Sei sulla pagina 1di 33

GUIDA USATO

67
CONTROLLI
CHE DOVETE
FARE PRIMA
DI ACQUISTARE
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
UN CAMPER USATO
GUIDA USATO CAMPERIS

67 controlli su un
camper usato?
– “Ma… veramente fate 67 controlli?
Se comprassi un camper usato vorrei
conoscere queste informazioni.”
Il mio amico, a cui l’avevo appena
raccontato, mi aveva fatto riflettere.
Per me era normale che prima di
mettere in vendita un camper usa-
to facessimo tutti quei controlli e
quelle riparazioni.
Un camper è una macchina com-
plessa, artigianale e soggetta a usu-
ra. Ha tante cose che si possono
rompere, tante magagne che posso-
no venire fuori.
Non avevo mai pensato che i 67
controlli che facciamo (che posso-
no arrivare anche a oltre 80 per certi modelli) fossero qualcosa da… raccon-
tare.
Ma appunto ora stavo riflettendo: magari invece erano informazioni che inte-
ressano chi sta pensando di acquistare un camper usato.
Informazioni che interessano a te.
E quindi ecco la Guida Usato CAMPERIS – 67 controlli che devi fare prima di
acquistare un camper usato.
Se stai cercando un camper usato, la maggior parte di questi controlli non li
puoi fare. Richiedono competenza e in diversi casi attrezzature particolari.
Ma puoi almeno chiedere a chi ti sta vendendo il camper usato : “Hai control-
lato…”.
E sapere che, sicuramente, li abbiamo fatti noi sul camper che ti vendiamo e
su cui ti diamo la garanzia.
Leonardo Villani
CAMPERIS

2
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

Sommario

Controllo delle finestre 4

Controllo riscaldamento
e acqua calda 8

Frigorifero e fornelli 11

Impianto acqua 14

Mobili e arredi 18

Componenti esterni 20

Carrozzeria 23

Sistema elettrico 26

Meccanica 29

3
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

CONTROLLO
DELLE FINESTRE

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

1 Infiltrazioni d’acqua
Il primo e il più importante dei controlli: infatti il 90% dei camper usati in
commercio è costituito con un telaio e rivestimento di legno. Qualcuno non
ha più il telaio in legno, ma spesso rimane in legno il rivestimento interno.
Il problema del legno è che può marcire quindi è necessario che le tantissime
giunzioni tra pareti e fori per finestre o camini siamo ben sigillate e tenute
sempre sotto controllo.
La possibilità di infiltrazione di un camper supera il 50%, quindi significa che
1 camper su 2 può avere un’infiltrazione.
È un po’ troppo per affidarsi alla fortuna, no?
Per effettuare questo controllo il tecnico specializzato usa un uno strumento che
si chiama igrometro e serve per rilevare l’umidità nelle varie zone del camper.
Naturalmente l’igrometro da solo non può fare tutto il lavoro, ma è necessaria
l’esperienza dei nostri tecnici che quasi sempre conoscono precisamente i di-
fetti del camper che stanno visionando.
Perché risolvere il problema delle infiltrazioni è così importante?
Devi sapere che il telaio del camper si chiama telaio perche sostiene tutta la
struttura ed è appunto realizzato in legno: se il legno marcisce, il telaio perde
la forza per sostenere tutta la struttura.
E allora anche un piccolo incidente o ribaltamento può essere pericolosissimo.
Purtroppo le infiltrazioni avvengono e… sono subdole.
Quando l’acqua entra in un punto (es. anteriore dx) non è detto che il proble-
ma rimanga localizzato in quella zona. Se l’acqua è entrata è difficile dire se si
è fermata in quella zona oppure è scivolata in alte parti del camper.
Proprio una settimana fa ci è ricapitata una cosa simile: avevamo individuato
l’acqua che entrava dalla parte del portapacchi. Ma quando abbiamo aperto il
profilo per sistemare la perdita abbiamo dovuto aprire completamente tutti i
profili del camper per individuare tutte le infiltrazioni.
Il tempo per risolvere il problema è così passato da 2 giorni a 3 settimane!
Ma non è solo il legno che può creare problemi di infiltrazioni: c’è un proble-
ma più nascosto.
Spesso i camper sono costruiti con molte parti in termoformato di abs o
vetroresina.
Tuttavia, questi componenti che all’apparenza dovrebbero garantire imperme-
abilità, presentano in realtà un problema… quasi invisibile, ma molto critico.
Infatti, queste componenti spesso con il tempo possono avere delle microcre-
pe. In generale il camper ha componenti molto grandi e quindi con le torsioni
qualche piccola crepa può capitare e di solito questo non è un problema.
Ma 1 volta su 1000 quella microcrepa nel posto sbagliato può far entrare acqua
nel camper e rovinare tutto!
Quindi abbiamo definito metodi di ricerca (e soluzione) appositi che i tecnici
specializzati CAMPERIS utilizzano con la loro esperienza e riescono a indivi-
duare e distinguere le microcrepe “critiche” che causano infiltrazioni.

