Sei sulla pagina 1di 4

Brodo di erbe di odorb

Fate a pezzetti dell’acetosa e del cerfoglio con alcune foglie di lattuga, mettete
tutto un momento
al fuoco con un pezzetto di burro. Bagnate poi con un litro d’acqua e salate
leggermente. Lasciate
cuocere per 20 minuti, passate allora tutto a traverso un lino o un setaccio fine.

Servite il brodo in tazza.

6. - Minestra di semolino.

Cuocete del semolino nel latte facendo una polentina ben soda. Ritiratela dal fuoco
e conditela con
sale, parmigiano grattato, un pezzetto di burro e odore di noce moscata.

Quando sarà fredda stemperatela con uova sino a ridurla come una crema liquida.
Prendete allora
una forma liscia di latta, ungetene il fondo con burro, fatevi aderire un foglio di
carta unto e
versate il composto che metterete ad assodare a bagno-maria con fuoco sopra.

Cotto e freddo che sia passate una lama di coltello all’intorno e sformatelo.

Tagliatelo a dadi che getterete nel brodo lasciando bollire qualche minuto.

Un bicchiere di latte e due uova bastano per cinque persone.

7. - Zuppa santè.

Questa zuppa si fa con diverse qualità di ortaggi. Dato che vi serviate per esempio
di carote, acetosa,
[p. 12 modifica]sedano e cavolo bianco, tagliate questo in forma di taglierini e
fategli far l’acqua
sopra il fuoco strizzandolo bene, le carote ed il sedano tagliateli a filetti
lunghi 3 cent. circa e
insieme col cavolo e con l’acetosa nettata dai gambi poneteli al fuoco con poco
sale, una presa di pepe
e un pezzetto di burro.

Quando l’erbaggio avrà tirato l’unto finite di cuocerlo col brodo e frattanto
preparate il pane, che
è bene sia raffermo almeno di un giorno; tagliatelo a piccoli dadi e friggetelo nel
burro o anche nell’olio o nel lardo.

Ponete il pane nella zuppiera versategli sopra il brodo a bollore insieme con
l’erbaggio e servite.

Brodo di erbe.

Fate a pezzetti dell’acetosa e del cerfoglio con alcune foglie di lattuga, mettete
tutto un momento
al fuoco con un pezzetto di burro. Bagnate poi con un litro d’acqua e salate
leggermente. Lasciate
cuocere per 20 minuti, passate allora tutto a traverso un lino o un setaccio fine.

Servite il brodo in tazza.


6. - Minestra di semolino.

Cuocete del semolino nel latte facendo una polentina ben soda. Ritiratela dal fuoco
e conditela con
sale, parmigiano grattato, un pezzetto di burro e odore di noce moscata.

Quando sarà fredda stemperatela con uova sino a ridurla come una crema liquida.
Prendete allora
una forma liscia di latta, ungetene il fondo con burro, fatevi aderire un foglio di
carta unto e
versate il composto che metterete ad assodare a bagno-maria con fuoco sopra.

Cotto e freddo che sia passate una lama di coltello all’intorno e sformatelo.

Tagliatelo a dadi che getterete nel brodo lasciando bollire qualche minuto.

Un bicchiere di latte e due uova bastano per cinque persone.

7. - Zuppa santè.

Questa zuppa si fa con diverse qualità di ortaggi. Dato che vi serviate per esempio
di carote, acetosa,
[p. 12 modifica]sedano e cavolo bianco, tagliate questo in forma di taglierini e
fategli far l’acqua
sopra il fuoco strizzandolo bene, le carote ed il sedano tagliateli a filetti
lunghi 3 cent. circa e
insieme col cavolo e con l’acetosa nettata dai gambi poneteli al fuoco con poco
sale, una presa di pepe
e un pezzetto di burro.

Quando l’erbaggio avrà tirato l’unto finite di cuocerlo col brodo e frattanto
preparate il pane, che
è bene sia raffermo almeno di un giorno; tagliatelo a piccoli dadi e friggetelo nel
burro o anche nell’olio o nel lardo.

Ponete il pane nella zuppiera versategli sopra il brodo a bollore insieme con
l’erbaggio e servite.

