Sei sulla pagina 1di 36

Il manuale dello spessoramento

vetri Membro del


Gruppo Roto

Fondamenti per uno spessoramento vetri


a regola d´arte

Il manuale dello spessoramento vetri


Esclusione di responsabilità Colophon
Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di Copyright: Gennaio 2011,
questo documento può essere ripro- Roto Gluske-BKV GmbH
dotta Hatzfelder Straße 161–163
(stampa, fotocopia o qualsiasi altro me- 42281 Wuppertal, Germania
todo) o elaborata o distribuita con si- Telefono: +49 202 270 57-0
stemi elettronici senza previa autorizza- Telefax: +49 202 270 57-255
zione scritta di Roto Gluske-BKV e-mail: info@gluske-bkv.de
GmbH. Internet: www.gluske-bkv.de

. Gennaio 2011. 
2  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Contenuto

Una cosa di secondaria importanza? ................ 4

A cosa servono gli spessori................................ 5

Le diverse funzioni degli spessori....................... 6

Tipologie di spessori per soluzioni standard....... 8

Tipologie di spessori per soluzioni speciali......... 9

Esecuzione della procedura di spessoramento.12

La stabilità degli spessori................................. 14

Dimensionamento e posizione degli spessori... 15

Proprietà degli spessori.................................... 16

Consigli di spessoramento per vetri piani......... 18

Sollecitazione meccanica dello spessore ......... 20

Sistemi di finestre incollati............................... 21

Consigli di spessoramento per casi particolari.22

Consigli per lo spessoramento sui punti di chiu-


sura................................................................... 24

Vetrate inclinate / Vetrate orizzontali................. 26

Spessoramento di finestre all'inglese............... 27

Riempimenti per battuta................................... 28

Altri parametri tecnici ...................................... 29

Informazioni generali........................................ 30

Bibliografia........................................................ 31

Gamma Roto Gluske-BKV GmbH...................... 32

Salvo modifiche. Il manuale dello spessoramento vetri VB 286-0 I  . Gennaio 2011.  3


Lo spessoramento dei vetro non è una cosa di secondaria im-
portanza

Lo spessoramento è un fattore piccolo ultimi anni. L'elevato numero di sinistri


ma molto importante nel montaggio è una chiara dimostrazione che lo
del vetro a regola d'arte. Esso garanti- spessoramento dei vetri non è più cosa
sce non solo il funzionamento della fi- di poco conto.
nestra, ma anche l'alloggiamento sicu-
ro, impeccabile e privo di forza di Con questa edizione del nostro manuale
compressione del vetro per tutta la du- per lo spessoramento vetri vogliamo
rata utile del sistema. La larghezza, la fornire agli interessati una sintesi dei
lunghezza, la stabilità, la resistenza e la potenziali problemi, delle soluzioni pos-
durezza dei materiali, come anche la sibili, delle direttive e degli sviluppi at-
disposizione degli spessori, sono tutti tuali nell'ambito delle tecnologie di ve-
fattori che contribuiscono in maniera traggio.
elevata al buon funzionamento della fi-
nestra. Lo spessore è un importante
elemento di giunzione tra il telaio e il Roto Gluske-BKV GmbH,
bordo del vetro e svolge funzioni decisi- Gennaio 2011
ve per garantire un funzionamento du-
raturo. Ecco le funzioni più importanti
degli spessori:

ƒƒconsentono l'aerazione della zona


battuta e l'appianamento della pres-
sione del vapore;
ƒƒproteggono il bordo del vetro e il
bordo composito;
ƒƒgarantiscono il funzionamento im-
peccabile dell'elemento.

Oggi non bastano più spessori di un


solo materiale, una sola altezza e una
sola larghezza. Diverse strutture del te-
laio e diversi alloggiamenti per vetri
esigono particolari soluzioni di spesso-
ramento individuali.

Anche nelle norme questo argomento


è stato trattato più intensamente negli

. Gennaio 2011. 
4  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
A cosa servono gli spessori

Le funzioni degli spessori devono esse-


re valutate quando questi sono monta- ƒƒGli spessori garantiscono che i bordi
ti. Devono essere osservati i seguenti del vetro non vengano mai a contat-
punti in modo tale che nell'effettuare lo to con il telaio, onde evitare danni.
spessoramento non venga esercitato Essi mantengono il telaio e l'anta
un carico eccessivo sul bordo del vetro nella posizione corretta garantendo-
e sul bordo composito del vetro termi- ne un funzionamento impeccabile.
co:
ƒƒA seconda del tipo di apertura
dell'anta gli spessori distanziatori
svolgono anche una funzione por-
tante e garantiscono un montaggio
privo di forza di compressione.

