Sei sulla pagina 1di 1

INFORMAZIONI LEGALI SUL VOLANTINAGGIO

Il "volantino" costituisce "stampato" ai sensi dell’articolo 1 della legge n.374/1939.

Detta legge stabilisce che lo stampato deve recare, sul frontespizio, l’esatta e ben visibile indicazione del
nome e del domicilio legale dello stampatore nonché dell’anno di effettiva pubblicazione (art.5 comma 1).
L’articolo 2 della legge 47/48 impone anche l’indicazione del luogo della pubblicazione: nel dubbio, meglio
indicarli entrambi.

Per stampatore deve intendersi ogni persona o ente che riproduca, a scopo di diffusione o di semplice
distribuzione, uno scritto per mezzo di tipografia, litografia...o con qualsivoglia altro procedimento (art.9
comma 1).

In particolare, la Corte di Cassazione ha precisato che quando alla produzione dello stampato provvede
un ente o un’associazione di fatto la responsabilità per violazione dell’art.1 della legge 374/1939 non è di
colui che ha provveduto materialmente alla produzione dello stampato ma dell’ente o dell’associazione
che dispone del mezzo meccanico di riproduzione e, per esso, del suo legale rappresentante a cui sono
riferibili sia i precetti che le sanzioni.

In tal caso la indicazione relativa all’ente è sufficiente ai fini degli adempimenti legislativi, posto che in tal
modo sarà possibile risalire alla persona fisica cui sono destinati i precetti e le sanzioni.

La legge 374/1939 prevede inoltre che lo stampatore ha l’obbligo di consegnare quattro esemplari alla
Prefettura della provincia nella quale ha sede l’officina grafica ed un esemplare alla locale Procura della
Repubblica. Detta consegna deve essere fatta "prima che stampati...siano posti...in diffusione o
distribuzione e che alcuna copia sia rimessa al committente o ad altra persona" (art.1 commi 1 e 3).

Quanto alle modalità di comunicazione dello stampato alle competenti autorità, esse sono disciplinate dal
Regio Decreto 2052/1940, che regola minuziosamente dette modalità. In particolare, quando si tratta di
"fogli volanti", essi vanno consegnati in "piego raccomandato", o a mani o per posta.

CHE COSA VUOL DIRE IN PRATICA TUTTO QUESTO ?

- Nel dossier e nel volantino sono indicati il luogo di stampa e lo stampatore (L'Associazione Peacelink e'
lo stampatore responsabile della diffusione del volantino). Quindi i singoli volontari non devono
aggiungere nulla a quanto gia' riportato nei documenti diffusi via internet.

- Per evitare problemi durante il volantinaggio, nei giorni precedenti alla diffusione dei documenti e'
consigliabile inviare da un ufficio postale, tramite fax o postacelere (non posta prioritaria, ma fax o
postacelere, cosi' si ottiene una ricevuta dell'invio) quattro copie del dossier e del volantino alla
PREFETTURA locale, allegando una lettera in cui si scrive che "in conformita' a quanto stabilito dalla legge
374/1939, ho provveduto ad inviare n.4 copie del materiale che verra' utilizzato per attivita' informative in
via tal dei tali in data x/y/2002. Cordiali Saluti.". Portate con voi una copia della ricevuta durante il
volantinaggio per eventuali controlli.

- Chi decide di fare volantinaggio per svolgere attivita di informazione “dal basso” potra' essere scambiato
per un disturbatore e fermato da agenti in borghese o in divisa. Nel caso in cui un agente delle forze
dell’ordine voglia identificare un manifestante, questi può chiedere che l'accertamento sia fatto sul posto,
mediante presentazione di carta di identità: la conduzione in centrale infatti dovrebbe avvenire solo per
arresto o fermo in caso di commissione di reati. E' importante avere con se' un documento di identita'
valido e in buono stato. Se gli agenti insistono per portarvi in centrale o in caserma, assecondateli con
gentilezza e durante il tragitto cogliete l'occasione per stabilire un dialogo sereno e costruttivo, spiegando
nei minimi dettagli in cosa consiste la vostra attivita' e quali sono i contenuti del materiale che avevate
intenzione di distribuire. Non abbiate paura di nulla, perche' non puo' esservi contestato nessun
reato, ma al limite vi verra' impedito di continuare a distribuire i volantini. Cogliete la palla al
balzo e riorganizzate la vostra attivita' informativa cercando di trasmettere ai carabinieri o alla polizia,
attraverso un colloquio sereno ed educato, gli stessi contenuti e gli stessi messaggi che volevate
trasmettere ai passanti attraverso i volantini.