Sei sulla pagina 1di 16

GAETANO

e-mail:lattualita@yahoo.it
SALVEMINI www.movimentosalvemini.blogspot.it
una vita per la libertà

LA “QUESTIONE MIGRATORIA” UN SITO WEB DA VISITARE


Fino ad ora l’O.N.U. e l’Unione Europea si sono dimostrate incapaci di risolvere il grave problema dei flussi migratori.
Non hanno voluto nemmeno prenderlo in seria considerazione. Perché? Prima ipotesi. I manovratori dell’Alta Finanza Navigando in Rete e digitando
(“poteri forti” organizzati in lobby) sono favorevoli all’incremento dei flussi migratori. Seconda ipotesi. Queste lobby
finanziano le ONG (proprietarie delle navi che raccolgono i migranti in mare per farli sbarcare in Italia e nel resto www.movimentosalvemini.blogspot.it
d’Europa). Perché lo fanno? Si potrebbe supporre che abbiano interesse a far crescere la moltitudine di disoccupati allo potete documentarvi sulle proposte
scopo di incrementare la mano d’opera disponibile sul mercato del lavoro e, per logica conseguenza, tenere bassi i sa- di riforma istituzionale avanzate dal
lari. Si tratta di ipotesi, certo, ma i fatti di cronaca quotidiana inducono a pensare che queste ipotesi abbiano un fonda-
mento concreto. E’ un fatto incontestabile che da alcuni anni il potere di acquisto dei salari e delle pensioni sta Movimento Salvemini.
diminuendo mentre i profitti (e gli stipendi dei super-managers) stanno aumentando. Il Movimento Salvemini, fin dalla Il sito, quotidianamente aggiornato, è una
sua fondazione (16 ottobre 1962), sta portando avanti una battaglia culturale: l’edificazione di una società di cittadini mini-enciclopedia di Scienze politiche,
onesti, governata da galantuomini illuminati e competenti, capaci di abolire i privilegi delle caste e di realizzare la Giu-
stizia sociale. In sostanza, capaci di ridurre il divario abissale tra Epuloni e Lazzari e di eliminare lo sfruttamento che economiche, sociali, religiose, letterarie e
da secoli viene attuato a danno di questi ultimi. E’ una costante della Storia che le classi dominanti tendono ad oppri- artistiche: oltre 20.000 temi.
mere le classi dominate. La sete smisurata di ricchezze e di poltrone di potere è alimentata incessantemente dal male-
fico principe di questo mondo. I potenti “senza cuore” sono responsabili dei gravi squilibri sociali che continuano a Potete esprimere via e-mail le vostre opinioni.
devastare la famiglia umana. Cosmo G. Sallustio Salvemini Il sito ha registrato
finora circa 153.000 contatti.

APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE BEATI


Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren ONLUS
Sede Legale e Operativa: Via S. Chiara, 6 37129 Verona
I POPOLI… 57ANNI DI IMPEGNO RIFORMATORE Il 16 ottobre 1962, per atto notarile, venne fondato in Roma il
www.animass.org/sjogren - E-Mail: animass.sjogren@fastwebnet.it Cell: 333 8386993 “Beati i popoli che non hanno Movimento Gaetano Salvemini. Tra i Soci fondatori: Ernesto
bisogno di eroi” è un aforisma Rossi, Ferruccio Parri, Anton Luigi Paoletti, Leopoldo Piccardi,
Per un Disegno di Legge di iniziativa governativa di Bertolt Brecht che rac- C. A. Jemolo, A. Galante Garrone, Massimo Giannini, C. L. Rag-
Riconoscimento della Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica quale malattia rara ed esenzione chiude un ragionamento sem- ghianti, Massimo Salvadori, Aldo Visalberghi, Roberto Vivarelli
dalla partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza sanitaria plice e complesso nel ed altri duecento combattenti antifascisti. Auspicavano una Re-
Senatori/ Onorevoli Colleghi! — La presente proposta di legge ha ad oggetto il miglioramento e il medesimo consesso. Nella più pubblica governata da galantuomini, una Democrazia autentica
potenziamento dell’organizzazione dei piani sanitari regionali e delle province autonome di Trento ovvia delle accezioni, cono- (“la sovranità appartiene al popolo”), un confronto tra forze po-
e di Bolzano al fine di consentire ai malati affetti dalla Sindrome di Sjögren Primaria di curarsi nel scendo la provenienza del pen- litiche fondato sul rispetto reciproco, un sistema economico ca-
modo migliore possibile e di migliorare la loro prospettiva di vita. L’articolo 32 della Costituzione siero in questione, è naturale ratterizzato dalla Giustizia sociale e da un salario dignitosi per
tutela il diritto alla salute, ma questo diritto è realmente esigibile soltanto nel momento in cui tutte ritenere che un popolo senza tutti i lavoratori. Questi auspìci, dopo 57 anni di impegno rifor-
le condizioni di malattia vengono riconosciute e pertanto i malati possono trovare tutela. Purtroppo eroi è un popolo che risolve le matore e di reiterati appelli ai leaders di tutti gruppi politici, at-
non si trovano in questa condizione le persone affette dalla Sindrome di Sjögren, una malattia rara, eventuali problematiche che si tendono ancora di essere attuati.
non ancora riconosciuta come tale, ma già inclusa nell’elenco delle patologie croniche e invali- vanno presentando in modo del Qualcuno dice che le riforme proposte dal Movimento sono uto-
danti, anche se per tale patologia il numero delle indagini diagnostiche considerate appropriate e tutto naturale e con gli stru- pie. Mente, sapendo di mentire. Tali riforme non sono state ancora
quindi esenti dal pagamento del ticket è assolutamente inadeguato per consentire una diagnosi ac- menti della normalità senza far attuate dai governi e dai parlamenti non già perche sono “im-
curata. Questo mancato riconoscimento comporta, per le persone malate, costi ingenti che talvolta scendere in campo opzioni più possibili” ma perché i politicanti di mestiere non le vogliono at-
diventano insostenibili, perciò è necessario correggere tale ini- o meno mitologi- tuare. Non vogliono rinunciare ai tanti privilegi assicurati
quità,per non discriminare i cittadini malati sulla base delle loro (segue a pag. 2) Lucia Marotta che che pon- dall’attuale “sistema”, né vogliono abolire quel “metodo Cali-
gano rimedio gola” (nomina di parlamentari, di ministri, di super-managers di
d o v e enti statali) che è la completa antitesi della Democrazia. Ai nostri
EGOCENTRISMO SOCIALIZZATO l’umano ri-
medio è
avversari diciamo una cosa sola: le idee (e le utopie) sono come
i semi; dopo essere rimaste sterili per anni (a volte, per secoli) si
stato del
(ALIAS ALTRUISMO EGOCENTRICO) tutto insoddi-
diffondono con rapidità fulminea; nessuno può dire fin dove ar-
riverà e quando fruttificherà un seme abbandonato al vento. L’im-
Con tali locuzioni intendo qualificare una filosofia di vita che ho finito per adottare personalmente. sfacente. E que- portante è “Non mollare!”. Il Consiglio Direttivo
Da sempre e ovunque gli esseri umani nel dover fronteggiare le diverse situazioni che la vita ci in- (segue a pag. 2) Adalgisa Biondi
duce a fronteggiare hanno, più o meno deliberatamente, adottato atteggiamenti e comportamenti che

IL PREMIO DAALLIEVO CARABINIERE…


come “di regola” avviene per tutti i fenomeni vitali, si distribuiscono, secondo una gamma ai cui
estremi si collocano, rispettivamente, coloro che contano su posizioni di potere (essere importante,
essere qualcuno che conti, avere beni da farsi invidiare et cetera.) e quelli che, condizionati da sen-
VERSO LA VITA
sazioni di impotenza e di vulnerabilità, si arrendono e subiscono il potere dei dominanti.
Lungo il corso della nostra storia sono pure numerosi i momenti in cui gli oppressi si sono mossi
all’insegna di “El Pueblo Unido jamas serà vencido”, mostrando così che posizioni di potere, non
MATCHNEWS Roma, 12 settembre 2019 – II riordino delle idee e dei documenti
di mio Padre, sono un atto di Amore di un figlio a Genitore, vivo
solo non sono in grado di garantire alcuna posizione di potere, bensì che può essere rovesciata e lo
stesso potente ne può rimanere vittima.
Dalla grande storia al mondo della cronaca nera, nonché da ciò che avviene nella nostra quotidia-
VAA “LA GITA” e perenne, oltre la vita, oltre la morte… Generoso per tempera-
mento, Egli ebbe della vita una concezione ottimistica; non per
una superficiale interpretazione filosofica di essa, che poteva por-
nità, risultano innumerevoli i casi a sostengo di quanto appena affermato. Nel mio piccolo, abba- Il Premio Matchnews per la IX
stanza presto mi resi conto che ciò che può garantire una coesistenza - per quanto edizione del Mediterraneo Fes- tare all’indifferenza nel campo delle attività pratiche e quasi ad
umanamente possibile – soddisfacente, è che gli altri, con cui avevo a che fare (e tival Corto di Diamante (CS) è una non rilevanza degli oscuri inevitabili dolori di essa, ma per-
oggi ciò può avvenire con ogni abitante dei questo pianeta), avessero di più e stato assegnato al film “La ché ben presto, dall’ambiente familiare, dalla semplicità di vita
stessero meglio di me. gita” con voto unanime dalla del natio loco, gli derivò la certezza del
Così ho speso e spendo tuttora buona parte del mio tempo disponibile per te- redazione della testata romana. dramma umano da chiunque vissuto e
saurizzare ogni conoscenza giovevole al benessere anche dei miei simili e fin- Il film affronta in modo sem- patito, a rimedio del quale era, per quello
ché sono stato fisicamente in grado e ne ho avuto l’opportunità, mi sono plice e delicato una tematica at- che poteva l’uomo, uno slancio di cri-
adoperato per realizzare iniziative sul campo. Tra le conoscenze utili al benessere tuale per il nostro tempo. Il stiana solidarietà partecipe e di amore
di tutti v. nel sito www.pierluigilando.net: Lettera al casalingo single e in erba, disagio delle seconde genera- per il prossimo. La via da Lui scelta,
mentre è in cantiere un elaborato dal titolo: Ego valeo si tu vales. Sarà al medesimo zioni degli immigrati, i ragazzi quella di servire l’Italia nell’Arma dei
scopo che ho in repertorio un’innumerevole disponibilità di storielle (alias barzellette) propensione che crescono accanto ai nostri Carabinieri, lo confermò in quella con-
alle battute, freddure con le quali provo a strappo un sorriso (a volte risata) anche con chi incontro vinzione. Chiamato per giura-
casualmente, per le scale del condominio e perfino per strada? Pier Luigi Lando (segue a pag. 2) Antonio Bartalotta mento a “mantenere l’ordine”, ad (segue a pag. 2) Raffaele Vacca

LA STAGIONE DEGLI INSULTI GOVERNO CONTE BIS: IL GOVERNO DELLA FARSA


SESSISTI È ALLE SPALLE? RICONFERME E NOVITÀ Sotto sotto, gli italiani se lo aspettavano: il più grande inciucio
Sembra proprio di no, la stagione degli insulti sessisti alle donne- della politica italiana degli ultimi anni, un “matrimonio” di
nel Web- sembra resistere. E’ cambiato il governo, da Lega-5S a Il Governo Conte bis è ufficialmente il 66° governo della Re- convenienza che solo a ipotizzarlo un anno fa avrebbe scatenato
PD-5S, ma gli odiatori della testiera sono sempre lì pronti a ferire pubblica italiana. La squadra del nuovo esecutivo giallorosso, so- qualche ilarità e molto imbarazzo. 14 mesi passati a lanciarsi
le donne che nella vita pubblica lavorano, vivono e sono poste al- stenuto da M5S e PD, tra riconferme e novità più o meno previste, frecciate e critiche a vicenda, con da una parte il M5S che
l’attenzione di tutti. D’altronde, gli urlatori di professione rac- è ora pronta a governare. Dieci nomi ai 5 Stelle, nove al Partito rimproverava il PD, a ben ragione, per i danni causati dallo
contano il paese che c’è. A urlare “le manette” e “venduta” a Democratico, uno a LeU (si tratta di Roberto Speranza a cui va il scellerato governo Renzi, dall’altra i “Democratici” (tra
Carola Rachete, è l’Italia forcaiola che conosciamo Ministero della Salute), uno a un tecnico (è Lu- virgolette) che criticavano di dilettantismo
benissimo. L’Italia che sputa su Enzo Tortora è ciana Lamorgese, prefetto di Milano). Per un to- l’accoppiata pentastellata/leghista. Anche qui, va
quella che dice che se non puoi essere Enzo Tor- tale di 21 ministri, di cui sette sono donne. Del detto, non del tutto a torto. Salvini, da parte sua,
tora è un bene che lui cada e ti faccia sentire governo precedente, soltanto Alfonso Bona- questo matrimonio di convenienza sembrava
meno mediocre. L’Italia che lancia le monetine fede e Sergio Costa hanno conservato i loro in- aspettarselo. I più vicini raccontano che il
su Craxi avendolo temuto e adulato fino a un carichi: Bonafede alla Giustizia e Costa leader leghista ha passato l’estate a rimuginare,
minuto prima (poco importa in queste dinami- all’Ambiente e alla Tutela del Territorio e del silenzioso, sulla sua posizione politica. Era
che l’innocenza o la colpevolezza, ma conta il Mare. Mentre Vincenzo Spadafora e Lorenzo nervoso, nell’aria sentiva qualcosa che non gli
grado di frustrazione e di me- Fioramonti sono gli unici ad es- piaceva, temeva che il PD e il
schinità). L’Italia che parteggia a (segue a pag. 2) Lisa Biasci sere stati promossi, rispettiva- (segue a pag. 4) F. Sciorilli Borrelli M5S complottassero per metterlo (segue a pag. 4) Emiliano F. Caruso
L’ATTUALITÀ, pag. 2 N. 10 - OTTOBRE 2019
(segue da pag. 1) Appello al Ministro della Sa-
LETTERE AL DIRETTORE condizioni economiche soggettive.
Caro Prof. Salvemini,
Le scrivo poche righe alla vecchia maniera…Le mie più sincere con-
gratulazioni per il Suo libro “Epuloni e Lazzari” che tengo sempre in
Non si può più aspettare
L’associazione chiede il riconoscimento della Sindrome di Sjö-
gren primaria sistemica nel Registro Nazionale delle Malattie rare
INFORMAZIONIAI LETTORI
evidenza come prezioso punto di riferimento della mia quotidia- Dal 2005, A.N.I.Ma.S.S. Onlus (Associazione Nazionale Italiana Quote associative annuali. Ordinaria: euro 60,00 (solo per recapito a
nità…Le ho inviato una recensione. Due sono, secondo me, i punti Malati Sindrome di Sjögren) si batte per il riconoscimento della domicilio). Simpatizzante: euro 100,00 (per pubblicare un articolo per
irrisolti della nostra umanità: 1) rimane ancora non adeguatamente Sindrome di Sjögren Primaria sistemica come patologia rara,
esplorata (intellettualmente) l’esclusiva unicità di ciascuno di noi; 2) chiedendone l’inserimento nei LEA (Livelli Essenziali di Assi- numero). Benemerita: euro 180,00 (due articoli per numero). Sosteni-
il dualismo tra la morte (che può all’improvviso reclamare la nostra stenza) e nel Registro Nazionale delle Malattie rare, presso l’Isti- trice: euro 360,00 (quattro o più articoli per numero).
anima) e la ricerca ad oltranza di un benessere sempre migliore. Due tuto Superiore di Sanità. Una richiesta, purtroppo, ancora oggi Il versamento va effettuato tramite bollettino di c/c postale n°.
punti in sospeso che non trovano un orientamento maggioritario e inascoltata: un grido di speranza che se solo trovasse accogli-
crescente riguardo il nostro senso dell’universale che va oltre la fi- mento permetterebbe ai malati di usufruire dell’esenzione sanita-
1032746719 intestato a Movimento Gaetano Salvemini, Fonte Nuova
nitudine del proprio Io. Un caro saluto. ria per tutte quelle prestazioni che riguardano la diagnosi, il (Roma).
Treviso, 22.9.2019. Eugenio Morelli monitoraggio e la prevenzione di eventuali peggioramenti della Consigli utili: 1) rileggere attentamente gli articoli prima di inviarli alla
Caro Dott. Morelli, La ringrazio vivamente per la pregevole recen- malattia. Sono circa 10/16 mila le persone in Italia affette dalla Direzione entro il 15 di ogni mese. 2) Gli articoli non devono superare
sione sul mio libro, pubblicata sul precedente numero di settembre. Sindrome di Sjögren, una piaga silenziosa che colpisce in nove le 30 righe dattiloscritte e devono osservare la classica regola del Labo-
Concordo sui due punti, rimasti tuttora irrisolti. A ciascuno di noi, casi su dieci la popolazione di sesso femminile. La Sindrome di
però, è data la libertà di scegliere se lottare al fianco dei benefat- Sjögren è una patologia degenerativa di natura autoimmune che ratorio di Giornalismo sui cinque interrogativi: chi, come, dove, quando
tori o conformarsi al “modus vivendi” dei malfattori. Ricambio cor- attacca le ghiandole esocrine e puo’ provocare secchezza degli e perché. 3) confrontare il testo originario dei propri articoli con quello
diali saluti. occhi, della bocca,del naso,dei genitali;può colpire organi vitali poi pubblicato con le necessarie correzioni e abbreviazioni, al fine di
come il cuore, fegato, pancreas, ecc. e coinvolgere l’apparato
************* osteo-articolare, cardio-vascolare e polmonare. Può degenerare non ripetere errori e prolissità negli articoli inviati successivamente. 4)
in linfoma con il rischio di mortalità (5/8%). Tra le malattie au- pubblicare almeno 80 articoli in 24 mesi consecutivi per chi vuole iscri-
Carissimo Prof. Salvemini, toimmuni è quella con il più alto rischio di linfoproliferazioni (44 versi all’Albo dei Pubblicisti. 5) rivolgersi al consulente Patrizio Ales-
La ringrazio per i pregevoli complimenti sulla mia opera…Purtroppo volte superiore alla popolazione normale). Il non inserimento
viviamo in un periodo di “accesi barbarismi” che investono non solo della forma Primaria sistemica è inaccettabile e discriminante. Le sandrini (via Monte Senario 14, Roma. Tel. 06.87195452) per far
il campo politico ma anche la Cultura, dominata da incompetenti, da persone colpite dalla malattia non sono tutelate nel loro diritto calcolare le ritenute d’acconto da versare ogni quadrimestre all’Agenzia
Autori che si atteggiano a essere “grandi” ma sono solo “pedine” por- alla salute e si sentono abbandonate dalle Istituzioni. Infine il non delle Entrate. 6) Conservare ogni copia del giornale per poter compilare
tate avanti dall’Anticultura incapace di guardare al “nuovo” che inserimento come malattia rara provoca sprechi per il SSN per ri-
avanza. Allego l’articolo “L’epoca del grande dilettantismo” che fa coveri ospedalieri spesso inadeguati (un giorno in ospedale costa
l’elenco degli 80 articoli da consegnare all’Ordine. 7) Presentare al-
luce, in parte, sulla situazione di confusione presente oggi nell’edi- circa o anche più di 1.000€) e anche per il degenerare della pa- l’Ordine la domanda d’iscrizione all’Albo firmata dal Direttore della te-
toria. Manca una letteratura “specializzata”, così come manca una stata. 8) Sono accettati solo testi dattiloscritti composti in RTF oppure
politica “specializzata”, in un’epoca in cui tutti vanno alla deriva. Ri- tologia per la mancanza di Centri multidisciplinari dove essere
stabilire le misure e i confini, forse è il primo passo per una società monitorati e presi in carico. Lucia Marotta WORD 4/5 e inviati per E-mail: lattualita@yahoo.it. Coloro che
che voglia o tenti di dichiararsi “civile”. Cordiali saluti. entro il 20 di ogni mese non ricevono via mail la conferma di avve-
Roma, 23.9.2019. Susanna Pelizza (segue da pag. 1) Beati i popoli...
nuta ricezione in Redazione sono tenuti a reinviare gli articoli entro
Gentile Signora, condivido la Sua denuncia sul barbarismo, politico sto è il ragionamento semplice. Ma se tentiamo una strada più tor- il 21 di ogni mese.
e culturale, che ci sta spingendo alla deriva. Resto sempre più con- tuosa, quale è quella del ragionamento complesso, più difficile Anche dopo l’iscrizione all’Albo è opportuno pubblicare almeno un ar-
vinto che l’unico argine al dilagante imbarbarimento è quello di spe- da imboccare, ma i cui risultati sono duraturi, allora ci viene da
rimentare per almeno dieci anni il modello ateniese (adattato al riflettere sulla differenza filosofica tra essere umano ed essere ticolo su ogni numero e rinnovare la quota associativa annuale simpa-
nostro tempo), che i docenti della Stanford University of California eroico. E non che Brecht si sia posto da sé questo dubbio, perché tizzante.
hanno denominato “Demo-random-crazia”, fondato sul “metodo il risalto del quesito è di omerica memoria. Achille è l’eroe. Bello, Il giornalismo non è solo arte; è anche passione vissuta con entusiasmo
Pericle”. Ricambio cordiali saluti muscoloso, attraente, forte, figlio di un mortale e di una dea. Egli
sconfigge i suoi nemici scendendo in campo personalmente, e e con rettitudine morale. Il piombo, più che l’oro, ha modificato la Sto-
(segue da pag. 1) Da allievo carabiniere... verso la vita viene abbattuto soltanto da un colpo inferto al suo unico punto ria. E più che il piombo dei fucili, quello dei tipografi.
essere garante dell’assetto sociale, intese quel compito come un debole, il tallone. Ulisse è l’antieroe, l’essere umano, non bellis-
dovere da assolvere verso la Patria e la collettività. In quella mis- simo ma affascinante, di statura media, non forzuto, sconfigge i
sione credette sino alla fine, ravvivandola costantemente con alto nemici con la propria intelligenza e la propria astuzia, ha traver-
sentimento di considerazione umana, non perdendo mai di vista
il concetto che oltre alla “pratica di ufficio”, al di là di chi delin-
sie, è distratto dalla bellezza femminile, ma ritorna sempre dalla
sua sposa, che aveva scelto proprio perché in lei aveva riscon- AVVISO IMPORTANTE
quesse, oltre alla responsabilità di Comando, c’era l’Uomo sin- trato la serietà del portare avanti la famiglia recuperando anche le Le quote associative annuali hanno una validità di 12
golo o associato da redimere, il cittadino da avviare verso la situazioni incresciose. mesi. Sembra un concetto lapalissiano ma non tutti
collaborazione con la Nazione intera… il Carabiniere da seguire, Ebbene, chi vince alla fine della saga omerica, che pone le basi i Soci lo osservano. Si informa che le quote che
guidare, stimolare, aiutare se necessario… pensando alla sua Fa- alla cultura dell’occidente? L’uomo e non l’eroe. Colui che dovrà vengono rinnovate con ritardo (a volte, di molti
miglia… Valoroso in guerra, totalmente consacrato alla Patria penare, dovrà “lavorare con sudore e partorire con dolore”, per
come negli anni tristi del dopoguerra in Terra di Calabria, gene- avvicinarci alla cultura giudaica, quell’uomo talvolta misero, per mesi) sono registrate sotto la data di scadenza
roso, delicato negli affetti familiari sin da renderlo Padre e Marito nulla mitologico, ma che rimane in piedi. Sempre. E con questo annuale e non sotto la data di arrivo alla nostra sede.
esemplare (davvero!), benevolo agli occhi dei concittadini, fino suo esserci costruisce la storia di una parte del mondo che crea la Pertanto, si raccomanda a tutti di essere puntuali
allo stremo delle Sue giornate, rappresentò una somma di virtù… corruzione ma anche il diritto, la prevaricazione ma anche la li- nel rinnovo delle quote associative per non creare
in primis una tenacia ferrea, una grande cultura, un’assoluta di- bertà, la licenziosità ma anche la democrazia. Una parte del problemi all’Ufficio Contabilità.
rittura morale e indiscussa onestà. Si innamorò della “Divisa” ve- mondo che produce filosofia pur nell’era della technè, da cui si Grazie per la collaborazione.
dendo, in divisa e mantello, l’indimenticato Capitano Nicola smuove una ragazzina con le trecce per indurre i grandi a fare
Vitale, Padre del grande Generale Cesare… che aveva giurisdi- qualcosa per il pianeta. Ma Odisseo, emblema dell’uomo occi-
zione su Palese di Bari. Partì Allievo Carabiniere al Forte di Pie- dentale, suo paradigma antropologico e filosofico, ha una cer-
tralata, in Roma, il 16 dicembre 1926. Svolse servizio d’istituto
alla Stazione di Montecompatri, dov’ebbe Comandante di Com-
tezza con sé, un porto sicuro: la sua Itaca. Dove lo attendono un
padre affettuoso, un cane fedele, un figlio degno e una moglie alla
AVVISO AI COLLABORATORI
pagnia (di Frascati) il Capitano Aurelio Vessichelli, Padre del sua altezza. Perché se il Cavallo di Troia è il capolavoro di astu- Gli articoli che superano le 30 righe dattiloscritte
compianto Magistrato Raffaele, che lo prese a benvolere. Fu Al- zia di Ulisse, la Tela è il capolavoro di astuzia di Penelope. Tutti
lievo Sottufficiale (classificandosi agli esami finali primo su e due hanno voluto credere, e dalla loro bilateralità intellettuale si non vengono presi in considerazione
mille) alla Scuola Centrale di Firenze (31 luglio 1928), come si è creata la nostra storia. Oggi invece, nonostante noi ci sentiamo
prosecutori di quella storia, vogliamo esserne gli eredi, abbiamo
per ovvie ragioni di spazio.
evince dalla graduatoria pubblicata nel Foglio d’Ordini n. 18 del
10 settembre 1928 del Comando Generale dell’Arma dei Carabi- forse tanti Ulisse, ma ci mancano in porti sicuri, quelle certezze (segue da pag. 1) La stagione degli insulti sessisti è alle spalle?
nieri Reali. Frequentò i regolari corsi dell’Accademia Militare di universalmente riconosciute nella nostra cultura.
Modena nel biennio 1930-32 (uscendone Sottotenente in spe) e il Per esempio, quando il meraviglioso papà di Serena Mollicone favore o contro Raffaele Sollecito e Amanda Knox; che esulta per
successivo Corso di Applicazione, presso la Scuola Centrale di tuonava che la figlia era stata uccisa ad Arce per una storia seria, ogni arresto, per ogni avviso di garanzia, come se facesse sentire
Firenze; in entrambi gli Istituti, risultò 2° classificato nella gra- tutti pensavano che si fosse trattato invece di una ragazzata. Dob- meno tollerabile la propria sofferenza. L’Italia becera che offende
duatoria finale. Tenente nel 1934, Capitano nel 1941, Maggiore biamo alla tenacia di quest’uomo se abbiamo scoperto che questa Teresa Bellanova, la neo ministra dell’Agricoltura perché non ha
nel dicembre 1951, Tenente Colonnello nel 1954, Colonnello dal giovanissima donna è stata uccisa presso la stazione dei carabi- la laurea ed è una signora visibilmente in carne ma estremamente
1° gennaio 1958, Generate di Brigata dal 20 febbraio 1963… nieri del paese, dove era andata a denunciare un vergognoso traf- spiritosa e grintosa con una bella esperienza da ex bracciante e
Nella sua lunga carriera ha totalizzato, in pace e in guerra, lunghi fico di droga, cui evidentemente i riferenti della denuncia erano sindacalista nel mondo dei coltivatori e dello sfruttamento agri-
periodi di comando di Reparto. Concludiamo il nostro lungo rac- implicati fino al collo. Il porto sicuro di Serena era quella stazione colo dei lavoratori. L’Italia maschilista, che offende la neo mini-
conto rendendo omaggio ai Valorosi Carabinieri della Nobile terra presso cui si era recata. Come il porto sicuro di tanti individui è stra Paola De Micheli per la scollatura in aula durante una sezione
di Calabria di anni ormai lontani, ma tuttavia ancora vicini nel ri- la famiglia, che oggi invece rappresenta la culla di violenze indi- alla Camera racconta un maschio italiano sessista, volgare ed im-
cordo di tanti! Quella descritta, infine, la storia di un Comandante cibili. Per non parlare del porto sicuro scuola, dove gli atti di bul- maturo. Care mamme, lavoriamo sui nostri bimbi maschi ed in-
di antico stampo, come quella di tanti altri Comandanti… termi- lismo anche tra i professori si moltiplicano, e dove certi insegnanti segniamo loro a rispettare il corpo delle donne, amiche, mamme
nata in grande epopea delorenziana… tempi lontani.. che do- non comprendono di non possedere la pazienza necessaria che e compagne. Se la giustizia in Italia che pretende, tempo, paca-
vrebbero far meditare sui cursus honorum odierni.. a volte occorre per l’insegnamento, avendo scelto questo mestiere per lo tezza e responsabilità è impossibile, allora meglio tifare per le di-
inadeguati; una vicenda umana che andrebbe, come tantissime stipendio e non per la missione. sgrazie altrui, cosa che non mitigherà le proprie ma almeno
altre, proposta alle giovani generazioni in divisa… nel motto dan- E poi gli ospedali, la giustizia lenta, e quant’altro. Ecco perché servirà a sfogarsi. Questo raccontano le offese e gli insulti gra-
nunziano “memento audere semper!” Raffaele Vacca l’occidente stenta a ritrovarsi. Perché quei capisaldi sui quali si tuiti. Ascoltate quegli insulti perché lì c’è tutto il cuore marcio
era piantata la sua storia per poter progredire, hanno ceduto o sono del nostro Paese e prendete posizione. Bisogna capire da che parte
(segue da pag. 1) Il premio “Matchnews” va a “La gita” sul punto di, e tutto vacilla. L’augurio è allora quello non di divi- stare e insegnarlo ai nostri bambini. Con chi volete stare oggi voi
derci per le nostre differenze, ma di ritrovarci pur con le nostre di- lettori? Con chi chiede manette per chi ha salvato vite? Con chi
figli e insieme a loro vivono amore, amicizia, inquietudini ado- versità, accompagnando ancora una volta Ulisse nel viaggio di augura a una donna una violenza carnale? Da che parte volete
lescenziali e la quotidianità, ma che all’improvviso non sono più ritorno ad Itaca. Adalgisa Biondi stare, allora? Con gli insultatori della tastiera o con chi considera
uguali. La ruota panoramica di Parigi è il desiderio di Magalie la libertà e la solidarietà l’unica dimensione in cui vale la pena di
che diventa simbolo di libertà e uguaglianza, ma un foglio non fir- vivere? Riflettiamo e scegliamo sempre: anche chi votare e a chi
mato lascia spazio alla diversità che genera l’impossibilità di par-
tire per “La gita”. La disperazione di Magalie trova rifugio in un
autobus, luogo che accoglie tutti indistintamente come a rappre-
LA MARCIA ROSSA dare la nostra fiducia come cittadini elettori. Perchè dietro quella
crocetta, c’è un uomo o una donna che ci rappresenta come ser-
vitore dello stato e come cittadino, nel suo comportamento so-
sentare il superamento di ogni barriera. 5 ottobre: una data destinata ad essere incisa sulle tavole ciale, privato e pubblico. Ci rappresenta con il suo agire politico,
Proprio nell’autobus ritrova Marco e con lui si dirige verso la con il suo comportamento oltre che con le idee e valori per cui gli
ruota panoramica della propria città. trasportate dal “fiume rosso”.
Come riportato da diverse testate giornalistiche, poche set- abbiamo dato la nostra scelta. Dietro gli urlatori cè la rabbia, lo
E’ in quel momento che trova lo stesso i suoi sogni che le con- sconcerto e la frustrazione di molti italiani, via social, va ripetuto.
sentono di vivere i sentimenti più belli espressi nella magica in- timane fa una delegazione del Partito Comunista si è seduta Ma questa rabbia social e sociale via internet cresce e aumenta a
quadratura del significativo e commovente intreccio delle mani al tavolo con il PCI e Potere al Popolo per indire una ma- dismisura uscendo fuori dal controllo e dalla capacità di discer-
dei due ragazzi nella scena finale sapientemente diretta da Sal- nifestazione con intenti ribelli per schierarsi all'opposizione nimento. Ragioniamo sempre con la nostra testa, allora, leggiamo,
vatore Allocca. del nuovo governo Conte bis, che ha visto il “matrimonio” studiamo, partecipiamo alla vita e al dibattito pubblico e armia-
La bravura dei due attori protagonisti, Fatou Mbengue e Filippo tra il Partito Democratico ed il Movimento 5 stelle. moci di capacità critica. Quella che ci permette di credere a quello
Scotti, colpisce particolarmente in quanto attori non professioni- che leggiamo e vediamo ma anche soprattutto di dissentire senza
sti. Ottima la scelta delle canzoni interpretate da Ivan Grana- Verosimilmente, questo periodo storico, può essere pro-
penso ad un cambio di rotta per la “barca italica”. aggredire e offendere. Lisa Biasci
tino. Sullo sfondo la città di Napoli la cui popolazione più di ogni
altra in Italia è rivolta all’accoglienza ed alla integrazione sociale. Secondo il sondaggio di EMGACQUA per la trasmissione
La pellicola evidenzia, a differenza di quello che succede in altre Agorà il primo partito ad avere il consenso della popola- Caro lettore, ricordati di rinnovare
città italiane, che anche la realtà cruda della periferia è pronta a zione è la Lega con il 33,1%, seguono il Partito Democra-
dare spazio ai sentimenti più profondi dove il cuore è al centro tico al 20,2% ed il Movimento 5 stelle con il 18,5%; dati
la quota associativa a questo periodico
delle emozioni che rendono l’essere umano uguale all’altro. Il
film invia questo messaggio con la speranza che possa essere rac- interessanti arrivano dai partiti minoritari come La Sinistra che, essendo “super partes”,
colto anche dalle persone meno sensibili affinché la società in cui che aumenta il suo trend dello 0,2%. Che sia il momento intende restare un libero organo di stampa.
viviamo possa sentirsi migliore. Antonio Bartalotta propizio? Bruno Bertucci
N. 10 - OTTOBRE 2019 TEMATICHE INTERNAZIONALI E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 3

UNIONE MONDIALE DEGLI STATI MEGLIO SI PUÒ CAPIRE IL MIO DOLORE


Nella mia vita ne ho avuto abbastanza/ del passato, abbastanza
ritiri/ e abbastanza di risonanza/ della parola addio!/ Tuttavia è
necessario/ per girare la pagina della tristezza/ e scrivere un
Governatore: S. E. Sen. Pietro Fratantaro nuovo verso./ Libererò le colombe/ dal mio seno per catturare/
il calore di una giornata di sole./ Romperò il violino triste/ che
suona il blues in questa stanza/ dove scrivo e dormo da sola.../
Vice Governatore: Sen. Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini Voglio riempire le nostre mani/ di semi di speranza, perché/ ver-
rai nei miei sogni/ e ti aspetterò/ nei tuoi sogni.../ Le nostre ali
faranno rima un giorno/ quando la primavera ritorna/ nel nostro

