Sei sulla pagina 1di 255

contatti :

indirizzo postale :
Antonio Dirita , via Rocchetta 1
15027 Pontestura – AL
indirizzo e-mail :
AntonioDirita0@gmail.com
tel. 0142–466109
328–8875043
estratto da :
L’EQUILIBRIO UNIVERSALE

ANTONIO DIRITA

DALLA MECCANICA CELESTE


ALLA FISICA NUCLEARE

1
valori di alcune costanti calcolate teoricamente
pag.
33 – raggio dell’universo osservabile attuale R ua = 4,4175 ⋅ 10 9 al
33 – età dell’universo attuale T ua = 13,88 ⋅ 10 9 a
Km
33 – valore massimo della velocità di espansione V ei = 95427
sec
1
49 – massa universale del protone M p = 6,508571646 ⋅ 10 −13 j ⋅ m  2
1
49 – massa universale dell’elettrone M e = 3,544678740 ⋅ 10 −16 j ⋅ m  2
1
49 – carica elettrica elettrone – protone q = 1,602177331 ⋅ 10 −19 K g ⋅ m 2

78 – massa della primordiale compagna del Sole m s1 = 6,202 ⋅ 10 30 K g


92 – massa del Sole m s = 1,99 ⋅ 10 30 K g
92 – orbita circolare stabile massima del Sistema Solare R 1s = 5536 ⋅ 10 6 K m
96 – larghezza della fascia dei pianetini L = 580,9 – 255,8  ⋅ 10 6 K m
99 – massa presente nella fascia di Kuiper mK = 470,7 ⋅ 10 24 K g
115 – limite inferiore della fascia di Kuiper R Kmin = 7381,33 ⋅ 10 6 K m
121 – massa teorica di Plutone m Pl = 1,3778 ⋅ 10 22 K g
121 – massa teorica di Caronte m c = 1,7854 ⋅ 10 21 K g
125 – massa teorica di Tritone m ∗T = 2,44625 ⋅ 10 22 K g
133 – raggio del nucleo rotante di Titano r Ti0 = 289,6 K m
144 – orbita del satellite primordiale di Marte R x = 10797 K m
145 – tempo trascorso dalla formazione di Deimos e Phobos t = 70 ⋅ 10 6 a
146 – raggio del nucleo rotante di Marte r M0 = 73,56 K m
153 – raggio del nucleo rotante interno terrestre r T0 = 449,4 K m
153 – sfera planetaria terrestre senza l’azione schermante lunare R maXT = 2158620 K m
154 – distanza minima del nucleo rotante interno dalla superficie
terrestre d min = 1257 K m
154 – periodo di rotazione lunare T PL = 27,3216 g
154 – sfera planetaria lunare r PL = 88463,6 K m
154 – sfera planetaria di Venere r ∗PV = 1522703 K m
155 – periodo di rotazione di Venere T PV = 243,02 g
155 – raggio del nucleo rotante interno di Venere r V0 = 264,9 K m
156 – periodo di rotazione terrestre in assenza della Luna T PT = 380,74 g
156 – periodo di rotazione di Mercurio T PM = 58,65 g
3
2 Km
171 – spazio rotante solare Ks = 132,725 ⋅ 10 9 2
sec
3
m
172 – spazio rotante dell’atomo di idrogeno KH = 1,1166846 ⋅ 10 – 37 2
sec

1c

1
3
2 m
173 – spazio rotante del protone Kp = 253,2638995 2
sec
3
m
172 – costante di gravitazione universale G = 6,67259 ⋅ 10 – 11 2
sec ⋅ K g

177 – rapporto di conversione tra massa attiva e passiva α gi = 22,69242 ⋅ 10 38


187 – massa dell’universo osservabile stimata dalla Terra m u = 1,746 ⋅ 10 45 K g
191 – punto neutro del sistema 55 Cancri R NC 46,8 UA
197 – raggio d’azione del Sole nel sistema stellare locale R maxas = 2770 UA
202 – raggio d’azione del sistema Alfa Centauri R maxAB = 2828,1 UA
205 – raggio d’azione del sistema stellare Keid R max = 3255,7 UA
211 – raggio dell’orbita del Sistema Solare nel
sistema stellare locale R 0S = 27,11 al
211 – massa del sistema stellare locale m SL = 3,7573 ⋅ 10 39 K g
211 –punto neutro del sistema stellare locale R 1SL = 3329 al
212 – velocità di rivoluzione del Sistema Solare in
Km
quello stellare locale V 0S = 988,7
sec
212 – periodo di rivoluzione del Sistema Solare in
quello stellare locale T 0S = 51784 a
212 – valore teorico del periodo di precessione T Pr = 25892 a
212 – raggio del nucleo rotante interno del Sole r P0S = 135769 K m
Km
213 – velocità teorica del Sole verso l’apice v s = 19,63
sec
213 – distanza della stella più lontana da noi appartenente
al sistema stellare locale d max = 3253 al
215 – distanza del sistema stellare locale
dal centro galattico = 28125 al
R 0SL
215 – massa del centro galattico m G = 21,558 ⋅ 10 40 K g
215 – velocità di rivoluzione del sistema stellare locale
Km
sull’orbita galattica V 0SL = 232,52
sec
215 – periodo di rivoluzione del sistema stellare locale T 0SL = 227,82 ⋅ 10 6 a
217 – distanza della Galassia dal centro dell’ammasso
galattico locale R 0G = 613440 al
217 – punto neutro dell’ammasso galattico locale R 1AL = 22,08 al
217 – massa del centro dell’ammasso galattico locale m AGL = 27,376 ⋅ 10 42 K g
217 – velocità di rivoluzione della Galassia sull’orbita
Km
dell’ammasso galattico locale V 0G = 561,05
sec

2c

2
217 – periodo di rivoluzione della Galassia T 0G = 2,059 ⋅ 10 9 a
218 – raggio d’azione della Galassia R maxaG = 244089 al
220 – velocità di scorrimento delle Nubi di Magellano
Km
rispetto alla nostra Galassia v sM-G = 96,6
sec
221 – raggio massimo teorico osservabile ( punto neutro )
della Grande Nube di Magellano R NGM = 16548 al
222 – raggio massimo osservabile della Piccola Nube
di Magellano R NPM = 9217 al
222 – massa della galassia di Andromeda mA = 31,315 ⋅ 10 40 K g
Km
222 – velocità orbitale di Andromeda V nA = 249
sec
223 – dimensioni teoriche del nucleo rotante galattico r 0G = 4830,7 al
223 – periodo di rotazione su se stesso del nucleo galattico T PG = 16,218 ⋅ 10 6 a
225 – velocità di rivoluzione teorica ad una distanza di 56000 al
Km
dal centro della Galassia v s = 304,55
sec
Km
225 – velocità orbitale teorica a 28125 al dal centro V 0SL = 232,52
sec
227 – raggio teorico del superammasso locale R 1SAL = 3111 ⋅ 10 al 6

227 – massa del super ammasso locale m SAL = 1,6674 ⋅ 10 45 K g


227 – distanza dell’ammasso locale dal centro
del super ammasso R 0AL = 194,4 ⋅ 10 6 al
Km
228 – velocità orbitale dell’ammasso locale V 0AL = 260,1
sec
228 – periodo di rivoluzione dell’ammasso locale T 0AL= 1407,7 ⋅ 10 9 a
229 – massa del polo universale (grande attrattore) m u = 3,3765 ⋅ 10 46 K g
229 – periodo di rotazione dell’equatore della
sfera universale Tu = 202,16 ⋅ 10 12 a
230 – valore minimo raggiungibile dal raggio della sfera cosmica
nella fase di massima compressione r 1u = 2650 al
230 – valore minimo osservabile del raggio della sfera
universale primordiale r Umin = 5300 al
231 – tempo richiesto dall’universo attuale per un collasso completo
in caduta libera T min = 35,914 ⋅ 10 12 a
236 – valore teorico del raggio del Sole r s = 695466,5 K m
238 – costante d’azione della materia nella condizione
3
m
di particella elementare β e = 151,4172 ⋅ 10 27 2
sec ⋅ K g

3c

3
3
m
238 – costante d’azione della materia ordinaria β N = 6,67259 ⋅ 10 −11 2
sec ⋅ K g

245 – valore massimo della forza di scambio tra


particelle elementari F0 = 53436,70654 N w
246 – raggio dell’orbita media sulla quale ruota la materia
protonica alla velocità della luce r 0P = 1,408970459 ⋅ 10 −15 m
247 – raggio dell’elettrone r 0e = 0,7673492606 ⋅ 10 −18 m
247 – raggio minimo osservabile dell’elettrone r emin = 3,069397042 ⋅ 10 −18 m
247 – sfera planetaria dell’elettrone R P0e = 28,81989243 ⋅ 10 −15 m
247 – valore teorico minimo raggiungibile dal raggio del
nucleo atomico r minP = 57,63978486 ⋅ 10 −15 m
248 – raggio del fotone nello stato fondamentale r 0X1 = 2,043119659 ⋅ 10 −23 m
248 – valore teorico dell’energia associata al fotone
nello stato fondamentale E 0X = 13,60569805 eV
1

248 – massa associata al fotone nello stato fondamentale mX


1
= 2,425437038 ⋅ 10 −35 K g
249 – massa teorica associabile al fotino
( identificabile con la particella di Dio ? ) m X = 6,457893044 ⋅ 10 −40 K g
2

249 – raggio del fotino nello stato fondamentale r 0X2 = 5,439946709 ⋅ 10 −28 m

δX
Kg
249 – densità della materia associata al fotino = 9,57675148 ⋅ 10 45 3
2
cm
249 – valore teorico dell’energia associata al fotino
nello stato fondamentale E 0X = 36,22609755 ⋅ 10 −5 eV
2

250 – temperatura della radiazione associata al fotino


libero ( radiazione di fondo ? ) T X = 2,80255433 °K
2

255 – velocità orbitale dell’elettrone sul livello fondamentale


m
dell’atomo di idrogeno V s = 2187691,415
sec
255 – carica elettrica associata alla coppia
1
1
elettrone – protone q Pe = 1,60217733 ⋅ 10 −19 K g2 m 2
262 – valore teorico della carica elettrica associata
1 1
all’atomo di idrogeno q H = 1,442380763 ⋅ 10 −37 K g2 m 2
267 – momento angolare associato alla rotazione della
2
Km
sfera solare Ms = 28,68 ⋅ 10 36 K g ⋅
sec
275 – periodo di rotazione del Sole come buco nero Tp = 1,5558 ⋅ 10 −3 sec
274 – raggio del Sole nella condizione di buco nero r minS = 18,531474 K m
δ max = 0,747892 ⋅ 10 11
Kg
275 – massima densità di un buco nero 3
cm

4c

4
275 – massa minima di un buco nero m bmin = 15,6855 ⋅ ms
276 – valore massimo del raggio di un buco nero r bmax = 65570,687 m
279 – distanza di equilibrio tra due protoni
(all’interno del nucleo atomico) r min = 57,63978486 ⋅ 10 −15 m
279 – forza necessaria per la sintesi del deutone F pp = 127,504842 N w
3
2 m
288 – spazio rotante associato al neutrino K n = 6,078322 ⋅ 10 −41 2
sec
289 – energia di legame associata al neutrino libero E ln= 1996,0901 eV
287 – raggio d’azione del neutrino r 0n = 0,7673492608 ⋅ 10 −18 m
290 – massa attiva associata al neutrino M n = 3,159487 ⋅ 10 −70 K g
292 – radiazione nucleare secondaria 36,2261 ⋅ 10 −5 eV / p 2
306 – valore teorico dell’energia di legame di
un solo protone nucleare E 11 = 8,6008 MeV
307 – valore teorico, approssimato, dell’energia di legame
del deutone Ep = 2,1502 MeV
319 – energia di legame dell’ultimo protone aggiunto nel
nucleo del ferro E 1P
S
= 9,78514 MeV
340 – limite di stabilità per gli isotopi naturali Zl = 83
344 – valore teorico minimo di Z per la sintesi interna
dei neutroni nucleari Z s = 20
381 – valore teorico dell’energia di legame del nucleo di elio E 0 2  = 28,2955 MeV
451 – energia media teorica nel processo di emissione α E α = 5,8564 MeV
486 – forza che lega l’elettrone periferico al nucleo con Z = 1 F Ne1 = 82,38730547 ⋅ 10 −9 N w
486 – forza che lega l’elettrone periferico al nucleo con Z = 83 F Ne83 = 0,2849197 ⋅ 10 −9 N w
486 – energia di ionizzazione dell’atomo con Z = 83 E i83 = 7,2894 eV
492 – momento angolare di un protone nucleare con Z = 1 M p = 34,4683218 ⋅ 10 −34 j ⋅ sec
492 – momento angolare associato all’elettrone con Z = 1 M e = 1,054572669 ⋅ 10 −34 j ⋅ sec
494 – frequenza associata al livello fondamentale
elettronico ν 11e = 3,28842166 ⋅ 10 15 H z
495 – frequenza associata al livello fondamentale
nucleare ν 11P = 2,151046731 ⋅ 10 21 H z
558 – valore teorico del periodo orbitale terrestre T T = 365,2396137 g
576 – pressione nel nucleo solare PN = 340 ⋅ 10 9 atm
576 – temperatura del nucleo solare T n = 15,4 ⋅ 10 6 °K

5c

5
– introduzione alla teoria del tutto
Questa ricerca nasce della convinzione che l’universo non debba essere
intrinsecamente complesso, ma che possa diventarlo più o meno in rapporto
alla complessità delle espressioni che vengono utilizzate per descriverlo.

Risulta alquanto difficile immaginare una particella primordiale, di dimensioni


infinitesime, che, per realizzare l’universo che ci circonda, debba avere la
capacità di " ideare " principi e meccanismi tanto complessi da richiedere,
per essere descritti, tutta la sofisticata analisi matematica di cui disponiamo.

Una particella semplice, di dimensioni infinitesime, priva di struttura interna,


non potrà che presentare proprietà semplici e dunque altrettanto semplici
dovranno essere le relazioni richieste per descrivere il suo comportamento.

Penso, piuttosto, che alla base dell’universo debba esistere un solo principio
elementare che, se viene applicato ripetutamente, riesce a originare a tutta la
apparente complessità che lo caratterizza.

Scopo di questo lavoro è la ricerca di poche e semplici espressioni


capaci di descrivere tutta l’organizzazione della materia presente nel
cosmo, dalle particelle elementari agli ammassi galattici, senza alcuna
ipotesi restrittiva circa il livello di aggregazione.

Come tutti coloro che si dedicano allo studio di questo problema, ho iniziato
questa ricerca con l’intendo di cercare l’espressione dell’unica forza ritenuta
attiva nell’universo primordiale e non più presente in quello attuale, nel
quale tutte le forze agenti si manifestano come componenti di diversa natura.

Ho lavorato per molti anni, utilizzando tutti gli strumenti matematici che avevo
a disposizione, senza alcun risultato degno di nota.

Tutto deponeva a favore della divisione delle forze della natura come realtà
fisica e sembrava assolutamente impossibile descriverle utilizzando una sola
espressione, anche se complessa.

Se ci accingiamo ad elaborare una " teoria del tutto ", siamo però costretti,
inevitabilmente,a riflessioni che hanno carattere più filosofico che scientifico,
le quali sono spesso addirittura banali ed apparentemente fuori dal contesto
degli argomenti che vengono trattati.

1
Mi sono reso conto, ad un certo punto, che la soluzione del problema poteva
arrivare proprio dalle risposte a queste semplici domande e non aveva alcun
senso continuare ad elaborare complesse relazioni tra grandezze fisiche di
cui non si conosce a fondo il significato come, per esempio, materia, massa,
forza, gravità, inerzia, carica elettrica, universo, tempo, spazio, ecc..

Prima di abbandonare l’impresa, mi sono dunque posto molte domande sul


significato e sulla natura del tempo e dello spazio, cercando di dare un senso
all’esistenza dell’universo.

Proprio attraverso questi tentativi sono arrivato alla conclusione che la forza
unica iniziale non può essersi divisa e dunque è ancora attiva nell’universo
attuale.

La apparente divisione della forza nelle sue diverse componenti può


dunque avere origine dalle nostre stesse teorie.

In questi termini, il problema da risolvere risulta completamente differente.


Si tratta di scoprire quali sono le ipotesi teoriche che danno origine alla forza
divisa nelle componenti che conosciamo in un universo nel quale, per ipotesi,
deve essere verificata una teoria del tutto, ossia :

una teoria nella quale le leggi fisiche debbono essere soddisfatte dalla
materia organizzata, in qualsiasi configurazione ed indipendentemente
dal suo livello di aggregazione.

La nuova teoria dovrà dunque essere impostata eliminando da quelle


attualmente note tutte le ipotesi restrittive che limitano la loro validità a
particolari circostanze.

Secondo Questa impostazione, dalle teorie note, si hanno dei grandi esclusi,
primi fra tutti, la carica elettrica e la meccanica quantistica, che si applicano
esclusivamente al microcosmo.

Le applicazioni di queste due importanti ipotesi sono tali e tante da rendere


assolutamente improponibile una loro esclusione.

Per poter essere inserite in una teoria del tutto, esse, invece di essere
escluse, si debbono poter applicare a tutta la materia organizzata, dal
singolo punto dello spazio fisico all’intero universo.

2
Per togliere qualche elemento di confusione, definiamo spazio geometrico
quello illimitato, descritto teoricamente, nella maniera più semplice, con le
tre dimensioni.

Esso rappresenta un concetto astratto e, come tale, non potrà essere


sede di trasformazioni reali o fenomeni fisici.
Si definisce invece spazio fisico quello nel quale si realizzano tutti i processi
naturali.
Nella nostra teoria, l’universo si sviluppa quindi solo e tutto nello spazio fisico.

Solo nello spazio fisico potranno dunque assumere un significato


inequivocabile le grandezze che vengono utilizzate per descrivere le
trasformazioni che in esso si verificano.

Esiste quindi una notevole differenza tra spazio geometrico e spazio fisico e
lo studio di una trasformazione fisica nello spazio geometrico, assolutamente
incapace di trasmettere qualsiasi azione, non corrisponde a nessuna realtà
fisica, nemmeno in prima approssimazione.

Esso assume un significato solo se viene condotto in uno spazio reale, attivo,
capace di trasmettere energia.

3
L’EQUILIBRIO UNIVERSALE
dalla meccanica celeste alla fisica nucleare
Cap.1 – Universo e tempo
– origine e significato del tempo
Da quando l’uomo è comparso sulla Terra, si è continuamente interrogato sul
significato della vita, sui suoi scopi e su tutto quello che si verifica nel mondo.

Dall’alba dei tempi, esso ha sempre cercato di capire se nell’universo esiste


un ordine che possa essere descritto e trasmesso alle generazioni future.

Certamente, ciascuno di noi viene coinvolto emotivamente dalla storia della


nostra nostra origine e la domanda "Da dove veniamo?" può rappresentare,
senza dubbio, la più profonda che possiamo concepire e la capacità di dare
una risposta è forse il risultato più alto che il persiero umano può sperare, un
giorno, di raggiungere.

Osservando la complessità e la perfezione di tutte le cose che lo circondano


e soprattutto la unicità del destino che accomuna tutti gli esseri viventi, senza
eccezioni, l’uomo non ha potuto fare a meno di pensare che tutto ciò facesse
parte di un progetto, opera di un " abile architetto " che non ha lasciato nulla
al caso.

Seguendo questa logica, tutto ciò che accade nel mondo non può non avere
un senso, uno scopo preciso.
La vita di ciascuno di noi, in particolare, deve avere un significato.

E’ questa una condizione alla quale nessun uomo può rinunciare di credere
per poter continuare a vivere. Diventa dunque inevitabile porsi le domande e
cercare delle risposte.

" Un individuo viene al mondo con uno scopo preciso da raggiungere? "
" Quando, con la morte, esso si dissolve definitivamente, questo si verifica
perchè ha raggiunto i suoi scopi? "
" Se esiste un grande scopo del "Progettista", alla cui realizzazione ciascun
essere vivente contribuisce, lasciando delle tracce durante il suo passaggio
attraverso il mondo, qual’è questo scopo? "

Questi ed altri ancora sono tutti interrogativi ai quali non è possibile dare una
risposta chiara ed esauriente, non solo per le molte difficoltà oggettive che si
incontrano nel risalire alle origini delle cose, ma anche e soprattutto per tutti i

1
limiti imposti dal linguaggio stesso che viene utilizzato.

L’unico strumento, infatti, di cui l’uomo dispone, per poter formulare domande
e dare risposte, sono le sue parole, ordinate secondo la sua logica, modellate
su soggetti e fenomeni che appartengono al suo mondo quotidiano.

Quando si tenta di utilizzarle per descrivere situazioni diverse da quelle per le


quali sono nate oppure per fenomeni che potrebbero addirittura non essere
nemmeno realtà oggettive, le parole si rivelano del tutto inadeguate.

Purtroppo, sono molte le entità della cui esistenza abbiamo piena coscienza
attraverso i sensi, ma che non riusciamo a descrivere in maniera esplicita ed
inequivocabile .

Una di queste, certamente la più importante, è la nostra stessa esistenza, di


cui siamo pienamente consapevoli ma, se proviamo a definirla, incontriamo
serie difficoltà .

Del resto, non meno problematico risulta dare un significato preciso e chiaro
anche al solo termine esistere.

Che cosa vuol dire " Quell’oggetto o quella entità esiste? E che cosa si può
dire di tutte quelle cose che agiscono nel mondo e che noi non possiamo nè
vedere nè sentire? Se non ci fossero gli esseri viventi, il resto dell’universo
esisterebbe comunque? Chi potrebbe dirlo? "

Noi osserviamo l’universo dall’interno, come parti di esso, ed acquistiamo la


consapevolezza della esistenza di tutte le sue parti, ma, in base a quali indizi
si può affermare che l’intero universo esiste? E con quale significato?

Si è tentati di definire l’esistenza delle cose facendo ricorso alla nozione del
" tempo " così come viene avvertito attraverso l’esperienza quotidiana, senza
alcuna particolare indagine.

Purtroppo, per questa via, il problema risulta complicato ulteriormente e dare


una risposta diventa sempre più difficile, in quanto il tempo stesso, per poter
essere utilizzato correttamente, con un significato preciso, necessita di una
definizione inequivocabile, che non lasci dubbi.

Esso invece ha da sempre affascinato l’uomo, creandogli solo ansia e molta


confusione, senza lasciarsi penetrare minimamente.

2
Ancora oggi il " tempo " viene avvertito come una misteriosa entità che
" esiste " indipendentemente da tutto il resto e si evolve per suo conto,
senza alcun legame con gli eventi.

In un certo senso, il tempo viene percepito come una realtà oggettiva la cui
esistenza non necessita di nessuna particolare condizione, dunque esso può
esiste senza essere definito.

Tutto il resto, invece, compreso l’universo, per poter esistere, si deve inserire
in questa realtà.

Da sempre l’uomo è affascinato dall’alone di mistero che circonda il tempo e


ha indagato sulla sua natura con molta ansia e confusione, generando conflitti
dottrinali interminabili.
Il tempo è entrato, per la prima volta, a far parte della scienza, grazie all’opera
di Galileo e Newton, ma solo come grandezza misurabile, senza particolare
indagine sulla sua essenza.

Solo all’inizio nostro del secolo, con la teoria della relatività è stato modificato
radicalmente il modo di avvertire e di trattare il tempo senza, tuttavia, fornire
alcuna definizione esplicita, utile per poter definire la sua esistenza.

In definitiva quindi tutte le teorie partono dalla condizione che il tempo


esista comunque.

Tutto questo non è però affatto dimostrato ed il tempo potrebbe non esistere
come una realtà oggettiva ( dunque con valore universale ) e, in questo caso,
ciascuno di noi avrebbe di esso una personale percezione.

Su questo argomento sono stati detti e scritti fiumi di parole dalle menti più
illuminate che l’umanità abbia mai avuto e non pensiamo certo noi, in queste
poche righe, di dare risposte definitive.

La scienza occidentale dispone oggi di mezzi e risorse che le consentono di


indagare fino ai remoti confini dell’universo e questo farebbe pensare ad un
impressionante sviluppo delle conoscenze umane dei principi di fondo.

Purtroppo però questo non è vero. In realtà, le ricerche in questo senso oggi
sono molto limitate anche e soprattutto perchè i modelli di riferimento che
vengono accettati da tutta la comunità scientifica, anche se vengono messi in

3
discussione da un numero sempre maggiore di ricercatori, hanno definito un
orientamento della ricerca che lascia poco spazio a chi volesse avventurarsi
in ricerche in altre direzioni .

Vogliamo, tuttavia, tentare una diversa formulazione del problema, cercando


di separare, per quanto sia possibile, il nostro tempo " biologico " da quello
" numerico ", entrato a far parte della scienza come grandezza misurabile.

E’da osservare come non distinguerli ci costringa a utilizzare un solo termine


per descrivere due realtà sostanzialmente diverse con le gravi conseguenze
che possiamo facilmente immaginare.

Anche senza fare indagini approfondite, le differenze tra queste due entità
sono tali e tante da fare pensare certamente alla opportunità di indicarle con
due termini completamente differenti. Purtroppo però ciò non accade.

Viene universalmente accettato che la consapevolezza del "prima" e "dopo"


e dunque del " trascorrere " del tempo sia innata in tutti gli esseri viventi e,
certamente, nell’uomo.

Questo equivale ad affermare, senza tuttavia averlo mai verificato, che, come
per qualsiasi altra caratteristica innata, dovrà esistere un gene che genera e
interpreta il tempo.

Se accettiamo questa ipotesi, dato che tutti gli esseri viventi hanno imparato
a gestirlo ciascuno secondo le proprie abitudini di vita, dobbiamo aspettarci
che la sua azione sugli organismi induca anche una risposta culturale oltre a
quella genetica.

E’ chiaro che quest’ultima componente sarà automatica, indipendente dalla


volontà e legata solo al corredo genetico. Essa dunque non è assolutamente
controllabile.

Inoltre, se il "gene del tempo" esiste, certamente deve essere stato uno tra i
primi che si sono evoluti e quindi la componente genetica della risposta al
tempo dovrà essere identica in tutti gli individui che appartengono alla stessa
specie e certamente analoga per tutti gli esseri viventi.

La componente culturale dovrà invece manifestarsi con un’azione diversa da


un individuo all’altro.

4
E’ chiaro che la scissione della risposta al tempo in due diverse componenti
è puramente teorica. Nella realtà, esse agiscono simultaneamente, ciascuna
con il proprio peso, determinando, insieme, un’unica risposta complessiva
in termini di comportamenti.

La valutazione delle singole componenti si presenta dunque molto più difficile


di quanto si potrebbe supporre.

Dato che la componente genetica è interamente contenuta nel patrimonio


genetico dell’individuo, essa sarà completamente definita nel momento in cui
il genoma viene costruito e progettato per la prima volta.

Questo sappiamo che accade quando due " progetti dello stesso tipo " di
"macchina vivente", inizialmente indipendenti, si uniscono per concepire una
unica cellula con il suo genoma completo, formato dai due progetti alternativi.

Se esiste un " tempo genetico ", questo preciso momento rappresenta


l’istante zero, l’origine.

Partendo da una sola cellula fecondata, si mette in movimento l’orologio che


determina il ritmo preciso secondo il quale si dovrà portare a termine tutto il
programma contenuto nel genoma, scritto sottoforma di sequenza di geni.

Dato che il risultato finale di tutte queste operazione è rappresentato dalla


formazione di un nuovo essere vivente perfettamente funzionante, l’intervento
dei vari geni deve seguire un " tempismo estremamente preciso ".

E’ questa, sostanzialmente, la ragione per la quale il ritmo di questo orologio


interno non può essere modificato da nessun agente esterno e dunque, ogni
genoma impiega un tempo ( misurato da noi ) costante e ben definito, per
costruire la sua " macchina da sopravvivenza ", in qualunque situazione ed in
qualsiasi luogo del mondo si trovi ad operare.

La componente culturale della risposta al tempo risulta invece fortemente


influenzata dal tempo numerico che viene misurato dai nostri orologi, i quali
prendono come riferimento quei fenomeni naturali che si ripresentano senza
alcuna apparente evoluzione come, per esempio, il continuo susseguirsi del
giorno e della notte.

Dato che le nostre azioni sono sempre rivolte all’ambiente esterno, il tempo

5
che noi riusciamo facilmente a comprendere ed a gestire è quello che viene
indicato dai fenomeni che in esso si verificano.

Quando parliamo di tempo, inconsapevolmente, ci riferiamo dunque a quello


esterno espresso dai numeri ed associamo ad essi anche tutti i processi
biologici che si verificano all’interno del nostro organismo.

Non si tiene conto, in questa maniera, del fatto che i nostri geni non
hanno più nessun contatto fisico con il mondo esterno e dunque non
conoscono e non possono utilizzare il nostro tempo numerico.

Essi hanno il loro ambiente nel quale operano, per la verità, seguendo non un
programma temporale, bensì i segnali che inviano le proteine, da essi stessi
generate, man mano che vengono sintetizzate.

I geni non prendono iniziative e non sono in condizioni di poter cambiare il


loro programma interno.

Essi reagiscono diversamente da quanto viene indicato loro dal programma


scritto nel DNA solo se vengono ingannati da falsi segnali.

Come si verifica in generale per tutte le molecole, se dall’ambiente in cui essi


si trovano arrivano segnali che consentono le reazioni, i geni reagiscono.

In assenza di questi segnali essi restano fermi, in attesa ed assolutamente


inconsapevoli di tutto quello che accade agli organismi che li ospitano.

La risposta globale degli organismi viventi a tutto l’insieme dei processi che
si verificano, sia al loro interno che nel mondo esterno, è la sensazione che il
tempo sia una entità "che si muove" per proprio conto, senza inizio nè fine,
e viene avvertita come presente, passato e futuro.

Quello che, a questo punto, vogliamo capire è dove e come ha origine questa
convinzione così radicata .
Per caprirlo, seguiamo tutto il processo di formazione di un nuovo organismo,
partendo dal primo momento in cui viene concepito.

Supponiamo di avere una cellula in fase di divisione meiotica ; essa si divide


dando origine a due cellule, gameti, ciascuna delle quali con DNA costituita
da un solo progetto.

10

6
In queste condizioni, le due cellule sono assolutamente incapaci di generare
un organismo e restano dunque ferme, in attesa, senza fare nulla.

La loro attività verrà ripresa solo in presenza di alcuni segnali ambientali che
vengono forniti dall’ingresso, nella cellula, del DNA di un altro altro gamete,
che abbia un progetto alternativo dello stesso tipo.

Durante l’attesa non succede assolutamente nulla e le cellule, ferme,


non avvertono affatto il trascorrere del tempo (si tratta naturalmente di un
discorso estremamente semplificato) .

Dopo la fecondazione, la cellula inizia la sua duplicazione del DNA e, quando


essa è completa si divide, dando origine a due nuove cellule che presentano
lo stesso genoma.

Ciascuna delle due cellule legge, a sua volta, i parametri presenti nel proprio
ambiente e, se questi lo consentono, si divide ancora.

Il processo si ripete così fino al completamento dello sviluppo dell’embrione


senza lasciare alcuna traccia (o quasi) di tutti i passaggi intermedi.

Vedendo nascere un nuovo individuo, noi diciamo che, dal momento del suo
concepimento, sono trascorsi 300 giorni.
Ossia noi, osservatori, dall’esterno abbiamo visto sorgere il Sole 300 volte, il
bilanciere del nostro orologio oscillare 30 milioni di volte e forse mille altri
fenomeni affatto correlati tra loro ed ancora meno con l’organismo che si è
appena formato.
Il tempo che noi indichiamo con i numeri assume dunque significato
solo per noi, osservatori esterni, mentre tutte le cose che osserviamo
non misurano assolutamente nulla, anzi, esse non hanno mai avuto
alcuna consapevolezza, nemmeno della loro stessa esistenza.

Il nostro essere vivente si completa dunque senza alcuna nozione del tempo,
senza registrare la sua storia.

Il tempo durante il quale esso si forma è il nostro ( osservatori esterni )


tempo e non il suo.

Quando nasce, un essere vivente non sa affatto che si è formato attraverso

11

7
diversi passaggi. Sa semplicemente che esiste nella sua condizione attuale.

Tutto questo ha una sua giustificazione : in natura ha ragione di esistere solo


ed esclusivamente ciò che risulta di qualche utilità a qualcuno o a qualcosa e
non conosciamo nulla che sia riuscito a sopravvivere attraverso i secoli, per
milioni di anni, fino a noi, senza avere alcuna utilità.

Tutte le cose che popolano il mondo esistono solo perchè qualcuno o


qualcosa che le usa ne favorisce lo sviluppo.

Per capire dunque quando nasce il tempo, è necessario


scoprire quale può essere la sua utilità e chi ne può aver
favorito lo sviluppo.

Riprendiamo quindi il nostro embrione in fase di sviluppo.


Abbiamo visto che ciascuna divisione cellulare avviene sempre prendendo in
considerazione i parametri ambientali presenti.

Informazioni su situazioni passate, in questa fase risultano del tutto inutili, per
cui, inserire nel progetto (DNA) un programma per la costruzione di un centro
per la registrazione della storia dello sviluppo dell’embrione comporterebbe
per il costruttore solo dei costi aggiuntivi senza alcun vantaggio alcuno nuovo
essere che si sta formando.

Noi sappiamo che tutti i sistemi naturali si evolvono sempre nella direzione
che comporta il minimo consumo di energia e dunque possiamo senz’altro
escludere l’esistenza nel DNA di geni che abbiano la capacità di generare o
interpretare il tempo .

D’altra parte, un essere vivente si sviluppa in un ambiente che, con la


nascita, abbandonerà definitivamente e non vi farà mai più ritorno.

Per questo motivo, ciascun processo, che si verifica nella fase di sviluppo è
geneticamente unico ed irripetibile.

Fissarlo nel tempo, con l’impiego di preziose risorse, sarebbe certamente


una operazione senza senso e potrebbe servire unicamente per soddisfare
una eventuale futura curiosità.

12

8
" La Natura " però non è curiosa e nessun essere vivente ha mai cercato di
ricordare un solo istante della sua vita prenatale.

Il tempo, come noi lo avvertiamo, non è dunque scritto nel genoma e quindi la
sua origine dovrà essere un’altra, certamente dopo la nascita.

Quando un nuovo essere vivente viene alla luce, entra in un ambiente


nuovo, nel quale si attivano tutti i suoi organi di senso ed inizia il suo
rapporto con il mondo esterno, molto più ripetitivo di quello che
ha appena abbandonato.

Vi sono fenomeni che si presentano spesso ed altri ancora che sono


addirittura periodici.

Qualunque situazione si presenti agli organi di senso, si potrà sempre


ripresentare, identicamente o con piccole varianti.

Potrà dunque rivelarsi certamente di qualche utilità, per la


propria sopravvivenza, imparare a conoscerle per poter
convivere, sfruttarle o evitarle.

Da questa utilità ha preso il via lo sviluppo di un sistema capace di registrare


gli eventi che si verificano nell’ambiente esterno.

Naturalmente, noi non siamo in grado di descrivere il processo in tutti i suoi


dettagli e dunque ci limitiamo ad indicare schematicamente uno dei percorsi
possibili, molto semplice.

Se consideriamo un qualsiasi spazio fisico, in esso saranno presenti molte


specie molecolari ed aggregati materiali, interagenti tra loro, ciascuno con le
proprie dimensioni e complessità.

Il generico aggregato molecolare A si forma con una certa velocità v1 e si


disgrega con velocità v 2 secondo lo schema :

V 
V1
a1 + a2 + ⋅⋅⋅
2
A

13

9
Quando v 1 = v 2 l’aggregato avrà raggiunto una concentrazione stabile.

La velocità v 1 dipende sia dalla capacità di aggregazione dei componenti


a 1 , a 2 , ecc. che dalla loro concentrazione nell’ambiente.

La velocità v 2 dipende, invece, dalla stabilità propria di A, legata alla sua


complessità, e dalle azioni disgreganti che provengono dall’ambiente.

Consideriamo ora una qualsiasi caratteristica C, comune a tutti gli aggregati,


ma con valore, eventualmente, diverso per ciascuno di essi (densità, stato di
moto, dimensioni, colore, ecc.) .

Se riportiamo in ascisse il valore della caratteristica presa in considerazione


ed in ordinate la concentrazione numerica degli aggregati che sono presenti
nella popolazione con un determinato valore di quella caratteristica, fissate
le condizioni dell’ambiente in cui gli aggregati si evolvono, otteniamo,
in ogni momento, la distribuzione delle specie molecolari nella popolazione
in funzione della caratteristica considerata.

Fino a quando il valore di C non interviene sulla stabilità degli aggregati, la


loro evoluzione sarà indipendente da questa caratteristica e la distribuzione

14

10
verrà rappresentata da una retta orizzontale.

Se, per un qualsiasi fatto puramente casuale, un particolare valore C v , della


caratteristica prima ininfluente, diventa particolarmente vantaggioso, tutti gli
aggregati che presentano tale valore acquistano una maggiore capacità di
sopravvivere, in quell’ambiente, e quindi gradualmente il loro numero nella
popolazione aumenta fino alla condizione di equilibrio v 1 = v 2 ; la curva che
si ottiene è rappresentata in figura 1.

Il ragionamento che abbiamo fatto per una caratteristica si può ripetere per
tutte le altre e si arriva alla conclusione che gli aggregati numericamente più
presenti nella popolazione saranno quelli che hanno più caratteristiche aventi
valori prossimi a quelli che danno maggiori vantaggi, in quell’ambiente.

In questo caso il vantaggio deve essere inteso come aumento della velocità
v 1 (maggiore capacità riproduttiva) e/o diminuzione di v 2 (equivalente ad un
aumento della vita media).

Se alla caratteristica che abbiamo considerato viene associato un vantaggio


veramente eccezionale, essa rapidamente si diffonderà praticamente a tutti
gli aggregati presenti nella popolazione e la curva si presenterà con un picco
molto alto e stretto.

Ad un osservatore esterno, questi aggregati appaiono continuamente


in lotta tra loro per moltiplicarsi.

Nella realtà essi agiscono senza alcuna consapevolezza.


Quelli che hanno armi meno efficaci, ovvero caratteristiche meno adatte alla
sopravvivenza in quell’ambiente, gradualmente scompaiono dalla scena in
quanto vengono disgregati o inglobati dagli altri.

L’idea di una lotta tra molecole, aggregati o qualsiasi altra cosa che non abbia
coscienza, non deve affatto stupire in quanto non si tratta di una lotta come
viene intesa normalmente da noi, ma di interazioni tra piccoli aggregati che
non sanno nemmeno di lottare.

Del resto, il DNA, considerata la molecola vitale per eccellenza, non ha certo
alcuna consapevolezza e non presenta nemmeno coscienza della sua stessa
esistenza.

15

11
Tuttavia, esso è continuamente in lotta per la sua sopravvivenza, utilizzando
macchine da combattimento incredibilmente complesse e perfette, come gli
esseri viventi, programmate per fare tutto quello che esso " ritiene " utile per
la sua conservazione.

I geni che oggi troviamo ancora nel mondo sono certamente i sopravvissuti,
quelli cioè che quella lotta l’hanno combattuta e vinta per miliardi di anni,
inconsapevolmente, facendo uso della semplice legge naturale che abbiamo
descritto sinteticamente e che possiamo riassumere nel modo seguente.

In un certo ambiente, negli aggregati si accumulano e si conservano


esclusivamente le caratteristiche più vantaggiose per sopravvivere in
quell’ambiente.

La loro è dunque una vita vissuta senza nessuna consapevolezza, con l’unico
scopo di continuare ad esistere, saltando, senza alcun cambiamento, da una
generazione alla successiva.

Le macchine da essi progettate hanno dunque un unico scopo : consentire ai


geni progettisti di continuare ad esistere.

Una delle più importanti caratteristiche, che ha consentito


ai geni sopravvissuti di vincere la lotta contro quelli estinti
è certamente la capacità di costruire macchine nuove, in
grado di generare il tempo (biologico).

Esso rappresenta quindi un sistema rivoluzionario attraverso il quale


gli esseri viventi riescono a migliorare il loro comportamento, traendo
vantaggi dagli eventi già vissuti.

Il tempo è dunque un prodotto dell’evoluzione genetica e come tale ha senso


solo per gli esseri viventi e non ha valore universale, ma locale.

Esso è un utile strumento di lotta in un ambiente molto ripetitivo, nel quale la


registrazione degli eventi che si verificano offre certamente grandi vantaggi,
attraverso la possibilità di fare previsioni e simulazioni delle situazioni che si
dovranno affrontare.

16

12
– tempo biologico e tempo numerico nella scienza
Non appena si stabilisce il contatto di un nuovo essere con il mondo esterno,
i suoi geni attivano un organo, la memoria, appositamente costruito durante
lo sviluppo dell’embrione.

Quest’organo ha funzione di registro degli eventi e come tale, prevede che la


registrazione avvenga mediante trasformazioni irreversibili.

Essa agisce come una cinepresa sempre accesa, che viene orientata
verso il mondo esterno per poter registrare tutto ciò che accade, senza
alcun comando volontario.

Questo organo non rappresenta il tempo, ma crea le condizioni da cui


deriva la consapevolezza della sua esistenza.

Essendo geneticamente previsti una costante ed ininterrotta attività della sua


memoria, la quale ha un funzionamento indipendente dalla sua volontà, risulta
impossibile per un individuo ignorarne la presenza o renderla inattiva anche
per un solo momento.

E’proprio da questa impossibilità che deriva l’inarrestabilità del nostro


tempo, con l’impressione conseguente che esso, pur appartenendoci,
ci sfugga come se fosse da noi indipendente.

Da quanto abbiamo esposto, sembrerebbe proprio che l’esistenza del tempo


debba avere una origine genetica.

Ebbene, nella realtà questo non è rigorosamente vero, in quanto i geni hanno
semplicemente fornito all’individuo un nuovo apparato materiale per dargli
la possibilità di trarre vantaggi, da ogni situazione presente, richiamando la
registrazione degli eventi già vissuti.

Il tempo, come noi lo intendiamo nel linguaggio comune, viene invece


avvertito come una entità affatto materiale, mentre i geni non sono in
grado di organizzare assolutamente nulla che non sia materia e per la
precisione le proteine che essi stessi hanno generato.

Il tempo è dunque una nostra creazione, che deriva unicamente dalla


elaborazione, da parte del cervello, dei dati registrati in memoria.
Esso è, in definitiva, solo pensiero, una pura secrezione del cervello.

17

1
Prendiamo, per esempio, in considerazione il tempo futuro e cerchiamo di
capire se esso rappresenta una realtà oggettiva, valida cioè per tutti gli esseri
viventi, oppure se ha origine come interpretazione dei fatti che si verificano
nell’ambiente in cui essi si muovono.

Dal punto di vista genetico, sappiamo che il genoma esiste, fin dal momento
in cui un essere vivente viene concepito, come sequenza dei numerosi geni
che si dovranno attivare secondo un ordine ben preciso, senza però dover
seguire un vero programma temporale.

Gran parte di essi governa infatti operazioni che si realizzeranno a distanza


di decine oppure centinaia di anni dalla loro formazione.

Questo fatto ci potrebbe portare, erroneamente, alla conclusione che il


genoma sia stato costruito con la previsione di operazioni future.
Ebbene, non è così.

La sequenzialità con la quale vengono realizzate tutte le operazioni è propria


del sistema utilizzato.
Ciascun gene può essere, infatti, abilitato ad intervenire solo dalla presenza,
nell’ambiente, del prodotto fornito dal gene che lo ha preceduto.

Le operazioni che sono scritte nel genoma vengono così eseguite


certamente tutte e nella giusta sequenza, senza fare ricorso al tempo.

Tra una operazione e la successiva può passare un solo secondo oppure un


anno (del tempo misurato dal nostro orologio) a seconda delle condizioni
ambientali che si verificano e questo ci fà escludere l’esistenza di un tempo
futuro definito geneticamente.

Per i geni esiste solo una sequenza di operazioni che è stata predefinita con
tale e tanta precisione da non lasciare spazio al caso o agli imprevisti tipici
del futuro, come normalmente viene avvertito.

Per noi, esseri viventi, esso rappresenta quel periodo in cui si realizzeranno
tutti gli eventi che ciascuno " immagina " di dover vivere, ma che potrebbero
anche non realizzarsi.

Esso è dunque un tempo che noi ci costruiamo attraverso la elaborazione del


ricordo degli eventi passati.

18

2
In altre parole, il futuro, per gli esseri viventi, non è altro che la proiezione del
passato o parte di esso, spesso dopo modifiche, in ambienti e circostanze
immaginarie. Esso non è dunque un tempo reale.

A differenza del passato, non esiste da nessuna parte una immagine


registrata del futuro.

Tuttavia, nel presente esiste il piacere oppure la paura del futuro, a seconda
che si stiano proiettando nel tempo eventi piacevoli o meno del passato.

Sono proprio queste paure che ci fanno apparire il futuro


come parte reale della nostra esistenza.

Il presente si identifica con il tempo in cui si svolgono gli eventi che si


stanno vivendo.

E’ per questa ragione che il presente viene ritenuto l’unico tempo del
quale si avverte realmente l’esistenza.
Vediamo in dettaglio come nasce questa convinzione.

Qualsiasi fatto completo si presenta con una sua durata nel tempo ( misurato
dal nostro orologio ) e quindi comprende un inizio ed una fine.

Quando si percepisce l’inizio, la fine non esiste ancora perchè è nel futuro e,
quando si vive la fine, l’inizio è già nel passato.
Anche se un evento viene interrotto, gli effetti del suo inizio restano comunque
nell’ambiente e costituiscono, a loro volta, degli avvenimenti da registrare.

Queste elementari considerazioni ci portano alla conclusione che non esiste


nessun evento interamente nel presente, per quanto breve noi riusciamo ad
immaginarlo.

In altre parole, il tempo presente sembrerebbe ridotto ad un istante


piccolissimo, incapace di contenere qualsiasi avvenimento completo
e significativo per la nostra esistenza.

Facendo riferimento alla figura 2, vediamo, in maniera molto schematica, un


meccanismo attraverso il quale si può formare la consapevolezza dell’istante
presente.

19

3
Supponiamo che il mondo esterno abbia un suo orologio che misura il tempo
t m e segnala l’istante t m = 0 in cui si verifica l’evento (presente per il mondo
esterno).
Esso viene percepito dagli organi di senso dell’osservatore e trasferito nella
memoria che lo registra dopo averlo codificato.

Quando, dopo un tempo Δt, misurato con l’orologio del mondo esterno, tutte
le operazioni di registrazione sono state completate, l’osservatore acquista
la consapevolezza dell’esistenza dell’evento e lo percepisce nel suo presente
che indichiamo con t 0 = 0.

E’ chiaro che lo stesso evento è nel presente per l’osservatore quando per il
mondo esterno è già nel passato in quanto i due tempi differiscono per Δt .

Normalmente tutti i processi biologici necessari per la registrazione vengono


realizzati in un intervallo Δt molto piccolo, dell’ordine di frazioni di secondo, e
questo consente al mondo esterno ed all’osservatore di comunicare tra loro,
confondendo i due presenti, anche se ognuno vive il suo.

Il presente che un essere vivente percepisce non è dunque un tempo


reale, ma costruito su eventi passati del mondo esterno.

Una delle conseguenze di questo fatto è che nessun essere vivente è capace
di modificare il suo presente.

Non solo, ma il presente che noi abbiamo l’impressione di vivere è un tempo


notevolmente dilatato dalla nostra necessità di compiere e valutare azioni ed

20

4
avvenimenti completi e ben precisi, che mettono sempre in relazione stretta
ed inscindibile causa ed effetto.

Per esempio, la caduta di un oggetto è avvertita da un essere vivente come


un fatto unico, con la sua durata tutta al presente, e non è concepibile che si
verifichi, nell’unico tempo presente la sua divisione nelle tre componenti :

distacco dal supporto, fase di caduta e contatto con il suolo, in quanto, nella
normale percezione, causa ed effetto sono indivisibili e non è previsto che un
oggetto in caduta libera abbia la possibilità di fermarsi senza toccare il suolo.

Quando io dico " mangio ", intendo riferirmi ad una precisa azione, completa
e tutta al presente.
La realtà però non è questa. L’operazione del mangiare si compone di alcune
centinaia di operazioni elementari consecutive, ciascuna delle quali, quando
si verifica, manda nel passato quella che l’ ha preceduta.

Queste osservazioni portano, inevitabilmente, a concludere che nemmeno il


tempo presente è una realtà oggettiva, anche se noi riusciamo a crearlo con
un artificio, confondendolo con il passato più prossimo.

I concetti che sono stati esposti ed in particolare i processi attraverso i quali


si giunge alla coscienza del tempo biologico, si possono rappresentare con
lo schema molto semplificato di figura 3.

21

5
Se le osservazioni che abbiamo fatto finora sono corrette si arriva alla
drammatica e paradossale conclusione che l’unico tempo
al quale
si potrebbe dare una base reale di esistenza è il passato,
proprio quello che sensibilità comune ritiene certamente perduto per
sempre e non più recuperabile.

