Sei sulla pagina 1di 523

Veneto

© Lonely Planet Publications. Per agevolarne l’utilizzo, questo libro non ha restrizioni digitali.Tuttavia ti ricordiamo che
l’uso è strettamente personale e non commerciale. Nello specifico, non caricare questo libro su siti di peer-to-peer,
non inviarlo via email e non rivenderlo. Per ulteriori informazioni, leggi le Condizioni di vendita sul nostro sito.
© Lonely Planet Publications

Veneto
Belluno e le
Dolomiti
venete
p382

Treviso
Vicenza, e la Marca
i Colli Berici Trevigiana
e le valli p348
vicentine
p303
Verona,
la Valpolicella Venezia
e il Garda e la sua provincia
veronese Padova, p38
p254 i Colli Euganei
e le città murate
p180

Rovigo, il Polesine
e il Delta del Po
p233

EDIZIONE SCRITTA E AGGIORNATA DA

Linda Cottino, Francesca Filippi, Sara Fiorillo, Andrea Formenti,


Marco Patrioli, Rossana Cinzia Rando
PIANIFICARE ON THE ROAD
IL VIAGGIO

Benvenuti VENEZIA E LA SUA Cittadella. . . . . . . . . . . . . . . . 214


in Veneto . . . . . . . . . . . . . . . 4 PROVINCIA . . . . . . . . . 38 Colli Euganei. . . . . . . . . . . 216
Top 15. . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Venezia. . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Abano Terme. . . . . . . . . . . . . 216
Isole Settentrionali . . . . . . . . 92 Battaglia Terme . . . . . . . . . . 217
In breve . . . . . . . . . . . . . . . 18 Teolo e dintorni. . . . . . . . . . . 219
Isole Meridionali. . . . . . . . . . 101
Se vi piace… . . . . . . . . . . . 20 Mestre . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114 Arquà Petrarca. . . . . . . . . . . 220
Chioggia. . . . . . . . . . . . . . . 160 Bassa Padovana . . . . . . . . 222
Mese per mese. . . . . . . . . 24
Veneto Orientale. . . . . . . .164 Monselice . . . . . . . . . . . . . . . 222
Itinerari . . . . . . . . . . . . . . . 26 Laguna orientale . . . . . . . . . 164 Montagnana . . . . . . . . . . . . . 225
Sport e attività Lungo la costa Este. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
all’aperto. . . . . . . . . . . . . . 32 da Venezia a Bibione. . . . . . 167
Nell’entroterra ROVIGO,
Viaggiare da Venezia a IL POLESINE E 
con i bambini . . . . . . . . . . 35 Portogruaro. . . . . . . . . . . . . . 175
IL DELTA DEL PO 233
Rovigo. . . . . . . . . . . . . . . . . 236
PADOVA, I COLLI Alto Polesine. . . . . . . . . . . 243
EUGANEI E LE Fratta Polesine . . . . . . . . . . . 243
CITTÀ MURATE. . . . . 180 Lendinara. . . . . . . . . . . . . . . . 245
Padova . . . . . . . . . . . . . . . . 183 Badia Polesine . . . . . . . . . . . 246
A nord di Padova . . . . . . . 213 Basso Polesine
Piazzola sul Brenta . . . . . . . 213 e Delta del Po . . . . . . . . . . 247
FRANCESCA FILIPPI ©

RENATO MOSENA ©

VITTORIO VENETO P376


ROSSANA CINZIA RANDO ©

PRA’ DE LA VEDOVA,
VIA DELLE VALLI, PARCO NAZIONALE DELLE
DELTA DEL PO P252 DOLOMITI BELLUNESI P421
Sommario
CONOSCERE

Adria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248 Asolo . . . . . . . . . . . . . . . . . 364 Veneto oggi. . . . . . . . . . 442


Delta Settentrionale . . . . . . 250 Possagno
e il Monte Grappa. . . . . . . 366 Storia. . . . . . . . . . . . . . . . 444
Delta Meridionale. . . . . . . . . 253
Possagno. . . . . . . . . . . . . . . . 367 Arte e architettura. . . . . 453
VERONA, LA Cima Grappa. . . . . . . . . . . . . 367
Pagine, palchi
VALPOLICELLA E IL Montello. . . . . . . . . . . . . . . 368 e pellicole . . . . . . . . . . . . 462
GARDA VERONESE 254 Montebelluna . . . . . . . . . . . . 368
Verona . . . . . . . . . . . . . . . . 257 Nervesa della Battaglia. . . . 369 Musica . . . . . . . . . . . . . . . 472
Valpolicella, Lessinia Conegliano. . . . . . . . . . . . 369 A tavola con i veneti . . . 476
e Soave. . . . . . . . . . . . . . . . 281 Quartier del Piave . . . . . . 371
Pescantina. . . . . . . . . . . . . . . 283 Ambiente. . . . . . . . . . . . . 485
Colli del Prosecco. . . . . . .372
San Pietro in Cariano . . . . . 285 Valdobbiadene . . . . . . . . . . . 372
Sant’Ambrogio
di Valpolicella . . . . . . . . . . . . 287
Follina. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372 GUIDA
Negrar . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
Cison di Valmarino . . . . . . . 374 PRATICA
Revine Lago. . . . . . . . . . . . . . 375
Soave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
Vittorio Veneto . . . . . . . . 376
Il Mincio Informazioni . . . . . . . . . . 494
e il Garda veronese . . . . . 290 Oderzo . . . . . . . . . . . . . . . . 380
Valeggio sul Mincio . . . . . . . 291 Trasporti . . . . . . . . . . . . . 502
BELLUNO E LE
Peschiera del Garda. . . . . . . 294 Indice . . . . . . . . . . . . . . . . 510
DOLOMITI VENETE 382
Lazise. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
Belluno. . . . . . . . . . . . . . . . 385 Legenda
Garda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
Dintorni di Belluno. . . . . . 395 delle cartine . . . . . . . . . . 518
Malcesine. . . . . . . . . . . . . . . 300
Nevegal . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
VICENZA, I COLLI Alpago e Cansiglio. . . . . . . . 397
BERICI E LE VALLI Valbelluna . . . . . . . . . . . . . 400
VICENTINE . . . . . . . 303 Mel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
Vicenza. . . . . . . . . . . . . . . . 306 Feltre . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
Val d’Agno . . . . . . . . . . . . . 328 Agordino . . . . . . . . . . . . . . 410
Montecchio Maggiore. . . . . 328 Agordo e Conca Agordina. . 411
Trissino. . . . . . . . . . . . . . . . . . 331 Da Agordo a Falcade . . . . . . 414
Valdagno . . . . . . . . . . . . . . . . 331 Alleghe. . . . . . . . . . . . . . . . . . 416
Recoaro Terme . . . . . . . . . . . 333 Marmolada . . . . . . . . . . . . . . 416
Altopiano dei  Selva di Cadore . . . . . . . . . . 417
Sette Comuni . . . . . . . . . . 335 Livinallongo e Arabba . . . . . 419
Asiago . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338 Valle di Zoldo . . . . . . . . . . 421
Bassano del Grappa. . . . . 341 Forno di Zoldo e Zoldo Alto 421
Marostica . . . . . . . . . . . . . 346 Cortina e la 
Conca Ampezzana . . . . . . 423
IN QUESTA GUIDA
Cortina d’Ampezzo. . . . . . . . 423
TREVISO E LA MARCA
Valle del Bóite e Cibiana. . . 428
TREVIGIANA. . . . . . . 348 Sulle strade del vino. . . . 28
Cadore . . . . . . . . . . . . . . . . 429
Treviso . . . . . . . . . . . . . . . . 352
Pieve di Cadore Alla scoperta
Da Treviso lungo il Sile 360 e il Centro Cadore . . . . . . . . 429
Casale sul Sile . . . . . . . . . . . 360
delle ville venete . . . . . . . 31
Auronzo, Misurina
Casier. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360 e le Tre Cime di Lavaredo 432 Arte e architettura. . . . . 453
Badoere di Morgano . . . . . . 361 Comelico . . . . . . . . . . . . . . . . 435
A tavola con i veneti . . . 476
Castelfranco Veneto . . . . 361 Sappada/Plodn . . . . . . . . . . 438
Benvenuti
in Veneto
Eclissato dal potenziale ammaliatore di Venezia
e poco propenso per carattere alle luci della ribalta,
il Veneto vi stupirà con paesaggi dalla bellezza
a volte sottile a volte clamorosa, un patrimonio
artistico di prim’ordine e la vivacità delle sue piazze.

Sette capoluoghi, Vita all’aria aperta


sette universi In una regione così vasta e varia le possibi-
Venezia, Padova, Rovigo, Verona, Vicenza, lità di praticare attività all’aria aperta sono
Treviso, Belluno. Ogni capoluogo di questa pressoché infinite. Le Dolomiti sono meta
multiforme regione è un universo da scopri- sempre perfetta: d’inverno per sciare, d’esta-
re, per i capolavori artistici e architettonici te per camminare sui sentieri di montagna,
delle città, le eccellenze artigianali e gastro- praticare attività all’aperto, prendere il sole
nomiche e le bellezze naturali del territorio. e rinfrescarsi nei laghi alpini. Nel trevigiano
Venezia, città composta di acqua, pietra ci sono i paesaggi del Parco Naturale Regio-
e legno, fusi per dare vita a una creatura nale del Fiume Sile, del Montello e del Mon-
straordinaria, ardita e vertiginosa, è il fiore te Grappa. Le acque e l’entroterra del Lago
all’occhiello della regione, ma non l’unico. di Garda sono uno scenario spettacolare
Spostandosi a ovest, Padova combina una dove praticare vela, kite, arrampicate, escur-
stupefacente collezione di opere d’arte con sioni e parapendio. Nella provincia di Vicen-
una brillante atmosfera cittadina. Il ricco za ci sono i boschi incantati di Asiago, ideali
patrimonio storico caratterizza anche la per gli appassionati di sport di montagna, e
provincia di Rovigo, che con i suoi paesaggi nel padovano i Colli Euganei sono perfetti
sfumati in bilico tra terra e acqua ha stimo- per essere percorsi a piedi o in bicicletta.
lato la fantasia di registi e scrittori. Verona La provincia di Rovigo va scoperta a passo
vi accoglierà con le sue atmosfere medievali lento, in barca, in canoa o a cavallo, ammi-
e la vivacità della vita di strada. Vicenza può rando le tante specie animali che la abitano.
essere definita una città d’autore, trasfor- E poi c’è naturalmente la costa adriatica,
mata da Palladio nell’elegante palcoscenico meta di turismo balneare.
della più raffinata architettura rinascimen-
tale. Treviso è una città di canali e scorci
pittoreschi, di opere d’arte e ottime osterie.
Belluno, infine, adagiata lungo un meandro
del fiume Piave, ha un centro storico ricco
di arte e storia e incorniciato dalle Dolomiti.
MASSIMILIANO MARINO/FOTOLIA.COM

Perché amo il Veneto


Sara Fiorillo, autrice
Un ponte, una chiesa, una gondola, un canale, un campanile, un temporale improvviso,
un merletto, un vaporetto, un cicheto, un’ombra, una forcola, un paio di furlane, una fondamenta,
un cimitero monumentale, uno stazio, un pescatore, un’oasi naturalistica, uno squero,
un sotoportego, un campiello, un tramonto sulla Laguna, un lampadario in vetro, una spiaggia,
una pineta, rovine romane, teatri e anfiteatri, una briccola, una pista ciclabile, un fiume,
uno spritz: è questo il caleidoscopio di Venezia e il Veneto che amo, un caleidoscopio
pieno d’acqua.
Per ulteriori informazioni sugli autori, v. p520

Sopra: Arsenale, Venezia (p90)


40 km
e 00 # 20 miglia
Veneto

Valle di Zoldo
ALTITUDINE Con o senza la neve, lo spettacolo
Feltre grandioso della natura incanta
2000m Lo straordinario valore artistico in ogni stagione (p421)
1500m del centro storico e quello
1000m inaspettato dei musei (p403)
500m
200m Cortina
100m d’Ampezzo
0

Pieve
Altopiano di Asiago di Cadore
Testimonianze commoventi
della Grande Guerra e natura
incontaminata (p335) I colli del Prosecco
Agordo
Qui si produce e si beve
3333 solo il meglio, nell’incanto
÷ delle colline ondulate (p372)
Piave

Parco Nazionale
Vicenza delle Dolomiti
Bellunesi
Teatrale e magnifica,
regno indiscusso
del genio palladiano (p306)
3333 #
^
Belluno
Treviso
Un piccolo gioiello racchiuso
3333 da mura antiche, a poca distanza
da monti importanti e
ricche pianure (p352)
Feltre
Piazza delle Erbe, Verona #
^
Il centro geografico e il cuore Pieve Pordenone
pulsante della città (p260) di Soligo

Asiago
P ia ve
Bassano
Asiago
P ia ve
Bassano
del Grappa
Oderzo Portogruaro
333 ÷ Schio
Thiene Castelfranco
Veneto
Pi

ave

B re n
t #
^

a
Parco Naturale
Regionale Treviso Laguna di Venezia
della Lessinia Cittadella
3
333 tragitto
Un breve San
un mondo
Donàin vaporetto per scoprire
d’acqua senza tempo (p92)
di Piave
Garda
^
# Vicenza
Lago
Jesolo
di Garda
Peschiera
333
3 Arzignano
Mestre
del Garda Verona Venezia
#
^ Ba
c #
^

ch
i glio
ne #
^ Padova
Valeggio
Adig
e Lonigo 33 Venezia
sul Mincio ÷ Millenni di storia lungo

Br
en
Parco il Canal Grande, passando

ta
Isola Regionale dallo splendore di Piazza San Marco
della Scala dei Colli Euganei al labirinto di canali e calli (p42)

Cerea
33 Chioggia
Este
^
# Mantova Legnago

Bergantino
Badia
Polesine
33 Cavarzere
Ad
i ge
Padova
Splendidi palazzi,
i capolavori di Giotto,
^
# Rovigo
Punta San Vigilio l’università e gli spritz (p183)
Bellezza e storia si Adria
amalgamano perfettamente Porto
in questo lembo di terra Viro
nel Lago di Garda (p298)
Porto
Tolle

Museo Storico della Giostra Città murate


e dello Spettacolo di Bergantino Nella campagna padovana, Giardino Botanico
#
In un paesino del Polesine,^ borghi incantevoli tra i meglio di Porto Caleri
un mondo magico di giostreFerrara conservati d’Europa (p214) La natura vince e si fa
e giocattoli (p247) ammirare in questo meraviglioso
giardino vicino al mare (p250)
Top 15
Piazza San Marco Canal Grande

1 Mille irripetibili anni di storia si concentrano


in questa ‘piazza’ di Venezia a forma di im-
menso trapezio (p43), definita da una quinta
2 Scivolate in una direzione e nell’altra in
quello che Goethe definì ‘via dell’esistenza’
(p60), una S rovesciata lunga quasi 4 km, che
di edifici porticati e dalla facciata di quella taglia in due Venezia ed è evidentemente un
che Théophile Gautier definì la ‘caverna d’oro alveo fluviale, utilizzato in origine come porto
incrostata di pietre preziose’, la Basilica di San canale. E lasciatevi incantare dai duecento edi-
Marco. Attigua, la Piazzetta San Marco, che fici, dai campi e campielli, dagli approdi per le
sfocia sull’omonimo bacino con le due colonne barche, dalle alte mura che proteggono giardini,
con capitelli veneto-bizantini e in cima il leone dalla candida pietra d’Istria, dalle architetture
marciano e la statua di san Teodoro. Da godersi gotiche, dall’eleganza classicheggiante rina-
nel suo armonioso insieme dalla cima del scimentale, dalle balaustre ottocentesche, dai
Campanile e dalla terrazza. sapienti giochi di chiaroscuri che gli architetti
non si sono mai stancati di escogitare.
Ponte di Rialto (p64)

1
DONALD MORGAN/ISTOCKPHOTO ©
9
2
PIDJOE/ISTOCKPHOTO ©
10
Laguna di Venezia Padova

3 C’è qualcosa da cui non si può pre-


scindere, nell’arcipelago di Venezia, un
mondo ondeggiante aspramente profumato
4 Dotta e goliardica, sacra e profana,
sempre in bilico tra acqua e terraferma.
Padova (p183) è una città che gioca tutto
di acqua salmastra, di salsedine, di tamerici, sui suoi contrasti. Il passato medievale si
del legno delle barene, degli scarichi dei rosicchia passo dopo passo tra i canali,
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5

vaporetti, di pesce, di putridume: la Laguna i portici e le splendide piazze dove celebre-


(p92). Un caleidoscopio di luci e di riflessi, rete il rito dello spritz all’ombra di Palazzo
una sinfonia di fasi lunari che giocano con della Ragione. Con il Bo e l’Orto Botanico
la clessidra delle maree, un sistema di Padova è la città della scienza, da scoprire
passaggi e attraversamenti regolamentato seguendo le orme di Galileo col piglio scan-
da un codice particolare, un mondo intatto zonato della sua popolazione studentesca.
e selvaggio dove a farla da padroni sono Con il Santo e le magnifiche chiese Padova
ancora il sibilo del vento invernale, il volo dei è la città della fede che Giotto trasforma nel
gabbiani e delle garzette e lo straordinario capolavoro della Cappella degli Scrovegni.
paesaggio ritagliato tra i sistemi dunali.

FRANK VAN DEN BERGH/ISTOCKPHOTO ©


11
4
ANDREA FORMENTI ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5
5 6
ANDREA FORMENTI ©

ROSSANA CINZIA RANDO ©

Città murate Museo Storico

5 Gli amanti del Medioevo resteranno am-


maliati dalle città murate meglio con-
della Giostra e dello
Spettacolo di Bergantino

6
servate d’Europa. Punteggiano la campagna
Un luogo da sogno, un viaggio nella
padovana da nord a sud e saranno in grado
fantasia che racconta l’avventura di un
di catapultare indietro nel tempo anche i
piccolo paese del Polesine che per sfuggire
modernisti più refrattari. A Cittadella (p214)
alla fame si è trasformato, dal secondo
vi attende il sorprendente camminamento
dopoguerra, nel regno dei giostrai e degli
di ronda sulle mura. Ai piedi dei Colli
spettacoli itineranti (p247). Ascoltando
Euganei Este (p230) e Monselice (p222)
la musica di antichi organetti ambulanti,
vi accoglieranno con le loro architetture
immergendosi nel mondo magico di cavalli
eleganti e un passato ricco di testimonianze.
a dondolo, maschere e burattini, facendosi
Oltre l’impressionante cinta di Montagnana
rapire dalle storie avvincenti di clown e gio-
(p225) scoprirete un borgo delizioso
strai itineranti, si rievocano ricordi dell’infan-
quanto il migliore prosciutto della regione.
zia, rapiti dalle atmosfere sfavillanti e senza
tempo del luna park e delle feste di piazza.
12

MAURIZIO BONORA/ISTOCKPHOTO ©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5

MOTIVTHUERINGEN8/FOTOLIA.COM ©
Giardino Botanico Punta San Vigilio Piazza delle
di Porto Caleri
8 Suggestione polifonica Erbe a Verona

7 9
Non si può dire di aver e magia istantanea Tutta l’essenza di Ve-
visto il Delta del Po per questo lembo di Garda rona, e la sua storia, ci
se non si è visitato questo toccato dal romanticismo passano davanti attraverso
meraviglioso giardino prima ancora che da Carlo questo buco della serratura
(p250): un’area di 24 ettari Magno, che proprio qui a forma ellittica (p260).
a sud di Rosolina con oltre volle erigere una rocca in La coscienza del tempo di
dieci ecosistemi e circa onore del vescovo eponimo una città folgorata in una
220 specie vegetali. A ridos- (p298). Dopo di lui nella villa sola piazza. C’è la Verona
so del mare la flora cresce incastonata nella piccola romana, che qui aveva il suo
sulla sommità delle dune; baia soggiornarono la mo- foro. C’è la Verona scaligera,
più all’interno, le rare orchi- glie di Napoleone, lo zar che affiora con impeto tra
dee spontanee ravvivano le Alessandro, Vivian Leigh e torri e vestigia medievali.
pinete di profumi e colori. Winston Churchill. Punta C’è la Verona mondana
Infine, le zone palustri con San Vigilio, punto di incrocio che il sabato pomeriggio
gigli e ninfee sono da ammi- tra bellezza e storia, è un conclude qui la sua passeg-
rare nelle casette di legno luogo in cui si può restare giata. Senza dimenticare la
adibite al birdwatching, da ore senza far nulla, se non Verona sgualcita e quella
cui, oltre agli uccelli, può contemplare in silenzio e elegante, coagulate insieme
capitare di avvistare anche alla fine sentirsi riempiti dalla notte, davanti a un
testuggini palustri e un come se si fossero visitati calice di Valpolicella.
rarissimo anfibio, il pelobate mille musei.
fosco. Aironi bianchi
13

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5
9
TITOSLACK/ISTOCKPHOTO ©
14
La Vicenza di Escursioni e sci di fondo
Andrea Palladio nell’Altopiano di Asiago

10 Palcoscenico di un genio dell’archi-


tettura, Andrea Palladio, capace di
far rivivere nei fasti del Rinascimento
11 L’Altopiano dei Sette Comuni (p335)
è un territorio che sembra nato per
il turismo, una sorprendente mescolanza di
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5

la perfezione dell’antico, Vicenza (p306) sport e natura, malghe e sapori, montagne e


stupisce per la concentrazione di palazzi pascoli. D’inverno si presta a camminate con
dalla scenografia quasi teatrale, dichiarati gli sci da fondo sui circa 500 km di piste che
dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. rendono la località una tra le mete più ambite
Come non commuoversi davanti all’elegan- dello sci nordico internazionale, d’estate
za della Basilica Palladiana che troneggia in a galoppate o pedalate tra abetaie e faggete.
piazza dei Signori, al magico accostamento I ricordi della Grande Guerra spingono poi ad
di pieni e vuoti di palazzo Chiericati, alla avventurarsi tra le fortificazioni e le gallerie
folla di statue che anima il Teatro Olimpico scavate nella roccia del Monte Cengio
e all’aulica bellezza della Rotonda, la più o nell’ampia rete dei sentieri dell’Ortigara
celebre delle ville palladiane? (p337). Ricostruzione di una trincea utilizzata
Basilica Palladiana nel film Torneranno i prati di Ermanno Olmi

10

ROSSANA CINZIA RANDO ©


15
11
ROSSANA CINZIA RANDO ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5
12
Treviso
PETER ZELEI/ISTOCKPHOTO ©

12 Ci vogliono solo poche


ore per percorrere il
suo centro storico in lungo
e in largo, ma sono molte
le ragioni per trattenersi
a Treviso (p352). Rimarrete
qui per i canali e gli scorci
pittoreschi, per le opere d’arte
e per i musei, per le osterie
e i ristoranti. Quando avrete
finito, vi accorgerete che
anche i dintorni hanno molto
da offrire, da una pedalata
in riva al Sile a una visita alle
ville palladiane, da un trekking
sul Monte Grappa alla contem-
plazione del panorama dalla
Rocca di Asolo. Poche decine
di minuti per raggiungere
ogni meta. Altrettante per fare
ritorno ogni sera tra i vicoli
silenziosi racchiusi dalle
antiche mura.
16
13

ALBERTO PATRON/ISTOCKPHOTO ©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5

14

PICTURE10/FOTOLIA.COM ©
I colli del Prosecco Feltre, La Valle di Zoldo

13 Per chi ama il vino la città dipinta tra Civetta e Pelmo

14 15
e per chi ama i Basta entrare da Qui siete al sicuro
paesaggi collinari. Per chi una delle porte o da caroselli turistici
ama pedalare e per chi salire per le ‘scalette’ che e file di automobili sui tor-
ama contemplare, bere e immettono dentro le mura nanti, protetti da quinte di
mangiare. Questo triangolo e ci si sente trasportati in montagne potenti, con il
di territorio compreso tra un mondo a parte. A rigore, Pelmo e la Civetta a far da
Valdobbiadene, Coneglia- il cuore di Feltre (p403) è monumentali bastioni.
no e Vittorio Veneto (p372) piccolo e si gira in fretta, La Valle di Zoldo (p421) è un
dondola tra piccole alture ma, per uno strano fenome- piccolo tesoro dove ci si
ricoperte di vigneti e si no, più si cammina e più si può sbizzarrire, sia d’estate
distende all’ombra dei mon- continuerebbe a esplorare, sia d’inverno, in attività
ti che segnano il confine alla ricerca di scorci e di all’aria aperta nei boschi o
con la provincia di Belluno. dettagli sulle facciate dipin- in quota, sotto cime e glo-
Venendo qui scoprirete due te delle case patrizie che, riose pareti dolomitiche. La
piccoli laghi e una collana tra il XIV e il XVIII secolo, valle, che in passato visse
di minuscoli borghi, un’ab- modellarono questo centro sull’attività dei ciodaròt,
bazia del XII secolo e tanti, storico di straordinaria pre- i fabbri che lavoravano il
tantissimi vigneti. Le canti- gnanza artistica, con Piazza ferro estratto dalle miniere,
ne e le osterie, i ristoranti e Maggiore che sprigiona è oggi meta apprezzata di
le fiere estive sono l’ultimo atmosfere tra il palladiano un turismo dolce in un con-
spunto per convincervi a e il metafisico e musei di testo naturale grandioso.
partire. valore insospettato. Fornesighe, Valle di Zoldo
17

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 1 5
15
RENATO MOSENA ©
18
© Lonely Planet Publications

In breve
Per ulteriori informazioni v. Guida pratica (p493)

Banche Quando andare


I bancomat sono diffusi
e le carte di credito in Temperature medie annue (°C)
genere sono accettate
negli alberghi e nei risto- -4/1
ranti, mentre potrebbero 1/3
3/5
non esserlo in pensioni,
5/7
pizzerie, trattorie e
7/9
piccoli negozi: verificate
9/11
in anticipo. 11/13

Alloggio
Dormire sarà una delle
voci più costose del vo-
stro viaggio, soprattutto
in alcune città della
regione. Cercando con
attenzione troverete
però B&B, alberghi e
agriturismi adatti a tutte
le esigenze (p494).

Pasti
La tradizione gastrono-
mica veneta sarà uno
dei ricordi più gradevoli
del vostro viaggio: i Alta stagione Media stagione Bassa stagione
cicheti o spunceti o ¨¨D’estate mare e ¨¨Approfittate dei ¨¨I brevissimi periodi
spunciotti che accom- laghi sono invasi dai mesi primaverili per di bassa stagione
pagnano l’aperitivo sono turisti. visitare le ville venete a Venezia sono no-
la specialità più interes- e città come Vicenza, vembre, i primi di
¨¨Le montagne si
sante, ma non da meno Padova e Verona. dicembre, gennaio e
riempiono d’estate e
sono i piatti classici febbraio, ma prima
durante i mesi della ¨¨In primavera, le
della tradizione e quelli del Carnevale. I prezzi
stagione sciistica. giornate fresche e
della cucina creativa dei del pernottamento
¨¨A Venezia è alta terse sul Lago di Gar-
grandi chef (p497). sono più vantaggiosi.
stagione quasi tutto da offrono panorami
l’anno, soprattutto in meravigliosi.
primavera, durante il ¨¨L’autunno è per-
periodo della Bienna- fetto per i tour enoga-
le, a Capodanno e a stronomici.
Carnevale.
19
Siti web I prezzi del pernottamento a Venezia ogni 30 min circa tra
Venezia sono sensibilmente più le 7.35 (mar-gio-sab) o le 8.10
Lonely Planet Italia (www.
alti di quelli del resto del Veneto (lun-mer-ven-dom) e le 23.35
lonelyplanetitalia.it/venezia)
(v. lettura p494). (€12/22 sola andata/andata e
Per informazioni sulla città.
ritorno, 20 min).
Promozione Turistica del Arrivo Taxi Aeroporto–centro città:
Veneto (www.veneto.eu)

PIANIFICARE IL VIAGGIO I n breve


Ottimo portale del Turismo Venezia €15 (10 min)
gestito dalla Regione, ricco di Aeroporto Marco Polo (%041
260 61 11; www.veniceairport.it) Verona
informazioni su Venezia, le altre
città d’arte, montagna, laghi, Aeroporto Valerio Catullo
Autobus ATVO (www.atvo.it)
mare, pedemontana e colli, (%045 809 56 36; www.aero
Collegano lo scalo con Piazzale
terme e parchi. portoverona.it)
Roma ogni 30 min circa tra le
5.20 e le 0.20 (€8/15 sola an- Aerobus (www.atv.verona.it)
Numeri utili data/andata e ritorno, 20 min). Collega l’aeroporto e la stazione
Autobus n. 5 ACTV (www.actv ferroviaria ogni 20 min circa
Ambulanza %118 .it) Fa servizio fra l’aeroporto e tra le 5.35 e le 22.50 (€6; 15
Corpo Forestale %1515 Piazzale Roma ogni 15 min circa min). Da qui con un treno si può
dello Stato tra le 4.08 e l’1.10 (€6, circa raggiungere Venezia (a partire
(Emergenza 30 min). da €8,70, 1 h 27 min).
incendi) Taxi Aeroporto–centro città:
Consorzio Motoscafi (moto
Guardia costiera %1530 scafivenezia.it) È un servizio taxi €30 (20 min)
(Emergenza acqueo. La tariffa dall’aeroporto
in mare) alla Stazione Ferroviaria Santa Trasporti locali
Guardia costiera %0365 Lucia è di €100 fino a 5 persone.
La rete dei trasporti in Veneto è
Lago di Garda 21300
Stazione ferroviaria di Venezia molto efficiente e capillare per
Numero unico %112 Santa Lucia (www.venezia i collegamenti tra le varie pro-
europeo per santalucia.it) Il vantaggio di vince, ma a mano a mano che ci
le emergenze scendere dal treno e di essere si allontana dalle zone centrali
Soccorso Alpino %118 subito sul Canal Grande. Treni- le corse si fanno meno frequenti.
e Speleologico talia (www.trenitalia.com); Italo
A piedi A Venezia camminare è il
(Emergenza (www.italotreno.it)
modo ideale (e a costo zero) per
in montagna) Vaporetti Alilaguna (www.ali muoversi.
Polizia %113 laguna.it) Tre linee (Blu, Rossa,
Automobile La soluzione
Vigili del fuoco %115 Arancio) collegano l’aeroporto a
migliore (non se si visita solo
varie zone della città (direzione
Venezia) per esplorare gli angoli
San Marco, ogni 30 min; da 45
più suggestivi della regione.
a 90 min a seconda delle de-
Budget giornaliero stinazioni). Il biglietto (€15/27 Autobus Ogni provincia ha
Meno di €100 sola andata/andata e ritorno) in- le sue compagnie di trasporti
¨¨Alloggio: €30-60 clude il trasporto di un bagaglio (alcune province condividono la
pesante e un bagaglio a mano. stessa): le troverete indicate nei
¨¨Ristorante: €15-20
rispettivi capitoli.
¨¨Spuncetto o cicheto €3-7 Treviso Treno Collega tutte le province e
¨¨Ingresso in un museo: €10 Aeroporto Antonio Canova molti dei principali centri urbani.
(%0422 31 51 11; www.treviso Alcuni borghi sono tuttavia
Medio €100-150
airport.it) raggiungibili solo in auto.
¨¨Alloggio: €60-100
¨¨Ristorante: €25-40 Autobus n. 6 MOM-Mobilità di
Marca (www.mobilitadimarca
¨¨Ingresso in un museo: €10 .it) Collega lo scalo alla stazione
Più di €150 ferroviaria ogni 30 min circa tra
¨¨Alloggio: più di €100 le 14.25-21.40 (€1,30; 15 min
circa). Per informazioni
¨¨Ristorante: €40-100 Autobus ATVO (www.atvo.it) sui Trasporti locali
¨¨Ingresso in un museo: €10 Collega lo scalo di Treviso con v. p505
20

