Sei sulla pagina 1di 95

POLITECNICO DI MILANO

Facoltà di Ingegneria
Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

ANALISI CRITICA DEI METODI DI CALCOLO DELLE


SOLLECITAZIONI NEI TAMBURI PER IL SOLLEVAMENTO
PREVISTI DALLA NORMATIVA VIGENTE

RELATORE: Prof. Gianfranco Petrone


CORELATORE: Prof. Silvio Matteazzi

Tesi di laurea di:


ROBERTO MANCINI
Matr. 606527

ANNO ACCADEMICO 1998-1999


Desidero ringraziare prima di tutti i miei genitori per la fiducia in me riposta.
Il Prof. Gianfranco Petrone per il costante aiuto e consiglio.
Il Prof. Silvio Matteazzi per la cortese disponibilità.
SOMMARIO

INDICE

INTRODUZIONE ........................................................................................... I
TERMINI SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA.............................................II

1 GENERALITÀ............................................................................................... 1
1.1 PREMESSA............................................................................................................. 1
1.2 STATO DI SOLLECITAZIONE ............................................................................ 2
1.2.1 sezioni pericolose ........................................................................................ 4
1.3 RICHIAMI SULLA TEORIA DELLE LASTRE CILINDRICHE......................... 6
1.3.1 coefficienti elastici....................................................................................... 8
1.4 RICHIAMI SULLA TEORIA DELLE LASTRE CIRCOLARI............................. 9
1.5 COEFFICIENTI ELASTICI DEL BORDO COMUNE A DUE LASTRE
IN PARALLELO................................................................................................... 10

2 IL MANTELLO ........................................................................................... 11
2.1 PREMESSA........................................................................................................... 11
2.2 DEFINIZIONE DELLA PRESSIONE EQUIVALENTE..................................... 11
2.3 TENSIONE DI RIFERIMENTO........................................................................... 12
2.4 STATO DI SOLLECITAZIONE NEL MANTELLO........................................... 12
2.4.1 tensione locale al lembo esterno del mantello ........................................... 15
2.4.2 tensione locale al lembo interno del mantello ........................................... 16
2.4.3 tensione locale al raggio medio del mantello ............................................ 16
2.4.4 tensione di confronto ................................................................................. 17
SOMMARIO

3 LE FLANGE................................................................................................. 18
3.1 PREMESSA........................................................................................................... 18
3.2 INCASTRO PERFETTO ...................................................................................... 19
3.3 LASTRA ANULARE LIBERA AL CONTORNO INTERNO ............................ 19
3.4 LASTRA ANULARE LIBERA AL CONTORNO ESTERNO............................ 19
3.5 LASTRA ANULARE INCASTRATA AL CONTORNO INTERNO ................. 20
3.6 LASTRA CIRCOLARE ........................................................................................ 20
3.7 LASTRA ANULARE LIBERA AI CONTORNI ................................................. 20
3.8 LASTRA ANULARE INCASTRATA AL CONTORNO INTERNO E
LIBERA A QUELLO ESTERNO ......................................................................... 21
3.9 LASTRA CIRCOLARE LIBERA AL CONTORNO ESTERNO ........................ 21
3.10 LASTRA ANULARE INCASTRATA AL CONTORNO ESTERNO................. 22
3.11 LASTRA ANULARE INCASTRATA AI CONTORNI ...................................... 22
3.12 OSSERVAZIONI .................................................................................................. 22
3.13 GLI IRRIGIDITORI.............................................................................................. 23
3.14 VINCOLI IMPROPRI ........................................................................................... 23
3.14.1 tratto lungo di mantello scarico ................................................................. 23
3.14.2 tratto corto di mantello scarico .................................................................. 24
3.15 CONCLUSIONI .................................................................................................... 26

4 INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO ............................................... 27


4.1 PREMESSA........................................................................................................... 27
4.1.1 mantello di riferimento .............................................................................. 28
4.2 BORDO LIBERO.................................................................................................. 29
4.3 INCASTRO PERFETTO ...................................................................................... 29
4.4 FLANGIA.............................................................................................................. 33
4.5 CONCLUSIONI .................................................................................................... 50
SOMMARIO

5 INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO .................................... 51


5.1 PREMESSA........................................................................................................... 51
5.2 IRRIGIDITORE .................................................................................................... 52
5.3 CONCLUSIONI .................................................................................................... 57

6 INTERAZIONE FUNE MANTELLO....................................................... 58


6.1 PREMESSA........................................................................................................... 58
6.2 MANTELLO PARZIALMENTE AVVOLTO ..................................................... 58
6.2.1 osservazioni ............................................................................................... 62
6.3 RILASSAMENTO DELLA TENSIONE NELLA FUNE .................................... 63
6.4 CONCLUSIONI .................................................................................................... 64

7 CONFRONTO CON LA NORMATIVA................................................... 65


7.1 PREMESSA........................................................................................................... 65
7.2 NORMATIVA UNI 9466...................................................................................... 66
7.3 CONFRONTO NUMERICO ................................................................................ 70
7.3.1 flangia tipo A (3.8) .................................................................................... 71
7.3.2 flangia tipo B (3.5)..................................................................................... 74
7.3.3 flangia tipo C (3.11)................................................................................... 77
7.3.4 flangia tipo D (3.3) .................................................................................... 80
7.3.5 mantello parzialmente avvolto................................................................... 81
7.4 CONCLUSIONI .................................................................................................... 82

APPENDICE ................................................................................................ 83
BIBLIOGRAFIA.......................................................................................... 85
INTRODUZIONE

INTRODUZIONE

L’analisi più precisa possibile degli stati di tensione nei componenti degli apparecchi di
sollevamento riveste oggi una particolare importanza nel quadro delle nuove normative ed
istruzioni di calcolo (UNI 9303, UNI 7670, UNI 9466), le quali responsabilizzano sempre più
le case costruttrici e i loro progettisti, inducendoli a un sempre più frequente utilizzo delle
nozioni teoriche e dei mezzi di calcolo automatico computerizzato che lo stato attuale delle
tecnica mette a disposizione. Ciò assume una ancor maggiore rilevanza con l’entrata in vigore
(01/01/1995) della Direttiva europea sulla sicurezza delle macchine, (89/392/CEE e
successive modificazioni), con il conseguente obbligo dell’apposizione del marchio CE di
conformità sugli apparecchi, pena l’esclusione dai mercati europei ed associati.
La sopra citata Direttiva fa carico alle case costruttrici di compilare e tenere a disposizione
per ciascuno dei loro prodotti un dossier tecnico, contenente, tra l’altro, calcoli di verifica
basati su concetti teoricamente rigorosi ed eseguiti con metodologie aggiornate. Tale dossier
tecnico costituirà l’unica salvaguardia “giuridica” in caso di incidenti, inconvenienti, reclami,
contestazioni.
Chi costruisce in serie si troverà di fronte, per evidenti ragioni economiche, anche alla
necessità di un dimensionamento sempre più accurato per un miglior sfruttamento dei
materiali e la massima semplificazione delle forme.
Per quel che riguarda i tamburi degli argani, già da parecchi anni enti normativi nazionali, di
cui quello australiano (A.S. 1418.1, par 7.8) è stato il precorritore nel mondo e quello italiano
(UNI 9466) il primo in Europa, puntano la loro attenzione su una più reale interpretazione
degli stati complessi di tensione presenti nei mantelli dei tamburi. La normativa italiana, che
non è altro che la traduzione di quella australiana, pur essendo completa, risulta in molti punti
di difficile se non impossibile interpretazione, presentando grafici e formule risolutive di
oscura origine e di dubbia esattezza. Applicando la teoria delle lastre cilindriche sottili si è
cercato quindi di ripercorrere il processo di analisi proposto nel tentativo di dare un senso ai
numerosi grafici e coefficenti numerici utilizzati; l’identificazione è stata possibile solo in
parte poiché sono emerse differenze simboliche sostanziali nell’espressione di alcuni
coefficienti elastici fondamentali, e siccome non viene riportata l’espressione analitica dei
grafici proposti, non è stato possibile stabilire con certezza se tali differenze sono imputabili a

I
INTRODUZIONE

semplici errori di stampa (riscontrati anche sulla norma australiana) oppure a un errato
sviluppo analitico.
Si propone quindi un metodo alternativo di verifica e dimensionamento basato sulla teoria
delle lastre cilindriche di piccolo spessore; fornendo sempre una scrupolosa dimostrazione di
quanto esposto, viene analizzato lo stato di sollecitazione che si instaura nel mantello nei
pressi delle flange terminali e degli irrigiditori intermedi, cercando di semplificare la
pesantezza e complessità delle espressioni matematiche attraverso grafici e coefficienti
adimensionali di facile e immediato impiego.
Nell’ultimo capitolo della presente trattazione vengono messi a confronto i risultati numerici
ottenuti applicando i due differenti processi di calcolo e quelli forniti dall’analisi con gli
elementi finiti, il tutto conferma l’ottima approssimazione del processo qui esposto e quindi
l’errata impostazione della normativa dei punti qui trattati..

II
TERMINI SIMBOLI E UNITA DI MISURA

TERMINI SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA

Termini Simboli Unità di


misura
Raggio medio del mantello R0 mm
Raggio esterno del mantello Re mm
Raggio esterno flangia o irrigiditore Rfe mm
Raggio interno flangia o irrigiditore Rfi mm
Spessore del tamburo s mm
Spessore della flangia h mm
Passo di avvolgimento della fune pa mm
Diametro della fune d mm
Spostamenti radiali di generatrice η mm
Rotazioni di generatrice ϕ rad
Spostamenti assiali δ mm
Spostamento radiale dovuto a una forza unitaria radiale ηh mm 2 N
Spostamento radiale dovuto a un momento unitario ηm mm N
Spostamento assiale dovuto a una forza unitaria assiale δn mm 2 N
Spostamento assiale dovuto a un momento unitario δm mm N
Rotazione dovuta a una forza unitaria radiale ϕh mm N
Rotazione dovuta a un momento unitario ϕm 1N
Rotazione dovuta a una forza unitaria assiale ϕn mm N
Momento flettente di generatrice per unità di circonferenza Μ N ⋅ mm mm
Taglio di generatrice per unità di circonferenza Η N mm
Azione assiale per unità di circonferenza Ν N mm
Tiro della fune Τ N
Forza di compressione circonferenziale per unità di passo di avvolgimento S0 N
Pressione agente sul lembo esterno dovuta al tiro della fune P MPa
Pressione equivalente P0 MPa
Tensione di confronto per le verifiche di resistenza σ* MPa
Tensione di riferimento σ0 MPa
Tensione di cinturamento tenendo conto del rilassamento della fune σ '0 MPa

III
TERMINI SIMBOLI E UNITA DI MISURA

Tensione assiale al collegamento con la flangia (irrigiditore) σa0 MPa


Tensione circonferenziale al collegamento con la flangia (irrigiditore) σ c0 MPa
Tensione assiale massima relativa σ aR MPa
Tensione circonferenziale massima relativa σ cR MPa
Tensione assiale massima per tratto parzialmente avvolto σ aP MPa
Tensione circonferenziale massima per tratto parzialmente avvolto σ cP MPa
Modulo di Young per il mantello e la flangia Ε MPa
Modulo di Young per la fune E' MPa
Coefficiente di Poisson per il mantello e la flangia ν
Coefficiente caratteristico della flangia χ
Coefficiente di effetto di bordo assiale Ka
Coefficiente di effetto di bordo circonferenziale Kc
Coefficiente di incastro perfetto k1
Coefficiente di elasticità relativa rotazionale k2
Coefficiente di elasticità relativa radiale k3
Coefficiente di rigidità relativa flessionale complessivo flangia-mantello ΚΜ
Coefficiente di rigidità relativa radiale complessivo flangia-mantello ΚΗ
Coefficiente di massimo relativo per la sollecitazione assiale flg-mant ΚRa
Coefficiente di massimo relativo per la sollecitazione circonf. flg-mant KRc
Coefficiente di rigidità relativa flessionale complessivo irrigiditore-mantello K 'M
Coefficiente di rigidità relativa radiale complessivo irrigiditore-mantello K 'H
Coefficiente di massimo relativo per la sollecitazione assiale irr-mant K 'Ra
Coefficiente di massimo relativo per la sollecitazione circonf. irr-mant K 'Rc
Coefficiente di massima sollecitazione assiale per avvolgimento parziale KPa
Coefficiente di massima sollecitazione circonf. per avvolgimento parziale KPc
Coordinata assiale del tamburo x
Coordinata circonferenziale del tamburo y
Coordinata radiale del tamburo z
Pedice indicante una proprietà assiale a
Pedice indicante una proprietà circonferenziale c
Pedice indicante una proprietà radiale r
Pedice indicante una proprietà del lembo esterno e
Pedice indicante una proprietà del lembo interno i

IV
GENERALITÀ

1. GENERALITÀ

Figura 1

Schematizzazione costruttiva di un tamburo di avvolgimento delle funi per apparecchi di


sollevamento

1.1 PREMESSA
Sembra opportuno, al fine di una più completa visione del problema trattato, fornire alcuni
cenni generali sull'argomento. I tamburi sono gli elementi sui quali sono avvolti gli organi
flessibili (funi o catene) che hanno il compito di manovrare i carichi o di trasmettere potenza
ad altri azionamenti. Sono formati da cilindri cavi, per la cui realizzazione le norme UNI
9466/89 prevedono l'impiego: di ghisa grigia per getti (UNI 5007), di ghisa malleabile per
getti (UNI ISO 5922), di acciai non legati di qualità in getti (UNI 3158) oppure di acciai non
legati laminati (UNI 7070).

1
GENERALITÀ

Possono quindi essere ottenuti per fusione oppure per saldatura di lamiere calandrate, in
questo caso la saldatura non viene eseguita lungo una generatrice ma ad elica, al fine di
evitare di concentrare in una sola zona l'indebolimento causato dalla saldatura stessa. In
generale sul mantello esterno viene ricavata, mediante tornitura, una scanalatura elicoidale
che ha la funzione di consentire un corretto avvolgimento della fune, senza accavallamenti
della stessa, e di limitare il valore delle pressioni di contatto. Il raggio di fondo gola delle
scanalatura dev'essere pari a 0.53 ÷ 0.56 volte il diametro nominale della fune, questo al fine
di permettere una libera deformazione circonferenziale della stessa quando viene compressa
dagli strati di fune avvolti sovrastanti.
Le estremità del cilindro sono chiuse da flange che, dovendo nella maggior parte dei casi
impedire la fuoriuscita laterale della fune, hanno un'altezza che dipende dal numero di strati
di fune avvolti. Secondo la normativa DIN le flange devono sporgere di almeno 1.5 volte il
diametro nominale della fune rispetto all'ultimo strato avvolto. La tendenza generale è quella
di realizzare tamburi di lunghezza tale da consentire il completo avvolgimento della fune su
di un unico strato. L'avvolgimento su più strati, al quale si ricorre per condizioni di servizio
leggere quando vi sia l'esigenza di particolari limitazioni di ingombro laterale, causa notevoli
pressioni di contatto sulle funi di strati contigui (che risultano incrociati) ed una variazione
della velocità periferica della fune conseguentemente alla variazione del diametro di
avvolgimento.

