Sei sulla pagina 1di 267

GRAZIANO FRONZUTO

ORGANI DI ROMA
APPENDICE
GRAZIANO FRONZUTO

ORGANI DI ROMA

Guida pratica orientativa agli organi storici e moderni


APPENDICE
Alla memoria di monsignor Luigi Di Liegro,
amico e mio concittadino, nato a Gaeta come me,
amico di tutti gli ultimi,
amico della musica sacra e degli organi.
Occhi che apprenderanno l’abito d’indagare avvertitamente
perché dall’acume analitico nasca la compattezza sintetica

Stefano ROMANO, L’arte organaria a Napoli, Napoli, Arte Tipografica, 1990


PRESENTAZIONE

Se un semplice osservatore dell’arte organaria si chiedesse che cosa ha spinto Graziano Fronzuto a dedicare
tanta parte del suo tempo di ingegnere civile e musicista al censimento degli organi di Roma – per tacere della sua
competenza sullo strumento a canne anche nell’area italiana ed europea – dovrebbe subito rispondersi: la curiosità e la
passione.
Questo volume è la chiara affascinante prova di quanto possano curiosità e passione, documentando un tema
così specificamente (e vorrei dire grandiosamente) meccanico-musicale qual è l’organo, struttura dell’ingegno
complessa e magica, predisposta ad incessanti apporti e detrazioni attraverso i tempi della Storia.
E solo la passione poteva – riscattando l’immagine spesso laterale dell’organo nelle innumerevoli chiese
romane – riportare questo strumento al meritato onore dell’attenzione, anche dei non specialisti. Attenzione proposta
all’acribia amabile e colloquiale di Graziano Fronzuto, il quale senza ostentare né anguste ideologie né fanatismi
filologici ci guida in santa disinvoltura in un’impresa esplorativa d’eccezione. Ci addentreremo in una selva dantesca di
innumerevoli canne metalliche e lignee d’ogni età e grandezza, le cui voci destate dal vento di segreti polmoni (i
mantici) ci frastornano con la musica di concetto più profonda che sia stata inventata da e per l’umano genere.
Orgoglioso davanti al mondo ma uomo di Fede, Graziano Fronzuto ci accompagna nel suo cosmo musicale –
egli è abile concertista, con predilezione per le musiche francesi per organo dell’ ’800, ma dovreste sentirlo come
compositore avanti nel suo tempo, nei suoi concerti sotto l’ala vigile di Antonella in qualità di fonica fotografa e
coordinatrice dell’impegno musicale del marito – ci accompagna, dicevo, nel suo cosmo musicale come una
ferratissima guida storica anzitutto prima sciorinando ogni possibile notizia sulla chiesa di cui un determinato organo è
ospite, poi profondendosi nell’accurata disamina di quello strumento. Ma vi lascio all’avventura emozionante ideata da
una passione. a percorrere insieme le meraviglie stilistiche e musicali della Roma più nascosta.

Agostino Raff

—I—
INTRODUZIONE

UNA GUIDA PRATICA PER CONOSCERE GLI ORGANI DI ROMA


Opere umane storiche, artistiche e religiose hanno arricchito in due millenni le chiese di Roma, rendendole
uniche nel mondo e suscitando l’ammirazione di immense folle di fedeli, pellegrini, turisti ed appassionati. A queste
folle sono destinati, sin da tempi remoti, gli sforzi di chi tenta di fornire la descrizione delle chiese e di ciò che
contengono, soffermandosi su opere, autori ed epoche, in quelle pagine che vengono comunemente chiamate “guide”.
Il grado di approfondimento delle guide varia a seconda degli autori e soprattutto dei lettori cui sono destinate;
oggi si possono reperire di ogni tipo, partendo da quelle tascabili, di basso costo e largo consumo con descrizioni
sommarie, fino a quelle ponderose e dettagliate e di conseguente voluminosità e costo.
Ciò che meraviglia (a differenza di quanto accade per altre città, soprattutto estere) è che, qualunque sia la
guida che si consulta, non si hanno che radi cenni (o più spesso nessun cenno) sugli organi a canne, quasi che essi, tra le
opere presenti nelle chiese romane, ne costituiscano la parte più negletta o (chissà) sistematicamente ignorabile. Eppure
sono secoli che questi strumenti dai suoni così fascinosi sono associati alle cose mistiche. Ed essi sono stati realizzati da
artisti che, nella loro specialità, non avevano nulla da invidiare per impegno, ispirazione e sapienza costruttiva ad
architetti, scultori e pittori. E dalla loro collaborazione spesso sono nati strumenti che assommano impegno – se non
vero e proprio genio – architettonico, scultoreo, pittorico e musicale.
Insomma: nelle chiese di Roma vi sono anche gli organi a canne, eppure di essi è sempre difficile trovare
menzione, tanto da risultare arduo persino sapere chi li ha realizzati e quando (in fondo queste sono le notizie minime
che si pretende di conoscere – che so – per un quadro o una statua).
Forse perché coloro che si interessano agli organi sono meno numerosi di chi si interessa di architettura,
pittura, scultura? Ma sono anche meno di chi si interessa di cripte e mosaici? Forse perché tra i lettori sono ben pochi
coloro che si interessano di organi? o forse tra gli autori?
Nel frattempo – ho constatato di persona – va crescendo il numero dei “turisti degli organi” cui interessa
osservare, ascoltare e almeno conoscere registri e storia degli strumenti (una specie di organ watching, a volte
completato con la possibilità non sempre facile di suonare per chi sa farlo e per chi riesce ad ottenerne il permesso,
anche se le due cose non sempre coincidono). Queste persone, a meno che non siano munite di un volume specialistico
(per fortuna ve ne sono), nel visitare Roma non hanno possibilità di sapere nulla sugli organi avendo con sé una normale
guida.
Così nasce questo scritto, null’altro che una “guida complementare”, per sapere qualcosa di più sugli organi in
modo pratico e immediato, oserei dire giornalistico. Ho privilegiato la parte descrittiva, pensando che i destinatari di
questa guida sarebbero stati appassionati ed organisti (ma anche, spero, professionisti di elevata competenza) ai quali
occorra un orientamento. Il volume, portatile anche se non proprio tascabile, tratta degli organi delle quattro Basiliche
maggiori (S. Giovanni in Laterano, S. Maria Maggiore, S. Paolo fuori le Mura, S. Pietro in Vaticano); altri duecento
(circa) sono descritti nel CD-ROM allegato cui si va ad aggiungere questo come Appendice. Questa scelta ha un
risvolto pratico non trascurabile: consente ad ognuno di consultare solo le schede degli organi di proprio interesse ed
eventualmente stampare un numero limitato di fogli (magari solo quelli relativi agli strumenti che si desidera visitare
subito dopo) senza essere obbligati a maneggiare un testo di parecchie centinaia di pagine.

— II —
FONTI SPECIFICHE
Ai fini della miglior comprensione di queste pagine cito le principali fonti cui ho attinto e che mi permetto di
consigliare ai lettori senza alcuna pretesa di esaustività.

I – INDISPENSABILI
Cantorie e Organi di Roma, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1994.
Roma, Milano, Touring Club, 1993.
Roma Sacra. Guida alle chiese della città eterna, Roma, Elio De Rosa, 1994 (collana articolata in itinerari di visita;
tuttora in corso di pubblicazione).
Guida alle nuove Chiese di Roma. Pontificia Opera per la preservazione della Fede e la provvista di nuove chiese in
Roma, Roma, Gangemi, 1990.
Guide Rionali di Roma. 37 fascicoli a cura dell’Assessorato alla Cultura, Roma, Fratelli Palombi, 1978-84.
Paolo PORTOGHESI, Roma Barocca, Roma-Bari, Laterza, 1983.
Andrea RICCARDI, Le chiese di Pio XII, Roma-Bari, Laterza, 1986.
Piero Ostilio ROSSI, Roma. Guida all’architettura moderna 1909-2000, Roma-Bari, Laterza, 2000.
Giovanni TESEI, Le chiese di Roma, Roma, Wefag, 1991.

II – UTILI
Mariano ARMELLINI, Le chiese di Roma dal secolo IV al XIX, Roma, Ed. Tipografia Vaticana, 1891.
Marco Enrico BOSSI e Giovanni TEBALDINI, Metodo teorico e pratico per organo (1893), Milano, Carisch, 1978.
Eamon DUFFY, La grande storia dei papi. Santi, peccatori, vicari di Cristo, Milano, Mondadori, 20014.
Maurizio FAGIOLO DELL’ARCO, L’immagine al potere. Vita di Giovan Lorenzo Bernini, Roma-Bari, Laterza, 2001.
Giustino FARNEDI, Guida alle chiese di Roma. Giubileo 2000, Casale Monferrato, Piemme, 1999.
Graziano FRONZUTO, Basilical organs in Rome, «The Organ Club Journal», V, 2002, pp. 12-20.
Amato Pietro FRUTAZ, Le piante di Roma, Roma, Tipografia Salomone, 1962.
Federico GIZZI, Le chiese di Roma, Roma, Newton Compton, 1994 («Roma tascabile», III, VI, XV, XVI, XX, XXV,
XXXIII, XXXV, XLI, XLVIII, XLIX, LI).
Christian HÜLSEN, Le Chiese di Roma nel Medio Evo, Firenze, Leo S. Olschki, 1927.
Rodolfo LANCIANI, La distruzione dell’antica Roma, Milano, Curcio, 1986.
Daniele MANACORDA e Renato TAMASSIA, Il piccone di Regime, Milano, Curcio, 1985.
Valerio MARIANI, Le chiese di Roma dal XVII al XVIII secolo, Bologna, Cappelli, 1963.
Arnaldo MORELLI, Storia dell’organo italiano. Bibliografia (1958-1992), «Le Fonti musicali in Italia», VI, 1992.
Corrado MORETTI, L’organo italiano, Milano, Eco, 19973 (seconda ristampa dell’edizione del 1987; essendo l’autore
scomparso nel 1974, tutte le edizioni successive a quella del 1973 sono postume e recano integrazioni e aggiornamenti a
cura di Eugenio Consonni e Arturo Sacchetti).
Alessandro RUFINI, Guida di Roma e suoi dintorni, Roma, Ed. Tipografia Forense, 1857.
Antonio SPINOSA, Pio XII. Un papa nelle tenebre, Milano, Mondadori, 19922.
STENDHAL, Passeggiate romane (1829), Bari, Laterza, 1991
Filippo TITI, Descrizione delle pitture, sculture e architetture esposte in Roma (1674). Testo riveduto e corretto da
Giovanni Bottari (1763), Roma, Marco Pagliarini, 1763.
Giorgio VASARI, Le vite dei più eccellenti pittori scultori e architetti (1568), Roma, Rusconi, 2002.

III – BIBLIOGRAFIA
Per la parte bibliografica rimando i lettori alla bibliografia generale riportata in ciascuna delle opere che ho indicato
come indispensabili. Segnalo quella in Cantorie e Organi di Roma, dianzi citata, p. 175 e seg., e quella richiamata nel
poderoso apparato di note, pp. 147-169, ai capitoli iniziali e finali di tale opera. Degna di menzione è poi la ricca ed
accurata serie di fotografie a colori di grande formato che illustra in modo quantomai chiaro ed eloquente il testo.
Rimando anche all’interessante Storia dell’organo italiano. Bibliografia (1958-1992), dianzi citata, nella quale Arnaldo
Morelli ha indicato la bibliografia edita in quell’intervallo.

— III —
IV – SITI INTERNET
Per quanto internet non possa essere considerata fonte autorevole o attendibile tout-court, è senza dubbio una biblioteca
virtuale di facile accesso e di immediata consultazione. Occorre un radicato ed attento spirito critico per cercare di
scegliere quanto e cosa attingervi. D’altronde non è nemmeno corretto reputare ciò che viene pubblicato in internet
come una sorta di “trash” indistinto, senza accostarsi con criteri di equo giudizio e senza tener conto che molti siti sono
compilati e curati da seri studiosi. Comunque, alcuni di questi siti sono meritevoli di una lettura (o meglio di una
“navigazione”) magari estesa anche ad altri siti correlati raggiungibili da opportuni links:
<http://organoacanne.cjb.net> - curato dall’organista Giuseppe Distaso, è dedicato all’organo con pagine di argomento
specifico, a seguito di segnalazione o anche esperienze personali del curatore, di organisti ed appassionati.
<http://penelope.uchicago.edu/Thayer/I/Gazetteer/Places/Europe/Italy/Lazio/Roma/Rome/churches/_Texts/Armellini/A
RMCHI*/home.html> - trascrizione (per la parte di dominio pubblico) curata da Bill Thayer del volume di Mariano
Armellini dianzi citato.
<http://penelope.uchicago.edu/Thayer/I/Gazetteer/Places/Europe/Italy/Lazio/Roma/Rome/_Texts/Titi/1763*/home.html
> - trascrizione (per la parte di dominio pubblico) curata da Bill Thayer del volume di Filippo Titi dianzi citato.
<http://roma.katolsk.no/arealist.htm> - in lingua inglese, curato da Chris Nyborg, con schede su chiese di Roma.
<http://www.araldicavaticana.com/> - gestito da Giovanni Sicari con notizie araldiche su papi e cardinali, con la
riproduzione degli stemmi e con varie pagine interessanti, tra cui quella con l’elenco completo delle chiese nell’urbe e
delle diocesi suburbicarie sedi di titolo cardinalizio, da quelle più antiche fino a quelle con titolo di recente creazione.
<http://www.arch-hist.net/art/catalogo.html> - catalogo bibliografico di testi di architettura, con particolare riguardo a
monografie su chiese di Roma.
<http://www.avirel.it> - sito dell’Archivio viaggiatori di Roma e del Lazio, con eccellente biblioteca virtuale con la
trascrizione di saggi di interesse storico ed artistico, curato dall’Istituto di Studi Romani.
<http://www.casali.com/roma/nolli/index.htm/> - riproduzione della Nuova Pianta di Roma, incisa dal cartografo
Giovan Battista Nolli ed edita nel 1748.
<http://www.catholic-hierarchy.org/about.html> - curato da David M. Cheney, riporta titoli e utili notizie biografiche di
vescovi, arcivescovi, cardinali e papi dal secolo XVIII in poi.
<http://www.fiu.edu/~mirandas/cardinals.htm> - curato da Salvador Miranda, è interamente dedicato ai cardinali,
dall’alto medioevo ai giorni nostri.
<http://www.fototeca.iccd.beniculturali.it/> - sito della Fototeca Nazionale del Ministero per i Beni e le Attività
Culturali, con motore di ricerca di immagini storiche dell’archivio e possibilità di ordinazione e acquisto di stampe.
<http://www.lapaginadellorgano.it> - curato dall’organista Federico Borsari sin dal 1996, è dedicato all’organo con
pagine monografiche su strumenti, organisti, compositori e argomenti correlati dando spazio anche ad articoli di altri
organisti ed appassionati.
<http://www.medioevo.roma.it/saggi/chiese> - curato da Fabrizio Alessio Angeli ed Elisabetta Berti, sugli aspetti
storici di chiese antiche della città.
<http://www.romaspqr.it/ROMA/Chiese_di_Roma.htm> - schede sulle chiese di Roma all’interno del sito sulla città
realizzato da Marco De Berardinis spaziando su vari argomenti culturali e di attualità.
<http://www.romecity.it/Chiesediroma.htm> - schede sulle chiese di Roma all’interno del sito RomeCity, ideato,
realizzato e sviluppato da Marco Mercuri, anche questo arricchito da notizie d’arte, cultura e attualità.
<http://www.sardimpex.com/> - sito sulle casate nobili e sulle sulle principali dinastie italiane curato da Davide Shamà.
<http://www.sposarsiaroma.it/chiese/index.php> - sito dedicato a a coloro che intendano sposarsi in una chiesa della
città, con notizie e foto utili a tale scopo.
<http://www.viavenetoroma.it/it/chiese/ListaChiese.asp> - interessante sito con schede sintetiche ed essenziali per
turisti attenti e sensibili all’arte.
<http://www.vicariatusurbis.org/> - sito del Vicariato di Roma (cioè l’arcidiocesi di Roma, il cui arcivescovo è il papa
stesso ma che affida la cura ad un cardinale con compiti di suo vicario) estremamente accurato e ricco di notizie
sintetiche ed utili su argomenti non solo religiosi ma anche etici ed umanitari; in esso è possibile trovare elencate le
chiese con i nomi ufficiali e gli elenchi delle Basiliche, delle chiese parrocchiali, delle rettorie e degli istituti religiosi sia
maschili che femminili.
Non ho trovato alcun supporto multimediale (video, CD-ROM, DVD, e-book) utile in senso generale ai fini di
questo scritto; si tratta di tecnologie oggi utilizzate per trattare in modo immediato e d’effetto argomenti per un pubblico
vasto ma non specialista (per es. visite virtuali ai Musei Vaticani o ai Fori Imperiali). Né va sottovalutato che ogni
supporto multimediale è soggetto al rischio di obsolescenza rapida. Ciò significa che in pochi anni viene esclusa dal
mercato, perché superata, la stessa tecnologia in grado di eseguirne la lettura.

— IV —
Dunque per ragioni di progresso (e di commercio) vengono sempre più rapidamente introdotti supporti di
nuovo tipo, certamente migliorativi, e tecnologie atte a produrli e a leggerli, ma non sempre compatibili con quelle
precedenti. D’altronde «creare un linguaggio informatico universale per ridurre la difficoltà di un diversificato, ciclico
aggiornamento costituisce una pura chimera destinata ad essere sconfitta» [Alessandro OLSCHKI, Memorie digitali:
rischio estinzione, «La Bibliofilía», CVI (2004), I, p. 92]. Io stesso ho ritrovato dei floppy-disk su cui avevo salvato i
miei primi appunti sugli organi nel 1990; formattati come si usava all’epoca, oggi ho potuto con difficoltà copiare uno o
due files ma non c’è stato verso di leggerli con alcun word-processor attuale (meno male che avevo stampato su carta
qualche pagina e sono riuscito a ritrovarla e a trascriverla).
Ho indicato, infine, l’eventuale presenza di immagini storiche di alcuni organi, sia come figure all’interno di
volumi, di inquadrature all’interno di filmati, e qualche rara incisione discografica di cui sono venuto a conoscenza.

IL PUNTO DI PARTENZA
Ho iniziato ad accostarmi agli organi di Roma (e non solo) nel 1978, ricordato negli ambienti cattolici come
«anno di tre papi» (Paolo VI, Giovanni Paolo I, Giovanni Paolo II) e per tanti altri eventi memorabili, spesso
drammatici. Dopo i primi timidi tentativi, sporadici e capitati più per caso che per curiosità, ho sentito il desiderio di
ascoltare, sapere, capire vedere e (magari) suonare. Cominciando senza alcuna sistematicità, ho poi approfondito i
metodi di approccio, di indagine e di acquisizione di notizie modificandoli e integrandoli col tempo. A posteriori, posso
suddividere gli anni trascorsi in tre periodi, ciascuno contraddistinto da obiettivi e da risultati peculiari.
Nel primo periodo, tra il 1980 e il 1990, sono andato alla ricerca delle occasioni giuste per suonare organi in
luoghi prestigiosi (basiliche principali, chiese famose del centro storico ecc.) che hanno costituito il primo motivo di
interesse. Non di rado ho conosciuto organisti all’epoca molto famosi (alcuni dei quali scomparsi in quegli stessi anni),
organari all’opera in restauri impegnativi di strumenti antichi, appassionati colti e ben informati; sono stato attento
spettatore di concerti d’organo (tenuti in molte sedi e con una certa frequenza da associazioni all’apice della loro
parabola storica). Infine, come organista, ho avuto le prime occasioni pubbliche (in iniziative quali vespri d’organo,
serate di musica sacra e rassegne similari). Gli appunti presi in quegli anni, manoscritti, non hanno avuto alcuna pretesa
di organicità e di classificazione ma si sono poi rivelati alquanto utili.
Nel secondo, tra il 1990 e il 2000, ho iniziato a sistematizzare i miei appunti precedenti e quelli di nuova
acquisizione, non poco facilitato dall’uso del personal computer; ho suonato organi d’ogni tipo e di ogni epoca,
cominciando a visitare le chiese delle zone semicentrali (quelle edificate dopo il 1870 e prima del 1940) e periferiche.
Considero inoltre particolarmente importante aver conosciuto l’organista e musicista padre Stefano Romano nel 1991;
la lunga amicizia ed il nutrito epistolario e soprattutto il suo illuminante esempio permeano queste pagine. Inoltre i suoi
scritti testimoniano come si possa riuscire a descrivere tutti gli organi presenti in una grande città dando la necessaria
importanza al contesto storico, artistico e religioso che li ha determinati, conservati e, in molti casi, abbandonati ed
anche perduti (Stefano ROMANO, L’Arte Organaria a Napoli, Vol I, Napoli, S.E.N., 1979; Vol II, Napoli, Arte
Tipografica 1990).
Infine nel terzo, tra il 2000 e il 2006, ho dato forma unitaria a tutto il materiale raccolto; sono ritornato anche
su luoghi precedentemente visitati alla ricerca di aggiornamenti e precisazioni (soprattutto in relazione a storia, essenza,
caratteristiche e contenuto artistico), senza trascurare la ricerca e lo studio di altri strumenti in siti quasi sconosciuti ma
comunque degni d’interesse; grazie ad internet ho potuto scambiare informazioni, notizie, impressioni e opinioni con un
numero vastissimo di organisti, organari, appassionati ed anche religiosi.
Questo scritto costituisce il resoconto del processo cognitivo esposto: processo lento e di lunga durata,
maturato gradualmente, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno, tempo durante il quale ho acquisito una
conoscenza sempre più specifica e puntuale (conoscenza – ci tengo a specificare – eminentemente pratica, forse
empirica, effettuata personalmente, direttamente ed esclusivamente sul campo).

CRITERI DI SCELTA
Arrivare a conoscere adeguatamente tutti gli organi presenti in Roma è certamente impresa ai limiti delle
umane possibilità, superata solo dal riuscire a scrivere un testo contenente le notizie in merito (fatica comunque ben
minore di quella di riuscire a leggerlo). Ho dovuto allora limitare il campo e scegliere gli organi secondo criteri sintetici
e di immediata applicazione. Ecco quelli che ho privilegiato:
- organi esistenti e collocati in luoghi normalmente visitabili (o in alcuni rari casi in luoghi non visitabili
normalmente ma citati per particolare importanza dell’organo descritto);
- in condizioni di suonare e che ho effettivamente personalmente suonato o (in vari casi in quest’Appendice)
che sono stati suonati da amici che me ne hanno poi fornito la descrizione secondo gli schemi adottati o che ne hanno

—V—
reso disponibile le disposizioni foniche su internet. Tra questi spicca Davide Campeggiani che ha reso disponibili in
internet numerose disposizioni foniche ma senza riportare unioni, accoppiamenti ed annulli che è stato facile (non
sempre) aggiungere. La corrispondenza elettronica con alcuni organari mi ha consentito di aggiungere altri strumenti
non facilmente raggiungibili.
Infatti i miei appunti riguardano innanzitutto organi che ho realmente suonato almeno una volta e che quindi,
anche se non sempre in buono stato, ho potuto in qualche modo azionare ed ascoltare (alcuni di questi, però, potrebbero
nel frattempo essere stati ridotti al silenzio, e, in casi estremi, smontati o danneggiati). Questo perché in tanti anni ho
avuto accesso a un numero enorme di organi (alcuni dei quali in luoghi quasi inaccessibili, grazie all’interessamento di
personaggi non meno inaccessibili), anche se il mio scopo è sempre stato quello di suonare e non cercare notizie su
organi distrutti o prendere atto di organi inutilizzabili. Per tali ragioni, pur avendo predisposto schede di strumenti
esistenti (con tutte le canne o buona parte) ma insuonabili, ho deciso di non inserirle anche se magari storicamente
importanti. Stavolta ho voluto inserire le schede di organi che ho suonato o non mi è stato concesso di suonare in luoghi
dove sono stato accolto con villana scortesia, tipica di personaggi (religiosi, sacristi ed ‘organisti’) di dubbia
competenza e di sicura insensibilità per segnalare agli studiosi luoghi da evitare.
Vi sono stati anche alcuni strumenti (pochi in verità) che, nonostante l’impegno e ripetuti tentativi, si sono
rivelati irraggiungibili. Ciò soprattutto per ragioni oggettive (per es. poiché celati in aree di lavoro di restauri
architettonici ed artistici di grande respiro e di lunga durata) o conservati in luoghi di rara apertura, o perché nel
frattempo smontati, trasferiti, venduti o divenuti insuonabili ecc.
Gli strumenti descritti sono in gran parte relativamente recenti, costruiti o ricostruiti nello stato attualmente
visibile nel corso del secolo XX; ciò non deve meravigliare perché da un lato rispecchia la situazione reale complessiva
(considerando la totalità degli organi esistenti a Roma, la quotaparte costituita da strumenti del secolo XX è di gran
lunga preponderante), dall’altro aiuta a colmare la lacuna lasciata da altre pubblicazioni. Infatti finora è stata
prevalentemente e giustamente privilegiata la trattazione di strumenti antichi. In tal senso si sono distinti molti validi
studiosi, tra cui cito almeno Patrizio Barbieri, Arnaldo Morelli e soprattutto – per quanto riguarda i riflessi diretti sulle
mie ricerche – Furio Luccichenti (dei cui articoli su organari antecedenti il secolo XX sono stato tenuto al corrente, con
squisita cortesia, anche prima della pubblicazione). Ma il secolo XX, ormai passato, ha lasciato un segno indelebile tra
gli organi di Roma, forse più in senso quantitativo che qualitativo, ma che vale la pena di iniziare a valutare con la
necessaria attenzione. In tal senso ho ricercato con cura le testimonianze dirette di protagonisti e di appassionati che ho
avuto la fortuna di conoscere e che mi hanno onorato della loro amicizia, tra i quali Sergio Colasanti, Agostino Raff,
Carlo Soracco, Alessandro Capitani, Giorgio Muto.

CRITERI DI DESCRIZIONE
Non è facile scegliere come descrivere gli organi e qualunque criterio non può che privilegiare alcuni aspetti
trascurandone altri. Dopo vari ripensamenti, ho impostato una scaletta di criteri descrittivi che ho adottato per tutti gli
strumenti, in modo da esporre dati confrontabili. Ciò facilita l’esposizione e la comprensione indipendente di ogni
scheda anche se la lettura consecutiva di molte di esse può apparire ripetitiva e monotona.

LUOGO DI INSTALLAZIONE
Il criterio primario che ho adottato è quello del luogo di installazione (e non per es. in base al costruttore o all’epoca o
allo stile), secondo ordine alfabetico. Poiché si tratta in stragrande maggioranza di chiese, ho ordinato alfabeticamente i
nomi dei santi dedicatari (senza tener conto della S. o SS.) seguito eventualmente da eventuali appellativi d’uso comune
(per es. S. Rocco all’Augusteo, S. Maria in Trastevere). Per quanto riguarda le chiese mariane, ho preferito chiamarle
tutte ‘S. Maria’: ciò non sempre è corretto, ma evita le innumerevoli variazioni (S. Maria, Madonna, Maria SS., Beata
Vergine ecc.) e limita la differenza sempre presente tra la denominazione ufficiale e quella popolare (che spesso
presenta l’elisione della dedica a Maria: l’Aracoeli, la Minerva, la Quercia, la Navicella ecc.); solo in due casi ho
preferito lasciare la dizione Nostra Signora.
Non ho dato rilevanza, ai fini della classificazione, a particolari titoli (basilica minore, parrocchia, santuario, tempio
ecc.) né alla proprietà immobiliare (anche se va tenuto presente che molti luoghi di culto sono stati incamerati nel
demanio dello Stato per gli effetti della legge n. 1402 del 19 giugno 1873) Comunque, a mo’ di sottotitolo, ho riportato
la denominazione ufficiale di ogni chiesa, l’indirizzo e un accenno a modalità e orari di apertura al pubblico.
Ho dato al testo un’articolazione in parti: basiliche maggiori, chiese cattoliche, cappelle, luoghi di culto non cattolico,
sale da concerti e luoghi singolari. Infine – grazie anche al consiglio e all’esortazione del dott. Alessandro Olschki – ho
aggiunto le schede riguardanti alcuni luoghi che attualmente non posseggono organi ma in passato hanno avuto
strumenti di particolare rilevanza storica, andati perduti per lunghe vicissitudini (ed anche per umana colpa o
trascuratezza) e quelle di luoghi che, per loro vocazione o destinazione, avrebbero certamente dovuto contenere organi.

— VI —
STORIA
Di ogni luogo di installazione ho ritenuto necessario esporre innanzitutto la storia. Sono convinto che solo dopo aver
tenuto presente l’evoluzione temporale spesso lunga e complessa del monumento (nell’accezione di bene architettonico
di valenza sociale e di impatto urbanistico) è possibile comprendere l’esistenza e le caratteristiche di ciascun organo.
Così ho voluto evidenziare che ogni organo è stato costruito per motivi precisi ed individuabili, concomitanti nella
maggior parte dei casi con altri interventi all’interno del monumento (per es. interventi architettonici di rilievo – spesso
commissionati da un pontefice o da un cardinale o da una famiglia nobile – conferimento di titolo cardinalizio,
elevazione a rango di basilica ecc.).
In molti casi, per maggiore chiarezza, ho separato la storia del monumento da quella degli organi soprattutto nei casi in
cui questi ultimi hanno avuto nei secoli particolare importanza o si presentino oggi costituiti da cospicue parti antiche e
complesse stratificazioni. In altri casi ciò non mi è stato possibile, soprattutto dove gli organi sono stati demoliti, per
esempio nel corso dei restauri storici che hanno interessato molte chiese antiche nei secoli XIX e XX e che hanno
comportato la rimozione di organi perché più recenti (tale prassi sembra essere tuttora praticata, basti pensare che
pochissimi anni fa dalla chiesa borrominiana di S. Carlino alle Quattro Fontane è stato rimosso l’organo degli anni ’30
del secolo XX e demolita la cantoria ottocentesca sulla porta d’ingresso; fortunatamente lo strumento è stato ricollocato
in una chiesa di Borgo Sabotino nei pressi di Latina). Ovviamente, ho fatto doveroso cenno di organi distrutti oppure
esistenti ma insuonabili qualora presenti nella stessa sede dove c’è un organo suonabile (per es. S. Maria sopra Minerva,
S. Maria in via Lata ecc.), ma ho escluso qualsiasi cenno su strumenti al momento insuonabili collocati in siti dove non
c’è alcuno altro organo suonabile (per es. S. Maria della Consolazione, S. Pietro in Vincoli ecc.).
In via generale, la storia delle chiese di Roma è segnata da eventi decisamente importanti, a partire dall’insediarsi delle
prime comunità cristiane (episcopato di san Pietro, predicazione di san Paolo, persecuzioni, martiri ecc.); sicuramente
impossibile elencarli tutti, ma certamente utile segnalare quelli più significativi e che hanno comportato pesanti
ripercussioni sul patrimonio religioso della città.
L’Editto di Milano emanato nel 313 dall’imperatore Costantino il Grande con la concessione di libertà di culto ai
cristiani è l’atto fondamentale che ha reso loro possibile la costruzione dei primi luoghi di culto pubblico, e ovviamente
le prime basiliche (termine che è passato ad indicare quegli edifici sacri simili per forma e grandiosità alle omonime
costruzioni civili –grandi aule coperte per le assembee e per i mercati– realizzate nei Fori) tra cui le cosiddette basiliche
maggiori S. Salvatore (poi S. Giovanni in Laterano, cattedrale di Roma), S. Maria Maggiore, S. Paolo fuori le Mura e
S. Pietro in Vaticano. La decadenza dell’Impero e le invasioni barbariche hanno comportato lo spopolamento della città;
eventi umani (furti sacrileghi, saccheggi) compiuti in varie occasioni ed eventi accidentali e naturali (incendi, terremoti,
crolli) hanno provocato danni ingenti a molte chiese. A seguito di essi si registrano opere di restauro e di ricostruzione
per iniziativa dei pontefici.
Le basiliche e le chiese più importanti sono state sin dall’origine affidate dai pontefici – quali vescovi della città – a
presbiteri (sacerdoti) titolari (responsabili). Essi sono stati reclutati tra gli appartenenti al clero di Roma, poi, a partire
dal secolo V pure da altre città, anche lontane, appositamente chiamati dai pontefici. Questa cooptazione, comportando
l’assegnazione stabile ad una chiesa di cui si sarebbe poi assunto il titolo (responsabilità), è stata chiamata
cardinamento (nel senso di incardinare, cioè collegare, connettere stabilmente) e i sacerdoti così cardinalati sono stati
chiamati cardinali presbiteri.
Nel secolo VII i pontefici hanno affidato a soggetti di propria fiducia anche le diaconìe, complesse organizzazioni di
assistenza caritativa (in origine sette) presenti a Roma, rette da diaconi titolari. Anche in questo caso la cooptazione è
stata chiamata cardinamento e i soggetti interessati cardinali diaconi.
Nel secolo successivo, in modo analogo, le sette Diocesi circostanti (direttamente soggette a Roma e chiamate
suburbicarie: Ostia, Albano, Frascati, Palestrina, Porto e Santa rufina [attuale Castelnuovo di Porto], Sabina e Poggio
Mirteto, Velletri e Segni) rette da vescovi titolari, sono state affidate a cardinali vescovi.
Con la cessione da parte del re longobardo Liutprando a papa Gregorio II dei castelli di Sutri, Bomarzo, Orte e Amelia
(728), è nato il potere temporale dei papi, veri e propri signori di un piccolo stato dell’Italia Centrale (la cui capitale,
Roma, si è trovata però a lungo geograficamente isolata al centro di un territorio pianeggiante ma infido, desertico e
malarico); in questi anni si consolida il potere di potenti famiglie che spadroneggiano nella città e nel Lazio e tra i cui
membri viene spesso eletto il pontefice (infatti il papato è una carica elettiva, e il diritto di voto è stato da sempre
riservato al clero romano, rappresentato in via restrittiva dai titolari di basiliche, chiese, diaconìe e diocesi suburbicarie,
cioè appunto i cardinali).
La residenza pontificia è stata fissata nel palazzo, detto Partiarchio, nei pressi di S. Giovanni in Laterano. Come
monarchi di uno stato sovrano, i pontefici hanno avuto particolare rilevanza politica; perciò si sono trovati al centro di
contese e di guerre, stringendo alleanze o venendo in contrasto con altri monarchi, tanto che – a seguito di sconfitte –
hanno dovuto intraprendere la via dell’esilio e della prigionia. Hanno anche concesso titoli nobiliari, al pari di qualsiasi

— VII —
altro sovrano, a membri di famiglie amiche; anche la concessione di titoli cardinalizi è quindi divenuta una vera e
propria investitura nobiliare a tutti gli effetti, particolarmente ambita e privilegiata.
Il secolo XIV è stato caratterizzato dall’Esilio Avignonese (durato dal 1305 al 1377): i papi sono stati costretti a vivere
ad Avignone, lasciando Roma in uno stato di profonda crisi e senza un vero e proprio governo. Al termine, col rientro in
città, le chiese sono state trovate per la maggior parte in rovina e bisognose di restauri, in parte subito iniziati e
protrattisi per lunghi decenni e nel secolo successivo.
Il secolo XV ha visto anche l’inizio del Rinascimento, con una fioritura artistica tale da porre Roma tra le massime
protagoniste dell’epoca. Ciò è avvenuto sia grazie all’impulso dei pontefici, ma anche delle grandi famiglie nobiliari
romani e degli stessi cardinali, che hanno riservato generosità mecenatesca verso le sedi di cui erano titolari. Il secolo
successivo è stato contraddistinto da eventi particolarmente importanti per la storia del mondo, ma che hanno avuto
riflessi negativi per la città: innanzitutto la Riforma Protestante sviluppatasi in Germania e presto estesa in gran parte
d’Europa; il Sacco di Roma (1527) effettuato dalle soldataglie dell’imperatore Carlo V e che ha prodotto in pochi giorni
gravissimi danni; la Battaglia di Lepanto (1571) vittoriosa per la flotta cristiana e che ha portato un vento di speranza
nell’Europa del tempo (e una immediata diffusione di pratiche devozionali, come la recita del Rosario, preesistente ma
fino ad allora praticata in ambiti limitati e non dappertutto) con conseguenze economiche ed inevitabili riflessi artistici.
La ricostruzione della basilica di S. Pietro, la decorazione della Cappella Sistina e dei palazzi papali segnano l’inizio
della centralità del Vaticano – in luogo del Laterano – per la chiesa cattolica.
L’aspetto attualmente visibile della gran parte delle chiese del centro è segnato profondamente dallo stile Barocco,
sviluppatosi per tutto il secolo XVII e che ha visto operare a Roma i maggiori artisti dell’epoca intenti a trasformare il
volto di edifici preesistenti e a crearne nuovi secondo inusitate libertà di forme e di stili. Molti organi vengono costruiti
in questo periodo, secondo schemi fonici ed estetici peculiari.
Il secolo successivo è contraddistinto da ulteriori interventi artistici attuati su chiese preesistenti e dall’erezione di
nuove, e dai restauri condotti per volontà dei pontefici tra cui spicca per impegno in tal senso Benedetto XIV, forse il
più grande dei papi dell’epoca. Alla fine del secolo si sviluppa lo stile neoclassico, con l’apporto di grandi artisti.
Il secolo XIX inizia con l’Invasione Francese (così è definito nella storiografia papalina il governo francese nel periodo
1799-1815; allo stesso modo viene tuttora definito nella gran parte delle guide su chiese di Roma) con conseguenze
disastrose dal punto di vista politico, sociale, culturale, artistico e religioso. Particolarmente traumatico, oltre al forzato
esilio dei pontefici eletti in questi anni, l’esproprio dei beni ecclesiastici, il sistematico saccheggio delle maggiori opere
d’arte, la distruzione di edifici di culto e di quanto in essi contenuto e la trasformazione di quanto rimane ad uso militare
(caserme, stalle, magazzini).
Con la successiva Restaurazione si cerca di porre rimedio ai danni inferti al patrimonio artistico; viene anche istituita
una commissione guidata da Antonio Canova per il recupero di opere d’arte trafugate e portate in Francia: essa riesce ad
individuarne e riportare a Roma in gran numero, ma non meno di altrettante non faranno più ritorno. L’incendio che
distrugge la basilica di S. Paolo nel 1823 e la lunga affannosa ricostruzione sono paradigmatiche in quest’epoca della
fragilità del patrimonio storico, religioso ed artistico di Roma e la volontà di non rassegnarsi alla perdita di esso.
La metà del secolo è dominata dall’elezione a pontefice (1846) di Giovanni Maria Mastai Ferretti, cardinale di
SS. Marcellino e Pietro, con il nome di Pio IX. Personaggio di primo piano e di enorme statura storica, la cui opera non
è stata ancora sufficientemente studiata e compresa a causa della visione ancora troppo italocentrica (o
sabaudocentrica?) della storia dell’epoca che ha da sempre gettato ombre (non potendo gettare oblio) su di lui: prova ne
siano le polemiche inaudite contro la sua beatificazione ad opera di Giovanni Paolo II (3 settembre 2000). Egli,
rifugiatosi a Gaeta a causa della rivoluzione e dell’instaurazione della Repubblica Romana (1848-49), ha maturato la
convinzione di consolidare e rafforzare la Chiesa attraverso varie opere e, ai soli modesti fini di questo scritto,
attraverso il risanamento ed il restauro architettonico ed artistico degli edifici di culto, specie i più antichi. Così ha
innanzitutto convinto il re delle Due Sicilie, Ferdinando II di Borbone, ad attivarsi per il restauro delle chiese del suo
regno (e difatti molte di esse sono giunte fino a noi solo grazie ai lavori favoriti da questo monarca a partire dal 1850:
basti solo recarsi a Napoli e a Gaeta per rendersene conto). Poi, rientrato a Roma grazie all’aiuto militare francese, ha
provveduto ad ordinare una immensa campagna di restauro di tutte le chiese più bisognose, condotta senza risparmio
fino al 1870, che ha preservato e fatto giungere ai giorni nostri la maggior parte di esse.
La Presa di Porta Pia (20 settembre 1870) ha posto fine al potere temporale dei papi e, tra le tante conseguenze, ha
portato ad un nuovo esproprio dei beni ecclesiastici (1873) ed una ulteriore trasformazione di conventi in edifici militari
e in ministeri. Per singolare coincidenza, il 1878 ha visto la morte del re Vittorio Emanuele II (17 gennaio) e del papa
Pio IX (7 febbraio, il più lungo pontificato dopo quello di san Pietro). Ma la trasformazione di Roma in senso
decisamente moderno si è avuta durante il regno di Umberto I (1878-1900), con un aumento demografico veloce e
incontrollato e l’erezione di nuovi grandi quartieri residenziali in luogo di antiche ville nobiliari (epoca storica nota
come Roma Umbertina). Nonostante l’avvicendarsi di monarchi e di governanti di orientamento anticlericale, le
esigenze spirituali della popolazione sempre più numerosa non possono essere trascurate e vengono costruite nuove
chiese e nuovi istituti, soprattutto grazie all’opera di Leone XIII e di religiosi quali Giovanni Bosco, Luigi Guanella,

— VIII —
Luigi Orione. I maggiori studiosi di storia dell’arte sono pressocché unanimemente schierati contro il Barocco a favore
di un palese amore verso le epoche precedenti; i restauri intrapresi in questi anni tendono a spogliare le chiese antiche di
qualsiasi sovrastruttura posteriore al secolo XV, a prescindere dal valore artistico (ne fanno le spese molti organi
seicenteschi e settecenteschi, demoliti senza troppi complimenti insieme ad altari, sculture e quant’altro, e solo talvolta
sostituiti – nei migliori casi – da strumenti moderni, spesso in posizione nascosta alla vista).
In questo periodo vengono costruiti anche edifici destinati a culti diversi da quello cattolico (in realtà ve ne erano anche
prima del 1870, ma limitati ad ambienti piccoli e praticamente invisibili dall’esterno) di dimensioni decisamente
confrontabili con le chiese maggiori.
La sensibilità verso la musica sacra da parte di san Pio X, pontefice tra il 1903 e il 1914, si concretizza appena dopo la
sua elezione con il motu proprio del 22 novembre 1903 fondamentale per i successivi sviluppi di quest’arte. Ai soli
modesti fini di questo scritto va evidenziato che l’emanazione del testo è generalmente considerato come atto ufficiale
di riconoscimento delle idee organologiche del Movimento Ceciliano; da questo momento in poi gli organi vengono
costruiti o modificati (o, con una locuzione dell’epoca, riformati) in senso moderno, con almeno due manuali e
pedaliera di oltre due ottave, trasmissioni pneumatiche (poi elettriche), accessori e combinazioni. Nel 1911 viene
fondata una specifica scuola vaticana, che diverrà poi Pontificio Istituto di Musica Sacra.
Lo scoppio della Prima Guerra mondiale (1914/15-1918) porta l’Italia a confrontarsi militarmente con le potenze al
tramonto (Germania, Austria-Ungheria) ed economicamente con quelle vincitrici. Nel 1922 l’instaurazione del fascismo
porta conseguenze inimmaginabili nel tessuto urbano di Roma. L’ideologia si riflette su una visione magniloquente
della città, con la distruzione di interi quartieri (comprese eventuali chiese non sempre piccolissime o minori) per creare
nuove arterie stradali o per trarre alla luce ruderi romani. Avviene la riconciliazione con la firma dei Patti Lateranensi
(11 febbraio 1929). Nel frattempo si creano nuovi estesissimi quartieri periferici (chiamati tuttora eloquentemente
borgate) popolati da coloro che sono venuti da regioni lontane ed anche dagli abitanti dei quartieri centrali demoliti, qui
condotti con provvedimenti coattivi (e pertanto tuttora chiamati altrettanto eloquentemente coatti). Per essi si edificano
nuove chiese, utilizzando strutture classiche (tre navate, cappelle laterali, abside) e materiali tradizionali (laterizio,
pietra, coperture in legno).
La Seconda Guerra mondiale (1939/40-1945) colpisce pesantemente Roma; i bombardamenti del 19 luglio e del 13
agosto 1943 provocano danni e vittime, ma il segno indelebile della violenza più cieca e assurda si avverte soprattutto
durante i mesi della dominazione nazista (8 settembre 1943 – 4 giugno 1944). In questo periodo, la presenza e l’azione
continua di Pio XII (che si è sempre rifiutato di abbandonare la città, nonostante le pesanti minacce tedesche tutt’altro
che infondate di farlo prigioniero o ucciderlo) sono di innegabile conforto alla popolazione romana non solo in
occasione dei citati bombardamenti ma anche nelle opere caritative.
La ricostruzione segna l’inizio dell’espansione di Roma fino alle dimensioni attuali, dovuta anche all’arrivo in città di
sterminate masse di italiani di ogni regione giunte qui – avendo perso tutto durante la guerra – per cercare di lavorare o
quantomeno di sopravvivere. Nelle propaggini periferiche sempre più ampie vengono costruite con urgenza nuove
chiese, per la maggior parte strutturate secondo schemi tradizionali ma sempre con ampi spazi conventuali e sale per
l’accoglienza di fedeli e pellegrini (spesso seminterrate e grandi tanto quanto la chiesa stessa), tutte contraddistinte dallo
stemma di Pio XII sulle facciate. Questo stemma su tali opere è il muto testimone, quasi invisibile quanto inoppugnabile
di fronte alla storia, del sentimento pastorale, caritativo, concreto, mai appariscente, praticato da questo papa durante il
suo lungo pontificato (1939-1958).
Il Concilio Vaticano II (1963-65) iniziato da Giovanni XXIII e concluso da Paolo VI porta idee del tutto nuove. Ai soli
modesti fini di questo scritto, tali idee si riflettono nel ripensamento radicale dell’architettura religiosa, della musica da
chiesa, dell’uso e – in via indiretta – dell’esistenza stessa degli organi a canne.
D’altra parte l’ulteriore espansione di Roma, l’immigrazione sempre più massiccia (anche e soprattutto dall’estero) e la
costruzione di nuovi immensi quartieri ha reso necessaria in questi ultimissimi anni la realizzazione urgente di nuovi
edifici di culto in aree sempre più periferiche. Giovanni Paolo II, negli anni del suo lungo pontificato (1978-2005), ha
seguito con energia ed abnegazione la cura spirituale degli abitanti della sua diocesi – ormai rappresentativi dell’intero
mondo e non solo dell’Italia – riuscendo a concretizzare una capillare azione pastorale ed a far costruire numerose
chiese, soprattutto quelle realizzate per il Giubileo 2000.
A questo proposito, evidenzio che tutta la storia di Roma negli ultimi settecento anni è segnata con regolarità dai flussi
di fedeli e pellegrini in occasione dei Giubilei. L’istituzione di essi risale a Bonifacio VIII, che ha indetto il primo nel
1300 fissando una cadenza cinquantennale; l’evento ha avuto così tanto successo che in seguito la sua cadenza è stata
ridotta a venticinque anni e, in tempi recenti, integrata con Giubilei straordinari della redenzione per commemorare la
morte e resurrezione di Gesù (avvenuta nel 33 d.C.) ed anche con anni particolari come l’anno mariano per
commemorare l’emanazione del dogma dell’Immacolata. In vista delle celebrazioni per tali anni e dell’afflusso di
pellegrini che esse comportano, si sono sempre avuti ingenti lavori urbanistici per il miglioramento della città;
architettonici per il restauro, l’abbellimento e la costruzione di nuovi monumenti ed anche – per quello che riguarda il
presente scritto – lavori di restauro, ricostruzione, costruzione di organi.

— IX —
ORGANO
NUMERAZIONE – un numero davanti alla denominazione dell’organo indica l’eventuale presenza nello stesso luogo di
più di un organo in stato funzionante.
ORGANARI – gli organi sono correntemente identificati in base ai nomi dei costruttori (nei numerosi casi di
stratificazioni storiche, ho cercato di identificare l’organaro che ha dato il maggior apporto); ciò costituisce semplice
convenzione dato che nessun organaro ha mai realizzato da solo un organo ma si è avvalso di manodopera di vario tipo
coordinandola e dirigendola. Per organari appartenenti alla stessa famiglia o alla stessa discendenza, ho riportato
innanzi al cognome il nome (se noto o identificabile); se ipotizzato in base alla datazione (certa o probabile), ho apposto
di seguito un punto interrogativo tra parentesi quadre. Fino a quasi tutto il secolo XIX ogni organaro ha avuto una
propria bottega (spesso ereditata) con un limitato numero di subordinati (tra cui fratelli, figli, nipoti, generi), con
un’organizzazione aziendale molto semplice (affine a quella di attuali ‘ditte individuali’ o ‘imprese familiari’), per cui
l’identificazione dell’azienda stessa con il nome dell’organaro appare sostanzialmente accettabile.
DITTE – in alcuni paesi europei (soprattutto Gran Bretagna, Germania e Francia) già a metà del secolo XIX sono
comparse ditte complesse, modernamente organizzate e con laboratori di costruzione più simili a fabbriche che a
botteghe; esse sono state denominate con il nome proprio di ciascun fondatore (organaro sì, ma in senso imprenditoriale
e non più artigianale), che spesso è restato come identificativo della ditta (cioè la cosiddetta ragione sociale) anche dopo
la morte o il ritiro dagli affari. La costruzione materiale è stata affidata a maestranze specializzate, in numero congruo
con le commesse. La ditta di Aristide Cavaillé-Coll ha avuto fino a 52 dipendenti; ma non sono state rare le ditte
fondate da più soci e capaci di far fronte a più lavori contemporaneamente: nel 1898 la ditta inglese Norman & Beard (i
cognomi dei soci fondatori) di Norwich ha avuto ben 300 dipendenti fissi, assunti con regolare contratto (cfr. Sthephen
BICKNELL The History of English Organ, Cambridge, Cambridge University Press, 1996, p. 257).
Anche in Italia – con qualche anno di ritardo e soprattutto nelle regioni settentrionali – sono state fondate ditte affini
(per quanto di dimensioni più ridotte), ma a Roma hanno continuato ad operare artigiani con botteghe familiari
tradizionali ancora per alcuni decenni dopo il 1870: gli strumenti costruiti da ditte modernamente organizzate e
strutturate (estere o norditaliane) sono state eccezioni almeno fino ai primi anni del secolo XX. Da questo momento in
poi, la costruzione degli organi anche a Roma è affidata a ditte. Per lunghi anni esse sono state identificate proprio dal
nome e cognome dei titolari: perciò ho riportato il nome ed il cognome per esteso per gli organi costruiti durante la loro
vita altrimenti, per quelli costruiti in seguito, il solo cognome (in pratica esso costituisce la corrente denominazione
piuttosto che l’effettiva ragione sociale della ditta stessa, che a volte ha avuto più variazioni nel corso degli anni).
DITTE DI LUNGA TRADIZIONE IN ATTIVITÀ – alcune ditte che hanno operato in città durante il secolo XX sono oggi attive
(sebbene a seguito di varie vicende abbiano più volte cambiato denominazione) dimostrando una certa solidità e
continuità all’interno di questa difficile fetta di mercato. Tra queste, l’unica ad aver avuto ed avere ancora sede a Roma
è quella della famiglia Buccolini, di tradizione ormai centenaria, il cui titolare è attualmente Stefano Buccolini. La
storia della famiglia è riportata nelle pagine del sito web della ditta <http://www.buccoliniorgani.it>. Ho esposto alcune
brevi notizie nelle schede specifiche dei rispettivi strumenti a riguardo di ulteriori ditte non più attive o che abbiano
operato a Roma piuttosto raramente. Aggiungo qualche breve nota in ordine alfabetico su alcune delle ditte operanti in
città da lungo tempo e tuttora in attività, utile ai fini della lettura del seguito.
ANNEESSENS (in Fiammingo o, in versione Vallone, ANNESSENS): ditta fondata a Menin (Belgio) nel 1830 e portata al suo apogeo alla fine del secolo
XIX da Charles Anneessens, il quale, influenzato dalle idee e dalla fonica di Aristide Cavaillé-Coll, ha realizzato organi prevalentemente in Belgio e
in Gran Bretagna, e, in minor quantità, in Francia. Tra le sue realizzazioni spiccano l’organo della chiesa di St. Joseph a Clermont–Ferrand (1903) e
quello di S. Giacomo (Sint Jacobskerk) ad Anversa (1911), tuttora integri. Per qualche tempo ha trasferito l’attività ad Halluin (sul confine tra Francia
e Belgio) e, associandosi di volta in volta con altri organari, ha fatto assumere alla Ditta diverse denominazioni, anche a seconda della provenienza
delle commesse. Tra il 1903 e il 1910 non è raro trovare etichette «Ch. Anneessens et fils»; alcuni strumenti, come quelli presenti in Roma, sono
denominati «I. Anneessens & Ruyssers», dove I. sta per Iulius (o in Vallone Jules), figlio di Charles. Questa Ditta dichiarava la propria sede in Belgio
(e ciò consentiva le esportazioni in Italia dove, all’epoca, la politica – non solo commerciale – aveva connotati antifrancesi), a Liegi e poi nuovamente
a Menin. Iulius ha proseguito l’attività fino agli anni ’40 del secolo XX, con il completamento del nuovo grande strumento della cattedrale di Ypres,
ricostruita dopo i bombardamenti subiti nella Prima Guerra Mondiale (la cassa monumentale è stata eseguita su disegno dell’architetto belga Jules
Coomans con il quale egli ha spesso collaborato). La denominazione attuale è «ANDRIESSEN ORGELBOUW ANNEESSENS BV.BA.» con sede in Menin
ed è diretta da Paul Andriessen , organaro, laureato in ingegneria elettronica.

Notizie utili in: <http://www.andriessenorgelbouw.be/> - pagina web della Ditta.

BALBIANI: ditta fondata dall’organaro milanese Lorenzo Balbiani, cui è succeduto il figlio Natale; nel 1919 il figlio di questi, Celestino, ha sposato
Alessandra Vegezzi-Bossi, figlia dell’organaro torinese Carlo Vegezzi-Bossi (figlio a sua volta di Giacomo Vegezzi, adottato dall’organaro Felice
Bossi). Celestino Balbiani nel 1927 ha fuso le due ditte, con sede in Milano. La denominazione attuale è «BALBIANI VEGEZZI BOSSI SRL» con sede
in Milano i cui titolari sono appunto i discendenti di Celestino e Alessandra. Nel seguito ho indicato come organi di Carlo Vegezzi-Bossi quelli

—X—
realizzati dalla ditta torinese prima del 1927, di Natale BALBIANI quelli realizzati prima del 1912, di Celestino BALBIANI quelli realizzati tra il 1912 e
il 1927; di BALBIANI Vegezzi-Bossi quelli realizzati dopo il 1927.

Notizie utili in: <http://www.asporpiemonte.org/storia_dinastia_Vegezzi_Bossi.htm> - pagina web curata dall’associazione ASPOR con la storia
degli organari appartenenti alle famiglie Vittino, Bossi, Vegezzi, Balbiani e il loro intreccio professionale e familiare, sintetizzato nella pagina
<http://www.asporpiemonte.org/Vegezzi-Bossi.PDF> - con l’albero genealogico delle famiglie stesse.

FORMENTELLI: ditta fondata dopo il 1964 da Barthélémy Formentelli, che ha realizzato in Roma i due maggiori organi degli ultimi trent’anni,
entrambi a trasmissione meccanica, ed ha restaurato alcuni dei più importanti strumenti storici della città. Allo stato attuale, alla ditta individuale di
Barthélémy Formentelli, con sede a Pedemonte (Verona), si è aggiunta nel 2002 quella del figlio Michel, con sede a Castelraimondo (MC). Nel
seguito ho indicato come organi di Barthélémy FORMENTELLI tutti quelli realizzati dalla sua ditta (al momento non vi sono in città strumenti realizzati
dalla ditta del figlio).

Notizie utili in: <http://web.tiscali.it/rosemary/Formentelli.htm> - pagina web con la biografia di Barthélémy Formentelli, dai primi anni di lavoro
presso gli organari francesi Victor Gonzales, Philippe Hartmann e Jean Bourgarel, gli studi ed i contatti con valenti musicisti (tra cui André Marchal)
ed i maggiori lavori di costruzione e restauro di organi.

INZOLI: ditta fondata dall’organaro cremasco Pacifico Inzoli (1843-1910) ed ereditata dai figli Lorenzo e Giuseppe. La figlia di quest’ultimo,
Antonietta, ha sposato nel 1935 Attilio Trezzi, che è subentrato al suocero nel 1941 nella conduzione dell’azienda. Nel 1970 Luigi Bonizzi –
dipendente sin dal 1956– ha quindi rilevato l’attività senza cambiare ragione sociale. Alla sua morte (1984) sono subentrati i figli Ettore Claudio,
Ennio, Maria Teresa e Cristina che tuttora proseguono l’attività, con la denominazione «INZOLI CAV. PACIFICO E FIGLI DI BONIZZI ETTORE CLAUDIO E
C. S.n.C.» con sede in Ombriano di Crema (CR). Nel seguito ho indicato come organi di Pacifico INZOLI quelli realizzati dalla ditta cremasca prima
del 1910, INZOLI quelli realizzati dopo.

Notizie utili in: <http://www.inzoli-bonizzi.com/> - sito web della ditta; nella pagina web <http://www.inzoli-bonizzi.com/page3.html> è riportata la
biografia di Pacifico Inzoli, dai primi anni di lavoro presso i Cavalli di Lodi e i Lingiardi di Pavia fino alla fondazione ed allo sviluppo della ditta.

MASCIONI: ditta le cui origini risalgono all’attività intrapresa nel 1829 da Giacomo Mascioni, grazie alla spinta e all’incoraggiamento di due suoi zii
sacerdoti. La svolta decisiva in senso moderno è stata impressa da Vincenzo Mascioni (1871-1953) profondo conoscitore dell’arte organaria
tradizionale ma anche e soprattutto aperto alle innovazioni tecniche e alle applicazioni del progresso. Il rigoroso standard tecnico e qualitativo
raggiunto sotto la sua direzione è divenuto il punto di forza della Ditta. Gli attuali titolari sono i figli di Vincenzo, che hanno preso la denominazione
«FAMIGLIA VINCENZO MASCIONI S.R.L.» con sede in Azzio [loc. Cuvio] (VA). Nel seguito ho indicato come organi di Vincenzo MASCIONI quelli
realizzati prima del 1953, MASCIONI quelli successivi.

Notizie utili in: <http://www.mascioni.organs.com> - sito web della ditta; la storia della dinastia è riportata nella pagina web <http://www.mascioni-
organs.com/italiano/lastoria.htm>.

PINCHI: ditta fondata nel 1930 dall’organaro umbro Libero Rino Pinchi (1905-2000), allievo di Zeno Fedeli (ultimo discendente di una lunga stirpe di
organari), che soprattutto dopo il 1950 ha operato a Roma realizzando molti strumenti a trasmissione elettrica secondo la prassi ed i gusti dell’epoca.
Nel 1975 gli è subentrato nella direzione dell’azienda il figlio Guido che – pur dimostrando interesse verso recenti innovazioni (per es. trasmissioni
elettroniche e relativi accessori) – ha orientato la produzione verso il recupero delle tecniche tradizionali con la costruzione di organi a trasmissione
meccanica e con criteri ispirati ai migliori esempi del passato. La denominazione attuale è «PINCHI FABBRICA ARTIGIANA DI ORGANI DI PINCHI GUIDO
E C. S.a.S.» con sede in Foligno (PG). Nel seguito ho indicato come organi di Libero Rino PINCHI quelli realizzati prima del 1975, di Guido PINCHI
quelli realizzati a partire da tale data.

Notizie utili in: <http://www.pinchi.com> - sito web della ditta; la storia della famiglia è riportata nella pagina web
<http://www.pinchi.com/organipinchi.html>.

RIEGER: ditta austriaca fondata nel 1845 da Franz Rieger e proseguita dai figli Otto e Gustav nella sede di Jägensdorf, con particolare successo e
perizia tecnica, tanto da divenire (1896) K u K – Hof OrgelFabrik («Fabbrica d’organi della corte Imperiale [dell’imperatore d’Austria] e Regia [del
re d’Ungheria]»); K u K sta per Kaiser und Koenig, imperatore [d’Austria] e re [d’Ungheria], sigla sigla statale Austroungarica dopo il 1867 (anno
dell’Ausgleich – Compromesso tra Austria e Ungheria). In quegli stessi anni sono anche riusciti ad imporsi in Italia (probabilmente grazie all’apertura
dei mercati favorita dalla politica della Triplice Alleanza), costruendo organi solidi ed affidabili molti dei quali tuttora esistenti. Sopravvissuta alla
Prima Guerra mondiale, la ditta si è avvalsa della collaborazione tecnica ed estetica dell’ingegnere Josef von Glatter-Götz, già ufficiale dello Stato
Maggiore. I figli di Otto, Egon e Josef, hanno proseguito l’attività fino allo scoppio della Seconda Guerra mondiale, nonostante la morte in guerra del
primo e l’obbligo (1943-45) di costruire esclusivamente munizioni e armi invece che organi. Nel 1946 Josef Rieger ha trasferito la sede a Schwarzach
ed ha fatto rinascere l’attività, che è proseguita dopo la sua morte (1989), grazie a nuovi direttori e alla costante consulenza tecnica ed artistica di

— XI —
membri della famiglia von Glatter-Götz. L’attuale denominazione della Ditta è «Rieger Orgelbau GmbH» con sede a Schwarzach, Austria. Nel
seguito ho indicato come organi della Ditta dei FRATELLI RIEGER tutti quelli realizzati dalla ditta in Roma (risalgono tutti agli anni antecedenti la
Prima Guerra mondiale).

Notizie utili in: <http://www.rieger-orgelbau.com/> sito web della Ditta.

RUFFATTI: ditta fondata dai fratelli padovani Antonio, Alessio e Giuseppe Ruffatti (1936) dopo l’apprendistato con l’organaro Domenico Malvestìo.
I Fratelli Ruffatti hanno operato per lunghi anni insieme, costruendo strumenti di ogni dimensione secondo criteri sempre più avanzati, con uno
sguardo molto attento alle innovazioni tecnologiche. Sono oggi attive due ditte, nate nel 1968 da quella originaria, la cui denominazione attuale è:
«FABBRICA ORGANI RUFFATTI DEL CAVALIER GIUSEPPE RUFFATTI & FIGLI» con sede in Albignasego (PD) e «FAMIGLIA ARTIGIANA FRATELLI
RUFFATTI - SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO» con sede in Padova (i cui titolari sono i figli di Antonio). Quest’ultima ha avuto lungimirante attenzione
verso la cultura organistica anglosassone, riuscendo ad imporsi con successo negli Stati Uniti dove si è confrontata alla pari con le aziende locali nella
costruzione di complessi strumenti di dimensioni gigantesche. Nel seguito ho indicato come organi di: RUFFATTI quelli realizzati dalla ditta padovana
prima del 1968, per i lavori successivi ho riportato la denominazione per esteso della ditta che li ha eseguiti.

Notizie utili in: <http://www.mestieriarte.it/maestri/legno/zoom/ruffatti.htm> - pagina web con una breve storia dei padovani Ruffatti,
dall’apprendistato presso l’organaro Malvestìo alla fondazione della ditta da parte dei fratelli Antonio, Alessio e Giuseppe Ruffatti; segnalo anche
<http://www.ruffatti.com/the_ruffatti_story.htm> - pagina web della storia della famiglia Ruffatti nel sito della «Famiglia Artigiana Fratelli Ruffatti -
società in nome collettivo»; il sito è interamente in Inglese, essendo concepito soprattutto per i maggiori clienti.

SCHUKE berlinese le cui origini risalgono al 1820, quando Gottlieb Heise ha aperto la propria bottega di organaro a Potsdam; a questi è subentrato
(1848) Carl-Ludwig Gesell morto senza eredi. Così l’attività è stata acquistata da Alexander Schuke nel 1894. Nel 1953 Karl-Ludwig Schuke e Hans-
Joachim Schuke, figli di Alexander, si sono separati; il primo si è trasferito nella vicina Berlino e il secondo è rimasto nella sede originaria. Curioso
notare che la bottega di Potsdam è stata nazionalizzata dalla allora Repubblica Democratica Tedesca nel 1972, per poi tornare a Matthias Schuke
(figlio di Hans-Joachim) nel 1990. Nel frattempo, Karl-Ludwig è divenuto professore dell’Istituto d’Arte Applicata di Berlino (1962) e dopo la sua
scomparsa (1987) la Ditta è stata diretta da Wolfgang Theer e, dal 1994, da Andreas Schulz e l’attuale denominazione è «Berliner Orgelwerkbaustatt
Schuke».

Notizie utili in:<http://www.schuke-berlin.de/> - sito web della Ditta berlinese; <http://www.schuke.de/> sito web della Ditta di Potsdam.

STEINMEYER fondata in Oettingen nel 1847 da Georg Friederich Steinmeyer (1819-1901) dopo il suo apprendistato presso Eberhard Friedrich
Walcker. Ha realizzato gli strumenti di maggiori dimensioni nel periodo tra le due guerre mondiali (su tutti spicca quello della Cattedrale di Passau, il
cui poderoso nucleo sonoro di 208 registri è tuttora integro all’interno dello strumento, ulteriormente ampliato da altri organari dopo il 1978). In
quella stessa epoca ha intrapreso il restauro accurato di organi storici, grazie alla collaborazione con illustri organisti, tra cui Wolfgang Reimann,
Günther Ramin, Albert Schweitzer. L’attuale denominazione è «G.F. Steinmeyer & Co.».

Notizie utili in:<http://www.steinmeyer-orgelbau.de/> - sito web della Ditta.

TAMBURINI: ditta fondata nel 1893 da Giovanni Tamburini (1857-1942), dopo essere stato capo tecnico di Pacifico Inzoli (1887). Partendo dai
notevoli standard tecnici di quest’ultimo e dalle sue innovazioni (somiere a ‘doppio scompartimento’, trasmissioni pneumatiche tubolari, registri di
tipo tardoromantico ecc.), ha intuito i vantaggi dell’elettricità nell’alimentazione e nella trasmissione, fronteggiando in tale campo le esperienze di
Vincenzo Mascioni (fino a collaborare con lui nella realizzazione del gigantesco organo del Duomo di Milano, 1938). Alla sua morte, la direzione è
stata assunta dal genero Umberto Anselmi (marito di Cecilia Tamburini) e dai figli di questi Franco e Luciano Anselmi Tamburini. Dopo varie
vicende, sono oggi attive due ditte la cui denominazione attuale è «FABBRICA D’ORGANI COMM. GIOVANNI TAMBURINI DI SAVERIO ANSELMI
TAMBURINI» con sede in Crema e «CLAUDIO ANSELMI TAMBURINI DI BONELLI ROSANNA» con sede in Asciano (SI) attiva con tale denominazione
dal 2003. Nel seguito ho indicato come organi di Giovanni TAMBURINI quelli realizzati dalla Ditta cremasca prima del 1942, TAMBURINI quelli
realizzati a partire da tale data fino al 1983, per i lavori successivi ho riportato la denominazione per esteso della ditta che li ha eseguiti.

Notizie utili in: <http://www.tamburini.org> - sito web della ditta con sede in Crema (CR) e in: <http://www.tamburiniorgani.net> - sito web della
Ditta con sede in Asciano (SI). La biografia di Giovanni Tamburini è riportata nella pagina web
<http://www.tamburini.org/modules.php?name=News&file=print&sid=12>.

Vegezzi-Bossi: ditta fondata dall’organaro Francesco Vegezzi-Bossi, figlio di Giacomo Vegezzi adottato Bossi e della sua seconda moglie Annetta
Vittino (figlia dell’organaro Carlo Vittino di Centallo), e dunque fratellastro di Carlo Vegezzi-Bossi (ved. quanto detto dianzi sulla ditta Balbiani). La
Ditta è oggi retta dai soci Enrico Vegezzi-Bossi (figlio di Francesco II Vegezzi-Bossi) e Bartolomeo Brondino con la denominazione «ANTICA
BOTTEGA ARTIGIANA VEGEZZI-BOSSI DI BRONDINO VEGEZZI-BOSSI S.n.c.» con sede in Centallo (CN). La dtta ha eseguito alcuni lavori di restauro in
Roma in anni recenti, dunque l’ho indicata con l’attuale denominazione.

— XII —
Notizie utili in: <http://www.Vegezzi-Bossi.com/> - sito web della Ditta «Antica bottega artigiana Vegezzi-Bossi di Brondino Vegezzi-Bossi S.n.c.»
con sede in Centallo (CN). Viene dato particolare risalto al fatto che l’azienda è stata certificata secondo le norme UNI EN ISO 9002 dall’ente
certificatore DNV (Det Norske Veritas) nel mese di aprile 2001. Nella pagina web <http://www.Vegezzi-Bossi.com/storia.htm> è riportata una breve
storia della ditta che dalla bottega dei Vittino (attiva almeno dal 1824) è poi passata a Felice Bossi, Giacomo Vegezzi adottato Bossi e suo figlio di
seconde nozze Francesco Vegezzi-Bossi, nato dal matrimonio di Giacomo con Annetta Vittino (figlia di Carlo).

WALCKER: le origini risalgono al 1780, con l’attività di Johann Eberhard Walcker (1756–1843) in Cannstatt; suo figlio, Eberhard Friedrich Walcker
(1794–1872) gli è subentrato nel 1820 aprendo un nuovo laboratorio a Ludwigsburg, accogliendo le idee organologiche di musicisti quali l’abate
Georg Joseph Vogler e costruendo strumenti di grandi dimensioni, apprezzati dai maggiori organisti del tempo. Presso la sua ditta si sono formati
quelli che sarebbero diventati noti organari, quali Friedrich Weigle, Georg Friederich Steinmeyer, Martin Andreas Laukhuff, i fratelli Paul e Johannes
Link, Johann Nepomuk Kuhn, Wilhelm Sauer, Andreas Marcussen ecc. Aristide Cavaillé-Coll ha stretto relazioni tecniche e commerciali con
Walcker, scambiando idee e innovazioni su vari metodi costruttivi. Alla sua morte, i figli Heinrich, Fritz, Paul e Karl hanno portato la ditta all’apogeo,
con la costruzione di strumenti di eccellente fattura. Agli inizi del secolo XX la direzione è passata a Oscar (figlio di Fritz), già capocommessa
dell’azienda per gli organi costruiti a Roma (organo mobile per S. Pietro in Vaticano e organo da concerto per il Conservatorio di Santa Cecilia) su
progetto fonico di Remigio Renzi. Oscar ha assecondato le idee innovative e di gran lunga rivoluzionarie di Max Reger costruendo strumenti su suo
progetto, ma – avendo anche stretto legami culturali con Albert Schweitzer che gli ha fatto eseguire interventi di riparazione di organi storici – può
anche essere considerato il primo dei restauratori d’organi in senso moderno. Alla morte di Oscar (1948), la ditta è stata diretta da suo nipote Werner
Walcker-Mayer, che ha proseguito l’attività con senso pratico (costruendo oltre 3000 strumenti) ma anche eminentemente artistico, tanto da ricevere
nel 1980 la laurea honoris causa dall’Università di Friburgo. Oggi l’azienda, tra le più note del mondo, è retta dai figli di Werner, e con le relazioni
esterne tenute dal dott. Oskar Walker-Mayer. Nel seguito ho indicato come organi della Ditta E.F. WALCKER tutti quelli realizzati dalla ditta in Roma,
dato che dal 1820 non ha cambiato denominazione.

Notizie utili in: <http://www.walckerorgel.de/> - sito web della Ditta; la storia dalle origini ai giorni nostri è riportata nella pagina web (in Inglese)
<http://www.walckerorgel.de/gewalcker.de/english/english.htm>.

ZANIN: l’attività è iniziata nel 1827 con l’organaro friulano Valentino Zanin, proseguita dai figli Giuseppe e Pietro e finalmente dal nipote Beniamino
che l’ha lungamente diretta (la denominazione «Beniamino Zanin e Figli di Camino al Tagliamento» si trova su organi costuiti fino agli anni ’50 del
secolo XX). Alla sua morte, i figli Francesco e Giuseppe hanno dato vita a due ditte separate, sotto la titolarità dei rispettivi figli Gustavo e Franz,
tuttora attive. Esse hanno l’attuale denominazione di imprese individuali «ZANIN FRANCESCO DI ZANIN GUSTAVO» con sede a Codroipo (UD) e
«ZANIN GIUSEPPE & FIGLIO DI FRANZ ZANIN» con sede a Camino al Tagliamento (UD). Da notare che in Roma ha finora operato quasi
esclusivamente la ditta con sede a Codroipo.
Non sono mancati, comunque, organari (ed è doveroso ricordare almeno Alvaro Vercelli e Dino Rocchi) che hanno a
lungo operato in tempi recenti essenzialmente a Roma e dintorni, le cui ditte individuali sono cessate con il loro ritiro
dall’attività professionale, pur proseguendo idealmente con l’operato di collaboratori ed allievi. Tra quelli attivi oggi
occorre citare Ernesto Ercolin, Antonio Tummolo, Daniel Taccini.
Menzione particolare merita Carlo Soracco, memoria storica degli organi romani, amico sincero, prematuramente
scomparso nel 2017 dopo lungo coma a seguito di tragico incidente stradale.
ANNO DI COSTRUZIONE – identifica l’organo insieme al nome del costruttore (o della ditta), ed è preceduto
dall’eventuale numero d’opera (se noto o rilevabile sulla consolle). Ho identificato l’anno di costruzione, nei casi più
semplici, tramite la data apposta dall’organaro stesso (per es. sulla consolle o su un cartiglio sul somiere o nella secreta
ecc.) altrimenti è desunto da dati bibliografici, d’archivio e – laddove non reperiti – per deduzione da particolari eventi
(per es. restauro, erezione a basilica o a titolo cardinalizio, atto di mecenatismo, intervento diretto di prelato ecc.), con
un’approssimazione stimabile in un lustro.
Segue, nel testo, una descrizione sommaria dello strumento dal punto di vista di immediata percezione: numero dei
manuali (denominati nell’ordine dal basso verso l’alto), presenza di pedaliera (indicata genericamente: pedaliera
italiana, se di estensione inferiore alle due ottave e composta da pedali di limitata lunghezza, tale da consentire
l’esecuzione pratica con sole punte; pedaliera moderna, se di estensione almeno pari a due ottave e composta da pedali
di lunghezza tale da consentire l’esecuzione pratica con punte e tacchi). Se nel luogo di installazione vi è più di un
organo, la descrizione sommaria è preceduta da un breve inciso per identificare lo strumento (per es. organo del coro).
REGISTRI – di ogni organo ho riportato l’elenco dei registri, preceduto in testata dal corpo d’organo da cui sono azionati
secondo prassi corrente, ma con l’elisione della parola Recitativo (che ho sempre ritenuto un non troppo corretto
surrogato del francese Récit) sostituita da Espressivo tout-court; tra parentesi quadre, se necessario, la definizione
straniera del medesimo corpo d’organo. Ho effettuato le rilevazioni di persona, in modo pratico. Nella quasi totalità dei
casi ho trascritto i registri personalmente, stando sulla consolle, segnando anche la numerazione (qualora presente) e

— XIII —
cercando di rispettare eventuali allineamenti ed incolonnamenti. In casi sporadici, mi hanno aiutato alcuni amici
dettandomi i registri dalla consolle (o dalla cantoria) oppure annotando direttamente i registri mentre ero intento a
suonare. Allo stesso modo ho elencato eventuali accessori rilevati sulla consolle. Su alcuni organi antichi spesso le
indicazioni dei registri sono incomplete (per es. non vi sono le altezze in piedi) o mancano del tutto: tali casi sono
evidenziati inserendo le informazioni mancanti tra parentesi quadre. Ho evidenziato con (sic) non solo errori ortografici
nella scrittura di registri ma anche incongruenze (per es. non è raro trovare sullo stesso manuale, diverso dal
Grand’Organo, Principale 4’ e Flauto in XII 2’2/3’, invece che 1’1/3 che sarebbe la corretta altezza della XII del 4’).
Sarò grato a chiunque voglia segnalarmi presso l’Editore eventuali imprecisioni (che ogni metodo pratico porta
fisiologicamente con sé) oltre ad eventuali integrazioni ed aggiornamenti (in alcuni casi, per quanto riguarda organi
visitati in tempi lontani, non è stato possibile ritornare e dunque le notizie in mio possesso e gli appunti qui trascritti
potrebbero risultare non completamente rispondenti allo stato attuale). D’altronde modifiche, ampliamenti e
risistemazioni possono avvenire in breve tempo dopo decenni di stasi e comportano il riordino delle disposizioni
foniche e, sugli organi a trasmissione elettrica, anche l’aggiunta o la sostituzione di placchette ed accessori e, nei casi
più comuni, lo spostamento della consolle ed aggiunte di vario tipo (registri, combinazioni, sequencer ecc.).
ESTENSIONE – ho riportato il numero complessivo di tasti e dei pedali e la nota iniziale e quella finale; quando possibile
ho specificato il materiale di ricopertura dei tasti (se diversi da quelli ‘tipo pianoforte’) ed eventuali motivi decorativi
presenti. Salvo diversa specificazione, la pedaliera si intende di forma concavo/radiale.
TRASMISSIONE – ho specificato il tipo di trasmissione (anche eventuali sistemi misti) e, di seguito, il tipo di consolle e,
se indipendente, il suo posizionamento usuale.
COLLOCAZIONE – di solito nelle pubblicazioni e nelle riviste specialistiche la collocazione degli organi è singolarmente
definita con termini esclusivamente convenzionali (per es. ‘estremità ovest’ per indicare la collocazione della cantoria
sulla porta d’ingresso; ‘transetto nord’ e ‘transetto sud’ per indicare i lati sinistro e destro del transetto) o con termini in
uso prima del Concilio Vaticano II quali ‘in cornu Epistulae’ e ‘in cornu Evangelii’ per indicare la collocazione ai lati
[rispettivamente destro e sinistro] del presbiterio.
Non ho utilizzato tali forme per i seguenti motivi: 1) non tutte le chiese sono «orientate» (cioè con abside verso est e
ingresso verso ovest) e quindi riferirsi ai punti cardinali crea confusione (a cominciare proprio da S. Giovanni in
Laterano, cattedrale di Roma, che ha orientamento opposto: abside a ovest e ingresso ad est, e i due organi del
presbiterio sono effettivamente sulle cantorie nord e sud, ma invertiti rispetto alla convenzione dell’ingresso ad ovest)
perciò meglio dire: sulla cantoria sopra la porta principale oppure sulla controfacciata; 2) ciò vale anche per il transetto,
così ho preferito indicare lato destro e lato sinistro del transetto (dizione più esatta che non transetto destro e transetto
sinistro) con l’unica convenzione di orientarsi guardando l’altare maggiore; 3) ho smesso di parlare di cornu Epistulae e
cornu Evangelii anni fa; all’epoca, ufficiale di complemento della Marina Militare, in un orario di libera uscita ma
indossando ancora la divisa, ho chiesto di visitare un organo situato ‘in cornu Epistulae’ ricevendo dal sacerdote questa
cortese (ma inequivocabilmente ironica) risposta: «perché, voi sulle navi dite babordo e tribordo?» Ovviamente no.
Perciò guardando l’altare: destra = cornu Epistulae [= lato sud, per le chiese orientate, cioè con facciata ad ovest e, sulle
navi di un tempo, guardando la prua, tribordo] e sinistra = cornu Evangelii [= lato nord, per le chiese orientate, cioè con
facciata ad ovest e, sulle navi di un tempo, guardando la prua, babordo].
La classica collocazione in cantoria è stata osservata senza eccezioni di rilievo fino a pochi anni fa (ed è tuttora la più
diffusa, anche per strumenti nuovi); la collocazione a pavimento, tipica in passato per gli organi positivi (strumenti di
dimensioni relativamente piccole, trasportabili e quindi posabili – perciò positivi, cioè fatti per essere posati – nei luoghi
dove servono), è stata attuata con una certa frequenza per organi di maggiori dimensioni solo a partire dagli anni ’60 –
’70 del secolo XX, anzi negli ultimi anni ha contraddistinto strumenti di mole notevole (per es.: nelle chiese di S. Galla,
S. Maria degli Angeli, Santuario del Divino Amore).
CASSA – per mia passione verso l’architettura ho cercato di dare il giusto rilievo alle casse, con eventuale specificazione
delle date di realizzazione e – se individuabili – ideatori e costruttori; se l’organo è collocato in più casse, ho dato la
descrizione di ciascuna. Evidenzio che le casse storiche oggi visibili (quelle più antiche risalgono alla metà del secolo
XVI) sono per la maggior parte a forma di ‘serliana’, cioè presentano un arco centrale poggiato su trabeazioni laterali
orizzontali sorrette da colonne o lesene, secondo uno schema teorizzato e descritto –anche se forse non ideato–
dall’architetto Sebastiano Serlio. Nel secolo XVII lo schema viene arricchito ma in genere non variato, e quasi tutti gli
architetti del tempo introducono le proprie idee nella decorazione piuttosto che nella geometria d’insieme. In
controtendenza appare invece Gian Lorenzo Bernini, il quale si concentra esclusivamente nella decorazione ed abolisce
la cassa: il caso più emblematico tuttora visibile è quel che resta dell’organo del lato destro del transetto di S. Maria del
Popolo (noto per le decorazioni a rami di quercia tra le canne di mostra), ma anche gli organi di S. Lorenzo in Damaso
(non più esistenti ma noti da disegni della sua scuola) e altri casi (come ho ipotizzato per S. Agnese in Agone).
L’abolizione delle casse, per quanto praticata da un sì illustre artista appoggiato senza riserve da quasi tutti i pontefici
che si sono succeduti durante la sua lunga vita, non avrà fortuna (almeno per qualche secolo). Infatti nel secolo XVIII le
casse d’organo eccellono per esuberanza e fantasia di forme (alcune casse hanno anche 5 campi, altre frontoni e cornici

— XIV —
mistilinee ecc.) e decorazioni. Alla fine del secolo XVIII ed in quello successivo diventano più semplici e lineari, con
un solo arco contenente tutte le canne di mostra in unico comparto. Alla fine del secolo XIX e per tutto il XX le casse si
semplificano ulteriormente fino a scomparire del tutto. Ciò ha coinciso con l’espansione in Italia del cosiddetto
Movimento Ceciliano tanto che una certa estetica dell’organo diffusasi in quell’epoca è stata identificata con esso.
Oltre ad alcuni organi privi di cassa solo apparentemente (per es. quelli del presbiterio di S. Giovanni in Laterano,
collocati dentro ampie celle organarie che celano all’esterno la presenza delle casse), il primo strumento – almeno in
Roma – di estetica sonora ceciliana in cui sia stata abolita la cassa è proprio quello della Sala da Concerti del
Conservatorio di Santa Cecilia (1895). Qui sembra che il progettista Pompeo Coltellacci abbia disegnato l’organo
ispirandosi alle idee del Bernini, a lungo studiate ed apprezzate.
Di fatto moltissimi organi costruiti nel corso del secolo XX non hanno alcuna cassa, e ciò anche in forza di idee
estetiche imperanti e di indubbi risparmi nella costruzione. Ma la rinuncia alla cassa comporta anche pesanti
conseguenze dal punto di vista acustico ed anche conservativo (non pochi strumenti siffatti sono stati danneggiati dalla
caduta sulle canne interne di polveri, calcinacci ecc.), con ripercussioni funzionali non di poco conto. Quindi, ancora
una volta, «per attecchire, le novità devono funzionare, altrimenti non c’è forza che le possa imporre» (Sergio
VALZANIA, Jutland. La più grande battaglia navale della Storia, Milano, Mondadori, 20052, p. 4): non a caso si è avuta
un’inversione di tendenza negli ultimi decenni, tanto che alcuni organi sono stati costruiti con vere e proprie casse
monumentali (sia molto elaborate sia formate da semplice giustapposizione di cornici ortogonali).
MOSTRA – ho preferito descrivere le canne di mostra separatamente rispetto alle casse per semplicità e chiarezza. Se
l’organo ha più corpi con mostre distinte, le ho descritte singolarmente. In via generale, ho constatato che dal secolo
XVI fino al XIX le canne di mostra sono reali e sonanti (in casi sporadici vi sono ‘organetti morti’ oppure canne non
sonanti inserite per motivi estetici o di simmetria) e sono disposte e strutturate in modo strettamente connesso
all’estetica della cassa, che viene esaltata e mai contrastata. Non mancano lavorazioni complesse e di grande
suggestione, per es. quelle più spettacolari e tuttora ammirate sono le scanalature a sbalzo a spirale che avvolgono il
corpo delle canne su cui sono applicate e che vengono chiamate ‘tortiglioni’.
In tempi più recenti, alla progressiva semplificazione delle casse – fino alla scomparsa – non pone rimedio alcuna
riorganizzazione estetica delle canne di mostra. Esse vengono spesso collocate giustapposte l’un l’altra ‘a palizzata’: le
forme sono varie ma sempre semplici e ripetitive (una o più cuspidi; ala o ali digradanti ecc.) e spesso con presenza di
canne non sonanti. A partire dagli anni successivi alla Seconda Guerra mondiale alcune mostre risentono di influssi
architettonici, anche se non sempre felici; poche le sistemazioni informali o tutto-fuori (cioè abolizione totale della
mostra in modo da esporre quante più canne è possibile) mentre non mancano giustapposizioni di canne di diverso
materiale con particolari effetti cromatici (soprattutto utilizzando rame e zinco).
Talvolta si dispongono uno o più registri ad ancia in posizione orizzontale, ma non sempre in modo esteticamente
convincente. Solo negli ultimi anni, invece, si assiste al ripristino di mostre più classiche (anche se più che richiamare
schemi e forme della tradizione romana, ci si ispira a tradizioni più genericamente italiane ma anche d’oltralpe).