Se vi piace…
Piave Nella provincia di Grappa ha diversi vantaggi:
Spiagge Treviso fate come gli autoctoni: crescono la suggestione, la
raggiungete il greto del fiume (a soddisfazione e l’appetito. (p367)
Oltre alle storiche località Cimandolo o a Ponte di Piave),
balneari di Jesolo, Càorle Verona medievale Alla scoperta
nuotate nell’acqua fredda e
e Bibione, in Veneto ci dei tesori medievali e del centro
dedicatevi alla tintarella. (p381)
sono molte spiagge, anche storico della città. (p268)
lungo i fiumi e i laghi, dove Lago di Santa Croce Un soffice
Lago di Garda Godetevi
rilassarsi. tappeto su cui sdraiarsi al sole,
l’incanto del lago percorrendo
ma sempre rinfrescati dalla
Oasi delle Dune degli Alberoni la passeggiata che raggiunge
brezza, e con giochi per bambini,
Sdraiatevi nella sabbia pulita di Malcesine. (p300)
a due passi da Belluno. (p383)
questo tratto di litorale fatto di
dune e pinete. (p110)
Passeggiate Architettura
Spiagge di Venezia Vale la pena Il patrimonio artistico di
di fare un salto nella storica Infinite sono le possibilità
Venezia esercita un ma-
Società dei Bagni (p117), oppure di scoprire gli scorci citta-
gnetismo a cui è difficile
di scegliere gli ugualmente dini e naturali di questa
sottrarsi, ma anche il resto
noti Bagni Alberoni: economici, regione con brevi e facili
del Veneto è museo a cielo
attrezzatissimi, con un bar che passeggiate.
aperto, scrigno di tesori e
fa un ottimo spritz e un buon Riva degli Schiavoni È d’obbli- culla di grandi artisti.
ristorante. (p117) go venirci quando diminuisce il
Antonio Canova A Possagno,
Murazzi Chi non ama cabine e numero dei turisti, perché solo
città natale dello scultore,
ombrelloni può puntare verso i così si può godere appieno della
ci sono i gessi preparatori di
Murazzi, una piacevole spiaggia sua storica bellezza. (p89)
quasi tutte le sue opere. Difficile
sull’Isola di Pellestrina che I Grandi Alberi di Recoaro Un rimanere insensibili alla loro
corre lungo uno storico argine in sentiero s’inoltra nell’Altopiano bellezza. (p367)
pietra d’Istria percorribile anche di Montagnole, abitato da gigan-
in bicicletta. (p116) Andrea Palladio L’architetto
teschi patriarchi vegetali. (p333)
padovano ha disseminato il ter-
Lido di Boseleghe Le famiglie Cittadella Il camminamento ritorio di splendide ville, palazzi
con bambini faranno bene a di ronda che cinge le mura di e un teatro dalla prospettiva
scegliere tra le comode spiagge Cittadella è tra le più singolari sorprendente. (p324)
delle riviere di Ponente e di e suggestive passeggiate della
Levante. Tutti gli altri, invece, Carlo Scarpa Veneziano di
regione. (p214)
potranno optare per il Lido di nascita, ha lasciato una traccia
Boseleghe, frequentato anche Monte Lagazuoi Potete salire incisiva e preziosa non solo
da Hemingway. (p173) a piedi o in funivia; in alto vi at- nella sua città natale, ma anche
tende un panorama superlativo nel cimitero di Altivole e nella
Baia delle Sirene La piccola e un’emozionante escursione tra Gipsoteca Museo Canoviano di
spiaggia accanto a Punta San gallerie e trincee della Grande Treviso. (p367 e p363)
Vigilio prevede una tariffa d’ac- Guerra. (p425)
cesso, ma è un angolo da sogno Città murate Tra le più im-
con vista sulla cinquecentesca Cima Grappa Salire a piedi pressionanti testimonianze del
Villa Guarienti. (p298) al Sacrario Militare del Monte Medioevo europeo, Cittadella,
21

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …


GIACOMO POMPANIN ©

In alto: Malcesine, Lago di


Garda (p300)
A destra: Veduta del
Lagazuoi (p426)
FREEARTIST/ISTOCKPHOTO ©
22
Monselice, Este e Montagnana
sembrano uscite da un poema

ALAN64/ISTOCKPHOTO ©
cavalleresco. (p454)

Cibo di strada
Il Veneto combina gli oriz-
PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …

zonti orientali e marini con


quelli dell’entroterra occi-
dentale dando vita a sapori
davvero unici.
Scartocci A Venezia Acqua &
Mais serve scartocci ricolmi di
calamari fritti, frittura mista,
insalata di piovra, riso con
gamberi, seppie e polenta. A due
passi da Rialto, nel sestiere di
San Polo. (p39)
Folpetti Senza se e senza ma a
Padova il top del cibo di strada
sono i folpetti, che nello scenario
medievale di Piazza della Frutta
sono ancora più irresistibili. (p184)
Tortellini di Valeggio Nella
zona del Mincio anche i tortellini
sono street food. Da consumare
mentre si passeggia ammirando
la Rocca di Valeggio. (p292)
Panino onto Unitevi agli avven-
tori notturni che si ritrovano
davanti al furgone gastronomico
più frequentato di Vicenza. (p322)

Orti, siepi, labirinti PIERO PASINI ©

L’eccellenza veneta si espri-


me su innumerevoli fronti:
arte, architettura, musica,
teatro e nella capacità di
piegare la natura secondo
perfetti canoni estetici.
Orto Botanico di Padova
È Patrimonio dell’UNESCO il più
antico e prestigioso orto botanico
universitario del mondo, un vero
scrigno di tesori vegetali. (p199)
Giardini di Villa Barbarigo
Viaggio ‘esoterico’ in forma di
giardino, tra fantasie barocche,
fontane, viali ombrosi e le im-
mancabili insidie di un labirinto.
(p181) In alto: Maschere veneziane
In basso: Scartoccio di Acqua & Mais (p129)
Villa Freya Essenze esotiche e
resti archeologici adornano il
23
giardino della residenza asolana
di Freya Stark, viaggiatrice, spia,
ALXPIN/ISTOCKPHOTO ©

scrittrice. (p364)
Villa Cordellina Lombardi
Visitate i giardini alla francese
abitati da eleganti statue nei

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …


quali è immersa questa gemma
architettonica. (p330)
Giardini Pubblici di Venezia
Scoprite la storia di questi giar-
dini pubblici voluti da Napoleone.
(p91)
Giardino Giusti Si dice che il suo
labirinto di bosso sia il più antico
d’Italia; di certo è il prototipo
del cinquecentesco giardino
all’italiana. (p269)
Parco Giardino Sigurtà Nei din-
torni di Verona si cela un giardino
considerato fra i cinque più belli
del mondo. (p292)

Shopping
Commercianti da millenni,
i veneti producono oggetti
davvero unici.
Maschere Decorate la vostra
maschera nel negozio che ha
prodotto quelle andate in scena
in Eyes Wide Shut. (p151)
Vetro Fragile e soprendente come
Venezia, il vetro racchiude in sé
EFRAIN PADRO/ALAMY STOCK PHOTO ©

l’essenza della città. (p155)


Merletti Visitate i due musei-
negozi di Burano che rendono
onore a questa arte. (p95)
Ceramica A Este l’arte della
ceramica ha una tradizione
millenaria. (p230)
Tessuti Prenotate una visita
guidata alla fabbrica-laboratorio
tessile e al giardino di Fortuny.
(p54)
Gioielli A Vicenza la maestria nel
plasmare oro e preziosi dà vita a
meraviglie orafe. (p325)

In alto: Baia delle Sirene, Lago di Garda (p298)


In basso: Pasticcini in vetro di Murano
24

Mese per mese


1 Este in Fiore di Vicenza mette in scena
IL MEGLIO (www.esteinfiore.it) Le opere liriche e concerti da
strade di Este ospitano una camera.
Carnevale di Venezia, rassegna di florovivaismo.
febbraio 1 New
Biennale di Venezia, Conversations –
da maggio a novembre Maggio Vicenza Jazz
Stagione dell’Arena, 1 Biennale Arte (www.vicenzajazz.org)
da giugno ad agosto (www.labiennale.org) C’è I palazzi e le strade di
tempo da maggio a novem- Vicenza ospitano una delle
Festa del Redentore,
bre per ubriacarsi d’arte rassegne più importanti di
luglio
contemporanea all’Arsenale, musica jazz contemporanea
ai Giardini e in gallerie in Italia.
nascoste in ogni angolo di
Gennaio Venezia.
Giugno
1 Concerto di 1 Biennale 1 Biennale Danza
Capodanno alla Fenice Architettura (www.labiennale.org) Si
(www.teatrofenice.it) Dal (www.labiennale.org) danza al Teatro alle Tese, al
2004, anno dell’inaugura- Gli stessi luoghi della Teatro Piccolo dell’Arsenale
zione della nuova Fenice Biennale Arte accolgono gli e all’aria aperta dei campi
dopo l’incendio del 1996, appassionati di architettura veneziani.
l’Italia saluta il nuovo anno alla scoperta dei progetti e
con questo concerto. delle idee più attuali, in una 1 Arena Opera
pioggia di eventi e mostre Festival
che dura fino a novembre. (www.arena.it) Nell’Arena
Febbraio di Verona va in scena il
z Carnevale 6 Mostra Mercato più celebre festival lirico
di Venezia delle Ciliegie di italiano. Tra luglio e agosto.
Marostica
(www.carnevale.venezia.it)
Durante il mese di febbraio (www.mostraciliegie. z Festa
va in scena uno dei carne- info) Tra maggio e giugno di Sant’Antonio
vali più famosi del mondo.
Marostica organizza la da Padova
mostra mercato della Il 13 giugno, la statua
ciliegia di Marostica IGP. e alcune reliquie di
Aprile 1 Settimane
sant’Antonio vengono
portate in processione fuori
6 Vinitaly Musicali del Teatro dalla basilica.
(www.vinitaly.com) Ogni Olimpico
anno dal 1967 a Verona si (settimaneolimpico.it)
tiene questa importantissi- Fra metà maggio e metà
ma rassegna internazionale. giugno il Teatro Olimpico
25
T-LORIEN/ISTOCKPHOTO ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese


Maschere al Carnevale di Venezia

1 Festival sentazione dell’incendio


Luglio di Portogruaro alla rocca.

z Festa (www.festivalportogruaro
.it) Festival che si tiene tra z Partita a Scacchi
del Redentore agosto e settembre e unisce di Marostica
La terza domenica di luglio l’aspetto didattico a quello (marosticascacchi.it) Una
alla Giudecca. Fuochi concertistico. partita con scacchi viventi
d’artifico e regate storiche. nella piazza di Marostica.

1 Operaestate Settembre
Festival Veneto
1 Biennale Cinema Ottobre
(www.operaestate.it) Tra
luglio e agosto 40 città
(www.labiennale.org) Star 1 Biennale Musica
che arrivano al Lido di (www.labiennale.org) A
venete ospitano questa
Venezia in motoscafo, scol- Venezia si respira l’aria di
grande rassegna musicale.
lature vertiginose, tappeto uno degli autunni musicali
rosso. Questo e altro al più importanti d’Italia.
Agosto festival cinematografico
più antico del mondo, ma
1 Biennale Teatro soprattutto grande cinema Novembre
(www.labiennale.org)
D’estate a Venezia va in
d’autore.
1 Rassegna
dei Presepi
scena il meglio del teatro z Palio dei Dieci (www.presepiarenadivero
contemporaneo, italiano e Comuni
internazionale. na.it) Centinaia di presepi
(palio10comuni.it) Si tiene sono esposti all’Arena di
a Montagnana ed è una Verona.
celebrazione del Medioevo
che culmina con la rappre-
26

ALEKSANDAR GEORGIEV/ISTOCKPHOTO ©
Pianificare il viaggio
Itinerari
Belluno •
#

FRIULI
LoMBARDIA VENEZIA
GIULIA

É •
# É
Treviso

Lago # Vicenza

di Garda
Verona É
É

# Padova •
#

# Venezia
É

Mare
Adriatico

LoMBARDIA É

# Rovigo

Fiume Po

10NI Tour delle città d’arte


GIOR

seguite con lo sguardo le linee slanciate


I capoluoghi veneti sono come scrigni del gotico dei Frari e la luminosità della
che custodiscono un patrimonio Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, per
architettonico di inestimabile valore poi ripulire la mente con l’estetica calco-
e bellezza. Un viaggio alla scoperta di latissima della Chiesa di Santa Maria dei
queste città è anche un viaggio nella Miracoli, capolavoro del Rinascimento.
storia artistica e umana dell’Italia. Fate un salto nel futuro con la Collezione
Peggy Guggenheim e uno indietro nel
D’obbligo iniziare da Venezia, con gli tempo per visitare il Ghetto, il primo del-
scintillanti mosaici della Basilica di San la storia, che nel 2016 celebra i 500 anni
Marco, lo sfarzo di Palazzo Ducale, i dalla sua istituzione. Infine, per salutare
capolavori delle Gallerie dell’Accademia la città salite in cima al campanile della
e l’esempio di architettura barocca ve- Basilica di San Giorgio Maggiore e gode-
neziana della Basilica della Salute. Ora tevi tutto il Bacino di San Marco in un
cambiate completamente prospettiva e solo sguardo.
27

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

Isola di San Giorgio Maggiore (p101)

A Padova sedetevi a bere uno spritz gu- spazio di Piazza dei Signori. Salite poi sulla
stando qualche cicheto, poi aggiratevi tra le Torre dei Lamberti per un colpo d’occhio
bancarelle di Piazza delle Erbe, dove regna sul centro storico.
ancora un’atmosfera medievale. Respirate
la grandiosità del Palazzo della Ragione A Vicenza ammirate le opere del più
prima di farvi stordire dai colori della Cap- noto architetto veneto in Corso Palladio e
pella degli Scrovegni e dal brulicare della nella Basilica Palladiana, poi fermatevi sul
folla di fedeli che occupa gli spazi della Ba- tetto della basilica a bere qualcosa e rimira-
silica del Santo, cocktail eterogeneo di stili re il panorama di Vicenza e dei Colli Berici.
artistici. A Rovigo ammirate i capolavori A Treviso visitate la Pescheria, l’ottocen-
della pittura veneta a Palazzo Roverella. tesco mercato del pesce. A Belluno, infine,
A Verona rendete omaggio ai fasti la vita sociale gravita intorno a Piazza Mar-
dell’Impero Romano davanti all’Arena e tiri e Piazza del Mercato o delle Erbe, foro
all’architettura medievale della Basilica di in età romana, centro degli affari nel Me-
San Zeno e dei palazzi che racchiudono lo dioevo e fulcro politico nel Rinascimento.
28

FLAVIO VALLENARI/ISTOCKPHOTO ©
12NI Sulle strade del vino
GIOR

Si può dire che in Veneto esistano due mari:


PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

le onde salate dell’Adriatico e quelle verdi


dei vigneti che ricoprono gran parte del
territorio, dalle pendici delle montagne fino
alla Laguna. Lo sapevate che il Veneto è la
regione vitivinicola più estesa e produttiva di
tutta Italia?

Percorrere le cosiddette ‘strade del vino’ è il


modo migliore per andare alla scoperta del pa-
trimonio enologico della regione.
Partite dalle sponde del Lago di Garda, dove
Bardolino è il centro di produzione del Bardoli-
no Chiaretto DOC. Spostatevi poi verso Le Strade
del Vino della Valpolicella, terra di cantine sin
dall’epoca romana, che percorrono il territorio
di produzione del Recioto, dell’Amarone e del
Valpolicella. Punto di partenza può essere San
Pietro in Cariano, paese a vocazione agricola
immerso in un paesaggio di casolari e vigneti a
pergola. Qui a fine aprile si tiene la Festa dei Vini
Classici della Valpolicella, con giornate dedicate
a degustazioni. A Negrar i giorni di Pasqua e
Pasquetta sono dedicati al Palio del Recioto. La
città di Verona, infine, ospita tutti gli anni in
primavera Vinitaly, una fra le più importanti
rassegne enologiche europee. Da non perdere è
poi Soave, nota per il suo ottimo vino bianco.
FLAVIO VALLENARI/ISTOCKPHOTO ©

Nel territorio di Vicenza la Strada del Tocai


Rosso serpeggia tra colline ammantate di
vigneti fino a Barbarano Vicentino, storico
luogo di produzione di Cabernet, Merlot,
Carmenere e Tai.
I Colli Euganei del padovano abbondano di
vino quanto di acqua termale, il che ne fa una
meta eccellente per una vacanza all’insegna del
relax e del gusto. La DOC Colli Euganei produce
vini come il Colli Euganei Rosso, il Pinello, il
Serprino (considerato il Prosecco della zona)
e il Fior d’Arancio, fiore all’occhiello di questo
territorio.
La zona di Treviso è da secoli vocata alla
viticoltura e i Colli del Prosecco sono una delle
mete più frequentate dal turismo enogastrono-
mico. Percorrere l’itinerario da Conegliano a
Valdobbiadene è un buon modo per conoscere
il territorio del Prosecco, il vitigno più diffuso,
con una produzione che sfiora i 300 milioni di In alto: Vigneti a Bardolino (p296)
bottiglie annue. In basso: Vigneti nella Valpolicella (p281)
29

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari


FRIULI
VENEZIA
LoMBARDIA
Valdobbiadene GIULIA

#
É Conegliano

#

Lago
di Garda

Bardolino É

#
É • # Negrar

#
San Pietro Barbarano
É

Soave
in Cariano •
# •
# Vicentino
É
Verona •
# Colli
Euganei
É


#
É

Mare
Adriatico
LoMBARDIA

Fiume Po
30
PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

TRENTINo Villa
ALTo Barbaro
ADIGE •
#
Villa Piovene
Porto Godi •#
É


#
Villa Godi É
Malinverni # Villa Emo

É
Villa Villa
della Valmarana Villa
Torre Villa Villa ai Nani Contarini
Villa •
# • Trissino •
Nichesola •
# # Rizzardi # •
# •
#

#
É É
Ponton Barchessa
É
É


#
É

Villa Villa
Villa Valmarana
Cordellina La Rotonda Giovanelli


É Lombardi É •
#É # Malcontenta


# •
#
É

Villa
É

Villa Widmann
Villa Pisani
Barbarigo

#•# Castello
del Catajo Mare
Adriatico
É
É

LoMBARDIA
F i um
e Po

#
# Villa Grimani
Villa Badoer •
Molin-Avezzù
31

ANDREA FORMENTI ©
8 NI Alla scoperta
GIOR delle ville venete
Le più note sono quelle progettate da

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari


Andrea Palladio nel Cinquecento, quelle
visitabili sono circa 150, ma le ville nei
Domini di Terraferma della nobiltà veneziana
sono in realtà numerosissime e sparse in
tutta la regione.

Iniziate il vostro itinerario dal Naviglio del


Brenta partendo da Padova o da Venezia, come
preferite. Potete percorrere la lunghezza del
canale in bicicletta (anche se la strada non è
sempre piacevole) o partecipando a una cro-
ciera a bordo di una motonave che permette
di visitare le ville lungo le sponde (alcune si
possono ammirare soltanto dall’esterno): Villa
Giovanelli, Villa Pisani, Villa Widmann,
Barchessa Valmarana, la Malcontenta. Nei
due giorni successivi andate alla scoperta degli
altri palazzi che sorgono in territorio padovano:
Villa Contarini a Piazzola sul Brenta, il Castel-
lo del Catajo a Battaglia Terme e il Giardino di
Villa Barbarigo a Valsanzibio.
Il quarto giorno dedicatelo alle ville del terri-
torio di Rovigo: lungo il corso del Canale Scorti-
co ce ne sono molte, tra cui la palladiana Villa
Badoer e Villa Grimani Molin-Avezzù.
Spostatevi poi alle porte di Vicenza per pren-
dere parte alla visita della domenica mattina
ANDREA FORMENTI ©

tenuta dal conte Valmarana a Villa Valmarana


ai Nani, quindi andate alla scoperta di Villa La
Rotonda, forse la più celebre fra quelle palla-
diane. Il sesto giorno, dopo una passeggiata tra
i palazzi della città, visitate Villa Cordellina
Lombardi a Montecchio Maggiore, i giardini
di Villa Trissino a Trissino, Villa Godi Malin-
verni e Villa Piovene Porto Godi a Lugo di
Vicenza.
Raggiungete la Valpolicella, dove potrete al-
ternare degustazioni di vino alla visita di Villa
Rizzardi con il Giardino di Pojega a Negrar,
Villa della Torre a Fumane e Villa Nichesola
Ponton a Sant’Ambrogio di Valpolicella.
Puntate infine verso nord, nel trevigiano:
a pochi chilometri da Castelfranco sorge Villa
Emo, con grandi sale affrescate e un bellissimo
giardino, mentre a Masèr c’è Villa Barbaro.

In alto: Villa Pisani, Stra


In basso: Castello del Catajo, Battaglia Terme
32

FLAVIO FAORO ©
PIANIFICARE IL VIAGGIO S p o rt e attività all’aperto

Alpe del Nevegal

Pianificare il viaggio

Sport e attività
all’aperto
Mare, lagune, laghi, colline, altopiani e montagne: il Veneto offre
una varietà di attività all’aria aperta tanto ampia e diversificata
che vi stupirà. Chi ama praticare sport a livello sia amatoriale sia
agonistico troverà pane per i suoi denti.
33

Bicicletta
A Venezia il consiglio è di inforcare una
Escursioni sulle bicicletta per visitare le isole della Laguna.
montagne di Belluno Nella zona di Jesolo, Eraclea Mare e Càorle,
ABH (v. lettura p165) riunisce strutture ricetti-
Brent de l’Art Una facile escursione nei

PIANIFICARE IL VIAGGIO S p o rt e attività all’aperto


ve e di assistenza per chi percorre il territo-
canyon del Torrente Ardo. (p402)
rio in bicicletta. Sia a Padova sia nella zona
Riserva Naturale Monte Faverghera Si rag- dei Colli Euganei si può approfittare dei
giunge a piedi su un agevole sentiero oppure percorsi cicloturistici (v. lettura p221). L’area
in seggiovia (www.alpedelnevegal.it). (p396) di Rovigo si presta a essere esplorata sulle
due ruote, in particolare il Delta del Po (p251).
Bus del Busòn Gita alle porte di Belluno
Nel veronese gli appassionati di mountain
adatta a tutti, bambini compresi. (p390)
bike possono caricare la bicicletta sulla
Via Claudia Augusta Altinate Antica via che funivia (p302) che porta al Monte Baldo e da
collega il Mare Adriatico al bacino danubiano lì esplorare i tanti sentieri che si dipartono
(www.viaclaudia.org). (p404) dalla vetta. Nel vicentino ci sono gli 80 km
Vincheto di Celarda Tante specie animali
della Ciclabile della Valsugana (v. lettura
nella zona umida alle porte di Feltre. (p406)
p343), da Bassano del Grappa al Lago di
Caldo­nazzo. Nella zona di Treviso, oltre a
Sentiero Geologico di Agordo Itinerario ad Montello (p368), meta nota a tutti gli appas-
anello adatto a tutti. (p412) sionati di ciclismo, ci sono i Colli del Pro-
Cascate delle Comelle e Lago di Garès Una secco (p372), valida opzione per un cicloturi-
gita spettacolare. (p415) smo enogastronomico. Il Centro Guide e
Servizi Turistici (p355) organizza escursioni
Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Da in città e nel territorio circostante. Le pro-
Forno di Zoldo si può fare una magnifica vince di Belluno, Treviso e Venezia sono
escursione nella Val Pramper. (p403) attraversate da un tratto della Ciclovia
Giro delle Tre Cime di Lavaredo È il tour per dell’Amicizia (p397), che da Monaco di Bavie-
antonomasia delle Dolomiti. (p433) ra arriva fino a Venezia. Sui passi dolomiti-
ci del bellunese, nella bella stagione è un
Comelico Superiore I Tróis sono sentieri brulicare di ciclisti che in particolare fre-
animati da sculture in legno. (p435) quentano il Passo Pordoi, al centro del
Val Visdende Una wilderness fitta di boschi e famoso Sellaronda, che ogni anno vede
prati, con numerose strade forestali di facile migliaia di partecipanti al Sellaronda Bike
percorribilità. (p432) Day (www.sellarondabikeday.com). Un
itinerario facile e panoramico in mountain
bike si sviluppa sopra Selva di Cadore, in
uno dei luoghi più scenografici delle Dolo-
miti (p418). A Tambre, nel cuore dell’Alpago,
si trovano i 100 km di piste dove nel 2015
si sono tenuti i campionati europei di
Arrampicata e ferrate mountain bike (www.mtbalpago.it, www.
benvenuticiclisti.info, www.ruotalpina.it,
Nella zona di Recoaro Terme è possibile
p398).
organizzare arrampicate (p333) con guide
abilitate. Nel bellunese la Ferrata Costan-
tini (p412), che parte dal Rifugio Carestiato
nel gruppo della Moiazza, sopra Agordo,
è una delle più belle e impegnative ferrate Oasi e parchi
delle Dolomiti. A 15 minuti dal Rifugio A Venezia, l’Oasi delle Dune degli Albero-
Dolada, nella zona di Pieve d’Alpago, c’è ni (p110) è un paesaggio di dune popola-
una palestra di roccia (p398) che d’inverno to da piante e animali, mentre Ca’ Roman
si raggiunge in sci o con le ciaspole. (p112) è l’habitat di 170 specie di uccelli.
Il Parco della Brussa (p172) è fra gli am-
bienti naturali più incontaminati dell’Alto
Adriatico. Il Delta del Po (p247) è invece
34
protetto dal Parco Naturale del Delta del cui è bene rivolgersi alle guide alpine
Po (p247). Nel veronese, il Parco delle delle varie località. Per lo sci di fondo da
Cascate di Molina (v. lettura p282) e il non perdere è il comprensorio di Asiago
Monte Baldo (p302) custodiscono specie (p336), uno dei più importanti del mondo.
floreali di straordinaria bellezza. Alle porte
di Vicenza, l’Oasi WWF di Casale (p319)
ospita numerose specie di uccelli palustri.
PIANIFICARE IL VIAGGIO S p o rt e attività all’aperto

Nel trevigiano, l’Oasi Naturalistica di Cer-


vara (p360) offre la possibilità di osser-
Sport acquatici
vare da vicino le specie che vivono lungo il Il Delta del Po è perfetto per essere
Sile. Nella provincia di Belluno, le Dolomiti esplorato in canoa (v. lettura p250). A
sono protette dal Parco Nazionale delle Casale sul Sile, in provincia di Treviso,
Dolomiti Bellunesi (v. lettura p403). Travelsport (p360) noleggia canoe e
organizza uscite. Sui laghi del bellune-
se – Corlo (v. lettura p408), Misurina
(p432), Santa Croce (p397) – e
sul Lago di Garda si possono noleggiare
Parapendio canoe per uscite in solitaria.
Chi vuole provare l’esperienza di un volo Oltre alle cure termali, le località del
in parapendio può contattare Parapendio comprensorio di Abano Terme e Monte-
Montefalcone (p332) nel vicentino, Vieni grotto offrono la possibilità di praticare il
a Volare (p366) sul Monte Grappa, la nuoto in numerose piscine. Gli appassio-
Scuola di Volo Dolada (p398) al Lago nati di immersione possono sfogarsi nei
di Santa Croce, la Scuola Monte Avena 42,5 m della piscina Y-40 (%049 891 04 16;
(p407) nel bellunese. La posizione www.y-40.com; h17-22 lun, 10-22 mar-ven, 8-22
che occupa il Monte Baldo permette sab-dom).
di praticare voli in parapendio in uno I due venti principali che soffiano sul
scenario davvero spettacolare. Rivolgetevi a Lago di Garda, il Peler la mattina e l’Ora il
Tandem Paragliding (%334 946 97 57; www. pomeriggio, permettono di praticare la vela
tandemparagliding.eu) oppure a Yeti Extreme e il kite a qualsiasi livello, dai principianti
(%334 852 23 87; www.yetiextreme.it). agli agonisti. Molti sono i centri che orga-
nizzano corsi di kite sia base sia avanzati
e assistono i kiters nelle attività in acqua.
Eccone alcuni: Centro Kite Marniga (%348
Sci 727 63 90, 328 213 17 06; www.centrokitemarniga
.it; Via Benaco 2) a Brenzone; xkite (www.xkite
Lo sci in tutte le sue declinazioni – pista, .it; %338 828 78 66) ad Acquafresca, che
fuoripista, freeride, sci nordico e sci organizza anche corsi di snowkite e di
alpinismo – è il vero re delle Dolomiti. I moth, una sorta di piccolo catamarano
comprensori per lo sci di discesa, che fanno monoposto in grado quasi di librarsi
tutti parte del circuito Dolomiti Superski in aria spinto dal vento; lo Yacht Club
(p422), sono numerosi e si articolano su Acquafresca (%045 742 05 75; 045 742 07
varie aree: Ski Civetta, Arabba-Marmolada, 60; www.circoloacquafresca.com) e il Circolo
Falcade-San Pellegrino, Cortina d’Ampezzo, Nautico Brenzone (%045 743 01 69; 346 619
Auronzo-Misurina-Tre Cime di Lavaredo, 06 55; www.cbnvela.it; Via Vespucci 10, Castelletto
Sappada. Anche per lo sci nordico c’è di Brenzone), che organizzano corsi di vela e
un circuito che comprende varie zone, kite per bambini e adulti.
denominato Dolomiti Nordicski (www. Nel vicentino, Valstagna (p344), antico
dolomitinordicski.com). Lo scialpinismo, paese di boscaioli, è oggi una meta irri-
per il quale il terreno dolomitico presenta nunciabile per gli amanti del brivido, che
caratteristiche ideali, è un’attività che sul fiume Brenta praticano canoa, rafting e
richiede allenamento ed esperienza, per hydrospeed.
35

Pianificare il viaggio

Viaggiare
con i bambini
Mare, montagne, musei, città murate, oasi naturalistiche, parchi
naturali, siti Patrimonio UNESCO, parchi a tema, gite in barca e in
bicicletta, corsi di vela, piste da sci e da pattinaggio. Poche altre
regioni italiane possono offrire una così vasta gamma di possibilità
di scoperta e divertimento per i bambini.