Il passato si rivela dunque l’unico tempo reale e veramente essenziale


per la nostra esistenza e rappresenta la fonte che viene utilizzata dagli
esseri viventi per costruire il presente ed il futuro.

Tra il passato e il futuro s’inserisce il presente, che viene originato e diventa


apprezzabile solo grazie alla lentezza che presentano le strutture biologiche
nel trasferire alla memoria i segnali inviati dal mondo esterno.

L’ultimo segnale riesce a produrre la sensazione del presente proprio


prolungando la sua azione fino al momento in cui giunge in memoria
quello successivo.

Tutte le osservazioni vengono fatte comunque sempre nel presente e dunque


anche la sensazione del tempo che scorre viene acquisita nel presente,
osservando le tracce degli eventi passati che si allontanano man mano
che se ne aggiungono dei nuovi.

La nostra aspettativa di vita e la nostra formazione ci impongono di guardare


comunque sempre verso il futuro e quindi di vedere il tempo scorrere nella
sua direzione.
In realtà il problema è posto in termini non corretti.

Il tempo non ha affatto una sua origine ed una direzione lungo la quale
scorre, sempre nello stesso verso, " realizzando la trasformazione del
futuro in presente ". Questa è solo una percezione.

Secondo il nostro schema, il tempo non ha un inizio, ma una sua "sorgente"


nel presente, che lo genera senza alcun comando volontario, con continuità,
già come tempo passato.

E’ dunque questo l’unico tempo che viene realmente generato e che, per gli
esseri viventi, può solo aumentare, essendo inarrestabile il flusso dei segnali
che giungono alla memoria.

22

6
Finora non abbiamo preso in considerazione che tutte le strutture biologiche
sono in realtà degli aggregati di molecole e come tali non hanno alcuna idea
del " prima " e " dopo ", mentre percepiscono perfettamente il " qua " e " là "
in quanto le forze di legame, attraverso le quali interagiscono, e che stanno
alla base di tutti i processi fisici, agiscono sempre qua oppure là allo stesso
modo ed in qualsiasi momento.

Diventa dunque importante capire se e in che modo queste strutture possano


passare dalla percezione spaziale a quella temporale.

Si deve innanzitutto osservare che la varietà di eventi che possono verificarsi


nell’universo è infinitamente grande, mentre, certamente, la tipologia delle
strutture biologiche che memorizzano tali eventi, negli esseri viventi, è unica
o comunque molto limitata.

Ne deriva che, quando il segnale esterno arriva all’osservatore, dovrà essere


suddiviso necessariamente in poche componenti fondamentali, comuni a tutti
gli eventi possibili .

Questo vuol dire che le componenti sono realtà oggettive, mentre invece gli
eventi, che nascono da una loro elaborazione, sono soggettivi.

Per semplificare il linguaggio, indichiamo come evento elementare ciascuna


componente e chiamiamo punto di memoria la singola struttura biologica che
viene da esso modificata irreversibilmente.

Riprendiamo ora il nostro universo, facendo riferimento alla figura 4.

23

7
Supponiamo che il segnale che viene inviato dal mondo esterno sia costituito
da un singolo evento elementare S 1 che verrà registrato in un singolo punto
di memoria M 1 .

Se anche l’universo invia i segnali con continuità, l’osservatore potrà essere


S 2 e memorizzarlo nel punto M 2
in condizioni di ricevere un nuovo segnale
solo quando avrà terminato la memorizzazione in M 1 del primo segnale.

Fino a quel momento non avrà possibilità di farlo, perchè le vie metaboliche
sono impegnate.

Dato che la memoria ha ragione di esistere solo se può essere utilizzata, per
una esperienza qualsiasi dovrà essere possibile controllare se si è verificata
prima o dopo un determinato comportamento.

Solo in questo caso sarà possibile modificarlo oportunamente nel presente,


reagendo alla stessa situazione ( oppure ad una analoga ) con una risposta
sempre più conveniente.

Per questo motivo, la scelta del punto di memoria che si dovrà utilizzare per
ogni singolo evento non può essere lasciata all’osservatore, ma deve essere
definita da un processo automatico già previsto geneticamente dal progetto
dell’organismo che dovrà utilizzare la memoria.

Del resto, sappiamo che l’ indipendenza dalla volontà è stata prevista


geneticamente per qualsiasi azione che sia necessaria per assicurare
la continuità della vita.

Se un individuo avesse la possibilità di intervenire nella scelta dei punti di


memoria da utilizzare per la registrazione dei segnali, anche la scelta stessa
sarebbe un evento da registrare e questo renderebbe praticamente difficile,
se non impossibile, la ricostruzione di qualsiasi fenomeno attrverso l’uso della
memoria.

Possiamo, per esempio, immaginare che sia proprio il punto di memoria M 1


M 2 a ricevere il segnale in
che, quando viene " occupato ", abilita il punto
arrivo. Terminata la seconda memorizzazione, M 2 abilita M 3 e così via.

24

8
In questo modo, il segnale in arrivo andrà certamente ad occupare sempre
l’unico punto abilitato a riceverlo.

Si forma così una sequenza " spaziale " M 1 , M 2 , M 3 , ⋅ ⋅ ⋅ ⋅ ⋅ ⋅ ecc., che


non dipende da agenti esterni.

A questo punto la memoria risulta perfettamente utilizzabile senza la


necessità di aggiungere altro.

Se si accetta questo meccanismo, diventa facile definire il "prima" e "dopo",


non in termini di tempo, che non è stato ancora definito, ma solo come eventi
osservati.

Possiamo infatti affermare che l’evento registrato nel punto M 1 accade prima
di quello registrato in M2 che accade dopo, e questo assume un significato
oggettivo, indiscutibile, dal momento che tutti gli osservatori della comunità
locale registrano la stessa sequenza.

Se, a questo punto, vogliamo introdurre la definizione di tempo ( biologico ),


possiamo dire che il punto di memoria che si sta utilizzando per il segnale in
arrivo rappresenta l’istante presente.
Quello che lo precede nello spazio di memoria definisce l’istante passato più
prossimo.

Tra due istanti consecutivi esiste una relazione spaziale precisa e costante,
caratteristica propria dell’osservatore, indipendente dalla posizione che essi
occupano nella memoria.

Per indicare questa relazione costante, diciamo che i due punti di memoria,
e dunque i due segnali registrati, sono separati in memoria da un elemento
di tempo t 0 = Δt (ricordiamo che non è un tempo numerico, ma biologico).

E’ chiaro che un fatto completo occuperà un tempo t = n ⋅ t0


dove n dipende dalla sua complessità e dal numero di dettagli registrati.
Possiamo, a questo punto, concludere il discorso dicendo che :

Il tempo è una successione di istanti t 0 associati ad altrettanti punti di


memoria che ne costituiscono il supporto materiale, il quale è formato

25

9
da trasformazioni irreversibili indotte dagli eventi vissuti.
Tale supporto ne definisce anche l’esistenza.

Secondo questa definizione, il tempo è in ogni caso indissolubilmente legato


al supporto materiale costituito dalla nostra memoria e l’unico riferimento che
abbiamo per poter collocare nel tempo gli eventi è il punto spaziale occupato.

Gli eventi stessi non esistono come tali, ma rappresentano il risultato di una
interpretazione propria dell’osservatore che egli ottiene decodificando la
sequenza dei punti della memoria che sono stati occupati dall’evento durante
la registrazione .

Nel mondo esterno non esistono i fenomeni ben definiti, ma soltanto i


segnali elementari, per cui, gli esseri viventi che utilizzano un diverso
sistema di memorizzazione e decodifica, visualizzeranno avvenimenti
e mondi completamente differenti tra loro.

Avendo chiarito il significato di tempo biologico, possiamo, a questo punto,


dire che esiste tutto ciò che dura nel tempo, ossia esiste tutto ciò che occupa
almeno un punto di memoria.

Qualsiasi essere vivente, confrontando tra loro gli eventi che si verificano nel
mondo esterno, si rende subito conto che essi hanno una diversa durata nel
suo tempo biologico, nel senso che occupano una quantità di spazio diverso
nella sua memoria.

Se l’individuo considerato vive la sua esistenza senza dover comunicare con


gli altri, non ha alcuna necessità di misurare la durata degli avvenimenti che
registra in memoria, in quanto l’operazione non gli offrirebbe alcun vantaggio
per la sua sopravvivenza.

Se però egli vive in una comunità, la comunicazione gli potrà offrire,


certamente, vantaggi importanti nella definizione delle strategie di lotta
e, più in generale, nella scelta dei comportamenti.

Gli enormi vantaggi che la vita sociale comporta hanno dato agli animali una
grande spinta nel tentare di comunicare per organizzarla.

Vita sociale vuol dire però ordine, disciplina, coordinazione, ecc., tutte
cose che non si possono realizzare senza il supporto di un comune o

26

10
confrontabile tempo biologico.

Purtroppo però, non esiste alcuna possibilità di comunicare agli altri membri
della società la propria durata biologica di un avvenimento e comunque, se
anche ciò fosse possibile, le diverse durate non sarebbero confrontabili tra
loro e quindi risulterebbero di nessuna utilità pratica.

Tutti gli animali, per poter organizzare la vita sociale, hanno dovuto assumere
come riferimento un evento ciclico comune, normalmente il periodo giorno –
notte, noto a tutti i membri della comunità, ed hanno così adattato tutti i loro
ritmi a questa scelta.

Anche l’uomo ha, naturalmente, seguito questa via, attraversando un periodo


iniziale in cui non esisteva un tempo veramente misurabile, ma una notevole
" confusione " tra tempo biologico e cicli del mondo esterno.

L’organizzazione sociale sempre più complessa e le sue capacità analitiche


sempre più sviluppate, hanno portato l’uomo ad abbandonare il legame
con il tempo biologico.

Egli ha così iniziato a confrontare direttamente fra loro i


fenomeni esterni .
La durata degli eventi acquistava così, gradualmente, un significato sempre
meno soggettivo per tutti i membri della società.

Un salto di qualità importante è stato fatto quando è stato assunto un


preciso evento di riferimento al quale rapportare tutti gli altri.

Questo voleva dire considerare la durata di tutti fenomeni che si verificavano


nell’ambiente pari a qualsiasi altra caratteristica " misurabile ".

I riferimenti scelti inizialmente, come il susseguirsi del giorno e della notte, si


sono presto rivelati inadeguati e sono stati sostituiti da altri sempre più stabili
e rispondenti ai requisiti richiesti ai campioni di riferimento.

Si ha così un tempo che viene espresso dal numero di cicli del fenomeno che
è stato assunto come campione ed indica la "durata oggettiva" di qualsiasi
avvenimento.

27

11
Il tempo " numerico " così introdotto non ha quindi alcuna particolare
caratteristica e nessun privilegio rispetto alle altre grandezze fisiche
come, per esempio, la lunghezza o la massa.

In tutti e tre i casi, gli esseri viventi percepiscono le differenze che giungono
loro dal mondo esterno, ma non riescono a comunicarle ad altri se non dopo
aver scelto per ciascuna di esse un riferimento che consenta di esprimerle
con numeri, i quali rendono oggetive le "misure " rilevate attraverso gli organi
di senso.

Se al pendolo che è stato assunto come riferimento per la misura della durata
degli avvenimenti viene associata una grandezza che si incrementa di una
unità ad ogni ciclo, essa non esprime nulla di reale oltre alla indicazione
che il pendolo esiste.

Tuttavia, avendo noi assunto tale riferimento per la misura di durata, quando
essa non viene riferita ad un avvenimento specifico, possiamo dire che dopo
ogni oscillazione, che comunque avviene, la durata di tutto ciò
che esiste si incrementa di una unità.

Questa grandezza (non riferita ad un fatto specifico), che


comunque si incrementa di una unità ad ogni ciclo, viene
indicata genericamente come " tempo ".

Il tempo che abbiamo definito si incrementa ( ed in questo senso scorre )


indipendentemente dagli eventi che si verificano nell’ambiente.

In definitiva, possiamo riassumere l’analisi che abbiamo fatto, dicendo


che il tempo " biologico " nasce e si sviluppa come caratteristica degli
esseri viventi, utile per la loro sopravvivenza.

Il tempo " numerico ", esterno, è stato, invece, introdotto allo scopo di
rendere oggettiva, dunque utilizzabile, la durata degli avvenimenti che
vengono registrati nella memoria.

Il tempo che non è legato ad alcun fatto specifico, ma che viene comunque
indicato dall’esistenza del pendolo che continua ad oscillare, si può pensare
che indichi l’aumento della durata della vita di tutto ciò che esiste.

28

12
Sinteticamente, diciamo quindi che :

Il tempo non è altro che la grandezza fisica che misura lo spazio della
memoria occupato dagli avvenimenti che si verificano nell’ambiente.

Essendo intimamente legato alla memoria, la quale è, per sua definizione,


indelebile, il tempo non potrà mai diminuire, in quanto lo spazio di memoria
occupato non può che aumentare.

L’ipotesi di tornare indietro nel tempo non ha alcun significato reale e non è
nemmeno possibile in quanto possiamo soltanto aggiungere dei fatti nuovi a
quelli già registrati.

Se un essere vivente adulto si sviluppa ritornando bambino, non si è invertita


la direzione del tempo, ma si è semplicemente aggiunto un nuovo evento al
tempo già trascorso.

Possiamo concludere questa breve indagine sul tempo, dicendo che esso ha
origine con gli esseri viventi ed essi soltanto riescono a dargli un significato.

Va sottolineato che, nonostante l’uomo abbia acquisito oggi una razionalità e


capacità analitiche sorprendenti, sarà forse per la paura della morte, sempre
presente, oppure per la consapevolezza che il ritaglio di tempo che ci è stato
assegnato possa giungere improvvisamente al termine, ma risulta comunque
sempre difficile riuscire a imbrigliare il tempo in un simbolo o in una semplice
formula capaci di descrivere qualcosa che non abbia sempre quell’alone di
mistero con il quale siamo abituati a percepire il tempo.

Anche se lo inseriamo in una formula, come qualsiasi altra grandezza, rimane


sempre qualcosa del tempo che non riusciamo a comprendere a fondo.

29

13
– teorie scientifiche sull’origine dello spazio e dell’universo
Abbiamo visto che l’esistenza di qualsiasi cosa viene percepita unicamente
attraverso lo spazio di memoria che viene occupato.
Dunque nessuna realtà fisica potrà essere immaginata fuori dal tempo.

Se vogliamo ora applicare all’intero universo, la condizione di esistenza che


abbiamo indicato, ci rendiamo immediatamente conto che le difficoltà che si
presentano sono praticamente insuperabili.

E’ infatti impossibile, per come l’universo viene definito, avere un osservatore


ed una memoria esterna come supporto per il tempo.

Definire dunque l’esistenza dell’universo utilizzando la nozione del tempo non


è possibile e dunque si debbono cercare altre vie, visto che comunque della
sua esistenza noi abbiamo piena coscienza.

Il primo e più semplice approccio al problema può essere un profondo


atto di fede per poter dire che l’universo esiste perchè è stato
creato dal " nulla " da un " Essere Supremo ", che ne ha definito
tutta l’organizzazione.

In questa maniera diventa possibile analizzare i fatti che si osservano senza


dover necessariamente fare indagini sulle ragioni che li rendono possibili, in
quanto l’onnipotenza di Dio rende tutto fattibile.

In alternativa, possiamo considerare l’universo creato dal " nulla " non da un
"Essere Supremo", ma dal " Big Bang ", una immane esplosione del "nulla"
che conservava in sè tutte le caratteristiche necessarie per generare l’ordine
successivo.

A parte la diversa formulazione, entrambe le alternative,


rappresentano nella sostanza un atto di fede, anche se la
seconda viene oggi molto accreditata presso la comunità
scientifica.

Anche se non pensiamo di dare risposte definitive, in questa sede, vogliamo


comunque tentare un approccio diverso al problema, tenendo presenti le
considerazioni che sono state fatte finora.

30

1
Innanzitutto dobbiamo osservare che, non essendo possibile disporre di un
osservatore esterno, si deve escludere l’esistenza di un tempo universale nel
quale dovrebbe durare l’universo per poter esistere.

La sola scelta che ci rimane è quella di ricercare un universo la cui esistenza


sia indipendentemente dal tempo : un universo senza tempo.

Qualsiasi sistema risulta indipendente dal tempo solo se


è assolutamente statico oppure se si evolve in maniera
perfettamente periodica.

Nel nostro caso, l’osservazione astronomica ci riferisce di un universo che si


presenta in evoluzione e quindi optiamo per la seconda soluzione.

Il nostro problema sarà dunque definire un universo capace di subire,


su grande scala, una evoluzione periodica per un tempo indefinito,
senza inizio nè fine.

Cominciamo con l’osservare che, se è dato un ambiente, comunque esteso,


definire in esso una qualsiasi entità, vuol dire distinguerla dalle altre presenti
attraverso la definizione delle caratteristiche di tutti i suoi punti.

Questo significa che tutti i punti che appartengono all’entità che viene definita
presentano le proprietà e le caratteristiche particolari, che vengono richieste
per provarne l’appartenenza.

I punti che non presentano quelle caratteristiche non vi appartengono


e sono dunque qualcos’altro.

Se l’entità considerata è infinitamente estesa ( nel senso che occupa tutti


i punti dello spazio geometrico ), non possono esistere, in quello spazio,
altri punti che non le appartengono.

Le eventuali caratteristiche particolari, che i suoi punti dovrebbero presentare


per poter testimoniare la loro appartenenza, non potranno certamente essere
definite, in quanto non possono esistere punti diversi dai quali distinguersi.

In altre parole, non sarà mai possibile definire l’esistenza di qualcosa che sia
infinitamente esteso, in quanto l’ambiente nel quale esso si dovrà distinguere

31

2
(per la definizione data di esistenza) dovrà necessariamente contenere altri
punti con caratteristiche diverse.

In base a queste semplici considerazioni, all’esistenza di qualsiasi cosa non


si potrà mai dare valore assoluto, ma sempre relativo all’ambiente che viene
preso in considerazione.

Nel nostro caso, assumiamo come ambiente " lo spazio geometrico " che,
essendo un pensiero astratto, può essere considerato, senza altre indagini,
con il significato noto dalla geometria euclidea, infinitamente esteso e quindi
adatto a contenere il " tutto ".

Se in tale ambiente consideriamo l’universo appena formato, ossia se


vogliamo considerare " l’istante iniziale ", dobbiamo pensarlo privo
di materia organizzata e senza alcuna evoluzione passata o in corso.

Dobbiamo quindi immaginare l’universo iniziale come lo "spazio


fisico puro"che si separa e si distingue dal restante spazio geometrico.

La separazione si ottiene con le diverse caratteristiche dei suoi punti,


che vengono indicati come "elementi spaziali fondamentali".
Essi rappresentano così i più piccoli " punti " distinguibili nello spazio
fisico puro (universo primordiale).

In definitiva, ci troviamo, a questo punto, uno spazio geometrico infinitamente


esteso in cui " si
separa " uno spazio fisico puro, il quale viene identificato
come " universo ".
I suoi punti si distinguono dal restante spazio geometrico, che viene indicato
come il " nulla ".

Secondo questa impostazione, l’esistenza del nulla è condizione necessaria


perchè si possa definire un universo primordiale, mancante cioè di qualsiasi
struttura organizzata.

E’ altresì indispensabile che gli elementi spaziali che costituiscono lo spazio


fisico puro non siano uniformemente distribuiti nello spazio geometrico, ma
separati dal nulla da un confine ben preciso, altrimenti si rigenera uno spazio
avente caratteristiche omogenee e si ricade così nella impossibilità di poter
distinguere e definire in esso qualcosa.

32

3
Si tratta, a questo punto, di definire in dettaglio le caratteristiche dello
spazio fisico puro che abbiamo identificato con l’universo primordiale.

Avendo ipotizzato, nello spazio fisico iniziale, la totale assenza di evoluzione


in corso e la assoluta impossibilità di individuare in esso qualsiasi forma di
materia organizzata (universo appena separato dal nulla), tutti i suoi punti
debbono essere equivalenti, con le stesse caratteristiche e non deve esistere
nulla che possa distinguerli, nemmeno la posizione.

Essa sarebbe infatti comunque un elemento di distinzione per poter definire


il primo livello di organizzazione della materia presente dopo una prima fase
di evoluzione.

Per poter definire dunque un universo iniziale, non devono essere presenti
nè confini, nè punti o direzioni privilegiate, in modo che lo spazio fisico puro,
che forma l’universo primordiale, assuma sempre la stessa configurazione,
indipendentemente dalla direzione e dal punto d’osservazione.

Dal punto di vista geometrico, restando nell’ambito della geometria euclidea,


alla quale tutto sembra più adatto, l’unica figura che consente di ottenere uno
spazio non infinito, con tutte le caratteristiche richieste, è la superficie sferica
formata da " punti " (elementi spaziali) uniformemente distribuiti.

Ne risulta così uno spazio avente solo due dimensioni, che si sviluppa
sulla superficie curva della sfera.

L’esistenza di una terza dimensione, finita, in direzione perpendicolare alla


superficie della sfera, nell’universo iniziale, deve essere esclusa in quanto
creerebbe un confine con conseguente possibilità di distinguere i suoi punti
utilizzando la posizione.

Questa disposizione potrebbe dunque essere interpretata come primo livello


di organizzazione, che si ottiene dopo una prima fase di evoluzione che però
noi abbiamo escluso per ipotesi.

Definita la geometria, si tratta ora di scegliere le caratteristiche specifiche


da assegnare ai singoli punti che formano lo spazio fisico puro.

E’ chiaro che, conoscendo noi l’universo che si è poi evoluto, la nostra


scelta non potrà essere arbitraria, ma deve essere tale da consentire

33

4
allo spazio fisico che ne deriva di dare origine a tutti i fenomeni che noi
oggi osserviamo nel nostro universo.

A tale riguardo, osserviamo che, se ci accingiamo ad elaborare " una teoria


del tutto ", ammettiamo, implicitamente, la sua reale esistenza.

Se dunque si considera che essa, per definizione, deve descrivere tutto


l’universo con le stesse leggi, iniziare la sua elaborazione implica l’ipotesi
iniziale che le caratteristiche della materia debbano essere indipendenti dal
suo livello di aggregazione.

In base a queste osservazioni, l’elemento spaziale dovrà


presentare le stesse caratteristiche della materia, da
quella ordinaria, organizzata in ammassi galattici, a quella
ancora nella fase di puro spazio fisico.

Vedremo in seguito che, per la verità, questa situazione non corrisponde alla
realtà fisica, ma risulta una conseguenza del fatto che noi ed i nostri mezzi di
indagine abbiamo dei limiti che si riflettono su qualsiasi teoria universale.
E’ dunque utile tenere presente quanto segue :

1 – tutte le trasformazioni che si verificano nell’universo attuale sono


sempre riconducibili a scambi di " forze ".

2 – tutto l’universo osservabile ci appare disseminato di qualcosa che


noi chiamiamo " materia ", che presenta la capacità di aggregarsi e
disgregarsi continuamente.

3 – tutto ciò che occupa spazio nell’universo, indipendentemente dal


livello di aggregazione, è sempre animato di moto " rototraslatorio "
che si sviluppa, quasi sempre su un piano privilegiato.

4 – da qualsiasi punto ed in qualunque direzione si osservi, l’universo


" rivela sempre la stessa organizzazione ", anche per i punti che si
trovano ad una distanza di 10 24 K m , valore massimo osservabile.

Per quanto riguarda il primo punto, va precisato che il concetto di forza come
grandezza fisica è stato introdotto come comodo strumento per studiare il
comportamento dei corpi che ci circondano nelle condizioni ordinarie, ma si

34

5
è rivelato di natura e significato assolutamente incerti per le applicazioni fuori
dall’ordinario.

Essendo il nostro universo primordiale certamente in condizioni non comuni,


prima di usare il termine sarebbe necessario fare qualche precisazione.
Tuttavia, per i nostri scopi attuali, lo useremo con il significato comune, senza
ulteriori indagini.

Anche il termine materia non ha un significato ben definito, scientificamente,


ed è stato preso con il senso dato nel linguaggio comune.

Nell’universo primordiale essa non compare e dunque, per adesso, non crea
particolari problemi.
Quando verrà usato, se non viene diversamente specificato, il termine dovrà
inizialmente intendersi con il significato corrente.

Il terzo e quarto punto ci portano, ragionevolmente, ad ipotizzare che le leggi


che regolano l’equilibrio e l’organizzazione dell’universo non siano il risultato
di una " comunicazione " diretta tra i diversi " elementi spaziali ", difficile da
immaginare ad una distanza di 10 24 K m , ma che siano scritte negli elementi
spaziali stessi.

Solo in questo modo l’organizzazione potrà essere rigorosamente la


stessa ovunque ed a qualsiasi livello di aggregazione.

Prendendo in considerazione quanto è stato finora esposto, immaginiamo lo


"spazio puro" formato da elementi spaziali o punti materiali, che indichiamo
con S 0 , come sfere rotanti indeformabili, aventi raggio r 0 piccolo a piacere
( r 0 → 0 ), distribuiti uniformemente e con continuità sulla superficie di
una sfera di raggio R.

La capacità degli elementi spaziali di distribuirsi uniformemente sulla sfera si


può ottenere automaticamente assegnando a ciascuno di essi la possibilità
di trasferire attraverso ogni punto della sua superficie un’azione specifica f0
costante ed indipendente dalla direzione.

Assegnando ancora a ciascun elemento spaziale la possibilità di ruotare su


se stesso con una velocità periferica V0 nel verso orario oppure antiorario,

35

6
la continuità dello spazio fisico e la presenza dell’azione f 0 creeranno
una rotazione nei due versi con distribuzione esattamente al 50 % , come è
rappresentato in figura 5 .

Quello che, a questo punto, ci proponiamo di fare è dimostrare che :

Senza introdurre alcuna ipotesi restrittiva e senza dover fare ricorso a


dati empirici, utilizzando unicamente i metodi impiegati normalmente
nella meccanica razionale, lo spazio fisico puro così definito si evolve
spontaneamente e si organizza, generando tutte
le strutture ed
i fenomeni che si manifestano oggi nell’universo, sia a
livello atomico che astronomico, fino al " grande attrattore ".

Tutto questo viene ottenuto utilizzando una sola forza ed una sola legge
del moto, le quali consentono l’equilibrio solo in condizioni ben precise.

Il verificarsi di queste condizioni porta alla quantizzazione generale di tutte le


grandezze fisiche che caratterizzano il moto, inclusa quella nota e largamente
utilizzata in campo atomico.

Come si può vedere,abbiamo scelto le caratteristiche dell’elemento spaziale


primordiale esattamente coincidenti con quelle della materia organizzata.

Questo equivale ad assumere come principio guida per tutta la teoria il fatto
che le caratteristiche della materia siano del tutto indipendenti dal livello di

36

7
organizzazione e quindi che tutte le leggi della fisica debbano avere validità
assolutamente universale.

Inoltre, dato che le leggi che governano gli equilibri sono state derivate dalle
caratteristiche di un elemento di spazio estremamente semplice e privo
di struttura interna, esse non potranno che essere poche ed elementari ed
il nostro scopo sarà quello di cercarle.

Cercheremo dunque l’espressione di un’unica forza che, per avere validità


generale, deve essere applicabile a qualsiasi livello di aggregazione e quindi
dovrà risultare necessariamente indipendente dalle particolari caratteristiche
della materia organizzata.

Indicheremo questa espressione come " forza universale ".

Analogo discorso si può fare per la condizione di equilibrio, che dovrà avere
validità generale, applicabile a tutti i livelli di aggregazione e dunque dovrà
essere descritta da una espressione molto semplice che indicheremo come
" condizione di equilibrio universale ".

Applicando queste due espressioni agli aggregati astromici, ricaveremo tutte


le orbite, velocità ed altre caratteristiche di tutti i sistemi satellitari, planetari,
stellari e galattici.

Applicando le stesse relazioni agli aggregati atomici e subatomici, potranno


essere ricavate sia la struttura dell’atomo e del suo nucleo, che l’espressione
teorica dell’enegia di legame, di cui oggi è disponibile solo un’espressione
semiempirica.

Studiando il nucleo atomico con l’espressione teorica dell’energia di legame,


verranno giustificati i comportamenti già noti, mettendo anche in evidenza il
meccanismo di formazione dei neutroni al suo interno.

Usando la stessa relazione, ricaveremo, infine, il valore teorico della massa


di tutti gli isotopi naturali fino al numero atomico Z = 118 , che rappresenta il
limite assoluto, previsto dalla teoria per il numero di elementi sintetizzabili
nell’universo.

Ritornando ora al nostro universo, iniziamo il primo passo verso l’evoluzione

37

8
partendo dalla schematizzazione di figura 6.

Se indichiamo con R max il raggio delle sfera universale con tutti gli elementi
spaziali S 0 , disposti sulla sua superficie, perfettamente a contatto tra loro, su
un unico strato, lo spessore dello spazio puro sarà (figura 5) : dR = 2 ⋅ r 0
il volume occupato da tutto lo spazio nella condizione iniziale sarà quindi :

V 0 = 4 ⋅ π ⋅ R 2max ⋅ 2 ⋅ r 0 .

Se gli elementi spaziali S 0 sono indeformabili per definizione, qualunque sia


l’evoluzione della sfera cosmica, tale volume resterà costante.

Il numero di elementi spaziali che agiscono in ogni momento sulla superficie


unitaria, ovvero la densità di elementi spaziali, sarà :

2
R ma x
δs = Ns =
R

Se ora, con riferimento alla figura 5, consideriamo una superficie elementare


dS = R 2 ⋅ dα , per la indivisibilità di S 0 , possiamo porre dS = π ⋅ r 20
e la forza F 0 che tale superficie scambia con gli elementi contigui fa nascere
una componente radiale : dF r = F 0 ⋅ sen dα

38

9
e, per un limite notevole, si ha : dF r = F 0 ⋅ dα

La pressione che gli elementi spaziali distribuiti sulla superficie della sfera
esercitano verso il centro O vale :

dF r F 0 ⋅ dα F0
P= = =
dS R 2 ⋅ dα R2

Essendo uguale a zero la pressione esercitata dal " nulla " all’interno
della sfera, sotto l’azione della pressione P essa si contrae.

La contrazione produce un aumento della densità superficiale δ s con ulteriore


aumento della pressione P , per cui, man mano che diminuisce il valore del
raggioR della sfera, aumenta la velocità radiale di contrazione fino al valore
massimo osservabile V max che verrà raggiunto in corrispondenza del valore
minimo osservabile del raggio R min .

La riduzione del raggio R, associato alla contrazione della sfera, produce una
riduzione della sua superficie e quindi anche uno scorrimento superficiale di
tutti gli elementi spaziali.

Essendo r 0 → 0, è sufficiente che si produca un piccolo spostamento relativo


perchè si abbiano elementi spaziali rotanti equiversi vicini con conseguente
aggregazione, nei modi mostrati in figura 7.

39

10
Quando questo accade, il punto O di contatto rimane fermo nello spazio, per
cui i due elementi spaziali iniziano a ruotare attorno ad esso, se le condizioni
sono tali da consentirlo.

Bisogna infatti tenere presente che, affinchè possa iniziare la rotazione, sarà
necessario che la coppia motrice che tende a far ruotare l’aggregato riesca
a vincere la forza di legame con lo spazio circostante in modo da permettere
lo scorrimento.

La coppia motrice aumenta man mano che cresce il numero di elementi che
si aggregano.

Se indichiamo con N 1 il numero di elementi aggregati in corrispondenza del


quale si verifica la rottura di questi legami, lo scorrimento superficiale che si
crea, benchè minimo, rappresenta un confine tra l’aggregato, che chiamiamo
A 1 e lo spazio circostante.

Nasce così nello spazio fisico puro iniziale qualcosa che si distingue da esso
anche se è formato dagli stessi elementi spaziali.

Questo fatto è di un’importanza eccezionale, in quanto rappresenta il


primo passo evolutivo verso la materia organizzata.

L’esistenza dell’aggregato A 1 nello spazio è quindi legata unicamente


alla sua velocità relativa rispetto agli elementi spaziali circostanti.
Essi soltanto possono dunque rivelarne la presenza.

Qualora tale velocità dovesse, per una ragione qualsiasi, annullarsi, il nuovo
aggregato A 1 cesserebbe di esistere.

Questa osservazione ci consente di interpretare la materia presente


nell’universo semplicemente come " manifestazione del moto relativo
tra punti diversi dello spazio fisico ".

A 1 = N 1 ⋅ S 0 rappresenta il primo livello di aggregazione che lo spazio puro


riesce a produrre.

40

11
Quello che più conta è il fatto che la creazione di una velocità di scorrimento
V S0 sul confine costituisce un ostacolo per l’aggiunta di altri elementi spaziali
S 0 all’aggregato A 1 .

Per questa ragione esso è ben definito e tutti gli aggregati A 1 che si formano
nello spazio sono perfettamente identici tra loro, anche se essi si trovano ad
una notevole distanza tra loro, senza alcun bisogno di comunicare.

Si assiste così ad una graduale proliferazione di aggregati di questo tipo, sia


destrogiri che levogiri.

Man mano che la loro concentrazione nello spazio aumenta, cresce anche la
probabilità che essi possano incontrarsi.

E’ chiaro che gli aggregati A 1 equiversi, con la stessa velocità periferica V S0 ,


incontrandosi, si aggregano in maniera del tutto simile agli elementi S 0 .

Esisterà dunque un numero N 2 di aggregati A 1 in corrispondenza del quale


un nuovo aggregato A 2 = N 2 ⋅ A 1 sarà capace di dare origine ad un nuovo
confine di raggio maggiore, con una velocità di scorrimento V S2 rispetto agli
elementi spaziali circostanti.

Continuando con questo meccanismo, sulla sfera universale, si assisterà alla


formazione di due grandi spazi controrotanti che crescono fino ad occupare
ciascuno un intero emisfero, restando infine separati, idealmente, dalla linea
che individua l’equatore.
In questa fase l’universo si presenta come in figura 8 .

41

12
Facciamo notare che la gradualità dei processi utilizzata nell’esposizione non
è reale, ma solo necessaria e utile a noi per la descrizione.

Nella realtà, trattandosi di un universo senza tempo, la sfera universale


non si polarizza gradualmente nel tempo, ma è semplicemente sempre
polarizzata.

Finora abbiamo parlato sempre di velocità di scorrimento relativa del confine


di un aggregato rispetto allo spazio circostante.

Se consideriamo l’intera sfera universale, tale velocità coincide con quella di


scorrimento relativo di un parallelo rispetto all’altro.

La rappresentazione data in figura 8 indica dunque quella di una sfera


cosmica assolutamente ferma, con l’asse polare immobile.

D’altra parte, se non possiamo assumere un sistema di riferimento esterno,


l’operazione di assegnare all’universo una velocità di rotazione su se stesso
sarebbe priva di significato e quindi essa si deve intendere solo dei paralleli
rispetto ai poli , considerati fermi.

Notiamo che, essendo la velocità crescente dall’equatore ai poli, nelle zone


polari (escluso l’asse) la velocità di rotazione raggiungerà il valore massimo
V 0 associato alla superficie dell’elemento spaziale S 0 .

Possiamo dunque concludere che, secondo il meccanismo che è stato


descritto, gli elementi spaziali, con le caratteristiche che abbiamo loro
assegnato, compiono un primo passo evolutivo dando origine ad un
universo polarizzato il quale si contrae con una velocità crescente e
dunque con moto accelerato.

Dato però che il centro della sfera non si trova nell’universo, in quanto è solo
un punto geometrico e dunque non appartiene alla realtà fisica, per noi non è
possibile rilevare direttamente il moto radiale, ma solo quello di scorrimento
che si genera sulla superficie della sfera.

Va infine osservato che, su scala cosmica, i due emisferi universali risultano


assolutamente identici ed indistinguibili, anche nel verso di rotazione, perchè
non si potrà mai realizzare una loro osservazione simultanea sul piano, dove
essi risulterebbero chiaramente controversi.

42

13
I due emisferi continuano la loro evoluzione indipendentemente uno dall’altro,
ma, essendo essi costituiti dagli stessi elementi spaziali, i fenomeni che si
manifestano e gli aggregati che si formano sono assolutamente identici, con
versi di rotazione opposti.

Proprio per questo motivo, se, per qualsiasi ragione , due aggregati identici,
appartenenti a diversi emisferi, vengono a scontrarsi, il " rimescolamento "
degli elementi controversi annulla le caratteristiche proprie degli aggregati,
riproducendo lo " spazio fisico puro iniziale " con elementi S 0 controversi
esattamente al 50 % e/o aggregati più piccoli.

In questo senso, i due emisferi si possono definire "spazio" ed "antispazio"


e gli aggregati corrispondenti " materia " ed " antimateria ".

E’ da notare che finora abbiamo trattato l’universo come se la sua esistenza


fosse una realtà oggettiva, definita con precisione fin dalla sua separazione
come puro spazio fisico.

Sappiamo bene che questo non può essere vero, ma abbiamo trascurato di
affrontare l’argomento per necessità di esposizione.

Per esempio, abbiamo prima detto che l’universo non ha una sua origine, ma
esiste da sempre fuori dal tempo e successivamente abbiamo utilizziamo la
velocità relativa come parametro fondamentale per rilevarne sia l’esistenza
che l’evoluzione.

E’chiaro che, se abbiamo un sistema formato da due punti, per poter dire che
essi occupano una posizione variabile nel tempo, e dunque affermare che il
sistema si evolve, è necessario disporre di una memoria per poter registrare
la configurazione assunta in due punti di memoria consecutivi in modo da
Δd
determinare la loro velocità relativa con la definizione : V=
Δt
dove Δd rappresenta la differenza tra le distanze memorizzate nei due punti
di memoria consecutivi e Δt è la distanza temporale caratteristica tra le due
registrazioni.

La stessa definizione di velocità implica la presenza di una memoria capace


di organizzare i rilievi.

43

14
Il problema fondamentale diventa dunque capire se possono esistere
nello spazio fisico due punti in moto relativo senza la presenza di un
osservatore e quale significato può avere il moto, in questo caso.

In altre parole, dobbiamo capire che cosa, nell’universo, è realtà fisica e che
cos’altro è invece pura costruzione del cervello.

Per molte ragioni, è per noi estremamente difficile distinguere le due cose e
questo si può facilmente capire se confrontiamo l’universo che "vedremmo",
se fossimo privi di tutti i sensi, con quello che viene percepito nella nostra
condizione attuale.

La conclusione che si potrebbe trarre da questo semplice esperimento


è che al di fuori del nostro cervello non esiste assolutamente nulla e
che tutto quello che percepiamo è solo una nostra costruzione teorica.

Se anche si accetta questa drammatica conclusione, ci si deve comunque


chiedere qual’è il " fenomeno elementare " che, se applicato ripetutamente,
porta alla impressionante varietà di eventi percepiti.

Penso che a questa domanda non potremo mai dare una risposta, in
quanto nel tentativo di farlo ci troveremmo costretti a negare anche la
esistenza dello spazio fisico puro e dunque dell’universo primordiale.

44

15
– significato e definizione di spazio e tempo, teoria dello spaziotempo
di Minkowski e cono di luce
Nei paragrafi precedenti abbiamo parlato dello spazio e del tempo percepiti,
che, per definizione stessa di percezione, traggono origine da un processo di
ricostruzione del cervello e dunque esistono solo come realtà soggettive.

Rimane dunque senza risposta la domanda su che cosa innesca il processo


di percezione e in definitiva su che cosa è lo spazio.

Nella realtà, dare una definizione dello spazio fisico nel quale ci muoviamo
non è facile e ci vediamo costretti ad assumerlo come concetto primitivo,
accontentandoci di descriverlo solo indirettamente attraverso le sue proprietà
che rileviamo interagendo con esso.

L’idea primitiva dello spazio è sempre stata quella associata a un’estensione


"vuota" all’esterno dell’uomo.
Ci si accorge dell’impossibilità di definirlo solo quando si abbandona questa
idea per considerarlo, non più come un contenitore vuoto della realtà, ma
il " luogo " in cui esiste la materia più rarefatta, evanescente.

Rapportando la posizione del proprio corpo a quella degli altri, si acquisisce


facilmente la consapevolezza dell’esistenza dello spazio, ma quando si cerca
di dare una definizione chiara , ci si rende subito conto che, per farlo, si deve
allargare l’indagine su molti suoi aspetti, in particolare : sulla sua natura, sulla
sua esistenza oggettiva e sulla sua struttura metrica (geometria).

Con l’indagine e l’eleborazione di tutti questi aspetti, il concetto di spazio è


cambiato molto nel corso della storia del pensiero e la sua evoluzione è
andata di pari passo e si è identificata con l’evoluzionedel nostro modo di
osservare la realtà. Per questa ragione, storicamente, lo spazio, così come il
tempo, viene rappresentato e gli viene dato un significato diverso a seconda
della cultura prevalente.

Senza dubbio, il concetto di spazio più noto è quello che, scientificamente,


viene descritto come un luogo di punti geometrici attraverso un sistema di
assi cartesiani.
A questo punto, lo spazio, come sistema di riferimento, diventa indipendente
dai corpi in esso contenuti ed acquista un valore assoluto.

Un concetto legato allo spazio è quello di luogo, inteso come posto occupato

44a

1
dagli oggetti, necessario per la percezione sia dell’esistenza (nel luogo) che
del movimento, inteso come traslazione da un luogo all’altro.

Come abbiamo visto trattando l’origine del tempo, esso nasce proprio dalla
esigenza di descrivere i cambiamenti spaziali e quindi tutto ciò che si muove
o si trasforma nello spazio viene acquisito dalla memoria e descritto anche a
livello temporale.

La percezione del "tempo" diventa così la presa di coscienza che la realtà di


cui siamo parte si è modificata.
Attraverso lo spazio di memoria occupato viene anche percepita la rapidità
con la quale si realizzano i cambiamenti e non solo il "prima" e "dopo".

Dunque, prima ancora di introdurre il concetto di velocità, che lega lo spazio


al tempo, il legame tra le due entità veniva già percepito, anche se non
esistevano le condizioni per fare una valutazione quantitativa.

La prima percezione del tempo è stata quella legata al moto ciclico dei corpi
celesti e quindi il tempo stesso, insieme allo spazio era ciclico, ripetitivo.
Il sorgere del Sole non segnava l’inizio di un nuovo giorno, ma il ritorno dello
spazio "esterno" nella esatta condizione del giorno precedente, al fine di
consentire il ripetersi degli eventi.

Anche la morte, per lungo tempo, è stata avvertita come la fine di un ciclo che
sarebbe comunque iniziato nuovamente con la rinascita.
Fu poi nel pensiero cristiano, con sant’Agostino che il tempo venne concepito
in senso lineare, progressivo e non più ciclico come nel mondo pagano.

E’di questo periodo la definizione fondamentale di Newton, secondo il quale


il tempo scorre immutabile, sempre uguale a se stesso.

Secondo la concezione del tempo e dello spazio immutabili, quando si passa


dalla percezione alla valutazione scientifica, la rapidità del cambiamento di
una configurazione viene sostituita dal concetto di velocità, apparentemente
semplice nella definizione, se non si considerano le reali misurazioni richieste
per poterla valutare.

Se abbiamo un punto nello spazio, rivelarne l’esistenza vuol dire localizzarlo


nel tempo e nello spazio.
Per farlo è necessario interagire con esso e questo si realizza attraverso dei

44b

2
segnali. In uno spazio assoluto come quello immaginato da Newton il rilievo
degli oggetti non pone alcun problema in quanto essi, in quanto visibili, sono
presenti contemporaneamente in quei punti dello spazio e quindi anche tutte
le interazioni sono sempre presenti.

Questo significa che tutti i punti dello spazio si scambiano le loro azioni con
una velocità infinitamente elevata. Nella realtà però se anche per lo spazio la
situazione fosse questa, non lo è certamente per noi osservatori, che non
conosciamo segnali con velocità di propagazione infinita.

Se un osservatore O vuole verificare la presenza nel punto P dello spazio al


tempo t di un oggetto alla distanza r, invia un segnale che si propaga con la
velocità V m , raggiunge il punto P e viene riflesso per essere intercettato nel
punto O.
Il segnale inviato al tempo t 0 raggiunge il punto P dopo un tempo t 1 dato
r
da : t 1  .
Vm
r
Dopo essere stato riflesso il segnale impiega un tempo t 2  per
Vm
ritornare all’osservatore.
Dado che la risposta si rende disponibile solo al tempo t r  t 0  t 1  t 2 ,
l’osservatore non può essere certo che quello che osserva sia la situazione
attuale, e può solo affermare che l’oggetto era presente nel punto P al tempo
t 1  t 0  t 1 .
Quello che abbiamo detto può sembrare banale, ma lo è molto meno quando
si deve rilevare un oggetto a grande distanza utilizzando un segnale piuttosto
lento nella propagazione.

Con riferimento alla figura, supponiamo di voler rilevare la presenza di aerei


nello spazio entro il raggio di 10 K m , utilizzando degli ultrasuoni.

44c

3
Nell’istante t 0 inviamo due segnali s 1 ed s 2 nelle direzioni indicate in figura
e riceviamo due segnali di ritorno dopo gli intervalli di tempo :

t 1  52. 94 sec e t 2  58. 82 sec

Tenendo conto che la velocità di propagazione degli ultrasuoni nell’aria vale


m
Vm  340
sec
, deduciamo la posizione di due aerei alle distanze :

t 1  V m t 2  V m
r1   8. 9998 K m ; r2   9. 9994 K m
2 2
Questa interpretazione dei risultati non è però l’unica.

Se consideriamo la distanza tra gli ipotetici aerei : d 12  r 2  r 1  999. 6 m ,


il segnale a ultrasuoni per propagarsi da un aereo all’altro impiega un tempo
d 12
t s   2. 94 sec .
Vm
Se P 1 è un aereo ultrasonico, in un tempo minore di t s può spostarsi dal
punto P 1 al punto P 2 e riflettere quindi il segnale s 2 in arrivo.

Non potendo noi distinguere i due casi, ci chiediamo : Qual’è la realtà ?


La risposta è che è reale quello che osserviamo e dunque non esiste una
sola realtà.

Naturalmente, per noi che siamo abituati a identificare la realtà con tutto ciò
che cade sotto i nostri sensi, diventa difficile accettare l’idea che quello che
" vediamo " con il nostro segnale non sia vero.

Se analizziamo in dettaglio i due casi, vediamo che il problema nasce perchè,


anche se i segnali inviati sono simultanei, qualunque sia il tipo di segnale, che
viene utilizzato, propagandosi con la stessa velocità V m , non è possibile farli
giungere nello stesso istante in due punti a distanza diversa dalla sorgente.

Questo vuol dire che, se identifichiamo il tempo t 0 , in cui partono i segnali


per l’osservazione, con il presente, nello spazio non possono esistere
nello stesso istante due realtà "osservabili" in punti a diversa distanza

44d

4
dalla sorgente di segnali.
La realtà presente è data solo dai punti equidistanti dall’osservatore.

Essendo il tempo presente, per definizione, quello rilevato dall’osservazione


in atto, ad ogni valore dello spazio r si associa un valore del tempo, per
cui ogni presente dello spazio è individuato dalla coppia di coordinate
r;t e ogni punto P del presente dai valori r;;;t .

E’ chiaro quindi, a questo punto, che se un osservatore è in moto rispetto allo


spazio, considerato solidale con il mezzo in cui si propagano i segnali,
i valori delle coordinate dei punti dello spazio risulteranno variabili in rapporto
alla posizione che l’osservatore occupa nel tempo.

Nasce quindi il problema di definire come le coordinate spaziale e temporale


di un punto dello spazio, rilevate da un osservatore immobile, si trasformano
se lo stesso punto viene osservato da uno mobile.
Il problema verrà trattato diffusamente in seguito, per cui facciamo ora solo i
pochi cenni necessari agli scopi attuali.

Con riferimento alla figura, indicando con x ; t le coordinate della sorgente

S rilevate dall’osservatore immobile, solidale con la sorgente ed il mezzo


di propagazione dei segnali, le coordinate x’; t’ della stessa sorgente
rilevate dall’osservatore in moto rispetto al mezzo ( e alla sorgente ) con la
velocità V , si ottengono osservando che, mentre il segnale s 2 si muove verso
O’, quest’ultimo si sposta verso la sorgente con la velocità V.

Il segnale intercetterà dunque l’osservatore O’ nel punto A, dopo un tempo t’

dato dalla : V  t’  x  x’

con : x  Vm  t e x’  V m  t’

44e

5
da cui si ottiene la trasformazione :
x’  x  V  t’

V  x’
t’  t –
V 2m
Un problema speculare è quello di esprimere la coordinata x’, nel riferimento
immobile O.

La posizione del punto A, valutata dall’osservatore immobile O, si ricava con

x – xO’  V  t xO’  x – V  t

le relazione : x  Vm  t da cui : Vx


tO’  t –
xO’  Vm  tO’ V 2m

dove tutte le misure vengono rilevate dall’osservatore immobile.


Differenziando e dividendo membro a membro si ottiene :

x
t  V
x O ’ x  V  t t
 
t O ’ V  x V x
t – t 1– 
V 2m V 2m t

x O ’ x
sostituendo :  O’ e 
t O ’ t

si ricava così la relazione :

–V
O’ 
V
1–
V 2m

44f

6
che esprime la legge di composizione delle velocità generalizzata.
x O ’ x’
Si noti che : O’   ’ 
t O ’ t’

in quanto ’ è la velocità misurata dal riferimento mobile O’, mentre  O ’ è la


stessa velocità misurata dal riferimento O.

