Sei sulla pagina 1di 403

Dolomiti

© Lonely Planet Publications. Per agevolarne l’utilizzo, questo libro non ha restrizioni digitali.Tuttavia ti ricordiamo che
l’uso è strettamente personale e non commerciale. Nello specifico, non caricare questo libro su siti di peer-to-peer,
non inviarlo via email e non rivenderlo. Per ulteriori informazioni, leggi le Condizioni di vendita sul nostro sito.
© Lonely Planet Publications

Dolomiti
Dolomiti
Puez-Odle/ Settentrionali
Sciliar-Catinaccio Puez-Geisler p176
e Latemar p153
p102

Bletterbach Dolomiti Friulane


p94 e d’Oltrepiave
p304

Marmolada
p280
Dolomiti
di Brenta
p50 Pelmo e Croda da Lago
p293
Pale di San Martino,
San Lucano,
Dolomiti Bellunesi
e Vette Feltrine
p230

EDIZIONE SCRITTA DA

Giacomo Bassi, Denis Falconieri, Piero Pasini


PIANIFICARE ON THE ROAD
IL VIAGGIO

Benvenuti nelle Dolomiti. 4 DOLOMITI DI BRENTA. . 50 Predazzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138


Trento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Val di Fassa. . . . . . . . . . . . . . 141
Top 15. . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
San Michele all’Adige. . . . . . . . 66 Moena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
In breve . . . . . . . . . . . . . . . 16 Val di Non . . . . . . . . . . . . . . . . 67 Passo San Pellegrino/
Pas de Sén Pelegrin. . . . . . . . . 144
Se vi piace… . . . . . . . . . . . 18 Cles e dintorni . . . . . . . . . . . . . 69
Soraga/Sorèga. . . . . . . . . . . . . 144
Tuenno e i castelli
Mese per mese. . . . . . . . . 22 della bassa Val di Non. . . . . . . . 72 Vigo di Fassa/Vich. . . . . . . . . . 145
Itinerari . . . . . . . . . . . . . . . 24 Spormaggiore. . . . . . . . . . . . . . . 75 Pozza di Fassa/Poza . . . . . . . . 146
Val di Sole e Val Meledrio. . . 76 Campitello di Fassa/
Ciampedél. . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Malè . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Canazei/Cianacéi. . . . . . . . . . . 151
Dimaro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Passo Sella/Sellajoch/
Val Rendena. . . . . . . . . . . . . . . 79 Jëuf de Sela. . . . . . . . . . . . . . . 152
Madonna di Campiglio . . . . . . 80
Pinzolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84 PUEZ-ODLE/
Caderzone Terme. . . . . . . . . . . . 87 PUEZ-GEISLER. . . . . . . . 153
Strembo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87 Val Gardena/Grödnertal/
Porte di Rendena. . . . . . . . . . . 88 Gherdëina . . . . . . . . . . . . . . . 155
Tione di Trento Selva di Val Gardena/
e le Valli Giudicarie Wolkenstein/Sëlva. . . . . . . . . . 158
Esteriori. . . . . . . . . . . . . . . . . 90 Santa Cristina/
Tione di Trento . . . . . . . . . . . . . . 91 St. Christina/S. Crestina. . . . 163
MRGB/SHUTTERSTOCK ©

San Lorenzo Dorsino. . . . . . . . . 91 Ortisei/St. Ulrich/Urtijëi. . . . . 164


Molveno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Val di Funes/Villnöss. . . . . . 168
Andalo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 Val di Eores . . . . . . . . . . . . . . 173

BLETTERBACH. . . . . . . . 94 DOLOMITI
Aldino/Aldein . . . . . . . . . . . . . . 98 SETTENTRIONALI . . . . . 176
Val Badia/Gadertal . . . . . . 180
SCILIAR-CATINACCIO Corvara in Badia . . . . . . . . . . 180
E LATEMAR. . . . . . . . . . . 102 Badia/Abtei. . . . . . . . . . . . . . . . 181
CIASPOLATA ALLE PALE DI Bolzano/Bozen. . . . . . . . . . 106 La Valle/Wengen/La Val. . . . . 184
SAN MARTINO (P230) Sciliar/Schlern. . . . . . . . . . . 115 San Martino in Badia/
Fiè allo Sciliar/ Sankt Martin in Thurn/
Völs am Schlern. . . . . . . . . . . . 116 San Martin de Tor. . . . . . . . . . . 185
Siusi allo Sciliar/ San Vigilio di Marebbe/
Seis am Schlern. . . . . . . . . . . . 117 St. Vigil in Enneberg/
ANIBAL TREJO/SHUTTERSTOCK ©

Al Plan de Mareo . . . . . . . . . . . 186


Castelrotto/Kastelruth. . . . . . 119
San Lorenzo di Sebato/
Alpe di Siusi/Seiser Alm. . . . . 121 St. Lorenzen/S. Laurenz. . . . . 189
Da Bolzano Val Pusteria/Pustertal/
al Latemar Val de Puster. . . . . . . . . . . . 190
(Latemargruppe) . . . . . . . . . 124
Brunico/Bruneck/
Tires/Tiers . . . . . . . . . . . . . . . . 124 Bornech. . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
Val d’Ega/Eggental . . . . . . . . . 125 Monguelfo-Tesido/
Val di Fiemme. . . . . . . . . . . 130 Welsberg-Taisten . . . . . . . . . . . 194
Cavalese. . . . . . . . . . . . . . . . . . 131 Valle di Braies/Pragsertal. . . 194
Tesero. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 Dobbiaco/Toblach. . . . . . . . . . 196
LAGO DI BRAIES (P195)
Ziano di Fiemme . . . . . . . . . . . 137 San Candido/Innichen . . . . . . 201
Sommario
CONOSCERE

Dolomiti di Sesto/ Falcade. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267 Dolomiti oggi . . . . . . . . . 334


Sextner Dolomiten. . . . . . . 204 San Tomaso Agordino. . . . . . 269
Val Campo di Dentro/ Storia. . . . . . . . . . . . . . . . 336
Alleghe. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
Innerfeldtal . . . . . . . . . . . . . . . 204
Valle del Primiero La scoperta
Sesto/Sexten . . . . . . . . . . . . . 204 e Pale di San Martino . . . . . 272 dei Monti Pallidi. . . . . . . 343
Comelico . . . . . . . . . . . . . . . 208 Mezzano. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
Comelico Superiore. . . . . . . . 208
Arte e architettura. . . . . 350
Primiero San Martino
San Nicolò di Comelico. . . . . . 210 di Castrozza . . . . . . . . . . . . . . . 274 Cultura e tradizioni . . . . 355
Danta di Cadore. . . . . . . . . . . . 210
Ambiente. . . . . . . . . . . . . 361
Santo Stefano di Cadore. . . . 211 MARMOLADA. . . . . . . . 280
San Pietro di Cadore. . . . . . . . 211 Rocca Pietore. . . . . . . . . . . . . 284 A tavola nelle Dolomiti. 368
Cadore . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212 Passo Fedaia. . . . . . . . . . . . . . 287
Auronzo di Cadore. . . . . . . . . . 212 Livinallongo
Vigo di Cadore . . . . . . . . . . . . . 217 del Col di Lana/Fodòm. . . . . 288
Lozzo di Cadore . . . . . . . . . . . . 217 GUIDA
PELMO E
Domegge di Cadore. . . . . . . . . 218
CRODA DA LAGO . . . . . 293
PRATICA
Calalzo di Cadore. . . . . . . . . . . 218
Pieve di Cadore . . . . . . . . . . . 220 Val Fiorentina . . . . . . . . . . . 296
Selva di Cadore . . . . . . . . . . . 296
Informazioni . . . . . . . . . . 376
Cibiana di Cadore. . . . . . . . . . . 221
Vodo di Cadore. . . . . . . . . . . . 222 Colle Santa Lucia. . . . . . . . . . 299 Trasporti . . . . . . . . . . . . . 383
San Vito di Cadore. . . . . . . . . 222 Valle di Zoldo . . . . . . . . . . . 300
Indice . . . . . . . . . . . . . . . . 391
Cortina d’Ampezzo Val di Zoldo . . . . . . . . . . . . . . . . 301
e Conca Ampezzana. . . . . . 223 Zoppè di Cadore. . . . . . . . . . . 303 Legenda delle cartine 398

PALE DI SAN MARTINO, DOLOMITI


SAN LUCANO, DOLOMITI FRIULANE
BELLUNESI E VETTE E D’OLTREPIAVE. . . . . .304
FELTRINE. . . . . . . . . . . . 230
Pordenone. . . . . . . . . . . . . . 308
Belluno. . . . . . . . . . . . . . . . . 234 Valcellina. . . . . . . . . . . . . . . . 312
Tra Val Belluna Barcis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
e Dolomiti Bellunesi. . . . . . 242
Claut. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
Sospirolo . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
Val Settimana. . . . . . . . . . . . . . 315
Valle del Mis . . . . . . . . . . . . . . 243
Cimolais. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
Sedico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
Erto e Casso . . . . . . . . . . . . . . . 317
San Gregorio nelle Alpi. . . . . 246
Val Zemola. . . . . . . . . . . . . . . . . 318
Cesiomaggiore. . . . . . . . . . . . . 247
Val Colvera. . . . . . . . . . . . . . . 319
Val Canzoi . . . . . . . . . . . . . . . . 248
Frisanco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
Feltre . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
Val Tramontina . . . . . . . . . . . 319
Vette Feltrine . . . . . . . . . . . 255
Tramonti di Sopra
Pedavena. . . . . . . . . . . . . . . . . 255 e Tramonti di Sotto . . . . . . . . 320 IN QUESTA GUIDA
Sovramonte. . . . . . . . . . . . . . . . 257 Udine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
Lamon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258 Valle del Tagliamento . . . . 327 Attività all’aperto. . . . . . . 30
Agordino . . . . . . . . . . . . . . . 259 Ampezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 328 Tradizioni popolari. . . . . . 41
Agordo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259 Forni di Sopra
Taibón Agordino. . . . . . . . . . . 262 e Forni di Sotto. . . . . . . . . . . . 330 Castelli. . . . . . . . . . . . . . . . 46
Cencenighe Agordino . . . . . . 264 Oltrepiave . . . . . . . . . . . . . . . 331 Enogastronomia. . . . . . . 368
Canale d’Agordo. . . . . . . . . . . 265 Passo della Mauria. . . . . . . . . 332
Benvenuti
nelle Dolomiti
Le Dolomiti sono la proiezione verticale
di un territorio sorprendente,
esprimono un fascino primitivo e
maestoso che rapisce lo sguardo e il cuore.

Perché questa guida un continente di montagne dove convivono


una sterminata varietà di piante e animali,
Le Dolomiti si estendono su cinque diverse
quattro lingue, mille leggende e un’infinità
province e tre regioni. Un territorio immen-
di popoli. Una diversità che diventa un uni-
so, soprattutto nella sua tridimensionalità,
verso espanso quando si entra in contatto
dal momento che si sviluppa anche in
con le culture di questi monti, ognuna con
altitudine. Anzi, si potrebbe dire in quattro
il proprio modo di essere ospitale, nelle valli
dimensioni, contando forre, gole e grotte.
immacolate del Trentino-Alto Adige, fra i
I capitoli di questa guida trattano da ovest
paesi dalla bellezza surreale del Veneto e
a est i vasti territori in cui sono compresi
nella rigogliosa natura del Friuli Venezia
i nove sistemi dolomitici che fanno parte
Giulia. Ognuna di esse ha creato architetture
del Patrimonio UNESCO: strutture geologi-
uniche, chiese dipinte, città preziose e un
che spettacolari, residui di una serie di atolli
patrimonio enogastronomico nel quale si
che milioni di anni fa punteggiavano un
mischiano tutte le influenze. Un territorio
caldo mare tropicale, sul fondale del quale
da apprezzare nella sua unicità e unità, che
oggi si estendono le favolose valli del Trenti-
esprime la propria sublime bellezza nel
no-Alto Adige, del Veneto e del Friuli Vene-
profumo dei prati sconfinati, nel silenzio
zia Giulia. I nostri autori lo hanno percorso
ovattato dei boschi ammantati di neve,
in lungo e in largo questo arcipelago fossile,
nella maestosa fierezza delle cime rocciose.
esplorandone ogni anfratto, per fornire ai
viaggiatori uno strumento utile alla scoperta Un Patrimonio dell’Umanità
di un territorio unico al mondo.
Nel 2009 le Dolomiti sono state inserite nel
La scoperta delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità UNESCO per la
loro bellezza intrinseca e per l’eccezionale
nel rispetto del territorio valore geologico. Un patrimonio che è di tutti,
Dagli spazi vasti e maestosi delle Dolomiti di e come tale deve essere percepito, esaltato,
Brenta all’‘enciclopedia geologica’ del Blet�- custodito, tramandato. In questo processo
terbach, dalle rocce rosa del Catinaccio ai la� - ogni viaggiatore ha un ruolo concreto, fatto
ghi acqua e menta e alle guglie monumenta- di rispetto per la natura e di attenzione a non
li delle Dolomiti Settentrionali, fino alle valli lasciare tracce del proprio passaggio. È questa
selvagge delle Dolomiti Friulane: i paesaggi la sola garanzia che il patrimonio resti inte-
mutano dando l’impressione di attraversare gro per le generazioni future.
CREATIVAIMAGE / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Perché amo le Dolomiti


Giacomo Bassi, autore
Sebbene sia nato e cresciuto in una città di mare, e abbia sempre percepito le montagne come
lontane e vagamente inospitali, nelle Dolomiti mi sono subito sentito a casa. D’altronde, un tempo
le loro vette argentate erano isolotti che spuntavano in un oceano preistorico, e il legame con l’ac-
qua (che è ovunque, sotto forma di ruscelli, fiumi, incantevoli laghi, neve e ghiacciai) non è
mai venuto a mancare. Ho amato tutto di queste montagne: i sentieri, le piste da sci, il silenzio
dei boschi, l’arte nascosta e quella visibile, il cibo, la generosità degli abitanti, i prati sconfinati e
le vette, che al tramonto si arrossano come se si vergognassero di tanta grazia e bellezza.
Per ulteriori informazioni sugli autori, v. p400

Sopra: Escursionisti sulle Dolomiti


Dolomiti
A
ALTITUDINE
I Vipiteno - Sterzing
3300m
R
3000m
T Le Torri del Vajolet
2500m Nel cuore del Catinaccio,
S
2000m
queste cime sono un’icona della
U 1500m
A 1000m
verticalità dolomitica. (p150)
500m
200m
0

33
Bressanone - Brixen
Altopiano dello Sciliar E

s ac k
Un’incantevole distesa di colline G
I

Ei
e pascoli incorniciati dalla
D

o -
Merano - Meran

33
c
maestosità delle Dolomiti. (p122)

I sar
h
A
c
A d i g e - Ets Chiusa - Klausen
O
T

33
Lana

L
r
Ortisei - St. Ulrich - Urtijëi
ue

Bolzano
lf e r
ha

Tutto il fascino della storia eAdelle a - F a


l sc

- Ta Sas
r La
tradizioni tirolesi racchiuse in una
lsu

33
Tal vera

Va S
città viva e affascinante. (p106) (

R
Gioveretto -
^ Bolzano - Bozen
Zufrittspitze
(3439 m)
A d ig

3
Lago di Tovel
e - Etsch

Il cuore liquido Laives - Leifers


delle Dolomiti di Brenta. (p74)

3
ce
No

3333
en t
e

rr
To

3
rente Avis i o d

3333
or
T

3
Madonna di Campiglio

3333
÷
Parco Naturale N
io
Adamello-Brenta
I
A vis

3
n te

3333
R
To
rr
e
T
Cima Tosa
(3173 m) N
E Trento

3
T R Una città d’arte mai abbastanza

3333
celebrata, perfetta per gli amanti
della montagna. (p54)
^ Trento Pergine Valsugana
Madonna di Campiglio

3
Centro della movida in inverno
e quieto borgo di alpinisti
ta

in estate. (p80) Br e n
# 00
e 20 km
10 miglia

Val Pusteria A U
Morbidi prati punteggiati di S
massi all’ombra delle più sublimi T
La Val di Funes e le Odle vette dolomitiche. (p190) R
I profili aguzzi contrastano con
i pascoli verdi per regalare uno I
scenario da cartolina. (p168) Cortina e la Conca Ampezzana A
La perla delle Dolomiti è un paradiso
Brunico - Bruneck per gli amanti delle attività all’aperto
e della bella vita. (p223)
Rienz
a
- Ri
en z Sillian

3333333
Le Tre Cime di Lavaredo
ac k

Parco Tre dita bianche puntate


Naturale di verso il cielo, il simbolo
Ei s

Fanes-Senes-Braies di queste montagne. (p206)

3333333
÷ R
Punta Tre Scarperi -
Crodaccia Alta - Dreischusterspitze
Hohe Schlecht Gaisl R (3151 m)
(3015 m)
÷ R
RR

3333333
Parco Tre Cime
Naturale
Monte
Cristallo di Lavaredo Il Pelmo
ijëi Puez-Odle (3221 m) Per la sua singolare forma, questa
Sassolungo -
R
Piz dles Cunturines -
R
maestosa
Ansi montagna è chiamata
Langkofel - R Tofana di Dentro il Trono di Dio. (p293)
ei
Conturines-Spitze

3333333
Saslonch (3238 m)
(3064 m) Cortina
(3181 m) Piz Boè d’Ampezzo e
R
(3152 m) Pia v
Bo

R i te R
Punta
Sorapiss Barcis
(3205 m)
Affacciata su un lago Lum
iei
Monte R Antelao color dell’anice fra forre

33333333333
(3264 m)
R
Pelmo e case a ballatoio. (p313)
(3172 m)
O

Marmolada R
(3343 m)
Campanile Tagl
di Val Montanaia R ÷ ia
men t

33333333333
R (2173 m)
Parco
T

Monte Civetta
(3220 m) Naturale
Parco
Regionale
Naturale di
delle Dolomiti
Paneveggio
Friulane
E

e Pale

33333333333
di San Martino
si o Cimon Campanile
÷ R dellaPala
(3184 m)
di Val Montanaia
Il ‘Grido di Pietra’,
N

un monumento

33333333333
ve

÷
I

naturale di 300
Pia

Parco
Nazionale metri d’altezza. (p316)
E

A
L

delle Dolomiti
I

Bellunesi Barcis

33333333333
Ponte nelle Alpi C
I

ll i na
Z
U
V

^ Belluno
L
E
I

Belluno

33333333333
Sedico
Città in bilico tra montagna
U

e pianura ricca
R
N

di arte e storia. (p234)


Aviano

33333333333
Primiero
I
F
E

Qui l’Alto Adige e il Veneto


Feltre s’incontrano dando vita a
G
V

un paesaggio incantevole. (p274)


Vittorio Veneto
i a ve

P
Top 15
9
Trento Le ferrate delle

1 Il capoluogo del Trentino è vivo Dolomiti di Brenta

2
e quieto al tempo stesso, sportivo e Ci sono vie ferrate spettacolari
signorile, cittadino e montanaro. Al centro sulle Dolomiti di Brenta e il bello è
svetta una cattedrale di rara bellezza, che sono accessibili, con un minimo grado
in alto è sorvegliato da un castello dall’archi-

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
di preparazione fisica e con l’assistenza
tettura complessa e dai ricchi tesori, in giro delle guide alpine. La Via delle Bocchette
ci sono esposizioni e strutture museali di Centrali (p82) non vi impegnerà tanto,
tutto rispetto e il Natale qui è una festa per e vi regalerà un’iniezione di adrenalina.
gli occhi e per il cuore, con le mille luci e i La Ferrata Sosat (p81) potrebbe essere
suoni dei mercatini. Trento (p54) è il luo- un folgorante primo impatto; la Ferrata
go dove pianificare un viaggio nelle Dolomiti, Castiglioni (p92), per chi è più preparato,
seduti in una birreria del centro o cercando vi darà l’impressione di aver conquistato
ispirazione in vetta al Monte Bondone, che l’Everest.
si raggiunge con la funicolare.
ISAAC74 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

MARCO MAGANZIN ©I
10
3

DENIS FALCONIERII/EDT©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5

4
Le Torri
del Vajolet
JUERGEN SACK / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

3 Le Torri del Vajolet


(p150) sono spetta-
colari guglie aguzze che si
ergono verso il cielo con
un’eleganza e una magni-
ficenza tali da sembrare
disegnate dalle abili mani
di un architetto di epoca
gotica. Se nelle giornate
serene si scorgono anche
da Bolzano, la cosa migliore
è senza dubbio andarle a
vedere da vicino: il Rifugio
Vajolet, il Rifugio Re Al-
berto I e il Passo Santner
offrono scorci privilegiati
su questa meraviglia della
natura, un’icona unica e
imperdibile nel cuore del
Catinaccio.
11
5
DENIS FALCONIERII/EDT©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
6
DIETERMEYRL / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Bolzano Altopiano La Val di

4 Bolzano ( p106) è una dello Sciliar Funes e le Odle

5 6
città vivace e affasci- La distesa bianca e La Val di Funes
nante, che racchiude nel suo soffice sulla quale si di- (p168) è incorniciata
centro storico tutta la bellez- stendono a perdita d’occhio dalle Odle, magnifiche mon-
za del Sudtirolo e regala ai le piste da sci in inverno si tagne dominate dal Sass
visitatori angoli meravigliosi trasforma, con l’arrivo della Rigais e dal Furchetta, che
come Piazza Walther, Via dei primavera, in un oceano con i loro profili aguzzi e
Portici e Piazza delle Erbe. verde costellato di malghe severi sembrano quasi inac-
Anche l’offerta culturale e punteggiato di fiori che cessibili. Se cercate il punto
non ha nulla da invidiare a sembrano disegnati con un più comodo per ammirarle,
città più blasonate: il Mu- pennarello (p122). A fare andate a Santa Maddalena
seo Archeologico dell’Alto da sfondo a questo idillio, il o nel prato antistante la
Adige, dov’è custodita la Sasso Piatto e il Sassolun- Chiesetta di San Giovanni
mummia di Ötzi, Castel go fanno da contrappeso in Ranui, ma se camminare
Firmiano, sede principale dei alle pareti imponenti dello non vi spaventa, il sentiero
sei Messner Mountain Mu- Sciliar, formando insieme che si inerpica fino al Rifu-
seum, il Museion, con la sua una cornice naturale di una gio Genova (p172) e al
collezione di arte contem- bellezza straordinaria. Col di Poma (p172), in
poranea, sono solo alcune testa alla valle, regala
fra le tante opportunità che gli scorci migliori.
vi potrà offrire il capoluogo
dell’Alto Adige. Mercatini di
Natale, Bolzano (p112)
12
7

DENIS FALCONIERII/EDT©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5

GITOTREVISAN / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

Passo Gardena Cortina e la Conca d’Ampezzo

7 Il gruppo del Cir con le Odle in lontanan-


za da una parte, le Torri del Sella dall’al-
tra, il Sassolungo, le Cinque Dita e Punta
8 Al centro di uno straordinario anfitea-
tro chiuso dalle pareti d’argento delle
Tofane, del Pomagagnon, del Cristallo e del
Grohman di fronte, la Val Gardena che si Sorapiss, e con il verde intenso dei boschi
estende verso la Valle dell’Isarco: il panora- che la circonda, Cortina (p223) è una
ma che potrete ammirare dagli oltre 2100 m delle destinazioni più glamour di queste
di altitudine del Passo Gardena (p168) montagne. Veniteci d’inverno, quando le
è di quelli da cartolina. Le montagne, sue leggendarie piste da sci sono solcate
i pascoli, i pendii, i tornanti della strada e da appassionati degli sport invernali che
persino le nuvole sembrano messi al posto arrivano da tutto il mondo, oppure d’estate
giusto da un paesaggista, per compiacere per esplorare a passo lento gli innumerevoli
lo sguardo di chi si ferma a contemplare sentieri che si inoltrano in una natura incon-
tanta bellezza. taminata di eccezionale bellezza: sarà sem-
pre e comunque la ‘perla delle Dolomiti’.
13
9
MAXIM K / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
10
GIACOMO BASSI/EDT©

Tre Cime di Lavaredo L’Altopiano di Fanes

9 Ci sono montagne immense e


maestose nelle Dolomiti. Ci sono vette
vertiginose, appuntite, a volte sbilenche,
10 Si racconta che su questo altopiano
che si apre nel cuore del Parco
Naturale di Fanes-Senes-Braies (p186),
altre dalle pareti così ampie da sembrare solcato da gorgoglianti ruscelli e con al
enormi ali spiegate in volo. E poi ci sono centro il delizioso Lago Verde, vivesse
loro, le Tre Cime di Lavaredo (p206), tre un leggendario popolo di guerrieri alleato
dita bianche che si stagliano verticali verso con le marmotte. Chissà se è vero, ma se
il cielo: un paesaggio inconfondibile, diven- vi lascerete contagiare da tanta placida
tato un simbolo dell’alpinismo mondiale, bellezza e dal silenzio rotto solo dagli acuti
che non lascerà indifferenti nemmeno gli fischi di questi simpatici roditori in piedi
animi più imperturbabili. Perciò allacciatevi davanti alle loro tane, non farete fatica a
gli scarponi, riempite la borraccia e salite sognarlo anche voi.
fin quassù per ammirare da vicino i loro
straordinari profili.
14
Feltre I Piani Eterni

11 Piccola e con il centro storico sopra-


elevato, impreziosito da cinquecente-
schi palazzi affrescati, Feltre (p249) è
12 Nascosta nel cuore delle Alpi Feltri-
ne, la conca dove un tempo si trova-
va un enorme ghiacciaio è oggi una sinuosa
in grado di rivaleggiare con città ben più e impareggiabile distesa verde segnata da
blasonate per notorietà e offerta turistica. crepacci, inghiottitoi e profondissime grotte
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5

Perciò, se passerete da queste parti ad (p248) che si alternano ad ampi pascoli


agosto, quando il palio anima le strette punteggiati da stalle e malghe nelle quali si
stradine acciottolate, e vi infilerete nei producono formaggi straordinari. Durante
tanti musei ricchi di capolavori d’arte e l’estate rimarrete incantati davanti a tanta
ammirerete questa città dai tavoli di qual- meraviglia, regno incontrastato dei camosci
che trattoria che serve gustosi piatti tipici, che corrono in mezzo ai pini mughi e delle
resterete stregati dal fascino antico e dalla marmotte che fischieranno allarmate non
contagiosa vitalità. appena vi vedranno spuntare all’orizzonte.

11

GITOTREVISAN / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

12
ATUM85 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©
15
13 14
PIERO PASINI/EDT©

PIERO PASINI/EDT©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T op 1 5
PIERO PASINI/EDT© 15

Il Grido di Pietra Vino e cibo Forra del Cellina

13 Grido di Pietra
è il nomignolo,
pieno di timore reverenzia-
14 Che si tratti di
un’ombra nel
Pordenonese o di un tajut
15 Di canyon, gole,
forre e marmitte
ce ne sono molte nelle
le, che è stato affibbiato al nell’Udinese, un bicchiere Dolomiti. La Forra del
Campanile di Val Montanaia di vino non manca mai in torrente Cellina (p313) è
(p316), un ‘signore’ delle Friuli, ma va accompagnato però incredibilmente sceno-
Dolomiti, un totem dell’al- sempre con qualcosa da grafica e di facile accesso,
pinismo. Arrivare fino alla mettere sotto i denti. La grazie alla presenza di una
sua base è sufficiente per pitina (che può essere pe- vecchia statale dismessa e
dire di aver faticato un bel tuccia o peta, in base a dove alla possibilità di attraver-
po’ e per ammutolire al suo viene prodotta, agli aromi sare il canyon su un ponte
cospetto. Per raggiungerlo che contiene e alle dimen- tibetano da brividi oppure
bisogna percorrere tutta la sioni) è un salume speciale, approfittando del comodo
Val Cimoliana, un paesaggio che si può trovare solo qui, trenino. Inoltre, nei dintorni
lunare e aspro che si insi- sulle montagne friulane. Il ci sono alcuni fra i paesi più
nua nel cuore delle Dolomiti frico, un piatto-bandiera caratteristici delle Dolomiti
Friulane. della Carnia a base di pata- Friulane, come Barcis, Fri-
te e formaggio, ha un’area sanco, Poffabro e Andreis.
più grande, ma è di certo la
bomba di energia che può
rinfrancare delle fatiche
della montagna (p368).
16
© Lonely Planet Publications

In breve
Per ulteriori informazioni, v. Guida pratica (p375)

Banche Quando andare


I bancomat sono diffusi
e le carte di credito in Temperature medie annue (°C)
genere sono accettate 11/14°C
negli alberghi e nei risto- 8/10°C
ranti, mentre potrebbero 5/7°C
non esserlo in alcuni 2/4°C
B&B, nei rifugi in quota 0/1°C
-4/-1°C
e nei piccoli negozi:
verificate in anticipo.

Alloggio
Alberghi diffusi,
garni, baite, malghe,
rifugi, B&B, megaresort
sciistici, oltre a tutte
le strutture ricettive
tradizionali. C’è solo
da decidere il tipo di
esperienza che si vuole
vivere (p376).

Pasti
La tradizione della cuci-
na di montagna: zuppe
calde e profumate,
canederli, frico, polenta, Estate Inverno Primavera/
selvaggina, speck, ¨¨Le Dolomiti offrono ¨¨Quando arriva la autunno
formaggi di malga, il sentieri, rifugi, ferrate Dama Bianca, i tanti ¨¨In primavera, con
tutto annaffiato dai pre- e tante altre attività impianti nelle Dolo- le belle passeggiate a
giati vini veneti, friulani, accessibili anche miti si riempiono di bassa quota si ammi-
trentini e altoatesini ai più piccoli che sciatori provenienti da ra la fioritura.
(p368). permettono di stare a tutto il mondo.
¨¨In autunno, le cam-
contatto con la natura. ¨¨I mercatini di Nata- minate si accompa-
Telefoni cellulari ¨¨La quota non le animano con i loro gnano ai vividi colori
La copertura è general- troppo elevata e le chioschi pieni di luci che danno un tocco
mente buona in tutta la temperature fresche molte località. fiabesco alle valli.
regione, mentre potreb- rendono le Dolomiti
¨¨Approfittate di
be essere problematica il rifugio ideale per
queste due stagioni
in alcuni centri minori. scappare dalla cani-
per visitare le città più
cola estiva.
grandi.
17
Siti web Medio: €70-200 Aeroporto di Venezia – Marco
¨¨Camera doppia in hotel di Polo (%041 260 61 11; www.
Lonely Planet Italia (lonely
media categoria: €70-160 veniceairport.it) Dista 79 km da
planetitalia.it) Informazioni, forum
Pordenone, 97 km da Belluno,
dei viaggiatori e molto altro. ¨¨Ristorante: €35 120 km da Udine, 218 km da
Dolomiti UNESCO ¨¨Aperitivo: €8 Trento e 272 km da Bolzano.
(www.dolomitiunesco.info) e

PIANIFICARE IL VIAGGIO I n breve


Aeroporto di Verona – Valerio
Visit Dolomites (visitdolomites Alto: più di €200 Catullo (%045 809 56 36;
.com) Siti ufficiali delle Dolo- ¨¨Camera doppia in hotel di www.aeroportoverona.it) Dista
miti Patrimonio dell’Umanità categoria elevata: più di €160 97 km da Trento, 151 km da
UNESCO.
¨¨Ristorante di alta categoria: Bolzano, 197 km da Pordenone,
Alto Adige/Südtirol (suedtirol più di €40 214 km da Belluno e 235 km da
.info) Sito ufficiale del turismo in Udine.
¨¨Caffè seduti a un tavolo
Alto Adige.
all’aperto: €4 Stazioni ferroviarie di Belluno,
Promozione Turistica del Bolzano, Pordenone, Trento
Veneto (veneto.eu) Portale
ufficiale della regione Veneto.
Arrivo e Udine
Trenitalia (www.trenitalia.com)
Aeroporto di Bergamo – Orio
Trentino Marketing (visit al Serio (%035 32 63 23; www. Italo (www.italotreno.it)
trentino.info) Sito ufficiale del sacbo.it) Dista 183 km da Trento,
turismo in Trentino. Trentino Trasporti Esercizio
236 km da Bolzano, 299 km da
(www.ttesercizio.it)
PromoturismoFVG (www. Pordenone, 316 km da Belluno e
promoturismo.fvg.it) Portale 338 km da Udine. Mobilità Alto Adige (www.sii
ufficiale del turismo in Friuli .bz.it)
Aeroporto di Bolzano – ABD
Venezia Giulia. Dolomiti (%0471 255 255;
Bambini con la valigia www.bolzanoairport.it) Dista Trasporti locali
(www.bambiniconlavaligia. 57 km da Trento, 164 km da Autobus La rete di trasporto
com) Per organizzare e vivere al Belluno, 219 km da Pordenone e pubblico raggiunge quasi
meglio il viaggio in famiglia. 384 km da Udine. tutti i centri trattati nella guida.
Vacanze bestiali (www.vacanze Aeroporto di Milano – Linate Durante la stagione invernale
bestiali.org) Per viaggiare con i (%02 23 23 23; www.milano vengono attivati numerosi col-
vostri amici animali. linate-airport.com) Dista 214 km legamenti con le aree sciistiche,
da Trento, 268 km da Bolzano, ma alcune località minori non
sono raggiunte dal servizio
Numeri utili 333 km da Pordenone, 351 km
pubblico, tenetelo presente.
da Belluno e 371 km da Udine.
Numero unico %112
Aeroporto di Milano – Mal- Automobile e motocicletta
europeo di emergenza pensa (%02 23 23 23; www. La soluzione migliore per spo-
(ambulanza, forze milanomalpensa-airport.com) starsi, per affrontare le lunghe
dell’ordine, vigili Dista 265 km da Trento, 319 km salite che portano ai passi in
del fuoco) da Bolzano, 384 km da Pordeno- quota (nel periodo invernale le
Soccorso Alpino %118 ne, 402 km da Belluno, 423 km strade che raggiungono i passi
e Speleologico da Udine. secondari non sono percorribili
(Emergenza a causa della neve).
Aeroporto di Treviso – Antonio
in montagna) Treno La rete ferroviaria regio-
Canova (%0422 31 51 11; www.
trevisoairport.it) Dista 68 km da nale permette di raggiungere la
Budget giornaliero Pordenone, 86 km da Belluno, maggior parte delle destinazioni
117 km da Udine, 136 km da turistiche, non così per molti
Basso: meno di €70 Trento e 188 km da Bolzano. centri minori.
¨¨Alloggio economico: €30 per
Aeroporto Friuli Venezia
persona
Giulia – Ronchi dei Legionari
¨¨Sandwich: €4 (%0481 77 32 24; www.trieste
¨¨Ingresso libero in tutti gli airport.it) Dista 43 km da Udine,
edifici di culto e alcuni musei 83 km da Pordenone, 154 km da Per saperne di più
Belluno, 380 km da Bolzano e sui trasporti
326 km da Trento. locali, v. p385
18

Se vi piace…
Galleria d’Arte Moderna
Panorami da urlo Musei Carlo Rizzarda Tra raffinatissimi
lavori liberty in ferro battuto e
Se volete ammirare tutto Le Dolomiti sono ricche di le avanguardie pittoriche non
il fascino della verticalità storia e di tradizioni: dalla saprete davvero dove guardare.
delle Dolomiti e i profili loro formazione geologica (p249)
delle loro creste affilate, alla cultura dei popoli
questi punti panoramici vi che le abitano, i musei vi Palazzo Fulcis Arte sacra
lasceranno senza fiato. aiuteranno a capire meglio rinascimentale, superbi intagli
queste montagne. barocchi e un palazzo da sogno:
Punta Rocca Ai 3265 m della nel centro di Belluno. (p236)
stazione sommitale della funivia Museion Per le esposizioni che
della Marmolada, potete rag- ospita e per la sua collezione Museo Albino Luciani Pensate
giungere il balcone panoramico permanente, questo museo di che un museo sulla vita di un
che regala un colpo d’occhio arte moderna e contemporanea papa sia noioso? Venite qui
ineguagliabile su tutti i sistemi è molto apprezzato in Italia e e siate pronti a ricredervi.
dolomitici. (p287) all’estero. (p110) (p265)

Sass Pordoi Dai 2950 m di MMM Dopo le sue imprese epi- Museo dell’Occhiale Una
questa terrazza potrete godere che, Reinhold Messner ha deciso straordinaria esposizione di
di un panorama eccezionale su di aprire i Messner Mountain centinaia di occhiali da tutto
Marmolada, Sassolungo, Cati- Museum, sei musei dedicati il mondo e di tutte le epoche.
naccio, fino alle Alpi austriache e all’alpinismo e alla cultura della (p220)
svizzere. (p292) montagna in diverse località
dell’arco alpino. (p172)
Terrazza Panoramica Alpe di
Museo Geologico delle
Siusi Da oltre 2000 m di quota,
Dolomiti di Predazzo Un
Laghi alpini
potrete ammirare le montagne
viaggio alla scoperta delle carat- I laghi di montagna regala-
che incorniciano l’Alpe di Siusi
teristiche geologiche, ambientali no panorami da cartolina:
e, grazie al cerchio con le indi-
e paesaggistiche delle Dolomiti nelle loro acque placide e
cazioni, divertirvi a riconoscerle
di Fiemme e Fassa. (p138) trasparenti si specchiano
tutte. (p121)
le Dolomiti, contribuendo
Torre T3 Dall’alto di questa Museo della Grande Guerra
a rendere magici questi
torre panoramica a Sagron Mis Oltre a essere il più alto d’Eu-
luoghi.
la vista sulle Pale di San Martino ropa, questo museo vi aiuterà
a conoscere meglio la prima Lago di Carezza Ai piedi del
è impressionante. (p278)
guerra mondiale, della quale la Latemar, questo lago, abitato
Rifugio Nuvolau Guardatele Marmolada fu un tragico teatro. dalla Ninfa Ondina, è uno dei
da quassù e Cortina e le Cinque (p286) più incantevoli dell’Alto Adige.
Torri non vi sembreranno mai (p129)
Museo degli Usi e Costumi
più le stesse. (p226)
delle Genti Trentine In un Lago di Fiè Se cercate refrigerio
Monte Rite Da questa terrazza ex convento a San Michele in estate o un posto suggestivo
naturale sulle Dolomiti la vista all’Adige, uno fra i più impor- dove pattinare sul ghiaccio
sull’Antelao e sul Cadore è da tanti musei etnografici d’Italia. in inverno, questo lago non vi
brividi. (p221) (p66) deluderà. (p124)
19
GIACOMO BASSI / EDT ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …

In alto: La Val Belluna


GIACOMO BASSI / EDT ©

dai piedi del


Monte Schiara
In basso:
Le vette del Comelico
innevato da Dosoledo
20
Lago di Fedaia Sebbene sia un
bacino artificiale, vi sorprenderà

SPYDERSKIDOO
/ LONELY PLANET
per il panorama selvaggio nel
quale è immerso. (p287)
Lago di Soraga Uno sbarramen-

/ GETTY
IMAGES
to artificiale ha creato un piccolo

IMAGES
PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …

lago che si è ben inserito nel

©
contesto territoriale. (p144)

/ ISTOCKPHOTO ©
Lago di Tovel Le Dolomiti di
Brenta hanno un cuore che
luccica: è il Lago di Tovel, a oltre
1100 m di altitudine. (p74)
Lago di Alleghe Le sue acque
placide e la sua forma serpeg-
giante incantano da sempre
i viaggiatori di tutta Europa.
(p269)
Lago di Braies D’inverno, con
le vette innevate e la superficie
ghiacciata, è un luogo da Twin
Peaks, d’estate si trasforma in un

GIACOMO BASSI / EDT ©


incanto senza eguali. (p195)
Lago del Sorapiss Se non avete
mai visto un lago del colore di un
bicchiere di latte e menta dovete
arrampicarvi fin quassù. (p226)
Laghi dei Piani Ai piedi delle Tre
Cime di Lavaredo, due laghetti
alpini su cui si specchiano vette
maestose. (p216)
Lago Verde Sembra un arcipe-
lago delle Maldive, ma siamo nel
cuore dell’Alpe di Fanes. (p187)
/ LONELY PLANET IMAGES ©

Cascate
La ricchezza di acque di
tutto l’arco dolomitico arriva
da sorgenti sotterranee o
sgorga dall’alto di cascate
spettacolari: in estate come
in inverno si possono vedere,
affrontare, scalare…
Cascata Nardis Regina incontra-
stata della Val Genova, ma anche
fra le più belle dell’intero arco
alpino, si può raggiungere facil-
mente a piedi e scalare quando è
ghiacciata. (p87)
Sentiero delle Cascate Non In alto: CaptionCaptionCaptionCaptionCaptionCaptionCaptionCaption
Lago di Braies
sembra nemmeno vero che In basso: CaptionCaptionCaptionCaptionCaptionCaptionCaptionCaption
Cadini del Brenton, nella Valle del Mis
ci possano essere così tante
21
cascate, cascatelle e cateratte, e
tutte così belle, in una sola valle.
CATUNCIA / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

È la Vallesinella. (p87)
Cascata della Soffia Le acque
della Soffia che si infilano in una
forra, bucano le rocce e si tuffano

PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace …


in una profonda marmitta sono
uno spettacolo ipnotico. (p245)
Cascata dell’Inferno Alla fine
della Valle di San Lucano, con un
salto di 40 m, è una delle più alte
delle Dolomiti. (p264)
Cadini del Brenton Undici pozze
naturali scavate nella roccia e
quasi perfettamente circolari,
dalle acque smeraldine. (p244)
Cascate delle Comelle Non solo
sono bellissime, ma da quassù
godrete di una vista incantevole
sulla Valle di Garés. (p266)
GIACOMO BASSI / EDT ©

Storia naturale
Le Dolomiti sono un libro
di storia naturale. Uomini
primitivi, orme di dinosauro,
fossili… senza dimenticare
le montagne, esse stesse
testimonianza di un mondo
lontanissimo e perduto.
Monte Pelmetto A prima vista
sembrano semplici buchi su una
roccia, in realtà sono centinaia
di impronte di piccoli dinosauri
dolomitici. (p302)
Museo Archeologico dell’Alto
Adige Oltre a ospitare la
mummia di Ötzi, questo museo
vi racconterà del ritrovamento
che ha rivoluzionato la storia.
(p108)
MUSE – Museo delle Scienze
di Trento Non si può intraprende-
re un viaggio alla scoperta delle
Dolomiti senza farsi una cultura
al MUSE, uno degli allestimenti
museali meglio riusciti che vi
capiterà di visitare. (p60)
Museo Vittorino Cazzetta La
In alto: Alleghe storia delle Dolomiti spiegata
In basso: Lago del Sorapiss
passo passo nell’avvincente
museo che custodisce i resti
dell’Uomo di Mondeval. (p296)
22

Mese per mese


che la Sagra dei Fisciòt (dei
IL MEGLIO Marzo fischietti), con artigianato,
musica e fuochi artificiali.
Marcialonga Gennaio 3 Cortinametraggio
Sellaronda Bike Day (www.cortinametraggio.it) Da
Giugno più di un decennio è la
I Suoni delle Dolomiti rassegna di cortometraggi
più importante d’Italia, con
Giugno
Luglio
Mercatini di Natale
proiezioni e dibattiti nel z La Cavalcata
cuore di Cortina d’Ampezzo. Oswald
Dicembre
von Wolkenstein
Tra stendardi e vessilli, da
oltre 30 anni 36 squadre
Gennaio Aprile-maggio di cavalieri si sfidano in
quattro diverse prove a
2 La Marcialonga 3 Far East Castelrotto, Siusi, al Lago di
Sono quasi 7000 i concor- Film Festival Fiè e al Castello di Presule.
renti al via della Marcialon- (www.fareastfilm.com) Ogni
ga, gara di sci di fondo che anno, ad aprile, gli appas- 2 Sellaronda
si svolge da oltre 40 anni sionati di cinema e dell’E- Bike Day
attraverso la Val di Fassa e stremo Oriente hanno la (www.sellarondabikeday.com)
la Val di Fiemme. possibilità di conoscere le È una manifestazione non
produzioni cinematografi- competitiva, una vera e
che di un mondo lontanissi- propria festa per i ciclisti
mo da Hollywood. che possono godersi appie-
Febbraio 3 Trento
no il giro dei Quattro Passi
(Sella, Pordoi, Campolongo
z Carnevale Film Festival e Gardena), grazie alla chiu-
(www.trentofestival.it) Dal sura delle strade al traffico
Asburgico
1952 propone film sulla motorizzato.
I fasti dell Ottocento riem-
piono il paese e la ‘Strada montagna, la scoperta e
dell’Imperatore’, gli ussari l’avventura.
accompagnano le dame in
troika e nelle sale di Ma- z Beata Maria Luglio
donna di Campiglio risuo- Vergine Addolorata
nano le note dei valzer. Durante la celebrazione più 3 I Suoni
sentita di Belluno, i fedeli delle Dolomiti
portano in processione la (www.isuonidelledolomiti.it) Da
statua della Madonna dei oltre 20 anni, artisti di fama
sette dolori custodita nella internazionale si esibiscono
Chiesa di Santo Stefano. sulle cime e nei luoghi più
Nell’occasione si svolge an- suggestivi delle Dolomiti,
23
coniugando musica, trek- allevatori. A Caderzone si 3 Festival dei
king e grandi emozioni. celebra la società e l’econo- Passeri di Castelrotto
mia agricola. Ogni anno, i Kastelruther
2 Maratona Spatzen, una delle band
dles Dolomites z Palio di Feltre folk più conosciute e segui-
(www.maratona.it) È uno degli (www.paliodifeltre.it) Il primo te in Alto Adige, Austria,
eventi più conosciuti del fine settimana del mese le Germania e Svizzera, si

PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese


ciclismo amatoriale: sul suo quattro contrade della città esibiscono nel loro paese di
percorso, che si sviluppa si sfidano in gare di forza origine attirando migliaia
attraverso i 7 passi dolomi- e d’eleganza in costumi di persone.
tici, si cimentano ogni anno quattrocenteschi e corse di
circa 9000 ciclisti prove- cavalli.
nienti da tutto il mondo.

