Sei sulla pagina 1di 112

Manuale per l’utente

Elettrotecnico
ã FAMICâ Technologies Inc.
Tutti diritti riservati.

Manuale del Workshop Elettrotecnico, Automation Studio.

Referenza del documento : AS5_GUI_IF03_004

RIPRODUZIONE

Ogni riproduzione di questo manuale o del software, completa o parziale, è vietata senza
il consenso di FAMICâ Technologies Inc.

IBM è un marchio registrato di IBM Corporation.


Windows è un marchio registrato di Microsoft Corp.
PNEUSIM è un marchio registrato di FAMIC Inc.
AUTOMATION STUDIO è un marchio registrato di FAMIC Technologies Inc.

Famic Technologies Inc.


9999, boul. Cavendish, bureau 350, St-Laurent, QC, Canada, H4M 2X5
Tel. : 514-748-8050, Fax : 514-748-7169, Url : www.automationstudio.com
Sommario

Sommario.................................................................................................................................... i

Elenco delle figure..................................................................................................................... v

1. Introduzione ....................................................................................................................1-1

2. Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici................................2-1


2.1. Menu « Edizione ».................................................................................................2-2
2.1.1. Comando « Proprietà del documento » del menu « Edizione »................2-2
2.2. Menu « Elettrotecnico ».........................................................................................2-9
2.2.1. Rinumerazione dei fili...............................................................................2-9
2.2.2. Rinumerazione dei termini........................................................................2-9
2.2.3. Blocco connessione...................................................................................2-9
2.2.4. Cavi .........................................................................................................2-10
2.2.5. Diagnosi ..................................................................................................2-10
2.3. Menu « Inserzione » ............................................................................................2-12
2.4. Menu « Disposizione » ........................................................................................2-13
2.5. Menu « Strumenti » .............................................................................................2-14
2.5.1. Opzioni d’Edizione del diagramma Elettrotecnico.................................2-15
2.5.2. Opzioni di Simulazione del diagramma Elettrotecnico ..........................2-21

3. Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico................................................3-1


3.1. Introduzione al workshop Elettrotecnico in Automation Studio..........................3-1
3.2. Creazione di un nuovo progetto e di un nuovo diagramma...................................3-2
3.3. Descrizione del circuito da realizzare....................................................................3-4
3.4. Presentazione dei componenti del workshop Elettrotecnico .................................3-6
3.5. Sistemazione del diagramma Elettrotecnico..........................................................3-7
3.5.1. Sistemazione dei componenti di potenza..................................................3-7
3.5.2. Sistemazione dei componenti di comando..............................................3-10
3.5.3. Sistemazione dei fili................................................................................3-12
3.5.4. Sistemazione dei termini .........................................................................3-16

i
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.5.5. Generazione del diagramma del Blocco connessione ............................ 3-19


3.5.6. Definizione dei cavi................................................................................ 3-21
3.5.7. Generazione dei diagrammi di cavo ....................................................... 3-23
3.6. Verifica degli errori............................................................................................. 3-25

4. Funzionalità del workshop Elettrotecnico ................................................................... 4-1


4.1. Introduzione .......................................................................................................... 4-1
4.2. Gestione dei componenti....................................................................................... 4-1
4.3. Gestione dei fili ..................................................................................................... 4-3
4.3.1. Tipi di fili.................................................................................................. 4-3
4.3.2. Definizione dei fili.................................................................................... 4-3
4.3.3. Numerazione dei fili ................................................................................. 4-4
4.3.4. Proprietà dei fili ........................................................................................ 4-5
4.3.5. Menu contestuale dei fili ........................................................................ 4-12
4.4. Gestione dei cavi ................................................................................................. 4-14
4.4.1. Creazione d’un cavo ............................................................................... 4-14
4.4.2. Modifica di un cavo................................................................................ 4-15
4.4.3. Distruzione d’un cavo............................................................................. 4-16
4.4.4. Creazione d’un diagramma di cavo........................................................ 4-16
4.5. Gestione dei termini ............................................................................................ 4-19
4.5.1. Inserzione dei termini ............................................................................. 4-19
4.5.2. Numerazione dei termini ........................................................................ 4-20
4.5.3. Raccordo di termini da sbarre................................................................. 4-22
4.5.4. Proprietà dei termini ............................................................................... 4-23
4.5.5. Menu contestuale dei termini ................................................................. 4-28
4.6. Gestione dei Blocchi connessione....................................................................... 4-29
4.6.1. Creazione d’un Blocco connessione....................................................... 4-29
4.6.2. Modificazione d’un Blocco connessione ............................................... 4-29
4.6.3. Distruzione d’un Blocco connessione .................................................... 4-30
4.6.4. Creazione d’un diagramma di raccordo di Blocco connessione ............ 4-31

5. Simulazione..................................................................................................................... 5-1
5.1. Particolarità di simulazione dei diagrammi elettrotecnici .................................... 5-1
5.1.1. Interventi dell'utente ................................................................................. 5-1

ii
Sommario

5.1.2. Strumenti di Misura ..................................................................................5-3


5.1.3. Tracciatore.................................................................................................5-6
5.1.4. Sorveglianza dello spostamento delle caratteristiche dei
componenti................................................................................................5-7
5.2. Simulazione d’un diagramma Elettrotecnico ........................................................5-7
5.3. Cause possibili di problemi ...................................................................................5-8

A. Glossario ......................................................................................................................... A-1

B. Indice............................................................................................................................... B-1

iii
Elenco delle figure

Figura 1–1 : Compatibilità con gli altri workshops d’Automation Studio per
effettuare dei legami per variabili ......................................................................1-2
Figura 2–1 : Finestra principale dell’editore dei diagrammi elettrotecnici .............................2-1
Figura 2–2 : Menu « Edizione » ..............................................................................................2-2
Figura 2–3 : Finestra di dialogo « Proprietà del documento »; ramo
« Diagramma Elettrotecnico » ...........................................................................2-3
Figura 2–4 : Finestra di dialogo « Proprietà del documento »; ramo
« Contrassegno di Localizzazione »...................................................................2-7
Figura 2–5 : Comandi del menu « Elettrotecnico ».................................................................2-9
Figura 2–6 : Opzioni del comando « Blocco connessione » del menu
« Elettrotecnico » ...............................................................................................2-9
Figura 2–7 : Opzioni del comando « Cavi » del menu « Elettrotecnico » ............................2-10
Figura 2–8 : Opzioni del comando « Diagnostici » del menu « Elettrotecnico » .................2-10
Figura 2–9 : Comandi del menu « Inserzione ».....................................................................2-12
Figura 2–10 : Comandi del menu « Disposizione » ..............................................................2-13
Figura 2–11 : Comandi del menu « Strumenti » ...................................................................2-14
Figura 2–12 : Opzioni dell’editore Elettrotecnico.................................................................2-15
Figura 2–13 : Opzioni di simulazione del diagramma Elettrotecnico...................................2-21
Figura 3–1 : Creazione di un nuovo diagramma Elettrotecnico..............................................3-2
Figura 3–2 : Finestra di dialogo « Proprietà del documento » ................................................3-3
Figura 3–3 : Comande del motore, parte potenza....................................................................3-4
Figura 3–4 : Comandi del motore, parte comandi ...................................................................3-5
Figura 3–5 : Sistemazione dei componenti di potenza ............................................................3-7
Figura 3–6 : Sistemazione dei componenti di comando........................................................3-10
Figura 3–7 : Sistemazione dei fili di potenza ........................................................................3-12
Figura 3–8 : Sistemazione dei fili di comande ......................................................................3-14
Figura 3–9 : Creazione del Blocco connessione....................................................................3-16

v
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Figura 3–10 : Sistemazione dei termini ................................................................................ 3-17


Figura 3–11 : Creazione d’un diagramma Blocco connessione............................................ 3-19
Figura 3–12 : Diagramma del Blocco connessione .............................................................. 3-20
Figura 3–13 : Creazione dei cavi .......................................................................................... 3-21
Figura 3–14 : Assegnazione dei fili ai cavi........................................................................... 3-22
Figura 3–15 : Creazione d’un diagramma di cablaggio........................................................ 3-23
Figura 3–16 : Diagramma di cablaggio................................................................................. 3-24
Figura 3–17 : Finestra di dialogo dei diagnostici.................................................................. 3-25
Figura 3–18 : Finestra di messaggi che mostra i risultati della diagnosi .............................. 3-25
Figura 4–1 : Motori, ramo di Proprietà « Dati tecnici » ......................................................... 4-1
Figura 4–2 : Trasformatori, ramo di Proprietà « Configurazione » ........................................ 4-2
Figura 4–3 : Menu contestuale dei componenti ...................................................................... 4-2
Figura 4–4 : Fili, ramo de Proprietà « Configurazione » ........................................................ 4-5
Figura 4–5 : Fili, ramo di Proprietà « Cavo associato » ......................................................... 4-6
Figura 4–6 : Fili, ramo di proprietà « Informazioni visualizzabili » ...................................... 4-8
Figura 4–7 : Menu contestuale dei fili .................................................................................. 4-12
Figura 4–8 : Creazione d’un cavo ......................................................................................... 4-14
Figura 4–9 : Modifica di un cavo .......................................................................................... 4-15
Figura 4–10 : Distruzione d’un cavo..................................................................................... 4-16
Figura 4–11 : Creazione d’un nuovo diagramma Elettrotecnico .......................................... 4-17
Figura 4–12 : Creazione d’un diagramma di raccordo del cavo ........................................... 4-18
Figura 4–13 : Diagramma di cablaggio................................................................................. 4-18
Figura 4–14 : Inserzione dei termini ..................................................................................... 4-19
Figura 4–15 : Numerazione dei termini ................................................................................ 4-21
Figura 4–16 : Raccordo dei termini da sbarre....................................................................... 4-22
Figura 4–17 : Proprietà dei termini, ramo « Blocco associato »........................................... 4-23
Figura 4–18 : Proprietà dei termini, ramo « Informazioni visualizzabili » ......................... 4-26
Figura 4–19 : Menu contestuale dei termini ......................................................................... 4-28
Figura 4–20 : Creazione d’un Blocco connessione............................................................... 4-29

vi
Elenco delle figure

Figura 4–21 : Modifica d’un Blocco connessione.................................................................4-30


Figura 4–22 : Distruzione d’un Blocco connessione............................................................4-31
Figura 4–23 : Creazione d’un diagramma di raccordo di Blocco connessione.....................4-31
Figura 4–24 : Dialogo di creazione d’un diagramma di raccordo di Blocco
connessione ....................................................................................................4-32
Figura 4–25 : Diagramma di raccordo del Blocco connessione............................................4-33
Figura 5–1 : Finestra di dialogo di regolazione durante una simulazione...............................5-2
Figura 5–2 : Esempi di forzatura d'un pulsante .......................................................................5-2
Figura 5–3 : Utilizzazione dei strumenti di Misura in simulazione ........................................5-5
Figura 5–4 : Utilizzazione del Tracciatore per il workshop Elettrotecnico.............................5-6

vii
1. Introduzione
Questo Manuale dell’utente del workshop Elettrotecnico vi presenta le informazioni richieste
per utilizzare questo workshop con Automation Studio. Queste informazioni includono le
descrizioni dei componenti, la procedura di parametraggio dei componenti, la realizzazione e
la simulazione di un circuito e alcuni esempi d’applicativi.
Automation Studio è un software modulare di simulazione. È costituito da un nucleo al quale
si possono attaccare diversi moduli d’edizione e di simulazione.
I moduli chiamati «workshops», comprendono delle librerie di componenti che vi permettono
di realizzare dei circuiti di diversa natura - pneumatici, elettrici, ecc. –in modo indipendente o
combinati.
Il nucleo comprende le funzioni di edizione, di simulazione, di gestione di file, di stampa e di
visualizzazione.
Il workshop Elettrotecnico è uno strumento di edizione grafica a manipolazione diretta e di
simulazione dei diagrammi elettrotecnici. La notazione utilizzata è conforme alle norme
internazionali CEI 61082-1 a 6, CEI 61346-1, CEI 60617-2 a 11, CEI 61666, IEEE 315 e
NEMA ICS 19-2002.

Legame con gli altri workshops


L’editore del workshop elettrotecnico non è compatibile graficamente con gli altri editori di
Automation Studio.
Solo i componenti del workshop elettrotecnico possono essere utilizzati su un diagramma
elettrotecnico.
I componenti del workshop elettrotecnico non possono essere utilizzati sugli altri tipi di
diagrammi.
Le variabili degli altri workshops sono compatibili per associazione ai componenti del
workshop elettrotecnico e le variabili del workshop elettrotecnico sono compatibili per
associazione ai componenti degli altri workshops.
I componenti d’Automation Studio sono sia emettitori sia ricettori.
Un componente trasmette il suo stato o valore ai componenti ricettori che si sono associati.
Un componente ricettore riceve il suo stato o valore del componente emettitore al quale è
associato. Prende il mnemonico del componente emettitore cui è associato.

1-1
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Figura 1–1 : Compatibilità con gli altri workshops


d’Automation Studio per effettuare dei legami per
variabili

1-2
2. Descrizione dei menu dell’editore dei
diagrammi elettrotecnici
Questo capitolo descrive i menu dell’editore elettrotecnico che non sono descritti nel Manuale
dell’utente. Per la descrizione degli articoli dove la funzionalità è comune a tutti workshops,
riferitevi al Manuale dell’utente.

Figura 2–1 : Finestra principale dell’editore dei


diagrammi elettrotecnici

F Dovete creare un diagramma Elettrotecnico per avere accesso alla finestra principale
dell’editore di diagrammi elettrotecnici.

2-1
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

2.1. Menu « Edizione »

Figura 2–2 : Menu « Edizione »

I comandi del menu « Edizione » dell’editore dei diagrammi elettrotecnici sono :

Proprietà dei componenti

Questo comando dà accesso alla finestra di dialogo delle proprietà del componente
selezionato. Le proprietà dei componenti Elettrotecnici sono descritte nei capitoli seguenti
(vedere 3.5 Sistemazione del diagramma Elettrotecnico ).

Proprietà del documento

Questo comando dà accesso alle proprietà del documento : Impaginazione, Contrassegno di


Localizzazione, Informazione sommaria, Diagramma Elettrotecnico e Storico.

2.1.1. Comando « Proprietà del documento » del menu


« Edizione »
Questo comando dà accesso alla finestra di dialogo « Proprietà del documento » . Le proprietà
di un documento Elettrotecnico sono raggruppate in cinque rami :
· Impaginazione ;
· Contrassegno di localizzazione ;
· Informazione sommaria ;
· Diagramma Elettrotecnico ;
· Storico.

2-2
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

Le Proprietà « Impaginazione », « Informazione sommaria » e « Storico » sono simili per tutti


i documenti d’Automation Studio, fate riferimento al Manuale dell’utente per la descrizione.

2.1.1.1. Ramo « Diagramma Elettrotecnico »


Durante l’apertura di questa finestra di dialogo, il ramo « Diagramma Elettrotecnico » è
selezionato per default.