“L’ISTRUZIONEÈL’ARMAPIÙPOTENTECHEPUOIUSAREPERCAMBIAREILMONDO” paradiso. Se dici/ che tu verrai, io sarò/ essere qui per seminare
un amore e/ un alloro in ogni verso/ scrivo mentre ti aspetto.
(Traduzione di Giovanna Guzzardi)
(NELSON MANDELA) LA MADRE INDIANA DEL MIO PAESE
Il primo sguardo affrettato e superficiale sulla scuola può farcela credere affaticata e stanca,disorientata e fragile, in debito d’ossi- Una lezione per il Dalai Lama
geno. Tanti i problemi che l’affliggono, troppo le attenzioni che non riceve, le difficoltà che deve affrontare, le alleanze che le ven- L'indiana tiene il ragazzo,/ suo figlio, sopra la pancia,/ incinta di
gono negate. Ma la scuola resiste. Un po’ di ostinazione è stata necessaria anche per costringere il Governo ad aprire con i sindacati un altro bambino./ Seduta su una roccia/ sulla riva del fiume,/ lei
sui temi cruciali dell’istruzione e della ricerca. Il confronto è avvenuto al più alto livello politico, coinvolgendo direttamente il Pre- gioca con il piccolo/ Ragazza indiana, sua figlia./ Sente la bat-
sidente del Consiglio in una trattativa che ha prodotto un’intesa importante, a seguito della quale è stata decisa la sospensione dello teria, lontana,/ e lei ricorda/ un bellissimo ospite,/ uno scono-
sciopero già proclamato. La scuola è uno spazio sacro, come una chiesa o una moschea e chiunque vi faccia ingresso deve rispettare sciuto,/ che le prese la mano,/ e nel suo grembo ha piantato/ il
le sue regole e adeguarsi alla sacralità del luogo; è il luogo nel quale si trovano le parole, si fanno gli incontri,” si accendono i fuo- seme della povertà./ La madre indiana, quasi/ senza parole,
chi vitali”, come scrive lo storico Emidio Pichelan. Ma cosa serve per essere un bravo insegnante? guarda il/ fiume, che scorre nelle profondità/ del mondo e/ non
Sapere molte cose, essere preparato, conoscere bene la propria materia, avere chiarezza di pensiero e capacità logiche. Certamente trova nella sua anima/ nemmeno un rancore di odio./ Quindi,
sì, ma tutte queste capacità non bastano. Oggi più che nel passato, possono costituire un buon punto di partenza ma ci vuole molto nel frattempo, lei ama. (Traduzione di Giovanna Guzzardi)/
di più. Un insegnante non è solo quello che sa ma anche quello che riesce a comunicarlo. Un insegnante è il tono della propria voce,
che può modulare come uno strumento musicale per evitare la noia degli studenti, alzandolo o abbassandolo, cambiando nota. Un in- LA NOSTRA REALTÀ
segnante è il tipo di linguaggio che usa, se sa mescolare un linguaggio tecnico con uno più colloquiale, introducendo la parola più Dobbiamo essere sinceri/ anche nei nostri sorrisi,/ e le parole
gergale o più enfatica, quando serve per richiamare l’attenzione. con le quali/ ci avviciniamo l'un l'altro,/ o metti tra noi la nostra
Un’ora in classe non è molto diversa da un’ora in teatro, dove passano parole, emozioni, sentimenti. Vietato leggere le poesia./ Parole per l'impreviste/ situazioni, non salvare/ la nostra
lezioni dai libri, cari insegnanti, bisogna fare la fatica di recitare le lezioni, di interpretarle col pathos di cui ciascuno massima convenienza e/ le nostre speranze non possono/ sal-
è capace e con intensità. Un insegnante deve essere un piccolo narratore, qualsiasi materia insegni, che sa quando ri- vare le distanze./ Dobbiamo tagliare tutti i voli/ senza fine chi-
corre ad un aneddoto, ad un mito, ad una piccola storia, fa breccia nella memoria degli studenti. La classe impara, merico di/ pensieri e moltiplicare i modi/ della tristezza
ascolta, recepisce quando si riesce a creare un clima positivo, che l’insegnante può favorire alleviando le tensioni, pro- quotidiana,/ o il silenzio in cui/ camminiamo da soli/ nella no-
vocando una risata liberatoria, richiamando all’ordine, quando necessario. Un bravo insegnante è imprevedibile, su- stra semplice realtà. (Traduzione di Giovanna Guzzardi)
scita curiosità, è in lotta con la noia; si fa attraversare dalle vite degli studenti, dai loro umori, dalle loro giornate”no”.
È l’aula la scena dell’apprendimento: la filosofa e saggista spagnola Maria Zambrano scriveva:”L’aula è un sistema di ALTRA POESIA
relazioni, di scambi, di contrapposizioni, di legami, capace di generare un suo proprio specifico sapere”. Maria Rosa Nicastri La mia penna, tra le ombre,/ é abituata alla tristeza,/
ed ha enormi cicatrici./ Da parte mia penso sem-
pre/ / alle profonde passioni/ che genera la morte
ebria,/ quando, umiliata e muda, colpisce/ un an-

ILDIFFICILEEQUILIBRIODIPOLITICAFISCALEECRESCITAECONOMICA
Cari lettori, ci dedichiamo ai temi politici, dopo quest’estate in cui invece di entusiasmarci sotto l’ombrellone con nuove uscite di pre-
gelo nelia solitudine./ Ho il petto ferito e/ san-
guinante con violenza./ Le occute arpie mi
rubarono/ con le allegrie e le tristezze,/ il perpettuo
spavento. (Traduzione di Giuseppe Fillipone)
Teresinka Pereira
stigiosi libri o seguendo gli scandali ed i gialli più in voga, quest’anno ci siamo dedicati veramente tutti ad assistere con grande su-
spence agli eventi politici. Obiettivamente per questo è stata un’estate diversa, anche se obiettivamente credo che non tutti gli italiani
sentissero il bisogno di tale periodo di tensione generata dalla politica, che ci ammorba giorno per giorno anche nei periodi di non
vacanza. Ricordiamo e precisiamo che le nostre considerazioni sono del tutto avulse da posizioni politiche e che cerchiamo nei no-
LA GLOBALIZZAZIONE
stri articoli di essere equidistanti da ogni partito, come è giusto che sia. Ci permettiamo di fare solo qualche considerazione, sperando
che sia dettata da un minimo di buon senso, ovviamente ogni nostra idea è più che criticabile. Inutile andare a fare un resoconto di
OFFENDE LA DIGNITÀ UMANA
ciò che è successo dall’8 agosto in poi perché non è questa la sede e come sopra detto non ci permettiamo di dare opinioni. Quello Si assiste oggi ad una globalizzazione legata alla produttività del-
che preoccupa adesso è che come tutti gli anni da settembre in poi fino al 31 dicembre l’Italia si deve occupare delle modifiche alla l'individuo, un lavorare incessante senza soste, fatto di stenti, di
legge di bilancio per la salvaguardia dei conti pubblici. Precisiamo che non è un obbligo perché non sta scritto in nessun testo che il patimenti vari, di diritti negati anche nelle pubbliche aziende, di
paese debba modificare la sua finanza pubblica anno per anno, tuttavia ciò è sempre necessario per cui bene o male non è mai esi- sindacati di parte che più non fanno il loro lavoro (difendere i la-
stito un anno in cui non si è fatta una legge finanziaria, che oggi per renderla più presentabile, come detto, si definisce quale legge voratori). Dove siamo arrivati, come abbiamo fatto a giungere a
di bilancio. Vorremmo fare un’ultima premessa per capire il senso del nostro articolo, precisando che è sempre più necessario che tanto! Lavoratori umiliati, spogliati dei loro diritti, della loro di-
il lettore si renda conto di quanto il nostro Stato ormai sia indissolubilmente immerso nel contesto dell’unione europea. Ci piace ri- gnità costretti in un paese di ladroni a lavorare fino alla morte
cordare come abbiamo già scritto in passato relativamente alla tornata elettorale per il parlamento europeo, che ormai le elezioni eu- senza percepire nemmeno la pensione diritto costituzionale ac-
ropee siano diventate la tornata elettorale più importante in assoluto e come anno dopo anno perda sempre più importanza la tornata quisito. Questa negazione sinonimo di globalizzazione ha alzato
elettorale politica interna nazionale. Stesso discorso vale per la politica economica. Ricordiamoci che l’Italia dal dicembre del 2002 i tassi di disoccupazione, i soldi mangiati a monte impediscono
ha perso la sovranità monetaria, anzi sarebbe almeno tecnicamente più giusto dire che la ha conferita ad un organismo centrale in- l'emergere delle imprese nostrane che dato la mancanza di incen-
sieme ad altri Stati, anche qui ovviamente non facciamo commenti. Quindi viene a mancare nel bilancio dei paesi dell’Unione Eu- tivi e l'elevata mole di tasse si vedono costrette a produrre altrove
ropea la leva monetaria, ossia lo strumento di politica monetaria, che tanto ha caratterizzato le politiche economiche degli anni e a non assumere manodopera. I giovani restano ancorati alle fa-
precedenti. Ricordiamo ad esempio la scuola economica neomonetarista del premio Nobel per l’economia professor Milton Fried- miglie sino alla morte e vivono delle pensioni dei genitori.
man. Da non confondere, per carità, con il giornalista Alan Friedman che vediamo spesso nei rotocalchi televisivi occuparsi anch’egli I pensionati italiani sono volati verso altri lidi dove possono vi-
di politica economica. Dopo i problemi delle politiche keynesiane di sostegno della spesa pubblica e l’impossibilità di politica eco- vere una esistenza dignitosa, gli anziani sono abbandonati a loro
nomica basata sulla modifica del prezzo della propria moneta nazionale, rimangono veramente ben pochi strumenti per poter cor- stessi, vivono di stenti e girano nell'immondizia per sfamarsi.
reggere e migliorare il bilancio dello Stato da parte dei nostri politici. Donne rampanti al comando nei posti pubblici abusano del loro
Lo strumento più importante che è rimasto a disposizione degli Stati è sicuramente quello della spesa pubblica. È questa l’unica leva misero potere per umiliare e torturare psicologicamente con vio-
che si può utilizzare per poter modificare la politica economica. Diciamo che è l’unica perché dall’altra parte abbiamo anche la pos- lenza inaudita i subalterni incitandoli alla produzione perchè loro
sibilità di aumentare le tasse, e qui ci piace citare la frase di un indiscusso leader politico della metà del secolo scorso, tale Sir Win- percepiscono lauti compensi sulla pelle altrui violando tutte le
ston Churchill il quale disse che “una nazione che si tassa nella speranza di diventare prospera e come un uomo in piedi in un secchio leggi dello stato. Eravamo il bel paese, ben poco è rimasto di que-
che cerca di sollevarsi tirando su il manico“. Quindi delle due leve, riteniamo che quella dell’aumento delle tasse sia veramente la sto, i potenti hanno spolpato l'osso, ora c'è il rimpasto politico -
meno percorribile, perché è logico che, questo lo diciamo senza rischiare di incorrere in alcuna posizione politica di parte, un aumento governativo, che minestrone per avere quelle poltrone!
delle tasse sopra un certo limite non comporta un conseguente aumento del gettito, anzi può comportare un decremento. Facciamo Miseria e nobiltà, padroni e schiavi, progresso - regresso, chissà
l’esempio di quando nel 2012 un governo cosiddetto tecnico di salvataggio dell’Italia fece un inasprimento fiscale su automobili ed cosa direbbero gli antichi se fossero quì, le loro battaglie, le loro
altri beni di lusso generando un decremento del gettito in tale settore unitamente alla perdita di posti di lavoro. Ne parliamo in que- morti tragiche per darci un futuro migliore e, invece stiamo per-
sto numero anche relativamente all’articolo sul salone nautico di Genova. Il problema vero è che peraltro l’Italia è sempre spaccata correndo un processo inverso, il ritorno alle ingiu-
in un continuo dualismo a tutti livelli, per esempio tra persone che pagano le tasse fino all’ultimo centesimo e che però godono di stizie. La vita è una e va vissuta nel migliore dei
molti strumenti di assistenza a livello sociale da un lato e persone che possono dichiarare i loro redditi e che poi però non hanno quasi modi sfruttandola a pieno nel rispetto della pro-
per niente assistenza a livello sociale lavorativo, eccetto il servizio sanitario nazionale che non si nega a nessuno. Ciò comporta un pria e dell'altrui dignità. Era meglio una non
conflitto tra la popolazione, tra coloro che sono giustizialisti è che in questo periodo chiedono un inasprimento delle tasse per i la- globalizzazione se questo significa ledere la
voratori autonomi, per gli imprenditori in genere per i ceti più ricchi e dall’altra parte coloro che chiedono una politica fiscale più in- persona umana, quindi non globalizzazione in-
centivante. Questa conflittualità interna all’Italia è causa di grossa confusione e difficilmente credo che si possa risolvere perché è tesa a far emergere i paesi bisognosi e a porre
sempre esistita. Ricordiamoci a titolo di esempio come il paese sia sempre stato spaccato in due su tutti gli argomenti, basti pensare alla pari tutti i paesi, questa è una globalizza-
anche a quelli più futili come il dualismo tra i campioni del ciclismo Coppi e Bartali nell’immediato dopo guerra, tra cattolici e co- zione volta ad arricchire quelli che ricchi già lo
munisti sempre nel dopo guerra, tra lavoratori dipendenti e lavoratori autonomi oggi. In questo contesto è veramente difficile fare una sono e a far morire gli altri! Ai posteri l'ardua sen-
buona manovra fiscale. Questa conflittualità interna l’Italia è causa di grossa confusione e difficilmente credo che si possa risolvere tenza! Francesca Pagano
perché è sempre esistita. Siamo al punto della spesa pubblica, qui il discorso è ancora più ampio, perché lo Stato ha una spesa pub-
blica che è pari circa alla metà del prodotto interno lordo, quindi circa 850 miliardi di euro di spesa pubblica. A quanto pare nono-
stante innumerevoli tentativi di spending rewiew (revisione della spesa) non è stato mai possibile togliere neanche una manciata di
questi miliardi alla spesa pubblica, senza rischiare di scontentare qualche categoria. DEFORESTAZIONE
A questo punto andiamo a vedere se la spesa pubblica veramente non si può ridurre, e qui sorgono nostri inevitabili dubbi, almeno
cerchiamo di capire se tale spesa può essere orientata da un punto di vista qualitativo. Desideriamo premettere che tutte le scuole di INCONTROLLABILE
economia, sia quelle di micro che di macroeconomia, prevedono che la spesa pubblica più produttiva è quella fatta in conto capitale
e non in conto corrente. Ci spieghiamo meglio: una spesa pubblica volta alla costruzione di infrastrutture, per esempio, è una spesa Con deforestazione si intende la riduzione di boschi e foreste: si
in conto capitale, la quale genera occupazione e a sua volta genera un moltiplicatore degli effetti di tale spesa perché fa muovere l’eco- tratta di un processo che ha portato allo sfruttamento intensivo di
nomia e come detto genera un aumento della ricchezza. Diversamente, la spesa pubblica in conto corrente, costituita da pagamenti tutte le aree verdi naturali presenti nel mondo, ma visti gli effetti
fatti e per esempio a persone genera un effetto non moltiplicativo, in quanto non tutti i trasferimenti fatti alle persone vengono rimessi devastanti che tutto questo sta producendo nell’atmosfera, i Paesi
sul mercato, alcuni di questi vengono trattenuti come risparmi e anche se il 100% dei trasferimenti fossero reintrodotti sul mercato Sviluppati stanno ora cercando di mettere in atto una serie di mi-
genererebbero semplicemente un un mantenimento dello status quo ante. Di qui l’auspicio, sperando che possa essere utile, anche se sure di rimboschimento. Tuttavia, il fenomeno ha una tale portata
ci rendiamo conto dell’umiltà anzi dell’infinitesima piccolezza della nostra posizione, circa la nuova manovra per la legge di bilan- che sembra difficile, ormai, rimediare. Ogni anno vengono ab-
cio. Ci auguriamo in buona sintesi che lo Stato possa creare una politica fiscale incentivante ed equa al contempo, che possa effet- battuti 15 bilioni di alberi. Motivi industriali e di occupazione del
tivamente aumentare il gettito e che possa anche essere vista bene dai contribuenti nel senso di rendere i contribuenti più contenti di territorio. Gli incendi sono una causa, spesso indotta. Ma gli ef-
pagare le tasse perché individuate come tasse giuste, e dall’altra parte una politica di spesa pubblica che possa generare moltiplica- fetti negativi sulla nostra salute di questa deforestazione globale
tore dei suoi effetti il più possibile. Per poter fare ciò servirebbe anche il superamento del dualismo politico, in quanto nella politica, e inarrestabile sono noti soltanto in parte. I vegetali sostengono si-
non vige mai un sistema di confronto bensì un sistema di scontro, c’è sempre un desiderio dei partiti ad essere l’uno contro l’altro e stemi alimentari e sono case per innumerevoli specie animali -
mai ad essere l’uno il controllore dell’altro nel bene dell’Italia. compresa la nostra, fornendoci materiale da costruzione. “Le fo-
In tale ottica, il nostro miraggio, questa volta, la nostra utopia, sarebbe quella che i citati partiti, tutti nessuno escluso tra quelli del- reste sono l’ancora di salvezza del nostro mondo”.
l’arco costituzionale possano stabilire delle regole di base di politica economica e fiscale all’interno delle quali, ciascuno tra le coa- Nel 2018,Jayme Prevedello, ecologista presso l’Università sta-
lizioni che andranno a governare, possa applicare le sue parziali modifiche senza stravolgere l’impianto generale. Ci rendiamo conto tale di Rio de Janeiro e colleghi hanno scoperto che anche un sin-
di quanto sia utopistica tale posizione, tutta via dobbiamo continuare a sperare nell’interesse dell’Italia, anche perché è il benessere golo albero isolato in una zona aperta può agire come ‘magnete’
della nazione in questi anni è arrivato ad un punto cruciale, dove o si crea un’inversione di tendenza, con un paese che torno a cre- di biodiversità, cioè può attrarre e fornire risorse per molti ani-
scere, oppure si rischia di avviarsi verso un decadimento costante. Un’altra cosa che sarebbe bello vedere, sarebbe un orientamento mali e piante. Gli alberi mediano il ciclo dell’acqua agendo come
delle politiche fiscali ed economiche che non considerino più come elemento sociale il singolo individuo bensì la famiglia, da mo- delle ‘pompe biologiche’: raccolgono l’acqua dal suolo e la libe-
nonucleare a famiglia allargata che sia, perché le politiche familiari, anche se viviamo in un paese fortemente cattolico, questo ci sia rano in atmosfera, dopo averla trasformata da liquido a vapore. In
consentito dirlo, non sono mai state veramente al centro della politica italiana. questo modo, le foreste contribuiscono alla formazione di nubi e
Speriamo che anche questa volta l’Italia possa trovare la strada giusta. Più giusta che nel passato. Alessandro Massimi quindi di precipitazioni. Daisy Alessio
L’ATTUALITÀ, pag. 4 TEMATICHE ETICO-SOCIALI N. 10 - OTTOBRE 2019

DOPO BUSSETTI ARRIVA FIORAMONTI STRUMENTALIZZAZIONI DEMAGOGICHE


Il nuovo Ministro dell’Istruzione è Lorenzo Fioramonti, qua- Alcuni antichi detti popolari “Da quale pulpito viene la predica!” e il “Bue dice cornuto all’asino”, di primo acchito, si mostrereb-
rantaduenne grillino, docente universitario di economia politica bero rassicuranti circa un’acquisita consapevolezza e soddisfacente sviluppo di anticorpi nei confronti di espedienti speculativi che,
ben visto da sindacati e media, ha rilasciato da neoeletto intervi- contando sulla memoria corta, nonché sulla scarsa capacità critica di un sufficiente numero di potenziali elettori, vengono adoperati
ste con dichiarazioni che fanno ben sperare i docenti precari presi anche come armi elettorali con locuzioni ad effetto, quali: tradimento, governicchio, ribaltone, inciucio, poltronificio, attaccamento
in giro anche quest’anno con la storiella della stabilizzazione, alla poltrona (chi è senza peccato…!”). Giacché, poi, da indagini sociologiche e da successive consultazioni elettorali, tali astute tro-
basti guardare il concorso straordinario del 2018 i cui iscritti in vate si dimostrano, di solito, efficaci, si è indotti a pensare che, purtroppo, sia notevole la percentuale elettoralmente significativa di
graduatoria verranno assunti mediamente fra una decina di anni. cittadini a cui ancora si addirebbe il ritornello di una trasmissione radiofonica nazionale di satira politica che, solo per alcune pun-
Fioramonti sostiene di volere far approvare il prima possibile il tate, andò in onda nell’immediato dopoguerra, la mattina di domenica: “Evviva il popolo che applaudisce tutte le cose che non ca-
decreto salva-precari saltato nell’esecutivo precedente, con l’in- pisce”. I lusinghieri risultati ottenuti con il linguaggio della panza tuttora fungono pavlovianamente da “rinforzo” per chi conta circa
tenzione di migliorarne i contenuti, perché sostiene che la piaga la probabilità che un numero soddisfacente di elettori recepisca e reagisca acriticamente, secondo modalità di reazioni ancestrali da
della supplentite deve essere debellata, si dimostra deciso nel stimolo-risposta, cioè indipendentemente da una corteccia cerebrale sviluppata a livello di Homo autenticamente sapiens.
chiedere finanziamenti immediati, pari a due miliardi di euro, at- Il ricorso alla piazza appare indicativo che si conti sulle reazioni da panza. A questi deficit strutturali si aggiungono quelli evolutivi.
traverso la prossima Legge di Stabilità reputandoli indispensabili In effetti i comportamenti di tanti (in primis i politici?), in preda all’arrivismo, coattivamente miranti a ribaltare posizioni di subor-
per risollevare il settore e minacciando di rimettere il mandato dinazione (v. articolo sulla proposta alla riedizione del libro di Fabrizio Di Giulio), pur somaticamente e anagraficamente adulti e di
nel caso ciò non avvenisse. Fa ben sperare anche il programma successo in campi che vanno da quello artistico a quello scientifico, nonché politico appaiono mossi da istanze proprie delle prime
predisposto dalla nuova maggioranza governativa, nel quale si fasi evolutive, cioè di un apparato neuro-psichico ancora in fase simbiotica, geneticamente informato per la sopravvivenza, vale a dire:
parla apertamente di cancellazione delle classi pollaio, valoriz- egocentrismo, nel senso che nel rapporto con l’altro prevale la componente strumentale, cioè l’altro esiste in funzione della soddi-
zazione economica del ruolo dei docenti, miglioramento della si- sfazione immediata dei propri bisogni: l’altro da cui si dipende dovrà essere inconstatabilmente suo: un terzo, sia pure il padre, potrà
curezza e del diritto allo studio, contrasto degli abbandoni precoci essere incomodo. Tra le altre connotazioni si rileva la tendenza coatta all’appropriazione che, essendo molto attiva anche in altre spe-
e del fenomeno del bullismo, la stabilizzazione dei tanti supplenti cie, si evince che sia uno degli espedienti naturali per la sopravvivenza: negli umani, se particolarmente accentuato, potrebbe esser
inseriti nelle varie graduatorie: docenti ancora inseriti nelle GaE, dovuta a metodi di allevamento impropri. La brama di potere (in proposito si ricorda la reazione di Seneca, ripresa da Virgilio:” Quod
docenti vincitori e idonei del concorso 2016, docenti del concorso non humana pectora coges auri sacra fames!”, cioè: a che cosa non spinge a fare l’insaziabile fame di denaro), di solito, va di pari
2018 secondaria per abilitati, docenti del concorso straordinario passo con quella del coatto accumulo di beni (v.: denaro idolo soterico in coda all’articolo: e in recenti miei articoli sul sito: movi-
2018 infanzia e primaria, docenti con tre e più anni di servizio, mentosalvemini.blogspot.com: cibo e denaro come oggetti transizionali, ossia come equivalenti simbolici della madre). I soggetti af-
docenti con meno di tre anni di servizio, laureati con 24 CFU, che fetti da adleriana volontà di potenza e da insaziabile voglia di denaro non sono in grado di godere di ciò che hanno. La storia ci mostra
entrano nel circuito delle supplenze. che protagonisti di tali eccesive voglie hanno finito per allarmare l’opinione pubblica e, di conseguenza, a spingere chi era in grado
Peccato che anche quest’anno, più che negli altri, emerge una si- di agire a eliminarli. Si pensi alla congiura contro Cesare. Per fortuna oggi si ha la possibilità di “mandarli a casa” mediante moda-
tuazione inverosimile, protagonista il Ministero dell’economia lità non cruente. A loro si adirebbe il proverbio:” Chi troppo vuole nulla stringe” e un verso di un mio datato poemetto: “È destino
che autorizza solo 53.627 assunzioni a fronte di un fabbisogno di degli umani rovinarsi con le proprie stesse mani!”. In base a quanto raccontano le Sacre Scritture, circa il peccato originale dei no-
più di 58.000 unità, per non parlare delle nomine in ruolo real- stri progenitori, non sarebbe iniziata così la nostra storia?
mente fatte che si attestano a solo 22.000, uno scarto davvero con- A scanso di fraintendimenti, si rileva che, consistendo la ragione di fondo per i suddetti inconvenienti in carenze e traumi psicoemotivi
sistente che verrà coperto dai supplenti. Arianna Paolucci che danno luogo a dis-evoluzioni della personalità di tanti cittadini, un purtroppo tanto auspicato ricorso a un regime autoritario, ri-
sulterebbe controproducente, mantenendo uno stato di dipendenza infantile dei sudditi. Occorrerebbe, invece, promuovere consape-
volezza negli aspiranti a mettere su famiglia, previo avvio di quasi sempre propri immancabili problemi interferenti con le loro
prestazioni parentali e di educatori primari, favorendo l’acquisizione di specifiche conoscenze psicopedagogiche. Le recenti cono-
INAMMISSIBILE scenze riguardo a dinamiche gruppali potrebbero rivelare come vittime di dinamiche che operano al di là del livello della consape-
volezza: sia chi tradizionalmente viene ritenuto come unico responsabile di malefatte - quale ad es, il paziente designato - sia i
DISCRIMINAZIONE membri della comunità di appartenenza - che si potrebbero riconoscere altrettanto incastrati in un ruolo - come quello di mandanti,
che siano membri della famiglia o di una collettività a dimensioni sociali. Di fonda,mentale importanza si mostra l’indicazione di
un’adeguata opera di alfabetizzazione politica dei cittadini, da parte delle istituzioni pubbliche. Proseguire sul convincimento che in-
TRA CHI È QUALCUNO dicazioni come queste siano pura utopia, comporterà l’atavica tendenza alla ricerca di soluzioni finora dimostratisi deludenti. A breve
termine, potrebbe valere la proposta salveminiana della demo sorte-crazia. Purtroppo questa soluzione incontra forti resistenze, at-
E CHI È NESSUNO tribuibili alle su menzionate condizioni disevolutive della personalità, in specie di quanti potrebbero-dovrebbero accoglierla; e, per
giunta già godenti posizioni privilegiate. Pier Luigi, Anton Luca e Andrea Lando
Che Papa Francesco sia un tenace e fedele credente non è da
mettere in dubbio. Nè si può dubitare che la sua attività e pre-
ghiera siano instancabili. Ma se vogliamo essere obbiettiva-
mente realisti (o se vogliamo fare un referendum popolare in
proposito) il Pontefice avrebbe sicuramente più possibilità di me
di esser beatificato o fatto santo. Già, perchè Eugenio Morelli
Questo giornale non L’ACQUA, UN BENE MONDIALE: PARLIAMONE
potrebbe essere considerato una brava persona ma da quì all’es- usufruisce di contributi Si è svolta a Livorno, presso il Gran Hotel Palazzo, grazie all’organizzazione di Mauro Mazzoni del-
sere sotto i riflettori (per le sue virtù umane di rapporto con Dio) l’Associazione Culturale “Movimento Monarchici” e ad Alessandro Esperti referente ligure del-
ci sarebbe sicuramente qualche perplessità. Per la statali nè di sovvenzioni l’Associazione, un interessantissimo workshop dedicato all’acqua, alla tutela delle risorse idriche
semplice ragione che chi scrive è un comune
nortale (senza particolari precedenti miraco- da partiti o da lobby. e alla valorizzazione eco sostenibile del patrimonio liquido. Moderatore dei lavori è stato Mazzoni
che ha ricordato l’importanza della progettualità del convegno per una città legata all’acqua quale
losi) mentre Papa Francesco, come Pontefice, È interamente Livorno. Ad avviare i lavori della tavola rotonda è stato Domenico Letizia, giornalista, analista geo-
è avvantaggiato dal lato istituzionale. Che Dio politico del Think Tank “Imprese del Sud” e speaker radiofonico di “RadioAtene” che ha descritto
non sia d’accordo su questo criterio di valuta-
zione pare interessare poco perchè su questa
autofinanziato con quote il progetto del Water Museum of Venice, sostenuto dell’UNESCO.
Un progetto che ha visto la cooperazione tra entità e istituzioni come priorità della ricerca degli
Terra la discriminazione tra chi è Qualcuno e chi
è Nessuno è obbligatoriamente prioritaria.
associative annuali. esperti. L’importanza dell’acqua come strumento di sviluppo sostenibile e dal potere unificante
Eugenio Morelli anche nei confronti di territori tra loro geograficamente distanti. L’acqua sta divenendo una risorsa
sempre più rara e preziosa per il nostro pianeta a causa del processo di surriscaldamento e dell’au-
(segue da pag. 1) Governo Conte bis: riconferme e novità mento demografico. Solo una minima parte dell’acqua dei mari e dei fiumi è infatti utilizzabile per
le necessità vitali dell’uomo. Come ribadito dal giornalista Letizia: “Le stime dell’ONU per il 2025
mente Spadafora passa da sottosegretario con delega alle Pari Opportunità a ministro dello Sport e prevedono il progressivo impoverimento idrico di una vasta fascia che abbraccerà l’Africa del nord,
delle Politiche Giovanili e Fioramonti da viceministro a ministro dell’Istruzione. Tra gli altri nomi: tutta l’area del Medio Oriente, Turchia compresa, fino al subcontinente indiano. Soffrono la sete 663
Roberto Gualtieri (PD) all’Economia; Lorenzo Guerini (PD) alla Difesa; Dario Franceschini (PD) milioni di persone e 1,8 miliardi di individui non hanno accesso sicuro alle fonti idriche”. Questi
alla Cultura; Paola De Micheli (PD) alle Infrastrutture e ai Trasporti; mentre a Stefano Patuanelli motivi creeranno in 30 anni, circa 150-200 milioni di nuovi migranti. Già oggi il 60% della popo-
(M5S), convinto grillino, va il dicastero dello Sviluppo economico dove prende il posto di Luigi Di lazione terrestre vive in zone che vanno inaridendosi. Quando si parla di rischio desertificazione si
Maio (del quale Patuanelli è sempre stato un fedele sostenitore) che invece approda al ministero pensa sempre al continente africano e alle zone ubicate vicino all’equatore. L’Organizzazione delle
degli Esteri lasciandosi alle spalle anche il precedente incarico svolto presso il dicastero del Lavoro
che passa invece alla ministra pentastellata Nunzia Catalfo, madre del reddito di cittadinanza. Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) formulando una mappatura delle zone
«Forti di un programma che guarda al futuro, dedicheremo con questa squadra le nostre migliori “aride” del pianeta ha evidenziato l’Asia meridionale e la Cina settentrionale come zone dove la
energie, le nostre competenze, la nostra più intensa passione a rendere l’Italia migliore nell’inte- mancanza di acqua genererà sempre più problematiche sociali.
resse di tutti i cittadini, da Nord a Sud»: ha assicurato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. L’acqua da problematica geopolitica attuale deve divenire risorse per la crescita virtuosa del terri-
La sfida più grande? Sarà indubbiamente quella di avviare un alleggerimento del cuneo fiscale a van- torio. Grazie al direttore sanitario Andrea Flamigni, intervenuto come relatore ai lavori di Livorno,
taggio dei lavoratori, cercando al contempo di individuare anche una giusta retribuzione (il cosid- si è analizzata l’importanza delle acque termali che contengono moltissime sostanze, quali zolfo,
detto salario minimo) e di evitare l’aumento automatico dell’iva previsto per il 1° gennaio 2020. iodio ferro, cloro e che sono dotate di incredibili proprietà terapeutiche. Andare alla terme anche solo
Anche se, ad oggi, non sono ancora state avanzate soluzioni per reperire i 23 miliardi di euro ne- per poche ore, rappresenta un valido e utile metodo per ritrovare il benessere fisico e mentale e, in
cessari per evitare l’attivazione delle clausole di salvaguardia c’è chi, con un po’ di ottimismo, in- particolare, per il trattamento di alcune patologie, come la dermatite, ma anche problemi legati al-
travede una possibilità in una sospensione parziale (da attuare mediante un decreto ad ok) che metta l’udito, alla circolazione e alla respirazione.
in standby il rischio di aumenti almeno fino alla primavera. L‘imposta sul reddito delle persone fi- In conclusione, si è avuto un magnifico intervento del Professore universitario Alessandro Gio-
siche resta poi un altro aspetto cruciale di questa manovra: l’idea è quella di ridurre il numero delle vannini che ha relazionato sull’importanza del dibattito attuale legato alla “Carbon tax”, una tassa
aliquote da 5 a 3 con una revisione delle cosiddette tax expenditures, in particolare quelle dei bonus applicata sui prodotti energetici, o più in generale sui servizi relativi al settore energetico, per i quali
nel settore energetico. In particolare nel mirino potrebbero esserci le “agevolazioni inquinanti”, di
contrappasso si sta pensando a tutta una serie di misure che incentivino progetti green in linea con si registrano emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera. L’obiettivo di questa eco-tassa, ancora
le nuove politiche ambientaliste. Mentre per quel che riguarda la flat tax per le partite iva, il governo tanto discussa, è quello di ridurre i danni ambientali e indurre stati e consumatori finali a preferire
sta ragionando a una rimodulazione del regime forfettario e, al momento, l’intenzione sembra es- soluzioni più ecologiche e quindi meno inquinanti, ponendo, per la prima volta in maniera signifi-
sere quella di ritornare alle vecchie misure introdotte nella Legge di Bilancio 2019. Per quanto ri- cativa, l’accento sul concetto di danno ambientale e responsabilità. Elementi, come ribadito dagli
guarda invece le riforme previdenziali: attualmente è stato confermato il Rdc (Reddito di organizzatori del II Convegno Nazionale di Livorno, che meritano attenzione anche per la tutela e
cittadinanza) con l’intenzione di implementarlo ma soprattutto di riuscire con questo a recuperare la valorizzazione del patrimonio liquido. Mauro Mazzoni
al circuito lavorativo persone esiliate ed emarginate spogliandolo di quella finalità assistenziale che
invece lo ha caratterizzato fino a questo punto. Avanti anche con la pensione anche se, verosimil- (segue da pag. 1) Il Governo della farsa
mente, Quota 100 subirà lo stop anticipato di un anno (precisamente a fine 2020). Le domande ar-
rivate all’Inps sono state infatti circa la metà di quelle attese, con un “tiraggio” inferiore di circa il fuori, in panchina. E le tappe velocissime della pantomima politica di queste ultime settimane, in
30% sul totale di 290 mila pensionamenti aggiuntivi per il 2019 previsti al momento del varo del effetti, fanno pensare: la sfiducia a Conte viene presentata il 20 agosto, cade il Governo, e il 5
decreto a gennaio (e la maggiore spesa previdenziale potrebbe ridursi fino a 4 miliardi nel 2020). settembre si svolge il giuramento dei 21 nuovi ministri. Il 9 settembre poi c’è la fiducia della
Nei progetti futuri anche: una nuova pensione di garanzia per i giovani (con la promessa di inve- Camera, e il giorno dopo quella del Senato. Tempi record, soprattutto se confrontati con quelli
stire sulle nuove generazioni al fine di garantire a tutti la possibilità di svolgere un percorso di cre- elefantiaci che trascorsero dai risultati delle elezioni del 4 marzo 2018 alla fondaziione del primo
scita personale, sociale, culturale e professionale nel nostro Paese); il rinnovo della tanto attesa Governo Conte il 5 giugno dello stesso anno: più di due mesi. Salvini, forse, se lo aspettava, e
Opzione Donna che consente di andare in pensione alle lavoratrici con almeno 58 anni di età (59 probabilmente i suoi sospetti erano fondati: non si forma un nuovo governo in pochi giorni se non
se autonome) e 35 anni di contributi. E poi ancora: un Green New Deal; l’introduzione di un piano ci si è messi già d’accordo in anticipo. Viene il dubbio, quindi, che qualche accordo ci fosse già tra
straordinario di investimenti per la crescita e il lavoro al Sud; la riduzione del numero dei parla- il M5S e il PD ben prima di quel 20 agosto. D’altra parte all’instabilità politica, alla farsa da teatrino
mentari (da inserire nel primo calendario utile della Camera dei deputati); la riduzione dei tempi di burattini, gli italiani ci sono abituati da sempre: 65 governi in 70 anni. Il record di durata, si fa
della giustizia civile, penale e tributaria; una nuova legge sull’immigrazione che superi la logica per dire, spetta al secondo Governo Berlusconi con 1409 giorni. Anche se siamo ormai lontani dai
emergenziale perseguendo la lotta al traffico illegale di persone e all’immigrazione clandestina, ma record negativi del Governo Fanfani del 1954, durato appena 22 perché non ottenne la fiducia dal
che al contempo affronti i temi dell’integrazione. Queste in breve le misure che il neonato governo Parlamento, in tutta la storia della Repubblica la media della durata di un Governo è di un paio di
giallorosso si impegna ad affrontare nella prossima manovra in un clima di profondo (anche se anni. Persino Matteo Renzi, pur essendo uno dei personaggini peggiori della scena politica italiana,
forse grandemente previsto e prevedibile) scetticismo del popolo italiano. Se è vero infatti che Giu- il 18 maggio del 2016 alla Conferenza Italia-Africa, alla Farnesina, commentò (con ironia, si
seppe Conte si conferma al primo posto nei sondaggi di gradimento e porta a casa il 51% dei con- capisce) che “L’Italia ha avuto 63 governi in 70 anni… Perché noi siamo abituati ad un ricambio
sensi, con l’indice che sale dai 52 punti di fine agosto ai 57 di settembre, è altrettanto vero che, nel significativo“. Una situazione, questa, che rispecchia bene un Paese che si trascina dietro il cadavere
suo complesso, il nuovo esecutivo non convince molto. Il 42% degli italiani è convinto che il nuovo di un sistema politico ormai vecchio e, di certo, anche cambiare continuamente legge elettorale, tra
governo durerà solo un paio di mesi, al massimo un anno, mentre la maggioranza avrebbe preferito Verdinellum, Speranzellum, Mattarellum, Porcellum, Consultellum, Italicum, Democratellum,
andare subito al voto e non si rispecchia affatto nel nuovo esecutivo, fermamente convinta che que- Grechellum, Provincellum, Legalicum, fino all’ultimo nato, il Rosatellum, non è che ci aiuti molto
sto si basi esclusivamente sulle preferenze dei politici non tenendo affatto conto di quelle degli elet- a far chiarezza. In questo caos politico vincono solo i partiti della farsa, e a farne le spese è solo il
tori che oggi, secondo i sondaggi, sono di fatto all’opposizione. Federica Sciorilli Borrelli popolo, costretto a pagare gli errori di un branco di capre. Emiliano Federico Caruso
N. 10 - OTTOBRE 2019 INIZIATIVE CULTURALI L’ATTUALITÀ, pag. 5