Feste ed eventi
Veneto per i bambini per i bambini
Per la sua estrema varietà di paesaggi il
Veneto è incredibilmente adatto per viag- ¨¨Festa delle Giuggiole ad Arquà Petrarca
giare con i bambini. In poche altre regioni (p221)
è infatti possibile, nella stessa giornata, ¨¨Giostra della Rocca a Monselice (p224)
immergersi nelle bellezze architettoniche ¨¨Palio dei Dieci Comuni
delle città e divertirsi a scoprire i paesaggi a Montagnana (p228)
naturali più diversi. Partendo da est, Ve-
nezia, una delle città più sorprendenti del ¨¨Sagra degli Aquiloni a Badia Polesine
mondo, accoglie i bambini con la sua for- (p246)
ma di pesce, i mosaici sfavillanti della Basi- ¨¨Un Teatro col Tetto di Stelle
lica di San Marco, la rete di ponti e calli, le a Treviso (p356)
coloratissime botteghe del vetro, le isole, le ¨¨Mostra Internazionale Illustrazione
oasi naturali e le storiche località balneari per l’Infanzia a Sàrmede (p378)
di Jesolo e Bibione.
E poi c’è la storia illustrata che si srotola ¨¨Opitergium a Oderzo (p381)
lungo le pareti della Cappella degli Scrove- ¨¨La Gnaga Carnevale di Fornesighe
gni di Padova, ci sono le mura di Cittadella (p421)
che aspettano di essere esplorate e la Rocca ¨¨I Pavarói nella Conca Agordina
di Montagnana che prende fuoco durante il (p412)
Palio dei Dieci Comuni.
Più a sud i paesaggi onirici del Delta
del Po racchiudono tesori naturalistici da
scoprire pedalando in bicicletta, mentre
i musei archeologici raccontano i grandi
miti greci.
Anche Verona e la sua provincia sono
adattissime per i bambini, con lo spetta-
colo dell’Arena illuminata da migliaia di
lucine prima degli spettacoli, i tanti parchi
naturali e a tema sparsi sul territorio, la
36
costa del Lago di Garda orlata di spiagge un Baby Fun Park (p396) con tapis roulant,
e campeggi e il Monte Baldo, la cui cima sull’Alpago e sul Cansiglio si organizzano
si può raggiungere con un viaggio su una corsi di vela e uscite in sleddog (p398). Il
funivia rotante. comprensorio delle Dolomiti (v. lettura p422)
Il vicentino offre l’incredibile prospettiva e la Conca di Cortina (p423) offrono piste da
del Teatro Olimpico e le passeggiate a piedi fondo, da discesa e sentieri da attraver-
e a cavallo nei Colli Berici, i villaggi prei- sare a piedi in estate e con le ciaspole in
PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiare c o n i bambini

storici, i musei della Grande Guerra e le inverno.


escursioni in slitte trainate da cani sull’Al-
topiano di Asiago innevato. Mare, laghi e fiumi
Treviso e il suo territorio offrono musei
Le località balneari del Veneto sono in-
didattici e la possibilità di avvistare gli
dubbiamente tra le più adatte per i piccoli
uccelli che nidificano nell’Oasi Naturale di
viaggiatori. Jesolo (p167), Eraclea Mare
Cervara, lungo il Sile.
(p169), Càorle (p170) e Bibione (p175) offrono
Belluno, infine, costituisce la base di par-
lunghissime spiagge lambite da acque
tenza alla scoperta delle Dolomiti, meravi-
basse, stabilimenti balneari attrezzati per
glioso universo Patrimonio dell’UNESCO
le esigenze dei bambini, feste ed eventi, e
che offre innumerevoli attività da praticare
molte attività all’aria aperta per alternare
sia in inverno sia in estate.
la tranquilla vita di spiaggia alla scoperta
di un territorio naturale unico nel suo
Attività e corsi genere. Anche sulle isole di Venezia ci
A Venezia Tragicomica (p115) organizza atti- sono molte spiagge, come quelle di Lido
vità di decorazioni di maschere di Carneva- (p106) e di Pellestrina (p110). Nelle altre pro-
le anche per bambini a partire dai quattro vince molti sono poi i laghi e i fiumi che
anni; il Giro di Ronda (p115) di 1 km dell’Isola offrono spiagge attrezzate e libere: sul
del Lazzaretto Nuovo permette di scoprire Piave (p381), sui laghi di Santa Croce (p397),
la natura di questa bella isola; il Lido può del Corlo (p408) e di Alleghe (p416), in provin-
essere esplorato in bicicletta con Lido on cia di Belluno, e naturalmente tutta
Bike (p117); a Eraclea CEA (p169) organizza la sponda del Lago di Garda (p294).
escursioni didattiche per bambini e ragaz-
zi; ad Altino Archeolab (p176) gestisce corsi Parchi a tema
di avvicinamento all’archeologia. e parchi avventura
A Verona Adige Rafting (p269) organizza
gite in gommone sul tratto di Adige che Numerosi sono i parchi tematici nella
attraversa la città; da Malcesine, la salita regione, concentrati soprattutto nella zona
al Monte Baldo in funivia (p302) porta a un del litorale adriatico e nella provincia
pianoro facilmente percorribile anche con i di Verona. A Jesolo (p168) ci sono Aqualan-
passeggini da sterrato. dia, Jesolandia, Pista Azzurra, il regno
Alle porte di Vicenza, nell’Oasi WWF dei gonfiabili Gommapiuma, Sea Life,
di Casale (p319), si può scoprire l’habitat Tropicarium Park e Jolly Roger, mentre
palustre, mentre l’Altopiano di Asiago a Verona i più importanti sono Gardaland
offre molte attività sia estive sia invernali (p294), Caneva Aquapark (p297) e il Parco
(p336); Palladio Kids (%0444 32 30 14) è il Giardino Sigurtà (p292). Ad Asiago
programma didattico del Palladio Museum c’è il Parco Avventura Agility Forest
per promuovere e diffondere la cultura (p338).
dell’architettura a partire dalle generazioni
più giovani; in Valbrenta si può fare una Rocche e castelli
bella escursione in barca alla scoperta delle Oltre ai castelli padovani infestati dai
stalattiti delle Grotte di Oliero (p344). fantasmi (v. lettura p210), molte sono le città
Nella provincia di Treviso, il Molinetto fortificate che si prestano all’esplorazione
della Croda (p371) fa rivivere la vita contadi- da parte dei più piccoli. Le più famose
na del passato, mentre nel Parco Archeo- forse sono Monselice (p223), Montagnana
logico Didattico del Livelet (p375) sono state (p228), Cittadella (p214), Este (p230) e
ricostruite tre palafitte di epoca neolitica. Marostica (p346), ma da non perdere sono
A Belluno ci sono infinite attività sia anche la Rocca di Peschiera (p294) e quella
estive sia invernali: sul Nevegal si trova di Malcesine (p300).
© Lonely Planet Publications

On the
Road

Belluno
e le Dolomiti
venete
p382

Treviso
Vicenza, e la Marca
i Colli Berici Trevigiana
e le valli p348
vicentine
p303
Verona,
la Valpolicella Venezia
e il Garda e la sua provincia
veronese Padova, p38
p254 i Colli Euganei
e le città murate
p180

Rovigo, il Polesine
e il Delta del Po
p233
Venezia
e la sua provincia
Perché andare
VENEZIA . . . . . . . . . . . . 42 Si va a Venezia per vivere la dimensione che ha in più rispetto
a tutte le altre città del mondo: quella dell’acqua, perché
Che cosa vedere. . . . . . 43
Venezia non si affaccia nell’acqua ma è immersa nell’acqua,
Attività, corsi e tour. . . 115 e infatti la vera porta delle case veneziane è quella sull’ac-
Pernottamento. . . . . . . 117 qua, mentre l’altra, quella che dà sul campo o sulla calle, è
Pasti. . . . . . . . . . . . . . . . 126 secondaria. Si va perché per certi versi è una città faticosa
Locali e vita notturna. 141 (si cammina molto a piedi, si sale e si scende dai ponti, e i
temporali in genere non si annunciano mai ma vi costringono
Divertimenti . . . . . . . . . 146
a correre per ripararvi all’improvviso), e quindi è il luogo
Shopping. . . . . . . . . . . . 148 ideale dove allenarsi a sfidare la pigrizia mentale. Si va perché
CHIOGGIA. . . . . . . . . . . 160 ha una terminologia stradale che è di una ricchezza senza
VENETO ORIENTALE. 164 pari: calli, campi, salizade, sotoporteghi, porteghi, campiel-
Laguna orientale . . . . . 164 li, corti, chiedono tutti di essere nominati con puntigliosa
precisione. Perché il suo patrimonio artistico e culturale ha
Lungo la costa
da Venezia a Bibione 167 pochi eguali al mondo e merita tutta la vostra attenzione.
Ma si va a Venezia anche per quel che la circonda, ovvero
Nell’entroterra la sua provincia. A cominciare dalla Laguna, che è stata la
da Venezia
a Portogruaro. . . . . . . . 175 culla della civiltà locale, nonché la via di comunicazione per
gli agricoltori della zona che andavano a smerciare i loro
prodotti ai mercati di Rialto, e che oggi è un paesaggio fatto
di specchi d’acqua e vaste distese sabbiose protette da fitte
pinete. Per proseguire poi sul litorale, dove si sono svilup-
I migliori pate rinomate località balneari quali Jesolo, Eraclea, Càorle
ristoranti e Bibione. E per non trascurare infine qualche incursione
nell’interno in cerca del ricco patrimonio archeologico di
¨¨Osteria La Zucca (p130)
Altino e di Concordia Sagittaria, e infine di quella perla di
¨¨Da Rioba (p135) cittadina che è Portogruaro, descritta da Ippolito Nievo come
¨¨Alle Testiere (p136) “un’isola ipotetica costruita a immagine della Serenissima”.
¨¨Corte Sconta (p137)

Quando andare
I migliori hotel A Venezia è bene sapere che in caso di acqua alta potrebbero
servire gli stivali di gomma e che, per scampare ai temporali
¨¨Locanda Casa Petrarca (p117)
improvvisi, si può imparare a leggere il volo dei gabbiani (i
¨¨Pensione La Calcina (p120) migliori meteorologi della città). Per il resto, con il freddo a
¨¨Campiello Zen (p121) Carnevale o con il caldo sulle spiagge del Lido, per visitare
¨¨La Residenza (p123)
la città lagunare è sempre il momento giusto.
Itinerari DA NON PERDERE 39
PRIMO GIORNO Tralasciando i monu-
Si comincia con Piazza San Marco e tutto quel che vi si af- menti più importanti
faccia, in primis l’omonima Basilica. Si prosegue con una e universalmente noti
passeggiata sotto i portici del perimetro tra i caffè storici. di Venezia, che non
Poi dopo un pranzo veloce da Gislon si abbandona il sestiere perderete l’occasione
più affollato della città, e percorrendo quella che il Petrarca di visitare, il nostro sug-
definì uno ‘spettacolo misto a un tempo di pietà, di meravi- gerimento è quello di
glia, di paura e di diletto’, la Riva degli Schiavoni, si approda addentrarvi nella storia
al silenzioso sestiere di Castello, dove vi aspettano innanzi- della città esplorando
tutto la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo e l’Isola di San i luoghi della grande
Pietro. Dopodiché una pausa ai Giardini Pubblici per assi- produzione artigianal-
milare la densa prima giornata, e infine la superlativa Oste- industriale: Tessuti
ria alle Testiere, prima di una buonanotte a La Residenza. Fortuny per le stoffe,
aggiungendo il Museo
SECONDO GIORNO
Fortuny e Bevilacqua;
Si comincia spiritualmente nell’incantevole basilica dei Frari, parlando di vetro, la for-
si passa alla Scuola Grande di San Rocco, e per mezzogior- nace Ercole & Moretti
no si cerca di essere a Rialto, dove nell’ordine ci saranno da di Murano; parlando di
adempiere i seguenti doveri: affacciarsi su entrambi i lati del merletti, il Museo del
ponte, tuffarsi tra le bancarelle dei mercati, fare un salto in Merletto di Burano.
Campo San Giacomo, andare a fare due parole e a cichetta­
re All’Arco, prendere uno scartoccio di polenta e baccalà frit-
to da Acqua & Mais e un dolce da Rizzardini. Il programma
del pomeriggio prevede invece il Ghetto, con il Campo del Siti utili
Ghetto Nuovo, il Museo Ebraico e le sinagoghe. Tramonto
¨¨Venezia: www.venezia.net,
sulle fondamenta più lunghe della città da Vino Vero e cena
www.veneziaunica.it
in trattoria Dalla Marisa o all’Ostaria Da Rioba.
¨¨Provincia: www.chioggia
TERZO GIORNO venezia.it, turismo.caorle.eu,
Giudecca e Dorsoduro, ecco il terzo giorno. Nel primo la www.comune.portogruaro.ve.it
palladiana Chiesa di San Giorgio Maggiore, con salita sul
campanile, e una passeggiata panoramica fino al Molino
Stucky. Nel secondo l’arte antica delle Gallerie dell’Accade- GABBIANI
mia, quella moderna della Collezione Peggy Guggenheim
e quella contemporanea a Punta della Dogana. Con la Ba- Pescatori accaniti,
silica della Salute infine l’irrinunciabile è fatto. Non resta un po’ bizzarri ed
ora che aggiungere un aperitivo all’Adriatico Mar, una ce- enigmatici, che
na all’Osteria Da Codroma e un ultimo drink sotto le stelle appena i tramonti si
di Campo Santa Margherita, prima di una passeggiata ro- spengono si alzano in
mantica lungo le Zattere e una notte da sogno alla Calcina. volo puntando dritti al
mare, per fare ritorno
QUARTO GIORNO in Laguna all’alba. I
Qui tra le isole settentrionali della Laguna è la natura a dar- gabbiani, proprio loro:
vi il benvenuto: l’acqua salmastra, il profumo della salsedine, sono i meteorologi
le tamerici, le barene, il sibilo del vento, i gabbiani e le gar- di Venezia, che da
zette, i riflessi della luce. Cominciate dalla più lontana, Bu- sempre tornano utili
rano, con la sua Piazza del Buranello (l’unica della Laguna ai veneziani perché
insieme a Piazza San Marco), con le sue case dai colori acce- prevedono il maltem-
si e brillanti e con i suoi delicati merletti. Raggiungete Tor- po. Vi consigliamo di
cello in tempo per un risotto alla torcellana (ovvero con le informarvi sul come:
verdure dell’estuario) nel giardino della Locanda Cipriani, i temporali a Venezia
prima di una visita alla Basilica di Santa Maria Assunta. E per gli umani sono
infine Murano, dove l’M.V.A. Vetro vi svelerà tutti i segreti piuttosto imprevedi-
del vetro. Cena da Busa alla Torre e notte al Murano Palace. bili. E spesso vi coglie-
ranno impreparati.
Il meglio
di Venezia
e della sua
provincia \
#
Montebelluna
1 Godetevi questa
meraviglia di mosaici
scintillanti: la Basilica
di San Marco (p43).
2 Al Palazzo Ducale
(p48) farete un ricco
ripasso di storia.
3 Dedicate ^
#
alle Gallerie Treviso
dell’Accademia (p59)
tutto il tempo che si
meritano.
4 Un capolavoro
barocco: la Basilica Trebaseleghe
di Santa Maria della
\
#

Salute (p55). Mogliano


\
#
Veneto
5 La ricchezza della Scorzè \
#

Collezione Peggy \
#
\
#

Noale \
# Marcon
Guggenheim (p58). Martellago
6 Meditate davanti \
#
Carpenedo
ai monumenti funebri Salzano
# Favaro
\
#
\
\
#
dei Frari (p71). Santa Maria \
#
Veneto
\
di Sala # \
#
Mestre
7 Una giornata al Mirano Spinea
Ghetto (p80). \
#
Marghera
8 Sembra una
meringa, ma è
\
#
Cava
Oriago
^
#
un capolavoro \
#
Mira Venezia
rinascimentale: la \
#
Dolo
Chiesa di Santa
Maria dei Miracoli
Camponogara
(p82). \
#
\
#
\
#
Vigonovo Lido di Venezia
9 La vertiginosa v . ingrandimento
struttura gotica della
Basilica dei Santi \
#
Campagna
Giovanni e Paolo (p83). \
# Lupia
a Il bacino di San Campolongo
Maggiore
Marco dal campanile
della palladiana \
#

Basilica di San Piove di Sacco


Giorgio Maggiore
(p102).
b Una giornata
a Chioggia (p160),
Chioggia
elegante e marinara. \
#
\
#

c I Percorsi Valli di
Chioggia
Archeologici (p177)
dell’antica città di
Iulia Concordia, oggi
Concordia Sagittaria.
d Una passeggiata \
#
romantica a \
# Sant’Anna
Portogruaro (p178). Cavarzere di Chioggia
e 00 20 km
10 miglia

\
#

\
# Annone Portogruaro Latisana
Oderzo \
# Veneto \
# \
#

Motta Percorsi \
#
di Livenza San Michele
Archeologici \
#

Concordia al Tagliamento
Sagittaria
\
# \
#
San Stino Lugugnana
di Livenza

\
#
\
#
Ceggia Torre
di Mosto
\
#
Noventa di Piave \
#
San Giorgio
di Livenza \
#
\
# \
# Bibione
San Donà Bibione
di Piave Pineda
Ponte Crepaldo \
#
\
#

\
#
Caorle
\
# Porto Santa
Eraclea Margherita

\
#
Jesolo

\
#
Cavallino - Treporti
ingrandimento

e 00 5 km
2.5 miglia

Venezia Murano
Sant’Erasmo
Ghetto Chiesa di Santa
Maria dei Miracoli
I Frari Basilica dei Santi
Giovanni e Paolo Punta
Collezione Le Vignole Sabbioni
Basilica di
Peggy San Marco
Guggenheim
Palazzo La Certosa
Gallerie Ducale
dell’Accademia
Basilica di
Basilica Giudecca San Giorgio
di Santa Maria Maggiore
della Salute La Grazia
Lido
di Venezia
San Clemente
Isola
delle Rose

Poveglia
42
VENEZIA
POP. 264.015  /  ALT. 2,54 M SESTIERI
Quando si parla di una città di mare in un
‘Sestiere’ è ciascuna delle sei zone in
senso un po’ particolare, quella è Venezia.
cui fin dalle origini è divisa Venezia,
Particolare nel senso di quel che si presen-
ossia San Marco, Dorsoduro, San
ta agli occhi. Perché qui sono stati piantati
Polo, Santa Croce, Cannaregio e Ca-
dei grossi pali di legno sui fondali, poi sono
Venezia e la sua provincia Sto ria

stello. La numerazione civica è unica


stati costruiti argini a gradoni e pontili per
per ciascun sestiere (non riparte da
le barche, e infine sono stati edificati palaz-
1 ogni volta che cambia strada), ed è
zi ariosi e luminosi nei quali oggi si possono
questa la ragione per cui raggiunge
riconoscere stili e suggestioni di ogni parte
numeri a quattro cifre.
del mondo. E perché quella di Venezia è una
geometria tutta particolare: provate a unire
due punti con la linea più breve e vi accorge- La nuova città, chiamata civitas Rivoalti
rete che non è mai retta. Ma particolare an- e poi civitas Venetiarum, rivelò subito una
che nel senso di quel che la anima e da sem- forte vocazione marinara e prosperò rapida-
pre l’ha animata. Perché Venezia è un luogo mente grazie ai commerci con Bisanzio e i
che storicamente non è stato soltanto un cro- porti dell’Oriente. Alle fortune economiche
cevia, ossia un luogo materiale in cui genti si aggiunsero le prime acquisizioni territo-
diverse si sono incontrate o viste, ma è sta- riali, tanto che intorno all’anno Mille Vene-
to un luogo in cui le genti hanno imparato a zia dominava l’Adriatico.
vivere, a lavorare insieme e anche a sognare. A partire dal Duecento Venezia aumentò
Perché a Venezia non si fa uso della ragione esponenzialmente la propria influenza poli-
ma solo delle emozioni, della nostalgia, della tica e commerciale in Oriente, ottenne vasti
malinconia, del mistero, della fantasia, del- e importanti territori, tra cui il Peloponneso,
le percezioni dei sensi. Perché Venezia è la Creta e Cipro, e liquidò Genova, la concor-
città dell’amore e della malinconia, come ha rente più pericolosa al dominio sul Mediter-
cantato Charles Aznavour: Com’è triste Ve- raneo. La sua prosperità e la sua ambizione
nezia… se non si ama più…”. Perché “Venezia preoccuparono le potenze europee, che nel
è un sogno”, come disse Guccini. E dal suo 1509 le mossero guerra: una fortissima coa-
“sogno di acqua e di pietra”, come disse Go- lizione, la Lega di Cambrai, mise alle corde
ethe, bisogna lasciarsi a un certo punto gui- Venezia, ma non riuscì a piegarla.
dare chiudendo libri, guide e cartine. E in- Il pericolo del resto arrivava da Oriente,
fatti qui bisogna errare, e meglio di tutti lo dove gli ottomani minacciavano sempre più
ha detto Diego Valeri scrivendo “Beati i po- seriamente l’impero coloniale veneziano. La
veri di topografia, beati quelli che non sanno Serenissima si oppose meglio che poté, alter-
quel che si fanno, ossia dove vanno, perché nando diplomazia e resistenza militare, ma il
a loro è serbato il regno di tutte le sorprese, processo non poteva essere arrestato e all’ini-
di tutte le scoperte straordinarie”. zio del Settecento i domini l’oltremare erano
ormai un ricordo. La Repubblica di Venezia
Storia uscì di scena tristemente, senza quasi com-
La fondazione di Venezia è un capolavoro battere, nel 1797, travolta dalle armate napo-
di coraggio e voglia di vivere, una testimo- leoniche che segnavano l’inizio di una fase
nianza delle straordinarie risorse dell’uomo. nuova della storia d’Europa.
Nell’Italia nord-orientale in preda a disordi- Per i successivi settant’anni Venezia rima-
ni e scorrerie, con i barbari a imperversare se in mani straniere, francesi prima, asbur-
sulle macerie dell’Impero d’Occidente, gen- giche poi. Nel 1849, illusi dagli iniziali suc-
ti venete scacciate dalle loro terre cercarono cessi dei piemontesi nella prima guerra di
scampo dove non poteva essercene: negli ac- indipendenza, i veneziani insorsero e scac-
quitrini malsani della Laguna Veneta e nel- ciarono gli austriaci, che tuttavia si riorga-
le isole che la punteggiavano. Questi insedia- nizzarono, assediarono la città e la costrinse-
menti e il territorio circostante si costituiro- ro alla resa il 23 agosto. L’annessione all’Ita-
no in ducato dipendente dall’esarcato bizan- lia arrivò nel 1866, dopo la terza guerra di
tino di Ravenna. Nel IX secolo le autorità del indipendenza.
ducato si trasferirono a Rialto, più sicura e
meglio difendibile.
43
1 Che cosa vedere ARRIVARE A SAN MARCO
1 San Marco ¨¨Vaporetto I vaporetti n. 1 e N
effettuano varie fermate lungo il Canal
oPiazza San Marco PIAZZA
Grande nel sestiere di San Marco (Rialto,
(cartina p44) Al mattino presto o al calar della
Sant’Angelo, San Samuele, Santa Maria
sera, bevendo un caffè al banco fra gli stuc- del Giglio e San Marco).

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


chi del caffè Quadri o i lampadari di Murano
del Lavena o nel dehors del Florian, quando ¨¨A piedi I cartelli gialli indicano il
la gran parte dei turisti non c’è, Piazza San percorso più breve da Rialto a Piazza
Marco riprende una dimensione normale. Se San Marco attraverso il dedalo delle
oggi infatti è un luogo dedito quasi esclusi- Marzarie.
vamente al turismo, un tempo vi si svolge- ¨¨Gondole Casomai voleste fare un giro
vano fiere di artigianato, cerimonie pubbli- in gondola, davanti a San Marco c’è lo
che e religiose e i veneziani vi facevano il ‘li- stazio più antico e più importante e più
stòn’, ovvero la passeggiata serale. La piaz- ricco di gondole.
za è circondata su tre lati da eleganti edifi-
ci porticati, sedi di importanti magistrature
veneziane: le cinquecentesche Procuratie subito proprietà del potere secolare. Il patro-
Vecchie sul lato settentrionale, le Procura- no precedente, Teodoro, viene sostituito con
tie Nuove su quello meridionale, progettate san Marco, mentre nell’829 si comincia a co-
nel Seicento, e sul lato corto l’Ala Napoleo- struire questa enorme chiesa che sarà poi ri-
nica, fatta costruire in stile neoclassico da edificata dopo i danneggiamenti subiti da un
Napoleone nel 1814 nel luogo di una preesi- primo incendio nel 976 (che distrusse parte
stente chiesa. Dal lato opposto si trova la Ba- del Palazzo Ducale) a partire dal 987. La ba-
silica, a destra della quale si apre Piazzetta silica comincia ad assumere l’aspetto attuale
San Marco racchiusa fra il Palazzo Ducale e con i nuovi lavori iniziati nel 1063. Il risulta-
il prolungamento verso sud delle Procura- to finale, di una bellezza quasi leggendaria,
tie Nuove, un tempo sede della Zecca di Sta- testimonia i linguaggi stilistici passati per la
to. Questa parte della piazza che affaccia di- città: la chiesa si presenta così come un gio-
rettamente sull’acqua con un risultato sce- iello di architettura bizantina della massima
nografico emozionante e su cui prospettano raffinatezza, modellato sulla Chiesa dei San-
le due alte colonne di San Marco e San To- ti Apostoli e di Santa Sofia a Costantinopo-
daro (i due patroni di Venezia), provenienti li (l’odierna İstanbul), con impianto a croce
da Costantinopoli, è anche detta Molo, poi- greca, copertura a cinque cupole terminanti
ché qui un tempo attraccavano alcune navi. con cupolette a bulbo e una facciata rivesti-
oBasilica di San Marco LUOGO DI CULTO
ta di marmi orientali, bassorilievi romanici e
(cartina p44; % 041 270 83 11; www.basilicasanmarco
un coronamento gotico. Incastonata nell’an-
.it; Piazza San Marco; h 9.45-17 lun-sab e 14-16 dom
golo sud-occidentale c’è la statua dei Tetrar-
chi (trafugata da Costantinopoli), realizzata
e festivi ott-Pasqua, dom e festivi fino alle 17 Pasqua-
set; le borse di grandi dimensioni devono essere la-
in porfido intorno al III-IV secolo d.C., che
sciate per un’ora e non di più al deposito bagagli gra-
ritrae l’imperatore Diocleziano e i tre impe-
tuito dell’Ateneo di San Basso, che si trova dietro l’an-
ratori coreggenti.
golo della Basilica; f San Marco) F C’è un fat- ¨¨Facciata
to: un gruppo di marinai che nell’828 ruba il Sembra un’onda in movimento questa faccia-
corpo di san Marco ad Alessandria d’Egitto. ta, scandita dall’alternarsi di curve e guglie,
E c’è una necessità: un tempio che l’accolga. da cinque portali sormontati da nicchie ri-
All’epilogo ci pensa Venezia, che prontissima vestite di mosaici e da leggiadri archi in pie-
a un’operazione di marketing ne approfitta tra scolpita, e attraversata dalla terrazza ba-
per dare gran prova del suo repubblicanesi- laustrata della Loggia dei Cavalli, dalla qua-
mo e del suo senso d’indipendenza. E infatti le si affacciano le copie dei quattro cavalli di
i veneziani non ripongono il corpo del santo bronzo inviati da Costantinopoli come bot-
nella cattedrale (al tempo San Pietro di Ca- tino di guerra dal doge Enrico Dandolo nel
stello): costruiscono una basilica che sia non 1204 (raggiungibile dalla galleria del museo,
solo destinata ad accoglierlo, ma che sia an- v. p47). I mosaici che sovrastano il primo
che la cappella privata del doge. Il massimo portale a sinistra risalgono al 1270 e rappre-
tesoro religioso di Venezia diventa così fin da sentano la traslazione nella Basilica della sal-
///////
///////////
///////
44

6
6
6
rie
Sestiere di San Marco

eca
o ldo
Rio San B

eB
A B C D

///////////

el
Campo Rio

od
Ri RIALTO

Ru
Sant’Agostin Te rà
Rio de le
Ri Car Ca

CC
San
od am lle
pan

a’ B
eS er Campiello Campiello
an na e

de
Agos

1 Ca An Albrizzi Terà Sant’A del Sol

To
///////////
lle Rio

Ca
rdo
t

sc
P on no
map:San Marco_2C.pdf zza io

lle
e

an
ava
ti

po

Ca
Ri
el R

de
n

a
l
n na

nal
eta d
Venezia e la sua provincia

lle
od

iC
po gh

de

inq
Ru

e la
a
t’A

ue
n Campo
Sa

Stu
Madoneta
R io Sant’Aponal

rio
///////////
Campo a

n
San Polo Riv
SAN Campo

Ca
Campiello

lle
POLO dei Meloni
de San

Do
Silvestro Rialto

lera
à
Ter (Riva del Ca

///////////
Rio
Rio S

2
n Polo f
ada Sa on
aliz
an Polo

S rb
f l Ca
Ri

de
o d rari

San Silvestro a
Riv
ei F

///////////
Ca

Ca
lle

lle
Ca

Co

de
lle
orner

CG
Ca

Campo
Cal

lC
r
C

ne
C
ll

rim

av
San
le

ar
rP
///////////
Cen

all
an

bo
3 Tomà ú

isc
i
i

n
t

35
a ni

op
ia
Cal

de Sant’Angelo
le B
Rio

ran f
al G
en
Rio

Campo
Can
de

///////////
æ9
zon

San Beneto
Ca
de

æ Campo

Rio
’M

Cd
Ca

Ca

f San Tomà 3 Manin


ich

ea
el
’C

San
o
lle

ý tro
T
Ca

le L
iel
Ri o

orn

C al
de

68
lle

20

Luc
49
er

iA
di C i

60 þ þ 66
Ga

sini æ

///////////
vv

ola

a
ssas
rzo

4 þ
and41
oc
a’ G Piscina San Sa

ei A
at

M d
n

r z o ni le ú erà lbi
i
a

Ca de T Ba Ri
lle alle Rio rte
Rio

o
Cal

Ca 30 C þ 61 C
’ Ve SAN MA
di
le d

cc ÿ le

///////////
Sa

hia e
mu na
el P

Campo
nA

Sa ÿ ro 69 l
iz S
estri

Sant’Anzolo rio
m

ng

l 34 ruta
Ve

Sa þ
del F
uel

t
elo

zze Fr a
la
i

dei ÿ 29 Campo C
e

Rio de
rro
Rio de

lle C
a lle
e

San Fantin
o

h
ier

e de
eg

ice
Ca

Call

///////////
li p

æ 22
n

Calle d e la Fen
æ
i
ÿ
Mu
Ma

de bi

5 a
lle Or

d 14 6æ
liza
le

San Samuele 31
Ca dei

Sa ta
f Campo Ves
lle

Ca
Call

San Samuele la
Campo de Mo
eM

Rio na S
Pisci

///////////
Santo C
alip

19
666

Stefano Spezier
iero

io
a æ
uc r
au r i z

lD II
de Falie nga XX
Corte Calle Lu
nigo

Campo
C

o
Ri
an M

Duca lle San 65


o

27
al

Rio delle Os

Ca 13
tissim

///////////
ia Zobe
Vid

þ
C del Pestrin

Maurizio ÿ
Rio S

æ
n
ia

an

Calle del Tra

6 47 ÿ 28
tin

l San

te

Campo
eS
us

ý
Rio di Santa Mar
a Pon
od

Zaguri

Pisani
Gi

Campo
e

treghe
lle

Ri

Rio d
rso

del
Ca

oge d

Campo Campiello
isani

///////////
Traghetto
Fond Corner

ghetto
dell’O

San Vidal Contarini


P

21
del D
Ramo
Rio

Accademia æ
li

25
Priu

f 50
Calle

ÿ
nta

Ponte ý

///////////
dell’Accademia f
ame

æ
rità

Santa Maria
Fond

24
a Ca

7 del Giglio
Salute
Canal Grande
dell

DORSODURO f
alle de
Terà
so

l Pistor
Trova

Campo
Rio

San Vio
Rio Terà A B C D
della C
arità Calle del Bastion
i

Fond d
rin
sca

Call
io
r
////////////
///////////
e
////////////
45
e 0
0
200 m
0.1 miglia
E F G H