A B

D
E
F
G

Figura 2–3 : Finestra di dialogo « Proprietà del


documento »; ramo « Diagramma Elettrotecnico »

F Al fine d’assicurare la coerenza per la lettura dei diagrammi, è preferibile utilizzare il


medesimo formato d’identificatore e di numerazione di fili per tutti diagrammi di un
medesimo progetto.

2-3
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Le zone della finestra di dialogo « Diagramma Elettrotecnico » sono :


Zona Descrizione
A Nome In questa zona il nome predefinito del diagramma è visualizzato.
Questo campo è modificabile. E' sincronizzato con il nome del
documento nell’« Esploratore di progetto ».
B Numero di Permette di scegliere il numero di pagina per il diagramma corrente.
pagina Questo numero sarà utilizzato per i rinvii e la localizzazione dei
componenti.
C Norme Permette di scegliere la norma d’edizione per il diagramma corrente.
Questa scelta non è più modificabile nel momento in cui un
componente è inserito nel diagramma.
D Suddivisione In questa zona, il testo che identifica la suddivisione essenziale per il
essenziale diagramma corrente è visualizzato. Il testo predefinito è « 1 ».
Questo campo è modificabile.
E Posizione In questa zona, il testo che identifica la posizione per il diagramma
corrente è visualizzato. Il testo predefinito è « 1 ». Questo campo è
modificabile.
F Componente Formatto id. prima Permette di definire il formato di
linea visualizzazione della prima linea
dell’identificatore di un componente per il
diagramma corrente.
Formatto id. Permette di definire il formato di
seconda linea visualizzazione della secondo linea
dell’identificatore di un componente per il
diagramma corrente. Per default la seconda
linea non è utilizzata.
G Numero di filo Numero di avvio Permette di fissare il Numero d´avvio per la
numerazione dei fili del diagramma corrente.
Prefisso Permette di definire il prefisso per
l’identificatore dei fili del diagramma corrente.
Suffisso Permette di definire il suffisso per
l’identificatore dei fili del diagramma corrente.
Formato Permette di definire il formato di
visualizzazione per l’identificatore dei fili del
diagramma corrente.

2-4
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

Zona Descrizione
H Numero di Metodo Permette di scegliere il metodo di numerazione
terminale dei termini del diagramma corrente :
· Sequenziale.
· Sequenziale con numero identico per
termini collegati da sbarre.
· Identico al numero di filo.
Formato Permette di definire il formato di
I Identificatore
visualizzazione dell' identificatore dei rinvii del
dei rinvii
diagramma corrente.
J Visualizzare Permette di visualizzare tra parentesi le coordinate di localizzazione
coordinate di durante la loro utilizzazione sul diagramma corrente.
localizzazione
tra parentesi
Il formato di visualizzazione dell’identificatore del componente in accordo alla norme CEI e
come segue :

Il formato di visualizzazione dell’identificatore del componente in accordo alla norme NEMA


è come segue :

2-5
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Tuttavia, la proprietà « Componente » « Formatto id. prima linea » vi offre le strutture


seguenti per gli identificatori di componente :
· Vuoto
· = Suddivisione essenziale + Posizione - Designazione Numero Funzione : Termine / .
Conduttore
· Suddivisione essenziale - Posizione Designazione Numero
· Designazione Numero Funzione : Termine / . Conduttore
· Designazione Numero : Termine / . Conduttore
· - Designazione Numero : Termine / . Conduttore
· Designazione Numero di pagina Localizzazione
· Numero di pagina Designazione Localizzazione
· Designazione Localizzazione
· Suddivisione essenziale Designazione Numero : Termine / . Conduttore
· Numero Designazione : Termine / . Conduttore
· Numero di pagina Localizzazione Designazione
· Localizzazione Designazione Numero : Termine / . Conduttore
· Numero di pagina Localizzazione Designazione Numero : Termine / . Conduttore
· Numero di pagina Designazione Numero : Termine / . Conduttore
· Numero Funzione Designazione - Designazione secondario : Termine / . Conduttore
· Numero Funzione Designazione ( Designazione secondario ) : Termine / . Conduttore
· Numero : Termine / . Conduttore
In più, la proprietà « Componente » « Formatto id. secondo linea » vi offre le strutture
derivate seguenti per gli identificatori dei componenti :
· Vuoto
· = Suddivisione essenziale + Posizione
· = Suddivisione essenziale
· Suddivisione essenziale
· + Posizione
· Posizione

2-6
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

2.1.1.2. Ramo « Contrassegno di Localizzazione »


Il ramo « Contrassegno di Localizzazione » permette di definire il metodo di numerazione
della riga cartografica, i contrassegni dei componenti ed il formato di visualizzazione dei
rinvii in un medesimo diagramma o da un diagramma a un altro.

A
B

Figura 2–4 : Finestra di dialogo « Proprietà del


documento »; ramo « Contrassegno di Localizzazione »

F Al fine d’assicurare la coerenza nell’utilizzazione dei rinvii e la lettura dei


diagrammi, è preferibile utilizzare lo stesso metodo di numerazione della riga
cartografica per tutti i diagrammi di un medesimo progetto.

2-7
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Le zone della Finestra di dialogo « Contrassegno di Localizzazione » sono :


Zone Descrizione
A Nessuno Permette di non visualizzare la riga cartografica.
B Standard Permette di scegliere tra i metodi standard di numerazione della riga
cartografica.
C Personalizzare Permette di personalizzare la numerazione della riga cartografica.
D Orizzontale Numero di pagina Permette di visualizzare o meno il Numero di
pagina per la riga orizzontale del diagramma
corrente.
Simbolo d´avvio Permette di definire tra una numerazione
alfabetica o numerica per la riga orizzontale del
diagramma corrente il valore d´avvio.
Incremento Permette di definire il valore d’incremento tra
due divisioni della riga orizzontale del
diagramma corrente.
Origine Permette di definire il senso d’incremento della
riga orizzontale del diagramma corrente, da
sinistra a destra o da destra a sinistra.
Larghezza Permette di definire la larghezza tra due
divisioni della riga orizzontale del diagramma
corrente.
E Verticale Numero di pagina Permette di visualizzare o meno il Numero di
pagina per la riga verticale del diagramma
corrente.
Simbolo d´avvio Permette di definire tra una Numerazione
alfabetica o numerica per la riga verticale del
diagramma corrente il valore d´avvio.
Incremento Permette di definire il valore d’incremento tra
due divisioni della riga verticale del diagramma
corrente.
Origine Permette di definire il senso d’incremento della
riga orizzontale del diagramma corrente,
dall’alto in basso o dal basso in alto.
Altezza Permette di definire l’altezza tra due divisioni
della riga verticale del diagramma corrente.

2-8
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

2.2. Menu « Elettrotecnico »

Figura 2–5 : Comandi del menu « Elettrotecnico »

I comandi del menu « Elettrotecnico » sono :

2.2.1. Rinumerazione dei fili


Permette di rinumerare i fili del diagramma. La rinumerazione s’effettua in accordo alle
norme della numerazione automatica (vedere 4.3.3 Numerazione dei fili ).

2.2.2. Rinumerazione dei termini


Permette di rinumerare i termini del diagramma. La rinumerazione s’effettua in accordo alle
norme della numerazione automatica (vedere 4.5.2 Numerazione dei termini).

2.2.3. Blocco connessione


Dà accesso alle azioni sui blocchi connessione.

Figura 2–6 : Opzioni del comando « Blocco


connessione » del menu « Elettrotecnico »

Le opzioni del comando « Blocco connessione » del menu « Elettrotecnico » sono :


· Creare : Permette di creare un nuovo blocco connessione per il progetto corrente (vedere
4.6 Gestione dei Blocchi connessione ) ;
· Modificare : Permette di modificare un blocco connessione esistente nel progetto
corrente ;
· Rimuovere : Permette di rimuovere un blocco connessione del progetto corrente.

2-9
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

2.2.4. Cavi
Dà accesso alle azioni sui cavi.

Figura 2–7 : Opzioni del comando « Cavi » del menu


« Elettrotecnico »

Le opzioni del comando «Cavi » del menu « Elettrotecnico » sono :


· Creare : Permette di creare un nuovo cavo per il progetto corrente (vedere 4.4 Gestione
dei cav) ;
· Modificare : Permette di modificare un cavo esistente nel progetto corrente ;
· Rimuovere : Permette di rimuovere un cavo del progetto corrente.

2.2.5. Diagnosi
Permette di trovare tutti gli errori del diagramma Elettrotecnico. I messaggi d’errori e/o
d’avvertimento sono visualizzati nella finestra di messaggi (vedere la Finestra dei messaggi
nel Manuale dell’utente).

Figura 2–8 : Opzioni del comando « Diagnostici » del


menu « Elettrotecnico »

2-10
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

Le opzioni del comando « Diagnosi » del menu « Elettrotecnico » sono :


Opzione Descrizione
Connettori liberi : Permette di trovare i connettori liberi nel diagramma corrente.
Emissioni/Ricettori Permette di trovare i componenti parenti (emittente) non
liberi : referenziati ed i componenti discendenti (ricettori) non collegati
ad un componente parente (emittente) nel diagramma corrente.
Unità degli identificatori Permette di verificare l’unicità degli identificatori di componente
visualizzati : nel diagramma corrente.
Componenti collegati Permette di trovare sul diagramma corrente i componenti collegati
direttamente (senza direttamente da componente a componente.
filo) :
Rinvio non associato Permette di trovare sul diagramma corrente i rinvii d’ingresso che
non sono associati a un rinvio di uscita e viceversa.
Potete scegliere una o più diagnosi. I risultati delle diagnosi sono visualizzate nella finestra
dei messaggi. I componenti in errore o soggetti ad un avvertimento appaiono col colore dei
componenti in difetto sul diagramma (vedere il Manuale dell’utente).

F È possibile simulare un progetto se dei connettori liberi sono presenti, un messaggio


d’avvertimento è visualizzato nella finestra dei messaggi.
È possibile che la simulazione non funzioni correttamente se un componente
ricettore (un contatto par esempio) non è associato ad un componente emittente (un
relè per esempio), un messaggio d’avvertimento è visualizzato nella finestra dei
messaggi.
L’unicità degli identificatori visualizzati non condiziona la simulazione.
La presenza dei componenti connessi direttamente (senza filo) non effettua la
simulazione (normalmente i componenti sono collegati dai fili).

2-11
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

2.3. Menu « Inserzione »

Figura 2–9 : Comandi del menu « Inserzione »

I comandi del menu « Inserzione » sono :

Filo di comando

Permette di scegliere un tratto fino per collegare i componenti di comando (vedere 4.3
Gestione dei fili). In seguito, tutti i nuovi fili saranno dei fili di comando. È possibile
modificare un filo di comando da un filo di potenza con l'aiuto del menu contestuale del filo
in edizione ( vedere 4.3.5 Menu contestuale dei fili ).

Filo di potenza

Permette di scegliere un tratto grosso per collegare i componenti di potenza (vedere 4.3
Gestione dei fili). In seguito, tutti nuovi fili saranno dei fili di potenza. È possibile modificare
un filo di potenza da un filo di comando con l’aiuto del menu contestuale del filo in edizione
( vedere 4.3.5 Menu contestuale dei fili ).

2-12
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

2.4. Menu « Disposizione »

Figura 2–10 : Comandi del menu « Disposizione »

I comandi del menu « Disposizione » sono :

Filo diretto

Permette di trasformare un filo selezionato in un tratto diretto tra due punti (diagonale o destra
in accordo alla posizione di due punti).

Tagliare fili

Dà accesso allo strumento che taglierà il prossimo filo selezionato al punto di rottura
desiderato. Un punto di raccordo viene inserito al punto di rottura.

F I legami diretti non possono essere tagliati.

Collegare fili

Permette di riunire in un solo filo i due fili selezionati. Il punto di raccordo tra i due fili viene
ritirato, i due fili prendono il medesimo numero in accordo alla riga di numerazione
automatica.

2-13
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

2.5. Menu « Strumenti »


Il comando « Opzione » del menu « Strumenti » dà accesso alle Opzioni del workshop
Elettrotecnico. Queste opzioni sono raggruppate in due rami :

Edizione del diagramma Elettrotecnico

Permette di definire le opzioni d’edizione del workshop.

Simulazione del diagramma Elettrotecnico

Permette di definire le opzioni di simulazione del workshop.

Figura 2–11 : Comandi del menu « Strumenti »

2-14
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

2.5.1. Opzioni d’Edizione del diagramma Elettrotecnico


Le opzioni dell’editore Elettrotecnico permettono di definire le proprietà d’edizione
predefinite del workshop. Si applicano per tutti i nuovi diagrammi.

Figura 2–12 : Opzioni dell’editore Elettrotecnico

Le proprietà d’edizione predefinite specifiche del workshop Elettrotecnico contenute in


questa finestra di dialogo sono :
Proprietà Descrizione
Larghezza del diagramma Permette di definire la larghezza della pagina del
diagramma.
Altezza del diagramma Permette di definire l’altezza della pagina del diagramma.
Orientazione del diagramma Permette di definire l’orientazione della pagina del
diagramma.

2-15
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Proprietà Descrizione
Margine del diagramma Permette di specificare il margine della pagina del
diagramma.
Scala del diagramma Permette di definire la scala della pagina del diagramma.
Visualizzare la griglia Permette di visualizzare o meno la griglia.
Visualizzare le righe Permette di visualizzare o meno le righe.
Visualizzare i porti di Permette di visualizzare o meno i porti di connessioni.
connessione
Visualizzare i nomi dei porti di Permette di visualizzare o meno i nomi dei porti di
connessione connessioni.
Zoom iniziale della pagina Permette d’attribuire o meno uno zoom iniziale al
diagramma.
Norme Elettrotecnico Permette di fissare la norma utilizzata per i nuovi
predefinite diagrammi. Questa proprietà può essere modificata in
seguito nella proprietà del documento.
Visualizzazione delle righe Permette di visualizzare o meno per default la riga
cart. per default cartografica e di scegliere o meno il formato standard per i
nuovi diagrammi. Questa proprietà può essere modificata
in seguito nella proprietà del documento.
Cartografia predefinita IEC Permette di scegliere per default il formato della riga
cartografica per i nuovi diagrammi IEC. Questa proprietà
può essere modificata in seguito nelle Proprietà del
documento.
Cartografia predefinita NEMA Permette di scegliere per default il formato della riga
cartografica per i nuovi diagrammi NEMA. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.
Visualizzazione della riga cart. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
oriz. Default di visualizzare o meno la riga cartografica orizzontale.
Questa proprietà può essere modificata in seguito nelle
proprietà del documento.

