramite SmartWire-
DT e Modbus.

6.7 Impostazione di fabbrica

→ Con P-37 = 1 (visualizzazione P-dEf in DX-KEY-LED) tutti i


parametri sono ripristinati all'impostazione di fabbrica.
Fanno eccezione la memoria errori (P-13) e la memoria monitor
(P00-…).

Tabella 34: Impostazione di fabbrica (P-37)


PNU Modbus ID Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-37 165 STOP rw Set parametri 0/1 0 Ripristino dell'impostazione di fabbrica (IF)
0: disattivato
1: attivato (azzeramento automatico)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 109


6 Parametro
6.8 Visualizzazione dati di esercizio

6.8 Visualizzazione dati di esercizio


I dati di funzionamento dell'avviatore a velocità variabile possono essere
visualizzati nel set parametri estesi (P-14 = 101, → Pagina 81):
• organo di comando esterno DX-KEY-LED: con P00 azionare il tasto OK.
• software di parametrizzazione drivesConnect: aprire la directory “Monitor”
I dati di funzionamento misurati o calcolati sono elencati da P00-01 a P00-20.
In combinazione con l'organo di comando DX-KEY-LED avviene la selezione
dei dati di funzionamento con i tasti freccia ▲ e ▼ e il tasto OK. Il parametro
corrente viene fissato (“valore visualizzato fisso”). Per richiamare un altro
valore, è necessario premere nuovamente il tasto OK.

→ I valori della visualizzazione dei dati di funzionamento non


possono essere modificati manualmente (immissione manuale
dei valori).

→ I parametri display/monitor sono elencati a → Pagina 177.

Esempio: visualizzazioni di stato

X1

+10...+24 V DC
+10 V
< 20 mA
DI1

DI2

DI3

AI1
DI4

0V +10 V 1 2 3 4

+24 V

Figura 71: Esempio con Le visualizzazioni di stato degli ingressi digitali sono rappresentati in modo
sistema di equivalente (0000 = DI1, DI2, DI3, DI4). Esse permettono di controllare se un
comando
esterno segnale di comando (ad es. da un sistema di controllo esterno) attiva gli
ingressi (DI1 - DI4) dell'avviatore a velocità variabile. In tal modo si dispone di
un mezzo semplice per il controllo del cablaggio (rottura del filo). Seguono
alcuni esempi.
PNU ID Valore visualizzato Descrizione

P00-04 11 0000 Nessun ingresso digitale (DI1, DI2, DI3, DI4) è azionato
1000 Segnale di comando sul morsetto 1 attivo (DI1)
0100 Segnale di comando sul morsetto 2 attivo (DI2)
0010 Segnale di comando sul morsetto 3 attivo (DI3)
0001 Segnale di comando sul morsetto 4 attivo (DI4)
0101 Segnale di comando sul morsetto 2 e sul morsetto 4 attivo (DI2 + DI4)
Valore visualizzato: 1 = attivato = High; 0 = non attivato = Low

110 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.1 Generalità

7 Modbus RTU

7.1 Generalità
Modbus è un sistema di bus gestito con un polling centralizzato, in cui un
cosiddetto master (PLC) controlla tutta la trasmissione dati sul bus. Esso non
consente alcun traffico trasversale fra i singoli utenti (slave).
Ogni scambio di dati viene avviato dal master su richiesta.
Può essere inviata soltanto una richiesta sulla linea.
Uno slave non può avviare nessuna trasmissione, bensì soltanto reagire a
una richiesta con una risposta.
Tra master e slave sono possibili due tipi di finestra di dialogo:
• Il master invia una richiesta a uno slave e attende una risposta.
• Il master invia un richiesta a tutti gli slave e non attende alcuna risposta
(modalità di distribuzione = broadcast).

→ Per ulteriori informazioni sull'argomento Modbus visitare il sito


Internet: www.modbus.org

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 111


7 Modbus RTU
7.1 Generalità

7.1.1 Comunicazione
DE1 DA1

DC1
L1/L L2/N
 DC- L1/L L2/N
L3  L3

HMI-PLC
 L1/L L2/N
L3

RS485
Modbus RTU
1 2 3 4
5 6 7 8
9 10 11 12
13
COM
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 14 15 16 17
18
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14  U 
V W DC+ BR
U V
U W
V W 

① ① ③

RJ45
② ②

Figura 72: Esempio: stringa Modbus


a Splitter DX-SPL-RJ45… (connettore a T)
b Cavo di collegamento DX-CBL-RJ45…
c Splitter DX-SPL-RJ45… con resistenza di terminazione

La figura mostra una tipica disposizione con un computer host (master) e un


numero qualsiasi di utenti (slave – massimo 63).
Ogni utente ha un indirizzo univoco sulla rete. L'indirizzamento avviene
individualmente mediante il parametro PDP-Adress; per l'avviatore a velocità
variabile DE1: P-34. L'indirizzamento è indipendente dal collegamento fisico
(posizione) sulla rete.
Il collegamento elettrico tra master e slave avviene mediante un cavo di
collegamento DX-CBL-RJ45… con connettore RJ45 ②. Se si utilizzano più
slave, questi vengono connessi in parallelo e collegati con gli splitter
DX-SPL-RJ45… ①.
Per l'ultimo utente fisico nella stringa Modbus è necessaria una resistenza di
terminazione bus ③.

112 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.1 Generalità

7.1.2 Porta COM


L'interfaccia RJ45 integrata nel frontale dell'avviatore a velocità variabile DE1
supporta il protocollo Modbus RTU e consente così un collegamento diretto
in rete senza modulo d'interfaccia aggiuntivo.
La rete Modbus deve essere collegata sull'estremità fisica (ultimo utente)
con una resistenza di terminazione ③ di ca. 120 Ω per evitare le riflessioni e
gli errori di trasmissione correlati.

Pin Significato

1 non assegnato
1
2 non assegnato
2
3 3 0V
4
5 4 OP-Bus (Operazione Bus) / Organo di comando esterno / Collegamento PC -
6
5 OP-Bus (Operazione Bus) / Organo di comando esterno / Collegamento PC +
7
8 6 Tensione di alimentazione 24-V-DC
7 RS485- Modbus RTU (A)
8 RS485+ Modbus RTU (B)

Figura 73: Occupazione pin del connettore RJ45

7.1.3 Abilitazione
Per il funzionamento Modbus è necessario applicare sempre un segnale
“High” a DI1.
DI1

DI1

DI1

+10 V 1 +10 V 1 0V 1

+24 V

Figura 74: Esempi di cablaggio per il funzionamento Modbus

7.1.4 Formato dati


Nell'avviatore a velocità variabile DE1 il formato dati è predefinito e non può
essere modificato.
• 1 bit di start
• 8 bit di dati
• 1 bit di stop
• Nessuna parità

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 113


7 Modbus RTU
7.2 Parametri Modbus

7.2 Parametri Modbus


La seguente tabella 35 mostra i parametri del DE1 rilevanti per il
funzionamento Modbus.
Le seguenti abbreviazioni hanno il significato di seguito esposto:

Abbreviazione Significato
PNU Numero parametro (Parameter number), designazione del parametro
ID Modbus Numero di identificazione del parametro in Modbus (Identification number)
RUN Diritto di accesso al parametro durante il funzionamento (segnale di RUN)
STOP Diritto di accesso ai parametri soltanto nella modalità STOP
ro/rw Diritto di lettura e scrittura dei parametri:
ro = protetto da scrittura, in sola lettura (read only)
rw = in lettura e scrittura (read and write)
Nome Sigla del parametro
Valore • Valore di taratura del parametro
• Campo valori
• Valore visualizzato
IF Impostazione di fabbrica (valore del parametro alla consegna)
I valori tra parentesi sono le impostazioni di fabbrica a 60 Hz.
Pagina Numero di pagina in questo manuale, dove il parametro è descritto in modo dettagliato

114 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.2 Parametri Modbus

Tabella 35: Parametri Modbus


PNU ID Modbus Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, ro/rw
STOP

P-12 140 RUN rw ProcessDataAccess 0 - 13 0 Accesso ai dati di processo


(impostare 3) Impostazione del canale di comando e valore di
riferimento con Modbus:
3: Modbus RTU (istruzione di comando,
valore di riferimento)

Nota:
indipendentemente dal canale di comando
selezionato, è sempre necessario un segnale di
consenso su DI1 o DI2.
P-15 143 STOP rw Selezione 0-9 0 Funzione dei morsetti di comando
configurazione DI Con P-12 = 3 i morsetti di comando da DI1 a
DI4 per Modbus RTU sono impostati sulle
funzioni descritte a → Sezione „7.3 Funzione
dei morsetti di comando con Modbus RTU“,
pagina 116.
P-34 162 RUN rw Indirizzo PDP 1 - 63 1 Indirizzo PDP
Indirizzo univoco dell'avviatore a velocità
variabile DE1 in una rete di comunicazione
P-35 163 RUN rw Baudrate Modbus 0-4 4 Baudrate Modbus
0 = 960 Bit/s
1 = 19,2 kBit/s
2 = 38,4 kBit/s
3 = 57,6 kBit/s
4 = 115,2 kBit/s
P-36 164 RUN rw Modbus RTU0 COM 0-8 0 Modbus RTU, Timeout
Timeout Intervallo di tempo dopo una perdita di
comunicazione e risultante disinserzione:
0: disattivato (nessuna disinserzione)
1: disinserzione dopo 30 ms
2: disinserzione dopo 100 ms
3: disinserzione dopo 1000 ms
4: disinserzione dopo 3000 ms

Arresto con rampa di decelerazione (P-02)


5: arresto dopo 30 ms
6: arresto dopo 100 ms
7: arresto dopo 1000 ms
8: arresto dopo 3000 ms

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 115


7 Modbus RTU
7.3 Funzione dei morsetti di comando con Modbus RTU

7.3 Funzione dei morsetti di comando con Modbus RTU


0V +10 V 1 2 3 4

DI1

DI2

DI3

DI4
Figura 75: Comando digitale con P-12 = 3 (esempio)

→ Con Modbus RTU è necessario applicare sempre un segnale di


consenso (ENA) al morsetto di comando DI1 (o DI2 = ENADIR),
prima che il segnale di consenso venga accettato tramite
Modbus RTU, → Figura 74, pagina 113.

La funzione dei morsetti di comando può essere configurata nel parametro


15 per la modalità di funzionamento Modbus RTU (P-12 = 3):

Tabella 36: Configurazione dei morsetti di comando da DI1 a DI4 con Modbus RTU
P-15 DI1 DI2 DI3 DI4
(Modalità)

0 ENA ENADIR FF1 n. F.


1 ENA ENADIR EXTFLT n. F.
2 ENA ENADIR FF20 FF21
3 ENA FF1 EXTFLT n.F.
41) ENA UP FF1 DOWN
51) ENA UP EXTFLT DOWN
61) ENA ENADIR UP DOWN
7 ENA FF20 EXTFLT FF21
8 ENA DIR FF1 n.F.
9 ENA DIR EXTFLT n.F.
1) P-15 = 4, 5 o 6 richiede un segnale di consenso (comando di avvio) tramite
Modbus e su DI1. I valori di riferimento digitali con Modbus vengono qui
ignorati.
Solo UP e DOWN sono attivi per l'impostazione valore di riferimento.

n. F. = no Function.
In questa configurazione il morsetto di comando non ha alcuna funzione!

116 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.3 Funzione dei morsetti di comando con Modbus RTU

La direzione del campo di rotazione attivata dipende dall'ingresso digitale


comandato (DI1, DI2) e dal valore nella parola di comando ID1, bit 1.

Tabella 37: Direzione del campo di rotazione in funzione degli ingressi digitali DI1 e DI2
DI1 DI2 Modbus RTU Direzione del campo di rotazione
(ENA) (ENADIR) Parola di comando (ID1) (Motore)

H = FWD l Bit0 = 1 Bit1 = 0 (FWD) → FWD (destra)


L H = REV Bit0 = 1 Bit1 = 0 (FWD) → REV (sinistra)
H = FWD l Bit0 = 1 Bit1 = 1 (REV) → REV (sinistra)
l H = REV Bit0 = 1 Bit1 = 1 (REV) → FWD (destra)

L'impostazione valore di riferimento analogico di DE1 è disattivata tramite il


morsetto di comando 4 (AI1). Oltre all'impostazione valore di riferimento
tramite Modbus RTU, qui è possibile impostare altri valori di riferimento
tramite i morsetti di comando:
• Frequenze fisse (da FF1 a FF4), tramite codici binari con FF20 e FF21
• Impostazione valore di riferimento digitale tramite i comandi UP e
DOWN
(P-15 = 4, 5, 6).

→ L'impostazione valore di riferimento tramite i morsetti di


comando disattiva l'impostazione valore di riferimento tramite
Modbus RTU.

Oltre alla frequenza fissa FF1 direttamente attivabile, è possibile selezionare


le frequenze fisse (da FF1 a FF4) tramite gli ingressi a codici binari FF20 e
FF21.

Tabella 38: Frequenze fisse


Frequenz FF20 FF21 f2 (IF) PNU
a fissa

FF1 l l 20 Hz P-20
FF2 H l 30 Hz P-21
FF3 l H 40 Hz P-22
FF4 H H 50Hz P-23
f2: frequenza di uscita dell'avviatore a velocità variabile DE1
Valori nell'impostazione di fabbrica (IF) con rispettivi numeri
dei parametri (PNU)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 117


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

7.4 Modalità Modbus RTU


La modalità di funzionamento Modbus RTU (Remote Terminal Unit =
terminale telecomandato) trasmette i dati in formato binario (elevata velocità
di trasferimento dei dati) e determina il formato di trasmissione della richiesta
e della risposta dei dati.
Ogni byte di messaggio inviato contiene due caratteri esadecimali
(0 - 9, A - F).
La trasmissione dati tra master (PLC) e l'avviatore a velocità variabile DE1
avviene secondo lo schema qui rappresentato:
• Richiesta master: il master invia un protocollo quadro (Modbus Frame)
all' avviatore a velocità variabile.
• Risposta slave: l'avviatore a velocità variabile invia un protocollo quadro
(Modbus Frame) in risposta al master.

Start
Address (1 Byte)
Function code (1 Byte)
Data (N x 1 Byte)
CRC (2 Bytes)
End
Master Slave

Start
Address (1 Byte)
Function code (1 Byte)
Data (N x 1 Byte)
CRC (2 Bytes)
End

Figura 76: Scambio di dati tra master, sistema di comando e DE1

→ L'avviatore a velocità variabile DE1 (slave) invia una risposta


soltanto se ha prima ricevuto una richiesta dal master.

118 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

7.4.1 Struttura di una richiesta del master

7.4.1.1 Indirizzo
• Nel parametro P-34 è inserito l'indirizzo (da 1 a 63) dell' avviatore a
velocità variabile a cui giunge la richiesta. Soltanto questo avviatore a
velocità variabile potrà rispondere alla richiesta.
• L'indirizzo 0 è utilizzato dal master come un cosiddetto broadcast
(messaggio a tutti gli utenti del bus). In questa modalità, non è possibile
contattare i singoli utenti e gli slave non possono emettere alcun dato.

