Sei sulla pagina 1di 220

Matematica I

Francesco Bonsante e Giuseppe Da Prato

31 Maggio 2008
Contents

1 Numeri reali 1
1.1 Sottoinsiemi di Q . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.1.1 Estremo superiore e estremo inferiore . . . . . . . . . . 2
1.2 Numeri reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2.1 Sezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2.2 Relazione d’ordine in R . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.3 Teorema di esistenza degli estremi superiore e inferiore . . . . 4
1.3.1 Operazioni con i numeri reali . . . . . . . . . . . . . . 5
1.4 Radici e potenze di numeri reali positivi . . . . . . . . . . . . 6
1.4.1 Potenza reale di un numero reale . . . . . . . . . . . . 7
1.5 Logaritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

2 Successioni di numeri reali 9


2.1 Definizione di limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.2 Alcuni esempi notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.3 Successioni limitate e monotone . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.4 Operazioni con i limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.5 Punti limite di una successione limitata. Limiti superiore e
inferiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.6 Criterio di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2.6.1 Il numero e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
2.7 Successioni illimitate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.7.1 Successioni monotone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.7.2 Operazioni con i limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.7.3 Punti limite di una successione qualunque. Limi-
ti superiore e inferiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

i
ii

3 Serie 25
3.1 Definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
3.2 Criteri di convergenza di una serie . . . . . . . . . . . . . . . . 27
3.2.1 Criterio del confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
3.2.2 Criterio del rapporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
3.2.3 Criterio della radice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
3.2.4 Serie a termini positivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3.2.5 Serie a segni alterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
3.3 Convergenza di medie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

4 Funzioni reali di una variabile reale. Limiti e continuità 35


4.1 Limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.1.1 Limiti infiniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.1.2 Limiti per x → ±∞ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.2 Funzioni continue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.2.1 Continuità di alcune funzioni elementari . . . . . . . . 42

5 Funzioni reali continue in un intervallo 45


5.1 Continuità uniforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
5.2 Massimi e minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
5.3 Esistenza degli zeri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
5.4 Continuità della funzione inversa . . . . . . . . . . . . . . . . 51
5.5 Funzioni monotone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
5.6 Funzioni convesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

6 Derivate 59
6.1 Definizione di derivata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
6.1.1 Derivata di alcune funzioni elementari . . . . . . . . . 61
6.2 Regole di derivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6.2.1 Derivazione della funzione inversa . . . . . . . . . . . . 63
6.2.2 Derivazione di funzioni composte . . . . . . . . . . . . 65
6.3 Proprietà locali di una funzione I . . . . . . . . . . . . . . . . 67
6.3.1 Forme indeterminate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
6.4 Proprietà globali I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
6.4.1 Derivate di funzioni convesse . . . . . . . . . . . . . . . 72
6.5 Derivata seconda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
6.6 Proprietà locali di una funzione II . . . . . . . . . . . . . . . . 75
6.7 Proprietà globali II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
iii

6.8 Derivate di ordine n . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78

7 Integrazione 81
7.1 Definizione dell’integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
7.2 Proprietà dell’integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
7.2.1 Linearità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
7.2.2 Additività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
7.2.3 Positività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
7.2.4 Teorema del valor medio . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
7.3 Dipendenza dell’integrale dagli estremi di integrazione . . . . . 88
7.4 Primitive di una funzione continua . . . . . . . . . . . . . . . 89
7.5 Integrazione per parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
7.6 Integrazione per sostituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92

8 Successioni e serie di funzioni 95


8.1 Convergenza di una successione di funzioni . . . . . . . . . . . 95
8.1.1 Successioni di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
8.2 Passaggio al limite sotto il segno di integrale e teorema di
derivazione per successioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
8.3 Approssimazione di una funzione continua con polinomi . . . . 99
8.4 Serie di funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8.4.1 Integrazione e derivazione per serie . . . . . . . . . . . 103
8.4.2 Serie di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104

9 Spazi metrici 107


9.1 Definizione di spazio metrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
9.2 Limiti di successioni, spazi metrici completi . . . . . . . . . . 109
9.3 Limiti e continuità di applicazioni fra spazi metrici . . . . . . 111
9.4 Proprietà geometriche e topologiche di uno spazio metrico . . 112
9.4.1 Insiemi aperti e chiusi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
9.5 Caratterizzazione topologica della continuità . . . . . . . . . . 114
9.5.1 Distanza indotta su un sottoinsieme di (X, d) . . . . . 115
9.6 Compattezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
9.6.1 Teoremi di Weierstrass e Heine–Cantor . . . . . . . . . 118
9.6.2 Intersezione di famiglie di compatti . . . . . . . . . . . 120
9.6.3 Insieme di Cantor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
9.7 Il Teorema di Ascoli–Arzelà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
9.8 Spazi metrici separabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
iv

9.9 Connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127


9.9.1 Sottoinsiemi connessi di R . . . . . . . . . . . . . . . . 128
9.9.2 Componenti connesse di un insieme . . . . . . . . . . . 129
9.9.3 Connessione per archi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
9.9.4 Insiemi connessi di Rn . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
9.10 Argomento di categoria di Baire . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
9.11 Principio delle contrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135

10 Calcolo differenziale in Rn 139


10.1 Applicazioni lineari in Rn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
10.1.1 Notazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
10.1.2 Funzionali lineari in Rn . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
10.1.3 Applicazioni lineari di Rn in Rm . . . . . . . . . . . . . 141
10.1.4 Norma di un’applicazione lineare . . . . . . . . . . . . 142
10.2 Derivata di un’applicazione di Rn in Rm . . . . . . . . . . . . 143
10.2.1 Matrice Jacobiana e derivate parziali . . . . . . . . . . 145
10.3 Derivazione di funzioni composte . . . . . . . . . . . . . . . . 153
10.4 Derivazione della funzione inversa . . . . . . . . . . . . . . . . 155
10.5 Derivate seconde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
10.6 Massimi e minimi di una funzione f : A ⊂ Rn → R . . . . . . 159
10.6.1 Studio di massimi e minimi con l’ausilio del gradiente
di f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
10.6.2 Studio di massimi e minimi con l’ausilio della derivata
seconda di f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
10.6.3 Un richiamo di algebra lineare . . . . . . . . . . . . . . 162
10.6.4 Condizioni per l’esistenza di massimi e minimi locali . 163

11 Equazioni differenziali 167


11.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
11.1.1 Equazioni a variabili separabili . . . . . . . . . . . . . 168
11.1.2 Equazioni differenziali di ordine superiore . . . . . . . . 171
11.2 Problema di Cauchy in Rn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
11.2.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
11.3 Caso in cui f (t, x) è Lipschitziana in x . . . . . . . . . . . . . 173
11.3.1 La legge di semigruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
11.3.2 Caso non autonomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
11.4 f localmente Lipschitziana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
11.4.1 Lemma di Gronwall . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
v

11.5 Equazioni differenziali lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186


11.5.1 Problema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
11.5.2 Sottospazio vettoriale delle soluzioni di u0 (t) = Au(t) . 187
11.5.3 Equazioni lineari del secondo ordine . . . . . . . . . . . 188
11.5.4 Metodo di variazione delle costanti . . . . . . . . . . . 190
11.6 Equazioni differenziali con dati continui . . . . . . . . . . . . . 191
11.6.1 -soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
11.6.2 Esistenza locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
11.6.3 Connessione e compattezza dell’insieme delle soluzioni . 195

A Complementi sui numeri reali 199


A.1 Proprietà di campo di Q . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
A.2 Il campo dei numeri reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
A.3 Un esempio di campo ordinato non
Archimedeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
A.4 Campi ordinati che godono della proprietà del sup. Teorema
di unicità di R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
vi
Capitolo 1

Numeri reali

Useremo le notazioni seguenti:

• N = {1, 2, 3, ....} è l’insieme dei numeri naturali.

• Z = {0, ±1, ±2, ..., } è l’insieme dei numeri interi relativi.

• Q è l’insieme dei numeri razionali.

Supponiamo note le definizioni di N, Z e Q e le loro proprietà fondamen-


tali. In questo capitolo vogliamo definire il concetto di numero reale usando
la costruzione di Dedekind. Per questo cominciamo con l’ introdurre alcuni
concetti relativi a sottoinsiemi di numeri razionali.

1.1 Sottoinsiemi di Q
Sia γ un sottoinsieme non vuoto di Q.

• Si dice che γ è limitato superiormente (risp. limitato inferiormente) se


esiste r ∈ Q tale che p ≤ r per ogni p ∈ γ (risp. p ≥ r per ogni p ∈ γ).
Se γ è limitato superiormente e inferiormente si dice che è limitato.

• Ogni r ∈ Q tale che p ≤ r (risp. p ≥ r) per ogni p ∈ γ è detto un


maggiorante (risp. minorante) di γ.

• Se esiste M ∈ γ (risp. m ∈ γ) tale che p ≤ M (risp. p ≥ m) per ogni


p ∈ γ, si dice che M (risp m) è il massimo (resp. il minimo di γ).

1
2 Capitolo 1

Esempi 1.1 (i) Sia γ = {p ∈ Q : 1 ≤ p ≤ 2}. Allora 2 è il massimo e 1 il


minimo di γ.
(ii) Sia γ = {p ∈ Q : p < 2}. Allora γ non ha né massimo né minimo. 

1.1.1 Estremo superiore e estremo inferiore


Un concetto più generale di quello di massimo (risp. minimo) è il concetto
di estremo superiore (risp. estremo inferiore).
Sia γ un sottoinsieme non vuoto di Q limitato superiormente e sia G
l’insieme dei suoi maggioranti. G è ovviamente limitato inferiormente e non
vuoto. Se G ha minimo (risp. massimo) uguale r, si dice che r è l’ estremo
superiore (resp. estremo inferiore) di γ.
L’estremo superiore (risp. inferiore) di γ (se esiste) si indica con sup γ
(risp. inf γ). Se l’estremo superiore (risp. inferiore) di γ esiste, è unico.
In altri termini l’estremo superiore di γ è il minimo (se esiste) dei suoi
maggioranti e l’ estremo inferiore di γ è il massimo (se esiste) dei suoi mino-
ranti.
Ad esempio se γ = {p ∈ Q : p < 1} si ha sup γ = 1.
Ovviamente se m è il massimo (risp. minimo) di γ si ha m = sup γ (risp.
m = inf γ)

Esercizio 1.2 Provare che l’insieme γ

γ = {p ∈ Q : p2 < 2}.

non ha estremo superiore.


Suggerimento. Sia per assurdo m = sup γ. Provare che non può essere
né m2 < 2 né m2 > 2. 

Il fatto che gli insiemi limitati superiormente di Q non hanno in generale


estremo superiore conduce alla definizione di numero reale.

1.2 Numeri reali


1.2.1 Sezioni
Diremo che un sottoinsieme non vuoto α di Q è una sezione se:
(i) α è limitato superiormente.
Numeri reali 3

(ii) α non ha massimo.

(iii) p ∈ α, q ∈ Q, q ≤ p ⇒ q ∈ α.

Per definizione un numero reale è una sezione. Indichiamo con R l’insieme


dei numeri reali.

Esempio 1.3 Sono sezioni i sottoinsiemi seguenti di Q:

α = {p ∈ Q : p < −5},

α = {p ∈ Q : p2 < 2} ∪ {p ∈ Q : p < 0},


mentre non sono sezioni i seguenti:

α = {p ∈ Q : p ≤ 3},

α = {p ∈ Q : p2 < 5}.


Si può considerare R come un’estensione di Q facendo corrispondere ad


ogni p ∈ Q la sezione:
γp = {q ∈ Q : q < p}.
È facile vedere che questa applicazione è iniettiva. Nel seguito, se non vi è
possibilità di confusione, identificheremo γp con p. Ad esempio scriveremo:

0 = {p ∈ Q : p < 0}.

1.2.2 Relazione d’ordine in R


Definiamo in R una relazione d’ordine. Dati α, β ∈ R scriveremo α ≤ β se
α ⊂ β, α ≥ β se α ⊃ β.
Inoltre se α ≤ β e α è diverso da β scriveremo α < β e se α ≥ β e se β è
diverso da α scriveremo α > β.
Proviamo ora che la relazione d’ordine definita è totale.

Proposizione 1.4 Dati α, β ∈ R vale almeno una delle affermazioni seguenti:


(i) α ⊂ β, (ii) β ⊂ α.
4 Capitolo 1

Dimostrazione. Si ha:

α ∪ β = (α \ β) ∪ (α ∩ β) ∪ (β \ α),

le tre unioni a secondo membro essendo due a due disgiunte.


È chiaro che se per assurdo non vale né (i) né (ii) si ha:

α \ β 6= ∅, β \ α 6= ∅.

Sia p ∈ α \ β e q ∈ β \ α. Se fosse p < q si avrebbe p ∈ β per la proprietà (ii)


delle sezioni il che è assurdo. Analogamente se fosse q < p si avrebbe q ∈ α
il che è assurdo per lo stesso motivo. 

1.3 Teorema di esistenza degli estremi supe-


riore e inferiore
Si estendono in modo ovvio le nozioni di insieme limitato (superiormente e
inferiormente), di maggiorante, di minorante di estremo superiore e inferiore
ai sottoinsiemi di R. Lasciamo tali estensioni al lettore.
Il teorema seguente è di importanza fondamentale.
Teorema 1.5 Sia K un sottoinsieme di R limitato superiormente (risp. in-
feriormente) e non vuoto. Allora esiste unico l’estremo superiore (risp. in-
feriore) di K.
Dimostrazione. Per ipotesi esiste un maggiorante µ di K. Sia λ l’unione
di tutte le sezioni appartenenti a K. Verifichiamo che:
(i) λ è una sezione di Q.

(ii) λ è un maggiorante di K.

(iii) λ è il minimo maggiorante di K.


(i) È chiaro che λ 6= ∅. Dato che µ è un maggiorante di K si ha α ⊂ µ per
ogni α ∈ K. Quindi λ ⊂ µ cosicché λ è limitato superiormente.
λ non ha massimo, altrimenti esisterebbe una sezione di K che ha mas-
simo, il che è assurdo.
Infine sia p ∈ λ e q < p. Allora p appartiene a una sezione di α ∈ K e
quindi q ∈ λ e di conseguenza q ∈ λ. (i) è provata.
Numeri reali 5

(ii) è evidente.
(iii) Supponiamo che λ1 ⊂ λ sia un maggiorante di K. Allora α ⊂ λ1 per
ogni α ∈ K. Quindi λ ⊂ λ1 il che implica λ = λ1 . 

Osservazione 1.6 Sia K ⊂ R limitato superiormente. Allora l’estremo


superiore λ di K è caratterizzato dalle due proprietà seguenti:

(i) Se z > λ si ha x < λ per ogni x ∈ K.

(ii) Se z < λ esiste x ∈ K tale che x > λ.

L’estremo inferiore λ di un sottoinsinsieme di R limitato inferiormente è


caratterizzato dalle due proprietà seguenti:

(i) Se z < λ si ha x > z per ogni x ∈ K.

(ii) Se z > λ esiste x ∈ K tale che x < z.

Esercizio 1.7 Sia α ∈ R. Provare che:

α = sup{γp : p ∈ α}.

Provare inoltre che se α e β sono numeri reali con α < β esiste p ∈ Q tale
che α < γp < β.

Esercizio 1.8 (Proprietà archimedea di R) Siano x > 0, y > 0. Provare


che esiste n ∈ N tale che nx > y. Dedurne che se x > 1, y > 0 esiste n ∈ N
tale che xn > y.
Suggerimento (per la seconda affermazione). Usare la disuguaglianza
xn ≥ n(x − 1).

1.3.1 Operazioni con i numeri reali


Estendiamo la definizione di somma a coppie α, β di elementi di R ponendo:

α + β = {p + q : p ∈ α, q ∈ β}.

Inoltre poniamo 0 = γ0 = {p ∈ Q : p < 0} e se α ∈


/ R,

−α = {p ∈ Q : p ≤ 0, −p ∈
/ α}, ∀ α > 0,
6 Capitolo 1

e
−α = {p ∈ Q : p ≤ 0} ∪ {p ∈ Q : p ≥ 0, −p ∈
/ α}, ∀ α < 0.
Definiamo ora il prodotto di due numeri reali positivi α, β ponendo
αβ = {pq : p ∈ α, p > 0, q ∈ β, q > 0} ∪ {p ∈ Q : p ≤ 0}.
Infine si definisce il prodotto di due numeri reali di segno qualunque con le
regole usuali dei segni e la potenza xn , n ∈ N, di un numero reale x. Si
può poi verificare facilmente che le note proprietà delle operazioni sui numeri
razionali si estendono ai numeri reali. (1)

1.4 Radici e potenze di numeri reali positivi


D’ora in poi identificheremo p e γp per ogni p ∈ Q. In questa sezione vogliamo
applicare il concetto di estremo superiore alla definizione della radice di un
numero reale positivo.
Proposizione 1.9 Sia y > 0 e n ∈ N. Esiste un’unica soluzione x > 0
dell’equazione:
xn = y. (1.1)
x è detta la radice n-ma di y ed è denotata con y 1/n .
Dimostrazione. Poniamo:
D = {x > 0 : xn < y}.
y
Osserviamo che D è non vuoto. Infatti x = 1+y ∈ D dato che xn < x < y.
Inoltre D è limitato superiormente; ad esempio y + 1 è un maggiorante di D.
Infatti se xn < y si ha xn < y + 1 < (y + 1)n che implica x < y + 1.
Poniamo ora λ = sup D e proviamo che non risulta né λn < y né λn > y
cosicchè λn = y e λ è soluzione di (1.1).
Se fosse λn < y esisterebbe  ∈ R con 0 <  < 1 tale che (λ + )n < y
il che contraddirebbe la definizione di estremo superiore. Per vedere che un
tale  esiste poniamo a = y − λn . Allora a > 0 e, dato che
n−1  
n n
X n k
(λ + ) ≤ λ +  λ = y − a + ((λ + 1)n − λn ),
k=0
k
(1)
Per dettagli vedi l’appendice alla fine del corso oppure W. Rudin, Principles of Math-
ematical Analysis, Mac Graw, International Student Edition, 1976.
Numeri reali 7

basta scegliere  tale che


((λ + 1)n − λn ) < a.
Se fosse λn > y esisterebbe  ∈ R con 0 <  < 1 tale che (λ − )n > y il che
contraddirebbe la definizione di estremo superiore. Per vedere che un tale 
esiste poniamo a = λn − y. Allora a > 0 e dato che
n−1  
n n
X n k
(λ − ) ≥ λ −  λ = y + a − ((λ + 1)n − λn ),
k=0
k

basta scegliere  tale che


((λ + 1)n − λn ) < a.
Si è quindi provato che esiste una soluzione di (1.1).
Proviamo infine l’unicità. Supponiamo che xn1 = xn2 con x1 > 0, x2 > 0.
Non può essere x1 < x2 altrimenti si avrebbe xn1 < xn2 . Allo stesso modo non
può essere x2 < x1 . Quindi x1 = x2 . 
Per ogni numero razionale positivo q = m n
e per ogni y ∈ R+ definiamo

y q = (y 1/n )m .
Si verifica facilmente che
y p+q = y p y q
per ogni y > 0, p, q ∈ R+ .

1.4.1 Potenza reale di un numero reale


Siano x, y > 0 reali. Vogliamo definire xy . Per questo consideriamo l’insieme:
K = {q ∈ Q, q ≥ 0 : xq < y}.
Si verifica facilmente che K è non vuoto e limitato superiormente. Definiamo
allora xy := sup K.
Esercizio 1.10 Provare che se x, y, z > 0 risulta:
xy xz = xy+z .
Esercizio 1.11 Sia x > 1, y, z > 0, provare che:
xy xz = xy+z .
8 Capitolo 1

1.5 Logaritmi
Proposizione 1.12 Sia y > 0 e a > 1 (risp. 0 < a < 1). Esiste un’unica
soluzione x > 0 dell’equazione:

ax = y. (1.2)

x è detto il logaritmo di y in base a ed è denotato con loga y.

Dimostrazione. Poniamo:

E = {x ∈ R : ax < y}.

E è non vuoto dato che esiste n ∈ N tale che a−n < y; inoltre E è limitato
superiormente dato che esiste n ∈ N tale che an > y (vedi Esercizio 1.8).
Poniamo ora λ = supE e proviamo che non risulta né aλ < y né aλ > y
cosicchè aλ = y e λ è soluzione di (1.2).
Se fosse aλ < y esisterebbe n ∈ N tale che aλ+1/n < y il che contraddirebbe
la definizione di estremo superiore. Per vedere che un tale n esiste poniamo
aλ = κy. Allora 0 < κ < 1 e, per ogni n ∈ N risulta

aλ+1/n = aλ a1/n = yκa1/n .

Basta quindi scegliere n in modo che a1/n < κ1 .


Se fosse aλ > y esisterebbe n ∈ N tale che aλ+1/n < y il che contraddirebbe
la definizione di estremo superiore. Per vedere che un tale n esiste poniamo
aλ = κy. Allora 0 < κ < 1 e, per ogni n ∈ N risulta

aλ+1/n = aλ a1/n = yκa1/n .

Basta quindi scegliere n in modo che a1/n < κ1 .


L’unicità segue dal fatto che se risulta ax1 = ax2 si ha x1 = x2 . 
Si verificano facilmente le note proprietà del logaritmo. In particolare che
per ogni y, z ∈ R+ si ha:

loga (yz) = loga y + loga z.


Capitolo 2

Successioni di numeri reali

2.1 Definizione di limite


Una successione (di numeri reali) è un’applicazione: N → R, n 7→ an ; la
indicheremo con il simbolo (an )n∈N o più brevemente con (an ).
Data una successione (an ) siamo interessati al comportamento di an quando
n diventa sempre più grande (scriveremo n → ∞). Un primo caso impor-
tante si ha quando an si “avvicina” sempre più a un numero l al crescere di
n. A questo proposito diamo la seguente definizione.
Definizione 2.1 Sia (an ) una successione e sia l ∈ R. Si dice che (an )
tende (o converge) a l e si scrive

lim an = l, oppure an → l,
n→∞

se per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che

|an − l| <  per ogni n > n , (2.1)

In tal caso si dice che l è il limite di (an ).


Evidentemente la (2.1) equivale a

l −  < an < l +  per ogni n > n .


n
Esempio 2.2 Sia an = n+1
, n ∈ N. Si ha allora:

lim an = 1.
n→∞

9
10 Capitolo 2

Infatti, dato  > 0, essendo



n 1
|an − 1| = − 1 = ,
n+1 n+1

risulta |an − 1| <  se n > 1 − 1. Quindi basta scegliere per n il più piccolo
intero positivo maggiore di 1 − 1.

Proviamo ora l’unicità del limite.

Proposizione 2.3 Una successione (an ) ha al più un limite.

Dimostrazione. Supponiamo che

lim an = l, lim an = l1 .
n→∞ n→∞

Vogliamo provare che l = l1 . Dato  > 0 esiste n ∈ N tale che

|an − l| <  per ogni n > n

e n0 ∈ N tale che


|an − l1 | <  per ogni n > n0 .
Poniamo
n00 = max{n , n0 }.
Allora se n > n00 si ha per la disuguaglianza triangolare

|l − l1 | ≤ |an − l| + |an − l1 | < 2.

Quindi l = l1 per l’arbitrarietà di . 

Esercizio 2.4 Supponiamo che an → l, bn → l e che (cn ) sia una successione


tale che:
an ≤ cn ≤ bn , ∀ n ∈ N.
Provare che cn → l.

Esercizio 2.5 Supponiamo che an → l e sia k ∈ R tale che an < k. Provare


che l ≤ k.
Successioni 11

2.2 Alcuni esempi notevoli


Esempio 2.6 Per ogni α > 0 risulta:
lim n−α = 0.
n→∞
1
Infatti, dato  > 0 la condizione n−α <  equivale a n > − α quindi basta
1
scegliere n > − α .
Esempio 2.7 Per ogni x > 0 si ha:
lim x1/n = 1.
n→∞
La cosa è ovvia se x = 1. Supponiamo x > 1 e poniamo
yn = x1/n − 1.
Si ha yn > 0 e inoltre:
x = (1 + yn )n ≥ 1 + nyn .
Ne segue
x−1
yn ≤ ,
n
cosicché:
|x1/n − 1| = yn < , ∀ n > n ,
pur di prendere n > x−1
.
Il caso x < 1 si tratta analogamente.

Esempio 2.8 Si ha:


lim n1/n = 1.
n→∞
Poniamo infatti
xn = n1/n − 1
che implica
n(n − 1) 2
n = (1 + xn )n ≥ xn ,
2
da cui r
2
xn ≤ .
n−1
Quindi si ha:
|n1/n − 1| = xn < , ∀ n > n ,
2
se n > 1 + 2
.
12 Capitolo 2

2.3 Successioni limitate e monotone


Si dice che (an ) è limitata inferiormente o superiormente o che è limitata se
tale è l’insieme
{an : n ∈ N}.

Proposizione 2.9 Sia (an ) una successione convergente. Allora (an ) è limi-
tata.

Dimostrazione. Sia an → l e sia n1 ∈ N tale che

|an − l| < 1, ∀ n > n1 .

Si ha allora:
|an | ≤ |an − l| + |l| ≤ 1 + |l|, ∀ n > n1 .
Quindi (an ) è ovviamente limitata. 

Si dice che (an ) è crescente (risp. decrescente) se an ≤ an+1 (risp.


an ≥ an+1 ) per ogni n ∈ N. Se poi an < an+1 (risp. an > an+1 ) per ogni
n ∈ N si dice che (an )n∈N è strettamente crescente (risp.strettamente decre-
scente). Una successione crescente o decrescente è detta monotona.

Proposizione 2.10 Sia (an ) una successione crescente (risp. decrescente)


e limitata superiormente (risp. inferiormente). Allora risulta:

lim an = sup an (risp. lim an = inf an ).


n→∞ n∈N n→∞ n∈N

Dimostrazione. Supponiamo che (an ) sia crescente e limitata superior-


mente e sia
l := sup an .
n∈N

Per definizione di estremo superiore per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che
l − an < . Dato che la successione (an ) è crescente ne segue che

l − an < , ∀ n > n ,

da cui la tesi. 
Successioni 13

2.4 Operazioni con i limiti


Cominciamo con il limite della somma di due successioni convergenti.

Proposizione 2.11 Sia an → l, bn → λ. Allora an + bn → l + λ.

Dimostrazione. Per ogni  > 0 esistono n , n0 ∈ N tali che

|an − l| < /2 ∀ n > n , |bn − λ| < /2 ∀ n > n0 .

Sia n00 = max{n , n0 } allora per la disuguaglianza triangolare si ha:

|an + bn − (l + m)| ≤ |an − l| + |bn − m| <  per ogni n > n00 .

Quindi an + bn → l + m come richiesto. 

Consideriamo ora il limite del prodotto di due successioni convergenti.

Proposizione 2.12 Sia an → l, bn → λ. Allora an bn → lλ.

Dimostrazione. Cominciamo con l’osservare che grazie alla Proposizione


2.9 esiste M > 0 tale che

|an | + |bn | ≤ M, per ogni n ∈ N.

Per ogni  > 0 esiste n tale che:


 
|an − l| < , |bn − λ| < , ∀ n > n .
M + |l| + |λ| M + |l| + |λ|

Se n > n si ha quindi:

|an bn − lλ| = |an bn − lbn + lbn − lλ|

≤ |bn ||an − l| + |l||bn − λ| ≤ M |an − l| + |l||bn − λ| ≤ ,

da cui la tesi. 

Esercizio 2.13 Sia an → l, bn → m, bn 6= 0 per ogni n ∈ N e m 6= 0.


Provare che abnn → ml .

Esercizio 2.14 Sia an → l e sia K ∈ R tale che an < K. Provare che l ≤ K.


14 Capitolo 2

2.5 Punti limite di una successione limitata.


Limiti superiore e inferiore
Data una successione (an ) useremo la convenzione seguente: diremo che una
propietà π vale definitivamente per (an ) se esiste n0 ∈ N tale che π vale per
tutti gli n ∈ N maggiori di n0 .
Con questa convenzione an → l se e solo se per ogni  > 0 risulta defini-
tivamente |an − l| < .
Sia (an ) una successione limitata. Per studiarne il comportarmento asin-
totico al crescere di n (n → ∞) è opportuno introdurre i concetti di sotto-
successione e punti limite di (an ).
Una sottosuccessione di (an ) è una successione della forma (ank )k∈N dove
(nk )k∈N è una successione di numeri naturali strettamente crescente.
Diremo che λ ∈ R è un punto limite di (an ) se esiste una sottosuccessione
di (an ) convergente a λ.
È chiaro che se an → l allora l è l’unico punto limite di (an ).

Esempio 2.15 Sia


an = (−1)n , n ∈ N.
Si ha allora:
a2k = 1, k ∈ N,

a2k+1 = −1, k ∈ N.
Quindi 1 e −1 sono punti limite di (an ).

Fissiamo ora una successione limitata (an ). Indichiamo con Σ l’insieme


dei suoi punti limite. Vogliamo provare che Σ è non vuoto e dotato di massimo
e minimo.
Per questo è utile introdurre i concetti di limite superiore e inferiore.
Cominciamo con la definizione del limite superiore. Poniamo:

b1 = sup an , b2 = sup an , ..., bk = sup an , ...


n≥1 n≥2 n≥k

È chiaro che (bn ) è una successione decrescente. Quindi dalla Proposizione


2.10 segue che esiste il limite

lim bk = inf bk =: l00 .


k→∞ k
Successioni 15

l00 è detto il limite superiore di (an ) ed è indicato con lim sup an . Si ha quindi:
n→∞

l00 = lim sup an = inf sup an .


n→∞ k≥1 n≥k

Esercizio 2.16 Provare che se an → l risulta l = l00 .

Studiamo ora alcune proprietà del limite superiore.

Proposizione 2.17 Sia (an ) limitata e sia l00 = lim sup an . Allora valgono
n→∞
le propietà seguenti.

(i) Se λ > l00 allora esiste nλ ∈ N tale che an < λ per ogni n > nλ . Quindi
(an ) è definitivamente minore di λ.

(ii) Se λ < l00 allora esiste una sottosuccessione (ank ) tale che

ank > λ, ∀ k ∈ N.

Quindi (an ) non è definitivamente minore di λ.

(iii) l00 è un punto limite di (an ).

(iv) l00 è il massimo punto limite di (an ).

Dimostrazione. (i) Sia λ > l00 = inf k≥1 bk . Per definizione di estremo
inferiore esiste k ∈ N tale che bk < λ. Ciò implica supn≥k an < λ, cioè an < λ
per ogni n > k.

(ii) Sia λ < l00 = inf k≥1 bk . Allora si ha λ < bk = supn≥k an > λ per ogni
k ∈ N. Quindi per ogni k ∈ N esiste nk ∈ N tale che ank > λ.

(iii) Dato k ∈ N da (i) segue che esiste nk ∈ N tale che:

1
an < l00 + , ∀ n > nk .
k
Inoltre da (ii) segue che esiste n0k > nk tale

1
an0k > l00 − .
k
16 Capitolo 2

Quindi:
1 1
l00 − < an0k < l00 + , ∀ k ∈ N.
k k
È allora chiaro che an0k → l00 (cfr. Esercizio 2.4), cosichè l00 è un punto limite
di (an ).

(iv) Sia per assurdo µ > l00 un punto limite di (an ) e sia ank → µ. Ciò è
impossibile poiché ank è definitivamente minore di l00 + 12 (µ − l00 ). 
Passiamo ora alla definizione del limite inferiore. Poniamo:

c1 = inf an , c2 = inf an , ..., ck = inf an , ...


n≥1 n≥2 n≥k

È chiaro che (cn ) è una successione crescente e limitata. Quindi dalla Propo-
sizione 2.10 segue che esiste il limite

lim ck =: l0 .
k→∞

l0 è detto il limite inferiore di (an ) ed è indicato con lim inf an . Si ha quindi:


n→∞

l0 = lim inf an = sup inf an .


n→∞ k≥1 n≥k

Esercizio 2.18 Provare che se an → l risulta l = l0 .


Studiamo ora alcune proprietà del limite inferiore.
Proposizione 2.19 Sia (an ) limitata e sia l0 = lim inf an . Allora valgono le
n→∞
propietà seguenti.
(i) Se λ < l0 allora esiste nλ ∈ N tale che an > λ per ogni n > nλ . Quindi
(an ) è definitivamente maggiore di λ.

(ii) Se λ > l0 allora esiste una sottosuccessione (ank ) tale che

ank < λ, ∀ k ∈ N.

Quindi (an ) non è definitivamente maggiore di λ.

(iii) l0 è un punto limite di (an ).

(iv) l0 è il minimo punto limite di (an ).


Successioni 17

Dimostrazione. (i) Sia λ < l0 = supk≥1 ck . Per definizione di estremo


superiore esiste k ∈ N tale che ck > λ. Ciò implica inf n≥k an > λ, cioè
an > λ per ogni n > k.

(ii) Sia λ > l0 = supk≥1 ck . Allora si ha λ > ck = inf n≥k an > λ per ogni
k ∈ N. Quindi per ogni k ∈ N esiste nk ∈ N tale che ank < λ.

(iii) Dato k ∈ N da (i) segue che esiste nk ∈ N tale che:


1
an > l 0 − , ∀ n > nk .
k
Inoltre da (ii) segue che esiste n0k > nk tale
1
an0k < l0 + .
k
Quindi:
1 1
l0 − < an0k < l0 + , ∀ k ∈ N.
k k
0 0
È allora chiaro che an0k → l , cosichè l è un punto limite di (an ).

(iv) Sia per assurdo µ < l0 un punto limite di (an ) e sia ank → µ. Ciò è
impossibile poiché ank è definitivamente maggiore di l0 − 12 (µ − l0 ).

Corollario 2.20 Sia (an ) una successione limitata in R. Allora an → l se


e solo se:
l = lim inf an = lim sup an .
n→∞ n→∞

2.6 Criterio di Cauchy


Nella Sezione 2.2 abbiamo dimostrato che certe successioni sono convergenti
ad un limite che prevedevamo in anticipo. Vi sono tuttavia situazioni in cui
ci chiediamo se esiste il limite di una successione ma non abbiamo idea di
quale possa essere tale limite. In questo caso è utile il critero di Cauchy
seguente.

Definizione 2.21 Si dice che una successione (an ) è di Cauchy se per ogni
 > 0 esiste n ∈ N tale che:
n, m ∈ N, n > n , m > n =⇒ |an − am | < . (2.2)
18 Capitolo 2

È chiaro che se an → l allora (an ) è di Cauchy. Infatti, dato  > 0 esiste


n ∈ N tale che:

|an − l| < , ∀ n > n .
2
Allora se n, m > n si ha:

|an − am | ≤ |an − l| + |am − l| < ,

cosicché (an ) è di Cauchy.

Esercizio 2.22 Sia (an ) una successione. Provare che se (an ) è di Cauchy
allora è limitata.

Teorema 2.23 Data una successione di Cauchy (an ) esiste l ∈ R tale che
an → l.

Dimostrazione. Sia (an ) una successione di Cauchy. Dall’ Esercizio 2.22


sappiamo che (an ) è limitata. Siano l00 and l0 i limiti superiore e inferiore di
(an ). Basta provare che l0 = l00 (per il Corollario 2.20). Sia  > 0 e sia n ∈ N
tale:

n, m ∈ N, n > n , m > n =⇒ |an − am | < .
3
Dalle Proposizioni 2.17 e 2.19 sappiamo che esistono n1 , n2 maggiori di n
tali che
 
|an1 − l0 | < , |an2 − l00 | < .
3 3
Ne segue
l00 − l0 ≤ |an1 − l0 | + |an1 − an2 | + |an2 − l00 | < ,
il che implica l0 = l00 per l’arbitrarietà di . 

2.6.1 Il numero e
Consideriamo la successione (sn ) definita da:
n
X 1
sn = , n ∈ N.
k=0
k!
Successioni 19

Verifichiamo che (sn ) è di Cauchy. Si ha infatti se n > m:


n
X 1
sn − sm =
k=m+1
k!
 
1 1 1
= 1+ + ··· +
(m + 1)! m+2 (m + 2)(m + 3) · · · (n − m − 1)
(2.3)
n−m−1 1
1 X 1 1− (m+1)n−m
≤ = 1
(m + 1)! k=0
(m + 1)k 1 − m+1

1 1 1
< 1 = .
(m + 1)! 1 − m+1 mm!

Dalla (2.3) segue (sn ) è di Cauchy; basta prendere n > 1 . Il limite di (sn )
per n → ∞ sarà indicato con e. Tale numero è detto la costante di Neper.

Osservazione 2.24 Dato che (sn ) è crescente, l’esistenza del limite di (sn )
segue anche provando che (sn ) è limitata e applicando la Proposizione 2.10.

Esercizio 2.25 Provare che la successione (vn ) definita da:


n
X (−1)k
vn = , n ∈ N,
k=0
k!

è convergente.

Dimostriamo ora che la costante di Neper e non appartiene a Q cioè che


è irrazionale. Fissiamo m ∈ N e passiamo al limite per n → ∞ in(2.3). Si
ottiene (cfr. Esercizio 2.5):

1
0 ≤ e − sm ≤ .
mm!
Dato che (sn ) è strettamente crescente si ha ovviamente:

1
0 < e − sm ≤ . (2.4)
mm!
20 Capitolo 2

p
Supponiamo per assurdo che e = q
con p, q ∈ N. Poniamo in (2.4) m = q,
p 1
0< − sq ≤ .
q qq!
Moltiplicando ambo i membri per q! si ottiene:
1
0 < (q − 1)! p − q! sq ≤ .
q
Ciò è assurdo dato q!sq è ovviamente intero, cosicché (q − 1)! p − q! sq è intero
e positivo.
Proposizione 2.26 Risulta:
 n
1
lim 1+ = e.
n→∞ n
Dimostrazione. Per ogni n ∈ N poniamo:
1 1 1
sn = 1 + + + ··· +
1! 2! n!
e  n
1
tn = 1 + .
n
Cominciamo con l’osservare che (tn ) è crescente. Per questo basta sviluppare
tn con la formula del binomio di Newton scrivendo:
tn = nk=0 nk nn−k = 1 + n1 n1 + n2 n12 + · · · + nn n1n
P  1   

n(n−1) n(n−1)(n−2) n(n−1)···1


=1+1+ 2!n2
+ 3!n3
+ ··· + n! nn

1 1 1 1 2 1 1 n−1
     
1+1+ 2!
1− n
+ 3!
1− n
1− n
+ ··· + n!
1− n
··· 1 − n
.
Infatti è chiaro che i primi n termini nell’analoga espressione di tn+1 sono
maggiori dei corrispondenti termini di tn . È inoltre ovvio che risulta tn < sn
per ogni n ∈ N, cosicché t := limn→∞ tn ≤ e.
Resta da provare che t ≥ e. Per questo fissiamo m ∈ N, si ha allora,
sempre dalla stessa espressione di tn
tn ≥ 1 + 1 + 2!1 1 − n1 + 3!1 1 − n1 1 − n2
  

1 1 m−1
  
+··· + m!
1− n
··· 1 − n
.
Successioni 21

Per n → ∞ (con m fissato) si ottiene


1 1 1
tn ≥ 1 + 1 + 2!
+ 3!
+ m!
= sm .

Quindi t ≥ sm per ogni m e per m → ∞ si trova t ≥ e come richiesto. 

2.7 Successioni illimitate


Useremo la seguente convenzione. Se K è un sottoinsieme di R non limitato
superiormente (risp. inferiormente) diremo che l’estremo superiore (risp.
inferiore) di K è +∞ (risp. −∞) e scriveremo

sup K = +∞, (risp. inf K = −∞).

Definizione 2.27 Si dice che una successione (an ) tende a +∞ e si scrive

lim an = +∞, oppure an → +∞,


n→∞

se per ogni M > 0 esiste nM ∈ N tale che

an > M per ogni n > nM . (2.5)

In tal caso si dice anche che il limite di (an ) è +∞.


Si dice che una successione (an ) tende a −∞ e si scrive

lim an = −∞, oppure an → −∞,


n→∞

se per ogni M > 0 esiste nM ∈ N tale che

an < −M per ogni n > nM , (2.6)

In tal caso si dice che il limite di (an ) è −∞.

Esempio 2.28 Si ha:


n2
lim = +∞.
n→∞ n − 1

Infatti
n2
≥n>M
n−1
se n > M .
22 Capitolo 2

2.7.1 Successioni monotone


Esercizio 2.29 Provare che se (an ) è crescente (risp. decrescente) e non
limitata superiormente (resp. inferiormente) risulta:

lim an = +∞, lim an = −∞.


n→∞ n→∞

2.7.2 Operazioni con i limiti


Proposizione 2.30 Sia an → +∞, bn → +∞. Allora an + bn → +∞.
Sia an → −∞, bn → −∞. Allora an + bn → −∞.

Dimostrazione. Proviamo la prima affermazione. Per ipotesi per ogni


M > 0 esiste nM ∈ N tale che:

an > M, bn > M, ∀ n > nM .

Quindi:
an + bn > M, ∀ n > nM ,
da cui la tesi. 

Osservazione 2.31 (Forma indeterminata ∞ − ∞) Sia an → +∞, bn →


−∞. Allora non si possono dare informazioni in generale sul comportamento
della successione (an + bn ). Consideriamo infatti gli esempi seguenti.

1) Sia an = n3 , bn = −n2 . Allora risulta an → +∞, bn → −∞ e

an + bn = n2 (n − 1) ≥ n2 .

Quindi an + bn → +∞.

2) Sia an = n, bn = − n2 + 1. Allora risulta an → +∞, bn → −∞ e
√ 1
an + bn = n − n2 + 1 = − √ .
n + n2 + 1
Quindi an + bn → 0.

Proposizione 2.32 Sia an → ±∞, bn → ±∞. Allora an bn → +∞.


Sia an → ±∞, bn → ∓∞. Allora an bn → −∞.
Successioni 23

Dimostrazione. Proviamo la prima affermazione. Per ipotesi per ogni


M > 0 esiste nM ∈ N tale che:

an > M, bn > M, ∀ n > nM .

Quindi:
an bn > M 2 , ∀ n > nM ,
da cui la tesi. 

Proposizione 2.33 Sia l > 0, an → l, bn → ±∞. Allora an bn → ±∞.

Dimostrazione. Supponiamo che bn → +∞. Per ipotesi per ogni M > 0


esiste nM ∈ N tale che:
2M
an > l/2, bn > , ∀ n > nM .
l
Quindi:
an bn > M, ∀ n > nM ,
da cui la tesi. 

Osservazione 2.34 (Forma indeterminata 0 × ∞) Sia an → 0, bn →


±∞. Allora non si possono dare informazioni sul comportamento della suc-
cessione (an bn ) in generale.

Considerazioni analoghe si posssono fare per il comportamento del limite



del quoziente abnn e per le forme indeterminate ∞ e 00 .