2-16
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

Proprietà Descrizione
Numero pagina per la riga cart. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
oriz. default di visualizzare o meno per default il numero di pagina
come prefisso agli indici della riga cartografica
orizzontale. Questa proprietà può essere modificata in
seguito nelle Proprietà del documento.
Simb. Avvio per la riga carte. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
oriz. default d’entrare il numero d´avvio per difetto per la numerazione
degli indici della riga cartografica orizzontale. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.
Incremento per la riga cart. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
oriz. default d’entrare il valore d’incremento per difetto per la
numerazione degli indici della riga cartografica
orizzontale. Questa proprietà può essere modificata in
seguito nelle proprietà del documento.
Origine per la riga cart. oriz. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
default d’entrare l’origine per difetto (sinistra o destra) per la
numerazione degli indici della riga cartografica
orizzontale. Questa proprietà può essere modificata in
seguito nelle Proprietà del documento.
Larghezza per la riga cart. oriz. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
default d’entrare il valore e l’unita per difetto per la larghezza di
ogni divisione della riga cartografica orizzontale. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.
Affissione della riga cart. vert. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
default d’affissare o non la riga cartografica verticale. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.
Numero pagina per la riga cart. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
vert. default d’affissare o non per difetto il numero di pagina come
prefisso agli indici della riga cartografica verticale. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.

2-17
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Proprietà Descrizione
Simb. Avvio per la riga cart. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
vert. default d’entrare il numero d´avvio per difetto per la numerazione
degli indici della riga cartografica verticale. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.

Opzioni dell’editore Elettrotecnico (seguito)


Seguito delle proprietà d’edizione predefinite specifiche del workshop Elettrotecnico :
Proprietà Descrizione
Incremento per la riga cart. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
vert. Default di inserire il valore d’incremento predefinito per la
numerazione degli indici della riga cartografica verticale.
Questa proprietà può essere modificata in seguito nelle
Proprietà del documento.

2-18
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

Proprietà Descrizione
Origine per la riga cart. vert. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
Default di inserire l’origine predefinita (sinistra o destra) per la
numerazione degli indici della riga cartografica verticale.
Questa proprietà può essere modificata in seguito nelle
proprietà del documento.
Larghezza per la riga cart. vert. Per il formato di riga cartografica non standard, permette
Default di inserire il valore e l’unità predefinite per la larghezza di
ogni divisione della riga cartografica verticale. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.
Formatto id. 1ière linea compos. Quando la norma IEC è utilizzata, permette di definire il
IEC default formato di visualizzazione predefinito della prima linea
dell’identificatore di componente sui nuovi diagrammi.
Questa proprietà può essere modificata in seguito nelle
proprietà del documento.
Formatto id. 2ième linea Quando la norma IEC è utilizzata, permette di definire per
compos. IEC default default l’utilizzazione o meno della seconda linea
dell’identificatore di componente sui nuovi diagrammi ed
il suo formato di visualizzazione. Questa proprietà può
essere modificata in seguito nelle proprietà del documento.
Formatto id. 1ière linea compos. Quando la norma NEMA è utilizzata, permette di definire
NEMA default il formato di visualizzazione predefinita della prima linea
dell’identificatore di componente sui nuovi diagrammi.
Questa proprietà può essere modificata in seguito nelle
Proprietà del documento.
Formatto id. 2ième linea Quando la norma NEMA è utilizzata, permette di definire
compos. NEMA default per default l’utilizzazione o meno della seconda linea
dell’identificatore di componente sui nuovi diagrammi ed
il suo formato di visualizzazione. Questa Proprietà può
essere modificata in seguito nelle proprietà del documento.
Numero d´avvio numerazione Permette di scegliere il numero d´avvio per la
dei fili numerazione dei fili. Questa proprietà può essere
modificata in seguito nelle proprietà del documento.
Formatto del numero di filo in Permette di scegliere il formato di visualizzazione per
IEC default default dei Numeri di fili per la norma IEC. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.

2-19
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Proprietà Descrizione
Formatto del Numero di filo in Permette di scegliere il formato di visualizzazione
NEMA default predefinita dei Numeri di fili per la norma IEC. Questa
proprietà può essere modificata in seguito nelle proprietà
del documento.
Visualizzazione del nome dei Permette di visualizzare per default o meno i numeri di
fili per default fili. Questa proprietà può essere modificata in seguito
nelle Proprietà del documento.
Prefisso predefinito del Permette di definire il prefisso predefinito per i numeri di
Numero di filo fili. Questa proprietà può essere modificata in seguito
nelle proprietà del documento.
Suffisso predefinito del Permette di definire il suffisso predefinito per i numeri di
numero di filo fili. Questa proprietà può essere modificata in seguito
nelle proprietà del documento.
Metodo di numerazione dei Permette di scegliere il metodo predefinito per la
termini numerazione dei fili. Questa proprietà può essere
modificata in seguito nelle proprietà del documento.
Formato id. rinvio IEC difetto Permette di scegliere il formato di visualizzazione
predefinito degli identificatori di rinvii per la norma IEC.
Questa Proprietà può essere modificata in seguito nelle
Proprietà del documento.
Formato id. rinvio NEMA Permette di scegliere il formato di visualizzazione
default predefinito degli identificatori di rinvii per la norma
NEMA. Questa proprietà può essere modificata in seguito
nelle Proprietà del documento.
Visualizzazione coordin. locali. Permette di visualizzare per default le coordinate di
Tra parentesi default localizzazione tra parentesi (le coordinate sono
visualizzate in accordo al formato selezionato per la riga
cartografica). Questa proprietà può essere modificata in
seguito nelle Proprietà del documento.
Colore dei componenti e fili di Permette di definire per default il colore dei componenti e
tipo esterno. fili di tipi esterni (esterni al cofanetto di comande).
Colore dei fili di tipo sbarra Permette di definire per default il colore dei fili definiti
come sbarra collegando due termini di un blocco
connessione.

2-20
Descrizione dei menu dell’editore dei diagrammi elettrotecnici

2.5.2. Opzioni di Simulazione del diagramma


Elettrotecnico
Le opzioni di simulazione del workshop Elettrotecnico permettono di definire le proprietà di
colore in simulazione dei fili e dei componenti. Si applicano a tutti i diagrammi elettrotecnici
simulati.

Figura 2–13 : Opzioni di simulazione del diagramma


Elettrotecnico

2-21
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Le Proprietà di simulazione predefinite specificate nel workshop elettrotecnico contenuto in


questa finestra di dialogo sono :
Proprietà Descrizione
Tensione minimale Permette di definire il valore e la scala di tensione
minimale per considerare un filo sotto tensione in
simulazione.
Corrente alternativo sul filo Permette di definire il colore dei fili alimentati in corrente
alternativo in simulazione.
Corrente continuo sul filo Permette di definire il colore dei fili alimentati in corrente
continuo in simulazione.
Assenza di corrente sul filo Permette di definire il colore dei fili che non sono sotto
tensione in simulazione.
Corrente non definito sul filo Permette di definire il colore dei fili indeterminati in
simulazione.
Stato attivo del componente Permette di definire il colore dei componenti attivi in
simulazione.

2-22
3. Realizzazione di un primo diagramma
Elettrotecnico
Quest’esempio ha per obiettivo di familiarizzarvi con i comandi del software rappresentando
un metodo passo per passo che vi permetterà di costruire il vostro primo diagramma
Elettrotecnico.

3.1. Introduzione al workshop Elettrotecnico in


Automation Studio
Un diagramma elettrotecnico e una rappresentazione grafica che utilizza gli elementi di base
del workshop per rappresentare un sistema o una parte di un sistema.
I elementi di base del workshop Elettrotecnico sono :
· I componenti;
· I fili collegando i componenti;
· I termini permettono di collegare i componenti ai fili interni ai cavi o fili esterni;
· I blocchi connessione che raggruppano i termini utilizzati nei diagrammi;
· I cavi che raggruppano i fili generalmente esterni al cofanetto di comando.
Generalmente, un diagramma Elettrotecnico se divide in due parti interdipendenti :
· La parte potenza;
· La parte comando.

3-1
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.2. Creazione di un nuovo progetto e di un


nuovo diagramma
Per creare un nuovo progetto, che contiene il diagramma, effettuare le tappe seguente :
1. Scegliere « File » à « Nuovo progetto ».

La finestra dell’Editore di diagrammi presenta i menu ed i comandi di gestione dei


diagrammi. La nuova finestra creata è una cartella che conterrà l’elenco di tutti i diagrammi di
questo progetto.
Per creare un nuovo diagramma Elettrotecnico.
2. Scegliere « File » à « Nuovo » à « Elettrotecnico » à « Diagramma ».

Figura 3–1 : Creazione di un nuovo diagramma


Elettrotecnico

La finestra di dialogo « Modello del diagramma elettrotecnici » si apre allo schermo.


3. Scegliere il modello che vi conviene.

F In questo caso, i modelli non sono stati ancora creati, allora la vostro solo scelta e
« Nessuno ».

4. Fare clic su « OK ».

3-2
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

La finestra di dialogo « Proprietà del documento » che contiene le proprietà del diagramma
Elettrotecnico si apre sullo schermo.
5. Per questo diagramma Elettrotecnico, nel campo « Componente » « Formatto id. 1 linea »
scegliere - Designazione Numero : Termine / . Conduttore nel campo « Formatto id. 2
linea » inserire Vuoto.
6. Per questo diagramma Elettrotecnico, nel campo « Numero di termine » « Metodo »
scegliere Sequenziale - Numero identico per i termini connessi da una sbarra.
7. Per questo diagramma Elettrotecnico, nel campo « Rinvio » « Formato » scegliere
Numero di pagina Localizzazione.
8. Fare clic sul pulsante « Applicare » per convalidare i cambiamenti.
9. Fare clic sul pulsante « Chiudere » per chiudere la finestra di dialogo e ritornare al
diagramma.

Figura 3–2 : Finestra di dialogo « Proprietà del


documento »

3-3
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.3. Descrizione del circuito da realizzare


Il file MOT_FWD.PR5 che contiene il circuito da realizzare è incluso con il software.
Troverete questo file nella cartella « Esercizi » del software. Potete utilizzare gli esempi
contenuti in questa cartella come base per costruire i vostri diagrammi elettrotecnici.
Il circuito da realizzare permette di comandare un motore in funzione avanti. Utilizza tutte le
funzionalità del workshop Elettrotecnico. Le due figure seguenti illustrano il circuito da
realizzare.

Figura 3–3 : Comande del motore, parte potenza

3-4
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

Figura 3–4 : Comandi del motore, parte comandi

3-5
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.4. Presentazione dei componenti del


workshop Elettrotecnico
La figura seguente presenta la famiglia di componenti del workshop Elettrotecnico CEI (IEC).
Questi componenti saranno utilizzati nel circuito da realizzare.
I medesimi componenti si ritrovano nel workshop Elettrotecnico NEMA

F Non è possibile inserire dei componenti NEMA su un diagramma Elettrotecnico di


norme CEI e vice-versa. Per default, i diagrammi sono alla norma selezionata
durante l'installazione del software. Potete modificare questa scelta se il diagramma è
vuoto. Non potete più modificare le norme d’edizione se dei componenti sono
presenti sul diagramma.

3-6
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

3.5. Sistemazione del diagramma Elettrotecnico


3.5.1. Sistemazione dei componenti di potenza
1. Sul nuovo diagramma Elettrotecnico che avete creato, sistemate i componenti di potenza
come quelli del file MOT_FWD.PR5. Dare il medesimo nome ai componenti.

Potete copiare i componenti del circuito fornito e incollare sul vostro nuovo
diagramma.

Figura 3–5 : Sistemazione dei componenti di potenza

2. Inserire un sorgente di tensione trifase della biblioteca famiglia « Strumenti di potenza »


ramo « Sorgenti ». Aprire il dialogo di Proprietà del componente con l’aiuto del menu
« Edizione » o del menu contestuale (pulsante destro del mouse). Nel ramo « Dati tecnici
», aggiungere la tensione a 400 V e a 50 Hz.
3. Inserire un « Fusibile interruttore tripolare » della biblioteca famiglia « Strumenti di
potenza » ramo « Componenti di protezione ». inserire Q1 come mnemonico poi fare clic

3-7
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

su « OK ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle sue Proprietà, aggiungere la corrente nominale a 200 A.
4. A destra del « Fusibile interruttore tripolare », inserire due « Contatto ausiliare N.A. per
pulsante o selettore » della biblioteca famiglia « Controllo e comandi » ramo « Contatti di
relè e altri ».
Questi due contatti devono essere associati al « Fusibile interruttore tripolare ». Nel ramo
« Assegnazione delle variabili », fare clic sulle linee della tabella dei legami interni che
contengono il nome del « Fusibile interruttore trifase » Q1, fare clic sul pulsante
« Legame » o « Applicare ».
Per modificare i numeri di termini dei contatti ausiliari, aprire il ramo di Proprietà
« Informazioni visualizzabili » e modificare i numeri di porti. Fare clic sul pulsante
« Applicare » e richiudere la finestra di dialogo.
5. Sopra il « Fusibile interruttore tripolare », inserire un « Contattore trifase, Contatti
principi a chiusura d'un contattore » della biblioteca famiglia « Strumenti di potenza »
ramo « Contatti di contattori ». Questi contatti saranno associati dopo la sistemazione dei
componenti di comando.
6. Sopra il « Contattore trifase, Contatti principi a chiusura d'un contattore », Inserire un
« Relè di sovraccarico termico » della biblioteca famiglia « Strumenti di potenza » ramo
« Componenti di protezione ». Inserire F1 come mnemonico poi fare clic su « OK ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle sue Proprietà, aggiungere la corrente nominale a 5 A.

La curve di tempo (in secondi) del relè termico è calcolato come segue :
1
I
0.0527 + 0.0694·
t=e IN

7. Sopra il « Relè di sovraccarico termico », inserire un « Motore asincrono trifase, a gabbia


di scoiattolo con freno N.C. » della biblioteca famiglia « Strumenti di potenza » ramo
« Motori con freni ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle Proprietà, potete vedere i parametri predefiniti del motore.
8. A destra del « Relè di sovraccarico termico », inserire un « Trasformatore a due
srolotamenti » della biblioteca famiglia « Strumenti di potenza » ramo « Trasformatori ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle sue proprietà, aggiungere il voltaggio al primario a 400 V,
il voltaggio al secondario a 230 V, la frequenza a 50 Hz e il rendimento a 1.
9. Al primario del « Trasformatore a due srotolamenti », inserire due « Fusibile, Simbolo
generale » della biblioteca famiglia « Controllo comandi » ramo « Componenti di
protezione ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle proprietà, aggiungere la corrente nominale a 10 A.

3-8
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

10. Al secondario a destra del « Trasformatore a due srotolamenti », inserire un « Fusibile,


Simbolo generale » della biblioteca famiglia « Controllo comandi » ramo « Componenti
di protezione ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle proprietà, aggiungere la corrente nominale a 10 A.
Avete terminato l’inserzione dei componenti di potenza. Adesso mettiamo a posto i
componenti di comando.