3 Mostra Novembre
dell’Artigianato Settembre 5 Sagra della Ciuiga
Artistico L’antica frazione di Prusa
(www.mostraartigianatofeltre z Palio apre i suoi vòlti agli attrezzi
.it) La prima domenica di delle Contrade e ai mestieri di un tempo,
luglio le strade di Feltre e i Arcieri medievali si ci- alle melodie tradizionali e
suoi palazzi storici, solita- mentano in varie prove ed soprattutto al salame con
mente chiusi, si popolano di esibizioni di alta suspense. la rapa, la ciuiga, prodotto
centinaia di artigiani, pitto- A fare da contorno teatro da secoli a San Lorenzo in
ri e scultori che espongono di strada, gastronomia e la Banale.
le proprie opere. città di Trento.

3 Settimane z Se Desmonteghea
Musicali
Gustav Mahler
È la festa che segna l’ini-
zio dell’autunno, quando
Dicembre
Le note del compositore e Falcade accoglie tra mu- 7 Mercatini
direttore d’orchestra au- siche, balli e buon cibo le di Natale
striaco Gustav Mahler, che famiglie e il bestiame che (www.nataletrentino.it) In
si rifugiava tra i boschi di hanno trascorso l’estate in Piazza Fiera, all’ombra delle
Dobbiaco per scrivere le alpeggio. antiche mura di Trento, una
sue sinfonie, riecheggiano versione ‘meridionale’ dei
da più di trent’anni in tutta mercatini asburgici: angeli,
l’Alta Pusteria. presepi, candele, dolci, scul-

2 Transcivetta Ottobre ture… comprate qui ciò che


abbellirà il vostro natale. A
(www.transcivetta.it) Una 3 Autunno clesiano Bolzano, i mercatini di piaz-
massacrante corsa di 20 km Tra la fine di ottobre e la za Walther (www.mercatino
in montagna che, dopo la metà di novembre, a Cles si dinatalebz.it) sono una meta
partenza da Listolade, attra- susseguono manifestazioni imperdibile per gli appas-
versa il Gruppo del Civetta a carattere folkloristico e sionati.
lungo vertiginose salite e gastronomico, con musica e
panorami mozzafiato prima animazione. z I presepi di Tesero
di ridiscendere ad Alleghe. Gli abitanti di questo paese
3 Oltre le Vette della Val di Fiemme vi
(www.oltrelevette.it) Per una faranno immergere comple-
decina di giorni, da vent’an- tamente nello spirito nata-
Agosto ni, a Belluno si respira l’aria lizio, allestendo nelle corti
sottile delle vette più alte, delle loro case i presepi
3 Festa tra cinema, libri, mostre e con le caratteristiche figure
dell’agricoltura teatro dedicati alla mon- della tradizione locale.
La razza bovina Rendena è tagna.
l’orgoglio della valle e degli
24

FLAVIO VALLENARI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


Pianificare il viaggio
Itinerari
Lago
di Santa
Cles •
# Giustina
É

É
÷
Parco Naturale
Monte Corno
É

# Castel Thun, Vigo di Ton




#
Cima Lago di Tovel
Presanella
(3558 m) Madonna • #
di Campiglio
É
R
÷
Sant’Antonio • É Parco Naturale San Michele
# Adamello •
#
di Mavignola all’Adige
Brenta
Pinzolo •
#
R
É

Cima
Tosa
Caderzone •
# (3173 m) #Lago

di Molveno
É

# San Lorenzo
• # TRENTO

Dorsino
É

10NI Il giro del Brenta


GIOR

anche visitare il MUSE, un giacimento


Le Dolomiti di Brenta sono isolate dal di conoscenza per ciò che concerne le
resto delle consorelle e costituiscono Dolomiti. Dirigetevi poi verso nord a San
un universo a sé stante nel quale Michele all’Adige, dove si trova un museo
convivono arte, storia, mondanità e etnografico importantissimo. A questo
frugalità. Dieci giorni qui saranno così punto attaccherete le montagne, dirigen-
intensi da sembrarvi un mese. dovi fra belle strade verso la Val di Non,
punteggiata di mille castelli che spuntano
Trento è un punto di partenza un po’ dai meleti. Castel Thun è uno dei più belli,
defilato per visitare le Dolomiti di Brenta, non solo della Valle, ma di tutto il Tren-
ma vale comunque la pena di starsene qui tino, e inoltre è un punto di osservazione
due notti a pianificare il viaggio, mentre si panoramico privilegiato per ammirare le
scopre una città dalla bellezza mai abba- Dolomiti. Per la notte fermatevi a Cles, un
stanza nota. Potrete acquistare le ultime piatto di gnocchi di patate crude vi darà la
attrezzature e le carte topografiche, ma carica per raggiungere, il giorno dopo, il
25

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

Trento

Lago di Tovel, nel centro del gruppo dolo- sentieri in alta quota e vie ferrate tra le
mitico. È giunta l’ora di spostarsi sul ver- più belle del mondo, ammirando paesaggi
sante occidentale delle Dolomiti di Brenta. quasi irreali e sgambettando fra le rocce in
Attraversando la Val Meledrio si sale fino a compagnia di marmotte e camosci.
Passo Campo Carlo Magno, porta d’accesso La ferrata Sosat è il miglior battesimo per
settentrionale della Val Rendena, nella un novellino, non troppo difficile e con
quale si trovano Madonna di Campiglio, situazioni varie, ma è anche bellissima,
Pinzolo, Sant’Antonio di Mavignola, quindi gli esperti si facciano avanti. Di
tutte ottime basi per praticare le attività ritorno, continuando il giro in senso an-
della montagna. Spendete dai 3 ai 4 giorni tiorario attorno al gruppo di Brenta, non
per sciare, visitare il Museo della Malga di dimenticate di assaggiare la Ciuiga del
Caderzone o le chiese dipinte dai Basche- Banale a San Lorenzo Dorsino, visitare il
nis. Oppure abbandonate la civiltà e salite castello di Stenico e, d’estate, fare un bagno
in montagna. Spostatevi tra i rifugi Graffer, rinfrescante nel Lago di Molveno, fra i
Tuckett, Alimonta, 12 Apostoli, percorrendo più belli d’Italia.
26
PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

÷
Parco
Naturale
É Ortisei Puez-Odle

#
Castelrotto •
#
É
É

# Siusi allo Sciliar



É
Sassolungo -
Langkofel R

# (3181 m)
Fiè allo Sciliar •
#
ck

BOLZANO Is a rco E isa Passo Sella



# -
É

Catinaccio
d’Antermoia - R •
#
Kesselkogel Canazei
(3004 m) É

É Pozza di Fassa •
#

É

#
Lago •#
A dige

di Carezza Passo
di Costalunga
27

DIETERMEYRL / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


10NI Da Bolzano al cuore
GIOR delle Dolomiti
L’itinerario inizia a Bolzano e prosegue nel

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari


cuore delle Dolomiti, passando per la Val di
Fassa e la Val Gardena, per poi terminare
negli immensi pascoli del massiccio dello
Sciliar, l’altopiano più grande d’Europa.

Per iniziare ad assaporare l’atmosfera tirolese,


iniziate il vostro viaggio da Bolzano: le vie del
centro nascondono angoli suggestivi, ristoranti
e birrerie storiche. Non lasciate la città prima
di aver visitato il Museo Archeologico dell’Alto
Adige, quello che conserva la mummia di Ötzi,
l’uomo dei ghiacci, e il Messner Mountain Mu-
seum di Castel Firmiano, un vero luogo di culto
per gli amanti della montagna e dell’alpinismo.
Proseguite il viaggio imboccando la stretta
strada che sale verso la Val d’Ega, la Grande
Strada delle Dolomiti, costruita all’inizio del
XX secolo per collegare Bolzano a Cortina:
prima di raggiungere il Passo di Costalunga,
luogo di villeggiatura della principessa Sissi e di
Winston Churchill, fermatevi a contemplare il
Lago di Carezza, vero gioiello nel quale si spec-
chiano i pinnacoli e le torri del Latemar.
Dal passo, abbandonate l’Alto Adige e scen-
dete in Val di Fassa, in Trentino. Qui arriverete
a Pozza di Fassa, paese in posizione strategica
per visitare l’intera valle, culla dell’alpinismo
dolomitico, e per organizzare un’escursione
ai piedi delle Torri del Vajolet, che svettano
ROMAOSLO / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

al centro del Catinaccio con la loro inebriante


verticalità.
Dopo aver visitato anche Canazei, affron-
tate gli 11 km che vi porteranno ai 2240 m del
Passo Sella, dal quale godrete di una vista
impareggiabile sul gruppo del Sassolungo e sulle
Torri del Sella. Tornate quindi in terra tirolese,
proseguendo in Val Gardena, una delle patrie
dello sci nelle Dolomiti: Selva, Santa Cristina e
Ortisei.
L’ultima tappa del viaggio è la zona dello
Sciliar, che da Castelrotto potete raggiungere
attraverso una strada molto panoramica. Le
colline, i paesi e i pascoli di questa zona sono
luoghi dove l’armonia regna sovrana e trasmette
un senso di serenità che culmina nella distesa
immensa dell’altopiano. Questo è il posto giusto
per terminare il viaggio: dopo esservi riempiti
gli occhi di tanta bellezza, tornerete a casa con il
sorriso stampato in faccia.
In alto: Altopiano dello Sciliar
In basso: Lago di Carezza
28

PIERO PASINI / EDT ©


7 NI Nel selvaggio Friuli
GIOR

Una settimana nelle Dolomiti Friulane e


PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

d’Oltrepiave rappresenta un’immersione


totale nella natura. Qui ci sono tutti gli
elementi classici delle Dolomiti, ma l’uomo
sembra non riuscire a domarli con facilità
come altrove.

La porta delle Dolomiti Friulane, fra i più estesi


gruppi dolomitici, è la pianura, quella che da
Pordenone, quieta e graziosissima città d’arte,
vede come quinte il muro delle montagne che
sorgono d’improvviso seguendo la SR251 che
conduce a Barcis. Fra una visita alla Forra del
Cellina e placide passeggiate sulle rive dell’omo­
nimo lago, Barcis potrebbe essere una tappa da
una o persino due notti. Continuate lungo la 251
raggiungendo Cimolais. Scegliete una siste-
mazione, perché Cimolais è il punto ideale per
andare a vedere le orme dei dinosauri a Claut, la
grotta del Landre Scur e soprattutto per risalire
la Val Cimoliana fino al Rifugio Pordenone da
cui raggiungere il Campanile di Val Mon-
tanaia. Se farete tutte queste attività dovrete
fermarvi due notti a Cimolais o nei dintorni. In
ogni caso poi continuate il viaggio oltre passo
Sant’Osvaldo ed entrate nella Valle del Vajont
dove Erto e Casso vegliano sulla frana che nel Forra del torrente Cellina a Barcis
1963 causò uno dei più gravi disastri della storia
italiana. Un disastro che ha raso al suolo i paesi
sulle sponde del Piave che scorre lungo il lato
# Passo della Mauria
occidentale del gruppo dolomitico, in Veneto. •

Un passaggio qui è necessario per raggiungere il


Cadore a nord e, a Domegge, salire al Passo del- Campanile É
di Val Montanaia ÷
la Mauria, rientrando in Friuli Venezia Giulia e •
# Parco
É

nella Valle del Tagliamento. D’inverno fermatevi


É

Regionale
É

a Forni di Sopra per sciare, d’estate per salire Naturale


delle Dolomiti
É

in quota e magari ÷ percorrere tutto o parte


Casso Friulane Tramonti
# Cimolais
dell’AnelloParco Naturale •
delle Dolomiti Friulane, fra am- di Sotto •
#
É
Paneveggio - •
# •
#
bienti selvaggi
Palee di
mozzafiato.
San Percorrete la Valle Erto
Martino ÷ Poffabro
É

del Tagliamento nel senso in cui scorre


Parco
il fiume, •
#
É

Andreis
da ovest verso est e, superato Ampezzo,
Nazionale girate
delle •
#
É •
#
Frisanco
Dolomiti •
#
bruscamente a sud nella Val Tramontina,Bellunesi Barcis
regno di creste aguzze, fiumi cristallini e ottimi
salumi (la pitina si produce qui). Nell’isolamen-
to della valle troverete una buona sistemazione i Lago di
e
av

Santa Croce
É

per visitare i dintorni e la Val Colvera, con Fiu


i eP
m
paesi di Frisanco, Poffabro e Andreis, uno
più bello e più quieto dell’altro. Quindi tornate
in pianura.

# PORDENONE

29

GIACOMO BASSI / EDT ©


15NI Arte, natura e storia
GIOR ai piedi delle Tre Cime
Si parte da Belluno e si arriva in Cadore

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari


dopo un itinerario circolare che vi porterà
dall’estremo sud di queste montagne alle
più settentrionali vette delle Dolomiti, tra
chiese, musei e un ambiente incontaminato.

Ciò che rende le Dolomiti straordinarie, oltre


alla loro unicità geologica, sono le infinite sfac-
cettature del territorio: lungo questo itinerario
da sud a nord (e ritorno) si srotolano senza
soluzione di continuità storia, arte e natura.
Partite da Belluno, ricca di chiese e con musei
appassionanti, seguite il Piave che solca la Val
Belluna e decidete se fermarvi nella Valle
del Mis o se proseguire verso la raffinata
Feltre. I più in forma salgano a Passo Croce
d’Aune e da lì alla Busa delle Vette Grandi,
una spettacolare conca glaciale ricoperta di
prati; in alternativa attraversate il Primiero,
il punto dove s’incontrano Veneto e Trentino.
San Martino di Castrozza vi terrà occupati
sia d’inverno, con le piste da sci, sia d’estate,
con i sentieri che si inoltrano nella foresta di
Paneveggio. Aggirando le frastagliate Pale di
San Martino puntate su Alleghe: usandolo
La Val Canali, nel Primiero come campo base potrete esplorare a fondo sia
l’Agordino, a est, sia il gruppo del Pelmo e
della Croda da Lago, a ovest, dove scoprirete
Brunico •
A

#
con stupore innumerevoli orme fossilizzate di
U

Dobbiaco T dinosauri. Da qui spostatevi nella scintillante


S


# R
I
A Cortina d’Ampezzo, che si estende al centro
k

di un’incredibile corona di vette. Attraversando


quelle settentrionali e passando accanto al

# Lago di Dobbiaco, sbucate nella verdeggiante
Val Badia Comelico • # e placida Val Pusteria, da cui raggiungete il
# Cortina
pittoresco Lago di Braies e le Tre Cime di La-

d’Ampezzo
varedo, splendida icona delle Dolomiti, magari
dormendo a San Candido, con la sua chiesa
millenaria, o a Dobbiaco, dove riposerete

#
Alleghe •
# Vigo di Ta
Cadore glia sulle note di Mahler. A questo punto dovrete
m ent
o

prendere una decisione dolorosa: puntare sulla


limpida bellezza di Brunico e ridiscendere in

#
San Martino pianura passando per la Val Badia, dove vi de-
di Castrozza dicherete a splendidi trekking nel Parco di Fa-
Pia v e

nes, o dirigervi verso il Comelico e inoltrarvi


Ce
# Primiero
• BELLUNO l i napoi in Cadore, lungo il quale vagherete senza
l


#
Passo
Lago
di Santa
meta tra chiesette e musei, e dove all’ombra
Croce d’Aune

#
Croce dell’Antelao e delle Marmarole ripenserete
alle tante giornate di questo viaggio.
Feltre •
#
30
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto

Escursionista in Val Fiscalina

Pianificare il viaggio

Attività all’aperto
In estate o in inverno, nelle Dolomiti la possibilità di annoiarsi non
esiste. Dai sentieri curati e ben segnalati per le camminate alle
strade di tappe mitiche del Giro d’Italia da percorrere in bicicletta,
dalle piste per lo sci di discesa e di fondo più impegnative a quelle
più facili per chi mette gli sci ai piedi per la prima volta, il panora-
ma delle attività outdoor nei Monti Pallidi lascia l’imbarazzo della
scelta. E la cosa meravigliosa è che potete fare tutto al cospetto
del fascino e della verticalità inebrianti di queste montagne.
31
lau. Bisogna essere esperti e allenati, inve-
ce, per intraprendere la Ferrata G. Costan-
tini (p261) sul Moiazza o la Ferrata degli
GIACOMO BASSI / EDT ©

Il meglio... Alleghesi (p270) sul Civetta.

Bicicletta e mountain bike


Giro del Sellaronda Pedalare sulle strade

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto


del Giro d’Italia passando per i Passi Pordoi, Arrampicata su ghiaccio
Sella, Gardena e Campolongo. (p290)
Ci sono decine di cascate dove praticare
La Ciclabile lungo l’Adige, dalle Dolomiti al questa attività, e dove ci sono le cascate, di
Garda, passa per Trento. (p62) solito, ci sono anche una scuola o un corso
La Ciclabile della Drava da San Candido al disponibili. Cercate in questa guida, nelle
cuore del Tirolo austriaco. (p201) Dolomiti di Brenta (p82) oppure nella
Marmolada (p285): i Serrai di Sottoguda
Escursionismo e alpinismo sono conosciuti in tutto il mondo.
Punta Penìa Conquistare la cima più alta L’inospitale e tenebrosa Valle di San Lu-
delle Dolomiti. (p287) cano durante l’inverno diventa un paradiso
per gli ice climber con le sue innumerevoli
La Ferrata Sosat La ferrata ‘per tutti’ fra i cascate gelate: raggiungete quella dell’In-
paesaggi più emozionanti delle Dolomiti di ferno (p264), se volete mettere alla prova
Brenta. (p81) le vostre capacità.
Tre Cime di Lavaredo Una salita fino alle
vette simbolo delle Dolomiti. (p206)

Sci
Saslong La pista di Coppa del Mondo in Val
Arrampicata
Gardena. (p158) Le palestre e le pareti per gli scalatori sono
tante nelle Dolomiti. Per chi vuole impara-
Bellunese La pista nella Marmolada dove si
re, a Erto, nelle Dolomiti Friulane, si trova
è disputato il primo slalom negli anni Trenta.
una celebre palestra all’aperto (p318).
(p286)
Quando il clima non lo consente, si posso-
Marcialonga Il percorso per attraversare le valli no trovare ottime soluzioni anche per sca-
di Fiemme e Fassa con gli sci da fondo. (p133) lare indoor: per esempio, a Bolzano c’è la
3Tre Un nome, un mito: la discesa iridata di più grande palestra di arrampicata d’Italia
Madonna di Campiglio. (p80) (p112), mentre nella struttura di Campi-
tello di Fassa (p148) si svolgono spesso
Tofane La più esaltante discesa nell’argenta- competizioni di livello internazionale.
ta Conca Ampezzana. (p227) Dovete invece essere indubitabilmente
grandi campioni per cimentarvi nella salita
dello Spigolo Nord dell’Agner (p264),
che con i suoi 1600 m di dislivello è con-
siderata la più lunga di tutte le Alpi, o per
affrontare la leggendaria e temutissima
Alpinismo parete nord del Civetta (p269).
Le possibilità di praticare alpinismo sulle
Dolomiti sono infinite, dalle scalate per
veri esperti alle vie ferrate accessibili anche
ai neofiti. Se volete coronare il sogno di
scalare la vetta più alta dei Monti Pallidi,
Bicicletta
Punta Penìa, trovate le indicazioni nella e mountain bike
parte della guida dedicata alla Marmolada Piste e percorsi per tutti i gusti e tutti i
(p287). Chi ha piedi ben saldi, equilibrio livelli di allenamento sono possibili nella
e non soffre di vertigini dovrebbe prova- zona delle Dolomiti di Brenta. Dalle ci-
re a cimentarsi nella Ferrata Ra Gusela clabili che percorrono le valli, al circuito
(p227), una delle più frequentate delle Dolomiti di Brenta Bike (p80), che con
Dolomiti Settentrionali, che risale il Nuvo- livelli di difficoltà molto diversi permette
32

ORIREDMOUSE / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto

Ciaspolata alle Pale di San Martino

di visitare gran parte del sistema. Se poi


volete, potete cimentarvi sul percorso della
Marcialonga (p133), che unisce la Val
Canyoning
di Fiemme e la Val di Fassa, oppure sulle La grande ricchezza di corsi d’acqua delle
strade di tappe epiche del Giro d’Italia Dolomiti, con il loro corredo di gole, forre,
affrontando il Sellaronda, il famoso Giro salti, cascate, è il requisito primario per
dei 4 Passi (p290) che transita sul Sella, farne un luogo perfetto per il canyoning.
sul Pordoi, sul Gardena e sul Campolongo. Quindi, preparatevi a bagnarvi da cima a
Un’altra opportunità da non perdere è il fondo e a provare questa attività a metà
Giro del Latemar (p136) sulle due ruote: strada tra l’alpinismo e i tuffi. Chi voglia ci-
attraverso sentieri e boschi, potrete cono- mentarsi in questa appassionante discipli-
scere da vicino l’intero sistema. na potrebbe ad esempio raggiungere il Rio
Raggiungerete invece gli spettacolari Neva in Val Noana (p273) e ridiscendere
circhi glaciali delle Vette Feltrine se da il torrente tra scivoli naturali e calate in
Passo Croce d’Aune risalirete lungo la pa- corda, oppure spingersi fino sulla Sinistra
noramica e sinuosa stradina militare che Piave e gettarsi in spericolati tuffi lungo gli
conduce al Rifugio Dal Piaz (p257), che spettacolari Brent del Art (p246).
ogni estate è presa d’assalto da numerosi
appassionati. Gli amanti del silenzio e dei
luoghi incontaminati dovrebbero salire in
Agordino e infilarsi nella Valle di San Lu- Equitazione
cano (p263), interamente solcata da stra-
delli e sentieri, oppure andare a esplorare I trekking a cavallo sono un’emozione uni-
l’Agordino (p259) su due ruote: tra piste ca, stancanti come le escursioni a piedi (un
ciclabili e tracciati panoramici, avrete solo po’ di meno, in realtà) e con un punto di
l’imbarazzo della scelta. osservazione privilegiato. Nelle Dolomiti di
Brenta è possibile passeggiare in groppa a
un cavallo a Pinzolo (p84).
33

Escursionismo Fat bike


e trekking In bici sulla neve, nei greti dei torrenti, nel
fango, in off-road estremo? Certo, con la
Senza dubbio l’attività più diffusa, e giusta-
versione hard della mountain bike. A Ma-
mente, nelle Dolomiti. Paesaggi sconfinati,
donna di Campiglio (p83), San Vigilio
gole profonde, valli percorse da torrenti cri-

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto


di Marebbe (p187) e Cortina (p227) è
stallini e cascate maestose, grandi ghiaioni
possibile noleggiare questi nuovi mostri a
da affrontare e vie ferrate che si inerpicano
due ruote. In sella, dunque.
fra montagne a dir poco iconiche… Se vi
piace passeggiare nei boschi, superare
cenge e scalare le vette, insomma entrare
in contatto con la montagna, sappiate che
siete in uno dei posti migliori al mondo
per farlo. C’è l’imbarazzo delle scelta: dai Golf
sentieri semplicissimi alle vie ferrate nella La naturale conformazione del territorio
Val Rendena (p81), dai peripli di laghi ha consentito di creare campi da golf movi-
cristallini alle escursioni alle rovine di mentati e divertenti, dei gioielli incastonati
vecchi castelli nella Val di Non (p70), dai nella cornice unica delle Dolomiti. Sul
ghiaioni che conducono al Campanile di sito della Federazione Italiana Golf (www.
Val Montanaia (p316) ai boschi ombrosi federgolf.it) potete trovare tutte le strutture
che portano all’inquietante Landre Scur presenti sul territorio. Il Golf San Vigilio
(p314). Insomma, ce n’è per tutti. E poi di Siusi allo Sciliar (p118), con le sue
chi non si accontenta di escursioni di pochi colline, i ruscelli e i laghetti, è molto sug-
chilometri, magari percorsi lungo sentieri gestivo, e le sue buche mettono alla prova
che d’estate risultano molto affollati, può anche i migliori giocatori. Un altro campo
sempre scegliere una a caso delle otto Alte che merita una visita, sia per il disegno del
Vie delle Dolomiti (p198), che attraversa- percorso sia per il paesaggio nel quale è
no queste montagne in lungo e in largo. immerso, è il Golf Club Petersberg a Mon-
GIACOMO BASSI / EDT ©

Il Rifugio Locatelli ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo


34
te San Pietro, frazione di Nova Ponente, in
Val d’Ega (p127). Sci di fondo
Lo sci di fondo è una tra le attività che ha
fatto conoscere le Dolomiti nel mondo:
zone come la Val di Fiemme, la Val di Fas-
Parapendio sa e l’Altopiano dello Sciliar offrono piste
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto

Serve dirlo? Dove ci sono le montagne ci sempre preparate in modo impeccabile per
sono anche le partenze dei campi di volo ogni livello, senza dimenticare poi le tappe
dei parapendii. Ad esempio a Pinzolo, nelle del Tour de Ski o gare come la Marcialonga
Dolomiti di Brenta (p86). Un piccolo che attirano ogni anno migliaia di atleti
dettaglio: queste montagne sono da molti italiani e stranieri. In Friuli Venezia Giulia
considerate le più belle del mondo, come il fondo, complice la scarsità di piste da
potrà mai essere praticare parapendio qui? discesa, è parte importante dell’industria
Fantastico o superfantastico? Mettetevi turistica a Forni di Sopra (p330) e Cimo-
in auto, raggiungete Pedavena (p255) e lais (p316), mentre uno dei più spettaco-
lanciatevi nel silenzio dal Monte Avena, lari percorsi delle Dolomiti Settentrionali
che negli ultimi anni si è guadagnato un è quello che unisce Cortina e Dobbiaco
posto di tutto rispetto nel panorama inter- attraversando Passo Cimabanche, e sul
nazionale del volo libero. cui tracciato ogni anno si tiene una gara
internazionale. Gli appassionati possono
contare su svariati anelli perfettamente in-
nevati, e spesso illuminati, anche a Falcade
(p267), in Val Badia (p181), nei dintorni
Pattinaggio su ghiaccio del Parco di Fanes (p186) e in decine di
Pensate che nello Stadio del Ghiaccio di altre località.
Cortina d’Ampezzo si tennero la cerimo-
nia di apertura e quella di chiusura delle
Olimpiadi Invernali del 1956. Di sicuro la
storia più prestigiosa è sua, ma di stadi del
ghiaccio ce ne sono molti nelle Dolomiti,
Sleddog
ad esempio a Pinzolo (p86) e a Cana- Dovete andare in Alaska per provare a
zei (p151), a Feltre (p253) e Alleghe condurre una slitta trainata dai cani
(p270), dove noleggiare un paio di pattini husky. Oppure potete provare a rivolgervi
e volteggiare (o ruzzolare, forse) costa poco ad Athabaska, a Madonna di Campiglio
più che un gelato. Gli appassionati di que- (p83).
sta attività potranno sbizzarrirsi anche su
laghi ghiacciati: ad esempio, il Laghetto di
Fiè (p124) d’inverno offre la possibilità di
pattinare immersi nella natura. Slittino
Non è molto diffuso in Italia ed è più facile
che troviate impianti attrezzati per questa
attività in Trentino-Alto Adige, dove più
Sci di discesa forte è l’influsso d’oltralpe. Ad esempio,
Grazie a impianti di risalita avveniristici provate a Madonna di Campiglio (p83).
che collegano le stazioni a valle con i com-
prensori a monte con salti vertiginosi, le
Dolomiti offrono un ampio carosello di
possibilità per chi vuole divertirsi sugli sci:
i comprensori che fanno parte di Dolomiti
Snowtubing
Super Ski (come quello di Cortina e di San In Val Rendena (p83) ci sono piste in-
Martino di Castrozza, tra gli altri), il giro nevate adatte a essere discese con grosse
del Sellaronda, le piste dove vengono di- camere d’aria: adrenalina e divertimento
sputate gare della Coppa del Mondo come assicurati.
la Saslong della Val Gardena e la mitica
3Tre di Madonna di Campiglio, parte di un
circuito enorme (150 km di piste)…
35

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività all’aperto


PIOLA666 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

In alto: Mountain bike


nel Parco Naturale di
Fanes-Senes-Braies
In basso: Trekking sulle
Dolomiti
GIACOMO BASSI / EDT©
36

Pianificare il viaggio

Viaggiare
con i bambini
Bambini e montagne scoscese può sembrare un binomio preoccu-
pante, ma non temete, il vostro non sarà un viaggio dal quale tornere-
te con i capelli bianchi. Al contrario, prati sconfinati e tante attività vi
faranno semmai ricredere e individuare nella montagna il luogo per-
fetto per le vacanze con i più piccoli. Le strutture ci sono, la sensibilità
nei confronti delle esigenze dei giovani viaggiatori pure. Dal contatto
con gli animali alle prime esperienze sulla neve fino agli sport, che fan-
no bene a tutti tanto più se sono divertenti, nessuno resterà deluso.

Must have
¨¨Passeggino da trekking (se non ne avete uno Rilassatevi...
potete noleggiarlo) e zaino portabimbi. La montagna non è certo un luogo senza
¨¨Burrocacao, crema idratante (l’alta quota insidie, ma basta innanzitutto fare atten-
inaridisce la pelle) e cerotto antiscottature zione – la prudenza dettata dalla logica è
che monitora gli effetti dei raggi UV. sufficiente – e considerare che i bambini
¨¨Cerotti per le vesciche.
spesso sono molto più disinvolti e svegli
dei grandi e che con il loro entusiasmo
¨¨Torcia rossa (gli animali non vedono il sapranno apprezzare anche le più ardue
rosso, quindi all’alba o al tramonto una torcia fatiche del trekking e le difficoltà dell’im-
rossa terrà a bada gli insetti e vi consentirà di parare a sciare. Ma soprattutto tenete a
avvistare la fauna selvatica). mente che i bambini devono praticare
¨¨Caricabatterie a energia solare (potremmo attività adatte alle loro capacità, e alla fine
dirvi per avere sempre il gps a disposizione, sarete voi invidiosi di quello che fanno.
ma lo sappiamo tutti che è per rifilargli il
cellulare quando i capricci raggiungono vette Fra gli animali...
inesplorabili).
¨¨Parco Faunistico di Spormaggiore (p76)
¨¨Custodia impermeabile per cellulari. Dove posso vedere l’orso, la volpe, la lince, il lupo,
¨¨Un libro sui dinosauri e uno sugli animali che il gufo reale, il gatto selvatico...? In montagna,
si possono avvistare nelle zone che visiterete. è ovvio, ma dove posso vederli tutti insieme? Al
¨¨Borraccia di quelle morbide con cannuccia Parco Faunistico di Spormaggiore, che ospita in
che spunta dallo zaino. cattività animali sottratti a chi non li teneva con le
giuste cure e con amore. Nella fattoria si possono
¨¨Moschettoni (magari non servono, ma i
fare esperienze dirette, per esempio nutrendo le
bambini li adorano).
caprette. Non immaginate quanta fame possano
avere.
¨¨Come gli inuit Mentre lassù in Alaska la
neve è una costante tutto l’anno, a Madonna
37
di Campiglio lo è solo per circa metà dell’anno, Chi ha detto che i musei
ma in quella metà si può far finta di essere inuit
e imparare ad andare in sleddog (p83), la sono noiosi?
slitta trainata dai bellissimi husky. Il ‘battesimo’ ¨¨MUSE (p60) Questo è un museo dove si può
dello sleddog è anche per i piccoli, con bravi e parlare a voce alta, toccare quasi tutto, fare mille
simpatici istruttori. esperienze... correre! (sempre facendo attenzione,
eh). Scoprite la foresta tropicale, ce n’è una vera
¨¨In sella Sono diversi i posti dove si può fare

PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiare con i bambini


all’interno. Si trova dopo lo scheletro di capodo-
equitazione, anche per la prima volta, nelle
glio che scende dal soffitto, vicino alla zona dove
Dolomiti. Di certo questa è una di quelle attività
si fanno gli esperimenti (genitori: prenotando, una
che soddisfano tutti: i grandi faranno un trekking
guida prenderà in consegna i vostri futuri naturali-
diverso, nuovo, e i piccoli impareranno a cavalcare
sti e spiegherà loro i misteri della fisica e la storia
(p85, p186, p205).
delle Dolomiti).
¨¨Caprioli, marmotte e orsi I più grandi e
allenati potrebbero essere ben motivati a salire ¨¨Ötzi Un viaggio nella preistoria alla scoperta
in quota dalla prospettiva di trovarsi a tu per tu del più famoso uomo primitivo. Andate al Museo
con gli animali della montagna. Non è una cosa Archeologico dell’Alto Adige (p108) per
così rara, e ricordate che si tratta di animali vedere la mummia di questo antichissimo caccia-
selvatici, quindi siate grati di poterli vedere e non tore, l’‘Iceman’, l’uomo di ghiaccio. Vi immaginate
disturbateli. un peloso cavernicolo? Invece ha abiti, armi e
attrezzature. Poi partecipate a una delle tante
attività rivolte ai bambini.
... e i dinosauri
¨¨Un’invasione di animali impagliati sembra
¨¨200 milioni di anni fa Sulle Dolomiti passeg-
aver colpito il Museo Civico di Storia Natu-
giavano i dinosauri. Come facciamo a saperlo?
rale di Pordenone (p309). Ce ne sono veramen-
Perché poco più di 20 anni fa i ragazzi di una
te tantissimi, i più disparati e tutti molto belli. In
scuola in gita hanno trovato le loro orme a Claut
verità si tratta di un’ottima occasione per vedere
(p314). E ce ne sono anche sul Pelmetto
da vicino animali altrimenti inavvicinabili.
(p302), dove un sentiero porta il loro nome (Via
dei Dinosauri), e nel Bletterbach, in una gola ¨¨Scienze naturali I musei di scienze naturali o
che da sola vale la visita (p99). di storia naturale nelle Dolomiti sono tantissimi e
segnalati nella guida. Quelli dell’Alto Adige, ma non
¨¨Ancora orme, ma riprodotte, si trovano al
Museo Vittorino Cazzetta (p296) di Selva solo, sono particolarmente attenti alle esigenze
di Cadore così come al Dolomythos (p202) a dei più giovani, ai quali vanno spiegate le stesse
San Candido, dove stanno in compagnia di fossili e cose che ai grandi, magari trovando un sistema
storie leggendarie. migliore, che sappia stimolare la curiosità. Vi
stupirà vedere come sia facile imparare.
¨¨L’orso ladino Non sarà un dinosauro, ma è
comunque un gigante l’Ursus Ladinicus, un mam-
mifero di 60.000 anni fa, i cui scheletri sono con- Le meraviglie del suolo
servati al Museum Ladin Ursus Ladinicus ¨¨Grotte Sono tante le grotte nelle Dolomiti.
di San Cassiano (p183). Hanno nomi misteriosi e inquietanti, sono piene

PER I PICCOLI E PER I GRANDI


Quando i bambini sono molto piccoli tante soluzioni non sono percorribili, va detto. Ma
se i genitori vogliono riuscire a fare qualche sciata, corrono in loro aiuto i Kinderheim,
nursery dove i più piccoli possono giocare e divertirsi con attività a loro congeniali. Si
trovano all’arrivo degli impianti di risalita, coordinati, nel loro orario di apertura, con
gli orari degli impianti. Una bella comodità che fa felici tutti. I più grandicelli invece po-
trebbero provare a fare le loro prime esperienze in alta montagna, a patto che i genitori,
soprattutto se non sono esperti, si rivolgano alle guide alpine del luogo (i recapiti sono
nei capitoli della guida). In compagnia delle guide abbiamo avvistato alpinisti di 8 anni
sulle più belle ferrate delle Dolomiti, durante le nostre ricerche! Chi è ancora più gran-
de – e quindi si suppone non abbia paura del buio – farebbe bene a dedicare un po’ di
tempo alle trincee del Lagazuoi (p228).
38

CENTRALLTALLIANCE / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiare con i bambini

Bambina al Lago di Braies

di vegetazione o di ghiaccio o nascondono fiumi Avventure per tutti i gusti


sotterranei, ma anche orsi e pipistrelli! Bando
alla paura, tirate fuori il coraggio e incamminatevi ¨¨In Val Noana c’è il Sentiero degli Abeti
Giganti (p273), scenario perfetto per scovare
(p314, p320).
gnomi e folletti.
¨¨Grandi e piccoli canyon L’acqua è uno degli
elementi fondamentali nelle Dolomiti. Ed è anche ¨¨A Ortisei, una fly-line lunga quasi 700 m è una
delle tante attrazioni del Parco Avventura
la responsabile, scorrendo in torrenti impetuosi
Emozion Col de Flam (p166). Adrenalina e
e in fiumi maestosi, di alcune meraviglie naturali
divertimento garantiti.
(p87, p245).
¨¨Nel Sentiero Avventura MonteRaida a
Santa Cristina (p163) la star è l’altalena gigan-
Sulla neve te nel bosco.
¨¨Imparare e divertirsi allo stesso tempo non è
semplice. Ma con la competenza dei maestri delle ¨¨A Claut c’è un intero villaggio costruito sugli
tante scuole di sci (e un po’ di impegno), l’obietti- alberi (p314) e un altro si trova sul Monte Civet-
vo è presto raggiunto. Un esempio? Il Baby Park ta (p270). Carrucole, ponti sospesi e piattafor-
Fiabilandia (p142) di Moena. me sugli alberi vi faranno sentire Tarzan.

¨¨Slittino e snowtubing Non pensate al bob, ¨¨Ve la sentite di percorrere 1 km, su rotaia, tra
quello con le due levette ai lati. Lo slittino in Alto salti, paraboliche, un giro a 360 gradi, cambi di
Adige e in Trentino è un’attività che gode di grande pendenza e curve mozzafiato? Allora andate a
rispetto e che è praticata anche dagli adulti. Se Predazzo alla slittovia Alpine Coaster Gar-
poi gli adulti vogliono spassarsela come i loro doné (p140), che sfreccia nei boschi di abeti.
figli, possono seguirli facendo snowtubing, ovvero
gettandosi per le piste con enormi camere d’aria.
39

GIACOMO BASSI / EDT ©

Scoprire
le Dolomiti
Da qualsiasi punto le guardiate, le Dolomiti offrono
panorami incantevoli e scorci unici: alcune delle loro Sommario
montagne sono vere e proprie icone della verticalità e ¨¨Tradizioni popolari
i loro profili aguzzi sono conosciuti in tutto il mondo. ¨¨Sapori di montagna
La bellezza di questo territorio, però, non è fatta solo ¨¨Le star delle Dolomiti
di montagne: nelle valli che le percorrono troverete ¨¨Castelli
tradizioni popolari che vantano origini antichissime,
specialità gastronomiche uniche, castelli dal fascino
fiabesco. In alto Lago alpino ai piedi delle Tre
Cime di Lavaredo.
40

RUDI_BRANDSTAETTER / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

1. Krampus 2. Mercatini di Natale al Lago di Carezza


3. Se Desmonteghea 4. Carnevale Asburgico di Madonna di
Campiglio

DPM75 / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


41

Tradizioni

VAL D’EGA TURISMO ©


popolari
Come tutti i popoli di montagna, gli abi-
tanti delle Dolomiti hanno tramandato gli
usi e i costumi dei loro avi: dai carnevali
ai mercatini di Natale, non è raro imbat-
tersi in manifestazioni che rievocano
antiche atmosfere.

Mercatini di Natale
La magia dei mercatini di Natale di
Bolzano (p112) attira ogni anno migliaia
di visitatori: dal venerdì che precede la
prima domenica d’Avvento all’Epifania,
qui potrete respirare un’atmosfera nata-
lizia unica. Se visto d’estate è così bello
da lasciarvi senza fiato, il Lago di Carezza
(p129) riuscirà a sorprendervi anche nel
periodo natalizio con i mercatini di Natale
allestiti lungo le sue sponde. A Trento
(p62) rivive la tradizione austriaca dei
mercatini di Natale, in una cornice fiabe-
sca, soprattutto con la neve.

Carnevale Asburgico
di Madonna di Campiglio
Una rievocazione dei fasti del periodo in
FOTOTECA AZIENDA PER IL TURISMO MADONNA DI CAMPIGLIO PINZOLO VAL RENDENA ©

cui questa era la località preferita dalla


principessa Sissi (p83).

Musei etnografici
Sono tanti i musei etnografici nelle
Dolomiti. Quello di San Michele all’Adige
(p66) è uno dei più importanti nel suo
genere e restituisce un quadro esaustivo
delle tradizioni e dell’economia agro-silvo-
pastorale dell’area.

Carnevali di montagna
Sono soprattutto la millenaria celebra-
zione della fine dell’inverno e delle sue
insidie. Ogni comunità festeggia a modo
proprio, ma con una matrice comune.
A Sauris (p330) burlesche maschere di
legno si riappropriano nottetempo del
bosco…

Se Desmonteghea
La più famosa è quella di Falcade (p268),
ma la festa per salutare il ritorno delle
mandrie dagli alpeggi estivi è una costante
in tutte le Dolomiti.
42

Sapori

GIACOMO BASSI / EDT ©


di montagna
Un territorio si conosce anche assapo-
rando i suoi prodotti tradizionali e le sue
peculiarità gastronomiche: nelle Dolomiti
potrete scoprire i sapori di una cucina
montana, dai piatti sostanziosi e robusti
(v. anche p368).

Formaggi
Il Puzzone di Moena (p143) si chiama
così per l’odore forte che emana, ma
se passate dalla Val di Fiemme o dalla
Val di Fassa, non potete fare a meno
di assaggiare questo formaggio a pasta
morbida dal sapore deciso e gustoso. Lo
schiz (p240) è un formaggio fresco che
si frigge o cuoce alla piastra. Insieme al
pastin è il piatto più tipico del Bellunese.

