Sei sulla pagina 1di 49

© Lonely Planet Publications

Dolomiti
Dolomiti
Puez-Odle/ Settentrionali
Sciliar-Catinaccio Puez-Geisler p176
e Latemar p153
p102

Bletterbach Dolomiti Friulane


p94 e d’Oltrepiave
p304

Marmolada
p280
Dolomiti
di Brenta
p50 Pelmo e Croda da Lago
p293
Pale di San Martino,
San Lucano,
Dolomiti Bellunesi
e Vette Feltrine
p230

EDIZIONE SCRITTA DA

Giacomo Bassi, Denis Falconieri, Piero Pasini


PIANIFICARE ON THE ROAD
IL VIAGGIO

Benvenuti nelle Dolomiti. 4 DOLOMITI DI BRENTA. . 50 Predazzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138


Trento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Val di Fassa. . . . . . . . . . . . . . 141
Top 15. . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
San Michele all’Adige. . . . . . . . 66 Moena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
In breve . . . . . . . . . . . . . . . 16 Val di Non . . . . . . . . . . . . . . . . 67 Passo San Pellegrino/
Pas de Sén Pelegrin. . . . . . . . . 144
Se vi piace… . . . . . . . . . . . 18 Cles e dintorni . . . . . . . . . . . . . 69
Soraga/Sorèga. . . . . . . . . . . . . 144
Tuenno e i castelli
Mese per mese. . . . . . . . . 22 della bassa Val di Non. . . . . . . . 72 Vigo di Fassa/Vich. . . . . . . . . . 145
Itinerari . . . . . . . . . . . . . . . 24 Spormaggiore. . . . . . . . . . . . . . . 75 Pozza di Fassa/Poza . . . . . . . . 146
Val di Sole e Val Meledrio. . . 76 Campitello di Fassa/
Ciampedél. . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Malè . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Canazei/Cianacéi. . . . . . . . . . . 151
Dimaro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Passo Sella/Sellajoch/
Val Rendena. . . . . . . . . . . . . . . 79 Jëuf de Sela. . . . . . . . . . . . . . . 152
Madonna di Campiglio . . . . . . 80
Pinzolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84 PUEZ-ODLE/
Caderzone Terme. . . . . . . . . . . . 87 PUEZ-GEISLER. . . . . . . . 153
Strembo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87 Val Gardena/Grödnertal/
Porte di Rendena. . . . . . . . . . . 88 Gherdëina . . . . . . . . . . . . . . . 155
Tione di Trento Selva di Val Gardena/
e le Valli Giudicarie Wolkenstein/Sëlva. . . . . . . . . . 158
Esteriori. . . . . . . . . . . . . . . . . 90 Santa Cristina/
Tione di Trento . . . . . . . . . . . . . . 91 St. Christina/S. Crestina. . . . 163
MRGB/SHUTTERSTOCK ©

San Lorenzo Dorsino. . . . . . . . . 91 Ortisei/St. Ulrich/Urtijëi. . . . . 164


Molveno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Val di Funes/Villnöss. . . . . . 168
Andalo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 Val di Eores . . . . . . . . . . . . . . 173

BLETTERBACH. . . . . . . . 94 DOLOMITI
Aldino/Aldein . . . . . . . . . . . . . . 98 SETTENTRIONALI . . . . . 176
Val Badia/Gadertal . . . . . . 180
SCILIAR-CATINACCIO Corvara in Badia . . . . . . . . . . 180
E LATEMAR. . . . . . . . . . . 102 Badia/Abtei. . . . . . . . . . . . . . . . 181
CIASPOLATA ALLE PALE DI Bolzano/Bozen. . . . . . . . . . 106 La Valle/Wengen/La Val. . . . . 184
SAN MARTINO (P230) Sciliar/Schlern. . . . . . . . . . . 115 San Martino in Badia/
Fiè allo Sciliar/ Sankt Martin in Thurn/
Völs am Schlern. . . . . . . . . . . . 116 San Martin de Tor. . . . . . . . . . . 185
Siusi allo Sciliar/ San Vigilio di Marebbe/
Seis am Schlern. . . . . . . . . . . . 117 St. Vigil in Enneberg/
ANIBAL TREJO/SHUTTERSTOCK ©

Al Plan de Mareo . . . . . . . . . . . 186


Castelrotto/Kastelruth. . . . . . 119
San Lorenzo di Sebato/
Alpe di Siusi/Seiser Alm. . . . . 121 St. Lorenzen/S. Laurenz. . . . . 189
Da Bolzano Val Pusteria/Pustertal/
al Latemar Val de Puster. . . . . . . . . . . . 190
(Latemargruppe) . . . . . . . . . 124
Brunico/Bruneck/
Tires/Tiers . . . . . . . . . . . . . . . . 124 Bornech. . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
Val d’Ega/Eggental . . . . . . . . . 125 Monguelfo-Tesido/
Val di Fiemme. . . . . . . . . . . 130 Welsberg-Taisten . . . . . . . . . . . 194
Cavalese. . . . . . . . . . . . . . . . . . 131 Valle di Braies/Pragsertal. . . 194
Tesero. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 Dobbiaco/Toblach. . . . . . . . . . 196
LAGO DI BRAIES (P195)
Ziano di Fiemme . . . . . . . . . . . 137 San Candido/Innichen . . . . . . 201
Sommario
CONOSCERE

Dolomiti di Sesto/ Falcade. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267 Dolomiti oggi . . . . . . . . . 334


Sextner Dolomiten. . . . . . . 204 San Tomaso Agordino. . . . . . 269
Val Campo di Dentro/ Storia. . . . . . . . . . . . . . . . 336
Alleghe. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
Innerfeldtal . . . . . . . . . . . . . . . 204
Valle del Primiero La scoperta
Sesto/Sexten . . . . . . . . . . . . . 204 e Pale di San Martino . . . . . 272 dei Monti Pallidi. . . . . . . 343
Comelico . . . . . . . . . . . . . . . 208 Mezzano. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
Comelico Superiore. . . . . . . . 208
Arte e architettura. . . . . 350
Primiero San Martino
San Nicolò di Comelico. . . . . . 210 di Castrozza . . . . . . . . . . . . . . . 274 Cultura e tradizioni . . . . 355
Danta di Cadore. . . . . . . . . . . . 210
Ambiente. . . . . . . . . . . . . 361
Santo Stefano di Cadore. . . . 211 MARMOLADA. . . . . . . . 280
San Pietro di Cadore. . . . . . . . 211 Rocca Pietore. . . . . . . . . . . . . 284 A tavola nelle Dolomiti. 368
Cadore . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212 Passo Fedaia. . . . . . . . . . . . . . 287
Auronzo di Cadore. . . . . . . . . . 212 Livinallongo
Vigo di Cadore . . . . . . . . . . . . . 217 del Col di Lana/Fodòm. . . . . 288
Lozzo di Cadore . . . . . . . . . . . . 217 GUIDA
PELMO E
Domegge di Cadore. . . . . . . . . 218
CRODA DA LAGO . . . . . 293
PRATICA
Calalzo di Cadore. . . . . . . . . . . 218
Pieve di Cadore . . . . . . . . . . . 220 Val Fiorentina . . . . . . . . . . . 296
Selva di Cadore . . . . . . . . . . . 296
Informazioni . . . . . . . . . . 376
Cibiana di Cadore. . . . . . . . . . . 221
Vodo di Cadore. . . . . . . . . . . . 222 Colle Santa Lucia. . . . . . . . . . 299 Trasporti . . . . . . . . . . . . . 383
San Vito di Cadore. . . . . . . . . 222 Valle di Zoldo . . . . . . . . . . . 300
Indice . . . . . . . . . . . . . . . . 391
Cortina d’Ampezzo Val di Zoldo . . . . . . . . . . . . . . . . 301
e Conca Ampezzana. . . . . . 223 Zoppè di Cadore. . . . . . . . . . . 303 Legenda delle cartine 398

PALE DI SAN MARTINO, DOLOMITI


SAN LUCANO, DOLOMITI FRIULANE
BELLUNESI E VETTE E D’OLTREPIAVE. . . . . .304
FELTRINE. . . . . . . . . . . . 230
Pordenone. . . . . . . . . . . . . . 308
Belluno. . . . . . . . . . . . . . . . . 234 Valcellina. . . . . . . . . . . . . . . . 312
Tra Val Belluna Barcis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
e Dolomiti Bellunesi. . . . . . 242
Claut. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
Sospirolo . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
Val Settimana. . . . . . . . . . . . . . 315
Valle del Mis . . . . . . . . . . . . . . 243
Cimolais. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
Sedico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
Erto e Casso . . . . . . . . . . . . . . . 317
San Gregorio nelle Alpi. . . . . 246
Val Zemola. . . . . . . . . . . . . . . . . 318
Cesiomaggiore. . . . . . . . . . . . . 247
Val Colvera. . . . . . . . . . . . . . . 319
Val Canzoi . . . . . . . . . . . . . . . . 248
Frisanco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
Feltre . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
Val Tramontina . . . . . . . . . . . 319
Vette Feltrine . . . . . . . . . . . 255
Tramonti di Sopra
Pedavena. . . . . . . . . . . . . . . . . 255 e Tramonti di Sotto . . . . . . . . 320 IN QUESTA GUIDA
Sovramonte. . . . . . . . . . . . . . . . 257 Udine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
Lamon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258 Valle del Tagliamento . . . . 327 Attività all’aperto. . . . . . . 30
Agordino . . . . . . . . . . . . . . . 259 Ampezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 328 Tradizioni popolari. . . . . . 41
Agordo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259 Forni di Sopra
Taibón Agordino. . . . . . . . . . . 262 e Forni di Sotto. . . . . . . . . . . . 330 Castelli. . . . . . . . . . . . . . . . 46
Cencenighe Agordino . . . . . . 264 Oltrepiave . . . . . . . . . . . . . . . 331 Enogastronomia. . . . . . . 368
Canale d’Agordo. . . . . . . . . . . 265 Passo della Mauria. . . . . . . . . 332
Benvenuti
nelle Dolomiti
Le Dolomiti sono la proiezione verticale
di un territorio sorprendente,
esprimono un fascino primitivo e
maestoso che rapisce lo sguardo e il cuore.