ƒƒGli spessori distribuiscono il peso


del vetro nel telaio creando una sor-
ta di equilibrio.

ƒƒLa struttura deve essere dimensiona-


ta in modo stabile, tale che il peso
delle unità vetro possa essere sorret-
to senza problemi.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri VB 286-0 I  5
Le diverse funzioni degli spessori

Gli spessori devono svolgere diverse funzioni. È


pertanto importante fornire in questa sede alcu-
ne definizioni concernenti gli spessori e le loro
funzioni.

ƒƒSpessori portanti
Distribuiscono il peso dell'unità vetro sul telaio.

ƒƒSpessori distanziatori
Assicurano la distanza tra il bordo del vetro e il
fondo della battuta e garantiscono un montaggio
del vetro senza forzature. Quando la funzione
dell'anta cambia essi assumono in alcuni casi an-
che la funzione di spessori portanti.

ƒƒSpessori a ponte
Impediscono una flessione eccessiva dei profili
dell'anta in caso di applicazione meccanica del ca-
rico (come ad es. in caso di strutture antieffrazio-
ne).

ƒƒRiempimenti per battuta


Servono a compensare il profilo (a seconda del si-
stema) e garantiscono un appoggio piano. I riempi-
menti per battuta costituiscono la base per l'appli-
cazione di spessori il cui materiale sia stato
verificato. Essi non sono un'alternativa allo spesso-
re per vetri. I riempimenti per battuta favoriscono
l'aerazione della zona battuta.

. Gennaio 2011. 
6  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 
Il manuale dello spessoramento vetri VB 286-0 I  7
Tipologie di spessori per soluzioni standard

GLUSKE GL-SV
ƒƒPer tutti i vetri standard
ƒƒCompatibilità del materiale secondo
la direttiva TR3
ƒƒResistente all'invecchiamento
ƒƒTermostabile

GLUSKE GL-B
ƒƒLo spessore con due membrane fre-
nanti per il fissaggio
ƒƒAlta resistenza alla pressione conti-
nua e al peso grazie al sistema di
bordi verticali asimmetrici
ƒƒCompatibilità del materiale secondo
la direttiva TR3
ƒƒResistente all'invecchiamento
ƒƒTermostabile

GLUSKE GL-IB
ƒƒPer tripli vetri
ƒƒMontaggio a regola d'arte di vetri
con spessore massimo di 60 mm
ƒƒDistribuzione sicura del carico grazie
alla speciale guida del canale di ae-
razione
ƒƒLa compensazione necessaria della
pressione del vapore nella zona della
battuta non viene compromessa dal-
lo spessore per vetri
ƒƒCompatibilità del materiale secondo
la direttiva TR3
ƒƒResistente all'invecchiamento
ƒƒTermostabile

. Gennaio 2011. 
8  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Tipologie di spessori per soluzioni speciali

GLUSKE GL-UK
ƒƒAppoggio elastico
ƒƒAlta resistenza alla pressione conti-
nua e al peso grazie al sistema di
bordi verticali asimmetrici
ƒƒResistente all'invecchiamento
ƒƒCompatibilità del materiale secondo
la direttiva TR3
ƒƒTermostabile
ƒƒAmpia lunghezza dello spessore
(120 mm)
ƒƒPer una resistenza migliore del cari-
co a partire da una larghezza di 80
mm
GLUSKE GL-UKS
con riempimento in acciaio
ƒƒResistente all'invecchiamento
ƒƒCompatibilità del materiale secondo
la direttiva TR3
ƒƒTermostabile
ƒƒApplicabile nel caso di strutture infe-
riori sfalsate
ƒƒStabilità elevata

Gli spessori in acciaio inox sono spessori portanti che servono a trasmettere il
peso dell'unità vetro sulla struttura del telaio. Una volta applicati gli spessori, oc-
corre sigillare immediatamente le fughe aperte!
L'uso conforme alle rispettive condizioni d'uso delle singole tipologie di spessore
e, in particolar modo, la compatibilità dei materiali devono essere verificati e sta-
biliti nei singoli casi dall'esperto qualificato. Rimandiamo alle direttive tecniche
del settore dell'artigianato del vetro, parte 3.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri VB 286-0 I  9
Comportamento degli spessori per vetri
alla deformazione per compressione