1.2 STATO DI SOLLECITAZIONE


Si riportano qui di seguito le azioni interne dei mantelli cilindrici dei tamburi e la valutazione
dei loro singoli contributi alla formazione degli stati di pericolo.
In generale il tamburo di un argano è interpretabile come una trave (solitamente tozza),
soggetta alle seguenti azioni interne, provocate dal tiro della fune avvolta:
1. compressione circonferenziale (effetto di cinturamento)
2. momento flettente assiale globale
3. momento torcente
4. compressione radiale (trascurabile)
5. taglio (trascurabile)
6. momenti flettenti locali assiali e circonferenziali (effetti di bordo)

2
GENERALITÀ

Ad eccezione di inusuali tamburi molto lunghi, i sopra citati stati di tensione locali sono
tuttavia generalmente molto più importanti di quelli globali; queste azioni localizzate
provocano deformazioni permanenti e rotture statiche e di fatica del mantello, in particolare in
prossimità delle flange terminali ed in prossimità, quando esistono, di eventuali anelli di
rinforzo intermedi.
Tali anelli di rinforzo compaiono però di solito nei grandi tamburi di grossi argani, per ragioni
di economia e di leggerezza, dove hanno funzione analoga a quella delle cerchiature delle
tubazioni delle condotte forzate degli impianti idroelettrici, anche se non vengono, come in
queste ultime, precaricati.
In tamburi notevolmente più piccoli, quali quelli di paranchi, di argani idraulici di serie, ecc.,
sono presenti però flange intermedie per ragioni di montaggio dei meccanismi del loro
azionamento.
Facendo riferimento allo schema globale di carico di un generico tamburo, quale quello
riportato in fig. 1, passiamo ad esaminare l'ordine di grandezza dei vari contributi alla
composizione degli stati di tensione pericolosi, riferendoci per esempio al caso di un tamburo
con mantello senza anelli o flange di irrigidimento intermedio, con un solo strato di fune
completamente avvolto.
Nell'ipotesi di un mantello di spessore piccolo rispetto al suo diametro, indichiamo con:
R0 raggio medio del mantello
s spessore di calcolo del mantello
pa passo di avvolgimento della fune
L distanza tra gli appoggi
L1 distanza tra gli appoggi e la flangia terminale considerata
T tiro della fune
J = πR 30 s momento di inerzia globale del mantello

Wf = πR 02 s modulo di resistenza a flessione

Wt = 2 πR 20 s modulo di resistenza a torsione


M f = TL 4 momento flettente globale del mantello 1
M t = TR 0 momento torcente nel mantello

S0 = T forza di compressione circonferenziale nel mantello 2

1
posizione della fune al centro del mantello.
2
per un solo strato di fune avvolto, trascurando il rilassamento del tiro sulle spire avvolte.
3
GENERALITÀ

1.2.1 SEZIONI PERICOLOSE


Solitamente un mantello, quale quello schematizzato nella fig. 1, presenta due zone di
pericolo:

A) al centro del mantello, dove si manifestano contemporaneamente la massima forza di


compressione circonferenziale dovuta al cinturamento della fune e il massimo momento
flettente Mf sulla sezione globale. Lo stato di tensione, riferito per semplicità alla fibra
intermedia del mantello, è costituito da:
Tensione assiale di flessione globale:
Mf TL
σ af = = in valore assoluto
Wf 4πR 20 s

Tensione circonferenziale di compressione per cinturamento:


S0
σc =
pas

Tensione di torsione globale, di solito molto piccola:


Mt TR 0
τt = =
Wt 2 πR 20 s

Trascurando la tensione τt, nel qual caso σaf e σc (di segno opposto nel punto di maggior
pericolo) possono essere considerate tensioni principali, la tensione σ* da confrontare con
la resistenza del materiale è data da:

σ* = σ 2af + σ c2 + σ af σ c tensioni in valore assoluto

4
GENERALITÀ

B) alla saldatura con le flange terminali 3 , dove il momento flettente sulla sezione globale è
molto inferiore che nel caso A) (al limite trascurabile) e dove la compressione
circonferenziale è impedita dalla rigidezza della flangia, ma nasce, proprio a causa di
questo vincolo elastico, un momento flettente locale (effetto di bordo) sulla lastra tubolare
che costituisce il mantello, che genera tensioni assiali anche di elevata intensità. Lo stato di
tensione riferito per semplicità alla fibra intermedia del mantello, è costituito da:

Tensione assiale di flessione globale:


TL1 TL1
σ af = = in valore assoluto
2Wf 2 πR 20s
di solito trascurabile se l'appoggio di estremità e la flangia sono circa sulla stessa
sezione.

Tensione assiale locale di effetto di bordo: 4


So
σa 0 = K a in valore assoluto
pas
in cui il fattore Ka di effetto di bordo può variare da 0, per vincolo perfettamente
cedevole, a 1.815, per vincolo ad incastro perfetto (cap. 4).

Tensione circonferenziale locale di effetto di bordo: 5


So
σ c0 = K c in valore assoluto
pas

Tensione di torsione globale, di solito molto piccola:


Mt TR 0
τt = =
Wt 2 πR 20 s

A rigore esiste anche una τal, sempre dovuta all'effetto di bordo, generalmente trascurabile
visto il piccolo spessore del mantello.

3
come si vedrà in seguito non è sempre questo il punto più pericoloso, esso può essere situato a una distanza
dalla flangia che è funzione della rigidità relativa fra la stessa e il mantello.
4
valida al collegamento flangia mantello.
5
valida al collegamento flangia mantello.
5
GENERALITÀ

Trascurando le tensioni τ, nel qual caso σa0 e σc0 (dello stesso segno nel punto di maggior
pericolo) possono essere considerate tensioni principali, la tensione σ* da confrontare con
la resistenza del materiale è data da:

σ* = σ a20 + σ c20 + σ a 0 σ c 0 tensioni in valore assoluto

Scopo dei prossimi capitoli sarà quello di analizzare nel modo più completo possibile i
coefficienti Ka ed Kc di effetto di bordo, fornendo delle espressioni di facile impiego e di
validità del tutto generale. Per fare questo si procederà ad una analisi dettagliata delle
sollecitazioni che si instaurano nelle lastre curve di piccolo spessore in funzione del carico,
delle dimensioni geometriche e soprattutto dell’interazione coi vincoli; a tal fine si rendono
necessari alcuni richiami sulla teoria risolutiva di tali strutture.

1.3 RICHIAMI SULLA TEORIA DELLE LASTRE CILINDRICHE


Si riportano qui di seguito le espressioni di validità generale per lo stato di tensione e
deformazione delle lastre cilindriche di piccolo spessore, valide per le convenzioni di segno e
carico illustrate nella fig. 2. [Belluzzi]
Tale teoria è qui di lecita applicazione, in quanto siamo nel caso di tubo a piccolo spessore ed
è quindi trascurabile la variazione della tensione di compressione circonferenziale (o di
parallelo) lungo la direzione radiale, teoricamente presente anche in assenza di momenti
flettenti correnti lungo la generatrice, ma sensibile soltanto per spessori grandi rispetto al
raggio medio del mantello.
Dovranno però essere considerate le tensioni circonferenziali (lineari nello spessore) generate,
in presenza di momenti flettenti Ma correnti lungo la generatrice, dalle condizioni di
simmetria assiale del mantello cilindrico e del carico equivalente P0 (2.1), applicato alla
circonferenza media dello stesso, che obbligano tutti i punti di quest'ultimo a spostarsi solo
radialmente. Tali tensioni sono originate dal momento flettente M c = νM a richiamato in
direzione circonferenziale dal fatto che in tale direzione ogni spostamento è appunto
impedito. Per quanto sopra esposto, in definitiva, la generatrice di larghezza unitaria si
comporta come una trave su appoggio elastico continuo.

6
GENERALITÀ

Figura 2

Equazione differenziale della linea elastica:


∂ 4η N
B ⋅ 4 + β ⋅ η = P0 + ν
∂x R0
dove
Es3 Es
B= β=
12(1 − ν 2 )
P0 è la pressione equivalente (2.2)
R 20

Integrale generale:

+ e αx ⋅ [C1 sen (αx ) + C 2 cos(αx )] + e −αx ⋅ [C 3 sen (αx ) + C 4 cos(αx )]


P0
η(x ) =
N

β βR 0
dove
4 3(1 − ν 2 )
β
α= 4=
4B R 0s

Espressione di ϕ (rotazione della generatrice):


∂η
ϕ( x ) =
∂x
[ ]
= αe αx ⋅ (C1 − C 2 ) sen( αx) + (C1 + C 2 ) cos( αx) +

[
+ αe −αx ⋅ − (C 3 + C 4 ) sen( αx) + (C 3 − C 4 ) cos( αx) ]

Espressione di M (momento di generatrice):


∂2 η
M( x) = − B 2 = 2B ⋅ α ⋅ e
2 αx
⋅ [C2 sen(αx) − C1 cos(αx)] +
∂x
+ 2 B ⋅ α 2 ⋅ e −αx ⋅ [ − C4 sen(αx) + C3 cos(αx)]

7
GENERALITÀ

Espressione di H (taglio di generatrice):


∂ 3η
[
H( x) = − B 3 = 2 B ⋅ α 3 ⋅ eαx ⋅ (C1 + C2 ) sen(αx) − (C1 − C2 ) cos(αx) +
∂x
]
[
+ 2 B ⋅ α 3 ⋅ e −αx ⋅ − (C3 − C4 ) sen(αx) − (C3 + C4 ) cos(αx) ]

Dove le costanti C1, C2, C3, C4 vanno determinate mediante le opportune condizioni al
contorno.

1.3.1 COEFFICIENTI ELASTICI


Dalla teoria delle lastre cilindriche indefinite a piccolo spessore [Belluzzi] si ricavano i
seguenti coefficienti elastici (spostamenti e rotazioni dovute all'applicazione di forze
unitarie):

di bordo:
1 2α 1 2α 2
ηh = = ϕh = =
2α B
3
β 2α 2 B β

1 2α 2 1 4α 3
ηm = = ϕm = =
2α 2 B β αB β

di parallelo:
1 α H
ηh = = ϕh = 0 nasce M = in valore assoluto
8α B 2β
3

1 α3 α
ηm = 0 ϕm = = nasce H = M in valore assoluto
4α B β 2β

Si fa notare che i coefficienti elastici di parallelo intermedio non nulli sono quattro volte
inferiori ai rispettivi coefficienti elastici di bordo, questo denota una maggior rigidezza dei
paralleli intermedi rispetto ai bordi.

8
GENERALITÀ

1.4 RICHIAMI SULLA TEORIA DELLE LASTRE CIRCOLARI


Si fornisce qui un breve e utile richiamo alle equazioni risolutive delle lastre piane anulari
caricate simmetricamente. [Bazzaro]

• Disco anulare sottile soggetto a pressione interna pi e pressione esterna pe

Spostamento radiale η di un punto generico:


B
η = Ar +
r

Stato di sollecitazione in un generico punto:


E ⎡ B ⎤
σr =
1 − ν2 ⎢⎣A(1 + ν) − r 2 (1 − ν) ⎥⎦

E ⎡ B ⎤
σϑ =
1 − ν2 ⎢⎣A(1 + ν) + r 2 (1 − ν) ⎥⎦

Dove le costanti A e B vanno determinate mediante le opportune condizioni al contorno.

• Disco anulare sottile soggetto a momenti uniformemente distribuiti sul contorno interno mi
e sul contorno esterno me

Rotazioni ϕ di un punto generico:


B
ϕ = Ar +
r

Momento flettente per unità di lunghezza in un generico punto:


Eh 3 ⎡ B ⎤
mr = A(1 + ν) − 2 (1 − ν)⎥
12 ⋅ (1 − ν ) ⎣
2 ⎢
r ⎦

Eh 3 ⎡ B ⎤
mϑ = A ( 1 + ν) + 2 ( 1 − ν) ⎥
12 ⋅ (1 − ν ) ⎣
2 ⎢
r ⎦

9
GENERALITÀ

Spostamento assiale in un generico punto:

r + B ln (r ) + δ 0
A 2
δ=
2

Dove le costanti A, B e δ0 vanno determinate mediante le opportune condizioni al contorno.

1.5 COEFFICIENTI ELASTICI DEL BORDO COMUNE A DUE LASTRE


IN PARALLELO
Dalla teoria delle lastre [Belluzzi], nel caso in cui una delle due parti sia una lastra circolare
piana; detta 1 la generica lastra curva e 2 la lastra circolare, poiché, come noto, questa ha
ϕ h 2 = η m2 = 0 , si ottiene:

η h1 η h 2 ϕ m2 + η h 2 ϕ 2h1 ϕ h1 η h 2 ϕ m 2
ηH = ϕH =
Λ Λ
ϕ m1ϕ m2 η h 2 + ϕ m2 η2m1
ηM = ϕ H ϕM =
Λ

dove

Λ = ( η h1 + η h 2 ) ⋅ (ϕ m1 + ϕ m2 ) − ϕ 2h1

10
IL MANTELLO

2. IL MANTELLO

2.1 PREMESSA
Nel presente capitolo si riportano le equazioni risolutive dello stato di deformazione e
sollecitazione nel mantello dei tamburi in funzione del carico e della tipologia di vincolo
applicati; tali equazioni sono ovviamente derivate dalla teoria esposta nel precedente capitolo,
con l’assunzione di N = 0 . 1

2.2 DEFINIZIONE DELLA PRESSIONE EQUIVALENTE


In un mantello indefinito sul quale si avvolgono le successive spire è comodo rappresentare la
causa della forza di compressione circonferenziale S0, come l’azione di una pressione agente
dall'esterno riferita alla superficie media, data da:
S0
P0 =
R 0 pa
ovviamente il legame che intercorre fra la pressione P agente al lembo esterno del mantello e
la pressione equivalente P0 è il seguente:
De D +s
P0 = P =P 0
D0 D0

L'analisi matematica degli stati di tensione presenti nei mantelli dei tamburi eseguita nei
prossimi paragrafi è basata sull'ipotesi semplificativa che la pressione equivalente non vari
lungo la generatrice del mantello cilindrico, ossia che il tiro T di avvolgimento della fune sia
costante; le correzioni dovute all’allentamento del tiro verranno affrontate nel cap. 6.