Ritornando all’esempio degli aerei, osserviamo che le realtà che sono state
rilevate differiscono per il fatto che la prima è associata a una configurazione
stazionaria dello spazio, mentre nel secondo caso si ha una evoluzione della
configurazione che non può essere messa in evidenza perchè la velocità
dell’aereo è maggiore di quella del segnale che potrà quindi raggiungerlo
solo quando esso si fermerà, nel punto P 2 .

Questo ci dice che un oggetto, per poter essere osservabile , non si deve
muovere nello spazio con una velocità maggiore di quella del segnale usato
per rilevare la sua presenza. In termini equivalenti:

La velocità di propagazione del segnale, V m , rappresenta


il valore massimo raggiungibile, " in quello spazio", da un
punto, per poter essere osservabile.
Questo limite viene messo in evidenza anche dalla relazione che esprime la
composizione delle velocità. Infatti, se  e/o V è uguale a V m , la velocità che
viene misurata dall’osservatore O risulta sempre  O ’  Vm.
Conseguenza rilevante dei risultati che abbiamo ottenuto è l’impossibilità di
misurare " simultaneamente " la posizione di due punti posti a diversa
distanza dall’osservatore, anche se i due punti sono a distaza fissa e sono
legati tra loro attraverso una struttura rigida.

Abbiamo visto che a ciascun punto dello spazio sono associate le coordinate
spaziale e temporale r;t dove r è la distanza del punto da osservare dalla

sorgente di segnali e t l’istante in cui il segnale raggiunge il punto P r ; t .

Secondo l’interpretazione corrente, la coordinata r è una scelta dell’operatore


e quindi rappresenta una variabile indipendente.

44g

7
La coordinata temporale t viene invece definita da due componenti :

t t O  t

t O rappresenta il tempo che viene indicato dall’osservatore O quando la


sua posizione coincide con l’origine degli assi di riferimento.

Il suo valore è definito dal numero di cicli (oscillazioni) realizzatida un sistema


periodico stazionario, o comunque che si possa ritenere tale, che viene
"scelto arbitrariamente" ed associato all’osservatore allo scopo di dare
un’ordine alle osservazioni fatte.

E’chiaro che questo oscillatore è utile, quindi è necessario che sia operativo,
solo quando l’operatore prevede di effettuare più osservazioni e non sempre,
per cui ogni operatore, di volta in volta, potrebbe scegliere il suo oscillatore e
sarebbe perfettamente adatto allo scopo.

Questo modo di procedere darebbe all’ordine stabilito un valore unicamente


locale, con ovvi problemi di comunicazione tra i diversi osservatori, qualora si
rendesse necessario farlo.

Per questa ragione è conveniente scegliere un solo oscillatore, posto in un


punto dello spazio scelto arbitrariamente e capace d’inviare i suoi segnali a
velocità infinita in qualsiasi punto dell’universo.

In questo modo tutti i punti dello spazio potrebbero essere forniti di un sistema
capace di ricevere e contare gli impulsi in arrivo, partendo da uno zero
comune, in modo che sia possibile associare a ciascuna osservazione
il numero dell’impulso in corrispondenza del quale è stata realizzata.

La funzione di questo numero è solo quella di consentire di ordinare le


osservazioni che vengono effettuate in qualsiasi punto dello spazio e
quando viene considerato da solo, senza alcun riferimento a un’osservazione
o eventi di qualsiasi natura, altro non fa che testimoniare l’esistenza del
lontano oscillatore che continua ad essere attivo.

Questo numero che aumenta di una unità ad ogni impulso, in qualsiasi


punto dell’universo, senza alcun legame con gli eventi, s’identifica con
quello che indichiamo come tempo e che " scorre " indipendentemente
dalla nostra volontà.

44h

8
Nella realtà, non disponiamo di un oscillatore con le caratteristiche richieste e
nemmeno di segnali capaci di trasferirsi nello spazio con velocità infinita.
Si pone quindi il problema di creare un sistema alternativo, capace di dare la
stessa risposta.

Se il segnale non si propaga con velocità infinita, con un unico segnale non è
possibile associare ad ogni impulso lo stesso numero in punti distanti tra loro
nello spazio.

Ogni osservatore dovrà quindi essere corredato di un oscillatore locale che


dovrà generare sul posto l’impulso per realizzare il conteggio.

Naturalmente, per fare in modo che allo stesso evento, osservato in due punti
diversi, venga associato lo stesso numero, gli oscillatori locali devono essere
tutti perfettamente uguali tra loro e sincronizzati con l’oscillatore centrale,
assunto come campione.

Per poter fare questa operazione, è necessario conocsere con precisione la


velocità di propagazione del segnale campione, che potrà anche non essere
dello stesso tipo di quelli utilizzati per le osservazioni.
Per esempio, è possibile utilizzare un segnale luminoso per inviare l’impulso
fornito dall’oscillatore e fare le osservazione con segnali a ultrasuoni.

Se indichiamo con V SC la velocità del primo segnale, un oscillatore posto alla


distanza r 0 dal campione, quando riceve il segnale deve essere tarato in

r0
modo che l’indicazione sia t0  .
V SC
Questo tempo s’incrementa di una unità ad ogni ciclo dell’oscillatore e questo
indica solo che esso esiste e continua ad oscillare non per noi, ma per conto
suo, anche se non si osserva assolutamente nulla. " Il tempo numerico è
quindi una grandezza che ha solo significato convenzionale ".

L’unico tempo che ha significato reale è solo quello percepito dagli


esseri viventi e utile per la sopravvivenza.

Se si assume un sistema di assi di riferimento, l’oscillatore posto nell’origine


indicherà un tempo uguale a quello del campione : t O  tC

44i

9
Se nel sistema di riferimento locale i segnali si propagano con velocità Vm ,
al punto P , che si trova alla distanza r dall’origine, sarà associato un tempo
universale dato da :
r
tt O 
Vm
in cui t O aumenta con il numero di cicli dell’oscillatore con lo stesso ritmo
per tutti i punti dello spazio associato al sistema di riferimento scelto.

Ogni punto dello spazio è quindi individuato dalla coppia di valori r;t con

r che individua la posizione e t l’istante in cui il punto viene osservato.

Se i rilievi vengono fatti da un osservatore mobile con velocità V , la distanza


da esso rilevata vale :
r’  r – V  t’
sostituendo si ha :
r – V  t’ r V  t’ V  t’
t’  t O  t O   t
Vm Vm Vm Vm
da cui si ricava il tempo misurato dall’osservatore mobile :
1
t’  t 
V
1
Vm

r
Dall’espressione del tempo si ricava : ts  t – t O 
Vm
Il primo membro rappresenta la differenza tra il tempo associato allo spazio
posto alla distanza r dall’origine O e quello associato all’origine stessa, così
come in un sistema di assi cartesiani il valore della coordinata di un punto è
uguale alla differenza tra il valore associato al punto e quello dell’origine, che
generalmente si assume uguale a zero.

In questo senso la quantità t–t O si può interpretare come una

44k

10
coordinata temporale da associare alla distanza r ( superficie sterica di
raggio r ).
Sostituendo alla distanza r le coordinate cartesiane, si può scrivere :

r2 x 2  y2  z 2 x2 y2 z2
t 
2
s
   
2 2 2 2
V m
V m
V m
V m
V 2m
e quindi, con ovvio significato dei simboli possiamo scrivere la relazione tra
le coordinate temporali :
t 2s  t 2x  t 2y  t 2z
Analogamente, ponendo t 2s  V 2m  r 2 , la stessa relazione si può scrivere
2
con le coordinate spaziali : r2  ts  Vm  x 2  y2  z 2

Ricordiamo che fu Minkowski che, dopo la pubblicazione della teoria della


relatività di Einstien, per primo, introdusse il tempo come quarta dimensione,
trattando per la prima volta spazio e tempo come parti di una sola entità, un
continuum spazio – tempo a quattro dimensioni, "trattando spazio e tempo
allo stesso modo".

Facciamo però osservare che, anche se le relazioniche abbiamo scritto sono


corrette da un punto di vista formale, presentano gravi incongruenze fisiche e,
più in generale, concettuali.

Abbiamo infatti due relazioni "assolutamente identiche", scritte una volta in


termini spaziali e l’altra usando notazioni temporali, senza tener conto che lo
spazio fisico ha caratteristiche peculiari proprie che non si possono attribuire
al tempo senza conseguenze.

L’espressione con le coordinate spaziali r 2  x 2  y2  z 2


è certamente corretta sia da un punto di vista fisico che matematico, in quanto
uno spostamento ha caratteristiche vettoriali, nel senso che è caratterizzato,
oltre che dal valore numerico, anche dalla direzione e dal verso, per cui se si
realizzano contemporaneamente gli spostamenti x , y , z nelle direzioni degli
assi, si compie un’operazione in tutto equivalente ad un unico spostamento r
nella direzione risultante.
Per uno spostamento infinitesimo, si può anche scrivere :

44l

11
2
r  x 2
 y 2
 z 2

In termini temporali, la relazione t 2s  t 2x  t 2y  t 2z


risulta corretta, da un punto di vista matematico, in quanto è stata ottenuta
dividendo entrambi i membri dell’espressione spaziale per la stessa quantità.

dS
Si deve però tenere presente che dalla relazione definizione : V
dt
si ricava correttamente : dS  dt  V che, integrata con V  costante ,

fornisce anche : S  ts  V
ossia : S  Sx  Sy  Sz  ts  V  ts  Vx  Vy  Vz 

 t s V x  t s V y  t s V z

Queste relazionidicono che il vettore S , che descrive lo spazio percorso

nel tempo t s da un punto materiale che si sposta con velocità V ,


è equivalente alla somma vettoriale degli spazi percorsi nella direzione
degli assi del sistema di riferimento nello stesso tempo t s .
Dividendo le componenti per il tempo comune, si ottengono le componenti
delle velocità necessarie per produrre lo spostamento assegnato che in
genere risulteranno diverse tra loro.

In definitiva, lo spostamento S del punto materiale, prodotto nel tempo t s , può


essere descritto ( e in questo senso è equivalente) come la somma vettoriale
degli spostamenti prodotti dallo stesso punto nello stesso tempo lungo gli
assi di riferimento, muovendosi con le velocità :

Sx  Sy  Sz Sx Sy Sz
Vx  Vy  Vz    
ts ts ts ts
Abbiamo dunque spazi diversi che vengono percorsi nello stesso tempo con
velocità diverse. Naturalmente questa equivalenza si rivela di grande utilità in
tutta la fisica.

44m

12
Il nostro problema non è però descrivere il moto di un punto materiale,
ma rilevare la sua presenza ad una distanza r dall’origine, in un istante
arbitrario t, indipendente dalla posizione del punto nello spazio.
Per farlo inviamo un segnale che si propaga con velocità V m caratteristica
del mezzo, indipendente dalla direzione di propagazione, e misuriamo
il tempo t s richiesto per raggiungerlo.

Se V m non dipende dalla direzione di propagazione del segnale, diventa una


grandezza scalare e non si può parlare di componenti della velocità, in quanto
dovrà essere :
Vx  Vy  Vz  Vm
Non è quindi possibile usare, con qualche riferimento alla realtà fisica, la

notazione vettoriale : r xyz  ts  Vm

Se V m è costante per i tre segnali che si spostano sugli assi, per produrre gli
spostamenti x , y , z , diversi fra loro, dovranno essere diversi i tempi sui tre
assi, per cui si dovrà scrivere una relazione del tipo :

r xyz  Vm  ts

r xyz x y z
da cui si ricava : ts     
Vm Vm Vm Vm Vm
si ha quindi, con ovvio significato dei simboli :

ts  tx  ty  tz

oppure con i moduli : t 2s  t 2x  t 2y  t 2z


Sotto questa forma " possiamo
dire che la relazione descrive
un tempo a tre dimensioni ".

Per mettere in evidenza l’esistenza dello spazio in cui i segnali si propagano,


esprimiamo una dimensione esplicitando lo spazio percorso.
r2
Si può, per esempio, sostituire : t 
2
s
e si ha quindi :
2
V m

44n

13
r2
 t 2x  t 2y  t 2z
V 2m
A questo punto si deve osservare che per un punto dello spazio P, che venga
osservato nel generico istante t , le componenti che lo caratterizzano x, y, z, t
sono tutte indipendentitra loro e non hanno nulla in comune con le componenti
x, y, z, t che vengono utilizzate per descrivere il moto di un punto, in quanto in
questo caso, anche se non viene precisato, il tempo t è in realtà inteso come
l’intervallo di tempo t s che abbiamo già introdotto.

Dunque, mentre t è scelto arbitrariamente, indipendentemente da x, y, z, il


tempo t s è proporzionale al percorso r del segnale.

Se abbiamo una sorgente di segnali S ed un osservatore O a una distanza x


costante, mentre il tempo t aumenta linearmente, per la definizione stessa di
tempo, sia per la sorgente che per l’osservatore, l’intervallo di tempo t s , che
il segnale impiega per raggiungere l’osservatore ha un valore costante e non
ha le caratteristiche di un tempo.

Pur essendo intimamente legati, spazio e tempo sono due entità con
caratteristiche completamente diverse.
A parte l’aspetto quantitativo, la differenza fra due lunghezze è ancora
una lunghezza " con le stesse caratteristiche ", mentre la differenza fra
due tempi dà " un intevallo di tempo ", che non ha più le caratteristche
di un tempo.

Se abbiamo quindi un punto P alla distanza r dall’origine e viene osservato al


tempo t , il valore della quantità r 2 – V 2m  t 2 , rilevata da un osservatore
immobile, dipende dal valore scelto per il tempo t , che non dipende da r.

La stessa quantità, rilevata da un osservatore O’, in moto rispetto al mezzo


2
con la velocità V, sarà espressa da una relazione del tipo : r’ – V 2m  t’ 2
dove r’ e t’ sono in relazione con r e t, ma t’sarà ancora indipendente da r’.

Se, seguendo il pensiero di Poincarè, si ricavano i nuove valori applicando le

44o

14
trasformazioni di Lorentz, con una sola coordinata spaziale, si scrive :
2

2 V
2
x’ 2  V m  t’
2
 2  x–Vt  2  Vm 
2
t– x
2
V m

Questa relazione non può essere corretta, in quanto si ha al primo membro il


tempo t’ indipendente da x’, la secondo membro il tempo t dipende invece
da x ed è uguale all’intervallo di tempo impiegato dal segnale a raggiungere
x
l’osservatore, ossia si ha : t  ts 
Vm
Se al tempo si attribuisce lo stesso significato al primo e al secondo membro,
la relazione fornisce correttamente : x’ 2  V m  t s ’
2 2
 x 2  V 2m  t 2s
Considerando le tre dimensioni x, y, z, si ha così l’invariante di Poincarè :
2 2 2
x y z – V 2m  t 2s

Si deve tenere presente che t s non rappresenta il tempo che, secondo


la definizione, aumenta regolarmente, indipendentemente dallo spazio,
ma un intervallo di tempo di valore definito.

Se si sostituisce l’intervallo di tempo t s con un istante t scelto arbitrariamente


per osservare il punto alla distanza r dall’origine, l’espressione che si ottiene
2 2 2
x y z – V 2m  t 2

non è invariante rispetto ai riferimenti inerziali e non è rappresentativa


di nessuna grandezza fisicamente significativa.

Proprio per l’arbitrarietà del tempo t , Minkowski pensò di interpretarlo come


una quarta dimensione dello spazio.
La moltiplicazione per la velocità costante V m è utile per rendere omogenea
questa nuova dimensione con quelle spaziali.

Con questa interpretazione, in analogia con lo spazio a tre dimensioni, se il


2 2
termine Vm  t fosse positivo, la quantità :

44p

15
r4 x,y,z,t  x2 2
y z 
2
V 2m  t 2

potrebbe essere interpretata come "distanza" di un evento dall’origine


O0, 0, 0, 0 di uno spazio con tre dimensioni spaziali ed una temporale.
Nella forma, in cui la dimensione temporale viene espressa in termini
spaziali, "
si dice che l’espressione descrive i punti di uno
spazio-tempo ", ossia un’entità a quattro dimensioni, in cui il tempo
e lo spazio s’intrecciano come realtà interdipendenti.

Anche se, con la sostituzione del tempo t s con la variabile t, l’espressione di


Minkowski non ha più nulla in comune con l’invariante di Poincarè, egli non ha
percepito l’importanza della sostituzione ed ha cercato di derivare da esso la
la sua relazione con diversi artifici matematici.

Non sempre però un’equazione matematica, anche se viene correttamente


formulata, fornisce risultati fisicamente accettabili e la relazione utilizzata da
Minkowski, presenta molte incoerenze dal punto di vista fisico.

Innanzitutto, per avere il quarto termine positivo, egli introduce il coefficiente


immaginario di Gauss : i –1
e ottiene formalmente :
2
r 24 x, y, z, iV m t  x2 2
y z 
2
i  Vm  t
Il fattore immaginario è stato introdotto unicamente per ottenere

formalmente
l’espressione pitagorica, ma si tratta comunque di un artificio matamatico che
fisicamente non ha alcuna giustificazione ed è finalizzato solo al trattamento
del tempo come quarta dimensione. Si ha dunque :
2
r 24 x, y, z, iV m t  x2 2
y z –
2
Vm  t
che non è invariante rispetto alle trasformazioni di Lorentz e lo diventa
solo quando t  ts.
2
In questo caso si ha : r 24 r, iV m t s  r 2  Vm  ts  0
possiamo quindi scrivere :
2 2
r 24 x, y, z, iV m t  r 4
2
r, iV m t s  V m  t s  Vm  t

44q

16
e quindi :
2 2
r 24 r, iV m t  V 2m  t s  t

r 24
dividendo per la velocità V
2
m
e ponendo : t t s , it 
2
4
V 2m

si ottiene : t 24 t s , it  t 2s – t 2
Che rappresenta "lo stesso spazio" descritto in termini solo temporali,
che potremmo chiamare " quadritempo ".
E’ da notare che la distanza r percorsa da un segnale nel tempo t s si scrive
normalmente nella forma :

r  ts  Vm  ts  Vx  Vy  Vz
che mette in evidenza la somma vettoriale di tre percorsi nella direzione degli
assi realizzati nello stesso tempo a velocità diverse, in disaccordo con la tesi
dell’indipendenza della velocità del segnale dalla direzione di propagazione.

Più coerente con questa ipotesi si presenta invece la forma :

r  Vm  ts  Vm  tx  ty  tz
dove t x , t y , t z non sono dei tempi, ma intervalli di tempo e dunque la relazione
ha significato.
Per chiarire questo punto, realizziamo il seguente esperimento ideale.

Sappiamo che normalmente il rilievo della posizione di un punto dell’universo


può essere realizzato inviando direttamente un segnale e misurando il tempo
impiegato per raggiungerlo.
Nota la velocità di propagazione dei segnali, si ricava : r  Vm  ts.
Analogamente, assumiamo un sistema di assi cartesiani come riferimento e
inviamo un segnale dall’origine lungo l’asse x , che si propaga per un tempo
misurato t x . Viene poi riflesso nella direzione dell’asse y , per propagarsi per
un tempo t y . Viene quindi riflesso definitivamente lungo l’asse z e si propaga
per un tempo t z per essere poi raccolto da un osservatore nel punto P.

44r

17
Se ora inviamo un segnale dello stesso tipo dall’origine O direttamente al
punto P, l’esperienza dimostra che il tempo impiegato risulta :
t 2s  t 2x  t 2y  t 2z
e quindi si ricava : r 2  V 2m  t 2s
essendo la velocità V m costante in tutte le direzioni, possiamo calcolare tutte
le componenti e quindi la distanza OP anche con la relazione :

r2  2
x y z
2 2

In questo modo, se si assume un’origine come riferimento, corredata di un


oscillatore indipendente, come abbiamo visto, ad ogni punto si associa un
tempo, che s’incrementa in tutto l’universo con lo stesso ritmo, secondo
la definizione che abbiamo dato.
Questa descrizione risulta perfettamente coerente con le
osservazioni sperimentali.
Con la relazione scritta con le coordinate spaziali, usata da Minkowski ed
universalmente accettata, l’espressione è vista nella forma :

r  ts  Vm  xyz
da cui :

xyz x y z
Vm      Vx  Vy  Vz
ts ts ts ts
in disaccordo con l’indipendenza della velocità di propagazione dei segnali
dalla direzione.
Minkowski ha considerato, in maniera artificiosa, l’espressione nella forma
"arbitraria",

r  ts  Vm  xyz

che non esplicita quale dei due fattori è un vettore, per poter scrivere la
espressione con i moduli, trattando così il prodotto ts  Vm come il modulo
di un vettore ; scrive dunque :
V 2m  t 2s  2
x y z
2 2

Si tenga presente che, mentre per lo spazio la differenza tra due lunghezze è

44s

18
ancora una lunghezza e quindi conserva tutte le caratteristiche dello spazio,
per il tempo non è così.

La diffrenza tra due tempi fornisce un intervallo di tempo, che è un valore


definito e costante e quindi non ha le caratteristiche di un tempo, che
per definizione è un conteggio di impulsi e come tale aumenta con un
ritmo costante.

Abbiamo visto che il tempo è indicato da un oscillatore indipendente solidale


con un sistema di riferimento universale.
Qualsiasi punto dello spazio universale è quindi individuatodalla distanza che
lo separa da questo riferimento, rilevabile inviando un segnale e l’istante in cui
il segnale viene inviato.

Se si deve analizzare uno spazio limitato dell’universo, si assume un sistema


di riferimento locale, nella cui origine viene posto un oscillatore uguale
a quello campione, con esso sincronizzato.

Un punto dello spazio è completamente individuato dalla terna di coordinate


spaziali e dall’istante t in cui si realizza l’osservazione.
Si ha quindi : P x,y,z,t

Essendo la distanza dall’origine : r 2  x 2  y2  z 2


si può anche scrivere : P r;;;t .

Se t s è il tempo impiegato dal segnale inviato dall’origine O per percorrere


il tratto OP, si ha : r  V m  t s
e quindi le indicazioni richieste per individuare il punto P saranno :

P V m  t s ;  ;  ; t
Per semplicità di esposizione, consideriamo una sola componente spaziale
e scriviamo quindi : P V m  t s ; t
Se si vogliono riportare su assi cartesiani le due componenti ed operare su di
esse, pur non essendo indispensabile, è conveniente renderle omogenee,
dividendo oppure moltiplicando per una velocità, scelta arbitrariamente.
La scelta più opportuna è la velocità del segnale utilizzato per i rilievi V m .
Si hanno così le indicazioni :
P t s ; t oppure P V m  t s ; V m  t

44t

19
Il diagramma di figura è quello proposto per la prima volta da Minkowski.
Un punto A fermo, nella posizione P 0 , avrà una coordinata spaziale x  x 0
costante nel tempo, rilevata dall’osservatore O, solidale con il mezzo in cui
si propagano i segnali, nell’istante t  0.

L’oscillatore presente nell’origine continua comunque ad oscillare, indicando


che il tempo "aumenta" per tutto lo spazio, quindi anche per il punto A , che si
sposta nella direzione dei tempi, aumentando la coordinata spaziotemporale
da P 0 a P, poi a P 1 e così via.

Quando il punto A si trova nella posizione P 1 , se si assumono le coordinate


dell’origine O 0 , 0 , 0 , 0 , nello spaziotempo si avrebbe un percorso OP 1
2 2 2
dato da : r2  2
x0  Vm  t  V 2m  t s  t
che fisicamente non ha nessun significato.

Si deve dunque ritenere che il tempo aumenti anche per l’origine, assumendo
O 0 , 0 , 0 , t . Questo vuol dire che l’aumento del tempo si deve applicare a
tutti i punti dell’universo, senza eccezioni. In questo caso, quando il punto A
si sposta in P 1 , l’origine si sposta parallelamente in O 1 e, da un rilievo della
coordinata spaziale, con la velocità del punto V  0 , risulta ancora x  x0.

Se il punto è in moto con un’equazione del tipo : x  x0  V  t

Vm
si può scrivere : Vm  t   x – x0
V

44u

20
che sul diagramma è rappresentata da una retta inclinata come in figura B, in
V
cui abbiamo : tg  
Vm
con il valore limite tg   1 corrispondente al valore massimo V max  V m ,
si ha :   45° e x – x0  Vm  t

Per V  V m osservare il punto in moto non è più possibile


con quel segnale e bisogna ricorrere ad uno che abbia la
velocità di propagazione maggiore di V m .
Escludendo questa possibilità, normalmente la parte di spazio occupata dal
punto in moto con una velocità V  V m ( zona associata a   45° ) viene
indicata come " altrove ".
Supponiamo ora di avere due osservatori A e B equidistanti dall’osservatore
O , come è indicato in figura.

Secondo quanto abbiamo visto, i tre punti A, O, B , fermi nello spazio, sono
rappresentati nello spaziotempo da tre rette verticali.

Supponiamo ora che dal punto O partano contemporaneamente, nell’istante


t  0 , due segnali che, per quanto abbiamo visto, saranno rappresentati da
due rette inclinate di 45°.

44v

21
I due segnali verranno intercettati dagli osservatori, che si spostano nel tempo
lungo la verticale, nei punti A’e B’, verificando che risultano ancora simultanei.

Ci domandiamo ora come giudicano lo stesso evento (emissione simultanea


di due segnali) due osservatori appartenenti ad un altro sistema di riferimento
in moto rispetto al mezzo in cui si propagano i segnali, quindi rispetto
al riferimento O, considerato nel caso precedente.

Per il riferimento O, immobile rispetto al mezzo, i punti A, O’, B non sono più
in quiete e quindi le rette che li rappresentano saranno inclinate rispetto alla
Vm
verticale, secondo la relazione : Vm  t   x – x0
V
e rappresentate in figura con a, o, b.

Queste rette, che rappresentano gli osservatori in moto, intercettano (e quindi


rilevano) i segnali, che non sono cambiati, nei punti a’ e b’, chiaramente ad
una diversa distanza dalla sorgente O e in istanti diversi.
Per gli osservatori in moto i due segnali non risultano più simultanei.

Il rapporto tra i tempi coincide con quello che è stato ricavato analiticamente
x’  x  V  t’

con la trasformazione di Galileo generalizzata : V  x’


t’  t –
V 2m
1 1
da cui si ricava : tB  t  ; tA  t 
V V
1– 1
Vm Vm

tB Vm – V
e quindi : 
tA Vm – V
Generalmente la rappresentazione che è stata data con una sola dimensione
spaziale viene fatta considerando lo spazio piano con le coordinate x , y e la

44w

22
dimensione spaziotemporale Vm  t . Ne risulta la figura di rotazione che,
con riferimento ai segnali luminosi, viene indicata come cono di luce.

Per un punto in moto con la velocità del segnale (dunque per il segnale) si ha
x  V m  t ossia : x – V m  t  0.
Il primo membro x – V m  t risulta invariante rispetto alla trasformazione di
Lorentz che, com’è noto, è scritta nella forma :
x’  xVt

Vx
t’    t –
V 2m
dove la quantità x  V  t indica il valore della distanza tra il punto da rilevare
e l’osservatore mobile vista dal riferimento fisso.
" La trasformazione di Galileo generalizzata ", è stata ricavata invece nella
forma :
x’  x  V  t’

V  x’
t’  t–
V 2m

dove la quantità x  V  t’ rappresenta la distanza del punto da rilevare

dall’osservatore mobile, misurata nel riferimento mobile.

44x

23
Rispetto a questa trasformazione, la quantità x  V m  t risulta invariante
rispetto al sistema di riferimento senza dover ricorrere all’artificioso fattore .
Applicando la trasformazione, si ha infatti :

V  x’
x’  V m  t’  x  V  t’  V m  t– 
2
V m

V
 x  V  t’  V m  t–  t’  x  Vm  t
Vm
che equivale alla :
x x’
  V m  costante
t t’
Questa relazione normalmente viene interpretata come invarianza assoluta
della velocità del segnale rispetto alla sorgente e all’osservatore.
In realtà il segnale, di qualunque tipo, dopo l’emissione è indipendente dalla
sorgente e dunque si muove nel mezzo senza alcuna sua influenza. In queste
condizioni il segnale continua il suo moto alla velocità V m fino a raggiungere
il punto da rilevare.
L’unico modo per far variare la velocità di accostamento del segnale al punto
è quello di far muovere il mezzo contemporaneamente al segnale.

Va precisato che per misurare la velocità di un segnale, l’osservatore mobile


oppure immobile, invia un segnale su una superficie riflettente, posta ad una
distanza x nota, e rileva il tempo da esso impiegato per realizzare il percorso
di andata e ritorno.
L
Dalla relazione  V m ricava il valore medio della velocità
t
sull’intero percorso.

44y

24
Consideriamo un osservatore in moto, come in figura.
Dopo l’emissione il segnale s 1 , indipendente dalla sorgente,si muove verso
la superficie riflettente S con la velocità V m , percorrendo la distanza x 1  x 0
x1
in un tempo t 1  .
Vm
Dopo il tempo t 1 il segnale viene riflesso e , indipendente dalla superficie S,
si muove verso O con la velocità V m e lo intercetterà nel punto O 1 , dopo un
tempo t 2 dall’istante in cui è stato riflesso.
Il percorso del segnale riflesso sarà : x2  x0 – V t1  t2
il tempo di transito del segnale riflesso s 2 risulta :

x2 x–V t1  t2 V V
t2    t1   t1   t2
Vm Vm Vm Vm
Vm – V
da cui si ottiene : t2  t1 
Vm  V
Il tempo totale, misurato dall’osservatore, impiegato dal segnale per tutto il
percorso di andata e ritorno sarà :
2  Vm
t O  t 1 t 2  t 1 
Vm  V
Il percorso complessivo di andata e ritorno vale :
Vm
xO  x0  x0 – V  tO  2  x0 
Vm  V
xO
La velocità osservata risulta : VO   Vm
t
Da tale relazione, se è nota V m , si ricava la distanza x O o viceversa.
Il valore della velocità V m così calcolata rappresenta il valore medio su tutto
il percorso x O .

44z

25
Se si desidera conoscere " la velocità istantanea " del segnale rispetto allo
osservatore, è necessario valutarla entro un piccolo spazio in corrispondenza
del punto in cui il segnale viene intercettato dall’osservatore.

I processi che si verificano sono stati analizzati studiando l’effetto Doppler ed


abbiamo visto che :
Il segnale emesso con frequenza f 0 , viene intercettato dall’osservatore,
in moto verso il segnale, con frequenza maggiore, data da :

V f0 V  Vm
fO  f0  1   V  Vm 
Vm Vm 0
La velocità istantanea del segnale, rispetto all’osservatore mobile, nell’istante
in cui lo raggiunge per essere assorbito oppure riflesso, vale dunque :
0
Vs   0  fO  V  Vm
TO
E’ da notare che il segnale, che si propaga attraverso il mezzo, durante il moto
conserva invariate le sue caratteristiche e " l’aumento della frequenza che
registra l’osservatore si verifica nel momento in cui avviene l’impatto
fra il segnale e l’osservatore ".

Ricordando che all’aumento di frequenza è associato un aumento di energia


trasferita, espressa da una relazione del tipo E s    fO , essendo l’unica
grandezza in gioco "la velocità d’impatto", tale aumento può solo essere
dovuto ad un aumento della velocità relativa tra segnale e osservatore
che non potrebbe realizzarsi se venisse applicato il postulato di Einstein sulla
velocità della luce.

In definitiva, l’aumento di energia del segnale, dovuto all’effetto Doppler,


risulta in contraddizione con la costanza della velocità della luce.

44z1

26
L’EQUILIBRIO UNIVERSALE
dalla meccanica celeste alla fisica nucleare
Cap.2 – Big Bang ed evoluzione della sfera universale
Prima di procedere nello studio della evoluzione dell’universo, è necessario
ricordare che alla base della teoria abbiamo posto una operazione non poco
ardita, che consiste nell’ipotizzare l’esistenza di una teoria del tutto, capace
di descrivere la materia a qualsiasi livello di aggregazione.

Questa ipotesi ci ha consentito di aggirare molti problemi, assegnando agli


elementi spaziali che hanno formato l’universo primordiale, le caratteristiche
che osserviamo sulla materia oggi.

Con questa ipotesi è stato creato uno strumento per poter analizzare
lo spazio e l’ universo in qualsiasi fase dell’ evoluzione, utilizzando le
osservazioni attuali ed eliminando così il problema della sua origine.

Abbiamo visto che, partendo da spazio fisico puro, la sfera universale inizia
la sua evoluzione contraendosi con moto accelerato.

Quando si verifica R → 0, la velocità radiale V r assume il valore massimo


che teoricamente potrebbe essere infinitamente elevato.

Tuttavia, essendo definita la velocità di rotazione V 0 degli elementi spaziali,


che sono, per ipotesi, indeformabili, nessun segnale, perturbazione o altro si
potrà muovere nello spazio con una velocità maggiore di quella consentita
dallo spazio fisico.
Con riferimento alla figura, si ricava, infatti :

45

1
Per passare dal punto A al punto B , con il percorso reale circolare, il tempo
2 ⋅ π ⋅ r0
richiesto risulta : t AB =
V0
Nello stesso tempo il percorso osservato è quello rettilineo, pari a 4 ⋅ r 0 .
2
Ne risulta una velocità apparente minore, data da : V max = V 0 ⋅
π
V max rappresenta il valore massimo assoluto della velocità di propagazione
di una perturbazione nello spazio fisico puro, in assenza di aggregati.

La presenza di materia organizzata riduce la velocità di propagazione V max


in rapporto al livello di aggregazione.
Se gli osservatori siamo noi, per determinare la velocità V AB , faremo i rilievi
con i nostri strumenti, che sono fatti di aggregati materiali.

La nostra velocità massima di interazione è dunque limitata e certamente più


bassa di V max .

Anzi, come si vedrà in seguito, è proprio questa nostra "velocità limite"


che definisce il livello minimo di aggregazione della materia che siamo
in grado di rivelare e quindi, in definitiva, il livello di aggregazione che
individua la particella elementare.

I mezzi più veloci che abbiamo a disposizione per interagire con i punti dello
spazio sono le onde elettromagnetiche, che, come è noto, si propagano con
la velocità della luce.

Ne deriva che i punti che noi "riusciamo ad osservare" sono solo


quelli che si muovono con una velocità minore di quella della luce.

Del resto, con la teoria della relatività è stato universalmente accettato


che la massima " velocità osservabile " nell’universo è quella della
luce che, nel vuoto, assume il valore :

C l = 299792, 458
Km
.
sec

46

2
Non è possibile sapere se questo rappresenta un limite anche per l’universo
oppure è solo un nostro limite fisiologico e/o strumentale.

In ogni caso, non essendo l’universo una realtà oggettiva indipendente dagli
esseri viventi ed in particolare dall’uomo, che sembra essere l’unico animale
capace di descriverlo, esso si presenta come noi riusciamo a vederlo,

per cui, accettando tale limite, si può porre :


lim V ≤ C
r l
R→ 0

Con questa ipotesi, quando R → 0, gli elementi spaziali attraversano il centro


della sfera e fuoriescono dalla parte opposta alla stessa velocità massima,
come schematizzato in figura 9.

Per un ipotetico osservatore esterno il processo assume l’aspetto di


una enorme " esplosione " della sfera centrale dalla quale fuoriescono
elementi spaziali in tutte le direzioni, alla velocità della luce.

In realtà, non si tratta di una esplosione.


Ciascun elemento spaziale continua semplicemente la sua corsa e si ha solo
uno scambio delle posizioni dei due emisferi e quindi dei poli dell’universo.
Ha così inizio una fase di espansione.

Essendo l’accelerazione radiale, diretta verso il centro, sempre presente, la


velocità, durante questa fase, gradualmente diminuisce fino ad annullarsi in
corrispondenza di un valore del raggio R max .
Inizia, a questo punto, una nuova fase di contrazione ed il ciclo si ripete.

Secondo questo modello, il nostro è realmente un universo senza tempo che

47

3
oscilla continuamente tra due punti estremi R min ed R max , ripetendo ogni
volta, su grande scala, la stessa evoluzione.

La ripetizione perfetta del ciclo su grande scala, e dunque l’indipendenza da


un tempo con valore universale, si realizza sempre grazie al fatto che ad ogni
passaggio per lo zero l’universo si riduce a spazio puro ed assicura così una
condizione iniziale perfettamente costante.

In realtà il problema si complica notevolmente per la formazione di sistemi di


diverse dimensioni e diversamente distribuiti sulla superficie della sfera, che
interagiscono modificando la distribuzione delle forze.

L’andamento qualitativo della velocità radiale si può ipotizzare come in


figura 10

Si noti che l’evoluzione ciclica che viene messa in evidenza dal diagramma è
riferita all’universo nella sua totalità, senza considerare che in realtà non si ha
nessun osservatore esterno che possa fare verifiche.

48

4
– Costante di Hubble ed età dell’universo
Per quanto riguarda invece le piccole realtà locali, si può dare la definizione
di tempo, nel quale viene registrata la loro storia evolutiva, che potrà avere la
T
durata massima di , ossia fino al momento in cui l’intero universo viene
2
ridotto a spazio puro.
Nel ciclo successivo non è necessariamente vero che la stessa realtà
debba manifestarsi identicamente .

L’osservazione astronomica riferisce che il nostro universo si trova oggi nella


fase di espansione e quindi, per avere una idea dei valori in gioco, valutiamo
il suo raggio attuale R ua .

Consideriamo due punti P 1 e P 2 sulla superficie della sfera cosmica in fase


di espansione, come rappresentato in figura 11.

dI dR
si può scrivere : l = α ⋅ R ; d l = α ⋅ dR e quindi : = α⋅
dt dt
dR
posto : = V r = V e = velocità di espansione radiale dell’universo
dt
dI
= V 12 = velocità di recessione dei punti P 1 e P 2 sulla sfera
dt

49

1
(i punti P 1 e P 2 non sono considerati in movimento, ma è la sfera cosmica
che si espande).
Si può dunque scrivere : V 12 = α ⋅ V e

Un osservatore posto in un terzo punto P sulla superficie della sfera, vedrà


P1 e P2 allontanarsi da esso con le velocità :

V 01 = α 1 ⋅ V e e V 02 = α 2 ⋅ V e

l1 l2
sostituendo α1 = ; α2 =
R R
si ottiene :
V 01 V 02 Ve
= =
l1 l2 R
Ve
essendo, in ogni momento, il rapporto mediamente costante per tutti
R
i punti che si trovano sulla sfera, osservando un punto qualsiasi alla distanza
l, la velocità con la quale si allontana risulta :
Ve
V=H⋅l dove si è posto : H=
R

H viene indicata come costante di Hubble con un valore :

H = 70 ± 10%
Km K m / SEC
≃ 21, 5 ≃ 2, 2733 ⋅ 10 −18 / sec
sec⋅ Mpc 10 6 al

Dalla definizione di H, si ricava : Ve = H ⋅ R

Secondo tale relazione, se ad H viene assegnato un valore rigorosamente


costante nel tempo e nello spazio, si ottiene per l’universo un valore V e della
velocità espansione direttamente proporzionale al suo raggio, in disaccordo

50

2
con il modello periodico che abbiamo proposto ed anche con quello del big
bang, normalmente accettato.

Se ipotizziamo che tutta la materia, dallo spazio fisico puro ai superammassi


galattici, sia uniformemente distribuita sulla sfera cosmica , l’universo risulta
perfettamente sferico e quindi il suo raggio di curvatura R assume un valore
indipendente dal punto considerato.

Se queste condizioni restano invariate in ogni momento dell’espansione,


anche la velocità V e risulta indipendente dal punto considerato e quindi, con
queste ipotesi, H assume un valore costante per tutti i punti dell’universo.

Tale valore non può però mantenersi costante nel tempo, in quanto il moto di
espansione della sfera comporta necessariamente una graduale riduzione
della densità della materia sulla sua superficie con conseguente diminuzione
della pressione e dunque dell’accelerazione radiale.

Nel primo capitolo abbiamo visto che la pressione che viene esercitata dallo
F0
spazio fisico verso il centro della sfera cosmica vale P = e quindi la
2
R
accelerazione diretta verso il centro si potrà esprimere con una relazione del
tipo ( vedremo in seguito che la stessa relazioni si ricava come condizione
per l’esistenza dell’universo ) :
K ∗0
a ur =
R2
in cui il valore di K ∗0 dipende dalla densità media della materia che si trova
distribuita sulla sfera :
2
R max
δs = .
R
Sostituendo si ottiene :
R 2max
a ur = K 0 ⋅
R4

51

3
Con le ipotesi da noi fatte, l’universo si muove dunque in direzione radiale
con una accelerazione rapidamente decrescente con l’aumentare del raggio.
Lequazione del moto sarà dunque :

dV r K 0 ⋅ R 2max
=
dt R4

d Vr d Vr dR
scrivendo = ⋅ e sostituendo, si ricava :
dt dR dt

K 0 ⋅ R 2max
V⋅ dV = ⋅ dR
R 4

integrando, si ottiene la velocità di espansione radiale :


1
2
2 2 2 1 1
V r = V e0 + K 0 ⋅ R max −
3 R 3
R3
min

In tale relazione V e0 rappresenta la velocità di espansione iniziale, che si ha


in corrispondenza di R min , la quale, per quanto abbiamo visto, può essere
messa in relazione con velocità della luce.

Abbiamo finora considerato la sfera universale avente la materia distribuita


uniformemente sulla superficie.

Però, nell’universo reale che noi osserviamo, questo non si verifica nemmeno
su grande scala. Anzi, l’osservazione rivela una enorme differenza di densità
da un punto all’altro dello spazio e questo comporterà certamente maggiori
difficoltà nell’interpretazione dei risultati che abbiamo ottenuto.

Se si considera il raggio di curvatura dell’universo dipendente dalla densità e


Vr
dall’espressione ricavata per la velocità radiale, la relazione H=
R

52

4
fornisce un valore della costante di Hubble dipendente dal punto che viene
considerato e dal tempo .

Le osservazioni astronomiche effettuate oggi forniscono, per la costante di


H = 40 ÷ 100
Km
Hubble il valore .
sec ⋅ Mpc
si ritiene accettabile il valore medio :

H=
Km
70 ± 10% .
sec ⋅ Mpc

Il valore massimo osservabile della velocità di recessione , che produce


l’espansione della sfera universale sulla sua superficie è quella che si misura
tra due punti diametralmente opposti, i quali si trovano alla massima distanza
raggiungibile l max corrispondente a α=π e quindi : l max = π ⋅ R .

Dato che la velocità massima si produce all’inizio della fase di espansione


quando R = R min , i due punti diametralmente opposti, con la velocità di
recessione iniziale V 12 i , forniscono il valore della velocità radiale iniziale di
espansione della sfera cosmica :
V 12 i
V ei =
π
L’inizio è inteso in questo caso come primo momento in cui l’universo diventa
osservabile per noi.

Tenendo conto del limite assoluto imposto al valore della velocità osservabile
dalla velocità di rotazione degli elementi spaziali V 0 , si ricava :

Cl
V ei =
Km
= 95427
sec
π
Sappiamo che l’accelerazione radiale a ur , diretta verso il centro della sfera,
produce una graduale riduzione di questa velocità.

La distribuzione degli elementi chimici ed altre considerazioni ci inducono a


pensare che oggi non siamo molto distanti dall’inizio dell’espansione, per cui

53

5
per la velocità attuale possiamo assumere :

V eattuale ≃ V ei ≃
Km
95000
sec

Si tenga presente che con questa ipotesi non vogliamo considerare l’universo
all’inizio della sua evoluzione, ma all’inizio della fase visibile, la quale viene
dopo quella oscura, che non ci è consentito di vedere.

Con tale ipotesi semplificativa, il raggio attuale della sfera cosmica risulta :

V ea 95000
K
m

R ua = = sec
-1
= 4, 4175 ⋅ 10 9 al
2,2733 ⋅ 10 -18 sec
H

Con questo valore del raggio della sfera cosmica, il punto diametralmente
opposto a noi, e dunque la massima distanza osservabile, sarà :

l max = π ⋅ R ua = 13, 88 ⋅ 10 9 al

Il tempo trascorso dall’inizio dell’espansione, indicato normalmente


come età dell’universo, vale :

R ua 1
t ua = = = 13, 88 ⋅ 10 9 anni
V ea H

L’osservazione astronomica riferisce che l’universo attuale si presenta molto


ordinato, con le stesse regole, applicabili ovunque.

Queste osservazioni vengono normalmente giustificate affermando che tutti i


punti dello spazio interagiscono tra loro, scambiandosi informazioni sul loro
stato di moto attuale, e questo li porta ad uniformare i loro comportamenti.

Se questo scambio è diretto ed avviene alla velocità della luce, che abbiamo
assunto come valore massimo osservabile, due punti diametralmente opposti
sulla sfera universale, per esempio i due poli, per ricevere una risposta, a un
segnale inviato, devono attendere un tempo :

54

6
2⋅π ⋅ R ua
t pp = ≃ 28 ⋅ 10 9 anni.
Cl
E’ chiaro che questo risultato risulta assolutamente incompatibile con
qualsiasi possibilità di organizzazione.

Esso risulta dunque in contrasto anche con l’ordine osservato dopo


circa 14 miliardi di anni di evoluzione.

Per eliminare tale contrasto, si dovrebbe ipotizzare una comunicazione con


una velocità infinitamente elevata o comunque molto maggiore della velocità
della luce, violando così il limite assoluto che abbiamo accettato.

Una via alternativa può essere quella di ipotizzare una comunicazione, tra i
diversi punti dello spazio, non diretta, ma attraverso una unità centrale, di
ordine superiore, la quale stabilisce il linguaggio e definisce tutte le risposte
utilizzando un’unica regola.

Dovendo, questa unità, agire ovunque, " contemporaneamente "


e senza ritardo, non deve richiedere alcun trasferimento di messaggi .

Essa non può dunque che coincidere con lo spazio fisico stesso che
è presente sempre e ovunque con le regole scritte nei suoi elementi
costituenti.

Si ottiene così un sistema organizzato nel quale anche punti molto distanti tra
loro, come i poli della sfera universale, riescono ad organizzare lo spazio
e l’antispazio alla stessa maniera.

55

7
L’EQUILIBRIO UNIVERSALE
dalla meccanica celeste alla fisica nucleare
Cap.3 – Inerzia e gravità
– generalità, effetto Magnus ed equazione fondamentale
Abbiamo visto che gli elementi spaziali, aggregandosi tra loro, danno origine
a nuclei capaci di vincere le forze di legame con gli elementi circostanti.

Si genera così uno scorrimento, rispetto allo spazio fisico, che dà origine ad
una rotazione estesa fino ad una distanza massima dal centro che dipende
dalle caratteristiche del nucleo considerato.

Il più piccolo nucleo, in assoluto, sarà quello costituito da un singolo


elemento spaziale S 0 , mentre il più grande risulterà quello associato a
ciascun polo dell’universo, il cui spazio rotante occupa tutto l’emisfero
della sfera cosmica.

Lo scopo di questo capitolo è indagare sulle azioni che vengono esercitate e


ricercare le equazioni capaci di descrivere il moto di un elemento spaziale o,
più in generale, di un aggregato rotante qualsiasi, immerso in uno di questi
spazi rotanti, applicando solo i metodi normalmente utilizzati dalla meccanica
razionale.

In generale, studiare il moto di un punto significa ricavare l’equazione della


traiettoria se sono note le azioni che vengono esercitate su di esso, oppure,
nota l’equazione della traiettoria si ricavano le azioni esercitate.

Quando si tratta il moto di un punto che segue una traiettoria curva, viene
ipotizzata l’esistenza di una forza centripeta che, in condizioni di equilibrio,
uguaglia quella centrifuga.

Il procedimento fornisce le equazioni cercate, ma non dice nulla sulla natura


della forza centripeta supposta preesistente.

Nel nostro caso e per i nostri scopi, è necessario dimostrare che realmente,
negli spazi rotanti, si genera un’accelerazione centripeta, mettendo anche in
evidenza quali siano i meccanismi attraverso i quali ciò si verifica.

Dato che nell’universo praticamente tutto è animato di moto rototraslatorio, il


quale, notoriamente, produce complessi effetti giroscopici, è ragionevole

56

1
pensare che essi possano avere un ruolo importante nel definire gli equilibri
che si osservano ovunque.

Senza prendere in considerazione la teoria generale del giroscopio, la quale


complicherebbe inutilmente la trattazione, ma che comunque verrà trattata in
dettaglio in un altro capitolo, richiamiamo brevemente l’effetto giroscopico più
semplice, noto come effetto Magnus.

Si tratta, per la precisione, delle forze che si manifestano su una sfera rotante
che nello stesso tempo sia dotata di un moto traslatorio rispetto ad un sistema
di riferimento fisso, solidale con lo spazio circostante.

Con riferimento alla figura 12, senza modificare la sostanza del problema, per
noi risulta più comodo cambiare riferimento e considerare la sfera S 0 rotante
su se stessa con il centro fermo e lo spazio fisico circostante dotato invece di
moto traslatorio rispetto ad esso.