I risultati:

GL-SV Procedura:

per accertare il comportamento alla deformazione


per compressione, gli spessori per vetri sono stati
sottoposti a un carico verticale rispetto alla
Carico di rottura: superficie fino ai valori limite definiti.
- 20o C 2039 kg I valori limite stabiliti erano 5 N/mm2 (≈ 306 kg),
+ 23o C 1223 kg 15 N/mm2 (≈ 917 kg) o deformazione plastica.
+ 80o C 336 kg Come “carico di rottura” è stata stabilita la forza al
momento della transizione dalla deformazione
elastica a quella plastica.

GL-B

Verifica:

le verifiche sono state effettuate alle seguenti


temperature (+23 °C, +80 °C e -20 °C), con
Carico di rottura: velocità di taglio uniformi di 1 mm/min.
- 20o C 2039 kg
+ 23o C 1376 kg
+ 80o C 398 kg

GL-IB
Apparato sperimentale:

gli spessori per vetri sono stati collocati su un


supporto in acciaio piano e sopra di essi è stato
successivamente appoggiato un profilo in acciaio
Carico di rottura:
largo 6 mm per tutta la lunghezza dello spessore
- 20o C 2039 kg
+ 23o C 1223 kg di 100 mm.
+ 80o C 377 kg

. Gennaio 2011. 
10  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
I risultati:

Sintesi:
nelle suddette prove gli spessori per vetri illustrati raggiungono i
seguenti risultati.
GL-UK
Per gli “spessori per vetri sufficientemente resistenti alla
compressione” la TR 3, “Spessoramento di unità vetro”,
capitolo 4.2, stabilisce una compressione consentita delle
superfici di almeno 5 N/mm2 (≈ 306 kg). Nelle prove eseguite,
con il carico stabilito appoggiato sullo spessore per vetri, non
sono state osservate deformazioni permanenti.
Carico di rottura:
- 20o C 1325 kg
+ 23o C 917 kg
+ 80o C 306 kg
Sono disponibili i verbali di prova n° 50938119/1-5
dell'“ift-Rosenheim”.

GL-UKS*

* Dato che il GL-UKS, in virtù della sua struttura, non ha riportato


deformazioni plastiche, è stata stabilita una deformazione
massima di 2 mm.

Carico di rottura:
- 20o C 1806 kg
+ 23o C 890 kg
+ 80o C 902 kg

Salvo modifiche. Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  . Gennaio 2011.  11


Esecuzione della procedura di spessoramento

Scelta del materiale: La lunghezza ammonta generalmente a


La compatibilità dei diversi materiali 100 (80) mm.
deve essere garantita (evitare la migra-
zione). Se necessari, devono essere Condizioni fondamentali:
presenti canali d'aerazione. Garantire la il fondo della battuta deve essere adat-
resistenza alla pressione con una com- to. In caso di sistemi di profili utilizzare
pressione delle superfici di almeno 5 N/ un apposito riempimento per la battuta.
mm². L'intero sistema deve garantire una
compensazione della pressione del va-
Dimensionamento: pore. Le aperture di aerazione e di sco-
La larghezza degli spessori è almeno lo devono poter funzionare. I bordi del
pari allo spessore dell'unità vetro + vetro non devono toccare il telaio.
2 mm. Nel caso in cui vengano applica-
te guarnizioni per vetri deve essere cal- Spessoramento:
colata anche la distanza che intercorre Distribuire il peso in modo tale che la
tra il telaio e il vetro (spessoramento struttura sostenga il vetro. Attraverso
fino all'estremità della battuta). Lo l'uso di spessori deviare le forze forma-
spessore è di circa 1/3 dell'altezza della tesi sulla ferramenta e, poi, attraverso la
battuta del vetro e non dovrebbe esse- struttura portante nel muro. Praticabilità
re inferiore a 5 mm. garantita priva di ostacoli. La posizione
(Evitare l'aderenza di gocce d'acqua.) degli spessori deve essere garantita da
un fissaggio adeguato (applicando il
tipo giusto di spessore o un materiale
che non permetta migrazione). Devono
essere osservate le disposizioni della
Esempio di montaggio direttiva TR3 e di tutti i produttori.

