Sei sulla pagina 1di 2
“La luce era scarsa sul terreno nudo nel fremere delle chitarre.” (Dino Campana, “Canti Orfici i” Al “folle di Marradi” rapi- niamo questo stigma per gli albori di un secolo che ha visto un sempre maggior nume- ro di alberi fini- re in chitarre e in pagine di musica per chi- farra. Rinsaldate le fondamentali innovazioni tecnico stru- mentali intro- dotte da un nucleo di spa- gnoli nel secolo scorso (il liu- taio Antonio Torres, il chi- tarrista Julian Arcas Lacal), i pit: importanti mutamenti nel repertorio del '900 avvengo- no negli anni '20. 42. classica itarristico di Francesco Rampichini ‘n queeli anni & ative il pitt importante alliovo di Francisco TARREGA (1852-1909): Miguel LLOBET (1878-1938), campositore e “chitarista ddellimpressionismo* come lo defin) Bruno Tonazzi, Fra le sue opere original - poetiche & intsise di una fine ricerca timbrica -ricordiame “Romanza”, “Mazurka”, “Scherzo-vas", ‘Respuesta’ “Preluios” ele ‘Canciones populares catalanas Neer tee di Lorca € Dali, un giovane chitarsta andaluso lavora intensamente alleifiio della sua Carrier, imponendos! al attenzione del'ambiente musicale parigino con il debutto del ‘24: i! suo nome ® Andrés SEGOVIA € le ripercussioni delle sue attivita sul destino dello strumento saranno 4 Preambulo (Torroba)| HI pid. arduo compito che mi asseghal” raccontd . 7 pol Segovia “fu di arichite il repetoro della chi tara, piutostoscarso a quel tempo e nan cos importante da poter competere con le centinaa di meraviliose compo: sizioni per violin, cello 0 pianoforte, Il primo che rispose ai miei appell fu il compositore sinfonico spagnolo Federico Moreno-Tortba” uo contertaneo, MORENO-TORROBA (1891-1982) serive per Segovia sin dal "20, ¢ Ia sua fertile vena castiliana dard pagine come “Sonatina, “Suite castllana”, “Noturno’, “Serenata burlesca, "Burgalesa, le “Pioces caractristi- ques”: tutte opere che rafforzeranno Videniicazione Spagna/chitara €viceversa, cel anni 30 mentre la guera cvilespagnola € Tawvento del iranchismo generano la volonta rinnovattice necesearia per la nascita lo siluppo al una libera eteratura ~ Segovia prosegue proficuamente il lavoro iniziato sin dagli anni $20 quando, ole a dedicarsi a tascrivere Bach o i romantici spaanoli come Albéniz e Granados, avver a necesita di chiedere a compositor “puri” opere che po avrebbe nifinitoe revisionato Le sue det! maieutiche conquisteranno alla chitarra un repertorio vasto e completamente nuovo, di cul in molt casi Vispitatove fu quasi co-reatore: “in quelle pagine, da lui modellate a sua immagine e somiglianzaritoviamo un buon 50% del miglior Andes Segovia” (Nlirio Diaz, intervista a “CHITARRE® 0.24, Marzo 88) Cos il sviliano Joaquin TURINA (1882-1949) compone nel 23 *Sevillana’, nel '26 levocativo *Fandanguillo, pot “Homenaje a Tarrega", “Rafaga” (30) ¢ “Sonata” (32) HN messicano Mane! Maria PONCE (1882-1948) incontrer’ iniaticabile chitarista nel "23 e i loro rapport, iniziato con “Sonata mexicana” nello stesso anno, produred una messe di opere imponente: “Theme varié et finale" (26), Sonata II (27), "Sonata ramantica/omaggio a Schubert” (28), le "Variations sur alias de Espana et fugue” ¢ | “24 preludios” nel 29, “Sonata clisica/omagsio a Sor” (30), “Sonatina meridional" (32, “Concierto del sur” (41) “Tres Canciones Populares Mexicanas”, Preminente fu poi lapporto del brasiliano Heitor VILLA-LOBOS (1847-1959), che Segovia incontra nel "24 Bastano i *Douze études” del "29 ("Segovia mi chiese uno stu- dio e io ne serssi dodici’, disse Villa-Lobos) per aprire uno dei F 7 capitoli pi rivoluzionari della s a ‘Studio nt (Villa Lobos) ‘Allegre non top leteraturachitarristica del secolo, anche peri citeri cempesitv tilizat- vedi P*aemoniaorganica" risltante da una serie di posizioni dela sinistratrasportte sulla tastira nla “Studio n.1" Ma la lista € langa "Suite popular brésilienne", ~Bachianas brasieiras’, “Chiro n.1* “Cina préludes” del ‘40 legati 2 teri popolati del suo immenso Paes, la “Fantasia concerante” del 'S1, poi arrichita di una cadenza solistca e ‘cinttolata “Concerto”, con il suo dificile equilib tra salsa e orchestra Villa-Lobos sapeva suonare la chitara, ma il suo stumento preferito era il violoncello (che anche Segovia aveva ste sito), richiam idiomatic a quello stumento si ritrovano in molte sue pagine chtatsiche. Julian Bream lo ha detto *profondamente romantco senza essere volgare”: una sempliicazione, ma non fuorviante tro impoantsimo “sego viano” fu i florentino ‘Aliagee soa opicpe T Sonata (Casteinuovo-Tedesco) a é = ‘sf to Mario CASTELNUOVO-TEDE. 2 4g ge 2 M SCO (1895-1968), | due si [=M 7 So b incontrano nel "32 al Festival Venezia, dando subito inizio a ‘una collaborazione che - come per Ponce e Moreno-Tortoba - durer fina alla mote del compositore A132 fsale init il primo pezzo delarslcratico maestro: le “Variations a travers es si¢cles", Seguiranno “Sonata Omagato a Boccherini”, *Caprceio ciabolico (Omaggio a Paganini", la “Tarantella, lo splendido “Concer in re rmaggiore op. 99°, "Ronda", “Sulte", “Quinteto” per chitarrae archi, “Fantasia” per ehitarrae pianoforte, “Romancero sitano”(voct @ chitarra il seconelo “Concerto” per chitatae orchesta in Do maagtore. Ancora, “allsa dell'esilio” per voce e chiara (ne "39 Castelnuovo Tedesco lascia Firenze € Mla per sotras alle persecuzioni antivemit, stilts! poi in Calitoria diviene cittading americana), “Plater y yo" per voce recitante e chiara, “The divan of Moses.bn-E2ra", 1 24 eaprichos de Goya’, *Les guitares bien temperées la “Tonadllasur le nom do Andrés Segovia” © molto ara, | eatalano Federico MOMPOU (1893-1987) scrive la “Suite compostelana”, mentre Joaquin RODRIGO (1901) del: cher a Segovia a “Fantasia para un gentlhombre” solo nel“, dpe aver gia dato ala chitarra *Zarabanda ljana’” (38) Farcinote “Concieno de Aranjue2" (39) dedicato 9 Regina Sainz de la Mara. !valenciano Vincente ASENCIO (1908-1979) -penna questa conquistata da Narciso Yepes - compone la “Suite valen- cana", gli “Homenaje” la Scala, Falla, Lorca), dedicando poi a Segovia una ‘Sule mistica” isprsta 3 vangel II polacea Alexandre TANSMAN (1897 1886) compone “Mazurka” gid nel 26, ma il suo pit importante intenso lavoro fesce nel '50:& "Cavatna”, suite in quatro pezzi (cul sara aggiunta una “Danza pomposa”) che rappresenta uno de ‘moment pit alti del '900 chitaristico, Sezulranne “Musique de cour” per chtara e orchestra (60), *Suite in modo polanieo” (62) €“Pe2z0 in made antica” Cavatina (Tansman) ago Pie neeran tao sao loan MANE (Fava sonat rl 30) Robe CHERARD ati” nl '57, 6 ‘atl contributi Hans HAUG, il proiice John DUARTE danmosa la sua “English Suite incisa da Segovia) e alt ‘Meno cospicuo ma non certo di minor interesse il numero di operesganciate dalla deta iniluenza segoviana Agustin Pio BARRIOS “Mangove” (1885-1943), virtuoso chitarista € compositore paraguayano ‘che nei primi decenni del '900 divenne popolare in tuta America latina, serisse moltssime per chitarra (ca. 300 opere} ma mori povero © imenticato, Probabilmente il primo chitarita a incidere un disco (1909) @ ad eseguire una Suite" per tuto Completa di Bach sulla Chitra, fu per To stesso Segowia font di ispirazione apprendimento. “Barrios srive per la chitarra come Chopin serve peril pianatore”, ha det John Williams Citiamo poi “Three pieces for guitar” ('23) del messicano Carlos CHAVEZ, le sete “Evocaciones crollas” del'uri= fvayano Alfonso BROQUA (1876-1946), il Rondo” per te chitare (25) di Paul HINDEMITH e le bellissima, pro nant “Quatre piéces breves’('33),amalgama di neo-clasicismo, atonal, politonalit #tonatita del ginevtino Frank MARTIN (1890-1974), Nello stesso 1933 Antonio JOSE (Antonio [Sa oma José Martinez Palacios, fucilato nel '36 a 34 anni durante la guerra civile spagnolay ‘Sonata (José) ‘compone importante “Sonata para guitar- 12", solo da poco rin vvenuta e pubblicats 2 cura di Angelo Gilardino. costanziale il cont bute di Maurice OHANA, che si con- ceretzza nei “Tees grai- cos" per chitarra e orchestra ('50), nello stupendo e bruciante "Tionto" (57) in “Si Fe jour para. 63), Ricordiame qui il Lavo ro el francese André JOLIVET (*Sérénade puor deux guitares” 56) © degli inglest Lennox BERKELEY (’Sonatina” 57) @ William WALTON Five bagatelles” 71), La chitara venne in: tue impicgata da vari grandi del ‘900: da Alban BERG nel Wozzeck" (finite nel 22), da Anton WEBERN in diversi lavori da camera, da Arnold SCHONGERG nella “Serenade 09.24", da Igor STRA: VINSKI) in “Four Songs” © pit tari da Piere BOULEZ ne “Le ‘Maretau sans Matte” (35). Compositori quali Ernst KRENEK, Hans Werner HENZE 0 Goifredo PETRASSI ne hanao moktipicato gli ‘orizzooti possibil nella seconda metd del '900, consegnandocela con ‘uno slancio che = gra- 2ie al continuo contri- buto di molti maestt contemporanei - ha tutta Varia di voter mantenere nel suo Jungo viaggio “2 tra Vers les sideles". Sia pore con il passe lento dl chi viene da lontano teha ancora malta sea- cla davai, F. Rampichini Classica 13