3-9
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.5.2. Sistemazione dei componenti di comando

Figura 3–6 : Sistemazione dei componenti di comando

1. Alla seguito del medesimo diagramma, posizionare i componenti di comando come quelli
del file MOT_FWD.PR5. Dare il medesimo nome ai componenti.
2. In basso a destra del motore, inserire un « Contatto di relè termico, Contatto ad apertura »
della biblioteca famiglia « Controllo e comandi » ramo « Contatti di relè e altri ».
Questo contatto deve essere associato al « Relè termico ». Nel ramo « Assegnazione delle
variabili », fare clic sulla linea della tabella dei legami interni che contengono il nome del
« Relè termico » F1, poi fare clic sul pulsante « Legame » e richiudere la finestra di
dialogo.
3. Sopra del « Contatto di relè termico, Contatto ad apertura », Inserire un « Interruttore a
pulsante ad apertura e a ritorno automatico » della biblioteca famiglia « Controllo e
comandi » ramo « Pulsanti ». Inserire BP_ARRET come mnemonico poi fare clic su
« OK ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle proprietà, fare clic sul pulsante « Più » per accedere ai
dati avanzati poi, aggiungere la tensione massimale a 230 V e la corrente nominale a
10 A. Fare clic sul pulsante « Applicare » e chiudere la finestra di dialogo.

3-10
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

4. Sopra l’ « Interruttore a pulsante ad apertura e a ritorno automatico », Inserire un


« Interruttore a pulsante a chiusura e a ritorno automatico » della biblioteca famiglia
« Controllo e comandi » ramo « Pulsanti ». Inserire BP_MARCHE come mnemonico poi
fare clic su « OK ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle Proprietà, fare clic sul pulsante « Più » per accedere ai
dati avanzati, poi, aggiungere la tensione massimale a 230 V e la corrente nominale a
10 A. Fare clic sul pulsante « Applicare » e chiudere la finestra di dialogo.
5. Sopra l’« Interruttore a pulsante a chiusura e a ritorno automatico », Inserire un
« Contattore CA » della biblioteca famiglia « Controllo e comandi » ramo « Contattore ».
Inserire MARCHE come mnemonico poi fare clic su « OK ».
Nel ramo « Dati tecnici » delle sue Proprietà, aggiungere la tensione nominale a 230 V, la
corrente nominale a 0.10 A, la tensione d’operazione a 180 V e la tensione di rilascio a
100 V. Fare clic sul pulsante « Applicare » e chiudere la finestra di dialogo.
6. A destra del pulsante BP_MARCHE, tra il pulsante e il relè, inserire un « Contatto a
chiusura » della biblioteca famiglia « Controllo e comandi » ramo « Contatti di relè e
altri ».
Questo contatto deve essere associato a « Contattore ». Nel ramo « Assegnazione delle
variabili », fare clic sulla linea della tabella dei legami interni che contengono il nome del
« Contattore » MARCHE, poi fare clic sul pulsante « Legame » e richiudere la finestra di
dialogo.
7. Nella parte potenza, il « Contattore trifase, Contatti principi a chiusura d'un Contattore »
deve essere associato a « Contattore ». Nel ramo « Assegnazione delle variabili », fare
clic sulla linea della tabella dei legami interni che contengono il nome del « Contattore »
MARCHE, poi fare clic sul pulsante « Legame » e richiudere la finestra di dialogo.
Avete terminato di sistemare i componenti. Adesso sistemiamo i fili.

3-11
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.5.3. Sistemazione dei fili

3.5.3.1. Sistemazione dei fili di potenza

Figura 3–7 : Sistemazione dei fili di potenza

1. Nel menu « Inserzione », scegliere l’opzione « Filo di potenza ». I prossimi fili saranno
dei fili di potenza.
2. Posizionare il puntatore sul terminale « 1 » della sorgente di tensione, fare clic sul
pulsante sinistro del mouse poi spostare il puntatore sopra il terminale « 1 » del fusibile
interruttore tripolare, fare clic sul pulsante sinistro del mouse. Un filo di potenza è
sistemato tra i due termini. Il filo è numerato automaticamente. Inserire un altro filo tra i
termini « 2 » e « 3 », poi tra i termini « 3 » e « 5 ».
3. Inserire in seguito un filo tra il terminale « 3 » del fusibile interruttore tripolare e il
terminale « 23 » del primo Contatto ausiliare, poi tra il terminale « 5 » e il terminale
« 33 » del secondo contatto ausiliare.
4. Inserire i fili tra il fusibile interruttore tripolare e i contatti del contattore (come mostrato
nella Figura 3–7 : Sistemazione dei fili di potenza ).
5. Inserire i fili tra i contatti del contattore e il relè di sovraccarico termico.

3-12
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

6. Inserire i fili tra il relè di sovraccarico termico e il motore.


7. Inserire i fili tra i contatti ausiliari ed il primario del trasformatore.
8. In basso a sinistra al secondario del trasformatore, della biblioteca famiglia « Controllo e
comande » ramo « Linea e connettore » sotto ramo « Rinvii », Inserire un « Rinvio #2 –
Uscita ». Fate una rotazione a destra del componente (strumenti di rotazione ). Aprire
il dialogo delle proprietà del componente del ramo « Associazione ». Nella zona
identificatore inserire « N » e fare clic sul pulsante « Applicare ». Questo permette
d’identificare il rinvio al fine di poter associare un rinvio d’ingresso. Aprire il ramo
« Informazioni visualizzabili » e spuntare l’opzione di visualizzazione dello mnemonico.
Fare clic sul pulsante « Applicare » e chiudere la finestra di dialogo.

F Potete spostare e fare delle rotazioni sulle informazioni visualizzate vicino al


componente.

9. In basso a destra al secondario del trasformatore, inserire un secondo « Rinvio #2 –


Uscita » e identificatelo « L1 ». Aprire il ramo « Informazioni visualizzabili » e spuntare
l’opzione di visualizzazione dello mnemonico.
10. Nel menu « Inserzione », scegliere l’opzione « Filo di comando ». I prossimi fili saranno
dei fili di comando.
11. Inserire un filo tra il terminale « S1 » del trasformatore e il rinvio « N », poi un altro filo
tra il terminale « 2 » del fusibile e il rinvio « L1 ».
Avete terminato la sistemazione dei fili di potenza. Adesso inseriamo i fili di comando.

3-13
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.5.3.2. Sistemazione dei fili di comando

Figura 3–8 : Sistemazione dei fili di comande

1. Nel menu « Inserzione », scegliere l’opzione « Filo di comando ». I prossimi fili saranno
dei fili di comando.
2. Dall’alto in basso del contatto di relè termico, della biblioteca famiglia « Controllo e
comandi » ramo « Linee e connettori » sotto ramo « Rinvii », Inserire un « Rinvio #2 -
Ingresso ». Aprire il dialogo delle proprietà del componente del ramo « Associazione ».
Nella zona « Identificatore » scegliere « L1 » e fare clic sul pulsante « Applicare ».
Questo permette di collegare il rinvio di uscita con il rinvio d’ingresso. Aprire il ramo
« Informazioni visualizzabili » e spuntare l’opzione di visualizzazione dello mnemonico.
Fare clic sul pulsante « Applicare » e chiudere la finestra di dialogo.

F Una volta che il rinvio d’ingresso è associato ad un rinvio di uscita, non è più
possibile modificare l’associazione, si deve distruggere il rinvio e inserirne uno
nuovo.

3-14
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

3. In basso a sinistra del contattore, inserire un secondo « Rinvio #2 –Ingresso » e associare


il rinvio « N ». Aprire il ramo « Informazioni visualizzabili » e spuntare l’opzione di
visualizzazione dello mnemonico.
4. Inserire un filo tra il rinvio « L1 » e la borna « 95 » del contatto di relè termico.
5. Inserire un filo tra la borna « 96 » del contatto di relè termico e la borna « 1 » del contatto
del pulsante ad apertura.
6. Inserire un filo tra la borna « 2 » del contatto pulsante ad apertura e la borna « 3 » del
contatto del pulsante a chiusura. Inserire un secondo filo tra la borna « 2 » del contatto
pulsante ad apertura e la borna « 13 » del contatto a chiusura del relè (vedere Figura 3–
8 : Sistemazione dei fili di comande ).
7. Inserire un filo tra la borna « 4 » del contatto del pulsante a chiusura e la borna « A1 » del
relè. Inserire un secondo filo tra la borna « 14 » del contatto a chiusura del relè e la borna
« A1 » del relè.
8. Inserire un filo tra la borna « A2 » del relè e il rinvio « N ».
Avete terminato la sistemazione dei fili di comando. Adesso affrontiamo la sistemazione dei
termini del Blocco connessione.

F I colori di base normalizzati dei fili sono in accordo alla norme IEC 60757 :

Nero : BK
Marrone : BN
Rosso : RD
Arancio : OG
Giallo : YE
Verde : GN
Blu : BU
Violetto : VT
Grigio : GY
Bianco : WH
Rosa : PK
Turchese : TQ

3-15
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3.5.4. Sistemazione dei termini


Al fine di potere associare i termini ad un Blocco connessione, dovete creare un Blocco
connessione. Per creare un Blocco connessione :
1. Aprire la Finestra di dialogo « Nuovo Blocco connessione » del menu « Elettrotecnico »
à « Blocco connessione » à « Creare »
La Finestra di dialogo di creazione del Blocco connessione appare sullo schermo.

Figura 3–9 : Creazione del Blocco connessione

2. Inserire il numero di termini del Blocco connessione.


3. Editare il commento del Blocco connessione se desiderato.
4. Fare clic sul pulsante OK per creare il Blocco connessione.
Potete adesso scegliere questo Blocco connessione per associare dei termini.

F Ilelettrotecnici.
Blocco connessione è un componente virtuale, non appare sui diagrammi
Solo i termini del Blocco connessione appaiono sui diagrammi
elettrotecnici. per vedere un Blocco connessione, dovete creare un diagramma di
Blocco connessione.

3-16
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

Figura 3–10 : Sistemazione dei termini

1. Della biblioteca famiglia « Controllo e comandi » ramo « Linee e connettori » sotto ramo
« Termini », inserire un « Terminale » sul primo filo dell’alimentazione come sulla
Figura 3–10 : Sistemazione dei termini ). La finestra di Proprietà del terminale si apre al
ramo « Blocco connessione associato » (vedere Figura 4–17 : Proprietà dei termini, ramo
« Blocco associato ».

3-17
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

2. Selezionare il Blocco connessione con l'aiuto dell’elenco srotolante della zona


« Identificatore del Blocco connessione ».
3. Scegliere la prima posizione del Blocco connessione con l’aiuto dell’elenco srotolante
della zona « Posizione del terminale ». Fare clic sul pulsante « Applicare » poi chiudere
la finestra di dialogo. Bloccare il numero del terminale con l’aiuto del menu contestuale
del terminale (pulsante destro del mouse). I numeri di terminale bloccati non sono
modificati durante una rinumerazione automatica. Le posizioni utilizzate sono
automaticamente ritirate dell’elenco.
4. Il filo è automaticamente tagliato al punto d’inserzione e le due sezioni del filo hanno il
medesimo numero. Potete spostare l’identificatore del terminale che è visualizzato sul
diagramma.
5. Inserire nell’ordine i due termini seguenti per l’alimentazione. Scegliere le posizioni dei
termini in modo sequenziale. Bloccare il numero del terminale con l’aiuto del menu
contestuale del terminale.
6. Con l’aiuto del menu contestuale dei fili, definire come « Esterno » le sezioni dei fili tra
l’alimentazione e i termini. Questo permette di ben posizionare il filo sul blocco
connessione mentre il diagramma del Blocco connessione è creato.
7. Inserire da sinistra a destra i termini sui fili d’alimentazione del motore. Scegliere le
posizioni di modo sequenziale. Bloccare il numero del terminale con l’aiuto del menu
contestuale del terminale. Con l’aiuto del menu contestuale dei fili, definite come
« Esterno » le sezioni dei fili tra il motore e i termini.
8. Inserire due termini sul filo di sinistra al secondario del trasformatore (dall’alto in
basso). Scegliere le posizioni dei termini in modo sequenziale. Non bloccare i numeri di
termini. All’aiuto del menu contestuale del filo, definite come sbarra la sezione del filo
tra i due termini.
9. Inserire due termini sul filo di destra al secondario del trasformatore. Con l’aiuto del
menu contestuale del filo, definite come sbarra la sezione del filo tra i due termini.
10. Inserire un termine sul filo tra il contatto di relè di sovraccarico e il pulsante ad apertura.
11. A destra del secondo pulsante, Inserire un terminale sul filo in alto del contatto del relè.
12. Inserire un termine sul filo tra il pulsante a chiusura e il relè.
13. Scegliere l’opzione « Rinumerazione dei termini » del menu « Elettrotecnico ». I termini
collegati da sbarre hanno adesso il medesimo numero.

3-18
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

F Avete terminato con lo spostamento dei termini. Adesso creiamo il diagramma del
Blocco connessione. Potete mettere un primo termine, l’associare a un Blocco
connessione poi copialo. Il termine è associato alla prima posizione libera sul blocco
connessione e il numero di termine è incrementato automaticamente.

3.5.5. Generazione del diagramma del Blocco


connessione
Per creare un diagramma del Blocco connessione :
1. Scegliere « File » à « Nuovo » à « Elettrotecnico » à « Diagramma Blocco
connessione »o dal menu contestuale dell’Esploratore di progetto, scegliere « Nuovo »
à « Elettrotecnico » à « Diagramma Blocco connessione ».

Figura 3–11 : Creazione d’un diagramma Blocco


connessione

2. Nella zona « Nome » modificare se desiderate il nome preimpostato del diagramma.

3-19
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3. Nella zona « Identificatore del Blocco connessione » scegliere l’identificatore del Blocco
connessione desiderato con l’aiuto dell’elenco srotolante, fare clic sul pulsante
« Applicare » e chiudere la finestra di dialogo.
Il diagramma di raccordo del Blocco connessione è affissato allo schermo.

Figura 3–12 : Diagramma del Blocco connessione

Una sbarra viene inserita automaticamente sul diagramma mentre una sezione di
filo tra due termini è definito come sbarra. I termini collegati sono normalmente
continui, ma ciò non è obbligatorio. I punti neri indicano i punti di connessione
della sbarra.

Potete modificare manualmente i numeri di termini nel ramo « Informazioni


visualizzabili » della Finestra di dialogo delle Proprietà del terminale, (vedere 4.5.4
Proprietà dei termini )

3-20
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

Ora, passiamo i cavi.

3.5.6. Definizione dei cavi


Per potere associare i fili ad un cavo, dovete creare un cavo. Per creare un cavo :
1. Aprire la Finestra di dialogo « Nuovo cavo » dal menu « Elettrotecnico » à « Cavo » à
« Creare ».
La Finestra di dialogo di creazione di un cavo appare sullo schermo.

Figura 3–13 : Creazione dei cavi

2. Nella zona « Numero di conduttori » inserire 3 ;


3. Nella zona « Commento » inserire Alimentazione. Questo cavo serve per alimentare il
cofanetto di comando.
4. Creare un secondo cavo a tre conduttori. Nella zona « Commento » inserire
Alimentazione motore. Questo cavo serve per alimentare il motore.
Adesso che i cavi sono creati, potete associare i fili ai cavi. Per associare un filo a un cavo :
1. Sul diagramma, scegliere la sorgente d’alimentazione. Con l’aiuto del menu contestuale,
definire il componente come « Esterno » al cofanetto di comando. Questo permette di
definire gli annessi e connessi dei conduttori del cavo d’alimentazione.
2. Sul diagramma, scegliere il filo collegato al terminale « 1 » della sorgente
d’alimentazione. Aprire la finestra di dialogo delle Proprietà del filo al ramo « Cavo
associato ». Nella zona « Identificatore cavo » selezionare il cavo d’alimentazione
nell’elenco srotolante.