5
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

2 Controllo incollaggio lastre plexiglass


I “vetri” delle finestre dei camper sono costruti in plexiglass, un materiale
robustissimo.
Se c’è una crepina impercettibile, non sempre viene fatta la sostituzione del
vetro, ma una cosa importante a cui prestare attenzione è lo scollamento delle
due lamine.
Infatti i vetri dei camper spesso sono costruiti con un camera d’aria tra le due
lastre di plexiglass sovrapposte per rendere il vetro isolato.
Nel tempo può capitare che le due lastre sovrapposte si scollino. Questo è un
grosso pericolo perché se una lastra si scolla completamente e vola via può
creare enormi danni con conseguenze facilmente penali.
Non è una cosa che capita molto spesso, ma, proprio per la gravità di un even-
tuale scollamento, merita sicuramente un controllo attento, che è quello che
facciamo.

3 Integrità dei braccetti delle finestre


Le finestre non hanno solo delle cerniere per l’apertura come le finestre di
casa, ma hanno anche dei braccetti che a scatto tengono aperte le finestre tra-
mite una linguetta.
Bisogna verificare se la linguetta del braccetto è rotta o sta per rompersi e so-
stituire il braccetto intero.

4 Guarnizioni delle finestre


La tenuta delle finestre è fatta attraverso una doppia guarnizione.
La prima guarnizione che protegge dall’infiltrazione dal telaio della finestra e
la seconda guarnizione che protegge dall’infiltrazione dalla lastra di plexiglass.
È necessario controllare entrambe le guarnizioni ed eventualmente ingrassar-
le per renderle impermeabili. Tuttavia con il tempo queste guarnizioni si pos-
so screpolare, quindi in tanti casi vengono sostituite.

5 Zanzariere e oscuranti
Le zanzariere e gli oscuranti dei camper possono essere di due tipi:
• a rullo
• plissettate.
In entrambi i casi l’apertura e la chiusura vengono fatte tramite molle.
Ormai tutti sanno che la durata della molla non è infinita e quindi spesso se
non funzionano le zanzariere e gli oscuranti devo essere smontati e le molle
ricaricate o sostituite.
Questo lavoro viene fatto molto spesso sui nostri camper usati.
Oltre al caricamento della molla che fa l’apertura e la chiusura, bisogna anche
controllare lo stato del telo della zanzariera e dell’oscurante: se è tagliato biso-
gna sistemarlo o sostituirlo.

6
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

6 Integrità oblò
Gli oblò dei camper sono le aperture che sono sul tetto. Uno dei problemi più
grandi degli oblò è che – essendo sempre esposti al sole – sono parti che “cuo-
ciono” e dopo X anni devono essere cambiati.
Ed è importante controllare queste parti perchè essendo sul tetto comportano
un alto rischio di infiltrazione.
Inoltre spesso sono dotati di zanzariere , oscuranti, aperture a manovella, in-
granaggi, cerniere e anche tutto questo deve essere controllato (come spiegato
precedentemente).

7
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

CONTROLLO
RISCALDAMENTO
E ACQUA CALDA

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

A seconda dei modelli di camper, il boiler e il riscaldamento potrebbero essere


insieme oppure separati.
Esistono 2 tipi di riscaldamento: a gas oppure a gasolio. In entrambi i casi han-
no bisogno di un controllo da parte di un tecnico specializzato per controllare
l’adeguata combustione.

7 Riscaldamento ad aria forzata


Se il riscaldamento è ad aria forzata bisogna controllare i motore della ventila-
zione che deve portare adeguatamente il calore in tutto il camper.

8 Riscaldamento di tipo ALDE


Se il riscaldamento è di tipo ALDE significa che è un riscaldamento con
termosifoni.
In questo caso bisogna controllare il livello del glicole all’interno dei tubi e
rendere privo di aria l’impianto. Infatti anche solo una bolla d’aria nell’impian-
to dei termosifoni potrebbe mandare in blocco il riscaldamento.

9 Controllo boiler
Per quanto riguarda il boiler, anche qui bisogna controllare la combustione a
gas, ma la cosa più delicata e importante da controllare è la pentola che racco-
glie l’acqua all’interno del boiler.
Infatti con il tempo tende a forarsi, quindi va controllata e nel caso sostituita.

10 Controllo camini di scarico


Il boiler e il riscaldamento hanno camini di scarico sia a tetto che a parete e
quindi bisogna controllare anche la loro integrità, soprattutto quelli a tetto che
potrebbero essere “cotti” dal sole.

