Sei sulla pagina 1di 3

Responsabilità e impegno

skilla
Responsabilità condivisa

DEFINIZIONE

Non c’è etica possibile se non c’è impegno. I nostri gesti si riflettono anche sugli altri: nella catena della sicurezza
siamo tutti uniti!
La volontà di impegnarsi per svolgere bene
i compiti assegnati, al di là della personale
attitudine a farlo, è essa stessa manifestazione
di responsabilità.
Collaborare con i colleghi
per un obiettivo comune... la
Richiede uno sforzo costante, da rinnovare nel sicurezza
quotidiano e da declinare in riferimento sia
alle specifiche attività che si compiono, sia alle
persone con cui si viene in contatto. La collaborazione, quando parliamo di sicurezza, passa soprattutto dai
nostri comportamenti e dall’impegno che mettiamo nel prevenire prima
e nel risolvere poi ogni possibile situazione rischiosa.

Occorre quindi:

Obiettivi rispettare i regolamenti: nella sicurezza è importante capire che


è bene impegnarsi senza strafare. In azienda esistono regole
È fondamentale, per un’azienda che vuol fare della sicurezza un valore specifiche e figure preposte ad agire, nella maggior parte dei
primario, avere collaboratori informati e consapevoli che si impegnano casi attenersi alle regole esistenti è il modo migliore per iniziare a
per migliorare il proprio ambiente di lavoro. collaborare;

Occorre dunque capire che ognuno di noi è parte attiva per il motivare chi ci sta intorno, evidenziando come il lavoro di ciascuno
miglioramento della salute e della sicurezza del proprio luogo di lavoro si inserisca nell’attività complessiva dell’azienda e sia indispensabile
e la collaborazione, tra tutti i soggetti della sicurezza, è il fattore che per il suo buon funzionamento;
amplifica ogni singolo contributo.

skilla Copyright © 2017 All rights reserved Amicucci Formazione srl - Civitanova Marche 2
Responsabilità condivisa

prendere consapevolezza che ognuno di noi può contribuire alla


salute e alla sicurezza del luogo di lavoro anche con semplici gesti,
segnalando possibili situazioni rischiose o strumenti pericolosi
oppure affiancando chi è meno esperto. Il beneficio che ne deriva
è spesso molto più grande dello sforzo sostenuto;

prendersi cura degli strumenti di lavoro poiché spesso sono proprio


loro le prime contromisure al rischio. Controllare adeguatamente
il loro stato e segnalare anomalie o malfunzionamenti è segno di
grande responsabilità verso la prevenzione;

condividere le conoscenze e le buone prassi dando innanzitutto il


buon esempio. La cultura della sicurezza all’interno di un’azienda
passa soprattutto dagli insegnamenti e dall’esempio delle figure di
riferimento. Spesso un gesto vale più di mille parole.

CONCLUSIONI
Ognuno di noi, anche inconsapevolmente, contribuisce
alla salute e alla sicurezza del proprio ambiente di
lavoro e nel dubbio o in assenza di regole, solamente
la presenza di una CULTURA aziendale può guidare
le persone alla soluzione migliore. Essere SOGGETTI
ATTIVI della Sicurezza vuol dire sapere di poter
contribuire ad alimentare questa Cultura, a beneficio
di chi la vive e di chi la vivrà in futuro.

skilla Copyright © 2017 All rights reserved Amicucci Formazione srl - Civitanova Marche 3