Brodo di erbe di odorb

Fate a pezzetti dell’acetosa e del cerfoglio con alcune foglie di lattuga, mettete
tutto un momento
al fuoco con un pezzetto di burro. Bagnate poi con un litro d’acqua e salate
leggermente. Lasciate
cuocere per 20 minuti, passate allora tutto a traverso un lino o un setaccio fine.

Servite il brodo in tazza.

6. - Minestra di semolino.

Cuocete del semolino nel latte facendo una polentina ben soda. Ritiratela dal fuoco
e conditela con
sale, parmigiano grattato, un pezzetto di burro e odore di noce moscata.

Quando sarà fredda stemperatela con uova sino a ridurla come una crema liquida.
Prendete allora
una forma liscia di latta, ungetene il fondo con burro, fatevi aderire un foglio di
carta unto e
versate il composto che metterete ad assodare a bagno-maria con fuoco sopra.

Cotto e freddo che sia passate una lama di coltello all’intorno e sformatelo.

Tagliatelo a dadi che getterete nel brodo lasciando bollire qualche minuto.

Un bicchiere di latte e due uova bastano per cinque persone.

7. - Zuppa santè.

Questa zuppa si fa con diverse qualità di ortaggi. Dato che vi serviate per esempio
di carote, acetosa,
[p. 12 modifica]sedano e cavolo bianco, tagliate questo in forma di taglierini e
fategli far l’acqua
sopra il fuoco strizzandolo bene, le carote ed il sedano tagliateli a filetti
lunghi 3 cent. circa e
insieme col cavolo e con l’acetosa nettata dai gambi poneteli al fuoco con poco
sale, una presa di pepe
e un pezzetto di burro.

Quando l’erbaggio avrà tirato l’unto finite di cuocerlo col brodo e frattanto
preparate il pane, che
è bene sia raffermo almeno di un giorno; tagliatelo a piccoli dadi e friggetelo nel
burro o anche nell’olio o nel lardo.

Ponete il pane nella zuppiera versategli sopra il brodo a bollore insieme con
l’erbaggio e servite.

Brodo di erbe.

Fate a pezzetti dell’acetosa e del cerfoglio con alcune foglie di lattuga, mettete
tutto un momento
al fuoco con un pezzetto di burro. Bagnate poi con un litro d’acqua e salate
leggermente. Lasciate
cuocere per 20 minuti, passate allora tutto a traverso un lino o un setaccio fine.

Servite il brodo in tazza.

6. - Minestra di semolino.

Cuocete del semolino nel latte facendo una polentina ben soda. Ritiratela dal fuoco
e conditela con
sale, parmigiano grattato, un pezzetto di burro e odore di noce moscata.

Quando sarà fredda stemperatela con uova sino a ridurla come una crema liquida.
Prendete allora
una forma liscia di latta, ungetene il fondo con burro, fatevi aderire un foglio di
carta unto e
versate il composto che metterete ad assodare a bagno-maria con fuoco sopra.

Cotto e freddo che sia passate una lama di coltello all’intorno e sformatelo.

Tagliatelo a dadi che getterete nel brodo lasciando bollire qualche minuto.
Un bicchiere di latte e due uova bastano per cinque persone.

7. - Zuppa santè.

Questa zuppa si fa con diverse qualità di ortaggi. Dato che vi serviate per esempio
di carote, acetosa,
[p. 12 modifica]sedano e cavolo bianco, tagliate questo in forma di taglierini e
fategli far l’acqua
sopra il fuoco strizzandolo bene, le carote ed il sedano tagliateli a filetti
lunghi 3 cent. circa e
insieme col cavolo e con l’acetosa nettata dai gambi poneteli al fuoco con poco
sale, una presa di pepe
e un pezzetto di burro.

Quando l’erbaggio avrà tirato l’unto finite di cuocerlo col brodo e frattanto
preparate il pane, che
è bene sia raffermo almeno di un giorno; tagliatelo a piccoli dadi e friggetelo nel
burro o anche nell’olio o nel lardo.

Ponete il pane nella zuppiera versategli sopra il brodo a bollore insieme con
l’erbaggio e servite.