11 Altri elementi del riscaldamento


Gli altri elementi del riscaldamento da controllare sono:
• termostato (che deve segnalare la giusta temperatura)
• software/hardware di gestione (sempre una componente delicata).

12 Stufa di tipo ALDE


Molta attenzione hanno bisogno le stufe di tipo ALDE (cioè le stufe ad acqua).
Queste stufe hanno bisogno di un controllo da parte del cliente perché deve
mantenere il livello corretto del glicole nei tubi.
Spesso è capitato che anziché esserci il glicole (cioe antigelo per motori) abbia-
mo trovato antigelo per vetri (che è molto corrosivo). Probabilmente qualche
genialità di un centro assistenza incompetente.

9
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

Il grosso problema è che questo antigelo per vetri sbagliato crea enormi danni
all’interno alla stufa che quindi va cambiata spendendo fino a 3.500 Euro (un
danno che capita all’ignaro acquirente del camper usato più spesso di quello
che si immagina).

13 Stufa a ventilazione forzata


Per quanto riguarda la stufa a ventilazione forzata, invece la particolarità da
tenere sotto controllo, è la pentola che raccoglie l’acqua calda per la doccia
e i lavandini.
Bisogna controllare che la stufa non abbia funzionato senza acqua all’interno
perché in questo caso il rischio è quello della deformazione della pentola (che
quindi va sostituita).

10
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

FRIGORIFERO
E FORNELLI

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

I frigoriferi si dividono in 2 categorie:


• frigoriferi trivalenti
• frigoriferi a compressore.
Quasi sempre nei camper ci sono frigoriferi trivalenti: cosa significa?
Significa che il frigorifero funziona a gas, a 12V e a corrente 220. Quindi tri-
valente perche ha 3 tipi di alimentazione.
Proprio questa tripla modalità di funzionamento dei frigoriferi trivalenti ri-
chiede controlli multipli.

14 Controllo funzionamento a gas


Bisogna controllare che il bruciatore del gas sia pulito e bruci bene il gas
per poter ottenere la reazione chimica che fa raffreddare il gruppo di raf-
freddamento.
Infatti la sporcizia nell’ugello del bruciatore potrebbe creare problemi nel
rendimento.

15 Controllo funzionamento a 12V


Funziona a 12V per la corrente continua che arriva dal motore.
Bisogna controllare che questo passaggio sia funzionante. La corrente poi ar-
riva a una resistenza e bisogna controllarne l’integrità.

16 Controllo funzionamento a 220


Il frigorifero funziona a 220V quando si è fermi in campeggio oppure in area
di sosta e si ha la possibilità di collegarsi alla 220V.
Anche in questo caso va controllata la una resistenza.

17 Gruppo refrigerante
La struttura che rende possibile la trasformazione dal calore del gas oppure delle
resistenza in freddo è la serpentina del gruppo refrigerante.
La serpentina è un circuito chiuso che contiene del gas liquido (freon), che con
la compressione data dal caldo delle resistenze o del bruciatore diventa freddo.
Il problema che capita è che se il gas ha lavorato poco durante gli anni (scarso
utilizzo del frigorifero) potrebbe essersi solidificato nella serpentina e quindi
il frigorifero non funziona bene.
Purtroppo la serpentina è sigillata quindi il liquido all’interno non si può ri-
pristinare: se il gas si è depositato e solidificato bisogna cambiare l’intero grup-
po refrigerante.
Qualche volta può funzionare un trucco per far ripartire il frigorifero in questi
casi (ma non funziona sempre): bisogna smontare il frigorifero e capovolger-
lo. Con questo trucco a volte il gas liquido nel gruppo refrigerante si sblocca
e fa ripartire il frigo.

12
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

18 Componenti del frigo


Le altri componenti del frigo che devo essere controllate sono:
• griglie esterne per lo scarico del calore (impermeabilità e integrità)
• chiusure e molle degli sportelli
• chiusure e molle freezer
• impianto elettrico frigo (nelle ultime generazioni di frigo ormai i passaggi
di alimentazioni tra gas, 12V e 220V avvengono tramite una centralina
automatica che deve essere controllata).

19 Controlli frigoriferi a compressione


I frigoriferi a compressore invece sono più rari e funzionano in maniera mol-
to simile ai frigoriferi di casa, hanno meno problemi e necessitano di meno
manutenzione.
Sono frigoriferi che funzionano solamente a corrente 12V della batteria e
se il gas nel gruppo refrigerante ha dei problemi si può intervenire con una
semplice ricarica.
Tuttavia questo tipo di frigoriferi ha un problema: poiché usa solo l’alimenta-
zione a 12V, scarica velocemente le batterie.
Ecco perché un frigorifero trivalente in un camper è quasi obbligatorio: se stai
acquistando un camper usato controlla che ci sia.

20 Controllo combustione
I fornelli della cucina sono a gas e bisogna controllare la combustione del bru-
ciatore di ogni singolo fuoco.