Perché questa guida un continente di montagne dove convivono


una sterminata varietà di piante e animali,
Le Dolomiti si estendono su cinque diverse
quattro lingue, mille leggende e un’infinità
province e tre regioni. Un territorio immen-
di popoli. Una diversità che diventa un uni-
so, soprattutto nella sua tridimensionalità,
verso espanso quando si entra in contatto
dal momento che si sviluppa anche in
con le culture di questi monti, ognuna con
altitudine. Anzi, si potrebbe dire in quattro
il proprio modo di essere ospitale, nelle valli
dimensioni, contando forre, gole e grotte.
immacolate del Trentino-Alto Adige, fra i
I capitoli di questa guida trattano da ovest
paesi dalla bellezza surreale del Veneto e
a est i vasti territori in cui sono compresi
nella rigogliosa natura del Friuli Venezia
i nove sistemi dolomitici che fanno parte
Giulia. Ognuna di esse ha creato architetture
del Patrimonio UNESCO: strutture geologi-
uniche, chiese dipinte, città preziose e un
che spettacolari, residui di una serie di atolli
patrimonio enogastronomico nel quale si
che milioni di anni fa punteggiavano un
mischiano tutte le influenze. Un territorio
caldo mare tropicale, sul fondale del quale
da apprezzare nella sua unicità e unità, che
oggi si estendono le favolose valli del Trenti-
esprime la propria sublime bellezza nel
no-Alto Adige, del Veneto e del Friuli Vene-
profumo dei prati sconfinati, nel silenzio
zia Giulia. I nostri autori lo hanno percorso
ovattato dei boschi ammantati di neve,
in lungo e in largo questo arcipelago fossile,
nella maestosa fierezza delle cime rocciose.
esplorandone ogni anfratto, per fornire ai
viaggiatori uno strumento utile alla scoperta Un Patrimonio dell’Umanità
di un territorio unico al mondo.
Nel 2009 le Dolomiti sono state inserite nel
La scoperta delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità UNESCO per la
loro bellezza intrinseca e per l’eccezionale
nel rispetto del territorio valore geologico. Un patrimonio che è di tutti,
Dagli spazi vasti e maestosi delle Dolomiti di e come tale deve essere percepito, esaltato,
Brenta all’‘enciclopedia geologica’ del Blet�- custodito, tramandato. In questo processo
terbach, dalle rocce rosa del Catinaccio ai la� - ogni viaggiatore ha un ruolo concreto, fatto
ghi acqua e menta e alle guglie monumenta- di rispetto per la natura e di attenzione a non
li delle Dolomiti Settentrionali, fino alle valli lasciare tracce del proprio passaggio. È questa
selvagge delle Dolomiti Friulane: i paesaggi la sola garanzia che il patrimonio resti inte-
mutano dando l’impressione di attraversare gro per le generazioni future.
CREATIVAIMAGE / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Perché amo le Dolomiti


Giacomo Bassi, autore
Sebbene sia nato e cresciuto in una città di mare, e abbia sempre percepito le montagne come
lontane e vagamente inospitali, nelle Dolomiti mi sono subito sentito a casa. D’altronde, un tempo
le loro vette argentate erano isolotti che spuntavano in un oceano preistorico, e il legame con l’ac-
qua (che è ovunque, sotto forma di ruscelli, fiumi, incantevoli laghi, neve e ghiacciai) non è
mai venuto a mancare. Ho amato tutto di queste montagne: i sentieri, le piste da sci, il silenzio
dei boschi, l’arte nascosta e quella visibile, il cibo, la generosità degli abitanti, i prati sconfinati e
le vette, che al tramonto si arrossano come se si vergognassero di tanta grazia e bellezza.
Per ulteriori informazioni sugli autori, v. p400

Sopra: Escursionisti sulle Dolomiti


Dolomiti
A
ALTITUDINE
I Vipiteno - Sterzing
3300m
R
3000m
T Le Torri del Vajolet
2500m Nel cuore del Catinaccio,
S
2000m
queste cime sono un’icona della
U 1500m
A 1000m
verticalità dolomitica. (p150)
500m
200m
0

33
Bressanone - Brixen
Altopiano dello Sciliar E

s ac k
Un’incantevole distesa di colline G
I

Ei
e pascoli incorniciati dalla
D

o -
Merano - Meran

33
c
maestosità delle Dolomiti. (p122)

I sar
h
A
c
A d i g e - Ets Chiusa - Klausen
O
T

33
Lana

L
r
Ortisei - St. Ulrich - Urtijëi
ue

Bolzano
lf e r
ha

Tutto il fascino della storia eAdelle a - F a


l sc

- Ta Sas
r La
tradizioni tirolesi racchiuse in una
lsu

33
Tal vera

Va S
città viva e affascinante. (p106) (

R
Gioveretto -
^ Bolzano - Bozen
Zufrittspitze
(3439 m)
A d ig

3
Lago di Tovel
e - Etsch

Il cuore liquido Laives - Leifers


delle Dolomiti di Brenta. (p74)

3
ce
No

3333
en t
e

rr
To

3
rente Avis i o d

3333
or
T

3
Madonna di Campiglio

3333
÷
Parco Naturale N
io
Adamello-Brenta
I
A vis

3
n te

3333
R
To
rr
e
T
Cima Tosa
(3173 m) N
E Trento

3
T R Una città d’arte mai abbastanza

3333
celebrata, perfetta per gli amanti
della montagna. (p54)
^ Trento Pergine Valsugana
Madonna di Campiglio

3
Centro della movida in inverno
e quieto borgo di alpinisti
ta

in estate. (p80) Br e n
# 00
e 20 km
10 miglia

Val Pusteria A U
Morbidi prati punteggiati di S
massi all’ombra delle più sublimi T
La Val di Funes e le Odle vette dolomitiche. (p190) R
I profili aguzzi contrastano con
i pascoli verdi per regalare uno I
scenario da cartolina. (p168) Cortina e la Conca Ampezzana A
La perla delle Dolomiti è un paradiso
Brunico - Bruneck per gli amanti delle attività all’aperto
e della bella vita. (p223)
Rienz
a
- Ri
en z Sillian

3333333
Le Tre Cime di Lavaredo
ac k

Parco Tre dita bianche puntate


Naturale di verso il cielo, il simbolo
Ei s

Fanes-Senes-Braies di queste montagne. (p206)

3333333
÷ R
Punta Tre Scarperi -
Crodaccia Alta - Dreischusterspitze
Hohe Schlecht Gaisl R (3151 m)
(3015 m)
÷ R
RR

3333333
Parco Tre Cime
Naturale
Monte
Cristallo di Lavaredo Il Pelmo
ijëi Puez-Odle (3221 m) Per la sua singolare forma, questa
Sassolungo -
R
Piz dles Cunturines -
R
maestosa
Ansi montagna è chiamata
Langkofel - R Tofana di Dentro il Trono di Dio. (p293)
ei
Conturines-Spitze

3333333
Saslonch (3238 m)
(3064 m) Cortina
(3181 m) Piz Boè d’Ampezzo e
R
(3152 m) Pia v
Bo

R i te R
Punta
Sorapiss Barcis
(3205 m)
Affacciata su un lago Lum
iei
Monte R Antelao color dell’anice fra forre

33333333333
(3264 m)
R
Pelmo e case a ballatoio. (p313)
(3172 m)
O

Marmolada R
(3343 m)
Campanile Tagl
di Val Montanaia R ÷ ia
men t

33333333333
R (2173 m)
Parco
T

Monte Civetta
(3220 m) Naturale
Parco
Regionale
Naturale di
delle Dolomiti
Paneveggio
Friulane
E

e Pale

33333333333
di San Martino
si o Cimon Campanile
÷ R dellaPala
(3184 m)
di Val Montanaia
Il ‘Grido di Pietra’,
N

un monumento

33333333333
ve

÷
I

naturale di 300
Pia

Parco
Nazionale metri d’altezza. (p316)
E

A
L

delle Dolomiti
I

Bellunesi Barcis

33333333333
Ponte nelle Alpi C
I

ll i na
Z
U
V

^ Belluno
L
E
I

Belluno

33333333333
Sedico
Città in bilico tra montagna
U

e pianura ricca
R
N

di arte e storia. (p234)


Aviano

33333333333
Primiero
I
F
E

Qui l’Alto Adige e il Veneto


Feltre s’incontrano dando vita a
G
V

un paesaggio incantevole. (p274)


Vittorio Veneto
i a ve

P
Top 15
9
Trento Le ferrate delle

1 Il capoluogo del Trentino è vivo Dolomiti di Brenta

2
e quieto al tempo stesso, sportivo e Ci sono vie ferrate spettacolari
signorile, cittadino e montanaro. Al centro sulle Dolomiti di Brenta e il bello è
svetta una cattedrale di rara bellezza, che sono accessibili, con un minimo grado
in alto è sorvegliato da un castello dall’archi-

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
di preparazione fisica e con l’assistenza
tettura complessa e dai ricchi tesori, in giro delle guide alpine. La Via delle Bocchette
ci sono esposizioni e strutture museali di Centrali (p82) non vi impegnerà tanto,
tutto rispetto e il Natale qui è una festa per e vi regalerà un’iniezione di adrenalina.
gli occhi e per il cuore, con le mille luci e i La Ferrata Sosat (p81) potrebbe essere
suoni dei mercatini. Trento (p54) è il luo- un folgorante primo impatto; la Ferrata
go dove pianificare un viaggio nelle Dolomiti, Castiglioni (p92), per chi è più preparato,
seduti in una birreria del centro o cercando vi darà l’impressione di aver conquistato
ispirazione in vetta al Monte Bondone, che l’Everest.
si raggiunge con la funicolare.
ISAAC74 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

MARCO MAGANZIN ©I
10
3

DENIS FALCONIERII/EDT©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5

4
Le Torri
del Vajolet
JUERGEN SACK / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

3 Le Torri del Vajolet


(p150) sono spetta-
colari guglie aguzze che si
ergono verso il cielo con
un’eleganza e una magni-
ficenza tali da sembrare
disegnate dalle abili mani
di un architetto di epoca
gotica. Se nelle giornate
serene si scorgono anche
da Bolzano, la cosa migliore
è senza dubbio andarle a
vedere da vicino: il Rifugio
Vajolet, il Rifugio Re Al-
berto I e il Passo Santner
offrono scorci privilegiati
su questa meraviglia della
natura, un’icona unica e
imperdibile nel cuore del
Catinaccio.
11
5
DENIS FALCONIERII/EDT©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
6
DIETERMEYRL / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Bolzano Altopiano La Val di

4 Bolzano ( p106) è una dello Sciliar Funes e le Odle

5 6
città vivace e affasci- La distesa bianca e La Val di Funes
nante, che racchiude nel suo soffice sulla quale si di- (p168) è incorniciata
centro storico tutta la bellez- stendono a perdita d’occhio dalle Odle, magnifiche mon-
za del Sudtirolo e regala ai le piste da sci in inverno si tagne dominate dal Sass
visitatori angoli meravigliosi trasforma, con l’arrivo della Rigais e dal Furchetta, che
come Piazza Walther, Via dei primavera, in un oceano con i loro profili aguzzi e
Portici e Piazza delle Erbe. verde costellato di malghe severi sembrano quasi inac-
Anche l’offerta culturale e punteggiato di fiori che cessibili. Se cercate il punto
non ha nulla da invidiare a sembrano disegnati con un più comodo per ammirarle,
città più blasonate: il Mu- pennarello (p122). A fare andate a Santa Maddalena
seo Archeologico dell’Alto da sfondo a questo idillio, il o nel prato antistante la
Adige, dov’è custodita la Sasso Piatto e il Sassolun- Chiesetta di San Giovanni
mummia di Ötzi, Castel go fanno da contrappeso in Ranui, ma se camminare
Firmiano, sede principale dei alle pareti imponenti dello non vi spaventa, il sentiero
sei Messner Mountain Mu- Sciliar, formando insieme che si inerpica fino al Rifu-
seum, il Museion, con la sua una cornice naturale di una gio Genova (p172) e al
collezione di arte contem- bellezza straordinaria. Col di Poma (p172), in
poranea, sono solo alcune testa alla valle, regala
fra le tante opportunità che gli scorci migliori.
vi potrà offrire il capoluogo
dell’Alto Adige. Mercatini di
Natale, Bolzano (p112)
12
7

DENIS FALCONIERII/EDT©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5

GITOTREVISAN / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Passo Gardena Cortina e la Conca d’Ampezzo

7 Il gruppo del Cir con le Odle in lontanan-


za da una parte, le Torri del Sella dall’al-
tra, il Sassolungo, le Cinque Dita e Punta
8 Al centro di uno straordinario anfitea-
tro chiuso dalle pareti d’argento delle
Tofane, del Pomagagnon, del Cristallo e del
Grohman di fronte, la Val Gardena che si Sorapiss, e con il verde intenso dei boschi
estende verso la Valle dell’Isarco: il panora- che la circonda, Cortina (p223) è una
ma che potrete ammirare dagli oltre 2100 m delle destinazioni più glamour di queste
di altitudine del Passo Gardena (p168) montagne. Veniteci d’inverno, quando le
è di quelli da cartolina. Le montagne, sue leggendarie piste da sci sono solcate
i pascoli, i pendii, i tornanti della strada e da appassionati degli sport invernali che
persino le nuvole sembrano messi al posto arrivano da tutto il mondo, oppure d’estate
giusto da un paesaggista, per compiacere per esplorare a passo lento gli innumerevoli
lo sguardo di chi si ferma a contemplare sentieri che si inoltrano in una natura incon-
tanta bellezza. taminata di eccezionale bellezza: sarà sem-
pre e comunque la ‘perla delle Dolomiti’.
13
9
MAXIM K / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
10
GIACOMO BASSI/EDT©