IL Sen. Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini,


Vice Governatore dell’Unione Mondiale degli Stati,
CAFFÈDELL’ARTISTA-SALERNO
(Presidente: Prof.ssa Florinda Battiloro)
resta alla guida dell’UN. I. A. C. Associazione Culturale aderente all’UN.I.A.C.
Sala Convegni dell’Ente Provinciale Turismo - Via Velia, 15
«Bisogna dar vita ad una Alleanza di uomini illu-
minati, esperti ed onesti che si uniscano al di sopra
“Fatti non foste a viver 7 ottobre, lunedì, presso E.P.T. Salerno, ore 17,30: presen-
dei partiti per accordarsi su problemi concreti e, di come bruti, ma per seguir tazione del libro “Elogio dei Caffè letterari”. Autore il
volta in volta, cerchino le forze necessarie per risol- virtute e conoscenza”. Chiar.mo Prof. Francesco D’Episcopo. Interverrà la Preside
verli» (Gaetano Salvemini, 1953) Lia Persiano.
Dante Alighieri
28 ottobre, lunedì, presso E.P.T. Salerno, ore 17,30: pre-
sentazione del libro “Epuloni e Lazzari”. Autore il Chiar.mo
Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini (Europa Edizioni). Pre-
ATTORI IN ERBAEMOZIONANO ILPUBBLICO SALERNO CAPITALE fazione del Prof. Franco Ferrarotti. Introduzione della Prof.
Florinda Battiloro. Interventi del Dott. Giovanni Nigro (Co-
CON “SABATO, DOMENICAE LUNEDÌ” DEL NUOVO RINASCIMENTO ordinatore del Movimento Salvemini per la Regione Campa-
nia), del Dott. Aniello Palumbo (Giornalista) e della Prof.
Lia Persiano (Preside). Intermezzi musicali.
(con la Rassegna l’Arte del Nuovo rinascimento 2019 All’Autore del libro è stato conferito il 21 settembre u. s. il
curata da Nico Valerio) Premio Internazionale “Menotti Art Festival” per la Saggi-
stica (Spoleto 2019) diretto dal chiar.mo Prof. Luca Filip-
Salerno il 14 settembre 2019 si è confermata una delle Capitali del poni.
Nuovo Rinascimento, ospitando a Palazzo Genovese la tredice-
sima edizione della rassegna artistico-letteraria e musicale, itine-
rante, L’Arte del Nuovo Rinascimento, ideata e curata dall’artista
barese Nico Valerio. L’iniziativa neorinascimentale del 2019 (LA
CUI PRIMA EDIZIONE FU INAUGURATA IL 7 LUGLIO 2007,
PRESSO LA CERTOSA DI PADULA), si è svolta nell’ambito
della Kermesse MAGICO SETTEMBRE di Salerno, organizzata
dalla AUSER di Salerno, presieduta dalla Dott.ssa Angela Co-
langelo e diretta da Anna De Rosa (evento culturale program-
mato, dal 13 al 23 settembre, nella splendida cornice settecentesca
Giovedì 5 settembre 2019 presso il Chiostro del Palazzo comu- di Palazzo Genovese). La prestigiosa rassegna è stata presentata
nale di Montoro, in occasione dei festeggiamenti in onore di S. dallo stesso Dott. Nico Valerio e dalla Prof.ssa Florinda BAT-
Nicola da Tolentino, è stata rappresentata la commedia di Eduardo TILORO presidentessa del Caffè dell’Artista di Salerno e refe-
De Filippo "Sabato, domenica e lunedì"dai ragazzi della Compa- rente del Nuovo Rinascimento Campania, che si è aggiudicata il
gnia teatrale "Attori in erba". Gli attori in scena sono sedici e 1° Premio Internazionale della manifestazione (una bella opera
hanno un'età compresa tra i 9 e i 14 anni. Doveroso un ringrazia- ad olio realizzata proprio dall’artista pugliese Valerio, raffigurante
mento al regista Gerardo Torello e sua moglie Assunta Sessa, il bellissimo campanule del Duomo di Salerno). Ospiti d’onore
che guidano i ragazzi dal 2017 con pazienza e professionalità. E' il Prof. Cosmo Sallustio Salvemini di Roma e il Cav. Nino Me-
stato il successo riscosso con la rappresentazione di “’A livella” lito Petrosino, che nel presentare le loro ultime opere letterarie
di Totò nel 2017 e con “Filumena Marturano” di Eduardo De Fi- hanno evidenziato tutti i valori e gli aspetti benefici dell’arte in
lippo nel 2018 a rafforzare nei ragazzi la passione per il teatro. At- rapporto al tema della “legalità”. Presente l’On. Prof. Guido Mi-
tualmente i piccoli attori stanno preparando la messa in scena di lanesi, che ha espresso vivissimi compiacimento a tutta l’orga-
“Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello, testo che sarà rappre- nizzazione. La serata è stata allietata da momenti musicali a cura
sentato durante la XXIV edizione della Rassegna teatrale "Festi- del chitarrista salernitano Paolo Monizzi. In mostra opere figu-
val regionale del teatro amatoriale Città di Montoro". Invitiamo i rative di : NICO VALERIO - FIORE DA SICIGNANO – AN-
lettori della rivista allo spettacolo. Non appena sarà definita la TONIO CUPO – FLORINDA BATTILORO – CHIARA
data ne daremo notizia. STELLA SERENA da BARI e ANGELA COLANGELO.
Elenco attori in “Sabato, domenica e lunedì” di Eduardo de Fi- Nico Valerio
lippo: Ludovica De Donato (Rosa Piscopo), Antonio Montuori
(Peppino Priore), Marianna Torello (Amelia), Maria Vittoria Ci- Infotel: 347-7349791 – e-mail nicovalerio@libero.it
polletta (Giulianella), Benedetta Giardinetto (Virginia), France-
sco Mazzotta (Rocco), Emil Fuoco (Federico), Antonio Esposito MAGICO SETTEMBRE 13-23 SALERNO
(Antonio), Raffaele Torello (Attilio), Benedetta Ceccola (Elena “L’invenzione del debito pubblico inestinguibile”
Ianniello), Wilma Torello (Maria Carolina), Valentina Citro (Ra- secondo Anna R. Rossi.
A CURA DELL’AUSER M.GIULIANO ANGELA COLANGELO
gioniere Ianniello), Annalisa Iannone (Catiello), Raffaella Amato
(Raffaele e Michele), Simone De Caro (Roberto), Nicola Guari-
niello (Dottor Cefercola). Maria Senatore
E DI ANNA DE ROSA
CHE COS’È IL POTERE SOVRANO?
RASSEGNA L’ARTE DEL NUOVO RINASCIMENTO
(30a parte) Professoressa Rossi, la ringrazio per avere fatto riferimento a
CAPITALI DEL NUOVO RINASCIMENTO ARTE, MUSICA E LEGALITA’ Le donne del Donbass e alla sua conversazione con Marinella Mondaini
Giù le mani dai bambini!! “L’invenzione del debito pubblico ine- A CURA DI NICO VALERIO 1° PREMIO INTERNAZIONALE NUOVO e Anna Grigor’evna Tuv su diritto romano e politiche economiche at-
stinguibile” secondo Anna R. Rossi. RINASCIMENTO RINASCIMENTO 2019 tuali, tra mondo russo e mondo anglosassone. Desidero ampliare il ra-
Un’intervista-dialogo sul cannibalismo finanziario internazionale. P A L A Z Z O G E N O V E S E SALERNO gionamento sulla neurogeolitica dei corpi docili impostato con le prime
LA RIVOLTA CONTRO LOGICHE Inaugurazione 14 settembre 2019 ore 17,30 parti di quella conversazione fra donne. Potremmo aggiungere così, che
trent’anni dopo la nascita della OMS a cui ci si riferiva, i corsi di Michel
Foucault tenuti al Collège de France a partire dal 1977 cominciano a
DELLA COMPETITIVITÀ E DEL RICATTO Interventi : Dott.ssa Angela Colangelo -(Curatrice – Magico
Settembre) - Prof.ssa Florinda Battiloro - (Presidente A.C. mettere a fuoco il passaggio dallo «Stato territoriale» allo «Stato di po-
polazione». In Italia, nel 1995, Giorgio Agamben ha dato inizio a un im-
Caffè dell’Artista) -Dott. Nico Valerio - (Curatore Rassegna portante studio di questa teoria francese della «soglia di modernità
(29a parte) La forza-lavoro non è astratta, non è né un mezzo né un fine Int.le L’Arte del Nuovo Rinascimento).
astratti: non è il Soggetto, l’Uomo, la Storia. Niente di tutto questo resta biologica» d’una società che si situa nel punto in cui la specie e l’indi-
Ospiti d’onore: Prof. Cosmo G.S. Salvemini - (Pronipote di viduo, in quanto individuo ridotto a semplice corpo vivente, diventano la
davvero, nessun umanesimo o «parametro ideale come l’isola di Robin- Gaetano Salvemini) - Cav. Nino Melito Petrosino posta in gioco delle sue strategie politiche. Assistiamo ad un conseguente
son» scrive Cacciari. Resta, invece, una dialettica realissima dove con- (Pronipote di Joe Petrosino)- Presenterà il libro “Joe vertiginoso aumento dell’importanza della vita biologica e della salute
traddittorio è qualcosa che resta. Si tratta dello stesso «movimento Petrosino l’incorruttubile”. della nazione che viene studiato dal filosofo italiano fin dall’inizio della
effettuale di queste variabili al di fuori di qualsiasi significato teleolo- sua ricerca sulla logica sacrificale interna alla nozione di «diritto» e
gico-sintetico». Sicché il lavoro come condizione reale dello scambio si Allieterà la serata il chitarrista il M° Paolo Monizzi
Mostra d’arte neorinascimentale con opere di: NICO quindi sul nesso tra «potere sovrano» e «nuda vita» organizzato con la
mantiene, sì, ma anche si supera «nel rapporto effettivo capitale-lavoro, serie di Homo sacer. Il problema è quello della mutazione del potere so-
nelle genesi del plusvalore, nel processo autentico di valorizzazione […] VALERIO - FIORE DA SICIGNANO - CHIARA STELLA SERENA - vrano. Tale potere di controllo governativo, progressivamente, viene tras-
Nessuna scelta “metodologica” in ciò, nessun “recupero” delle regulae FLORINDA BATTILORO ANTONIO CUPO formato in governo sul vivente come tale, da governo del territorio che
hegeliane ad directionem ingenii» (M. Cacciari, Lavoro, valorizzazione, ADESIONI – PATROCINI - COLLABORAZIONI era in precedenza. Ne risulta una sorta di animalizzazione dell’uomo
‘cervello sociale’, “aut aut”, 145-146, 1975, p. 9). Ecco che, fuori dei tre «“attuata – qui Agamben cita Foucault - attraverso le più sofisticate tec-
elementi elencati da Cacciari: il lavoro, la valorizzazione e l’inconscio, PATROCINI – ADESIONI - COLLABORAZIONI niche politiche. Appaiono allora nella storia sia il diffondersi delle pos-
cioè la struttura temporale a battito del plusvalore (Lacan), non sarebbe sibilità delle scienze umane e sociali, sia la simultanea possibilità di
possibile alcuna speranza politica. Ora, se è vero che: «Il femminismo è Centro Esposizioni Artistiche Gallerie del proteggere la vita e di autorizzare l’olocausto”. In particolare – aggiunge
stato il primo momento politico di critica storica alla famiglia e alla so- NuovoRinascimento Bari Palese il filosofo politico italiano -, lo sviluppo e il trionfo del capitalismo non
sarebbe stato possibile, in questa prospettiva, senza il controllo discipli-
cietà», come recita il Manifesto di rivolta femminile del 1970, allora il (Dir.ne Artristica Nico Valerio) nare attuato dal nuovo bio-potere, che si è creato, per così dire, attra-
suo famoso incipit: «La donna non va definita in rapporto all’uomo», e Associazione Culturale Caffè dell’Artista - Pres. Florinda verso una serie di tecnologie appropriate, i “corpi docili” di cui aveva
il correlato invito delle loro autrici (il gruppo della Banotti) a sputare Battiloro M. GIULIANO SALERNO Pres. Angela bisogno» (G. Agamben, Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita, Ei-
«su Hegel» appare come un significativo antecedente di quell’invito di Colangelo - Movimento Neoumanista III Millennio – Roma naudi 1995, pp. 5-6).
Cacciari a tornare ad una critica dell’economia politica, abbandonando Movimento Gaetano Salvemini - U.N.I.AC. Roma A.R. Per affrontare la questione della sovranità non si può evitare di ri-
ogni residuo impulso restaurativo eventualmente presente in Marx. Ass. International Joe Petrosino - Padula - New York - Palermo flettere sul rapporto tra religione ed economia, e quindi tornare alla teo-
A.R. «Detestiamo i meccanismi della competitività e il ricatto che viene Ass. Culturale Artistica LE MUSE - Bari Palese ria teleologica della «mano invisibile» di Adam Smith, legata all’idea
esercitato nel mondo dalla egemonia dell’efficienza. Noi vogliamo met- del «risultato inintenzionale». L’immagine della provvidenza smithiana
tere la nostra capacità lavorativa a disposizione di una società che ne sia dopo Léon Walras e Vilfredo Pareto sarà intesa come metafora dei mec-
immunizzata». Metto in corsivo “ricatto”, che la Banotti fa seguire a “competitività”. Se ora torno al processo di cefalizzazione io vedo in esso un canismi economici che regolano l’economia di mercato in modo tale da
gioco orrendo di inibizioni, lacci e lacciuoli, un giuoco neuroeconomico di ricatti spaventosi in atto, che la tendenza neoliberale e ultimocapitali- garantire che il comportamento dei singoli consumatori e imprenditori,
stica a rendere occulto l’escluso (il terzo escluso della relazione) comporta. La nostra politica che gira intorno ai sensi di colpa e alla moralizzazione teso alla ricerca della massima soddisfazione individuale, conduca al be-
delle persone senza intaccare questo criminale modello economico va bandita. Ma chi, in effetti, può farlo se è proprio quel “chi” ad essere ora so- nessere della società. Nelle moderne teorie economiche, tuttavia, non
viene più utilizzato il concetto di “mano invisibile”, in quanto richiede
spettato essere il soggetto di un oscuro oggetto del desiderio? Occorre – scrivevamo recentemente per il catalogo de La Diversità del Femminile - «assenza d’asimmetria informativa» e «concorrenza perfetta», entrambe
«capir meglio quella “cosa” spettrale che sembra aggirarsi nei cieli d’Europa: un neofemminismo dei corpi docili che, come antidoto, pone l’urgenza impossibili nel mercato reale. Nonostante la scoperta delle «esternalità»
di una ricerca neurogeopolitica (forse capace di dar conto di quel fantasma, e distruggerlo impietosamente)» (L.A. Banotti, M.G. Bianchi, A.R. Rossi, mise così definitivamente in crisi l’idea della mano invisibile, dimo-
Uomo e donna: dall’unione impossibile alla contingenza dell’incontro. Il Seminario (2019-2020): 8 marzo 2019, catalogo Mitreo – Arte Contem- strando come il perseguimento dei fini individuali causasse dei costi na-
poranea, Roma 8 marzo 12 aprile 2019 a cura di M. Melani). Su questo punto rinvio alla seconda parte dedicata ai “corpi docili” di Le donne del scosti che vengono scaricati sulla società, generando inefficienze che
Donbass, pubblicata nel numero di marzo dell’Attualità. possono essere corrette solo con l’intervento pubblico, vale la pena ra-
M.B. Di recente Loredana Aloisi Banotti si è soffermata sull’enigmatica esortazione del Manifesto – lo «Sputiamo su Hegel» , facendo una critica gionarci insieme. Nella sua indagine sulla natura e le cause della ric-
in chiave inter-culturale all’impostazione della rivolta politica di Carla Lonzi presente nella raccolta del 1977 Sputiamo su Hegel, La donna clito- chezza delle nazioni l’economista scozzese vede come gli individui
ridea e la donna vaginale, e altri scritti (Scritti di Rivolta Femminile 1, 2, 3, III ed. completa). In quell’occasione Giorgio Fabretti (un altro dei primi generino ordine sociale e sviluppo nonostante non agiscano con l’inten-
membri del gruppo di Rivolta Femminile) ha avuto modo di segnalare l’errore di alcune interpretazioni de Das Kapital: Kritik der politischen Öko- zione di generarlo, ma con quella di perseguire il proprio interesse per-
nomie del 1867, che enfatizzano – scrive - quell’«ignoranza marxista del piano naturale dell’esperienza, che già il suo amico Engels denunciava nel sonale. Esiste quindi una mano invisibile che fa si che le società e le loro
1883 in Dialettica della natura». Errore a cui non è sfuggito molto femminismo, che è anzi sembrato pascersi appassionatamente di quell’ignoranza: economie siano in equilibrio e si sviluppino. Tale teoria prende il posto
«Quando con Mirella Gramaglia, Laura Lilli, Grazia Francescato, fondai uno dei primi collettivi post-68 feci presente che il Femminismo aveva una della Provvidenza (in qualche modo si tratta di una teleologia immanente
componente di ideologismo e identitarismo ottocentesco che sarebbe stato travolto dalla biotecnologia del DNA» (G. Fabretti, In ricordo di Elvira dell’inintenzionalità dell’agire economico), grazie alla quale nel libero
mercato la ricerca egoistica del proprio interesse gioverebbe tendenzial-
Banotti. Femminismo futuro, ovvero dall’identitario al biologico, Terra d’Arte 2018). Ma ecco che il programma di Rivolta Femminile, col suo di- mente all’interesse dell’intera società e mirerebbe a trasformare quelli
segno critico delle robinsonate dell’umano – per dirla con Cacciari - enfatizzate da un sistema ideologico in cui consisterebbe il rullo compressore che costituiscono “vizi privati” in “pubbliche virtù” portando all’equili-
dello spirito identitario del mondo borghese - «il concetto di “genio” ne ha costituito l’irraggiungibile gradino» si dice nel Manifesto – mentre mos- brio economico generale. Tra i selvaggi e nei primi tempi dell’antichità
tra un femminismo che non sarebbe stato travolto dalla biotecnologia, giustifica quello sputo sul telos della dialettica idealistica proprio nel pas- pagana, quindi in tutte le religioni politeiste vengono attribuiti all’azione
saggio sopra citato del Manifesto dove si parla dei meccanismi della competitività e del ricatto che viene esercitato nel mondo dall’egemonia ed al potere degli dei solo gli eventi irregolari della natura.
dell’efficienza. Michele G. Bianchi Michele G. Bianchi
,
L’ATTUALITÀ, pag. 6 LETTERATURA E ATTUALITA VARIE N. 10 - OTTOBRE 2019

EDITO-INEDITO EVENTI DI ATTUALITÀ


(a cura di Alessandro Massimi)
(a cura di Gianfederico Brocco)
TARANTINO. IL REGISTA DI HOLLYWOOD
* Pantaleo Mastrodonato - Corso di psicologia pratica applicata CHE SEMPRE OMAGGIA L’ITALIA
nella scienza e nelle arti. (Symposiacus Editore)
Ma applicata soprattutto nella vita, aggiungiamo noi che scorriamo Quentin Jerome Tarantino è ormai consacrato quale regista più
i vasti temi che verranno. Trattati. Ne citiamo alcuni, non letteral- geniale di Hollywood e del mondo intero. È nato negli stati uniti,
mente: come vincere la timidezza attraverso l’autosuggestione; come precisamente nella città di Knoxville (Tennessee) il 27 marzo
migliorare la propria memoria; come avere perfetta padronanza di sé 1963. Il padre, Tony Tarantino era un musicista e attore statuni-
in ogni situazione. Come si vede si tratta di un corso onnicompren- tense di origini italiane, tuttavia questo genitore lasciò la madre
sivo che parte dal “Conosci te stesso”; infatti si Chiede ad ognuno di ancora sedicenne quando era incinta di Quentin, quindi il grande
fare un esame approfondito della propria situazione di partenza. regista non ha mai potuto conoscere suo padre in tenera età. La
Per le arti e le tecniche non si trascurano le facoltà immaginative e famiglia si trasferì insieme al nuovo marito della madre a Los An-
creative, che vengono Potenziate. Lettura da non perdere, per chi
non vuoi più sentirsi perdente. geles nel 1971 e Quentin divenne un grande appassionato dei film
del genere spaghetti western e del grande regista Sergio Leone in
* Marina Giudicissi Angelini - L’Universale dell’anima particolare. Il primo lavoro che Tarantino svolse da ragazzo fu
Questa breve ma significativa silloge si apre, dopo una profonda pre- proprio presso un video noleggio di Los Angeles dove potè vi-
fazione di Giancarlo Cotronei, con “Calendario dell’anima”, in cui sionare migliaia e migliaia di pellicole tra cui, come detto, oltre
esprime la sua vicinanza a Rudolf Steiner, fondatore di una corrente gli spaghetti western anche numerosi film di commedia all’ita-
di spiritualità. Un afflato verso un mondo interiore ed esteriore di liana: quelli che noi spesso definiamo con il termine abbastanza
sempre più alto sentire si ritrova nelle poesie. Il poetare diventa via dispregiativo di B movies e che invece hanno ispirato molte delle
e messaggio di profezia, per chi si sente implicato nell’“Aura” delle pellicole del talento Italo statunitense.
parole. “Questo cuore che duole” e “Poesia d’amore”, con un ri- La prima opera cinematografica fu un cortometraggio in bianco
chiamo lieve all’“Albatro”, che con Coleridge è diventato simbolo in nero artigianale fatto con amici nel 1986 dal titolo “il comple-
del Poeta e del vaticinio, ci fanno sentire vicini all’animo e della
poetessa. anno del mio migliore amico”. Nel 1987 riuscì a vendere per
50.000 $, cifra abbastanza considerevole la sua prima sceneggia-
RIVISTE RICEVUTE tura dal titolo “una vita al massimo”. Titolo originale in inglese
*Nuova Impronta, Direttore Filippo Chillemi, casella post. 7-233, “True Romance”. Nel 1989 scrisse la sceneggiatura originale del
- (00162) Roma. *Il Symposiacus, dir. resp. Pantaleo Mastrodo- film “assassini nati”. Titolo originale “natural born killers”, ven-
nato, via La Marina 51, 70052 Bisceglie (Bt) *Bacherontius, Dir. duta per 400.000 $ e portata sul grande schermo nel 1994 dal
Marco Delpino. via Belvedere 5, 16038 S.Margherita Ligure (Ge- grande regista Oliver Stone.
nova) tel. 0185.286167. *Presenza, diretta da Luigi Pumpo, via Il suo primo film ad andare in programmazione nelle sale cine-
Palma 89, 80040 Striano (Na). *Poeti nella Società, presidente Pa- matografiche fu il famosissimo “le iene” nel 1991, seguito dal-
squale Francischetti via Arezzo 62 - 80011 Acerra (Napoli) cell. l’altrettanto celebre “pulp fiction” l’anno successivo nel 1995 fu
347.5536446, email: francischetti@libero.it. *Verso il futuro, di- la volta di “dal tramonto all’alba” che aveva scritto nel 1990. Nel
retto da Nunzio Menna, via Scandone 16, Avellino, tel. 2003 arriva il primo episodio del film “Kill Bill”, cui seguì l’anno
È possibile prenotare copie via mail: dopo il secondo episodio. Quest’opera è un misto di film di kung
0825.38269. *Il Convivio, diretto da A. Manitta, via Pietramarina fu, di serie televisive, di film vendetta, di spaghetti western e ed
Verzella 66 95012 Castiglione di Sicilia. (Ct) *Fiorisce un Cena- stampa.europaedizioni@gmail.com
colo, fondato da Carmine Manzi 84085, Mercato S. Severino (Sa). anche dei cartoni animati. Successivamente arrivò “Grindhouse”
*Primo Piano, dir. resp. Andrea Italiano, via Madonna del Lume Il giorno 21 settembre presso il Teatro Comunale di Monteleone nel 2007 e “bastardi senza gloria”, nel 2009, questa è la storia di
5 - 98057 Milazzo (Messina). *Emozioni 15 Via Doria 5 - 18100 di Spoleto è stato conferito al Prof. Cosmo G. Sallustio Salve- un gruppo di eroi che salvarono alcune delle più pregiate opere
Imperia (cell. 329.4905854 - e.mail: gdonaudi@yahoo.it) mini il Premio Spoleto Art Festival per la Saggistica 2019 per il d’arte mondiali riuscendo a recuperarle dalla sottrazione nazista.
libro Epuloni e Lazzari (Europa Edizioni) con la prefazione di Nel 2012 usciti il film antirazzista “Django unchained” dedicato
Franco Ferrarotti. Con questa celebrazione è stato dato il via al periodo degli schiavi d’America e nel 2016 il film “the hateful
agli incontri evento del Menotti Art Festival 2019, Spoleto dal 27 eight” con un cast stellare. Il 18 settembre 2019 è uscito nelle sale
al 30 settembre in Palazzi, Gallerie ed altre dimore storiche della italiane il film “c’era una volta a Hollywood”, che narra una rein-
VOLETEINVESTIREIRISPARMI città.
Il giorno 30 settembre u. s. il predetto libro è stato presentato alla
terpretazione della triste storia dell’assassinio di Sharon Tate, mo-
glie del regista Roman Polanski, avvenuta nel 1969 al Los
Stampa nel corso di una conferenza che ha avuto luogo presso la Angeles per mano del tristemente celebre assassino Charles Man-
CONBUONIRENDIMENTI? Galleria d’Arte di Corso Sempione n. 8, Roma. Relatore: Prof. son. Peraltro recentemente scomparso.
Tarantino fu il presidente della giuria del festival del cinema di
Giorgio BOSCO (Ambasiatore); moderatore: Vincenzo Maio
Il dott. Paolo Maria BONELLA (giornalista). Interventi: avv. Michelangelo Abbate Trovato, prof.
Michele Bianchi e numerose altre personalità della Cultura.
Cannes nell’edizione del 2004, ed in tale occasione fece un
grosso tributo ai film italiani così detti B movies ed in particolare
alla bellissima attrice Barbara Bouchet, che volle con lui nella
Promoter Finanziario è a disposizione dei lettori giuria. Anche nell’ultimo film c’era una volta Hollywood Taran-
tino ha dato un grande tributo al cinema italiano, sempre nel ge-
del periodico L’ATTUALITÀ per fornire SEI PITTORE, POETA, NARRATORE, SAGGISTA? nere spaghetti western, citando espressamente il nome del regista
Sergio Corbucci, indimenticato, e narrando la storia di un attore
* Consulenze sul modo più sicuro di investire i risparmi di Hollywood che va a girare proprio quattro film in Italia di que-
* Consigli sulla previdenza integrativa (Piani Pensione) È in corso di stampa sto genere e torna a Los Angeles con una moglie italiana, bellis-
sima. Altro su questo film non vogliamo svelare. Possiamo solo
dire che è la riconferma del genio di tarantino, e che essendo an-
Per maggiori informazioni telefonare L’ANTOLOGIA DEGLI ARTISTI cora nelle sale, raccomandiamo a tutti i lettori di andare a vedere,
fino alla fine, per godere di tutte le sfaccettature del genere ta-
rantiniano e di tutta la sua bravura stilistica che si ricompone in
ai seguenti numeri: 06/684341 - 06/68434360 Puoi inviare le tue opere, entro il 31 ottobre, un capolavoro che viene capito soprattutto nelle scene finali. Ve-
ramente una pellicola da non perdere.
alla Redazione di questo periodico, alle- È un piacere enorme che Hollywood parli sempre un po’ italiano,
gando una tua fotografia e un curriculum ar- come sempre accaduto anche nel passato. Grazie Quentin Taran-
tino per il tuo genio che a nostro avviso è un patrimonio culturale
tistico (non più di 20 righe dattiloscritte) con
CORSO DI GIORNALISMO INVESTIGATIVO cenni biografici. Rivolgersi alla Dott.ssa
del mondo intero, e che si tramanda con i tuoi film come uno scul-
tore lo tramanderebbe con le sue statue.
Disponibile il corso di giornalismo investi- Liana Botticelli cell. 339.4934678
gativo on line a cura della Free Lance In- Se vuoi prenotare alcune pagine dell’AN- INVITO AI POETI
ternational Press, aperto a giornalisti, TOLOGIA e conoscere le modalità di par-
studenti, lavoratori, operatori dell’informa- tecipazione, puoi scrivere alla nostra Sul sito web movimentosalvemini.blog-
zione e a chiunque voglia intraprendere la Redazione, oppure cell. 347.0333846 spot.it è in allestimento una nuova rubrica
strada del giornalismo d’inchiesta. Diret- intitolata “I SOGNI NEL CASSETTO” a
tore del corso: Emiliano Federico Caruso. cura di Fabiano Di Nuccio.
Presidente Free Lance International Press:
Virgilio Violo. Per maggiori informazioni:
“L’EPOCADELGRANDE DILETTANTISMO” Questo invito è rivolto ai poeti esordienti
che possono inviare le loro opere alla e-
Cell. 324/6879903. Sito: http://media- L’epoca dei “dilettanti allo sbaraglio” è quella che viviamo oggi,
affidati a riviste e “rivistelle” per la vanagloria di una visibilità mail: fabianodinuccio@gmail.com
flip.org che dura un momento. In ogni rivista si trovano nomi differenti: Le poesie inviate saranno commentate e
oggi è il momento di Mario, domani sarà quello di Elisa. Nel
grande terreno terremotato del mutamento improvviso, lo stesso pubblicate sul predetto sito web.
lettore perde la bussola, mentre la Critica Ufficiale ha lasciato da
tempo la capacità di teorizzare un’epoca in continuo mutamento,
PRO LOCO FONTE NUOVA un mutamento che non suscita più alcuno interesse. D’altronde è
www.prolocofontenuova.com il commercio quello che dirige l’orchestra: le scelte editoriali
fanno come faceva, un tempo, la grande catena dei bar Ansuini Consigliamo di visitare anche i seguenti siti web
Tel/fax 06.90024555 (dove un cappuccino più cornetto costava un euro) puntano sulla collegati con il nostro: attualita.it;
quantità più che sulla qualità. Un maggior proliferare di autori matchnews.it; caffèdellartistasalerno.it; associa-
PROGRAMMA porta guadagno: che importa, poi, se il libro di Paperino, di tale
autore sconosciuto, viene messo sullo stesso piano di quello di zioneprometeo.eu; lapilli.eu; normanacademy.it;
LUNEDÌ ore 09.00 - Ginnastica: ore 11.00 - Ballo: ore
17:00. poesia. Nel calderone le pietanze si mischiano. Mentre le riviste flipnews.org; freelanceinternationalpress;
MARTEDÌ ore 09.30 - Yoga: ore 18.00 - Computer. specializzate come Anterem, Poesia, la Mondadoriana Nuovi Ar- gazzettadisalerno.it; orbisphera.com;
MERCOLEDÌ ore 09.00 - Ginnastica: ore 11.00 - Ballo: gomenti ecc. chiudono le porte agli esordienti (o almeno gli esor- massimonardi.it; nicovalerio.blogspot.com;
ore 16:30 - Bigiotteria dienti che non rientrano in una certa linea, o programma politico)
GIOVEDÌ ore 17.00 - Corso di pittura acquarello. le restanti diventano “il vespaio degli esclusi”. La mancanza di marazzanipierino.com;
VENERDÌ ore 16:30 - Inglese: ore 18:00 - Ginnastica: un’ecologia dell’informazione, in questi ultimi, sta sullo stesso periodicoliberopensiero.it;
Corso di taglio e cucito. piano del “buonismo” di molte poesie degli addetti ai lavori, pre- giordanobrunomi.wordpress.com;
00013 Fonte Nuova (Rm) - Via delle Mimose, 1 sente nelle altre: produce un vuoto che neanche l’eccessiva pro-
liferazione riesce a nascondere. L’eccesso non è indice di rosacroce.info; lasiritide.it
Tel. e Fax 06 90024555 - E-mail: prolocofontenuova@tiscali.it
arricchimento e sbalordisce i possibili lettori, privi, ormai di punti lectoriumrosicrucianum; dantederosa.com;
Sono aperte le iscrizioni al Corso di Acquerello. Rivolgersi di riferimento. Ma si sa, per dirla con Francesco Gabbani, che lapalestradellavita.it; nuovaera1987.it;
alla Pro Loco di Fonte Nuova (Roma), via delle Mimose 1 “c’è per tutti un’ora d’aria, di gloria” e che “la scimmia nuda youtube.com/user/vincenzopagliara;
(tel. 06.90024555) ogni giovedì dalle ore 17 alle ore 19. balla, nell’Occidentalis’ Karma di oggi”.
(Susanna Pelizza, da “Sulla Poesia e- Sull’Arte”, Amazon.it)
N. 10 - OTTOBRE 2019 LETTERATURA E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 7