21 Controllo termocoppie
Bisogna controllare inoltre l’efficenza delle termocoppie: la termocoppia serve
a far bloccare il gas nel caso in cui la fiamma si spenga accidentalmente e serve
per evitare le fughe di gas.

22 Controllo gommini
Spesso in cucina tutte le griglie sono fissate tramite gommini per evitare i ru-
mori in viaggio. Questi gommini, essendo vicino al calore del fuoco, tendono
a rovinarsi e devono spesso essere sostituiti e ripristinati.

13
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

IMPIANTO
ACQUA

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

La rubinetteria fa parte dell’impianto idrico. Nei camper ci sono due modi per
costruire un impianto idrico:
• impianto con pompa a pressione
• impianto con pompa sommersa

Rubinetti su impianto con pompa a


23 pressione
L’impianto con la pompa a pressione e sicuramente il più diffuso in assoluto.
Cosa significa “impianto con pompa a pressione”?
Significa che c’è una pompa che pesca l’acqua nel serbatoio e la mette in circolo
nell’impianto tenendo l’impianto a una determinata pressione di modo che
quando apri un rubinetto l’acqua è pronta ad uscire.
Qui la pompa è alloggiata esternamente al serbatoio.
In questo tipo di impianto i rubinetti sono molto simili ai rubinetti di casa
quindi hanno la funziona di aprire e chiudere il flusso dell’acqua e di miscelare
acqua calda e fredda.
I rubinetti hanno una cartuccia interna che deve essere controllata o sostituita
perchè necessita di manutenzione.
Bisogna stare molto attenti in inverno se si lascia il camper con riscaldamento
spento perche se in questa cartuccia si ferma dell’acqua che poi gela c’è rischio
di rompere il rubinetto.
Per evitare la rottura del rubinetto d’inverno bisogna tenere il miscelatore
aperto tra caldo e freddo cosi che se gela l’acqua può avere uno sfogo.

Rubinetti su impianto con pompa


24 sommersa
Questo impianto non lavora sempre in pressione, ma ha una pompa che è
alloggiata dentro il serbatoio dell’acqua.
I rubinetti invece sono molto simili a quelli della pompa a pressione ma han-
no una funzione in più: all’interno hanno un microchip che dialoga con la
pompa sommersa e che quando apri il rubinetto fa partire automaticamente
la pompa.
Quindi non si lavora con un impianto sempre in pressione, ma la pompa met-
te l’impianto in funzione quando i rubinetto lo richiede.
In questo caso c’è un elemento in più (critico) da controllare che è il microchip
che attiva la pompa.
Abbiamo detto che ci sono due tipi di pompe:
• pompa sommersa
• pompa a pressione
entrambe devono essere controllate.

15
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

Controllo pressostato pompa a


25 pressione
La pompa a pressione, come abbiamo detto in precedenza, aspira l’acqua nel
serbatoio e la mette in pressione nell’impianto.
La pressione dell’impianto però è tarata a una potenza per non creare danni
ai tubi e rubinetti quindi è importante che il pressostato sulla pompa – che
regola questa pressione – sia ben controllato.
Un cattivo funzionamento del pressostato potrebbe far girare la pompa all’in-
finito creando danni all’impianto fino anche all’esplosione di un tubo oppure
di un raccordo.

26 Controllo filtro pompa a pressione


Altro componente della pompa a pressione da controllare è un filtro che serve
a bloccare le impurità che dal serbatoio rischiano di entrare nella pompa o al
rubinetto. Questo filtro deve essere smontato e pulito.

Controllo funzionamento pompa


27 sommersa
La pompa sommersa in genere non ha bisogno di manutenzione ma, bisogna
controllare il funzionamento.

Controllo pilette di scarico lavelli bagno


28 doccia e cucina
Questi componenti spesso sono di plastica quindi con il tempo si possono
crepare. Pertanto, ogni X anni è il caso di sostituirli.
Un controllo importante da fare è la superficie dove è fissata la piletta, infatti i
materiali spesso per questioni di peso sono in ABS e quindi bisogna verificare
se ha subito sollecitazioni e subito crepe.

29 Lavello bagno e piatto doccia


Questi componenti sono in ABS quindi se stiamo controllando un camper
con oltre 5-10 anni dobbiamo assolutamente controllarne l’integrità.
Infatti, per la nostra esperienza, almeno nel 60% dei casi sia il piatto doccia
che il lavello hanno crepe dovuto all’usura dell’ABS nel tempo.
In CAMPERIS abbiamo sviluppato una competenza per rinforzarli e fare in
modo che non ci saranno più problemi nel tempo.
Tuttavia questo lavoro è in genere molto costoso, si può arrivare a spende-
re anche 1.500 Euro. È un altro classico “problema nascosto” che si presenta
all’acquirente di un camper usato.

