Sei sulla pagina 1di 24

pagine editoriali 21-11-2008 8:31 Pagina 6

www.edizioniets.com

Il volume è stato pubblicato con il contributo


dei Fondi di Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo (ex quota 60%)

dell’Università degli Studi Roma Tre (fondi ex MURST 60%)


© Copyright 2008
EDIZIONI ETS
Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa
edizioniets@tin.it
www.edizioniets.com

Distribuzione
PDE, Via Tevere 54, I-50019 Sesto Fiorentino [Firenze]

ISBN 978-884672207-2
9
sigle e abbreviazioni

AA = F.W.J. Schelling, Historisch-kritische Ausgabe, hrsg. v. H.-M. Baum-


gartner, W.G. Jacobs, H. Buchner, M. Durner, J. Jantzen, W. Schiche
u.a., frommann-holzboog, Stuttgart 1976-, Reihe I: Werke.
SW = Schellings Werke, hrsg. v. M. Schröter, Beck/Oldenbourg, München
1927.
GW = G.W.F. Hegel, Gesammelte Werke, Meiner, Hamburg 1968-.
GA = J.G. Fichte, Gesamtausgabe der Bayerischen Akademie der Wissen-
schaften, frommann, Stuttgart-Bad Cannstatt 1962-.
KS = Kant’s gesammelte Schriften, hrsg. von der Königlich Preußischen
Akademie der Wissenschaften, Reimer, Berlin 1900-.
JW = F.H. Jacobi Werke. Gesamtausgabe, hrsg. v. K. Hammacher/W. Jaesch-
ke, frommann-holzboog u. Meiner, Hamburg u. Stuttgart Bad-
Cannstatt 1998-.
BS = J. Böhme, Sämtliche Schriften, hrsg. v. A. Faust u. W.E. Peuckert,
frommann, Stuttgart 1942- (Neudruck der Ausgabe 1730).
KFS = Kritische Friedrich-Schlegel-Ausgabe, hrsg. v. E. Behler, Schöningh
u.a., München u.a. 1959-.
NS = Novalis Schriften, hrsg. v. P. Kluckhorn/R. Samuel, Wiss. Buchges.,
Darmstadt 1968.
BW = F.v. Baader, Sämtliche Werke, hrsg. v. F. Hoffmann u. A. Lutter-
beck, Scientia-Verlag, Aalen 1987 (2. Neudruck der Ausgabe Leip-
zig 1850-).
Vengono qui di seguito elencate le abbreviazioni delle opere di Schel-
ling e di Hegel, di Baader e di Aristotele cui si è fatto maggiormente riferi-
mento e le relative traduzioni italiane utilizzate (se disponibili). Dopo l’ab-
breviazione, segue il numero della pagina dell’edizione in lingua originale
e, tra parentesi, quello della pagina corrispondente alla traduzione italiana.
Le opere non comprese nell’elenco verranno citate per esteso in nota, indi-
cando la sigla del testo originale di riferimento, il numero del volume, della
pagina dell’edizione tedesca e, tra parentesi, l’eventuale traduzione italiana
consultata.