È SEMPRE ATTUALE
CONSIDERAZIONI SU TRE LIBRI QUEL MARCELLO PERA – JOSEPH RATZINGER,
LIBRO DI TEODORI “SENZA RADICI. EUROPA,
DI SALVATORE SISINNI Nell'aprile del 1999 il giornalista ed ex parlamentare radicale RELATIVISMO, CRISTIANESIMO, ISLAM”
Avevo letto sul periodico n. 2 marzo-aprile 2019 Azione Sanita- Massimo Teodori, autore di vari libri e che fu pure tra coloro che
ria della e con particolare interesse l’articolo del collega Salva- (nel 1955) fondarono il Partito radicale, dette alle stampe un det- E’ stato firmato un trattato costituzionale che è un rebus fin dal
tore Sisinni: “Catttivi si nasce o si diventa?”, giacché questo tagliato lavoro su uno spinoso argomento, che fino a quel mo- titolo. Dopo tanta retorica sulla “riunificazione del continente”,
argomento era stato più volte e da tempo oggetto di miei scritti. mento non era ancora stato trattato così approfonditamente. gli Stati membri dell’Unione Europea sono divisi sul seggio
Le affinità di vedute già riscontrate nel su menzionato articolo L'opera, che venne pubblicata da Ponte alle Grazie - un noto mar- all’O.N.U., sulla guerra in Irak, sul dopo guerra, sulle relazioni
sono risultate più evidenti - in specie critiche riguardo all’appli- chio editoriale che ha avuto i suoi natali a Firenze -, era intitolata con gli U.S.A., sui rapporti con Israele, sulle organizzazioni ter-
cazione della legge Basaglia e l’attività di volontariato – nei suoi "Soldi e partiti. Quanto costa la democrazia in Italia?". roristiche, sulle politiche di Difesa, sui flussi migratori, sulla si-
lavori successivamente ricevuti. Tale testo - che ho recuperato solo recentemente -, arricchito fra curezza personale. Si registra un calo demografico e ci sono
Per la mia posizione critica anche per il settore legislativo (v.sul l'altro da molteplici tabelle esplicative, mi ha riservato una pia- difficoltà a competere sul mercato globale. Chiamati a votare per
n. di settembre di questo periodico, riprendendo quanto scritto cevolissima sorpresa. Infatti, oltre all'eccellente contenuto, vi si il Parlamento Europeo, gli elettori non si recano alle urne. Chia-
in due precedenti articoli: quando le leggi fungono da oppio dei può anche leggere una bella frase di Gaetano Salvemini, appo- mata a definire la propria identità, l’Europa si rifiuta di declinare
popoli (v. pg.7 n. 7-8 luglio-agosto 2017 del periodico salvemi- sitamente collocata nel frontespizio. Da quel breve pensiero dav- le proprie radici culturali e religiose. Questa Europa sembra Ba-
niano “L’Attualità” e il modello “contro l’altro” prevale anche vero così perfettamente ben prescelto, si intuisce già molto bilonia. Predica l’idea relativistica: non esistono valori univer-
nel nostro sistema di controllo sociale (v. pg 7, Attualità n. 10 ot- chiaramente un po' tutto il significato di questo impegnativo la- sali. Fa manifestazioni per la pace anche quando viene aggredita
tobre 2018). Di particolare interesse le storie sulle dipendenze, da voro. "Il guaio per le verità fabbricate - è appunto Salvemini che dalla “guerra santa” del fanatismo islamico. Per ipocrisia, usa il
quelle note oggi come ludopatie a dalle sostanze stupefacenti V. parla - è che, mentre è facile fabbricarle, prima o poi mostrano linguaggio “politicamente corretto”. Si autodefinisce “laica”
artt: 1) sul. N. 7-8 – luglio-agosto 2018, pg.13: “Chi è senza la corda, contraddicendosi: perciò sono difficili da amministrare. mentre applica una forma dogmatica e arrogante di
“droga” scagli la prima pietra”) 2) n. 6 –giugno, 2018 pg. 8 At- Invece la verità ricercata a fatica rimane sempre la stessa, e per- ideologia laicista.
tualità: “Come è emerso, in una scolaresca, il concetto di ma- ciò è facile da amministrare. Abraham Lincoln diceva che voi In questo libro, un docente universitario e un
schera sociale”. Mentre i miei impegni di volontariato li ritengo potete ingannare alcuni per qualche tempo, non tutti per sem- uomo di Chiesa analizzano la situazione
motivati da “egocentrismo socializzato”, cioè dalla mia convin- pre". Quasi a voler rimanere sulla scia di queste veritiere parole, culturale e politica dell’Occidente, con par-
zione che il mio benessere dipende da quello altrui (“Ego valeo si Teodori aggiunse alla sua opera un'interessante appendice, "Con ticolare riferimento all’Europa. Pur par-
tu vales” è il titolo di un articolo uscito sul n. 7-8 luglio-agosto una proposta di buongoverno per il finanziamento volontario della tendo da posizioni diverse, scoprono una
2018 del su menzionato periodico e di un editando lavoro) e da politica". Sono già trascorsi vent'anni esatti dalla suddetta assen- sostanziale convergenza sulle cause di que-
una posizione “teologica” che, pur in fondo in fondo alimentata nata proposta e, nel frattempo, alcuni opportuni cambiamenti in sta crisi e sui rimedi che potrebbero risol-
da scetticismo (forse ereditato da mio padre), ammettono anche tale direzione sono stati per fortuna attuati. verla. Pera e Ratzinger concordano sulla
una visione immanentista, quelli del collega Sisinni, sono invece Pur tuttavia i costi della politica rimangono ancora molto consi- necessità di un rinnovamento spirituale: una
sostenuti da una profondamente convinta Fede cristiana tradizio- stenti. Sarebbe quindi senz'altro ottima cosa il poter praticare ul- crescita morale che dia senso allo sviluppo tecno-
nale. Pier Luigi Lando teriori tagli, arginando così quegli inutili sperperi e quei tanti ed logico, economico, sociale, Una crescita auspicata oggi da Papa
ingiusti privilegi che in quei Palazzi continuano ad essere ancora Francesco. Maria Luisa Marcilli
fin troppo fiorenti. Luciano Masolini
GIORGIO BOCCA, “ANCHE IO HO DENUNCIATO”,
“IL PROVINCIALE. LA FISARMONICA (racconto) UN LIBRO SUL DRAMMA DELLA VIOLENZA
SETTANT’ANNI DI VITA ITALIANA” Quella sera Ada stava tranquillamente seguendo in TV uno spet- Nel mese di settembre si è svolta a Roma, nella cornice del Pa-
“Provinciale” si sente l’Autore di questo libro (Mondadori Edi- tacolo di canzoni trasmesso da un’arena famosa in tutto il mondo: lazzo Passarini Falletti, la presentazione del libro “Anche io ho
tore). Benchè viva in una grande città e sia stato a lungo, come te- Era felice di ascoltare uno dei suoi beniamini che conosceva da denunciato”, dell’autrice molisana Sabrina Lembo. Un libro che
stimone e cronista, al centro della vita italiana, non ha dimenticato quando era ragazza. Quelle canzoni le infondevano allegria; le racconta il dramma realmente vissuto da donne e non solo, che su-
di essere nato nella provincia di Cuneo, né di avere scoperto l’Ita- davano compagnia. Ad un certo punto quel bravissimo cantante biscono violenza psicologica, prima ancora che fisica, e la diffi-
lia come inviato dai giornali. Essere rimasto un provinciale è per eseguì “La fisarmonica”, un celebre brano degli anni ’60, molto coltà che incontrano nel denunciarlo. Non si tratta di un’opera
lui un motivo di fierezza o quantomeno un segno di diversità. Si- orecchiabile. Ancora oggi qualcuno ricorda i favolosi anni ’60. saggistica basata sull’osservazione di dati e di cifre, ma di un sen-
gnifica avere mantenuto, in un Paese in cui solo l’apparenza ha Mentre ascoltava quella canzone Ada ricevette una telefonata da sibile documento umano che raccoglie le testimonianze di chi la
importanza, il senso delle cose concrete, l’allergia alle generaliz- suo figlio. Fu un colpo al cuore, anzi una lama acuminata che la violenza l’ha vissuta sulla propria pelle: tre donne ed un uomo
zazioni e alle mode, la testardaggine delle proprie idee. trapassava crudelmente. Suo figlio le comunicava che, pur con che hanno trovato il coraggio di raccontare la violenza subita e di
Ma “provinciale” è anche l’Italia, quella di cui i giornali e la te- sommo dispiacere, non sarebbe venuto a trovarla per Natale, né sporgere denuncia. Questo libro – afferma l’autrice – vuole es-
levisione non si occupano più, ma che è invece la protagonista di le avrebbe portato il nipotino. Adduceva il freddo e la distanza sere un simbolo di riscatto e di incoraggiamento per coloro che re-
questo libro: un Paese che non ha centro, perché il centro è dap- come cause ostative. Ma lei capì che suo figlio, in realtà, non vo- stano soli, spesso sentendosi abbandonati e non creduti da
pertutto. Si intrecciano, così, la storia maggiore e quella minore. leva turbare certi equilibri di famiglia. Pensò allora a quella can- nessuno: «È un atto di coraggio alla denuncia collettiva, che non
Ai grandi personaggi si alternano le figure oscure ma significa- zone che tanto le era piaciuta da ragazza. Pensò alla composizione deve mancare mai…». Intorno a questi temi si è svolta la presen-
tive: la guerra partigiana e la Torino “dura e viva” dell’immediato di quel gioioso strumento. Aveva studiato musica tazione del libro, con un interessante dialogo-intervista tra Sa-
dopoguerra, Enrico Mattei e Angelo Rizzoli, ma anche gli indu- e pensò a quanti tasti bisogna usare per creare brina Lembo e l’attrice Katia Pietrobelli, che è anche autrice
strialotti di Vigevano, Lascia o Raddoppia, il delitto Fenaroli, il un’armonia. Voleva che suo figlio vivesse in ar- della prefazione al volume. «Qualcuno mi ha domandato: perché
Sessantotto. gli anni di piombo, la mafia, il generale Dalla Chiesa, monia nella sua nuova famiglia così come hai scritto questo libro?», ha detto Sabrina. «E la mia risposta è
ma anche i vignaioli Bianco di Barbaresco e gli uomini delle mon- aveva vissuto nella sua vecchia famiglia. Ada, stata: “Perché è il più grande atto d’amore che potevo compiere
tagna piemontesi e valdostane. Il “provinciale” è dunque la vita quindi, al telefono rimase serena e propose a nei confronti di chi ha subito violenza”…».
di un uomo riassunta attraverso la storia collettiva. Allo stesso suo figlio di rinviare l’incontro all’epoca delle Scritto in lingua italiana e spagnola, sotto forma di sceneggiatura,
tempo, è testimonianza, autobiografia e romanzo. vacanze. Si rendeva conto che non è giusto che i il testo è destinato alla rappresentazione teatrale, grazie al rap-
Maria Luisa Marcilli figli soffrano a causa dei genitori. porto di collaborazione con l’Associazione “Vite senza paura”,
Decise di accettare questo sacrificio per non complicare la vita a presieduta da Maria Grazia Cucinotta, la celebre attrice italiana
suo figlio. E pianse. Angela Libertini che, al pari di numerosi artisti, esprime il suo impegno anche nel
ANGELA CAMUSO, “MAI CI FU PIETÀ. Intervista a Michele G. Bianchi sulla funzione pedagogica
sociale. Se la violenza e il femminicidio fanno registrare inquie-
tanti segnali di crescita, il modo migliore per opporsi a questi fe-
LA BANDA DELLA MAGLIANA, della giustizia nel Nuovo Processo Penale Minorile.
nomeni – afferma Sabrina Lembo – è quello di attivare percorsi
di sensibilizzazione in ambito sociale e culturale. Ed è proprio in
questa direzione che il volume “Anche io ho denunciato”, e gli
DAL 1977 A MAFIA CAPITALE”
Questo libro (Castevecchi Editore) analizza una vicenda crimi-
nale che non smette di porre interrogativi inquietanti e le cui pro-
ANTINOMIA DELLE DUE SOSPENSIONI
(37A parte) M. Bianchi: Chiedersi in che senso sostegno valuta-
eventi futuri che ad esso saranno collegati, vogliono offrire un
contributo. «Si tratta di un progetto da costruire insieme», ha con-
cluso Sabrina Lembo, sottolineando che bisogna creare una rete
virtuosa non solo in Italia, ma anche in altri Paesi. La scelta delle
paggini arrivano fino ad oggi (inchiesta giudiziaria su Mafia zione e recupero siano nozioni giuridiche più che psicologiche è due lingue è finalizzata proprio a questo obiettivo: una maggiore
Capitale, sulla nuova Cupola guidata da Massimo Carminati). E’ domandarsi del senso della sospensione del processo, della messa diffusione in Paesi, quali la Spagna e il Sud America, dove la sen-
la storia della Banda della Magliana, un gruppo nato alla fine alla prova e del mandato di sostegno ma anche del rapporto tra pena sibilità a questa tematica è molto elevata. Carmen Galoppo
degli Anni Settanta e composto da malavitosi di borgta, figli della ed educazione, legge e giustizia, autorità e violenza. Lo vede anche
miseria ma scaltri abbastanza per mettersi al servizio di Poteri lei? Ovvero, se si vuole, domandarsi infine del rapporto del carat-
Occulti, della Mafia e delle frange eversive che miravano a de- tere col destino e la sua potenza, il suo potere, del nesso, ancora – nesso in genere presupposto e impensato - tra l’origine e la persona-
stabilizzare l’Italia. Scritto con il ritmo narrativo del romanzo e lità a cui si sarebbe destinati come qualcosa che rotola su di un piano inclinato, come una bobina che si dipana. Questo potere della legge
con una rigorosa aderenza ai fatti, questo libro ripercorre le tappe è giusto? È davvero legittimo? M. Abbate Trovato: La forza della legge è giusta?
di un sodalizio che ancora oggi occupa un posto di rilievo nel- M. Bianchi: Ecco la domanda essenziale qui convocata. Ci accorgiamo, in altre parole, come il nuovo processo penale minorile convo-
l’olimpo della malavita organizzata. chi, nel suo teatro, con una tale domanda due diversi e antinomici tipi di sospensioni: si sospende il processo perché la non interruzione
L’Autrice, che ha attinto a centinaia di documenti giudiziari (com- dei processi educativi, già sempre presupposti dalla legge essere in atto nel soggetto, non vengano ad essere interrotti, sospesi od arre-
presi quelli su Mafia Capitale) fa parlare i protagonisti, citando stati. Si tratta del momento massimamente esigenziale del fine educativo di questa operazione, di questa tentatività, giuridica. Laddove,
nomi, luoghi e circostanze in una sequenza agghiacciante di de- in altri termini, il processo non venisse sospeso si abbandonerebbe il minore al più alto rischio “iatrogeno” del sistema penale: la sua stig-
litti e di misteri: dall’omicidio del giornalista Mino Pecorelli al se- matizzazione come “deviante”, come “delinquente”. In tal senso, anche qui, c’è in gioco qualcosa come una igiene mentale giuridica. Tale
questro di Aldo Moro, al rapimento di Emanuela Orlandi, alla piano giuridico della prevenzione sembra non coincidere, però, non almeno perfettamente con le logiche assistenziali, sostanzialmente
misteriosa morte di Angelo Angelotti (il bandito che tradì Rena- standardizzate, all’interno del sistema sociosanitario descritto a livello della WHO dal dopoguerra fino ad oggi, e più recentemente dal
tino De Pedis).E’ una storia che dura da quarant’anni grazie ad Federal Centro Federale per l’Educazione alla Salute, il BZgA, con i suoi famosi quattro workshop di Colonia organizzati tra il 2008 e
una rete di insospettabili complici: prelati, magistrati, esponenti il 2009 durante i quali diversi “esperti” invitati svilupparono i nostri standard europei per l’educazione ai sentimenti adulti e alla sessua-
di Forze dell’Ordine e politici. lità matura da adottarsi nelle scuole.
Nonostante clamorosi pentimenti e faide sanguinose, quelli della M. Abbate Trovato: In effetti la giustizia non è mai esaurita da rappresentazioni e istituzioni legali precisamente corrispondenti alla re-
Magliana non sono mai usciti di scena. Anzi, hanno compiuto una altà della vita quotidiana. Così, se ciò che è giusto si pone sempre oltre ciò che è semplicemente legale, allo stesso tempo sempre pure
rapida scalata sociale, come dimostra la presa del Campidoglio non esiste affatto una giustizia che non dovrebbe far parte di un diritto, che non dovrebbe inscriversi in un sistema e in una storia di le-
da parte di Carminati, ex militante dei NAR e già membro della galità, in politica e nello Stato. Se il dovere del diritto è quello di avere la precedenza sulla forza, pure non sembra essere un vero diritto
Banda. Anticamente venivano chiamati “uomini di coltello”, oggi se non comporta, in se stesso, il potere della sua attuazione, una tecnica dunque per attuarsi, un esercizio della forza, un esercizio tecnico
usano armi da fuoco e trafficano in droga e prostituzione. Nel- della forza… M. Bianchi: …fino alla possibilità di ogni tipologia di conflitto e scontro, guerra compresa, aggiungerei. Nel concetto
l’Ottocento Rugantino e i suoi amici si ribellarono alla corruzione stesso della sua autorità, ciò che richiede e afferma di avere forza di legge si lega così sempre alla violenza. Questo è il punto. La giusti-
della nobiltà e del clero; i banditi di oggi sono servi del Potere zia senza forza è impotente. Ma – bisogna aggiungere – che se la giustizia senza forza è impotente la forza senza giustizia è totalitaria e
Occulto. Pasolini li ha definiti “ragazzi di vita”. Chiamiamoli brutale. Il rischio del totalitarismo sembra porsi all’origine stesso della legge. Ora, se l’uomo sembra come inchiodato alla soggettività –
come vogliamo ma una cosa è certa: la Politica viene gestita pre- come potrebbe il suo nome proprio, la cifra più intima del suo essere, venire pronunciato da un altro uomo se il “soggettivo” di questa
valentemente da corrotti, specialmente a Roma. pronuncia si raccogliesse in un’“oggettività”? -, il rapporto con la legge sembra proprio un elemento costitutivo della genesi di ogni di-
Maria Luisa Marcilli mensione soggettiva dell’esperienza, come ha sostanzialmente ribadito nel 2012 Stefano Rodotà nell’edizione ampliata del suo studio del
2006 sul rapporto della vita umana con l’autorità delle regole di convivenza sociale. Ebbene, se in questo rapporto ne va della singola-
rità di ciascuno, la quale è per tutti insostituibile, è proprio questa singolarità che la letteratura di tutti i tempi fa conoscere, direi più che
“La penna è più potente del fucile. democraticamente essotericamente, e che richiama all’attenzione del diritto, prima ancora – così sembrerebbe - di quanto non possa fare
L’istruzione è l’unica soluzione ai mali del mondo. la filosofia del diritto così come noi la conosciamo nella modernità scientifica e postcartesiana, illuministica romantica e neodarwiniana.
Un richiamo, in particolare, alla letteratura mitteleuropea sta nell’incipit del libro del giurista italiano sulla vita e l’autorità, dove vengono
Tutti devono capire che un insegnante, un libro e richiamati alcuni saggi di Walter Benjamin del 1921: da un lato Destino e carattere, da un altro lato Per la critica della violenza. Que-
una penna sono in grado di cambiare il mondo”. st’ultimo, in particolare, viene considerato in riferimento a Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita di Giorgio Agamben, del 1995,
Malala Jousefzai ma soprattutto in rapporto ad un colloquio sul “Nome di Benjamin” tenuto da Jacques Derrida in un’università statunitense nel 1990, ri-
(Premio Nobel per la Pace, 2015) visto ed ampliato per le edizioni Galilée nel 1994 e raccolto in Force de loi, un libro che è stato tradotto e pubblicato in Italia dalla Bo-
ringhieri con il titolo Forza di legge. Il «fondamento mistico dell’autorità». Raccogliendo una parola di Montaigne, Pascal parla anche
di un «fondamento mistico dell’autorità». Michelangelo Abbate Trovato
L’ATTUALITÀ, pag. 8 MEDICINA E ATTUALITA’ VARIE N. 10 - OTTOBRE 2019

DA MASCHERA SOCIALE A IPOCRISIA IL PASSO È BREVE MYSTERIUM: UN PROGETTO IMPROGETTABILE


“Maschera sociale” per quegli adolescenti studenti di terza media ai quali io per incarico del mio Mysterium, opera inter-mediale per un suono povero. Si tratta di un’opera composita in cui con-
Ministero avrei dovuto parlare di droga significava amara solitudine di cui soffrivano in seno alla fluiscono e si articolano ulteriormente almeno tre ordini di ‘operazioni’ per dare luogo a quella che
famiglia paterna (V. a pg. 8, n. 6 –giugno 2018 di questo periodico: “come è emerso, in una scola- con il Claude Levi-Strauss de “Il pensiero selvaggio” (1962) potremmo considerare come l’opera
resca, il concetto di “maschera sociale”). che fosse quello il punctum dolense di quei ragazzi lo mo- di un bricoleur ovvero un’opera che non solo monta insieme per un altro tipo di finalità elementi
strarono allorché da un’indiavolata scomposta e pure aggressiva agitazione passarono a un estranei e tra loro eterocliti, ma nel far ciò porta sempre con sé la possibilità di un loro s-montag-
atteggiamento di fiducioso ascolto, tutti seduti ai loro posti. Che avessi toccato detto punctum di- gio. Il primo elemento in questione è il progetto d’arte e solidarietà Un Sorriso dall’Africa. La con-
venne evidente quando avevo chiesto ad alcuni di loro: “dopo tutto questo casino, riuscirete a sta- dizione della donna in Kivu (Repubblica Democratica del Congo), ideato e realizzato dal giovane
bilire un rapporto di amicizia con qualcuno dei vostri compagni?” e, ancora più chiaro divenne artista romano Emiliano Yuri Paolini. L’opera consiste nel fotografare i sorrisi di 25 studenti di
quando io, sceso dalla cattedra e mi ero avvicinato a loro ormai tutti al proprio posto, gli chiesi: filosofia non ancora laureati, stampare in bianco e nero queste foto su tele di due metri per due in-
”Come potrà capitare a ognuno di noi, in momenti n cui si sente il bisogno di confidarsi con qual- vitando dei bambini di origine africana a colorarle liberamente e poi invitare 25 docenti universi-
cuno, questo qualcuno ce l’avete? ” ‘O fatto e‘ chisto, statemi a sentire:”direbbe Totò:” Dagli stessi tari di filosofia a sottoscriverle ponendo in calce ad ognuna di esse la propria firma. Il secondo
discorsi di questi alunni è emerso che nei confronti di genitori che si attendono, senza possibilità di elemento consiste in una ricerca che trova il suo atto di nascita in quello che Stefano Valente e Mi-
appello” da ogni figlio un determinato modo di vita le reazioni più comuni sono o la ribellione (esa- chele Giacinto Bianchi hanno chiamato: Manifesto per un suono povero, dove si tracciano le linee
cerbazione dei comportamenti peraltro della fisiologica fase dell’opposizione e dei dispetti) oppure di fondo di una ricerca relativa ad un inedito modo di articolare il rapporto tra la musica e il sacro
(“pro bono pacis”, per continuare a godere dei vantaggi concessi da genitori accontentati, sia pure alla luce dell’esempio esemplare di San Francesco d’Assisi.
per finta, da ubbidienza senza se e senza ma. Il terzo elemento è l’opera postuma del grande compositore russo Aleksandr Skrjabin intitolata
La vergognosa condizione di ipocrisia per cui, in illo tempore, i relativi peccatori avevano meritato appunto “Mysterium”. Nelle intenzioni dell’autore si sarebbe dovuto trattare di un’opera inter-
l’invettiva evangelica con l’epiteto di sepolcri imbiancati, al lume di attuali conoscenze appaiono mediale che avrebbe dovuto essere eseguita sull’Himalaya, sul tema dell’Armageddon, una gran-
come vittime di metodi di allevamento le cui conseguenze sono oggetto del libro di Di Giuliol: “Il diosa sintesi religiosa di tute le arti intesa a proclamare la nascita di un mondo nuovo ed
nemico interno – dialoghi con gli oppressi “ (v. sul presente periodico l’articolo: un libro di di giu- intenzionata a fondere tutte le seduzioni dei sensi (suoni, danze, luci e profumi) e che avrebbe do-
lio di cui si auspica la riedizione). l’aver avuto, sin da ragazzo, la ventura di avere confidenze in- vuto essere “celebrata” in un tempio emisferico.
time ed esclusive – al punto che chi mi si confidava o, esplicitamente o, di solito implicitamente, La composizione Mysterium non fu mai portata a termine.
mi dava a intendere che neanche ad alcuno dei familiari avrebbe detto ciò che confidava a me), mi Ora il nostro progetto improgettabile si propone di realizzare una performance inter-mediale con
conferma che la realtà dei rapporti tra familiari spesso non corrisponde al mito della famiglia come le musiche di Alexander Skrjabin, eseguite davanti alle tele di Un Sorriso dall’Africa; musiche pre-
il luogo dei rapporti autenticamente sinceri. L’esigenza di esclusive cure parentali sarà più difficile cedute ed accompagnate dalla lettura del Manifesto per un suono povero. Questo progetto utopico
da soddisfare allorché anche i genitori si trovino in condizione di carenze affettive per cui anche ha già trovato parziale realizzazione e rappresenta la meta ideale a cui tende un lavoro che si sta
loro stessi si troveranno spinti a competere per prestazioni parentali. già sviluppando prevedendo varie tappe. Stefano Valente
Il conseguente fenomeno dell’”inversione dei ruoli” si mostra tutt’altro che eccezionale. Mi ri-
sulta che tante coppie che durano più a lungo lo devono alla capacità di almeno uno/a dei partner
di recitare, evitando ciò che potrebbe toccare la suscettibilità dell’altro/a partner, quindi“tirando a
campà”. In definitiva, menage coniugali la cui durata dipenda dall’indossare maschere permar-
ranno finché i criteri su cui si mette su famiglia saranno quelli che tuttora risultano prevalenti, cioè
mossi da istanze che vanno da quelle narcisiste a quelle di interessi di mercato, nonché su attrazioni
che comunque vengono ritenute di autentico amore. Giacché la consapevolezza circa insidiose
contingenze, in specie disturbanti il rapporto coniugale, potrà giovare a non trovarsi im-
CAMICI BIANCHI A SCUOLA DI AUTODIFESA
Mentre al governo si spartiscono le poltrone, i medici e gli infermieri d’Italia subiscono aggres-
preparati a fronteggiarle adeguatamente, ancora una volta faccio presente quanto sioni ogni giorno mentre svolgono il proprio lavoro. Solo nel Lazio è stata registrata una media di
possano risultare controproducenti attese come quella di una soddisfacente e du- 100 episodi all’anno, lo dice uno studio fatto dall’Università di Tor Vergata che parla a suon di nu-
ratura soddisfazione erotica e della prevenzione della solitudine. Ciascun lettore meri: ben l’89,6% degli operatori sanitari è stato vittima di violenza fisica, verbale, telefonica o ad-
potrà riscontare nella propria esperienza i tanti motivi di solitudine, reale o psi- dirittura di molestie sessuali da parte dell’utenza sul luogo di lavoro. Si tratta nel 43,1 % di lancio
coemotiva, in seno a una coppia coniugale. Infine, tanti drammi coniugali po- di oggetti e sputi, 39,1 % graffi, schiaffi e pugni, 36,6 % tentata aggressione, 35,4 % spintoni,
trebbero essere evitati specialmente se le ragazze, magari con l’aiuto di un 26,2% calci. Per questo motivo l’Ordine Nazionale degli Infermieri e dei Medici, hanno deciso di
gruppo di self help, avviassero a soluzione, problemi da frustrazioni subite da offrire gratuitamente ai loro iscritti dei corsi con l’obiettivo di ridurre l’aggressività nella relazione
figure maschili, condizioni di debolezza del’Io per cui si rischia di rimanere af- interpersonale e sensibilizzare gli operatori circa i comportamenti necessari ad evitarla. Il progetto
fascinate da un macho: l’alleanza con uno più forte non assicura che si diviene più si chiama “C.A.R.E.” (Consapevolezza, Ascolto, Riconoscimento, Empatia), prevenire, ricono-
forte che, anzi, si rischia di venire manipolati, se non proprio fagocitati e quanto di scere, disinnescare l’aggressività e la violenza contro gli operatori della salute.
peggio ci ammannisce quasi quotidianamente la cronaca nera. Pier Luigi Lando Il corso è composto da 12 sezioni con video specifici per ogni argomento il cui obiettivo è diminuire
l’intensità della tensione e dell’aggressività nella relazione interpersonale.
Il responsabile della formazione è lo psichiatra, criminologo e scrittore Massimo Picozzi. Sarà sua
VANO VIANDANTE, MESSAGGERO PER CASO cura consapevolizzare i professionisti circa le dinamiche e gli atteggiamenti che insorgono nella
persona aggressiva così da poter adottare interventi il più possibile adeguati alla situazione. Dal-
l’ascolto attivo all’utilizzo di toni pacati, dal linguaggio semplice al contatto visivo, dalla giusta
Qual viandante messaggero che invano / prova ad avvisare le genti a ordinarie opre intente, /circa le ragioni distanza di sicurezza al contatto emotivo. Arianna Paolucci
per caso individuate / per cui salutari sorgenti non giungano a valle / per dissetare tanti di essi che stanno sof-
frendo mortalmente la sete, / mentre tanti altri si trovino intossicati da micidiali veleni / così anch’io per mezzo
mondo vagando/ e, per anni, provando, ma invano, / a sollecitare consapevolezze / su condizioni e fattori che
drammaticamente avvelenano / i rapporti umani. Tal, invero mi appare la sorte d’ogni mio messaggio / su co-
noscenze che mi risulta rivelino le ragioni / per cui i nostri organismi si trovino inquinati e in tensione /e che,
come il su accennato fantomatico viandante, / al di là di una mia specifica intenzione, / ebbi la ventura di ac-
Il galateo dei social.
quisire e verificare. / Cosi rimangono ignorate le conseguenze / di psicoemotivi traumi e di affettive carenze
/ che negativamente interferiscono con un’armonica evoluzione / delle potenzialità evolutive delle persone / e
di un’altrettanto soddisfacente evoluzione dei rapporti umani / Nonostante ogni buona intenzione, / apprezza-
11° COMANDAMENTO: NON ODIARE
bili impegni di tanti esperti, studiosi, / operatori generosamente volontari e professionalmente qualificati, / Stimatissimi lettori, ritorniamo su un argomento a noi particolarmente caro che è quello del ga-
tali rapporti permangono fortemente disturbati. / Ogni mio messaggio sinora è finito per sparire come bolla di
sapone / Che per quanto bella nei suoi iridescenti colori / Si dilegua senza lasciar traccia al primo contatto / lateo dei social network. Una serie di comportamenti non scritti che sarebbe bene ottemperare
con qualcosa della dura realtà / Se, ancora, ad un’analogia intendo affidare / quel che mi pare avvenga dei miei quando ci approcciamo ad uno strumento così forte, al punto che non ce ne rendiamo neanche
reiterati tentativi / a diffondere il frutto delle mie esperienze, / l’immagine del seminatore della ben nota pa- conto, come sono i social network.
rabola evangelica / mi viene alla mente e buona parte dei miei messaggi sono incappati / comunque su terreni Questa volta ci soffermiamo sulla facilità che si utilizza spesso su tali piattaforme Per criticare
non fertili. Pier Luigi Lando in maniera anche molto feroce qualcosa o qualcuno, al punto tale che un commento non viene
preso in considerazione se non è un commento aggressivo e negativo su qualche cosa. Infatti
DENARO IDOLO SOTERICO esiste un termine che bel definisce questa situazione, catalogando le persone che esprimono di
frequente, se non addirittura sempre, commenti negativi con il termine di “HATERS” ossia di
A torto molti vedono /la futura sicurezza, / della vita la bellezza / nel denaro accumulato. /Ed è fiato ognor spre- coloro che odiano, e o se ci viene passata la traduzione letterale, di odiatori. Esiste infatti la ca-
cato / se di altro a loro tu parli / col denaro devi cibarli / nel denaro solo credono. / Io non metto in discussione tegoria degli odiatori seriali, e ci piace in questa sede spiegarne il triste perché.
/ che il denaro è la ragione / di tante nostre dure azioni e che desso è pur la fonte / di tanti nostri piaceri; ma Le piattaforme sociali sono particolarmente adatte a questo tipo di persone perché consentono a
qui voglio precisare / ch’è ormai una corsa pazza / desso solo accumulare: l’è una vita che ci ammazza!
Pier Luigi Lando chi fa un commento di essere nascosto e a volte anche anonimo, ed in più il commento fatto sul
web ha una velocità ed una capillarità di diffusione superiore ad ogni altro mezzo, quindi è uno
strumento al contempo segreto per chi odia (lo chiameremo “odi-attore”) ed estremamente effi-

RIFLESSIONI SULL’OBIEZIONE DI COSCIENZA


L’obiezione di coscienza nella Sanità italiana sta diventando allarmante, lo dicono i dati del Ministero e
cace. Spesso si tratta di gente repressa, ma anche di gente e ben organizzata con precisi intenti
di natura sociale e non solo. Fomentare l’odio online è diventata l’ultima frontiera degli obiet-
tivi di utilizzo dei social.
Non ci riferiamo a nessuna categoria in particolare e a nessun attore in particolare, perché pur-
la cronaca. Le sue radici concettuali risiedono nell’autotutela e nel diritto di resistenza, nonché nella li- troppo questo fenomeno abbraccia tutti gli ambiti e tutti livelli della vita civile!
bertà di coscienza e, quindi, nel diritto all’autodeterminazione. Da un punto di vista squisitamente etico- Andando dai singoli rapporti umani fino a ai rapporti nazionali ed internazionali. Da qui scatu-
esistenziale l’atteggiamento di opposizione alla norma di comportamento eteroimposta risulta scaturire rirà una riflessione ancora più profonda sulle conseguenze di questo odio nei confronti delle
dalla fedeltà interiore ad un dato assiologico ritenuto supremo (di matrice religiosa o laica che sia), tanto persone più deboli, che sono i minori, andando a sfociare nel Cyber bullismo, fenomeno di cui
elevato da sovrastare le leggi deputate a preservare il patto sociale. La stampa, anche nazionale, si è tratteremo in un prossimo articolo. In questa sede ci soffermiamo anzitutto sui Suggerimenti da
molto occupata della sentenza di assoluzione in appello di una farmacista triestina, ma operante a Mon- dare ai nostri lettori affinché non ci si trovi a volte anche involontariamente dalla parte degli
falcone, che si era rifiutata di vendere la cosiddetta pillola del giorno dopo (che può avere effetti abor- odi-attori e termineremo con consigli altrettanto utili su come difendersi da chi odia online.
tivi) ad una coppia che ne aveva fatto richiesta nella farmacia ove lavorava. Il fatto risale ormai a cinque Per quanto riguarda i consigli attivi ossia quelli per evitare di trovarci dalla parte di chi odia,
anni fa. L’assoluzione era già arrivata in primo grado, ma la procura aveva fatto ricorso e siamo così ar-
rivati a questa seconda sentenza di assoluzione. Gran parte dei commenti è stata di soddisfazione, e giu- suggeriamo di non dare il proprio assenso ed il proprio gradimento a commenti contro qualcuno
stamente per la coerenza di vita e il coraggio della testimonianza da ella dimostrato. La dottoressa aveva o qualcosa, anche se in forza di giusti principi. Ciò non vuol dire che non si debba esprimere la
fatto obiezione di coscienza circa la sua collaborazione ad una interruzione di gravidanza per via chimica, propria opinione, tutt’altro, quello che si raccomanda è di farlo sempre in maniera molto civile
aveva rischiato sulla propria pelle e, come una moderna Antigone, aveva preferito obbedire alla legge e di non abboccare a trappole molto presenti sul web rappresentate per esempio da post del tipo:
degli dei piuttosto che a quella degli uomini. L’evento è degno della massima attenzione anche per il suo “se sei d’accordo ad essere contro qualcosa, metti un like a questo post, oppure condividi que-
contenuto, ossia il riconoscimento del diritto all’obiezione di coscienza. A questo proposito l’occasione sto post”. Si tratta in questo caso di vere proprie trappole mediatiche utili anche per dare infor-
è propizia per fare qualche ulteriore riflessione. Va tenuto presente che il giudice di primo grado non mazioni di profilazione sul ciascun utente; ricordiamoci che i nostri like e le nostre condivisioni
aveva riconosciuto il diritto dell’accusata all’obiezione di coscienza, ma l’assoluzione era stata motivata
dalla leggera entità del danno provocato. Se la motivazione della sentenza di appello dovesse confermare vengono spesso utilizzati per conoscere il nostro pensiero. Basti pensare, ci limitiamo a riferire
questa linea, risulterebbe quindi eccessivo parlare di “vittoria del diritto all’obiezione di coscienza”. Ciò, argomenti di cronaca diffusa, come alcuni dati su un determinato social molto famoso siano stati
naturalmente, nulla toglie al valore del comportamento della signora, ma impedisce di cantare troppo pre- venduti ad una società di profilazione, relativamente a circa 100 milioni di utenti, per poter co-
sto vittoria sul fronte del riconoscimento dell’obiezione di coscienza. La strada verso il riconoscimento noscere il pensiero di questi utenti-vittima e magari utilizzare questa informazioni a volte anche
dell’obiezione di coscienza è ancora lunga e sarà anche molto accidentata se non si chiariranno i suoi veri in materie sensibili per finalità di promozione commerciale e fin qui sarebbe poco male, o ma-
fondamenti. L’attuale cultura giuridica, infatti, non è in grado di distinguere quando l’obiezione di co- gari anche per finalità politiche. Quindi mi raccomando molta attenzione.
scienza è fatta “per obbedire alla legge degli dèi”, vale a dire per rispettare valori di ordine oggettivo, e Ricordate che tutto ciò che viene pubblicato rimane per sempre su queste piattaforme. Anche
quando è fatta per coerenza con un desiderio individuale. Logica vorrebbe che il primo tipo di obiezione nel momento in cui dovessimo chiudere il nostro profilo, il gestore della piattaforma potrà sem-
di coscienza fosse difeso dalla legge, mentre il secondo no. Ma per farlo bisognerebbe avere una cultura
giuridica fondata sull’oggettività del diritto e sulla sua relazione con un ordine morale. Viceversa, anche pre disporre dei nostri dati e i dati siamo noi a fornirli.
una donna incinta potrebbe fare obiezione di coscienza a che il figlio nasca. E non si può contempora- Per quanto riguarda invece la difesa dagli haters, in questo caso ricordiamo che ci sono vari stru-
neamente convalidare l’obiezione di coscienza della farmacista che non vuole collaborare ad un aborto menti che elenchiamo di seguito: per prima cosa quando ci si imbatte in questi fenomeni biso-
e l’obiezione di coscienza di una mamma che vuole invece abortire. Solo il primo può essere un diritto gna bloccare il profilo di chi si comporta in maniera odiante (è odiosa...), sperando che tale
contemplato. Questo, solo per dire che il riconoscimento del diritto all’obiezione di coscienza non può semplice mezzo possa essere sufficiente.
fondarsi solo sul diritto ad essere coerenti con la propria coscienza, ma dovrebbe estendersi ai fondamenti Di fronte invece a situazioni di odio più profonde si può fare riferimento al codice penale e pre-
oggettivi ed indisponibili della coscienza. Ma questo esula dalle possibilità della cultura giuridica di cisamente all’articolo 595 sulla diffamazione, che può essere semplice o addirittura aggravata.
oggi, purtroppo. Siamo sicuri che il comportamento della signora oggetto della sentenza rispondeva al In tale caso è utile oltre al blocco del profilo di chi odia, fare anche una segnalazione alla poli-
significato vero del diritto all’obiezione di coscienza, come adesione a dei valori indisponibili e a carat-
tere assoluto e vincolante ogni coscienza che voglia dirsi retta. Il suo gesto ha quindi portato avanti la zia postale, a maggior ragione se tale odio viene espresso contro di noi stessi come persona od
giusta causa del riconoscimento di questo diritto. La sentenza, invece, non ancora del tutto. Per questo anche come categoria. Ed ancora una volta in conclusione ci viene in mente una semplice frase
c’è da augurarsi che il gesto emblematico della farmacista triestina possa essere imitato anche da altri e presa dal film dell’uomo ragno, che tutti noi conosciamo, e che abbiamo già citato, tale frase re-
indurre così una nuova e corretta visione giuridica dell’obiezione di coscienza. Pierluigi Vignola cita: “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”. Alessandro Massimi
N. 10 - OTTOBRE 2019 ARTI FIGURATIVE E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 9