Consideriamo inizialmente due casi molto semplici separatamente.

a – Sfera rotante su se stessa con velocità periferica C = ω ⋅ r s , immersa


in uno spazio immobile.

In questo caso, data la simmetria, la sfera continuerà a ruotare, più o meno


frenata in rapporto al valore della densità del mezzo ambiente, e non accade
nulla di particolarmente rilevante.

b – Sfera non rotante immersa in uno spazio in moto traslatorio rispetto ad

57

2
essa con una velocità relativa vs.

Anche in questo caso, non si produce alcun effetto particolare oltre all’azione
di un eventuale trascinamento che gli elementi spaziali in moto esercitano su
quelli fissi costituenti la sfera.

Notiamo soltanto che, in ogni caso, l’interazione tra sfera e spazio non sarà
superficiale, ma esteso a tutto il volume da essa occupato, in quanto, avendo
gli elementi spaziali S 0 raggio r 0 → 0 , essi riescono a penetrare all’interno
senza difficoltà ed interagiscono così con ogni singolo aggregato elementare
di cui la sfera è formata.

L’azione complessiva risulterà dunque proporzionale al numero di


aggregati elementari presenti nella sfera.

Se ora consideriamo i due casi sovrapposti, contrariamente alle aspettative,


la sfera rotante si muove con velocità V a in una direzione inclinata di un certo
angolo α rispetto a v s , come è schematizzato in figura 13.

Se si scompone la velocità V a nelle sue due componenti V l longitudinale e


V t trasversale, possiamo dire che l’effetto nuovo è proprio il manifestarsi di
una velocità V t perpendicolare alla direzione della velocità v s , effetto
tutt’altro che prevedibile.

58

3
Se però si osserva la figura 13, si vede chiaramente che esso si genera per
la dissimmetria che la rotazione della sfera genera, rispetto alla direzione del
moto di traslazione dello spazio rotante di ordine superiore, tra la parte A e
la parte B della sfera.

Nella sezione A si manifesta infatti una velocità relativa più elevata di quella
che si misura nella sezione B e questo modifica chiaramente i risultati che si
generano dalla interazione tra sfera e spazio circostante.

Se viene invertito il verso di rotazione della sfera, cambia anche quello della
componente V t .

Questo risultato ci dice che, quando ci troviamo in uno spazio fisico


(e non nello spazio geometrico, che non esiste nella realtà fisica) in cui
sono presenti degli elementi spaziali, o suoi aggregati, rotanti attorno
ad un loro asse, qualsiasi analisi del moto non può prescindere dalla
rotazione, in quanto andrebbero così perduti tutti gli effetti giroscopici
ad essa connessi e con essi anche tutte le preziose informazioni sui
fenomeni che ne derivano.

L’astrazione nella quale viene preso in esame un " punto materiale " in
moto nello " spazio geometrico " non sempre rappresenta dunque una
approssimazione accettabile della realtà fisica.

Benchè gli effetti legati a questo fenomeno vengano normalmente osservati


ed impiegati in presenza di aria o fluidi in generale, il fenomeno si manifesta,
praticamente senza attenuazione apprezzabile, anche se la sfera è in moto
nello spazio vuoto.

I riferimenti ed i termini che vengono usati per questa spiegazione elementare


del fenomeno, sono stati scelti unicamente per semplificare l’esposizione.

Se la sfera rotante di figura 13 viene vincolata in modo che venga impedito il


moto di traslazione, su di essa si manifesta una forza F a nella direzione della
velocità V a .

Se si scompone questa forza nelle due componenti Ft ed F l , il triangolo

59

4
delle velocità viene sostituito da quello simile delle forze che nascono dalla
interazione tra la sfera rotante su se stessa e lo spazio fisico in movimento
rispetto ad essa con la velocità v s .

Se non esiste spazio in movimento, ossia se v s = 0, nessuna forza si


può manifestare.

Questo vuol dire che se si vuole studiare il moto di un punto reale, materiale,
fisicamente presente in un punto dello spazio, bisogna tenere presente che il
moto viene generato e mantenuto dalla interazione continua tra il punto e lo
spazio, che vengono considerati entrambi formati da elementi spaziali
con diversi livelli di aggregazione.

Per uno studio corretto, è necessario prendere in esame tutti gli elementi che
intervengono nella definizione del moto.

Nella premessa abbiamo visto che la esistenza dei diversi punti dello spazio
fisico può essere rilevata esclusivamente da altri punti in moto relativo e con
essi interagenti.

La presenza di un moto relativo tra le parti diventa dunque anche condizione


necessaria per poter rilevare l’esitenza di tutto lo spazio fisico.

Con riferimento alla figura 14, prendiamo dunque in considerazione due punti
O e P 0 in moto relativo con velocità V 0 ≠ 0 orientata come in figura.

60

5
In assenza di interazioni, l’osservatore posto nell’origine O rileva la distanza :

2 2
R 2 = V 0x ⋅ t + V 0y ⋅ t + R 0 = V 20 ⋅ t 2 + 2 ⋅ R 0 ⋅ V 0y ⋅ t + R 20

differenziando, si ottiene :

2⋅ R ⋅ dR = 2 ⋅ V 20 ⋅ t ⋅ dt + 2 ⋅ R 0 ⋅ V 0y ⋅ dt

e quindi la velocità radiale osservata risulta :

dR t R 0 ⋅ V 0y
= V 20 ⋅ +
dt R R

Se, con una rotazione nel verso antiorario uguale a α 0 , assumiamo l’asse
delle ascisse parallelo alla direzione della velocità V 0 , si ottiene :

dR t
V 0y = 0 ; V 0 = V 0x e quindi : = V 20x ⋅
dt R

derivando, si ricava l’ accelerazione radiale osservata :

d2R V 20x dR t
a= = 1– ⋅
dt 2 R dt R

con semplici passaggi, si ottiene :

V 20x
a= ⋅ sen 2 α
R

Secondo quest’ultima relazione, il punto O vede dunque il punto P 0 che si

61

6
allontana con una accelerazione :
V 20x
af = ⋅ sen 2 α.
R
Se siamo in uno spazio geometrico, i due punti O e P 0 non risultano
legati alla realtà fisica e quindi, supponendo di poter dare comunque
un significato al discorso, l’osservazione dell’accelerazione af non
pone particolari interrogativi.

In uno spazio geometrico, possiamo infatti fare osservazioni astratte,


senza prendere in considerare scambi di forze, che appartengono allo
spazio fisico e solo in esso sono state definite e riescono dunque a
manifestare i loro effetti.

Se ci troviamo invece in uno spazio fisico, con le precise caratteristiche dei


suoi elementi costituenti, i punti O e P 0 si devono intendere come due "punti
materiali ", i quali devono la loro esistenza fisica alla interazione con lo
spazio circostante, dovuta alla loro velocità relativa.

I due punti considerati, per poter esistere devono formare un sistema legato,
in una condizione stazionaria o quasi.

Se questo non accade essi si allontanano fino alla definitiva indipendenza e


cessano così di esistere, come sistema.

Se consideriamo l’intero universo ed applichiamo a ciascuna coppia di punti


questo discorso, dobbiamo concludere che, perchè l’universo possa esistere,
è necessario che il punto O annulli l’accelerazione osservata a f , applicando
al punto P 0 un’accelerazione dello stesso valore e di segno contrario, ossia
rivolta sempre verso il centro O, tale che sia : ar = − af
V 20x
In queste condizioni, l’accelerazione osservata sarà : af =
R
ed il punto P 0 si manterrà sempre alla minima distanza :

R = R 0 = costante

62

7
A questo punto osserviamo però che, mentre l’accelerazione af è fittizia e
quindi incapace di sviluppare lavoro, l’accelerazione radiale a r è reale e ad
essa viene opposta dal punto P 0 la forza reale :

Fr = m ⋅ ar

Per uno spostamento dR il punto centrale O compie il lavoro :

dL = F r ⋅ dR

Se non intervengono processi dissipativi, tale energia si deve ritrovare come


incremento dell’energia cinetica del punto P 0 . Dovrà dunque essere :

F r ⋅ dR = – dE
ossia :
V 2n 1 2
m⋅ ⋅ dR =–d ⋅ m ⋅ Vr
R 2

ricordando che Vr = 2 ⋅ V n e semplificando, si ha :

2
V 2n ⋅ dR = – R ⋅ d V 2n da cui : d Vn ⋅ R = 0

Integrando, si ricava l’equazione fondamentale, che definisce l’evoluzione di


tutto lo spazio fisico, con la sola condizione che venga verificato il principio di
conservazione dell’energia.

V2 ⋅ R = K2

in cui K2 è una costante caratteristica associata al punto O.

Con questa condizione e l’espressione dell’ accelerazione fittizia, possiamo


determinare l’espressione dell’accelerazione radiale che il punto centrale O
deve applicare a P 0 per avere l’equilibrio :

63

8
2 2
V ⋅R =K
K2
V
2 da cui si ricava : ar =
ar = R2
R

Si ricava così la nota legge che viene verificata sperimentalmente in tutti gli
spazi rotanti, dalla quale risulta che l’accelerazione imposta non dipende dal
valore della massa in orbita.

Questa relazione coincide con quella dell’accelerazione centripeta che viene


esercitata sui punti dello spazio rotante alla distanza R dalla massa centrale
generatrice, come depressione, quando si consideri lo spazio fisico continuo
ed incomprimibile.

Con riferimento alla figura, considerando il cono di spazio fisico omogeneo,


si ricava la forza che agisce sulla massa unitaria :

F dF dF dF
ar = = = =
m dm δ ⋅ dS δ ⋅ π ⋅ R 2 ⋅ dα

Per avere l’equilibrio, sulle due superficie, dovrà essere : dF 1 = dF 0


1 dF 0
Sostituendo e ponendo : ⋅ = K 20
δ0 ⋅ π dα

64

9
K 20
si ottiene : ar =
R2
Se un secondo osservatore effettua misurazioni su P 0 da un punto diverso e
magari in moto relativo rispetto al punto O, misurerà un diverso valore della
accelerazione ed attribuirà quindi un valore diverso alla forza applicata a P 0 .

E’ chiaro che, non essendo possibile che il valore della forza applicata ad uno
stesso punto in movimento nello spazio fisico sia dipendente dall’osservatore
( ricordiamo che una forza che si sposta sviluppa lavoro ), si deve concludere
che tali forze siano da ritenere fittizie , ossia incapaci di sviluppare una
qualsiasi forma di lavoro.

Nello spazio fisico la forza viene definita come una "entità" capace
di modificare le condizioni di moto di un "punto materiale", secondo la
legge–definizione : F = m ⋅ a.

Le uniche forze reali che tale la relazione riesce a definire sono quindi
quelle che vengono scambiate tra il punto in movimento e quelli dello
spazio nel quale esso si muove.

Nella situazione di equilibrio che è stata descritta, pur essendo reale,


l’accelerazione centripeta a r è sempre perpendicolare alla direzione
del moto e quindi non sviluppa alcun lavoro.

La relazione che definisce l’equilibrio nello spazio rotante è fondamentale per


tutta la teoria, in quanto ci consente di dare una definizione operativa della
materia, assolutamente chiara ed inequivocabile, senza aggiungere altre
unità di misura fondamentali a quelle già note, metro e secondo.

La quantità di materia associata al punto O è data, per definizione, dal


valore :
K2 = V2 ⋅ R

che si ricava con una " massa esploratrice " posta in equilibrio in
un punto qualsiasi dello spazio fisico circostante.

65

10
– inerzia e massa inerziale come caratteristiche dello spazio fisico
E’ importante tenere presente che la velocità V non viene imposta alla
sfera esploratrice dall’esterno, ma si ottiene come risultato del lavoro
che l’accelerazione radiale, a r , agente in ogni punto dello spazio fisico
considerato, compie portando la sfera da una distanza R0 → ∞ al
valore di equilibrio R .

Essa rappresenta dunque la velocità di equilibrio di ogni punto dello


spazio fisico rotante considerato, anche se in esso non sono presenti
aggregati di materia organizzata.

Rilevato dunque il valore K , per esempio, per R = 1 m, tutto lo spazio che


2

si trova in condizione di equilibrio stazionario, verrà descritto dalla relazione :

K2
V 2
eq
R  =
R

Sostituendo, si ricava il valore dell’accelerazione radiale a r che il centro O


deve imporre allo spazio fisico circostante per mantenere i suoi punti ad una
distanza costante e quindi in equilibrio su orbite circolari.
Si hanno dunque le relazioni fondamentali :

V 2eq K2
ar = − e quindi : ar = −
R R2

Questa relazione ci dice che, affinchè nello spazio geometrico circostante la


materia possa esistere uno spazio fisico in equilibrio, è necessario che su
ciascun punto dello spazio agisca una pressione radiale, espressa da ar ,
che viene indicata come gravità.

Per una corretta interpretazione dei risultati, è importante ricordare che nello
spazio che abbiamo considerato non esistono altre azioni oltre a quella della
materia centrale.

Se dunque si considera uno spazio fisico imperturbato, la simmetria sferica


porta ad una velocità risultante :

66

1
V = ∑ V eq = 0

In queste condizioni, ciascun punto rimane dunque in equilibrio, fermo nello


spazio, sottoposto all’azione di tutti gli altri punti circostanti.

Se ora alla distanza R dalla materia ( in figura sulla superficie S 1 ), poniamo


un aggregato spaziale avente densità δ 1 > δ 0 , su di esso agisce una forza
F 1 maggiore di quella che agiva prima sullo spazio fisico puro e quindi non si
ha più equilibrio.

L’aggregato materiale viene così sollecitato a spostarsi verso il centro e, per


ripristinare l’equilibrio, dovrà acquistare una velocità tangenziale pari a V eq ,

V 2eq K 20
in modo che si verifichi : = .
2
R R
La gravità si presenta apparentemente come un’azione " misteriosa " ,
ma nella realtà è molto semplice e comprensibile e non esiste una vera
necessità di introdurre delle costanti universali.

L’azione che si verifica in un punto qualsiasi dello spazio


fisico dipende esclusivamente dalle caratteristiche che lo
spazio in quel punto ha già acquisito, senza intervento di
azioni a distanza.

Se la quantità di materia posta nel punto centrale O non viene cambiata e


con un’azione esterna si produce nel punto P una variazione della velocità,
portandola da V eq a V , l’accelerazione radiale che si manifestata sul punto
perturbato diventa :
V2 K2 1 2 2
ar = − = ⋅ V ⋅R – K =
2 2
R R R

1 2 2
= ⋅ V ⋅ R – V eq ⋅ R 0
R2
67

2
Più in generale, se nell’equilibrio di un punto nello spazio fisico viene prodotta
2
una perturbazione Δ V ⋅R , differenziando l’equazione fondamentale

che governa l’equilibrio , si ricava la variazione dello spazio rotante richiesta


per rigenerare l’equilibrio :
2 2
Δ K =Δ V ⋅R .

Se la quantità di materia posta nel punto O non viene cambiata, il valore di


2
K non può variare e quindi lo spazio rotante centrale produce sul punto P
una accelerazione, che chiamiamo inerziale : ai = − ar che tende a
2
ripristinare l’equilibrio con il valore di K invariato.
Si ha dunque :

1 2 2
ai = – ar = – ⋅ V ⋅ R – V eq ⋅ R 0 =
R2

2 2
Δ V ⋅ R Δ K
=– =–
2
R R2

In definitiva, possiamo dire che " gravità e inerzia " rappresentano le uniche
due caratteristiche che si rendono teoricamente necessarie perchè si possa
produrre l’esistenza di uno spazio fisico capace di generare e conservare il
suo equilibrio.

Gravità ed inerzia sono dunque due caratteristiche associate allo


spazio fisico e non alla materia organizzata.

Essendo l’argomento di grande importanza per tutta la teoria, è necessario


un ulteriore approfondimento, per una migliore comprensione del significato
profondo di queste due caratteristiche.

Innanzitutto osserviamo che tutti i discorsi sono stati fatti senza prendere in
considerazione situazioni specifiche o particolari ipotesi restrittive, per cui le
relazioni e le conclusioni alle quali siamo giunti sono applicabili a qualsiasi

68

3
punto di uno spazio rotante, indipendentemente dal fatto che sia presente o
meno materia organizzata.

E’ solo per l’equilibrio dello spazio fisico che si richiede


l’esistenza di queste due caratteristiche.

Se si considera un cono con vertice nel centro dello spazio rotante, essendo
lo spazio fisico, per definizione, continuo ed incomprimibile, per l’equilibrio è
richiesto che sulla superficie di raggio R agisca una forza uguale a quella
che viene applicata dalla materia posta al centro.

Se ora nel raggio d’azione dello spazio rotante, alla distanza R dal centro si
ha una sfera di materia organizzata in equilibrio, su ciascuno dei suoi punti si
manifesteranno le azioni che abbiamo visto.

La gravità è dunque l’espressione dello spazio fisico considerato


nel suo ruolo attivo.
Essa viene esercitata dallo spazio rotante, si manifesta imponendo alla
sfera planetaria la condizione di equilibrio definita dalla relazione :

K2 = V2 ⋅ R

Per quanto riguarda l’inerzia, abbiamo visto che essa si manifesta quando il
moto del punto viene perturbato e non è rilevabile in condizione di equilibrio.

L’INERZIA è quindi una manifestazione della tendenza che presenta lo


spazio fisico a conservare l’equilibrio di tutti i suoi punti e si rileva con
l’accelerazione :
2 2
Δ V ⋅ R Δ K
ai = – =–
2
R R2

L’INERZIA è una risposta dello spazio fisico ad un’azione imposta


dall’esterno e dunque rappresenta una manifestazione del suo ruolo
passivo.

Queste considerazioni si applicano a ciascun punto dello spazio rotante, per

69

4
cui, per un’analisi quantitativa, è necessario prendere in considerazione tutti
i punti che vengono interessati dai fenomeni.

Per quanto riguarda l’inerzia, essendo la risposta ad una perturbazione dello


spazio fisico in equilibrio, essa sarà più o meno intensa in rapporto al volume
di spazio perturbato.

E’ chiaro che una sfera di materia organizzata avente un preciso volume, per
poter occupare un punto dello spazio, deve necessariamente rimuovere un
volume reale di spazio fisico pari al suo.

Qualsiasi perturbazione indotta sulla sfera si trasferirà a tutto il volume


da essa occupato.
Il volume di spazio perturbato coinciderà quindi con quello della sfera
planetaria.

Possiamo dunque concludere che :

La reazione inerziale che complessivamente lo spazio rotante esercita


contro la sfera planetaria perturbatrice dell’equilibrio, è proporzionale
al volume da essa occupato.

A questo punto notiamo che, se applichiamo una forza esterna F e ad una


sfera in equilibrio in uno spazio rotante, la velocità orbitale cambia rispetto al
valore corrispondente all’equilibrio.
Si produce così un’accelerazione rispetto allo spazio circostante che oppone
una resistenza a questa perturbazione.

In definitiva, è lo spazio fisico che oppone la forza d’inerzia Fi contro


la sfera che lo sposta, la quale, a sua volta la trasferisce all’operatore
esterno che produce lo spostamento.

Essendo il volume che viene interessato dalla perturbazione una


costante caratteristica della sfera planetaria, per noi, operatori esterni,
è possibile non considerare tutti questi passaggi e ritenere che sia
direttamente la sfera ad opporre la forza d’inerzia F i all’azione esterna
F e in modo che si abbia F i = – F e .

In questo caso, si associa alla sfera planetaria una caratteristica che

70

5
viene chiamata "MASSA INERZIALE", indicata con " m ", proporzionale
al volume di spazio fisico occupato, il cui valore si ottiene applicando
F
la "definizione operativa" : m =
a
in cui F è la forza applicata ed a l’accelerazione che la sfera acquista.

Se è nota la massa inerziale m di un aggregato materiale, la definizione può


F = m ⋅ a , per ricavare la forza d’inerzia che
essere utilizzata, nella forma
bisogna vincere per imprimere alla massa m l’accelerazione a, ovvero la
forza F che la massa m esercita contro lo spazio fisico quando si sposta
con l’accelerazione a.

Per chiarire meglio la natura dell’inerzia dello spazio, consideriamo come


perturbazione una improvvisa esplosione del punto materiale che si muove
sull’orbita circolare di raggio R0 alla velocità di equilibrio V 0eq (figura 15).

Per semplicità, supponiamo che durante l’esplosione siano stati prodotti solo
i due frammenti A e B con le velocità finali

V A = V 0eq + ΔV e V B = V 0eq − ΔV .

L’aumento della velocità imposto al punto A produce un aumento del valore

71

6
V2
dell’accelerazione fittizia af = con un conseguente spostamento
R
verso l’esterno ed aumento del raggio R che passa dal valore R 0 a RA.

Durante questo passaggio, lo spazio fisico, che non ha subito delle modifiche,
1
2
K2
riduce la velocità di equilibrio, che passa da V 0eq =
R0
1
2
K2
al valore VA = < V 0eq .
RA

In definitiva, quando inizialmente viene impresso al frammento A un aumento


di velocità, l’agente che lo produce deve vincere questa azione frenante che
tende a ristabilire l’equilibrio.

Un discorso perfettamente analogo si può fare per il frammento B, al quale


viene imposta una riduzione della velocità e dunque la reazione dello spazio
sarà tale da portarlo in equilibrio su un’orbita avente raggio minore con una
velocità più elevata.

Dato che l’orbita circolare rappresenta la condizione di massima stabilità

72

7
dell’equilibrio, come qualsiasi altro sistema, anche un punto dello spazio
fisico in equilibrio su un’orbita circolare si opporrà a qualsiasi perturbazione
esterna.

Essendo tutti i punti dello spazio che formano l’universo interagenti con lo
spazio rotante locale, il comportamento che abbiamo descritto si manifesta
in tutto l’universo come inerzia della materia.
In realtà, per quanto abbiamo visto, possiamo affermare che :

GRAVITA’ ed INERZIA non sono caratteristiche proprie della materia


organizzata, bensì del punto dello spazio fisico da essa occupato ed
esprimono la sua capacità di produrre e mantenere una condizione di
equilibrio opponendosi a qualunque perturbazione.
Analiticamente si possono esprimere le condizioni di moto del punto
considerato :
1
2
K2
V= in equilibrio su orbita circolare
R
2
Δ V ⋅ R
ai = − in presenza di orbite perturbate
2
R

In definitiva, qualunque sia il livello di aggregazione nello spazio, la materia si


manifesta sempre attraverso un ruolo attivo, che si esplica imponendo ad
ogni punto dello spazio circostante il rispetto della condizione K2 = V2 ⋅ R
ed un ruolo passivo che essa esercita opponendo una forza F i a qualunque
azione esterna che le imponga una variazione delle condizioni di moto.

Queste due caratteristiche sono sufficienti per definire completamente ed in


maniera inequivocabile la materia.

2
Il valore " K " associato alla materia Q si assume come massa attiva
ed esprime, quantitativamente, la sua capacità di esercitare un ruolo
attivo nel definire un equilibrio stazionario con lo spazio circostante.

Il valore m viene assunto invece come massa passiva o inerziale della

73

8
materia Q ed esprime, quantitativamente, la sua capacità di opporsi a
qualsiasi perturbazione venga imposta all’equilibrio.

In base a questa interpretazione, la materia è spazio fisico in moto


relativo rispetto allo spazio circostante.

Per concludere, osserviamo che abbiamo ricavato il significato della gravità


e l’espressione che la descrive attraverso diverse vie indipendenti.
Naturalmente, si tratta sempre della stessa realtà, ma cambia il metodo che
viene scelto per descriverla.

74

9
–Teoria dell’etere, analisi critica dell’esperimento di Michelson e Morley
La relazione che definisce l’equilibrio dello spazio rotante ci consente di dare
una definizione operativa della materia, chiara ed inequivocabile, senza
aggiungere altre unità di misura fondamentali a quelle già note.
La quantità di materia associata al punto O è data, per definizione, dal
valore della costante : K2  V2  R
che si ricava con una " massa esploratrice " posta in equilibrio in
un punto qualsiasi dello spazio fisico circostante.

E’ importante tenere presente che la velocità V non viene imposta alla


sfera esploratrice dall’esterno, ma si ottiene come risultato del lavoro
che l’accelerazione radiale a r , agente in ogni punto dello spazio fisico
considerato, compie portando la sfera da una distanza R0   al
valore di equilibrio R.

Essa rappresenta dunque la velocità


di equilibrio di ogni punto
dello spazio fisico rotante considerato, anche se in esso non
sono presenti aggregati di materia organizzata.

Rilevato dunque il valore K , per esempio, per R  1 m, tutto lo spazio che


2

si trova in condizione di equilibrio stazionario, verrà descritto dalla relazione :


K2
V 2
eq
R 
R
Sostituendo, si ricava il valore dell’accelerazione radiale a r che il centro O
deve imporre allo spazio fisico circostante per mantenere i suoi punti ad una
distanza costante e quindi in equilibrio su orbite circolari.
Si hanno dunque le relazioni fondamentali :
V 2eq K2
af  e quindi : ar  
R R2
Questa relazione ci dice che, affinchè nello spazio geometrico circostante la
materia possa esistere uno spazio fisico in equilibrio, è necessario che su
ciascun punto dello spazio agisca una pressione radiale, espressa da ar ,
che viene indicata come gravità.

66

1
Per una corretta interpretazione dei risultati, è importante ricordare che nello
spazio che abbiamo considerato non esistono altre azioni oltre a quella della
materia centrale.

Se dunque si considera uno spazio fisico imperturbato, la simmetria sferica


porta ad una velocità di equilibrio con lo stesso valore in tutte le direzioni.

V   V eq  0
In queste condizioni, ciascun punto rimane dunque in equilibrio, fermo nello
spazio, sottoposto all’azione di tutti gli altri punti circostanti.

Essendo l’accelerazione centrifuga a f dipendente da V 2 , il suo segno risulta


indipendente dalla direzione della velocità. Se abbiamo quindi un punto che
compie un’oscillazione attorno alla posizione di equilibrio con una velocità V,
anche se l’oscillazione ha un’ampiezza infinitamente piccola, in modo tale da
poter considerare il punto fermo, si ottiene sempre un valore diverso da zero
dell’accelerazione gravitazionale.

In definitiva, un punto dello spazio fisico, indipendentemente dalla


sua massa, viene sottoposto all’azione gravitazionale della materia
solo per il fatto che " si trova in equilibrio " in un punto del suo spazio
rotante, anche se è fermo.

Se, a questo punto, in un punto qualsiasi dello spazio, " caratterizzato dalla
2
costante K ", lo spazio fisico puro viene sostituito da una massa in moto,
" lo spazio esercita sulla massa un’accelerazione radiale, che impone
una velocità tangenziale di equilibrio tale che sia " :

V 2eq  R  K 2
In definitiva, se in un punto dello spazio fisico si pone un aggregato materiale,
tutto lo spazio circostante viene attivato e diventa capace di esercitare
direttamente azioni sulla materia presente.

La funzione della materia nella definizione dell’azione gravitazionale termina


con l’attivazione dello spazio.
E’ poi quest’ultimo che fisicamente esercita l’azione gravitazionale sulla
materia in esso presente.

67

2
Non è dunque corretto dire che una massa m 1 esercita la sua azione su una
massa m 2 posta alla distanza R.
Essendo infatti l’azione su m 2 istantanea, con questa interpretazione si dice
che m 1 trasmette a m 2 istantaneamente il messaggio che indica la sua
presenza alla distanza R.

Dato che è provato dall’esperienza che nessun segnale può essere


trasferito con velocità infinita e tuttavia l’accelerazione gravitazionale
si presenta istantaneamente, "
questa interpretazione non può
essere considerata corretta ".

Per poter soddisfare entrambe le osservazioni sperimentali, in accordo con


quanto abbiamo ricavato teoricamente, diciamo che, se una massa viene
2
posta in uno spazio fisico di valore K , viene " immediatamente "
assoggettata "dallo spazio" ad un’azione tale da consentire l’equilibrio
solo su un’orbita circolare di raggio R , percorsa con una velocità V,
tale da soddisfare la condizione :

V2  R  K2
Se la materia che ha attivato lo spazio si sposta, la massa, che si trova in un
punto dello spazio circostante, riceve istantaneamente l’informazione del
2
movimento avvenuto e, con K invariato, l’equilibrio si realizzerà con
gli stessi valori della velocità e del raggio dell’orbita.

Quest’ultima osservazione ci dice che la materia si circonda di una sfera di


spazio attivo di raggio r p , che indichiamo come spazio rotante, che
la segue in ogni suo spostamento e ne individua il raggio d’azione.

E’ chiaro che, se lo spazio rotante è solidale con la materia che lo genera,


la consuetudine di considerare materia solo la massa centrale generatrice, è
solo una scelta arbitraria, in quanto non esiste fisicamente alcuna possibilità
di separare la massa centrale dalla sua sfera planetaria.

In seguito verrà dimostrato infatti che, per attivare lo spazio circostante, la


materia trasferisce allo spazio un preciso valore di energia, opportunamente

67a

3
distribuita, che produce una riduzione della massa centrale.
Dunque è come se una parte della materia centrale venisse diluita in
tutto lo spazio rotante generato.

Quando parliamo, per esempio, del Sole, ci riferiamo alla sfera di idrogeno
avente tutte le caratteristiche associate all’osservazione della sua superficie
visibile di raggio r s .

In realtà abbiamo visto ( pag. 408 ) che il Sole ha una sfera planetaria avente
un raggio uguale a 1385 UA alla quale è associata una energia, e quindi una
massa che è da intendersi come massa solare, in quanto, quando spostiamo
il Sole, contemporaneamente spostiamo un volume di spazio fisico uguale
a quello della sua sfera planetaria.
Tale sarà quindi anche lo spazio che si perturba con lo spostamento.

E’ più corretto intendere come Sole l’intera sfera planetaria, con tutte
le caratteristiche associate.
Con questa nuova interpretazione, quando si parla di azione del Sole su una
massa posta alla distanza R , non s’intende l’azione diretta del Sole, bensì
quella istantanea, che produce direttamente lo spazio rotante solare ad una
distanza R dal centro, che porta ad un equilibrio su un’orbita circolare avente
appunto raggio R e velocità longitudinale V tale da verificare la condizione :

V 2eq  R  K 2s
Per maggiore chiarezza, con riferimento alla figura seguente, consideriamo il
Sole in equilibrio con il pianeta Terra e la sfera planetaria (di spazio fisico) di
raggio r ps .

Nelle normali condizioni di equilibrio la sfera di spazio, solidale il Sole posto

67b

4
nel centro, si muove nello spazio rotante del sistema stellare locale con una
velocità V s (ricaveremo in seguito il valore V s  988, 7 K m /sec) , trascinando
in questo moto tutte le masse in essa presenti.

La Terra, rappresentata in figura, sarà quindi animata dal moto di rivoluzione


con velocità V eq più quello di traslazione dell’intero sistema Solare.

Nelle condizioni indicate la velocità relativa tra Sole e Terra è uguale a quella
di equilibrio V eq e quindi l’accelerazione gravitazionale uguaglia la centrifuga
e nessuna forza agisce sulla Terra, che continua così a percorrere la orbita
circolare di raggio R T , in perfetto equilibrio con lo spazio rotante.

Se a questo punto una massa m di valore trascurabile rispetto a quella solare,


avente una velocità iniziale V 0 molto elevata, colpisce il Sole, la sua velocità
orbitale V s subisce un aumento V s , trascinando con se tutta la sua sfera
planetaria con esso solidale ( ma non le masse in essa presenti ).

Essendo trascurabile la materia aggiunta al Sole, la sua azione gravitazionale


è rimasta invariata in tutta la sfera planetaria e dunque, con riferimento alla
Terra, la velocità di equilibrio dello spazio rotante nel punto P è ancora V eq
mentre la velocità relativa tra Terra e Sole è diventata :

VT  V eq – V s  V eq

L’equilibrio del pianeta viene quindi perturbato istantaneamente, in quanto


il punto P segue il Sole in tutti i movimenti.

La velocità orbitale di equilibrio V eq " è indipendente dal valore


della massa " e quindi coincide anche con la velocità di equilibrio di
tutti i punti dello spazio fisico presenti sull’orbita di raggio R.

Se dunque una massa m si muove in perfetto equilibrio sulla stessa orbita,


presenta una velocità relativa uguale a zero, rispetto allo
spazio rotante nel quale si muove, e dunque " non potrà
scambiare con esso alcuna forma di energia ".

67c

5
Questo vuol dire che:
Se non intervengono forze esterne, la massa m conserva il suo stato
di moto equilibrato sull’orbita circolare per un tempo indefinito.

Come si può vedere, si tratta esattamente dell’enunciato della prima legge


della dinamica, formulata da Newton, con la sola differenza che abbiamo, in
questo caso, una traiettoria curva.

Con una diversa formulazione, è questa la curvatura dello spazio alla quale si
rifersce Einstein nella teoria della relatività generale.

La massa in moto nelle condizioni indicate non è soggetta a nessuna forza.


Essa non avverte quindi alcun effetto gravitazionale e non manifesta neppure
la forza d’inerzia, in quanto il moto appare accelerato nel nostro spazio, fuori
dall’orbita, ma risulta in perfetto equilibrio (moto a velocità costante su una
linea equipotenziale) nello spazio in cui la massa realmente si muove.
In definitiva essa interagisce con lo spazio rotante nel punto occupato
e non con il nostro spazio.

Ricordiamo ora che Einstein, trattando il problema della gravità, nella teoria
della relatività generale, per rendere compatibile il limite della velocità della
luce, previsto dalla teoria della relatività ristretta, con la legge di Newton della
gravitazione universale, che invece prevede il trasferimento istantaneo dei
segnali nello spazio da una massa all’altra, ipotizza per la materia la capacità
di " deformare lo spazio circostante ", creando così delle traiettorie curve.

Secondo Einstein, tale "curvatura dello spazio" fa deviare i corpi dalla loro
traiettoria rettilinea, provocando così quello che noi chiamiamo " attrazione
gravitazionale ".

La gravità viene quindi interpretata come un effetto puramente geometrico e


le equazioni di Einstein esprimono proprio la relazione che esiste fra materia
e curvatura prodotta.

Secondo la teoria della relatività generale, tutte le traiettorie, ellittiche,


circolari o iperboliche, vengono imposte dalla deformazione dello spazio e
risultano indipendenti dalla massa che le percorre.

Nella teoria degli spazi rotanti è solo l’orbita circolare minima (quantizzata)

67d

6
che viene imposta dallo spazio per poter verificare i principi di conservazione
in qualsiasi punto, indipendentemente dalla massa presente.

La deviazione dall’orbita circolare imposta dipende invece dall’eccesso di


energia della massa presente, rispetto al valore associato all’equilibrio ( il
calcolo dettagliato verrà eseguito in altro capitolo ).

E’ da notare che la deformazione dello spazio da parte della materia è stata


proposta da Einstein sostanzialmente "per giustificare il fatto che l’azione
gravitazionale si presenta istantaneamente" e dunque non necessita del
trasferimento di un segnale.

La proposta fatta risolve però il problema solo per una massa che s’inserisce
in uno spazio con deformazione già definita.

Se, riprendendo l’esempio che abbiamo riportato, si sposta il Sole, secondo


questa proposta, esso dovrà deformare lo spazio circostante il nuovo punto
occupato, comunicando la sua presenza, e questo richiede tempo, che ritarda
l’azione gravitazionale.

Il problema si risolve solo considerando lo spazio fisico attivo solidale


con la massa generatrice.

Per meglio confrontare i risultati teorici che abbiamo ottenuto con quelli che
vengono proposti dalle teorie correnti, richiamiamo brevemente le basi della
relatività di einstein.

Fino al XIX secolo nello studio di qualsiasi processo fisico si faceva ricorso
ad un modello meccanico secondo il quale tutti i fenomeni naturali venivano
interpretati come interazione tra particelle materiali.

In particolare, qualsiasi movimento ondulatorio doveva propagarsi in qualche


elemento, così come suggerivano le onde del mare oppure di uno stagno, che
si propagano attraverso l’acqua e le onde sonore che si muovono nell’aria.

In base a queste osservazioni, le onde elettromagnetiche non avevano alcuna


possibilità di propagarsi nel vuoto e quindi si doveva teorizzare l’esistenza di
una sostanza materiale che permettesse il loro trasferimento nello spazio.
Questa sostanza, alla quale venivano richieste molte caratteristiche, spesso
in contrasto fra loro, venne indicata come Etere.

67e

7
L’esistenza di questa sostanza, ferma nello spazio, dava la possibilità
di assumere un riferimento privilegiato rispetto al quale misurare qualsiasi
movimento.

Dato che si sapeva, dall’esperienza, che la luce si muoveva nello spazio


con una velocità elevata ma finita e, secondo la meccanica classica, il suo
valore doveva risultare dipendente dalla velocità relativa dell’osservatore, la
presenza di un riferimento privilegiato, fermo in qualsiasi punto dello spazio,
consentiva di assegnare alla luce un valore della velocità di propagazione
avente la caratteristica di costante universale.

Da questi brevi richiami si capisce l’importanza che assumeva per la fisica la


presenza di un etere immobile che riempie tutto lo spazio.
E’ per questa ragione che nel 1887 Michelson Morley si decisero di verificare
la sua esistenza.

L’esperimento si fondava sulla semplice osservazione che, se esiste un etere


immobile in tutto lo spazio, " qualsiasi corpo fermo nello spazio risulterà
fermo rispetto all’etere, mentre un corpo in movimento risulta in moto
relativo rispetto all’etere nella direzione del moto e fermo in direzione
perpendicolare al moto ".

L’esperimento era stato concepito per dimostrare che la luce può assumere
velocità diverse per diversi osservatori in moto relativo rispetto all’etere e con
questo si provava l’esistenza stessa dell’etere immobile nello spazio.

Michelson pensò che se lo spazio è un oceano immobile di etere ed il Sole è


fermo rispetto ad esso, la velocità della terra attraverso l’etere ( 30 K m / sec )
poteva essere rilevata lanciando nello spazio diversi raggi di luce con diverso
orientamento rispetto alla direzione del moto.

Se la luce si propaga veramente attraverso l’etere, la sua velocità si sarebbe


rivelata dipendente dal flusso di etere suscitato dal moto della terra.

Michelson e Morley pensarono dunque di utilizzare due raggi di luce coerente


inviando uno nella direzione del moto e l’altro in senso normale, confrontando
poi il tempo da essi impiegato a percorrere la stessa distanza.

A bordo del sistema mobile Terra, uno osservatore O ( schermo ) riceve e

67f

8
confronta i due raggi dopo che hanno realizzato il loro percorso.

Trascurando i raffinati accorgimenti tecnici necessari in considerazione del


fatto che la differenza di velocità è veramente esigua ( 30 su 300000 ), nella
sua schematicità l’apparecchio utilizzato da Michelson e Morley è costituito
da due regoli TP e TQ , perpendicolari tra loro e aventi uguale lunghezza L.

Nel punto T si trova uno specchio semiargentato, che divide il raggio inviato
dalla sorgente S. I due raggi prodotti vengono deviati lungo i regoli alle cui
estremità si trovano due specchi, che li riflettano nuovamete verso il punto T e
vanno a interferire sullo schermo posto nel punto O, formandovi una figura di
interferenza.

Un eventuale " vento d’etere " avrebbe comportato una diversa velocità della
luce nelle diverse direzioni e di conseguenza uno scorrimento delle frange di
interferenza con la rotazione di tutto lo strumento rispetto alla direzione del
moto della Terra. Questo è quello che ci si aspettava di osservare.

E’ naturale che, trattandosi di valutare il moto relativo tra Terra in movimento


ed etere in quiete assoluta, il calcolo venne eseguito utilizzando la relatività di
Galileo.

Ipotizzando che la terra si muova con velocità V T verso destra, relativamente


allo schema tracciato, e la luce con velocità C l rispetto all’etere immobile, si
calcolano i risultati previsti con le seguenti considerazioni.

Il tempo necessario a percorrere il braccio parallelo al moto terrestre durante


l’andata, essendo per ipotesi il vento d’etere opposto, la velocità osservata

67g

9
della luce sarà Cl – VT , mentre al ritorno si avrà ovviamente Cl  VT .

Considerando il percorso di andata e ritorno identici, si calcola il tempo totale


con la somma dei tempi richiesti dai due percorsi ; si avrà quindi :

L L 2L 1
t1    
Cl – VT Cl  VT Cl VT
2

1–
2
Cl

In maniera analoga si calcola il tempo impiegato dalla luce per percorrere il


braccio perpendicolare alla direzione al moto della terra. In questo caso però
si sommano vettorialmente due velocità perpendicolari fra loro e quindi si ha
2 2
la velocità osservata : V  Cl – VT
che, per la simmetria dei percorsi risulta la stessa per il tragitto di andata e di
ritorno, per cui il tempo richiesto per l’intero percorso risulta :

L 2L 1
t2  2   
2
Cl – VT
2
Cl 2
VT
1–
2
Cl

t 1 e t 2 sono i tempi che l’osservatore in moto con la Terra misura, secondo


la trasformazione di Galileo.

Trovato il tempo impiegato per percorrere ciascun braccio, si può procedere


alla valutazione della figura intereferenza che si ottiene sullo schermo quando
le due onde, aventi stessa fase iniziale, andranno nuovamente a sovrapporsi
dopo una differenza di percorso data da :

L  C l  t 2  t 1
Se il sistema viene fatto ruotare, man mano che l’angolo di rotazione aumenta
L diminuisce, riducendosi a zero con   45° per cambiare segno a 90° ,
quando si verifica lo scambio tra i bracci e dunque dei tempi t 1 e t 2 .

67h

10
Se si ha l’etere immobile, con la rotazione si produce uno spostamento delle
frange di interferenza. Viceversa, se l’etere non esiste, tutte le posizioni dello
strumento, denominato interferometro, sono equivalenti e quindi la rotazione
non produrrà alcun effetto.

La variazione di fase prevista dagli autori dell’esperimento non si presentò e


questo dimostrava che la luce si propaga nello spazio senza alcun effetto di
" trascinamento " da parte di un mezzo fisico.

Il fallimento dell’esperienza di Michelson e Morley nel dimostrare l’esistenza


dell’etere può avere le seguenti giustificazioni :

– La velocità della luce è indipendente dalla direzione del moto, quindi


l’etere non esiste.

– La Terra è ferma rispetto all’etere e quindi, se esso esiste,


si deve ammettere che in prossimità della superficie terrestre venga
trascinato in rotazione.

– Il braccio dell’interferometro si accorcia nella direzione del moto.

Secondo Einstein il risultato ottenuto poteva essere giustificato ammettendo


l’inesistenza dell’etere e dunque ipotizzando che la velocità della luce fosse
indipendente dal moto della sorgente e dell’osservatore.
Queste sono le ipotesi dalle quali egli derivò " i postulati " sui quali fondò
la teoria della relatività ristretta :

– le leggi fisiche sono le stesse in tutti i sistemi di riferimento inerziali

– la velocità della luce è costante in tutti i sistemi di riferimento inerziali


Normalmente si dice che con l’esperimento di Michelson e Morley si verifica
"l’indipendenza della velocità della luce" da quella della sorgente rispetto
all’osservatore.

In realtà nell’interferometro sorgente e osservatore durante moto sono solidali


fra loro e quindi la loro velocità relativa è sempre uguale a zero, qualunque sia
l’orientamento dei bracci.
Lo strumento non è dunque in grado di produrre uno scorrimento delle frange
di interferenza con la rotazione.

67i

11
– Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni
sull’esperimento di Michelson e Morley
Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l’etere nasceva
dalle evidenze sperimentali di un’analogia di comportamento tra la luce e una
qualsiasi altra perturbazione prodotta nel vuoto oppure in un mezzo materiale
qualsiasi.

Ricordiamo infatti che anche il suono, che rappresenta una perturbazione del
mezzo, si trasmette con una velocità caratteristica del mezzo, indipendente
dalla velocità della sorgente.

Lo stesso accade, per esempio, per la perturbazione prodotta in uno stagno


dal lancio di un sasso, oppure da quella prodotta da un’antenna trasmittente
o dalla perturbazione di un qualsiasi sitema legato, per esempio astronomico,
in equilibrio.

A questo punto ci chiediamo " che cosa accomuna i casi citati ", che li
rende tanto speciali e capaci di invalidare il principio di additività delle
velocità, che è alla base delle trasformazioni di Galileo.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema
schematizzato in figura.

Abbiamo un sistema di riferimento solidale con il mezzo nel quale, nel punto
P 1 , si trova un osservatore fermo, mentre in P 0 abbiamo un fucile in moto con
velocità V 0 .

All’interno del fucile, il proiettile riceve una spinta rispetto al fucile, e dunque
un’energia E s , che dipende solo dalla carica esplosiva e non dalla velocità
dell’insieme fucile-proiettile.

Se m 0 è la massa del proiettile, la sua energia cinetica prima dell’esplosione

67l

1
1 2
aveva il valore : E0   m0  V0
2
Dopo lo sparo, all’uscita dal fucile, l’energia del prioiettile sarà: E  E 0  E s

Se V 1 è la velocità associata all’energia E s , valutata con il fucile fermo, la


velocità con la quale l’osservatore P 1 vede giungere il proiettile sarà :

V  V0  V1
Si applica in questo caso la trasformazione di Galileo.

Supponiamo ora di otturare la canna del fucile con una membrana elastica e
molto resistente.

Ripetendo l’esperimento, nelle stesse condizioni, il proiettile dopo lo sparo


cede l’energia E s alla membrana e si ferma nel fucile, conservando l’energia
iniziale E 0 .

L’energia E s , ceduta alla membrana, passa da quest’ultima al mezzo esterno


sottoforma di impulso di pressione, che perturba l’equilibrio, senza alcun
trasferimento di massa.

A questa perturbazione è associata l’energia E s , che si trasmette nello


spazio esterno e giunge all’osservatore con una velocità
che non
dipende dal tipo di sorgente, dalle sue condizioni di moto
e "risulta un valore caratteristico dello spazio in cui il trasferimento si
verifica".

Se indichiamo con P la "entità" alla quale è associata l’energia E s , che viene


trasferita dal fucile all’osservatore, nel primo caso il proiettile si comporta nel
rispetto delle trasformazioni di Galileo, mentre nel secondo caso la velocità di
propagazione dell’energia risulta una costante, indipendente dalla velocità
relativa del fucile rispetto all’osservatore.

Il comportamento, apparentemente strano, si giustifica perfettamente se si

67m

2
considera che nel primo caso l’entità emessa dal fucile è una parte materiale,
già presente nel sistema iniziale in movimento, che viene espulsa dopo aver
subito una forte accelerazione.

Nel momento in cui si separa dal fucile ha acquisito una velocità data
dalla somma di quella iniziale più il valore prodotto dall’accelerazione
impressa.

Nel secondo caso, l’entità che viene emessa, anche se è stata generata dal
fucile in movimento, non era presente nel sistema iniziale, ma viene generata
direttamente nel mezzo esterno in un punto staccato dal fucile, indipendente
quindi dal suo moto.

Essa nasce inoltre come perturbazione immateriale e dunque priva


di energia cinetica iniziale.

E’ quindi facilmente comprensibile che il trasferimento di una perturbazione


delle caratteristiche del mezzo ( entità priva di massa ) debba dipendere
solo dal mezzo stesso.

Supponiamo ora di sostituire il fucile con un atomo in moto con velocità V 0 .


Se l’atomo espelle un elettrone, inizialmente in moto anch’esso con velocità
V 0 , la situazione si presenta analoga al primo caso esaminato e la velocità
dell’elettrone osservata è quella che si ottiene con le trasformate di Galileo.

Se l’elettrone non viene emesso dall’atomo in movimento, ma subisce solo


una transizione verso un’orbita più interna, si crea una situazione analoga a
quella del secondo caso, in cui l’atomo iniziale non emette nulla di materiale,
ma genera nel mezzo esterno ( fuori dall’atomo in moto ) una perturbazione
non materiale, che si propaga con una velocità dipendente unicamente dalle
caratteristiche del mezzo " e trasferisce nello spazio un’energia legata
solo alla transizione avvenuta nell’atomo ".

L’indipendenza dalla velocità della sorgente è una tipica


caratteristica della propagazione di una perturbazione che
si genera nello spazio circostante la sorgente.

I fenomeni associati a questo tipo di trasferimento dell’energia, sono

67n

3
diversi a seconda che la sorgente abbia funzionamento ondulatorio o
impulsivo.

In tutti questi casi, l’energia trasferita dipende solo dal tipo di sorgente ed è
espressa da una relazione del tipo : Es    
dove  è una costante caratteristica del tipo di sorgente e  la frequenza con
la quale si produce la perturbazione.

Mentre la velocità di propagazione è una costante caratteristica del mezzo .


L’indipendenza della velocità di propagazione di una perturbazione dal moto
della sorgente, rispetto all’osservatore, può essere messa in evidenza con la
formula di Einstein, ricavata con riferimento alla luce, interpretata come
una perturbazione del mezzo a carattere impulsivo :
Vs  Vo
V
Vo  Vs
1
2
Vm

dove V indica la velocità con la quale l’osservatore vede il trasferimento della


energia E s ; V s la velocità della sorgente ; V o la velocità dell’osservatore e
V m la velocità di propagazione di una perturbazione delle caratteristiche del
mezzo.