opere di schelling

Erster Entwurf = Erster Entwurf eines Systems der Naturphilosophie, AA 7


(Primo abbozzo di un sistema di filosofia della natura, a cura di G.
Grazi, Cadmo, Roma 1989).
Einleitung 1799 =Einleitung zu seinem Entwurf eines Systems der Naturphi-
losophie, AA 8, pp. [23]-76 (Introduzione al Primo abbozzo, in L. Pa-
reyson, Schelling. Presentazione e antologia, Marietti, Torino 1975,
pp. 146-192).
10
System 1800 = System des transscendentalen Idealismus, AA 9.1 (Sistema
dell’idealismo trascendentale, a cura di G. Boffi, Rusconi, Milano
1997).
ZfsP = Zeitschrift für spekulative Physik, hrsg. v. M. Durner, 2 Bd.e, Meiner,
Hamburg 2001.
Darstellung 1801= Darstellung meines Systems der Philosophie, SW IV, pp.
[105]-212 (Esposizione del mio sistema filosofico, a cura di E. Ferri,
riveduta da G. Semerari, Laterza, Bari 1969).
Bruno = Bruno oder über das göttliche und natürliche Prinzip der Dinge. Ein
Gespräch, SW IV, pp. [213]-332 (trad. it. a cura di E. Guglielminetti,
Edizioni scientifiche italiane, Napoli 1994).
FD = Fernere Darstellungen, SW IV, pp. [333]-510 (Ulteriori esposizioni,
in Filosofia della natura e dell’identità: scritti del 1802, a cura di C.
Tatasciore, Guerini, Milano 2002, pp. 25-178).
PuR = Philosophie und Religion, SW VI, pp. [11]-70 (Filosofia e religione,
in Scritti sulla filosofia, la religione, la libertà, a cura di L. Pareyson,
Mursia, Milano 1974, pp. [33]-75).
System 1804 = System der gesammten Philosophie und der Naturphilosophie
insbesondere, SW VI, pp. [131]-576.
Aph. I = Aphorismen zur Einleitung in die Naturphilosophie, SW VII, pp.
140-197 (Aforismi introduttivi, in Aforismi sulla filosofia della natura,
a cura di G. Moretti e L. Rustichelli, EGEA, Milano 1992, pp. 23-
101).
Aph. II = Aphorismen über die Naturphilosophie, SW VII, pp. 198-288 (Afo-
rismi sulla filosofia della natura, a cura di G. Moretti e L. Rustichelli,
cit., pp. 105-169).
FS = Philosophische Untersuchungen über das Wesen der menschlichen Frei-
heit, SW VII, pp. [331]-416 (Ricerche filosofiche sull’essenza della
libertà umana, trad. it. di S. Drago Dal Boca, in Scritti sulla filosofia,
la religione, la libertà, a cura di L. Pareyson, cit., pp. [77]-140).
SPV = Stuttgarter Privatvorlesungen, SW VII, pp. [417]-484 (Lezioni di
Stoccarda, trad. it. di L. Pareyson, in Scritti sulla filosofia, la religione,
la libertà, a cura di L. Pareyson, cit., pp. [141]-193).
WA I-II = Die Weltalter. Fragmente, in den Urfassungen von 1811 und 1813,
hrsg. v. M. Schröter, Biederstein, München 1946, pp. [1]-107 e pp.
[109]-183.
WA III = Die Weltalter. Bruchstück, SW VIII, pp. 199-344 (Le età del
mondo, a cura di C. Tatasciore, Guida, Napoli 1991).
WF = Weltalter-Fragmente, hrsg. v. K. Grotsch, I-II, frommann-holzboog,
Stuttgart-Bad Cannstatt 2002.
JK = Philosophische Entwürfe und Tagebücher 1814-1816: Die Weltalter
II – Über die Gottheiten von Samothrake, hrsg. v. L. Knatz, H.-J.
Sandkühler, M. Schraven, Meiner, Hamburg 2002.
11
Enderlein = Initia philosophiae universae. Erlanger Vorlesung WS 1820/21,
hrsg. v. H. Fuhrmans, Bouvier, Bonn 1969.
EV = Erlanger Vorträge, SW IX, pp. [207]-246 (Conferenze di Erlangen,
trad. it. di L. Pareyson, in Scritti sulla filosofia, la religione, la libertà,
a cura di L. Pareyson, cit., pp. [195]-225).
Lasaulx = System der Weltalter. Münchener Vorlesung 1827/28 in einer Nach-
schrift von Ernst von Lasaulx, hrsg. v. S. Peetz, Klostermann, Frank-
furt a.M. 1990.
Helmes = Grundlegung der positiven Philosophie. Münchner Vorlesung WS
1832/33 und SS 1833, a cura di H. Fuhrmans, Bottega d’Erasmo,
Torino 1972.
Urf. = Urfassung der Philosophie der Offenbarung, hrsg. v. W. Ehrhardt, I-II,
Meiner, Hamburg 1992.
Einl. 1830 = Einleitung in die Philosophie, hrsg. v. W. Ehrhardt, frommann-
holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 1989.
DphE = Darstellung des philosophischen Empirismus, SW X, pp. [225]-286
(trad. it. in L’empirismo filosofico e altri scritti, a cura di G. Preti, La
nuova Italia, Firenze 1967, pp. 155-215).
MüV = Zur Geschichte der neueren Philosophie. Münchner Vorlesungen,
SW X, pp. [1]-200 (Lezioni monachesi sulla storia della filosofia mo-
derna, trad. di G. Durante, introduzione di G. Semerari, Laterza,
Roma/Bari 1996).
Passau = Philosophie der Mythologie, hrsg. v. A. Roser/H. Schulten, from-
mann-holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 1996.
EPhM = Philosophische Einleitung in die Philosophie der Mythologie, SW
XI, pp. 255-572 (Introduzione filosofica alla filosofia della mitologia,
a cura di L. Lotito, Bompiani, Milano 2002).
EPhO = Einleitung in die Philosophie der Offenbarung, SW XIII, pp. [1]-
174 (trad. it. in Filosofia della rivelazione, a cura di A. Bausola, riv.
da F. Tomatis, Bompiani, Milano 2002, pp. [3]-289).
PhO = Philosophie der Offenbarung, SW XIII, pp. 175-530; XIV, pp. 1-334
(trad. it. in Filosofia della rivelazione, a cura di A. Bausola, cit., pp.
[291]-1435).
Darstellung 1843 = Darstellung des Naturprozesses, SW X, pp. 303-390.