2.7.3 Punti limite di una successione qualunque. Limi-


ti superiore e inferiore
Sia (an ) una successione di numeri reali. Si dice che λ ∈ R è un punto limite
di (an ) se esiste una sottosuccessione di (an ) convergente a λ.
Definiamo il massimo e minimo limite di (an ) ponendo:

lim sup an = inf sup an .


n→∞ k≥1 n≥k

Se (an ) è limitata inferiormente definiamo il limite inferiore di (an ) ponendo:

lim inf an = sup inf an .


n→∞ k≥1 n≥k
24 Capitolo 2

Se (an ) non è limitata superiormente (risp. inferiormente) si ha:

lim sup an = +∞, resp. lim sup an = −∞.


n→∞ n→∞

Osservazione 2.35 Se l00 (risp. l0 è finito) vale la Proposizione 2.17 (resp.


2.19). Infatti nella dimostrazione di tale proposizione non si è usato il fatto
che (an ) è limitata.

Esempio 2.36 Sia:  nπ 


an = n sin , n ∈ N.
2
Si ha allora:
a2k = 2k sin(kπ) = 0, k ∈ N,
 π
a4k+1 = (4k + 1) sin 2kπ + = (4k + 1), k ∈ N
2
 π
a4k−1 = (4k − 1) sin 2kπ − = −(4k − 1), k ∈ N.
2
Quindi 0 è un punto limite di (an ) e risulta:

lim sup an = +∞, lim inf an = −∞.


n→∞ n→∞
Capitolo 3

Serie

3.1 Definizioni
Data una successione (an ) in R poniamo:
n
X
sn = a1 + a2 + · · · + an := ak , ∀ n ∈ N.
k=1

Se la successione (sn ) converge a un numero reale s scriveremo:



X
s= ak
k=1

e diremo che la serie ∞


X
ak
k=1

è convergente. Se (sn ) non è convergente diremo che la serie è divergente. La


successione (sn ) è detta la successione delle somme parziali della serie.
Osserviamo che ogni successione (bn ) si può scrivere come una serie po-
nendo:
a1 = b1 , a2 = b2 − b1 , ..., an = bn − bn−1 , n ∈ N.
Infatti si ha
n
X
ak = b1 + (b2 − b1 ) + . . . + (bn − bn−1 ) = bn .
k=1

25
26 Capitolo 3

Quindi il concetto di serie è equivalente a quello di successione anche se certe


successioni si presentano naturalmente sotto forma di serie.
Possiamo ora applicare tutti i risultati provati nel capitolo precedente alla
successione (sn ). In particolare dal Teorema 2.23 segue il criterio di Cauchy.

Proposizione 3.1 La serie ∞


P
k=1 ak è convergente se e solo se per ogni  > 0
esiste n ∈ N tale che

X n
|sn − sm | = ak <  per ogni n, m > n . (3.1)


k=m+1

Dimostrazione. Infatti la (3.1) equivale a dire che la successione (sn ) è di


Cauchy. 

Corollario 3.2 Se la serie ∞


P
k=1 ak è convergente risulta ak → 0.

Dimostrazione. Infatti, posto n = m + 1 in (3.1) si ha che per ogni  > 0


esiste n ∈ N tale che |am | <  per ogni m > n . 

Osserviamo che la condizione ak → 0 non è sufficiente per la convergenza


della serie (vedi Esempio 3.15).

la serie ∞
P
Si dice che P k=1 ak è assolutamente convergente se la serie dei

valori assoluti k=1 |ak | è convergente. Si verifica facilmente che una se-
rie assolutamente convergente è convergente mentre il viceversa non vale in
generale (vedi Proposizione 3.16 con an = n1 .)

Proposizione 3.3 Sia (an ) una successione tale che:

|an+1 − an | ≤ cn , ∀ n ∈ N,
P∞
dove la serie k=1 cn è convergente. Allora la successione (an ) è convergente.

Proof. Verifichiamo che per (an ) vale la condizione di Cauchy. Se n > m si


ha:
|an − am | ≤ |an − an−1 | + |an−1 − an−2 | + · · · + |am+1 − am |

≤ cm + cm+1 + · · · + cn−1 ,

da cui la tesi. 
Serie 27

Esempio 3.4 (Serie geometrica) Sia x > 0. Consideriamo la serie geo-


metrica ∞
X
xk .
k=0
Se x ≥ 1 la serie è ovviamente divergente. Supponiamo 0 < x < 1. Si ha
allora:
1 − xn+1
s n = 1 + x + · · · + xn = , n ∈ N.
1−x
Quindi la serie è convergente e si ha:

X 1 − xn+1 1
xk = lim sn = lim = .
n→∞ n→∞ 1 − x 1−x
k=1

3.2 Criteri di convergenza di una serie


3.2.1 Criterio del confronto
Per provare la convergenza di una serie un metodo spesso utile è di con-
frontarla con una serie di cui si conosce la convergenza o la divergenza.
Proposizione 3.5 Siano

X ∞
X
S1 = ak , S2 = bk ,
k=1 k=1

serie a termini positivi e sia ak ≤ bk per ogni k ∈ N. Se S2 è convergente


allora tale è S1 . Se S1 è divergente allora tale è S2 .
Dimostrazione. È lasciata al lettore. 

Osservazione 3.6 Date due serie a termini positivi



X ∞
X
ak , bk ,
k=1 k=1

supponiamo che esista k0 ∈ N tale che:


ak ≤ b k , ∀ k ≥ k0 .
Allora valgono ovviamente le conclusioni della Proposizione 3.5.
28 Capitolo 3

3.2.2 Criterio del rapporto


P∞
Consideriamo la serie k=1 ak .

Proposizione 3.7 Supponiamo che |an | > 0 per ogni n ∈ N. Allora valgono
le seguenti affermazioni.

|an+1 | X
(i) Se lim sup < 1 la serie ak è assolutamente convergente.
n→∞ |an | k=1


|an+1 | X
(ii) Se esiste n0 ∈ N tale che ≥1 per ogni n ≥ n0 , la serie ak
|an | k=1
è divergente.
|an+1 |
Dimostrazione. (i) Supponiamo che lim sup < κ < 1. Allora esiste
n→∞ |an |
n0 ∈ N tale che
|an+1 | < κ|an | per ogni n ≥ n0 .
Ne segue
|an | < κn−n0 |an | per ogni n ≥ n0 ,
da cui la tesi in virtù del criterio del confronto con la serie geometrica (vedi
Osservazione 3.6.)

(ii) Si ha |an0 +1 | ≥ |an0 | e quindi |an | ≥ |an0 | per ogni n ≥ n0 cosicché


non può essere an → 0. 


|an+1 | X
Esercizio 3.8 Provare che se lim > 1 la serie ak è divergente.
n→∞ |an |
k=1

xn
Esempio 3.9 Sia x ∈ R e an = n!
, n = 0, 1, .... Si ha allora se x 6= 0:

|an+1 | |x|
= , n ∈ N.
|an | n+1

X xk
Quindi la serie è convergente.
k=0
k!
Serie 29

Osservazione 3.10 Il criterio del rapporto non dà informazioni sulla con-
|an+1 |
vergenza o divergenza della serie se lim sup ≥ 1 e |an+1 | < |an | defini-
n→∞ |an |
tivamente. Ciò accade in particolare per le serie
∞ ∞
X 1 X 1
, 2
.
n=1
n n=1
n

Infatti nel primo caso si ha:

|an+1 | n n
= → 1, < 1, ∀n∈N
|an | n+1 n+1

e nel secondo
|an+1 | n2 n2
= → 1, < 1, ∀ n ∈ N,
|an | (n + 1)2 (n + 1)2

mentre la prima seria è divergente e la seconda convergente (vedi Esempio


3.15.

Esercizio 3.11 Siano a e b due numeri positivi diversi e minori di 1. Conside-

rare la successione (an ):

a0 , b0 , a1 , b1 , ..., an , bn , ....

Provare che la successione è convergente e che risulta:


an+1
lim sup = +∞.
n→∞ an

3.2.3 Criterio della radice


P∞
Consideriamo la serie k=1 ak .
P∞
Proposizione 3.12 (i) Se lim sup |an |1/n < 1 la serie k=1 ak è assolu-
n→∞
tamente convergente.
P∞
(ii) Se lim sup |an |1/n > 1 la serie k=1 ak è divergente.
n→∞
30 Capitolo 3

Dimostrazione. Supponiamo che lim sup |an |1/n < κ < 1. Allora |an |1/n è
n→∞
definitivamente minore di κ, quindi esiste n0 ∈ N tale che

|an | ≤ k n per ogni n ≥ n0 .

La tesi segue ora criterio del confronto con la serie geometrica (vedi Osser-
vazione 3.6.)

Sia ora lim sup |an |1/n > 1. Allora esistono infiniti interi ni tali che |ani |
n→∞
è maggiore di 1, quindi non risulta an → 0. 

Esercizio 3.13 Provare che anche il criterio della radice non dà informazioni
sulla convergenza delle serie
∞ ∞
X 1 X 1
, 2
.
n=1
n n=1
n

3.2.4 Serie a termini positivi


In questa sezione consideriamo la serie:

X
ak
k=0

con ak > 0 per ogni k ∈ N. In questo caso la successione delle somme parziali
è strettamente crescente quindi la serie è convergente se e solo se è limitata.
Consideriamo ora il caso in cui la successione (an ) è decrescente. In questo
caso la convergenza o divergenza della serie è equivalente alla convergenza o
divergenza della serie ∞ k
P
k=0 2 a 2 . Vale infatti il seguente criterio dovuto a
k

Cauchy.
Proposizione 3.14 Sia ∞
P
k=0 ak una serie a terminiP∞ positivi tale che la suc-
cessione (an ) è decrescente. Allora
P lak serie k=0 ak è convergente (risp.
divergente) se e solo se la serie ∞ k=0 2 a 2 k è convergente (risp. divergente).
Dimostrazione. Poniamo per ogni n ∈ N
n
X n
X
sn = ak , tn = 2k a2k .
k=0 k=0
Serie 31
P∞
Supponiamo che k=0 2k−1 a2k−1 sia convergente a t ∈ R. Si ha allora per
ogni n ∈ N:
sn = a0 +a1 +(a2 +a3 )+(a4 +a5 +a6 +a7 )+· · · ≤ a0 +a1 +2a2 +4a4 +. . . ≤ t
cosicchè la serie ∞
P
k=1 ak è anch’essa convergente.
Viceversa supponiamo che la serie ∞
P
k=0 ak sia convergente a s ∈ R. Si
ha allora per ogni n ∈ N:
tn = a0 + 2a2 + 4a4 + · · · + 2n a2n

≤ 2a0 + 2a1 + 2a2 + 2(a3 + a4 ) + 2(a5 + a6 + a7 + a8 ) + · · · ≤ 2s


cosicchè la serie ∞ k
P
k=1 2 a2k è convergente. 

P∞ 1
Esempio 3.15 Consideriamo la serie k=1 k . Si ha:

X ∞
X ∞
X
k−1 k−1 1−k
2 a2k−1 = 2 2 = 1 = +∞.
k=1 k=1 k=1
P∞ 1
Quindi la serie è divergente.
k=1 k

Consideriamo ora la serie ∞


P P∞ 1
k=1 ak = k=1 k2
. Si ha:

X ∞
X ∞
X
2k−1 a2k−1 = 2k−1 22−2k = 2 2−k < +∞.
k=1 k=1 k=1
P∞ 1
Quindi la serie k=1 k2 è convergente.

3.2.5 Serie a segni alterni


Sia (an ) una successione a termini positivi. Poniamo:
n
X
sn = (−1)k−1 an , n ∈ N.
k=1

Proposizione 3.16 Se (an ) è decrescente e risulta an → 0 la serie



X
(−1)k−1 an
k=0

è convergente.
32 Capitolo 3

Dimostrazione. Osserviamo che i termini di ordine dispari sono ≥ 0, quelli


di ordine pari sono ≤ 0 mentre le somme parziali della serie sono ≥ 0.
Per ogni n ∈ N si ha:

s2n+1 = s2n−1 − a2n + a2n+1 ≤ s2n−1 , (3.2)

cosicché la successione (s2n+1 ) è a termini positivi e decrescente. Quindi


esiste l ≥ 0 tale che s2n+1 → l.
Si ha inoltre:

s2n+2 = s2n + a2n+1 − a2n+2 ≥ s2n , (3.3)

cosicché la successione (s2n ) è a termini positivi e crescente. Si ha inoltre:

s2n+1 = s2n + a2n+1 ≥ s2n . (3.4)

Quindi (s2n ) è limitata superiormente cosicché esiste l1 ≥ 0 tale che s2n → l1 .


Infine, passando al limite per n → ∞ in (3.4) e ricordando che an → 0 segue
che l = l1 , da cui la tesi. 
Ad esempio la serie

X 1
(−1)n−1
k=1
n
è convergente.

3.3 Convergenza di medie


Data una una successione (an ) consideriamo la successione delle medie (pn )
definita da:
n
1 X
pn := ak , n ∈ N.
n k=1
Vedremo nella successiva proposizione che se an → l allora pn → l. Il vice-
versa non è vero in generale come nel caso an = (−1)n , n ∈ N. Quindi
la convergenza delle medie è un concetto più debole di convergenza, detto
convergenza secondo Cesaro (1)
(1)
La convergenza secondo Cesaro gioca un ruolo importante nello studio delle serie di
Fourier.
Serie 33

Proposizione 3.17 Sia (an ) una successione convergente a l. Allora risulta


n
1 X
lim ak = l.
n→∞ n
k=1

Dimostrazione. Per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che


n > n =⇒ |an | < .
Inoltre dalla Proposizione 2.9 segue che esiste K > 0 tale che |an | ≤ K, ∀ n ∈
N. Si ha allora per ogni n > n
n
n
1 X 1 X
|pn − l| = ak − l ≤ |ak − l|

n n
k=1 k=1

n n
1 X 1 X
= |ak − l| + |ak − l|
n k=1 n n +1


n n − n
≤ 2K + .
n n
Per n → ∞ si ottiene
lim sup |pn − l| ≤ .
n→∞
Data l’arbitrarietà di  ne segue
lim sup |pn − l| = 0,
n→∞

il che implica pn → l. 

Esercizio 3.18 Data una successione (an ) provare che


an
lim = lim (an − an−1 ),
n→∞ n n→∞

nell’ipotesi che i limiti suddetti esistano.

Suggerimento. Considerare la successione (bn ) definita da


bn = an − an−1 .

34 Capitolo 3
Capitolo 4

Funzioni reali di una variabile


reale. Limiti e continuità

Sia I un sottoinsime non vuoto di R e f : I → R un’applicazione. Si dice che


f è una funzione reale di una variabile reale. L’immagine f (I) di f è definita
da:
f (I) = {f (x) : x ∈ I}.
In questo capitolo supporremo sempre che I sia un intervallo cioè un
sottoinsieme non vuoto di R tale che:

x, y ∈ I, 0 ≤ t ≤ 1 ⇒ tx + (1 − t)y ∈ I.

Ciò significa che o I consiste di un solo punto, oppure se contiene due punti
allora contiene il segmento che li congiunge.
Sia I un intervallo limitato. Poniamo:

inf I = a, sup I = b

e supponiamo che a < b. I ha allora una delle forme seguenti a seconda che
a e b siano o no punti di minimo o massimo di I:

• I = {x ∈ R : a ≤ x ≤ b} =: [a, b] intervallo chiuso,

• I = {x ∈ R : a < x < b} =: (a, b), intervallo aperto,

• I = {x ∈ R : a ≤ x < b} =: [a, b), intervallo aperto a destra,

• I = (a, b] = {x ∈ R : a < x ≤ b}, intervallo aperto a sinistra.

35
36 Capitolo 4

Sia ora I non limitato. Se inf I = a ∈ R e sup I = +∞ si ha

• I = {x ∈ R : x ≥ a} =: [a, +∞), intervallo chiuso,


oppure

• I = {x ∈ R : x > a} =: (a, +∞), intervallo aperto.

Se inf I = −∞, sup I = b ∈ R si ha

• I = {x ∈ R : x < b} =: [−∞, b), intervallo chiuso,


oppure

• I = {x ∈ R : x ≤ b} =: (−∞, b), intervallo aperto.

Infine se inf I = −∞ e sup I = +∞ si ha I = R.


In ogni caso i numeri a e b sono detti gli estremi dell’intervallo I.

4.1 Limiti
Sia I un intervallo, f : I → R. Sia inoltre x0 un elemento di I o un suo
estremo e l ∈ R (1) .
Si dice che f (x) tende a l per x tendente a x0 se per ogni  > 0 esiste
δ > 0 tale che

|f (x) − l| <  ∀ x ∈ (x0 − δ , x0 + δ ) ∩ I diverso da x0 .

In tal caso si scrive


lim f (x) = l
x→x0

Osservazione 4.1 Il limx→x0 f (x) dipende soltanto dal comportamento di


f “vicino” a x0 ma non dal suo comportamento in x0 (nel caso in cui x0 ∈ I).
Più precisamente sia J un intervallo contenuto in I tale che x0 appartiene
a J o a un suo estremo e sia fJ la restrizione di f a J (2) . È chiaro allora
che risulta:
lim f (x) = lim fJ (x).
x→x0 x→x0

(1)
Come vedremo negli esempi è utile considerare il caso in cui x0 ∈
/ I ma coincide con
uno degli estremi di I.
(2)
fJ : J → R è definita da fJ (x) = f (x) per ogni x ∈ J.
Funzioni reali 37

La proposizione seguente riconduce il concetto di limite di una funzione


a quello di limite per successioni.

Proposizione 4.2 Sia f : I → R, x0 appartenente a I o a un suo estremo


e l ∈ R. Le affermazioni seguenti sono equivalenti:

(i) lim f (x) = l


x→x0

(ii) Per ogni successione (xn ) ⊂ I \ {x0 } tale che xn → x0 si ha f (xn ) → l.

Dimostrazione. (i) ⇒ (ii) è evidente. Proviamo che (ii) ⇒ (i). Supponiamo


per assurdo che valga (ii) ma non (i). Allora esiste 0 > 0 tale che per ogni
δ > 0 esiste x ∈ (x0 − δ, x0 + δ) ∩ I diverso da x0 e risulta |f (x) − l| ≥ 0 .
Fissato 0 > 0 scegliamo δ = n1 e sia xn ∈ (x0 − n1 , x0 + n1 ) ∩ I \ {x0 } tale
che:
|f (xn ) − l| ≥ 0 . (4.1)
Osserviamo che |x0 − xn | ≤ n1 cosicché xn → x0 . Per l’ipotesi (ii) ne segue
allora che f (xn ) → l il che contraddice (4.1). 

Usando la Proposizione 4.2 e i risultati sulle successioni del Capitolo 2 si


ha immediatamente l’unicità del limite e il risultato seguente.

Proposizione 4.3 Siano f, g applicazioni di un intervallo I in R e sia x0


appartenente a I o a un suo estremo. Supponiamo inoltre che esistano i
limiti:
lim f (x) = l, lim g(x) = l1
x→x0 x→x0

Valgono allora le affermazioni seguenti:

(i) lim (f (x) + g(x)) = l + l1


x→x0

(ii) lim f (x)g(x) = ll1 .


x→x0

(iii) Se inoltre esiste λ > 0 tale che g(x) 6= 0 per ogni x ∈ (x0 − λ, x0 + λ),
si ha lim f (x)/g(x) = l/l1 .
x→x0

La proposizione seguente permette di confrontare il limite di f (x) con quello


di altre funzioni. La semplice dimostrazione è lasciata al lettore.
38 Capitolo 4

Proposizione 4.4 (di confronto) Siano f, g, h : I → R, x0 appartenente


a I o a un suo estremo. Supponiamo che:

f (x) ≤ g(x) ≤ h(x) ∀ x ∈ I.

Allora se esistono i limiti

lim f (x) = lim h(x) = l,


x→x0 x→x0

si ha:
lim g(x) = l.
x→x0

Esempi 4.5 1) Sia I = R, f (x) = x2 per ogni x ∈ R. Si ha allora per ogni


x0 ∈ R:
lim f (x) = x20 .
x→x0

2) Sia I = R, f (x) = sin x per ogni x ∈ R. Proviamo che

lim sin x = 0.
x→0

In virtù dell’Osservazione 4.1 possiamo limitarci agli x ∈ (−π/2, π/2). In tal


caso risulta:
0 ≤ | sin x| ≤ |x|
e la tesi segue dalla Proposizione 4.4.
In modo analogo si prova che:

lim cos x = 1.
x→0

sin x
3) Sia I = (0, +∞), f (x) = x
. Proviamo che

sin x
lim = 1.
x→0 x

Ragionando come nell’esempio precedente possiamo limitarci agli x ∈ (0, π/2).


Si ha:
sin x ≤ x ≤ tan x, ∀ x ∈ (0, π/2),
Funzioni reali 39

il che implica:
sin x
cos x ≤ ≤ 1, ∀ x ∈ (0, π/2).
x
La tesi segue dalla Proposizione 4.4.

4) Sia I = R e sia f definita da:



x se x 6= 0,
f (x) =
1 se x = 0.

Allora
lim f (x) = 0.
x→0

Da notare che f (0) = 1.

5) Sia I = R e sia H la funzione di Heavside definita da:



1 se x > 0,
H(x) =
0 se x ≤ 0.

Allora è facile vedere che non esiste il limite

lim H(x).
x→0

Consideriamo le restrizioni H(0,+∞) e H(−∞,0] di H a (0, +∞) e (−∞, 0] rispet-


tivamente. Allora risulta:

lim H(0,+∞) = 1, lim H(−∞,0] = 0.


x→0 x→0

Ciò ci induce a porre:

lim H(x) = 1, lim H(x) = 0.


x→0+ x→0−

4.1.1 Limiti infiniti


Sia f : I → R e x0 un elemento di I o un suo estremo. Si dice che f tende a
+∞ (risp. −∞ ) per x → x0 se per ogni M > 0 esiste δM > 0 tale che

f (x) > M (risp. f (x) < −M ) ∀ x ∈ (x0 − δM , x0 + δM ) ∩ I diverso da x0 .


40 Capitolo 4

In tal caso si scrive


lim f (x) = +∞ (risp. lim f (x) = −∞).
x→x0 x→x0

Si possono ora ripetere con ovvie modifiche le considerazioni precedenti. In


particolare per provare che
lim f (x) = +∞
x→x0

basterà provare che per ogni successione (xn ) ∈ I \ {x0 } convergente a x0


risulta f (xn ) → +∞.

1
Esempi 4.6 1) Sia I = (0, +∞), f (x) = x
per ogni x > 0. Si ha allora:
lim f (x) = +∞.
x→0

2) Sia I = [0, +∞) e f definita da:


1

x
se x > 0,
f (x) =
3 se x = 0.
Si ha allora:
lim f (x) = +∞.
x→0

3) Sia I = R e f definita da:


1

x−1
se x 6= 1,
f (x) =
0 se x = 1.
Allora non esiste il limite
lim f (x).
x→0
Consideriamo le restrizioni f(1,+∞) e f(−∞,1) di f a (1, +∞) e (−∞, 1)
rispettivamente. Allora risulta:
lim H(0,+∞) = +∞, lim H(−∞,0] = −∞.
x→1 x→1

Per questo poniamo:


lim f (x) = +∞, lim f (x) = −∞.
x→1+ x→1−
Funzioni reali 41

4.1.2 Limiti per x → ±∞


Sia I un intervallo non limitato a destra (risp. sinistra) e f : I → R.
Si dice che f tende a l per x → +∞ (risp. −∞) se per ogni  > 0 esiste
M > 0 tale che

|f (x) − l| < , per ogni x ∈ (M , +∞) ∩ I risp. per ogni x ∈ (−∞, −M ).

In tal caso si scrive

lim f (x) = l risp. lim f (x) = l.


x→+∞ x→−∞

In modo analogo si definisce limx→+∞ f (x) = ±∞ e limx→−∞ f (x) = ±∞.

4.2 Funzioni continue


Sia I un intervallo, f : I → R. Si dice che f è continua nel punto x0 ∈ I se
risulta:
lim f (x) = f (x0 ).
x→x0

Se f non è continua in x0 si dice che x0 è un punto di discontinuità di f . Se


f è continua in ogni punto di I si dice che f è continua nell’intervallo I.
Dalle Proposizioni 4.2 e 4.3 segue immediatamente che
Proposizione 4.7 Sia f : I → R e sia x0 appartenente a I. Le affermazioni
seguenti sono equivalenti:
(i) f è continua in x0 .

(ii) Per ogni successione (xn ) ⊂ I convergente a x0 si ha f (xn ) → f (x0 ).

Proposizione 4.8 Siano f, g applicazioni di un intervallo I in R e sia x0 ∈


I. Supponiamo inoltre che f e g siano continue in x0 e che α, β ∈ R, allora
αf + βg e f g sono continue in x0 .

Il teorema seguente è di facile dimostrazione ma utile.


Teorema 4.9 (Permanenza del segno) Sia I un intervallo, f : I → R
continua nel punto x0 ∈ I e tale che f (x0 ) > 0. Allora esiste δ > 0 tale che:

f (x) > 0, ∀ x ∈ I ∩ (x0 − δ, x0 + δ).


42 Capitolo 4

Dimostrazione. Dato che f è continua in x0 esiste δ > 0 tale che:


1 1
− f (x0 ) < f (x) − f (x0 ) < f (x0 ), ∀ x ∈ I ∩ (x0 − δ, x0 + δ).
2 2
1
Quindi f (x) > 2
f (x0 ) > 0. 
Esercizio 4.10 Sia I un intervallo, f : I → R, g : I → R continue nel punto
x0 ∈ I e sia g(x0 ) > 0. Provare che esiste un intervallo J ⊂ I contenente x0
tale che fgJJ è continua in x0 (fJ e gJ sono le restrizioni di f e g a J).

Vogliamo ora provare che la composta di due funzioni continue è continua.


Per questo consideriamo due funzioni f : I → R e g : J → R tali che
f (I) ⊂ J. Consideriamo la funzione:

g ◦ f : I → R, x → f (g(x)).

Vale allora il risultato seguente.


Teorema 4.11 Se f : I → R è continua in x0 ∈ I e se g : J → R è continua
in f (x0 ) si ha che g ◦ f è continua in x0 .
Dimostrazione. Infatti se xn → x0 in I si ha g(xn ) → g(x0 ) per la conti-
nuità di g e quindi f (g(xn )) → f (g(x0 )) per la continuità di f . 

4.2.1 Continuità di alcune funzioni elementari


1) Sia f : R → R, x 7→ sin x.
Abbiamo già visto (Esempio 4.5) che f è continua in 0. Sia x0 ∈ R.
Allora per ogni h ∈ R si ha:

sin(x0 + h) − sin x0 = sin x0 cos h + cos x0 sin h − sin x0 .

Quindi
lim sin(x0 + h) = sin x0 ,
h→0

cosicché la funzione f (x) = sin x è continua in R.

2) Sia f : R → R, x 7→ cos x.
La dimostrazione che f è continua è simile alla precedente.
Funzioni reali 43

3) Sia f : − π2 , π2 → R, x 7→ tan x.


Usando l’Esercizio 4.10 si vede che f è continua.

4) Sia f : R → R, x 7→ ex .
Ricordiamo che (Esempio 2.6) si ha

lim e1/n = 1
n→∞

Usando questo risultato e il fatto che f è strettamente crescente è facile


provare che:
lim ex = 1,
x→0

cioè che f è continua in 0.


Possiamo ora dimostrare facilmente la continuità di f in ogni punto x0 ∈
H. Si ha infatti:

lim (ex − ex0 ) = ex0 lim (ex−x0 − 1) = 0.


x→x0 x→x0
44 Capitolo 4
Capitolo 5

Funzioni reali continue in un


intervallo

In questo capitolo studiamo alcune proprietà globali delle funzioni reali e


continue in un intervallo I di R.

5.1 Continuità uniforme


Sia I un intervallo e sia f : I → R continua in I (cioè in ogni punto di I).
Allora per ogni x ∈ I e ogni  > 0 esiste δx, > 0 tale che:
x, y ∈ I, |x − y| < δx, ⇒ |f (x) − f (y)| < .
Se è possibile trovare δx, indipendente da x si dice che f è uniformemente
continua. Si ha cioè la definizione seguente.
Definizione 5.1 Una funzione f : I → R è detta uniformemente continua
se per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che:
x, y ∈ I, |x − y| < δ ⇒ |f (x) − f (y)| < . (5.1)
L’uniforme continuità è una proprietà importante di una funzione continua
come si vedrà nel seguito.
Esempi 5.2 1) La funzione f (x) = x2 per ogni x ∈ R non è uniformemente
continua. Infatti posto:
1
xn = n + , yn = n,
n
45
46 Capitolo 5

1
si ha |xn − yn | = n
e
1
|f (xn ) − f (yn )| = + 2 > 2.
n2

2) Sia I = R e f (x) = sin x per ogni x ∈ R. Proviamo che f è uniforme-


mente continua. Sia x, y ∈ R, poniamo h = y − x. Si ha allora
sin(x + h) − sin x = sin x cos h + cos x sin h − sin x,
cosicché
| sin(x + h) − sin x| ≤ |1 − cos h| + | sin h|.
Dato che
lim sin h = lim (1 − cos h) = 0,
h→0 h→0
si ha che f è uniformemente continua.
3) Sia I = (0, 1) e f (x) = x1 , ∀ x ∈ (0, 1]. Allora f non è uniformemente
continua. Infatti, posto
1 1
xn = , yn = ,
n n+1
si ha
1 1
|xn − yn | = ≤ , |f (xn ) − f (yn )| = 1.
n(n + 1) n
Esempio 5.3 Si dice che f : I → R è lipschitziana se esiste K > 0 tale che:
|f (x) − f (y)| ≤ K|x − y|, ∀ x, y ∈ I,
che è α-hölderiana, α ∈ (0, 1), se esiste Kα > 0 tale che:
|f (x) − f (y)| ≤ Kα |x − y|α , ∀ x, y ∈ I.
Si vede facilmente che una funzione lipschitziana o α-hölderiana è uniforme-
mente continua.
Ad esempio se f è α-hölderiana basta prendere in (5.1)
 1/α

δ = ,

poiché se |x − y| < δ si ha:
|f (x) − f (y)| ≤ Kα |x − y|α < Kα δα = .
Funzioni continue in un intervallo 47

Vediamo ora una prima importante conseguenza della uniforme conti-


nuità.
Proposizione 5.4 Sia I = (a, b) con a, b ∈ R e sia f : (a, b) → R uniforme-
mente continua. Allora è possibile estendere univocamente f a una funzione
continua su [a, b].
Dimostrazione. Basta provare che esistono finiti i limiti:

lim f (x), lim f (x).


x→a x→b

Infatti in tal caso posto:



 f (x), per ogni x ∈ (a, b),

F (x) = lim f (x), per x = a,
x→a
 lim f (x), per x = b,

x→b

è chiaro che F è l’unica estensione di f continua in [a, b].


Proviamo ad esempio che esiste il limx→b f (x). Per questo consideriamo
una successione (xn ) ⊂ I convergente a b e proviamo che la successione
(f (xn )) è di Cauchy. Poi proveremo che il limite di (f (xn )) non dipende
dalla scelta di (xn ).
Dato che f è uniformemente continua in (a, b), per ogni  > 0 esiste δ > 0
tale che valga l’implicazione (5.1). Inoltre, dato che xn → b, esiste n ∈ N
tale che:
1
|xn − b| < δ , ∀ n > n .
2
Se n, m > n si ha allora

|xn − xm | ≤ |xn − b| + |xm − b| < δ

e quindi
|f (xn ) − f (xm )| < .
Ciò significa che la successione (f (xn )) è di Cauchy cosicché esiste l ∈ R tale
che f (xn ) → l.
Sia ora (yn ) ⊂ I un’altra successione convergente a b e sia f (yn ) → l0 .
Dato  > 0 esiste n0 > n ∈ N tale che:
1 1
n > n0 ⇒ |xn − b| < δ , |yn − b| < δ .
2 2
48 Capitolo 5

Quindi se n > n0 si ha

|xn − yn | ≤ |b − xn | + |b − yn | < δ .

Per n → ∞ si ottiene |l − l0 | ≤  da cui l = l0 per l’arbitrarietà di . 

Una funzione continua f : I → R non è necessariamente uniformemente


continua come si vede con facili controesempi. Però ciò accade se I è chiuso
e limitato. Si ha infatti il risultato seguente.
Teorema 5.5 (Heine-Cantor) Sia I un intervallo chiuso e limitato di R
e sia f : I → R continua. Allora f è uniformemente continua.
Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che f non sia uniformemente
continua. Allora esiste 0 > 0 tale che per ogni δ > 0 esistono x, y ∈ I tali
che
|x − y| < δ, |f (x) − f (y)| ≥ 0 .
1
Dato n ∈ N e scelto δ = n
ne segue che esistono xn , yn ∈ I tali che
1
|xn − yn | < , |f (xn ) − f (yn )| ≥ 0 .
n
Dato che I è limitato le successioni (xn ) e (yn ) sono limitate. Allora esiste una
sottosuccessione (xnk ) di (xn ) convergente a un elemento x0 che appartiene
a I poiché I è chiuso. Per lo stesso motivo esiste una sottosuccessione (n0k )
di (nk ) tale che (yn0k ) è convergente a y0 ∈ I.
Passando al limite per n → ∞ nelle disuguaglianze:
1
|xn0k − yn0k | < , |f (xn0k ) − f (yn0k )| ≥ 0 ,
n0k
risulta x0 = y0 e |f (x0 ) − f (y0 )| ≥ 0 il che è assurdo. 

Esercizio 5.6 1) Provare che per ogni α ∈ (0, 1) la funzione f (x) = |x|α , x ∈
R è α-hölderiana.

2) Provare che la funzione:

f (x) = sin(1/x), x ∈ (0, 1),

non è uniformemente continua.


Funzioni continue in un intervallo 49

5.2 Massimi e minimi


Sia I un intervallo, f : I → R. Si dice che x0 ∈ I è un punto di massimo
(risp. minimo) di f se risulta:

f (x0 ) = sup f (x), (resp f (x0 ) = inf f (x)).


x∈I x∈I

In tal caso si dice anche che f ha massimo (risp. minimo) in x0 .

Teorema 5.7 (Weierstrass) Sia I un intervallo chiuso e limitato di R e


sia f : I → R continua. Allora f ha massimo e minimo in I.

Dimostrazione. Ci limitiamo a provare l’esistenza del massimo, quella del


minimo essendo analoga. Osserviamo intanto che f è limitata superiormente.
Supponiamo per assurdo che ciò non sia vero. Allora esiste una successione
(xn ) ⊂ I tale che
f (xn ) ≥ n, ∀ n ∈ N. (5.2)
Dato che I è limitato, la successione (xn ) è limitata. Quindi esiste una
sottosuccessione (xnk ) convergente a un elemento x0 che appartiene a I dato
che I è un intervallo chiuso. Allora per la continuità di f risulta:

lim f (xnk ) = f (x0 ),


k→∞

il che contraddice (5.2). Poniamo ora:

M = sup f (x).
x∈I

Per definizione di estremo superiore esiste una successione (xn ) ⊂ I tale che

1
M ≥ f (xn ) > M − , n ∈ N.
n
Sia (xnk ) una sottosuccessione di (xn ) convergente a un elemento x0 di I. Si
ha allora:
1
M ≥ f (xnk ) > M − , k ∈ N.
nk
Per k → ∞, grazie alla continuità di f , si ha f (x0 ) = M . Quindi x0 è punto
di massimo. 
50 Capitolo 5

Se l’intervallo I non è chiuso e limitato non è detto in generale che una


funzione continua f : I → R assuma massimo e minimo. Ad esempio la
funzione f (x) = x, x ∈ R, non ha né massimo né minimo mentre la funzione
f (x) = x1 , x ∈ (0, 1] non ha massimo. Per garantire l’esistenza del massimo
di f : I → R quando I non è chiuso e limitato occorrono ulteriori ipotesi,
come ad esempio nel risultato seguente.
Proposizione 5.8 Sia f : R → R continua e tale che:

lim f (x) = −∞.


x→±∞

Allora f ha massimo in R.
Dimostrazione. Poniamo λ = max[−1,1] f. Dato che limx→±∞ f (x) = −∞
esiste K > 0 tale che:

f (x) ≤ λ − 1, ∀ x ∈ (−∞, K] ∪ [K, +∞).

Quindi risulta:
sup f = sup f
R [−K,K]

e, applicando il Teorema di Weierstrass alla restrizione di f all’intervallo


[−K, K], si ha che esiste x0 ∈ [−K, K] tale che f (x0 ) = M . 

5.3 Esistenza degli zeri


Teorema 5.9 Sia f : I → R continua. Siano a, b ∈ I con a < b tali che
f (a) > 0, f (b) < 0. Allora esiste x0 ∈ (a, b) tale che f (x0 ) = 0.

Dimostrazione. Sia

E = {x ∈ [a, b] : f (x) > 0}.

Osserviamo che E è non vuoto dato che contiene il punto a. Sia λ = supE .
Allora λ ∈ (a, b) e risulta f (λ) ≥ 0. Supponiamo per assurdo che f (λ) > 0.
Allora dal teorema della permanenza del segno segue che esiste δ > 0 tale
che
f (x) > 0, ∀ x ∈ (λ − δ, λ + δ) ∩ [a, b].
Ciò contraddice la definizione di λ come estremo superiore di E. 
Funzioni continue in un intervallo 51

Osservazione 5.10 Il Teorema 5.9 può essere utilizzato in certi casi per la
risoluzione dell’ equazione f (x) = 0. Ad esempio sia f : R → R tale che:

lim f (x) = +∞, lim f (x) = −∞.


x→−∞ x→+∞

Allora esistono x1 < x2 tali che

f (x1 ) > 0, f (x2 ) < 0.

Quindi per il Teorema 5.9 esiste x0 ∈ R tale f (x0 ) = 0.

Corollario 5.11 Sia I un intervallo e f una funzione continua su I. Allora


f (I) è un intervallo.

Dimostrazione. Occorre provare che se x1 , x2 ∈ I con x1 < x2 allora ogni


z ∈ (f (x1 ), f (x2 )) appartiene a f (I). Supponiamo ad esempio che f (x1 ) >
f (x2 ) (il caso in cui f (x1 ) < f (x2 ) si tratta analogamente) e sia λ tale che
f (x1 ) > λ > f (x2 ). Poniamo g(x) = f (x) − λ. Allora g è continua e risulta:

g(x1 ) > 0, g(x2 ) < 0.

Quindi per il Teorema 5.9 esiste z ∈ (x1 , x2 ) tale che g(z) = 0 ovvero tale
che f (z) = λ come richiesto. 

5.4 Continuità della funzione inversa


Sia f : [a, b] → R continua e iniettiva. Allora risulta definita la funzione
inversa
f −1 : f ([a, b]) → R, y 7→ f −1 (y) = x,
dove x è l’unico elemento di I tale che f (x) = y.

Proposizione 5.12 Sia f continua in [a, b] e iniettiva. Allora f −1 è con-


tinua in f ([a, b]).

Dimostrazione. Sia x0 ∈ [a, b] e sia y0 = f (x0 ). Si deve provare che se


(yn ) ⊂ f ([a, b]) tende a y0 si ha f −1 (yn ) → f −1 y0 = x0 .
Dato che f è iniettiva, per ogni n ∈ N esiste xn ∈ I tale che f (xn ) = yn .
Si dovrà quindi provare che xn → x0 .
52 Capitolo 5

Sia (xnk ) una sottosuccessione di (xn ) convergente a λ ∈ [a, b]. Dato che
f è continua in λ si ha:

f (xnk ) = ynk → f (λ) = y0 .

Dato che f è iniettiva si ha λ = x0 cosicché xnk → x0 . Data l’arbitrarietà


della sottosuccessione (xnk ) scelta si ha xn → x0 come richiesto. 
h π πi
Esempi 5.13 1) Sia f : − , → [−1, 1], x → sin x
2 2
Dato che f è strettamente crescente risulta definita e continua la sua
inversa g in (−1, 1) (Teorema 5.12),

g(y) := arcsin y, y ∈ (−1, 1).

In modo analogo si prova la continuità dell’inversa arccos x di cos x.


 π π
2) Sia f : − , → R, x 7→ tan x.
2 2
f è continua (vedi Esercizio 4.10) e strettamente crescente. Quindi risulta
definita e continua la sua inversa g in R,

g(y) := arctan y, y ∈ R.

3) Sia f : R → R, x 7→ ex e g la funzione inversa di f ,

g(y) = log y, y ∈ (0, +∞).

Dal Teorema 5.12 segue che g è continua.

5.5 Funzioni monotone


Sia I un intervallo e f : I → R. Si dice che f è crescente (resp. decrescente)
in I se:
x1 , x2 ∈ I ⇒ f (x1 ) ≤ f (x2 ) (risp. f (x1 ) ≥ f (x2 )). (5.3)
Se in (5.3) vale il segno minore (risp. maggiore) si dice che f è strettamente
crescente (resp. strettamente decrescente) in I. Una funzione crescente o
decrescente è detta monotona.
Funzioni continue in un intervallo 53

Non è detto che una funzione monotona sia continua. Ad esempio la


funzione di Heavside:

1 se x > 0,
H(x) =
0 se x ≤ 0,

è cresecente ma non è continua in 0.


Vogliamo mostrare ora che una funzione monotona f : I → R è continua
in tutti i punti di I tranne al più un sottoinsieme numerabile di I. Per questo
conviene introdurre il concetto di limite destro e sinistro di una funzione.

Definizione 5.14 Sia f : (a, b) → R, a, b ∈ R, e sia x0 ∈ I. Si dice che f


ammette limite l per x → x−
0 se per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che

x ∈ (a, x0 ) ∩ (x0 − δ , x0 ) =⇒ |f (x) − l| < .

In tal caso si scrive


lim f (x) = l
x→x−
0

Si dice che f ammette limite l per x → x+ 0 se per ogni  > 0 esiste δ > 0
tale che
x ∈ (x0 , b) ∩ (x0 , x0 + δ ) =⇒ |f (x) − l| < .
In tal caso si scrive
lim f (x) = l
x→x+
0

In altri termini si ha limx→x−0 f (x) = l (risp. limx→x+0 f (x) = l) se e solo se


limx→x0 f(a,x0 ) (x) = l (risp. limx→x0 f(x0 ,b) (x) = l) dove f(a,x0 ) (risp. f(x0 ,b) ) è
la restizione di f a (a, x0 ) (risp. (x0 , b)).

Teorema 5.15 Sia f : (a, b) → R crescente sia x0 ∈ (a, b). Allora esistono
i limiti:
lim− f (x) = sup f (x) (5.4)
x→x0 x∈(a,x0 )

e
lim f (x) = inf f (x). (5.5)
x→x+
0
x∈(x0 ,b)

Inoltre se i due limiti coincidono f è continua in x0 .


54 Capitolo 5

Un risultato analogo vale se f è decrescente.