16
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

30 Scarichi WC
Anche questo è un impianto molto delicato e “critico”. Qui il tempo spesso fa
seccare le guarnizioni creando perdite: in questo caso bisogna fare manuten-
zione all’impianto ingrassando e lubrificando le guarnizioni.
Non è un lavoro piacevole perché spesso il WC va smontato e quindi si tratta
anche di un lavoro abbastanza lungo. Ecco perché sia il proprietario che un’of-
ficina non attrezzata tendono a evitarlo.

Tenuta dei serbatoi acque potabili,


31 acque grigie, acque nere (WC)
Nel camper si deve obbligatoriamente accumulare i liquidi per poi scaricarli
nelle apposite aree quando si arriva a destinazione.
Bisogna controllare meticolosamente eventuali perdite da questi impianti
e serbatoi.
Bisogna inoltre controllare ed eventualmente pulire le sonde che rilevano il
livello dei liquidi in questi serbatoi.

17
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

MOBILI
E ARREDI

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

32 Controllo fissaggi
Vanno controllati i fissaggi di tutti i mobili che, con le inevitabili vibrazioni
che si verificano in moto, tendono a diventare più laschi e, se il camper ha un
certo numero di anni, a saltare.
È importante controllarli tutti e rinsaldarli se è il caso.

33 Controllo chiusure cassetti e antine


Per lo stesso motivo e anche per il normale utilizzo, le chiusure di cassetti e
antine possono disallinearsi o, nel caso delle chiusure delle antine, a rompersi.
Vanno tutti controllati, ri-registrati e riparati dove è il caso.

Controllo problemi estetici dovuti a


34 usura
In alcuni punti i mobili sono soggetti a usura più che in altri. Quasi sempre è
solo un problema estetico, ma un angolo scheggiato o una porta graffiata ren-
dono un camper usato meno desiderabile di quello che sarebbe giusto.
Ecco perché nella nostra opera di “restauro” controlliamo anche questi “danni
estetici” e li sistemiamo al meglio.

19
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

COMPONENTI
ESTERNI

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

Il camper rimane un mezzo di locomozione e quindi è essenziale controllare


che tutti i componenti esterni siano a posto e in perfetta efficienza.

35 Tappi dei serbatoi


Bisogna controllare i tappi che devono isolare i serbatoi e sono dotati di una
serratura che deve essere perfettamente efficiente.
Altro controllo dei tappi è nella guarnizione, che potrebbe essere da sostituire
o lubrificare.

36 Coperchio presa esterna


Questo componente è in plastica ed è situato all’esterno del camper, quindi
esposto alle intemperie e soprattutto ai raggi UV che tendono a rovinare la
plastica. Va quindi controllato ed eventualmente sostituito.

37 Fissatori porte e sportelli


I fissatori servono per tenere le porte e sportelli aperti e non farli sbattere dal
vento. Come per il coperchio della presa esterna, anche questi sono all’esterno
e in plastica e in più soggetti a shock meccanici: vanno controllati ed eventual-
mente aggiustati o sostituiti.

38 Serrature
All’esterno ci sono molte serrature che chiudono porte e pavoni, in un camper
mediamente ci sono 6 porte e sportelli e di questi sportelli dobbiamo control-
lare le chiusure e le serrature che spesso hanno bisogno di una rimessa in uso.

39 Conformità polmone e tubi del gas


Molti utenti (e spesso anche “tecnici) non lo sanno, ma i tubi del gas e il pol-
mone hanno una scadenza: quindi hanno bisogno di un controllo e di essere
sostituiti a scadenze prefissate.

40 Bombolone gas
La maggior parte dei camper non hanno un bombolone fisso del gas perché
hanno delle bombole che vengono cambiate quando sono vuote.
Tuttavia, per i camper invece che hanno il bombolone fisso è importante con-
trollare la data di scadenza e rimetterlo in efficienza se è il caso.

41 Veranda esterna
Bisogna controllare l’integrità del telo e dei meccanismi di apertura e chiusu-
ra. La veranda è molto delicata perché a volte subisce anche sollecitazioni dal

21
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

vento quando viene utilizzata.


Quindi bisogna controllare che i componenti non si siano rovinati o piegati e
se è il caso, sostituirli.

42 Controllo della zanzariera di ingresso


Stesso discorso di usura e delicatezza va fatto per la zanzariera all’ingresso: va
controllata e nel caso va aggiustata o sostituita.

43 Fari anteriori, posteriori e laterali


È necessario il controllo di tutti i fari e luci di ingombro con una verifica
dell’impianto elettrico.

44 Adesivi esterni
Spesso i camper sono decorati da adesivi esterni come elemento estetico: pur-
troppo gli agenti atmosferici, i prodotti chimici per il lavaggio e il sole rovina-
no gli adesivi.
Quindi, visto che anche l’occhio vuole la sua parte e ci piace sempre consegna-
re dei camper belli, provvediamo a una rinfrescata degli adesivi che restitui-
scono un estetica pari al nuovo.