NOTE
Nelle note ho riportato ulteriori elementi descrittivi e di indirizzo per il lettore (non vorrei parlare di giudizi); talvolta ho
aggiunto ricordi ed esperienze. Eventuali altri dati, a volte interessanti, ho ritenuto opportuno segnalarli solo in alcuni
casi e non in altri ciò per mera valutazione personale di praticità.

FONTI SPECIFICHE
Per le fonti di riferimento, ho riportato quelle utili per gli argomenti trattati. Ho trascritto al termine di ogni scheda
quelle specifiche (pubblicazioni riguardanti una sola chiesa o un solo organo, oppure articoli comparsi su riviste
parrocchiali, pagine web, corrispondenza anche elettronica, testimonianze ricevute in loco, ecc.). Ho citato tali fonti, in
genere ritenute di limitata attendibilità, solo nei casi in cui i dati si sono rivelati congruenti tra loro e verosimili o
riscontrati in sito o su fonti bibliografiche (sempre con le dovute cautele perché a ben guardare nessuna fonte umana,
scritta o orale, è da sola inoppugnabile ed assolutamente certa: anche i documenti scritti non sono esenti da errori ed
inesattezze a volte persino intenzionali). Ho cercato di non dimenticare le persone che di volta in volta mi hanno
accompagnato su un organo, me ne hanno parlato e mi hanno dato utili notizie: amici di lunga data ma anche
conoscenze sporadiche o casuali ma non meno ricche di spunti (chissà, potrà accadere che qualcuno si ricorderà, se non
di me, della mia visita all’organo, della mia telefonata, delle mie domande). Sono quindi citati per nome e cognome (ma
alcuni religiosi hanno regola di dare solo il nome, o solo il “nome in religione”, o solo il cognome) e con eventuale
titolo (anche se non sempre si tratta di cariche riferite alla stessa chiesa: mi è capitato di aver visitato un organo in
presenza di un organista titolare altrove o in presenza di religioso di altro istituto ecc.).
Ho ricordato anche chi mi ha fornito per vie brevi notizie utili, verosimili o almeno verificabili. Col passare degli anni,
ho visto quanto sia stato utile aver annotato tanti nomi. Anche perché oggi molti non sono più fra noi: posso allora
considerarmi particolarmente fortunato per aver fatto in tempo a conoscere il loro pensiero, le loro esperienze dirette, le

— XV —
loro notizie sull’organo che prima di me nessuno si era premurato di chiedere... Sono a disposizione, presso l’Editore,
per ricevere proposte di integrazioni, modifiche, rettifiche in caso non abbia dato esaurientemente conto delle notizie
ricevute, ed anche eventualmente per recepire correzioni ed aggiunte su nomi, date e luoghi.

— XVI —
PARTE I – BASILICHE MAGGIORI

S. GIOVANNI IN LATERANO
1 – Organo Luca Biagi (1598)
2 – Organo [I] Nicola Morettini (1886)
Aggiornamento
Nel settembre 2017 è stato affidato il restauro a Barthélémy Formentelli completato nell’aprile 2018.
3 – Organo [II] Nicola Morettini (1886)
4 – Organo Angelo Morettini (1875)
5 – Organo Leonardo Forti (1999)

S. MARIA MAGGIORE
1 – Organo Mascioni (op. 720 – 1956)
2 – Organo Natale Balbiani (1910)
Aggiornamento
Nel 2015 la consolle è stata spostata dal coretto a pavimento, nel lato sinistro del transetto, e collegata elettronicamente all’organo
3 – Organo Giuseppe Migliorini (1932)
4 – Organo Anneessens & Ruyssers (1900)

S. PAOLO FUORI LE MURA


1 – Organo Domenico Farinati (1895)
Aggiornamento
Nel 2013 la Ditta Tamburini è stata incaricata di restaurare l’intero strumento.
2 – Organo William George Trice (1891)
3 – Organo William George Trice (1887)

S. PIETRO IN VATICANO
1 – Organo Tamburini (1962)
2 – Organo Nicola Morettini (1887)
3 – Organo Tamburini (1974)
4 – Organo Francesco Morettini (1914)
5 – Organo E. F. Walcker (op. 5757 – 1980)
Aggiornamento
L’organo E. F. Walcker possiede al II manuale anche il Gedackt 8’ che per ragioni di impaginazione è saltato nella tabella dei registri
nel volume stampato. Aggiungo per dovere di cronaca che nel 2017 la Ditta Allen, nota costruttrice di elettrofoni, ha donato alla
Basilica un suo strumento a tre manuali, utilizzato correntemente anche per le messe papali. Non si sa se ciò sia dovuto alla necessità
di revisione e ripuliture dell’organo Tamburini, affidato nel gennaio 2018 alla Ditta Mascioni e terminato nell’aprile 2018, ma certo
veder suonare un elettrofono estero durante le messe papali fa un certo effetto negativo ed ha suscitato molte polemiche.

VED. SCHEDE NEL VOLUME STAMPATO

—1—
—2—
PARTE II – CHIESE DI ROMA

—3—
—4—
ABBAZIA DELLE TRE FONTANE

Abbazia delle tre fontane – Via Laurentina, km 4; visita non consentita nelle parti claustrali.

STORIA
Il complesso abbaziale sorge lungo l’antica via Laurentina, in una piccola valle in cui sono tutt’ora presenti storia e tradizioni giunte
fin dall’epoca paleocristiana, accanto a reminiscenze di epoche precedenti.
La denominazione più antica di questo luogo è stato “Acque Salvie”, nome che in epoca medioevale fu dato anche a una tenuta
agricola che intanto era lì sorta. Esistono due tradizioni che spiegherebbero il nome: una la attribuisce alla famiglia romana Salvia;
l’altra, invece, fa derivare il nome dalla presenza delle abbondanti sorgenti, tuttora attive.
La nascita del nome “Tre Fontane” è strettamente legata ad un episodio molto importante per la cristianità: il 29 giugno del 67 d.C.,
presso le Acque Salvie, l’apostolo Paolo viene martirizzato per decapitazione; la tradizione vuole che la testa di san Paolo, recisa, sia
rimbalzata a terra tre volte, facendo scaturire, nei tre punti di contatto col terreno, altrettante fonti d’acqua.
Nel “Chronicon” di Benedetto del Soratte (XI secolo), si riporta l’esistenza di un edificio sacro eretto in memoria di san Paolo
proprio presso le Acque Salvie, di cui sono rimasti resti epigrafici rinvenuti durante gli scavi archeologici del 1867.
Nel medesimo documento si cita la prima comunità monastica sorta presso le Acque Salvie: il generale bizantino Narsete,
governatore d’Italia (patricius Italiæ), in nome dell’imperatore Giustiniano, costruì, nella seconda metà del VI secolo, un monastero
annesso alla piccola chiesa dedicata a San Paolo. Ci si riferisce al monastero come il «monastero detto ad Aquas Salvias», dove si
venerano le reliquie di Sant’Anastasio. I primi ad abitarlo furono monaci greci, arrivati a Roma quasi certamente dopo l’invasione
della Cilicia da parte degli Arabi. Della loro presenza abbiamo testimonianza negli Atti del Sinodo Romano, convocato da papa
Martino I nel 649: quando si dice che tra i vescovi intervenuti ci fosse anche «il venerabile abate Giorgio, del monastero di Cilicia
che sorge alle Acque Salvie della nostra città».
Fu forse la presenza di monaci greci che spinse l’imperatore Eraclio a destinare loro la custodia delle reliquie di Sant’Anastasio,
monaco persiano martirizzato per volere di Cosroe nel 624, e a inviarle alle Acque Salvie nella prima metà del VII secolo. Già nel
650, infatti, il catalogo De locis sanctis Martyrum, che indica i luoghi di Roma che accolgono le tombe dei martiri, cita il monastero
dell Acque Salvie come il posto «dove è conservato il capo di Sant’Anastasio e dove fu decapitato San Paolo».
Solo a partire dall’VIII secolo si cominciano a trovare testi che accennino all’esistenza di un monastero ed una chiesa dedicata al
martire Persiano. Nel Liber Pontificalis, ad esempio, riguardo la vita di papa Adriano I (772-795) è scritto:«…la basilica ed il
monastero del beato martire di Cristo Anastasio […] furono per incuria dei monaci, nel silenzio della notte, distrutti dal fuoco…». Il
Papa si interessò subito al restauro degli edifici danneggiati e non mancò di fornire tutti gli arredi necessari in sostituzione di quelli
perduti.
Nel Liber Pontificalis sono riferite altre donazioni da parte dei Papi che si sono succeduti tra l’VIII e il XI secolo, a dimostrazione
della grande importanza per la Chiesa delle Acque Salvie e del monastero di Sant’Anastasio. La più discussa delle quali resta
certamente quella fatta da papa Leone III e Carlo Magno, in seguito alla concquista di Ansedonia, in Toscana; alcune carte di epoca
tarda riportano che nell’805 Carlo Magno, dopo una serie di conquiste a danno dei Longobardi, pose l’assedio ad Ansedonia.
L’operazione si protraeva ormai da troppo tempo e si avvicinava il 22 gennaio, festa di Sant’Anastasio. Papa Leone III era sul campo,
insieme con Carlo Magno, e venne ispirato da un sogno premonitore: fece inviare a Roma alcuni monaci a prendere le reliquie del
Santo; quando queste arrivarono di fronte alla roccaforte nemica le sue mura crollarono come sconquassate da un terremoto. Per
questo motivo, in segno di riconoscenza, il papa e l’imperatore con un atto firmato congiuntamente, destinarono al monastero di Tre
Fontane i territori di Ansedonia, Orbetello, Monte Argentario, Marsigliana e l’isola del Giglio. Il testo originale è andato perduto, ma
rimangono molte trascrizioni e una testimonianza esplicita in una bolla del 1255.
Anche se questi documenti non chiariscono definitivamente l’autenticità della donazione rimane il fatto che l’abbazia si è davvero
avvalsa dei diritti feudali su queste proprietà tra il IX e il XIII secolo. Nei secoli successivi, prima attraverso una concessione in
enfiteusi alla famiglia Aldobrandini di Soana, poi agli Orsini, i territori passarono di proprietà dell’abate di Sant’Anastasio alla
municipalità di Siena. Tuttavia, nonostante l’assistenza e l’interesse da parte dei papi, il monastero non sembrò potersi sottrarre ad
una lenta decadenza. Gregorio VII, verso 1080, tentò di risollevarne le sorti non solo confermando tutte le donazioni fatte, compresa
quella di Ansedonia, e restaurando i fabbricati, ma fece venire, forse da Cluny, un gruppo di monaci benedettini, nel tentativo di
ricostituire una comunità regolata. Da quel momento dei monaci armeni non si parlerà più, anche se qualche sporadica presenza verrà
riscontrata fino al 1300.
Della comunità benedettina, che subentrò ai monaci greci, si hanno modeste informazioni se si eccettua la data del loro
allontanamento. I motivi sono presumibilmente due: la malaria, che nel periodo del soggiorno uccise molti monaci e l’intenzione di
papa Innocenzo II di assegnare il monastero ai Cistercensi. Negli Annali del papa è scritto che nel 1140, restaurato il gruppo di
edifici, trovato in stato di abbandono e allontanati gli ultimi Cluniacensi rimasti, «lo assegnò per gratitudine a Bernardo e alla

—5—
Congregazione Cistercense». La gratitudine cui si riferisce lo scritto è quella del papa verso l’operato di san Bernardo a suo favore,
durante lo scisma di Anacleto II, che era stato invece difeso dai Cluniacensi.
Proprio in questo periodo, durante i lavori di ripristino degli edifici del monastero, san Bernardo ebbe la visione delle anime del
Purgatorio che salivano al Cielo condotte dagli Angeli e che diede poi il nome di Santa Maria Scala Cœli alla chiesa che era lì e che
venne ricostruita nel XVI secolo. I lavori di Innocenzo II interessarono la costruzione del monastero e della chiesa adiacente, quella
dedicata a Sant’Anastasio – solo dopo il 1370, quando giunsero dal Portogallo alcune reliquie dello spagnolo Vincenzo di Saragozza,
la chiesa prese il nome di entrambi i Santi. Ma questa fu consacrata solo nel 1221, perché all’opera del papa seguì molto
probabilmente quella dei Cistercensi stessi, per adattare il complesso abbaziale alle loro necessità e al sobrio stile proprio del loro
ordine.
Il primo abate del monastero fu Pier Bernardo Paganelli, futuro papa col nome di Eugenio III che successivamente, conoscendo la
vita dura in quella zona malarica, resa ancora più rigida dalla regola cistercense, permise ai monaci di vivere durante il periodo estivo
nel castello di Nemi, da clima più sano.
Nel 1161 papa Alessandro III conferma il provvedimento e nel documento che ci è rimasto a testimonianza, per la prima volta,
appaiono tutti insieme i nomi delle chiese delle Tre Fontane. È questo il periodo di maggior splendore per l’abbazia. I lavori al
monastero vengono completati nel 1306, con la costruzione del chiostro e della sala capitolare. Sorgono cinque abbazie figlie: Santa
Maria di Casanova vicino a Penne e Santa Maria di Arabona preso Manoppello entrambe in Abruzzo, Sant’Agostino a Montalto di
Castro nella Maremma laziale, Santa Maria di Palazzolo sul lago di Albano a sud di Roma e Santa Maria nell’isola di Ponza di fronte
al Golfo di Gaeta.
Nel XIV secolo scompare dal monastero la reliquia di Sant’Anastasio. Dal XV secolo comincia per l’abbazia una serie di periodi di
crisi e di difficoltà sottoposti anche ai suoi possedimenti. Nel 1408 finalmente le reliquie trafugate vengono ritrovate nella sacrestia di
Santa Maria in Trastevere e riportate alle Tre Fontane. Nello stesso anno papa Martino V trasformò l’abbazia in commenda,
sopprimendo la figura dell’abate claustrale. La situazione rimarrà tale per molto tempo, salvo brevi periodi e il passaggio dei
commendatari lascerà poche testimonianze rilevanti: la ricostruzione completa della chiesa di Santa Maria Scala Cœli (1592-1594),
la ricostruzine della chiesa di San Paolo (1599-1601). Tra il 1638 e il 1670 fu abate claustrale Ferdinando Ughelli, noto per la sua
opera sulle diocesi italiane “Italia Sacra”.
Con l’arrivo delle truppe napoleoniche e l’occupazione dello Stato pontificio, le fondazioni religiose vennero soppresse e i monaci
cistercensi nel 1808 furono costretti ad abbandonare le Tre Fontane. Il monastero fu privato di tutti i suoi averi, i reliquiari e i
preziosi arredi, donati da papi e regnanti nel corso dei secoli. Gli archivi e i testi e codici della biblioteca vennero trasferiti presso la
biblioteche Vaticana e Casanatese.
La sorte del monastero non cambiò neanche con la restaurazione del governo pontificio: i Cistercensi erano ormai lontani e quando
nel 1826 papa Leone XII visitò l’abbazia, che si trovava in stato di abbandono, e con una Bolla impose ai Cistercensi di affidare le
Tre Fontane ai Francescani Minori di San Sebastiano, con l’obbligo di riprendere il culto e ricostituire una comunità. Ma i frati
francescani, di fronte a un tale stato di abbandono degli edifici e al clima malsano del luogo, si limitarono a riaprire il complesso
abbaziale solo parzialmente e la sera veniva chiuso.
Nel 1855 il beato Pio IX, insieme con il Procuratore Generale dei Trappisti, Francesco Regis, che era in visita a Roma, tentò di varare
un progetto per il recupero di Tre Fontane, ma il costo previsto ne impedì l’attuazione. Una seconda opportunità si presentò nel 1867,
in occasione del Giubileo straordinario per il diciottesimo centenario del martirio dei Santi Pietro e Paolo e soprattutto in seguito a
una considerevole donazione da parte del conte di Maumigny.
Con la Bolla del 21 aprile 1868, venne ricostituita una comunità che doveva avere almeno 14 religiosi: l’incarico fu dato ai
Cistercensi Trappisti, a cui fu donata l’abbazia. I monaci della Grande Trappa intrapresero radicali opere di restauro degli edifici ma
soprattutto si impegnarono a fondo per la bonifica integrale della zona, con la costruzione di sistemi di drenaggio delle acque
stagnanti, pericolose anche per le fondamenta delle strutture edificate e la piantagione degli eucalipti tuttora visibili, utili anche per la
lotta alla malaria. Ciò avvenne dopo il 1870, quando, caduto il potere temporale della Chiesa, i Trappisti riuscirono ad ottenere in
enfiteusi perpetua un appezzamento di 450 ettari in cambio, tra le altre condizioni del contratto, di piantare almeno 125.000 alberi di
eucaliptus. I lavori di bonifica continuarono fino ai primi del ‘900, quando la copertura di uno stagno nei pressi del monastero e l’uso
di zanzariere e di chinino, mise fine al problema malaria. Oggi intorno al territorio dei monaci, intorno alla valle delle Acque Salvie,
restituita alla vita e al culto delle sacre memorie, si estende la moderna città di Roma.
La chiesa abbaziale, alla cui destra sorgono tre cappelle tra cui quella che contiene le lapidi in corrispondenza delle Tre Fontane, è
particolarmente vasta, nel primo stile gotico cistercense (anteriore a quello delle abbazie di Casamari e Fossanova) a pianta basilicale
con ampio transetto e abside quadrata. Appare oggi alquanto spoglia dopo le lunghe vicissitudini cui è sopravvissuta.

ORGANO MASCIONI (OP. 701 – 1954)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I manuale – Grand’Organo II manuale – Espressivo

1 Principale 8’ 7 Bordone 8’

—6—
2 Flauto 8’ 8 Viola Dolce 8’
3 Dulciana 8’ 9 Flauto 4’
4 Ottava 4’ 10 Nazardo 2’2/3’
5 XV 2’ 11 Voce Celeste 8’
6 Ripieno 4 File 12 Tremolo
Pedale

13 Subbasso 16’
14 Bordone 8’
Unioni ed Accoppiamenti

15 I 8’ Ped
16 II 8’ Ped
17 II 8’ I
18 I 4’ Ped
19 I 16’ I
20 II 4’ I
21 II 16’ II
22 II 4’ II

Accessori
4 Combinazioni Aggiustabili,
5 Combinazioni Fisse,
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle fissa indipendente collocata davanti al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico a pavimento nel lato sinistro del transetto.
Cassa di semplice fattura che racchiude l’intero strumento.
Lo strumento è privo di mostra, al suo posto una grata lignea.

NOTE
L’organo è stato costruito per l’Anno Mariano 1954 e non è stato valutato in quanto i Monaci – con la scusa che si
sarebbe dovuti entrare nella clausura – non mi hanno permesso di vederlo. Tuttavia è tuttora decentemente conservato,
nonostante lo scarso uso, grazie alla consueta buona fattura Mascioni anche se appare troppo piccolo rispetto alle grandi
dimensioni della chiesa in cui è contenuto.

FONTI SPECIFICHE
<http://www.abbaziatrefontane.it/complesso-delle-tre-fontane/> Sito ufficiale dell’abbazia

Corrispondenza elettronica con la Ditta Mascioni (marzo 2018).

—7—
S. AGNESE IN AGONE

S. Agnese in Agone – Piazza Navona / Via S. Maria dell’Anima, 30; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio
fino al vespro.
Aggiornamento
L’organo E. F. Walcker (op. 1783 – 1913) è stato dotato nel 2013, dalla ditta Tamburini , di una consolle elettrica ausiliaria, mobile
ed indipendente collocata in genere a sinistra dell’altare maggiore.

—8—
S. ANDREA

S. Andrea Apostolo – Via Cassia, 731; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Storia
La parrocchia è stata eretta l’ 11 ottobre 1941 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Quo facilius" ed
affidata al clero diocesano di Roma, poi alla Congregazione dei Preti della Dottrina Cristiana (Dottrinari).
Il territorio è stato desunto da quello della parrocchia della Gran Madre di Dio, con decreto del cardinale vicario Clemente Micara del
1 maggio 1954. Il riconoscimento agli effetti civili è stato decretato il 22 maggio 1942.
La proprietà immobiliare è della Pontificia Opera per la Preservazione dalla Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma. Il progetto
architettonico è di Tullio Rossi con la consueta perizia professionale. L’interno presenta alcune opere d’arte moderna tra cui spicca
senza dubbio l’organo.

ORGANO GUIDO PINCHI (1987)


Due manuali (G.O. – Positivo aperto); disposizione dei registri come segue:
[azionati da tiranti a pomello posti in doppia fila verticale a sinistra del manuale]
I manuale – Grand’Organo II manuale – Positivo aperto
1 Principale 8’ 5 Bordone 8’
2 Ottava 4’ 6 Flauto Camino 4’
3 Ripieno III 7 Ottavina 2’
4 Sesquialtera II 8 Cromorno 8’
9 Tremolo
[azionati da tiranti a pomello posti in doppia fila verticale a sinistra del manuale]
Pedale
10 Subbasso 16'
11 Basso 8'
12 Basso Corale 4'
Accessori
Pedaletti per unioni I – Ped, II – Ped, II – I.

Estensione: manuale di 58 note (Do1 – La5) con tasti diatonici coperti di bosso e tasti cromatici ricoperti di ebano;
pedaliera di 30 note (Do1 – Fa3) dritta.
Trasmissione meccanica; consolle ‘a finestra’ chiusa da portelle.
Collocazione in corpo unico sotto l’ultima campata sinistra della navata.
Cassa di pregevole fattura in vago stile nordeuropeo.
Mostra in sette campi di canne del Grand’Organo e del Pedale di cui il primo, il quarto e il settimo ‘a tourrelles’
cuspidate ‘a diamante’; al di sotto (giusto sopra la consolle), le griglie che occultano le canne del Positivo aperto.

NOTE
Strumento di buona potenza sonora e dai timbri brillanti, appare ben dimensionato ed intonato.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Sant%27Andrea_apostolo> Scheda curata da Davide Campeggiani.

—9—
S. ANDREA DELLA VALLE

S. Andrea della Valle – Piazza Vidoni, 6; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Aggiornamento
Nel 2015 è stato acquistato un positivo corale, collocato a destra del presbiterio.

2. ORGANO DI ANONIMO OLANDESE DEL XX SEC. (1990)


Manuale unico; disposizione dei registri come segue:
[azionati da tiranti a pomello posti in fila unica verticale a sinistra del manuale]
1 RoerFluit 8’
2 Fluit 4’ Bass
3 Octaaf 2’ Bass
[azionati da tiranti a pomello posti in fila unica verticale a destra del manuale]
4 Fluit 4’ Discant
5 Octaaf 2’ Discant
6 Cornett Discant

Estensione: manuale di 54 note (Do1 – Fa5) con prima ottava ‘cromatica stesa’.
Trasmissione meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico a destra del presbiterio.
Cassa di semplice fattura, chiusa da portelle.
Mostra costituita dalle canne a vista dello strumento, disposte ad ala.

NOTE
Strumento adatto all’accompagnamento liturgico ma troppo piccolo per le dimensioni della chiesa
.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (aprile 2018).

— 10 —
S. ANDREA DELLE FRATTE

S. Andrea delle Fratte – Via di Sant’Andrea delle Fratte 1; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.
STORIA
La chiesa, già esistente nell'XI secolo, venne ricostruita in forme barocche su progetto di Francesco Borromini, tra il 1653 e il 1658
(la facciata venne realizzata soltanto nel 1862). Il nome deriva dalla sua ubicazione, nei pressi di piazza di Spagna, un tempo alla
periferia del centro abitato, dove erano situati alberi e cespugli. Venne elevata alla dignità di basilica minore da papa Pio XII il 25
aprile 1942; è anche parrocchia, affidata all'Ordine dei Minimi, e titolo cardinalizio. È anche chiamata santuario della Madonna del
Miracolo, perché al suo interno l'avvocato (e successivamente presbitero) francese di origine ebrea Alphonse Marie Ratisbonne,
avrebbe avuto un'apparizione mariana il 20 gennaio 1842. Il fatto, riconosciuto dalla Chiesa cattolica, provocò la conversione al
cattolicesimo del Ratisbonne.
La facciata della chiesa fu finanziata grazie ad una donazione di Ercole Consalvi, plenipotenziario di papa Pio VII al congresso di
Vienna (1826). I lavori furono affidati a Pasquale Belli il quale, probabilmente seguendo il consiglio di Giuseppe Valadier, disegnò
l'intera facciata secondo gli schemi tradizionali delle chiese romane del XVI secolo a due ordini sovrapposti, ma con diversa
sensibilità spaziale caratterizzata dalla rinunzia ad ogni elemento decorativo che non fosse essenziale.
Durante i lavori del XVII secolo, Francesco Borromini costruì il campanile a due ordini (con i capitelli del secondo costituiti da
singolari erme di Giano Bifronte) e la cupola rinforzata da contrafforti diagonali che fanno assumere all'architettura l'immagine della
croce di Sant'Andrea (il santo titolare della chiesa). Singolare è il contrasto tra il tiburio, rimasto privo del rivestimento e ancora in
mattone grezzo, e il campanile, bianco e curatissimo. Pur essendo incompiuto, il complesso fu da sempre uno dei più studiati
all'interno dell'opera di Borromini; da segnalare i numerosi disegni di Filippo Juvarra che si ispirò a questa chiesa per la costruzione
della cupola della basilica di Sant'Andrea a Mantova.
All’interno la chiesa si presenta con struttura a croce latina, con transetto e profonda abside. Ha un'unica navata lungo la quale si
aprono tre cappelle per lato. L'interno, riccamente decorato, raccoglie diverse opere di artisti del XVII e XVIII secolo, tra i quali
Francesco Cozza, Francesco Queirolo, Giovanni Battista Maini, Giuseppe Bottani, Paolo Posi, Pietro Bracci.
La seconda cappella di destra (della famiglia Accoramboni), forse anch'essa opera di Borromini, aveva originariamente un impianto
analogo alla cappella Spada di San Girolamo della Carità, con decorazioni marmoree che imitano un apparato funebre provvisorio.
Quella sul lato opposto è dedicata alla Madonna del Miracolo, la cui effigie è raffigurata nel dipinto al centro dell'ancona, riferibile
ad Ettore Ballerini.
I due altari del transetto sono opera di Luigi Vanvitelli (sinistra) e Filippo Barigioni (destra). Nel presbiterio tele di vari artisti, tra cui
il Martirio di Sant'Andrea di Francesco Trevisani.
Spiccano due monumentali statue con Angeli con i simboli della Passione, opera di Gian Lorenzo Bernini, scolpite inizialmente (su
commissione di Clemente IX) per la serie della Via Crucis di Ponte Sant'Angelo insieme ad altri opera di allievi, furono considerati
troppo belli per essere esposti alle intemperie e furono donati allo scultore. Nel 1729 gli eredi di Gian Lorenzo Bernini, che abitavano
in un palazzo non lontano, donarono i due angeli a questa chiesa.
Al di sotto dell'altare maggiore e dell'area presbiterale, si trova la cripta; all'interno di essa, vi è l'unico esempio di putridarium della
città di Roma.

ORGANO CONTINIELLO (1970)


Tre manuali [Pos. – G.O.– Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in tre file orizzontali a sinistra dei manuali, con nomi incisi]
III manuale – Espressivo
1 Bordone 8’ 10 Voce Celeste 8’
2 Viola 8’ 11 Oboe 8’
3 Principalino 8’ 12 Tremolo
4 Ottavina 4’
5 Flauto 4’
6 Nazardo 2’2/3’
7 Ripieno 3 File
8 Piccolo 2’

— 11 —
9 Terza 1’3/5’’
II manuale – Grand’Organo
13 Principale 16’ 16 XII 2’2/3’
14 Principale 8’ 17 XV 2’
15 Ottava 4’ 18 Ripieno 4 File
19 Flauto 8’
20 Flauto 4’
21 Dulciana 8’
22 Voce Umana 8’
23 Tromba 8’
24 [predisposto]
Unioni ed Accoppiamenti
[azionati da placchette disposte in fila orizzontale al di sopra del III manuale, con nomi incisi]
25 Unione I – Ped
26 Unione II – Ped
27 Unione III – Ped
28 Unione I – II
29 Unione III – II
30 Unione III – I
31 Ottava Acuta I
32 Ottava Acuta II
33 Ottava Acuta III
34 Ottava Acuta I – II
35 Ottava Acuta III – II
36 Ottava Grave I – II
37 Ottava Grave II
38 Ottava Grave III – II
39 Ottava Acuta I – Ped.
40 Ottava Acuta II – Ped.
41 Ottava Acuta III – Ped.

Annulli
[azionati da linguette disposte in fila orizzontale all’estrema destra al di sopra del III manuale, con nomi incisi]
A Ripieno I A Ancia I manuale
A Ripieno II A Ancia II manuale
A Ripieno III A Ancia III manuale
A Ancia Pedale

I manuale – Positivo
[azionati da placchette disposte in fila orizzontale al lato del II manuale, con nomi incisi]
42 Corno di Camoscio 8’
43 Flauto a Camino 4’
44 Silvestre 2’
45 Clarinetto 8’

Pedale
[azionati da placchette disposte in fila orizzontale al lato del I manuale, con nomi incisi]
Corpi destro e sinistro
46 Contrabbasso 16’ 50 Fagotto 16’
47 Basso 8’ 51 Fagotto 8’
48 Ottava 4’ 52 Fagotto 4’
49 Subbasso 16’

Accessori

— 12 —
4 Combinazioni Fisse Particolari a pistoncino.
4 Combinazioni aggiustabili.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’, Combinazioni Aggiustabili.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione III manuale.
Pedaletti Ripieno I, II; Forte III; Ancia, Tutti; Annulli.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3), dritta.


Trasmissione elettronica (consolle – corpi d’organo) ed elettrica (corpi d’organo), revisionata; consolle mobile
indipendente collocata in genere a destra dell’altare maggiore.
Collocazione in due corpi che occupano interamente le cantorie ai lati dell’altare maggiore.
Cassa di ciascun corpo limitata al solo basamento delle canne di mostra.
Mostra di ciascun corpo composta da 19 canne disposte ‘a palizzata’ in campo unico con disegno a cuspide; bocche ‘a
mitria’ allineate orizzontalmente.

NOTE
Non permangono tracce di organi precedenti. Quello attuale è stato realizzato per l’Anno Santo della Redenzione (1933)
dalla Ditta Balbiani Vegezzi-Bossi e collocato in corpo unico su una vasta cantoria sull’ingresso principale
appositamente costruita. La cantoria è stata demolita nel 1960 e l’organo smontato fino alla ricostruzione avvenuta per
opera della Ditta Continiello nel 1970, con l’aggiunta del I manuale e delle ance al pedale. Un restauro completo è stato
condotto da Michele Continiello nel 2010 portando l’organo all’assetto attuale.
I manuali II e III, corrispondenti all’originale strumento Balbiani Vegezzi-Bossi fanno ancora sentire la possente
intonazione originale, anche se penalizzata dalla attuale collocazione dello strumento..

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza personale con Sergio Colasanti (1998).

Sopralluogo compiuto personalmente (marzo 2018).

— 13 —
ANGELICUM

Chiesa dei SS. Domenico e Sisto della Pontificia università “San Tommaso d'Aquino” (detto “Doctor Angelicus”) –
Largo Magnanapoli angolo salita del Grillo; apertura domenicale al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
STORIA
L'Università Internazionale San Tommaso d'Aquino, (PUST), nota anche come l'Angelicum in onore del suo patrono Tommaso
d'Aquino (che nella tradizione scolastica a partire dal quattrocento diviene noto anche come Doctor Angelicus), è l'istituto di
insegnamento e ricerca dell'Ordine dei domenicani a Roma, ed una delle principali università pontificie del mondo. L'Angelicum
dipende direttamente dal papa per il suo mandato e lo status di università pontificia. Ciò è evidenziato nella Costituzione Apostolica
Sapientia Christiana, che chiarifica i parametri dell'autorità della Chiesa e della libertà accademica. L'Angelicum è amministrato
dall'Ordine dei PP. Domenicani; offre lauree in Teologia, Filosofia, Diritto Canonico e Scienze Sociali, nonché certificati e diplomi
in settori correlati.
I corsi sono offerti in lingua italiana e, per alcuni programmi, in inglese. Nelle sue facoltà si trovano professori e allievi sia religiosi
che laici provenienti da diversi paesi del mondo. L'Angelicum custodisce l'autentica tradizione domenicana di filosofia e teologia
nell'ambito delle università pontificie.
L'Angelicum affonda le sue radici nella missione domenicana di studiare e predicare la verità. Questa missione si riflette in un motto
dell'Ordine veritas. In particolare le sue origini si trovano nella fondazione del primo studium conventuale domenicano a Roma
presso il convento di Santa Sabina nell'anno 1222 dove "gli studi sacri fiorivano". Il carattere pedagogico del carisma domenicano
inteso da san Domenico de Guzman alla nascita dell'Ordine dei Predicatori nel 1214, che presto diventa il primo ordine istituito dalla
Chiesa con una missione accademica viene espresso in un altro motto dell'Ordine "contemplare ut contemplata aliis tradere,"
"contemplare per poi trasmettere i frutti della contemplazione ad altri," che è una parafrasi della dottrina di san. Tommaso d'Aquino
sulla perfezione dell'apostolato domenicano.
Alla fine del 1219 Onorio III invitò san Domenico e i suoi seguaci a dimorare sull'Aventino presso l'antica chiesa romana di Santa
Sabina. Prima di quel tempo i frati non avevano dimora permanente a Roma, ma restavano temporaneamente al convento di San Sisto
Vecchio. I frati si trasferirono all'inizio del 1220. Poco dopo, il primo capitolo generale dell'ordine, che tenne luogo a Bologna il 20
maggio 1220, comandò che ogni convento domenicano nuovo doveva mantenere il proprio studium, così avviando la venerabile
tradizione domenicana di fondazioni scolastici. La fondazione ufficiale del convento domenicano a Santa Sabina e del suo studium
conventuale, il primo studium domenicano a Roma, accadde con il trasferimento legale della proprietà da Onorio III all'ordine il 5
giugno 1222. Annibaldo degli Annibaldi (1230c.-1272c.), al quale san Tommaso d'Aquino dedichera il suo Catena Aurea, completo i
suoi studi preliminari allo studium conventuale a Santa Sabina, e poi fu mandato allo studium generale di san Giacomo a Parigi nel
1255.
Al capitolo generale di Valenciennes nel 1259 sant’Alberto Magno e san Tommaso d'Aquino presero parte nel programmare il
sistema di studi per novizi e lettori che doveva durare otto anni: due anni di filosofia, due di teologia fondamentale, storia
ecclesiastica, e diritto canonico, e quattro anni di teologia. Studenti che mostravano capacità particolari erano mandati ad uno
studium generale questo programma diventando lector, magister studentium, baccalaureus, e magister theologiae. Nel 1265 lo
studium fu guidato da san Tommaso d'Aquino secondo il mandato del Capitolo di Agnani: "Fr. Thome de Aquino iniungimus in
remissionem peccatorum quod teneat studium Rome, et volumus quod fratribus qui stant secum ad studendum provideatur in
necessariis vestimentis a conventibus de quorum predicatione traxerunt originem. Si autem illi studentes inventi fuerint negligentes in
studio, damus potestatem fr. Thome quod ad conventus suos possit eos remittere" (Acta Capitulorum Provincialium, Provinciae
Romanae Ordinis Praedicatorum, 1265, n. 12) Tolomeo da Lucca, un socio di S. Tommaso che scrisse una biografia di lui, ci indica
che allo studium di Santa Sabina san Tommaso insegnava tutte le materie filosofiche, dalla morale alla filosofia di natura.Inoltre, era
durante questo periodo di insegnamento allo studium di Santa Sabina che Aquino ha iniziato la sua opera monumentale, la Summa
Theologiae, un'opera concepita come guida per studenti inizianti: "Quia Catholicae veritatis doctor non solum provectos debet
instruere, sed ad eum pertinet etiam incipientes erudire, secundum illud apostoli I ad Corinth. III, tanquam parvulis in Christo, lac
vobis potum dedi, non escam: propositum nostrae intentionis in hoc opere est, ea quae ad Christianum religionem pertinent, eo modo
tradere, secundum quod congruit ad eruditionem incipientium." (S. th. I, 1 prooemium). A Santa Sabina Aquino compose l'intera
prima parte della Summa e la fece circolare tra i suoi soci in Italia prima di partire per la sua seconda regenza all'Università di Parigi
(1269-1272) A questo periodo allo studium di Santa Sabina può essere attribuito la composizione di altre opere importanti come le
Quaestiones disputate de potentia Dei, il Compendium theologiae, il Responsio de 108 articulis. il De regno ad regem Cypri. et
almeno il primo libri delle Sententia Libri De anima, il commento del Aquinate sul De anima di Aristotele, la cui traduzione dal
Greco era compiuta dal socio domenicano Guglielmo di Moerbeke nel 1267.
Con la partenza dell'Aquinate per Parigi nel 1268 ed il passaggio del tempo le attività pedagogiche dello studium provinciale a Santa
Sabina furono divise tra due sedi. Un convento nuovo dell'Ordine Santa Maria sopra Minerva, che ebbe un inizio modesto attorno
1255 come comunità di religiose converse, ma si sviluppò rappidamente di grandezza ed importanza. dopo la sua progressiva

— 14 —
trasformazione in convento di frati domenicani tra il 1265 ed il 1275.[19] Nel 1288 il componente teologico del curriculum
provinciale fu trasferito dallo studium provinciale del convento di Santa Sabina allo studium conventuale di Santa Maria sopra
Minerva, il quale fu designato studium particularis theologiae.
Seguendo il curriculum di studi imposto dal capitolo generale di 1291 lo studium di Santa Sabina fu ridesingnato uno delle tre studia
nove logice specializzati nella logica nova, i testi aristotelici che entrarono nel ovest soltanto nella seconda meta del secolo
tredicesimo, I topici, Refutazioni sofistiche, ed i Primi e secondi analitici . Questa materia costituiva un avanzo su la logica antiqua,
che trattava l'Isagoge di Porfirio le Divisioni, ed i Topici di Boezio, e le Categorie e Sull'interpretazione di Aristotele, insieme alle
Summule logicales di Pietro di Spagna. Milone da Velletri fu lettore allo studium di Santa Sabina nel 1293.
Nel 1305 lo studium al convento di Santa Maria sopra Minerva fu ridesignato come uno dei quattro studia naturarum della provincia
romana dell'Ordine. Fra’ Angelo da Orvieto ci insegnava la Metaphysica ed il De anima di Aristotle con i commenti correnti del
giorno.
Nel 1304 il capitolo generale comandò che ogni provincia dell'Ordine doveva stabilire uno studium generale per rispondere alla
crescita dell'Ordine. Lo studium a Santa Maria sopra Minerva serviva come tale per la provincia Romana già nel 1426 e continuò in
questo ruolo fino al 1539. Di nuovo fu affermato come studium generale nel 1694.
Nel 1507 Antonio Caramanico fu maestro regente dello studium generale a Santa Maria sopra Minerva. Il 12 maggio 1512 il Maestro
del Ordine dei Predicatori Tommaso De Vio «il Cajetano» nominò Gaspare da Perugia maestro regente dello studium generale a
Santa Maria sopra Minerva. Nel maggio del 1539 nel capitolo generale dell'Ordine a Roma Bartolomé Carranza de Miranda, già
studente e poi professore rinomato del Collegio di San Gregorio a Valladolid, Spagna, ricevette il titolo di Sacrae Theologiae
Magister allo studium generale a Santa Maria sopra Minerva Giacomo Nacchiante fu nominato professore di filosofia e di teologia
allo studium nel 1541. Nel 1570 ci fu pubblicata la prima edizione dell'opera omnia dell'Aquinate, la cosiddetta 'editio Piana da papa
san Pio V.
Nel cinquecento lo studium a Santa Maria sopra Minerva subì nuove modifiche. Aquino, che fu canonizzato ad Avignone da Papa
Giovanni XXII nel 1323, fu poi proclamato quinto dottore della Chiesa dal Papa domenicano Pio V nel 1567. Ad onore di questo
grande dottore, nel 1577 monsignor Juan Solano già vescovo di Cuzco in Perù, munì la trasformazione dello studium di Santa Maria
sopra Minerva nel Collegium Divi Thomae seguendo il modello del Collegio di S. Gregorio di Valladolid in Spagna. Nelle intenzioni
del Solano i reggenti del collegio di san Tommaso dovevano appartenere o alla provincia di Roma o a quella di Spagna. Il modello
del Collegio di San Gregorio prescriveva un numero fisso di studenti domenicani ammessi in base al merito intellettuale dediti
esclusivamente allo studio in virtù di numerose dispense da altri doveri, governati da un rettore eletto.
Al capitolo generale di Roma nel 1694 P. Antonio Cloche, Maestro Generale dell'Ordine Domenicano, dichiaro' che il Collegio
costituiva lo studium generale della provincia romana. Il 26 maggio 1727 papa Benedetto XIII concesse agli studi maggiori
dell'Ordine Domenicano, e quindi anche al Collegio di San Tommaso, il diritto di conferire i gradi accademici in teologia agli
studenti esterni. Con l'apertura a studenti non-domenicani il collegio divenne un centro internazionale di specializzazione tomistica.
Grazie alla munificenza del cardinale Girolamo Casanate († 1700) il Collegio di San Tommaso fu arricchito con la fondazione della
Biblioteca Casanatense, illustre centro di studi filosofico-teologici a Roma.
Durante l'occupazione francese di Roma tra 1797 e 1814 il collegio era in declino ed anche arrivò al punto di chiudere le sue porte
per un breve periodo tra 1810 e 1815.
L'Ordine di nuovo in possesso del convento di Santa Maria sopra Minerva di nuovo in 1815 è stato poi espropriato nel 1871 dal
governo Italiano, e nel 1873 il Collegium Divi Thomæ de Urbe dovette lasciare la Minerva. In questo periodo di trasloco le attività
pedagogiche delle facoltà del collegio continuarono in diversi luoghi nella città. Per un periodo il rettore del collegio, Tommaso
Maria Zigliara, con gli altri professori e studenti si rifugiarono con i padri dello Spirito Santo al Collegio Francese di Roma.
Eventualmente i domenicani ottennero una casa vicino alla Minerva per le attività del collegio. Rispondendo allo stato di disordine
nelgli istituti educativi cattolici papa Leone XIII, nell'enciclico Aeterni Patris del 1879, annunciò una rinascita didella filosofia
cristiana, ed in particolare dello studio delle dottrine di S. Tommaso d'Aquino. Dato questo evento il collegio cominciò a crescere di
nuovo. Leone XIII ci fondò la facoltà di filosofia in 1882, e quella di diritto canonico in 1896.
All'alba del secolo XX la visione domenicana di formazione intellettuale a Roma si trasformò di nuovo. I capitoli generali del 1895 e
del 1901 chiesero l'espansione del Collegio di S. Tommaso per rispondere alla richiesta internazionale di formazione intellettuale
nella tradizione tomista.
Il capitolo di 1904 (Viterbo) diede a Giacinto Maria Cormier, il nuovo maestro generale dell'Ordine, il compito di trasformare il
collegio in uno studium generalissimum per l'ordine intero: "Romae erigatur collegium studiorum Ordinis generalissimum,
auctoritate magistri generalis immediate subjectum, in quo floreat vita regularis, et ad quod mittantur fratres ex omnibus provinciis."
Grazie alle premure del Cormier, in seguito dichiarato beato dalla Chiesa cattolica nel 1994, il 2 maggio 1906 il Collegio di San
Tommaso ricevette da san Pio X il titolo di Pontificium, oltre all'equiparazione delle lauree da esso conferite con quelle di tutte le
università cattoliche del mondo. Con una Lettera apostolica dell'8 novembre ed un autografo del papa del 17 novembre 1908, fu
eretto il nuovo Pontificio Collegio Angelicum al posto del Collegio di San Tommaso alla sua nuova sede situata in Via San Vitale.
Fino alla sua morte nel 1916 Cormier continuò a sviluppare i regolamenti dell'Angelicum stabilendo così le leggi ancora in forza
oggi.
Il rettorato di Alberto Lepidi Chioti e quello di Tommaso Maria Zigliara, e Sadoc Szabó aveva portato il collegio ad un livello molto
alto di eccellenza accademica, ed il numero dei suoi alunni da 120 nel 1909 arrivò a più di 1 000 attorno l'anno 1965. Il 29 giugno
1923 l'enciclica Studiorum ducem di Pio XI fece notare il Collegio di S, Tommaso come l'ufficiale "sedes Thomae," l'istituto
preeminente del mondo per lo studio delle dottrine del dottore angelico.

— 15 —
L'anno 1926 vide l'Angelicum diventare un istituto con cambiamento di nome ufficiale a Pontificium Institutum Internationale
Angelicum. Nel 1932, lAngelicum si trasferì di nuovo nel fabbricato, appositamente ampliato, dell'antico monastero domenicano di
SS. Domenico e Sisto sul colle Esquilino, che era più adatto al suo nuovo ruolo internazionale. Nel 1942 il nome del collegio si
cambiò di nuovo a Pontificium Athenaeum Internationale Angelicum.
Il 7 marzo 1963 papa san Giovanni XXIII, con il motu proprio Dominicanus Ordo, elevò l'Angelicum al rango di università pontificia
con il nuovo nome di Pontificia Studiorum Universitas a Sancto Thoma Aquinate in Urbe, Pontificia Università S. Tommaso
d'Aquino nella città. Nel 1950 l'Istituto di Spiritualità fu fondato ed incorporato nella Facoltà di Teologia. Nel 1952 l'Istituto di
Scienze sociali fu fondato ed incorporato nella Facoltà di Filosofia. Nel 1974 questo istituto fu elevato al rango di Facoltà.
L'Angelicum è l'unica università pontificia che offre un programma di studi avanzati nell'ecumenismo.
Il 2 luglio 1964 l'Istituto superiore di scienze religiose per laici Mater Ecclesiae fu incorporato nella Pontificia Università di San
Tommaso d'Aquino. Anche numerose altre istituzioni di studi teologici e filosofici vollero essere collegate con questa Università.
Nella sua storia l'Angelicum è noto per la sua prospettiva tomistica, una tradizione che risale all'attività pedagogica di San Tommaso
allo studio provinciale al convento di Santa Sabina (si veda sopra). Oggi come l'ufficiale sedes Thomae a Roma continua ad offrire ai
suoi studenti l'opportunità di emergersi nell'autentica tradizione tomista domenicana di teologia e filosofia.
Nell'anno 2011-2012 il corpo studentesco comprendeva circa 900 studenti provenienti da 95 paesi. I paesi più rappresentati sono gli
Stati Uniti con 180 studenti, l'Italia con 157 studenti, e l'India con 102 studenti. Circa la metà degli studenti dell'Angelicum sono
iscritti nella facoltà di teologia. Tipicamente la maggior parte degli studenti sono seminaristi, chierici o suore religiose. Nei tempi
recenti, comunque, il numero di studenti laici sta aumentando, particolarmente nella facoltà di scienze sociali. I professori
dell'Angelicum hanno avuto un impatto formativo nella storia del tomismo. Tra questi, nel secolo XX ci sono figure come Réginald
Garrigou-Lagrange, Martin Grabmann, Marie-Dominique Chenu, Józef Maria Bocheński, Cornelio Fabro. Nei decenni successivi vi
hanno insegnato Jordan Aumann, Christoph Cardinal Schönborn, Aidan Nichols, Wojciech Giertych, teologo della casa papale sotto
Papa Benedetto XVI, Charles Morerod, ex-rettore magnifico dell'Angelicum, segretario della Commissione Teologica Internazionale,
Suor Helen Alford, Decano della facoltà di Scienze Sociali e membro del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, Robert Christian,
Vice-Decano della facoltà di Teologia, e membro del Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani, e Donna Orsuto,
professore di Spiritualità, rettore del centro laico Unitas, che è stata recentemente creata Dama dell'Ordine di San Gregorio Magno da
papa Benedetto XVI.
L'Angelicum sponsorizza l'"Angelicum University Channel" un "online video channel" che si occupa degli eventi ed iniziative
maggiori dell'Angelicum. L'Ufficio Relazioni Pubbliche dell'Angelicum sponsorizza l'"Angelicum Newsletter Blog" e l'"Angelicum
Alumni Website".
Il campus dell'Angelicum si situa nel centro storico di Roma sul colle Quirinale nel rione della città eterna conosciuto come "Monti".
Si trova all'inizio di via Nazionale presso le rovine del mercato di Traiano, sopra la via dei Fori Imperiali, e Piazza Venezia. Il sito
dell'Angelicum è ricordato nella storia prima dell'anno 1000 con il nome Magnanapoli. Ci si trovava una chiesa dedicata alla Beata
Vergine Maria.
La natura del sito è incerto prima del secolo nono. Secondo una teoria il nome Magnanapoli deriva dall'espressione Bannum Nea
Polis o "fortezza della città nuova". Nel nono secolo il sito era occupato da uno stabilimento militare bizantino di cui faceva parte la
famosa Torre delle Milizie, la torre più antica di Roma ancora esistente. Nel 1569 il papa domenicano san Pio V ordinò la
costruzione della chiesa attuale dei Santi Domenico e Sisto. Nel 1575 il convento fu costruito per una comunità di suore domenicane
che si rifuggiavano dalle cattive arie al loro convento di San Sisto Vecchio. Tra gli architetti che hanno contribuito al complesso vi
sono Giacomo Vignola, Giacomo della Porta, Nicola Torriani, Orazio Torriani e Vincenzo della Greca.
Nel 1870 la comunità di suore fu espropriata dal governo italiano. L'Ordine è riuscito a riacquistare il complesso solo nel 1927. Dopo
ristrutturazioni ed ampliamenti estensivi l'Angelicum e una comunità di frati domenicani vi fu installata. L'università occupa quasi
l'intero pian terreno del complesso. Le altre parti, il primo, secondo, e terzo piano attorno al chiostro, insieme ad alcuni locali
sotterranei costituiscono il convento della comunità di frati domenicani che serve l'università.
L'entrata principale dell'Angelicum immediatamente a sinistra della Chiesa dei Santi Domenico e Sisto fu aperto nell'anno 1932
come parte delle ristrutturazioni di accomodazione dell'Angelicum al sito del convento. Una scala ampia conduce a un porticato di
motivo palladiano sopra del quale si trovano montati sulla parete lo stemma di papa Pio XI, che regnava dal 1922 al 1939, sulla
sinistra, e lo scudo domenicano inciso con dei motti dell'Ordine, "laudare, benedicere, praedicare" sulla destra. Il Pontificium
Institutum Internationale Angelicum aprì le sue porte al campus attuale nel 1932.
Sotto il porticato dell'entrata si trovano due statue circa 1910 dello scultore Cesare Aureli raffigurando Sant'Alberto Magno sulla
sinistra e San Tommaso d'Aquino sulla destra.
Sulla base della statua di San Tommaso c'è un'iscrizione attribuita a papa Pio XI: "Sanctus Thomas Doctor angelicus hic tamquam
domi suae habitat," (San Tommaso il dottore angelico abita qui come nella propria casa). L'iscrizione è una parafrasi dal enciclico
Studiorum ducem di papa Pio XI che riconosce Angelicum come l'istituto preeminente per l'insegnamento delle dottrine
dell'Aquinate: "ante omnia Pontificium Collegium Angelicum, ubi Thomam tamquam domi suae habitare dixeris".
La statua di San Tommaso all'Angelicum è la seconda versione di questa opera del Aureli. La prima versione si trova nella Sala di
Consultazione della biblioteca vaticana. La scultura è stata descritta nelle parole seguenti: "S. Tommaso seduto, nella sinistra tiene il
libro della Summa theologica, mentre stende la destra in atto di proteggere la scienza cristiana. Quindi non siede sulla cattedra di
dottore, ma sul trono di sovrano protettore; stende il braccio a rassicurare, non a dimostrare. Ha in testa il dottorale berretto, e
conservando il suo tipo tradizionale, rivela nel volto e nell'atteggiamento l'uomo profondamente dotto. L'autore non ha avuto da
ispirarsi in altr'opera che esistesse sul soggetto, quindi ha dovuto, può dirsi, creare questo tipo, ed è riuscito originale e felice nella

— 16 —
sua creazione."[59] All'instigazione del pontificio seminario romano la versione vaticana della statua fu commissionata nel nome di
tutti i seminaristi del mondo come regalo al pontefice in occasione del giubileo episcopale di papa Leone XIII nell'anno 1893.
Un chiostro centrale con giardino e fontana costituisce il cuore del campus dell'Angelicum. Le due vasche della fontana antica sono
alimentate dall'Acqua Felice, primo nuovo acquedotto costruito dopo l'impero romano, completato in 1585 per ordine di papa Sisto V
il cui nome natalizio era Felice Peretti. L'Acqua Felice alimena anche la fontana di Giovanni Battista Soria (c. 1630) all'entrata del
giardino murato dell'Angelicum e la fontana alla scala doppia sotto la portineria dell'università prima di scorrere al suo termine alla
fontana di Mosé conosciuta anche come Fontana dell'Acqua Felice sulla via del Quirinale.
Il chiostro è fiancheggiato su i quattro lati da portici ad archi sul designo di Giacomo Vignola ma completato dopo la sua morte.
Dieci archi sui lati lunghi e sette sui lati corti sostenuti da lesene di stile toscano saltano da plinti alti. Un semplice fregio liscio con
triglifi e metope separa il livello più basso dai livelli superiori.
Attorno il chiostro si trovano undici aule d'insegnamento l'ultimo delle quali, l'Aula della Sapienza, il sito delle difese dottorali, si
trova sul lato nord del chiostro accanto agli uffici dell'amministrazione dell'università. La "Sala delle Colonne" si trova sul lato est
del chiostro. Quest'ultima, ornata da sei colonne di marmo e di tracce di affreschi tardo rinascimentali, serviva da biblioteca del
vecchio convento, ed oggi come sala per ricevimenti.
Ancora al est della Sala delle Colonne si trova l'Aula Magna san Giovanni Paolo II (che studiò qui), un auditorium semicircolare
inclinato con una capienza di 1100 persone che fu costruito durante il restauro degli anni trenta dall'ingegnere romano Vincenzo
Passarelli. L'Aula Magna è stata recentemente ridedicata in onore di papa san Giovanni Paolo II. Un altro auditorium adiacente con
capienza di 350 persone si chiama l'Aula Minor San Raimondo. Oltre ancora ad est si trovano la caffetteria bar del Angelicum, la
libreria, e la biblioteca universitaria.
Oggi la biblioteca dell'università contiene quella parte del patrimonio testuale dell'Angelicum che non fu espropriato dal governo
italiano come la biblioteca Casanatense nel 1870. La biblioteca del vecchio convento domenicano originalmente aveva 40,000 libri
nella Sala delle Colonne. Con la crescita della collezione uno spazio più ampio fu ritrovato sotto l'Aula Magna per un nuovo deposito
di libri ed una sala di lettura con finestre ampie che affacciano sulle palme del giardino murato dell'Angelicum.
Al sud del complesso si trova il giardino murato dell'Angelicum che è confinato da proprietà private. All'entrata del giardino c'è una
fontana sul disegno di Giovanni Battista Soria che fu costruito c. 1630.[65] Il giardino murato è piantato di alberi e piante di molti
tipi tra i quali aranci, limoni, pistacchi, ulivi, fichi, palme allori, e vigne. È un'oasi di calma e silenzio, una figura paradisica in mezzo
al caos della città eterna. Era in questo giardino che da giovane studente nel 1946 Karol Wojtyla, il futuro papa Giovanni Paolo II
passeggiave ogni giorno fermandosi per sentire il profumo dei fiori d'arancio, e per visitare quello che lui chiamava "l'albero
miracoloso", un antico ulivo da cui incredibilmente spuntavano i rami di un palmo, un fico, e un alloro.
Sul lato nord del campus si trovano la cappella universitaria, il coro e la Chiesa dei Santi Domenico e Sisto. Il campus e confinato sul
lato nord da via Panisperna e dalla Villa Aldobrandini, villa principesca del settecento di cui i giardini erano tamponati nel novecento
a causa della costruzione di via Nazionale, e che oggi serve lo Stato Italiano come sede dell'UNIDROIT, Istituto Internazionale per
l'Unificazione del Diritto Privato. Al ovest l'Angelicum è confinato da un'altra strada antica, la Salita del Grillo.
Sul primo piano attorno il chiostro si trovano gli appartamenti dei professori domenicani e la Sala del Senato. Quest'ultima era la sala
capitolare del convento vecchio e contiene un trittico pregievole del quattrocento raffigurando Sant 'Andrea dal pittore Lippo Vanni e
un crocifisso del trecento. Inoltre, ci si trova una reliquia del intero corpo di un santo non identificato che porta l'armatura di un
soldato imperiale romano.

ORGANO MASCIONI (OP. 517 – 1939)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I manuale – Grand’Organo II manuale – Espressivo

1 Principale 16’ 12 Principalino 8’


2 Principale 8’ 13 Bordone 8’
3 Flauto Traverso 8’ 14 Viola 8’
4 Dulciana 8’ 15 Salicionale 8’
5 Flauto 4’ 16 Flauto 4’
6 Ottava 4’ 17 Ottava 4’
7 XII 2’2/3’ 18 Flauto in XII 2’2/3’
8 XV 2’ 19 Silvestre 2’
9 Ripieno 3 File 20 Flauto in XVII 1’3/5’
10 Ripieno 4 File 21 Tremolo
11 Cromorno 8’

Unioni ed Accoppiamenti

— 17 —
22 II 8’ I 28 I 4’ Ped
23 I 4’ I 29 II 4’ Ped
24 II 4’ I 30 I 8’ Ped
25 II 16’ I 31 II 8’ Ped
26 II 4’ II
27 II 16’ II

Pedale
32 Contrabbasso 16’
33 Subbasso 16’
34 Basso Armonico 8’
35 Principale 8’
36 Bordone 8’
37 Ottava 4’

Accessori
4 Combinazioni Aggiustabili,
5 Combinazioni Fisse,
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente collocata in genere sotto il corpo del Grand’Organo.
Collocazione in due corpi: l’Espressivo sopra la porta d’ingresso (con funzioni di “Antiphonal”) ed il Grand’Organo ed
il Pedale in un ambiente a destra della navata.
Organo privo di cassa. Quella del Grand’Organo funge anche da cantoria oltre che da basamento delle canne di mostra.
Mostra del Grand’Organo composta da canne sonanti dei registri di 8’ disposti in campo unico ‘a palizzata’; bocche ‘a
mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo non è stato valutato in quanto al momento della visita non c’era nessuno che poteva autorizzarmi. Tuttavia è
tuttora ben conservato, grazie alla consueta buona fattura Mascioni anche se è penalizzato dalla disposizione dei corpi
d’organo.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Pontificia_universit%C3%A0_%22San_Tommaso_d%27Aquino%22>

Corrispondenza elettronica con la Ditta Mascioni (aprile 2018).

— 18 —
S. ANNA DEI PALAFRENIERI IN VATICANO

S. Anna dei Palafrenieri – Porta dei Palafrenieri del Vaticano; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.
STORIA
La chiesa, a pianta ovale, la prima del genere nel panorama architettonico romano del Cinquecento, fu edificata su disegno di Jacopo
Barozzi «il Vignola»Vignola, durante il pontificato di Pio IV intorno al 1570. Fu realizzata per l'Arciconfraternita dei Palafrenieri
(Sediari pontifici) del papa, istituita da Urbano VI nel 1378 e oggi risiedente presso la chiesa di Santa Caterina della Rota per autorità
di Pio XI, che nel 1929 trasformò la storica sede confraternale in parrocchia del nuovo Stato Vaticano. L'Arciconfraternita ha come
scopo il culto della madre di Maria, Sant'Anna, e il suffragio delle anime dei defunti: dalla loro chiesa prese il nome il borgo
adiacente.
La chiesa raggiunse l’assetto attuale nel settecento, quando vennero realizzate la facciata, la cupola e gli affreschi interni.
L'esterno della chiesa è caratterizzato dalla facciata, che dà sullo Stato del Vaticano. Essa è affiancata da due campanili, ognuno dei
quali presenta la cella campanaria aperta su quattro lati con una monofora per ciascun lato e una copertura a bulbo. L'ingresso è
costituito da un unico portale sormontato da un tondo raffigurante Sant'Anna e la Madonna e, più in alto, da una grande finestra a
lunetta. La facciata termina con un frontone spezzato sorretto da due colonne tuscaniche e sormontato da due statue di angeli.
L'interno della chiesa presenta una pianta ellittica coperta con cupola ribassata al centro della quale vi è uno stucco raffigurante la
Colomba dello Spirito Santo. Le pareti dell'ellisse sono scandite da otto colonne corinzie che inquadrano i quadri con Scene della vita
di Sant'Anna, di Ignazio Stern, e i quattro ambienti a pianta rettangolare (la campata d'ingresso con cantoria, le due cappelle laterali e
l'abside alternati a quattro porte con frontoni triangolari. L'abside è a pianta quadrata con una grande nicchia su ogni lato, ed è
coperta con volta a vela riccamente decorata con stucchi, al centro della quale si apre una lanterna. A ridosso della parete fondale, vi
è l'altare maggiore in marmi policromi che accoglie, all'interno dell'ancona, la pala raffigurante Sant'Anna e la Madonna bambina,
opera di Arturo Viligiardi realizzata nel 1927.

ORGANO GIUSEPPE MIGLIORINI (1931)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 6 Unione I – Ped
2 Ottava 4’ 7 Unione II - Ped
3 Ripieno 5 File 8 Sopra I - Ped
4 Flauto 8’ 9 Sopra II - Ped
5 Dulciana 8’ 10 Grave I
11 Grave II - I
12 Unione Tastiere
13 Sopra II - I
14 Sopra I

15 Grave II
16 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale


17 Bordone 8’ 23 Subbasso 16’
18 Viola di gamba 8’ 24 Basso 8’
19 Coro viole 8’
20 Flauto 4’
21 Oboe 8’
22 Tremolo

— 19 —
Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Fondi, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente non originale senza indicazioni di
alcuna Ditta, posta in genere a sinistra dell’altare maggiore.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria a destra del presbiterio.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale, disposte ‘a palizzata’; bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato per l’erezione della chiesa a Parrocchia dello Stato Vaticano, dopo la fondazione di
quest’ultimo con i Patti Lateranensi del 1929. Conservato allo stato originale fino agli anni ’90 del XX secolo, ma in
cattive condizioni, è stato restaurato nel 2005 con il trasferimento della consolle dalla cantoria alla navata.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 1988).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Citt%C3%A0_del_Vaticano/Citt%C3%A0_del_Vaticano_-
_Chiesa_di_Sant%27Anna_dei_Palafrenieri> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 20 —
S. ANTONIO DEI PORTOGHESI

S. Antonio in Campo Marzio – Via dei Portoghesi, 2; apertura festiva al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Aggiornamento
L’organo Ruffatti (1956) è stato rimosso nel 2008 e venduto ad una non meglio precisata chiesa in provincia di Udine e sostituito da
un grosso strumento Mascioni progettato da Jean Guillou inizialmente a 4 manuali, poi nel 2017 portato a 5 manuali come
attualmente visibile.

ORGANO MASCIONI (OP. 1181 – 2008)

Cinque manuali [Pos. – G.O.– Exp. – Solo – Eco], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli ad estrazione collocati a sinistra dei manuali]
II manuale – Grand’Organo
1 Flauto 16’ 7 Quinta 5’1/3’
2 Principale 8’ 8 Terza 3’1/5’
3 Corno Camoscio 8’ 9 Settima 2’2/7’
4 Principale 4’ 10 Nachthorn 2’
5 Tromba 8’ 11 Cornetto 5 file 8’
6 Violoncello 4’ 12 Plein Jeu 5/6 File

I manuale – Positivo
Sezione principale Sezione Corale
13 Flauto 8’ 19 I / V
14 Principalino 4’ 20 Flauto a camino 8’
15 Flauto Armonico 2’ 21 Flauto 4’
16 Larigot Armonico 1’1/3’ 22 Sesquialtera 2 File
17 Cromorno 8’ 23 Cembalo 3 File
18 Clarinetto 8’ 24 Dulzian 8’
25 Tremolo

Pedale
26 Acustico 32’ 33 Flautino 2’
27 Flautone 16’ 34 Grand Cornet 6 File
28 Subbasso 16’ 35 Bombarda 16’
29 Gran Quinta 10’2/3’ 36 Basson 16’
30 Flauto 8’ 37 Fagotto 16’
31 Quinta 5’1/3’ 38 Tromba 8’
32 Flauto 4’ 39 Clairon 4’
40 Chalumeau 4’

[azionati da pomelli ad estrazione collocati a destra dei manuali]


V manuale – Eco / Bombardes
41 Quintaton Pedale 16’ 46 Trombone 16′
42 Quintadena 8’ 47 Tuba 8′
43 Diapason 4’
44 Flageolet 2’
45 Terziana 5 File 8’

— 21 —
IV manuale – Solo
48 Flûte Harmonique 8’ 53 Regale 16’
49 Flûte Octaviante 4’ 54 Fagotto 16’
50 Nasard Harmonique 2’2/3’ 55 Oboé 8’
51 Tierce Harmonique 1’3/5’ 56 Tremolo Oboé
52 Piccolo Harmonique 1’

III manuale – Espressivo


57 Bourdon 8’ 62 Basson 16’
58 Gambe 8’ 63 Hautbois 8’
59 Voix Céleste 8’ 64 Trompette 8’
60 Holzprincipal 4’ 65 Voix Humaine 8’
61 Carillon 3 File 66 Tremolo

Accoppiamenti
67 I 16’ I 72 III 4’ III
68 I 16’ II 73 V 4’ Ped
69 III 16’ III 74 III 4’ Ped
70 III 16’ II 75 II 4’ Ped
71 III 4’ II

Unioni
76 I 8’ Ped 84 IV 8’ I
77 II 8’ Ped 85 IV 8’ II
78 III 8’ Ped 86 IV 8’ III
79 IV 8’ Ped 87 V 8’ I
80 V 8’ Ped 88 V 8’ II
81 I 8’ II 89 V 8’ III
82 III 8’ I 90 V 8’ IV
83 III 8’ II

Accessori
16 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino + Sequencer.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’ del Pedale - Sequencer.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione III Manuale.
Sequencer – Copula – V – Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettronica; consolle mobile indipendente generalmente posta davanti al presbiterio (è
talmente grande da occultare l’altare maggiore), manuali con trasmissione elettronica ‘proporzionale’.
Collocazione in più corpi di cui il principale sulla cantoria sopra l’ingresso e sui coretti laterali, nonché sul coretto nel
lato destro del transetto.
Cassa lignea del XVIII secolo intagliata da Gerolamo Corpi.
Mostra del corpo maggiore disposta a cuspide unica in tre campi; bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE

— 22 —
L’organo è fin troppo grosso per questa piccola chiesa del centro di Roma. All’ascolto si viene subissati dal suono con
non poco senso di fastidio nei F e nei FF. Colgo l’occasione per stigmatizzare il comportamento del rettore Agostinho
Borges (è consigliabile per gli organisti attendere il suo trasferimento o il suo requiem) e del suo sacrestano, ostile e
refrattario nonché polemico e ridondante di scuse per non farmi suonare lo strumento nonostante le Autorizzazioni in
mio possesso. Inoltre mi sono stati riferiti altri loro comportamenti vili e meschini di cui è bene aver qui accennato.
Sconsigliato agli amanti del buon vivere civile e dell’ascolto di molti altri buoni organi.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente, consultazione del Sito Mascioni (aprile 2018).

— 23 —
S. ANTONIO IN VIA MERULANA

S. Antonio da Padova – Via Merulana, 124; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Aggiornamento
Prima dell’attuale organo costruito nel 1928 e ampliato nel 1957, c’era sulla cantoria sopra l’ingresso principale un organo costruito
da Zeno Fedeli nel 1889 inaugurato da Filippo Capocci e Remigio Renzi. Aveva somieri del tipo Trice e due tastiere di 56 note e
pedaliera di 27. Fu rimosso nel 1928.

FONTI SPECIFICHE
Davide Campeggiani: “L’organo a canne Zeno Fedeli del Pontificio Seminario Romano Minore – con cenni su vita e opere del suo costruttore” (Ed.
Pontificio Seminario Minore, 2015) cortesemente donatomi dall’Autore che qui ringrazio.

— 24 —
S. APOLLINARE

S. Apollinare alle Terme Neroniane-Alessandrine – Piazza di Sant’Apollinare, 49; apertura giornaliera al mattino e in
orario meridiano. La chiesa è stata riaperta nel 2012 dopo i restauri iniziati nel 2005.

Aggiornamento
Dopo alcune proposte di ripristino dell’organo antico, nel 2015 è stato acquistato un positivo corale collocato a destra prima del
presbiterio.

ORGANO DI ANONIMO DEL XX SEC. (1995)


Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da tiranti a pomello posti in doppia fila verticale a sinistra del manuale]
Pedale
1 Subbass 16’
2 Principale Flautato 4’

Manuale
3 Canna di Legno 8’
4 Principale 4’
5 Flauto 2’
6 Mistura 3 File
[azionati da tiranti a pomello posti in fila unica verticale a destra del manuale]
7 Flauto a Camino 8’
8 Canna di Legno 4’
9 Principale 2’
10 Cornetta

Accessori
Pedaletto unione Tasto-Pedale

Estensione: manuale di 56 note (Do1 – Sol5) con prima ottava ‘cromatica stesa’, pedaliera di 27 note (Do1 – Re3) dritta.
Trasmissione meccanica; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico a destra prima del presbiterio.
Cassa di semplice fattura geometrica.
Mostra costituita da 25 canne del Principale 4’ disposte in tre campi di cui i laterali ciascuno di 5 canne ad ala
discendente verso il centro e il campo centrale composto da 15 canne disposte ad ali digradanti verso il centro. Bocche
‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

NOTE
Strumento adatto all’accompagnamento liturgico ma troppo piccolo per le dimensioni della chiesa

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (aprile 2018).

— 25 —
SS. APOSTOLI

SS. Dodici Apostoli – Piazza SS. XII Apostoli, 51; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

1. ORGANO VINCENZO MASCIONI (OP. 369 – 1925)


Aggiornamento
Nel 2013 la consolle, che era indipendente fissa dietro l’altare maggiore, è stata resa mobile su pedana a ruote e collocata al lato
destro del presbiterio. Le canne di mostra 12’ nella cassa antica sono antecedenti all’organo Werle e risalgono al XVI secolo.

2. ORGANO EUGENIO BECCHETTI (2011)


Manuale unico, pedaliera ‘alla spagnola’; disposizione dei registri come segue:
[azionati da tiranti a pomello posti in fila unica orizzontale al di sopra del manuale]
1 Principale 8’
2 Flauto Coperto 8’
3 Ottava 4’
4 XV 2’
5 XIX 1’1/3’
6 XXII 1’

Estensione: Manuale di 49 note (Do1–Do5) con prima ottava ‘cromatica stesa’; Pedaliera di 13 note (Do1–Do2) ‘alla
spagnola’ (i pedali fuoriescono, sospesi, dalla cassa) costantemente unita alla prima ottava ‘cromatica stesa’ del
manuale.
Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico a sinistra del presbiterio.
Cassa ad arco con portelle sobriamente intagliate che lasciano intravedere le canne di mostra.
Mostra composta da 13 canne sonanti del Principale, disposte in campo unico con disegno ‘a cuspide’; bocche ‘a mitria’
ad andamento contrario.

NOTE
L’organo è stato realizzato con materiale fonico costruito da Rosario Chichi per un positivo di proprietà privata.
Acquistato da questa chiesa nel 2010, è stato condotto all’assetto attuale, come si legge in un cartiglio sopra il manuale:
“Eugenio Becchetti restaurò questo strumento opera di Rosario Chichi ricostruendo cassa, facciata e tastiera A.D.
2011”.
L’organo, brillante e sonoro, è mobile su pedana a ruote e viene spostato in occasione dei concerti celebrativi di
Girolamo Frescobaldi che è sepolto in questa chiesa. Ciò ha dato adito alla formazione di un Comitato (di cui ho fatto
parte anch’io) che tra il 2013 e il 2015 ha proposto la costruzione di un nuovo organo di maggiori dimensioni
appositamente costruito per la musica frescobaldiana che sarebbe dovuto essere collocato nella cassa antica (spostando
la basseria dell’altro organo dietro l’altare maggiore) oppure a pavimento nel sottarco dell’ultima campata. Purtroppo
non se ne è fatto più nulla.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con padre Gennaro Becchimanzi (marzo 2018).

— 26 —
S. BARNABA AL PRENESTINO

S. Banaba – Piazza dei Geografi, 15; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa è stata costruita su progetto di Tullio Ross, tra il 1956 ed il 1957, e consacrata solennemente il 19 ottobre
1957 da monsignor Ettore Cunial, vicegerente della diocesi di Roma. La chiesa riassume il titolo di una vecchia chiesa
medievale, ora scomparsa, denominata dai cataloghi del tempo come ecclesia sancti Barnabae de Porta, vicino a Porta
Maggiore. La chiesa è sede parrocchiale sin dall’11 ottobre 1932 con il decreto del cardinale vicario Francesco
Marchetti Selvaggiani Cum sanctissimus dominus e all’epoca collocata in una cappelletta.
La chiesa ha ricevuto la visita di due pontefici: Paolo VI il 6 marzo 1966 e Giovanni Paolo II il 30 gennaio 1983.
Presenta una pianta basilicale a tre navate senza transetto, e campanile a forma di torre. L'alta facciata monumentale in
laterizio, è scandita da tre finestre, ed è preceduta da un portico con pilastri, in cui è iscritta la frase: D.O.M. in honorem
B. Barnabae ap.
Il soffitto è a capriate e vi sono quattro cappelle laterali. L'abside è dominata da un grande mosaico di Igino Cupelloni
(1966) che raffigura i Nuovi protagonisti della chiesa: Giovanni XXIII, Paolo VI, il patriarca di Costantinopoli
Atenagora, l'arcivescovo di Canterbury Ramsey ed il cardinale Luigi Traglia. La parte alta della navata centrale è
scandita, in alternanza, da finestre con vetrate policrome e 18 affreschi, raffiguranti gli apostoli, gli evangelisti, e i santi
Barnaba, Paolo, Lorenzo e Sebastiano.
Sopra quattro porte laterali, sono esposti quadri con le effigi di quattro papi legati alla storia dell'edificio: Pio XI che
fondò la parrocchia, Pio XII che fece costruire la chiesa, Paolo VI e Giovanni Paolo II che fecero visita alla chiesa.

ORGANO ORGANARIA ROMANA (2000)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 12 Bordone 8’
2 Ottava 4’ 13 Flauto 4’
3 Ottavino 2’ 14 Flautino 2’
4 Corno di Notte 8’ 15 Salicionale 8’
5 Flauto Travesiere 8’ 16 Salicet 4’
6 Flauto Silvestre 4’ 17 Salicet 2’
7 Flautino 2’ 18 Voce celeste 8’
8 Sesquialtera 2 File 19 Oboe 8’
9 Tromba 8’
10 Ripieno 3 File
11 Ripieno 5 File

Unioni Pedale
20 Unione I – Ped. 23 Bordone 16’
21 Unione II – Ped. 24 Basso 8’
22 Unione II – I

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.