7.4.1.2 Codice funzione


Il codice funzione definisce il tipo di messaggio.
Con l'avviatore a velocità variabile DE1 è possibile eseguire le seguenti
azioni:

Codice funzione [hex] Designazione Descrizione

03 Read Holding Registers Lettura dei registri di mantenimento nello slave (dati di
processo, parametri, configurazione).
In una richiesta del master possono essere letti al
massimo 11 registri.
06 Write Single Register Scrittura di un registro di mantenimento nello slave.
Con un telegramma generale (broadcast) il rispettivo
registro di mantenimento viene scritto in tutti gli slave.
Il registro viene riletto per il confronto.

7.4.1.3 Dati
La lunghezza del blocco di dati (dati: N x 1 byte) dipende dal codice funzione.
Esso è composto da due caratteri esadecimali compresi tra 00 e FF. Il blocco
dati contiene informazioni aggiuntive per lo slave per poter eseguire l'azione
stabilita dal codice funzione del master (esempio: il numero di parametri da
elaborare).

7.4.1.4 Controllo di errore ciclico (CRC)


I telegrammi nella modalità di funzionamento Modbus RTU contengono un
controllo d'errore ciclico (CRC = Cyclical Redundancy Check). Il campo CRC è
composto da due byte contenenti un valore binario a 16 bit. Il controllo
d'errore CRC viene eseguito sempre e indipendentemente dal processo di
controllo di parità per i singoli caratteri del telegramma. Il risultato del CRC
viene allegato al telegramma dal master. Lo slave, durante la ricezione del
telegramma, esegue un nuovo calcolo e confronta il valore calcolato con il
valore effettivo contenuto nel campo CRC. Se entrambi i valori non sono
identici, viene segnalata un'anomalia.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 119


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

7.4.2 Struttura di una risposta dello slave

7.4.2.1 Tempo di trasmissione necessario


• Il periodo che intercorre tra la ricezione di una richiesta del master e la
risposta dell' avviatore a velocità variabile è almeno pari a 3,5 caratteri
(tempo di attesa).
• Dopo aver ricevuto una risposta dall' avviatore a velocità variabile, il
master dovrà attendere almeno il tempo di attesa prima di poter inviare
una nuova richiesta.

7.4.2.2 Normale risposta dello slave


• Se la richiesta del master contiene una funzione di scrittura del registro
(codice funzione 06), l'avviatore a velocità variabile restituisce
direttamente la richiesta come risposta.
• Se la richiesta del master contiene una funzione di lettura del registro
(codice funzione 03), l'avviatore a velocità variabile restituisce i dati letti
con l'indirizzo dello slave e il codice funzione in risposta.

7.4.2.3 Lo slave non risponde


Nei seguenti casi l'avviatore a velocità variabile DE1 ignora la richiesta e non
invia alcuna risposta:
• Alla ricezione di una richiesta di broadcast.
• In caso di errore di trasmissione nella richiesta.
• Se l'indirizzo dello slave contenuto nella richiesta non corrisponde a
quello dell' avviatore a velocità variabile.
• In caso di errore CRC o di parità.
• Se l'intervallo temporale tra i messaggi è inferiore a
3,5 caratteri.

→ Nel master occorre garantire che esso ripeta la richiesta, qualora


non abbia ricevuto risposta nell'intervallo di tempo
corrispondente.

120 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

7.4.3 Mappatura dei registri


Con la mappatura dei registri nell'avviatore a velocità variabile DC1 è
possibile, mediante RTU, elaborare i contenuti elencati nella seguente
tabella.

Gruppo Campo ID Assegnazione dei numeri ID

Parametri 129 - 175 Elenco parametri → Capitolo 11 „Elenco parametri“, pagina 169
Dati di processo in ingresso 1-4 → Sezione „7.4.3.1 Dati di processo in ingresso“, pagina 121
Dati di processo in uscita 6 - 24 → Sezione „7.4.3.2 Dati di processo in uscita“, pagina 123

→ In alcuni sistemi di comando master (ad es. PLC) può succedere


che questi contengano un ID offset di +1 nel driver
dell'interfaccia di comunicazione di Modbus RTU.

→ Nell'elaborazione dei valori non si tiene conto della virgola!


Ad esempio una corrente del motore dell'avviatore a velocità
variabile DE1 di 0,3 A viene trasmessa tramite Modbus nel
formato 003dec oppure una corrente di 2,2 A nel formato 022dec.

7.4.3.1 Dati di processo in ingresso


I dati di processo in ingresso sono utilizzati per controllare l'avviatore a
velocità variabile DE1.

ID Designazione Fattore di scala Unità

1 Parola di comando del bus di campo – Codice binario


2 Valore di riferimento del numero di giri del bus di campo 0,1 Hz
3 riservato – –
4 Tempo di rampa Modbus 0,01 s

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 121


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

Parola di comando (ID 1)


Questi bit servono per il comando dell'avviatore a velocità variabile DE1.
Il contenuto può essere adattato dall'utente a seconda della propria
applicazione e quindi inviato come parola di comando all'avviatore a velocità
variabile.

Bit Descrizione
Valore = 0 Valore = 1

0 Stop RUN
1 Campo di rotazione orario (FWD) Campo di rotazione antiorario (REV)
2 Nessuna azione Azzerare gli errori
3 Nessuna azione Presa libera
4 non utilizzato
5 Nessuna azione Arresto rapido (rampa)
6 Nessuna azione Frequenza fissa (FF1)
7 Nessuna azione Sovrascrivere il valore di riferimento portandolo a 0
8 non utilizzato
9 non utilizzato
10 non utilizzato
11 non utilizzato
12 non utilizzato
13 non utilizzato
14 non utilizzato
15 non utilizzato

Valore di riferimento del numero di giri del bus di campo (ID 2)


I valori ammessi rientrano nell'intervallo da P-02 (frequenza minima) a P-01
(frequenza massima).
Nell'applicazione questo valore viene scalato con il fattore 0,1.

15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0
MSB LSB

122 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

7.4.3.2 Dati di processo in uscita


I dati di processo in uscita sono usati per monitorare l'avviatore a velocità
variabile DE1.

Tabella 39: Dati di processo in uscita


ID Spiegazione Fattore di scala Unità/Formato

6 Parola di stato e di errore – Codice binario


7 Valore reale (velocità di rotazione, frequenza) 0,1 Hz
8 corrente del motore 0,1 A
9 riservato – –
10 riservato – –
11 Stato DI – Codice binario
12 Versione – WORD
13 Potenza 1 kW/HP
14 Livello di tensione 1 V
15 Versione software, porta di comando – WORD
16 Versione software, stadio di potenza – WORD
17 Riconoscimento DE1 – WORD
18 riservato – –
19 riservato – –
20 Valore AI1 0,1 %
21 Valore AI2 0,1 %
22 Numero di giri ingresso di riferimento 1 U/min
23 Tensione circuito intermedio 1 V
24 Temperatura nello stadio di potenza 1 °C
25 Tempo di funzionamento del DE1 1 h
26 Tempo di funzionamento del DE1 1 min/s
27 Tempo di funzionamento del DE1 dall'ultima 1 h
segnalazione di errore
28 Tempo di funzionamento del DE1 dall'ultimo 1 min/s
errore

Parola di stato e di errore (ID 6)


Le informazioni sullo stato dell'apparecchio e le segnalazioni di errore sono
indicate nella parola di stato e di errore.

15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0
MSB LSB
Parola di errore Parola di stato

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 123


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

Parola di stato

Bit Descrizione
Valore = 0 Valore = 1

0 Azionamento non pronto Pronto al funzionamento (READY)


1 Stop Visualizzazione stato funzionamento (RUN)
2 Campo di rotazione orario (FWD) Campo di rotazione antiorario (REV)
3 Nessun errore Errore rilevato (FAULT)
4 Rampa di accelerazione Valore reale della frequenza uguale all'impostazione valore
di riferimento
5 – Numero di giri zero
6 Controllo velocità disattivato Controllo velocità attivato
7 non utilizzato non utilizzato

Numero di giri reale (ID 7)


Il numero di giri dell' avviatore a velocità variabile è compreso tra P-02
(frequenza minima) e P-01 (frequenza massima). Nell'applicazione il valore
viene scalato con il fattore 0,1.

15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0
MSB LSB

Corrente (ID 8)
La corrente viene indicata con un decimale.
Esempio: 34 ≙ 3,4 A
Stato DI (ID 11)
Il valore indica lo stato degli ingressi digitali. Il bit più basso indica lo stato di
DI 1.

124 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

Esecuzione (ID 12)

x x x x (hex) Spiegazione

Indice di potenza (specifico per ogni paese)


kW (a 50 Hz)
HP (a 60 Hz)

Indice di fase (collegamento alla rete)


0 = monofase (con DE1-12…)
1 = trifase (con DE1-34…)

Classe di tensione
2 = 230 V (con DE1-12…)
3 = 400 V (con DE1-34…)

Grandezza (FS)
1 = FS1
2 = FS2

Classe di potenza (ID 13)


Il valore indicato contiene sempre due decimali.
Esempio:
Registro 13 = 150 → L'apparecchio ha una potenza di 1,50 – in funzione di
ID 12 (kW o HP, monofase o trifase, 230 V o 400 V).
Tensione (ID 14)
Indica la tensione di ingresso definita dell'apparecchio.
Esempio: 230 ≙ 230 V
Versione software, porta di comando (ID 15)
Indica la versione software della porta di comando con due decimali.
Versione software, stadio di potenza (ID 16)
Indica la versione software dello stadio di potenza con due decimali.
Identificativo avviatore a velocità variabile (ID 17)
Identificativo apparecchio 8

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 125


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

7.4.4 Spiegazione del codice funzione

7.4.4.1 Codice funzione 03 hex: lettura dei registri di mantenimento


Questa funzione legge il contenuto di una serie di registri di emissione
consecutivi (specifici indirizzi registro).
Esempio
Lettura della parola di stato e di errore (ID 6) dell'avviatore a velocità variabile
con indirizzo slave 1.
Richiesta Master: 01 03 0005 0001 940Bhex

Registro [hex] Nome

01 Indirizzo slave
03 Codice funzione (lettura dei registri di mantenimento)
0005 5dec: il numero ID è 6, perché il comando master contiene un offset di +1.
0001 Totale dei registri richiesti
940B CRC

Risposta Slave: 01 03 02 0000 B844hex

Registro [hex] Nome

01 Indirizzo slave
03 Codice funzione (lettura dei registri di mantenimento)
02 Numero di byte dati successivi (1 registro = 2 byte)
0000 Contenuto (2 byte) del registro 6: 0
B844 CRC

126 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

7.4.4.2 Codice funzione 06hex: scrittura di un registro di emissione


Questa funzione scrive dati in un registro di mantenimento.
Esempio
Scrittura della parola di comando (ID 1) di un avviatore a velocità variabile DE1
con indirizzo slave 1.
Richiesta Master: 01 06 0000 0001 480Ahex

Registro [hex] Nome

01 Indirizzo slave
06 Codice funzione (scrittura di un registro di emissione)
0000 0: il numero ID del registro da scrivere è 1, perché il comando master contiene un offset di +1.
0001 Contenuto (2 byte) per il registro 0000 0000 0000 001bin → RUN
480A CRC

Risposta Slave: 01 06 0000 0001 480hex


La risposta slave è una copia della richiesta master se si tratta di una normale
risposta.

Registro [hex] Nome

01 Indirizzo slave
06 Codice funzione (qui, scrittura di un registro di emissione)
0000 1: il numero ID del registro da scrivere è 1, perché il comando master contiene un offset di +1.
0001 Contenuto (2 byte) per il registro 0000 0000 0000 001bin → RUN
B844 CRC

→ Il codice funzione 06hex può essere utilizzato per un broadcast.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 127


7 Modbus RTU
7.4 Modalità Modbus RTU

128 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


8 Dati tecnici
8.1 Caratteristiche

8 Dati tecnici
Le tabelle seguenti mostrano le caratteristiche dell'avviatore a velocità
variabile DE1 nelle singole grandezze con la potenza motore assegnata.

→ L'assegnazione della potenza del motore avviene sulla base


della corrente nominale d'impiego.

→ La potenza del motore contraddistingue la potenza attiva erogata


all'albero di comando di un normale motore asincrono a corrente
trifase quadripolare a raffreddamento interno od esterno per
regimi di rotazione di 1500 min-1 (a 50 Hz) e 1800 min-1 (a 60 Hz).

8.1 Caratteristiche
Sigla Corrente Dimensioni Grado di Potenza motore assegnata
nominale costruttive protezione
Ie FS IP P (230 V, 50 Hz) P (220 - 240 V, 60 Hz)
[A] [kW] [A]1) [HP] [A]1)
Tensione di rete: 1 AC 230 V, 50/60 Hz, Tensione di uscita: 3 AC 230 V, 50/60 Hz
DE1-121D4… 1,4 FS1 IP20 0,25 1,4 1/3 1,4
DE1-122D3… 2,3 FS1 IP20 0,37 2 1/2 2,2
DE1-122D7… 2,7 FS1 IP20 0,55 2,7 1/2 2,2
DE1-124D3… 4,3 FS1 IP20 0,75 3,2 1 4,2
DE1-127D0… 7 FS1 IP20 1,5 6,3 2 6,8
DE1-129D6… 9,6 FS2 IP20 2,2 8,7 3 9,6
1) Le correnti nominali motore valgono per normali motori asincroni trifase a quattro poli a ventilazione interna ed esterna

Sigla Corrente Dimensioni Grado di Potenza motore assegnata


nominale costruttive protezione
Ie FS IP P (400 V, 50 Hz) P (440 - 480 V, 60 Hz)
[A] [kW] [A]1) [HP] [A]1)
Tensione di rete: 3 AC 400 V, 50 Hz / 480 V, 60 Hz,
Tensione di uscita: 3 AC 400 V, 50 Hz / 440 - 480 V, 60 Hz
DE1-341D3… 1,3 FS1 IP20 0,37 1,1 1/2 1,1
DE1-342D1… 2,1 FS1 IP20 0,75 1,9 1 2,1
DE1-343D6… 3,6 FS1 IP20 1,5 3,6 2 3,4
DE1-345D0… 5 FS2 IP20 2,2 5 3 4,8
DE1-346D6… 6,6 FS2 IP20 3 6,6 3 4,8
DE1-348D5… 8,5 FS2 IP20 4 8,5 5 7,6
DE1-34011… 11,3 FS2 IP20 5,5 11,3 7,5 11
DE1-34016… 16 FS2 IP20 7,5 15,2 10 14
1) Le correnti nominali motore valgono per normali motori asincroni trifase a quattro poli a ventilazione interna ed esterna