22
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

CARROZZERIA

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

Ci sono 2 tipi di carrozzeria:


• vetroresina
• alluminio.

45 Controllo carrozzeria in vetroresina


Quasi sempre la vetroresina non viene verniciata e viene utilizzata nel settore
dell’autocaravan a partire dal 2000.
La vetroresina ha molti vantaggi tra cui la facilità nella lavorazione e l’elastici-
tà, infatti è meno sensibile in caso di piccola “botta”.
È anche difficile che si danneggi in caso di grandinata, proprio perché è piut-
tosto elastica.
Uno degli svantaggi della vetroresina e che se tieni il camper all’aperto la car-
rozzeria rischia di opacizzarsi.
Quando si opacizza, spesso con una lucidatura totale del camper si riesce ad
ottenere un risultato ottimale e splendente.
Alcune volte, però, una lucidatura non basta.
Specialmente le prime vetroresine – usate nel settore dell’autocaravan tra il
2000 e il 2005 – non erano cosi resistenti come le vetroresine attuali e quindi
il sole su alcuni modelli particolarmente esposti danneggia lo strato esterno
chiamato gelcoat.
Il danneggiamento del gelcoat esternamente si vede facilmente ad occhio nudo
perchè incominciano a vedersi le maglie della vetroresina. In questo caso è ne-
cessaria una verniciatura del camper.
Quando verniciamo i camper, utilizziamo una vernice automobilistica. Que-
sta vernice è molto resistente e quindi rende più semplice il lavaggio esterno
del camper.
Una volta verniciato il colore può durare fino a 20 anni: quindi è un valore
aggiunto di un camper usato acquistato da CAMPERIS.

46 Controllo carrozzeria in alluminio


Questo materiale ha molti vantaggi: nel tempo rimane più stabile il colore,
il camper è più lucido, le pareti sono più dritte e splendenti, ed è più leggero
della vetroresina.
Gli svantaggi sono che, essendo verniciato a polvere, succede che lo sporco
tende ad attaccarsi alla parete. Se non viene lavato costantemente con uno
shampoo autolucidante, lo sporco si calcifica sulla parete e rovina l’aspetto
estetico del camper.
Lucidando il camper però si ottiene al 99% delle volte quasi un risultato a
nuovo del camper che torna torna splendente come il primo giorno.
Bisogna stare però molto attenti in fase di lucidatura perché lo strato del-
la vernice a polvere è sottilissimo, molto più sottile di una verniciatura
automobilistica.
Quindi è estremamente importante non affidare la lucidatura a un carroz-
ziere da automobili e assolutamente non bisogna usare una pasta lucidante

24
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

aggressiva. La procedura di lucidatura deve essere molto delicata ed effettuata


da personale specializzato in camper perché il rischio reale – utilizzando dei
materiali sbagliati – è quello di togliere la vernice.
In compenso, quasi mai è necessaria la verniciatura per rendere il camper in
alluminio bello come il primo giorno: basta appunto una accurata e giusta
lucidatura.

25
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

SISTEMA
ELETTRICO

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

47 Batterie
Il problema delle batterie è che se vengono lasciate scariche per un periodo di
anche pochi giorni si rischia lo loro rottura definitiva. Magari non succede se
si scaricano solo una volta, ma se capita in sequenza anche una batteria nuova
può rompersi dopo pochi mesi.
Questo fatto capita molto più spesso per un camper che per un’automobile,
ovviamente, perché l’utilizzo è molto meno frequente con periodi di inutilizzo
anche piuttosto lunghi (oltre 15gg).
Quindi è importante che le batterie del camper vengano mantenute cariche.
Il controllo delle batterie viene ovviamente effettuato su tutti i camper che
vendiamo e trovare batterie danneggiate o mal funzionanti è uno dei problemi
molto comuni che capitano a chi compra un camper usato.

48 Alternatore e carica batteria


Questi componenti servono a caricare le batterie in viaggio e da fermo con il
camper collegato alla rete elettrica.
È quindi necessario un funzionamento efficiente di questi componenti per
mantenere sane le batterie e poter utilizzare il camper.

49 Impianto elettrico
Spesso negli anni succede che più tecnici “incompetenti o fai da te” possono
aver messo mani su un camper, sia per manutenzione e per controlli dell’im-
pianto elettrico.
Il risultato è che sul camper troviamo un po’ di grovigli di cavi che devono
essere puliti e rimessi in ordine per effettuare un controllo di tutto l’impianto
elettrico.