IL MURO DEI XII


in questa breve nota vogliamo presentare la seconda tappa del
CANOVA A ROMA:
ETERNA BELLEZZA MOSTRE D’ARTE A ROMA
Presso la prestigiosa Galleria d’Arte di Corso Sempione n. 8,
progetto MYSTERIUM che ora trova una sua ulteriore articola-
zione nell’opera dell’artista romano Umberto Ippoliti; opera che Dal 9 ottobre, presso il Museo di Roma, si terrà una grande mostra Roma, diretta da Mario BORGATO, avranno luogo le Mostre
vede come protagonisti le riproduzioni pittoriche delle dodici mo- dedicata all’artista Antonio Canova dal titolo “Canova. Eterna personali di Stefano SESTI (dal 9 al 16 ottobre), degli ARTISTI
numentali statue degli apostoli presenti nella navata centrale della bellezza” curata da Giuseppe Pavanello. Incorniciati all’interno di ALTO LAZIO e UMBRIA(dal 18 al 27 ottobre), e di Antonio
Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma. Il 6 settembre un allestimento dall’eccezionale effetto scenografico, oltre 170 GANDOSSI (dal 28 ottobre al 4 novembre). Ingresso libero.
scorso l’artista presso la galleria Mitreo-Iside (in via M. Mazza- opere di Canova e artisti a lui coevi animano le sale del Museo di Per ulteriori informazioni rivolgersi al cell. 3208787559, oppure
curati, 61 Roma) ha realizzato un grande pannello dove sono so- Roma a Palazzo Braschi: in uno spettacolare gioco di luci e scrivere alla mail: marioborgato@yahoo.it
vrapposte l’una sull’altra in due file da sei le figure dei dodici ombre, tra eleganti movenze e apparizioni di mitiche divinità,
apostoli andando così a comporre un alto muro di icone (infatti il l’esposizione capitolina racconterà in 13 sezioni l’arte canoviana
primo riferimento simbolico di tutta l’operazione è proprio la ico- e il contesto che lo scultore trovò giungendo nell’Urbe nel 1779.
nostasi che nelle chiese ortodosse separa quello che noi chia-
miamo presbiterio dal resto dell’assemblea). Un primo aspetto da
La mostra è promossa e prodotta da Roma Capitale, Assessorato
alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni UN CAPOLAVORO DEL REALISMO
mettere subito in evidenza è l’assentarsi dell’artista dall’opera. Culturali e Arthemisia, organizzata con Zètema Progetto Cultura.
Ippoliti, infatti, non crea direttamente le figure dei dodici apo- È possibile visitare la mostra fino al 15 marzo 2020 da martedì a
stoli, ma lavora su di una loro riproduzione senza stravolgere il domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Mirko Riccelli
loro senso e limitandosi ad interventi marginali che vorremmo
chiamare addirittura decorativi od ornamentali. Solo cogliendo e
Mons.
sperimentando il carattere di soglia di questo muro di icone po-
tremo sentirci in comunicazione e in comunione con queste mae- DE CHIRICO A MILANO Amerigo
stose figure, sfigurate dall’intervento dell’artista, ma non per
profanarle, bensì per aprirle al loro essere comunque espressione Lo scorso 25 settembre, presso il Palazzo Reale a Milano, è stata
inaugurata una grande mostra su Giorgio De Chirico con oltre
Ciani
dell’invisibile ‘essere’ della comunità. Ma la comunità dei dodici
dopo il tradimento di Giuda è e sarà sempre una comunità sfon- 100 dipinti provenienti da tutto il mondo, volti a percorrere la
data, bucata, incompleta, aperta, fratturata, non-tutta. In altri ter- grande carriera dell’artista.
mini tale comunità (che è la Chiesa) custodisce sempre un posto Un ritorno in grande stile, in quanto le sale del Palazzo Reale “Vecchio
vuoto che proprio perché vuoto mette in condizione quella co- tornano ad ospitare una mostra dell’artista a cinquant’anni di col sigaro”
munità di non chiudersi su se stessa scambiandosi per quella to- distanza dalla personale tenuta nel lontano 1970.
talità monolitica che non è, non può e non deve essere. Grazie La mostra è curata da Luca Massimo Barbero ed è promossa dal
all’opera di Ippoliti essa si rivela essere una comunità etico-este- Comune di Milano, da Palazzo Reale, da Marsilio e da Electa, in Cera su cartone,
tica di senso dove a venir comunicato non è questo o quel mes- collaborazione con la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico.
saggio, ma è la comunicazione medesima. Cos’altro è ciò se non È possibile visitare la mostra fino al 19 gennaio 2020, ad un costo 1987
una profonda esperienza di comunione! L’opera di Ippoliti di- di 14€, nei seguenti orari: il lunedì dalle ore 14.30 alle ore 19.30,
venta così l’occasione per sperimentare attraverso un vero e pro- martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle ore 9.30 alle ore 50 x 70 cm.
prio simbolo una comunione sempre possibile-impossibile perché 19.30, mentre giovedì e sabato dalle ore 9.30 alle ore 22.30. Per
si dà ogni volta di nuovo in quel luogo-non-luogo utopico che maggiori informazioni visitate il sito: www.dechiricomilano.it.
chiamiamo MYSTERIUM. Stefano Valente Mirko Riccelli

PICASSO A FAENZA IL GENIO ARTISTICO


CONCLUSALA Dal 1 novembre al 12 aprile 2020 il Museo Internazionale delle
DI LIANA BOTTICELLI
BENEBIENNALEDESIGN 2019
Ceramiche di Faenza ospiterà la mostra dal titolo “Picasso. La
sfida della ceramica.“, curata da Harald Theil e Salvador Haro
con la collaborazione di Claudia Casali. Grazie a tale mostra il
visitatore avrà la possibilità di osservare il rapporto di Picasso
con l’argilla, grazie all’esposizione di cinquanta ceramiche “Vaso di fiori”
dell’artista di proprietà del museo faentino.
Tra queste ceramiche vi sono anche quei pezzi che l’artista inviò Olio su tela
nel dopoguerra per contribuire alla ricostituzione della collezione
del museo, devastato da un bombardamento nel maggio del ‘44.
La mostra rientra nel programma triennale “Picasso-
Méditerranée”, un’iniziativa culturale internazionale del Museo Per informazioni:
National Picasso-Paris. La mostra è visitabile dal martedì al ve-
nerdì dalle ore 10.00 alle ore 16.00, il sabato e la domenica fino
A Benevento, nella sala Graffiti di Palazzo Paolo V, il 31 agosto
alle ore 17.30. Mirko Riccelli Tel. 06.66200020
2019 si è conclusa la BeneBiennaleDesign 2019, nell’ambito
della XL edizione di “Benevento Città Spettacolo”. L’organizza-
tore è stato il dott. Maurizio Caso Panza, che ha dichiarato: “In
questa prima edizione della BeneBiennaleDesign hanno parteci-
“ROMA E L’ACQUA” Cell. 339.4934678
pato 35 artisti, provenienti da tutt’Italia ed anche dall’estero, e Il 6 – 7 – 8 settembre a
per la prossima edizione si prevede una partecipazione di artisti Bracciano (Rm), nella
ancora più massiccia, considerando il successo di critica e di pub-
blico”. Sono state interessate varie fasce sociali, dai bambini che
hanno apprezzato i due personaggi Masha ed Orso, mascotte della
stupenda e antica cor-
nice del Chiostro degli
Agostiniani, si è svolta
ORIGINALI PITTO-SCULTURE
BeneBiennaleDesign, agli adulti che attraverso le opere hanno
analizzato il design, alle aziende che hanno potuto approcciarsi a
tale mondo con conferenze e studi, ma anche alle start-up di cui
la manifestazione
“Roma e l’Acqua” con
DI TULLIO DALLAPICCOLA
sono stati diffusi concetti e valori aggiunti. la direzione artistica di
L’Assessore allo Spettacolo dott. Oberdan Picucci, il dott. Ame- Fabio Uzzo e la presen- “Paese montano”
deo Ceniccola e il dott. Maurizio Caso Panza hanno assegnato tazione delle opere affi-
i premi ai seguenti design: 3° premio, a pari merito, a “Massimo data al Prof. Settimio
Apicella – Per la realizzazione del modulo cella che implementa La Porta. Una mostra Studio d’Arte:
facilità e funzionalità” e “Nicoletta Casbarra – Per la realizza- collettiva di fotografia, scultura, mosaico e pittura per ren-
zione di un design che dimostra ricercatezza e dettaglio”, 2° pre- dere omaggio a Roma e le sue belle fontane e il suo fiume. Via Due Laghi,
mio a “Nico Girolamo – Per lo studio e la realizzazione di oggetti Numerosi sono stati gli artisti che hanno partecipato a que- 338042
che mirano ad un cult del fascino”, 1° premio a “Emilio Bilotta – sto evento, incorniciato anche da musica, teatro e con la stra-
Per il pregevole design espresso che impreziosisce
ordinaria partecipazione di Dario Ludovici del centro Baselga di Pinè (TN)
recinzioni e divisori”, Premio Innovation a “Ivan
Vecchia – Per la realizzazione di un ritrovato che Romanesco Trilussa. Presente in questa location anche il Tel. 0461.557139
ben unisce design e innovazione”, Premio Act a Maestro Pietro Sarandrea, che ha esposto alcune sue opere
“Libero Sica – Per la forte ricerca e creatività i fotografiche ritoccate a mano. La manifestazione ha susci- Cell. 339.1259386
cui risultati lo pongono come leader di mer- tato un grande interesse e grande successo di pubblico.
cato”, e Vincitore Assoluto a “Nicola Pica –
Opera Cult della manifestazione, che dimostra
magistrali abilità”.
A tutti i partecipanti (nella foto) è stato consegnato un
attestato di partecipazione. Vincenzo Maio (cell. 347-3173288)
AVVISO UTILE PERSONALE DI SARANDREA
“UN GIORNO…CAPIRAI”
Un libro importante di Antonio Lerario per le
famiglie e per le scuole.
Questo giornale non si è AL MUSEO CROCETTI
Romanzo breve e sospeso alla fine, quasi che mai avvalso di alcun fi- A due anni di distanza dalla sua ultima mostra
personale a Ladispoli (Rm), il M° Pietro Sa-
richieda un seguito, un “Vent’anni dopo”. Ro-
manzo basato sulla più vera realtà. Sulla pene-
nanziamento pubblico, randrea si ripropone sempre in una personale
trazione psicologica di ogni personaggio e sui né mai si avvarrà perchè nella prestigiosa sala espositiva del Museo Cro-
giudizi che mostrano impietosamente la cruda intende restare organo di cetti a Roma; la mostra, inaugurata il giorno 21
realtà. Marco, industriale facoltoso, sceglie, settembre, è stata curata e presentata dal critico
dopo manifestazioni chiare di chiusura e fasti-
dio verso i familiari, di abbandonare la moglie
informazione libera ed d’Arte Giorgio Palumbi (nella foto con Saran-
imparziale. drea).
Francesca e i figli, valerio di 17 anni e Piero, L’artista ha esposto 22 opere datate dal 2009 al
appena più giovane. Si adattano bene a Marco
gli attuali slogans “La vita è mia e ne faccio
Viene finanziato dalle 2018, alcune di grandi formati, come “Salto
quello che voglio” e “Si vive una volta sola…” quote associative an- quantico” del 2018, un trittico di grande im-
patto visivo, di dimensioni cm 231 x 142. La
che mascherano il fatto concreto:sull’infelicità
altrui vuole edificare la sua felicità, cerca una Per prenotare una o più copie del
nuali. sua pittura riesce a dare un messaggio emozio-
seconda giovinezza non per aiutare meglio
chi ha vicino ma per il proprio piacere egoi-
libro: cell. 3683260171, oppure Vuole essere anche un nale molto forte, soprattutto quando è espressa
E mail: lerario.antonio@libero.it su grandi tele, si nota infatti che lo spazio su cui
stico. Questa antichissima aberrazione oggi è mezzo di formazione ci- opera non è mai sufficiente ad far esprimere l’ispirazione che di volta in volta copre tutto lo spa-
più che mai esaltata e resa facile. Oltretutto chi ha denaro lo può usare
come “Mammona d’iniquità” e cosi’ farà Marco per portare dalla sua il vica e morale, ritenendo zio. Il critico d’Arte Palumbi ha commentato sapientemente tutte le opere esposte trovando in
figlio maggiore Valerio, mentre il minore, che soffre orribilmente per la più che mai attuali gli in- molte di esse il carattere meditativo dell’ artista, ha parlato molto del suo percorso, il suo cam-
madre, non regge alla situazione, trascura gli studi e inizia a drogarsi, ma biamento sempre più in positivo, lasciando alle spalle un atteggiamento introverso che lo coin-
almeno non si fa corrompere dal padre. Marco, alla fine, si insedia nella segnamenti salvemi- volgeva spesso influenzando anche i suoi lavori. Si è soffermato molto a descrivere delle novità
sua villa con la nuova fiamma, un’irlandese che sta per dargli un figlio, niani. proposte, cioè “I termo quadri”, dei pannelli dipinti con colori che resistono a grosse temperature
e i vecchi familiari sloggiano in un’altra casa: dimenticare, nascondere, e si possono riscaldare premendo un pulsante collegato alla rete elettrica, arte che diventa anche
seppellire il passato. Gianfederico Brocco di uso pratico e collocabili nelle moderne concezioni abitative. Paola Lamonica
L’ATTUALITÀ, pag. 10 CINEMA, MODA E VARIE N. 10 - OTTOBRE 2019

CHI ERA IL “RUGANTINO”? “A STAR IS BORN”:


Nel fondale di una Roma barocca e papalina, che sembra
MODA E… NON SOLO
(a cura di Lucilla Petrelli)
AMORE E PASSIONE
uscita dalle stampe del Pinelli o dai versi di Gioacchino Belli
e di Trilussa, s’intreccia la storia d’amore fra Rosetta e Ru- Lucille, style coach! ESPLODONO IN MUSICA
gantino. Lui è la celebre maschera romana, colorita, ironica, «Tell me something girl. Are you happy in this modern world? Or
sfacciata; lei è una florida e bella popolana, morbida e dolce FASHION NEXT SEASON do you need more? Is there something else you’re searching
come una “brioche”. Come ogni storia d’amore che si rispetti, Estate archiviata, con un pizzico di nostalgia.. Incombe la nuova for?». Nei primi versi della canzone interpretata da Lady Gaga
non mancano gli intrighi, le gelosie, i colpi di scena e una gal- e Bradley Cooper è nascosto il leitmotiv dell’intero film. “A star
stagione autunnale, con uno sguardo agli armadi per il cambio di is born” costituisce un remake del celebre musical “È nata una
leria di personaggi che fanno di quest’opera teatrale una lettura stagione. L’abbigliamento estivo è ormai un ricordo passato, si
piccante e gustosa: dalla figura in penombra di Pio VIII a stella”, diretto nel 1937 da William A. Wellman. La storia è ri-
quella rosso fuoco di Mastro Titta (il boia), da Donna Marta a guarda ai capi pesanti e a cosa manca nel proprio guardaroba. masta più o meno invariata rispetto alla precedente versione, ma
Donna Letizia (nobildonna scostumate e licenziose) a don Ful- Nuove tendenze per gli accessori, in particolare le scarpe. Il look nuovi personaggi plasmano il film di una nuova intenzione co-
genzio (parroco e confessore compiacente), da Gnecco (marito d’autunno pone l’attenzione sugli stivali, grandi protagonisti municativa ed emozionale. “A star is born”, che vede Bradley
geloso, con il coltello lampeggiante sotto la cappa di velluto) della prossima stagione. Modelli, i più fantasiosi, da quelli da Cooper per la prima volta nel ruolo di regista, cantautore e prota-
alla procace Eusebia (maldestra ruffiana di rione). In questa motociclista a quelli militari, quelli aderenti, imbottiti a quelli gonista, ha ricevuto otto candidature ai Premi Oscar 2019, vin-
con borchie, ma anche i nuovi anfibi, quelli più grintosi, agli scar- cendo la statuetta per la migliore canzone della colonna sonora
storia il sangue scorre a fiumi dipingendo di rosso rubino i sel- grazie al brano “Shallow”. La nuova rivisitazione del film rac-
ciati di Trastevere e di Campo Vaccino. Di fronte a questa vi- poncini con inserti in tweed, con le stringhe, con tela stampata e
vitello. Un must invernale e ne vedremo delle belle. Tendenze, conta la storia di Jackson Maine (Bradley Cooper), cantautore
cenda, che si snoda come una ballata carnascialesca, neppure rock dal passato tormentato, ed Ally (Lady Gaga) giovane aspi-
Roma riesce a rimanere “indifferente” nel suo proverbiale me- cominciando dall’Animalier sempre più in auge dalla zebra in
bianco e nero per un look più chic, con vestiti in velluto e raso rante artista inconsapevole del proprio talento.
nefreghismo. Anzi, partecipa a questa storia d’amore e di col- I due si incontrano per caso nel night club in cui Ally si esibisce
tello con tutta se stessa, con le sue strade, i vicoli, le piazze, stampato, all’abito corto a strisce con tasche e fiocchi applicati. tutte le sere. La voce della ragazza strega completamente la mente
le osterie, le chiese e i monumenti. Buon ultima la “Bocca Tronchetti in pelle effetto cavallino, come le decollètees motivo e il cuore di Jackson, tanto da indurlo a cantare con lei durante un
della Verità”, mascherone di tufo, dove il lettore e lo spettatore giungla. Leopardo rivisitato, alleggerito nei dettagli, rendendolo suo concerto. Passione e fiducia sublimano in una storia straordi-
sono invitati a infilare la mano, come Rugantino e Rosetta, per più portabile soprattutto di giorno, Indossato sportivamente anche naria e turbolenta. L’amore guida Ally nella presa di coscienza
sapere se hanno la coscienza pulita. con le sneackers, dagli occhiali al cappello al trench alla borsa, del proprio talento artistico, mentre la musica inizia a tracciare
Dopo lo strepitoso successo della commedia negli Anni Ses- il leopardato avrà una stagione d’oro. Eco-Coccodrillo, per le nel loro destino due sentieri sconnessi, fatti tanto di unione ed
santa oggi Rugantino si ripropone come personaggio principe più grintose che vorranno osare in pieno inverno, con Trench amore, quanto di distanza e distruzione. La dipendenza da alcool
di una “love story” romanesca, un romanzo e un’opera teatrale lungo effetto coccodrillo, ballerine martellate a punta sfilata, sti- di Jackson e il successo di Ally determinano la caduta e l’ascesa
irresistibili che oscillano continuamente fra la tragedia e la vali in vitello a stampa coccodrillo, gonne midi effetto pitonato. di due stelle diverse. All’inizio del film Jackson tende la mano
farsa, la risata e il pianto, lo sberleffo e la carezza. E quando Lo zaino sarà il preferito tra le giovanissime in pelle martellata. verso Ally e le sussurra: «Ti devi solo fidare di me, non devi fare
la lama nera e assassina del boia calerà giù come uno sparo a Stampa Pitone. Il tacco selvaggio per osare con capi a stampa pi- altro». Quel monito leggero esplode nel finale, quando la voce di
interrompere definitivamente la trama del racconto, sarà diffi- tone. Dagli accessori come stivali, decollètees, borse a bauletto, Ally diventa come un Vaso di Pandora.
cile liberarsi dell’impressione di essere andati indietro nel cinture con doppia fibbia e gonne, tutto a stampa pitone. Più Gravido di tutti i mali che possono colpire l’essere umano, il suo
canto culmina in un grido straziante da cui vibra un’ultima e in-
tempo e di aver vissuto con Rugantino in una Roma genuina grinta di così si muore! distruttibile nota di speranza.
e serotina, così diversa purtroppo dalla città cupa e corrotta di La straordinaria voce di Lady Gaga, unita al talento magnetico di
oggi. Gli eredi contemporanei dei bulli romani vengono di- BEAUTY Bradley Cooper, rende questo film un generatore continuo d’emo-
menticati nelle borgate che combattono per sopravvivere, che Vacanze finite ma continuando a sfruttare i suoi benefici. Disse- zioni che toccano il cuore. Silvia Iovine
cercano un lavoro ma non lo trovano. E’ lo specchio preciso tare la pelle e nutrire i capelli questo è l’obiettivo. Il mare, il sole,
dei romanzi di Pasolini e del suo film “Accattone”. Negli Anni ma anche le passeggiate in montagna ci hanno reso più belle e più
Sessanta il boom economico esplodeva in un contesto di
grandi fasce sociali di estrema povertà. I bulli erano al servi-
toniche, e visto che in autunno il clima è ancora temperato, ben
vengano allora le “Facial Mist”, le acque spray lenitive da va-
“BELIEVE, CREDERCI
zio del Potere politico-economico, dei poteri occulti, dell’alto
clero dei ricchi Epuloni. Maria Luisa Marcilli
porizzare in qualsiasi momento della giornata (va bene anche sul
make up), per mantenere il costante livello di idratazione. Una
NONOSTANTE TUTTO”
vera energia per la pelle che così manterrà a lungo l’abbronza- Gerardo Curto vive a Sala
tura. Stesso accorgimento per i capelli che richiedono qualche Consilina in provincia di Sa-
SINFONICHE VIBRAZIONI NELLE attenzione in più. Un vero toccasana è l’impacco nutriente al-
l’avocado, la sua polpa con l’aggiunta di olio di cocco, ridà lu-
minosità e morbidezza alle chiome più stoppose e disidratate. Un
lerno con le figlie Nicole e
Anna. La passione per la mu-
sica e il suo sogno non realiz-
OPERE D’ARTE DI SARANDREA bel modo di affrontare la stagione grigia e bigia alle porte. Ten-
denze bellezza autunno/inverno. Rossetti, dal rubino al prugna,
al bordeaux , tanta grinta per il must della bellezza femminile.
zato, diventare batterista. Lo
ha stimolato a scrivere questa
sua prima opera. “Se vivremo
Chi conosce solo le com- Capelli, via con i tagli medio corti con riga al centro ma anche di la nostra vita intensamente,
posizioni astratte di Pie- lato, un po’ di ordine e disciplina , rispolverati onde, caschetti e senza rimpianti, allora chi si ri-
tro Sarandrea e poi frange d’altri tempi per un look invernale. Occhi, il nero trionfa corderà di noi lo farà con un
sfogliasse qualcuno dei sorriso. Se ognuno di noi ap-
suoi cataloghi che presen- , kajal e alone fumè rivisitano il classico sguardo da “dark lady” prezzasse di più quello che ha
tano solo una galleria di , gli ombretti si fanno audaci creando forti contrasti. E per chi e riuscisse a vedere di più i lati
sovrabbondanti creazioni ama il naturale, poco fondotinta e colori nude. Si può essere belle positivi delle persone… Tutto
policrome e quasi total- senza sforzi! Il classico è sempre di moda , sempre nuovo per questo ci aiuterebbe a vivere
mente informali non pen- reinventarsi con infinite possibilità. Insomma c’è n’è per tutti i meglio”. Sono queste le parole
serebbe affatto che gusti. Parfumes. Venezia, così di moda vuoi per il Festival del dello scrittore tra le righe della
l’autore fosse proprio lo Cinema, ma anche per le nuove profumazioni che evocano calli copertina del suo libro ed è che
stesso di quegli astratti- e canali, un viaggio olfattivo in Laguna tra scie orientali e atmo- con queste parole che l’autore
smi rigorosamente geo- sfere rètro come le “Gemme Murano Lazulia” di Bulgari , una vuole invitare il pubblico a
metrici anche quando boccetta realizzata a mano con un jus orientale e fiorito, un vero leggere la sua opera. Finito di stampare nel mese di luglio 2018
costruiti con libera fanta- gioiello; accordi orientali ambrati di “Paris –Venise” di Chanel, Curto si sta spostando soprattutto in alcune regioni confinanti alla
sia per quanto matematiz- un omaggio a Mademoiselle Coco e al suo amore per Venezia; sua per poter raccontare della sua scrittura e lo fa emozionandosi.
zante. “È lo stesso autore agrumi e legni pregiati per “Armani/Privè Les Eaux Orange- Lo fa facendo leggere parti del suo libro ad alcuni lettori in pub-
? Strano: forse si tratta o blico. Li ringrazia dicendo: Grazie per aver saputo trasformare
di eclettismo culturale o rie Venise” di Giorgio Armani che ricorda gli aromi di fiori e parole in emozioni.
di sperimentazione”, po- piante della serra dei Giardini dei Castello a Venezia; accenti flo- È un romanzo da leggere tutto d’un fiato, perché la storia del pro-
trebbe superficialmente reali e boisè ispirati ai profumi del giardino Eden nascosto in un tagonista tracciata dall’autore incuriosisce , in quanto
pensare un visitatore che antico convento sull’isola della Giudecca le note di Hermes “Un si assiste a un vero e proprio scontro tra i nobili e
non lo conosce e con Jardin sur la Lagune”. Storie veneziane racchiuse in preziose profondi sentimenti di Francesco (protagonista)
scarsa sensibilità artistica. bottiglie d’autore. Un vero Lusso. e la brutale materialità di un mondo omolo-
E invece no: si tratta dello gato, governato dal denaro e dalle fredda cru-
stesso autore e dello stesso leitmotiv mistico – filosofico sotteso EVENTS deltà delle situazioni che si succedono nella
in entrambi i generi, peraltro non gli unici su cui continua a ci- Mostra evento a Roma, Frida Kahlo, “Il Caos dentro”, dal 12 sua vita. La stessa conclusione della storia del
mentarsi fedelmente l’ artista. “Lo stesso leitmotiv in che senso?” ottobre a tutto marzo 2020, c/o “Set Spazio Eventi Tirso” . Un protagonista non può non essere in sintonia
Ci si concentri su quei ritagli di colori in movimento che tendono mix tra esposizione multimediale, opere originali e fotografica con la sua visione della vita. A questo punto
anarchicamente a intrecciarsi, scontrarsi, fondersi, allontanarsi, dedicata alla grande artista messicana e al marito Diego Rivera. non resta che augurare buona lettura e soprattutto
scomparire e ricomparire in annunci di forme incompiute; si os- Un’occasione unica per entrare nel mondo di questa artista, una l’augurio di credere alla possibilità di un mondo
servino i percorsi tronchi o divaganti di tracciati di colore solitari dove i sogni si possono realizzare. Sonia Cozza
o associati, i tremolii o gli sfondi puntiformi e le meravigliose delle pittrici più grandi di ogni tempo. Un percorso espositivo
intersezioni coloristiche. L’impressione percettiva che ne risulta che accompagnerà i visitatori tra la pittura e gli scatti di vita di
è VIBRAZIONE, cioè la risonanza sensoriale di “frequenze”
come quella che può provocare un intreccio di suoni o, meglio an-
cora, la sinfonia onnipresente di una esperienza subliminale o ex-
Diego Rivera e Frida Kahlo, realizzati dal celebre fotografo su-
damericano, Leo Matiz. Un’occasione da non perdere. MEET FILM FESTIVAL
trapercettiva per chi l’ ha provata. “Questi quadri, chiarisce il Sicuramente un’iniziativa cinematografica degna di nota e
pittore Sarandrea, non li devi guardare, li devi SENTIRE”, e dall’alto valore sociale quella che si è svolta, dal 25 al 27
spiega la fonte della sua ispirazione: al mattino, ben prima del-
l’alba, dopo una preparazione rituale che comincia la sera prima,
raggiunge un luogo isolato del lago dove, se non c’è la luna, tutto
IL SIGNOR NESSUNO settembre scorso, presso il Teatro Garbatella a Roma. Si tratta
della quinta edizione del Meet Film Festival, acronimo di “Movies
for European Education and Training”, che per la prima volta si è
è buio; lì medita immerso in una natura ancora dormiente “tra-
smutandosi” nei suoi elementi primordiali e accompagnandosi al
loro graduale risveglio fino all’alba. È in quello sprofondamento
E L'ALBUM DELLE FIGURINE svolto nella capitale. Il festival è stata un’occasione per dare
visibilità a piccoli ma preziosi cortometraggi impossibili da
dell’ inconscio nel mistero della vita che “sente” ciò che poi tra- Quando ero bambino, con gli spiccioli che mi dava mio padre, vedere attraverso i media tradizionali, difatti durante il corso
sferisce su tela. “E come puoi conciliare questo vitalismo tellu- andavo ogni tanto nell'edicola più vicina per incollare su un dell’iniziativa sono stati proiettati i 49 film finalisti, tra gli oltre
rico con il pitagorismo?”, gli chiedo io, hegelianamente polemica. album le figurine di campioni dello sport e personaggi famosi. 1800 film partecipanti, provenienti da tutto il mondo.
“IL NUMERO È VIBRAZIONE”, mi risponde un po’ spazientito Lo sfogliavo ripetutamente per rivederle contando ogni volta Il presidente del Meet Claudio Federico ha dichiarato che: “I
dalla mia incapacità di cogliere il nesso tra arte e scienza. Forse, quante mi mancavano per riempirlo e quando ero arrivato alla filmati presentati regalano uno sguardo variegato sul mondo
dunque, il miglior critico d’arte (a meno che non si tratti di cri- fine mi sembrava di aver compiuto un 'impresa. Mi viene un pò dell’educazione, da un lato la scuola che riflette su se stessa e sulle
tica d’arte storicistica) è…. L’ artista stesso, se riesce a essere così da ridere al pensiero della bella vita dei vip che magari tra Miami realtà sociali in cui vivono i bambini e i ragazzi, dall’altro il
chiaro da far capire il senso delle sue creazioni come ha fatto Sa- e Vattelapesca si godono vacanze di lusso tra belle donne e luo- mondo che riflette sui giovani, sull’importanza del loro ruolo e
randrea con me. Irma Latina ghi incantevoli quando io invece, alla fine della vita, continuo sulle loro possibilità (o impossibilità) di accesso
con quel vecchio gioco infantile con la sola differenza che ora in- all’apprendimento.
collo me stesso con i miei scritti pubblicati e non nel solito posto Il Festival permette di conoscere anche come i giovani riflettono,
di combattimento paesano tra la solita strada e la solita quotidia- attraverso film fatti da loro stessi, sui temi che più li toccano:
Caro lettore, ricordati di rinnovare la nità.E per riscoprire la bellezza e novità della vita ogni tanto ri- bullismo, pregiudizi, social network e scuola.”, inoltre durante il
leggo le vicende umane, personali di ricoverati in ospedale a tu Festival sono state proiettate opere filmiche provenienti da realtà
quota associativa a questo periodico che, per tu con la sofferenza e solitudine. Così riparto in quarta per drammatiche come: Bangladesh, Indonesia, Ghana, India e
godermi al massimo il margine di tempo che mi separa dalla per- Uganda e a questo proposito il presidente del festival ha
essendo “super partes”, intende restare un manenza obbligata di un ospedale o di una casa di riposo.Con raccontato come: “Alcuni dei film selezionati ci portano in realtà
libero organo di stampa. convinzione e compiacimento nel tentativo tenace di arrivare alla anche drammatiche, mostrando cosa significa per i ragazzi e
fine degli spazi bianchi e compiere l'impresa.......che non interes- ragazze affrontare il diritto alla vita e all’istruzione dentro territori
serà a nessuno! Eugenio Morelli investiti dalla guerra e dalla sopraffazione”. Mirko Riccelli
N. 10 - OTTOBRE 2019 POESIA E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 11

L’ANGOLO DELLA POESIA mina.../ cammina ... e non sa dove


andare?/ Guida i suoi passi,
PERLA DEL SUD
Da Salerno a Palinuro/ fra colli L’ANTICA SEDIA A DONDOLO
Padre,/ tracciagli la Via! gialli e verdeggianti/ ti bruci al
Virginia Caiazza Di Filippo sole/ di gloria ed incanto/ mia Sono molte le albe di sole assopite con te, dietro il tramonto, la
L’AMORE INFINITO nostra stanza è sempre viva, lucente, accanto al tuo comodino,
Se il sogno è realtà,/ questa sera amata terra/ del Cilento./ E sotto
voglio sognare,/ sulle tue braccia A BIZZOCA l’azzurro placido cielo/ ti rispec- c’è sempre in bella vista l’antica sedia a dondolo, che denota il
mi lascerò andare, come se il E preca, e preca ‘e Sante e preca a chi,/ Salerno, al mare/ d‘infinite suo romantico, remoto passato. Mi siedo accanto, perdo lo
mondo dovesse finire, ma! Il mio Dio// che ‘a grazia, ‘a grazia, ‘a luminarie. Il castello Arechi do- sguardo su di lei. Risveglia al mio cuore una profonda malinco-
amore non finirà./ Esiste ancora la grazia ll’hanna fà/ E chiede, e mina il cuore, con Vietri , Amalfi,/ nia. Socchiudo gli occhi per evadere. I miei pensieri vaganti cor-
felicità,/ ti prego amore lasciati an- chiede sempe ‘nu marito// che lle e Poseidonia fulgida storia a noi
dà felicità!/ C’ ‘o pprecà, nè 1‘sta rono lontano per sognare i suoi anni ruggenti. Un maestoso
dare... io sono qui soltanto per te. cantò. Vittorio Pesca salone. Dame in abito da sera, abbracciate ai loro cavalieri che
Liana Botticelli bizzoca/ che ha saputo cumbinà:/
s’ ‘è accustato ‘nu bizzuoco/ e lle HO VISTO danzano nell’estasi d’amore. Struggenti
MARE ha ditto:”M”uò spusa?”. Ho visto nei miei occhi la luce del passioni clandestine. Al tepore di un antico
Mare agitato rabbioso,/ le onde Velio Cilano mondo. Donne piangere per un camino, che arde come le loro labbra fre-
sembrano un’armata di cavalli im- amore perduto./ Un bambino menti, cullati da quell’antica sedia a don-
petuosi con la schiuma alle ginoc- DINA gioire per il volo di un aquilone./ dolo a lume di candela o d‘abatjour. Scende
chia/ dentro armature nere senza Dina oh dolce mia fanciulla,/ amo/ Soldati combattere per una ban- la notte, fuori al Castello, risplendono quat-
cavaliere, senza redini, caricare soltanto te e nulla! .../ Vieni/ sul
cuore mio a sognare!/ Senti// la diera. Vecchi,/ sulla panchina di un tro bianchi cavalli ed una carrozza, il coc-
sulla terra./ Vengono fuori dal voce dell’amor?/ Dina,/ oh dolce verde abbandonato, raccontarsi la chiere, paziente aspetta le dame per far
mare e corrono urlando per la mia fanciulla,/ t’amo/ e sempre vita/ con nostalgia./ Musicisti, in ritorno nelle loro case. Apro gli occhi, fini-
riva./ Si sente nell’aria quel vor- t’amerò! Velio Cilano una cattedrale, suonare una musica sco di sognare. Mi avvolge la malinconia,
tice di urla,/ battendo,/ battendo, solenne./ Un pittore trasformare in
sul mio cuore come un’incudine. colori la vita./ Un poeta,/
la mia mano, accarezza quella sedia, e la
Rita Amodio RINTOCCHI DI CAMPANA bambola di cenci sua compagna. I miei
VIETRI I rintocchi della campana squar- sfiorato dal vento dell’ispirazione,/
Tu sei i colori della ceramica/ che intonare strofe,/ come un antico pensieri sognavano un giorno lui, su quella
L’AMORE ciano i pensieri/ che vagano su siti sedia antica, nel cullarsi in mia compagnia.
arde tra le mani dell’artista./ E gli lontani./ Il Signore invita al Suo trovatore./ Infine ho visto tutta me
strapiombi nei pensieri/ nell’im- Cos’è l’amore?/ È un mistero pro- Giardino a raccogliere fiori/ e stessa smarrirsi nella visione dei Felice avrei ascoltato declamarmi da lui qualche mia romantica
mensità dell’odore acre del li- prio come la nascita e la morte./ È seminare amore./ C’immerge nella tuoi occhi. Anna Senatore poesia. Elena Andreoli Grasso
mone/ la barca si arena nel cuore/ gioia e dolore messi insieme./ viva bellezza dove l’oscurità si di-
in attesa del domani./ Fiabe e fan- Dobbiamo amare se vogliamo vi- sperde/ e divampa in un’alba IL SAPERE
tasiosi rincorrono/ sugli scogli, vere ./ Nell ‘amore vero,/ con tutte colma di ore serene. Legame tra il percepibile e il dici-
dove le muse aleggiano,/ lì c’è
quella dell’amore, lì della musica,/
le sue tante diverse vie, noi tro-
viamo pace e letizia/ che sono il Marcella Croce de Grandis bile;/ intervallo fra il parlare/ ed il
vedere;/ puro rapporto virtuale
AFFETTUOSI AUGURI
più in là della danza e della poe- premio della sofferenza. STAGIONE SENZA TEMPO che oltrepassa il tutto; possibilità
sia./ Tutto si mescola in sinuose Virginia Caiazza Di Filippo Alla celebre poetessa di origine viterbese Elena Andreoli
Nel cassetto dei ricordi/ ho trovato di pensiero garante dell’operatività Grasso, redattrice di questo giornale da oltre vent’anni, il Di-
melodie diamantate./ Profumo in- dei fiori/ secchi/ li ho raccolti per che può strappare l’immanenza/
cessante dei fiori,/ voli di uccelli PREGHIERA te/ in una stagione senza tempo/.... rettore Salvemini e tutti i collaboratori, in Italia e all’estero,
Signore, non sei tu il Padre mise- colta da un fuori lontano, essendo
sulle fenditure/ energie cosmiche/ quella dei sentimenti// Nel cassetto dentro ogni interno guizzo di niti- porgono affettuosi auguri per il suo compleanno e per futuri
simboli che rimandano all’invisi- ricordioso pronto a prendere in dei ricordi c’è un francobollo/ in brillanti successi letterari.
braccio/ il figlio stanco che cam- dità. Mariannina Sponzilli
bile. Florinda Battiloro bianco e nero/ che colora/ i giorni
lontano da te. MALEFICIO
Maria Luisa Marcilli Col tuo passo da giaguaro rag-
Intervista a Michele G. Bianchi.
ARGUZIE POETICHE PRIMAVERA A MILANO
Quasi un cinguettio,/ ma non d’uc-
giungesti le mie spalle. Fosti mac-
chia dell’inchiostro d’una notte