— 27 —
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ancia, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettronica; consolle mobile indipendente costituita da un elettrofono a tre manuali in cui i
registri campionati sono stati resi muti ed il I manuale non ha registri sonanti.
Collocazione in corpo unicosul matroneo di sinistra dell'abside.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale, disposte ‘a palizzata’ in campo unico con disegno ‘a cuspide’; bocche
‘a mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato per il Giubileo del 2000 ed inaugurato l’8 giugno dello stesso anno, si presenta in buono
stato di conservazione.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_San_Barnaba_(Roma)>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_San_Barnaba> Scheda curata da Davide Campeggiani

— 28 —
S. BARBARA DEI LIBRARI

S. Barbara dei Librari – Largo dei Librai; apertura pomeridiana.

STORIA
Nel 1634 la Confraternita dei Librari, in seguito ad un incendio, i locali e l’isolato su cui edificare la propria chiesa, di
ridotte dimensioni, affacciata su una piazzetta di forma trapezoidale in leggera salita al fine di ottenere il massimo
effetto scenografico, con pianta a croce greca. La facciata in stile tardo barocco è di Giuseppe Passeri, la statua della
Santa titolare, all'interno della nicchia del portale, è opera di Ambrogio Parisj e l'Angelo dipinto sul muro accanto è
attribuito a Guido Reni; nella chiesa poi vi sono affreschi di Luigi Garzi, mentre il ciclo della vita di san Saba nella
cappella Specchi è di Giovanni Battista Brughi, allievo del Baciccio. Inoltre si ritrovano pitture di Francesco Ragusa e
di Domenico Monacelli.
La chiesa è rimasta in uso e conservata fino al 1878, anno in cui la confraternita si sciolse abbandonando la chiesa. Per
tutto il XX secolo è stata trascurata, è rimasta chiusa ed è stata utilizzata anche come magazzino, fino a quando, tra il
1974 e il 1980 una campagna ha fatto sì che venisse riaperta nel 1982 e restaurata.
All’interno si trovano: un trittico raffigurante Madonna con bambino con San Giovanni Battista e l'arcangelo Michele
del XIV secolo. Recentemente, durante i lavori di ristrutturazione su commissione della Soprintendenza, è riemersa la
data di realizzazione (1450) e la firma del pittore Leonardo da Roma; una Crocifissione, della quale il Garzi ha dipinto i
dolenti ai piedi del Crocifisso del XIV secolo; il notevole organo secentesco sulla cantoria sopra il portale d'ingresso
la botola di sepoltura dei confratelli, con un'iscrizione che recita: "SODALIBUS BIBLIOPOLIS DONEC APERIATUR
LIBER ÆTERNITATIS" ("[luogo destinato] Ai confratelli di Bibliopoli fino a quando si aprirà il libro dell'eternità").
Ospita attualmente attività artistiche e culturali, concerti di musica sacra ed è luogo di esibizione della Corale Santa
Barbara.

ORGANO DI ANONIMO DEL XVII SEC. (1690 CA.)


Manuale unico, pedaliera antica; disposizione dei registri come segue:
[azionati da tiranti a pomello posti in fila unica verticale a destra del manuale]
1 Principale 8’
2 Voce Umana 8’
3 Ottava 4’
4 XV 2’
5 XIX 1’1/3’
6 XXII 1’
7 XXVI
8 XXIX
9 Tiratutto

Estensione: manuale di 45 note (Do1 – Do5) con prima ottava ‘corta’, tasti diatonici ricoperti di bosso, tasti cromatici
ricoperti di ebano; pedaliera di 9 note (Do1 – Do2) costantemente unita con fettucce alla prima ottava ‘corta’ del
manuale.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale dove è stato collocato da Brunone Menicocci nel
1912.
Cassa risalente al 1912, molto semplice ed articolata in tre campi.
Mostra composta da 21 canne di Principale disposte in tre campi ciascuno dei quali a cuspide [ 7 / 7 / 7 ]; bocche ‘a
mitria’ allineate orizzontalmente; canna centrale Do 4’.

— 29 —
NOTE
L’organo è costituito da un nucleo di canne metalliche di Anonimo del XVI secolo e da canne e parti lignee costruite tra
il 1690 e la prima metà del XVIII secolo. Le prime 8 canne del Principale, in legno, poste su fondo cassa, sono
costantemente inserite. Il restauro è stato compiuto da Marco Fratti nel 1995 ed è utilizzato spesso per concerti di
musica barocca.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza elettronica con l’organaro Marco Fratti (luglio 2010).

— 30 —
S. BENEDETTO

S. Benedetto – Via del Gazometro, 23; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
STORIA
L’erezione di una chiesa nel quartiere industriale Ostiense, in rapida espansione, risale alla volontà di papa san Pio X che la espresse
sin dal 1912. Anche il suo successore Benedetto XV nel 1919 manifestò tale intenzione, e si pervenne alla costruzione di una
cappella provvisoria curata dai monaci di San Paolo. Finalmente la parrocchia è stata eretta da Pio XI il 3 giugno 1926 con la
costituzione apostolica "Nostri pastoralis officii" ed unita "pleno iure" alla Compagnia di S. Paolo. Il territorio parrocchiale, a seguito
della soppressione della parrocchia di S. Paolo fuori le Mura, con decreto del Cardinale Vicario Camillo Ruini del 24 giugno 2002, è
rideterminato ampliandolo.
Il riconoscimento del provvedimento pontificio agli effetti civili è stato decretato il 15 novembre 1926. La proprietà immobilIare è
del Vicariato di Roma. Il progetto architettonico è di Clemente Busiri Vici e si articola in tre navate a pianta basilicale..

ORGANO TAMBURINI (1957)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 7 Unione I – Ped
2 Flauto 8’ 8 Unione II - Ped
3 Dulciana 8’ 9 Sopra I - Ped
4 Ottava 4’ 10 Sopra II - Ped
5 Decimaquinta 2’ 11 Grave I
6 Ripieno 5 File 12 Grave II - I
13 Unione Tastiere
14 Sopra II - I
15 Sopra I

16 Grave II
17 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale


18 Principalino 8’ 25 Subbasso 16’
19 Viola di Gamba 8’ 26 Basso 8’
20 Bordone 8’ 27 Bordone 8’
21 Flauto 4’ 28 Dulciana 8’
22 Flauto in XII 2’2/3’
23 Coro Viole 3 File
24 Tremolo

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.

— 31 —
Pedaletti Ripieno I, Fondi, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente collocata in genere nell’ultima campata
della navata laterale sinistra.
Collocazione in corpo unico, a pavimento a ridosso della parete di fondo dell'abside.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale, disposte ‘a palizzata’ in due campi simmetrici di ali digradanti verso
l’esterno; bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato per il ventennale della costruzione della chiesa. Conservato allo stato originale, appare in
buono stato.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con Sergio Colasanti (maggio 2007).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_San_Benedetto> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 32 —
S. BERNARDO DA CHIARAVALLE

S. Bernardo da Chiaravalle – Largo dei Librai; apertura pomeridiana.

STORIA
Istituita come vicecura il 1 ottobre 1974, è stata eretta parrocchia il 10 novembre 1978 con il decreto del cardinale
vicario Ugo Poletti ed affidata al clero diocesano di Roma. La chiesa è stata inaugurata dal cardinale vicario Camillo
Ruini il 14 novembre 1993. Il riconoscimento agli effetti civili è stato decretato il 29 gennaio 1981. La proprietà
immobiliare è della Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma. Il progetto
architettonico è di P. Costantino Ruggeri e dell’architetto Luigi Leoni. Domina la viabilità circostante dalla sommità di
una collinetta con effetto indubbiamente scenografico. All’interno l’aula mistilinea a pianta centrale è dominata dal
vistoso organo e da alcune opere d’arte moderna che la adornano.

ORGANO TAMBURINI (1992)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 10 Unione I – Ped
2 Ottava 4’ 11 Unione II - Ped
3 XV 2' 12 Sopra I - Ped
4 Quattro di Ripieno 13 Sopra II - Ped
5 Flauto Traverso 8’ 14 Grave I
6 Sesquialtera 2 File 15 Grave II - I
7 Voce Umana 8’ 16 Unione Tastiere
8 Tromba 8’ 17 Sopra II - I
9 Tromba en Chamade 8’ 18 Sopra I

19 Grave II
20 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale


21 Principale 4’ 30 Contrabbasso 16’
22 Bordone 8’ 31 Basso 8’
23 Flauto in VIII (sic) 4’ 32 Ottava 4’
24 Nazardo 2’2/3’ 33 Fagotto 16’
25 Ottavino 2’
26 Pienino 3 File
27 Viola Dolce 8’
28 Oboe 8’
29 Tremolo

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
5 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.

— 33 —
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Ancia, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente, posta a pavimento in genere davanti al corpo
d’organo.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria a sbalzo a ridosso della parete sinistra dell’aula.
Cassa limitata al solo basamento.
Mostra, ‘a palizzata’, è costituita da canne di Principale disposte ad andamento mistilineo; spicca la Tromba en
Chamade disposta orizzontalmente alla base delle canne.

NOTE
L’organo è stato realizzato per l’inaugurazione ufficiale della chiesa ed è maestoso e sonoro, anche se spesso la Tromba
en Chamade non è perfettamente accordata.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza privata con l’organista Alessandro Capitani.

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_San_Bernardo_da_Chiaravalle> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 34 —
CAPPELLA PAOLINA IN VATICANO

Cappella dei Santi Pietro e Paolo, più conosciuta con il nome di cappella Paolina, derivato da papa Paolo III, che la fece
progettare, costruire e affrescare, è una cappella del Palazzo Apostolico nella Città del Vaticano.

STORIA
La cappella aveva funzioni "cappella parva" palatina, cioè ‘piccola’ in contrapposizione alla cappella ‘magna’, cioè la Cappella
Sistina. Qui si esponeva il Santissimo Sacramento e, fino al 1670, veniva utilizzata durante il conclave per raccogliere i voti, in virtù
della vicinanza con la Cappella Sistina, dalla quale è separata solo dalla Sala Regia.
Attualmente, la cappella è chiusa al pubblico e al di fuori del percorso dei Musei Vaticani in quanto luogo di culto privato del papa.
Durante il conclave, essa è il luogo da cui parte la processione dei cardinali elettori diretta alla cappella Sistina e in cui, dopo il canto
del Te Deum, il pontefice neoeletto sosta in preghiera personale prima di affacciarsi alla loggia delle benedizioni della basilica
vaticana.
La costruzione risale a papa Paolo III Farnese che venne eletto nel 1534; egli volle la realizzazione, all'interno del Palazzo
Apostolico, di una cappella da affiancarsi a quella costruita da Sisto IV, per la custodia del Santissimo Sacramento.
Il progetto venne affidato all'architetto Antonio da Sangallo il Giovane, che Paolo III aveva nominato nel 1536 architetto di tutte le
fabbriche pontificie; la costruzione iniziò nel 1537 per terminare nel 1540. Il 25 gennaio 1540, memoria liturgica della Conversione
di San Paolo, la cappella venne solennemente consacrata dal pontefice e dedicata a San Paolo apostolo.
Appena concluso il lavoro al Giudizio universale nella Cappella Sistina, Paolo III incaricò Michelangelo, ormai ultrasessantenne, di
decorare la cappella con affreschi, con storie dei primi apostoli. L'artista lavorò all'opera lentamente, per quanto gli era possibile tra
acciacchi e impedimenti, mentre contemporaneamente lavorava alla tomba di Giulio II, terminata nel 1545. L'artista dipinse per la
cappella Paolina due affreschi: il primo raffigurante la Conversione di Saulo, realizzato tra il 1542 e il 1545; il secondo la
Crocifissione di Pietro, realizzato tra il 1546 e il 1550.
La decorazione della cappella venne poi completata durante il pontificato di Gregorio XIII da Lorenzo Sabbatini e Federico Zuccari,
che raccontano altri episodi salienti della vita dei santi Pietro e Paolo. In quell'epoca vennero anche approntati decori in stucco dorati
e policromi della volta, simili a quelli contemporanei dispiegati nella Galleria delle Carte Geografiche. Con i pontefici successivi, in
particolare al tempo di Alessandro VIII (1690) e poi di Benedetto XIV (1741), si ebbero interventi relativi alla parete di
controfacciata e alla sistemazione dell'area presbiterale.
Restauri e rifacimenti importanti si operarono ancora sotto i pontificati di Benedetto XIV (1741, pulitura generale dei dipinti e degli
stucchi ad opera di Domenico Spolia), del beato Pio IX (1855-1856, nuova pulitura degli affreschi e realizzazione dell'affresco in
controfacciata di Annibale Angelini), di Leone XIII (rifacimento degli affreschi dell'abside e restauro della volta) e di Pio XI
(restauro degli affreschi di Michelangelo sotto la direzione di Biagio Biagetti).
L'ultimo intervento di rilievo è stato quello di Paolo VI (1974), effettuato in vista del Giubileo del 1975 sotto la direzione di Luigi e
Giovanni Carbonara, che ha visto il radicale riordino dello spazio presbiterale in adesione alle abitudini liturgiche divenute comuni
negli anni seguenti il Concilio Vaticano II, mediante la sostituzione dell'altare rivolto al tabernacolo con un nuovo altare staccato
dalla parete, di forma ovale, sul quale celebrare guardando i fedeli. Venne inoltre eliminata la balaustra in legno per la comunione e
collocato al suo posto un ambone in marmo scolpito. Il pavimento fu ricoperto da una moquette rossa, e così le pareti laterali fino
all'altezza degli affreschi.
Nel 2002 è iniziato un importante restauro della cappella diretto da Arnold Nesselrath, finanziato dai Patrons of the Arts e condotto
dal Laboratorio Restauro Dipinti dei Musei Vaticani sotto la supervisione di Maurizio De Luca; l'intervento ha interessato il recupero
delle cromie originarie degli stucchi e degli affreschi, in particolare dei due dipinti di Michelangelo, dei quali si sono occupati
direttamente De Luca (Crocifissione di Pietro) e Maria Ludmila Pustka (Conversione di Saulo), con la rimozione dovute a
manomissioni successive.
Inoltre, durante i lavori è stato rimosso il rifacimento risalente al pontificato di Paolo VI: si è provveduto, con l'approvazione di papa
Benedetto XVI che ha visitato il cantiere il 25 febbraio 2009, a ricomporre il vecchio altare marmoreo, staccandolo però dalla parete
di fondo così da rendere possibile la celebrazione eucaristica sia “versus populum” che “versus crucem”; è stato tolto l'ambone e
rimessa al suo posto la balaustra. Rimossa la moquette che copriva sia la parte inferiore delle pareti, sia il pavimento, queste ultime
sono state restituite al loro aspetto originale.
Infine sono stati restituiti il pavimento marmoreo dell'epoca di Gregorio XVI e la zoccolatura delle pareti in finto marmo, realizzata
sotto il beato Pio IX, ed è stato realizzato un sofisticato e complesso impianto di illuminazione a LED con luce bianca con corpi
illuminanti non visibili dal piano della cappella ad eccezione di quelli relativi agli otto angeli dadofori.

— 35 —
Il restauro è stato presentato il 30 giugno nella Sala Regia del Palazzo Apostolico con l'intervento, tra gli altri, del cardinale Giovanni
Lajolo, presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e di Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani.
Nell'Anno Paolino, la cappella è stata riaperta al culto il 4 luglio 2009 con la celebrazione dei primi vespri solenni della XIV
domenica del Tempo ordinario, presiedutivi dal papa Benedetto XVI.
La cappella è a navata unica, coperta con volta a padiglione lunettata e illuminata da una trifora a lunetta semicircolare sulla parete di
destra e da due aperture circolari nella volta. Quest'ultima venne decorata da Perin del Vaga a partire dal 1542 e successivamente più
volte modificata; il suo aspetto attuale è dovuto agli interventi del 1935-1936 e vede, incorniciati da stucchi, otto affreschi di
Federico Zuccari, quattro tondi e quattro vele, raffiguranti Scene della vita degli apostoli Pietro e Paolo e, al centro, la Gloria di san
Paolo.
Ai lati del portale d'accesso, a ridosso della controfacciata, si trovano a sinistra un confessionale ligneo intagliato del XX secolo e, a
destra, una preziosa acquasantiera; quest'ultima venne donata nel 1877 dalla Guardia nobile a papa Pio XI ed è costituita da un
basamento in marmo nero di Aquitania sul quale poggiano due putti in bronzo che reggono una vasca in marmo rosso antico di
Turchia.
Ai quattro angoli delle pareti della navata trovano luogo quattro coppie di angeli dadofori, in stucco, realizzati tra il 1580 e il 1581 da
Prospero Antichi. Le pareti sono decorate con affreschi; mentre in controfacciata si trova un trompe-l'œil raffigurante una finta
architettura, opera di Annibale Angelini, le due pareti laterali presentano ciascuna tre affreschi intervallati da lesene corinzie
scanalate: gli affreschi della parete di destra sono incentrati sulla figura dell'apostolo Pietro e raffigurano al centro la Crocifissione di
san Pietro di Michelangelo (1546-1550),[22] verso la controfacciata la Caduta di Simon Mago di Lorenzo Sabatini (1573-1576) e
verso il presbiterio il Battesimo del centurione Cornelio di Federico Zuccari (1580-1585 circa); gli affreschi della parete di sinistra,
invece, sono incentrati sulla figura dell'apostolo Paolo e raffigurano al centro la Conversione di Saulo di Michelangelo (1542-1545),
affiancata dai due dipinti di Lorenzo Sabatini (1573-1576) Lapidazione di santo Stefano verso la controfacciata, e Battesimo di Paolo
in casa di Anania verso il presbiterio.[9]
La navata termina con l'abside, a pianta rettangolare, illuminata da una lanterna a pianta circolare che si apre al centro della volta,
quest'ultima caratterizzata da una ricca decorazione in stucco a lacunari; nella parete di fondo, in alto, vi è, all'interno di una cornice
in stucco, una lapide marmorea quadrata che reca in lingua latina la frase di San Paolo Mihi [enim] vivere Christus est et mori locom
(in italiano: Per me [infatti] il vivere è Cristo e il morire un guadagno - Lettera ai Filippesi 1,21).[
A ridosso della parete fondale vi è l'altare della cappella; questo è in marmi policromi, con timpano triangolare poggiante su un
elaborato cornicione sorretto due coppie di colonne corinzie lisce; al centro, si trova una pala raffigurante la Trasfigurazione di Gesù,
opera di Simone Cantarini che la realizzò nel 1645, ricollocata nell'ancona nel 2009, dopo che era stata rimossa da papa Leone XII
per far posto ad un'immagine della Mater Boni Consilii. Alle spalle della mensa, leggermente staccata dal dossale e ripristinata
durante i restauri del 2004-2009 in luogo di quella degli anni 1970, si trova il tabernacolo di notevoli dimensioni, del XVIII secolo,
sormontato da un pregevole Crocifisso di fine Settecento con croce in legno d'ebano, corpo del Cristo in avorio e decorazioni in
bronzo dorato.
L'area presbiterale, ad eccezione della zona in cui si trova la mensa, non è rialzata rispetto al resto della cappella, ma è delimitata da
una balaustra lignea risalente agli interventi di restauro condotti sotto il pontificato di papa Leone XIII; la pavimentazione presenta
inserti marmorei policromi geometrici, con al centro lo stemma di papa Leone XIII che sostituisce quello originario di Paolo V
Borghese.
Alla sagrestia della cappella si accede tramite una porta situata in presbiterio, sulla destra dell'altare guardando verso l'abside. Al suo
interno si trovano un crocifisso proveniente dalla stessa cappella e un pregevole lavabo in bronzo. Da essa si accede ad un ascensore
che conduce nella cappella della Pietà della Basilica di San Pietro. Tale collegamento era stato previsto dallo stesso Michelangelo.

ORGANO LIBERO RINO PINCHI (1958)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 8 Unione I – Ped
2 Flauto 8’ 9 Unione II - Ped
3 Bordone 8’ 10 Sopra I - Ped
4 Flauto 4’ 11 Sopra II - Ped
5 Ottava 4’ 12 Grave I
6 Ripieno 3 File 13 Grave II - I
7 Unda maris 8’ 14 Unione Tastiere
15 Sopra II - I
16 Sopra I

17 Grave II

— 36 —
18 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale


19 Bordone 8’ 25 Bordone 16’
20 Salicionale 8’
21 Flauto 4’
22 Flauto XII 2’2/3’
23 Voce Celeste 8’
24 Tremolo

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Fondi, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata nel 1974 da Guido Pinchi ; consolle mobile indipendente, posta in
genere davanti al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico a ridosso della parete meridionale della Sacrestia
Cassa limitata al solo basamento.
Mostra, ‘a palizzata’, è costituita da canne di Principale disposte ad ala fuori cassa.

NOTE
L’organo è stato realizzato per le messe private del pontefice ed è tuttora funzionante sebbene bisognoso di una
revisione generale.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza privata con l’organaro Guido Pinchi

<https://it.wikipedia.org/wiki/Cappella_Paolina>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Citt%C3%A0_del_Vaticano/Citt%C3%A0_del_Vaticano_-
_Cappella_Paolina> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 37 —
S. CARLO AL CORSO

SS. Ambrogio e Carlo al Corso – Via del Corso, 437; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

1. ORGANO GIOVANNI TAMBURINI (1928)


Aggiornamento
Nel 2010 l’organo è stato dotato di una consolle ausiliaria in navata, con i registri azionati da pomelli ad estrazio posti in file verticali
ai lati dei manuali

2. ORGANO GIOVANNI TAMBURINI (1928)


Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra del manuale]
Organo
Sezione aperta

1 Ripieno 3 File
2 Decimaquinta 2’
3 Ottava 4’
4 Principale 8’

Unioni

5 Unione Tasto – Pedale


6 Ottava sopra al manuale
7 Ottava grave al manuale

Sezione espressiva

8 Voce Celeste 8’
9 Salicionale 8’
10 Bordone 8’
11 Flauto 4’
12 Tremolo’

Pedale

13 Subbasso 16’
14 Bordone 8’

Accessori
Combinazione Libera generale.
5 Combinazioni Fisse.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unione 8’; Combinazione Libera
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione manuale.

— 38 —
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle fissa ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale dell’Arciconfraternita dei SS. Ambrogio e Carlo.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra e a due lesene laterali.
Mostra composta da 43 canne del Principale e del Flauto Grand’Organo ‘a palizzata’ con disegno a tre cuspidi
[ 13 17 13 ]; bocche ‘a mitria’ disposte orizzontalmente; canna centrale Fa 6’

NOTE
L’organo è in buono stato di conservazione ed è utilizzato per le messe dell’Arciconfraternita. I timbri sono ben
equilibrati e l’effetto sonoro ben amalgamato.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza del rettore Don Roberto (marzo 2018).

— 39 —
S. CLAUDIO

SS. Andrea e Claudio dei Borgognoni – Piazza S. Claudio, 1; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.

STORIA
La chiesa è stata edificata dai Borgognoni che, verso la fine della guerra dei trent'anni, in circa dodicimila emigrarono a Roma,
unendosi a una comunità di commercianti e banchieri che più di cento anni prima si era stabilita nella città attorno alla attuale via del
Corso. Nel 1652 i Borgognoni si costituirono in confraternita acquistando un oratorio nella zona da loro abitata nei pressi dell'attuale
piazza San Silvestro. Nel 1662 accanto alla chiesa fu aperto un ospizio per i pellegrini. Papa Innocenzo XI proclamò l'oratorio chiesa
nazionale dei Borgognoni.
Nel 1726 fu demolita la chiesa seicentesca e nel giugno del 1728 iniziarono i lavori del nuovo edificio, affidati dapprima a Sebastiano
Cipriani e completati poi da Antoine Dérizet. L'edificio fu consacrato nel 1731 e dedicato ai due santi Claudio, martire del III secolo,
e Andrea apostolo. Dal 1886 la chiesa è officiata dai padri sacramentini, che vi tengono la "adorazione solenne" dell'eucaristia.
La facciata ospita le statue dei due santi protettori della chiesa, Sant'Andrea di Luca Bréton, e San Claudio di Guglielmo Antonio
Grandjacquet, entrambe del 1771. L'interno è a croce greca, con elegante cupola emisferica; nei pennacchi sono raffigurati gli stucchi
dei Quattro evangelisti; mentre nei quattro archi su cui appoggia la cupola vi sono stucchi di Angeli, allegorie della Passione, della
Speranza e della Fede. Sull'altare maggiore una scultura in bronzo raffigurante il Globo terrestre fa da trono all'esposizione
eucaristica all'interno di una raggiera dorata; sopra la raggiera, un affresco di Antonio Bicchierai che raffigura L'Eterno benedicente.
Nella cappella laterale sinistra vi è l'urna in marmi policromi, opera di Corrado Mezzana, con le spoglie di Pierre-Julien Eymard,
fondatore dei padri sacramentini. Sopra l'altare vi è una tela di Placido Costanzi che raffigura una Visione di san Carlo Borromeo cui
appare un santo vestito di bianco (1731). Ai lati della cappella dipinti moderni del 1939.
Nella cappella laterale destra, dedicata a san Giuseppe, vi sono opere moderne di Cleto Luzzi (1949), con Sogno di san Giuseppe e
Fuga in Egitto, mentre sull'altare troneggia un San Giuseppe tra due angeli di Guido Francisci.

ORGANO CARLO VEGEZZI-BOSSI (1910)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Bordone 16’ 7 Unione I – Ped
2 Principale 8’ 8 Unione II - Ped
3 Flauto Dolce 8’ 9 Grave II - I
4 Salicionale 8’ 10 Unione Tastiere
5 Ottava Dolce 4’ 11 Sopra II - I
6 Ripieno 12 Sopra I

13 Grave II
14 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale


15 Bordone 8’ 21 Subbasso 16’
16 Viola Gamba 8’
17 Flauto Armonico 4’
18 Ottava Eolina 4’
19 Coro Viole 8’
20 Tremolo

— 40 —
Accessori
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Tutti.

Estensione: Manuali di 58 note (Do1–La5); Pedaliera di 27 note (Do1–Re3) dritta.


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle indipenente posta nel lato sinistro del transetto
(originariamente era nel coretto a sinistra dell’ingresso principale).
Collocazione in corpo unico nel coretto a sinistra dell’altare maggiore.
Cassa limitata al solo basamento delle canne di mostra.
Mostra non visibile in quanto è generalmente coperta da un tendaggio.

NOTE
L’organo è sonoro e tutto sommato ben conservato nonostante gli interventi subiti nel corso degli anni. Spicca ancora la
bella intonazione degli organi di Carlo Vegezzi-Bossi che lo rendono particolarmente interessante nonostante le piccole
dimensioni (del resto proporzionate alla chiesa).

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (marzo 2018).

— 41 —
S. CROCE A VIA FLAMINIA

S. Croce a Via Flaminia – Via Guido Reni, 2/D; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
L'edificio è stato costruito nel 1913 da Aristide Leonori per volere di papa S. Pio X, per celebrare il sedicesimo centenario dell'Editto
di Milano (313). Fu lo stesso pontefice a sostenere le spese di costruzione, ed il luogo scelto fu quello in cui, secondo la tradizione,
l'imperatore Costantino I fece suonare le trombe per annunciare alla città la fine delle ostilità contro i cristiani. La chiesa fu
completata rapidamente ma fu consacrata solo nel 1918 da monsignor Giuseppe Pallica, arcivescovo di Filippi. Nel 1964, Paolo VI
l'ha elevata al rango di basilica minore. Tra gli arredi della chiesa è conservata una riproduzione moderna, riccamente ornata con
ricami e gioie, dell'antico Labaro Costantiniano, l'insegna militare sulla quale Costantino fece porre il Segno della Croce in seguito
alla famosa visione (In hoc signo vinces).
La facciata della chiesa riprende lo stile basilicale romanico ed è preceduta da un portico con sei colonne di granito con capitelli
ionici. Nella trabeazione è inserito un fregio fatto a mosaico con una iscrizione che ricorda il XVI centenario dell'editto di Milano:
"An. Chr. MCMXIII Pius X P.M. in memor. pacis a Constantino eccl. datae Cruci SS. DD. ab edicto a. MDC". Nella facciata è posto
un mosaico, opera di Biagio Biagetti, con la raffigurazione di tre scene: al centro il Trionfo della croce, ai lati l’Editto di Milano e la
Vittoria di Costantino a Ponte Milvio. A fianco della chiesa c’è la torre campanaria. Ai suoi piedi una statua marmorea raffigurante la
Madonna orante, ex-voto a ricordo dello scampato pericolo di un bombardamento della zona nell'agosto 1943.
La basilica è suddivisa in tre navate da colonne di granito che sostengono archi; il soffitto è a capriate. Nella controfacciata è posta
una tela, raffigurante la Battaglia di Ponte Milvio, copia dell'affresco presente nei Musei vaticani, nella sala di Costantino. A metà
della navata di destra si accede al battistero, separato dal corpo della chiesa: esso, a pianta ottagonale, fu progettato da Carlo Stopponi
nel 1961. Lungo le pareti delle navate laterali è posta la Via Crucis, opera musiva di Biagio Biagetti (1942-46). Nella navata di
sinistra è il pulpito, realizzato in stile cosmatesco da Pio Leonori, fratello dell'architetto Aristide.
L'abside della navata centrale è illuminata da cinque finestre, tre delle quali con vetrate artistiche, opera di Giuseppe Moroni,
raffiguranti L'invenzione della croce da parte di sant'Elena, il Redentore davanti alla croce e L'imperatore Eraclio che reca sulle
spalle la croce. L'altare maggiore, posto sotto un ciborio, è affiancato da una croce in bronzo dorato ove sono inserite le reliquie.
L'affresco del catino absidale, opera del Moroni, rappresenta il Giudizio universale.
Di un certo pregio artistico anche le cappelle delle navate laterali, ove si trovano ancora opere dei due Leonori, del Biagetti, di
Stopponi, di Alessandro Delprato, Lorenzo Berlendis, Antonio Achilli.

ORGANO BALBIANI VEGEZZI-BOSSI (1928)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 6 Unione I – Ped
2 Ottava 4’ 7 Unione II - Ped
3 Ripieno 5 File 8 Sopra I - Ped
4 Unda Maris 8’ 9 Sopra II - Ped
5 Dulciana 8’ 10 Grave I
11 Grave II - I
12 Unione Tastiere
13 Sopra II - I
14 Sopra I

15 Grave II
16 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale

— 42 —
17 Bordone 8’ 23 Subbasso 16’
18 Flauto 4’ 24 Basso 8’
19 Viola 8’
20 Coro Viole 8’
21 Oboe Combinato
22 Tremolo

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Fondi, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente non originale senza indicazioni di
alcuna Ditta, posta in genere a destra dell’altare maggiore.
Collocazione in corpo unico, al centro del loggiato interno dell'abside.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da 21 canne sonanti del Principale, disposte a cuspide; bocche ‘a mitria’ ad andamento leggermente
contrario.

NOTE
L’organo è stato realizzato per il decennale della consacrazione della chiesa ed ha subito vari interventi che l’hanno
portato alla situazione attualmente visibile.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 1988).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Basilica_di_San_Croce_a_Via_Flaminia> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 43 —
S. CUORE A VIA PIAVE

Sacro Cuore di Gesù a Via Piave – Via XX Settembre 65/B (ingresso dal convento delle Ancelle del Sacro Cuore);
apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
Il complesso religioso è sorto tra il 1914 e il 1916 ed è uno dei pochissimi realizzati durante il pontificato di Benedetto XV (il cui
stemma è visibile in facciata). Il convento è in un elegante stile barocchetto mentre la chiesa, il cui ingresso è sghembo su via Piave,
è in un raffinato stile neogotico. Il tutto fa pensare allo stile ancora acerbo dell’architetto Mons. Spirito Maria Chiapetta alle sue
prime opere, che sarebbe divenuto uno degli architetti preferiti di Pio XI, o a Giuseppe Gualandi. La facciata è preceduta da un ampio
pronao; l’interno a tre navate, transetto e matroneo, è integralmente affrescato verosimilmente da Ettore Ballerini e dalla sua Scuola,
rendendo l’ambiente particolarmente piacevole e suggestivo.

ORGANO E.F.WALCKER [?] (1924)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 7 Unione I – Ped
2 Bordone 8’ 8 Unione II - Ped
3 Flauto 8’ 9 Sopra I - Ped
4 Dulciana 8’ 10 Sopra II - Ped
5 Ottava 4’ 11 Grave I
6 Ripieno 5 File 12 Grave II - I
13 Unione Tastiere
14 Sopra II - I
15 Sopra I

16 Grave II
17 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale


18 Eufonio 8’ 25 Subbasso 16’
19 Flauto 8’ 26 Bordone 8’
20 Viola 8’
21 Flauto 4’
22 Oboe 8’
23 Coro Viole 8’
24 Tremolo

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.

— 44 —
Pedaletti Ripieno I, Fondi, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle Tamburini indipenente posta lateralmente rispetto all’organo,
con a sinistra le canne e a destra gli archi del matroneo.
Collocazione in corpo unico sopra l’ingresso principale sulla cantoria in prosecuzione dei matronei.
Cassa di severissima, tetra, fattura composta da tre campi separati da spesse lesene in legno.
Mostra composta da 33 canne sonanti dei registri in tigrato di 8’ del I Man disposti in 3 campi [ 11 / 11 / 11 ] ciascuno a
cuspide con bocche a mitria ad andamento parallelo alle cuspidi. Sui lati della cassa, le canne di basseria in legno in
due file.

NOTE
L’organo è stato realizzato in vista del Giubileo del 1925, di visibile fattura estera; è stato elettrificato da Tamburini
negli anni ’70 del XX sec. All’atto del sopralluogo, inseguito per 12 anni, il 7 dicembre 2017 con Suor Antonina,
mostrava dei difetti dovuti al disuso ma anche un’ottava forte ed un Ripieno particolarmente squillante.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza del dott. Lorenzo Forte e della dott.ssa Rosanna Fronzuto (dicembre 2017).

— 45 —
S. CUORE DEL SUFFRAGIO

Sacro Cuore di Gesù in Prati – Lungotevere Prati, tra via Ulpiano e via Paolo Mercuri, negli immediati paraggi del
Palazzo di Giustizia; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa è nota con l'appellativo di "piccolo duomo di Milano sul Tevere" per il suo ricco stile neogotico e per l’evidente ispirazione
a quella chiesa.
Nel 1893 il missionario del Sacro Cuore di Gesù Victor Jouët, fondò a Roma l'Associazione del Sacro Cuore del Suffragio delle
Anime del Purgatorio, con lo scopo di diffondere la devozione al Sacro Cuore di Gesù e alla Madonna. Il primo oratorio
dell'associazione si trovava in via dei Cosmati e ad esso ne seguì un secondo, in uso dal 1896 al 1914, situato sul Lungotevere Prati
su un terreno acquistato dal fondatore per la costruzione di una più grande chiesa, la cui prima pietra venne benedetta nel 1894 dal
vescovo di Marsiglia Joseph-Jean-Louis Robert.
La costruzione di quest'ultima iniziò nel 1908 e il progetto venne affidato all'ingegnere Giuseppe Gualandi il quale si ispirò, nella
scelta dello stile, al gotico d'oltralpe e segnatamente al Duomo di Milano utilizzando il cemento armato come materiale da
costruzione. Nel 1914 l'associazione si spostò nuovamente presso la chiesa di San Giuseppe Calasanzio in via Cavallini, in quanto la
vecchia cappella venne in parte demolita per permettere l'ultimazione dei lavori di costruzione della nuova chiesa; l'edificio venne
completato nel 1917e benedetto ed aperto al culto il 1 novembre dello stesso anno; il successivo 10 dicembre venne fondata la
parrocchia. Il 17 maggio 1921 la chiesa è stata consacrata da Pietro Benedetti, arcivescovo titolare di Tiro, primo parroco.
La facciata, interamente in cemento armato, è a salienti e rimarca la suddivisione interna a tre navate con sei pilastri quadrangolari
ciascuno sormontato da una guglia. Nella parte inferiore del prospetto si aprono tre portali con strombatura decorata da colonnine in
marmo rosso di Verona, ciascuno dei quali è sormontato da una ghimberga e decorato da una lunetta marmorea decorata a
bassorilievo: la lunetta centrale raffigura le Anime del Purgatorio, quella sopra la porta di destra la Deposizione di Gesù e quella
sopra la porta di sinistra la Resurrezione di Gesù; la ghimberga del portale centrale presenta un altorilievo raffigurante il Sacro Cuore
di Gesù tra due angeli. In corrispondenza di ognuna delle due navate laterali vi è un'alta trifora, di quella centrale una grande esafora
comprendente un rosone con intelaiatura riccamente decorata. La facciata termina in alto con l'esile campanile a pianta ottagonale
sormontato da una croce all'interno della quale vi è un ex-voto a forma di cuore donato da Victor Jouët che lo volle posizionato sulla
parte più alta dell'edificio.
L'apparato decorativo del prospetto, originariamente in pietra artificiale, è stato sostituito a partire dal 1960 da statue fedeli a quelle
originali nelle forme, ma in pietra di San Gottardo. Esso si compone di elementi architettonici di derivazione gotica e di diciannove
statue di santi, i quali vennero scelti personalmente da papa san Pio X; queste sono dislocate in più punti: entro delle nicchie sopra gli
spioventi della navata centrale (da sinistra: Sant'Agostino, San Pietro apostolo, San Giuseppe, Nostra Signora del Sacro Cuore, San
Giovanni evangelista, San Paolo apostolo e Sant'Oddone da Cluny), della navata di destra (da sinistra: San Vittore, San Francesco
d'Assisi e San Nicola da Tolentino) e della navata di sinistra (da sinistra: San Francesco Saverio, San Domenico di Guzman e San
Michele Arcangelo) e a ridosso dei sei pilastri, sopra mensole (da sinistra: San Bernardo da Chiaravalle, San Gregorio Magno, Santa
Margherita Maria Alacoque, Santa Caterina da Genova, Sant'Antonio da Padova e San Patrizio.
L'interno della chiesa, lievemente sghembo rispetto all'asse ortogonale della facciata, è a tre navate di sei campate ciascuna, coperte
con volta a crociera e separate da archi a sesto acuto poggianti su pilastri polistili con capitelli scolpiti; i pilastri e i costoloni delle
volte sono decorati con bande in pietra grigia e mattoncini rossi, mentre il pavimento presenta inserti in marmo rosso di Verona.
L'illuminazione dall'esterno avviene, nel piedicroce, oltre che dalle tre finestre della facciata, anche attraverso diciotto bifore con
vetrate policrome; quelle delle cappelle della navata di destra, a partire dall'ingresso, raffigurano: Santa Francesca Romana e Santa
Caterina da Genova, Santa Brigida e Sant'Ambrogio, San Bonaventura e San Tommaso d'Aquino, Sant'Efrem e San Pier Damiani,
Santa Giovanna d'Arco e San Sebastiano, San Roberto Bellarmino e San Francesco di Sales.
Lungo le due navate laterali si apre, in corrispondenza di ogni campata, una cappella poco profonda a pianta rettangolare; mentre
nelle restanti vi sono dei pregevoli confessionali lignei in stile neogotico, nella seconda e quarta cappella di ciascun lato vi è un altare
laterale marmoreo.
Il primo altare di destra è dedicato a San Michele Arcangelo ed è sormontato da una pala raffigurante il santo, opera di Alessandro
Catani; la predella è costituita da sette Angeli musicanti, dipinti dalle figlie dell'artista. L'altare successivo è dedicato a Santa
Margherita Maria Alacoque ed è sormontato da un trittico di Giovan Battista Conti raffigurante la Visione del Cuore di Gesù a
Margherita Maria Alacoque (1923), mentre sulla predella vi sono, da sinistra, Santa Giovanna Francesca Frémiot de Chantal, Santa
Margherita Maria Alacoque circondata dalle anime del Purgatorio, Santa Margherita Maria Alacoque presenta alle novizie il culto del
Sacro Cuore di Gesù e San Francesco di Sales.

— 46 —
Il primo altare di sinistra, invece, è dedicato a Sant'Antonio di Padova e la sua pala, opera di Giuseppe Burgo, raffigurante
Sant'Antonio come il santo della carità, poggia su una predella raffigurante da sinistra: San Girolamo Emiliani, San Vincenzo de'
Paoli, San Camillo de Lellis, Gesù Redentore che spezza il pane, Beata Anna Maria Taigi, Santa Elisabetta d'Ungheria e Santa Luisa
di Marillac. L'altare che segue è dedicato a San Gregorio Magno ed è sormontato da una pala ispirata alla vicenda del monaco
Giusto: essa raffigura San Gregorio Magno che celebra la Messa in suffragio del monaco Giusto con, in alto, lo Spirito Santo e, sulla
sommità della cornice, la scultura Dio Padre; la predella presenta, da sinistra: San Michele Arcangelo, San Gregorio Magno e i
poveri, San Gregorio Magno detta il canto gregoriano e San Gabriele Arcangelo. L'opera è di Giovan Battista Conti. Nell'ultima
campata della navata laterale di sinistra, addossato alla parete, vi è il Monumento funebre di monsignor Pietro Benedetti (1932), in
marmi policromi con, nella parte inferiore, una Pietà in bronzo anch'essa di Giovan Battista Conti, e, in alto un busto dello stesso
materiale raffigurante il defunto vescovo.
Le navate laterali terminano ognuna con una cappella a pianta poligonale contenente un altare marmoreo con mensa poggiante su
colonnine e chiusa da una balaustra decorata ad archetti trilobati. La cappella in fondo alla navata di destra è dedicata a San Giuseppe
e corrisponde al secondo oratorio dell'associazione del Sacro Cuore del Suffragio delle anime del Purgatorio; il suo altare è
sormontato da una pala di Giuseppe Brugo raffigurante San Giuseppe con Gesù fanciullo tra due angeli e i Santi Teresa e Bernardo.
La cappella sul lato opposto è invece dedicata alla Madonna del Rosario e sopra l'altare vi è la pala di Francesco Notari Madonna del
Rosario fra angeli e i Santi Domenico di Guzman e Caterina da Siena; la cornice è decorata con Dio Padre (al centro) e
l'Annunciazione (ai lati), mentre la predella, dipinta, presenta a sinistra (dall'esterno) le Sante Zita, Agnese e Cecilia, a destra
(dall'esterno) i Santi Alfonso Maria de' Liguori, Bernardino da Siena e Cirillo d'Alessandria; sul tabernacolo vi è il Sacro Cuore di
Gesù. La cornice, realizzata su disegno del Notari, è opera del falegname Giuseppe Fallaci, dell'intagliatore Arturo Grossi e del
doratore Giovacchino Corsi.
La navata centrale termina con la profonda abside poligonale illuminata da due ordini di monofore archi ogivali, al centro della quale
si trova l'altare maggiore marmoreo decorato con bronzi dorati, sormontato dal tabernacolo. Alle sue spalle, vi è la pala del Sacro
Cuore e le anime del Purgatorio, di Giuseppe e Alessandro Catani con cornice decorata con tre cuspidi e quattro guglie.
In seguito ad un evento miracoloso verificatosi nella cappella dell'associazione del Sacro Cuore del Suffragio delle anime del
Purgatorio il 2 luglio 1897, quando, nel corso di un incendio apparve ai fedeli l'anima di un defunto la cui effigie rimase impressa
sulla parete, Victor Jouët decise di raccogliere testimonianze (documenti e cimeli) sulle manifestazioni delle anime del Purgatorio e
di raccoglierle in un museo presso la chiesa, a destra della navata destra.

ORGANO RUFFATTI (1962)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in doppia fila orizzontale a sinistra dei manuali]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 10 Bordone 8’
2 Flauto 8’ 11 Viola Gamba 8’
3 Dulciana 8’ 12 Principalino 4’
4 Ottava 4’ 13 Flauto a Cuspide 4’
5 Flauto in XII 2’2/3’' 14 Cornetta 2 file 2’2/3’
6 Decima quinta 2’ 15 Flautino 2’
7 Ripieno 6 File 16 Ripieno 3 File
8 Voce Umana 8’ 17 Voce celeste 2 File 8’
9 Tromba Armonica 8’ 18 Oboe 8’

[azionati da placchette disposte in fila orizzontale al di sopra del II manuale]


Unioni ed accoppiamenti
19 Grave I 27 Unione I – Ped
20 Grave II - I 28 Unione II - Ped
21 Unione Tastiere 29 Sopra I - Ped
22 Sopra II - I 30 Sopra II - Ped
23 Sopra I
24 Tremolo
25 Grave II
26 Sopra II

[azionati da placchette disposte in doppia fila orizzontale a destra dei manuali]

— 47 —
Annulli Pedale
31 A Ancia I manuale 39 Principale 16’
32 A Ancia II manuale 40 Subbasso 16’
33 A Ancia Pedale 41 Basso 8’
34 A Ripieno I manuale 42 Bordone 8’
35 A Ripieno II manuale 43 Ottava 4’
36 A Ripieni Uniti 44 Tromba (dal I Man.) 8’
37 A Ottave Gravi
38 A Ottave Acute

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Ancia; Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente collocata in genere sotto la penultima
campata della navata sinistra.
Collocazione in corpo unico sulla moderna cantoria appositamente costruita al di sopra dell’ingresso principale.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da 27 canne di Principale dell’ordine di 8’ disposte ‘a palizzata’ in campo unico a tre cuspidi di cui le
laterali, simmetriche tra loro, sono più alte di quella centrale. Bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

NOTE
L’organo a canne è stato costruito dopo il 1960 in sostituzione di uno precedente, proveniente dalla chiesa di Santa
Brigida. Originariamente collocato in abside, è stato spostato sulla cantoria come attualmente visibile in vista del
Giubileo del 1975.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con i proff. Roberto Russi, Ruggero Russi, Stefano Conti (giugno 1981).

Sopralluogo compiuto da Davide Campeggiani (2016).

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_del_Sacro_Cuore_del_Suffragio>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_del_Sacro_Cuore_di_Ges%C3%B9_in_Prati> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 48 —
S. CURATO D’ARS

S.Giovanni Maria Vianney (Curato d’Ars) – Via Lentini, 6; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.

STORIA
La storia della chiesa inizia nei primi anni ‘50, quando alcuni giovani sacerdoti della Diocesi di Roma sono stati inviati a celebrare la
messa festiva per i pochi residenti della zona, in un locale a piano terra di via di Vermicino, in prossimità di Largo Monreale. Tra essi
ricordiamo Sua Ecc.za Mons. Filippo Giannini e Mons. Sebastiano Corsanego. Nel 1952, il 10 dicembre, viene inaugurata una
chiesetta prefabbricata, donata da Mons. Giorgio Roche. Dal febbraio del 1958, con la costruzione dell’attuale chiesa, la cura
pastorale viene affidata a don Guido Charvault dell’Istituto Secolare del Prado. Intanto, il 28 dicembre 1959, viene istituita dal
Cardinale Vicario Clemente Micara la Vicecura dedicata a San Giovanni Maria Vianney e dichiarata dipendente dalla parrocchia di
S. Maria della Fiducia.
La parrocchia é stata eretta il 26 luglio 1963 con il decreto del Cardinale Vicario Clemente Micara "Quo efficacius" ed affidata
all'Istituto Secolare del Prado. Dal 1974 la cura pastorale è passata al clero secolare della Diocesi di Treviso, e infine, nel settembre
del 1999, al clero secolare della Diocesi di Roma. Il riconoscimento agli effetti civili del decreto di erezione é stato decretato il 12
luglio 1971 dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat. Il 27 febbraio 1983, la Parrocchia ha accolto in visita pastorale san
Giovanni Paolo II.
L’attuale chiesa parrocchiale, donata dal Marchese Alessandro Gerini, costruita dopo la demolizione della vecchia chiesetta ormai
insufficiente [probabilmente eretta su disegno di Tullio Rossi], è stata eretta su disegno di Tommaso Sbardella con l’approvazione
dell’Opera per la Provvista di Nuove Chiese del Vicariato di Roma, diretta da Ignazio Breccia-Fratadocchi ed è stata dedicata il 4
novembre 1990 dal Cardinale Vicario Ugo Poletti.

ORGANO LUIGI VASCONI (1820)


Manuale unico, pedaliera scavezza; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli a estrazione posti a destra della consolle in doppia fila verticale; nomi su nastro adesivo con scritte a mano, aggiunti nel restauro]
“Concerto” “Ripieno”
– [ foro libero ]
– Principale 8’ Bassi
– [ foro libero ]
– Principale 8’ Soprani
– [ foro libero ]
– Ottava 4’
– [ foro libero ]
– XV 2’
– [ foro libero ]
– [ foro libero ]
– [ foro libero ]
– [ foro libero ]
– [ foro libero ]
– Flauto in V (sic, in realtà in XII)
– [ foro libero ]

[foro libero per il pomellone del tiratutti]

Estensione: Manuale di 50 note (Do1–Fa5) con tasti diatonici ricoperti in bosso e tasti cromatici ricoperti in ebano con
prima ottava ‘corta’; Pedaliera di 9 note (Do1–Do2) dritta all’italiana, costantemente unita alla prima ottava ‘corta’ del
manuale.
Collocazione lungo la parete laterale sinistra della chiesa, poco prima del presbiterio.
Trasmissione interamente meccanica ‘sospesa’; consolle ‘a finestra’.

— 49 —
Cassa rettangolare semplice ma elegante, sormontata da decorazione dorata, la mostra è contenuta nell’apertura a
fornice (originariamente occultabile con una tenda, rimasta in sito fino a che l’organo è stato nella chiesa di S. Salvatore
in Campo)
Mostra composta da 23 canne del Principale 8’, disposte in campo unico con disegno a cuspide con ali laterali
[ 4 15 4 ]; bocche allineate orizzontalmente, canna centrale: Mi 3’3/5’.

NOTE
L’organo è attribuito a Luigi Vasconi, probabilmente figlio del riminese Francesco Vasconi, che pare venne a Roma al
seguito del cardinale Luigi Ercolani (Foligno, 1758 – Roma, 1825), titolare di San Marco, che forse lo aveva conosciuto
a Senigallia. Nel Lazio ha anche costruito l’organo di sinistra del Duomo di Tivoli (oggi assai danneggiato e privo di
quasi tutte le canne) che infatti è di pochi decenni precedente dell’organo di destra (opera di Mathias Scheible, 1854).
L’organo era stato costruito e collocato in San Salvatore in Campo, chiesa centrale nella piazza omonima, prima del
1824 (anno di soppressione della parrocchia) e in cattive condizioni già a fine XX secolo.
La rimozione da San Salvatore in Campo e il restauro è stato affidato a Organaria Romana (di Paolo Falcone e Tonino
Di Giuseppe), che ha ripristinato i quattro registri che ho trovato in sito nel sopralluogo dell’agosto 2008.
Inaugurato, in queste condizioni incomplete, giovedì 8 maggio 2008 (ricorrenza della Festa del Santo) alle 20.30:
Benedizione dell’organo a canne presieduta da Mons. Marco Frisina e concerto del Coro della Diocesi di Roma diretto
dallo stesso.

FONTI SPECIFICHE
Suonato il 15 agosto 2008 alla presenza di Franco Maccaroni.

— 50 —
S. DOROTEA

Istituto Suore di S. Dorotea – Via Matera, 1; visita non consentita.

STORIA
L’imponente istituto in stile neobarocco occupa per intero il lato sud di via Matera ed è stato verosimilmente progettato alla fine degli
anni ’20 del XX secolo da Giuseppe Momo e contiene, oltre agli alloggi delle suore, anche numerose aule scolastiche per la grande
scuola privata all’interno. Negli anni ’90 le suore hanno venduto il sottosuolo dell’ampio giardino per far realizzare una cabina
primaria all’Enel e un parcheggio multipiano sotterraneo a una ditta privata. La cappella, in un sobrio stile barocchetto, non priva di
interesse, ha navata unica con abside semicircolare. Purtroppo non è visitabile.

ORGANO MASCIONI (OP. 524 – 1939)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I manuale – Grand’Organo II manuale – Espressivo

1 Principale 8’ 7 Bordone 8’
2 Flauto 8’ 8 Viola da Gamba 8’
3 Dulciana 8’ 9 Flauto a Cuspide 4’
4 Ottava 4’ 10 Coro Viole
5 XV 2’ 11 Voci Corali 8’
6 Ripieno 4 File 12 Tremolo
Pedale

13 Subbasso 16’
14 Bordone 8’
Unioni ed Accoppiamenti

15 I 8’ Ped 22 II 16’ I
16 II 8’ Ped 23 II 16’ II
17 I 4’ Ped 24 II 4’ II
18 II 4’ Ped
19 II 8’ I
20 I 4’ I
21 II 4’ I

Accessori
4 Combinazioni Aggiustabili,
5 Combinazioni Fisse,
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).

— 51 —
Trasmissione integralmente elettrica; consolle fissa indipendente collocata sotto il corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico al di sopra dell’ingresso principale della vasta cappella.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da 21 canne di Principale dell’ordine di 8’ disposte a cuspide; bocche ‘a mitria’ con andamento
orizzontale.

NOTE
L’organo non è stato valutato in quanto le suore – con la scusa che si sarebbe dovuti entrare nella clausura – non mi
hanno permesso di vederlo. Tuttavia è tuttora decentemente conservato, nonostante il disuso, grazie alla consueta buona
fattura Mascioni ed appare proporzionato alla cappella che lo contiene.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza elettronica con la Ditta Mascioni (marzo 2018).

— 52 —
S. ELIGIO DEI FERRARI

S. Eligio dei Ferrari – Via di San Giovanni Decollato; non aperta salvo per le celebrazioni della Confraternita dei
Ferrari.

STORIA
La chiesa fu costruita nel 1513 dalla Confraternita dei Ferrai o Ferrari e dedicata al loro santo protettore: Eligio. L'edificio sorge
sull'area d'una chiesa più antica chiamata nel XVI secolo S. Giacomo d'Altopasso o Altopascio, ricordata già in una bolla di
Bonifacio VIII del 1302. La facciata in sobrio stile barocco si contraddistingue per il portale e la sovrastante finestra a lunetta.
L'interno della chiesa, a navata unica con tre altari per lato, è riccamente decorato (1604). Tra le opere più notevoli, si possono citare:
una statua lignea di sant'Antonio del XVII secolo; l'Andata al Calvario, resti di un affresco manierista ritrovato nel 1989; sull'altare
maggiore, Madonna in trono, san Giacomo ed i vescovi Eligio e Martino di Girolamo Siciolante da Sermoneta (fine XVI secolo),
Martirio e gloria di sant'Orsola di Ambrogio Mattei (1764). Vi è annesso il Museo della confraternita di sant'Eligio dei Ferrari

ORGANO NICOLA MORETTINI (1890)


Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli a estrazione posti 4 a destra e 4 a sinistra del manuale ‘a quinconce’; nomi incisi su tondini in ceramica]
Lato Sinistro
– Subbasso 16‘ al Pedale – Ripieno 4 File

– Ottava 4‘ – Tromba 8‘

Lato Destro
– Viola 8‘ – Voce Celeste 8‘

- Principale 8‘ – Bordone 8‘

Estensione: Manuale di 56 note (Do1–Sol5) ‘tipo pianoforte’ con prima ottava ‘cromatica stesa’; Pedaliera di 27 note
(Do1–Re3) dritta.
Collocazione sulla ricca cantoria sopra l’ingresso principale.
Trasmissione interamente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Cassa molto elegante, finemente decorata, sormontata da frontone interrotto dallo stemma della Confraternita dei
Ferrari (incudine con martello) che sormonta tre fornici ciascuno occultabile da una tenda.
Mostra composta da 27 canne del Principale 8’, disposte in tre campi ciascuno con disegno a cuspide [ 7 / 13 / 7 ];
bocche allineate orizzontalmente, canna centrale: Fa 6’.

NOTE
L’organo è una raffinata realizzazione di Nicola Morettini e probabilmente sostituisce un positivo più antico.
Conservato allo stato originale, si distingue per la bellezza dei timbri ed in particolare della Tromba e del Ripieno

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Sant%27Eligio_dei_Ferrari>

Corrispondenza elettronica con l’organista Lorenzo Antinori (marzo 2018).

— 53 —
S. EUSEBIO A PIAZZA VITTORIO

S. Eusebio all’esquilino – Piazza Vittorio Emanuele II 12/A; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.

STORIA
Chiesa risalente al VI secolo e di antico titolo cardinalizio. Consacrata da Gregorio IX, successivamente Niccolò V la concesse a
Pietro del Morrone (S. Celestino V). La chiesa è stata ricostruita nelle forme attualmente visibili nel 1662 e soprattutto nel 1711
(facciata a portico di Carlo Stefano Fontana e interno tardo barocco caratterizzato dalle pitture sulla volta di Anton Raphael Mengs).
Soppresso l’ordine dei PP. Celestini da Leone XII, la chiesa fu affidata ai PP. Gesuiti che vi sono rimasti fino alle Leggi eversive del
1873. Fu eretta a parrocchia indipendente solo nel 1889 dal cardinale vicario Licido Maria Parocchia.

1. ORGANO JOHANNES CONRAD WERLE (1740)


Manuale unico, pedaliera scavezza; disposizione dei registri come segue:
Organo
[azionati da pomelli ad estrazione disposti in doppia fila verticale a destra della consolle]

– Voce Umana 8’
– Ripieno 3 File [“repliconi”]
– Flauto in Ottava 4’
– XXVI
– Flauto in Ottava Bassa 8’
– XXII
– Ottava 4’
– XIX
– Principale Basso 8’
– XV
– Vigesimaseconda [1’]
– Principale Soprano 8’

Estensione: manuale di 45 note (Do1–Do5) con prima ottava ‘corta’, tasti diatonici ricoperti di bosso e tasti cromatici
ricoperti di ebano, non originale; pedaliera dritta di 9 note (Do1–Do2), costantemente unita alla prima ottava ‘corta’.
Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico nel lato destro del transetto, all’interno di una grande cassa d’organo barocca risalente al
1669 destinata a contenere un organo più grande (poi non costruito).
Cassa riccamente decorata con motivi floreali chiusa da portelle.
Mostra composta da canne di principale suddivise in tre campi [ 9 / 7 / 9 ] con cuspide centrale e ali digradanti; bocche
‘a mitria’ ad andamento leggermente contrario; canna centrale Do 4’.

NOTE
L’organo è sonoro e tutto sommato ben conservato dopo il restauro di Alfredo Piccinelli del 1977. Vale la visita e non
delude.

— 54 —
2. ORGANO TAMBURINI (1938)

REGISTRI
I Manuale – Grand’Organo
[azionati da placchette poste in fila orizzontale a sinistra dei
manuali]

1 Ripieno 6 File
2 Decimaquinta 2’
3 Ottava 4’
4 Principale Dolce 8’
5 Principale Forte 8’

[azionati da placchette poste in fila orizzontale al di sopra dei


manuali]
6 Principale 16’
11 Voce Umana 8’
8 Flauto a Camino 4’
9 Flauto Traverso 8’
12 Dulciana 8’
13 Tromba 8’
Unioni I Manuale
114 Unione I - Ped
115 Sopra I - Ped
116 Unione Tastiere
117 Sopra I
16 Sopra II - I
17 Grave II – I

Unioni II Manuale
18 Unione II – Ped
19 Sopra II
20 Grave II

II Manuale – Espressivo
21 Voce Corale 8’
22 Principalino 8’
23 Concerto Viole 4 File
24 Voce Celeste 8’
25 Gamba 8’
26 Bordone 8’
27 Flauto Armonico 4’
28 Flauto in XII 2’2/3’
29 Flautino 2’
30 Tremolo

Pedale
31 Bordone 16’
32 Contrabbasso 16’
[azionati da placchette poste in fila orizzontale a destra dei
manuali]
33 Violone 16’

— 55 —
34 Bordone 8’
35 Basso 8’
36 Violoncello 8’
37 Ottava 4’

Accessori
Combinazioni Libere generali e particolari,
5 Combinazioni Fisse al I manuale, 4 al II manuale.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazione Libera
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Ripieni Uniti; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; fissa indipendente collocata sotto il corpo d’organo dietro l’altare maggiore e
rivolta verso la navata.
Collocazione in tre corpi al di sopra e ai lati dell’altare maggiore; corpi separati dalle membrature in cemento armato
della volta
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da 61 canne dei Principali del Grand’Organo e pedale disposte ‘a palizzata’ con disegno a cuspidi
laterali, ali digradanti intermedie e cuspidina centrale [ 17 11 5 11 17 ]; bocche ‘a mitria’ ad andamento contrario.

NOTE
L’organo è sonoro e ben amalgamato ma in stato di conservazione un po’ precario nonostante l’intervento conservativo
di Antonio Tummolo del 2012. All’atto del sopralluogo, novembre 2017, l’organo appariva abbastanza squillante e dai
bei timbri: Ripieni, Tromba, Voce Celeste su tutti..

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza del parroco don Gianalessandro Bonicalzi e di Paolo Arcangeletti (novembre 2017).

— 56 —
SS. FABIANO E VENANZIO

SS. Fabiano e Venanzio – Via Terni, 92 (angolo villa Fiorelli); apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro, in alcuni periodi prolungata fino a sera inoltrata.

AGGIORNAMENTO
Nel febbraio 2018 la consolle – originariamente in cantoria poi portata a pavimento nella navata sinistra – è stata riportata in cantoria
in vista di un ripristino e di una revisione integrale che [forse] avverrà nel 2019.

— 57 —
S. FELICE DA CANTALICE A CENTOCELLE

S. Felice da Cantalice – Piazza S. Felice da Cantalice, 1; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa è stata costruita nel 1935 su progetto di Mario Paniconi e Giulio Pediconi ed è sorta su un’area donata al Vicariato di Roma
il 14 novembre 1929 dal marchese Achille Muti Bussi Raffaele Fagnoni. La parrocchia è stata eretta il 29 marzo 1935 con il decreto
del Cardinale Vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Sollicitudo omnium ecclesiarum" ed affidata ai Frati Minori Cappuccini. La
chiesa è stata consacrata il 2 ottobre 1941 da S.E. Mons Luigi Traglia, Vicegerente di Roma.
La facciata monumentale è preceduta da un portico a tutta altezza il cui arco centrale inquadra l’affresco san Felice da Cantalice in
Gloria. Un campanile a vela sormonta il lato sinistro. L’interno, di vaste proporzioni, è suddiviso in tre navate da alte colonne e
presenta cappelle laterali. Nel presbiterio, dietro l’ambulacro separato da colonne, un pregevole mosaico di P. Ugolino da Belluno.

ORGANO TAMBURINI (1952)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I manuale – Grand’Organo

1 Principale 16’ 7 Ottava 4’


2 Principale Diapason 8’ 8 XV 2’
3 Principale Dolce 8’ 9 Ripieno 5 File
4 Flauto 8’ 10 Ripieno 3 File
5 Dulciana 8’ 11 Unda Maris 8’
6 [predisposto] 12 [predisposto]

Unioni ed Accoppiamenti

13 Unione I – Ped. 18 Grave I


14 Unione II – Ped. 19 Acuta I
15 Unione II – I 20 Grave II – I
16 Acuta I – Ped. 21 Acuta II – I
17 Acuta II – Ped. 22 Grave II
23 Acuta II
II manuale – Espressivo

24 Eufonio 8’ 30 Concerto Viole 4 File 8’


25 Gamba 8’ 31 Tromba 8’
26 Bordone 8’ 32 Oboe Combinato
27 Flauto 4’ 33 Campane 8’
28 Flauto (sic) 2’2/3’ 34 [predisposto]
29 Voce Celeste 8’ 35 Tremolo

Pedale
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

36 Contrabbasso 16’ 40 Bordone 8’

— 58 —
37 Subbasso 16’ 41 Flauto 4’
38 Principale 8’ 42 Campane
39 Basso 8’

Annulli

43 A Tromba 46 A Ottave Gravi


44 A Oboe Combinato 47 A Ottave Acute
45 A Ripieni
48 Pedale Automatico

Accessori
6 Combinazioni Aggiustabili a pistoncino
5 Combinazioni Fisse a pistoncino
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettronica consolle-corpo d’organo, elettrica nel corpo d’organo; consolle mobile indipendente collocata
in genere nell’ultima cappella della navata sinistra.
Collocazione in due corpi al di sopra dell’ampia cantoria d’ingresso.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra di ciascun corpo composta da campo unico con canne disposte in gruppi di pari altezza di cui quello centrale
dell’ordine di 8’ [ 6 7 5 7 5 ] + [ 5 7 5 7 6 ]

NOTE
L’organo è sonoro e ben amalgamato ma in relativo stato di conservazione causa mancata manutenzione. Come
curiosità storica si può citare il fatto che il cantautore Claudio Baglioni, giovanissimo, negli anni ’60 del XX secolo lo
suonò in qualche occasione (come ammesso dallo stesso cantante durante un TG del 2005).
Nel 1985, in occasione del 50° anniversario della costruzione della chiesa, la consolle originale è stata rimossa e
sostituita con l’attuale, che non reca nomi ma sembrerebbe di fattura Ruffatti ed inaugurata con un concerto del mio
maestro Mauro Bassi.

FONTI SPECIFICHE
Colloquio con il maestro Mauro Bassi (2010)

Sopralluogo compiuto in presenza del parroco P. Mario Fucà (marzo 2018).

— 59 —
S. FILIPPO NERI IN EUROSIA

S. Filippo Neri in Eurosia – Via Sette Chiese, 103; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

Aggiornamento
La chiesa ed il complesso parrocchiale sono stati progettati da Pier Luigi Baruffi e non da Tullio Rossi. Me ne scuso coi lettori e con
gli eredi dei professionisti citati.

— 60 —
S. FRANCESCA CABRINI

S. Francesca Cabrini – Piazza Massa Carrara, 15; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La parrocchia è stata eretta il 22 dicembre 1949 con il decreto del cardinale Vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Pastoris
vigilantis" ed è stata affidata ai sacerdoti della Società di Maria (Maristi). Il territorio è stato desunto da quello delle parrocchie di S.
Agnese fuori le Mura e di S. Ippolito. Il riconoscimento agli effetti civili è stato decretato il 20 aprile 1956. La chiesa è stata
consacrata il 6 dicembre 1958 da S.E. Mons. Luigi Traglia, arcivescovo titolare di Cesarea di Palestina, vicegerente di Roma. La
proprietà immobiliare è della Società di Maria. Il progetto architettonico è di Enrico Lenti e Mario Muratori. La chiesa si presenta di
grandi proporzioni, a navata unica con cappelle laterali interconnesse, abside semicircolare e deambulatorio semianulare. Fra le opere
d’arte moderna, è impressionante la vetrata che occupa l’intera facciata raffigurante “gloria di santa Francesca Cabrini”. Non è stato
realizzato il mosaico absidale previsto.

ORGANO LIBERO RINO PINCHI (1965)


Due manuali [G.O. Exp. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica al di sopra dei manuali]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 16’ 11 Bordone 16’
2 Principale 8’ 12 Principale 8’
3 Flauto 8’ 13 Bordone 8’
4 Bordone 8’ 14 Dulciana 8’
5 Dulciana 8’ 15 Oboe Combinato
6 Ottava 4’ 16 Voci Corali Combinate
7 Salicionale 4’ 17 Coro Viole 8’
8 Flauto 4’ 18 Salicionale 4’
9 Decima quinta 2’ 19 Flauto 4’
10 Ripieno 2 File 20 Flauto in XII 2’2/3’
21 Salicetto 2’
22 Tremolo

Pedale
23 Bordone 16’
24 Principale 16’
25 Principale 8’
26 Dulciana 8’
27 Bordone 8’
28 Ottava 4’
29 Flauto 4’
30 Salicionale 4’
31 Decima quinta 2’
32 Ripieno 2 File

Accessori
3 combinazioni Fisse per ciascun manuale
Combinazione Libera

— 61 —
Pedaletti di richiamo Combinazione Libera I, II, Ped.; Generale
Staffa Crescendo
Staffa Espressiva intero organo
Tutti

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione elettrica; consolle mobile indipendente collocata in genere nell’ultima cappella sinistra.
Collocazione in corpo unico nel deambulatorio, occultato da una parete di cemento armato rivestito di marmo che lo
separa dal presbiterio e ne attenua notevolmente il suono.
Cassa limitata alla cassa espressiva contenente l’intero organo.

NOTE
L’organo, del tipo “multiplo” con registri in derivazione ed in prolungamento, è estremamente piccolo rispetto all’ambiente sonoro in
cui è collocato. Ha ricevuto un intervento da parte di Stefano Buccolini attorno al 2000 che ha comportato lo spostamento della
consolle (che in origine era adiacente al corpo d’organo) nella posizione attuale.

FONTI SPECIFICHE
<http://www.diocesidiroma.it/phpenti/ente/?ID=116>
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 2018)

— 62 —
GESÙ DIVINO LAVORATORE

Gesù Divino Lavoratore - Via Oderisi da Gubbio 16; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa è stata costruita nel 1954 su progetto di Raffaele Fagnoni. All’esterno è fortemente caratterizzata dall’alto campanile
cilindrico che è costruito in adiacenza al portico d’ingresso. L’interno, di forte impatto visivo, si contraddistingue per la pianta
ellittica e le alte membrature in cemento armato a faccia vista che lo rendono particolarmente suggestivo. Vi sono alcune opere d’arte
moderna, ma l’aspetto complessivo è molto spoglio.

ORGANO MASCIONI (OP. 839 – 1963)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
I manuale – Grand’Organo
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale a sinistra dei manuali

1 Bordone 16’ 7 Decimaquinta 2’


2 Principale 8’ 8 XIX 1’1/3’
3 Flauto 8’ 9 XXII 1’
4 Corno di Camoscio 8’ 10 Ripieno 5 File
5 Ottava 4’ 11 Voce Umana 8’
6 Flauto Dolce 4’

II manuale – Espressivo
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

12 Corno di Notte 8’ 17 Nazardo 2’2/3’


13 Viola da Gamba 8’ 18 Flautino 2’
14 Salicionale 8’ 19 Decimino 1’3/5’
15 Principalino 4’ 20 Ripienino 5 File
16 Flauto 4’ 21 Cromorno 8’
22 Tromba Dolce 8’
23 Voce celeste 8’

24 Tremolo
Pedale
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

25 Contrabbasso 16’ 28 Basso 8’


26 Subbasso 16’ 29 Bordone 8’
27 Bordone 16’ 30 Corno Dolce 8’
31 Flauto 4’
32 Tromba Dolce 8’
Annulli
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

— 63 —
A Tromba Dolce A Ottave Gravi
A Cromorno A Ottave Acute
A Ripieni A Tasto-Pedale
Unioni ed Accoppiamenti
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale a destra dei manuali

33 I 8’ Ped 40 II 16’ I
34 II 8’ Ped 41 II 4’ I
35 II 8’ I 42 II 16’ II
36 I 4’ Ped 43 II 4’ II
37 II 4’ Ped
38 I 16’ I
39 I 4’ I

Accessori
5 Combinazioni Aggiustabili,
5 Combinazioni Fisse,
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle fissa indipendente collocata a sinistra dell’altare maggiore.
Collocazione in tre corpi al di sopra e ai lati dell’altare maggiore; corpi separati dalle membrature in cemento armato
della volta
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da innumerevoli canne di Principale dell’ordine di 8’ tutte di pari altezza suddivise in tre corpi.

NOTE
L’organo è sonoro e ben amalgamato ma in relativo stato di conservazione causa mancata manutenzione. All’atto del
sopralluogo, i ripieni del Grand’Organo strasuonavano fastidiosamente qualsiasi nota si toccasse anche senza inserire
registri.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza del parroco Don Riccardo Lamba (ottobre 2017).

— 64 —
GESÙ DIVINO MAESTRO

Gesù Divino Maestro – Via Vittorio Montiglio, 18; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La parrocchia è stata eretta il 2 marzo 1964 dal cardinale vicario Clemente Micara con il decreto "Percrescente de die" ed affidata
prima al clero della diocesi di Brescia, poi, dal novembre 1978, al clero diocesano di Roma. Il titolo è stato indicato direttamente da
Paolo VI per la presenza nell’ambito parrocchiale della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore.
La prima pietra è stata posta il 6 novembre 1966 dal cardinale Luigi Traglia, che il 30 settembre 1967 inaugurò la chiesa. Il
riconoscimento agli effetti civili è stato decretato il 18 marzo 1963. Il complesso parrocchiale, di proprietà della Pontificia Opera per
la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma, è stato realizzato secondo il progetto di Carlo Bevilacqua.
La chiesa è a pianta centrale ed è illuminata da finestre a nastro perimetrali e da un’ampia lanterna centrale che sormonta la volta.
L’interno è dominato dal notevole mosaico fondale che sovrasta il presbiterio, moderno, realizzato nel 1983 e negli anni successivi.

ORGANO LIBERO RINO PINCHI (OP. 257 – 1967)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I manuale – Grand’Organo II manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 7 Bordone 8’
2 Flauto 8’ 8 Principalino 8’
3 Dulciana 8’ 9 Viola 8’
4 Ottava 4’ 10 Celeste 8’
5 XV 2’ 11 Flauto 4’
6 Ripieno 5 File 12 Nazardo 2’2/3’
13 Silvestre 2’
14 Decimino 1’3/5’'
15 Ripieno 3 File
16 Tremolo
Unioni ed Accoppiamenti Pedale
17 Unione I – Ped 28 Subbasso 16’
18 Unione II - Ped 29 Bordone 8’
19 Unione Tastiere 30 Flauto 4’
20 Sopra I - Ped
21 Sopra II - Ped
22 Grave I
23 Grave II - I
24 Sopra II - I
25 Sopra I

26 Grave II
27 Sopra II

Accessori
4 Combinazioni Aggiustabili,
5 Combinazioni Fisse,

— 65 —
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente collocata in genere a pavimento alla destra del
presbiterio.
Collocazione in in corpo unico, su soppalco alle spalle del presbiterio, non visibile dall'aula.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne di Principale dell’ordine di 8’ disposte ‘a palizzata’.

NOTE
L’organo è piuttosto piccolo rispetto all’ambiente in cui è collocato. Attualmente è in relativo stato di conservazione e
bisognoso di maggior manutenzione.

FONTI SPECIFICHE
<http://www.gesudivinmaestro.it>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Ges%C3%B9_Divino_Maestro> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 66 —
S. GIACOMO DEGLI SPAGNOLI

Nostra Signora del Sacro Cuore [denominazione assunta nel 1878 in luogo di quella originaria di S. Giacomo degli
Spagnoli con cui tuttavia è tuttora popolarmente nota; in realtà la comunità degli spagnoli in Roma ha cessato di
officiarla nel 1798] – Corso Rinascimento, 23 (dato l’attuale orientamento della chiesa, i portali su piazza Navona
costituiscono ingresso posteriore); apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Aggiornamento
L’organo Organo Giovanni Tamburini del 1930 è stato restaurato da Daniel Taccini Organo nel 2010 con il trasporto della consolle
dalla cantoria alla navata destra. L’inaugurazione è avvenuta il 21 ottobre 2010 con un concerto di Giorgio Trevisiol.
L’organo era stato acquistato dall’ing. Guido Simoni per la sua residenza privata. Membro del Club Alpino Italiano, è stato
protagonista con Alfredo Grossi, Cesare ed Emma Capuis della seconda scalata e prima traversata completa dell’Arco Naturale di
Capri del 24 maggio 1924. Ha scalato il Gran Sasso (Corno Piccolo, tramite traversata inversa della cresta sud) il 30 giugno 1928 con
Amedeo Corsini.
Professionalmente si è interessato di ferrovie e trasporti: nel 1945 fece parte della “Rappresentanza Italiana nella Delegazione
internazionale speciale per gli affari relativi alla Ferrovia del Sempione” con l’ing. Gustavo Colonnetti; l’avv. Giulio Faccini; il prof.
Nicola Laloni; l’ing. Enrico Mellini; il prof. Giulio De Marchi; il dott. Mario Remondino e altri.
Tra il 1945 e il 1947 è stato capo di gabinetto dell'On. Giacomo Ferrari, ministro dei trasporti.
La sua residenza di Via Tiburtina 28 dovrebbe essere una villa in cui a quanto ne so- attualmente c'è un albergo
Un cartiglio all’interno dell’organo attesta l’acquisto dell’organo da parte di Padre Costanzi nel 1940 e pagato il 25 maggio di
quell’anno Lire 295+50.300.

— 67 —
S. GIACOMO IN AUGUSTA

S. Giacomo in Augusta – Via del Corso 499; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Storia
Una cappella dedicata a San Giacomo apostolo venne costruita nell'anno 1347, quando venne fondato l'attiguo Ospedale di San
Giacomo in Augusta, detto degli Incurabili perché vi si assistevano gli ammalati di malattie non curabili negli altri ospedali romani
(qui fu curato anche san Camillo de Lellis dove ebbe l'ispirazione di fondare l'ordine che porta il suo nome e che è dedito alla cura
degli ammalati). Nel 1579 iniziò l'integrale ricostruzione dell'ospedale ad opera del Cardinale Anton Maria Salviati, lo stesso che nel
1592 fece iniziare la totale ricostruzione e ampliamento della chiesa. L’appellativo in Augusta deriva dalla vicinanza del Mausoleo di
Augusto.
I lavori vennero eseguiti dall'architetto Francesco Capriani da Volterra, cui subentrò nel 1598 Carlo Maderno che terminò i lavori nel
1602. Nel 1824 Leone XII eresse la chiesa a parrocchia del rione. Trasformata in stalla durante l'invasione francese nel periodo della
Repubblica romana del 1849, la chiesa perse gran parte delle opere e dell'arredo, che venne bruciato in piazza del Popolo. Il restauro
successivo, voluto dal beato Pio IX comportò il rifacimento della tinteggiatura di tutta la chiesa, l'affresco della volta, e il pavimento
marmoreo del 1863.
La chiesa presenta, all'esterno una facciata monumentale parallela a via del Corso e due campanili gemelli a fianco dell'abside.
L'interno è a pianta ellittica con asse maggiore leggermente sghembo rispetto alla perpendicolarità con via del Corso ed ha tre
cappelle per lato. La volta fu affrescata da Silverio Capparoni e raffigura la Gloria di san Giacomo. L'altare maggiore è opera di
Carlo Maderno, eretto con marmi provenienti dal vicino Mausoleo di Augusto; la pala d'altare è di Francesco Grandi e risale ai lavori
effettuati per volontà di Pio IX e rappresenta la Santissima Trinità. Nella cappella della Madonna dei Miracoli è conservata
l'immagine sacra, a cui fu attribuito un miracolo che dette origine alla chiesa di Santa Maria dei Miracoli in piazza del Popolo. Nelle
altre cappelle della chiesa vi sono opere seicentesche di Giuseppe Passeri, del Pomarancio, di Antiveduto Gramatica, di Domenico
Cresti «il Passignano».

ORGANO DI ANONIMO DEL XVIII SEC: CON MODIFICHE


Manuale unico, pedaliera antica; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli lignei ad estrazione posti in due file verticali a destra del manuale con nomi dei registri scritti ad inchiostro ma quasi illegibili]

– Principale 16’ Bassi


– Principale 16’ Soprani
– Principale 8’ Bassi
– Principale 8’ Soprani
– Ottava 4’
– XII 2’2/3’
– Voce Umana 8’ Soprani
– XV 2’
– Viola 4’ Bassi
– XIX
– Piccolo 1’ Soprani
– XXII
– Flauto 4’
– XXVI - XXIX
– Tromba 8’ Bassi

– Tromba 8’ Soprani

Accessori
Tiraripieno e smonta ripieno a pedaletto

— 68 —
Estensione: manuale di 50 note (Do1–Fa5) ‘tipo pianoforte’ con prima ottava ‘scavezza’; pedaliera di 14 note (Do1–Fa2)
con prima ottava ‘scavezza’ costantemente unita al manuale.
Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria destra del presbiterio; la cantoria sinistra, simmetrica, contiene una cassa
identica con teli con canne dipinte, tutto ciò che rimane del secondo organo esistito nel XVIII secolo e rimosso per far
posto all’alloggio del sacrestano.
Cassa monumentale in legno dorato caratterizzata da quattro lesene riccamente ornate.
Mostra composta da 27 canne di Principale disposte in tre campi [ 9 / 9 / 9 ] ciascuno a cuspide; bocche ‘a mitria’
allineate orizzontalmente.

NOTE
L’organo è sonoro e ben conservato dopo il restauro di Carlo Soracco del 1980. Estremamente difficile leggere i nomi
sui pomelli dei registri; se ho commesso qualche errore di trascrizione chiedo scusa ai lettori.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (marzo 2018).