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 129


8 Dati tecnici
8.2 Valori nominali generali

8.2 Valori nominali generali


Simbolo Unità Valore

Generalità
Conformità alle norme Requisiti generali: IEC/EN 61800-2
Requisiti EMC: IEC/EN 61800-3
Requisiti di sicurezza: IEC/EN 61800-5-1
Certificazioni e dichiarazioni dei costruttori per la conformità CE, UL, cUL, c-Tick
Qualità di fabbricazione RoHS, ISO 9001
Idoneità ai climi ρw % < 95 %, umidità relativa media (RH),
senza condensa, non corrosiva, nessuno
sgocciolamento (IEC/EN 61800-5-1)
Temperatura ambiente
Funzionamento
IP20 (NEMA 0) ϑ °C -10 - +50 (max. 60, in parte con declassamento)
Stoccaggio ϑ °C -40 - +70
Schock (EN 60068-2-27) 15 g/11 ms (in condizioni di esercizio)
• montaggio su guida DIN
• montaggio su piastra di montaggio con viti
Vibrazione secondo IEC/EN 61800-5-1 Trasporto secondo IEC/EN 61800-2
Trasporto di DE1 come apparecchio singolo in un
imballaggio separato e test di caduta UPS (15 g/11 ms)
MTBF (tempo medio tra due guasti) Anni DE1-12… (FS1): > 73 anni
DE1-12… (FS2): > 17 anni
DE1-34… (FS1): > 88 anni
DE1-34… (FS2): > 73 anni
Scarica elettrostatica (ESD, IEC 61800-3 U kV ±4, scarica dei contatti
±6, scarica in aria
Transitori rapidi, burst (IEC 61800-3) 5 kHz per 5 min.
100 kHz per 5 min.
Classe di radiodisturbo (EMC)
Categoria e massima lunghezza del cavo motore
schermato consentita con filtro soppressione
radiodisturbi integrato
C1solo con DE1-12…) l mm 5
C2 l mm 10
C3 l mm 25
Immunità C3
Posizione di montaggio a piacere, non pendente (frontale non rivolto verso il
basso),
verticale solo per DE1-121D4…, DE1-122D3…
Altezza di installazione h mm 0 - 1000 s.l.m.
> 1000 con riduzione della corrente di carico del 1 %
(declassamento) ogni 100 m,
max. 2000
Grado di protezione IP20 (NEMA 0)
Protezione contro i contatti accidentali BGV A3 (VBG4, protezione dal contatto con le dita e
con le mani)

130 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

8.3 Dati nominali

8.3.1 DE1-12… (collegamento alla rete monofase)


Simb Unità DE1-121D4… DE1-122D3… DE1-122D7… DE1-124D3… DE1-127D0… DE1-129D6…
olo

Collegamento alla rete


Tensione Ue V 230, monofase 230, monofase 230, monofase 230, monofase 230, monofase 230, monofase
nominale
d'impiego
Tensione di rete ULN V 200 - 240 200 - 240 200 - 240 200 - 240 200 - 240 200 - -240
±10 % ±10 % ±10 % ±10 % ±10 % ±10 %
(180 - 264) (180 - 264) (180 - 264) (180 - 264) (180 - 264) (180 - 264)
Frequenza di f Hz 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 %
rete
Corrente di ILN A 3,6 6,2 7,3 11,3 17,4 23,2
ingresso (senza
induttanza di rete)
Stadio di potenza
Corrente Ie A 1,4 2,3 2,7 4,3 7 9,6
nominale
d'esercizio
Corrente di I2-150 A 2,1 3,45 4,05 6,45 10,5 14,4
sovraccarico,
1,5x Ie, ciclica
per 60 s ogni
600 s
Corrente di I2max A 2,8 4,6 5,4 8,6 14 19,2
sovraccarico,
max. 2 x Ie ogni
600 s
Tensione di U2 V 230, trifase 230, trifase 230, trifase 230, trifase 230, trifase 230, trifase
uscita a Ue
Frequenza di f2 Hz 0 - 50/60 0 - 50/60 0 - 50/60 0 - 50/60 0 - 50/60 0 - 50/60
uscita (max. 300) (max. 300) (max. 300) (max. 300) (max. 300) (max. 300)
Discriminazione in Δf % 0,025 0,025 0,025 0,025 0,025 0,025
frequenza (valore
di riferimento)
Frequenza di fPWM kHz 16 (4/8/12/16/ 16 (4/8/12/16/ 16 (4/8/12/16/ 16 (4/8/12/16/ 16 (4/8/12/16/ 16 (4/8/12/16/
ripetizione 24/32) 24/32) 24/32) 24/32) 24/32) 24/32)
dell'impulso
(udibile)
Declassamento nessuno nessuno nessuno nessuno nessuno nessuno
tra 50 °C e 60 °C
Corrente IPE mA < 3,5 AC/ < 3,5 AC/ < 3,5 AC/ < 3,5 AC/ < 3,5 AC/ < 3,5 AC/
passante verso < 10 DC < 10 DC < 10 DC < 10 DC < 10 DC < 10 DC
terra (PE), max.
Frenatura a 0 - 100 % Ue, 0 - 10 s, parametrizzabile
corrente
continua

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 131


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simb Unità DE1-121D4… DE1-122D3… DE1-122D7… DE1-124D3… DE1-127D0… DE1-129D6…


olo

Dissipazione
numero di giri/
coppia
100/100 Pv W 17 20 27 32 59 105
90/100 Pv W 16 18 25 31 57 102

100/50 Pv W 13 14 15 16 33 49

90/100 Pv W 13 14 15 15 32 47

50/100 Pv W 14 17 20 59 43 70

50/50 Pv W 12 12 12 15 31 37

50/25 Pv W 11 11 10 10 19 28

0/100 Pv W 13 16 19 32 46 79

0/50 Pv W 10 10 11 15 21 35

0/25 Pv W 10 10 10 13 15 25

Utenza motore
Potenza motore,
assegnata
a 230 V, P kW 0,25 0,37 0,55 0,75 1,5 2,2
50 Hz
a 220 -240 V, P HP 1/3 1/2 1/2 1 2 3
60 Hz
Potenza apparente
dell' avvolgimento
supplementare con
valore nominale
a 230 V Cont kVA 0,56 0,92 1,08 1,71 2,79 3,82
atto
NA
a 240 V Cont kVA 0,58 0,96 1,12 1,79 2,91 3,99
atto
NA

132 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simb Unità DE1-121D4… DE1-122D3… DE1-122D7… DE1-124D3… DE1-127D0… DE1-129D6…


olo

Porta di comando
Relè
Contatto Contatto NA (segnalazione RUN)
Tensione, U V 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC
massima
Corrente di I A 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1
carico,
massima
Tensione di
riferimento/
comando
Tensione di Uc V 10 10 10 10 10 10
uscita
Corrente di Ic mA 20 20 20 20 20 20
carico max.
ammessa
Ingresso
analogico
Risoluzione 12 Bit 12 Bit 12 Bit 12 Bit 12 Bit 12 Bit
tensione Us V 0 - +10 0 - +10 0 - +10 0 - +10 0 - +10 0 - +10

Corrente Is mA 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20

Ingresso
digitale
Livello di Uc V 9 - +30 9 - +30 9 - +30 9 - +30 9 - +30 9 - +30
tensione
segnale High
Corrente di Is mA 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/
ingresso 3 (24 V) 3 (24 V) 3 (24 V) 3 (24 V) 3 (24 V) 3 (24 V)
Custodia
Grandezza FS1 FS1 FS1 FS1 FS1 FS2
Dimensioni mm 45 x 230 x 169 45 x 230 x 169 45 x 230 x 169 45 x 230 x 169 45 x 230 x 169 90 x 230 x 169
LxAxP
Scostamento Gradi 5 5 90 90 90 90
massimo ammesso
dal montaggio
verticale
Ventilatore No No Sì Sì Sì Sì
interno per
apparecchi
Grado di IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0
protezione
Peso mm kg 1,04 1,04 1,06 1,06 1,06 1,68

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 133


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simb Unità DE1-121D4… DE1-122D3… DE1-122D7… DE1-124D3… DE1-127D0… DE1-129D6…


olo

Sezioni di collegamento, collegabili


Stadio di potenza
Rigido o A mm² 1-6 1-6 1-6 1-6 1-6 1-6
semirigido
Flessibile con A mm² 1-6 1-6 1-6 1-6 1-6 1-6
puntalino
Rigido o A AWG 18 - 6 18 - 6 18 - 6 18 - 6 18 - 6 18 - 6
semirigido
Lunghezza di l mm 8 8 8 8 8 8
spelatura
Attrezzi Cacciavite a stella PZ2 (Pozidrive)
Coppiadi M Nm 1,7 1,7 1,7 1,7 1,7 1,7
serraggio
Porta di comando
Rigido o A mm² 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5
semirigido
Flessibile con A mm² 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1
puntalino
Rigido o A AWG 30 - 16 30 - 16 30 - 16 30 - 16 30 - 16 30 - 16
semirigido
Lunghezza di l mm 5 5 5 5 5 5
spelatura
Attrezzi Cacciavite a taglio 0,7 x 3 mm
Coppiadi M Nm 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5
serraggio

134 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

8.3.2 DE1-34… (Collegamento alla rete trifase)


Simbolo Unità DE1-341D3… DE1-342D1… DE1-343D6… DE1-345D0…

Collegamento alla rete


Tensione nominale Ue V 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase
d'esercizio
Tensione di rete ULN V 380 - 480 ±10 % 380 - 480 ±10 % 380 - 480 ±10 % 380 - 480 ±10 %
(342 - 528) (342 - 528) (342 - 528) (342 - 528)
Frequenza di rete f Hz 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 %
Corrente di ingresso ILN A 1,7 3,1 4,9 7
(senza induttanza di rete)
Stadio di potenza
Corrente nominale Ie A 1,3 2,1 3,6 5
d'esercizio
Corrente di sovraccarico, I2-150 A 1,95 3,15 5,4 7,5
1,5 x Ie, ciclica per 60 s
ogni 600 s
Corrente di sovraccarico, I2max A 2,6 4,2 7,2 10
max. 2 x Ie ogni 600 s
Tensione di uscita a Ue U2 V 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase

Frequenza di uscita f2 Hz 0 - 50/60 (max. 300) 0 - 50/60 (max. 300) 0 - 50/60 (max. 300) 0 - 50/60 (max. 300)

Discriminazione in Δf % 0,025 0,025 0,025 0,025


frequenza
(Valore di riferimento)
Frequenza di ripetizione fPWM kHz 16 (10/12/14/16/ 16 (10/12/14/16/18/ 16 (10/12/14/16/18/ 16 (10/12/14/16/
dell'impulso (udibile) 18/20) 20) 20) 18/20)
Declassamento tra 50 °C e nessuno • nessuno con fPWM • nessuno con fPWM nessuno
60 °C ≦ 16 kHz ≦ 16 kHz
• nessuno con • nessuno con
fPWM ≦ 20 kHz, fino Ie ≦ 3,2 A
a max. 57 °C • nessuno fino a max.
• nessuno con 57 °C
Ie ≦ 1,6 A
Corrente passante verso IPE mA < 3,5 AC / < 10 DC < 3,5 AC / < 10 DC < 3,5 AC / < 10 DC < 3,5 AC / < 10 DC
terra (PE), max.
Frenatura a corrente continua 0 - 100 % Ue, 0 - 10 s, parametrizzabile
Dissipazione
Velocità di rotazione/coppia
100/100 Pv W 18 28 47 65
90/100 Pv W 17 27 45 63
100/50 Pv W 14 19 31 51
90/100 Pv W 14 17 30 50
50/100 Pv W 18 28 45 61
50/50 Pv W 12 17 28 48
50/25 Pv W 11 14 25 37
0/100 Pv W 21 25 41 53

0/50 Pv W 12 12 22 41

0/25 Pv W 11 12 20 34

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 135


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simbolo Unità DE1-341D3… DE1-342D1… DE1-343D6… DE1-345D0…

Utenza motore
Potenza motore,
assegnata
a 400 V, 50 Hz P kW 0,37 0,75 1,5 2,2
a 440 - 480 V, 60 Hz P HP 1/2 1 2 3
Potenza apparente dell'
avvolgimento
supplementare con
valore nominale
a 400 V Contatto kVA 0,90 1,45 2,49 3,46
NA
a 480 V Contatto kVA 1,08 1,75 2,99 4,16
NA
porta di comando
relè
Contatto Contatto NA (segnalazione RUN)
Tensione, massima U V 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC
Corrente di carico, I A 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1
massima
Tensione di
riferimento/comando
Tensione di uscita Uc V 10 10 10 10

Corrente di carico Ic mA 20 20 20 20
massima ammessa
Ingresso analogico
Risoluzione 12 Bit 12 Bit 12 Bit 12 Bit
tensione Us V 0 - +10 0 - +10 0 - +10 0 - +10
Corrente Is mA 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20

Ingresso digitale
Livello di tensione Uc V 9 - +30 9 - +30 9 - +30 9 - +30
segnale High
Corrente d'ingresso Ic mA 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/ 3 (24 V) 1,15 (10 V)/ 3 (24 V) 1,15 (10 V)/
3 (24 V) 3 (24 V)
Custodia
Grandezza FS1 FS1 FS1 FS2
Dimensioni L x A x P mm 45 x 230 x 169 45 x 230 x 169 45 x 230 x169 90 x 230 x 169
Scostamento massimo Gradi 90 90 90 90
ammesso dal montaggio
verticale
Ventilatore interno per Sì Sì Sì Sì
apparecchi
Grado di protezione IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0
Peso mm kg 1 1 1 1,6

136 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simbolo Unità DE1-341D3… DE1-342D1… DE1-343D6… DE1-345D0…

Sezioni di collegamento, collegabili


Stadio di potenza
Rigido o flessibile A mm² 1-6 1-6 1-6 1-6
Flessibile con puntalino A mm² 1-6 1-6 1-6 1-6
Rigido o flessibile A AWG 18 - 6 18 - 6 18 - 6 18 - 6
Lunghezza di spelatura l mm 8 8 8 8
Attrezzi Cacciavite a stella PZ2 (Pozidrive)
Coppia di serraggio Nm 1,7 1,7 1,7 1,7
porta di comando
Rigido o flessibile A mm² 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5
Flessibile con puntalino A mm² 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1
Rigido o flessibile A AWG 30 - 16 30 - 16 30 - 16 30 - 16
Lunghezza di spelatura l mm 5 5 5 5
Attrezzi Cacciavite a taglio 0,7 x 3 mm
Coppia di serraggio M Nm 0,5 0,5 0,5 0,5

Simbolo Unità DE1-346D6… DE1-348D5… DE1-34011… DE1-34016…

Collegamento alla rete


Tensione nominale d'impiego Ue V 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase
Tensione di rete ULN V 380 -480 ±10 % (342 - 528)
Frequenza di rete f Hz 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 % 50/60 ±10 %
Corrente di ingresso (senza ILN A 8,5 10 12 16,5
induttanza di rete)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 137


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simbolo Unità DE1-346D6… DE1-348D5… DE1-34011… DE1-34016…

Stadio di potenza
Corrente nominale d'impiego Ie A 6,6 8,5 11 16
Corrente di sovraccarico, I2-150 A 9,9 12,75 16,5 24
1,5 x Ie, ciclica per 60 s ogni
600 s
Corrente di sovraccarico, max. I2max A 13,2 17 22 32
2 x Ie ogni 600 s
Tensione di uscita a Ue U2 V 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase 400/480, trifase
Frequenza di uscita f2 Hz 0 - 50/60 0 - 50/60 0 - 50/60 0 - 50/60
(max.300) (max. 300) (max. 300) (max. 300)
Discriminazione in frequenza Δf % 0,025 0,025 0,025 0,025
(valore di riferimento)
Frequenza di ripetizione fPWM kHz 16 (10/12/14/16/ 16 (10/12/14/16/ 16 (10/12/14/16/ 16 (10/12/14/16/
dell'impulso (udibile) 18/20) 18/20) 18/20) 18/20)
Declassamento tra 50 °C e 60 °C nessuno nessuno • nessuno con • nessuno con
fPWM ≦ 16 kHz fPWM ≦ 14 kHz
• nessuno con fino a max.
Ie ≦ 10,6 A e 50 °C
fPWM ≦ 20 kHz • nessuno con
• nessuno fino a fPWM ≦ 16 kHz
max. 57 °C fino a max.
46 °C
• nessuno con
Ie ≦ 14,9 A e
fPWM ≦ 10 kHz
• nessuno con
Ie ≦ 10,6 A e
fPWM ≦ 20 kHz
Corrente passante max. verso IPE mA < 3,5 AC/< 10 DC < 3,5 AC/< 10 DC < 3,5 AC/< 10 DC < 3,5 AC/< 10 DC
terra (PE)
Frenatura a corrente continua 0 - 100 % Ue, 0 - 10 s, parametrizzabile
Dissipazione
Velocità di rotazione/coppia
100/100 Pv W 90 120 159 240
90/100 Pv W 87 116 154 233

