Sei sulla pagina 1di 1

La Coppa del Mondo di rugby femminile (in inglese Women’s Rugby World Cup) è la massima competizione

per squadre nazionali di rugby a 15 femminile. Istituita nel 1991 e organizzata dal 1998 da World Rugby,
assegna a cadenza quadriennale il titolo di campione del mondo ed è giunta nel 2017 alla sua ottava
edizione.

La sua prima edizione si svolse in Galles nel 1991 su iniziativa di un comitato di governo del rugby femminile
in Gran Bretagna; lo stesso comitato ne organizzò una seconda edizione nel 1994 in Scozia a seguito del
diniego dell’International Rugby Football Union (oggi World Rugby) ad assumere la gestione, inizialmente
ventilata, dell’evento. Tali prime due edizioni furono a lungo considerate ufficiose.

Nel 1998 la federazione internazionale garantì l’ufficialità alla competizione e ne organizzò nei Paesi Bassi la
prima edizione sotto la sua diretta egida; anni dopo, tuttavia, in un comunicato stampa del 2009 legittimò a
posteriori anche le prime due edizioni definendole Coppa del Mondo (laddove in precedenza le aveva
sempre definite Women’s Rugby World Tournament, Torneo mondiale di rugby femminile) e inserendole a
pieno titolo nel palmarès del torneo.

Delle otto edizioni disputate, la nazionale femminile della Nuova Zelanda ne ha vinte cinque; a seguire
l’Inghilterra, due volte vincitrice del torneo e altre cinque volte finalista; l’unica altra squadra ad avere vinto
la Coppa è quella degli Stati Uniti che si aggiudicò la prima edizione di torneo. Complessivamente solo
quattro squadre hanno raggiunto la finale: le tre citate più il Canada, finalista sconfitta nel 2014.

L’edizione più recente della Coppa del Mondo è quella del 2017 tenutasi in Irlanda e vinta dalla Nuova
Zelanda che è quindi campione in carica; la nona edizione è in programma nel 2021 in Nuova Zelanda.