Tre Cime di Lavaredo L’Altopiano di Fanes

9 Ci sono montagne immense e


maestose nelle Dolomiti. Ci sono vette
vertiginose, appuntite, a volte sbilenche,
10 Si racconta che su questo altopiano
che si apre nel cuore del Parco
Naturale di Fanes-Senes-Braies (p186),
altre dalle pareti così ampie da sembrare solcato da gorgoglianti ruscelli e con al
enormi ali spiegate in volo. E poi ci sono centro il delizioso Lago Verde, vivesse
loro, le Tre Cime di Lavaredo (p206), tre un leggendario popolo di guerrieri alleato
dita bianche che si stagliano verticali verso con le marmotte. Chissà se è vero, ma se
il cielo: un paesaggio inconfondibile, diven- vi lascerete contagiare da tanta placida
tato un simbolo dell’alpinismo mondiale, bellezza e dal silenzio rotto solo dagli acuti
che non lascerà indifferenti nemmeno gli fischi di questi simpatici roditori in piedi
animi più imperturbabili. Perciò allacciatevi davanti alle loro tane, non farete fatica a
gli scarponi, riempite la borraccia e salite sognarlo anche voi.
fin quassù per ammirare da vicino i loro
straordinari profili.
14
Feltre I Piani Eterni

11 Piccola e con il centro storico sopra-


elevato, impreziosito da cinquecente-
schi palazzi affrescati, Feltre (p249) è
12 Nascosta nel cuore delle Alpi Feltri-
ne, la conca dove un tempo si trova-
va un enorme ghiacciaio è oggi una sinuosa
in grado di rivaleggiare con città ben più e impareggiabile distesa verde segnata da
blasonate per notorietà e offerta turistica. crepacci, inghiottitoi e profondissime grotte
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5

Perciò, se passerete da queste parti ad (p248) che si alternano ad ampi pascoli


agosto, quando il palio anima le strette punteggiati da stalle e malghe nelle quali si
stradine acciottolate, e vi infilerete nei producono formaggi straordinari. Durante
tanti musei ricchi di capolavori d’arte e l’estate rimarrete incantati davanti a tanta
ammirerete questa città dai tavoli di qual- meraviglia, regno incontrastato dei camosci
che trattoria che serve gustosi piatti tipici, che corrono in mezzo ai pini mughi e delle
resterete stregati dal fascino antico e dalla marmotte che fischieranno allarmate non
contagiosa vitalità. appena vi vedranno spuntare all’orizzonte.

11

GITOTREVISAN / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

12
ATUM85 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©
15
13 14
PIERO PASINI/EDT©

PIERO PASINI/EDT©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
PIERO PASINI/EDT© 15

Il Grido di Pietra Vino e cibo Forra del Cellina

13 Grido di Pietra
è il nomignolo,
pieno di timore reverenzia-
14 Che si tratti di
un’ombra nel
Pordenonese o di un tajut
15 Di canyon, gole,
forre e marmitte
ce ne sono molte nelle
le, che è stato affibbiato al nell’Udinese, un bicchiere Dolomiti. La Forra del
Campanile di Val Montanaia di vino non manca mai in torrente Cellina (p313) è
(p316), un ‘signore’ delle Friuli, ma va accompagnato però incredibilmente sceno-
Dolomiti, un totem dell’al- sempre con qualcosa da grafica e di facile accesso,
pinismo. Arrivare fino alla mettere sotto i denti. La grazie alla presenza di una
sua base è sufficiente per pitina (che può essere pe- vecchia statale dismessa e
dire di aver faticato un bel tuccia o peta, in base a dove alla possibilità di attraver-
po’ e per ammutolire al suo viene prodotta, agli aromi sare il canyon su un ponte
cospetto. Per raggiungerlo che contiene e alle dimen- tibetano da brividi oppure
bisogna percorrere tutta la sioni) è un salume speciale, approfittando del comodo
Val Cimoliana, un paesaggio che si può trovare solo qui, trenino. Inoltre, nei dintorni
lunare e aspro che si insi- sulle montagne friulane. Il ci sono alcuni fra i paesi più
nua nel cuore delle Dolomiti frico, un piatto-bandiera caratteristici delle Dolomiti
Friulane. della Carnia a base di pata- Friulane, come Barcis, Fri-
te e formaggio, ha un’area sanco, Poffabro e Andreis.
più grande, ma è di certo la
bomba di energia che può
rinfrancare delle fatiche
della montagna (p368).
16

In breve
Per ulteriori informazioni, v. Guida pratica (p375)

Banche Quando andare


I bancomat sono diffusi
e le carte di credito in Temperature medie annue (°C)
genere sono accettate 11/14°C
negli alberghi e nei risto- 8/10°C
ranti, mentre potrebbero 5/7°C
non esserlo in alcuni 2/4°C
B&B, nei rifugi in quota 0/1°C
-4/-1°C
e nei piccoli negozi:
verificate in anticipo.

Alloggio
Alberghi diffusi,
garni, baite, malghe,
rifugi, B&B, megaresort
sciistici, oltre a tutte
le strutture ricettive
tradizionali. C’è solo
da decidere il tipo di
esperienza che si vuole
vivere (p376).

Pasti
La tradizione della cuci-
na di montagna: zuppe
calde e profumate,
canederli, frico, polenta, Estate Inverno Primavera/
selvaggina, speck, ¨¨Le Dolomiti offrono ¨¨Quando arriva la autunno
formaggi di malga, il sentieri, rifugi, ferrate Dama Bianca, i tanti ¨¨In primavera, con
tutto annaffiato dai pre- e tante altre attività impianti nelle Dolo- le belle passeggiate a
giati vini veneti, friulani, accessibili anche miti si riempiono di bassa quota si ammi-
trentini e altoatesini ai più piccoli che sciatori provenienti da ra la fioritura.
(p368). permettono di stare a tutto il mondo.
¨¨In autunno, le cam-
contatto con la natura. ¨¨I mercatini di Nata- minate si accompa-
Telefoni cellulari ¨¨La quota non le animano con i loro gnano ai vividi colori
La copertura è general- troppo elevata e le chioschi pieni di luci che danno un tocco
mente buona in tutta la temperature fresche molte località. fiabesco alle valli.
regione, mentre potreb- rendono le Dolomiti
¨¨Approfittate di
be essere problematica il rifugio ideale per
queste due stagioni
in alcuni centri minori. scappare dalla cani-
per visitare le città più
cola estiva.
grandi.
17
Siti web Medio: €70-200 Aeroporto di Venezia – Marco
¨¨Camera doppia in hotel di Polo (%041 260 61 11; www.
Lonely Planet Italia (lonely
media categoria: €70-160 veniceairport.it) Dista 79 km da
planetitalia.it) Informazioni, forum
Pordenone, 97 km da Belluno,
dei viaggiatori e molto altro. ¨¨Ristorante: €35 120 km da Udine, 218 km da
Dolomiti UNESCO ¨¨Aperitivo: €8 Trento e 272 km da Bolzano.
(www.dolomitiunesco.info) e

PIANIFICARE IL VIAGGIO I n breve


Aeroporto di Verona – Valerio
Visit Dolomites (visitdolomites Alto: più di €200 Catullo (%045 809 56 36;
.com) Siti ufficiali delle Dolo- ¨¨Camera doppia in hotel di www.aeroportoverona.it) Dista
miti Patrimonio dell’Umanità categoria elevata: più di €160 97 km da Trento, 151 km da
UNESCO.
¨¨Ristorante di alta categoria: Bolzano, 197 km da Pordenone,
Alto Adige/Südtirol (suedtirol più di €40 214 km da Belluno e 235 km da
.info) Sito ufficiale del turismo in Udine.
¨¨Caffè seduti a un tavolo
Alto Adige.
all’aperto: €4 Stazioni ferroviarie di Belluno,
Promozione Turistica del Bolzano, Pordenone, Trento
Veneto (veneto.eu) Portale
ufficiale della regione Veneto.
Arrivo e Udine
Trenitalia (www.trenitalia.com)
Aeroporto di Bergamo – Orio
Trentino Marketing (visit al Serio (%035 32 63 23; www. Italo (www.italotreno.it)
trentino.info) Sito ufficiale del sacbo.it) Dista 183 km da Trento,
turismo in Trentino. Trentino Trasporti Esercizio
236 km da Bolzano, 299 km da
(www.ttesercizio.it)
PromoturismoFVG (www. Pordenone, 316 km da Belluno e
promoturismo.fvg.it) Portale 338 km da Udine. Mobilità Alto Adige (www.sii
ufficiale del turismo in Friuli .bz.it)
Aeroporto di Bolzano – ABD
Venezia Giulia. Dolomiti (%0471 255 255;
Bambini con la valigia www.bolzanoairport.it) Dista Trasporti locali
(www.bambiniconlavaligia. 57 km da Trento, 164 km da Autobus La rete di trasporto
com) Per organizzare e vivere al Belluno, 219 km da Pordenone e pubblico raggiunge quasi
meglio il viaggio in famiglia. 384 km da Udine. tutti i centri trattati nella guida.
Vacanze bestiali (www.vacanze Aeroporto di Milano – Linate Durante la stagione invernale
bestiali.org) Per viaggiare con i (%02 23 23 23; www.milano vengono attivati numerosi col-
vostri amici animali. linate-airport.com) Dista 214 km legamenti con le aree sciistiche,
da Trento, 268 km da Bolzano, ma alcune località minori non
sono raggiunte dal servizio
Numeri utili 333 km da Pordenone, 351 km
pubblico, tenetelo presente.
da Belluno e 371 km da Udine.
Numero unico %112
Aeroporto di Milano – Mal- Automobile e motocicletta
europeo di emergenza pensa (%02 23 23 23; www. La soluzione migliore per spo-
(ambulanza, forze milanomalpensa-airport.com) starsi, per affrontare le lunghe
dell’ordine, vigili Dista 265 km da Trento, 319 km salite che portano ai passi in
del fuoco) da Bolzano, 384 km da Pordeno- quota (nel periodo invernale le
Soccorso Alpino %118 ne, 402 km da Belluno, 423 km strade che raggiungono i passi
e Speleologico da Udine. secondari non sono percorribili
(Emergenza a causa della neve).
Aeroporto di Treviso – Antonio
in montagna) Treno La rete ferroviaria regio-
Canova (%0422 31 51 11; www.
trevisoairport.it) Dista 68 km da nale permette di raggiungere la
Budget giornaliero Pordenone, 86 km da Belluno, maggior parte delle destinazioni
117 km da Udine, 136 km da turistiche, non così per molti
Basso: meno di €70 Trento e 188 km da Bolzano. centri minori.
¨¨Alloggio economico: €30 per
Aeroporto Friuli Venezia
persona
Giulia – Ronchi dei Legionari
¨¨Sandwich: €4 (%0481 77 32 24; www.trieste
¨¨Ingresso libero in tutti gli airport.it) Dista 43 km da Udine,
edifici di culto e alcuni musei 83 km da Pordenone, 154 km da Per saperne di più
Belluno, 380 km da Bolzano e sui trasporti
326 km da Trento. locali, v. p385
18