3-21
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Figura 3–14 : Assegnazione dei fili ai cavi

3. Nella zona « Numero conduttore » scegliere il conduttore « 1 » nell’elenco srotolante.


Fare clic sul pulsante « Applicare ». Le informazioni relative al conduttore sono
aggiornate nella tabella d’assegnazione dei conduttori. Chiudere la finestra di dialogo.

Potete modificare il colore e la sezione di ogni filo nel ramo « Configurazione »


della Finestra di dialogo delle proprietà del filo. (vedere 4.3.4.1 Ramo
« Configurazione » )

4. Riprendere i fili collegati ai termini « 2 » e « 3 » dell’alimentazione. Scegliere i numeri di


conduttore del cavo d’alimentazione in modo sequenziale.
5. Adesso dovete associare i fili al cavo d’alimentazione del motore.
6. Sul diagramma, scegliere il motore. Con l’aiuto del menu contestuale, definire il
componente come « Esterno » al cofanetto di comando. Questo permette di definire i
connessi e annessi dei conduttori del cavo d’alimentazione del motore.
7. Sul diagramma, scegliere il filo raccordato al terminale « U » del motore. Aprire la
finestra di dialogo delle proprietà del filo al ramo « Cavo associato ». Nella zona

3-22
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

« Identificatore cavo » scegliere il cavo d’alimentazione del motore nell’elenco


srotolante.
8. Nella zone « Numero conduttore » scegliere il conduttore « 1 » nell’elenco srotolante.
Fare clic sul pulsante « Applicare » e chiudere la finestra di dialogo.
9. Riprendere dei fili raccordati ai termini « V » e « W » del motore. Scegliere i numeri di
conduttore di cavo d’alimentazione in modo sequenziale.
Avete terminato la definizione dei cavi. Adesso andiamo a generare i diagrammi di cablaggio.

3.5.7. Generazione dei diagrammi di cavo


Per creare un diagramma di raccordo di cavo :
1. Scegliere « File » à « Nuovo » à « Elettrotecnico » à « Diagramma cavo ». O dal
menu contestuale dell’Esploratore di progetto, scegliere « Nuovo » à « Elettrotecnico »
à « Diagramma cavo ».

Figura 3–15 : Creazione d’un diagramma di cablaggio

2. Nella zona « Nome » modificare se desiderate il nome preimpostato del diagramma.

3-23
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3. Nella zona « Identificatore del cavo » scegliere l’identificatore del cavo d’alimentazione
con l’aiuto dell’elenco srotolante, fare clic sul pulsante « Applicare » e chiudere la
finestra di dialogo.
Il diagramma di raccordo del cavo è visualizzato sullo schermo :

Figura 3–16 : Diagramma di cablaggio

4. Riprendere per creare il diagramma di raccordo del cavo d’alimentazione del motore.
Avete terminato l’edizione del circuito. Adesso facciamo la verifica del diagramma per
scoprire gli errori potenziali.

3-24
Realizzazione di un primo diagramma Elettrotecnico

3.6. Verifica degli errori


In ogni momento, potete effettuare la diagnosi dei vostri diagrammi per verificare se esistono
degli errori come delle connessioni mancanti tra i componenti o recettori non collegati a degli
emittenti. Per verificare gli errori:
1. Scegliere il comando « Diagnosi » del menu « Elettrotecnico ». La Finestra di dialogo dei
diagnostici apparirà allo schermo. (vedere 2.2.5 Diagnosi )

Figura 3–17 : Finestra di dialogo dei diagnostici

2. Spuntare le opzioni « Connettori liberi » e « Componenti connessi direttamente (senza


filo) » poi fare clic sul pulsante « OK ».
La finestra di messaggi appare e mostra i risultati delle diagnosi selezionate. Per saperne di
più, fate riferimento alla Finestra di messaggi nel Manuale dell' utente. Sul diagramma, del
componenti connessi direttamente tra di loro avranno il colore dei componenti preimpostato.

Figura 3–18 : Finestra di messaggi che mostra i risultati


della diagnosi

3-25
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Normalmente, i componenti di un cofanetto di comando non sono collegati tra di


loro, sono collegati tramite fili. Tuttavia, questo non condiziona la simulazione del
circuito.

3-26
4. Funzionalità del workshop Elettrotecnico
4.1. Introduzione
Questo capitolo presenta in dettaglio le nuove funzionalità introdotte nel workshop
Elettrotecnico.
· Gestione dei componenti;
· Gestione dei fili;
· Gestione dei cavi;
· Gestione dei Blocchi connessione;

4.2. Gestione dei componenti


I componenti del workshop Elettrotecnico sono gestiti allo stesso modo dei componenti
degli altri workshops.

Figura 4–1 : Motori, ramo di Proprietà « Dati tecnici »

Il comando « Proprietà del componente » del menu « Edizione » o del menu contestuale vi dà
accesso alle proprietà del componente selezionato. Il ramo « Dati tecnici » e il ramo

4-1
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

« Configurazione » di dialogo di proprietà del componente vi permette di definire il


comportamento del componente.
I file dell’aiuto dei componenti descrive ognuna delle proprietà utilizzate.

Figura 4–2 : Trasformatori, ramo di Proprietà


« Configurazione »

Il menu contestuale del componente vi permette di definire un componente come « Interno »


o « Esterno » al cofanetto di comando. Questa informazione è richiesta per definire i connessi
e annessi dei cavi. Per default, i componenti sono considerati come « Interno ».

Figura 4–3 : Menu contestuale dei componenti

4-2
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

4.3. Gestione dei fili


4.3.1. Tipi di fili
Il workshop Elettrotecnico offre due tipi di fili :
· Filo di comando, per il raccordo degli elementi di comando, rappresentato da un tratto
fine.
· Filo di potenza, per il raccordo degli elementi di potenza, rappresentato da un tratto
spesso.
L’accesso a questi due tipi di filo dalla barra degli strumenti « Inserzione » e del menu
« Inserzione ». Per default, i componenti sono collegati da fili di comando. Il menu
contestuale del filo permette di passare da un tipo all’altro. Per un progetto esistente, il tipo di
filo attivo è l’ultimo tipo utilizzato nel progetto.

4.3.2. Definizione dei fili


Per permettere all’editore di blocco connessione di localizzare il filo collegato a un termine,
un filo può essere definito in tre modi :
· « Interno » indica un filo di raccordo interno alla platina di montaggio dei componenti
del cofanetto di comando ;
· « Esterno » indica un filo esterno alla platina del cofanetto di comando, sia per raccordo
dei componenti facendo al cofanetto di comando, sia per raccordo ad una alimentazione o
un componente esterno al cofanetto di comando. Un filo « Esterno » è normalmente
collegato ad un termine ;
· « Sbarra » indica una sbarra mostrata su un Blocco connessione ;
Questa informazione è richiesta per definire i raccordi al blocco connessione. La definizione
dei filo viene effettuata con l’aiuto del menu contestuale. Per default, i fili sono definiti come
« Interno ».

F Ilcomponenti
tipo « Sbarra » può essere effettuato unicamente ad un filo connesso tra due
di tipo termine. Nel momento in cui un filo di tipo « Sbarra » è sconnesso
dall' altra estremità (soppressione di uno dei termini, ecc..), il filo riprende
automaticamente il tipo « Interno ».

4-3
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.3.3. Numerazione dei fili


I fili sono numerati automaticamente in accordo alle righe seguenti :
· I fili sono numerati al momento della loro creazione ;
· I rinvii propongono i numeri di fili (dall’emittente verso il recettore) ;
· I fili connessi insieme hanno il medesimo numero ;
· Un filo dove il numero non è bloccato, ma è connesso ad un filo in cui il numero è
bloccato, prende il suo numero, prefisso e suffisso. Nota : Il « Numero » può essere
costituito da lettere ;
· Due fili connessi al medesimo termine hanno il medesimo numero ;
· Due fili connessi ad un termine interrompibile (Contatto, fusibile, ecc..) non hanno il
medesimo numero ;
· Per la norme IEC, i fili sono numerati da sinistra a destra e dall' alto in basso,
indipendentemente dal senso delle righe cartografiche ;
· Per le norme NEMA, i fili sono numerati dall' alto in basso e da sinistra a destra,
indipendentemente dal senso delle righe cartografiche ;
· Possiamo avere due numeri di fili identici se le suddivisioni essenziali o le posizioni sono
diverse ;
· Potete bloccare un numero di filo con l’aiuto del menu contestuale. I numeri bloccati non
sono modificati durante la rinumerazione automatica. Il bloccaggio è rappresentato da un
asterisco a destra del numero ;
· Il formato di visualizzazione dell’identificatore di filo è definito al livello delle proprietà
del documento (vedere 2.1.1 Comando « Proprietà del documento » del menu
« Edizione » ), si applica a tutti i fili del documento (esistenti e futuri) ;
· Potete numerare manualmente un filo nelle proprietà visualizzabili del componente
(Numero visualizzabile) ;
· Il comando « Rinumerazione dei fili » del menu « Elettrotecnico » vi permette di
rinumerare tutti i fili del documento attivo laddove il numero non è bloccato. La
rinumerazione si effettua in accordo a queste righe ;
· Potete dare come prefisso al numero di filo il nome del terminale di uno dei componenti
cui è connesso. Questo può essere fatto manualmente dal dialogo standard delle proprietà
del componente. Il puntale « Informazioni visualizzabili » dà accesso alle proprietà
« Prefisso », che potete modificare. Potete anche dare un prefisso automaticamente con
l’aiuto del menu contestuale ;

4-4
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

4.3.4. Proprietà dei fili


L’accesso alle proprietà dei fili si fa come per tutti gli altri componenti. .

4.3.4.1. Ramo « Configurazione »


Il ramo « Configurazione » del dialogo delle proprietà del filo vi permette di definire il colore
e la sezione del filo.

Figura 4–4 : Fili, ramo de Proprietà « Configurazione »

4-5
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.3.4.2. Ramo « Cavo associato »


Il ramo « Cavo associato » del dialogo delle proprietà del filo vi permette di definire un filo
come un conduttore d’un cavo.

A
B

C
D

Figura 4–5 : Fili, ramo di Proprietà « Cavo associato »

Le zone di questa finestra di dialogo sono :


Zones Description
A Identificatore Permette di scegliere, tra l’elenco dei cavi esistenti, il cavo al quale si
cavo desidera associare il filo.
B Tabella Questa tabella elenca i conduttori utilizzati per il cavo selezionato.
d’assegnazione Questa tabella non è editabile.
C Numero Permette di scegliere in un elenco srotolante un conduttore libero del
conduttore cavo per associare il filo. Solamente i conduttori liberi appariranno
nell’elenco.
D Cavo Dà accesso alla gestione dei cavi. Permette di creare, modificare o
rimuovere un cavo (vedere 4.4 Gestione dei cav).

4-6
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Per associare un filo a un cavo :


1. Selezionare l’identificatore del cavo;
2. Selezionare il numero del conduttore;
3. Fare clic sul pulsante « Applicare »;
4. Chiudere la finestra di dialogo.

F Un filo di tipo Nema è compatibile con un cavo di tipo IEC e vice versa.

Per separare un filo da un cavo :


1. Selezionare « Nessuno » come identificatore del cavo;
2. Fare clic sul pulsante « Applicare »;
3. Chiudere la finestra di dialogo.
Potete creare, modificare o rimuovere un cavo da questa finestra di dialogo, vedere 4.4
Gestione dei cav.
Il software gestisce la visualizzazione degli identificatori del filo e dei cavi come segue :
· L’identificatore di cavo segue il numero di conduttore e appare sotto il filo.
· Mentre il filo è collegato a un cavo, le proprietà « Suddivisione essenziale » e
« Posizione » prendono i valori da quelle del cavo e non sono più modificabili
dall’utente.
· Mentre si sconnette un filo (si rimuove il legame tra il filo ed il suo cavo), l’identificatore
di cavo sparisce dal filo e il conduttore del cavo può essere associato ad un altro filo. Le
proprietà « Suddivisione essenziale », « Posizione », « Codice componente
visualizzabile », « Mnemonico » e « Commento » riprendono i loro valori iniziali.
Lo spostamento d’un componente filo nel medesimo progetto non interessa il collegamento
con il suo cavo.
· Quando il filo è spostato in un altro progetto, perde il legame con il suo cavo.
· Quando un filo viene incollato in un altro progetto, è dedicato a questo se non contiene
un cavo che ha il medesimo « Mnemonico ».
· Quando un filo è collegato (dopo essere stato copiato) nel medesimo progetto, ci sono
diversi comportamenti possibili :
- C’è un conduttore libero nel cavo al quale il filo copiato è collegato :

4-7
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Il filo collegato guarda il collegamento con il cavo,


Il filo prende il primo conduttore libero nel cavo.
- Non c’è posizione libera nel cavo al quale il filo copiato è collegato :
Il filo è dedicato.
Il messaggio d’avvertimento « Il filo X è stato dedicato al cavo Y perché non c’è
conduttore libero » è visualizzato nella finestra dei messaggi.

4.3.4.3. Ramo « Informazioni visualizzabili »


Il ramo « Informazioni visualizzabili » del dialogo di proprietà del filo vi permette di definire
e/o modificare le informazioni visualizzabili d’un filo.

Figura 4–6 : Fili, ramo di proprietà « Informazioni


visualizzabili »

Le proprietà visualizzabili d’un filo sono :

4-8
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Proprietà Descrizione
Suddivisione essenziale Permette di modificare la suddivisione essenziale per
l’identificatore del componente se il filo non è associato a un
cavo. Il numero sequenziale del componente è regolato in
funzione del numero di componenti simili presenti con la
medesima suddivisione essenziale.
Posizione Permette di modificare la posizione per l’identificatore di
componente se il filo non è associato a un cavo. Il numero
sequenziale del componente è regolato in funzione del
numero di componenti simili presenti con la medesima
posizione.
Identificatore interno Permette di visualizzare o meno l’identificatore interno del
componente.
Numero visualizzabile Permette di modificare il numero di filo visualizzato.
Prefisso Permette di definire manualmente il prefisso
dell’identificatore di filo. Potete anche dare un prefisso
automaticamente con l’aiuto del menu contestuale.
Suffisso Permette di definire manualmente il suffisso
dell’identificatore del filo.
Identificatore visualizzato Permette di visualizzare l’identificatore del filo. Il formato di
visualizzazione del filo è definito nelle proprietà del
documento vedere 2.1.1 Comando « Proprietà del
documento » del menu « Edizione » ).
Mnemonico Permette di visualizzare l’identificatore del cavo se il filo è
associato a un cavo.
Identificatore visualizzato Permette di visualizzare l’identificatore del cavo con il
del cavo numero del conduttore.
Nome del componente Permette di visualizzare e di modificare il nome del
componente. Il nome predefinito è dato da Automation
Studio.
Commento Permette di visualizzare e di modificare il commento del
componente.
Identificatore Permette di visualizzare l’identificatore che viene dalle
informazioni catalogo.