1
vedi Appendice
11
IL MANTELLO

2.3 TENSIONE DI RIFERIMENTO


Si tratta della sollecitazione circonferenziale di compressione presente in un tubo di
lunghezza infinita e di spessore s piccolo rispetto al diametro medio D0, sottoposto a una
pressione uniforme P sul lembo esterno del mantello.
Nella presente trattazione si assumerà, considerando il valore assoluto:
S0
σ0 =
pa s

dove S0 è la forza circonferenziale per passo di avvolgimento.


La stessa espressione può essere scritta nel seguente modo:

PD e P( D 0 + s) P0 D 0 P0 R 0
σ0 = = = =
2s 2s 2s s

2.4 STATO DI SOLLECITAZIONE NEL MANTELLO


Nelle espressioni viste in 1.3, i momenti flettenti M e gli sforzi di taglio H sono riferiti
all'unità di lunghezza di ciascun parallelo. Essi valgono per ciascun tratto di mantello
compreso fra due vincoli, vale a dire, per esempio, per ciascun tratto compreso fra una flangia
terminale e un anello di rinforzo intermedio, o per ciascun tratto compreso fra due anelli di
rinforzo, o se non vi sono rinforzi intermedi, per l'intero tratto compreso fra le due flange
terminali.
Nel caso in cui il mantello sia caricato da pressioni diverse, in zone diverse, le precedenti
espressioni vanno applicate ai singoli tratti interessati da carico costante.
Le costanti di integrazione C1, C2, C3, C4 vanno determinate mediante le opportune condizioni
al contorno, che si scrivono imponendo la congruenza degli spostamenti e/o l'equilibrio delle
azioni interne dei tratti adiacenti di generatrice del mantello nei punti di vincolo.
Se si stanno considerando tratti di mantello liberi, ma caricati diversamente, si imporranno le
condizioni di congruenza e/o equilibrio dei bordi liberi di ciascun tratto.
Se, come succede nella generalità dei casi pratici, i vincoli estremi di ciascun tratto non sono
perfettamente rigidi, nelle sopra citate equazioni (1.3) compariranno i coefficienti elastici di
tali vincoli.

12
IL MANTELLO

Si devono quindi calcolare, per ogni vincolo attivo, i seguenti coefficienti elastici dei bordi di
unione del vincolo al mantello:
• ηh: cedimento radiale causato dalla forza radiale unitaria
• ϕm: rotazione causata da un momento unitario
• ϕh = ηm: rotazione causata da una forza radiale unitaria
• ηm = ϕh : cedimento radiale causato da un momento unitario
al riguardo si veda il terzo capitolo.
Nei casi più comuni (per esempio, nella quasi totalità degli apparecchi di sollevamento), la
distanza tra le due flange terminali o tra la flangia terminale e il primo irrigidimento ad essa
adiacente è molto grande rispetto allo spessore del mantello. A seconda della zona di mantello
esaminata ci si può quindi riferire, con buona approssimazione, al caso particolare di un
mantello indefinito con vincolo a simmetria assiale ad una delle estremità o si può fare ricorso
a condizioni di simmetria geometrica e del carico esterno, con il risultato di semplificare
notevolmente il calcolo delle costanti di integrazione. Un semplice criterio per giudicare
quando si può applicare il caso particolare del tamburo indefinito risiede nella valutazione
della lunghezza d'onda λ. Le perturbazioni generate da un vincolo di estremità (effetto di
bordo) hanno andamento sinusoidale smorzato con lunghezza d'onda: λ = 2 π α . A causa del

fattore e −αx lo smorzamento è molto rapido, e tanto più rapido quanto minore è il prodotto
R0s. Si dimostra che l'effetto di bordo è praticamente inesistente già a una distanza x = λ ed è
già trascurabile ad una distanza x = λ 2 dal vincolo terminale. Il mantello si può quindi
considerare indefinito quando la distanza L fra due vincoli è L ≥ λ ma già con ottima
approssimazione se L ≥ λ 2 . In tutti questi casi quindi le costanti C1 e C2 possono essere
considerate nulle.

Per quanto detto all'inizio del presente paragrafo, utilizzando il metodo degli spostamenti,
ossia eguagliando gli spostamenti causati da forze unitarie applicate vicendevolmente sul
bordo del mantello e sul vincolo, si ricavano le condizioni al contorno per determinare le
costanti di integrazione C3 e C4 ; nel caso del più generico vincolo elastico, si può giungere
alle seguenti espressioni di pratico impiego:

13
IL MANTELLO

Spostamenti radiali (linea elastica della generatrice del mantello):


P0 ⎡ ⎛ π⎞ ⎛ 3 ⎞⎤
η( x) = − αx − αx
⎢1 − 2 K H e sin⎜⎝ αx + 2 ⎟⎠ + 2 K M e sin⎜⎝ αx + 4 π⎟⎠ ⎥
β ⎣ ⎦

Momento flettente per unità di circonferenza lungo la generatrice del mantello:


P0 −αx ⎡ ⎛ π⎞ ⎤
M( x) = 2 e ⎢ 2 K H sin(αx) − 2 K M sin⎜ αx + ⎟ ⎥
2α ⎣ ⎝ 4⎠⎦

Azione di taglio per unità di circonferenza lungo la generatrice del mantello:


P0 −αx ⎡ ⎛ π⎞ ⎤
H( x ) = e ⎢− 2 K H sin⎜ αx − ⎟ + K M sin(αx)⎥
α ⎣ ⎝ 4⎠ ⎦

4α 4 β + αϕ m 4α 4 β − 2α 2 η m
dove KH = KM =
Δ Δ
con Δ = 4α 4 β + 2αϕ m + 4α 2 ηm + 4α 3ηh + β(ηh ϕ m − η2m )

KM e KH sono i coefficienti che caratterizzano l'interazione fra la tipologia di flangia e il


mantello stesso, ossia tengono conto della loro rigidità relativa. 2

Valori calcolati alla flangia: Valori calcolati a grande distanza dai vincoli:

η0 =
P0
[1 − 2K H + K M ] η=
P0
β β

M0 = −
P0
[K M ] M=0
2α 2

H0 =
P0
[K H ] H=0
α

2
per l’interazione irrigiditore intermedio mantello si veda cap. 5.
14
IL MANTELLO

Coordinata assiale dei punti di massimo relativo:


1 ⎛K ⎞
X ηR = arctg⎜ M − 1⎟ considerare il primo valore non negativo
α ⎝ KH ⎠

⎛ ⎞
⎜ ⎟
1 ⎜ 1 ⎟
X MR = arctg considerare il primo valore non negativo
α ⎜ KM ⎟
⎜ 1− ⎟
⎝ KH ⎠

⎛ KM ⎞
⎜ − 2⎟
1 K ⎟
X HR = arctg⎜ H considerare il primo valore non negativo
α ⎜ KM ⎟
⎜ ⎟
⎝ KH ⎠

Nei successivi paragrafi della presente trattazione si farà sempre riferimento alle espressioni
sopra riportate, ritenendo quindi ininfluente l'azione reciproca dei vincoli elastici di estremità;
tale ipotesi è supportata dalla realtà costruttiva che riporta quasi sempre tamburi per i quali è
verificata la relazione L ≥ λ 2 vista precedentemente.

2.4.1 TENSIONE LOCALE AL LEMBO ESTERNO DEL MANTELLO


Con le convenzioni di fig. 2 cap. 1, considerando positivi gli sforzi di trazione:

Tensione assiale:
6M
σa = −
s2

Tensione circonferenziale:
E 6M
σc = −η⋅ − ν⋅ 2
R0 s

Tensione radiale:
σ r = − P0

15
IL MANTELLO

2.4.2 TENSIONE LOCALE AL LEMBO INTERNO DEL MANTELLO


Con le convenzioni di fig. 2 cap. 1, considerando positivi gli sforzi di trazione:

Tensione assiale:
6M
σa =
s2

Tensione circonferenziale:
E 6M
σc = −η⋅ + ν⋅ 2
R0 s

Tensione radiale:
σr = 0

Lo stato di sollecitazione di cui sopra è schematizzato in fig. 1.

2.4.3 TENSIONE LOCALE AL RAGGIO MEDIO DEL MANTELLO


Si riportano a solo titolo di completezza, ma di nessun interesse pratico, le tensioni agenti al
raggio medio del mantello. Sono ovviamente nulli tutti gli effetti dovuti al momento M; visto
il piccolo spessore σr tende rapidamente a zero; compare una tensione dovuta al taglio assiale
che ha qui il valore massimo e come ovvio è nulla ai lembi esterno ed interno; unica
sollecitazione degna di nota è quella di cinturamento.

16
IL MANTELLO

2.4.4 TENSIONE DI CONFRONTO


Poiché le sopra citate funzioni possono senz'altro essere considerate tensioni principali, per
materiali duttili (acciaio), come ormai vero nella maggioranza dei casi, si può, per il confronto
con la resistenza del materiale, usare la tensione equivalente di Von Mises:

σ* = σ 2a + σ 2c + σ 2r − σ a σ c − σ a σ r − σ c σ r

Al lembo esterno la fune esercita, quando presente, una azione di compressione fortemente
localizzata a causa delle discontinuità dell'appoggio dei trefoli esterni. Il valore di σr, più
sopra indicato è quindi reale un po' al di sotto della superficie del mantello, soprattutto nel
caso di mantello scanalato, e va quindi inteso come nominale. Esso non è mai di valore tale da
influenzare sensibilmente i risultati.

Figura 1

N.B. le frecce non indicano i versi reali delle tensioni, M va preso con il proprio segno

17
LE FLANGE

3. LE FLANGE

3.1 PREMESSA
La flangia terminale, o gli irrigiditori intermedi, sono di importanza fondamentale in quanto
causa principale del tipo di sollecitazione, nonché di deformazione, a cui andrà incontro il
mantello del tamburo. Si deve tener presente che il considerare perfettamente rigido un
vincolo che non lo è, può portare a una gravemente errata valutazione delle azioni interne sul
mantello. È quindi di basilare importanza, per un equilibrato e sicuro dimensionamento del
mantello, la valutazione più esatta possibile dei coefficienti elastici dei vincoli estremi e
intermedi.
Nei grandi tamburi molto caricati, è abbastanza comune incontrare anelli e diaframmi interni
di rinforzo per diminuire lo spessore del mantello, pur conservando delle deformazioni
accettabili. La corretta determinazione della rigidezza radiale di tali vincoli, in rapporto a
quella propria del mantello, e la loro equidistanza, sono basilari per la loro efficacia. Infatti,
vincoli interni troppo rigidi o troppo lontani possono essere inefficaci, anzi il più delle volte
dannosi.
Facendo riferimento alle espressioni viste al cap. 1, si riporta qui di seguito l'analisi delle
tipologie di flangia più usuali.

18
LE FLANGE

3.2 INCASTRO PERFETTO


Iniziamo l'analisi da un caso particolare, ma di notevole interesse comparativo, l'incastro. Nel
caso in cui il vincolo sia costituito da un incastro perfetto i coefficienti elastici dello stesso
sono evidentemente tutti nulli:

ηh = 0 ηm = 0
ϕm = 0 ϕh = 0

Figura 1

3.3 LASTRA ANULARE LIBERA AL CONTORNO INTERNO


R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
a 2 ( 1 − ν ) + ( 1 + ν) R0
χ= a=
a2 − 1 R fi
Figura 2

3.4 LASTRA ANULARE LIBERA AL CONTORNO ESTERNO


R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
a 2 (1 + ν) + (1 − ν) R fe
χ= a=
a2 − 1 R0
Figura 3

19
LE FLANGE

3.5 LASTRA ANULARE INCASTRATA AL CONTORNO INTERNO


R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
(a 2 − 1) ⋅ (1 − ν 2 ) R0
χ= a=
Figura 4 a ( 1 + ν) + ( 1 − ν )
2
R fi

3.6 LASTRA CIRCOLARE


R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
χ = 1− ν
Figura 5

3.7 LASTRA ANULARE LIBERA AI CONTORNI


Può essere schematizzata come un sistema di due lastre anulari rispettivamente del tipo
riportato in 3.3 e 3.4; le due lastre lavorano evidentemente in parallelo (si sommano le
rigidezze), si ottengono i seguenti coefficienti elastici validi per la flangia:
R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
(c 2 + 1) ⋅ (1 − ν 2 ) + a 2 (1 − ν)2 + b 2 (1 + ν)2
χ=
2(c 2 − 1)
Figura 6
R0 R fe R fe
con a = b= c=
R fi R0 R fi

20
LE FLANGE

3.8 LASTRA ANULARE INCASTRATA AL CONTORNO INTERNO E


LIBERA A QUELLO ESTERNO
Può essere schematizzata come un sistema di due lastre anulari rispettivamente del tipo
riportato in 3.5 e 3.4; le due lastre lavorano evidentemente in parallelo (si sommano le
rigidezze), si ottengono i seguenti coefficienti elastici validi per la flangia:

R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove

Figura 7 1 − ν 2 (a 2 − 1) ⋅ [ (1 − ν) + b 2 (1 + ν) ]
χ= ⋅
2 c 2 (1 + ν) + (1 − ν)
R0 R fe R fe
con a = b= c=
R fi R0 R fi

3.9 LASTRA CIRCOLARE LIBERA AL CONTORNO ESTERNO


Può essere schematizzata come un sistema di due lastre anulari rispettivamente del tipo
riportato in 3.6 e 3.4; le due lastre lavorano evidentemente in parallelo (si sommano le
rigidezze), si ottengono i seguenti coefficienti elastici validi per la flangia:

R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
a 2 (1 − ν 2 ) + (1 − ν)
2
R fe
χ= a=
2a 2 R0
Figura 8

21
LE FLANGE

3.10 LASTRA ANULARE CON PATTINO AL CONTORNO ESTERNO


R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
Figura 9
χ=
(1 − ν )⋅ (b
2
−1 2
) b=
R fe
(1 + ν ) + b (1 − ν )
2
R0

3.11 LASTRA ANULARE CON INCASTRO E PATTINO


Può essere schematizzata come un sistema di due lastre anulari del tipo riportato in 3.5 e 3.10;
le due lastre lavorano evidentemente in parallelo (si sommano le rigidezze), si ottengono i
seguenti coefficienti elastici validi per la flangia:

R0
ηh = χ ηm = 0
Eh
12 ⋅ R 0
ϕm = χ ϕh = 0
Eh 3
dove
Figura 10
χ=
(1 − ν )⋅ (a − 1)⋅ (b
2 2 2
−1 )
2(c − 1)
2

R0 R fe R fe
con a = b= c=
R fi R0 R fi

3.12 OSSERVAZIONI
È facile notare come, indipendentemente dalla tipologia di vincolo analizzata, sia sempre
presente un termine comune a tutti i coefficienti elastici e uno caratteristico della
configurazione in esame, quest'ultimo, il termine χ, è assai sensibile al tipo di materiale
utilizzato poiché direttamente influenzato da ν; queste osservazioni torneranno molto utili nel
prossimo capitolo, quando tratteremo l'interazione flangia mantello.