100/50 Pv W 51 73 82 143

90/100 Pv W 50 71 89 138

50/100 Pv W 80 93 136 218

50/50 Pv W 50 70 67 147

50/25 Pv W 48 52 64 86

0/100 Pv W 79 93 129 190


0/50 Pv W 41 58 74 121

0/25 Pv W 38 48 60 81

138 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simbolo Unità DE1-346D6… DE1-348D5… DE1-34011… DE1-34016…

Utenza motore
potenza motore, assegnata
a 400 V, 50 Hz P kW 3 4 5,5 7,5
a 440 - 480 V, 60 Hz P HP 3 5 7,5 10
Potenza apparente dell'
avvolgimento supplementare
con valore nominale
a 400 V Contatto kVA 4,57 5,89 7,62 11,09
NA
a 480 V Contatto kVA 5,49 7,07 9,15 13,30
NA
porta di comando
relè
Contatto Contatto NA (segnalazione RUN)
Tensione, massima U V 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC 250 AC/30 DC
Corrente di carico, massima I A 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1 6 AC-1/5 DC-1
Tensione di riferimento/
comando
Tensione di uscita Uc V 10 10 10 10

Corrente di carico max. Ic mA 20 20 20 20


ammessa
Ingresso analogico
Risoluzione 12 Bit 12 Bit 12 Bit 12 Bit
tensione Us V 0 - +10 0 - +10 0 - +10 0 - +10

Corrente Is mA 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20 0/4 - 20


Ingresso digitale
Livello di tensione segnale Uc V 9 - +30 9 - +30 9 - +30 9 - +30
High
Corrente d'ingresso Ic mA 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/ 1,15 (10 V)/
3 (24 V) 3 (24 V) 3 (24 V) 3 (24 V)
Custodia
Grandezza FS2 FS2 FS2 FS2
Dimensioni L x A x P mm 90 x 230 x 169 90 x 230 x 169 90 x 230 x 169 90 x 230 x 169
Scostamento massimo ammesso Gradi 90 90 90 90
dal montaggio verticale
Ventilatore interno per Sì Sì Sì Sì
apparecchi
Grado di protezione IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0 IP20/NEMA 0
Peso mm kg 1,6 1,6 1,6 1,6

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 139


8 Dati tecnici
8.3 Dati nominali

Simbolo Unità DE1-346D6… DE1-348D5… DE1-34011… DE1-34016…

Sezioni di collegamento, collegabili


Stadio di potenza
Rigido o semirigido A mm² 1-6 1-6 1-6 1-6
Flessibile con puntalino A mm² 1-6 1-6 1-6 1-6
Rigido o semirigido A AWG 18 - 6 18 - 6 18 - 6 18 - 6
Lunghezza di spelatura l mm 8 8 8 8
Attrezzi Cacciavite a stella PZ2 (Pozidrive)
Coppia di serraggio Nm 1,7 1,7 1,7 1,7
porta di comando
Rigido o semirigido A mm² 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5 0,05 - 1,5
Flessibile con puntalino A mm² 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1 0,5 - 1
Rigido o semirigido A AWG 30 - 16 30 - 16 30 - 16 30 - 16
Lunghezza di spelatura l mm 5 5 5 5
Attrezzi Cacciavite a taglio 0,7 x 3 mm
Coppia di serraggio M Nm 0,5 0,5 0,5 0,5

140 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


8 Dati tecnici
8.4 Dimensioni

8.4 Dimensioni

b2

⌀1
L1/L L2/N L3 

b3
⌀2

b1
b

b4

0 V +10 V 1 2 3 4 13 14

U V W 

a1 c1
a c

Figura 77: Dimensioni

Tabella 40: Dimensioni


Grandezza a [mm] a1 [mm] b [mm] b1 [mm] b2 [mm] c [mm] c1 [mm] ⌀1 [mm] ⌀2 [mm]
(in) (in) (in) (in) (in) (in) (in) (in) (in)

FS1 45 25 230 220 5 168 6,5 5,1 10


(1,77) (0,98) (9,06) (8,66) (0,2) (6,61) (0,26) (0,2) (0,39)
FS2 90 50 230 220 5 168 6,5 5,1 10
(3,54) (1,97) (9,06) (8,66) (0,2) (6,61) (0,26) (0,2) (0,39)
1 in = 1’’ = 25,4 mm, 1 mm = 0,0394 in

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 141


8 Dati tecnici
8.4 Dimensioni

142 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.1 Organo di comando esterno DX-KEY-LED

9 Accessori

9.1 Organo di comando esterno DX-KEY-LED

Figura 78: DX-KEY-LED con cavo RJ45 (3 m)

L'organo di comando DX-KEY-LED permette la parametrizzazione, la


visualizzazione dei dati di funzionamento e il comando esterno dell'avviatore
a velocità variabile DE1. Nell'entità della fornitura di DX-KEY-LED è compreso
un cavo di collegamento da 3 m con connettore RJ45. La massima lunghezza
cavo ammessa è di 100 m.
DX-KEY-LED è predisposto per il montaggio in una porta quadro elettrico. Il
grado di protezione frontale di DX-KEY-LED è IP54.

L1/L L2/N
L3 

DX-KEY-LED
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 

Figura 79: Montaggio in una porta quadro elettrico

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 143


9 Accessori
9.1 Organo di comando esterno DX-KEY-LED

→ Note dettagliate di installazione dei keypad esterni sono


disponibili nelle istruzioni per il montaggio IL04012020Z.

In una rete PowerXL con massimo 63 utenti (OP-Bus) è possibile collegare al


massimo due organi di comando.

DE1 DA1

DC1
L1/L L2/N
 DC- L1/L L2/N
L3  L3

 L1/L L2/N
L3

1 2 3 4
5 6 7 8
9 10 11 12
13
COM
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 14 15 16 17
18
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14  U 
V W DC+ BR
U V
U W
V W 

Figura 80: Esempio: rete PowerXL (OP-Bus) con due organi di comando

Nel funzionamento con due organi di comando, l'indirizzo della porta (PDP)
del secondo organo di comando deve essere modificato al valore 2 (IF= 1).
Il collegamento o la selezione dei singoli utenti avviene tramite l'indirizzo
PDP, impostato come segue:
• per un convertitore di frequenza DC1 nel parametro P-36,
• per un convertitore di frequenza DA1 nel parametro P5-01,
• per un avviatore a velocità variabile DE1 nel parametro P-34.

Tabella 41: Combinazioni di tasti per gli indirizzi delle porte


Funzione Combinazione di tasti

Indirizzo dell'organo di
comando

Indirizzo di DE1, DC1, DA1

144 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.1 Organo di comando esterno DX-KEY-LED

Impostazione dell'indirizzo della porta


L'impostazione dell'indirizzo della porta dell'organo di comando viene
effettuata con la combinazione di tasti OK + STOP + ▼. Il display
visualizzerà: Port-1
L'assegnazione dell'indirizzo della porta (Port-1 o Port-2) avviene mediante i
tasti freccia. Premendo nuovamente la combinazione di tasti
OK + STOP + ▼ le impostazioni verranno memorizzate nell'organo di
comando.
Impostazione dell'indirizzo utente

→ L'impostazione degli indirizzi utente è possibile solo in un


collegamento diretto (punto-punto).

L'indirizzo dei singoli utenti può essere impostato con la combinazione di


tasti STOP + ▼. Nell'impostazione di fabbrica il display visualizza Adr-01.
L'assegnazione degli indirizzi utente avviene mediante i tasti freccia
(Adr-01, Adr-02 fino a Adr-63). Premendo nuovamente la
combinazione di tasti STOP + ▼ l'indirizzo verrà memorizzato nell'utente
(DE1, DC1, DA1) e i relativi dati verranno caricati nell'organo di comando.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 145


9 Accessori
9.2 Pen drive di comunicazione DX-COM-STICK

9.2 Pen drive di comunicazione DX-COM-STICK


La pen drive di comunicazione DX-COM-STICK permette una facile
trasmissione dei parametri:
• copia di tutti i parametri all'interno di una serie di apparecchi
(DE1, DC1, DA1) di uguale potenza nominale,
• copia di tutti i parametri – ad eccezione dei parametri relativi alla potenza
– all'interno di una serie di apparecchi (DE1, DC1, DA1) di potenza
nominale diversa,
• Connessione online Bluetooth di tutti i parametri con un PC.
Per questa trasmissione è necessario il software drivesConnect. Il
software di parametrizzazione drivesConnect permette una pratica
parametrizzazione, comando, diagnostica e visualizzazione dei parametri
DE1.

L1/L L2/N
L3 

0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 

Figura 81: DE1 e DX-COM-STICK


Figura 82: DX-COM-STICK
a Protezione da scrittura parametri
b Connettore RJ45
c LED – verde, illuminato
fisso = pronto al funzionamento (OK)
lampeggiante = trasmissione dati
all'apparecchio collegato

⑥ d LED – blu, illuminato
fisso = Bluetooth pronto al funzionamento
lampeggiante = comunicazione in corso
con un PC
⑤ e Pulsante – Lettura e memorizzazione dati
dell'apparecchio collegato
f Pulsante – Trasmissione dati dalla pen drive
di comunicazione DX-COM-STICK
④ ③ all'apparecchio collegato

146 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.2 Pen drive di comunicazione DX-COM-STICK

La memorizzazione dei dati è comandata mediante i tasti freccia della pen


drive di comunicazione DX-COM-STICK:
I parametri vengono copiati dalla pen drive di comunicazione
DX-COM-STICK nell'apparecchio collegato (⑥).

I parametri vengono copiati dall'apparecchio collegato alla pen drive


di comunicazione DX-COM-STICK (⑤).

→ Ulteriori informazioni sulla pen drive di comunicazione


Bluethooth DX-COM-STICK sono disponibili nel manuale
MN040003DE, “drivesConnect · software di parametrizzazione
per avviatori a velocità variabile PowerXL™” e nelle istruzioni
per il montaggio IL04012021Z.

→ All'intero di una serie di apparecchi DE1 i parametri relativi alla


potenza (ad es. valori corrente) possono essere copiati soltanto
in un apparecchio con uguale potenza nominale.

Per il collegamento a un PC (con software di parametrizzazione


drivesConnect) la pen drive di comunicazione Bluethooth DX-COM-STICK
deve essere attivata mediante la funzione Windows “Aggiungi dispositivo
Bluetooth” con codice di identificazione = 0000.
Utilizzando DX-COM-STICK i tre LED sulla parte frontale dell'avviatore a
velocità variabile DE1 forniscono informazioni aggiuntive.

LED vista Spiegazione

RUN Lampeggia per 2 s (4 Hz), verde Parametri trasferiti correttamente


Status disattivata
Fault Code disattivata

RUN Lampeggia per 2 s (4 Hz), verde Trasferimento dei parametri non riuscito
Status Lampeggia per 2 s (4 Hz), rosso
Fault Code Lampeggia per 2 s (4 Hz), rosso

RUN Lampeggia per 2 s (4 Hz), verde Lettura/scrittura impossibile:


DX-COM-STICK bloccata, DE1 nella
Status Lampeggia per 2 s (4 Hz), giallo modalità RUN oppure tipo DE1 non
Fault Code Lampeggia per 2 s (4 Hz), giallo compatibile.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 147


9 Accessori
9.3 SmartWire-DT DX-NET-SWD3

9.3 SmartWire-DT DX-NET-SWD3

Ready

I A
O

Figura 83: DX-NET-SWD3

Il modulo opzionale DX-NET-SWD3 permette il collegamento di un avviatore


a velocità variabile DE1 a SmartWire-DT. In combinazione con i gateway
SmartWire-DT è così possibile stabilire una comunicazione diretta con il
profilo Profidrive ad esempio tramite PROFIBUS DP o PROFINET.
Il modulo SmartWire-DT viene inserito nel lato frontale dell'avviatore a
velocità variabile DE1 e collegato con la presa dell'apparecchio SWD4-8F2-5
al cavo piatto SWD4-…LF8-….

L1/L L2/N L1/L L2/N


L3  L3 

1 2 Ready

SWD4-100LF8-24
0 V +10 V 1
2
SWD4-3LF8-24-2S I
O

0 V +10 V 1
A

3 4 13 14 2 3

SWD4-5LF8-24-2S
4 13 14

SWD4-8SF2-5

U V W U V
Ready 
SWD4-10LF8-24-2S + 15V
W 

I A
O

SWD4-8SF2-5

SWD4-8SF2-5
+ 15V

Figura 84: Collegamento SmartWire-DT

→ Note di installazione dettagliate sono disponibili nelle istruzioni


per il montaggio IL040009ZU.

→ Note dettagliate sull'uso del modulo DX-NET-SWD3 sono


disponibili nel manuale MN04012009Z-DE.

148 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.4 Cavo PC DX-CBL-PC1M5

9.4 Cavo PC DX-CBL-PC1M5

L1/L L2/N
L3 
L1/L L2/N
L3 

drivesConnect

USB
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14
0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 
U V W 

RJ45

Figura 85: DX-CBL-PC-1M5

Il modulo di collegamento al PC DX-CBL-PC-1M5 permette una


comunicazione via cavo con separazione galvanica tra l'avviatore a velocità
variabile DE1 e un PC dotato di sistema operativo Windows (connessione
punto-punto), sul quale sia installato il software di parametrizzazione
drivesConnect.
Il cavo di collegamento da 1,5 m è dotato di un connettore RJ45 e di un
convertitore d'interfaccia su un'interfaccia USB (collegamento PC).

→ Ulteriori informazioni sul cavo di collegamento DX-CBL-PC1M5


sono disponibili nel manuale MN040003DE, “drivesConnect ·
software di parametrizzazione per convertitori di frequenza
PowerXL™” e nelle istruzioni per il montaggio IL040002ZU.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 149


9 Accessori
9.5 Collegamento bus di campo DX-COM-PCKIT

9.5 Collegamento bus di campo DX-COM-PCKIT


Il collegamento bus di campo DX-COM-PCKIT permette una comunicazione
via cavo, con separazione galvanica, tra un comando master (computer host)
e più comandi apparecchi PowerXL (al massimo 63).

USB

6 5 4 3
2 1
PWR
RxD
TxD

SW
Serial

Figura 86: DX-COM-PCKIT

DX-COM-PCKIT è predisposto per il montaggio in un quadro elettrico ad


armadio.