— 69 —
S. GIORGIO IN VELABRO

S. Giorgio in Velabro – Via del Velabro 19; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Storia
Chiesa antichissima e di antico titolo cardinalizio. La costruzione della chiesa attualmente visibile risale al XII secolo: si tratta di una
basilica a tre navate separate da colonne di spoglio. L’esterno si presenta assai semplice, preceduto da un portico anch’esso sorretto
da colonne di spoglio. Dopo alterne vicende, è stata ricostruita nelle forme attualmente visibili per iniziativa del cardinale Massimo
Massimi con la direzione di Antonio Muñoz agli inizi del XX secolo per cui l’interno ne è risultato alquanto povero e spoglio, privo
di decorazioni. Forse nel passato ha contenuto organi positivi, quello attuale è stato costruito solo nel 1996 per volontà del cardinale
titolare Alfons Maria Stickler che lo ha espressamente voluto (e pagato) a trasmissione meccanica, nel terzo anniversario
dell’attentato mafioso del luglio 1993 che ha sventrato la chiesa (restaurata fortunatamente a tempo di record).

ORGANO PELS & VAN LEEUWEN (1996)


Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
Organo
[azionati da pomelli ad estrazione disposti in fila verticale a sinistra della consolle]
– RoerFloete 8’
– Prestant 4’
– GedacktFluit 4’
– Octaaf 2’
– Mixtur IV ranks
Pedale
[azionati da pomelli ad estrazione disposti in fila verticale a destra della consolle]
– Subbass 16’
– Kopel Man – Ped
– Wind [accensione]

Estensione: manuali di 56 note (Do1–Sol5); pedaliera di 27 note (Do1–Re3), dritta.


Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico a sinistra dell’altare maggiore.
Cassa moderna fortemente asimmetrica e spigolosa.
Mostra composta da canne di principale disposte in due campi ciascuno con disegno a cuspide fortemente asimmetrica.

NOTE
L’organo è di valore molto relativo, sia dal punto di vista estetico che da quello dell’intonazione. Considerato che è
stato pagato dall’allora cardinale titolare, non si poteva pretendere molto di più.

FONTI SPECIFICHE
Notizie varie scambiate per vie brevi con l’organologo Sergio Colasanti e il maestro Giorgio Muto (2005).

Sopralluogo compiuto alla presenza ostile del rettore e del suo ‘organista’ che, per evidente invidia ed egoismo, mi ha spento l’organo proprio mentre
stavo suonando rischiando di bruciare l’elettroventilatore (luglio 2005.

— 70 —
S. GIOVANNA ANTIDA

Santa Giovanna Antida Thouret – Circonvallazione Clodia, 3; apertura a richiesta.


STORIA
Il complesso monastico delle Suore di Carità di Santa Giovanna Antida Thouret è sorto a partire dal 1960 e la vasta cappella contiene
interessanti opere d’arte moderna, tra cui l’organo.

ORGANO MASCIONI (OP. 874 – 1966)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I manuale – Grand’Organo II manuale – Espressivo

1 Principale 8’ 8 Bordone 8’
2 Flauto 8’ 9 Viola Dolce 8’
3 Dulciana 8’ 10 Flauto 4’
4 Flauto 4’ 11 Nazardo 2’2/3’
5 Ottava 4’ 12 Silvestre 2’
6 XV 2’ 13 Voce Celeste 8’
7 Ripieno 5 File 14 Tremolo

Unioni ed Accoppiamenti
15 I 8’ Ped 20 I 16’ I
16 II 8’ Ped 21 I 4’ I
17 II 8’ I 22 II 16’ I
18 I 4’ Ped 23 II 4’ I
19 II 4’ Ped 24 II 16’ II
25 II 4’ II
Pedale
26 Subbasso 16’
27 Bordone 8’
28 Flauto 4’

Accessori
4 Combinazioni Aggiustabili,
5 Combinazioni Fisse,
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente collocata nel presbiterio.
Collocazione in corpo unico nel presbiterio.
Cassa limitata al solo basamento delle canne di mostra.

— 71 —
Mostra del Grand’Organo composta da canne sonanti dei registri di 8’ disposti in campo unico ‘a palizzata’; bocche ‘a
mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo non è stato valutato in quanto al momento della visita non c’era nessuno che poteva autorizzarmi. Tuttavia è
tuttora ben conservato, grazie alla consueta buona fattura Mascioni.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza elettronica con la Ditta Mascioni (aprile 2018).

— 72 —
S. GIOVANNI BATTISTA A MONTE MARIO

S. Giovanni Battista – Via delle Benedettine, 50; apertura a richiesta


STORIA
Le monache benedettine sono presenti sul colle di Monte Mario dal 1945. Alla fine della seconda Guerra Mondiale si ricostruì sopra
le macerie dell’antico monastero di San Giovanni in Subiaco, fondato nel XVI secolo. Nel 1944 i bombardamenti avevano distrutto
anche il campanile del duecento, costringendo la comunità religiosa a trasferirsi prima alla Rocca abbaziale,poi alle pendici del
Monte Mario all’interno della villa di Robilant al centro di un vasto terreno. Proprio qui si decise di erigere il nuovo monastero,
cominciando dalla cappella realizzata nelle scuderie del conte su progetto di Tullio Rossi. Dopo qualche anno la comunità aprì una
scuola materna ed una scuola elementare, oggi non più attive. Il monastero attuale è adatto ai ritiri spirituali ed alla vita monastica
contemplativa.

ORGANO TAMBURINI (1970)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I manuale – Grand’Organo
Sezione Aperta Sezione Espressiva
1 Principale 8’ 7 Flauto Traverso 8'
2 Ottava 4’ 8 Corno di Camoscio 8'
3 XV 2' 9 Flauto a Camino 4'
4 XIX 1’1/3’ 10 Sesquialtera 2 File
5 XXII-XXVI-XXIX-XXXIII 11 Cromorno 8'
6 Tromba Orizzontale 8’

Unioni ed Accoppiamenti

12 Unione I – Ped. 17 Grave I


13 Unione II – Ped. 18 Acuta I
14 Unione II – I 19 Grave II – I
15 Acuta I – Ped. 20 Acuta II – I
16 Acuta II – Ped. 21 Grave II
22 Acuta II
II manuale – Espressivo

23 Principale 4’ 29 Nazardo 2’2/3’


24 Ripieno 5 File 30 Ottavino 2’
25 Bordone 8’ 31 Terza 1’3/5’
26 Viola da gamba 8’ 32 Voce celeste 8’
27 Salicionale 8’ 33 Violoncello 8’
28 Flauto a becco 4’ 34 Tremolo

Pedale

35 Principale 16’ 39 Quintadecima 4’


36 Subbasso 16’ 40 Fagotto 8’
37 Ottava 8’ 41 Clarone 4’
38 Bordone 8’

— 73 —
Annulli

A Ancia I manuale A Ottave Gravi


A Ancia II manuale A Ottave Acute
A Ancia Pedale A Ripieni

Accessori
6 Combinazioni Aggiustabili a pistoncino
5 Combinazioni Fisse a pistoncino
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica; consolle mobile indipendente collocata a pavimento nel coro.
Collocazione in tre corpi, sopra il ballatoio a ridosso della parete di fondo del coro.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra di ciascun corpo composta da campo unico ciascuno con canne disposte a cuspide; bocche ‘a mitria’ allineate
orizzontalmente. Spicca la Tromba Orizzontale al centro della mostra.

NOTE
L’organo è sonoro e ben amalgamato ed in buono stato di conservazione
.

FONTI SPECIFICHE
<http://www.vaticano.com/turismo/scheda_161_santuario-monastero-di-san-giovanni-battista-a-montemario.html>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Abbazia_di_San_Giovanni_Battista_a_Monte_Mario> scheda di Davide Campeggiani

— 74 —
S. GIOVANNI BATTISTA DEI GENOVESI

S. Giovanni Battista dei Genovesi – Via Anicia 12; apertura domenicale mattutina.
Storia
La chiesa fu edificata dal 1481 al 1492 dal ricco mercante genovese Meliaduce Cicala, tesoriere della Camera Apostolica, il quale vi
aggiunse un ospedale per i marinari genovesi che approdavano al porto di Ripa Grande. Nel 1533 fu istituita la Confraternita di san
Giovanni dei Genovesi (dal 1890 Opera Pia), che amministrò la chiesa e l'ospedale annesso, il quale continuò a funzionare fino a
metà del XVIII secolo. Dal 1668 fino alla morte Cesare Macchiati, protomedico della Regina Cristina di Svezia, prestò la sua opera
anche presso l'Ospedale.
L’assetto attuale della chiesa risale ai lavori del 1737 con la realizzazione della facciata e con l'aggiunta dell'abside. L'edificio poi
subì ulteriori e importanti restauri a metà dell'Ottocento, con una nuova facciata e modifiche interne. Nella lunetta sopra il portale
d'entrata si trova lo stemma di Genova.
L'interno si presenta a navata unica. Tra le opere principale, sono da menzionare: la quattrocentesca tomba di Meliaduce Cicala, della
scuola di Andrea Bregno; la cappella di santa Caterina Fieschi, del XVIII secolo, con affreschi di Odoardo Vicinelli; un tabernacolo
degli oli santi, opera fiorentina della fine del Quattrocento; una lapide che rammenta come nel 1588 qui fu piantata la prima palma a
Roma.
Nell'ex ospedale, accessibile sempre da via Anicia, vi è un portale quattrocentesco che introduce al chiostro rinascimentale, uno dei
più belli di Roma, opera di Baccio Pontelli: al centro del cortile-giardino vi è un pozzo che risale al XIV secolo. Dal chiostro si
accede all’oratorio di san Giovanni Battista dei Genovesi, del XVI secolo, con soffitto a cassettoni, ed affreschi con storie della
Vergine e di Giovanni Battista.

ORGANO ZENO FEDELI (1919)


Manuale unico [Exp.]; pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da linguette orizzontali poste al di sopra del manuale sul lato destro]
– Principale 8’

– Viola 8’

– Ottava 4’

– Celeste 8’

– Bordone 8’

Accessori: staffa espressiva per l’intero organo.


Estensione: manuale di 56 note (Do1–Sol5) ‘tipo pianoforte’; pedaliera di 27 note (Do1–Re3), dritta, costantemente unita
al manuale.
Trasmissione pneumatica tubolare; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale, collocato – guardando la cantoria – leggermente
a destra rispetto all’asse di simmetria.
Cassa di semplice fattura in legno con le portelle della cassa espressiva in luogo della mostra.

NOTE
L'organo, tuttora allo stato originale, dimostra una brillantezza di suono inusitata ed una sonorità inaspettata tanto che
ascoltandolo si ha l’impressione di ascoltare un organo assai più grande.

FONTI SPECIFICHE
Davide Campeggiani: “L’organo a canne Zeno Fedeli del Pontificio Seminario Romano Minore – con cenni su vita e opere del suo costruttore” (Ed.

— 75 —
Pontificio Seminario Minore, 2015) cortesemente donatomi dall’Autore che qui ringrazio.

— 76 —
S. GIOVANNI BOSCO A CINECITTÁ

S. Giovanni Bosco – Piazza San Giovanni Bosco, 1; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro

AGGIORNAMENTO
I somieri del Positivo [Espressivo] e dell’Espressivo hanno 73 note per cui questi due manuali hanno le superottave reali e non
pongono problemi di estensione nell’usarle.

— 77 —
S. GIOVANNI DELLA PIGNA

S. Giovanni della Pigna – Piazza della Pigna; apertura domenicale mattutina.


STORIA
Una chiesa originariamente dedicata ai santi martiri Eleuterio e Genesio è documentata in una bolla papale di papa Agapito II del 955
e in una di Giovanni XII del 962. Essendo caduta in rovina, nel 1584, papa Gregorio XIII la concesse all’Arciconfraternita della Pietà
verso i carcerati, che la riedificò a partire dalle fondamenta. Della costruzione della nuova chiesa fu incaricato l'architetto Torroni;
terminata nel 1624, assunse il titolo di Sancti Ionanis de Pinea. È stata nuovamente restaurata nel secolo successivo e nel 1837 sotto
la direzione di Virginio Vespignani. Nel 1870, Pio IX l'affidò ai PP. Salesiani e, dal 1985, per volere di san Giovanni Paolo II, è sede
della diaconia di san Giovanni della Pigna. Nel 2007 la chiesa è stata interessata da un restauro che ha ripristinato l'originale cromia
degli esterni e contemporaneamente dedicata "chiesa degli italiani nel mondo".
La chiesa è dedicata a San Giovanni Battista; l'appellativo della Pigna fa riferimento alla grande pigna di bronzo scoperta nella zona,
oggi conservata nel Cortile della Pigna all'interno della Città del Vaticano.
La facciata è a capanna, in un semplice stile barocco. Il cornicione, recante un'iscrizione in lingua latina che ricorda la passata
presenza all'interno della chiesa dell’Arciconfraternita della Pietà verso i carcerati, è sorretto da quattro lesene con capitelli ionici che
dividono la facciata in tre settori verticali: ognuno dei due laterali ospita, in alto, una finestra rettangolare priva di cornice e
davanzale; nel settore centrale, invece, si trova il portale, che presenta un architrave con un bassorilievo raffigurante un angelo ed un
frontone circolare. La facciata è coronata dal semplice timpano sormontato da una croce in ferro.
L'interno della chiesa è a navata unica ed è frutto dei rifacimenti del XVIII secolo. Lungo la navata, che è coperta con volta a botte
lunettata, si trovano, entro grandi nicchie intervallate da lesene in marmi policromi, quattro altari laterali, due per lato. Il primo altare
a destra è dedicato a sant'Eleuterio papa, il secondo di destra a San Genesio di Arles; il primo a sinistra, invece, è dedicato alla
Madonna ed ospita la tela Madonna col Bambino e Angeli, del XVIII secolo, copia di un'immagine del XIV secolo della Madonna di
San Luca, il secondo a destra a Santa Teresa d'Avila.
In fondo alla navata, vi è il presbiterio, delimitato da una balaustra e composto da una campata a pianta quadrata con volta a cupola
dipinta e da un'abside semicircolare con, sulla volta, una decorazione a cassettoni. Nell'abside, vi è l'altare maggiore in marmi
policromi che presenta nell'ancona, tra due coppie di colonne corinzie, la pala San Giovanni Battista, degli inizi del XVII secolo,
opera di Baldassare Croce, e più in alto, la Pietà di Luigi Garzi, aggiunta successivamente.

ORGANO FAMIGLIA PRIORI (1780)


Manuale unico; pedaliera ‘scavezza’; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli in legno tornito collocati in doppia fila a destra del manuale]
«Fondi» «Ripieno e Concerto»
– Principale 8’ Bassi
– Voce umana 8’ Soprani
– Principale 8’ Soprani
– Decimaquinta 2’
– Ottava 4’ Bassi
– Decimanona 1’1/3’
– Ottava 4’ Soprani
– Vigesimaseconda 1’
– Flauto traverso 8’ Soprani
– Vigesimasesta e Nona
– Flauto in VIII 4’ Soprani
– Tromba 8’ Soprani
– Basso 8’ (al Pedale)
– Tromba 8’ Bassi

Accessori
Tiraripieno e smonta ripieno a pedaletto

— 78 —
Estensione: manuale di 50 note (Do1–Fa5) con tasti diatonici ricoperti in bosso e tasti cromatici ricoperti in ebano con
prima ottava ‘corta’ (spezzatura bassi/soprani: Do3–Do #3); Pedaliera di 17 note (Do1–Sol#2), ‘a leggìo’ costantemente
unita al manuale.
Trasmissione integralmente meccanica ‘sospesa’; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa in legno in stile tardo barocco, sobriamente decorata.
Mostra composta da 19 canne di Principale disposte in tre campi ciascuno con disegno a cuspide [ 7 / 5 / 7 ]; bocche ‘a
mitria’ ad andamento orizzontale; canna centrale: Do 4’.

NOTE
L'organo, attribuito concordemente alla Famiglia Priori risale al 1780 circa ed è pervenuto quasi integro ai nostri giorni.
Il restauro è stato eseguito da Barthélémy Formentelli nel 2007 e l’organo è tornato al suo antico splendore.

FONTI SPECIFICHE
Colloquio con Sergio Colasanti (ottobre 2008)

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_San_Giovanni_della_Pigna>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_San_Giovanni_della_Pigna> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 79 —
SS. GIOVANNI E PAOLO AL CELIO

SS. Giovanni e Paolo al Celio – Piazza dei SS. Giovanni e Paolo, 13; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio
fino al vespro.

1. ORGANO TAMBURINI (1964)


Aggiornamento
Nel 2010 la Ditta Tamburini ha effettuato un intervento di manutenzione straordinaria che però sembra che abbia destato perplessità
alla committenza dei PP. Passionisti che, dopo alterne vicende, hanno affidato la manutenzione ordinaria e straordinaria di questo
strumento a Salvatore Pronestì
L’organo deriva da successivi ampliamenti dello strumento costruito da Angelo e Nicola Morettini nel 1856 ed originariamente
destinato a S. Giovanni in Laterano, poi acquistato dai PP. Passionisti.

2. ORGANO SALVATORE PRONESTÌ (2017)


Manuale unico; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli lignei ad estrazione posti in fila orizzontale al lato destro del manuale]
– Principale a Fuso 8’

– Principalino 4’

– Ripieno

Estensione: manuale di 61 note (Do1–Do6) con tasti diatonici ricoperti in bosso e tasti cromatici ricoperti in ebanoì
Trasmissione integralmente meccanica ‘sospesa’; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico a pavimento nel lato sinistro del transetto dell’ampia cappella di San Paolo della Croce.
Cassa in legno con una decorazione recante lo stemma dei PP. Passionisti.
Mostra composta da due campi laterali di 3 canne ciascuno con bocche ‘a mitria’ ad andamento contrario e da un campo
centrale dove sono a vista tutte le canne interne dello strumento.

NOTE
L'organo riutilizza parzialmente le canne di un organo Tamburini del 1967 a due manuali trasmissione meccanica per i
tasti ed elettrica per i registri, con la seguente disposizione fonica:
I - Principale 8' Ottava 4 XV.XIX.XXII
II - Exp - Bordone 8' Flauto Camino 4' Nazardo 2'2/3' Voce Celeste 8'
Ped. Contrabbasso (in realtà subbasso) 16'
con mostra a canne in vista, priva di cassa, collocato sull’alta cantoria sopra l’ingresso principale della cappella.
Rovinato dal disuso e dai topi, è stato smontato nel 2010 fino alla ricostruzione che lo ha portato allo stato attualmente
visibile. Lo strumento si caratterizza per un ripieno forte e brillante e per un tocco notevole che lo rendono
particolarmente piacevole.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza elettronica con l’organaro Daniel Taccini

Sopralluogo compiuto in presenza di padre Augusto Matrullo (marzo 2018).

— 80 —
S. GIUDA TADDEO A VIA LATINA

S. Giuda Taddeo, Apostolo – Largo Pietro Tacchi Venturi, 1; apertura giornaliera al mattino ed al pomeriggio fino al
vespro.
STORIA
La parrocchia è stata eretta il 18 maggio 1960 con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara "Neminem sane" ed affidata al
clero diocesano di Roma. Il territorio è stato desunto da quello della parrocchia di S. Giovanni Battista De Rossi.
Il complesso immobiliare, di proprietà della Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma,
è stato progettato da Giorgio Biuso.
Con Decreto del 31 ottobre 2012, prot. 1677/12, la denominazione della parrocchia viene modificata in "S.Giuda Taddeo, Apostolo".
La facciata non lascia trasparire che all’interno vi sia una chiesa, salvo per la presenza delle campane. Lateralmente alla porta
d’accesso un mosaico raffigurante il santo. All’interno vi sono opere d’arte moderna tra cui una Via Crucis in vetrate policrome e
ampi bassorilievi in stucco tra cui spicca quello absidale e quello raffigurante la Madonna con Bambino circondata da stelle dorate.

ORGANO REMO ZARANTONELLO (1950)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Accoppiamenti del I manuale (sic)
1 Principale 8’ 7 Unione I – Ped.
2 Ottava 4’ 8 Acuta I – Ped.
3 Decima quinta 2’ 9 Acuta I
4 Ripieno 4 File 10 Grave I
5 Dulciana 8’ 11 Unione Tastiere
6 Unda Maris 8’ 12 Acuta II – I
13 Grave II – I

II Manuale – Espressivo Accoppiamenti del II manuale (sic)


14 Gamba 8’ 20 Unione II – Ped.
15 Flauto 8’ 21 Acuta II – Ped.
16 Flauto 4’ 22 Acuta II
17 Nazardo 2’2/3’ 23 Grave II
18 Voce Celeste 2 file 8’ 24 Pedale Automatico
19 Tremolo 8’

Pedale
25 Subbasso 16’
26 Bordone 8’
27 Violoncello 8’

Accessori
3 Combinazioni Fisse al II manuale; 4 Combinazioni Fisse al I manuale.
Doppia Combinazione libera.

— 81 —
Pedaletti di Annullo Combinazione libera, 1^ combinazione libera, 2^ combinazione libera; Manuali al Pedale; Unione
Tastiere.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Unione Generale, Ripieno I; Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente collocata a pavimento lungo la parete
sinistra della chiesa.
Collocazione in corpo unico sulla vasta cantoria al di sopra dell’ingresso principale.
Cassa composta da griglie e limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne dell’ordine di 8’ disposte ‘a palizzata’ in campo unico a quattro ali digradanti di cui le
centrali in unico corpo [ 15 13 15 ]; bocche ‘a mitria’ ad andamento contrario.

NOTE
L’organo è stato realizzato per il Santuario della Madonna di Campagna a Fornovo dov’era collocato in una cappella
laterale a pianta centrale. Successivamente venduto, è stato acquistato da questa chiesa nel 2007 ed inizialmente affidato
ad Alessandro Giacobazzi per il rimontaggio, completato successivamente dopo un periodo di pausa da Giuseppe
Ponzani che lo ha completato nel 2016. Complessivamente ben amalgamato, ha un ripieno decisamente squillante e bei
fondi di 8’.

FONTI SPECIFICHE
Colloqui personali con l’ingegnere Alessandro Capitani e l’organaro Giuseppe Ponzani (marzo 2018).

Sopralluogo compiuto personalmente (marzo 2018).

<http://www.parrocchiasangiudataddeo.it/>

— 82 —
S. GIULIANO

S. Giuliano – Via Cassia 1036; apertura giornaliera al mattino ed al pomeriggio fino al vespro.
STORIA
La parrocchia è stata eretta il 21 dicembre 1980 con il decreto del cardinale vicario Ugo Poletti "La situazione religiosa" ed affidata
al clero diocesano di Roma. La chiesa parrocchiale è stata consacrata dal cardinale vicario Camillo Ruini il 18 novembre 1995. La
chiesa è stata progettata dall’ufficio tecnico della Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in
Roma diretto da Ignazio Breccia-Fratadocchi. L’interno si presenta abbastanza spoglio con alcune opere d’arte moderna.

ORGANO HILLEBRAND (1973)


Manuale unico; pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli in legno tornito collocati in fila unica a destra del manuale]
– Gedackt 8’ Bass

– Gedackt 8’ Diskant

– Rohrflöte 4’ Bass

– Rohrflöte 4’ Diskant

– Prinzipal 2’ Bass

– Prinzipal 2’ Diskant

– Mixtur III Fach Bass

– Mixtur III Fach Diskant

– Rankett 16’ Bass

– Rankett 16’ Diskant

Estensione: manuale di 56 note (Do1–Sol5) con tasti diatonici ricoperti in bosso e tasti cromatici ricoperti in ebano con
prima ottava ‘cromatica stesa’ (spezzatura bassi/soprani: Do3–Do #3); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3), costantemente
unita al manuale.
Trasmissione integralmente meccanica ‘sospesa’; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico, a pavimento nell'ultima campata della navata laterale sinistra.
Cassa in legno di semplice fattura.
Mostra composta da canne di Principale; canna centrale: Do 2’.

NOTE
L'organo era originariamente situato a Braunschweig nella cattedrale della quale era l'organo corale, poi nella
Emmauskirche e infine nella Marienkirche, ultimamente nella Petruskirche di Wolfenbüttel; nel 2016 finalmente
acquistato dalla chiesa di San Giuliano dov’è stato collocato dalla Ditta Pinchi.

FONTI SPECIFICHE

— 83 —
Colloquio con Sergio Colasanti (ottobre 2017)

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_San_Giuliano_Martire> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 84 —
GRAN MADRE DI DIO

Gran Madre di Dio – Via Cassia, 1; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro
STORIA
La parrocchia è stata eretta da Pio XI il 1 dicembre 1933 con la costituzione apostolica "Ouo perennius" ed affidata al clero
diocesano di Roma. La chiesa è stata consacrata il 29 maggio 1937 da S.E. Mons. Francesco Beretti, Vescovo tit. di Cesarea di
Filippo, commendatore di Santo Spirito.. Il riconoscimento agli effetti civili è stato decretato il 4 ottobre 1934. La proprietà
immobiliare è della Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma.
I1 progetto architettonico è di Cesare Bazzani, ed è stato realizzato nel 1933. Si tratta di una chiesa a pianta centrale, coperta da
cupola, e arricchita da opere d’arte moderna.

ORGANO MASCIONI (OP. 562 – 1952)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 6 Principale 8’
2 Flauto 8’ 7 Viola da Gamba 8’
3 Ottava 4’ 8 Bordone 8’
4 Decimaquinta 2’ 9 Flauto Armonico 4’
5 Ripieno 4 File 10 Nazardo 2’2/3’
11 Voce Celeste 8’
12 Corno di Notte 2’
13 Tremolo

Unioni ed Accoppiamenti Pedale


14 I 8’ Ped. 25 Subbasso 16’
15 II 8’ Ped. 26 Bordone 8’
16 II 8’ I 27 Basso 8’
17 I 4’ Ped. 28 Flauto 4’
18 II 4’ Ped.
19 I 16’ I
20 I 4’ I
21 II 16’ I
22 II 4’ I
23 II 16’ II
24 II 4’ II

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Fondi, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).

— 85 —
Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle fissa originale sulla cantoria sotto il corpo d’organo; consolle
ausiliaria mobile indipendente aggiunta da Carlo Soracco nel 1988 in genere posta a destra dell’altare maggiore.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale e del Flauto, disposte a tre cuspidi ‘a palizzata’; bocche ‘a mitria’ ad
andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato per il ventennale della costruzione della chiesa ed ha avuto vari interventi da parte di Carlo
Soracco tra cui quello del 1988 ed un successivo nel 2010.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 1988).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_della_Gran_Madre_di_Dio> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 86 —
S. GREGORIO AL CELIO

Santi Andrea e Gregorio al Celio – Piazza S. Gregorio al Celio, 1; apertura su richiesta


STORIA
Papa Gregorio I, nel VI secolo, costruì un monastero, in cui visse a lungo, e nel 575 una piccola chiesa dedicata a sant'Andrea. Dopo
la morte di Gregorio I il monastero fu abbandonato. Papa Gregorio II (715-731) fece ripristinare il monastero.
Qui il 14 febbraio 1130 si riunì, sotto la guida del cardinale e cancelliere Aymery de la Châtre, la commissione cardinalizia incaricata
dal Sacro Collegio di scegliere il successore di papa Onorio II, deceduto la notte precedente. Nella mattinata stessa i cardinali ivi
convocati elessero al Soglio Pontificio il cardinale Gregorio Papareschi che prese il nome di Innocenzo II.
Su progetto di Giovanni Battista Soria, nel 1633 il cardinale Scipione Caffarelli-Borghese fece costruire il portico e la facciata
monumentale al di sopra di una ampia scalinata.
Nel 1725 la chiesa fu nuovamente restaurata in base ai progetti di Giuseppe Antonio Soratini e di Francesco Ferrari. Un altro restauro
fu effettuato nel 1830 a spese del cardinale Giacinto Zurla.
Il 10 marzo 2012, memoria del transito di papa Gregorio I, sono stati celebrati nella chiesa da papa Benedetto XVI i Primi Vespri in
occasione del millenario della fondazione della casa madre della Congregazione Camaldolese. Ai vespri ha partecipato anche il
prelato anglicano Rowan Williams, Arcivescovo di Canterbury.
La chiesa attualmente visibile è parte di un più vasto complesso religioso. Nel quadriportico antistante la chiesa c’è l’affresco il
Trionfo di San Gregorio (1727), di Placido Costanzi. Il portico ospita alcune tombe che inizialmente si trovavano all'interno e che
furono spostate qui quando il cardinale Borghese lo fece costruire.
L’interno è stato sistemato nelle forme attualmente visibili da Francesco Ferrari fra il 1725 e il 1734 a pianta basilicale, con una
navata centrale divisa da quelle laterali da 10 antiche colonne di granito e da pilastri.
Il pavimento cosmatesco è del XIII secolo; il soffitto della navata centrale è ornato da un affresco realizzato nel 1727 da Placido
Costanzi e raffigurante il Trionfo di San Gregorio Magno. La decorazione comprende gli stucchi di Ferrari (1725). Sopra l'altare
maggiore si trova una Madonna con i santi Andrea e Gregorio (1734) di Antonio Balestra (1734).
Il secondo altare sulla sinistra conserva la Madonna in trono con Santi e Beati della famiglia Gabrielli di Gubbio, opera di Pompeo
Batoni (1739). Alla fine della navata, l'altare ha un bassorilievo di Luigi Capponi. Alla fine della navata si trova l'altare di San
Gregorio Magno" con tre bassorilievi della fine del XV secolo.
In fondo alla navata sinistra si trova la Cappella Salviati, su progetto di Francesco da Volterra e terminata da Carlo Maderno nel
1600: include un antico affresco rappresentante la Madonna che secondo la tradizione parlava a san Gregorio, ed un altare di marmo
di Andrea Bregno ed allievi (1469).

ORGANO BALBIANI VEGEZZI-BOSSI (1933)


Due manuali [G.O. Exp – Exp], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da linguette poste in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
Unioni del I manuale
– Subottava I

– Superottava II – I

– Unione Tastiere

I manuale – Grand’Organo [Espressivo]


– Ripieno

– Ottava 4’

– Principale 8’

– Dulciana 8’ fuori cassa espressiva

— 87 —
II manuale – Espressivo
– Viola 8’

– Coro Celeste (sic)

– Flauto 4’

– Tremolo

Pedale
– Bordone 16’

– Unione I – Ped.

– Unione II – Ped.

Accessori
3 Combinazioni Fisse per ciascun manuale
Pedaletti di Copula Generale, Unioni
Staffa Espressione per l’intero organo
Staffa Crescendo
Pedaletto per il Tutti

Estensione: manuale di 56 note (Do1–La5) ‘tipo pianoforte’ con prima ottava ‘cromatica stesa’; Pedaliera di 30 note
(Do1–Fa3), leggermente concava.
Trasmissione elettropneumatica; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa in legno che racchiude l’intero strumento, con sobrie decorazioni in stile liberty.
Mostra composta da 43 canne di Dulciana disposte in tre campi di cui i laterali con disegno a cuspide e quello centrale a
cuspide con ali digradanti verso il centro [ 5 / 13 7 13 / 5 ]; bocche ‘a mitria’ ad andamento contrario; canna maggiore:
Do 8’ nel comparto laterale sinistro.

NOTE
L'organo è stato costruito per l’Anno Santo della Redenzione (1933) ed è di piccole dimensioni rispetto alle
proporziioni della basilica. Tuttavia il suono è piacevole e il Tutti si fa sentire discretamente. Da notare che le griglie
della cassa espressiva che racchiude l’intero strumento si aprono al di sopra del tetto della cassa.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_San_Gregorio_al_Celio>

Sopralluogo compiuto personalmente (marzo 2018).

— 88 —
S. IGNAZIO

S. Ignazio – Piazza Sant’Ignazio, 1; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

1. ORGANO GIOVANNI TAMBURINI (1935)


Aggiornamento
Nel corso di un lavoro di revisione generale operato dalla Ditta Lombardi e Ori Saitta nel 2010, si sono apportate alcune
modifiche alla registrazione su indicazioni foniche di James Edward Goettsche di cui si dà qui notizia.
Tre manuali [Pos. [Exp.] – G.O. – Exp], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette molto inclinate, quasi sub orizzontali, disposte in più file orizzontali ai lati e al di sopra dei Manuali]
I Manuale – Positivo [Espressivo]
1 Eufonio 8’ 7 Terza 1’3/5’
2 Flauto a Camino 8’ 8 Clarinetto 8’
3 Viola 8’ 9 Corno Francese 8’
4 Flauto a Camino 4’ 10 Gran Tuba 8’
5 Flauto in XII 2’2/3’ 11 Tremolo
6 Flautino 2’

Annulli
A Ance I A Oboe 8’ [III Manuale]
A Gran Tuba [da tutti i corpi d’organo] A Tromba Armonica 8’ [III Manuale]
A Tuba Mirabilis [II Manuale] A Chiarino 4’ [III Manuale]
A Tromba 8’ II Manuale A Ance Pedale
A Tuba 4’ II Manuale

II Manuale – Grand’Organo
12 Principale 16’ 21 Decima II (sic) 2’2/3’
13 Principale Forte 8’ 22 Decima V (sic) 2’
14 Principale Dolce 8’ 23 Ripieno 5 File
15 Dulciana 8’ 24 Ripieno 7 File
16 Flauto Corno 8’ 25 Voce Umana 8’
17 Flauto Traverso 8’ 26 Tromba 8’
18 Ottava Forte 4’ 27 Tuba Mirabilis 8’
19 Ottava 4’ 28 Gran Tuba 8’
20 Flauto 4’ 29 Tuba 4’

Unioni e Accoppiamenti del Pedale


30 Unione I – Ped 32 Unione III – Ped
31 Unione II – Ped 33 Ottava Acuta III – Ped
Unioni dei Manuali
34 Unione I – II
35 Unione III – II
36 Unione III – I
Accoppiamenti dei Manuali
37 Ottava Acuta I 43 Ottava Acuta III – II
38 Ottava Acuta III – I 44 Ottava Grave I – II

— 89 —
39 Ottava Grave I 45 Ottava Grave III – II
40 Ottava Grave III – I
46 Ottava Acuta III
41 Ottava Acuta II 47 Ottava Grave III
42 Ottava Acuta I – II

III Manuale – Espressivo


48 Bordone 16’ 57 Voce Celeste 8’
49 Principale 8’ 58 Concerto Viole 8’
50 Gamba 8’ 59 Oboe 8’
51 Salicionale 8’ 60 Tromba Armonica 8’
52 Bordone 8’ 61 Chiarino (sic) 4’
53 Ottava 4’ 62 Voce Corale 8’
54 Flauto Armonico 4’ 63 Gran Tuba 8’
55 Flauto 2’ 64 Tremolo
56 Ripieno 5 File 65 Tremolo Oboe

Pedale
66 Contrabbasso 16’ 72 Gran Quinta 10’2/3’
67 Violone 16’ 73 Gran Quinta 5’1/3’
68 Bordone 16’ 74 Ottava 4’
69 Basso 8’ 75 Bombarda 16’
70 Violoncello 8’ 76 Trombone 8’
71 Bordone 8’ 77 Corno Francese 8’
78 Corno Francese 4’
79 Gran Tuba 8’

NOTE
Il restauro del 2010 era quanto mai necessario, date le condizioni in cui era ridotto l’organo. La disposizione delle ance,
soprattutto di quelle a forte pressione, è stata voluta da James Edward Goettsche ed è senz’altro molto utile.

2. ORGANO IGNAZIO PRIORI (1795)


Manuale unico, pedaliera scavezza; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli metallici ad estrazione posti in due file verticali a destra del Manuale senza nomi; la disposizione dei registri è desunta
presuntivamente sulla base di quanto emerso dal sopralluogo]

– [Principale 8’]
– [XV 2’]
– [Voce Umana 8’ Soprani]
– [XIX 1’1/3’]
– [Flauto 4’]
– [XXII 1’]
– [Ottava 4’]

Accessori
Pomellone per il Tiratutti

Estensione: Manuale di 51 note (Do1–Re5) con prima ottava ‘corta’; Pedaliera di 17 note (Do1–Sol #2) costantemente
unita al manuale.
Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’ leggermente decentrata a destra dello strumento.
Collocazione in corpo unico nella Cappella Prima Primaria, all’inizio della fila sinistra degli scranni della cappella in
cui è situato.

— 90 —
Cassa di semplice fattura con portelle decorate allo stesso modo dei dossali degli scranni.
Mostra composta da 23 canne sonanti del Principale, disposte in campo unico con disegno ‘a cuspide’; bocche ‘a scudo
mitriato’ ad andamento contrario.

NOTE
L’organo è stato realizzato con ogni verosimiglianza da Ignazio Priori per la Cappella Prima Primaria e si
contraddistingue per la fattura sobria ma solida (nonostante l’abbandono in cui attualmente giace). Alcune canne di
basseria sono collocate fuori cassa, a sinistra della stessa in adiacenza alla parete di fondo della cappella. A sinistra il
vano manticeria con unico mantice di fattura ottocentesca con stanga lignea alla propria sinistra che – se azionata –
rende l’organo appena funzionante. Eppure per la sua quasi totale integrità del materiale fonico e lo stato complessivo
meriterebbe quanto prima un completo restauro.
La Cappella Prima Primaria (normalmente non visitabile) è integralmente affrescata dal Borgognone (1658), con scene
di battaglie vinte dai Cattolici su Protestanti e Musulmani; è un ambiente ad aula unica con presbiterio quadrangolare
cui si accede da una ripida scala a chiocciola nella navata destra della chiesa. Essa è stata la prima cappella di
Confraternite Mariane e per lungo tempo vi si è acceduti da un portone monumentale lungo la parete laterale destra
dall’adiacente palazzo del Collegio Romano (oggi Liceo Ennio Quirino Visconti).

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza con l’architetto Furio Luccichenti (2010) e con l’organaro Giuseppe Ponzani (2015)

Sopralluogo compiuto personalmente (ottobre 2010, marzo 2018)).

— 91 —
S. IPPOLITO

S. Ippolito – Via di Sant’Ippolito, 56 angolo Viale delle Provincie; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
STORIA
Fu edificata per volere di papa Pio XI e costruita tra il 1933 ed il 1934 dall'architetto Clemente Busiri Vici; fu benedetta
il 23 dicembre 1934 e la prima messa vi fu celebrata la notte di Natale; venne solennemente consacrata il 4 ottobre
1938. La chiesa fu dedicata a sant'Ippolito martire, la cui catacomba si trova nelle vicinanze.
La chiesa è sede parrocchiale, istituita il 26 maggio 1935 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti
Selvaggiani Pastoris Boni vestigiis; inizialmente affidata ai Frati Minori Cappuccini, dal 1985 è gestita dal clero
diocesano.
Il rivestimento esterno è in laterizio con forte impatto visivo. Un'ampia scalinata conduce alla porta centrale, affiancata
da due più piccole: sull'architrave v'è la scritta Pax et bonum, sovrastato da un vetro istoriato raffigurante il volto di
Cristo. Fiancheggia la facciata un campanile di forma quadrata.
L'interno della chiesa, per la maggior parte intonacato di bianco, è a tre navate, divise da pilastri in cemento, con
transetto; il soffitto, anch'esso in cemento, richiama nelle sue linee i soffitti a cassettoni delle chiese antiche. La chiesa è
dominata dall'abside con le sue tre opere e la grande scritta, di ispirazione francescana, Deus meus et omnia: l'affresco
centrale raffigura la Gloria di sant'Ippolito, opera di Orazio Amato del 1950: il santo è rappresentato in abiti sacerdotali
mentre, con le braccia allargate, ascende verso l'alto, sostenuto da due angeli; i volti dei personaggi sono ispirati ai frati
francescani che all'epoca abitavano il convento annesso alla chiesa; le due tele laterali, raffiguranti il miracolo
eucaristico di santa Chiara d'Assisi e san Lorenzo da Brindisi, furono realizzate da Franco Casetti nel 1960. Nel
transetto sono esposte due tele: la tela di San Francesco patrono d'Italia di Gustavo Solimene (1941), ove è raffigurato
papa Pio XII, colui che proclamò nel 1939 il santo patrono d'Italia; l'apparizione di Lourdes, dello stesso Solimene,
realizzata nel 1940. Altre opere da ricordare sono: un crocifisso in gesso con croce in legno, realizzato negli anni
Trenta; i pannelli bronzei della Via Crucis, opera di Domenico Mastroianni composti tra il 1934 ed il 1938; negli anni
Sessanta furono sostituite le finestre di colore neutro con vetrate policrome in vetri Dalles e resina realizzate dall'artista
Luciano Vinardi; il programma iconografico delle vetrate si affida ad una narrazione per simboli di temi teologici,
biblici, di ispirazione liturgica e devozionale. Tale programma fu discusso e condiviso con il frate francescano Umberto
Lovera. Procedendo dall'ingresso incontriamo lungo il lato destro le vetrate: Il nome di Maria; Il volto santo; Strumenti
della Passione; Lo Spirito Santo; Il Figlio; Dio Padre; Agnus Dei; Carità; Speranza; Fede; Prudenza; Giustizia; S.
Francesco e la Natura; La Cena in Emmaus. E procedendo dall'ingresso lungo il lato sinistro della chiesa si susseguono
le vetrate: Il Nome di Gesù; Santità; Grazia; Divin Fuoco; Eucaristia; Tavole della Legge; Obbedienza; Castità; Povertà;
Temperanza; Fortezza. Altre vetrate vennero realizzate ancora in epoca più recente. Tra grandi e piccole finestre in tutto
si tratta di 43 vetrate.
Nelle due cappelle del transetto si possono ammirare anche i graffiti, realizzati anch’essi da Luciano Vinardi nel 1965
che raffigurano episodi della vita di Maria e di san Francesco. Le scene erano state originariamente graffite sul fondo
grigio dell'intonaco, mentre in anni recenti la monocromia delle pitture è stata alterata dal rifacimento degli intonaci in
un tono giallo.

ORGANO LIBERO RINO PINCHI (1950)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale, con nomi incisi]
I manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 16 9 Unione I – Ped
2 Principale 8’ 10 Ottava Acuta I – Ped
3 Flauto 8’ 11 Unione II – Ped
4 Dulciana 8’ 12 Ottava Acuta II – Ped
5 Ottava 4’ 13 Ottava Acuta Pedale
6 Decimaquinta 2’ 14 Unione II – I

— 92 —
7 Ripieno 5 file 15 Ottava Grave I
8 Unda Maris 8’ 16 Ottava Acuta I
17 Ottava Grave II – I
18 Ottava Acuta II – I

19 Ottava Grave II
20 Ottava Acuta II

II manuale – Espressivo Pedale


21 Bordone 16’ 31 Contrabbasso 16’
22 Bordone 8’ 32 Subbasso 16’
23 Viola 8’ 33 Bordone 8’
24 Salicionale 8’ 34 Basso 8’
25 Celeste 8’ 35 Violoncello 8’
26 Concerto Viole 4 file 8’ 36 Ottava 4’
27 Flauto 4’
28 Nazardo 2’2/3’
29 Oboe Combinato
30 Tremolo
Accessori
6 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino che azionano 4 cassettini ai lati dei manuali in cui sono contenuti 36
interruttori (uno per ciascun registro) numerati come le placchette, richiamabili con Pedaletti.
Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I; Forte II, Fondi 8’, Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle indipendente posta sulla stessa cantoria.
Collocazione in corpo unico angolare sulla cantoria a sinistra del presbiterio.
Cassa limitata ai soli basamenti delle canne di mostra.
Mostra articolata in due sezioni convergenti verso l’angolo della cantoria con canne dell’ordine di 8’ disposte ‘a
palizzata’.

NOTE
L’organo, piuttosto singolare ma nello stile di Libero Rino Pinchi di quel periodo, non ha avuto molta fortuna né tecnica
(le Combinazioni Libere nei cassettini non hanno avuto seguito) né concertistica. Come molti altri strumenti della metà
del secolo XX (non soltanto quelli di sua costruzione) è caratterizzato da numerosi timbri violeggianti e da alcuni
registri derivati o prolungati da altri.
L’intonazione è apprezzabile, soprattutto quella del Ripieno con base 16’, anche se (tenendo presente che le prime 12
canne del Contrabbasso sono in comune col Principale 16’ del Grand’Organo) il Pedale è un po’ debole e si sente la
mancanza di un’ancia vera e propria all’Espressivo. Comunque lo strumento appariva sufficientemente sonoro, specie
tenendo conto della collocazione favorevole e delle caratteristiche acustiche della chiesa.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 1988)

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Sant%27Ippolito_(Roma)>

— 93 —
S. LUCIA

S. Lucia – Via di Santa Lucia 5; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La parrocchia è stata eretta il 22 maggio 1936 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani
"Succrescente in die" ed affidata al clero diocesano di Roma. Il riconoscimento agli effetti civili è stato decretato il 6
luglio 1939. La proprietà immobiliare è della Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove
Chiese in Roma. Il progetto architettonico è di Tullio Rossi che all’epoca ha progettato molti edifici di culto. La chiesa
è stata progressivamente arricchita di opere d’arte moderna nel corso di successivi lavori. Importanti quelli degli anni
1990, con la realizzazione di un nuovo presbiterio (1994) e della cappella dell'Adorazione, lungo la navata laterale di
destra, inaugurata e benedetta da monsignor Piero Marini il 31 gennaio 1999; risalgono al 2010 le vetrate della navata
centrale, opera del Centro Aletti. La facciata in laterizio con imponente portico a tutta altezza domina il sagrato con
effetto scenografico notevole.

ORGANO MASCIONI (OP. 907 – 1969)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
I manuale – Grand’Organo
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale a sinistra dei manuali

1 Principale 8’ 5 Ottava 4’
2 Flauto traverso 8’ 6 Flauto 4’
3 Bordone 8’ 7 Ripieno 5 File
4 Salicionale 8’

II manuale – Espressivo
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

8 Principale 8’ 13 Silvestre 2’
9 Bordone 8’ 14 Decimino 1’3/5’
10 Salicionale 8’ 15 Piccolo 1’
11 Flauto 4’ 16 Oboe 8’
12 Nazardo 2’2/3’
17 Tremolo
Unioni ed Accoppiamenti
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

18 I 8’ Ped 21 I 4’ Ped
19 II 8’ Ped 22 II 4’ Ped
20 II 8’ I 23 I 16’ I
24 I 4’ I
25 II 16’ I
26 II 4’ I
27 II 16’ II
28 II 4’ II

— 94 —
Pedale
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale a destra dei manuali

29 Subbasso 16’
30 Principale 8’
31 Bordone 8’
32 Dolce 8’
33 Flauto 4’

Accessori
5 Combinazioni Fisse,
4 Combinazioni Aggiustabili,
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ancia; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente collocata in genere nella navata destra.
Collocazione in corpo unico a pavimento in adiacenza alla parete absidale.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne libere del Grand’Organo e, sulle pareti laterali, 16 canne ad ala digradante verso la mostra;
bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

NOTE
L’organo è l'organo è stato costruito per il Pontificio Collegio Latino Americano, e donato alla chiesa di Santa Lucia
dall'Arma dei Carabinieri nel 1975. Si giova della posizione assiale per la sua resa sonora nell’ambiente acustico in cui
è collocato.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con Sergio Colasanti (ottobre 2007).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Santa_Lucia> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 95 —
S. MARCO A PIAZZA VENEZIA

S. Marco Evangelista al Campidoglio – Piazza San Marco, 48; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.

Aggiornamento
L’organo Giovanni Tamburini (1936) ha le superottave reali: i somieri sono infatti da 73 note e ciò consente l’esecuzione senza
problemi di estensione anche utilizzando le superottave.

— 96 —
S. MARIA AI MONTI

S. Maria ai Monti – Via Madonna dei Monti, 41; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
AGGIORNAMENTO

Storia degli organi


Il primo organo di questa chiesa è stato costruito da Armodio Maccioni nel 1612 e che pare avesse due manuali, collocato sulla
cantoria appositamente costruita sulla parete fondale del lato sinistro del transetto. Nel 1854 fu sostituito da un organo costruito da
Francesco Tessicini. Nel 1900 l’organo fu venduto alla pieve di S. Giorgio a Domegge di Cadore, mentre veniva costruita l’attuale
cantoria sopra l’ingresso principale. Ivi venne collocato l’organo attualmente esistente, costruito nel 1878 e fino ad allora conservato
nella chiesa di Santa Croce e San Bonaventura dei Lucchesi, acquistato dal parroco di S. Maria ai Monti con molta insistenza.

Fonti Specifiche
Studi di Andrea Panfili, succintamente descritti in https://www.organieorganisti.it/organo-tessicini-domegge

— 97 —
S. MARIA DEGLI ANGELI

S. Maria degli Angeli e dei Martiri – Via Cernaia, 9 (angolo piazza della Repubblica, denominazione assunta nel 1948,
in precedenza piazza Esedra, nome com’è tuttora popolarmente nota); apertura giornaliera ininterrotta dalla messa
mattutina al tramonto.

1. ORGANO BARTHÉLÉMY FORMENTELLI (2000)


Aggiornamento
Nel corso di un lavoro di revisione generale operato dallo stesso Barthélémy Formentelli nel 2016, si sono apportate
alcune modeste modifiche di cui le più significative sono state la sostituzione della Piva 2’ al pedale con un Fagotto 16’
e l’aggiunta dell’unione Grand’Organo al Pedale.

2. ORGANO GIOVANNI TAMBURINI (1913)


Aggiornamento
Nel corso di un lavoro di revisione operato nel 2010, l’organo è stato dotato di una consolle ausiliaria mobile e
indipendente in genere posta a destra dell’altare maggiore.

— 98 —
S. MARIA DEL CARMINE ALLE TRE CANNELLE

S. Maria del Carmine – Piazza di Santa Maria del Carmine alle tre cannelle, 1 – Chiesa normalmente chiusa.

STORIA
La chiesa fu edificata dal cardinale Odoardo Farnese protettore dell'Arciconfraternita del Carmine, la quale, non avendo
chiesa propria, si raccoglieva in quella di San Martino ai Monti. Nel mese di ottobre del 1605 fu incominciata la
costruzione di questa chiesa alle Tre Cannelle, sul luogo ove sorgevano alcuni fienili di proprietà dell'abbazia di
Grottaferrata. La chiesa fu inaugurata nel 1623 e fu restaurata nel 1772, dopo che un incendio ne aveva danneggiato la
struttura. La piccola facciata di stile barocco fu fatta costruire su disegni di Angelo Specchi (1750). L'interno è a navata
unica con volta a botte. Sull'altare destro è esposto uno stendardo realizzato da Sebastiano Conca, che raffigura, da un
lato la Madonna che appare ad Elia e dall'altro la Madonna che consegna lo scapolare a san Simone Stock. Sull'altare
maggiore è esposta una copia del XVIII secolo di una statua della Madonna del Monte Carmelo, e un quadro della
Madonna del Carmine di Gaspare Celio.

ORGANO ALDOBRANDO FEDELI (1748)


Manuale unico, pedaliera scavezza; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli metallici ad estrazione posti in due file verticali a destra del Manuale]

– Principale 8’
– Voce Umana 8’ Soprani
– Ottava 4’
– Flauto in Ottavva 4’
– XV 2’
– Flauto in XII 2’2/3’
– XIX 1’1/3’

– XXII 1’

– XXVI

– XXIX

– Tiratutti

Estensione: Manuale di 49 note (Do1–Do5) con prima ottava ‘corta’; Pedaliera di 9 note (Do1–Do2) costantemente unita
all’ottava ‘corta’ del manuale.
Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa tardo barocca con ornamenti in legno intagliato, chiusa da portelle semplicemente ornate.
Mostra composta da 19 canne sonanti del Principale, disposte in tre campi ciascuno con disegno ‘a cuspide’ [ 7 / 5 / 7 ];
bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato con ogni verosimiglianza in vista del Giubileo del 1750 e si tratta dell’unica opera
sopravvissuta in Roma di Aldobrando Fedeli. Dopo un lungo abbandono, è stato restaurato nel 2016.

FONTI SPECIFICHE
Colloqui con Sergio Colasanti (2016)

— 99 —
S. MARIA DELLA CONCEZIONE

S. Maria della Concezione dei PP. Cappuccini (nota anche come S. Maria Immacolata a via Veneto) – Via Veneto, 27;
apertura giornaliera ininterrotta dalla messa mattutina al tramonto.

Aggiornamento
L’organo costruito da Organo Libero Rino Pinchi (1954) è stato collegato ad un elettrofono a tre manuali collocato nell’ultima
cappella a sinistra prima del presbiterio, di cui costituisce di fatto il corpo di canne esterno.

— 100 —
S. MARIA DELLA MERCEDE A VILLA ALBANI

S. Maria della Mercede e S. Adriano – Via Basento, 100 (angolo Viale Regina Margherita); apertura giornaliera al
mattino e al pomeriggio fino al vespro.

Aggiornamento
Nel 2012 la Ditta Tamburini è stata incaricata di riportare la struttura dell’organo alla situazione ante 1999. Così il Corpo Corale è
stato riportato nella cassa monumentale sopra la porta principale e le mostre dei coretti sono state rimosse. Sembra che il somiere del
Corpo Corale sia stato riutilizzato per un organo costruito per un convento di suore Benedettine in Libano. L’intervento ha comunque
conservato la consolle ausiliaria in navata, collocata in genere a sinistra dell’altare maggiore.

— 101 —
S. MARIA DELL’ANIMA

S. Maria dell’Anima – Via di Santa Maria dell’Anima, 66; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.

Aggiornamento

2. ORGANO GERHARD HRADETZKY (1990)


Manuale unico; disposizione dei registri come segue:
[azionati da tiranti a pomello, posti a destra del Manuale]
– Gedackt 8’

– Prinzipal 4’

– Oktav 2’

– Scharf 2 Fach

Estensione: Manuale di 56 note (Do1–Sol5) con prima ottava ‘cromatica stesa’.


Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico a pavimento, in genere davanti all’altare maggiore.
Cassa limitata al solo basamento delle canne.
Mostra composta dalle canne in vista dell’intero strumento con andamento ad ala.

NOTE
L’organo è stato realizzato insieme all’organo maggiore per fungere da positivo guidavoce. Essendo mobile su ruote,
spesso non si trova in chiesa ma in un locale adiacente.

FONTI SPECIFICHE
Colloqui e sopralluogo con Sergio Colasanti (2016)

— 102 —
S. MARIA DELLA SALUTE

S. Maria della Salute – Via Tommaso De Vio 5; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro
STORIA
La parrocchia è stata eretta il 30 settembre 1950, con il decreto del Cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Inter plures
vicos" ed affidata ai sacerdoti del Terz’Ordine Regolare di san Francesco d’Assisi. La chiesa è stata consacrata il 18 marzo 1960 da
Mons. Luigi Traglia, arcivescovo titolare di Cesarea di Palestina, Vicegerente del Vicariato di Roma. Il riconoscimento agli effetti
civili del provvedimento vicariale è stato decretato il 15 giugno 1957. La proprietà immobiliare è del Terz’Ordine Regolare di San
Francesco d’Assisi. Il progetto architettonico è di Giorgio Guidi e si presenta di vaste proporzioni, con un interno abbastanza spoglio
con alcune opere d’arte moderna.

ORGANO MASCIONI (OP. 730 – 1957)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 6 Bordone 16’
2 Ottava 4’ 7 Bordone 8’
3 Decimaquinta 2’ 8 Salicionale 8’
4 Decimanona 1’1/3’ 9 Quintadena 8’
5 Tromba 8’ 10 Viola 8’
11 Dolce 4’
12 Flauto 4’
13 Sesquialtera 2 File
14 Ripieno 2-3 File
15 Voce celeste 8’
16 Tremolo

Unioni ed Accoppiamenti Pedale


17 I 8’ Ped. 28 Armonica 16’
18 II 8’ Ped. 29 Bordone 16’
19 II 8’ I 30 Quinta 10’2/3’
20 I 4’ Ped. 31 Dolce 8’
21 II 4’ Ped. 32 Bordone 8’
22 I 16’ I
23 I 4’ I
24 II 16’ I
25 II 4’ I
26 II 16’ II
27 II 4’ II

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.

— 103 —
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente collocata in genere a destra dell’altare
maggiore.
Collocazione in corpo unico, sulla cantoria nell'ultima campata della navata, a destra.
Cassa rettangolare con alta trabeazione poggiata su due lesene, sobriamente decorata.
Mostra composta da canne sonanti del Principale e dell’Armonica, disposte a gruppi laterali di canne di pari altezza e
una cuspide poco accentuata al centro ‘a palizzata’; bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato per la chiesa di Sant’Antonio ad Arezzo (predisposto per ulteriori 13 registri tra cui quelli ad
ancia mai installati) dove è stato sostituito da uno strumento a tre manuali di altra ditta e ceduto a questa chiesa nel
1994; è stato restaurato da Marco Valentini nel 2011.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto da Alessio Gaspardo (maggio 2009).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Santa_Maria_della_Salute> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 104 —
S. MARIA DI GUADALUPE

Nostra Signora di Guadalupe e S. Filippo Martire in Via Aurelia – Via Aurelia 675; apertura giornaliera al mattino e al
pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La parrocchia è stata eretta il 22 settembre 1960, con decreto del Cardinale Vicario Clemente Micara ed è stata affidata alla
Congregazione dei Missionari del SS. Cuore di Gesù (Legionari di Cristo).
Il complesso immobiliare è proprietà dei Legionari di Cristo, il progetto architettonico è di Gianni Mazzocca. La chiesa è
interamente ricoperta, all’interno ed anche all’esterno, di marmi chiari e scuri alternati in linee orizzontali. L’interno è arricchito da
numerose opere d’arte moderna.

ORGANO MASCIONI (OP. 908 – 1969)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
I manuale – Grand’Organo
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale a sinistra dei manuali

1 Principale 8’ 7 Decimaquinta 2’
2 Flauto Armonico 8’ 8 XIX 1’1/3’
3 Dulciana 8’ 9 XXII 1’
4 Ottava 4’ 10 Ripieno 4 File
5 Flauto camino 4’ 11 Tromba Armonica 8’
6 Sesquialtera 2 File

II manuale – Espressivo
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

12 Principale 8’ 19 Decimino 1’3/5’


13 Bordone 8’ 20 Piccolo 1’
14 Viola di gamba 8’ 21 Ripieno 5 File
15 Corno camoscio 4’ 22 Oboe 8’
16 Flauto 4’ 23 Voce celeste 8’
17 Nazardo 2’2/3’ 24 Tremolo
18 Flautino 2’

Pedale
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

25 Contrabbasso 16’ 30 Ottava 4’


26 Subbasso 16’ 31 Flauto 4’
27 Basso 8’ 32 Fagotto 8’
28 Bordone 8’ 33 Trombina 4’
29 Dolce 8’

Annulli
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali

— 105 —
A Ancia I manuale A Ottave Gravi
A Ancia II manuale A Ottave Acute
A Ancia Pedale A Ripieni
Unioni ed Accoppiamenti
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale a destra dei manuali

34 I 8’ Ped 41 II 16’ I
35 II 8’ Ped 42 II 4’ I
36 II 8’ I 43 II 16’ II
37 I 4’ Ped 44 II 4’ II
38 II 4’ Ped
39 I 16’ I
40 I 4’ I

Accessori
5 Combinazioni Aggiustabili,
5 Combinazioni Fisse,
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’; Combinazioni Aggiustabili
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Ancia; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente collocata in genere a sinistra del presbiterio.
Collocazione in due corpi, entro nicchie in fondo alle navate laterali.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra di ciascun corpo composta da canne dell’ordine di 6’ disposte a cuspide; bocche ‘a mitria’ allineate
orizzontalmente.

NOTE
L’organo è ben amalgamato e sufficientemente sonoro in relazione alle proporzioni della chiesa.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con Sergio Colasanti (ottobre 2007).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Basilica_di_Nostra_Signora_di_Guadalupe_e_San_Filippo_in_Via_Aurelia> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 106 —
S. MARIA IN PORTICO CAMPITELLI

S. Maria in Portico – Piazza Campitelli, 9; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Aggiornamento
L’organo Rieger (op. 1524; 1909) è stato sottoposto a restauro nel 2014 dalla Ditta Pinchi.

— 107 —
S. MARIA IN PUBLICOLIS

S. Maria in Publicolis – Via dei Falegnami 23; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa è di antica origine (XII secolo) e fu dedicata al culto mariano. Nel XVI secolo la chiesa fu detta in Publicolis, perché la
nobile famiglia Santacroce, che ebbe il giuspatronato della chiesa, pretese far risalire il suo albero genealogico ai Valerii Publicola
dell'antica Roma, e quell'appellativo è rimasto sino ad oggi. La chiesa venne restaurata dai Santacroce nel 1465; caduta in rovina, fu
demolita nel 1642 e, a partire dallo stesso anno, ricostruita su progetto di Giovanni Antonio de Rossi per volere del cardinale
Marcello Santacroce; i lavori terminarono nel 1643. Dal 1835 è sede della casa generalizia dei Missionari dei Sacri Cuori di Gesù e
Maria.
La chiesa è in stile barocco con una bella facciata monumentale divisa in due ordini da un alto cornicione, entrambi tripartiti in fasce
verticali. L'ordine inferiore presenta, al centro, il portale con affresco raffigurante la Madonna in trono fra gli angeli, situato fra due
semicolonne ioniche; ai lati, si trovano due nicchie semicircolari vuote. L'ordine superiore, invece, ha semplici lesene tuscaniche con,
al centro, un finestrone. La facciata termina in alto con un frontone arcuato affiancato da due sculture, ognuna delle quali raffigura un
Pellicano che si ferisce il petto, simbolo di Cristo.
L'interno della chiesa è a navata unica coperta con volta a botte, con due cappelle laterali. Nel pavimento sono inserite diverse pietre
tombali del Quattrocento e del Cinquecento, tra cui la più importante quella di Alfonso Santacroce; la chiesa ospita le sepolture della
famiglia Santacroce. Nella cappella laterale di destra, si trova il dipinto di Raffaello Vanni Sant'Elena adora la Croce; in quella di
sinistra, invece, si trova il dipinto San Francesco d'Assisi di Alessandro Grimaldi. In fondo alla navata, si trova l'abside rettangolare,
coperta con cupola, che è interamente occupata dal presbiterio, ove si trova l'altare maggiore in marmi policromi, con la Natività
della Vergine di Raffaello Vanni.

ORGANO VINCENZO MASCIONI (OP. 307 – 1912)


Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del manuale]
Organo

1 Ripieno 5 File'
2 Principale 8’
3 Ottava 4’
4 Salicionale 8’
5 Voce umana 8’

Pedale

6 Subbasso 16’

Accessori
5 Combinazioni Fisse,
Pedaletti di unione Manuale al Pedale, Ripieno, Tutti

Estensione: manuale di 58 note (Do1–La5); pedaliera di 27 note (Do1–Re3).


Trasmissione pneumatica tubolare; consolle fissa ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.

— 108 —
Cassa lignea sobriamente decorata.
Mostra composta da canne dell’ordine di 6’ disposte a cuspide; bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

NOTE
L’organo è ben amalgamato e sufficientemente sonoro in relazione alle proporzioni della chiesa.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con Sergio Colasanti (ottobre 2007).

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Maria_in_Publicolis>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Santa_Maria_in_Publicolis> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 109 —
S. MARIA MEDIATRICE

S. Maria Mediatrice – Via S. Maria Mediatrice, 25; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro
STORIA
La chiesa costituisce la grande cappella della Curia Generalizia dei Frati Francescani Minori, complesso religioso costruito su
disegno di Giovanni Muzio tra il 1942 e il 1950. L'esterno si presenta in laterizio con elementi in travertino, che inquadrano il portale
d'ingresso in un doppio ordine di colonne. L'interno è composto di due aule separate da un possente arco trionfale in onice apuana,
composto da un doppio ordine di tre colonne ciascuno, sotto il quale è posto l'altare maggiore: la prima aula, a pianta ottagonale su
base quadrata, è sovrastata da una cupola ed integralmente ricoperta di mosaici; la seconda aula, a pianta rettangolare con soffitto a
cassettoni e stalli per i frati, ha funzione di coro per accogliere la comunità dei francescani. Intorno a quest'ultima, si sviluppa un
ambulacro (sormontato da un matroneo) lungo il quale vi sono numerosi altari destinati alle celebrazioni private della messa. Questa
struttura crea una camera d’aria tra coro ed esterno che protegge il coro (ed anche l’organo) da umidità e sbalzi termici.
L'interno della cupola è rivestito di mosaici, opera di Giorgio Quaroni, Adriano Alessandrini e Ugo Chyurlia, con la raffigurazione
della Vergine in trono tra santi, angeli e profeti ed i simboli dei quattro evangelisti. Due gli altari laterali: in quello di sinistra vi è un
altorilievo di Francesco Nagni raffigurante Maria Mediatrice; nell'altare di destra un'opera di Ivan Mestrovich raffigurante le
Stigmate di san Francesco. Nel coro è posto un notevole affresco di Gisberto Ceracchini con l'Apoteosi dell'Ordine francescano.

ORGANO MASCIONI (OP. 618 – 1947)


Tre manuali [Pos. [Exp.] – G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte nella fila più alta al di sopra del III manuale]
Unioni ed Accoppiamenti
1 I 8’ Ped. 17 III 16’ II
2 II 8’ Ped. 18 III 4’ II
3 III 8’ Ped. 19 III 16’ III
4 I 4’ Ped. 20 III 4’ III
5 II 4’ Ped. 21 Pedale Automatico
6 III 4’ Ped.
7 I 8’ II
8 III 8’ II
9 III 8’ I
10 I 16’ I
11 I 4’ I
12 I 16’ II
13 I 4’ II
14 II 4’ II
15 III 16’ I
16 III 4’ I

Annulli
A Ancia I A Gravi
A Ancia II A Acute
A Ancia III A Unioni Tastiere-Pedale
A Ancia Ped A Ripieno
A Generale Ancie A Fondi 16’ ai Manuali

— 110 —
[azionati da placchette disposte a sinistra dei manuali]

II Manuale – Grand’Organo
22 Principale 16’ 29 Duodecima 2’2/3’
23 Principale I 8’ 30 Quintadecima 2’
24 Principale II 8’ 31 Ripieno 3 file 1’1/3’
25 Flauto Traverso 8’ 32 Ripieno 4 file 1’
26 Dulciana 8’ 33 Voce umana 8’
27 Flauto Camino 4’ 34 Tromba 8’
28 Ottava 4’

[azionati da placchette disposte nella fila più alta al di sopra del III manuale]

I Manuale – Positivo [Espressivo] III Manuale – Espressivo


35 Principale 8’ 51 Bordone 16’
36 Corno di Notte 8’ 52 Principale 8’
37 Dolce 8’ 53 Bordone Dolce 8’
38 Viola d'Amore 8’ 54 Viola di Gamba 8’
39 Flauto 4’ 55 Salicionale 8’
40 Corno di Camoscio 4’ 56 Flauto 4’
41 Nazardo 2’2/3’ 57 Ottava 4’
42 Flagioletto 2’ 58 Flauto in XII 2’2/3’
43 Quintadecima 2’ 59 Silvestre 2’
44 Decimino 1’3/5’ 60 Ripieno 5 File
45 Ripieno 4 File 61 Voce Celeste 8’
46 Unda Maris 8’ 62 Coro Viole 8’
47 Tromba Armonica 8’ 63 Tuba Mirabilis 8’
48 Clarinetto 8’ 64 Oboe 8’
49 Cornetto Combinato 4 File4’ 65 Voce Corale 8’
50 Tremolo 66 Tremolo

[azionati da placchette disposte a destra dei manuali]

Pedale
67 Contrabbasso 16’
68 Violone 16’
69 Subbasso 16’
70 Bordone 16’
71 Gran Quinta 10’2/3’
72 Basso 8’
73 Ottava 8’
74 Bordone 8’
75 Violoncello 8’
76 Ottava 4’
77 Flauto 4’
78 Bombarda 16’
79 Tromba 8’

Accessori

— 111 —
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
8 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione I Manuale
Staffa Espressione III Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Ripieno III, Ripieni Uniti, Ancia; Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle fissa indipendente collocata al centro del coro.
Collocazione in due corpi, ciascuno nei quattro archi del matroneo ad entrambi i lati del presbiterio.
Cassa limitata al solo basamento ‘a griglia’ delle canne.
Mostra composta in ciascun corpo da quattro campi formati da canne sonanti dei Principali con disegno a cuspide e
canne di pari altezza nel 1° e 3° campo (partendo dall’altare) con bocche a mitria ad andamento ‘a cuspide’ nelle canne
di pari altezza, ad andamento contrario nella cuspide [ 5 7 5 ] e con disegno a tre cuspidi [ 5 7 5 ] nel 2° e 4° campo
con bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale nelle cuspidi laterali, ad andamento contrario nella cuspide centrale.

NOTE
L’organo è una delle migliori realizzazioni della Ditta Mascioni in Roma e si rivela particolarmente adatto al grande
ambiente in cui è collocato; è stato verosimilmente costruito su progetto fonico di Ferruuccio Vignanelli. Ha i somieri
da 73 note, per cui le superottave sono reali e si possono usare senza problemi di estensione. La Quinta del Pedale è di
due file: 10’2/3’ + 5’1/3’. Come in altri casi sono stato costretto ad evidenziare il comportamento ostile di sacerdoti e
sacristi, qui invece voglio elogiare il Padre Guardiano ed il Padre Organista per la cortese accoglienza: mi hanno fatto
trovare l’organo già aperto e alla fine del sopralluogo mi hanno ringraziato per la visita e mi hanno anche detto di
ringraziare mons. Vincenzo De Gregorio per avermi mandato da loro.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Maria_Mediatrice>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Santa_Maria_Mediatrice> Scheda curata da Davide Campeggiani.

Sopralluogo compiuto personalmente (aprile 2018)

— 112 —
S. MARIA PORTAE PARADISI

S. Maria Porta del Paradiso – Via Antonio Canova, 29; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa, conosciuta già nel IX secolo con il nome di Santa Maria in Augusta, ebbe l'appellativo in Porta Paradisi o semplicemente
Portae Paradisi perché nei suoi pressi si apriva una delle porte dei muri che circondavano il vicino Mausoleo di Augusto, detti
paradiseiois, oppure perché adiacente v'era il cimitero (chiuso nel 1836 per motivi sanitari, a causa dell'epidemia di colera)
dell'Ospedale di San Giacomo in Augusta, detto degli Incurabili. Tenendo conto che tutte le anime aspirano al Paradiso, "porta del
Paradiso" era il nome del luogo che vi immetteva: da qui il nome della chiesa, adibita a funzioni funebri e vicina all'antico cimitero
dell'ospedale.
Nel XVI secolo la chiesa fu riedificata da Antonio da Sangallo il Giovane e in quell'occasione prese definitivamente l'odierna
denominazione. La sua facciata, che dà su via di Ripetta, è preceduta da un portichetto, ed ingloba un rilievo marmoreo raffigurante
La Madonna col Bambino attribuito al Sansovino. L'interno si presenta a pianta ottagonale e conserva opere del Seicento di Pietro
Paolo Ubaldini, Cosimo Fancelli, Paolo Naldini, Francesco Brunetti, Lorenzo Greuter.

ORGANO TAMBURINI (1962)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 7 Bordone 8’
2 Bordone 8’ 8 Salicionale 8’
3 Salicionale 8’ 9 Flauto conico 4’
4 Ottava 4’ 10 Salicet 4’
5 Decimaquinta 2’ 11 Nazardo 2’2/3’
6 Ripieno 3 File 12 Ottavino 2’
13 Voce celeste 8’
14 Tremolo

Unioni ed Accoppiamenti Pedale


15 Unione I – Ped. 26 Bordone 16’
16 Unione II – Ped. 27 Ottava 8’
17 Unione II – I 28 Bordone 8’
18 Acuta I – Ped. 29 Dolce 8’
19 Acuta II – Ped.
20 Grave I
21 Grave II – I
22 Acuta II – I
23 Acuta I
24 Grave II
25 Acuta II

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
Combinazioni Libere generali e particolari.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’, combinazione libera.
Staffa Crescendo Generale.

— 113 —
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente collocata in genere nel presbiterio.
Collocazione in corpo unico, sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa limitata al solo basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale, disposte ‘a palizzata’ in campo unico con disegno a tre cuspidi
[ 9 11 9 ]; bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è in relativo stato di conservazione e meriterebbe un restauro completo.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 1990).

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Maria_Portae_Paradisi>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Santa_Maria_Port%C3%A6_Paradisi> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 114 —
S. MARIA REGINA APOSTOLORUM A VIA FERRARI

S. Maria Regina Apostolorum – Via Giuseppe Ferrari, 1; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
STORIA
La parrocchia è stata eretta il 18 aprile 1936 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Divinitus collato"
ed unita "pleno iure" alla provincia italiana della Società dell’Apostolato Cattolico (Pallottini). Il riconoscimento agli effetti civili del
provvedimento vicariale è stato decretato l’8 ottobre 1936. La proprietà immobiliare è della Società dell’Apostolato Cattolico. Il
progetto architettonico del complesso religioso è di Luigi Francassini-Guidi. La chiesa è all’estrema destra ed è caratterizzata da
facciata con ampio finestrone ed un interno a navata unica con transetto e abside semicircolare.

ORGANO GIOVANNI TAMBURINI (1940)


Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra del manuale]
Organo
Sezione aperta

1 Ripieno 5 File
2 Ottava 4’
3 Principale 8’

Sezione espressiva

4 Voce Umana 8’
5 Dulciana 8’
6 Flauto 4’

Unioni

7 Unione Tasto – Pedale


8 Sopra Tasto – Pedale
9 Ottava sopra al manuale
10 Ottava grave al manuale

Pedale

11 Subbasso 16’

Accessori
Combinazione Libera generale.
3 Combinazioni Fisse.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unione Tasto – Pedale; Combinazione Libera
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).

— 115 —
Trasmissione integralmente elettrica; consolle fissa indipendente oggi collocata a pavimento sul fondo del lato sinistro
del transetto.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra sulla cantoria del lato destro del transetto composta da 33 canne del Principale ‘a palizzata’ con disegno a tre
cuspidi [ 11 11 11 ]; bocche ‘a mitria’ disposte orizzontalmente; canna centrale Fa 6’

NOTE
L’organo era originariamente collocato sulla cantoria del lato destro del transetto ed ha subito diversi interventi che
l’hanno condotto nel pietoso stato attuale. Innanzitutto è stata portata la consolle a pavimento (1975) poi il corpo
d’organo – esclusa la mostra – è stato portato sulla cantoria sopra l’ingresso principale, con canne e cassa espressiva in
vista prive di mostra (2005). Al momento del mio primo sopralluogo (maggio 1990) l’organo era ancora in decenti
condizioni e suonante.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente alla presenza di un ostilissimo sacrestano (marzo 2018).

— 116 —
S. MARIA REGINA DELLA FAMIGLIA IN VATICANO

S. Maria Regina della Famiglia – Città del Vaticano Largo San Matteo, negli immediati paraggi del Palazzo del
Governatorato; apertura su richiesta.
STORIA
Nel 1926, venne commissionata all'architetto vercellese Giuseppe Momo da papa Pio XI la costruzione di un edificio all'interno dei
Giardini Vaticani, alle spalle della Basilica di San Pietro, come nuova sede del Pontificio Seminario Romano Minore; annesso a
questo vi doveva essere una cappella dedicata a Santa Marta, in ricordo della chiesa omonima, demolita l'anno precedente. In seguito
ai Patti lateranensi (11 febbraio 1929) fu cambiata la destinazione d'uso del palazzo in sede del Governatorato dello Stato della Città
del Vaticano e la chiesa di Santa Marta ne divenne la cappella. Nel 1982, il presbiterio venne riadattato alle nuove esigenze liturgiche
sancite dal Concilio Vaticano II e venne installato il nuovo altare maggiore.
Nel 2007, in seguito ad un intervento di restauro sia all'interno, sia all'esterno, la chiesa, per volere del papa Benedetto XVI, ha
cambiato titolazione in chiesa di Maria Madre della Famiglia ed è stata solennemente dedicata il giorno 13 settembre dello stesso
anno dal cardinale Tarcisio Bertone.
La chiesa, annessa al Palazzo del Governatorato e ad essa collegato tramite un portico sorretto da colonne e chiuso da vetri, è situata
all'interno dei Giardini Vaticani, alle spalle della Basilica di San Pietro, non lontano dalla stazione ferroviaria e dalle Mura Leonine.
Lo stile è un sobrio neobarocco tipico di Giuseppe Momo, con esterno caratterizzato dalla facciata a capanna, con frontone
triangolare di coronamento sorretto da due lesene corinzie, una per lato. Il portale, con timpano recante un bassorilievo raffigurante il
Mistero eucaristico, è sormontato da una grande finestra a lunetta. Il paramento murario esterno è in mattoni a vista, con elementi
decorativi in travertino.
L'interno è a navata unica di tre campate coperta con volta a botte lunettata e sei cappelle laterali, tre per lato. Le cappelle di sinistra
sono dedicate a San Giuseppe, alla Madonna di Guadalupe e a Santa Marta; la prima cappella di destra è dedicata a San Giovanni
Battista e la terza al Sacro Cuore; la seconda cappella di destra è priva di altare, presente invece in tutte le altre, ed in essa si apre una
porta che comunica con il Palazzo del Governatorato. I quadri sopra gli altari laterali sono stati realizzati nel 1928 da Antonio
Soranzo. L'illuminazione naturale dell'interno della chiesa è ottenuta da sei grandi finestre a lunetta, tre per lato, poste nella navata,
sopra le cappelle laterali. Sopra l'ingresso principale, invece, vi è la cantoria, poggiante sul sottostante endonartece.
L'abside, esternamente poligonale ed internamente semicircolare, ospita il presbiterio con, al centro, l'altare maggiore (1982),
costituito da una mensa in marmo sorretta da un capitello corinzio. Alle spalle dell'altare, un quadro con la Madonna in trono col
Bambino tra due santi.

ORGANO DANIELE GIANI (2007)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli lignei ad estrazione posti in due file verticali a sinistra dei Manuali e una fila a destra]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 10 Flauto 8’
2 Ottava 4’ 11 Principale 4’
3 Quintadecima 2’ 12 Flauto a Cuspide 4’
4 Decimanona 1’1/3’ 13 Ottava 2’
5 Vigesimaseconda 1’ 14 Flauto in XII (sic) 2’2/3’
6 Due di Ripieno 15 Terza 1’3/5’
7 Flauto 8’ 16 Oboe 8’
8 Flauto traversiere 4’
9 Violoncello 8’

Pedale
17 Principale tappato 16’
18 Rinforzi 8’
19 Controfagotto 16’

— 117 —
Accessori
Pedaletti per Unione I – Ped.; Unione II – Ped.; Unione II – I
Staffa Espressione II Manuale.

Estensione: Manuali di 58 note (Do1–La5); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa di elegante fattura, con lesene e modanature disegnate rispettando lo stile di Giuseppe Momo.
Mostra composta da 43 canne sonanti del Principale, disposte in cinque campi; bocche ‘a mitria’ ad andamento
leggermente contrario.

NOTE
L’organo è di eccellente fattura e ben si ambienta nella chiesa disegnata da Giuseppe Momo. Sufficientemente sonoro e
ben intonato, è uno dei migliori esempi di organi moderni in Roma.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Citt%C3%A0_del_Vaticano/Citt%C3%A0_del_Vaticano_-
_Chiesa_di_Santa_Maria_Regina_della_Famiglia> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 118 —
S. MARIA REGINA PACIS A MONTEVERDE

S. Maria Regina Pacis a Monteverde – Via Maurizio Quadrio, 21; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al
vespro.

STORIA
La parrocchia è stata eretta da Pio XI con la costituzione apostolica "Iam pridem" del 25 marzo 1932 ed affidata ai Canonici Regolari
dell’Immacolata Concezione. La chiesa è stata aperta al culto il 1 maggio 1932 dal vicegerente di Roma S.E. Mons. Giuseppe Pallica
ed inaugurata l’11 aprile 1942 da S.E. Mons. Pascucci, Segretario del Vicariato di Roma.
Il riconoscimento agli effetti civili del provvedimento pontificio è stato decretato il 12 gennaio 1933. Il complesso parrocchiale, di
proprietà della Santa Sede, è stato realizzato secondo il progetto di Tullio Rossi.
All'interno, la chiesa si presenta a tre navate, separate da alti pilastri arcuati. Essa è dominata dal grande mosaico dell'abside, che
ritrae la Maria seduta in trono con Bambino e Santi, opera di Odoardo Anselmi. Le due navate laterali terminano con opere di Cleto
Luzzi del 1944: essa raffigurano la Trasfigurazione e un San Giuseppe con bambino. Nelle pareti della navata centrale, sotto le grandi
finestre a vetri policromi, vi sono affreschi che raffigurano episodi evangelici in cui appare Maria.