Dimostrazione. Proviamo ad esempio (5.5). Poniamo:

l= inf f (x).
x∈(x0 ,b)

Per definizione di estremo inferiore, per ogni  > 0 esiste x ∈ (x0 , b) tale che:

f (x ) < l + .

Poniamo δ = x − x0 , allora per la crescenza di f vale l’implicazione:

x ∈ (x0 , b), x − x0 < δ ⇒ f (x) − l ≤ f (x ) − l < .

Quindi (5.5) è provata.


L’ultima affermazione segue dal fatto che, essendo f crescente, risulta:

sup f (x) ≤ f (x0 ) ≤ inf f (x).


x∈(a,x0 ) x∈(x0 ,b)


Poniamo:

lim− f (x) := f (x−


0 ), lim+ f (x) := f (x+
0)
x→x0 x→x0

e indichiamo con r(x0 ) il salto di f in x0 :



r(x0 ) = f (x+
0 ) − f (x0 ).

Se f è crescente risulta evidentemente:

f (x− +
0 ) ≤ f (x0 ) ≤ f (x0 ).

Inoltre dal Teorema 5.15 segue che f è continua in x se e solo se r(x) = 0.


Esercizio 5.16 Nelle ipotesi del Teorema 5.15 provare che esistono (non
necessariamente finiti) i limiti:

lim f (x), lim f (x)


x→a x→b

Proposizione 5.17 Sia f : [a, b] → R monotona. Allora l’insieme dei punti


di discontinuità Λ di f è al più numerabile.
Funzioni continue in un intervallo 55

Dimostrazione. Supponiamo ad esempio f crescente. Poniamo:


 
1 1
Λn = x ∈ (a, b) : ≤ r(x) < , n ∈ N.
n n−1

È chiaro che tutti i Λn , n ∈ N, sono insiemi finiti perchè la somma dei salti
non può superare f (b) − f (a). Ne segue che la cardinalità dell’insieme:

[
{x ∈ (a, b) : r(x) > 0} = Λn ,
n=1

è al più quella del discreto. 


La dimostrazione del semplice corollario seguente è lasciata al lettore.

Corollario 5.18 Se f è crescente in [a, b] e f ([a, b]) è un intervallo, f è


continua in [a, b].

5.6 Funzioni convesse


Una funzione f : I → R è detta convessa se risulta

f ((1 − t)x + ty) ≤ (1 − t)f (x) + tf (y), ∀ x, y ∈ I, t ∈ [0, 1]. (5.6)

Per vedere il significato geometrico della (5.6) introduciamo il concetto di


epigrafico. L’epigrafico di f è l’insieme dei punti che stanno al di sopra del
suo grafico, cioè:

Epi (f ) := {(x, y) ∈ R2 : x ∈ I, y ≥ f (x)}.

Dalla definizione (5.6) segue immediatamente che f è convessa se e solo


se il suo epigrafico è un sottoinsieme convesso di R2 . Ciò significa che se
(x1 , y1 ) e (x2 , y2 ) appartengono a Epi (f ) allora il segmento che li congiunge
vi appartiene. In altri termini, vale l’implicazione:

(x1 , y1 ) ∈ Epi (f ), (x2 , y2 ) ∈ Epi (f ), t ∈ [0, 1]

⇒ ((1 − t)x1 + tx2 , (1 − t)y1 + ty2 ) ∈ Epi (f ).

Una funzione f : I → R è detta concava se −f è convessa.


56 Capitolo 5

Teorema 5.19 Ogni funzione f : (a, b) → R convessa è continua.


Dimostrazione. Sia x0 ∈ (a, b). Sia inoltre [α, β] ⊂ (a, b) tale che x0 ∈
(α, β). Cominciamo con il provare che f è continua a destra in x0 cioè che
lim f (x) = f (x0 ). (5.7)
x→x+
0

Per questo basterà dimostrare che se (xn ) ⊂ (x0 , β) è una successione con-
vergente a x0 si ha f (xn ) → f (x0 ). Essendo x0 < xn < β esiste tn ∈ (0, 1)
tale che
xn = (1 − tn )x0 + tn β, n ∈ N. (5.8)
tn è dato da:
x n − x0
tn = .
β − x0
Per la convessità di f si ha allora,
f (xn ) ≤ (1 − tn )f (x0 ) + tn f (β), n ∈ N. (5.9)
Inoltre, dato che tn → 0, passando al limite per n → ∞ in (5.9), si ottiene:
lim sup f (xn ) ≤ f (x0 ). (5.10)
n→∞

Osserviamo ora che, essendo α < x0 < xn , esiste sn ∈ (0, 1) tale che:
x0 = (1 − sn )α + sn xn , n ∈ N, (5.11)
sn è dato da:
x0 − α
sn = .
xn − α
Per la convessità di f si ha,
f (x0 ) ≤ (1 − sn )f (α) + sn f (xn ), n ∈ N.
Ne segue:
1 1 − sn
f (xn ) ≥f (x0 ) − f (α). (5.12)
sn sn
Dato che sn → 1, passando al limite per n → ∞ in (5.12), si ottiene:
f (x0 ) ≤ lim inf f (xn ). (5.13)
n→∞

Da (5.10) e (5.13) segue (5.7). Cosı̀ si è dimostrata la continuità a destra di


f in x0 . La continuità a sinistra si prova in modo analogo. 
Funzioni continue in un intervallo 57

Esercizio 5.20 Sia f : [a, b] → R convessa. Posto:



ˆ f (x), se x ∈ [a, b),
f (x) =
f (b) + 1, se x = b,

provare che fˆ è convessa; dedurne che una funzione convessa definita in un


intervallo chiuso non è necessariamente continua.
58 Capitolo 5
Capitolo 6

Derivate

6.1 Definizione di derivata


Sia f : (a, b) → R e x0 ∈ (a, b). Se f è continua in x0 sappiamo che al tendere
di x a x0 il valore f (x) si avvicina indefinitamente a f (x0 ) ma non abbiamo
alcuna stima di f (x) − f (x0 ). Cerchiamo allora di esprimere l’incremento
f (x) − f (x0 ) della funzione f come un termine proporzionale a x − x0 più un
resto r(x) “piccolo” rispetto a x − x0 , scrivendo:
f (x) − f (x0 ) = a(x − x0 ) + r(x), x ∈ (a, b).
dove a ∈ R è da determinare.
Definizione 6.1 Si dice che f : (a, b) → R è derivabile in x0 ∈ (a, b) se
esiste a ∈ R e una funzione r : (a, b) → R tali che:
f (x) − f (x0 ) = a(x − x0 ) + r(x), ∀ x ∈ (a, b) (6.1)
e
r(x)
lim = 0. (6.2)
x→x0 x − x0

Se ciò accade si dice che a è la derivata di f nel punto x0 che si indica con
il simbolo f 0 (x0 ) o Df (x0 ).
Se f è derivabile in ogni punto di (a, b) si dice che è derivabile in (a, b)
Con la (6.2) intendiamo che:
r(x) r(x)
lim+ = lim− = 0.
x→x0 x − x0 x→x0 x − x0

59
60 Capitolo 6

Osservazione 6.2 La derivata f 0 (x0 ) è definita univocamente cioè se oltre


a valere (6.1) e (6.2) esistono a1 ∈ R e r1 : (a.b) → R tali che:

f (x) − f (x0 ) = a1 (x − x0 ) + r1 (x), ∀ x ∈ (a, b), (6.3)

con limh→0 r1h(h) = 0, allora si ha a = a1 .


Infatti, sottraendo (6.1) e (6.3) si ottiene:

(a − a1 )(x − x0 ) + (r(x) − r1 (x)) = 0, ∀ x ∈ (a, b),

da cui, dividendo per x − x0 e passando al limite per x → x0 , si ha a = a1 .

Osservazione 6.3 Se f è derivabile in x0 da (6.1) e (6.2) risulta:

lim f (x) = f (x0 ),


x→x0

cioè f è continua in x0 .

Osservazione 6.4 Supponiamo che f sia derivabile in x0 , allora da (6.1) e


(6.2) segue che
f (x) − f (x0 )
lim = f 0 (x0 ). (6.4)
x→x0 x − x0
Viceversa se esiste a ∈ R tale che:
f (x) − f (x0 )
lim = a,
x→x0 x − x0
posto:
r(x) = f (x) − f (x0 ) − a(x − x0 ), ∀ x ∈ (a, b),
r(x)
si ha limx→x0 x−x0
= 0 cosicché f è derivabile in x0 e f 0 (x0 ) = a.

Osservazione 6.5 Può accadere che f non sia derivabile in x0 ma esista il


limite
 
f (x) − f (x0 ) 0 f (x) − f (x0 ) 00
lim =: l risp. lim =: l .
x→x−0
x − x0 x→x0 + x − x0

In tal caso l0 (risp. l00 ) è detto la derivata sinistra (risp. derivata destra) di f
in x0 ed è denotato con D+ f (x0 ) (risp. D− f (x0 )). Ovviamente se esistono e
coincidono D+ f (x0 ) e D− f (x0 ) si ha che f è derivabile in x0 .
Derivate 61

6.1.1 Derivata di alcune funzioni elementari


1) Sia f : I → R costante, f (x) = c per ogni x ∈ I. Allora f 0 (x) = 0 per
ogni x ∈ I.

2) Se f (x) = xn , x ∈ R, si ha:
xn − xn0
f 0 (x) = lim = lim (xn−1 + xn−2 x0 + · · · + x0n−1 )
x→x0 x − x0 x→x0

= nxn−1
0 .

Quindi Dxn = nxn−1 .

3) Sia f (x) = sin x per ogni x ∈ R e siano x0 , x ∈ R. Posto h = x − x0 , si ha


allora:
sin(x0 + h) − sin x0 = sin x0 cos h + cos x0 sin h − sin x0

= sin x0 (cos h − 1) + cos x0 sin h.


Dato che
sin h cos h − 1
lim = 1, lim = 0,
h→0 h h→0 h
si ha:
sin(x0 + h) − sin x0
D sin(x0 ) = lim = cos x0 .
h→0 h
In modo analogo si prova che D cos x0 = − sin x0 per ogni x0 ∈ R.

6.2 Regole di derivazione


Proposizione 6.6 Siano f, g : (a, b) → R derivabili in x ∈ (a, b), α, β ∈ R.
Allora valgono le affermazioni seguenti:
(i) αf + βg è derivabile in x e risulta
(αf + βg)0 (x) = αf 0 (x) + βg 0 (x).

(ii) f g è derivabile in x e risulta


(f g)0 (x) = f 0 (x)g(x) + f (x)g 0 (x).
62 Capitolo 6

(iii) Sia inoltre g(x) 6= 0 in (a, b). Allora f /g è derivabile in x e risulta

1
(f /g)0 (x) = (f 0 (x)g(x) − f (x)g 0 (x)).
g 2 (x)

Dimostrazione. (i) segue facilmente dalla Proposizione 4.3-(i). Proviamo


(ii). Si ha:

f (x)g(x) − f (x0 )g(x0 ) = (f (x) − f (x0 ))g(x) + f (x0 )(g(x) − g(x0 )),

da cui

f (x)g(x) − f (x0 )g(x0 ) f (x) − f (x0 ) g(x) − g(x0 )


= g(x) + f (x0 ) .
x − x0 x − x0 x − x0

La conclusione segue ora passando al limite per x → x0 tenendo conto della


continuità di g in x0 e della Proposizione 4.3-(ii).

Proviamo infine (iii). Si ha

f (x) f (x0 ) f (x)g(x0 ) − f (x0 )g(x)


− =
g(x) g(x0 ) g(x)g(x0 )

(f (x) − f (x0 ))g(x0 ) − g(x0 )(g(x) − g(x0 ))


= .
g(x)g(x0 )

La tesi segue ora dividendo ambo i membri di questa uguaglianza per x − x0


e passando al limite per x → x0 . 

Esercizio 6.7 Consideriamo la funzione:

sin x  π π
h(x) = tan x = , x∈ − , .
cos x 2 2

Provare che
1  π π
D tan x = x∈ − , .
cos2 x 2 2
Derivate 63

6.2.1 Derivazione della funzione inversa


Proposizione 6.8 Sia f : (a, b) → R continua e strettamente crescente (risp.
strettamente decrescente) e sia g = f −1 : J = f ((a, b)) → R la sua inversa.
Supponiamo che f sia derivabile in x0 ∈ (a, b) e che f 0 (x0 ) 6= 0. Allora g è
derivabile in y0 = f (x0 ) e risulta;
1
g 0 (y0 ) = . (6.5)
f 0 (x 0)

Dimostrazione. Sia y, y0 ∈ J con y 6= y0 e sia x = g(y), x0 = g(y0 ). Dato


che f è derivabile in x0 si ha:
f (x) − f (x0 ) = f 0 (x0 )(x − x0 ) + r(x), x ∈ (a, b), (6.6)
r(x)
con limx→x0 x−x0
= 0. Quindi per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che:
x ∈ (a, b), |x − x0 | < δ ⇒ |r(x)| < |x − x0 |. (6.7)
Si ha, tenendo conto di (6.6),
1 1
g(y) − g(y0 ) = x − x0 = (y − y 0 ) − r(x).
f 0 (x0 ) f 0 (x0 )
Quindi basterà provare che:
r(x) r(g(y))
lim = lim = 0. (6.8)
y→y0 y − y0 y→y0 y − y0
D’altra parte sappiamo dalla Proposizione 5.12 che g è continua in y0 . Quindi
esiste η > 0 tale che:
y ∈ J, |y − y0 | < η ⇒ |x − x0 | = |g(y) − g(y0 )| < δ ⇒ |r(x)| < |x − x0 |.
Se |y − y0 | < η si ha quindi
r(x) r(x) x − x0 x − x0 x − x0
= < = 0
y − y0 x − x0 y − y 0 y − y0 f (x0 )(x − x0 ) + r(x)

1 1
= ≤ ,
f 0 (x 0) + r(x) |f 0 (x 0 )| − 
x−x0

da cui (6.8). (Nell’ultimo passagio si è supposto  < |f 0 (x0 )|, il che è possibile
dato che f 0 (x0 ) 6= 0). 
64 Capitolo 6

Esempi 6.9 1) Consideriamo la funzione:


 π π
f (x) = sin x, x∈ − ,
2 2
e la sua inversa
g(y) = arcsin y, y ∈ (−1, 1).
Dalla Proposizione 6.8 si ha allora:
1
D arcsin y = .
cos x
Ma, dato che y = sin x, si ha:
p
cos x = 1 − y2,

cosicché
1
D arcsin y = p , y ∈ (−1, 1).
1 − y2

2) Consideriamo la funzione:
 π π
f (x) = tan x, x∈ − ,
2 2
e la sua inversa
g(y) = arctan y, y ∈ (−∞, ∞).
Si ha allora:
D arctan y = cos2 x.
Ma, dato che y = tan x, si ha:
1
cos2 x =
1 + y2
cosicché
1
D arctan y = , y ∈ (−1, 1).
1 + y2
3) Sia

f (x) = log x, x ∈ (0, +∞).


Derivate 65

La sua inversa è:


g(y) = ey y ∈ R.
Calcoliamo f 0 (1). Si ha, ricordando la continuità del logaritmo (vedi Esempio
5.13),
1
lim log(1 + h) = lim log (1 + h)1/h = log e = 1.
 
h→0 h h→0

Si è qui usato il fatto che

lim (1 + h)1/h = e.
h→0

Ciò segue facilmente dalla disuguaglianza:


 n  x  x
1 1 1
1+ ≤ 1+ < 1+
n+1 n+1 x
 n+1  n+1
1 1
< 1+ ≤ 1+ ,
x n

dove x = h1 e n = n(x) è la parte intera di x e dalla Proposizione 2.26.


Dal fatto che f 0 (1) = 1 si deduce dalla Proposizione 6.8 che:

0 eh − 1
g (0) = lim = 1.
h→0 h
Calcoliamo ora Dey con y ∈ R. Si ha:

ey+h − ey eh − 1
 
lim = lim ey = ey .
h→0 h h→0 h

Ne segue, per ogni x > 0:


1 1
f 0 (x) = D log(x) = y
= .
e x

6.2.2 Derivazione di funzioni composte


Proposizione 6.10 Sia f : (a, b) → R derivabile in x ∈ (a, b) e g : (c, d) →
R derivabile in y = f (x) ∈ (c, d), con f ((a, b)) ⊂ [c, d]. Allora la funzione
composta g ◦ f è derivabile in x e risulta (g ◦ f )0 (x) = g 0 (f (x))f 0 (x).
66 Capitolo 6

Dimostrazione. Esistono due funzioni r1 : (a, b) → R e r2 : (c, d) → R tali


che
f (x) − f (x0 ) = f 0 (x0 )(x − x0 ) + r1 (x), x ∈ (a, b)
e
g(y) − g(y0 ) = g 0 (y0 )(y − y0 ) + r2 (y), y ∈ (c, d),
con
|r1 (x)| |r2 (y)|
lim = 0, lim = 0.
x→x0 |x − x0 | y→y0 |y − y0 |
Ne segue
g(f (x)) − g(f (x0 )) = g 0 (f (x0 ))(f (x) − f (x0 )) + r2 (f (x))

= g 0 (f (x0 ))f 0 (x0 )(x − x0 ) + g 0 (f (x0 ))r1 (x) + r2 (f (x))


|r1 (x)|
Dato che limx→x0 |x−x0 |
= 0, basterà provare che:
r2 (f (x))
lim =0 (6.9)
x→x0 x − x0

Per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che:


y ∈ (c, d), |y − y0 | < δ ⇒ |r2 (y)| < |y − y0 |.
Inoltre, per la continuità di f , esiste η > 0 tale che:
|x − x0 | < η ⇒ |f (x) − f (x0 )| < δ ⇒ |r2 (f (x))| < |f (x) − f (x0 )|

≤ |f 0 (x0 )| |x − x0 | + |r1 (x)|.


Ne segue:
r2 (f (x)) |r1 (x)|
≤ |f 0 (x0 )| +  ,
x − x0 |x − x0 |
da cui la tesi per x → x0 . 

Esempio 6.11 Siano a, b ∈ R, f : [a, b] → R derivabile, a < x1 < x2 < b.


Poniamo:
φ : [0, 1] → R, φ(t) = (1 − t)x1 + tx2
e
h(t) = f (φ(t)) = f ((1 − t)x1 + tx2 ), t ∈ [0, 1].
Si ha allora:
h0 (t) = f 0 ((1 − t)x1 + tx2 )(x2 − x1 ).
Derivate 67

6.3 Proprietà locali di una funzione I


In questa sezione f rappresenta una funzione di (a, b) in R e x0 un punto di
(a, b).
Definizione 6.12 (i) Si dice che f ha un massimo (risp. minimo ) locale
in x0 se esiste δ > 0 tale che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e risulta:
f (x0 + h) ≤ f (x0 ), (risp. f (x0 + h) ≥ f (x0 )), ∀ h ∈ (−δ, δ). (6.10)
Se in (6.10) vale il segno minore (risp. maggiore) si dice che x0 ha un
massimo locale forte (risp. minimo locale forte) in x0 .
(ii) Si dice che f è crescente (risp. decrescente) in x0 se esiste δ > 0 tale
che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e per ogni h ∈ (0, δ) risulta:
f (x0 − h) ≤ f (x0 ) ≤ f (x0 + h), resp. f (x0 − h) ≥ f (x0 ) ≥ f (x0 + h).
(6.11)
Se nelle disuguaglianze in (6.11) vale il segno minore (risp. maggiore)
si dice che f è strettamente crescente (risp. strettamente decrescente)
in x0 .

Proposizione 6.13 Sia f : (a, b) → R e sia x0 ∈ (a, b). Supponiamo che f


sia derivabile in x0 .
(i) Se f ha massimo o minimo locale in x0 si ha f 0 (x0 ) = 0.
(i) Se f è crescente (risp. decrescente) in x0 risulta f 0 (x0 ) ≥ 0 (risp.
f 0 (x0 ) ≤ 0).

Dimostrazione. (i) Supponiamo che f abbia un massimo locale in x0 e sia


δ > 0 tale che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e vale (6.10). Si ha allora:
1 1
(f (x0 + h) − f (x0 )) ≤ 0 se h < 0, (f (x0 + h) − f (x0 )) ≥ 0 se h > 0.
h h
Quindi risulta D+ f (x0 ) ≤ 0 e D− f (x0 ) ≥ 0. Dato che f è derivabile in x0 si
ha D+ f (x0 ) = D− f (x0 ) da cui la tesi.

(ii) Sia f crescente in x0 e sia δ > 0 tale che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e


vale (6.11). Si ha allora
1
(f (x0 + h) − f (x0 )) ≥ 0, se h ∈ (−δ, δ).
h
68 Capitolo 6

da cui la tesi per h → 0. 

Se risulta f 0 (x0 ) = 0 allora f non ha necessariamente un massimo o un


minimo locale in x0 ; basta considerare la funzione f (x) = x3 e x0 = 0.

Proposizione 6.14 Sia f : (a, b) → R e sia x0 ∈ (a, b). Supponiamo che f


sia derivabile in x0 e che risulti f 0 (x0 ) > 0 (risp. f 0 (x0 ) < 0). Allora f è
strettamente crescente (risp. decrescente) in x0 .

Dimostrazione. Dato che f è derivabile in x0 risulta:

f (x) − f (x0 ) = f 0 (x0 )(x − x0 ) + r(x), x ∈ (a, b),

r(x)
con lim = 0. Quindi esiste δ > 0 tale che:
x→x0 x − x0
1 0
x ∈ (a, b), |x − x0 | < δ ⇒ |r(x)| ≤ f (x0 )|x − x0 |.
2
Se x − x0 > 0 si ha:
1 0
f (x) − f (x0 ) ≥ f 0 (x0 )(x − x0 ) − |r(x)| ≥ f (x0 )(x − x0 ) > 0,
2
e se x − x0 < 0
1 0
f (x) − f (x0 ) ≤ f 0 (x0 )(x − x0 ) + |r(x)| ≤ f (x0 )(x − x0 ) < 0.
2
Quindi f è strettamente crescente (risp. decrescente) in x0 . 

6.3.1 Forme indeterminate


Il risultato seguente è il prototipo di una serie di risultati concernenti limiti
di forme indeterminate.

Proposizione 6.15 (Regola dell’Hospital) Siano f, g derivabili in (a, b)


e x0 ∈ (a, b). Supponiamo che:

(i) f (x0 ) = 0, g(x0 ) = 0.

(ii) g(x) 6= 0 per ogni x ∈ (a, b) \ {x0 }.


Derivate 69

(iii) g 0 (x0 ) 6= 0.
Allora risulta:
f (x) f 0 (x0 )
lim = 0 .
x→x0 g(x) g (x0 )

Dimostrazione. Dato che f e g sono derivabili in x0 esistono r : (a, b) → R


e s : (a, b) → R tali che:

f (x) = f 0 (x0 )(x − x0 ) + r(x), g(x) = g 0 (x0 )(x − x0 ) + s(x), x ∈ (a, b),

e:
r(x) s(x)
lim = 0, lim = 0.
x→x0 x − x0 x→x0 x − x0
Si ha allora:
f (x) f (x) − f (x0 )
=
g(x) g(x) − g(x0 )
r(x)
f 0 (x0 )(x − x0 ) + r(x) f 0 (x0 ) + x−x 0
= 0 = s(x)
,
g (x0 )(x − x0 ) + s(x) 0
g (x0 ) + x−x0

da cui la tesi per x → x0 . 

6.4 Proprietà globali I


Sia f : [a, b] → R continua in [a, b] e derivabile in (a, b). Sappiamo dal teo-
rema di Weierstrass che f ha massimo M e minimo m in [a, b]. Grazie alla
Proposizione 6.13-(i) per trovare M e m si può procedere al modo seguente.
Si considera l’insieme:

Σ = {x ∈ (a, b) : f 0 (x) = 0}

e si osserva che il massimo e il minimo di f si trovano nell’insieme:

Σ ∪ {a} ∪ {b}.

Esempio 6.16 Sia f (x) = 2x3 − 9x2 + 12x, x ∈ [0, 3]. Si ha:

f 0 (x) = 6x2 − 18x + 12, x ∈ [0, 3].


70 Capitolo 6

Dato che f 0 si annulla in 1 e 2 il massimo e il minimo di f sono assunti in


uno dei punti 0, 1, 2, 3. Dato che:

f (0) = 6, f (1) = 11, f (2) = 10, f (3) = 15,

il massimo di f è 15 e il minimo è 6.
Per avere altre informazioni globali di f in [a, b] sono utili i teoremi di Rolle
e del valor medio di Lagrange.

Teorema 6.17 (Rolle) Sia f : [a, b] → R continua in [a, b], derivabile in


(a, b) e tale che f (a) = f (b). Allora esiste ξ ∈ (a, b) tale che f 0 (ξ) = 0.

Dimostrazione. Per il teorema di Weierstrass f ha massimo e minimo in


[a, b]. Se sono uguali f è costante e quindi f 0 è nulla in (a, b). Se sono
diversi non possono essere assunti entrambi agli estremi dell’intervallo [a, b].
Supponiamo ad esempio che il massimo sia assunto in un punto ξ ∈ (a, b).
Allora si ha f 0 (ξ) = 0 per la Proposizione 6.13-(i). 

Proviamo ora il teorema del valor medio.


Teorema 6.18 (Lagrange) Sia f : [a, b] → R continua in [a, b] e derivabile
in (a, b). Allora esiste ξ ∈ (a, b) tale che

f (b) − f (a) = f 0 (ξ)(b − a). (6.12)

Dimostrazione.
Primo passo. Supponiamo a = 0, b = 1.

Poniamo:
g(t) = t(f (1) − f (0)) − f (t), t ∈ [0, 1].
Allora g(0) = g(1) cosicché per il Teorema di Rolle esiste ξ ∈ (0, 1) tale che
g 0 (ξ) = f (1) − f (0) − f 0 (ξ) = 0, da cui la tesi.

Secondo passo. a, b generali.

Poniamo:
h(t) = f ((1 − t)a + tb), t ∈ [0, 1].
Allora per il primo passo, esiste η ∈ (0, 1) tale che:

h(1) − h(0) = f (b) − f (a) = h0 (η).


Derivate 71

Usando la regola di derivazione delle funzioni composte si ha:


h0 (η) = (b − a)f 0 ((1 − η)a + ηb).
Posto ξ = (1 − η)a + ηb si ha la tesi. 
Vediamo ora alcune conseguenze del teorema del valor medio.
Proposizione 6.19 Sia f : [a, b] → R continua e derivabile in (a, b). Se
risulta f 0 (x) = 0 per ogni x ∈ (a, b) allora f è costante.
Dimostrazione. Sia x1 ∈ (a, b). Per il teorema del valor medio esiste
ξ ∈ (x1 , b) tale che
f (b) − f (x1 ) = f 0 (ξ)(b − x1 ) = 0.
Quindi f (x1 ) = f (b) per ogni x1 ∈ (a, b). 
Proposizione 6.20 Sia f : (a, b) → R derivabile. Se risulta f 0 (x) ≥ 0
(risp. f 0 (x) > 0) per ogni x ∈ (a, b) allora f è crescente (risp. strettamente
crescente) in (a, b).
Se risulta f 0 (x) ≤ 0 (risp. f 0 (x) < 0) per ogni x ∈ (a, b) allora f è
decrescente (risp. strettamente decrescente) in (a, b).
Dimostrazione. Sia ad esempio f 0 (x) ≥ 0 (risp. > 0) per ogni x ∈ (a, b)
e siano x1 , x2 ∈ (a, b), x1 < x2 . Per il teorema del valor medio esiste ξ ∈
(x1 , x2 ) tale che
f (x2 ) − f (x1 ) = f 0 (ξ)(x2 − x1 ) ≥ 0 (risp. > 0),
da cui la tesi. 
Sia f derivabile in (a, b). La proposizione seguente mostra che per la
derivata f 0 vale il teorema di esistenza degli zeri.
Proposizione 6.21 Sia f : R → R derivabile in (a, b). Sia [x1 , x2 ] ⊂ (a, b)
tale che f 0 (x1 ) < 0, f 0 (x2 ) > 0. Allora esiste ξ ∈ (x1 , x2 ) tale che f 0 (ξ) = 0.
Dimostrazione. In virtù della Proposizione 6.14 f è strettamente crescente
in x2 e strettamente decrescente in x1 . Quindi esiste h ∈ (0, x2 − x1 ) tale che
f (x1 + h) < f (x1 ), f (x2 − h) < f (x2 ).
Quindi il minimo di f in [x1 , x2 ], che esiste per il Teorema di Weierstrass,
cade in punto ξ ∈ (x1 , x2 ) cosicché risulta f 0 (ξ) = 0. 
Corollario 6.22 Sia f : R → R derivabile in (a, b). Allora f 0 ((a, b)) è un
intervallo.
72 Capitolo 6

6.4.1 Derivate di funzioni convesse


Ricordiamo che una funzione f : (a, b) → R è convessa se e solo se:
x, y ∈ (a, b), t ∈ [0, 1] ⇒ f ((1 − t)x + ty) ≤ (1 − t)f (x) + tf (y). (6.13)
Un’utile caratterizzazione della convessità è data in termini del rapporto
incrementale:
f (x) − f (y)
R(x, y) = , x, y ∈ (a, b), x 6= y.
x−y
Da notare che R è simmetrico, cioè R(x, y) = R(y, x) per ogni x, y ∈
(a, b), x 6= y.

Proposizione 6.23 Le affermazioni seguenti sono equivalenti.


(i) f è convessa.
(ii) R(x, y) è crescente in x e y.

Dimostrazione. (i) ⇒ (ii). Dato che R è simmetrico basta provare che è


crescente in x, cioè che se x < z con x, z ∈ (a, b) risulta:
f (x) − f (y) f (z) − f (y)
≤ , ∀ y ∈ (a, b), x 6= y, z 6= y. (6.14)
x−y z−y
Occorre distinguere tre casi secondo che: y < x < z, x < y < z e x <
z < y. Ci limitiamo a considerare il primo, dato che gli altri casi si trattano
analogamente. La (6.14) equivale a:
f (x)(z − y) ≤ f (y)(z − x) + f (z)(x − y)
e quindi a:
z−x x−y
f (x) ≤ f (y) + f (x) (6.15)
z−y z−y
x−y
Posto t = z−x
z−y
si ha 1 − t = z−y
e (1 − t)x + ty = z. Quindi la (6.15) equivale
alla (6.13).

(ii) ⇒ (i). Sia x, y ∈ (a, b) e t ∈ (0, 1). Poniamo z = (1 − t)x + ty, di


modo che z ∈ (x, y). Si ha allora per ipotesi:
f (y) − f (x) f (z) − f (x)
≤ .
y−x z−x
Derivate 73

Ma z − x = t(y − x) e quindi si ha:

tf (y) − tf (x) ≤ f ((1 − t)x + tz) − f (x),

da cui la tesi. 

Proposizione 6.24 Sia f derivabile in (a, b). Le condizioni seguenti sono


equivalenti.

(i) f è convessa.

(ii) Per ogni x, y ∈ (a, b) si ha:

f (y) ≥ f (x) + f 0 (x)(y − x). (6.16)

Dimostrazione. (i) ⇒ (ii). Sia x < y; dato che f è convessa dalla Propo-
sizione 6.23 segue che:

f (x + ) − f (x) f (y) − f (x)


≤ ,
 y−x

per ogni  ∈ (0, y − x). Per  → 0 ne segue:

f (y) − f (x)
f 0 (x) ≤ ,
y−x

che equivale a (6.16).

(ii) ⇒ (i). Sia x < y < z con x, y, z ∈ (a, b). Si ha allora per ipotesi:

f (z) ≥ f (y) + f 0 (y)(z − y),

f (x) ≥ f (y) + f 0 (y)(x − y),

da cui:
f (y) − f (x) f (z) − f (x)
≤ f 0 (y) ≤ ,
y−x z−x
da cui la tesi per la Proposizione 6.23. 

Proposizione 6.25 Sia f derivabile in (a, b). Le affermazioni seguenti sono


equivalenti.
74 Capitolo 6

(i) f è convessa.

(ii) f 0 è crescente in (a, b).

x+y
Dimostrazione. (i) ⇒ (ii). Sia x < y, poniamo z = 2
. Dalla Propo-
sizione 6.23 segue che per ogni  ∈ (0, y − x) si ha:

f (x + ) − f (x) f (z) − f (x) f (z) − f (y) f (y − ) − f (y)


≤ ≤ ≤ .
 z−x z−y −

Per  → 0 si ottiene f 0 (x) ≤ f 0 (z).

(ii) ⇒ (iii). Sia x < y < z con x, y, z ∈ (a, b). Per il teorema del valor
medio esiste ξ1 ∈ (x, y) e ξ2 ∈ (y, z) tali che:

f (y) − f (x) = f 0 (ξ1 )(y − x), f (z) − f (y) = f 0 (ξ2 )(z − y).

Ne segue:
f (y) − f (x) f (z) − f (y)
= f 0 (ξ1 ) ≤ f 0 (ξ2 ) = ,
y−x z−y
da cui la tesi per la Proposizione 6.23. 

6.5 Derivata seconda


Sia f : (a, b) → R continua e derivabile. Sia f 0 : (a, b) → R la sua derivata.
Se f 0 è derivabile in x0 si dice che f è derivabile due volte in x0 . In tal caso
la derivata di f 0 in x0 si indica con il simbolo f 00 (x0 ) o D2 f (x0 ).

Proposizione 6.26 Supponiamo che f sia derivabile due volte in x0 . Allora


esiste una funzione r2 : (a, b) → R tale che:

1
f (x)−f (x0 ) = f 0 (x0 )(x−x0 )+ f 00 (x0 )(x−x0 )2 +r2 (x), ∀ x ∈ (a, b) (6.17)
2
e
r2 (x)
lim = 0. (6.18)
x→x0 (x − x0 )2
Derivate 75

Dimostrazione. Usando due volte la regola dell’Hospital (Proposizione


6.15) si ha:

f (x) − f (x0 ) − f 0 (x0 )(x − x0 ) − 1


2
f 00 (x0 )(x − x0 )2
lim
x→x0 (x − x0 )2

f 0 (x) − f 0 (x0 ) − f 00 (x0 )(x − x0 )


= lim = 0.
x→x0 2(x − x0 )

Quindi, posto:
1 00
r2 (x) = f (x) − f (x0 ) − f (x0 )(x − x0 ) − f (x0 )(x − x0 )2 , ∀ x ∈ (a, b),
2
r2 (x)
si ha lim = 0. 
x→x0 (x − x0 )2

6.6 Proprietà locali di una funzione II


In questa sezione f rappresenta una funzione di (a, b) in R continua e deriva-
bile e x0 un punto di (a, b).

Proposizione 6.27 Sia f : (a, b) → R derivabile due volte in x0 ∈ (a, b).


Allora se f ha massimo (resp. minimo) locale in x0 si ha f 0 (x0 ) = 0 e
f 00 (x0 ) ≤ 0 (resp. f 00 (x0 ) ≥ 0).

Dimostrazione. Supponiamo che f abbia un massimo locale in x0 e sia


δ > 0 tale che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e risulta f (x) ≤ f (x0 ) per ogni
x ∈ (x0 − δ, x0 + δ). Allora da (6.17) segue che:

1 00
f (x) − f (x0 ) = f (x0 )(x − x0 )2 + r2 (x) ≤ 0.
2
Dividendo ambo i membri di questa disuguaglianza per (x − x0 )2 e facendo
tendere x a x0 si trova f 00 (x0 ) ≤ 0. 

Proposizione 6.28 Sia f : (a, b) → R derivabile due volte in x0 e sia


f 00 (x0 ) > 0 (risp. f 00 (x0 ) < 0). Allora se f 0 (x0 ) = 0, f ha minimo (resp.
massimo) locale forte in x0 .
76 Capitolo 6

Dimostrazione. Supponiamo che f 0 (x0 ) = 0 e f 00 (x0 ) > 0. Da (6.17) si ha:


1 00
f (x) − f (x0 ) = f (x0 )(x − x0 )2 + r2 (x).
2
Allora esiste δ > 0 tale che:
1 00
|x − x0 | < δ ⇒ |r2 (x)| ≤ |f (x0 )|(x − x0 )2 .
4
Quindi se |x − x0 | < δ e se x 6= 0 si ha:
 
1 00 1 00
f (x) − f (x0 ) ≤ f (x0 ) + |f (x0 )| (x − x0 )2 < 0,
2 4
cosicché x0 è punto di minimo forte di f . 

Definizione 6.29 Si dice che f è convessa (risp. concava) in x0 se esiste


δ > 0 tale che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e se |x − x0 | < δ) risulta:

f (x) ≥ f (x0 )+f 0 (x0 )(x−x0 ), (risp. f (x) ≤ f (x0 )+f 0 (x0 )(x−x0 )). (6.19)

Se in (6.19) vale il segno maggiore (risp. minore) si dice che f è strettamente


convessa (risp. strettamente concava) in x0

Proposizione 6.30 Sia f : (a, b) → R derivabile due volte in x0 ∈ (a, b).


Se f è convessa (risp. concava) in x0 si ha f 00 (x0 ) ≥ 0.

Dimostrazione. Per ipotesi esiste δ > 0 tale che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e


per ogni h ∈ (0, δ) risulta

|x − x0 | < δ ⇒ f (x) − f (x0 ) − f 0 (x0 )(x − x0 ) ≥ 0.

Quindi, da (6.17) segue che se |x − x0 | < δ si ha:


1 00
f (x0 )(x − x0 )2 + r2 (x) ≥ 0.
2
Dividendo ambo i membri di queta disuguaglianza per (x − x0 )2 e facendo
tendere x a x0 si trova f 00 (x0 ) ≥ 0. 

Proposizione 6.31 Sia f : (a, b) → R derivabile due volte in x0 e sia


f 00 (x0 ) > 0 (risp. f 00 (x0 ) < 0). Allora f è strettamente convessa (risp.
strettamente concava) in x0 .
Derivate 77

Dimostrazione. Sia δ > 0 tale che (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ (a, b) e risulta:


1 00
|x − x0 | < δ ⇒ |r2 (x)| ≤ f (x0 )|x − x0 |2
2
Allora da (6.17) si ha se |x − x0 | < δ e x 6= x0 :
1 00
f (x) − f (x0 ) − f 0 (x0 )(x − x0 ) ≥ f (x0 )(x − x0 )2 − |r2 (x)|
2
1 00
≥ f (x0 )(x − x0 )2 > 0,
2
cosicché f è strettamente convessa in x0 . 

Osservazione 6.32 Sia f : (a, b) → R una funzione derivabile due volte e


sia x0 ∈ (a, b). Se risulta f 00 (x0 ) ≥ 0 non è detto che f sia convessa in x0 .
Basta considerare l’esempio f (x) = x3 , x ∈ R, e prendere x0 = 0. In tal caso
si ha f 00 (x) = 6x cosicché f è concava in (−∞, 0) e convessa in (0, ∞) e 0 è
un punto di flesso crescente.
In generale si dice che x0 è un punto di flesso crescente (risp. decrescente)
per f se esiste h > 0 tale che:
(i) f è concava (risp. convessa) in (a, b) ∩ (x − h, x),
(ii) f è convessa (risp. concava) in (a, b) ∩ (x − h, x).

6.7 Proprietà globali II


Proposizione 6.33 Se f : (a, b) → R è derivabile due volte in (a, b) e risulta
f 00 (x) ≥ 0 per ogni x ∈ (a, b), allora f è convessa.

Dimostrazione. Dato che f 00 (x) ≥ 0 per ogni x ∈ (a, b) si ha che f 0 è


crescente per la Proposizione 6.13, cosicché f è convessa per la Proposizione
6.25. 
Il risultato seguente generalizza il teorema del valor medio.
Proposizione 6.34 Sia f : (α, β) → R derivabile due volte e sia [a, b] ⊂
(α, β). Esiste allora ξ ∈ (a, b) tale che
1 00
f (b) = f (a) + f 0 (a)(b − a) + f (ξ)(b − a)2 . (6.20)
2
78 Capitolo 6

Dimostrazione. Poniamo:
f (b) − f (a) − f 0 (a)(b − a)
M= .
(b − a)2

Si deve provare che M ∈ f 00 ((a, b)). Poniamo

g(t) = f (t) − f (a) − f 0 (a)(t − a) − M (t − a)2 .

Si ha allora g(a) = g(b) = 0 cosicchè per il Teorema di Rolle esiste ξ1 ∈ (a, b)


tale che g 0 (ξ1 ) = 0. D’altra parte g 0 (a) = 0 e quindi ancora per il Teorema
di Rolle esiste ξ2 ∈ (a, ξ1 ) tale che g 00 (ξ2 ) = 0. Dato che g 00 (ξ2 ) = f 00 (ξ2 ) − M
la tesi è provata. 

6.8 Derivate di ordine n


Sia f : (a, b) → R derivabile due volte in ogni punto di (a, b). Se f 00 è deriv-
abile in x0 ∈ (a, b) si dice che f è derivabile tre volte in x0 . Procedendo
analogamente si definisce la derivata n-ma in x0 (che si indica con il simbolo
f (n) (x0 )) di una funzione derivabile n − 1 volte in (a, b).

Proposizione 6.35 Supponiamo che f sia derivabile n volte in x0 . Allora


esiste una funzione rn : (a, b) → R tale che:
n
X f (k) (x0 )
f (x) = f (x0 ) + (x − x0 )k + rn (x), ∀ x ∈ (a, b) (6.21)
k=1
k!

e
rn (x)
lim = 0. (6.22)
x→x0 (x − x0 )n

Dimostrazione. Basta procedere come per la dimostrazione della Propo-


sizione 6.26, usando più volte la regola dell’Hospital. 
La (6.17) è detta la formula di Taylor all’ordine n con resto di Peano.

Il risultato seguente generalizza il teorema del valor medio all’ordine n. La


dimostrazione, che è una semplice generalizzazione della Proposizione 6.23,
è lasciata al lettore.
Derivate 79

Proposizione 6.36 Sia f : R → R derivabile n volte e sia a < b. Esiste


ξ ∈ (a, b) tale che
n
X f (k) (x0 ) f (n) (ξ)
f (b) = f (a) + (b − a)k + (b − a)n . (6.23)
k=1
k! n!

La (6.23) è detta la formula di Taylor all’ordine n con resto di Lagrange.


80 Capitolo 6
Capitolo 7

Integrazione

7.1 Definizione dell’integrale


Sia [a, b] un intervallo in R. Una partizione σ di [a, b] è un insieme finito di
punti σ = {x0 , x1 , . . . , xn } tali che

a = x0 < x1 < · · · < xn = b.