Host computer
DE1 DA1
2 63

DC1
1
 DC- L1/L L2/N
L1/L L2/N
L3  L3

USB  L1/L L2/N


L3

(Type A)

1 2 3 4
5 6 7 8
9 10 11 12
USB 1 2 3 4
COM
13

5 6 7

(Type B) 14 15 16 17
8 9 10 11
18
0 V +10 V 1
 U
2 3 4 13 14

V W DC+ BR
U V W
U V W 
USB

6 5 4 3
2 1
PWR
RxD
TxD

SW
Serial

② ② ① DX-COM-PC KIT
RS485 ② DX-SPL-RJ45-2SL1PL
③ DX-CBL-RJ45-...

RJ45
③ OP-BUS ③

Figura 87: Esempio di linea di comunicazione

150 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.5 Collegamento bus di campo DX-COM-PCKIT

DX-COM-PCKIT dispone di varie interfacce con caratteristiche diverse. Per un


collegamento diretto al PC l'entità della fornitura comprende:
• un cavo di circa 80 cm con interfaccia USB (tipo A e tipo B),
• un cavo di circa 80 cm con connettore RS485 e RJ45.

→ Ulteriori informazioni su DX-COM-PCKIT sono disponibili nelle


istruzioni per il montaggio IL04012022Z.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 151


9 Accessori
9.6 Splitter DX-SPL-RJ45-2SL1PL

9.6 Splitter DX-SPL-RJ45-2SL1PL


Lo splitter è stato appositamente concepito per un collegamento RJ45 del
comando azionamento PowerXL. I connettori RJ45 sono collegati in parallelo
e permettono di collegare facilmente più cavi di collegamento con connettori
RJ45 (cavo Patch, DX-CBL-RJ45 …).

Figura 88: DX-SPL-RJ45-2SL1PL

Il connettore RJ45 dello splitter viene infilato nella presa presente sul frontale
dell'avviatore a velocità variabile DE1.

① L1/L L2/N
L3 

③ 0 V +10 V 1
2 3 4 13 14

U V W 


Figura 89: Collegamento RJ45
a Avviatore a velocità variabile DE1
b Splitter DX-SPL-RJ45-2SL1PL
c Cavo DX-CBL-RJ45…

152 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.7 Cavi e dispositivi di protezione

9.7 Cavi e dispositivi di protezione


Il cavo di rete e il cavo motore devono essere dimensionati in conformità alle
norme locali e progettati per le rispettive correnti di carico. Le correnti
nominali d'impiego sono indicate a Pagina 131ff.. Devono essere utilizzati
cavi di corrente con isolamenti adeguati alle tensioni di rete indicate. La
conduttività del conduttore PE deve essere uguale alla conduttività del
conduttore di fase (uguale sezione).
Per soddisfare i requisiti EMC a norma CE e C-Tick, deve essere utilizzato un
cavo motore simmetrico, completamente schermato (360°). In questo caso
si consiglia un cavo con quattro conduttori per ridurre la sollecitazione della
schermatura da parte delle correnti passanti. Sul lato di rete non è necessario
l'utilizzo di un cavo schermato.
In caso di un'installazione conforme alle norme UL è necessario utilizzare dei
fusibili e dei cavi in rame omologati UL con una resistenza termica di +75 °C
(167 °F). Come cavo motore deve essere utilizzato il tipo MC con tubo di
alluminio ondulato e conduttori di terra simmetrici oppure – se non viene
utilizzato un tubo di protezione – un cavo di potenza schermato. La lunghezza
del cavo motore dipende dalla categoria radiodisturbo.

ATTENZIONE
Nella scelta dei fusibili e dei cavi tenere sempre conto delle
norme locali in vigore nel luogo di installazione.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 153


9 Accessori
9.7 Cavi e dispositivi di protezione

Tabella 42: Protezione e sezioni dei cavi assegnate


Tipo di apparecchio Corrente nominale Corrente d'ingresso1) Fusibile Sezione del conduttore Cavo motore
(L1/L, L2/N, L3, PE) (U, V, W, PE)
Ie ILN
A A A mm2 AWG2) mm2 AWG2)

DE1-121D4… 1,4 3,6 10 1,5 14 1,5 14


DE1-122D3… 2,3 6,2 10 1,5 14 1,5 14
DE1-122D7… 2,7 7,3 10 1,5 14 1,5 14
DE1-124D3… 4,3 11,3 153)/16 1,5 14 1,5 14
DE1-127D0… 7 17,4 20 2,5 12 1,5 14
DE1-129D6… 9,6 23,2 32/303) 6 8 1,5 14
DE1-341D3… 1,3 1,7 6 1,5 14 1,5 14
DE1-342D1… 2,1 3,1 6 1,5 14 1,5 14
DE1-343D6… 3,6 4,9 6 1,5 14 1,5 14
DE1-345D0… 5 7 10 1,5 14 1,5 14
DE1-346D6… 6,6 8,5 153)/16 1,5 14 1,5 14
DE1-348D5… 8,5 10 153)/16 1,5 14 1,5 14
DE1-34011… 11 12 153)/16 1,5 12 1,5 14
DE1-34016… 16 16,5 25 4 10 2,5 12
1) Corrente di fase sul lato rete (senza induttanza di rete)
2) AWG = American Wire Gauge (denominazione codificata dei cavi per il mercato nordamericano)
3) Fusibile a norma UL per cablaggio AWG

Le sezioni dei cavi collegabili e le lunghezze di spelature sono indicate nei dati
tecnici (→ Pagina 129 e seg.).

154 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.7 Cavi e dispositivi di protezione

Tabella 43: Dispositivi di protezione assegnati per apparecchi DE1-12…


Tipo di Corrente Fusibili (IEC) Fusibili (UL) 25 A, cablaggio AWG richiesto 25 A
apparecchio d'ingresso1)
ILN
Protezione circuito di derivazione, Tipo J: 100 kA
SCCR: 14 kA
A A monofase a 2 fasi A 1 polo: 2 poli: Fusibile

230 V AC 230 V AC 277 V AC 480 Y/277 V AC

DE1-121D4… 3,6 10 FAZ-B10/1N FAZ-B10/2 10 FAZ-B10/1-NA FAZ-B10/2-NA 10 A


DE1-122D3… 6,2 10 FAZ-B10/1N FAZ-B10/2 10 FAZ-B10/1-NA FAZ-B10/2-NA 10 A
DE1-122D7… 7,3 10 FAZ-B10/1N FAZ-B10/2 10 FAZ-B10/1-NA FAZ-B10/2-NA 10 A
DE1-124D3… 11,3 16 FAZ-B16/1N FAZ-B16/2 15 FAZ-B15/1-NA FAZ-B15/2-NA 15A
DE1-127D0… 17,4 20 FAZ-B20/1N FAZ-B20/2 20 FAZ-B20/1-NA FAZ-B20/2-NA 20A
DE1-129D6… 23,2 32 FAZ-B32/1N FAZ-B32/2 30 FAZ-B30/1-NA FAZ-B30/2-NA 30A
1) Corrente di fase sul lato rete (senza induttanza di rete)

Tabella 44: Dispositivi di protezione assegnati per apparecchi DE1-34…


Tipo di Corrente Fusibili (IEC) Fusibili (UL), cablaggio AWG richiesto
apparecchio d'ingresso1)
ILN
Protezione circuito Tipo E,
di derivazione, SCCR: 18 - 65 kA
SCCR: 14 kA (in base al tipo)
A A a 3 fasi A 3 polo: 3 polo:

400/480 V AC 480 Y/277 V AC 480 Y/277 V AC

DE1-341D3… 1,7 6 FAZ-B6/3 PKM0-6,32) PKE12/XTU-12 6 FAZ-B6/3-NA3) PKZM0-6,3+BK25/


3-PKZ0-E+AK-PKZ0
DE1-342D1… 3,1 6 FAZ-B6/3 PKM0-6,32) PKE12/XTU-12 6 FAZ-B6/3-NA3) PKZM0-6,3+BK25/
3-PKZ0-E+AK-PKZ0
DE1-343D6… 4,9 6 FAZ-B6/3 PKM0-6,32) PKE12/XTU-12 6 FAZ-B6/3-NA3) PKZM0-6,3+BK25/
3-PKZ0-E+AK-PKZ0
DE1-345D0… 7 10 FAZ-B10/3 PKM0-102) PKE12/XTU-12 10 FAZ-B10/3-NA3) PKZM0-10+BK25/
3-PKZ0-E+AK-PKZ0
DE1-346D6… 8,5 16 FAZ-B16/3 PKM0-162) PKE32/XTU-32 15 FAZ-B15/3-NA3) PKZM0-16+BK25/
3-PKZ0-E+AK-PKZ0
DE1-348D5… 10 16 FAZ-B16/3 PKM0-162) PKE32/XTU-32 15 FAZ-B15/3-NA3) PKZM0-16+BK25/
3-PKZ0-E+AK-PKZ0
DE1-34011… 12 16 FAZ-B16/3 PKM0-162) PKE32/XTU-32 15 FAZ-B15/3-NA3) PKZM0-16+BK25/
3-PKZ0-E+AK-PKZ0
DE1-34016… 16,5 25 FAZ-B25/3 PKM0-252) PKE32/XTU-32 25 FAZ-B25/3-NA3) PKZM0-25+BK25/
3-PKZ0-E+AK-PKZ0
1) Corrente di fase sul lato rete (senza induttanza di rete)
2) Sono ammessi tipi di PKZM equivalenti. Lo sganciatore termico non ha in questo caso alcuna funzione di protezione diretta del motore.
3) Protezione gruppo, SCCR: 14 kA, tripolare: 480 V/277 V AC
FAZ-B307/3-NA per tutte le combinazioni di DE1-34… fino a una corrente di ingresso totale (ILN) < 30 A

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 155


9 Accessori
9.8 Contattori di linea DIL…

9.8 Contattori di linea DIL…

→ I contattori di linea qui riportati tengono conto della corrente


nominale di rete ILN sul lato ingresso dell'avviatore a velocità
variabile DE1 senza induttanza di rete. La selezione avviene
secondo la corrente termica → Ith = Ie (AC-1) alla temperatura
ambiente specificata.

ATTENZIONE
Il funzionamento a impulsi attraverso il contattore di linea non è
consentito
(tempo di pausa ≧ 30 s fra disinserzione e inserzione).

Figura 90: Contattore di linea per collegamento DILM12-XP1


monofase
P1DILEM

DILM A1 1 3 5 13

DILEM
A2 2 4 6 14

DILM12-XP1

P1DILEM

Tabella 45: Contattori di linea assegnati


Tipo di apparecchio Corrente nominale Corrente d'ingresso1) Contattore di linea
Ie ILN AC-1 fino a 55 °C AC-1 fino a 60 °C
A A Sigla Sigla

DE1-121D4… 1,4 3,6 DILEM-…+P1DILEM DILM7-…+DILM12-XP1


DE1-122D3… 2,3 6,2 DILEM-…+P1DILEM DILM7-…+DILM12-XP1
DE1-122D7… 2,7 7,3 DILEM-…+P1DILEM DILM7-…+DILM12-XP1
DE1-124D3… 4,3 11,3 DILEM-…+P1DILEM DILM7-…+DILM12-XP1
DE1-127D0… 7 17,4 DILEM-…+P1DILEM DILM7-…+DILM12-XP1
DE1-129D6… 9,6 23,2 DILM7-…+DILM12-XP1 DILM7-…+DILM12-XP1
DE1-341D3… 1,3 1,7 DILEM-… DILM7-...
DE1-342D1… 2,1 3,1 DILEM-… DILM7-...
DE1-343D6… 3,6 4,9 DILEM-… DILM7-...
DE1-345D0… 5 7 DILEM-… DILM7-...
DE1-346D6… 6,6 8,5 DILEM-… DILM7-...
DE1-348D5… 8,5 10 DILEM-… DILM7-...
DE1-34011… 11 12 DILEM-… DILM7-...
DE1-34016… 16 16,5 DILEM-… DILM7-...
1) Corrente di fase sul lato rete (senza induttanza di rete)
Per i dati tecnici dei contattori di linea consultare il catalogo generale HPL, contattori di potenza DILEM e DILM7.

156 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.9 Induttanze di rete DX-LN…

9.9 Induttanze di rete DX-LN…


L'assegnazione delle induttanze di rete avviene secondo le correnti nominali
d'ingresso dell'avviatore a velocità variabile DE1.

Figura 91: Induttanze di rete DEX-LN…

→ Se l'avviatore a velocità variabile DE1 funziona al suo limite di


corrente nominale, la tensione massima possibile in uscita
dell'avviatore a velocità variabile (U2) viene ridotta a circa il 96 %
della tensione di rete (ULN) dato che l'induttanza di rete ha un
valore uk di circa 4%.

→ Per gli avviatori a velocità variabile DE1-34… il valore uk


dell'induttanza di rete non può superare il valore del 4 %, dal
momento che questi apparecchi sono realizzati con un “circuito
intermedio compatto”.

→ Le induttanze di rete riducono l'altezza delle armoniche fino al


30% circa e allungano la durata degli avviatori a velocità variabile
e degli apparecchi di comando installati a monte.
t

Ulteriori informazioni e dati tecnici sulle induttanze di


a rete della serie DX-LN… sono disponibili nelle istruzioni
per il montaggio IL00906003Z.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 157


9 Accessori
9.9 Induttanze di rete DX-LN…

Tabella 46: Induttanze di rete assegnate


Tipo di apparecchio Corrente nominale Corrente d'ingresso1) Tensione di rete induttanza di rete
(50/60 Hz)
Ie ILN ULNmax Sigla Ie
A A V A

DE1-121D4… 1,4 3,6 240 +10 % DX-LN1-006 6


DE1-122D3… 2,3 6,2 240 +10 % DX-LN1-006 6
DE1-122D7… 2,7 7,3 240 +10 % DX-LN1-009 9
DE1-124D3… 4,3 11,3 240 +10 % DX-LN1-013 13
DE1-127D0… 7 17,4 240 +10 % DX-LN1-018 18
DE1-129D6… 9,6 23,2 240 +10 % DX-LN1-024 24
DE1-341D3… 1,3 1,7 480 +10 % DX-LN3-004 4
DE1-342D1… 2,1 3,1 480 +10 % DX-LN3-004 4
DE1-343D6… 3,6 4,9 480 +10 % DX-LN3-006 6
DE1-345D0… 5 7 480 +10 % DX-LN3-010 10
DE1-346D6… 6,6 8,5 480 +10 % DX-LN3-010 10
DE1-348D5… 8,5 10 480 +10 % DX-LN3-010 10
DE1-34011… 11 12 480 +10 % DX-LN3-016 16
DE1-34016… 16 16,5 480 +10 % DX-LN3-016 16
1) Corrente di fase sul lato rete (senza induttanza di rete)

158 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.10 Induttanze motore DX-LM3…

9.10 Induttanze motore DX-LM3…


L'impiego di un'induttanza di rete è consigliato in caso di elevate lunghezze
cavo e collegamento parallelo di più motori. L'induttanza motore viene
installata sull'uscita dell'avviatore a velocità variabile DE1. La sua corrente
nominale d'impiego deve essere sempre uguale o superiore alla corrente
nominale d'impiego dell'avviatore a velocità variabile.

Figura 92: Induttanze motore DX-LM3…

Per gli apparecchi della serie DE1, l'uso di una induttanza motore è
consigliato a partire da una lunghezza cavo motore di 50 metri. Tale impiego
consente di apportare i seguenti miglioramenti:
• Prolungamento della lunghezza cavo motore massima ammissibile pari al
100 % (max. 150 m non schermato, max. 100 m schermato).
• Livellamento della corrente e attenuazione dei valori du/dt (kV/μs) per la
protezione dell'isolamento degli avvolgimenti nel motore.
• Riduzione della rumorosità e del surriscaldamento del motore.

