Sei sulla pagina 1di 20

29/04/2016

SISTEMI DI PRODUZIONE

Dario Antonelli – Lezione A2

Introduzione alla lezione

 Collocare la produzione nel ciclo di vita del


prodotto
 Collocare la produzione nel contesto industriale
moderno
 Adeguare la produzione alla domanda del cliente
 Come si gestisce il processo produttivo in una
azienda moderna?

1
29/04/2016

Moduli del corso

A: I materiali

B: Formatura

C: Deformazione

D: Taglio e Controllo Numerico

E: Altri Processi

Lezioni del Modulo A

Introduzione al corso

Tecnologia di produzione

I materiali

La misura della durezza

Le prove meccaniche distruttive

Prove non distruttive

La meccanica dei materiali

2
29/04/2016

Concetti generali

Prodotto vs. componenti

3
29/04/2016

Il processo produttivo
7

 Il processo produttivo industriale è l’insieme delle


attività tecnologiche e organizzative necessarie per
trasformare materiali in prodotti o beni economici

Il processo produttivo
8

 Il processo produttivo industriale è l’insieme delle


attività tecnologiche e organizzative necessarie per
trasformare materiali in prodotti o beni economici

4
29/04/2016

Il ciclo di produzione
9

Vincoli ambientali,
economici, di qualità

Sistema
Materie prime Prodotto finito
produttivo

Risorse umane,
materiali e attrezzature
(fattori di produzione)

Order fullfillment
10

Engineer to • the product is designed and built to customer specifications: large


order construction projects and one-off products

• the product is based on a standard design, but component production


Make to order and manufacture of the final product is linked to the order placed by
the final customer's specifications

• the product is built against a sales forecast, and sold to the customer
Make to stock from finished goods stock; this approach is common in the grocery
and retail sectors

• products are digital assets and inventory is maintained with a single


Digital copy digital master. Copies are created on-demand, downloaded and
saved on customers' storage devices

5
29/04/2016

Production methods
11

Job • items are made individually and each item is


finished before the next one is started. Designer
production dresses are made using the job production method.

Batch • where groups of items are made together. Each


batch is finished before starting the next block of
production goods.

• production of large amounts of standardized products,


Mass making many copies of products, very quickly, using
assembly line to send partially complete products to
production workers who each work on an individual step, rather than
on a whole product from start to finish.

Varietà di prodotto P e quantità Q


12

Diagramma P-Q

6
29/04/2016

Orientamento al prodotto/processo
13

JOB SHOP

I materiali
14

7
29/04/2016

Produzione ed innovazione

Produzione ed innovazione
16

 La produzione è la funzione caratterizzante


l’azienda
 Lo sviluppo di un’azienda non può prescindere da
un’innovazione continua di prodotto o di processo
 L’innovazione di processo è condizionata da fattori
economici, ambientali, sociali e tecnologici

8
29/04/2016

La globalizzazione
17

 Fino agli anni ’70 la produzione era di massa, il


mercato insaturo e monopolistico

 In seguito la globalizzazione ha portato:


 qualità

 diversificazionedel prodotto
 riduzione dei tempi di immissione nel mercato

 riduzione del tempo di vita dei prodotti

Cambiamenti nel mercato


18

 Generalizzato calo della domanda

 Accresciuto livello di competitività

 Comparsa di nuovi competitori

9
29/04/2016

La risposta delle aziende


19

 Ridefinizione delle strategie di competizione e


produzione

 Applicazione di concetti innovativi nella


progettazione e nella produzione

 Flessibilità
 adattarsi
il più velocemente possibile a variazioni della
domanda e delle caratteristiche dei prodotti

Fattori competitivi
20

Qualità Servizio

Innovazione Costi

10
29/04/2016

Fattori competitivi
21

Un'azienda nella media non riesce a


sopravvivere

Un'azienda leader in un fattore, ma nella


media negli altri tre può sopravvivere, ma non
riesce a rimanere leader

L'azienda leader e di successo eccelle in più di


un fattore ed è superiore alla media nei
rimanenti

Filosofia giapponese
22
(Toyota Production System)

Coinvolgimento di tutti gli addetti


negli obiettivi dell’impresa

Miglioramento continuo e graduale

No mutamenti traumatici

Ricerca della semplicità: scomposizione di


problemi complessi in sottoproblemi che
ammettono soluzioni parziali.