Scriveremo
σ = {x0 , x1 , · · · , xn }.
Indicheremo con Σ = Σ(a, b) la famiglia delle partizioni di [a, b]. Ad esempio
σ = {a, b} appartiene a Σ.
Sia ora f : [a, b] → R limitata. Poniamo:

m = inf f (x), M = sup f (x).


x∈[a,b] x∈[a,b]

Per ogni σ = {x0 , x1 , · · · , xn } ∈ Σ definiamo le somme integrali di f per


eccesso e per difetto ponendo:
n
X n
X
Iσ+ (f ) = sup f (x) (xi −xi−1 ), Iσ− (f ) = inf f (x) (xi −xi−1 ).
x∈[xi−1 ,xi ]
i=1 x∈[xi−1 ,xi ] i=1

Definizione 7.1 L’integrale superiore di f è definito da:

I + (f ) = inf{Iσ+ (f ) : σ ∈ Σ(a, b)}

81
82 Capitolo 7

e l’integrale inferiore da:

I − (f ) = sup{Iσ− (f ) : σ ∈ Σ(a, b)}.

Se risulta I + (f ) = I − (f ) si dice che f è integrabile secondo Riemann in [a, b]


e si pone: Z b
+ −
I (f ) = I (f ) = f (x)dx.
a

É chiaro che risulta:

(b − a)m ≤ I − (f ) ≤ I + (f ) ≤ (b − a)M. (7.1)

Vogliamo ora provare che ogni funzione continua in [a, b] è integrabile. Per
questo premettiamo due lemmi.
Lemma 7.2 Sia σ1 , σ2 ∈ Σ con σ1 ⊂ σ2 . Si ha allora:

Iσ+1 (f ) ≥ Iσ+2 (f ), Iσ−1 (f ) ≤ Iσ−2 (f ).

Dimostrazione. Supponiamo ad esempio che σ1 sia dato da:

σ1 = {x0 , x1 , · · · , xn−1 , xn }

e che σ2 abbia un punto in più di σ1 che indichiamo con y, compreso fra xn−1
e xn ,
σ2 = {x0 , x1 , · · · , xn−1 , y, xn }.
Allora risulta:
Iσ+1 (f ) − Iσ+2 (f ) = sup f (x) (b − xn−1 )
x∈[xn−1 ,b]

− sup f (x) (y − xn−1 ) − sup f (x) (b − y) ≥ 0.


x∈[xn−1 ,y] x∈[y,b]

Allo stesso modo:


Iσ−1 (f ) − Iσ−2 (f ) = inf f (x) (b − xn−1 )
x∈[xn−1 ,b]

− inf f (x) (y − xn−1 ) − inf f (x) (b − y) ≤ 0.


x∈[xn−1 ,y] x∈[y,b]

Iterando questo argomento si ha la tesi. 


Integrazione 83

Lemma 7.3 Sia σ, λ ∈ Σ. Si ha allora:

Iσ− (f ) ≤ Iλ+ (f ).
(1)
Dimostrazione. Si ha infatti dal Lemma 7.2

Iσ− (f ) ≤ Iσ∪λ +
(f ) ≤ Iσ∪λ (f ) ≤ Iλ+ (f ).


Dal Lemma 7.3 segue che i due insiemi numerici:

{Iσ− (f ) : σ ∈ Σ}, {Iσ+ (f ) : σ ∈ Σ},

sono separati, cioè ogni elemento del primo insieme è minore o uguale ad ogni
elemento del secondo. Quindi f è integrabile se e solo se per ogni  > 0 esiste
σ ∈ Σ tale che:
Iσ+ (f ) − Iσ− (f ) < . (7.2)
Possiamo ora dimostrare il seguente teorema.

Teorema 7.4 Sia f : [a, b] → R continua. Allora f è integrabile in [a, b] e


risulta: Z b
(b − a)m ≤ f (x)dx ≤ (b − a)M, (7.3)
a

dove M è il massimo e mil minimo di f . In particolare se f (x) = c per ogni


x ∈ [a, b] si ha:
Z b
f (x)dx = (b − a)c. (7.4)
a

Dimostrazione. Basta provare che per ogni  > 0 esiste σ ∈ Σ tale che
valga (7.2). Dato che f è uniformemente continua (per il Teorema di Heine-
Cantor), per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che,

x, y ∈ [a, b], |x − y| < δ ⇒ |f (x) − f (y)| < .
b−a
Scegliamo ora σ = {x0 , x1 , ..., xn } ∈ Σ tale che

|xi − xi−1 | < δ , ∀ i = 1, ..., n.


(1)
Sia σ = {x0 , x1 , · · · , xn }, λ = {y0 , x1 , · · · , yn } ∈ Σ. Con σ∪λ intendiamo la partizione
che ha per elementi tutti e soli gli elementi di σ e di λ.
84 Capitolo 7

Si ha allora
sup f (x) − inf f (x) < ,
x∈[xi−1 ,xi ] x∈[xi−1 ,xi ]

cosicché:
I + (σ ) − I − (σ ) < .


7.2 Proprietà dell’integrale


7.2.1 Linearità
Proposizione 7.5 Siano f, g : [a, b] → R continue e α, β ∈ R. Allora
risulta:
Z b Z b Z b
[αf (x) + βg(x)]dx = α f (x)dx + β (g(x)dx. (7.5)
a a a

Dimostrazione. Basta provare che


Z b Z b
kf (x)dx = k f (x)dx, ∀ k ∈ R, (7.6)
a a
Z b Z b Z b
(f (x) + g(x))dx = f (x)dx + g(x)dx. (7.7)
a a a

La (7.6) è ovvia se k ≥ 0. Supponiamo allora k = −h < 0. Se σ =


{x0 , x1 , ..., xn } ∈ Σ si ha:
n
X
Iσ+ (−hf ) = sup (−hf (x)) (xi − xi−1 ).
i=1 x∈[xi−1 ,xi ]

Dato che:
sup (−hf (x)) = − inf (hf (x)),
x∈[xi−1 ,xi ] x∈[xi−1 ,xi ]

ne segue:
Iσ+ (−hf ) = −hIσ− (f ).
Allo stesso modo si ha:

Iσ− (−hf ) = −hIσ+ (f ),


Integrazione 85

cosicché (7.6) segue facilmente.


Dimostriamo ora (7.7). Sia σ = {x0 , x1 , ..., xn } ∈ Σ. Dato che:
sup (f (x) + g(x)) ≤ sup f (x) + sup g(x),
x∈[xi−1 ,xi ] x∈[xi−1 ,xi ] x∈[xi−1 ,xi ]

si ha: Z b
(f (x) + g(x))dx ≤ Iσ+ (f + g) ≤ Iσ+ (f ) + Iσ+ (g).
a
Per l’arbitrarietà di σ ne segue:
Z b Z b Z b
(f (x) + g(x))dx ≤ f (x)dx + g(x)dx. (7.8)
a a a

In modo analogo, ragionando con le somme integrali per difetto e tenendo


conto che:
inf (f (x) + g(x)) ≥ inf f (x) + inf g(x),
x∈[xi−1 ,xi ] x∈[xi−1 ,xi ] x∈[xi−1 ,xi ]

si ha: Z b
(f (x) + g(x))dx ≥ Iσ− (f + g) ≤ Iσ− (f ) + Iσ+ (g)
a
e per l’arbitrarietà di σ ne segue:
Z b Z b Z b
(f (x) + g(x))dx ≥ f (x)dx + g(x)dx. (7.9)
a a a

La tesi segue ora da (7.8) e (7.9). 

7.2.2 Additività
Proposizione 7.6 Sia f : [a, b] → R continua, c ∈ (a, b). Allora risulta:
Z b Z c Z b
f (x)dx = f (x)dx + f (x)dx. (7.10)
a a c

Dimostrazione. Dato  > 0 esistono σ ∈ Σ(a, c) e ρ ∈ Σ(c, b) tali che:


Z c

Iσ (f ) ≤ f (x)dx ≤ Iσ+ (f ),
a

Z b
Iρ− (f ) ≤ f (x)dx ≤ Iρ+ (f )
c
86 Capitolo 7

e
Iσ+ (f ) − Iσ− (f ) < ,

Iρ+ (f ) − Iρ− (f ) < .


Sia λ la decomposizione di [a, b] unione dei i punti di σ e di ρ . Si ha allora
Z c Z b
Iλ− (f ) = Iσ− (f ) + Iσ− (f ) ≤ f (x)dx + f (x)dx
a c

≤ Iσ+ (f ) + Iσ+ (f ) = Iλ+ (f ).

Quindi
Iλ− (f ) − Iλ+ (f ) < 2.
La conclusione segue allora dall’arbitrarietá di . 

Nel seguito porremo:


Z a Z b
f (x)dx = − f (x)dx
b a

e Z a
f (x)dx) = 0
a
Il risultato seguente è lasciato in esercizio al lettore.

Corollario 7.7 Sia f : R → R continua e sia a, b, c ∈ R. Allora si ha:


Z b Z c Z b
f (x)dx = f (x)dx + f (x)dx. (7.11)
a a c

7.2.3 Positività
Proposizione 7.8 Sia f : [a, b] → R continua e tale che f (x) ≥ 0 per ogni
x ∈ [a, b]. Allora risulta:
Z b
f (x)dx ≥ 0. (7.12)
a
Inoltre se Z b
f (x)dx = 0,
a
Integrazione 87

si ha f (x) = 0 per ogni x ∈ [a, b].


Infine se f : [a, b] → R è continua e tale che:
Z d
f (x)dx ≥ 0, ∀ [c, d] ⊂ [a, b], (7.13)
c

si ha f (x) ≥ 0 per ogni x ∈ [a, b].


Dimostrazione. Dato che f (x) ≥ 0 per ogni x ∈ [a, b] si ha
Iσ− (f ) ≥ 0 ∀ x ∈ [a, b],
Iσ+ (f ) ≥ 0,
Rb
cosicché vale (7.12). Supponiamo che a f (x)dx = 0 e, per assurdo, che esista
x0 ∈ (a, b) tale che f (x0 ) > 0. Allora per il teorema della permanenza del
segno esiste δ > 0 tale che [x0 − δ, x0 + δ] ⊂ (a, b) e risulta f (x) > 0 per ogni
x ∈ [x0 − δ, x0 + δ]. Si ha allora, ricordando (7.9)
Z b Z x0 −δ Z x0 +δ Z b
f (x)dx = f (x)dx + f (x)dx + f (x)dx
a a x0 −δ x0 +δ

Z x0 +δ
≥ f (x)dx ≥ 2δ min f (x) > 0,
x0 −δ x∈[x0 −δ,x0 +δ]
Rb
il che contraddice l’ipotesi a f (x)dx = 0.
Supponiamo infine che valga (7.13) e, per assurdo, che esista x0 ∈ (a, b)
tale che f (x0 ) < 0. Ancora per il teorema della permanenza del segno esiste
δ > 0 tale che [x0 − δ, x0 + δ] ⊂ (a, b) e risulta f (x) < 0 per ogni x ∈
[x0 − δ, x0 + δ]. Si ha allora:
Z x0 +δ
f (x)dx ≤ 2δ min f (x) < 0,
x0 −δ x∈[x0 −δ,x0 +δ]

il che contraddice (7.13). 


Corollario 7.9 Siano f, g : [a, b] → R continue. Allora se f (x) ≤ g(x) per
ogni x ∈ [a, b] risulta:
Z b Z b
f (x)dx ≤ g(x)dx. (7.14)
a a

Inoltre Z b Z b


f (x)dx ≤ |f (x)|dx. (7.15)
a a
88 Capitolo 7

Dimostrazione. Per provare (7.14) basta applicare la Proposizione 7.8 alla


funzione f − g e usare la linearità dell integrale. Per la (7.15), dato che

−|f (x)| ≤ f (x) ≤ |f (x)|, ∀ x ∈ [a, b],

la tesi segue dalla (7.14). 

7.2.4 Teorema del valor medio


Proposizione 7.10 Sia f : [a, b] → R continua. Allora esiste ξ ∈ (a, b) tale
che Z b
f (x)dx = (b − a)f (ξ). (7.16)
a

Dimostrazione. Poniamo:
Z b
1
f (x)dx = λ.
b−a a

Detti m e M il minimo e il massimo di f , si ha allora:

m ≤ λ ≤ M.

Quindi, in virtù del teorema di esistenza degli zeri, esiste ξ tale che λ = f (ξ).


7.3 Dipendenza dell’integrale dagli estremi di


integrazione
Sia f : [a, b] → R continua. Poniamo (2)
Z x
F (x) = f (y)dy, ∀ x ∈ [a, b].
a

Teorema 7.11 (i) F è continua in [a, b].


(ii) F è derivabile in (a, b) e risulta:

F 0 (x) = f (x), ∀ x ∈ [a, b].


(2)
Ci limitiamo a studiare la dipendenza dell’integrale dall’ estremo superiore di inte-
grazione, la dipendenza dall’estremo inferiore si può studiare analogamente.
Integrazione 89

Dimostrazione. (i) Se x0 ∈ [a, b] si ha:


Z x
F (x) − F (x0 ) = f (y)dy.
x0

Ne segue:
|F (x) − F (x0 )| ≤ |x − x0 | max |f (x)|,
x∈[a,b]

da cui la tesi.
(ii) Sia x0 ∈ (a, b) e h ∈ R tale che x + h ∈ (a, b). Si ha allora:
Z x0 +h
1 1
(F (x0 + h) − F (x0 )) − f (x0 ) = (f (x) − f (x0 ))dx.
h h x0

Dato che f è continua in x0 , per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che:

x ∈ [a, b], |x − x0 | < δ ⇒ |f (x) − f (x0 )| < .

Scelto allora h tale che |h| < δ si ha:



1
(F (x0 + h) − F (x0 )) − f (x0 ) < .
h

7.4 Primitive di una funzione continua


Sia f : [a, b] → R continua; allora ogni funzione F : [a, b] → R continua e
tale che F 0 (x) = f (x) per ogni x ∈ (a, b) è detta una primitiva di f . Per
la Proposizione 6.19, due primitive di f differiscono per una costante. Dal
Teorema 7.11 segue quindi che l’insieme delle primitive F di f è dato da:
Z x
F (x) = f (y)dy + c, c ∈ R, x ∈ [a, b]. (7.17)
a

Dalla (7.17) segue immediatamente la formula fondamentale del calcolo in-


tegrale: Z b
f (x)dx = F (b) − F (a), (7.18)
a
dove F è una qualunque primitiva di f .
90 Capitolo 7
R
L’insieme delle primitive F di f verrà indicato con f (x)dx, detto anche
l’integrale indefinito di f .
Sia g : R → R continua e derivabile. Posto f (y) = g 0 (y), y ∈ [a, b] in
(7.17) si ottiene: Z x
g 0 (y)dy = g(x) − f (a). (7.19)
a

Esempi 7.12 1) Sia n ∈ {0} ∪ N, allora si ha:

xn+1
Z
xn dx = + c, c ∈ R.
n+1

2) Si ha: Z
x−1 dx = log x + c, c ∈ R, x > 0.

Inoltre se n ∈ N e n > 1,

x1−n
Z
−n
x dx = + c, c ∈ R, x > 0.
1−n

3) Si ha:
Z Z
sin x dx = − cos x + c, cosx dx = sin x + c, c ∈ R.

4) Si ha:
Z
tan x dx = − log(cos x) + c, x ∈ (−π/2, π/2), c ∈ R.

Si ha infatti, posto F (x) = − log(cos x):

1
F 0 (x) = − (− sin x) = tan x, x ∈ (−π/2, π/2).
cos x
Integrazione 91

5) Si ha: Z
1
dx = arctan x + c, c ∈ R.
1 + x2

6) Si ha:
Z
1
√ dx = arcsin x + c, x ∈ (−1, 1), c ∈ R.
1 − x2

7) Si ha: Z
ex dx = ex + c, c ∈ R.

8) Si ha:
Z
log x dx = x log x − x + c, x > 0, c ∈ R,

come si verifica facilmente.

9) Sia g : R → R continua e derivabile con la derivata g 0 positiva. Allora


si ha: Z 0
g (x)
dx = log(g(x)) + c, c ∈ R.
g(x)

7.5 Integrazione per parti


Proposizione 7.13 Siano f : R → R e g : R → R derivabili con derivata
continua e sia [a, b] un intervallo. Risulta allora:
Z b b
Z b
0
f (x)g (x)dx = f g a − f 0 (x)g(x)dx, (7.20)
a a

dove b
f g a =: f (b)g(b) − f (a)g(a).
92 Capitolo 7

Dimostrazione. Posto:

F (x) = f (x)g(x), x ∈ R,

si ha:
F 0 (x) = f (x)g 0 (x) + f 0 (x)g(x),
da cui la tesi integrando in [a, b] e usando la (7.18). 

Esempio 7.14 Calcoliamo l’integrale:


Z 1
arctan x dx.
0

Per questo applichiamo la (7.20) con

f (x) = arctan x, g(x) = x, x ∈ [0, 1].

Si ottiene:
Z 1 Z 1
1 x
arctan x dx = x arctan x 0 − dx
0 0 1 + x2
Z 1
π x
= − dx.
4 0 1 + x2
x 1 2
D’altra parte una primitiva di 1+x 2 è data da 2 log(1 + x ) (vedi Esempio

7.12-(9)). Quindi si ottiene:


Z 1
π 1
arctan x dx = − log 2.
0 4 2

7.6 Integrazione per sostituzione


Rb
Supponiamo di dover calcolare l’integrale a f (x)dx con f : [a, b] → R con-
tinua. Operiamo la sostituzione x = φ(t) con φ crescente in [c, d] e tale
che:
φ(a) = c, φ(b) = d.
Si ha allora formalmente:
dx = φ0 (t)dt,
Integrazione 93

da cui: Z b Z d
f (x)dx = f (φ(s))φ0 (s)ds. (7.21)
a c
In modo rigoroso si dimostra il risultato seguente.

Proposizione 7.15 Sia f : [a, b] → R continua e sia φ : [c, d] → [a, b]


continua, strettamente crescente e tale che φ(a) = c, φ(b) = d. Allora vale
(7.21).

Dimostrazione. Sia F una primitiva di f . Allora risulta:


d
F (φ(s)) = f (φ(s))φ0 (s), s ∈ [c, d].
ds
Integrando rispetto a s in [c, d] si ha la tesi. 

Esempio 7.16 Calcoliamo l’integrale:


Z 2
2
xex dx.
1

Posto:
x = φ(s) = s1/2 , s ∈ [1, 4],
si ha φ0 (s) = 1
2
s−1/2 e

1 s
f (φ(s))φ0 (s) = e, s ∈ [1, 4].
2
Quindi Z 2 Z 4
1
x2 1 4
xe dx = es ds = (e − e).
1 2 1 2
94 Capitolo 7
Capitolo 8

Successioni e serie di funzioni

8.1 Convergenza di una successione di fun-


zioni
Definizione 8.1 Una successione (fn ) di funzioni [a, b] → R è detta pun-
tualmente convergente a una funzione f : [a, b] → R se risulta:

lim fn (x) = f (x), ∀ x ∈ [a, b].


n→∞

È chiaro che (fn ) è puntualmente convergente a f se e solo se per ogni


x ∈ [a, b] e per ogni  > 0 esiste nx, ∈ N tale che:

x ∈ [a, b], n ≥ nx, ⇒ |f (x) − fn (x)| < . (8.1)

Osserviamo che se una successione (fn ) di funzioni continue converge pun-


tualmente a f non è detto che f sia continua come mostra l’esempio seguente.
Esempio 8.2 Sia (fn ) la successione,

fn (x) = xn , x ∈ [0, 1].

È chiaro che fn è continua per ogni n ∈ N e che (fn ) converge puntualmente


alla funzione f data da:

0, se x ∈ [0, 1),
f (x) =
1, se x = 1.
Tuttavia f non è continua in x = 1.

95
96 Capitolo 8

Data una una successione (fn ) di funzioni continue convergente puntualmente


a f , una condizione sufficiente per la continuità di f è che (fn ) converga
uniformemente a f .
Definizione 8.3 Una successione (fn ) di funzioni [a, b] → R è detta uni-
formemente convergente a f : [a, b] → R se per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale
che:
n ≥ n ⇒ |f (x) − fn (x)| <  ∀ x ∈ [a, b]. (8.2)
Cioè (fn ) è uniformemente convergente a f se e solo se per ogni  > 0 si può
scegliere nx, ∈ N indipendente da x tale che valga (8.1).

Teorema 8.4 Sia (fn ) una successione di funzioni continue [a, b] → R uni-
formemente convergente a f . Allora f è continua.

Dimostrazione. Proviamo che f è continua in ogni x0 ∈ I. Dato che (fn )


è uniformemente convergente a f , per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che

n ≥ n ⇒ |f (x) − fn (x)| < ∀ x ∈ [a, b].
3
Si ha allora:
|f (x) − f (x0 )| ≤ |f (x) − fn (x)| + |fn (x) − fn (x0 )| + |f (x0 ) − fn (x0 )|

2
≤ + |fn (x) − fn (x0 )|.
3
(8.3)
Dato che fn è continua in x0 , esiste δ > 0 tale che:

|x − x0 | ≤ δ ⇒ |fn (x) − fn (x0 )| < .
3
Da (8.3) segue allora che se |x − x0 | ≤ δ si ha:

|f (x) − f (x0 )| < .

Osservazione 8.5 Sia (fn ) una successione di funzioni continue su un in-


tervallo [a, b] uniformemente convergente a f ; è chiaro allora che

lim max |f (x) − fn (x)| = 0.


n→∞ x∈[a,b]
Successioni di funzioni 97

Proviamo ora che la convergenza puntuale monotona di una successione


di funzioni continue a una funzione continua è uniforme.
Teorema 8.6 (Dini) Sia (fn ) una successione di funzioni continue su un
intervallo [a, b] crescente (risp. decrescente) a una funzione continua f . Al-
lora (fn ) è uniformemente convergente a f .
Dimostrazione. Supponiamo ad esempio che (fn ) sia crescente a f e ponia-
mo gn = f − fn di modo che (gn ) è una successione decrescente puntualmente
a 0. Si deve provare che (gn ) converge uniformemente a 0. Poniamo:

Mn = max gn (x), n ∈ N.
x∈[a,b]

Osserviamo che la successione (Mn ) è decrescente, quindi convergente al suo


estremo inferiore
λ := inf Mn ≥ 0.
n∈N

Si deve quindi provare che λ = 0 (ricordare l’Osservazione 8.5).


Se n ∈ N per il Teorema di Weierstrass esiste xn ∈ [a, b] tale che:

Mn = gn (xn ).

D’altra parte esiste una sottosuccessione (xnk ) di (xn ) e ξ ∈ [a, b] tali che:

lim xnk = ξ.
k→∞

Dato che
gnk (xnk ) = Mk ≥ λ,
e (gn ) è decrescente si ha:

g1 (xnk ) ≥ gnk (xnk ) = Mk ≥ λ.

Per k → ∞ ne segue, essendo g1 continua:

g1 (x0 ) ≥ λ.

Procedendo analogamente si trova:

gn (x0 ) ≥ λ, ∀ n ∈ N.

Per n → ∞ ne segue λ = 0 come richiesto. 


98 Capitolo 8

8.1.1 Successioni di Cauchy


Definizione 8.7 Una successione (fn ) di funzioni [a, b] → R è detta di
Cauchy uniforme se per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che:
n, m ≥ n ⇒ |fn (x) − fm (x)| <  ∀ x ∈ [a, b]. (8.4)
Il risultato seguente è conseguenza del Teorema 8.4.
Proposizione 8.8 Sia (fn ) una successione di Cauchy uniforme. Allora
(fn ) converge uniformemente a una funzione f : [a, b] → R.

8.2 Passaggio al limite sotto il segno di in-


tegrale e teorema di derivazione per suc-
cessioni
Teorema 8.9 Sia (fn ) una successione di funzioni continue su un intervallo
[a, b] convergente uniformemente a f . Allora risulta:
Z b Z b
lim fn (x)dx = f (x)dx.
n→∞ a a

Dimostrazione. Si ha infatti:
Z b Z b Z b


f (x)dx − f n (x)dx ≤
|f (x) − fn (x)|dx
a a a

≤ max |f − fn | (b − a),
x∈[a,b]

da cui la tesi dato che (fn ) converge uniformemente a f (ricordare l’Osservazione


8.5). 
Osservazione 8.10 Se la successione di funzioni continue (fn ) converge
Rb
puntualmente a una funzione f continua in [a, b], non è detto che a fn (x)dx →
Rb
a
f (x)dx. Sia infatti [a, b] = [0, 1] e
 2
 n x, se x ∈ [0, n1 ]
fn (x) = −n2 x + 2n, se x ∈ [ n1 , n2 ]
0, se x ∈ [ n2 , 1].

R1
Si ha allora fn (x) → 0 per ogni x ∈ [0, 1] mentre 0 fn (x)dx = 1.
Successioni di funzioni 99

Teorema 8.11 Sia (fn ) una successione di funzioni continue con le loro
derivate su un intervallo [a, b] convergente uniformemente a f . Supponiamo
inoltre che la successione (fn0 ) delle derivate converga uniformemente a g.
Allora f è derivabile e risulta f 0 (x) = g(x) per ogni x ∈ [a, b].

Dimostrazione. Per la (7.18) si ha:


Z x
fn (x) = fn (a) + fn0 (y)dy, ∀ n ∈ N.
a

Passando al limite per n → ∞ in questa uguaglianza e ricordando il Teorema


8.9 segue che: Z x
f (x) = f (a) + g(y)dy.
a
La tesi segue ancora da (7.18). 

8.3 Approssimazione di una funzione continua


con polinomi
Vogliamo provare che ogni funzione continua in un intervallo [a, b] è limite
uniforme di polinomi. Per semplicità supponiamo [a, b] = [0, 1] osservando
che ci si può sempre ricondurre a questo caso con una semplice trasformazione
affine.
Teorema 8.12 (Bernstein) Sia f : [0, 1] → R continua e sia per ogni
n ∈ N,
n  
X n k
fn (x) = x (1 − x)n−k f (k/n), x ∈ [0, 1]. (8.5)
k=0
k
Allora (fn ) converge uniformemente a f .
Dimostrazione. Dato che:
n  
X n k
x (1 − x)n−k = (x + 1 − x)n = 1,
k=0
k

possiamo scrivere:
n  
X n k
f (x) − fn (x) = x (1 − x)n−k [f (x) − f (k/n)], x ∈ [0, 1],
k=0
k
100 Capitolo 8

da cui:
n  
X n k
|f (x) − fn (x)| ≤ x (1 − x)n−k |f (x) − f (k/n)|, x ∈ [0, 1]. (8.6)
k=0
k

Dato che f è uniformemente continua (Teorema di Heine-Cantor), per ogni


 > 0 esiste δ > 0 tale che:

x, y ∈ [0, 1], |x − y| < δ ⇒ |f (x) − f (y)| < .

Spezziamo la somma in (8.6) in due parti, dove si ha |x − k/n| < δ e dove


si ha |x − k/n| ≥ δ ,
X n
|f (x) − fn (x)| ≤ xk (1 − x)n−k |f (x) − f (k/n)|
k
|x−k/n|<δ

 
X n k
+ x (1 − x)n−k |f (x) − f (k/n)|, x ∈ [0, 1].
k
|x−k/n|≥δ
(8.7)
Ora maggioriamo |f (x) − f (k/n)| con  nella prima somma e con 2M , dove
M è il massimo di |f |, nella seconda. Si ottiene
X n
|f (x) − fn (x)| ≤  + 2M xk (1 − x)n−k , x ∈ [0, 1]. (8.8)
k
|x−k/n|≥δ

Osserviamo ora che se |x − k/n| ≥ δ si ha:

|x − k/n|2 (k − nx)2
1≤ = ,
δ2 n2 δ2
cosicché:
  n  
X n k n−k 1 X n
x (1 − x) ≤ 2 2 (k − nx)2 xk (1 − x)n−k .
k n δ k=0 k
|x−k/n|≥δ

Quindi da (8.8) segue che:


n  
2M X n
|f (x) − fn (x)| ≤  + 2 2 (k − nx)2 xk (1 − x)n−k , x ∈ [0, 1]. (8.9)
n δ k=0 k
Successioni di funzioni 101

La sommatoria che compare nella (8.9) può essere calcolata esplicitamente


(come vedremo) ed è uguale a:
n  
X n
(k − nx)2 xk (1 − x)n−k = nx(1 − x) ≤ n, (8.10)
k=0
k

e quindi:
2M
|f (x) − fn (x)| ≤  + .
nδ2
2M
Scegliendo infine n > δ2
si ha

2M
n > n ⇒ < ,
nδ2

cosicché:
|f (x) − fn (x)| ≤ 2, ∀ x ∈ [0, 1],
il che prova l’uniforme convergenza di (fn ) a f .

Resta da provare (8.10). Per questo fissiamo x ∈ [0, 1] e poniamo:


n  
X n k
F (ξ) = ξ (1 − x)n−k = (ξ + 1 − x)n .
k=0
k

Si ha allora:
n  
0
X n
F (ξ) = kξ k−1 (1 − x)n−k = n(ξ + 1 − x)n−1 (8.11)
k=1
k

e
n  
00
X n
F (ξ) = (k 2 − k)ξ k−2 (1 − x)n−k = (n2 − n)(ξ + 1 − x)n−2 . (8.12)
k=2
k

Posto ξ = x in (8.11) e (8.12) si ottiene rispettivamente:


n  
X n
kxk−1 (1 − x)n−k = n,
k=1
k
102 Capitolo 8

da cui n  
X n
kxk (1 − x)n−k = nx, (8.13)
k=1
k
e n  
X n
(k 2 − k)xk−2 (1 − x)n−k = n2 − n
k=1
k
da cui n  
X n
(k 2 − k)xk (1 − x)n−k = (n2 − n)x2 . (8.14)
k=1
k
Da (8.13) e (8.14) segue facilmente (8.10). La dimostrazione è completa. 

8.4 Serie di funzioni


Sia (fn ) una successione di funzioni reali in [a, b]. Poniamo:
n
X
Sn (x) = fk (x), ∀ n ∈ N, x ∈ [a, b].
k=1

Se la successione (Sn ) converge puntualmente a una funzione S scriveremo


naturalmente: ∞
X
S(x) = fk (x), x ∈ [a, b]
k=1
e diremo che S è la somma della serie

X
fk (x).
k=1

Se la convergenza di (Sn ) a S è uniforme diremo che la serie converge uni-


formemente.
Dalla Proposizione 8.8 segue subito il risultato.
Proposizione 8.13 Supponiamo che per ogni  > 0 esista n ∈ N tale che:
n+p
X
n ≥ n , p ∈ N ⇒ fk (x) <  ∀ x ∈ [a, b]. (8.15)


k=n+1
P∞
Allora la serie k=1 fk (x) è uniformemente convergente.
Successioni di funzioni 103

Definizione 8.14 Si dice che la serie ∞


P
k=1 fk (x) è totalmente convergente
se è convergente la serie
X∞
Mk ,
k=1

dove
Mk = sup |fk (x)|.
x∈[a,b]

P∞
Proposizione 8.15 Se la serie k=1 fk (x) è totalmente convergente allora
è uniformemente convergente.
P∞
Dimostrazione. Dato che la serie k=1 Mk è convergente, per ogni  > 0
esiste n ∈ N tale che:
n+p
X
n ≥ n , p ∈ N ⇒ Mk < .
k=n+1

Se n ∈ N e p ∈ N ne segue:
n+p n+p
X X
fk (x) ≤ Mk <  ∀ x ∈ [a, b],



k=n+1 k=n+1

cosicché la serie è uniformemente convergente. 

8.4.1 Integrazione e derivazione per serie


I risultati seguenti sono conseguenze immediate dei teoremi 8.9 e 8.11.
Teorema 8.16 Sia ∞
P
k=1 fk (x) una serie funzioni continue su un intervallo
[a, b] convergente uniformemente. Allora la serie numerica:
∞ Z
X b
fn (x)dx
k=1 a

è convergente e risulta:

Z bX ∞ Z
X b
fk (x)dx = fn (x)dx.
a k=1 k=1 a
104 Capitolo 8

Teorema 8.17 Sia ∞


P
k=1 fk (x) una serie funzioni continue su unPintervallo
∞ 0
[a, b] convergente uniformemente. Supponiamo inoltre che la serie P k=1 fk (x)

delle derivate sia anche uniformente convergente. Allora la funzione k=1 fk (x)
è derivabile e risulta:
∞ ∞
d X X
fk (x) = fk0 (x), x ∈ [a, b].
dx k=1 k=1

8.4.2 Serie di Taylor


Teorema 8.18 Sia f : (α, β) → R derivabile infinite volte e sia [a, b] ⊂
(α, β). Supponiamo che esista M > 0 tale che (1)

|f (k) (x)| ≤ M, ∀ x ∈ [a, b], k = 0, 1, ...

Allora risulta:

X f (k) (x0 )
f (x) = (x − x0 )k , ∀ x ∈ [a, b], (8.16)
k=0
k!

la serie essendo totalmente convergente in [a, b].

Dimostrazione. Ricordiamo che per ogni n ∈ N vale la formula di Taylor:


n
X f (k) (x0 ) f (n+1) (ξn )
f (x) = (x − x0 )k + (x − x0 )n+1 , x ∈ [a, b],
k=0
k! (n + 1)!

dove ξn è un punto opportuno di [a, b]. Ne segue:



n (k)
X f (x 0 )
k (b − a)n+1
f (x) − (x − x ) ≤ M ,

0
k! (n + 1)!


k=0

P∞ (b−a)k
da cui la tesi, dato che la serie numerica k=0 k!
è convergente. 

(1)
Poniamo f (0) = f, f (1) = f 0 , ecc.
Successioni di funzioni 105

Esempio 8.19 Negli esempi seguenti (α, β) è un intervallo contenente 0.


1) Sia f (x) = ex , x ∈ R e sia x0 = 0. Dato che:

f (k) (0) = 1, k = 0, 1, ...,

risulta: ∞
X 1 k
ex = x , x ∈ R.
k=0
k!

2) Sia f (x) = sin x, x ∈ R e sia x0 = 0. Dato che:

f (2k+1) (0) = (−1)k , f (2k) (0) = 0, k = 0, 1, ...,

risulta: ∞
X (−1)k
sin x = xk , x ∈ R.
k=1
(2k + 1)!

3) Sia f (x) = cos x, x ∈ R e sia x0 = 0. Dato che:

f (2k+1) (0) = 0, f (2k) (0) = (−1)k , k = 0, 1, ...,

risulta: ∞
X (−1)k
cos x = xk , x ∈ R.
k=1
(2k)!
106 Capitolo 8
Capitolo 9

Spazi metrici

9.1 Definizione di spazio metrico


Sia X un insieme non vuoto. Una metrica o distanza d su X è un’applicazione

d : X × X → [0, +∞), (x, y) 7→ d(x, y),

tale che:

(i) d(x, y) = 0 se e solo se x = y.

(ii) d(x, y) = d(y, x), ∀ x, y ∈ X.

(iii) d(x, y) ≤ d(x, z) + d(z, y), ∀ x, y, z ∈ X.

La (iii) è detta disuguaglianza triangolare. Se d è una metrica su X si dice


che la coppia (X, d) è uno spazio metrico.
Nel seguito del capitolo (X, d) rappresenta uno spazio metrico; gli elementi
di X saranno detti punti. A volta scriveremo X anziché (X, d) per brevità.

Esempio 9.1 Sia X = R, poniamo:

d(x, y) = |x − y|, ∀ x, y ∈ R.

Allora (R, d) è uno spazio metrico. Nel seguito intenderemo sempre R munito
della metrica d.

107
108 Capitolo 9

Esempio 9.2 (Spazio euclideo) Sia n ∈ N, n > 1 e Rn l’insieme delle


n-ple ordinate x = (x1 , ..., xn ) di numeri reali.
Definiamo su Rn il modulo di un punto x ∈ Rn ,
n
!1/2
X
2
|x| = xk
k=1

e il prodotto scalare fra x, y ∈ Rn ,


n
X
hx, yi = xk yk .
k=1

Da notare che vale la disuguaglianza di Cauchy–Schwartz,


|hx, yi| ≤ |x| |y|, ∀ x, y ∈ Rn . (9.1)
Ciò segue facilmente osservando che il trinomio:
F (t) = |x + ty|2 = t2 |y|2 + 2thx, yi + |x|2
è maggiore o uguale a 0 per ogni t ∈ R.
Infine definiamo una metrica di Rn ponendo:
n
!1/2
X
d(x, y) = |x − y| = (xk − yk )2 , ∀ x, y ∈ Rn .
k=1

(Il fatto che d verifichi gli assiomi (i)-(iii) della distanza segue facilmente
usando (9.1).)
(Rn , d) è uno spazio metrico e d è detta la metrica euclidea.

Esempio 9.3 Sia [a, b] un intervallo in R. Indichiamo con C([a, b]) l’insieme
delle funzioni reali continue su [a, b]. Definiamo su C([a, b]) una metrica
ponendo:
d(f, g) = max |f (x) − g(x)|, ∀ f, g ∈ C([a, b]).
x∈[a,b]

Esempio 9.4 Sia R∞ la famiglia delle successioni x = (xn ) di numeri reali.


Si definisce una metrica in R∞ ponendo:

X |xk − yk |
d(x, y) = 2−k .
k=1
1 + |xk − yk |
Spazi metrici 109

Esempio 9.5 Sia X un insieme non vuoto. Definiamo una metrica su X


ponendo: 
0 se x = y
d(x, y) =
1 se x 6= y.
d è detta la metrica discreta

Esempio 9.6 Sia Y un sottoinsieme non vuoto di X. Allora (Y, dY ), dove


dY è la restrizione di d a Y × Y è uno spazio metrico.

9.2 Limiti di successioni, spazi metrici com-


pleti
Consideriamo un’applicazione N → X, n 7→ xn . Allora l’insieme (xn )n∈N ,
scritto anche per brevità (xn ), è detto una successione in X.

Definizione 9.7 Sia (xn ) una successione in X. Si dice che (xn ) è conver-
gente se esiste x ∈ X tale che:
lim d(x, xn ) = 0.
n→∞

In tal caso si dice che (xn ) converge a x (o che ha per limite x) e si scrive:
lim xn = x, oppure xn → x.
n→∞

È chiaro che una successione (xn ) ha al più un limite. Supponiamo infatti


che risulti xn → x, xn → y. Allora per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che:
 
n > n ⇒ d(x, xn ) < , d(y, xn ) < .
2 2
Se n > n ne segue:
d(x, y) ≤ d(x, xn ) + d(xn , y) < ,
cosicché x = y.
Si dice che una successione (xn ) è di Cauchy se per ogni  > 0 esiste
n ∈ N tale che:
m, n > n ⇒ d(xn , xm ) < .
Si dice che lo spazio X è completo se ogni successione di Cauchy è convergente.
110 Capitolo 9

Esercizio 9.8 (i). Provare che ogni successione convergente è di Cauchy.

(ii) Sia (xn ) una successione in X. Supponiamo che esista una successione
(k ) in R tale che:
d(xn+1 , xn ) ≤ n , ∀ n ∈ N
e che: ∞
X
k < ∞.
k=1

Provare che (xn ) è di Cauchy.

Vediamo ora alcuni esempi di spazi metrici completi e non completi.


Esempio 9.9 R è completo come è stato provato nel Capitolo 1.

Esempio 9.10 Lo spazio dei numeri razionali Q con la metrica:

d(p, q) = |p − q|, ∀ p, q ∈ Q

non è ovviamente completo.

Esempio 9.11 Per ogni N ∈ N, RN , munito della metrica euclidea, è com-


pleto. Infatti sia (xn ) una successione di Cauchy in RN e

xn = (x1n , ..., xN
n ), n ∈ N.

Allora per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che:


N
X
n, m > n ⇒ |xkn − xkm |2 < 2 .
k=1

Ne segue che per ogni k = 1, ..., N , la successione in R, (xkn )n∈N è di Cauchy.


Quindi per ogni k = 1, ..., N esiste xk ∈ R tale che xkn → xk per n → ∞.
Posto allora: x = (x1 , ..., xk ) si verifica facilmente che xn → x in Rn .

Esempio 9.12 C([a, b]) è completo. Osserviamo innanzi tutto che se (fn ), f ⊂
C([a, b]) si ha fn → f se e solo se (fn ) converge uniformemente a f . Quindi
la completezza di C([a, b]) segue dal Teorema 8.4.

Esercizio 9.13 Provare che R∞ è completo.


Spazi metrici 111

9.3 Limiti e continuità di applicazioni fra spazi


metrici
Siano (X, d) e (Y, δ) spazi metrici, K un sottoinsieme di X e f un’applicazione
di K in Y .
Si dice che x0 è un punto di accumulazione o un punto limite di K se
esiste una successione (xn ) contenuta in X \ K tale che xn → x0 .
Definizione 9.14 Sia f un’applicazione K ⊂ X → Y e x0 un punto di
accumulazione di K. Si dice che f ammette limite y0 per x → x0 se per ogni
 > 0 esiste δ > 0 tale che
x ∈ K \ {x0 }, d(x, x0 ) < δ ⇒ d(f (x), y0 ) < .
In tal caso si scrive
lim f (x) = y0
x→x0

Il risultato seguente si prova in modo analogo alla Proposizione 4.2.


Proposizione 9.15 Sia f : K ⊂ X → Y e sia x0 un punto d’accumulazione
di K. Le affermazioni seguenti sono equivalenti:
(i) lim f (x) = y0 .
x→x0

(ii) Vale l’implicazione:


(xn ) ⊂ K \ {x0 }, xn → x0 ⇒ f (xn ) → y0 .

Definizione 9.16 Sia f : K ⊂ X → Y e sia x0 ∈ K. Si dice che f è


continua in x0 se per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che:
x ∈ K \ {x0 }, d(x, x0 ) < δ ⇒ δ(f (x), f (x0 )) < .
Evidentemente se x0 è un punto d’accumulazione di K, f è continua in x0
se e solo se risulta:
lim f (x) = f (x0 ).
x→x0
Si dice che f è continua in K se è continua in ogni punto di K.
Infine si dice che f è uniformente continua in K se per ogni  > 0 esiste
δ > 0 tale che
x, y ∈ X, d(x, y) < δ =⇒ δ(f (x), f (y)) < .
Esercizio 9.17 Sia x0 ∈ X e f (x) = d(x, x0 ) per ogni x ∈ X. Provare che
f è uniformente continua.
112 Capitolo 9

9.4 Proprietà geometriche e topologiche di


uno spazio metrico
9.4.1 Insiemi aperti e chiusi
Per ogni x ∈ X e r > 0 definiamo la palla B(x, r) di centro x e raggio r
ponendo:
B(x, r) = {x ∈ X : d(x, x) < r}.

Definizione 9.18 Si dice che un sottoinsieme non vuoto A di X è aperto


se per ogni x ∈ A esiste r > 0 tale che B(x, r) ⊂ A. L’insieme vuoto ∅ è
aperto.

Si verifica facilmente che l’unione di un’ arbitraria famiglia di aperti e l’intersezione


di un numero finito di aperti è un aperto.

Definizione 9.19 Si dice che un sottoinsieme K di X è chiuso se il suo


complementare K c è aperto.

Ricordando la formula di De Moivre (1) ne segue che l’intersezione di una


famiglia arbitraria di chiusi e l’unione di un numero finito di chiusi è un
chiuso.