4-9
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Proprietà Descrizione
Numero di pezzo Permette di visualizzare il numero di pezzi che provengono
dalle informazioni catalogo.
Descrizione catalogo Permette di visualizzare la descrizione del componente che
proviene le informazioni catalogo.
Fabbricante Permette di visualizzare il nome del produttore che proviene
dalle informazioni catalogo.
Numero d’inventario Permette di visualizzare il numero d’inventario del
componente che proviene dalle informazioni catalogo.
Localizzazione in X Campo informativo, che permette di conoscere la
localizzazione in X del componente.
Localizzazione in Y Campo informativo, che permette di conoscere la
localizzazione in Y del componente.
Tratto Permette di scegliere il tratto di disegno al quale appartiene il
componente.
Colore del filo Permette di visualizzare il colore del filo. Il colore del filo è
definito nel ramo delle proprietà « Configurazione ».
Sezione del filo Permette di visualizzare la sezione del filo. La sezione del filo
è definita nel ramo di proprietà « Configurazione ».

4-10
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Queste informazioni sono sul diagramma sotto forma di testo. Potete muovere e modificare
l’apparenza del testo.

Identificatore affissato Colore del filo

Identificatore affissato Sezione del


del cavo

Identificatore
Mnemonico
(identificatore
interno del cavo)
Identificatore
interno

4-11
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.3.5. Menu contestuale dei fili


Il menu contestuale dei fili è attivato da un clic sul pulsante destro del mouse mentre un filo è
selezionato. La figura seguente presenta il menu contestuale dei fili.

Figura 4–7 : Menu contestuale dei fili

I comandi del menu contestuale dei fili specifici al workshop Elettrotecnico sono :
Comande Descrizione
Filo di comando Permette di definire un filo come un filo di comando. Il filo
appare con un tratto fino.
Filo di potenza Permette di definire un filo come un filo di potenza. Il filo
appare con un tratto spesso.
Interno Permette di definire un filo come interno al cofanetto di
comando. Questa informazione è richiesta per definire i
raccordi al blocco connessione. I fili interni sono visualizzati
alla sinistra sui diagrammi del blocco connessione.
Esterno Permette di definire un filo come esterno al cofanetto di
comando. Questa informazione è richiesta per definire i
raccordi ai blocchi connessione. I fili esterni sono visualizzati
a destra sul diagramma del blocco connessione.

4-12
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Comande Descrizione
Sbarra Permette di definire un filo come una sbarra che collega due
termini d’un blocco connessione. Questa informazione è
richiesta per definire i raccordi al blocco connessione. Le
sbarre sono indicate da un tratto verticale con connettori sui
diagrammi del blocco connessione.
Mettere prefisso a … Permette di dare automaticamente come prefisso al numero di
filo il nome del terminale del componente al quale è connesso.
Mentre il filo è collegato tra due termini di componenti, potete
scegliere quella che desiderate. Questa può essere anche fatta
manualmente dal dialogo standard delle Proprietà del
componente.
Bloccare numero Permette di bloccare il numero di filo. Un numero bloccato
non viene modificato durante una rinumerazione automatica
dei fili.
Legame diretto Permette di tracciare filo direttamente tra due termini per il
cammino più corto (diagonale o altro).

4-13
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.4. Gestione dei cavi


4.4.1. Creazione d’un cavo
Per creare un cavo :
1. Aprire la finestra di dialogo « Nuovo cavo » dal menu « Elettrotecnico » à « Cavo » à
« Creare » o facendo clic sul pulsante « Nuovo » nel ramo « Cavo associato » della
Finestra di dialogo delle proprietà del filo.
La finestra di dialogo di creazione del cavo appare sullo schermo.

Figura 4–8 : Creazione d’un cavo

2. Modificare se richiesto le informazioni predefinite del nuovo cavo.


3. Inserire il numeratore di conduttore di cavo.
4. Editare il commento del cavo se desiderato.
5. Fare clic sul pulsante OK per creare il cavo.
Potete adesso scegliere questo cavo per associare dei fili a questi conduttori con l’aiuto della
Finestra di dialogo delle proprietà del filo (vedere 4.3.4.2 Ramo « Cavo associato » ).

4-14
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

4.4.2. Modifica di un cavo


Per modificare un cavo :
1. Aprire la Finestra di dialogo « Modificare cavo » del menu « Elettrotecnico » à
« Cavo » à « Modificare » o facendo clic sul pulsante « Modificare » nel ramo « Cavo
associato » della Finestra di dialogo delle proprietà del filo.
2. Selezionare nell’elenco srotolante l’identificatore del cavo da modificare.
3. Modificare le informazioni del cavo secondo necessità.
4. Modificare il numero dei conduttori del cavo se richiesto.
5. Modificare il commento del cavo se desiderato.
6. Fare clic sul pulsante OK per accettare le Modifiche del cavo.
Le nuove informazioni sono aggiornate su tutti diagrammi ove il cavo è menzionato.

Figura 4–9 : Modifica di un cavo

F Ilin numero di conduttori non può essere inferiore al numero del conduttore più elevato
utilizzo sul diagramma. Le informazioni modificate sono propagate sui fili del
diagramma.

4-15
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.4.3. Distruzione d’un cavo


Per distruggere un cavo :
1. Aprire la Finestra di dialogo « Nuovo cavo » del menu « Elettrotecnico » à « Cavo » à
« Rimuovere » o facendo clic sul pulsante « Rimuovere » nel ramo « Cavo associato »
della Finestra di dialogo delle Proprietà del filo.
2. Selezionate nell’elenco srotolante l’identificatore del cavo da distruggere.
3. Fare clic sul pulsante OK per procedere alla distruzione del cavo.
I fili che errano associati al cavo ridivengono liberi. Il contenuto del diagramma di cablaggio
del cavo (se esiste) è cancellato. Le informazioni dei fili sono aggiornate su tutti i diagrammi
dove il cavo appare.

Figura 4–10 : Distruzione d’un cavo

4.4.4. Creazione d’un diagramma di cavo


Per creare un diagramma di cablaggio per un cavo esistente :
1. Scegliere « File » à « Nuovo » à « Elettrotecnico » à « Diagramma di cavo ». O del
menu contestuale dell’Esploratore di progetto, scegliere « Nuovo » à « Elettrotecnico »
à « Diagramma del cavo ».

4-16
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Figura 4–11 : Creazione d’un nuovo diagramma


Elettrotecnico

La Finestra di dialogo « Proprietà del documento » si apre sullo schermo.


2. Modificare il nome del diagramma se desiderato. Il nome del diagramma può essere
modificato in seguito nella Finestra di dialogo delle proprietà del documento.
3. Selezionate l’identificatore del cavo dell’elenco srotolante.
4. Fare clic sul pulsante « Applicare » per convalidare la selezione.
5. Fare clic sul pulsante « Chiudere » per chiudere la finestra di dialogo e creare il
diagramma del cablaggio desiderato.
Il diagramma di cablaggio è creato si visualizzerà.

4-17
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Figura 4–12 : Creazione d’un diagramma di raccordo del


cavo

Figura 4–13 : Diagramma di cablaggio

4-18
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Le informazioni contenute sul diagramma sono automaticamente aggiornate quando il cavo o


le sue proprietà vengono modificate. I componenti « Interni » sono gli annessi del cavo e i
componenti « Esterni » sono i connessi del cavo.
Per annessi e connessi di ogni conduttore, il software mostra il numero del filo, il terminale e
il componente.
Al centro del diagramma, il software mostra, per ogni conduttore, il numero del conduttore,
colore e sezione. Queste informazioni provengono dalle proprietà dei fili. Solamente i
conduttori utilizzati sono dettagliati.

4.5. Gestione dei termini


4.5.1. Inserzione dei termini
I termini sono inseriti sul diagramma della biblioteca come tutti gli altri componenti.
L’inserzione si fa in accordo alle righe seguenti :
1. Quando il terminale è inserito su un filo, il filo è tagliato automaticamente al punto
d’inserzione. Le due nuove sezioni del filo portano il medesimo numero.
2. Quando il terminale viene distrutto, le due sezioni del filo che erano connesse al
terminale vengono unificate per formare un solo filo. Il numero di questo filo è il
medesimo che quello delle sue sezioni.

Il filo è tagliato al
punto d’inserzione

Figura 4–14 : Inserzione dei termini

4-19
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.5.2. Numerazione dei termini


I termini sono numerati automaticamente in accordo alle righe seguenti :
· I termini sono numerati al momento della loro creazione ;
· I termini non associati a un blocco connessione non sono numerati automaticamente.
Potete modificare manualmente i numeri di questi termini (ramo « Informazioni
visualizzabili » delle proprietà del componente).
· Per default, i termini sono numerati in modo sequenziale ;
· Per la norma IEC, i termini sono numerati da sinistra a destra e dall' alto in basso,
indipendentemente dal senso delle righe cartografiche ;
· Per la norma NEMA, i termini sono numerati dall' alto in basso e da sinistra a destra,
indipendentemente dal senso delle righe cartografiche ;
· Il metodo di numerazione dei termini per il documento attivo è definito al livello delle
Proprietà del documento (vedere 2.1.1 Comando « Proprietà del documento » del menu
« Edizione » ), si applica a tutti termini del documento (esistenti e futuri);
· Il metodo di numerazione dei termini per l’insieme del progetto è definito al livello del
menu « Strumenti », comandi « Opzione », ramo « Editore Elettrotecnico », Proprietà
« Metodo di Numerazione dei termini » ;
· Potete configurare il software o il documento di uscita affinchè i termini connessi insieme
tramite sbarre abbiano il medesimo numero ;
· Potete configurare il software o il documento di uscita d’un termine che prendono il
numero del filo cui è connesso ;
· Potete numerare manualmente un termine nelle proprietà visualizzabili del componente ;
· Potete bloccare un numero di termine con l’aiuto del menu contestuale. I numeri bloccati
non sono modificabili durante una rinumerazione automatica. Il bloccaggio è
rappresentato da un asterisco situato a destra del numero ;
· Il comando « Rinumerazione dei termini » del menu « Elettrotecnico » vi permette di
rinumerare tutti i termini del documento attivo dove il numero non è bloccato. La
rinumerazione si effettua in accordo alle righe della numerazione automatica ;

4-20
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Rinumerazione dei termini quando Rinumerazione dei termini quando


l’opzione numerazione sequenziale è l’opzione termini collegati da sbarra con
attiva. numero è attivata.

Figura 4–15 : Numerazione dei termini

4-21
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.5.3. Raccordo di termini da sbarre


Il workshop Elettrotecnico vi permette di collegare dei termini d’un blocco connessione con
l’aiuto di sbarre.
· Con l’aiuto del menu contestuale del filo, potete definire un filo come una sbarra tra due
termini. Non è necessario che questi termini si seguano.
· Per default, le sbarre sono di colore diverso al fine di differenziare dei fili (vedere 2.5.1
Opzioni d’Edizione del diagramma Elettrotecnico ).
· Se il metodo di numerazione « Sequenziale - Numero identico per i termini collegati da
sbarra » è selezionato, i termini collegati da sbarre hanno il medesimo numero.
· Sul diagramma di raccordo del blocco connessione, le sbarre sono indicati da un tratto
verticale. Un puntale nero indica i punti di connessione.

Menu contestuale
Filo definito come sbarra
tra due termini

Figura 4–16 : Raccordo dei termini da sbarre

4-22
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

4.5.4. Proprietà dei termini


L’accesso alle Proprietà dei termini si fa come per tutti gli altri componenti. .

4.5.4.1. Ramo « Blocco associato »


Il ramo « Blocco associato » della finestra di dialogo di proprietà del componente (Terminale)
vi permette di definire un terminale come appare a un blocco connessione.

C
D

Figura 4–17 : Proprietà dei termini, ramo « Blocco


associato »

Le zone di questa finestra di dialogo sono :


Zone Descrizione
A Identificatore Permette di scegliere, tra l’elenco dei Blocchi connessione esistenti, il
del Blocco Blocco connessione al quale si desidera associare il terminale.
connessione

4-23
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Zone Descrizione
B Tabella Visualizza le informazioni pertinenti al Blocco connessione
d’associazione selezionato.
dei termini
C Posizione del Permette di scegliere nell’elenco srotolante una posizione libera del
terminale Blocco connessione per associare il terminale. Solo le posizioni libere
appaiono nell’elenco.
D Blocco Dà accesso alla gestione dei Blocchi connessione. Permette di creare,
connessione modificare o rimuovere un Blocco connessione (vedere 4.6 Gestione
dei Blocchi connessione ).

Per associare un terminale a un Blocco connessione :


1. Scegliere l’identificatore del Blocco connessione;
2. Scegliere il numero di posizione;
3. Fare clic sul pulsante « Applicare »;
4. Chiudere la finestra di dialogo.

F Un terminale di tipo Nema è compatibile con un Blocco connessione di tipo IEC e


vice versa.

Per dissociare un terminale d’un Blocco connessione :


1. Scegliere « Nessuno » come identificatore di Blocco connessione;
2. Fare clic sul pulsante « Applicare »;
3. Chiudere la finestra di dialogo.
Potete creare, modificare o distruggere un Blocco connessione da questa finestra di dialogo,
vedere 4.6 Gestione dei Blocchi connessione .

4-24
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Il software gestisce la visualizzazione degli identificatori di terminale e di Blocco


connessione come segue :
· L’identificatore di Blocco connessione segue il numero di terminale visualizzato vicino al
terminale.
· Quando il terminale è collegato a un Blocco connessione, le Proprietà « Suddivisione
essenziale » e « Posizione », « Designazione visualizzabile », « Numero visualizzabile »
non sono più modificabili dall’utente. Prendono il valore delle Proprietà del Blocco
connessione
· La proprietà « Mnemonico » prende come valore l’identificatore del Blocco connessione.
· Quando si separa un terminale da un Blocco connessione (si rimuove il legame tra il
terminale ed il suo Blocco connessione), l’identificatore del Blocco connessione sparisce
dal terminale e la posizione del Blocco connessione può essere associata ad un altro
terminale. Le proprietà « Suddivisione essenziale », « Posizione », « Designazione
visualizzabile », « Numero visualizzabile » », « Mnemonico » e « Commento »
riprendono i loro valori iniziali.
· Lo spostamento d’un componente terminale nel medesimo progetto non condiziona il suo
collegamento con il Blocco connessione.
· Quando il terminale è spostato in un altro progetto, prende il legame con suo Blocco
connessione.
· Quando un terminale è collegato ad un altro progetto, è dissociato se questo non contiene
un Blocco connessione che ha il medesimo « Mnemonico » (lo mnemonico permette di
visualizzare l’identificatore del Blocco connessione al quale il terminale è associato).
· Quando il terminale è collegato (dopo essere stato copiato) nel medesimo progetto, ci
sono diversi comportamenti possibili :
- C’è una posizione libera nel Blocco connessione al quale il terminale copiato è
collegato :
Il terminale incollato conserva il suo legame con il Blocco connessione,
Il terminale prende la prima posizione libera nel Blocco connessione.
- Non ci sono posizioni libere nel Blocco connessione cui il terminale copiato è
collegato :
Il terminale è dissociato.
Il messaggio d’avvertimento « Il terminale X è stato separato del Blocco
connessione Y perché non ci sono più posizioni libere » appare nella finestra dei
messaggi.