Salumi e insaccati
Non esiste ristorante sulle Dolomiti che
1. Schiz e pastin 2. Formaggi del Trentino
non proponga qualche piatto a base di 3. Canederli allo speck 4. Un piatto di speck e formaggio
speck (p368) e, se volete portarvene a
casa qualche pezzo, le macellerie non
mancano. La Ciuiga del Banale (p92),
un salume fatto principalmente di rape
rosse, è la prova di come la fame aguzzi
l’ingegno. Le Dolomiti Friulane sono
selvagge anche nei sapori: se non ci cre-
dete provate la pitina (p312), un salume
non insaccato che contiene carni ovine e
selvaggina.

Piatti tipici
Con lo speck, con gli spinaci o con il
formaggio, in brodo o conditi con burro
fuso, i canederli sono una specialità imper-
dibile. Pur essendo un piatto povero, il cui
ingrediente principale è il pane raffermo,
questi grandi gnocchi sono un pasto im-
prescindibile, e scommettiamo che finita
la vacanza vi mancheranno. Non sono
molto grandi, ma serviti con burro e una
generosa spolverata di formaggio i casun-
ziei, ravioli a mezzaluna ripieni di patate
e rapa rossa, presenza costante nei menu
cadorini e ampezzani, sazieranno anche i
più affamati. Il frico è più di un piatto, è
la carta d’identità di una regione e di una
cultura, e un matrimonio da sogno tra
formaggio e patate.
43

TELLA_DB / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


DENIS FALCONIERI / EDT ©
DENIS FALCONIERI / EDT ©
DENIS FALCONIERI / EDT ©
44
45

Le star

ALBERTOSIMONETTI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


delle Dolomiti
Le maestosità delle montagne e la verti-
calità inebriante delle torri e dei campa-
nili di roccia rendono le Dolomiti vere e
proprie icone: incantevoli da ammirare,
adrenaliniche ed emozionanti da scalare.

Le Torri del Vajolet


Nel cuore del Catinaccio, nel mitico giar-
dino di Re Laurino, si stagliano queste
guglie (p150), che sono una vera icona di
verticalità e vi lasceranno senza fiato per
la loro imperscrutabile bellezza.
La Marmolada
Con i suoi 3343 m, la Punta Penìa (p287)
è la cima più alta delle Dolomiti. Se vo-
lete conquistarla, dovrete affrontare una
ferrata impegnativa e una camminata sul
ghiacciaio. Fatevi accompagnare da una
guida alpina.
Le Odle
Quando si pensa alle Dolomiti l’immagine
che appare nella testa è quella delle Odle
1. La parete nord del Civetta 2. Punta Penìa, la cima più alta (p153): pinnacoli aguzzi circondati da
della Marmolada 3. Selva di Cadore con il Pelmo sullo sfondo
pascoli verdi e immersi nella natura di
una valle selvaggia.

Il Monte Pelmo
Per la sua inconfondibile forma qui lo
EMILIANO_BELTRANI / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©

chiamano il Caregon del Padreterno, il


trono su cui Dio si sarebbe seduto dopo
aver creato le Dolomiti (p293).
Le Tre Cime di Lavaredo
Probabilmente sono le vette più iconiche
delle Dolomiti: godetevele dal Rifugio
Locatelli (p201).
Il Civetta
La spaventosa e immensa parete nord
(p271) che si specchia nelle placide
acque del Lago di Alleghe ancora oggi è
una vetta mitica dell’alpinismo mondiale.

Il Campanile di Val Montanaia


Non si può non trattenere il fiato al co-
spetto del ‘grido di pietra’, il monumentale
pinnacolo di roccia, alto più di 300 m,
che è il simbolo delle Dolomiti Friulane
(p316).
46

Castelli

BIGMIKEPHOTO / FOTOLIA ©
In un paesaggio da fiaba i castelli non
possono mancare e quelli che per molti
secoli hanno presidiato le Dolomiti non
vi deluderanno: le torri, i pizzi e i merletti
fanno eco alle guglie delle montagne che
li sovrastano in uno scenario da cartolina.

Castel Firmiano
Oltre ad avere una storia che inizia prima
dell’anno 1000, questo castello è ora la
sede principale dei sei Messner Mountain
Museum (p111).

Castello del Buonconsiglio


Uno dei più belli del Trentino, il Castello
del Buonconsiglio è un labirinto che con-
serva capolavori artistici di grandissimo
pregio (p59).

Castello di Stenico
Se raggiungerete le Dolomiti di Brenta
da sud, a guardia dei monti incontrerete
il Castello di Stenico, che domina il pae-
saggio dal suo sperone di roccia (p91).

Castel Roncolo
Soprannominato ‘Il Maniero Illustrato’,
questo castello, costruito nel 1237, sorge in
un punto molto panoramico all’imbocco
della Val Sarentina (p111).

Castel Mareccio
In uno scenario da favola, immerso in un
vigneto di uve Lagrein, questo castello del
XIII secolo è stato ristrutturato negli anni
Ottanta e ospita congressi ed esposizioni
(p111).

Castello di Presule
È uno dei simboli di Fiè allo Sciliar: ospita
collezioni di quadri, di armi e di armature
(p116).

Castel Toblino
Si specchia sull’omonimo lago a sud-ovest
di Trento, creando un’immagine fiabesca e
idilliaca (p67).

Castello di Brunico
Dietro i muraglioni squadrati che dall’alto
controllano la città altoatesina è allestito il
Museo dei Popoli delle Montagne (p191).
47
LIANEM / FOTOLIA ©

1. Castel Mareccio 2. Castel Toblino


3. Castello di Presule 4. Castello del Buonconsiglio
JAHMAICA / FOTOLIA ©

MOOSYELK / GETTY IMAGES / ISTOCKPHOTO ©


48

GIACOMO BASSI / EDT ©

La Valgrande di Comelico
© Lonely Planet Publications

On the
Road
Dolomiti
Puez-Odle/ Settentrionali
Sciliar-Catinaccio Puez-Geisler p176
e Latemar p153
p102

Bletterbach Dolomiti Friulane


p94 e d’Oltrepiave
p304

Marmolada
p280
Dolomiti
di Brenta
p50 Pelmo e Croda da Lago
p293
Pale di San Martino,
San Lucano,
Dolomiti Bellunesi
e Vette Feltrine
p230
Dolomiti di Brenta
Perché andare
TRENTO. . . . . . . . . . . . . . 54 Avamposto occidentale dell’arcipelago fossile delle Dolomiti,
distanziato dal resto delle sorelle geologiche di oltre 30 km
San Michele all’Adige. . 66
in linea d’aria, il gruppo di Brenta è selvaggio e maestoso,
VAL DI NON. . . . . . . . . . . 67 vedetta ideale sull’oceano che un passato lontano frangeva
Cles e dintorni. . . . . . . . 69 qui i suoi flutti. I boschi e i prati attraverso i quali si raggiun-
Tuenno e i castelli gono le cime erano un tempo il fondale di un mare tropicale,
della bassa Val di Non 72 popolato di pesci variopinti che ci si può ancora illudere di
Spormaggiore. . . . . . . . . 75 vedere in Dafne, Silene, Botton d’Oro e nei mille altri fiori
Malè . . . . . . . . . . . . . . . . . 77 dai colori sgargianti e dai profumi pronunciati che danzano
al vento. Il massiccio è vasto, maestoso e comprende alcuni
Dimaro. . . . . . . . . . . . . . . 78
fra i sentieri e le vie ferrate più belli del mondo, un lago
VAL RENDENA. . . . . . . . 79 prezioso proprio nel mezzo, una celebre stazione sciistica che
Madonna di Campiglio attira villeggianti da tutta Europa ed è uno dei centri della
e dintorni. . . . . . . . . . . . 80 ‘movida’ natalizia. Sul suo lato occidentale sorgono chiese
Strembo. . . . . . . . . . . . . . 87 dipinte con aguzzi campanili, mentre quello orientale è pre-
Porte di Rendena . . . . . 88 sidiato da una miriade di castelli medievali e rinascimentali,
ognuno diverso dall’altro. Trento, poco distante dalle pendici
Tione di Trento . . . . . . . . 91
delle Dolomiti di Brenta, è infine una pregevole città d’arte,
Molveno. . . . . . . . . . . . . . 92 brulicante di giorno e di sera, colma di osterie e birrerie e
sede di un importante festival cinematografico incentrato
sul tema della montagna.
Il meglio –
Ristoranti Quando andare
¨¨Forst (p63) D’inverno le stazioni sciistiche offrono una rete di piste
¨¨Il Libertino (p63) e impianti enorme, in grado di appassionare ogni tipo di
¨¨Osteria Palazan (p71)
amante della neve, e beneficiano di strutture turistiche di
primo livello. D’estate una parte di esse si riconverte e, assie-
¨¨Magnabò (p86) me ai rifugi in quota, accoglie i tanti camminatori, scalatori
e trekker appassionati delle vette di qui, fra le più belle sul
piano paesaggistico, quando i fiori colorano le valli e le pareti
Il meglio – Hotel abbagliano con il loro candido splendore.
¨¨Hotel America (p63)
¨¨Prà della Casa (p84)
¨¨Garnì Lilly (p92)
¨¨Camping Spiaggia (p93)
Storia geologica DA NON PERDERE 51
Nel lembo più occidentale delle Dolomiti UNESCO le catte- Sul versante ovest delle
drali di pietra delle Dolomiti di Brenta sono il regno delle Dolomiti di Brenta, la più
rocce carbonatiche, che strato dopo strato hanno costruito importante testimonian-
montagne e che sono state erose e modellate a formare, ora, za dell’operato dei Ba-
un blocco isolato di dolomie e calcari, intagliato da valli schenis è la Chiesa di
profonde e circondato da splendidi boschi. San Vigilio a Pinzolo,
La storia geologica raccontata dalle rocce va dal Triassico adorna di una celebre
al Cretacico e, peculiarità della regione, documenta le fasi Danza macabra. L’altro
dell’apertura del bacino lombardo e la definizione del bordo versante è un’enciclope-
della piattaforma di Trento, tra la fine del Triassico e l’inizio dia di castelli, tutti diver-
del Giurassico (210-190 milioni di anni fa). Le rocce più anti- si. Non perdete Castel
che che affiorano nelle Dolomiti di Brenta sono del Triassico Thun a Vigo di Ton.
inferiore e documentano condizioni di mare poco profondo
(Formazione di Werfen) a cui seguì una fase di emersione,
registrata da conglomerati dell’Anisico. La subsidenza
continua portò alla deposizione di una successione di rocce
dolomitiche legate all’esistenza, dall’Anisico al Ladinico, di
Siti utili
una grande isola carbonatica e di alcune aree di mare più ¨¨www.dolomitiunesco.info
profondo. Durante la maggior parte del Carnico la scarsa ¨¨www.pnab.it
subsidenza mantenne larga parte dell’area emersa, e solo
¨¨www.dolomitidibrenta
localmente sono documentati sedimenti carbonatici di mare
trek.it
basso. Attorno a 232 milioni di anni fa riprese in tutta l’area la
sedimentazione di mare poco profondo, come è testimoniato ¨¨www.dolomitidibrenta.it
dalla potentissima successione di rocce fittamente stratificate
della Dolomia Principale, che è probabilmente la formazione
rocciosa più tipica di questo territorio. Alla fine del Triassico CURIOSITÀ
la grande piana tidale della Dolomia Principale cominciò a
rompersi a causa dell’apertura a occidente di un nuovo oce- Il Rifugio Tuckett-
ano, e l’area cominciò ad approfondirsi, come si ricostruisce Sella… sono due. Il Sella
dai calcari ricchi di megalodonti e altri bivalvi del Calcare (intitolato al fondatore
di Zu. Nel Giurassico si impostò una successione abbastanza del CAI) è l’edificio
diversificata di sedimenti di piattaforma carbonatica (Grup- orientale e fu costruito
po dei Calcari Grigi) che documenta una subsidenza diversa dagli alpinisti italiani del-
tra le varie aree di piattaforma a testimonianza delle fasi la SAT nel 1905. L’anno
iniziali del rifting. Un approfondimento repentino dell’area successivo il Club Alpino
è mostrato dalle sabbie encrinitiche e con fossili di mare più Austro-Tedesco costruì
profondo dell’Oolite di San Vigilio, mentre l’annegamento l’altro intitolandolo
definitivo della piattaforma è indicato dalla deposizione dei all’alpinista britannico
calcari pelagici del Rosso Ammonitico Veronese a cui segui- Francis Fox Tuckett, che
ranno, all’inizio del Cretacico, la deposizione della Maiolica nell’Ottocento era stato
e delle altre formazioni di mare profondo (Scaglia Rossa). il primissimo a conqui-
Oltre la straordinaria geologia mostrata dalla successione stare la quota.
sedimentaria, quest’area è contraddistinta da una sorpren-
dente morfologia, data dalla combinazione tra la prevalente
stratificazione orizzontale di rocce con diversa resistenza
all’erosione e il sistema di faglie e fratture che hanno deter-
minato le zone dove meglio hanno agito i processi esogeni.
La geomorfologia è anche molto varia, le forme glaciali
sono molto diffuse, così come quelle legate ai depositi di
versante e ai processi dovuti all’acqua. In questi terreni
carbonatici sono poi ubiquitarie le forme carsiche, sia
superficiali sia sotterranee. Il risultato è un susseguirsi di
torrioni, pinnacoli e creste, pareti e ghiaioni che fanno di
queste montagne un paradiso per l’alpinismo e un’icona del
paesaggio dolomitico.
Il meglio delle Cima Zoccolo R
Dolomiti di (2561 m)

Brenta Rabbi
R
Cima
1 Trento (p54) Tremenesca Cima
delle Mandrie
non ha nulla da (2882 m)
R (2583 m)
invidiare alle più note
colleghe italiane. Peio Cima VallettaR Cald
R
(2857 m)
2 Un’immersione Cima
nelle birrerie Mezzana
(2845 m) Malè
trentine (p63).
Monclassico
3 Madonna di R
Campiglio (p80), Cima R Cima Boai Mezzana Dimaro
(2685 m)
patria dello sci e della Forzellina
R (2829 m) Marilleva
movida natalizia. Monte
Redival
4 La Chiesa di San (2973 m)
Vigilio a Pinzolo
(p85) vi farà venire Sasso RossoR R
Monte (2645 m)
voglia di vedere tutte Nambino R Cima
le opere della dinastia (2678 m) (267
Cima
dei pittori Baschenis. Scarpaco
Cima R
Giner
(3252 m)
5 Provate le R
(2957 m)
Madonna
Bocchette Centrali Cima R
di Campiglio Pietra
Presanella Grande R
(p82), una delle vie (3558 m) (2935 m)
ferrate più belle del R
R
Rifugio Santa
mondo. Monte
Tuckett- (2
Gabbiolo
÷ Sella
6 Il Lago di Tovel (3458 m)
Parco Naturale Canyoning R Cima
(p74) è una goccia Adamello in Vallesinella (299
di luce nel cuore della Brenta
Bocc
montagna. Canyoning Rifugio
in Val Brenta Alimonta
7 La Val di Non è Crozzon di Brenta R
Chiesa Pinzolo (3130 m) RCima Tosa
una distesa infinita di
Crozzon di Lares di San Vigilio Cima d’Ambiez R (3173 m)
meleti e castelli: non R
(3354 m) (3102 m)
Caderzone
perdete Castel Thun R Terme Cima di Vallon R Rifugio
(p76). (2969 m) Agostini
Corno di R
Cavento R
8Il Santuario (3402 m)
Cima
degli Obici
Strembo Corno
di Senaso
di San Romedio R
(2802 m) (2778 m)
(p70) vi lascerà a Care Alto Spiazzo R
bocca aperta. (3462 m)
Castello
Pelugo dei Camosci
9 Il Lago di (2538 m)
Molveno (p92) San
Do
è stato insignito del Porte di
titolo di ‘lago più bello
R
Rendena
Cop di Villa
d’Italia’. Breguzzo Stenico Banale
(3001 m) Ragoli
a Scoprite rifugi Tione di Trento
meravigliosi e carichi
Ponte Arche
di storia, come R
il Tuckett-Sella Cima
Valbona
(p81), oppure (2889 m) Fiavè
dove si mangia alla
grande, come il Roncone R
Rifugio Alimonta Monte
(p81). Altissimo
(2136 m) Ballino
b La Vallesinella R
Dosso Dro
e la Val Brenta sono della Torta
il luogo dove fare (2156 m)

canyoning (p80) e Bersone


Ville Del Monte
innamorarsene.
Marcena
Fondo Laives - Leifers
R
Cloz
Cavareno
Caldaro sulla Bronzolo -
R Revò Romeno Strada del Vino - Branzoll
Cima Kaltern an der
drie Weinstraße
3 m) Lago Santuario Lago di
di Santa di San Romedio Caldaro
Giustina Roen
Caldes (2116 m)
R Aldino - Aldein
Cles Coredo Termeno sulla
Malè Strada del Vino - Ora - Auer
Sfruz Tramin an der
o Weinstraße Montan - Montagna
Tuenno
Taio Tres
o Egna - Neumarkt
Vervò Trodena nel
Magrè sulla Parco Naturale -
Flavon Strada del Vino - Truden im
Margreid an ÷ Naturpark
der Weinstraße Parco Naturale
Monte Corno Anterivo -
RossoR R Cima Uomo Denno Castel Thun Altrei
45 m) (2542 m) Cortina sulla
Strada del Vino -
R Cima di Tuena
Vigo di Ton Cima
(2679 m) Roverè Kurtinig an der
Lago di Tovel Roccapiana
Weinstraße
(1874 m) della Luna Capriana
R

tra
nde R Salorno - Salurn
m) Sover
Spormaggiore
Cima
ugio Santa Maria R
kett- (2678 m) Mezzocorona
lla
R Cima Falkner
San Michele Segonzano
(2990 m) Cavedago all’Adige
Faedo
Bocchette Centrali
Bedollo
Andalo Sevignano
ma Tosa
73 m) Lisignago
Molveno Dosso
Lavis di Costalta
(1955 m)
i R Palù del
Lago
di Molveno Fornace Baselga di Pinè Fersina
La Brada
(1583 m)
R

Frassilongo
Vezzano
San Lorenzo Sopramonte
Dorsino Pergine Canezza
Padergnone Trento Valsugana
Villa Birrerie
nale

Calavino
che R Lago di Novaledo
Lasino Monte Caldonazzo Lago di
Palon Vigolo Levico
(2098 m) Mattarello Vattaro
Lago di Levico
Cavedine Terme
Cavedine
Caldonazzo
Aldeno
Drena Vigo

Dro e 00 10 miglia
20 km

Besenello Giónghi

Volano Folgaria
Villa
Lagarina
54
TRENTO ad aver indotto i romani a darle il nome di
POP. 117.185 / ALT. 194 M
Tridentum, o almeno questo è ciò che tra-
Immaginate di essere alti pochi millimetri e mandano gli storici latini. Il nome parrebbe
di essere stati rinchiusi per qualche motivo infatti più antico e risalente alla primissima
in una palla di vetro, di quelle con la neve origine della città, fondata da popolazioni
dentro, un souvenir. La sensazione che resti- retiche con il nome di Trent. Anche in que-
tuisce Trento è proprio questa, soprattutto sto caso, comunque, il riferimento sarebbe
Dolomiti di Brenta T rento

quando nevica. Quella di essere dentro una al numero tre, precisamente ai tre rami
palla di vetro e di muoversi in uno spazio dell’Adige che all’epoca scorrevano a fondo-
limitato ma esteticamente perfetto, quasi valle. I romani giunsero qui nel I secolo a.C.,
stucchevole, in un brulicare di vita discreto stabilendo prima un accampamento e poi,
ma incessante. La città è infatti al centro di nel giro di pochi decenni, un municipium.
una conca contornata di rilievi che stanno Le operazioni militari lungo l’arco alpino
proprio a ridosso dei suoi confini e che le che l’impero romano condusse nel periodo
fanno da sfondo incombente, come una finta di Augusto fecero crescere l’importanza
scenografia. strategica ed economica dell’insediamento.
Poco turistica, sebbene scrigno di nu- Trento ottenne infrastrutture, teatri, terme
merosi capolavori d’arte e storia, Trento e una cinta muraria in connessione con il
si stende leggermente allungata da nord a fiume. Divenne quindi una città di medio
sud lambendo la sponda sinistra dell’Adige, rango e mantenne questa condizione anche
ed è circondata da tre colli: a ovest il Doss dopo la caduta dell’impero nel V secolo
Trento, a est il Doss di Sant’Agata e a sud-est d.C. Nel frattempo, nel IV secolo era stata
il Doss di San Rocco. Subito dietro si elevano istituita la cattedra vescovile e già a partire
il Monte Bondone a occidente e i rilievi più dal primo vescovo conosciuto, di nome Gio-
modesti del Monte Calisio e della Marzola a vino, la carica ebbe anche funzioni politiche
oriente, fra i quali si insinua la Valsugana. e militari, facendo fronte alle incursioni di
Soprattutto, su questo versante, Trento è goti, longobardi e franchi nel VI e VII secolo,
racchiusa dall’abbraccio del Castello del senza riuscire peraltro a evitare periodiche
Buonconsiglio, dal quale si dipartivano due conquiste. Se non altro, però, i vescovi cerca-
bracci di mura, in parte ancora visibili, che rono di mediare fra tutti i popoli interessati
circondavano la città fino al corso dell’Adige. al dominio sulla città. Il vescovo Agnello
Quest’ultimo infatti, fino al 1858 scorreva (577-91) promosse la pace tra longobardi
in un letto posto decisamente più a oriente e franchi, adoperandosi per il rilascio dei
(p60) e oggi interrato sotto le vie Manzoni, prigionieri di guerra, soprattutto longobardi.
Torre Verde e Torre Vanga. In seguito, la dominazione di questi ultimi si
rafforzò e fu creato un ducato con capitale a
Storia Trento e un’area di influenza, il Tridentinum
Territorium, che si estendeva fino a sud di
Sono i tre colli, o dossi, che circondano la Merano, compresa l’attuale città di Bolzano.
città e assomigliano nella forma a dei denti Erano le basi dello stato territoriale di Trento,
che, definitivamente inglobato nel 982 nel
Sacro Romano Impero, ottenne all’interno
TUTTO IN TASCA
di questo un grado di autonomia elevato,
Con la tessera Museum Pass, che si con la creazione nel 1027 del principato
può acquistare alla cifra di €22 in tutti vescovile di Trento governato dai vescovi e
i musei, nelle Aziende per il Turismo federato con la più settentrionale Contea
di Trento e Rovereto oppure online al del Tirolo. Il dominio dei vescovi continuò
sito www.museumpass.it, è possibile fino all’epoca napoleonica, interrotto sola-
avere accesso a tutti i musei e ai ca- mente dalla rivolta dei cittadini guidati da
stelli di Trento e Rovereto del sistema Rodolfo Belenzani contro il vescovo Giorgio
Museum Pass, saltare le code e usare di Liechtenstein nel 1407. Pur essendo una
illimitatamente tutti i trasporti pubblici, città di dimensioni e popolazione limitate,
urbani, extraurbani e le tratte ferroviarie Trento fu importantissima per aver ospita-
in Trentino per 48 ore. Il pass è inoltre to, fra il 1545 e il 1563, il concilio (p338)
estensibile gratuitamente fino a tre mesi che definì i principi della Controriforma
e si può trasformare in Family, allargan- come risposta all’ondata destabilizzante
do i vantaggi anche ai figli minori. della Riforma protestante. Proprio in virtù
di questa centralità religiosa, che all’epoca
55
significava anche politica, il XVI secolo fu funzione insolita, quella cioè di asciugatoio
uno dei periodi di maggior splendore per il di panni e biancheria (non era poi così raro
capoluogo trentino. I cardinali Bernardo Cles che nel Medioevo le piazze avessero anche
e Cristoforo Madruzzo, a capo del principato, impieghi di ordine pratico): la striscia di la-
misero mano all’impianto urbanistico di stroni di pietra rosa che attraversa il selciato
Trento secondo i principi rinascimentali, partendo circa a metà del Palazzo Pretorio e
ristrutturando ed edificando nuovi edifici e correndo parallela al fianco del Duomo segna

Dolomiti di Brenta T rento


chiese, e offrendo al visitatore gli straordinari infatti l’interramento della Roggia Grande,
effetti scenici che si possono ammirare an- un canale che tagliava in due la piazza in cui
cora oggi passeggiando per le vie del centro. le massaie usavano lavare i panni. Il canale
Quando il principato vescovile fu soppresso serviva anche e soprattutto a definire, sul
da Napoleone, nel 1803, come in altre parti piano territoriale, la divisione fra le sfere
d’Europa vi furono rivolte, in questo caso di influenza civile e religiosa, una contesa
capeggiate dal tirolese Andreas Hofer, che lacerante che aveva avuto origine nel XIII
non godette mai però dell’aiuto austriaco. La secolo, quando i principi-vescovi iniziarono
figlia dell’imperatore d’Austria, infatti, andò a instaurare il loro potere.
in sposa a Napoleone e Hofer fu giustiziato
Duomo LUOGO DI CULTO
a Mantova. Il Congresso di Vienna del 1815
(cartina p56; % 0461 98 01 32; www.cattedrale
non ripristinò il principato vescovile e fece sanvigilio.it; Piazza Duomo; h 6.30-12 e 14.30-20) Il
ricadere Trento direttamente sotto il control- Duomo di Trento è dedicato a san Vigilio, pa-
lo di Vienna. Dalla seconda metà del secolo trono della città. Sorge nel luogo dove il santo
si svilupparono movimenti e circoli irreden- subì il martirio nel 400 ed è stato ampliato
tisti che cercavano di difendere l’italianità più volte nei secoli. La chiesa attuale è una
della città dai tentativi di germanizzazione rielaborazione voluta dal vescovo Federico
intrapresi dai settori più nazionalisti del Vanga, che nel 1212 affidò il progetto del
Tirolo tedesco; fra i più ferventi irredentisti nuovo Duomo ad Adamo d’Arogno. La co-
italiani vi fu Cesare Battisti (p340). Durante struzione durò secoli e fu sempre seguita dai
la prima guerra mondiale Trento fu dichia- discendenti dell’architetto, subendo modifi-
rata città fortezza e divenne il caposaldo del che rispetto al progetto originario anche in
fronte meridionale austroungarico, ma con virtù dei progressi nelle tecniche costruttive.
la sconfitta dell’Austria-Ungheria passò all’I-
¨¨Esterno
talia. Con il fascismo la città perse, assieme
all’intera provincia, quell’autonomia di cui È possibile passeggiare attorno al perimetro
aveva goduto per secoli; solo con la repub- della chiesa attraversando ambienti comple-
tamente differenti. La fiancata settentrionale
blica ottenne lo statuto di regione autonoma,
affaccia su Piazza Duomo ed è caratterizzata
modificato nel 1971 con l’attribuzione di quasi
da una grande ricchezza decorativa. Risalenti
tutti i poteri alle due province di Trento e di
al periodo romanico sono il colonnato della
Bolzano, le uniche autonome esistenti nel
galleria ad arcatelle, che percorre la parte
sistema amministrativo italiano.
alta della costruzione regalando un efficace
1 Che cosa vedere effetto di alleggerimento, il rilievo del Cristo
Pantocratore, che si trova sotto il portico
oPiazza Duomo PIAZZA cinquecentesco, chiamato Porta del Vescovo
(cartina p56; Piazza San Vigilio) Vista dai perché veniva utilizzato durante il Concilio
tavolini di uno dei caffè sotto i portici, con di Trento dai cortei vescovili provenienti dal
la magnifica Fontana del Nettuno (1769) Castello del Buonconsiglio per accedere al
che si erge al centro, Piazza San Vigilio ha Duomo, e un rosone, chiamato Ruota della
una sorta di aura metafisica. Praticamente Fortuna, nel quale in forma allegorica viene
quadrata, la piazza pare un grande spazio ricordato che la sorte degli uomini può cam-
scenico: le vie tutto attorno sono le quinte che biare da un giorno all’altro.
brulicano di attività e vita, simili al tramestio La facciata dà su Via Verdi e, in ragione
dei teatranti intenti nei preparativi, mentre della torre campanaria che si eleva nei pressi
la scenografia è il prospetto del lato sinistro dell’angolo sinistro, appare asimmetrica.
del Duomo. Ma lo spettacolo non va in scena L’architetto Adamo d’Arogno volle conferire
mai e la piazza assolve piuttosto alle funzioni un’aria più austera a questa parte della
di sempre: ambito di passaggio, punto di ri- costruzione, della quale vanno sottolineati
trovo per appuntamenti, spazio pubblico per il grande rosone al centro, databile verso la
antonomasia. Non assolve più invece a una fine del XIII secolo, e la copertura a bulbo
56
Trento centromap:trento

////////
e 00
A B C D
æ

rroti

i
6 ›

ett
////////
6666666
6666666
6666666
6666666
6666666
6666666 rca
n
uona

Van

tra
na
1

Pe
£

o
elo B

ga
Via

ntin

ga
Do

Via
G azz

Van
Dolomiti di Brenta T rento

ole

Via Cleme
lang

Via
tti

////////

re
c he

r
To
i
so M ï

a
Cor

Vi
ÿ 17

n M artino
Piazza Dante

////////
þ
2

Sa
æ 10

Via
////////
o
enz Vanga
n Lor ÿ 16
Via Torre
V i a Sa
ú 23
Via Roma
æ 13

////////
Via And

Via Ro ma
Ga
r

3 12 Piazza

Via Sa
so

æ Cesare
Via Ant
ma

rea Poz

Battisti 28

n Pie
Tom

////////
ý
onio Ro

Via Rodolfo

tro
Via

zo

Via Malpaga
Piazza 22 ú 34 þ
Santa
smini

Maria æ 15
Maggiore

////////
Belenza

rita
. Marghe
4 Via S
i n

8 Piazza
18 4 æ Lodron

////////
ÿ æ
ar
maso G

Piazza 9 Via Ma
Duomo æ
Via Tom

Piazza

////////
æ3
n
Vittoria
tova

11 æ
26
5 û æ5 le pina
Via Ca
e Verdi
Via Giusepp

////////
31

35 þ þ ta Trini
Via San
Via Virgi

ú
19
nni Prati
Via Giova

////////
Inamalio

6 Via d
egli O
Via Anto

rti
ri Via a A
. Borsie l Torr Via Dietro Le Mur
a
Via G. B ione

////////
to
nardino Bompor Piazza
Via Ber
n
1

io Rosm

Via di Briam di Fiera


1

asco
1

1
1

Via San

voni
1

ini

////////
1

ú 21
Via del Travai
ico Pa
1

ta
1

20 ú
7
1

Croce

Via Lodov
1

1
1

7 2
1

æ æ
1

1
1

A B C D
1

1
1

1
57

/////
e 0
0
400 m
0,2 miglia Trento centro
E F
þ 33 æ Da non perdere
û
æ 14 1 Castello
24

/////
6666666
6666666
6666666
6666666
rca

del Buonconsiglio............................. F1
tra

1 2 MUSE – Museo
Pe

delle Scienze
ga
Via

æ1
Van

di Trento....................... fuori cartina A7

Dolomiti di Brenta T rento


/////
3 Piazza Duomo...................................... C5
re

Via
r
aTo

C
æ Che cosa vedere
Vi

ÿ 17 ard 4 Case Cazuffi Rella................................ C4


25 i na
n M artino

/////
le B
þ 30 û 5 Duomo.................................................. C5
6 Mausoleo
erna

2
a Cesare Battisti.......... fuori cartina A1
Sa

rdo

7 Palazzo
Via

o
Cle

arc delle Albere.................. fuori cartina A7

/////
M
San
sio

Via 8 Palazzo Lodron..................................... D4


9 Palazzo Pretorio
e Museo Diocesano
ntuno

32 Tridentino......................................... C5

/////
þ 10 Piedicastello....................fuori cartina A2
i
ett
Vi dei Ve

12 Piazza rch 11 Porta Venonensis................................. C5


Via Sa

3
æ Cesare Ma
12 SASS – Spazio
vio

Battisti 28
a

Archeologico Sotterraneo............... D3
Li
n Pie

/////
ý
Vi

ý 29 13 Torre Vanga........................................... B3
tro

14 Torre Verde............................................. E1
Via Malpaga

34 þ
ura

15 Via Belenzani........................................ C4
eM

/////
ÿ Pernottamento
ro L

ezia

û 27
16 Giovane Europa.................................... B2
Diet

4
Ven

17 Hotel America........................................E2
Via

azza
zza

dron 18 Hotel Venezia........................................ C4

/////
Pia

ú Pasti
Via Ma

19 Al Tino................................................... D6
Piazza pin a 20 Al Volt.................................................... D7
Via Cale

/////
n

Vittoria 21 Antica Birreria


tova

isi

na Pedavena.......................................... D7
5
’Ass

22 Forst...................................................... D4
d

23 Il Libertino........................fuori cartina A3
sco

/////
nce

inità
anta Tr û Locali e vita notturna
Fra

Via 24 Bookiwque........................fuori cartina F1


P
San

ilat
i
25 Café de la Paix.......................................E2
Via

/////
26 Line Cafè............................................... C5
27 Plan........................................................E4
6
Via
a A Fra ý Divertimenti
Via Dietro Le Mur nce
sco

/////
Bar 28 L’Arsenale...............................................E3
Piazza bac
ovi
di Fiera 29 La Corte.................................................E3

Via S
Via San

a n Gio þ Shopping
voni

vann

/////
ú 21 i Bos 30 100-one..................................................E2
co
ico Pa

31 Alternativa............................................ D5
ta

ú
Croce

7 32 Aquila Basket Store..............................E3


Via Lodov

33 La Seggiolina Blu................................... E1
34 Sportler Alpin....................................... D4
E F
35 Viaggeria............................................... D5
58
sulla sommità del campanile, di sapore alpi- Tra le numerose opere qui custodite
no e austriaco. ricordiamo la venerata statua lignea della
Il lato sud, invece, si affaccia su una specie Madonna Addolorata, alcuni altari di pre-
di larga via che in realtà è una piazza, dedi- gevole fattura, una serie di tele del pittore
cata all’architetto della cattedrale. È molto bavarese Carlo Loth, la scultura romanica
più sobrio, ma nasconde una curiosità: le (attribuita ad Adamo d’Arogno) chiamata
tre figure che reggono assieme a un leone il Madonna degli Annegati, ai cui piedi si
Dolomiti di Brenta T rento

protiro, a lato della piccola absidiola, sareb- ponevano i corpi delle persone che trova-
bero infatti i figli di D’Arogno. vano la morte nelle acque dell’Adige o nelle
La zona absidale a est è caratterizzata rogge, e i monumenti funebri di numerose
da una miriade di colonnine, gallerie, pila- personalità politiche e religiose. Al termine
strini e finestre strombate e dal cosiddetto della navata sinistra, quella settentrionale,
Campanile di San Romedio, così chiamato si trova la lastra funeraria di Bernardo Cles,
perché, secondo la tradizione, alla morte principe-vescovo di Trento nel 1500. Nella
del santo la campanella si sarebbe messa a navata meridionale si apre invece la barocca
suonare da sola. Cappella Alberti (dal nome dell’architetto
¨¨Interno che la costruì nel 1682), che custodisce il
L’interno è a tre navate, con transetto e un grande crocifisso di Sixtus Frey davanti al
ampio presbiterio chiuso da una grande quale, il 4 dicembre 1563, furono promulgati
abside e due più piccole ai lati. Molto affa- i decreti del Concilio di Trento (p338). Un
scinante è il contrasto che nasce tra lo stile baldacchino barocco fatto erigere a metà
romanico e l’altezza delle volte che richiama Settecento, a scioglimento del voto fatto
le cattedrali gotiche. Due scale rampanti, dalla cittadinanza durante l’assedio francese
ricavate nelle pareti laterali, salgono in del 1703, copre l’altare maggiore, all’interno
direzione opposta rispetto all’altare fino alle del quale si trova l’urna con le reliquie di
due torri campanarie. san Vigilio.
¨¨Basilica paleocristiana
DESTINAZIONI INSOLITE La precedente basilica paleocristiana
(% 0461 23 44 19; www.museodiocesanotridentino
TRENTO SOTTERRANEA .it; cumulativo con Museo Diocesano/ingresso
singolo €5/1,50; h 10-12 e 14.30-17.30 lun-sab) era
Tracce dell’antica Tridentum romana cimiteriale e custodiva la sepoltura di san
esistono ancora nel sottosuolo trentino. Vigilio, terzo vescovo e patrono di Trento. Il
Dello splendidum municipium, come lo santo fu deposto a fianco di altri tre martiri,
definì l’imperatore Claudio nel 46 d.C., i santi Sisinio, Martirio e Alessandro, uccisi
si possono ancora vedere 1700 mq di in Val di Non il 29 maggio 397.
edifici pubblici e privati nel SASS – La struttura divenne chiesa cattedrale
Spazio Archeologico Sotterraneo tra il IX e il X secolo, quando nelle sue
(cartina p56; accesso da Piazza Cesare immediate vicinanze fu trasferito il palazzo
Battisti; interi/ridotti €2,50/1,50; h 9-13 e vescovile, e fino a pochi decenni prima della
14-17.30 mar-dom ott-mag, 9.30-13 e 14-18 sua ‘sostituzione’ con l’attuale Duomo subì
mar-dom giu-set), un intero quartiere ampliamenti e modifiche. Una passeggiata
venuto alla luce con i restauri di Palaz- in questa che di fatto è un’area archeologica
zo Lodron (cartina p56; Piazza Lodron conduce a tombe ancora visibili sulla pavi-
31; h 10-12 e 14.30-16.30 mer-ven) F, mentazione, che in parte è a mosaico, con
e soprattutto la Porta Venonensis lastre tombali finemente decorate. Al centro
(cartina p56; Museo Diocesano, Piazza dell’aula si trova l’Arca di San Vigilio (XI-XII
Duomo; h 9.30-12.30 e 14-17.30 mer-lun secolo), il particolare monumento funebre
ott-mag, 9.30-12.30 e 14.30-18 mer-lun che accoglieva le spoglie del patrono, oggi
giu-set) F, il monumentale ingresso conservate nell’altare del Duomo.
alla città per chi proveniva da sud: una
splendida porta a due fornici, fiancheg- Palazzo Pretorio
giata da torri poligonali in laterizio. Oltre e Museo Diocesano Tridentino MUSEO
a queste rilevanze archeologiche è an- (cartina p56; Piazza Duomo 18) Tra gli edifici
che possi­bile visitare la basilica paleo­ che delimitano lo spazio di Piazza Duomo, il
cristiana sotto il Duomo (p56). Per Palazzo Pretorio occupa il lato orientale ed è
informazioni: % 0461 23 44 19. facilmente riconoscibile per l’alta Torre Civi-
ca (XI secolo) che svetta all’angolo sinistro
59
e per la sommità merlata che gli conferisce Via Belenzani VIA
un aspetto del tutto medievale; aspetto che (cartina p56) La larga via che esce da Piazza
l’edificio ha recuperato dopo un restauro Duomo verso nord a sinistra delle Case Ca-
del 1963, che ha eliminato tutte le aggiunte zuffi Rella è il segno più marcato del governo
barocche e manieriste. Il palazzo, voluto da del cardinale Bernardo Cles, principe-vescovo
Federico Vanga, principe-vescovo di Trento di Trento nel XV secolo. La strada, che un
nel 1200, da residenza signorile divenne sede tempo si chiamava Via Larga, fu inclusa da