Angolo spessorato di una finestra AR.

. Gennaio 2011. 
12  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Spessoramento fino all'estremità
della battuta
Questo tipo di spessoramento impedi-
sce che gli spessori scivolino nella pro-
fondità della battuta. In tal modo viene
garantito l'uso dell'intera superficie
d'appoggio dello spessore.

Spessore fino all'estremità della


battuta

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  13
La stabilità degli spessori

La resistenza al peso non dipende solo Adeguare e compensare lo sfalsamen-


dal materiale e dalla lunghezza degli to del bordo del vetro scegliendo la du-
spessori, ma anche dalla struttura dello rezza dello spessore adeguata.
spessore stesso. Non così:

Negli esempi sotto raffigurati è stata


calcolata l'esatta superficie portante.
Più diminuisce la superficie portante e
più aumenta il peso che grava sul bor-
do del vetro. In casi di eccessivo carico
dei bordi, ad es. nel caso di bordi non
paralleli o di bordi del vetro non perfet- Sfalsamento dei bordi Bordo del vetro non
tamente perpendicolari, il rischio di rot- del vetro perpendicolare

tura del vetro aumenta.

GLUSKE GL-UK:
Soluzione per vetri con sfalsamento del bordo
del vetro

Esempi comparativi per le strutture degli spessori di lunghezza pari a


100 mm:
GLUSKE GL-B
Superficie portante: 466 mm²

Appoggio
vetro

Altre strutture
Superficie portante: 153,6 mm² Superficie portante: 196 mm²

. Gennaio 2011. 
14  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Dimensionamento e posizione degli spessori

La posizione degli spessori dipende dalla funzione e dal tipo di apertura della fi-
nestra (v. a tal proposito pagg. 18/19). In genere, la distanza tra lo spessore e
l’angolo dell'unità vetro dovrebbe essere pari a circa la lunghezza di spessore. In
caso di strutture particolari dei telai (elementi larghi, fissi come ad es. vetrine), gli
spessori portanti devono poggiare sui punti di fissaggio del telaio. Lo spessore
può essere pertanto collocato al massimo a 250 mm di distanza dall'angolo. L'al-
tezza degli spessori dipende dalla distanza dal vetro. L'altezza minima dovrebbe
essere in genere di 5 mm. In caso di vetri piccoli, con una lunghezza fino a circa
500 mm, possono essere utilizzati, eccezionalmente, anche spessori da 3 mm. La
larghezza degli spessori viene scelta in base allo spessore dell'unità vetro.

Gli spessori dovrebbero essere circa 2 mm più larghi del vetro (v. disegno A). I ca-
nali di aerazione verso l'esterno non devono essere coperti dagli spessori. Per ve-
tri o vetrate particolari devono essere osservate le direttive disposte dal produtto-
re. Per lo spessoramento di vetri dotati di sistema d'allarme occorre fare
attenzione che i cavi e i collegamenti cablati non rimangano incastrati o non ven-
gano danneggiati. La lunghezza dello spessore dovrebbe ammontare general-
mente a 100 mm onde ridurre il carico su un particolare punto e quindi ridurre il
rischio di rottura del vetro termico. La nostra lunga esperienza c'insegna che gli
spessori da 100 mm sono la misura ideale per diverse tipologie di finestre e per
diversi tipi di apertura delle finestre, che in tal modo non vengono sottoposte a
un carico eccessivo.
( ) Osservazione:
*
In casi eccezionali, la distanza
può essere ridotta fino a circa
20 mm, sempre che le circo-
stanze di montaggio lo con-
A
sentano.

D is A La larghezza dello spessore


ta
= lu nz a d e dovrebbe essere maggiore
ngh ll o s
ez z
a d pesso
e ll o
spe
re  dello spessore dell'unità ve-
sso
re* tro.

Esempio di spessoramento a regola d'arte


con altezza spessori di 5 mm e lunghezza di
100 mm, rispettando il giusto posizionamento e
le distanze corrette.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  15
Proprietà degli spessori

Proprietà degli spessori


Nel caso di montaggio vetri senza sigillante nella zona battuta, occorre impedire
che gli spessori scivolino o si spostino onde evitare il contatto tra bordo del vetro
e il telaio. I materiali utilizzati per bloccare gli spessori devono essere compatibili
con il bordo composito del vetro e lo spessore.