4-25
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

4.5.4.2. Ramo « Informazioni visualizzate »


Il ramo « Informazioni visualizzate » della finestra di dialogo delle proprietà dei terminali vi
permette di definire e/o modificare le informazioni visualizzabili di un terminale.

Figura 4–18 : Proprietà dei termini, ramo


« Informazioni visualizzabili »

Le Proprietà visualizzabili d’un terminale sono :


Proprietà Descrizione
Suddivisione essenziale Permette di modificare la suddivisione essenziale per
l’identificatore del componente se il terminale non è associato
ad un Blocco connessione. Il numero sequenziale del
componente è regolato in base al numero di componenti simili
presenti con la medesima suddivisione essenziale.
Posizione Permette di modificare la posizione per l’identificatore di
componente se il terminale non è associato ad un Blocco
connessione. Il numero sequenziale del componente è
regolato in funzione del numero di componenti simili presenti
con la medesima posizione.

4-26
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Proprietà Descrizione
Identificatore interno Permette di visualizzare o meno l’identificatore interno del
componente.
Designazione visualizzabile Permette di visualizzare e di modificare il codice del
componente. Il codice proviene dal database.
Designazione secondaria Permette di definire una designazione secondaria per il
visualizzabile componente. Questa serve per la visualizzazione degli
identificatori in accordo alla norma NEMA. (vedere Proprietà
del documento Ramo « Diagramma Elettrotecnico » )
Numero visualizzabile Permette di modificare il numero del terminale quando non è
associato a un Blocco connessione.
Funzione visualizzabile Permette di definire una funzione per il componente. Questa
serve per la visualizzazione degli identificatori in accordo alle
norme CEI o NEMA. (vedere Proprietà del documento 2.1.1.1
Ramo « Diagramma Elettrotecnico » )
Numero del terminale Permette di visualizzare e di modificare il numero del
terminale nel blocco connessione. Un numero predefinito è
attribuito durante l’assegnazione del terminale del Blocco
connessione.
Identificatore visualizzato Permette di visualizzare l’identificatore del terminale. Questo
identificatore cambia a seconda che il terminale sia associato
o meno ad un Blocco connessione.
Mnemonico Permette di visualizzare l’identificatore del Blocco
connessione cui il terminale è associato.
Nome del componente Permette di visualizzare e di modificare il nome del
componente. Il nome predefinito proviene dal database.
Commento Permette di visualizzare e di modificare il commento del
componente.
Identificatore Permette di visualizzare l’identificatore che proviene dalle
informazioni catalogo.
Numero di pezzi Permette di visualizzare il numero di parti che vengono dalle
informazioni catalogo.
Descrizione catalogo Permette di visualizzare la descrizione del componente che
vengono delle informazioni catalogo.

4-27
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Proprietà Descrizione
Fabbricante Permette di visualizzare il nome del produttore che proviene
dalle informazioni catalogo.
Numero d’inventario Mostra il numero d’inventario del componente che proviene
dalle informazioni catalogo.
Localizzazione in X Campo informativo, che permette di conoscere la
localizzazione in X del componente.
Localizzazione in Y Campo informativo, che permette di conoscere la
localizzazione in Y del componente.
Tratto Permette di scegliere il tratto di disegno al quale appartiene il
componente.

4.5.5. Menu contestuale dei termini


Il menu contestuale dei termini è accessibile in edizione tramite un clic sul pulsante destro del
mouse quando un terminale è selezionato. La figura seguente presenta il menu contestuale dei
termini.

Figura 4–19 : Menu contestuale dei termini

Il comando del menu contestuale dei fili specifici al workshop Elettrotecnico sono :
Comande Descrizione
Bloccare numero Permette di bloccare il numero del terminale. Un numero
bloccato è modificato durante una rinumerazione automatica
dei termini.

4-28
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

4.6. Gestione dei Blocchi connessione


4.6.1. Creazione d’un Blocco connessione
Per creare un Blocco connessione :
1. Aprire la Finestra di dialogo « Nuovo Blocco connessione » del menu « Elettrotecnico »
à « Blocco connessione » à « Creare » o facendo clic sul pulsante « Nuovo » nel ramo
« Blocco connessione associato » della Finestra di dialogo delle proprietà del file.
La Finestra di dialogo di creazione del Blocco connessione appare sullo schermo.

Figura 4–20 : Creazione d’un Blocco connessione

2. Modificate se richiesto le informazioni predefinite del nuovo Blocco connessione.


3. Inserire il numero dei termini del Blocco connessione.
4. Editare il commento del Blocco connessione se desiderato.
5. Fare clic sul pulsante OK per creare il Blocco connessione.
Potete adesso scegliere questo Blocco connessione per associare dei termini a queste
posizioni all’aiuto della Finestra di dialogo delle proprietà del terminale (vedere 4.3.4.2 Ramo
« Cavo associato » ).

4.6.2. Modificazione d’un Blocco connessione


Per modificare un Blocco connessione :
1. Aprire la Finestra di dialogo « Modificare Blocco connessione » del menu
« Elettrotecnico » à « Blocco connessione » à « Modificare » o facendo clic sul
pulsante « Modificare » nel ramo « Blocco connessione associato » della Finestra di
dialogo delle Proprietà del terminale.

4-29
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

2. Scegliere nell’elenco srotolante l’identificatore del Blocco connessione da modificare.


3. Modificare le informazioni del Blocco connessione al bisogno.
4. Modificare il numero dei termini del Blocco connessione si richiesto.
5. Modificare il commento del Blocco connessione si desiderate.
6. Fare clic sul pulsante OK per accettare le modifiche del Blocco connessione.
Le nuove informazioni sono aggiornate su tutti diagrammi ove il Blocco connessione è
menzionato.

Figura 4–21 : Modifica d’un Blocco connessione

F Ilutilizzazione
numero dei termini non può essere inferiore alla posizione del termine più elevato in
sul diagramma. Le informazioni modificate sono propagate sui termini
del diagramma.

4.6.3. Distruzione d’un Blocco connessione


Per distruggere un Blocco connessione :
1. Aprire la Finestra di dialogo « Rimuovere Blocco connessione » del menu
« Elettrotecnico » à « Blocco connessione » à « Rimuovere » o facendo clic sul
pulsante « Rimuovere » nel ramo « Blocco connessione associato » della Finestra di
dialogo delle Proprietà del terminale.

4-30
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Figura 4–22 : Distruzione d’un Blocco connessione

2. Scegliere nell’elenco srotolante l’identificatore del Blocco connessione da distruggere.


3. Fare clic sul pulsante OK per procedere alla distruzione del Blocco connessione.
I termini che erano associati al Blocco connessione ridivengono liberi. Il contenuto del
diagramma del Blocco connessione (se esista) è cancellato. Le informazioni dei termini sono
aggiornate su tutti i diagrammi in cui il Blocco connessione appare.

4.6.4. Creazione d’un diagramma di raccordo di Blocco


connessione
Per creare un diagramma di raccordo del Blocco connessione per un Blocco connessione
esistente :
1. Scegliere « File » à « Nuovo » à « Elettrotecnico » à « Diagramma Blocco
connessione ». O dal menu contestuale dell’Esploratore di progetto, scegliere « Nuovo »
à « Elettrotecnico » à « Diagramma Blocco connessione ».

Figura 4–23 : Creazione d’un diagramma di raccordo di


Blocco connessione

4-31
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

La Finestra di dialogo « Proprietà del documento » si apre sullo schermo.

Figura 4–24 : Dialogo di creazione d’un diagramma di


raccordo di Blocco connessione

2. Modificate il nome del diagramma se desiderate. Il nome del diagramma può essere
modificato in seguito nella Finestra di dialogo delle Proprietà del documento.
3. Scegliere l’identificatore del Blocco connessione nell’elenco srotolante.
4. Fare clic sul pulsante « Applicare » per convalidare la selezione.
5. Fare clic sul pulsante « Chiudere » per chiudere la Finestra di dialogo e creare il
diagramma di raccordo del Blocco connessione desiderato.
Il diagramma di raccordo del Blocco connessione da creare è visualizzato.

4-32
Funzionalità del workshop Elettrotecnico

Figura 4–25 : Diagramma di raccordo del Blocco


connessione

Le informazioni contenute sul diagramma sono automaticamente aggiornate quando il Blocco


connessione o le sue Proprietà sono modificate. I fili « Interni » sono i raccordi interni ai
termini e i fili « Esterni » sono i raccordi esterni ai termini.
Per i fili di ogni termine, il software mostra il numero del filo, il terminale del componente e il
componente.
Al centro del diagramma, il software visualizza il numero di ogni termine e le sbarre che
collegano diversi termini. Queste informazioni provengono delle proprietà dei fili. Solamente
i termini utilizzati sono dettagliati.
La distruzione d’un diagramma di raccordo di Blocco connessione non ha nessun effetto sui
termini nei diagrammi.

4-33
5. Simulazione
Questo capitolo raggruppa le particolarità associate alla simulazione d’un diagramma
Elettrotecnico. Ha per obiettivo familiarizzare con la modalità simulazione di questo
workshop. Per i diversi comandi collegati alla simulazione d’un progetto o d’un diagramma,
vedere Funzione del menu Simulazione nel Manuale dell’utente.

5.1. Particolarità di simulazione dei diagrammi


elettrotecnici
La simulazione dei diagrammi elettrotecnici e una simulazione numerica. I valori di tensione
e corrente sono calcolati in funzione della sorgente di tensione, dei componenti presenti nel
circuito e del loro posizionamento. Il workshop Elettrotecnico permette la simulazione di
circuiti RLC in corrente continua e/o in corrente alternata. Le particolarità di simulazione dei
diagrammi elettrotecnici sono le seguenti :
· L’utente può intervenire dinamicamente durante una simulazione per regolare il valore di
certi parametri dei componenti.
· Alcuni strumenti di misura permettono di visualizzare, per scelta dell' utente, delle misure
efficaci, delle misure istantanee e delle misure medesime.
· Le misure dei componenti possono essere tracciate con l’aiuto del Tracciatore (curve
sinusoidale della corrente, tensione, ecc.).
· Il simulatore sorveglia lo spostamento delle caratteristiche dei componenti.

5.1.1. Interventi dell'utente

5.1.1.1. Modifica di valore durante une simulazione


Durante una simulazione potete cambiare dinamicamente il valore di certi parametri di
componente (valore di resistenza, coppia di carica d’un motore, ecc.). .
A titolo d’esempio, per modificare il valore di coppia di carica d’un motore durante una
simulazione :
1. Spostare il puntatore sul motore e fare clic sul pulsante sinistro del mouse. La finestra di
regolazione della coppia appare sullo schermo.

5-1
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Figura 5–1 : Finestra di dialogo di regolazione durante


una simulazione

2. Inserire il valore desiderato sia direttamente nella zona di sequestro sia spostando il
puntatore con il mouse per regolare il valore :
- Posizionare il puntatore, fare clic e mantenere il pulsante sinistro del mouse e
spostare il mouse.
o
- Posizionare il puntatore al valore desiderato e fare clic sul pulsante sinistro del
mouse.

5.1.1.2. Modifica dello stato durante una simulazione


Come negli altri workshops d’Automation Studio, potete modificare lo stato dei componenti
tutto-o-niente.
A titolo d’esempio, per attivare un pulsante mentre siete in modalità « Simulazione » :
1. Spostare il puntatore sul componente.
Il puntatore prende la forma d'una mano. La mano rappresenta la possibilita
d’intervenire in corso di simulazione.

Figura 5–2 : Esempi di forzatura d'un pulsante

5-2
Simulazione

2. Fare clic sul componente pulsante. In modalità « Simulazione » il componente reagisce


all’azione del puntatore.
3. Rilasciare il pulsante del mouse, il componente riprende suo stato iniziale.

5.1.2. Strumenti di Misura


Il workshop Elettrotecnico offre i strumenti di misura seguenti : .
Voltmetro :
Misura la tensione differenza di potenza tra
due termini.
Amperometro :
Misura il corrente che attraversa due termini.

Amperometro reattivo :
Misura la corrente reattiva che attraversa i
termini.
Wattmetro :
Misura la potenza istantanea, la potenza
reale, la potenza apparente, la potenza
reattiva e il fattore di potenza. Gli ingressi di
tensione e di corrente devono essere collegati
alla sorgente. L’uscita della corrente deve
essere collegata sul circuito. L’uscita della
tensione deve essere collegata al ritorno
verso la sorgente.
Watt/ora metro :
Misura la potenza reale, la potenza apparente
e la potenza reattiva. Gli ingressi di tensione
e di corrente devono essere collegati alla
sorgente. L’uscita della corrente deve essere
collegata sul circuito. L’uscita di tensione
deve essere collegata al ritorno verso la
sorgente.

5-3
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Var metro :
Misura la potenza reattiva. Gli ingressi di
tensione e di corrente devono essere collegati
alla sorgente. L’uscita della corrente deve
essere collegata sul circuito. L’uscita di
tensione deve essere collegata al ritorno
verso la sorgente.
Var/ora metro :
Misura la potenza reattiva. Gli ingressi della
tensione e della corrente devono essere
collegati alla sorgente. L’uscita della corrente
deve essere collegata sul circuito. L’uscita
della tensione deve essere collegata al ritorno
verso la sorgente.
Frequenzimetro :
Misura la frequenza del segnale che
attraversa due termini.
Indicatore di fattore di potenza :
Misura il fattore di potenza. Gli ingressi di
tensione e di corrente devono essere collegati
alla sorgente. L’uscita della corrente deve
essere collegata sul circuito. L’uscita della
tensione deve essere collegata al ritorno
verso la sorgente.
Fasometro :
Misura la differenza angolare tra due
tensioni. L’ingresso « U1 » è la referenza.

Per inserire uno strumento di misura su un diagramma :


1. Inserire lo strumento desiderato sulla biblioteca famiglia « Strumenti di Misura ».
2. Aprire il dialogo delle Proprietà del componente al ramo Informazioni visualizzabili e
selezionare la visualizzazione di Misura efficace, istantanee o medesimi in accordo allo
strumento. Fare clic su « Applicare ».
3. Aprire il ramo « Dati tecnici » delle sue Proprietà, selezionare l’unità di visualizzazione
per la Misura in accordo allo strumento selezionato. Fare clic su « Applicare » e chiudere
la finestra di dialogo.

5-4
Simulazione

Mentre inserite uno strumento di misura della biblioteca su un filo, il filo viene
tagliato automaticamente e le sue estremità saranno automaticamente collegate allo
strumento.