ORGANO TAMBURINI (1953)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 7 Concerto viole 3 file 8’
2 Ottava 4’ 8 Gamba 8’
3 Ripieno 5 File 9 Bordone 8’
4 Bordone (dal II) 8’ 10 Flauto 4’
5 Viola (dal II) 8’ 11 Flauto in XII (sic) 2’2/3’
6 Flauto (dal II) 4’ 12 Tremolo

Unioni ed Accoppiamenti Pedale


13 Unione I – Ped. 24 Subbasso 16’
14 Unione II – Ped. 25 Bordone 8’
15 Unione II – I 26 Flauto 4’
16 Acuta I – Ped.
17 Acuta II – Ped.
18 Grave I
19 Grave II – I
20 Acuta II – I
21 Acuta I
22 Grave II
23 Acuta II

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.

— 119 —
Pedaletti Ripieno I, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente collocata in genere nel presbiterio.
Collocazione in corpo unico, sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa limitata al solo basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale e dell’Ottava, disposte ad ali digradanti estreme, due cuspidi
intermedie di maggiore altezza e una cuspide centrale, in unico campo ‘a palizzata’ [ 6 7 9 7 6 ]; bocche ‘a mitria’ ad
andamento orizzontale nelle ali laterali, ad andamento contrario nelle cuspidi.

NOTE
L’organo è poco sonoro e troppo piccolo rispetto all’ambiente acustico in cui è collocato.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 1990).

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Maria_Regina_Pacis_(Roma)>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_di_Santa_Maria_Regina_Pacis> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 120 —
S. MARIA REGINA PACIS A OSTIA LIDO

S. Maria Regina Pacis a Ostia Lido – Ostia, Piazza Regina Pacis, 13; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio
fino al vespro.

STORIA
La chiesa parrocchiale fu fondata dal cardinale Vincenzo Vannutelli, vescovo suburbicario di Ostia, su terreno acquistato dal
Comune di Roma il 12 gennaio 1917 su suggerimento dell’ìngegnere Paolo Orlando di costruire un tempio votivo alla Regina della
Pace affinchè non si protraessero più a lungo i giorni della guerra in atto, e aperta al culto il 28 dicembre 1928. Il progetto fu affidato
a Giulio Magni di cui costituisce una delle opere più notevoli, scenograficamente costruita su una collinetta e dominata da cupola
sull’incrocio fra navata e transetto. La parrocchia fu affidata prima agli Agostiniani, poi alla Società dell’Apostolato Cattolico
(Pallottini). Il cardinale Gennaro Granito Pignatelli di Belmonte vescovo di Ostia, essendosi smarrito il decreto promulgato per
l’erezione della parrocchia, emanò l’11 novembre 1937 il decreto "Cupientes litteris" per dichiarare e confermare "nunc pro tunc" che
il cardinale Vannutelli aveva stabilito di erigere la chiesa di S. Maria Regina Pacis in Ostia Mare nel luglio 1926 e di smembrare il
territorio, che descrive, da quello della chiesa cattedrale parrocchiale di S. Aurea ad Ostia Antica. Il provvedimento vescovile fu
riconosciuto agli effetti civili il 15 settembre 1932. La parrocchia, unita "pleno iure" alla Società dell’Apostolato Cattolico "ex
audientia SS.mi" del 14 novembre 1934 (Cfr. atti notaio Agostino Biasi 20 marzo 1934), fu commessa in amministrazione vicariale il
22 maggio 1948 dalla Sacra Congregaziione Concistoriale (Cfr. AAS 1945, p. 341). La Mensa Vescovile di Ostia, di cui è
amministratore apostolico nato il cardinale vicario, è proprietaria degli immobili parrocchiali (Cfr. atti notaio Garroni 2 febbraio
1934).
All’interno vi sono numerose opere d’arte moderna degne di rilievo, tra cui le vetrate policrome, ed un altare settecentesco di scuola
napoletana qui trasferito dal cardinale Maglione, segretario di Stato di papa Pio XII.

ORGANO MASCIONI (OP. 865 – 1965)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 8’ 11 Principale 8’
2 Flauto Traverso 8’ 12 Bordone 8’
3 Dulciana 8’ 13 Gamba 8’
4 Flauto a Camino 4’ 14 Flauto 4’
5 Ottava 4’ 15 Nazardo 2’2/3’
6 XV 2’ 16 Silvestre 2’
7 Ripieno 2 File 17 Decimino 1’3/5’
8 Ripieno 4 File 18 Pienino 3 File
9 Tromba 8’ 19 Oboe 8’
10 Voce Umana 8’ 20 Voce Celeste 2 File 8’
21 Tremolo

Unioni ed Accoppiamenti Pedale


22 I 8’ Ped. 33 Basso Dolce 16’
23 II 8’ Ped. 34 Subbasso 16’
24 II 8’ I 35 Basso 8’
25 I 4’ Ped. 36 Bordone 8’
26 II 4’ Ped. 37 Corno di Camoscio 8’
27 I 16’ I 38 Flauto 4’
28 I 4’ I
29 II 16’ I

— 121 —
30 II 4’ I
31 II 16’ II
32 II 4’ II

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle fissa indipendente collocata sotto il corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico, sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa limitata al solo basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale e del Flauto, disposte a due grandi ali digradanti estreme, due ali
digradanti intermedie e una cuspidina centrale, in unico campo ‘a palizzata’ [ 23 23 3 23 23 ]; bocche ‘a mitria’
allineate orizzontalmente.

NOTE
L’organo è sufficientemente sonoro e ben armonizzato nella chiesa ostiense. Purtroppo non sempre ha ricevuto la
manutenzione di cui ha bisogno.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto personalmente (maggio 1990).

Corrispondenza elettronica con la Ditta Mascioni (marzo 2018).

<http://www.reginapacisostia.it/storia.php>

— 122 —
SS. MARTINO E SEBASTIANO DEGLI SVIZZERI IN VATICANO

S. Martino e Sebastiano degli Svizzeri – largo San Martino, non lontano dal colonnato di piazza San Pietro, presso il
quartiere della Guardia Svizzera Pontificia; apertura su richiesta al Comando delle Guardie Svizzere.
STORIA
Sorta nel 1568 per volere di papa san Pio V a ridosso delle mura leonine, alla sinistra della porta San Pellegrino, all'estremità
settentrionale della piazza antistante l'antica basilica di San Pietro (ancora in demolizione) per uso della Guardia Svizzera Pontificia,
al servizio del papa dal 1506.
Il progetto è di Nanni di Baccio Bigio ed è dedicata ai santi Martino di Tours e Sebastiano martire, patroni della Guardia Svizzera
Pontificia. All'interno, venne completamente affrescata da Giulio Mazzoni, allievo del Vasari, i cui affreschi vennero rinnovati tra il
1727 e il 1728 da Carlo Roncelli e, nel 1967, staccati e portati nei Musei Vaticani.
Nel 1999, la chiesa è stata ampliata e il suo orientamento cambiato facendo diventare la facciata originaria il fianco destro della
chiesa. Inoltre, sono stati creati anche la cantoria e il nuovo presbiterio.
La facciata è ‘a capanna’ in stile gusto barocco e presenta, al centro, il portale bronzeo con timpano triangolare, sormontato dal
rosone circolare. La facciata termina in alto con il frontone triangolare, poggiante sul cornicione che è idealmente sorretto da due
coppie di lesene tuscaniche. Al centro del frontone, vi è lo stemma di Pio V. Sul fianco destro, che riprende la decorazione con
cornicione e lesene, vi è il caratteristico campaniletto a vela.
L'interno della chiesa, completamente rinnovato nei restauri degli anni novanta del Novecento, ha orientamento perpendicolare
rispetto a quello esterno, costituendo di fatto la facciata il fianco destro. La navata unica, coperta con volta a padiglione, presenta, a
ridosso della parete fondale, un gruppo scultoreo in bronzo, costituito dal crocifisso, dal tabernacolo e da due angeli. L'altare, molto
semplice, è in marmo di Carrara. Al di sopra dell'ingresso, vi è la cantoria, con elaborata balaustra bronzea.

ORGANO MATHIS ORGELBAU (1999)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli lignei ad estrazione posti in due file verticali una a sinistra dei Manuali e una http://www.mathis-
orgelbau.ch/Werkverzeichnis/tabid/84/agentType/View/PropertyID/1479/Default.aspxa destra]
I Manuale – Grand’Organo [HauptWerk] II Manuale – Espressivo [SchwellWerk]
1 Principal 8’ 6 Gedackt 8’
2 Viola 8’ 7 Blockflöte 4’
3 Octave 4’ 8 Nasat 2’2/3’
4 Doublette 2’ 9 Flageolet 2’
5 Mixtur 3 Fach 10 Terz 1’3/5’

Pedale
11 SubBass 16’
12 PrincipalBass 8’

Accessori
Pedaletti per Unione I – Ped.; Unione II – Ped.; Unione II – I
Staffa Espressione II Manuale.

Estensione: Manuali di 56 note (Do1–Sol5); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico a sinistra dell'attuale presbiterio, entro l'antica abside.
Cassa di fattura moderna, con modanature essenziali.

— 123 —
Mostra composta da canne sonanti del Principale, disposte in tre campi [ 7 / 5 / 7 ]; bocche ‘a mitria’ ad andamento
orizzontale.

NOTE
L’organo è di eccellente fattura ed appare proporzionato alle dimensioni della chiesa.

FONTI SPECIFICHE
<http://www.mathis-orgelbau.ch/Werkverzeichnis/tabid/84/agentType/View/PropertyID/1479/Default.aspx>

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_dei_Santi_Martino_e_Sebastiano_degli_Svizzeri>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Citt%C3%A0_del_Vaticano/Citt%C3%A0_del_Vaticano_-
_Chiesa_dei_Santi_Martino_e_Sebastiano_degli_Svizzeri> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 124 —
SS. MICHELE E MAGNO DEI FRISONI

SS. Michele e Magno – Largo degli Alicorni; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa dei Santi Michele e Magno è un luogo di culto di Roma, nel rione Borgo, in largo degli Alicorni. È dedicata a San Michele
Arcangelo e a San Magno di Anagni, ed è la chiesa nazionale dei Frisoni. La chiesa e gli edifici annessi sono zona extraterritoriale
della Santa Sede.
La chiesa dei santi Michele e Magno ha origini antiche: è, infatti, menzionata per la prima volta in una bolla di Leone IV del 10
agosto 854. Risale dunque al IX secolo e apparteneva ai Frisoni e alla loro schola. Nell'Alto Medioevo infatti sorsero in questa zona
diverse scholae a base etnica, ossia associazioni di carattere caritatevole e assistenziale nei confronti dei pellegrini che venivano a
Roma per visitare la tomba di san Pietro. La schola dei Frisoni fondò dunque la chiesa dedicandola a san Michele arcangelo. La
chiesa primitiva venne distrutta nella lotta, per liberare Gregorio VII, tra Roberto il Guiscardo e l'imperatore Enrico IV, che risiedette
proprio nella schola dei Frisoni.
La nuova chiesa sorse nel XII secolo ed assunse anche il nome di san Magno accogliendone le reliquie; è in questa occasione che fu
aggiunto il campanile romanico, oggi visibile solo da piazza San Pietro. Subì poi restauri nel corso dei secoli successivi, soprattutto
nel Settecento ad opera di Carlo Murena, pur mantenendo la sua struttura medievale.
L'edificio non dà direttamente sulla strada, ma è preceduto da un cortile a pianta trapezoidale, al quale si può accedere tramite una
doppia scalinata: la prima, rinominata Scala santa, inserita all'interno di un palazzo; la seconda, esterna, segnalata, sulla strada, da un
arco a tutto sesto in mattoni sormontato da un'edicola mariana. L'ingresso della chiesa sul cortile è costituito costituito da un
avancorpo degli anni trenta del XX secolo, con fronte a capanna in blocchi di pietra; in basso, si apre in esso un arco a tutto sesto e,
sopra quest'ultimo, una finestra rettangolare; l'avancorpo è coronato da un timpano triangolare. Alla destra della facciata, vi è il
campanile romanico del XII secolo.
L'interno della chiesa è in stile barocco, con tre navate separate da serliane poggianti su pilastri tuscanici, realizzati nel XVIII secolo
per racchiudere le antiche colonne romaniche del XII secolo. La copertura della navata centrale è con soffitto a cassettoni dipinti,
quella delle navate laterali è con volta a crociera. Il presbiterio, rialzato rispetto al resto della chiesa, occupa la parte fondale della
navata e l'abside, semicircolare; all'interno di questa si trova l'altare maggiore barocco, con ancona costituita da un frontone spezzato
sorretto da due grandi colonne corinzie. Una lapide all'interno della chiesa descrive le circostanze miracolose della scoperta delle
reliquie di san Magno a Fondi e della loro traslazione a Roma. Vi si trovano inoltre numerosi scranni novecenteschi, utilizzati per il
Concilio Vaticano II.
Sulla cantoria in controfacciata, sorretta da quattro colonne in marmo, si trova l'organo a canne, proveniente dalla cappella del Coro
della Basilica di San Pietro, costruito nella prima decade del XIX secolo da Ignazio Priori con evidenti influssi del suo maestro
Johannes Conrad Werle.

1. ORGANO IGNAZIO PRIORI (1810)


Manuale unico, pedaliera scavezza; disposizione dei registri come segue:
Organo
[azionati da pomelli ad estrazione disposti in doppia fila verticale a destra della consolle]

– Voce umana Soprani


– Tre di ripieno [‘repliconi’]
– Tromba Bassi
– Vigesima sesta
– Cornetto Soprani
– Vigesima seconda
– Flauto in XII
– Decimanona
– Flauto tappato [8’]
– Decima quinta
– Principale [8’]
– Ottava [4’]

— 125 —
Estensione: manuale di 45 note (Do1–Do5) con prima ottava ‘corta’, tasti diatonici ricoperti di bosso e tasti cromatici
ricoperti di ebano, non originale; pedaliera dritta di 9 note (Do1–Do2), costantemente unita alla prima ottava ‘corta’.
Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa ‘a serliana’ sobriamente decorata e chiusa da portelle.
Mostra composta da 17 canne di principale in campo unico con disegno a cuspide; bocche ‘a scudo’ ad andamento
leggermente contrario; canna centrale Do 4’.

NOTE
L’organo è di eccellente fattura ed è stato restaurato a seguito di pubblica sottoscrizione nel 2012.

2. ORGANO SCHUMAKER (1992)

Manuale
[azionati da pomelli ad estrazione disposti in doppia fila verticale una a sinistra e una a destra della consolle]

Registri Bassi Registri Soprani

– Holpijp 8’ – Holpijp 8’ – Quint 1’1/3’

– Roerfluit 4’ – Roerfluit 4’

– Prestant 2’ – Prestant 2’

Estensione: Manuale di 54 note (Do1–Fa5), con tasti cromatici ricoperti in osso e tasti diatonici ricoperti in ebano;
pedaliera di 27 note (Do1–Re3), dritta costantemente unita al manuale.
Collocazione in corpo unico a pavimento, sotto l’ultimo arco tra navata sinistra e navata centrale prima del presbiterio,
praticamente sopra la lapide tombale della famiglia del pittore Anton Raphael Mengs (il cui monumento è sulla
corrispondente parete della navata sinistra verso l’esterno, opera dello scultore Vincenzo Pacetti).
Trasmissione interamente meccanica ‘a bilancieri’; consolle ‘a finestra’
Semplice cassa di fattura geometrica dotata di numerosi portelli per l’accesso a canne e parti trasmissive, con modeste
decorazioni in uno stile vagamente neogotico.
Mostra non presente.

NOTE
Per l’uso liturgico nel lungo periodo in cui l’altro organo è stato fuori uso, è stato utilizzato questo piccolo strumento,
che non reca alcuna targhetta del costruttore (salvo un adesivo apposto da Tonino Di Giuseppe, che ha fatto qualche
manutenzione negli anni ’90), ma è riferibile allo stesso organaro che ha costruito l’organo ‘baule’ per la cappella di S.
Giuliano Ospitaliere dei Fiamminghi

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_dei_Santi_Michele_e_Magno> con note sugli organi curate da Davide Campeggiani.

Sopralluogo compiuto in presenza di Carlo Soracco (settembre 2008)

— 126 —
S. NICOLA DA TOLENTINO

S. Nicola da Tolentino agli Orti Sallustiani – Salita di San Nicola da Tolentino, 17; apertura giornaliera al mattino e al
pomeriggio fino al vespro.
Aggiornamento
L’organo Ennio Bonifazi [?] (Secolo XVII) è stato sottoposto ad un intervento di ripristino funzionale nel 2015 dalla Ditta Pinchi.

— 127 —
ORATORIO DEL CARAVITA

S. Francesco Saverio al Caravita – Via Caravita angolo piazza Sant’Ignazio; apertura giornaliera ininterrotta fino al
vespro.

STORIA
La chiesa sorge sui resti dell'antichissima chiesa di "S.Nicola de forbitoribus", risalente al 1192 e con la funzione principale di
sepolcro di famiglia per le nobili famiglie del luogo. Il termine "forbitoribus" si riferisce alla "Confraternita dei Forbiciai", ovvero i
fabbricanti ed i venditori ambulanti di forbici, coltelli ed altri oggetti da taglio, anche se rimane piuttosto incerto se l'attribuzione si
deve al fatto che la chiesa era affidata alla loro Confraternita o soltanto al motivo che gli artigiani avevano le loro botteghe in questa
zona. La notte del 1° settembre 1405 la chiesa ed il suo campanile subirono gravi danni a causa di un fulmine. Il 14 settembre 1551
papa Giulio III concedette la chiesa ai Camaldolesi: questi riedificarono la chiesa, con monastero annesso, dedicandola a S.Antonio.
Nel 1631 la Compagnia di Gesù, già proprietaria dell'adiacente Collegio Romano e della chiesa di S. Ignazio, acquistarono l'area dai
Camaldolesi: chiesa e monastero furono demoliti per costruirvi un oratorio destinato ad accogliervi le riunioni della Congregazione
della S. Comunione Generale, precedentemente situata all'interno del Collegio Romano. I membri della Congregazione, dopo le
funzioni serali, ricevevano all'interno dell'oratorio una disciplina con la quale dovevano fustigarsi: il fattore buio determinava la
fustigazione delle spalle del vicino di panca ed a quel punto la rissa era inevitabile, probabile motivo per cui la pratica venne poi
sospesa. Dopodiché i membri uscivano in processione salmodiando per le vie di Roma per diffondere la pratica della Santa
Comunione, avvolti in grandi mantelli neri per cui vennero denominati "Mantelloni". L'oratorio fu inizialmente dedicato alla
Ss.Trinità ed a S.Francesco Saverio, il padre gesuita morto missionario nel 1512, ma quando tra il 1670 ed il 1677 fu ristrutturato,
probabilmente ad opera dell'architetto Giovanni Antonio de' Rossi, fu nuovamente dedicato a S.Francesco Saverio Apostolo delle
Indie ed alla Madonna della Pietà (come indicato anche nell'iscrizione posta sulla facciata), in onore della Sacra Immagine della
"Mater Pietatis", un affresco attribuito a Baldassarre Peruzzi e proveniente dalla chiesa di S. Rocco, dalla quale fu donata all'Oratorio
nel 1670 e collocato nell'abside. Noto come Oratorio del Caravita, corruzione popolare del cognome del padre gesuita di Terni, Pietro
Gravita, che si occupò della sua costruzione, venne inaugurato da monsignor Altieri l'8 settembre 1633.
La facciata si presenta divisa in due ordini: quello inferiore è scandito in tre ordini verticali da lesene, al centro dei quali è situato il
portale d'ingresso, sormontato da un timpano spezzato al centro del quale si trova lo stemma papale di Benedetto XVI e
dall'iscrizione che ricorda che la chiesa è dedicata a "MATER PIETATIS ET FRANCISCO XAVERIO INDIARUM APOSTOLO
MDCXXXIII"; l'ordine superiore presenta tre finestre sormontate da aperture ovali quadrilobate. A coronamento è situato un attico a
balaustra sul quale si trova una croce in ferro e quattro vasi fiammeggianti in travertino. L'interno, a navata unica preceduta da un
atrio, con abside ad emiciclo e deambulatorio retrostante, è funzionale ai riti propri dell'oratorio, che prevedevano le sacre
rappresentazioni musicali o teatrali ed al Teatro delle Quarantore, l'adorazione pubblica del Sacramento nei tre giorni precedenti la
Quaresima. La chiesa, restaurata nella seconda metà dell'Ottocento, conserva nella volta dell'atrio affreschi delle "Storie di Francesco
Saverio" realizzati da Lazzaro Baldi, mentre sull'altare si trova una pala raffigurante la "SS. Trinità e S. Francesco Saverio" di
Sebastiano Conca. Degni di menzione i seicenteschi banchi scolpiti in noce lungo le pareti e le due acquasantiere, dove il granchio
con il crocifisso bronzeo nella chela allude simbolicamente a S. Francesco Saverio. L'oratorio ospita anche due piccoli ma
significativi ambienti: il "Sacello di S.Francesco Saverio" dove si trova un busto-reliquario in argento del santo risalente al XVII
secolo ed il "Ristretto degli Angeli", un luogo di riunione degli allievi del Collegio Romano con settecenteschi ornati in stucco di
Giovan Battista Maini. L'antico legame con il Collegio Romano è tuttora costituito dall'arco situato in via del Collegio Romano,
conosciuto anche come "arco dei Gesuiti", un corridoio coperto realizzato nel 1716 per collegare appunto l'Oratorio del Caravita al
palazzo del Collegio Romano.

ORGANO IGNAZIO PRIORI (1800)


Manuale unico, pedaliera scavezza; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli lignei ad estrazione posti in due file verticali a destra del Manuale; nomi dei registri scritti ad inchiostro]

«Concerto» «Ripieno»

– Principale 16’ Bassi

– Principale 16’ Soprani

— 128 —
– Tromba 8’ Bassi
– Principale 8’ Bassi
– Tromba 8’ Soprani
– Principale 8’ Soprani
– Flauto in Selva 8’ Soprani
– Ottava 4’
– Flauto in Ottava 4’ Soprani
– XII 2’2/3’
– Ottavino 2’ Soprani
– XV 2’
– Violetta 4’ Soprani
– XIX
– Principale II 8’ Soprani
– XXII
– Viola 4’ Bassi
– XXVI
– Clarino 8’ Soprani
– Repliconi 3 File]
– Bassi 8’ [Pedali]

Accessori a pedale in prosecuzione della pedaliera


Terzamano, Levatutti, Tiratutti

Estensione: manuale di 50 note (Do1–Fa5) con tasti diatonici ricoperti di ebano e tasti cromatici ricoperti con un listello
di avorio con prima ottava ‘corta’ (spezzatura bassi/soprani: Re #3–Mi3); Pedaliera di 9 note (Do1–Do2), costantemente
unita alla prima ottava ‘corta’ del manuale.
Trasmissione integralmente meccanica ‘sospesa’; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa in legno in stile neoclassico con arco centrale sormontato da trabeazione sorretta da due lesene laterali.
Mostra composta da 21 canne di Principale disposte in campo unico con disegno a cuspide; bocche ‘a scudo mitriato’ ad
andamento orizzontale; canna centrale: Fa 6’.

NOTE
Mi è stato riferito che l'organo conterrebbe un nucleo di canne di Johannes Conrad Werle destinate a S. Maria in Portico
Campitelli (strumento che non riuscì ad ultimare) riutilizzate da Ignazio Priori. Successivamente l’organo è stato
ampliato da membri della Famiglia Priori e rimaneggiato da Paolo Quaresima. Restaurato negli anni ’90 del XX secolo,
lo strumento è attualmente in ottimo stato di conservazione ed utilizzato anche per concerti. Il Ripieno su base 16’ è
davvero poderoso ed anche le ance sono ben caratterizzate.

FONTI SPECIFICHE
<https://www.romasegreta.it/pigna/oratorio-del-caravita.html>

Corrispondenza con l’architetto Furio Luccichenti (2010)

Sopralluogo compiuto personalmente (marzo 2018).

— 129 —
OSPEDALE S. CAMILLO – FORLANINI

Salus Infirmorum – Cappella dell’Ospedale S. Camillo – Forlanini – Circonvallazione Gianicolense 87; apertura della
cappella a richiesta.

STORIA
Nei primi anni del XX secolo il sindaco di Roma Ernesto Nathan ebbe l'idea di creare un nuovo ospedale per i cittadini romani e nel
1919 l'amministrazione ospedaliera decise di avviarne i lavori. Per costruire l'ospedale, che fu chiamato in un primo momento
"Ospedale della Vittoria", vennero utilizzati i terreni della Vigna di San Carlo di proprietà del Pio Istituto di Santo Spirito. I lavori
furono affidati all'ingegnere Domenico Caterina, ma vennero interrotti nel 1922 per mancanza di fondi. La lavorazione su terreni
collinosi comportava ampi movimenti di terra e una levitazione dei costi non indifferente.
Il cantiere riaprì il 15 settembre del 1927 e i lavori furono sovvenzionati dal capo del governo Benito Mussolini, che stanziò 42
milioni di lire per completare l'opera. In questa seconda fase di progettazione intervenne l'architetto Emanuele Caniggia che lavorò al
completamento dell'ospedale dal 1928 fino al sua ultimazione nell'ottobre 1929. L'ospedale fu inaugurato con il nome di "Ospedale
del Littorio", che dopo la Seconda guerra mondiale venne sostituito con "Ospedale di San Camillo de Lellis", in onore del patrono dei
malati, degli infermieri e degli ospedali.
Nel 1935, fu inaugurato al suo interno l'ospedale Lazzaro Spallanzani, che dal 1996 fu riconosciuto come autonomo IRCCS (istituto
di ricovero e cura a carattere scientifico), mantenendo la propria sede dentro l'ospedale.
Inizialmente la struttura era composta da sei padiglioni che prendevano il nome da medici e chirurghi romani: tre di medicina,
chiamati Baccelli, Cesalpino e Bassi; tre di chirurgia, detti Flaiani, Lancisi e Morgagni.
I lavori di ampliamento iniziarono negli anni Cinquanta, con l'aggiunta del reparto di cardiochirurgia, pediatria e traumatologia, e
proseguirono negli anni successivi portando l'ospedale ad essere, negli anni Sessanta, tra i primi ospedali di Roma ad avere il reparto
di rianimazione, l'unità coronarica e cardiochirurgica. L'ospedale originario sotto il profilo giuridico subì diverse modifiche; tra
queste vi fu l'unione con l'ospedale Carlo Forlanini, sotto il nome di azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini.

ORGANO GIANCARLO LOJACONO (1970)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette allineate orizzontalmente al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Principale 16’ 18 Bordone 16'
2 Bordone 16’ 19 Principale 8’
3 Principale 8’ 20 Viola 8’
4 Viola 8’ 21 Dulciana 8’
5 Dulciana 8’ 22 Celeste 8’
6 Celeste 8’ 23 Bordone 8’
7 Bordone 8’ 24 Flauto 8’
8 Flauto 8’ 25 Principale 4’
9 Ottava 4’ 26 Violino 4’
10 Tromba 8’ 27 Eolina 4’
11 Eolina 4’ 28 Corno di notte 4’
12 Flauto 4’ 29 Flauto 4’
13 Decimaseconda 2’2/3’ 30 Quintina 2’2/3’
14 Nazardo 2’2/3’ 31 Principale 2’
15 Decimaquinta 2’ 32 Ottavino 2’
16 Ripieno 5 File 33 Oboe 8’
17 Mistura 34 Concerto di viole 8’
35 Pienino
36 Tremolo

— 130 —
Unioni ed Accoppiamenti Pedale
37 Unione I – Ped. 48 Principale 16’
38 Unione II – Ped. 49 Subbasso 16’
39 Unione II – I 50 Principale 8’
40 Acuta I – Ped. 51 Viola 8’
41 Acuta II – Ped. 52 Dolce 8’
42 Grave I 53 Bordone 8’
43 Grave II – I 54 Quinta 5’1/3’
44 Acuta II – I
45 Acuta I
46 Grave II
47 Acuta II

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente collocata in genere in navata.
Collocazione in corpo unico, sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa limitata al solo basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne sonanti del Principale dell’ordine di 8’ disposte ‘a palizzata’.

NOTE
L’organo è uno dei maggiori costruiti dal poco noto organaro locale Giancarlo Lojacono ed è di fattura
complessivamente buona. Riempie sonoramente molto bene la vasta cappella, arricchita da opere d’arte moderna anche
se complessivamente assai severa nello stile.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Azienda_ospedaliera_San_Camillo-Forlanini>

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Azienda_ospedaliera_San_Camillo-Forlanini > Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 131 —
OSPEDALE GEMELLI

Ospedale Policlinico “Agostino Gemelli” – Largo Agostino Gemelli, 8; – Cappella Maggiore dell’Ospedale ovvero
Chiesa del Sacro Cuore, Chiesa Centrale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Largo Francesco Vito, 1;
normalmente chiusa.

STORIA
Il Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” di Roma, inaugurato nel luglio del 1964, è il Policlinico della Facoltà di Medicina e
Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. La struttura è inserita nel Servizio Sanitario come ospedale di rilievo nazionale
di alta specializzazione. Il policlinico sorge sulle pendici di Monte Mario, nel quartiere Trionfale, su un terreno donato nel 1934 da
papa Pio XI all'Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori, ente fondatore e garante dell'Università Cattolica. Si estende su 37 ettari
contigui al parco regionale urbano del Pineto, che ospitano anche i laboratori e una chiesa (Cappella Maggiore). Il Policlinico è
costituito da tre complessi sanitari principali: il Complesso Policlinico (con diciotto edifici di varie dimensioni), il Complesso
Polifunzionale e la Piastra Polifunzionale. Nel primo sono ubicati reparti di degenza, ambulatori, laboratori e servizi rivolti ai
pazienti ricoverati, ai visitatori quotidiani e al personale. Nel Complesso Polifunzionale, inaugurato nel 1997 ed unito al Complesso
Policlinico mediante un ponte aereo coperto, sono ospitati gli ambulatori e i reparti della Clinica delle Malattie Infettive, il Centro di
Malattie dell'Invecchiamento (CEMI) ed un centro PET. Nel 2004 è stata inaugurata la Piastra Polifunzionale, in cui sono ospitati in
forma centralizzata laboratori di analisi, sale operatorie e il dipartimento d'emergenza e accettazione (D.E.A.) di secondo livello.La
Cappella Maggiore, sorta con il primo nucleo dell’ospedale, è attribuibile a Giuseppe Momo, architetto di fiducia di papa Pio XI, che
la dotò di una facciata monumentale con due torri e un interno a pianta basilicale, successivamente arricchito di opere d’arte
moderna.

ORGANO COSTAMAGNA (1965)


Tre manuali [Pos. Exp. – G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte a sinistra dei manuali]
II Manuale – Grand’Organo I Manuale – Positivo [Espressivo]
1 Principale 16’ 12 Principalino 4’
2 Principale 8’ 13 Ripieno 3 file
3 Ottava 4’ 14 Bordone 8’
4 Duodecima 2’2/3’ 15 Flauto a Cono 4’
5 Decimaquinta 2’ 16 Nazardo 2’2/3’
6 Ripieno 6 file 17 Viola 8’
7 Voce Umana 8’ 18 Celeste 8’
8 Flauto Traverso 8’ 19 Clarinetto 8’
9 Flauto 4’ 12 Tremolo
10 Dolce – Salicionale 8’
11 Tromba 8’
[azionati da placchette disposte al di sopra del III manuale]
Unioni ed Accoppiamenti Annulli
20 Unione I – Ped A Ancia I
21 Unione II – Ped A Ancia II
22 Unione III – Ped A Ancia III
23 Acuta I – Ped A Ancia Ped.
24 Acuta II – Ped A 16’ Man.
25 Acuta III – Ped A Gravi
26 Grave III – I A Acute
27 Unione III – I
28 Acuta III – I

— 132 —
29 Grave I
30 Acuta I
31 Grave I – II
32 Unione I – II
33 Acuta I – II
34 Acuta II
35 Grave III – II
36 Unione III – II
37 Acuta III – II
38 Grave III
39 Acuta III
[azionati da placchette disposte a destra dei manuali]
III Manuale – Espressivo Pedale
40 Bordone 16’ 52 Contrabbasso 16’
41 Principale 8’ 53 Basso 8’
42 Ottava 4’ 54 Subbasso 16’
43 Ripienino 3 file 55 Dolce 8’
44 Bordone 8’ 56 Dolce 4’
45 Flauto 4’ 57 Trombone 16’
46 Flautino 2’ Corpo sulla Porta Principale
47 Viola 8’ 58 Bordone 16’
48 Celeste 2 file 8’ 59 Bordone 8’
49 Oboe 8’
50 Voce Corale 8’
51 Tremolo
Accessori
6 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
6 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Staffa Espressione III Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II; Ripieno III, Ancia; Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente posta a pavimento nel presbiterio.
Collocazione in tre corpi: il Positivo sopra la porta d’ingresso (con funzioni di “Antiphonal”) ed in due nicchie
sopraelevate ai lati del presbiterio, ciascuna all’angolo con il rispettivo lato del transetto.
Organo privo di cassa.
Mostra dei corpi in presbiterio composta ciascuna da due facciate uguali (una sul presbiterio ed una sul rispettivo lato
del transetto) da canne sonanti dei registri di 8’ disposti in campo unico ‘a palizzata’; bocche ‘a mitria’ ad andamento
arcuato.

NOTE
L’organo è stato realizzato in vista dell’ampliamento del Policlinico ed è stato revisionato da Carlo Soracco nel 2010. Si
tratta del più grande strumento (se non l’unico) costruito a Roma dalla Ditta milanese Costamagna

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Policlinico_Agostino_Gemelli>
Corrispondenza elettronica con l’organaro Carlo Soracco (2010)

— 133 —
OSPEDALE MILITARE DEL CELIO

Cappella dell’Ospedale Militare del Celio – Largo della Sanità Militare, 1 – Piazza Celimontana, 50; apertura della
cappella a richiesta.

AGGIORNAMENTO
Il complesso dell’ospedale Militare è stato progettato dal Genio Militare sotto il coordinamento dell’architetto Salvatore
Bianchi (noto per aver progettato l’antica Stazione Termini, demolita nel 1938 per far posto a Piazza dei 500 e
all’attuale Stazione). La vasta cappella, a pianta basilicale senza transetto, ha la navata centrale coperta da capriate
lignee e quelle laterali coperte da volte a crociera e tutto ciò dà un senso di antichità all’edificio.

ORGANO BALBIANI VEGEZZI-BOSSI (1930)


Aggiornamento
La consolle – con le placchette e le combinazioni libere costituite da pioletti, come tipico nella produzione della Ditta –
è stata spostata dalla cantoria nella navata sinistra, sotto l’ultima campata. Si segnala per le sue eleganti forme, con
mensole intagliate e poggiate su esili colonnine corinzie in legno.

FONTI SPECIFICHE
Irene DE GUTTRY Guida di Roma Moderna De Luca Editori d’Arte, Roma, 2006; pp. 18,19.
Sopralluogo compiuto in presenza del cappellano don Sergio (aprile 2018).

— 134 —
S. PAOLA ROMANA ALLA BALDUINA

S. Paola Romana – Via Duccio Galimberti, 9; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa di Santa Paola Romana sorge in luogo di una chiesa più antica, denominata Sancta Maria Virgo a Puteo extra Portam
Angelicam (in italiano: Santa Maria del Pozzo fuori Porta Angelica) e comunemente conosciuta come Madonna del Pozzo, intorno
alla quale vi era un piccolo borgo che da essa traeva il nome. La presenza dell'edificio, di proprietà del capitolo di San Pietro in
Vaticano e rientrante nel territorio della parrocchia di San Lazzaro dei lebbrosi, era testimoniata fin dal 1566; al suo interno era
venerata un'immagine della Madonna col Bambino che, secondo la tradizione, era stata rinvenuta all'interno di un pozzo. La chiesa,
che sorgeva alle spalle dell'edificio attuale, venne demolita nel 1961.
La nuova chiesa, dedicata alla santa matrona Paola Romana, è stata costruita tra il 1949 e il 1951 su progetto di Tullio Rossi. Il 9
novembre 1951 venne istituita con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara “Quo facilius spirituali” la parrocchia di "Santa
Paola Romana vedova, alla Balduina", il cui territorio fu desunto da quelle di San Francesco a Monte Mario, San Giuseppe al
Trionfale e Santa Maria delle Grazie al Trionfale. Nei decenni successivi l'interno dell'edificio venne arricchito con diverse opere, tra
le quali il mosaico del catino absidale di Silvio Consadori (1955), la via Crucis bronzea di Egidio Giaroli (1961, i grandi quadri della
navata di Gian Luigi Bocchetta (1996) e il portale bronzeo di Luciano Capriotti (2001). Tra il 2003 e il 2011, sia l'esterno sia l'interno
dell'edificio sono stati radicalmente restaurati, con il rifacimento della colorazione esterna, dell'area presbiterale e l'installazione di
vetrate policrome.

ORGANO LIBERO RINO PINCHI (OP. 311 – 1973)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 9 Unione I – Ped
2 Flauto 8’ 10 Unione II - Ped
3 Dulciana 8’ 11 Unione Tastiere
4 Ottava 4’ 12 Sopra I - Ped
5 Dulciana 4’ 13 Sopra II - Ped
6 XV 2’ 14 Grave I
7 Ripieno 5 File 15 Grave II - I
8 Voce umana 8' 16 Sopra II - I
17 Sopra I
18 Grave II
19 Sopra II

II Manuale – Espressivo Pedale


20 Viola 8’ 29 Subbasso 16’
21 Principalino 8’ 30 Principale 16’
22 Bordone 8’ 31 Bordone 8’
23 Flauto 4’ 32 Flauto 4’
24 Nazardo 2’2/3’
25 Flautino 2’
26 Ripieno 3 File
27 Oboe combinato 8’
28 Tremolo

— 135 —
Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente posta a pavimento nella navata.
Collocazione in nicchia sopraelevata alla destra del presbiterio.
Organo privo di cassa.
Mostra composta da canne sonanti dei registri di 8’ del I Manuale disposti in campo unico ‘a palizzata’ con disegno ad
ali estreme digradanti verso l’esterno, ali intermedie digradanti verso il centro, cuspide centrale; bocche ‘a mitria’ ad
andamento contrario rispetto alla cuspide centrale.

NOTE
L’organo è stato realizzato in vista del Giubileo del 1975; è stato restaurato da Stefano Buccolini nel 2000 con
l’aggiunta delle Dulciane al I manuale.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Paola_Romana>
<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/
Roma/Roma_-_Chiesa_di_Santa_Paola_Romana> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 136 —
S. PIETRO IN VINCOLI

S. Pietro in Vincoli al Colle Oppio – Piazza di San Pietro in Vincoli 4/A; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio
fino al vespro.

STORIA
San Pietro in Vincoli è chiamata anche Basilica Eudossiana dal nome della fondatrice, l'imperatrice romana Licinia Eudossia, ed è
nota soprattutto per ospitare la tomba di Giulio II con il Mosè di Michelangelo.
La basilica è stata costruita nel 442, presso le Terme di Tito all'Esquilino, da Licinia Eudossia, figlia di Teodosio II e moglie di
Valentiniano III sul luogo di un precedente luogo di culto cristiano indicato come titulus apostolorum.
L'imperatrice fece costruire la chiesa per custodire le catene (in lingua latina vincula) di san Pietro che la madre, l'imperatrice Elia
Eudocia, aveva avuto in dono da Giovenale, patriarca di Gerusalemme durante il suo viaggio in Terra Santa insieme alle catene che
avevano legato il santo nel carcere Mamertino. Secondo la leggenda il papa Leone I le aveva avvicinate per confrontarle e le catene si
erano congiunte tra loro in maniera inseparabile.
Nella chiesa sarebbero stati nominati papa Giovanni II e Gregorio VII (1074). Restauri successivi furono compiuti da papa Adriano I
nel 780, nel 1471 da papa Sisto IV e nel 1503 da Giulio II, come Sisto IV appartenente alla famiglia dei della Rovere.
Al restauro di Giulio II risale l'architettura attuale della chiesa, con il portico d'ingresso, e la ristrutturazione del convento annesso. Il
disegno originario del chiostro, che è stato recentemente restaurato, è attribuito dal Vasari a Giuliano da Sangallo.
L'edificio del convento fu adibito, dopo l'unità d'Italia, a sede della Facoltà di Ingegneria della Sapienza. Il pozzo centrale del grande
chiostro porticato, decorato da mascheroni e inserito fra quattro colonne trabeate (attribuito a Giuliano da Sangallo), è il simbolo
della facoltà di Ingegneria.
La chiesa è preceduta da un portico a cinque arcate sostenute da pilastri ottagonali che hanno nei capitelli lo stemma di papa Giulio
II.
L'interno è a pianta basilicale ed è diviso in tre navate, separate da 20 colonne antiche di marmo greco, doriche, provenienti forse dal
vicino complesso del portico di Livia e facenti parte della costruzione originaria paleocristiana del V secolo.
La volta a botte ribassata della navata centrale mostra un grande affresco di Giovanni Battista Parodi.
Subito a sinistra dell'ingresso c'è la tomba di Antonio e Piero del Pollaiolo, con i busti raffiguranti i due artisti fiorentini, sovrastata
da un loro affresco.
La navata laterale di sinistra reca molte ricche sepolture di personaggi importanti della gerarchia ecclesiastica, decorate da sculture
notevoli. Un ìmosaico, posto circa a metà della navata, ritrae san Sebastiano: è questa l'unica rappresentazione in cui il santo è ritratto
come un uomo anziano con la barba.
La chiesa contiene nel primo altare della navata destra un sant'Agostino del Guercino, e nel secondo il ritratto del cardinale Margotti
del Domenichino, che ne ha disegnato anche il sepolcro. Sotto l'altare maggiore sono conservate le catene di san Pietro che danno il
nome alla chiesa. Le porte di bronzo che custodiscono la reliquia, del 1477, erano considerate opera di Antonio del Pollaiolo, ma
studi posteriori le attribuiscono al Caradosso.
Nel lato destro del transetto si trova la tomba di Giulio II con il Mosè di Michelangelo Buonarroti. Le spoglie di Giulio II, morto il 21
febbraio 1513, vennero sepolte in san Pietro in Vincoli più di un secolo dopo. Al momento della morte di Giulio II infatti il mausoleo
non era terminato. Così la salma del pontefice - la prima imbalsamata di un papa – fu sepolta nella Cappella del Coro nella basilica di
San Pietro, rivestita di ricchissimi paramenti, circostanza questa che spinse alla profanazione della tomba i Lanzichenecchi nel 1527.
Il 12 febbraio 1610 le poche ossa rimaste vennero traslate nella Cappella Basso Della Rovere in Santa Maria del Popolo, e poi nel
mausoleo di San Pietro in Vincoli. Nel mausoleo sono opere di Michelangelo, sebbene di minore intensità espressiva, anche la
Rachele e Lia.
Nella sacrestia della chiesa sarebbe stato custodito il dipinto raffigurante san Giovanni Battista, opera di un presunto maestro romano,
diventato famoso perché Giotto disegnò in pochi minuti sul viso del santo una mosca così perfetta che l’autore del quadro, Cimabue,
rientrato nello studio dopo una breve assenza, avrebbe tentato di cacciarla via. Il quadro è stato trafugato secoli fa.

ORGANO ATTILIO PRIORI (1884)


Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:

— 137 —
[azionati da pomelli lignei ad estrazione posti in due file verticali a destra del Manuale; nomi dei registri scritti ad inchiostro con elegante scrittura da
Madaleine Wulffson nel corso del restauro del 2014; i nomi dei registri sono protetti da vetri applicati da Priori nel 1884]

«Concerto» «Ripieno»

– Principale 16’ Bassi


– Principale II 8’ Bassi
– Principale 16’ Soprani
– Principale II 8’ Soprani
– Principale 8’ Bassi
– Voce Angelica 4’ Soprani
– Principale 8’ Soprani
– Violetta 4’ Soprani
– Ottava 4’
– Flauto in Ottava 4’
– XII 2’2/3’
– Flauto in XII 2’2/3’
– XV 2’
– Tromba 8’ Bassi
– XIX
– Tromba 8’ Soprani
– XXII
– Trombone 16’ Soprani
– XXVI
– Cornetta [1’3/5’] [Soprani]
– XXIX
– Bassi 8’ [Pedali]
– Contrabbassi 16 [Pedali]

Accessori
Tiraripieno e smonta ripieno a pedaletto
Unione Tasto-Pedale a pomello ligneo posto a sinistra del Manuale

Estensione: manuale di 54 note (Do1–Fa5) ‘tipo pianoforte’ con prima ottava ‘cromatica stesa’ (spezzatura bassi/soprani:
Do3–Do #3); Pedaliera di 27 note (Do1–Re3), dritta, interamente reale, unibile al Manuale tramite pomello.
Trasmissione integralmente meccanica ‘sospesa’; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria nel lato sinistro del transetto
Cassa in legno in magnifico stile barocco, a forma di serliana, sormontata da bassorilievo raffigurante Gesù Salvatore.
Mostra composta da 35 canne di Principale disposte in tre campi ciascuno con disegno a cuspide [ 13 / 9 / 13 ]; bocche
‘a mitria’ ad andamento orizzontale; canna centrale: Do # 8’.

NOTE
L'organo era l'unica ed ultima opera d'arte presente nella basilica a non essere stata ancora restaurata. Infatti tutta la
basilica era stata restaurata, centimetro per centimetro (compreso ovviamente il Mosé), in oltre 20 anni tra il 1985 e il
2005 e finalmente nel 2014 è arrivato il turno anche dell'organo!
Lo strumento ha doppia base 16' (Principale 16' al Manuale e Contrabbasso rinforzato 16' + 8' INDIPENDENTE al
Pedale) e col suo ripieno possente fa accapponare la pelle. Provare per credere...
L’organo conserva al suo interno tutti i registri di Giacomo Alari (Principale 8’, Ottava, Ripieno fino alla XXIX, Flauto
in Ottava e Flauto in XII) risalenti al 1686 che Attilio Priori ha mantenuto per contratto, scalando le canne (per portare
il diapason da 390 a 415) e aggiungendone 5 per parte (verso il grave e verso l’acuto) per portare la tastiera delle
classiche 4 ottave di cui la prima ‘corta’ all’estensione attuale. Priori ha anche aggiunto tutti gli altri registri mentre la
pedaliera di 20 note risalirebbe all’intervento di Paolo Quaresima del 1944. Nel restauro del 2014, dato il grandissimo
spazio nella vasta cella organaria, si è optato per l’aggiunta di ulteriori 7 note alla pedaliera portandola all’estensione
attuale (in sito è stata messa una pedaliera nuova con misure ‘alla Silbermann’) per ampliare al massimo il repertorio
eseguibile sullo strumento. Si è inoltre aggiunto il registro di Cornetta 1’3/5’ sfruttando la predisposizione per un
registro di piccole dimensioni lasciata da Priori sul somiere maestro.

— 138 —
Come ulteriore aggiunta va annotata quella di un ‘robot’ rimovibile per azionare lo strumento dal sottostante organo
elettronico oppure da un servomeccanismo ‘a moneta’ per l’esecuzione in automatico per i turisti.
Suonato durante il rimontaggio grazie al restauratore Michel Formentelli e Filippo Tigli il 2 ottobre 2014 e in stato
completato con il maestro Francesco Saverio Colamarino il 13 novembre 2014. In tale occasione il maestro Colamarino
mi ha mostrato come sia possibile eseguire musica di Bach sull’organo (anche corali concepiti per organi a due manuali
[poiché la maggior parte di essi prevede che la mano sinistra suoni in tessitura 8’ nell’ambito Do2–Do4 si può suonare
in tessitura 4’ nell’ambito Do1–Do3]) utilizzando la pedaliera di 27 note e la spezzatura Bassi/Soprani dei registri.
Personalmente ho provato i registri originali Alari e la loro sapiente conservazione all’interno dello strumento.
Il concerto di inaugurazione è stato tenuto dai maestri Francesco Saverio Colamarino e Giandomenico Piermarini.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza dell’organaro Michel Formentelli e dell’ing. Filippo Tigli (ottobre 2014) e del maestro Francesco Saverio
Colamarino (novembre 2014).

— 139 —
S. PIO V

S. Pio V – Largo San Pio V, 3; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La parrocchia è stata eretta il 10 dicembre 1951 con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara "Quo aptius atque" ed affidata
al clero diocesano di Roma. La chiesa è stata consacrata il 24 febbraio 1962 dal cardinale provicario Luigi Traglia. Il territorio è stato
desunto da quello delle parrocchie di S. Maria delle Grazie alle Fornaci e di S. Filippo Neri alla Pineta Sacchetti.
Il riconoscimento del provvedimento vicariale agli effetti civili è stato decretato il 25 febbraio 1952. La proprietà immobiliare è della
Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma. Il progetto architettonico è di Tullio Rossi.
La chiesa è stata progressivamente arricchita di opere d’arte moderna.
La facciata monumentale ha tre portali: su quello centrale c’è il mosaico S. Pio V, la Madonna e la Battaglia di Lepanto. L’interno è a
pianta basilicale a tre navate. Lungo la navata sinistra, si aprono sei cappelle: la prima è il battistero, con al suo interno il vecchio
fonte battesimale sormontato da un crocifisso, al quale fa da sfondo un affresco di Igino Cupelloni raffigurante il Battesimo di Cristo.
Il nuovo fonte battesimale, affiancato dalla statua bronzea di San Giovanni Battista di Goffredo Verginelli, si trova in fondo alla
navata, nei pressi dell'immagine della Madonna del Riposo. La parete fondale della navata opposta, invece, presenta l'altare adibito a
custodia del Santissimo Sacramento, sormontato da una scultura a bassorilievo raffigurante i Discepoli di Emmaus. La navata
centrale, con due ordine di finestre (quadrate con vetrate policrome in basso e rettangolari con vetri semplici in alto).

ORGANO LEONARDO FORTI (1994)


Due manuali [G.O. – Positivo Aperto], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Positivo Aperto
1 Principale 8’ 11 Bordone 8’
2 Flauto 8’ 12 Principale 4’
3 Ottava 4’ 13 Flauto 4’
4 Flauto in VIII 4’ 14 Nazardo 2’2/3’
5 XII 2’2/3’ 15 Flautino 2’
6 XV 2’ 16 Terza 1’3/5’
7 XIX 1’1/3’ 17 Ripienino 2 File
8 XXII 1’ 18 Diapason 8'
9 XVII 1’3/5’ 19 Voce Umana 8’
10 Voce umana 8’

Pedale Unioni
20 Subbasso 16’ 26 Unione I – Ped.
21 Basso 8’ 27 Unione II – Ped.
22 Bordone 8’ 28 Unione II – I
23 Ottava 4’
24 Flauto 4’
25 Ripieno Grave

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettronica; consolle mobile indipendente collocata nel presbiterio.
Collocazione in corpo unico a sinistra dietro l’altare maggiore.
Cassa limitata al solo basamento delle canne di mostra.

— 140 —
Mostra composta da 37 canne di Principale disposte in campo unico ‘a palizzata’ con disegno a tre cuspidi
[ 13 11 13 ]; bocche ‘a mitria’ ad andamento orizzontale; canna centrale: Do 8’.

NOTE
Si tratta di un organo multiplo, i cui registri sono ricavati da poche file di canne. Tuttavia il suo suono appare
sufficientemente ben intonato grazie all’apporto dell’organista Francesco Saverio Colamarino.

<https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_San_Pio_V>
<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/
Roma/Roma_-_Chiesa_di_San_Pio_V> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 141 —
S. PUDENZIANA

S. Pudenziana al Viminale – Via Urbana, 160; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
Chiesa nazionale dei Filippini, è dedicata a santa Pudenziana, sorella di santa Prassede e figlia del senatore romano Pudente. Per
secoli si è ritenuto che questa fosse la più antica chiesa cristiana di Roma: la chiesa sarebbe stata costruita sulla domus del senatore
Pudente, che si trova nove metri sotto la basilica. Pudente, con le sue due figlie Pudenziana e Prassede, sarebbe stato convertito
dall'apostolo Pietro che avrebbe dimorato sette anni nell'abitazione dell'amico.
Origine e datazione della chiesa, pur antichissima, sono ancora in discussione. I lavori di restauro, eseguiti negli anni quaranta del
XX secono, portarono a conclusioni diverse rispetto alla versione tradizionale: le strutture della chiesa farebbero parte delle Terme di
Novato del II secolo, un secolo dopo l'arrivo di Pietro, e la trasformazione delle terme in una chiesa sarebbe avvenuta alla fine del IV
secolo, sotto il pontificato di papa Siricio. Studi recenti, al contrario, sostengono che l'ubicazione in un edificio termale è da ritenersi
infondata poiché non sono stati trovati bacini, condotti acquiferi e soprattutto vasche, manufatti tipici di un edificio di quel genere.
Il nome di Pudenziana è attestato nel Martyrologium Hieronymianum nel giorno 19 maggio e nel catalogo del cimitero di Priscilla
ove la santa è sepolta assieme alla sorella Prassede.
Lo stato attualmente visibile risale ad un restauro del XVI secolo. Alla fine del IV secolo l'edificio era stato trasformato in una chiesa
provvista di un portico. Negli atti del sinodo del 499, la chiesa appartiene al titulus Pudentis. Il campanile fu aggiunto nel XIII secolo
e per la costruzione fu chiuso un vano della navata laterale sinistra. I lavori di restauro completati nel 1588 hanno modificato la
struttura della chiesa demolendo il portico, rimuovendo la Schola Cantorum medievale e costruendo alcuni pilastri per rafforzare le
colonne.
La facciata come oggi visibile è frutto del restauro del 1870 eseguito per volontà del cardinale titolare Lucien-Louis-Joseph-
Napoléon Bonaparte, nipote di Napoleone.
L’interno, originariamente a tre navate, fu ristrutturato a navata unica nel 1588 da Francesco Capriani «il Volterra» su commissione
del cardinale Enrico Caetani. La cupola, sempre del Capriani, è affrescata da Niccolò Circignani «Pomarancio» (Angeli e Santi
davanti a Cristo).
Inoltre vanno ricordate opere di Bernardino Nocchi, Giovan Battista Della Porta (Cristo consegna le chiavi del cielo a San Pietro),
Achille Tamburini (Crocefisso di bronzo), Lazzaro Baldi (Natività) e (Natività di Maria), Carlo Maderno (Cappella Caetani) ed altri.
Notevole è il mosaico dell’abside, raffigurante Cristo circondato dagli apostoli; risale a circa il 390 ma non è il più antico mosaico
absidale di Roma sopravvissuto, primato che spetta a quelli delle due absidi di Santa Costanza (360). Una parte del mosaico fu
distrutta durante i lavori di ristrutturazione di Francesco Capriani detto il Volterra, che sacrificarono parte della zona inferiore
intaccando le figure di alcuni apostoli, e forse un Agnus Dei riportato da alcuni disegni cinquecenteschi.
Nel mosaico è rappresentato Cristo in trono circondato dagli apostoli (ne sono rimasti dieci, gli altri probabilmente sono scomparsi
con le ristrutturazioni cinquecentesche) e da due donne che gli porgono una corona ciascuna, la cui identità è oggetto di discussione:
secondo alcuni sarebbero le sante Pudenziana e Prassede, figlie di Pudente, secondo altri rappresenterebbero la "Chiesa" e la
"Sinagoga", cioè i templi dei cristiani e degli ebrei. Solo la figura del Cristo ha l'aureola, e tiene in mano un libro aperto sul quale
campeggia l'iscrizione DOMINUS CONSERVATOR ECCLESIAE PUDENTIANAE.
Il pavimento è stato rifatto nel 1963 per volontà del cardinale titolare Alberto di Jorio di cui c’è al centro lo stemma in marmi
intarsiati.

ORGANO RUFFATTI (1955)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti del I manuale
1 Principale 8’ 7 I 16’ I
2 Flauto 8’ 8 I 4’ I
3 Bordone (dal II man.) 8’ 9 II 16’ I
4 Ottava 4’ 10 II 8’ I
5 Decima quinta 2’ 11 II 4’ I
6 Ripieno 5 File

— 142 —
II Manuale – Espressivo Accessori ed accoppiamenti del II manuale
12 Bordone 8’ 20 II 16’ II
13 Viola da Gamba 8’ 21 II 4’ II
14 Principale 4’ 22 Tremolo
15 Flauto a Camino 4’
16 Sesquialtera 2 File
17 Flautino 2’
18 Ripieno 3 File
19 Voce Celeste 8’

Pedale Unioni ed accoppiamenti del Pedale


23 Subbasso 16’ 26 I 8’ Ped
24 Bordone 8’ 27 II 8’ Ped
25 Flauto 4’ 28 I 4’ Ped
29 II 4’ Ped

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II; Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria a sinistra del presbiterioe.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne dell’ordine di 8’ disposte ‘a palizzata’ in campo unico con disegno a tre cuspidi [ 15 9 15 ]
di cui le laterali più alte e con le canne estreme disposte a 45° rispetto al fronte dell’organo. Bocche ‘a mitria’ allineate
orizzontalmente.

NOTE
L’organo è stato costruito per volontà del cardinale titolare Jules-Géraud Saliège di cui reca lo stemma al centro del
basamento della mostra, contornato – caso unico – da sette ex-voto in argento. Nel 1987 era stata interpellata la Ditta
Ruffatti per un restauro generale che però non è stato realizzato fino al 2000 quando è stato smontato, ripulito e
revisionato. Mostra una timbrica forte e brillante, esaltata dalle buone caratteristiche acustiche della chiesa, nonostante
la posizione molto in alto in cui è collocato. Come in altri casi ho dovuto segnalare comportamenti incivili ed ostili,
questa volta invece devo evidenziare la cortesissima accoglienza del rettore p. Gianfranco Basti e del sacrista Mario
Antonucci che mi hanno anche pregato di ritornare più spesso a suonare il loro organo.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza elettronica con la Ditta Ruffatti (aprile 2018).

<https://it.wikipedia.org/wiki/Basilica_di_Santa_Pudenziana>.
Sopralluogo compiuto in presenza del Sig. Mario Antonucci (aprile 2018).

— 143 —
SS. QUATTRO CORONATI

SS. Quattro Coronati – Via dei Santi Quattro; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
I santi Quattro Coronati sono: Castorio, Sinfroniano, Claudio e Nicostrato, commemorati l'8 novembre. La leggenda li descrive come
quattro marmorari cristiani messi a morte sotto Diocleziano per essersi rifiutati di scolpire idoli pagani, ma anche di quattro (o
cinque) militari, ugualmente martirizzati e sepolti presso le tombe dei martiri precedenti.
Gli scalpellini martiri nel Medioevo divennero patroni delle corporazioni edili e ancora adesso lo sono delle arti murarie (come a
Bologna o a Firenze). Per la loro connessione con l'arte marmoraria e delle costruzioni, i Santi Quattro sono anche molto cari alla
Massoneria: la Loggia di ricerca Q.C. di Londra, ad esempio, tiene tuttora il suo festival annuale l'8 novembre.
Il complesso monastico appare ancora come un edificio fortificato, di massiccia consistenza muraria, ed è costituito da una basilica e
da una serie di altri spazi sacri e residenziali (cripta, cortili, convento, antico palazzo cardinalizio). Esso occupa, dal IV secolo, i
luoghi di una ricca residenza aristocratica di età tardoantica che era collocata lungo l'antica via Tuscolana (nel percorso
corrispondente all'attuale via dei Santi Quattro) e nei secoli fu ripetutamente e radicalmente modificato.
La primitiva aula absidata fu convertita in luogo di culto cristiano prima del 499, data a cui risale la prima attestazione del "titulus
Aemilianae", più volte identificato, dalle fonti altomedioevali, con la chiesa dei Santi Quattro. La posizione della chiesa era rilevante,
per essere in alto e per la sua vicinanza al Laterano, sede allora del papato.
La fortificazione del complesso (cripta, torre d'ingresso all'epoca decorata all'interno e all'esterno, primo cortile con i primi edifici
destinati al clero) è di epoca carolingia, attribuita al papa Leone IV (metà IX secolo).
Dopo l'incendio di Roberto il Guiscardo nel 1084, papa Pasquale II provvide alla ricostruzione, riducendo però la basilica alla sola
metà ovest della ex navata centrale e trasformando il precedente spazio nell'attuale secondo cortile, mentre quelle che erano state le
navate laterali furono inglobate, la destra nel palazzo del cardinale titolare, la sinistra nel monastero fondato dallo stesso Pasquale II,
che dal 1138 divenne un priorato dell'abbazia benedettina di S. Croce di Sassovivo presso Foligno.
Importanti restauri (testimoniati dall'iscrizione con lo stemma del cardinale murata nel primo cortile, sotto la torre) furono eseguiti
nel XV secolo dal cardinale Carillo dopo la cattività avignonese, quando il complesso fu dichiarato sede pontificia da papa Martino
V. Con lo spostamento della sede papale in Vaticano, tuttavia, l'importanza del complesso decadde. Il 12 marzo 1564 l'insieme fu
affidato alle monache di clausura Agostiniane e adibito ad orfanotrofio, trasformando tutti gli ambienti che affacciano sul cortile in
dormitori per le orfane. È ancora oggi un convento delle Agostiniane.
L’interno si presenta a pianta basilicale con colonne e di spoglio, provenienti da altre costruzioni antiche; l'abside, esempio unico a
Roma, abbraccia tutte e tre le navate; i matronei della chiesa, edificati nella ricostruzione di Pasquale II, sono gli ultimi matronei
costruiti in Roma;
L'oratorio di san Silvestro: decorato da notevoli affreschi duecenteschi in stile bizantineggiante con "Storie di papa Silvestro e
dell'imperatore Costantino I", tratte dalla leggenda narrata negli Actus Silvestri, testimonia anche nel programma iconografico la
rilevanza politica del complesso nel contesto del potere temporale del papato; il presbiterio è decorato da affreschi attribuiti a
Raffaellino da Reggio, datati 1574, con storie del Martirio dei quattro santi coronati;
Il ciclo di affreschi dell’Aula Gotica, recentemente riscoperti, fondamentale testimonianza dell'arte gotica nella città di Roma (è stato
fatto il nome di Jacopo Torriti). Negli affreschi compaiono figure umane che si stagliano su un prezioso sfondo blu realizzato in
azzurrite e che rappresentano i dodici mesi; al di sopra dei mesi sono raffigurate le Arti, nei costoloni della volta le quattro stagioni e
sulla vela i segni zodiacali, oggi in parte perduti.
Nel reliquiario si conserva la testa di san Sebastiano (il resto del corpo è deposto nella basilica delle catacombe omonime).
Notevole interesse storico-artistico rivestono le due cappelle interne al monastero, l'oratorio di Santa Barbara, cui si accede dal
chiostro, e l'oratorio di San Nicola, compreso all'interno della clausura.

ORGANO TESTA [?] (SECONDA META’ DEL XVII SEC.)


Manuale unico; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli lignei ad estrazione posti in fila verticale a destra del Manuale; nomi dei registri scritti ad inchiostro]

— 144 —
– Principale II (dal Do3) 8’

– Principale

– Ottava

– Quinta Decima

– Decima Nona

– Vigesima Seconda

– Vigesima Sesta

– Vigesima Nona

– Flauto in XII (dal Fa2)

Estensione: manuale di 45 note (Do1–Do5) con prima ottava ‘corta’; tasti diatonici ricoperti in bosso, tasti cromatici
ricoperti in ebano.
Trasmissione integralmente meccanica ‘a pironi’; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico nel lato destro dell’abside.
Cassa in legno in stile barocco, a forma di ala, sobriamente decorata. Portelle anteriori e posteriori che seguono
l’andamento della cassa.
Mostra disposta su due lati con disposizione ad ala discendente. Il primo corrisponde al lato frontale della tastiera con
canne di Principale: il secondo a quello posteriore con canne di Ottava e Principale II

NOTE
Le seguenti notizie mi sono state gentilmente fornite dal restauratore Enrico Vegezzi-Bossi della Ditta Vegezzi-Bossi di
Bartolomeo Brondino ed Enrico Vegezzi-Bossi che ha restaurato lo strumento tra il 2006 e il 2008 mi ha anche
segnalato che l’attribuzione – sia pure ipotetica ma non inverosimile – alla Famiglia Testa è stata proposta da Luigi
Celeghin, scomparso pochi anni dopo.
Il materiale fonico, è omogeneo nella fattura e si presenta integro numericamente. La facciata è doppia e corrisponde sul
fronte anteriore al registro del Principale (22 canne), con disposizione ad ala. La facciata sul retro corrisponde al
registro di Principale II, alcune canne delle quali sono state rese mute con un intervento di chiusura sulla tavola del
somiere già all'origine, con medesima disposizione e numero. Il materiale fonico ha le seguenti caratteristiche.
Segnature originali ad incisione con croce per il Do1 e numeri da 2 a 45 per le rimanenti note, praticate frontalmente sul
corpo e sul piede, rispettivamente sopra e sotto la bocca nelle canne interne, ma assenti sulle canne di facciata. Canne
originali interne in piombo pressochè puro, prive di denti oppure con dentatura molto leggera e rada; parecchie di esse
presentano saldature rinforzate e tagli sommitali suturati (in particolare le prime due dell’Ottava, che erano state
modificate con profondi squarci posteriori di accordatura), operazioni effettuate nell’ultimo restauro.
Si è riscontrato il problema dell’ossidazione dei piedi delle canne, piuttosto grave ed esteso; le ossidazioni sono invece
del tutto assenti nei punti di contatto con il crivello (al di sopra delle bocche delle canne).
Canne non originali di fattura omogenea (eccetto due spurie antiche negli acuti del Principale I), introdotte nell’ultimo
intervento di restauro, non segnate; alcune di esse presentano corpo o piede in metallo più scuro, e verosimilmente sono
state fabbricate utilizzando lastre antiche (in particolare la 23 della XV, la 8 della XIX e le 26, 35, 38, 41 del Flauto).
In totale non risultano canne mancanti; su un totale di 380 canne, ve ne sono 271 originali e 109 non originali, di cui
solo 2 spurie antiche e le rimanenti verosimilmente tutte ricostruite nel corso dell’ultimo restauro.
Le canne interne sono in lega di stagno, comprese le basse del Principale che dispongono di un tappo ligneo
Nel restauro il materiale fonico è stato completamente rivisto. Tutte le canne sono state lavate e ricilindrate. E' stato
effettuato un censimento generale con il rilevamento dei registri di Principali, Ottava e Flauto.
Lo strumento è stato riportato alle condizioni originarie e si è dimostrato uno splendido esempio di positivo ‘ad ala’ di
scuola romana seicentesca.

— 145 —
FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Basilica_dei_Santi_Quattro_Coronati>

Sopralluogo compiuto in presenza di Francesco Cera e Fred Symonds (giugno 2005)

Corrispondenza elettronica con Enrico Vegezzi-Bossi (marzo 2018)

— 146 —
S. RITA DA CASCIA

Santa Rita da Cascia – Via delle Vergini / Angolo Via dell'Umiltà; apertura domenicale mattutina

Storia
Questa chiesa si trova appena a sud della Fontana di Trevi. La cupola affrescata è stata fatta da Michelangelo Ricciolini e mostra la
gloria del Paradiso. La chiesa ha un notevole coro ligneo intagliato finemente dorato. C'è una piccola cappella a sinistra appena si
entra dedicata alla Cappella di Lourdes in forma di una grotta che era dedicata nel 1912 .

ORGANO ZENO FEDELI (1912)


Manuale unico [Exp.]; pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da linguette orizzontali poste al di sopra del manuale sul lato destro]
– Principale 8’

– Ottava 4’

– Viola 8’

– Voce Umana 8’

Accessori: staffa espressiva per l’intero organo.


Estensione: manuale di 56 note (Do1–Sol5) ‘tipo pianoforte’; pedaliera di 27 note (Do1–Re3), dritta, costantemente unita
al manuale.
Trasmissione pneumatica tubolare; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa di semplice fattura in legno con le portelle della cassa espressiva in luogo della mostra.

NOTE
L'organo, tuttora allo stato originale, è malridotto per il disuso.

FONTI SPECIFICHE
Davide Campeggiani: “L’organo a canne Zeno Fedeli del Pontificio Seminario Romano Minore – con cenni su vita e opere del suo costruttore” (Ed.
Pontificio Seminario Minore, 2015) cortesemente donatomi dall’Autore che qui ringrazio.

— 147 —
SCALA SANTA

Chiesa Rettoria San Lorenzo in Palatio ad Sancta Sanctorum (Scala Santa) – Piazza San Giovanni in Laterano 14;
apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
Il complesso religioso è sorto come ala del Patriarchio (palazzo papale del Laterano) nel secolo XI per contenere la Scala del Pretorio
di Gerusalemme, ascesa da Gesù quando fu presentato da Ponzio Pilato alle folle. Il Santuario si presenta nelle forme attualmente
visibili dopo gli interventi eseguiti durante il pontificato di Sisto V che affidò i lavori al suo architetto di fiducia Domenico Fontana.
L’interno del Santuario, coperto da volta a botte a sesto ribassato e lunettata, è ricoperto di affreschi nello stile manieristico proprio
della fine del XVI secolo. Ulteriori restauri sono stati eseguiti durante il pontificato del beato Pio IX che ha anche affidato la chiesa
ed il convento alla sua sinistra ai PP. Passionisti (1875).
Il presbiterio, aggiunto in quell’occasione, è separato dalla navata da due coppie di colonne ed è stato adeguato alle norme
postconciliari tre il 1975 e il 1983. La facciata è stata sottoposta a restauro nel 2017. La Scala Santa si percorre obbligatoriamente in
ginocchio e ciò comporta una notevole fatica, ma c’è anche una rampa di scale percorribile normalmente.

ORGANO TAMBURINI (1948)


Due manuali [G.O. Exp. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo [Espressivo] Unioni ed Accoppiamenti
1 Ripieno 8 Unione I - Ped
2 Ottava 4’ 9 Sopra I - Ped
3 Principale 8’ 10 Unione Tastiere
4 Flauto 8’ 11 Sopra I
5 Viola 8’ 12 Sopra II - I
6 Unda Maris 13 Grave I
7 [predisposto] 14 Grave II - I
15 Unione II - Ped
16 Sopra II - Ped
17 Sopra II
18 Grave II

II Manuale – Espressivo Pedale [Espressivo]


19 [predisposto] 25 Subasso (sic) 16’
20 [predisposto] 26 [predisposto]
21 [predisposto] 27 Bordone 8’
22 [predisposto] 28 [predisposto]
23 [predisposto]
24 [predisposto]

Accessori
Combinazioni Libere generali e particolari.
Pedaletti di richiamo Unioni 8’ e Combinazione Libera generale.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione I e II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Forte I, Forte II, Tutti.

— 148 —
Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).
Trasmissione integralmente elettrica; consolle fissa posta al di sotto del corpo d’organo, rivolta verso la navata,
collocata dietro l’altare maggiore da cui è separata da una cancellata.
Collocazione in corpo unico nel catino absidale.
Cassa limitata al solo basamento delle canne, ad andamento concavo che segue le mura del catino absidale.
Mostra composta da canne finte dell’ordine di 6’ disposte in campo unico con disegno a tre cuspidi [ 13 19 13 ] che
occultano la cassa espressiva in cui sono racchiuse tutte le canne sonanti dello strumento; bocche ‘a mitria’ ad
andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato in vista del Giubileo del 1950, ma è rimasto incompiuto. Il II manuale doveva essere
collocato nel coretto a sinistra dell’abside, che è rimasto vuoto. L’organo suona così: inserendo un registro del I
manuale, esso risulta suonabile anche dal II. Ciò non vale per le superottave e per le ottave gravi: per esempio inserendo
il Flauto 8’ e la superottava al I manuale, si ottiene 8’+4’ al I manuale e 8’ al II (e ovviamente viceversa).
Sottoposto ad un intervento manutentivo nel 2018, è stato inaugurato il 16 marzo 2018 da un concerto del Coro
Diocesano diretto da Mons. Marco Frisina con all’organo Alessandro Capitani.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza del rettore P. Francesco Guerra (marzo 2018).

— 149 —
S. SEBASTIANO A VIA APPIA ANTICA

San Sebastiano fuori le Mura – Via Appia Antica, 136; apertura al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La parrocchia fu eretta il 18 aprile 1714 con bolla di Papa Clemente XI ed affidata ai Frati Minori della Provincia Romana, succeduti
ai Monaci Cistercensi, con il decreto "Instante ex muneris" di Mons. Nicola Caracciolo, arcivescovo di Capua, Vicegerente deputato
con le stesse deleghe del Cardinale Vicario, Gaspare di Carpegna, deceduto il 6 aprile 1714. I monaci cistercensi amministrarono la
parrocchia fino al 23 giugno 1826, quando Leone XII con la lettera apostolica "Ex locis sacris" la affidò ai sacerdoti dell’Ordine dei
Frati Minori di S. Francesco dell’Osservanza stabilendo che fruissero della stessa congrua avuta dai cistercensi più altri quindici
scudi mensili. I francescani amministrano tuttora la parrocchia.(Cfr. A. Ilari, "Cura d’anime ad catacumbas", in "L’Osservatore
Romano" 21 marzo 1982). La basilica, di fondazione anteriore a Papa Damaso e risalente ai tempi costantiniani, consta di navata
centrale e di navata ambulacrale (chiusa nel 1612) comunicante con il centro mediante aperture ad arco; tutto il piano sul quale é stata
costruita era cosparso di sepolture e, all’interno, vi sono dei mausolei. Uno di questi é la "Platonia", creduto il luogo di una
temporanea deposizione dei corpi dei santi Apostoli Pietro e Paolo, che é un edificio del IV secolo sovrapposto ad una strada. S.
Gregorio Magno recitò nella basilica la sua omelia "supra Evangelia"; papa Alessandro II, con la bolla del 30 settembre 1161,
concesse la chiesa alla basilica di S. Maria Nova al Foro; Alessandro IV la fece officiare dai Canonici Regolari Lateranensi e
Eugenio IV, vi inviò i Cistercensi che vi rimasero fino al sec. XIII. La basilica deve l’attuale restauro a Flaminio Ponzio e al
Vasanzio per la liberalità del cardinale Scipione Caffarelli Borghese (1612).

ORGANO LIBERO RINO PINCHI (OP. 192 – 1964)


Due manuali [G.O. Exp. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo [Espressivo] Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 8’ 5 Unione Tastiere
2 Flauto 8’ 6 Unione I - Ped
3 Ottava 4’ 7 Acuta I - Ped
4 Ripieno 5 File 8 Unione II - Ped
9 Acuta II - Ped
10 Acuta I
11 Grave I
12 Acuta II - I
13 Grave II - I
14 Acuta II
15 Grave II

II Manuale – Espressivo Pedale [Espressivo]


16 Bordone 8’ 25 Subbasso 16’
17 Viola 8’ 26 Bordone 8’
18 Flauto 4’ 27 Flauto 4’
19 Nazardo 2’2/3’
20 Silvestre 2’
21 Decimino 1’3/5’
22 Coro Viole 8’
23 Oboe [predisposto] 8’
24 Tremolo

Accessori

— 150 —
5 Combinazioni Fisse
Combinazione Libera generale
Pedaletti di richiamo Unioni 8’ e Combinazione Libera generale.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione I e II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Fondi 8’, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente posta a pavimento al lato sinistro del presbiterio.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria del lato sinistro del presbiterio (la cantoria simmetrica è vuota).
Cassa lignea rettangolare di severa fattura con apertura ad arco in corrispondenza della mostra.
Mostra composta da 19 canne finte dell’ordine di 6’ disposte in campo unico con disegno a cuspide; bocche ‘a mitria’
ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato attorno al 1910 da Pacifico Inzoli forse in sostituzione di uno strumento preesistente di cui
non resta traccia. Nel 1964 è stato elettrificato ed ampliato (nel II Manuale) da Libero Rino Pinchi che lo ha portato
nello stato attualmente visibile. Lo strumento è integralmente racchiuso in una grande cassa espressiva.
Strumento dall’intonazione gradevole, è tuttavia troppo poco sonoro rispetto alle dimensioni della chiesa. Comunque
desidero sottolineare la cortesissima accoglienza da parte del parroco padre Giancarlo D’Andrea.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza del parroco P. Giancarlo D’Andrea (maggio 2018).

<http://www.vicariatusurbis.org/?page_id=188&ID=21>

— 151 —
SEMINARIO LOMBARDO

Seminario Lombardo – Piazza Santa Maria Maggiore, 1; chiuso al pubblico.

STORIA
L’istituto è collocato nei piani superiori (sopra il grande magazzino commerciale) del moderno edificio polifunzionale realizzato su
progetto di Attilio Spaccarelli nel 1960.

ORGANO MASCIONI (OP. 876 – 1966)


Due manuali [G.O. [Exp.] – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo [Espressivo] II Manuale – Espressivo
1 Bordone 16’ 13 Corno di Notte 8’
2 Principale 8’ 14 Viola di Gamba 8’
3 Flauto 8’ 15 Salicionale 8’
4 Dulciana 8’ 16 Principalino 4’
5 Ottava 4’ 17 Fugara 4’
6 Flauto 4’ 18 Flautino 4’
7 XII 2’2/3’ 19 Nazardo 2’2/3’
8 XV 2’ 20 Ottavina 2’
9 Larigot 1’1/3’ 21 Flagioletto 2’
10 XXII 1’ 22 Salicetto (sic) 2’
11 Ripieno 4 File 23 Decimino 1’3/5’
12 Tromba Armonica 8’ 24 Piccolo 1’
25 Ripienino 2 File
26 Tromba Armonica 8’
27 Voce Celeste 8’

Pedale Unioni ed Accoppiamenti


28 Acustico 32’ 41 I 8’ Ped.
29 Subbasso 16’ 42 II 8’ Ped.
30 Bordone 16’ 43 II 8’ I
31 Basso Dolce 8’ 44 I 4’ Ped.
32 Violoncello 8’ 45 II 4’ Ped.
33 Dolce 8’
34 Bordone 8’ 46 Tremolo Intero Strumento
35 Quinta 5’1/3’
36 Ottava 4’
37 Flauto 4’
38 Superottava 2’
39 Fagotto 8’
40 Trombina 4’

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
5 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.

— 152 —
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Ancia, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle mobile indipendente collocata in genere a destra dell’altare maggiore.
Collocazione in corpo unico all’ingresso della cappella.
Cassa racchiudente l’intero strumento.
Strumento privo di mostra.

NOTE
L’organo non è stato valutato in quanto il personale dell’istituto – con la scusa che si sarebbero disturbate le lezioni –
non mi hanno permesso di vederlo. Tuttavia è tuttora decentemente conservato, nonostante lo scarso uso, grazie alla
consueta buona fattura Mascioni ed appare proporzionato rispetto alle grandi dimensioni della cappella in cui è
contenuto, tenendo anche conto che si tratta di un organo ‘multiplo’ con molti registri in derivazione ed in
prolungamento.

FONTI SPECIFICHE
Corrispondenza elettronica con la Ditta Mascioni (marzo 2018).

— 153 —
SEMINARIO ROMANO MAGGIORE

Seminario Romano Maggiore – Piazza S. Giovanni Paolo II, 3; visitabile su richiesta.


AGGIORNAMENTO

2. ORGANO ZENO FEDELI (1887)


Due manuali [G.O. [Exp.] – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da linguette orizzontali poste al di sopra del manuale sul lato destro]
I manuale – Grand’Organo [espressivo]
– Bordone 8’

– Principale 8’

– Ottava 4’

– Ripieno 2 File

II manuale – Espressivo
– Viola 8’

– Bordone 8’

Pedale
– Bordone 16’ sempre inserito

Accessori
Pedaletto Unione I – Ped.; Pedaletto Unione II – I.

Estensione: manuale di 56 note (Do1–Sol5) ‘tipo pianoforte’; pedaliera di 27 note (Do1–Re3), dritta.
Trasmissione integralmente meccanica con rinvii; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico a pavimento della Sala Tiberiade.
Cassa in legno in stile neoclassico con due lesene sormontate da trabeazione.
Mostra composta da 13 canne non suonanti disposte in campo unico con disegno a cuspide; canna centrale Do 4’.

NOTE
L'organo, tuttora allo stato originale, proviene dalla Cappella Maggiore, poi trasformata in Teatro quando è stata
costruita l’attuale Cappella Maggiore. Conserva ancora le caratteristiche sonore degli organi del suo costruttore.