Esempio 9.20 Sia X = R, d(x, y) = |x − y|, x, y ∈ R. Se x ∈ R e r > 0 si


ha B(x, r) = (x − r, x + r). Quindi ogni intervallo aperto è un aperto di R.
Inoltre ogni intervallo chiuso I = [a, b] è chiuso dato che:

I c = (−∞, a) ∩ (b, +∞),

è aperto.
Osserviamo che l’intersezione numerabile degli aperti:

\
(0, 1 + 1/k) = (0, 1],
k=1

non è un insieme aperto.


È interessante notare che ogni aperto non vuoto A di R è l’unione di una
successione di intervalli aperti. Sia infatti (xk ) una successione costituita da
(1)
Ai )c = c
S T
Se {Ai }J è una famiglia di sottoinsiemi di X risulta ( i∈J i∈j (Ai ) .
Spazi metrici 113

tutti i razionali contenuti in A. Per ogni k ∈ N, dato che xk ∈ A, esiste un


intervallo aperto Ik di centro xk contenuto in A. Si vede facilmente che:

[
A= Ik .
k=1

Definizione 9.21 Sia G un sottoinsieme non vuoto di X. L’interno G̊


di G è l’unione di tutti gli aperti contenuti in G. La chiusura Ḡ di G è
l’intersezione di tutti i chiusi contenenti G.

Se G è aperto si ha ovviamente G̊ = G e se G è chiuso si ha Ḡ = G.


Esempio 9.22 Sia X = R, d(x, y) = |x − y|, x, y ∈ R. Sia G = (0, 1) allora
Ḡ = [0, 1]. Se invece G = (0, 1] allora Ḡ = [0, 1] e G̊ = (0, 1).

Osservazione 9.23 Sia x ∈ X, r > 0. Allora risulta:

B(x, r) ⊂ {x ∈ X : d(x, r) ≤ d}. (9.2)

L’insieme di destra è detto la palla chiusa di centro x e raggio r ed è denotato


con il simbolo B̄(x, r).
In generale non vale l’eguaglianza in (9.2). Sia ad esempio X un insieme
non vuoto di almeno due elementi munito della metrica discreta e sia x ∈ X.
Si ha allora:
B(x, 1) = {x} = B(x, 1),
mentre
B̄(x, 1) = X.

Esercizio 9.24 Provare che se X è uguale a Rn o a C([a, b]) risulta:

B(x, r) = B̄(x, r), x ∈ X, r > 0.

Proposizione 9.25 Sia K un sottoinsieme chiuso e non vuoto di X. Le


affermazioni seguenti sono equivalenti:
(i) K è chiuso.

(ii) Vale l’implicazione:

(xn ) ⊂ K, xn → x ⇒ x ∈ K.
114 Capitolo 9

Dimostrazione. (i) ⇒ (ii). Sia K chiuso e sia (xn ) ⊂ K convergente a x.


Se per assurdo x ∈ K c esiste r > 0 tale che B(x, r) ⊂ K c e quindi non può
essere xn → x.
(ii) ⇒ (i). Supponiamo per assurdo che valga (ii) e che K non sia chiuso.
Allora K c non è aperto e esiste un elemento x ∈ K c che non è interno a K c .
Quindi per ogni n ∈ N la palla B(x, n1 ) contiene un punto xn ∈ K. È chiaro
che xn → x ∈ / K mentre per ipotesi dovrebbe essere x ∈ K. 

Concludiamo questa sezione con alcune definizioni. Sia G un sottoinsieme


di X.
˚ = ∅.
• G è magro se Ḡ non ha punti interni cioè se Ḡ

• G è denso in X se Ḡ = X.

• La frontiera di G, indicata con ∂G, è l’insieme G \ G̊.

• Un punto x0 ∈ G è isolato se esiste r > 0 tale che B(x0 , r)∩(G\{x0 }) =


∅. È chiaro che se x0 non è isolato allora è un punto limite (o di
accumulazione) di G.

Esercizio 9.26 Sia K un sottoinsieme di X. Provare che la sua chiusura K̄


coincide con l’insieme dei suoi punti limite.

9.5 Caratterizzazione topologica della conti-


nuità
Siano (X, d) e (Y, δ) spazi metrici e sia f : X → Y . Allora è chiaro che
la continuità di f in un punto x0 di X può esprimersi dicendo che per ogni
 > 0 esiste δ > 0 tale che:

f −1 (B(f (x0 ), δ )) ⊃ B(x0 , ).

Proposizione 9.27 Sia f un’applicazione di X in R. Le affermazioni seguenti


sono equivalenti:

(i) f è continua in X.

(ii) B ⊂ Y aperto in Y ⇒ f −1 (B) aperto in X.


Spazi metrici 115

Dimostrazione. (i) ⇒ (ii). Supponiamo che f sia continua in X e che B


sia aperto in Y . Poniamo A = f −1 (B) e supponiamo per assurdo che A non
sia aperto. Allora esiste x0 ∈ A e una successione (xn ) ⊂ Ac convergente a
x0 . Allora (f (xn )) è una successione in Y convergente a f (x0 ) ∈ B che non
appartiene a B, il che è assurdo.
(ii) ⇒ (i). Supposto che valga (ii) proviamo che f è continua in ogni
punto x0 ∈ X. Sia y0 = f (x0 ) e  > 0. Per ipotesi f −1 (B(y0 , )) è un aperto
contenente x0 , quindi esiste δ > 0 tale che f −1 (B(y0 , )) contiene una palla
B(x0 , δ ). Ne segue (2)

f (B(x0 , δ )) ⊂ B(y0 , ),

cosicché f è continua in x0 . 

9.5.1 Distanza indotta su un sottoinsieme di (X, d)


Sia (X, d) uno spazio metrico e Y un sottoinsieme non vuoto di X. La
restrizione di d a Y × Y è evidentemente una distanza in Y , detta distanza
indotta da d in Y , che indicheremo con il simbolo dY . Quando non vi sia
possibilità di confusione scriveremo d al posto di dY .
Per ogni x ∈ Y e ogni r > 0 indichiamo con BY (x, r) la palla in (Y, dY )
di centro x e raggio r. È facile vedere che:

BY (x, r) = B(x, r) ∩ Y.

Proposizione 9.28 Un sottoinsieme B di (Y, dY ) è aperto se e solo se esiste


un aperto A di X, tale che B = A ∩ Y .
Dimostrazione. Sia A un aperto in (X, d) e sia y ∈ A ∩ Y . Allora esiste
 > 0 tale che B(y, ) ⊂ A. Si ha quindi:

BY (y, ) = B(y, ) ∩ Y ⊂ A ∩ Y.

Ciò prova che ogni punto di A ∩ Y è interno cosicché A ∩ Y è aperto.


Viceversa sia B un aperto in (Y, dY ). Allora per ogni y ∈ B esiste (y) > 0
tale che BY (y, (y)) ⊂ B e risulta evidentemente:
[
B= BY (y, (y)).
y∈B

(2)
Si vede facilmente che f (f −1 (B)) ⊂ B per ogni sottoinsieme B di Y .
116 Capitolo 9
S
Indicato con A := B(y, (y)) l’aperto di (X, d), si ha
y∈B
[ [
A∩Y = Y ∩ B(y, (y)) = BY (y, (y)) = B.
y∈B y∈B


Esempio 9.29 Sia X = R, d la metrica euclidea e Y = [0, 1]. Allora [0, 1/2)
è un sottoinsieme aperto di (Y, dY ) dato che:

[0, 1/2) = [0, 1] ∩ (−∞, 1/2).

Esercizio 9.30 Si provi che H ⊂ Y è chiuso in (Y, dY ) se e solo se esiste K


chiuso in (X, d) tale che H = H ∩ Y .

9.6 Compattezza
Sia (X, d) uno spazio metrico e K un sottoinsieme non vuoto di X.

Definizione 9.31 K è sequenzialmente compatto se ogni successione (xn ) ⊂


K possiede una sottosuccessione convergente a un elemento di K.

Esercizio 9.32 Provare che uno spazio metrico sequenzialmente compatto


è completo.
Suggerimento. Mostrare che se una successione di Cauchy (xn ) in X ha
una sottosuccessione convergente a x̄ allora xn → x̄.

La proprietà di un insieme di essere sequenzialmente compatto è di grande


importanza come abbiamo visto nel caso degli intervalli chiusi e limitati (ad
esempio per provare i teoremi di Wieierstrass, di Heine-Cantor e di Dini).
Vogliamo adesso presentare alcuni importanti concetti equivalenti alla com-
pattezza sequenziale.
Cominciamo con l’introdurre la nozione di ricoprimento.
Definizione 9.33 Un ricoprimento di K è una famiglia (Ak )k∈I di sottoin-
siemi di X tale che [
Ak ⊃ K.
k∈I

Se l’insieme I è finito si dice che il ricoprimento è finito. Se gli Ak sono


aperti si dice che il ricoprimento è aperto.
Spazi metrici 117

Se J ⊂ I e se [
Ak ⊃ K,
k∈J

si dice che (Ak )k∈J è un sottoricoprimento di (Ak )k∈I .


Ad esempio se K è limitato esiste una palla B(x, r) tale che B(x, r) ⊃ K.
Quindi B(x, r) è un ricoprimento di K.
Definizione 9.34 (i) K è limitato se esiste x0 ∈ K e r > 0 tali che
K ⊂ B(x0 , r).

(ii) K è totalmente limitato se per ogni r > 0 possiede un ricoprimento


finito di palle di raggio r.
Ovviamente se K è totalmente limitato è limitato.

Definizione 9.35 Si dice che K è compatto se ogni ricoprimento aperto di


K possiede un sottoricoprimento finito. In tal caso se K = X si dice che X
è uno spazio metrico compatto.

L’importante teorema seguente mostra l’equivalenza di alcuni dei concetti


introdotti.
Teorema 9.36 Sia (X, d) uno spazio metrico compatto. Allora le affer-
mazioni seguenti sono equivalenti.
(i) X è sequenzialmente compatto.

(ii) X è completo e totalmente limitato.

(iii) X è compatto.
Dimostrazione. (i) ⇒ (ii). Procediamo per assurdo supponendo che X sia
sequenzialmente compatto ma non totalmente limitato. Allora esiste r0 > 0
tale che nessuna famiglia finita di palle di raggio r0 ricopre K. Prendiamo
un elemento x1 ∈ X. Allora la palla B(x1 , r0 ) non ricopre X cosicché esiste
x2 ∈ K tale che d(x1 , x2 ) > r0 e l’unione delle palle B(x1 , r0 ), B(x2 , r0 ) non
ricopre X. Procedendo analogamente si costruisce una successione (xk ) tale
che:
d(xi , xj ) > r0 , se i 6= j.
È chiaro che da (xk ) non si può estrare alcuna sottosuccessione convergente.
118 Capitolo 9

(ii) ⇒ (iii). Procediamo ancora per assurdo supponendo che X sia total-
mente limitato e completo ma non compatto, di modo che esiste un ricopri-
mento aperto (Ai )i∈I di X che non ha un sottoricoprimento finito. Conside-
riamo un ricoprimento finito di X con palle di raggio 1. È chiaro che esiste
una palla B(x1 , 1) tale che non esiste un sottoricoprimento finito di (Ai )i∈I
che ricopre B(x1 , 1). Anche B(x1 , 1) è totalmente limitato, quindi esiste un
ricoprimento finito di B(x1 , 1) con palle di raggio 1/2. Per lo stesso motivo di
prima esiste una palla B(x2 , 1/2) ⊂ B(x1 , 1) tale che non esiste un sottorico-
primento finito di (Ai )i∈I che ricopre B(x2 , 1/2). Procedendo analogamente
si costruisce una successione di palle (B(xn , 2−n ) tale che:

(i) B(xn , 2−n ) ⊂ B(xn+1 , 2−(n+1) ),

(ii) Per ogni n ∈ N, non esiste un sottoricoprimento finito di (Ai )i∈I che
ricopre B(xn , 2−n ).

Grazie a (i) la successione (xn ) è di Cauchy e, dato che X è completo, con-


verge a un elemento x̄. Sia infine i0 ∈ I tale che x̄ ∈ Ai0 . Dato che Ai0 è
aperto e xn → x̄, Ai0 conterrà la palla B(xn0 , 2−n0 ) per n0 sufficientemente
grande. Quindi si è provato che l’unico insieme Ak0 ricopre B(xn0 , 2−n0 ) il
che contraddice (ii).

(iii) ⇒ (i). Sia X compatto e supponiamo per assurdo che esista una
successione (xk ) da cui non si può estrarre una sottosuccessione convergente.
Evidentemente (xk ) è costituita da un numero infinito di elementi. Per ogni
x ∈ X esiste rx > 0 tale che la palla B(x, rx ) contiene soltanto un numero
finito di punti di (xk ). Quindi la famiglia (B(x, rx ))x∈X è un ricoprimento
aperto di X da cui non si può estrarre un sottoricoprimento finito. 

Esercizio 9.37 Provare che ogni sottoinsieme chiuso di un insieme compatto


è compatto.

9.6.1 Teoremi di Weierstrass e Heine–Cantor


Proposizione 9.38 Siano (X, d) e (Y, ρ) spazi metrici e f : X → Y con-
tinua. Sia K un sottoinsieme compatto di X. Allora f (K) è compatto.
Spazi metrici 119

Dimostrazione. Infatti sia (Bi )i∈I un ricoprimento aperto di f (K) e sia


Ai = f −1 (Bi ), i ∈ I. Dato che f è continua si ha che (Ai )i∈I è un rico-
primento aperto di K. Dato che S K è compatto esistono i1 , ..., in ∈ I tali
che nk=1 Aik ricopre K. Quindi nk=1 Bik ricopre f (K), cosicché f (K) è
S
compatto. 

Esercizio 9.39 Sia n ∈ N, X = Rn con la metrica euclidea. Provare che un


sottoinsieme K di Rn è compatto se e solo se è chiuso e limitato.
Possiamo ora generalizzare i Teoremi 5.7 e 5.5.
Teorema 9.40 (Weierstrass) Sia (X, d) uno spazio metrico e f : X → R
continua. Sia K un sottoinsieme compatto di X. Allora f ha massimo e
minimo in K.
Dimostrazione. Infatti per la Proposizione 9.38 f (K) ⊂ R è compatto,
quindi chiuso e limitato. 

Teorema 9.41 (Heine-Cantor) Siano (X, d) e (Y, ρ) spazi metrici e f : X →


Y continua. Sia K un sottoinsieme compatto di X. Allora f è uniforme-
mente continua su K.
Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che f non sia uniformemente
continua su K. Allora esiste 0 > 0 tale che per ogni δ > 0 esistono x, y ∈ K
tali che
d(x, y) < δ, ρ(f (x), f (y)) ≥ 0 .
1
Dato n ∈ N e scelto δ = n
ne segue che esistono xn , yn ∈ K tali che
1
, ρ(f (xn ), f (yn )) ≥ 0 .
d(xn , yn ) <
n
Dato che K è compatto esistono due sottosuccessioni (xnk ) e (ynk ) convergenti
a due punti x0 e y0 rispettivamente e si ha x0 , y0 ∈ I. Passando al limite per
n → ∞ nelle disuguaglianze:
1
d(xnk , ynk ) < , ρ(f (xnk ), f (ynk )) ≥ 0 ,
nk
risulta x0 = y0 e d(f (x0 ) − f (y0 )) ≥ 0 il che è assurdo. 
Esercizio 9.42 Generalizzare i teoremi 8.4 e 8.6 per successioni di funzioni
reali definite in uno spazio metrico compatto.
120 Capitolo 9

9.6.2 Intersezione di famiglie di compatti


Sia (X, d) uno spazio metrico completo. Una successione (Kn ) di sottoinsiemi
di X è detta crescente (risp. decrescente) se Kn ⊂ Kn+1 (risp. Kn ⊃ Kn+1 )
per ogni n ∈ N.

Proposizione 9.43 Sia (Kn ) una successione decrescente di sottoinsiemi


compatti non vuoti di X. Allora

\
Kn 6= ∅.
n=1

Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che:



\
Kn = ∅.
n=1

Allora, posto An = Knc , si ha che (An ) è una successione crescente di aperti


e risulta: ∞
[
An = X.
n=1

In particolare (An ) è un ricoprimento di K1 e, essendo K1 compatto, esiste


un sottoricoprimento finito di K1 , An1 , ..., AnN di (An ). Sia n̄ il massimo di
n1 , ..., nn . Dato che (An ) è crescente risulta

K1 ⊂ An̄ = Kn̄c .

Ciò implica K1 ∩ Kn̄ = ∅, il che è assurdo. 

Osservazione 9.44 Una successione decrescente di chiusi Kn può avere in-


tersezione vuota, come nel caso X = R, Kn = [n, +∞), n ∈ N.

Vediamo ora una generalizzazione della Proposizione 9.43. Per questo premet-
tiamo una definizione.

Definizione 9.45 Sia (Kn ) una successione di insiemi compatti non vuoti
di X. Si dice che (Kn ) ha la proprietà dell’intersezione finita se l’intersezione
di un numero finito di (Kn ) ha intersezione non vuota.
Spazi metrici 121

Proposizione 9.46 Sia (Kn ) una successione di insiemi compatti non vuoti
di X avente la proprietà dell’intersezione finita. Allora
\
Kn 6= ∅.
n∈N

Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che:


\
Ki = ∅.
i∈I

Allora, posto Ai = Kic , si ha che (Ai )i∈I è una famiglia di aperti tale che:
[
Ai = X.
i∈I

Quindi (Ai )i∈I è un ricoprimento di K1 e, essendo K1 compatto, esiste un


sottoricoprimento finito,
An1 , ..., AnN
di K1 . Si ha quindi:
N
[
K1 ⊂ Ank .
k=1

Ciò implica
N
!c
\ [
K1 Ank = K1 ∩ Kn1 ∩ · · · ∩ KnN = ∅,
k=1

il che contraddice l’ipotesi che (Kn ) ha la proprietà dell’intersezione finita.




9.6.3 Insieme di Cantor


Cominciamo con un’applicazione della Proposizione 9.43.

Proposizione 9.47 Sia K un sottoinsieme chiuso di R privo di punti iso-


lati. Allora K non è numerabile. In particolare R non è numerabile.
122 Capitolo 9

Dimostrazione. Osserviamo che, dato che K non ha punti isolati, ogni suo
punto è un punto limite. Supponiamo per assurdo che K sia numerabile,
K = (xn )n∈N . Evidentemente K è costituito da infiniti punti. Quindi esiste
una palla aperta B1 tale che:

x1 ∈
/ B1 , B1 ∩ K 6= ∅.

Consideriamo ora x2 che o non appartiene a B1 o vi appartiene. In entrambi


i casi, dato che non è isolato, esiste una palla aperta B2 tale che:

x2 ∈
/ B2 , B2 ⊂ B1 , B2 ∩ K 6= ∅.

Iterando questo procedimento si costruisce una successione (Bn ) di palle


aperte tale che:

xn ∈
/ Bn , Bn ⊂ Bn−1 , Bn ∩ K 6= ∅.

Poniamo:
Hn := K ∩ Bn , n ∈ N.
Allora (Hn ) è una successione decrescente di compatti contenuta in K e per
la Proposizione 9.43 esiste x̄ tale che:

\
x̄ ∈ Hn .
i=1

Quindi x̄ ∈ K, ma ciò è assurdo dato che, essendo xn ∈ / Hn , x̄ non può


coincidere con alcuno dei punti della successione (xn ). 

Possiamo ora definire l’insieme di Cantor. Sia X = [0, 1] con la metrica


euclidea. X è compatto. Indichiamo con E1 l’insieme ottenuto dividendo
[0, 1] in tre segmenti consecutivi della stessa lunghezza e togliendo la parte
intermedia:
E1 = [0, 1/3] ∪ [2/3, 1]
Da ciascuno dei tre intervalli ottenuti togliamo la parte intermedia ottenendo
l’insieme
E2 = [0, 1/9] ∪ [2/9, 3/9] ∪ [6/9, 7/9] ∪ [8/9, 9/9]
e cosı̀ via. Iterando il procedimento si ottiene una successione decrescente di
compatti (En ) con le proprietà seguenti:
Spazi metrici 123

(i) La lunghezza di En è ( 23 )n .

(ii) En consta di 2n intervalli di lunghezza 3−n .

Poniamo: ∞
\
C= Ei .
i=1

Per la Proposizione 9.43 C è compatto e non vuoto. Inoltre C non contiene


punti isolati. Sia infatti per assurdo x0 ∈ C isolato e sia a > 0 tale che

(a − x0 , a + x0 ) ∩ C = {x0 } (9.3)

Allora per n sufficientemente grande si ha 3−n < a il che contraddice (9.3).


Quindi C non è numerabile per la Proposizione 9.47. C è detto l’insieme di
Cantor.

9.7 Il Teorema di Ascoli–Arzelà


In questa sezione vogliamo dare una caratterizzazione dei compatti dello
spazio C([0, 1]) delle funzioni reali continue in [0, 1] munito della distanza:

d(f, g) = sup |f (x) − g(x)|.


x∈[0,1]

I risultati ottenuti si generalizzano facilmente al caso in cui lo spazio C[0, 1])


è sostituito da C(K), lo spazio di tutte le funzioni reali continue su uno
spazio metrico compatto K, munito della metrica:

d(f, g) = sup |f (x) − g(x)|.


x∈K

Definizione 9.48 Un sottoinsieme Λ di C([0, 1]) è detto equicontinuo se per


ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che

x, y ∈ [0, 1], |x − y| < δ ⇒ |f (x) − f (y)| < , ∀ f ∈ Λ.

Un insieme equicontinuo Λ di C([0, 1]) non è necessariamente limitato, basta


considerare il sottoinsieme delle costanti:

Λ = {f ∈ C([0, 1]) : f (x) = c, ∀ x ∈ [0, 1], c ∈ R}.


124 Capitolo 9

Esempio 9.49 Sia

Λ = {f ∈ C([0, 1]) : |f (x) − f (y)| ≤ K|x − y|α , ∀ x, y ∈ [0, 1]},

dove K > 0 e α ∈ (0, 1]. È chiaro che Λ è equicontinuo.

Teorema 9.50 (Ascoli-Arzelà) Sia Λ ⊂ C([0, 1]). Allora le affermazioni


seguenti sono equivalenti:

(i) Λ è chiuso, limitato e equicontinuo.

(ii) Λ è compatto.

Dimostrazione. (i) ⇒ (ii). Basta mostrare per il Teorema 9.36 che ogni
successione (fn ) in Λ possiede una sottosuccessione uniformemente conver-
gente. Procederemo in due passi; nel primo proveremo che esiste una sotto-
successione (gk ) di (fn ) convergente in tutti i punti di Q ∩ [0, 1] (che è denso
in [0, 1]), nel secondo che (gk ) è uniformemente convergente in [0, 1].

Primo passo.
Usiamo qui il procedimento diagonale di Cantor. Dato che Q ∩ [0, 1] è
numerabile esiste una successione (xk ) tale che Q ∩ [0, 1] = (xk ). Inoltre,
dato che Λ è limitato esiste M > 0 tale che:

d(f, 0) = sup |f (x)| ≤ M, ∀ f ∈ Λ.


x∈[0,1]

In particolare |fn (x1 )| ≤ M per ogni n ∈ N cosicché esiste una sottosucces-


sione di (fn ) che indichiamo con (f1,k ) tale che (f1,k (x1 )) è convergente. Per
lo stesso motivo esiste una sottosuccessione (f2,k ) di (f1,k ) tale che (f2,k (x2 ))
è convergente. Procedendo analogamente si costruisce una matrice infinita
di funzioni:
f1,1 , f1,2 , f1,3 , . . . , f1,m , . . .
f2,1 , f2,2 , f2,3 , . . . , f2,m , . . .
........................
fk,1 , fk,2 , fk,3 , . . . , fk,m , . . .
........................,
tali che ogni riga è una sottosuccessione della precedente e esistono i limiti

lim fk,m (xk ), ∀ k ∈ N.


m→∞
Spazi metrici 125

Consideriamo ora la successione diagonale (gk ) = (fk,k ) :


f1,1 , f2,2 , . . . , fm,m , . . . .

È chiaro che (fk,k (x1 )) è una sottosuccessione di (f1,k (x1 )) ed è quindi conver-
gente; inoltre (fk,k (x2 )) è una sottosuccessione di (f2,k (x2 )) (a parte il primo
termine) ed è quindi convergente. Analogamente per ogni n ∈ N si ha che
(fk,k (xn )) è una sottosuccessione di (fn,k (xn )) (a parte i primi n − 1 termini)
ed è quindi convergente.
In conclusione (gk (x)) è convergente per ogni x ∈ Q ∩ [0, 1].

Secondo passo. (gk ) è uniformemente convergente in [0, 1].

Dato che (gk ) ⊂ Λ è equicontinuo, per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che:
x, y ∈ [0, 1], |x − y| < δ ⇒ |gk (x) − gk (y)| < /3, ∀ k ∈ N. (9.4)
Consideriamo una decomposizione dell’intervallo [0, 1], 0 = v0 < v1 < ... <
vn = 1 con vi razionali tale che:
vi − vi−1 < δ , ∀ i = 1, ..., n.
Sia ora x ∈ [0, 1] e sia vi tale che |x − vi | < δ . Si ha quindi per h, k ∈ N:
|gk (x) − gh (x)| ≤ |gk (x) − gk (vi )| + |gk (vi ) − gh (vi )| + |gh (vi ) − gh (x)|

2
≤ 3
 + |gk (vi ) − gh (vi )|.
Dato che le successioni (gk (vi ))k∈N sono di Cauchy, esiste n ∈ N tale che:
1
h, k > n ⇒ |gk (vi ) − gh (vi )| < , ∀ i = 0, 1, ..., n.
3
Quindi se h, k > n si ha:
|gk (x) − gh (x)| ≤ , ∀ x ∈ [0, 1],
cosicché (gk )è di Cauchy uniforme.

(ii) ⇒ (i). Dato che Λ è compatto è chiuso e limitato; resta quindi da


provare che è equicontinuo. Sia  > 0. Dato che Λ è totalmente limitato
(Teorema 9.36) lo si può ricoprire con un numero finito di palle di raggio /3:
B(h1 , /3), ..., B(hn , /3).
126 Capitolo 9

Per il Teorema di Heine-Cantor le funzioni h1 ..., hn sono uniformemente


continue. Quindi esiste δ > 0 tale che:

x, y ∈ [0, 1], |x − y| ≤ δ ⇒ |hi (x) − hi (y)| < /3, ∀ i = 1, 2, ..., n .

Possiamo ora verificare che Λ è equicontinuo. Sia x, y ∈ [0, 1], |x − y| ≤ δ e


f ∈ Λ. Si ha allora:

|f (x) − f (y)| ≤ |f (x) − hi (x)| + |hi (x) − hi (y)| + |hi (y) − f (y)|,

dove i (dipendente da f ) è scelto in modo tale che f ∈ B(hi , /3) cosicché


d(f, hi ) < /3. Si ha allora:

|f (x) − f (y)| ≤ , ∀ f ∈ Λ.

Quindi λ è equicontinuo. 

9.8 Spazi metrici separabili


Definizione 9.51 Uno spazio metrico (X, d) è separabile se esiste un sot-
toinsieme numerabile Y la cui chiusura coincide con X.

Esempio 9.52 Sia X = C([0, 1]). Allora X è separabile; un sottoinsieme


denso di K è dato dai polinomi a coefficienti razionali. Ciò segue dal Teorema
di Bernstein.

Proposizione 9.53 Sia (X, d) uno spazio metrico compatto. Allora X è


separabile.

Dimostrazione. Infatti per ogni n ∈ N esiste un ricoprimento finito di X:

B(xn1 , 1/n), ..., B(xnan , 1/n)

È chiaro che l’unione di tutti i centri:

xn1 , ..., xnan

al variare di n ∈ N è un insieme denso in X. 


Spazi metrici 127

9.9 Connessione
Definizione 9.54 Sia (X, d) uno spazio metrico.

(i) Si dice che (X, d) è sconnesso se esistono due sottoinsiemi aperti A


e B, disgiunti e non vuoti tali che X = A ∪ B. Si dice che (X, d) è
connesso se non è sconnesso.
È chiaro che (X, d) è connesso se e solo se gli unici sottoinsiemi di X
che sono aperti e chiusi sono ∅ e X.

(ii) Sia Y un sottoinsieme di X. Si dice che Y è sconnesso se tale è lo


spazio metrico (Y, dY ) dove dY è la distanza indotta su Y . Si dice che
Y è connesso se non è sconnesso.

Esempio 9.55 Un punto x di (X, d) è un insieme connesso.

Proposizione 9.56 Siano (X, d) e (Y, δ) spazi metrici e f : (X, dX ) →


(Y, dY ) continua. Se X è connesso allora f (X) è connesso.

Dimostrazione. Sia B un sottoinsieme aperto e chiuso di f (X). In virtù


della Proposizione 9.28 esiste un aperto A in Y tale che B = A ∩ Y. Dato che
f è continua si ha che f −1 (B) = f −1 (A) è un sottoinsieme aperto e chiuso di
X. Dato che X è connesso si ha che f −1 (B) è o l’insieme vuoto o X. Poiché
B = f (f −1 (B)), risulta che B = f (X) oppure B = ∅. 

Proposizione 9.57 Sia (X, d) spazio metrico e sia (Xi )i∈I una famiglia di
sottoinsiemi connessi di X tali che
[ \
X= Xi Xi 6= ∅ .
i∈I i∈I

Allora X è connesso.

Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che X sia sconnesso e siano A, B


aperti non vuoti disgiunti di X tali che X = A ∪ B. Poniamo Ai = A ∩ Xi e
Bi = B ∩ Xi , i ∈ I. Ai e Bi sono sottoinsiemi aperti di (Xi , dXi ). Si noti che

Xi = Ai ∪ Bi ∀ i ∈ I.

Quindi, poichè Xi è connesso, si ha Ai = ∅ oppure Bi = ∅ per ogni i ∈ I.


128 Capitolo 9

Fissiamo i0 ∈ I e supponiamo ad esempio Bi0 = ∅, in modo che Ai0 = Xi0


(Il caso in cui Ai0 = ∅ può essere trattato analogamente).
Per ipotesi esiste un punto x0 ∈ X che appartiene a tutti gli Xi . Allora
x0 ∈ Xi0 = Ai0 . Quindi x0 ∈ A e anche x0 ∈ A ∩ Xi = Ai per ogni i ∈ I.
Poiché abbiamo osservato che uno traSAi e Bi deve essere vuoto, ne segue
che tutti i Bi sono vuoti. Poiché B = i∈I Bi , risulta che B stesso è vuoto.
Ciò contraddice l’ipotesi che B sia non vuoto. 

Proposizione 9.58 Sia Y ⊂ X connesso. Allora Y è connesso.

Dimostrazione. Siano per assurdo A, B sottoinsiemi di Y aperti non vuoti


disgiunti tali che Y = A ∪ B. Allora A ∩ Y e B ∩ Y sono aperti disgiunti di
Y e si ha:
Y = (A ∩ Y ) ∪ (B ∩ Y ).
Sia x0 ∈ A. Allora x0 è un punto di accumulazione di Y e quindi A ∩ Y 6= ∅.
Per un motivo analogo si ha A ∩ Y 6= ∅. Ciò contraddice il fatto che Y è
connesso. 

Esempio 9.59 Sia X = Q, d(p, q) = |p − q|, p, q ∈ Q, e sia K un insieme


connesso di Q. Allora K consiste di un solo punto. Supponiamo infatti
per assurdo che K contenga due punti a e b con a < b e sia x un numero
irrazionale tale che a < x < b. Poniamo:

M = (−∞, x) ∩ K, N = (x, +∞) ∩ K.

Allora M e N son aperti non vuoti in (K, dK ) la cui unione è K, il che è


assurdo.

9.9.1 Sottoinsiemi connessi di R


Il primo esempio fondamentale di spazio metrico connesso è l’intervallo chiuso
[a, b].

Proposizione 9.60 Ogni intervallo chiuso e limitato [a, b]è connesso.

Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che [a, b] sia sconnesso, e siano


A, B sottoinsiemi aperti non vuoti e disgiunti tali che [a, b] = A ∪ B. Sup-
poniamo ad esempio che a ∈ A (il caso in cui a ∈ B si tratta analogamente).
Spazi metrici 129

Sia t0 = min B (il minimo esiste perchè B è compatto, in quanto chiuso e


limitato in R). Si ha t0 > a. Poichè B è aperto in [a, b] esiste  > 0 tale che
(t0 − , t0 + ) ∩ [a, b] ⊂ B. Allora t0 − /2 ∈ B il che contraddice la scelta di
t0 . 

Proposizione 9.61 Ogni intervallo I di R (aperto o chiuso a destra, aperto


o chiuso a sinistra, limitato o illimitato) è connesso.

Dimostrazione. Svolgiamo la dimostrazione nel caso I = (a, b) lasciando


gli altri casi per esercizio al lettore.
Siano (an ) e (bn ) successioni monotone (risp. decrescente e crescente) in
(a, b) convergenti rispettivamente ad a e a b e tali che an < bn . Si consideri
la famiglia degli intervalli In = [an , bn ]. Si ha

[
In = (a, b).
n=1

Grazie alla Proposizione 9.60, ogni In è connesso, quindi dalla Proposizione


9.57 segue che I è connesso. 

Proposizione 9.62 Un sottoinsieme di R è connesso se e solo se è un in-


tervallo.

Dimostrazione. Abbiamo già visto che ogni intervallo è connesso. Provi-


amo il viceversa. Sia A ⊂ R connesso. Supponiamo per assurdo che A non
sia un intervallo. Allora esistono a, b ∈ A e x0 ∈
/ A tali che a < x0 < b.
Quindi A è unione disgiunta degli aperti:

M := A ∩ (−∞, x0 ), N := A ∩ (x0 , +∞).

D’altra parte a ∈ M e b ∈ N cosicché M e N sono non vuoti. 

9.9.2 Componenti connesse di un insieme


Definizione 9.63 Sia (X, d) uno spazio metrico e x un punto di X. Si
definisce componente connessa di x l’unione C(x) di tutti i sottoinsiemi con-
nessi di X che contengono x. C(x) è non vuoto dato che contiene x.
130 Capitolo 9

Osservazione 9.64 Dalla Proposizione 9.57, segue che C(x) è connesso e


dalla Proposizione 9.58 è chiuso. (C(x) non è aperto in generale, vedi Esem-
pio 9.65.)
Inoltre dati x, y ∈ X due casi sono possibili:
• 10 caso. C(x) ∩ C(y) = ∅.
• 20 caso. C(x) ∩ C(y) 6= ∅.
Nel secondo caso, dato che (sempre per la Proposizione 9.57) C(x) ∪ C(y)
è connesso, si ha C(x) = C(y).
Quindi le componenti connesse formano una partizione dello spazio (X, d)
in sottoinsiemi connessi. Ne segue che (X, d) è connesso se e solo se ha
un’unica componente connessa.

Esempi 9.65 1). Sia X = [0, 1] ∪ [2, 3] ∪ {5}. Allora le componenti connesse
di X sono:
[0, 1], [2, 3], {5}.
Infatti se A è un sottoinsieme connesso di X allora A è un intervallo (in
quanto in particolare A ⊂ R). Quindi risulta A ⊂ [0, 1] o A ⊂ [2, 3] o
A = {5}.

2). X = [0, 1/2) ∪ (1/2, 1]. Allora le componenti connesse di X sono

[0, 1/2), (1/2, 1].

3). Sia X = Q. Allora, dato che i connessi di X sono i punti (Esempio


9.59), per ogni x ∈ Q si ha C(x) = {x}.
L’ultimo esempio mostra che in generale C(x) non è un sottoinsieme
aperto di X.

9.9.3 Connessione per archi


Definizione 9.66 Un arco in uno spazio metrico (X, d) è una funzione con-
tinua
f : [0, 1] → X .
I punti x = f (0) e y = f (1) si dicono gli estremi di f e si dice che f connette
x a y.
Spazi metrici 131

Uno spazio metrico (X, d) si dice connesso per archi se dati x, y ∈ X


esiste un arco che li connette.

Osservazione 9.67 Sia f : [0, 1] → X un arco che connette x e y e g :


[0, 1] → X un arco che connette y a z. Allora si può costruire un arco che
connette x a z, ponendo:

 f (2t) se t ∈ [0, 1/2]
γ(t) =
g(2t − 1) se t ∈ [1/2, 1].

Si dice che γ è l’arco ottenuto unendo f e g.

Proposizione 9.68 Uno spazio metrico (X, d) connesso per archi è con-
nesso.

Dimostrazione. È sufficiente mostrare che per ogni x ∈ X si ha C(x) = X


ovvero che, dato x ∈ X, per ogni y ∈ X esiste un sottoinsieme connesso che
contiene sia x che y. Infatti dato un arco f : [0, 1] → X che connette x a
y, f (I) è un sottoinsieme connesso (in quanto immagine di un connesso) e
contiene sia x che y. 

In generale uno spazio metrico connesso non è connesso per archi come
mostra l’esempio seguente.
Esempio 9.69 L’insieme X0 = {(t, sin 1/t) : t > 0} è connesso in quanto
immagine di un connesso tramite l’applicazione continua:

(0, +∞) → R2 , t 7→ (t, sin 1/t).

L’insieme X = X 0 è un sottoinsieme connesso di R2 per la Proposizione 9.58.


Inoltre non è difficile mostrare che X = X0 ∪ I, essendo I = {(0, t) : t ∈
[−1, 1]} (lo studente provi questa affermazione in dettaglio).
Mostreremo che X non è connesso per archi. Più precisamente che non
esiste un arco f : [0, 1] → X che connette un punto di I con un punto di
X0 . Supponiamo per assurdo che un tale arco esista e sia A = f −1 (I). A
è chiuso non vuoto poichè f è continua e I è chiuso; inoltre A non coincide
con [0, 1] dato che f (A) (che contiene un punto di X0 ) è diverso da I. Per
pervenire all’assurdo basterà allora provare che A è anche aperto (dato che
I è connesso).
132 Capitolo 9

Sia t0 ∈ A tale f (t0 ) = (0, y0 ) e sia Q il quadrato aperto di centro (0, y0 )


e lato 1 :
Q = {(x, y) : x < 1/2, |y − y0 | < 1/2}.
Dato che f è continua esiste  > 0 tale che f (t) ∈ Q per ogni t ∈ (t0 −, t0 +).
Proviamo che
f (t) ∈ I, ∀ t ∈ (t0 − , t0 + ). (9.5)
Da (9.5) seguirà che A è aperto e quindi l’assurdo.
Resta quindi da provare (9.5). Anche per questo procediamo per assurdo
supponendo che esista t1 ∈ (t0 − , t0 + ) tale che f (t1 ) ∈ X0 , ovvero f (t1 ) =
(x1 , sin 1/x1 ). Senza perdere di generalità possiamo supporre t1 > t0 . Allora
f ([t0 , t1 ]) sarebbe un sottoinsieme connesso di Q ∩ X contenente (0, y0 ) e
(x0 , sin 1/x0 ).
Ora per definizione

Q ∩ X = {(0, y) : y0 − 1/2 < y < y0 + 1/2} ∪


∪{(x, sin 1/x) : x < 1/2, y0 − 1/2 < sin 1/x < y0 + 1/2}

Poichè l’intervallo [y0 − 1/2, y0 + 1/2] ha lunghezza 1 mentre l’intervallo


[−1, 1] ha lunghezza 2, esiste m ∈ [−1, 1] \ [y0 − 1/2, y0 + 1/2]. Possiamo
fissare M > 1/x0 tale che sin M = m.
Sia allora r la retta verticale definita da x = 1/M . Notiamo che tale
retta non interseca Q ∩ X. Siano A− e A+ i semipiani aperti delimitati da
r. Chiaramente si ha che Q ∩ X = Q ∩ X ∩ A− ∪ Q ∩ X ∩ A+ . In particolare
poichè f ([t0 , t1 ]) è contenuto in Q ∩ X si ha

f ([t0 , t1 ]) = f ([t0 , t] ∩ A− ∪ f ([t0 , t1 ] ∩ A+

Ora f ([t0 , t1 ]) ∩ A− e f ([t0 , t1 ]) ∩ A+ sono aperti disgiunti. Inoltre f (t0 ) =


(0, y0 ) ∈ A− (infatti la sua ascissa è minore di 1/M ) mentre f (t1 ) = (x0 , sin 1/x0 )
appartiene a A+ (poiché M > 1/x0 , si ha che x0 > 1/M , ovvero f (t1 ) è alla
destra di r). Ma ciò contraddice il fatto che f ([t0 , t1 ]) è connesso.

9.9.4 Insiemi connessi di Rn


Consideriamo qui lo spazio metrico Rn munito della metrica euclidea. Os-
serviamo che Rn è connesso per archi. Infatti dati x, y ∈ Rn , un arco che li
connette è dato da f (t) = (1 − t)x + ty, t ∈ [0, 1].
Spazi metrici 133

In modo analogo si dimostra che le palle di Rn sono connesse per archi.


Proviamo la generalizzazione di questo fatto a un generico aperto connesso
di Rn .

Proposizione 9.70 Sia Ω sottoinsieme di Rn aperto e connesso. Allora Ω


è connesso per archi.

Dimostrazione. Fissiamo x ∈ Ω; vogliamo mostrare che tutti i punti di Ω


sono connettibili a x. Per questo consideriamo l’insieme A dei punti connet-
tibili a x. A è non vuoto, dato che x è contenuto in A. Dunque è sufficiente
mostrare che A è aperto e chiuso (in Ω).

A è aperto. Sia y ∈ A e sia  > 0 tale che B(y, ) ⊂ Ω. Dimostreremo


che B(y, ) ⊂ A (ovvero che ogni punto in B(y, ) è connettibile a x tramite
un arco contenuto in Ω).
Per ipotesi esiste un arco f : [0, 1] → Ω che connette x a y. Inoltre poichè
B(y, ) è connesso per archi, fissato z ∈ B(y, ) esiste un arco g : [0, 1] →
B(y, ) ⊂ Ω che connette y a z. Allora unendo gli archi f e g si ottiene un
arco γ contenuto in Ω che connette x a z. (vedi Osservazione 9.67)

A è chiuso. Sia y ∈ Ā ∩ Ω e sia  > 0 tale che B(y, ) ⊂ Ω. Poichè


y ∈ Ā esiste z ∈ B(y, ) contenuto in A. Ora esiste un arco che connette x a
z. Poiché B(y, ) è connesso per archi, esiste un arco contenuto in B(y, ) (e
dunque in Ω) che connette z a y. L’unione di tali archi è allora un arco che
connette x a y. Dunque y ∈ A. 

Esercizio 9.71 Si mostri che una componente connessa di un aperto di Rn


è aperta.

Proposizione 9.72 Non esiste alcuna mappa continua e iniettiva

f : Rn → R.