E’ facile verificare che, se V s e/o V 0 V m , la velocità


assume il valore
V , con la quale l’osservatore vede l’energia trasferirsi, è sempre V m .

Nel caso in cui la sorgente, in moto con velocità V s , emette una particella
materiale con velocità V 1 , con la trasformazione di Galileo si ha il valore :

V  Vs  V1
diverso dal risultato che si ricava applicando la formula di Einstein. I risultati
sono entrambi validi con un significato diverso.

1 4
Per esempio, se si pone V s  V o   V m , si ricava V  Vm
2 5

67o

4
mentre con la trasformazione di Galileo il valore risulta V  Vm .
Se il tipo di perturbazione generato dalla sorgente coincide con quello
che si utilizza per effettuare le osservazioni, è chiaro che una velocità
della sorgente V s  V m non permette alla perturbazione generata di
uscire dalla sorgente per propagarsi nel mezzo con la velocità V m , e
quindi di fatto non viene proprio generata.

Ne deriva che V m diventa, in questo caso, anche il valore


massimo che può assumere la velocità della sorgente per
poter essere osservata.

Se anche si volesse utilizzare un segnale riflesso (per esempio un suono) per


osservare un oggetto in moto con una velocità maggiore di V m , il rilievo non
sarebbe possibile, in quanto il segnale verrebbe assorbito e non riflesso.

Nel senso che è stato indicato, la velocità caratteristica del mezzo V m ,


con la quale si propaga una perturbazione, qualora
lo stesso tipo
di perturbazione venga utilizzato come strumento per
l’osservazione, rappresenta anche il valore massimo della velocità
raggiungibile in quel mezzo da un qualsiasi punto osservabile.

Generalmente le osservazioni vengono fatte usando onde elettromagnetiche,


che sono perturbazioni dello spazio a carattere sinusoidale, oppure la luce,
che è invece una perturbazione direzionale di tipo impulsivo (con forma
d’onda sinusoidale).

In questo caso, nella formula di Einstein a V m si sostituisce la velocità della


luce C l ed ha inizio l’elaborazione della relatività speciale, assumendo come
postulato fondamentale il fatto che :

– la velocità della luce è indipendente da quella della sorgente che la


emette (come quella di qualsiasi perturbazione immateriale)

– la velocità della luce nello spazio vuoto (spazio fisico) è una costante
indipendente dalla velocità dell’osservatore rispetto al mezzo in cui si
propaga.

67p

5
– la velocità della luce rappresenta il valore massimo raggiungibile (da
qualsiasi punto osservabile con un segnale luminoso) nell’universo da noi
osservabile con la luce.
Il valore della velocità della luce viene assunto dunque come limite naturale
insuperabile.

Mentre il primo ed il terzo punto vengono verificati, con le condizioni che sono
state indicate, il secondo punto non è verificato ed è frutto di una non corretta
interpretazione dei risultati forniti dall’esperimento di Michelson e Morley.

Nel calcolo classico relativo all’esperimento di Michelson e Morley, i bracci


vengono considerati di lunghezza costante, uguale a L , qualunque sia il loro
orientamento nello spazio e vengono assunti coincidenti con il percorso della
luce che l’osservatore mobile rispetto al mezzo, vede con velocità diverse nel
tragitto di andata e ritorno.

Un osservatore in quiete rispetto al mezzo vedrà invece la luce muoversi, nel


mezzo, con la stessa velocità durante il tragitto di andata e ritorno, mentre la
lunghezza del braccio apparirà "aumentata durante il percorso di andata"
e "diminuita durante quello di ritorno".

Sempre lo stesso osservatore in quiete, rispetto al mezzo attraverso il quale


si trasmette il segnale, conoscendo la velocità di propagazione, potrà valutare
i tempi di percorrenza del braccio e constaterà che " il tempo di andata si è
dilatato rispetto a quello rilevato con il braccio in quiete, mentre quello
di ritorno si è contratto".

Si tenga presente che queste variazioni di lunghezze e tempi non hanno nulla
in comune con quelle che si ricavano nella teoria della relatività ristretta, che
utilizza le trasformazioni di Lorentz, mentre ora si stanno utilizzando quelle di
Galileo.

67q

6
Ricalcoliamo dunque i percorsi prendendo in considerazione le osservazioni
che sono state fatte.

In figura è riportato il braccio orizzontale dell’interferometro, che si sposta con


la Terra con velocità relativa V T , rispetto al mezzo in cui si muovono i segnali
f 1 ed f 2 , i quali si spostano con una velocità V m , rispetto al mezzo nel quale
si propagano, che supponiamo fermo e solidale con l’osservatore.

Nell’istante t  0 viene emesso il segnale f 1 , che si muove con velocità V m


nella direzione indicata e raggiunge, dopo un tempo t f1 , lo specchio P che,
nello stesso tempo, ha percorso lo spazio S 1 insieme allo specchio centrale
semiriflettente T.
Lo spazio percorso da f 1 risulta quindi : L1  L  S1
VT
L  S1 Vm
S 1  V T  t f1  V T  da cui si ottiene : S1  L 
VT
Vm 1–
Vm

Lo specchio P riflette il segnale f 1 emettendo il segnale f 2 che si muove nel


verso opposto sempre con velocità V m rispetto al mezzo e all’osservatore.
Dopo un tempo t f2 esso raggiunge lo specchio T che, nello stesso tempo, ha
percorso l’ulteriore spazio S 2 .

Lo spazio percorso da f 2 risulta quindi : L2  L – S2 con S 2 dato da :


VT
L – S2 Vm
S 2  V T  t f2  V T  da cui si ottiene : S2  L 
VT
Vm 1
Vm

L’intero percorso effettuato nel mezzo, con velocità V m , dal segnale inviato
nella direzione del moto della Terra, risulta :

L 01  L 1  L 2 2L S1– S2

67r

7
VT 1 1
S1– S2 L  
VT VT
Vm 1– 1
Vm Vm

con semplici passaggi si ricava :

V 2T 1 V 2T
S1– S2 2L  2L
2 2
V m 1–
VT
V 2m – V 2T
2
Vm

e quindi, sostituendo :
1
L 01 2L S1– S2 2L
2
VT
1–
2
Vm

I tempi che lo stesso osservatore rileva risultano :

L1 L 1 t0
t f1    
Vm Vm VT VT
1– 1–
Vm Vm

L2 L 1 t0
t f2    
Vm Vm VT VT
1 1
Vm Vm

1
e quindi : t 1  t f1  t f2  2  t 0 
2
VT
1–
2
Vm

67s

8
Consideriamo ora il braccio verticale dell’interferometro.

Dovendosi verificare la riflessione del segnale sullo specchio Q in moto con


velocità V T rispetto al mezzo, se t f è il tempo impiegato dal segnale emesso
dalla sorgente nel punto O per raggiungere lo specchio, bisogna tener conto
che nello stesso tempo quest’ultimo si sarà spostato in Q’, con QQ’  V T  t f .

Il segnale f 1 verrà quindi emesso nella direzione OQ’ e si sposterà nel mezzo
con la velocità caratteristica V m , percorrendo la traiettoria OQ’ in assoluta
autonomia ed indipendenza sia dalla sorgente O che dallo specchio Q.
Il percorso di andata del segnale emesso risulta quindi :
2
L 2s  L 2  VT  tf
2
L2  VT  tf
Il tempo impiegato : t 2f 
V 2m
1 L
da cui : tf  t0  con t0 
VT
2 Vm
1 
2
Vm

67t

9
1
quindi anche : Ls  L 
2
VT
1 
2
Vm

e l’intero percorso sul braccio verticale : L 02  2  Ls

Essendo per il segnale riflesso il discorso assolutamente identico, il tempo


richiesto per il percorso del braccio verticale sarà :
1
t2  2  tf  2  t0 
2
VT
1 
2
Vm

La differenza di percorso tra i due bracci sarà :


1 1
L  L 01  L 02  2  L  2L
2 2
VT VT
1– 1 
2 2
Vm Vm

A questo punto notiamo che, sia nel sistema mobile che in quello fisso,

dopo
l’emissione, il segnale si muove nello spazio in assoluta autonomia e
quindi la traiettoria seguita risulta indipendente dalle condizioni di
moto della sorgente e dell’osservatore, quindi di tutto lo strumento.

Questo si verifica indipendentemente dal fatto che lo spazio sia vuoto


(e immobile) oppure " occupato da un mezzo immobile ".
L’orientamento della traiettoria è perciò definita solo dall’orientamento degli
specchi, che viene calcolata considerando solo la velocità V dello strumento
rispetto al riferimento solidale con lo spazio immobile.

L’esperimento di Michelson non è in grado di rivelare o di


negare la presenza di un mezzo immobile in uno spazio

67uu

10
vuoto (puro spazio geometrico) anch’esso immobile.
L’analisi che abbiamo fatto, e quindi i risultati ottenuti, conservano la loro
validità qualunque sia lo spazio in cui ci muoviamo.
I rilievi fatti nel sistema mobile con l’esperimento di Michelson e Morley hanno
evidenziato la formazione di frange d’interferenza, ma non uno spostamento
con la rotazione dell’interferometro di 90°.

Si deve ancora osservare che nel calcolo si fa sempre riferimento al percorso


completo di andata e ritorno del segnale, considerando infine il valore medio
del tempo impiegato.

Dato che sui due bracci dell’interferometro i due segnali, diretto e riflesso, non
si trovano nelle stesse condizioni ( sul braccio verticale i percorsi sono uguali
su quello orizzontale no ), per il tipo di problema che si sta trattando si deve
fare riferimento a una situazione ben definita e non a quella media. Si
deve cioè considerare un solo percorso e non due.

Abbiamo finora considerato le due posizioni estreme, del braccio, parallelo o


perpendicolare al moto.
Se si considera una posizione generica del braccio, rispetto alla direzione del
moto, si ha la disposizione indicata in figura.

Applicando il teorema di Carnot, il percorso del segnale s risulta :


2
L 2s  L 20  V  t  2  L0  Vt  cos 
2
 L 20  V  t  2  L0  Vt  cos

Per  0 si ottiene : Ls  L0  V  t

67uu1

11
 2 2
Per  si ottiene : Ls  L0  V  t
2
Con i due bracci perpendicolari tra loro si ha una differenza di percorso :


L 2s  2  L0  Vt  cos cos  
2

da cui, con semplici passaggi algebrici, si ottiene :


L 2s  2  L0  Vt  sen 
4
che si può scrivere:

1 L0  V  t 
L s    sen 
2 Ls 4

sostituendo per : Ls  L0  V  t si ha :

1 L0  V  t 1 L0  V  t
L s   0     
2 L0  V  t 2 L0  1Vt

L0 V 1
  
2 Vm V
1
Vm
analogamente, si ricava :

 L0 V 1
L s     
2 2 Vm V2
1 
V 2m

67uu2

12
 
per   si ottiene : L s   0
4 4
In base a questi risultati, possiamo affermare che :

In presenza di uno spazio vuoto immobile oppure un mezzo immobile,


rispetto allo strumento, una rotazione dell’interferometro di Michelson

da  0 a  produce uno sfasamento tra i due segnali, che
2

passa da un valore massimo a zero in corrispondenza di   ,
4
dando origine così ad uno scorrimento delle frange d’interferenza.

Se non è stato rilevato nessuno scorrimento, si deve


necessariamente escludere sia l’esistenza del mezzo
immobile che dello spazio vuoto.

Il fatto che l’esperimento abbia messo in evidenza delle


frange d’interferenza " in una posizione indipendente dalla
rotazione dei bracci ", rappresenta, per la nostra teoria
degli spazi rotanti, un’ottima conferma dell’esistenza della
sfera planetaria di spazio fisico solidale con la Terra.

Solo in questo caso il percorso dei segnali sui due bracci risulta
uguale a 2  L 0 , indipendentemente dalla rotazione.

67uu3

13
– L’esperimento di Michelson e Morley smentisce Einstein e i postulati
sulla velocità della luce e verifica la teoria degli spazi rotanti

Ricordiamo sinteticamente che il cuore dell’esperimento di Michelson risiede


nello specchio semirifrangente posto al centro dello strumento, come in figura

Se la Terra si muove con la velocità V T in un " etere immobile oppure nel


vuoto assoluto ", dopo l’emissione il segnale si muove indipendentemente
dalla sorgente e quindi, se osserviamo dal riferimento immobile, solidale con
lo spazio o il mezzo, lo vedremo quindi continuare indisturbato la sua corsa
nella direzione di partenza, mentre gli specchi riflettente e semiriflettente, che
si muovono solidali con la Terra, si spostano verso destra, come è indicato in
figura.
Se il segnale viene inviato nella direzione di S 0 , inizia e termina la sua corsa
sulla verticale passante per il punto O e dunque giunge sullo schermo in P 1 .

Il raggio 2 inizia anch’esso la sua corsa nel punto O insieme al raggio 1 , ma,
durante il tragitto di ritorno, viene riflesso dallo specchio semiriflettente S nel
punto O’ , dopo aver percorso la distanza, che, con bracci di lunghezza uguale
a 11 m , vale circa 2. 2 mm.

Esso arriverà dunque sullo schermo collettore nel punto P 2 , ad una distanza
da P 1 molto elevata e quindi i due raggi non potranno in alcun modo produrre
fenomeni di interferenza.

Naturalmente, in fase di messa a punto dello strumento, si orienta lo specchio


semiriflettente in modo che il segnale diretto vada ad intercettare lo specchio
riflettente nella nuova posizione, spostata di circa 1. 1 mm, in modo che quello

67v

1
riflesso vada ad incidere sullo specchio semiriflettente nel punto O’, dando
origine alle frange d’interferenza.

Nella fase di messa a punto non abbiamo però alcuna possibilità di realizzare
meccanicamente spostamenti dell’ordine di una lunghezza d’onda, per cui in
realtà si orienta lo specchio fino alla comparsa delle frange.
Si è così certi che l’orientamento è quello giusto.

Questo vuol dire che, qualunque cosa abbiamo nello spazio che
il segnale deve attraversare, il segnale viene inviato nella direzione S 1 .

Se lo spazio è vuoto ed immobile, il segnale continua la sua corsa su questa


traiettoria fino allo specchio nel punto S 1 .
Se nello spazio abbiamo un mezzo immobile, nulla cambia e il segnale andrà
ad incidere sullo specchio sempre nel punto S 1 .
L’interferometro non riesce dunque a distinguere le due
situazioni e quindi non raggiunge lo scopo.

Dato che l’esperimento ha messo in evidenza che le frange d’interferenza


si formano e non subiscono alcuno scorrimento con la rotazione dello
strumento, si deve dedurre che la Terra è in quiete rispetto allo spazio che la
circonda, nel quale si muovono i due raggi durante l’esperimento.
Solo in queste condizioni è possibile la formazione di frange immobili con la
rotazione.

Normalmente l’analisi che abbiamo riportato non viene fatta e con una
errata interpretazione, si cerca di interpretare il risultato.

Trascurando l’improponibile soluzione di "un etere trascinato in rotazione


dalla Terra" in prossimità della sua superficie, come avviene per l’atmosfera,
secondo le teorie correnti non rimane che la proposta di Einstein, secondo
la quale :

– Non esiste nessun etere, nè mobile nè immobile.


La velocità della luce è una costante fisica indipendente
dalla velocità della sorgente e dal sistema di riferimento.
Questo postulato, come abbiamo detto, mette però in disaccordo la relatività

67w

2
ristretta con la legge della gravitazione universale di Newton e, per rendere le
due teorie compatibili, Einstein elabora la teoria della relatività generale.

Dunque, per giustificare i risultati forniti dall’esperimento di Michelson, senza


considerare lo spostamento dello specchio semiriflettente, Einstein assegna
alla velocità della luce il ruolo di costante fisica universale, obbligando
così a cercare trasformazioni alternative a quelle di Galileo, capaci di rendere
la velocità della luce costante, in accordo con il postulato imposto.

Questo risultato è stato ottenuto con la trasformazione di Lorentz, pagandolo


con una variabilità dello spazio e del tempo in rapporto al riferimento scelto.

Questo argomento verrà ampiamente discusso in un altro capitolo. In ogni


caso, è da notare come questa scelta rimanga comunque in disaccordo con
l’osservazione sperimentale di un’azione gravitazionale che si manifesta
istantaneamente.

"Nella teoria degli spazi rotanti" si dimostra invece che qualsiasi corpo
materiale è solidale con una sfera di spazio fisico che lo accompagna
in ogni spostamento.

Nel caso della Terra questa sfera ha un raggio r PT  2. 1586  10 6 K m e quindi


giustifica perfettamente il risultato fornito dall’esperimento di Michelson oltre
al fatto che l’azione gravitazionale sia istantanea.

L’esperimento di Michelson, posto alla base del postulato


di Einstein, lo smentisce e nello stesso tempo conferma
la teoria degli spazi rotanti.

L’indipendenza della velocità della luce dal sistema di riferimento invalida la


additività delle velocità e dunque implica che essa sia anche il valore
limite della velocità raggiungibile da qualsiasi massa nell’universo da
noi osservabile.

Fu Lorentz che trovò, come artificio matematico, le leggi di trasformazione da


un sistema inerziale all’altro, per sostituire le trasformazioni di Galileo.

Einstein ricavò a sua volta le trasformazioni di Lorentz, imponendo la

67x

3
costanza della velocità della luce in tutti i sistemi di riferimento inerziali
e la validità della relatività galileiana.

Considerando il moto solo lungo l’asse x , le trasformazioni risultano :

V
t– X
2
Cl
X – Vt
t’  ; X’  ; Y’  Y ; Z’ z
V2 V2
1– 1–
2 2
Cl Cl

dividendo le prime due, si ottiene la formula di Einstein della trasformazione


delle velocità :
V0 –V
V’ 
V  V0
1–
2
Cl

Si noti che nell’espressione Cl rappresenta la velocità V m di propagazione


del segnale, caratteristica del mezzo considerato e la relazione si applica a
qualsiasi tipo di segnale.

Se il tipo di perturbazione generato dalla sorgente coincide con quello


che si utilizza per effettuare le osservazioni, è chiaro che una velocità
della sorgente V s  V m non permette alla perturbazione generata di
uscire dalla sorgente per propagarsi nel mezzo con la velocità V m , e
quindi di fatto non viene proprio generata.

Ne deriva che V m diventa, in questo caso, anche il valore


massimo che può assumere la velocità della sorgente per
poter essere osservata.

Se anche si volesse utilizzare un segnale (per esempio un suono) riflesso per


osservare un oggetto in moto con una velocità maggiore di V m , il rilievo non

67y

4
sarebbe possibile, in quanto il segnale verrebbe assorbito e non riflesso.

Nel senso che è stato indicato, la velocità caratteristica del mezzo V m ,


con la quale si propaga una perturbazione, qualora lo stesso tipo di
perturbazione venga utilizzato come mezzo d’indagine, rappresenta
anche il valore massimo della velocità raggiungibile in quel mezzo da
un qualsiasi punto osservabile.

Si deve tener presente che questo non vuol dire che la velocità V m non potrà
essere superata inassoluto da nessun punto presente in quel
mezzo, ma che i punti che superano quella velocità non
sono osservabili e quindi, per l’osservatore che ha scelto
di utilizzare il segnale con velocità V m come strumento di
osservazione, di fatto non esistono.
La velocità V m , per sua natura non ha nessuna particolare proprietà oppure
privilegi, ma siamo noi osservatori che, con la nostra scelta, le attribuiamo un
ruolo particolare.

E’ chiaro che la scelta di V m definisce anche il tipo di universo che siamo in


grado di osservare e di descrivere.

L’universo osservato da un animale che utilizza la luce non ha nulla o quasi in


comune con quello visto da uno che invece usa il suono, come, per esempio,
i pipistrelli.

Per chiarire quanto è stato detto, consideriamo il sistema schematizzato in


figura, in cui abbiamo un osservatore O che utilizza un segnale, che si sposta

67y1

5
in quel mezzo con la velocità Vm , per osservare l’universo in direzione dello
asse x , dove si hanno due punti P 1 e P 2 in moto sulla traiettoria indicata.
Vediamo quali potranno essere i rilievi effettuati dall’osservatore nelle diverse
circostanze, supponendo che i tratti 1-3 siano molto distanti tra loro (x 3  x 1 ).
– V m  V P1 ; V P2 : può essere, per esempio, il caso in cui l’osservatore usa
il suono per osservare due aerei supersonici che percorrono la traiettoria che
abbiamo indicato.
In questo caso lungo i percorsi 2 e 4 gli aerei non sono visibili, in quanto sul 2
l’aereo non viene raggiunto dal segnale, mentre sul tratto 4 esso non viene
riflesso, ma assorbito.

In definitiva quindi l’osservatore non ha alcuna possibilità di conoscere l’intero


percorso e vedrà due aerei che passano in successione lungo il percorso 1 e,
a notevole distanza, forse in contesto completamente diverso, altri due aerei
che percorrono il tratto 3 seguendo le stesse leggi del moto, come se fossero
in comunicazione fra loro.

– V P1  V m  V P2 : l’universo è rimasto invariato, ma l’osservatote guarda


con un segnale che si sposta nel mezzo con una velocità più elevata di quella
del primo aereo, per cui vedrà quest’ultimo percorrere regolarmente tutta la
traiettoria, mentre l’aereo P 2 verrà interpretato come due aerei distinti che si
presentano con regolarità sui tratti 1 e 3.

– V m  V P1 ; V P2 : in questo caso entrambi gli aerei sono visibili lungo tutta


la traiettoria.

Con questo esempio vediamo che i punti che un segnale consente di


osservare sono solo quelli che si muovono con una velocità minore di
di quella di propagazione V m , mentre quelli che superano tale velocità
non sono osservabili e dunque, per l’osservatore, non esistono.

Per questa ragione l’osservatore dirà che " la velocità di


propagazione V m rappresenta un limite insuperabile ".

Generalmente le osservazioni vengono fatte usando onde elettromagnetiche,


che sono perturbazioni dello spazio a carattere sinusoidale, oppure la luce,
che è invece una perturbazione direzionale di tipo impulsivo.

67z

6
In questo caso, nella formula di Einstein a V m si sostituisce la velocità della
luce C l e ha inizio l’elaborazione della relatività speciale, che assume come
postulati fondamentali la costanza e l’insuperabilità della velocità della
luce.
La velocità della luce assume così il ruolo di " costante universale ".
In realtà questo valore non ha nulla di universale ed è importante solo per gli
osservatori che hanno scelto la luce come strumento per le loro osservazioni.

Tutti gli effetti che sono legati alla luce in questo suo ruolo, come per
esempio la contrazione delle lunghezze e la dilatazione del tempo, si
verificano comunque, anche con altri segnali.
Gli animali che utilizzano il suono come unico mezzo d’indagine osservano le
stesse cose.

Per quanto sappiamo dal processo di emissione, la luce nasce come


perturbazione ( non materiale) dell’equilibrio dello spazio in un punto,
che acquista così energia rispetto allo spazio circostante in equilibrio,
( analogamente a tutte le perturbazioni che si producono nei mezzi materiali ).

L’energia associata a questa perturbazione " si propaga per onde " ai


punti vicini con una velocità che dipende
unicamente dal livello
di aggregazione della materia nello spazio considerato, e
quindi dalle caratteristiche del mezzo.

Dello spazio fisico che noi consideriamo vuoto, nella realtà possiamo solo
affermare che in esso non sono presenti elettroni o aggregati materiali a
un livello superiore, ma è certamente presente materia aggregata su livelli
inferiori a quello elettronico.

Sono proprio le caratteristiche fisiche e la densità di questi aggregati


che definiscono la velocità di propagazione di una perturbazione del
loro equilibrio.
La velocità della luce è dunque una caratteristica del mezzo nel quale
essa si propaga.

A questo punto notiamo che nella trattazione dell’esperimento di Michelson e


Morley , nel calcolo, non esiste nessun riferimento specifico alla velocità della
luce, ma solo alla velocità di propagazione, nel mezzo, di due segnali (ovvero
perturbazioni dell’equilibrio del mezzo) generati da una sorgente ipotizzata in

67z1

7
moto rispetto al mezzo, immaginato immobile, inviati in direzioniortogonali tra
loro e raccolti da un osservatore solidale con la sorgente e dunque in moto,
rispetto al mezzo.
Generalmente le osservazioni vengono fatte usando onde elettromagnetiche,
che sono perturbazioni dello spazio a carattere sinusoidale, oppure la luce,
che è invece una perturbazione direzionale di tipo impulsivo.

In questo caso, nella formula di Einstein a V m si sostituisce la velocità della


luce C l e ha inizio l’elaborazione della relatività speciale, che assume come
postulati fondamentali la costanza e l’insuperabilità della velocità della
luce.
La velocità della luce assume così il ruolo di " costante universale ".

In realtà questo valore non ha nulla di universale ed è


importante " solo " per gli osservatori che hanno scelto la
luce come strumento per le loro osservazioni.
Tutti gli effetti che sono legati alla luce in questo suo ruolo, come per
esempio la contrazione delle lunghezze e la dilatazione del tempo, si
verificano comunque, anche con altri segnali.
Gli animali che utilizzano il suono come unico mezzo d’indagine osservano le
stesse cose.

Per quanto sappiamo dal processo di emissione, la luce nasce come


perturbazione ( non materiale) dell’equilibrio dello spazio in un punto,
che acquista così energia rispetto allo spazio circostante in equilibrio,
( analogamente a tutte le perturbazioni che si producono nei mezzi materiali ).

L’energia associata a questa perturbazione " si propaga per onde " ai


punti vicini con una velocità che dipende
unicamente dal livello
di aggregazione della materia nello spazio considerato, e
quindi dalle caratteristiche del mezzo.

Dello spazio fisico che noi consideriamo vuoto, nella realtà possiamo solo
affermare che in esso non sono presenti elettroni o aggregati materiali a
un livello superiore, ma è certamente presente materia aggregata su livelli
inferiori a quello elettronico, dunque non rilevabile.

67z2

8
Sono proprio le caratteristiche fisiche e la densità di questi aggregati
che definiscono la velocità di propagazione di una perturbazione del
loro equilibrio.
La velocità della luce è dunque una caratteristica del mezzo nel quale
essa si propaga.

A questo punto notiamo che nella trattazione dell’esperimento di Michelson e


Morley , nel calcolo, non esiste nessun riferimento specifico alla velocità della
luce, ma solo alla velocità di propagazione, nel mezzo, di due segnali (ovvero
perturbazioni dell’equilibrio del mezzo).

I segnali vengono generati da una sorgente che si ipotizza in moto rispetto al


mezzo, immaginato immobile. Vengono quindi inviati in direzioniortogonali tra
loro e intercettati da un unico osservatore solidale con la sorgente e dunque
in moto rispetto al mezzo.

Lo stesso esperimento può dunque essere realizzato in qualsiasi mezzo con


qualsiasi segnale, come potrebbe fare un pipistrello in aria oppure un pesce
in acqua.

Consideriamo, per esempio, un grande pallone pieno d’aria, immobile nello


spazio vuoto, che racchiude un particolare interferometro, che emette impulsi
di ultrasuoni lungo i bracci rigidi OP e OQ ortogonali fra loro e montati sulla
fusoliera di un aereo posto al centro del pallone.

Se tutto il sistema è immobile, V s  0 e V 0  0 , i segnali ultrasonici emessi


dalla sorgente, posta nel punto O , vengono riflessi dalle due superfici P e Q ,
fissate alla distanza L , e quindi giungono nel punto O con la stessa fase,
dando origine alle caratteristiche frange d’interferenza, che restano invariate
anche se l’aereo ruota su se stesso.

67z3

9
Supponiamo ora di lasciare il pallone immobile nello spazio, con V 0  0 , e di
m
mettere in moto l’aereo con una velocità V s  5 .
sec

Ponendo la lunghezza dei bracci L  10 m , il tempo impiegato dall’impulso


verticale a percorrere il braccio OQ , perpendicolare alla direzione del moto,
risulta :
2L 2  10 m
t1    0. 058822 sec
m
Vm 340
sec

Nell’intervallo di tempo t 1 l’aereo ed il collettore O si è spostato nel punto O’,


percorrendo la distanza :
m
d  Vs  t1 5
sec
 0. 058822 sec  29. 411 cm
Se anche si dispone di uno schermo collettore avente dimensioni maggiori di
30 cm , i due segnali riflessi incidono in punti troppo distanti per poter produrre
figure d’interferenza.

Se, nonostante il moto dell’aereo, le figure d’interferenza vengono osservate,


l’operatore, Einstein, concluderà che il moto dell’aereo non ha prodotto alcun
effetto sui segnali e quindi la loro velocità ha un valore costante, indipendente
dal moto della sorgente e dell’osservatore.

E’ chiaro che, dovendo essere la velocità del segnale indipendente da quella


dell’osservatore rispetto al mezzo di propagazione, essa dovrà risultare anche
il valore massimo di velocità osservabile ( in quell’universo ), qualunque sia
il riferimento scelto.

Questa scelta invalida le trasformazioni di Galileo che vengono quindi


sostituite da quelle di Lorentz, che si ricavano imponendo V m costante
in qualsiasi riferimento.

Egli però non s’è accorto che l’aereo ha trascinato con sè il pallone con tutto
il suo contenuto. Dunque tutto il sistema si muove nello spazio con la velocità
dell’aereo V s e quindi la velocità relativa tra aereo e mezzo di propagazione
dei segnali (aria) è nulla.

La situazione che si presenta risulta così assolutamente identica a quella che


avevamo con aereo e pallone immobili e questo giustifica la ricomparsa delle
figure d’interferenza.

67z4

10
Per poter completare l’esperimento, con dei mezzi esterni, si forza il pallone
a restare immobile nello spazio e si verifica realmente la scomparsa delle
figure di interferenza quando l’aereo si muove.

Considerando l’osservatore O separato dalla sorgente ed immobile, rispetto


al mezzo, si verifica facilmente l’indipendenza della velocità del segnale dalla
sorgente e quindi la comparsa o meno dei fenomeni di interferenza possono
essere dovuti " unicamente " alle condizioni di moto dell’osservatore non
rispetto alla sorgente, ma solo rispetto al mezzo.

Il fatto che, con pallone immobile nello spazio e aereo in moto, non si abbiano
frange d’interferenza, ci dice chiaramente che la velocità del segnale misurata
dall’osservatore risulta diversa per i due bracci ortogonali tra loro.
Si deve dunque concludere che:

La velocità di propagazione, rispetto al mezzo, di un qualsiasi segnale


non materiale ( una perturbazione ), misurata ( rispetto allo stesso
mezzo) da un osservatore in moto rispetto al mezzo è indipendente
dalla velocità della sorgente e dipende solo da quella dell’osservatore
rispetto al mezzo.

In questa affermazione viene, intenzionalmente, ripetuto più volte " rispetto al


mezzo " per mettere in evidenza il fatto che :

Nello studio della propagazione di un segnale qualsiasi, il


mezzo rappresenta "un sistema privilegiato" che si può
assumere come riferimento per la misura delle velocità.
Abbiamo infatti già visto che la velocità relativa tra le altre due entità presenti,
sorgente ed osservatore, è poco significativa, in quanto i fenomeni che si
manifestano sono diversi a seconda che sia la sorgente e/o l’osservatore in
moto rispetto al riferimento scelto.

Rimane ancora da verificare quello che accade, nell’esempio che stiamo


trattando, se si aumenta la velocità V s dell’aereo rispetto all’aria circostante,
sempre con pallone immobile nello spazio,

Schematizziamo l’aereo come un’asta rigida di lunghezza L 0  AB , orientata

67z5

11
nella direzione del moto ed avente sull’estremo A la sorgente di ultrasuoni a
carattere impulsivo S ( anche una sola forma d’onda ) insieme all’osservatore
O che riceve il segnale riflesso dall’altro estremo, dove alla distanza L 0 viene
collocato uno schermo riflettente.

La distanza L 0 è quella misurata in assenza di moto rispetto al mezzo.


L’esistenza dello schermo sull’estremo B viene rivelata all’osservatore O dal
segnale riflesso che riceve.

Dopo l’emissione, il segnale si sposta rispetto al mezzo con la velocità V m ,


caratteristica del mezzo.Se l’aereo è fermo, l’osservatore riceverà il segnale
L0
dopo un tempo t 0  e la relazione può essere utilizzata per ricavare
Vm
V m , se l’orologio è già tarato, oppure per tarare l’orologio, se è nota V m .

A questo punto, mettiamo in moto l’asta rigida con velocità V 0 e l’osservatore


riceverà l’impulso riflesso dopo un percorso ( vedi pag. 67ru ) :
– percorso di andata :
1
L1  L0 
V0
1–
Vm

1
– percorso di ritorno : L2  L0 
V0
1
Vm

– percorso totale :

67z6

12
1
L  L1 L2  2  L0 
2
V0
1–
2
Vm

Il tempo impiegato dal segnale per effettuare l’intero percorso sarà :


1
t  t1 t2  2  t0 
2
V0
1–
2
Vm

Questa relazione ci dice che, con l’aumentare del valore della velocità V 0 , il
tempo impiegato dal segnale per raggiungere l’osservatore aumenta fino a
diventare infinitamente lungo in corrispondenza di V 0  V m .
Questo vuol dire che per V 0  V m l’osservatore, che utilizza questo segnale,
non può più rilevare la presenza dell’aereo in moto.

Il fatto che non sia rilevabile con gli ultrasuoni, non implica affatto che
non possa esistere un aereo supersonico, ma solo che per rilevarlo è
necessario impiegare un segnale che, in quel mezzo si propaghi con
una velocità maggiore di quella con la quale si sposta l’aereo.

La velocità caratteristica del mezzo, V m , non rappresenta


quindi il valore massimo raggiungibile, ma osservabile.
Tutti i fatti che sono stati descritti, comprese le trasformazioni di Galileo, sono
facilmente verificabili con tutti i segnali noti e non esiste una sola ragione
teorica o sperimentale che possa giustificare l’esclusione dei segnali
luminosi da questi discorsi.

In questo senso, le trasformazioni di Lorentz dovrebbero essere applicabili a


qualsiasi segnale.

Esse però risultano, per la verità, non applicabili nemmeno ai segnali


luminosi, in quanto sono state ricavate proprio per rendere la velocità
V m costante ed indipendente dall’osservatore.

67z6a

13
La luce assume per noi un ruolo particolare semplicemente perchè gli animali,
e non tutti, utilizzano i segnali luminosi per comunicare e rilevare la presenza
di qualsiasi cosa presente nell’universo.

Noi non possiamo però escludere che nell’universo possa esistere un livello
di aggregazione dello spazio inferiore a quello fotonico, con la possibilità di
realizzare spostamenti a velocità maggiore di quella dei fotoni, nello spazio
" vuoto ", ovvero privo di materia organizzata sui livelli da noi osservabili.

Nella teoria degli spazi rotanti si dimostra che, indipendentemente dal livello
di aggregazione, la materia presente nell’universo può esistere solo se è in
equilibrio con lo spazio circostante.

Tutti i corpi celesti sono quindi solidali e in equilibrio con una sfera planetaria
di spazio che, per esempio, per la Terra ha un raggio di 2, 158651  10 6 K m .

Questa configurazione dello spazio rotante terrestre è confermata dai risultati


forniti dall’esperimento di Michelson e Morley e non richiede postulati arbitrari
sulla velocità della luce.

67z6b

14
– Teoria dell’ effetto Doppler, specchio riflettente, postulati di Einstein
sulla velocità della luce ed effetto Doppler relativistico
L’effetto Doppler si manifesta con una variazione della frequenza del segnale
rilevato dall’osservatore, rispetto a quella del segnale emesso dalla sorgente,
quando uno oppure entrambi si muovono rispetto al mezzo in cui si propaga.

Con riferimento alla figura, consideriamo inizialmente sorgente e osservatore


immobili, rispetto allo spazio attraverso il quale il segnale si propaga.
In queste condizioni, il segnale di frequenza f 0 , generato dalla sorgente, esce
dal punto A, prima con il fronte d’onda 1 e successivamente con il 2.

Nota la velocità di propagazione V m , caratteristica del mezzo , si ottiene la


lunghezza d’onda del segnale che si sta trasferendo :
Vm
0  Vm  T0 
f0
Quando il segnale giunge all’osservatore, interagisce prima con il fronte 1 e
0
alla distanza  0 , ossia dopo un tempo T 0  , con il 2.
Vm
La frequenza rilevata sarà dunque ancora f 0 .

Supponiamo ora che la sorgente sia in moto, rispetto al mezzo, con velocità
V s , nella direzione indicata, e l’osservatore ancora immobile ( V o  0 ).

Quando il fronte d’onda 1 , generato dalla sorgente, giunge all’uscita nel punto
A, si separa dalla sorgente ed inizia a muoversi attraverso lo spazio con la
velocità caratteristica V m .

67z7

1
La sorgente, che non è cambiata, dopo un tempo T 0 emette il fronte d’onda
2 , che inizia anch’esso a muoversi nello spazio con la velocità V m .
Questo secondo fronte non viene però emesso nel punto A, alla distanza  0
dal primo, ma spostato nella direzione del moto, in quanto la sorgente nel
tempo T ha percorso lo spazio : L s  V s  T  V s  T 0 .
La distanza tra i due fronti d’onda consecutivi, quindi la lunghezza d’onda, del
segnale che si propaga nello spazio e dunque che realmente è misurabile
da un osservatore immobile, sarà :
s 0
 s   0  L s  0  Vs   0  Vs 
Vm Vm

1 Vs Vm – Vs
ovvero : s 0   0  1– 
Vs Vm f0
1
Vm

Vs f0
oppure : fs  f0  1 
Vm Vs
1–
Vm

Si noti che, nella forma approssimata, la relazione descrive il segnale visto


dal sistema di riferimento solidale con la sorgente.
Si ha infatti il segnale che si presenta nello spazio con lunghezza d’onda  s
e si propaga con una velocità data da Vm – Vs . La sua frequenza risulta

quindi proprio quella generata f 0 .


L’osservatore, immobile, solidale con il mezzo, vede invece un segnale con la
lunghezza d’onda  s che si propaga con la velocità V m e quindi avente una

Vm f0 1
frequenza : fs   Vm   f0 
s Vm – Vs Vs
1–
Vm

In definitiva, se la sorgente è in moto rispetto al mezzo di propagazione,

67z8

2
e diretta verso l’osservatore con velocità V s , la frequenza del segnale f s che
misura l’osservatore, fermo rispetto al mezzo di propagazione, è maggiore di
quella generata f 0 .

Si noti che la frequenza osservata aumenta con V s e per V s  V m si ottiene


fs   .

Per V s  V m si ha f s  0 e questo vuol dire che la sorgente non emette più


alcun segnale e quindi, se lo stesso segnale viene utilizzato per rivelarne
l’esistenza, essa non è più visibile.

La velocità di propagazione del segnale nel mezzo V m , rappresenta


dunque il valore massimo osservabile " con quel tipo di segnale ".

Consideriamo ora la sorgente ferma rispetto al mezzo e l’osservatore in moto


con velocità V o , nella direzione del moto del segnale.

In questo caso i due fronti d’onda del segnale generato vengono emessi dalla
sorgente alla distanza  0 e si muovono attraverso il mezzo alla velocità V m .
Sia nel riferimento della sorgente che in quello del mezzo, verrà osservata la
Vm
frequenza : f0 
0
Quando il segnale giunge sullo schermo, il fronte 1 viene assorbito nel punto
B e, se esso fosse fermo, il fronte 2 verrebbe assorbito ad una distanza 0
0
dal primo, ossia dopo un tempo T 0  .
Vm
Essendo però l’osservatore in moto, dopo un tempo T 0 , quando il secondo
fronte d’onda giunge nel punto B , lo schermo si sarà allontanato di :

L o  V o  T o .
Il tempo necessario perchè il fronte d’onda 2 , che si sposta nel mezzo con
la velocità V m , raggiunga la nuova posizione dello schermo risulta :

67z9

3
 0  L o 0  Vo  To 0 Vo  To
To    
Vm Vm Vm Vm

Vo 0
da cui si ricava : To  1–  T 0
Vm Vm

il periodo osservato sullo schermo risulta quindi :

1
To  T0 
Vo
1–
Vm

e quindi la frequenza percepita dall’osservatore :

Vo Vm – Vo
fo  f0  1–  f0 
Vm Vm
La lunghezza d’onda osservata sarà :
Vm
 o   0  L o   0  V o  T o  0  Vo  T0  
Vm – Vo

Vo Vo
 0  0   0  1
Vm – Vo Vm – Vo
da cui :
Vm 1
o  0   0 
Vm – Vo Vo
1–
Vm

67z10

4
In generale, con sorgente ed osservatore in moto rispetto al mezzo, si avrà :
V 2m Vm – Vs
o  0   0 
Vm  Vs  Vm – Vo Vm – Vo
Se V o  V s  V, ossia se non si ha moto relativo tra osservatore e sorgente,
con l’espressione approssimata l’osservatore non rileva alcun effetto, mentre
con quella rigorosa esso rileva una lunghezza d’onda :
1
o  0  e per V  Vm si ha o  
2
V
1–
2
Vm

L’analisi che abbiamo riportato dell’effetto Doppler è quella che normalmente


viene riportata nei testi di fisica e si ottengono due diversi risultati a seconda
che in moto, rispetto al mezzo, si abbia la sorgente oppure l’osservatore,
anche se rimane invariata la velocità relativa.

Inoltre, con velocità relativa uguale a zero, ossia con V s  V o , si ottiene per
la frequenza f o  f 0 per qualsiasi valore di V m , quindi in qualsiasi sistema di
riferimento ( con le relazioni approssimate ).

Questo è però in contraddizione con i risultati che si ottengono sostituendo lo


schermo, osservatore, con una superficie perfettamente riflettente, in modo
che possa diventare la sorgente del segnale riflesso.

Con riferimento alla figura, nella quale il sistema di assi x,y è solidale con
il mezzo di propagazione, il segnale emesso dalla sorgente S , di lunghezza
d’onda  0 , si propaga con velocità V m verso lo schermo, che si muove con
una velocità V o/s , rispetto al mezzo.

67z11

5
Se lo schermo è assorbente, si comporta da osservatore, mentre invece, se
è riflettente, diventa sorgente del segnale riflesso, che si propaga con velocità
Vm verso l’osservatore O , immobile rispetto al mezzo, il quale ne rileva la
frequenza f o .
E’chiaro che la frequenza del segnale che viene emesso/assorbito
dallo schermo dovrà dipendere "solo" dalle sue condizioni di moto e
non dal fatto che esso venga considerato osservatore o sorgente, che
definisce solo il destino futuro del segnale.

Il segnale emesso dalla sorgente S, di frequenza f 0 , si propaga con velocità


V m verso lo schermo, dove arriva nell’istante t  0 con lunghezza d’onda  0
Vm
data da : 0  .
f0
Quando il fronte d’onda 1 giunge sullo schermo nel punto A e viene riflesso o
assorbito, il fronte 2 si trova ad una distanza  0 e si muove verso lo schermo
con la velocità V m .
Contemporaneamente lo schermo si muove con velocità V o/s nella direzione
del moto del segnale.

Dopo un tempo t dall’istante t  0 , lo schermo avrà raggiunto il punto B, dove


intercetta il fronte 2 del segnale, che viene riflesso oppure assorbito, come il
primo.
La distanza tra i due fronti 1 e 2 del segnale riflesso o assorbito sarà :
 o   0 – 
e quindi il periodo :
 0 –   0 – V o/s  T o 0 V o/s  T o
To    
Vm Vm Vm Vm
da cui si ricava :
1
T o T 0 
V o/s
1
Vm

67z12

6
V o/s 1
e quindi anche : fo  f0  1 ; o  0 
Vm V o/s
1
Vm

Queste espressioni si applicano sia alla sorgente che all’osservatore. Se, per
esempio, abbiamo la sorgente S in moto con velocità V s e l’osservatore con
velocità V o , entrambi nello stesso verso con velocità positive, si applicherà
due volte la stessa relazione e si ottiene :
2
1 1 Vm
o  0    0 
Vs Vo Vm Vs  Vm– Vo
1 1–
Vm Vm

la frequenza osservata sarà :

Vs Vo Vm Vs  Vm– Vo
fo  f0  1  1  f0 
Vm Vm V 2m

Si noti che, se sorgente e osservatore sono in moto nello stesso verso, la loro
azione sulla frequenza ha verso opposto, per cui l’osservatore ha tendenza a
compensare l’azione della sorgente.
La compensazione non potrà però mai essere perfetta, anche se Vo Vs ,

in quanto l’osservatore agisce sempre su una frequenza ridotta rispetto a f 0 .


Con V o  V s  V, rispetto al mezzo, si ha infatti:
V2
fo  f0  1–
V 2m
Ricordiamo che V m rappresenta la velocità di propagazione del segnale, che
viene misurata da un osservatore immobile rispetto al mezzo.

L’espressione di f o mette in evidenza che, anche in assenza di moto


relativo tra sorgente ed osservatore, se essi si muovono rispetto al mezzo

67z13

7
con una velocità V , " mantenendosi ad una distanza costante fra loro ",
l’osservatore riceve un segnale con frequenza minore di quella del segnale
fornito dalla sorgente.

La frequenza rilevata dall’osservatore diminuisce con l’aumento della velocità


fino a ridursi a zero in corrispondenza di V  V m , quando il periodo T o
diventa infinitamente lungo e nessun segnale raggiunge più l’osservatore.

In queste condizioni la sorgente non è più osservabile. V m diventa dunque il


valore massimo della velocità che un punto qualsiasi presente nel mezzo può
raggiungere per poter essere osservato con quel tipo di segnale.

Se il punto da osservare supera la velocità V m , per poterlo ancora osservare


è necessario utilizzare un segnale che si propaghi con una velocità maggiore.

Consideriamo, per esempio, due passeggeri all’interno di una carrozza di un


treno in corsa con la velocità V t rispetto alla stazione, disposti uno in testa e
l’altro in coda.

Essendo l’aria, all’interno della carrozza, in moto con il treno ed i passeggeri,


dato che abbiamo V s  V o  0 , se essi comunicano attraverso la voce, non
si ha nessuna variazione di frequenza e la comunicazione sarà normale, per
qualsiasi valore della velocità del treno.

Se ora i due passeggeri, tenendosi sempre alla stessa distanza, si affacciano


ai finestrini per continuare la comunicazione, essendo l’aria esterna il mezzo
di propagazione del segnale, le velocità relative rispetto al mezzo saranno
Vs  Vo  Vt e quindi si avrà una riduzione della frequenza data dalla :

V 2t
fo  f0  1–
V 2m

Quando la velocità del treno V t diventa uguale a quella del suono V m , non si
ha più alcuna comunicazione ed i due passeggeri, per poter avvertire la loro
reciproca presenza al finestrino, dovranno aprire gli occhi e comunicare con
segnali più veloci del suono.

67z14

8
Nella trattazione che è stata esposta non esiste alcun riferimento a particolari
segnali o valori della velocità di propagazione V m .

L’unica condizione che abbiamo imposto è che essa sia una costante
caratteristica del mezzo attraverso il quale il segnale si propaga.

Le relazioniche abbiamo così ricavato hanno dunque validità generale, quindi


si applicheranno anche ai segnali luminosi.
Prima però di applicare i risultati a questo caso, sarà necessario fare alcune
considerazioni/osservazioni sulle " caratteristiche della luce che vengono
imposte dai postulati di Einstein ", necessari per giustificare una
errata interpretazione dei risultati forniti dall’esperimento di Michelson.

Come abbiamo visto, dopo l’esperimento, venne attribuito alla velocità della
luce il ruolo di costante universale, senza alcun supporto sperimentale
e con molte contraddizioni con osservazioni sperimentali, con l’affermazione
arbitraria che :
Km
la velocità della luce assume il valore costante C l  299792. 458 sec
in qualsiasi riferimento.

Le implicazioni di questa scelta sono davvero molte e non pensiamo di poter


dire molto in questa sede.
Vogliamo però fare alcune semplici osservazioni utili per la nostra trattazione.

Innanzitutto osserviamo che la luce nell’universo non ha alcuna funzione


particolare e rappresenta " un sottoprodotto " della degenerazione
degli atomi, che evolvono spontaneamente verso configurazioni alle
quali sono associati livelli di energia più bassi.

L’importanza della luce nell’equilibrio e nell’organizzazione dell’universo,


che noi osserviamo è dunque praticamente zero.

Qualsiasi altro valore della sua velocità di propagazione nello spazio


avrebbe consentito l’evoluzione dello stesso universo, con le stesse
caratteristiche.

Essa è invece molto importante per gli esseri viventi, che la utilizzano.

67z15

9
per comunicare, per la verità non tutti.
L’universo, così sconfinato, non è stato però fatto per noi e dunque la
luce non può essere una sua caratteristica strutturale, con
l’importanza che noi le attribuiamo.
Il valore della velocità che noi misuriamo è legato alle nostre osservazioni, nel
nostro spazio e con i nostri riferimenti.

Il postulato di Einstein sulla velocità della luce, per la teoria degli spazi rotanti
non è dunque accettabile, anche perchè, come abbiamo visto, " la teoria è
in accordo con i risultati dell’esperimento di Michelson e Morley ".