FONTI SPECIFICHE
Davide Campeggiani: “L’organo a canne Zeno Fedeli del Pontificio Seminario Romano Minore – con cenni su vita e opere del suo costruttore” (Ed.
Pontificio Seminario Minore, 2015) cortesemente donatomi dall’Autore che qui ringrazio.

— 154 —
SEMINARIO ROMANO MINORE

Seminario Romano Minore – Viale Vaticano; visitabile su richiesta.


STORIA
Il Seminario Romano, fondato da papa Urbano VIII nel 1639, aveva sede nell’edificio annesso alla chiesa di Santa Marta in
Vaticano, demolita nel 1930. Il Seminario Romano Minore fu separato da quello maggioree da papa Pio XI nel 1933 e fu collocato
nella sede attuale, progettata da Giuseppe Momo, architetto di fiducia del papa. L’organo fu costruito per la sede del Seminario di
Torri in Sabina e trasferito nella sede attuale, nella cappella dei Santi Protomartiri, negli anni ’70 del XX secolo. Dopo un lungo
abbandono è stato restaurato da Giuseppe Ponzani nel 2015 riportandolo all’antico splendore

ORGANO ZENO FEDELI (1906)


Manuale unico; disposizione dei registri come segue:
[azionati da linguette orizzontali poste al di sopra del manuale sul lato destro]
– Principale 8’

– Bordone 8’

– Viola 8’

– Ottava 4’

Estensione: manuale di 56 note (Do1–Sol5) ‘tipo pianoforte’; pedaliera di 12 note (Do1–Si1), dritta, costantemente unita
alla prima ottava cromatica stesa del manuale.
Trasmissione integralmente meccanica con rinvii; consolle ‘appoggiata’ al corpo d’organo.
Collocazione in corpo unico a pavimento nell’absidiola lungo il fianco sinistro della cappella.
Cassa in legno in stile neogotico con un’alta cuspide che contiene un arco a sesto acuto trilobato.
Mostra composta da 11 canne di principale in tigrato disposte in campo unico con disegno a cuspide; canna centrale
Do 4’; bocche ‘a scudo’ allineate orizzontalmente.

NOTE
L'organo, riportato allo stato originale, ha dimostrato una brillantezza di suono inusitata ed una sonorità inaspettata
tanto che ha reso possibile, nel concerto inaugurale, l’esecuzione delle opere per organo e cembalo di Domenico Zipoli.

FONTI SPECIFICHE
Davide Campeggiani: “L’organo a canne Zeno Fedeli del Pontificio Seminario Romano Minore – con cenni su vita e opere del suo costruttore” (Ed.
Pontificio Seminario Minore, 2015) cortesemente donatomi dall’Autore che qui ringrazio.

— 155 —
SS. SILVESTRO E DOROTEA

Santi Silvestro e Dorotea – Via di Santa Dorotea, 23; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
L'attuale chiesa è stata edificata su una medievale, attestata da una bolla di papa Callisto II del 1123 col nome di Sancti Silvestri iuxta
portam Septimianam, e conosciuta nel XIV secolo col nome di San Silvestro della malva; dal 1445 essa assunse l’attuale
denominazione, In occasione dell'Anno Santo del 1475 la chiesa medievale fu demolita e ne fu costruita una nuova, dedicata alla sola
Santa Dorotea. In alcuni locali annessi alla sacrestia dimorarono Gaetano di Thiene e Giuseppe Calasanzio, che qui gettarono le
fondamenta dei loro rispettivi Ordini. Nel 1738 la chiesa fu affidata ai padri Conventuali che la demolirono nel 1750 e sei anni dopo
ne costruirono una nuova con un ampio convento annesso. La fabbrica della chiesa fu affidata a Giovanni Battista Nolli, che è
sepolto alla base dell'altare maggiore.
La facciata della chiesa è leggermente concava in sobrio stile barocco. Al di sopra del portone vi è una iscrizione che ricorda i due
santi a cui anticamente fu dedicata la chiesa. Il frontone con cui termina la facciata poggia su un piccolo attico con due finestre che si
aprono sul cornicione idealmente sorretto da paraste composite.
L'interno della chiesa è a croce latina, con navata sia prima, sia dopo la crociera, con quattro altari laterali; sia la navata, sia il
transetto sono coperti con volta a botte, affrescata con le Storie di Santa Dorotea e dei santi francescani di Gaetano Bocchetti. La
navata termina con l'abside semicircolare, illuminata da due finestre rettangolari, con al centro l'altare maggiore marmoreo, sotto il
quale sono custodite le reliquie di Santa Dorotea. Il nuovo affresco, su tavola, che ripresenta il martirio della giovane santa è di Gino
Terreni. Nell'ancona, si trova la tela Santa Dorotea e San Silvestro di Michele Bucci, all'interno del quale è inserito il quadro della
Madonna del Divino Amore. L'altare del braccio destro del transetto è dedicato a Sant'Antonio da Padova ed ospita la pala
Sant'Antonio di Lorenzo Gramiccia; quello del braccio di sinistra, invece, è dedicato a San Francesco d'Assisi ed ospita la pala Estasi
di San Francesco di Liborio Marmorelli. La crociera è coperta con una cupola ottagonale con lanterna, sorretta da quattro pilastri,
ognuno dei quali presenta un coretto.

ORGANO RUFFATTI (1963)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti del I manuale
1 Principale 8’ 8 Grave I
2 Ottava 4’ 9 Grave II - I
3 Decima quinta 2’ 10 Unione Tastiere
4 Ripieno 5 File 11 Sopra II - I
5 Flauto 8’ 12 Sopra I
6 Salicionale 8’
7 Voce umana 8’

II Manuale – Espressivo Accessori ed accoppiamenti del II manuale


13 Principalino 4’ 23 Tremolo
14 Ottavina 2’ 24 Grave II
15 Decima nona 1’1/3’ 25 Sopra II
16 Vigesima seconda 1’
17 Ripieno Combinato 3 File
18 Bordone 8’
19 Flauto 4’
20 Cornetta 2 File
21 Voce Celeste 2 file 8’
22 Oboe 8’

— 156 —
Pedale Unioni ed accoppiamenti del Pedale
26 Contrabbasso 16’ 32 Unione I – Ped
27 Basso dolce 8’ 33 Unione II - Ped
28 Ottava 4’ 34 Sopra I - Ped
29 Subbasso 16’ 35 Sopra II - Ped
30 Bordone 8’
31 Dolce dal I 8’

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II; Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle fissa indipendente collocata al centro della cantoria.
Collocazione in corpo unico sulla moderna cantoria appositamente costruita al di sopra dell’ingresso principale.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da canne dell’ordine di 8’ disposte ‘a palizzata’ in campo unico a tre cuspidi di cui le laterali,
simmetriche tra loro, sono in realtà ciascuna composta da un’ala leggermente digradante verso il centro e da un’altra ala
fortemente digradante verso l’esterno. Bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

NOTE
L’organo è stato realizzato in concomitanza con l’apertura del Concilio Vaticano II ed appare proporzionato alle
dimensioni della chiesa.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto da Davide Campeggiani (2016).

<https://it.wikibooks.org/wiki/Disposizioni_foniche_di_organi_a_canne/Europa/Italia/Lazio/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Roma/Roma/Roma_-
_Chiesa_dei_Santi_Silvestro_e_Dorotea> Scheda curata da Davide Campeggiani.

— 157 —
S. SILVIA

Santa Silvia – Viale Giuseppe Sirtori 2; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa è stata costruita nel 1959 su progetto di Francesco Fornari; è a pianta longitudinale con la navata che si allarga mano mano
che ci si avvicina al presbiterio. Progressivamente arricchita da vetrate policrome e da altre opere d’arte moderna, è stata dotata di
organo nel 2011.

ORGANO MASCIONI (OP. 1187 – 2011)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Espressivo
1 Bordone 16’ 7 Bordone 8’
2 Principale 8’ 8 Viola 8’
3 Flauto 8’ 9 Flauto a Camino 4’
4 Ottava 4’ 10 Principale 2’
5 XV 2’ 11 Voce Celeste 8’
6 Ripieno 4 File 12 Tromba Armonica 8’
- Tremolo

Pedale Unioni ed Accoppiamenti


13 Principale 16’ 17 I 8’ Ped.
14 Subbasso 16’ 18 II 8’ Ped.
15 Basso 8’ 19 II 8’ I
16 Bordone 8’ 20 I 4’ Ped.
21 II 4’ Ped.
22 II 16’ I
23 II 4’ I
24 II 16’ II
25 II 4’ II

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino richiamabili con Pedaletti; sequencer.
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Fondi, Tutti.

Estensione: Manuali di 58 note (Do1–La5); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente elettronica; consolle mobile indipendente collocata in genere a destra dell’altare maggiore.
Collocazione in corpo unico a sinistra dell’altare maggiore.
Cassa limitata al solo basamento delle canne.

— 158 —
Mostra composta da canne sonanti dei registri di Principale del Pedale e del Grand’Organo disposte in campo unico con
disegno a cuspide, ala digradante verso il centro, cuspide, ala digradante verso il centro, cuspide [ 7 9 7 9 7 ] con
bocche ‘a mitria’ ad andamento contrario. Canna maggiore: Do 16’ nella prima cuspide a sinistra.

NOTE
Organo di consueta buona fattura Mascioni con intonazione penalizzata dalle caratteristiche acustiche della chiesa.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto da Sergio Colasanti (aprile 2016).

— 159 —
SINAGOGA

Tempio Israelitico – Lungotevere dei Cenci; visite consentite previo consenso delle autorità religiose preposte.
Aggiornamento
L’organo Rieger del 1904 è stato restaurato da Alessandro Giacobazzi nel 2012.

— 160 —
S. SPIRITO DEI NAPOLETANI

Santo Spirito dei Napoletani – Chiesa regionale dei Napoletani – Via Giulia 34; apertura giornaliera al mattino e al
pomeriggio fino al vespro.

STORIA
La chiesa dello Spirito Santo dei Napoletani è un luogo di culto cattolico di Roma, nel rione Regola, situata in via Giulia. È stata la
chiesa nazionale del Regno delle Due Sicilie.
Nel catalogo delle chiese di san Pio V questa chiesa è chiamata S. Aura in strada Iulia, e vi era annesso un monastero di monache.
Era dedicata a sant'Aurea, martire d'Ostia. Nel XIV secolo fu chiamata anche Sant'Eusterio, come risulta dal catalogo di Cencio
Camerario (n. 232) e dal catalogo dall'anonimo di Torino, che dice: Ecclesia s. Austerii de campo Senensi habet unum sacerdotem.
Nel 1572, ridotta in cattivo stato, la chiesa (con il monastero) fu affidata alla Confraternita dello Spirito Santo dei Napoletani che la
spianarono e vi fecero costruire la nuova chiesa dedicata allo Spirito Santo (1574).
La chiesa venne dunque riedificata, su disegno di Domenico Fontana o forse Ottaviano Mascherino alla fine del Cinquecento.
All'inizio del Settecento subì una profonda trasformazione ad opera di Carlo Fontana. Altri radicali restauri furono effettuati intorno
alla metà dell'Ottocento da Antonio Cipolla che ricostruì la facciata (1853), con portale e rosone scolpiti; e, all’interno, la cantoria e
l’abside, donando alla chiesa l'aspetto attuale.
Chiesa nazionale del Regno delle Due Sicilie, per cinquant'anni, dal 1934 e fino al 1984 (anno in cui, con una solenne cerimonia,
furono traslate in Santa Chiara a Napoli dal rettore Mons. Natalino Zagotto), ospitò le salme di re Francesco II delle Due Sicilie, della
regina Maria Sofia e della loro unica figlioletta, la principessa Maria Cristina Pia, che vi riposava dal 1870.
Per trent'anni la chiesa è stata chiusa a causa di gravi infiltrazioni d'acqua. Il degrado si impadronì del luogo di culto che sembrava
ormai non più recuperabile, dato l'abbandono e le crepe che minacciavano la stabilità dell'edificio. Nel 1980 fu nominato rettore
mons. Natalino Zagotto che diede inizio immediatamente al difficile e a prima vista impossibile compito di restaurare e ripristinare la
chiesa. Il radicale intervento di consolidamento strutturale e restauro architettonico, progettato e diretto dall'architetto Giuseppe
D'Emilio e realizzato dal responsabile esecutivo ing. Maurizio Pouchain, ha riportato l'edificio all'antico splendore. Nel Natale del
1986 la chiesa fu riaperta al culto per rinascere a nuova vita.
L'interno è a navata unica con cappelle laterali. Tra le opere principali, vi sono:
nelle cappelle di destra: il Miracolo di San Francesco di Paola di Bonaventura Lamberti; e il Monumento funebre del Card. De Luca
[Giovan Battista de Luca (Venosa, 1614 – Roma, 1683) cardinale di San Girolamo dei Croati] di Domenico Guidi (1683), scultore
vicino alla cerchia di Gian Lorenzo Bernini;
nella cupoletta sopra l'altare maggiore, SS. Trinità tra angeli e santi di Giuseppe Passeri (1707);
nella cappelle di sinistra sono custoditi i due "pezzi" forti della chiesa, il Martirio di San Gennaro, patrono di Napoli, di Luca
Giordano (1705), ultima opera del grande pittore napoletano; l'affresco raffigurante la Vergine con il Bambino di Antoniazzo
Romano; da citare anche il Miracolo di San Tommaso d'Aquino, quadro di Domenico Muratori.
La chiesa dal 2005 ospita il "Christus Patiens", un grande crocifisso, opera dell'artista contemporaneo Antonio Nocera.
Si possono inoltre ammirare le nuove vetrate dell'abside e del rosone sulla facciata, dono di benefattori, realizzate dal maestro Oscar
Guarnieri.

ORGANO PIETRO PANTANELLA (1881)


Manuale unico, pedaliera antica; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli in legno d’acero torinti e tinti di nero in due colonne a destra del manuale]

— 161 —
14. Voce celeste (dal Re#3) 1. Tremolo
15. Salicionale 8’ bassi 2. Principale 16’ bassi
16. Salicionale 8’ soprani 3. Principale 16’ soprani
17. Bordone 8’ bassi 4. Principale 8’ bassi
18. Bordone 8’ soprani 5. Principale 8’ soprani
19. Flauto reale 8’ soprani 6. Ottava bassi
20. Flauto in ottava soprani 7. Ottava soprani
21. Ottavino 2’ soprani 8. Duodecima
22. Fagotto 8’ bassi 9. Decimaquinta
23. Clarinetto 16’ soprani 10. Decimanona
24. Clarone 4’ bassi 11. Vigesimaseconda
25. Tromba 8’ soprani 12. Vigesimasesta e nona
26. Terza mano 13. Contrabbassi e rinforzo 16’ – 8’ (al
pedale)

Accessori
Timballone 8’ azionato dal penultimo pedale a destra.
Timballone 16’ azionato dal penultimo pedale a destra.

L’organo dispone di una tastiera di 56 tasti in avorio ed ebano (estensione Do1 – Sol5), con prima ottava stesa
cromaticamente.
Estensione: Manuale di 56 note (Do1–Sol5) con prima ottava ‘cromatica stesa’; Pedaliera collegata permanentemente
alla prima ottava del manuale più i due pedali dei timballoni.
Trasmissione integralmente meccanica; consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa dall’elegante prospetto neoclassico ad una sola campata, con lesene laterali sormontate da capitelli ionici e
cornicione superiore rettilineo ed aggettante..
Mostra di 21 canne con andamento a cuspide con ali laterali [ 7 7 7 ], corrispondenti al registro del Principale 8’ bassi,
con bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente. La canna centrale corrisponde al Fa#1. È presente un dispositivo di
copertura della mostra con tenda azionabile tramite cordino.

NOTE
Lo strumento fu costruito per l’arciconfraternita dello Spirito Santo dei Napoletani tra il novembre del 1880 e il maggio
1881 dall’organaro Pietro Pantanella (Arpino, 1821 – Roma, 1901) per la munificenza di Maria Teresa Cristina di
Borbone, imperatrice del Brasile (figlia di Francesco I delle Due Sicilie e moglie dell’imperatore Pedro II, ultimo
imperatore del Brasile).
L’organo fu collaudato il 14 ottobre 1881 da Salvatore Meluzzi, maestro della cappella Giulia in S. Pietro.
Restaurato nel 2014 da Giuseppe Ponzani, con la supervisione e la fattiva collaborazione di Andrea Panfili che ha anche
tenuto il concerto di inaugurazione del restauro nel gennaio 2015.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto insieme ad Andrea Panfili e a mons. Natalino Zagotto (febbraio 2015).

— 162 —
S. STANISLAO

S. Stanislao alle Botteghe Oscure – Via delle Botteghe Oscure, 15; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino
al vespro.

STORIA
La chiesa attuale fu fatta erigere nel 1578 dal cardinale polacco Stanislao Osio che la dedicò a san Stanislao, patrono dei Polacchi,
dotandola di un ospizio e di un ospedale per i connazionali in pellegrinaggio a Roma. Tra il 1729 ed il 1735 l'intero complesso, ormai
in fase di avanzato degrado, fu interamente ricostruito da Francesco Ferrari. La facciata presenta due ordini separati da una fascia con
l'iscrizione dedicatoria. L'interno, a una navata, è ricco di stucchi e decori e presenta sugli altari laterali opere di artisti polacchi del
'700. La volta è decorata con un affresco del 1774 di Ermenegildo Costantini raffigurante la gloria di san Stanislao. Tuttora le Messe
si celebrano in lingua polacca.

ORGANO TAMBURINI (1940)


Due manuali [G.O. Exp. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale]
I Manuale – Grand’Organo [Espressivo] Unioni ed Accoppiamenti
1 Ripieno 3 File 8 Unione I - Ped
2 Ottava 4’ 9 Unione Tastiere
3 Flauto 4’ 10 Sopra I - Ped
4 Bordone 8’ 11 Sopra I
5 Principale 8’ 12 Sopra II - I
6 Dulciana 8’ 13 Grave II - I
7 Voce Celeste 8’ 14 Unione II - Ped
15 Sopra II
16 Grave II
17 Tremolo

II Manuale – Espressivo Pedale


18 Voce Celeste 8’ 25 Subbasso 16’
19 Dulciana 8’ 26 Bordone 8’
20 Principale 8’
21 Bordone 8’
22 Flauto 4’
23 Ottava 4’
24 Ripieno 3 File

Accessori
Combinazioni Libere generali e particolari.
Pedaletti di richiamo Unioni 8’ e Combinazione Libera generale.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione I e II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Tutti.

Estensione: Manuali di 61 note (Do1–Do6); Pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione integralmente elettrica; consolle fissa ‘appoggiata’ al corpo d’organo.

— 163 —
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa decorata in stile barocco con quattro lesene inquadranti i campi della mostra e con trabeazione sormontata al
centro da angeli trombettieri in legno intagliato e dorato.
Mostra composta da canne finte dell’ordine di 6’ disposti in tre campi ciascuno con disegno a cuspide [ 13 / 19 / 13 ]
con bocche a mitria ad andamento orizzontale.

NOTE
L’organo è stato realizzato con somiere ‘a doppio scompartimento’ per cui i due manuali azionano le stesse canne.
Nonostante ciò l’organo – grazie alla sua intonazione e alle caratteristiche acustiche della chiesa – risuona molto bene
ed appare più sonoro di quanto le sue dimensioni lascino immaginare.

FONTI SPECIFICHE
<http://www.060608.it/it/cultura-e-svago/luoghi-di-culto-di-interesse-storico-artistico/chiese-cattoliche/san-stanislao-alle-botteghe-oscure.html>

Sopralluogo compiuto personalmente (aprile 2018).

— 164 —
S. SUSANNA

S. Susanna – Via Antonio Salandra, 6; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.

2. POSITIVO ANTONIO RAIMONDI (1756)


Manuale unico, pedaliera antica; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli in legno tornito verniciati di nero, posti in doppia fila verticale a destra dei manuali, con nomi scritti in caratteri bianchi]
– Voce Umana [8’] [Soprani] – Principale [8’]
– Flauto in XII [2’2/3’] [Soprani] – Ottava [4’]
– XV [2’]
– XIX
– XXII
– XXVI
– XXIX
– Tiratutto

Estensione: Manuale di 45 note (Do1–Do5), con prima ottava ‘corta’, tasti diatonici ricoperti in bosso e tasti cromatici
ricoperti in ebano; pedaliera di 9 note (Do1–Do2) costantemente unita alla prima ottava ‘corta’ del manuale, non
originale.
Collocazione in corpo unico a pavimento, al centro del retrocoro della basilica riservato alle Suore Cistercensi di
Clausura, poggiato su pedana a ruote.
Cassa non originale, ricostruita da Ernesto Ercolin, di semplice fattura rettangolare, con portelle di chiusura posteriore.
Mostra composta da 21 canne del Principale, disposte in campo unico con disegno a cuspide con ali laterali [ 5 11 5 ];
bocche ‘a scudo’ allineate orizzontalmente; canna maggiore Re 4’ al centro.

NOTE
L’organo era stato costruito da Antonio Raimondi (organaro marchigiano operante con evidenti influssi callidiani,
coadiuvato dal figlio Nicola di cui è noto l’organo di San Venanzo in provincia di Terni, del 1785) per il monastero
delle Suore Cisterciensi di Nepi (monastero di San Bernardo a Nepi) ed era collocato al centro della cantoria sopra la
porta d’ingresso, con semplice cassa neoclassica con mostra verso la navata (al centro della balaustra) e consolle dorsale
verso la cantoria. Dopo varie vicissitudini e un lungo abbandono, nei primi anni ’90 del XX secolo è stato portato nel
retrocoro di questa chiesa su proposta del Cappellano delle Suore Cisterciensi (dopo alcuni dissensi con i Padri Paolisti
di Santa Susanna sull’utilizzo dell’organo Ruffatti della Basilica, specie dopo lo spostamento della consolle dalla
cantoria al presbiterio).
Il retrocoro è costituito da un’ampia sala rettangolare dietro il presbiterio, da cui è separato da una grata in ferro. Fu
realizzato nel 1596 dal cardinale Camillo Rusticucci, come attesta lo stemma posto al centro del ricco soffitto dello
stesso coro in legno intagliato a cassettoni. Gli stalli del coro furono eseguiti a cura di Paolo V e si trovano più volte
citati nelle guide antiche come uno dei più bei cori esistenti nei monasteri romani. Le pareti sono ornate da affreschi
raffiguranti santi e scene tratte dall’Antico Testamento. L’autore di queste pitture fu Francesco Mezzetti (1676-1702).
Sempre nel coro, nei quattro sportelli delle due nicchie che conservano i reliquiari compaiono san Benedetto e santa
Scolastica (sulla sinistra) e san Bernardo e santa Susanna (sulla destra) opera del pittore umbro Avanzino Nucci (1599).
L’organo è stato restaurato da Ernesto Ercolin con ricostruzione della cassa (dotata di decorazioni originali del XVII
sec.) e della manticeria, è stato utilizzato continuativamente per l’ufficio delle Suore quindi –essendo invisibile dalla
navata– non noto al pubblico (e nemmeno a me...).
Riparato da Daniel Taccini nel 2007 (recita una targa in ottone sulla consolle dorsale che tale restauro è stato eseguito
per volontà del Prof. Filippo Chiomenti, ordinario di Diritto Commerciale nella facoltà di Giurisprudenza

— 165 —
dell’Università di Tor Vergata, il 4 aprile 2007), ma con alcune imprecisioni cui ha posto rimedio Carlo Soracco nel
settembre 2008 (intervento di correzione di intonazione e delle meccaniche e di ricostruzione della pedaliera, già
ricostruita da Ercolin, che al momento del sopralluogo non era stata ancora ripristinata).

FONTI SPECIFICHE
Suonato l’8 settembre 2008 con l’ing. Alessio Gaspardo e grazie alla cortese accoglienza di Padre Domenico Pacchierini, Cappellano delle Suore
Cisterciensi, della Madre Superiora Suor Dina (Maria Roberta) Cappiotti e di Carlo Soracco.

— 166 —
TEMPIO METODISTA A VIA XX SETTEMBRE – ROMA

Tempio Metodista – Via XX Settembre; apertura a richiesta alla Comunità Metodista


Storia
La storia dei culti protestanti in Italia e soprattutto a Roma dopo il 1870 è molto interessante e sicuramente deve essere conosciuta
dagli organisti e dagli appassionati d’organo. Per cui ho deciso di trascrivere per intero il capitolo tratto da
<http://www.metodistiroma.it> curato nel 2008 da Stefano Noffke.

«1. Architettura e templi protestanti a Roma


A fianco di quelle costanti attenzioni di carattere teologico e storico, occorre segnalare come recentemente un nuovo interesse venga
rivolto nei confronti della presenza protestante: quella dedicata all'aspetto architettonico dei suoi templi.
Potrà apparire un interesse singolare: ma a ben riflettere, tralasciando le poche notizie che si possono trarre dalle pubblicazioni che la
casa editrice "Claudiana" ha recentemente dedicato alle Valli Valdesi, dove tutto sommato il discorso relativo ai luoghi di culto si
colloca sullo sfondo della storia del costume, delle tradizioni, del folklore valligiano, viceversa, per ciò che riguarda i grandi centri
urbani, sembrano mancare studi specifici sull'aspetto architettonico dei singoli templi protestanti, alcuni dei quali rivestono un
interesse tutto particolare ed il cui esame dovrà, oltre che ravvisare i caratteri decorati vi e architettonici propri di ognuno di essi,
tenere pure conto del complesso urbanistico nell'ambito del quale sorsero.
In tal senso, per ciò che riguarda Roma, il discorso è stato affrontato, e continua tutt'ora, da parte dell'Architetto Pierluigi Lotti, che in
tre studi apparsi su "AlmaRoma", bollettino bimestrale dell' omonima Associazione culturale, ha esaminato dapprima il tempio
valdese di Piazza Cavour, poi la chiesa presbiteriana di Sant'Andrea, ed infine il nostro tempio metodista di Via XX Settembre.
Da essi apprendiamo che alla facciata neogotica dell'edificio presbiteriano fa riscontro lo stile "liberty" di quello valdese: circa
trent'anni separano infatti le due realizzazioni, e alla richiesta del perché di questo interesse, l' Arch. Lotti ha risposto affermando che
nel tessuto urbanistico di Roma anche i tempIi cattolici, e in particolare quelli protestanti, ricoprono una loro importanza, dovuta
soprattutto al fatto che essi sorsero in un ben preciso periodo, coincidente, comesi sa, con l'unione di Roma al Regno d'Italia.
È con piacere che utilizziamo gli studi che Lotti ci ha gentilmente concesso, inerenti non solo l'edificio che ospita il nostro tempio,
ma anche tutto ciò che esisteva prima della sua costruzione, integrandoli con altre letture sulle vicende urbanistiche di Roma.

2. Contesto urbano
La zona di nostro interesse, comprendente il colle del Quirinale, era fin dall'antichità molto importante: inclusa nella VI regione della
città, era attraversata in tutta la sua lunghezza da un antico asse viario denominato Alta Semita, corrispondente all'attuale Via XX
Settembre - Via del Quirinale, ed in seguito chiamata Strada Pia per i lavori di sistemazione operati sotto Pio IV al quale venne
dedicata anche la porta da cui iniziava la strada, Porta Pia, mentre il fondovalle era occupato dal Vico Longus corrispondente
all'odierna Via Nazionale.
l'importanza della zona era pure testimoniata dai vari edifici esistenti: luoghi di culto come il tempio di Serapide, il tempio di Flora, il
mitreo Barberini; impianti termali come le terme di Diocleziano, nonché vari stanziamenti residenziali: abitavano qui, infatti,
personaggi come Pompanio Attico, Sallustio, Vespasiano, Marziale.
In seguito Sisto V, costantemente occupato alla soluzione del problema urbanistico di Roma migliorò la Strada Pia "concedendo con
una bolla del 1587 speciali agevolazioni a chi avesse fabbricato in questa strada". Evidentemente, orti e vigne dovevano essere
numerosi nella zona e lungo la Strada Pia, come del resto in mote altre parti di Roma quale eredità della contrazione demografica del
periodo medievale, ed il paesaggio non doveva subire sostanziali mofifiche se non a partire dal 1870 in seguito alla necessità di
adeguare la struttura urbana della cittè alle nuove esigenze della capitale: e sarà proprio la vecchia Strada Pia, ribattezzata Via XX
Settembre, a ricordo dello storico evento di Porta Pia, ad assumre la funzione di "asse direzionale" della capitale del Regno così come
il progetto del Piano Regolatore del 1881 prevedeva. Infatti, se alcuni ministeri poterono insediarsi in un primo tempo in edifici già
appartenenti al cessato dominio pontificio o presso la sede di conventi, era peraltro evidente la provvisorietà di queste soluzioni,
tenuto conto anche del fatto che "la costruzione di nuovi edifici per la pubblica ammonistrazione doveva afferare la volontà di
trasformare ed elevare il tono della nuova capitale". Convinto assertore di tale principio era il ministro Sella, allora titolare del
dicastero delle Finanze; non per nulla già nel 1872 iniziarono i lavori per la costruzione del grande edificio che doveva ospitare
appunto il ministero delle Finanze terminato nel 1876. Altri ministeri dovevano sorgere lungo la stessa via, divenuta ormai
rappresentativa della nuova Roma capitale e che collegava Porta Pia al palazzo del Quirinale da poco strappato al pontefice.
Fra questi ultimi, è di nostro particolare interesse il ministero della Guerra, oggi della Difesa, in posizione laterale al nostro tempio, e
i cui lavori portarono alla demlizione, nel 1884, di alcune chiese da poco sconsacrate: il monastero delle Carmelitane Scalze con la

— 167 —
chiesa di S.Teresa, il convento delle Carmelitane di S.Maria dei Pazzi dette le Barberine, la chiesa dell'Incoronazione; rimaneva
eretta la sola chiesa di S.Caio, allineata con l'edificio del ministero in costruzione, entrambi affacciati su Via XX Settembre. Ma
anchequesta chiesa, nel 1885, venne inesorabilmente demolita per cedere spazio alla nuova Via Firenze, e sull'area cosi ottenuta verrà
costruito in breve tempo l'edificio e il tempio metodista episcopale di Via XX Settelbre.

3. Situazione preesistente
Prima di passare al nostro tempio, sarà opportuno spendere alcune parole sulla piccola chiesa dove esso sorse.
La chiesa dedicata a S.Caio in Via XX Settembre è ricordata da vari autori dei secoli XVIII e XIX: l'Armellini, ad esempio, scrive fra
l'altro: "Alla stessa sorte delle altre due (S.Maria e S.Teresa) non isfuggi questa chiesa, che fu abbattuta da due anni appena (cioè nel
1885, n.d.c.) col suo monastero, per la fabbrica del Palazzo del Ministero della Guerra e per l'apertura della mostruosa via laterale
(ViaFirenze, n.d.c.). Era addossata ad avanzi di alcune antiche costruzioni dei secoli III e IV delle quali si veggono ancora le tracce
che accennano evidentemente a un nobile e grandioso edificio romano. Fu riedificata nel 1531 da Urbano VIII sulle tracce
dell'antichissim 'titolus Gai'". Un autore del '700, il Titi, cita gli architetti Paparelli e Vincenzo della Greca quali realizzatori del
restauro della chiesa, che era pure ornata con dipinti di G.B. Speranza, del Camassei e di Mario Balassi, mentre il Melchiorri ricorda
che sotto l'altare principale furono collocate le reliquie del santo.
La chiesa, a semplice pianta rettangolare, era caratterizzata da una graziosa facciata e dal piccolo campanile con cupoletta a
padiglione; e a proposito degli "avanzi di alcune antiche costruzioni» ricordati dallÁrmellini, cosi ha recentemente scritto Giuseppe
Scarfone: "Non molto distante da questo Mitreo (si tratta del Mitreo Barberini. n.d.c.) ne esisteva un altro, ugualmente dipinto, ma di
cui sono tornate in luce soltanto alcune tracce. Sorgeva nel luogo dove venne edificata la chiesa dedicata a S.Caio. Gli antichi ruderi
di cui parla l'Armellini sono gli avanzi della 'Domus Nummiorum'. la casa di Nummius Albinus, console nel 345 d.C. con il ramo
collaterale dei Nummii Tusci, di cui alcuni avanzi, in elevato, erano ancora visibili alla fine del secolo scorso sulla Via Firenze in
prossimità di Via XX Settembre. Fu appunto in un ambiente sotterraneo di questa casa che venne ricavato il Mitreo e di cui tornarono
in luce avanzi di affresco raffiguranti Mitra Teuroctono".
Dunque l'edificio Metodista non è che la piu' recente delle costruzioni site in quel luogo, a collinciare dalla dimora di Nummi ed il
mitreo sotterraneo, di una prima chiesa di S.Caio nel V secolo e successivamente ricostruita nel 1631 da Urbano VIII con il convento
annesso, ed infine l'edificio metodista.
La stessa chiesa di S.Caio, inoltre, fa da sfondo ad un celebre acquarello di Roesler Franz (1845-1907), firmato e datato 1876: è
quindi una delle ultime rappresentazioni della chiesa quando ancora non era in costruzione la Fabbrica del Ministero della Guerra.
Cosi ne parla U. Barberini: "l'antico Vicolo Sterrato, ora Salita San Nicola da Tolentino, era uno di quegli angoli 'pittoreschi' che
facevano la delizia di un'intera generazione di artisti in cerca di motivi da ritrarre all'acquerello per i 'souvenirs' da vendere agli
stranieri. Anche il Museo di Roma ne possiede uno intitolato 'Il Pino Barberini' facente parte della serie 'Roma sparita' di R.Franz. La
stradina lunga e stretta, vista in salita, aveva per fondale l'architettura barocca e la chiesetta di S.Caio, a sinistra la costruzione rustica
di unfienile, a destra la cupola verde di un gran pino secolare che con la sua ombra violetta attenuava il candore di una colossale
statua di Apollo, ornamento di una monumentale fontana", statua trasferita nel giardino Barberini ed attualmente posta in asse con la
grande rampa centrale.

4. Progetto di una sede metodista in Via XX Settembre


A seguito delle vicende politiche che portarono a compimento l'unificazione italiana e l'annessione di Roma al giovane Regnod'
Italia, anche la Chiesa Metodista Episcopale americana decise di iniziare nella penisola un'attività di predicazione. Era questo uno dei
rami in cui il movimento di risveglio cristiano nominato "metodismo", promsso nell'Inghilterra del '700 per opera di Wesley, si era
suddiviso alla fine di quel secolo e che aveva originato, negli appena costituiti Stati uniti di America, una chiesa metodista staccata
dalla madre patria: d'altra parte, il metodismo in Inghilterra conservava ancora lo stato fluido di movimento, senza costituire, come
avvenne dopo qualche decennio, una chiesa alternativa a quella Anglicana.
Nel 1873 il "Board of Foreign Mission" della Chiesa Metodista Episcopele inviava in Italia il pastore Leroy Monroe Vernon (1838-
1896). Dopo essersi trattenuto per un anno a Modena e a Bologna per i primi contatti con la realtà italiana, nel 1874 decise di puntare
direttuente su Roma, acquistando un locale in Piazza Poli, subito adibito a cappella.
Nel giro di pochi anni, altre numerose chiese, un gan nmero di opere sociali fiorì in molte città, segno di notevoli mezzi a
disposizione, uniti ad una particolare attenzione verso le esigenze del popolo italiano: nella sola Roma, nel 1883 viene inaugurato
l'Istituto Metodista femminile, e nel '90 quello maschile; nel 1893 viene trasferita da Firenze la Scuola Teologica; seguono la casa di
riposo per ex-preti, l'asilo Isabella Clark, e nel 1890 il prestigioso Istituto Crandon in Via Veneto. Occorreva perciò uno stabile dove
insediare gli uffici amministrativi di tali attività, ai quali bisognava aggiungere la casa editrice "la Speranza" oltre che, ovviamente,
un nuovo tempio. Proprio l'area dove sorgeva la chiesetta di S.Caio, lungo la Via XX Settembre all'angolo con Via Firenze, sembrava
rispondere alle esigenze, tanto che il rev. William Burt, nuovo responsabile dell'opera episcopale, dopo Vernon, l'acquistò il 30
maggio 1891.
La realizzazione del fabbricato richiedeva un'attenzione particolare proprio per il fatto che esso doveva concentrare i vari settori di
lavoro dell'opera episcopale; il tempio, anzi due, uno italiano, l'altro americano, lungo Via Firenze; la casa editrice, la Scuola
Teologica ed il relativo convitto, gli alloggi dei professori, l'amministrazione generale il tutto sulla ragguardevole area di 1400 Ettari
quadrati.

— 168 —
Per il progetto furono interpellati vari architetti, ed infine la scelta cadde su Rodolfo Buti, alla cui opera, però, non dovette essere
estranea la diretta influenza dell' Arch. Carlo Busiviri-Vici (1856-1925). Infatti, nonostane che appaia sempre la firma del Buti,
l'edificio è noto come opera di Carlo Busiri-Vici: costui, appartenente ad una famiglia di architetti, aveva già una buona esperienza di
progetti edili in Roma, in un periodo, come s'è visto, di notevole espansione urbanistica. Suoi sono infatti il palazzo Giorgioli (1886)
ed il Palazzo Guerrieri (1888) lungo la via Cavour; il Notre Dame des Oiseaux a Piazza Galeno (1900); il Palace Hotel in Via Veneto
(1902); 11 Palazzo Simonetti in Via M. Dionigi e molti altri ancora.
La firma del Buti, comunque, appare nelle richieste presentate all' Ispettorato Edilizio, così come sono conservate nell'Archivio
Capitolino, Fondo-Titolo 54.
La richiesta di licenza edilizia è presentata il 13 Maggio 1893:

Ecc.mo Sindaco di Roma,


La "Società Missionaria per la Chiesa Metodista Episcopale", desiderando erigere in Roma, sul terreno di sua proprietà situato in
angolo fra la Via Firenze e la Via Via XX Settembre, un fabtricato con annessa chiesa, fa istanza alla S.V.Ill.ma per ottenere le
relativa licenza di costruzione.
Il costruttore di detto edificio sarà 11 Sig.Enrico Desirti e C., domiciliato in Roma - P.zza Manfredo Fanti n. 142, il sorvegliante dei
lavori sarà 11 Sig. Eduardo Ruspantini, domiclliato in Via Labicana n.8.
L'edificio sarà compiuto nel termine di anni due e in conformità dei disegni che si allegano.
Per la Soc. Miss. della Chiesa Met. Episcopale

William BURT
Ing. R.Buti
5. Inaugurazione del tempio
Finalmente i lavori hanno inizio, con alcune modifiche rispetto al progetto presentato. Nel settembre del '93 viene posta la prima
pietra dal vescovo Vincent; dopo otto mesi le fondazioni sono completate ed il 9 maggio 1894 viene posta la pietra del cantone alla
presenza del vescovo Newmann. A due anni dalla posa della prima pietra, il tellpio viene inaugurato solennemente dal vescovo
Fitzgerald il 20 settembre 1895.
Evidentemente quella data non fu casuale: essa segnava i primi venticinque anni da quando la città era stata riconsegnata, finalmente,
all' Italia, anzi, al mondo intero, dopo secoli trascorsi sotto l'oppressione pontificia, ed il corteo che quei giorno ripercorreva lungo la
Via XX Settembre il tragitto già percorso dai bersaglieri venticinque anni prima esprimeva, oltre l'entusiasmo dei metodisti
episcopali che inauguravano lungo quella via il loro tempio, anche quello dei molti evangelici presenti. Con i superstiti dei detenuti
politici delle carceri pontificie, con gli esponenti di varie associazioni liberali, sono moIti quelli che inneggiano agli evangelici a
motivo della "libertà di coscienza".
Non sarà inutile riportare alcune righe da "l'Evangelista", settimanale metodista episcopale, dove nel numero del 20 settembre 1895
la coincidenza dei due avvenmenti sembra essere assunta a livello di paradigma storico. Infatti, dopo la presentazione del nuovo
tempio da parte del pastore Felice Dardi ed il saluto della comunità italiana di Filadelfia, nell'articolo "Il nuovoTempio e il XX
settembre", Costantino Tollis cosi scrive:

Sembrerebbe a primo aspetto non esservi relazione alcuna fra l'inaugurazione di un tempio evangelico e la commemorazione solenne
della preesa di Roma per le armi italiane, tornata cosi capitale d'Italia. Tuttavia, chi ben guardi, la relazione vi è, e piu' stretta ed
intima di quello che potrebbe avvisarsi da men avveduto osservatore.
Roma infatti, decadde per l'abbandono del concetto evangelico che trasmutò nel concetto paple. E se il 20 Settembre risorse essa lo
deve al ritorno del concetto evangelico (...)
La data del 20 Settembre ha il significato storico di aver coronata la libertà ed unità italiana col far nostra la capitale dei Papi. (. . .)
trescando col Vangelo del Vaticano si torna al medio-evo, a servitu' e al disfacimento d'Italia: che se voi festeggiate questo
avvenimento solenne, lo dovete ai principi che da questo tempiosi proclamano, a quel Cristo che in questo teapio si annunzia e si
adora.

Nello stesso numero, G.B. di Brancaccio (probabilmente uno pseudonimo) scriveva violentemente sulla "Caduta di Babilonia",
mentre il pastore Vittorio Bani paragonava l'umiliante Enrico IV a Canossa con l'esaltante ingresso di Vittorio Emanuele II a Roma
attraverso la celebre breccia.
Potrà apparire strano che stati d'animo cosi accesi fossero ancora presenti in molti evangelici italiani: dopotutto, Roma era stata tolta
al Papa ed una certa libertà era garantita. Eppure, proprio quelle situazioni portavano ancora a fiere contrapposizioni, giacché la tanto
auspicata Riforma del popolo italiano non trovava realizzazione a causa di quella pesante "mentalità cattolica" così dura a morire,
mentre gli episodi di intolleranza che ancora si manifestavano verso gli evangelici erano il segno di quella "spada di Damocle"
minacciosa sul loro capo e dovuta ad una libertà di coscienza non completamente garantita.

— 169 —
6. Architettura del temio
Tornando al nostro tempio, si nota che, dal punto di vista architettonico, il primo elemento della facciata che Lotti pone in risalto è
costituito dall'ordine gigante di lesene bugnate comprendente il piano terra ed il primo piano: in tal mdo l'edificio, in stile del tardo '
500, assume un aspetto di elegante maestosità, ed il motivo delle lesene, stavolta semplici, è ripreso nel secondo e terzo piano, piu'
bassi dei precedenti, con alla sommità un capitello corinzio, mentre il quarto e ultimo piano è caratterizzato da un agile motivo
ternario ad archetti. Al piano terreno trovano posto dieci alte finestre (otto lungo Via Firenze e due su Via XX Settembre): sonobifore
a tutto sesto, anche queste dal contorno bugnato.
La lesena è quel leggiadro risalto del muro in posizione verticale, con funzione prevalentemente decorativa: presente fin dall'
antichità è soprattutto dal Rinascimento in poi che essa ebbe un larghissimo impiego, dovuto al fatto di suddividere in telai
rettangolari il prospetto delle costruzioni, caratteristica archittettonica di quel periodo, e che sarà ancora ripresa nel Seicento, quando
alla ricerca di nuovi effetti plastici di grande rilievo, moIti architetti accoppiarono le lesene con colonne libere: caratteristiche, infatti,
sono le lesene del Palazzo della Cancelleria (1400), nonché del Palazzo dei Filippini (1600).
Il bugnato, invece, è l'insieme di quei risalti (bugne) lasciati ad arte nelle pietre delle facciate di un edificio per accentuare la
disposizione dei conci. Presto queste sporgenze furono adottate come procedimento architettonico e decorativo per gli effetti di luci
ed ombre da esse prodotte, che toglievano nudità al muro aggiungendo robustezza e solidità all'insieme architettonico. Col
Rinascimento anche il bugnato acquistò grande importanza, spesso utilizzato attorno ai portoni ed agli angoli degli edifici: singolari
sono le bugne a punta di diamante, come purele grandi bugnea bozze del Palazzo di Giustizia di Roma.
Tornando ancora al nostro edificio, la facciata lungo la Via XX Settembre comprende l'ingresso del tempio, evidenziato da un grande
portale in legno (recentemente costruito) preceduto da un cancello, e da un timpano triangolare sorretto da due colonne abbinate
anche qui a lesene, mentre il progetto conservato presso l'Archivio Capitolino prevedeva un grande arco a tutto sesto sopra il
timpano, in corrispondenza del terzo piano, che non fu realizzato, così come le due piccole torri alla sommità dell'edificio.
Anche per l'Interno del tempio vengono riproposti gli elementi già noti: è ripresa la scansione con lesene corinzie sovrapposte
poggianti su un alto basamento e che sorreggono a loro volta un ballatoio o matroneo a ferro di cavallo. le finestre sono bifore a tutto
sesto, con colonne di granito, capitelli e basi di marmo bianco, mentre lo zoccolo basamentale è in granito di Bevento; il soffitto è
finemente lavorato con eleganti motivi circolari fra loro uguali, suddivisi in quindici riquadri da larghi settori corrispondenti alle
lesene laterali. Il motivo delle lesene, semplici e bugnate, unito allo stile corinzio delle colonne, conferiscono slancio ed eleganzaa
questa costruzione, pur nella sua maestosltà, mentre il timpano che sovrasta l'ingresso del tempio sembra aumntare la severità propria
di un luogo di culto.

7. Decorazioni e vetrate
Sempre per ciò che riguarda l'interno del tempio, è doverososo soffermare l'attenzione sulle vetrate e sulle decorazioni parietali
disegnate da Paolo Paschetto nel 1924. Questi, nato a Torre Pellice nel 1885, si era iscritto nel 1904 alI'istituto di belle Arti di Roma,
e ben presto aveva iniziato a riscuotere successi nel campo della grafica e della decorazione. Nel 1905 vinse il primo premio ad un
concorso di decorazione artistica bandito da "La tribuna" di Roma, mentre nel 1907, con un collega. quello per il nuovo biglietto da 5
lire; nel 1911 realizzò alcune decorazioni: il Salone degli stemmi, la sala dei Cimeli Garibaldini, due sale del Mlinistero degli Interni.
Nel 1914 realizza le vetrate del nuovo tempio valdese di Piazza Cavour, al quale seguiranno altre decorazioni per le chiese battiste di
Civitavecchia, Chiavari, Altamura, Roma (Via Urbana e Piazza in Lucina); realizza fra il 1921 e il '22 i disegni per alcuni francobolli
e nel 1939, in occasione del 250° anniversario del "Glorioso Rimpatrio " dei Valdesi, affresca l'abside della sala sinodale a Torre
Pellice. la celebre quercia che affonda le radici nella roccia. Nel 1947 vince il concorso bandito dalla Costituente per l'emblema della
Repubblica: sarà lo "stellone" di Paschetto.
Nel 1924 Paschetto disegna le vetrate del tempio metodista di Via XX settembre: la realizzazione è di Cesare Picchiarini. ed i due
nomi sono riportati, in piccolo, in basso, sulla prima vetrata di destra.
Rispetto le vetrate del tellpio valdese, queste, pur riprendendo temi e silboli cristiani (cfr. lo schema a pagina seguente), se ne
differenziano per l'aspetto piu' geometrico, meno floreale ed involuto; le sezioni che le compongono sono piu' ampie, meno
minuziose, rendendo un effetto di maggiore sobrietà, mentre è da notare che le vetrate di destra ricevono luce naturale dall'esterno e
quelle di sinistra da un'illuminazione artificiale. le suggestive decorazioni parietali sono costituite da due grandi pannelli affrescati ai
lati dell' ingresso, raffiguranti l'uno un roveto ardente, l'altro una croce con gigli. le decorazioni sullo sfondo rappresentano due
gruppi di cherubini mentre sorreggono le scritte di Is.5:3
Cosi come le vetrate anche l'attuale pulpito fu collocato successivamente alla costruzione del tempio: esso si trovava in posizione
centrale a forma di trapezio regolare con due brevi scalette ai lati, come appare in una fotografia di un piccolo volume episcopale del
1930.

TEMI ICONOGRAFICI
Alcune raffigurazioni sono presenti nelle catacombe e provengono quindi dal cristianesimo primitivo. I richiami ai motivi bibl1ci
rappresentano una specie di predicazione per immagini. Dalla prima finestra a destra: Cristogramma E' il segno con cui i primi
cristiani si riconoscevano tra loro (prima ancora della croce).
Colomba E' l'animale che annuncia la fine del diluvio. Ma è anche il simbolo piu' classico dello Spirito Santo.
Giglio Un significato è la purezza (cfr. anche sotto).
Agnello Richiama l'immagine di Gesu', in particolare dall'Evangelo di Giovanni e dall' Apocalisse.

— 170 —
Ancora Simboleggia la fiducia in Dio e la speranza del credente.
Lampada E' la proclamazione della Parola, fonte di luce che non deve mai essere nascosta.
Palma Un riferimento alla pianta che non smette mai di crescere, ma anche all'oasi che si trova in mezzo al deserto.
Arca E' il ricordo della salvezza di Dio (l'Arca di Noè). Prefigura anche il battesimo.
Pruno ardente (affresco) Cosi Dio si presentò a Mosè.
Manna e gigli (affresco) Sonole manifestazioni del soccorso di Dio nell'Antico e nel Nuovo Testamento.
Pane e vino Rappresentano l'Ultima Cena.
Nave Vari passi biblici parlano della nave in balia delle onde, ma la salvezza viene per mezzo di Gesù.
Città sul Monte Nel sermone sul monte non può rimanere nascosta; nella nuova creazione ricorda la Gerusa1emme celeste.
Vite E' il segno del legame con Gesu', secondo l'Ev, di Giovanni.
Candelabro Anche in questo caso ci si riferisce alla comunità, vista nella sua prospettiva culturale.
Pavone L'unico simbolo non strettamente biblico. Dal significato pagano di immortalità, simboleggia la vita eterna».

ORGANO CARLO VEGEZZI-BOSSI (1895)


Manuale unico, pedaliera antica; disposizione dei registri come segue:
[azionati da pomelli ad estrazione disposti in fila unica orizzontale in due gruppi ai lati del leggio al di sopra del II manuale, con nomi incisi]

[gruppo sinistro]
II Manuale – Espressivo
– Ripieno 3 File
– Ottava 4’
– Viola da Concerto 8’
– Viola Gamba 8’
– Bordone 8’
– Eufonio 8’

[gruppo destro]
I Manuale – Grand’Organo
– Principale Diapason 8’
– Dulciana 8’
– Salicionale 8’
– Voce Celeste 8’
– Flauto Armonico 8’
Pedale
– Violoncello 8’
– Subbasso 16’

Accessori
4 Combinazioni Fisse a pistoncino per il II Manuale, 2 Combinazioni Fisse a pistoncino per il I Manuale
Pedaletti per le Unioni: I – Ped; II – Ped; II – I
Staffa Espressione II manuale.
Staffa Crescendo Generale.

Estensione: manuali di 58 note (Do1–La5); pedaliera di 30 note (Do1–Fa3) dritta, leggermente radiale verso la parte
posteriore.
Trasmissione originariamente pneumatico-tubolare, trasformata in trasmissione elettrica nel 1980 da Guido Buccolini;
consolle indipendente, posta al di sotto del pulpito, di fattura particolarmente pregevole (con cornici superiori ad
intaglio, modanature laterali, targa del costruttore in alpacca ecc.), in prossimità del corpo d’organo.

— 171 —
Collocazione in corpo unico nella nicchia realizzata dietro l’ultima bifora della parete laterale destra del tempio, in
corrispondenza della parete presbiteriale.
L’organo, profondamente incassato nella propria cella, è privo di cassa.
Mostra composta da 10 canne del Principale Diapason 8’ disposte in due gruppi di 5 canne, ciascuno con disegno
‘a cuspide’, collocati ciascuno all’interno di un arco della bifora; le canne centrali di ciascun corpo sono mute e più alte
del Do 8’ (che è la seconda canna a destra della colonnina della bifora); bocche ‘a scudo’ allineate orizzontalmente con
ugnature curiosamente molto sporgenti al di sopra delle bocche (come in alcuni antichi organi spagnoli). Lo spazio tra
le sommità delle canne di mostra e gli archi della bifora è coperto da pesanti tendaggi porpora con orlature (un tempo)
dorate.

NOTE
L’organo è stato commissionato contemporaneamente all’inizio dei lavori della chiesa (1893) e realizzato con grande
accuratezza dall’organaro torinese. Purtroppo è fortemente penalizzato non solo dalla posizione laterale all’altezza dello
spigolo tra parete laterale destra e parete presbiteriale ma anche dalla collocazione nella nicchia, dov’è profondamente
incassato. Peraltro la cassa espressiva è posta dietro le canne di pedale che costituiscono uno schermo sonoro assai
pesante, e la stessa intonazione (per quanto possa essere stata ritoccata nel corso del tempo) non è molto sonora.
Tuttavia ha sempre svolto onorevolmente il suo mestiere, giungendo agli anni ’80 del XX secolo praticamente integro.
L’intervento praticato all’epoca da Guido Buccolini è consistito nella trasformazione della trasmissione, da pneumatico-
tubolare ad elettrica, senza apportare modifiche foniche (è stata sostituita la ventola dell’elettroventilatore ma non il
motore, ma il calettamento –che deve avere tolleranze dell’ordine del micron– risultante produce un rumore alquanto
fastidioso). Agli inizi del 2009 è stato affidato a Carlo Soracco per una revisione generale, effettuata secondo normale
prassi e senza imprevisti (salvo l’incidente occorso alle canne di mostra, lasciate per terra ma recintate, che sono state
calpestate da alcuni bambini –incuranti della recinzione– al termine della funzione domenicale del 1° febbraio 2009,
cosa che ha costretto l’organaro a recarsi a Crema dalla Ditta Denti per farle rimettere in forma).
L’organo si presenta attualmente con le caratteristiche (e i limiti) della fonica originale ma è ammirevole per la qualità
dei dettagli. Ne è splendido esempio la sola consolle (con le sue modanature esterne con intagli barocchi sulle cornici e
sui fianchi, con i suoi pomelli e con i pedali e i tasti originali: splendidi quelli diatonici del II Manuale, con i frontalini
arcuati come nei coevi organi inglesi) è un ‘unicum’ tra gli strumenti d’epoca umbertina superstiti in Roma: è un
peccato che sia invisibile, letteralmente occultata dalla boiserie del pesante pulpito (con tanto di spioncino a grata, ‘tipo
confessionale’, per consentire all’organista di guardare anche verso la navata). Bella la targhetta del costruttore, in
alpacca con caratteri incisi, posta tra i pomelli dei registri ma incomprensibile il leggìo, assolutamente povero anche se
installato da molti decenni.
La fonica dell’organo non consente esecuzione di letteratura, tantomeno quella agile e “clementiana” degli Wesley
(musicisti inglesi parenti in primo grado con uno dei fondatori della Chiesa Metodista: John Wesley), ma risulta
adeguata alla polifonia a voci parallele degli inni luterani (come ho sperimentato sul posto). Un miglioramento si
potrebbe ottenere spostando in avanti le canne di mostra (da metà arcata a filo esterno dell’arcata) rimuovendo i drappi
sopra le loro sommità, e ridistribuendo i corpi d’organo all’interno (portando le canne di pedale ai lati o in fondo e
avanzando e sollevando il corpo espressivo), ma ciò non sembra interessare i responsabili della Comunità che peraltro è
accompagnata nei cori da un pianoforte a mezza coda Kaway e da altri strumenti musicali e sintetici.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con il soprano Sergio Colasanti e l’organaro Carlo Soracco (febbraio 2009)

— 172 —
TRASFIGURAZIONE

Trasfigurazione di Nostro Signore Gesù Cristo – Piazza della Trasfigurazione, 1; apertura giornaliera al mattino e al
pomeriggio fino al vespro.
Storia
La parrocchia è stata eretta il 18 giugno 1936 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Romanus
pontifex", usufruendo del titolo e dei redditi della parrocchia di S. Rocco al Porto di Ripetta - soppressa da Pio XI con la lettera
apostolica "Quo animarum" del 31 dicembre 1935, ed è stata affidata al clero diocesano di Roma. Il territorio è stato desunto da
quello delle parrocchie di S. Maria del Carmine e S. Giuseppe al Casaletto, S. Pancrazio e S. Famiglia a Via Portuense. Il
riconoscimento agli effetti civili del provvedimento vicariale è stato decretato il 29 giugno 1939. La proprietà immobiliare è della
Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma. Il progetto architettonico è di Tullio Rossi,
con facciata monumentale a bande orizzontali chiare e scure ed un interno a pianta basilicale a tre navate suddivise da colonne e
profondo presbiterio. Vi sono alcune opere d’arte moderna tra cui il presbiterio, realizzato negli anni ’90 del XX secolo, e una copia
della Trasfigurazione di Raffaello collocata nel catino absidale.

ORGANO TAMBURINI (1940)


Due manuali [G.O. [Exp.] – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale, con nomi incisi; al di sopra, la fila della Combinazione Libera, con
placchette con semplice indicazione numerica]

I Manuale – Grand’Organo [Espressivo] Unioni ed Accoppiamenti


1 Principale 8’ 11 Unione I – Ped.
2 Principale II 8’ 12 Unione II – Ped.
3 Flauto 8’ 13 Acuta I – Ped.
4 Ottava 4’ 14 Acuta II – Ped.
5 Decimaquinta 2’
6 Ripieno 5 File 15 Unione Tastiere
7 Tromba [predisposta] 8’ 16 Acuta II – I
8 Tromba [predisposta] 4’ 17 Acuta I
9 [predisposto] 18 Grave I
10 [predisposto] 19 Grave II – I

20 Acuta II
21 Grave II

II Manuale – Espressivo Pedale


22 [predisposto] 34 Subbasso 16’
23 Bordone 8’ 35 Bordone 8’
24 Viola 8’ 36 Tromba [predisposta] 8’
25 Flauto 4’ 37 Chiarina [predisposta] 4’
26 Nazardo 2’2/3’ 38 [predisposto]
27 Flautino 2’
28 Tromba [predisposta] 8’
29 Oboe Combinato 8’
30 [predisposto]
31 [predisposto]
32 [predisposto]
33 [predisposto]

— 173 —
Accessori
Combinazione Libera a placchette, 5 Combinazioni Fisse
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’, Combinazione Libera.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione I manuale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I, Forte; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica, consolle mobile indipendente del tipo ‘monumentale’ Tamburini, coi guancioni laterali in radica
posta al lato sinistro dietro l’altare maggiore.
Collocazione in tre corpi giustapposti nel catino absidale dietro l’altare maggiore.
Cassa limitata al basamento delle canne.
Mostra in tre campi ciascuno con disegno a cuspide [ 23 15 23 ] di cui i laterali composti da canne di principale, il
centrale composto da canne di Viola.

NOTE
Organo inizialmente collocato in due corpi in posizione assai sacrificata nella stretta cantoria sopra l’ingresso, poi
spostato nella collocazione attualmente visibile (in occasione del rifacimento del presbiterio) da Carlo Soracco che ha
predisposto l’installazione del registro di Tromba, poi non realizzata (ed è un vero peccato). La collocazione e le buone
caratteristiche acustiche della chiesa lo rendono piacevole all’ascolto e riempie bene la vasta chiesa.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza del parroco Battista Angelo Pansa (aprile 2018).

— 174 —
S. VALENTINO AL VILLAGGIO OLIMPICO

S. Valentino – Via Germania 13; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino al vespro.
Storia
Nelle immediate adiacenze dell’attuale Villaggio Olimpico esiste un antico sacello ed una catacomba intitolata ad un Santo Martire
del IV secolo, chiamato Valentino (quindi da non confondere con il Santo Vescovo di Terni, cui è dedicato il Santuario alle porte
della città). In suo onore è stata quindi intitolata la chiesa costruita nel XX secolo come parrocchia del quartiere, divenuto sempre più
popoloso. Per molti anni la messa è stata celebrata in strutture provvisorie finché non è stata realizzata l’attuale chiesa, progettata da
Francesco Berarducci e aperta al culto nel 1986, situata all’interno dell’ampio Villaggio Olimpico. Costruita con materiali
tradizionali (mattoni, peperino, travertino) che occultano le strutture portanti verticali mentre esaltano quelle orizzontali (costituite da
travate reticolari in ferro dipinte di nero), è piuttosto interessante per la complessa strutturazione dei volumi parallelepipedi, ma le
complesse giunture tra finestre e pareti la rendono vulnerabile agli agenti atmosferici (ho visto chiaramente che piove all’interno in
più punti...).

ORGANO STEFANO BUCCOLINI (1990)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale, con nomi incisi; al di sopra, la fila della Combinazione Libera, con
placchette con semplice indicazione numerica; il registro di Campane è azionato dalla 2^ Ottava del II Manuale, ma non ha corrispondente placchetta
della Combinazione Libera]
Campane al II Manuale
– Campane

I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti


1 Principale 8’ 8 Unione I 16’ I
2 Flauto 8’ 9 Unione I 4’ I
3 Ottava 4’ 10 Unione II 16’ I
4 Flauto 4’ 11 Unione II 8’ I
5 Decimaquinta 2’ 12 Unione II 4’ I
6 Ripieno 3 File
7 Tromba 8’

II Manuale – Espressivo Accessori ed Accoppiamenti


13 Flauto 8’ 22 Unione II 16’ II
14 Principalino 4’ 23 Unione II 4’ II
15 Flauto 4’
16 Nazardo 2’2/3’
17 Flautino 2’
18 Cembalo [2 File]
19 Unda Maris 8’
20 Viola da Gamba 8’
21 Oboe 8’

Pedale Unioni ed Accoppiamenti


24 Subbasso 16’ 28 Unione I 8’ Ped
25 Basso 8’ 29 Unione II 8’ Ped
26 Bordone 8’ 30 Unione I 4’ Ped
27 Tromba 8’ 31 Unione II 4’ Ped

— 175 —
Accessori II Manuale
32 Tremolo

Registri Aggiuntivi al II Manuale


[azionati da interruttori a levetta in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale, con nomi incisi; anche i corrispondenti registri nella
Combinazione Libera sono azionati con interruttori simili]
33 Principale 8’
34 XII 2’2/3’
35 Doublette 2’

Accessori
Combinazione Libera a placchette, Combinazioni Fisse
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I, II; Ancia, Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica, consolle mobile indipendente ma posta in modo da limitarne fortemente i movimenti (sotto il
soppalco dell’organo, ma ha davanti un alto gradino che la separa dal presbiterio).
Collocazione in corpo unico a sinistra dell’altare maggiore, su ampio soppalco.
Cassa limitata ad una semplice cornice del corpo d’organo.
Mostra in due campi; uno poco arretrato sulla porta verso la sacrestia, con canne dell’ordine di 4’ disposte ‘a palizzata’
secondo un disegno composto da due ali digradanti verso il centro; l’altro in avanti verso il presbiterio, con canne
dell’ordine di 8’ disposte ‘a palizzata’ anch’esse con medesimo disegno; bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

NOTE
Organo realizzato subito dopo l’apertura al culto della chiesa da Stefano Buccolini (anche se nel suo sito internet non è
menzionato), di tipo ‘multiplo’; nel 2000 è stato ampliato con l’aggiunta dei alcuni registri al II Manuale (Viola da
Gamba 8’, Oboe 8’, Principale 8’, XII 2’2/3’ e Doublette 2’) che ha comportato lo spostamento di placchette e
l’inserimento di alcuni curiosi interruttori a levetta. In particolare, la placchetta della Viola da Gamba è quella che
azionava le Campane, quella dell’Oboe il Tremolo, il Tremolo ha preso il posto del Pedale Automatico (che non c’è
più), la placchetta delle Campane è stata spostata isolata all’estrema sinistra e gli interruttori a levetta degli ultimi tre
registri aggiunti sono stati messi all’estrema destra della consolle.
Complessivamente piuttosto sonoro ma reso sordo dalle caratteristiche acustiche della chiesa, ha un’intonazione un po’
fredda e relativamente piacevole, anche se va rimarcato lo sforzo di una comunità parrocchiale di recente fondazione di
dotarsi subito di un organo a canne.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto con il soprano Paola Polito durante un terribile temporale che faceva sbattere i rami dei pini contro le vetrate (novembre 2008).

— 176 —
S. VITALE A VIA NAZIONALE

S. Vitale e SS. Compagni Martiri in Fovea – Via Nazionale 194/B; apertura giornaliera al mattino e al pomeriggio fino
al vespro.
Aggiornamento
L’organo Organo Schimicci del 1931 è stato rimosso nel 2012 e trasferito in una non meglio precisata chiesa in Romania.

— 177 —
— 178 —
PARTE III – NON VISITABILI O NON FUNZIONANTI - CENNI

— 179 —
— 180 —
SS. ANGELI CUSTODI

Santi Angeli Custodi – Piazza Sempione – Chiesa eclettica progettata da Gustavo Giovannoni al centro della piazza i cui edifici sono
stati tutti progettati da Innocenzo Sabbatini. Contiene un organo Tamburini del 1950 con due manuali, pedaliera e circa dodici
registri collocato sulla cantoria sopra l’ingresso principale.

CAPPELLA DEI NOBILI

Ambiente interno alla Casa Professa annessa alla Chiesa del Gesù, contiene un organo Tamburini del 1930 con un manuale, pedaliera
e circa otto registri collocato sulla cantoria sopra l’ingresso della cappella.

CAVALIERI DI COLOMBO – CAMPO PIO XI

Campo Sportivo dei Cavalieri di Colombo, via Santa Maria Mediatrice, 22 – Nel salone vi è collocato un organo Mascioni del 1955
circa, del tipo “multiplo”, un tempo appartenuto alla Scuola di Musica “Tomas Luis de Victoria” quando questa era ospitata nel
palazzo di Sant’Apollinare, ed acquistato da un privato. Restaurato nel 2010 da Carlo Soracco.

CROCE ROSSA ITALIANA

Croce Rossa Italiana – Comitato Centrale – Via Toscana, 12. Mi è stato riferito che contro la parete fondale della sala delle
Conferenze c’è un organo verosimilmente di costruzione tedesca del 1935 a tre manuali, pedaliera e circa 30 registri. Lo strumento è
racchiuso in una cassa con grate e non ha mostra. Funzionerebbe, pare, anche come auto-organo con sistema a rulli fonotattici. Non si
conosce lo stato di conservazione.

S. FRANCESCO DI PAOLA

San Francesco di Paola ai Monti – Piazza San Francesco di Paola, 10 – Chiesa barocca di grande interesse; chiusa per restauro
integrale. Contiene un organo Ruffatti del 1950 con due manuali, pedaliera e circa venti registri collocato in due corpi ai lati del
presbiterio.

— 181 —
S. GIUSEPPE DEI FALEGNAMI

San Giuseppe dei Falegnami al Foro Romano – Clivo Argentario, 1 – Chiesa barocca di antica origine, è quasi sempre chiusa;
contiene sulla cantoria sull’ingresso principale un organo Giuseppe Migliorini del 1930 con due manuali, pedaliera e circa dodici
registri con bella cassa e mostra in più campi di indubbio interesse. Dopo il crollo del tetto del 28 luglio 2018 la chiesa è
inaccessibile.

S. MARIA DEI MIRACOLI

Santa Maria dei Miracoli – Via del Corso, 528 angolo Piazza del Popolo – Chiesa dirimpettaia di Santa Maria in Montesanto e con la
stessa facciata. In stile barocco a pianta circolare coperta da cupola, contiene nella cantoria a destra del presbiterio un positivo opera
della famiglia Tronci con un manuale, pedaliera e circa nove registri,

S. MARIA DELLA CONSOLAZIONE

SSanta Maria della Consolazione al Foro Romano – Piazza della Consolazione, 94 – Bella chiesa barocca di solenni dimensioni,
contiene sulla cantoria al lato sinistro del presbiterio un organo Ennio Bonifazi [?] della metà del XVII secolo fuori uso da molti
decenni.

S. MARIA DELLA PACE

Santa Maria della Pace – Arco della Pace, 5 – Bella chiesa rinascimentale a pianta ottagonale preceduta da facciata barocca con
portico semicircolare, contiene due cantorie con casse ‘a serliana’ identiche; l’organo reale è sulla cantoria al lato sinistro (su quella
del lato destro c’è solo la cassa con una mostra muta) ed è stato costruito da Giovanni Donadìo «il Mormanno» della metà del XVI
secolo originariamente con cassa rettangolare e mostra a cinque campi, ampliato ed alterato nel corso dei secoli, soprattutto nel XIX
secolo da membri della famiglia Priori. Fuori uso da molti decenni, si è ipotizzato di restaurare e conservare il materiale del XVI
secolo nella cassa sinistra e restaurare e portare quello successivo nella cassa destra, integrandolo opportunamente, in modo da avere
due organi contrapposti reali e funzionanti, ma l’idea non ha avuto seguito.

S. MARIA DELLA SCALA

Santa Maria della Scala – Piazza della Scala – Chiesa barocca di grande interesse ma spesso chiusa, contiene un organo Tamburini
del 1950 con due manuali, pedaliera e circa dieci registri collocato sulla cantoria sopra l’ingresso principale.

— 182 —
S. MARIA DI COROMOTO

Nostra Signora di Coromoto – Largo Nostra Signora di Coromoto, 2 – Chiesa moderna di un certo interesse architettonico progettata
da Massimo Battaglini ed aperta al culto nel 1978, contiene un organo Giovanni Ferraresi del 1995 con due manuali e circa dieci
registri collocato a parete; la consolle è costituita da un organo elettronico a suoni campionati fornito da Audiorama di Pacifico
Camilli di cui costituisce il corpo esterno di canne.

S. MARIA IN AQUIRO

Santa Maria in Aquiro – Via della Guglia 69/B – Chiesa neoclassica sorta su luoghi di culto più antichi, contiene nella cantoria del
lato destro del transetto un organo di Domenico Farinati con due manuali, pedaliera e circa dieci registri, fuori uso da molti decenni.
Accoglienza ostile e villana da parte del parroco p. Augusto Bussi Roncalini.

S. MARIA IN MONSERRATO

Santa Maria in Monserrato degli Spagnoli – Via Giulia, 151 – Chiesa tardo barocca, spesso chiusa, con all’interno buona parte del
patrimonio artistico di San Giacomo degli Spagnoli a Piazza Navona (prima che diventasse Nostra Signora del Sacro Cuore),
contiene un organo costruito da Giuseppe Migliorini nel 1930 e collocato sulla cantoria a sinistra dell’altare maggiore, poi ampliato
ed elettrificato da Giuseppe Zanin nel 1975 occupando anche la cantoria destra e portando la consolle a pavimento in presbiterio.

S. MARIO E COMPAGNI MARTIRI

SS. Mario e Compagni Martiri – Via del Ponte delle Sette Miglia, 245 – Chiesa moderna, progettata dalla Pontificia Opera per la
preservazione della Fede e la provvista di nuove chiese in Roma, si presenta a pianta romboidale con notevole copertura in legno
lamellare (che ha favorito un incendio nel 2005). La parrocchia ha acquistato nel 2000 l’organo Mascioni del Duomo di Correggio,
sostituito da strumento di altra Ditta, ma non l’ha installato. Ciò lo ha salvato dall’incendio del 2005. Successivamente è stato
incaricato Alessandro Giacobazzi della ricostruzione, ma gli fu fatta installare la sola mostra sulla parete fondale dietro l’altare
maggiore, lasciando il lavoro incompiuto. Da allora, le altre parti dell’organo giacciono in deposito in un grande locale parrocchiale
dove le aveva sistemate in ordine e pronte per il rimontaggio Carlo Soracconel 2001.

S. SALVATORE IN LAURO

San Salvatore in Lauro – Piazza di San Salvatore in Lauro, 15 – Chiesa di antiche origini ma rifatta in epoca barocca. Contiene due
organi ottocenteschi: uno grande a sinistra del presbiterio opera della famiglia Priori con un manuale, pedaliera e circa trenta registri,
uno più piccolo a destra del presbiterio opera della famiglia Tronci con un manuale, pedaliera e circa quindici registri, restaurato nel
2012 da Michel Formentelli.

— 183 —
S. SILVESTRO IN CAPITE

San Silvestro in Capite – Piazza San Silvestro, 1 – Chiesa di antiche origini ma rifatta in epoca barocca. Contiene un organo
I. Anneessens & Ruyssers dei primi anni del XX secolo con due manuali, pedaliera e circa dodici registri collocato cantoria sopra
l’ingresso principale, fuori uso da vari decenni.

SS. SUDARIO

SS. Sudario – Via del Sudario – Chiesa barocca di grande interesse ma spesso chiusa, appartenente all’Ordinariato Militare, contiene
un organo Zeno Fedeli del 1912 con un manuale, pedaliera e circa dieci registri collocato sulla cantoria sopra l’ingresso principale.

— 184 —
— 185 —
PARTE IV – CATTEDRALI DEI CAPOLUOGHI DEL LAZIO

— 186 —
— 187 —
CATTEDRALE DI FROSINONE

Cattedrale di Santa Maria Assunta – Piazza Santa Maria, 1 – Frosinone

STORIA
Le origini della chiesa sono paleocristiane: venne innalzata sui resti di un tempio dedicato a Marte sulla cima del colle dove era sorta
l'acropoli dell'antica Frusino, e si ritiene che sia stata cattedrale di un'antica diocesi frusinate che si sarebbe poi fusa con quella di
Veroli nell'VIII secolo. Nel medioevo fu ricostruita in stile romanico, ma venne ampiamente rimaneggiata nel XVIII secolo: fu di
ispirazione per la nuova veste della chiesa la basilica di Sant'Andrea della Valle a Roma. Dell'edificio medievale rimase il campanile
romanico, a tre ordini di finestre bifore. Elevata a Collegiata insigne da papa Benedetto XIV il 15 luglio 1755 con la contestuale
attribuzione al parroco del titolo di arcidiacono, ottenne da papa Pio IX l'uso del trono papale come cattedra vescovile nel 1850.
Seriamente danneggiata dai bombardamenti del 1944, venne completamente restaurata nel 1950. Divenne concattedrale di Veroli-
Frosinone l'11 aprile 1965. È cattedrale della diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino dal 27 febbraio 1987.
La facciata, a salienti, è preceduta da una scalinata in pietra. Essa è suddivisa in due sezioni sovrapposte da un cornicione idealmente
sostenuto, nella parte inferiore, da sei lesene in marmo, intervallate dai tre portali, ognuno coronato da un frontone. Nella parte
superiore, invece, in corrispondenza della navata centrale, si apre un finestrone rettangolare. La facciata è terminata in alto da un
frontone triangolare.
Lungo il lato destro della chiesa, si eleva il campanile (del 1500), sormontato da un cupolino a pianta ottagonale. Nel campanile si
aprono tre ordini sovrapposti di bifore con arco a tutto sesto, sorrette da colonnine in marmo bianco.La base del campanile è fatta di
ciottoli, mentre il resto è fatto di enormi mattoni di pietra.Anche il campanile subì danni durante la seconda guerra mondiale: la
facciata con il grande orologio che dà sul corso aveva un grosso buco circolare e le lancette erano ferme ancora alle ore 22:10.il buco
fu poi riparato.
L'interno della cattedrale è a tre navate separate da pilastri con paraste corinzie. Tra le opere d'arte sopravvissute agli eventi bellici
che il luogo sacro conserva vi è la Madonna con sant'Anna, san Giovannino e angeli del 1641: si tratta di un tondo dipinto dal
Sementi, discepolo di Guido Reni. La cattedrale custodisce inoltre opere pittoriche d'arte contemporanea di Gisberto Ceracchini,
Domenico Purificato, Eliano Fantuzzi, Giovanni Colacicchi, Luigi Montanarini, che narrano la vita della Vergine e del Cristo. Ai lati
dell'altare maggiore, vi sono le statue bronzee dei santi papi frusinati Ormisda e Silverio, patroni della città.

ORGANO TAMBURINI (1957)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale, con nomi incisi; al di sopra, la fila della Combinazione Libera, con
placchette con semplice indicazione numerica]

I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti


1 Principale 8’ 7 Unione I – Ped.
2 Flauto 8’ 8 Unione II – Ped.
3 Ottava 4’ 9 Acuta I – Ped.
4 Decimaquinta 2’ 10 Acuta II – Ped.
5 Ripieno 5 File 11 Unione Tastiere
6 Tromba en Chamade 8’ 12 Acuta II – I
13 Acuta I
14 Grave I
15 Grave II – I
16 Acuta II
17 Grave II

II Manuale – Espressivo Pedale


18 Bordone 8’ 27 Contrabbasso 16’

— 188 —
19 Viola 8’ 28 Subbasso 16’
20 Flauto 4’ 29 Basso 8’
21 Principale 4’ 30 Bordone 8’
22 Nazardo 2’2/3’ 31 Tromba en Chamade 8’
23 Flautino 2’
24 Ripieno 3 File
25 Oboe 8’
26 Tremolo

Accessori
5 Combinazioni Fisse
5 Combinazioni Aggiustabili, Sequencer
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II; Ancia, Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica, consolle mobile indipendente collegata elettronicamente al corpo d’organo e collocata in navata.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria sopra l’ingresso principale.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra in campo unico con disegno a cuspide con ali laterali disposte ‘a palizzata’ [ 14 29 14 ] con alla base la Tromba
en Chamade. Bocche ‘a mitria’ ad andamento contrario.

NOTE
La Banca Popolare del Frusinate, nell’anno del 1500° anniversario della elezione al soglio pontificio di sant’Ormisda, Patrono della
Città di Frosinone insieme a san Silverio, ha finanziato il restauro generale con l’inserimento di migliorare timbriche e sonore
dell’organo. Il pregevole strumento a trasmissione elettrica era stato costruito alla fine degli anno ’50 e, nel tempo, lo stato di
conservazione si è deteriorato fino a renderlo a malapena funzionante. Con questo restauro l’organo tornerà ad essere per il territorio
e per la sua gente anche un importante punto di riferimento culturale. Il 20 giugno 2015, alle ore 21:00, al termine delle celebrazioni
sacre dei Santi Patroni di Frosinone, nella Cattedrale Santa Maria Assunta, per l’inaugurazione del restauro dello strumento si è
tenuto un concerto con brani eseguiti dal Maestro David Toro. L’intervento del 2015 ha comportato l’aggiunta della vistosa Tromba
en Chamade.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Cattedrale_di_Santa_Maria_Assunta_(Frosinone)>

<http://www.tg24.info/frosinone-inaugurazione-per-il-restauro-dellorgano-a-canne/>

— 189 —
CATTEDRALE DI LATINA

Cattedrale di San Marco Evangelista – Piazza San Marco, 1 – Latina

STORIA
La cattedrale di San Marco è il principale luogo di culto di Latina, nel Lazio, sede vescovile della diocesi di Latina-Terracina-Sezze-
Priverno. La chiesa è dedicata a san Marco evangelista in onore dei numerosi Veneti venuti qui negli anni ’30 per bonificare le Paludi
Pontine. La parrocchia è affidata ai sacerdoti della Società Salesiana di San Giovanni Bosco. Il 30 giugno 1932 venne posta la prima
pietra della città di Littoria, in seguito ridenominata Latina, ideata come ulteriore comune affiancato a quelli preesistenti di Cisterna e
Terracina. Il progetto del nuovo centro abitato venne affidato all'architetto Oriolo Frezzotti, che progettò, fra gli altri edifici, anche
una chiesa da collocarsi nel cuore dell'abitato, affinché insieme all'antistante piazza, intitolata originariamente ai Savoia, costituisse il
polo religioso ed educativo della città (in quanto su di essa prospettava anche la sede dell'Opera nazionale Balilla che negli anni ’80 è
stata sede del Conservatorio di Musica).
La costruzione della cattedrale, su progetto di Oriolo Frezzotti, iniziò nel 1932 e terminò l'anno successivo; il 18 dicembre 1933 la
chiesa venne inaugurata e consacrata. La parrocchia venne istituita il 23 novembre 1933 dal cardinale Enrico Gasparri, vescovo di
Velletri; la Società salesiana di San Giovanni Bosco fu invitata da papa Pio XI a prendere la responsabilità di San Marco dopo le
insistenze della popolazione locale e di Benito Mussolini.
Durante la guerra subì un bombardamento che danneggiò la parte absidale e distrusse gli angeli donati dalle comunità venete.
A partire dal 1967 la città entrò a far parte della diocesi di Terracina-Latina, Priverno e Sezze: pur conservando le antiche sedi
episcopali di Terracina, Sezze e Priverno cattedrali e diocesi, proprio in questi anni i vescovi preferirono fissare un'unica residenza a
Latina, dove vennero aperti anche gli uffici della curia vescovile. Il 30 settembre 1986, con il decreto Instantibus votis della
Congregazione per i Vescovi e l'unione delle sedi con la formula plena unione, la chiesa di San Marco a Latina è divenuta cattedrale
della "nuova" diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno.
L'esterno della cattedrale è caratterizzato da forme monumentali e dall’alto portico ad arcate oltre che dal particolare paramento
murario che, nella parte inferiore, vede un'alternanza di fasce in tufo e travertino. La facciata è a capanna e presenta un portico che si
apre, sulla parte anteriore, con tre alte arcate a tutto sesto poggianti su pilastri quadrangolari. In corrispondenza di ognuna di esse, si
apre un portale sormontato da una monofora con vetrate policrome. Nel frontone si trova una scultura raffigurante lo stemma di papa
Pio XI, mentre sui pilastri angolari vi sono le statue in tufo degli Evangelisti, di Francesco Barbieri (1932).
Sulla destra della chiesa, in posizione isolata, si trova l'alta torre campanaria, anch'essa caratterizzata dall'alternanza di tufo e
travertino. Il campanile è a pianta quadrata ed è sormontato dalla cella campanaria, all'interno della quale si trovano tre campane e
che si apre sull'esterno con una monofora su ciascun lato. Sopra la cella campanaria, ad un'altezza di 37 metri da terra, si trova una
replica in marmo della Madonnina del Duomo di Milano.
L'interno è a navata unica con cappelle laterali interconnesse, quattro per lato. La navata è coperta con capriate lignee a vista ed è
divisa in quattro campate da alte lesene in marmo giallo. Le cappelle sono coperte con volta a botte ed illuminate da alte monofore ed
alti archi a tutto sesto le mettono in comunicazione fra di loro. Le vetrate policrome, realizzate nel 2001 su progetto di M. Raffaella
Caldani e Vassilli Baltoyannis, rappresentano Scene della vita di san Giovanni Bosco e della bonifica pontina. La prima cappella di
sinistra ospita il fonte battesimale, originale; la quarta di destra, più profonda rispetto alle altre, ospita a ridosso della parete fondale,
caratterizzata da un'estesa decorazione marmorea, l'altare marmoreo dedicato alla Vergine Maria, sormontato da una statua policroma
raffigurante la Madonna Ausiliatrice.
Nella parete fondale della navata centrale si apre la profonda abside, affiancata a sinistra dal tabernacolo e, a destra, dalla statua
bronzea raffigurante San Marco Evangelista di Francesco Nagni (1960). L'abside ospita il presbiterio, rialzato di alcuni gradini
rispetto al resto della chiesa, il cui assetto attuale risale al 1986; al centro, rialzato, si trova l'altare maggiore, sormontato dal
Crocifisso, alle spalle del quale vi è la cattedra episcopale lignea. La parete fondale del presbiterio, distaccata da quella dell'abside, è
decorata da una fascia di moderni mosaici, opera di Valter Cinti.