22
LE FLANGE

3.13 GLI IRRIGIDITORI


Gli irrigiditori non sono altro che delle strutture assialsimmetriche aventi le stesse
caratteristiche degli elementi sopra riportati; qualora la loro forma non sia facilmente
riconoscibile fra quelle viste si può ricorrere ad una analisi specifica dei coefficienti elastici
della tipologia in oggetto, oppure accettare, con buona approssimazione, le seguenti formule
di uso più immediato:

2
R cb
ηh ≅ ηm = 0
EA c

R 2cb
ϕm ≅ ϕh = 0
EJ cb

Rcb è il raggio del baricentro della sezione


Jcb è il momento d'inerzia della sezione
Figura 11

3.14 VINCOLI IMPROPRI


Un'analisi a parte spetta ai tratti di mantello scarichi che hanno ovviamente un
comportamento elastico differente dalla parte del mantello soggetta alla forza di cinturamento
della fune, per questo motivo possono essere visti come dei vincoli assialsimmetrici
particolari, “impropri” appunto. Occorre anzitutto distinguere se il tratto di mantello scarico
può essere considerato lungo oppure corto, con il significato visto in 2.4; i due casi vanno
ovviamente trattati con equazioni differenti.

3.14.1 TRATTO LUNGO DI MANTELLO SCARICO


I coefficienti elastici coincidono, in questo particolare caso, con quelli visti in 1.3.1, che
vengono qui riportati per completezza:
1 2α 1 2α 2
ηh = = ηm = =
2α B β
3
2α 2 B β

1 4α 3 1 2α 2
ϕm = = ϕh = =
αB β 2α 2 B β

Figura 12

23
LE FLANGE

3.14.2 TRATTO CORTO DI MANTELLO SCARICO


In questo caso occorre fare ricorso all'equazione della linea elastica in forma completa, quella
riportata in 1.3, che può essere riscritta nel seguente modo:

η( x) = D1 sen( αx) senh( αx) + D 2 sen( αx) cosh( αx) +


+ D 3 cos( αx) senh( σx) + D 4 cos( αx) cosh( αx)

I coefficienti elastici sono i seguenti [Belluzzi]:

Bordi liberi:
2α senh( αL) cosh( αL) − sen( αL) cos( αL)
ηh = ⋅
β senh 2 ( αL) − sen 2 ( αL)

2α 2 senh 2 ( αL) + sen 2 ( αL)


ϕh = ⋅
β senh 2 ( αL) − sen 2 ( αL)

2α 2 senh 2 ( αL) + sen 2 ( αL)


ηm = ⋅
Figura 13 β senh 2 ( αL) − sen 2 ( αL)

4α 3 senh( αL) cosh( αL) + sen( αL) cos( αL)


ϕm = ⋅
β senh 2 ( αL) − sen 2 ( αL)

Incernierato lungo un bordo:


2α senh 2 ( αL) + sen 2 ( αL)
ηh = ⋅
β senh( αL) cosh( αL) − sen( αL) cos( αL)

2α 2 senh( αL) cosh( αL) + sen( αL) cos( αL)


ϕh = ⋅
β senh( αL) cosh( αL) − sen( αL) cos( αL)

4α 3 senh 2 ( αL) + cos2 ( αL)


ϕm = ⋅
Figura 14 β senh( αL) cosh( αL) − sen( αL) cos( αL)

2α 2 senh( αL) cosh( αL) + sen( αL) cos( αL)


ηm = ⋅
β senh( αL) cosh( αL) − sen( αL) cos( αL)

24
LE FLANGE

Incastro lungo un bordo:


2α senh( αL) cosh( αL) − sen( αL) cos( αL)
ηh = ⋅
β cosh 2 ( αL) + cos2 ( αL)

2α 2 cosh 2 ( αL) − cos2 ( αL)


ϕh = ⋅
β cosh 2 ( αL) + cos2 ( αL)

2α 2 cosh 2 ( αL) − cos2 ( αL)


ηm = ⋅
Figura 15 β cosh 2 ( αL) + cos2 ( αL)

4α 3 senh( αL) cosh( αL) + sen( αL) cos( αL)


ϕm = ⋅
β cosh 2 ( αL) + cos2 ( αL)

Mutui dei due bordi:


2α cos(αL )senh (αL ) − sen (αL ) cosh (αL )
ηh = ⋅
β senh 2 (αL ) − sen 2 (αL )

2α 2 2 sen (αL )senh (αL )


ϕh = ⋅
β senh 2 (αL ) − sen 2 (αL )

2α 2 2 sen (αL )senh (αL )


ηm = − ⋅
Figura 16 β senh 2 (αL ) − sen 2 (αL )

4α 3 cos(αL )senh (αL ) + sen (αL ) cosh (αL )


ϕm = ⋅
β senh 2 (αL ) − sen 2 (αL )

Questi coefficienti differiscono da quelli per il mantello lungo per un fattore di correzione,
diverso per le varie condizioni di vincolo dell'altro bordo, e tanto più prossimo a 1 quanto
maggiore è il prodotto αL; per αL = π ossia per L = λ 2 , essi differiscono da 1 per qualche
millesimo, e per αL = 2π ossia per L = λ , essi differiscono da 1 per qualche milionesimo.
Questo conferma che per tamburi non molto corti sono valide le espressioni riportate in 2.3, e
che le deformazioni del bordo che si considera sono praticamente indipendenti dalle
condizioni di vincolo dell'altro.

25
LE FLANGE

3.15 CONCLUSIONI
Si fa notare che le tipologie sopra riportate possono essere variamente combinate creando
un'infinità di vincoli estremamente più complessi, applicabili a seconda di esigenze o
situazioni particolari; i coefficienti elastici degli insiemi così ottenuti possono essere dedotti
utilizzando l'espressione riportata in 1.5 e combinando opportunamente le espressioni così
ottenute.
Si ritiene opportuno ricordare che anche le flange devono essere verificate sia dal punto di
vista delle tensioni interne che delle deformazioni elastiche a cui vanno incontro. Per fare
questo è sufficiente fare riferimento alle formule riportate in 1.4.

26
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

4. INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

Figura 1

4.1 PREMESSA
Nei precedenti due capitoli sono stati trattati separatamente l'elemento mantello e l'elemento
flangia, senza particolari riferimenti sulla loro interazione; si vuole ora mettere in evidenza
come le loro dimensioni geometriche, il materiale utilizzato, e la tipologia di flangia adottata
influenzino profondamente lo stato di sollecitazione dell'intero tamburo.
Nei seguenti paragrafi si procederà all'analisi dello stato di sollecitazione che si instaura nel
mantello nei pressi del collegamento con la flangia in funzione della tipologia adottata per
quest'ultima, giungendo a delle conclusioni di validità del tutto generale. A grande distanza
dalla flangia ( L ≥ λ 2 ) lo stato di sollecitazione, come già fatto notare, è indipendente dalla
tipologia di vincolo terminale applicato. Le forze che per unità di circonferenza si scambiano
mantello e flangia sono messe in evidenza in fig. 2, dove si sono trascurati il contributo
dell'azione H al momento flettente sulla flangia 1 e la forza assiale N di compressione sul
mantello 2 , entrambe queste approssimazioni sono giustificate dalla piccola entità di queste
azioni.

1
si trascura cioè il termine H ⋅ h 2 .
2
vedi Appendice.
27
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

Gli stati di sollecitazione verranno calcolati facendo riferimento alle formule riportate in 2.3,
con le convenzioni di fig. 2 cap. 1.

Figura 2

4.1.1 MANTELLO DI RIFERIMENTO


Nel presente capitolo si farà riferimento a una particolare configurazione di mantello e di
carico, senza comunque perdere la validità generale dell'intera trattazione, questo al fine di
poter fornire l'interpretazione grafica dell'andamento delle sollecitazioni ricavate. Si
forniscono qui di seguito le caratteristiche della struttura presa in considerazione:
R 0 = 500 mm s = 25 mm L>λ 2 E = 206000 MPa ν = 0.3 P0 = 1 MPa

con i dati sopra riportati è facile ricavare i seguenti valori:

Es N Es3
β = 2 = 20.6 B= = 294757326 N ⋅ mm
R0 mm3 12(1 − ν 2 )

4 3(1 − ν 2 ) 1 2π
α= ≅ 0.0115 λ= ≅ 546 mm
R 0s mm α

28
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

4.2 BORDO LIBERO


Questa tipologia di "non" vincolo, se pur di nessun interesse applicativo, costituisce, insieme
al successivo caso, un interessante elemento di confronto, in quanto limite teorico di un
vincolo perfettamente cedevole. In questo caso infatti le costanti elastiche KH e KM assumono
entrambe valore nullo, non si otterranno quindi altre sollecitazioni se non quella di semplice
cinturamento:
E P E PR
σc = −η⋅ =− 0⋅ = − 0 0 = −σ 0
R0 β R0 s

pari, a meno del segno, alla tensione di riferimento.

4.3 INCASTRO PERFETTO


Come già detto in precedenza, vista la sua importanza comparativa, si riportano gli stati di
sollecitazione nel caso in cui il vincolo terminale del mantello sia costituito da un incastro
perfetto.
In questo particolare caso si ottiene, in conformità a quanto riportato in 3.2, K M = K H = 1 , ne
segue che al collegamento flangia mantello ( x = 0 ), si ottengono i seguenti valori per le
azioni interne:

Valori calcolati al collegamento:


η0 = 0

P0
M0 = −
2α 2
P0
H0 =
α

Sollecitazione assiale al collegamento:


6M 3 P0 R 0 3
σa0 = 2 = ⋅ = ⋅ σ 0 = k 1σ 0 in valore assoluto
s 3(1 − ν 2 ) s 3(1 − ν 2 )

29
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

Sollecitazione circonferenziale al collegamento:


6M 3ν
σ c0 = ν ⋅ 2 = ⋅ σ 0 = ν k 1σ 0 in valore assoluto
s 3(1 − ν 2 )

Facendo riferimento ai materiali normalmente utilizzati per la realizzazione dei tamburi (1.1):
acciaio ν = 0.27K0.3 σ a ≅ 1815
. ⋅ σ0 σ c ≅ 0.544 ⋅ σ 0
ghisa ν ≅ 01
. σ a ≅ 1741
. ⋅ σ0 σ c ≅ 0174
. ⋅ σ0
si nota che l'influenza di ν sul valore di σa è molto bassa, più sensibile invece nel caso di σc;
si sottolinea inoltre che il valore delle sollecitazioni presenti all'incastro sono sempre
amplificate dal fattore k1 rispetto alla tensione di riferimento σ0, questa osservazione tornerà
utile nei prossimi paragrafi.

Si riportano di seguito, a puro titolo comparativo, gli andamenti dello spostamento radiale e
delle principali azioni interne, ovviamente valide per il mantello di riferimento:

SPOSTAMENTO RADIALE

0.00
0.01

0.02

η 0.03
0.04

0.05
0.06
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 1

30
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

MOMENTO ASSIALE

0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
1000

-1000
M
-2000

-3000

-4000
x

Grafico 2

TAGLIO

100

80

60

H 40
20

-20
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 3

Come si può notare i valori massimi si hanno proprio all'incastro da cui proseguono con
andamento smorzato oscillante fino a giungere, già per valori poco superiori a λ 2 , in
prossimità dello zero.

Si prosegue riportando gli andamenti delle sollecitazioni assiali e circonferenziali calcolate


sia per il lembo esterno che per quello interno:

31
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

SOLLECITAZIONE ASSIALE

40
30 esterna
20 interna
10
σa 0
-10
-20
-30
-40
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 4

SOLLECITAZIONE CIRCONFERENZIALE

15
10 esterna
5 interna
0
σ c -5
-10
-15
-20
-25
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 5

Si osserva come la sollecitazione assiale esterna e interna siano simmetriche ed opposte nel
segno, mentre quella circonferenziale abbia due andamenti differenti per il lembo interno ed
esterno, questo è dovuto al contributo del momento anticlastico Mc che si annulla con buona
approssimazione per valori di x poco superiori a λ 2 .

32
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

4.4 FLANGIA
Per quanto visto nei precedenti paragrafi è facile intuire che, qualsiasi tipologia di flangia
venga preso in esame, lo stato di tensione nel mantello cilindrico sarà intermedio fra quello
riscontrato nel caso di bordo libero e quello d'incastro perfetto.
I valori delle azioni interne, e quindi anche le sollecitazioni, saranno ora funzione dei
coefficienti di rigidità relativa KM e KH, caratteristici dell'insieme flangia mantello adottato
(2.4).