TRA ANTROPOLOGIA E FITOGEOGRAFIA


celli .../ Vapor d’acqua nei tubi.../
Odi? Stormir di fronde.../ No, solo
sonnolente/ ventole d‘aria.../
senza stelle./ Mi colpisti/ Con le
lance da scorpione trafiggesti den-
tro al cuore./ M’impigliasti nella
rete/ del veleno ch’hai secreto./
UNA SOCIETÀ SATURA DI LEGGI
“S’irida come d’un sorriso il lago” (Pascoli). “Lenta vi guazza Guarda! Una farfalla bianca fra le (38A parte) L’antropologia moderna farò coincidere il sacro stesso con la
l’anatra iridata” (Pascoli). “Larghe chiazze di nafta iridavano la caldaie, può finir bruciata! .../ Non Ciò facesti/ per sconfiggere te violenza. Si pensi alle tesi girardiane sul capro espiatorio. Ma, vedo che
superficie del mare; vorrei esser la lumaca che sguscia dalla sua temere! E’ calcina/ che vien giù stesso Grazia M. Tordi ritorna nella nostra conversazione il libro di uno dei coautori della Carta
rotonda casa di vetro che l’acqua ha iridata” (Govoni). “Tu hai dai muri, è ben povera cosa.../ dei diritti fondamentali dell’Unione europea, il costituzionalista Stefano
potuto iridare di primordiali curiosità l’ombra della vita” (Car- Guarda, la pioggia,/ si intermezza POESIA Rodotà. La vita e le regole. Tra diritto e non diritto è del 2006. Il giudice
darelli). “Le tue parole iridavano come le scaglie della triglia” col sole.../ È carica di smog/ grigio Applico/ la solarità/ di innumere- vi aveva ripubbicato uno scritto apparso in Pasolini: cronaca giudizia-
(Montale). Mariannina Sponzilli e opprimente .../ È primavera a voli vite/ essendo. ria, persecuzione e morte, nel 1977 su cui vorrei ritornare in seguito. Del
Milano .../ E ricordando primavere Marina Giudicissi libro sul diritto e sul non diritto avevamo parlato, sebbene brevemente,
LINGUAGGIO E LINGUISTICA di viva gioia e di colori, questa vò durante la quinta conversazione, pubblicata nel numero di gennaio del-
“La lingua ch’io parlai fu tutta spenta” (Dante). “Se mo sonasser confrontando/ vana stagione di SON 30, FEDERICA l’Attualità, con il titolo: La fabbrica del minorenne deviante, in cui ci
tutte quelle lingue…” (Dante). “Così ha tolto l’uno a l’altro guido mia vita!... Gerardo Moscariello Bella, gentile, affetuosa/ sei, mia occupavamo della nuova criminologia della seconda parte degli anni set-
la gloria de la lingua” (Dante). “D’una in un’altra lingua in un cara nipote Federica,/ bella e pri- tanta, ripensata anche a partire da una ripresa degli studi durkheimiani sul
momento ne trapassa la fama” (Tasso). “Nelle contese letterarie LOTTERIE fumata come la rosa./ I tuoi occhi fenomeno anomico e la criminalità come funzioni “normali” nelle so-
possiamo adoperare il nostro ingegno” (Tasso). “Lingua mortal Or la genesi attuale Magnificenza brillanti/ come le stelle del cielo/ cietà industrializzate.
non dice quel ch’io sentivo in seno” (Leopardi). “Parla sotto due dell’irreale È quella della vittoria mostrano i tuoi lineamenti esal- Pensiamo alla “sentenza”, nel processo penale. Sia essa di colpevolezza,
sensi: l’uno letterale, l’altro allegorico” (Buti). Irrazionale!/ Soldi subito Corri tanti./ Sei stata tenace ed orgo- sia di assoluzione con formula più o meno piena una sentenza immette
Mariannina Sponzilli corri Amico uomo/ Ad acquistare gliosa/ nel voler conseguire il l’imputato in uno status che egli senza di quella non possiederebbe. Per
qualche Buono,/ un biglietto quale diploma,/ perciò posso definirti il semplice fatto di svolgersi secondo un certo “format” i giudizi e le sen-
DRAMMI ESISTENZIALI che sia gratta e vinci o lotteria pur- gloriosa./ Trenta anni fa la gravi- tenze creano cioè realtà sociali che, prima della loro applicazione pro-
“Per luce prismatica indefinita la storia umana di Ennio Colaiori chè cambi la vita mia! Gioco al danza fu finita/ ed io per la prima cedurale, non ci sono, non esistono. Al di là del loro contenuto
(Aci) si è dissolta per sempre. Codeste parole la fermano per at- lotto, all‘enalotto Al totip ed anche volta divenni nonno,/ arrecandomi immediatamente visibile nella struttura cerimoniale del loro darsi, giu-
timi con proiezione pulviscolare nell’intreccio retroattivo di di- al trotto I cavalli sono al galoppo! felicità e gioia infinita./ T’auguro dizi e sentenze producono gli effetti più profondi per la vita della persona
verse storie europee senza forma nell’incorporeo spazio” Francesca Pagano che per i tuoi valori veri/ il buon che vi si assoggetta. La persona intesse per l’Apparato Istituzionale
(Sponzilli). “Cesare Pavese al confino calabro in pena restrittiva Dio, Gesù e la Madre Celeste/ ti stesso legami sociali reali. Cosa intesse, cosa produce, esattamente? Non
della sua libertà personale consistente nell’obbligo di dimorare PAZZIA sempre, è vero, ma di regola produce (intesse) situazioni che vengono a
in un luogo appartato e lontano, trasformato nel 1930 da pena in facciano realizzare i tuoi desideri./ costituirsi come novum (nuova realtà in genere socialmente degradata),
Avete lesionato la mia mente/ in Dopo aver ottimo pranzo gustato/
misura di polizia; recentemente dichiarato illegittimo e sostituito modo/ subdolo,/ viscido, ambi- fra gli individui e le istituzioni, fra gli individui e le norme, fra le persone
dall’obbligo di soggiorno in un determinato Comune, come mi- guo./ Strappate dal cervello/ le mie assaporiamo squisita torta/ e da giuridiche e le cose giuridiche. In altri termini, prima ancora del prov-
sura di prevenzione” (Sponzilli) Mariannina Sponzilli ultime identità./ Avete impresso tutti i presenti viene esclamato:/ vedimento che esprimono come il loro contenuto esplicito giudizi e sen-
unghie/ nella mia carne,/ ma non Buon e felice compleanno,/ Fede- tenze creano effetti di realtà di un tale ordine maggiormente stratificato
RECENSIONE ALLA CENTRALE MAREOMATRICE sgorga/ alcuna goccia di sangue. rica,, la tua vita sia felice/ e priva rispetto alla cifra superficiale della fattispecie della sentenza e del giu-
L’approfondita lettura della progettazione libertaria di 16 pagine, Leda Panzone Natale di ogni affanno. Mario Coletti dizio. Una denuncia di questo tipo, ammodernata secondo l’immagine di
con cultura antropologica trasmessa ironicamente dai tanti gior- una law-saturated society, dove il diritto s’accaparra il quotidiano della
nalisti che ne prendono parte, mi pervenne in San Salvo M. vita attraverso una superfetazione della cultura giuridica, è stata ripresa
(Chieti) per la prima volta. Mi impegnò e mi impegna l’insegna- dal giudice cosentino recentemente scomparso. «Viviamo ormai in una
mento ordinato degli articoli dalle espressioni mai polemiche, che
suscitano serietà d’insieme, dalle accortezze fragili e tragiche
sulle vicende inumane, chiuse nelle omertà dei nodi più compli-
IL SIGNOR NESSUNO law-saturated society, in una società strapiena di diritto, di regole giuri-
diche dalle provenienze più diverse, imposte da poteri pubblici o da po-
tenze private, con una intensità che fa pensare, più che a una necessità,
cati, per più intrecci fluidi economici di incroci coloniali sovrap-
posti e sfrangiati dalle inceppa ture sgranate delle Internazionali
Consorziali, nei segreti massonici vaticanensi nel mondo, per
E LO STACCO DELLA SPINA a una inarrestabile deriva.
La consapevolezza sociale non è sempre adeguata alla complessità di
questo fenomeno, che rivela anche asimmetrie e scompensi fortissimi,
pece non voluta. Il Mercato Unico delle armi sovrasta le carto- Non andando in vacanza da un bel pò di anni sono stato più volte vuoti e pieni, con un diritto invadente in troppi settori e tuttavia assente
grafie mondiali con pianificazioni dei popoli deboli e ignari e criticato a motivo della necessità di staccare prima o poi la spina. là dove più se ne avvertirebbe il bisogno» (S. Rodotà, La vita e le re-
dubbiosi, per tirannide fortificata che provoca il fuggire per li- A parte il fatto che la mia pensione ed oneri finanziari limitano gole. Tra diritto e non diritto, Feltrinelli, Milano II ed. ampliata 2012, p.
bertà di nascita. “La coperta guerra dell’egoismo, che infelicita parecchio le mie velleità vacanziere mi sono chiesto e mi chiedo 9). In Italia il dPR 448 del 1988 è il costrutto giuridico che maggior-
tutti gl’individui d’una stessa Terra” (Leopardi). Con l’economia più volte se io ho mai attaccato veramente la spina. So per espe- mente ha preso consapevolezza del meccanismo sociale di fabbricazione
nel tempo spazializzato si permane uniti nella U.E. rienza personale che anche chi è andato ad Honolulu, alle prime culturale della delinquenza, innanzitutto minorile, ma per una sua più
Mariannina Sponzilli decisa e precisa applicazione occorre che l’operatore giuridico si renda
avvisaglie di cambiamento metereologico stagionale, molto pro- conto di questo scivolamento verso una superfetazione della cultura giu-
TRA TEMPI ELETTRONICI E COMUNICAZIONI. babilmente, andrà a tormentare l'ultrastressato Servizio di Guar- ridica, tendenzialmente parametrata sulle logiche del funzionalismo sa-
IL SENSO RATTOPPATO DELLA VITA dia Medica, magari per avere una gratuita visita medica nitario e del cultura d’evasione, consumer e d’intrattenimento.
(GIUSEPPE UNGARETTI) domiciliare per qualche linea di febbre! Negli effetti sarebbe qualcosa che sta sotto gli occhi di tutti gli operatori
Nato in Alessandria d’Egitto nel 1888; deceduto a Milano nel Il popolo italiano è incredibile, è un leone quando sitratta di man- della giustizia, forse maggiormente sensibilizzati al problema per una
1970. Visse in Egitto tra anarchici connazionali e connazionali di giare e fare sesso e piagnucola come un bambino quando non può sorta di iperattenzione professionale al meccanismo considerato a partire
lingua francese. Il deserto, con l’arida spaziosità, suscitò impres- uscire di casa per il maltempo o non può vedere la tv od è senza dalla sua fonte, il fatto che tale costrutto sembra recare con sé effetti col-
sione. Nel 1916 si recò a Udine; poi sul fronte francese fino al il computer ed il cellulare. E lesti, saranno in tanti presto ad inta- laterali del tutto indesiderati. Si darebbe cioè un’innegabile sfasatura tra
1919. Nel 1920 si stabilì a Roma per l’Ufficio Stampa degli questa dimensione giuridica più aderente alle fonti del diritto con la di-
Esteri. Proseguì la collaborazione con i giornali. Si trasferì in sare l'ambulatorio del medico curante per chiedere una settimana mensione extragiuridica della realtà sociale che si muove, diciamo così,
Brasile dove perse il figlioletto nel 1939 di madre francese. Rien- di malattia per una banale lombalgia! Eugenio Morelli più a valle. Mi sembra riposi qui il ritardo degli Enti Locali che lei pro-
trò in Italia durante la seconda guerra mondiale. La formazione fessor Bianchi da tempo denuncia.
bilingue fu per lui esperienza originale nell’avanguardia del sur- Ecco a questo punto sorgere alcune domande. In cosa consisterebbe esat-
realismo francese e nelle opere letterarie (Il porto sepolto, Alle- tamente il “ritardo” della psicologia accademica e degli operatori sociali
goria di naufragi, Il sentimento del tempo, Il dolore, Il deserto e rispetto al dettato del processi penale minorile italiano?
dopo). Risale al Rimbaud, a Mallarmè, ad Apollinaire, a Breeton. A cosa sono da attribuire gli effetti collaterali? Essi provengono diretta-
Con Petrarca e Leopardi coinvolge “La presenza umana” con mente dalla cima del monte, e sono intrinseci al costrutto giuridico, op-
principi estetici nei tempi di sofferenza e crisi di civiltà. Tempi pure sono generati a valle, e noi non abbiamo da modificarlo bensì,
tragici in pennellate di endecasillabi e settenari. La sua scelta di semmai, da interrogarci sulla causa dello sfasamento a partire da un dub-
espressioni poetiche sintetizza l’interpretazione motivandola al bio portato sul modello sociopsicopedagogico su cui deve in ogni caso
rattoppo estetico per i tempi areligiosi. Mariannina Sponzilli fare affidamento il costrutto? Michelangelo Abbate Trovato
EXERGON. ELIO VITTORINI
(Siracusa 1908 – Milano 1966).
Frequentò le scuole tecniche esercitandosi in vari mestieri. Si de-
dicò all’attività di traduttore facendo conoscere agli italiani J.
Steinbek, W. Saroyan, D.H. Lawrence, concretando l’ispirazione
LENTEZZA DEL SERVIZIO POSTALE
narrativa ed esordendo come narratore nel 1931. Di particolare Il Movimento Salvemini denuncia energicamente l’esasperante len-
eticità: “Il Sempione strizza l’occhio al Frejus”. Per la sua teoria
letteraria, le Antologie “Diario in pubblico”, “Le due tensioni”, il tezza con la quale Poste Italiane consegnano il Periodico “L’Attua-
periodico “Il Politecnico” e la rivista “Il Menabò” diretta con
Italo Calvino. Scrittore antidogmatico, volto a rimettere in di-
lità” al domicilio dei Soci.
scussione le acquisizioni culturali cristallizzate, contro il provin- Il ritardo lamentato dai Soci è di circa 30 giorni!
cialismo culturale legato al mondo preindustriale timoroso della
scienza e della tecnologia. Unico nella Sicilia, spazio geografico Chiede, pertanto, ai Dirigenti di Poste Italiane di spiegare al più pre-
ben preciso che ha scardinato il vento sbarazzino d’Esergo…Pub- sto le ragioni di tale inammissibile ritardo.
blico interesse poco indagato, di cui il Vittorini rappresenta uno
dei pochi massimi esperti. Mariannina Sponzilli Opera della Prof. Mariannina Sponzilli, artisticamente Anna.
L’ATTUALITÀ, pag. 12 PROBLEMATICHE STORICHE E SOCIALI N. 10 - OTTOBRE 2019

RINTOCCHi & SUONI FANTASMA IN ITALIA


FENOMENI INSOLITI IN ITALIA I“suoni-fantasma” sono classmcatì tra i“fenomeni- straordinari” come lo sono isoli rotanti_ Ebbene i casi che andremo ad esami-
nare ripropongono clamorosamente tale evento alquanto enigmatico. Filigheddu, a pochi km da Sassari in Sardegna.
(a cura di Gabriele Zaffiri) “L’ Informatore del Lunedì” del 29..XII.1980 e “Il Tempo” del 30..XII.1980 riferivano che, qualche giorno prima della fine dell’anno
1980, verso le 10 di mattina, Giacomo Piu, un agricoltore 50enne, mentre si trovava nel suo podere, insieme al suo cane, e stava ri-
parando una delle sue finestre, udì all’improvviso uno strano rumore e suono che sembrava provenire da una vicina collina distante
qualche km, ma ben visibile da dove si trovava. Anche se la gìornata si presentava limpida, egli sul momento non riuscì a scorgere
IL CHIROCEFALO nulla. Nel frattempo il suono, simile a quello di un crollo di un muro, unito ad un forte scampanellio metallico,sembrava avvicinarsi
costantemente, fino a circondarlo, aumentando costantemente il tono e l’intensità. Ad un certo punto il suono iniziò a girare intorno
All’interno di una conca posta tra il Parco dei Monti Sibillini, nel- alla casa, fino a sentirsi ai centro di tale vortice sonoro.
l’Appennino Umbro-Marchigiano, sul Monte Vettore , alto 2.476 E in tale preciso istante rimase come paralizzato cercando di raggiungere la propria auto, che si trovava a due o tre metri di distanza,
metri, si trova il laghetto di Pilato a 1.941 m. d’altezza. li laghetto riuscì ad arrivarci ma non ebbe la forza di aprire Io sportello. Sembrava che le gambe e le braccia non rispondessero alla propria vo-
in questione, quando le precipitazioni scarseggiano, tende a riti- lontà Praticamente si sentiva imprigionato dentro una forza invisibile e sconosciuta che gli impediva di compiere alcun movimento.
rarsi e a formare due specchi d’acqua collegati tra di loro su di un Nel frattempo il misterioso suono sembrava entrare ed uscire di casa, avvolgere le piante e il cane, il quale, immobile, giaceva ai
lato da un esile lembo d’acqua, assumendo così la forma di un suoi piedi, lungo, disteso su un fianco, come morto. Tutta la campagna intorno era senza vita, infatti non si sentiva un alito di vento
paio d’occhiali. Ebbene, proprio all’interno di tale specchio d’ac- e né cinguettare alcun uccello. lmprovvisamente, così come era iniziato, il fenomeno misterioso e l’enigmatico scampanellio finì. Ri-
qua, un’èquipe scientifica multidisciplina re ha scoperto, alla fine presosi, ma ancora intorpidito, come se fosse stato stordito, rientrò in casa e guardò l’orologio che segnava le 11,45; il che signifi-
degli anni’ 90, uno strano crostaceo che hanno chiamato “Chiro- cava che era rimasto immobilizzato, con una paletta tra le mani, per più di un’ora e mezzo. Due giorni dopo, alla stessa ora, accadde
cefalo”, lungo tra i 9 e 12 mm. Avrebbe le seguenti principali ca- lo stesso evento misterioso; ma questa volta, appena ini ziò a sentire tali rumori e suoni fantasma provenire dalla medesima collina,
ratteristiche: nuota sulla superficie ventrale rivolta verso l’alto,0 saltò sull’auto e tornò subito a casa Oliena, cittadina in provincia dl Nuoro in Sardegna. “La Nuova Sardegna” del 22.IV.1979 rife-
di color rosso-corallo, è suddiviso in maschi e femmine, infatti il riva che Tonino Mussane, un operaio allora 30enne, insieme alla sua famigliola, costituita dalla moglie e da due figli, sentiva, già dal
maschio presenta, nella regione genitale, due peni estroflessi , 1976,e per ben due ore di seguito, all’alba, uno strano suono di una campanella. Ebbene da successive indagini effettuate all‘epoca
mentre nella femmina è presente un sacco ovigero dove vengono si è venuti a sapere che la loro casa pare sorges se su un’area che anticamente era stata la sede di una chiesa e che sotto il suo pavi-
custodite le uova fino alla deposizione. Le uova hanno un dia- mento ci fosse ro sicuramente degli scheletri, appartenenti, con molta probabilità, o a preti o a frati.
metro di 0,43 mm e sono chiamate “cisti“. Il Chirocefalo è “ci- E, siccome il sito non era stato ancora sconsacrato, era come se la suddetta famigfia dei Mussone abitassero ancora all’interno di una
stovarico”, infatti le uova contengono un embrione bloccato allo chiesa. A tale fenomeno venne imputata anche una spiegazione paranormale di tipo poltergeist, in quanto nella suddetta famiglia era
stadio di gastrula che gli permette di potersi svi luppare non ap- presente una bambina che all‘epoca aveva dieci armi.Altri casi similari in Italia. A) in una lettera si riferiva di come Monaldo Leo-
pena le condizioni climatiche sono più favorevoli, come in pri- pardi, padre del futuro poeta Giacomo, nella sua “autobiografia”, in un pellegrinaggìo al Santuario della Madonna di Monte Santo,
mavera ed in estate. Quindi un uovo deposto in un anno può si era sentito suo nare le campane senza che nessuno le muovesse. B) Ad Antronapiana, in provincia di Novara, si racconta di una
schiudersi nell’anno successivo. Inoltre nei periodi di siccità le campana di una chiesa sommersa da una frana nei XII secolo che continua a battere rintocchi, e in molti asseriscono di averlo ascol-
uova deposte sul fondale ghiaioso sopravvivono anche in assenza tato fino agli ‘60 dei XX secolo. C) Presso Follonica, in provincia di Grosseto, dal laghetto dell’Accesa, sede, in tempi remoti, di un
d’acqua e si schiudono solo quando il lago si riempie nuovamente paesetto, ogni tanto, sembra che si senta un lugubre suono di campane. D) Presso Ghilarza, in provincia di Cagliari, da un vicino fiume,
d’acqua. Inoltre è provvisto di numerose zampe, di due occhi, di ogni anno, nel giorno di San Costantino, alle 12 in punto, si sentono distintamente tre rintocchi di campana. E) Presso Sorrento, vi-
una coda e di un paio d’antenne. Sarebbe inoltre “endemico” ,ov- cino Napoli, dalle acque di “Punta Campanlla”, fin dal 1558, in occasione della festa di San Antonino, si sente suonare una campana
vero è unico al mondo. E proprio qui arriva il mistero, perché già gettata lì dai mori che la trafugarono alla chiesa di S. Antonino. Gabriele Zaffiri
il cinema si era interessato ad un essere simile per aspetto al Chi-
rocefalo, col film intitolato “Orror, caccia ai terrestri” del 1979,
diretto da Clarck Greydon, e con “Il terrore dalla sesta luna” del
1994 , diretto da Stuart Orme e tratto dall’omonimo romanzo di IL MISTERO DEI RINTOCCHI FANTASMA A CARPEGNA
Robert A Heinlein. Ebbene, il romanzo e i due films presentano
troppe similitudini con l’essere trovato nel lago di Pilato per es- Carpegna, paesino situato a 750 metri sulle pendici meridionali dell‘omonimo monte (alto 1.050 m.), in provincia di Pesaro. Ebbene,
sere soltanto una coincidenza. Inoltre è da notare che le tre opere verso le 20,15 del 1° novembre 1970, una campana della chiesa seicentesca di San Nicolò suonò per ben tre volte consecutive senza
di presupposta fantasia sono anteriori al ritrovamento avvenuto, che nessuno tirasse la corda. Il misterioso suono, che sorprese la locale comunità di frati, fu riconosciuto per quello della campanina,
almeno ufficialmente, alla fine degli anni’ 90. E qui si aprono al- la più piccola delle quattro di cui è provvisto il campanile della Chiesa Parrocchiale. Alle 22 la campana squillò di nuovo, e con sor-
meno due interessanti scenari: 1) che il chirocefalo sia il frutto di presa di quasi tutti i frati, fu constatato che la porta del suddetto campanile era chiusa e che le campane erano perfettamente immo-
qualche espe rimento ultra-segreto di qualche agenzia - forse bili. Fu notato soprattutto che, mentre il suono si udiva chiaramente nelle stanze dei frati, negli altri ambienti, anche adiacenti, non
americana! - e che sia stata testata proprio pres so tale sperduto si avvertiva nessun rumore. Alle 2 fu udita distintamente risuonare ancora, con le stesse modalità esposte precedentemente. La mat-
laghetto, lontano da occhi indiscreti, a scopo di adattamento?; che tina del giorno dopo, alle 9, il suono misterioso veniva udito anche all’esterno, sul sagrato della chiesa, mentre questa volta nell’in-
il chirocefalo sia un essere proveniente dallo spazio interstellare terno non si sentiva nulla. Da allora la suddetta campana si fece udire quasi tutti i giorni.
e forse arrivato qui sulla Terra con delle meteoriti o attaccato a Il 13 novembre il tipo di rumore cambiò,il timbro risultava essere quello della campana del mezzodì. Il suddetto caso venne studiato
qualche relitto spaziale di matrice terrestre che per motivi a noi ed analizzato da diversi ricercatori, italiani e stranieri. Addirittura il misterioso suono venne anche registrato, in questo caso si ebbe
sconosciuti sia poi caduto sul no stro pianeta? - a riguardo, si noti la prova certa che il suono era reale e quindi era da escludere la suggestione collettiva. Un’èquipe di tecnici del suono di Bologna
che tale essere, nello specifico, è resistentissimo al freddo, e lo che eseguì un sopralluogo con le apposite, idonee e sofisticate apparecchiature,giunse alla conclusione che il suono che si udiva
spazio sconfinato è alquanto freddo!; oppure lo scrittore e i due aveva effettivamente gli stessi diagrammi di struttura sonora di quello delle campane. Comunque tale fenomeno durò fino a Pasqua
registi erano a conoscenza di fatti e dati ultra-classificati , ne ab- del 1972, diminuendo sempre di intensità, fino a scomparire del tutto. Gabriele Zaffiri
biano preso lo spunto, si siano appassionati ad argomenti già ac-
caduti in altre parti del mondo - forse gli USA!- ed abbiano avuto
fondi segreti con l’intento di cominciare a sensibilizzare le masse
alla possibilità dell‘esistenza di altre forme di vita proveniente
ALTRI SUONI FANTASMA
dagli sconfinati spazi siderali, per mezzo dei due suddetti films e 1) il Boccaccio nella prima novella della seconda giornata dell’opera “Decamerone” racconta che in coincidenza con la morte di un
del romanzo? A tutt’oggi l’affascinante enigma della provenienza facchino avvenuta a Treviso, la campana della chiesa maggiore suo nasse da sola, tanto da far credere al popolo che il defunto fosse
di tale essere risulta inspiegabile. Gabriele Zaffiri santo e quindi accorse con i malati per chiederne la guarigione. 2) Neil’opera di Giacomo V. dal titolo “Leggende del diavolo” del
1962, si racconta di come si fosse sentito, verso la mezzanotte del giorno della festa di S. Giovanni Battista, il misterioso suono fan-
tasma di una campana situata su un dirupo della Serra di Fruri presso Naro (AG), insieme alla visione di un santo. 3) “Guida all’Italia”
POSSIBILI CONCLUSIONI del 1970 riferisce che presso il Santuario di Boccadirio (BO) non venne concesso un campanile in quanto appena le campane veni-
vano ordinate, appena fuse scomparivano, pur sentendo suoni fantasma. 4) “Guida all’Italia” del 1970 riferisce che dallo scoglio
Furono fatte le più svariate ipotesi per spiegare tale fenomeno le del Trave di Numana (AN) molti testimoni avrebbero udito rintocchi di campane; a tali eventi sembra che si sia ispirato Ottorino Re-
più rilevanti risultano, ancora oggi, leseguenti: 1) scherzo, qual- spighi per musicare il dramma “La campana sommersa”. 5) Presso la chiesa d S. Pietro in Monastero, nota come il “Cesòn” o chie-
cuno si era introdotto furtivamente nella chiesa, ma contrastava sone di San Pietro in Valle, presso Gazzo Veronese (Verona), sulle sponde del corso d’acqua del Tartaro, dove un tempo si estendeva
con l’evidente immobilità dei bronzi delle campane e delle funi, una insalubre palude, si udirebbero tristi rintocchi di campane fantasma.
nonché si constatò che la porta risultava chiusa, al che fece su- Tra suoni fantasma, a detta delle locali leggende, si udirebbero fin dai tempi dell’impero Romano. Infatti la chiesa suddetta sarebbe
bito scartare tale ipotesi; 2) trucco, quindi ci doveva essere un im- stata costruita sullo stesso luogo dove un tempo sorgeva la colonia romana di Gazza o di Carpania. Qui si idolatrava il dio Appo, raf-
pianto nascosto di altoparlanti che diffondessero i suoni a figurato come un’onda incatenata che commemorava il lavoro che .era stato fatto nell’atto di erigere delle maestose ed imponenti
comando, ma anche questa iipotesi cadde per l’evidente difficoltà mura con cento torri· che proteggevano la località dalla minaccia delle gonfie acque del fiume e della palude. Ebbene, i tristi suoni
materiale per poter sistemare un così potente impianto, senza che che sembra si perpetuino a precisi periodi, avrebbero annunciato la distruzione dell‘antica cittadina di Carpania invasa dalle acque
nessuno se ne accorgesse; 3) medianico o effetto poltergeist, in e non più protetta dal simulacro dei dio Appo, rubata dal principe locale, e la tradizione, tramandata oralmente, vuole che dove sorge
questo caso si tratta di suoni prodotti senza un’apparente sol le- ìl Cesòn , nella notte di Pentecoste, chi si avventura in barca nella palude li possa ancora ascoltare. Gabriele Zaffiri
citazione fisica, in questo caso anche la Chiesa intervenne ma non
si pronunciò in nessun senso, anzi venne disposto il silenzio delle
campane a tutte le chiese dentro un raggio di 30 km per un’intera
settimana, questo per vedere se si potesse trattare di echi, ma il fe-
HISTORIA MAGISTRA VITAE AVVISO UTILE PER FAMIGLIE E AZIENDE
nomeno si manifestò ugualmente. 4) Origine preternaturale, in- (CICERONE) * Ristrutturazione di appartamenti.
fatti si venne a sapere che proprio la sera del 1° novembre 1970,
sera in cui iniziò il fenomeno, morì in odore di santità, Fra Tarci- Chi non conosce il Passato * Manutenzione straordinaria di edifici.
sio Larghetti, abitante a Montefiorentino, una frazione distante 4
km da Carpegna, e che le campane di San Nicolò non suonarono; non può capire il Presente * Progetto e calcolo di strutture di nuova realizzazione.
le voci popolari imputarono la colpa di tale fenomeno a tale fatto * Valutazione della vulnerabilità di strutture esistenti.
in quanto si riteneva una protesta per non aver partecipato alla ce-
lebrazione della morte del pio frate, quindi risultava un messag-
e non può progettare il Futuro. * Progetto di impianti fotovoltaici (pannelli solari per produrre
gio mistico; 5) Origine tellurica, legata alla teoria delle Hole Leys
o Heiligen-Linien, in quanto pare che una falda tellurica giunge energia elettrica a basso costo, usufruendo di incentivi statali)
fin sotto la suddetta chiesa, e che, nel lontano passato, durante * Certificazione energetica di edifici. Per informazioni:
una scossa sismica le campane risentissero del moto ondulatorio
e che, muovendosi, mettessero alcuni rintocchi. Comunque il mi-
stero delle campane sonanti rimane, ancora oggi, non del tutto
CAFFETTERIA Ing. Valentina Cerenza e-mail: vcerenza@unisa.it
Cell. 345. 8843131 - Tel.-fax: 089.2967454
chiarito. Gabriele Zaffiri
DANIEL’S
WHITE RADIO È UNAWEB RADIO Disco-Pub
Happy Hour
Si può ascoltare con un personal computer
collegandosi al sito: www.whiteradio.it -
http://www.whiteradio.it cliccando su Partite di Serie A in diretta TV
“ON AIR” oppure con il proprio
smartphone scaricando l’applicazione Catering a domicilio su richiesta.
gratuita per Apple e Android “White Cortesia e qualità al servizio dei clienti.
Radio”. La trasmissione “TONI & motivi” Via Nomentana 694
è condotta da Antonio Bartalotta
e va in onda ogni Fonte Nuova (Roma)
lunedì dalle 19,00 alle 21,00. Tel. 06.9056588
N. 10 - OTTOBRE 2019 PROBLEMATICHE STORICHE E SOCIALI L’ATTUALITÀ, pag. 13

Sulla neurognatologia dinamica.