opere di hegel

Dissertatio = Dissertatio philosophica de orbitis planetarum, GW 5, pp. [233]-


253 (trad. it. a cura di A. Negri, Laterza, Bari 1984).
Differenz = Differenz des Fichte’schen und Schelling’schen Systems der Philo-
sophie, GW 4, pp. [1]-92 (trad. it. in Hegel, Primi scritti critici, a
cura di R. Bodei, Mursia, Milano 1971, pp. [1]-120).
BN = Über die wissenschaftlichen Behandlungsarten des Naturrechts, GW 4,
pp. 417-485 (trad. it. in Hegel, Scritti di filosofia del diritto (1802-
1803), a cura di A. Negri, Laterza, Bari 1962, pp. [1]-125).
12
JS I = Jenaer Systementwürfe I, GW 6 (trad. it. delle pp. 265-326 in Hegel,
Filosofia dello spirito jenese, a cura di G. Cantillo, Laterza, Bari 1984,
pp. [1]-65).
JS II = Jenaer Systementwürfe II, GW 7 (trad. it. delle pp. 3-178 in He-
gel, Logica e metafisica di Jena (1804-05), a cura di F. Chiereghin,
Verifiche, Trento 1982).
WdL I = Wissenschaft der Logik. Erster Band: die objektive Logik, Erstes
Buch: das Seyn, edizione del 1812: GW 11, pp. [1]-232; edizione
del 1831: GW 21 (Scienza della logica, a cura di A. Moni, riv. da
C. Cesa, voll. 2, Laterza, Roma/Bari 1994, I). L’edizione italiana si
basa sull’ed. curata da L. von Hennig (Berlin 1833) e riveduta da G.
Lasson nel 1923.
WdL II = Wissenschaft der Logik. Zweiter Band: die subjektive Logik, GW
12 (Scienza della logica, a cura di A. Moni, cit., II, pp. [647]-957).
Enz. 1817 = Enzyklopädie der philosophischen Wissenschaften im Grundrisse
(1817), GW 13 (Enciclopedia delle scienze filosofiche in compendio
(1817), a cura di A. Tassi, Cappelli, Bologna 1985; basata sul testo
edito dalla frommann nel 1968 e curato da H. Glockner).
Enz. 1830 = Enzyklopädie der philosophischen Wissenschaften im Grundrisse
(1830), GW 20 (Enciclopedia delle scienze filosofiche in compendio
(1830), a cura di V. Cicero, Bompiani, Milano 2000).

opere di baader

SpD = Speculative Dogmatik, BW VIII, pp. 1-368 (Hefte: I-II-III) e BW IX,


pp. 1-288 (Hefte: IV-V) (Dogmatica speculativa, trad. dei quaderni I
e V in Baader, Filosofia erotica, a cura di L. Procesi, Rusconi, Milano
1982, pp. [247]-442 e pp. [521]-669).
GNW= Privatvorlesungen über J. Böhme’s Gnadenwahl [Sul De electione
gratiae di J. Böhme], BW XIII, pp. 57-158.
RPh = Über religiöse Philosophie [Sulla filosofia religiosa], BW I, pp. 151-
320.
SPh = Societätsphilosophie [Filosofia della società], BW XIV, pp. 55-160.
FC = Fermenta cognitionis, BW II, pp. 137-442 (trad. dei quaderni I e III
in Baader, Filosofia erotica, a cura di L. Procesi, cit., pp. [129]-226).
Zeit = Über den Begriff der Zeit (1818), BW II, pp. 47-94 (Sul concetto
di tempo, in Baader, Filosofia erotica, a cura di L. Procesi, cit., pp.
[95]-128).
Bemerkungen = Bemerkungen über einige antireligiöse Philosopheme unserer
Zeit [Osservazioni su alcuni filosofemi antireligiosi del nostro tempo],
BW II, pp. 443-496.
MM = Über J. Böhme’s Mysterium magnum [Sul Mysterium magnum di J.
Böhme], BW XIII, pp. 159-236.
13
opere di aristotele