50 Pannello solare
Il bello del pannello solare è proprio che non necessita di nessuna manuten-
zione, ma bisogna controllare semplicemente che funzioni.
La cosa estremamente importante da controllare è il funzionamento corretto
della centralina: quando è guasta anziché caricare le batterie ha un effetto con-
trario scaricandole. Quindi attenzione a questo controllo!

51 Impianto dell’aria condizionata


L’aria condizionata ha un gruppo refrigerante con un gas all’interno. È neces-
sario controllare il livello di questo gas ed eventualmente ripristinarlo, esatta-
mente come si fa con l’impianto di aria condizionata di un’auto.

27
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

52 Generatore di corrente
Questo dispositivo necessita in genere di una manutenzione filtri e olio e una
messa a punto per essere rimesso in perfetta efficienza.

53 Antenna satellitare
L’antenna satellitare, per motivi di cambiamento di frequenze da parte di RAI
e Mediaset, ha spesso bisogno di aggiornamenti che devono essere fatti per
rimetterla in funzionamento efficace.

54 Sistema di allarme
Il sistema di allarme è spesso dotato di tanti sensori per mettere in sicurezza
forte e finestre: bisogna controllare il funzionamento di ogni singolo sensore
ed eventualmente fare la manutenzione alle batterie dei sensori.

55 Inverter
L’inverter trasforma la corrente continua a bassa tensione della batteria a 12V
in corrente alternata ad alta tensione 220V. Bisogna controllarne il funziona-
mento poiché è un elemento chiave per il funzionamento di molti dispositivi
del camper.

56 Controllo forno
C’è un bruciatore che deve essere controllato anche perché non è un dispositi-
vo che venga usato spesso, ma si vuole comunque in efficienza.

28
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

MECCANICA

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA


GUIDA USATO CAMPERIS

Abbiamo tenuto per ultimi i controlli meccanici. Forse perché sono quelli più
ovvi da fare. Forse perché sono quelli che possono nascondere le magagne
peggiori e più costose da riparare. Forse perché sono quelli che richiedono
competenze molto specializzate per essere gestiti.
Ma iniziamo da un controllo che puoi fare anche tu, facilmente e… è uno dei
più importanti!

57 Pneumatici
Uno dei controlli più importanti è quello sui pneumatici.
I pneumatici di un camper possono viaggiare mediamente per 70.000 km.
Mediamente un camper fa dai 5.000 ai 10.000 km all’anno quindi significa che
i 70.000 km si raggiungono dai 7 ai 14 anni.
Per cui non dovrebbe essere un problema serio… se il camper usato ha pochi
anni di vita le gomme dovrebbero essere a posto.
Allora perché diciamo che è uno dei controlli più importanti?
Il problema è che dopo i 7 anni i pneumatici sono a rischio esplosione! Quindi
è molto importante controllare la situazione dei pneumatici dopo 6 anni di vita.
In genere è ottimale sostituire i pneumatici dal sesto anno.
Questo è un problema che non conosce quasi nessuno perché in genere i
pneumatici delle automobili non arrivano mai al settimo anno e, per giunta,
non devono sostenere il peso che deve sostenere il pneumatico di un camper.
Lo scoppio di un pneumatico può causare enormi danni al camper, tipo…
• rottura parafanghi
• rottura passaruota
• rottura bandellatura
Eccetera… Danni quindi decisamente gravi.
Controlla i pneumatici e cambiali oltre il sesto anno di vita del camper.

58 Freni
Anche i freni in genere su un camper possono durare fino a 70.000 km
Ma attenzione a queste 2 cose:
• Se le pastiglie sono consumate vanno sostituite e bisogna controllare an-
che lo stato dei dischi
• Se il camper è stato fermo per un lungo periodo le pastiglie potrebbero
essersi indurite e rovinate, quindi potrebbero essere da sostituire
Il problema con i freni dei camper è che sono veicoli pesanti: molti guidatori
commettono errori in frenata.
Uno dei più classici è questo: mi è capitato di vedere freni che si erano cotti
perchè chi li usava li faceva riscaldare scendendo ad esempio da una monta-
gna mantenendo il piede sul freno!
Mantenere il piede sul freno di un camper cosi pesante è un grande errore
perchè c’è un rischio di surriscaldamento delle pastiglie e appunto di “cottura”
dei freni.
Quindi se per caso stai facendo una discesa con il tuo camper ricordati di fre-

30
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

nare dando dei colpi di freno e usando le marce basse e non tenendo il piede
sul freno… perché poi i freni si surriscaldano e non frenano più!

59 Cinghia di distribuzione
La maggior parte dei camper hanno la cinghia di distribuzione, mentre una
minoranza ha la catena.
I camper con la cinghia di distribuzione hanno la necessità di una manuten-
zione a circa 100.000 km (a seconda del modello) oppure 7 anni.
Bisogna ricordarsi di fare questa manutenzione perchè il rischio che corri è
rompere il motore.

