Sei sulla pagina 1di 2

Sesto Chakra della Fronte

Sistemi superiori di credenze, la spiritualità

Posizione: il Sesto Chakra è posizionato in mezzo alla fonte, sopra gli occhi.
Plesso nervoso: plesso carotideo.
Ghiandola endocrina: ipofisi.
Senso: percezioni extrasensoriali, cioè tutti i sensi interiori che corrispondono a quelli esterni;
insieme, sono considerati il mezzo della comunicazione Spirito a Spirito. Rappresentano la
percezione delle informazioni nel regno non materiale e la capacità di farne un uso cosciente. Il
terzo occhio è l’organo eterico di percezione psichica, della visione.
Elemento: Suono Interiore, che è il suono che si percepisce e che non dipende da eventi esterni.
Corpo sottile: celestiale o buddico.
Stati di coscienza: a questo livello la coscienza si esprime in forma di sentimenti superiori,
come l’amore universale, che include ogni forma di vita, o in sistemi superiori di credenze, la
spiritualità. E’ il centro della saggezza e della percezione diretta con la forma attraverso visioni
interiori e suoni, che permette di vedere la vera natura delle cose e degli eventi, senza usare la
logica o la ragione.
Il Sesto Chakra rappresenta la parte profonda dell’essere, lo Spirito, ciò che siamo realmente al di
là di ciò che abbiamo imparato. Questo chakra mostra la nostra «cosmologia spirituale», l’idea
che abbiamo della spiritualità e se ci sentiamo in armonia con la religione che ci hanno
insegnato.
È da qui che prendiamo certe decisioni e indirizziamo le nostre azioni e, di conseguenza,
determiniamo le nostre vite. Il Sesto Chakra è la parte della nostra coscienza in cui noi attuiamo
questo processo in modo consapevole; in cui cambiamo una decisione che non funziona per noi,
e in cui facciamo l’esperienza che siamo noi a creare la nostra realtà.
Affermazione della coscienza: io creo
Colore: INDACO

Linguaggio dei disagi: Sesto Chakra


Quando sperimentiamo questo livello in modo equilibrato, perdiamo i pregiudizi su come le cose
dovrebbero essere, frutto di ciò che abbiamo appreso, e le vediamo per quelle che realmente
sono. Guardiamo al di là dei limiti che la personalità ci costruisce, siamo consapevoli che la realtà
che viviamo altro non è che la serie dei desideri, degli obbiettivi, delle paure e degli ostacoli che
noi esteriorizziamo.
Se questo livello è equilibrato, dunque, siamo consapevoli non solo delle nostre motivazioni
profonde, ma possiamo scorgere anche le vere ragioni che sottendono le azioni delle altre
persone.
Inoltre, questo centro energetico ci permette una comprensione diversa del mondo fisico; infatti,
ci mostra chiaramente come ogni evento che accade sia il risultato – consapevole o meno - della
co-creazione tra le persone coinvolte. Ognuno è artefice della sua realtà, ma quando più soggetti
sono implicati nella stessa esperienza significa che, per ragioni diverse, hanno tutti deciso di
farla.
Il Vittimismo
La nostra personalità, che è ciò che abbiamo imparato, a volte dimentica di ascoltare la
comunicazione con lo spirito, finendo per convincersi di essere tutto ciò che conta. E allora la
mente la fa da padrona e ci porta a dimenticare la nostra meraviglia, affossandoci con le sue
paure, i suoi limiti e impedendoci di volare.
Così ci scordiamo chi realmente siamo e leghiamo le nostre ali nella rete di ciò che abbiamo
imparato. Questo atteggiamento genera, in pratica, diverse manifestazioni.
Sindrome della vittima  parte dalla decisione originaria che è: nego la mia essenza
infinitamente capace e scelgo di non essere in grado Risultato: non riconosco la mia capacità
creatrice e quindi gli altri devono fare per me mi sento intrappolato, sconfitto e umiliato  ho
tendenza a manipolare il prossimo  manifesto rabbia e rancore.
Sindrome della capinera ferita  parte dalla decisione originaria che è: non sono degno
d’amore se mi ammalo si accorgono di me  Risultato: continuo a ammalarmi per sollecitare
attenzione e amore e non riconosco la mia infinità bellezza e capacità.

Linguaggio dei sintomi: Sesto Chakra


Quando non riconosciamo la nostra grandezza, vuoi perché ci limitiamo a considerarci come
corpo fisico anziché lo spirito che lo occupa, oppure ci identifichiamo in quello che facciamo, il
nostro ruolo sociale, invece che in ciò che realmente siamo, ecco che il linguaggio dei sintomi si
manifesta. Questi solo gli organi o le funzioni che indicano una tensione al Sesto Chakra.
Parti del corpo/sistemi: sistema endocrino, fronte e tempie.
Alcune patologie che riguardano principalmente il Sesto Chakra (ne trovate alcune
descritte ne: “I sintomi parlano”): acromegalia, adenoma ipofisario, emicrania, emiparesi
facciale, ipopituitarismo, gigantismo, mal di testa (tempie)..