Metaph. = Metaphysica, recognovit W. Jaeger, Oxonii 1973 (trad. it. a cura


di G. Reale, in Edizione maggiore rinnovata, 3 voll., Vita e Pensiero,
Milano 1995, II).
APr./APo. = Analytica priora et posteriora, recensuit W.D. Ross, Oxonii
1964 (trad. it. in Aristotele, Opere, Laterza, Roma-Bari 1984, I, pp.
[83]-373).
de An. = De anima, recognovit W.D. Ross, Oxonii 1974 (trad. di M. Zanatta,
Aracne, Roma 2006).
Cat./Int. = Categoriae et De interpretatione, recognovit L. Minio-Paluello,
Oxonii 1974 (per Cat. si fa riferimento alla traduzione di G. Colli
contenuta in Opere, I, pp. [3]-48; la traduzione del Int. è quella di
A. Zadro, Loffredo, Napoli 1999).
Phys. = Physica, recognovit W.D. Ross, Oxonii 1977 (trad. di L. Ruggiu,
Rusconi, Milano 1995).
Le lettere di Schelling sono citate da:
Plitt = Aus Schellings Leben. In Briefen, hrsg. v. G.L. Plitt, 3 Bd.e, S. Hirzel,
Leipzig 1869-70.
L’epistolario Schelling-Hegel è citato da:
Briefe = Briefe von und an Hegel, hrsg. v. J. Hoffmeister, Meiner, Hamburg
19693 , I, (trad. it. in Epistolario I, a cura di P. Manganaro, Guida,
Napoli 1983).
L’epistolario Schelling-Fichte è citato da:
GA, III, 4-5 (trad. it. in Carteggio e scritti polemici, a cura di F. Moiso,
Prismi, Napoli 1986, pp. [39]-160).
INTRODUZIONE

Il dialogo intenso di Schelling con Hegel è, com’è noto, fecondo di


contrasto ma spesso anche di novità di ispirazione. La presente ricer-
ca ricostruisce questo dialogo sotto un profilo insieme storico e teo-
retico, guardando alla natura come al nodo tematico in cui il dissidio
speculativo, esplodendo, lascia emergere ogni volta nella sua radica-
lità un’opposizione che riguarda i due percorsi teorici già nella loro
tensione fondamentale. Ancor prima di ogni critica esplicita all’av-
versario, infatti, Schelling esprime proprio nella sua concezione della
natura una distanza da Hegel, che rimane in ogni caso incolmabile e,
semmai, si va sempre più approfondendo.
Già nel periodo jenese, per quanto vicino a Hegel, con il quale
condivide la critica all’idealismo fichtiano e il progetto di compren-
sione del significato speculativo della natura, Schelling rimane fedele
a se stesso e alla originalità della sua ispirazione. Egli certamente re-
cepisce la lezione hegeliana, come hanno dimostrato K. Düsing1 e P.
Ziche2 : ispirato da Hegel, nel Bruno Schelling rivede la concezione
dell’Assoluto esposta nel 1801, cercando di cogliere l’identità assolu-
ta nella sua intera pienezza e di pensare più a fondo il modo in cui il
particolare è nell’Assoluto. Eppure, il particolare, anche se non è più
colto nel suo annullarsi nell’equilibrio dell’indifferenza assoluta, ed è
piuttosto pensato come congiunto al tutto e agli infiniti sviluppi che
possono riguardarlo, rimane un particolare che è tale solo idealmen-
te e secondo il concetto, perché nell’Assoluto tutto è assoluto, tutto
è idea. Anche la Dissertatio hegeliana attira l’attenzione di Schel-
ling, ma questi recepisce l’esposizione delle leggi di Keplero solo per
volgerla ad esprimere il senso di una identità che non si genera a
sé nel suo differirsi, ma si espone nella sua originarietà attraverso la
differenza e nonostante essa.