→ Tenere conto delle lunghezze cavo motore massime ammissibili


secondo IEC/EN 61800-3 nelle rispettive categorie di
radiodisturbo EMC (C1, C2, C3 nel 1° e nel 2° ambiente).

L'impiego di una induttanza motore nell'uscita di un avviatore a velocità


variabile DE1 è consigliato anche nel caso in cui più motori con valori nominali
uguali o diversi siano azionati in parallelo. In questo caso l'induttanza motore
compensa la resistenza e l'induttività complessiva ridotta dal circuito in
parallelo e attenua l'elevata capacità parassita dei cavi.

Ulteriori informazioni e dati tecnici sulle induttanze


a motore della serie DX-LM3… sono disponibili nelle
istruzioni per l'uso IL00906003Z.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 159


9 Accessori
9.10 Induttanze motore DX-LM3…

Tabella 47: Induttanze motore assegnate


Tipo di apparecchio Induttanza motore assegnata
Classe di tensione Sigla Corrente nominale
Ie
230 V 400 V/480 V A

DE1-121D4… DE1-341D3… DX-LM3-005 5


DE1-122D3… DE1-342D1… DX-LM3-005 5
DE1-122D7… DE1-343D6… DX-LM3-005 5
DE1-124D3… DE1-345D0… DX-LM3-005 5
DE1-127D0… DE1-346D6… DX-LM3-008 8
DE1-129D6… DE1-348D5… DX-LM3-011 11
– DE1-34011… DX-LM3-011 11
– DE1-34016… DX-LM3-016 16
Note:
• Massima alimentazione della induttanza motore (Umax): 750 V ±0 %
• Frequenza di uscita massima ammissibile f2: 200 Hz
• Frequenza di ripetizione dell'impulso massima ammissibile (fPWM) del DE1: 24 kHz (= P-29)

160 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


9 Accessori
9.11 Filtro sinusoidale DX-SIN3…

9.11 Filtro sinusoidale DX-SIN3…

Figura 93: Filtro sinusoidale DX-SIN3…

Il filtro sinusoidale DX-SIN3… sottrae alla tensione di uscita (U2)


dell'avviatore a velocità variabile i componenti ad alta frequenza. L'emissione
elettromagnetica connessa al campo e al cavo viene di conseguenza ridotta.
La tensione di uscita del filtro sinusoidale raggiunge una forma sinusoidale
con una ridotta tensione di ronzio sovrapposta.
Il fattore di distorsione della tensione sinusoidale normalmente è pari
al 5 - 10 %.
La rumorosità e le perdite nel motore sono pertanto ridotte.

U2
DX-SIN3... ①
f2 M
Umax

le L 3~

fPWM
uk l

Figura 94: Lunghezze massime consentite dei cavi motore


a Cavo motore schermato: U2 ≦ 230 V → ≦ 200 m (656,17 piedi); U2 ≦ 500 V → ≦ 150 m (492,13 piedi)
Cavo motore schermato: U2 ≦ 230 V → ≦ 300 m (924,25 piedi); U2 ≦ 500 V → ≦ 200 m (656,17 piedi

→ Utilizzando un filtro sinusoidale è possibile fare a meno della


schermatura dei cavi motore a seconda delle condizioni locali.

Ulteriori informazioni e dati tecnici sui filtri sinusoidali


a della serie DX-SIN3… sono disponibili nelle istruzioni per
il montaggio IL00906001Z.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 161


9 Accessori
9.11 Filtro sinusoidale DX-SIN3…

Tabella 48: Filtri sinusoidali assegnati


Tipo di apparecchio Corrente nominale filtro sinusoidale
Ie Sigla Ie uk1)
A A %

DE1-121D4… 1,4 DX-SIN3-004 4 7,5


DE1-122D3… 2,3 DX-SIN3-004 4 7,5
DE1-122D7… 2,7 DX-SIN3-004 4 7,5
DE1-124D3… 4,3 DX-SIN3-010 10 7
DE1-127D0… 7 DX-SIN3-010 10 7
DE1-129D6… 9,6 DX-SIN3-010 10 7
DE1-341D3… 1,3 DX-SIN3-004 4 7,5
DE1-342D1… 2,1 DX-SIN3-004 4 7,5
DE1-343D6… 3,6 DX-SIN3-004 4 7,5
DE1-345D0… 5 DX-SIN3-010 10 7
DE1-346D6… 6,6 DX-SIN3-010 10 7
DE1-348D5… 8,5 DX-SIN3-010 10 7
DE1-34011… 11 DX-SIN3-016 16 7,5
DE1-34016… 16 DX-SIN3-016 16 7,5
1) Caduta di tensione tipica sul filtro sinusoidale riferita alla tensione di uscita U2

Note:
I filtri sinusoidali DX-SIN3… possono essere utilizzati solo con frequenze di ripetizione dell'impulso regolate in
modo fisso (P-32 = 1):
• Frequenza di ripetizione dell'impulso regolata in modo fisso ammissibile (fPWM) del DE1: 8 - 16 kHz (= P-29)
• Massima alimentazione dei filtri sinusoidali (Umax): 520 V ±0 %
• Massimo 120 s con 150 % Ie o 30 s con 200 % Ie
• Frequenza di uscita massima ammissibile f2: 150 Hz
• Temperatura ambiente massima ammissibile: 40 °C

162 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


10 Segnalazioni d'errore

10 Segnalazioni d'errore
L'avviatore a velocità variabile DE1 possiede internamente diverse funzioni di
monitoraggio. Se viene rilevato uno scostamento dallo stato operativo
regolare, il sistema visualizza una segnalazione di errore:
• l'azionamento si arresta,
• il LED Status si accende rosso,
• il LED Fault Code lampeggia rosso (vedere Elenco errori),
• il contatto di relè (morsetto di comando 13/14) si apre.

Run

Status

Fault Code

1 pulse - overload
2 pulses - external fault
3 pulses - over voltage
4 pulses - over current
5 pulses - over temperature

Figura 95: LED con segnalazione di errore

In presenza di una segnalazione di errore il LED Status è acceso rosso fisso.


Il LED Fault Code segnala tramite il numero di lampeggi (pulses) l'errore
corrispondente. Dopo una pausa di due secondi il numero di lampeggi si
ripete (frequenza di intermittenza: 2 Hz). Le segnalazioni di errore più
frequenti nella pratica sono documentate sulla custodia dell'avviatore a
velocità variabile DE1:

Tabella 49: Segnalazioni di errori sulla custodia dell'avviatore a velocità variabile DE1
Fault Code (codice errore) Frequenza di intermittenza ciclica di 2 Hz Significato della
(sovrastampa sulla custodia) con 2 secondi di pausa segnalazione di errore

1 pulse - overload 1x Sovraccarico termico


motore
2 pulses - external fault 2x Segnalazione di errore
esterna
3 pulses - over voltage 3x Sovratensione
4 pulses - over current 4x Sovracorrente
5 pulses - over temperature 5x Surriscaldamento

In caso di sottotensione alimentazione il LED Run verde si spegne ed


entrambi i LED rossi Status e Fault Code lampeggiano in modo sincrono
con una frequenza di 2 Hz.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 163


10 Segnalazioni d'errore
10.1 Tacitazione della segnalazione d'errore (reset)

In caso di tensione di rete attivata o ripristinata, i due LED Status e Fault


Code lampeggianti in modo sincrono segnalano che l'alimentatore switching
è in funzione e che lo stato d'esercizio dell'avviatore a velocità variabile DE1
viene interrogato prima che il LED Run lampeggi.
In caso di errore di comunicazione interno (errore CPU) dell'avviatore a
velocità variabile DE1, il LED Run verde si spegne ed entrambi i LED Status
e Fault Code si accendono rossi fissi. → L'avviatore a velocità variabile DE1
è difettoso e deve essere sostituito.

10.1 Tacitazione della segnalazione d'errore (reset)

→ L'impostazione di fabbrica dell'avviatore a velocità variabile DE1


è Auto-0 (P-30).
Ciò significa che dopo l'eliminazione di un errore non ha luogo
un riavvio automatico, ma deve essere eseguito un reset. In
questo caso non è necessario un fronte ascendente per il
consenso; il consenso (DI1 o DI2) può essere ponticellato con
10 V.

Le segnalazioni di errore possono essere tacitate nel seguente modo:


• disinserendo e reinserendo la tensione di alimentazione,
• disattivando e riattivando il segnale di consenso (FWD, REV, ENA),
• azionando il tasto STOP sugli organi di comando esterni (DX-KEY-…),
• tramite interfacce quali Modbus RTU, SmartWire-DT, PC (drivesConnect)
ecc.

10.2 Memoria errori


Le ultime segnalazioni di errore vengono memorizzate nell'ordine in cui sono
apparse (l'errore più recente per primo) e nel parametro P-13.
La memoria errori (P-13) può essere letta tramite:
• l'organo di comando esterno opzionale (DX-KEY-…),
• il software di parametrizzazione drivesConnect,
• Modbus RTU,
• SmartWire-DT.

→ La memoria errori non può essere cancellata e viene conservata


anche dopo il caricamento dell'impostazione di fabbrica.

→ Con l'organo di comando DX-KEY-LED è possibile visualizzare


soltanto l'ultimo errore e i tre errori precedenti.

164 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


10 Segnalazioni d'errore
10.2 Memoria errori

L'esempio che segue mostra una memoria errori richiamata con l'organo di
comando DX-KEY-LED:

Visualizzazione Spiegazione

Stato operativo Stop.

Premere il tasto OK per 2 secondi.

Viene visualizzato l'ultimo parametro richiamato (ad es. P-00)


L'ultima cifra lampeggia.

Con i tasti freccia ▲ (UP) o ▼ (DOWN) selezionare la memoria errori P-13


e premere il tasto OK per confermare.

Ultima segnalazione d'errore:


Esempio: P-dEf (parametro default):
l'impostazione di fabbrica è stata caricata.

Con il tasto freccia ▲ (su) passare alla segnalazione d'errore successiva.


Penultima segnalazione d'errore:
Esempio: V-Volt (segnalazione sottotensione).
Il punto decimale a destra lampeggia (= penultima segnalazione d'errore).
Premendo il tasto freccia ▲ (UP) verrà visualizzata la penultima
segnalazione d'errore.
Penultima segnalazione di errore:
Esempio: E-trip (segnalazione d'errore esterna).
I due punti decimali a destra lampeggiano (= penultima segnalazione di
errore).

Premendo nuovamente il tasto freccia ▲ (UP) verrà visualizzata la


terzultima segnalazione di errore.

Terzultima segnalazione di errore:


Esempio: V-Volt (segnalazione sottotensione)
I tre punti decimali a destra lampeggiano (= terzultima segnalazione di
errore).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 165


10 Segnalazioni d'errore
10.3 Elenco errori

10.3 Elenco errori


La tabella seguente illustra le segnalazioni di errore dell'avviatore a velocità
variabile DE1, le possibili cause e le azioni correttive:
• Indicatore LED Fault Code (2 Hz + 2s) = numero di lampeggi più
2 secondi di pausa
• Modbus RTU [hex] = codice di errore esadecimale tramite Modbus
• Display DX-KEY-LED = codice di errore nel display a 7 segmenti
dell'organo di comando opzionale DX-KEY-LED

Tabella 50: Segnalazioni d'errore


Indicatore Modbus Display Designazione Possibile causa/Azioni correttive
LED Fault RTU DX-KEY-LED)2)
Code
[hex]
(2 Hz + 2s)1)

1x 04 I.t-trP Sovraccarico termico motore • Se i punti decimali lampeggiano o nell'organo di comando


esterno viene visualizzato OL, è stato superato il valore di
corrente del motore impostato in P-08. Dopo un intervallo
superiore al 100 % ha luogo lo spegnimento (valore I2t).
→ Ridurre il carico del motore o prolungare il tempo di
accelerazione (P-03).
→ Controllare il valore di corrente sulla targa dati del
motore, il valore in P-08 e il tipo di circuito del motore (stella,
triangolo).
2x 0B E-triP Segnalazione di errore • La tensione di comando (livello H) sul morsetto 3 (DI3) è
esterna stata disinserita nella configurazione EXTFLT (P-15 = 1, 3, 5,
7, 9).
→ Controllare la temperatura del motore o i sensori esterni
se in questa configurazione è collegato un termistore.
3x 06 O.Volt Sovratensione • Sovratensione nel circuito intermedio
→ Controllare il valore della tensione di alimentazione
proveniente dalla rete.
→ Se la segnalazione di errore compare al funzionamento
dei freni, l'energia rigenerativa è troppo alta. In questo caso
aumentare il tempo di ritardo P-04.
4x 02 O-I Sovracorrente • Segnalazione di errore immediatamente dopo il consenso o
il comando di avvio
→ Controllare il collegamento motore in particolare la
presenza di guasto di fase o guasto a terra.
• Segnalazione di errore durante la fase di avvio:
→ Verificare che il motore possa girare liberamente
(blocchi, freno meccanico)
→ Controllare il tipo di circuito (stella, triangolo) del
motore
→ Aumentare il tempo accelerazione P-03
→ Ridurre la tensione di avvio P-11.
• Segnalazione di errore a numero di giri costante
→ Verificare la presenza di un sovraccarico
dell'azionamento (carico d'urto) o malfunzionamento.
• Segnalazione di errori al variare della velocità
→ Verificare la presenza di carichi oscillanti
sull'azionamento (ad es. in caso di macchine
fluidodinamiche come le pompe e i ventilatori).