Se vi piace…
Galleria d’Arte Moderna
Panorami da urlo Musei Carlo Rizzarda Tra raffinatissimi
lavori liberty in ferro battuto e
Se volete ammirare tutto Le Dolomiti sono ricche di le avanguardie pittoriche non
il fascino della verticalità storia e di tradizioni: dalla saprete davvero dove guardare.
delle Dolomiti e i profili loro formazione geologica (p249)
delle loro creste affilate, alla cultura dei popoli
questi punti panoramici vi che le abitano, i musei vi Palazzo Fulcis Arte sacra
lasceranno senza fiato. aiuteranno a capire meglio rinascimentale, superbi intagli
queste montagne. barocchi e un palazzo da sogno:
Punta Rocca Ai 3265 m della nel centro di Belluno. (p236)
stazione sommitale della funivia Museion Per le esposizioni che
della Marmolada, potete rag- ospita e per la sua collezione Museo Albino Luciani Pensate
giungere il balcone panoramico permanente, questo museo di che un museo sulla vita di un
che regala un colpo d’occhio arte moderna e contemporanea papa sia noioso? Venite qui
ineguagliabile su tutti i sistemi è molto apprezzato in Italia e e siate pronti a ricredervi.
dolomitici. (p287) all’estero. (p110) (p265)

Sass Pordoi Dai 2950 m di MMM Dopo le sue imprese epi- Museo dell’Occhiale Una
questa terrazza potrete godere che, Reinhold Messner ha deciso straordinaria esposizione di
di un panorama eccezionale su di aprire i Messner Mountain centinaia di occhiali da tutto
Marmolada, Sassolungo, Cati- Museum, sei musei dedicati il mondo e di tutte le epoche.
naccio, fino alle Alpi austriache e all’alpinismo e alla cultura della (p220)
svizzere. (p292) montagna in diverse località
dell’arco alpino. (p172)
Terrazza Panoramica Alpe di
Museo Geologico delle
Siusi Da oltre 2000 m di quota,
Dolomiti di Predazzo Un
Laghi alpini
potrete ammirare le montagne
viaggio alla scoperta delle carat- I laghi di montagna regala-
che incorniciano l’Alpe di Siusi
teristiche geologiche, ambientali no panorami da cartolina:
e, grazie al cerchio con le indi-
e paesaggistiche delle Dolomiti nelle loro acque placide e
cazioni, divertirvi a riconoscerle
di Fiemme e Fassa. (p138) trasparenti si specchiano
tutte. (p121)
le Dolomiti, contribuendo
Torre T3 Dall’alto di questa Museo della Grande Guerra
a rendere magici questi
torre panoramica a Sagron Mis Oltre a essere il più alto d’Eu-
luoghi.
la vista sulle Pale di San Martino ropa, questo museo vi aiuterà
a conoscere meglio la prima Lago di Carezza Ai piedi del
è impressionante. (p278)
guerra mondiale, della quale la Latemar, questo lago, abitato
Rifugio Nuvolau Guardatele Marmolada fu un tragico teatro. dalla Ninfa Ondina, è uno dei
da quassù e Cortina e le Cinque (p286) più incantevoli dell’Alto Adige.
Torri non vi sembreranno mai (p129)
Museo degli Usi e Costumi
più le stesse. (p226)
delle Genti Trentine In un Lago di Fiè Se cercate refrigerio
Monte Rite Da questa terrazza ex convento a San Michele in estate o un posto suggestivo
naturale sulle Dolomiti la vista all’Adige, uno fra i più impor- dove pattinare sul ghiaccio
sull’Antelao e sul Cadore è da tanti musei etnografici d’Italia. in inverno, questo lago non vi
brividi. (p221) (p66) deluderà. (p124)
19
GIACOMO BASSI / EDT ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …

In alto: La Val Belluna


GIACOMO BASSI / EDT ©

dai piedi del


Monte Schiara
In basso:
Le vette del Comelico
innevato da Dosoledo
20
Lago di Fedaia Sebbene sia un
bacino artificiale, vi sorprenderà

SPYDERSKIDOO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


per il panorama selvaggio nel
quale è immerso. (p287)
Lago di Soraga Uno sbarramen-
to artificiale ha creato un piccolo
PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …

lago che si è ben inserito nel


contesto territoriale. (p144)
Lago di Tovel Le Dolomiti di
Brenta hanno un cuore che
luccica: è il Lago di Tovel, a oltre
1100 m di altitudine. (p74)
Lago di Alleghe Le sue acque
placide e la sua forma serpeg-
giante incantano da sempre
i viaggiatori di tutta Europa.
(p269)
Lago di Braies D’inverno, con
le vette innevate e la superficie
ghiacciata, è un luogo da Twin
Peaks, d’estate si trasforma in un

GIACOMO BASSI / EDT ©


incanto senza eguali. (p195)
Lago del Sorapiss Se non avete
mai visto un lago del colore di un
bicchiere di latte e menta dovete
arrampicarvi fin quassù. (p226)
Laghi dei Piani Ai piedi delle Tre
Cime di Lavaredo, due laghetti
alpini su cui si specchiano vette
maestose. (p216)
Lago Verde Sembra un arcipe-
lago delle Maldive, ma siamo nel
cuore dell’Alpe di Fanes. (p187)

Cascate
La ricchezza di acque di
tutto l’arco dolomitico arriva
da sorgenti sotterranee o
sgorga dall’alto di cascate
spettacolari: in estate come
in inverno si possono vedere,
affrontare, scalare…
Cascata Nardis Regina incontra-
stata della Val Genova, ma anche
fra le più belle dell’intero arco
alpino, si può raggiungere facil-
mente a piedi e scalare quando è
ghiacciata. (p87)
Sentiero delle Cascate Non In alto: Lago di Braies
sembra nemmeno vero che In basso: Cadini del Brenton, nella Valle del Mis
ci possano essere così tante
21
cascate, cascatelle e cateratte, e
tutte così belle, in una sola valle.
CATUNCIA / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

È la Vallesinella. (p87)
Cascata della Soffia Le acque
della Soffia che si infilano in una
forra, bucano le rocce e si tuffano

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …


in una profonda marmitta sono
uno spettacolo ipnotico. (p245)
Cascata dell’Inferno Alla fine
della Valle di San Lucano, con un
salto di 40 m, è una delle più alte
delle Dolomiti. (p264)
Cadini del Brenton Undici pozze
naturali scavate nella roccia e
quasi perfettamente circolari,
dalle acque smeraldine. (p244)
Cascate delle Comelle Non solo
sono bellissime, ma da quassù
godrete di una vista incantevole
sulla Valle di Garés. (p266)
GIACOMO BASSI / EDT ©

Storia naturale
Le Dolomiti sono un libro
di storia naturale. Uomini
primitivi, orme di dinosauro,
fossili… senza dimenticare
le montagne, esse stesse
testimonianza di un mondo
lontanissimo e perduto.
Monte Pelmetto A prima vista
sembrano semplici buchi su una
roccia, in realtà sono centinaia
di impronte di piccoli dinosauri
dolomitici. (p302)
Museo Archeologico dell’Alto
Adige Oltre a ospitare la
mummia di Ötzi, questo museo
vi racconterà del ritrovamento
che ha rivoluzionato la storia.
(p108)
MUSE – Museo delle Scienze
di Trento Non si può intraprende-
re un viaggio alla scoperta delle
Dolomiti senza farsi una cultura
al MUSE, uno degli allestimenti
museali meglio riusciti che vi
capiterà di visitare. (p60)
Museo Vittorino Cazzetta La
In alto: Alleghe storia delle Dolomiti spiegata
In basso: Lago del Sorapiss
passo passo nell’avvincente
museo che custodisce i resti
dell’Uomo di Mondeval. (p296)
22

Mese per mese


che la Sagra dei Fisciòt (dei
IL MEGLIO Marzo fischietti), con artigianato,
musica e fuochi artificiali.
Marcialonga Gennaio 3 Cortinametraggio
Sellaronda Bike Day (www.cortinametraggio.it) Da
Giugno più di un decennio è la
I Suoni delle Dolomiti rassegna di cortometraggi
più importante d’Italia, con
Giugno
Luglio
Mercatini di Natale
proiezioni e dibattiti nel z La Cavalcata
cuore di Cortina d’Ampezzo. Oswald
Dicembre
von Wolkenstein
Tra stendardi e vessilli, da
oltre 30 anni 36 squadre
Gennaio Aprile-maggio di cavalieri si sfidano in
quattro diverse prove a
2 La Marcialonga 3 Far East Castelrotto, Siusi, al Lago di
Sono quasi 7000 i concor- Film Festival Fiè e al Castello di Presule.
renti al via della Marcialon- (www.fareastfilm.com) Ogni
ga, gara di sci di fondo che anno, ad aprile, gli appas- 2 Sellaronda
si svolge da oltre 40 anni sionati di cinema e dell’E- Bike Day
attraverso la Val di Fassa e stremo Oriente hanno la (www.sellarondabikeday.com)
la Val di Fiemme. possibilità di conoscere le È una manifestazione non
produzioni cinematografi- competitiva, una vera e
che di un mondo lontanissi- propria festa per i ciclisti
mo da Hollywood. che possono godersi appie-
Febbraio 3 Trento
no il giro dei Quattro Passi
(Sella, Pordoi, Campolongo
z Carnevale Film Festival e Gardena), grazie alla chiu-
(www.trentofestival.it) Dal sura delle strade al traffico
Asburgico
1952 propone film sulla motorizzato.
I fasti dell Ottocento riem-
piono il paese e la ‘Strada montagna, la scoperta e
dell’Imperatore’, gli ussari l’avventura.
accompagnano le dame in
troika e nelle sale di Ma- z Beata Maria Luglio
donna di Campiglio risuo- Vergine Addolorata
nano le note dei valzer. Durante la celebrazione più 3 I Suoni
sentita di Belluno, i fedeli delle Dolomiti
portano in processione la (www.isuonidelledolomiti.it) Da
statua della Madonna dei oltre 20 anni, artisti di fama
sette dolori custodita nella internazionale si esibiscono
Chiesa di Santo Stefano. sulle cime e nei luoghi più
Nell’occasione si svolge an- suggestivi delle Dolomiti,
23
coniugando musica, trek- allevatori. A Caderzone si 3 Festival dei
king e grandi emozioni. celebra la società e l’econo- Passeri di Castelrotto
mia agricola. Ogni anno, i Kastelruther
2 Maratona Spatzen, una delle band
dles Dolomites z Palio di Feltre folk più conosciute e segui-
(www.maratona.it) È uno degli (www.paliodifeltre.it) Il primo te in Alto Adige, Austria,
eventi più conosciuti del fine settimana del mese le Germania e Svizzera, si

PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese


ciclismo amatoriale: sul suo quattro contrade della città esibiscono nel loro paese di
percorso, che si sviluppa si sfidano in gare di forza origine attirando migliaia
attraverso i 7 passi dolomi- e d’eleganza in costumi di persone.
tici, si cimentano ogni anno quattrocenteschi e corse di
circa 9000 ciclisti prove- cavalli.
nienti da tutto il mondo.

3 Mostra Novembre
dell’Artigianato Settembre 5 Sagra della Ciuiga
Artistico L’antica frazione di Prusa
(www.mostraartigianatofeltre z Palio apre i suoi vòlti agli attrezzi
.it) La prima domenica di delle Contrade e ai mestieri di un tempo,
luglio le strade di Feltre e i Arcieri medievali si ci- alle melodie tradizionali e
suoi palazzi storici, solita- mentano in varie prove ed soprattutto al salame con
mente chiusi, si popolano di esibizioni di alta suspense. la rapa, la ciuiga, prodotto
centinaia di artigiani, pitto- A fare da contorno teatro da secoli a San Lorenzo in
ri e scultori che espongono di strada, gastronomia e la Banale.
le proprie opere. città di Trento.