1 Cfr. K. Düsing, Absolute Identität und Formen der Endlichkeit. Interpretatio-

nen zu Schellings und Hegels erster absoluter Metaphysik, in Schellings und Hegels erste
absolute Metaphysik (1801-1802). Zusammenfassende Vorlesungsnachschriften von I.P.V.
Troxler, hrsg. v. K. Düsing, Dinter, Köln 1988, pp. 99-193 e K. Düsing, Spekulation
und Reflektion. Zur Zusammenarbeit Schellings und Hegels in Jena, in «Hegel-Studien» 5
(1969), pp. 95-128.
2 Cfr. P. Ziche, Mathematische und naturwissenschaftliche Modelle in der
Philosophie Schellings und Hegels, frommann-holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 1996.
16 La natura contesa
Ma il periodo jenese non è solo caratterizzato dalla condivisione
di temi e progetti e, insieme, dall’assoluta autonomia con cui i due
filosofi seguono la loro ispirazione. In esso si evidenziano anche i pri-
mi germi del dissidio: come ha evidenziato F. Moiso3 , fin dal 1803,
nell’ambito della sua polemica con H. Steffens, Hegel critica la con-
cezione schellinghiana della differenza come differenza quantitativa,
e si impegna a ripensare il rapporto tra idea e concetto. La maturazio-
ne da parte di Hegel di una concezione che sappia guardare all’Asso-
luto non come autouguaglianza statica, ma piuttosto come processo
del proprio determinarsi fino a sé, ha delle ricadute inevitabili sul
piano sistematico e sul significato che la natura assume all’interno
del sistema. Così, mentre Hegel riconosce nella natura sempre più
il luogo dell’essere-altro, Schelling, da parte sua, ribadisce l’idea di
una distinzione tra una natura ideale, che è la stessa infinita produt-
tività, e una natura finita, solo fenomenica, intesa come tutto reale di
contro all’ideale; e però, non si sottrae certo alla sfida di un sempre
ulteriore approfondimento di questa sua concezione. Il concetto di
natura nella tarda filosofia dell’identità, nella sua distanza dal con-
cetto hegeliano, ma anche nelle sue ambiguità ed oscillazioni, è stato
finora indagato solo superficialmente dalla critica – si pensi agli stu-
di di Schmied-Kowarzik4 , il quale si limita a fare in proposito solo
rilievi di carattere generale –; l’analisi di questo concetto porta a sta-
bilire che, se anche si apre all’idea che la natura (fenomenica) come
regno della caduta sia stadio necessario in vista del ritorno consape-
vole delle idee nell’Assoluto, Schelling tiene pur sempre ferma l’idea
della natura come connessione reale e per sé essente e, dunque, an-
che la concezione di un movimento duplice – nel reale e nell’ideale
–, dove tanto il reale quanto l’ideale sono pensati come forme feno-
meniche finite che, annientando progressivamente la loro finitezza,
giungono a presentare in immagine l’identità assoluta stessa. Que-
sta è concepita non già come un mero equilibrio degli opposti, bensì
come un totale esser-uno e, come tale, può trovare la sua piena espo-
sizione solo nella ragione – intesa a sua volta come pura identità che
sta al di fuori del reale e dell’ideale e anzi risolve in sé ogni forma

3 Cfr. F. Moiso, Die Hegelsche Theorie der Physik und der Chemie in ihrer Be-

ziehung zu Schellings Naturphilosophie, in Hegels Philosophie der Natur, hrsg. v. R.-P.


Horstmann/M.J. Petry, Klett-Cotta, Stuttgart 1986, pp. 54-87.
4 Cfr. W. Schmied-Kowarzik, „Von der wirklichen, von der seyenden Natur“.

Schellings Ringen um eine Naturphilosophie in Auseinandersetzung mit Kant, Fichte und


Hegel, frommann-holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 1996.
Schelling critico di Hegel 17
finita –, e nella filosofia – intesa come il divenire consapevole della
ragione stessa –.
Il primo periodo monachese è stato oggetto di analisi da parte
di quegli studiosi – ad esempio Th. Buchheim5 e M. Fujita6 – che,
a proposito del rapporto tra Schelling e Hegel, coltivano il convinci-
mento che già nelle Ricerche filosofiche del 1809 Schelling non solo
prenda posizione contro Hegel, ma anche tradisca l’influenza eser-
citata sul suo pensiero dalla lettura della Fenomenologia. Durante il
primo soggiorno a Monaco Schelling si apre certamente alla storia,
all’idea di svolgimento, ad un nuovo apprezzamento dell’esercizio
dialettico; ma è anche vero che questa trasformazione teorica affon-
da le sue radici in un lungo processo di maturazione tutto interno al
pensiero di Schelling, avviatosi già negli anni 1805 e 1806. Per quan-
to dunque rimanga problematico riconoscere nelle Ricerche le tracce
di un’influenza hegeliana o anche di una critica a Hegel, il primo pe-
riodo monachese nel complesso rimane ugualmente interessante dal
punto di vista del dialogo di Schelling con Hegel, dal momento che,
soprattutto nella filosofia dei Weltalter – come emerge dalle ricerche
di H. Fuhrmans e da quelle, più recenti, di Th. Leinkauf7 –, Schel-
ling non solo avvia la sua polemica nei confronti dei puri dialettici,
ma, lavorando sul concetto di de-cisione, si impegna anche nella con-
cezione della libertà divina come libertà assoluta nei confronti della
natura (intesa come natura creata e distinta dalla natura eterna che
Dio ha in se stesso), cosicché si profilano già qui alcuni dei nodi teo-
rici, intorno ai quali ruoterà la polemica anti-hegeliana del secondo
periodo monachese.
Nel periodo di Erlangen, Schelling – secondo H. Fuhrmans a
causa dell’influenza esercitata sul suo pensiero dalla lettura dell’Enci-
clopedia – sembra interrompere l’indagine volta a scavare all’interno
del tema della libertà di Dio nei confronti del processo del mondo,
per tornare ad esporre il mondo come processo unico del venire a
sé dell’eterna libertà. In realtà, è il pensiero stesso di Schelling a