Dimostrazione. La dimostrazione è basata sull’osservazione che dato v ∈


Rn , l’insieme Rn \ {v} è connesso. Infatti dati w, u ∈ Rn \ v si possono
considerare due archi che li congiungono in Rn :

f (t) = (1 − t)u + tw g(t) = ((1 − t)u + tw) + (sin2 tπ)z,


134 Capitolo 9

z essendo un vettore ortogonale alla retta passante per u e v (ovvero orto-


gonale al vettore u − v).
Ora è facile mostrare che f ([0, 1]) ∩ g([0, 1]) = {u, w} e dunque il punto
v può appartenere al più ad uno di questi archi. In particolare almeno uno
di questi due archi connette u a w in Rn \ {v}.
Torniamo alla dimostrazione della Proposizione. Supponiamo che esista
f : Rn → R continua e iniettiva. Poiché Rn è connesso allora f (Rn ) è un
intervallo I (non può essere un punto poiché f è iniettiva!).
Fissiamo v ∈ Rn tale che f (v) appartiene alla parte interna di I. Osservia-
mo che I \ {f (v)} è sconnesso.
Del resto, poichè f è iniettiva, si ha f (Rn \ {f (v)}) = I \ {v}. Poichè
Rn \ {f (v)} è connesso e I \ {v} è sconnesso ciò porta ad un assurdo. 

9.10 Argomento di categoria di Baire


Sia (X, d) uno spazio metrico completo. Ricordiamo che un sottoinsieme B
di X è magro se la sua chiusura B non ha punti interni. Se X è unione finita
o numerabile di insiemi magri si dice che X è di prima categoria, altrimenti
si dice che X è di seconda categoria.

Teorema 9.73 (Baire) Sia (X, d) uno spazio metrico completo e (Cn ) una
successione di insiemi chiusi tali che:

[
X= Cn ,
n=1

Allora almeno uno dei Cn ha un punto interno e quindi X è di seconda


categoria.

Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che ogni Cn non abbia punti


interni cioè che sia magro. Per ogni n ∈ N poniamo An = Cnc di modo che:

\
An = ∅.
n=1

Dato che C1 è magro esiste x1 ∈ A1 e 1 > 0 tali che B(x1 , 1 ) ⊂ A1 . Analoga-


mente, dato che C2 è magro esiste x2 ∈ A2 e 2 > 0 tali che B(x2 , 2 ) ⊂ A2 .
Spazi metrici 135

Iterando questo procedimento si costruisce una successione decrescente di


palle chiuse (B(xn , n )) tale che:

B(xn , n ) ⊂ An .

Possiamo scegliere la successione (n ) in modo che:



X
i < ∞.
i=1

(Ad esempio scegliendo i < 2−i 1 )


Quindi la successione (xn ) è di Cauchy e converge a un elemento x̄ che
appartiene a tutte le palle e quindi a nessun Cn il che è assurdo. 
Il corollario seguente è immediato.

Corollario 9.74 (Baire) Sia (X, d) uno spazio metrico completo e sia (An )
una successione di aperti densi in X. Allora:

\
An 6= ∅.
n=1

Esempio 9.75 (i) Sia X = R con la metrica euclidea. Allora i sottoinsiemi


finiti di R sono magri mentre Q non è magro dato che Q = R.

(ii) Sia X = Q con la metrica d(x, y) = |x − y|. Allora X è di prima


categoria.

(iii) Sia X = N con la metrica d(m, n) = |m − n|. Allora X è di seconda


categoria.

Esercizio 9.76 Provare che R2 non è unione numerabile di rette.

9.11 Principio delle contrazioni


Sia (X, d) uno spazio metrico completo e f un’applicazione di X in X. Si
dice che x ∈ X è un punto fisso di f se risulta f (x) = x.
136 Capitolo 9

Teorema 9.77 Sia (X, d) uno spazio metrico completo e f un’applicazione


di X in X. Supponiamo che esista κ ∈ (0, 1) tale che:

d(f (x), f (y)) ≤ κd(x, y), ∀ x, y ∈ X. (9.6)

Allora f ha un unico punto fisso.


Dimostrazione. Fissiamo un elemento x0 ∈ X e definiamo per ricorrenza
una successione (xn ) ponendo:

xn+1 = f (xn ), ∀n ∈ N.

Proviamo che (xn ) è di Cauchy. Procedendo per ricorrenza si vede che:

d(xn+1 , xn ) ≤ κn d(x1 , x0 ), ∀n ∈ N.

Dato che la serie ∞ n


P
n=1 κ è convergente, ne segue che (xn ) è di Cauchy ed è
quindi convergente a un elemento x̄. Dall’altra parte da (9.6) segue che f è
continua. Passando al limite per n → ∞ nell’euguaglianza xn+1 = f (xn ) si
trova che f (x̄) = x̄.
Resta da provare l’unicità del punto fisso. Sia ȳ ∈ X tale che f (ȳ) = ȳ.
Si ha allora:
d(x̄, ȳ) = d(f (x̄), f (ȳ)) ≤ κd(x̄, ȳ),
il che implica x̄ = ȳ. 

Esempio 9.78 Data f ∈ C([0, 1]) vogliamo trovare u ∈ C([0, 1]) tale che:
Z t
1
u(t) = sin(u(s))ds + f (t), t ∈ [0, 1]. (9.7)
2 0
Ricordiamo che X := C([0, 1]) è uno spazio metrico completo con la distanza:

d(u, v) = sup |u(t) − v(t)|.


t∈[0,1]

Definiamo un’applicazione γ : X → X ponendo:


Z t
1
(γ(u))(t) = sin(u(s))ds + f (t), t ∈ [0, 1],
2 0
Osservando che:

| sin(u(s)) − sin(v(s))| ≤ |u(s) − v(s)|, s ∈ [0, 1],


Spazi metrici 137

si ha:
1
d(γ(u), γ(v)) ≤ d(u, v), ∀ u ∈ X,
2
quindi γ è una contrazione e l’equazione (9.7) ha un’unica soluzione per il
Teorema 9.77.
138 Capitolo 9
Capitolo 10

Calcolo differenziale in Rn

Vogliamo qui definire il concetto di derivata di un’applicazione di Rn in Rm


con n, m ∈ N e studiarne le proprietà fondamentali. Per questo occorre
utilizzare alcuni concetti algebrici introdotti nella sezione seguente.

10.1 Applicazioni lineari in Rn


10.1.1 Notazioni
Sia Rn , n ∈ N, lo spazio vettoriale delle n-ple ordinate di numeri reali x =
(x1 , ..., xn ). Indichiamo con (e1 , ..., en ) la base canonica di Rn definita da:

ei = (ei1 , ..., ein ), i = 1, ..., n,

dove 
1 se i = j,
eij = δi,j :=
0 se i 6= j.
Se x = (x1 , ..., xn ) ∈ Rn si ha:
n
X
x= xk e k .
k=1

Per ogni x ∈ Rn il modulo di x è definito da:


" n #1/2
X
2
|x| = xk
k=1

139
140 Calcolo differenziale in Rn

mentre il prodotto scalare di due elementi x e y di Rn è definito da:


n
X
hx, yi = xk yk .
k=1

Ricordiamo che vale la disuguaglianza di Cauchy–Schwartz (cfr. Esempio


9.2):
|hx, yi| ≤ |x| |y|, ∀ x, y ∈ Rn .
Per ogni x ∈ Rn si ha evidentemente hx, ei i = xi per ogni i = 1, ..., n, quindi
risulta: n
X
x= hx, ei iei .
i=1
n
Come visto nell’Esempio 9.2, R è uno spazio metrico completo e separabile
con la distanza
d(x, y) = |x − y|, ∀ x, y ∈ Rn .

10.1.2 Funzionali lineari in Rn


Un funzionale lineare in Rn è un’applicazione F : Rn → R tale che:

F (αx + βy) = αF (x) + βF (y), ∀ α, β ∈ R, x, y ∈ Rn .

Definiamo la somma di due funzionali lineari F e G ponendo:

(F + G)(x) = F (x) + G(x), ∀ x ∈ Rn ,

e il prodotto del funzionale lineare F per un numero reale α ponendo:

(αF )(x) = αF (x), ∀ x ∈ Rn .

Con queste operazioni l’insieme dei funzionali lineari di Rn è uno spazio


vettoriale che indichiamo con L(Rn , R1 ).

Esempio 10.1 Sia f ∈ Rn . Posto:

F (x) = hx, f i, ∀ x ∈ Rn , (10.1)

è chiaro che F è funzionale lineare. La proposizione seguente mostra che


tutti i funzionali lineari sono della forma (10.1).
Capitolo 10 141

Proposizione 10.2 Se F ∈ L(Rn , R1 ) esiste un unico f ∈ Rn tale che vale


(10.1).

Dimostrazione. Esistenza. Sia F ∈ L(Rn , R1 ) e sia x = ni=1 xi ei . Si ha


P
allora: n
X
F (x) = xi F (ei ).
i=1
1 n
Quindi, posto f = (F (e ), ..., F (e )), vale (10.1).
Unicità. Supponiamo che f, f1 ∈ Rn siano tali che:

hx, f i = hx, f1 i, ∀ x ∈ Rn .

Si ha allora:
hx, f − f1 i = 0, ∀ x ∈ Rn
da cui, posto x = f − f1 , si ottiene |f − f1 |2 = 0 che implica f = f1 . 

10.1.3 Applicazioni lineari di Rn in Rm


Sia n, m ∈ N. Si dice che un’applicazione T : Rn → Rm è lineare se risulta:

T (αx + βy) = αT (x) + βT (y), ∀ α, β ∈ R, x, y ∈ Rn .

Definiamo la somma di due applicazioni lineari T e F di Rn in Rm ponendo:

(T + S)(x) = T (x) + S(x), ∀ x ∈ Rn ,

e il prodotto dell’applicazione lineare T per un numero reale α ponendo:

(αT )(x) = αT (x), ∀ x ∈ Rn .

Con queste operazioni l’insieme delle applicazioni lineari di Rn in Rm è uno


spazio vettoriale che indichiamo con L(Rn , Rm ).
È ovvio che se m = 1 allora L(Rn , R1 ) coincide con lo spazio dei funzionali
lineari introdotto precedentemente.

Vi è una corrispondenza biunivoca fra gli elementi di L(Rn , Rm ) e le


matrici di m righe e n colonne ottenuta al modo seguente.
Sia T ∈ L(Rn , Rm ) e sia (1 , ..., m ) la base canonica in Rm . Poniamo
allora:
Ti,j = hT (ej ), i i, i = 1, ..., m, j = 1, ..., n.
142 Calcolo differenziale in Rn

Diremo che (Ti,j )i=1,...,m, j=1,...,n è la matrice corrispondente a T .


Viceversa alla matrice di m righe e n colonne (Ti,j )i=1,...,m, j=1,...,n facciamo
corrispondere l’applicazione lineare di Rn in Rm definita da:
n
X
(T (x))i = Ti,j xj , i = 1, ..., n.
j=1

Esercizio 10.3 Verificare che:


m
X
T ej = Ti,j i , ∀ j = 1, ..., n (10.2)
i=1

e m X
n
X
hT x, yi = Ti,j xj yi ∀ x ∈ Rn , y ∈ Rm . (10.3)
i=1 j=1

10.1.4 Norma di un’applicazione lineare


Per ogni T ∈ L(Rn , Rm ) definiamo la norma di T ponendo:

kT k = sup{|T (x)| : x ∈ Rn , |x| ≤ 1}.

Proposizione 10.4 Valgono le affermazioni seguenti:

(i) kT k < +∞.

(ii) |T (x)| ≤ kT k |x|, ∀ x ∈ Rn .

(iii) T : Rn → Rm è Lipschitziana.
Pn
Dimostrazione. (i). Sia |x| ≤ 1, x = i=1 xi ei . Si ha allora |xi | ≤ 1 per
ogni i = 1, ..., n e quindi:
n
X n
X
i
|T (x)| ≤ |xi | |T (e )| ≤ |T (ei )| < +∞,
i=1 i=1

e (i) è provato.
(ii). Da (i) segue che:

|T (z)| ≤ kT k, ∀ |z| ≤ 1.
Capitolo 10 143

x
Sia x 6= 0. Posto z = |x|
si ha allora |z| ≤ 1 e quindi, per la linearità di T :
 
x |T (x)|
|T (z)| = T = ≤ 1,
|x| |x|

da cui la tesi.
(iii) Basta osservare che per ogni x, y ∈ Rn :

|T (x) − T (y)| = |T (x − y)| ≤ kT k |x − y|

Osservazione 10.5 Se T ∈ L(Rn ; Rm ) risulta:


 
|T (x)| n
kT k = sup : x ∈ R , x 6= 0 .
|x|

Esercizio 10.6 Dimostrare che lo spazio L(Rn ; Rm ), munito della metrica:

d(T, S) = kT − Sk, (10.4)

è uno spazio metrico completo.

Nel seguito intenderemo sempre che L(Rn ; Rm ) sia munito della metrica
(10.4).

Esercizio 10.7 Sia (T k ) una successione in L(Rn ; Rm ) e sia (Ti,j


k
)i=1,...,m, j=1,...,n
la corrispondente successione di matrici. Provare che T → T in L(Rn ; Rm )
k
k
se e solo se Ti,j → Ti,j per ogni (i, j).

10.2 Derivata di un’applicazione di Rn in Rm


Siano n, m ∈ N, A un aperto di Rn , f : A → Rm , x 7→ f (x) e x0 ∈ A.

Definizione 10.8 Si dice che f è derivabile in x0 se esiste T ∈ L(Rn , Rm )


tale che:

(i) Si ha:

f (x0 + h) − f (x0 ) = T (h) + r(h), ∀ h tale che x0 + h ∈ A. (10.5)


144 Calcolo differenziale in Rn

(ii) Si ha:
r(h)
lim = 0. (10.6)
h→0 |h|

Se ciò accade si dice che T è la derivata di f nel punto x0 e si scrive T =


Df (x0 ) oppure T = f 0 (x0 ). Se f è derivabile in ogni punto di A si dice che
f è derivabile in A.
Proposizione 10.9 Sia f derivabile in x0 . Allora la derivata T = f 0 (x0 ) è
unica. Inoltre f è continua in x0 .
Dimostrazione. Supponiamo che valga (10.5)-(10.6) e che esista S ∈ L(Rn , Rm )
tale che
f (x0 + h) − f (x0 ) = S(h) + ρ(h), ∀ h tale che x0 + h ∈ A
ρ(h)
con limh→0 |h|
= 0. Ne segue allora:

(T − S)(h) = ρ(h) − r(h)


cosicché
|(T − S)h|
lim = 0. (10.7)
h→0 |h|
Mostriamo ora che da (10.7) segue che kT − Sk = 0 e quindi T = S. Sia
ξ ∈ Rn tale che |ξ| = 1. Poniamo h = tξ. Si ha allora:
lim |(T − S)(ξ)| = 0,
t→0

cioè (T − S)(ξ) = 0. Quindi T = S per l’arbitrarietà di ξ.


La seconda affermazione segue immediatamente da (10.5) e (10.6). 

Esempio 10.10 Sia f (x) = A(x) per ogni x ∈ Rn dove A ∈ L(Rn , Rm ). Si


ha allora f 0 (x0 ) = A per ogni x0 ∈ Rn . In fatti in questo caso (10.5) vale con
T = A e r(h) = 0.
Esempio 10.11 Sia f : Rn → R: f (x) = |x|2 , x ∈ Rn . Si ha allora:
f (x0 + h) − f (x0 ) = |x0 + h|2 − |x0 |2 = 2hx0 , hi + |h|2
In questo caso f 0 (x0 ) è il funzionale lineare in Rn dato da:
f 0 (x0 )(h) = 2hx0 , hi, h ∈ Rn .
Capitolo 10 145

Esempio 10.12 Sia f : Rn → Rn :


f (x) = x|x|2 , x ∈ Rn .
Si ha allora:
f (x0 + h) − f (x0 ) = (x0 + h)|x0 + h|2 − x0 |x0 |2

= 2x0 hx0 , hi + h|x0 |2 + x0 |h|2 + 2hhx0 , hi + h|h|2 .


Quindi (10.5) vale con
T (h) = 2x0 hx0 , hi + h|x0 |2
e
r(h) = x0 |h|2 + 2hhx0 , hi + h|h|2 .
Dato che:
|r(h)| ≤ |x0 | |h|2 + 2|h|2 |x0 | + |h|3 ,
vale (10.6) cosicchè f è derivabile in x0 e f 0 (x0 ) è l’applicazione lineare di Rn
in Rn definita da:
f 0 (x0 )(h) = 2x0 hx0 , hi + h|x0 |2 , h ∈ Rn .

10.2.1 Matrice Jacobiana e derivate parziali


Sia A un aperto di Rn , x0 ∈ A e f : A → Rm , x 7→ f (x). Indichiamo con
(e1 , ..., en ) la base canonica in Rn e con (1 , ..., m ) la base canonica in Rm .
Poniamo f = (f1 , ..., fm ) dove :
fi (x) = hf (x), i i, i = 1, ..., m.
Siano i ∈ {1, ..., m} e j ∈ {1, ..., n}. Supposto f derivabile in x0 , vogliamo
identificare la matrice corrispondente a f 0 (x0 ).
Proposizione 10.13 Sia f derivabile in x0 ∈ A. Allora esiste il limite:
1 ∂fi
lim (fi (x0 + tej ) − fi (x0 )) =: (x0 ),
t→0 t ∂xj
e risulta:
∂fi
(f 0 (x0 ))i,j = hf 0 (x0 )ej , i i = (x0 ), i = 1, ..., m, j = 1, ..., n.
∂xj
146 Calcolo differenziale in Rn

Dimostrazione. Sia h ∈ Rn tale che x0 + h ∈ A. Si ha per ipotesi:

f (x0 + h) − f (x0 ) = f 0 (x0 )h + r(h), i = 1, .., m, (10.8)

con
r(h)
lim = 0.
h→0 |h|

Moltiplicando scalarmente ambo i membri di (10.8) per i si ottiene:

fi (x0 + h) − fi (x0 ) = hf 0 (x0 )h, i i + hr(h), i i i = 1, .., m.

Posto h = tej ne segue:

1 1
(fi (x0 + h) − fi (x0 )) = hf 0 (x0 )ej , i i + hr(tej ), i i,
t t
da cui la tesi per t → 0. 

Nelle ipotesi della Proposizione 10.13 si può identificare f 0 (x0 ) con la


matrice di m righe e n colonne:
 ∂f ∂f1 ∂f1

1
(x ),
0 ∂x2 (x 0 ), . . . , (x 0 )
 ∂x1 ∂xn

 
 ∂f2 ∂f2 ∂f2
 ∂x1 (x0 ), ∂x2 (x0 ), . . . , ∂xn (x0 ) 

 
 
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 
 
 
∂fm ∂fm ∂fm
∂x1
(x0 ), ∂x2 (x0 ), . . . , ∂xn (x0 )

detta la matrice Jacobiana di f in x0 .

Osservazione 10.14 La (10.8) può scriversi secondo le componenti al modo


seguente:
m
X ∂fi
fi (x0 + h) − fi (x0 ) = (x0 )hj + ri (h), i = 1, .., m. (10.9)
j=1
∂x j
Capitolo 10 147

Definizione 10.15 Siano i ∈ {1, ..., m} e j ∈ {1, ..., n}. Se esiste il limite:

1 ∂fi
lim (fi (x0 + tej ) − fi (x0 )) =: (x0 ),
t→0 t ∂xj
∂fi
si dice che fi è derivabile parzialmente rispetto a xj in x0 e il numero ∂xj
(x0 )
è detto la derivata parziale di fi rispetto a xj in x0 .

Dalla Proposizione 10.13 segue che se f = (f1 , ..., fm ) è derivabile in x0 ∈


A allora fi è derivabile parzialmente rispetto a xj in x0 per ogni i ∈ {1, ..., m}
e j ∈ {1, ..., n} e risulta:

∂fi
(x0 ) = (f 0 (x0 ))i,j = hf 0 (x0 )ej , i i.
∂xj

Osservazione 10.16 L’esistenza di tutte le derivate parziali di f non im-


plica la sua derivabilità come mostra l’esempio seguente. Sia f : R2 → R
definita da:
 x1 x2
 x2 + x2 , se (x1 , x2 ) 6= (0, 0),

1 2
f (x1 , x2 ) =


0, se (x1 , x2 ) = (0, 0).

Proviamo che esistono le derivate parziali di f in (0, 0). Si ha infatti

∂f 1
(0, 0) = lim (f (t, 0) − f (0, 0)) = 0
∂x1 t→0 t

e
∂f 1
(0, 0) = lim (f (0, t) − f (0, 0)) = 0.
∂x2 t→0 t

D’altra parte f non è continua in (0, 0) e quindi non è differenziabile in (0, 0).
Consideriamo infatti la successione (y (n) ) in R2 definita da:
 
(n) 1 2
y = , , n ∈ N.
n n

È chiaro che
lim y (n) = (0, 0),
n→∞
148 Calcolo differenziale in Rn

mentre si ha:
2
f (y (n) ) = ,
5
cosicché:
2
lim f (y (n) ) = 6= 0.
n→∞ 5

Teorema 10.17 Sia f : A ⊂ Rn → Rm con A aperto. Supponiamo che f


possieda tutte le derivate parziali in ogni punto di una palla B(x0 , r) ⊂ A e
che siano continue in x0 . Allora f è derivabile in x0 .

Dimostrazione. Poniamo f = (f1 , ..., fm ). È chiaro che basta dimostrare


che ogni fi , i = 1, .., m, è derivabile in x0 . Quindi possiamo supporre m = 1.
∂f ∂f
Dato che per ipotesi le derivate parziali ∂x 1
, ..., ∂xn
esistono in B(x0 , r) e
sono continue in x0 , per ogni  > 0 esiste δ ∈ (0, r) tale che se x ∈ B(x0 , δ )
risulta:
∂f ∂f

∂xi (x) − (x 0 ) < /n, i = 1, ..., n. (10.10)
∂xi

Scriviamo ora:

f (x0 + h) − f (x0 )

= f (x0 + h1 e1 ) − f (x0 )

+f (x0 + h1 e1 + h2 e2 ) − f (x0 + h1 e1 ) + · · · (10.11)

+f (x0 + h1 e1 + · · · + hn en ) − f (x0 + h1 e1 + · · · + hn−1 en−1 )

=: I1 + · · · + In .

Consideriamo la funzione reale:

F (t) := f (x0 + te1 ), t ∈ [0, 1].

Si ha allora:

I1 = f (x0 + h1 e1 ) − f (x0 ) = F (h1 ) − F (0).


Capitolo 10 149

Inoltre per definizione di derivata parziale e per ipotesi risulta:


∂f
F 0 (t) = (x0 + te1 ), t ∈ [0, h1 ].
∂x1
Per il teorema del valor medio esiste θ1 ∈ [0, 1] tale che
∂f
I1 = f (x0 + h1 e1 ) − f (x0 ) = h1 F 0 (θ1 h1 ) = h1 (x0 + h1 θ1 e1 ).
∂x1
Quindi si può scrivere:
∂f
I1 = h1 (x0 ) + r1 (h1 ),
∂x1
avendo posto:
 
∂f 1 ∂f
r1 (h1 ) = h1 (x0 + h1 θ1 e ) − (x0 ) .
∂x1 ∂x1
Da (10.10) segue che se |h1 | < δ si ha
|r1 (h1 )| ≤ h1 /n ≤ |h|/n.
Procedendo analogamente si trova che:
n
X ∂f
f (x0 + h) − f (x0 ) = (x0 )hi + r(h),
i=1
∂xi

dove: n
X
r(h) = ri (hi )
i=1

e |r(h)| ≤ |h|. Quindi f è derivabile in x0 e si ha:


n
X ∂f
f 0 (x0 )(h) = (x0 )hi .
i=1
∂x i


Esercizio 10.18 Sia f : Rn → R. Supponiamo esista i ∈ {1, ..., n} tale che
per ogni x ∈ Rn si abbia:
∂f
(x) = 0.
∂xi
Provare che f non dipende da xi .
150 Calcolo differenziale in Rn

Sia A un aperto di Rn , x0 ∈ A e f : A → Rm , x 7→ f (x). Sia inoltre


v ∈ Rn tale che |v| = 1. Se esiste il limite:
1 ∂f
lim (f (x0 + tv) − f (x0 )) =: (x0 ),
t→0 t ∂v
∂f
si dice che fi è derivabile nella direzione v in x0 e il numero ∂v
(x0 ) è detto
la derivata direzionale di f rispetto a v in x0 .
È chiaro che se v = ej si ha:
∂f ∂f
(x0 ) = (x0 ).
∂v ∂xj
Esercizio 10.19 Supponiamo che f sia derivabile in x0 e sia v ∈ Rn con
|v| = 1. Provare che esiste la derivata direzionale di f rispetto a v in x0 e
risulta: n
∂f X ∂f
(x0 ) = vj (x0 ). (10.12)
∂v j=1
∂x j

Esercizio 10.20 Supponiamo che f abbia tutte le derivate parziali limitate.


Provare che f è Lipschitziana.
Suggerimento. Usare (10.11).

Esempio 10.21 (Curve in Rn ) Sia ϕ : (a, b) → Rn , t → ϕ(t) dove


ϕ(t) = (ϕ1 (t), ..., ϕn (t)). L’immagine di ϕ è detta una curva in Rn . Se
ϕ è derivabile in t, ϕ0 (t) è detta la tangente alla traiettoria del moto.
Si può interpretare ϕ come la legge oraria del moto di un punto di Rn .
In tal caso se ϕ è derivabile in t, v(t) := ϕ0 (t) si interpreta come la velocità
del punto all’istante t. v(t) è quindi tangente alla traiettoria del moto.

Esempio 10.22 (Campi scalari) Sia A un aperto di Rn , f : A → R. Si


dice che f è un campo di scalari.
Sia f derivabile in x0 ∈ A. Allora la derivata f 0 (x0 ) ∈ L(Rn , R) è un
funzionale lineare su Rn della forma:
n
0
X ∂f
f (x0 )h = (x0 )hi .
i=1
∂xi

Identificando f 0 (x0 ) con il vettore


 
∂f ∂f ∂f
(x0 ), (x0 ), ..., (x0 ) =: ∇f (x0 ),
∂x1 ∂x2 ∂xn
Capitolo 10 151

scriveremo quindi:

f 0 (x0 )h = h∇f (x0 ), hi, h ∈ Rn .

∇f (x0 ) èdetto il gradiente di f in x0 .


Per vedere il significato geometrico del gradiente scriviamo:

f (x) = f (x0 ) + h∇f (x0 ), hi + r(x − x0 ),

dove
r(x − x0 )
lim = 0.
x→x0 |x − x0 |
Il luogo dei punti di Rn+1 :

S := {(x, y) ∈ Rn × R : y = f (x)}

è una superficie in Rn+1 e l’iperpiano di equazione:

y = f (x0 ) + h∇f (x0 ), hi

è l’iperpiano tangente a S nel punto x0 .

Esercizio 10.23 Sia A un aperto di Rn , f : A → R e g : A → Rn derivabili


in x0 ∈ A. Calcolare ∇(f g).

Esercizio 10.24 Sia f : R2 → R definita da:

x3

 2 1 2 , se (x1 , x2 ) 6= (0, 0),


x1 + x2
f (x1 , x2 ) =


0, se (x1 , x2 ) = (0, 0).

Provare che:

(i) Esistono limitate in R2 le derivate parziali:

∂f ∂f
, .
∂x1 ∂x2
Dedurne che f è continua.
152 Calcolo differenziale in Rn

(ii) Sia v ∈ R2 con |v| = 1. Mostrare che esiste la derivata direzionale


∂f
∂v
(0, 0) e che non vale la (10.12). Dedurne che f non è derivabile in
(0, 0).

Esempio 10.25 (Campi vettoriali) Sia A un aperto di Rn , f : A → Rn ,


x0 ∈ A tale che f sia derivabile in x0 . Allora la derivata f 0 (x0 ) si può
identificare con la matrice quadrata (Matrice Jacobiana):
 ∂f ∂f1 ∂f1

1
(x ),
0 ∂x2 (x 0 ), . . . , (x 0 )
 ∂x1 ∂xn

 
 ∂f2 ∂f ∂f
 ∂x1 (x0 ), ∂x22 (x0 ), . . . , ∂xn2 (x0 ) 

f 0 (x0 ) = 
 

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 
 
 
∂fn ∂fn ∂fn
∂x1
(x0 ), ∂x2 (x0 ), . . . , ∂xn (x0 )

Il determinante J(x0 )=det f 0 (x0 ) è detto lo Jacobiano di f nel punto x0 ; la


traccia di f 0 (x0 ) è detta la divergenza di f nel punto x0 e si indica con il
simbolo divf (x0 ). Si ha quindi:
n
X ∂fi
div f (x0 ) = (x0 ).
i=1
∂xi

La rotazione di f nel punto x0 è cosı̀ definita:

rot f (x0 ) = f 0 (x0 ) − [f 0 (x0 )]∗ ,

dove [f 0 (x0 )]∗ è la trasposta di f 0 (x0 ). Quindi rot f (x0 ) è una matrice anti-
simmetrica. In particolare per n = 3 si ha:
 
∂f1 ∂f2 ∂f1 ∂f3
0 ∂x2
(x 0 ) − ∂x1
(x 0 ) ∂x3
(x 0 ) − ∂x2
(x 0 )
 
 
 ∂f2 ∂f1 ∂f2 ∂f3
rot f (x0 ) =  ∂x1 0 (x ) − (x ) 0 (x ) − (x )

∂x2 0 ∂x3 0 ∂x2 0 
 
 
∂f3 ∂f1 ∂f3 ∂f2
∂x1
(x0 ) − ∂x3 (x0 ) ∂x2 (x0 ) − ∂x3 (x0 ) 0

In questo caso per rot f (x0 ) si intende anche il vettore:


 
∂f3 ∂f2 ∂f1 ∂f3 ∂f2 ∂f1
rot f (x0 ) = (x0 ) − (x0 ), (x0 ) − (x0 ), (x0 ) − (x0 ) .
∂x2 ∂x3 ∂x3 ∂x1 ∂x1 ∂x2
Capitolo 10 153

Esercizio 10.26 Siano f : Rn → R e b : Rn → Rn derivabili in un punto


x0 ∈ Rn . Provare che la funzione:

F : Rn → Rn , x 7→ f (x)b(x),

è derivabile in x0 e risulta:

F 0 (x0 )h = h∇f (x0 ), hib(x0 ) + f (x0 )b0 (x0 )f.

Provare inoltre che:

div F (x0 ) = f (x0 ) div b(x0 ) + hb(x0 ), ∇f (x0 )i.

10.3 Derivazione di funzioni composte


Teorema 10.27 Siano n, m, r ∈ N, A un aperto di Rn , x0 ∈ A e B un
aperto di Rm . Sia f : A → Rn tale che f (A) ⊂ B e g : B → Rr . Se f è
derivabile in x0 e g è derivabile in y0 = f (x0 ) si ha che g ◦ f è derivabile in
x0 e risulta:
(g ◦ f )0 (x0 ) = g 0 (f (x0 ))f 0 (x0 ). (10.13)

Dimostrazione. Poniamo:

r(h) = f (x0 + h) − f (x0 ) − f 0 (x0 )h, h + x0 ∈ A,

ρ(k) = g(y0 + k) − g(y0 ) − g 0 (y0 )k, k + y0 ∈ B,


cosicché per ipotesi:
r(h) ρ(k)
lim = 0, lim = 0.
h→0 |h| k→0 |k|

Si ha:
g(f (x0 + h)) − g(f (x0 )) = g(y0 + f 0 (x0 )h + r(h)) − g(y0 )

= g(y0 ) + g 0 (y0 )(f 0 (x0 )h + r(h)) + ρ(f 0 (x0 )h + r(h))

= g(y0 ) + g 0 (y0 )f 0 (x0 )h + α(h),


avendo posto
α(h) = r(h) + ρ(f 0 (x0 )h + r(h)).
154 Calcolo differenziale in Rn

Occorre provare che:


α(h)
=0 lim
|h|→0 |h|

e per questo basta provare che:


ρ(f 0 (x0 )h + r(h))
lim = 0. (10.14)
|h|→0 |h|
Dato  > 0 esiste δ > 0 tale che:
|k| < δ ⇒ |ρ(k)| < |k|.
Inoltre esiste σ > 0 tale che:
|h| < σ ⇒ |f 0 (x0 )h + r(h)| < δ .
Quindi se |h| < σ si ha:
ρ(f 0 (x0 )h + r(h)) |f 0 (x0 )h + r(h)|
 
0 |r(h)|
≤ ≤  |f (x0 )| + .
|h| |h| |h|
|r(h)|
Ciò implica (10.14) poichè |h|
→ 0 e  è arbitrario. 

Teorema 10.28 (valor medio) Sia A ⊂ Rn aperto convesso (1)


ef :A→
Rm derivabile in A con derivata f 0 : A → L(Rn ; Rm ) continua (2)
. Per ogni
x, y ∈ Rn si ha
Z 1
f (y) − f (x) = f 0 ((1 − t)x + ty)(y − x)dt. (10.15)
0

Dimostrazione. Poniamo:
F (t) := f ((1 − t)x + ty), t ∈ [0, 1].
F : [0, 1] → Rm è la composta delle due applicazioni:
φ := [0, 1] → Rn , t → (1 − t)x + ty
e dell’applicazione f : Rn → Rm . Dal Teorema 10.27 si ha quindi che F è
derivabile e risulta:
F 0 (t) = f 0 (φ(t))φ0 (t) = f 0 ((1 − t)x + ty)(y − x).
La tesi segue integrando questa uguaglianza in [0, 1] rispetto a t. 

(1)
cioè tale che x, y ∈ A, t ∈ [0, 1] ⇒ (1 − t)x + ty ∈ A.
(2)
Ricordiamo che lo spazio L(Rn ; Rm ) è munito della distanza (10.4).
Capitolo 10 155

Corollario 10.29 Sia A ⊂ Rn aperto convesso e f : A → Rm derivabile in


A con derivata f 0 : A → L(Rn ; Rm ) continua. Valgono allora le affermazioni
seguenti:

(i) Se f 0 è limitata e risulta kf 0 (x)k ≤ M allora f è Lipschitziana e si ha:

|f (x) − f (y)| ≤ M |x − y|, ∀ x, y ∈ A.

(ii) Se f 0 (x) = 0 per ogni x ∈ A allora f è costante.

Dimostrazione. (i) Da (10.12) si ha:


Z 1
|f (y) − f (x)| ≤ kf 0 ((1 − t)x + ty)k |y − x|dt ≤ M |x − y|, ∀ x, y ∈ A.
0

(ii) Segue ancora da (10.12) . 

10.4 Derivazione della funzione inversa


Proposizione 10.30 Siano A, B aperti di Rn , f : A → B bigettiva. Sup-
poniamo che f sia derivabile in un punto x0 di A, che f −1 sia continua in
y0 = f (x0 ) e che det f 0 (x0 ) 6= 0. Allora f −1 è derivabile in y0 e risulta:

(f −1 )0 (y0 ) = (f 0 (x0 ))−1 . (10.16)

Dimostrazione. Poniamo g = f −1 , T = f 0 (x0 ), S = T −1 . Dobbiamo


provare che:
|g(y0 + k) − g(y0 ) − Sk|
lim = 0. (10.17)
|k|→0 |k|
Per ogni k ∈ Rn diverso da 0 e tale che y0 + k ∈ B poniamo:

h = g(y0 + k) − g(y0 ),

di modo che:
k = f (x0 + h) − f (x0 ).
Per ipotesi sappiamo che:

k = f (x0 + h) − f (x0 ) = T h + r(h),


156 Calcolo differenziale in Rn

r(h)
con lim = 0. Si ha quindi
h→0 |h|

g(y0 +k)−g(y0 )−Sk = h−S(f (x0 +h)−f (x0 )) = h−S(T h+r(h)) = −Sr(h).
Ne segue che:
|g(y0 + k) − g(y0 ) − Sk| |Sr(h)| kSk |r(h)| |h|
= ≤ .
|k| |k| |h| |k|
Dato che g è continua in y0 si ha:
lim h = 0
|k|→0

da cui:
|r(h)|
lim = 0.
|k|→0 |h|
|h|
Per provare (10.17) basterà mostrare che |k|
è limitato per k vicino a 0. Si
ha infatti:
|h| |h| |h| |h| 1
= = ≤ = |T h| |r(h)|
.
|k| |f (x0 + h) − f (x0 )| |T h + r(h)| |T h| − |r(h)| −
|h| |h|

D’altra parte si ha:


|h| = |ST h| ≤ kSk |T h|
e quindi
|h| 1
≤ |r(h)|
,
|k| kSk − |h|
|h|
è limitato per |h| sufficientemente piccolo. Ciò implica che |k|
è limitato per
|k| sufficientemente piccolo per la continuità di g. 

10.5 Derivate seconde


Per semplicità ci limitiamo a considerare in questa sezione applicazioni f : A ⊂
Rn → R dove A è un aperto di Rn . Supponiamo che f sia derivabile in A e
che il suo gradiente ∇f sia derivabile in x0 ∈ A. Ricordiamo che ciò significa
che esiste un’applicazione lineare T ∈ L(Rn ; Rn ) tale che:
∇f (x0 + h) = ∇f (x0 ) + T h + r(h), x0 + h ∈ A,
Capitolo 10 157

con
r(h)
lim = 0.
|h|→0 |h|

Se ∇f è derivabile in x0 si dice che f è derivabile due volte in x0 e che T è


la derivata seconda di f in x0 . Si scrive T = f 00 (x0 ). Dato che:
 
∂f ∂f ∂f
∇f (x0 ) = (x0 ), (x0 ), ..., (x0 ) ,
∂x1 ∂x2 ∂xn

si ha:
∂2f ∂2f
 
∂x21
(x0 ) ······ ∂xn ∂x1
(x0 )
 
 
00
f (x0 ) =  · · · · · · · · · · · · · · · · · · ········· 
 
 
 
∂2f 2
∂ f
∂x1 ∂xn
(x0 ) · · · · · · ∂x2
(x0 ),
n

avendo posto:

∂ ∂f ∂ 2f
(x0 ) = (x0 ), i, j = 1, ..., n.
∂xi ∂xj ∂xi ∂xj

Questa matrice è detta l’Hessiano di f in x0 .

Teorema 10.31 Sia f : A ⊂ Rn → Rn derivabile in A. Supponiamo inoltre


che f sia derivabile due volte in x0 e che f 00 sia continua in x0 . Allora f 00 (x0 )
è simmetrica, cioè risulta:

∂ 2f ∂ 2f
(x0 ) = (x0 ), ∀ i, j = 1, ..., n.
∂xi ∂xj ∂xj ∂xi

Dimostrazione. Fissiamo i 6= j. Dati s, t ∈ R (sufficientemente piccoli)


poniamo:

∆i,j (s, t) = f (x0 + sei + tej ) − f (x0 + sei ) − f (x0 + tej ) + f (x0 ). (10.18)

Usando il teorema del valor medio (Teorema 10.28) e tenendo conto del fatto
che:
∂f
h∇f (x), ej i = (x), j = 1, ...n,
∂xj
158 Calcolo differenziale in Rn

si ha:
Z 1 Z 1
i j j
∆i,j (s, t) = h∇f (x0 + se + ξte ), te idξ − h∇f (x0 + ξtej ), tej idξ
0 0

Z 1 Z 1
∂f ∂f
= t (x0 + sei + ξtej )dξ − t (x0 + ξtej )dξ
0 ∂xj 0 ∂xj
Usando ancora il teorema del valor medio si trova:
Z 1Z 1
∆i,j (s, t) ∂ 2f
= (x0 + ξtej + ηsei )dηdξ.
ts 0 0 ∂x i ∂x j

∂2f
Dato che è continua in x0 , per ogni  > 0 esiste δ > 0 tale che:
∂xi ∂xj
2 2

∂ f ∂ f
x, x0 ∈ A, |x − x0 | < δ ⇒ (x) − (x0 ) < 
∂xi ∂xj ∂xi ∂xj
Quindi se |t| + |s| < δ si ha:
∂ 2f

∆i,j (s, t)
− (x 0 ) < . (10.19)
ts ∂xi ∂xj

Scambiando in (10.19) i con j e s con t e osservando che:


∆i,j (s, t) ∆j,i (t, s)
= ,
ts st
si ottiene:
2

∆j,i (s, t) ∂ f

ts − (x 0 ) < , (10.20)
∂xj ∂xi
da cui, paragonando (10.19) con (10.20), segue la tesi per l’arbitrarietà di .


Esercizio 10.32 Sia f : R2 → R definita da:


 3 3
 x1 x2 − x1 x2 , se (x1 , x2 ) 6= (0, 0),

x21 + x22

f (x1 , x2 ) =


0, se (x1 , x2 ) = (0, 0).

Provare che:
Capitolo 10 159

(i) Esistono in R2 continue le derivate parziali:

∂f ∂f
, .
∂x1 ∂x2

(ii) Risulta:
∂ 2f ∂ 2f
(0) = 1, (0) = 0.
∂x1 ∂x2 ∂x2 ∂x1

10.6 Massimi e minimi di una funzione f :


A ⊂ Rn → R
10.6.1 Studio di massimi e minimi con l’ausilio del gra-
diente di f
Sia A un aperto di Rn , f : A ⊂ Rn → R derivabile in tutti i punti di A e sia
f continua nella chiusura K di A.

Definizione 10.33 (i) Si dice che x0 ∈ A è un punto critico di f se


risulta ∇f (x0 ) = 0.

(ii) Si dice che f ha un massimo (risp. minimo) locale in x0 ∈ A se esiste


r > 0 tale che B(x0 , r) ⊂ A e

f (x0 + h) ≤ f (x0 ), ∀ h ∈ B(x0 , r),

(risp. f (x0 + h) ≤ f (x0 ), ∀ h ∈ B(x0 , r)).

Se esiste r > 0 tale che B(x0 , r) ⊂ A e risulta f (x0 + h) < f (x0 ), ∀ h ∈


B(x0 , r) (risp. f (x0 + h) > f (x0 ), ∀ h ∈ B(x0 , r)) si dice che x0 è un
punto di massimo (risp. minimo) locale stretto.

(iii) Si dice che f ha un massimo (risp. minimo) assoluto in x0 ∈ K se

f (y) ≤ f (x0 ), ∀ y ∈ K, (risp. f (y) ≤ f (x0 ), ∀ y ∈ K.)

Proposizione 10.34 Sia A un aperto di Rn , f : A → R derivabile in x0 ∈ A


e tale che possiede un massimo (risp. minimo) locale in x0 . Allora x0 è un
punto critico di f .
160 Calcolo differenziale in Rn

Dimostrazione. Supponiamo che x0 sia un punto di massimo locale. Dato


che f è derivabile in x0 si ha:

f (x0 + h) − f (x0 ) = h∇f (x0 ), hi + r(h), x0 + h ∈ A,

dove:
r(h)
lim = 0.
|h|→0 |h|

Ne segue:
h∇f (x0 ), hi + r(h) ≤ 0, ∀ h ∈ B(x0 , r).
Sia ora z ∈ Rn e h = tz, t > 0. Si ha allora:

th∇f (x0 ), zi + r(tz) ≤ 0, ∀ h ∈ B(x0 , r),

da cui:
1
h∇f (x0 ), zi + r(tz) ≤ 0, ∀ t > 0.
t
Per t → 0 si ottiene:

h∇f (x0 ), zi ≤ 0, ∀ z ∈ Rn .