3 Settimane z Se Desmonteghea
Musicali
Gustav Mahler
È la festa che segna l’ini-
zio dell’autunno, quando
Dicembre
Le note del compositore e Falcade accoglie tra mu- 7 Mercatini
direttore d’orchestra au- siche, balli e buon cibo le di Natale
striaco Gustav Mahler, che famiglie e il bestiame che (www.nataletrentino.it) In
si rifugiava tra i boschi di hanno trascorso l’estate in Piazza Fiera, all’ombra delle
Dobbiaco per scrivere le alpeggio. antiche mura di Trento, una
sue sinfonie, riecheggiano versione ‘meridionale’ dei
da più di trent’anni in tutta mercatini asburgici: angeli,
l’Alta Pusteria. presepi, candele, dolci, scul-

2 Transcivetta Ottobre ture… comprate qui ciò che


abbellirà il vostro natale. A
(www.transcivetta.it) Una 3 Autunno clesiano Bolzano, i mercatini di piaz-
massacrante corsa di 20 km Tra la fine di ottobre e la za Walther (www.mercatino
in montagna che, dopo la metà di novembre, a Cles si dinatalebz.it) sono una meta
partenza da Listolade, attra- susseguono manifestazioni imperdibile per gli appas-
versa il Gruppo del Civetta a carattere folkloristico e sionati.
lungo vertiginose salite e gastronomico, con musica e
panorami mozzafiato prima animazione. z I presepi di Tesero
di ridiscendere ad Alleghe. Gli abitanti di questo paese
3 Oltre le Vette della Val di Fiemme vi
(www.oltrelevette.it) Per una faranno immergere comple-
decina di giorni, da vent’an- tamente nello spirito nata-
Agosto ni, a Belluno si respira l’aria lizio, allestendo nelle corti
sottile delle vette più alte, delle loro case i presepi
3 Festa tra cinema, libri, mostre e con le caratteristiche figure
dell’agricoltura teatro dedicati alla mon- della tradizione locale.
La razza bovina Rendena è tagna.
l’orgoglio della valle e degli
24

FLAVIO VALLENARI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


Pianificare il viaggio
Itinerari
Lago
di Santa
Cles •
# Giustina
É

É
÷
Parco Naturale
Monte Corno
É

# Castel Thun, Vigo di Ton




#
Cima Lago di Tovel
Presanella
(3558 m) Madonna • #
di Campiglio
É
R
÷
Sant’Antonio • É Parco Naturale San Michele
# Adamello •
#
di Mavignola all’Adige
Brenta
Pinzolo •
#
R
É

Cima
Tosa
Caderzone •
# (3173 m) #Lago

di Molveno
É

# San Lorenzo
• # TRENTO

Dorsino
É

10NI Il giro del Brenta


GIOR

anche visitare il MUSE, un giacimento


Le Dolomiti di Brenta sono isolate dal di conoscenza per ciò che concerne le
resto delle consorelle e costituiscono Dolomiti. Dirigetevi poi verso nord a San
un universo a sé stante nel quale Michele all’Adige, dove si trova un museo
convivono arte, storia, mondanità e etnografico importantissimo. A questo
frugalità. Dieci giorni qui saranno così punto attaccherete le montagne, dirigen-
intensi da sembrarvi un mese. dovi fra belle strade verso la Val di Non,
punteggiata di mille castelli che spuntano
Trento è un punto di partenza un po’ dai meleti. Castel Thun è uno dei più belli,
defilato per visitare le Dolomiti di Brenta, non solo della Valle, ma di tutto il Tren-
ma vale comunque la pena di starsene qui tino, e inoltre è un punto di osservazione
due notti a pianificare il viaggio, mentre si panoramico privilegiato per ammirare le
scopre una città dalla bellezza mai abba- Dolomiti. Per la notte fermatevi a Cles, un
stanza nota. Potrete acquistare le ultime piatto di gnocchi di patate crude vi darà la
attrezzature e le carte topografiche, ma carica per raggiungere, il giorno dopo, il
25

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

Trento

Lago di Tovel, nel centro del gruppo dolo- sentieri in alta quota e vie ferrate tra le
mitico. È giunta l’ora di spostarsi sul ver- più belle del mondo, ammirando paesaggi
sante occidentale delle Dolomiti di Brenta. quasi irreali e sgambettando fra le rocce in
Attraversando la Val Meledrio si sale fino a compagnia di marmotte e camosci.
Passo Campo Carlo Magno, porta d’accesso La ferrata Sosat è il miglior battesimo per
settentrionale della Val Rendena, nella un novellino, non troppo difficile e con
quale si trovano Madonna di Campiglio, situazioni varie, ma è anche bellissima,
Pinzolo, Sant’Antonio di Mavignola, quindi gli esperti si facciano avanti. Di
tutte ottime basi per praticare le attività ritorno, continuando il giro in senso an-
della montagna. Spendete dai 3 ai 4 giorni tiorario attorno al gruppo di Brenta, non
per sciare, visitare il Museo della Malga di dimenticate di assaggiare la Ciuiga del
Caderzone o le chiese dipinte dai Basche- Banale a San Lorenzo Dorsino, visitare il
nis. Oppure abbandonate la civiltà e salite castello di Stenico e, d’estate, fare un bagno
in montagna. Spostatevi tra i rifugi Graffer, rinfrescante nel Lago di Molveno, fra i
Tuckett, Alimonta, 12 Apostoli, percorrendo più belli d’Italia.
26
PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

÷
Parco
Naturale
É Ortisei Puez-Odle

#
Castelrotto •
#
É
É

# Siusi allo Sciliar



É
Sassolungo -
Langkofel R

# (3181 m)
Fiè allo Sciliar •
#
ck

BOLZANO Is a rco E isa Passo Sella



# -
É

Catinaccio
d’Antermoia - R •
#
Kesselkogel Canazei
(3004 m) É

É Pozza di Fassa •
#

É

#
Lago •#
A dige

di Carezza Passo
di Costalunga
27

DIETERMEYRL / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


10NI Da Bolzano al cuore
GIOR delle Dolomiti
L’itinerario inizia a Bolzano e prosegue nel

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari


cuore delle Dolomiti, passando per la Val di
Fassa e la Val Gardena, per poi terminare
negli immensi pascoli del massiccio dello
Sciliar, l’altopiano più grande d’Europa.

Per iniziare ad assaporare l’atmosfera tirolese,


iniziate il vostro viaggio da Bolzano: le vie del
centro nascondono angoli suggestivi, ristoranti
e birrerie storiche. Non lasciate la città prima
di aver visitato il Museo Archeologico dell’Alto
Adige, quello che conserva la mummia di Ötzi,
l’uomo dei ghiacci, e il Messner Mountain Mu-
seum di Castel Firmiano, un vero luogo di culto
per gli amanti della montagna e dell’alpinismo.
Proseguite il viaggio imboccando la stretta
strada che sale verso la Val d’Ega, la Grande
Strada delle Dolomiti, costruita all’inizio del
XX secolo per collegare Bolzano a Cortina:
prima di raggiungere il Passo di Costalunga,
luogo di villeggiatura della principessa Sissi e di
Winston Churchill, fermatevi a contemplare il
Lago di Carezza, vero gioiello nel quale si spec-
chiano i pinnacoli e le torri del Latemar.
Dal passo, abbandonate l’Alto Adige e scen-
dete in Val di Fassa, in Trentino. Qui arriverete
a Pozza di Fassa, paese in posizione strategica
per visitare l’intera valle, culla dell’alpinismo
dolomitico, e per organizzare un’escursione
ai piedi delle Torri del Vajolet, che svettano
ROMAOSLO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

al centro del Catinaccio con la loro inebriante


verticalità.
Dopo aver visitato anche Canazei, affron-
tate gli 11 km che vi porteranno ai 2240 m del
Passo Sella, dal quale godrete di una vista
impareggiabile sul gruppo del Sassolungo e sulle
Torri del Sella. Tornate quindi in terra tirolese,
proseguendo in Val Gardena, una delle patrie
dello sci nelle Dolomiti: Selva, Santa Cristina e
Ortisei.
L’ultima tappa del viaggio è la zona dello
Sciliar, che da Castelrotto potete raggiungere
attraverso una strada molto panoramica. Le
colline, i paesi e i pascoli di questa zona sono
luoghi dove l’armonia regna sovrana e trasmette
un senso di serenità che culmina nella distesa
immensa dell’altopiano. Questo è il posto giusto
per terminare il viaggio: dopo esservi riempiti
gli occhi di tanta bellezza, tornerete a casa con il
sorriso stampato in faccia.
In alto: Altopiano dello Sciliar
In basso: Lago di Carezza
28

PIERO PASINI / EDT ©


7 NI Nel selvaggio Friuli
GIOR

Una settimana nelle Dolomiti Friulane e


PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

d’Oltrepiave rappresenta un’immersione


totale nella natura. Qui ci sono tutti gli
elementi classici delle Dolomiti, ma l’uomo
sembra non riuscire a domarli con facilità
come altrove.

La porta delle Dolomiti Friulane, fra i più estesi


gruppi dolomitici, è la pianura, quella che da
Pordenone, quieta e graziosissima città d’arte,
vede come quinte il muro delle montagne che
sorgono d’improvviso seguendo la SR251 che
conduce a Barcis. Fra una visita alla Forra del
Cellina e placide passeggiate sulle rive dell’omo­
nimo lago, Barcis potrebbe essere una tappa da
una o persino due notti. Continuate lungo la 251
raggiungendo Cimolais. Scegliete una siste-
mazione, perché Cimolais è il punto ideale per
andare a vedere le orme dei dinosauri a Claut, la
grotta del Landre Scur e soprattutto per risalire
la Val Cimoliana fino al Rifugio Pordenone da
cui raggiungere il Campanile di Val Mon-
tanaia. Se farete tutte queste attività dovrete
fermarvi due notti a Cimolais o nei dintorni. In
ogni caso poi continuate il viaggio oltre passo
Sant’Osvaldo ed entrate nella Valle del Vajont
dove Erto e Casso vegliano sulla frana che nel Forra del torrente Cellina a Barcis
1963 causò uno dei più gravi disastri della storia
italiana. Un disastro che ha raso al suolo i paesi
sulle sponde del Piave che scorre lungo il lato
# Passo della Mauria
occidentale del gruppo dolomitico, in Veneto. •

Un passaggio qui è necessario per raggiungere il


Cadore a nord e, a Domegge, salire al Passo del- Campanile É
di Val Montanaia ÷
la Mauria, rientrando in Friuli Venezia Giulia e •
# Parco
É

nella Valle del Tagliamento. D’inverno fermatevi


É

Regionale
É

a Forni di Sopra per sciare, d’estate per salire Naturale


delle Dolomiti
É

in quota e magari ÷ percorrere tutto o parte


Casso Friulane Tramonti
# Cimolais
dell’AnelloParco Naturale •
delle Dolomiti Friulane, fra am- di Sotto •
#
É
Paneveggio - •
# •
#
bienti selvaggi
Palee di
mozzafiato.
San Percorrete la Valle Erto
Martino ÷ Poffabro
É

del Tagliamento nel senso in cui scorre


Parco
il fiume, •
#
É

Andreis
da ovest verso est e, superato Ampezzo,
Nazionale girate
delle •
#
É •
#
Frisanco
Dolomiti •
#
bruscamente a sud nella Val Tramontina,Bellunesi Barcis
regno di creste aguzze, fiumi cristallini e ottimi
salumi (la pitina si produce qui). Nell’isolamen-
to della valle troverete una buona sistemazione i Lago di
e
av

Santa Croce
É

per visitare i dintorni e la Val Colvera, con Fiu


i eP
m
paesi di Frisanco, Poffabro e Andreis, uno
più bello e più quieto dell’altro. Quindi tornate
in pianura.

# PORDENONE

29

GIACOMO BASSI / EDT ©


15NI Arte, natura e storia
GIOR ai piedi delle Tre Cime
Si parte da Belluno e si arriva in Cadore

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari


dopo un itinerario circolare che vi porterà
dall’estremo sud di queste montagne alle
più settentrionali vette delle Dolomiti, tra
chiese, musei e un ambiente incontaminato.