5 Cfr. Th. Buchheim, Zwischen Phänomenologie des Geistes und Vermögen zum

Bösen: Schellings Reaktion auf das Debüt von Hegels System, in «Archiv für Geschichte
der Philosophie» 85 (2003), pp. 304-330.
6 Cfr. M. Fujita, Hegels Phänomenologie des Geistes und Schellings Freiheits-

schrift, in Natur, Kunst und Geschichte der Freiheit, hrsg. v. J. Matsuyama/H.J.


Sandkühler, Lang, Frankfurt a.M. 2000, pp. 115-126.
7 Cfr. Th. Leinkauf, Sein-Können, Tat, Existenz: Aspekte von Schellings Hegel-

Kritik in der Weltalter-Philosophie, in «Perspektiven der Philosophie. Neues Jahrbuch»,


30 (2004), pp. 63-104.
18 La natura contesa
conoscere una crisi interna, forse acuita dalla lettura di Hegel, ma
soprattutto prodotta dalla tensione duplice che lo anima. Ora l’As-
soluto è libertà eterna intesa come potenza di essere, e Schelling, per
un verso, tenta di arginare questa potenza – di custodirla nel suo
essere soggetto –, in modo da attingere una libertà intesa come ori-
gine; per altro verso, sottolinea, come mai prima d’ora, che libertà è
solo quella che conosce la differenza, il processo, l’auto-distinzione:
questa tensione – che ad ogni istante minaccia di trasformarsi in con-
fusione e che è stata troppo a lungo trascurata dalla critica8 – merita
un approfondimento ed una considerazione, che la riguardi come
il carattere distintivo di un periodo in cui Schelling certamente co-
mincia a polemizzare con Hegel – al periodo di Erlangen, del resto,
risalgono i primi scarni elementi del conflitto esplicito –, ma soltanto
perché è impegnato soprattutto a contendere con se stesso.
Il secondo periodo monachese segna, com’è noto, l’esplodere
della polemica esplicita con Hegel. A differenza di quelle indagini
che si concentrano sulla valutazione della fondatezza o infondatez-
za delle critiche che Schelling muove ad Hegel (R.-P. Horstmann9 ,
K. Brinkmann10 , B. Burkhardt11 , A. White12 ), il presente studio in-
tende ricostruire le istanze schellinghiane che stanno alla base della
formulazione della sua nuova proposta teorica, analizzando in che
senso il dialogo polemico con Hegel non solo rifletta quelle istanze,
ma contribuisca a precisarle ulteriormente.
Giunto a Monaco nel 1827, Schelling si dedica con ogni energia
alla concezione dell’Assoluto nella sua libertà ed originarietà: egli si
impegna perciò ad arginare, in un modo più radicale di quanto non
avesse fatto ad Erlangen, quella potenza di essere assolutamente in-
stabile che per sua natura trapassa irresistibilmente nell’essere cieco
e, da questo, di nuovo, nel processo, attraverso il quale quell’esse-

8 Un’iniziale analisi di questo aspetto è stata compiuta da J.-F. Marquet, Schelling

et la tentation hégélienne, in «Les études philosophiques» 2 (janvier-mars 1974), pp. 187-


196.
9 Cfr. R.-P. Horstmann, Logifizierte Natur oder naturalisierte Logik? Be-

merkungen zu Schellings Hegel-Kritik, in Hegels Philosophie der Natur, hrsg. v. R.-P.


Horstmann/M.J. Petry, cit., pp. 290-308.
10 Cfr. K. Brinkmann, Schellings Hegel-Kritik, in Die ontologische Option, hrsg. v.

K. Hartmann, W. de Gruyter, Berlin/New York 1976, pp. 117-210.


11 Cfr. B. Burkhardt, Hegels „Wissenschaft der Logik“ im Spannungsfeld der

Kritik, Olms, Hildesheim 1993, pp. 9-47, e pp. 423 e sgg.