Dolomiti di Brenta T rento


del potere giudiziario, dopo che i vescovi di Bernardo nel percorso che connette il polo
Trento ebbero spostato la loro dimora al civile e religioso di Piazza Duomo con il
Castello del Buonconsiglio (p59). Castello del Buonconsiglio, ed è circondata
All’interno ha sede il Museo Diocesano da palazzi nobiliari che hanno preso il posto
Tridentino (% 0461 23 44 19; www.museodiocesa dei portici e delle piccole abitazioni medievali
notridentino.it; Piazza Duomo 8; interi/ridotti €5/3; di impronta gotica. Uno dei più begli esempi
h 10-12 e 14.30-17.30 lun-sab), fondamentale delle architetture che si possono ammirare
per comprendere la storia e il significato in questa via è rappresentato al civico 20 da
del Concilio di Trento (p338) e conoscere Palazzo Quetta, affrescato con un florilegio
la produzione artistica locale attraverso un di architetture e sculture dipinte, opera pro-
patrimonio di opere che va dal Medioevo babilmente di Giovanni Maria Falconetto, e
al neoclassicismo: dipinti, sculture e arredi Palazzo Geremia (al civico 19), soavemente
pregiati che spiegano egregiamente come affrescato con scene tratte dalla vita politica
in questo angolo di Italia le influenze siano della città. Chiude la prospettiva della via la
state molteplici e abbiano prodotto inedite Chiesa di San Francesco Saverio (% 0461 98
commistioni fra arte italiana e mitteleuropea. 01 32; Via Roma 57), la più importante architet-
La vera star del museo è la collezione di tura barocca della città, costruita fra 1708 e
arazzi cinquecenteschi di fattura belga che 1711, al cui interno è visibile un bel nartece
illustra le storie della Passione di Cristo e che (atrio) affrescato.
il principe-vescovo Bernardo Cles acquistò da
un mercante di Anversa. oCastello
del Buonconsiglio CASTELLO/MUSEO
Case Cazuffi Rella EDIFICI STORICI (% 0461 23 37 70, 0461 49 28 11; www.buonconsiglio
(cartina p56; Piazza Duomo 3-10) Assieme alla .it; Via Bernardo Clesio 5; interi/ridotti/supplemento
Fontana del Nettuno, al Duomo e al Palazzo Torre Aquila €10/8/2; h 9.30-17 mar-dom, 10-18
Pretorio, uno dei tratti distintivi della piazza mar-dom 1° mag-5 nov) È forse il monumento
principale di Trento sono i due edifici cin- più rappresentativo di Trento, sicuramen-
quecenteschi che sembrano stringersi l’un te uno dei più emozionanti, incombente
l’altro sul breve lato curvo della piazza, quello sulla città come una immensa postazione
a nord-est. Questi palazzi rappresentano il di guardia. E di una postazione di guardia
maggiore esempio di architettura laica della si tratta, perché il castello, residenza dei
città: possenti pilastri reggono ampi archi principi-vescovi dal XIII al XVIII secolo,
ribassati, dando vita a un porticato che oggi fu inizialmente costruito a controllo della
ospita alcuni caffè facendo da sostegno a un via che dalle valli della penisola conduce in
ciclo pittorico grande e complesso, che si Germania. Visitarlo significa tuffarsi in una
svolge su più piani. Gli affreschi sono attri- stratificazione di epoche storiche, ognuna
buibili a Battista Dossi e a Marcello Fogolino. delle quali ha lasciato un segno visibile nella
La facciata dell’edificio di sinistra mette in sua struttura. La visita inizia dalla parte più
scena vicende della mitologia classica: in alto antica, Castelvecchio appunto, con il suo
Gerione e le allegorie della Fortuna, dell’Oc- Mastio cilindrico, che risale al XIII secolo e
casione e della Nemesi; in basso Damocle fu la residenza vescovile fino al XV. L’aspetto
alla mensa del tiranno Dionigi. Sulla facciata di questa parte è puramente medievale, con
di quello di destra sono invece raffigurati la grosse mura e merli, ma è assai ingentilito
Virtù, il Tempo, il Trionfo dell’amore, quello all’interno da sale affrescate e ampi loggiati,
di Apollo e quello dell’abbondanza e la frutto del restauro voluto tra il 1465 e il 1486
Scala delle virtù. Entrambe le facciate rap- dal vescovo Hinderbach. In questa parte del
presentano un campionario della moralità complesso si visita anche la Loggia Venezia-
rinascimentale ben visibile al pubblico, con na, un pergolato riccamente affrescato con
un intento quindi pedagogico. Cartigli in motivi floreali, che dall’esterno pare la fac-
latino commentano le scene rappresentate ciata di un palazzo veneziano incastonata nel
spiegandone i significati. muro del castello. Dalla loggia si accede agli
60
ambienti del Magno Palazzo, la maestosa e Torre Vanga TORRE
raffinata residenza rinascimentale voluta da (cartina p56; Piazza Portela 1; h aperta solo
Bernardo Cles nel XVI secolo e impreziosita in occasione di mostre)FLa cinta muraria
dagli affreschi di Dosso Dossi, di Fogolino medievale era interrotta da porte e torri, fra
e del Romanino. L’ala settentrionale del le quali una delle più belle e importanti era
palazzo dà accesso alla secentesca Giunta intitolata al vescovo Federico e costruita nei
Albertiana, coperta di stucchi barocchi, primi anni del suo episcopato, attorno al
Dolomiti di Brenta T rento

mentre da quella meridionale si accede 1210. Questa alta torre svolgeva funzioni di
nuovamente a una delle parti più antiche controllo del ponte sull’Adige e consentiva di
del castello. Un lungo camminamento vi avvistare eventuali pericoli in tempo utile a
porterà a Torre Aquila (visita guidata ogni 45 far rifugiare la popolazione sul Doss Trento,
min; ingresso con o senza audioguida €2), al cui lo sperone di roccia oltre il fiume sul quale
interno si trova un imperdibile Ciclo dei oggi sorge il Mausoleo a Cesare Battisti.
mesi: una serie di affreschi, capolavoro del
gotico internazionale e allo stesso tempo oMUSE – Museo delle Scienze
testimonianza storica di altissimo valore, di Trento MUSEO
che rappresenta con minuzia di particolari i (cartina p56; % 0461 27 03 11; www.muse.it;
lavori e gli svaghi delle varie fasce sociali nel Corso del Lavoro e della Scienza 3; interi/ridotti
XIV secolo. Il retro del complesso, infine, è €10/8; h 10-18 mar-ven, 10-19 sab e dom) Un
detto la Fossa dei Martiri e va ricordato come museo dove è permesso parlare a voce alta,
il luogo dove fu giustiziato Cesare Battisti. toccare, giocare, fare esperienze sensoriali e
cimentarsi in esperimenti di fisica e chimica,
Torre Verde TORRE
e soprattutto imparare tutto sulla storia della
(cartina p56; Via Alessandro Manzoni 5) La vita, dell’evoluzione e del meraviglioso am-
Torre Verde, così detta per gli embrici verde biente che lo circonda, ovvero le montagne,
smeraldo che ne ricoprono il tetto, era un in particolar modo le Dolomiti. Questo è il
tempo collegata al Castello del Buonconsi- MUSE, il Museo delle Scienze, all’avanguar-
glio da un braccio di mura. Come la Torre dia per interattività, capacità di presentare
Vanga (v. oltre), questa fortificazione affac- argomenti complessi in maniera semplice e
ciava direttamente sull’Adige, prima che il immediata, e originalità degli allestimenti.
corso del fiume fosse deviato più a ovest (v. C’è da perdere il fiato appena entrati, quando
lettura p60), e oggi conserva un fascino si alza lo sguardo e si vedono decine e decine
indiscutibile, conferitole soprattutto dalle di scheletri, animali impagliati e riproduzioni
forme irregolari. La pianta semicilidrica e il che sembrano pronte a volare sopra la nostra
cono del tetto richiamano scenari fiabeschi. testa, quando ci si ritrova circondati da mac-
Una piccola curiosità: la torre compare fra chine e modelli anche giganteschi con i quali
gli elementi che il famoso incisore tedesco sperimentare le leggi della fisica, quando si
Albrecht Dürer volle evidenziare in una varcano porte stagne che ci catapultano nel
veduta di Trento del 1490. cuore di una vera foresta tropicale. Il MUSE
è proprio grande: per una visita completa,
è il caso che consideriate di investirci più o
UN ‘NUOVO CORSO’ meno un’intera mattinata. L’esposizione è
divisa su sei piani, dal -1 dove si trova la serra
L’Adige, secondo fiume più lungo d’Ita- tropicale al piano 0 intitolato La scoperta
lia, fino a metà Ottocento passava nel inizia dai sensi (è qui che potrete fare decine
centro della città di Trento, lambendo di esperimenti in prima persona), per poi
mura e torri medievali, come la Torre procedere con il piano dedicato all’evolu-
Verde, con effetti scenografici idillici, zione delle forme di vita e finire con quello
a detta degli osservatori dell’epoca. dedicato agli ambienti dove la vita stenta ad
Nel 1858 si decise di deviarne il corso affermarsi, ossia le alte vette. Il piano +2 è
spostandolo più a ovest e rendendolo interamente riservato alle Dolomiti e alla loro
più rettilineo. Il fiume, infatti, attraver- lunga storia geologica.
sava la città disegnando un’ansa che
esponeva l’abitato al pericolo di terribili ¨¨La lunga storia delle Dolomiti
inondazioni. Se volete ripercorrere l’an- Le Alpi, e in particolare le Dolomiti, pre-
tico corso del fiume, passeggiate nelle sentano caratteristiche geomorfologiche
vie Manzoni, Torre Verde e Torre Vanga. uniche al mondo, che si manifestano in un
paesaggio spettacolare. Nel 2009, la dichia-
61

SIMONINO
La storia del piccolo Simonino è in parte terribilmente vera e in parte terribilmente
falsa. No, non è un indovinello. Cominciamo dal principio. Simonino nacque a Trento nel
1472 e a due anni e mezzo, il Giovedì Santo del 1475, scomparve. Fu ritrovato morto la
domenica di Pasqua in una delle tante rogge (corsi d’acqua) che attraversavano Trento
a quell’epoca. Esattamente fu ritrovato nella zona dove oggi sorge Piazza della Mostra

Dolomiti di Brenta T rento


e che all’epoca dei fatti era luogo di residenza degli unici ebrei di Trento, 15 persone in
tutto. Il principe-vescovo dell’epoca era Giovanni Hinderbach, fervente antisemita in un
periodo, l’ultimo quarto del Quattrocento, di diffuso e cieco antisemitismo. Egli sosten-
ne che il bimbo era stato vittima di un omicidio rituale compiuto dai componenti della
comunità ebraica allo scopo di utilizzare il sangue per impastare il pane azzimo per la
Pasqua ebraica, una classica accusa rivolta in passato agli individui di religione ebraica.
Sebbene il legato del papa, inviato a sovrintendere al processo istituito nei confronti
degli accusati, ritenesse quest’infamia infondata, i 15 furono torturati crudelmente e
confessarono il loro reato pur di alleviare le loro sofferenze, per poi essere comunque
condannati a morte. Attorno a Simonino nacque così un culto che mise profonde radici
nella comunità tridentina e che fu abolito solamente negli anni ’60, quando la Chiesa,
che più volte aveva dichiarato valido il processo del 1475, riconobbe la gravità dell’erro-
re. Da quel lontano 1475 a Trento non si ricostituì mai più una comunità ebraica.
La vicenda di Simonino è entrata nell’arte sacra. Dipinti, sculture e incisioni raffigu-
rano il presunto martirio. Al Museo Diocesano (p59) è conservato un intaglio ligneo
proveniente dalla Chiesa di San Pietro, databile tra il 1505 e il 1515, che rappresenta l’o-
micidio rituale del bambino; sulla facciata del rinascimentale Palazzo Salvadori in Via
Manci (edificato sul luogo dove sorgeva la sinagoga fino al 1475) stanno due medaglioni
in pietra settecenteschi che raffigurano il martirio e la gloria di Simonino; al Castello
del Buonconsiglio (p59) un quadro (1521) di Altobello Melone ritrae un tristissimo
Simonino. Altre testimonianze artistiche di questo culto si trovano in tutta Italia.

razione di Patrimonio Naturale dell’UNESCO anche il fossato che tutt’ora la circonda. Il


ha certificato questi due aspetti in modo motivo? Quando il cardinale Cristoforo Ma-
inequivocabile. L’evoluzione delle Dolomiti è druzzo ebbe l’idea di costruirsi una residenza
spiegata attraverso il viaggio che propone il in campagna vicina alla città, commissionò
piano +2, un viaggio fatto di multimedialità il progetto a un architetto militare, che, evi-
e corredato da rocce, fossili e minerali che dentemente, pur confezionando un edificio
permettono di scoprire, divertendosi, l’evolu- di grande pregio, non aveva molta fantasia.
zione di questo ‘arcipelago fossile’. Quelle che Un incendio nel 1796 rovinò gravemente
oggi sono montagne un tempo erano infatti gli affreschi che un tempo ne ornavano le
un ambiente costituito da vulcani, deserti, pareti interne; successivamente il palazzo
mari tropicali, barriere coralline e profondità svolse funzioni di caserma. Da quando non
oceaniche. Le immani pressioni generate du- è più sede distaccata del MART (Museo
rante l’orogenesi alpina portarono in seguito d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento
gli antichi fondali a innalzarsi sopra il livello e Rovereto), il palazzo non è più visitabile.
del mare e, ripiegandosi e fratturandosi, a
formare le Alpi. Mausoleo a Cesare Battisti MONUMENTO
(cartina p56; % 0461 216 000; Via Dòs Trento;
Palazzo delle Albere PALAZZO STORICO h 9-19) F Il più grande irredentista
(cartina p56; Via Roberto da Sanseverino 45) Le trentino riposa in questo mausoleo circolare
‘albere’, i pioppi che contornavano il viale affacciato sulla città di Trento e sul Castello
d’accesso al palazzo, non ci sono più, così del Buonconsiglio, dove fu giustiziato dagli
come è scomparso l’ambiente naturale in austriaci nel 1916. L’idea di dedicare un
cui era inserito l’edificio al tempo della sua tempio alla memoria di Battisti nacque con
costruzione, nel 1535, quando quest’area era il fascismo, nel 1922; il progetto fu affidato a
fuori città (e lo sarebbe stata fino a Novecento un architetto veronese, Ettore Fagiuoli, nel
inoltrato). È una villa di campagna, ma l’a- 1925-6, e inaugurato nel 1935. Si tratta di un
spetto è più quello di un fortino, considerato monumento a pianta circolare, che richiama
62
nelle forme i tempietti romani, con un basa- mondiale, epoca in cui la Fortezza di Trento,
mento dal quale si elevano 16 alte colonne. costruita a partire dal 1860, giocò un ruolo
Nella cripta si trovano le spoglie del patriota. centrale. Ci sono otto escursioni sui sentieri
della fortezza. Procuratevi l’opuscolo con car-
Piedicastello QUARTIERE
tina allegata (€8) all’APT di Trento (p65),
(cartina p56) Oltre l’Adige, alle spalle della un buon paio di scarpe, forza di volontà, una
Chiesa di Sant’Apollinare e ai piedi del Doss torcia e (vi consigliamo) anche un caschetto,
Trento, si trova questo pittoresco quartiere,
Dolomiti di Brenta T rento

e avventuratevi lungo i sentieri che 100 anni


all’apparenza un borgo raccolto attorno alla fa videro soldati eroici e tragedie terribili
Piazza di Piedicastello. Qui l’atmosfera è sulle alture attorno a Trento. Potrete visitare
tutta diversa rispetto al resto della città: la fortificazioni, rifugi, gallerie, scale segrete e
bella spina di case invita alla passeggiata, la punti di osservazione panoramici. Uno degli
mescita della locale sezione dell’Associazio- itinerari proposti, se non avete tempo (o il
ne Nazionale degli Alpini (al n.9 della piazza), fisico), si snoda all’interno della città.
ferma agli anni ’70, invoglia a prendere un
bianco fresco e ascoltare i vecchi soldati che ATTIVITÀ INVERNALI
commentano le notizie locali. Sulla fontana Sci di discesa e snowboard
centrale sta affisso il cartello che indica Il Monte Bondone (2180 m), che si eleva a
come raggiungere le ex gallerie dell’ANAS ovest della città, è la meta sciistica più como-
(% 0461 23 04 82; Piazza di Piedicastello; prezzi in da per chi risieda a Trento. Gli amanti dello
base alle esposizioni in corso; h 9-18 mar-dom), che sci non pensino di trovare piste eccezionali
ospitano (d’estate in una frescura salvifica) e grande varietà di tracciati, però il monte
esposizioni temporanee annuali. Le gallerie ha diversi lati positivi. Per esempio è il posto
sono gestite dal Museo Storico del Trentino adatto dove fare esperienza, magari con un
e sono l’unico spazio espositivo del museo. Al corso di sci o snowboard (€35-40 al giorno;
tempo delle nostre ricerche era in corso un per l’elenco completo delle scuole visitate il sito
allestimento molto interessante riguardante www.discovertrento.it/monte-bondone). Se invece
l’alluvione del 1966, che colpì anche Trento. sapete già sciare, partecipate a una sciata
in notturna sulle piste illuminate di Monte
2 Attività Bondone Night & Day… & Sunset, acqui-
ATTIVITÀ ESTIVE stando presso all’APT di Trento (p65) uno
Bicicletta speciale skipass (interi/ridotti €14/11). Il colpo
I percorsi ciclabili nella zona di Trento d’occhio sulla città illuminata è mozzafiato.
sono principalmente il tratto della Pista
Ciclabile della Val d’Adige, che connette
Bolzano a Verona, e i tracciati nella Valle dei
z Feste ed eventi
Trento Film Festival APRILE-MAGGIO
Laghi. Entrambi possono essere affrontati
(www.trentofestival.it) Uno dei più longevi festi-
con un allenamento medio. I percorsi sono
val cinematografici in Italia, dal 1952 il Trento
scaricabili dal sito www.ciclabili.provincia
Film Festival si occupa di film che riguardano
.tn.it dove potete anche scaricare alcune
la montagna, la scoperta e l’avventura.
cicloguide.
Feste Vigiliane GIUGNO
Escursioni culturali
(www.festevigiliane.it) Una delle mille coloratis-
La città e i suoi dintorni ebbero un’impor- sime rievocazioni storiche d’Italia; compren-
tanza strategica fondamentale per l’esercito de sfilate, spettacoli umoristici e un palio con
austroungarico durante la prima guerra le zattere lungo l’Adige.
Mercatino di Natale NOVEMBRE-GENNAIO
(www.mercatinodinatale.tn.it) Dalla metà di
A SARDAGNA IN FUNIVIA novembre fino all’epifania, Piazza Fiera e
Si può raggiungere la frazione di Sar- Piazza Cesare Battisti diventano un carillon
dagna, sul Monte Bondone, per godere di suoni e luci degno della migliore tradizione
dello splendido panorama, passeg- asburgica.
giare e prendere una boccata d’aria
fresca, con la funivia che parte da 4 Pernottamento
Lungadige Monte Grappa. Consultate Giovane Europa OSTELLO  €
le informazioni a p65. (cartina p56; % 0461 26 34 84; www.gayaproject
.it; Via Torre Vanga 9-11; letti in camerata €16-18,
63
singole/doppie/triple/quadruple/quintuple/sestuple aperta 12-23) Fra le birrerie di Trento questa
€28-30/45-50/60/72/85/96; W # ) È la soluzio- è il classico intramontabile. E la coda che
ne più economica della città, e per questo ve si snoda fino in strada all’ora di cena nei
la segnaliamo. weekend testimonia come la Forst sia ben
salda nel cuore dei trentini. Le birre, da
Hotel Venezia HOTEL GARNI  €€
gustare seduti o al banco, sono le protago-
(cartina p56; % 0461 23 45 59; www.hotelvene
niste, ma anche il ristorante, disseminato
ziatn.it; Via Rodolfo Belenzani 70; singole/doppie/

Dolomiti di Brenta T rento


di stufe in maiolica, prepara ottimi piatti
triple/quadruple €61/84/99/113; W# ) Le camere
della tradizione tirolese, giganteschi spiedi
in facciata, dall’arredo modesto e con servizi
di carne e il tonco de pontesèl, uno spezzatino
essenziali, regalano una vista su Piazza Duo-
trentino servito direttamente nel tegame di
mo nella quale perdersi per ore. Per il resto,
ferro. A cena la prenotazione è consigliata;
la prima colazione non si fa ricordare e gli
altrimenti, armatevi di pazienza e affidatevi
ambienti comuni sono molto limitati. L’hotel
all’abilità organizzativa trentina.
ha anche una dépendance che affaccia su Via
Belenzani; in questo caso il positivo ‘effetto oAl Volt TRATTORIA  €€
vista’ viene annullato. (cartina p56; % 0461 98 37 76; Via Santa Croce
16; pasti €25; h 12-15 e 19.30-24 lun-mer e ven-sab,
oHotel America HOTEL  €€
12-15 dom) Se Monicelli avesse girato Amici
(cartina p56; % 0461 98 30 10; www.hotelame
miei a Trento avrebbe usato come set questa
rica.it; Via Torre Verde 50; singole/doppie €90/150;
trattoria. In questo locale seminterrato dalla
p aW# ) Ottimo indirizzo in Via Torre
splendida insegna, proprio di fronte alla
Verde, proprio a due passi dal centro. L’hotel
Pedavena, spicca infatti un’incancellabile
meriterebbe forse di più delle tre stelle supe-
patina da vecchia trattoria anni ’70. I continui
rior che dichiara. Letti ampi e comodi anche
nell’appartamento all’ultimo piano munito di siparietti fra il decano dei camerieri e i clienti
cucina; al piano terra viene servita una buona sono uno spassoso gioco delle parti che vi farà
prima colazione italiana e continentale; ma il accettare divertiti anche quel po’ di attesa.
pezzo forte è il Bar El Merican (h 7-22), la cui Il cibo è genuino, rispettoso della tradizione
storia è scritta ovunque nell’albergo e dove è trentina, il Teroldego della casa si fa bere, la
possibile gustare ‘qualcosa di buono’ (taglieri carne è buona in tutte le sue preparazioni.
di formaggi e salumi tipici, proposte calde Al Tino TRATTORIA  €€
e insalatone) a qualsiasi ora della giornata. (cartina p560; % 0461 98 41 09; Via Santissima
Dalla sua terrazza si gode una delle più belle Trinità 10; pasti €25; h 12-14.30 e 18.45-21.30 lun-
vedute di Trento. sab) Trattoria semplice nell’accezione più
positiva del termine. A pranzo frequentata
5 Pasti da lavoratori e impiegati, di sera da trentini
Antica Birreria Pedavena BIRRERIA  € e affezionati. In una sala al solito un po’ im-
(cartina p56; % 0461 98 62 55; www.birreriape bucata, polenta, funghi, carne salada, risotti,
davena.com; Piazza Fiera 13; pasti €15-20; h 9-24 canederli, un servizio cordiale e solerte. Il
lun-gio, 9-1 ven e sab, 9-24 dom) ‘Dio protegga tutto nel cuore della vita cittadina, in una
luppolo e malto’ è la scritta che troneggia laterale della affollata Via Mazzini.
vicino al bel bancone in legno, fra boccali che
volteggiano sui vassoi di sorridenti kellerine oIl Libertino RISTORANTE  €€

(e ‘kellerini’) e un inebriante profumo di (cartina p56; % 0461 26 00 85; www.ristorante


carne (e pizza). Spingetevi oltre la prima, ac- illibertino.com; Piazza Piedicastello, 4-6; pasti €35;
cogliente sala e scoprite l’immenso santuario h 12-14.30 e 19-22.30 mer-lun) Al Libertino la
della birra che si nasconde fra queste mura, le cura dei particolari, la scelta degli ingredien-
sequenze infinite di spine e gli enormi barili ti, il legame con il territorio sono maniacali,
di rame per la fermentazione. Un consiglio? ma non per questo il risultato è lezioso, sco-
Con il piatto Pedavena assaggerete un po’ stante o troppo elegante. Anzi, Il Libertino
di tutto ciò che viene servito qui, dagli im- ha tutta l’aria della vecchia ‘trattoria con le
mancabili würstel alle braciole affumicate, tovaglie bianche’, con le tendine alle pareti e
ai canederli… bei mobili di legno massello. Le cifre della
proposta culinaria sono i prodotti della mon-
oForst BIRRERIA  €€ tagna e del fiume. Risotto acquerello, trota
(cartina p56; % 0461 23 55 90; www.forst-trento con i finferli e tante erbe fresche a inebriare
.it; Via Oss Mazurana 38; pasti €25; h 7-24, cucina i sensi. Buona la carta dei vini.
64
6 Locali e vita notturna 7 Shopping
Bookique MUSICA LIVE
oViaggeria LIBRERIA
(cartina p56; % 342 701 14 98, 349 405 81 23; (cartina p56; % 0461 233 337; Via San Vigilio 20;
www.bookique.net; Via Torre d’Augusto 29; h 17-24 h 9.15-19.15 lun-sab, anche dom metà nov-dic) Alzi
lun-gio, 17-1 ven e sab) I simpatici titolari dicono la mano il viaggiatore che non sogni di poter
che questo è l’unico posto a Trento dove non entrare ogni giorno in una libreria così, per
si vedono le montagne. Ed è vero. È però sfogliare, leggere, anche solo immaginare
Dolomiti di Brenta T rento

anche uno dei pochi in centro dove ascoltare nuovi viaggi. La Viaggeria è davvero una
un po’ di musica dal vivo o DJ set, bevendo libreria di viaggi, non ‘anche’ di viaggi. Ed è
un drink e ballando. Tavolini bassi, divanetti pure grande: due sale di mappe, guide, reso-
e, oltre le vetrate, un grande spazio all’aperto conti, diari, reportage per ogni destinazione
splendido in primavera ed estate. conosciuta. Cercate qui la Lonely Planet per
Café de la Paix BISTRÒ il vostro prossimo viaggio: ce l’hanno.
(cartina p56; % 0461 98 25 20; Passaggio Teatro Alternativa GIOCATTOLI
Osele 6; h 11-24 lun-sab) Sotto i portici, non (cartina p56; % 0461 98 60 75; Via San Vigilio 23;
lontano dal Castello del Buonconsiglio, h 14.30-19 lun, 9-19 mar-sab) Non è solo l’ampia
questo bistrò con luci soffuse e piccoli tavo- scelta di giocattoli in legno, giochi d’ingegno,
lini da caffè parigino è un riferimento nella baby strumenti musicali, pupazzi in fibre
notte dei 30-40enni. Speriamo che in futuro naturali a fare di questo negozio un ‘signor’
riprendano i concerti dal vivo, ma comunque negozio di giocattoli. È anche la competenza
la selezione musicale è buona. di chi ci lavora che saprà orientarvi nelle
Line Cafè BAR scelte in base all’età e agli interessi dei piccoli
(cartina p56; % 338 202 10 69; Via Verdi 75; destinatari dei vostri regali.
h 7.30-24 lun-sab) Seduti ai tavolini all’aperto
La Seggiolina Blu LIBRERIA
si può osservare da vicino la facciata del (cartina p56; % 344 099 32 05; laseggiolinablu
Duomo, magari bevendo un gin tonic. Il bar .com; Via Manzoni 51; h 15-19 lun, 9-12.30 e 15-
è frequentato in maniera intergenerazio- 19 mar, mer, ven e sab, 9-19 gio) Bella libreria
nale e all’interno la musica è forse un po’ dedicata ai piccoli lettori. Elena e Soledad
troppo alta. non si limitano a venderli, i libri: li hanno
Plan FOOD BAR letti o almeno sfogliati tutti, e vi sapranno
(cartina p56; % 0461 174 04 00; www.plantrento aiutare nelle scelte grazie al loro profondo
.com; Largo Carducci 38; h 7.30-15 e 17-24 lun-ven, ed evidente amore per i bambini.
7.30-24 sab) Affollatissimo il venerdì e il sa- 100-one ABBIGLIAMENTO E OUTDOOR
bato sera, anche perché serve ottimi panini (cartina p56; % 0461 26 02 09; www.100-one
e patate fritte. Ma non temete, il servizio è .it; Via Suffragio,43; h 10-13 e 15-19 lun-ven, 10-13 e
attento e rapido. 16-19 sab e dom) Decisamente giovane e alla
moda la proposta di abbigliamento del 100-
3 Divertimenti one, Centone come dicono i clienti habitué,
L’Arsenale CIRCOLO ARCI impeccabili nel loro abbinare stile e attività
(cartina p56; % 320 842 49 10; www.arcireal.it/ outdoor. Ha altre sedi a Rovereto (% 0464 43
circolo/larsenale/; Via degli Orbi, 4; h 21-1 mar-sab) 69 36; Corso Bettini 51) e a Malcesine (% 045 657
Accogliente locale in un seminterrato con 07 34; Via Gardesana 270).
volte di pietra, mobili di recupero e tanti
cuscini. Si tratta di un circolo Arci frequen- Aquila Basket Store AQUILA BASKET
tato da universitari che propone musica dal (cartina p56; % 0461 93 10 35; www.aquilabasket
vivo di artisti locali; c’è anche una ludoteca. .it; Piazzetta Lunelli 10; h 9-12 e 16-19 lun-sab) Ab-
bigliamento ufficiale della squadra di basket
La Corte CIRCOLO Aquila Trento, nata nel 1995 dalla fusione di
(cartina p56; % 0461 98 37 40; Via degli Orbi due precedenti società sportive e giunta in
5/a; h 11-15 e 18-2 lun-sab) Il bianco domina in serie A nel 2014. Una fede per gli amanti della
questo circolo che più che altro è un locale pallacanestro trentini.
dove si serve e si vende da bere, in una zona
frequentata da giovani e giovanissimi. Sportler Alpin ABBIGLIAMENTO OUTDOOR
(cartina p56; % 0461 26 04 86; Piazza Cesare
Battisti 28; h 15-19 lun, mar-sab 9.30-13 e 15-19, dom
in inverno 9.30-13 e 15-19) Il negozio più grande
65
(sei piani) del Trentino per le attrezzature consueti spazi delimitati da linee blu. I parcheggi
outdoor. entro le linee blu sono gestiti da Trentino Mobili-
tà (% 0461 43 31 24; www.trentinomobilita.it; Via
Brennero 98; parte centrale della città storica/pri-
88 Informazioni ma corona centrale €1,80/1,50; h parte centrale
ACCESSI A INTERNET 8-19.30 lun-ven, 8-14 sab, prima corona 8.15-12.45
A Trento la rete Freeluna (www.freeluna.it) copre e 14.45-17 lun-gio, 8.15-12.30 ven). Ci sono inoltre
le piazze e numerose vie, e inoltre è adottata da tre possibilità di parcheggio in struttura gestite da

Dolomiti di Brenta T rento


molti pubblici esercizi. Al servizio, che è gratuito Trentino Mobilità.
e non necessita di alcuna applicazione, si accede ¨¨Parcheggio Autosilo Buonconsiglio (% 0461
direttamente da smartphone. Dopo la registrazio- 23 88 55; Via Petrarca 1/5; €0,60/1,20 l’ora
ne, il sistema fornisce una password via sms. 8-19.30 lun-ven/19.30-8, abbonamento weekend
€25)
ASSISTENZA SANITARIA
¨¨Parcheggio Duomo (% 0461 23 16 00; Piazza
L’Ospedale di Trento Santa Chiara (% 0461
Ezio Mosna 1/a; €0,80/gratuito/€3 l’ora 7-12 e
90 31 11; Largo Medaglie d’Oro 9) ha il pronto
14-20.30/12-14/20.30-7; h 7-20.30 lun-sab)
soccorso. Esiste un punto ospedaliero più vicino al
¨¨Palazzo Onda (Via Valentina Zambra;
centro, equiparato, ed è l’Ospedale di Zona San
Camillo (% 0461 21 61 11, Via Giovannelli 19). €0,50/2,50 all’ora/giorno; h 7-20 lun-sab)

INFORMAZIONI TURISTICHE TRENO


APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi Trento è raggiungibile in treno da Verona (€7,85,
(cartina p56, B2; % 0461 21 60 00; www. 1 h 10 min, 34 partenze fra le 5.25 e le 22.50) e da
discovertrento.it; Piazza Dante 24; h 9-19) Venezia (€29,40, 2 h, 1 collegamento diretto). La
stazione ferroviaria (cartina p56, B1) si trova
POSTA in Piazza Dante.
L’ufficio postale (0461 275 311; h 8.15-19 lun-
ven, 8.30-12.30 sab) più vicino al centro è in Piaz- 88 Trasporti urbani
za Alessandro Vittoria 1. PER/DALL’AEROPORTO
Dall’aeroporto di Verona è possibile raggiungere
88 Per/da Trento la stazione ferroviaria di Verona Porta Nuova
AEREO con l’aerobus gestito da ATV (Azienda Trasporti
Lo scalo più comodo per raggiungere Trento è Verona; % 045 805 79 22; www.atv.it; Lungadige
l’Aeroporto di Verona-Sommacampagna ‘Vale- Galtarossa 5, Verona; €6; 15 min; da stazione
rio Catullo’ (% 045 809 56 66, biglietteria 045 per aeroporto corse alle 5.15 e alle 6.10, poi ogni
861 9006, informazioni 045 809 56 36/66; www. 20 min fino alle 20.10 e alle 20.50, 21.30, 22.10
aeroportoverona.it; Località Caselle, Verona; e 22.50; da aeroporto a stazione corse alle 5.35
h biglietteria 5.15-20). e alle 6.30, poi ogni 20 min fino alle 20.30 e alle
21.10, 21.50, 22.30 e 23.10; h call center 8-18
AUTOBUS lun-ven, 8-14 sab) e da lì arrivare a Trento via treno
L’autostazione di Trento (cartina p56, B1; anche con biglietto cumulativo (€18) in partner-
% 0461 98 36 27; Via Pozzo; h 6.10-19.45 lun- ship con le ferrovie tedesche (DB) e austriache
sab, 7-19.45 dom) si trova vicino a quella dei treni (ÖBB). La fermata si trova a sinistra dell’ingresso
in Piazza Dante, ma alcune corriere partono da dell’aeroporto di Verona, terminal arrivi. L’autobus
dietro il complesso in Lungo Adige Monte Grappa. è attrezzato per il trasporto delle persone con dif-
Le compagnie Flixbus (% 02 94 75 92 08; www. ficoltà motorie. L’acquisto dei biglietti è possibile
flixbus.it) e Buscenter (% 06 16 41 60; www. presso la biglietteria ATV all’interno della stazione
buscenter.it) connettono la città con Verona e ferroviaria di Verona Porta Nuova, alla tabacche-
viceversa quattro volte al giorno fra le 5.30 e le ria nell’atrio della stessa e presso le emettitrici
19.30 (a partire da €7,90, circa 1 h 20 min). automatiche ATV all’esterno della stazione; all’ae-
roporto, nell’area arrivi, presso lo sportello cassa
AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA del parcheggio e l’ufficio informazioni turistiche
Trento è raggiunta dall’autostrada A22/E45 che dell’aeroporto; presso l’emettitrice automatica
connette Modena con il valico del Brennero incro- alla fermata dell’autobus; a bordo dell’autobus
ciando il principale asse di viabilità del Nord Italia, (senza sovrapprezzo).
l’autostrada A4 a Verona.
AUTOBUS
Trento è raggiunta anche dalla Superstrada
Valsugana SS47 proveniente dal Veneto e dalla I trasporti urbani a Trento come nel resto della
SS45 proveniente dal Lago di Garda. provincia sono garantiti da Trentino Trasporti
(% 0461 82 10 00; www.ttesercizio.it; Via Inns­
Parcheggi bruck 65; h 7-19.30 lun-ven), che copre tutta la
Trento è servita da ampi parcheggi pubblici a provincia. Il costo di una corsa urbana è €1,20, la
pagamento dislocati in varie zone delle città e dai validità 70 minuti.
66
FUNIVIA di evocare la fatica e il lavoro di chi l’ha posse-
Trentino Trasporti (% 0461 82 10 00; www.tt duto. Ma l’aspetto più interessante riguarda
esercizio.it; Via Innsbruck 65; h 7-19.30 lun-ven) in generale il recupero di usi e costumi che,
gestisce la funivia Trento–Sardagna, con la quale abbandonati o trascurati a partire dalla metà
è possibile raggiungere il Monte Bondone; effettua del Novecento, facevano parte della vita dei
servizio regolare (ogni 15 o 30 min in base alla trentini sin dall’anno Mille. L’agricoltura,
fascia oraria). Su alcune corse è possibile traspor- l’allevamento e gli attrezzi relativi sono il
tare le biciclette (€2 oltre al prezzo del biglietto).
Dolomiti di Brenta San M ichele all’A dige

tema del piano terra. Molti degli oggetti che


osserverete qui sono in parte ancora in uso o
hanno mutato forma di pochissimo nel corso
DINTORNI DI TRENTO dei secoli. Al primo piano sono illustrati gli
La città di Trento, porta d’ingresso delle usi nuziali e la tessitura, oltre a tutto ciò
Dolomiti di Brenta e più in generale delle che ruota attorno alla malga, cellula base
Alpi trentine, si trova alla confluenza di dell’economia rurale della montagna, un
tre valli che la mettono in comunicazione universo in cui confluiscono le culture del
con paesaggi dolci, ricchi di laghi, e castelli legno e del bosco. C’è anche la ricostruzione
affacciati su specchi d’acqua o avvinghiati a di una segheria veneziana, attività che la
speroni rocciosi, oppure isolati a controllo Serenissima aveva introdotto in tutto l’arco
di spazi sconfinati. Vasti appezzamenti vi- prealpino e alpino sotto il suo dominio per
tati che producono il Teroldego Rotaliano, ricavare il legname dai boschi. La vita do-
rilievi coltivati e altopiani costituiscono gli mestica è la protagonista dell’esposizione al
ambienti che a nord, a ovest e a est della città secondo piano, con una vasta collezione di
caratterizzano i versanti della Val d’Adige, stoviglie e altre attrezzature da cucina, esem-
della Valle dei Laghi e della Valsugana. pi di creatività popolare che provengono da
un mondo sconosciuto e familiare al tempo
stesso; il piano più alto si occupa della sfera
San Michele all’Adige misteriosa della devozione popolare, della
POP. 3129 / ALT. 228 M
caccia e delle ritualità stagionali. Al piano
San Michele all’Adige, immerso nelle vigne interrato, invece, nell’ambiente originale
15 km a nord di Trento, osserva da sempre della cantina (càneva) del convento, si parla
la Piana Rotaliana, l’ampia vallata che si ovviamente di vino e grappa.
stende oltre il fiume e dalla quale proviene il
famoso vino Teroldego. Da questo importante 88 Informazioni
centro di produzione vinicola s’imboccano le C’è materiale informativo alla biglietteria del
strade che portano alla Val di Non (p67). Museo degli Usi e Costumi delle Genti Trentine
Vitale e trafficato, il paese conserva la Chiesa (% 0461 65 03 14; www.museosanmichele.it; Via
Mach 2; interi/ridotti €6/4; h 9-12.30 e 14.30-18
Parrocchiale di San Michele (% 0461 66 21 91;
mar-dom).
Piazza Chistè; h 8-19), molto antica ma rifatta
nel Seicento in forme barocche, con una fac-
ciata carica di statue e un interno riccamente 88 Per/da San Michele all’Adige
decorato. La cittadina è sede di uno dei più AUTOBUS
importanti musei etnografici d’Italia. San Michele all’Adige è raggiungibile con i servizi
di Trentino Trasporti (% 0461 82 10 00; www.
1 Che cosa vedere ttesercizio.it; Via Innsbruck 65; h 7-19.30 lun-ven)
da Trento (linea n. 611, €2,50, 25 min, 5 corse fra
Museo degli Usi e Costumi le 5.45 e le 16.55).
delle Genti Trentine MUSEO ETNOGRAFICO
(% 0461 65 03 14; www.museosanmichele.it; Via AUTOMOBILE
Mach 2; interi/ridotti €6/4; h 9-12.30 e 14.30-18 San Michele all’Adige si raggiunge in circa 25
mar-dom) Il museo è ospitato in un ex con- minuti con la A22 ‘del Brennero’ (20 km) o con la
vento di frati agostiniani, il cui chiostro SS12 (16 km).
gotico conservato con cura ben si attaglia TRENO
all’armonia della vita agrosilvopastorale La ferrovia Trento–Malè (v. lettura p77)
egregiamente rievocata nelle 44 sale su gestita da Trentino Trasporti (% 0461 82 10 00;
cinque piani dell’esposizione. L’importante www.ttesercizio.it; Via Innsbruck 65; h 7-19.30
collezione, fra le maggiori d’Italia, ancor lun-ven) conduce con alta frequenza fino a
prima che un’esposizione etnografica è una Mezzocorona (25 min). Da qui è possibile pren-
raccolta di oggetti originali, ognuno in grado dere la linea  n. 106 di Trentino Trasporti per San
67
VALE IL VIAGGIO

SE NON SIETE MAI SAZI DI LAGHI E CASTELLI…


Fra le escursioni che si possono fare partendo da Trento, quella nella Valle dei Laghi è
senza dubbio da non perdere, soprattutto in estate, quando il caldo soffocante della città
spinge a cercare refrigerio in questi segreti e minuscoli mari trentini. L’esplorazione della
valle coniuga natura rigogliosa, laghi dalle indescrivibili tonalità di colore – dall’anice al

Dolomiti di Brenta Val di N on


verde scuro – e castelli che si specchiano nelle loro acque placide. La Valle dei Laghi si
trova a ovest del capoluogo e, come una sorta di colatoio di bellezze, stilla laghi via via
più grandi man mano che la si discende. Snodo centrale per tutta la visita è il paese di
Terlago, che si raggiunge facilmente da Trento seguendo la SS45bis e poi la SP18dir. Il
paese quasi si specchia nelle acque dell’omonimo lago, costituito da due bacini gemelli,
sulle cui rive si trovano locali e noleggi di pedalò. A nord del paese, dall’abitato rustico e
caratteristico, si trovano due minuscole perle, il Lago Santo, selvaggio e inaccessibile,
e il piccolissimo Lago di Lamar, con la sua spiaggia da un lato e un versante invece
completamente roccioso, dal quale tuffarsi in acque dai colori caraibici. A sud di Terlago,
percorrendo la SP18dir fino a Vezzano e quindi riprendendo la statale 45bis, si raggiunge
il paludoso Lago di Santa Massenza, preludio allo spettacolare Lago di Toblino, dove
osserverete attoniti le vette delle montagne circostanti e le mura possenti di Castel
Toblino (% 0461 98 70 85; Via Caffaro, 1, Località Sarche; menu degustazione €35-50; h aperto
solo come ristorante), che pare galleggiare sul lago, esempio fiabesco di architettura ri-
nascimentale cinquecentesca applicata a una fortificazione. Parallela alla statale corre
una lunga passeggiata che regala scorci meravigliosi sul castello e sui canneti del lago,
popolati di uccelli.
Quando la Valle dei Laghi diventa Valle del Sarca, all’altezza dell’abitato di Pietramu-
rata, a sud di Toblino, una deviazione verso est conduce alla SP214 che porta al Lago di
Cavedine. Il lago appare dopo un paesaggio lunare di rocce spoglie e aride, che si alter-
nano ad appezzamenti vitati e a parti che ricordano persino la macchia mediterranea. Si
tratta del Deserto delle Marocche, dovuto a un particolare fenomeno glaciale che ha por-
tato alla formazione di una distesa di macigni di 187 milioni di metri cubi. Il grande lago
offre numerose possibilità di praticare attività balneari come windsurf e kayak. Seguite le
indicazioni per raggiungere il Castello di Drena (% 0464 54 11 70; Via al Castello 2, Località
Drena; interi/ridotti €4/3; h 10-18 sab e dom feb, 10-18 mar-dom marzo-giu e set, 10-19 mar-dom
lug e agosto, 10-17 mar-dom ott, 10-17 sab e dom nov-dic), del XII secolo, magnifico punto di
osservazione del lago stesso. Oltre i laghi, quando le Dolomiti cominciano decisamente
ad allontanarsi, si trova Castel Beseno (% 0464 83 46 00; www.buonconsiglio.it; Località
Besenello; interi/ridotti €7/6; h 9.30-17 sab e dom nov-marzo, 9.30-17 mar-dom marzo-apr, 10-18
mar-dom mag-ott), alto e imponente a controllo della Valle dell’Adige. Nella zona si produ-
cono due tipicità locali, i marroni di Drena e la susina di Dro.