Osserviamo ancora che con questo postulato tutti i sistemi di riferimento


diventano equivalenti e quindi anche l’effetto Doppler diventa indipendente
dal sistema di riferimento e nel calcolo interviene solo il rapporto tra sorgente
ed osservatore e l’effetto Doppler viene detto relativistico.

Si perde così la dipendenza degli effetti dalle velocità rispetto al mezzo e si


acquista la simmetria dei ruoli di sorgente ed osservatore, con gli effetti che
diventano dipendenti solo dalla loro velocità relativa V.

L’espressione della frequenza osservata, che si ricava assumendo la velocità


della luce costante, normalmente riportata in tutti i testi di fisica, risulta :

Cl  V
fo  f0 
Cl – V
Lo stesso Einstein in un articolo del 1905, trattando l’effetto Doppler prodotto
da uno specchio riflettente, in moto rispetto alla sorgente con una velocità V ,
considerando la riflessione come un processo doppio, di assorbimento e
successiva riemissione, applicando la sua teoria, ricava, per la frequenza
osservata, l’espressione :
V V2
1–2  cos  
Cl 2
Cl
fo  f0 
V2
1–
2
Cl

67z16

10
che, per un angolo d’incidenza   0 , diventa :

Cl – V
fo  f0 
Cl  V

Applicando la nostra analisi a una qualsiasi perturbazione, per l’espressione


della frequenza del segnale riflesso da uno specchio in moto con velocità la
V s/o , rispetto al mezzo, abbiamo ricavato la relazione :

V s/o
fo  f0  1–
Vm
che, applicata alla luce, diventa :
C l – V s/o
fo  f0 
Cl
che differisce da quella fornita da Einstein, per il denominatore, che risulta C l
invece di C l  V s/o . L’effetto praticamente doppio si ottiene considerando
nella riflessione due fasi distinte : una di assorbimento seguita da quella
di emissione (si tratta di una scelta assolutamente arbitraria).

Consideriamo sorgente e specchio riflettente montati sugli estremi di un’asta


rigida, che viene messa in moto con una velocità V s/o (ricordiamo l’esempio
dei due passeggeri affacciati ai finestrini del treno in moto).

– Applicando l’espressione fornita da Einstein al sistema, si ottiene :

V  Vs – Vo  0 e quindi : fo  f0

–Applicando la stessa espressione separatamente a sorgente ed


osservatore, si ricava :
Cl  Vs
fs  f0 
Cl – Vs

67z17

11
Cl – V0 Cl  Vs Cl – V0
fo  fs   f0    f0
Cl  V0 Cl – Vs Cl  V0

Il risultato è in accordo con la simmetria prevista dal postulato di Einstein.

–Applicando l’espressione generale, che è stata ricavata senza alcuna


ipotesi restrittiva sulla velocità della luce, si ottiene :

Vs Vo V2
fo  f0  1  1–  f0  1–
2
Cl Cl Cl
Un semplice esperimento per verificare la relazione potrebbe essere quello
di osservare il segnale, su un sistema mobile, dopo un numero molto elevato
di riflessioni, per amplificare gli effetti.

Anche se la differenza dei risultati forniti dalle due relazioni è normalmente


trascurabile, non lo è certamente dal punto di vista concettuale e merita un
ulteriore approfondimento.

Per poter focalizzare il problema, è necessario ricordare che :


la propagazione per onde di energia nello spazio coincide con la
propagazione di una perturbazione dell’equilibrio tra le caratteristiche
fisiche dello spazio stesso (dunque nulla di materiale).

Per poter fare un’analisi coerente, il primo punto da concordare è che cosa si
deve intendere per luce.
Qualsiasi argomento riguardante la luce viene trattato nella fisica ritenendola
una perturbazione di qualcosa a carattere ondulatorio, che si propaga nello
spazio, trasferendo energia e le stesse equazioni di Maxwell sono state
ricavate partendo proprio dalla propagazione di una perturbazione per onde
attraverso lo spazio.

Il fatto che la fisica definisca questa perturbazione campo elettromagnetico


senza alcuna indagine sulla sua natura, non è certo una risposta e il problema
di chiarire che cosa si trasferisce rimane.

Dall’analisi del processo di emissione della luce da parte degli atomi si vede

67z18

12
che essa nasce come perturbazione dell’equilibrio dinamico dell’atomo, che
viene ristabilito "allontanando la perturbazione" creata in direzione radiale ad
una distanza teorica R   , in realtà verrà poi intercettata da qualche altro
sistema che verrà così perturbato, ecc. .

Se lo spazio viene inteso come " il nulla " oppure come spazio geometrico, è
chiaro che nulla si potrà propagare, in quanto non esistono caratteristiche
o equilibi da perturbare.

Nella teoria degli spazi rotanti " lo spazio vuoto " è inteso come " spazio fisico
puro ", in cui non è presente materia organizzata su un livello di aggregazione
uguale o superiore a quello dell’elettrone, ma capace di trasferire azioni ed
energia da un punto all’altro.

Questo spazio ci consente di trattare, nell’effetto Doppler, la luce come tutte


le altre perturbazioni.

Se una perturbazione si propaga nel mezzo con una velocità caratteristica


propria del mezzo, dire che per la luce essa assume sempre lo stesso
valore, dal punto di vista fisico vuol dire che "
qualsiasi osservatore
è sempre immobile rispetto allo spazio che lo circonda ",
qualunque sia la sua velocità, rispetto ad un qualsiasi riferimento .

Se lo spazio che ci circonda è uno "spazio fisico puro", non solo geometrico,
diventa difficile immaginare come esso possa muoversi in tutte le direzioni,
trascinato per miliardi di Km, con velocità dipendenti dai diversi osservatori,
presenti contemporaneamente nello stesso luogo.

Con riferimento alla figura, supponiamo di avere nello spazio una sorgente di
luce che emette fotoni che si propagano in tutte le direzioni con una velocità,
che viene misurata da un osservatore D, immobile rispetto alla sorgente,

67z19

13
e risulta di valore C l , dipendente unicamente dalle caratteristiche del mezzo.
Abbiamo dunque :
V FD  C l  V D -V S  C l

Per l’isotropia e l’omogeneità dello spazio, diciamo che anche in tutte le altre
direzioni, la velocità di propagazione dei fotoni vale C l .

Se ora, nella direzione indicata, aggiungiamo l’osservatore A , in moto con la


velocità V A rispetto al mezzo e quindi anche rispetto alla sorgente, secondo
il buon senso di Galileo, l’osservatore vedrà i fotoni muoversi con una
velocità :
V FA  C l  V A -V S

Se imponiamo, con Einstein, che anche in questo caso si abbia : V FA  C l ,


essendo V A  0 , ed essendo la velocità C l immutabile, perchè il mezzo non
è cambiato, dobbiamo ammettere che il moto dell’osservatore A con velocità
V A , costringa tutta la colonna di spazio fino alla sorgente a muoversi
con la stessa velocità e questo porta realmente a V FA  C l , rispettando le
ipotesi fatte.

Se questo si verifica per l’osservatore A , si deve verificare anche per B e


per tutti i possibili osservatori, a qualsiasi distanza dalla sorgente.
Accettando questo ragionamento, dovremmo aspettarci uno spazio in moto
contemporaneamente in tutte le direzioni, chiaramente impossibile.

Un’alternativa a questo ragionamento, per avere C l  costante , può essere


quella di considerare l’osservatore capace di influenzare a distanza, con
la sua velocità, quella del fotone.
E’ facile verificare come anche questa soluzione sia assurda.

L’ultima alternativa è accettare le trasformazioni di Galileo, apportando


la correzione dovuta al valore V m " non infinito " del segnale che viene
utilizzato per comunicare, e rinunciare così al postulato di Einstein che
prevede l’indipendenza della velocità della luce dall’osservatore.

67z20

14
– Trasformazioni di Galileo e di Lorentz, effetti di dilatazione del tempo
e contrazione delle lunghezze, effetto Doppler relativistico.

Introducendo la teoria, abbiamo visto che la consapevolezza dell’esistenza


dell’universo come spazio fisico organizzato, viene acquisita attraverso
le diverse configurazioni con le quali esso si presenta, quindi unitamente alla
percezione del tempo, che ha consentito d’introdurre il concetto di velocità di
un processo, senza il quale nessuna analisi sarebbe stata possibile.

Se si considera attentamente il concetto di velocità, ci si rende subito conto


delle notevoli difficoltà che si incontrano a voler passare dal concetto intuitivo
alla definizione come grandezza fisica misurabile.
In quest’ultimo caso si richiedono infatti le misurazioni "simultanee" di
spazio e tempo.

E’ chiaro quindi che qualsiasi sistema di trasformate, impostato per ricavare


le relazioni con le quali si potrà descrivere un fenomeno osservato da diversi
sistemi di riferimento in moto relativo tra loro, dovrà necessariamente fare
ipotesi implicite o esplicite sui problemi fondamentali che riguardano
la natura dello spazio e del tempo.

Dato che le misurazioni di tempo e spazio si dovranno realizzare certamente


con orologi e regoli materiali, il primo problema che si deve risolvere è quello
di definire il comportamento di questi strumenti con il movimento, in modo da
fornire risultati coerenti con le osservazioni sperimentali.

Per poter fare una scelta, dato che tutti i rilievi vengono fatti attraverso lo
scambio di segnali, si dovrà fissare preventivamente il tipo di segnale che
si desidera utilizzare.

Questa scelta in genere non è arbitraria, ma legata allo spazio e al mezzo


che viene considerato, tenendo conto che il segnale si propaga nello spazio
con una velocità V m caratteristica del mezzo che lo occupa.

La scelta più semplice ed immediata che si può fare è quella di considerare


regoli ed orologi aventi caratteristiche di funzionamento indipendenti
dalle condizioni di moto.
Consideriamo dunque due sistemi di riferimento in moto relativo con velocità
V, come è indicato in figura.

67z21

1
Con la scelta che è stata indicata, si assume che, se in due punti dello spazio
si verificano i due eventi E 1 e E 1 , ciascuno di essi in un certo punto x e un
certo istante t , la loro distanza spaziale x  x 2  x 1 e quella temporale
t  t 2  t 1 , rilevate nel riferimento immobile rispetto allo spazio, risultano
coincidenti con le distanze x’  x’ 2  x’ 1 e t’  t’ 2  t’ 1 , osservate
nel riferimento in moto con la velocità V.

Tutte le coordinate spaziali si possono però rilevare solo inviando un segnale,


del tipo prescelto, dall’origine al punto considerato e rilevare quello riflesso.

Consideriamo i due sistemi nel momento in cui le origini si sovrappongono e


inviamo da entrambi un segnale che si muove verso P con la stessa velocità
V m , essendo essa indipendente dalla velocità della sorgente.
Nello stesso istante ( O ed O’ coincidenti ) sincronizziamo i due orologi in
modo che si abbiano le indicazioni t0  t’0  0.
I segnali inviati giungono nel punto P , vengono riflessi e si muovono verso le
origini O ed O’ con la stessa velocità V m , in quanto il punto P si comporta da
sorgente.

67z22

2
Se si suppone nota la velocità V m , quando il segnale giunge nell’origine O,
2x
immobile, il tempo segnato dall’orologio sarà : t 2x 
Vm
t 2x  V m
da cui si ricava la coordinata spaziale x 
2

x
e quindi anche : t x  ; x  t x  Vm
Vm

Per quanto riguarda invece il sistema di riferimento mobile O’ , se t’ 2x è il


tempo impiegato complessivamente dal segnale per il percorso di andata e
ritorno, nello stesso tempo l’origine O’ si sarà spostata di un tratto pari a :

x O’  t’ 2x  V

Il percorso reale del segnale risulta dunque : L’  2  x – x O’


Il tempo impiegato sarà quindi :

L’ 2  x – x O’ 2  x – t’ 2x  V
t’ 2x   
Vm Vm Vm
da cui si ottiene :
t 2x
t’ 2x 
V
1
Vm

moltiplicando per la velocità nota del segnale, si ricava il valore della distanza
t’ 2x  V m x
x’ valutata dal riferimento mobile : x’  
2 V
1
Vm

e quindi anche :
67z23

3
t x x
t’ x  ; x’ 
V V
1 1
Vm Vm

Queste relazioni mettono in evidenza che le coordinate spaziale e temporale


del punto P risultano coincidenti nei due riferimenti, mobile e fisso, solo se
Vm   e ciò si verifica per qualsiasi valore della velocità relativa V.

E’ancora da notare che i due orologi sono stati sincronizzati quando le origini
O ed O’ erano coincidenti e nello stesso istante sono stati inviati i segnali.

Se i segnali per i rilievi vengono inviati in un istante t0  0 , l’origine in moto


O’ si troverà nel punto x O’  t 0  V ed, essendo sincronizzati, entrambi gli
orologi indicheranno il tempo t 0 .

Si noti che i risultati che si ottengono sono diversi a seconda che si consideri
come coordinata spaziale del punto P il percorso del segnale dalla sorgente
( origine degli assi ) al punto P oppure come il valore medio tra il percorso di
andata e quello di ritorno del segnale.

In genere si prescinde dalle reali modalità usate per il rilievo della coordinata
spaziale x e si considera solo il percorso di andata, senza riflessione.

In questo caso le origini emettono il segnale, che si muove nel mezzo


verso il punto P con la velocità Vm, indipendente dalle velocità delle
sorgenti e quindi dagli spostamenti che hanno subito le origini dopo
aver emesso i segnali.

Per i nostri orologi, sincronizzati con O ed O’ coincidenti, si avrà quindi :

x  t  Vm ; x’  t’  V m
Queste relazioni non esprimono altro che l’indipendenza della velocità
di propagazione del segnale da quella della sorgente.

Se ora consideriamo due sistemi di riferimento, con le origini O e O’ distanti

67z24

4
tra loro x O’ e gli orologi non ancora sincronizzati, indipendentemente dal fatto
che essi siano in moto relativo o meno, si pone il problema di osservare uno
stesso evento da punti diversi dello spazio, oppure effettuare rilievi su eventi
che si verificano in luoghi diversi, facendo in modo che siano confrontabili
i tempi che vengono registrati dagli orologi distanti fra loro.

Si deve dunque concordare una convenzione per sincronizzare gli orologi e,


per questa operazione, è richiesta la conoscenza della velocità del segnale,
che possiamo però avere solo se disponiamo di orologi sincronizzati posti a
una distanza nota.

I tempi degli eventi non possono, pertanto, essere confrontati prima che sia
stato stabilito che cosa si deve intendere per "tempo comune a eventi che
si verificano in luoghi diversi, ovvero per tempo comune di un evento
rilevato da osservatori posti in luoghi diversi ".

Vogliamo quindi sincronizzare i due orologi posti in O ed O’in modo tale che,
osservando lo stesso evento, per esempio l’emissione simultanea, nel punto
P, di due segnali, forniscano la stessa indicazione del tempo. Ciò in accordo
con la verifica sperimentale che ciascuno di essi può fare, intercettando i due
segnali.

Se supponiamo di conoscere la velocità di propagazione dei segnali, i tempi


indicati dai due orologi, considerati immobili, risultano :

2x 2  x – x O’
t P t O  ; t’ P  t’ O’ 
Vm Vm
dove t O e t’ O’ rappresentano i tempi indicati dagli orologi quando il
punto P coincide con O ed O’ rispettivamente.
Uguagliando i due tempi, si ottiene :
2  x O’
t’ O’ t O 
Vm

Se gli osservatori sono tutti immobili, la loro distanza x O’ è costante e quindi


la sincronizzazione è relativamente semplice. Tenendo conto della costanza
di V m durante il percorso di andata e ritorno, si può trascurare il percorso
doppio ed assumere semplicemente :

67z25

5
x O’
t’ O’ t O 
Vm

Secondo Einstein, per definire " il tempo comune di due eventi A e B distanti
fra loro ", si assume, per definizione, che il tempo impiegato dal segnale
per propagarsi da A a B sia uguale a quello richiesto per tornare da B
ad A.
Se dunque t A è il tempo segnato dall’orologio vicino ad A nel momento della
partenza da A, t B il tempo indicato dall’orologio vicino a B nel momento in cui
il segnale giunge in B e t ’A quello registrato dall’orologio vicino ad A quando
il segnale ritorna in A , i due orologi si diranno sincronizzati se è verificata la
relazione :
t ’A  t B  t B  t A
da questa relazione segue che la velocità del segnale nel percorso di andata
è uguale a quella del percorso di ritorno, ossia, si ha per definizione :

L AB L AB
Vm  
tB  tA t ’A  t B

E’ da notare che la relazione definisce una coppia di orologi sincroni senza


alcun riferimento alle reali operazioni necessarie per la sincronizzazione, ma
può essere comunque utilizzata realmente per l’operazione, secondo la :
L AB
tB  tA 
Vm
che coincide con la relazione che abbiamo indicato poc’anzi.

Per quanto riguarda la componente spaziale, nota la posizione dell’origine O’


in qualsiasi momento si ha :
x’  x  x O’

Dove tutte le misure si suppongono rilevate simultaneamente nel riferimento


immobile al tempo t e quindi non dovrebbero porre particolari problemi.

67z26

6
I due rilievi x O’ e x potranno però essere simultanei solo se i due segnali, che
sono patriti contemporaneamente dall’origine O nell’istante t O , impiegano
lo stesso tempo per raggiungere i punti x O’ e x , risultato che si ottiene solo
se il segnale si propaga con velocità di valore infinito.

Supponendo di essere in queste condizioni e che l’origine dei due sistemi di


riferimento fossero coicidenti per t  0 , al tempo t vengono rilevati sia x che
x O’ e risulta x O’ Vt e quindi, sostituendo, possiamo calcolare il valore
della componente spaziale " x’ valutata al tempo t " con tutte le osservazioni
fatte nel riferimento immobile. Si avrà :

x’ O  xVt

Per l’indipendenza della velocità di propagazione del segnale da quella delle


sorgenti, si possono sostituire le coordinate spaziali e si ottiene :

t’ V m  t  V m  V  t

V V x
da cui : t’  t  t  t 
Vm Vm Vm

in definitiva, la relazione tra i tempi di transito dei segnali dalle origini O e O’


al punto P risulta :

Vx
t’  t 
2
Vm

Il tempo che ciascun orologio indica quando il segnale raggiunge il punto


P dipende dal valore indicato t 0 O e t’ 0 O’ nel momento in cui il segnale
è stato emesso, ossia dal tipo di sincronizzazione degli orologi.

E’ chiaro che le misurazioni effettuate da questi orologi, relative ad un


unico evento, potranno essere simultanee solo se si dispone di un
segnale che si trasmette nello spazio con velocità V m  , dunque in

67z27

7
un tempo uguale a zero per qualunque distanza.

In questo caso, se gli orologi vengono sincronizzati nell’origine O, lo saranno


in qualunque momento e " indicheranno sempre e in qualunque luogo lo
stesso tempo, indipendentemente dalle condizioni di moto.

E’ questa la condizione che ha portato alla trasformazione di Galileo, il quale


aveva assunto come segnali per l’indagine quelli luminosi, che si trasmettono
con una velocità tale da poter essere considerata infinita, rispetto a quelle con
con le quali normalmente si lavora. Si ottiene così :

x’ xVt x  x’  V  t
y’  y ; y  y’
t’  t t  t’

In queste relazioni, dovute a Galileo, " lo spazio ed il tempo hanno un


valore assoluto ", indipendente dall’osservatore, che assume un ruolo
passivo,descrivendo con le trasformazioni una realtà che non dipende
dalle osservazioni e ogni suo cambiamento viene attribuito al diverso
modo di osservare.

Si può quindi affermare che il gruppo di relazioni, che costituiscono le


trasformate, trasformano un osservatore nell’ altro, mentre esiste una
realtà, quella descritta, che non cambia.

Non è però questa l’unica lettura possibile delle trasformazioni. Si può


infatti anche pensare, lecitamente, che non esista una realtà indipenente, ma
che essa coincida ogni volta con quello che viene osservato.

In questo caso l’osservatore assume un ruolo attivo, contribuendo a definire


la realtà, attraverso le sue condizioni di moto rispetto allo spazio osservato.
Le relazioni descrivono così delle realtà, che vengono generate di volta in
volta, con i diversi modi di osservare lo spazio.
E’, per esempio, il caso delle trasformazioni di Lorentz, che prevedono reali
cambiamenti delle caratteristiche dello spazio prodotte dall’osservatore.

Se un corpo si muove con velocità costante  rispetto al sistema immobile O,


la velocità ’ rispetto a quello mobile O’ si ottiene immediatamente dividendo
membro a membro i differenziali della prima e della terza espressione delle
trasformazioni di Galileo.

67z28

8
x’ x
Si ricava quindi :  ’ ;  ; ’    V
t’ t
derivando rispetto al tempo, si ottengono le accelerazioni : a’  a
e, ipotizzando la costanza della massa, ossia : m’  m , per le forze, si ha :
F’  m’ a’  m  a  F
Se nei due sistemi coincidono le forze, si verificano gli stessi trasferimenti di
energia e quindi si generalizza dicendo:
Le leggi fisiche si esprimono con le stesse relazioni in tutti i sistemi di
riferimento inerziali, ossia in moto relativo con velocità costante.

Abbiamo visto che queste trasformazioni sono valide solo se il segnale, che
viene utilizzato per i rilievi, si propaga con velocità infinita.
Galileo era perfettamente consapevole che la luce, che egli aveva usato nella
sua trasformazione, si propaga con una velocità molto elevata, ma finita.

In mancanza di segnali che possano propagarsi nello spazio con una velocità
infinita, non è più sostenibile l’esistenza di un tempo assoluto, avente validità
universale e bisogna quindi rivedere il concetto di tempo.

Innanzitutto osserviamo che, essendo i moti relativi gli unici che si possono
osservare, per una descrizione razionale del moto di un punto o di qualsiasi
processo fisico, è sempre opportuno scegliere " un sistema di riferimento
fisso, con gli assi solidali con lo spazio fisico nel quale si propagano i
segnali ".

Se nello stesso spazio si assume un altro sistema di riferimento in moto


rispetto al primo con velocità V, il nuovo sistema di assi s’intende in moto
anche rispetto allo spazio fisico, che rimane fermo.

Anche in queste condizioni, normalmente, si ritiene che lo spazio conservi il


significato di spazio assoluto e quindi le lunghezze rimangono invariate,
passando da un riferimento all’altro.

Questo assunto ha la sua validità solo in considerazione del fatto che per noi
è possibile impiegare, per la misura delle coordinate, la luce con una velocità
di propagazione enormemente più elevata di quella dei corpi ordinari.

67z29

9
Per un’analisi corretta, bisogna però considerare che le coordinate, spaziale
e temporale, vengono determinate proprio attraverso il moto di corpi comuni
e quindi il rapporto tra la loro velocità e quella dei segnali utilizzati non si può
più ritenere ininfluente.

Il tempo e lo spazio perdono quindi il loro valore universale e vengono


influenzati dai fenomeni stessi che si vogliono indagare.
Per il solo fatto che la velocità dei segnali utilizzati è finita,
le trasformazioni di Galileo assumono quindi la forma generalizzata:
x’ xVt
y’  y

Vx
t’ t –
V 2m
che si riduce alla forma canonica per V m  .
Da questa trasformazione, operando solo algebricamente, si ottiene quella
inversa :
x  x’  V  t

y  y’
Vx
t  t’ 
V 2m
naturalmente, se è vera la trasformazione diretta lo è anche quella inversa.

Differenziando e dividendo membro a membro la prima e la terza relazione,


delle trasformazioni di Galileo generalizzate ( senza alcuna condizione),
si ottiene :

x
t  V
x’ x  V  t t
 
t’ V  x V x
t – t 1– 
V 2m V 2m t

67z30

10
x’ x
sostituendo :  ’ e 
t’ t
si ricava così la relazione :

’  V

V  ’
1
V 2m

la quale esprime la legge di composizione delle velocità generalizzata,


che si applica quando i segnali che vengono utilizzati per
le osservazioni hanno una velocità di propagazione V m di
valore finito.
E’ da notare che alla base della trasformazione che abbiamo ricavato e della
conseguente legge di composizione delle velocità, non è stata posta
nessuna ipotesi restrittiva o particolari postulati, quindi la loro validità
è assolutamente generale.

L’espressione della composizione delle velocità così ricavata costituisce una


generalizzazione del risultato fornito da Galileo, applicato al caso in cui V m
assume un valore finito ed è stata ricavata senza alcuna ipotesi restrittiva.

Da tale espressione vediamo che, se abbiamo un punto in moto con velocità


’ rispetto al sistema di riferimento che si muove con velocità V rispetto al
mezzo, e viene considerata infinita la velocità di propagazione dei segnali, la
velocità del punto rilevata da un osservatore immobile risulta :

  ’  V
in accordo con la trasformazione di Galileo.

Se invece si considera V m di valore finito, la velocità rilevata dall’osservatore


fisso risulta minore del valore (’  V) con una differenza che aumenta con la
velocità del punto ’ fino a raggiungere il valore massimo V, quando esso si
muove con una velocità uguale a quella con la quale si propaga il segnale.

67z31

11
Dalla relazione risulta infatti che se una delle velocità ’ o V è uguale a V m ,
(oppure entrambe) ossia se l’osservatore mobile oppure l’oggetto che viene
osservato si muove con una velocità uguale a quella del segnale, la velocità
rilevata dall’osservatore immobile rispetto al mezzo è ancora uguale a V m .

La velocità di propagazione del segnale V m , che viene utilizzato


per comunicare, definisce dunque anche il valore massimo della
velocità osservabile.

Se dunque l’ oggetto da osservare " si muove già con la


velocità V m ", in pratica, se coincide con una sorgente di
segnali dello stesso tipo di quelli utilizzati per i rilievi, tutti
gli osservatori, indipendentemente dal valore della loro
velocità V , vedranno il segnale in arrivo sempre con la
stessa velocità V m .
Se un oggetto si muove con una velocità maggiore di quella dei segnali usati
per rilevarne la presenza, non è osservabile e quindi, per quell’osservatore,
di fatto non esiste.

E’ chiaro quindi che quanto più elevata è la velocità di propagazione


del segnale utilizzato, tanto più elevato sarà il numero di oggetti che si
potranno osservare.

Per esempio, se per l’osservazione si utilizza un’onda sonora,come per


esempio fa il pipistrello, si ha una visione del mondo molto più limitata di
quella che si può avere con la luce.

Ritornando alla nostra trasformazione, se ora scambiamo i due riferimenti


e trascuriamo l’esistenza del mezzo in cui si propagano i segnali, per
la relatività del moto, nelle relazioni si scambieranno :

x  x’ ; t  t’ ; V  – V.

Applicando questa sostituzione alla trasformazione di galileo con V m   ,


si ottiene una trasformazione inversa coincidente con quella che si ricava per
via algebrica.

12
67z32

Questo vuol dire che per Vm   i due sistemi di riferimento si trovano in


una condizione di perfetta simmetria e quindi la legge del moto non dipende
da quale dei due riferimenti viene ritenuto immobile rispetto allo spazio.

Se invece si applica la sostituzione, alla trasformazione generalizzata, che è


stata ricavata assumendo V m di valore finito, si ottiene la trasformazione :

x  x’  V  t’

y  y’
V  x’
t  t’ 
V 2m

in disaccordo con quella ottenuta operando algebricamente.

Questo vuol dire che con V m di valore finito si perde l’equivalenza dei
sistemi di riferimento e la trasformazione generalizzata, che abbiamo
proposto per descrivere il moto di un punto, non è corretta, oppure lo
scambio dei due riferimenti, considerando solo la loro velocità relativa
e non quella rispetto al mezzo, non è fisicamente accettabile.

In definitiva abbiamo :
– Vm  : x’  xVt x  x’  V  t x  x’  V  t’

t’  t

– V m finito : x’  xVt x  x’  V  t x  x’  V  t’

Vx Vx V  x’
t’  t –  t  t’   t  t’ 
V 2m V 2m V 2m

Se si nega il ruolo di sistema di riferimento privilegiato, in quiete assoluta,


al mezzo nel quale si propagano i segnali, viene a mancare il moto assoluto
e quindi i soli moti osservabili sono quelli relativi.

A questo punto, possiamo pensare che non esista una realtà oggettiva,

13
67z33

indipendente dall’ osservatore, ma che essa si identifichi con ciò che


si osserva e quindi assumiamo che le due trasformazioni descrivano
realtà diverse.

Se invece assumiamo che la realtà fisica sia oggettiva e indipendente


dall’osservatore, anche con una velocità dei segnali di valore finito, se
scambiamo tra loro i due riferimenti, la legge che descrive il moto di un punto
deve restare formalmente invariata.

Se optiamo per questa seconda scelta, le relazioniche abbiamo


ricavato non soddisfano queste condizioni e quindi si debbono modificare.
V
Dato che per  0 si deve ottenere la trasformazione di Galileo, non si
Vm
dovranno stravolgere completamente le relazioni, ma vanno solo modificate
perchè si verifichi la compatibilità richiesta.

La più semplice modifica che riusciamo ad immaginare è la dipendenza da


V
un fattore , che si riduca al valore unitario per  0 , ossia per V  0
Vm
oppure V m   , da determinare in modo tale da rendere la trasformazione
invariante rispetto allo scambio di riferimenti inerziali. Scriviamo dunque :

x’  xVt ; x  x’  V  t’

Sostituendo : x  Vm  t ; x’  V m  t’
si ricavano le relazioni :

Vx V  x’
t’   t – ; t    t’ 
V 2m V 2m
Le due trasformazioni che dovranno essere compatibili sono dunque :
x’  xVt x  x’  V  t’

Vx ; V  x’
t’   t – t    t’ 
V 2m V 2m

14
67z34

Se moltiplichiamo membro a membro la prima relazione con la seconda e la


terza con la quarta, si ottiene :

2
x  x’   2  x  x’  V  x  t’  V  x’  t – V  t’  t

V V V2
t’ t   2  t’  t   x’  t   x  t’ –  x  x’
2 2 4
V m
V m
V m

dividendo la prima per x  x’ e la seconda per t’  t , si ha :

t’ t 2 t’  t
1  2  1V V –V 
x’ x x  x’

V x’ V x V2 x  x’
1  2  1    – 
V 2m t’ V 2m t V 4m t’  t

dal confronto vediamo che le due relazioni coincidono solo se si verifica :

x’ x
  Vm
t’ t
ossia se la velocità del segnale risulta una caratteristica costante, dipendente
solo dal mezzo.
Sostituendo queste relazioni, si ricava che :
In questo caso la trasformazione risulta invariante, rispetto a qualsiasi
riferimento inerziale, se il fattore  assume il valore :
1

V2
1–
V 2m
che, sostituito nella trasformazione generalizzata, fornisce la trasformazione
di Lorentz in una delle forme equivalenti:

15
67z35

x’   xVt x   x’  V  t’

y’ y y  y’
;
Vx V  x’
t’   t – t    t’ 
V 2m V 2m
E’ da notare che la condizione necessaria per avere una trasformazione che
non dipenda dal sistema di riferimento in cui vengono fatti i rilievi si riduce al
fatto che la velocità del segnale V m sia indipendente dal riferimento dal
quale vengono inviati i segnali per i rilievi.

Ricordiamo che il moto della sorgente rispetto al mezzo cambia la frequenza


del segnale, per effetto Doppler, ma non modifica la velocità di propagazione
attraverso il mezzo, per qualsiasi tipo di segnale.

La velocità di propagazione del segnale non può neanche essere modificata


dall’osservatore, in quanto esso, con il suo moto modifica solo lo spazio che
il segnale percorre e non la sua velocità, cosa che, del resto, abbiamo visto
trattando l’effetto Doppler.

E’chiaro che l’aumento dello spazio percorso con velocità invariata comporta
un aumento del tempo impiegato dal segnale per raggiungere l’osservatore,
L 0  V  t’
secondo la relazione : t’  da cui si ricava il valore del tempo
Vm
realmente impiegato dal segnale per raggiungere l’osservatore :
t0
t’ 
V
1–
Vm
Essendo nota la distanza L 0 , misurata con V  0 , apparentemente il
segnale si è spostato con la velocità :
L0 V
V’ m   Vm  1–
t’ Vm

16
67z36

Essendo la velocità del segnale rispetto al mezzo indipendente anche dalle


condizioni di moto dell’osservatore, possiamo concludere che :

"Esso rappresenta un riferimento privilegiato" e tutte le velocità debbono


essere riferite al mezzo, che viene ritenuto immobile.
Non è quindi sufficiente, per descrivere il moto, considerare le velocità
relative di un riferimento rispetto all’altro.

Differenziando la trasformazione di Lorentz nelle due forme, si ottiene :

x’    x  V  t x    x’V  t’

V  x ; V  x’
t’    t – t    t’ 
V 2m V 2m

Se nello stesso punto x 0 del sistema di riferimento immobile vengono emessi


due segnali a carattere impulsivo nei tempi t 1 e t 2 (misurati dall’orologio sul
posto) , si avrà : t  t 2 – t 1 con x  0 .
Nel sistema di riferimento in moto i due eventi vengono registrati in due punti
diversi, distanti tra loro :

x’    x  V  t     V  t  – V  t’

e ad una distanza di tempo maggiore di t , precisamente :


t2 – t1
t’    t 
V2
1–
V 2m
Analogamente, se nello stesso punto x P0 ’ del riferimento mobile si verificano
due eventi nei tempi t’ P1 e t’ P2 (misurati con l’orologio locale), si avrà :
t P ’  t’ P2 – t’ P1 con x P ’  0 .
Nel riferimento immobile i due impulsi vengono registrati in due punti diversi,
distanti :

17
67z37

x    x P ’  V  t P ’    V  t P ’  V  t
ad una distanza temporale :
t’ P2 – t’ P1
t    t P ’ 
V2
1–
V 2m

E’ da notare che x , t , x P ’ , t’ P sono le misure rilevate nel proprio riferimento


con orologi e regoli solidali con il riferimento stesso e si indicano come valori
propri. Le espressioni ottenute per t’ e t esprimono la nota dilatazione
dei tempi, che ciascun osservatore avverte nell’altro ( visto in moto relativo )
e pertanto ci dicono che :

Qualsiasi osservatore in moto rispetto al riferimento proprio rileva una


distanza temporale tra gli eventi sempre maggiore di quella propria.

Oppure, in termini equivalenti:


Il tempo registrato tra due eventi è minore per l’osservatore che vede
gli eventi realizzarsi nello stesso luogo.

Normalmente questo risultato viene espresso sinteticamente dicendo che :


“ Per l’osservatore in movimento il tempo scorre più lentamente ”.
E questo non è del tutto corretto.

E’ da notare che, se nell’origine O’, in moto rispetto al mezzo, abbiamo una


sorgente che, quando è in quiete genera segnali impulsivi di periodo T 0S ,
il tempo t P ’  t’ P2 – t’ P1 può rappresentare la distanza temporale tra due
fronti d’onda consecutivi, ossia il periodo T S del segnale che viene emesso
e realmente trasferito nello spazio quando di muove con velocità V.

Studiando l’effetto doppler abbiamo visto che vale :

V 1
t P ’  T S  T 0S  1– e quindi anche : f S  f 0S 
Vm V
1–
Vm

18
67z38

L’osservatore, immobile, vede la sorgente in moto con un periodo dilatato


secondo la relazione :

V
1–
TS Vm
T O  t    t P ’   T 0S  
V2 V2
1– 1–
2
V m
V 2m

V V
1– 1–
Vm Vm
 T 0S   T 0S
V2 V
1– 1
V 2m Vm
la frequenza osservata risulta quindi :

V
1
Vm Vm  V
f O  f 0S   f 0S 
V Vm – V
1–
Vm
che coincide con quella indicata dall’effetto Doppler relativistico.

Supponiamo ora che in punti diversi x 1 e x 2 del sistema immobile vengano


emessi due segnali simultaneamente al tempo t 0 ; si avrà :

x  x 2 – x 1 con t  0.
Nel sistema di riferimento in moto i due eventi vengono registrati in due tempi
diversi, distanti tra loro :

19
67z39

V  x V  x V
t’   t –  –  –  x’
2 2 2
V m
V m
V m

Il valore della distanza rilevata nel sistema mobile risulta :


x2 – x1
x’    x 
V2
1–
V 2m
Analogamente, se nei punti x’ P1 e x’ P2 del sistema mobile vengono emessi
due segnali simultaneamente al tempo t’ P0 , si avrà :
x P ’  x’ P2 – x’ P1 con t P ’  0.
Nel sistema di riferimento immobile gli stessi eventi vengono registrati in due
tempi diversi, distanti tra loro :

V  x P ’ V V
t    t p ’    x P ’   x
2 2 2
V m
V m
V m

e la distanza spaziale rilevata risulta :


x’ P2 – x’ P1
x    x P ’ 
V2
1–
V 2m
Questi ultimi risultati ci dicono che :

Qualsiasi osservatore in moto rispetto al riferimento proprio rileva una


distanza spaziale tra gli eventi sempre minore di quella propria.

Oppure, in termini equivalenti:


La distanza spaziale tra due eventi è sempre minore per l’osservatore
che li vede realizzati nello stesso tempo.
Normalmente questo risultato si esprime sinteticamente dicendo che :
“ Per l’osservatore in movimento le lunghezze si contraggono nella
direzione del moto ”.

20
67z40

Anche questa non è una indicazione precisa ed è comunque riferita alle due
espressioni scritte nella forma :

x V2
x P ’   x2 – x1  1–
 V 2m

x’ V2
x   x’ P2 – x’ P1  1–
 V 2m

I risultati che abbiamo ottenuto mettono in evidenza che, se si considera solo


il moto relativo tra i due sistemi di riferimento, trascurando l’esistenza del
mezzo, il sistema fisso vede ciò che accade su quello mobile esattamente
come il riferimento mobile vede ciò che accade su quello fisso.

Il risultato è assolutamente ovvio, in quanto, eliminando il


sistema di riferimento solidale con lo spazio, mobile e fisso
non hanno significato assoluto, ma relativo e noi di fatto
non siamo in grado di precisare quale dei due è in moto.
Questa indeterminazione viene superata se le velocità vengono riferite al
mezzo in cui si propagano i segnali.

In base a queste considerazioni, con riferimento alla figura, se un segnale si


propaga con la velocità V m , come abbiamo già visto, qualunque sia la sua
natura, purchè immateriale, la sua velocità di propagazione non dipende
dalla velocità della sorgente. Essa è però dipendente da quella
dell’osservatore.
Come abbiamo già visto, l’esperimento di Michelson e tutte le altre prove a
sostegno del postulato di Einstein sulla velocità della luce non tengono conto
della presenza della sfera planetaria di spazio fisico solidale con la Terra e
con qualsiasi corpo celeste, necessaria per rendere conto dell’osservazione
sperimentale, che l’azione gravitazionale si manifesta istantaneamente.

Al postulato sulla velocità della luce sono inoltre legate molte indeterminazioni
che necessitano di chiarimenti.

21
67z41

22
– Osservazioni sul moto relativo, calcolo del fattore di dilatazione del
tempo e contrazione delle lunghezze, analisi delle prove sperimentali.

I risultati che abbiamo ottenuto mettono in evidenza che, se si considera solo


il moto relativo tra i due sistemi di riferimento, trascurando l’esistenza del
mezzo, il sistema fisso vede ciò che accade su quello mobile esattamente
come il riferimento mobile vede ciò che accade su quello fisso.

Il risultato è assolutamente ovvio, in quanto, eliminando il


sistema di riferimento solidale con lo spazio, i termini fisso
e mobile non hanno significato assoluto, ma relativo e noi
di fatto non siamo in grado di precisare quale dei due sia
l’osservatore in moto.
Questa indeterminazione viene superata se le velocità vengono riferite al
mezzo in cui si propagano i segnali.

Il problema è di importanza fondamentale per tutta la fisica e in particolare per


la teoria della relatività di Einstein, per cui è necessario riformularlo tenendo
conto che gli attori non sono solo gli osservatori.

Un problema reale è quello che abbiamo analizzato finora, ossia uno spazio
fisico nel quale una sorgente emette due segnali che vengono utilizzati per la
localizzazione nello spazio e nel tempo.

Un segnale viene intercettato da un "osservatore O immobile rispetto alla


sorgente" e quindi solidale con lo spazio fisico che la circonda.
Le coordinate da esso rilevate sono state indicate con x e t.

L’altro segnale viene rilevato da un " osservatore O’ in moto rispetto alla


sorgente con una velocità V " e quindi anche rispetto allo spazio fisico.
Le coordinate da esso rilevate sono state indicate con x’ e t’.

Se si considera solo la velocità relativa di un riferimento rispetto all’altro, non


si ha una sorgente distinta di segnali con due osservatori che effettuano dei
rilievi, ma " un osservatore ed una sorgente in moto relativo rispetto ad
esso, che si scambiano i ruoli ".

67z42

1
Ciascuna sorgente/osservatore è solidale con il suo spazio e i due sono
separati da un mezzo che può essere solidale con uno o l’altro, oppure non
esistere, nel qual caso è considerato "spazio vuoto" ed il problema diviene
astratto, di interesse puramente teorico, ma di nessuna utilità pratica.

Analizziamo dunque separatamente le diverse situazioni.


– O solidale con spazio e sorgente, O’ mobile rispetto alla sorgente e
allo spazio.
1 – se assumiamo O immobile, il sistema si presenta come in figura.

Con riferimento alla figura, abbiamo una sorgente di segnali nel punto P dello
spazio e vogliamo localizzarla assumendo due osservatori : O immobile nello
spazio, rispetto alla sorgente, O’ in moto con velocità V, sempre rispetto alla
sorgente.
L’osservatore O, dispone di regoli ed oscillatori periodici indipendenti come
abbiamo visto introducendo la teoria. Utilizzando questi strumenti, definisce
x
la velocità del segnale inviato dalla sorgente S come il rapporto : V m  .
t
Sperimentando con diverse sorgenti scopre che V m risulta indipendente dal
moto della sorgente.
L’osservatore O’ si muove con velocità V, valutata dall’osservatore immobile,
e possiede gli stessi strumenti di cui è dotato O, con l’orologio sincronizzato
con O ed O’ coincidenti.

Se la sorgente emette due segnali identici, s 1 ed s 2 , essi si muoveranno con


con la stessa velocità V m verso i due osservatori, i quali iniziano a muoversi
quando la sorgente emette i segnali.
Quello immobile, rispetto al mezzo, viene raggiunto da s 1 dopo aver percorso

67z43

2
x
la distanza x, quindi dopo un tempo t  .
Vm
Quello mobile viene raggiunto dal segnale s 2 nel punto A , dopo un percorso
pari a x’  x – x A , dove x A rappresenta il tratto che, nel verso opposto, ha
percorso l’osservatore O’ con la velocità V , impiegando quindi un tempo t’,
misurato da entrambi gli osservatori (essendo gli orologi sincronizzati), uguale
a quello impiegato dal segnale a percorrere il tratto x’ con la velocità V m , e

x’ x – xA
quindi dato da : t’   sostituendo x A  V  t’
Vm Vm
x – V  t’
si ottiene : t’ 
Vm

che può essere scritta indifferentemente come espressione spaziale, se si


sostituisce il tempo, oppure in forma temporale, se invece vengono sostituite
le coordinate spaziali ; si sostituiscono comunque sempre le relazioni :

x’ x x x’
  Vm oppure t ; t’ 
t’ t Vm Vm

si ricavano così le relazioni equivalenti tra loro :

x’  x – V  t’

V V
t’  t –  x’ ; t’  t –  t’
2
V m
Vm

E’ da notare che, talvolta si scrive x’  x–Vt dove x’viene intesa

come coordinata spaziale misurata dal riferimento mobile O’. Questa


interpretazione non è corretta, in quanto x’così espresso rappresenta
la coordinata spaziale x’che viene misurata dal riferimento immobile e
non da O’.

67z44

3
per V m   dalla seconda relazione si ottiene t’  t , che, sostituita nella
prima dà la trasformazione di Galileo :
x’  x–Vt .

Con V  Vm si ottiene, naturalmente :


t  2  t’ ; x  2  x’.

Operando solo algebricamente sulla relazione x’  x – V  t’

si ottiene : x  x’  V  t’
Naturalmente valida quanto l’espressione diretta.

Se, a questo punto, scambiamo i riferimenti, assumendo O’ come riferimento


immobile ed O in moto rispetto a O’, se si trascura la presenza della
sorgente, per la relatività del moto, la trasformazione equivalente si ottiene
solo con la sostituzione :
x  x’ ; t  t’ ; V –V
Si hanno così le trasformazioni :

x  x’  V  t’  x’  x–Vt  x’ x – V  t’

V rappresenta la velocità dell’osservatore


E’ importante ricordare che
O’ rispetto al punto da osservare e non rispetto a O, per
cui non possiamo sostituire V  – V, cambiando il suo
significato in modo del tutto arbitrario.
Comunque, se entrambe le espressioni fossero accettabili, dovrebbe
esserlo qualsiasi loro combinazione.

Moltiplicando membro a membro e dividendo per x  x’ , si ottiene :

t t’ t  t’
1 1V V V 
2

x x’ x  x’

x’ x
ricordando che :   Vm
t’ t

67z45

4
V2
sostituendo, si ha : 0
2
V m

La trasformazione indicata con lo scambio dei riferimenti


è dunque valida solo se V  0 oppure V m   .
Se si moltiplicano le due relazioni per un fattore , la condizione per ottenere
l’invarianza della trasformazione rispetto all’osservatore diventa :
2
V
1  2  1–
2
Vm
che porta alla trasformazione di Lorentz.
Vogliamo, a questo punto, capire la ragione per la quale le due relazioni sono
incompatibili.

2 – Riprendiamo dunque il calcolo assumendo come riferimento mobile O e


come immobile O’, senza però cambiare il sistema in esame.
Così facendo, l’osservatore O sarà ancora solidale con lo spazio fisico e con
la sorgente. Il sistema, con i nuovi riferimenti, si presenta quindi come è stato
rappresentato in figura.

Se fermiamo il riferimento O’, ossia se osserviamo il sistema " cavalcando"


O’, lasciando tutto il resto invariato, vediamo " tutto lo spazio circostante e
i corpi in esso presenti " muoversi nella direzione opposta con velocità – V.

In particolare, vediamo l’origine O con la sorgente S muoversi, con la stessa


velocità, come in figura e quindi mentre O si sposta nel punto B, la sorgente
si sposta dal punto P a P B .
Essendo noi solidali con O’, vediamo la sogente muoversi verso di noi con la
velocità V.
A questo punto, per impostare lo studio, si deve precisare che cosa si
vuole osservare.

67z46

5
Se la sorgente emette due impulsi singoli, è possibile solo osservare il moto
dei due segnali, "che è indipendente dal moto della sorgente" e quindi la
coordinata spaziale che viene rilevata è quella del segnale nel momento in
cui viene emesso, dunque quella della sorgente nella posizione iniziale.
Il sistema si comporta come se la sorgente fosse indipendente da O e O’ e
verrà analizzato in seguito.
Se si rileva il moto della sorgente, si ha invece :
x
Il tempo impiegato dal segnale s 1 per raggiungere O risulta : t
Vm
x – V  t’
Per il segnale s 2 si avrà : t’ 
Vm

da cui si ricava : x’  x– V  t’

x – V  t’ V  t’ V x’
t’  t– t– 
Vm Vm Vm Vm
V
e quindi : t’  t –  x’
2
V m

con lo scambio dei riferimenti si ottiene dunque la trasformazione :

x’  x – V  t’ x  x’  V  t

V  V
t’  t –  x’ t  t’  x
2 2
V m
V m

Le relazioni x’  x – V  t’  x  x’  V  t , ottenute sostituendo :

x  x’ ; t  t’ ; V –V
sono dunque incompatibili solo perchè la sorgente da rilevare non si
trova in una condizione simmetrica rispetto ai due osservatori.

67z47

6
Si tratta di due trasformazioni completamente diverse, che coincidono solo se
V m  .
Se si cambia riferimento, non è sufficiente considerare la velocità relativa tra
i due osservatori, ma si deve considerare anche quella della sorgente.
Qualunque artificio matematico messo in atto per rendere compatibili
le due relazioni è fisicamente inaccettabile.

Questo vuol dire che la condizione " artificiosa ", espressa dal fattore  di
Lorentz, se rende compatibili due relazioni che fisicamente non lo sono, essa
stessa deve essere fisicamente irrealizzabile.

Se la sorgente emette impulsi con continuità, si osserva in ogni momento la


posizione della sorgente (con la posizione iniziale rientra quindi anche il caso
che abbiamo esaminato).

In questo caso abbiamo il punto O che si muove solidale con la sorgente e il


segnale percorre quindi sempre la stessa distanza per raggiungere il punto
O, indipendentemente dall’istante in cui viene emesso.
x
Il tempo impiegato risulta quindi sempre : t
Vm
La distanza che deve percorrere il segnale s 2 , per raggiungere O’, dipende
invece dall’istante in cui viene emesso, essendo essa ridotta dello spazio che
ha percorso la sorgente nel tempo t’.
x – V  t’ V
Si ha quindi : t’  t–  x’
2
Vm V m

ed anche : x’  x – V  t’

Questa trasformazione coincide perfettamente con quella


che abbiamo ricavato con i riferimenti scambiati.
Questo vuol dire che questa trasformazione non è invariante rispetto
alla sostituzione :
x  x’ ; t  t’ ; V  –V

67z48

7
Possiamo dunque affermare definitivamente :
Dato un sistema di riferimento in moto relativo con velocità V, rispetto
al mezzo in cui si propagano i segnali, se x e t rappresentano le
coordinate spaziale e temporale di un evento rilevato in un riferimento
solidale con il mezzo, dunque immobile rispetto ad esso, le coordinate
dello stesso evento rilevate dal riferimento mobile sono date dalle :

x’  x – V  t’

V
t’  t –  x’
2
V m

Sia per O immobile e O’ in moto che per O’ immobile e O in moto.