Per fissare gli spessori per vetro devono essere impiegati sigillanti adeguati. In tal
caso sono preferibili spessori autobloccanti (ad es. GL-B).

Nel caso di fondi piani della battuta sono necessari spessori con canale di aera-
zione al fine di garantire una compensazione della pressione del vapore. Non de-
vono venirsi a creare intercapedini piene d'aria intrappolata (ad es. GL-SV).

Inoltre, la zona battuta priva di sigillante deve essere aperta verso l'esterno. In
tale contesto gli spessori non possono impedire o bloccare la compensazione
della pressione del vapore.

Per i vetri stratificati o stratificati di sicurezza consigliamo l'uso dello spessore


universale. La superficie elastica dello spessore (circa 70° Shore A) compensa la
differenza di uscita dei bordi del vetro venutasi a creare durante la produzione.

. Gennaio 2011. 
16  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Schemi dei sistemi: Posizione er- Schemi dei sistemi: Posizione cor-
rata dello spessore retta dello spessore

Spesso lo spessore viene inserito er- Utilizzando i sistemi degli spessori


roneamente sotto il bordo del vetro idonei e scegliendo il materiale giu-
termico. Gli schemi riportati di segui- sto il vetro è in grado di svolgere la
to mostrano le cause che aumentano sua funzione.
il rischio di rottura del vetro o che
possono danneggiare il bordo com-
posito.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  17
Consigli di spessoramento per vetri piani

Anta a ventola Anta ad anta ribalta Anta a ventola alzante


1 1 1 2 1

1 1 3 1 1 2 1 1 2 3 1 1

1 1 2 1 1

3 1 3 3 1 2

1 1 2 1 2 1 1 2 2
1 2 1 2 1 22
Vasistas Vasistas a sporgere Anta 2*
a bilico 2*
2 2 2 2 2 2* 2* 2 2
**
2 2 2 2 2 2
**

2 2 2 2 2 2 **
2 1 1 2 2 1 1 2 2 1 1 2 ** 1
1 1 1 1 1 1 1

Per le finestre a bilico verticale con profili in PVC si consiglia di chiedere al pro-
duttore del profilo o del telaio lo spessore consigliato sul lato cerniera. Potrebbe
essere necessario applicare uno doppio spessore, ossia uno sopra e uno sotto il
supporto.
(60°–80°Shore “A”)
1 Spessori portanti
2 Spessori distanziatori 1* P
 er unità vetro con larghezza superiore a 1 m
3 Q ualora si usino spessori frenanti si consiglia servono due spessori portanti di lunghezza
un controspessoramento = spessore distan- minima di 10 cm sul lato cerniera.
ziatore.
2* A
 d anta ribaltata diventano spessori portanti.
Consiglio:
** Spessori distanziatori con appoggio elastico

18  . Gennaio 2011.  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Anta alzante ad anta ribalta Vetrata fissa Anta a bilico verticale
1 2 2 2

1 1 2 2 2 2 1 2 2 2
3 1 2 2 2 1 2

1 2 1 2 1

1 1 2 2 1 1 1 1 2 1* 1

1 2 1 1 1 1*
2* Porta2 scorrevole 2 2 2

2* 2 **
2 2
**
2
**
2
**
2
** ** ** **

2 ** ** ** **
1 2 **1
** 1 1 ** 1 **
1 1 1 1 1

1 1 1 1 1 1 3
3 1 1 3 3 1 1 3 3 1 1 3

1 3 3 1 1 3 3 1 1 3 3 1
1 1 1 1 1 1
Sistema a libro

Salvo modifiche. Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  . Gennaio 2011.  19


Sollecitazione meccanica dello spessore

Sollecitazione meccanica dello spessore e del bordo composito

Durante l'operazione di spessoramento, nell'appoggiare il peso del vetro sugli


spessori, evitare di esercitare un carico di compressione incontrollato e puntuale
(forza esercitata a punti su una superficie) sul bordo del vetro e sul bordo compo-
sito.

In caso di forte carico, le forze d'attrito agiscono, in presenza di influssi climatici


(caldo, freddo) e di vento (pressione, risucchio), continuamente sulla zona del
bordo vetro e del bordo composito del vetro termico.