166 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


10 Segnalazioni d'errore
10.3 Elenco errori

Indicatore Modbus Display Designazione Possibile causa/Azioni correttive


LED Fault RTU DX-KEY-LED)2)
Code
[hex]
(2 Hz + 2s)1)

5x 08 O-t Surriscaldamento • Surriscaldamento sul dissipatore interno


Verificare:
→ La temperatura ambiente è conforme alle specifiche?
→ La circolazione dell'aria nell'avviatore a velocità
variabile DE1 è sufficiente (spazi liberi sopra e sotto)?
→ Le griglie di ventilazione sono prive di corpi estranei?
→ Per gli apparecchi con ventilatore interno: funziona il
ventilatore?
6x 05 PS-trF Errore nello stadio di potenza • Segnalazione di errore proveniente dall'uscita dello stadio di
potenza.
→ Controllare il collegamento al motore (corto circuito,
guasto a terra).
→ Staccare il cavo dai morsetti U, V, W.
→ Qualora non fosse possibile resettare la segnalazione di
errore, si prega di rivolgersi al più vicino rappresentante
Eaton.
7x 0C SC-trF Errore di comunicazione → Controllare il collegamento dell'interfaccia RJ45 con gli
apparecchi esterni.
→ Assicurarsi che ogni apparecchio abbia un indirizzo
univoco (unico) sulla rete.
8x 0A P-dEf Impostazione di fabbrica dei • L'impostazione di fabbrica dei parametri è stata caricata.
parametri → Azionare il pulsante STOP dell'organo di comando
esterno.
9x – FLt-dc Ondulazione residua DC • Eccessiva ondulazione residua nella tensione circuito
intermedio.
→ Verificare che tutte e tre le fasi della tensione di rete
siano presenti e che la differenza di tensione tra le fasi di
rete sia inferiore al 3 %.
→ Ridurre il carico del motore.
→ Qualora non fosse possibile resettare la segnalazione di
errore, si prega di rivolgersi al più vicino rappresentante
Eaton.
10 x 12 4-20F Errore live-zero • Il segnale di corrente sull'ingresso analogico AI1 è sceso al
di sotto di 3 mA.
→ Verificare la sorgente della corrente e il cablaggio con i
morsetti di comando 4 e 0V.
11 x 09 V-t Temperatura insufficiente • La temperatura ambiente è inferiore a -10 °C (frost).
→ Aumentare la temperatura ambiente a valori superiori a
-10 °C.
12 x 10 th-FLt Errore termistore • Termistore difettoso sul dissipatore interno.
→ Si prega di rivolgersi al più vicino rappresentante Eaton.
13 x 11 dAtA-F Errore dati • I parametri modificati non sono stati memorizzati (memoria
flash) e l'impostazione di fabbrica è stata ricaricata.
→ Se il problema di ripresenta rivolgersi al più vicino
rappresentante Eaton.
1) Frequenza di intermittenza di 2 Hz del LED “Fault Code” con 2 secondi di pausa
2) Organo di comando esterno, opzionale

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 167


10 Segnalazioni d'errore
10.3 Elenco errori

168 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


11 Elenco parametri

11 Elenco parametri
Segue una panoramica di tutti i parametri dell'avviatore a velocità variabile
DE1 con una breve descrizione.
Le seguenti abbreviazioni hanno il significato di seguito esposto:

Abbreviazione Significato
PNU Numero parametro (Parameter number), denominazione del parametro nel software di
parametrizzazione drivesConnect e nel display dell'organo di comando esterno DX-KEY-LED.
PNU1) I valori del parametri non vengono trasmessi durante la copia in un avviatore a velocità variabile
DE1 di diversa potenza.
RUN Diritto di accesso al parametro durante il funzionamento (segnale di RUN)
STOP Diritto di accesso ai parametri soltanto nella modalità STOP
ro/rw Diritto di lettura e scrittura dei parametri:
ro = protetto da scrittura, in sola lettura (read only)
rw = in lettura e scrittura (read and write)
Nome Sigla del parametro
Valore • Valore di taratura del parametro
• Campo valori
• Valore visualizzato
IF Impostazione di fabbrica (valore del parametro alla consegna)
I valori tra parentesi sono le impostazioni di fabbrica a 60 Hz.
Pagina Numero di pagina in questo manuale, dove il parametro è descritto in modo dettagliato

Tabella 51: Elenco parametri


Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione
RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

P-01 129 STOP rw f-max P-02 - 300.0 Hz 50 Hz Frequenza di uscita massima 85


(60 Hz) Regolabile tra la frequenza di uscita minima (P-02)
e cinque volte il valore della frequenza nominale
del motore (P-09):
• Visualizzata in Hz, se P-10 = 0,
• Visualizzata in g/min, se P-10 ≧ 200
P-02 130 STOP rw f-min 0 Hz - P-01 0 Hz Frequenza di uscita minima 85
Regolabile tra 0 Hz e la frequenza di uscita
massima (P-01):
• Visualizzata in Hz, se P-10 = 0,
• Visualizzata in g/min, se P-10 ≧ 200
P-03 131 RUN rw t-acc 0,1 - 300 s 5,0 s Tempo accelerazione (acceleration time) 85
Tempo di rampa per l'accelerazione da 0 Hz
(arresto) alla frequenza nominale del motore
impostata in P-09.
P-04 132 RUN rw t-dec 0,1 - 300 s 5,0 s Tempo di ritardo (deceleration time) 85
Tempo di rampa per il ritardo dalla frequenza
nominale del motore impostata in P-09 a 0 Hz
(arresto).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 169


11 Elenco parametri

Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

P-05 133 RUN rw Modalità STOP 0/1 1 Modalità STOP 86


Determina il comportamento dell'avviatore a
velocità variabile DE1 alla disattivazione del
segnale di consenso (FWD/REV):
1: l'azionamento decelera con il tempo impostato
in P-04 fino a 0 Hz (arresto).
0: l'azionamento decelera in modo non guidato
fino all'arresto (arresto per inerzia, presa libera).
P-06 134 STOP rw Ottimizzazione 0/1 0 Ottimizzazione dell'energia 93
dell'energia 0: disattivato
1: attivata. La tensione di uscita varia automatica-
mente e in base al carico. Nel campo del carico
parziale ciò porta ad una riduzione della tensione e
di conseguenza ad un ridotto consumo di energia.
Nota:
Non adatta per applicazioni dinamiche con carico
che varia rapidamente!
P-071) 135 STOP rw Tensione nominale 50 - 500 V 230 V Tensione nominale d'impiego del motore 89,
d'impiego motore (230 V) • 230 V a DE1-12… (50 Hz), 93
400 V • 230 V a DE1-12… (60 Hz),
(460 V) • 400 V a DE1-34… (50 Hz),
• 460 V a DE1-34… (60 Hz),
Tensione motore nel funzionamento con
frequenza nominale (P-09).
Nota:
Se la frequenza di uscita è superiore alla frequenza
motore impostata in P-09, la tensione di uscita
rimane costantemente al valore qui impostato.
P-081) 136 STOP rw Corrente nominale (10 -100 %) x Ie Ie Corrente nominale d'impiego del motore 89,
d'impiego motore Nell'impostazione di fabbrica il valore di P-08 è 91
identico alla corrente nominale d'impiego (Ie)
dell'avviatore a velocità variabile DE1.
La corrente nominale d'impiego motore può
essere qui impostata per adattare la funzione di
protezione motore (I2t).
Nota:
Se un sovraccarico permane a lungo, DE1 si
spegne automaticamente con la segnalazione di
errore (Fault Code) “1 pulse – overload”.
P-09 137 STOP rw Frequenza 20,0 - 300 Hz 50Hz Frequenza nominale del motore 86,
nominale del (60Hz) Frequenza motore con tensione nominale 89
motore d'impiego (P-07)
P-10 138 STOP rw Numero di giri 0/200 - 15000 rpm 0 Numero di giri nominale del motore 89
nominale del (18000 rpm) Valore visualizzato:
motore 0: Frequenza di uscita in Hz
≧ 200: g/min (rpm)
Tutti i valori dei parametri riferiti alla frequenza
vengono ricalcolati e visualizzati in g/min.
Contemporaneamente si attiva la compensazione
slittamento.
Nota:
La compensazione slittamento non si attiva, se
viene immesso un valore della velocità sincrono
(ad es. 3000 g/min a 50 Hz – corrispondente alla
velocità di sincronismo di un motore a 2 poli).

170 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


11 Elenco parametri

Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

P-11 139 RUN rw U-Boost 0,0 - 40,0 % 0,0 % Boost di tensione 94


Innalzamento della tensione di uscita a basse
frequenze di uscita.
Il valore qui impostato è la tensione di avvio e si
calcola in percentuale dalla tensione nominale
d'impiego del motore (P-07). V-Boost è attivo fino al
50% circa della frequenza nominale del motore (P-09).
Nota:
Il boost di tensione comporta una coppia di
inserzione più elevata e migliora il
comportamento della coppia del motore a bassa
velocità. La corrente del motore aumenta e
provoca un maggiore riscaldamento del motore.
P-12 140 RUN rw ProcessDataAccess 0 - 13 0 Accesso ai dati di processo (livello di 98ff.
comando)
Selezione dei percorsi di comando e segnalazione.
Indipendentemente dal livello di comando
selezionato, il segnale di consenso in DI1 (FWD) o
DI2 (REV) ha sempre la priorità.
0: morsetti di comando (vedere P-15).
1: organo di comando (opzione esterna), campo di
rotazione orario (FWD) tramite il pulsante START
2: organo di comando (opzione esterna). In
funzione del segnale di consenso in DI1 (FWD) o
DI2 (REV) con il pulsante START viene attivato il
campo di rotazione orario (FWD) o antiorario
(REV). Premendo nuovamente il pulsante START è
possibile invertire la direzione del campo di
rotazione selezionata.
Nota:
La direzione del campo di rotazione attivata prima
del comando di arresto viene memorizzata.
3: Modbus RTU
4 - 8: nessuna funzione (riserva)
9: SWD (SmartWire-DT)
10: istruzione di comando SmartWire-DT con
valore nominale della frequenza tramite il
morsetto di comando 4 (AI1, 0V)
11: valore nominale della frequenza SmartWire-
DT e istruzione di comando tramite i morsetti di
comando da 1 a 4 (DI1 - DI4)
12: SmartWire-DT con commutazione automatica
sui morsetti di comando in caso di interruzione
della comunicazione
13: SmartWire-DT e valore di riferimento digitale
(UP, DOWN) tramite i morsetti di comando
(vedere P-15)
P-131) 141 STOP ro Ultimo errore Ultimo errore – - Storico memoria errori 164
Ultimi otto errori Memoria di visualizzazione delle ultime 8
segnalazione di errore
P-14 142 RUN rw Password 0 - 65535 0 Codice di accesso 108
Protezione tramite password per il set parametri
estesi (da P-15 a P-41). La password è definita in
parametro P-38.
Impostazione di fabbrica: 101

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 171


11 Elenco parametri

Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

Intervallo parametri esteso (codice di accesso: P-14 = 101 nell'impostazione di fabbrica)


P-15 143 STOP rw Selezione 0-9 0 Funzione dei morsetti di comando 92,
configurazione DI Con P12 = 0 i morsetti di comando da DI1 a DI4 98
possono essere impostati sulle seguenti funzioni:
Modalità DI1 DI2 DI3 AI1/DI4
0 FWD REV FF1 REF
1 FWD REV EXTFLT REF
2 FWD REV FF20 FF21
3 FWD FF1 EXTFLT REV
4 FWD UP FF1 DOWN
5 FWD UP EXTFLT DOWN
6 FWD REV UP DOWN
7 FWD FF20 EXTFLT FF21
8 AVVIO DIR FF1 REF
9 AVVIO DIR EXTFLT REF
Nota:
Le funzioni assegnate ai morsetti di comando
dipendono dal valore di regolazione in P-12
(→ Pagina 98).
P-16 144 STOP rw Campo segnale AI1 0-3 0 Ingresso analogico AI1, campo di segnale 106
Preselezione del segnale d'ingresso analogico
come valore nominale della frequenza (f-REF):
0: 0 - 10 V
1: 0 - 20 mA
2: t 4 - 20 mA, con disinserzione e segnalazione di
errore in caso di rottura del filo
3: r 4 - 20 mA. In caso di rottura del filo
l'azionamento si avvicina al valore di P-20 (FF1)
con il tempo di rampa impostato (P-03, P-04).
Nota:
Impostazione di fabbrica P-20 (FF1) = 20 Hz
P-17 145 RUN rw AI1 Gain 0,10 - 2.500 1.000 Ingresso analogico AI1 106
amplificazione (messa in scala)
Adattamento del segnale di ingresso analogico
Esempio:
P-01 = 50 Hz, f-REF = 0 - 10 V
0.100: 0,1 x 10 V ≙ 10 % → 5 Hz
1.000: 1 x 10 V ≙ 100 % → 50 Hz
2.500: 2,5 x 4 V ≙ 100 % → 50 Hz
P-18 146 STOP rw AI1 inversione 0/1 0 Ingresso analogico AI1, inversione 106
Esempio: f-REF = 0 - 10 V
• 0: 0 V = f-min (P-02)/10 V = f-max (P-01)
• 1: 0 V = f-max (P-01)/10 V = f-min (P-02)

172 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


11 Elenco parametri

Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

P-19 147 STOP rw Logica DI3 0/1 0 Ingresso digitale DI3, logica 92
Logica di DI3 nella funzione EXTFLT assegnata
(errore esterno) di P-15 (= 1, 3, 5, 7 o 9):
0: High = OK, Low = EXTFLT
1: Low = OK, High = EXTFLT
Segnalazione di errore a LED (Fault Code):
“2 pulses - external fault”
P-20 148 STOP rw f-Fix1 P-02 - P-01 20 Hz Frequenza fissa FF1 98
P-21 149 STOP rw f-Fix2 P-02 - P-01 30 Hz Frequenza fissa FF2 98
P-22 150 STOP rw f-Fix3 P-02 - P-01 40 Hz Frequenza fissa FF3 98
P-23 151 STOP rw f-Fix4 P-02 - P-01 50Hz Frequenza fissa FF4 98
P-24 152 RUN rw Modalità di reset 0-3 0 Impostazione valore di riferimento digitale, 105
del valore di modalità di reset
riferimento digitale Comportamento all'inserzione di DE1 in caso di
impostazione valore di riferimento digitale (UP/
DOWN) tramite:
• Morsetti di comando con P-12 = 0 e P-15 = 4/
5/6
• Organo di comando (Opzione DX-KEY-LED)
con P-12 = 1 o P-12 = 2
Nota:
Utilizzando l'organo di comando e i morsetti di
comando in combinazione, i comandi impartiti
tramite i morsetti di comando hanno la priorità.
Comportamento all'inserzione:
0: avvio con il valore di P-02 (f-min)
1: avvio con l'ultimo valore di riferimento prima
della disinserzione
2: avvio (Auto-r) con il valore di P-02 (f-min)
3: avvio (Auto-r) con l'ultimo valore di riferimento
prima della disinserzione
(Auto r): DE1 può essere avviato solo tramite i
morsetti di comando. I tasti START e STOP
sull'organo di comando non sono attivi.
P-25 153 STOP rw Freno DC 0-3 0 Frenatura a corrente continua, funzione 97
Determina le condizioni di esercizio in cui viene
attivata la frenatura DC.
0 = disattivato
1 = attivato in caso di STOP (P-26)
2 = attivato prima di START (P-26)
3 = attivato prima di START e STOP
P-26 154 RUN rw Freno t-DC@ 0 - 10 s 0s Frenatura a corrente continua, tempo 97
arresto Durata della frenatura a corrente continua
P-27 155 RUN rw Tensione frenatura (0 - 100 %) P-07 0% Frenatura a corrente continua, tensione 97
DC Valore percentuale della tensione sul motore per
la frenatura a corrente continua
P-28 156 RUN rw Freno f-DC@ (0 - 100 %) P-01 0% Frenatura a corrente continua, frequenza 97
arresto Valore percentuale della frequenza di uscita per
l'attivazione della frenatura a corrente continua
durante la fase di ritardo (P-05 = 1).