///////////
o Rio
RIALTO Li de S an

Ru
ad Corte ta M

g
ei

an
Ca Or Rio Fon Morosina S arin
lle es tego d de C S Campo a
i ei Te cale Santa
ta

o
þ des Borgoloco

Ri
de

16 ch Marina
Ponte æ i Pompeo 1
To

56

///////////
Ca

37
sc

no di Rialto Molmenti
lle

an

ava Calle
Ca

el R ú
de

del P

Venezia e la sua provincia


lle

in
iC

iomb
de

str
inq

59 36 o
l

ue

Pe
þ Campo ú
Stu

in
lV

de
io

R
San
rio

de

///////////
Rialto “C” Campo d el P Ri

o
a
n

Bartolomeo iom b o
Riv

Ri
o

i
San Lio CASTELLO

as e r
f Cd Campo

olto
ei P

de
o mb iriet Santa

Fava

o
el V

lM
C de

dis
a Sal
C de l Galiazzo Maria

ara
Cd
izad
ei B

Cl

on
de la

el P
Rialto arg i Sta aS Formosa
Cd

do
aM gner an

Cd
(Riva del Carbon)

/////////// Calle
azz i ovo

Nu
2
f ini Campo Ram o e la Fav oN
ond

ovo
d a

Li
on C del C io M

o
rb alice de la Fava
on del

sia

r
Ca 57 C

Ma
l ú40 Campiello

alv a
de
Ca

nt
de þ
sca le ban
Ri

Querini

a
t’A
stro a C de
l le

nt
þ 67 a
Riv

la M
o

11 æ oT Stampalia

an
vo

erra

Sa
Be

to de

/////////// CS
C de
a u
de
l’O

Ma s G
mb

de rza Rio de San Zuili us e la Rio


C M nte d
Ca

51 C
o

ria
Sa
Ca

an

Ca
del l Po
lle

B albi
n

ss
lle
Ca

þ Ca C a vo

ell
pite
te
Co

de

Sa
lle

64 62

o
ari
alo

llo

lle

oN
lv
lC
r

Lu
C

Campo

a
ne

Ca
eB

io
ad

þ Ma c a tello
av

nd
ed
ar
rP

or

el

della Guerra

///////////
Ca

rza
all

Campo m
an

bo

Mo
ú Re
Cd

ria 3
isc
i

l
i

lle
n

35 San Luca Ca Sa de

el
op

ll n
de

od
ed 12 C
Ri
i

e i Pign Zulia
ter
ia

e C
iF

þ r
Ba oli n æ
ab

52 ri
Ca

dei R i o del
b

de
ÿ Corte

Rio
lle G

Rio Fe
iS
26 ra
Sp

Quartier Figher

///////////
Mar

pe
æ9 li C del
ad
oldoni

de Pa
lina
Calle dei Fuseri

rego chi
ari
zaria

Campo
Rio

CG eri arco 63
e

San M
nn

Manin nde de le C o l o
ra

be

lazzo
à þ
dell

r
oca e arga
San

le L
T Fiu lle L
’Oro

C al R lle
io

a
Ca

20 C
Ca
6
Luc

de Ca
logio

ÿ 32 ú
l le

sini æ 33 Corte

///////////
a

ssas
de

ÿ Zorzi 54 38 4
ei A

non
i

53 þ llo
Fa

d
à lbi Campo þ ppe æ 7 æ8
bb

Ba el Fuse r i Ca

ica
Rio d nca û
ri

rte San Gallo


C o
l e Bia æ1
SAN MARCO Ca l 44
aria
Frezz

///////////
û
Calle Venier
Ca

na Bacino 5
lle

69 Call e Orseolo 45 æ
ariol aria ad æ 15 23 æ
Fre

þ r u t rezz e lv Piazza
del F ina de F el S
zza

eg

ÿ 29 Campo C Pisc Cd San Marco


Rio de

C de arro
ria

San Fantin
û C a lle Cognolo þ 55 æ2
þ
ce B

///////////
ni l le Corte 58 Piazzetta
e Ca
i Bar

d e la F6 æ 42 ú Contarina
C La

San Marco 5
39 4æ
ca r

rga d

t a û
V es li Molo
6
6
o

la 70 43
oi s è
e

de M San Marco
l’Asc

Rio na S ï
Pisci n Moisè æ 17 ti
Salizada Sa æ inet

///////////
ensio

18 iard
æ io dei GGiardini
R
n
Call

o
II Marz 10 ex Reali
nga XX
Calle

ý 48
e

Calle Lu
Valla
C del Squ

Rio d

del R
Rio delle Os

Calle

///////////
ress
C del Pestrin

i Sa

id

46
Calle del Tra

dei X
ero

ÿ 28 f San Marco
otto

Corte û 6
nM

Barozzi (Giardinetti)
III M

f
oi s è
treghe

artir

f San Marco
Campiello

///////////
ghetto

Contarini San Marco


(Vallaresso)

///////////
7
Salute
f
Campo
della Salute
E F G H
stion
ni
al o
Fond d

ai s
ere
46

Sestiere di San Marco


æ Da non perdere 37 I Rusteghi������������������������������������������������� F1
1 Basilica di San Marco����������������������������� H4 38 Osteria da Baba�������������������������������������� G4
2 Museo Correr�������������������������������������������F5 39 Rosa Salva�����������������������������������������������E5
3 Museo Fortuny���������������������������������������� C4 40 Rosa Salva (succursale)�������������������������F2
4 Palazzo Ducale��������������������������������������� H5 41 Vini Da Arturo����������������������������������������� D4
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

5 Piazza San Marco����������������������������������� G5


6 Teatro la Fenice��������������������������������������� D5 û Locali e vita notturna
7 Torre dell’Orologio���������������������������������� G4 42 Caffè Centrale������������������������������������������E5
43 Caffè Florian������������������������������������������� G5
æ Che cosa vedere 44 Caffè Lavena������������������������������������������� G4
8 Campanile di San Marco������������������������ H4 45 Caffè Quadri�������������������������������������������� G4
9 Campo Manin������������������������������������������E3 46 Harry’s Bar�����������������������������������������������F6
10 Chiesa di San Mois�������������������������������F6
11 Chiesa di San Salvador���������������������������F2 ý Divertimenti
12 Chiesa di San Zulian������������������������������� G3 47 Interpreti Veneziani�������������������������������� B6
13 Chiesa di Santa Maria del Giglio������������ D6 48 Jazz a The Bauers���������������������������������� E6
14 Chiesa di Santo Stefano������������������������ C5 49 Multisala Rossini������������������������������������ D4
15 FAI – Negozio Olivetti������������������������������F5 50 Musica a Palazzo������������������������������������ C7
16 Fondaco (o Fontego) dei Tedeschi��������� F1 51 Teatro Goldoni�����������������������������������������E3
17 Fondazione Bevilacqua La Masa������������F5
18 Louis Vuitton Venice Maison�������������������F5 þ Shopping
19 Museo della Musica������������������������������� C6 52 Arnoldo & Battois������������������������������������E3
20 Palazzo Contarini del Bovolo����������������� E4 53 Atelier Segalin����������������������������������������� E4
21 Palazzo Franchetti���������������������������������� B7 54 Charta������������������������������������������������������F4
22 Palazzo Grassi���������������������������������������� A5 55 Empresa���������������������������������������������������F5
23 Ponte dei Sospiri������������������������������������ H5 56 Enoteca Milllevini������������������������������������� F1
24 Ponte dell’Accademia����������������������������� A7 57 Giuliana Longo�����������������������������������������F2
58 Holly Snapp Gallery������������������������������� G5
ÿ Pernottamento 59 Il Tempio della Musica����������������������������� F1
25 Gritti Palace�������������������������������������������� D7 60 Lab����������������������������������������������������������� B4
26 Hotel Al Codega���������������������������������������E3 61 Libreria Bertoni�������������������������������������� D4
27 Hotel Bel Sito������������������������������������������ D6 62 Libreria Goldoni���������������������������������������E3
28 Hotel Flora���������������������������������������������� E6 63 Libreria Studium������������������������������������ H4
29 Hotel San Fantin������������������������������������� D5 64 Malìparmi�������������������������������������������������E3
30 Hotel San Samuele��������������������������������� B4 65 Marina e Susanna Sent�������������������������� C6
31 Locanda Art Déco����������������������������������� B5 66 Marisa Convento –
32 Locanda Casa Petrarca�������������������������� E4 Impiraressa���������������������������������������� C4
33 Locanda Orseolo�������������������������������������F4 67 Materialmente�����������������������������������������F2
34 Palazzo Paruta���������������������������������������� C4 68 Sigfrido Cipolato������������������������������������ C4
69 The Merchant Of Venice������������������������ D5
ú Pasti
35 Enoteca Al Volto�������������������������������������� D3 ï Informazioni
36 Gislon������������������������������������������������������� F1 70 IAT����������������������������������������������������������� G5

ma di san Marco – episodio ripreso dai mo- ¨¨Atrio o nartece


saici del 1660 nella lunetta sopra il secondo L’elemento di passaggio tra l’esterno della
portale da destra. L’ultimo portale a destra piazza e l’interno della basilica è rivestito da
accosta colonne greche, un arco moresco e un pavimento dell’XI-XII secolo e da mosai-
una grata finemente lavorata. Il grande por- ci del XII-XIII secolo che riproducono scene
tale centrale presenta un triplo arco deco- dell’Antico Testamento. Le 24 scene rappre-
rato sorretto da colonne in porfido egiziano sentate nella Cupola della Genesi, nella pri-
e contornato da rilievi del XIII e XIV seco- ma campata, sono ispirate a un codice minia-
lo raffiguranti tralci di vite, le virtù e i segni to del VI secolo, la Bibbia Cotton.
zodiacali; la lunetta è decorata con un mo-
saico del Giudizio Universale.
47
¨¨Interno
Un morbido e dorato gioco di volumi: que- PIANIFICARE LA VISITA
sto è l’interno di San Marco, adagiato su un ALLA BASILICA
pavimento di tasselli marmorei ondulati dal
Benché le code avanzino velocemente
tempo e spartito in tre navate sormontate da
(è raro attendere più di 30 minuti, an-
matronei, a loro volta sorretti da pilastri e
che se la fila arriva fino a Palazzo Duca-
colonne con capitelli bizantini. Meritano un
le), si può prenotare un diritto di acces-

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


cenno il battistero trecentesco che ospita le
so privilegiato al costo di €2 su www.
tombe dei dogi, la lastra tombale del Sansovi-
venetoinside.com (h servizio attivo
no, autore del fonte battesimale al centro e il
apr-ott). Si consiglia di non presentarsi
presbiterio sopraelevato sulla cripta, chiuso
allo scoccare dell’ora o della mezz’ora,
dall’iconostasi recante al centro un crocifisso
quando arrivano le comitive dei viaggi
in bronzo e argento e sui lati statue marmo-
organizzati. Si entra senza attendere,
ree raffiguranti la Madonna, san Giovanni e
attraverso il portale centrale, anche
i dodici apostoli scolpite da Jacobello e Pier
con le visite guidate gratuite (www.
Paolo dalle Masegne. Il ciborio con baldac-
basilicasanmarco.it; h 11 lun-sab apr-ott su
chino è retto da colonne di alabastro decora-
prenotazione) proposte dalla diocesi. Chi
te con episodi dei Vangeli canonici e apocrifi.
non ama le folle può decidere di ammi-
¨¨Mosaici rare la Basilica durante i vespri serali
Sono ben 8000 i metri quadrati di brillantis- (ma occorre restare seduti per tutta la
sime scene volte a esaltare la Chiesa di Cristo durata della funzione).
e la Chiesa veneziana che scintillano nella lu-
ce dorata. I decori furono realizzati con tec-
niche diverse a seconda del periodo, ma ori- co, mentre la Madonna leva le mani al cielo
ginariamente apprese dai maestri vetrai di in segno di meraviglia; i medaglioni inferiori
Costantinopoli che operavano nelle vetrerie riportano scene di caccia con il falcone, men-
della Serenissima. Si comincia dal mosaico tre sulla destra si riconosce l’episodio del tra-
quasi millenario nelle nicchie ai lati dell’in- fugamento della salma di san Marco in Egit-
gresso principale, che rappresenta la Madon­ to. La pala è considerata il pezzo più impor-
na con gli Apostoli e, sotto, gli Evangelisti. tante del Tesoro.
I mosaici (rifatti nel secolo XIX) del Giudi­ ¨¨Tesoro
zio Universale e dell’Apocalisse coprono le (ingresso €3; h 9.45-16 lun-sab e 14-16 dom, fino al-
due volte all’ingresso, mentre nella Cupo- le 17 Pasqua-set) Dalla navata destra nel tran-
la della Pentecoste, la prima delle tre lun- setto destro si accede al Tesoro di San Mar-
go la navata mediana, la colomba dello Spi- co, che si compone di sacre reliquie e ogget-
rito Santo discende sotto forma di lingue di ti preziosi saccheggiati durante le Crociate;
fuoco tra gli Apostoli. Nella centrale Cupo- tra questi spiccano una caraffa di cristallo
la dell’Ascensione (XIII secolo) troneggia del X secolo realizzata per il califfo fatimide
il Cristo sostenuto da quattro angeli in vo- al-Aziz-bi-llah e un’icona dell’arcangelo Mi-
lo, mentre sul pennacchio adiacente c’è un chele databile al XII secolo. Scrigni foderati
san Marco la cui vita è invece raffigurata so- di velluto custodiscono varie reliquie di do-
pra l’altare maggiore, nelle volte di fianco al- gi e di santi, fra cui il femore di san Rocco,
la Cupola dei Profeti. Le cupole dei transet- il pollice di san Marco, il braccio con cui san
ti laterali illustrano storie di santi. Giorgio uccise il drago e perfino una ciocca
¨¨Pala d’Oro di capelli della Madonna.
(ingresso €2; h 9.45-16 lun-sab, 14-16 dom ott-Pa- ¨¨Museo
squa, fino alle 17 Pasqua-set) Si trova alle spal- (www.museosanmarco.it; interi/ridotti €5/2,50;
le dell’altare maggiore, sopra la cripta con- h 9.45-16.45 tutti i giorni) Poiché San Marco fu
tenente il sarcofago di san Marco, e sfoggia cappella ducale fino al 1807, i sontuosi tesori
ben 1927 pietre preziose tra smeraldi, ameti- dei dogi sono custoditi qui, al piano superio-
ste, zaffiri, rubini e perle. Capolavoro di arte re. Nella galleria sono esposti i quattro Ca-
orafa bizantina e veneziana, fu iniziata nel X valli di San Marco in rame dorato che deco-
secolo e completata nel XIV. Di squisita fat- ravano l’ippodromo di Costantinopoli (la da-
tura sono gli smalti a cloisonné raffiguran- tazione è molto incerta, c’è chi dice IV secolo
ti scene bibliche: i santi sono ritratti con fol- a.C., chi IV d.C.), sottratti da Napoleone e poi
te barbe e grandi occhi puntati su Gesù, che restituiti a Venezia nel 1815. Il museo custo-
volge lo sguardo verso uno zelante san Mar- disce anche frammenti di mosaici (dal XIII
48
oPalazzo Ducale PALAZZO
I CAFFÈ DELLA PIAZZA (cartina p44; % 041 271 59 11, prenotazioni itinerario
segreto 848 08 20 00; www.palazzoducale.visitmu
Hemingway frequentava l’Harry’s Bar ve.it; Porta del Frumento, Piazzetta San Marco 1; in-
per lenire le sue malinconie, tenendo teri/ridotti/bambini con Museo Correr €19/12/gra-
una penna in una mano e un bicchie- tuito o MUVE Museum Pass; h 8.30-19 apr-ott, fi-
re nell’altra. Al Florian ci andavano no alle 17.30 nov-marzo, ultimo ingresso un’ora pri-
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

Casanova, Francesco Guardi, Ugo ma della chiusura; f San Zaccaria) Vero emble-
Foscolo, Giuseppe Parini, Silvio Pellico ma dello stile gotico fiorito, fu eretto subi-
e Honoré de Balzac. Al Caffè Lavena to dopo l’810 per proteggere la nuova sede
si riposava Wagner al termine delle del governo veneziano che era stata trasfe-
sue lunghe camminate, bevendo un rita da Malamocco all’isola di Rivo Alto. Fu
cordiale tra gli specchi settecenteschi. quindi più volte modificato e infine trasfor-
Il Caffè Quadri faceva da cornice ai mato nel 1340, quando la Repubblica deci-
corteggiamenti fra le dame annoiate se di edificare una sala più grande e più de-
e i pigri dongiovanni. Oggi, in questi gna per le riunioni del Maggior Consiglio – il
locali storici, come minimo un caffè al quale però poté accedervi solo nel 1419, per-
banco è d’obbligo. V. anche p141. ché per concludere i lavori furono necessa-
ri circa 50 anni. Si osservino l’eleganza goti-
ca e la delicatezza di questo sontuoso palaz-
al XVI secolo); in uno Abramo è ritratto con
zo dei dogi, sottolineate dagli archi trafora-
le sopracciglia inarcate, come fosse scanda-
ti, dal loggiato e dalla facciata rosata, in cui
lizzato nell’ascoltare i pettegolezzi veneziani,
le ambiziose istanze estetiche si coniugano
mentre nel transetto nord è degno di nota il
con la rappresentazione delle attività econo-
mosaico Albero genealogico della Vergine (di
miche veneziane, testimoniate dalle elegan-
Vincenzo Bianchini e Giuseppe Porta, detto
ti colonne dai capitelli medievali raffiguran-
Salviati; 1542-52). C’è poi la sezione dedica-
ti le corporazioni dei mestieri. A est del lato
ta ai tessili, con tappeti, arazzi, paliotti do-
che affaccia sul canale sopravvivono due fi-
gali e gli antichi tessuti della Sala dei Ban-
nestroni con un traforo polilobato, vestigia
chetti del doge, decorata con stucchi sette-
del palazzo prima dell’incendio del 1577, il
centeschi che raffigurano la Musica, la Poe-
terzo dopo quelli del 1483 e del 1574. Frutto
sia e la Pace; al centro della sala spicca la Pa­
del restauro di Antonio Da Ponte (che ebbe
la feriale di Paolo Veneziano (1345), con sce-
la meglio sul progetto neoclassico del Palla-
ne della vita di san Marco.
dio) sono invece le magnifiche facciate goti-
oTorre dell’Orologio MUSEO che in pietra bianca d’Istria e marmo rosa di
(cartina p44; % 041 4273 08 92; www.visitmuve. Verona; anche il grandioso balcone centrale,
it; Piazza San Marco; interi/ridotti €12/7; visite alle contornato da pilieri, nicchie e cuspidi, è da-
12 e 16 con prenotazione obbligatoria; f San Marco) tato 1404 ma fu pesantemente rimaneggiato.
Fino al 1998 vi risiedette un orologiaio, per ¨¨Cortile e piano delle logge
garantire all’opera di Gian Paolo Rainieri e Oggi l’ingresso avviene dai locali della bigliet-
di suo figlio Gian Carlo (1496-99) la manu- teria, verso il Bacino di San Marco, ma un
tenzione necessaria. Gli interventi avvenne- tempo si entrava dalla magnifica Porta del-
ro continuativamente fino al restauro moder- la Carta, che dà accesso al Porticato Fosca-
no, iniziato nel 1997 e terminato nel 2006, in ri, al termine del quale l’Arco Foscari condu-
seguito al quale sono stati ripristinati tutti i ce al sontuoso cortile interno. Quest’ultimo,
meccanismi (i bariletti mobili che segnano il dove vi ritrovate entrando dalla biglietteria,
tempo sul più complesso orologio del mon- è dominato dalla facciata rinascimentale che
do, i 132 rintocchi alle 12 e alle 24, la sfilata fa da sfondo all’imponente Scala dei Gigan-
delle statue lignee nei giorni dell’Epifania e ti (1483-5) di Antonio Rizzo: in cima campeg-
dell’Ascensione). In cima alla torre, le statue giano le statue di Marte e Nettuno del San-
in bronzo dei due Mori battono la campana sovino. Lungo il lato orientale del portico si
ogni ora, mentre sotto, sul quadrante blu in trovavano i temutissimi Pozzi, ovvero le pri-
lamina d’oro, sono segnati il giorno, le ore, le gioni situate a livello dell’acqua (dove oggi c’è
fasi lunari e lo zodiaco. Salendo i quattro pia- un deposito bagagli); dalla Scala dei Censori
ni della scala a chiocciola si possono ammi- si accede al piano delle logge, i cui ambienti
rare i meccanismi, la campana sulla terrazza erano destinati all’amministrazione e ai ser-
e una fantastica veduta di Piazza San Marco. vizi del palazzo.
49
¨¨Primo piano nobile ¨¨Secondo piano nobile
Salendo la Scala dei Censori si raggiungo- Dai loggiati del primo piano si passa alle sa-
no gli Appartamenti del Doge, con soffitti le ufficiali del secondo attraverso la Scala
in legno e caminetti del Lombardo, dai qua- d’Oro del Sansovino. Nella palladiana Sa-
li si raggiungeva il piano superiore attraver- la delle Quattro Porte, gli ambasciatori che
so una scala segreta. I 18 leoni che decorano avevano chiesto udienza al doge attendeva-
la Sala degli Stucchi simboleggiano il tipo no di essere ricevuti sotto un soffitto a bot-

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


di vita condotta dal doge, che pur essendo te con decorazioni a stucco di Giovanni Bat-
l’uomo più potente della Serenissima vive- tista Cambi, detto il Bombarda. Il potere di
va come un leone in gabbia nella sua prigio- Venezia è rappresentato anche nell’opera di
ne dorata (che non poteva mai lasciare sen- Tiziano Il doge Antonio Grimani in adora­
za permesso). La Sala dello Scudo è tappez- zione davanti alla Fede (1576) e nel dipinto di
zata di carte geografiche, realizzate nel 1483 Giambattista Tiepolo Nettuno offre a Venezia
e ridisegnate dopo l’incendio del 1762, che i doni del mare (1748). Le delegazioni specia-
mostrano l’estensione dei domini veneziani li venivano fatte attendere nell’Anticollegio,
ma anche i limiti dei cartografi di allora: la una sala decorata con alcune opere mitolo-
carta del Nuovo Mondo colloca infatti la Ca- gico-allegoriche del Tintoretto; a poche ve-
lifornia vicino alla Terra Incognita degli An- niva concessa udienza nella palladiana Sa-
tropofagi, cioè il Canada. la del Collegio, decorata dal Veronese. Par-
ticolarmente pregevole la Sala del Consiglio
dei Dieci, sul cui soffitto spicca Giunone che

PICCOLO GLOSSARIO TOPONOMASTICO


Venezia ha un glossario toponomastico tutto suo. Ecco alcuni dei termini più ricorrenti.
¨¨Calli, salizade e rughe Le calli sono le strade, le vie e i vicoli di Venezia. Le più piccole
(strette) sono dette callette o calleselle, le più grandi (larghe) calli larghe. A Venezia ci
sono circa 3000 calli. Le principali sono anche chiamate salizade e furono le prime a
essere pavimentate in selciato grigio. Le calli larghe e ricche di attività commerciali sono
denominate rughe.
¨¨Fondaco Il fondaco è un edificio, o un complesso di edifici, che in epoca medievale
costituiva l’abitazione, il luogo di lavoro, il magazzino e il ricovero dei mezzi e dei materiali
dei mercanti. Come avvenne anche in altre Repubbliche marinare, a Venezia alcuni spazi
furono destinati a ospitare i fondaci dei mercanti stranieri dove oltre ai magazzini aveva-
no sede gli alloggi. A Rialto c’è ancora il Fondaco dei Tedeschi (p52), nei pressi
di San Stae quello dei Turchi.
¨¨Fondamenta Per ‘fondamente’ a Venezia si intendono le strade che costeggiano
i canali o i rii cittadini. Le più lunghe e larghe si trovano a Cannaregio (p79).
¨¨Piazze, campi e corti A Venezia ci sono tanti campi ma una sola piazza: Piazza San
Marco. Un tempo infatti questa era l’unica pavimentata con i masegni (ovvero masselli
di trachite euganea), a differenza dei campi o campielli che erano ricoperti d’erba come
lo spiazzo che c’è ancora oggi davanti alla Chiesa di San Pietro (p111). Le piazzette
chiuse da edifici e con una sola via d’accesso si chiamano corti.
¨¨Rii (e rielli), canali e rive I primi sono i corsi d’acqua (naturali e artificiali) del centro
storico di Venezia, che separano le varie insule su cui è costruita la città e sono naviga-
bili con piccole imbarcazioni; i più piccoli sono chiamati rielli. I secondi sono le arterie
principali del traffico acqueo e in città sono solo tre: il Canal Grande, il Canale della Giu-
decca e il Canale di Cannaregio. Allo stesso modo sono chiamati i percorsi naturali che
attraversano le altre isole e paludi della Laguna. Gli approdi lungo le sponde dei canali si
chiamano rive.
¨¨Sotoporteghi e porteghiI primi sono passaggi tra le calli ricavati eliminando porzioni
di case, per unire i campi alle fondamenta o consentire l’accesso alle corti o direttamente
a una riva. Il portego è il locale di passaggio che unisce la porta d’acqua (cioè sull’acqua)
con quella di terra in un palazzo veneziano.
50
DA VEDERE

ITINERARI SEGRETI
Vale la pena di partecipare a una visita guidata di Itinerari Segreti (% 848 08 20 00;
interi/ridotti €20/14; h visite 9.30 e 11.10, durata 1 h 15) per poter vedere le stanze del Palaz-
zo Ducale non accessibili nel normale percorso di visita. Dopo essere saliti lungo la Scala
d’Oro, infatti, imboccherete un passaggio segreto che conduce negli angusti e disadorni
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

uffici del Consiglio dei Dieci. Le pareti della Cancelleria sono interamente rivestite di
armadi in cui venivano conservate le scritture segrete, inclusi i rapporti dell’estesa rete
di spie veneziane, nonché i documenti delle cause civili intentate dei veneziani e le sen-
tenze riscritte dagli impiegati in triplice copia. Adiacente è la Sala della Tortura, priva di
finestre, dove avevano luogo gli interrogatori: fino al 1660, le confessioni venivano tal-
volta estorte ai prigionieri dopo averli tenuti a lungo appesi a una corda. L’itinerario sale
poi fino ai Piombi, le prigioni situate nella soffitta del palazzo dove nel 1756 Casanova fu
condannato a cinque anni di reclusione per aver sedotto alcune religiose e aver tentato
di diffondere la Massoneria; nelle sue memorie, il celebre seduttore descrive come riuscì
a evadere passando dal tetto, convincendo poi una guardia di essere un funzionario
rimasto chiuso di notte all’interno dell’edificio. Casanova sarebbe in seguito tornato a
Venezia come spia proprio per il Consiglio dei Dieci.

sparge ducati d’oro sulla città. Nell’adiacente al piano delle logge, che presenta dipinti di
Sala della Bussola (la n. 21), dove è visibile Hieronymus Bosch.
la cassetta in cui venivano infilate le denun-
ce anonime dei cittadini, il Veronese firmò Campanile di San Marco CAMPANILE

San Marco che scende a incoronare le tre Vir­ (cartina p44; % 041 270 83 11; www.basilicasanmarco
tù teologali (1554), copia dell’originale espo- .it; Piazza San Marco; interi/ridotti €8/4; h 9.30-
sto al Louvre. Una volta superata l’Armeria 14.45 tutti i giorni nov-feb, 9.30-16.30 tutti i giorni
si giunge alla Sala del Maggior Consiglio e marzo-ott, fino alle 19.30 giu-agosto; f San Marco)
alla Sala dello Scrutinio, decorate dal Vero- Eretto nell’888 su una preesistente costruzio-
nese, dal Tintoretto e da Palma il Giovane. ne di epoca romana, nei secoli subisce vari
rimaneggiamenti perché i fulmini e i terre-
¨¨Prigioni moti lo danneggiano ripetutamente. Poi, nel
Con il tour Itinerari Segreti (v. lettura p50) si 1902, di buon mattino, la torre crolla su se
può fare una visita completa degli uffici del stessa e tra i resti delle varie campane vie-
Consiglio dei Dieci e della soffitta occupata ne trovata solo la ‘marangona’ (quella che di
dai Piombi, così chiamati per via del piom- mattina richiamava al lavoro gli operai e di
bo che rivestiva i tetti delle celle, gelide in in- pomeriggio li mandava a riposare). Dieci an-
verno e torride in estate (descritte da Casa- ni dopo, tuttavia, il campanile è di nuovo lì,
nova in Storia della mia fuga dai Piombi), e tale e quale era prima del crollo. Salite fino
dei Pozzi, ovvero le celle più inospitali, ubi- alla cella campanaria per ammirare il pano-
cate nel cortile del palazzo a livello dell’ac- rama e la campana superstite. Alla sua om-
qua: umide, malsane, piene di insetti di ogni bra si beveva l’ombra, ovvero il bicchiere di
tipo, con un’aria irrespirabile. Una scala di vino che oggi si consuma nei bacari (osterie
servizio collega entrambe le prigioni al Ponte veneziane) ma che un tempo si sorseggiava
dei Sospiri. Con il biglietto d’ingresso al Pa- in una baracca di legno sotto il campanile.
lazzo Ducale si può accedere ad alcune celle
e al famoso ponte. oMuseo Correr MUSEO
(cartina p44; % 041 42 73 08 92; http://correr.visitmu
Ponte dei Sospiri PONTE ve.it; Piazza San Marco 52; interi/ridotti €19/12 o MU-
(cartina p44; f San Marco) A sospirare erano i VE Museum Pass; h 10-19 apr-ott, fino alle 17 nov-
prigionieri, lungo i corridoi interni di que- marzo, ultimo ingresso un’ora prima della chiusura;
sto barocco ponte di pietra (1600) sul Rio di f San Marco) Questa reggia progettata fra il
Palazzo, costruito per consentire il passaggio 1806 e il 1814 e compiuta entro gli anni ’40 è
da Palazzo Ducale alle prigioni, che dal 1580 così articolata: c’è la Galleria (o Loggia Na-
erano state affrancate dal palazzo con la co- poleonica) che corre lungo Piazza San Mar-
struzione delle Prigioni Nuove. Al ponte si co, ci sono le Sale del Trono e da Pranzo e
accede dalla Sala del Magistrato alle Leggi il Salone da Ballo. Il tutto è una significati-
51
va testimonianza di arte neoclassica che rac-
conta l’evoluzione dello stile impero a par- RISPARMIARE A VENEZIA
tire dal periodo napoleonico, con richiami
Per informazioni sul Chorus Pass, sul
alla morbidezza del Biedermeier allora in
Museum Pass e su altre tessere che
via di affermazione nelle principali corti eu-
consentono di risparmiare sull’ingresso
ropee. Napoleone non fece in tempo a ulti-
ai principali luoghi d’interesse della città
marla perché dovette cederla all’imperatore
lagunare, sui trasporti e altri servizi, v.

