Sei sulla pagina 1di 4

PER LA SETTIMANA – 26 ORDINARIO C

Traccia commento Lc 13,1931


Da un lato c'è un uomo
definito semplicemente come
ricco, senza altri attributi, e non
è nemmeno un ricco cattivo.
Dall'altro c'è un povero di nome
Lazzaro. Quest'ultimo non
chiede nulla, è presente e basta.
Tra i due si avverte una
distanza invalicabile, un abisso
di ignoranza, di egoismo, di presunzione che si è
scavato intorno al ricco, la cui coscienza atrofizzata
non riesce neppure a percepire il muto rimprovero
della povertà. E' minacciato da una paralisi
spirituale che rende incapace di accogliere
qualunque richiamo ad un cambiamento di vita.
L'immagine che ci propone il Vangelo è
stupenda: quaggiù, su questa terra, sono i poveri che
attendono davanti alla porta dei ricchi, lassù
saranno i ricchi che supplicheranno i poveri di
ricordarsi della amicizia che non hanno dimostrato
loro, della ricchezza che non hanno condiviso, della
comunione dei beni che hanno realizzato soltanto a
loro favore.
Questa pagina evangelica è più che attuale
anche oggi in questo mondo, in cui tanti Lazzaro
giacciono alla nostra porta, in questa società del
benessere tanti Lazzaro attendono qualcosa di
diverso. Oggi, come ieri, ciò che conta è varcare
l'abisso che ci separa da loro prima che diventi un
baratro insormontabile.

IL SEMAFORO
La nonna entrò in Chiesa tenendo per mano il nipotino.

Cercò con lo sguardo il lumino rosso che segnalava il tabernacolo


del Santissimo. Si inginocchiò e cominciò a pregare.

Il bambino girava gli occhi dalla nonna al lumino rosso, dal lumino
rosso alla nonna. Ad un certo punto sbottò:

“Ehi, nonna! Quando viene verde usciamo?”.

Quel lumino non diventerà mai verde. Continua a


ripetere senza posa: “Fermati!”. Questa è la
roccia. L’unica roccia vera a cui gli essere umani
possono ancorarsi. L’unica sosta che dà un vero
riposo: “Venite a me voi tutti che siete affaticati e
stanchi e io vi ristorerò”. L’unica predica di Gesù:
“Convertitevi perché il Regno di Dio è arrivato in
mezzo a voi”. E’ in mezzo a noi. Ma quanti se ne
accorgono?
PREGHIAMO CON PREGHIAMO
I SALMI CON LA CHIESA

Il giusto risplende Ascoltaci, Signore


come luce
Per la Chiesa:
Spunta nelle
riconosca nelle
tenebre, luce per gli
uomini retti: beatitudini la sua
misericordioso, unica legge, le
pietoso e giusto. annunci agli uomini
Felice l’uomo come messaggio di
pietoso che daè in liberazione e di
prestito, vittoria.
amministra i suoi
beni con giustizia. Per coloro che sono
poveri ed oppressi e
Egli non vacilleraè in soffrono ingiustizia
eterno: eterno saraè e persecuzione.
il ricordo del giusto.
Cattive notizie non Percheè ognuno di
avraè da temere, noi si lasci giudicare
saldo eè il suo cuore, dalla Parola di Dio
confida nel ed abbia il coraggio
Signore.
di prenderla sul
Sicuro eè il suo serio.
cuore, non teme, LA PAROLA DI DIO
egli dona E' LUCE E SALE
largamente ai
PER LA NOSTRA
poveri, la sua
giustizia rimane VITA.
per sempre, la sua
fronte s’innalza
AL MATTINO
AL MATTINO
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
azioni della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa
volontà e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
volontà e per la maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
ogni male. La tua grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari.
AMEN
AMEN
ALLA SERA
ALLA SERA
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN

LA PAROLA DEL PAPA

Gesuè , il dono del Padre fra noi. E’ un amore che daè valore e
bellezza a tutto il resto; un amore che daè forza alla famiglia, al
lavoro, allo studio, all’amicizia, all’arte,
ad ogni attivitaè umana. E daè senso anche
alle esperienze negative, percheé ci
permette, questo amore, di andare oltre
queste esperienze, di andare oltre, non
rimanere prigionieri del male, ma ci fa
passare oltre, ci apre sempre alla
speranza. Ecco, l’amore di Dio in Gesuè sempre ci apre alla
speranza, a quell’orizzonte di speranza, all’orizzonte finale del
nostro pellegrinaggio. Cosìè anche le fatiche e le cadute trovano
un senso. Anche i nostri peccati trovano un senso nell’amore
di Dio, percheé questo amore di Dio in Gesuè Cristo ci perdona
sempre, ci ama tanto che ci perdona sempre.
elaborazione del portale www.graficapastorale.it