Michele all’Adige (€1,10, 6 min, 9 corse tra le 6.42 Fra meleti a perdita d’occhio spuntano
e le 18.50). castelli di ogni forma e tipo, che a tratti
sembrano galleggiare sulla chioma dei
bassi e tortuosi alberelli formando una rete
di comunicazione e di scambio che nelle
VAL DI NON epoche passate ha determinato il tessuto
Legata indissolubilmente alla fama delle sue sociale dell’area.
mele, che, coltivate in appezzamenti gigante- Storicamente, demograficamente e ammi-
schi, da qui raggiungono tutta l’Italia, la Val nistrativamente il centro abitato principale
di Non è un’ampia landa, quasi un altopiano, della vallata è Cles, che sorge sulla sponda
solcata dal torrente Noce fra le Dolomiti di ovest del lago artificiale di Santa Giustina.
Brenta a ovest e i Monti d’Anaunia a est. L’importanza della vallata, sulla via del
Anaunia è anche il termine con il quale anti- Passo del Brennero, era ben chiara già ai
camente ci si riferiva a quest’area e anaunico, romani, che infatti concessero al popolo degli
o nonès (nonese), è il dialetto romanzo che si anauni la cittadinanza nel 46 d.C.; ma è nel
parla qui, una variante del ladino dolomitico, Medioevo che la regione acquisì importanza
di origini antichissime. all’interno del principato vescovile di Trento.
68
map:dolobrenta
Trento, Val di zona 1
Non e Val di Sole e 00 200 m
0.1 miglia

Torren t e Pe s c ar
Cloz
Sarnonico
Bresimo Livo Ruffrè
es
To Barn
r rente Cavareno
Cima Lac Cis Dambel
(2439 m)

a
R
Cagnò Revò Amblar
Dolomiti di Brenta Val di N on

R Romeno
Cima Vese
(2400 m) oce
nt eN Banco Salter
rre Castel Cles
Lago
To

Santuario
R Cles di di San Romedio
Terzolas Dosso Santa
Cavizzana dell’Asino Sanzeno
(1705 m) Giustina
Coredo
Malè
Rallo Smarano

Tuenno
Torre n t e N oc
Castel
Monte Valer
Peller Taio
(2320 m) Tres
R
Nanno
e

Vervò
Terres Segno
÷ Castel Nanno
Parco Naturale Flavon
Adamello Mollaro R
Brenta Priò Corno
Cunevo di Tres
(1812 m)
R Cima Omet
R (2467 m) Denno
R Monte Corno
Cima (1961 m)
Uomo Castel Thun
(2542 m)
Lago Campodenno Vigo di Ton R Cima Roccapiana
di Tovel (1874 m)
R Monte Alto
(1896 m) Lover Castel Belasi R Cima Monticello
(1856 m) Roverè
Cima della Luna
Val Strangola Cima Sporminore
R degliInferni
(2405 m)
R (2310 m)
ige
A22

Cima Val Scura R


(2654 m) Tor Ad
Spormaggiore ren
Mezzocorona
R Monte Corona
te

Cima
No

Santa Maria R (2562 m)


ce

(2678 m) R
Mezzolombardo
Monte Fibion R Croz del Re
(2505 m) San Michele
(2664 m) all'Adige
R Monte Fausior Faedo
(1509 m)
R Cima della Gaiarda Cavedago
R (2640 m)
Cima Sorni
di Vallazza R PizGalin
R
(2803 m)
Cima dei
(2441 m) Fai della
Lasteri Andalo Paganella Ville
d i ge

(2457 m)
R
Zambana Lisignago
A

Castelletto dei Massodi


(2510 m) Vecchia Zambana
Verla
R Monte Daino
(2657 m) visio
Molveno Lavis eA
rent

R La Roda
or

(2080 m) T Vigo
I Rossati Meano
(2442 m) Lago
Meano
A di

R
R
di
Molveno R Canfedin
ge

Cima Soran (2034 m)


R
(2399 m)
Monte Monte TRENTO
Gazza Terlago Montevaccino
(1985 m) Gardolo
Terlago
Monte Calisio
Centochiavi R
(1096 m)
69
Un’importanza strategica: sorsero infatti in Non e direttrice verso la diramazione con la
questo periodo Castel Thun, Castel Bragher, Val di Sole, fa sì che il paese sia sfiorato da
Castel Coredo, Castel Cles, Castel Nanno; un traffico sempre piuttosto sostenuto, da
un’importanza religiosa, come testimonia cui però il centro è comunque risparmiato.
lo spettacolare Santuario di San Romedio; e
giuridica, evidente nei palazzi assessorili di 1 Che cosa vedere
centri come Cles. Chiesa

Dolomiti di Brenta C les e dintorni


di Santa Maria Assunta LUOGO DI CULTO
88 Per/dalla Val di Non (% 0463 42 11 55; Piazza Navarrino 2; h 8-20) F
AUTOBUS La Chiesa dell’Assunta, menzionata per la
Tutta la Val di Non è coperta dai servizi di Trentino prima volta da un documento ufficiale nel
Trasporti (% 0461 82 10 00; www.ttesercizio.it; 1128, è il lascito più evidente del principe-
Via Innsbruck 65, Trento; h 7-19.30 lun-ven). Una vescovo Bernardo Clesio alla sua città natale.
linea principale (la n. 620) congiunge tutti i centri Fu infatti costui a deciderne la ricostruzione,
principali, mentre varie linee secondarie mettono affidandola all’architetto Antonio Medaglia,
in comunicazione i paesi della vallata con Cles. che la eresse fra il 1512 e il 1522. La chiesa
AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA ha un inconfondibile sapore alpino, non
Asse portante della Val di Non è la SS43, ma solo per i tetti a ripidi spioventi, presenti in
numerose attrazioni descritte nel capitolo si quasi tutto il Trentino, ma anche per le forme
trovano anche sulla SP73, che percorre il versante gotiche, i pronunciati contrafforti laterali,
occidentale. il campanile con le finestre ad arco acuto
che richiamano il mondo germanico. Sulla
TRENO facciata si apre un bel portone rinascimentale
La ferrovia Trento–Malè (F 700) gestita da Trenti- con la lunetta affrescata (L’Annunciazione),
no Trasporti (% 0461 82 10 00; www.ttesercizio sormontato dallo stemma dei Clesio e da
.it; Via Innsbruck 65, Trento; h 7-19.30 lun-ven)
un rosone.
tocca numerosi centri di questa parte del Trentino.
Per prezzi e orari visitare il sito web dell’azienda.
L’interno è a navata unica, con nervature
gotiche che scendono dalla volta come nel
ventre di una balena e in fondo un bel fonte
battesimale di fine Cinquecento e un tesoro
Cles e dintorni di oggetti in argento.
POP. 6950 / ALT. 658 M
Cles ha tutto l’aspetto del capoluogo della Palazzo Assessorile EDIFICIO STORICO
zona e ancora oggi è un punto nodale della (% 0463 66 20 91; www.comune.cles.tn.it; Piazza del
circolazione fra queste montagne, sorgendo Municipio; h tutto l’anno con orario in base all’espo­
dove la Val di Non si dirama verso ovest nella sizione presente) F Decisamente il più bel
Val di Sole. Il paese è stretto fra il Lago di monumento della città, austero e lieve al
Santa Giustina e il Monte Cles, oltre il quale tempo stesso, il palazzo assessorile è un edi-
iniziano repentini i rilievi del versante nord ficio massiccio, una casa-torre con un affresco
delle Dolomiti di Brenta. sopra al portone principale raffigurante due
La cittadina è legata alla figura del vescovo angeli che sorreggono lo stemma dei Clesio.
Bernardo Cles o Clesio, che vi nacque nel Quattro piccole bifore ad arco trilobato si
1485 e divenne poi principe-vescovo di Tren- aprono nelle spesse mura, mentre sul fianco
to. Nel 1869, nella località di Campi Neri a destro si trova una riproduzione della Tabula
nord-ovest dell’abitato fu rinvenuta la Tabula Clesiana, con traduzione in italiano.
Clesiana, con il quale l’imperatore Claudio L’interno, che spesso ospita mostre tem-
conferiva al popolo degli anauni la cittadi- poranee (in questi casi l’orario di apertura è
nanza romana. La tavola è oggi conservata al continuato), è costituito da sale che richia-
Castello del Buonconsiglio (p59) di Trento. mano gli ambienti di un castello, riccamente
Il paese è attraversato dalla SS43, che affrescate con bestiari rinascimentali, mono-
incrocia l’asse principale dell’abitato, ovvero grammi e allegorie.
Corso Dante/Via Roma, proprio di fronte alla
Chiesa di Santa Maria Assunta, in Piazza Via Lampi VIA
Navarrino, connettendo quest’ultima con Dal centro di Cles, Via Lampi si dirige fuori
la Piazza Granda, vero centro cittadino, dal paese verso sud. È una strada elegante,
attraverso Piazza Municipio, dove affaccia il su cui affacciano belle case tipiche. Al civico
Palazzo Assessorile. La presenza della statale, 33, per esempio, si ammira il palazzone giallo
asse della circolazione lungo tutta la Val di e rosa salmone dalle forme tozze e il portale
70
Museo Retico MUSEO

I PONTI DI SANTA GIUSTINA (% 0463 434 12; Località Casalini, Sanzeno; interi/
ridotti 3,50/2,50; h 10-13 e 14-18 mar-dom giu-set,
Dove sorge la diga che contiene le ac- 14-18 sab e dom set-ott e marzo-giu) A Sanzeno,
que del Lago di Santa Giustina si erge sulla sponda opposta del Lago di Santa Giu-
il Ponte di Santa Giustina, una costru- stina, si trova questo museo che è anche un
zione ardita, lunga 528 m e alta 144, centro di studi sulla storia della Val di Non.
Dolomiti di Brenta C les e dintorni

risalente al 1888 e di grande impatto. In una struttura moderna e ben organizzata,


Il lago, che si apre molto scenografi- conserva le più importanti testimonianze
camente allo sguardo con la sua costa archeologiche della valle. La visita inizia
frastagliata in bracci che si insinuano dal fondo dell’edificio risalendo le epoche a
nella roccia e nei boschi, è lungo 7,5 km spirale, dai manufatti preistorici alle testi-
e largo 1,5 nel suo punto più ampio, e monianze retiche e romane, fino ai reperti
nasconde un altro ben più antico ponte. altomedievali dei goti e dei longobardi.
Quando questo bacino fu inondato,
negli anni ’50, le acque andarono a Castel Bragher CASTELLO

sommergere l’antico Ponte Alto che (Località Teio, Coredo) Il muro di cinta merlato, il
collegava due versanti di una profondis- ponticello di legno che dà accesso al castello,
sima forra. Nel 1276 su questo ponte si i tetti ricoperti dalle cosiddette ‘scandole’
incontrarono Enrico II vescovo di Trento (tegole in legno di larice) e la suggestiva Torre
e Mainardo II conte del Tirolo, siglando della Pece sembrano proprio usciti da una
la pace fra le due entità di potere. canzone cavalleresca, e, dal momento che
si tratta di una residenza privata e quindi
non visitabile, sono anche gli unici motivi
basso che fa angolo con Piazza Sieli. Notevoli di interesse di questo edificio. Detto anche
anche altri edifici, ben più larghi alla base che Castel Bragherio dal nome del suo primo
in cima, dall’aria in un certo senso fiabesca. proprietario, un feudatario del XIII secolo,
Camminate fino al capitello con la statua di il maniero si sviluppò attorno a un mastio
centrale che serviva a controllare la strada
sant’Antonio da Padova, in Rione Spinazzeda,
che conduceva a Coredo. Fu poi acquistato
che sorge dove la comunità di Cles costruì un
dalla famiglia Thun (v. lettura p76) e len-
convento nella speranza di essere liberata
tamente ampliato nel corso di 400 anni, fino
dalla peste del 1630. Nel corso della passeg-
a divenire una delle residenze castellane più
giata noterete i portoni tipici di qui, con archi
eleganti di tutta la Val di Non.
a tutto sesto riquadrati e sfere di marmo a
decorare i due pilastri montanti. Ve ne sono
ai civici 82 e 76. Di fronte a quest’ultimo si
2 Attività
TUTTO L’ANNO
trova una fontana, la cui tipologia è diffusa
Escursioni a piedi
in tutto il Trentino.
oSantuario
Castel Cles CASTELLO di San Romedio ESCURSIONI A PIEDI
(% 0463 83 01 33; Via del Castello) Circondato Se avete l’auto, parcheggiatela di fronte
da frutteti, sulla riva delle acque del Lago all’edificio che ospita il Museo Retico, a nord
di Santa Giustina, sorge il maestoso Castel dell’abitato di Sanzeno. Oltre la statale, una
Cles, fondato nel XII secolo ma ampliato e passerella in legno segna l’inizio del percorso,
arricchito secondo lo stile rinascimentale da che inizialmente attraversa un tratto di dolce
Bernardo Clesio nel Cinquecento. Nel corso campagna coltivata a meleti e gradatamente
dei secoli il maniero fu oggetto di danneggia- penetra nella roccia sino a corrispondere
menti, in seguito a una rivolta contadina nel con il tracciato di un antico canale irriguo,
Cinquecento e a causa di un grave incendio scavato nell’Ottocento, che taglia la parete
del 1825, che distrusse parte delle decorazioni della forra del rio San Romedio, il selvaggio
del secondo piano e costrinse i baroni di Cles e segreto canyon scavato dal torrente, corren-
ad abbattere una delle tre torri che racchiu- do lungo lo strapiombo in modo vertiginoso
devano l’intero complesso. ma sempre in sicurezza. Nonostante sia
Ampi tratti di mura esterne sono affrescati sempre consigliato calzare scarpe adeguate
con scene allegoriche e motivi araldici. Gli e prestare la massima attenzione, soprattutto
interni del castello ci dicono siano particolar- a non battere la testa nei punti più bassi,
mente preziosi, ma non sono visibili perché il percorso è semplice, in buona parte in
il complesso è privato. piano, affrontabile da chi non è allenato e
71
dai bambini. E se le vedute e gli scorci sul 4 Pernottamento
santuario, che via via si avvicina apparendo Hotel Cles HOTEL  €€
e scomparendo tra i rami, sono in grado di (% 0463 42 13 00; www.hotelcles.com; Piazza Na-
affascinare e lasciare di stucco anche i più varrino; singole €50-70, doppie €38-50 per persona,
navigati viaggiatori, figuratevi i bambini. La prima colazione €5; h tutto l’anno; paW ) Dal
lunghezza complessiva del tracciato nella 1883 questo è ‘l’albergo’ di Cles. Situato in
roccia è di 2,5 km, dopodiché si continua un palazzo centralissimo che affaccia sulla

Dolomiti di Brenta C les e dintorni


ancora per pochi metri su strada asfaltata Chiesa di Santa Maria Assunta, ha camere
fino all’inizio della salita al Santuario di ben accessoriate e ampie, ottimi letti, un
San Romedio (v. lettura p71), su sentiero
bel bar nella lobby e personale sbrigativo
di ciottoli. Questo è di gran lunga il modo ma professionale. La presenza dell’apprez-
più suggestivo e gratificante per raggiungere zata Osteria Palazan al piano terra lo rende
il santuario. anche un luogo ben inserito nella comunità
z Feste ed eventi clesiana. Qui clienti affezionati vengono per
commentare le notizie o cimentarsi in tornei
Pomaria OTTOBRE di burraco la sera. È possibile usufruire di
(% 0463 83 01 33; www.pomaria.org) Il weekend biciclette fornite gratuitamente dall’hotel.
della terza domenica di ottobre, in località
Livo, si svolge questa manifestazione inte- 5 Pasti
ramente dedicata alla regina della valle, la
mela, con mercatini, laboratori, attività per
oOsteria Palazan RISTORANTE  €€
(% 0463 42 13 00; www.hotelcles.com; Piazza
bambini e soprattutto degustazioni. Da Cles,
Navarrino; pasti €20-25; h 19-22 lun-sab 19 feb-6
un autobus della compagnia Trentino Tra-
gen, 12.30-14.30 e 19-22 tutti i giorni lug e agosto)
sporti (% 0461 82 10 00; www.ttesercizio.it; Via
L’Osteria Palazan è semplice ma elegante,
Innsbruck 65, Trento; h 7-19.30 lun-ven) conduce
amichevole e istituzionale al tempo stesso.
al luogo della manifestazione.

DA NON PERDERE

SAN ROMEDIO: IL FANTASTICO SANTUARIO TRA I BOSCHI


Che lo raggiungiate seguendo il tracciato dell’antico canale (p70) o percorrendo in
auto la forra boscosa che lo circonda e nasconde, quando lo vedrete difficilmente riusci-
rete a trattenere un’esclamazione di stupore. Il Santuario di San Romedio (% 0463 53
61 98; Sanzeno; h 9-17.30 ott-apr, 9-18 mag, giu e set, 8.30-19 lug e agosto) F sembra un’o-
pera di fantasia, la materializzazione di una visione uscita dalla penna di uno scrittore di
saghe popolate da draghi e principesse, monaci e guerrieri. Celato fra queste gole e in
questa foresta, fu costruito fra il V e l’VIII secolo, in fasi diverse e successive. La partico-
larità di ciò sta nel fatto che i diversi stadi costruttivi non portarono solo alla demolizione
o alla modifica di quelli precedenti, ma si sovrapposero generando una ‘pila’ di edifici che
oggi poggiano l’uno sull’altro in modo ardimentoso, suscitando nell’osservatore una sen-
sazione di incredibile precarietà. Attraversato l’antico ponte di pietra che dal parcheggio
conduce all’ingresso del complesso, vi ritroverete nel Cortiletto del Priorato, che vi
restituirà subito la sensazione di esservi introdotti in un mondo autosufficiente, e potrete
visitare sei cappelle di epoche diverse, ognuna decorata fastosamente e diversamente
dalle altre. Alle pareti vedrete teorie di ex voto, in ogni angolo porticine segrete e fine-
strelle che affacciano su scorci rigogliosi e segreti, fino al maestoso panorama sulla forra
che si può godere dal ballatoio del piano più alto del complesso, nei pressi della Cap-
pella delle Reliquie. Il santuario si trova nel luogo dove fra IV e V secolo san Romedio
visse con i compagni Abramo e Davide, e un orso, presenza stabile in queste montagne;
ecco perché il santo (lo vedrete ovunque, soprattutto nel bookshop del Cortiletto del
Priorato) è rappresentato in compagnia del plantigrado. Romedio morì nel 400 (o 405)
e qui fu sepolto; dopodiché, nulla fu più costruito per circa 500 anni. Poi, nel 1000, sorse
la prima chiesa, sopra il sepolcro. Al 1489 risale la Cappella di San Giorgio, la prima che
visiterete; da quell’anno il santuario continuò a ingrandirsi e abbellirsi con luoghi di culto
e ambienti destinati al soggiorno di monaci e pellegrini. L’ultima aggiunta, del 1918, è la
Cappella dell’Addolorata, eretta per rendere grazia della fine della Grande Guerra.
72
È il ristorante dell’Hotel Cles ed è uno dei Visintainer CARTOLIBRERIA
migliori indirizzi della città. Il gestore è (% 0463 42 11 57; Piazza Granda 3; h 6-12.30 e
un appassionato conoscitore del territorio, 15-19.15 lun-sab, 6-12.15 dom) Cartine, taccuini
avendolo perlustrato in lungo e in largo con le e molte altre piccole cose che servono in un
ciaspole e gli sci, ma al cospetto della grande viaggio si trovano qui dall’inizio del Novecen-
stufa di ceramica bianca che troneggia in to. Questa è anche una libreria con un buon
una delle sale diventa un esperto di vini catalogo di libri di storia, costume e tradi-
Dolomiti di Brenta T uenno e i castelli della bassa Val di N on

(fatevi aprire un Groppello di Revò, ricavato zioni locali del Trentino. Un indirizzo utile.
da un vitigno autoctono della Val di Non) e
un profondo conoscitore della cucina della 3 Divertimenti
zona e della sua storia. La zuppa di trippe Cineteatro Cles CINEMA
che veniva offerta ai contadini nel giorno (% 329 021 32 51; Via G. Marconi 26; h spettacoli
di fiera è ancora fatta come un tempo, e gli alle 17 e alle 21) Non c’è molto da fare la sera
gnocchi di patate crude e il risotto con ‘pomi a Cles. Alcuni fra i titoli del momento sono
e luganega’ (mele e salsiccia) sono tutti da disponibili nel cinema del paese.
provare. Il rapporto qualità-prezzo è ottimo.
88 Informazioni
Al Picchio Nero ENOTECA CON CUCINA  €€
ASSISTENZA SANITARIA
(% 0463 42 32 07; Piazza Cesare Battisti 1; pasti
L’Ospedale di Cles (% 0463 66 01 11; Viale De
€26-28; h 10-14.30 e 17-24 lun-sab) Sono arrivate
Gasperi 31) è dotato di pronto soccorso. Per la
anche qui le enoteche con cucina, una solu- guardia medica (% 0463 468096; Piazza San
zione spesso adatta alle esigenze di chi non Vittore 5, Predaia Località Taio; h 20-8 lun-ven,
vuole necessariamente sedersi a tavola con le dalle 8 sab alle 8 lun) bisogna rivolgersi al servizio
cerimonie del caso e con il tempo che questa erogato per tutta la valle a Taio.
operazione necessita. Il menu è limitato, ma
compensato dalla varietà di scelta nei vini. INFORMAZIONI TURISTICHE
Canederli alla trentina, trippe alla parmi- A Cles c’è una Pro Loco (% 0463 42 28 83, 0463
giana, gulasch (€9-12), piatti di formaggi e 42 13 76; www.prolococles.it; Corso Dante 8;
h 9-12.30 e 15-18.30 lun-sab, 9-12 dom in estate;
salumi (€13), dolci (€4) sono serviti in una
9-12.30 e 15-18 lun-sab in inverno) che fornisce in-
cantina con le pareti coperte di bottiglie,
formazioni essenziali. Si trova vicino al municipio.
accessibile anche a chi ha difficoltà motorie.
POSTA
6 Locali e vita notturna Ufficio postale (Viale De Gasperi 24; h 8-18.30
oToys Shop CAFFETTERIA/GELATERIA lun-ven, 8-12.30 sab)
(% 348 784 84 68; Piazza Primo Maggio 1; h 7-20
lun-gio, 7-23 ven-dom) Piena zeppa di scatole
delle costruzioni Lego e di altri giochi a Tuenno e i castelli
disposizione dei bambini, questa caffetteria- della bassa Val di Non
gelateria è unica nel suo genere. Fra arredi TUENNO: POP. 2425 / ALT. 629 M
belli e divertenti, interamente a tema Lego, Circa 5 km a sud di Cles lungo la SP73 si in-
potrete prendervi una pausa dalle escursioni, contra il paese di Tuenno (parte del comune
dalle sciate, dalle visite ai castelli… e dai sparso di Ville d’Anaunia), grosso centro le-
vostri figli (e viceversa, s’intende). Ottimi gato all’industria frutticola, senza particolari
gelati e panini. motivi di interesse artistico o storico, ma in
bella posizione panoramica sulla Val di Non.
7 Shopping Il centro è strategico come punto di partenza
GA Gli Artigiani del Cuoio ARTIGIANATO di escursioni verso i castelli della vallata,
(% 0463 42 33 35; www.odorizzialbino.it; Via Carlo in un continuo saliscendi su belle e quiete
Antonio Martini 20; h 8.30-13 e 15.30-19 mar-sab) strade secondarie, ideali da percorrere in bici
Scarpe, portafogli, cinture… tutto fatto a o in moto, e come punto di accesso alla Val
mano artigianalmente, come conferma l’odo- di Tovel, che conduce a una delle perle delle
re di cuoio conciato che pervade la strada. Il Dolomiti di Brenta, il Lago di Tovel (p74).
signor Albino ci sa proprio fare, soprattutto
con le creazioni che vanno a pescare nella 1 Che cosa vedere
tradizione di queste terre. Alcuni fra i suoi Castel Nanno CASTELLO
foderi in cuoio per i coltelli e altri articoli (Località Nanno, a 1,8 km da Tuenno) Se si esclude
legati alla caccia sono piccole opere d’arte. una torretta diroccata a ridosso della facciata
73
nord-est, dell’antica roccaforte di Nanno non SI DICE SUL POSTO
rimane nulla. Tutta la struttura ha infatti l’a-
spetto di una residenza signorile cinquecen- SEGRETI NELLE SEGRETE
tesca, secondo il volere dei principi-vescovi L’atmosfera di amena tranquillità che
Madruzzo che la trasformarono nella loro pervade le campagne circostanti i ca-
dimora estiva. Non c’è un altro castello nella stelli della Val di Non nasconde storie e
Val di Non che sia ‘meno castello’ di questo, leggende a tratti macabre per ognuno

Dolomiti di Brenta T uenno e i castelli della bassa Val di N on


una struttura quadrata che richiama schemi o quasi di questi manieri; come Castel
di progettazione palladiani, con una bassa Nanno, dove una pietra con tre croci
e tozza torre centrale e una cinta muraria incise rimane a imperitura memoria del
merlata, dotata di quattro torrette di con- rogo che, secondo la leggenda, arse tre
trollo che sorvegliano una distesa di meli nel giovani accusate di stregoneria nel Sei-
silenzio più totale. Dietro si alzano le vette cento; o Castel Valer, dove la leggenda
delle Dolomiti di Brenta. Il maniero è una vuole sia stata murata viva una coppia
residenza privata e non è visitabile se non in di fidanzati di due famiglie rivali.
occasioni speciali, durante le quali si possono
ammirare i soffitti lignei e gli affreschi che
ornano l’interno. Dal palazzo centrale (XVI-XVII secolo) è
possibile raggiungere il mastio e, attraverso
Castel Valer CASTELLO una scala a chiocciola cinquecentesca, cinque
(Località Tassullo, a 2 km da Tuenno) Castel Valer grandi finestre, punto di osservazione privi-
sorge in posizione panoramica e ha un legiato sull’intera bassa valle.
aspetto complessivo di grande eleganza. Il
suo nome, del quale si hanno le prime notizie 2 Attività
nel 1211, quando il maniero svolgeva funzioni ATTIVITÀ ESTIVE
difensive, deriva con ogni probabilità dal Trekking
culto di san Valerio, al quale è dedicata la Tuenno e il centro nonese di Cunevo sono
cappella interna. Nel 1368 l’edificio divenne punti di accesso per il trekking nelle Dolo-
proprietà della famiglia Spaur, che tuttora lo miti di Brenta sia d’inverno sia d’estate. Da
possiede e ne ha fatto una location per eventi Tuenno è possibile recarsi al Lago di Tovel e
(non è visitabile e viene aperto al pubblico da lì avventurarsi in più di una escursione.
molto di rado). Dall’esterno, però, vale la Dal centro di Cunevo, Via Cattani prima e
pena di ammirare l’inconfondibile torre a Via Sabbionare poi vi condurranno a monte
pianta ottagonale alta 40 m (la più alta della del paese, dove inizia il bosco. Imboccate
provincia), che svetta meravigliosamente la strada asfaltata seguendo le indicazioni
in mezzo alle cinte murarie, tutte disposte per la Malga Arza, che si trova a 9 km. Poco
seguendo il perimetro della torre stessa. La prima della malga c’è un parcheggio (se siete
Cappella di San Valerio si trova nel settore arrivati in auto dovete lasciarla qui). Dalla
settentrionale ed è interamente affrescata dai malga si percorre il Sentiero n. 330 fino alla
Baschenis (v. lettura p85). Malga Termoncello (circa un’ora di cammi-
no), dove si trova un piccolo bivacco. Da qui
Castel Belasi CASTELLO
inizia il trekking vero e proprio. In 9 km,
(% 0461 65 55 47; SP55, Località Campodenno; h 14- seguendo il Sentiero n. 339 fino al Passo
19 mar-ven, 10-12 e 14-20 sab e dom) F Ha l’a- Termoncello e quindi nuovamente il n. 330
spetto di un massiccio bastione, con una torre fra ghiaioni e pini mughi, con vedute spetta-
a pianta poligonale di indistruttibile granito, colari sul Lago di Tovel, si raggiunge la Malga
una doppia cinta muraria quattrocentesca e Flavona. Se invece dal Passo Termoncello si
soprattutto una straordinaria posizione pa- segue il Sentiero n. 339, si raggiungono le
noramica. Castel Belasi si erge dal XII secolo rive del Lago di Tovel percorrendo tratti di
a poca distanza dall’abitato di Campodenno, ripida discesa.
su uno sperone di roccia spesso sferzato dal
vento, e fra i tanti castelli della valle è uno dei Castel Corona TREKKING
pochi a non essere di proprietà privata. Nel Le pareti di roccia che si innalzano repentine
corso dei secoli, però, è stato proprietà delle a occidente della Val di Non sono le pendici
più importanti famiglie nobiliari della Val di delle Dolomiti di Brenta, percorse da valli
Non: i Belasio, gli Spaur, i Khuen di Termeno. e sentieri che penetrano in tutta segretezza
Abbandonato definitivamente nel secondo nella montagna. Una segretezza nota anche
dopoguerra, si è andato via via deteriorando. agli ingegneri medievali, che qui hanno
74
costruito un castello unico nel suo genere, 4 Pernottamento
Castel Corona, all’interno di una grotta, o La Casa del Sole B&B  €
meglio di una fessura nella roccia, in modo (% 0461 65 50 49, 333 112 07 39, 334 343 73 63;
da consentire ai soldati qui di stanza di av- www.beblacasadelsole.com; Via Soì 12, Campo-
vistare il nemico senza essere visti. Inoltre, denno; pernottamento €35 per persona; pW # )
il ‘mimetismo’ del castello non imponeva Soggiornare in questo B&B con tre camere
un costante presidio. Si dice comunque chiamate Alba, Mezzogiorno e Tramonto,
Dolomiti di Brenta T uenno e i castelli della bassa Val di N on

che un insediamento fosse qui presente sin perché appunto questa è ‘la casa del sole’, è
dall’Età del Bronzo. In ogni caso, il luogo fu come diventare per un po’ cittadini di Cam-
abbandonato dal Cinquecento e oggi è in podenno. Michela e Leo Pedò sono padroni di
rovina. Raggiungerlo però è emozionante, casa accoglienti e gentili, e preparano ottime
anche perché lo si può fare solamente come confetture che potrete gustare a colazione. Le
nel passato: bisogna armarsi di ciaspole in mele sono ovunque, nelle torte, attorno a voi,
inverno o buone scarpe d’estate, e impiegare nel panorama, come presente di benvenuto…
circa un’ora percorrendo un sentiero che
parte dal centro del paese di Cunevo (8 km
a sud di Tuenno lungo la SP73). Passando per Lago di Tovel
Via Cattani e Via Sabbionare si raggiunge ALT. 1179 M
il bosco a monte del paese e si imbocca la Come un cioccolatino al liquore, le Dolomiti
strada per la Malga Arza. Dopo i primi due di Brenta hanno un cuore liquido. Proprio
tornanti si mantiene la sinistra per restare nel mezzo del possente massiccio riposano
sulla strada principale, dopo i due successivi infatti quiete le acque del Lago di Tovel, in
si imbocca una diramazione a destra che una conca molto vasta interamente ricoper-
diventa presto un sentiero. Si capisce che ta di boschi secolari nella parte bassa. In
il castello è vicino perché la parete rocciosa alto, invece, si possono ammirare a 360° le
nuda si sporge verso valle. Dopo poche vette delle Dolomiti di Brenta da un punto
centinaia di metri appare ciò che rimane di vista completamente diverso da quello
di Castel Corona: un muro di 20 m per 30, delle vallate che le circondano, quasi come
alcune feritoie e due finestrelle. A sinistra se ci si trovasse negli ‘appartamenti privati’
dell’imponente fortezza, una lunga scala della montagna. In inverno, quando tutto è
verticale permette a chi ha l’attrezzatura da ammantato di neve e i visitatori scarseggia-
ferrata di salire al livello del castello. no, venire qui restituisce l’impressione della
scoperta, mentre le imponenti montagne
provocano una sorta di timida fascinazione.
DESTINAZIONI INSOLITE Il lago è uno specchio d’acqua di 1 km per
570 m e le sue acque popolate di salmerini
DENTRO LA MONTAGNA
toccano una profondità massima di 40 m
A monte dell’abitato di Terres, 4,5 km scarsi. È possibile raggiungerlo percorrendo
a sud di Tuenno lungo la SP73, si può la strada che da Tuenno si inoltra nella Val di
intraprendere un avventuroso attraver- Tovel: 11 km di grande interesse paesaggistico
samento della montagna utilizzando la che corrono a fianco del torrente Tresenica
Galleria dell’Acquedotto (allestita e attraversando mugheti e frane, dove non
illuminata in modo da essere fruibile in è raro incontrare cerbiatti e camosci che
sicurezza). La galleria inizia in Val di Non saltano fra le rocce. Nel periodo di disgelo,
e sbuca in Val di Tovel, dove si congiunge al termine dell’inverno, in tutta la valle si
al Sentiero delle Antiche Segherie. In formano laghetti dai colori straordinari che
alternativa alla galleria c’è una variante scompaiono con il caldo nel fondo sassoso
che da Terres conduce sempre in Val di delle Glare. La zona delle Glare è un ammasso
Tovel lungo il Lec, il tracciato del vecchio di macigni che sembra un paesaggio lunare,
acquedotto. Da qui il sentiero attraversa creato da un’antica frana caduta alcuni secoli
un percorso difficile sulla forra del tor- fa dal Monte Corno (1962 m).
rente Tresenga, attrezzato in alcuni tratti In alternativa si può percorrere il Sentiero
con cordino e da percorrere necessa- delle Antiche Segherie, che nella seconda
riamente con attrezzatura alpinistica. parte si chiama Sentiero delle Glare ed è
Se non siete equipaggiati, usciti dalla per lo più agevole salvo in alcuni tratti, dove
galleria potete raggiungere la strada non è affrontabile se non con la completa
asfaltata che porta al Lago di Tovel. attrezzatura alpinistica perché copre un con-
siderevole dislivello. I sentieri sono raggiun-
75
gibili anche dalla Galleria dell’Acquedotto (v.
lettura p74). ‘L’ COME LAGO DI SANGUE
Al lago c’è la possibilità di parcheggiare.
Costeggiando la sponda occidentale, si Fino a pochi decenni fa il Lago di
raggiunge la Casa del Parco ‘Lago Rosso’ Tovel aveva una caratteristica che lo
(% 0463 45 10 33; www.pnab.it; h 10-18 mag-set), rendeva ancora più affascinante: nella
centro informativo del Parco Adamello- stagione estiva, più o meno da luglio
a settembre, le sue acque si colora-

Dolomiti di Brenta S pormaggiore


Brenta.
vano di un rosso sanguigno, che per
2 Attività anni si è pensato fosse dovuto a un
TUTTO L’ANNO protozoo, il Glenodinium sanguinem. Il
Trekking fenomeno, particolarmente spettaco-
È possibile compiere il periplo del lago con lare dopo i temporali, dal 1964 non si
un sentiero su strada comodo e ben tracciato. è più verificato, probabilmente per la
Inoltre si possono raggiungere la Malga Tue- diminuzione delle vacche in alpeggio, i
na (1745 m) con il Sentiero n. 303 e la Malga cui escrementi contenevano i nutrienti
Pozzol (1632 m) con il n. 314, che poi prosegue per le alghe. Recenti ricerche hanno
fra scenari maestosi, torrenti, ponti e cascate ipotizzato che l’arrossamento del Lago
fino alla Malga Flavona (1858 m). Se siete di Tovel fosse dovuto invece all’effetto
adeguatamente attrezzati, potete compiere combinato di varie alghe: la Tovellia
il percorso anche in inverno, con la neve. sanguinea, che lo colorava di rosso, la
Baldinia anauniensis, oggi abbondante,
4 Pernottamento e pasti che gli dà il colore verde attuale, e una
terza alga, ancora sconosciuta.
Lago Rosso RIFUGIO  €
(% 0463 45 12 42, 0463 45 04 86; www.albergolago
rosso.it; Tuenno, Località Lago di Tovel; pernottamen- NAVETTA
to €35 per persona; h apr-set) Siete in un rifugio,
Val di Tovel Express (www.pnab.it) è il servizio
quindi il bagno è in comune, come spesso ac- navetta che percorre la Val di Tovel fino al lago
cade, e per il ristorante bisogna accontentarsi (discese €1, salite gratuite con ticket parcheggio,
di un’offerta limitata, ma comunque buona. ParcoCard, DoloMeetCard, Trentino Guest Card;
Però pernottare qui, nel silenzio abissale 18 corse fra le 10.40 e le 16.20 ogni 20 min dal
della notte rotto solo dal rumore dei massi parcheggio Capriolo al Lago di Tovel; 4 corse fra le
che rotolano, è molto affascinante. Il rifugio 10.20 e le 14.40 da Tuenno, alle 10.10 e alle 10.30
è un’ottima base nel caso si vogliano intra- da Cles; 25 corse fra le 11 e le 19 ogni 20 min dal
prendere escursioni nei dintorni. Lago di Tovel al parcheggio Capriolo, di cui 6 pro-
seguono per Tuenno e 3 per Cles).
88 Informazioni
Casa del parco ‘Lago Rosso’ (% 0463 45 10 33;
Lago di Tovel; h 10-13 e 14-18 tutti i giorni 10 giu- Spormaggiore
24 set, solo weekend 6 mag-10 giu e 30 set-29 ott) POP. 1280 / ALT. 565 M
Spormaggiore, con Sporminore e altri to-
88 Per/da Tuenno ponimi della zona, e persino i patronimici
e il Lago di Tovel di alcune famiglie della zona, prende nome
AUTOMOBILE E PARCHEGGIO dal torrente Sporeggio, che scendendo dalle
L’accesso al Lago di Tovel con mezzo proprio è Dolomiti di Brenta scava la vallata panora-
regolamentato dalle 9 alle 18 tutti i giorni (moto- mica nella quale si trova il paese. L’attra-
cicletta/auto/caravan €4/8/12 giu-set, €3/6/9 zione iconica del paese è il Castel Belfort
ott-mag). In alta stagione (giu-set), dalle 10.30 (SS421, a 1 km da Spormaggiore), che, in linea
alle 16.30 è necessario lasciare l’auto presso il con la singolarità delle altre fortificazioni
parcheggio più a valle detto ‘Capriolo’, circa a metà della zona (è impossibile trovarne due dello
della strada che percorre la Val di Tovel, mentre stesso tipo), ricorda più i resti di un piccolo
al di fuori di questi orari è possibile raggiungere
castello scozzese, se non fosse che invece
il parcheggio ‘Lago’ a pochi metri dallo specchio
d’acqua. I punti di parcheggio a pagamento sono
delle Highlands guarda i dolci meleti della
in totale sei sulla strada della Val di Tovel, mentre Val di Non. Castel Belfort esisteva già nel 1311,
ne esistono due gratuiti nel paese di Tuenno. In quando Enrico conte di Boemia concesse a
alta stagione una navetta (v. di seguito) collega i Tissone di Altspaur la licenza di costruire
punti di parcheggio con il lago. una torre di guardia sulla Via Nuova, l’attuale
76
DA NON PERDERE

CASTEL THUN A VIGO DI TON


Secondo solo al Castello del Buonconsiglio di Trento, Castel Thun (% 0461 23 37 70;
www.castelthun.com; Vigo di Ton; interi/ridotti €8/6; h 9.30-17 sab e dom nov-marzo, 9.30-17
mar-dom marzo-apr, 10-18 mar-dom mag-nov), che galleggia tra i meleti del versante orien-
tale della valle sulla cima di una vasta e dolce collina, affrontando gli spalti delle Dolomiti
Dolomiti di Brenta Val di S ole e Val M eledrio

che si innalzano inondate di sole al mattino e lo adombrano al tramonto, è una meta


irrinunciabile nel viaggio in Val di Non. Nell’infinito repertorio dei castelli trentini, rap-
presenta infatti uno degli esempi più interessanti: dalla metà del XIII secolo fu proprietà
della famiglia Thun, che aveva numerosi possedimenti e residenze nelle valli di Sole e di
Non, ed era circondato da un complesso sistema di fortificazioni, cinte murarie e fossati,
torri, bastioni e camminamenti di ronda. La visita prende le mosse dall’imponente Porta
Spagnola, che si raggiunge dopo una breve passeggiata fra i castagni sul lato setten-
trionale del complesso. La porta, aperta nel 1566, è composta di conci bugnati disposti
a raggiera. L’interno rappresenta molto bene gli ambienti di un castello rinascimentale:
la Stanza del Vescovo è interamente rivestita di legno di cirmolo, un legno molto chiaro
con il quale è possibile realizzare intarsi bellissimi. Meritano una menzione particolare
anche le cucine. Una serie televisiva di non molto tempo fa, Downton Abbey, ha insegna-
to al pubblico come, per far funzionare una grande residenza nobiliare inglese, ci fosse
la necessità di un’organizzazione maniacale e di imponenti strutture, mezzi, ambienti e
attrezzature; ebbene, la visita a queste cucine vi farà capire come questa macchina do-
mestica non fosse in uso solo nella vecchia Inghilterra, ma anche qui. Castel Thun custo-
disce anche una splendida collezione di dipinti (fra gli artisti le cui opere si possono am-
mirare qui citiamo Jacopo Bassano, Camillo Procaccini, Giuseppe Maria Crespi, Giovanni
Battista Lampi, Joseph Bergler), arredi di grande pregio e una nutrita armeria. Spettaco-
lare la vista sulla vallata di cui si può godere passeggiando nei giardini meridionali.
Castel Thun si raggiunge uscendo al casello di San Michele all’Adige lungo l’A22 del
Brennero e percorrendo poi la SS43 della Val di Non fino a Vigo di Ton. Servono il castello
quattro parcheggi (€1,50 l’ora; la visita prende da un’ora e 30 minuti a tre ore), il più
vicino dei quali si trova proprio alle pendici della salita del castello, mentre il più lontano
(gratuito) è nel paese di Vigo di Ton, molto carino e raccolto, nella cui chiesa si possono
ammirare le primissime opere di Francesco Guardi, noto pittore veneziano della fine del
Settecento. Dal parcheggio si può prendere una navetta gratuita che porta al castello.

SS421. Nel 1670 fu fortemente danneggiato da giocare con le caprette. Una visita completa
un incendio e nel Settecento fu ricostruito e prende circa due ore.
trasformato in una residenza estiva, quindi
abbandonato. Oggi è possibile ammirare un 88 Informazioni
bel portale calcareo sovrastato dallo stemma La Casa dell’Orso (% 0461 65 36 22; h 9.30-
dei Saracini e la torre medievale. Nel centro 18.30 giu-set, 10-18 ott), centro informativo del
del paese si trovano invece le indicazioni Parco Naturale Adamello-Brenta, funge da ufficio
per il Parco Faunistico di Spormaggiore turistico.
(% 0461 65 36 22; www.parcofaunistico.tn.it; Via
Nazionale; interi/ridotti €8/7; h 9.30-18.30 giu-set,
10-18 ott), che occupa le pendici settentrionali VAL DI SOLE
dell’Altopiano della Paganella. Si tratta di
un’area dove risiedono in spazi recintati, E VAL MELEDRIO
ma a tratti molto ampi, esemplari di nume- Il tratto della Val di Sole che interessa il
rose specie animali fra quelle presenti nel viaggiatore diretto alle Dolomiti di Brenta è
territorio delle Dolomiti di Brenta, quasi quello nord-orientale, segnato dal corso del
tutti provenienti da sequestri di allevamenti Noce nel suo segmento a monte del Lago di
non in regola o comunque nati in cattività: Santa Giustina. L’altra sezione della valle,
un’occasione di vedere orsi, linci, volpi e lupi di cui non si parla in questa guida, è invece
altrimenti difficili da incontrare, a meno di percorsa dall’alveo del torrente Vermigliana.
non spingersi in percorsi impervi. C’è an- Sul versante sud della valle iniziano le
che una zona ristoro e i bambini potranno pendici del gruppo di Brenta, dal paese di
77
Cles a Malè, fino a Dimaro, dove, continuan- mondiale. Ormai l’avrete capito, ogni valle
do a costeggiare il massiccio dolomitico e a ha la sua civiltà e relativo museo. Il Museo
seguire il corso del Noce, si devia verso sud e della Civiltà Solandra (% 0463 90 17 80, 349
si imbocca la Val Meledrio. Questa, eccettuato 550 97 02; www.centrostudivaldisole.it; Via Trento;
il centro sciistico di Folgarida, è una valle pa- ingresso su offerta; h 10-12 e 16-19 lun-sab giu-set, su
noramica e selvaggia che sale piano in quota prenotazione in altri periodi) racconta usi e costu-
terminando a Campo Carlo Magno (p83). mi degli abitanti della Val di Sole attraverso

Dolomiti di Brenta M alè


interessanti ricostruzioni degli ambienti
88 Per/da Val di Sole della vita quotidiana e familiare, spesso con
e Val Meledrio oggetti originali, e permette di comprendere
l’economia di sussistenza di quest’angolo di
AUTOBUS
Trentino. I veri appassionati apprezzeranno
La Val di Sole è percorsa dalla linea n. 620 di Tren-
la Sezione Bresadolina, che si occupa della
tino Trasporti (% 0461 82 10 00; www.ttesercizio
.it; Via Innsbruck 65, Trento; h 7-19.30 lun-ven), figura del micologo Giacomo Bresadola, vero
che connette Malè con Dimaro. Da Dimaro la linea luminare della disciplina.
n. 642 si inoltra nella Val Meledrio verso Passo
Campo Carlo Magno e Madonna di Campiglio e 2 Attività
ritorno. La compagnia STAT Turismo (% 012 78 TUTTO L’ANNO
16 60; www.statturismo.com; Via Motta 30, Casale Alpinismo e scialpinismo
Monferrato) connette la zona con diverse località Le Guide Alpine Val di Sole (Scuola Italiana di
di Emilia Romagna, Lombardia e Liguria, tra le Alpinismo e Scialpinismo della Val di Sole; % 0463
quali Genova (€57 per Folgarida e €58,50 per Di- 90 11 51, 347 745 73 28; www.guidealpinevaldisole
maro) e Piacenza (€36 per Folgarida e €37,50 per
.it; c/o Palazzo del Municipio, Piazza Regina Elena 17)
Dimaro) da dicembre a marzo (1 corsa al giorno).
sapranno farvi apprezzare gli aspetti inver-
AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA nali così come quelli estivi delle splendide
La SS42 percorre tutta la Val di Sole. Da Trento è montagne che vi circondano.
raggiungibile prima Cles con la SS43 e quindi Cis,
dove si incontra l’inizio della SS42. A Dimaro si 4 Pernottamento e pasti
lascia la SS42 per imboccare la SS239 che percor- Liberty Hotel Malè HOTEL  €€
re la Val Meledrio. (% 0463 90 11 05; www.valdisolehotel.it; Piazza
TRENO Garibaldi 33; singole/doppie €60/75; p ) Buona
L’unico mezzo che connette Trento con Cles, Malè
e Dimaro è la Ferrovia Trento-Malè (linea F.700 DA PROVARE
di Trentino Trasporti (% 0461 82 10 00; www.
ttesercizio.it; Via Innsbruck 65, Trento; h 7-19.30 TRENTO–MALÈ
lun-ven).
La storia della ferrovia gestita da Tren-
tino Trasporti (% 0461 82 10 00; www.
ttesercizio.it; Via Innsbruck 65, Trento; h 7-
Malè 19.30 lun-ven), che collega Trento, Malè
POP. 2179 / ALT. 737 M e Mezzana, inizia nel 1909, quando la
Nella piazza centrale di Malè, raccolta, quasi ferrovia era una tranvia. Subito dopo la
chiusa, si trovano due edifici sacri: una cap- guerra la tratta viene elettrificata e da
pella che pare un’arca e la Chiesa di Santa quel giorno, con vari ammodernamenti,
Maria Assunta (% 0463 90 11 92; Via Bezzi 7; è entrata in funzione. Raggiungere Malè
h alba-tramonto). Questa è una delle tre chiese e Mezzana, o viceversa Trento, con que-
pievane della valle, ricordata dai documenti sto mezzo significa ritrovare paesaggi e
del 1183 ma probabilmente di origine an- ritmi di un tempo, un modo di viaggiare
cor più remota. Sulla facciata spiccano un lento che concede spazio alla riflessione
magnifico portale del Quattrocento e un e alla contemplazione delle montagne
protiro di influenza clesiana del 1531. Navate e della natura. I treni sono frequenti,
e altari portano affreschi del 1933 firmati ogni 30 minuti circa nei giorni feriali, e in
da Pino Casarini, di argomento sacro. Lo media ogni ora nei festivi. Tutti i convogli
stesso Casarini è autore degli affreschi nella consentono il trasporto bici con preno-
Cappella di San Valentino, fuori la chiesa, tazione e in alcuni casi anche senza. Il
un tempo utilizzata, secondo la leggenda, treno da Trento a Malè effettua fermate
per officiare messa durante le pestilenze e intermedie fra cui Cles (p69).
oggi dedicata ai caduti della prima guerra
78
soluzione in centro se non volete approfittare L’itinerario inizia all’interno del paese, dove
delle tante case vacanze e B&B delle imme- sorge l’antica Chiesa di San Lorenzo, con
diate vicinanze di Malè. Ospita un bel bar, in il particolare campanile cinquecentesco. Si
cui si respira un’aria d’antan, e un ristorante. procede costeggiando il torrente Meledrio
fino alla Segheria Veneziana, posta all’in-
88 Informazioni gresso del paese sulla strada che proviene
INFORMAZIONI TURISTICHE da Folgarida. Si può quindi imboccare il
Dolomiti di Brenta D imaro

IAT Val di Sole di Malè (% 0463 90 12 80; Percorso della Trementina raggiungendo le
Via Marconi; h 8.30-12 e 14-18 lun-sab) Fosinace, luogo di lavorazione del ferro; qui
si trova un maglio perfettamente conservato.
POSTA Procedendo ancora si incontra la Calcara,
Ufficio postale (% 0463 90 99 49; h 8.20-13.45 dove veniva cotta la calce, e infine si incontra
lun-ven, 8.20-12.45 sab) l’antico Ospizio per i pellegrini presso il Doss
di Santa Brigida.