Un materiale troppo morbido degli spessori o un grado troppo elevato di riempi-


mento del bordo composito (protrusione del bordo composito oltre i bordi del ve-
tro) può comportare carichi di compressione e quindi deformazioni. In tal modo
possono verificarsi danni nella zona del bordo composito.

1 Bordo del vetro


2 Bordo composito
3 Materiale troppo morbido

dello spessore
4 Sigillatura in butile per tenu- 4

ta al vapore
5
5 Distanziatore

. Gennaio 2011. 
20  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Sistemi di finestre incollati

Nell'incollaggio delle finestre occorre servirsi della rigidità del vetro o del vetro
termico effettuando un incollaggio staticamente efficiente tra il vetro e il telaio
dell'anta e rinforzare la finestra come elemento composito garantendone l'assen-
za di cedimenti.

L'importante è qui considerare la finestra come un “sistema complessivo”. Il for-


nitore del sistema deve stabilire, verificare e abbinare tra loro tutti i componenti
(ad es.: vetro, spessori, sigillanti, raccordi, ecc.). Una spiegazione generica sugli
spessori, oltre i requisiti fondamentalmente validi, non è quindi possibile, poiché
questi dipendono dal singolo sistema.

Il produttore di finestre risponde interamente dello sviluppo della struttura della


finestra incollata scambiando informazioni con i produttori del vetro termico, del
collante, del materiale del telaio e della ferramenta e tenendo conto delle norme
e delle direttive vigenti.
Ulteriori informazioni sono riportate nel rapporto di ricerca dell'ift di maggio 2010
“Dauerhaftigkeit von geklebtem Isolierglas” (Durata del vetro termico incollato).

Esempi di sistemi incollati con spessori

Sigillatura
Incollaggio portante

Fonte immagini: Foglio d'istruzioni “Kompass für geklebte Fenster” (“Guida per finestre incollate”),
Associazione tedesca per il vetro piano

Salvo modifiche. Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I . Gennaio 2011.  21


Consigli di spessoramento per casi particolari

Lo spessoramento deve coprire l'intero spessore dell'unità vetro.

Per garantire una deviazione del carico Esempio pratico


ottimale, occorre utilizzare spessori che Appoggio vetro troppo sottile, spessore per ve-
tro troppo piccolo. I bordi del vetro vengono so-
coprano l'intero spessore dell'unità ve- stenuti solo in parte.
tro. Un importante requisito fondamen- Risultato: sollecitazione eccessiva!
tale è la base portante scelta. In caso di
sfalsamenti della base (dovuti al siste-
ma) o di vetri sporgenti è necessario
uno spessore con anima in acciaio al
fine di poter assorbire le forze di fles-
sione / di taglio.

. Gennaio 2011. 
22  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Consigli di spessoramento per casi particolari

1
2

1 3
1 2

2* 2*
2 1

1 1

1*
2 2
1

1*

1
2
1 1

Altre forme particolari di finestre

Le possibilità elencate rappresentano soltanto alcuni esempi. Le strutture non


elencate sono da decidere nei singoli casi, osservando le direttive sullo spessora-
mento vetri.

1 Spessori portanti
2 Spessori distanziatori
3 Q ualora si usino spessori frenanti si consiglia un controspessoramento = spessore distanziatore.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  23
Consigli per lo spessoramento sui punti di chiusura

Consigli per lo spessoramento sui punti di chiusura e per aumentare il


grado di sicurezza antieffrazione

Si consiglia di applicare uno spessora-


mento anche in corrispondenza dei
punti di chiusura onde ridurre il rischio
di effrazione. Lo spessoramento dei
punti di chiusura consiste in uno spes-
sore distanziatore e riempie lo spazio
vuoto. Consigliamo a tal proposito il
nostro GLUSKE GL-UK.

A
Punto di chiusura = punto di spessora-
mento A
Si prega di osservare la regola di base:
il bordo del vetro non deve essere né
sovraccaricato né danneggiato. Esem-
pio su una finestra in PVC (valido an-
che per altri materiali impiegati per il
telaio).

Si prega di osservare le disposizioni del


produttore della ferramenta.

. Gennaio 2011. 
24  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Per le finestre in PVC devono essere
spessorati anche i punti di chiusura
Altezza spessore a ponte = Spazio
vuoto / zona battuta

Distanza battuta:

Il movimento determina il gioco tra la camma di


bloccaggio e la contropiastra di chiusura.

