Sei sulla pagina 1di 7

New york style cheesecake (fotoricetta)

E' quello che considero l'unico vero cheesecake, la ricetta migliore che abbia mai provato. Lo
sto facendo in tempo reale, in questo momento è in forno a cuocere.

Ingredienti:

425 gr di formaggio Philadelphia - 150 gr di zucchero - 10 gr di maizena - 4 gr di essenza di


vaniglia (io ho trovato la maizena vanigliata e ho usato quella) - scorza grattugiata e succo di
mezzo limone - 4 gr di sale - 2 uova - un tuorlo - 45 gr di panna non montata - 20 gr di latte -
100 gr di biscotti "digestive" - 40 gr di burro.

Preparazione:

passate al mixer i biscotti riducendoli in polvere, unite il burro fuso e mescolate finché il
composto sarà omogeneo:

1
Versatelo in uno stampo rotondo (meglio se a cerniera) dopo averlo foderato, alla base, di carta
forno e premete con un cucchiaio creando una base compatta.

Mettetelo in frigorifero per un'ora. Mescolate il Philadelphia finché non diventerà morbido e
privo di grani.

2
Aggiungete lo zucchero, la maizena, la scorza di limone, l'essenza di vaniglia, il sale e
mescolate.

Quindi aggiungete le uova intere e il tuorlo uno alla volta. Gradualmente aggiungete la panna,
il latte e il succo di limone, fino ad ottenere un composto cremoso, molto liscio e non troppo
denso (per non dire "liquidino"):

Passata l'ora di raffreddamento in frigo, mettete il composto nella tortiera con il fondo di

3
biscotti:

E' pronto per andare in forno:

Cuocete a 200 gradi (in forno già caldo) per i primi 10 minuti, quindi abbassate a 150°/160° e
completate la cottura per altri 45/50 minuti. Senza sformare, fate raffreddare completamente,
prima a temperatura ambiente e poi passate in frigorifero per almeno altre 4/5 ore (più sta in
frigo e meglio si compatta).

N.B.: sul cheesecake sono assolutamente intransigente: per l'ottima riuscita è fondamentale
utilizzare solo formaggio Philadelphia , niente mascarpone, ricotta, yogurt greco o altri
formaggi che non c'entrano nulla col sapore dell'originale e ne snaturerebbero l'essenza. I
biscotti poi devono essere i Digestive classici della McVities's, assolutamente niente frollini o
biscotti secchi di altro tipo! Non avendo la tortiera a cerniera, non mi arrischierò a
sformarlo...tanto è per "uso domestico"! Appena sarà cotto e raffreddato vi farò vedere le
evoluzioni!

Edit delle 19.02, ora di Città del Messico, dopo la cottura e ormai raffreddato, pronto per
passare la notte in frigo. Eccolo durante l'ultima fase della cottura, gonfiatosi alla perfezione:

4
Estratto dal forno dopo 60 minuti totali di cottura, di cui i primi 10 a 200 gradi, i successivi 50
a 160 gradi:

Quindi, avendo ancora un po' di quell'ottima cioccolata chiapaneca extrafondente, ne ho


grattugiati 50 grammi e ci ho guarnito il cheesecake ancora caldo:

5
Mi sembra venuto davvero bene, sono molto soddisfatta. Dopo circa 5 ore di raffreddamento a
temperatura ambiente, è pronto per essere spostato in frigo, dove rimarrà tutta la notte. Domani
lo taglierò direttamente nella teglia (ahimé la presentazione non sarà delle migliori non
potendolo sformare) e vi mostrerò una foto dell'interno. Naturalmente è ottimo (oltre che
veramente classico) anche guarnito con uno sciroppo di fragole o frutti di bosco, che di solito
preparo frullando la frutta e aggiungendo (a occhio) zucchero e un'emulsione al 50% di acqua
e succo di limone.

Edit delle 14.15, domenica: ho tagliato e assaggiato il cheesecake, è B-U-O-N-I-S-S-I-M-O!!!


Con molta poca modestia, ve lo consiglio vivamente. Ah, dimenticavo di citare la fonte: la mia
collega Paola di quando lavoravo a New York, direttamente dal libro delle ricette di sua
suocera. Io ho solo tradotto e fatto la conversione da once a grammi, per il resto è para-para.
Ultima notazione: le dosi che leggete in questa ricetta sono dimezzate rispetto a quelle
riportate nel libro; l'ho fatto perché mi bastava riempire una tortiera piccola, da 20 cm di
diametro. E infine, la fetta tagliata:

6
7