Dimaro 2 Attività
POP. 1298 / ALT. 766 M ATTIVITÀ ESTIVE
Allo snodo fra Val di Sole e Val Meledrio sta Canoa e rafting
il paese di Dimaro, che, proprio in virtù di Il fiume Noce è ideale per dedicarsi alla
questa sua posizione, è sempre piuttosto canoa e al rafting in un ambiente selvaggio
trafficato; ma non per questo va tralasciato, e incontaminato. Ci sono due centri rafting
perché è molto caratteristico, con alcune nel tratto della Val di Sole, la zona d’interesse
emergenze interessanti. Nei pressi dello IAT di questa guida, Rafting Center Val di Sole
(p79) si trova l’ Antica Casa del Dazio (% 0463 97 32 78, 340 217 58 73; www.raftingcenter
(XVI secolo), riconoscibile per la bifora, il .it; Via Gole 105; uscita Family/Extra €39/55 compre-
portale e la galleria che l’attraversa, e dove so servizio fotografico) e Trentino Wild (% 0463
appunto veniva riscossa una tassa di ingresso 90 12 63, 329 274 32 26; www.trentinowild.it; Centro
e transito per le merci dirette nella valle; sportivo di Caldes, Località Contre; a partire da €25),
ancora oggi ha tutto l’aspetto di un check- che offrono entrambi pacchetti per famiglie.
point. Affrontare il percorso dell’Ecomuseo
Val Meledrio (% 0463 98 66 08, 0463 98 61 13) Trekking e mountain bike
è uno dei modi migliori per visitare Dimaro. Prima della costruzione della SS239 si risaliva
da Dimaro verso Madonna di Campiglio per
Folgarida attraverso una strada poi denomi-
IL PAESE DELLE MERIDIANE nata Via dell’Imperatore (5,5 km, 3 h). Qui,
infatti, nel 1894 era transitato Francesco
Monclassico, in Val di Sole, a 2 km Giuseppe, imperatore d’Austria-Ungheria,
da Dimaro, è noto per essere il paese per raggiungere Campiglio, meta amata an-
delle meridiane artistiche. Del resto, che dalla moglie Sissi, Elisabetta di Baviera.
quale posto migliore della Val di Sole Dall’abitato di Dimaro si segue la SS239
per gli orologi che segnano l’ora con in direzione Madonna di Campiglio fino al
l’ombra? La tradizione è millenaria, ma primo tornante, dove inizia uno sterrato che
l’innovazione, l’incontro di astronomia costeggia il Meledrio. Oltrepassate tutte le
e arte, nasce nel 2002 grazie all’As- tappe dell’Ecomuseo Val Meledrio (p78) si
sociazione Culturale Le Meridiane raggiunge l’oratorio della Madonnina; poco
(www.meridianemonclassico.it), che oltre il Meledrio è costretto in una forra e
ha puntato sulla sinergia fra artisti e forma la Cascata del Pison. Attraverso il
gnomonisti (i depositari dell’antica Pont del Pison, in legno, si attraversa una
scienza della costruzione degli orologi foresta di abeti e si raggiungono sull’altro lato
solari) per invitare ogni estate cinque della vallata la Malga Mondifrà e il valico di
autori a impreziosire il paese. Sono Passo Campo Carlo Magno.
20 le meridiane a Monclassico e nel
vicino centro di Presson: a rilievo, TUTTO L’ANNO
dipinte, scolpite, sospese, trasparenti, Bicicletta
tradizionali o postmoderne. Per infor- Passa per Dimaro la Pista Ciclopedonabile
mazioni contattate gli uffici IAT di Malè della Val di Sole che percorre tutta la valle
(p77) e Dimaro (p78). lungo il corso del fiume Noce. Il tratto che
interessa questa guida è quello che da
79
Dimaro conduce a Mostizzolo, semplice e un punto di osservazione privilegiato per
affrontabile da tutti, al cospetto delle cime del ammirare le cime del gruppo di Brenta che
Brenta e del ghiacciaio della Presanella, fra arrossano nella tipica tinta dolomitica. Nella
appezzamenti coltivati e bei villaggi. Lungo il sua parte iniziale da Passo Campo Carlo Ma-
percorso ci sono numerose piazzole di sosta gno a nord fino a Pinzolo, poco più a sud della
e fontane. Potete noleggiare una bicicletta, confluenza fra il fiume Sarca di Campiglio,
una e-bike o una mountain bike scegliendo il Sarca di Nambrone e il Sarca di Genova,

Dolomiti di Brenta VA L R E N D E N A
fra 50 articoli (anche per bambini) da Armari che rappresenta la vera sorgente del Sarca,
Sport (% 0463 97 33 70; www.labottegadeimaestri la valle assume il nome di Valle di Campiglio.
.it; Presson; €20 al giorno; h 8.15-12.15 e 14-19.15 Questo in ragione della fama che ha assunto
tutti i giorni mag-set, 14-19.15 tutti i giorni dic-apr, il suo centro turistico principale, Madonna
8.15-12.15 e 14-19.15 mar-sab ott e nov). di Campiglio, che le ha conferito una sorta
di autonoma dignità. La storia del turismo in
88 Informazioni questa zona inizia fra il XIX e il XX secolo, ma
Lo IAT Val di Sole di Dimaro (% 0463 98 61 13; è nel secondo Novecento che l’interesse per
Via Campiglio; h 8.30-12.30 e 14-18 lun-ven, tutti i Madonna di Campiglio esplode, grazie a un
giorni in alta stagione) è molto ben fornito. complesso sciistico di tutto rispetto, inserito
in una cornice paesaggistica splendida.
In effetti, anche sul piano orografico, la
Folgarida Valle di Campiglio si distingue dal resto
ALT. 1310 M
della vallata per una maggiore profondità,
Questo piccolo centro turistico, frazione del che la rende un ambiente recondito, selvag-
comune di Dimaro Folgarida, è legato soprat- gio, costretto fra le pendici dei due gruppi
tutto alle attività che si possono praticare montani che la delimitano e che sono segnati
in inverno, principalmente lo sci. Si trova a da numerose piccole valli laterali di grande
metà strada, per così dire, fra Madonna di valore paesaggistico come la Vallesinella, la
Campiglio (p80) e Marilleva (che si trova Val Nambrone e la meravigliosa Val Genova.
fuori dall’area dolomitica). Gli impianti di Più a sud, superati Pinzolo e Giustino, la
risalita che si possono utilizzare a Folgarida Val Rendena restituisce invece un’impres-
mettono infatti in comunicazione i due sione assai più dolce e idilliaca, con i grandi
versanti sciistici. prati e i pascoli, l’orizzonte vasto che sfugge
2 Attività verso la cima dell’Adamello e la sequenza di
paesi e piccoli centri che man mano si fanno
ATTIVITÀ INVERNALI
più grandi e frequenti verso le Porte di Ren-
Sci di discesa dena, e infine Tione di Trento, sorta di porta
Nella zona di Folgarida ci sono circa 50 km d’accesso alla valle e di snodo fra questa e le
di piste da sci, alcune illuminate in notturna, Valli Giudicarie Esteriori (p90).
e sciare sul Monte Spolverino (2040 m) e
sul Monte Vigo (2179 m), entrambi parte del 88 Per/dalla Val Rendena
Gruppo dell’Adamello, ma dai quali si può
AUTOBUS
godere una vista spettacolare sulle Dolomiti
La Val Rendena è raggiunta dai servizi di Trentino
di Brenta. Dalla cima del Vigo si può scendere
Trasporti (% 0461 82 10 00; www.ttesercizio.it;
a Marilleva, in Val di Sole. Piste e impianti Via Innsbruck 65, Trento; h 7-19.30 lun-ven). Da
di Funivie Folgarida Marilleva (% 0463 98 84 nord giunge la linea n. 642, che connette Dimaro
00; www.ski.it; Piazzale Folgarida 30, Dimaro; prezzi con Madonna di Campiglio; da sud la linea n. 231,
v. tabella p386) consentono di collegarsi alla che proviene da Tione di Trento, nelle Valli Giudi-
ski area di Madonna di Campiglio (p80). carie. Tione è a sua volta raggiungibile da Trento
con la linea n. 201. La compagnia Autostradale
(% 02 300 895 00, 02 300 891 00; informazioni
www.autostradale.it, acquisto biglietti online www.
VAL RENDENA busitalia.it; Via Natta, Milano) connette Milano e
Brescia con i centri della Val Rendena (€30; 3 h
Il valico di Passo Campo Carlo Magno, a
20 min Milano–Madonna di Campiglio, 1 h 50 min
1681 m di altitudine, separa la Val di Sole Brescia–Madonna di Campiglio con fermate in-
a nord dalla Val Rendena a sud e tra loro i termedie; partenza alle 7.30 da Milano e alle 9 da
bacini dei fiumi Noce e Sarca. La valle corre Brescia). La compagnia STAT Turismo (% 012 78
fra le Dolomiti di Brenta a oriente e il gruppo 16 60; www.statturismo.com; Via Motta 30, Casale
della Presanella a occidente, e, in ragione di Monferrato) collega Madonna di Campiglio e
questa sua posizione, al tramonto diviene Campo Carlo Magno con diverse località di Emilia
80
Romagna, Lombardia e Liguria, fra le quali Genova seguendo le stradine che portano a valle, si
(€55,50) e Piacenza (€34) da dicembre a marzo incontra la parte più antica, dove si trovano
(1 corsa al giorno). abitazioni rustiche arricchite da notevoli
AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA affreschi, sempre attribuibili ai Baschenis.
La valle è percorsa dalla SS239.
2 Attività
ATTIVITÀ ESTIVE
Dolomiti di Brenta M adonna di Campiglio e dintorni

Madonna di Campiglio è senza dubbio il


Madonna di Campiglio punto di accesso più gettonato per inoltrarsi
e dintorni nelle Dolomiti di Brenta, ma anche uno dei
POP. 1522 / ALT. 822 M più comodi, dal momento che gli impianti di
Alla metà del secolo scorso, il bel panorama, risalita in attività durante la stagione sciistica
le piste ben attrezzate e qualche buon albergo (p83) sono in parte in funzione anche
hanno rapidamente fatto del piccolo villag- d’estate. Comunque, allo stesso modo di
gio di Madonna di Campiglio una località quanto avviene nelle altre vallate, gli accessi
turistica di prim’ordine. E anche oggi questa e i percorsi di avvicinamento sono numerosi.
cittadina, che per molti rappresenta il punto
più agevole per visitare le Dolomiti di Brenta, Arrampicata su roccia
continua a restare sulla breccia come numeri Le Guide Alpine di Madonna di Campiglio
e offerta turistica. Madonna di Campiglio è (% 0465 442 634; www.guidealpinecampiglio.it; Via
una destinazione sciistica rinomata grazie Cima Tosa 7; h dic-Pasqua e giu-fine set, reperibilità
ai suoi 150 km di piste attrezzate in maniera telefonica tutto l’anno) organizzano corsi di
eccellente e alla fama legata alla mitica arrampicata (1 h per 1 o 2 partecipanti/mezza
competizione mondiale 3Tre. Ma l’interesse giornata/giornata intera €45/180/280) anche per
non è limitato alle, pur numerose, opzioni una persona sola e per un massimo di cinque
legate alla stagione invernale. Le possibilità persone; si consiglia di seguire un minimo di
escursionistiche, a tutti i livelli di difficoltà, due ore di lezione.
sono molte e le attività le più varie (p80),
le specialità culinarie e vinicole sono eccel- Bicicletta e mountain bike
lenti e l’ospitalità è cordiale. Tutto questo ha Da Madonna di Campiglio è possibile intra-
ovviamente un prezzo, che qui è più alto che prendere o incrociare numerosi percorsi a
nel circondario; oltre ai costi astronomici, cura di Dolomiti di Brenta Bike, elencati sul
l’altro scotto da pagare è il sovraffollamento sito www.dolomitibrentabike.it. Informatevi
di persone e auto (di grossa cilindrata, SUV bene se intendete fare downhill: non sempre
e fuoriserie) nei periodi di alta stagione: un è permesso.
turismo proveniente soprattutto dall’Italia e Canyoning
dall’Europa centro-orientale si riversa infatti La Vallesinella è di sicuro uno degli accessi
qui nel periodo delle vacanze natalizie, crean- più suggestivi al cuore delle Dolomiti di
do a volte ingorghi e congestioni del traffico Brenta. Uno dei motivi per cui è così bella è la
sia automobilistico sia… sciistico. presenza del Sarca di Vallesinella, un torrente
Il paese è quasi interamente costituito che scava forre nel bosco e compie salti con
da strutture ricettive ed edifici con funzioni cascate spettacolari. Una di queste, fra le più
riferite al turismo, e si articola attorno a belle dell’intera zona, è la Cascata di Mezzo.
Piazza Righi e a una direttrice principale, Le Guide Alpine di Madonna di Campiglio
che si chiama Via Cima Tosa nella parte (% 0465 44 26 34; www.guidealpinecampiglio.it; Via
pedonale e Viale Dolomiti di Brenta nella Cima Tosa 7; h dic-Pasqua e giu-fine set, reperibilità
parte automobilistica. Qui, dopo lo sci o le telefonica tutto l’anno) organizzano uscite di
attività all’aria aperta, può essere piacevole canyoning (€70 per persona inclusi muta, imbrago,
passeggiare, bere un aperitivo e fare shop- casco) in questo scenario mozzafiato. In che
ping tra la folla chiassosa in tenuta sciistica. cosa consistano è facile a dirsi, meno a farsi.
Per ritrovare l’edilizia tipica di queste Si indossano muta e casco e si scende a valle
zone e un’atmosfera più autentica bisogna seguendo il corso del torrente e tuffandosi
scendere verso sud, lungo la SS239, fino alla dalle cascate. Portate con voi costume da
frazione di Sant’Antonio di Mavignola. In bagno e scarpe chiuse (le bagnerete).
questo piccolo centro si trova la Chiesetta
di Sant’Antonio, del XIII secolo, con le pareti Escursionismo e trekking
esterne abbellite da affreschi dei Baschenis Le Dolomiti di Brenta sono famose per
(v. lettura p85). Dal centro del paese, le vie ferrate e i paesaggi selvaggi che ne
81
costituiscono l’ambiente in quota. Se vo- raggiungete il Rifugio Tukett-Sella con il
lete conoscere meglio i paesaggi del Parco panoramico sentiero in quota n. 316 (dislivello
Naturale Adamello-Brenta rivolgetevi alle 105 m, 1 h 30 min).
guide del parco (www.pnab.it). Per ammirare
Vie ferrate
panorami sconfinati senza avventurarvi
sui percorsi attrezzati, potete percorrere i A meno che non disponiate di un’adeguata
numerosi sentieri che rigano le montagne preparazione e di tutta l’attrezzatura necessa-
ria, non avventuratevi sulle vie ferrate senza

Dolomiti di Brenta M adonna di Campiglio e dintorni


oltre la linea degli alberi servendovi dell’im-
pianto di risalita Express Grostè 1 (%0465 una guida esperta. Detto questo, preparatevi
44 77 44; www.funiviecampiglio.it; Via Presanella 12; a un’esperienza impagabile, dalla quale tor-
h9-16). In alternativa potete camminare per
nerete cambiati. Le vie ferrate delle Dolomiti
i sentieri di avvicinamento, anch’essi mera- di Brenta infatti, a differenza di quasi tutte le
vigliosi quanto quelli in quota, ma persi nei altre presenti nelle Dolomiti, che riprendono
boschi. Se avete tempo ed energie, fatelo. i tracciati usati dai soldati nella prima guerra
Per esempio, potete percorrere il Sentiero mondiale, sono state aperte direttamente
n. 382 (dislivello 700 m, 2 h 15 min) dalla Malga a scopo escursionistico. Non c’era il fronte
Vallesinella Alta al Rifugio Graffer o il Sen- bellico su queste montagne, sicché le vie
tiero n. 331 (dislivello 1100 m, 4 h) dal Rifugio aperte lo sono state in tempo di pace, con
Spinale al Graffer. Di seguito un elenco di un occhio di riguardo sia per l’integrità della
rifugi nella zona: montagna, molto preservata, sia per gli aspet-
ti paesaggistici. Rivolgetevi perciò alle Guide
Alimonta (% 0465 44 03 66; www.rifugioalimonta
Alpine di Madonna di Campiglio (% 0465 44
.it; pernottamento/mezza pensione €20/50;
26 34; www.guidealpinecampiglio.it; Via Cima Tosa
h estate)
7; h dic-Pasqua e giu-fine set, reperibilità telefonica
Brentei (% 0465 44 12 44; pernottamento/ tutto l’anno) e iniziate l’avventura. In base al
mezza pensione €25/51; h estate) percorso scelto le guide accompagnano da
Casinei (% 0465 44 27 08; pernottamento/ una a cinque persone. Le tariffe partono da
mezza pensione €22/48; h estate) €280 a tratta, attrezzatura completa inclusa.
Graffer (% 0465 44 13 58, 348 410 58 77; www. Ferrata Sosat VIA FERRATA
graffer.com; pernottamento/mezza pensione Se non avete mai affrontato una ferrata, il
€26/54; h estate) Sentiero n. 305B (dislivello salita 140 m, disli-
Tuckett-Sella (% 0465 44 12 26, 335 525 30 90; vello discesa 230 m; 2 h) aperto dalla Sezione
www.rifugio-tuckett.it; pasti €20-25; Operaia della Società Alpinistica Tridentina
pernottamento/mezza pensione €24/45-55; (acronimo: SOSAT) fa al caso vostro. È
h estate) accessibile, panoramico e dà un’idea delle
varie situazioni in cui ci si può trovare in
Sentiero delle Cascate ESCURSIONISMO ferrata, oltre ad attraversare la suggestiva
Ovvero su e giù per la Vallesinella, ammiran- Città dei Sassi, una vasta cengia disseminata
do le sue molte cascate, i canyon, le forre. Si di macigni monumentali.
tratta del facile Sentiero n. 382 (dislivello 700
m, 2 h 15 min), spesso nell’ombra dei boschi,
da fare anche con i bambini più grandicelli
o addirittura con i più piccoli nello zaino. OSPITI NELLE DOLOMITI
Sentiero della Val d’Agola ESCURSIONISMO La Dolomeet Card (% 0465 44 75 01;
Dalla Vallesinella verso la Scala Santa www.campigliodolomiti.it; 6 giorni in alta/
(p82), attraversando pascoli, costeggiando bassa stagione in inverno €90/81, 6/3
laghi e immergendosi in radure nascoste tra giorni in estate €90/59) consente di acce-
i boschi. È il Sentiero n. 324 (dislivello 503 m, dere gratis o con lo sconto a tanti servizi
2 h), lungo ma facile. a Madonna di Campiglio, Pinzolo e in
Sentiero n. 316 TREKKING
Val Rendena, come impianti di risalita,
Potete raggiungere il Rifugio Graffer con l’im- servizi di mobilità estiva, tour a piedi e in
pianto di risalita Express Grostè 1 (p83) mountain bike, attività sportive, ingressi
o salendo dalla Vallesinella con il Sentiero a musei e castelli. Nelle strutture alber-
n. 382 (dislivello 700 m, 2 h 15 min). Una volta al ghiere è possibile ritirare gratuitamente
rifugio fatevi indicare gli Orti della Regina la Guest Card, ottenendo uno sconto del
per andare a caccia di ammoniti; oppure 40% sulla Dolomeet.
82
Val Meledrio e Val Rendena Nord e 00 5 km
2.5 miglia

Termenago Marilleva 900


map:dolobrenta zona 2 Mezzana

Pellizzano
Ossana Marilleva 1400 Folgarida
Vermiglio
R
Dolomiti di Brenta M adonna di Campiglio e dintorni

Monte Cima Nana


Salvat (2572 m)
RMonte Spolverino
(1677 m) R
(2092 m)
Sasso Rosso R
(2645 m)
Cima Artuic Cima Benon R
Cima (2614 m) Lago delle
R di Stavei R (2684 m)
Malghette
(2619 m) Cima di
Val Gelata Cima di Laste
R
(2770 m) Cima Rocca R
(2675 m) (2831 m) R Cima Paradiso
R R Monte Nambino (2815 m)
Cima Baselga R (2678 m)
(2800 m) R Sasso Alto R
Monte Caldoni Monte (2897 m) Corno
R di Flavona
(2906 m) R Zeledria
R Bivacco (2427 m) Campo Carlo Magno (2914 m)
Cima di Bon Serodoli
R Cima Giner Cima Vagliana R
(2901 m) (2957 m) (2678 m)
Lago R R
Vedretta Monte Pietra
Nambrone Madonna Grande
R
(2625 m) di Campiglio Monte (2935 m)
Spinale
(2103 m)
Sarca

Cima
Piccolina di Campanile
(2655 m) Na dei Camosci
R Cima (2920 m)
mb

R
Lancia r Sant'Antonio
Monte ll a
R
(2318 m) sine Cima Falkner R
one

Pedertich R di Mavignola lle (2990 m)


(2698 m)
Va

a di e l l
a

arc Punte
in Spallone
S

l es di Campiglio R
Va l (2969 m) dei Massodi
(2999 m)
R
Crozzon
Carisolo
i Ge n ov a a R di Brenta
Sa r ca d v Doss del (3130 m)
e no Cima
Pinzolo Sabion R
l G R Brenta Alta
Sa

Va (2100 m) Cima Val StrettaR


R Cima Tosa (2964 m)
rca

(2880 m) (3173 m)
Rifugio RCroz del
San Corno Alto Cima Rifugio Rifugio Rifugio
Giuliano (2271 m) Giustino XII Apostoli R XII Apostoli Pedrotti (2568 m)
R
(2697 m) R Cima Susat
Massimeno R (2890 m) R
R
Cima Cima
Cima Cima di VallonR di Ceda
(2969 m) Prato Fiorito
Spadalone (2900 m) (2692 m)
(2343 m) Caderzone
Terme
Cima GhezR
Strembo (2713 m)

oBocchette Centrali VIA FERRATA Scala Santa VIA FERRATA


(n. 305; dislivello salita 430 m, dislivello discesa (n. 307; dislivello 1743 m; 5 h 30 min) Non è una
230 m; 3 h 40 min) Star indiscussa delle Dolo- vera e propria ferrata, bensì una scala in certi
miti di Brenta e sicuramente a pieno titolo punti talmente ripida che è necessario legarsi
fra le cose più belle da fare nell’intero arco con l’imbrago. Congiunge il Sentiero n. 324
dolomitico, la via ferrata delle Bocchette (dislivello 500 m, 2 h) della Val d’Agola con il
Centrali è un percorso fra veri monumenti Rifugio XII Apostoli (p80).
della montagna: torri, gole, strapiombi tra
ATTIVITÀ INVERNALI
i più fotografati al mondo, ma comunque
Arrampicata su ghiaccio
indescrivibili. La via fu aperta negli anni ’30
con un impatto sulla montagna minimo, oggi Le Guide Alpine di Madonna di Campiglio
diremmo ‘sostenibile’. Chi soffre di vertigini, (% 0465 442 634; www.guidealpinecampiglio.it; Via
però, deve assolutamente astenersi. Cima Tosa 7; h dic-Pasqua e giu-fine set, reperibilità
telefonica tutto l’anno) organizzano corsi di tre
e sei giorni trattando i vari temi specifici
83
dell’alpinismo su ghiaccio. L’esperienza è Sci di fondo e biathlon
tutto in questo campo, ma anche nella co- Il Centro Fondo Campo Carlo Magno
noscenza del territorio e nell’osservazione (% 0465 44 16 33; Via Pian dei Frari, Campo Carlo
attenta del clima. I corsi (€45/180/280 all’ora/ Magno; ingresso/noleggio €7/15; h 8.30-17) cura
mezza giornata/giornata intera) vengono attivati 22 km di tracciati di diverse difficoltà, con
per minimo quattro persone. possibilità anche di partecipare a corsi di sci
di fondo e di biathlon.
Ciaspole

Dolomiti di Brenta M adonna di Campiglio e dintorni


Sono ben 90 i chilometri percorribili con le Scialpinismo
‘racchette’ ai piedi, divisi in 15 itinerari di Le Guide Alpine di Madonna di Cam-
diverse difficoltà, ma comunque dislocati in piglio ( % 0465 44 26 34; www.guidealpine
scenari straordinari e maestosi. Il sito www. campiglio.it; Piazza Brenta Alta 16; h dic-Pasqua e
campigliodolomiti.it vi permette di scaricare giu-fine set, reperibilità telefonica tutto l’anno) vi
la mappa e la descrizione di ognuno. Alcuni accompagneranno sui migliori tracciati per
per essere praticati si integrano con gli im- praticare lo scialpinismo.
pianti di risalita e quindi, se avete il fisico,
potreste portare gli sci con voi in spalla e Sleddog
ridiscendere la montagna sciando dopo Lo sleddog è la tecnica inuit per condurre
l’escursione. le slitte trainate da cani husky. Athabaska
( % 333 132 84 90; www.athabaska.info; h su
Fat bike prenotazione) organizza corsi di vario livello,
La fat bike è l’evoluzione della mountain dal ‘battesimo’ su circuito semipianeggiante
bike per pedalare sulla neve. Non c’è molto a Pian Nambino, Madonna di Campiglio
da dire, se non che si può noleggiare da (€100), a vere e proprie escursioni (prezzo
Rent and Go Campiglio Nord (% 0465 44 15 da concordare).
02; www.noleggiodelbrenta.com; Via Cima Tosa 65;
h 8-19), che ha altre due sedi – 5 Laghi (Via
Snowtubing
Cima Presanella 16) e Ski Planet (Piazza del Brenta Fare snowtubing significa scendere i pendii
7, Località Palù) – oppure presso la Scuola Sci innevati a cavallo di grosse camere d’aria:
Campo Carlo Magno (% 0465 44 32 22; www. un’attività divertente, ottima per far prendere
scuolasciccm.it; Via Zeledria 8; h 8-19), che ha due contatto con la neve ai bambini, Rivolgetevi
sedi a Madonna di Campiglio: una presso il a Rainalter (% 0465 44 33 00; www.babyrainalter
Piccolo Bar del Golf Hotel, in Via Cima Tosa .it; Via Monte Spinale).
3, e l’altra in Piazzetta Campo Carlo Magno.
Pattinaggio su ghiaccio
z Feste ed eventi
Carnevale Asburgico FEBBRAIO
Lo Sporting Club Campiglio (% 0465 44 05 (www.campigliodolomiti.it) Nella settimana di
03; www.sportcampiglio.com; Via Monte Spinale 16;
Carnevale, nel centro del paese e nel salone
interi/ridotti €13/10, compresi noleggio pattini e
Hofer, si rievocano i fasti del passato asbur-
casco; h 10-20 dic-apr) gestisce il laghetto in
gico di Campiglio, luogo prediletto della
centro al paese. principessa Sissi. Su prenotazione.
Sci di discesa e slittino
Coppa del Mondo di Sci 3Tre DICEMBRE
Partiamo dai numeri: tre aree sciistiche, (www.3trecampiglio.it) Semplicemente una
150 km di piste, 60 impianti di risalita, quat- tappa mitica della Coppa del Mondo di Sci.
tro snowpark riservati a snowboarder e free­
styler, 500 maestri di sci, 22 ristoranti e il 95%
di innevamento artificiale programmato (se
4 Pernottamento
necessario) fanno della Skiarea Campiglio Faè CAMPEGGIO  €

Dolomiti di Brenta Val di Sole Val Rendena (% 0465 50 71 78; www.campingfae.it; Località Faè
(% 0465 44 77 44; www.campigliodolomiti.it; Via 1, Sant’Antonio di Mavignola; interi/ridotti €9,50/7,
Presanella 12; prezzi v. lettura p386; giornaliero piazzola €14, chalet per 4 persone €120-220) Da
interi/ridotti €46-51/32-36; h 9-16) la più grande ormai più di 30 anni la famiglia Ferrari gesti-
del Trentino, un vero parco dello sci capace sce questo campeggio ai piedi delle Dolomiti
di soddisfare tutti gli sciatori, dai bambini di Brenta, situato a 1050 m di altitudine nel
agli esperti, dai turisti in cerca di relax ai cuore del Parco Naturale Adamello-Brenta.
patiti della tavola (quella con quattro gambe È la base ideale per partire alla scoperta
e quella da snowboard). delle montagne.
84
oPrà della Casa AGRITURISMO  € House Stube STUBE CONTEMPORANEA
(% 0465 50 71 06; www.pradelacasa.it; Sant’Antonio (% 340 251 84 22, 334 838 54 97; www.stubehome
di Mavignola, Località Brenta Bassa; singole/doppie .it; Via Adamello 16; h 12-15 e 17-1, cucina sempre
€25-50; pW ) In posizione più che strategica aperta) È una stube del XXI secolo, un posto
per visitare le cascate della Vallesinella che, stando a quanto dicono alcuni campi-
(p81), immerso nel verde e ristrutturato gliesi, ‘mancava’. In effetti, pur conservando
con grande stile, questo agriturismo a molti aspetti del locale montanaro, House
Dolomiti di Brenta P inzolo

conduzione familiare si trova in una malga Stube è un lounge bar moderno e alla moda,
baciata dal sole. Belli gli spazi comuni, gran- dove mangiare hamburger e bere cocktail.
de attenzione per i bambini, ma soprattutto
belle le camere, moderne, senza stonare con 88 Informazioni
l’ambiente montano. Si può mangiare, ed è ASSISTENZA SANITARIA
una buona idea dato che i dolci (fatti in casa) Nel periodo invernale è attivo un Servizio Medico
sono molto buoni. Turistico, svolto da un medico designato ogni
anno in orari specifici. Per conoscere i recapiti
Il Caminetto HOTEL GARNI  €€ è necessario recarsi all’ufficio informazioni turi-
(% 0465 44 60 24; www.hotelgarnicaminetto.it; stiche (v. oltre). Ci si può comunque rivolgere al
Via Adamello 4; singole/doppie €70/120; p W a ) Servizio di Continuità Assistenziale Centro
Madonna di Campiglio è un luogo nel quale Colarin (% 0465 33 15 87; Viale Dolomiti di Bren-
la concentrazione di alberghi e alloggi è ta 158bis/ter). Le tariffe uniche sono €20 per le
altissima. A pochi metri da Piazza Righi, vi visite ambulatoriali e €30 per quelle a domicilio.
segnaliamo un classico, un indirizzo prece-
INFORMAZIONI TURISTICHE
duto dalla propria fama, a giusto titolo. Le
IAT Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena
camere, che rispecchiano pienamente la qua-
(% 0465 44 75 01; Via Pradalago 4; h 9-13 e
lità richiesta dalla categoria (quattro stelle) 14-19 lun-dom 24 nov-26 marzo, 9-12 e 15-18
sono il giusto mix di design e stile trentino. lun-sab e 9-13 dom nel resto dell’anno)
Buona la prima colazione.
POSTA
5 Pasti e locali Ufficio postale (% 0465 441 028; Via Pradalago,
Da Alfiero RISTORANTE TIPICO  €€/€€€
10/k; h 8-13.30 lun-ven, 8-12.30 sab)
(% 0465 44 01 17; www.ristorantealfiero.it; Via
Vallesinella 5; pasti €40-50; h 12-14.30 e 19-22.30 88 Trasporti locali
lun-dom) Fra le tante proposte di Madonna di AUTOBUS
Campiglio, Alfiero rappresenta una delle più Trentino Trasporti (% 0461 82 10 00; www.
classiche e consolidate, oltre a distinguersi ttesercizio.it; Via Innsbruck 65, Trento; h 7-19.30
per un’aria decisamente più autentica. Il lun-ven) garantisce il collegamento da/per Dimaro
menu è eccellente, e spazia dalla carne al con la linea n. 642 e da/per Pinzolo e Tione di
Trento con la linea n. 231.
pesce di fiume e di mare; l’atmosfera è acco-
gliente e familiare. SKIBUS
Nel periodo della stagione sciistica, lo Skibus Val
Suisse LOCALE STORICO  €€/€€€
di Sole (www.valdisole.net) effettua cinque corse
(% 0465 44 09 35; www.cantinadelsuisse.com; Piaz-
al giorno da domenica a venerdì da/per Folgarida
za Righi 10; menu à la carte costi variabili; h a partire e Malè. Inoltre, due linee dello Skibus Madonna di
dalle 19, weekend e vacanze natalizie piano bar fino Campiglio (% 0465 44 75 01; www.campiglio
alle 2) Il Suisse, il posto più noto e centrale di dolomiti.it; Via Pradalago 4) connettono Campi-
Campiglio, si trova in Piazza Righi, dove è im- glio con Campo Carlo Magno (linee n. 1 e 2) e altre
possibile non passare. Quindi fateci almeno due Pinzolo con Campiglio e Campo Carlo Magno
un salto, perché ne vale veramente la pena. (linee n. 3 e 4). Le corse sono frequenti nell’arco
Questo storico locale occupa infatti le sale della giornata ed effettuano numerose fermate
del casino di caccia di Francesco Giuseppe e (biglietti giornalieri/settimanali/stagionali
si presenta così come fu restaurato ai primi €2/10/40, i minori di 8 anni viaggiano gratis).
del Novecento. L’atmosfera tradizionale ed
elegante riporta dunque a un’epoca in cui Pinzolo
il turismo era diverso e per altre tasche. Già POP. 3120 / ALT. 774 M
che ci siete, prendete una cioccolata calda, Pinzolo è il capoluogo di un vasto comune
un gelato o una birra, ma potete anche ap- che comprende anche i centri di Madonna di
profittare del ristorante. Campiglio e Campo Carlo Magno. Principale
località della Val Rendena, merita una visita
85
soprattutto per la sua chiesa cimiteriale, ma volgare che illustrano i moniti rivolti dalla
anche per la splendida posizione. morte al genere umano. Sotto la danza, gli
Il paese è incorniciato dalle pendici del affreschi dei Sette peccati capitali sono piut-
Monte Dossone a ovest, della Cima Lancia a tosto rovinati.
nord e del Doss del Sabion a est, e verso sud
da una vallata bagnata dal Sarca. Sebbene 2 Attività
anch’esso si sia sviluppato come località di ATTIVITÀ ESTIVE

Dolomiti di Brenta P inzolo


villeggiatura a partire dagli anni ’50 (non è Equitazione
un caso che nel 1952 qui sia stato istituito Visitare le Dolomiti, o almeno una parte di
il primo centro di soccorso alpino d’Italia, esse, dall’alto della groppa di un cavallo, è
in ragione dell’affluenza turistica), ha una forse ancor più emozionante che scoprirne
storia che affonda le radici nel Medioevo, i segreti con la forza delle proprie gambe.
quando era un importante centro econo- Esperti e principianti possono rivolgersi
mico e religioso della valle. La figura di a Horse Trekking Dolomiti e Alto Garda
maggior spicco nata a Pinzolo va rintrac- (% 333 406 63 32; www.horsetrekkingdolomitialto
ciata però nel XIX secolo: è Nepomuceno garda.it; uscite a cavallo 1 h/2 h/3 h/mezza giornata/
Bolognini, coinvolto nei moti irredentisti giornata intera €25/45/70/85/130-150), che saprà
che si conclusero nel 1866 con la battaglia soddisfare le più svariate esigenze.
di Bezzecca.
Fattorie didattiche
1 Che cosa vedere I bambini e i ragazzi hanno la possibilità di
divertirsi e imparare molto in Val Rendena,
oChiesa Cimiteriale anche se non sono provetti sciatori o instan-
di San Vigilio LUOGO DI CULTO
cabili trekker. L’Azienda Agricola Fattoria
(Via San Vigilio) Sorge all’interno del cimitero Antica Rendena (% 335 679 01 08, 0465 50 25
del paese, ma non è difficile da trovare: da 91; www.fattoria-rendena.it; Via alla Sega 2, Località
qualsiasi parte arriviate è ben visibile, con Giustino) propone laboratori (prenotazioni entro
il suo tetto spiovente e il campanile aguzzo. le 18.30 del giorno precedente, minimo 10 partecipan-
È del resto la più importante delle vallata, e ti; €9) per ragazzi in cui si imparano a fare i
sul suo fianco meridionale sfoggia uno dei formaggi e altre prelibatezze, mentre l’Azien-
capolavori, forse il principale, dei pittori da Agricola La Regina (% 349 624 00 81, 335
della famiglia Baschenis (v. lettura p85), 532 29 15, 333 470 60 73), oltre a illustrare l’at-
la suggestiva Danza macabra. L’edificio ori- tività casearia, offre incontri con gli animali
ginario, databile a prima dell’anno Mille, era e tour in carrozza e pony (per bambini di 6-12
solo una piccola cappella. L’attuale struttura anni; prenotazione entro le 18 del giorno precedente;
a tre navate sostenute da colonne di granito €5; h estate). Nel mentre, i genitori si possono
è del 1539, così come gli affreschi interni del distrarre con le degustazioni.
coro e del presbiterio e quelli esterni, riparati
dagli spioventi del tetto, che rappresentano Miniclub
la Danza macabra e i Sette peccati capitali. La Tana di Rendy (% 0465 50 12 56; Prà Rodont;
Affrescata da Simone II Baschenis, la Danza h 10-15 tutti i giorni dic-marzo) potrebbe essere la
macabra simboleggia il ballo irridente della chiave per consentirvi di sciare qualche ora
morte, davanti alla quale tutti gli uomini mentre siete in vacanza con i vostri figli pic-
sono uguali; si sviluppa su una lunghezza di coli (3-8 anni), perché si trova in quota, a Prà
21 m, con 40 figure complete di didascalie in Rodont, all’arrivo della Funivia di Pinzolo.

