Sei sulla pagina 1di 2

ISTRUZIONI PER LA MAGIA DELL’ACQUA

Un bicchiere di acqua
di Vadim Zeland

dal Libro: Transurfing Vivo. Oltre i confini della Matrix.


Capitolo VIII

"Posso suggerire una tecnica potente: scriva su un foglio di carta un pensiero-


forma.

ESEMPIO: "Sono una personalità attraente. Emano una luce interiore di


attrazione, amore e sesso. Sono una creatura luminosa. Attiro gli uomini.
Il mio uomo mi trova."

Metta sopra il foglietto un bicchiere d'acqua.


Si sfreghi i palmi delle mani, li tenga come se stesse suonando una fisarmonica
e si immagini di reggere tra le mani un grumo compatto delle dimensioni di un
palloncino gonfiabile. E' la sua energia. Tenga i palmi attorno al bicchiere,
facendo attenzione a non toccarlo. Pronunci ad alta voce o mentalmente, in
modo consapevole e convinto, questo pensiero-forma, possibilmente
immaginando il senso di quello che dice. Poi beva l'acqua. Faccia
quest'operazione al mattino, subito dopo essersi svegliata, e la sera prima di
andare a letto. La sua intenzione verrà realizzata.

Ho sperimentato personalmente questa tecnica tante volte, con vari pensieri-


forma. Funziona molto bene. Gli uomini dovranno riscrivere il testo in un altro
modo,

ESEMPIO: "Sono una persona attraente. Emano una luce interiore di


attrazione, amore e sesso. Sono una creatura luminosa. Piaccio alle donne, mi
vogliono. Trovo la mia metà."

Ovviamente questa tecnica si può applicare a pensieri-forma qualsiasi.


Se li componga da sola, pensando a ciò cui aspira. Per esempio, se lei é già in
coppia, sostituisca "attiro" con "le persone provano verso di me simpatia",
oppure "ho un bell'aspetto, sono attraente e lo divento ogni giorno di più".

Lei resterà stupita da quanto velocemente reagirà la realtà. La particella


negativa non dovrà essere usata: il pensiero-forma deve essere affermativo,
costruttivo. E nessuna astrazione, nessun augurio prolisso. Il messaggio deve
essere concreto, laconico e diretto al fine. Se lei ha più di un fine, sarebbe
meglio associare a ogni fine un bicchiere d'acqua. Oggi, per esempio, può
lavorare con un fine, domani con un altro. Oppure al mattino con uno e alla
sera con un altro.

Perche questa tecnica funziona? L'acqua non é una miscela amorfa, possiede
una struttura. Le sue molecole si uniscono in agglomerati di particelle che
cambiano la loro forma a seconda dell'azione esterna. Proprio per questo si
possono registrare informazioni sull'acqua come se fosse un nastro magnetico,
l'acqua si può "convincere." . . . .

Anche il foglietto di carta ha le sue funzioni. Innanzitutto quando lei non solo
pronuncia il pensiero-forma ma lo scrive, esso acquista una forza
supplementare. In secondo luogo, anche una semplice parola incollata su un
recipiente contenente acqua, carica l'acqua dell' informazione contenuta nel
senso di questa parola. Gli agglomerati che si formano, si possono vedere al
microscopio dopo il congelamento. Esperimenti famosi hanno dimostrato che
parole come "Ti Amo", "Grazie", "Salve", generano cristalli di bellezza divina,
mentre le parole negative danno origine a ghiacciolini mostruosi. Non si sa
perche sia cosi, ci si può solo stupire di questo fatto che si può definire solo
con il termine di "Arte Divina". Ovviamente qui un ruolo fondamentale è da
attribuire all'intenzione della persona, alla sua consapevolezza durante la
scrittura e la sistemazione dello scritto sul recipiente. L'energia delle mani,
infine, rafforza e localizza l'intenzione, e come risultato l'acqua verrà caricata
velocemente e in modo efficace. L'informazione registrata nell'acqua si
distribuisce per tutto il corpo e orienta il bio-campo morfologico ad emanare
l'intenzione data. Non ha senso preoccuparsi se non si riesce a sentire il grumo
compatto dell'energia. Se non riesce subito, riuscirà dopo una settimana di
allenamento, tanto più che per l'acqua non é necessario un forte effetto: sarà
più che sufficiente tenere il bicchiere tra i palmi delle mani.
Ebbene, lei possiede una tecnica potente, che funziona esattamente come
quella del "generatore di intenzione", di cui parlerò più avanti e che è basata
su un caricamento del campo morfologico tramite le mosse delle mani ....."

Vadim Zeland
dal Libro: Transurfing Vivo. Oltre i confini della Matrix.