Immediatamente sopra il punto di chiusura viene


applicato uno spessore distanziatore.

Attenzione:
lo spessoramento sui punti di chiusura viene ef-
fettuato alla fine ed è uno spessoramento di-
stanziatore.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  25
Vetrate inclinate / Vetrate orizzontali

Per le vetrate orizzontali (TRLV = vetrature supportate Consiglio:


su linee) occorre tenere conto che il peso del vetro GLUSKE GL-UK
sul punto dello spessore deve essere deviato, senza
gravare eccessivamente sui bordi del vetro, sulla
struttura del telaio. Si rimanda a parte ai dettagli della
struttura, in particolar modo anche nel regolamento
tecnico “Vetrate orizzontali”, elaborato dall'Istituto te-
desco per l'ingegneria civile di Berlino. Non deve ve-
rificarsi alcun contatto tra il vetro e il telaio (ad es. ve-
tro e metallo o vetro e vetro).

Onde evitare che i vetri si spostino occorre impiegare


spessori distanziatori. Questi non servono general-
mente a trasmettere pesi, a meno che ciò non sia
stato concordato e autorizzato insieme al produttore
del vetro. In tal caso cambia anche la funzione dello
spessore. Per i requisiti particolari si consiglia qui un
appoggio elastico a 60°– 80° Shore “A” del bordo del
vetro. Occorre inoltre tenere conto assolutamente
delle disposizioni specifiche dei produttori del vetro e
del telaio.

Requisiti di vetrate inclinate o orizzontali

Giusto Sbagliato

F = il peso del vetro deve poggiare sullo spes-


sore

. Gennaio 2011. 
26  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Spessoramento di finestre all'inglese

Esempio di spessoramento
di finestre all'inglese

Per le vetrate di finestre all'inglese oc-


corre spessorare ogni singolo campo a
seconda del tipo di apertura della fine-
stra. Si inizia con la diagonale a secon-
da del tipo di apertura. Devono essere
spessorati tutti i campi.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  27
Riempimenti per battuta

I riempimenti per battuta servono a


compensare il profilo (a seconda del si-
stema) e garantiscono un appoggio
piano. Essi costituiscono la base su cui
poggiare il materiale di spessoramento
collaudato e non sono un'alternativa
allo spessore per vetri. I riempimenti
sono disponibili in forma agganciabile
(v. illustrazione). Essi favoriscono l'aera-
zione nella zona battuta e la deviazione
del carico.
19

. Gennaio 2011. 
28  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Altri parametri tecnici

Direttive tecniche del settore


dell'artigianato del vetro

A cura di:
Bundesinnungsverband des Glaserhan-
dwerks (Federazione tedesca del setto-
re dell'artigianato del vetro)
An der Glasfachschule 6
D-65589 Hadamar, Germania
Tel.: +49 6433 9133-0
www.glaserhandwerk.de

ƒƒDirettive dei produttori di vetro ter-


mico e dei produttori dei sistemi di
profili
ƒƒEnti certificatori riconosciuti
ƒƒATV DIN 18361 per i lavori di vetrag-
gio, situazione attuale
ƒƒRegole tecniche per l'utilizzo di ve-
trature supportate su linee, Istituto
tedesco per l'edilizia, Berlino, situa-

zione attuale

Gli spessori in acciaio inox sono spessori portanti che servono a trasmettere il
peso del singolo vetro sulla struttura del telaio. Una volta applicati gli spessori,
occorre sigillare immediatamente le fughe aperte!

L'uso conforme alle rispettive condizioni d'uso delle singole tipologie di spessore
e, in particolar modo, la compatibilità dei materiali devono essere verificati e sta-
biliti nei singoli casi dall'esperto qualificato. Rimandiamo alle direttive tecniche
del settore dell'artigianato del vetro, parte 3.

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  29
Informazioni generali

Indicazione sulla qualità:


La compatibilità degli spessori di Roto Gluske-BKV è stata testata in base alla
norma TR3. I test di laboratorio sono stati effettuati e vengono continuamente
ampliati.

Osservazione importante
Il manuale per lo spessoramento vetri di Roto Gluske-BKV non sostituisce le regole
esistenti. Esso vuole mostrare soluzioni dimostratesi valide ai fini di uno spessora-
mento a regola d'arte. L'esperienza pratica maturata nei lunghi anni ha dimostrato
che proprio nello spessoramento dei vetri occorre accettare compromessi. Per
tale motivo, si consiglia di contattare i produttori del vetro termico e dei sistemi di
profili.