60 Tagliando
Il tagliando sul motore in genere va fatto ogni 20.000 km o 40.000 km e quindi
anche qui è difficile raggiungere la scadenza del tagliando motore per i km.
Tuttavia è opportuno fare almeno il cambio olio una volta all’anno perché l’o-
lio a stare fermo si rovina (e con un camper è normale che stia fermo).
Diciamo che se viene usato un olio a lunga durata potresti fare il tagliando
anche ogni 2 anni se non fai tanti km. Ma è importante fare anche questo
controllo.

61 Opacizzazione fanaleria anteriore


Se il camper è stato molto all’aperto potrebbe avere i fanali anteriori opacizzati.
In questo caso bisogna intervenire con prodotti particolari per eliminare l’opa-
cizzazione al fine di avere una buona visibilità notturna e… un’estetica migliore.
Il camper è un piacere e un regalo che ti fai… che sia anche bello no?

62 Perdite olio
È molto importante fare un’attenta ispezione visiva per individuare eventuali
perdite d’olio e quindi ripristinarle.
Questo è un controllo facile che puoi fare specie se il camper è rimasto fermo
a lungo nel posto in cui lo stai esaminando.

63 Frizione
Sicuramente è una cosa che deve controllare un professionista ma è un controllo
che puoi fare anche tu: ci si può accorgere di un problema alla frizione, oppure
di un eccessivo consumo, quando il pedale della frizione stacca molto in alto.
Quindi fai una prova di inserimento della marcia per valutare se la frizione è a
posto.

31
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

64 Marmitta
Spesso sui camper ci sono marmitte molto lunghe, quindi con molto metallo
che può facilmente arrugginire.
Va assolutamente controllata in tutta la sua lunghezza e nei “punti critici” (un
buon tecnico sa quali sono per ogni specifica marca o talvolta modello di camper).

Cruscotto e apparecchiature di
65 riscaldamento e raffreddamento interne
È necessario il controllo delle ventole del riscaldamento e raffreddamento.
Una buona percentuale di volte – soprattutto su camper basati su meccanica
Ducato, la più diffusa – può succedere che la ventola funzioni solo ai massimi
giri.
Quindi è necessario controllarla per tutte le velocità.

Cuscinetti delle ruote (con prova su


66 strada)
I camper sono veicoli molto pesanti e i cuscinetti delle ruote sono molto sollecitati.
Per questo motivo una buona parte dei veicoli a un certo punto può avere la
necessita di fare una manutenzione ai cuscinetti dopo i 50.000 km.
Per verificare questa anomalia serve l’orecchio di un professionista durante
una prova su strada.

Differenziale (camper a trazione


67 posteriore)
Sempre a causa del peso del camper un altro componente che va controllato è
il differenziale (nei camper a trazione posteriore).
Ci può essere usura dovuta a surriscaldamento (a causa dell’olio che perde
le sue caratteristiche nel tempo) o proprio il cedimento assiale dei cuscinetti
dopo i 50.000 km.
Anche per verificare questa anomalia serve orecchio e una prova su strada.

32
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA
GUIDA USATO CAMPERIS

Conclusioni
Come hai visto ci sono veramente moltissimi controlli che vanno effettuati su
un camper usato prima di acquistarlo.
Alcuni di questi puoi effettuarli anche tu, ma per molti serve personale specia-
lizzato e dispositivi specifici.
In realtà noi effettuiamo un altra trentina di controlli più specifici, a seconda
delle marche, degli anni di età e persino dell’uso prevalente del camper.
Qui ti abbiamo mostrato comunque i controlli che effettuiamo su tutti i camper
che ritiriamo e rimettiamo a nuovo per diventare Usato Garantito CAMPERIS.
Infatti, tutti i nostri usati sono garantiti per mostrare che ogni camper che
viene acquistato nei nostri punti vendita è il miglior camper che tu puoi ac-
quistare, nuovo o usato.
Stai cercando un camper usato?
Ti invitiamo a visitare il nostro sito per vedere i camper usati in pronta consegna
www.camperis.it
o ti invitiamo nella nostra sede dove potrai vedere e provare decine di camper
usati di tutte le marche e prezzi.

N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA

SEDE CENTRALE
Via Canaletto Nord n°1042 S.S. 12
41100 MODENA
Tel: 059.843014
Fax: 059.842259
Email: info@camperis.it
FILIALI
Via E. Mattei, 13
33050 PAVIA DI UDINE (UD)
Tel: 349.3050606
Email: udine@camperis.it
S.S. 99 - Uscita zona Comm. 2 - C. da Ciccolocane sn
75100 MATERA
Tel: 0835.1973830 / Fax: 0835.1973831
Email: matera@camperis.it

Ti aspettiamo da CAMPERIS
il concessionario di camper N.1 in Italia!

33
N. 1 DEI CAMPER IN ITALIA