Posto z = ∇f (x0 ) ciò implica ∇f (x0 ) = 0. 

Esercizio 10.35 Provare, dando un controesempio, che un punto critico di


f non è necessariamente di massimo o di minimo locale.

Osservazione 10.36 Sia K sottoinsieme chiuso e limitato con interno A


non vuoto di Rn e sia f : K ∈ R continua e derivabile in A. Dal Teorema di
Weierstrass sappiamo che gli insiemi:

M = {x ∈ K : f (x) è massimo globale di f },

m = {x ∈ K : f (x) è minimo globale di f },


sono non vuoti.
Dalla Proposizione 10.34 segue che:

M ∪ m ⊂ {x ∈ A : ∇f (x) = 0} ∪ ∂K,

dove ∂K = K \ A è la frontiera di K.
Capitolo 10 161

Esempio 10.37 Sia f : K ⊂ R2 → R definita da:

f (x1 , x2 ) = x21 − x22 , x = (x1 , x2 ) ∈ K = {(x1 , x2 ) ∈ R2 : x21 + x22 ≤ 1}.

L’interno A di K è dato da:

A = {(x1 , x2 ) ∈ R2 : x21 + x22 < 1}

la frontiera ∂K di K da:

∂K = {(x1 , x2 ) ∈ R2 : x21 + x22 = 1}.

È chiaro che f è continua in K e derivabile in A con

f 0 (x) = ∇f (x) = (2x1 , −2x2 ), ∀x = (x1 , x2 ) ∈ A.

Quindi ∇f si annulla soltanto in 0 = (0, 0) e risulta f (0) = 0. Come si vede


facilmente 0 non è né un punto di massimo locale né un punto di minimo
locale. Quindi i punti di massimo e minimo globali sono sulla frontiera di K.
Per trovarli consideriamo la funzione:

F (θ) = f (cos θ, sin θ) = cos2 θ − sin2 θ, θ ∈ [0, 2π].

Dato che il massimo di F è 1 e il minimo è −1 si conclude che 1 è il massimo


assoluto di f in K e −1 il minimo assoluto.

10.6.2 Studio di massimi e minimi con l’ausilio della


derivata seconda di f
Sia A un aperto di Rn e f : A → R derivabile in A. Sappiamo allora che se
x0 ∈ A risulta

f (x0 + h) = f (x0 ) + h∇f (x0 ), hi + r(h), x0 + h ∈ A,

dove:
r(h)
lim = 0.
|h|→0 |h|

Vediamo ora una generalizzazione di questo risultato quando f è derivabile


due volte.
162 Calcolo differenziale in Rn

Proposizione 10.38 Sia A un aperto di Rn e f : A → R derivabile in A.


Supponiamo inoltre che f sia derivabile due volte in una palla B(x0 , δ) ⊂ A
e che f 00 sia continua in x0 . Allora risulta:
1
f (x0 +h) = f (x0 )+h∇f (x0 ), hi+ hf 00 (x0 )h, hi+σ(h), x0 +h ∈ A, (10.21)
2
dove:
σ(h)
lim = 0.
h→0 |h|2

Dimostrazione. Sia h tale che x0 + th ∈ B(x0 , δ) per ogni t ∈ [0, 1].


Poniamo:
F (t) = f (x0 + th), t ∈ [0, 1].
Usando la regola di derivazione delle funzioni composte si trova:

F 0 (t) = h∇f (x0 + th), hi,

F 00 (t) = hf 00 (x0 + th)h, hi.


Applicando la formula di Taylor a F (t) segue che esiste ξ ∈ [0, 1] tale che:
1 00
F (1) = F (0) + F 0 (0) + F (ξ),
2
da cui:
1 00
f (x0 + h) = f (x0 ) + h∇f (x0 ), hi + hf (x0 + ξh)h, hi, x0 + h ∈ A. (10.22)
2
Posto allora:
σ(h) = hf 00 (x0 + ξh)h, hi − hf 00 (x0 )h, hi,
si ha:
|σ(h)| ≤ kf 00 (x0 + ξh) − f 00 (x0 )k |h|2 .
La tesi segue ora dalla continuità di f 00 in x0 . 

10.6.3 Un richiamo di algebra lineare


Definizione 10.39 (i) Si dice che T è definita positiva (risp. negativa)
se risulta:

hT x, xi > 0 (risp hT x, xi < 0), ∀ x ∈ Rn , x 6= 0,


Capitolo 10 163

(ii) Si dice che T è semidefinita positiva (risp. negativa) se risulta:

hT x, xi ≥ 0 (risp hT x, xi ≤ 0), ∀ x ∈ Rn .

Proposizione 10.40 Sia T ∈ L(Rn , Rn ) simmetrica.

(i) T è definita positiva (risp. negativa) se e solo se tutti i suoi autovalori


sono positivi (risp. negativi).

(ii) T è semidefinita positiva (risp. negativa) se e solo se se tutti i suoi


autovalori sono maggiori o uguali a 0. (risp. minori o uguali a 0).

10.6.4 Condizioni per l’esistenza di massimi e minimi


locali
Teorema 10.41 Sia A un aperto di Rn e f : A → R derivabile in A. Sup-
poniamo inoltre che f sia due volte derivabile in una palla B(x0 , δ) ⊂ A e
che f 00 sia continua in x0 .

(i) Se f ha un massimo (risp. minimo) locale in x0 si ha ∇f (x0 ) = 0 e


f 00 (x0 )è semidefinita negativa (risp. positiva).

(ii) Se risulta ∇f (x0 ) = 0 e se f 00 (x0 )è definita negativa (risp. positiva)


allora f ha un massimo (risp. minimo) locale stretto in x0 .

Dimostrazione. (i) Supponiamo che f abbia un massimo locale in x0 .


Allora dalla Proposizione 10.34 segue che ∇f (x0 ) = 0, quindi da (10.21) si
ha:
1
f (x0 + h) − f (x0 ) = hf 00 (x0 )h, hi + σ(h), |h| < δ, (10.23)
2
dove:
σ(h)
lim = 0. (10.24)
h→0 |h|2

Si ha allora:
1 00
hf (x0 )h, hi + σ(h) ≤ 0, ∀ |h| < δ.
2
Sia ora z ∈ Rn tale che |z| = 1 e sia t ∈ (0, δ). Posto h = tz si ha:

1 00 σ(tz)
hf (x0 )z, zi + 2 ≤ 0.
2 t
164 Calcolo differenziale in Rn

Per t → 0 segue la tesi.

(ii) Supponiamo che ∇f (x0 ) = 0 e che f 00 (x0 ) sia definita negativa. Per
provare che x0 è un punto di massimo locale stretto basta provare che esiste
δ1 ∈ (0, δ) tale che per ogni z ∈ Rn con |z| = 1 e ogni t ∈ (0, δ1 ) risulta:

f (x0 + tz) − f (x0 ) < 0.

Fissato z ∈ Rn con |z| = 1 poniamo:

κ = −hf 00 (x0 )z, zi.

Dato che f 00 (x0 ) è definita negativa si ha κ > 0.


D’altra parte dalla (10.21) si ha:

1 00
f (x0 + h) − f (x0 ) ≤ hf (x0 )h, hi + σ(h), |h| ≤ δ,
2
|σ(h)|
con lim|h|→0 |h|
= 0. Quindi esiste δ1 ∈ (0, δ) tale che:

1
|h| < δ ⇒ |σ(h)| < κ|h|2 .
4
Se t < δ1 ne segue:
1 2 00
f (x0 + tz) − f (x0 ) = t hf (x0 )z, zi + σ(tz)
2
1 1 1
≤ − t2 κ |z|2 + t2 κ|z|2 = − κt2 |z|2 < 0.
2 4 4
Quindi x0 è un punto di massimo locale stretto. 

Esempio 10.42 Sia f : R2 → R definita da:

f (x1 , x2 ) = 2x31 − 3x21 + 2x32 + 3x22 , (x1 , x2 ) ∈ R2 .

Cerchiamo i massimi e minimi locali. Si ha:


∂f ∂f
= 6x21 − 6x1 , = 6x21 + 6x2 .
∂x1 ∂x2
Capitolo 10 165

Quindi ∇f si annulla nei punti:

(0, 0), (0, −1), (1, 0), (1, −1).

Calcoliamo l’Hessiano di f . Si ha:

∂ 2f ∂ 2f ∂ 2f ∂ 2f
= 12x1 − 6, = 12x2 + 6, = = 0.
∂x21 ∂x22 ∂x1 ∂x2 ∂x2 ∂x1

Quindi:  
00 12x1 − 6 0
f (x) = .
0 12x2 + 6
Calcolando l’Hessiano nei 4 punti suddetti si vede che (0, −1) è un punto di
massimo locale) mentre (1, 0) è un punto di minimo locale.
166 Calcolo differenziale in Rn
Capitolo 11

Equazioni differenziali

11.1 Introduzione
Sia f : [0, T ] × R → R, (t, x) 7→ f (t, x). Cerchiamo una funzione u ∈
C 1 ([0, T ]) (1) tale che:

u0 (t) = f (t, u(t)), t ∈ [0, T ]. (11.1)

La (11.1) è detta un’equazione differenziale; l’incognita di (11.1) è una fun-


zione reale in [0, T ].
Prima di sviluppare la teoria generale vediamo alcuni esempi.

Esempio 11.1 Consideriamo l’equazione:

u0 (t) = f (t), t ∈ [0, T ], (11.2)

dove f è una funzione assegnata in C([0, T ]). È chiaro che la (11.2) ha infinite
soluzioni date dalla formula:
Z t
u(t) = c + f (s)ds, t ∈ [0, T ].
0

Per determinarne una si deve imporre una condizione ulteriore su u come


ad esempio u(0) = u0 (condizione iniziale). In questo caso si considera il
(1)
C 1 ([0, T ]) è il sottoinsieme dello spazio metrico C([0, T ]) di tutte le funzioni reali
derivabili in [0, T ] ivi continue con la loro derivata.

167
168 Capitolo 11

problema di Cauchy:
 0
 u (t) = f (t), t ∈ [0, T ],

u(0) = u0 ,

la cui unica soluzione è data da:


Z t
u(t) = u0 + g(s)ds, t ∈ [0, T ].
0

Nel seguito considereremo equazioni differenziali del tipo (11.1) con una con-
dizione iniziale u0 assegnata, cioè il problema di Cauchy
 0
 u (t) = f (t, u(t)), t ∈ [0, T ],
(11.3)
u(0) = u0 .

11.1.1 Equazioni a variabili separabili


Consideriamo il problema di Cauchy:
 0
 u (t) = f (t)g(u(t)), t ≥ 0,
(11.4)
u(0) = u0 ,

dove u0 ∈ R e f, g soddisfano le condizioni seguenti:

• f : [0, +∞) → R è continua.

• g : R → R è continua e positiva su un intervallo aperto I ⊂ R conte-


nente u0 .

Poniamo: Z u
ds
F (u) = , ∀ u ∈ I.
u0 g(s)
È chiaro che F è positiva e strettamente crescente; sia J = F (I). Osserviamo
che la prima equazione in (11.4) è equivalente a:

d
F (u(t) = f (t), t ≥ 0.
dt
Equazioni differenziali 169

Da cui, integrando fra 0 e t e tenendo conto che F (u0 ) = 0, si ottiene:


Z t
F (u(t)) = f (s)ds, t ≥ 0.
0
Rt
Per ricavare u(t) occorre che 0 f (s)ds ∈ J. Ciò non è detto in generale
come vedremo in vari esempi. Tuttavia, dato che F (u0 ) = 0 si ha che 0 ∈ J
e quindi esiste δ > 0 tale che
Z t
f (s)ds ∈ J, ∀ t ∈ [0, δ].
0

Posto allora: Z t 
−1
u(t) = F f (s)ds , t ∈ [0, δ],
0

si ha che u è soluzione di (11.4) in [0, δ].

Esempio 11.2 Consideriamo il problema di Cauchy:


 0
 u (t) = u2 (t), t ≥ 0,
(11.5)
u(0) = u0 .

Se u0 = 0 una soluzione di (11.5) è data da u(t) = 0 per ogni t ≥ 0.


Supponiamo ora u0 > 0. Questo problema è della forma (11.4) con

f (t) = 1, g(u) = u2

e I = (0, +∞). Inoltre:


Z u
ds 1 1
F (u) = 2
= − , u>0
u0 s u0 u
e  
1
J = F (I) = −∞, .
u0
Quindi per ricavare u(t) dall’equazione
Z t
F (u(t)) = f (s)ds, t ≥ 0,
0
170 Capitolo 11

occorre che: Z t
1
f (s)ds = t < .
0 u0
Si ottiene quindi la soluzione:
u0 h 1
u(t) = , t ∈ 0, . (11.6)
1 − tu0 u0
1
Si dice che la soluzione è locale e che scoppia per t = u0
.

Esempio 11.3 Consideriamo il problema di Cauchy:


 0
 u (t) = −u2 (t), t ≥ 0,
(11.7)
u(0) = u0 = 0

con u0 > 0. Questo problema è della forma (11.4) con

f (t) = −1, g(u) = u2

e si ha, come nell’esempio precedente, I = (0, +∞),


Z u
ds 1 1
F (u) = 2
= −
u0 s u0 u
e  
1
J= −∞, .
u0
Essendo Z t
f (s)ds = −t ∈ J
0
per ogni t > 0 si ha che la (11.7) ha soluzione:
u0
u(t) = , t≥0 (11.8)
1 + tu0
Si dice che la soluzione è globale.

Esempio 11.4 Consideriamo il problema di Cauchy:


 p
 u0 (t) = u(t), t ≥ 0,
(11.9)
u(0) = u0 .

Equazioni differenziali 171

Se u0 = 0 si ha che u(t) = 0 è soluzione di (11.9). Sia allora u0 > 0. Questo


problema è della forma (11.4) con

f (t) = 1, g(u) = u

e si ha I = (0, +∞),
u √ √
Z
ds
F (u) = √ = 2( u − u0 )
u0 s

e J = (−2 u0 , +∞). Quindi si trova:
1 √
u(t) = (t + 2 u0 )2 , t ≥ 0. (11.10)
4
Da notare che se pone u0 = 0 in (11.9) si ottiene:
1 2
u(t) = t
4
cheè un’altra soluzione di (11.9) come si vede per verifica diretta. In questo
caso non vi è unicità del problema di Cauchy.

Esercizio 11.5 Provare che tutte le soluzioni del problema di Cauchy:


 p
 u0 (t) = |u(t)|, t ≥ 0,
(11.11)
u(0) = 0,

sono date dalla soluzione identicamente nulla e dalla famiglia di soluzioni:



 0, se t ∈ [0, a],
ua (t) =
 1
4
(t − a)2 , se t ≥ a,

al variare di a in [0, +∞).

11.1.2 Equazioni differenziali di ordine superiore


Sia n ∈ N. Consideriamo l’equazione:

u(n) (t) = f (t, u(t), u0 (t), . . . , u(n−1) (t)), t ∈ [0, T ], (11.12)


172 Capitolo 11

dove f : [0, T ] × Rn → R è continua. L’incognita u è una funzione reale


in [0, T ] di classe C n . Si dice che la (11.12) è un’equazione differenziale di
ordine n.
Per ogni t ∈ [0, T ] poniamo:
v1 (t) = u(t),
v2 (t) = u0 (t),
...............
vn (t) = u(n−1) (t).
Allora la (11.12) è equivalente al sistema:
 0
 v10 (t) = v2 (t),

v2 (t) = v3 (t),

(11.13)

 ..................
 0
vn (t) = f (t, v1 (t), v2 (t), . . . , vn (t)).
Se per ogni t ∈ [0, T ] indichiamo con v(t) il vettore in Rn :
v(t) = (v1 (t), ..., vn (t)),
possiamo scrivere la (11.13) come un’equazione differenziale in Rn ,
v 0 (t) = F (t, v(t)), t ∈ [0, T ], (11.14)
dove F : [0, T ] × Rn → Rn è definita da:
F (t, x1 , ..., xn ) = (x2 , ..., xn , f (t, x1 , ..., xn )).
In questo caso il problema di Cauchy diventa:
 0
 v (t) = F (t, v(t)), t ∈ [0, T ],
(11.15)
v(0) = v0 ,

dove la condizione iniziale v0 è un vettore di Rn .

11.2 Problema di Cauchy in Rn


11.2.1 Introduzione
Sia T > 0 e sia
f : [0, T ] × Rn → Rn , (t, x) 7→ f (t, x),
Equazioni differenziali 173

continua.
Fissiamo s ∈ [0, T ) e x ∈ Rn e consideriamo il problema di Cauchy
 0
 u (t) = f (t, u(t)), t ∈ [s, T ],
(11.16)
u(s) = x.

Si dice che s è l’istante iniziale e che x è la condizione iniziale.

Definizione 11.6 Si dice che una funzione u ∈ C 1 ([s, T ]; Rn ) è soluzione


del problema (11.16) in [s, T ] se risulta:

u0 (t) = f (t, u(t), ∀ t ∈ [s, T ], u(s) = x. (11.17)

Osservazione 11.7 Si potrebbero anche studiare soluzioni di (11.16) in un


intervallo del tipo [s−k, 0] con k > 0 (soluzioni nel passato) ma ci limiteremo
a studiare soluzioni in intervalli del tipo [s, s + k] (soluzioni nel futuro).

Proviamo ora che il problema (11.16) è equivalente a un’equazione inte-


grale.

Proposizione 11.8 Valgono le seguenti affermazioni.

(i) Se u ∈ C 1 ([s, T ]; Rn ) verifica (11.17) risulta:


Z t
u(t) = x + f (r, u(r))dr, ∀ t ∈ [s, T ]. (11.18)
s

(ii) Se u ∈ C([s, T ]; Rn ) è soluzione di (11.18) allora verifica (11.17).

Dimostrazione. (i) Da (11.17) segue (11.18) integrando in [s, t] rispetto


a t. (ii) Sia u ∈ C([s, T ]; Rn ) soluzione di (11.18). Allora è chiaro che
u ∈ C 1 ([s, T ]; Rn ) e derivando (11.18) rispetto a t segue che u verifica (11.17).


11.3 Caso in cui f (t, x) è Lipschitziana in x


Cominciamo con lo studiare il caso in cui f non dipende da t, f (t, x) = f (x),
detto caso autonomo.
174 Capitolo 11

Supponiamo che f : Rn → Rn sia Lipschitziana, cioè che esista L > 0 tale


che:
|f (x) − f (y)| ≤ L|x − y|, ∀ x, y ∈ Rn . (11.19)
e consideriamo il problema di Cauchy:
 0
 u (t) = f (u(t)), t ≥ 0,
(11.20)
u(0) = x,

dove x è dato in Rn .
Abbiamo qui scelto 0 come istante iniziale per semplicità.

Teorema 11.9 Supponiamo che f : Rn → Rn verifichi (11.19). Allora per


ogni x ∈ Rn esiste un’unica soluzione di (11.20) in [0, +∞).

Dimostrazione. Come abbiamo visto, il problema (11.20) è equivalente


all’equazione integrale:
Z t
u(t) = x + f (u(s))ds, t ≥ 0. (11.21)
0

Per risolvere la (11.21) fissiamo un intervallo [0, T ] e scriviamola nella


forma di un punto fisso nello spazio metrico completo C([0, T ]; Rn ):

u = γ(u), (11.22)

dove γ : C([0, T ]; Rn ) → C([0, T ]; Rn ) è definita da:


Z t
γ(u)(t) = x + f (u(s))ds, ∀ t ∈ [0, T ]. (11.23)
0

Infine per trovare il punto fisso useremo il principio delle contrazioni.


Ricordiamo che lo spazio Z := C([0, T ]; Rn ) è definito come l’insieme delle
funzioni continue f : [0, T ] → Rn con la metrica:

d(f, g) = max |f (t) − g(t)|, f, g ∈ C([0, T ]; Rn ).


t∈[0,T ]

Proviamo ora che se T è scelto opportunamente γ è una contrazione


cosicché l’equazione (11.21) ha un’unica soluzione.
Equazioni differenziali 175

Se u, v ∈ Z si ha infatti:
Z t
γ(u)(t) − γ(v)(t) = [f (u(s)) − f (v(s))]ds, ∀ t ∈ [0, T ],
0

da cui, per la lipschitzianità di f ,


Z t
|γ(u)(t) − γ(v)(t)| ≤ L |u(s) − v(s)|ds ≤ Ltd(u, v), ∀ t ∈ [0, T ],
0

che implica:
d(γ(u), γ(v)) ≤ LT d(u, v).
1
Posto T = T1 := 2L
si ha che γ è una contrazione cosicché esiste un’unica
soluzione u del problema (11.16) in [0, T1 ].
Consideriamo ora il problema di Cauchy con istante iniziale T1 :
 0
 v (t) = f (v(t)), T ≥ T1 ,
(11.24)
v(T1 ) = u(T1 ).

Ragionando come sopra di vede che il problema (11.24) ha un’unica soluzione


in [T1 , 2T1 ]. Definiamo ora una funzione u : [0, 2T1 ] → Rn ponendo:

u(t), se t ∈ [0, T1 ],
u(t) =
v(t), se t ∈ [T1 , 2T1 ].
È chiaro che u è soluzione del problema (11.16) in [0, 2T1 ]. Procedendo
analogamente si costruisce una soluzione u del problema in [0, +∞).
Proviamo che tale soluzione è unica. Infatti se v è un’altra soluzione in
[0, +∞) deve essere u(t) = v(t) per ogni t ∈ [0, T1 ] per l’unicità del punto
fisso data dal principio delle contrazioni. Per lo stesso motivo deve essere
u(t) = v(t) per ogni t ∈ [T1 , T2 ] e cosı̀ via. 

Osservazione 11.10 Dal principio delle contrazioni segue anche che la soluzione
di (11.16) può essere costruita per approssimazioni successive.
Definiamo infatti per ricorrenza:
Z t
u0 (t) = x, un+1 (t) = x + f (un (s))ds, n ∈ N, t ≥ 0.
0

Detta u la soluzione di (11.16), si ha allora:


lim un (t) = u(t), uniformemente in [0, T ].
n→∞
176 Capitolo 11

11.3.1 La legge di semigruppo


D’ora in poi indicheremo con u(·, x) la soluzione di (11.16).
Proposizione 11.11 Sia x ∈ Rn , t, s ≥ 0. Si ha allora:

u(t + s, x) = u(t, u(s, x)). (11.25)

Dimostrazione. Poniamo:

v(t) = u(t, u(s, x)), z(t) = u(t + s, x), t ≥ 0.

Allora v e z sono soluzione dei problemi:


 0
 v = f (v),

v(0) = u(s, x)

e  0
 z = f (z),

z(0) = u(s, x)

rispettivamente. Quindi z(t) = v(t) per ogni t ≥ 0 per l’unicità. 

11.3.2 Caso non autonomo


Sia f : [0, T ] × Rn → Rn continua e tale che esiste L ≥ 0 tale che:

|f (t, x) − f (t, y)| ≤ L|x − y|, ∀ x, y ∈ Rn .

Consideriamo il problema di Cauchy:


 0
 u (t) = f (t, u(t)), t ∈ [s, T ]
(11.26)
u(s) = x

dove s ∈ [0, T ) e x ∈ Rn sono dati. La dimostrazione di questo risultato è


analoga a quella del Teorema 11.9 ed è lasciata la lettore.
Teorema 11.12 Esiste un’unica soluzione di (11.26) in [s, T ].
Indichiamo con u(·, s, x) la soluzione di (11.26). Procedendo come per la
Proposizione 11.11 si ha inoltre:
Equazioni differenziali 177

Proposizione 11.13 Sia x ∈ Rn , 0 ≤ r ≤ s ≤ t ≤ T . Si ha allora:

u(t, s, u(s, r, x)) = u(t, r, x). (11.27)

Esempio 11.14 Sia n = 1, a ∈ R, f (x) = ax. Consideriamo il problema di


Cauchy autonomo:  0
 u (t) = au(t)
(11.28)
u(0) = x ∈ R

e la sua forma integrale equivalente:


Z t
u(t) = x + a u(s)ds, t ≥ 0. (11.29)
0

Dato che f è ovviamente lipschitziana sappiamo che (11.28) ha un’unica


soluzione u.
Inoltre:
u = lim un in C([0, T ])
n→∞

dove un è definita per ricorrenza da u0 = x e


Z t
un+1 (t) = x + a un (s)ds, t ∈ [0, T ]
0

Si ha quindi:

u1 (t) = x + at,
Z t
1 22
u2 (t) = x + a (x + as)ds = x + atx + a t x,
0 2

···············

n
!
X ak tk
un (t) = x.
k=0
k!

Ne segue:
u(t) = eta x, ∀ t ≥ 0.
178 Capitolo 11

Esempio 11.15 Sia n = 1 a ∈ R, f (t, x) = ax + h(t) dove h : [0, T ] → R è


continua.
Consideriamo il problema di Cauchy non autonomo:
 0
 u (t) = au(t) + h(t), t ∈ [0, T ],
(11.30)
u(0) = x ∈ R

Dato che:
|f (t, x) − f (t, y)| ≤ a|x − y|, ∀ x, y ∈ R,
il problema (11.30) ha un’unica soluzione u : [0, T ] → R.
Vogliamo determinare esplicitamente u usando il metodo di variazione
delle costanti.
L’idea è di cercare una soluzione u di (1) della forma seguente:

u(t) = eta c(t), t ∈ [0, T ], (11.31)

dove c : [0, T ] → R è una funzione da determinare in modo che c(0) = x.


Procediamo in modo euristico imponendo che u, data da (11.31), verifichi
(11.30).
Si ha:
u0 (t) = aeta c(t) + eta c0 (t) = aeta c(t) + h(t)
cioè
eta c0 (t) = h(t), c0 (t) = e−ta h(t).
Ne segue: Z t
c(t) = x + e−sa h(s)ds.
0
In conclusione si ha:
Z t
ta
u(t) = e x + e(t−s)a h(s)ds.
0

11.4 f localmente Lipschitziana


In questa sezione supponiamo che f : Rn → Rn sia localmente Lipschtziana,
cioè che per ogni x0 ∈ Rn esistano rx0 > 0 e Lx0 ≥ 0 tali che:

|f (x) − f (y)| ≤ Lx0 |x − y|, ∀ x, y ∈ B(x0 , rx0 ). (11.32)


Equazioni differenziali 179

Esempio 11.16 Sia f : Rn → Rn continua con la sua derivata. Allora f è


Lipschitziana su ogni palla B(x0 , r), x0 ∈ Rn , r > 0 e quindi è localmente
Lipschitziana.
Infatti, per il teorema del valor medio si ha:

|f (x) − f (y)| ≤ max kf 0 (z)k |x − y|, ∀ x, y ∈ B(x0 , r).


z∈B(x0 ,r)

Consideriamo il problema di Cauchy:


 0
 u (t) = f (u(t)), t ≥ 0,
(11.33)
n
u(0) = x0 ∈ R ,

con f localmente Lipschitziana. Sano rx0 > 0 e Lx0 ≥ 0 tali che valga (11.32).
Vogliamo provare che esiste un’unica soluzione u di (11.33) in un oppor-
tuno intervallo [0, τ ). Per questo costruiremo una funzione Lipschitziana F
su Rn che coincide con f su B(x0 , rx0 ) e considereremo la soluzione v del
problema di Cauchy:
 0
 v (t) = F (v(t)), t ≥ 0,
(11.34)
v(0) = x0 ,

che è definita in [0, +∞) in virtù del Teorema 11.9. Mostreremo poi che
esiste T > 0 tale che v(t) resta in B(x0 , rx0 ) per ogni t ∈ [0, T ]; v sarà la
soluzione locale cercata.
Per questo occorre un lemma.

Lemma 11.17 Posto:



 x se |x| ≤ 1,

φ(x) = x (11.35)

 se |x| ≥ 1,
|x|

risulta:
|φ(x)| ≤ 1, ∀ x ∈ Rn (11.36)
e
|φ(x) − φ(y)| ≤ |x − y|, ∀ x, y ∈ Rn . (11.37)
180 Capitolo 11

Dimostrazione. Distinguiamo tre casi. (a) Se |x| ≤ 1 e |y| ≤ 1 la (11.37) è


ovvia.
(b) Se |x| ≥ 1 e |y| ≥ 1 si ha, tenuto conto del fatto che hx, yi ≤ |x| |y|:
2
= 2 − 2 hx, yi = 2 (|x| |y| − hx, yi)
x y

|x| |y| |x| |y| |x| |y|

≤ 2|x| |y| − 2hx, yi ≤ |x|2 + |y|2 − 2hx, yi = |x − y|2 .

(c) Sia |x| < 1 e |y| ≥ 1. Si deve provare che


2
x − y ≤ |x − y|2 ,

|y|
il che equivale a:
 
y y
x− − x + y, x − + x − y ≤ 0,
|y| |y|
cioè a:  
|y| − 1 |y| + 1
y, 2x − y ≤ 0,
|y| |y|
e quindi a:
2hx, yi ≤ |y|(1 + |y|).
Ciò segue dal fatto che
2hx, yi ≤ 2|x| |y| ≤ 2|y| ≤ |y|(1 + |y|).

Osservazione 11.18 La funzione φ ha un’importante significato geomet-
rico. Per ogni x ∈ Rn , φ(x) rappresenta, come è facile vedere, la proiezione
di x sulla palla B(0, 1).
È interessante notare che φ è di classe C ∞ in Rn \ S(0, 1) dove S(0, 1) è la
sfera di centro 0 e raggio 1. Tuttavia φ non è derivabile nei punti di S(0, 1)
dato che risulta (verificare!):


 z se |x| < 1,

Dφ(x) · z =
z hx, zix
− se |x| > 1.


|x| |x|3

Equazioni differenziali 181

Corollario 11.19 Sia f : Rn → Rn localmente Lipschitziana. Sia x0 ∈ Rn


e siano rx0 > 0 e Lx0 ≥ 0 tali che valga (11.32). Posto:
  
x − x0
Fx0 (x) = f x0 + rx0 φ , x ∈ Rn , (11.38)
r x0
Fx0 coincide con f su B(x0 , rx0 ) e si ha:
|Fx0 (x) − Fx0 (y)| ≤ Lx0 |x − y|, ∀ x, y ∈ Rn . (11.39)

Dimostrazione. Si verifica facilmente che, essendo |φ(x)| ≤ 1, si ha:


 
x − x0
x 0 + r x0 φ ∈ B(x0 , rx0 ), ∀ x ∈ Rn .
rx0
Dato che f è Lipschitziana su B(x0 , rx0 ) con costante di Lipschitz Lx0 si ha
per ogni x, y ∈ Rn :
|Fx0 (x) − Fx0 (y)|
     
x − x0 y − x0
≤ f x0 + rx0 φ
− f x0 + rx0 φ
rx 0 rx
0

≤ Lx0 |x − y|,
avendo usato (11.37). 

Teorema 11.20 (Esistenza locale) Sia f : Rn → Rn e sia x0 ∈ Rn . Esiste


θ > 0 e una soluzione u : [0, θ] → Rn del problema di Cauchy (11.33).

Dimostrazione. Siano rx0 > 0 e Lx0 ≥ 0 tali che valga (11.32) e sia Fx0
definita da (11.38). Dato che Fx0 è lipschitziana, dal Teorema 11.9 segue che
esiste un’unica soluzione v : [0, +∞) → Rn del problema:
 0
 v (t) = Fx0 (v(t)), t ≥ 0,
(11.40)
v(0) = x0 ,

Sia θ il primo tempo in cui v(t) raggiunge la frontiera di B(x0 , rx0 ),



 +∞ se v(t) ∈ B(x0 , rx0 ), ∀ t ≥ 0,
θ=
min{t > 0 : |v(t) − x0 | = rx0 }, altrimenti.

182 Capitolo 11

È chiaro che o θ = +∞ oppure θ è finito e maggiore di 0. Quindi, posto:

u(t) = v(t), ∀ t ∈ [0, θ],

u è soluzione di (11.33) in [0, θ]. 

Osservazione 11.21 Dal teorema di punto fisso, applicato nella dimostrazione


del Teorema 11.20, segue che la soluzione u trovata è l’unica soluzione di
(11.33) in [0, θ] tale che u(t) ∈ B(x0 , rx0 ) per ogni t ∈ [0, θ].
Consideriamo ora una soluzione z : [0, θ] → Rn di (11.33). Se la soluzione
non raggiunge mai la frontiera di B(x0 , rx0 ) allora coincide con u per l’unicità
del punto fisso. Si potrebbe però ipotizzare che z raggiunga la frontiera di
B(x0 , rx0 ) a un certo istante θ1 ∈ (0, θ) e poi esca. In tal caso si avrebbero
due soluzioni del problema (11.33). Nel prossimo teorema mostriamo che
questa eventualità è impossibile.

Teorema 11.22 (Unicità) Sia f : Rn → Rn localmente Lipschtziana. Sia


x0 ∈ Rn e T > 0. Se u : [0, T ] → Rn e z : [0, T ] → Rn sono soluzioni di
(11.33) in [0, T ] si ha u(t) = z(t) per ogni t ∈ [0, T ].

Dimostrazione. Sia:

T1 = max{t ≥ 0 : u(s) = z(s) ∀ s ∈ [0, t]}.

Si ha T1 > 0 in virtù del Teorema 11.20 (cfr. Osservazione 11.21).


Consideriamo ora il problema:
 0
 z (t) = f (z(t)), t ≥ T1 ,
(11.41)
z(T1 ) = u(T1 ) = v(T1 ).

Deve essere T1 = T , altrimenti, applicando di nuovo il Teorema 11.20 esis-


terebbe  > 0 tale che u = z su [0, T1 + ] il che contraddirebbe la definizione
di T1 . 

Definizione 11.23 Indichiamo con F la famiglia degli intervalli chiusi I


tali che:

(i) L’origine di I è 0.
Equazioni differenziali 183

(ii) Il problema (11.33) ha soluzione uI in I.


Poniamo: [
J= I
I∈F
e
u(t) = uI (t), ∀ t ∈ I.
Tale definizione ha senso in virtù del Teorema 11.22. Si dice che u è la
soluzione massimale di (11.33).
Inoltre se risulta:
J = [0, +∞),
si dice che la soluzione è globale.

Osservazione 11.24 L’intervallo J è aperto a destra, cioè non può essere


J = [0, τ ] per qualche τ > 0. Infatti una soluzione in [0, τ ] può essere
prolungata in un intervallo più grande in virtù del Teorema 11.22.

Un problema importante è di provare l’esistenza di una soluzione globale.


Teorema 11.25 Sia u : [0, τ ) → Rn la soluzione massimale di (11.33) (con
τ > 0 finito o infinito). Supponiamo che esista M > 0 tale che:
|u(t)| ≤ M, ∀ t ∈ [0, τ ). (11.42)
Allora τ = +∞.
La (11.42) è detta una maggiorazione a priori.
Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che la soluzione massimale u non
sia globale cioè che risulti τ < +∞. Sia N il massimo di f in B(0, M ). Se
0 < s < t < τ si ha:
Z t
|u(t) − u(s)| ≤ |f (u(r))|dr ≤ N |t − s|.
s

Ma ciò implica che esiste il limite:


lim u(t).
t→τ

Quindi, passando al limite per t → τ nell’eguaglianza:


Z t
u(t) = x + f (u(r))dr,
0
184 Capitolo 11

si ottiene: Z τ
u(τ ) = x + f (u(r))dr.
0

Ne segue che u è soluzione di (11.33) in [0, τ ], ma ciò è assurdo per l’Osservazione


11.24. 

Esempio 11.26 Sia n = 1. Consideriamo il problema di Cauchy:


 0
 u (t) = −(1 + sin u(t))u(t), t ≥ 0,

u(0) = x.

Dato che la funzione:

f (u) = −(1 + sin u)u, u ∈ Rn ,

è di classe C ∞ , è localmente lipschitziana (vedi Esempio 11.16) (2) . Quindi


esiste un’unica soluzione locale u(t) in un intervallo [0, τ ).
Per trovare una maggiorazione a priori moltiplichiamo per u(t) ambo i
membri dell’uguaglianza:

u0 (t) = −(1 + sin u(t))u(t), t ∈ [0, τ ).

Si ottiene:
1 2
u (t) = −(1 + sin u(t))u2 (t) ≤ 0, t ∈ [0, τ ).
2
Ne segue:
|u(t)| ≤ |x|, t ∈ [0, τ ).
Quindi τ = +∞ e la soluzione è globale.

Esercizio 11.27 Sia f : Rn → Rn localmente lipschitziana e tale che:

hf (x), xi ≤ 0, ∀ x ∈ Rd .

Provare che il problema di Cauchy (11.33) ha soluzione globale.


(2)
È chiaro che f non è Lipschitziana dato che, come si vede facilmente, la sua derivata
non è limitata.
Equazioni differenziali 185

11.4.1 Lemma di Gronwall


Un utile strumento per trovare maggiorazioni a priori è il lemma di Gronwall
seguente.

Lemma 11.28 Sia a > 0, b > 0 e φ : R → [0, +∞) e tale che:


Z t
φ(t) ≤ a + b φ(s)ds, ∀ t ≥ 0. (11.43)
0

Allora risulta:
φ(t) ≤ aetb , ∀ t ≥ 0. (11.44)

Dimostrazione. Poniamo:
Z t
ψ(t) = φ(s)ds, t ≥ 0.
0

Allora ψ(0) = 0, ψ è derivabile e si ha:

ψ 0 (t) = φ(t) ≤ a + bψ(t), t ≥ 0.

È chiaro che a + bψ(t) ≥ a > 0 cosicché possiamo scrivere:

ψ 0 (t)
≤ 1,
a + bψ(t)

da cui:
d
log(a + bψ(t)) ≤ b.
dt
Integrando fra 0 e t si ha:
 
a + bψ(t)
log ≤ bt.
a

da cui la tesi con facili calcoli. 

Esempio 11.29 Sia f : Rn → Rn localmente lipschitziana e supponiamo


che esista c > 0 tale che:

hf (x), xi ≤ c(1 + |x|2 ), ∀ x ∈ Rd .


186 Capitolo 11

Sia u : [0, τ ) → Rn la soluzione massimale del problema di Cauchy (11.33).


Vogliamo provare che u è soluzione globale. Moltiplicando scalarmente l’equazione
u0 (t) = f (u(t)) per u(t) e tendendo conto del fatto che:
d
|u(t)|2 = 2hu0 (t), u(t)i,
dt
si ottiene:
1 d
|u(t)|2 = hf (u(t)), u(t)i ≤ c(1 + |u(t)|2 ), ∀ t ∈ [0, τ ).
2 dt
Integrando in t si ha:
Z t
2 2
|u(t)| ≤ |x| + 2c (1 + |u(s)|2 )ds, ∀ t ∈ [0, τ ).
0

Se τ = +∞ abbiamo concluso. Supponiamo per assurdo τ < ∞ e scegliamo


T > τ . Si ha allora:
Z t
2 2
|u(t)| ≤ (|x| + 2cT ) + 2c |u(s)|2 ds, ∀ t ∈ [0, τ ).
0

Dal lemma di Gronwall (con φ(t) = |u(t)|2 ) segue che:

|u(t)|2 ≤ (|x|2 + 2cT )e2cT , ∀ t ∈ [0, τ ).

Quindi τ = +∞ per il Teorema 11.25 contro l’ipotesi fatta. In conclusione u


è soluzione globale.

Esercizio 11.30 Sia f : Rn → Rn localmente lipschitziana e limitata. Provare


che il problema di Cauchy (11.33) ha soluzione globale.

11.5 Equazioni differenziali lineari


11.5.1 Problema di Cauchy
Sia A ∈ L(Rn ) fissata. Dato che A è un’applicazione Lipschitziana di Rn in
Rn , il problema di Cauchy:
 0
 u (t) = Au(t), t ≥ 0
(11.45)
u(0) = x

Equazioni differenziali 187

ha un’unica soluzione u(t) per ogni x ∈ Rn .


Dall’Osservazione 11.10 segue che:
u(t) = lim un (t), uniformemente sui limitati di [0, +∞),
n→∞

dove: Z t
u0 (t) = x, un (t) = x + Aun−1 (s)ds, n ∈ N.
0
Si vede facilmente che risulta:
n
X tk Ak
un (t) = x, t ≥ 0.
k=0
k!

Si ha quindi:
∞ k k
X t A
u(t) = x, t ≥ 0. (11.46)
k=0
k!
Indicheremo con etA x la somma della serie e scriveremo (11.45) al modo
seguente:
u(t) = etA x, t ≥ 0. (11.47)
Se t = 0 scriveremo e0A = I.
Esercizio 11.31 (i) Provare che per ogni t, s ∈ R risulta:
e(t+s)A = etA esA . (11.48)
(ii) Provare che det etA > 0 per ogni t ∈ R.

11.5.2 Sottospazio vettoriale delle soluzioni di u0 (t) =


Au(t)
Vogliamo qui studiare l’insieme delle soluzioni dell’equazione:
u0 (t) = Au(t), , t ≥ 0. (11.49)
Osserviamo intanto che se u è soluzione di (11.49) risulta (per l’unicità della
soluzione del problema di Cauchy (11.45) ):
u(t) = etA u(0), t ≥ 0. (11.50)
Indichiamo con Σ l’insieme delle soluzioni di (11.49), cioè:
Σ = {u ∈ C([0, +∞); Rn ) : u0 (t) = Au(t), t ≥ 0}.
188 Capitolo 11

Proposizione 11.32 Σ è uno spazio vettoriale di dimensione n rispetto alle


usuali operazioni di somma e prodotto per un numero.

Dimostrazione È chiaro che se u, v ∈ Σ e a, b ∈ R si ha au + bv ∈ Σ e


quindi Σ è uno spazio vettoriale.
Sia (e1 , ..., en ) la base canonica in Rn e sia:

z i (t) = etA ei , i = 1, ..., n.


Allora z 1 , ..., z n ∈ Σ sono linearmente indipendenti e quindi la dimensione di
Σ è maggiore o uguale a n.
Supponiamo viceversa che u1 , ..., uN ∈ Σ siano linearmente indipendenti
con N ≥ n.
Allora si vede facilmente che i vettori di Rn , u1 (0), ..., uN (0) sono linear-
mente indipendenti e ciò implica N ≤ n. 
Dalla Proposizione 11.32 segue che date n soluzioni u1 , ..., un linearmente
indipendenti di (11.50), ogni altra soluzione è della forma:
n
X
u(t) = ci ui (t) (11.51)
i=1

al variare di c1 , ..., cn in R.
La (11.51) è detta l’integrale generale di (11.45).