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


asburgico Francesco Giuseppe; fu allora che
p499.
l’imperatrice Sissi cominciò a dilettarsi nella
scelta dei sontuosi arredi. Nel 2012 sono sta-
te aperte al pubblico altre nove sale affaccia- al sole (1956) di Alberto Viani – è la colon-
te sul Bacino e sui Giardini. na sonora costante in questo spazio che con-
Tra le opere più importanti custodite nel sacra sia la memoria dell’imprenditore pie-
museo, oltre al mappamondo di Fra’ Mauro montese che lo commissionò nel 1957, Adria-
(v. lettura p51), ci sono i manoscritti del no, sia quella dell’architetto veneziano che lo
Petrarca, la xilografia di Jacopo de’ Barba- realizzò, Carlo Scarpa. Questo spazio moder-
ri Veduta di Venezia, i santi ritratti da Jaco- no in un contesto storicizzato, sorta di pro­
po Bellini e dai figli Gentile e Giovanni (sala menade architecturale derivata da uno spa-
36), il San Pietro martire del Carpaccio (sa- zio preesistente piuttosto infelice, ha volu-
la 38) e uno splendido ritratto di Maria Bo- to essere fin dall’origine non un negozio ma
scola, vincitrice di ben cinque regate a remi uno showroom, una sorta di biglietto da vi-
(sala 47), opera del 1784 di artista anonimo; sita di un’attività imprenditoriale che è stata
nel neoclassico salone da ballo è esposto lo consegnata alla storia non solo in virtù della
splendido gruppo scultoreo Orfeo ed Euridi­ diffusione in tutto il mondo delle sue mac-
ce di Antonio Canova (1777). Lo stesso edifi- chine da scrivere (qui esposte al primo pia-
cio ospita anche il Museo Archeologico, una no su sottilissimi tavolini in legno allineati),
collezione di antichità che fu avviata nel XVI ma anche per il suo approccio sociale al la-
secolo grazie alla volontà di due prelati rina- voro. Dal 2011 la gestione del negozio è sta-
scimentali, Domenico e Giovanni Grimani. ta affidata al FAI (Fondo Ambiente Italiano).
FAI – Negozio Olivetti MUSEO Fondazione Bevilacqua
(cartina p44; % 041 522 83 87; www.negoziolivet- La Masa FONDAZIONE/MUSEO
ti.it, www.fondoambiente.it; Piazza San Marco 101, (cartina p44; % 041 523 78 19; www.bevilacqualama
Procuratie Vecchie; soci FAI/non soci gratuito/€5; sa.it; Galleria di Piazza San Marco 71/C; h 10.30-
h 10.30-17.30 mar-dom nov-marzo, fino alle 18.30 17.30 mer-dom; f San Marco-San Zaccaria) F
apr-ott, ultimo ingresso 30 min prima della chiusu- Sono piuttosto noti i nomi degli artisti ospita-
ra; f San Marco Zaccaria) Il rumore dell’acqua ti da questa fondazione che ha due sedi espo-
– che scorre sulla base della scultura Nudo sitive (qui in Piazza San Marco e a Dorsodu-

FRA’ MAURO E IL SUO MONDO A TESTA IN GIÙ


Non esistevano i social network nel XV secolo, eppure il geniale cosmografo e geografo
Frate Mauro riuscì comunque a contattare direttamente studiosi e viaggiatori di terra e di
mare per farsi raccontare le loro esperienze e per raccogliere le notizie e le idee necessa-
rie a fargli conoscere il mondo senza mai uscire dalla sua Venezia; diceva infatti: “domani
di quelli hano veduto ad ochio e intenderano che io non me parto da la verità”. Il frate, che
visse nel convento dei camaldolesi di San Michele in Isola (p97), raccolse tutti questi
dati in un mappamondo, documento di primaria importanza per la cartografia e la geo-
grafia medievale. La perfezione della sua opera, un planisfero che misura 193 cm per 193
cm e conta quasi 3000 iscrizioni, oltre a decorazioni minuziose e a un’incommensurabile
quantità di dettagli, è tale che si disse fu ispirato dal diavolo. La raccolta di informazioni fu
probabilmente completata entro il 1450. Nel planisfero, in cui comunque è rappresentato
il mondo antecedente alla scoperta delle Americhe, molta enfasi è posta sulla possibilità
di circumnavigare il continente africano, allora del tutto dubbia. Si noti infine che il nord
è in basso e il sud è in alto: era questa la consuetudine al tempo, rimasta poi in vigore per
almeno un secolo. Si osservi infine il Paradiso, in basso a sinistra.
52
ro 28/26 presso il Palazzetto Tito): i più affer- ospita La lavanda dei piedi del Tintoretto e
mati espongono in estate (quando il museo L’ultima cena attribuita a Palma il Giovane.
funge anche da spazio espositivo per la Bien-
nale), quelli emergenti in inverno. Campo Manin CAMPO
(cartina p44; Campo Manin; f San Silvestro) Que-
Louis Vuitton sto campo ospita ancora oggi la casa di fa-
Venice Maison SPAZIO ESPOSITIVO miglia (quella rossa ubicata tra i due ponti-
(cartina p44; % 041 884 43 18; www.louisvuitton.com; celli gemelli con tanto di targa) e l’enorme
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

San Marco 1345; h 10-19.30 lun-sab, 10-19 dom; statua (al centro, firmata Luigi Borro) di co-
f Vallaresso) F Davvero una bella sorpresa lui secondo il quale non sarebbe bastato ab-
l’ultimo piano della boutique Louis Vuitton! battere l’antico governo ma occorreva costi-
Nell’Espace Culturel e nel bookshop sono in- tuirne uno nuovo, ‘e il più adatto ci sembra
fatti ospitate mostre a rotazione: una buona quello della Repubblica’. Stiamo parlando di
occasione per vedere le opere dei musei civici Daniele Manin (1804-57) nel periodo in cui
salvate da uno stato di semi-abbandono gra- lanciò la cosiddetta ‘lotta legale’ contro il di-
zie ai restauri finanziati dallo stilista. E non spotismo austriaco capeggiando poi la rivo-
vi preoccupate di essere vestiti da turisti nel luzione e la Repubblica nel 1848-9. La sua
luxury store, ricavato dal razionalissimo ex tomba si trova nella Piazzetta dei Leoncini.
Cinema San Marco rivisitato dall’architetto
Brenno del Giudice. Palazzo Contarini del Bovolo PALAZZO
(cartina p44; Calle Contarini del Bovolo 4299; ingresso
Chiesa di San Zulian LUOGO DI CULTO libero al cortile; f Sant’Angelo) F Purtroppo
(cartina p44; % 041 523 53 83; Campo San Zulian; non è possibile visitare questo palazzo rina-
h 8.30-19.30; f San Marco) F La prima co- scimentale del XV secolo, né salire su per la
sa che salta all’occhio in questa chiesa fon- spettacolare scala a spirale esterna: ci si de-
data nell’829 e dedicata a san Zulian è la sta- ve accontentare di accedere al cortile. La pa-
tua in bronzo che campeggia sopra il portale: rola ‘bòvolo’ in veneziano vuol dire ‘chioccio-
raffigura il committente, Tommaso Rangoni, la’, ma anche ‘spirale’, ‘vortice’, e infatti si di-
medico della prima metà del XVI secolo che ce il ‘bòvolo de l’aqua’. Esiste anche un tipo
aveva fatto fortuna vendendo rimedi per la di pane chiamato così per la sua forma, e un
sifilide e un libro in cui svelava i segreti per tempo erano detti così anche i riccioli nelle
vivere oltre 100 anni (lui, però, morì a 84); acconciature delle signore. E infine ‘bovoi’
è ritratto con un ramo di salsapariglia nella sono le lumachine: quelle di cui sono ricol-
mano destra (a suo dire ingrediente fonda- mi i secchi della Pescaria (p65).
mentale per curare la suddetta malattia ve-
nerea). Le forme attuali dell’edificio si devo- Fondaco (o Fontego)
no al Sansovino (1553-5). Nell’interno a na- dei Tedeschi FONDACO
vata unica si conservano opere di Palma il (cartina p44; di fronte al Ponte di Rialto; f Rialto-
Giovane; a destra dell’ingresso, la tela Santi Mercato) Fu con l’incendio del 1505 che andò
Marco, Rocco e Gerolamo cui appare Cristo distrutto il duecentesco Fontego dei Tedeschi
morto e santi (1528-88) è di Paolo Veronese. (concesso dalla Repubblica alla comunità te-
desca), la cui ricostruzione fu affidata a Gior-
Chiesa di San Moisè LUOGO DI CULTO gio Spavento prima e poi dal 1508 allo Scar-
(cartina p44; %041 528 58 40; Campo di San Moisè, pagnino. L’edificio a pianta quadrata con cor-
San Marco; h9.30-12.30 e 15.30-19 lun-sab, 9.30- te interna si suddivide in quattro ordini, che
11 e 14.30-18.30 dom, visite solo fino alle 18.30 mag si sviluppano da un pianterreno con cinque
e ott; fSan Marco) F La facciata è un ta- arcate fino a una corona di pinnacoli in pie-
le tripudio barocco (1668) che nel XIX seco- tra d’Istria – quanto doveva essere incante-
lo, per scongiurare il rischio di un crollo, si vole quando gli spazi tra le finestre erano de-
dovette eliminare qualche statua. Fra quel- corati da affreschi del Giorgione e di Tizia-
le rimaste, alcune sono dello scultore fiam- no? L’unico frammento sopravvissuto è con-
mingo Heinrich Meyring (noto in Italia co- servato alla Galleria Giorgio Franchetti (p82).
me Enrico Merengo) e comprendono opere
a soggetto sacro e vari tributi ai membri del- Chiesa di San Salvador LUOGO DI CULTO
la famiglia Fini, i mecenati che finanziaro- (cartina p44; % 041 523 67 17; San Marco 4835; 9-12
no la costruzione dell’edificio. All’interno si e 16-18.30 lun-sab; f Rialto) F Dalla fine del
visita la Cappella del Santissimo Sacramen- XIII secolo le reliquie di san Teodoro sono
to, a sinistra dell’altare maggiore, perché ospitate in quest’ampia e solida chiesa a più
53
ingressi, affacciata sull’omonimo campo, che Chiesa di Santa Maria
fu costruita tra il 1507 e la fine del Seicento del Giglio LUOGO DI CULTO
su progetto di Giorgio Spavento, prosegui- (cartina p44; % 041 275 04 62; www.chorusvenezia.org;
ta da Tullio e Pietro Lombardo e completa- Campo Santa Maria del Giglio, San Marco 30125; in-
ta da Jacopo Sansovino nel 1534. Protette da gresso €3 o Chorus Pass; h 10-17 lun-sab; f San-
un’imponente facciata barocca (ricostruita ta Maria del Giglio) Magnifico monumento fu-
nel 1663 da Giuseppe Sardi), nel suo inter- nebre dedicato al famoso ‘capitano da mar’

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


no a tre navate con triplice crociera sono cu- Antonio Barbaro, che alla fine del XVII seco-
stodite due opere di Tiziano (la cui data di lo volle fare onore alle glorie sue e della sua
morte, 27 agosto 1576, è incisa su una picco- famiglia trasformando in tal senso l’edificio
la targa nella ringhiera di legno): l’Annun­ originario del X-XII secolo: sulla facciata ci
ciazione (1566) e la Trasfigurazione di Cri­ sono lui (scolpito nel secondo ordine sopra
sto (1560), che protegge la pregevole pala in un sarcofago e protetto da un drappo), i suoi
argento collocata sopra l’altare. fratelli (in basso, dentro nicchie, circondati
da scene di battaglie) e varie figure allegori-
oTeatro La Fenice TEATRO che. Sui basamenti dei pilastri si possono no-
(cartina p44; % 041 78 66 72, 041 78 66 75; www.tea tare i bassorilievi con le piante di città e iso-
trolafenice.it; Campo San Fantin 1965; visite con au- le nelle quali i Barbaro avevano svolto ruoli
dioguida interi/ridotti €10/7; h visite guidate 9.30- di ambasciatori (cercate per esempio il Co-
18 tutti i giorni; f Santa Maria del Giglio) Per ben losseo). Questa ben poco religiosa autocele-
due volte, nel 1836 e nel 1996, un incendio brazione fu addirittura definita da John Ru-
ha ridotto in cenere questo teatro inaugu- skin ‘una manifestazione di insolente atei-
rato nel 1792. Per fortuna, invece, le fiam- smo’. Da non perdere Gli evangelisti Luca e
me accese nei cuori degli amanti dell’opera Matteo (1552), Gli evangelisti Marco e Gio­
che dai tempi di Verdi (passando per Rossi- vanni (1552) del Tintoretto ai lati dell’orga-
ni, Stravinskij, Prokofiev e Britten) fino a og- no, l’Ultima cena di Giulio del Moro sulla
gi vi si sono accomodati non hanno creato controfacciata, l’Annunciazione del Salvia-
problemi; se non quello di dover prenotare ti dietro l’altare, la Madonna con Bambino
per tempo, da gennaio a luglio e da settem- della scuola del Veronese e la Madonna con
bre a ottobre, perché i 900 posti sono molti Bambino e san Giovannino di Rubens nella
di meno rispetto ai melomani. Per una sem- Cappella Molin.
plice visita si può partecipare a un tour gui-
dato (% 041 24 24; interi/ridotti € 13/7,50; h su ri- Museo della Musica MUSEO
chiesta per gruppi di almeno 11 persone). (cartina p44; % 041 241 18 40; www.artemusicave
nezia.it; Campo San Maurizio 2603; h 10-19 tutti i
giorni; f Santa Maria del Giglio) F Viole da

GONDOLIERI E… GONDOLIERE
Siamo nel 1700 e il remo dà da vivere a 60.000 persone, che si dividono in gondolieri
de casada (al servizio delle famiglie private) e in gondolieri de parada (addetti al ser-
vizio pubblico); c’è chi li descrive fedeli e discreti, chi licenziosi e furfanti. I traghetti
che fanno la spola da una parte all’altra del canale sono 15, altri collegano la Giudecca
a Murano. Nel 1881 da Nantes arriva il primo vaporetto: è lungo 20 m, è autorizzato a
navigare sulla ‘strada nazionale’ (così è detto il Canal Grande nel linguaggio burocratico
del decreto regio) e manda in rovina 2000 famiglie di gondolieri, la categoria più vene-
ziana di Venezia, pilastro dell’economia e dell’iconografia cittadina.
Siamo nel XXI secolo e i gondolieri ci sono ancora, per fortuna: li vedrete negli stazi,
dove, oltre alle gondole ormeggiate in fila, al pontile e a una piccola casetta in legno per
il ricovero degli attrezzi del mestiere, un tempo non mancava mai una Madonna e in
alcuni casi anche un piccolo e ombroso pergolato. E oggi come ieri sono quasi tutti uo-
mini e le pochissime donne sono universalmente note; prima fra tutte Giorgia Boscolo,
che, dopo 24 anni trascorsi nello stazio di Santa Sofia insieme al padre Dante, nell’ago-
sto del 2010 ha infranto un tabù durato 900 anni: con la maglietta a righe bianche e blu
e le scarpe nere di ordinanza, ma anche con una bella treccia bionda, ha conquistato la
licenza accanto a 425 uomini.
54
gamba, mandoloni napoletani, lire, ghiron- do piano, vi organizza mostre talvolta aper-
de, arpe piccole e altri strumenti della liute- te al pubblico.
ria italiana (o più in generale della manifat-
tura di strumenti musicali) sono i protago- Ponte dell’Accademia PONTE

nisti di questo museo: tutti tesori sottratti al (cartina p44; fra Campo di San Vidal e Campo dell’Ac-
degrado, custoditi e protetti dentro teche al- cademia; f Accademia) Questo scenografico
loggiate nella Chiesa di San Maurizio Marti- ponte di legno che unisce Campo San Vidal
con l’Accademia delle Belle Arti, ovvero il se-
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

re, che ha assunto il suo aspetto attuale ver-


so la fine del 1700, proprio mentre Stradivari stiere di Dorsoduro con quello di San Marco,
diventava famoso in tutta Europa. Nel chio- è provvisorio dal 1932, ovvero da quando ha
sco del museo (gestito da chi organizza an- sostituito il ponte progettato da Alfredo Ne-
che i concerti degli Interpreti Veneziani, p146) ville, inaugurato nel 1854. Al tempo c’erano
trovate il CD-bookshop. soltanto il Ponte di Rialto e il Ponte dell’Ac-
cademia, che più diversi tra loro non sarebbe-
Chiesa di Santo Stefano LUOGO DI CULTO ro potuti essere: il primo trionfante, austero,
(cartina p44; % 041 275 04 62; www.chorusvenezia monumentale; il secondo basso, piatto, con
.org; Campo Santo Stefano 3825; ingresso €3, Chorus funzioni strettamente pratiche. Quest’ultimo
Pass; h museo: 10-17 lun-sab; f Accademia) Edi- era anche troppo basso rispetto all’altezza dei
ficata tra la fine del XIII secolo e l’inizio del vaporetti – senza contare che il ferro aveva
XIV dagli agostiniani, fu straordinariamen- cominciato presto a rovinarsi; fu così sosti-
te (nel senso che nessun altro intervento di tuito con l’attuale ponte di legno catramato,
questo tipo è mai stato fatto a Venezia) modi- firmato Eugenio Miozzi, che resiste ancora
ficata nel XV secolo, prolungandone la pian- oggi e assolve pienamente alla sua funzione.
ta fino a farle passare con le absidi il Rio del
Santissimo. Si entra da un magnifico porta- Palazzo Grassi PALAZZO
le marmoreo disegnato da Bartolomeo Bon (cartina p44; % biglietterie 199 13 91 39/041 523 16
(che spicca su una facciata di mattoni a vi- 80; www.palazzograssi.it; Campo San Samuele 3231;
sta), quindi si alzano gli occhi al soffitto li- interi/ridotti €15/10, biglietto cumulativo con Punta
gneo, che è un esempio di voltatura a care- della Dogana valido 72 h interi/ridotti €20/15; h 10-
na di nave, simile a quello di San Giacomo 19 mer-lun; f San Samuele) Sorprendente è
dall’Orio (p73). Ci si reca poi nel museo del- l’esterno, con le imponenti sculture di artisti
la Sagrestia Maggiore, che ospita scultu- contemporanei che si stagliano sulla faccia-
re di Pietro e Tullio Lombardo, quattro pre- ta neoclassica. Ma ancora più sorprendente
gevoli tele del Tintoretto (una Ultima cena è l’interno di questo incantevole edificio co-
del 1579-80, una Resurrezione del 1565, una struito nel 1749 su progetto di Giorgio Mas-
Orazione nell’orto del 1579-80 e una Lavan­ sari, ristrutturato da Gae Aulenti tra il 1985
da dei piedi del 1579-80 circa), una Resurre­ e il 1986, che tolse l’ornato rococò per far ri-
zione di Bartolomeo Vivarini e infine la ste- saltare la bellezza delle linee neoclassiche, e
le funeraria (1808) che Canova omaggiò al poi ancora rivisitato da Tadao Ando all’inse-
doge Falier per il fatto di essere stato il com- gna del minimalismo, ripartendo gli spazi, sa-
mittente delle sue prime opere. Il campanile pientemente illuminati, tramite pareti auto-
della chiesa ha un’inclinazione di circa 2 m. portanti che permettono di ammirare le ope-
re senza mettere in ombra i soffitti affresca-
Palazzo Franchetti PALAZZO ti e le arcate in marmo. Il palazzo ospita la
(cartina p44; Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti; collezione d’arte contemporanea del miliar-
% 041 240 77 55; www.istitutoveneto.it; Campo San- dario francese François Pinault, oltre a una
to Stefano 2842; ingresso variabile in occasione del- serie di mostre temporanee di artisti univer-
le mostre, accesso libero alla caffetteria; h orari va- salmente riconosciuti. Da non perdere il caf-
riabili a seconda delle mostre, caffetteria 10-17 lun- fè con vista sul Canal Grande, i cui interni
sab; f Accademia) Nel XV secolo era uno dei vengono riprogettati dagli artisti in occasio-
più begli esempi di architettura gotica della ne di ogni nuova mostra.
città, sicuramente ispirato al Palazzo Duca-
le. Nel 1810 era una delle prime accademie oMuseo Fortuny MUSEO
italiane. Nel 1999 è passato a Venezia Inizia- (cartina p44; % 041 42 73 08 92; http://fortuny.visitmu
tive Culturali, unico socio dell’Istituto Vene- ve.it; Campo San Beneto 3758; interi/ridotti €12/10;
to di Scienze, Lettere e Arti, che ha adatta- h 10-18 mer-lun, ultimo ingresso un’ora prima della
to le sale del primo piano a spazi espositivi; chiusura; f Sant’Angelo) Per conoscere il mon-
anche lo IED, che ha trovato sede al secon- do dell’eclettico e prolifico Mariano Fortuny
55
(1871-1949), che espresse il suo genio in di- della Dogana, ma è anche quella cosa che ha
verse discipline artistiche quali pittura, in- girato dalla parte di Venezia nel 2005, quando
cisione, scultura, fotografia e architettura, il collezionista François Pinault ha scelto co-
ma fu anche un grande collezionista, biso- me sede della sua fondazione gli antichi ma-
gna entrare in questo enorme palazzo quat- gazzini della dogana, costruiti nel XIV seco-
trocentesco e cercare: Ritratto di donna in lo ma rifatti nel XVII, laddove confluiscono
giacca di Modigliani (matita su carta), Uno il Canale della Giudecca e il Canal Grande e

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


specchio di Donzelli e uno specchio mobile si allarga il Bacino di San Marco. Questi ma-
di Christian Megert (1966), una divina Solilo­ gazzini oggi ospitano imponenti installazio-
quy Series di Shirin Neshat (1999) e il video ni e rendono omaggio alla storia marittima
Man with His Soul di Bill Viola, e poi ciotole della città e alla sua mutevole architettura.
egizie, vasi coreani, il video A4 2089 Caria­ Le installazioni vengono esposte a rotazione.
tidi di Marta dall’Angelo (1970), Ritratto di
una donna di Botticelli (1485). Vi sentirete oBasilica di Santa Maria
come in un guscio dalle pareti ricoperte da della Salute LUOGO DI CULTO

strati di tessuti, al cui interno riecheggiano (cartina p56; % 041 241 10 18; www.basilicasaluteve
richiami costanti, folgorazioni, pensieri velo- nezia.it; Campo della Salute; ingresso libero, sacre-
ci e lenti, stimoli di natura differente e mol- stia interi/ridotti €3/1,50; h 9-12 e 15-17.30, chiusu-
teplice, in un sapiente assemblaggio che ri- ra della sacrestia alle 17; f Salute) Nell’area della
flette l’eclettismo, la versatilità, la poliedri- Punta della Dogana, questa chiesa dalla mo-
cità di quel genio che fu il suo ideatore. Per le raccolta eppur maestosa è un capolavoro
conoscere le fattezze di quest’ultimo cercate d’arte barocca e un monumento di devozio-
il suo Autoritratto dipinto nel 1947: ha una ne. A progettarla fu Baldassarre Longhena,
corta barba bianca e uno sguardo attento. che qui espresse il meglio del suo genio inge-
Chi resta affascinato in genere prenota su- gneristico. L’edificio fu eretto per adempiere
bito una visita guidata (giardino compreso) a un voto ufficialmente espresso dal Senato
alla fabbrica-laboratorio tessile Fortuny (p156). della Serenissima nel 1630, dopo che 80.000
veneziani erano stati uccisi dalla peste por-
tata in città da un falegname del Lazzaretto
1 Dorsoduro Vecchio (p110): il Senato promise alla Madonna
Dorsoduro è intellettuale, perché la quanti- che avrebbe costruito una chiesa senza ba-
tà di raccolte d’arte concentrate in questo se-
stiere è davvero straordinaria e comprende
ARRIVARE A DORSODURO
la più importante collezione della città nelle
Gallerie dell’Accademia, le macchie di colore ¨¨Vaporetto I vaporetti delle linee n. 1,
di Pollock e le sculture di Calder alla Collezio- 2 ed N in servizio sul Canal Grande fer-
ne Peggy Guggenheim, le opere di Jeff Koons mano all’Accademia; il n. 1 sosta anche a
a Punta della Dogana e l’affascinante arte ro- Ca’ Rezzonico e alla Salute. I n. 5.1, 5.2, 6
botica nei Magazzini del Sale. Poi è di moda, e la linea notturna N fermano alle Zatte-
per via della quantità di studenti che alla se- re e a San Basilio.
ra si incontrano in Campo Santa Margheri- ¨¨Traghetto Con il traghetto (una gon-
ta, grazie anche alla vicinanza dell’Università dola che fa la spola tra le due sponde)
Ca’ Foscari, ospitata in uno splendido palazzo che attraversa il Canal Grande tra San
gotico sul Canal Grande. Infine è panoramico, Marco e la Basilica della Salute rispar-
perché da un lato c’è il fronte aulico che si af- mierete 40 minuti di cammino. Per rag-
faccia sul Canal Grande, con la Basilica di San- giungere velocemente Palazzo Grassi da
ta Maria della Salute a dominare il Bacino di Ca’ Rezzonico prendete il traghetto che
San Marco, e dall’altra c’è il lungo fronte del- ferma a San Samuele.
le Zattere, sporto sul Canale della Giudecca.
¨¨A piedi Considerate che i musei sono
oPunta della Dogana EDIFICIO STORICO situati sulla riva orientale del Canal Gran-
(cartina p56; %041 271 90 39/041 523 16 80; www.pa de e che invece i bar e i ristoranti si trova-
lazzograssi.it; interi/ridotti/bambini €15/10/gratui- no intorno a Campo Santa Margherita e
to, biglietto cumulativo con Palazzo Grassi €20/15/ a Campo San Barnaba. Non dimenticate
gratuito; h10-19 mer-lun; fSalute) ‘Fortuna’ è il anche che una passeggiata alle Zattere
nome della statua banderuola in cima all’in- (meglio se con il sole) è d’obbligo (v.
confondibile, grande sfera in bronzo dorato anche lettura p62).
sostenuta dai due atlanti che svetta su Punta
//////////
//////////
56
Sestiere di Dorsoduro
A B C D
30 ú 42

666
ri Ri

//////////
ensie Cam
Rio
P o SANTA û
rà dei
map:Dorsoduro_2C.pdf la ú û38 San T
Rio Te
d azzio CROCE

Nu
C o vo þ 50
i Sa e la 37
Rio d
6666
6666
Fond Be ú
mbo de
nta
29
ú
1 Rizzi l Ri 33
Fond od
Ma

Malcanton
e
curati eC

//////////
ro 18 a’ F

iesa
rt a

ell e P û40 osc


d
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

SANTA Fond Ø Corte Con ari


eri tarini

la Ch
r
MARTA ei Ce
Fond d

CR

s eo

6666
55 þ

C de
æ8 ’A

al G
agu

ll
û43 ÿ

Rio

C de
19

sei
//////////

r a nd e
rini 34 Campo 27

B
io
sca

ria
Cd
c hiR

d Fo ú Santa ú
n

ti
ei G
16
de

Fo Margherita C Bernardo
Se

ei Campo æ 56 þ
rà d
l’Ar

ua
Rio Te 35 o rso dei Carmini þ 49
San Sam

rd
c
ú del So û 45

ian
zere

2 53 47 15 æ þ Ca’ Rezzonico

i
d æ 14 ba

//////////
n ý Rio de San Barnaû
res e Fo DORSODURO ÿ 21 æ
le Te 57 þ æ 6
d de 39
Fon igo þ 48 7
r b ar rnaba ga
Fond Ba an B a ú32 alpa
an
usina
46 a de S erchieri
æ 10 C Long C dei C
sti
M
aF del

Rio d
ý
izz
ba
CL R io

//////////
L a rd i a T letta
e
d r o
o Campo de l’Avoga
nS
Fo n o e la

Fond d

Ri
C de

e l’Avogaria
l’Anzolo Rafael ú d 23 ÿ
a
ni

æ
Rio d e S

C Balastro

le Eremite
11 36 þ û 41

i Borgo

li
Priu
3 51
Saliz San Ba
Basegio

Fond
Banchina di San segio

//////////
Campo

d de
de Ognisanti 22

Fon
Rio ÿ
d el O
Fond gni Campo ú Ri o T
Zatt ÿ 26 ssa San
f ere 28

ani
//////////
al Po nti Trovaso
San Basilio nte

dN
Canale Lon æ
go

n
della

Fo
G iude û 17
cca 44
31
4 ú 9

//////////
æ
Sacca Fisola f
f Zattere
SACCA FISOLA
A B C D

//////////
dare a spese in cambio della sua intercessio- viati, o meglio tre: al centro un’enorme ta-
ne a favore di Venezia. vola divisa in due con Davide trionfante con
Sebbene ispirata alla Madonna, tuttavia, la testa di Golia e l’Accoglienza di Davide

//////////
la Salute trae la sua forza strutturale da sva- da parte delle giovani israelite, e ai lati in-
riate tradizioni architettoniche e spiritua- vece Melchisedek e Giosuè. Sul soffitto infi-
li: alcuni studiosi hanno infatti individua- ne di nuovo Tiziano, stavolta in piena crisi

//////////
to spiccate somiglianze tra l’insolita pianta manieristica (ovvero in piena fase imitativa
ottagonale del Longhena e quella dei templi di Michelangelo), ma sempre sorprendente:
greco- romani dedicati alle divinità femmi- sono originali solo i tre affreschi quadrati
nili; inoltre, nelle misure del tempio ricor- (Caino e Abele, Sacrificio di Isacco, Davide

//////////
rono numeri riconducibili sia alla tradizio- e Golia), mentre gli otto medaglioni laterali
ne cattolica sia alla cabala ebraica. Le linee sono rifacimenti. C’è poi il chiostro del pa-
dell’edificio convergono sotto la cupola for- lazzo del seminario dove ha sede la Pina-
mando una specie di vortice nel pavimento coteca Manfrediniana (%041 274 39 73; www.