I BASCHENIS, VAGABONDI DELL’ARTE


Gli affascinanti e misteriosi affreschi che si possono ammirare sulle pareti esterne della
Chiesa Cimiteriale di San Vigilio a Pinzolo, di quella di Sant’Antonio Abate a Pelugo, della
chiesetta più nascosta e modesta di Sant’Antonio di Mavignola e di altri edifici sacri della
valle non sono opera della stessa mano, ma della stessa famiglia sì. Fra il 1450 e il 1670, i
pittori erranti della famiglia Baschenis operarono infatti nella zona di Bergamo (da dove
provenivano) e in Trentino, ognuno esprimendo un talento e una cifra differente. Tutti
interpretarono in modo originale i temi tipici dell’arte sacra creando uno stile, una scuola
si potrebbe dire, del tutto indipendente dalle correnti artistiche loro contemporanee.
86
Parapendio ridotti €12/10 con noleggio pattini; h 10-12, 16.30-
Istruttori specializzati vi faranno provare 18.30, 21.30-23.30, orario variabile durante l’anno,
l’emozione del volo in parapendio biposto. controllate il sito).
Contattate l’associazione Wings2Fly (% 389
149 80 94; www.wings2fly.it; Via Sorano 46; 1 h 30 4 Pernottamento
min con 20 min di volo €120, 2 h 30 min con 1 h di Garni Bonsai HOTEL GARNI  €/€€
volo €180; h 8-18). (% 0465 76 50 14; www.garnibonsaipinzolo.it; Via
Dolomiti di Brenta P inzolo

Trekking Bolognini, 53; doppie €70-80; pW ) Ciò che ha


Pinzolo è uno degli accessi al Gruppo di Bren- di magnifico il Garni Bonsai, che come il
ta. La Funivia di Pinzolo (Pinzolo-Campiglio Ex- nome fa presagire è un hotel minuscolo, è
press; % 0465 50 12 56; www.doss.to; Viale Bolognini la posizione, proprio di fronte agli impianti
84; interi/ridotti €10/8; h 9-16 nov-marzo, 9-17.20 di risalita e alla Chiesa di San Vigilio, che
giu-set) permette di elevarsi in quota fino al al tramonto diventa uno spettacolo senza
Doss del Sabion e da lì inoltrarsi nella rete dei tempo. C’è anche un comodo parcheggio
sentieri delle Dolomiti di Brenta per mezzo gratuito. La camere sono pulite e consone
del Sentiero n. 307B (dislivello 116 m, 1 h). Se alla categoria della struttura.
intendete salire a piedi, invece, affrontate il Alpina HOTEL  €/€€
Sentiero n. 307 (dislivello 1743 m, 5 h 30 min), (% 0465 50 10 10; www.hotelalpinapinzolo.it; Via
che, muovendo dalla frazione di Vadaione, vi 21 aprile; pensione completa €65/95 per persona,
condurrà attraverso la Scala Santa (p82) permanenza minima 3 giorni; pW ) In centrissimo
fino al Rifugio XII Apostoli (% 0465 50 13 a Pinzolo, questo hotel non potrà non attirare
09, 339 807 57 56; www.rifugiododiciapostoli.com; la vostra attenzione con le sue mura verdoli-
pernottamento/mezza pensione €25/51), nel no e la grande cura dei dettagli. Sembra un
cuore del gruppo, dal quale procedere verso posto da favola, e per certi versi lo è. Camere
i trekking e le ferrate. e ambienti comuni sono arredati in modo
tradizionale e montanaro, ma l’accoglienza è
ATTIVITÀ INVERNALI
delicata e moderna. C’è una convenzione con
Sci di discesa
il miniclub di Prà Rodont (p85).
Da Pinzolo è possibile collegarsi alla ski
area di Campiglio per mezzo della cabinovia
Pinzolo-Campiglio Express (% 0465 50 12
5 Pasti
56; www.doss.to; Viale Bolognini 84; interi/ridotti oMagnabò RISTORANTE TIPICO  €€
€12/10; h 9-16 nov-marzo, 9-17.20 giu-set), che (% 0465 50 38 41, 338 602 70 50; www.magnabo
conduce fino in cima al Doss del Sabion. Il .com; Via dei Campi, Località Magnabò; pasti €26;
collegamento è estremamente comodo per h 12-15 e 19-23 tutti i giorni) Si trova nella Piana
chi non voglia spostare l’auto per recarsi di Carisolo, dove la sera nel buio brillano solo
sulle piste, ma bisogna considerare che per i campanili lontani e le stelle, in una baita
il ritorno sarà necessario fare un tratto a interamente in legno, costruita e arredata
piedi. La cabinovia funziona anche in estate, con enormi tronchi di conifera, e decorata
con trasporto bici gratuito, e regala scenari con trofei di caccia, al cui centro domina un
mozzafiato. grande camino, spesso scoppiettante. Il cibo
è eccellente: prodotti tipici e cacciagione.
Sci di fondo Ottimi i dolci.
In località Carisolo il Centro Sci di Fondo
Pinzolo-Carisolo (% 0465 50 13 92; Carisolo; Mildas RISTORANTE  €€
noleggio attrezzatura a partire da €9; h 9-21) gesti- (% 0465 50 21 04; www.ristorantemildas.com; Via
sce la Pista Frassanida, un tracciato di 3 km Antonio Rosmini 7; Località Giustino; pasti €70-100;
che si snoda lungo il Sarca su prati innevati, h 19.30-22 mar-ven, 12.30-14.30 e 19.30-22 sab e
fra edifici rurali ai margini degli abitati di dom) All’interno del refettorio di un antico
Giustino e Caderzone, in una piana aperta e convento (che a dire il vero crea un fastidioso
protetta a un tempo. rimbombo non appena si alza il volume della
voce di poco), si trova questo indirizzo per
TUTTO L’ANNO gourmet. Le porzioni sono striminzite, ma la
Pattinaggio su ghiaccio qualità è eccellente (e i prezzi si riferiscono
Noleggio pattini e lezioni di pattinaggio solo alla qualità…). Se volete sostanza ordi-
presso lo Stadio del Ghiaccio (% 0465 50 nate il brò brusà, una corroborante zuppa
16 12; www.pinzoloice.it; Via dello Stadio 21; interi/ di cipolle.
87
6 Locali e vita notturna VALE IL VIAGGIO

Osteria Bar Bagat BAR LA VAL GENOVA


(% 338 390 50 56; www.osteriabagat.it; Via San
Lorenzo 26; h 10-24 mer-lun) Strana ma azzec- La Val Genova si insinua nelle montagne
catissima via di mezzo tra una baita e un che si alzano di fronte al gruppo delle
cocktail bar. Passate qui per un aperitivo, Dolomiti di Brenta, le vette dell’Adamello.
prima di spostarvi a Madonna di Campiglio La valle è formata da uno dei tanti rami

Dolomiti di Brenta Caderzone T erme


per un po’ di movimento in più o andare a che vanno a costituire il torrente Sarca
cena. Oppure fermatevi per un panino o una (il Sarca di Genova) ed è molto lunga:
pizza. In estate si sta bene nel dehors, fra le per farla a piedi fino al Rifugio Bedole
case di Pinzolo. ci vogliono sei ore. Il primo tratto, però,
è molto facile e può essere percorso
88 Informazioni anche in inverno con semplici bastoncini
IAT Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena da trekking. Dopo un tratto in falsopiano
(Ufficio di Pinzolo; % 0465 50 10 07; Piazza San che, in base a dove parcheggiate o scen-
Giacomo; h 9-13 e 15-19 dic-marzo; 8.30-12.30 dete dall’autobus, può occupare dai 10
e 14-19 giu-set; 9-12 e 15-18 lun-sab, 9-13 dom ai 50 minuti di percorrenza, il Sentiero
apr-giu) delle Cascate conduce alla Cascata
Nardis, una delle più belle dell’intera
area (che ne è piena…). Quindi, se siete
Caderzone Terme pigri, sforzatevi almeno di arrivare fin
qui per un’esperienza al cospetto di una
POP. 684 / ALT. 723 M
cascata montana, anche senza inerpi-
A sud di Pinzolo la Val Rendena si apre
carvi su pareti verticali, costeggiando
nella Piana di Caderzone, una radura vasta
le sponde del Sarca di Genova dal color
e coperta di prati, puntellata qua e là da
verde smeraldo.
malghe e campanili. Le malghe e il loro
All’inizio della strada della Val Genova
mondo silvopastorale sono qui protagoni-
ci sono un antico castagneto e la Casa
ste, sia per quel che riguarda l’edilizia delle
del Parco Geopark (% 0465 50 30
zone rurali, sia grazie al Museo della Malga,
53; Carisolo; interi/ridotti €3/2; h 10-13
ospitato nel centro storico di Caderzone, un
e 14.30-18.30 mar-dom lug-set), che ha
bel paese con alcune architetture rilevanti,
sede all’inizio della valle, nel centro di
da qualche anno coinvolto in un progetto di
Carisolo, nei pressi di un bell’esempio di
recupero complessivo avviato dall’ammini-
architettura barocca montana, la Chiesa
strazione comunale. Nel Museo della Malga
di San Nicola.
(%338 242 81 00; Rione Lodron-Bertelli; interi €1;
h10-12.30 e 16-18.30 mar-sab set-giu, mar-dom
lug e agosto, tutti i giorni nel periodo natalizio) im- nella corte interna del palazzo vi sentirete in
parerete tutto quello che c’è da sapere sulla un’altra dimensione.
vita di montagna e sull’economia alpina, con
bei reperti di carattere etnografico in una 88 Informazioni
ambientazione decisamente curata. Nella Pro Loco Caderzone Terme (% 334 633 03 15;
Piana di Caderzone, a nord del paese, fra Via Regina Elena; h 9-12 e 15-19 lug e agosto, 9-12
vasti pascoli, si trova inoltre un maso del dom nel resto dell’anno)
Quattrocento incredibilmente ben conser-
vato. Caderzone è nota anche per le terme
curative, ospitate assieme al museo, a un Strembo
ristorante e a un albergo (p87) in una POP. 558 / ALT. 714 M
antica dimora gentilizia di montagna con Strembo è lambito dal corso del fiume Sar-
una grande corte interna. ca, nella cui ansa è sorto il parco fluviale
che, insieme all’area ricreativa, è un’intera
4 Pernottamento e pasti zona che pare evocare un’idea di relax as-
Palazzo soluto. Il castagneto che circonda il paese,
Lodron-Bertelli HOTEL/RISTORANTE  €€ secondo la leggenda, era il regno delle fate
(% 0465 80 47 82; Piazza Sant’Antonio 8; p W a ) Mariane, e così si racconta ancora oggi ai
Antica dimora gentilizia con camere eleganti bambini. Ma la particolarità di Strembo
e dotate di ottimi servizi, un personale all’al- non è certo solo il suo folklore. Il centro ha
tezza e un buon ristorante. Già solo entrando una storia di indipendenza antica, da tutti
88
e da tutto: la potente famiglia Bertelli di cole). La facciata principale è decorata con
Caderzone non riuscì mai a sottometterlo, un affresco del martirio di san Tommaso.
e nemmeno la peste del 1630 contagiò il
paese, grazie all’attenta vigilanza degli 88 Informazioni
abitanti; tra questi si annoverano alcuni V. lettura p88.
dei personaggi che hanno dato inizio allo
sviluppo turistico della Val Rendena, tra cui
Spiazzo e Pelugo
Dolomiti di Brenta P orte di R endena

Giovanbattista Righi, padre di Madonna di


Campiglio, e Luigi Fantoma, re della Val SPIAZZO: POP. 1269 / ALT. 649 M
PELUGO: POP. 396 / ALT. 675 M
Genova e pioniere dell’alpinismo. Strembo
è anche sede del Parco Naturale Adamello- A Spiazzo, poco più a sud di Strembo, san
Brenta (v. lettura p88) e della Chiesa di Vigilio, il terzo vescovo di Trento, avrebbe
San Tommaso, di cui si hanno notizie a subito il martirio nel lontano 405 d.C.,
partire dalla metà del 1500. Il campanile di durante il suo ultimo viaggio missionario.
quest’ultima fu costruito nel 1928 in sostitu- Il vescovo, colto da furia iconoclasta per i
zione di quello vecchio, ben più basso, che simboli del paganesimo, avrebbe distrutto la
suscitava la derisione degli altri valligiani. Stele di Saturno, che si trovava dove oggi sta
Anche la chiesa fu riedificata e ingrandita, l’altare maggiore della Chiesa di San Vigilio,
a metà del 1800, e oggi ha una pianta a tre provocando la reazione della popolazione,
navate (una centrale e due laterali più pic- che lo uccise a bastonate e zoccolate.
Quasi a metà della Val Rendena, il borgo
di Spiazzo è considerato la sede storica della
Pieve di Rendena, una sorta di capitale
PARCO NATURALE
spirituale della valle. La Chiesa di San
ADAMELLO-BRENTA
Vigilio, del XVI secolo, conserva affreschi
Sui versanti est e ovest della Val Ren- di uno dei Baschenis sulla parete sud; quelli
dena si estendono i 620,51 kmq del sulla parete nord, del 1923, sono invece di
Parco Naturale Adamello-Brenta, la Carlo Donati.
più vasta area protetta del Trentino. La storia del vicino centro di Pelugo si
Oltre alle Dolomiti di Brenta, il parco perde nel tempo, per cui non è possibile
comprende il gruppo montuoso dell’A- stabilire con precisione a quando risalga
damello, con il suo ghiacciaio, e della l’insediamento. Il paese è minuscolo, ma va
Presanella (di natura non dolomitica, menzionato poiché vi si trovano due luoghi
ma granitica), e ben 48 laghi, ed è di culto molto importanti, sia per quanto
interessato dalla presenza della quasi riguarda l’aspetto artistico, sia per quello
totalità della fauna alpina, tra cui l’orso spirituale. A fine luglio attira moltissima
bruno. L’unicità geologica dei due gente, in occasione della grande Festa Pa-
gruppi montuosi, così diversi e a breve tronale dell’Angelo. Delle due chiese del
distanza l’uno dall’altro, ha valso al paese, la parrocchiale è consacrata a san
territorio del Parco e dei 30 Comuni Zeno, mentre la chiesa cimiteriale, con il
ad esso afferenti un ulteriore ricono- suo campanile alto e aguzzo, è intitolata a
scimento UNESCO: quello di Geopark, sant’Antonio Abate. Quest’ultima è imprezio-
con 1188 kmq di estensione. sita esternamente da affreschi ben conservati
La sede centrale del parco si trova dei fratelli bergamaschi Cristoforo e Simone
a Strembo (% 0465 80 66 66; www. Baschenis (p85), ed è a pieno titolo una
pnab.it; Via Nazionale 24; h 8.45-12.15 e delle più belle dell’intera Val Rendena. Una
14.15-15.45 lun-gio, 8.45-12.15 ven); molte delle pitture murali sopra il portale raffigura
altre sedi piccole e grandi sono sparse lo stesso abate.
come ‘case del parco’ in tutta l’area di
competenza (Casa del Parco Fauna-
Villa De Biasi, Daone; Casa del Parco Porte di Rendena
Orso, Spormaggiore; Casa del Parco POP. 1815 / ALT. 608 M
Lago Rosso, Lago Tovel; Casa del Parco Vigo, Darè, Iavrè sono alcune delle piccole
Flora-Area Natura Rio Bianco, Stenico; frazioni che formano il comune sparso di
Casa del Parco Acqua Life, Spiazzo Porte di Rendena, situato in una sorta di
Rendena; Casa del Parco C’era Una zona di transizione fra la Val Rendena a
Volta, San Lorenzo in Banale). nord e le Valli Giudicarie a sud. La località
dà quindi accesso alla valle in uno dei suoi
500 m
Val Rendena Sud e Valli Giudicarie Molveno # 0e0 0.25 miglia

R
R Croda di Prato R Dos di Dalum
Cima (2458 m) Lago Santo
Caderzone Terme ÷ di Vallon (2689 m)
Cima Costaccia
÷ (2427 m) Parco Naturale (2969 m) R Cima Ghez R R I Rossati Lago
R Adamello Corno di (2442 m) Lago
Parco (2713 m) di Molveno Lamar
Naturale Bocenago Brenta Senaso
Adamello Strembo (2778 m) R Doss D’Amal
Brenta Cima di Forcolotta R (2340 m)
a (2458 m) R Marugini
Monte
(2508 m) Terlago Vallene

a rc
Spiazzo S La Petta R
(2054 m) R La Crona
me
map:dolobrenta zona 3

(2322 m) Covelo Lago di

Fiu
Borzago R Castello dei Camosci R
Monte (2458 m) Terlago
Terlago
Cargadur R Monte Pizzo
(1871 m) Corno di Valgelada R (2221 m) Cadine
Pelugo (2234 m)
Baselga
R

e
R R Fraveggio
Croz del Bondone
Vigo Cima San Lorenzo

on
Rossa Monte Vezzano
Rendena Durmont R in Banale

lg
(2056 m) Brugnol
(1835 m) Monte Iron (2221 m) San Lorenzo Dorsino

’A
(1864 m) Dorsino Sopramonte
Javrè
Ranzo Lago di

Va l d
Porte di Santa Padergnone
Rendena Sclemo Massenza
Lago di Stenico Castel Toblino
Ponte Pià Lago di
Ragoli
Preore F˙iu Castello Toblino
di Stenico Villa Banale Calavino

me
Saone Sarche

Sar
c
a Ponte Arche
Borgo Lares Cares
Tione di Trento Bleggio R
Monte Pergolese
Superiore R
Campo Lomaso Casale Lasino
R (1630 m) Monte
Cima Sera Palon
(1908 m) (2098 m)
Pietramurata
Vigo Lomaso
Breguzzo Monte Solvia Fiavè
(1981 m)
R Stravino Garniga
Bondo Favrio Lago di Cima Verde
Pala Cavedine (2102 m)
R Cima R
(2004 m) Cavedine

Brusino
Dolomiti di Brenta
89
90
DESTINAZIONI INSOLITE

SENTIERI CLANDESTINI
Sul versante meridionale delle Dolomiti di Brenta si trova l’accesso alla selvaggia Val d’Al-
gone. Solo i primi 7 km della strada che si insinua nella valle sono asfaltati, ma l’ingresso
con le auto è regolamentato. In estate, dalle 4 alle 22, possono accedere un massimo di
50 veicoli dietro pagamento del ticket, mentre in inverno l’accesso è subordinato alle con-
Dolomiti di Brenta T ione di T rento e le Valli G iudicarie E steriori

dizioni stradali (neve, ghiaccio...). Dopo circa 2 km di strada asfaltata si raggiunge il punto
di partenza (c’è uno spiazzo dove parcheggiare) di una escursione diversa dalle solite. Si
tratta di un percorso storico-naturalistico di circa quattro ore a piedi, che ripercorre la vi-
cenda e gli spostamenti di Giovanni Battista Sicheri, poeta e garibaldino, che, attendendo
l’arrivo di Garibaldi e i suoi, utilizzò alcuni percorsi clandestini all’interno della montagna
per spostarsi fra fortini e ricoveri da lui stesso costruiti, oltre che per raccogliere prodotti
del sottobosco, funghi, bacche e altri rimedi naturali, e ascendere nell’alta Val d’Algone. Un
pannello illustrativo, presso cui parcheggerete, illustra il tracciato in giallo. In rosso, invece,
è indicato il percorso di cinque ore fra i luoghi dove lo stesso Sicheri era solito procurarsi
la selvaggina per il sostentamento proprio e della famiglia durante i sei anni, dal 1870 al
1876, trascorsi al Forte Credata in attesa dell’arrivo di Garibaldi. Poi c’è il percorso alpini-
stico, con il quale si può rievocare la fuga del patriota dopo la delazione presso le autorità
austriache da parte di alcuni abitanti di un paese nelle vicinanze. Non è necessario per-
correre gli interi tracciati per riuscire a visitare alcuni luoghi della clandestinità di questo
garibaldino, che, come altri suoi contemporanei, tenne viva la fiamma del nazionalismo in
queste terre periferiche, dove il dominio straniero aveva radici profonde.

punti più ampi, con una successione di 4 Pernottamento


centri che non hanno uno specifico inte- Val Rendena CAMPEGGIO  €
resse presi singolarmente, né conservano (% 0465 80 16 69; www.campingvalrendena.com;
particolari emergenze storico-artistiche, Via Civico 117; Località Darè; piazzole €8-15, interi/
ma costituiscono un insieme pittoresco, ridotti €6-10/5-9) Oltre ai tanti appartamenti
immerso in un’atmosfera agreste del tutto e agriturismi ben segnalati della zona, a Darè
differente da quella più caotica e trafficata si trova anche un buon campeggio, con una
di Madonna di Campiglio o di Tione di bella piscina in vista delle montagne del
Trento, entrambi poco distanti. Qui trove- Brenta e dell’Adamello, dove si resterebbe ore
rete abbondanza di camere e appartamenti a galleggiare imparando a memoria il profilo
in affitto: basta fare attenzione ai cartelli dei monti. Il campeggio è dotato di piazzole
appesi fuori dalle case. In effetti Porte di per i più stanziali e di un prato per gli ospiti
Rendena è un punto di partenza certamente di passaggio, barbecue e buoni servizi.
defilato, ma non per questo meno adatto per
praticare le attività tipiche della montagna,
soprattutto in estate.
88 Informazioni
IAT Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena
2 Attività (Ufficio di Porte di Rendena; % 0465 32 30 47;
Località Javrè; h 9-13 e 14-19 lun-dom 24 nov-26
ATTIVITÀ ESTIVE
marzo, 9-12 e 15-18 lun-sab, 9-13 dom nel resto
Canyoning dell’anno)
Canyoning in Val Brenta CANYONING
Rivolgendovi alle Guide Alpine di Madonna
di Campiglio (% 0465 44 26 34; www.guide
alpinecampiglio.it; Piazza Brenta Alta 16, Madonna TIONE DI TRENTO
di Campiglio; €70 per persona; h dic-Pasqua e giu- E LE VALLI GIUDICARIE
fine set, reperibilità telefonica tutto l’anno) potrete ESTERIORI
affrontare l’emozione del canyoning in uno
degli scenari più mozzafiato che possiate im- È allo stesso tempo un paesaggio fiabesco
maginare, fatto di gole, cascate e acque verdi. ed estremo quello che si ammira nelle Valli
Non preoccupatevi se non siete attrezzati: le Giudicarie Esteriori, accarezzando con lo
guide forniscono tutto (incluso nel prezzo). sguardo il versante sud del Gruppo delle Do-
lomiti di Brenta. In lontananza il Castello di
Stenico (p91) appare e scompare, svelato e
91
nascosto da boschi fitti e scuri, che sembrano la Chiesa dei Santi Faustino e Giovita, che
annunciare le grandi foreste delle Alpi e le domina le Valli Giudicarie Esteriori (p90),
asprezze del nord. con la splendida facciata gialla, ornata di can-
L’oscurità del bosco viene bilanciata didi stucchi settecenteschi, e, all’interno, gli
dall’ampiezza di queste valli aperte e vaste, affreschi della volta attribuiti ai Baschenis (v.
creando un’alternanza di luce abbacinante e lettura p85). Ragoli è inoltre importante in
profonda ombra, in forti contrasti che non quanto sede della Regola di Manes (p355).

Dolomiti di Brenta T ione di T rento


permetteranno al vostro sguardo di annoiar-
si. In bicicletta, motocicletta o automobile, il 88 Informazioni
consiglio è di percorrere la SP34, che corre ASSISTENZA SANITARIA
tortuosa lungo il fianco della montagna, Ospedale di Tione (% 0465 33 11 11; www.apss
anziché la statale più a valle. Una pista cicla- .tn.it; Via Ospedale, 11)
bile, va detto, renderebbe tutto più facile (e
meno pericoloso) ai ciclisti, anche perché la INFORMAZIONI TURISTICHE
provinciale è un strada importante per tutti Consorzio per il Turismo delle Giudicarie
i mezzi di comunicazione su ruota all’interno Centrali (% 0465 32 30 90; Via Damiano Chiesa
della regione. 3; h 8.30-12.30 e 15-18 lun-sab)

88 Per/da Tione di Trento


e le Valli Giudicarie Esteriori San Lorenzo Dorsino
POP. 1581 / ALT. 758 M
AUTOBUS
Le due frazioni di Dorsino e San Lorenzo
È possibile raggiungere Tione dal capoluogo con la in Banale – quest’ultimo, uno dei Borghi
linea n. 201 di Trentino Trasporti (% 0461 82 10
più Belli d’Italia – costituiscono il comune
00; www.ttesercizio.it; Via Innsbruck 65, Trento;
h 7-19.30 lun-ven).
di San Lorenzo Dorsino, punto di partenza
per ascendere alle Dolomiti di Brenta attra-
AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA verso la Val d’Ambiez, accesso meridionale
La SS237 e la SP34 corrono più o meno parallele al gruppo.
lungo tutto il versante meridionale delle Dolomiti La valle porta il nome del rio che l’attra-
di Brenta, mettendo in comunicazione Trento con versa e si inerpica sino alla parte centrale
le Valli Giudicarie Esteriori. del gruppo dolomitico, con le cime Tosa e
d’Ambiez che si aprono ad anfiteatro.

Tione di Trento
POP. 3635 / ALT. 565 M VALE IL VIAGGIO
La cittadina di Tione di Trento sorge ai piedi
del Monte Gaggio ed è anch’essa attraversata IL CASTELLO DEL CAPITANO
dal fiume Sarca, oltre che dal torrente Arnò. L’abitato di Stenico, circa 10 km a sud-
Si trova in posizione strategica, al crocevia ovest di San Lorenzo Dorsino, sorveglia i
fra le Valli Giudicarie e la Val Rendena, ed è contrafforti meridionali del Gruppo delle
quindi comoda per esplorare le valli incon- Dolomiti di Brenta, a sua volta sorveglia-
taminate, ammirare le cime e intraprendere to dal Castello di Stenico (% 0465 77
escursioni e passeggiate estive. Ma non sono 10 04; www.buonconsiglio.it; interi/ridotti
distanti nemmeno gli impianti per gli sport €7/5; h 9.30-17 sab e dom nov-marzo e
invernali. mar-dom marzo-apr, 10-18 mag-ott), fra i
Da sempre uno dei centri nevralgici della più belli e antichi della regione. La pri-
zona, dapprima insediamento dei galli, poi ma testimonianza documentaria della
dei romani, l’apice della sua importanza lo sua esistenza risale al 1163; dalla metà
raggiunse nel 1525, quando divenne sede del XII secolo fino alla fine del XVIII, il
del vicario vescovile per le Valli Giudicarie. maniero fu sede del capitano delle Giu-
Oggi è uno degli snodi principali della dicarie, delegato del vescovo di Trento
viabilità del Trentino e per questo ha visto nella zona occidentale del vescovado. La
fiorire attività commerciali, negozi e attività visita vi condurrà attraverso vari am-
ricettive. Merita una passeggiata nella parte bienti e corpi di fabbrica in gran parte
alta, caratterizzata da edilizia tipica locale e medievali, romanici e gotici, arredati con
architetture eleganti. mobilio originale databile fra il XVI e il
A pochi chilometri in direzione est si trova XIX secolo.
il centro di Ragoli, di cui bisogna menzionare
92
Il paese si distingue per alcune pittore- Locanda Itinerande OSTERIA E CAMERE  €
sche spine di case che si trovano nella parte (% 349 677 89 77; www.locandaitinerande.com;
superiore, più antica, e per essere la patria Frazione Andogno; camere €70, cena su richiesta
della Ciuiga del Banale, un insaccato povero, €15; v ) Antonella, campionessa olimpica,
composto di carne di maiale e rape rosse. Si insieme a Viviana gestisce questo affittaca-
trova solo qui: approfittatene (p92). mere che propone cucina vegana davvero
prelibata.
2 Attività
Dolomiti di Brenta M olveno

ATTIVITÀ ESTIVE
Trekking Molveno
Val d’Ambiez TREKKING POP. 1131 / ALT. 864 M
Il percorso inizia nella località di Baesa. La Il pittoresco paesino di Molveno si trova
parte bassa della valle è ripida, angusta e nella sella naturale che collega la Val di Non
torrentizia, e infatti può essere superata con con le Giudicarie Esteriori (p90) e la Valle
un servizio jeep che porta fino a dove essa dei Laghi. La fama della località deriva dal
si apre con un magnifico scenario all’altezza suo lago artificiale, alimentato da acque
del Rifugio Cacciatore (% 331 848 22 79; www. che arrivano dalla Val Rendena attraverso
rifugiocacciatore.it; pernottamento/mezza pensione tubazioni sotterranee. Le sue acque fresche
€35/50; pasti €25-30; h ristorante 12.30-14.40 rappresentano una corroborante ricompensa
e 19-20.30 tutti i giorni in estate, rifugio 20 giu-20 dopo le lunghe passeggiate nei dintorni o, in
set) e delle malghe di Prato e di Senaso. Il alternativa, un’opzione meno famosa e spet-
Sentiero n. 325 (dislivello 1550 m, 4 h 30 min) tacolare (e affollata) del Lago di Garda, per
conduce quindi al Rifugio Agostini (% 0465 gli amanti del windsurf e kitesurf. Ma non
73 41 38, 348 715 25 89; www.rifugioagostini.com; sottovalutatelo: dal 2014 il Lago di Molveno
pernottamento/mezza pensione €24/51; h 20 giu- è stato ininterrottamente detentore del titolo
fine set), passando nei pressi del Cimitero dei di ‘lago più bello d’Italia’.
Fossili. Dal rifugio si può accedere alla Fer-
rata Ettore Castiglioni (n. 321; dislivello salita 2 Attività
450 m, dislivello discesa 300 m; 2 h 45 min), bella ATTIVITÀ ESTIVE
e impegnativa, portandosi così sul versante Forest park
occidentale delle Dolomiti di Brenta. (www.forestpark.it; Altopiano del Pradel; h 10-17.30
metà giu-metà set; prezzi €3,50-23 in base a i per-
4 Pernottamento e pasti corsi) Al Forest Park di Molveno c’è tutto un
Rifugio Alpenrose RIFUGIO  € mondo di avventure per i più giovani e non,
(% 0465 73 43 63; www.rifugioalpenrose.com; Lo- con percorsi aerei tra gli alberi a varie altezze
calità La Rì, San Lorenzo Dorsino; camere €64, pasti e difficoltà. Per famiglie, ma anche per amici
€30; h giu-set) Al limitare del bosco, con una in vena di sfide.
magnifica vista sulla valle, ha otto camere
e tre bagni. La cucina offre specialità locali Mountain bike
preparate con maestria e a base di prodotti All’inizio del paese, provenendo da sud, non
a km0. molto distante dall’accesso alla Valle delle
Seghe, si trova la stazione degli impianti
oGarnì Lilly B&B  €€ di risalita di Molveno, con i quali raggiun-
(% 0465 73 41 59; www.garnililly.it; Via per Dolaso 8; gere – con bici al seguito – l’Altopiano del
doppie €80-92; p ) L’atmosfera familiare, i buo-
ni prodotti della terra e gli arredi moderni,
BIKE&TREK
ma perfettamente integrati con l’ambiente
montano, rendono questo B&B uno degli Le tessere Bike Pass (giornaliero
indirizzi migliori dell’intera area. Molveno-Fai interi/ridotti €24/21, giornaliero
intera bike area interi/ridotti €29/26) e
Erika OSTERIA  €
Trek Pass (valido per 3 giorni su 6, anche
(% 0465 73 44 00; Località La Rì, San Lorenzo in
non consecutivi, interi/ridotti €40/32) sono
Banale; pasti €20; h 12-22 Pasqua-ott) Trattoria
i documenti che servono per usare gli
con pizzeria adagiata su un balcone che
impianti di risalita (biglietto giornaliero
affaccia sulla valle di San Lorenzo Dorsino,
ridotto/intero €17/24) della Paganella e del
in vista delle colline. Il menu comprende
circuito Molveno–Pradel. Info dettagliate
numerose (e abbondanti) specialità trentine,
su www.dolomitipaganellabike.com.
e una degustazione della Ciuiga del Banale.
93
Pradel, vero paradiso per gli appassionati di
mountain bike, cross country, all mountain, HAPPY CARD
enduro, downhill e freeride. Se non siete
La Happy Card (% 0461 58 35 61; www.
esperti, ve lo sconsigliamo.
visitfaidellapaganella.it) dà diritto a sconti
Nuoto e agevolazioni su tutto l’altopiano della
Un po’ tutte le sponde del Lago di Molveno, Paganella. È distribuita gratuitamente
ma soprattutto quella ovest, ben attrezzata, agli ospiti delle strutture convenzionate

Dolomiti di Brenta A ndalo


sono adatte per calarsi nelle acque molto con il consorzio Fai Vacanze (% 0461 58 35
fredde dello specchio d’acqua. Il bagno 61 www.visitfaidellapaganella.it; Via Villa 21,
nel catino di monti è emozionante e rin- Fai della Paganella); gli altri la possono
francante. acquistare al costo di €4,50/50/30/80
giornaliera/bisettimanale/settimanale/
Trekking mensile presso l’ufficio di Fai Vacanze o
Valle delle Seghe TREKKING prima delle manifestazioni.
La Valle delle Seghe, di tipica origine gla-
ciale, è tra le più caratteristiche del settore
orientale del Gruppo di Brenta. Si possono soldati bosniaci al tempo dell’impero au-
percorrere numerosi sentieri di grande bel- stroungarico. Quindi non aspettatevi speciali-
lezza. L’accesso dal fondovalle parte dalla tà balcaniche, ma un perfetto menu trentino,
zona sportivo-ricreativa di Molveno sulla in una casa antica, un ambiente tradizionale,
sponda occidentale del lago (Sentiero n. 319); curato e molto confortevole. Uno dei migliori
un secondo accesso, in quota, è dalla località e più rinomati indirizzi di Molveno.
Pradèl, raggiungibile in automobile da Anda-
lo o in telecabina da Molveno.
I rifugi Tosa e Pedrotti (%0461 94 81 15, Andalo
349 364 62 51; www.rifugiotosapedrotti.it; pernot- POP. 1096 / ALT. 1030 M
tamento/mezza pensione €25/51, sconti per soci Andalo sorge su una vasta sella nel centro
SAT), tra i più frequentati del Gruppo di dell’Altopiano della Paganella ed è apparente-
Brenta, sono i principali punti di appoggio mente costituita esclusivamente di strutture
per le escursioni. turistiche, in alcuni casi molto vicine agli
impianti di risalita che conducono alle piste
4 Pernottamento da sci della Paganella. Il circuito sciistico
oCamping Spiaggia CAMPEGGIO  € è più economico di altri, nella regione, e
(% 0461 58 69 78; www.campingmolveno.it; Via Lun- complessivamente facile. L’altopiano non
golago 27; piazzole 1 persona/2 persone €14-30/20- garantisce le stesse emozioni, sia paesaggisti-
42, interi/ridotti €6-10/5-9; h tutto l’anno) Il solo che che sportive, delle località di Madonna di
fatto che sia dotato di spiaggia privata sul Campiglio, ma ha i suoi estimatori.
lago rende questo camping degno di essere Di fronte all’Hotel Bar K2 (%0461 58 58 80;
segnalato. Oltre a ciò, però, il complesso è Via Rindole; pensione completa €65/80 per persona
molto ben tenuto e dotato di tanti servizi, tra al giorno/settimana in inverno, pensione completa
cui ristorante, bar e minimarket. In agosto €50-82 per persona al giorno in estate; pW) si
è molto affollato. trova la Cabinovia di Andalo (%0461 585 588;
Piazzale Paganella 4; skipass giornalieri per tutta la
Hotel Ariston HOTEL  €€  ski area interi/ridotti €41/29, biglietto pedoni interi/
(% 0461 58 69 07; www.aristonmolveno.it; Via Lungo ridotti €17/14; hbiglietteria 8.15-16.30 tutti i giorni
Lago 3; singole/doppie a partire da €60/80; p W ) in inverno, 9-12.30 e 14-17.30 lun-ven, 8.30-17.30 sab
Questo hotel è bike friendly come molte e dom), che conduce in quota. Un parcheggio
strutture a Molveno, ma è decisamente uno sotterraneo consente di lasciare l’auto vicino
dei migliori quanto a posizione, in cima alla partenza degli impianti. Tutto attorno
al paese, con un dehors che da solo vale il alla cabinovia, ci sono maestri di sci, no-
viaggio fino a qui. leggi… l’imbarazzo delle scelta, insomma.
In alternativa ci si può recare con l’auto
5 Pasti a un’altitudine maggiore, ossia a Fai della
Antica Bosnia RISTORANTE  €€ Paganella, e da qui prendere gli impianti di
(% 0461 58 61 23; Via Paganella 7/b; pasti €20-40; risalita Santel-Meritz-La Selletta (% 0461
h 12-15 e 18.30-22 gio-mar) Il suo nome, a dir 58 55 88; giornalieri interi/ridotti €43/30; h 9-17.30
poco spiazzante, ricorda il passaggio di metà lug-metà set).
© Lonely Planet Publications

Bletterbach
Perché andare
Aldino. . . . . . . . . . . . . . . 98 Lo sapevate che in Alto Adige si nasconde la versione ita-
liana del Grand Canyon? Si chiama Bletterbach ed è una
Redagno. . . . . . . . . . . . 100
profonda spaccatura, da cui rimarrete sorpresi e affascinati,
Passo Oclini. . . . . . . . . . 101 che si dirama dal Corno Bianco, la montagna che sovrasta
questo territorio. Dal versante nord-ovest di questo monte,
la grande gola, lunga 8 km e alta fino a 400 m, si apre come
un vero e proprio canyon, accessibile per buona parte a
Il meglio – piedi, nel quale si può leggere l’evoluzione delle diverse ere
Ristoranti geologiche. Percorrere questo sito unico al mondo significa
infatti addentrarsi in un’avventura lunga milioni di anni di
¨¨Schmiederalm (p99)
storia geologica della terra, grazie agli strati ben visibili di
¨¨Waldrast (p99) porfido e arenaria, fino ad arrivare alla formazione della
¨¨Laneralm (p100) dolomia: un viaggio attraverso la storia che vi permetterà di
¨¨Gurndinalm (p101)
scoprire orme di sauri e fossili di piante, e sedimenti marini
come gasteropodi e cefalopodi che narrano la vita nei mari
tropicali a partire da circa 280 milioni di anni fa.
Il Bletterbach, il più piccolo dei Sistemi delle Dolomiti
Il meglio – Hotel entrati a far parte del patrimonio tutelato dall’UNESCO,
¨¨Hotel Stern (p99) non è però solo geologia, ma anche natura, storia, cultura
¨¨Historischer Gasthof Krone
e tanto relax: pochi chilometri a sud di Bolzano, lontano
dai frutteti e dai vigneti del fondovalle, Aldino, Redagno e
(p99)
il Passo Oclini sono tre piccole località bucoliche che, con
¨¨Berghoferin (p100) le loro colline dolci, le malghe e le piacevoli escursioni, vi
¨¨Hotel Schwarzhorn/Corno faranno immergere nella cultura dell’Alto Adige, facendovi
Nero (p101) scoprire usanze e tradizioni antichissime.

Quando andare
Il Bletterbach si sviluppa su quote mediamente elevate, a
un’altitudine ideale per fuggire dalla canicola estiva, rifugian-
dosi nell’aria fresca e leggera di queste zone. Fatta eccezione
per il Passo Oclini, che ospita un piccolo comprensorio sci-
istico adatto alle famiglie, Aldino e Redagno si animano a
partire dai primi di maggio fino al mese di ottobre: in questo
periodo troverete aperte tutte le attività, i musei e le malghe.
Tra maggio e giugno, poi, potrete godere dello spettacolo
unico della fioritura dei pascoli.
95
Storia geologica DA NON PERDERE
Nel più piccolo componente del bene seriale delle Dolomiti Ad Aldino, la visita
UNESCO, lungo un canyon profondamente inciso, affiorano guidata alla Gola del
le radici delle Dolomiti. In questo gioiello raccolto dentro il Bletterbach e il Museo
GEOPARC Bletterbach è possibile, lungo percorsi accessibili dei Mulini. A Redagno,
e didatticamente chiari, sperimentare un viaggio esplorativo il Centro Visitatori
tra una successione di ambienti del passato, di faune e flore GEOPARC Bletter-
che si sono succedute tra il Permiano e l’inizio del Triassico bach. Al Passo Oclini,
medio, e individuare la morfologia del territorio che si è l’escursione in cima al
venuta a formare negli ultimi milioni di anni. Si tratta di un Corno Bianco.
luogo dove geologia e paesaggio concorrono a definire un
patrimonio universale: l’esperienza è totale, esercizio per la
mente, piacere per gli occhi.
La stretta Gola del Bletterbach si sviluppa per circa 8 km
in senso est-ovest a partire dal Corno Bianco. La larghezza
Siti utili
della valle cambia in funzione della differente resistenza ¨¨www.museum-aldein.com
all’erosione dei sedimenti che attraversa: più larga dove le ¨¨www.bolzanodintorni.info/
rocce sono più erodibili, più incassata dove sono più resisten- it/l-alto-sud-dell-alto-adige
ti. La gola si è formata per l’intensa attività erosiva a opera .html
delle acque torrentizie, che a partire dalla fine dell’ultima
glaciazione, circa 15.000 anni fa, hanno cominciato a scavare
in profondità prima la coltre superficiale morenica, poi le
diverse rocce del substrato roccioso. LA GOLA DEL
Le rocce più antiche, affioranti nella parte bassa della BLETTERBACH
valle, sono porfidi rossastri: rocce vulcaniche del Permiano
La Gola del Bletterbach,
inferiore, testimonianza di eruzioni esplosive che segnano
un canyon lungo 8 km e
il periodo tra i 285 e 274 milioni di anni fa. Una superficie
profondo fino a 400 m,
netta testimonia il passaggio tra il tetto della cosiddetta piat-
vi porterà a compiere un
taforma porfirica atesina e i primi sedimenti del Permiano
viaggio nel tempo attra-
superiore che sono conosciuti come Arenaria di Val Gardena.
verso 280 milioni di anni
La successione sedimentaria è data da una potente serie di
di storia.
depositi terrigeni di origine fluviale o di piana alluvionale.
L’osservazione dei suoli fossili permette la ricostruzione
dettagliata del clima, che allora era prevalentemente arido,
ma con momenti in cui le foreste erano rigogliose, come è
indicato dai ritrovamenti fossili di piante e dalla testimonian-
za di faune terrestri. La Gola del Bletterbach è famosa nel
mondo per le flore e le impronte dei tetrapodi; resti fossili che
si possono osservare al Museo GEOlogico del Bletterbach
di Redagno e al Centro Visitatori GEOPARC Bletterbach.
Le arenarie della Val Gardena diventano verso l’alto sem-
pre più fini, e passano ai sedimenti di mare poco profondo
e di laguna della cosiddetta Formazione a Bellerophon,
testimonianza di una progressiva avanzata del Mare della
Tetide verso occidente e di un ambiente tropicale ricco di
biodiversità. Il passaggio successivo, visibile alla base del
maestoso Anfiteatro della Gorz, è drastico e testimonia la
grande crisi biologica che definisce la base del Triassico:
un’estinzione che ha cancellato più del 90% delle specie
viventi terrestri e marine. La potente successione di strati
policromi che formano le pareti rocciose sotto il Corno Bianco
è conosciuta come Formazione di Werfen. Queste rocce di
origine marina sono la testimonianza della lenta ripresa della
vita, un periodo durato qualche milione di anni. La ripresa
si completa solo nel Triassico medio, qui documentato dalle
bianche rocce ricche di alghe fossili del Corno Bianco.
Lago di
Caldaro

Adige
Museo dei Mulini

Aldino - Aldein

Blet
h - Rio N e r o
Termeno sulla Ora - Auer nba c Olmi - Holen
Strada del Vino - Sc hw a r ze
Tramin an
der Weinstraße

R
Montagna - Cucul F
Montan (1562 m)

Pinzano
Trodena nel
Parco Naturale -
Truden im
Egna - Neumarkt Naturpark
ige

Molini
Ad

÷ Pi
Parco Naturale
Casignano Monte Corno

Malga
Corno
R
Monte
Prato del Re Malga
(1622 m) Monte Corno
1710

e 00 2.5 miglia
5 km

An

Il meglio del Bletterbach


1 La visita guidata alla Gola 2 Il Museo dei Mulini veneziana e l’officina del
del Bletterbach (p99), (p98) ad Aldino, per fabbro.
per scoprire tutti gli stadi rivivere un’epoca passata 3 I fossili animali e vegetali,
delle formazioni rocciose, dal osservando all’opera il mulino e le numerose testimonianze
porfido alla dolomia, passando per macinare i cereali, quello sulla storia geologica del
per l’arenaria. per lavorare la lana, la sega Bletterbach e delle Dolomiti al
R
Monte
Pausabella
Gola del (1791 m)
Bletterbach Centro Visitatori
GEOPARC Bletterbach
ein Maso
Unichhof Ble
te
rb
a ch - Rio

t
del
le Fog
lie
Corno Bianco R
g li e (2316 m)
delle Fo
Guggenbichl
o R (1860 m)
h - Ri
e r bac

Blett Redagno di Sopra -


Passo Oclini -
Oberradein ) ( Jochgrimm
(1989 m)

Berghoferin
Monte
Colle
(1300 m)
R
Corno Nero
(2439 m)
Redagno di Sotto - R
Unterradein R
Il Palone
(2345 m)
Fontanefredde -
Kaltenbrunn
R R )(
Monte Sasso del Gazzo
Torlago Passo
(2345 m) Cugola
(1836 m) (1923 m)

San Lugano
Rifugio
Pinter-Schupfe

Varena

Caiano

Carano Cavalese

Masi di
is io Cavalese
Av
Castello
Anterivo - Altrei di Fiemme
Molina
di Fiemme

Centro Visitatori GEOPARC prodotti del territorio come zona, un soggiorno di raffinato
Bletterbach (p99), che confetture e sciroppi fatti in relax al Berghoferin (p100)
vi condurrà per mano nella casa con frutti e bacche che di Redagno, con tanto di spa in
preistoria locale. crescono a 1400 m di quota. cui coccolarsi.
4 Il maso Unichhof 5 Nella pace e serenità delle
(p100), per acquistare colline dai profili dolci della
98
Storia
La profonda spaccatura della montagna Aldino/Aldein
che domina il Bletterbach, il Corno Bianco, POP. 1670 / ALT. 1225 M

è legata alla leggenda del gigante Grimm. Un’infinità di colline verdi, una chiesa dal
Il gigante, che abitava nella zona del Passo campanile aguzzo che sovrasta il paese,
Oclini, un giorno rapì una giovane donna, poche case circondate da prati ondulati e
figlia di un nobile della Val d’Ega, con l’inten- curatissimi da cui lo sguardo si perde lungo
zione di sposarla. Disperato, il padre chiese i pendii che dolcemente scendono fino a
aiuto a Theodorich Von Bern, che ingaggiò fondo valle: Aldino è uno dei primi paesi
un duello con il gigante, il quale riuscì però che si incontrano arrivando in Alto Adige,
a fuggire, portando nel suo regno tra il Corno ma è sufficiente passare da qui per sentirsi
Bianco e il Corno Nero la fanciulla. In seguito immersi in tutto e per tutto nella cultura
Bletterbach A ldino/A ldein

dall’esercito di Theodorich, Grimm iniziò a del Sudtirolo.