ORGANO GUIDO PINCHI (1989)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del II manuale, con nomi incisi]

— 190 —
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 16’ 10 Unione Tastiere
2 Principale 8’ 11 Unione I – Ped.
3 Flauto 8’ 12 Acuta I – Ped.
4 Dulciana 8’ 13 Unione II – Ped.
5 Ottava 4’ 14 Acuta II – Ped.
6 Sesquialtera 2 File 15 Acuta II – I
7 Decimaquinta 2’ 16 Grave II – I
8 Ripieno 5 File 17 Acuta I
9 Tromba 8’ 18 Acuta II

Annulli
A Ance
A Ripieni
A 16’ al Manuale
A Ottave Gravi
A Ottave Acute

II Manuale – Espressivo Pedale


19 Principale 8’ 31 Contrabbasso 16’
20 Bordone 8’ 32 Principale 16’
21 Viola 8’ 33 Subbasso 16’
22 Celeste 8’ 34 Basso 8’
23 Ottava 4’ 35 Bordone 8’
24 Flauto 4’ 36 Ottava 8’
25 Nazardo 2'2/3’ 37 Flauto 4’
26 Flautino 2’ 38 Bombarda 16’
27 Decimino 1'3/5’ 39 Tromba 8’
28 Ripieno 3 File 40 Tromba 4’
29 Trombina 8’
30 Tremolo
Accessori
5 Combinazioni Fisse
5 Combinazioni Aggiustabili, Sequencer
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II; Ancia, Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica, consolle mobile indipendente collegata elettronicamente al corpo d’organo e collocata in navata
a destra prima del presbiterio..
Collocazione In 2 corpi ai lati dell'altare maggiore, verso l'abside, che occupano due nicchioni con balconcini a mo' di
cantorie.
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Ciascun Corpo ha una Mostra in zinco circa 12' con disegno a cuspide con ali laterali. Bocche ‘a mitria’ ad andamento
orizzontale

NOTE
Come la maggior parte degli strumenti costruiti dall'organaro Libero Rino Pinchi, anche questo aveva "troppi" timbri violeggianti,
tuttavia v'era una certa logica ed un certo equilibrio fra i manuali, grazie soprattutto al Ripienino e al robusto Principale 8' del II
manuale. Purtroppo, il Pedale, pur avendo 3 fondi 16', era relativamente debole. A questi "inconvenienti", in realta' precise scelte

— 191 —
artistiche secondo le vedute dell'organaro (come nell'Organo della Chiesa dell'Immacolata in Via Veneto a Roma, piu' piccolo, ma
con gli stessi fondamenti) pose fine il figlio Guido con l'intervento del 1988-89.
Avevo suonato l'Organo di S.Marco di Latina nel 1982, ancora allo stato originario e ho constatato che attualmente esso e' tutt'altro
strumento, ma lo stato attuale è migliore del precedente. Infatti l'intervento del 1988-89, ha dato il beneficio all'organo delle nuove
trasmissioni e delle ance al Pedale, ma ha anche soppresso molti bei registri romantici (soprattutto la Voce Corale 8' del II Manuale,
vera perla d'intonazione). Con cio' si e' snaturata gran parte della logica stessa dello strumento di Libero Rino. Inoltre, se proprio si
voleva fare questo poderoso intervento, si poteva anche realizzare un III Manuale (anche solo per mettervi i Registri soppressi) e dare
maggior senso ai soldi spesi.
L’idea di aggiungere un corpo corale a pavimento nell’ultima cappella a destra della navata e una nuova consolle a tre
manuali è stata a lungo promossa dall’organista titolare, il mio Maestro Mauro Bassi. Purtroppo però non se ne è fatto
nulla, nonostante i numerosi preventivi richiesti a varie ditte.
Si riporta di seguito la disposizione fonica originale del 1967:

I Manuale - Grand'Organo II Manuale - Espressivo Pedaliera

Principale 16' Principale 8' Contrabbasso 16'


Principale 8' Bordone 8' Principale 16'
Flauto 8' Viola 8' Subbasso 16'
Dulciana 8' Celeste 8' Basso 8'
Ottava 4' Salicionale 8' Bordone 8'
Unda Maris 2 File 8' Flauto 4' Ottava 8'
Decimaquinta 2' Ottava 4' Flauto 4'
Ripieno 5 File Nazardo 2'2/3'
Tromba 8' Flautino 2'
Ripieno 3 File
Oboe 8'
Voce Corale 8'
Tremolo

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Cattedrale_di_San_Marco_(Latina)>

Sopralluoghi compiuti personalmente e con il mio Maestro Mauro Bassi dal 1982 al 2008.

— 192 —
CATTEDRALE DI RIETI

Cattedrale di Santa Maria Assunta – Piazza Cesare Battisti, 1 – Rieti

STORIA
La cattedrale di Santa Maria Assunta è il luogo di culto cattolico più importante di Rieti, duomo della città e chiesa madre della
diocesi omonima. È decorata del titolo di basilica minore ed è annoverata tra i monumenti nazionali. Alcuni ambienti del duomo e
delle sue adiacenze fanno parte del percorso espositivo del Museo diocesano dei Beni Ecclesiastici.
L'iscrizione murata al pianterreno del Palazzo Vescovile, che ricorda la posa della prima pietra il 27 aprile 1109. In realtà la primitiva
cattedrale di Rieti risale al VI secolo ed era dedicata a Santa Maria. Questa venne rifatta nel corso del XII secolo dal vescovo locale
Benincasa e fu consacrata da papa Onorio III il 9 settembre 1225. La cripta, comunemente detta basilica inferiore per la sua
grandezza e per il fatto di trovarsi a livello del piano stradale, fu edificata fra il 1109 ed il 1157, e consacrata il 1º settembre del 1157
dal vescovo locale Dodone. Tutto il XIII secolo fu un periodo di splendore e prosperità economica per la città di Rieti, che fu spesso
eletta a sede papale: nell'arco di un secolo vi risiedettero i papi Innocenzo III (1198), Onorio III (nel 1219 e nel 1225), Gregorio IX
(nel 1227, nel 1232 e nel 1234), Niccolò IV (tra il 1288 ed il 1289) e Bonifacio VIII (nel 1298). La presenza della curia nella città
rese necessaria la costruzione del Palazzo Vescovile (o Palazzo Papale), edificato tra il 1283 e il 1288 a fianco del Duomo, e rese la
Cattedrale testimone di importanti avvenimenti storici: il 13 luglio 1234 papa Gregorio IX vi celebrò la messa di canonizzazione di
san Domenico, fondatore dell'ordine domenicano; il 29 maggio 1289 Carlo II d'Angiò, figlio di Carlo I d'Angiò e fratello del Re di
Francia Luigi IX il Santo, venne qui incoronato Re di Puglia, di Sicilia e di Gerusalemme da Papa Nicolò IV.
Nel 1253 fu innalzato il campanile, opera dei maestri lombardi Pietro, Andrea ed Enrico. Il battistero è del XIV secolo, mentre risale
al 1458 il portico che collega il battistero al duomo, costruito per volere del vescovo Angelo Capranica. Lo stile originariamente
romanico fu contaminato dalle modifiche dei secoli successivi, soprattutto negli interni dove venne completamente perduto a
vantaggio dello stile barocco. Nel 1639 il cardinale Gianfrancesco Guidi di Bagno, vescovo di Rieti, fece incorniciare le colonne che
dividono le navate in dei grandi pilastri rettangolari, collegandoli longitudinalmente con cinque archi per lato, e coprì con una volta il
soffitto a travatura scoperta della navata centrale. Nel corso del Settecento furono costruite dieci cappelle gentilizie (di cui 2 nel
transetto ed 8 nelle navate laterali) con le quali mutò anche l'aspetto esterno delle fiancate del Duomo, che furono allargate per far
spazio alle cappelle e videro la scomparsa della pietra a favore di un muro intonacato.
In seguito al terremoto del'ottobre 1785 fu necessario l'abbattimento dell'abside; il vescovo Saverio Ermenegildo Marini, a capo della
diocesi dal 1779 al 1812, fece ricostruire il catino absidale e, su progetto dell'architetto pesarese Tommaso Bicciagli, tra il 1794 ed il
1795 fece erigere la cupola. Inoltre, per armonizzare la nuova abside con gli elementi decorativi preesistenti, riallestì l'altare
maggiore ed il presbiterio costruendovi un grande ciborio, opera del romano Alessandro Cartoni.
I lavori in riparazione dal terremoto continuarono anche negli episcopati successivi: gli stalli del coro dei canonici furono sostituiti,
nell'abside fu aggiunta una decorazione in finti marmi (opera di Luigi Bracchi) e nel 1828 il vescovo Gabriele Ferretti ne fece
affrescare le pareti da Pietro Paoletti. I lavori furono terminati nel 1851 con il rifacimento della pavimentazione dell'intera basilica,
affidato dal vescovo Gaetano Carletti all'architetto Luigi Cleomene Petrini di Camerino, che sostituì la pavimentazione cosmatesca
del XIII secolo con dei marmi (rosati nel transetto, a losanghe bianche e grigie nelle navate), murando nelle pareti le lastre tombali
che vi si trovavano.
Nel settembre 1841 papa Gregorio XVI la elevò alla dignità di basilica minore.
Il terremoto del 1898 danneggiò gravemente il campanile, che era stato condannato alla demolizione da una perizia del genio civile e
venne salvato solo grazie alla volontà del vescovo Bonaventura Quintarelli, che pagò a titolo personale le spese per il suo
consolidamento.
Tra gli anni venti e trenta del Novecento fu sottoposta a dei sostanziosi interventi di ripristino ad opera di Francesco Palmegiani, che
interessarono anche l'adiacente Palazzo Vescovile, con i quali il Palmegiani, alla continua ricerca della "romanità" esaltata dal regime
fascista, portò avanti delle scelte radicalmente puriste, ripristinando dove possibile l'originario aspetto romanico. Nella facciata fu
rimosso il finestrone settecentesco e l'intonaco che copriva la muratura in pietra; inoltre furono distrutti gli affreschi seicenteschi
delle pareti della basilica inferiore.
La facciata principale dell'edificio si affaccia con il portico e il campanile su Piazza Cesare Battisti, sulla quale si affaccia anche il
Palazzo Vincentini, sede della prefettura, caratterizzato da un giardino all'italiana. Il portico della facciata ha anche una doppia arcata
che dà su Piazza Mariano Vittori, sul lato destro della chiesa. Su questa piazza si affaccia il Palazzo Vescovile, praticamente
attaccato all'edificio della cattedrale. Quest'ultimo è caratterizzato dalla facciata a capanna preceduta da un portico con due arcate a
tutto sesto e volta a crociera, sormontato da un loggiato con tetto a spiovente poggiante su pilastri e colonnine; nella parte superiore
della facciata, si apre un rosone circolare. Il palazzo Vescovile è affiancato a sinistra da Via Cintia, lungo la quale si trova l'arco di

— 193 —
Bonifacio VIII; la facciata che dà su questa strada è caratterizzata dalle finestre rinascimentali con cornice in marmo che danno luce
al piano nobile.
La facciata della cattedrale, originariamente incompiuta, fu restaurata secondo lo stile romanico nella prima metà del XX secolo. La
parte superiore è caratterizzata da una decorazione con archetti pensili; su di essa si aprono tre monofore leggermente strombate.
Il sagrato è coperto da un portico, aggiunto nel 1458, a cui si accede sia dal fronte di piazza Cesare Battisti sia lateralmente da piazza
Mariano Vittori / via Cintia. Per mezzo del portico si raggiungono i tre ingressi della Cattedrale, quello del battistero e quello della
torre campanaria.
I tre portali di accesso alla cattedrale sono in stile romanico, sovrastati da lunette con resti di affreschi del Quattrocento; il portale
centrale, finemente ornato con motivi floreali e zoomorfi, è una delle opere più pregevoli della Cattedrale. Sempre all'interno del
portico, incorporati nella facciata a sinistra dei portali, si trovano lo stemma e il monumento funebre del cardinale Angelo Capranica,
il quale fu vescovo di Rieti per due volte (dal 1450 al 1468 e dal 1477 al 1478) e artefice della realizzazione del portico; le sue
spoglie riposano invece nella basilica di Santa Maria sopra Minerva a Roma.
Ha il suo ingresso sul portico anche la torre campanaria romanica, a pianta quadrata. Sulla parete della torre campanaria interna al
portico, dal lato di via Cintia, si trova parzialmente sbiadito l'affresco Il miracolo della campana di Marcantonio Aquili (1510), il
quale ricorda un avvenimento miracoloso del 1459 (quando la grande campana della Cattedrale, detta di Santa Barbara, precipitò al
suolo senza rompersi e senza causare feriti).[8] Nella parte alta del campanile si aprono due piani di coppie di bifore, che danno sulla
cella campanaria.
Il battistero di San Giovanni in Fonte costituisce corpo a sé stante ed è adiacente al lato meridionale del duomo, a cui è collegato dal
portico. A pianta rettangolare, è abbellito da eleganti volte a crociera e da quattro nicchie laterali, di cui quelle di sinistra decorate
con affreschi di fine Quattrocento. Al centro è collocato il fonte battesimale, con le insegne del vescovo Capranica e ricchi ornamenti
decorativi. Il battistero ospita attualmente il Museo del Tesoro del Duomo, parte del percorso espositivo del Museo diocesano.
All'interno si trovano: due nicchie affrescate dal reatino Domenico Papa (XV secolo); una fonte battesimale in marmo (XV secolo);
Gesù Cristo benedicente, affresco distaccato e riportato su tela (XIII secolo), proveniente dalla Chiesa di San Sebastiano a Canetra di
Castel Sant'Angelo; alcuni affreschi distaccati dalla chiesa di San Domenico di Rieti; una mostra d'altare (fine XVI secolo); una
pianeta tessuta ad arazzo di provenienza tedesca; alcune statue in legno (secoli XIV-XVII).
L'interno della cattedrale è in stile barocco con pianta a croce latina, con tre navate, transetto e profonda abside.
Le tre navate sono separate da due file di archi a tutto sesto poggianti su pilastri a base rettangolare rivestiti con marmi policromi;
nella navata centrale, ai pilastri sono addossate delle lesene lisce ioniche, anch'esse in marmo. Le tre navate sono coperte con volta a
botte lunettata, rivestita d'intonaco bianco semplice nelle navate laterali, dipinta con cassettoni monocromi nella navata centrale;
quest'ultima è illuminata da finestre rettangolari poste sulle due pareti laterali e dalle tre monofore romaniche (all'interno occultate
come tre grandi finestroni) della controfacciata. A metà della navata centrale, sulla destra, si trova il pulpito ligneo settecentesco.
Il presbiterio, rialzato di alcuni gradini rispetto al resto della chiesa, ospita l'altare maggiore, nel quale sono custodite le spoglie della
patrona Santa Barbara, occupa la crociera, coperta con cupola esternamente ottagonale e internamente circolare, e la profonda abside.
Quest'ultima, è decorata con affreschi realizzati nel XIX secolo da Pietro Paoletti raffiguranti Storie della vergine Maria: la Natività,
la Presentazione al Tempio, l'Annunciazione, la Visitazione e l'Immacolata Concezione. Sotto la cupola, vi sono al centro il ciborio
marmoreo ottocentesco in stile neoclassico e, sulla sinistra, la moderna cattedra vescovile in marmo.
All'interno si trovano sculture di Federico di Filippo di Ubaldo da Firenze, Gian Lorenzo Bernini, Giovanni Antonio Mari, Lorenzo
Ottoni e i dipinti di Antoniazzo Romano e del figlio Marcantonio Aquili, di Lorenzo Torresani, Andrea Sacchi, Francesco Romanelli,
Lattanzio Niccoli, Vincenzo Manenti.
Attraverso una porta che si apre nella parete fondale del braccio sinistro del transetto, si accede alla cappella delle Reliquie, o Coro
d'inverno. Tra le più antiche dell'edificio, la cappella fu restaurata nel 1652 in stile barocco. Sulla parete di fondo, si trova l'altare
marmoreo, costituito dalla mensa con paliotto in marmi policromi, sormontata dall'ancona, costituita da due colonne corinzie lisce
con al centro l'armadio delle reliquie, chiuso da due ante in legno di noce scolpite nel 1657 dall'ebanista reatino Carlo Porrina. Nel
1744 furono inseriti i 36 scanni situati in due gruppi a ridosso delle pareti laterali, per poter essere adibita a coro d'inverno. Al centro
della cappella, si trova l'antico fonte battesimale in marmo bianco con angioletti scolpiti. La cappella dedicata a Santa Barbara
(quarta a sinistra), progettata da Gian Lorenzo Bernini, è una delle più importanti e più riccamente decorate. L'altare, opera di
Sebastiano Cipriani, fu costruito nel 1725. Sul pavimento è visibile lo stemma del Comune di Rieti, incluso a mosaico veneziano. Le
opere contenute sono: Statua di Santa Barbara con la fiaccola in mano, del reatino Giannantonio Mari su bozzetto di Gian Lorenzo
Bernini; inserito nel timbro dell'altare, altorilievo della Concezione (1718-1728) di Lorenzo Ottoni; nelle quattro nicchie, statue
raffiguranti san Francesco, san Prosdocimo, fondatore della Chiesa reatina, san Nicola di Bari, beata Colomba da Rieti, due quadri di
Antonio Concioli, raffiguranti il martirio e la decapitazione di Santa Barbara; nel medaglione e nelle due lunette della volta dell'altare
vi è raffigurata la Gloria di santa Barbara di Giovanni Odazzi (1730).
La cappella di santa Caterina, intitolata alla santa di Alessandria, è la cappella gentilizia dei conti Vincenti Mareri, progettata da
Giuseppe Valadier (terza a sinistra). La decorazione delle pareti a scagliola è del romano Luigi Mazzanti, mentre la cupola è ricoperta
da un affresco di Bernardo Petrazzi. La cappella ospita un quadro di Domenico Bartolini (1827) raffigurante la Madonna con Gesù
bambino, santa Caterina e santa Filippa Mareri. Fu costruita verso la metà del XIV secolo, e fu intitolata a Santa Caterina nel secolo
successivo. Nel 1841 fu completamente rifatta dall'architetto Giovanni Ceccarini su progetto di Giuseppe Valadier, grazie ad una
donazione del conte Giacinto Vincenti Mareri.
Al di sotto del pavimento del transetto della cattedrale si trova la cripta romanica, edificata fra il 1109 ed il 1157 e detta anche
basilica inferiore, che è collegata all'attiguo Palazzo Papale tramite un vestibolo. La cripta è costituita da un unico ambiente diviso in

— 194 —
nove navatelle di tre campate ciascuna da 16 colonne di spoglio con capitelli scolpiti di diversa forma sulle quali poggiano le volte a
crociera, che costituiscono il soffitto dell'ambiente. Una di queste colonne, la prima a destra entrando, è costituita da una pietra
miliare della via Salaria, con iscrizione risalente al IV secolo. Nell'abside vi sono tracce di affreschi del XIV secolo, tra cui un
Apostolo Pietro e un San Giorgio che combatte il drago. Il moderno altare è rialzato rispetto al resto di due gradini ed è costituito da
una mensa in marmo poggiante su due colonnine dello stesso materiale; alle sue spalle, si trova l'antica cattedra vescovile barocca in
legno. La volta sopra l'altare è dipinta con elementi geometrici dorati intrecciati su uno sfondo blu.

ORGANO GIUSEPPE ZANIN (1975)


Tre manuali [Pos. – G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette disposte in fila unica orizzontale al di sopra del III manuale, con nomi incisi]

I Manuale – Organo Raffaele Fedeli (1788) – Corpo destro (1788)

«Ripieno» «Concerto»«Concerto»

1 Principale 8’ Mostra 17 Flauto in VIII 4’


Flauto 9in VIII 4’
2 Ottava 4’ 18 Flauto in XII
Flauto10in XII 2’2/3’ 2’2/3’
3 XV 2’ 19 Flauto in XVII
Flauto11in XVII 1’3/5’ 1’3/5’
4 XIX 1’1/3’ 20 12 3 Cornetto
Cornetto File 3 File Soprani Soprani
5 XXII 1’ 21 Tromba13 Tromba 8’ Bassi8’ Bassi
6 XXVI 2/3’ 22 14 Violino
Violino 8’ 8’
Soprani Soprani
7 XXIX 1/2’ 23 15 Clarino
Clarino 8’ 8’
Soprani Soprani
8 Voce Umana 8’ Soprani 24 16 Contrabbassi 16’
Contrabbassi 16’
nei Pedali nei Pedali

II Manuale – Grand’Organo – Corpo II – lato sinistro del transetto

25 Bordone 16’
26 Principale 8’
27 Ottava 4’
28 XV 2’
29 XIX . XXII 2 file (sic)
30 Ripieno 4 file
31 Flauto 8’
32 Sesquialtera 2 File
33 Tromba 8’

Unioni ed Accoppiamenti

34 Unione I 8’ Ped 40 Unione I 4’ Ped


35 Unione II 8’ Ped 41 Unione II 4’ Ped
36 Unione III 8’ Ped 42 Unione III 4’ Ped
37 Unione III 8’ I 43 Unione I 4’ I
38 Unione I 8’ II 44 Unione I 4’ II
39 Unione III 8’ II 45 Unione I 16’ II
46 Unione II 4’ II
47 Unione III 4’ II
48 Unione III 16’ II
49 Unione III 4’ III

III Manuale – Espressivo – Corpo II – lato sinistro del transetto

— 195 —
50 Bordone 8’ 55 Silvestre 2’
51 Principalino 4’ 56 Decimino 1’3/5’
52 Cimbalo 3 File 57 Viola 8’
53 Flauto 4’ 58 Voce Celeste 8’
54 Nazardo 2’2/3’ 59 Oboe 8’
60 Tremolo

Pedale – Corpo II – lato sinistro del transetto

61 Contrabbasso 16’ 65 Subbasso 16’


62 Ottava 8’ 66 Bordone 8’
63 XV 4’ 67 Flauto 4’
64 XXII 2’ 68 Fagotto 16’
69 Tromba 8’
70 Violone (sic) 4’

Annulli

71 A Ancia I 76 A Mutazioni
72 A Ancia II 77 A [Unioni] Man.[uali] – Ped.
73 A Ancia III 78 A 16’ Manuali
74 A Ancia Ped 79 A Ottave Gravi [Unioni 16’]
75 A Ripieni 80 A Ottave Acute [Unioni 4’]
Accessori
6 Combinazioni Fisse
6 Combinazioni Aggiustabili, Sequencer
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione III manuale.
Pedaletti Ripieno I, Ripieno II, Ripieno III; Ancia, Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica (ad eccezione di quella interna del corpo destro che è tuttora suonabile separatamente essendo
state conservate le trasmissioni meccaniche e la consolle a finestra con estensione Fa-1–Fa5), consolle mobile
indipendente collegata ai corpi d’organo e collocata a destra del presbiterio.
In due corpi collocati sulle cantorie delle pareti fondali del transetto. Il Corpo I è sistemato nel lato destro del transetto,
il Corpo II in posizione simmetrica nel lato sinistro, contro la parete che divide il transetto con la Cappella del Coro dei
Canonici (Sala Capitolare).
Ciascun corpo ha cassa rettangolare, monumentale, inquadrata da lesene e sormontata da cornice orizzontale. La Cassa
del Corpo I risale al XVIII sec. mentre quella del Corpo II ne imita in modo semplificato struttura e decorazioni ed è di
imitazione (risale al 1975) ed è affiancata sul lato destro dalla Cassa Espressiva.
Ciascun corpo ha mostra composta da 25 canne del Principale 8’ disposte in tre campi ciascuno con disegno a cuspide
[ 9 / 7 / 9 ]; nel corpo destro le canne di mostra hanno davanti ai piedi Trombe Basse e il Clarino Soprani a mo’ di
Tromboncini (cosa frequente negli organi antichi di Rieti).

NOTE
La presenza di organi nella cattedrale di Rieti sarebbe documentata dal XV sec. (a detta di Stefano Conti e di Roberto e Ruggero
Russi), anche se probabilmente si trattava di un positivo guidavoce. L’organo monumentale sulla cantoria del transetto destro è stato
costruito da Raffaele Fedeli nel 1788 e ampliato da Francesco Tessicini nel 1838; si tratta di un organo di 12’, con un nutrito ripieno
ed un altrettanto ricco concerto (pare che avesse anche alcune Trombe Orizzontali, come mi ha riferito Stefano Conti che ha notati

— 196 —
alcuni fori alla base delle mostra). Ad esso è stato poi aggiunto uno strumento simmetrico sulla cantoria sinistra, che probabilmente
avevava doppia mostra e doppia meccanica per poter essere utilizzato anche dalla retrostante Cappella del Coro (Sala Capitolare)
dove tuttora esiste la piccola cantoria in corrispondenza del fondocassa dell’organo.
Nel 1925, in occasione dell’anno giubilare e del settimo centenario della consacrazione della Cattedrale, l’organo di sinistra è stato
rimosso per essere rimpiazzato da un nuovo organo costruito dei Fratelli Aletti di Monza (discendenti e prosecutori dell’attività di
Giuseppe Aletti) dotato di possente Ripieno con base 16’ ma di un Espressivo piuttosto esiguo; le canne in mostra erano disposte “a
canneto” privo di cassa. Questo strumento è durato meno di 50 anni dato che è stato smontato già nel 1970 in vista di una completa
ricostruzione, in realtà avvenuta solo nel 1975, con il sostanzioso finanziamento della Cassa di Risparmio di Rieti. Infatti nel 1975 è
stato ricostruito l’organo di sinistra ad opera di Giuseppe Zanin e del figlio Franz, con il collegamento elettrico anche dell’organo di
destra (pur restando possibile l’azionamento indipendente di esso). Nel frattempo l’organo Aletti è stato ceduto alla parrocchia di
Santa Maria delle Grazie di Piani di Poggio Fidoni dov’è stato rimontato dall’ “Organaro della Bravetta” e successivamente
restaurato da Giuseppe Ponzani (2006).
L’organo risente pesantemente della forzata fusione su un’unica consolle di due strumenti completamente differenti.
L’organo costruito da Raffaele Fedeli nel 1788 mantiene la sua notevole sonorità, nonostante le condizioni non proprio
ottimali di conservazione, che non riesce ad essere “sottomessa” (né poteva esserlo) alla sonorità dell’organo Zanin.
Quest’ultimo, nato per essere uno strumento indipendente e solo in corso d’opera unito all’altro, è pur un pregevole
strumento (per le sue caratteristiche e per i suoi timbri anche se alcuni Registri sono in derivazione per risparmiare
spazio e materiali) ma qualitatativamente inferiore ad altri strumenti realizzati dallo stesso organaro.
Sembra che la decisione di unire i due strumenti fosse propugnata dall’organista (poi parroco) don Nicola (Lino)
Marcelli. Ciò da una parte ha permesso la salvaguardia dell'antico strumento (abbandonato da tempo), ma dall'altra lo
ha snaturato perché (oltre all’accordatura al La 440 Hz) l’intonazione è stata data per rendere meno inconciliabili i corpi
d’organo (nonostante che in pratica [non si sa se la cosa sia voluta o meno] l'Organo Zanin risulta "sottomesso"
fonicamente all'antico) e si sono vanificate le possibilità di serio restauro.
L'Organo del 1975, "Fedeli + Zanin", è stato inaugurato da Fernando Germani nel 1976 ed ha conosciuto un’intensa
"gioventù concertistica" fra il 1975 e il 1982, con esibizioni di Arturo Sacchetti, James Goettsche e Luigi Celeghin
(quest'ultimo poi, a detta di Franco Giuli, avrebbe inciso una rarissima musicassetta suonando il solo Organo Fedeli,
con musiche del XVII e XVIII Sec., nel 1988 circa).
Di seguito la disposizione fonica dell’organo Aletti come rilevabile attualmente a Piani di Poggio Fidoni:
Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali]
I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti
1 Principale 16’ 8 Unione I – Ped
2 Principale 8’ 9 Ottava Acuta I – Ped
3 Bordone 8’
4 Ottava 4’ 10 Unione Manuali
5 Decimaquinta 2’ 11 Ottava Grave I
6 Ripieno 4 file 12 Ottava Grave II – I
7 Tromba 8’ 13 Ottava Acuta I
14 Ottava Acuta II – I

II Manuale – Espressivo Unioni ed Accoppiamenti


15 Flauto a Camino 8’ 19 Unione II – Ped
16 Viola 8’ 20 Ottava Acuta II – Ped
17 Voce Celeste 8’
18 Flauto 4’ 21 Ottava Grave II
22 Ottava Acuta II

Pedale Annulli
23 Subbasso 16’ A Tromba 8’
24 Basso 8’

Accessori
4 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
Combinazione Libera a placchette.

— 197 —
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I, Forte II, Ancia, Tutti.

Estensione: Manuali di 58 note (Do1–La5); Pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione integralmente elettrica, revisionata; consolle mobile indipendente collocata in genere a fianco del corpo
d’organo.
Collocazione in corpo unico lungo il fianco sinistro della chiesa.
Cassa limitata al basamento e a sobrie cornici che suddividono la mostra in cinque campi.
Mostra composta da 5 campi ciascuno con disegno a cuspide.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Cattedrale_di_Santa_Maria_Assunta_(Rieti) >

Suonato nel luglio 1991 alla presenza di Roberto e Ruggero Russi, Stefano Conti e don Lino Marcelli.

Sopralluogo a Piani di Poggio Fidoni nel 1996 e alla presenza dell’organaro Giuseppe Ponzani (settembre 2006).

— 198 —
CATTEDRALE DI VITERBO

Cattedrale di San Lorenzo – Piazza San Lorenzo, 1 – Viterbo

STORIA
La cattedrale di San Lorenzo è il principale luogo di culto della città di Viterbo, sede vescovile della diocesi omonima.
Chiesa romanica realizzata alla fine del XII secolo quando la città di Viterbo ed il suo circondario furono erette a diocesi da papa
Celestino III nel 1192 e questa chiesa riedificata per in nuovo ruolo di cattedrale; modificata in epoca gotica durante il periodo in cui
si tenevano conclavi a Viterbo (in questa chiesa sono stati sepolti 3 papi, tra cui Giovanni XXI –il cui sepolcro è oggi nel lato sinistro
del transetto– e Alessandro IV la cui sepoltura fu nascosta così bene da non essere più trovata).
Trasformata in stile rinascimentale durante l’arcivescovado del Cardinale Giovanni Gambara (che ha voluto la facciata monumentale
e ha fatto trasformare gli interni), è stata arricchita in epoca barocca con altari, dipinti e due cappelle laterali (tra cui quella sinistra
della Famiglia Muti, dedicata a Santa Lucia (con pala di Ludovico Mazzanti: Madonna con Bambino che accoglie Santa Lucia in
Paradiso; e quella destra dedicata a due Martiri Viterbesi e oggi contenente il SS. Sacramento).
In quest’epoca è stato anche realizzato un organo sotto l’ultimo arco destro della navata centrale. Al XVIII sec. risale il magnifico
coro con volta affrescata e grande pala dedicata a San Lorenzo. Nel XIX sec. è stata realizzata una cantoria sopra l’ingresso
principale con un nuovo organo. Nel marzo del 1940 papa Pio XII elevò la chiesa alla dignità di basilica minore.
Le tre navate sono state quasi interamente distrutte dai bombardamenti alleati del 1944 poi sono state ricostruite (1950–1960) in
presuntivo stile romanico, come attualmente si vede. In tale occasione sono state costruite tre absidi di cui la centrale occulta il
magnifico coro barocco (risparmiato dai bombardamenti e oggi conservato come cappella a se stante).
La chiesa ha un'imponente struttura romanica risalente al XII secolo anche se la facciata, a causa dei rimaneggiamenti del XVI
secolo, si presenta come struttura di stile rinascimentale.
La cattedrale contiene alcune opere artistiche pittoriche e scultoree: un affresco del XVI secolo di Madonna con il Bambino porgente
l'anello delle nozze mistiche a Santa Caterina in presenza di Santa Barbara, San Pietro, San Francesco, Sant'Ambrogio e san
Bernardino, opera di Antonio del Massaro da Viterbo; busto di Letizia Cristina Bonaparte opera dello scultore senese Duprè, scolpita
un anno dopo la morte della Bonaparte; fonte battesimale in marmo, opera (1470) di Francesco di Ancona (su base a zampe di leone
è posta una vasca circolare finemente decorata e sovrastata da un tempietto triangolare); dipinto su tela del viterbese Giovan
Francesco Romanelli (1612 – 1662) rappresentante la Sacra Famiglia con san Bernardino (del Romanelli è presente nella navata
opposta anche un dipinto rappresentante san Lorenzo); dipinto rappresentante sSan Lorenzo che amministra la Comunione, opera del
pittore romano Marco Benefial; del medesimo autore una tela raffigurante san Lorenzo è esposta nella navata opposta (sinistra);
tavola di anonimo del XII secolo raffigurante la Madonna della Carbonara, rappresentazione in stile bizantino posta nella zona
sinistra dell'abside, considerata una versione anticipatrice di quella famosa esposta nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma;
dipinto del pittore marchigiano Carlo Maratta (1625 – 1713) raffigurante san Lorenzo con i poveri; tavola rappresentante Cristo
benedicente tra i santi Giovanni Evangelista, Leonardo, Pietro e Giovanni Battista, opera di Girolamo da Cremona, attivo nel XV
secolo, che la dipinse nel 1472 su commissione di Francesco Maria Sèttala, vescovo di Viterbo dal 1472 al 1491.
Nella piazza spicca la loggia del Palazzo dei Papi, ma anche altri monumenti sono degni di nota: la piazza in sé, benché dominata
dalla Cattedrale e dal suo campanile, è circondata da alcuni edifici di una certa importanza storico-architettonica, incluso il vecchio
ospedale della città le cui fondazioni etrusche sono chiaramente visibili al livello strada. Sul lato meridionale della piazza si erge la
Dimora di Valentino della Pagnotta, edificio del XIII secolo così denominato dal nome del priore che nel 1458 lo acquistò. Una
scalinata di tre gradini dà accesso ad un portico a due fornici con altrettanti archi a tutto sesto, separati da una colonna, mentre la
zona del piano superiore presenta una facciata arricchita da due finestre bifore. Il palazzo fu danneggiato dai bombardamenti del
1944 ma venne ricostruito esattamente com'era in origine. Il lato nord della piazza è dominato dalla Loggia del Palazzo dei Papi,
allungata e ricostruita nel 1266 con l'erezione di Viterbo a sede papale. La Loggia mette in comunicazione il Palazzo dei Papi vero e
proprio, in particolare la Sala del Conclave, con i fabbricati del lato est della Piazza.

ORGANO GIOVANNI ZENONI (1964)


Tre manuali [Pos. [Exp] – G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali]

I Manuale – Grand’Organo II Manuale – Positivo [Espressivo]

— 199 —
Corpo nel lato destro del transetto Corpo nel lato sinistro del transetto
1 Principale 16’ 13 Principalino 8’
2 Principale 8’ 14 Bordone 8’
3 Dulciana 8’ 15 Ottava 4’
4 Flauto Traverso 8’ 16 Flauto Armonico 4’
5 Unda Maris 8’ 17 Flauto in XII 2’2/3’
6 Cornetto 2 File 18 Viola Gamba 8’
7 Flauto 4’ 19 Concerto Viole [3 file] 8’
8 Ottava 4’ 20 Pienino 5 file
9 Duodecima 2’2/3’ 21 Clarinetto 8’
10 Decimaquinta 2’ 22 Vibratore (sic)
11 Ripieno 6 file
12 Tromba Dolce 8’

Unioni e Accoppiamenti del Pedale Unioni dei Manuali


23 Unione I 8’ Ped 29 Unione III 8’ II
24 Unione II 8’ Ped 30 Unione II 8’ I
25 Unione III 8’ Ped 31 Unione III 8’ I
26 Unione I 4’ Ped
27 Unione II 4’ Ped
28 Unione III 4’ Ped

Accoppiamenti dei Manuali Annulli


32 Ottava Grave III – II 43 A Clarinetto [I Man.]
33 Ottava Grave II – II 44 A Tromba [II Man.]
34 Ottava Acuta II – II 45 A Oboe [III Man.]
35 Ottava Acuta III – II 46 A Trombone [Ped.]
36 Ottava Grave II – I 47 A Fagotto [Ped.]
37 Ottava Grave III – I 48 A Clarone [Ped.]
38 Ottava Acuta I–I 49 A Ottave Acute
39 Ottava Acuta II – I 50 A Ottave Gravi
40 Ottava Acuta III – I
41 Ottava Grave III – III
42 Ottava Acuta III – III

III Manuale – Espressivo Pedale


Corpo nel lato destro del transetto Corpo nel lato sinistro del transetto
51 Eufonio 8’ 59 Contrabbasso 16’
52 Corno di Notte 8’ 60 Subbasso 16’
53 Eolina 8’ 61 Basso Armonico 8’
54 Flauto Ottaviante 4’ 62 Bordone 8’
55 Flautino 2’ 63 Fagotto 8’
56 Oboe Dolce [predisposto] 8’ 64 Clarone 4’
57 Voce Corale [predisposto] 8’ 65 Flauto Armonico 4’
58 Vibratore (sic) 66 Violoncello 8’
67 Trombone 16’

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a Pistoncino
5 Combinazioni Aggiustabili Generali a Pistoncino richiamabili con Pedaletti; sequencer
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’
Staffa Crescendo Generale
Staffa Espressione II Manuale
Staffa Espressione III Manuale

— 200 —
Pedaletti Ripieno Generale, Fondi 8’; Ancia, Tutti

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica, consolle mobile indipendente collegata ai corpi d’organo e collocata a destra del presbiterio.
Collocazione in due corpi collocati sulle cantorie delle pareti fondali del transetto.
Ciascun corpo ha cassa limitata al basamento delle canne di mostra
Ciascun corpo ha mostra composta da canne dell’ordine di 12’ collocate ‘a palizzata’ con disegno vagamente a cuspide.

NOTE
L’organo è stato costruito nel 1964 da Giovanni Zenoni (che sulla placchetta ha scritto 1856 – Zenoni – 1964 indicando con 1856 la
fondazione della sua ditta o la data di costruzione del preesistente strumento?). I corpi di canne sono stipati in due ristrette cantorie
raggiungibili solo con appositi altissimi ponteggi. Fuori uso dal 1987, è stato oggetto di proposte di demolizione e sostituzione con
organetto meccanico (da parte di Luigi Celeghin, pare) fino al restauro condotto tra il 2002 e il 2003 su spinta del vescovo Lorenzo
Chiarinelli dall’organaro Duccio Maggiora di Impruneta (FI) con consulenza artistica (e non solo) del maestro Agostino Raff e
dell’organista viterbese Ferdinando Bastianini, allievo di Concezio Panone. La trasmissione è stata trasformata in elettronica, è stato
aggiunto il Trombone 16’ al Pedale e le cantorie sono state ampliate di circa 50 cm (con poderose putrelle metalliche di sostegno).
L’inaugurazione è avvenuta il 21 novembre 2004 con un concerto dello stesso Bastianini.Si tratta di uno degli organi più complessi
costruiti dalla ditta pescarese di Giovanni Zenoni, che però continene in grande scala tutti i pregi e tutti i limiti delle concezioni
organologiche del costruttore. L’intonazione esile e acuta, ma non squillante, è temperata dalla presenza di vari registri ad ancia, che
però sono spesso scordati e sono di difficile accordatura (occorre montare il ponteggio ed entrare nei corpi d’organo tra varie
difficoltà). Nonostante la collocazione non felice, lo strumento ha timbri apprezzabili anche se non sempre piacevole in tutte le sue
combinazioni.

FONTI SPECIFICHE
<https://it.wikipedia.org/wiki/Duomo_di_Viterbo>

Suonato il 24 settembre 2005 con l’organista Giorgio Muto, grazie alla cortesia del maestro Agostino Raff.

— 201 —
— 202 —
PARTE V – ABBAZIE DEL LAZIO

— 203 —
— 204 —
ABBAZIA DI CASAMARI

Abbazia di Casamari – Via Mària loc. Casamari – Veroli

STORIA
L'abbazia di Casamari è uno dei più importanti monasteri italiani di architettura gotica cistercense. Fu costruita nel 1203 e consacrata
nel 1217. Si trova nel territorio del comune di Veroli, in provincia di Frosinone. Nel giugno del 1957 papa Pio XII ha elevato la
chiesa abbaziale alla dignità di basilica minore.
Fu edificata sulle rovine dell'antico municipio romano chiamato Cereatae, perché dedicato alla dea Cerere. Il nome Casamari deriva
dalla lingua latina e significa "Casa di Mario", patria di Gaio Mario, celebre condottiero, sette volte console e avversario di Silla nella
guerra civile dell'88 a.C., ricordato anche nel nome della strada lungo la quale sorge l'abbazia (che collega Frosinone con Sora): via
Mària.
Con la decadenza dell'Impero romano e le susseguenti invasioni barbariche Cereatae-Casa Marii subì le stesse sorti del decadimento
di Roma, fino a quando i monaci benedettini nell'XI secolo s'insediarono nel luogo e vi fondarono l'abbazia.
La Cronaca del Cartario o Chartarium Casamariense redatto dal monaco casamariense Gian Giacomo de Uvis per conto dell'abate
affidatario riporta le notizie riguardanti la fondazione dell'abbazia stessa. Secondo il resoconto, nel 1005 alcuni monaci della vicina
Veroli decisero di riunirsi in un monastero e scelsero Cereatae-Casa Marii edificando sui resti di un tempio di Marte. Alcuni di essi
(Benedetto, Giovanni, Orso e Azo) si recarono nel monastero di Sora per richiederne il saio monacale.
Secondo alcuni storici è datata al 1005 l'erezione di una chiesa dedicata a san Giovanni e san Paolo, mentre la costruzione del
monastero si fa risalire al 1036. Tra il 1140 ed il 1152 i monaci cistercensi sostituirono i monaci benedettini. Fra il XII e il XIX
secolo il monastero ebbe alterne fortune: dapprima acquistò possedimenti nella zona ed avviò la fondazione di nuovi monasteri anche
nel Meridione, seguì all'inizio del XV secolo un periodo di decadimento, comune a tutti i monasteri della regione.
Nel 1623 i monaci si ridussero addirittura a soli otto. L'abbazia conobbe un piccolo periodo di prosperità dopo il 1717, quando papa
Clemente XI l'affidò ai monaci cistercensi riformati, detti trappisti. Nel 1799 alcuni soldati francesi depredarono l'abbazia e dal 1811
al 1814 seguì il regime laico imposto da Napoleone.
Nel 1874 l'abbazia fu dichiarata monumento nazionale e riacquistò così una posizione di prestigio e una maggiore stabilità
economica. Nel 1929 la congregazione di Casamari fu eletta canonicamente congregazione monastica e fu aggregata alle altre
dell'ordine dei Cistercensi.
Tra il 1100 e il 1800 l'abbazia di Casamari è stata gemellata con un'altra potente abbazia cistercense d'Abruzzo, quella di Civitella
Casanova, fino alla distruzione di quest'ultima, della quale oggi è possibile ammirare solo alcuni ruderi e una massiccia torre
diroccata. In seguito al declino, l'abbazia è rimasta gemellata con la parrocchia stessa di Civitella Casanova, infatti si sono sempre
mantenuti saldi i rapporti fra i frati e il parroco.
La pianta dell'abbazia è simile a quella dei monasteri francesi, l'entrata passa attraverso una porta a doppio arco. All'interno si trova
un giardino la cui parte centrale è occupata dal chiostro, di forma quadrangolare, con quattro gallerie a copertura semicilindrica.
L'aula capitolare è un ambiente formato da nove campate e da quattro pilastri ed è usata per le riunioni. Dal chiostro si accede alla
chiesa che è a pianta basilicale a tre navate. La facciata presenta all'esterno un grande portico. L’interno è spoglio e dalla luce soffusa
dovuta ai restauri del 1940 che posero lastre di onice al posto delle vetrate; l’altare maggiore è sormontato da un ciborio del XVIII
secolo di cui spesso si è ipotizzata la rimozione; dietro l'altare si trova il coro intagliato costruito nel 1940. L'abbazia di Casamari è
divenuta nel tempo sede di varie attività che vedono impegnati i monaci oltre che nella preghiera, anche nell'insegnamento presso
l'Istituto San Bernardo, fondato nel 1898 internamente all'abbazia; inoltre gestiscono la farmacia, la liquoreria, il restauro dei libri, la
biblioteca e il museo archeologico. La farmacia interna è composta di un erbarium botanicum o hortus botanicus e di un armarium
pigmentariorum la cui data di fondazione è incerta, ma si ipotizza il 1760. La liquoreria interna è stata ideata fra il Settecento e
l'Ottocento; un tempo i monaci fabbricavano anche le bottiglie. La tipografia interna è stata inaugurata nel 1954 e stampa anche testi
scolastici.
Il museo e la pinacoteca sono situati nella parte opposta alla chiesa partendo dal chiostro. Le sale duecentesche ospitano vari reperti
tra cui spicca il resto di una zanna di elephas o Mammuthus meridionalis (sorta di elefante o mammuth nano presente nella nostra
penisola in epoca glaciale), oltre ad alcuni reperti di epoca romana.
Attualmente la congregazione conta circa 200 monaci in 18 monasteri dipendenti dalla casa madre dell'abbazia di Casamari:
Papa Pio XI nel 1930 dette mandato alla comunità di Casamari della diffusione del monachesimo cattolico in Eritrea e in Etiopia,
dove si contano sei monasteri e alcune stazioni missionarie, con quasi 100 monaci.
La biblioteca dell'Abbazia è una delle 46 biblioteche pubbliche statali italiane, fu fondata nel 1036 e raccoglie oggi circa 540.000
volumi.

— 205 —
ORGANO VINCENZO MASCIONI (OP 542 – 1942)
Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali]

I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti


1 Principale 16’ 10 Unione I 8’ Ped
2 Principale 8’ 11 Unione II 8’ Ped
3 Flauto Traverso 8’ 12 Unione I 4’ Ped
4 Dulciana 8’ 13 Unione II 4’ Ped
5 Ottava 4’ 14 Unione II 8’ I
6 Ripieno Grave [2 file] 15 Unione I 4’ I
7 Ripieno Acuto [2 file] 16 Unione II 4’ I
8 Tromba 8’ 17 Unione II 16’ I
9 Voce Umana 8’ 18 Unione II 4’ II
19 Unione II 16’ II

II Manuale – Espressivo Pedale


20 Diapason 8’ 28 Contrabbasso 16’
21 Bordone 8’ 29 Subbasso 16’
22 Gamba 8’ 30 Basso 8’
23 Flauto 4’ 31 Bordone 8’
24 Flauto in XII (sic) 2’2/3’ 32 Ottava 4’
25 Voce Celeste 8’
26 Tromba 8’
27 Tremolo

Annulli
A Tromba
A Oboe
A Ripieni
A Accoppiamenti

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
4 Combinazioni Aggiustabili Generali a pistoncino.
Pedaletti di richiamo Unioni 8’.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica, consolle fissa indipendente posta al centro del coro.
Collocazione in corpo unico in una camera esterna all’incrocio fra il braccio sinistro del transetto ed il presbiterio:
l’organo è ‘invisibile’ e il suono filtra da due monofore, una sul transetto e una sul presbiterio.

NOTE
Organo di notevole fattura, tenendo in considerazione il periodo bellico in cui è stato costruito. Ha comunque abbia tutti i migliori
standard costruttivi di Vincenzo Mascioni.

— 206 —
FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo eseguito con la signora Antonella Pirozzi-Fronzuto (aprile 2006)
<https://it.wikipedia.org/wiki/Abbazia_di_Casamari>
<http://www.casamari.it/>
<http://www.organcompendium.info/organi/italia43.html>

— 207 —
ABBAZIA DI FARFA

Abbazia di Farfa – Borgo di Farfa

STORIA
L'Abbazia di Farfa è uno dei monumenti più insigni del Medio Evo europeo; ebbe il patrocinio di Carlo Magno e possedette, nel
periodo di massimo splendore, una vastissima porzione dell'Italia Centrale. L'origine dell'Abbazia è ancora incerta, anche se i più
recenti scavi archeologici guidati dal prof. David Whitehouse, direttore della British school di Roma, hanno appurato l'esistenza di un
complesso del periodo romano sotto l'attuale Badia. La quasi certa identificazione di Lorenzo Siro con il vescovo di Forum Novum
(Vescovio) del 554 accerterebbe la creazione, nel Vl secolo, di un centro fervente di fede e di ricchezza. Al tempo dell'invasione
longobarda esisteva una basilica ed alcuni edifici monastici. Secondo una leggenda, nell'ultimo ventennio dei VII secolo, Tommaso
di Moriana (o Morienna), che viveva a Gerusalemme, a seguito di una visione della Madonna, esortato a cercare in Sabina, in un
detto Acuziano, i resti di una basilica a lei dedicata, riedificò l'opera costruita dal vescovo Siro e diede luogo ad una rifondazione
della comunità. Nei primi anni dell'VIII secolo il monastero godette della protezione del Duca di Spoleto Faroaldo II.
Farfa era così un'Abbazia Imperiale, svincolata dal controllo pontificio ma vicinissima alla S. Sede. In pochi decenni diveniva uno
dei centri più conosciuti e prestigiosi dell'Europa medievale; Carlo Magno stesso, poche settimane prima di essere incoronato in
Campidoglio, visitò l'Abbazia e vi sostò. Per comprendere l'importanza economica di Farfa basti pensare che nel terzo decennio del
IX secolo, sotto l'Abbate Ingoaldo, essa possedeva una nave commerciale esentata dai dazi dei porti dell'impero carolingio. Sempre a
questo periodo risale l'ampliamento massimo del monastero. La chiesa principale, dedicata alla Vergine, si arricchì di una seconda
abside dedicata al Salvatore, con un ciborio tutto d'onice, affiancata da due torri. Nel tesoro abbaziale figuravano, in questi anni, tra
l'altro, un cofanetto d'oro purissimo adorno di gemme (dono di Carlo Magno), una croce d'oro con pietre preziose lunga oltre un
metro, due croci d'oro con reliquie della Croce, quattordici calici d'argento, due corone d'oro e d'argento e quattro sigilli d'oro. La
decadenza dell'Impero carolingio e la penetrazione dei Saraceni furono fatali all'Abbazia. Sette anni resistette l'Abbate Pietro I con le
sue milizie e, alla fine, divisi monaci e tesoro in tre parti, abbandonò Farfa. L'Abbazia fu presa e incendiata. Dei tre gruppi il primo
fondò Santa Vittoria di Matenano nelle Marche, il secondo fu trucidato a Rieti dai Saraceni e il terzo, che si era salvato a Roma,
passato il pericolo tornò a Farfa sotto la guida di Ratfredo che, divenuto Abbate, nel 913 completò la chiesa. Fu però un fuoco di
paglia, perduta la protezione imperiale si allentò l'unità territoriale. Alcune famiglie romane (Crescenzi-Ottaviani e Stefaniani) si
insediarono in molti territori dell'Abbazia divenendone di fatto padroni, la decadenza fu tale che si ebbero all'interno dell'Abbazia
contemporaneamente tre abbati in lotta tra loro.
L'ultima ripresa di Farfa si ebbe per opera dell'Abbate Ugo I (997 - 1038), non a caso con il contemporaneo rilancio imperiale ad
opera della dinastia degli Ottoni. Nel 999 fu introdotta la riforma nata a Cluny. Con Berardo I (1047 - 1089) Farfa riassume i caratteri
di Abbazia imperiale e nella lotta per le investiture si schiera contro i Papi e a favore di Enrico IV con la conseguenza che, nel 1097, i
monaci decidono, per motivi di sicurezza, di trasferire il complesso abbaziale sul sovrastante monte Acuziano, dove ancora oggi sono
visibili le imponenti rovine dell'opera iniziata e mai finita. I possedimenti farfensi di questo periodo sono vastissimi, si possono
leggere in un diploma del 1118: l'Imperatore Enrico V riconferma pertinenti all'abbazia le zone di S. Eustachio e Palazzo Madama in
Roma, Viterbo, Tarquinia, Orte, Narni, Terni, Spoleto, Assisi, Perugia, Todi, Pisa, Siena, Camerino, Fermo, Ascoli, Senigallia,
Osimo, Chieti, Tivoli, il territorio aquilano, il Molise, il porto di Civitavecchia e metà città.
La definitiva decadenza inizierà, però di lì a poco: il Concordato di Worms (1122) segnerà, infatti, il passaggio del monastero
all'autorità pontificia; con l'Abbate Adenolfo (1125) si sancì ufficialmente la totale sudditanza. Una fiammata filoimperiale si ebbe
nel 1155 al passaggio di Federico Barbarossa. Decadenza economica e crisi monastica aggravarono in modo irreparabile la vita
dell'Abbazia e alla metà del XIV secolo si arrivò all'interdizione e alla scomunica dell'Abbate per il mancato pagamento delle decime
alla Camera Apostolica
Carbone Tomacelli, Cardinal nipote di Bonifacio IX, all'inizio del XV secolo fu il primo Abbate Commendatario. Non tornò certo il
prestigio dei secoli passati ma, in alcuni casi, le famiglie nobili che ebbero, con l'istituto di Commenda, il monastero, ne migliorarono
le strutture. Gli Orsini nella seconda metà del XV secolo costruirono l'attuale chiesa che fu consacrata nelle 1496; i Barberini
riordinarono e ampliarono il borgo, in larga parte utilizzato per le due grandi. fiere del 25 Marzo e dell'8 Settembre, ricorrenze
dell'Annunciazione e della Vergine alla quale è dedicata l'Abbazia.
Nel 1798 Farfa subì il saccheggio dei Francesi e nel 1861 la confisca da parte dello Stato italiano. Dal 1921 l'Abbazia appartiene alla
comunità benedettina di S. Paolo fuori le mura. Occupiamoci ora della fisionomia architettonica quale si rivela al visitatore.
Attraverso un portale romanico del XIV secolo (con aggiunte gotiche) si accede ad un cortile sullo sfondo del quale si apre la Chiesa
Abbaziale consacrata alla Vergine, risalente alla seconda metà del XV secolo. Da notare sopra il portale romanico, nella lunetta, un
affresco quattrocentesco.
Nelle mura della chiesa si possono distinguere frammenti di sarcofaghi paleocristiani. L'interno del la basilica è a tre navate divise da
due filari di eleganti colonne joniche, sulla parete di fondo un grande olio su muro rappresentante il Giudizio Universale dipinto nel

— 208 —
1561 dal pittore fiammingo Henrik van der Broek. Affreschi del XVI e XVII secolo rappresentanti Storie della Vergine, Santi e
Storie bibliche decorano l'abside e le navate minori; da segnalare nella prima cappella a destra una Crocifissione (copia da Francesco
Trevisani), nella seconda una Madonna col Bambino e due Angeli detta Madonna di Farfa, venerata tavola del XIII secolo, ricoperta
(nel XIX sec.) da una lamina d'ottone sbalzata che lascia visibili solo i volti. Presso la porta della Basilica, nel transetto e nell'abside
sono tornati alla luce interessanti resti: un altare di epoca Carolingia e un tratto di parete affrescata con un'immagine di abbate (il
cosiddetto Arcosollo di Altperto) che il prof. Whitehouse, leggendo attentamente il tratto di scrittura superstite, recentemente ha
identificato con S. Lorenzo Siro. Nelle tre cappelle della navata di sinistra hanno lavorato Orazio Gentileschi e i suoi allievi. Del
maestro sono infatti le tre tele raffiguranti S. Orsola (I cappella), Madonna col bambino (Il capp.), Crocifissione di S. Pietro (III
capp.), degli allievi gli affreschi che arredano l'interno delle cappelle e che raffigurano episodi di storia sacra. Nel transetto è visibile,
in parte, il pavimento originario della I metà del IX secolo. Nella cappella di sinistra del transetto si stagliano le severe immagini dei
fondatori dell'Abbazia di Farfa: San Tommaso di Morienna e San Lorenzo Siro. Nel soffitto del transetto e nel coro vanno
attentamente osservate le poco consuete (per un luogo sacro) grottesche della scuola degli Zuccari. Il coro ligneo dell'abside è del
primo Seicento. Prima di lasciare la chiesa, alzando gli occhi, si può ammirare il soffitto a cassettoni del 1494 con lo stemma degli
Orsini in un riquadro al centro della navata. Da visitare sono anche la cripta a forma semianulare dei secc. VII - VIII, nell'atrio della
quale vi è un bellissimo sarcofago romano (fine II sec. d. C.) con scena di battaglia fra Romani e Barbari, e la torre Campanaria
(secc. IX - XIII), alla base di quest'ultima, in un vano quadrato, si notano, anche se deperiti, interessantissimi affreschi di scuola
romana della metà dell'XI secolo, rappresentanti Storie bibliche e l'Ascensione. Salendo nelle stanze superiori, in una di esse,
affrescati in un sottareo, alcuni Profeti dipinti nel XV secolo.
La visita all'Abbazia si può completare chiedendo di essere accompagnati al Chiostrino Longobardo (con una bifora romanica del
XIII sec.). e al Chiostro grande risalente alla seconda metà del XVII secolo, dove sono raccolte sculture ed epigrafi romane; da qui,
per un portale a punte di diamante si passa nell'attuale biblioteca dotata di oltre 45.000 volumi, dove si trovano alcuni pregevoli
codici. Non possiamo lasciare questo luogo benedettino senza ricordare l'antica biblioteca e il suo prestigioso Scriptorium. Della
prima possiamo dire con certezza che nel periodo di massimo splendore (fine Xl sec.) fu una delle biblioteche più ricche d'Europa;
del secondo che ebbe la capacità di creare una scrittura, sotto il governo dell'Abate Ugo I, che assunse una caratteristica propria
distinguendosi da tutte le altre minuscole del tempo: la Minuscola Romana nello Scriptorium Pharfense diventa la Romanesca
Farfense che troverà gloria nelle opere di Gregorio da Catino (1062 -1133), autore di fondamentale importanza per la storia italiana
ed europea del Medio Evo. Da visitare anche i locali del nuovo Museo, in corso di allestimento, siti al piano terreno. Nella Sezione
Arcaica fanno bella mostra i materiali archeologici appartenenti ai popoli che vivevano nell'antica Sabina (molto più grande
dell'attuale) provenienti dalla vicina località di Colle del Forno. Testimonianza eccezionale di questa cultura italica, per troppo tempo
ignorata e tutt'oggi poco conosciuta, è il Cippo di Cures, unico esemplare di epigrafia sabina su pietra della fine VI sec. a.C. Il
prezioso reperto, non ancora completamente interpretato, fu rinvenuto nel marzo del 1982 nell'alveo del torrente Farfa. Nella sezione
medievale si evidenziano tra l'altro, un cofanetto in avorio di scuola amalfitana della seconda metà dell'XI secolo, una tela del primo
Cinquecento rappresentante la Vergine col Bambino e un Angelo e due tavole opistografe di fine Quattrocento rappresentanti S.
Lorenzo Siro e S. Benedetto e S. Tommaso di Morienna e San Placido di uno scolaro di Antoniazzo Romano.
Usciti dall'Abbazia, prima di lasciare Farfa, è opportuno visitare il villaggetto con case a schiera di eguale altezza. Un tempo queste
casette, durante le grandi fiere di Aprile e Settembre, venivano affittate dai monaci ai commercianti più facoltosi che ivi
convenivano. Con le donazioni del Duca Farfa divenne un piccolo stato autonomo tra il patrimonio di San Pietro e il Ducato
longobardo. Nel 774 I'Abbate sabino Probato, governatore dell'Abbazia, ne modificò sostanzialmente la linea politica, schierandosi
dalla parte dei Franchi, e quindi del Papato, nella guerra tra Longobardi e Franchi. Nell'anno successivo Carlo Magno concedeva a
Farfa il privilegio di autonomia da ogni potere civile o religioso: di qui il suo splendore, la sua ricchezza.

ORGANO FENZI E MICHELI (2006)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali]

I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti


1 Principale 8’ 7 Unione I – Ped.
2 Ottava 4’ 8 Unione II – Ped.
3 XV 2’ 9 Acuta I – Ped.
4 Ripieno 4 File 10 Acuta II – Ped.
5 Dulciana 8’ 11 Unione II – I
6 Tromba 8’ 12 Acuta I–I
13 Acuta II – I
14 Grave II – I
15 Acuta II – II
16 Grave II – II

— 209 —
II Manuale – Espressivo Pedale
17 Viola 8’ 22 Contrabbasso 16’
18 Voce Celeste 8’ 23 Basso 8’
19 Bordone 8’
20 Flauto a Cuspide 4’
21 Tremolo

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
Combinazione Libera Generale.
Pedaletti di richiamo Unioni 8’, Combinazione Libera.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 58 note (Do1–La5); pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione elettrica, consolle mobile indipendente posta in genere nell’ultima cappella a sinistra.
Collocazione in corpo unico nella trfora fondale dell’abside poligonale
Cassa limitata al basamento delle canne di mostra.
Mostra composta da tre cuspidi di 5 canne collocate ciascuna in un’apertura della trifora.

NOTE
L’abbazia era dotata di un organo costruito da Luca Neri collocato in cantoria fondale del presbiterio, occultando la trfora cieca
dietro di esso. L’organo fu revisionato e ampliato da Angelo Morettini a metà del XIX secolo per infine essere demolito nei restauri
degli anni ’50 del XX secolo tesi a liberare la trifora cieca retrostante. Successivamente, negli anni ’90 del XX secolo, si decise di
acquistare un organo del 1974 costruito dalla Ditta Pedrini proveniente da una chiesa del Nord Italia che avrebbe dovuto essere
collocato nell’ultima cappella di sinistra. Infine, nel 2005, ironia della sorte, fu collocato nella trifora cieca, con le canne nella
retrostante camera del monastero.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo eseguito con la signora Antonella Pirozzi-Fronzuto (aprile 1997: si stavano raccogliendo le offerte per l’organo)
<http://www.abbaziadifarfa.it/storia-di-farfa.asp>

— 210 —
ABBAZIA DI MONTECASSINO

Abbazia di Montecassino – Loc. Montecassino - Cassino

STORIA
San Benedetto fondò la “Badia Montis Casini” (Abbazia del Monte di Cassino) nel 529, dove scrisse la “Regula” per i monaci, che è
tuttora osservata in tutti i monasteri cristiani del mondo. Fu seppellito nella chiesa abbaziale, ma la sua tomba fu talmente occultata
che nel medioevo fiorì una leggenda secondo la quale il corpo era stato trasferito nella “Badia Florensis” (Abbazia di Fleury, nota
anche come S. Benôit-sur-Loire).
Il monastero fu costruito su una posizione inaccessibile, che domina la Valle del fiume Liri e la Via Casilina (strada costruita dai
Romani nel 350 a.C. e che fu sempre una delle strade più importanti tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli), perciò fu al centro
di aspre battaglie per il controllo della regione e dei traffici commerciali, così i monaci furono costretti a costruire attorno all’abbazia
mura e torri di difesa.
Nel 577 i Longobardi distrussero l’abbazia; ma i monaci ne ricostruirono una più grande (589) che divenne sempre più ricca grazie
alle donazioni ricevute da pellegrini ma anche papi, imperatori, re e nobili. La “Terra Sancti Benedicti” (il patrimonio di San
Benedetto) consisteva in un gran numero di campagne, fattorie, vigne, chiese e palazzi in tutte le città della zona: Frosinone, S.
Germano (attuale Cassino), Gaeta, Capua ed anche le isole di Ponza e S. Stefano! Montecassino divenne soprattutto un
importantissimo polo artistico e culturale con una famosa biblioteca ed una vasta chiesa.
I Saraceni distrussero il monastero (883) che fu nuovamente ricostruito in stile Romanico; due terribili terremoti (1231 e 1349) lo
danneggiarono così fu ancora ricostruito in stile Gotico. Pochi anni dopo, l’abate fu anche insignito del titolo di Vescovo di Cassino
(da allora in poi tutti gli abati di Montecassino sono stati anche i Vescovi di Cassino fino al 2017 quando la Diocesi fu unita a quella
di Sora-Pontecorvo): da quel momento la chiesa abbaziale fu elevata al rango di Cattedrale di Cassino.
Il Rinascimento fu un periodo di pace e prosperità; i monaci vollero ampliare l’abbazia e ne affidarono il progetto a Donato Bramante
e ad Antonio da Sangallo; successivamente (1625) incaricarono il famoso architetto Cosimo Fanzago di ristrutturare l’antica chiesa
gotica con marmi, affreschi e decorazioni barocche.
Tutti gli artisti più celebri del regno di Napoli furono chiamati a Montecassino: Nicola Malinconico, Francesco Solimena, Giovanni
Lanfranco (dipinti sugli altari laterali), Luca Giordano (affreschi sulle volte e sulla cupola, 1675–80; dipinto sull’ingresso “S.
Benedetto fonda l’abbazia”, 1701), ancora Cosimo Fanzago (sculture e l’Altare Maggiore, in collaborazione con Jacopo Làzzari e
suo figlio Dionisio Làzzari, 1645).
Il magnifico coro ligneo intagliato fu realizzato nel 1635 e, subito dietro l’altare maggiore come tradizione, vi fu collocato un organo
positivo (1656) costruito dall’organaro napoletano Giuseppe de Biase sul quale è attestato un intervento successivo di Giovanni
Schibone [originario di Pàstena, paese nella Ciociaria noto per le grotte calcaree]. Alla fine del XVII sec. l’architetto Lorenzo
Vaccaro disegnò la splendida cantoria fondale e la cassa monumentale del sovrastante organo, che fu costruito dall’organaro Cesare
Catarinozzi da Subiaco (1696) e che fu ampliato in vari interventi successivi.
Alla fine del XIX sec., fu ritrovato il corpo di San Benedetto sotto la cripta rinascimentale, che fu così decorata con mosaici realizzati
dai monaci tedeschi della “Badia Burana” (abbazia di Beuron, quella dove furono conservati i famosi “Carmina Burana”).
Nota: l’antica Abbazia di Montecassino appare in molte fotografie storiche in bianco e nero; i suoi magnifici colori sono visibili in
almeno due dipinti: “La processione del Corpus Domini nell’Abbazia di Montecassino” (1858), dipinto dal pittore Pasquale Mattei
(Gaeta [o Mola di Gaeta, attuale Formia], 1813-Napoli, 1879), conservato nel Palazzo Reale di Napoli, XXV Sala; “Coro e Organo di
Montecassino” (1910 ca.), di Domenico Battaglia, noto pittore della “Scuola di Posillipo”, appartenente ad una collezione conservata
a Napoli.
Quanti furono i monumenti religiosi in Europa che furono distrutti durante la prima e la seconda guerra mondiale? Probabilmente
non lo sapremo mai con esattezza.
Con l’armistizio (8 settembre 1943), l’esercito tedesco fermò gli alleati sulla “Linea Gustav” che includeva la collina di
Montecassino. La furiosa battaglia di Cassino proseguì per molti mesi finché i bombardieri americani distrussero praticamente tutti i
paesi della zona e, il 15 febbraio 1944, anche questo splendido e inimitabile monumento barocco, uno dei più importanti simboli del
mondo cristiano.
Forse il comando tedesco conosceva in anticipo le intenzioni degli Americani così ordinò all’abate S.E. Ildefonso Rea e ai monaci di
lasciare l’abbazia. In quell’occasione fu girato un documentario di propaganda bellica dai soldati tedeschi (essi volevano mostrare “la
barbarie dell’esercito alleato”): fu registrato anche il suono dell’organo, che suonò per l’ultima volta (dall’organista Padre Luigi De
Sario, segretario dell’abate). L’abate ordinò di conservare i dipinti, le statue amovibili, gli ornamenti degli altari nelle caverne sotto
l’abbazia, poi –come il capitano di una nave che affonda– volle coraggiosamente restare nell’abbazia con pochi monaci fedeli e pochi
altri uomini cui ormai la guerra aveva levato ogni cosa e per i quali l’abbazia rappresentava l’unica speranza di vita.

— 211 —
Nota: il documentario di propaganda bellica girato dai soldati Tedeschi nel 1944 è stato utilizzato nel film “Montecassino nel cerchio
di fuoco”, diretto da Arturo Gemmiti (1946, edito nuovamente nel 1961), con Zora Piazza, Ubaldo Lay, Fosca Freda [musica dai vari
autori e del Rev. Luigi De Sario, suonata dallo stesso De Sario sull’antico organo Catarinozzi, prima che fosse distrutto dalle bombe
americane).
Dopo il bombardamento, l’abate e i pochi altri sopravvissuti miracolosamente lasciarono i rifugi sotto la cripta e si ripromisero di
impiegare “gli anni di vita che il Signore ancora concedeva” per ricostruire l’abbazia “com’era e dov’era”.
Così Montecassino non fu edificata in stile moderno (come per esempio la Cattedrale di Coventry, la chiesa imperiale di Berlino ecc.)
ma fu meticolosamente ricostruita restaurando tutti i capolavori che erano stati conservati e ricomponendo i frammenti e le rovine
delle decorazioni barocche. Purtroppo le volte e la cupola di Cosimo Fanzago, i favolosi affreschi di Luca Giordano, il magnifico
organo di Cesare Catarinozzi erano perduti per sempre.
Il Governo Italiano finanziò la ricostruzione, che fu compiuta quanto prima possibile: convento (1948), chiesa (1950) ed il nuovo
organo (costruito da Vincenzo Mascioni nel 1953). Le volte e la cupola rimasero senza decorazioni; solo nel 1977 il noto artista
Pietro Annigoni (autore anche dei ritratti ufficiali della regina Elisabetta II d’Inghilterra) dipinse nuovi affreschi nella cupola.
Un altro organo fu costruito nel 1957 nella Sala detta “Coro interno del Monastero”. Nel 1977 le Suore Benedettine del Monastero di
Teano donarono all’abbazia di Montecassino uno splendido positivo napoletano costruito da Giuseppe de Martino (1710), che fu
restaurato da Mascioni e conservato nella stessa Sala.
Oggi Montecassino è un monumento barocco perfettamente restaurato, e merita una visita di tutti gli Europei. La chiesa, la cripta, la
presenza del protettore d’Europa S. Benedetto e di sua sorella S. Scolastica, le innumerevoli tombe di tutti quei soldati che morirono
qui nel 1944 sono elementi inseparabili dell’abbazia, scrigno delle sofferenze e delle speranze dell’Umanità.
Se siete persone troppo sensibili, non venite in questa chiesa e soprattutto non ascoltate il suono dell’organo: non potreste riuscire a
trattenere le lacrime.

1. ORGANO VINCENZO MASCIONI (OP 693 – 1953)


Tre manuali [Pos. [Exp] – G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in doppia fila orizzontale a sinistra dei manuali]

I Manuale – Positivo [Espressivo] III Manuale – Espressivo


1 Bordone 16’ 20 Bordone 16’
2 Principale 8’ 21 Principale Forte 8’
3 Flauto Aperto 8’ 22 Principale 8’
4 Bordone 8’ 23 Flutta 8’
5 Viola 8’ 24 Bordone Dolce 8’
6 Dolce 8’ 25 Viola di Gamba 8’
7 Ottava 4’ 26 Salicionale 8’
8 Flauto a Camino 4’ 27 Ottava 4’
9 Nazardo 2’2/3’ 28 Flauto in XII 2’2/3’
10 Flagioletto 2’ 29 Silvestre 2’
11 Decimino 1’3/5’ 30 Flauto in XIX 1’1/3’
12 Decimaquinta 2’ 31 Cornetto 3 File
13 Ripieno 6 File 32 Decimaquinta 2’
14 Fagotto 8’ 33 Ripieno 6 File
15 Clarinetto 8’ 34 Fagotto 16’
16 Sesquialtera Combinata 35 Tromba Armonica 8’
17 Cornetto Combinato 36 Oboe 8’
18 Ripieno Combinato 37 Cromorno 8’
19 Tremolo 38 Chiarina 4’
39 Celeste 8’
40 Coro Viole 8’
41 Voce Corale 8’
42 Tremolo

[azionati da placchette poste in fila orizzontale al di sopra dei manuali]

Sezione Corale I Manuale Unioni ed Accoppiamenti

— 212 —
Sezione Corale: I Manuale [aperta] 48 I 8’ Ped
43 Principale 8’ 49 II 8’ Ped
44 Corno di Camoscio 8’ 50 III 8’ Ped
45 Ottava 4’ 51 III 8’ I
46 Unda Maris 8’ 52 I 8’ II
Sezione Corale: Pedale [aperta] 53 III 8’ II
47 Bordone 16’
54 I 4’ Ped
55 II 4’ Ped
56 III 4’ Ped

57 I 4’ I
58 III 4’ I
59 II 4’ II
60 I 16’ II
61 I 4’ II
62 III 16’ II
63 III 4’ II
64 III 4’ III
65 Piano Automatico Pedale

Annulli
A Ancia I Man.
A Ancia II Man.
A Ancia III Man.
A Ancia Ped.
A Generale Ancie
A Fondi 16’ I e III Man.
A Ripieni
A Mutazioni
A Accoppiamenti [Unioni 16’ e 4’]
A Unioni Tastiere
A Unioni Tastiere al Pedale
A Organo Corale

[azionati da placchette poste in doppia fila orizzontale a destra dei manuali]

II Manuale – Grand’Organo Pedale


66 Principale 16’ 82 Basso Acustico 32’
67 Principale I 8’ 83 Contrabbasso 16’
68 Principale II 8’ 84 Principale Violone 16’
69 Flauto Traverso 8’ 85 Subbasso 16’
70 Corno Dolce 8’ 86 Bordone 16’
71 Dulciana 8’ 87 Quinta 10’2/3’
72 Ottava I 4’ 88 Basso 8’
73 Ottava II 4’ 89 Principale 8’
74 Flauto Dolce 4’ 90 Corno di Camoscio 8’
75 Duodecima 2’2/3’ 91 Bordone 8’
76 Decimaquinta 2’ 92 Violoncello 8’
77 Ripieno Grave 3 File 93 Quinta 5’1/3’
78 Ripieno Acuto 4 File 94 Ottava 4’
79 Tromba 16’ 95 Flauto 4’
80 Tromba 8’ 96 Ottavino 2’
81 Voce Umana 8’ 97 Ripieno 6 File
98 Bombarda 16’

— 213 —
99 Tromba 8’
100 Clarone 4’

Accessori
6 Combinazioni Fisse Generali a Pistoncino
6 Combinazioni Libere Generali a Pistoncino richiamabili con Pedaletti
6 Combinazioni Libere Particolari per ogni tastiera e per la pedaliera
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’
Staffa Crescendo Generale
Staffa Espressione al I Manuale
Staffa Espressione al III Manuale
Pedaletti Ripieno I, II [e Ped], III; Ancia, Tutti

Estensione: manuali di 61 note (Do1–Do6); pedaliera di 32 note (Do1–Sol3).


Trasmissione elettrica, consolle fissa indipendente posta all’ingresso del coro e rivolta verso il coro stesso.
Collocazione in corpo unico sulla cantoria fondale del presbiterio (il corale è posto sotto la cantoria e il suono filtra da
una grata lignea dorata)
Cassa monumentale in stile neobarocco in cinque campi, disegnata da Ignazio Breccia-Fratadocchi e da padre
Francesco Vignanelli (pittore e scultore, fratello dell’organista Ferruccio), decorata da putti e da racemi dorati.
Mostra dell’ordine di 12’ in cinque campi disegnanti una cuspide unica [ 11 / 7 / 9 / 7 / 11 ]; bocche ‘a mitria’ ad
andamento a festoni.

NOTE
Ringrazio sinceramente il rev. Padre Luigi De Sario (organista onorario dell’Abbazia, egli fu l’ultimo a suonare l’organo Catarinozzi
ed il primo a suonare l’organo Mascioni; ma fu anche assistente particolare di S.E. Ildefonso Rea, abate di Montecassino e Vescovo
di Cassino, che sopravvisse alla guerra e fu l’animatore della ricostruzione) per le notizie che mi ha fornito sull’organo storico
monumentale e sugli organi attuali, con inimitabile cortesia.
Ringrazio anche l’arch. Furio Luccichenti che, con particolare gentilezza, mi ha fornito sue indicazioni sulla famiglia Catarinozzi
(cfr. anche: Furio Luccichenti «I Catarinozzi, famiglia di organari» estratto da RECERCARE rivista per lo studio e la pratica della
musica antica IX 1997)
L’organo è il più grosso strumento del Lazio Meridionale ed è una delle opere maggiori della Ditta Mascioni che ne cura anche la
manutenzione. Il progetto fonico è stato curato da Vincenzo Mascioni, Ferruccio Vignanelli e padre Luigi De Sario.
Si riporta per completezza la disposizione fonica dell’organo di Cesare Catarinozzi (1696, il suo strumento consisteva nei registri di
“Ripieno” della tastiera principale), ampliato da Quirico Gennari da Ancona (1830; aggiunta dei registri da “concerto”), Pietro di
Benedetto Saracini da Alvito (1880, che aggiunse il manuale inferiore); modificato e riformato da Pacifico Inzoli i da Crema (1913;
egli rimosse alcuni registri ottocenteschi e aggiunse le Viole) – distrutto il 15 febbraio 1944.
Due Manuali [Espressivo – G.O.], registri azionati da manette laterali:
[manette al lato destro dei manuali]

II Manuale – Grand’Organo
«Ripieno» «Concerto»
- Principale 16’ Bassi - Unda Maris 8’ Soprani
- Principale Soprano 16’ Soprani - Flauto Traverso 8’
- Principale 8’ - Flauto in Ottava 4’ Bassi
- Ottava 4’ - Flauto in Ottava 4’ Soprani
- XV 2’ - Flauto in XII 2’2/3’
- XIX - Viola 8’ Bassi
- XXII - Viola 8’ Soprani
- XXII - Cornetta II file Bassi
- XXVI - Cornetta III file Soprani
- XXIX - Tromba 8’

— 214 —
- XXXIII - Flauto 8’ Soprani
- XXXVI

[manette al lato sinistro dei manuali]

I Manuale – Espressivo
«Ripieno» «Concerto»
- Principale 8’ Bassi - Traverso 8’
- Principale 8’ Soprani - Flauto in ottava 4’ Bassi
- Ottava 4’ - Flauto in ottava 4’ Soprani
- XV 2’ - Cornetta III File Soprani
- XIX - Viola 4’ Bassi
- XXII - Viola 4’ Soprani
- XXII
- XXVI
- XXIX

Pedale
- Contrabbasso 16’
- Basso 8’
- Violoncello 8’

Accessori a pedaletto
Unione G.O. – Ped.; Unione Espressivo – Grand’Organo
Pedalone per l’espressione al I Manuale

Estensione manuali di 56 note (Do1 – Sol5); pedaliera di 27 note (Do1 – Re3)


Collocazione in corpo unico sulla cantoria fondale del presbiterio
Trasmissione meccanica; consolle ‘a finestra’
Cassa Monumentale disegnata dagli allievi di Cosimo Fanzago a forma di serliana riccamente dorata ed intagliata.
Mostra dell’ordine di 12’ in tre campi, ciascuno con disegno ‘a cuspide’ [ 13 / 11 / 13 ]; bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

Stessa distruzione subì il Positivo Costruito da Giuseppe de Biase da Napoli (1656), con interventi successivi di Giovanni Schibone
da Pàstena (ante 1696) e, probabilmente, degli altri organari che hanno lavorato sull’organo monumentale. Era collocato dove è ora la
consolle dell’organo Mascioni
N.B. probabilmente nei secoli scorsi vi furono altri strumenti (piccoli positivi) utilizzati all’interno del monastero, ma non vi sono
dati certi per poterne identificare la storia.