Valori calcolati al collegamento:

η0 =
P0
[1 − 2K H + K M ]
β

M0 = −
P0
[K M ]
2α 2

H0 =
P0
[K H ]
α
4α 4 β + αϕ m 4α 4 β
dove KH = KM =
Δ Δ
con Δ = 4α 4 β + 2αϕ m + 4α 3 η h + βη h ϕ m

considerando il solo momento, si ottengono i seguenti valori delle sollecitazioni:

Sollecitazione assiale al collegamento:


6M
σa0 = = σ 0 k 1K M in valore assoluto
s2

Sollecitazione circonferenziale al collegamento:


6M
σ c0 = ν ⋅ = νσ 0 k 1 K M in valore assoluto
s2
a cui va sommato il contributo dell'azione di cinturamento pari a:
− σ 0 [1 − 2K H + K M ]

33
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

Sviluppando σa0 per una generica tipologia di flangia, tenendo presente quanto riportato in
3.12, si ottiene:
k1
σa0 = σ0
1 + (2k 2 + k 3 ) ⋅ χ + k 2 k 3 ⋅ χ 2
dove
3
k1 = coefficiente di incastro perfetto
3(1 − ν 2 )
3 1
3 ⎛ s⎞ ⎛ R ⎞ 2
k2 = ⋅⎜ ⎟ ⋅⎜ 0 ⎟ coefficiente di elasticità relativa rotazionale
4
33 (1 − ν 2 )
3 ⎝ h⎠ ⎝ s ⎠

− 12
1 ⎛ s ⎞ ⎛ R0 ⎞
k3 = ⋅ ⎜ ⎟ ⋅⎜ ⎟ coefficiente di elasticità relativa radiale
4 3(1 − ν 2 ) ⎝ h ⎠ ⎝ s ⎠

Si è messo qui in evidenza, con la massima generalità, come la sollecitazione assiale σa0 alla
giunzione con la flangia, dipenda:
• dalla tensione di riferimento σ0;
• da un fattore adimensionale χ caratteristico della tipologia di flangia considerata, tanto
maggiore quanto più la flangia è cedevole;
• da tre termini adimensionali (k1 k2 k3), con il significato sopra riportato:
k1 è sempre costante e coincide con il coefficiente di amplificazione trattato in 4.3;
k2 e k3 sono funzione di due rapporti adimensionali di cui il primo prende in
considerazione lo spessore relativo del mantello rispetto a quello della flangia, il
secondo mette in rapporto le due dimensioni geometriche caratteristiche del mantello,
raggio medio e spessore. Per quanto riguarda i coefficienti k2, k3 si riportano di seguito
i loro andamenti per alcuni valori di s h in funzione di R 0 s , valutati per ν = 0.3 : 3

3
la differenza al variare di ν è comunque sempre di pochi punti percentuali.
34
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

coefficiente di elasticità relativa rotazionale

100.00
2
1.75
1.5
1.25
10.00 1

0.75

0.5
k2 1.00

s/h=0.25
0.10

0.01
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 6

coefficiente di elasticità relativa radiale

1.00

2
1.75
1.5
1.25
1
k3 0.10
0.75

0.5

s/h=0.25

0.01
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 7

35
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

Per le normali flange in uso il coefficiente χ è solitamente compreso fra 0.50 ÷ 0.70 per
materiali duttili (acciaio ν = 0.3) e 0.60 ÷ 0.90 per materiali fragili (ghisa ν = 0.1), l'estremo
inferiore per flange più rigide quello superiore per flange più cedevoli; a maggior chiarimento
si riporta l'andamento del coefficiente χ per le flange del tipo riportato in 3.5 e 3.8, dove in
quest'ultimo caso si fa riferimento ad una flangia che deborda del 20% rispetto al raggio
medio R0 del mantello.

coefficiente di flangia
1.00

0.90 ν = 0.1

0.80
ν = 0.1

χ 0.70 ν = 0.3

ν = 0.3
0.60

0.50
tipo 3.5
tipo 3.8
0.40
2 4 6 8 10 12 14 16 18 20

R0/Rfi

Grafico 8

Osservando i grafici emerge che nel calcolo di KM l'influenza del termine k 3 rispetto al
termine 2 k 2 è assai ridotta, quasi sempre trascurabile; il termine
4
1 ⎛ s⎞
k2k3 = ⎜ ⎟
1 − ν2 ⎝ h ⎠
invece, può avere una influenza non trascurabile nel caso in cui lo spessore del mantello sia
superiore a quello della flangia; si sottolinea inoltre che tale prodotto non dipende dal
rapporto R 0 s .

36
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

Si riportano di seguito gli andamenti dello spostamento radiale e delle principali azioni
interne sul mantello, nel particolare caso di una flangia avente il rapporto degli spessori
s h = 1.25 e il coefficiente caratteristico χ = 0.6166 ; 4 ovviamente valide per il mantello di
riferimento.

SPOSTAMENTO RADIALE

0.00

0.01

0.02

η 0.03
0.04

0.05

0.06
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 9

MOMENTO ASSIALE

1200
1000
800
600
M 400
200
0
-200
-400
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 10

4
si fa qui riferimento a una flangia del tipo riportato in 3.8 con le seguenti dimensioni : R fe = 600 mm

37
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

TAGLIO

50

40

30

H 20
10

-10
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 11

Come si può facilmente notare i grafici sopra riportati hanno comunque un andamento
smorzato come i corrispondenti visti per il caso di incastro perfetto (4.3), ma i valori sono
completamente differenti.
Spostamento radiale:
come previsto al collegamento con la flangia il mantello subisce un spostamento
radiale, peraltro molto piccolo, che ovviamente nel caso dell'incastro perfetto non
poteva sussistere.
Momento assiale:
è sicuramente questa l'azione interna che presenta la maggiore differenza e il maggior
interesse; si osserva immediatamente come al collegamento con la flangia la
differenza di valore sia di un ordine di grandezza; ma ancora più interessante è il fatto
che la sezione maggiormente sollecitata non è più quella di collegamento ma bensì
quella di massimo relativo.
Taglio:
analoghe osservazioni possono essere fatte per l'andamento della azione tagliante, che
comunque risulta di importanza inferiore.

R fi = 50 mm h = 20 mm .
38
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

Nella seguente tabella si riporta il confronto numerico dei due casi per i valori al
collegamento e di massimo relativo:

39
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

confronto numerico
Momento N ⋅ mm mm Taglio N mm

x incastro flangia x incastro flangia


0 -3783 -218 0 87 43
74 149 1072 142 -1 -8
137 786 731 205 -6 -5

Tabella 1

È quindi evidente come l'azione della flangia, con la sua rigidezza relativa, sia la causa
dell'attenuazione della sollecitazione di collegamento e dello spostamento della sezione di
massimo relativo; il valore qui assunto potrebbe superare, è il caso preso in esame, il valore
della sollecitazione al collegamento con la flangia divenendo così la sezione di massimo
assoluto.

Si prosegue riportando gli andamenti delle sollecitazioni assiali e circonferenziali calcolate


sia per il lembo esterno che per il lembo interno:

SOLLECITAZIONE ASSIALE

15
esterna
10
interna
5

σa 0
-5

-10

-15
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 12

40
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

SOLLECITAZIONE CIRCONFERENZIALE

0
esterna
-5 interna

-10
σc
-15

-20

-25
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
x

Grafico 13

Di seguito, per una più facile e rapida valutazione, vengono messe a confronto sullo stesso
grafico, le sollecitazioni precedentemente ricavate nel caso di vincolo ad incastro perfetto,
con quelle ottenute nel caso di vincolo a flangia.

SOLLECITAZIONI AL LEMBO ESTERNO

40
35
30
25
20
15
10 σae inc
σ
5
0
-5
σae flg
-10
-15 σce flg
-20
σce inc
-25
0 50 100 150 200 250 300 350
x

Grafico 14

41
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

SOLLECITAZIONI AL LEMBO INTERNO

15
10
5
σai flg
0
-5
-10
σ σci flg σci inc
-15
-20
-25
σai inc
-30
-35
-40
0 50 100 150 200 250 300 350
x

Grafico 15

Come è facile osservare, la sezione maggiormente sollecitata non risulta più essere quella di
collegamento ma è spostata verso coordinate assiali maggiori, il valore qui assunto
dall’azione interna dipende in maniera sostanziale da entrambe i coefficienti KH e KM, e
quindi dalla interazione fra la tipologia di flangia utilizzata e il mantello.

⎛ ⎞
⎜ ⎟
X σaR = arctg⎜
1 1 ⎟ coordinata assiale di massimo relativo
α ⎜ KM ⎟
⎜1 − K ⎟
⎝ H ⎠

⎡ ⎛ π⎞ ⎤
σ a = σ 0 ⋅ k 1 ⋅ e −αx ⎢2 K H sin( αx) − 2 K M sin⎜ αx + ⎟ ⎥ in valore assoluto
⎣ ⎝ 4⎠⎦

ricordando le espressioni trovate nel presente paragrafo:


1 1+ k2χ
KM = KH =
1 + ( 2 k 2 + k 3 )χ + k 2 k 3 χ 2
1 + (2 k 2 + k 3 )χ + k 2 k 3 χ 2

42
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

sfruttando le opportune proprietà trigonometriche, si può scrivere:

1 ⎛ 1 ⎞
X σaR = arctg⎜ 1 + ⎟ considerare il primo valore non negativo
α ⎝ k2χ⎠
⎛ 1 ⎞
k 1 2k 22 χ 2 + 2k 2 χ + 1 − arctg ⎜⎜ 1+ ⎟⎟
⎝ k 2χ ⎠
σ aR = σ 0 ⋅ ⋅e
1 + (2k 2 + k 3 )χ + k 2 k 3 χ 2

in modo più compatto:


σ aR = σ 0 k 1K M K Ra

dove si è messo in evidenza come la sollecitazione assiale massima relativa dipenda da:

• σ0 tensione di riferimento
• k1 coefficiente di amplificazione di incastro
1
• KM =
1 + ( 2 k 2 + k 3 )χ + k 2 k 3 χ 2
coefficiente di rigidità relativa rotazionale

⎛ 1 ⎞
− arctg ⎜⎜ 1+ ⎟⎟
⎝ k 2χ ⎠
• K Ra = 2k χ + 2k 2 χ + 1 ⋅ e
2
2
2
coefficiente di rigidità di massimo relativo assiale

si fa notare che sebbene X σ aR dipenda anche dal coefficiente α, caratteristico del mantello, il

valore della sollecitazione assiale corrispondente è sola funzione dei termini k1 k2 k3 e χ,


aventi il significato precedentemente illustrato.
Si riportano, nelle pagine successive, tramite grafici, i valori di KM e KRa, in funzione dei già
noti rapporti adimensionali (R0/s s/h), raccolti per alcuni valori possibili del coefficiente di
flangia χ.

43
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

KM e KRa per flange con χ = 0.5

1.000 0.25
0.5

0.75

0.100 1

1.25
KM 1.5
1.75
s/h=2
0.010

0.001
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 16

100.0

s/h=2
1.75
10.0 1.5

1.25

KRa 1

0.75
1.0
0.5

0.25

0.1
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 17

44
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

KM e KRa per flange con χ = 0.6

1.000
0.25

0.5

0.75

0.100 1

1.25
KM
1.5
1.75
0.010 s/h=2

0.001
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 18

100.0

s/h=2
1.75
1.5
10.0
1.25

1
KRa
0.75

1.0
0.5

0.25

0.1
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 19
KM e KRa per flange con χ = 0.7
45
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

1.000
0.25

0.5

0.75
0.100
1

1.25
KM
1.5
1.75
0.010 s/h=2

0.001
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 20

100.0

s/h=2
1.75
1.5
10.0 1.25

1
KRa
0.75

1.0
0.5

0.25

0.1
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 21
KM e KRa per flange con χ = 0.8

46
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

1.000
0.25

0.5

0.75
0.100
1

KM 1.25

1.5
1.75
0.010
s/h=2

0.001
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 22

100.0

s/h=2
1.75
1.5
10.0 1.25

1
KRa
0.75

1.0
0.5

0.25

0.1
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 23

47
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

L’azione di compressione circonferenziale ha un doppio contributo: quelo dovuto all’azione


di cinturamento e quello dovuto al momento anticlastico M c = νM , quest’ultimo fa si che la

sezione maggiormente sollecitata (a compressione circonferenziale) non sia quella di massima


deflessione (massima spostamento radiale) ma sia spostata verso coordinate assiali inferiori,
poiché la sezione di massimo relativo di M precede quella di deformazione radiale massima..
Con ragionamento analogo a quello fatto per trovare la coordinata e il massimo valore della
sollecitazione assiale si ottiene:
1 ⎡ (ν k 1 + 1 )k 2 χ + ν k 1 ⎤
X σ cR = arctg ⎢ ⎥ considerare il primo valore non negativo
α ⎣ (ν k 1 − 1 )k 2 χ − 1 ⎦
σ cR = −σ 0 (1 + K M K Rc ) calcolata al lembo esterno

dove si è messo in evidenza come la sollecitazione circonferenziale massima relativa dipenda


da:
• σ0 tensione di riferimento
1
• KM =
1 + ( 2 k 2 + k 3 )χ + k 2 k 3 χ 2
coefficiente di rigidità relativa rotazionale

⎡ (νk1 +1)k 2 χ + νk1 ⎤

(2k χ )( )
− arctg ⎢ ⎥
⎣ (νk1 −1)k 2 χ −1 ⎦
• K Rc = 2
2
2
+ 2k 2 χ + 1 ⋅ ν k + 1 ⋅ e
2 2
1 coefficiente di rigidità di

massimo relativo circonferenziale

Si riportano, nelle pagine successive, tramite grafici, i valori KRc, in funzione dei rapporti
adimensionali R0/s ed s/h, calcolati per alcuni valori possibili del coefficiente di flangia χ.

48
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

χ = 0 .5

100.00

10.00 s/h=2
1.75
1.5
1.25
1
KRc 1.00
0.75

0.5

0.10 0.25

0.01
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 24

χ = 0 .6

100.00

s/h=2
10.00 1.75
1.5
1.25
1
KRc 1.00
0.75

0.5

0.10 0.25

0.01
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 25

49
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

χ = 0 .7

100.00

s/h=2
10.00 1.75
1.5
1.25
1
KRc 1.00
0.75

0.5

0.10 0.25

0.01
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 26

χ = 0 .8

100.00

s/h=2
10.00 1.75
1.5
1.25
1

KRc 1.00 0.75

0.5

0.10 0.25

0.01
10 15 20 25 30 35 40 45 50
R0/s

Grafico 27

50
INTERAZIONE FLANGIA MANTELLO

4.5 CONCLUSIONI
Si è quindi riusciti a parametrizzare, attraverso semplici coefficienti, lo stato di sollecitazione
che si instaura all’interno del mantello cilindrico nei pressi della flangia terminale, il fatto che
questi coefficienti siano adimensionali rende ancor più evidente la loro assoluta generalità e la
loro efficacia applicativa.
Si tratta quindi di ottimizzare i termini KM, KRa, KRc e χ (k1 è sempre costante) al fine di
ottenere il maggior effetto positivo compatibilmente con i criteri di resistenza e le esigenze
costruttive. Ottimizzare questi coefficienti significa, in definitiva, scegliere il valore più
opportuno dei rapporti adimensionali R0/s e s/h, e poichè solitamente il valore di R0 è
determinato da fattori oltre che strettamente legati a esigenze di resistenza, anche a fattori
quali l'ingombro, il raggio di avvolgimeto minimo per la fune e la velocità periferica della
stessa, ci si riduce alla determinazione degli spessori s ed h, e alla scelta della tipologia di
flangia attraverso il coefficiente χ.
Si osserva che al diminuire del rapporto adimensionale s/h, KM diviene più grande e quindi la
sollecitazione al collegamento con la flangia aumenta; la stessa variazione ha invece effetto
contrario su KRa e KRc che riducono il loro effetto di amplificazione di massimo relativo. Al
crescere di χ, e quindi all'aumentare della cedevolezza della flangia, KM diminuisce mentre
KRa e KRc aumentano.
Si può quindi concludere che operando opportunamente sui vari coefficienti è possibile
distribuire a piacere il livello di sollecitazione alla flangia e nel punto di massimo relativo; i
sopra riportati grafici possono risultare di notevole aiuto per una valutazione immediata dello
stato di sollecitazione che viene ad instaurarsi nelle due sezioni in esame: scelto infatti il
raggio medio R0, ed eseguito un primo dimensionamento di massima per lo spessore s, è
facile ricavare il livello di sollecitazione che si instaura al variare della tipologia di flangia,
coefficiente χ, e del suo spessore h.