12 Cfr. A. White, Absolute knowledge: Hegel and the problem of metaphysics, Ohio

Univ. Press, Athens/Ohio/London 1983.


Schelling critico di Hegel 19
re illimitato è progressivamente ricondotto nel limite. Cercando di
concepire la libertà di Dio verso l’essere e nei confronti dell’essere,
Schelling non si accontenta più di frenare la motilità della potenza
assegnandole come custode un puro atto, ma concepisce le poten-
ze stesse come mere differenze dell’essere divino, elevandosi fino a
concepire Dio come il Signore che non presuppone nulla, neanche il
non essere in una qualche forma. Riguardata alla luce di questo ten-
tativo teorico, la filosofia hegeliana mostra, agli occhi di Schelling,
tutti i suoi limiti: invece di ricondurre la potenza alla sua interiori-
tà, fino a concepire libertà autentica nei confronti dell’essere, Hegel
avrebbe tentato il percorso inverso, cominciando con l’essere e con-
dannandosi a non giungere alla libertà. Dinanzi alla libertà radica-
le del principio, al pensiero non rimane che decidersi a de-cidere la
filosofia, restringendo le sue pretese esistenziali: la delusione schel-
linghiana si fa dunque ancor più grande, nel vedere che la filosofia
hegeliana – che pure, a differenza del pensiero dell’identità, sa rico-
noscersi come filosofia logica – smentisce tuttavia immediatamente
il suo programma. Eppure, la filosofia hegeliana non si limita ad of-
frire a Schelling quello che egli considera l’esempio triste di un vano
confusionismo, ma acuisce in lui anche la consapevolezza degli esi-
ti nichilistici di ogni filosofia che si limiti a concepire un rapporto
necessario tra Dio e mondo.
Così, anche a Monaco, la natura e il suo rapporto con l’Assolu-
to tornano a presentarsi come il tema, in cui il dissidio speculativo
tra Schelling e Hegel esplode in modo particolarmente violento. Ora
Schelling accusa Hegel di avere obliato due volte la natura, e sotto un
duplice rispetto: quella che Hegel concepisce non sarebbe la natura
a priori, perché questa avrebbe dovuto essere nella Logica; ma non
sarebbe neanche la natura esistente, perché è l’Idea stessa che com-
pie il passaggio nella natura e lo fa, per di più, in un modo che, agli
occhi di Schelling, interessato a concepire la creazione libera, non
può che risultare insoddisfacente. Secondo la ricostruzione schel-
linghiana, l’Idea hegeliana, infatti, cadrebbe immediatamente nella
natura, attraverso una libertà dubbia o, meglio, una necessità incon-
fessata, rimanendo altresì assoggettata al processo cui dà inizio. Così,
la critica alla concezione hegeliana della natura finisce con il dimen-
sionarsi secondo due linee direttrici. Il primo nucleo della polemica
– oggetto delle recenti ricerche di Lotito13 – è costituito dalla criti-
13 Cfr. L. Lotito, Potenza e concetto nella critica schellinghiana a Hegel, Guerini,