Ciò che rende le Dolomiti straordinarie, oltre


alla loro unicità geologica, sono le infinite sfac-
cettature del territorio: lungo questo itinerario
da sud a nord (e ritorno) si srotolano senza
soluzione di continuità storia, arte e natura.
Partite da Belluno, ricca di chiese e con musei
appassionanti, seguite il Piave che solca la Val
Belluna e decidete se fermarvi nella Valle
del Mis o se proseguire verso la raffinata
Feltre. I più in forma salgano a Passo Croce
d’Aune e da lì alla Busa delle Vette Grandi,
una spettacolare conca glaciale ricoperta di
prati; in alternativa attraversate il Primiero,
il punto dove s’incontrano Veneto e Trentino.
San Martino di Castrozza vi terrà occupati
sia d’inverno, con le piste da sci, sia d’estate,
con i sentieri che si inoltrano nella foresta di
Paneveggio. Aggirando le frastagliate Pale di
San Martino puntate su Alleghe: usandolo
La Val Canali, nel Primiero come campo base potrete esplorare a fondo sia
l’Agordino, a est, sia il gruppo del Pelmo e
della Croda da Lago, a ovest, dove scoprirete
Brunico •
A

#
con stupore innumerevoli orme fossilizzate di
U

Dobbiaco T dinosauri. Da qui spostatevi nella scintillante


S


# R
I
A Cortina d’Ampezzo, che si estende al centro
k

di un’incredibile corona di vette. Attraversando


quelle settentrionali e passando accanto al

# Lago di Dobbiaco, sbucate nella verdeggiante
Val Badia Comelico • # e placida Val Pusteria, da cui raggiungete il
# Cortina
pittoresco Lago di Braies e le Tre Cime di La-

d’Ampezzo
varedo, splendida icona delle Dolomiti, magari
dormendo a San Candido, con la sua chiesa
millenaria, o a Dobbiaco, dove riposerete

#
Alleghe •
# Vigo di Ta
Cadore glia sulle note di Mahler. A questo punto dovrete
m ent
o

prendere una decisione dolorosa: puntare sulla


limpida bellezza di Brunico e ridiscendere in

#
San Martino pianura passando per la Val Badia, dove vi de-
di Castrozza dicherete a splendidi trekking nel Parco di Fa-
Pia v e

nes, o dirigervi verso il Comelico e inoltrarvi


Ce
# Primiero
• BELLUNO l i napoi in Cadore, lungo il quale vagherete senza
l


#
Passo
Lago
di Santa
meta tra chiesette e musei, e dove all’ombra
Croce d’Aune

#
Croce dell’Antelao e delle Marmarole ripenserete
alle tante giornate di questo viaggio.
Feltre •
#
30
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto

Escursionista in Val Fiscalina

Pianificare il viaggio

Attività all’aperto
In estate o in inverno, nelle Dolomiti la possibilità di annoiarsi non
esiste. Dai sentieri curati e ben segnalati per le camminate alle
strade di tappe mitiche del Giro d’Italia da percorrere in bicicletta,
dalle piste per lo sci di discesa e di fondo più impegnative a quelle
più facili per chi mette gli sci ai piedi per la prima volta, il panora-
ma delle attività outdoor nei Monti Pallidi lascia l’imbarazzo della
scelta. E la cosa meravigliosa è che potete fare tutto al cospetto
del fascino e della verticalità inebrianti di queste montagne.
31
lau. Bisogna essere esperti e allenati, inve-
ce, per intraprendere la Ferrata G. Costan-
tini (p261) sul Moiazza o la Ferrata degli
GIACOMO BASSI / EDT ©

Il meglio... Alleghesi (p270) sul Civetta.

Bicicletta e mountain bike


Giro del Sellaronda Pedalare sulle strade

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto


del Giro d’Italia passando per i Passi Pordoi, Arrampicata su ghiaccio
Sella, Gardena e Campolongo. (p290)
Ci sono decine di cascate dove praticare
La Ciclabile lungo l’Adige, dalle Dolomiti al questa attività, e dove ci sono le cascate, di
Garda, passa per Trento. (p62) solito, ci sono anche una scuola o un corso
La Ciclabile della Drava da San Candido al disponibili. Cercate in questa guida, nelle
cuore del Tirolo austriaco. (p201) Dolomiti di Brenta (p82) oppure nella
Marmolada (p285): i Serrai di Sottoguda
Escursionismo e alpinismo sono conosciuti in tutto il mondo.
Punta Penìa Conquistare la cima più alta L’inospitale e tenebrosa Valle di San Lu-
delle Dolomiti. (p287) cano durante l’inverno diventa un paradiso
per gli ice climber con le sue innumerevoli
La Ferrata Sosat La ferrata ‘per tutti’ fra i cascate gelate: raggiungete quella dell’In-
paesaggi più emozionanti delle Dolomiti di ferno (p264), se volete mettere alla prova
Brenta. (p81) le vostre capacità.
Tre Cime di Lavaredo Una salita fino alle
vette simbolo delle Dolomiti. (p206)

Sci
Saslong La pista di Coppa del Mondo in Val
Arrampicata
Gardena. (p158) Le palestre e le pareti per gli scalatori sono
tante nelle Dolomiti. Per chi vuole impara-
Bellunese La pista nella Marmolada dove si
re, a Erto, nelle Dolomiti Friulane, si trova
è disputato il primo slalom negli anni Trenta.
una celebre palestra all’aperto (p318).
(p286)
Quando il clima non lo consente, si posso-
Marcialonga Il percorso per attraversare le valli no trovare ottime soluzioni anche per sca-
di Fiemme e Fassa con gli sci da fondo. (p133) lare indoor: per esempio, a Bolzano c’è la
3Tre Un nome, un mito: la discesa iridata di più grande palestra di arrampicata d’Italia
Madonna di Campiglio. (p80) (p112), mentre nella struttura di Campi-
tello di Fassa (p148) si svolgono spesso
Tofane La più esaltante discesa nell’argenta- competizioni di livello internazionale.
ta Conca Ampezzana. (p227) Dovete invece essere indubitabilmente
grandi campioni per cimentarvi nella salita
dello Spigolo Nord dell’Agner (p264),
che con i suoi 1600 m di dislivello è con-
siderata la più lunga di tutte le Alpi, o per
affrontare la leggendaria e temutissima
Alpinismo parete nord del Civetta (p269).
Le possibilità di praticare alpinismo sulle
Dolomiti sono infinite, dalle scalate per
veri esperti alle vie ferrate accessibili anche
ai neofiti. Se volete coronare il sogno di
scalare la vetta più alta dei Monti Pallidi,
Bicicletta
Punta Penìa, trovate le indicazioni nella e mountain bike
parte della guida dedicata alla Marmolada Piste e percorsi per tutti i gusti e tutti i
(p287). Chi ha piedi ben saldi, equilibrio livelli di allenamento sono possibili nella
e non soffre di vertigini dovrebbe prova- zona delle Dolomiti di Brenta. Dalle ci-
re a cimentarsi nella Ferrata Ra Gusela clabili che percorrono le valli, al circuito
(p227), una delle più frequentate delle Dolomiti di Brenta Bike (p80), che con
Dolomiti Settentrionali, che risale il Nuvo- livelli di difficoltà molto diversi permette
32

ORIREDMOUSE / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto

Ciaspolata alle Pale di San Martino

di visitare gran parte del sistema. Se poi


volete, potete cimentarvi sul percorso della
Marcialonga (p133), che unisce la Val
Canyoning
di Fiemme e la Val di Fassa, oppure sulle La grande ricchezza di corsi d’acqua delle
strade di tappe epiche del Giro d’Italia Dolomiti, con il loro corredo di gole, forre,
affrontando il Sellaronda, il famoso Giro salti, cascate, è il requisito primario per
dei 4 Passi (p290) che transita sul Sella, farne un luogo perfetto per il canyoning.
sul Pordoi, sul Gardena e sul Campolongo. Quindi, preparatevi a bagnarvi da cima a
Un’altra opportunità da non perdere è il fondo e a provare questa attività a metà
Giro del Latemar (p136) sulle due ruote: strada tra l’alpinismo e i tuffi. Chi voglia ci-
attraverso sentieri e boschi, potrete cono- mentarsi in questa appassionante discipli-
scere da vicino l’intero sistema. na potrebbe ad esempio raggiungere il Rio
Raggiungerete invece gli spettacolari Neva in Val Noana (p273) e ridiscendere
circhi glaciali delle Vette Feltrine se da il torrente tra scivoli naturali e calate in
Passo Croce d’Aune risalirete lungo la pa- corda, oppure spingersi fino sulla Sinistra
noramica e sinuosa stradina militare che Piave e gettarsi in spericolati tuffi lungo gli
conduce al Rifugio Dal Piaz (p257), che spettacolari Brent del Art (p246).
ogni estate è presa d’assalto da numerosi
appassionati. Gli amanti del silenzio e dei
luoghi incontaminati dovrebbero salire in
Agordino e infilarsi nella Valle di San Lu- Equitazione
cano (p263), interamente solcata da stra-
delli e sentieri, oppure andare a esplorare I trekking a cavallo sono un’emozione uni-
l’Agordino (p259) su due ruote: tra piste ca, stancanti come le escursioni a piedi (un
ciclabili e tracciati panoramici, avrete solo po’ di meno, in realtà) e con un punto di
l’imbarazzo della scelta. osservazione privilegiato. Nelle Dolomiti di
Brenta è possibile passeggiare in groppa a
un cavallo a Pinzolo (p84).
33

Escursionismo Fat bike


e trekking In bici sulla neve, nei greti dei torrenti, nel
fango, in off-road estremo? Certo, con la
Senza dubbio l’attività più diffusa, e giusta-
versione hard della mountain bike. A Ma-
mente, nelle Dolomiti. Paesaggi sconfinati,
donna di Campiglio (p83), San Vigilio
gole profonde, valli percorse da torrenti cri-

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto


di Marebbe (p187) e Cortina (p227) è
stallini e cascate maestose, grandi ghiaioni
possibile noleggiare questi nuovi mostri a
da affrontare e vie ferrate che si inerpicano
due ruote. In sella, dunque.
fra montagne a dir poco iconiche… Se vi
piace passeggiare nei boschi, superare
cenge e scalare le vette, insomma entrare
in contatto con la montagna, sappiate che
siete in uno dei posti migliori al mondo
per farlo. C’è l’imbarazzo delle scelta: dai Golf
sentieri semplicissimi alle vie ferrate nella La naturale conformazione del territorio
Val Rendena (p81), dai peripli di laghi ha consentito di creare campi da golf movi-
cristallini alle escursioni alle rovine di mentati e divertenti, dei gioielli incastonati
vecchi castelli nella Val di Non (p70), dai nella cornice unica delle Dolomiti. Sul
ghiaioni che conducono al Campanile di sito della Federazione Italiana Golf (www.
Val Montanaia (p316) ai boschi ombrosi federgolf.it) potete trovare tutte le strutture
che portano all’inquietante Landre Scur presenti sul territorio. Il Golf San Vigilio
(p314). Insomma, ce n’è per tutti. E poi di Siusi allo Sciliar (p118), con le sue
chi non si accontenta di escursioni di pochi colline, i ruscelli e i laghetti, è molto sug-
chilometri, magari percorsi lungo sentieri gestivo, e le sue buche mettono alla prova
che d’estate risultano molto affollati, può anche i migliori giocatori. Un altro campo
sempre scegliere una a caso delle otto Alte che merita una visita, sia per il disegno del
Vie delle Dolomiti (p198), che attraversa- percorso sia per il paesaggio nel quale è
no queste montagne in lungo e in largo. immerso, è il Golf Club Petersberg a Mon-
GIACOMO BASSI / EDT ©