Faciamo notare che la legge che abbiamo ricavato risulta coincidente con la
il fattore , che risulta, a questo
trasformazione di Lorentz senza
punto, perfettamente inutile, visto che la trasformazione
" non può essere resa invariante rispetto agli osservatori
inerziali con un artificio che di fatto modifica il sistema ",
trascurando la presenza del mezzo.
Per V m  si ottiene t’  t e diventa coincidente con la trasformazione di
Galileo.
Particolarmente importante è la relazione che esprime l’interdipendenza tra il
x x
tempo e lo spazio :  V m  costante ; oppure : t
t Vm
La prima relazione mette in evidenza che spazio e tempo non hanno valore
assoluto, ma dipendono dall’efficienza con la quale si riesce a comunicare.

Dalla nostra trasformazione, si ricava la dipendenza delle coordinate spaziale


e temporale, x e t , di una sorgente di segnali, che si propagano nello spazio
con velocità V m , misurati da un osservatore in moto relativo, rispetto ad essa
con una velocità V. Si ha quindi :

67z49

8
x x
x’  x – V  t’ x–V da cui deriva : x’ 
Vm V
1
Vm

V V t
t’  t –  x’  t –  V m  t’ e quindi : t’ 
V 2m V 2m V
1
Vm
Questa dipendenza non ha significato solo dal punto di vista scientifico, ma
deve essere stata avvertita prima ancora di acquisire una chiara percezione
del tempo.

In questo senso, anche se la definizione di velocità è derivata dai concetti di


tempo e spazio, ritenuti primitivi, la percezione del concetto di velocità, certo
non ben definito, deve aver preceduto quello del tempo, derivato proprio dalla
relazione che lo lega allo spazio e alla velocità del segnale.

Sia il tempo percepito, che quello scientificamente definito, hanno dunque un


valore diverso a seconda dei segnali scelti per comunicare. In questo senso
esso non ha valore universale, ma locale, in quanto ciascun osservatore può
scegliere di volta in volta il segnale da utilizzare per comunicare e non sempre
è possibile e conveniente scegliere quello con velocità, rispetto al mezzo, più
elevata.

E’ da notare che la trasformazione che abbiamo ricavato, dipendente


dall’osservatore, coincide con quella di Galileo, che si dovrebbe
scrivere nella forma :
x’  x – V  t’ ; t’  t
Nella interpretazione generalizzata, con la velocità V m di valore finito,
essa diventa dipendente dall’osservatore.

Ricordiamo che per ricavare la trasformazione non abbiamo imposto


alcuna condizione oltre alla costanza della velocità del segnale
rispetto al mezzo, ampiamente provata sperimentalmente.

67z50

9
La velocità del segnale è indipendente dalla velocità della sorgente, ma "non
è affatto costante rispetto all’osservatore".

Essendo la velocità del segnale costante rispetto al mezzo, esso potrà


essere assunto come "riferimento privilegiato, ritenuto immobile" e tutte
le velocità si possono riferire ad esso con il significato di valore assoluto.

La scelta è quasi sempre obbligata, in quanto in genere, " per descrivere il


moto della sorgente, non è sufficiente considerare la velocità relativa
di un riferimento rispetto all’altro.

Il problema reale che generalmente si presenta è quello che abbiamo studiato


finora ; si ha cioè uno spazio fisico nel quale una sorgente emette due segnali
che vengono utilizzati per la sua localizzazione nello spazio e nel tempo.

Un segnale viene intercettato da un "osservatore O immobile rispetto alla


sorgente" e quindi solidale con lo spazio fisico che la circonda.
Le coordinate da esso rilevate sono state indicate con x e t.
L’altro segnale viene intercettato "da un osservatore O’ in moto rispetto
alla sorgente" e quindi anche rispetto ad O.
Le coordinate da esso rilevate sono state indicate con x’ e t’.

L’analisi che abbiamo fatto dimostra che, per questo sistema, la legge che
descrive il moto della sorgente non è invariante rispetto agli osservatori.

Questa caratteristica è dovuta alla configurazione del sistema e quindi non è


formale, ma fisica. La dipendenza della trasformazione dall’osservatore
non si può dunque eliminare con un artificio matamatico, senza dover
ricorrere a ipotesi fisicamente inaccettabili.

67z51

10
Vogliamo quindi capire quali sono i sistemi reali che vengono descritti da una
trasformazione invariante.
Consideriamo quindi il sistema schematizzato in figura.
Abbiamo due osservatori O e O’, dotati entrambi di orologi e regoli identici e
sincronizzati.
Ciascuno di essi è anche solidale con un proprio spazio, S e S’associato a
un sistema di assi di riferimento.

Dato che i segnali si trasmettono attraverso lo spazio, per poter analizzare la


comunicazione, dobbiamo stabilire con quale osservatore è solidale il mezzo
attraverso il quale essi si propagano. I casi possibili sono, ovviamente, due :
1 – mezzo solidale con un osservatore, per esempio, O

2 – mezzo indipendente dagli osservatori

Studiamo separatamente i due casi.


1 – Il primo sistema coincide con quelli che abbiamo visto. Le trasformazioni
delle coordinate x e t sono quindi quelle che abbiamo ricavato, perciò si tratta
solo di applicarle.

Nel proprio riferimento, in qualsiasi momento e qualsiasi condizione di moto,


ciascun osservatore realizza le misure in condizioni di quiete e quindi ricava
sempre i valori concordati in partenza x p e t p .

Supponiamo ora che O’ si metta in moto con velocità relativa V , rispetto allo
spazio solidale con O, attraverso il quale si trasferiscono i segnali.

L’osservatore O, che è immobile rispetto al suo spazio, effettua due rilievi :


– una misura di lunghezza in un certo momento
– due eventi che si verificano nello stesso punto in due diversi istanti.
Egli dispone quindi dei segnali :

x PO con t PO  0 e successivamente t PO con x PO  0


Utilizziamo la trasformazione in forma differenziale :
x’  x  V  t’
V  x’
t’ t –
V 2m
67z52

11
La distanza rilevata dall’osservatore mobile con x PO e t PO  0 sarà :

V  x’
x’  x PO  V  t’ x PO  V  t PO – 
2
V m

V 2  x’
 x PO  da cui si ottiene :
2
V m

1 V
x’  x PO  ; t’  – x PO 
V2 V 2m – V 2
1–
V 2m
Per la seconda misura, con t PO e x PO  0 , si ottiene :

V  x’ V  x’ V2
t’ t PO –  t PO –  t PO   t’
2 2 2
V m
V m
V m

e quindi:
1 V
t’  t PO  ; x’  – t PO 
V2 V2
1– 1–
2
V m
V 2m

A questo punto notiamo che nella trattazione generale, con la quale abbiamo
ricavato la trasformazione, avevamo una sorgente di segnali che non veniva
cambiata quando si scambiavano i riferimenti e quindi le misure rilevate dagli
osservatori si riferivano sempre alla stessa sorgente.

Nel nostro caso invece, se riteniamo O’ immobile, senza cambiare il sistema,


abbiamo l’osservatore O con il suo spazio in moto con velocità – V ,
rispetto alla sorgente del segnale S o ’che, questa volta, è solidale con
con l’osservatore O’, diventato immobile.
La misura della coordinata è quindi quella propria x’ P .

67z53

12
Nel caso che stiamo esaminando la sorgente rimane quindi sempre solidale
con il riferimento ritenuto immobile.
Cambia quindi la sorgente e il punto che viene osservato cambia con
lo scambio degli osservatori.

Se si osserva sempre la stessa sorgente, la trasformazione rimane invariata


e, come abbiamo visto, risulta non invariante rispetto alla sustituzione:
x  xP’ ; t  t’ ; V V
Nel caso in esame abbiamo invece :
x  x P ’ V  t  x’  x P  V  t’
Con lo scambio degli osservatori si hanno quindi le trasformazioni :

Gli osservatori O e O’ rilevano la posizione della sorgente S’ o :

x  x P ’ V  t

Vx
t  tP’ 
V 2m
Gli osservatori O e O’ rilevano la posizione della sorgente S o :

x’  x P  V  t’

V  x’
t’ t P –
V 2m
con semplici passaggi, si ottiene :
xP’ tP’
x  ; t
V2 V2
1– 1–
2
V m
V 2m

xP tP
x’  ; t’ 
V2 V2
1– 1–
2
V m
V 2m
67z54

13
Le trasformazioni che abbiamo ottenuto, in questo caso, risultano invarianti
rispetto all’osservatore, in quanto non esiste una sorgente solidale con uno
dei due da osservare, che creerebbe una dissimmetria nel sistema, ma essi
stessi sono sono alternativamente osservatore / sorgente per l’altro, per
cui si trovano in una condizione di perfetta simmetria.

Ciascun osservatore è solidale con il suo spazio ed è attraverso questo


spazio che si propaga il segnale emesso dall’altro osservatore, che in quel
momento rappresenta la sorgente.

Dato che ciascun osservatore effettua i rilievi, osservando lo spazio dell’altro,


lo spazio attraverso il quale si propaga il segnale cambia e risulta sempre
quello solidale con l’osservatore.

La elocità di propagazione osservata risulterà quindi


sempre quella caratteristica del mezzo V m qualunque
sia l’osservatore.
Non serve dunque,in questo caso, nessun postulato
che imponga l’indipendenza della velocità della luce.
In questo caso il sistema si comporta come se il mezzo fosse indipendente
ed immobile rispetto ad entrambi gli osservatori e quindi proprio come
un riferimento privilegiato, in quiete assoluta, anche se così non è, in
quanto siamo noi che lo rendiamo tale "facendogli acquistare di volta
in volta la velocità dell’osservatore".

In questo particolare problema è quindi possibile considerare solo la velocità


relativa di un riferimento rispetto all’altro, trascurando la presenza del mezzo.
Naturalmente, data la simmetria, ciascun osservatore osserverà nello spazio
dell’altro quello che l’altro osservatore vede nel proprio. Le osservazioni sono
reciproche.

2 – Molto particolare si presenta il sistema in cui il mezzo attraverso il


quale si sposta il segnale non è solidale con nessun osservatore. Esso
è dunque indipendente da qualsiasi osservatore inerziale.
Se un mezzo non è solidale con nessun punto in movimento, si può ritenere in
" quiete assoluta ", nel senso che si può assumere, arbitrariamente, la sua
velocità uguale a zero.

67z55

14
In questo modo il mezzo diventa un riferimento privilegiato rispetto al quale si
possono misurare tutte le velocità. Se quindi abbiamo una sorgente in quiete
rispetto al mezzo, i due osservatori O e O’rileveranno le coordinate :
con O immobile : x’  x – V  t’
con O’ immobile : x  x’  V  t
Le due relazioni sono perfettamente compatibili con la sostituzione :
O  O’ ; V–V
Si ha quindi la trasformazione invariante rispetto ai sistemi inerziali :

x’  x  V  t’

V  x’
t’ t –
V 2m
E’ da notare che, indipendentemente dal problema che si sta trattando, se si
hanno due osservatori O e O’ in due punti diversi dello spazio, la velocità che
ciascuno di essi misura, per definizione, è data da :

O’O
– velocità di O’ misurata da O : V O’ O 
t O’ O

OO’
– velocità di O misurata da O’ : VO O’ 
t OO’
Se si tratta il problema considerando solo la velocità relativa, si considera
che sia : V O’ O  – VO O’

O’O OO’
e quindi : 
t O’ O t OO’
Questa relazione contiene implicitamente l’ipotesi che la velocità del segnale
sia indipendente dall’osservatore.
Se questa condizione non corrisponde alla realtà fisica, la sostituzione
non è corretta.

Abbiamo visto che la sostituzione indicata è lecita, e quindi la trasformazione


è invariante rispetto all’osservatore, in tutti i casi in cui il mezzo attraverso

67z56

15
Questa relazione contiene implicitamente l’ipotesi che la velocità del segnale
sia indipendente dall’osservatore.
Se questa condizione non corrisponde alla realtà fisica, la sostituzione
non è corretta.

Abbiamo visto che la sostituzione indicata è lecita, e quindi la trasformazione


è invariante rispetto all’osservatore, in tutti i casi in cui il mezzo attraverso
il quale si trasferiscono i segnali è indipendente dagli osservatori o si
può ritenere tale.
Riassumendo, abbiamo ottenuto i seguenti risultati :

– Se la sorgente di segnali è in uno spazio indipendente dagli osservatori la


trasformazione è invariante rispetto all’osservatore.
– Se la sorgente è solidale con un osservatore, non si ha invarianza della
trasformazione rispetto all’osservatore.
– Se la sorgente osservata è sempre solidale con l’osservatore considerato
immobile, la trasformazione è invariante rispetto all’osservatore.

Utilizzando i risultati che sono stati acquisiti, consideriamo i due seguenti casi
particolari.
– sorgente ed osservatore solidali tra loro, in moto attraverso un mezzo che
viene considerato in quiete assoluta.
Consideriamo una sorgente / osservatore che emette un segnale che viene
riflesso da uno specchio posto alla distanza fissa L 0 .
Tutto il sistema si muove con una velocità V in direzione perpendicolare alla
congiungente sorgente – specchio, attraverso uno spazio in quiete assoluta.

Considerando il moto dello specchio, per poter essere intercettato, il segnale,


che dopo l’emissione è indipendente dalla sorgente, dovrà essere orientato
verso il punto S 1 che occuperà lo specchio dopo il tempo di transito t’.

67z57

16
Nel riferimento mobile il mezzo è in moto con la velocità  V e quindi, nota

la V m , si ricava la componente della velocità del segnale V e lungo l’asse y.


Dato che i percorsi OS 0 , S 0 S 1 e OS 1 vengono realizzati tutti nello stesso
tempo t’, moltiplicando per t’il triangolo delle velocità, si ottiene quello simile
dei percorsi e quindi il percorso del segnale OS 1 realizzato con velocità V m

L0 1 1
risulta : Ls   L0   L0 
sen 
1 – cos
2
 V
2

1–
2
Vm
Essendo speculare il percorso del segnale riflesso, il percorso complessivo,
per il braccio verticale sarà : L  2  L s .
1
Il tempo richiesto per l’intero percorso risulta : tv’  2  t0 
2
V
1–
2
Vm
Se si dividono i lati del triangolo per un valore comune di velocità, per
esempio V m , si ottiene il triangolo dei tempi dal quale si ha lo stesso
2 2
L 2s L 20  V  t’ 2 L 20 V  t’ 2
risultato. t  2
s
  
2 2 2 2
Vm Vm Vm Vm
L0
considerando che t’  ts e  t 0 , sostituendo, si ottiene :
Vm
2 2
V  ts 1
t 2s  t 20  da cui : ts  t0 
2
Vm V
2

1–
2
Vm

67z58

17
A questo punto osserviamo che t s e
t 0 rappresentano i tempi richiesti per
realizzare lo stesso percorso " apparente ", misurati sempre
dallo stesso osservatore in due condizioni diverse.

t 0 è il tempo richiesto dal segnale emesso dalla sorgente S per raggiungere


l’osservatore S 0 ( specchio ) posto alla distanza L 0 in condizione di quiete
rispetto al mezzo.
t s è il tempo richiesto dal segnale emesso dalla sorgente S per raggiungere
l’osservatore S 0 ( specchio ) posto alla distanza L 0 in condizione di moto
rispetto al mezzo.

L’espressione ci dice che il tempo misurato con l’osservatore in moto


è maggiore di quello rilivato in quiete ed essendo apparentemente
fissa la distanza percorsa ( per la rigidità del collegamento tra osservatore e
sorgente ), si dice brevemente che il tempo misurato
tra due eventi
in un sistema mobile subisce una dilatazione rispetto allo
stesso tempo misurato nel sistema in quiete.
Il alcolo è assolutamente identico se si osserva dal riferimento solidale con il
mezzo di propagazione del segnale e quindi si rilevano gli stessi effetti.

Questa dilatazione viene normalmente associata ad effetti relativistici.


In realtà, come dimostra il calcolo, non esiste alcun effetto particolare.
Semplicemente " il moto dell’osservatore " rispetto al mezzo, durante il
tempo di transito del segnale, produce un aumento della distanza L 0 ,
che non viene considerata, percorsa sempre con la stessa velocità V m .

Come s’intuisce facilmente, non avendo noi fatto alcuna ipotesi restrittiva, per
ricavare la relazione, l’effetto indicato non è affatto legato a casi particolari e
si produce con qualsiasi segnale.

Per esempio, un pipistrello, che, per valutare la sua distanza da un ostacolo,


utilizza il tempo impiegato da un segnale ad ultrasuoni per raggiungerlo, se
anche esso è in moto, non considera il tempo dilatato, ma la distanza
aumentata ed ha così una reazione corretta, nonostante il moto.

67z59

18
Supponiamo ora che lo stesso sistema venga messo in moto nella direzione
della congiungente OS 0 , sempre in un mezzo immobile.

Nel punto S la sorgente emette il segnale s 1 che si sposta verso lo specchio


in moto con velocità V.
Nel riferimento solidale con il mezzo immobile si ha :
– equazione del moto del segnale s 1 : x S1  Vm  t
– equazione del moto dello specchio bersaglio : x s  L0  V  t

Lo specchio verrà raggiunto nel punto S 2 , quando x S1  x s , dunque dopo


un tempo t 1 : Vm  t1  L0  V  t1
L0 L0 1 1
da cui : t1     t0 
Vm  V Vm V V
1 1
Vm Vm
Dopo il tempo t 1 la coordinata dello specchio risulta quindi :

Vm 1
L1  L0  V  t1  L0   L0 
Vm  V V
1
Vm
Nel punto S 2 il segnale riflesso s 2 inizia il moto verso l’osservatore O, che si
trova nel punto S’e si sta muovendo con velocità V come è indicato in figura.

Sempre nel riferimento immobile, si ha :


– equazione del moto del segnale s 2 : x S2  L1  Vm  t

67z60

19
– equazione del moto dell’osservatore mobile :  x S’  V  t xO
Il segnale x S2 raggiungerà l’osservatore O nel punto O’, quando x S2  x O .
Il tempo di transito del segnale riflesso x S2 risulta dunque :
L 1  V m  t 2  x S’  V  t 2 da cui si ottiene :

L 1  x S’ L0 1
t2    t0 
Vm  V Vm  V V
1
Vm
e quindi il percorso sarà :
Vm 1
L2  Vm  t2  L0   L0 
Vm  V V
1
Vm
Il segnale emesso dalla sorgente S raggiunge quindi l’osservatore O dopo un
percorso complessivo :
1
L  L1  L2  2  L0 
V2
1
V 2m
per il tempo impiegato si ha :
2  L0 1 1
t  t1  t2    2  t0 
Vm V2 V2
1 1
2
V m
V 2m
Tutti i calcoli si ripetono identicamente se i rilievi vengono fatti nel riferimento
mobile (solidale solidale con il sistema mobile) rispetto al mezzo, considerato
immobile.

Il calcolo dimostra che, con braccio verticale, sia per il segnale diretto che per
quello riflesso, il moto genera un aumento del tempo rispetto alle condizionidi
quiete.

67z61

20
Con il braccio orizzontale per i due segnali si ha invece un risultato diverso.
1
Per il segnale diretto si ha : t1  t0 
V
1
Vm
Si ottiene quindi un aumento del tempo rispetto a quello rilevato in condizioni
di quiete maggiore di quello rilevato con braccio verticale, con un rapporto :

V
1
ts Vm Vm  V
   1
t1 V2 Vm  V
1 
V 2m

1
Per il segnale riflesso abbiamo ricavato : t2  t0 
V
1
Vm
In questo caso si ha quindi una riduzione del tempo rispetto a quello rilevato
nel riferimento proprio con un rapporto rispetto al braccio verticale :

V
1
ts Vm Vm  V
   1
t1 V2 Vm  V
1 
V 2m
Anche in questi casi non si tratta di una contrazione o dilatazione del tempo,
ma di una riduzione oppure aumento dello spazio percorso, come potrà, con
molta facilità, dimostrare il solito pipistrello con gli ultrasuoni.

Anche se per il problema che si sta trattando non ha nessun significato fisico,
normalmente si fa riferimento ai valori medi sull’intero percorso, assumendo

67z62

21
ts  ts 1
per il braccio verticale : tV   t0 
2
V2
1 
V 2m

t1  t2 1
per quello orizzontale : tO   t0 
2
V2
1 
V 2m
Il rapporto tra i due tempi risulta :

V2
1 
tV V 2m V2
  1   1
2
tO V2 V m
1 
V 2m

A questo punto, senza nessuna valida ragione teorica, si dice


che t V e t O devono essere coincidenti, in quanto il tempo è uno scalare
e quindi non può dipendere dalla direzione del moto, quindi nemmeno
dall’orientamento del braccio.
Questo però è in contraddizione con il calcolo stesso che è stato
fatto per ottenere t O .

In definitiva si afferma arbitrariamente che la dilatazione del tempo che


si verifica con il moto deve essere indipendente dalla direzione e quindi, nel
caso del braccio orizzontale, il calcolo non è corretto in quanto si trascurano
effetti capaci di ridurre il fattore di dilatazione . Dalle espressioni dei tempi si
t1  t2 2  L0 1
ricava : tO   
2 Vm  V2
1 
V 2m
67z63

22
che si può scrivere :
2  L0 1
tO  
V2 V2
Vm  1  1 
2
V m
V 2m

Questa relazione ci dice che per avere t O  t V è necessario che si verifichi


una riduzione della lunghezza del braccio nella direzione del moto in modo da
avere :

V2
LO  L0  1 
V 2m

2  LO 1 2  L0 1
tO      tV
Vm  V 2 Vm  V2
1  1 
2
V m V 2m
Secondo queste espressioni, se un osservatore rileva nel riferimento proprio,
dunque in quiete, la distanza L 0 tra due punti, se viene messo in moto con
velocità V nella direzione della retta congiungente i due punti, effettuando gli
stessi rilievi, misura una distanza minore, data da :

V2
L  L0  1 
V 2m
Analogamente, se nel riferimento proprio, in condizione di quiete, vengono
rilevati due eventi ad una distanza temporale t 0 , rilevando gli stessi eventi in
moto con velocità V, la loro distanza temporale risulta maggiore :
1
t  t0 
V2
1 
V 2m

67z64

23
Notiamo che, l’aumento del tempo misurato, indicato impropriamente
come " dilatazione del tempo ", si ricava con il calcolo e trova una sua
giustificazione in un reale aumento della distanza che il segnale deve
percorrere per intercettare la superficie riflettente.

Il calcolo relativo al braccio orientato nella direzione del moto dimostra che la
variazione del tempo dipende dalla direzione del moto, tanto che con il
segnale riflesso si ha una riduzione del percorso e dunque anche del tempo.

L’accorciamento delle distanze nella direzione del moto non ha invece


nessun fondamento teorico e il metodo utilizzato per ricavarlo usa il valore
medio di effetti dipendenti dalla direzione del moto che, avendo segni opposti
si compensano parzialmente e consentono di derivare arbitrariamente una
indipendenza della dilatazione del tempo dalla direzione del moto.

Lo stesso Einstein dava alla contrazione delle lunghezze un significato affatto


reale, definendola apparente.
Del resto, anche la dilatazione del tempo non va intesa come normalmente si
dice, ma come un aumento della misura del tempo dovuto al fatto che, per
intercettare un ostacolo in moto trasversale, il segnale deve essere orientato
diversamente, con un percorso più lungo.

Consideriamo ora lo stesso dispositivo solidale con il mezzo in moto anche


esso con la stessa valocità V .

Per il moto orizzontale, nel sistema di riferimento immobile si ha :

– equazione del moto del segnale s 1 : x S1  Vm  V t

– equazione del moto dello specchio bersaglio : x s  L0  V  t

67z65

24
Lo specchio verrà raggiunto nel punto S 2 , quando x S1  xs
dunque dopo un tempo :
L0
Vm  V  t1  L0  V  t1 da cui si ricava : t1 
Vm
V
ed un percorso : L1  L0  1
Vm

Per il segnale riflesso s 2 , sempre nel riferimento immobile, si ha :

– equazione del moto dell’osservatore mobile : xO  x S’  V  t


– equazione del moto del segnale s 2 : x S2  L1  Vm  V t

Il segnale x S2 raggiungerà l’osservatore O nel punto O’, quando x S2  xO .


Risulta dunque :
L1  Vm  V  t2  V  t1  V  t2
L0
da cui deriva il tempo : t2 
Vm

V
e il percorso : L2  L0  1–
Vm
Si ha dunque complessivamente :
L  L1  L2  2  L0
Nel riferimento solidale con il sistema (riferimento proprio) tutto accade
come se il nostro dispositivo fosse immobile in un mezzo immobile e
quindi si osserva un percorso L  2  L0 realizzato con una velocità
costante uguale a V m .

Se consideriamo il moto orizzontale con dispositivo verticale, la situazione si


presenta come in figura.

67z66

25
In questo caso, essendo il mezzo solidale con il sistema sorgente – specchio,
nella fase di messa a punto, il segnale s 1 viene emesso dalla sorgente nel
punto O, diretto verso S 0 .

Libero dalla sorgente, dopo l’emissione il segnale si sposta verso S 0 con la


velocità V m .
Nel sistema di riferimento immobile nel tempo t il segnale si sposta verso
l’alto di un tratto y  V m  t , ma nello stesso intervallo di tempo il punto
del mezzo " occupato " dal segnale in quel momento si sposta in direzione
orizzontale del tratto x  V  t.

Nel sistema di riferimento immobile si osserva quindi uno spostamento verso


S 1 con la velocità equivalente :

x 2
 y 2
2 2
V eq   Vm  V
t
Il tempo misurato dal riferimento immobile, per il percorso OS 1 è sempre

L0 L eq
t1  , come risulta anche da : t1 
Vm V eq

2 2 V2
con : L eq  L 0  V  t 1  L0  1
V 2m

67z67

26
Dal calcolo risulta quindi che si verifica un aumento del percorso con valocità
maggiore in modo da lasciare invariato il tempo impiegato.

Il percorso del segnale riflesso è perfettamente simmetrico e quindi si ottiene


t 2  t 1 ; L 2  L 1  L eq
Nel riferimento proprio, solidale con il sistema mobile, si ha : L eq  L0 .

Con il sistema mobile solidale con il mezzo non si verifica


dunque nessuna differenza di percorso tra i segnali inviati
in direzione ortogonale e parallela al moto.
Se, per esempio, si tratta di segnali sinusoidali, raccolti su un unico supporto,
se partono in fase giungono ancora perfettamente in fase. Nel caso di
segnali luminosi questo è dimostrato dall’esperimento di Michelson.

Se " arbitrariamente " si assume la velocità di propagazione dei segnali


attraverso il mezzo V m come costante caratteristica, indipendente
dall’osservatore, e si ritiene lo spazio tra sorgente e osservatore
vuoto, dei risultati che abbiamo ottenuto si dovrà cercare di dare delle
giustificazioni alternative.

Con riferimento alla figura, osserviamo che, quando nel punto O la sorgente
emette il segnale s 1 , simultaneamente inizia a spostarsi verso il punto O 1 e
lo specchio S 0 parte verso S 1 .

Quello che l’osservatore immobile può rilevare non è il percorso presunto


del segnale OS 1 , ma la sua presenza nel punto di partenza e di arrivo.
Il percorso osservato OS 1 risulta :
2
L 2eq  L 20  V S0  t 1

e viene percorso, per ipotesi, con velocità V m . Si ha quindi il tempo :


2 2
L 2eq L 20 Vt Vt
t2     t 20 
V 2m V 2m V 2m V 2m
da cui si ricava :

67z68

27
1
t  t0 
V2
1–
V 2m
Questa relazione ci dice che il sistema immobile registra un tempo maggiore
di quello misurato nel sistema proprio da quello mobile ed è nota come
espressione della dilatazione dei tempi.

Si deve ricordare però che la relazione è stata ricavata imponendo, con


un postulato, una velocità del segnale uguale a V m indipendente dal
moto dell’osservatore e dalla direzione e del moto, dicendo che si è in
presenza di uno spazio " vuoto ".

Con questa scelta, negando la presenza di un mezzo, solidale o meno con


il sistema mobile, si dice che il segnale durante il tempo di volo non subisce
alcuna azione capace di deviarlo dalla direzione di emissione e quindi deve
essere emesso già in direzione di S 1 con la velocità V m .

Se si ipotizza invece la presenza di un mezzo, se esso viene considerato


solidale con l’osservatore immobile, la situazione è identica a quella presente
con lo spazio vuoto.

Se il mezzo viene pensato solidale con l’osservatore mobile, per intercettare


lo specchio il segnale deve essere emesso dal punto O nella direzione di S 0
e si muove con la velocità caratteristica V m nella direzione dell’asse y.

Ad ogni spostamento dy segue uno spostamento dx in direzione dell’asse x


non del segnale da un elemento spaziale a quello vicino, del punto del
mezzo perturbato che in quel momento è "occupato" dal segnale.

Gli spostamenti orizzontale e verticale si verificano con continuità su


ogni piccolo incremento dS della traiettoria.
Dovrà quindi essere :
2 2 2 2 2 2 2 2
dS  dy  dx  V m  dt  V  dt  dt  Vm  V

67z69

28
dS 2 2
da cui : V eq   Vm  V
dt
Questo vuol dire che si deve avere lungo tutto il percorso uno spostamento

in
direzione dell’asse x con velocità V e quindi il risultato finale è quello dovuto
a un processo d’integrazione su tutta la traiettoria.

In definitiva, dal riferimento immobile, si osserva uno spostamento del segnale


lungo la traeittoria dal punto O al punto S 1 " con una velocità maggiore di
quella caratteristica del mezzo.

In realtà però le due componenti della velocità sono di natura completamente


diversa. La velocità V m è associata ad un vero spostamento del segnale,
in quanto rappresenta il trasferimento di una perturbazione del mezzo da
un punto a quello contiguo , mentre V è associata allo spostamento dello
stesso punto perturbato e quindi non è un valore legato al mezzo, ma
imposto dall’esterno.

Con le due ipotesi si hanno quindi i seguenti triangoli delle velocità :

spazio vuoto-mezzo immobile con mezzo mobile



Con il braccio verticale (   ), se abbiamo spazio vuoto oppure mezzo
2
immobile, in fase di messa a punto, per intercettare lo specchio, " il segnale
deve essere diretto verso S 1 " e nel mezzo immobile avanza con la velocità
caratteristica V m . Essendo nota la componente V lungo l’asse x , si ricava la

67z70

29
velocità di avanzamento lungo l’asse y :
2 2
V eq  V m – V .
A questo punto si deve notare che gli unici tempi realmente misurabili sono
quelli impiegati dallo specchio a percorrere il tratto S 0 S 1 e il segnale OS 1 .
Lo specchio non verrà mai raggiunto nel punto S 0 .
Possiamo tuttavia calcolare il tempo che impiega il segnale per avanzare di
una lunghezza L 0 nella diredione dell’asse y e risulta :

L0 L0 L0
ty   
V eq 2
Vm – V
2 2
V
Vm  1–
2
Vm

L0 1 1
e quindi : ty    t0 
Vm V2 V2
1– 1–
2
V m
V 2m

L0 1 L0
oppure : ty   
2 Vm 2
V V
Vm  1– 1–
2 2
Vm Vm

Facendo riferimento alla prima forma il tempo t y viene interpretato come una
dilatazione del tempo t 0 necessario al segnale per percorrere la distanza L 0
misurato con il sistema in quiete rispetto al mezzo.
Questo tempo non è misurabile e quindi fisicamente non
ha nessun significato, anche se gli viene erroneamente
attribuito valore reale.

Nella seconda forma, l’espressione del tempo t y ci dice che quello che noi

67z71

30
realmente misuriamo è il tempo che il segnale impiega a percorrere la
traiettoria OS 1 lungo la quale è stato inviato.
Esso percorre sempre con velocità la V m una " lunghezza dilatata "
1
Ls  L0 
2
V
1–
2
Vm

ed impiega quindi un tempo maggiore di t 0 .

Non esiste dunque nessuna dilatazione dello scorrere del


tempo, ma un aumento del tempo dovuto a un aumento di percorso e
lo stesso effetto registra anche il riferimento solidale con il sistema in
moto (sempre se si ha spazio vuoto o mezzo immobile).

Se abbiamo invece il mezzo mobile con il sistema, per poter intercettare lo


specchio, il segnale deve essere emesso dal punto O in direzione di S 0 ed
inizia la sua corsa con la velocità caratteristica V m nella direzione dell’asse y.
Ad ogni spostamento dy segue uno spostamento del mezzo dx con velocità
V, per cui si ha complessivamente uno spostamento dS verso S 1 con una

dS 2 2
velocità maggiore : V eq   Vm  V .
dt
Il percorso osservato OS 1 risulta :
2
L 2eq  L 20  V S0  t eq

e viene percorso con velocità V eq . Si ha quindi il tempo :


2
L 2eq L 20 V  t eq
t 2eq   
2 2
V eq
V eq
V 2eq
da cui si ottiene il tempo misurato dal riferimento fisso :

67z72

31
L 20 L 20 L 20
t 
2
eq
   t 20
V2 V 2eq – V 2 V 2m
V 2eq 1–
V 2eq
Essendo il riferimento mobile solidale con il mezzo di trasporto del segnale,
la traiettoria osservata dal riferimento mobile coincide proprio con OS 0 , che

L0
viene percorsa con la velocità V m e quindi nel tempo : t0  .
Vm
Dunque, con mezzo mobile, sia nel sistema fisso che in quello mobile, si ha
sempre una misura del tempo uguale a quella rilevata con il sistema in
quiete.
Nel sistema fisso si osserva una traiettoria più lunga :

2 L 20
L L
2
eq
2
0
 V S0  t eq L 2
0
 V2 
V 2m
2
V
e quindi : L eq  L 0  1
V 2m
2 2
percorsa con velocità più elevata : V eq  V m  V .

I risultati che abbiamo ottenuto dipendono dall’inclinazione  del braccio e si


possono descrivere utilizzando il teorema di Carnot. Il massimo allungamento
della traiettoria, quindi la massima dilatazione apparente del tempo, si ha
per   0 , corrispondente al braccio orizzontale, nella direzione del moto.
In questo caso le direzioni OS 0 e OS 1 coincidono ; per il percorso abbiamo

quindi : Ls  L0  V  t
Se consideriamo lo spazio vuoto oppure il mezzo immobile, la velocità
di propagazione del segnale è quella caratteristica V m .
Il tempo richiesto per raggiungere l’osservatore sarà :

67z73

32
Ls L0  V  ts L0 V  ts
ts    
Vm Vm Vm Vm
1 1
da cui : ts  t0  e quindi anche : Ls  L0 
V V
1– 1–
Vm Vm
Lo stesso valore viene misurato sia nel riferimento fisso che in quello mobile.

Se abbiamo il mezzo mobile con il sistema, la lunghezza del percorso


è ancora L s , ma dopo che il segnale è stato emesso è indipendente e
si muove nel mezzo con la velocità V m .

Rispetto all’osservatore fisso rispetto al mezzo in movimento


con la velocità V, il segnale si sposta verso S 1 con la velocità :

Vs  Vm  V
Il valore massimo della velocità che l’osservatore immobile può osservare con
quel segnale si ottiene utilizzando l’espressione della composizione delle
velocità che abbiamo ricavato con la trasformazione di Galileo generalizzata
Vm  V
e risulta : Vs’   Vm
V  Vm
1
V 2m
L’osservatore immobile rispetto al mezzo non può dunque vedere il
segnale avanzare lungo la traiettoria.
Questo però non vuol dire che il segnale non avanza con la velocità V s . Per
capirlo, supponiamo che l’osservatore immobile sia un pipistrello che avverte
un aereo ultrasonico che parte dal punto O e registra questo istante t 1 .

Dopo la partenza l’aereo continua regolarmente la sua corsa con la velocità,

67z74

33
m
per esempio, di 1000 , ma il pipistrello, inviando ultrasuoni, che, com’è
sec
m
noto, si propagano alla velocità di 340 , non è in grado di raggiungerlo
sec
e quindi di vederlo.

Per tutta la durata del volo, l’animale continua ad inviare i segnali ed il risultato
è un silenzio assoluto (aereo inesistente).
Quando l’aereo giunge a destinazione, nel punto S 1 e si ferma, l’ultimo
segnale inviato dal pipistrello lo raggiunge e viene riflesso, ritornando
all’animale nell’istante t 2 , che viene registrato.

A questo punto, anche se il pipistrello non ha potuto seguire l’aereo durante il


percorso, registrando gli eventi di partenza e arrivo, è in grado di calcolare la
distanza percorsa ed il tempo impiegato, " che risulta quello fornito dalla
reale velocità dell’aereo ".
Ls L0  V  ts
Avremo quindi : ts  
Vs Vm  V
L0 V
da cui si ottengono : ts   t0 ; Ls  L0  1
Vm Vm
valide sia nel rifermento mobile che immobile.
Utilizzandola trasformazione di Galileo generalizzata , che è stata ricavata
con l’ipotesi implicita di un mezzo ( oppure lo spazio vuoto ) immobile, rispetto
alla sorgente, calcoliamo ora le relazioni che descrivono " la dilatazione dei
tempi e la contrazione delle lunghezze " che rileva il riferimento mobile
rispetto a quello fisso.
Scrivendo la trasformazione in termini differenziali, si ha :

x’  x  V  t’
V  x’
t’ t –
V 2m

Se nello stesso punto x 0 del sistema di riferimento immobile vengono emessi


due segnali a carattere impulsivo nei tempi t 1 e t 2 ( misurati dall’orologio sul

67z75

34
posto ) oppure vengono registrati due eventi qualsiasi negli istanti t 1 e t 2 , si
avrà : t  t 2 – t 1 con x  0 .
Nel sistema di riferimento in moto i due eventi vengono registrati in due punti
diversi, distanti tra loro :

x’  x  V  t’   V  t’

e ad una distanza di tempo maggiore di t , precisamente :


V  x’ V2
t’  t –  t   t’
V 2m Vm2

t t2 – t1
da cui si ricava : t’  
V2 V2
1– 1–
2
V m
V 2m
Qualsiasi osservatore in moto rispetto al riferimento proprio rileva una
distanza temporale tra gli eventi sempre maggiore di quella propria.

Oppure, in termini equivalenti:


Il tempo registrato tra due eventi è minore per l’osservatore che vede
gli eventi realizzarsi nello stesso luogo.

Normalmente questo risultato viene espresso sinteticamente dicendo che :


“ Per l’osservatore in movimento il tempo scorre più lentamente ”.
E questo non è del tutto corretto.

Supponiamo ora che in punti diversi x 1 e x 2 del sistema immobile vengano


emessi due segnali simultaneamente al tempo t 0 oppure vengano misurate
due coordinate x 1 e x 2 contemporaneamente ; si avrà :

x  x 2 – x 1 con t  0.
Nel sistema di riferimento in moto i due eventi vengono registrati in due tempi
V  x’ V  x’
diversi, distanti tra loro : t’ t – –
V 2m V 2m
67z76

35
Il valore della distanza spaziale rilevata nel sistema mobile risulta :
V 2  x’
x’  x  V  t’  x 
V 2m
x2 – x1
da cui si ricava : x’  x’ 2 – x’ 1 
V2
1–
V 2m
La distanza rilevata dall’osservatore immobile risulta dunque :

V2
x2 – x1  x’ 2 – x’ 1  1–
V 2m
La lunghezza x’ 2 – x’ 1 misurata dall’osservatore mobile " appare " a quello

V2
immobile ridotta del fattore :  1– .
2
V m

Questa relazione ci dice che :


Qualsiasi osservatore in moto rispetto al riferimento proprio rileva una
distanza spaziale tra gli eventi sempre minore di quella propria.

Oppure, in termini equivalenti:


La distanza spaziale tra due eventi è sempre minore per l’osservatore
che li vede realizzati nello stesso tempo.
Normalmente questo risultato si esprime sinteticamente dicendo che :
“ Per l’osservatore in movimento le lunghezze si contraggono nella
direzione del moto ”.

Si tenga presente che questa contrazione non ha nulla in comune con quella
che abbiamo ricavato con ipotesi arbitrarie per avere l’indicazione del tempo
indipendentedalla direzione del moto del segnale rispetto a quella del mezzo.

In questo caso si tratta del confronto fra le osservazioni di uno stesso


evento da parte di due osservatori, uno fermo e l’altro in moto rispetto
alla sorgente, ipotizzando il mezzo sempre solidale con l’osservatore
che in quel momento sta effettuando i rilievi.

67z77

36
Queste relazioni sono state ricavate senza alcuna ipotesi
arbitraria, utilizzando unicamente la trasformazione delle
coordinate con una velocità del segnale di valore finito e
senza riferimenti a segnali particolari.
Normalmente le verifiche sperimentali di questi effetti vengono considerate
prove a sostegno del postulato di Einstein sulla velocità della luce e più in
generale della relatività.

La presente trattazione dimostra che tutto si ricava considerando la velocità


finita dei segnali, di qualsiasi tipo.
Per esemplificare, consideriamo qualche esempio pratico.

Una prima conferma del postulato di Einstein si ritiene l’aumento della vita
media dei pioni o dei muoni generati dai raggi cosmici.
Questi pioni e muoni hanno una vita propria, misurata in quiete, di circa
2  10  6 sec e dopo questo tempo si trasformano in altre particelle.

Essendo la loro velocità uguale a circa il 99% della velocità della luce, essi,
prima di decadere, sono in grado di percorrere una distanza pari a :

d  3  10 8 sec
m
 0, 99  2  10  6 sec  600 m

Dato che vengono generati nell’alta atmosfera, ad una distanza dalla Terra di
oltre 10 4 m , sulla superficie terrestre dovrebbero essere praticamente assenti
mentre realtà essi arrivano fino al livello del mare.

Le relazioni che abbiamo ricavato ci dicono però che la distanza "misurata"


dal riferimento solidale con il muone in moto è ridotta rispetto a quella che
che si misura in condizione di quiete ; precisamente si ha :

V2
x2 – x1  x’ 2 – x’ 1  1–  10 4 m  1  0, 99 2   199 m
2
V m

e quindi riesce facilmente a raggiungere la superficie terrestre.

Il risultato concorda perfettamente anche con il nostro punto di vista. Infatti, la


vita media che nel riferimento proprio del muone vale 2  10  6 sec , nel nostro
riferimento fornisce un valore più elevato :

67z78

37
t2 – t1 2  10  6 sec
t’ 2 – t’ 1    1, 005  10  4 sec
1  0, 99 2
V2
1–
V 2m
la distanza che il muone riesce a percorrere in questo tempo sarà :

d  3  10 8 sec
m
 0, 99  1, 005  10  4 sec  29848 m

abbondantemente sufficiente per giungere sulla Terra.

Un’altra prova che viene normalmente citata a supporto della costanza


della velocità della luce è il corretto funzionamento del sistema G.P.S. .

In figura è rappresentato, in maniera molto schematica, il funzionamento del


sistema con la Terra in due posizioni a distanza di 12 ore una dall’altra.
Abbiamo due satelliti geostazionari T 1 e T 2 , dei quali è perfettamente nota
la posizione rispetto alla Terra, che trasmettono al punto P due segnali s 1 e
s 2 che contengono informazioni relative al tempo di emissione.

Rilevando l’istante di arrivo di ciascun segnale il punto P ricava il tempo che


essi hanno impiegato per raggiungerlo, moltiplicando i due intervalli di tempo
per la velocità di propagazione del segnale, costante per ipotesi, si calcola
la distanza del punto P dai due trasmettitori e quindi la sua posizione .

67z79

38
In figura abbiamo indicato la velocità di rivoluzione della Terra che nell’arco di
un giorno non subisce variazione apprezzabile del verso.
Con V T costante, la velocità relativa del ricevitore P rispetto ai segnali non è
costante, ma dipende dall’istante considerato. Con la Terra nella posizione 1

la velocità del segnale s 1 rispetto a P risulta V1  Cl  VT e quindi si ha


V1  Cl .
Per il segnale s 2 si ha invece V 2  C l  V T e quindi risulta V 2  C l .
Moltiplicando i tempi rilevati per il valore C l della velocità della luce, si ottiene
per T 1 una distanza minore di quella reale, mentre per T 2 risulta una distanza
maggiore della reale. Il punto P viene così posizionato erroneamente in P’,
spostato verso T 1 .

Nelle 12 ore successive la situazione si presenta esattamente ribaltata con il


risultato di un posizionamento spostato verso T 2 .
In queste condizioni un punto P fermo sulla Terra dovrebbe fornire durante il
giorno una indicazione della posizione oscillante rispetto al verso di rotazione
della Terra.

Dato che tutto questo non accade e la posizione indicata è sempre corretta,
si deve concludere che, in accordo con il postulato di Einstein, la velocità
della luce è costante ed indipendente dall’osservatore e ciò perchè nello
spazio non esiste nessun mezzo immobile per la propagazione dei segnali.

Nella teoria degli spazi rotanti è stato dimostrato che tutti i corpi celesti sono
in equilibrio con una sfera planetaria di spazio fisico con essi solidale. Quella
della Terra ha un raggio di circa 2, 158  10 6 K m e quindi i segnali si muovono
attraverso un mezzo immobile rispetto alla Terra, dunque sempre con la
stessa velocità caratteristica.

Il corretto funzionamento del sistema G.P.S. ci permette di affermare che nello


spazio non esiste un mezzo immobile, ma mobile con la Terra e questo
giustifica l’azione istantanea della gravità, che invece risulta in disaccordo
con il postulato di Einstein.

Un altro punto a favore del postulato sulla costanza della velocità della luce è

67z80

39
dato dall’invarianza delle equazioni di Maxwell che ne deriva.
E’ però da notare che questo accordo è implicito nel metodo che Maxwell ha
utilizzato per ricavare le equazioni.

Tutte le teorie prima di Einstein hanno sempre trattato lo spazio solo come un
contenitore, puro spazio geometrico nel quale si sviluppano i processi.

Se in un punto dello spazio fisico si produce una perturbazione dell’equilibrio


delle caratteristiche del mezzo in esso presente, l’esperienza dimostra che
la perturbazione, rappresentabile comunque con una funzione sinusoidale, si
propaga attraverso il mezzo, con una velocità caratteristica del mezzo
stesso, e si presenta così variabile, sempre con legge con legge sinusoidale,
nel tempo e nello spazio.

Indicando con A r ; t la granzezza che la descrive, trattando la propagazione


dell’energia per onde abbiamo visto che, derivando l’espressione due volte
rispetto al tempo, l’equazione di d’Alembert, nota anche come equazione
delle onde :
d2 A r ; t 1 d2 A r ; t
–  0
2 2 2
dr V m
dt
Nella relazione il mezzo è considerato isotropo ed immobile e V m la velocità
di propagazione, indipendente delle condizioni di moto dell’osservatore.

Prima di Einstein era ritenuto normale assumere spazio e tempo come


grandezze indipendenti, con valore assoluto, senza acuna necessità di
specificare.
Per ricavare le coordinate r’e t’ rilevate da un sistema di riferimento in moto
rispetto al mezzo, si applicava la trasformazione di Galileo.
Questo è possibile se la perturbazione A r;t , che si propaga attraverso il
mezzo, rappresenta il messaggio da trasferire e non il segnale utilizzato per il
rilievo delle coordinate r e t.

L’equazione di d’Alembert è dunque invariante rispetto all’osservatore con le


stesse condizioni in cui lo è la trasformazione di Galileo.

Nel paragrafo a questo dedicato, abbiamo visto come, applicando operatori

67z81

40
matematici ed un eccezionale intuito alle relazioni già note, Maxwell definì "le
relazioni che legano il campo elettrico ed il campo magnetico variabili
nel tempo e nello spazio" (pag. 2158) :

dK e dK e dB dB dK e
 –  –  
dt dr dt dr dt

Queste relazioni definiscono quantitativamente processi sperimentali noti.


Esse infatti dicono che un campo elettrico variabile nel tempo (dunque anche
una perturbazione del campo elettrico) si propaga nello spazio, generando
un campo elettrico variabile nello spazio, che genera, a sua volta, un campo
magnetico variabile nel tempo.

Il campo magnetico così generato si propaga nello spazio, dando origine a


un campo magnetico variabile nello spazio, che genera a sua volta un campo
elettrico variabile nel tempo e così via.

Si crea così un processo di rigenerazione continua con i due


campi variabili nel tempo che si propagano nello spazio come un’unica
entità, definita campo elettromagnetico.