Nota
Questo manuale non esonera dalla responsabilità di progettare ed eseguire uno
spessoramento. Esso contiene piuttosto alcuni dei numerosi diversi consigli che
consentono di ottenere uno spessoramento a regola d'arte. Le indicazioni riporta-
te nel manuale sono basate sulle nostre conoscenze e sulla nostra esperienza, in
modo particolare sui consigli ricevuti da chi lavora e utilizza i nostri prodotti. Dato
che le condizioni di lavoro esulano dalla nostra sfera di responsabilità, consiglia-
mo di assicurarsi dell'idoneità dei prodotti agli scopi di applicazione. Dalle indica-
zioni da noi fornite o da una consulenza non è possibile fondare alcuna responsa-
bilità, a meno che non sussista premeditazione o colpa grave.

. Gennaio 2011. 
30  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Bibliografia

Direttiva tecnica n° 3 “Klotzung von Verglasungseinheiten” (“Spessoramento


delle unità di vetro”)
Fonte immagini: Foglio d'istruzioni “Kompass für geklebte Fenster” (“Guida per
finestre incollate”), Associazione tedesca per il vetro piano

Altro materiale informativo:


TR3: Spessoramento delle unità vetro
TR9: Principi di verifica e valutazione visiva dei vetri durante la produzione
TR17: Installazione a regola d'arte del vetro termico

Per la consulenza rivolgersi al Centro di competenza tecnico dell'Istituto del set-


tore dell'artigianato del vetro per le tecnologie di vetraggio e per la produzione di
finestre.

Bundesinnungsverband
für das Glaserhandwerk (Federazione tedesca del settore dell'artigianato del ve-
tro)
An der Glasfachschule 6
D-65589 Hadamar
Telefono +49 6433-9133-0
www.glaserhandwerk.de

Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 


Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  31
Gamma Roto Gluske-BKV GmbH

Membro del
Gruppo Roto

Cerniere per porte e finestre


Concepite per soddisfare le diverse tipo-
logie di applicazione, prodotte con mate-
riali pregiati e lavorate con precisione, le
cerniere per porte e finestre di Roto
Gluske-BKV offrono proprietà d'utilizzo
eccellenti e lunga durata.

Sistema di soglie per porte


Offriamo un sistema completo di soglie
corredato di guarnizioni e accessori per
passaggi spesso difficili tra la porta e l'e-
sterno. Abbiamo concepito la nostra
gamma in modo tale da assicurare un ac-
cesso verso l'esterno che non compro-
metta l'isolamento termico interno.

Spessori per vetro e accessori


Gli spessori per vetro lavorano in sotto-
fondo. Ciò richiede un elevato grado di
responsabilità nello sviluppo e nella pro-
duzione. I nostri prodotti resistono a un
forte carico, sono resistenti all'invecchia-
mento e soddisfano i requisiti imposti
dalle direttive più recenti.

. Gennaio 2011. 
32  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Salvo modifiche. . Gennaio 2011. 
Il manuale dello spessoramento vetri V B 286-0 I  33
. Gennaio 2011. 
34  VB 286-0 I Il manuale dello spessoramento vetri Salvo modifiche.
Roto Gluske-BKV GmbH
Membro del
Gruppo Roto
Hatzfelder Str. 161–163
D-42281 Wuppertal, Germania
Telefono
+49 202 27057-0
Telefax +49 202 27057255
info@gluske-bkv
www.gluske-bkv.de

BKWK / textract Aggiornamento: Gennaio 2011 Salvo modifiche. VB 286-0 I


© 2010 Roto Gluske-BKV GmbH ® Roto è un marchio registrato.

Roto nel mondo


Tutte le sedi e i partner di distribuzione sono Argentina Estonia Lettonia Romania Repubblica Ceca
consultabili all'indirizzo Belgio Francia Lituania Russia Turchia
www.roto-frank.com Bosnia- Georgia Messico Svizzera Ucraina
Erzegovina Grecia Olanda Serbia Ungheria
Cile Gran Bretagna Austria Singapore USA
Cina Italia Polonia Slovenia Vietnam
Germania Croazia Portogallo Spagna Bielorussia