51
INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

5. INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

Figura 1

5.1 PREMESSA
Sulla base di quanto esposto nel precedente capitolo si prosegue analizzando lo stato di
tensione che si instaura nel mantello di un tamburo nei pressi di un irrigiditore intermedio
situato a sufficiente distanza dalla flangia terminale e dagli irrigiditori adiacenti ( L ≥ λ 2 ) è
quindi nulla la rotazione del mantello in corrispondenza della sezione in esame. Le forze che
per unità di circonferenza si scambiano mantello e irrigiditore sono messe in evidenza in fig.
2, dove si è trascurata la presenza dell’ormai esiguo momento assiale dovuto ai vincoli
laterali.
Gli stati di sollecitazione verranno calcolati facendo riferimento alle formule riportate in 2.3,
con le convenzioni di fig. 2 cap. 1.

51
INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

Figura 2

5.2 IRRIGIDITORE
Sfruttando le equazioni di congruenza si giunge alla determinazione dei coefficienti di rigidità
relativa complessiva K 'H e K 'M validi per l’interazione irrigiditore mantello:

1 1
K 'H = K 'M =
2β 2β
1+ ηh 1+ ηh
α α

come si può notare esiste la semplice relazione K 'H = K 'M ;


esprimendoli in funzione dei noti coefficienti adimensionali (k1 k2 k3 χ) si ottiene:

1 1
K 'H = K 'M =
1 + 2k 3 χ 1 + 2k 3 χ

è evidente la dipendenza dai soli coefficienti k3 e χ.

Deformazioni, azioni interne e stati di sollecitazione sono facilmente calcolabili con le


espressioni riportate nel precedente capitolo apportando le opportune sostituzioni.

52
INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

Valori calcolati al collegamento:

η0 =
P0
β
[
1 − K 'M ]

M0 = −
P0
2α 2
[ ]
K 'M

H0 =
P0 '
α
KM[ ]

Sollecitazioni assiale al collegamento:


σ a 0 = σ 0 k 1 K 'M in valore assoluto

Sollecitazioni circonferenziale al collegamento:


σ c 0 = νσ 0 k 1K 'M in valore assoluto

a cui va sommato il contributo dell’azione di cinturamento pari a:


− σ 0 [1 − K 'M ]

Si riportano di seguito, a puro titolo comparativo, gli andamenti dello spostamento radiale, le
principali azioni interne e le sollecitazioni presenti sul mantello, nel particolare caso di un
irrigiditore avente il rapporto degli spesori s h = 1.25 , e il coefficiente caratteristico
χ = 4.2556 : 1

1
si fa qui riferimento a un irrigiditore del tipo riportato in 3.3 con le seguenti dimensioni: R fe = 500 mm

R fi = 400 mm h = 20 mm .
53
INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

SPOSTAMENTO RADIALE

0.030

0.035

η 0.040

0.045

0.050
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Grafico 1

MOMENTO ASSIALE

-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
500

M -500

-1000

-1500
x

Grafico 2

54
INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

TAGLIO

35
30
25
20
H 15
10
5
0
-5
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Grafico 3

SOLLECITAZIONE ASSIALE

15
esterna
10
interna
5

σ 0
-5

-10

-15
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Grafico 4

55
INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

SOLLECITAZIONE CIRCONFERENZIALE

-5
esterna
-10 interna

σ -15

-20

-25
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Massimo relativo dello spostamento radiale:


π λ
X ηR = =
α 2

ηR =
P0
β
(
1 + e −π K 'M )

Massimo relativo della sollecitazione assiale:


π λ
X σaR = =
2α 4
π
k1 −
σ aR = σ0 e 2 = σ 0 k 1 K 'M K 'Ra
1 + 2k 3 χ

Massimo relativo della sollecitazione circonferenziale:


π − arctg(νk1 ) λ 1
X σcR = = − arctg(νk1 )
α 2 α
⎡ ν 2 k 12 + 1 arctg (νk1 )− π ⎤
σ cR = −σ 0 ⎢1 +
1 + 2k 3 χ
⋅e [
⎥ = −σ 0 1 + K 'M K 'Rc ] lembo esterno
⎢⎣ ⎥⎦

56
INTERAZIONE IRRIGIDITORE MANTELLO

Come si può notare le coordinate di massimo relativo sono solamente funzione di α, e i


coefficienti K 'Ra e K 'Rc sono costanti:
π

K '
Ra =e 2
≅ 0.2079

K 'Rc = ν 2 k 12 + 1 ⋅ e arctg (νk1 )− π ≅ 0.0810

siccome K 'Ra < 1 la massima sollecitazione assiale si ha nella sezione di collegamento.

5.3 CONCLUSIONI
È di nuovo evidente come l’utilizzo dei coefficienti adimensionali qui evidenziati semplifichi
notevolmente la determinazione dello stato di sollecitazione nei pressi degli irrigiditori. Per il
calcolo di K 'M si rimanda al grafico 7 cap. 4.

57
INTERAZIONE FUNE MANTELLO

6. INTERAZIONE FUNE MANTELLO

6.1 PREMESSA
In questo capitolo si prende in esame l’interazione fune mantello analizzando nel dettaglio il
caso di mantello parzialmente avvolto. Si fa infine un piccolo accenno al problema del
rilassamento della tensione della fune. In effetti tale problema è assai complicato, soprattutto,
ma non è il nostro caso, quando si ha a che fare con più strati sovrapposti, dove la
determinazione di una corretta pressione equivalente P0 richiede un’esatta conoscenza dei
parametri elastici della fune, dati che peraltro non sono facilmente reperibili.

6.2 MANTELLO PARZIALMENTE AVVOLTO

Figura 1

Se consideriamo un tamburo parzialmente avvolto, possiamo supporre che nella zona di


avvolgimento agisca una pressione costante P0 (2.2); in corrispondenza dell’ultima spira
avvolta (purchè sia a sufficiente distanza dalle flange terminali e dagli irrigiditori intermedi)
le azioni interne possono essere calcolate imponendo la congruenza nella sezione A-A fra i
due semicilindri (fig. 2), si ottiene:
P0 P0
MA = 0 HA = ηA =
4α 2β

58
INTERAZIONE FUNE MANTELLO

Sollecitazioni a fine avvolgimento:


σ0
σ aA = 0 σ cA = −
2

ossia la sollecitazione assiale è nulla e la compressione di cinturamento risulta la metà


di quella presente nella mezzaria dello strato avvolto.

Il momento assiale, nullo nella sezione A-A, raggiunge il valore massimo a π 4α = λ 8 dalla
stessa:
P0
M max = [K Pa ] in valore assoluto
2α 2

Si riportano di seguito, a puro titolo comparativo, gli andamenti dello spostamento radiale, le
principali azioni interne e le sollecitazioni presenti sul mantello di riferimento:

SPOSTAMENTO RADIALE

-0.01
0.00
0.01
0.02
η
0.03
0.04
0.05
0.06
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Grafico 1

59
INTERAZIONE FUNE MANTELLO

MOMENTO ASSIALE

-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
700
500
300
100
M
-100
-300
-500
-700
x

Grafico 2

TAGLIO

25
20
15
10
5
H 0
-5
-10
-15
-20
-25
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Grafico 3

60
INTERAZIONE FUNE MANTELLO

SOLLECITAZIONE ASSIALE

8
6 esterna
4 interna
2
σ0
-2
-4
-6
-8
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Grafico 4

SOLLECITAZIONE CIRCONFERENZIALE

-5

σ -10
-15
esterna
-20
interna
-25
-600 -500 -400 -300 -200 -100 0 100 200 300 400 500 600
x

Grafico 5

61
INTERAZIONE FUNE MANTELLO

Massimo relativo della sollecitazione assiale:


π λ
X σaP = =
4α 8
σ aP = K Pa k 1σ 0 in valore assoluto

dove KPa è il coefficiente di massima sollecitazione assiale per avvolgimento parziale


π

4
e
K Pa = ≅ 0.1612
2 2

Massimo relativo della sollecitazione circonferenziale:


La massima sollecitazione circonferenziale si trova in una sezione situata a monte
dell’ultima spira avvolta:

1⎡ ⎛ νk 1 + 1 ⎞ ⎤ λ 1 ⎛ νk + 1 ⎞
X σcP = ⎢π + arctg⎜⎜ ⎟⎟⎥ = + arctg⎜⎜ 1 ⎟⎟
α⎣ ⎝ νk 1 − 1 ⎠ ⎦ 2 α ⎝ νk 1 − 1 ⎠
σ cP = −σ 0 (1 + K Pc )

dove KPc è il coefficiente di massima sollecitazione circonferenziale per avvolgimento


parziale:
⎡ ⎛ νk +1 ⎞ ⎤
− ⎢ π+ arctg ⎜⎜ 1 ⎟⎟ ⎥
⎢⎣ ⎝ νk1 −1 ⎠ ⎥⎦
ν 2 k 12 + 1
K Pc = e ⋅ ≅ 0.0628
2 2

6.2.1 OSSERVAZIONI
Si può quindi concludere che la sezione di massima sollecitazione circonferenziale si trova a
monte di quella di massima sollecitazione assiale e i valori qui assunti sono rispettivamente
maggiori del 6% della tensione di riferimento, e il 16% della sollecitazione di incastro
perfetto.
Particolare attenzione deve essere riservata alla sollecitazione alternata che subiscono le fibre
assiali (graf. 2): con il progressivo avvolgersi della fune la generica sezione che dista λ 8
dall’ultima spira avvolta, inizialmente scarica, viene sottoposta a un momento flettente
negativo quindi, dopo un successivo avvanzare dell’avvolgimento pari a un a distanza assiale
di λ 4 , la stessa viene sottoposta ad un eguale momento ma di segno opposto, dopo altri λ 4
la sezione sarà nuovamente scarica.

62
INTERAZIONE FUNE MANTELLO

Ragionamento analogo può essere fatto quando la fune compie il percorso inverso.
Questo fa si che le varie sezioni siano sottoposte a una flessione assiale alternata con
frequenza doppia di quella di manovra del carico.
Le fibre circonferenziali subiscono invece una sollecitazione di compressione pulsante con la
stessa frequenza di quella di manovra del carico.

6.3 RILASSAMENTO DEL TIRO DELLA FUNE

Figura 2

Nei precedenti capitoli si è sempre considerata una pressione equivalente P0 costante lungo la
generatrice del mantello, ritenendo che nel ramo avvolto di fune non vi sia un rilassamento
della tensione iniziale T; in realtà, un tamburo parzialmente o totalmente avvolto, non può
essere assimilato ad un cilindro sottoposto a pressione uniforme nella zona di avvolgimento.
Come schematizzato in fig. 2, sempre a debita distanza dalle flange terminali o dagli
irrigiditori intermedi, l’avvolgimento di una o più spire porta ad una diminuzione del diametro
della circonferenza nella sezione A-A e quindi ad una diminuzione della lunghezza di
avvolgimento della spira presente in tale sezione. A causa dell’attrito però la spira non può
scorrere sul tamburo e mantenere in tal modo invariata la propria tensione, ma solo conservare
la congruenza con il tamburo stesso. Nella fune si ha per ciò una diminuzione di tensione,
causata dalla variazione della circonferenza e bilanciata dalle forze di attrito, con conseguente
variazione dello sforzo circonferenziale.

63
INTERAZIONE FUNE MANTELLO

Questa ipotesi è stata già introdotta da H. Ernst nel 1938 ed è stata ripresa nel 1995 da S.
Matteazzi (vedi bibliografia), portando alla seguente espressione:
1
σ '0 = − 2
⋅ σ0
πψ ⎛ d ⎞ pa E'
1 + 0.5 ⎜ ⎟⎟
4 ⎜⎝ p a ⎠ s E

dove
σ '0 tensione cinconferenziale nella mezzaria dello strato avvolto

ψ rapporto fra l’area effettiva della fune e quella nominale

E' modulo di Young della fune

Nei pressi delle flange terminali o degli irrigiditori intermedi, vista l’elevata rigidità radiale di
questi componenti, il rilassamento del tiro della fune è assai minore e quindi non risulta
necessario apportare alcuna correzione alla tensione di riferimento σ0. L’odierna tecnica
costruttiva prevede in tali zone un certo numero di spire ‘morte’ avvolte con una tensione
decisamente inferiore a quella di normale esercizio, queste servono per preservare il sistema
di ancoraggio della fune al mantello dal tiro diretto del carico.

6.4 CONCLUSIONI
Come nei precedenti capitoli si è giunti all’identificazione di coefficienti adimensionali che
permettono una rapida determinazione delle massime sollecitazioni assiali e circonferenziali.
Si è inoltre sottolineata l’importanza del fenomeno della fatica alternata sulle fibre assiali e di
quella pulsante su quelle circonferenziali.
I valori così ottenuti sono validi nell’ipotesi di partenza P0 = cos t , ossia ritenendo che il tiro
della fune si mantenga inalterato su tutte le spire e come visto in 6.3 tale ipotesi non è
perfettamente aderente alla realtà.
Il problema del rilassamento del tiro nelle spire risulta solo in parte riconducibile a quanto
riportato nel precedente paragrafo: la notevole dispersione dei coefficienti caratteristici della
fune, l’invecchiamento della stessa e la loro consegunte variazione nel tempo, nonché la
presenza di vibrazioni e urti rendono tale studio assai complicato e di difficile
parametrizzazione; i valori ottenuti nel presente capitolo risultano comunque indicativi ed utili
per una prima analisi del problema.
64
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7. CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7.1 PREMESSA
Nel presente capitolo si mettono in evidenza le differenze concettuali nonchè numeriche
esistenti fra la presente trattazione, avvalorata dalle dimostrazioni apportate nei precedenti
capitoli, e la normativa UNI 9466; a riprova dell’esattezza e del rigore della analisi proposta, i
casi numerici a confronto vengono anche valutati tramite il metodo degli elementi finiti.
Il confronto è ovviamente limitato alla situazione qui presa in esame, ossia: tamburo
sufficientemente lungo avente un solo strato di fune completamente avvolto, considerazioni
puramente statiche. La citata normativa prende in considerazione anche il caso di più strati
avvolti ed il fenomeno della fatica, l’analisi di queste problematiche esulano dalla presente
trattazione.
Si fa notare che la norma italiana UNI 9466 non è altro che la traduzione della normativa
australiana A.S. 1418.1 di cui vengono fedelmente ripresi grafici e formule di calcolo.

