Sei sulla pagina 1di 3

Panata & Minestra Battaglia vostro quedalare

Pane del giorno avanti, grattato, non pestato, gr. 130.


Uova n. 4.
Formaggio parmigiano grammi 50.
Odore di noce moscata, sale.
Prendete una casseruola larga e formate in essa un composto non tanto sodo con gli
ingredienti suddetti,
aggiungendo del pangrattato, se occorre. Stemperate con brodo caldo, ma non
bollente e serbatene un poco per
aggiungerlo in seguito. Cuocete con [p. 10 modifica]brace all’ingiro, e con
pochissimo fuoco sotto. Con un mestolo,
mentre entra in bollore, cercate di radunarlo al mezzo scostandolo dalle pareti del
vaso senza scomporlo.
Quando lo vedrete assodato versatelo nella zuppiera e servitelo.

Questa dose può bastare per 6 persone.

Piacendovi mista con erbe o con piselli cuocerete questi a parte e li unirete al
composto prima di scioglierlo col brodo.

3. - Minestra “Battaglia„.

Pulite, lavate e tagliate un piccolo cavolo, una lattuga, una carota, una rapa, tre
pori, un ceppo di sedano.
Mettete tutto insieme al fuoco per due o tre minuti con 50 grammi di grasso, di
lardo o di burro a seconda dei
gusti e delle abitudini. Aggiungete 3 litri d’acqua e una presa di sale e lasciate
bollire un momento, poi unite
cinque patate crude tagliate a pezzetti, un pugno di fagiolini pure tagliati,
altrettanto di piselli e di fave verdi.

Fate legare naturalmente o battendo con la verghetta.

Se la minestra riuscisse troppo densa allungatela a piacere. Assaggiatela e


all’ultimo momento aggiungete del pane
tagliato a dadi.

Per rendere più appetitosa la minestra “Battaglia„ potete cuocere con le verdure un
pezzetto di lardo o di prosciutto magro.

Panata.

Pane del giorno avanti, grattato, non pestato, gr. 130.


Uova n. 4.
Formaggio parmigiano grammi 50.
Odore di noce moscata, sale.
Prendete una casseruola larga e formate in essa un composto non tanto sodo con gli
ingredienti suddetti,
aggiungendo del pangrattato, se occorre. Stemperate con brodo caldo, ma non
bollente e serbatene un poco per
aggiungerlo in seguito. Cuocete con [p. 10 modifica]brace all’ingiro, e con
pochissimo fuoco sotto. Con un mestolo,
mentre entra in bollore, cercate di radunarlo al mezzo scostandolo dalle pareti del
vaso senza scomporlo.
Quando lo vedrete assodato versatelo nella zuppiera e servitelo.

Questa dose può bastare per 6 persone.


Piacendovi mista con erbe o con piselli cuocerete questi a parte e li unirete al
composto prima di scioglierlo col brodo.

3. - Minestra “Battaglia„.

Pulite, lavate e tagliate un piccolo cavolo, una lattuga, una carota, una rapa, tre
pori, un ceppo di sedano.
Mettete tutto insieme al fuoco per due o tre minuti con 50 grammi di grasso, di
lardo o di burro a seconda dei
gusti e delle abitudini. Aggiungete 3 litri d’acqua e una presa di sale e lasciate
bollire un momento, poi unite
cinque patate crude tagliate a pezzetti, un pugno di fagiolini pure tagliati,
altrettanto di piselli e di fave verdi.

Fate legare naturalmente o battendo con la verghetta.

Se la minestra riuscisse troppo densa allungatela a piacere. Assaggiatela e


all’ultimo momento aggiungete del pane
tagliato a dadi.

Per rendere più appetitosa la minestra “Battaglia„ potete cuocere con le verdure un
pezzetto di lardo o di prosciutto magro.

Panata & Minestra Battaglia vostro quedalare

Pane del giorno avanti, grattato, non pestato, gr. 130.


Uova n. 4.
Formaggio parmigiano grammi 50.
Odore di noce moscata, sale.
Prendete una casseruola larga e formate in essa un composto non tanto sodo con gli
ingredienti suddetti,
aggiungendo del pangrattato, se occorre. Stemperate con brodo caldo, ma non
bollente e serbatene un poco per
aggiungerlo in seguito. Cuocete con [p. 10 modifica]brace all’ingiro, e con
pochissimo fuoco sotto. Con un mestolo,
mentre entra in bollore, cercate di radunarlo al mezzo scostandolo dalle pareti del
vaso senza scomporlo.
Quando lo vedrete assodato versatelo nella zuppiera e servitelo.

Questa dose può bastare per 6 persone.

Piacendovi mista con erbe o con piselli cuocerete questi a parte e li unirete al
composto prima di scioglierlo col brodo.

3. - Minestra “Battaglia„.

Pulite, lavate e tagliate un piccolo cavolo, una lattuga, una carota, una rapa, tre
pori, un ceppo di sedano.
Mettete tutto insieme al fuoco per due o tre minuti con 50 grammi di grasso, di
lardo o di burro a seconda dei
gusti e delle abitudini. Aggiungete 3 litri d’acqua e una presa di sale e lasciate
bollire un momento, poi unite
cinque patate crude tagliate a pezzetti, un pugno di fagiolini pure tagliati,
altrettanto di piselli e di fave verdi.

Fate legare naturalmente o battendo con la verghetta.


Se la minestra riuscisse troppo densa allungatela a piacere. Assaggiatela e
all’ultimo momento aggiungete del pane
tagliato a dadi.

Per rendere più appetitosa la minestra “Battaglia„ potete cuocere con le verdure un
pezzetto di lardo o di prosciutto magro.

Panata.

Pane del giorno avanti, grattato, non pestato, gr. 130.


Uova n. 4.
Formaggio parmigiano grammi 50.
Odore di noce moscata, sale.
Prendete una casseruola larga e formate in essa un composto non tanto sodo con gli
ingredienti suddetti,
aggiungendo del pangrattato, se occorre. Stemperate con brodo caldo, ma non
bollente e serbatene un poco per
aggiungerlo in seguito. Cuocete con [p. 10 modifica]brace all’ingiro, e con
pochissimo fuoco sotto. Con un mestolo,
mentre entra in bollore, cercate di radunarlo al mezzo scostandolo dalle pareti del
vaso senza scomporlo.
Quando lo vedrete assodato versatelo nella zuppiera e servitelo.

Questa dose può bastare per 6 persone.

Piacendovi mista con erbe o con piselli cuocerete questi a parte e li unirete al
composto prima di scioglierlo col brodo.

3. - Minestra “Battaglia„.

Pulite, lavate e tagliate un piccolo cavolo, una lattuga, una carota, una rapa, tre
pori, un ceppo di sedano.
Mettete tutto insieme al fuoco per due o tre minuti con 50 grammi di grasso, di
lardo o di burro a seconda dei
gusti e delle abitudini. Aggiungete 3 litri d’acqua e una presa di sale e lasciate
bollire un momento, poi unite
cinque patate crude tagliate a pezzetti, un pugno di fagiolini pure tagliati,
altrettanto di piselli e di fave verdi.

Fate legare naturalmente o battendo con la verghetta.

Se la minestra riuscisse troppo densa allungatela a piacere. Assaggiatela e


all’ultimo momento aggiungete del pane
tagliato a dadi.

Per rendere più appetitosa la minestra “Battaglia„ potete cuocere con le verdure un
pezzetto di lardo o di prosciutto magro.