Derivando la prima equazione rispetto a r e la seconda rispetto a t si ottiene

d2 Ke dB d2 B d2 Ke
– ; –  
2
dr dtdr drdt dt 2
da cui si ricava :

d2 Ke d2 Ke
     
2
dt dr 2
Derivando invece la prima equazione rispetto a t e la seconda rispetto a r si
ottiene :

d2 B d2 B
     
2
dt dr 2

67z82

41
Dal confronto di queste due ultime espressioni con l’equazione di d’Alembert
" si evidenzia una perfetta coincidenza formale " e questo ci permette di
ipotizzare una propagazione nello spazio per onde del campo elettrico
e del campo magnetico variabili, quindi del campo elettromagnetico, facendo
1
coincidere i due fattori di proporzionalità :     
V 2m
da cui si ricava la velocità di propagazione :
1
Vm 
   
ed in effetti i due membri dimensionalmente coincidono.

All’epoca in cui vennero elaborate queste relazioni il valore di  nel vuoto era
noto con un certo grado di imprecisione, tuttavia sufficiente per mettere in
1
evidenza la coincidenza del rapporto con il valore della
0  0
velocità della luce nel vuoto, nota anch’essa con molta imprecisione.

Questa osservazione ha consentito di ipotizzare la natura elettromagnetica


della luce con le conseguenze che conosiamo.

Quello che però interessa ora mettere in evidenza è che la velocità della luce,
diventa la velocità di propagazione delle onde elettromagnetiche nello
"spazio vuoto", inteso come privo di materia organizzata.

Con questa origine, è chiaro che le equazioni di Maxwell avranno la stessa


validità di quella di d’Alembert.
Non saranno quindi invarianti rispetto all’osservatore.
Il tentativo di renderle tali è una delle ragioni che hanno portato Einstein alla
formulazione del postulato sulla costanza della velocità della luce e quindi alla
trasformazione di Lorentz di cui si è detto.

Come abbiamo già detto, tutto questo ha origine da un’errata interpretazione


dell’esperimento di Michelson.

67z83

42
– Espressione teorica della forza universale
Con la teoria generale abbiamo dimostrato che, se un punto P, viene posto
alla distanza R da una determinata quantità di materia, per poter restare in
equilibrio, dovrà acquisire una velocità tangenziale avente un valore tale da
soddisfare la condizione : K2  V2  R .

In questa relazione il primo membro dipende unicamente dalla quantità Q di


materia che si trova nel centro di rotazione, mentre il secondo membro può
essere valutato in qualsiasi punto dello spazio circostante, senza fare alcuna
indagine sulla presenza o meno di materia.

In questo senso, il valore K 2 diventa una caratteristica associata allo spazio


fisico che viene conferita ad esso dalla presenza della materia Q .

Se il valore K 2 , inteso come espressione della gravità, viene considerato


al primo membro, esso viene associato alla materia Q e si dice che essa è
K2
attiva in quanto è capace di imprimere l’accelerazione a ad una
2
R
massa esploratrice posta in un punto P qualsiasi dello spazio circostante.

Se invece esso viene valutato al secondo membro, viene associato a tutto lo


spazio circostante la materia Q e diventa così una caratteristica propria dello
spazio che esprime la sua capacità di imprimere direttamente accelerazioni
alle masse in esso presenti. Sinteticamente :

La GRAVITA’ è una caratteristica dello spazio fisico, che viene reso


attivo dalla presenza di materia e si esprime quantitativamente con la
condizione di equilibrio :
K2  V2  R .

Quando viene imposta una accelerazione esterna che tende a perturbare la


sua condizione di equilibrio, la materia oppone una resistenza, manifestando
il suo ruolo passivo.

Si dice, in questo caso, che essa oppone, all’accelerazione imposta, una


forza inerziale direttamente proporzionale alla quantità di materia sollecitata.

75

1
Quantitativamente questa azione si esprime con la relazione : Fi  mi  a
in cui a è l’accelerazione che viene imposta, Fi la forza che la materia
oppone alla perturbazione ed mi è una costante associata alla materia che
viene sollecitata, la quale può essere indicata come " massa inerziale " o
" massa passiva ".

Benchè le due grandezze siano assolutamente diverse ed indipendenti, per


2
analogia, indichiamo la costante K come " massa attiva ", quando viene
associata alla materia, oppure come " intensità dello spazio rotante ", se
viene associata allo spazio che la circonda.

Per poter definire completamente il comportamento della materia, dobbiamo


2
mettere in relazione i valori delle due masse K ed m con lo spazio fisico
nel quale esse si manifestano, attraverso l’interazione con esso.

Se consideriamo in tutto lo spazio fisico dell’universo la presenza di una sola


massa, la definizione operativa che abbiamo dato : K2  V2  R
è verificata sempre per 0  R   e non ha nessun significato parlare del
volume dello spazio che viene occupato dalla materia considerata.

Se invece nello spazio che viene considerato sono presenti almeno


due punti materiali, si avranno le due relazioni :

K 21  V 21  R 1 e K 22  V 22  R 2

che non potranno mai essere verificate entrambe per 0 R .

Ciascuna di esse si potrà dunque verificare fino ad una distanza massima


R P0 oltre la quale l’azione della materia considerata risulta irrilevante rispetto
alle altre presenti.

In queste circostanze, dunque praticamente in tutti i casi reali, le due masse,


attiva e passiva, non sono sufficienti per definire completamente la quantità
di materia Q.

E’ ancora necessario associare ad essa una sfera planetaria di raggio

76

2
R P0 , la quale indica il volume dello spazio fisico " occupato ", ossia lo
2
spazio fisico entro il quale agisce la massa attiva K , che coincide, a
sua volta, con il volume di spazio fisico che viene accelerato quando
l’equilibrio viene perturbato, spostando la massa generatrice.

Dunque, il valore della massa passiva m dovrà essere proporzionale


al volume dello spazio fisico che la materia occupa con tutta la sfera
planetaria con essa solidale.

Secondo questa interpretazione, il significato e la natura dell’inerzia della


materia risultano perfettamente chiariti in quanto si identificano con il volume
dello spazio fisico che viene perturbato dalla sua presenza nel punto dello
spazio che essa occupa.

In realtà, per le ragioni che vengono esaminate in un altro capitolo, nel nostro
universo le configurazioni di equilibrio stabile della materia che conosciamo
sono solo due :
quelle che danno origine alla materia ordinaria e quelle che producono
le particelle elementari.

Nel nostro universo convivono dunque due diverse configurazioni


della materia, le
quali presentano una elevata massa attiva
associata a una piccola inerzia oppure una grande inerzia
con una piccola massa attiva.

Si tratta però della stessa materia, che rispetta le stesse


leggi, ma con valori diversi delle caratteristiche fisiche ad
essa associate.

Per definire completamente la materia sarà dunque necessario assegnare


entrambi i valori, m e K2 , e non è possibile ricondurli ad uno solo.

Se abbiamo due quantità di materia Q 1 e Q 2 interagenti in uno spazio fisico


alla distanza R , non in moto relativo, è chiaro che ciascuna di esse
assumerà, nello stesso tempo, un ruolo attivo e passivo, per cui, con ovvio
significato dei simboli, si avrà :

77

3
K 21 K 22
F 12   m2 ; F 21   m1
R 2
R 2

A questo punto dobbiamo ricordare che all’epoca di Newton si conosceva


solo la materia ordinaria e per essa veniva accettato il principio di azione
e reazione secondo il quale, in qualsiasi interazione, deve sempre essere
verificata la relazione : F 12  F 21 .
Sostituendo si ottiene :
K 21 K 22

m1 m2

essendo le due masse generiche, più in generale si potrà scrivere :

K2
 G  costante universale
m

Questa relazione ci dice che, per tutta la materia, indipendentemente


dal livello di aggregazione, ad una grande massa inerziale si associa
sempre una grande massa attiva e viceversa.

Questa affermazione, che deriva direttamente dall’applicazione del principio


di azione e reazione, è verificata solo per la materia ordinaria e dunque solo
ad essa saranno applicabili le relazioni che ne derivano.
In particolare, con semlici sostituzioni, si ricava :

m1  m2
F 12  F 21  G 
R2

Pur avendo, nella interazione, ciascuna massa, contemporaneamente,


ruolo attivo e passivo, in questa espressione compare solamente la
massa inerziale e dunque, TACITAMENTE, nell’analisi del problema si
assume un unico valore di massa sia per il ruolo attivo che per quello
passivo.
78

4
Non si deve confondere la massa attiva con la " massa gravitazionale " alla
quale si riferiva Einstein nel famoso esperimento mentale dell’ascensore in
caduta libera.

In quel caso il ragionamento conduceva, inevitabilmente, alla coincidenza tra


la massa inerziale e quella gravitazionale in quanto ciò risulta vero per una
definizione implicita espressa dalla relazione Fma .

Il principio di equivalenza, secondo l’enunciato originale, afferma


infatti solo che la materia presente nell’ascensore non può, in alcun
modo,distinguere l’accelerazione imposta da un campo gravitazionale
da quella imposta da una forza di qualsiasi altra natura, senza dare un
significato esplicito alla massa gravitazionale.

Sia all’interno dell’ascensore che nella relazione F  m  a , la massa m


assume sempre un ruolo passivo e dunque, per " massa gravitazionale ",
senza dichiararlo esplicitamente, si intende la massa che interagisce
con il campo gravitazionale.

Si trae così la conclusione che massa inerziale e massa gravitazionale ( non


definita nelle reorie correnti ) siano due diverse indicazioni di una stessa
caratteristica associata alla materia e questo viene, ovviamente, confermato
dall’esperienza.

Secondo la nostra teoria, l’espressione della gravitazione


universale, ricavata da Newton, descrive solo un caso
particolare di interazione della materia.

Essa infatti, semplicemente perchè all’epoca si conosceva solo la materia


ordinaria, esclude a priori la possibilità che possa esistere, nell’universo che
conosciamo, una forma di materia avente piccola massa inerziale m con
2
grande massa attiva K .

Oggi noi sappiamo non solo che essa esiste, ma che risulta essere anche la
più abbondante.

Per le ragioni che sono state indicate, nelle teorie correnti, per descrivere il
comportamento della materia ordinaria viene utilizzata l’espressione della

79

5
" forza di gravità " ricavata da Newton.

Pur essendo l’azione della stessa natura, per le particelle elementari si


fa invece ricorso ad una espressione diversa, che viene indicata come
" forza elettrica ", messa in campo da una non ben definita " carica
elettrica ", che non dipende dal supporto materiale, e viene indicata
come legge di Coulomb :
q1  q2
F e12  10
–7 2
 Cl 
R2

Per questa via risulta praticamente impossibile ricavare espressioni


teoriche valide per le forze interatomiche e nucleari senza il soccorso
di ulteriori ipotesi più o meno arbitrarie e dati empirici.

Nella relazione compaiono solo le due cariche elettriche, q 1 e q 2 associate


alla materia interagente e dunque sarà teoricamente possibile assumere una
delle due oppure entrambe le masse tendenti a zero.

Si crea, in questo caso, una contraddizione con la relazione F  m  a


che può essere eliminata solo se viene fornita una nuova definizione di forza,
adattata all’espressione di F e12 .

Quando sperimentiamo le forze intermolecolari, per esprimerle teoricamente,


ci troviamo costretti a introdurre un nuovo tipo di azione.

Un tipo ancora diverso ( non ancora introdotto ) si dovrà cercare per rendere
conto della struttura del nucleo atomico ed infine si dovrà inventare un’azione
capace di descrivere tutte le strutture subnucleari.

Questo modo di procedere non ci porta certamente ad impostare una teoria


coerente, in linea con le nostre esigenze di unificazione .

Rilevante è anche l’assenza del tempo in tutte le espressioni della forza, che
porta a gravi cotraddizioni che vengono analizzate in un altro capitolo.

2
Considerando invece le due masse K ed m indipendenti, si ottiene
una sola espressione, ancora più semplice di quelle fornite da Newton

80

6
e Coulomb, che abbiamo indicato come " forza universale " e che si
può utilizzare per qualsiasi forma d’interazione ed in ogni circostanza.

Con le definizioni operative che abbiamo dato, quando nel raggio d’azione
della materia considerata è disponibile, in equilibrio, un satellite di cui sono
note le caratteristiche orbitali, il calcolo della massa attiva o dell’intensità
dello spazio rotante generato si presenta molto semplice.

E’ questo, per esempio, il caso di nuclei, atomi, pianeti e di tutti i corpi celesti
in generale (praticamente sempre).

Per alcuni aggregati noti si ricava, per esempio, lo spazio rotante :


Protone –
Sono noti i seguenti dati :

– energia di ionizzazione dell’elettrone nell’atomo di idrogeno :

E 11e  13,605698 eV

– masse inerziali dell’atomo di idrogeno e del Sole, determinate nelle stesse


condizioni, dunque con lo stesso significato fisico, qualunque esso sia :

m H  1,67353404  10 – 27 K g ; m s  1,989085  10 30 K g

– rapporto tra le masse inerziali di protone ed elettrone :


mp
 1836,152756
me
Tenendo conto che l’energia di estrazione coincide, numericamente, con la
energia cinetica, possiamo calcolare la velocità dell’elettrone in orbita :

2  E 11e
V 11e   2187691,415 m
sec
me

il raggio dell’orbita elettronica fondamentale può essere calcolato, con ottima


approssimazione, considerando il Sole come una sfera di idrogeno metallico

81

7
il cui raggio vale : r s  695843 K m .
Si ottiene il raggio dell’atomo di idrogeno :

rS
rH   5,2946577  10 – 11 m
1
1
3
3
6 mS

 mH

considerando la sfera planetaria dell’elettrone, l’orbita fondamentale sarà :

rH
R 11e   5,2917757  10 – 11 m
me
1
mp
Si ricava dunque :
3
K 2p  V 211e  R 11e  253,2638995 m
2
sec
Elettrone –
Essendo materia nella condizione di particella elementare,quindi dello
stesso tipo di quella del protone, si avrà :

K 2p mp

K 2e me
da cui si ottiene :
3
K 2e  0,137931824 m
2
sec

Analogamente, considerando Sole, Terra, Luna, si ricava :

3
Km
Terra – K 2T  398754 2
sec
3
Km
Sole – K 2s  132,725  10 9 2
sec

82

8
Una massa m qualsiasi, se viene messa in un punto P dello spazio rotante
2
K , viene istantaneamente sottoposta, dallo spazio fisico presente
nel punto P occupato, ad un’accelerazione :

K2
a
R2
alla quale oppone una forza :

K2
Fma  m.
R 2

In tale espressione non si presenta alcuna simmetria, in quanto esiste


uno spazio sempre attivo che imprime un’accelerazione ad una
massa sempre passiva.

La stessa dissimmetria si presenta se si considerano due masse interagenti


in quanto ciascuna di esse subisce passivamente l’azione dello spazio attivo
generato dall’altra.
Si avranno quindi le forze :
K 21 K 22
F 12   m 2 ; F 21   m1
2 2
R R
K 21 K 22
Se, arbitrariamente, si pone F 12  F 21 , si ottiene : 
m1 m2
che equivale a : K2    m

dove  è una costante caratteristica della materia interagente.

Questa relazione ci dice che il principio di azione e reazione, dunque


anche l’espressione della gravitazione universale fornita da Newton,
vengono soddisfatte " solo quando le due masse sono della
stessa natura ".

83

9
In generale, per masse interagenti di tipo diverso, sarà : F 12  F 21
e quindi non si ha una forza d’interazione definita.

Trattandosi di una definizione nuova, è necessario sceglierla in modo che nei


casi noti non sia in disaccordo con i risultati già acquisiti.
Dato che nelle teorie correnti sono noti solo risultati con F 12  F 21 , risultano
1
accettabili le due soluzioni : F F 12  F 21
2

oppure F  F 12  F 21

Anche se nei casi noti i risultati che si ottengono sono corretti, il criterio non lo
è da un punto di vista concettuale, in quanto l’equivalenza tra il sistema reale
e quello equivalente è valida solo se, con lo spostamento delle due masse le
due forze e quella di scambio sviluppano lo stesso lavoro.

S1 a1 K 22
Con riferimento alla figura, abbiamo :  
S2 a2 K 21

S1 K 22
 R
e quindi : S2 K 2 da cui si ottiene : S1 
1
K 21
S1  S2  R 1
K 22
Imponendo l’uguaglianza del lavoro sviluppato dalle due forze con quello che
compie la forza d’interazione unica (fittizia), si ha :

84

10
F 21  S 1  F 12  S 2  F  R
da cui si ricava :
F 21 F 12
F 
K 21 K 22
1 1
2
K 2
K 21

con qualche semplice passaggio, si ottiene :

F 21 K 21 / m 1 2 2
F   K1  K2
K 21  K 22 K 22 / m 2

Se le masse interagenti sono dello stesso tipo (materia ordinaria o particelle


K 21 K 22
elemetari), si ha :  e quindi risulta : F  F 21  F 12
m1 m2
In questo caso assumiamo, arbitrariamente, il valore :

1 2 2
F  F 12  F 21   K2  m1  K1  m2 
R2
1 2 2
 K1  m1  K2  m2
R2

Se dunque si assume come :


2
massa universale : Mu  K  m

Per due masse qualsiasi, non in moto relativo, si ricava l’espressione:

M1  M2
Forza universale : F 12 
R2

84a

11
– Teoria della carica elettrica e calcolo del valore teorico
Questa relazione è stata ricavata senza porre alcuna ipotesi restrittiva
e dunque risulta di validità universale, applicabile in ogni circostanza
ed a qualsiasi livello di aggregazione della materia.

A titolo di esempio, riportiamo i seguenti casi particolari.

1– Interazione protone – elettrone :

2 1
M p  K p  m p  6, 508571646  10 13 j  m  2

2 1
M e  K e  m e  3, 544678740  10 16 j  m  2

MP  Me 6,50857164610 – 13 3,54467874010 –16  j m


F pe   2
 82, 3872947210 9 N w
2 5,2917724910 – 11 m
R P0P

Si noti che, essendo, in questo caso, le masse interagenti dello stesso tipo
(particelle elementari), si ha : F pe  F ep e quindi si può scrivere :

K 2p K 2e
F  me   mp
2 2
R R

Anche se, nella teoria che stiamo elaborando, non è necessario, per poterci
2
uniformare alle teorie correnti, moltiplichiamo per la costante 10 -7  C l ed
otteniamo così :

–7 2 –7
10  Cl K 2p  m e 10  Cl
2
K 2e  m p
F   
2 –7 2 –7
R 10 C
2
l
R 10  Cl
2

sostituendo i valori numerici, si ottiene :

F pe  82, 38729472  10 9 N w

85

1
Ricordiamo ora che la legge di Coulomb fornisce il risultato :

7 2 q2
F pe  10  C l   82, 38729472  10 9 Nw
2
R P0P

Uguagliando le due espressioni, si ricava il valore teorico


della carica elettrica associata ad "una coppia di sfere"
materiali qualsiasi :
1 1
2 2 2 2
K  m2
1
K  m1
2
q 12  
–7 –7
10  C2 10  C2

per la coppia protone –elettrone, si ottiene :

1
m3 2
253,2638995  9,1093897 10 – 31 K g 1
q pe  sec 2

m
2  1,60217733110 19 K g  m 2

10 – 7  2,9979245810 8
sec

L’espressione teorica che abbiamo ricavato è estremamente interessante,


non solo perchè consente il calcolo teorico della carica elettrica, ma anche e
soprattutto perchè mette in evidenza che :

la carica elettrica " q " è, in realtà, una caratteristica della


coppia di masse interagenti.

Essa non è dunque associabile, con quel valore, a ciascuna di


esse, trascurando il valore della massa.

2– interazione Sole – Terra :

2 1
M s  K s  m s  1, 624817828  10 25 j  m  2

2 1
M T  K T  m T  4, 881550885  10 19 j  m  2

86

2
MS  MT 1,62481782810 25 4,88155088510 19  j m
F ST   2
 3,54404  10 22 N w
149,610 9 m
R 2ST
Lo stesso risultato si ottiene applicando la legge di Newton :

mS  mT
F ST  G   3,54404  10 22 N w
R 2ST
La carica elettrica associata alla coppia vale :
1 1
2 2
K 2S  m T K 2T  m S
q ST  
–7 2 –7 2
10 C l
10  Cl

sostituendo i valori numerici, si ha :

1
q ST  2,9707148  10 17 Kg  m 2

e quindi anche :
–7 2
10  Cl
F ST   q 2ST  3,54404  10 22 N w
R 2ST

3– interazione protone – protone, nel nucleo atomico :

1 2

Mp  Mp 6,50857164610 – 13  jm 2

F pp   2
 127,505 N w
2 57,6397848610 – 15 m
R 11P

molto più elevata di quella che si ricava utilizzando la legge di Coulomb :

2 q 2p me
F pp e   –7
10  C   F pp   0,06944139 N w
2
R 11P
mP

87

3
L’energia di legame vale dunque :

3 1
E pp    F pp  R 11P  17,201656 MeV
4 2

per ciascun protone risulta : E p  8,600828 MeV.

La conferma di questo valore per altre vie, indica la validità del valore di F pp .

Utilizzando la carica elettrica della coppia di protoni, si ottiene :

1
2
K 2p  m p 1
q pp   6,865386425  10 – 18 Kg  m 2

2
10 – 7  C l

e quindi :
10 – 7  C 2l
F pp   q 2pp  127,505 N w
R 211P

in perfetto accordo con il valore ottenuto utilizzando la forza universale.

I risultati numerici che abbiamo ottenuto indicano chiaramente che quando si


hanno interazioni tra corpi materiali dello stesso tipo, l’espressione della forza
universale si riduce alle note leggi di Newton e Coulomb.

Dunque la forza universale non solo unifica le due espressioni, ma ne


estende la validità ai campi nei quali esse non sono applicabili.

Per il calcolo delle forze d’interazione, di qualsiasi natura


non si ha dunque alcuna vera necessità di introdurre la
carica elettrica.

Nelle interazioni tra le particelle elementari e la materia ordinaria, secondo le


teorie correnti, la carica elettrica, di cui non è dato un significato preciso, non

88

4
ha alcuna azione sulla materia ordinaria e quindi la sola forza che riesce ad
essere attiva risulta quella gravitazionale.

Le teorie correnti giungono a questa conclusione semplicemente perchè alle


particelle elementari ( e per la verità non a tutte ) vengono associate massa
inerziale e carica elettrica, mentre alla materia ordinaria si associa solo
una massa inerziale, in quanto, attraverso una analisi con mezzi inadeguati,
essa è stata ritenuta " perfettamente neutra " .

Per chiarire questo ultimo aspetto, consideriamo l’ interazione tra l’elettrone


ed un atomo di idrogeno ; si ricava :

MH  Me 1,48821780910 – 35  3,54467874510 – 16 j  m
F He   2

2 5,2917724910 – 11 m
R P0P

 1, 883827142  10 30 N w
Essendo tale valore decisamente irrilevante rispetto a quello della F Pe ,
se si assume nullo, si legittima la tesi della neutralità .

Dobbiamo infine rilevare che tra l’espressione della forza universale e quella
coulombiana esiste una differenza profonda, anche se sono molto simili dal
punto di vista formale.

La prima impone infatti ad una carica elettrica ( ? ) una forza indipendente


dalla sua massa e questo non solo non si concilia con la definizione di
forza secondo la relazione F  m  a , ma non riesce nemmeno a
rendere conto dell’aumento dell’energia di legame negli isotopi aventi
un maggior numero di neutroni.

Nell’espressione della forza universale si ha invece in ogni caso uno spazio


rotante che impone un’accelerazione alla massa m e si determina il valore
della forza che essa gli oppone con la relazione F  m  a.

Si deve notare che in questa relazione l’attore protagonista, ovvero la


parte attiva, che genera l’azione, non è la massa inerziale m , ma il
volume di spazio rotante da essa occupato, che definisce l’entità della

89

5
perturbazione imposta all’equilibrio.

La seconda legge della dinamica, così come viene formulata, trae dunque in
inganno, in quanto, oltre a non definire esplicitamente le grandezze che vi
compaiono, lascia anche indeterminati i due sistemi interagenti e le modalità
attraverso le quali si realizza lo scambio dell’azione.

Se abbiamo infatti un sistema isolato costituito da due punti materiali A e B ,


tra i quali, in assenza di moto relativo, in un certo istante t 0 , si realizza lo
scambio di una forza F 0 , ciascuno di essi si muoverà inizialmente con una
accelerazione data dalla seconda legge della dinamica.

In queste condizioni il sistema evolve variando la velocità relativa tra i punti A


e B e non riesce a mantenere costanti le condizioni che garantiscono il
trasferimento della forza iniziale F 0 .

Le nostre teorie ci consentono di affermare che, in ogni momento, durante il


moto, si mantiene invariata la quantità di moto del centro di massa, ma non
possiamo dire assolutamente nulla su come evolve il valore della forza F0 .

Dato che la forza e la massa vengono definite in assenza di moto


relativo tra i punti interagenti e, impropriamente, anche con la stessa
legge – definizione, le osservazioni che abbiamo fatto per la forza valgono
anche per la massa e dunque anch’essa subirà una evoluzione che dipende
dalle condizioni di moto.
In ogni istante, ciascun punto misurerà dunque la massa dell’altro attraverso
F
il rapporto : m
a
dove F ed a sono, naturalmente, i valori da esso rilevati e non disponiamo
di nessuna ragione teorica valida per poter affermare che debba risultare, in
qualsiasi momento, m  m 0  costante.
D’altra parte, come abbiamo visto, qualsiasi azione, esercitata dalla materia,
passa sempre attraverso una perturbazione dello spazio fisico, inizialmente
in equilibrio, da essa occupato.

90

6
Essendo, per ipotesi, lo spazio fisico costituito da una distribuzione
continua di " elementi spaziali " aventi dimensioni infinitesime e rotanti
su se stessi con una velocità periferica costante V0 , per la ipotizzata
continuità dello spazio fisico, abbiamo visto che la massima velocità
con la quale, potrà propagarsi, attraverso lo spazio, qualsiasi forma di
perturbazione non potrà mai superare li valore V 0 .

Esiste dunque anche un limite per l’accelerazione che possiamo imporre alla
materia presente nello spazio fisico, che si potrà esprimere con la relazione :

lim a F
v  lim 0
vV 0 vV 0 m

Essendo la forza e la massa inerziale legate in maniera indissolubile, sia


nella definizione che nel metodo di misurazione, si può semplificare lo studio
assumendo, arbitrariamente, una delle due grandezze costante, durante
l’evoluzione del sistema.

Se abbiamo due punti, che si scambiano una forza in condizioni dinamiche


variabili nel tempo, semplici considerazioni sul trasferimento dell’ energia ci
portano ad assumere la forza che può essere trasferita variabile nel tempo e
la massa costante.

Per il sistema isolato che abbiamo considerato non è possibile, nella


relazione, fissare due valori per ricavare il terzo, in maniera univoca.

Essa potrà quindi essere verificata solo per un intervallo di tempo dt


infinitesimo.

Più correttamente, il secondo principio della dinamica si dovrebbe derivare


dunque dal meno lacunoso pricipio di conservazione della quantità di moto,
scritto nella forma :
F  dt  d m  V
che, assumendo arbitrariamente, m  m 0  costante , descrive anche il
caso particolare, espresso dalla seconda legge della dinamica, nella forma
che conosciamo.

91

7
Essendo nota l’espressione che fornisce il valore della massa variabile con
la velocità, possiamo utilizzarla per ottenere risultati coerenti con una massa
costante e forza variabile.

m0
Si ottiene così l’espressione : F  dt  d V
V2
1–
V 20
eseguendo i calcoli, si ricava :

d m0 m0
F  dt  V  dV   dV
3
dV
V2 2
1– V2

V 20 1
V 20
dalla quale si ricava l’espressione della forza d’inerzia opposta dalla

massa
inerziale m 0 , allo spazio fisico, in moto rispetto ad esso con velocità V:

3

2
V2
F  m0  a  1–
V 20

Vogliamo concludere il capitolo osservando che con la forza universale


non solo non si ha più alcuna incompatibilità, ma si ottiene anche un
valore di energia di legame del nucleo atomico in accordo e spesso
con una maggiore precisione di quella ottenuta sperimentalmente, per
oltre quattrocento isotopi, conosciuti oppure solo ipotizzabili, fino al
numero atomico Z  120.

92

8
L’EQUILIBRIO UNIVERSALE
dalla meccanica celeste alla fisica nucleare
Cap.4 – giroscopio, magnetismo e forza di Lorentz
– teoria del giroscopio
Abbiamo finora preso in considerazione le condizioni di equilibrio dei sistemi
legati, imponendo nello spazio fisico il principio di conservazione dell’energia
solo sul piano orbitale.

Nell’universo che ci circonda si osservano però dovunque aggregati materiali


rotorivoluenti, variamente orientati nello spazio, i quali producono importanti
e vistosi effetti giroscopici che si manifestano in tutte le direzioni.

Per un’analisi più completa dell’equilibrio dei sistemi reali non si può dunque
non tenerne conto.

Noi non tratteremo la teoria generale del giroscopio, ma ci limiteremo a fare


solo i richiami necessari e sufficienti per la comprensione dei processi che
andremo a descrivere.

Con riferimento alla figura, consideriamo il moto di un punto matriale intorno


al centro O, assunto come origine di una terna di assi cartesiani X– Y– Z
fissi nello spazio.
Consideriamo ancora un’altra terna di assi ξ – η – ζ con la stessa origine O,

93

1
solidali con il punto P e dunque in moto con esso attorno all’origine O.

Sappiamo che, in generale, il momento angolare associato alla rotazione di


un corpo di forma qualsiasi, calcolato come somma vettoriale dei momenti di
tutti i suoi punti, non risulta parallelo all’asse di rotazione.

Qualunque sia la forma considerata, esistono tuttavia sempre tre assi tra loro
perpendicolari tali che, se il corpo ruota attorno ad uno di essi, il momento
angolare totale risulta parallelo all’asse di rotazione.

Questi assi vengono chiamati " assi principali di inerzia " ed i corrispondenti
momenti di inerzia sono indicati come " momenti principali di inerzia ".

Gli assi principali d’inerzia formano un sistema di riferimento solidale con il


corpo preso in considerazione e ruota con esso.

Dato che gli assi principali d’inerzia coincidono con gli assi di simmetria dei
corpi materiali e visto che nei casi reali, quasi sempre, la rotazione avviene
attorno ad un asse di simmetria, esamineremo questo caso particolare.

Per poter definire l’orientamento nello spazio del punto materiale considerato,
avente gli assi d’inerzia coincidenti con quelli mobili, sarà necessario riferire
questi ultimi agli assi fissi.

Se consideriamo "la linea dei nodi" di versore N , perpendicolare a entrambi


gli assi OZ e Oζ e orientata nel verso del prodotto esterno kΛν , sarà
possibile utilizzare gli angoli di Eulero, definiti come segue.

angolo di precessione ψ :

ψ = XO N è l’angolo di cui deve ruotare l’asse OX per poter coincidere


con la linea dei nodiO N , attraverso una rotazione antioraria rispetto ad un
osservatore parallelo e concorde con l’asse OZ. Tale angolo può assumere
qualunque valore positivo o negativo.

angolo di nutazione ϑ:
ϑ = ZOζ è l’angolo formato dagli assi OZ e Oζ , che, per definizione,
è compreso tra 0 e π.

94

2
angolo di rotazione propria ϕ:
ϕ = NO ζ è l’angolo di cui deve ruotare la linea dei nodi, di versore N,
per portarsi a coincidere con l’asse Oζ , attraverso una rotazione antioraria
rispetto ad un osservatore parallelo e concorde con l’asse Oζ.

Anche questo angolo può assumere qualunque valore positivo o negativo.

In base a queste definizioni, risulta : k Λ ν = N ⋅ senϑ

Possiamo, a questo punto, esprimere la rotazione istantanea ω in funzione


degli angoli di Eulero, osservando che la posizione generica assunta dalla
terna di assi mobili O ξ η ζ , caratterizzata da tre valori arbitrari degli angoli
di Eulero ψ, ϑ, ϕ, può essere pensata ottenuta a partire dalla terna fissa
O x y z , mediante tre successive rotazioni attorno ad assi concorrenti
nello stesso punto fisso O , in ciascuna delle quali varia uno solo dei
suddetti angoli di Eulero. Si avrà dunque :


Una prima rotazione ω1 = ψ k attorno all’asse fisso O z.
Questa operazione lascia l’asse Oζ coincidente con l’asse Oz mentre
porta Oξ a coincidere con la linea dei nodi.

L’asse Oη verrà ad assumere di conseguenza una ben precisa posizione


sul piano fisso O xy , ruotata dello stesso angolo ψ rispetto all’asse O y.

Una seconda rotazione ω2 = ϑ N attorno alla linea dei nodi N, che lascia
l’asse O ξ coincidente con la linea dei nodi e porta l’asse Oζ nella sua
posizione finale.

L’asse Oη verrà ad assumere di conseguenza una ben precisa posizione


nel piano delle rette Oz e O ζ , che in figura abbiamo caratterizzato con il
*
versore N .


una terza rotazione ω 3 = ϕ ν attorno all’asse O ζ , che porta gli assi O ξ

95

3
ed Oη ad assumere le loro rispettive posizioni finali, caratterizzate dai due
versori λ e μ contenuti nel piano passante per l’orine O e parallelo ai due
*
versori N e N e ruotati, rispetto a questi ultimi, dello stesso angolo ϕ.

Le tre rotazioni, concorrenti in O che abbiamo indicato si compongono così


nell’unica rotazione :
⋅ ⋅ ⋅
ω = ψk + ϑN + ϕν

Le componenti della rotazione istantanea ω secondo gli assi mobili solidali


con il corpo considerato Oξηζ è dato dai prodotti scalari :

p=ω xλ
q=ω xμ
s=ωxν

Per raggiungere il nostro scopo, calcoliamo, a questo punto, separatamente


il contributo che viene fornito a p, q, s dalle tre rotazioni ω1 , ω2 , ω3 .

Per quanto riguarda ω 1 , conviene realizzare una scomposizione preliminare


*
secondo le direzioni dei versori N e ν , complanari con essa :

⋅ ⋅ *
ω1 = ψ k = ψ ⋅ senϑ N + cosϑ ν

96

4
*
con riferimento alla figura, scomponiamo ora il primo termine senϑ N
secondo le direzioni λeμ, che sono complanari con esso :

*
senϑ N = senϑ ⋅ senϕ λ + cosϕ μ
in definitiva si ha quindi :

⋅ ⋅
ω1 = ψ k = ψ ⋅ senϑ ⋅ senϕ λ + senϑ ⋅ cosϕ μ + cosϑ ν

Riguardo alla rotazione ω 2 conviene scomporla secondo le direzioni dei due


versori λ e μ che risultano complanari con essa :

⋅ ⋅
ω2 = ϑ N = ϑ ⋅ cosϕ λ + senϕ μ

La terza rotazione ω 3 non necessita di alcuna scomposizione e risulta :



ω2 = ϕ ν
si hanno dunque le componenti :

⋅ ⋅
p= ψ ⋅ senϑ ⋅ senϕ + ϑ ⋅ cosϕ

⋅ ⋅
q= ψ ⋅ senϑ ⋅ cosϕ – ϑ ⋅ senϕ

⋅ ⋅
s= ψ ⋅ cosϑ + ϕ

In alcuni problemi può risultare comodo calcolare le componenti di ω rispetto


*
alla terna di versori N , N , ν , anche se essa non è solidale con il sistema
rigido in esame.
Indicando queste componenti con p ∗ , q ∗ , s ∗ , si avrà :

97

5

p =ω xN

∗ *
q =ω xN


s =ωxν

Sostituendo le relazioni che sono state ricavate, si ottiene :



p = ϑ
∗ ⋅
q = ψ ⋅ senϑ
∗ ⋅ ⋅
s =s= ψ ⋅ cosϑ + ϕ

La rotazione istantanea ω si potrà dunque scrivere :

⋅ ⋅ ⋅ *
ω = ψ k + ϑ N + ϕ ν = p ∗ N + q ∗ N + sν

Il momento risultante delle quantità di moto K rispetto al punto fisso O vale :

*
K = I 1 ⋅ p λ + I 2 ⋅ p μ + I 3 ⋅ s ν = I 1 ⋅ p ∗ N + I 2 ⋅ q ∗ N + I 3 ⋅ sν

in cui I1 , I2 , I3 rappresentano i momenti principali d’inerzia con i rispettivi

versori λ, μ,ν.

Particolarmente diffuso è il caso in cui il corpo considerato ruota attorno a un


asse di simmetria I, mentre per gli altri due risulta I 1 = I 2 = J.

Si ha così, per il momento risultante delle quantità di moto K , l’espressione :

∗ *
K=J⋅ p N + q∗N + I ⋅ sν

98

6
Per ricavare la condizione di equilibrio del solido considerato, applichiamo, a
questo punto, il teorema del momento risultante della quantità di moto rispetto
al punto fisso O.

E’ però da tener conto che la terna stereonodale non è animata dalla velocità
di rotazione ω , ma dalla :

⋅ ⋅ ⋅
ω* = ψ k + ϑ N = ω – ϕ ν
risulta dunque :

dK ⋅ ⋅ * ⋅

=J ⋅ p N + q∗ N +I ⋅s ν + ω*Λ K
dt

*
N N ν

ω * Λ K = ω −ϕ ν ΛK = p

q

s– ϕ
⋅ =

∗ ∗
J⋅ p J⋅ q I⋅ s

⋅ ⋅ *
∗ ∗ ∗ ∗
= I–J ⋅q ⋅s+J⋅q ⋅ϕ N– I–J ⋅p ⋅s+J⋅p ⋅ϕ N

Il momento risultante, rispetto al punto O, delle forze esterne si potrà scrivere

*
M = M NN + M N* N + Mν ν

dovendo, per avere equilibrio dinamico, soddisfare la relazione :

dK
=M
dt

si ricava il sistema di tre equazioni che esprime la condizione di equilibrio su

99

7
ciascuno dei tre assi :
⋅ ⋅
J ⋅ p∗ + I–J ⋅s+J⋅ϕ ⋅q

= MN
⋅ ⋅
J ⋅ q∗ – I–J ⋅s+J⋅ϕ ⋅p

= M N*

I ⋅ s = Mν

oppure, sostituendo a p ∗ , q ∗ , s le loro espressioni :

⋅⋅ ⋅ ⋅ ⋅
J⋅ϑ + I–J ⋅ ψ ⋅ cosϑ + I ⋅ ϕ ⋅ ψ ⋅ senϑ = MN

d ⋅ ⋅ ⋅ ⋅
J⋅ ψ ⋅ senϑ – I–J ⋅ ψ ⋅ cosϑ + I ⋅ ϕ ⋅ϑ = M N*
dt
d ⋅ ⋅
I⋅ ψ ⋅ cosϑ + ϕ = Mν
dt

Il caso più frequente in astronomia e in fisica atomica è quello in cui si potrà


assumere :

ϑ = ϑ 0 = costante

ψ = ω n = velocità di rivoluzione = costante
⋅ ⋅
s = ψ ⋅ cosϑ + ϕ = ω p = velocità di rotazione = costante

⋅⋅ ⋅
Si ottiene così : Mν = 0 ; M N* = 0 ; ϑ=ϑ=0
e quindi:

⋅ ⋅ ⋅
M = I⋅ϕ + I–J ⋅ ψ ⋅ cosϑ ⋅ ψ ⋅ senϑN

ricordando infine la relazione :

100

8
kΛν
N=
senϑ
si ha :
⋅ ⋅ ⋅ ⋅
M = I ⋅ ψ ⋅ cosϑ + ϕ – J ⋅ ψ ⋅ cosϑ ⋅ψ ⋅ kΛν
e quindi, in definitiva :

M = I ⋅ ω p ⋅ ω n – J ⋅ ω 2n ⋅ cosϑ ⋅ kΛν

Questa relazione è fondamentale per lo studio di qualsiasi corpo rigido


rotorivoluente, in quanto descrive tutte le condizioni che consentono
l’equilibrio con lo spazio fisico.

Per chiarire quanto abbiamo finora visto, consideriamo una sfera di raggio r p
rotante su se stessa con velocità periferica v p e rivoluente con velocità Vn
alla distanza R n da un punto fisso O.
2
Per il momento d’inerzia si ha : I=J= ⋅ mp ⋅ rp.
2

Se indichiamo con F = F ν la forza che agisce sulla sfera il suo momento


rispetto al punto fisso O sarà :

M = F Λ R = F ⋅ R ⋅ senϑ ⋅k Λν
La condizione di equilibrio diventa quindi :

2
F ⋅ R ⋅ senϑ = ⋅ mp ⋅ rp ⋅ ωn ⋅
2
ω p – ω n ⋅ cosϑ
5

Se l’asse di rotazione e quello di rivoluzione sono tra loro perpendicolari, si


π
ha ϑ= ed il momento assume il valore massimo :
2
2
F⋅R = ⋅ mp ⋅ rp ⋅ ωn ⋅ ωp
2

101

9
– campo magnetico planetario nel Sistema Solare
Sostituendo i valori numerici nella espressione della forza giroscopica, per la
Terra si ottiene : F  9, 44  10 15 N w
valore assolutamente trascurabile rispetto a quello della forza gravitazionale
che viene esercitata dal Sole : F ST  3, 54  10 19 N w .
Analogo risultato si ottiene per gli altri pianeti.

Sebbene il valore di questa forza non sia elevato, il momento associato è tale
da produrre una rotazione tendente a rendere paralleli l’asse di rotazione con
quello di rivoluzione.
2
F  R  sen   mp  rp  n 
2
 p –  n  cos
5

Man mano che lo sfasamento tra i due assi si riduce, il modulo del momento,
al primo membro, si riduce e tende ad annullarsi per   0.

L’azione della forza F è dunque tale da spingere gli assi al parallelismo e si


orienta verso il punto fisso O quando esso viene raggiunto, con   0.

In queste condizioni, il primo membro vale zero e quindi lo stesso valore deve
assumere il secondo. Dalla relazione vediamo che esso si annulla solo se si
annulla il moto di rivoluzione, con  n  0 , oppure se il moto rotorivoluente
diventa sincrono, con  n   p , risultato che, del resto, è stato già ottenuto
per altra via.

Facciamo notare che la condizione di equilibrio è stata ricavata prendendo in


considerazione solo il corpo rigido in moto nello spazio fisico senza alcuna
interazione con altri corpi materiali.

La condizione di equilibrio ottenuta è dunque da intendere imposta al


corpo in orbita dallo spazio fisico per poter verificare i principi di
conservazione, che in esso vengono imposti dalla definizione stessa,
che abbiamo dato dello spazio fisico nell’introdurre la teoria.

Va infatti osservato che nella interazione tra due corpi materiali, presenti nello

102

1
spazio fisico ed inizialmente indipendenti, un loro accostamento porta a una
condizione di equilibrio che, per verificare i principi di conservazione, richiede
orbite piane ben precise, percorse a velocità ben definite sotto l’azione di una
forza centrale, che abbiamo indicato come " forza gravitazionale ".

Il momento angolare è però una grandezza con caratteristiche vettoriali, per


cui, se anche il modulo rimane invariato durante il moto di rivoluzione, non si
conserva la direzione, in quanto abbiamo comunque un vettore rotante nello
spazio con una velocità angolare  n .

La tendenza dello spazio fisico ad opporsi alla variazione della direzione


del momento angolare dei corpi che si muovono in esso viene manifestata
applicando al corpo un momento capace di farlo ruotare in modo da portare
l’asse di rotazione parallelo a quello di rivoluzione.

Quando questa condizione viene raggiunta, il momento si annulla e la forza si


orienta verso il cento del moto di rivoluzione.

Del resto, se un sistema formato da due corpi materiali, deve mantenere nullo
il suo momento angolare, man mano che diminuisce il momento acquisito da
uno, deve aumentare della stessa quantità quello dell’altro, mantenendo i due
assi paralleli.

Se dunque abbiamo " una sfera solare " che acquisisce nel suo spazio
rotante un corpo inizialmente indipendente, dunque con un momento
angolare nullo, dato che sull’orbita la sfera planetaria in moto acquista
un momento angolare, per soddisfare " il principio di conservazione ",
indurrà la sfera solare a ruotare su se stessa in modo da acquistare un
momento angolare avente lo stesso valore e verso contrario.

E’ chiaro che, se si ripete questo discorso per tutte le sfere planetarie


acquisite, si conclude che :
alla sfera solare centrale sarà associato un momento
angolare pari alla somma dei momenti associati ai diversi
pianeti.
2
In definitiva, se analizziamo l’interazione di uno spazio rotante K s con il corpo
materiale posto a una distanza R dal centro, non solo sul piano, ma nelle tre

103

2
dimensioni, vediamo che essa presenta due componenti :

– una componente gravitazionale, che abbiamo già studiato, la quale si


presenta indipende dalle condizioni di moto del corpo satellite, si manifesta
unicamente per la sua presenza entro il raggio d’azione dello spazio

rotante centrale e si indica con una forza F diretta verso il centro.

– una componente giroscopica, che è invece dipendente dalle condizioni


dinamiche del punto considerato.

Se abbiamo la massa m p in rotazione su se stessa con velocità angolare  p


il momento angolare associato sarà :

Lp    mp  p 

con la costante  dipendente dalla forma.

Dato che la rotazione di una massa nello spazio rotante in cui si muove crea
una perturbazione che si estende a tutto il volume di spazio compreso nel suo
raggio d’azione, possiamo dire che gli effetti prodotti dal momento angolare

L p vengono rilevati entro tutto il raggio d’azione della sfera planetaria con una
intensità dipendente dalla distanza dal centro della sfera m p .

Per ricavare la relazione che descrive questa dipendenza, ricordiamo che è


stata ricavata, nella teoria degli spazi rotanti, la relazione che lega la carica
elettrica alla massa :

r1  m K2  m
q 
10 – 7 10 – 7  C 2l

che per la materia ordinaria e le particelle elementari diventa :

q 0  8, 616413197  10 11
m
2
m materia ordinaria

104

3
1

q e  4, 104562723  10 9
m
2
m particelle elementari

q pe  4, 104562723  10 9
m
2
 mp  me  1, 60217733  10 19 c

qe
con un rapporto :  4, 76365586  10 19
q0
Questa proporzionalità ci consente di utilizzare per il momento della quantità
di moto il teorema della circuitazione di Ampère che si applica al momento
magnetico.
Se indichiamo con p la grandezza con la quale vogliamo rappresentare gli
effetti prodotti dal momento angolare alla distanza r dal centro della sfera m p ,
introducendo una costante di proporzionalità  da definire, si ottiene :
  Lp
p
r
Essendo note tutte le caratteristiche di moto dei pianeti e satelliti presenti nel
Sistema Solare, sarà possibile calcolare il momento angolare e magnetico di
ciascuno di essi, in corrispondenza della superficie, con la relazione :

Mp   mi  Vi  Ri

considerando solo i satelliti di dimensioni maggiori, si ottengono i risultati che


sono riportati in tabella, con la Terra assunta come riferimento.

105

4
Mp campo M p /r p
pianeta Mp Kg  m Kg
magneticoG 
rp M T /r T

Mercurio – – 0, 0035 0, 01

Venere – – 0 0

Terra 2, 882  10 34 4, 519  10 27 0, 2  0, 5 1

Marte 2, 103  10 32 6, 192  10 25 0, 014

Giove 44, 846  10 35 6, 273  10 28 4, 6 13, 881

Saturno 9, 534  10 35 1, 582  10 28 0, 4 3, 501

Urano 14, 074  10 33 5, 506  10 26 0, 25  0, 65 1, 218

Nettuno 33, 974  10 33 13, 719  10 26 0, 14 0, 306

Plutone 7, 1075  10 30 5, 9477  10 24 0, 00132

Sole 3135, 5  10 40 4, 505  10 34 10 7

Se per la Terra si assume per l’induzione magnetica il valore medio :

0, 5  0, 2
BT   0, 35 G
2

Dalla tabella si rileva un ottimo accordo tra i valori forniti dall’osservazione dei
rapporti tra i campi magnetici rilevati sulla superficie dei pianeti e quello della
Terra e gli analoghi rapporti teorici tra i momenti angolari.

Questo risultato ci porta a identificare l’azione del campo


magnetico planetario con quella giroscopica che è stata
analizzata.

105a

5
Con questa identificazione ( valida a meno di una costante, dal punto di vista
quantitativo ), si giustificano perfettamente anche le diverse situazioni che si
presentano per ciascun pianeta.

Per interpretarle, riprendiamo l’espressione del momento della forza indotta


dal principio di conservazione del momento angolare per   0 :

2
FR   mp  rp  n 
2
p – n
5

- Nel caso di Mercurio, l’elevata eccentricità dell’orbita porta ad una rotazione


non sincrona, con  p   n e quindi il secondo membro assume un valore
diverso da zero.

Si presenta così un piccolo momento magnetico anche se non sono


presenti satelliti (si tenga presente che  p supera di poco  n ).

- Per il pianeta Venere, non avendo satelliti ed essendo l’orbita praticamente


circolare, la rotazione è quasi sincrona, con  p   n e quindi il secondo
membro assume un valore trascurabile.

- Nei pianeti Urano, Nettuno e Plutone abbiamo un campo magnetico con una
grande inclinazione rispetto all’asse di rotazione perchè viene indotto quasi
interamente dal satellite di maggiori dimensioni, che è stato acquisito su una
orbita iniziale molto inclinata rispetto al piano di rivoluzione.

106

Potrebbero piacerti anche