Il Rifugio Locatelli ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo


34
te San Pietro, frazione di Nova Ponente, in
Val d’Ega (p127). Sci di fondo
Lo sci di fondo è una tra le attività che ha
fatto conoscere le Dolomiti nel mondo:
zone come la Val di Fiemme, la Val di Fas-
Parapendio sa e l’Altopiano dello Sciliar offrono piste
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto

Serve dirlo? Dove ci sono le montagne ci sempre preparate in modo impeccabile per
sono anche le partenze dei campi di volo ogni livello, senza dimenticare poi le tappe
dei parapendii. Ad esempio a Pinzolo, nelle del Tour de Ski o gare come la Marcialonga
Dolomiti di Brenta (p86). Un piccolo che attirano ogni anno migliaia di atleti
dettaglio: queste montagne sono da molti italiani e stranieri. In Friuli Venezia Giulia
considerate le più belle del mondo, come il fondo, complice la scarsità di piste da
potrà mai essere praticare parapendio qui? discesa, è parte importante dell’industria
Fantastico o superfantastico? Mettetevi turistica a Forni di Sopra (p330) e Cimo-
in auto, raggiungete Pedavena (p255) e lais (p316), mentre uno dei più spettaco-
lanciatevi nel silenzio dal Monte Avena, lari percorsi delle Dolomiti Settentrionali
che negli ultimi anni si è guadagnato un è quello che unisce Cortina e Dobbiaco
posto di tutto rispetto nel panorama inter- attraversando Passo Cimabanche, e sul
nazionale del volo libero. cui tracciato ogni anno si tiene una gara
internazionale. Gli appassionati possono
contare su svariati anelli perfettamente in-
nevati, e spesso illuminati, anche a Falcade
(p267), in Val Badia (p181), nei dintorni
Pattinaggio su ghiaccio del Parco di Fanes (p186) e in decine di
Pensate che nello Stadio del Ghiaccio di altre località.
Cortina d’Ampezzo si tennero la cerimo-
nia di apertura e quella di chiusura delle
Olimpiadi Invernali del 1956. Di sicuro la
storia più prestigiosa è sua, ma di stadi del
ghiaccio ce ne sono molti nelle Dolomiti,
Sleddog
ad esempio a Pinzolo (p86) e a Cana- Dovete andare in Alaska per provare a
zei (p151), a Feltre (p253) e Alleghe condurre una slitta trainata dai cani
(p270), dove noleggiare un paio di pattini husky. Oppure potete provare a rivolgervi
e volteggiare (o ruzzolare, forse) costa poco ad Athabaska, a Madonna di Campiglio
più che un gelato. Gli appassionati di que- (p83).
sta attività potranno sbizzarrirsi anche su
laghi ghiacciati: ad esempio, il Laghetto di
Fiè (p124) d’inverno offre la possibilità di
pattinare immersi nella natura. Slittino
Non è molto diffuso in Italia ed è più facile
che troviate impianti attrezzati per questa
attività in Trentino-Alto Adige, dove più
Sci di discesa forte è l’influsso d’oltralpe. Ad esempio,
Grazie a impianti di risalita avveniristici provate a Madonna di Campiglio (p83).
che collegano le stazioni a valle con i com-
prensori a monte con salti vertiginosi, le
Dolomiti offrono un ampio carosello di
possibilità per chi vuole divertirsi sugli sci:
i comprensori che fanno parte di Dolomiti
Snowtubing
Super Ski (come quello di Cortina e di San In Val Rendena (p83) ci sono piste in-
Martino di Castrozza, tra gli altri), il giro nevate adatte a essere discese con grosse
del Sellaronda, le piste dove vengono di- camere d’aria: adrenalina e divertimento
sputate gare della Coppa del Mondo come assicurati.
la Saslong della Val Gardena e la mitica
3Tre di Madonna di Campiglio, parte di un
circuito enorme (150 km di piste)…
35

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto


PIOLA666 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

In alto: Mountain bike


nel Parco Naturale di
Fanes-Senes-Braies
In basso: Trekking sulle
Dolomiti
GIACOMO BASSI / EDT©
36

Pianificare il viaggio

Viaggiare
con i bambini
Bambini e montagne scoscese può sembrare un binomio preoccu-
pante, ma non temete, il vostro non sarà un viaggio dal quale tornere-
te con i capelli bianchi. Al contrario, prati sconfinati e tante attività vi
faranno semmai ricredere e individuare nella montagna il luogo per-
fetto per le vacanze con i più piccoli. Le strutture ci sono, la sensibilità
nei confronti delle esigenze dei giovani viaggiatori pure. Dal contatto
con gli animali alle prime esperienze sulla neve fino agli sport, che fan-
no bene a tutti tanto più se sono divertenti, nessuno resterà deluso.

Must have
¨¨Passeggino da trekking (se non ne avete uno Rilassatevi...
potete noleggiarlo) e zaino portabimbi. La montagna non è certo un luogo senza
¨¨Burrocacao, crema idratante (l’alta quota insidie, ma basta innanzitutto fare atten-
inaridisce la pelle) e cerotto antiscottature zione – la prudenza dettata dalla logica è
che monitora gli effetti dei raggi UV. sufficiente – e considerare che i bambini
¨¨Cerotti per le vesciche.
spesso sono molto più disinvolti e svegli
dei grandi e che con il loro entusiasmo
¨¨Torcia rossa (gli animali non vedono il sapranno apprezzare anche le più ardue
rosso, quindi all’alba o al tramonto una torcia fatiche del trekking e le difficoltà dell’im-
rossa terrà a bada gli insetti e vi consentirà di parare a sciare. Ma soprattutto tenete a
avvistare la fauna selvatica). mente che i bambini devono praticare
¨¨Caricabatterie a energia solare (potremmo attività adatte alle loro capacità, e alla fine
dirvi per avere sempre il gps a disposizione, sarete voi invidiosi di quello che fanno.
ma lo sappiamo tutti che è per rifilargli il
cellulare quando i capricci raggiungono vette Fra gli animali...
inesplorabili).
¨¨Parco Faunistico di Spormaggiore (p76)
¨¨Custodia impermeabile per cellulari. Dove posso vedere l’orso, la volpe, la lince, il lupo,
¨¨Un libro sui dinosauri e uno sugli animali che il gufo reale, il gatto selvatico...? In montagna,
si possono avvistare nelle zone che visiterete. è ovvio, ma dove posso vederli tutti insieme? Al
¨¨Borraccia di quelle morbide con cannuccia Parco Faunistico di Spormaggiore, che ospita in
che spunta dallo zaino. cattività animali sottratti a chi non li teneva con le
giuste cure e con amore. Nella fattoria si possono
¨¨Moschettoni (magari non servono, ma i
fare esperienze dirette, per esempio nutrendo le
bambini li adorano).
caprette. Non immaginate quanta fame possano
avere.
¨¨Come gli inuit Mentre lassù in Alaska la
neve è una costante tutto l’anno, a Madonna
37
di Campiglio lo è solo per circa metà dell’anno, Chi ha detto che i musei
ma in quella metà si può far finta di essere inuit
e imparare ad andare in sleddog (p83), la sono noiosi?
slitta trainata dai bellissimi husky. Il ‘battesimo’ ¨¨MUSE (p60) Questo è un museo dove si può
dello sleddog è anche per i piccoli, con bravi e parlare a voce alta, toccare quasi tutto, fare mille
simpatici istruttori. esperienze... correre! (sempre facendo attenzione,
eh). Scoprite la foresta tropicale, ce n’è una vera
¨¨In sella Sono diversi i posti dove si può fare

PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiare con i bambini


all’interno. Si trova dopo lo scheletro di capodo-
equitazione, anche per la prima volta, nelle
glio che scende dal soffitto, vicino alla zona dove
Dolomiti. Di certo questa è una di quelle attività
si fanno gli esperimenti (genitori: prenotando, una
che soddisfano tutti: i grandi faranno un trekking
guida prenderà in consegna i vostri futuri naturali-
diverso, nuovo, e i piccoli impareranno a cavalcare
sti e spiegherà loro i misteri della fisica e la storia
(p85, p186, p205).
delle Dolomiti).
¨¨Caprioli, marmotte e orsi I più grandi e
allenati potrebbero essere ben motivati a salire ¨¨Ötzi Un viaggio nella preistoria alla scoperta
in quota dalla prospettiva di trovarsi a tu per tu del più famoso uomo primitivo. Andate al Museo
con gli animali della montagna. Non è una cosa Archeologico dell’Alto Adige (p108) per
così rara, e ricordate che si tratta di animali vedere la mummia di questo antichissimo caccia-
selvatici, quindi siate grati di poterli vedere e non tore, l’‘Iceman’, l’uomo di ghiaccio. Vi immaginate
disturbateli. un peloso cavernicolo? Invece ha abiti, armi e
attrezzature. Poi partecipate a una delle tante
attività rivolte ai bambini.
... e i dinosauri
¨¨Un’invasione di animali impagliati sembra
¨¨200 milioni di anni fa Sulle Dolomiti passeg-
aver colpito il Museo Civico di Storia Natu-
giavano i dinosauri. Come facciamo a saperlo?
rale di Pordenone (p309). Ce ne sono veramen-
Perché poco più di 20 anni fa i ragazzi di una
te tantissimi, i più disparati e tutti molto belli. In
scuola in gita hanno trovato le loro orme a Claut
verità si tratta di un’ottima occasione per vedere
(p314). E ce ne sono anche sul Pelmetto
da vicino animali altrimenti inavvicinabili.
(p302), dove un sentiero porta il loro nome (Via
dei Dinosauri), e nel Bletterbach, in una gola ¨¨Scienze naturali I musei di scienze naturali o
che da sola vale la visita (p99). di storia naturale nelle Dolomiti sono tantissimi e
segnalati nella guida. Quelli dell’Alto Adige, ma non
¨¨Ancora orme, ma riprodotte, si trovano al
Museo Vittorino Cazzetta (p296) di Selva solo, sono particolarmente attenti alle esigenze
di Cadore così come al Dolomythos (p202) a dei più giovani, ai quali vanno spiegate le stesse
San Candido, dove stanno in compagnia di fossili e cose che ai grandi, magari trovando un sistema
storie leggendarie. migliore, che sappia stimolare la curiosità. Vi
stupirà vedere come sia facile imparare.
¨¨L’orso ladino Non sarà un dinosauro, ma è
comunque un gigante l’Ursus Ladinicus, un mam-
mifero di 60.000 anni fa, i cui scheletri sono con- Le meraviglie del suolo
servati al Museum Ladin Ursus Ladinicus ¨¨Grotte Sono tante le grotte nelle Dolomiti.
di San Cassiano (p183). Hanno nomi misteriosi e inquietanti, sono piene

PER I PICCOLI E PER I GRANDI


Quando i bambini sono molto piccoli tante soluzioni non sono percorribili, va detto. Ma
se i genitori vogliono riuscire a fare qualche sciata, corrono in loro aiuto i Kinderheim,
nursery dove i più piccoli possono giocare e divertirsi con attività a loro congeniali. Si
trovano all’arrivo degli impianti di risalita, coordinati, nel loro orario di apertura, con
gli orari degli impianti. Una bella comodità che fa felici tutti. I più grandicelli invece po-
trebbero provare a fare le loro prime esperienze in alta montagna, a patto che i genitori,
soprattutto se non sono esperti, si rivolgano alle guide alpine del luogo (i recapiti sono
nei capitoli della guida). In compagnia delle guide abbiamo avvistato alpinisti di 8 anni
sulle più belle ferrate delle Dolomiti, durante le nostre ricerche! Chi è ancora più gran-
de – e quindi si suppone non abbia paura del buio – farebbe bene a dedicare un po’ di
tempo alle trincee del Lagazuoi (p228).
38

CENTRALLTALLIANCE / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiare con i bambini

Bambina al Lago di Braies

di vegetazione o di ghiaccio o nascondono fiumi Avventure per tutti i gusti


sotterranei, ma anche orsi e pipistrelli! Bando
alla paura, tirate fuori il coraggio e incamminatevi ¨¨In Val Noana c’è il Sentiero degli Abeti
Giganti (p273), scenario perfetto per scovare
(p314, p320).
gnomi e folletti.
¨¨Grandi e piccoli canyon L’acqua è uno degli
elementi fondamentali nelle Dolomiti. Ed è anche ¨¨A Ortisei, una fly-line lunga quasi 700 m è una
delle tante attrazioni del Parco Avventura
la responsabile, scorrendo in torrenti impetuosi
Emozion Col de Flam (p166). Adrenalina e
e in fiumi maestosi, di alcune meraviglie naturali
divertimento garantiti.
(p87, p245).
¨¨Nel Sentiero Avventura MonteRaida a
Santa Cristina (p163) la star è l’altalena gigan-
Sulla neve te nel bosco.
¨¨Imparare e divertirsi allo stesso tempo non è
semplice. Ma con la competenza dei maestri delle ¨¨A Claut c’è un intero villaggio costruito sugli
tante scuole di sci (e un po’ di impegno), l’obietti- alberi (p314) e un altro si trova sul Monte Civet-
vo è presto raggiunto. Un esempio? Il Baby Park ta (p270). Carrucole, ponti sospesi e piattafor-
Fiabilandia (p142) di Moena. me sugli alberi vi faranno sentire Tarzan.