Se premete continuatamente sul pulsante « Shift » della tastiera e spostate uno


strumento di misura, il filo verrà tagliato al punto d’inserzione quando rilascerete il
tasto « Shift ».

Il progetto STRUMENTOS.PR5 della sotto cartella


« Electrotechnical_IEC_TUTORIALS » e
« Electrotechnical_NEMA_TUTORIALS » della cartella
« DEMOS_and_TUTORIALS » mostra esempi d’utilizzazione dei diversi strumenti
di misura per i diagrammi di norme IEC e NEMA.

Figura 5–3 : Utilizzazione dei strumenti di Misura in


simulazione

5-5
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

5.1.3. Tracciatore
L’utilizzazione del Tracciatore nel contesto del workshop Elettrotecnico è simile alla sua
utilizzazione negli altri workshops, salvo per i punti seguenti :
· La basa di tempo è in ms e la scala disponibile varie di 10 a 500 ms.
· Il Tracciatore deve contenere unicamente delle valori dei componenti del workshop
Elettrotecnico.
· Mentre i calcoli interni richiesti, il tracciato delle curve non è fatto in tempo reale. Il
tracciato delle curve è rallentato di 20 volte. Per esempio, 500ms sulla scala tempo del
Tracciatore sono acquisite in 10 secondi reali di simulazione.
· La scala d’ampiezza deve essere regolata su ogni valore visualizzato.

Curve tracciate

Figura 5–4 : Utilizzazione del Tracciatore per il


workshop Elettrotecnico

5-6
Simulazione

5.1.4. Sorveglianza dello spostamento delle


caratteristiche dei componenti
Questa funzionalità permette di trovare i componenti che sono utilizzati al di sopra delle loro
caratteristiche.
Questa sorveglianza viene applicata a tutti i componenti ad esclusione dei fili, degli strumenti
di misura e dei componenti virtuali (Blocco connessione e cavi).
Durante la simulazione, i valori attuali del componente sono comparati alle sue caratteristiche
massime definite dalle sue proprietà, se una delle sue caratteristiche è eccessiva, un difetto
viene rilevato dal simulatore. Se il valore che ha generato il difetto ritorna alla normalità, il
difetto sparisce. Un componente può generare diversi difetti simultaneamente.
I componenti in difetto sono elencati nella finestra dei messaggi e animati in modo
particolare.
Appare un' immagine lampeggiante che indica il tipo di segnale che ha generato il difetto.
Questa immagine è sovrapposta al simbolo del componente.

5.2. Simulazione d’un diagramma Elettrotecnico


Per simulare il progetto MOT_FWD.PR5 che troverete nella cartella « Esercizi » del
software :

1. Scegliere « Simulazione » à « Progetto ».

2. Fare clic sul pulsante verde di simulazione.


o
Scegliere una modalità di simulazione del menu « Simulazione »
(Normale, Passo per passo, Rallentatore). La modalità simulazione è
avviata.

F Per osservare lo svolgimento di ogni tipo di calcolo della simulazione, scegliere il


comando «Passo per passo» del menu «Simulazione».
O
Fare clic sul pulsante «Passo per passo» nella barra degli strumenti.
La simulazione avanza d’un passo (un ciclo) a ogni clic del pulsante sinistro del
mouse. A ogni ciclo, un calcolo è effettuato per determinare il nuovo stato dei
componenti.

5-7
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

3. Fare clic sul pulsante a chiusura .


Il relè è alimentato e si auto-mantiene col contatto al relè.
Il motore si avvia e la sua velocità si stabilizza. C’è un appello di corrente all' avvio poi
il valore della corrente diminuisce al valore normale in funzione della carica.
4. Fare clic sul motore e aumentare la coppia gradualmente (non passare 59 Nm) e
osservare la corrente e la velocità.

5. Fare clic sul pulsante ad apertura .


Il circuito di comando è tagliato e il motore si ferma.
6. Avviare il motore, aggiungere la coppia a 59 Nm mentre la velocità è stabilita ed
aspettare 60 secondi. Il relè di sovraccarico termico rileva una sovraccarica e taglia il
circuito di comando. Il motore si ferma.
7. Il relè di sovraccarico si riarma dal riscaldamento del bilame.
Per familiarizzare con la simulazione, aprire e simulare i circuiti inclusi nelle sotto-cartelle
« Electrotechnical_IEC_TUTORIALS» e « Electrotechnical_NEMA_TUTORIALS» della
cartella « DEMOS_and_TUTORIALS » del software.

5.3. Cause possibili di problemi


Le cause possibili d’un cattivo funzionamento in simulazione sono i seguenti :
· Connettori liberi ;
· Rinvii non associati ;
· Componente ricettore (Contatto) non associato a un componente emittente (relè) ;
· Valore di disinnesto del componente di protezione troppo debole ;
· Spostamento delle caratteristiche d’un componente ;
· Caratteristiche d’un componente mal configurato (per esempio sorgente di 50 Hz per un
motore di 60 Hz, ecc..).
Le cause di problemi sono identiche nella finestra di messaggi. (vedere 2.2.5 Diagnosi )

5-8
A. Glossario

Alfanumerico

Qualifica un' espressione composta di caratteri che appartengono al gioco completo di


caratteri conosciuto dalla macchina, dove i principi sono le 10 cifre decimali e le 26 lettere
dell' alfabeto.

Barra del menu

Barra orizzontale localizzata sopra barra del titolo del software. Mostra i menu dei comandi
disponibili per la finestra attiva.

Barra di stato

Barra orizzontale localizzata in basso di tutte le finestre di strumenti. Contiene diverse


informazioni come commenti, fattori di zoom, coordinate del puntatore, ecc..

Barra di strumenti

Barra localizzata sotto la barra del menu. Raggruppa i pulsanti che permettono d’effettuare i
comandi più utilizzate.

Barra di titolo

Barra orizzontale localizzata in alto di una finestra che contiene il titolo.

Biblioteca

Finestra che raggruppa gli elementi di base per la concezione d'un circuito per la simulazione.
Questi elementi possono essere di tre tipi : componenti, legami e oggetti grafici. Questi
elementi sono inclusi nel workshops.

Blocco connessione

Insieme di diversi termini

A-1
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Cavo

Un cavo è composto di conduttori elettrici circondato da una guaina. Un cavo permette di


collegare dei componenti esterni (motori, alimentazioni, ecc..) ad un Blocco connessione del
cofanetto di comando.

Ciclo di simulazione

Corrisponde a un ciclo di calcolo che determina lo stato di ognuno dei componenti e variabili.

Componente

Elemento di base per la concezione de diagrammi. A ogni componente è associato un


comportamento o una funzione che è animata in corso di simulazione. I componenti fanno
parte delle biblioteche fornite dai workshops.

Componente esterno

Componente esterno al cofanetto di comando (motore, alimentazione, ecc..). I componenti


esterni sono normalmente collegati dai cavi. I componenti esterni (annessi) sono collegati sul
lato destro nei diagrammi del cavo.

Componente interno

Componente interno al cofanetto di comando (Blocco connessione, ecc..). I componenti


interni (connessi) sono collegati sul lato sinistra nei diagrammi di cavo.

Conduttore elettrico

Filo elettrico che fa parte d’un cavo. Ogni conduttore del cavo è numerato.

Connessione

Una connessione simbolizza, con l'aiuto di cerchi, il punto che collega i legami o i
componenti tra di loro. La connessione è del medesimo colore degli elementi se i punti di
connessione sono in contatto e collegati e di colori diversi quando i punti non sono collegati.
Una connessione d’un tipo di tecnologia non può essere connessa con una connessione d’una
tecnologia non-compatibile. Per esempio, una conduttura pneumatica non può essere
connessa ad un componente Elettrotecnico e vice versa.

A-2
Glossario

Connettore

Elemento rappresentato da un cerchio rosso mentre non è collegato. Permette di effettuare un


collegamento tra due componenti. Un connettore diventa una connessione dal momento che è
collegato ad un altro documento.

Diagramma

Rappresentazione grafica d’un circuito con l'aiuto d'elementi e di componenti scelti d’un
workshop.
Solamente dei componenti del workshop Elettrotecnico possono essere utilizzati su un
diagramma Elettrotecnico.
I componenti del workshop Elettrotecnico non possono essere utilizzati su altri tipi di
diagrammi.
Solamente dei componenti del workshop Elettrotecnico NEMA possono essere piazzati su un
diagramma Elettrotecnico NEMA.
Solamente dei componenti del workshop Elettrotecnico IEC possono essere piazzati su un
diagramma Elettrotecnico IEC.

Editore di diagrammi

Strumento che permette la creazione, la modifica e la gestione di file «progetti». L’Editore di


diagrammi contiene il classificatore di documenti che enumera tutti i documenti del progetto.

Emittente

Componente che trasmette il suo stato o valore ai componenti ricettori associati.

Esploratore di progetti

Contenuto d'una finestra dell’Editore di progetti. Il classificatore di documenti consiste in un


elenco che enumera i documenti del progetto.

Fili

I fili permettono di collegare i componenti tra di loro. I fili possono essere associati a un cavo.
Una sezione del filo tra due termini può essere definito come una sbarra.

A-3
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Fili di comando

I fili di comando permettono di collegare i componenti di bassa potenza (relè, pulsanti,


vistosi, ecc..) tra di loro. I fili di comando sono rappresentati da un tratto fino. Un filo può
essere ridefinito come filo di comando o di potenza.

Foglio di lavoro

Superficie totale disponibile in Automation Studio per la realizzazione d’un diagramma.

Forma di Legame

Tracciato che segue il legame tra due punti di connessione.

Fili di potenza

I fili di potenza permettono di collegare i componenti di alta potenza (motori, alimentazioni,


disconnessioni, interruttori, ecc..) tra di loro. I fili di potenza sono rappresentati da un tratto
grasso. Un filo può essere ridefinito come filo di comando o di potenza.

Filo esterno

Filo esterno che serve a collegare i componenti esterni alla platina di fissazione d’un
cofanetto di comando (pulsanti e vistosi fissati sulla faccia d’un cofanetto di comando,
motori, alimentazione, ecc..). I fili esterni sono collegati sul lato destro nei diagrammi del
blocco connessione

Filo interno

Filo interno che serve a collegare i componenti sulla platina di fissazione d’un cofanetto di
comando. I fili interni sono collegati sul lato sinistro nei diagrammi del blocco connessione

Griglia

Linee punteggiate orizzontali e verticali nello spazio di lavoro dell'Editore di diagrammi sul
quale i connettori s’incastrano per default.

Interfaccia utente

Ambiente costituito dalla finestra, le finestre di dialogo, i menu, i comandi, il mouse, i


pulsanti, ecc.. che permettono all'utente di comunicare con il computer.

A-4
Glossario

Legame

Elemento della barra di strumenti che serve a collegare i componenti d'un diagramma. In
simulazione, il legame trasmette un segnale da un componente all'altro (vedere Fili).

Modalità Edizione

Modalità di funzionamento durante la quale i diagrammi del progetto sono creati e modificati.
Esiste una seconda modalità, la modalità Simulazione.

Modalità Simulazione

Modo di funzionamento nel corso del quale un progetto o un diagramma viene simulato.
Contrariamente alla modalità Edizione, Nessuna Modifica del progetto può essere fatta
durante di questo modalità. Alcuni parametri di regolazione di componenti sono accessibili.

Numero di connessione

Numero associato a ogni punto di connessione dei componenti.

Progetto

Insieme coerente formato dai documenti. Il progetto è gestito dell’Esploratore di progetti.

Proprietà

Caratteristiche o parametri d'un componente. Potete modificare o visualizzare le Proprietà


aprendo la finestra di dialogo « Proprietà del componente ».

Ricettore

Componente che riceve il suo stato o il suo valore dal componente emittente al quale è
associato. Prende lo mnemonico del componente emittente da quale è associato.

Sbarra

Permette di collegare meccanicamente diversi termini d’un blocco connessione quando un


segnale deve essere trasmesso a più d’un filo. Un filo che collega due termini può essere
definito come sbarra. I termini collegati non sono necessariamente continui.

Spazio di lavoro

Parte della finestra dove sono visualizzate le informazioni sulle quali state lavorando.

A-5
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Strumenti di visualizzazione

Disegna gli accessori di concezione dell'Editore di diagrammi : griglia, righe, connessioni,


Numeri di connessione. La loro visualizzazione può essere selezionata nel menu
« Visualizzazione ».

Terminale

Tratto d’un blocco connessione che permette di collegare meccanicamente due sezioni di filo.
Il terminale è composto da due terminali. Uno per il raccordo interno e uno per il raccordo
esterno. Normalmente un solo filo è collegato per terminale. I termini possono essere collegati
meccanicamente tra di loro dalle sbarre mentre quando un segnale deve essere trasmesso a più
d’un filo.

Terminale del componente

Terminale del componente che permette di fissare un filo. Normalmente da 1 a 2 fili collegati
a un terminale di componente.

Strumento

Termine generale che designa le diverse finestre in Automation Studio.

Workshop

Modulo che completa il sistema di base. Ogni workshop contiene gli elementi e le funzioni
relative alla sua tecnologia ed al tipo di progetto che permette di creare.

A-6
B. Indice

Funzionalita Deassegnazione d’un blocco, 4-24


Blocco Menu contestuale, 4-28
Creazione, 4-29 Proprietà
Diagramma di raccordo di Blocco Blocco associato, 4-23
connessione, 4-31
Informazioni affissabili, 4-26
Modificazione, 4-29
Sbarre, 4-22
Soppressione, 4-30
Termini
Cavi
Inserzione, 4-19
Creazione, 4-14
Numerotazione, 4-20
Diagramma di cablaggio, 4-16
Identificatori di componenti
Distruzione, 4-16
Formatto CEI, 2-5
Modificazione, 4-15 Formatto NEMA, 2-5
Componenti, 4-1 Variante al formatto standards, 2-6
Fili
Menu
Assegnazione a un cavo, 4-7 Disposizione, 2-13
Deassegnazione d’un cavo, 4-7 Edizione, 2-2
Definizione, 4-3 Elettrotecnico, 2-9
Inserzione, 2-12
Menu contestuale, 4-12
Strumenti, 2-14
Numerotazione, 4-4
Opzioni
Proprietà
Editore elettrotecnico, 2-15
Cavo associato, 4-6
Simulazione workshop
Configurazione, 4-5 elettrotecnico, 2-21
Informazioni affissabili, 4-8 Proprietà
Tipo di fili, 4-3 Documento, 2-2
Terminali Contrassegno di Localizzazione, 2-7
Assegnazione a un blocco Elettrotecnico, 2-3
connessione, 4-24

B-1
Manuale dell’utente del workshop ELETTROTECNICO

Fili, 4-5 Interventi dell’utente, 5-1


Terminali, 4-23 Sorveglianza del spostamento dei
Simulazione caratteristici dei componenti, 5-7
Avviare, 5-7 Strumenti di misura, 5-3
Cause possibili di problemi, 5-8 Tracciatore, 5-6
Particularità, 5-1 Passo per passo, 5-7

B-2