65
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7.2 NORMATIVA UNI 9466


La normativa UNI 9466 esamina quattro differenti tipologie di vincolo:

a) Flangia del tamburo saldata all’albero: equivalente


alla tipologia esposta in 3.8.

b) Flangia del tamburo saldata al gruppo cuscinetto:


equivalente alla tipologia esposta in 3.5, il fatto che
il bordo del mantello oltrepassi di poco la flangia
non modifica sensibilmente la situazione.

c) Tamburo con corona applicata alla flangia:


equivalente alla tipologia esposta in 3.11, infatti la
corona dentata conferisce una rigidezza molto
elevata al contorno esterno della flangia, è quindi
verosimile la schematizzazione con un pattino.

d) Tamburo con irrigiditore: equivalente alla tipologia


esposta in 3.3, si tratta infatti di un irrigiditore a
sufficiente distanza dalla flangia terminale o dagli
irrigiditori adiacenti.

Per ognuna di queste tipologie viene riportata (UNI 9466 prospetto II) una espressione per il
calcolo della costante di rigidità relativa KR tra la flangia e il mantello, sdoppiata in due
versioni: una per acciaio l'altra per ghisa.

66
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

formule per il calcolo della costante di rigidità relativa fra la flangia e il mantello
tipologia per acciaio per ghisa
a) e b) ⎡ ⎤ ⎡ 2 ⎤
⎛D ⎞
2
⎢ ⎛D ⎞ ⎥ ⎢ ⎥
0.7 + 1.3 ⋅ ⎜⎜ fe ⎟⎟ 0.9 + 11
. ⋅ ⎜ fe ⎟
KF 4 ⎢ ⎝ D fi ⎠ ⎥ KF 4 ⎢ ⎝ D fi ⎠ ⎥
⎢ ⎥ ⎢ 2 ⎥
K T Dm ⎢ ⎡ D ⎤ ⎡ ⎛ D fe ⎞ ⎤ ⎥
2 KT Dm ⎢ ⎡ D ⎤ ⎡ ⎛ D ⎞ ⎤⎥
− 1⎥ ⋅ ⎢0.7 + 1.3 ⋅ ⎜⎜ ⎟⎟ ⎥ ⎥ ⎢ ⎢ D − 1⎥ ⋅ ⎢0.9 + 11. ⋅ ⎜ fe ⎟ ⎥ ⎥
m
⎢⎢
m
⎦ ⎣⎢ ⎝ D m ⎠ ⎥⎦ ⎥
⎢⎣ ⎣ D fi ⎦ ⎢⎣ ⎝ D m ⎠ ⎥⎦ ⎥⎦ ⎣⎢ ⎣ fi ⎦

−1 −1
c) ⎡ ⎛ D ⎞2 ⎛ D fe ⎞
2
⎤ ⎡ ⎛ D ⎞2 ⎛ D fe ⎞
2

⎢ ⎜⎜ m ⎟⎟ − 1 ⎜⎜ ⎟⎟ − 1 ⎥ ⎢ ⎜ m ⎟ −1 ⎜ ⎟ −1 ⎥
K F 4 ⎢ ⎝ D fi ⎠ ⎝ Dm ⎠ ⎥ K F 4 ⎢ ⎝ D fi ⎠ ⎝ Dm ⎠ ⎥
+ 2 +
K T Dm ⎢ 2 2⎥
KT D m ⎢ ⎛ ⎞ ⎛ ⎞
2 ⎥
⎢ 0.7 + 1.3 ⋅ ⎛⎜ D fe ⎞⎟ 1.3 + 0.7 ⋅ ⎛⎜ D fe ⎞⎟ ⎥ ⎢ 0.9 + 11 D
. ⋅ ⎜ fe ⎟
D
. + 0.9 ⋅ ⎜ fe ⎟ ⎥
11
⎢ ⎜D ⎟ ⎜D ⎟ ⎥ ⎢⎣ ⎝ Dm ⎠ ⎝ D m ⎠ ⎥⎦
⎣ ⎝ m⎠ ⎝ m⎠ ⎦

d) ⎡ ⎛ D ⎞2 ⎤ ⎡ ⎛ D ⎞2 ⎤
⎢ ⎜⎜ m ⎟⎟ − 1 ⎥ ⎢ ⎜ m⎟ −1 ⎥
K F 1.82 ⎢ ⎝ fi ⎠
D ⎥ . ⎢ ⎝ D fi ⎠
K F 198 ⎥
K T Dm ⎢ ⎛ ⎞
2⎥ KT D m ⎢ ⎛ Dm ⎞ ⎥
2
⎢1.3 + 0.7 ⋅ ⎜ m ⎟ ⎥
D ⎢11. + 0.9 ⋅ ⎜ ⎟ ⎥
⎢ ⎜D ⎟ ⎥ ⎢⎣ ⎝ D fi ⎠ ⎥⎦
⎣ ⎝ fi ⎠ ⎦

dove:
Dm diametro medio tamburo
Dfe diametro esterno flangia
Dfi diametro interno flangia

Tutte le formule presentano in comune i seguenti fattori moltiplicativi:


KF costante di rigidità della flangia del tamburo
KT costante di rigidità del mantello del tamburo
di cui vengono riportate le seguenti espressioni (UNI 9466 par. 8)
• per materiali con tensione di rottura a trazione all'incirca uguale alla tensione di rottura a
compressione:
K F = 18.865 ⋅ t 3
1
⎛ t5 ⎞ 2
K T = 34.294 ⋅ ⎜ ⎟
⎝ Dm ⎠

• per materiali con tensione di rottura a trazione e compressione sensibilmente differenti:


K F = 10.762 ⋅ t 3
1
⎛ t5 ⎞ 2

K T = 19..965 ⋅ ⎜ ⎟
⎝ Dm ⎠

67
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

Al paragrafo 7.1 Tamburi con un solo strato di fune la normativa propone il calcolo delle
seguenti tensioni:
• Tensione di compressione di riferimento
T
σ co = 1000
p⋅t
l’equivalente di quella che qui viene indicata con σ0 (2.3)
• Tensione di compressione nella mezzaria del tratto di fune avvolto
σ cm = K 1 K 2 σ co

l’equivalente di quella che qui viene indicata con σ '0 (6.3)

• Tensione di compressione locale nella sede della fune adiacente ad una scanalatura scarica
σ cl = 0.5 ⋅ σ cm

nel presente lavoro si è calcolata σ cP , massima sollecitazione di compressione

circonferenziale per tratto parzialmente avvolto (6.2), senza prendere in considerazione il


rilassamento della fune
• Tensione di flessione locale nella sede della fune adiacente alla sede della scanalatura
scarica
700 ⋅ T
σ fl =
Dm t3

nel presente lavoro si è calcolata σ aP , massima sollecitazione di flessione assiale per tratto
parzialmente avvolto (6.2), senza prendere in considerazione il rilassamento della fune
• Tensione di flessione tra la flangia o l’irrigidimento e il mantello dovuta alla
deformazione del tamburo
K 4K5
σ ff = ⋅ σ cm
K1K 2

l’equivalente di quella che qui viene chiamata tensione assiale al collegamento σa0 (4.4)

I coefficienti K1 K2 K4 K5, per il cui significato e valutazione si rimanda alla normativa, sono
da rilevarsi tramite grafici, non viene data la possibilità di ricercarli analiticamente.
Per il calcolo della sollecitazione assiale al collegamento con la flangia (irrigiditore), la
normativa non considera, giustamente¸ l’allentamento del tiro della fune:
K 4K5
σ ff = ⋅ σ cm = K 4 K 5 σ co
K1K 2

68
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

Nella espressione di σff si riescono a riconoscere solamente in parte i coefficienti k1 k2 k3 e χ


utilizzati nella presente trattazione; le differenze sono forse dovute alla presenza di errori di
stampa nelle espressioni di KR insieme ad una eccessiva approssimazione che ha portato a
trascurare l’effetto della elasticità radiale relativa fra flangia e mantello (coefficiente k3 della
presente trattazione). Una maggior puntualizzazione sulla differenza simbolica delle
espressioni riportate è resa impossibile a causa dei grafici dei quali la normativa non riporta le
espressioni analitiche.
Non sembra accettabile la proposta di calcolo del coefficiente KR nel caso della tipologia D
nei confronti della quale si è trovato il riscontro del solo coefficiente χ.
Da sottolineare è il fatto che la norma non identifica la massima sollecitazione assiale, ma si
limita al calcolo di quella al collegamento, non valutando, peraltro, la sollecitazione di
compressione circonferenziale massima.
Le sollecitazioni σcl e σfl non sono direttamente confrontabili con le σcP e σaP inquanto la
normativa sembra considerare il rilassamento della fune, quando invece nel presente lavoro si
è ritenuto sempre costante il tiro delle spire avvolte (6.4).
Si sottolinea in fine che la normativa non fa mai riferimento alle dimensioni assiali del
tamburo e quindi alla validità delle equazioni riportate nel caso di mantelli corti, o di
irrigiditori prossimi alle flange terminali.
La presente normativa ha comunque il pregio di aver cercato di rendere rapida e agevole la
verifica di questi importanti organi costruttivi attraverso l’utilizzo di coefficienti
adimensionali.

69
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7.3 CONFRONTO NUMERICO


Si confrontano ora i risultati numerici delle sollecitazioni ottenute con le tre differenti
metodologie di calcolo; per lo stesso mantello cilindrico vengono calcolate le varie
sollecitazioni nei quattro casi di vincolo proposti dalla normativa ciascuna per due differenti
spessori di flangia (h = 35 mm ed h = 15 mm); infine si confronta il caso di mantello
parzialmente avvolto.
Per la schematizzazione F.E.M. si sono utilizzati elementi assialsimmetrici a tre nodi, tali
elementi non riportano l’andamento del taglio H lungo la generatrice del mantello.

• materiale
modulo di Young:................E 206000 MPa
coefficiente di Poisson:........ν 0.3
• mantello
raggio medio:.......................R0 500 mm
spessore: ..............................s 10 mm
• fune
diametro:..............................d 20 mm
modulo di Young:................E’ 140000 MPa
passo di avvolgimento: ........pa 20 mm
rapporto di area:................... ψ 0.46
• carico
tiro della fune:......................T 10000 N
pressione equivalente: .........P0 1 MPa
tensione di riferimento:........ σ0 50 MPa
• parametri caratteristici del mantello
α 0.0182 1 mm

β 8.2400 N mm 3

λ 346 mm

70
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7.3.1 FLANGIA TIPO A (3.8)


caso h=35 mm
• dimensioni
raggio esterno: .....................Rfe 550 mm
raggio interno: .....................Rfi 75 mm
spessore: ..............................h 35 mm

• parametri caratteristici della flangia


χ 0.6363 KM 0.7579
k1 1.8157 KH 0.8702
k2 0.2330 KRa 0.2736
k3 0.0314 KRc 0.1067

• valori al collegamento con la flangia


ANALITICO F.E.M.
η 0.0021 mm 0.0021 mm
ϕ 0.0005 rad 0.0005 rad
M -1147 N mm/mm -1147 N mm/mm
H 48 N/mm 48 N/mm
σae 68.8 Mpa 68.8 MPa
σce 19.8 Mpa 19.8 MPa
σai -68.8 Mpa -68.8 MPa
σci -21.5 Mpa -21.5 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η 166 mm 0.1266 mm 166 mm 0.1266 mm
ϕ 36 mm 0.0014 rad 36 mm 0.0014 rad
M 79 mm 314 N mm/mm 79 mm 314 N mm/mm
H 123 mm -4 N/mm - mm - N/mm
σaR 79 mm 18.8 Mpa 79 mm 18.8 MPa
σcR 138 mm -54.0 Mpa 138 mm -54.0 MPa

71
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

caso h=15 mm
• dimensioni
raggio esterno: .....................Rfe 550 mm
raggio interno: .....................Rfi 75 mm
spessore: ..............................h 15 mm

• parametri caratteristici della flangia


χ 0.6363 KM 0.2040
k1 1.8157 KH 0.5883
k2 2.9594 KRa 1.2768
k3 0.0733 KRc 0.4977

• valori al collegamento con la flangia


ANALITICO F.E.M.
η 0.0033 mm 0.0033 mm
ϕ 0.0017 rad 0.0017 rad
M -309 N mm/mm -309 N mm/mm
H 32 N/mm 32 N/mm
σae 18.5 Mpa 18.5 MPa
σce 4.2 Mpa 4.2 MPa
σai -18.5 Mpa -18.5 MPa
σci -6.9 Mpa -6.9 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η 141 mm 0.1279 mm 141 mm 0.1279 mm
ϕ 11 mm 0.0018 rad 11 mm 0.0018 rad
M 55 mm 394 N mm/mm 55 mm 394 N mm/mm
H 98 mm -5 N/mm - mm - N/mm
σaR 55 mm 23.7 MPa 55 mm 23.7 MPa
σcR 114 mm -55.1 MPa 114 mm -55.1 MPa

72
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

NORMATIVA UNI 9466


caso h=35 mm
KT 342.94 K4 1.81
KF 808837 K5 0.52
KR 51.7188

σco 50 MPa σff 47.1 MPa

caso h=15 mm
KT 342.94 K4 1.81
KF 63669 K5 0.52
KR 4.0512

σco 50 MPa σff 47.1 MPa

OSSERVAZIONI
Come si può osservare esiste una perfetta coincidenza fra metodo analitico e F.E.M.
La normativa conduce a valori assai differenti, riportando lo stesso stato di sollecitazione per
entrambe le situazioni analizzate; questo è dovuto al fatto che il coefficiente KR risulta fuori
scala rispetto al grafico e i valori estrapolati di K5 sono identici a causa dell’andamento
asintotico della curva.
Si fa notare che nel secondo caso (h=15 mm) la sezione soggetta alla massima sollecitazione
assiale non è al collegamento ma quella di massimo relativo; infine si rileva che la massima
sollecitazione circonferenziale è sensibilmente maggiore di σ0. Si sottolinea il fatto che tutte
queste considerazioni non sono ricavabili utilizzando la normativa.