11
29/04/2016

Confronto filosofie di produzione


23

OCCIDENTALE GIAPPONESE
• La qualità costa • La qualità è gratuita
• I manager sono gli esperti • I lavoratori sono gli esperti
• Gli errori sono inevitabili e • Gli errori sono esperienza e
devono essere eliminati devono essere analizzati
• La costituzione delle scorte è • Le scorte nascondono i
utile per evitare interruzioni problemi di produzione
• Bisogna produrre per lotti • Il lotto deve tendere a
grandi dimensioni unitarie
• Le code sono necessarie per • Produzione “just in time”
assicurare il pieno utilizzo senza code
delle macchine

Confronto filosofie di produzione


24

OCCIDENTALE GIAPPONESE
• L’automazione riduce il costo • L’automazione migliora la
del lavoro qualità
• Spingere i materiali attraverso • Tirare i materiali attraverso
la fabbrica – push la fabbrica: pull
• I quadri intermedi sono • Se il lavoro non aggiunge
necessari valore = spreco
• Lavoro flessibile • Il lavoro è un costo fisso
• Mettere in concorrenza tra loro • Contratti con un solo fornitore
i fornitori
• I solleciti sono un male
• I solleciti come stile di vita
• Bisogna “sporcarsi le mani” • Budda ama la pulizia

12
29/04/2016

Ciclo di vita del prodotto

Ciclo di vita del prodotto


26

Production Attività
Planning di processo
Process Controllo
Planning della
produzione

Studi PLM
di fattibilità Distribuzione
del prodotto
Assistenza
Avanprogetto clienti
Riciclaggio
Commessa dei materiali
del cliente

13
29/04/2016

Automazione

L’automazione
28

Integra diverse operazioni produttive per


migliorare qualità e uniformità della produzione

Agevola il controllo e la programmazione della


produzione

Riduce la possibilità di errori umani

Riduce l’eventualità di infortuni agli esseri umani

14
29/04/2016

L’automazione
29

Rigida
• adatta per grandi volumi di produzione
• macchine a trasferta (unità produttive e sistemi di
trasferimento)
• elevati investimenti negli impianti

Flessibile (programmabile)
• é possibile modificare il programma delle macchine in
modo da eseguire prodotti diversi
• é usata anche per produrre geometrie complesse

Il C.I.M.
30

 Computer Integrated Manufacturing

 È l’obiettivo finale per completare il processo di


automazione della fabbrica

 Integrazione tramite computer di tutti gli aspetti


connessi alla produzione

15
29/04/2016

Il C.I.M.
31

 I vantaggi del C.I.M. sono:

 gestione prodotti a breve ciclo di vita

 adattabilità a variazioni nella domanda

 migliore qualità del prodotto

 ottimizzazione
dell’impiego del materiale e della
manodopera con riduzione del costo di produzione

Elementi base per il C.I.M.


32

 Sistemi di progettazione assistiti CAD.

 Ciclo di fabbricazione assistito CAPP. Enterprise resource


planning

 Sistemi di lavorazione flessibili FMS.

 Sistemi automatici di misura CAIP.

 Sistema informativo che integra tutti i processi di


business: produzione, magazzino, ordini, acquisti ERP.

16
29/04/2016

Concurrent engineering

Il concurrent engineering
34

Progettazione del prodotto e del processo


produttivo devono viaggiare in parallelo

In ogni fase di sviluppo del progetto viene


tenuto in conto l’intero ciclo di vita del
prodotto (producibilità, assemblabilità,
affidabilità, costi, aspettative dell'utente)

Priorità strategica: la riduzione del “time to


market“, migliorando la qualità percepita dal
cliente con costi contenuti

17
29/04/2016

Fondamenti di C.E.
35

Organizzazione efficiente del lavoro


in team

Uso di procedure operative

Uso di strumenti e tecniche corretti e


integrabili

Architetture di sistema appropriate

Conoscenze multidisciplinari per


Project Management e TQM

Feedback nella progettazione del


36
prodotto
Progetto
preliminare

Progetto esecutivo

Validazione progetto

Ingegnerizzazione

18
29/04/2016

Costo modifiche al progetto


37

Costo modifiche

Ingegnerizzazione
Progetto
esecutivo

Avanzamento
progetto
Progetto Validazione
preliminare progetto

Approcci a confronto
38

19
29/04/2016

Riepilogo

Tipologie di produzione

Fattori competitivi

Automazione rigida e flessibile

Concurrent Engineering

Risposte alle domande degli studenti

20

Potrebbero piacerti anche