scagliare massi sui nemici ferendoli: il loro Dominato dal Corno Bianco, la montagna
sangue colorò di rosso le rocce del Bletter- alta 2317 m segnata dalla grande spaccatura
bach. E il Corno Bianco, indebolito a causa dalla quale si dirama la Gola del Bletterbach,
di tutti i massi che il gigante aveva staccato, Aldino racchiude in sé tutto quanto serve per
crollò seppellendo sotto una frana lui e la trascorrere una vacanza rilassante. Lontano
fanciulla (la frana è ben visibile ancora oggi). dal caos delle grandi destinazioni turistiche,
La prima citazione storica di Aldino, il pa- il paese permette di riconciliarsi con la natu-
ese principale, che sorge nell’area che segna il ra, godendosi il silenzio e i profumi dei campi
confine linguistico tra la zona tedesca e quel- di fieno, i prodotti genuini delle malghe
la italiana, risale al 1175 ed è riconducibile a sparse sul territorio e l’aria fresca e leggera.
Federico Barbarossa. Da sempre, l’economia
del comune di Aldino è legata principalmente 1 Che cosa vedere
all’agricoltura e all’allevamento; nel corso Chiesa di Sant’Elena
dei secoli ci furono tentativi di sfruttare le e San Giacomo LUOGO DI CULTO
montagne per estrarre minerali, ma con (% 0471 88 68 09; Piazza del Paese 36; h ore
poca fortuna. Dall’inizio degli anni Duemila, diurne) Dalla sua posizione sopraelevata, la
grazie alla realizzazione del GEOPARC, anche chiesa domina tutto il paese, regalando dal
il turismo recita una parte importante nello sagrato un’ottima vista sulle colline circo-
sviluppo della zona. stanti. Durante alcuni scavi recenti è stato
dimostrato che l’edificio, ampliato nel 1841
88 Informazioni con il prolungamento della navata sinistra e
ASSISTENZA SANITARIA la costruzione della navata destra, risale al
Servizio Medico Dott. Alfred Stimpfl (% 0471 XII secolo. Il primo documento in cui si fa
88 67 82; h 8.30-11.30 lun e mer, 15-19 gio, 11-13 menzione della chiesa risale al 1309.
ven ad Aldino, 15-17.30 mar a Redagno)
Museo Civico di Arte Sacra MUSEO
EMERGENZE (% 0471 88 68 00; www.museum-aldein.com; Piazza
Carabinieri di Aldino (% 0471 88 68 22) del Paese; ingresso su offerta; h 17-19 sab mag-ott,
anche ven lug e agosto stessi orari, visite su prenota-
FARMACIE zione per gruppi di almeno 8 persone) Le stanze a
Farmacia Aldino (% 0471 88 66 50; Via Eggerer disposizione non sono sufficienti a contenere
1/2; h 8.30-12.30 e 15-19 lun, mar e gio-ven, 8.30- tutti gli oggetti sacri d’epoca barocca e rococò
12.30 mer e sab). I turni delle farmacie dell’Alto della collezione, che testimoniano un’epoca
Adige sono consultabili sul sito www.provincia in cui lo sfarzo degli oggetti liturgici e delle
.bz.it/farmacie.
immagini sacre era espressione di grande
INFORMAZIONI TURISTICHE religiosità.
Associazione Turistica di Aldino (% 0471 88 68
Museo dei Mulini MUSEO
00; www.aldein-radein.com; Via Paese 34; h 8.30-
12.30 lun-sab) (% 0471 88 68 00; www.museum-aldein.com; mag-
ott; ingresso su offerta; h su richiesta; sab lug e ago-
POSTA sto visite guidate per gruppi di almeno 8 persone alle
Ufficio postale di Aldino (% 0471 88 68 26; 14) Il mulino per macinare i cereali, quello per
Via Paese 35; h 8.20-13.35 lun, mer e ven) lavorare la lana e fabbricare il loden, l’officina
del fabbro con la fucina e la sega veneziana:
questo museo vi calerà in un’epoca passata
99
e laboriosa. Durante le visite guidate è pos- illustrano diversi aspetti della vita degli
sibile vedere i mulini in funzione. animali e delle piante che popolano il bosco:
api, rane, picchi, funghi, insetti e larici. E
oCentro Visitatori premendo i pulsanti che trovate sulle tavole,
GEOPARC Bletterbach MUSEO potrete ascoltare i rumori del bosco.
(% 0471 88 69 46; www.bletterbach.info; Località
Lerch 40; biglietto incluso nella Geoescursione alla
gola; h 9.30-18 1° mag-31 ott) Orme di sauri,
z Feste ed eventi
Transumanza di Aldino SETTEMBRE
reperti fossili di piante, pesci e conchiglie,
All’inizio del mese di settembre, vacche, man-
sauri riscostruiti a grandezza naturale e la
zi e vitelli che hanno trascorso i mesi estivi
storia dei processi che hanno portato alle
sui pascoli alpini vengono radunati presso
formazioni rocciose tipiche di queste zone:
le malghe e ornati con fiori e campanacci.
il centro visitatori è il giusto antipasto alla

Bletterbach A ldino/A ldein


Da qui si incamminano verso il paese, dove
visita nella Gola del Bletterbach.
nella tarda mattinata sono accolti da una
grande festa, animata da gruppi musicali e
2 Attività danze folkloristiche.
ATTIVITÀ ESTIVE
Escursioni a piedi 4 Pernottamento e pasti
Gola del Bletterbach GEOESCURSIONE
(% 0471 88 69 46; www.bletterbach.info; Località oHotel Stern HOTEL  €€
Lerch 40; ingresso interi/under 14 €6/gratuito, escur- (% 0471 88 69 51; www.pension-stern.it; Via Paese
sione guidata nel GEOPARC e nel centro visitatori di 30; singole €40-47, doppie €80-88; W ) Piccola
Aldino €13; h 9.30-18 1° mag-31 ott) La Gola del pensione a conduzione familiare nel centro
Bletterbach si è formata a partire dalla fine del paese, con camere non troppo grandi
dell’ultima era glaciale, circa 15.000 anni ma pulite.
fa, quando l’omonimo torrente ha scavato
questa profonda incisione, mettendo in luce
oHistorischer Gasthof
Krone HOTEL  €€/€€€
tutti gli stadi delle formazioni rocciose, dal
(% 0471 88 68 25; www.gasthof-krone.it; Via Paese 4;
porfido alla dolomia, passando per l’arenaria.
doppie €65-180; menu a cena €28-30; aW ) Se le
La visita guidata, lungo circa 4 km di gola per
camere sono accoglienti e arredate con molto
un dislivello positivo di 250 m e della durata
gusto, il ristorante di questo storico albergo
di circa tre ore, vi permetterà di scoprire tutti
che si affaccia sulla piazza del paese regala
i segreti di quello che può essere ribattezzato
grandi soddisfazioni, grazie a una cucina
il Gran Canyon italiano, in un viaggio che
raffinata e attenta a prezzi abbordabili.
attraversa 280 milioni di anni di storia.
Waldrast PIZZERIA  €
Sentiero (% 0471 88 68 15; Località Mitterstrich 5; pasti €18;
Tematico ‘Il Bosco’ ESCURSIONE DIDATTICA h 15-23 mer-lun, pizze a partire dalle 17) A una
(% 0471 88 69 46; www.bletterbach.info; Località decina di minuti a piedi dal centro del paese,
Lerch 40; h 9.30-18 1° mag-31 ott) Adatto a tutti questo locale propone pizze per tutti i gusti.
e facilmente percorribile anche con sedie a
rotelle e passeggini, questo percorso parte oSchmiederalm MALGA  €€
dal parcheggio del centro visitatori. Lungo (% 0471 88 68 10; www.schmiederalm.it; Località
l’ampio sentiero si trovano 10 tavole che Lerch 41; pasti €23,50; h ven-mer metà dic-metà

LA SOSTANZA DEL MALE


Ricco di colpi di scena e di suspense, il thriller scritto dal bolzanino Luca D’Andrea La
sostanza del male (Einaudi, 2016) ha scalato le classifiche di ben 13 nazioni tra le quali
la Germania, dove ha raggiunto il secondo posto. Ambientato nel Bletterbach, il libro
racconta la storia di un giovane autore televisivo newyorkese, Jeremiah Salinger, che
viene a sapere per caso del massacro di tre giovani, avvenuto molti anni prima nella
Gola del Bletterbach, delitto rimasto irrisolto. Salinger indaga nel passato, penetrando
sempre più a fondo nella vicenda fino a scoprire la terrificante verità. Dopo la pubbli-
cazione e il successo del libro, sono sempre più numerosi coloro che, affascinati dal
racconto, vengono a visitare questa gola misteriosa.
100
marzo e metà mag-fine ott) In questa malga, e dalla geologia, il Museo GEOlogico del
appena rimodernata e resa accogliente da ca- Bletterbach (% 0471 88 69 46; www.bletterbach
ratteristici arredi in legno, potrete esplorare .info; www.museum-aldein.com; Casa Peter Roseg-
diversi piatti della cucina tipica, dai canederli ger, Redagno di Sopra; h 9.30-18 mag-ott) presenta
ai medaglioni di filetto di maiale alla griglia resti fossili di piante, animali e increspature
con polenta e salsa ai finferli. della sabbia formate dalle onde, fino alle im-
pronte di sauri, tutti corredati da spiegazioni
oLaneralm MALGA  €€ di facile comprensione, che vi aiuteranno a
(% 0471 88 67 78; www.laneralm.com; Località conoscere meglio la storia della terra e lo
Lerch; pasti €25; h tutti i giorni lug-5 nov, sab-gio sviluppo geologico dell’ambiente dolomitico.
mag e giu) A pochi passi dal centro visitatori,
questa malga è il posto ideale per rifocillarsi
dopo l’escursione nella Gola del Bletterbach.
2 Attività
Bletterbach A ldino/A ldein

ATTIVITÀ ESTIVE
Bicicletta e mountain bike
7 Shopping Passo Oclini ESCURSIONE
Unichhof MASO Un percorso lungo circa 12 km, con un disli-
(% 0471 88 67 47; www.unichhof.com; Località Lerch vello positivo di circa 400 m, vi permetterà
21; h telefonare) In questo maso a 1400 m di di scoprire meglio il territorio, attraversando
quota potrete trovare confetture e sciroppi, la strada bianca e i magnifici pascoli che di-
fatti in casa con frutti e bacche che crescono pingono queste colline di un verde brillante.
nei campi. Non perdetevi lo sciroppo di fiori Da Redagno, occorre partire dal tabellone
di sambuco, specialità di tutto l’Alto Adige. panoramico e prendere la strada forestale
seguendo le indicazioni per il Passo Oclini.
88 Per/da Aldino Una volta arrivati al limite del bosco, si
AUTOBUS percorre la strada che svolta a sinistra verso
Südtirol Mobil Mobilità AltoAdige (% 840 00 la Malga Gurndin e da qui si prosegue per
04 71; www.sii.bz.it) vi fornirà tutte le indicazioni un tratto quasi pianeggiante che conduce al
sui trasporti integrati all’interno della regione. passo tra il Corno Bianco e il Corno Nero.
Dalla stazione di Egna, diverse corse al giorno Per rientrare al punto di partenza, si segue
permettono di raggiungere Aldino e il GEOPARC il Sentiero n. 7. Chi per l’escursione volesse
Bletterbach. noleggiare una e-bike può rivolgersi all’As-
AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA sociazione Turistica di Aldino (% 0471 88 68
00; www.aldein-radein.com; Via Paese; h 8.30-12.30
Dall’uscita Egna-Ora dell’autostrada del Brennero
A22, seguite la SS48 in direzione Cavalese-Val di lun-sab, noleggio mag-ott).
Fiemme e dopo circa 16 km svoltate a sinistra in
direzione Aldino (circa 7 km). 4 Pernottamento e pasti
oBerghoferin HOTEL  €€€
TRENO
(% 0471 88 71 50; www.berghoferin.it; Redagno
La stazione ferroviaria più vicina è quella di Ora, a di Sopra 54; suite €148-178 per persona, chalet La
circa 15 km.
Casa €500 per notte; h giu-ott: aW ps ) Se
volete passare qualche giorno di vero relax in
Redagno/Radein un’oasi di pace all’insegna del buon gusto, sia
Piccola frazione di Aldino, sul versante oppo- negli arredi sia in cucina, questa è la struttura
sto della Gola del Bletterbach, Redagno è un che fa per voi.
borgo costituito da numerosi insediamenti
contadini che offre alcune perle, come per 88 Per/da Redagno
esempio la Chiesa di San Volfango (% 0471 AUTOBUS
88 68 09; Redagno Di Sopra 48; h ore diurne), Südtirol Mobil Mobilità AltoAdige (% 840 00
edificata nel 1400 e ampliata nel 1913 in 04 71; www.sii.bz.it) vi fornirà tutte le indicazioni
occasione della sua elevazione a parrocchia. sui trasporti integrati all’interno della regione.
La chiesa, luogo di ritrovo della comunità Dalla stazione di Ora, diverse corse al giorno per-
di Redagno, fu consacrata a san Volfango, mettono di raggiungere Redagno facendo scalo a
Fontanefredde.
vescovo di Regensburg e fondatore di di-
versi monasteri. Dall’edificio, che sorge su AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA
una piccola collina, si gode di un bellissimo Dall’uscita Egna-Ora dell’autostrada del Brennero
panorama sulle montagne circostanti. Se A22, seguite la SS48 in direzione Cavalese-Val di
siete affascinati dalla storia del Bletterbach Fiemme e dopo circa 21 km all’uscita Fontanefred-
101
de svoltate a sinistra in direzione Redagno (circa Sci del Passo Oclini (%0471 88 71 10; www.
7 km). skischule-jochgrimm.com; Via Turmbach–Appiano;
1 h di lezione €38) è specializzata nell’insegna-
TRENO
mento ai bambini.
La stazione ferroviaria più vicina è quella di Ora, a
circa 20 km. Sci di fondo
Il piccolo comprensorio (giornaliero €8,50,
pomeridiano a partire dalle 13 €6,50) del Passo
Passo Oclini/Jochgrimm
Oclini offre anche l’opportunità di praticare
ALT. 1989 M
lo sci di fondo, grazie all’anello di 27 km
Gli abitanti di Redagno dicono che al Passo
Malga Schmiederalm–Neuhütt–Passo Ocli-
Oclini finisce il mondo: in realtà, fortuna-
ni–Malga Schmiederalm e ad altre due piste
tamente, qui non è il mondo a finire, ma
rispettivamente di 3,5 km e 8 km. Le piste del

Bletterbach A ldino/A ldein


la strada asfaltata. Il passo divide il Corno
Passo Oclini sono collegate con il centro sci
Bianco e il Corno Nero, le due cime dalle
di fondo di Lavazè (www.lavaze.com).
quali è sovrastato; lontana dalle destinazioni
più conosciute, questa località è l’ideale per
i soggiorni delle famiglie con bambini, sia
4 Pernottamento e pasti
in estate, grazie ai diversi itinerari escur- oHotel Schwarzhorn/
sionistici e alle malghe, che offrono sempre Corno Nero HOTEL  €/€€
l’occasione per assaporare ottimi piatti del (% 0471 88 71 80; www.schwarzhorn.com; Passo
territorio, sia in inverno, grazie agli impianti Oclini; camere €49-75; W p ) Vicino alle piste
di sci di discesa poco frequentati e alle piste da sci in inverno e alla partenza di numerose
per lo sci di fondo. escursioni d’estate, questo albergo è l’ideale
per una vacanza attiva a 2000 m.
2 Attività oGurndinalm MALGA  €€
ATTIVITÀ ESTIVE (% 330 76 50 83; www.gurndinalm.com; Località
Escursioni a piedi Eich 28/2; pasti €25; h metà dic-fine marzo e metà
Corno Bianco ESCURSIONE A PIEDI mag-fine ott) Con una facile passeggiata dal
Osservando la grande spaccatura sul ver- Passo Oclini si arriva in questa malga im-
sante nord-ovest che dà origine alla Gola mersa nella natura, dove potrete incontrare
del Bletterbach, questa montagna sembra da vicino gli animali della fattoria e gustare
quasi irraggiungibile; ma come succede per cibi genuini. Se amate i dolci, non perdetevi
molte cime, basta guardarla da un altro lato il Kaiserschmarrn, una sorta di frittata dolce.
per scoprire un versante più dolce e agevo-
le. Partendo dai 2000 m del Passo Oclini e 88 Per/dal Passo Oclini
seguendo le indicazioni per il Sentiero H, è AUTOBUS
possibile raggiungere la vetta in un’ora e 30 Südtirol Mobil Mobilità AltoAdige (% 840 00
minuti di camminata su un percorso che non 04 71; www.sii.bz.it) vi fornirà tutte le indicazioni
presenta particolari difficoltà; per il rientro, sui trasporti integrati all’interno della regione. In
dovrete ripercorrere il sentiero dell’andata. caso di arrivo in autobus, si consiglia di prendere
Se volete trascorrere una serata romantica la linea da Bolzano passando dalla Val d’Ega.
e ammirare un panorama mozzafiato, fate
in modo di vedere il tramonto dalla vetta e AUTOMOBILE E MOTOCICLETTA
portatevi una pila frontale per il ritorno, per Dall’uscita Bolzano Nord dell’A22 seguite le indi-
non farvi sorprendere dalle tenebre. cazioni per Val d’Ega e Obereggen, proseguendo
in direzione Passo Lavazè. Da qui continuate a
ATTIVITÀ INVERNALI ovest fino al Passo Oclini. Oppure prendete l’uscita
Sci di discesa Egna-Ora dell’A22 autostrada del Brennero, passa-
Con i suoi quattro impianti per un totale di te per Montagna e prendete per la Val di Fiemme,
proseguendo per Cavalese. Prima del paese,
7 km di piste, questo comprensorio sciistico
imboccate la diramazione per Varena e il Passo
che si sviluppa tra 1800 e 2200 m di quota Lavazè. Proseguite a ovest fino al Passo Oclini.
circa è l’ideale per le famiglie con bambini e
per chi vuole iniziare a cimentarsi con le pri- TRENO
me discese lontano dalle piste affollate. Per La stazione ferroviaria più vicina è quella di Ora, a
imparare o perfezionare la tecnica, la Scuola circa 40 km.
© Lonely Planet Publications

Sciliar-Catinaccio
e Latemar
Perché andare
BOLZANO. . . . . . . . . . . 106 I profili aguzzi delle Dolomiti sono la cornice unica e affasci-
nante di queste zone. Le creste frastagliate delle montagne
SCILIAR. . . . . . . . . . . . . 115
vi accompagneranno lungo tutto il vostro viaggio: la Roda di
Fiè allo Sciliar. . . . . . . . 116 Vael, la Torre di Pisa, il Catinaccio di Antermoia, le Torri del
Castelrotto . . . . . . . . . . 119 Vajolet, Punta Santner, il Sassolungo e il Sasso Piatto sono
Alpe di Siusi . . . . . . . . . 121 alcune delle cime che potrete contemplare in questi territori,
Tires. . . . . . . . . . . . . . . . 124 intrise di storia e teatro delle imprese dei grandi alpinisti che
per primi le hanno conquistate. Per vedere queste meraviglie
VAL DI FIEMME . . . . . . 130
non serve essere alpinisti provetti: disseminati nel cuore
Tesero. . . . . . . . . . . . . . . 134 delle Dolomiti ci sono infatti tanti rifugi, dai quali godere di
VAL DI FASSA. . . . . . . . 141 panorami da urlo, raggiungibili con escursioni su sentieri
Moena . . . . . . . . . . . . . . 142 ben tenuti e non troppo impegnativi.
Campitello di Fassa . . . 148 Alla scenografia si aggiungono poi comprensori sciistici
che offrono quanto di meglio gli amanti dello sci di discesa
Canazei . . . . . . . . . . . . . 151
e dello sci di fondo possano desiderare: impianti all’avan-
guardia e piste sempre innevate e ben preparate, sulle quali
si disputano manifestazioni storiche come la Marcialonga,
una gara con migliaia di partecipanti da tutto il mondo che
Il meglio – si svolge tra le Valli di Fiemme e Fassa.
Ristoranti Se a questo scenario da favola sommiamo anche la leggen-
¨¨Batzenhäusl/Ca’ de Bezzi daria accoglienza che solo trentini e altoatesini riservano ai
(p113) loro ospiti, una cucina tradizionale che offre piatti squisiti e
birre artigianali, e Bolzano, città ricca di cultura e di oppor-
¨¨Hopfen & Co. (p113)
tunità, il quadro per la vacanza perfetta si completa da sé.
¨¨Lifstüberl (p120)
¨¨Mini Restaurant (p149)
Quando andare
Questi luoghi stupiscono in ogni stagione: Bolzano è una città
Il meglio – Hotel piena di vita tutto l’anno, anche se i suoi mercatini di Natale
sono imperdibili, mentre le altre località, più fortemente ca-
¨¨Parkhotel Luna/
ratterizzate dalla stagionalità, cambiano volto senza perdere
Mondschein (p112)
di fascino. Se siete amanti dello sci in tutte le sue declinazioni
¨¨Garni Jasmin (p119) e delle passeggiate sulla neve, avrete l’imbarazzo della scelta.
¨¨Hotel Garnì Laurino Se invece amate il verde, la tranquillità, le escursioni e una
(p133) via di fuga dalle città in cerca dell’aria fresca e dolce della
¨¨Agritur Agua Biencia
montagna, il periodo che fa per voi parte dalla primavera
inoltrata, quando i campi sono in fiore, e arriva all’autunno.
(p147)
Storia geologica DA NON PERDERE 103
Siamo in uno dei molti cuori delle Dolomiti UNESCO, un A Bolzano, il Museo
gruppo di montagne iconiche, un componente del bene Archeologico dell’Alto
seriale che raccoglie le più conosciute, le più frequentate, Adige e il Messner
le più studiate isole-montagne dell’arcipelago fossile. Qui la Mountain Museum di
geologia è semplice e la relazione tra struttura del paesaggio Castel Firmiano. In Val
e storia geologica lampante. Tre montagne, residui di atolli d’Ega, il Lago di Carez-
isolati separati tra loro da bracci di mare profondo che ora za. In Val di Fiemme,
sono prati, foreste, valli che ospitano paesi. Fondali profondi la Foresta degli Abeti
che mostrano le originali distanze tra le isole e le profondità di Risonanza e il Re-
del mare. Fondali riempiti da rocce scure, che raccontano cinto dei Cervi. In Val
di eruzioni, di lave, di sconvolgimenti che hanno squassato di Fassa, le Torri del
l’arcipelago durante il Triassico. Vajolet e il Passo Sella.
La geologia è innanzitutto mettere ordine, raccontare la Nello Sciliar, il Rifugio
storia per passi, strato dopo strato, a partire da quelli più Bolzano e la Chiesa di
antichi, dai piedi di queste montagne. Quindi partiamo dalle San Valentino a Siusi
rocce che si trovano sopra i porfidi del Permiano inferiore, allo Sciliar.
che qui sono il basamento della stratificazione sedimentaria,
e quindi della successione che, dall’Arenaria di Val Gardena
fino alle formazioni di Bellerophon e Werfen (dal Permiano
superiore al Triassico inferiore), racconta dell’avanzata del
Mare della Tetide e del passaggio da pianure aride a mari
Siti utili
tropicali poco profondi. Un limite netto, erosivo, discordante ¨¨www.bolzano-bozen.it
marca i depositi continentali del Triassico medio (Conglome- ¨¨www.eggental.com
rato di Richthofen), che sono seguiti da depositi lagunari e
¨¨www.visitfiemme.it
poi da un deposito di scogliera carbonatica di acqua bassa
(Formazione del Contrin) costituito da sedimenti ricchi di ¨¨www.fassa.com
alghe fossili: una parete di circa 80-100 m di rocce bianche ¨¨www.seiser-alm.it
che fa da base alle cime. Siamo nell’Anisico superiore, circa
242 milioni di anni fa, quando un rapido sprofondamento
di tutta l’area dolomitica, associato a un forte innalzamento
del livello marino, portò a un drastico cambiamento della LAGO DI CAREZZA
geografia dell’area: mari di qualche decina di metri diventa- Nel cuore della Val d’Ega,
rono profondissimi e le isole si innalzarono dai fondali fino a il Lago di Carezza ri-
800-1000 m. Isole (Formazione dello Sciliar) con una forma flette nelle sue acque
precisa: una laguna caratterizzata da strati orizzontali di trasparenti, dove si
sedimenti fini (come al nucleo del Latemar o alle Torri del nasconde la statua della
Vajolet al nucleo del Catinaccio) e una scarpata di raccordo ninfa Ondina, i profili
tra il margine e il fondale marino, costituita da strati inclinati, aguzzi dei campanili del
come si può osservare salendo dall’Alpe di Siusi sullo Sciliar Latemar. Questo lago
e guardando il Latemar o il Catinaccio dalle valli attorno. meraviglioso ha stre-
La crescita degli atolli fu bruscamente interrotta attorno gato anche personaggi
a 238 milioni di anni fa, nel Ladinico superiore, quando illustri come Elisabetta
un’improvvisa quanto intensa attività vulcanica interessò d’Austria (la principessa
l’area. Filoni magmatici portarono le lave a effondersi sopra Sissi), Winston Churchill
le lagune e sui profondi fondali tra le isole, ingenti accumuli e Agatha Christie.
di rocce basaltiche e tufi andarono a riempire i bracci di mare
tra gli atolli, parti degli stessi franarono dentro le camere
magmatiche superficiali.
Tutto questo è rimasto perfettamente preservato e leg-
gibile in queste montagne, anche perché la deformazione
tettonica legata all’orogenesi alpina non ha modificato gli
originali rapporti tra le isole. Questo spiega il motivo di tanto
interesse scientifico per queste montagne: uno straordinario
laboratorio a cielo aperto dove ancora una volta la geologia
straordinaria si associa a paesaggi sublimi.
Meltina -
Molten Valas -
Flaas
Il meglio
di Sciliar- Frassineto -
Catinaccio Verschneid Avigna - Afing

a lvera - Tal f er
e Latemar Lon
Len
1 Il Messner San Genesio -
Mountain Museum Montoppio - Jenesien
di Castel Firmiano Nobls Collalbo -
Klobenstein

T
(p111), luogo
consacrato a
montagna, spiritualità Museo
e alpinismo. Archeologico Fiè a
dell'Alto Adige Via dei Portici Völs
2 Le Torri del
Prato all'Isarco -
Vajolet (p150), vera Is co Blumau
e propria icona della Adi BOLZANO - BOZEN a r -Ei
s a ck
verticalità dolomitica.
ge

Et Cardano -
-

s ch
3 Il Lago di Kardaun Collepietra -
Carezza (p129), Messner Steinegg
amato anche dalla Mountain Museum Ti
principessa Sissi e da di Castel Firmiano
Winston Churchill. San Valentino
San Michele - La Costa - Seit di Sopra -
4 La mummia St. Michael Obergummer
di Ötzi, l’uomo dei Pineta -
ghiacci, conservata al Steinmannwald
Museo Archeologico San Valentino
dell’Alto Adige in Campo -
(p108). Gummer
Laives - Leifers
5 L’Altopiano dello
Sciliar (p122), il Nova Ponente -
più grande d’Europa, Deutschnofen
un oceano di verde Bronzolo -
serenità. Branzoll
g e - Etsch

S
6 La Biblioteca
Muratori (p132) a Lago di
Adi

Cavalese, un luogo Caldaro -


Kalterer See
dove il tempo sembra
essersi fermato.
Aldino - Aldein
7 Nei negozi e locali
di Via dei Portici
Ora - Auer Redagno di Sopra -
(p113) scorre la vita Oberradein
e la storia di Bolzano.
Redagno di Sotto -
8 Il Laghetto di Fiè Unterradein
(p116), da vivere in Fontanefredde -
Montagna - Kaltenbrunn Dos
estate e in inverno. Montan
9 La leggendaria Trodena nel
Foresta degli Parco Naturale - Biblioteca
Egna - Truden im San Lugano Muratori
Abeti di Risonanza Neumarkt Naturpark
(p140), il cui legno Daiano
è usato dai liutai più
famosi del mondo Carano Cavalese
Te
per fabbricare i loro isio
nte A v
strumenti musicali. Castello T o r re
di Fiemme
a La Chiesa di San
Valentino (p118), Capriana Lago di
uno dei simboli dello Stramentizzo
Sciliar, immersa in
un paesaggio da Valfloriana
cartolina.
e 0
0 5 miglia
10 km
San Ingenuino -
Saubach ÷
Parco Naturale
Castelrotto - Puez-Odle
Kastelruth Santa Cristina -
Ortisei -
St. Ulrich - St. Christina -
Urtijëi S. Crestina
Longostagno - Selva di
Telfen Val Gardena -
Lengstein
Chiesa di San Valentino Wolkenstein -
Sëlva
Siusi allo Sciliar -
Seis am Schlern Sassolungo -
Langkofel
Torri del Sassopiatto - Rifugio (3181 m)
Laghetto di Fiè Plattkofeltürme - Vicenza R
Altopiano Ciampantl de Sassplat Spallone del Sassolungo -
dello Sciliar (2958 m) R R Langkofeleck
Fiè allo Sciliar - Cranzes - R
R (3081 m)
Völs am Schlern Kranzer Sasso Piatto - Punta Grohmann - ) Passo Sella -
Cima di (2465 m) Plattkofel - Grohmannspitze ( Sellajoch -
Mezzodì - R Sasplat (3126 m) Jëuf de Sela
Mittagskofel (2958 m) (2244 m)
(2192 m) R Monte Giavaccio -
R Tschafatsch Croda del Cimel -
(2245 m) Seekogel
(2893 m)
San Cipriano - Catinaccio d’Antermoia - R R Croda del Lago
(2806 m)
St. Zyprian Canazei -
Tires - Tiers Kesselkogel R Cianacéi
(3004 m) R Cima di Lausa Campitello
Tie Torri del Vajolet (2876 m) di Fassa -
rse s
rB ire Kampedel -
ac h - R i o T
R
no Cima Scalieret R Piz del Sciarpel Ciampedél
(2719 m)
a- R
(2887 m)
er R
Monte
Cima Catinaccio - Gran Cront
Rosengartenspitze - (2779 m) L’Aut Colac
Ciadenac (2490 m) (2715 m)
R
(2981 m) R

no R Croda Negra
R
o- Sas R (2605 m)
Pozza di Fassa - Poza d’Adam
mer Nova Levante - Sas de
Welschnofen (2430 m) Roces
Vigo di Fassa - Vich (2618 m) Cima
Dell’Uomo -
Carezza - Gran L’Om
Ega - Eggen (3010 m)
Karersee Laste R
Lago di Carezza Soraga di Fassa - (2716 m) R
R
Sorèga Col de
Schénon del Latemar -
R Costabela
San Floriano d’Ega - Punta (2762 m)
Obereggen Östliche Latemarspitze R
Cimon (2791 m) Vallaccia Punta
del Latemar - R R (2637 m) Alochet
Diamantiditurm R (2582 m)
(2842 m) Cava del Bol Moena
Corno d’Ega R (2480 m) Cima
o

(2799 m) Juribrutto
isi

R (2697 m)
Av

Cima di Valsorda R Cima Feudo te R


(2752 m) (2670 m) en
R
r
or

T Cima
R Pala di Santa R Bocche
(2493 m) Cima (2745 m)
Lastè
R
(2410 m)
Monte
Viezzena
Doss dei Branchi R Monte Agnello (2491 m)
(2274 m) (2361 m) ÷
R Parco Naturale
Paneveggio -
eca Pale di San
ori Bellamonte
Predazzo To Martino
r rent Lago di
e T rav gnolo
i Paneveggio

ese Foresta
Colbricon
Tesero Piccolo degli Abeti
A visio Ziano di
Fiemme Cima (2509 m) di Risonanza
di Sella Cima Cima di R
Monte (2492 m) Valbona Bragarolo
Cadinon R (2584 m) (2692 m) San Martino
(2322 m) R R R Cima di Ceremana di Castrozza
R R R (2687 m)
Monte Cima Coston
R di Slavaci
Canzenagol R di Cece
(2457 m) Coltorondo (2708 m)
(2530 m) (2754 m)
Pala del Cardinal R
(2481 m)
106
BOLZANO/BOZEN tra il centro storico, tipico tirolese, e la parte
POP. 106.441 / ALT. 262 M
italiana, costruita negli anni del fascismo
Per essere felici bisogna possedere una casa secondo lo stile razionalista.
sotto i portici, il vino della propria tenuta in Nata come importante centro per il com-
cantina, una casa estiva sul Renon, un banco mercio e per lo scambio, la città rivela ancora
in chiesa, un palco a teatro, una tomba di fa- quest’animo, ospitando industrie conosciute
miglia, biancheria sufficiente per almeno sei a livello nazionale e internazionale; giovane e
mesi e il matrimonio con una bolzanina: sono vivace, oltre a essere la porta delle Dolomiti
le otto beatitudini che un tempo rappresenta- Settentrionali, è il crocevia tra il nord e il sud,
vano lo spirito borghese di Bolzano. Questo un luogo dove si mescolano le peculiarità
detto così radicato nella cultura locale trova italiane e quelle tedesche, dove la cultura
riscontro in una città adornata di palazzi ben mitteleuropea si fonde con quella italiana e
tenuti, impreziosita da chiese e castelli, resa mediterranea.
affascinante da un centro cittadino curato e Storia
pulito, che svela ai viaggiatori angoli di rara
bellezza, senza dimenticare una qualità della I ritrovamenti di materiali risalenti all’Età
vita che vede sempre Bolzano nella top ten del Rame, del Bronzo, del Ferro e all’epoca
romana rendono Bolzano il luogo antropizza-
Sciliar-Catinaccio e Latemar B olzano/ B ozen

delle città italiane in cui si vive meglio.


Bolzano è una città dalle due anime e to più antico di tutta la conca. Alcuni reperti
dai due volti, un luogo dove il numero due archeologici fanno dedurre che la zona fosse
ricorre nella geografia, nella cultura e nell’ar- già abitata nel primo millennio avanti Cristo,
chitettura: due sono i torrenti che solcano quando nella regione era particolarmente
il centro cittadino, il Talvera e l’Isarco, due sviluppata la lavorazione dei metalli.
sono le lingue che si parlano in modo più Nel 15 a.C., nel corso della campagna di
diffuso, l’italiano e il tedesco, due sono gli stili conquista delle Alpi, il generale Druso fonda
architettonici che segnano una frattura netta l’accampamento militare noto come Pons
Drusi (Ponte di Druso). La città assume una
struttura urbana a partire dalla fine del XII
BOLZANO BOZEN CARD secolo, quando il vescovo di Trento inserisce
un nuovo borgo mercantile nell’antico con-
Un lasciapassare per scoprire la città e i testo di insediamenti sparsi e poco aggregati
suoi dintorni senza dover fare il biglietto della zona. Bolzano conosce così una prima
per ogni singola visita o attività: è la fase di espansione, contrassegnata dalla
Bolzano Bozen Card (in vendita presso grande conflittualità tra i vari poteri pronti
l’ufficio informazioni di Via Alto Adige 60, in- a contendersi il controllo. Lo scontro tra i
teri/6-14 anni €38/20), che dà diritto, per vescovi di Trento e i conti di Tirolo assume
tre giorni consecutivi, all’ingresso gra- i connotati di un conflitto militare avente
tuito ai nove musei di Bolzano (Museo come epicentro la città. L’antagonismo si
Archeologico dell’Alto Adige, Museion, risolve a favore di Mainardo II di Tirolo-
Museo Mercantile, Tesoro del Duomo, Gorizia alla fine del XIII secolo, a premessa
Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adi- del pacifico passaggio agli Asburgo nel 1363,
ge, Museo Civico, Castel Roncolo, Museo consentendo alla città di avviarsi verso un
dei Presepi, Messner Mountain Museum periodo di tranquillità e sviluppo economico.
di Castel Firmiano) e ad altri 80 musei Nel corso del XV secolo e nel primo Cinque-
nell’Alto Adige. Muniti di questo tesse- cento tale crescita subisce una forte accele-
rino, potrete anche partecipare a una razione, quando il duca Sigismondo prima e
visita guidata del programma settimana- re Massimiliano I dopo fanno di Bolzano un
le dell’Azienda di Soggiorno di Bolzano, a nucleo economico e politico della loro contea.
un’escursione nei parchi naturali dell’Al- Nel XVI e XVII secolo, l’evoluzione da
to Adige e a una delle gite culturali estive antico distretto cittadino a centro urbano di
organizzate dall’Azienda di Soggiorno. importanza sovraregionale continua. Grazie
La card offre inoltre la possibilità di usa- anche alla notevole immigrazione dalle aree
re gratuitamente tutti i mezzi pubblici meridionali della Germania e dell’Austria,
dell’Alto Adige: treni regionali, autobus Bolzano compie un salto di qualità a livello
locali, funivie di Bolzano (Colle, Renon economico: il ceto dei ricchi mercanti nel
e San Genesio) e un viaggio di andata e vecchio nucleo cittadino dei Portici si arric-
ritorno tra Malles e Müstair. chisce, divenendo sempre più prestigioso.
Tale processo sfocia nella nomina, da parte
107

ÖTZI, UNA SCOPERTA CHE HA RIVOLUZIONATO LA STORIA


Il 19 settembre 1991, una coppia di alpinisti tedeschi, scendendo dalla Punta di Finale in
Alto Adige, vede affiorare dal ghiaccio, a quota 3210 m, i resti di un uomo. Quell’estate, il
ghiacciaio aveva già restituito i corpi di sei alpinisti e così, quando arrivano al Rifugio del
Similaun per segnalare il ritrovamento, i coniugi Erika ed Helmut Simon non suscitano
grande attenzione. Dal momento che la polizia italiana si dimostra poco interessata
al recupero, interviene la gendarmeria austriaca, che porta il corpo a Innsbruck. I due
coniugi non potevano immaginare di aver fatto una scoperta che avrebbe cambiato la
storia: i resti che avevano fotografato erano quelli dell’Uomo del Similaun, o l’Uomo
venuto dal Ghiaccio, ribattezzato Ötzi dal giornalista viennese Karl Wendl, perché
ritrovato nelle Alpi della Ötztal. Dopo le prime analisi, le ipotesi avanzate dagli scien-
ziati sono molteplici: dapprima si pensa a un alpinista scomparso nel 1941, poi a un
escursionista dell’Ottocento, fino ad arrivare a un soldato del 1400. Il colpo di scena
arriva dalla datazione fatta con la tecnica del radiocarbonio, da cui emerge che Ötzi è
vissuto fra il 3300 e il 3200 a.C., 5300 anni prima del suo ritrovamento. A quel punto,
le autorità italiane tornano sul posto per raccogliere altri reperti e determinano che il

Sciliar-Catinaccio e Latemar B olzano/ B ozen


corpo è stato ritrovato entro i confini italiani per soli 92 m, riuscendo così a riportare in
Alto Adige la mummia. Studiando il corpo e gli oggetti che aveva con sé, si ritiene che
‘Iceman’ fosse un cacciatore, forse anche un pastore, alto 1 m e 60 cm, di età compresa
fra i 30 e i 40 anni, di rango sociale medio-alto. Una delle scoperte più rilevanti è stata
l’ascia di rame che fa retrodatare di 1000 anni l’Età del Rame, epoca durante la quale la
tecnologia dei metalli subentra a quella della pietra. Se volete approfondire l’argomen-
to, troverete molte informazioni nel libro Ötzi l’uomo venuto dal ghiaccio. La mummia
del Similaun, di Raffaele De Marinis e Giuseppe Brillante (Marsilio 1998).

dell’arciduchessa Claudia de’ Medici, all’i- gli impiegati statali e gli operai delle nuove
nizio del 1600, di un magistrato mercantile industrie, fatti migrare dal fascismo sia per
incaricato di regolare i contenziosi dei com- ovviare alla disoccupazione diffusa in Italia,
mercianti provenienti da mezza Europa. sia per mettere in minoranza la popolazione
In seguito alla Rivoluzione francese e alla di lingua tedesca, alla quale era precluso
Pace di Presburgo, che segue alla sconfitta l’accesso al pubblico impiego e alle fabbriche.
dell’Austria, la città viene annessa dapprima Durante la seconda guerra mondiale
alla Baviera (dal 1805 al 1809) e successiva- Bolzano è inclusa nella Zona d’Operazione
mente al Regno d’Italia (tra il 1809 e il 1813). delle Prealpi creata da Hitler, divenendone
Dopo la caduta di Napoleone, la città torna il capoluogo. In questo periodo i toponimi
all’impero austroungarico, sotto il quale tedeschi, aboliti dal fascismo, vengono
rimane fino al 1918. ripristinati anche in città. Al termine della
Dopo la prima guerra mondiale, insieme guerra Bolzano rimane all’Italia, grazie a un
al resto dell’attuale provincia, Bolzano viene accordo che prevedeva una forte autonomia
annessa all’Italia. Tra il 1922 e il 1923, il per il Trentino-Alto Adige e precise garanzie
fascismo italianizza in modo massiccio il per la minoranza di lingua tedesca residente
territorio. Al fine di gettare i presupposti in provincia di Bolzano.
urbanistici della creazione della ‘Grande Il primo statuto del Trentino-Alto Adige
Bolzano’ fascista che doveva arrivare in ripristina l’insegnamento del tedesco e
poco tempo a 100.000 abitanti, il Comune ristabilisce la toponomastica bilingue, ma
di Gries, fino al 1925 autonomo, viene in- gli abitanti di lingua tedesca non accettano
globato a Bolzano. l’arrivo di immigrati e il centralismo regio-
L’anno successivo nasce la ‘Provincia di nale trentino. Da qui scaturisce una lotta,
Bolzano’, mentre nel 1928 vede la luce il culminata nel terrorismo del BAS (Comitato
Monumento alla Vittoria che doveva esaltare per la Liberazione del Sudtirolo), che chiede
il carattere italiano della nuova provincia e autonomia provinciale e garanzie per gli
umiliare l’Austria sconfitta. In questa fase la abitanti di lingua tedesca di uguali diritti
città raddoppia con la costruzione dell’attuale rispetto alla componente italiana. In seguito
zona industriale e dei quartieri Novacella, all’internazionalizzazione della questione
Don Bosco e San Quirino, destinati a ospitare davanti all’ONU, Italia e Austria si accordano
108

66
map:bolzano
Bolzano

666 66

6
6666
A B C D

er

6 / / //
rmau
æ5

Via C kelsteiner
edic ici
Sch Via C

Run
r
asse

C. de’ M e’ Med
i St

Via Weggenstein
Weggenste instr.
los
s

astel
r

ast aret
/

zner W
Taffe
1

Via C. d
el M sch
M

Ronc tr
are Str
o Bo
Piazza 4 Novembre
Talvera

cci
Via C

olo
S
4-November-Platz avou

o
ei V r
V i a d an

Bolzan
6 Via Vint 13 ú 19

/
ga
Wa n g a ler Vintlerstr æ Via A. H

/
n ner g asscani
ss
Talvera

senstr

e
e ofer

ce s
A.-H

Raus ch
æ8

/// Via dell rtorgas


o

Via dei B ai
fer-

Binderg e
zis i Fr a n
Sparkas
S
Lungo

23 ú
Ponte Ta d

ka
e
e
Talferbrulvera Via n Via Dr. Streiter Dr.-Streiter-Gasse

a Ro se
22 ú

a ss
18

ott
2 cke 28 û F ra
Vi

ggia
12 æ æ a Museo M 2æ ÿ
di Risparmio

useum 34 Piavestr
1 str P.za delle Erbe Via dei Portici Laubengasseþ Via Piave
æ 10 Obstplatzþ35

We intraubengasse
/
æ Piazza
24 æ þþ 27 ûdel Grano C at

/
V i a dei Grappoli
21 ú Via sen
mini Rosmini Str
er

14 4 30 33 16 Ro
20 ú úVia Argeú
assermau

Kornplatz
Via Leonardo da Vi 25 nt ieri Silbe r gasse ÿ

/ /
nci L. d a Vinci Str
Crisp
ú 26
Sciliar-Catinaccio e Latemar B olzano/ B ozen

þ 32 i
Via Cassa

risp

/
Via della Mostra Mustergasse
r Alpini W

isen
3æ na
e Via

/
Via dell a ss

/
Venediger Str

ga Re

Via Raiffe
6
r

Via
ia Ros

lia
rmaue

/
n
Via dei Cappuccini KapuzinergasseSici
31 þ R a i Via lernstr
e

La
Piazza Domenicani
Quirein

Sch
V

urin
Dominikanerplatz Piazza Duomo
-Wasse

3 û Duomoplatz V.le d

L au
æ 9æ ella
æ 29 Staz on
o

Alpini

i o ne
Quirin

rins
7 Re
n
i Str

11 Bahn
Viale Venezia

dtiroler Str
6 holfs Via

tr
Via dell’Isarco