//////////
di marmo intarsiato, nel cui centro si trova seminariovenezia.it; Dorsoduro 1; h10-13 lun e mer,
un punto che si dice emani un’energia cu- 15-18 gio e ven, 10-18 sab; visite guidate su richie-
rativa. La sacrestia ospita Le nozze di Cana sta), che raccoglie opere donate da ecclesia-
(1561) del Tintoretto, che a dire il vero più stici illustri, tra le quali dipinti e sculture
che l’episodio biblico raffigurano un matri- datati dal XIII al XIX secolo; il complesso è
monio dell’epoca, San Marco in trono con i stato interamente disegnato dal Longhena.
santi Cosma e Damiano, Rocco e Sebastia­
no di Tiziano e infine quattro tele del Sal-
/////////
/////////
/////////
/////////
57
e 0
0 0.2 miglia
400 m

E F G H
0 ú 42

/////////
/////////
Campo
û SAN POLO
ú û38
þ
San Tomà Campo
37 50 Sant’Angelo San Luca
ú f
29
ú
33 Campo 1
f San Tomà Manin

Cd
/////////
/////////
Ca

ei A
’ Fo

6
la

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


sca
n do

vvo
ri Corte
Ma

cat
i Zorzi
Ca
CC e le el Fu s er
Rio d
s eo

i
6666
6666 55 þ
Cd
na

’A a’ V na

C de
ecc ro a r ia
l G r a nd e
dell

Ve zz
hia C Fre

l Pes
Campo la

/////////
/////////
27 Sant’Anzolo

tri n

e
ú Campo

Rio d
i San Fantin
56 þ C Bernardo rb
SAN
iO
San Samuele Campo
49 MARCO te
de

45 þ Ca’ Rezzonico f San Samuele C Ves 2

6
aba Campo Rio

/////////
/////////
an Barn ÿ 21 æ Santo
æû 6

Rio di
þ Stefano

zi o
39

Rio delle Ostr


7 Corte o Campo
issim
a

i
g

Maur
32 alpa ri Duca San
Cerchie

San
l M C d e i Campo Maurizio
de
Sant

/////////
/////////
Mo is
Pisani Campo
Rio San
Toletta
o e la Campo del
Ri

el

ú d 23 ÿ

è
Rio d

Traghetto

eghe
San Vidal
36 þ û 41 Accademia
Bor

li

f
Priu

51 Campo f Santa Maria 3


Fond

della Carità

/////////
/////////
del Giglio Salute
Canal Grande
ità

f
a Car

22 æ
Campo 4
i

5
rin

ÿ 3 Campo della Salute


à dell

sca

æ æ æ i
Campo ú Rio Te r San Vio C del Bastion R io d lo n
æ i Sa
à Fo

ssa San 28 2 ea
r
ani

C Lanza

/////////
/////////
nti Trovaso e
att
Ter

ella S
io
dN

þ ÿ
rnasa
nV

Z
Rio

d
20
n

54

Fon
a
Fo

al u t

17 52 þ
de S

Rio de la Fo

31
e
Ri o

ú Campo 4
9 Sant’Agnese Rio Terà de San Vio

/////////
/////////
æ 25 12
13
f 24 ÿÿ æ æ
Zattere

E F G H

/////////
/////////
Magazzini del Sale MUSEO ti dell’astrattismo informale. E il genovese,
(cartina p56; % 041 522 66 26; www.fondazionevedo tra le altre cose, è stato abile nel tradurre il
va.org; Zattere, Dorsoduro 266; ingresso variabile a principio tanto caro a Vedova, secondo cui

/////////
/////////
seconda della mostra in corso; h aperto solo in occa- l’opera doveva ‘camminare nello spazio’: lo
sione di mostre temporanee 10.30-18 mer-lun; f Zat- ha fatto con un binario fissato al soffitto lun-
tere) Grandi navate perpendicolari al canale, go il quale si muovono 10 navette robotizza-
tutte di mattoncini rossi e con soffitti di tra-

/////////
/////////
te, alimentate tramite fonti di energia rinno-
vi in legno, ricavate dagli antichi magazzini vabile e dotate di bracci mobili che preleva-
del sale, caratterizzano questo grande edifi- no le opere dall’archivio posizionandole nel
cio che si cela dietro una facciata neoclassica punto previsto. Nei magazzini non utilizza-

/////////
/////////
del 1830 ma che esisteva fin dal XIV secolo. ti come spazi espositivi o performativi han-
Prima dell’invenzione del frigorifero, infatti, no sede il deposito e il Museo Storico della
l’unico modo per conservare i cibi era salar- Reale Società Canottieri Bucintoro 1882 Asd.
li; dal momento che i cibi conservati erano

/////////
/////////
indispensabili per i lunghi viaggi oltremare, Ca’ Dario PALAZZO
il sale divenne un prodotto importantissimo (cartina p56; Ramo Ca’ Dario, Dorsoduro 352; hin re-
per il commercio marittimo. A riattare que- stauro all’epoca della stesura della guida; fSalute)
sti spazi ci ha pensato Renzo Piano, incari- Per chi fu costruito (intorno al 1479) questo
cato di ripensarli perché divenissero lo spa- palazzo maledetto? Per Giovanni Dario, un
zio espositivo della Fondazione Emilio e An- ambasciatore della Serenissima inviato a Co-
nabianca Vedova (cartina p56), creata per valo- stantinopoli per negoziare la pace con Mao­
rizzare l’opera di uno dei principali esponen- metto. E fu costruito con una facciata che
58

Sestiere di Dorsoduro
æ Da non perdere 28 Al Bottegon (Cantinone
1 Basilica di Santa Maria della Salute������ H3 Già Schiavi)�����������������������������������������E3
2 Collezione Peggy Guggenheim��������������F3 29 Bone Robe�����������������������������������������������D1
3 Gallerie dell’Accademia���������������������������E3 30 Estro – Vino e Cucina������������������������������D1
4 Punta della Dogana�������������������������������� H3 31 Gelateria Nico����������������������������������������� D4
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

32 La Bitta���������������������������������������������������� D2
æ Che cosa vedere 33 Orient Experience�����������������������������������D1
5 Ca’ Dario������������������������������������������������� G3 34 Osteria alla Bifora����������������������������������� C2
6 Ca’ Rezzonico������������������������������������������E2 35 Osteria da Codroma������������������������������� B2
7 Campo San Barnaba������������������������������ D2 36 Osteria Enoteca ai Artisti����������������������� D3
8 Campo Santa Margherita�����������������������D1 37 Pasticceria Tonolo�����������������������������������D1
9 Chiesa dei Gesuati��������������������������������� E4
û Locali e vita notturna
10 Chiesa di San Nicolò dei Mendicoli������� A2
11 Chiesa di San Sebastiano���������������������� B3 38 Adriatico Mar�������������������������������������������D1
12 Fondazione Emilio 39 Ai Artisti�������������������������������������������������� D2
e Annabianca Vedova������������������������� G4 40 Ai Do Draghi���������������������������������������������D1
13 Magazzini del Sale���������������������������������� G4 41 Bar alla Toletta�����������������������������������������E3
14 Palazzo Zenobio������������������������������������� C2 42 Cafè Noir��������������������������������������������������D1
15 Ponte dei Pugni��������������������������������������� D2 43 Caffè Rosso��������������������������������������������� D2
16 Scuola Grande dei Carmini�������������������� C2 44 El Chioschetto���������������������������������������� D4
17 Squero di San Trovaso��������������������������� D4 45 Imaginacaf������������������������������������������� D2

Ø Attività, corsi e tour ý Divertimenti


18 Terra e Acqua............................................C1 46 Teatro a l’Avogaria���������������������������������� C3
47 Venice Jazz Club������������������������������������� D2
ÿ Pernottamento
19 Albergo Antico Capon.............................D2 þ Shopping
20 Ca’ Maria Adele��������������������������������������� G4 48 Bottega d’Arte Gibigiana������������������������ C2
21 Locanda San Barnaba�����������������������������E2 49 Ca’ Macana��������������������������������������������� D2
22 Palazzo Guard����������������������������������������E3 50 Elitre���������������������������������������������������������D1
23 Pensione Accademia Villa Maravege�����E3 51 La Toletta������������������������������������������������ D3
24 Pensione La Calcina������������������������������� E4 52 Le Forcole di Saverio Pastor������������������ G4
25 Pensione Seguso������������������������������������ E4 53 Libreria Marco Polo�������������������������������� C2
26 Silk Road Hostel������������������������������������� C3 54 Marina e Susanna Sent���������������������������F4
55 Paolo Olbi�������������������������������������������������D1
ú Pasti 56 Perlamadredesign���������������������������������� D2
27 Ai Do Farai����������������������������������������������� D2 57 Signor Blum�������������������������������������������� D2

sembra una tavolozza, a dispetto dell’ombra Raul Gardini, morto suicida nel 1993, mentre
nera che il palazzo proietta sul Canal Gran- nel 2002 il bassista degli Who John Entwistle,
de. Sono tante, infatti, le disgrazie e le morti subito dopo averlo affittato, morì d’infarto.
violente che nei secoli si sono abbattute sui Forse il trucco è non svelarsi, e infatti la so-
suoi proprietari, anche se il confine tra veri- cietà americana proprietaria dal 2006 è ri-
tà e leggenda è labile. Per esempio Giacomo masta anonima.
Barbaro, assassinato nel 1650 a Candia; Ar-
bit Abdoll, un ricco mercante, finito in mise- oCollezione Peggy Guggenheim MUSEO
ria; Charles Briggs, che scoperto omosessua- (cartina p56; %041 240 54 11; www.guggenheim-
le si suicidò con il suo amante in Messico; il venice.it; Palazzo Venier dei Leoni, Dorsoduro 704;
conte torinese Filippo Giordano delle Lan- interi/ridotti/studenti under 26 €15/12/9; h10-18
ze, assassinato dal suo amante croato; il te- mer-lun; fAccademia) Sessantamila dollari
nore Mario del Monaco, ferito in un inciden- erano una cifra tutto sommato esigua per il
te stradale nel 1964, mentre si recava a Vene- Palazzo Venier dei Leoni, di certo bellissi-
zia per definire l’acquisto della casa. Sul fini- mo benché incompiuto. Era detto infatti ‘pa-
re degli anni ’80 il palazzo fu acquistato da lazzo non finito’, perché la famiglia proprie-
59
taria di un altro palazzo sulla riva opposta
del Canal Grande, ovvero i Corner, pare si LAVORI IN CORSO
fosse opposta alla rea­lizzazione dell’edificio E PRENOTAZIONI
nel timore che superasse il suo in bellezza
Da anni la collezione delle Gallerie
e in altezza. Ma la famiglia Venier, si sa, era
dell’Accademia è in movimento: le sale
una delle più potenti di Venezia, nonché una
non sono tutte aperte al pubblico e gli
delle più misteriose, specie considerando la
spostamenti delle opere sono all’ordine

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


questione di quella strana associazione del
del giorno. All’epoca della stesura della
suo nome ai leoni (c’è chi dice persino che
guida, per esempio, erano chiuse le
ne tenessero uno in giardino). E, comunque,
sale XII-XVII fino a data da destinarsi.
questo era il tenore dei gossip nel 1949, an-
Per fare i biglietti evitando le code (co-
no in cui una giovane ereditiera americana,
munque più brevi al pomeriggio, dopo il
collezionista d’arte e figlia di un ricco uomo
deflusso delle scolaresche e dei gitanti)
d’affari americano morto a bordo del Titanic
si può procedere online (prenotazione
nello sfortunato viaggio inaugurale e nipo-
€1,50). Si ricorda che la cassa chiude
te di Solomar R. Guggenheim (proprietario
un’ora prima della chiusura e che la
dell’omonimo museo newyorkese), comprò
visita richiede almeno 90 minuti. Infine,
il palazzo e ne fece sia un luogo di ritrovo
qualche consiglio per risparmiare: non
per artisti sia lo spazio espositivo della sua
portate borse voluminose o dovrete
collezione, che nel giro di breve tempo di-
depositarle nel guardaroba (€0,50 per
venne la più importante delle avanguardie
collo); l’audioguida (€6) è prevalente-
europee e che oggi offre l’occasione di am-
mente descrittiva e non indispensabile
mirare Dalí, Fontana, Kandinskji, Magritte,
– meglio evitare la coda per il noleggio
Picasso, Man Ray, Rothko, Mondrian e altri
e leggere i testi esplicativi alle pareti; i
esponenti dell’arte moderna, nonché la col-
bagni sono impeccabili, quindi non è il
lezione Mattioli, che conta svariati capolavo-
caso di spendere €1 per i servizi igienici
ri del futurismo. Da non perdere il Giardi-
esterni.
no delle Sculture, dove nel 1979 la città di
Venezia acconsentì che Peggy fosse sepolta
insieme ai suoi amati cani. Dietro l’angolo
del palazzo, in Fondamenta Venier dei Le- oGallerie dell’Accademia MUSEO
(cartina p56; % 041 520 03 45, 041 522 22 47;
oni, c’è un grande gift shop dove oltre ai li-
www.gallerieaccademia.it, www.vivaticket.it; Cam-
bri d’arte troverete anche i famosi occhiali
po della Carità, Dorsoduro 1050; con mostre in cor-
di Peggy: quelli con la ‘montatura alata’ co-
so biglietti cumulativi con Palazzo Grimani interi/
me il Leone di San Marco.
ridotti €15/12, senza mostre in corso interi/ridotti
Chiesa dei Gesuati LUOGO DI CULTO €10,50/7,50; h 8.15-14 lun, ultimo ingresso alle 13,
(cartina p56; %041 275 04 62; www.chorusvene- fino alle 19.15 mar-dom, ultimo ingresso alle 18.15;
zia.org; Fondamenta delle Zattere, Dorsoduro 918; in- f Accademia) La più importante collezione
gresso €3 o Chorus Pass; h10-17 lun-sab; fZattere) d’arte veneziana dal XIV al XVIII secolo non
Sono quattro gli uomini ai quali si deve l’im- è soltanto sinonimo di cultura accademica,
portanza della Chiesa di Santa Maria del Ro- ma offre anche un quadro accurato dei co-
sario, comunemente nota come Chiesa dei Ge- stumi e degli usi di un’epoca. La ricca colle-
suati: l’architetto Giorgio Massari, per l’auda- zione comprende dipinti del Trecento goti-
cia necessaria a costruire un edificio di fronte co e bizantino, alcuni capolavori dei più im-
a tre esemplari architetture del Palladio (San portanti artisti del Rinascimento (Paolo Ve-
Giorgio Maggiore, Le Zitelle e il Redentore); il ronese, Vittore Carpaccio, Giorgione, Giovan-
Tintoretto, per la Crocifissione lungo la nava- ni Bellini, Tiziano, Tintoretto) e opere del pe-
ta sinistra; il Tiepolo, con la sua Vergine con riodo barocco (con Tiepolo e altri). L’edificio,
le Sante Rosa da Lima, Caterina da Siena e che è stato convento dei Canonici Lateranen-
Agnese da Montepulciano, e soprattutto con si e della Scuola Grande di Santa Maria del-
il soffitto affrescato nel 1738-9 con scene del- la Carità, è stato scelto nel 1807 per ospita-
la vita di san Domenico, incorniciate da cie- re opere provenienti da chiese ed enti eccle-
li talmente luminosi da far sospettare per un siastici soppressi in epoca napoleonica, ed è
attimo l’esistenza di una finestra vera e pro- opera di alcuni dei maggiori architetti vene-
pria; e infine il Piazzetta, con il San Dome­ ziani, quali Bartolomeo Bon, Palladio e Carlo
nico e Visione dei santi Ludovico Bertrando, Scarpa. Uno dei fiori all’occhiello della colle-
Vincenzo Ferreri e Giacinto. zione è La tempesta del Giorgione, celeberri-
60

CANAL GRANDE
Scivolate in una direzione e nell’altra in quello che nel Medioevo ha assunto diverse deno-
minazioni a seconda delle zone e dei monasteri che lambiva: Rio della Zirada, Canale di
Luprio, Canale di San Isaia, Canale di Rivoalto. Una S rovesciata lunga 3 km e 800 metri,
larga da 30 a 70 m, con una profondità massima di 5 m, che taglia in due la città di Venezia
e che probabilmente era un alveo fluviale utilizzato in origine come porto canale. Lasciatevi
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

incantare dai duecento edifici, dai campi e campielli, dagli approdi per le barche, dalle alte
mura che proteggono giardini, dalla candida pietra d’Istria, dai rossi fiammeggianti, dalle
architetture gotiche, dall’eleganza rinascimentale, dai liagò tradizionali (logge esterne
costruite a somiglianza dei chioschi orientali), dalle balaustre ottocentesche, dai sapienti
giochi di chiaroscuri che gli architetti non si sono mai stancati di creare affinché il Canal
Grande incantasse chiunque lo guardasse. E poi provate a pensare al tempo in cui, nel
Quattrocento, molte delle facciate erano decorate da affreschi. I veneziani non tardarono
a farsi pragmatici, approfittando del fascino che il canale esercitava sugli stranieri in visita.
Cominciarono quindi ad affittare le case ai ‘zentilhomeni’ che venivano da fuori, soprattut-
to artisti e scrittori, musicisti e personaggi famosi che intrecciavano le loro vite a quelle
delle famiglie del patriziato veneziano. Dall’affitto dei palazzi si guadagnava non poco, dal
momento che si affacciavano non solo su una via particolarissima della città, ma anche su
quella ufficiale (tant’è vero che era persino vietato alle cortigiane di affacciarsi alle finestre).
Nei secoli sull’acqua del canale si sono svolte le manifestazioni e le feste più importanti,
sono passate le barche dei condannati a morte, tra torture e fustigazioni, che avevano la
funzione di ammonire quella buona parte del popolo che dalle sponde li guardava passare e
i barconi carichi di cadaveri degli appestati, flagello di Venezia tra 1510 e 1630.

La struttura della casa patrizia veneziana obbediva alle esigenze del mercante: era una
casa-fondaco di tradizione bizantina che aveva la porta ad acqua sul canale affinché le
merci potessero essere scaricate comodamente nell’androne al piano terra e da qui venire
stipate nei magazzini adiacenti. Si trattava dunque di edifici che erano allo stesso tempo
abitazioni private e depositi, uffici e locali di servizio. E anche nei secoli successivi la strut-
tura rimase pressappoco invariata, con la differenza che i saloni divennero sempre più ampi
e maestosi, che al primo piano nobile se ne aggiunse spesso un secondo, e che le torreselle
(elementi decorativi medievali) sui tetti furono sostituite dalle merlature tipiche del gotico
veneziano, e da pinnacoli, ma solo quando il palazzo apparteneva a un capitano da mar. I
palazzi sul Canal Grande sono decorati solo sul lato che si affaccia sull’acqua. C’è chi dice
che sia perché era la facciata principale a rappresentare l’autorità del proprietario dell’edifi-
cio, il quale trascurava tutti gli altri lati, vuoi per non dissipare troppa ricchezza, vuoi perché
spesso si affacciavano in zone ben più umili, considerato che a Venezia non c’è mai stato
un quartiere per i ricchi; e c’è invece chi spiega questo fatto con la bidimensionalità degli
edifici che contornano il canale come quadri, come dipinti, come scenari teatrali: una sorta
di fondale che emerge dall’acqua in una moltitudine di forme e di colori, di riflessi e di chia-
roscuri, di stili e di ritmi, di alternanze tra pieni e vuoti e luci e ombre, il cui insieme si riflette
nell’acqua. Venezia, meravigliosa città specchio. Venezia che si rimira continuamente dal
suo lato più bello.

mo dipinto che ritrae una donna intenta ad nel 2016 per celebrare il grande artista olan-
allattare un bambino, un giovane soldato in- dese a 500 anni dalla morte.
tento a guardarla e un cielo in tempesta sullo
sfondo: c’è chi sostiene che il pittore di Ca- Ca’ Rezzonico MUSEO
stelfranco Veneto abbia disseminato questo (cartina p56; %041 241 01 00; www.visitmuve.it; Fon-
capolavoro di simboli nascosti e significati re- damenta Rezzonico, Dorsoduro 3136; interi/ridotti
conditi. Fanno parte della collezione anche il €10/7,50 o MUVE Museum Pass; h10-18 mer-lun
Trittico di Santa Liberata, le quattro Visioni apr-ott, fino alle 17 nov-marzo; la biglietteria chiude
dell’Aldilà e il Trittico degli Eremiti, restau- un’ora prima; fCa’ Rezzonico) La costruzione
rati di recente nell’ambito del programma in- di questo palazzo, oggi sede del Museo del
ternazionale ‘Jheronimus Bosch 500’, ideato Settecento Veneziano, fu avviata dal Lon-
//////////////
////////
//////////////
////////
61

//////////////
////////
66
66
66
66
66
66
//////////////
////////
CANNAREGIO e
al
No

6666
6666
6666
6666
6666
6666
//////////////

i
od
////////

Ri

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


golà

s t o li
e San Zan De
//////////////
////////
//

po
///////////////
/////////
t iA
Rio d e i S an
66

//////////////
////////
//
///////////////
///////// od
Ri
6

SAN POLO

//////////////
666666

////////
//
Campo

///////////////
/////////
San Polo
SANTA
CROCE

//////////////
////////
//
///////////////
/////////
e
and io
l Gr

R
S SAN MARCO
666

Rio de na
Ca

an

6
Ca’

//////////////
////////
Fosc

Lu
//
///////////////
/////////
a ri

ca
Campo Piazza
6666
6666
Santa San Marco

//////////////
6
6
////////
Margherita

//
///////////////
/////////
Campo
Santo
aga Stefano
Malp

//////////////
Rio

////////
//
///////////////
/////////
//////////////
////////
DORSODURO

//
///////////////
/////////
////////
//
///////////////
/////////
1Piazzale Roma (p72) C dUniversità Ca’ Foscari (p55)
an
2Ponte di Calatrava (p75) ale della eCa’ Rezzonico (p60)

//
///////////////
/////////
G
3Chiesa dei Carmelitani Scalzi (p75) iudecca fPonte dell’Accademia (p54)
4Ponte degli Scalzi gPalazzo Venier dei Leoni (p58)

//
///////////////
/////////
5Fondaco dei Turchi (p74) (Collezione Peggy Guggenheim)
6Casinò di Venezia (p148) hCa’ Dario (p57)

//
iBasilica di Santa Maria della Salute (p55)

///////////////
/////////
7Chiesa di San Stae (p74)
8Ca’ Pesaro (p74) jPunta della Dogana (p55)
kColonne di San Marco e San Todaro (p43)

//
9Ca’ d’Oro (p82)

///////////////
/////////
aPalazzo dei Camerlenghi (p65) lPiazzetta San Marco (p43)
bFondaco dei Tedeschi (p52) mPalazzo Ducale (p48)

//
///////////////
/////////
cPonte di Rialto (p64)

//
///////////////
/////////
ghena su incarico della famiglia Bon e pro-
seguita nel 1750 da Giambattista Tiepolo e
goria Nuziale, dedicata al matrimonio tra
Ludovico Rezzonico e Faustina Savorgnan e

///////////////
/////////
Giorgio Massari nel rispetto delle concezio- affrescata dal Tiepolo; la Sala dei Pastelli;
ni del predecessore, tra cui l’insolita plani- la Sala degli Arazzi; la Sala del Trono, con
metria con cortile interno, per creare una il soffitto del Tiepolo raffigurante il Meri-

///////////////
/////////
successione di luce e ombra che dilati lo to; la Sala del Tiepolo, con il terzo soffit-
spazio e guidi lo sguardo verso lo stemma to dipinto dall’artista veneziano; e la Sa-
di famiglia (un tempo colorato, oggi bian- la del Lazzarini, che custodisce una scri-
co). Oltre lo scalone principale ci sono: il vania del Piffetti (1741). L’ultima sala è im-
Salone da Ballo, che non ha rivali in città portante per gli arredi firmati Andrea Bru-
per dimensioni e decori; la Sala dell’Alle- stolon e per il lampadario in vetro policro-
62

PASSEGGIANDO PER LE ZATTERE


Con il sole del tardo pomeriggio si va alle Zattere, per spingere pigramente lo sguardo
fino a San Giorgio Maggiore e al Molino Stucky, e per memorizzare i quattro segmenti
in cui si suddividono: Zattere ai Saloni, lo Spirito Santo, ai Gesuati, al Ponte Lungo.
Quindi si prova a immaginare com’erano le antiche Zattere che i veneziani associavano
all’Ospedale degli Incurabili (al civico 423, sede dal 2003 dell’Accademia delle Belle
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

Arti), costruito nel XVI secolo per combattere la sifilide; il male aveva infatti contagiato
molti abitanti di Venezia, dove si contavano ben 12.000 prostitute registrate. Poiché
all’epoca non esistevano cure e i malati finivano spesso per impazzire o diventare cie-
chi, i veneziani avevano richiesto alle autorità che fosse istituito un ospedale riservato
agli incurabili e ai figli rimasti orfani. A sollecitare l’iniziativa erano state prostitute e
tenutarie di bordelli, pronte a contribuire finanziariamente al progetto. Utilizzando fondi
statali per la realizzazione di un’impresa a favore della salute pubblica, Venezia si rivelò
ancora una volta in anticipo sui tempi. Quando poi, però, fu scoperto che era possibile
curare la malattia con la penicillina, la struttura divenne felicemente obsoleta.
Infine si cerca la lapide in italiano e russo che ricorda Josif Brodskji, il poeta russo na-
turalizzato statunitense (premio Nobel per la letteratura nel 1987) che amava concedersi
momenti di riflessione lungo questa riva. L’iscrizione recita: ‘Amò e cantò questo luogo’.
Morto a New York nel 1996, fu sepolto nel cimitero dell’Isola di San Michele (p98).

mo a 20 fiamme della fabbrica muranese di no dal 1400 ai primi del Novecento. Tra gli
Giuseppe Briati; datato circa 1730, è il più articoli raccolti dal Martini, di professione
straordinario esempio del genere che ci sia restauratore, ci sono opere di Cima da Co-
giunto perfettamente integro. negliano, Alvise Vivarini, Tintoretto, Schia-
Nel portego del secondo piano si trovano vone, Bassano, Paolo Fiammingo, Bernardo
due capolavori giovanili del Canaletto, Il rio Strozzi e molti altri.
dei mendicanti e Veduta architettonica (1720-
25), le uniche vedute del maestro presenti Scuola Grande
nelle collezioni pubbliche, e alcuni affreschi dei Carmini EDIFICIO STORICO

di un intimo e sarcastico Tiepolo strappati (cartina p56; %041 528 94 20; www.scuolagrande
nel 1906 dalla villa di famiglia a Zianigo. Si deicarmini.it; Campo Santa Margherita, Dorsodu-
notino inoltre, nella Sala del Parlatoio, due ro 2617; interi/ridotti €5/4; h11-17, fino alle 16 in
vedute d’interni di Francesco Guardi: Il ridot­ inverno; fCa’ Rezzonico) I viaggiatori del Set-
to di Palazzo Dandolo a San Moisè e Il par­ tecento restavano attoniti di fronte agli in-
latoio delle monache di San Zaccaria (dove terni di questa scuola, sontuosamente deco-
venivano monacate le ragazze nobili), con le rati da Giambattista Tiepolo e Baldassarre
vivacissime macchiette tipiche del suo stile. Longhena; a costoro si devono infatti, ri-
Infine, all’ultimo piano, la Pinacoteca Egi- spettivamente, le nove tele del soffitto del
dio Martini, la più grande donazione che Ve- primo piano e lo scalone adorno di stucchi
nezia abbia mai ricevuto, comprende dipinti rivestiti con lamina d’oro. Ma a quell’epo-
di scuola principalmente veneziana che van- ca l’istituzione esisteva già da circa 500 an-
ni, fondata da una confraternita femmini-
le, e nei secoli aveva garantito ospitalità ai
viandanti indigenti e accolto il primo ordi-
LO SQUERO DI SAN TROVASO ne dei battuti del quale si abbia notizia in
città (una confraternita che praticava l’au-
Il seicentesco San Trovaso (cartina
toflagellazione). Ogni martedì e sabato al-
p56; fAccademia), sul rio omonimo, è
le 21 vi si tengono concerti: per i biglietti
uno dei tre antichi squeri rimasti in città.
(€22-50) è meglio rivolgersi direttamente
I suoi spazi ospitano sandali, pupparini
alla scuola, perché su internet il prezzo è
e altre barche tipiche della tradizione
più alto del 30%.
lagunare. Lo squero, infatti, è il tipico
cantiere veneziano dove vengono co- Ponte dei Pugni PONTE
struite e riparate le imbarcazioni tipiche (cartina p56; Fondamenta Gherardini,Dorsoduro; f Ca’
lagunari, soprattutto le gondole. Rezzonico) Che l’impronta del piede intarsia-
ta sul pavimento a fianco del ponte servis-
63
se a stabilire le postazioni dei contendenti è ali, mentre l’edificio si sviluppa in orizzonta-
quasi ovvio. Per sapere invece chi prendesse le. Da non perdere il salone da ballo, ador-
parte alla sfida pugilistica bisogna documen- nato di specchiere, con una loggia per i mu-
tarsi: all’origine di questa usanza c’era infatti sicisti e con pareti e soffitto affrescati (qui,
la grande rivalità tra la fazione dei Nicolotti nel 1984, fu girato il video di Like a Virgin
(pescatori vestiti con cintura e berretto neri, di Madonna). Dal 1850 il palazzo appartie-
del quartiere di San Nicolò dei Mendicoli) e ne ai padri mechitaristi. Il giardino forma-

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


i Castellani (pescatori residenti nella parte le è uno dei più incantevoli di Venezia: uno
opposta della città che per distinguersi usa- spazio elegante, scandito nel 1700 da un par-
vano berretto e cintura rossi), forse nata an- terre, dotato di un neoclassico ‘casin’ (picco-
ticamente per stabilire chi dovesse avere la lo edificio usato come luogo d’incontro) nel
precedenza sul ponte con i carri. Il combat- 1777 e poi reinterpretato nel 1800 come giar-
timento si disputava una volta l’anno e du- dino romantico e completato con vialetti, col-
rava per ore; la vittoria consentiva di pian- linette e un insolito ponte sospeso.
tare le proprie insegne sul ponte. Considera-
to il numero dei sostenitori dei contenden- Chiesa di San Sebastiano LUOGO DI CULTO

ti (i quali per l’occasione affittavano persino (cartina p56; % 041 275 04 62; www.chorusvenezia.org;
le case vicine per poter lanciare coppi e sas- Campo San Sebastiano, Dorsoduro 1687; ingresso €3
si), la battaglia si trasformava spesso in una o Chorus Pass; h 10-17 lun-sab; f San Basilio) De-
rissa colossale e non c’era volta in cui alla fi- cisamente straniante la sobria facciata rea-
ne non si contasse almeno una decina di vit- lizzata dallo Scarpagnino, che realizzò l’am-
time, in gran parte cadute in acqua. Dopo- pliamento dell’edificio non più sufficiente a
diché il tutto veniva sedato dalle autorità e raccogliere i fedeli e modificò l’orientamento
già alla fine della giornata, dopo avere pian- della chiesa, ora attaccatissima al rio e posta
to i propri morti, i due quartieri ritornavano in direzione della Calle Avogaria (verso il cen-
ai loro consueti rapporti, peraltro cordiali. tro storico). Piuttosto ricco e articolato, inve-
ce, l’interno a una sola navata, la cui decora-
Palazzo Zenobio EDIFICIO STORICO zione è opera di Paolo Veronese (sepolto nel-
(cartina p56; % 041 522 87 70; www.collegioarmeno la sacrestia, dietro la lapide commemorativa
.org; Fondamenta del Soccorso 2597, Dorsoduro; in- che si trova alla destra dell’organo; la leggen-
gresso variabile; h 10-17 lun-sab; f Ca’ Rezzonico) da vuole che l’artista si fosse rifugiato qui per
Eretto alla fine del XVII secolo dai ‘nobili per sfuggire a un’accusa di omicidio): il grandio-
soldo’ della famiglia Zenobio, presenta una so ciclo comprende il soffitto della sacrestia
forma innovativa voluta da Antonio Gaspari, (prima opera eseguita dal pittore nella città
allievo e collaboratore del Longhena: il corpo lagunare), la navata centrale, il fregio, la par-
centrale, infatti, si protende sul retro con due te orientale del coro, l’altare maggiore, le por-