2. ORGANO VINCENZO MASCIONI (OP 703 – 1954)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale al di sopra dei manuali]

I Manuale – Grand’Organo
1 Principale 16’ 7 XV 2’
2 Principale 8’ 8 XIX 1’1/3’
3 Flauto 8’ 9 XXII 1’
4 Dulciana 8’ 10 Ripieno Acuto 2 File
5 Ottava 4’ 11 Tiratutto Ripieno IV File
6 Sesquialtera II File 12 Voce Umana 8’

— 215 —
Unioni Pedale
13 I 8’ Ped. 16 Subbasso 16’
14 II 8’ Ped. 17 Basso 8’
15 II 8’ I 18 Dulciano (sic) 8’
19 Ottava 4’

Accoppiamenti II Manuale – Espressivo


20 I 4’ Ped 27 Principale 8’
21 II 4’ Ped 28 Bordone 8’
22 I 4’ I 29 Viola Gamba 8’
23 II 16’ I 30 Flauto 4’
24 II 4’ I 31 Nazardo 2’2/3’
25 II 16’ II 32 Silvestre 2’
26 II 4’ II 33 Decimino 1’3/5’
34 Voce Celeste 8’
35 Tromba Armonica 8’
36 Tremolo

Accessori
6 Combinazioni Libere Generali a Pistoncino richiamabili con Pedaletti
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8'
Staffa Crescendo Generale
Staffa Espressione al II Manuale
Pedaletti Ripieno, Tutti

Estensione: manuali di 58 note (Do1 – La5); Pedaliera di 30 note (Do1 – Fa3).


Collocazione in corpo unico sulla parete fondale del Coro Interno dei Monaci. Era inizialmente collocato in un ambiente sotterraneo
col suono che fuoriusciva da una grata, poi è stato portato nella collocazione attuale.
Cassa di fattura geometrica che divide la mostra in tre campi.
Mostra in tre campi di cui i laterali con disegno ad ali digradanti verso il centro composti da canne in legno del Subbasso, il campo
centrale con canne in rame con disegno a cuspide con ali laterali [ 6 9 6 ], bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente.

2. ORGANO GIUSEPPE DE MARTINO (1710)


Manuale unico
[Registri, azionati da tiranti a pomello, senza nomi, posti in fila verticale a destra della tastiera]

[ - Principale 8']
[ - Ottava 4’]
[ - XV ]
[ - XIX ]
[ - XXII ]
[ - XXVI ]
[ - XXIX ]
[ - Tiratutto ]

Accessori
[ - Zampogna doppia: Do - Fa]

Estensione: manuale di 45 note [Do1 – Do5] con prima ottava ‘corta’; non c’è pedaliera.

Collocazione in corpo unico nella sala del Coro Interno dell’abbazia, a destra dell’altro strumento.

— 216 —
Cassa in un ricco stile barocco, riccamente intagliata e dorata e chiusa da portelle lignee dipinte verosimilmente da allievi di Luca
Giordano.
Mostra composta da 19 canne di principale suddivise in tre campi [ 7 / 5 / 7 ] ciascuno con disegno a cuspide. Bocche ‘a mitria’
allineate orizzontalmente.

NOTE
L’organo proviene dal monastero delle monache benedettine di Teano che l’hanno ceduto all’abbazia nel 1977, anno in cui fu
integralmente restaurato dalla Ditta Mascioni che ne cura la manutenzione.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza della signora Antonella Pirozzi-Fronzuto e del compianto padre Luigi De Sario nell’aprile 1994.
<http://organoacanne.altervista.org/pagine/vecchi/montecassino.htm>

— 217 —
ABBAZIA DI SAN MARTINO AL CIMINO

Abbazia di San Martino – San Martino al Cimino piazza San Martino – San Martino al Cimino

STORIA
San Martino al Cimino, collocata su un’altura vicino Viterbo, è un piccolo centro di vivo interesse sia per la posizione del paese
immerso nella verde cornice dei Cimini sia, soprattutto, per l’attrattiva di carattere storico-artistico e urbanistico che offre l’Abbazia
di San Martino. Si tratta di un grande complesso munomentale realizzato alla fine del XIII secolo dai Monaci Cisterciensi di
Pontigny, che ebbe grande influenza sullo sviluppo dell’architettura medioevale viterbese e presenta caratteri architettonici gotico-
cistercensi assai evoluti. Accanto alla Abbazia sorge il Palazzo Doria Pamphilij, eretto incorporando parte dell’ex convento (portale
romanico), da Donna Olimpia Maidalchini-Pamphilij, cognata di Innocenzo X; completamente ristrutturato nel 1652 da vari maestri
tra cui il Bernini, è oggi elegante centro congressuale con alcuni saloni con ricchi soffitti lignei, fregi in affresco e un camino
monumentale. Ma l’interesse principale di S. Martino risiede nel borgo nel suo complesso, in quanto il nucleo originario medioevale
fu completamente rinnovato, secondo i canoni urbanistici del XVII sec., da Marcantonio de’ Rossi, su incarico di Innocenzo X.
La facciata della chiesa è caratterizzata da due torri campanarie di chiara derivazione francese, edificate attorno al 1654 (pare anche
allo scopo di rinforzare la facciata che aveva manifestato sintomi di scivolamento in avanti) e da un magnifico finestrone del XV sec.
che –pare– fu realizzato sostituendo un precedente rosone. All'interno dell'edificio, realizzato nella grigia pietra vulcanica, si notano
le tre navate che ne compongono la pianta e che sorreggono le alte volte a crociera, illuminate da alte monofore e dai finestroni
absidali.
Entrando dall'ingresso principale della chiesa scorgiamo in terra una grande epigrafe in marmo che ricorda i restauri fatti eseguire da
Olimpia Pamphilij, principessa di San Martino, nel 1647; la tomba della nobildonna, morta di peste nel 1657, si trova nel presbiterio.
La sua lapide, formata da vari setti di marmo colorato, è posta sul pavimento antistante l'abside pentagonale di ascendenza
borgognona. Delle colonne che sorreggono le navate, guardando l'altare alla destra, se ne scorge una costretta in un'ingabbiatura di
ferro: è l'unica che resti a testimoniare la fase più antica dell'edificio. Vi è conservata una pregevole opera di Mattia Preti (1613-
1699): “Elemosina di San Martino” (1650), dipinta anche sul verso “Cristo Salvator Mundi” il cui sangue, che sgorga dal costato, è
raccolto in un calice da un angelo. Di fronte a ciò che rimane dell'originario chiostro un portoncino dà la possibilità di accedere alla
Sala Capitolare in cui sono conservati interessanti oggetti: tra di essi l'orologio seicentesco a pesi perfettamente funzionante che, fino
a poco tempo fa, ancora batteva le ore nel borgo [Recentemente è stato infatti tolto e sostituito con un meccanismo elettronico perché
disturbava i sonni degli abitanti della graziosa località (sic!)]. Accanto alla chiesa sorge il Palazzo Doria Pamphilij, imponente
dimora della principessa ed oggi proprietà dell'Ente Provinciale per il Turismo di Viterbo che, dopo un lungo restauro, lo ha destinato
a struttura congressuale.

ORGANO HARRISON & HARRISON (1913)


Due Manuali [Great – Swell], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue
[azionati da pomelli ad estrazione, posti in doppia fila a sinistra delle tastiere]

II Manual – Swell Organ Pedal


– Swell Octave
– Flute 8’
– Swell Sub [octave]
– Octave 8’
– Cornopean 8’
– Subbass 16’
– GemsHorn 4’
– Open Wood 16’
– Echo Gamba 8’
– Swell to Pedal
– Lieblich Gedackt 8’
– Great to Pedal
– Violin Diapason 8’

— 218 —
[azionati da pomelli ad estrazione, posti in doppia fila a destra delle tastiere]
I Manual – Great
– Octave [octaves]
– Super Octave 2’
– Quint Octave 2’2/3’
– Octave 4’
– Wald Flute 4’
– Geigen 8’
– Claribel 8’
– Open Diapason 8’
– Bordun 16’
– Swell to Great

Accessori
Pedaletto Unione I–P, Unione Tastiera; staffa per l’Espressione al II Man.
Estensione: manuali di 56 note (Do1–Sol5), pedaliera di 30 note (Do1–Fa3), concavo–radiale originale
Trasmissione meccanica “bilanciata”, consolle ‘a finestra’.
Collocazione in corpo unico nel lato sinistro del transetto
Mostra riflettente la collocazione originaria angolare: mostra principale composta da cuspidi di canne dell’Open
Diapason, mostra laterale sinistra composta da canne del Claribel 8’ del Pedale.

NOTE
Nella chiesa esisteva un organo costruito da Filippo Priori nel 1846, smantellato nei restauri del XX secolo. In vista di un suo
ripristino, una nuova cassa è stata disegnata nel 1999 dagli architetti Alfredo Giacomini, Sorin Sergentu. L'organo risale 1846
spostato per ben due volte, all'interno della chiesa, nel corso del Novecento, è ora smontato e privo della cassa originaria andata quasi
distrutta ed è accantonato nella prima campata della navata sinistra.
L’organo Harrison & Harrison, costruttori inglesi con sede a Durham, era stato costruito per la chiesa anglicana della SS. Trinità
(Holy Trinity) a Fareham, nell’Hampshire. Portato a Firenze nel 1991; poi qui collocato e restaurato da Anthony Cadwich nel 1995
con l’aggiunta di una Super Octave 2’ per volere del parroco. Periodicamente è stato accordato dal M.o Agostino Raff.

Dal sito NPOR (scheda N11535):


NPOR search V5.27 on Thursday, September 30, 2004
© The British Institute of Organ Studies 2004

Hampshire, Fareham
Holy Trinity [N11535]
Grid ref: SU5806
Survey date: 1991
Anglican Parish Church
(Organ transferred elsewhere)

Date Builder
1913 Harrison & Harrison, Durham And London
Rebuild of an old organ?

Casework
Position: N chancel aisle

— 219 —
Console:

Swell to Great
Swell to Pedal
Swell Octave
Great to Pedal

Key action Stop action Compass low Compass high Notes Enclosed
Pedal
Great
Swell Y

Pedal
1 Open Wood 16
2 Sub Bass 16
3 Octave Wood 8
4 Flute 8

Great
5 Bordun 16
6 Open Diapason 8
7 Geigen 8
8 Claribel Flute 8
9 Octave 4
10 Wald Flote 4
11 Octave Quint 2 2/3
12 Superoctave 2

Swell
13 Violin Diapason 8
14 Lieblich Gedeckt 8
15 Echo Gamba 8
16 Gemshorn 4
17 Cornopean 8

Usual Harrison fittings


3, 3 composition pedals
Gt-Pd toe pedal

— 220 —
Source ref: CD Vol. 21, p. 91
A.G. Hoar collection, October 1927;
organ exported to Italy in 1991; it is now installed at St. Martino al Cimino, near Viterbo, Italy; replaced by electronic;

Updated 1986 by JML


OSD 1949
incorporates A00867(deleted)

Updated 1995 by HTR export of organ noted;

Updated 1998 by Dom new location of organ noted; email 11/7/98;

Updated 1998 by Ach says organ chamber was to be converted to a parish office or something similar; e-mail 8/8/98;

Input by: DA
Information source: CD
Corrections by electronic mail will be welcome

The British Organ Archive (See BIOS ) has the following material but if you are using NPOR addresses, rather than native BOA
addresses, check the identification of the building and address carefully.
Hants, FAREHAM : Holy Trinity (Ang) -- Parish Church

Primary Sources
1913/91 Harrison & Harrison Shop Bk vol:Metal Lists page:EK1 job: [2m org; 1991 exported to Italy]
Secondary Sources
Title: Dictionary of Organs ... 2nd ed. 1921 Author: Vol: No: Page:209 [Harrison 1913 - 2m/17ss]
Title: Harvey n.b. Author: Harvey, Sidney W. Vol:20 No: Page:2026 [MusOp 1913 /11; Harrison & Harrison]
Title: Haycraft n.b. Author: Haycraft Vol: No: Page:088 [Harrison & Harrison 1913]

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza della signora Antonella Pirozzi-Fronzuto (aprile 2003)
Sito NPOR

— 221 —
ABBAZIA DI SUBIACO – SACRO SPECO

Abbazia di San Benedetto – Loc. Sacro Speco – Subiaco

STORIA
Fondato prima del X secolo sul fianco della montagna a strapiombo sulla riva destra della valle dell’Aniene, fu progressivamente
ampliato e ricostruito fino al XV secolo fino a raggiungere l’assetto attuale, in stile prevalentemente romanico-gotico. Pio II,
visitando il Monastero di San Benedetto nel 1461, lo definì “nido di rondini”. Incassato nella roccia a strapiombo sulla valle
sottostante, tale appare al visitatore che percorre il Bosco Sacro. Pareti, volte e scale, perfettamente integrate nella pietra cui si
appoggiano, con la loro irregolarità, garantiscono un’autentica suggestione in chi si avvicina per visitarlo.
Composto da due Chiese sovrapposte e da Cappelle e grotte, interamente affrescate in epoche diverse, costituisce un monumento
unico, per bellezza e spiritualità, tra quanti la storia della Chiesa e dell’Arte hanno abbondantemente dotato il nostro Paese.

ORGANO IGNAZIO PRIORI (1795)


Manuale unico, pedaliera antica; disposizione dei registri come segue
[azionati da pomelli posti in doppia fila verticale a destra della tastiera, con nomi scritti a penna su cartellini incollati applicati nel corso del restauro]

– Principale [8’]
– Flauto [Unisono]
– Ottava [4’]
– Voce Umana
– XV

– XIX

– Ripieno [3 file]

– Tiratutto

Accessori
Tiratutto azionato dal pomello più in basso.
Estensione manuale di 47 note (Do1 – Re5) ricostruita, prima ottava ‘corta’; tasti diatonici ricoperti in bosso con frontalino ‘a
chiocciola’ e tasti cromatici ed enarmonici ricoperti in ebano. Pedaliera di 9 note (Do1 – Do2) costantemente unita alla tastiera prima
ottava ‘corta’ del manuale.
Collocazione a fianco della porta d’accesso al Coro d’Inverno (porta d’accesso della scala che dalla Sacrestia posta a livello della
Chiesa Superiore scende in questo ambiente).
Trasmissione meccanica “sospesa” originale ripristinata nel restauro; consolle ‘a finestra’.
Semplice Cassa rettangolare, chiusa da portelle sulle quali è dipinta una finta mostra; decorazioni floreali in legno intagliato e dorato
sono state aggiunte in sede di restauro tra trabeazione e canne di mostra; la cassa non è stata però oggetto di restauro cromatico.
Mostra composta da 19 canne di Principale disposte a cuspide unica; bocche “a scudo” (ciascuno scudo reca una piccola cuspide
come decorazione) allineate orizzontalmente; canna centrale Mi b 3’3/5’.

NOTE
Data l’importanza storica, artistica e soprattutto religiosa di questo complesso monumentale, nei secoli non sono mancati gli organi a
canne; al momento attuale, questo è lo strumento più antico conservato a Subiaco. Si tratta di un elegante positivo, restaurato attorno
al 1975 per iniziativa della Soprintendenza (si tratterebbe di uno dei tanti restauri conservativi effettuati dall’organaro padovano
Alfredo Piccinelli) e manutenuto da Francesco Michelotto.
Le sue caratteristiche foniche richiamano quelle di alcuni positivi che Johannes Conrad Werle realizzò in Roma nella seconda metà
del XVIII sec.: il Ripieno è tuttora particolarmente brillante, mentre le canne di legno, tappate e di forma elegantissima, dichiarano

— 222 —
decisamente l’influenza del Werle. Non a caso Ignazio Priori (Chieti, 1748 – Roma, 1803) iniziò la sua attività come apprendista
presso Werle e fu il capostipite della dinastia di organari romani.
Certamente ad accrescere il fascino di questo strumento contribuisce non poco l’ambiente in cui è conservato, una cappella
quadrangolare circondata da stalli lignei rinascimentali intagliati collocati sotto grandi affreschi coevi.
Da notare che, negli ambienti adiacenti, sono tuttora conservate le decorazioni pittoriche aggiunte durante i restauri condotti attorno
al 1930 (ispirate alle decorazioni geometriche cinquecentesca dei basamenti degli affreschi delle cappelle laterali della chiesa di San
Francesco a Subiaco); ancora nel 2004 si conservavano in ottimo stato e perfettamente funzionanti i cablaggi elettrici effettuati in
quegli anni (con fili ricoperti in seta tuttora brillante e collocati in modo da seguire le decorazioni geometriche...).
Al momento del sopralluogo, effettuato nel nel luglio 2004 con Antonella ed il m.o Agostino Raff, l’organo si presentava in stato
molto buono ed apprezzabile. Nl monastero vi sono attualmente altri due organi: uno nella chiesa superiore (collocato sopra la porta
d’ingresso, con consolle a pavimento a fianco alla porta) costruito da Francesco Michelotto nel 1973, non funzionante, ed un piccolo
organo costruito da Libero Rino Pinchi nel 1965 e collocato, fino al 2000, sull’arcata al di sopra del Sacro Speco, poi rimpiazzato da
un presepe e spostato –pare– in altro ambiente all’interno del Convento (oppure, alienato).

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza della signora Antonella Pirozzi-Fronzuto e del maestro Agostino Raff (luglio 2004)
<http://www.benedettini-subiaco.org/index.php/monastero-san-benedetto>

— 223 —
ABBAZIA DI SUBIACO – SANTA SCOLASTICA

Abbazia di Santa Scolastica – Loc. Santa Scolastica – Subiaco

STORIA
Dei dodici monasteri voluti da San Benedetto nella valle sublacense, l’unico sopravvissuto ai terremoti e alle distruzioni saracene fu
quello di Santa Scolastica, che, sino alla fine del XII secolo, fu il solo monastero di Subiaco. In origine si chiamò “Monastero di San
Silvestro”, successivamente (IX secolo) fu detto “Monastero di San Benedetto e di Santa Scolastica” e nel XIV secolo prese il nome
attuale. Si presenta come un complesso di edifici costruiti in epoche e stili diversi: un ingresso, sul quale figura la scritta “Ora et
Labora”, con strutture del XX secolo, introduce nel primo chiostro o “Chiostro Rinascimentale” del secolo XVI, dal quale si passa in
un secondo chiostro o “Chiostro Gotico” del secolo XIV ed, infine, in un terzo, detto “Chiostro Cosmatesco”, del secolo XIII. Il
Campanile è del XII secolo e la Chiesa attuale è della fine del 1700, progettata da Giacomo Quarenghi (è la sua opera più importante
prima del suo trasferimento a San Pietroburgo dove creò i suoi maggiori capolavori) l’ultima di ben cinque chiese stratificatesi lungo
i secoli.
Il monastero ebbe il periodo di maggiore splendore tra il secolo XI e il secolo XIII. Nel 1465 i due chierici tedeschi A. Pannartz e C.
Sweynheym vi impiantarono la prima tipografia italiana, che arricchì la Biblioteca, già esistente, di incunaboli e di libri di grande
valore.
La Biblioteca è oggi situata sul lato nord del Chiostro Gotico, mentre il Refettorio si trova nel lato ovest del Chiostro Cosmatesco, un
tempo sormontato dal Dormitorio.
Il monastero di Santa Scolastica si trova ad est di Subiaco, a 510 metri di altezza, ed è disposto longitudinalmente e parallelamente
alla valle, dove, per secoli, vissero nella contemplazione e nella preghiera, eremiti e monaci, che le meritarono il nome di “valle
santa”.
Il Monastero di Santa Scolastica è stato fondato da San Benedetto ed è sempre sopravvissuto, sebbene all’orlo della rovina, alle
terribili vicissitudini storiche che ha subito (ultima tra tutte: il bombardamento alleato del 23 maggio 1944 a seguito del quale tutta
l’ala sulla facciata principale del complesso monumentale dovette essere ricostruita).

1. ORGANO MASCIONI (OP 953 – 1973)


Tre manuali [Pos. – G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette poste in file orizzontali ai lati e al di sopra dei manuali]

Unioni e Accoppiamenti Annulli


1 Unione I 8’ Ped A Ancia I Man.
2 Unione II 8’ Ped A Ancia II Man.
3 Unione III 8’ Ped A Ancia III Man.
4 Unione III 8’ I A Ancia Ped.
5 Unione I 8’ II A Ripieni
6 Unione III 8’ II A Sub Ottave
7 Unione I 4’ Ped A Super Ottave
8 Unione II 4’ Ped A Tasto – Pedale
9 Unione III 4’ Ped A Unioni

10 Unione I 16’ I
11 Unione I 4’ I
12 Unione III 4’ I
13 Unione II 4’ II
14 Unione I 16’ II
15 Unione I 4’ II
16 Unione III 4’ II
17 Unione III 16’ II

— 224 —
18 Unione III 4’ III

I Manuale – Corale [Aperto]


Corpo nella nicchia sulla parete sinistra dell’abside Corpo nella nicchia sulla parete destra dell’abside
19 Principale 8’ 26 Flauto Camino 8’
20 Corno Camoscio 8’ 27 Flauto 4’
21 Ottava 4’ 28 Nazardo 2’2/3’
22 XV 2’ 29 Flautino 2’
23 XIX 1’1/3’ 30 Decimino 1’3/5’
24 Ripieno 3 file 31 Piccolo 1’
25 Unda Maris 8’ 32 Cromorno 8’
33 Tremolo

Pedale
Corpo Corale nella nicchia sulla parete sinistra dell’abside Corpo Principale sulla cantoria d’ingresso
34 Bordone 16’ 37 Basso Acustico 32’
35 Corno Camoscio 8’ 38 Contrabbasso 16’
36 Flauto 4’ 39 Subbasso 16’
40 Basso 8’
41 Bordone 8’
42 Ottava 4’
43 Flauto 4’
44 Tromba 16’
45 Tromba 8’
46 Trombina 4’

III Manuale – Espressivo II Manuale – Grand’Organo


Corpo Principale sulla cantoria d’ingresso Corpo Principale sulla cantoria d’ingresso
47 Bordone 8’ 57 Principale 8’
48 Viola Gamba 8’ 58 Flauto 8’
49 Principale 4’ 59 Dulciana 8’
50 Flauto Dolce 4’ 60 Ottava 4’
51 Flauto in XII (sic) 2’2/3’ 61 XV 2’
52 Silvestre 2’ 62 Ripieno Grave 2 file
53 Pienino 3 file 63 Ripieno Acuto 4 file
54 Oboe 8’ 64 Tromba 8’
55 Voce Celeste 2 file 8’ 65 Voce Umana 8’
56 Tremolo

Accessori
6 Combinazioni Fisse Generali a Pistoncino
5 Combinazioni Libere Particolari a Pistoncino per Corpo Corale e Corpo Principale
5 Combinazioni Libere Generali a Pistoncino richiamabili con Pedaletti
Pistoncini e Pedaletti di richiamo Unioni 8’
Staffa Crescendo Generale
Staffa Espressione al III Manuale
Pedaletti Ripieno I, II, III; Ancia, Tutti

Estensione: manuali di 61 note (Do1 – Do6); Pedaliera di 32 note (Do1 – Sol3).


Collocazione in due corpi: il corpo maggiore è collocato sulla cantoria neoclassica posta sulla parete d’ingresso (nella
cassa dell’antico organo Cesare Catarinozzi della fine del XVII sec.); il corpo corale è collocato in due nicchie ai lati
dell’abside semicircolare (occupa gli interstizi tra le pareti dell’abside settecentesca e quelle d’ambito della preesistente
abside quadrata della chiesa gotica).

— 225 —
Trasmissione elettrica; consolle fissa indipendente posta sulle scale sul lato destro del presbiterio.
Il corpo maggiore ha la bella cassa (pesantemente restaurata, ritoccata ed integrata) risalente all’antico organo Cesare
Catarinozzi della fine del XVII sec., a forma ‘serliana’, un tempo dorata e successivamente tinta in bianco uniforme nel
restauro del Quarenghi. E’ probabile che fosse collocato nella parete fondale del presbiterio e spostato sulla cantoria
settecentesca appositamente progettata dal Quarenghi.
Il corpo corale è nelle nicchie chiuse esternamente da griglie e teli.
Il corpo maggiore ha una mostra di 27 canne di Principale [ 9 / 9 / 9 ] disposte a tre cuspidi, ciascuna nei campi della
cassa; bocche “a scudo” allineate orizzontalmente; canna centrale: Fa 12’. Il corpo corale non ha canne in mostra.

NOTE
L’organo attuale è di costruzione Mascioni (1972-73), ed è collocato alle due estremità della chiesa. La maggior parte delle canne è
allocata in quello che resta della cassa dell’organo costruito da Cesare Catarinozzi nel 1687 (o secondo altri 1692), mentre il corpo
corale è disposto in due ambienti ai lati dell’abside fondale.
L’organo Catarinozzi, preesistente alle modifiche operate dal Quarenghi, era forse collocato su una cantoria sulla parete fondale
dell’abside (esiste un’antica incisione in cui è visibile l’interno della chiesa gotica: sull’abside non c’è alcun organo, ma l’incisione
risale al 1673, almeno 15 anni prima della costruzione dell’organo), come lo era quello che lo stesso organaro aveva costruito per
Montecassino, e la cassa era sicuramente riccamente dorata.
L’attuale cantoria d’ingresso risale alla ristrutturazione neoclassica del Quarenghi e forse in tale occasione l’organo fu rimontato da
Celestino Catarinozzi (1770) e la cassa fu ridipinta di bianco, impoverendola molto (era peraltro collocata sul fondo della cantoria,
molto meno visibile di com’è attualmente).
Sicuramente alterato in varie occasioni e danneggiato nel 1944, l’organo di Cesare Catarinozzi fu completamente smontato nel 1972-
73; la cassa (spostata e adattata) rimase a Subiaco, il restante materiale fu donato alla comunità degli Oblati dell’Abbazia di
Novalesa, in Piemonte, che era stata da poco ripristinata. Lì il materiale Catarinozzi rimase per molti anni accantonato in uno
stanzone e solo nel 2001 affidato in restauro a Glauco Ghilardi. Tuttavia il restauro non è potuto procedere (nel luglio 2004 non era
nei fatti nemmeno iniziato) fino al 2005, poiché bisognava decidere se costruire o meno una cantoria dove collocare l’organo e
soprattutto ricostruire una cassa, sulla cui estetica gli Oblati, la Soprintendenza e gli architetti interessati hanno a lungo discusso
prima di prendere una decisione. Così nel 2001 l’Abbazia di Novalesa ha acquistato un elegantissimo positivo costruito da Dell’Orto
& Lanzini nel 1997.
L’organo è stato alla fine ripristinato e collocato in una bella cassa in stile ed inaugurato il 13 maggio 2006 da Markus Utz, organista
del duomo di Costanza. Da notare che a Novalesa esisteva un precedente strumento, costruito nel 1817, poi trasferito nella chiesa di
S. Martino Vescovo ad Alpignano (TO), restaurato nel 2005 ed inaugurato il 17 giugno 2006 da Roberto Cognazzo e dal clarinettista
Rocco Parisi.
A detta di don Davide, attuale giovane organista del convento (dopo la scomparsa di don Silvestro Priori), due organi preesistenti
sono tuttora conservati: uno nell’Abbazia di Novalesa (quello di Cesare Catarinozzi, come detto prima) e uno nella chiesa di San
Francesco a Subiaco.
Lo strumento, costruito nel migliore standard Mascioni (anche se poi sempre affidato a Francesco Michelotto per la manutenzione)
ha un suono apprezzabile che si espande in maniera chiara nell’ampia chiesa coperta da volta a botte.
Ho effettuato il sopralluogo nel luglio 2004, grazie al cortese interessamento del prof. Mario Segatori e in vista del concerto che vi ho
tenuto il 24 luglio 2004 (ho suonato: Charles-Marie Widor: Sinfonia n. 4 op. 13 n.4; Graziano Fronzuto: Suite sul nome di B.As.Si;
fuori programma, Gaetano Donizetti: Grande Sonata per l’offertorio in Re maggiore – trascrizione autografa della Sinfonia
dell’Opera “Anna Bolena”). Il giorno dopo del concerto, un appassionato mi ha donato una fotocopia di una Ave Maria in Latino,
opera di Francesco Turnaturi.
Si riporta di seguito la disposizione fonica degli organi dell’abbazia di Novalesa:

Manuale unico, pedaliera antica; disposizione dei registri come segue


[azionati da pomelli posti in fila unica verticale a destra della consolle; nomi scritti ad inchiostro su cartellini aggiunti nel restauro]

– Principale I [12’]

– Principale II [12’] [nei Tenori]

– Ottava [6’]

– XV [3’]

– XIX

– XXII

— 226 —
– XXVI

– XXIX

– XXXIII

– Flauto in XII

– Voce Umana [12’] [nei Soprani]

Accessori
Pomello del Tiratutto; pedaletto (a destra della pedaliera) per l’Uccelliera.

Estensione: Manuale di 49 note (Fa-1–La4), ricostruito nel 2004, con tutte le ottave ‘cromatiche stese’ ma senza il primo
Fa# e il primo Sol# e senza l’ultimo Sol#, tasti diatonici ricoperti in bosso e tasti cromatici ricoperti in ebano; Pedaliera
di 17 note (Fa-1–Do2), ricostruita nel 2004, senza il primo Fa# e il primo Sol#, costantemente unita al manuale.
Collocazione in corpo unico sulla vasta cantoria moderna, lignea con struttura in acciaio, sopra l’ingresso principale.
Trasmissione interamente meccanica sospesa; consolle ‘a finestra’.
Cassa ricostruita nel restauro del 2004, senza tener conto della forma della cassa originaria (serliana), ma ornata da
decorazioni metalliche a fogliami intrecciati.
Mostra composta da 37 canne del Principale, disposte in tre campi, ciascuno con disegno a cuspide [ 13 / 11 / 13 ];
bocche ‘a mitria’ allineate orizzontalmente; canna maggiore Fa 12’ al centro.
L’organo è stato restaurato veramente in modo esemplare, e risuona in modo splendido nella chiesa abbaziale. Forse si
poteva recuperare anche il materiale fonico recenziore (e quindi almeno le ance e i registri coloristici ottocenteschi) o
almeno dare alla tastiera un’estensione più vicina agli altri organi romani della fine del XVII sec. (e quindi estenderla
fino al Do5 se non al Re5 o al Fa5 come quella di San Giovanni in Laterano), comunque, usato con una certa
disinvoltura, consente l’esecuzione di una letteratura molto vasta.
Suonato il 27 agosto 2008 grazie alla cortese accoglienza del Priore P. Paolo Maria Gionta (di origine formiana).

ORGANO CORALE DELL’ABBAZIA DI NOVALESA


Dell’Orto & Lanzini (1997)

Manuale unico, registri azionati da pomelli posti in fila unica verticale a destra della consolle; nomi scritti ad inchiostro su cartellini aggiunti nel
2001:

– Bordone [8’]

– Flauto Tappato [4’]

– Principale [2’]

Estensione: Manuale di 54 note (Do1–Fa5), con tutte le ottave ‘cromatiche stese’, tasti diatonici ricoperti in bosso e tasti
cromatici ricoperti in ebano.
Collocazione in corpo unico a pavimento, lungo la parete sinistra del presbiterio, appena prima del primo stallo del
coro.
Trasmissione interamente meccanica ‘a pironi’; consolle ‘a finestra’.
Cassa di semplice fattura rettangolare, con portelle che coprono anche il manuale (non si può suonare ad ante chiuse).
Mostra composta da 15 canne del Principale, disposte in tre campi, ciascuno con disegno a cuspide [ 5 / 5 / 5 ] con
canna tortile al centro di ciascun campo; bocche ‘a mitria’ ad andamento contrario; canna maggiore Do 2’ al centro; per
diminuire il volume di suono, la mostra è stata coperta con una lastra in compensato e un pesante tendaggio...
Positivo acquistato nel 2001 di seconda mano per le esigenze liturgiche e corali dei monaci dell’abbazia, in attesa che si
risolvesse il problema di come ricostruire l’organo Catarinozzi (v.n.549). Di carattere fine e spigliato (ed utilizzato
perciò in vari concerti in cui accompagna solisti o gruppi corali e strumentali), è parzialmente apprezzabile a causa dei
pannelli che i monaci vi hanno adattato sulla mostra, che ne riduce sensibilmente il volume e rende scordate le canne di
mostra.

— 227 —
Suonato il 27 agosto 2008 grazie alla cortese accoglienza del Priore P. Paolo Maria Gionta (di origine formiana) e di P.
Luigi.

ORGANO CORALE DELL’ABBAZIA DI SUBIACO CEDUTO NEL 1973 A S. FRANCESCO A SUBIACO


Francesco Morettini (1906)
Manuale unico, pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue
[azionati da placchette poste in fila unica orizzontale sopra la tastiera, con nomi incisi in diagonale in caratteri corsivi]
– Principale [8’]

– Flauto [4’]

– Ottavina [2’]

– Ripieno [3 file]

– Basso Pedale [8’]

Accessori
Pedaletto unione tastiera–pedale
Estensione
Tastiera di 56 note (Do1 – Sol5); Pedaliera di 27 note (Do1 – Re3) dritta.
Collocazione nel coro, dietro l’altare maggiore, con la mostra di canne rivolta verso la parete absidale fondale;
guardando dalla chiesa, la cassa è interamente occultata dalla grande pala dell’Altare Maggiore, pregevole opera di
Antoniazzo Romano (Madonna con Bambino, Santi, S. Francesco e S. Antonio; firmato e datato 2 ottobre 1467).
Trasmissione pneumatica originale ripristinata nel restauro; consolle “appoggiata” al corpo d’organo.
Semplice Cassa rettangolare, dipinta di grigio, con i comparti delle canne di mostra sormontati da archi ogivali e con
semplici decorazioni.
Mostra composta da 20 canne di Principale disposte in quattro campi [ 7 / 3 / 3 / 7 ], ciascuno composto da cuspide,
delle quali le più alte sono quelle laterali (quelle centrali sono sormontate da campi ciechi, forse destinati a contenere
“organetti morti” oppure dipinti a soggetto sacro); bocche “a scudo” allineate orizzontalmente. Canna maggiore: Do 4’
nel comparto all’estrema sinistra, recante incisa la scritta MORETTINI; nella canna maggiore del comparto all’estrema
destra, Do #, reca incisa la data MCMVI.
L’organo era stato donato all’abbazia di Subiaco da papa san Pio X come strumento corale. Al momento della
ricostruzione degli organi nel 1973 è stato collocato dov’è attualmente visibile.
Sopralluogo compiuto in presenza della signora Antonella Pirozzi-Fronzuto e del maestro Agostino Raff (luglio 2004)

2. ORGANO FRANCESCO MICHELOTTO (1975)


Due manuali [G.O. [Exp] – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette a bilico in fila unica orizzontale al disopra del II Manuale, con nomi incisi]

I Manuale – Grand’Organo [Espressivo] Unioni e Accoppiamenti


– Principale 8’ – Unione I – Ped
– Ottava 4’ – Unione II – Ped.
– XV [2’] – Unione Manuali
– XIX [1’1/3’]
– XXII [1’]
– Flauto 8’
– Flauto 4’
– Voce Umana 8’

II Manuale – Espressivo Pedale

— 228 —
– Flauto 8’ – Subbasso 16’
– Flauto 4’ – Basso 8’
– Flauto in XII 2’2/3’ – Flauto 8’
– Flautino 2’ – Flauto 4’
– Unda Maris 8’
– Tremolo

Accessori
Combinazione Libera Generale, richiamata da pistoncini e pedaletti e composta da una fila supplementare di piccole
placchette numerate al di sopra di quelle dei registri.
Pedaletti di richiamo Unioni 8’ e Combinazione Libera
Staffa Crescendo Generale
Staffa Espressione al II Manuale
Pedaletti Ripieno I Man., Tutti

Estensione: manuali di 58 note (Do1 – La5); Pedaliera di 30 note (Do1 – Fa3).


Trasmissione elettrica; consolle indipendente posta sulla cantoria stessa.
L’organo è collocato sulla cantoria sopra l’ingresso della cappella della Foresteria dell’Abbazia (edificio indipendente
posto alla destra del cancello d’ingresso al complesso manastico), che si apre con due archi sulla navata.
L’organo è dotato di una semplice cassa di contenzione e di una cassa espressiva che contiene le canne dei timbri
flautati.
I due archi della cantoria contengono ciascuno una mostra a cuspide unica composta da canne in zinco (circa 4’):
guardando la cantoria dalla navata, l’arcata sinistra –dietro cui sta la consolle– contiene 18 canne non sonanti (mal
ordinate verso il centro) piuttosto rade (forse per consentire all’organista di guardare l’altare); l’arcata destra –dietro cui
sta il corpo d’organo– contiene 19 canne di Principale, sonanti.

NOTE
La Foresteria dell’Abbazia di Santa Scolastica fu realizzata a partire dagli anni’30 del XX sec. e progressivamente
ampliata; fu subito dotata di questa cappella in interessante stile neoromanico, a pianta rettangolare irregolare con
abside semicircolare, decorata integralmente con pitture anch’esse in stile, e coperta da capriate.
L’organo è stato realizzato da Francesco Michelotto nello stesso periodo in cui stava costruendo l’organo per la Chiesa
Superiore del monastero del Sacro Speco, ed è formato da due registri–base: Principale 8’ (prolungato 4’, 2’, 1’1/3’, 1’)
e Bordone 16’ (prolungato 8’, 4’, 2’2/3’, 2’) con tutte le canne in Cassa Espressiva ad eccezione delle prime 12. Vi è
poi una fila di canne battenti (con cui si è realizzata la Voce Umana e l’Unda Maris). Nonostante si tratti di un
piccolissimo organo multiplo, esso risulta sorprendentemente brillante e sonoro e riempie molto bene la cappella.
Al momento del sopralluogo, compiuto nel luglio 2004 con Antonella e il m.o Agostino Raff (che aveva in pratica
scoperto la presenza dello strumento: io non avrei mai pensato che in questa cappella vi fosse un organo a canne),
l’organo si presentava in uno stato eccezionalmente buono, nonostante il disuso evidente (la cantoria era ingombra di
numerosi materiali alberghieri accantonati, tra cui reti, materassi, secchi per lavare i pavimenti ecc.).

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo compiuto in presenza della signora Antonella Pirozzi-Fronzuto e del maestro Agostino Raff (luglio 2004)
<http://www.benedettini-subiaco.org/index.php/monastero-santa-scolastica>

— 229 —
ABBAZIA DI VALVISCIOLO

Abbazia di Valvisciolo – Loc. Valvisciolo – Sermoneta

STORIA
Edificata in rigoroso stile romanico-cistercense è uno dei massimi capolavori del genere della provincia dopo l'abbazia di Fossanova.
La tradizione vuole che questa abbazia sia stata fondata nel XII secolo da monaci greci e sia stata occupata e restaurata dai Templari
nel XIII secolo. Quando nel XIV secolo questo ordine venne disciolto subentrarono i Cistercensi.
A questa abbazia è legata una leggenda medioevale, dove si narra che nel 1314, quando venne posto al rogo l'ultimo Gran Maestro
Templare, Jacques de Molay gli architravi delle chiese si spezzarono. Ancora oggi, osservando attentamente l'architrave del portale
principale dell'abbazia, si riesce a intravedere una crepa. Gli indizi della presenza Templare sono costituiti da alcune caratteristiche
croci: nel primo gradone del pavimento della chiesa, nel soffitto del chiostro e quella più famosa di tutte scolpita nella parte sinistra
dell'occhio centrale del rosone, venuta alla luce nei restauri di inizio secolo. In tempi recenti, sul lato occidentale del chiostro,
abbattendo un muro posticcio, sono venute alla luce, graffite sull'intonaco originale, le cinque famose parole del magico palindromo:
SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS, con la variante, sinora un unicum, che le venticinque lettere sono disposte in cinque
anelli circolari concentrici, ognuno dei quali diviso in cinque settori, in modo da formare una figura simile ad un bersaglio.
Nel 1411 l'abbazia fu ceduta in commenda a Paolo Caetani. Nel 1523 fu declassata da papa Clemente VII a priorato semplice. Nel
1529 fu ridotta a priorato secolare. Tra il 1600 e il 1605 fu abitata dai cistercensi della congregazione dei Foglianti fino al 1619. Tra
il 1619 e il 1635 l'abbazia fu abitata dai Minimi di san Francesco di Paola. Tornarono nuovamente i Foglianti che l'abitarono fino alla
Soppressione degli Ordini religiosi voluta da Napoleone Bonaparte. Papa Pio IX fece due importanti visite all'abbazia nel 1863 e nel
1865. Fu per volere di Pio IX che l'abbazia divenne priorato conventuale dipendente dalla congregazione di Casamari. Il 5 luglio
1888 il Priore D. Bartolomeo M. Daini riscattò il complesso monastico messo all'asta dal Comune di Sermoneta con la somma di
10.150 £. Ora l'abbazia continua ad essere abitata dai monaci cistercensi della congregazione di Casamari. Nel marzo 2014 è
festeggiato a Sermoneta e a Valvisciolo il 150º anniversario del ritorno dei monaci voluto dal beato papa Pio IX.
L'interno della chiesa, a tre navate suddivise da pilastri e colonne, presenta pareti spoglie di affreschi secondo i canoni del "memento
mori" dei cistercensi che evitavano gli sfarzi architettonici perché non contava per loro la materialità ma, invece, la spiritualità.
Sul fondo della navata sinistra si trova la cappella di San Lorenzo. Affrescata nel 1586-89 dal pittore Niccolò Circignani detto il
Pomarancio su commissione del cardinale Enrico Caetani e del duca Onorato IV. Questo ciclo di affreschi fu realizzato in occasione
della visita di papa Sisto V nel ducato Caetani. All'interno della cappella vi sono molti cenni autocelebrativi riferiti al titolo ducale
che nel 1586 fu concesso proprio a Onorato IV. Infatti vi sono presenti moltissime corone ducali sorrette da puttini. Interessantissimo
l'autoritratto del Pomarancio che la studiosa Sonia Testa ha scoperto fra la decorazione a grottesche della volta, in prossimità delle
due vele con l'episodio in cui San Lorenzo opera la conversione di Lucilio e quella con l'episodio in cui san Lorenzo battezza in
carcere san Romano. Sopra il portone d'ingresso si può notare un rosone. Il chiostro sito alla destra dell'abbazia guardando la facciata
ha un giardino vivacemente colorato.
L'abbazia è ubicata a 116 m s.l.m. su un contrafforte che si affaccia su una piccola valle, per tradizione medievale, detta
"dell'usignolo". Il nome del complesso monastico sembrerebbe derivare dalla suddetta valle.

ORGANO TAMBURINI (1940)


Due manuali [G.O. – Exp.], pedaliera moderna; disposizione dei registri come segue:
[azionati da placchette a bilico in fila unica orizzontale al disopra del II Manuale, con nomi incisi]

I Manuale – Grand’Organo Unioni ed Accoppiamenti


1 Principale 8’ 6 Unione I – Ped.
2 Flauto 8’ 7 Unione II – Ped.
3 Ottava 4’ 8 Acuta I – Ped.
4 XV 2’ 9 Acuta II – Ped.
5 Ripieno 4 File 10 Unione II – I
11 Acuta I–I
12 Acuta II – I
13 Grave II – I

— 230 —
14 Acuta II – II
15 Grave II – II

II Manuale – Espressivo Pedale


16 Bordone 8’ 22 Subbasso 16’
17 Viola 8’ 23 Bordone 8’
18 Flauto 4’
19 Nazardo 2’2/3’
20 Voce Celeste 8’
21 Tremolo

Accessori
5 Combinazioni Fisse Generali a pistoncino.
Combinazione Libera Generale.
Pedaletti di richiamo Unioni 8’, Combinazione Libera.
Staffa Crescendo Generale.
Staffa Espressione II Manuale.
Pedaletti Ripieno I; Tutti.

Estensione: manuali di 58 note (Do1–La5); pedaliera di 30 note (Do1–Fa3).


Trasmissione elettrica, consolle mobile indipendente posta in genere nell’ultima cappella a sinistra.
Collocazione in corpo unico nella nicchia sulla parete destra del presbiterio
Organo privo di cassa e di mostra

NOTE
L’organo fu costruito su una cantoria sulla porta d’ingresso appositamente costruita, ma demolita nei restauri ‘puristi’ degli anni ’50
del XX secolo. Fu quindi collocato nella nicchia dov’è tuttora, con consolle fissa dietro l’altare maggiore. Nel 1995 la consolle fu
resa mobile da un intervento di Carlo Soracco. L’organo si distingue per un ripieno particolarmente brillante e per i suoi bei
Fondi.

FONTI SPECIFICHE
Sopralluogo eseguito con la famiglia Lamonica (settembre 1986)
Corrispondenza elettronica con l’organaro Carlo Soracco e con il mio maestro Mauro Bassi.

— 231 —
RINGRAZIAMENTI

Desidero esprimere la mia sincera gratitudine verso tutte quelle persone il cui insostituibile aiuto mi ha
consentito di scrivere questo testo. In particolare intendo ringraziare per la benevola sensibilità verso le mie ricerche,
dimostrata nelle occasioni di incontro, nei colloqui, nella corrispondenza GLI ORGANARI, Rodney Briscoe, Stefano
Buccolini, Nicola Ferroni, Barthélémy Formentelli Michel Formentelli, Philipp C.A. Klais, Giuliano Pedrini, Guido
Pinchi, , Daniel Taccini, Enrico Vegezzi-Bossi, Oskar Walcker-Mayer; I MUSICISTI Alessandro Albenga, Mauro Bassi,
Gianni Battistelli, Federico Borsari, Marcella Brigliadoro, Armando Carideo, Francesco Cera, Roberto Cognazzo,
Francesco Saverio Colamarino, Carlo Colosimo, Stefano Conti, Luca Di Donato, Giuseppe Distaso, padre Theo Flury
O.S.B., James Edward Goettsche, Aurelio Iacolenna, Ugo Leoni, Livia Mazzanti, Giorgio Muto, Antonio Nocella,
Concezio Panone, padre Emidio Papinutti O.F.M., Juan Paradell Solé, Alberto Pavoni, Stefano Pellini, Alessandro
Picchi, Riccardo Poleggi, Paola Polito, Ruggero Russi, Arturo Sacchetti, padre Pellegrino Santucci O.S.M. scomparso
nel 2010, padre Innocenzo Schipani O.F.M., Ambrogio Sparagna, Gennaro Tallini, Gabriele Terrone; GLI STUDIOSI
Patrizio Barbieri, Giorgio Cenedese, Emanuele Cereda, Benedetto Cignitti Proietti, Maria D’Agnese, Steve Dunk,
Mario Giannattasio, Sigfrido Leschiutta, Michael MacKenzie, Arnaldo Morelli, Adrian Mumford, Antonio Ronchi,
Roberto Russi, Mario Segatori, Claudio Strinati, Frederic Symonds, Lynn Upham.
Porgo un particolare ringraziamento al prof. Lorenzo Bianconi, direttore della collana editoriale in cui questo
testo è stato inserito, al dott. Alessandro Olschki, editore scomparso nel 2010, al prof. Agostino Bagnato, direttore del
trimestrale culturale L’Albatros, e all’organaro Eugenio Mascioni , presidente del consiglio di amministrazione della
Ditta Mascioni s.r.l. , per il fondamentale aiuto che mi hanno dato.
Porgo un sentitissimo e profondo ringraziamento al Maestro Mons. Vincenzo de Gregorio, Preside del
Pontificio Istituto di Musica Sacra e già direttore del conservatorio “San Pietro a Maiella” di Napoli, per il
preziosissimo aiuto e per la fondamentale lettera di presentazione che mi ha consentito di aprire porte altrimenti chiuse
per gli organisti.
Porgo un sentito grazie ai miei familiari che non hanno mai mancato di aiutarmi: sig. ra Maria Rosaria Fantasia
Fronzuto mia madre, amm. Erasmo Fronzuto mio padre, com.te Espedito Fronzuto mio fratello e dott. ssa Rosanna
Fronzuto mia sorella, ed inoltre i cari zii, zie, cugini e cugine.
Ringrazio anche quelle persone che mi hanno fornito verbalmente notizie, testimonianze, pareri e consigli ma
che, per modestia e motivi personali, non hanno voluto essere nominate (ho riportato solo le cose attendibili,
anteponendo la frase «mi è stato indicato che…»).
Un ringraziamento maiuscolo lo porgo a Sergio Colasanti, amico della prima ora, studioso d’arte (non solo
organaria) e profondo conoscitore degli organi di Roma; mi ha accompagnato su innumerevoli cantorie, mi ha fatto
conoscere strumenti di innegabile pregio in luoghi inattesi e mi ha fornito notizie assolutamente interessanti.
Sono particolarmente debitore all’artista Agostino Raff che ha voluto così cortesemente donarmi con grande
amicizia informazioni, consigli, incoraggiamenti ed anche aggiunte, segnalazioni ed integrazioni senza lesinare – le
molte volte in cui è stato necessario – critiche e correzioni.
Esprimo profonda riconoscenza al mio mentore, guida e faro, maestro Stefano Romano; considero i suoi scritti
sull’Arte Organaria a Napoli secondi soltanto all’alto esempio culturale e morale che ho da lui ricevuto.
Né posso dimenticare lo studioso Davide Campeggiani, seminarista e prossimo sacerdote, il quale ha
gentilmente caricato decine di disposizioni foniche in <https://it.wikibooks.org/wiki/> limitandosi al solo elenco dei
registri e lasciandomi solo il lavoro di aggiungere Unioni ed Accoppiamenti ed Accessori. Essendo seminarista ha avuto
più facile accesso ad organi spesso inaccessibili (penso per esempio a quelli delle chiese del Vaticano ma anche ad altre
della città di Roma). A lui va tutta la mia riconoscenza e stima per il lavoro svolto.
Un commosso pensiero va ad alcune persone il cui apporto alle mie ricerche è stato insostituibile ma che non
sono più fra noi: innanzitutto mons. Luigi Di Liegro, mio concittadino e amico di tutti gli ultimi (e degli organi), alla cui
memoria offro questo testo; don Cosimino Fronzuto mio zio, mons. Gino Bartolucci, Ponziano Bevilacqua, Domenico
Cipriani, padre Luigi de Sario O.S.B., padre Ambrogio Fumagalli O.S.B., padre Thierry Haenni O.P., padre Riziero
Lanfaloni O.F.M.Conv., dott. Oscar Mischiati, fra’ Nicolino Sicignano, Carlo Soracco, prof. Federico Zeri.

— 232 —
Infine, evidenzio che questo scritto non sarebbe mai esistito se non avessi avuto al mio fianco mia moglie
Antonella Pirozzi-Fronzuto; verso di lei qualsiasi forma di ringraziamento ch’io sappia umanamente esprimere sarà
sempre insufficiente. In tanti anni mi ha sempre incoraggiato, mi ha spronato a suonare ma anche ad annotare, studiare,
scrivere, registrare, fotografare; ha impeganto tempo, passione e impegno anch’ella nell’annotare, registrare, studiare e
fotografare senza risparmio di forze e tracciando la rotta di questo lungo viaggio tra gli organi di Roma.

Graziano Fronzuto

— 233 —
SOMMARIO

— 234 —
— 235 —
PRESENTAZIONE ______________________________________________________________________________ I 
INTRODUZIONE ______________________________________________________________________________ II 
Una guida pratica per conoscere gli organi di Roma ____________________________________________________ II 
Fonti Specifiche _______________________________________________________________________________ III 
Il punto di partenza ______________________________________________________________________________ V 
Criteri di scelta _________________________________________________________________________________ V 
Criteri di descrizione____________________________________________________________________________ VI 
Parte I – BASILICHE MAGGIORI _________________________________________________________________ 1 
Ved. schede nel volume stampato___________________________________________________________________ 1 
Parte II – CHIESE DI ROMA _____________________________________________________________________ 3 
ABBAZIA DELLE TRE FONTANE ________________________________________________________________ 5 
Organo MASCIONI (op. 701 – 1954) _______________________________________________________________ 6 
S. AGNESE IN AGONE _________________________________________________________________________ 8 
S. ANDREA ___________________________________________________________________________________ 9 
Organo GUIDO PINCHI (1987)____________________________________________________________________ 9 
S. ANDREA DELLA VALLE ____________________________________________________________________ 10 
2. Organo di ANONIMO OLANDESE DEL XX SEC. (1990) ___________________________________________ 10 
S. ANDREA DELLE FRATTE ___________________________________________________________________ 11 
Organo CONTINIELLO (1970) ___________________________________________________________________ 11 
ANGELICUM ________________________________________________________________________________ 14 
Organo MASCIONI (op. 517 – 1939) ______________________________________________________________ 17 
S. ANNA DEI PALAFRENIERI IN VATICANO _____________________________________________________ 19 
Organo GIUSEPPE MIGLIORINI (1931) ___________________________________________________________ 19 
S. ANTONIO DEI PORTOGHESI ________________________________________________________________ 21 
Organo Mascioni (op. 1181 – 2008) ________________________________________________________________ 21 
S. ANTONIO IN VIA MERULANA _______________________________________________________________ 24 
S. APOLLINARE ______________________________________________________________________________ 25 
Organo DI ANONIMO DEL XX SEC. (1995) _______________________________________________________ 25 
SS. APOSTOLI _______________________________________________________________________________ 26 
1. Organo Vincenzo Mascioni (op. 369 – 1925) _______________________________________________________ 26 
2. Organo EUGENIO BECCHETTI (2011) __________________________________________________________ 26 
S. BARNABA AL PRENESTINO _________________________________________________________________ 27 
Organo ORGANARIA ROMANA (2000) ___________________________________________________________ 27 
S. BARBARA DEI LIBRARI ____________________________________________________________________ 29 
Organo di ANONIMO DEL XVII SEC. (1690 ca.) ____________________________________________________ 29 
S. BENEDETTO ______________________________________________________________________________ 31 
Organo TAMBURINI (1957) _____________________________________________________________________ 31 
S. BERNARDO DA CHIARAVALLE _____________________________________________________________ 33 
Organo TAMBURINI (1992) _____________________________________________________________________ 33 
CAPPELLA PAOLINA IN VATICANO ____________________________________________________________ 35 
Organo LIBERO RINO PINCHI (1958) ____________________________________________________________ 36 
S. CARLO AL CORSO _________________________________________________________________________ 38 
1. Organo Giovanni Tamburini (1928) ______________________________________________________________ 38 
2. Organo Giovanni Tamburini (1928) ______________________________________________________________ 38 
S. CLAUDIO _________________________________________________________________________________ 40 
Organo CARLO VEGEZZI-BOSSI (1910) __________________________________________________________ 40 
S. CROCE A VIA FLAMINIA ___________________________________________________________________ 42 
Organo BALBIANI VEGEZZI-BOSSI (1928) _______________________________________________________ 42 
S. CUORE A VIA PIAVE _______________________________________________________________________ 44 
Organo E.F.WALCKER [?] (1924) ________________________________________________________________ 44 
S. CUORE DEL SUFFRAGIO____________________________________________________________________ 46 
Organo RUFFATTI (1962) ______________________________________________________________________ 47 

— 236 —
S. CURATO D’ARS____________________________________________________________________________ 49 
Organo Luigi Vasconi (1820) _____________________________________________________________________ 49 
S. DOROTEA _________________________________________________________________________________ 51 
Organo MASCIONI (op. 524 – 1939) ______________________________________________________________ 51 
S. ELIGIO DEI FERRARI _______________________________________________________________________ 53 
Organo NICOLA MORETTINI (1890) _____________________________________________________________ 53 
S. EUSEBIO A PIAZZA VITTORIO ______________________________________________________________ 54 
1. Organo JOHANNES CONRAD WERLE (1740) ____________________________________________________ 54 
2. Organo TAMBURINI (1938) ___________________________________________________________________ 55 
SS. FABIANO E VENANZIO ____________________________________________________________________ 57 
S. FELICE DA CANTALICE A CENTOCELLE _____________________________________________________ 58 
Organo TAMBURINI (1952) _____________________________________________________________________ 58 
S. FILIPPO NERI IN EUROSIA __________________________________________________________________ 60 
S. FRANCESCA CABRINI ______________________________________________________________________ 61 
Organo LIBERO RINO PINCHI (1965) ____________________________________________________________ 61 
GESÙ DIVINO LAVORATORE __________________________________________________________________ 63 
Organo MASCIONI (op. 839 – 1963) ______________________________________________________________ 63 
GESÙ DIVINO MAESTRO______________________________________________________________________ 65 
Organo LIBERO RINO PINCHI (op. 257 – 1967) ____________________________________________________ 65 
S. GIACOMO DEGLI SPAGNOLI ________________________________________________________________ 67 
S. GIACOMO IN AUGUSTA ____________________________________________________________________ 68 
Organo DI ANONIMO DEL XVIII SEC: CON MODIFICHE___________________________________________ 68 
S. GIORGIO IN VELABRO _____________________________________________________________________ 70 
Organo Pels & van Leeuwen (1996)________________________________________________________________ 70 
S. GIOVANNA ANTIDA _______________________________________________________________________ 71 
Organo MASCIONI (op. 874 – 1966) ______________________________________________________________ 71 
S. GIOVANNI BATTISTA A MONTE MARIO ______________________________________________________ 73 
Organo Tamburini (1970) ________________________________________________________________________ 73 
S. GIOVANNI BATTISTA DEI GENOVESI ________________________________________________________ 75 
Organo ZENO FEDELI (1919) ___________________________________________________________________ 75 
S. GIOVANNI BOSCO A CINECITTÁ ____________________________________________________________ 77 
S. GIOVANNI DELLA PIGNA ___________________________________________________________________ 78 
Organo FAMIGLIA PRIORI (1780) _______________________________________________________________ 78 
SS. GIOVANNI E PAOLO AL CELIO _____________________________________________________________ 80 
1. Organo Tamburini (1964) ______________________________________________________________________ 80 
2. Organo Salvatore Pronestì (2017)________________________________________________________________ 80 
S. GIUDA TADDEO A VIA LATINA _____________________________________________________________ 81 
Organo REMO ZARANTONELLO (1950) __________________________________________________________ 81 
S. GIULIANO ________________________________________________________________________________ 83 
Organo HILLEBRAND (1973) ___________________________________________________________________ 83 
GRAN MADRE DI DIO ________________________________________________________________________ 85 
Organo MASCIONI (Op. 562 – 1952) ______________________________________________________________ 85 
S. GREGORIO AL CELIO ______________________________________________________________________ 87 
Organo BALBIANI VEGEZZI-BOSSI (1933) _______________________________________________________ 87 
S. IGNAZIO __________________________________________________________________________________ 89 
1. Organo GIOVANNI TAMBURINI (1935) ________________________________________________________ 89 
2. Organo IGNAZIO PRIORI (1795) _______________________________________________________________ 90 
S. IPPOLITO _________________________________________________________________________________ 92 
Organo LIBERO RINO PINCHI (1950) ____________________________________________________________ 92 
S. LUCIA ____________________________________________________________________________________ 94 
Organo MASCIONI (OP. 907 – 1969) ______________________________________________________________ 94 

— 237 —
S. MARCO A PIAZZA VENEZIA ________________________________________________________________ 96 
S. MARIA AI MONTI __________________________________________________________________________ 97 
S. MARIA DEGLI ANGELI _____________________________________________________________________ 98 
1. Organo Barthélémy Formentelli (2000) ___________________________________________________________ 98 
2. Organo Giovanni Tamburini (1913) ______________________________________________________________ 98 
S. MARIA DEL CARMINE ALLE TRE CANNELLE _________________________________________________ 99 
Organo ALDOBRANDO FEDELI (1748) ___________________________________________________________ 99 
S. MARIA DELLA CONCEZIONE ______________________________________________________________ 100 
S. MARIA DELLA MERCEDE A VILLA ALBANI _________________________________________________ 101 
S. MARIA DELL’ANIMA ______________________________________________________________________ 102 
2. Organo GERHARD HRADETZKY (1990) _______________________________________________________ 102 
S. MARIA DELLA SALUTE ___________________________________________________________________ 103 
Organo MASCIONI (Op. 730 – 1957) _____________________________________________________________ 103 
S. MARIA DI GUADALUPE ___________________________________________________________________ 105 
Organo MASCIONI (op. 908 – 1969) _____________________________________________________________ 105 
S. MARIA IN PORTICO CAMPITELLI ___________________________________________________________ 107 
S. MARIA IN PUBLICOLIS ____________________________________________________________________ 108 
Organo VINCENZO MASCIONI (op. 307 – 1912) ___________________________________________________ 108 
S. MARIA MEDIATRICE ______________________________________________________________________ 110 
Organo MASCIONI (Op. 618 – 1947) _____________________________________________________________ 110 
S. MARIA PORTAE PARADISI _________________________________________________________________ 113 
Organo TAMBURINI (1962) ____________________________________________________________________ 113 
S. MARIA REGINA APOSTOLORUM A VIA FERRARI ____________________________________________ 115 
Organo Giovanni Tamburini (1940) _______________________________________________________________ 115 
S. MARIA REGINA DELLA FAMIGLIA IN VATICANO ____________________________________________ 117 
Organo DANIELE GIANI (2007) ________________________________________________________________ 117 
S. MARIA REGINA PACIS A MONTEVERDE ____________________________________________________ 119 
Organo TAMBURINI (1953) ____________________________________________________________________ 119 
S. MARIA REGINA PACIS A OSTIA LIDO _______________________________________________________ 121 
Organo MASCIONI (OP. 865 – 1965) _____________________________________________________________ 121 
SS. Martino e Sebastiano degli Svizzeri IN VATICANO ______________________________________________ 123 
Organo MATHIS ORGELBAU (1999) ____________________________________________________________ 123 
SS. MICHELE E MAGNO DEI FRISONI__________________________________________________________ 125 
1. Organo IGNAZIO PRIORI (1810) ______________________________________________________________ 125 
2. Organo SCHUMAKER (1992) _________________________________________________________________ 126 
S. NICOLA DA TOLENTINO___________________________________________________________________ 127 
ORATORIO DEL CARAVITA __________________________________________________________________ 128 
Organo IGNAZIO PRIORI (1800) ________________________________________________________________ 128 
OSPEDALE S. CAMILLO – FORLANINI _________________________________________________________ 130 
Organo GIANCARLO LOJACONO (1970) ________________________________________________________ 130 
OSPEDALE GEMELLI ________________________________________________________________________ 132 
Organo COSTAMAGNA (1965) _________________________________________________________________ 132 
OSPEDALE MILITARE DEL CELIO ____________________________________________________________ 134 
Organo BALBIANI VEGEZZI-BOSSI (1930) ______________________________________________________ 134 
S. PAOLA ROMANA ALLA BALDUINA _________________________________________________________ 135 
Organo LIBERO RINO PINCHI (Op. 311 – 1973) ___________________________________________________ 135 
S. PIETRO IN VINCOLI _______________________________________________________________________ 137 
Organo Attilio Priori (1884) _____________________________________________________________________ 137 
S. PIO V ____________________________________________________________________________________ 140 
Organo LEONARDO FORTI (1994) ______________________________________________________________ 140 
S. PUDENZIANA ____________________________________________________________________________ 142 
Organo RUFFATTI (1955) _____________________________________________________________________ 142 

— 238 —
SS. QUATTRO CORONATI ____________________________________________________________________ 144 
Organo TESTA [?] (seconda meta’ del XVII sec.) ____________________________________________________ 144 
S. RITA DA CASCIA _________________________________________________________________________ 147 
Organo ZENO FEDELI (1912) __________________________________________________________________ 147 
SCALA SANTA ______________________________________________________________________________ 148 
Organo TAMBURINI (1948) ____________________________________________________________________ 148 
S. SEBASTIANO A VIA APPIA ANTICA _________________________________________________________ 150 
Organo LIBERO RINO PINCHI (Op. 192 – 1964) ___________________________________________________ 150 
SEMINARIO LOMBARDO ____________________________________________________________________ 152 
Organo MASCIONI (OP. 876 – 1966) _____________________________________________________________ 152 
SEMINARIO ROMANO MAGGIORE ____________________________________________________________ 154 
2. Organo ZENO FEDELI (1887) ________________________________________________________________ 154 
SEMINARIO ROMANO MINORE _______________________________________________________________ 155 
Organo ZENO FEDELI (1906) __________________________________________________________________ 155 
SS. SILVESTRO E DOROTEA __________________________________________________________________ 156 
Organo RUFFATTI (1963) _____________________________________________________________________ 156 
S. SILVIA ___________________________________________________________________________________ 158 
Organo MASCIONI (OP. 1187 – 2011) ____________________________________________________________ 158 
SINAGOGA _________________________________________________________________________________ 160 
S. SPIRITO DEI NAPOLETANI _________________________________________________________________ 161 
Organo PIETRO PANTANELLA (1881) __________________________________________________________ 161 
S. STANISLAO ______________________________________________________________________________ 163 
Organo TAMBURINI (1940) ____________________________________________________________________ 163 
S. SUSANNA ________________________________________________________________________________ 165 
2. Positivo Antonio Raimondi (1756) ______________________________________________________________ 165 
Tempio Metodista a Via XX Settembre – ROMA ____________________________________________________ 167 
ORGANO CARLO VEGEZZI-BOSSI (1895) _______________________________________________________ 171 
TRASFIGURAZIONE _________________________________________________________________________ 173 
Organo TAMBURINI (1940) ____________________________________________________________________ 173 
S. VALENTINO AL VILLAGGIO OLIMPICO _____________________________________________________ 175 
Organo STEFANO BUCCOLINI (1990) ___________________________________________________________ 175 

— 239 —
S. VITALE A VIA NAZIONALE ________________________________________________________________ 177 
Parte III – NON VISITABILI O NON FUNZIONANTI - CENNI _______________________________________ 179 
SS. ANGELI CUSTODI ________________________________________________________________________ 181 
CAPPELLA DEI NOBILI ______________________________________________________________________ 181 
CAVALIERI DI COLOMBO – CAMPO PIO XI ____________________________________________________ 181 
CROCE ROSSA ITALIANA ____________________________________________________________________ 181 
S. FRANCESCO DI PAOLA ____________________________________________________________________ 181 
S. GIUSEPPE DEI FALEGNAMI ________________________________________________________________ 182 
S. MARIA DEI MIRACOLI ____________________________________________________________________ 182 
S. MARIA DELLA CONSOLAZIONE ____________________________________________________________ 182 
S. MARIA DELLA PACE ______________________________________________________________________ 182 
S. MARIA DELLA SCALA_____________________________________________________________________ 182 
S. MARIA DI COROMOTO ____________________________________________________________________ 183 
S. MARIA IN AQUIRO ________________________________________________________________________ 183 
S. MARIA IN MONSERRATO __________________________________________________________________ 183 
S. MARIO E COMPAGNI MARTIRI _____________________________________________________________ 183 
S. SALVATORE IN LAURO ___________________________________________________________________ 183 
S. SILVESTRO IN CAPITE ____________________________________________________________________ 184 
SS. SUDARIO _______________________________________________________________________________ 184 
Parte IV – CATTEDRALI DEI CAPOLUOGHI DEL LAZIO __________________________________________ 186 
CATTEDRALE DI FROSINONE ________________________________________________________________ 188 
Organo TAMBURINI (1957) ____________________________________________________________________ 188 
CATTEDRALE DI LATINA ____________________________________________________________________ 190 
Organo GUIDO PINCHI (1989)__________________________________________________________________ 190 
CATTEDRALE DI RIETI ______________________________________________________________________ 193 
Organo GIUSEPPE ZANIN (1975) _______________________________________________________________ 195 
CATTEDRALE DI VITERBO___________________________________________________________________ 199 
Organo GIOVANNI ZENONI (1964) _____________________________________________________________ 199 
Parte V – ABBAZIE DEL LAZIO ________________________________________________________________ 203 
ABBAZIA DI CASAMARI _____________________________________________________________________ 205 
Organo VINCENZO MASCIONI (op 542 – 1942) ___________________________________________________ 206 
ABBAZIA DI FARFA _________________________________________________________________________ 208 
Organo FENZI E MICHELI (2006) _______________________________________________________________ 209 
ABBAZIA DI MONTECASSINO ________________________________________________________________ 211 
1. Organo VINCENZO MASCIONI (op 693 – 1953) _________________________________________________ 212 
2. Organo VINCENZO MASCIONI (op 703 – 1954) _________________________________________________ 215 
2. Organo GIUSEPPE DE MARTINO (1710) _______________________________________________________ 216 
ABBAZIA DI SAN MARTINO AL CIMINO _______________________________________________________ 218 
Organo HARRISON & HARRISON (1913) ________________________________________________________ 218 
ABBAZIA DI SUBIACO – SACRO SPECO _______________________________________________________ 222 
Organo IGNAZIO PRIORI (1795) ________________________________________________________________ 222 
ABBAZIA DI SUBIACO – SANTA SCOLASTICA _________________________________________________ 224 
1. Organo MASCIONI (op 953 – 1973) ____________________________________________________________ 224 
2. Organo FRANCESCO MICHELOTTO (1975) ____________________________________________________ 228 
ABBAZIA DI VALVISCIOLO __________________________________________________________________ 230 
Organo TAMBURINI (1940) ____________________________________________________________________ 230 
Ringraziamenti _______________________________________________________________________________ 232 
SOMMARIO ________________________________________________________________________________ 234 
INDICE DEGLI ORGANARI ___________________________________________________________________ 242 

— 240 —
— 241 —
INDICE DEGLI ORGANARI

— 242 —
ALARI, Giacomo; 138 DELL’ORTO & LANZINI: Ditta; 226; 227
ALETTI: Fratelli; 197; Giuseppe; 197 DENTI, Ditta; 172
ANDRIESSEN, Paul; X DONADIO: Giovanni detto il Mormanno; 182
ANNEESSENS: Charles; X; Ditta; X; Ditta Andriessen ERCOLIN, Ernesto; XIV; 165; 166
Orgelbow Anneessens; X; Iulius, o in Vallone, Jules; X
FARINATI: Domenico; 183
ANNEESSENS & RUYSSERS: Ditta; X; 1; 184
FARINATI, Domenico; 1
ANONIMO DEL XVI SEC.; 30
FEDELI: Aldobrando; 99; Raffaele; 195; 196; 197; Zeno; XI;
ANONIMO DEL XVII SEC.; 29 184
ANONIMO del XVIII sec.; 68 FEDELI, Zeno; 24
ANONIMO DEL XX SEC.; 25 FENZI E MICHELI: Ditta; 209
ANONIMO Olandese DEL XX SEC.; 10 FERRARESI: Giovanni; 183
ANSELMI, Umberto; XIII FERRONI, Nicola; 232
BALBIANI: Celestino; XI; Ditta; XI; XIII; Lorenzo; XI; FORMENTELLI: Barthélémy (Bartolomeo); XI; 1; 79; 98;
Natale; XI; 1 232; Michel; XI; 184; 232
BALBIANI VEGEZZI-BOSSI: Ditta; 87 FORMENTELLI, Michel; 139
BALBIANI VEGEZZI-BOSSI: Ditta; XI; 13; 42 FORTI, Leonardo; 1; 140
BALBIANI VEGEZZI-BOSSI: Ditta; 134 FRATTI, Marco; 30
BECCHETTI, Eugenio; 26 GENNARI: Quirico; 214
BEVILACQUA: Ponziano; 233 GESELL, Carl-Ludwig; XII
BIAGI (o Blasi), Luca; 1 GHILARDI: Glauco; 226
BONIFAZI: Ennio; 182 GIACOBAZZI: Alessandro; 183
BONIFAZI, Ennio; 127 GIACOBAZZI, Alessandro; 82; 160
BONIZZI: Cristina; XI; Ennio; XI; Ettore Claudio; XI; Luigi; GIANI, Daniele; 117
XI; Maria Teresa; XI
GLATTER-GÖTZ, Josef von; XII
BOSSI, Famiglia; XI
GONZALES, Victor; XI
BOSSI, Felice; XI; XIII
HARRISON & HARRISON; 218; 219
BOURGAREL, Jean; XI
HARTMANN, Philippe; XI
BRISCOE, Rodney; 232
HEISE, Gottlieb; XII
BRONDINO, Bartolomeo; XIII
HILLEBRAND: Ditta; 83
BUCCOLINI: Guido; 172; Stefano; X; 62; 232; Stefano; 175
HRADETZKY, Gerhard; 102
BUCCOLINI, Famiglia; X
INZOLI: Antonietta; XI; DITTA; XI; Giuseppe; XI; Lorenzo;
CADWICH: Anthony; 219 XI; Pacifico; XI; XIII; 151; 214
CATARINOZZI: Celestino; 226; Cesare; 214; 225; 226 KLAIS: Philipp; 232
CAVAILLÉ-COLL, Aristide; X; XIII KUHN, Johann Nepomuk; XIII
CHICHI, Rosario; 26 LAUKHUFF: Martin Andreas; XIII
CONTINIELLO: Ditta; 11; 13 LINK, Fratelli; XIII
CONTINIELLO, Michele; 13 LOJACONO: Giancarlo; 130; 131
COSTAMAGNA: Ditta; 132; 133 LOMBARDI E ORI SAITTA: Ditta; 89
DE BIASE: Giuseppe; 215 MACCIONI: Armodio; 97
DE MARTINO: Giuseppe; 216 MAGGIORA: Duccio; 201

— 243 —
MALVESTÌO, Domenico; XII RUFFATTI, Fratelli; XII; 21; 47; 142; 143; 156
MARCUSSEN, Andreas; XIII RUFFATTI, Giuseppe; XII
MASCIONI: Ditta; XI; 1; 6; 7; 17; 18; 21; 23; 51; 52; 63; 71; SARACINI: Pietro di Benedetto; 214
72; 85; 94; 103; 105; 110; 112; 121; 122; 152; 153; 158;
SAUER, Wilhelm; XIII
159; 183; 214; 215; 217; 224; 226; 232; Eugenio; 232;
Giacomo; XI; Vincenzo; XI; XIII; 26; 108; 206; 212; 215 SCHIBONE: Giovanni; 215
MATHIS ORGELBAU; 123 SCHIMICCI: Gaspare; 177; Michele; 177
MENICOCCI, Brunone; 29 SCHUKE: Alexander; XII; Ditta; XII; Hans-Joachim; XII;
Karl-Ludwig; XII; Matthias; XII
MICHELOTTO: Francesco; 222; 223; 226; 228; 229
SCHUMAKER, Ditta; 126
MIGLIORINI: Giuseppe; 1; 182; 183
SORACCO: Carlo; 183; 231
MIGLIORINI, Giuseppe; 19
SORACCO, Carlo; XIV; 69; 86; 126; 133; 166; 172; 174;
MORETTINI: Angelo; 1; 80; 210; Francesco; 1; 228; Nicola;
181; 233
1; 80
STEINMEYER: Ditta; XII; Georg Friederich; XII; XIII
MORETTINI, Nicola; 53
TACCINI: Daniel; 232
NERI: Luca; 210
TACCINI, Daniel; XIV; 67; 80; 166
NORMAN & BEARD; X
TAMBURINI: Anselmi Cecilia; XIII; Anselmi Claudio;
ORGANARIA ROMANA; 50; Ditta; 27
XIII; Anselmi Franco; XIII; Anselmi Luciano; XIII;
ORGANARO della Bravetta; 197 Anselmi Saverio; XIII; Ditta; XIII; 1; 8; 31; 33; 58; 73;
80; 101; 113; 119; 173; 174; 181; 182; 188; 230; Ditta;
PANTANELLA, Pietro; 161; 162
148; Ditta; 163; Giovanni; XIII; 38; 67; 96; 98; 115
PEDRINI: Ditta; 210
TAMBURINI, DITTA; 55
PEDRINI, Giuliano; 232
TAMBURINI, Giovanni; 89
Pels & van Leeuwen; 70
TESSICINI: Francesco; 97; 196
PICCINELLI: Alfredo; 222
TESTA: famiglia; 144; famiglia; 145
PICCINELLI, Alfredo; 54
TREZZI, Attilio; XI
PINCHI: Ditta; 83; 107; 127; Guido; XII; 9; 37; 190; 192;
TRICE, William George; 1
232; Libero Rino; XI; XII; 36; 61; 65; 92; 93; 100; 135;
150; 151; 191; 192; 223 TRONCI: Famiglia; 182; 184
PONZANI: Giuseppe; 197; 198 TUMMOLO, Antonio; XIV; 56
PONZANI, Giuseppe; 82; 91; 155; 162 VALENTINI, Marco; 104
PRIORI: famiglia; 78; 79; Famiglia; 182; 183; Filippo; 219; VASCONI, Luigi; 49
Ignazio; 125; 222; 223
VEGEZZI, Famiglia; XI
PRIORI, Attilio; 137; 138; 139
VEGEZZI-BOSSI: Alessandra; XI; Brondino, Bartolomeo;
PRIORI, Famiglia; 129 145; Carlo; XI; XIII; DITTA; XIII; Enrico; XIII; 145; 146;
232; Francesco; XIII; Francesco (II); XIII; Giacomo; XI;
PRIORI, Ignazio; 90; 91; 128; 129
XIII
Pronesti’, Salvatore; 80
VEGEZZI-BOSSI, Carlo; 40; 41; 171
PRONESTI’, Salvatore; 80
VERCELLI, Alvaro; XIV
QUARESIMA, Paolo; 129; 138
VITTINO: Annetta; XIII; Carlo; XIII
RAIMONDI, Antonio; 165
VITTINO, Famiglia; XI; XIII
RAIMONDI, Nicola; 165
WALCKER: Ditta; XIII; 1; 8; Eberhard Friedrich; XII; XIII;
RIEGER: Ditta; XII; 107; 160; Egon; XII; Franz; XII; Fritz; XIII; Heinrich; XIII; Johann Eberhard; XIII; Karl;
Gustav; XII; Josef; XII; Otto; XII XIII; Oscar; XIII; Oskar Mayer; XIV; 232; Paul; XIII;
Werner Mayer; XIV
ROCCHI, Dino (Aladino); XIV
WALCKER, Eberhard Friedrich; 44
RUFFATTI: Ditta; 59; Fratelli; 181

— 244 —
WEIGLE, Friedrich; XIII ZANIN: Beniamino; XIV; Francesco; XIV; Franz; XIV; 197;
Giuseppe; XIV; 183; 195; 197; Gustavo; XIV; Pietro;
WERLE: Johannes Conrad; 26; 129; 222; 223
XIV; Valentino; XIV
WERLE, Johannes Conrad; 125
ZANIN, Famiglia; XIV
WERLE, JOHANNES CONRAD; 54
ZARANTONELLO, Remo; 81
ZENONI: Giovanni; 199; 201

— 245 —