11.5.3 Equazioni lineari del secondo ordine


Consideriamo qui l’equazione lineare del secondo ordine:

z 00 (t) + az 0 (t) + bz(t) = 0, (11.52)

dove a e b sono numeri reali dati.


Questa equazione si può ridurre alla (11.45) ponendo:

u1 = z, u2 = z 0 .

Si ottiene:  0
 u1 (t) = u2 (t)
(11.53)
u02 (t) = −au2 (t) − bu1 (t).

Equazioni differenziali 189

Posto u = (u1 , u2 ) questo sistema si riduce alla (11.45) con


 
0 1
A= .
−b −a

Per trovare l’integrale generale della (11.53) procediamo al modo seguente.


Cerchiamo soluzioni della (11.52) della forma:

z(t) = etα , ∀ t ≥ 0.

Si vede che allora α deve verificare l’equazione:

α2 + aα + b = 0 (11.54)

Distinguiamo vari casi a seconda che la (11.54) abbia radici reali e distinte,
una radice doppia o radici complesse coniugate.

Primo caso. La (11.54) ha radici reali distinte α1 , α2 .

Allora le funzioni:

z 1 (t) = etα1 , z 2 (t) = etα2 , t ≥ 0,

verificano (11.52), cosicché si hanno due soluzioni della (11.53) date da:
 tα   tα 
1 e 1 2 e 2
u (t) = , u (t) = .
α1 etα1 α2 etα2

È chiaro che u1 (t) e u2 (t) sono indipendenti, dato che i due vettori u1 (0) e
u2 (0) sono indipendenti, essendo:
 
1 1
det = α2 − α1 6= 0.
α1 α2

Possiamo quindi concludere che in questo caso tutte e sole le soluzioni della
(11.52) sono della forma

z(t) = c1 etα1 + c2 etα2 , t ≥ 0,

al variare di c1 e c2 in R.

Secondo caso. La (11.54) ha una radice doppia α.


190 Capitolo 11

Allora le funzioni:

z 1 (t) = etα , z 2 (t) = tetα , t ≥ 0,

verificano (11.52), cosicché si hanno due soluzioni della (11.53) date da:
 tα   
1 e 2 tetα
u (t) = , u (t) = .
αetα (1 + αt)etα

u1 (t) e u2 (t) sono indipendenti, dato che i due vettori u1 (0) e u2 (0) sono
indipendenti, essendo:  
1 0
det = 1.
α 1
In questo caso tutte e sole le soluzioni della (11.52) sono della forma

z(t) = c1 etα + c2 tetα , t ≥ 0,

al variare di c1 e c2 in R.

Terzo caso. La (11.53) ha radici complesse coniugate α ± iβ con β 6= 0.

Allora le funzioni:

z 1 (t) = etα cos(βt), z 2 (t) = etα sin(βt), t ≥ 0,

verificano (11.52). Procedendo come prima si trova che in questo caso tutte
e sole le soluzioni della (11.52) sono della forma

z(t) = c1 etα cos(βt) + c2 etα sin(βt), t ≥ 0,

al variare di c1 e c2 in R.

11.5.4 Metodo di variazione delle costanti


Sia A ∈ L(Rn ), T > 0 e f : [0, T ] → Rn continua. Dato che A è Lipschitziana,
il problema di Cauchy:
 0
 u (t) = Au(t) + f (t), t ≥ 0
(11.55)
u(0) = x

Equazioni differenziali 191

ha un’unica soluzione u(t) = u(t, x) per ogni x ∈ Rn .


Vogliamo trovare una formula esplicita per la soluzione u(t) usando il
metodo di variazione delle costanti. Per questo cerchiamo una soluzione di
(11.55) della forma:
u(t) = etA c(t), t ≥ 0.
Procedendo in modo euristico si ha:
u0 (t) = AetA c(t) + etA c0 (t),
da cui, sostituendo in (11.55),
etA c0 (t) = f (t).
Quindi: Z t
c(t) = x + e−sA f (s)ds.
0
In conclusione si trova la seguente formula risolutiva di (11.55):
Z t
tA
u(t) = e x + e(t−s)A f (s)ds. (11.56)
0

È facile infine verificare che u, data dalla (11.56) è soluzione di (11.55).

11.6 Equazioni differenziali con dati continui


Consideriamo il problema di Cauchy:
 0
 u (t) = f (u(t)), t≥0
(11.57)
u(0) = x0 ,

dove f : Rn → Rn è continua e limitata e x0 ∈ Rn è dato.


Proveremo che esiste una soluzione locale di (11.57). In generale la
soluzione locale non è unica (vedi Esercizio 11.5). Studieremo poi le pro-
prietà topologiche dell’insieme delle soluzioni Σ della (11.57), mostrando che
Σ è compatto e connesso (fenomeno di Peano).
Per realizzare questo programma cominceremo con il costruire soluzioni
approssimate di (11.57) (dette -soluzioni) con il metodo dei poligoni di Eu-
lero. Poi costruiremo una soluzione usando il Teorema di Ascoli–Arzelà.
Osservazione 11.33 L’ipotesi che f sia limitata non essenziale nel seguito,
dato che siamo interessati a soluzioni locali.
192 Capitolo 11

11.6.1 -soluzioni
Definizione 11.34 Sia T > 0 e  > 0. Una -soluzione di (11.57) in [0, T ]
è una funzione u : [0, T ] → Rn tale che:
(i) u è continua e derivabile in tutti i punti di [0, T ] tranne che in un
numero finito di punti dove è derivabile a destra e a sinistra.

(ii) Risulta:
|D− u (t) − f (u (t))| < , ∀ t ∈ [0, T ]. (11.58)

Proposizione 11.35 Sia f : Rn → Rn continua e limitata e x0 ∈ Rn . Esiste


T > 0 tale che per ogni  > 0 esiste una -soluzione di (11.57) in [0, T ]

Dimostrazione. Supponiamo che f (x0 ) 6= 0, altrimenti u(t) = x0 sarebbe


una soluzione di (11.57) in [0, +∞) e quindi anche una -soluzione.
Cominciamo con il definire T . Per questo fissiamo una volta per tutte
R > 0 tale che |f (x)| > 0 per ogni x ∈ B(x0 , R) e poniamo:

M= sup |f (y)|
y∈B(x0 ,R)

e
R
.
T =
M
Dato che f è uniformemente continua in B(x0 , R), per ogni  > 0 esiste δ > 0
tale che

y1 , y2 ∈ B(x0 , R), |y1 − y2 | < δ ⇒ |f (y1 ) − f (y2 )| < .

Per provare l’esistenza di una –soluzione di (11.57) in [0, T ] consideriamo


una successione strettamente crescente di numeri reali (tn )n∈N (che sceglier-
emo in seguito in modo opportuno). Poniamo t0 = 0, τ = supn tn e definiamo
una funzione v : [0, τ ) → Rn al modo seguente.

v(t) = x0 + tf (x0 ), ∀ t ∈ [0, t1 ],
x1 = v(t1 ) = x0 + t1 f (x0 )

e, per ricorrenza,

v(t) = xn−1 + (t − tn−1 )f (xn−1 ), ∀ t ∈ [tn−1 , tn ],
xn = v(tn ) = xn−1 + (tn − tn−1 )f (xn−1 ).
Equazioni differenziali 193

Si ha ovviamente:

D− v(t) = f (xn−1 ), ∀ t ∈ [tn−1 , tn ]

e quindi:

|D− v(t) − f (v(t))| = |f (xn−1 ) − F (xn−1 + (t − tn−1 )f (xn−1 )|, ∀ t ∈ [tn−1 , tn ]

Scegliamo ora i tn per ricorrenza in modo che:

(tn − tn−1 )|f (xn−1 )| = δ , n ∈ N.

Ciò implica:

|D− v(t) − f (v(t))| < , ∀ t ∈ [tn−1 , tn ],

a condizione che
v(t) ∈ B(x0 , R), ∀ t ∈ [tn−1 , tn ]. (11.59)
Con questa scelta è evidente che τ = +∞. Sia n0 il più piccolo intero positivo
tale che T < tn0 e proviamo che vale (11.59) per tutti gli n ≤ n0 . Infatti se
t ∈ [t0 , t1 ] si ha:
|v(t) − x0 | = t|f (x0 )| ≤ tM ≤ R.
Inoltre se t ∈ [tn−1 , tn ] si ha:

n−1
X
|v(t) − x0 | ≤ |v(t) − xn−1 | + |xk − xk−1 | ≤ (t − tn−1 )|f (xn−1 )|
k=1
n−1
X
+ (tk − tk−1 )|f (xk−1 )| ≤ tM ≤ R.
k=1

Da cui la tesi. 

11.6.2 Esistenza locale


Teorema 11.36 Sia f : Rn → Rn continua e limitata. Allora esiste una
soluzione di (PC) in un opportuno intervallo [0, T ].
194 Capitolo 11

Dimostrazione. Consideriamo la famiglia (v )∈(0,1] delle -soluzioni in [0, T ]


costruita nella Proposizione 11.35.
Poniamo:
Z t
g (t) = v (t) − x0 − f (v (s))ds, t ∈ [0, T ],  ∈ (0, 1]. (11.60)
0

Si ha:

|D− g (t)| = |D− v (t) − f (v (t))| ≤ , t ∈ [0, T ],  ∈ (0, 1].

Quindi:
|g (t)| ≤ T, ∀ t ∈ [0, T ],  ∈ (0, 1]. (11.61)

D’altra parte dalla disuguaglianza:

|D− v (t) − f (v (t))| ≤ , ∀ t ∈ [0, T ],

segue che:
|D− v (t)| ≤ M + 1 ∀ t ∈ [0, T ],  ∈ (0, 1].

il che implica:

|v (t) − v (s)| ≤ (M + 1)|t − s|, ∀ t ∈ [0, T ],  ∈ (0, 1].

Da notare inoltre che da (11.60) e (11.61) segue che:

|v (t)| ≤ |x0 | + (M + 1)T ∀ t ∈ [0, T ],  ∈ (0, 1].

Quindi il sottoinsieme (v )∈(0,1] di C([0, T ]; Rn ) è equicontinuo e limitato,


cosicché per il Teorema di Ascoli-Arzelà esiste n ↑ ∞ tale che la successione
(vn ) è uniformemente convergente a una funzione u ∈ C([0, T ]; Rn ).
Passando al limite per  → 0 nella (11.60) e tenendo conto di (11.61) si
ottiene:
Z t
u(t) = x0 + f (u(s))ds, t ∈ [0, T ],
0

e quindi u è soluzione di (11.57) in [0, T ]. 


Equazioni differenziali 195

11.6.3 Connessione e compattezza dell’insieme delle


soluzioni
Proposizione 11.37 Sia f : Rn → Rn continua e limitata, sia x0 ∈ Rn
e T > 0. Supponiamo che esista una soluzione di (11.57) in [0, T ]. Allora
l’insieme:
Σ := {u ∈ C([0, T ]; Rn ) : u è soluzione di (11.57) in [0, T ]},
è compatto e connesso.

Dimostrazione. Proviamo che Σ è chiuso. Sia (un ) ⊂ Σ e u ∈ C([0, T ]; Rn )


tali che un → u in C([0, T ]; Rn ). Si deve provare che u è soluzione di (11.57).
Ciò segue immediatamente passando al limite per n → ∞ nell’eguaglianza:
Z t
un (t) = x0 + f (un (r))dr, t ∈ [0, T ].
0

Proviamo ora che Σ è compatto. Per ogni u ∈ Σ si ha:


Z t
u(t) − u(s) = f (u(r))dr,
s

da cui:
|u(t) − u(s)| ≤ M |t − s|, t, s ∈ [0, T ].
Quindi Σ è equicontinuo. Inoltre Σ è limitato dato che se u ∈ Σ si ha:
|u(t)| ≤ |x0 | + M T, ∀ t ∈ [0, T ]
Quindi la tesi segue dal Teorema di Ascoli-Arzelà.
Proviamo infine che Σ è connesso. Useremo qui la notazione:
d(u, 0) = sup |u(t)| = kuk, ∀ u ∈ C([0, T ]; H).
t∈[0,T ]

Per questo è utile introdurre un problema approssimato di (11.57) che am-


mette esistenza e unicità. Per ogni n ∈ N consideriamo l’applicazione Fn :
C([0, T ]; Rn ) → C([0, T ]; Rn ) definita da:

 u(t) − x0 se t ∈ [0, 1/n],


Fn (u)(t) = Z t−1/n (11.62)
 u(t) − x0 − f (u(s))ds, se t ∈ [1/n, T ].


0
196 Capitolo 11

È chiaro che per ogni u ∈ C([0, T ]; Rn ), Fn (u) → F (u) in C([0, T ]; Rn ), dove


Z t
F (u)(t) = u(t) − x0 − f (u(s))ds, t ∈ [0, T ].
0

Da notare che il problema (11.57) equivale all’equazione F (u) = 0.


Osserviamo che Fn è bigettiva, infatti per ogni g ∈ C([0, T ]; Rn ) l’equazione:

Fn (u) = g,

ha un’unica soluzione un definita da:




 x0 + g(t) se t ∈ [0, 1/n],

un (t) = Z t−1/n (11.63)
f (un (s))ds + g(t) se t ∈ [1/n, T ].

 x0 +

0

Supponiamo ora per assurdo che Σ non sia connesso e risulti:

Σ = J ∪ K, J ∩ K = ∅,

con J e K chiusi e non vuoti. Allora risulta:

δ = inf{d(a, b) : a ∈ J, b ∈ K} > 0.

Fissiamo u ∈ J, v ∈ K e osserviamo che (dato che Fn (u) → F (u) = 0 e


Fn (v) → F (v) = 0) per ogni  > 0 esiste n ∈ N tale che:

kFn (u)k ≤ , kFn (v)k ≤ , ∀ n > n .

Per ogni λ ∈ [0, 1] e n ∈ N poniamo:

un,λ = (1 − λ)Fn (u) + λFn (v),

per cui si ha:


kun,λ k ≤ , ∀ n > n , λ ∈ [0, 1]. (11.64)
Poniamo:
zn,λ = Fn−1 (un,λ ), n ∈ N, λ ∈ [0, 1],
e osserviamo che:
zn,0 = u, zn,1 = v
Equazioni differenziali 197

e inoltre che l’insieme:

{zn,λ : n ∈ N, λ ∈ [0, 1]}

è equicontinuo. Ciò segue facilmente usando l’espressione esplicita di zn,λ


(ricordare (11.63)),


 x0 + (1 − λ)Fn (u)(t) + λFn (v)(t) se t ∈ [0, 1/n],

zn,λ (t) = Z t−1/n
f (zn,λ (s))ds + (1 − λ)Fn (u)(t) + λFn (v)(t) se t ∈ [1/n, T ]

 x0 +

0

e il fatto che f è limitata.


Poniamo inoltre:
γn = {zn,λ : λ ∈ [0, 1]},
di modo che per ogni n ∈ N, γn è una curva chiusa che connette u con v.
Poniamo infine:

Γ = {w ∈ C([0, T ]; Rn ) : ∃ nk ↑ +∞, (λnk ) ⊂ [0, 1] → λ̄ : znk ,λnk → w}.

Si ha Γ ⊂ Σ. Infatti se znk ,λnk → w per k → ∞ si ha:

Fnk (znk ,λnk ) = unk ,λnk → 0

in virtù di (11.64). Inoltre Γ contiene u e v.


Ora l’osservazione cruciale è la seguente. Esiste n ∈ N tale che:
1
dist (zn,λ , Γ) ≤ δ, ∀ λ ∈ [0, 1]. (11.65)
3
Infatti se (11.65) non fosse vero, allora per ogni n ∈ N esisterebbe λn ∈ [0, 1]
tale che:
1
dist (zn,λn , Γ) > δ.
3
Ciò è impossibile poiché la successione (zn,λn ) ha un punto limite apparte-
nente a Γ (dato che, come visto, l’insieme: {zn,λ : n ∈ N, λ ∈ [0, 1]} è
equicontinuo.).
Finalmente da (11.65) segue l’assurdo dato che γn è connesso mentre Γ
non lo è (ricordare che Γ è un sottoinsieme di Σ che contiene u e v).
Sia infatti:
Γ1 = Γ ∩ J, Γ1 = Γ ∩ K
198 Capitolo 11

e inoltre:
1
I1 = {λ ∈ [0, 1] : dist (un,λ , Γ1 ) ≤ δ,
3
1
I2 = {λ ∈ [0, 1] : dist (un,λ , Γ2 ) ≤ δ.
3
Allora si ha [0, 1] = I1 ∪ I2 e si vede facilmente che I1 e I2 sono chiusi, aperti,
disgiunti e non vuoti, il che è assurdo, dato che [0, 1] è connesso. 
Appendix A

Complementi sui numeri reali

A.1 Proprietà di campo di Q


Ricordiamo che sull’insieme Q dei numeri razionali sono definite due oper-
azioni binarie
• la somma denotata con “ + ”
• il prodotto denotato con “ · ” (ma spesso scriveremo il prodotto di due
numeri a, b con ab invece di a · b)
e
• una relazione d’ordine indicata con “ ≤ ”.
Riassumiamo le principali proprietà formali soddisfatte dalle operazioni
di somma, prodotto e relazione d’ordine.

Proprietà della somma

(S1) (p + q) + r = p + (q + r) per ogni p, q, r ∈ Q, proprietà associativa;


(S2) p + q = q + p per ogni p, q ∈ Q, proprietà commutativa;
(S3) esiste un elemento 0 tale che p + 0 = p per ogni p ∈ Q, esistenza
dell’elemento neutro per la somma;
(S4) per ogni p ∈ Q esiste (−p) ∈ Q tale che p + (−p) = 0, esistenza
dell’opposto.

199
200 Appendix A

Proprietà del prodotto

(P1) (pq)r = p(qr) per ogni p, q, r ∈ Q, proprietà associativa;

(P2) pq = qp per ogni p, q, ∈ Q, proprietà commutativa;

(P3) esiste un elemento 1 tale che 1p = p per ogni p ∈ Q, esistenza dell’elemento


neutro per il prodotto;

(P4) per ogni p ∈ Q \ {0} esiste p−1 ∈ Q tale che pp−1 = 1, esistenza
dell’inverso.

Proprietà della relazione d’ordine

(O1) p ≤ p per ogni p ∈ Q, proprietà riflessiva;

(O2) se p, q, r ∈ Q, p ≤ q e q ≤ p allora p = q, proprietà antisimmetrica;

(O3) se p, q ∈ Q, p ≤ q e q ≤ r allora p ≤ r, proprietà transitiva

(O4) dati p, q ∈ Q si ha p ≤ q oppure q ≤ p, completezza dell’ordinamento.

Atre proprietà

(I1) (p + q)r = pr + qr per ogni p, q, r ∈ Q, proprietà distributiva;

(I2) se p, q, r ∈ Q e p ≤ q allora p + r ≤ q + r;

(I3) se p, q ∈ Q, p ≤ q e r > 0 allora pr ≤ qr,

(I4) dati p, q ∈ Q con p, q > 0 esiste n ∈ N tale che p ≤ nq oppure q ≤ p,


proprietà archimedea.
Complementi su i numeri reali 201

Tutto il calcolo letterale e lo studio delle disequazioni su Q è fondato


su queste proprietà formali. In particolare si noti che le risoluzioni delle
equazioni di primo e secondo grado, i prodotti notevoli, la formula della
potenza del binomio di Newton, sono tutte applicazioni delle suddette pro-
prietà.
Riassumiamo il fatto che su Q sono definite le due operazioni binarie
“ + ”, “ · ” e la relazione d’ordine “ ≤ ” e che tali operazioni verificano le
proprietà elencate dicendo che Q è un campo ordinato archimedeo.
In generale un campo ordinato é un insieme K non vuoto su cui sono
definite due operazioni interne “ + ”, “ · ” e una relazione d’ordine “ ≺ ” che
soddisfano le proprietà (S·), (P·), (O·) e (I1), (I2) (I3).
Un campo ordinato (K, +, ·, ≺) si dice Archimedeo se vale la proprietá
(I4), dove dato n ∈ N e q ∈ K si definisce

nq := q + · · · + q
| {z }
n−volte

A.2 Il campo dei numeri reali


In questa sezione considereremo l’insieme dei numeri reali considerati come
sezioni di Dedekind. Dati α, β ∈ R sono definite le operazioni seguenti:

• la somma
α + β = {p + q : p ∈ α, q ∈ β}

• la relazione d’ordine
α ≤ β se α ⊂ β

• l’elemento 0 ovvero
0 = {p : p < 0}

• l’opposto di α
−α = {p : −p ∈
/ α}

• il prodotto

αβ = {pq : p ∈ α, q ∈ β, p > 0, q > 0} ∪ {p < 0} se α, β > 0

esteso poi ad ogni α, β con l’usuale legge dei segni.


202 Appendix A

• l’inclusione di Q in R che fa corrispondere a p la sezione

αp = {q : q < p} .

In questa sezione vogliamo verificare che:

1. R con le operazioni di somma e moltiplicazione e la relazione d’ordine


definiti è un campo ordinato archimedeo,

2. le operazioni di somma e prodotto su R applicate ad elementi di Q cor-


rispondono alle usuali operazioni di somma e moltiplicazione. Analoga-
mente per la relazione d’ordine. In simboli

αp + αq = αp+q
αp αq = αpq
αp ≤ αq se e solo se p ≤ q .

Procediamo in vari passi.

Passo 1. Associatività della somma. Osserviamo che, dati α, β, γ ∈ R si


ha:
(α + β) + γ = {(p + q) + r : p ∈ α, q ∈ β, r ∈ γ}
α + (β + γ) = {p + (q + r) : p ∈ α, q ∈ β, r ∈ γ} .
Poiché sappiamo che la proprietà associativa vale per la somma di numeri
razionali, gli insiemi che compaiono a destra di queste uguaglianze coinci-
dono. Ne segue che:

(α + β) + γ = α + (β + γ) .

Passo 2. Commutatività della somma. La prova è lasciata in esercizio


al lettore.

Passo 3. 0 è elemento neutro. Per definizione si ha:

α + 0 = {p + q : p ∈ α, q < 0},

e quindi α + 0 ⊂ α. Mostriamo che vale anche l’altra inclusione. Dato p ∈ α


dobbiamo mostrare che esistono p0 ∈ α e q < 0 tali che p = p0 + q. Ovvero
Complementi su i numeri reali 203

basta mostrare che esiste p0 ∈ α con p0 > p. Ma questo segue dal fatto che α
non ammette massimo.
Proviamo che α + (−α) = 0. Per definizione

α + (−α) = {p − q : p ∈ α, q ∈
/ α}

Notiamo che poiché p ∈ α e q ∈/ α segue che p < q (altrimenti per definizione


di classe di Dedekind si avrebbe q ∈ α). Dunque p − q < 0. Segue che α +
(−α) ⊂ 0. Mostriamo che vale l’inclusione opposta. Dato r < 0, dobbiamo
mostrare che esiste p ∈ α e q ∈ / α tale che p − q > r. Fissiamo p0 ∈ α.
osserviamo che se p1 = p0 + |r|/2 ∈/ α abbiamo finito: infatti basta prendere
p = p0 e q = p1 (infatti p − q = −|r|/2 = r/2 > r).
Altrimenti consideriamo p2 = p0 + |r|. Risulta che p2 − p1 = |r|/2 e
dunque se p2 ∈/ α possiamo porre p = p1 e q = p2 .
Possiamo continuare il processo definendo al passo n-esimo pn = p0 +
nr/2 = pn−1 + r/2 e osservando che se pn ∈ / α allora il processo termina e
noi poniamo p = pn−1 e q = pn .
Dunque ci rimane da verificare che prima o poi il processo termina. Sup-
poniamo per assurdo che il processo non termini mai. Questo vuol dire che
pn ∈ α per ogni n. Ora per definizione di α esiste M maggiore di tutti gli
elementi in α e dunque in particolare avremmo

p0 + n|r|/2 < M

ma questo contraddice la proprietà archimedea di Q.

Passo 4. La relazione d’ordine su R soddisfa le proprietà (O1)–(O4). La


prova è lasciata in esercizio al lettore.

Passo 5. Associatività del prodotto. Consideriamo il caso α, β, γ positivi.


In questo caso si ha αβ > 0 per cui

(αβ)γ = {(pq)r : p ∈ α, q ∈ β, r ∈ γ, p > 0, q > 0, r > 0} ∪ {p < 0}

analogamente

α(βγ) = {p(qr) : p ∈ α, q ∈ β, r ∈ γ, p > 0, q > 0, r > 0} ∪ {p < 0}

da cui si deduce che (αβ)γ = α(βγ).


Per quanto riguarda il caso generico si osservi che il valore assoluto del
prodotto è per definizione il prodotto dei valori assoluti, (e dunque il valore
204 Appendix A

assoluto di (αβ)γ è uguale al valore assoluto di α(βγ). Inoltre considerando


i vari casi si mostra anche che (αβ)γ e α(βγ) hanno lo stesso segno.

Passo 6. Definendo l’elemento neutro da 1 = {p < 1}, valgono (P 2) e


(P 3). La prova è lasciata in esercizio al lettore.

Passo 7. Esistenza dell’inverso. Dato α > 0 mostriamo che l’inverso


rispetto alla moltiplicazione è il numero

α−1 = {p : 1/p ∈
/ α, p > 0} ∪ {p < 0} .

Il fatto che che α−1 è positivo è lasciato a lettore in esercizio.


Innanzitutto notiamo che αα−1 ≤ 1: infatti dati p ∈ α e 1/q ∈ / α allora
p < 1/q ovvero pq < 1.
Mostriamo ora che 1 ≤ αα−1 . Come nel caso della somma si deve di-
mostrare che per ogni r < 1 esistono p ∈ α e q ∈ α−1 con p, q > 0 tali
che r < pq. Chiaramente possiamo supporre 0 < r < 1 (se r < 0 infatti
potremmo scegliere p, q arbitrariamente). Procediamo come per la somma.
Fissiamo p0 ∈ α e r0 ∈ Q con r < r0 < 1. Se p1 = p0 /r0 ∈ / α (si noti che
p0 /r0 > p0 ) allora basta porre p = p0 e q = 1/p1 . Altrimenti si considera
p2 = p0 /r2 = p1 /r0 : se p2 ∈
/ α allora si pone

p = p1 e q = 1/p2 .

Come prima si puó iterare il processo. Per mostrare che tale processo prima
o poi si fermerá é sufficiente mostrare che la successione

pn = p0 /r0n , n ∈ N,

non é limitata. Ora 1/r0 > 1 e dunque 1/r0 = (1 + s) per qualche s ∈ Q


positivo. Da cui risulta che

(1/r0 )n = (1 + s)n > 1 + ns .

Dunque, sostituendo si ha
pn > p0 + nsp0
e applicando ancora la proprietà archimedea si vede che tale successione non
è limitata superiormente.
Complementi su i numeri reali 205

Passo 8. Proprietà distributiva. Fissati α, β, γ ∈ R dobbiamo mostrare


che
α(β + γ) = αβ + αγ (A.1)
Supponiamo in un primo momento α, β + γ > 0. Allora
α(β + γ) = {p(q + r) : p ∈ α, (q + r) ∈ γ, p > 0, q + r > 0} ∪ {s ≤ 0}

= {pq + pr : p ∈ α, q + r ∈ γ, p > 0, (q + r) > 0} ∪ {s ≤ 0}


Ora
{pq + pr : p ∈ α, q + r ∈ α, p > 0, q + r > 0}
(A.2)
= {pq + pr : p ∈ α, q ∈ β, r ∈ γ, p, q, r > 0}.
L’inclusione ⊃ é ovvia. Mostriamo l’inclusione opposta. Siano q ∈ β, r ∈ γ
tali che q + r > 0; dobbiamo mostrare che esistono q 0 ∈ β, r0 ∈ γ e positivi
tali che
q + r = q 0 + r0 .
Se q, r sono entrambi positivi basta prendere q 0 = q e r0 = r. Altrimenti
possiamo supporre r < 0 e q > −r > 0. Scegliamo r0 ∈ γ tale che 0 <
r0 < q + r (tale r0 esiste poiché supponiamo γ > 0). Ora fissato M = r0 − r
poniamo q 0 = q − M . Essendo M > 0 risulta q 0 < q e dunque q 0 ∈ γ. Del
resto q 0 = q − r0 + r = q + r − r0 > 0.
Risulta dimostrata l’uguaglianza (A.2). Da tale uguaglianza segue facil-
mente la (A.1).
Passo 9. Valgono (I2), (I3), (I4). È lasciato in esercizio al lettore.

A.3 Un esempio di campo ordinato non


Archimedeo
Un polinomio fratto è il rapporto formale di due polinomi
p(t)
, p(t), q(t) ∈ R[t]
q(t)
con q(t) diverso dal polinomio nullo.
0 (t)
Due polinomi fratti p(t)
q(t)
e pq0 (t) sono uguali se e solo se
p(t)q 0 (t) = p0 (t)q(t)
206 Appendix A

p p0
Esercizio A.1 Si mostri che due polinomi fratti q
e q0
sono uguali se e solo
se esistono polinomi α, β tali che

αp = βp0
αq = βq 0

Se ne deduca che ciascun polinomio fratto puó essere rappresentato come


rapporto di polinomi p, q primi tra loro.

Indichiamo con R(t) l’insieme dei polinomi fratti. Definiamo su R(t)


un’operazione di somma e di prodotto nel modo consueto

p p0 pq 0 + qp0 p p0 pp0
+ 0 = , · 0 = 0.
q q qq 0 q q qq
Esercizio A.2 Si mostri che le operazioni suddette sono ben definite e verifi-
cano le proprietà (S1)-(S4), (P1)-(P4), (I1).

Vogliamo ora introdurre una relazione d’ordine su R(t).


0
Diciamo che pq ≺ pq0 se esiste s0 ∈ R tale che per ogni s > s0

p(s) p0 (s)
≤ 0 .
q(s) q (s)

Chiaramente la relazione suddetta verifica le proprietà (O1) e (O3). Per veri-


ficare anche le altre proprietà è conveniente dare una descrizione alternativa
della relazione d’ordine.

Definizione A.3 Dato un polinomio p ∈ R[t] diverso da 0, indichiamo con


deg(p) il grado del polinomio p mentre con lt(p) ∈ R \ {0} il coefficiente che
moltiplica il termine di grado massimo di p. Poniamo invece lt(0) = 0.

Esercizio A.4 Si mostri che deg(pq) = deg(p) + deg(q) e lt(pq) = lt(p)lt(q)

Lemma A.5 Sia p ∈ R[t]. Risulta che lt(p) > 0 se e solo se esiste un s0
tale che p(s) > 0 per ogni s > s0 .

Dimostrazione: (⇒) Sia

p(t) = an tn + an−1 tn−1 + · · · + a0 .


Complementi su i numeri reali 207

Si ha an = lt(p) > 0 per cui possiamo scrivere


 
n an−1 a0
p(t) = an t 1 + + ··· + .
an t an tn
an
Ora fissato s0 > max(1, |an−1 |+···+|a0|
) risulta che per s > s0
 
n an−1 a0
p(s) = an s 1 + + ··· +
an s an s n

|an−1 | 1 |a0 | 1
> an sn (1 − − ··· − )
an s an s n

|an−1 | 1 |a0 | 1
> an sn (1 − − ··· − )
an s an s

|an−1 | + · · · + |a0 |
= an sn (1 − ) > 0.
an s
(⇐) Osserviamo che se lt(p) = 0 allora p = 0 mentre se lt(p) < 0 allora
con ragionamento analogo risulta che esiste s0 tale che p(s) < 0 per ogni
s < s0 . 
p p0
Proposizione A.6 Siano q
e q0
due polinomi fratti. Allora sono fatti equiv-
alenti
p p0
(1) ≺ 0 .
q q
lt(pq 0 − p0 q)
(2) ≤ 0.
lt(q)lt(q 0 )
Dimostrazione. (1) ⇒ (2) Supponiamo in un primo momento che lt(q) =
lt(q 0 ) = 1 (polinomi che soddisfano questa condizione sono detti monici ).
0
Osserviamo che pq ≺ pq0 implica che esiste s1 tale che per s > s1 si abbia

p(s)q 0 (s) − p0 (s)q(s)


≤0
q(s)q 0 (s)
Inoltre per il Lemma A.5 esiste s2 tale che q(s) > 0 e q 0 (s) > 0 per s > s2 .
E dunque per s > max(s1 , s2 ) risulta:
p(s)q 0 (s) − p0 (s)q(s) ≤ 0
208 Appendix A

e dunque ancora per il Lemma A.5,

lt(pq 0 − p0 q) ≤ 0.

Per il caso generale basta osservare che ogni polinomio fratto puó essere
rappresentato dal rapporto di due polinomi con denominatore monico. Infatti
1
p lt(q)
p
= 1
q lt(q)
q

Dunque scrivendo
1 1
lt(q)
p lt(q)
p
1 ≺ 1
lt(q)
q lt(q)
q
e applicando la relazione trovata si deduce la relazione voluta.

(2) ⇒ (1). Come prima possiamo ridurci a considerare il caso q, q 0 poli-


nomi monici. Allora poiché lt(pq 0 − p0 q) ≤ 0, lt(q) > 0 e lt(q 0 ) > 0 applicando
il lemma troviamo s0 tale che se s > s0 risulta

p(s)q 0 (s) − p0 (s)q(s) ≤ 0


q(s) > 0
q 0 (s) > 0

da cui deduciamo che per s > s0 si ha

p(s) p0 (s)
≤ 0
q(s) q (s)

Utilizzando la Proposizione A.6 possiamo dimostrare che la relazione ≺
0 0
soddisfa (O2) e (O4). Infatti per (O2), supponiamo che pq ≺ pq0 e pq0 ≺ pq .
Dalla proposizione si deduce che:

lt(pq 0 − p0 q) ≤ 0 e lt(pq 0 − p0 q) ≥ 0

ovvero lt(pq 0 − p0 q) = 0. Ma da ciò segue che pq 0 − p0 q = 0 ovvero i due


polinomi fratti coincidono. 0 −p0 q) 0
Per (O4), osserviamo che lt(pq
lt(q)lt(q 0 )
puó essere maggiore di 0 e allora pq0 ≺ pq ,
p p0 p p0
uguale a 0 e allora q
= q0
oppure minore di 0 e allora q
≺ q0
.
Complementi su i numeri reali 209

Esercizio A.7 Si mostrino le proprietà (I2) e (I3).


Dunque (R(t), +, ·, ≺) risulta essere un campo ordinato. Concluderemo
questa sezione mostrando che non è Archimedeo.

Osservazione A.8 Consideriamo i polinomi fratti


1 t
ξ1 (t) = , ξ2 (t) =
1 1
Fissato n ∈ N, osserviamo che nξ1 (s) − ξ2 (s) = n − s e dunque scegliendo
s0 = 1/n si ha
nξ1 (s) ≤ ξ2 (s)
per s > s0 . Dunque per ogni n otteniamo nξ1 ≺ ξ2 .
Mostriamo ora che R(t) non gode della proprietá del sup. Come nel corol-
lario precedente si vede che l’insieme A dei polinomi fratti costanti risulta
limitato dal polinomio 1t . Sia M (A) l’insieme dei maggioranti per A. Os-
serviamo che se pq ∈ M (A) allora pq − 1 ∈ M (A). Del resto pq − 1 ≺ pq e
dunque M (A) non ammette minimo.

A.4 Campi ordinati che godono della proprietà


del sup. Teorema di unicità di R
Diciamo che un campo ordinato (K, +, ·, ≺) gode della proprietà del sup se
ogni sottoinsieme limitato superiormente di K ammette sup.
In questa sezione mostreremo che un campo ordinato con la proprietà del
sup è isomorfo a R, ovvero costruiremo una applicazione biunivoca

ϕ:R→K

tale che per ogni x, y ∈ R risulta:


1. ϕ(x + y) = ϕ(x) + ϕ(y);

2. ϕ(xy) = ϕ(x)ϕ(y);

3. x ≤ y ⇒ ϕ(x) ≺ ϕ(y).

Proposizione A.9 Sia K un campo che gode della proprietà del sup. Allora
K è Archimedeo.
210 Appendix A

Dimostrazione. Sia q ∈ K con 0 ≺ q e supponiamo che l’insieme A = {nq :


n ∈ N} sia limitato superiormente (osserviamo che nq é per definizione uguale
a q + q + · · · + q con q ripetuto n volte). Poniamo allora α = sup A.
Per ogni  positivo ( ∈ K) esiste n tale che α− ≺ nq e dunque α+q− ≺
(n + 1)q ≺ α. Ovvero per ogni  positivo si ha α + q −  ≺ α. Ora ponendo
 = q/2 si ottiene α + q/2 ≺ α il che è assurdo. 

Teorema A.10 Sia (K, +, ·, ≺) un campo ordinato che ammette la proprietà


del sup. Allora K è isomorfo a R nel senso suddetto.

Dimostrazione. Costruiremo la mappa φ prima su Z, poi la estenderemo a


Q e infine la estenderemo ad una mappa ϕ su R. Ad ogni passo verificheremo
che sono verificate le proprietà

1) φ(x + y) = φ(x) + φ(y).

2) φ(xy) = φ(x)φ(y).

3) x ≤ y ⇒ φ(x) ≺ φ(y)

Passo 1. Costruzione di φ su Z. Indichiamo con 1 l’elemento neutro per


la moltiplicazione di K (e con 0 l’elemento neutro della somma) allora per
ogni numero intero positivo n definiamo

| + ·{z
φ(n) = 1 · · + 1} .
n−volte

Per ogni n numero intero negativo definiamo

φ(n) = |−1 −{z


· · · − 1} .
−n−volte

Infine poniamo φ(0) = 0

Passo 2. Valgono 1), 2), 3) e φ è iniettiva. È lasciato in esercizio al


lettore.
Passo 3. Costruzione di φ su Q. Dato p ∈ Q risulta che p = m n
con
m ∈ Z e n ∈ N \ {0}. Poniamo

φ(p) = φ(m)φ(n)−1
Complementi su i numeri reali 211

0
Bisogna verificare che la definizione è ben posta, ovvero che se m
n
=mn0
allora
−1 0 0 −1
φ(m)φ(n) = φ(m )φ(n ) .
0
Ora m n
= mn0
equivale a mn0 = m0 n e dunque φ(mn0 ) = φ(m0 n) da cui
ricaviamo φ(m)φ(n0 ) = φ(m0 )φ(n) da cui segue φ(m)φ(n)−1 = φ(m0 )φ(n0 )−1 .
0
Verifichiamo ora che φ(p + q) = φ(p) + φ(q). Posto p = m n
e q = m n0
osserviamo che
m m0 mn0 + m0 n
   
φ(p + q) = φ + 0 =φ
n n nn0

φ(mn0 + m0 n)φ(nn0 )−1 + (φ(m)φ(n0 ) + φ(m0 )φ(n))φ(n)−1 φ(n0 )−1

= φ(m)φ(n)−1 + φ(m0 )φ(n0 )−1 = φ(p) + φ(q) .

Analogamente si verifica che φ(pq) = φ(p)φ(q).


0
Infine verifichiamo che se p ≤ q allora φ(p) ≺ φ(q). Posto p = m
n
eq= m n0
risulta che p ≤ q se e solo se mn0 − m0 n ≤ 0 (attenzione assumiamo n, n0 > 0)
e dunque questo implica che

φ(mn0 − m0 n) ≺ 0

da cui si deduce facilmente che φ(p) ≺ φ(q).

Passo 4. Estensione di φ a R. Data una sezione di Dedekind α, osservi-


amo che l’insieme
{φ(p)|p ∈ α} ⊂ K
è limitato superiormente. Infatti esiste M ∈ Q tale che p < M per ogni
p ∈ α e dunque
φ(p) ≺ φ(M ) .
Definiamo allora
ϕ(α) = sup{φ(p)|p ∈ α}
Passo 5. Se q ∈ Q allora ϕ(αq ) = φ(q) (ovvero ϕ estende φ su R). È
lasciato in esercizio al lettore.

Passo 6. ϕ verifica 1), 2), 3). È lasciato in esercizio al lettore.


Passo 7. ϕ é biunivoca. Dato x ∈ K consideriamo l’insieme

α(x) = {p ∈ Q|ϕ(p) ≺ x}
212 Appendix A

Poiché K é Archimedeo segue facilmente che α(x) é limitato e in effetti segue


che α(x) è una sezioen di Dedekind. Dunque α(x) ∈ R.
Mostriamo che α é l’inversa di ϕ. Da una parte è chiaro dalla definizione
che se α0 ∈ R allora
α(ϕ(α0 )) = α0
Viceversa osserviamo che fissato x ∈ K allora

sup{φ(p)|φ(p) ≺ x, p ∈ Q} = x

e dunque ϕ(α(x)) = x. Chiaramente si ha

sup{φ(p)|φ(p) ≺ x, p ∈ Q} ≺ x

Per mostrare l’altra disuguaglianza si deve provare che per ogni  ∈ K con
0 ≺  esiste p ∈ Q tale che

x −  ≺ φ(q) ≺ x

Siccome K è Archimedeo esiste n ∈ N tale che

−1 ≺ φ(n)

ovvero φ(n)−1 ≺ . Osserviamo che per ogni m ∈ N

φ(m/n) = φ(m)φ(n)−1 = (1 + · · · 1)φ(n)−1 = φ(n)−1 + · · · φ(n)−1

Ancora usando il fatto che K è Archimedeo segue che esiste m0 tale che

φ(m0 /n) ≺ x ≺ φ((m0 + 1)/n)

In particolare osserviamo che 0 ≺ x−φ(m0 /n) ≺ φ((m0 +1)/n)−φ(m0 /n) =


φ(1/n) ≺ . Ovvero x −  ≺ φ(m0 /n) ≺ x come richiesto. 

Osservazione A.11 Fissato un campo ordinato K, si può cercare di imitare


la costruzione delle sezioni di Dedekind per costruire un campo K̂ che contiene
K e che gode della proprietà del sup.
In realtà tale costruzione non puó funzionare in generale perché K̂ risul-
terebbe Archimedeo e dunque anche K lo sarebbe.
Viceversa se K é un campo ordinato Archimedeo allora la costruzione
delle sezioni di Dedekind funziona (la dimostrazione che abbiamo fatto per
R usa solo la proprietá di Q di essere un campo Archimedeo) e produce un
campo K̂ che gode della proprietà del sup.
Complementi su i numeri reali 213

Dall’osservazione segue che K̂ é isomorfo a R. In particolare abbiamo


dimostrato il seguente fatto.

Corollario A.12 Ogni campo ordinato Archimedeo K ammette un’inclusione


i : K → R che preserva le operazioni e la struttura d’ordine.

Esercizio A.13 Sia K l’insieme delle classi di Dedekind del campo R[t]. Sia

α = {p/q : esiste C ∈ R tale che p/q ≺ C} .

Si mostri che α ∈ K. Si mostri che per ogni β ∈ K risulta

α + β 6= 0

(dove ={p/q|p/q ≺ 0})


Si concluda che K non soddisfa (S4).