DUE CAMPI A CONFRONTO


Uno è enorme, l’altro misurato; uno è stravivace, l’altro quieto; uno è sinonimo di ‘movida’,
l’altro di tranquillità; uno è superinformale, talvolta quasi sfacciato, l’altro un po’ più timi-
do, talvolta quasi riservato. Sono rispettivamente Campo Santa Margherita (cartina
p56) e Campo San Barnaba (cartina p56). Il primo è quello che ormai già da diversi
anni ha visto moltiplicarsi i suoi frequentatori, soprattutto studenti squattrinati che non
chiedono nulla di più che starsene seduti anche per terra con un bicchiere in mano; ma è
anche quello la cui storia affonda in tempi ben più lontani, ossia nell’epoca in cui questo
campo possedeva uno spiccato carattere mercantile: a testimoniarlo ci sono ancora oggi
le botteghe, con piccole vetrine e le porte contornate di pietra d’Istria e una targa mar-
morea che fissa le misure minime di vendita dei diversi tipi di pescato. Si notino anche
il trecentesco palazzetto Foscolo-Corner (ai civici 2931-3), la vera di pozzo e la vecchia
scuola dei pellicciai (i varoteri), che era ospitata presso l’edificio isolato oltre il quale il
campo si restringe a imbuto verso i Carmini. Campo San Barnaba, invece, è dominato
dalla facciata dell’omonima chiesa ed è il centro dell’insula omonima che si allunga tra
i rii Malpaga e San Barnaba; da qui, ci si spinga fino alle Fondamenta Gherardini a dare
un’occhiata al Ponte dei Pugni (p62). Detto ciò, c’è tuttavia una spiccata somiglianza
tra i due campi: entrambi abbondano di bar e locali di vario genere.
64
DA VEDERE

LA CHIESA DI SAN NICOLÒ DEI MENDICOLI


Non si sa se ‘Mendicoli’ derivi da una storpiatura del nome dell’isola sulla quale sorge il
quartiere, Mendigola, o se da mendicoli, cioè mendicanti, ovvero gli umili pescatori e arti-
giani che l’abitavano. Si sa però che la chiesa (cartina p56; %041 275 03 82, 347 065 49
00; Campo San Niccolò 1907; h10-12 e 15-17.30 lun-sab, 10-11 dom; fSan Basilio, Santa Marta)
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

F, dedicata a san Nicolò, protettore dei naviganti, fu fondata nel VII secolo e poi rico-
struita nel XII dopo avere subito per ben due volte, nel 1106 e nel 1149, due furiosi incendi.
L’armonioso interno su pianta basilicale, a una navata, con un transetto, un coro con
abside affrescata e due cappelle laterali, custodisce colonne basse con grandi capitelli del
XIV secolo ornati di ori, luciccanti fregi d’oro lungo gli archi in legno dorato (XVIII secolo),
un soffitto ligneo cinquecentesco con un tondo illusionistico di Francesco Montemezzano
(1555-1602), 12 candelabri di fianco alle colonne, un organo settecentesco, una splendida
Resurrezione di Palma il Giovane, una cappella che mostra una Madonna in gloria che si
bea nell’ascolto di un’orchestra d’angeli e un pannello a soffitto (XVI secolo) di Leonardo
Corona raffigurante il santo che come un punto di riferimento luminoso guida i marinai
attraverso la burrasca. A Venezia si è sempre raccontato che il povero prete incaricato del
restauro aveva potuto far costruire un interno tanto sontuoso avendo trovato un tesoro in
oro e argento dentro la chiesa stessa; accusato nondimeno di furto e condotto a giudizio, il
religioso si era difeso giurando di portare con sé il segreto dentro la tomba e facendo inci-
dere i motti ‘Sine labe concepta’ sulla Vergine sul fronte della chiesa e ‘Si queris miracula’
e ‘Dixit secretum meum mihi’ rispettivamente sui santi Antonio e Giovanni ai lati. La chiesa
comprende anche un chiostro che offriva riparo alle donne pie e il cui portico a pilastri (ag-
giunto nel XV secolo) era adibito a ricovero per i poveri. Fuori, invece, il poderoso campanile
in stile veneto bizantino risale alla fine del XII secolo.

te dei pannelli dell’organo e il presbiterio. Il acustico, scie di pneumatici; c’è quella ibrida
tema è quello dell’allegoria del trionfo della tra Piazzale Roma e la parte più bassa, dove
fede sull’eresia, voluta dal priore, e la carat- capita persino di camminare una decina di
teristica che questi capolavori condividono minuti senza vedere l’acqua; e ce n’è un’al-
è una straordinaria luminosità. Da notare la tra decisamente veneziana, che è quella dei
Crocifissione nella cappella centrale della na- musei come Ca’ Pesaro e il Museo di Storia
vata destra e le Storie di Esther sul soffitto a Naturale (p74), della movida serale, dei baca-
cassettoni. Degni di attenzione anche Giona ri, degli scorci sui canali.
e la Balena di Paris Bordone, San Nicola di
Tiziano e il barco (coro pensile) dei frati che Ponte di Rialto PONTE

si estende a ‘U’, determinando in controfac- (cartina p66; f Rialto-Mercato) La leggenda narra


ciata un vestibolo d’ingresso separato dal re- che a sostenere il lavoro dei muratori e degli
sto della chiesa da tre arcate: una soluzione scalpellini fu addirittura Lucifero; dal che si
molto diversa rispetto a quelle adottate per può facilmente dedurre che la comunità dif-
il coro nella Chiesa di Sant’Alvise e in quella fidava di questo possente ponte: vuoi per il
di Santa Maria dei Miracoli. susseguirsi dei restauri ogni 20-25 anni e del-
le ricostruzioni ogni 40-50, vuoi per il crollo
della rampa che nel 1524 fece due vittime e
1 San Polo e Santa Croce danni incalcolabili alle botteghe. Poi si pensò
Sono i sestieri più piccoli, quelli tra i quali finalmente a un ponte di pietra, con un’arcata
il confine talvolta è così labile che si confon- sufficientemente alta per il passaggio del Bu-
dono tra loro. Ricordate però che a San Polo cintoro, la galea di stato dei dogi di Venezia.
pulsano i mercati di Rialto, un’area autenti- La costruzione, che fu avviata nel 1588 e ter-
camente veneziana dove fin dall’XI secolo si minata e inaugurata nel 1591, oggi è ancora
erano concentrate, oltre ai mercati, le attivi- in piedi: presenta un’arcata di 28 m e due fi-
tà finanziarie e le più importanti magistratu- le di botteghe collegate da due grandi archi
re connesse con le attività economiche. Piut- centrali, ed è percorribile in tre modi, ossia
tosto versatile è invece il sestiere di Santa all’interno o all’esterno su ciascuno dei lati.
Croce: c’è la zona poco veneziana di Piazza-
le Roma, con traffico, smog, inquinamento
65
oMercati di Rialto MERCATO
(cartina p66; h7-14 lun-sab, Pescaria mar-sab; fRial- ARRIVARE A SAN POLO
to) Tappa imperdibile sono gli storici merca- E SANTA CROCE
ti di Rialto, mai troppo battuti dai turisti e ¨¨Vaporetto A San Polo, la fermata di
mai disertati dai veneziani. Armatevi di una Rialto è servita dalle linee n. 1 e N. La n.
borsa della spesa e di una macchina fotogra- 1 ferma anche a Riva De Biasio, a San
fica e trascorrete un’intera mattina dove an- Stae (dove ferma anche la linea N), a

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


ticamente sorgeva il piccolo villaggio di Ri- San Silvestro e a San Tomà (anche qui
voaltus e nel 1097 fu trasferito il mercato sia ferma la linea N). La maggior parte dei
al dettaglio sia all’ingrosso della città. Il mer- vaporetti per Santa Croce, invece, ferma
cato, articolato in base alle categorie merceo- a Piazzale Roma o alla Ferrovia, nell’an-
logiche, è ancora oggi rintracciabile nella to- golo nord-occidentale di Santa Croce.
ponomastica; le aree principali sono: l’Erba-
¨¨A piedi Seguite i cartelli gialli con le
ria, il mercato ortofrutticolo che si sviluppa
su una sponda un tempo di legno e poi nel scritte Rialto o Ferrovia o quelli rossi e
1398 lastricata in pietra d’Istria; la Beccaria, bianchi con l’indicazione per la Scuola
che si allinea vicino a quello che dal 1339 di- Grande di San Rocco, oppure dirigetevi
venne il macello pubblico con le antiche bec- verso Campo San Polo.
cherie; la Casaria, il mercato dei formaggi;
e la Pescaria, un edificio neogotico con por-
vendoli riguardo alla preparazione dei piat-
tico e loggiato, costruito nel 1907 (dagli ar-
ti. E scattate qualche fotografia.
chitetti Domenico Ruolo e Cesare Laurenti)
per ospitare il mercato del pesce al minuto, Palazzo dei Camerlenghi PALAZZO
che fin dal XIV secolo si era sempre svolto (cartina p66; ai piedi del Ponte di Rialto; f Rialto-Mer-
qui (oggi lo trovate al piano terreno). A diffe- cato) F I camerlenghi erano i tre magi-
renza dei canali della città, dove il pesce ve- strati incaricati di provvedere alle finanze
niva venduto direttamente dalle barche dei dello stato e combattere l’evasione fiscale. Al
pescatori, qui venivano allestiti banchi in le- pianterreno di questo elegante palazzo cin-
gno poggiati su cavalletti. Da notare le tar- quecentesco, non a caso, c’erano le prigio-
ghe di marmo che già secoli fa regolamenta- ni per chi frodava il fisco; all’ultimo, invece,
vano le dimensioni minime del pescato con- c’era la Tesoreria di Stato. Riconoscerete fa-
sentito a seconda delle varie specie: la pesca cilmente l’edificio per via della pietra d’Istria
sostenibile non è un concetto nuovo alla Pe- che ne ricopre le facciate e della cornice in
scaria. Oggi tutto è rimasto in gran parte in- marmi policromi che scandisce i tre piani. È
variato rispetto ad allora, quindi andate lie- l’unico palazzo ‘a tutto tondo’ della città, ov-
tamente in cerca di gamberetti grigi, folpetti vero l’unico che segue la curva del canale.
(moscardini, polpetti), go (ghiozzi), masane­
te (femmine del granchio comune) e di altri Campo San Giacomo CAMPO
abitanti della Laguna e delle isole. Non esi- (cartina p66; Campo San Giacomo; f Rialto-Mercato)
tate a farvi dare qualche consiglio dai pesci- Ha forma quadrata, pavimentazione in tra-

UN TERRIBILE INCENDIO
Era la notte del 10 gennaio 1514, quando la scintilla di un lume a olio cadde sulle tele
di una bottega di Rialto e innescò un finimondo: di lì in pochi istanti, infatti, alimentato
dalla tramontana e dal legno delle costruzioni, e favorito dal fatto che le acque gelide
del Canal Grande rallentavano i soccorsi, un enorme incendio scoppiò, si espanse e in
meno di sei ore mandò in fumo uno dei più antichi centri abitati di Venezia, nonché la
prima ‘city’ d’Europa: una zona che ormai da tempo era stata densamente edificata e
dove fiorivano svariate attività mercantili, finanziarie e artigianali. Una volta rimossa
la coltre di cenere si passò a esaminare vari progetti per la ricostruzione, dai più logici
e razionalisti ai più estrosi. E ad avere la meglio fu quello di Antonio Abbondi, detto
Scarpagnino, che tra le altre cose aveva promesso anche di spendere poco. Il risultato
furono i vari edifici della stessa altezza, la piazza quadrata, l’Erbaria, la Fruttaria e la
Casaria, i fondachi, i magazzini, le osterie, le locande, i retrobottega. Insomma tutte
quelle costruzioni che potete vedere ancora oggi.
//////// //
//////// //
66
Sestieri di San Polo e Santa Croce
A B C D
a San Marcuola

//////// //
a gn l Gran
de
Cana
map:SanPoloSantaCroce_2C-05.pdf
Riva De Biasio

rchi
1
f
s io

dei Tu
Bia

//////// // Calle Z
æ 14
66666666
66666666
66666666
66666666
66666666
66666666
de San Stae
Riva
Venezia e la sua provincia

68

ntego
24 f

Rio Terà
ÿ 25 þ

en
Campo

da Fo
ÿ Campo

egio
San Stae
Ca

San Zan Degolà

a
42

el M
i
l le

rch
Saliz
æ 12

//////// //
SANTA CROCE Ca
Co

de

lle
ú

le d
i Tu
Tro

on
lP
rte

Cal
Salizada de Ca’ Zusto

’ Tr
Rio F ontego de
ist

ari Rio T 33
Pis

27

o
52 ý

tae
or

ni g
iB e

Ca
de rà d
an

nS

ce
2 ia 44 ÿ

Rio

Mo
h
i

Sa
ecc

ell’Iso
66

Sa ú
ta V Ca 69

to
//////// //

da
43 lle de þ

pe
Lis

liza
ï

Rim
a l
35 llion Ramo de l Te
ú

e Ga la Vi nto 16
Ramo Orsetti

Call da

nta
Calle

Campo Calle del Savio golà r æ

me
Ca
Santo

da
lle
olo
Zan De

Corte

Fon
Lar

C
Campiello 34 mb

////////
ti

e
o del Tioz

ina

Sta
ga

Ruga Vechia del Piovan

rm
dei

an
n

Ca
Rio de Sa

æ æ8

//
oS
Campo
Bar

da
5

Ri
iza
Nazario Sauro

/////
Ruga Bela Campo
i

la
Sal
3
Fo Rio

San Giacomo

de
nd M

////////
45 Campo dall’Orio

R io
ú
de ari

Campo
n io M dei Tedeschi

///////
lR

æ Fo ar Santa Maria

//
Cal

in Mater Domini
17 nda od Campo
le

/////
m ei Campo lT
de

nt int San Boldo


a R Gar de le Strope

ga
o
e

e
z ch

Lon
io
M o eO
r

le d e l
C al

/////// lle
ti

Ca
ar

Campiello
ina

o
del Cristo
tar

nd

/////
on

co

4 18
oldo
Se
eC

Rio San B Campo


æ
all

Te

Sant’Agostin
úC

ý
Rio

41

///////
53 Rio
Te
Rio

40 þ 56
CC

Ri
San

/////
62 þ od
ú

21
a’ B

Calle eS
de ane rn Campie
Ag

la Lac æ le Z an ar
e

þ 63 a Cal Ca An Albriz
ostin

ton
do

ll e

///////
Pe io
26 zz
Ri

an
o

ÿ Campo a û 50

/////
de

San Stin SAN POLO


la

5 28
38
Madon

Rio ÿ
R io
ú

Ter

///////
à Sa Campo
n To m à
eta

San Polo 6

/////
æ
Fon d

51
û
à 10
de

///////
Ter
iF

æ
Rio S

CL ri Rio 57
ra

arg
a de þ olo
1 a San P

/////
le C
an

hio Campo izad


6 ver æ dei Frari Sal
Polo

e
Ri

Campo
od

///////
San Rocco
ei Fra

Campo de 3 æ 11
ri

/////
Castelforte æ 31
ú

Ø 22
23 rner

///////
Ca

æ e
Cal

Rio
zzi

ÿ
Co
ll

d 7
le C

Campo
Go

i Fr
esc

/////
San Tomà
ent
lle

ata
Ca

a ni

7 Fon
Ca dd
lle el F
Cro o
ser r
Campo a f Sant’Angelo
ne
r

San Pantalon
A B C D
ar i
a Fosc

Rio
de
///////////
io

c
Ra
de
la
67

la
de
M
Rio

///////////
ad
e 0 200 m

lle
di

da
0 S. A

Ca
0.1 miglia
ndr

len
E F G H ea

nte
e
lic

rre
Fe
i S ice

Co
///////////

an
o d el
Ri

lle
RiSan F
o

Ca
i
di

iul
1

no
Sa

Pr
nta

or
d
66666666
66666666 San Stae

lle
Fon

lF
So

Venezia e la sua provincia


Ca
fia

de

tti
f Campo

Zo
lle
///////////
San Felice

le
Ca

lle
Campo

Ve
Corte

Ca
San Stae CANNAREGIO

le
dei Pali

de
Ca æ 12

rno
lle
lle

Ca
Tro

l Fo
n

rdi
4

///////////

de

Ve
27
igo

52 ý
e

æ
Sta

lle
o

lle
n

’Or
ce

44 ÿ

Ca

Ca
St
n

2
Mo

’d
Sa

rad
Sa ú

Ca
69
to

aN
da

pe

ov

lle
liza

ï
Rim

Ca
er

16

///////////
orn
nta

æ f
me

a
lle C

os
da

lR

Corte Ca’ d’Oro


Ca
Fon

de

n ga
tae

del Tiozzi
lle

Dra
Ca
nS

mo
re
Sa

///////////
Tor

Ra
l
nie

///////////
la

pa
na

49 2 3
am
egi

Ca
de

del ú

æ na
lC
la R
R io

l
de
ian

Campo Campo Gr
lle

Santa Maria
ass

de la Pescaria
Ca
lle

/////////// an
Mater Domini Campo 13
nC
Ca

de
ri

o
æ

///////////
San Cassian
lB
ote

Campo
Sa

de

f Rialto Mercato
iB
ga

de le
Rio

lle
de
Lon

Becarie Rug ÿ
Ca
lle

þ a d þ 59 Campo
lle

29 Cesare Battisti
Ca

ei S
Ca

55 pe
37 zieri già bella Vienna

///////////
rie

ia S e l’Och ú

67
r

Campo
iale

18 4
ca

32
ú

þ San Giacometo
Be

36
d ú

æ
ni
van

48
le

Ru

æ þ 61 þ 65
de

Rio
ga
Gio

o
Ri
ú

Te Or
d

æ 20
Ve Calle

rà de
ei
an

le Ca es 15
ram 9Ca i æ

///////////
pan lle þ
cch

rn e Campiello 54
Be

ar Campiello
de

del Sol Ru
ga

Albrizzi Terà Sant’Ap 47


To
Ca
do

on io
sc

R
ú

io
lle

an

no
on

ava
a
de
Ri

al

del R
iC

l þ
o

û 50
Ca

na heta

///////////
de

inq
lle

po 58 u g æ
R
la

ue
de

t ’A 39 19 5
ú

Campo
lS

an
Madon

oS in
tur

Ri Sant’Aponal lV
e
ion

Campo ad Rialto “C”


64 Riv
eta

San Polo 6 þ f

///////////
Campiello Campo
Ca

æ
ú

dei Meloni de San


lle

þ 30
Do

Silvestro Cl
60
lera

0 Rialto arg
ú

æ (Riva del Carbon) aM


46 azz
f ini
Polo

///////////
Campo
on
Ri

rb San Salvador 6
o

f
Ca
Ca

el
de

San Silvestro d
lle

a
Riv
Be

vo
Sa
l’O
mb

de

///////////
SAN MARCO
o

C
Sa
Ca

Ca

lv
lle

lle

ad
Co

or
Ca

de
CG

l
lle

ne

Ca
rim

Ca
r
Ca

rb
Pis

lle
an

///////////
va

on
i

de
co
lli

Campo
p

iF

7
San Luca C
ia

ab
Cal

br
alle
le B

de
Gol

f Sant’Angelo
enz

Campo Campo Rio


doni

Manin
on

San Beneto
E F G H
Ca
lle
de
68

Sestieri di San Polo e Santa Croce


æ Da non perdere 36 All’Arco���������������������������������������������������� G4
1 I Frari������������������������������������������������������� B6 37 Cantina Do Mori������������������������������������� G4
2 Mercati di Rialto������������������������������������� G3 38 Da Lele�������������������������������fuori cartina A5
3 Scuola Grande di San Rocco����������������� A6 39 Dai Zemei�������������������������������������������������F5
40 Hostaria Vecio Biavarol�����fuori cartina A4
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

æ Che cosa vedere 41 La Rivetta���������������������������fuori cartina A4


4 Ca’ Pesaro������������������������������������������������E2 42 Osteria Alba Nova dalla Maria��������������� B2
5 Campo San Giacomo����������������������������� B3 43 Osteria La Zucca������������������������������������ C2
6 Campo San Polo������������������������������������� D5 44 Osteria Mocenigo����������������������������������� D2
7 Casa di Carlo Goldoni���������������������������� C7 45 Osteria Trefanti��������������������������������������� A3
8 Chiesa di San Giacomo dall’Orio����������� C3 46 Pasticceria Rizzardini����������������������������� E6
9 Chiesa di San Giovanni Elemosinario��� G4
47 Trattoria alla Madonna��������������������������� G5
10 Chiesa di San Polo���������������������������������� D6
48 Trattoria Antiche Carampane���������������� E4
11 Chiesa di San Rocco������������������������������ A6
49 Vecio Fritolin��������������������������������������������E3
12 Chiesa di San Stae����������������������������������E2
13 Fabbriche Nuove������������������������������������ G3 û Locali e vita notturna
14 Museo di Storia Naturale������������������������C1
15 Palazzo dei Camerlenghi����������������������� H4 50 Birraria La Corte������������������������������������� D5
16 Palazzo Mocenigo���������������������������������� D2 51 Caffè dei Frari (Toppo)��������������������������� C6
17 Piazzale Roma�������������������fuori cartina A3
ý Divertimenti
18 Ponte delle Tette������������������������������������� E4
19 Ponte di Rialto���������������������������������������� H5 52 Casa del Cinema������������������������������������ D2
20 Ruga Rialto���������������������������������������������� G4 53 Palazzetto Bru Zane������������������������������� B4
21 Scuola Grande di
San Giovanni Evangelista������������������ B5 þ Shopping
54 Attombri�������������������������������������������������� H4
Ø Attività, corsi e tour
55 Carte��������������������������������������������������������F4
22 Tragicomica�������������������������������������������� C7 56 Franco Furlanetto����������������������������������� B4
57 Gilberto Penzo���������������������������������������� C6
ÿ Pernottamento
58 Gmeiner���������������������������������������������������F5
23 Ca’ della Corte������������������� fuori cartina A7
59 Il Gufo Artigiano�������������������������������������� G4
24 Ca’ Nigra Lagoon Resort��� fuori cartina A1
60 Il Pavone di Paolo Pelosin���������������������� E6
25 Campiello Zen������������������������������������������B1
61 La Bottega dei Mascareri����������������������� G4
26 Domus Civica –
Casa per Ferie���������������fuori cartina A5 62 La Bottega
27 Hotel Al Ponte Mocenigo������������������������E2 dei Mascareri (succursale)���������������� B4
28 Oltre il Giardino��������������������������������������� C5 63 Mare di Carta���������������������fuori cartina A5
29 Pensione Guerrato��������������������������������� G4 64 Mille e Una Nota��������������������������������������F5
65 Piedàterre����������������������������������������������� H4
ú Pasti 66 Sartoria dei Dogi������������������������������������� D2
30 Acqua & Mais�������������������������������������������F5 67 Style Shoes��������������������������������������������� G4
31 Ai Nomboli���������������������������������������������� C6 68 Tessitura Luigi Bevilacqua����������������������B1
32 Al Merc������������������������������������������������� H4
33 Al Ponte del Megio��������������������������������� C2 ï Informazioni
34 Al Prosecco��������������������������������������������� C2 69 Associazione Amici dei Musei
35 Alaska������������������������������������������������������ A2 e Monumenti Veneziani��������������������� D2

chite con disegno geometrico e tre elementi ne della Chiesa di San Giacomo Apostolo, af-
principali. Il primo è la fontana al centro. Il fettuosamente detta San Giacometto, che pa-
secondo è il Gobbo di Rialto, una colonna- re sia coeva ai mercati (1097 circa), anche se
scultura datata 1541 e firmata Pietro Da Salò, fu consacrata nel 1177 in occasione di una vi-
dall’alto della quale venivano letti i proclami sita del papa Alessandro III. Si notino la me-
ufficiali e dove terminava la fustigazione dei ridiana sulla facciata, il bel campanile a ve-
condannati (che iniziava in Piazza San Mar- la e la scritta sull’abside esterna che richia-
co). Il terzo è il portico gotico a cinque colon- ma i mercanti all’onestà e alla lealtà. Non si
69

I NIZIOLETI PIÙ CURIOSI


I ‘lenzuolini’ (questo vuol dire, letteralmente, nizioleti), ovvero le targhe con le indica-
zioni toponomastiche di Venezia, sono tante e fantasiose: sottolineatele nella vostra
mappa, annotatele in un quadernetto e prima o poi vi serviranno a costruire percorsi
di senso tra echi di vicende lontane, personaggi illustri (non molti) e nomi di santi
(moltissimi), uomini e donne realmente vissuti o leggendari (malcontente, zitelle,

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


donne oneste…), comunità straniere presenti nella Repubblica (albanesi, armeni, greci,
turchi…), mestieri (fabbri, boteri, baratteri…), cognomi di famiglie nobili e tanti altri
indizi e suggestioni. Tra questi per esempio il Sotoportego della Scrimia, vicino a Calle
dei Boteri, a San Polo, racconta che nel 1700 qui c’era una famosa scuola di scherma,
aperta da un maestro d’armi che prima era stato accusato dalla Serenissima di avere
preso parte a qualche fattaccio di sangue e poi invece era stato perdonato. Sempre
a San Polo ci sono le Fondamenta de la Stua, ossia della stufa, termine con il quale
al tempo della Serenissima si indicavano gli ‘istituti di bellezza’, dotati di bagni turchi,
manicure e massaggi per le mercantesse d’amore, che però non mancavano di essere
anche luoghi di incontri clandestini. A Castello, invece, c’è la Calle de le Rasse, perché
qui venivano venduti i panni di lana provenienti da Rascia, l’attuale Serbia. Meno mor-
bida la suggestione esercitata dal Ponte dei Squartai (ai Tolentini, sul Rio del Gaffaro,
sempre a Castello), in cui venivano esposti i ‘quarti’ dei condannati per atroci delitti:
dopo avere subito l’amputazione delle mani e poi il taglio della testa nella ghigliottina
tra le due colonne di San Marco, il corpo del condannato veniva infatti smembrato dal
boia in quattro parti da esporre alla folla.

dimentichi, infine, che l’edificio scampò mi- me però lo spazio era poco, succedeva che al
racolosamente all’incendio del 1514 (v. lettura primo piano dei palazzi si costruissero ca-
p65), ragion per cui conserva ancora oggi ratteristiche sporgenze sorrette da barbaca-
il portico originario, con colonne in pietra e ni (ovvero travature emergenti in legno o in
architravi in legno. pietra). Ancora oggi è visibile il ‘barbacane
campione’, in pietra d’Istria; si trova in Calle
Fabbriche Nuove EDIFICIO STORICO
della Madonna e lo si riconosce dall’iscrizio-
(cartina p66; Campo della Pescaria; f Rialto-Mer-
ne ‘PER LA IVRIDICIOM DI BARBACANI’.
cato) F Sorta di ‘capannone’ ante litteram,
La Repubblica di Venezia, infatti, per moti-
questo complesso dall’aspetto monumentale
vi di sicurezza aveva fissato un limite massi-
fu progettato nel 1555 da Jacopo Sansovino
mo alla loro sporgenza.
per sostituire le Fabbriche Vecchie (realizza-
te tra il 1520 e il 1522 da Antonio Scarpagni-
Chiesa di San Giovanni
no), ovvero le botteghe in legno che si assie-
Elemosinario LUOGO DI CULTO
pavano lungo la riva del Canal Grande, al fi-
(cartina p66; %041 275 04 62; www.chorusvenezia.
ne di ospitare le magistrature che sovrinten-
org; Ruga Vecchia San Giovanni 479, San Polo; ingres-
devano ai commerci. Oggi ospita il tribuna-
so €3 o Chorus Pass; h10-17 lun-sab; fRialto-Mer-
le e la pretura, e lo potrete facilmente rico-
cato) Individuarla non è facile, inserita com’è
noscere dalle sue 25 arcate. Su un lato è na-
nella densa cortina edilizia di quest’area dal-
turalmente fiancheggiato dal Canal Grande,
la forte vocazione commerciale a cui deve il
sull’altro dal Campo Cesare Battisti, già Cam-
suo interno così riccamente decorato: in una
po della Cordaria, oggi occupato dalle ban-
location come questa, infatti, era inevitabile
carelle del mercato ortofrutticolo. Tale cam-
po, a sua volta, è collegato con il vasto spa- che la chiesa diventasse la sede di varie con-
zio dell’Erbaria (p65). fraternite di arti e mestieri che commissiona-
vano opere per i loro altari; tra queste la pa-
Ruga Rialto CALLE la d’altare San Giovanni Elemosinario di Ti-
(cartina p66; Ruga Rialto; f Rialto-Mercato) Uf- ziano, la decorazione della cupola Dio Padre
ficialmente chiamata Ruga Vecchia San Gio- in Gloria del Pordenone e, lungo la parete de-
vanni, ma meglio nota come Ruga Rialto, è stra, Il martirio di Santa Caterina d’Alessan­
una lunghissima calle con strette traverse dria e San Rocco risana gli appestati di Pal-
a pettine nei cui edifici originariamente si ma il Giovane. L’architettura di questa chie-
smistavano e depositavano le merci. Sicco- sa a croce greca si deve invece allo Scarpagni-
70
no, al quale fu affidata gran parte della rico- so teatro di feste popolari e di giochi. Oltre
struzione di questa zona di Rialto dopo l’in- alla chiesa omonima (v. p70), vi spiccano le
cendio del 1514 (v. lettura p65). Sopravvis- facciate di edifici diversamente datati: quel-
se al fuoco il campanile, dotato di un orologio le dei Palazzi Soranzo, che assommano ele-
che ancora oggi scandisce i ritmi dei bottegai. menti trecenteschi a forme del gotico fiori-
to, quella cinquecentesca del Palazzo Donà e
Ponte delle Tette PONTE
sul lato opposto, a ovest, l’imponente Palaz-
(cartina p66; San Polo; f San Silvestro) Nessuno ri-
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

zo Corner Mocenigo del Sanmicheli e l’edi-


corda più come si chiamasse in origine il Pon- ficio neo­classico con balaustra e statue ap-
te delle Tette, conosciuto con questo nome da partenuto all’ex tipografia Tasso (1840). Cer-
quando un’ordinanza stabilì che le prostitu- cate infine l’insegna a mosaico di una ex fab-
te operanti nel ‘quartiere a luci rosse’ vene- brica di birra al civico 2168.
ziano nei dintorni del ponte dovessero affac-
ciarsi a seno nudo alle finestre per esporre la Chiesa di San Polo LUOGO DI CULTO
loro merce, piuttosto che adescare i clienti in (cartina p66; %041 275 04 62; www.chorusvenezia.org;
strada calzando le caratteristiche zeppe alte. Campo San Polo 2118, San Polo; ingresso €3 o Cho-
Tra un cliente e l’altro le ragazze più ambi- rus Pass; h10-17 lun-sab; fSan Tomà) Vi ricorda-
ziose venivano incoraggiate a studiare: una te di quando da più giovani riempivate la va-
‘cortigiana onesta’, in grado di sostenere una sca da bagno di acqua calda e candeggina per
conversazione colta, poteva pretendere fino a immergervi T-shirt da poco prezzo e sbiadirle
60 volte la tariffa base di una modesta ‘cor- in modo da ottenere macchie di colore e stria-
tigiana di lume’ o una ‘carampana’ (v. lettu- ture bianche? Ecco, sembra che per produrre
ra p70). Le autorità ecclesiastiche e i dignita- le venature dell’abside qualcuno abbia fatto
ri francesi mostrarono ripetutamente il lo- lo stesso giochetto, in questa chiesa medieva-
ro sgomento di fronte al lassismo dei vene- le che con il suo soffitto in legno a carena di
ziani, ma l’autorità veneziana, lungi dal vo- nave è una delle più belle della città, nonché
ler proibire la prostituzione (per via degli in- una delle più sorprendenti, considerata la so-
troiti economici), si limitò a regolamentarla brietà dell’esterno in mattoncini di cui tutto si
con misure restrittive, quali il divieto di at- può dire tranne che sia appariscente. E a tal
tirare i clienti con travestimenti (il corrispet- proposito siete avvisati: inutile che cerchiate
tivo della moderna pubblicità ingannevole) la facciata, considerato che se ne sta piutto-
e di salire a bordo di imbarcazioni a due re- sto nascosta da un blocco di edifici che han-
mi; inoltre, in tutti i bordelli di Rialto furo- no trovato spazio fra la chiesa e il canale. C’è
no esposte tariffe fissate dallo stato (il sapo- poi da vedere la sacrestia, dove Giandomeni-
ne si pagava a parte; per le cortigiane d’alto co Tiepolo (figlio di Giambattista) ha mostrato
bordo erano previsti prezzi più alti pubbli- il lato oscuro dell’umanità (usando non a ca-
cati in un apposito catalogo). so colori meno confetto e più terrosi rispetto
Campo San Polo CAMPO
al padre) con un ciclo della Via Crucis in cui
(cartina p66; Campo San Polo; f San Tomà) È forse il Cristo conquista la scena con le vesti strap-
il campo più caratteristico? O il più fotoge- pate e sporche di sangue, mentre viene deriso
nico? O quello che si fa più fatica a dimenti- da spettatori eleganti in abiti barocchi (anche
care? Di fatto, vedendo questo campo è ine- se il riscatto arriva trionfale con la Resurrezio­
vitabile cadere nella tentazione di fare clas- ne di Cristo e la Gloria degli angeli che deco-
sifiche e confronti. Di certo è il più grande rano il soffitto). Avvicinatevi alla parete sini-
della città, ragion per cui in passato fu spes- stra della controfacciata per ammirare un’Ul­
tima cena del Tintoretto (1570).
SI DICE SUL POSTO Casa di Carlo Goldoni CASA MUSEO
(cartina p66; %041 275 93 25, 848 08 20 00; www.visit
CARAMPANE muve.it; San Polo 2794; interi/ridotti €5/3,50 o MU-
A Venezia le ‘carampane’ erano le me- VE Museum Pass; h10-17 apr-ott, 10-16 nov-marzo,
retrici un po’ avanti con gli anni, ormai gio-mar; fSan Tomà) Quando è ormai a Parigi
volgari e trasandate, che la Serenissima da 25 anni, all’inizio delle Memoires il gran-
alloggiava in Casa Rampani, da cui il de commediografo racconta di essere nato a
nome. A ricordarle oggi ci pensano il Venezia nel 1707 in una ‘grande e bella casa,
nome di una calle e una nota trattoria situata tra il Ponte dei Nomboli e quello del-
(p132). la Donna Onesta, all’angolo della Calle di Ca’
Centanni’. E adesso eccovi qui, in questa di-
71
mora quattrocentesca che possiede tutte le ca- tico di Giovanni Bellini, ubicata nella sacre-
ratteristiche di una scenografica architettura stia e realizzata all’interno di una cornice in-
gotica: un palazzetto con una facciata a trit- tagliata e dorata, e la lunetta con Madonna
tico con quadrifora affacciata sul canale, un con Bambino (1339) di un Paolo Veneziano
cortile interno con scala a due rampe dotata intento ad affrancarsi dalla pittura bizantina.
di parapetto e colonnine in pietra d’Istria, e La chiesa vanta poi l’eloquente scultura in le-
un pozzo circondato da un loggiato che si al- gno policromo San Giovanni Battista (1438)