73
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7.3.2 FLANGIA TIPO B (3.5)


caso h=35 mm
• dimensioni
raggio esterno: .....................Rfe 500 mm
raggio interno: .....................Rfi 75 mm
spessore: ..............................h 35 mm

• parametri caratteristici della flangia


χ 0.6761 KM 0.7465
k1 1.8157 KH 0.8641
k2 0.2330 KRa 0.2780
k3 0.0314 KRc 0.1084

• valori al collegamento con la flangia


ANALITICO F.E.M.
η 0.0022 mm 0.0022 mm
ϕ 0.0005 rad 0.0005 rad
M -1130 N mm/mm -1130 N mm/mm
H 48 N/mm 48 N/mm
σae 67.8 MPa 67.8 MPa
σce 19.4 MPa 19.4 MPa
σai -67.8 MPa -67.8 MPa
σci -21.3 MPa -21.3 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η 165 mm 0.1266 mm 165 mm 0.1266 mm
ϕ 36 mm 0.0014 rad 36 mm 0.0014 rad
M 79 mm 314 N mm/mm 79 mm 314 N mm/mm
H 122 mm -4 N/mm - mm - N/mm
σaR 79 mm 18.8 MPa 79 mm 18.8 MPa
σcR 138 mm -54.0 MPa 138 mm -54.0 MPa

74
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

caso h=15 mm
• dimensioni
raggio esterno: .....................Rfe 500 mm
raggio interno: .....................Rfi 75 mm
spessore: ..............................h 15 mm

• parametri caratteristici della flangia


χ 0.6761 KM 0.1942
k1 1.8157 KH 0.5826
k2 2.9594 KRa 1.3499
k3 0.0733 KRc 0.5262

• valori al collegamento con la flangia


ANALITICO F.E.M.
η 0.0035 mm 0.0035 mm
ϕ 0.0017 rad 0.0017 rad
M -294 N mm/mm -294 N mm/mm
H 32 N/mm 32 N/mm
σae 17.6 MPa 17.6 MPa
σce 3.8 MPa 3.8 MPa
σai -17.6 MPa -17.6 MPa
σci -6.7 MPa -6.7 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η 141 mm 0.1280 mm 141 mm 0.1280 mm
ϕ 11 mm 00018 rad 11 mm 00018 rad
M 54 mm 397 N mm/mm 54 mm 397 N mm/mm
H 97 mm -5 N/mm - mm - N/mm
σaR 54 mm 23.8 MPa 54 mm 23.8 MPa
σcR 113 mm -55.1 MPa 113 mm -55.1 MPa

75
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

NORMATIVA UNI 9466


caso h=35 mm
KT 342.94 K4 1.81
KF 808837 K5 0.52
KR 48.6784

σco 50 MPa σff 47.1 MPa

caso h=15 mm
KT 342.94 K4 1.81
KF 63669 K5 0.52
KR 3.8318

σco 50 MPa σff 47.1 MPa

OSSERVAZIONI
Come si può osservare esiste una perfetta coincidenza fra metodo analitico e F.E.M.
La normativa conduce a valori identici a quelli trovati per la tipologia di flangia precedente e
quindi in netto contrasto con quelli qui ricavati, valgono pertanto le stesse osservazioni sopra
riportate.

76
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7.3.3 FLANGIA TIPO C (3.11)


caso h=35 mm
• dimensioni
raggio esterno: .....................Rfe 600 mm
raggio interno: .....................Rfi 75 mm
spessore: ..............................h 35 mm

• parametri caratteristici della flangia


χ 0.1381 KM 0.9356
k1 1.8157 KH 0.9657
k2 0.2330 KRa 0.2215
k3 0.0314 KRc 0.0863

• valori al collegamento con la flangia


ANALITICO F.E.M.
η 0.0005 mm 0.0005 mm
ϕ 0.0001 rad 0.0001 rad
M -1416 N mm/mm -1416 N mm/mm
H 53 N/mm 53 N/mm
σae 84.9 MPa 84.9 MPa
σce 25.3 MPa 25.3 MPa
σai -84.9 MPa -84.9 MPa
σci -25.7 MPa -25.7 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η 171 mm 0.1266 mm 171 mm 0.1266 mm
ϕ 42 mm 0.0014 rad 42 mm 0.0014 rad
M 85 mm 314 N mm/mm 85 mm 314 N mm/mm
H 128 mm -4 N/mm - mm - N/mm
σaR 85 mm 18.8 MPa 85 mm 18.8 MPa
σcR 144 mm -54.0 MPa 144 mm -54.0 MPa

77
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

caso h=15 mm
• dimensioni
raggio esterno: .....................Rfe 600 mm
raggio interno: .....................Rfi 75 mm
spessore: ..............................h 15 mm

• parametri caratteristici della flangia


χ 0.1381 KM 0.5460
k1 1.8157 KH 0.7691
k2 2.9594 KRa 0.4043
k3 0.0733 KRc 0.1576

• valori al collegamento con la flangia


ANALITICO F.E.M.
η 0.001 mm 0.001 mm
ϕ 0.001 rad 0.001 rad
M -826 N mm/mm -826 N mm/mm
H 42 N/mm 42 N/mm
σae 49.6 MPa 49.6 MPa
σce 15.5 MPa 15.5 MPa
σai -49.6 MPa -49.6 MPa
σci -15.3 MPa -15.3 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η 157 mm 0.1269 mm 157 mm 0.1269 mm
ϕ 26 mm 0.0015 rad 26 mm 0.0015 rad
M 71 mm 334 N mm/mm 71 mm 334 N mm/mm
H 114 mm -4 N/mm - mm - N/mm
σaR 71 mm 20 MPa 71 mm 20 MPa
σcR 130 mm -54.3 MPa 130 mm -54.3 MPa

78
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

NORMATIVA UNI 9466


caso h=35 mm
KT 342.94 K4 1.81
KF 808837 K5 0.44
KR 0.5523

σco 50 MPa σff 39.8 MPa

caso h=15 mm
KT 342.94 K4 1.81
KF 63669 K5 0.05
KR 0.0435

σco 50 MPa σff 4.5 MPa

OSSERVAZIONI
Come si può osservare esiste una perfetta coincidenza fra metodo analitico e F.E.M.
La normativa conduce a valori enormemente differenti nonostante in questo caso sia possibile
rilevare senza estrapolazione il valore di K5.

79
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

7.3.4 FLANGIA TIPO D (3.3)

• dimensioni
raggio esterno: .....................Rfe 500 mm
raggio interno: .....................Rfi 400 mm
spessore: ..............................h 15 mm

• parametri caratteristici del irrigiditore


χ 4.2556 K 'M 0.7761

k1 1.8157 K 'H 0.7761

k2 2.9594 K 'Ra 0.2079

k3 0.0733 K 'Rc 0.0810

• valori al collegamento con l’irrigiditore


ANALITICO F.E.M.
η 0.0005 mm 0.0005 mm
ϕ 0 rad 0 rad
M -932 N mm/mm -932 N mm/mm
H 34 N/mm 34 N/mm
σae 55.9 MPa 55.9 MPa
σce -2.5 MPa -2.5 MPa
σai -55.9 MPa -55.9 MPa
σci -36 MPa -36 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η 173 mm 0.1246 mm 173 mm 0.1246 mm
ϕ 43 mm 0.0009 rad 43 mm 0.0009 rad
M 86 mm 194 N mm/mm 86 mm 194 N mm/mm
H 126 mm -2 N/mm - mm - N/mm
σaR 86 mm 11.6 MPa 86 mm 11.6 MPa
σcR 145 mm -52.5 MPa 145 mm -52.5 MPa

80
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

NORMATIVA UNI 9466


KT 342.94 K4 1.81
KF 63669 K5 0.1
KR 0.0794

σco 50 MPa σff 9.1 MPa

OSSERVAZIONI
Come si può osservare esiste una perfetta coincidenza fra metodo analitico e F.E.M.
La normativa conduce a valori enormemente differenti nonostante in questo caso sia possibile
rilevare senza estrapolazione il valore di K5.

7.3.5 MANTELLO PARZIALMENTE AVVOLTO (6.2)

• valori a fine avvolgimento


ANALITICO F.E.M.
η 0.0607 mm 0.0607 mm
ϕ -0.0011 rad -0.0011 rad
M 0 N mm/mm 0 N mm/mm
H 14 N/mm 14 N/mm
σae 0 MPa 0 MPa
σce -25 MPa -25 MPa
σai 0 MPa 0 MPa
σci -25 MPa -25 MPa
σ '0 40 MPa

• coordinate e valori di massimo relativo


ANALITICO F.E.M.
coordinata valore coordinata valore
η -130 mm 0.1271 mm -130 mm 0.1271 mm
ϕ 173 mm 0.0000 rad 173 mm 0.0000 rad
M 43 mm 244 N mm/mm 43 mm 244 N mm/mm
H 86 mm 3 N/mm - mm - N/mm
σaP 43 mm 14.6 MPa 43 mm 14.6 MPa
σcP -102 mm -53 MPa -102 mm -53 MPa

81
CONFRONTO CON LA NORMATIVA

NORMATIVA UNI 9466


KT 342.94 K1 0.842
K2 0.87

σco 50 MPa σfl 7 MPa


σcm 36.6 MPa σcl 18.3 MPa

OSSERVAZIONI
I valori così trovati non sono totalmente confrontabili inquanto la normativa prende in
considerazione il rilassamento della fune e tale problematica è semplicemente accennata nella
presente trattazione (6.3). Rimane comunque positiva la perfetta coincidenza dei risultati fra il
metodo analitico e il F.E.M.

7.4 CONCLUSIONI
Il calcolo analitico esposto nella presente trattazione, è, come si pensa di aver esaurientemente
dimostrato, rigoroso per quel che riguarda lo svolgimento matematico che collega le ipotesi di
partenza con i risultati. Per il calcolo dei valori effettivi delle tensioni nel mantello bisogna
conoscere con buona approssimazione il valore della pressione equivalente P0, operazione che
diviene assai complicata nel caso di più strati di fune avvolti; inoltre, come accennato nel
paragrafo 6.3, la stessa P0 è costante solo nel tratto centrale dell’avvolgimento.
Nonostante le limitazioni, il metodo di calcolo qui esposto, grazie all’introduzione di
coefficienti adimensionali di chiaro e inequivocabile significato, vanta una grande facilità e
rapidità applicativa che ben compensano le approssimazioni introdotte. La perfetta
coincidenza con i valori numerici ottenuti tramite l’analisi ad elementi finiti confermano
l’ottima precisione del metodo qui esposto.
La normativa italiana 9466 conduce a dei risultati in notevole disaccordo sia col metodo qui
esposto che con quello degli elementi finiti; quasi sempre non è possibile effettuare la lettura
dei grafici poiché i valori di ingresso, calcolati tramite le riportate espressioni analitiche,
risultano fuori scala; le stesse espressioni sembrano presentare, confrontate con quelle qui
ritrovate, errori di stampa ed errati svolgimenti analitici che ovviamente inficiano i risultati
ottenuti.

82
APPENDICE

APPENDICE

Figura 1

In fig. 1 è riportata la completa schematizzazione della sezione di un semitamburo;


le equazioni che portano alla determinazione delle azioni incognite sono le seguenti:

⎧Hη 'h = Hη h + Mη m + P0 η P0
⎪⎪
⎨Mϕ m − Nϕ n = Hϕ h − Mϕ m
' '

⎪ '
⎪⎩Mδ m − Nδ n = Nδ n − P0 δ P0
'

dove con l’apice si sono indicati i coefficienti elastici della flangia.


Dalle precedenti equazioni si ottiene:
⎛ 1 1 ⎞⎟
M = M η + M δ = P0 ⋅ ⎜ +
⎜K ⎟
⎝ η Kδ ⎠
dove:
Kη costante di elasticità relativa radiale

Kδ costante di elasticità relativa assiale

83
APPENDICE

Kη =
(ϕ '
)( ) (
+ ϕ m ⋅ η 'h + η h − η m ϕ h δ 'm ϕ 'n ⋅ η 'h + η h

)
= k η1 − k η2
( )
m

η P0 ϕ h η P0 ϕ h ⋅ δ 'n + δ n

=
(ϕ '
)( )
+ ϕ m ⋅ δ 'n + δ n − δ 'm ϕ 'n η m ϕ h

⋅ (δ '
+δ )
=k − k δ2
⋅ (η +η )
m n n
Kδ δ1
δ P0 ϕ 'n δ P0 ϕ 'n '
h h

si riconosce facilmente che kη1 non risulta funzione dei coefficienti elastici dipendenti da N,
ed è uguale, a meno di 2α 2 , all’inverso del coefficiente KM analizzato nella presente
trattazione; tutti gli altri termini dipendono direttamente dagli spostamenti e rotazioni
provocati dalla forza assiale N ( ϕ 'n = δ 'm e δ 'n ), la loro valutazione risulta assai laboriosa e di
difficile parametrizzazione.

Nelle normali soluzioni costruttive solamente una delle flange è vincolata assialmente
all’abero l’altra è configurata in modo tale che venga permessa la traslazione relativa, questo
comporta che il carrello schematizzata in fig. 1 sia inesistente per cui δ n tende a infinito; si
può quindi ritenere che la forza assiale N sia praticamente nulla e l’unico coefficiente
determinante per il calcolo delle azioni al collegamento sarà KM.
Nel caso in cui la precedente approssimazione non fosse accettabile occorre calcolare Kη e
Kδ, quest’ultimo si rivela in genere molto elevato (piccolo valore di δ P0 ) e quindi Mδ risulta di

modesto contributo rispetto a Mη; non trascurabile è invece il termine K η2 che risulta

confrontabile con K η1 , ne consegue un valore di Kη più piccolo e quindi un Mη maggiore.

Come evidenziato dall’espressione M = M η + M δ esiste la sovrapposizione degli effetti per i

due singoli contributi di flessione che portando a dei valori notevolmente superiori a quelli
calcolati per N = 0 .
Le altre azioni interne al collegamento sono date da:
δ 'm δP
N=M + P0 ' 0
δn + δn
'
δn + δn

ηm δ P0
H=M + P
η 'h + η h δ 'n + δ n
0

84
BIBLIOGRAFIA

BIBLIOGRAFIA

• S. Matteazzi Apparecchi di sollevamento e trasporto


Edizioni CUSL, cap. 5

• H. Ernst Untersuchugen über die Beanspruchung der Seiltrommeln von Kranen


und Widen-Mittelungen aus den Foeschungsanstalten des Gutehoffnungshuette-
Konzerns
VDI-MAN, Werk Nuernberg, 1938, pp. 195…215 (tradotta in italiano)

• F. Minoia Il dimensionamento dei tamburi degli argani di sollevamento


in Organi di sollevamento, Tecniche nuove, dicembre 1995, gennaio 1996, marzo 1996

• O. Belluzzi Scienza delle costruzioni Vol 3


Edizioini Zanichelli Bologna 1961, cap. 28

• E. Bazzaro Anelli circolari, lastre circolari piane, lastre cilindriche


in Lezioni di costruzioni di macchine, Edizioni Cittàstudi Milano 1991, cap. 1

• E. Bazzaro Tecnica delle costruzioni meccaniche (parte prima: fondamenti)


Edizioni Spiegel Milano 1997, cap 3-9

• UNI 9466 Norma italiana 1993 – Mantello dei tamburi – Prescrizioni di calcolo -

• A.S. 1418.1 Norma australiana 1986

85