¨¨Slittino e snowtubing Non pensate al bob, ¨¨Ve la sentite di percorrere 1 km, su rotaia, tra
quello con le due levette ai lati. Lo slittino in Alto salti, paraboliche, un giro a 360 gradi, cambi di
Adige e in Trentino è un’attività che gode di grande pendenza e curve mozzafiato? Allora andate a
rispetto e che è praticata anche dagli adulti. Se Predazzo alla slittovia Alpine Coaster Gar-
poi gli adulti vogliono spassarsela come i loro doné (p140), che sfreccia nei boschi di abeti.
figli, possono seguirli facendo snowtubing, ovvero
gettandosi per le piste con enormi camere d’aria.
39

GIACOMO BASSI / EDT ©

Scoprire
le Dolomiti
Da qualsiasi punto le guardiate, le Dolomiti offrono
panorami incantevoli e scorci unici: alcune delle loro Sommario
montagne sono vere e proprie icone della verticalità e ¨¨Tradizioni popolari
i loro profili aguzzi sono conosciuti in tutto il mondo. ¨¨Sapori di montagna
La bellezza di questo territorio, però, non è fatta solo ¨¨Le star delle Dolomiti
di montagne: nelle valli che le percorrono troverete ¨¨Castelli
tradizioni popolari che vantano origini antichissime,
specialità gastronomiche uniche, castelli dal fascino
fiabesco. In alto Lago alpino ai piedi delle Tre
Cime di Lavaredo.
40

RUDI_BRANDSTAETTER / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

1. Krampus 2. Mercatini di Natale al Lago di Carezza


3. Se Desmonteghea 4. Carnevale Asburgico di Madonna di
Campiglio

DPM75 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


41

Tradizioni

VAL D’EGA TURISMO ©


popolari
Come tutti i popoli di montagna, gli abi-
tanti delle Dolomiti hanno tramandato gli
usi e i costumi dei loro avi: dai carnevali
ai mercatini di Natale, non è raro imbat-
tersi in manifestazioni che rievocano
antiche atmosfere.

Mercatini di Natale
La magia dei mercatini di Natale di
Bolzano (p112) attira ogni anno migliaia
di visitatori: dal venerdì che precede la
prima domenica d’Avvento all’Epifania,
qui potrete respirare un’atmosfera nata-
lizia unica. Se visto d’estate è così bello
da lasciarvi senza fiato, il Lago di Carezza
(p129) riuscirà a sorprendervi anche nel
periodo natalizio con i mercatini di Natale
allestiti lungo le sue sponde. A Trento
(p62) rivive la tradizione austriaca dei
mercatini di Natale, in una cornice fiabe-
sca, soprattutto con la neve.

Carnevale Asburgico
di Madonna di Campiglio
Una rievocazione dei fasti del periodo in
FOTOTECA AZIENDA PER IL TURISMO MADONNA DI CAMPIGLIO PINZOLO VAL RENDENA ©

cui questa era la località preferita dalla


principessa Sissi (p83).

Musei etnografici
Sono tanti i musei etnografici nelle
Dolomiti. Quello di San Michele all’Adige
(p66) è uno dei più importanti nel suo
genere e restituisce un quadro esaustivo
delle tradizioni e dell’economia agro-silvo-
pastorale dell’area.

Carnevali di montagna
Sono soprattutto la millenaria celebra-
zione della fine dell’inverno e delle sue
insidie. Ogni comunità festeggia a modo
proprio, ma con una matrice comune.
A Sauris (p330) burlesche maschere di
legno si riappropriano nottetempo del
bosco…

Se Desmonteghea
La più famosa è quella di Falcade (p268),
ma la festa per salutare il ritorno delle
mandrie dagli alpeggi estivi è una costante
in tutte le Dolomiti.
42

Sapori

GIACOMO BASSI / EDT ©


di montagna
Un territorio si conosce anche assapo-
rando i suoi prodotti tradizionali e le sue
peculiarità gastronomiche: nelle Dolomiti
potrete scoprire i sapori di una cucina
montana, dai piatti sostanziosi e robusti
(v. anche p368).

Formaggi
Il Puzzone di Moena (p143) si chiama
così per l’odore forte che emana, ma
se passate dalla Val di Fiemme o dalla
Val di Fassa, non potete fare a meno
di assaggiare questo formaggio a pasta
morbida dal sapore deciso e gustoso. Lo
schiz (p240) è un formaggio fresco che
si frigge o cuoce alla piastra. Insieme al
pastin è il piatto più tipico del Bellunese.

Salumi e insaccati
Non esiste ristorante sulle Dolomiti che
1. Schiz e pastin 2. Formaggi del Trentino
non proponga qualche piatto a base di 3. Canederli allo speck 4. Un piatto di speck e formaggio
speck (p368) e, se volete portarvene a
casa qualche pezzo, le macellerie non
mancano. La Ciuiga del Banale (p92),
un salume fatto principalmente di rape
rosse, è la prova di come la fame aguzzi
l’ingegno. Le Dolomiti Friulane sono
selvagge anche nei sapori: se non ci cre-
dete provate la pitina (p312), un salume
non insaccato che contiene carni ovine e
selvaggina.

Piatti tipici
Con lo speck, con gli spinaci o con il
formaggio, in brodo o conditi con burro
fuso, i canederli sono una specialità imper-
dibile. Pur essendo un piatto povero, il cui
ingrediente principale è il pane raffermo,
questi grandi gnocchi sono un pasto im-
prescindibile, e scommettiamo che finita
la vacanza vi mancheranno. Non sono
molto grandi, ma serviti con burro e una
generosa spolverata di formaggio i casun-
ziei, ravioli a mezzaluna ripieni di patate
e rapa rossa, presenza costante nei menu
cadorini e ampezzani, sazieranno anche i
più affamati. Il frico è più di un piatto, è
la carta d’identità di una regione e di una
cultura, e un matrimonio da sogno tra
formaggio e patate.
43

TELLA_DB / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


DENIS FALCONIERI / EDT ©
DENIS FALCONIERI / EDT ©
DENIS FALCONIERI / EDT ©
44
45

Le star

ALBERTOSIMONETTI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


delle Dolomiti
Le maestosità delle montagne e la verti-
calità inebriante delle torri e dei campa-
nili di roccia rendono le Dolomiti vere e
proprie icone: incantevoli da ammirare,
adrenaliniche ed emozionanti da scalare.

Le Torri del Vajolet


Nel cuore del Catinaccio, nel mitico giar-
dino di Re Laurino, si stagliano queste
guglie (p150), che sono una vera icona di
verticalità e vi lasceranno senza fiato per
la loro imperscrutabile bellezza.
La Marmolada
Con i suoi 3343 m, la Punta Penìa (p287)
è la cima più alta delle Dolomiti. Se vo-
lete conquistarla, dovrete affrontare una
ferrata impegnativa e una camminata sul
ghiacciaio. Fatevi accompagnare da una
guida alpina.
Le Odle
Quando si pensa alle Dolomiti l’immagine
che appare nella testa è quella delle Odle
1. La parete nord del Civetta 2. Punta Penìa, la cima più alta (p153): pinnacoli aguzzi circondati da
della Marmolada 3. Selva di Cadore con il Pelmo sullo sfondo
pascoli verdi e immersi nella natura di
una valle selvaggia.

Il Monte Pelmo
Per la sua inconfondibile forma qui lo
EMILIANO_BELTRANI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

chiamano il Caregon del Padreterno, il


trono su cui Dio si sarebbe seduto dopo
aver creato le Dolomiti (p293).
Le Tre Cime di Lavaredo
Probabilmente sono le vette più iconiche
delle Dolomiti: godetevele dal Rifugio
Locatelli (p201).
Il Civetta
La spaventosa e immensa parete nord
(p271) che si specchia nelle placide
acque del Lago di Alleghe ancora oggi è
una vetta mitica dell’alpinismo mondiale.

Il Campanile di Val Montanaia


Non si può non trattenere il fiato al co-
spetto del ‘grido di pietra’, il monumentale
pinnacolo di roccia, alto più di 300 m,
che è il simbolo delle Dolomiti Friulane
(p316).
46

Castelli

BIGMIKEPHOTO / FOTOLIA ©
In un paesaggio da fiaba i castelli non
possono mancare e quelli che per molti
secoli hanno presidiato le Dolomiti non
vi deluderanno: le torri, i pizzi e i merletti
fanno eco alle guglie delle montagne che
li sovrastano in uno scenario da cartolina.

Castel Firmiano
Oltre ad avere una storia che inizia prima
dell’anno 1000, questo castello è ora la
sede principale dei sei Messner Mountain
Museum (p111).

Castello del Buonconsiglio


Uno dei più belli del Trentino, il Castello
del Buonconsiglio è un labirinto che con-
serva capolavori artistici di grandissimo
pregio (p59).

Castello di Stenico
Se raggiungerete le Dolomiti di Brenta
da sud, a guardia dei monti incontrerete
il Castello di Stenico, che domina il pae-
saggio dal suo sperone di roccia (p91).

Castel Roncolo
Soprannominato ‘Il Maniero Illustrato’,
questo castello, costruito nel 1237, sorge in
un punto molto panoramico all’imbocco
della Val Sarentina (p111).

Castel Mareccio
In uno scenario da favola, immerso in un
vigneto di uve Lagrein, questo castello del
XIII secolo è stato ristrutturato negli anni
Ottanta e ospita congressi ed esposizioni
(p111).

Castello di Presule
È uno dei simboli di Fiè allo Sciliar: ospita
collezioni di quadri, di armi e di armature
(p116).

Castel Toblino
Si specchia sull’omonimo lago a sud-ovest
di Trento, creando un’immagine fiabesca e
idilliaca (p67).

Castello di Brunico
Dietro i muraglioni squadrati che dall’alto
controllano la città altoatesina è allestito il
Museo dei Popoli delle Montagne (p191).
47
LIANEM / FOTOLIA ©

1. Castel Mareccio 2. Castel Toblino


3. Castello di Presule 4. Castello del Buonconsiglio
JAHMAICA / FOTOLIA ©

MOOSYELK / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


48

GIACOMO BASSI / EDT ©

La Valgrande di Comelico
© Lonely Planet Publications. Per agevolarne l’utilizzo, questo capitolo non ha restrizioni
digitali. Tuttavia ti ricordiamo che l’uso è strettamente personale e non commerciale. Nello
specifico, non caricare questo capitolo su siti di peer-to-peer, non inviarlo via email e non
rivenderlo. Per ulteriori informazioni, leggi le Condizioni di vendita sul nostro sito.