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


larga in un’arcata nel sottoscala. Tra guerre e di Donatello, che introduce al neoclassicismo
sogni infranti, la casa è stata adibita a museo del monumento funebre a Tiziano progettato
goldoniano e centro di studi teatrali, e aperta dal Canova e a quello del marmoreo mauso-
al pubblico solo negli anni ’50; comprende un leo piramidale degli allievi di quest’ultimo,
museo, con una ricca raccolta di documen- in origine destinato a Tiziano ma dove inve-
ti e reperti (da non perdere la ‘bambocciata’, ce fu poi sepolto il cuore del grande sculto-
ossia il teatro delle marionette), immagini e re. I due monumenti, che se ne stanno uno
ritratti, e la Biblioteca di Studi Teatrali, che davanti all’altro celebrando due grandi mae-
custodisce più di 30.000 opere d’arte teatrale. stri, vi rapiranno con la loro monumentalità,
densità metafisica e simbologia del mistero
oI Frari LUOGO DI CULTO della morte. Infine, non trascurate la gran-
(cartina p66; % 041 275 04 62; www.chorusvenezia de maestria e l’abilità tecnica con la quale
.org, www.basilicadeifrari.it; Campo dei Frari, San Po- nel 1468 Marco e Francesco Cozzi realizza-
lo 3072; ingresso €3/1,50 o Chorus Pass; h 9-18 lun- rono il coro ligneo.
sab e 13-18 dom, ultimo ingresso 17.30; fSan Tomà)
Frari sono i frati minori francescani che inti- oScuola Grande di San Rocco SCUOLA
tolarono a Santa Maria Gloriosa questa ba- (cartina p66; % 041 523 48 64; www.scuolagrandesan
silica terminata nel 1428, altissima espres- rocco.it; Campo San Rocco 3054, San Polo; interi/ri-
sione del gotico veneziano – seppure priva dotti €10/8; h 9.30-17.30 tutti i giorni, Tesoro fino
di archi rampanti, pinnacoli, doccioni e al- alle 17.15; f San Tomà) Nata nel 1478, la Scuola
tri elementi tipici del gotico internazionale, di San Rocco, una confraternita di cittadini
ha comunque un soffitto a volta molto alto benestanti dediti a opere benefiche, ebbe la
e una pianta a croce latina con tre navate e sua sede originaria nella ‘Scoletta’, un picco-
un transetto. Tutta in mattoni, altissima, lu- lo edificio a ridosso delle absidi dei Frari, ma
minosa, imponente, è intrisa della spiritua- per motivi di spazio dovette trasferirsi nel-
lità evocata dalla figura di san Francesco. Ti- la sede attuale, la cui costruzione cominciò
ziano, che l’amava più di tutte le altre, rea- nel 1517. L’edificio passò per le mani di Bar-
lizzò per essa due grandi opere. Una è quel- tolomeo Bon, Sante Lombardo, Scarpagni-
la verso la quale il grande coro convoglia lo no e infine Giangiacomo dei Grigi, in un sus-
sguardo, ossia la pala dell’Assunta (1516-8) seguirsi di lavori che oggi rivela un’eviden-
dietro l’altare maggiore che si sviluppa in te discontinuità, pur nell’ambito di uno sti-
tre fasce sovrapposte: Eterno tra due angeli, le tutto sommato rinascimentale. La decora-
Vergine sulle nubi, Apostoli. L’opera è sfol- zione, invece, fu affidata per la maggior par-
gorante perché Maria è luce rivelata e nel- te al confratello Tintoretto, che ci lavorò per
la sua maternità divina annuncia la gloria 20 anni. A differenza delle altre scuole, non
dell’umanità; nel vortice dei puttini ci sono fu sciolta da Napoleone ma conservò la sua
alcuni angioletti musicanti, molto rari nella natura giuridica; non per questo, tuttavia, le
produzione dell’artista, mentre al centro la fu risparmiata la perdita di buona parte del
vivacità dell’abito rosso della Madonna con- suo patrimonio, oggi distribuito nelle due
trasta con il verde di quelli degli apostoli e sale (una al pianterreno e una al primo pia-
accentua la monumentalità della figura. La no) e nel grandioso scalone dello Scarpagni-
seconda opera è la rivoluzionaria Madonna no (1544-6) che le collega.
di Ca’ Pesaro (1526), che esalta le imprese del Nella straordinaria architettura della Sala
vescovo Jacopo Pesaro contro i turchi, ritra- Terrena al piano inferiore, da sempre utiliz-
endone i componenti della famiglia; tra que- zata per le funzioni religiose, potrete ammi-
sti, risalta in basso a destra un ragazzino che rare tele di grandi pittori veneziani; ma fra
guarda fuori dal quadro, portando lo spetta- tutti è il Tintoretto (1582-7) a farla da pro-
tore dentro la scena, in un gioco visivo mol- tagonista, con l’Annunciazione, la Fuga in
to moderno per l’epoca. Non mancano altre Egitto e una struggente Strage degli Inno­
grandiose opere pittoriche come la Madon­ centi che pare l’artista abbia realizzato subi-
na in trono con Bambino e santi (1488), trit- to dopo la perdita di un figlio. Si sale quindi
72

LE SCUOLE
Nell’antica Repubblica di Venezia le confraternite o associazioni di cittadini laici che si
dedicavano all’assistenza materiale e spirituale secondo i principi della carità cristiana
venivano dette ‘Scuole’. C’erano le minori, legate alle arti, che accoglievano artigiani e
commercianti dei ceti popolari e borghesi. E c’erano le Scuole Grandi, più ricche, alle
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

quali aderivano anche i patrizi, che si dedicavano appunto a scopi assistenziali. Pensate
che, complessivamente, nel XVI secolo se ne contavano circa 215, delle quali le Grandi
erano solo sette, tra cui quella di San Giovanni Evangelista (p72) e quella di San Marco
(p83). Il loro insieme costituiva comunque una sorta di piattaforma comunitaria (par-
tecipata da tutta la popolazione) in cui si svolgevano la vita religiosa, civile e sociale. Ogni
Scuola aveva un patrono, un patrimonio, uno statuto, un presidente, una sede con un
primo piano per le riunioni dei membri e una sala per custodire la mariegola (lo statuto),
e immancabilmente vari artisti al seguito che avevano il compito di renderla spettacolare.

al primo piano passando per lo scalone del- tivamente pacate, fra le quali San Rocco ri­
lo Scarpagnino e si raggiunge la Sala Supe- sana gli animali (1567).
riore, detta la ‘Cappella Sistina’ del Tintoret-
to; più accattivante, tuttavia, è forse il coro li- Scuola Grande
gneo (1753) di Giovanni Marchiori. Adiacente di San Giovanni Evangelista EDIFICIO STORICO
è la Sala dell’Albergo, per la quale Tiziano si (cartina p66; % 041 71 82 34; www.scuolasangio-
era offerto di dipingere una tela che non fu vanni.it; Campiello della Scuola, San Polo 2454; inte-
ri/ridotti Scuola €5/3, Scuola e Chiesa €8/5; h ora-
mai realizzata; solo nel 1564 si decise a rea-
ri variabili, consultare il sito; f Ferrovia, San Tomà)
lizzare un Ciclo della Passione, che fu conse-
gnato un anno dopo in concomitanza della Fu istituita nel 1261, ma assunse sempre
Festa di San Marco. All’ultimo piano è espo- maggiore prestigio in seguito alla donazio-
sto il Tesoro, al quale si accede tramite una ne (1369) di due frammenti della Vera Cro-
ce (oggi conservati in un superbo reliquiario
scala nascosta dietro una porta laterale del-
in argento dorato e cristallo di rocca). L’in-
la Sala Superiore; la ricca collezione di og-
terno è articolato in due vasti piani. Al pian-
getti preziosi spazia da pezzi iraniani del XIII
terreno si trova la Sala delle Colonne, che
secolo a servizi da tè in porcellana risalen-
conserva il suo aspetto medievale tra il por-
ti al 1720-7. Sempre al piano superiore, dopo
tale esterno di Pietro Lombardo (1478-81) e
aver varcato pesanti porte imbullonate, po-
il superbo Scalone a doppia rampa di Mau-
trete ammirare alcuni reliquiari e il gioiello
ro Codussi (1498), entrambi di matrice rina-
di San Rocco: un candelabro realizzato con
scimentale. Al primo piano c’è il Salone San
un ramo di corallo.
Giovanni (o Superiore), rinnovato a partire
dal 1729 da Giorgio Massari, che vanta due
Chiesa di San Rocco LUOGO DI CULTO
splendidi comparti angolari del soffitto affre-
(cartina p66; %041 523 48 64; Campo San Roc-
scati con Scene dell’Apocalisse di Giandome-
co, San Polo 3053; h9.30-17.30 tutti i giorni; fSan nico Tiepolo e Jacopo Marieschi; il vero gio-
Tomà) F Della chiesa originale costruita iello, tuttavia, è l’intarsio marmoreo e poli-
da Bartolomeo Bon tra il 1489 e il 1508 oggi cromo del pavimento. La Sala dell’Albergo,
rimane ben poco, ovvero la parte absidale, il deputata a luogo di riunione per gli orga-
portale fiancheggiato da statue di Giovanni ni di governo della Scuola, accoglie infine le
Marchiori e il rosone che un tempo decora- quattro imponenti tele dell’Apocalisse di Ja-
va la facciata e oggi si trova invece su una copo Palma il Giovane (1581-2), mentre l’O-
parete laterale, vicino al portone disegnato ratorio della Croce e la Sala degli Stucchi
dallo stesso Bon. Tutto il resto fu ricostruito conservano l’eleganza settecentesca del pro-
nel 1725 da Giovanni Scalfarotto e nel 1771 prio impianto. Oggi la Scuola è utilizzata co-
dotato di una nuova facciata, disegnata fra me sede di eventi, congressi, concerti, espo-
il 1765 e il 1769 da Bernardino Maccaruz- sizioni d’arte ecc.
zi. Presso lo splendido altare maggiore c’è
l’urna contenente le reliquie del santo, del- Piazzale Roma PIAZZALE
le quali la scuola era entrata in possesso nel (cartina p66; Piazzale Roma; f Piazzale Roma)
1485. All’interno si ammirano inoltre alcu- Non è propriamente a Venezia, perché risuo-
ne tele del Tintoretto dalle atmosfere rela- na dei rumori del traffico automobilistico e
73
ci sono il parcheggio multipiano del moder- cevano gli spezieri e i profumieri locali, co-
nista Garage Comunale di Eugenio Mingoz- me testimonia la sala 13, ovvero la prima del-
zi e le stazioni degli autobus per la provincia le cinque sale del Museo del Profumo, do-
e altre città; inoltre è un’area protoindustria- ve annuserete le spezie, guarderete un video,
le, che connette la città lagunare a Marghera scenderete nel bookshop e resterete sedotti a
e a Mestre tramite i 4 km del Ponte chiamato vita dalle fragranze dei profumi di ‘The Mer-
Littorio dal 1933 ma poi ribattezzato della Li- chant of Venice’, la linea ufficiale del museo.

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


bertà nel 1945. Qui inizia, e finisce, il tentati- V. anche lettura p73.
vo di Venezia di allacciarsi alla vita moderna.
Chiesa di San Giacomo
Palazzo Mocenigo MUSEO dall’Orio LUOGO DI CULTO
(cartina p66; % 041 72 17 98; http://mocenigo.visit (cartina p66; %041 275 04 62; www.chorusvenezia.org;
muve.it; Salizada di San Stae, Santa Croce 1992; in- Campo San Giacomo dall’Orio, Santa Croce 1547; in-
teri/ridotti €8/5,50 o MUVE Museum Pass; h 10-17 gresso €3 o Chorus Pass; h10-17 lun-sab; fRiva de
mar-dom apr-ott, fino alle 16 nov-marzo; f San Stae) Biasio) Si chiama San Giacomo perché pare che
Splendido palazzo che dimostra quanto anti- da qui passassero i pellegrini diretti a Santiago
co sia il principio etico del chilometro zero: de Compostela, e poi dall’Orio perché all’epo-
la tovaglia della sala 3 è in merletto di Bura- ca della nascita di quest’antica chiesa la zona
no, bicchieri e bottiglie ‘a uso di Boemia’ so- era un luprio (palude) o era infestata de lupio
no di fattura veneziana; i mobili ottocente- (dai lupi) – espressioni di cui ‘dall’orio’ sareb-
schi e dorati distribuiti intorno allo stemma be una storpiatura – oppure perché aveva da-
dei Mocenigo al centro del pavimento del- vanti un rio o un albero di alloro (lauro) o an-
la sala 4 sono veneziani; il lampadario del- cora era legata a una tal famiglia Orio. Erano
la sala 5 è firmato Giuseppe Briati (all’epoca i secoli IX e X, e da allora i rifacimenti (qua-
la più importante officina vetraria di Mura- le il soffitto a carena di nave) sono stati tan-
no); gli abiti della sala 6 sono stati confezio- ti. L’interno custodisce un’acquasantiera qua-
nati in città (annesso al museo c’è infatti un drilobata (arrivata a Venezia forse nel 1204),
Centro Studi di Storia del Tessuto e del Co- una colonna in marmo verde giunta proba-
stume); le coppe, le alzate e i piatti della sala bilmente da Bisanzio nel VI secolo, un pulpi-
7 sono di fattura locale. Solo una cosa fa ec- to cinquecentesco a calice (ubicato al termine
cezione: i vasi cinesi provenienti dal Tesoro della navata sinistra) e, sull’abside, una Ma­
della Scuola Grande di San Rocco (p71). Per- donna col Bambino e Santi (1564) di Lorenzo
sino i profumi qui sono veneziani: li produ- Lotto; lungo la navata destra c’è La moltipli­

UNA SUPREMAZIA RUBATA


L’essenza diffusa nell’aria delle sale di Palazzo Mocenigo (p73) proviene dal Museo
del Profumo, allestito dalla sala 13 fino all’uscita, dove si possono annusare noce mo-
scata, camomilla, benzoino, cardamomo, maggiorana, melissa, zenzero, calamo aro-
matico, anice stellato, canfora cinese, cannella, lavandula, mirto e si può scoprire in un
video la storia del profumo in città. Tutto cominciò nel XIII secolo, quando Marco Polo
portò a casa dal Kashmir le palline di muschio; dopodiché Venezia divenne importatrice
di bacche e profumi. Nel XV secolo più noti degli incensieri di Cipro erano gli spezieri
veneziani, i quali diluendo le spezie in acquavite posero le basi per gli attuali eau de
toilette e profumi. Nel XVI secolo erano attivi in città circa 60 saoneri (nell’omonima
calle), anche se poi sarà Marsiglia ad appropriarsi della paternità del sapone. Il XVI fu
il secolo della cosmetica: la pelle del viso doveva rimanere bianca, così come i seni, in
modo che i capezzoli vi spiccassero come due rubini, per cui oltre ai cappelli a tesa lar-
ga si ricorreva a distillati e creme a base delle erbe più svariate. Il XVII fu invece il secolo
più profumato della storia: le signore frequentavano abitualmente le botteghe degli
spezieri e dei profumieri e si facevano confezionare rosari e paste profumate. Natural-
mente Venezia precorse i tempi anche nelle contraffazioni, per cui non mancavano gli
imitatori di essenze e profumi: se le ricette erano segrete, per farsi pubblicità gli spezie-
ri le rendevano in qualche modo pubbliche mediante la diffusione di opuscoli. Nel 1709,
Giovanni Maria Farini ideò l’Acqua di Colonia dopo un soggiorno a Venezia; ma nel 1797,
con l’arrivo di Napoleone, la Francia si prese sia Venezia sia la supremazia del profumo.
74
cazione dei pani e dei pesci di Jacopo Palma tita come vuole la tradizione (con l’alto ba-
il Giovane e sotto, in una nicchia, una piccola samento rivestito a bugnato a punta di dia-
Madonna orante in marmo greco (XIII seco- mante e i due piani nobili con una fila inin-
lo); infine, la pala d’altare del Veronese nella terrotta di grandi finestre incorniciate da co-
Cappella di San Lorenzo spicca al fondo del- lonne) e a chiuderla c’è una cornice decorata
la navata sinistra. All’uscita godetevi il cam- a festoni floreali.
po omonimo, articolato su spazi che giocano
Museo di Storia Naturale MUSEO
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

un po’ con il campanile duecentesco in mat-


(cartina p66; % 041 275 02 06; http://msn.visitmuve
toni e un po’ con le absidi della chiesa stessa.
.it; Salizada del Fontego dei Turchi 1730, Santa Croce;
Ca’ Pesaro MUSEO
interi/ridotti €8/5,50 o MUVE Museum Pass; h 10-
(cartina p66; % 041 72 11 27; www.visitmuve.it; 18 mar-dom giu-ott, 9-17 mar-ven e 10-18 sab e dom
Fondamenta di Ca’ Pesaro, Santa Croce 2070; interi/ nov-mag; f San Stae) Qui si viene per due mo-
ridotti €10/7,50 o MUVE Museum Pass; h 10-18 mar- tivi: i dinosauri e la Laguna. Vi sono ospita-
dom apr-ott, fino alle 17 nov-marzo, chiusura bigliet-
ti infatti lo scheletro quasi integro di un Ou­
teria un’ora prima; f San Stae) Ascoltate i muti
ranosaurus nigeriensis e quello di uno Psit­
colloqui tra i gessi di Rodin, Medardo Rosso tacosaurus mongoliensis appartenente a un
esemplare giovane vissuto 120 milioni di an-
e Wildt; passate dalla pittura di macchia al
ni fa nel Deserto del Gobi – anche se a ruba-
luminismo scientifico e dal verismo alla Bel-
re la scena è l’allestimento che attraversa la
le Époque; aggiratevi tra simbolismi e seces-
storia dell’evoluzione con un itinerario scan-
sioni e misuratevi con gli arcaismi degli anni
dito da impronte fossili. Alla Laguna, inve-
’20 e ’30 e con l’astrazione segnica degli an-
ce, è dedicata la sezione di biologia marina.
ni ’50; dedicatevi quindi a Kandinskij, Siro-
La Wunderkammer (camera delle meravi-
ni, De Pisis, Moore passando per De Chirico.
glie) del XIX secolo comprende squali, pe-
Insomma, sono imperdibili le 10 sale di que-
sci velenosi e altri spaventosi animali mari-
sta Galleria Internazionale d’Arte Moderna
ni, mentre coralli e stelle marine ondeggia-
che è permanentemente qui dal 1902 e che
no dentro colonne di vetro in un ambiente
nel tempo si è arricchita di donazioni e ac-
che conduce a una sala dipinta di blu, dove
quisizioni pittoriche, scultoree e grafiche di
in bolle di vetro sono racchiusi altri esempla-
grande rilievo nel panorama sia italiano sia
ri delle profondità marine.
straniero, databili dalla fine del 1800 ai gior-
ni nostri. Al terzo piano c’è il Museo d’Arte Chiesa di San Stae LUOGO DI CULTO
Orientale, con gli oggetti d’arte acquistati dal (cartina p66; % 041 275 04 62; www.chorusvenezia
principe Enrico di Borbone durante un viag- .org; Campo San Stae 1981; ingresso €3 o Chorus
gio in Asia negli anni 1887-9. Il tutto in un im- Pass; h 10-17 lun-sab; f San Stae) Piaceva tan-
ponente palazzo barocco progettato nel 1600 tissimo a Turner (che l’aveva ritratta nei suoi
dal Longhena per la famiglia Pesaro e por- acquerelli) la grandiosa facciata della Chie-
tato a compimento da Antonio Gaspari nel sa di Sant’Eustachio (in veneziano San Stae),
1710. Ammiratene la facciata ricca di statue ricca di nicchie, statue e angeli, e scandita da
scivolando lungo il Canal Grande: è tripar- quattro grandi colonne montate su un basa-

L’ULTIMO TURCO DI VENEZIA


Oggi sede del Museo di Storia Naturale (p74), il duecentesco edificio del Fondaco
dei Turchi, che marmoreo e merlato si riflette sul Canal Grande con le sue fitte colonne,
strette fra due torrette laterali, era appartenuto originariamente ai duchi di Ferrara; poi,
all’inizio del Seicento, passò alla Repubblica, che lo ristrutturò e lo concesse ai turchi
ottomani affinché potessero disporre di uno spazio libero tutto per loro. Nel 1621 era
prontissimo e fu organizzato così: 24 magazzini, 52 camere (che potevano ospitare
ciascuna da tre a sei persone), una moschea. E regolato così: non vi potevano essere
introdotte armi né polvere da sparo, era vietato l’accesso a donne e bambini, gli orari di
apertura erano rigidi. Nel secolo della decadenza veneziana, tuttavia, il fondaco perse
la sua importanza e il numero dei mercanti musulmani diminuì. Quando nel 1838 An-
tonio Busetto lo acquistò, dentro vi abitava ormai un solo turco, Saddo Drisdi, peraltro
occupato a fronteggiare la causa di sfratto che gli era stata intentata. Alla fine, anche
questi mollò e decise di andarsene: era l’ultimo turco di Venezia.
75
mento marmoreo che sorreggono il timpa-
no. L’edificio, esistente fin dal XII secolo, fu ARRIVARE A CANNAREGIO
riprogettato nel XVII da Giovanni Grassi e ¨¨Vaporetto Oltre l’affollata fermata
portato a termine da Domenico Rossi grazie della Ferrovia, ci sono solo altre due
al lascito testamentario del doge Alvise Mo- fermate sul Canal Grande a Cannaregio:
cenigo (sepolto al centro della chiesa). L’in- San Marcuola (linee n. 1, 2 e N) e Ca’
terno si compone di un’unica navata rettan- d’Oro (linee n. 1 e N). Le linee n. 4.1, 4.2,

Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere


golare con soffitto a volta. Da non perdere il 5.1 e 5.2, in partenza dalla fermata Ferro-
San Giacomo condotto al martirio del Piaz- via, percorrono il Canale di Cannaregio e
zetta e il Martirio di San Bartolomeo (1721) il Canale delle Fondamenta Nuove. Dalla
di un giovane Giambattista Tiepolo. fermata Fondamenta Nuove partono i
vaporetti per le isole ubicate a nord, tra
cui San Michele, Murano, Burano, Le
1 Cannaregio Vignole e Sant’Erasmo.

Si chiama Cannaregio per via del canale de-


nominato Regio (oggi di Cannaregio), che, sui costi e l’agibilità che non hanno rispar-
quando non era ancora stato costruito il pon- miato il suo artefice, l’architetto valenciano
te ferroviario translagunare, collegava la cit- Santiago Calatrava. L’ultimo ponte a essere
tà a Mestre e alla terraferma; o forse per via stato costrui­to nella città lagunare ha gradini
delle canne palustri che crebbero rigogliose in vetro e struttura in acciaio e pietra d’Istria,
fino alla fine del 1500, quando l’area fu boni- e unisce Piazzale Roma alle Fondamenta di
ficata. In ogni caso, si tratta della zona nord- Santa Lucia; il suo nome ufficiale è Ponte del-
occidentale della città compresa tra il Canal la Costituzione. Occhio se lo attraversate sot-
Grande e la Laguna. Il sestiere è per certi to la pioggia, perché il sacro è un osso che se
versi ‘poco veneziano’, perché non appena si si frattura dà problemi per una vita intera.
procede da Rialto verso nord vi si incontra
una lunga trama di lunghe fondamenta pa- Chiesa dei Carmelitani
rallele tra loro, ma per altri è uno dei luoghi Scalzi LUOGO DI CULTO

più autentici di Venezia, dove si combinano (% 041 822 40 06; Fondamenta degli Scalzi, Canna-
quiete, languide barchette e silenzi laguna- regio 54; h 7.30-11.50 e 16-19 tutti i giorni; f Ferro-
ri rarefatti, dove si nascondono orti e giar- via) F Secondo lo scrittore Tiziano Scar-
dini e si mostrano invece incantevoli campi pa, a Venezia ci sono architetture talmen-
che preludono a chiese ricche di tesori d’arte, te belle che lasciano trapelare la loro bel-
come Sant’Alvise, la Madonna dell’Orto e la lezza anche quando sono coperte perché in
Chiesa della Misericordia o i Gesuiti, e dove restauro. Ora, in questo caso non è poi così
non manca l’animazione di bar e locali. Epi- vero. Perché una cosa è la copertura che da
sodio a sé, in senso non solo urbanistico, è il troppo tempo la nasconde (in attesa di un
Ghetto, dove nel 1516 si andò costituendo il finanziamento che ne renda possibile il re-
quartiere degli ebrei di Venezia: un’area che stauro), altra cosa è la bellezza della facciata
non mancherà di affascinarvi con le sue si- nuda (che aveva incantato Maupassant più
nagoghe, il museo, il panificio, il ristorante di ogni altro monumento della città), gran-
kasher e un albergo, e che soprattutto non diosa, indescrivibile, imponente. Trattasi di
mancherà di toccare la vostra sensibilità. Al magnificenza barocca; di una magnificenza
momento della stesura della guida il Ghetto però molto delicata, perché si sporca subito,
si stava preparando al suo cinquecentesimo essendo in marmo di Carrara a un grado di
compleanno con una serie di iniziative volte purezza del 98%. Ciò detto, lì nascosta die-
a stimolare l’integrazione di genti e culture, tro il telone, sappiate che è articolata in quat-
con il restauro del Museo Ebraico e delle Si- tro parti: un ampio basamento in cui si apre
nagoghe con l’organizzazione di vari appun- un portale di bronzo, 12 colonne con capitel-
tamenti sociali e religiosi. li corinzi e quattro nicchie con statue di san-
ti; altre colonne, altre nicchie e altre sculture
Ponte di Calatrava PONTE più su, oltre la trabeazione. L’interno a na-
(cartina p76; Piazzale Roma; f Piazzale Roma) Quel- vata unica, con le sue decorazioni dorate e i
lo che in principio è stato salutato come un marmi variegati, non è troppo dissimile da
avveniristico e sinuoso nuovo ponte sul Ca- quello della Chiesa dei Gesuiti (v. p80), ma
nal Grande è diventato fin da subito bersa- è ancora più ricco. Il nome ufficiale di questa
glio di una miriade di (fondate) polemiche chiesa è Santa Maria di Nazareth, ma è detta
///////////
76

///////////

666 6
Sestiere di Cannaregio
A B C D
Fon
Fond de la Secca San Girolamo C de d dei

///////////
V Rifo Campo di
For a ecia rma Sant’Alvise

ll a
n ti

as
orner
æ2

irolamo

ca
1 Fond

//
Mo

adis
ro o

De F
u C
era
Fon oletti

C Gr
C San G
al

///////////
le F

dam
C l e
Venezia e la sua provincia C he c o sa vedere

Fon 34
map:cannaregio_2C-06.pdf enta d
Cal

San ame
Fon
d G irola ntaú
25 ame m de la
666
66 666
666
nta

666
666
o Sen

//
ú del B Fond sa
ú 29 ú 26 at tello Orm
on esin 21 R io
i

///////////
F

o
d 17 32 ú ÿ Ri dell

l Forn
Sa o di ú aS
n ÿ 4 San
ri a Gi Fon æ æ 19 Giro
Cere

C de