PLASTIC FREE
COMINCIA DAL LAZIO
Conversazioni con il dott. Fausto Sartori Graser.
ELEMENTI DI PSICOFISIOLOGIA
PER NON DIMENTICARE...
Dopo l’acciaio e il cemento è il terzo prodotto più creato dal-
l’uomo e più diffuso al mondo, con un utilizzo mai calante e sem- DAL MODELLO DI V. RUGGIERI DI LEGGERE !
(a cura di Vincenzo Calò)
pre in continua crescita. Abbiamo visto tutti le isole di plastica nel (8a parte) Nel 1988 Vezio Ruggieri rende pubblico, attraverso un
mare e cosa può succedere agli animali che la ingeriscono, le mi- libro notevole, Mente corpo malattia, il suo programma di revi-
croplastiche di conseguenza arrivano anche a noi tramite la filiera sione critica del concetto di “malattia” come «lesione organica» Erica Gazzoldi - “La biblioteca di Belisa”: La Gazzoldi scrolla
produttiva ittica. L’Unione Europea ha approvato una delibera o «fenomeno deviante», denunciando, attraverso una radicalizza- il desiderio dei veri lettori, di avere tra le mani un’opera lette-
con la quale sarà vietato dal 2021 produrre articoli in plastica mo- zione rigorosa del concetto comunque rivoluzionario di patologia raria a patto che non sia mai stata consultata; e con l’atmosfera
nouso, come posate, bastoncini cotonati, piatti, cannucce, misce- funzionale originariamente presentato da G. Bergman nel 1943, la rasserenante, che solo una struttura accogliente, che sappia di
latori per bevande e bastoncini per palloncini. confusione tra struttura e funzione, giungendo pertanto a porre un’essenza naturale, può ricostituire… riscaldata da raggi solari
I deputati hanno aggiunto all’elenco delle materie plastiche pro- profondamente in dubbio anche la legittimità della separazione che s’infiltrano senz’accecare minimamente, come ad adden-
posto dalla Commissione i sacchetti in plastica leggera, gli arti- tra malattie psicosomatiche e non. Tutta una serie di dati prove- sare il presupposto per le più intime confidenze. Ben lungi in-
coli di plastica oxo-degradabili, come sacchetti o imballaggi, e i nienti dalla sperimentazione neurofisiologica degli anni sessanta somma dall’abbandono, da uno stato d’animo decadente, quello
contenitori per fast-food in polistirolo espanso. Altre materie pla- e settanta rafforzano l’idea che il sistema nervoso centrale svolga tipico dei posti sovraccarichi di culturale sentore. In effetti il
stiche, come le bottiglie per bevande, dovranno essere raccolte un ruolo determinante in tutti processi morbosi. Ma già nella metà luogo in dotazione rievoca della germogliante, fitta vegetazione,
separatamente e riciclate al 90% entro il 2025. degli anni trenta un fisiologo ucraino del gruppo di Pavlov, A.D. da inspirare a pieni polmoni, per emozionarsi nelle tenebre iden-
A recepire la direttiva in casa nostra è il Lazio che sta adottando Speranskij, raccolse i risultati di oltre dieci anni di lavoro, ini- tificabili in una persona, dacché capace di ospitare qualsiasi tipo
un piano chiamato “Plastic free”. La Regione ha infatti stanziato ziato nel 1923 all’Istituto di medicina sperimentale di Leningrado, di luce; ignara semmai del proprio destino, di volgere alla fine
a fine estate 500 mila euro solo a favore di Istituti superiori e Uni- nell’opera Fondamenti per una teoria della medicina, uscita nel in balia di una ragione sferzante.
versità per contrastare l’utilizzo della plastica usa e getta, basti 1937, tradotta in italiano nel 1956 e oggi considerata un classico La protagonista si chiama Belisa, è una giovane donna che crede
pensare alle mense scolastiche e al monouso che utilizzano, ha della fisiopatologia sovietica. Nel laboratorio di fisiopatologia, bene di mettere le sue radici in un contesto strutturale che rige-
iniziato a riciclare con l’istallazione di eco compattatori presso la istallato a partire dal 1928, la ricerca finì con il dare un grande ri- nera nient’altro che il Pensiero, e difatti i libri che si rendono
grande distribuzione, prevede agevolazioni economiche ai Co- lievo al ruolo del sistema nervoso, centrale nell’insorgenza dei preda della sua curiosità danno il là ai vari capitoli di questa rac-
muni che promuovono il riciclo della plastica e il riuso ed adot- processi patologici ma innanzitutto nella regolazione di tutti i pro- colta di versi (pubblicata dalla Limina Mentis ed).
terà delle campagne ambientali da portare nelle scuole primarie. cessi fisiologici. Il programma del gruppo di ricerca che fa capo Quindi ci possiamo trovare dinanzi a una dedica nei riguardi di
Prevista anche la figura del “green manager”, professionista ad a Ruggieri riprende la proposta europea di Bergman e i lavori del un sentimento positivo ma pur sempre immaturo, che non tor-
hoc specializzato attraverso corsi di formazioni gestiti da Arpa Direttore dell’istituto di Patologia Generale e Sperimentale del- nerà più in sesto, come anche a dover riflettere sulla bellezza di
Lazio, titolo spendibile in aziende private e pubbliche. l’Accademia delle Scienze Mediche dell’Urss sull’intreccio tra un’intesa tra donne, che hanno magari modo di comunicare in
Arianna Paolucci processi biochimici cellulari ed attività del sistema nervoso e stu- cuor proprio. L’autrice si anima con una svolta paradisiaca ma
dia come, nelle più diverse forme di patologia siano presenti dei non invasiva, e, carente di un rispettoso altrove come tutti del
Giù le mani dai bambini!! meccanismi “psichici” di inibizione, ed eventualmente di iperat- resto, classicheggia coi messaggi che manda, o drammatizza
“L’invenzione del debito pubblico inestinguibile” secondo tivazione (rebound neuronale), attribuendo così a tali meccani- l’umanità argomentando sul malessere e sull’inesistenza; ma
smi un possibile ruolo nella patogenesi del processo morboso. Si con la vivacità leggendaria di quel fantasmino, Titivillus, che ai
Anna R. Rossi. Un’intervista-dialogo tempi del medioevo sgraffignava gli epistolari tralasciati dagli
sul cannibalismo finanziario internazionale. trattava, alla fine degli anni ’80, di un vero e proprio preludio ad
una concezione moderna della malattia come effetto dell’intera- addetti alle pubblicazioni.
zione tra soggettività (organismo e sistema immunitario) e am- La poesia poi si espande, la parola si fa apparentemente stra-
IL FENOMENO DELLA SMATERIALIZZAZIONE biente che, per più d’un aspetto mi sembra convergere con le tue niera, essendo ispirata persino dai meandri di una musica ag-
DEL DENARO COME ELETTRONIZZAZIONE DEI ricerche sulle basi cinesiologiche e neurologiche delle asimmetrie, gressiva, di un entusiasmo che la Gazzoldi ha scoperto da poco,
e dunque sulla funzione stomatognatica in rapporto alla postura suscitante anch’esso delle impressioni a pelle, che vibrano, che
FLUSSI MONETARI E NEO-CORTICALIZZAZIONE si allargano di-versificando alla fine della silloge; di questa spe-
individuale e al problema dell’appoggio corporeo antigravitario.
A MEDIUM UNICO DELINEA UNA NUOVA E con le nostre sul rapporto tra sistema immunitario, processi im- cie di excursus per consacrare nuovamente un intelletto elevato,
PSICOLOGIA DEL LAVORO PER UN NUOVO munitari ed infiammatori, neuropsicoanalisi e psicoterapia. Inol- ma alla portata di chiunque.
tre, la tua denuncia di “meccanicismo”, quanto alla formazione “La biblioteca di Belisa” contiene anche certe poesie scritte in-
SOGGETTO DEL CAPITALE dei dentisti, sembra coincidere con la denuncia portata da Rug- tingendo le emozioni nella lingua cara per la Gazzoldi, ride-
gieri alla medicina generale, perché si tratta di un approccio, stante le sue origini manerbiesi, e cioè bresciane…
(28a parte) Oggi, nelle scuole di economia di tutto in mondo si quello medico, pur sempre ancorato a un modello strutturale or- accompagnate addirittura da disegni notevoli, eh già… in effetti
diffondono ovunque corsi di Comunicazione, in un trionfo del ganicista. Ma la convergenza ha anche un altro polo di gravita- ciascun capitolo si apre con svariate immagini che sembrano ri-
medium unico (il denaro smaterializzato), in analogia con l’avan- zione: la critica di Ruggieri all’approccio standard alla prodursi da sé, opera sempre di Erica. Particolare la riproposi-
zata del paradigma relazionale-umanistico in atto all’interno del- psicofisiologia, approccio che tende a studiare i rapporti mente- zione, illustrata e a parole, della lirica “La risata”, che brilla di
l’organizzazione internazionale della sanità. Si tratta della organismo in termini di correlati statistici semplici, come aree ben contemporaneità, alla fine di “Titivillus”, e ad appannaggio di
psicologizzazione dell’intero sistema su cui vorrei tornare in se- distinte e separate funzionalmente, di cui sarebbe poi impossibile una forma sia stilistica che concettuale, alternante l’oscuranti-
guito, specificandone meglio i nessi con l’economia politica at- individuare in modo soddisfacente i collegamenti reali. smo col sogno, a seguito di un’elaborazione che s’è protratta
tuale. F. Sartori Graser: La psicofisiologia di Ruggieri, clinica e dina- con passione; come a dover percorrere uno e più sentimenti di
A.R. Dopo il ’68 in Europa sarebbero cominciati ad appalesarsi mica a un tempo, il suo discorso sull’inibizione e la sua discus- conseguenza.
segni a prognosi infausta del fenomeno della smaterializzazione sione critica sui modelli patogenetici in medicina va a fondare
del denaro. Il capitalismo sembrò imboccare deciso una strada una disciplina che non esiste in altri parti del mondo, e che gio-
dove il denaro, perdendo i suoi contorni originari, strappato alle
sue radici si sarebbe trasformato, sotto quell’influenza, in una
coforza è relativamente recente. In uno studio del 1967 messo in
evidenza dallo psicofisiologo italiano, Der asthmatiker. Äetiolo-
DIATRIBA FRA REGIONE
storta d’unico medium per la comunicazione e gli scambi, non
più semplicemente economici ma anche relazionali in un senso
gie und therapie des asthma bronchiale in psychologischer sicht,
A. Jores e M. Kerekjarto mostravano per esempio come non
E ROMA SULLA PIPÌ
psicologico, emotivo-cognitivo. Si tratta, con un’immagine, d’un avesse più senso parlare di “asma” nel senso di una patologia Emergono incongruenze fra Regione Lazio e Roma capitale sul-
gigantesco fenomeno di corticalizzazione del sentire lavorativo d’organo, e come occorresse invece cominciare a parlare del sog- l’utilizzo dei bagni negli esercizi commerciali, la prima dice
tradizionale. Siamo così arrivati oggi alla stagnazione, alla para- getto “asmatico” tout court. Il riconoscimento diagnostico do- espressamente nel testo unico sul commercio che il titolare di un
lisi, al capolinea! Direi meglio così: siamo arrivati alla paralisi veva, ora, prendere le mosse dal disagio denunciato dal paziente, negozio può far pagare il bagno a un non cliente, basta che
iperagitante d’una sorta di parkinsonismo neuroeconomico, nel- e doveva cercare di inquadrare in un unico modello articolato le esponga il prezzo su un cartello, l’altra amministrazione invece
l’impossibilità di pensare alla logica del lavoro intrinseca alla diverse forme assunte dal malessere-malattia. Ruggieri osserva scrive a chiare lettere il contrario, ossia che gli esercenti devono
«legge del valore» di Marx. Questa mia critica della valorizza- come sia proprio questa la strada dove, all’interno del concetto consentire l’uso dei servizi igienici a chi ne faccia richiesta, cioè
zione ipermoderna del lavoro intessuta di tutta una pragmatica stesso di “malattia” in cui s’applicava, si poteva nutrire la spe- a tutti. Eppure il dibattito si è infiammato e i titolari delle attività
della comunicazione umana, può essere anche intesa come una ranza di recuperare i resti del meccanicismo dogmatico massic- commerciali sposano la tesi della Regione in via del fatto che la
riangolazione della «legge del valore» di Marx. Tale legge, com’è ciamente presente nella mentalità medica e nei funzionamenti manutenzione di un bagno tra utenze e pulizia costa dalle 3 alle
noto, forniva le condizioni in generale del rapporto capitalistico, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Secondo lo scienziato 4000 euro l’anno.
avendo scoperto la contrazione del lavoro alla merce: la forza-la- italiano si sarebbe potuto, e quindi dovuto, allora, rimettere in Forse la soluzione sta nel mezzo, incrementare i bagni pubblici a
voro era divenuta la condizione stessa del capitale come un puro gioco «tutta una serie di disagi e malesseri considerati dalla me- Roma che ad oggi sono una goccia nel mare. Arianna Paolucci
rapporto “di mercato”. Ritengo occorra rivedere bene questo mo- dicina “sine materia”». Una materia patologica che, sebbene mal
dello marxiano della contrazione per “liberare” la nostra com- definita, «impegna però di fatto notevolmente il sistema sanitario:
basta frequentare un qualsiasi ambulatorio di medicina generale
prensione del fenomeno neoliberista.
M.B. Dopo il ’68, alcuni politici studiosi del marxismo, di fem-
minismo e di politiche assistenziali, come Elvira Banotti, Giorgio
Fabretti, Massimo Cacciari ed altri parlavano di sistema nervoso
per rendersene conto – aggiungeva Ruggieri alla fine degli anni
’80 -. Tale forma di denuncia di malessere è considerata “un in-
tralcio” nella prassi medica ed odontoiatrica. Il nostro discorso
AUGURI AL NUOVO GOVERNO
considera invece questo aspetto del problema come un’introdu- Dopo circa un mese dalla crisi del Governo gialloverde, il 5 set-
sociale in modi che mi paiono assimilabile al discorso che lei fa tembre c.a. il nuovo Governo Conte ha giurato fedeltà alla Co-
sulla progressiva riduzione ad ambito empatico-cognitivo della zione ad una concezione moderna della malattia» (V. Ruggieri,
Mente corpo malattia (Analisi e discussione psicofisiologica), Il stituzione davanti al Presidente della Repubblica Sergio
dialettica lavoro-capitale. La forza-lavoro come condizione del Mattarella. Il nuovo Governo è da 19 Ministri, dal Presidente del
mercato capitalistico è condizione permanente, questa è stata la Pensiero Scientifico, Roma 1988, p. 220). Qui la nostra ricerca
sulla neurognatologia dinamica appare in effetti proseguire quella Consiglio Prof. Giuseppe Conte, d al Sottosegretario alla Presi-
loro scoperta. La “loro”… od anche, la “nostra”? della psicofisiologia clinica. Michele G. Bianchi denza del Consiglio Riccardo Fraccaro e dai seguenti Ministri:
A.R. Direi anche la nostra scoperta, che oggi dobbiamo rifare, Luigi Di Maio Ministro degli Esteri, Lorenzo Guerini Ministro
insieme direi, e aggiungerei: con loro o senza di loro. Ora, cosa della Difesa, Alfonso Bonafede Ministro della Giustizia, Stefano
accade una volta che la condition ouvrière viene indebolita a van-
taggio della «condizione neoliberista» di cui ci parla Lazzarato?
STEPHEN HAWKING Provenzano Ministro dello Sviluppo economico, Roberto Spe-
ranza Ministro della Salute, Lorenzo Fioramonte Ministro delle
Esattamente che la dimensione strutturale scoperta come il “per-
manente” di ciò che condiziona si rende impossibile da pensare. E IL SIGNOR NESSUNO Politiche istituzionali, Enzo Amendola Ministro per gli Affari eu-
ropei, Elena Bonetti Ministro per la Famiglia, Vincenzo Spada-
Ciò che accade è di una gravità estrema. Ed accade esattamente fora Ministro per lo Sport e Giovani, Paola De Michelis ministro
nella misura in cui il permanente si trasforma nella struttura Una strana, vaga intuizione è sorta
nella mia mente quando, facendo per l’infrastrutture, Dario Franceschini Ministro dei Beni Cultu-
stessa del debito. Stiamo parlando dell’invenzione del debito pub- un pò d’ordine nel caos delle mie rali e del Turismo, Teresa Bonanova Ministro dell’Agricoltura,
blico inestinguibile e del cannibalismo finanziario internazionale, scartoffie, mi è capitata sotto gli Nunzia Catallo Ministro del Lavoro, Sergio Costa Ministro del-
è vero? Non è forse questo il titolo delle nostre conversazione? occhi una foto di Stephen Ha- l’Ambiente, Francesco Boccia Ministro degli Affari Regionali,
Ebbene, ho avuto modo di osservare con Lazzarato come nel pen- whing (nella foto) , deceduto re- Francesco D’Incè Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Giu-
tolone del festino cannibalico ci si entri per volontà propria, per centemente e considerato il più seppe Provenzano Ministro per il Sud, Paola Pisano Ministro per
identificazione, plebiscitariamente. Se il debito è il nuovo stru- grande fisico, matematico e co- le Innovazioni, Fabiana Dadone Ministro della P.A..
mento nelle mani del neopotere, questa coercizione non proviene smologo. La mia considerazione è Il Governo assicura il popolo italiano che saranno ridotti i parla-
da fuori, come nelle comunità disciplinari, bensì dal debitore questa: il sottoscritto è stato uno mentari, verrà diminuita la tassa sul lavoro, l’acqua sarà pubblica
stesso. Il potere è ora esercitato direttamente sul terreno biolo- studente universitario molto sca- come il pèopolo ha deciso con uin referendum e farà gradite sor-
gico. Le ricerche degli anni novanta sulle conseguenze sociopsi- dente e professionalmente non è stato un luminare della scienza. ptese. Noi giudicheremo il Governo sul suo operato e speriamo
cologiche dell’elettronizzazione dei flussi monetari di Haesler ci Ma la propria autonomia mentale e le sue note caratteriali, in- che sia positivo come il popolo spera. Il Sen. Matteo Salvini cre-
hanno mostrato come sia progressivamente caduto in disuso il sieme combinate secondo leggi genetiche non facilmente deci- deva che con la crisi di Governo si tornasse a vo-
vecchio meccanismo per il quale il credito al consumo avveniva frabili, rischiano non di farne una celebrità ma forse una figura di tare e, vincendo l’elezioni, avrebbe potuto fare
dietro una domanda esplicita. È scomparsa la domanda, l’inizia- qualche risonanza culturale a livello nazionale. un governo esclusivamente leghista. Non sa-
tiva del soggetto! Con la morte della domanda e così del soggetto Hawking, invece, pur dotato di raro patrimonio intellettivo e spe- peva Salvini che secondo la Costituzione il
appare la macchina, un soggetto-macchinale: il sistema crediti- culativo, stando l’attuale situazione italiana (come affermato dal Capo del Governo, prima di sciogliere le ca-
zio del microchip (le carte) ha automatizzato il credito rove- celebre sociologo Ferrarotti) sommersa nelle sabbie immobili ri- mere, deve constatare se nell’ambito del Par-
sciando il polo dell’iniziativa. Con le carte, cioè, la relazione di guardo il provincialismo, il clientelismo ed il trasformismo, nella lamento sia possibile formare un Governo.
credito è sempre già istituita in anticipo, non bisogna attendere la nostra Nazioni edonista ed esibizionista, non sarebbe mai diven- Ciò ha fatto Mattarella e Salvini non può fare
domanda. Per attuarla basta solo utilizzare la carta. Nessuno tato uno scienziato di fama internazionale. altro che constatare che il suo sogno non si è
chiede più un credito, semplicemente non dice di no alla carta, la Più probabilmente, a motivo della sua malattia invalidante, sa- realizzato. Auguri al Presidente del Consiglio ed
accetta. È il sistema di pagamento con le carte a istituire così rebbe diventato un depresso cronico che vive sulle esenzioni del a tutti i Ministri, sperando che realizzino ciò che il po-
una struttura del debito che è permanente. Michele G. Bianchi ticket sanitario. Vero o falso? Eugenio Morelli polo italiano si aspetta da loro. Mario Coletti
L’ATTUALITÀ, pag. 14 N. 10 - OTTOBRE 2019

REIKIALLE DONNE IN GRAVIDANZA ROMA ROMANTICA IO E I PIANETI DELLO ZODIACO


Spesso mi viene chiesto se le donne in stato di gravidanza pos- Sono tantissimi i luoghi romantici a Roma. Chi non ha mai pas- (a cura di Isabella M. Affinito)
sono ricevere Reiki. Direi che non solo è consigliato, ma forte- sato una serata romantica con il proprio patner lasciandosi av-
mente raccomandato. Come può una donna che attende un volgere dalla meravigliosa vista mozzafiato su tutta Roma? Il
bambino, beneficiare di un apporto energetico? Innanzi tutto bi- belvedere è situato su Monte Mario, sopra Piazzale Clodio e a Interpretazione del tema natale del professore Eugenio Mo-
sogna ricordare che gli equilibri (energia vitale del corpo, mente due passi dall’osservatorio. La presenza di un ristorante permette relli, nato a Trieste il 29-8-1946 anche senza conoscenza del-
ed emozioni) vengono fortemente influenzati per tutto il corso di fare una bella cena romantica dominando la città. Il Gianicolo l’ora di nascita.
della gravidanza. Ristabilire questi aspetti e mantenerli nei mesi è uno dei luoghi simbolo della capitale, assieme a Monte Mario
e al Pincio è uno dei luoghi più panoramici della città. Ricco di La seguente interpretazione riguarda la disposizione dei pianeti
della gestazione, non solo fa bene alla donna, ma anche al feto che nel giorno-mese-anno del professore Eugenio Morelli, triestino
contestualmente riceve energia per svilupparsi in modo più ar- Storia, ricorda con la squadra equestre l’eroe dei due mondi, Giu-
seppe Garibaldi. Da qui ogni giorno uno sparo di cannone batte di nascita, senza, purtroppo per mancanza dell’ora esatta, poter
monioso. stabilire in quali Case si trovassero tali pianeti, bensì solo nei
Il Reiki è utilissimo per l’ansia, i crampi, gli sbalzi ormonali, il le ore 12. La presenza del faro e di meravigliose ville, oggi sede
di ambasciate rendono Il luogo affascinante e romantico. Ponte Segni zodiacali. Procediamo con il Sole posizionato nel Segno
tutto spesso accompagnati anche da problemi gastrici, soprattutto della Vergine, quindi, ci si avvale dei significati di questo Segno
nei primi tre mesi. Dare Reiki specificatamente per questo ultimo Milvio costruito nel 109 A.C. dal censore Marco Emilio Scauro
è ilponte degloi innamorati. Divenuto famoso dopo il grande suc- zodiacale così dedito alla precisione, a conservare scrupolosa-
problema, favorisce il rilassamento delle parti interessate alla di- cesso del film “Ho voglia di te”, Ponte Milvio rappresenta una mente ogni cosa – dai documenti al proprio abbigliamento nel-
gestione. Si riscontra così la diminuzione, o meglio ancora l’eli- delle mete privileggiate degli innamorati di tutto il mondo. L’atto l’armadio di casa – ad essere portato all’analisi e alla critica in
minazione, delle nausee mattutine. Ne trae beneficio anche la di chiudere In lucchetto su Ponte Milvio e lanciare la chiave nel genere. « […] Si trova a suo agio in mezzo alla natura; è capace
schiena, che per tutta la gestazione è fortemente influenzata dal tevere come promessa d’amore è divenuto Un vero e proprio rito. d’immergersi per ore e ore in silenziosa contemplazione di un
continuo aumento di peso, diminuiscono anche le sensazioni di Nonostante ultimamente i lucchetti siano stati mossi, il ponte tramonto, del mare, di un paesaggio in genere; è pure incline a
fatica, accompagnati da un netto migliorando della circolazione resta comunque Uno dei simboli di amore e uno dei luoghi più ro- girare altrettanto a lungo e da solo nei boschi e fra i prati. Sono
sanguigna. Con i vantaggi fin qui elencati è ovvio dedurre che, se mantici di Roma. La fontana degli innamorati Fontana di trevi è i momenti in cui si sente misticamente unito con tutti gli altri es-
tutti i fastidi sono sotto controllo, la donna entra in uno stato di uno dei luoghi più romantici di Roma. La fontana degli innamo- seri, e l’aroma della terra ha per lui qualche cosa di un narcotico
benessere, condizione che mitiga le difficoltà che possono ri- rati. Si dice che le coppie che bevono a questa fontanella restano che lo stimola e gli ridà la calma e la fede della vita che talvolta,
scontrarsi nel riposo notturno. innamorate e fedeli per sempre. La fontana e la piazza sono molto preso non di rado da accessi di malinconia, tende a perdere. »
Il Reiki è altresì molto utile nella parte finale della gravidanza. famose all’estero perchè location di molti film culto italiani e in- (Da Astrologia – Trattato completo teorico-pratico di Nicola Se-
Oltre ad influire positivamente sulle paure del parto, rendendolo ternazionali. Il Pincio un angolo della città davvero imperdibile, mentovsky-Kurilo. Hoepli di Milano, Anno 1986, a pag.227). Il
più facile, tra le donne che ricevono Reiki negli ultimi mesi della immerso in un parco storico della capitale. Oltre alla presenza pianeta Urano è l’unico a trovarsi isolato, a fare da padrone nel
gestazione, si riscontrano un minor numero di parti cesarei. del giardino zoologico ormai denominato Bio Parco, la villa ha al Segno dei Gemelli che vuol dire intelligenza superiore e versatile,
Subito dopo il parto la donna può beneficiare del Reiki per un suo interno dei veri gioielli di arte, come la Galleria Borghese, prontezza di riflessi con gestualità sviluppata, professioni orien-
miglior recupero, sia dal punto di vista fisico che emotivo, ridu- Piazza di Siena, l’Accademia di Francia oltre numerose fontane tate verso la matematica, la fisica, la biologia, ma soprattutto le-
cendo anche i rischi di una depressione post-partum. Cosa molto e monumenti storici. gate alla socialità e agli scambi di contatti. Alla lettura
La terrazza del Pincio con affaccio su Piazza del Popolo, soprat- approfondita del grafico stupisce la concentrazione di più pianeti
importante da sottolineare è il legame tra madre e bambino che si in soli due rispettivi Segni zodiacali, quali la Bilancia e il Leone.
rafforzerà notevolmente dopo la nascita. I neonati che hanno ri- tutto la sera segna momenti da non perdere. Il giardino degli
Aranci Il parco Savello conosciuto meglio come il Giardino degli Dunque, nella Bilancia ci sono ben cinque pianeti di cui la Luna,
cevuto Reiki durante la gestazione, rispondono meglio al mondo Nettuno, Marte, Venere e Giove, con doppie congiunzioni ossia
che li circonda. Se il Reiki viene praticato sul bambino anche Aranci e la Villa del priorato di Malta sorge il cosiddetto “Buco
della Serratura” che altro non è che il buco attraverso il quale si vicinanza strettissima della Luna e Nettuno con Marte, e Giove e
dopo, il neonato appare più calmo e tranquillo, inoltre diminui- Venere con Marte dai significati multipli. Allora, la Luna legata
scono i dolori intestinali di cui spesso fanno esperienza, in se- può Vedere il cupolone di S. Pietro. Il momento migliore, forse,
per visitare il Giardino degli Aranci è proprio al Tramonto. La a Nettuno risulta un po’ indefinita, senza una circonferenza mar-
guito alla somministrazione del latte. scalinata di Trinità dei Monti. Simbolo di roma, affollata da ro- cata nel senso che si tratta di una sensibilità artistica speciale sotto
Il consiglio è quindi quello di ricevere Reiki il più possibile o me- mani tutti i giorni è uno dei luoghi più romantici della capitale. Si tutti i punti di vista, ma che rischia di sfumare in crisi per la pro-
glio ancora frequentare il corso di primo livello per avere poi la staglia su Piazza di Spagna per raggiungere la chiesa SS. Trinità pria sicurezza psico-fisica. Da una parte ci sono ispirazioni pro-
possibilità di farsi degli auto trattamenti ogni volta che ne sente alle pendici del Pincio. Dall’alto una meravigliosa vista sul Rione venienti dal mare, dalla sconfinatezza, dall’irrazionale,
il bisogno. Angela Chiumenti – Reiki Master Campo Marzio e la splendida Via Condotti. Marina Giudicissi dall’extrasensoriale; dall’altra parte, invece, possono sorgere ti-
mori di ogni genere, fragilità caratteriale, incapacità decisionale.
Ma a questo si associa la presenza guerriera di Marte, che infonde
spirito marziale nelle azioni quotidiane e tendenza a pilotare qual-
SALONE NAUTICO, GENOVA2019. CRESCITAE GRANDI CAMBIAMENTI siasi mezzo come auto, motocicletta, aereo, con interesse per la
meccanica e la carriera militare. Possono sorgere problemi rela-
tivi alle estremità inferiori, piedi, e, comunque, il soggetto può
Come consuetudine da ormai più di mezzo secolo, si è tenuto a Genova dal 19 al 24 settembre il 59º salone della nautica, Che ri- rivolgersi ad una massa, collettività, in nome di un’ideologia in
mane ancora oggi, nonostante la concorrenza delle fiere di Cannes e di Dusseldorf, comunque il più grande salone della nautica in cui crede fermamente. La vicinanza stretta tra Giove e Venere,
Europa. La kermesse di Genova è un appuntamento storico, che si differenzia Dalle altre fiere di settore per avere la sua disposizione sempre in Bilancia, esprime che da un’unione affettiva può sca-
per metà in spazi su terra e per metà in mare, mentre ad esempio la fiera di Cannes è solo in acqua e quella di Dusseldorf solo in turire ricchezza e fortuna, o da un importante legame tra soci. La
terra. La fiera di Genova è anche un’occasione di incontro politico per un settore che in Italia, paese con oltre 4000 km di coste, è Venere in Bilancia rafforza le valenze del Segno zodiacale di cui
molto strategico. Ci teniamo particolarmente a precisare che la nautica non è, ci sia passata l’espressione colorita e cinematografica, è già la governatrice, per cui tutto ciò che è conforme al bello, al-
“roba da ricchi”. La nautica è altresì un settore che produce direttamente ed anche con un grosso indotto centinaia di migliaia di posti l’estetica, al gusto, all’eleganza, al fascino fisico viene proiettato
di lavoro. Un settore da cui peraltro non si può prescindere, proprio per la conformazione orografica del nostro paese. Ultima con- a livello esponenziale per risultati ottimi. Qui il senso della giu-
siderazione ci piace rivolgerla all’inquadramento dell’Italia nel mondo produttivo industriale internazionale. Il nostro non è paese di stizia è molto alto. Venere e Marte risultano guardarsi da meno di
produzione a basso costo e a bassa qualità, tutt’altro, è il paese dello stile del buon gusto della tecnologia, dell’alta qualità ed anche dieci gradi di distanza, nella mitologia greca considerati gli
del lusso. Il settore del lusso genera milioni di posti di lavoro, quindi dietro ad ad uno yacht da sceicco, dietro a produzioni di moda amanti per eccellenza, fusione degli opposti Amore-Odio imma-
con singoli capi che costano più di uno stipendio medio, non ci sono ingiustizie sociali ma c’è un mondo produttivo che genera ric- ginati in maniera speculare anche da Sandro Botticelli nella sua
chezza su milioni di lavoratori. Ben venga quindi il lusso, ben venga quindi la ricchezza, che non sono peccati ma opportunità di cre- famosa tempera su tavola del 1483 custodita alla National Gallery
scita anche per chi ricco non è. Ci dispiace doverci soffermare su queste premesse, ma lo riteniamo necessario proprio per far capire di Londra. Difatti qui la passionalità si fa sentire con una vita sen-
che non stiamo parlando di settori di nicchia ma di argomenti che possono interessare tutta l’economia. timentale abbastanza piena. Infine troviamo Mercurio Plutone e
La nautica italiana nel 2018 ho fatto segnare un incremento del 9,5% sui fatturati rispetto al 2017 ed il 2019 si chiuderà con un trend Saturno in Leone, che vuol dire una forte volontà dominatrice con
di crescita stabile. considerando che gran parte della produzione italiana viene venduta all’estero questo significa veramente portare un’intelligenza perforante le sfere dell’ambiente plutoniano, cioè
linfa al sistema economico italiano. Questa linfa dovrebbe essere apprezzata ed incrementata dal sistema politico in tutte le maniere, a voler penetrare conoscenze segrete, inviolabili, riservate a pochi
cosa che purtroppo non avviene. La nautica italiana si trova di fronte ad un dualismo costituito dal forte incremento di produzione e eletti che possono aver accesso nel regno cosiddetto sotterraneo.
di vendita di imbarcazioni di estremo lusso, ossia quelle al di sopra dei 30 m, dove l’Italia la fa da padrone a livello mondiale, e dal- Possono esserci ripetute prove ardue da superare nel corso del-
l’altra parte da un incremento di vendita del settore delle piccole imbarcazioni, spesso anche di quelle non immatricolate, ossia al di l’esistenza e non sempre la parte cosciente dell’individuo è in ac-
sotto della misura di metri 10. Il settore che invece rispetto al periodo pre crisi risulta in decremento è quello delle barche di media cordo con il proprio inconscio, ovvero ciò che si vorrebbe fare,
lunghezza ossia tra i 10 e i 18 m, settore dove era trainante la clientela interna e che per motivi sopra spiegati si è negli ultimi anni che parte da dentro, non è in sintonia con il fare esterno della per-
affievolito. Possiamo dire che c’è stato un vero e proprio “downsizing”, ossia un ridimensionamento delle lunghezze delle imbarca- sonalità; spesso c’è tensione tra queste due forze, le quali, tutta-
zioni, per cui chi aveva un’imbarcazione di 12/15 m, oggi preferisce viaggiare con costi estremamente inferiori e conforto non troppo via, generano ambizione e ricerca di ruoli sociali di grande
differente su barche fino a 10 m. la sfida più grande che sta affrontando la nautica da diporto in Italia è quella ecologica, e ciò può prestigio.
costituire un enorme impulso alla crescita produttiva. Ben venga in ogni settore il rispetto dell’ambiente, l’incentivo ad un energie
alternative e a fonti più pulite di approvvigionamento. Già da 10 anni stanno muovendo i primi passi cantieri nautici ecologici che (Chiunque desideri conoscere gratuitamente il proprio tema
sfruttano motori ad energia elettrica alimentati da celle solari e pale eoliche poste sulle imbarcazioni; non bisogna dimenticare inol- natale, può scrivere rivolgendosi a Isabella Michela Affinito,
tre la vela che da centinaia di anni è una fonte di energia pulita, sempre più in crescita. a questo indirizzo e-mail: anastasia22n@libero.it)
Speriamo che il settore nautico come molti altri settori economici italiani, tra cui per analogia citiamo l’automobile, non sia la solita
mucca da mungere per continua necessità di cassa del nostro Stato Alessandro Massimi
VETRINA LIBRARIA
UOMINI E DONNE COME CANI E GATTI
(absit in iuria verbis!)
(Seconda parte) Già tra le connotazioni comuni per le donne come femmine si possono riscontrare: una componente felina (da una gattina
a una tigre); una crocerossina (alias samaritana); una maestrina; un’istitutrice poco o per nulla propensa a considerare sfumature (tutto bianco
o tutto nero, strettamente ligia alle norme (da forcaiola). O, all’altro estremo: corruttibile e corruttrice. ). Se in lei, “normalmente”, prevale
l’istinto materno, tende a instaurare il rapporto , da up à down, con uomini di qualsiasi età come da mamma (buona o cattiva) a bimbo ( e
forse non a torto, per quanto sopra detto a proposito dell’animo del maschio). Nell’uomo un’analoga tendenza alla paternità non appare così
predominante. La Traviata appena andata in onda dall’Arena (21 giugno) mi aveva fatto pensare alle infinite altre immagini della donna
rappresentate come protagoniste (e non) in ogni opera e non soltanto della lirica (si pensi a caratteri profondamente diversi come quelli di
tanti celebri personaggi femminili dell’antichità come pure dei nostri tempi), che potrebbero rendere un’idea della straordinaria complessità
dell’anima femminile. Complessità di connotazioni caratteriali che pare non si mostrino nei masculi dove: la componente infantile pare sia
in fondo il denominatore comune. A PROPOSITO DELLA COMPLESSITÀ DELL’ANIMA FEMMINILE: Giuseppina Strepponi, la so-
prano prima donna, che in illo tempore imperava alla Scala (amante e poi moglie di Peppino Verdi) aveva sostenuto il giovane Giuseppe
fintanto che lui non divenne più popolare (GRANDE) di lei: la sua maschera altruistica da mecenate si rivoltò al punto da ostacolarlo con
gelosia da comune moglie quando al Maestro, ormai di fama mondiale, gli era stata commissionata l’Aida per l’apertura del Canale di Suez…
rappresentazione, a causa delle scenate di gelosia di lei, ritardata di un anno! In proposito viene da pensare che Verdi per La Traviata ,
come Puccini per la Tosca, “vittime” delle devastanti conseguenze della gelosia delle rispettive partner, siano stati mossi da motivi tipo “Ci-
cero pro domo sua”. Ciò pare valga, in particolare, per la più pressante motivazione di Verdi nella scelta di una vicenda così scabrosa come Esaurita la prima edizione di questi libri.
quella reale di una libertina (oggi “eufemisticamente” la si sarebbe considerata una escort) Marguerite Gautier, nel romanzo di Alexander
Dumas:” La “Signora delle Camelie”, allorché si trovava in procinto di andare a convivere more uxorio con un’allora facente parte, in spe- È in corso di stampa la seconda edizione
cie per una donna, del già malfamato mondo artistico, specialmente del teatro. Egli era consapevole di come e quanto l’opinione pubblica, Per prenotazioni rivolgersi al cell. 347.0333846
intrisa di atavici bigotti pregiudizi, avrebbe reagito nei confronti di una sua tale scelta di vita coniugale. Quindi la Traviata avrebbe funto,
per i suoi prevenuti e suscettibili contemporanei ,da desensibilizzante se non proprio da vaccino. Ma il Verdi, ormai era già nel cuore di tan-
tissimi melomani e non e forse egli stesso, consapevolmente, sapeva che grazie al potere magico della sua arte, sarebbe riuscito, come poi
riuscì a far passare in retroscena la pregiudicata immagine della protagonista dell’ora quindi anche di quella della sua amante.. Chiudo que-
sto articolo riproponendo un assunto formulato in altri miei scritti, vale a dire che tra le due metà del cielo sussiste, in fondo, della ruggine
dovuta per lei ai soprusi secolarmente subiti dal suo genere da parte dl figure maschili e per tanti maschi attribuibili a risentimenti, per lo
La collaborazione al periodico
più repressi, nei confronti della madre “colpevole” di abbandono e tradimento per averlo privato delle sue esclusive prestazioni a favore
di uno o più rivali. Risentimenti che, contenuti nei confronti della madre, rimangono pressantemente tesi a regolare vecchi conti, scarican-
dosi transferalmente contro qualche altra figura femminile e contro chi potrebbe fungere da bersaglio sostitutivo di uno o più rivali “col-
“L’Attualità” è aperta a tutti.
pevoli” della sottrazione delle cure di quella donna che sarebbe dovuta essere la propria madre. Pier Luigi e Andrea Lando
N. 10 - OTTOBRE 2019 L’ATTUALITÀ, pag. 15