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 173


11 Elenco parametri

Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

P-291) 157 STOP rw Frequenza di 4 - 32 kHz 16 kHz Frequenza di switching –


switching 10 - 20 kHz Frequenza di switching (frequenza di ripetizione
dell'impulso audio) degli IGBT nello stadio di
potenza
DE1-12… : 4/8/12/16/24/32 kHz
DE1-34… : 10/12/14/16/18/20 kHz
P-30 158 STOP rw Modalità Avvio EdgE-r, Auto-0 Modalità Avvio –
Auto-0 - Edge-r:
Auto-9 Dopo l'inserzione della tensione di alimentazione
o dopo un reset l'azionamento non si avvia se
continua ad essere presente il segnale di
abilitazione. Per l'avvio è necessario un fronte
crescente.
Auto-0: riavvio automatico dopo una
segnalazione di errore, se la tensione di
alimentazione non viene disinserita e il comando
di avvio (FWD o REV) continua ad essere presente.
Auto-1 - Auto-9: da 1 a 9 tentativi di avvio
automatici a intervalli di 20 s, se la tensione di
alimentazione non viene disinserita e il comando
di avvio (FWD o REV) continua ad essere presente.
Se dopo l'ultimo tentativo di avvio selezionato il
DE1 non parte automaticamente, si verifica uno
spegnimento con segnalazione di errore. Deve
essere effettuato un RESET (tensione di
alimentazione Off-On, comando di avvio con
fronte ascendente o comando di arresto).
P-31 159 RUN rw Controllo 0/1 0 Controllo sovratensione 86
sovratensione Il controllo sovratensione (OV) impedisce lo
spegnimento di DE1, se in caso di esercizio
rigenerativo del motore una quantità eccessiva di
energia viene erogata nel circuito intermedio e di
conseguenza la tensione circuito intermedio
aumenta a valori troppo elevati:
0: OV attivo. Durante il ritardo il tempo di rampa
impostato (P-02) si allunga automaticamente e
nell'esercizio continuativo la frequenza di uscita
(numero di giri) aumenta temporaneamente.
1: OV bloccato (spegnimento con segnalazione di
errore).
P-32 160 STOP rw Gestione 0/1 0 Frequenza di switching, gestione 162
temperatura temperatura
automatica La gestione temperatura riduce automaticamente
la frequenza di switching (P-29), se il dissipatore
di calore si surriscalda nello stadio di potenza.
Si riducono le perdite di commutazione e si evita
una disinserzione per sovratemperatura.
0: attivato
1: disattivato
Nota:
questa funzione deve essere disattivata (1 =
frequenza di switching costante) se DE1 è in
esercizio con un filtro sinusoidale sull'uscita.

174 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


11 Elenco parametri

Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

P-33 161 STOP rw Memoria termica 0/1 0 Protezione motore, immagine termica 91
motore motore
L'immagine termica calcolata per il motore (I2t)
viene memorizzata automaticamente alla
disinserzione e utilizzata come base alla
reinserzione.
0: attivo
1: bloccato. L'immagine termica viene cancellata
alla reinserzione.
P-34 162 RUN rw Indirizzo PDP 1 - 63 1 Indirizzo PDP 115
Indirizzo univoco dell'avviatore a velocità variabile
DE1 in una rete di comunicazione
P-35 163 RUN rw Baudrate Modbus 0-4 4 Baudrate Modbus 115
0 = 960 Bit/s
1 = 19,2 kBit/s
2 = 38,4 kBit/s
3 = 57,6 kBit/s
4 = 115,2 kBit/s
P-36 164 RUN rw Modbus RTU COM 0-8 0 Modbus RTU, Timeout 115
Timeout Intervallo di tempo dopo una perdita di
comunicazione e risultante disinserzione:
0: disattivato (nessuna disinserzione)
1: disinserzione dopo 30 ms
2: disinserzione dopo 100 ms
3: disinserzione dopo 1000 ms
4: disinserzione dopo 3000 ms
Arresto con rampa di decelerazione (P-02)
5: arresto dopo 30 ms
6: arresto dopo 100 ms
7: arresto dopo 1000 ms
8: arresto dopo 3000 ms
P-37 165 STOP rw Set parametri 0/1 0 Ripristino dell'impostazione di fabbrica (IF) 109
0: disattivato
1: attivato (azzeramento automatico)
P-38 166 RUN rw Password Level 2 0 - 9999 101 Password 108
Codice di accesso al set parametri estesi da
immettere in P-14.
P-39 167 RUN rw Blocco parametri 0/1 0 Blocco parametri 108
0: non bloccato. Tutti i parametri possono essere
modificati.
1: bloccato. Tutti i parametri sono bloccati.
Nota:
ad eccezione di P-14, P-20 (FF1).
Il valore di questo parametro può essere
modificato tramite DXE-EXT-SET anche nella
modalità di blocco.

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 175


11 Elenco parametri

Diritto di accesso Nome Valore IF Descrizione


RUN, STOP
ID Modbus

Pagina
ro/rw
PNU

P-40 168 RUN rw Azione@perdita di 0-4 0 SWD, perdita di comunicazione –


comunicazione Comportamento dell'avviatore a velocità variabile
DE1 in caso di perdita di comunicazione
SmartWire-DT
0: nessuna reazione (esercizio continuo)
1: avvertimento (esercizio continuo)
2: funzione STOP con tempo di ritardo P-04, se
P-05 = 1 (rampa).
3: disinserzione (ritardo non temporizzato,
decelerazione libera)
4: disinserzione con segnalazione di errore
Nota:
La reazione ad una perdita di comunicazione può
essere ritardata con P-36.
P-41 169 RUN rw ParameterAccess 0/1 0 Accesso ai parametri 108
0: tutti i parametri possono essere modificati da
ogni sorgente (SmartWire-DT, drivesConnect,
organo di comando esterno).
1: tutti i parametri sono bloccati e possono essere
modificati solo tramite SmartWire-DT o Modbus.

176 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


11 Elenco parametri

Parametro visualizzato, monitor


Intervallo parametri esteso (codice di accesso: P-14 = 101 nell'impostazione
di fabbrica)

Tabella 52: Parametro visualizzato, monitor


PNU Diritto di Nome Valore Descrizione
ID Modbus

accesso
ro/rw

P00-01 ro Ingresso analogico 1 0,0 - 100 % Ingresso analogico AI1


Valore percentuale del segnale d'ingresso in AI1 tenendo conto
della messa in scala e dell'amplificazione
P00-02 ro Riserva 0,0/100 Nessuna funzione
(valore interno di DI3: 0.0: Low; 100: High)
P00-03 ro Valore nominale della 0,0 - 300 Hz Valore nominale della frequenza
frequenza Valore di riferimento digitale, valore interno per l'organo di
comando (UP/DOWN)
P00-04 ro Stato DI1 0000 - 1111 Ingresso digitale, stato
Visualizzazione di stato degli ingressi digitali DI1, DI2, DI3,DI4
(morsetto di comando 1, 2, 3, 4):
0: Low (nessuna tensione sul morsetto)
1: High (tensione di comando +10 - 24 V)
P00-05 ro corrente del motore 0 - 150 % Ie corrente del motore
Valore attuale della corrente di uscita (I2), in rapporto percentuale
alla corrente nominale d'impiego (Ie) dell'avviatore a velocità
variabile DE1
P00-06 ro Frequenza di uscita 0.0 - 300.0 Hz Frequenza di uscita
Valore attuale della frequenza di uscita (f2)
P00-07 ro Tensione motore 0 - 480 V RMS Tensione di uscita
Valore attuale della tensione di uscita (U2)
P00-08 ro Tensione circuito V Tensione circuito intermedio
intermedio Valore attuale della tensione circuito intermedio (UDC)
P00-09 ro Temperatura del °C Temperatura del dissipatore di calore
dissipatore di calore Valore attuale della temperatura del dissipatore di calore
P00-10 ro t-Run h (min, s) Ore di esercizio
Ore di esercizio di DE1 nella modalità RUN dalla produzione.
Visualizzazione in ore o minuti e secondi (commutazione con i tasti
freccia)
P00-11 ro RunSincePowerOn h (min, s) Ore di esercizio, attuali
Ore di esercizio di DE1 nella modalità RUN dall'ultima inserzione
della tensione di rete (Power ON) o dall'ultima segnalazione di
errore tacitata. Visualizzazione in ore o minuti e secondi
(commutazione con i tasti freccia)
P00-12 ro RunSinceLastTrip h (min, s) Ore di esercizio dall'ultimo reset errore
Ore di esercizio di DE1 nella modalità RUN dall'ultima segnalazione
di errore tacitata. Visualizzazione in ore o minuti e secondi
(commutazione con i tasti freccia))
P00-13 ro t-HoursRunEnable h (min, s) Ore di esercizio da FWD/REV/ENA
Ore di esercizio di DE1 nella modalità RUN dall'ultimo segnale di
consenso (FWD o REV). Visualizzazione in ore o minuti e secondi
(commutazione con i tasti freccia)

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 177


11 Elenco parametri

PNU Diritto di Nome Valore Descrizione


ID Modbus

accesso
ro/rw

P00-14 ro Valore reale frequenza 16 kHz Frequenza di switching, attiva


di switching Valore attuale della frequenza di switching. Con P-32 = 0 (gestione
temperatura attivata per il dissipatore) questo valore può anche
essere più piccolo del valore impostato in P-29.
P00-15 ro DC-Link0 Log 000 Tensione circuito intermedio prima del guasto
( - DC-Link7 Log) Indica gli ultimi 8 valori della tensione circuito intermedio (V) prima
di una disinserzione per guasto.
Tempo di scansione: 256 ms
(commutazione con i tasti freccia)
1: DC-Link0

8: DC-Link7
P00-16 ro Heatsink0 Log 00 Temperatura del dissipatore di calore prima del guasto
( - Heatsink7 Log) Indica gli ultimi 8 valori della temperatura del dissipatore di calore
(°C) prima di una disinserzione per guasto.
Tempo di scansione: 30 s
(commutazione con i tasti freccia)
1: Temperatura del dissipatore di calore 0

8: Temperatura del dissipatore di calore 7
P00-17 ro corrente del motore 0,0 Corrente del motore prima del guasto
(- Corrente del motore7) Indica gli ultimi 8 valori della corrente del motore (A) prima di una
disinserzione per guasto.
Tempo di scansione: 256 ms
(commutazione con i tasti freccia)
1: Corrente motorica 0

8: Corrente motorica 7
P00-18 ro Versione 0,00 Versione DE1
dell'applicazione (00C0) Versione software e Checksum in due aree di visualizzazione
(commutazione con i tasti freccia)
P00-19 ro Numero di serie 123456 Numero di serie
(78-000) Numero di serie da sinistra a destra, suddiviso in due aree di
visualizzazione (commutazione con i tasti freccia)
P00-20 ro DriveI_Information 0,37 - 7,50 Informazione DE1
Potenza nominale in kW

178 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


Indice
A Corrente nominale motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Correnti passanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143 Criteri di selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Albero di ricerca tipi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Curva caratteristica I2t . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Antirisonanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Curva caratteristica U/f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Armoniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
D
B Data di produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Blocco parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108 Dati di processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
blocco sbarre per corrente trifase . . . . . . . . . . . . 46 Dati di processo in ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Boost di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95 Dati nominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Dati tecnici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
C Declassamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
Caduta di tensione, consentita . . . . . . . . . . . . . . . 8 Denominazione, su avviatore a velocità
Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129 variabile DE1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Cavi di collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Display a LED . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
Cavi di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 Dispositivi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Cavo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153 Dispositivo di disinserzione . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Cavo motore, schermato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 Dissipazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132, 135, 138
Chopper frenatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13, 14 drivesConnect . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Circolazione dell'aria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 DX-CBL-PC1M5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Classi di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 DX-CBL-TERM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Codice funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119 DX-COM-PCKIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Collegamento a reti con messa a terra DX-COM-STICK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
asimmetrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 DX-KEY-LED . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77, 78
Collegamento a reti IT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 DX-LM3… . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Collegamento a stella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 DX-LN… . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Collegamento a triangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 DX-NET-SWD3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Collegamento alla rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 DX-SIN3… . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
Collegamento bypass . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 DX-SPL-RJ45-2SL1PL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Collegamento dei morsetti di comando DXE-EXT-SET . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
(esempio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Collegamento di motori EX . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 E
Collegamento in parallelo di motori . . . . . . . . . . 30 Elenco errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
Collegamento motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Elenco parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Collegamento nello stadio di potenza . . . . . . . . . 40 Entità della fornitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Compatibilità EMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 Esempi di cablaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42, 53
Compensazione scorrimento . . . . . . . . . . . . . 88, 93
Composizione del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 F
Comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112 Fissaggio, a vite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Condensatori DC link . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Fissaggio, su guida di montaggio . . . . . . . . . . . . 37
Condizioni ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17, 19 Frenatura a corrente continua . . . . . . . . . . . . . . . 97
Contatto relè . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 Frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Contattore di linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27, 156 Funzionamento a impulsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
Controllare l'isolamento del cavo del motore . . 39 Fusibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Controllo dell'isolamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Controllo di errore, ciclico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 179


G N
Garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Norme . . . . . . . . . . . . . 18, 23, 24, 25, 27, 33, 37, 130
Grado di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13, 129 Note, per il funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
Guida di montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Numero di serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

H O
Hotline (Eaton Industries GmbH) . . . . . . . . . . . . 20 Organo di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77, 78

I P
Impedenza delle spire di messa a terra . . . . . . . 43 Parametri, Upload/Download . . . . . . . . . . . . . . . 147
Impiego secondo le norme . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Parametro visualizzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Impostare, parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82 Password . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Impostazione di fabbrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 ponticello di collegamento EMC . . . . . . . . . . 41, 44
in tensione continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Porta COM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
induttanza di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25, 157 porta di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Induttanze motore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159 Posizioni di montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Ingresso analogico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Power Drive System -> sistema di
Ingresso analogico, messa in scala . . . . . . . . . . 106 azionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Progettazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21, 22
Installazione UL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 Protezione contro sovraccarichi . . . . . . . . . . . . . 90
Installazione US . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 Protezione termistore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Interfaccia RJ45 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Interruttori differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 R
Interruttori per protezione motore (PKE) . . . . . . 30 Registro di mantenimento . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Intervalli di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 Reset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Isolamento del cavo di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 Resistenza d'isolamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Ispezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 Resistenza di terminazione bus . . . . . . . . . . . . . . 58
Istruzioni di montaggio, IL040005ZU . . . . . . . . . 11 Rete elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Rete IT, collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
L Reti elettriche, a stella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Lunghezza di spelatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43, 52 Reti elettriche, ad anello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Reti elettriche, messa a terra al centro . . . . . . . . 8
M Reti elettriche, reti a triangolo con messa
Manutenzione (interventi di manutenzione) . . . 19 a terra in fase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Marcatura CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Reti in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Messa a terra di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 RS485 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Messa in servizio, lista di controllo . . . . . . . . . . . 65
Modbus, mappatura dei registri . . . . . . . . . . . . 121 S
Modbus, RTU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111, 118 Schema a blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
Modulo di configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 Segnalazione d'errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Monitor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177 Serie di apparecchi DE1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Service . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Morsetti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . 51, 91, 98 Sezionatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Morsetti di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 Sezioni dei cavi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Motore Sezioni di collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
protetto contro le esplosioni . . . . . . . . . . . . . 31 Sigla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Motore trifase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Sistema di azionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Motori EX . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 SmartWire-DT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84, 103
Software di parametrizzazione drivesConnect . 83
Sorgente di tensione, esterna . . . . . . . . . . . . . . . 55

180 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com


Stadio di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Stadio di potenza, collegare . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Stoccaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

T
Targa dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Targhetta dati macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Temperatura ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Tempo accelerazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
Tempo di ritardo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
Tensione di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . 17, 38
Tensione di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17, 24
Tensione di rete, nordamericana . . . . . . . . . . . . . . 8
Tensioni di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
terra di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Tipo di circuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17, 31
Tipo di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

U
Unità di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Unità di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

V
Valori nominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12, 130
Valori nominali, su targa dati . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Visualizzazione dati di esercizio . . . . . . . . . . . . . 110
VSS (Variable Speed Starter) . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com 181


182 DE1 Avviatore a velocità variabile 09/14 MN040011IT www.eaton.com