DIALOGO ECUMENICO GLI ANGELI SONO L A R U B R I C A D E L PA D R E


(a cura di Pierluigi Vignola)
(a cura di Aurora Simone Massimi)
SEMPRE TRA NOI SPERIMENTARE LA BELLEZZA
IL PAPA IN AFRICA DALLA PORTA DI SERVIZIO
Una donna racconta che da bambina viveva in una grande fat-
Con il diffondersi esponenziale della vacanza di massa, fenomeno
relativamente recente, l’estate diventa il simbolo di un desiderio pos-
Si è svolto dal 04/09/19 al 10/09/19 il 31.mo viaggio di Papa toria circondata da un grosso potere. Un giorno sua madre, udi sente ed inesausto. Certamente da scoprire e da vivere nella pro-
Francesco, con un programma pesantissimo, alla meta dell'Africa, dire dal medico, che la figlia del fattore stava morendo e andò spettiva della “bellezza”. Non v’è dubbio che l’estate esalti la
negli stati di Mozambico, Madagascar e Maurizio. Il Mozambico, immediatamente a vedere se la madre della piccola avesse bi- bellezza. Anzi è l’esplosione della bellezza. Sotto questo profilo, ap-
paese del centro Africa ha un'economia in crescita, dopo il boom sogno di aiuto. Mentre le due donne erano assorte insieme nella pare come un compimento del tempo e delle stagioni in cui l’intel-
del gas e degli sfruttamenti minerari. In questa terra si sta regi- preghiera, si sentì sbattere la porta del retro. Un ragazzo vi si era ligenza della realtà evidenzia, in modo sensibile, ciò che di sublime
strando un'avanzata dell'Islam nelle regioni del nord. Il Madaga- introdotto e, vedendole cosi affrante domandò loro: “Donne che sussiste in noi e nell’intero universo e ciò perdura oltre la soglia
cos’è che non va”? Gli fu risposto che una bimba stava mo- della morte. In realtà senza bellezza non possiamo vivere. Se la bel-
scar anche è un paese ricchissimo di risorse minerarie, ma con lezza rivela il senso dell’esistenza e il suo destino, ci è necessaria.
grande diffusione di povertà, che lo rende incapace di sfuggire rendo, ed egli si diresse allora verso la stanza della piccola. Im-
pose le mani sul suo capo e allontanò la malattia nel nome di Che intendiamo per bellezza? Non solo una bellezza riscontrabile
alla "rapacità" occidentale. L'ultimo giorno il Santo Padre si è re- dall’aspetto esteriore, dalle forme della persona così come appaiono
cato per un breve termine di n. 4 ore alle Isole Mauritius, un vero Gesù. Poi scompare nuovamente come era arrivato e nessuno
dei dintorni lo vide più. La piccola malata si riprese quasi subito, agli occhi, dalla figura delle cose. Di questa bellezza siamo sì affa-
paradiso in terra. La destinazione del sud est africano è stata scinati, ma non basta. Resterebbe troppo vincolata ad uno sguardo
scelta con l'intento di dare a queste terre un futuro migliore, e li- tanto che la mattina successiva chiese addirittura che la lascias- soggettivo, spesso arbitrario e condizionato, ma soprattutto volubile
berarli dallo "sfruttamento di risorse" da parte delle multinazio- sero andare a scuola. Oggi ha quarant’anni e gode ottima sa- e alla fine insoddisfacente. Perché la bellezza disegnata dalla forma
nali di stati esteri, tra i quali Cina, Francia, Usa, Germania, etc ... lute.(Giovetti Paola op. cit.) esteriore seduce ma non convince, attrae ma non riempie il cuore,
Il Papa ha trovato, come spesso accade nel continente nero, paesi appaga ma non del tutto. Se la vacanza permane un’esperienza di
in profonda trasformazione, con situazioni politiche fragili e uno SE RAFFAELLO SORRIDE bellezza solo travolgente e compulsiva, rischierà di diventare una
sfruttamento senza regole delle risorse della natura, unito a dif- L’Arcangelo Gabriele in persona è stato distintamente visto da rincorsa spasimante alle emozioni, sempre più forti, sempre più tra-
fusa povertà ed anche ad effetti di numerose catastrofi climati- una infermiera Inglese di nome Joy, he ci ha scritto un libro di sgressive, sempre più laceranti, perché si insegue l’impossibile sod-
che. Il messaggio del Papa, che dal Mozambico viene inviato in enorme successo. La donna racconta di come regolarmente le disfazione in un vuoto di vera libertà. Invece la bellezza ci porta
Occidente, riferendosi alla sua enciclica "Laudato Sì", è che non appaia un angelo allego e splendente alla testa dei pazienti gra- altrove e più in profondità. Ci porta a Dio stesso, la Bellezza per an-
esistono più stati che vivono isolati dal mondo, sia perchè esiste vemente ammalati. Il suo braccio destro e sollevato, col dito ri- tonomasia, in un percorso di inabitazione divina, di scoperta di sé e
una globalizzazione economica che genera migrazioni, sia anche volto verso l’alto, un gesto di speranza che, ogni volta, le di chi ci fa compagnia, in una tensione verso il bene, verso il vero,
perchè esiste parimenti un medesimo destino climatico mondiale, annuncia la prossima guarigione del degente. In più di un’oc- cioè verso ciò che ci rende più uomini, un po’ più intelligenti, un po’
Francesco fa spesso riferimento alla natura in tale enciclica, e la casione le previsioni della donna hanno sorpreso gli stessi me- più buoni, un po’ più saggi. In tale prospettiva la vacanza del cri-
considera come una "Sorella con la quale condividiamo l'esi- dici che avevano troppo frettolosamente formulato prognosi di stiano va contro la vacanza del mondo. Insegue infatti la bellezza
stenza, e come una Madre Bella che ci accoglie tra le sue brac- irreversibile gravità. Dal racconto di una infermiera. (SNELL. dello stupore, del silenzio, dell'amore, delle nuove relazioni. Com’è
cia". "Laudato sì, mì Signore per nostra Madre Terra la quale ne JOY di London. 1918). “bella” una vacanza dove affondo finalmente gli occhi su me stesso,
sustenta e governa e ci produce diversi fructi con coloriti flori ed dove dilato il cuore verso i familiari, dove esperimento amicizie sa-
UN ANGELO RIFLESSO IN UNO SPECCHIO porose, dove lo sguardo si volge al creato con gratitudine e ammi-
herba". "La nostra oppressa e devastata Terra che geme e soffre razione del suo Creatore. Bellezza è l’amore. Allargare il consenso
le doglie del parto" (S Paolo - Romani 8,22) Racconto vissuto da una Attrice di Hollywood Earlyne Chaney
: Avevo 12 anni, rammenta la diva nelle sue memorie quando all’amore significa amare la vita, amare la natura, amare la cultura,
una mattina fui svegliata da una voce che sembrava provenire amare l’umanità, amare le cose. Una vacanza di bellezza ritrovata e
dal nulla. Non diedi molta importanza alla cosa ma, qualche vissuta cambia davvero la vita. Purtroppo anche nella vacanza può
SALUTARLA 50 VOLTE sera più tardi, in giugno, uscii a guardare il cielo stellato e im-
provvisamente sentii un fremito per tutto il corpo, come una
prevalere il “brutto”. E quante “bruttezze” si vedono e si fanno, ri-
ducendo il “mondo delle vacanze” in un’immensa balera di bana-
lità, di rumori, e di piaceri. Se così fosse, e Dio non voglia, si ritorna
Le cinquanta Ave Maria occupano lo spazio più consistente del scossa elettrica e ebbi l’assoluta certezza che qualcuno mi dalla vacanza con un sacco di occasioni sprecate o mancate, fonte di
Rosario. Rappresentano la preghiera che più direttamente si ri- stesse dietro le spalle. Sul momento fui assalita dal panico. Il delusioni senza fine. Proviamo invece, in questa estate, a cambiare
volge alla Vergine Santa. è una preghira semplice ma dal conte- primo pensiero fu quello di fuggire, ma scoprii non potevo, registro sperimentando la bellezza come regola di vita, a valorizzare
nuto straordinario. La prima parte rievoca pagine del Vangelo, ce avevo paura perfino di muovermi. A quel punto sentii la voce, le intenzioni profonde dello spirito, a riposare in disparte.
le fa rivivere ce ne fa contemporanei. La seconda è l’umile sup- non una voce umana… Avevo l’impressione di sentirla con lo
plica del popolo cristiano che si affida a Maria. Pregando l’Ave, sterno, invece che con l’udito le sue parole divennero com- DIO NUTRE IL SUO POPOLO
torniamo a Nazaret. Riascoltiamo il saluto dell’angelo, messag- prensibili: “Non avere paura” disse “sono stato con te molte Nel vangelo di Giovanni la moltiplicazione dei pani e dei pesci ha
gero del Padre Del suo progetto, della sua pienezza di grazia di cui volte” la paura infatti svani all’istante e finalmente… lo vidi! un significato particolare. Gli esegeti ritengono che rimpiazzi la nar-
ha ricolmato Maria, della grande Missione a cui l’ha destinata. Il Stava proprio dietro la mia spalla sinistra, ma era come se fosse razione delle tentazioni di Gesù nel deserto assenti e nel IV vangelo:
“si” di Maria ci pone al cuore di un vento decisivo della storia: Il davanti a me, come se il suo viso si riflettesse in uno specchi Gesù moltiplica i pani (Fa che queste pietre diventino pane); cam-
Figlio di Dio che si fa Figlio dell’uomo. Poi l’attenzione si spo- dinanzi ai miei occhi…” Sei Dio? Domandai. “No Sono qual- mina sull’acqua (segno equivalente a gettarsi dal tempio), si vuol
sta ad Ein Karim, per partecipare Alla gioia dell’incontro di Maria cuno che ti osserva dall’alto, da molto tempo, non aver paura di fare re (Tutti i regni della terra io ti darò). Gesù fugge la tentazione
con la madre del Precursore e con Elisabetta salutare La madre del me” “Allora sei Gesù… Azzardai. “Sono uno dei suoi disce- e fa un discorso che scoraggia i suoi uditori e definirà la sua missione
Signore. Sono trasalimenti di gioia, prsagi di benedizioni e pro- poli”. Cercavo di parlare, ma dalla bocca non usciva alcun come un dono della sua carne e del suo sangue cioè della sua vita.
fezia di salvezza per tutta l’umanità. Allora nasce spontaneo anche suono. Restai là seduta ad osservarlo, con gli occhi spalancati. La moltiplicazione dei pani è mal compresa dai beneficiari, per Cri-
per chi prega proclamare Maria, la Santa, Madre di Dio e rivol- Indossava un lungo abito bianco e sulle spalle, aveva un man- sto è l’annuncio simbolico della Pasqua. Non è per caso che il valore
gere a Lei, con fiducia filiale, un’accorata supplica perchè si fac- tello blu, quasi viola, che gli arrivava ai piedi. “Sono il tuo mae- del pane necessario è valutato in giornate di lavoro (200 denari). C’è
stro” mi spiegò e le sue parole si impregnarono nel mio cervello una certa allusione alla conseguenza del peccato di cui parla la Ge-
cia canale di grazia, pregando per noi Poveri peccatori, nell’ora nesi. “È col duro lavoro che strapperai il pane alla terra; essa non
suprema del passaggio nell’eternità: Tutto chiediamo a Lei, me- come gocce d’acqua in una spugna. Ritornerò. Quando lenta- produrrà spontaneamente che triboli e spine”, Gesù annulla questa
diatrice di ogni grazia, ausiliatrice, consolatrice, madre e regina, mente scomparve, ero in uno stato d’animo indescrivibile. Mi maledizione e passa da un pane ottenuto col lavoro ad un pane “gra-
modello e guida, protezione e tenerezza, maesta e avvocata. La sentivo come un neonato abbandonato senza ragione dai suoi tuito”, un pane che basterà ricevere. Da notare che nella Chiesa pri-
certezza di essere ascoltati, lo sperimentare l’amore di colei che genitori. Volevo seguirlo. Volevo andare con lui. Poi sentii di mitiva il pane e il pesce sono il simbolo di Cristo. Col Cristo dunque
Gesù dall’alto della croce ci ha dato come Madre, non può non nuovo quella voce dire:- non aver paura. Non ti lascerò mai . Ci l’umanità ricomincia. Nuova genesi di un mondo in cui il peccato
colmare il cuore di chi prega di gioia invisibile, di pace, di forza, rivedremo un giorno. (Chaeney Earlyne) “Remembering”). non porta più i suoi frutti. Si potrà dire “il peccato non è più quello
del coraggio di riprendere il cammino. Marina Giudicissi Liana Botticelli che era”, è come disarmato. Anche se noi dobbiamo continuare a la-
vorare per sopravvivere. Che significato ha questo pane moltipli-
cato, questo pane gratuito? “Dio è il nutrimento”. Quando si parla di
INTERVISTA A MICHELE G. BIANCHI. “CARATTERE” E “PERSONALITÀ” IL SIGNOR NESSUNO pane dell’anima e pane del corpo ci troviamo in difficoltà perché
Dio è la sorgente dell’uomo tutto intero e ciò che vuole l’uomo è vi-
(36A parte) Lei distinguerebbe, così, una la valutazione “probabilistica” di recupero da una valutazione di
E....I... 5 MINUTI vere. Ed è giusto. La vita è comunione col cosmo da cui togliamo le
sostanze, ciò che fa la sostanza del nostro corpo, ed è anche accordo
tutt’altro genere? Può spiegare meglio? Inoltre, sostegno, valutazione, recupero… che relazione hanno tali no-
zioni “giuridiche” con le scienze probabilistiche che si occupano di minorenni? Forse tali scienze, inavverti-
DI FOLLIA con l’ambiente immediato umano e materiale, altrimenti non è una
Mentre sto scrivendo questo vita. Essa, però, non può darsi una ragione di vivere. Per noi uomini
tamente tendono a identificare la vita del soggetto che cresce, le sue disposizioni più stabili, e forse per questo la ragione di vita è il Verbo, Parola intelligenza e amore. Dio è “sog-
più indecifrabili, nella sua “personalità”? Costrutto, quest’ultimo, che indicherebbe una zona del funziona- breve articolo, molto probabil-
mento mentale soggetta al tempo storico calcolabile, ma proprio per questa ragione anche gestibile dall’esterno, mente qualcuno, perso il con- giacente” di tutti questi livelli che non sono separati ma in conti-
fino alla sua manipolazione più abusiva. Nel caso del rischio, in età minorile, di effetti stigmatizzanti sul sog- trollo della ragione, sta causando nuità come la pianta e il fiore. Senza pane non c’è intelligenza e
getto a seguito d’una esposizione al processo penale (si potrebbe forse dire “iatrogeni” considerando quanto tragedie umane in qualche an- senza condivisione del pane non c’è amore.. In fin dei conti è da Dio
detto l’anno scorso durante le nostre prime conversazioni), parleremmo forse di manipolazione involontaria, golo del mondo. Pochi minuti o che l’uomo trae la sua sostanza perché al di fuori di Dio non c’è
anonima. Uno studio di Giordani, per esempio, accoglie l’idea che la personalità costituisca «il risultato delle secondi possono improvvisa- niente. È per questo che Cristo è il nutrimento dell’uomo. L’Euca-
strategie di azione che si sviluppano in risposta alle sfide dell’esistenza, fino a che si cristallizzano in moda- mente seminare panico e strage restia, significata dalla moltiplicazione dei pani è ciò che avviene
lità preferenziali di relazionarsi agli altri e di fronteggiare il mondo. quando tutto e tutti sembrano ogni giorno: la creazione. Basti pensare ad “i cinque pani e i due
Il carattere di un soggetto presenta disposizioni costituzionali ed è una matrice ereditata biologicamente, tanto perfettamente tranquilli ed al pesci”. Il miracolo non parte da zero. Il giovane porta il pane e i
che non subisce grandi variazioni nel tempo, mentre la personalità è frutto di un processo incessante di co- loro posto. Perchè??? è la do- pesci che sono essi stessi dono di Dio ma che son divenuti suo bene
struzione che avviene in relazione a mondi vitali in contesti storico-sociali che elaborano un tipo di cultura. Si manda martellante che ci fac- proprio. Un bene di cui deve liberarsi. Vediamo in questo giovane
può pertanto affermare che la personalità, quantunque basata su un sostrato biologico, è comunque il risultato ciamo nel tentare di capire CHI l’umanità nel suo momento di crescita; quando nella sua libertà deve
di un’interazione, cioè dell’esperienza sociale» (N. Giordani, L’abuso del concetto di personalità nella de- O COSA è L'ESSERE UMANO. dire “si” a Dio (per esistere), restituirsi alla sua sorgente. La vita si
vianza minorile: la messa alla prova quale occasione da non sprecare, in Min. Giust., 2000, n. 1, pp. 13-14). Chi siamo veramente noi che moltiplica quando la si condivide. Anche l’uomo è quindi nutri-
In questa prospettiva il “bios”, la vita, non sarebbe il risultato di una mera interazione, e quindi non sarebbe ora siamo razionali ora no, ora mento dell’uomo.
esposto, nel caso di un problema di recupero rieducativo, ad una valutazione probabilistica. Almeno non nello
stesso senso. È così? comprensivi ora feroci, ora santi
M. Bianchi: Direi di no, perché in Giordani sembra essere presente una semplificazione del problema carat- ed ora cannibali! Il male ed il
tere, che alla fine rischia di portare facilmente a confondere tale piano con quello della personalità. Per capire
bene quello che dico occorre secondo me avere presente il costrutto teorico della «posizione schizoide» di W.
Ronald D. Fairbairn presentato nel 1952 con il libro Psychoanalityc Studies of the Personality uscito per le Ta-
bene pare hanno bisogno l'uno
dell'altro così come un furioso
uragano può occupare lo stesso
IL MISTERO DELLA VITA
vistock Publications di Londra. E occorre tenerlo presente nei suoi stretti rapporti con la teoria dell’«attacca-
mento insicuro» di John Bowlby, ovvero con lo sviluppo teorico delle prime tesi assistenzialistiche e allo stesso
tempo criminologiche sulla sicurezza e sulle qualità delle cure materne esposte l’anno precedente, nel 1951,
nella seconda Monograph Series dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dedicata all’igiene mentale dei sog-
spazio di un cielo limpido e se-
reno od un fiore meraviglioso e
profumato trovarsi accanto ad un
insetto vomitevole. I migliori e
CI GUIDA VERSO DIO
getti in età evolutiva a rischio di devianza. più geniali artisti non ignorano E’ tutta la vita (ho compiuto 73 anni pochi giorni fa) che cerco un
Studio storico, però attualissimo, dedicato quindi all’approntamento di politiche della famiglia impostate sullo mai di raffigurare il bianco ed il punto di riferimento che vada oltre i cinque sensi e sia come la
studio della personalità del genitore e sulle proiezioni criminologico-psichiatriche, secondo procedure proba- nero perchè forse sanno che qua- stella polare del mio pellegrinare su questa terra.
bilistiche, del rapporto tra stili “materni” di accudimento e stili “infantili” di attaccamento. Si tratta di una rac- lunque soggetto o persona rap- Milioni di parole scritte in ponderosi dossier (fascicoli autobio-
colta di testi, quella londinese del 1952, molto studiata, e in buona sostanza insuperata solo la si contestualizzi presentano c'e una verità di grafici, depositati ora qua ed ora là) costellano un percorso esi-
correttamente come il basamento delle moderne Neuroscienze Affettive, le scienze eredi della Psicopatologia fondo universale che non si può stenziale riccamente parolaio ma scarsamente pratico e
dello Sviluppo di matrice anglosassone. ignorare e che ci accompagna costruttivo.
Torneremo a parlare più nel dettaglio di questi studi sulla personalità quando affronteremo più da vicino il
rapporto tra diritto e politica sanitaria in particolare, tra diritti umani e politica più in generale. Propongo di ogni giorno fino alla fine. Una ricerca sincera ed accanita di quell’enigma che siamo noi
indirizzare ad un certo punto la nostra conversazione lungo l’asse di un’indagine di questo tipo. Vedremo Eugenio Morelli stessi, ciascuno di noi. E lo farò fino alla fine; finchè potrò muo-
anche come molto di ciò che oggi sostiene di opporsi al modello della “regolazione affettiva” che nasce da que- vere le mani.
sti studi iniziati da Fairbairn nel 1940 e proseguiti in chiave più squisitamente criminologica da Bowlby qual- Ma la cosa che vivo dentro, che non si può descrivere come si
che anno dopo, patisce di un’analoga impostazione.
È ciò che hanno messo in luce di recente alcuni studi francesi sul cosiddetto “declino del padre”, andando ad Caro lettore, ricordati di rinnovare vorrebbe, è quell’anelito d’infinito, quel senso dell’universale che
fanno commuovere di fronte ad un atto di eroismo, al sorriso di
analizzare la voce La famiglia curata da J. Lacan nel 1938 per il terzo volume dell’Encyclopédie française. Ri- un bambino, ad un cielo tanto sereno quanto imperturbabile alle
peto, vedremo meglio tutto ciò e la sua rilevanza con il nostro studio. E dunque, egregio Avvocato, chieden-
domi che rapporto avessero con le scienze probabilistiche che si occupano di età evolutiva, nozioni come
la quota associativa a questo periodico inquietudini umane, all’alba di un nuovo giorno che invita ad af-
“sostegno”, “valutazione” e “recupero” del soggetto minorenne, lei, prima ancora di definirle nozioni “psico- frontare ancora la vita, al silenzio ed al buio della notte nei quali
logiche” le chiamava “giuridiche”. Sono certamente d’accordo con lei! Ma chiedersi in che senso queste no-
zioni siano giuridiche – ed è dove vorrei orientare la nostra conversazione ora - è chiedersi, una volta di più,
che, essendo “super partes”, intende nascondersi e nel contempo scoprirsi per quello che siamo vera-
mente. Al mistero della vita e della morte che richiamano a Dio
il senso della sospensione del processo penale, della messa alla prova e del mandato di sostegno al processo
educativo «in atto», così come recita l’art. 19 co. 2 del dPR 448/1988, che non deve essere interrotto, che non restare un libero organo di stampa. ed al Suo progetto del quale facciamo parte con tutta la nostra
fragilità, seppure vera, tenace quale quella di un incredibile e co-
deve subire arresti, pause, sospensioni. Michelangelo Abbate Trovato munissimo filo d’erba Eugenio Morelli
L’ATTUALITÀ, pag. 16 N. 10 - OTTOBRE 2019

L’ATTUALITÁ Intervista a Michele G. Bianchi.


Editore: Movimento G. Salvemini, fondato nel 1962
Comitato d’Onore DIRITTO NON DIRITTO. ANCORA UNA RIFLESSIONE
Direzione: Via Lorenzo il Magnifico 25
00013 Fonte Nuova (Roma)
del periodico “L’Attualità” SULLA IATROGENICITÀ DEL SISTEMA
(in ordine alfabetico)
Direttore responsabile Dott. Antonietta Anzalone (pubblicista); On. Alfredo Ar- (39A parte) M. Bianchi: Un diritto invadente in troppi settori e tuttavia assente là dove più se ne avvertirebbe
Sen. Prof. C. G. S. Salvemini paia (Presidente Lega Italiana Diritti dell’Uomo); Prof. il bisogno. Diritto all’Altro dal diritto invadente. Diritto ad Altra cosa, diritto all’Assente, diritto dell’ospita-
Giuseppe Bellisario (cardiologo); Prof. Giorgio Bosco lità, klinè. Dal campo giuridico a quello medico il passo è molto più breve di quanto generalmente non si im-
(Vice Governatore (Ambasciatore); Dott. Liana Botticelli (Dama Comm. S. magini. Con il collega psicoanalista, nonché medico psichiatra Leonardo Mendolicchio parliano
dell’Unione Mondiale degli Stati) Sepolcro); Dott. Filippo Chillemi (Dir. “Nuova Impronta”); dell’ipertrofizzazione dell’oggetto fobico per eccellenza della filosofia classica, la doxa, l’opinione, e la sua
Prof. Ferruccio Ciavatta (Docente universitario); Conte trasformazione nella rete. Ciò comporta la riduzione della figura classica del medico ad un funzionario di una
(cell. 347.0333846) Prof. Fernando Crociani Baglioni; Prof. Francesco D’Epi- clinica evidence-based. «Il problema dell’ipertrofizzazione della doxa non sta solo nell’illusione della deten-
scopo (Doc. Università Federico II, Napoli); Prof. Claudio zione del sapere/potere, bensì nella privazione dell’effetto dell’Altro, del simbolico, innanzitutto sul nostro
Condirettore corpo e poi sulle nostre vite. […] Il sapere e la tecnica prêt-à-porter, invece, non necessitano dell’Altro, anzi,
Sen. Prof. Florinda Battiloro De Rose (Presidente Emerito Corte dei Conti); Prof. Fran- sviluppano la credenza di una onnipotenza autoreferenziale, che consente al soggetto di sapere cosa e come
(Unione Mondiale degli Stati) cesca Ferragine (psichiatra-psicoterapeuta); Prof. Franco fare, quale cibo mangiare, quale cura intraprendere, quale diagnosi fare. Tutto ovviamente in compagnia di
Ferrarotti (sociologo); Sen. Pietro Fratantaro (Governatore Google. La domanda ora è: può un motore di ricerca assurgere al ruolo dell’Altro? […] Oggi l’Altro non gode
Vice direttori: dell’U.M.S.); Sen. Diego Gattuccio; Don Riccardo Gior- di buona salute. Vi offro la possibilità ora di guardare il fenomeno paradigmatico della medicina dal lato del
Adalgisa Biondi, dani (Duca di Willemburg); Prof. Pierluigi Lando (psi- medico, ovvero di come l’invasione della tecnica nell’arte medica ha depotenziato tantissimo gli aspetti sim-
Emiliano F. Caruso chiatra); Amm. Stefano Madonna; Prof. Alessandro bolici del rapporto medico-paziente. La medicina basata sulle evidenze, i protocolli, le linee guida, ha privato
Paolo Macali, Massimi (Doc. Dottrine giuridico-economiche); Sen. Col. il medico della possibilità di essere l’Altro per il soggetto sofferente. Non vorrei essere scabroso affermando
Giancarlo Martini; Dott. Carmelo Monello di Borsod (pub- questo, essendo io stesso un medico, ma spesso mi domando quale differenza potrà mai esserci tra il dottor
Gabriele Zaffiri Mendolicchio, mero esecutore di protocolli e linee guida, e il collega Google. La cura, intesa come atto cli-
blicista); Dott. Eugenio Morelli (scrittore); Sen. Gen. Prof. nico (il termine “clinica” deriva dalla parola greca klinè, che rappresenta il letto su cui si stendevano gli ospiti),
Capo redattore: Stefano Murace (Marchese di Costaviola della Magna Gre- non è più il frutto di un atto di attenzione verso il soggetto da parte del medico, bensì un mero esercizio ese-
Enrico Forlani cia); Gen. Enrico Muzi (Guardia di Finanza); Gen. C. A. cutivo di procedure, di protocolli e di rispetto di parametri spesso legali o economici (L. Mendolicchio, Prima
COMITATO DI REDAZIONE Rocco Panunzi; Comm. Dott. Rodolfo Ricottini (medico di aprire bocca. Il corpo nel disagio contemporaneo tra disturbi alimentari, autolesionismo, identità di genere
Elena Andreoli, Antonio Bartalotta, chirurgo); Prof. Tito Lucrezio Rizzo (Consigliere Capo e dipendenze, Guerini 2018, pp. 102-3).
Servizi del Quirinale); Prof. Natale Santucci (neurochi- Per descrivere bene l’area di iatrogenicità dell’intero sistema “psi” – faccio immediatamente mia la seconda
Lisa Biasci, Liana Botticelli, Gianfederi- ipotesi che lei fa, e cioè l’ipotesi del dubbio, l’ipotesi della messa in mora dell’intero standard sociopsicope-
co Brocco, Emiliano Caruso, Valentina rurgo); Comm. Giancarlo Serafini (Lions Roma Palati-
num); Sen. Prof. Giustino Setteducati (U.M.S.); Gen. C.A. dagogico di normale applicazione all’interno della realtà processuale - occorre cominciare con il reinterrogare
Cerenza, Mario Coletti, Antonietta Del- alcuni importanti studi di De Leo precedenti la promulgazione del dPR 448, che avevo elencato nella quinta
Bue Prencipe, Nicoletta Di Bello, Bruno Simeone; Prof. Aurora Simone Massimi (Cavaliere conversazione. A quanto già detto a gennaio sulla fabbrica dei soggetti devianti (a cui seguiva la conversazione
Michele Forte, Diego e Ignazio Gattuc- O.M.R.I. e giornalista); Prof. Giulio Tarro (Scienziato, sesta sull’ipotesi che la iatrogenicità dell’intero sistema “psi” avrebbe come effetto una popolazione minorile
cio, Marina Giudicissi, Fiorella Ialongo, PhD-Md); Gen. CC. Raffaele Vacca; Dott. Salvatore Veltri stigmatizzata), aggiungerei, ora, quanto segue. Si vede bene come l’indagine di De Leo finisca col mettere sul
Andrea Lando, Antonluca Lando, Pier (Direttore Attualita.it); Dott. Gabriele Zaffiri (giornalista). banco degli accusati l’intero standard sociopsicopedagogico che di norma, almeno su di un piano statistico,
Luigi Lando, Giovanni Maggi, Alessan- trova applicazione all’interno della realtà processuale, del dPR 448 per esempio. La qual cosa pone una serie
dro Massimi, Eugenio Morelli, Maria di problemi giganteschi che occorrerà analizzare più da vicino. Gli usi sociali del diritto si sono sempre più mol-
Rosa Nicastri, Lucilla Petrelli, Aurora tiplicati e sfaccettati, si sono culturalizzati secondo la logica edonistica dell’evasione. Evasione – è detto - dal
Simone Massimi, Liliana Speranza,
Stefano Valente, Nico Valerio, Caterina
Zonno, Leonardo Zonno.
LA RUBRICA DELLA SALUTE pesantore e dal grigiore della vita e dei suoi affetti tristi. E questo sarebbe un pericolo per la vita: crimine, psi-
copatia, psicopatologia, narcisismo ecc. Quanto a noi, ci si pone la domanda se la regola giuridica – il diritto
– sia legittimato ad invadere i mondi vitali, impadronirsi della nuda vita e pretendere anzi – plebiscitariamente
si potrebbe anche aggiungere - che il mondo debba evadere dalla vita in forza del fatto che la vita sarebbe pe-
NIDI DI RONDINE ricolosa se lasciata a se stessa, pericolosa e grigia, e che vada controllata, e colorata: va resa conforme ad uno
Collaboratori Regionali Fate una sfoglia, non molto grande, per poterla sbollentare dentro standard e allegra, la tristezza va epurata, bisogna costruire dei campi di concentramento per la tristezza e
Lombardia: Ferruccio Ciavatta. una padella con acqua bollente. L’adagiate su una spianatoia e rico- usare il gas. In altre parole, gli usi sociali del diritto hanno prodotto in modo via via più stringente la tendenza
Piemonte: Nino Nemo. pritela leggermente con della besciamella fatta con funghi porcini, a pensare che la regolazione giuridica e la regolazione psicologica possano essere messe sullo stesso piano lo-
Valle D’Aosta: Pietro Buttiglieri. oppure semplice, sopra ricopritela di fette di mortadella ela famosa gico, prima ancora di decidere se adottare primariamente l’una o l’altra, od anche solo farle convivere pacifi-
Trentino-Alto Adige:Tullio Dalla Piccola mozzarella che si vende in sfoglia, arrotolate la sfoglia con gli in- camente. Lo scandalo dell’ipotesi – che sempre rischia di rispuntare fuori – dello strutturale contraddirsi tra
Friuli-Venezia Giulia: Pietro Jacono gredienti e tagliate il rotolo a fette di tre o quattro centimetri dispo- il piano del diritto e il piano della vita viene soffocato da teorie, sempre più cogenti che puntano a storicizzare
Veneto: Eugenio Morelli. neteli su di una teglia imburrata e spolverata di finissimo pangrattato la struttura in senso valutativo-descrittivo. Ciò si effettua anche sul piano di un giornalismo scientifico utiliz-
Liguria:Andrea Monteverde in ogni rotolino infilate un dadino di mozzarella di bufala ed un da- zato come propaganda per legittimare la ricerca, e convincere l’opinione pubblica ad accettare stanziamenti
dino di mortadella ricoprite i nidi con la besciamella spolverando sempre più ingenti di fondi per la ricerca stessa. Tali teorie costituiscono tutte costrutti che hanno come pre-
Emilia Romagna:Maurizio Bellavista con del parmigiano e mettete al forno a170 c. fino che imbiondisca supposto – semplicemente ipotetico – il loro eventuale contraddirsi – il contraddirsi tra il piano del diritto e il
Toscana: Grazia M. Tordi; Luciano Masolini la superficie. Per fare la besciamella… sciogliete del burro gr. 50 o piano della vita -, contraddizione o conflitto che sarebbe sanabile dal sistema di metaregolazione cui si è in-
Marche: Daisy Alessio 70,in un recipiente aggiungete a pioggia della farina girando con una vitati tutti a riporre ciecamente fiducia. Insanabile scandalo quello del contraddirsi per Pier Paolo Pasolini, che
Umbria: Gabriel Zaffiri cucchiarella di legno fino all’assorbimento del burro, sciogliete ver- riflette “poeticamente” nel 1954 su Antonio Gramsci, ma anche sulla base di uno studio serio della psicoana-
Lazio: Lucilla Petrelli, Antonio Bartalotta. sando latte freddo e l’acqua filtrata dei funghi e i funghi stessi ag- lisi di Freud, e cioè delle neuroscienze. Michelangelo Abbate Trovato
Campania: Florinda Battiloro. giungendoli alla besciamella con un dado, sempre ai funghi, fino alla
Abruzzo: Maria Assunta dé Frassine. bollitura ,poi spegnere quando incomincia ad addensarsi. Notate bene
Molise: Leda Panzone Natale
Puglia:Mariannina Sponzilli.
Basilicata: Giustino Setteducati.
che invece della mortadella potete usare il prosciutto cotto o altri
tipi di affettati. BUON COMPLEANNO, BILANCIA !
Calabria:Antonio Bartalotta, Michele Biafora. TAGLIOLINI ALLA VERONICA Eccoci arrivati al settimo segno dello Zodiaco. Simolo del complementare, esso sottolinea l’im-
Sicilia: Giuseppe Canale. Besciamella speciale, per i vostri tagliolini, sempre burro e assorbi- portanza dell’unione degli opposti, In questo segmo si sperimenta il dualismo assoluto: per questo
mento di farina invece del latte mettete della polpa di pachino che si motivo, psicologicamente, i tipi Bilancia sono sempre orientati a tenersi in forma, fuori dalle dif-
Sardegna: Annamaria Chirigoni. vende già pronta salate con un dado ai funghi, e aggiungete del grana ficoltà mediante il compromesso, il fatto, la norma legale. La qualità zodiacale legata al segno della
CORRISPONDENTI DALL’ESTERO di qualità. Quando scolate la pasta aggiungete sempre dell’olio, per Bilancia è lo sviluppo dell’ottimismo, avendo la certezza che essa presenti sempre il suo
Albania: Aubert Cecchini evitare che si attacchini i tagliolini, ed anche gli spaghetti. lato migliore. Viviamo un’epoca di grandi sconvolgimenti in sede planetaria e sociale
Argentina: Rosa Cecconi e quindi dovremmo Sapere tutto ciò che è necessario per poter vedere finalmente
Belgio:Francis e Richard Dessart, Francoise Vercruysse VIRTÙ CURATIVE DELLA MALVA l’arrivo di una nuova epoca, l’avvento di nuove ere. La collocazione di Venere in
Canada: Susan Ye La malva è un’erba più venduta nelle erboristerie, co- Bilancia pone il natio di fronte al problema del narcisismo Della vanità e dell’ec-
Costarica: Olga Coll nosciuta come “rimedio per ogni male contiene vari cessivo spirito salottiero. Il senso della bellezza si traduce spesso In mania per le
Croazia: Sania Mihalina principi attivi come il glucosio, ossalato di calcio,
vitamine, peptina, mucillagine (10 – 20 % ), ossa- forme vuote che fa trascurare i contenuti, mentre la ricerca dell’equilibrio Si trduce
Federazione Russa e C.S.I.: Franco Pichi nell’eccessiva disponibilità a qualsiasi disponibilità di tipo erotico-affettivo. La Bi-
Francia: Franco Pichi, Jean Claude Leroy lato di calcio, oltre che un’azione lassativa, le sue
foglie, si possono anche usare pulite nelle gengive lancia governa i reni, le vertebre dorsali e il sistema genito- urinario. Marina Giudicissi
Germania: Giancarlo Sordon infiammate, e bollite in infusione con l’acqua si pos-
Gran Bretagna: E. Caprarella, C. Di Massimo sono fare bagni oculistici, e sfiamma ogni cosa sia in-
Moldavia: Aubert Cecchini
Olanda: Teresa Van Der Hallen, Tosca Poggialini
Portogallo: Maria Rego
Romania: Giovanni Maggi
terna che esterna. Liana Botticelli
RICETTA DEL MESE
PARMIGIANA DI
Serbia: Dubravka Stegnjaic MELANZANE SICILIANA
Spagna: Maria Josè Vidal Vidal
Thailandia:Alessandro Marmello Tagliate le melanzane a fette in
Ucraina: Nataliya Kudryk Qualità e cortesia mezzo centrimetro circa senza to-
Usa: Teresinka Pereira glire la buccia. Vi consiglio di
usare la manorlina: Mettete a
Stampa: al servizio bagno in acqua salata per qulche
digitaledigitale srl ora, scolatele ed affilatele bene con
Via Emilio Salgari 14/16 - Roma dei clienti carta assorbente. Friggete le me-
Attività editoriale di natura
lanzane in abbondante olio di semi
non commerciale ben caldo e fatele scolare bene.
(art. 4, D.P.R. 26/10/72, Preparate la salsa di pomodoro.
n 633 e successive modifiche) Rosolate in 4 cucchiai d’olio la ci-
polla precedentemente tritata, ag-
Gli articoli firmati e le foto, inediti ed esenti
giungete i pomodori che avrete
da vincoli editoriali, esprimono le opinioni pelato e tagliato a dadini e il basi-
personali degli autori che ne assumono diret- lico. Lasciate cuocere a fiamma
tamente la responsabilità. La Direzione, in bassa. Marina Giudicissi
base agli spazi disponibili, si riserva la facoltà
di selezionare ed abbreviare gli articoli perve-
ANCHE SERVIZIO A DOMICILIO
nuti. In linea di massima la collaborazione è a
titolo gratuito. È prevista una retribuzione
solo per i praticanti pubblicisti e per i corri-
spondenti dall’estero.
Punto di distribuzione
Tiratura programmata:
del periodico L’Attualità.
100.000 copie

LEZIONI
PRIVATE
Paola Lamonica laureata in
lettere (indirizzo Archeolo-
gia vicino Oriente) da oltre
trent'anni si occupa d'arte,è
iscritta all'albo per l'exper-
tice,che esegue da anni su
quadri, sculture e oggetti sia
antichi che moderni .Orga-
nizza mostre, corsi e semi-
nari,insegna privatamente
materie letterarie per ra-
gazzi; aiuto compiti per i
più piccoli. Scrive articoli
culturali.
Per contatti 340/ 8909257