Milano 2006.
20 La natura contesa
ca schellinghiana alla auto-chiusura della concettualità hegeliana: il
fatto che la natura hegeliana – dal punto di vista di Schelling – sia di
nuovo solo concetto e non, piuttosto, un plus rispetto al logico, è per
il filosofo di Leonberg la prova evidente della limitatezza che affette-
rebbe la concettualità hegeliana, incapace di concrescere con il reale,
di restare aperta e tesa oltre sé. Ed è chiaro che, al di sotto di questo
aspetto della critica, quel che si annuncia è il progetto schellinghiano
di ampliare il pensare, fino a renderlo capace di reggere il rapporto
con ciò che è realmente altro dal logico; capace cioè di non liquidare
il realmente altro semplicemente come inessenziale, ma anche di non
ridurlo a qualcosa che, sprigionato dal logico in tutta la sua alterità
ed esteriorità, non esca però dal logico stesso.
Il secondo nucleo della polemica è più sotterraneo e non espli-
cito, ma non meno fondamentale: si tratta di un fronte polemico,
finora pressoché inesplorato dalla critica, che affonda le sue radici
nella speculazione schellighiana del primo periodo monachese. A
partire dal 1810, Schelling concepisce un processo unico ascendente
che, partendo dalla natura, culmina nel mondo degli spiriti: l’uomo
– che compie il processo naturale ed è chiamato a tenere aperta la
natura al mondo spirituale, confermandola così nel suo movimento
di ascesa e di tensione al compimento –, cadendo, destina la natura
al ritorno all’inorganico, all’insorgere dell’accidentalità. Nel 1827,
in un orizzonte teorico diverso e avendo abbandonato l’idea di uno
sviluppo di realizzazione duplice, Schelling torna a ribadire le re-
sponsabilità dell’uomo nei confronti della natura, inserendo questo
rilievo all’interno di una teoria della creazione concepita in contrap-
posizione a Hegel. Dio, essendo perfettamente compiuto in sé e già
consapevole di sé, non avendo bisogno del mondo, avvia il processo
naturale, ma non rimane assoggettato ad esso, bensì si libra al di so-
pra della tensione del processo; la natura, da parte sua, non è caduta
dell’Idea da sé, ma processo ascendente, che tende al compimento.
Certo, la natura è negazione dell’unità divina e quest’ultima si ripri-
stina solo nella coscienza umana; ma Schelling vorrebbe concepirla
anche come una esteriorità tale, che si mantiene in Dio e nell’unità
e, anzi, tende a ritornare in Dio, compiendosi proprio come natura.
Solo per colpa dell’uomo la natura ricadrebbe nella disgregazione e
nella vanità di un processo non più produttivo: in sé, essa non sa-
rebbe esteriorità, né tale dovrebbe rimanere. In questo orizzonte di
questioni si rivela feconda l’analisi della critica che, nello stesso pe-
riodo, Fr. v. Baader muove a Schelling: la ricostruzione del dialogo
Schelling critico di Hegel 21
polemico Schelling-Baader – condotta finora solo dal punto di vi-
sta di Baader da P. Koslowski14 – permette di guadagnare lo spazio
per un approfondimento critico della stessa operazione speculativa,
attraverso la quale Schelling vorrebbe distanziarsi da Hegel. Baader
infatti accusa Schelling di non riuscire a concepire una vera libertà di
Dio nei confronti della creazione; e, anzi, si spinge fino ad accusarlo
di fraintendere la circolazione perfetta della manifestazione divina,
assoggettando Dio, oltre che al dolore di una resistenza, anche alla
logica dello sviluppo. Agli occhi di Baader, dunque, la nuova posizio-
ne schellighiana, lungi dal superare i limiti della posizione hegeliana,
non farebbe che rivelare il vincolo segreto tra i due pensatori. Coin-
volgendo in una critica comune Schelling e Hegel, e contestando il
modo in cui entrambi concepiscono la natura e il suo significato nel-
la manifestazione dell’Assoluto, Baader evidenzia ambiguità profon-
de e tensioni irrisolte, che caratterizzano senz’altro la nuova filosofia
schellighiana e, soprattutto, la sua concezione della natura.
Il periodo berlinese vede Schelling impegnato nella edificazio-
ne della filosofia negativa rettamente concepita. Alla luce di questo
nuovo progetto schellinghiano la stessa polemica antihegeliana as-
sume toni nuovi: come già rilevava M. Theunissen15 , a Berlino, lo
stesso sviluppo del filosofare hegeliano viene integrato nella filosofia
puramente razionale e sottoposto ad una critica che ora si dimensio-
na come esposizione e, insieme, eliminazione del processo razionale;
mentre è soprattutto il dialogo con Aristotele – come hanno eviden-
ziato le recenti ricerche di Th. Leinkauf16 – a permettere a Schelling
di esprimere in modo nuovo il punto della controversia tra lui e He-
gel. Del tutto inesplorato dalla critica rimane il modo in cui Schelling
ora si impegna a costruire una filosofia della natura coerentemente
intesa come scienza razionale. È all’interno di questo nuovo orizzon-
te di questioni che le tensioni interne al pensiero schellinghiano si
manifestano in tutta la loro irresolutezza: nell’ansia schellinghiana di
costruire per un verso la natura a partire dai principi dell’Idea, per
altro verso il mondo materiale risultato della caduta dell’uomo, quel
che si riflette è, infatti, l’aporeticità di una proposta che, pur segna-
14 Cfr. P. Koslowski, Philosophien der Offenbarung. Antiker Gnostizismus, Franz

von Baader, Schelling, Schöningh, Paderborn u.a. 2003.


15 Cfr. M. Theunissen, Die Idealismuskritik in Schellings Theorie der negativen

Philosophie, in Ist systematische Philosophie möglich?, hrsg. v. D. Henrich, Bouvier,


Bonn 1977 («Hegel-Studien» Beiheft 17), pp. 173-191.
16 Cfr. Th. Leinkauf, Schelling als Interpret der philosophischen Tradition, LTI,

Münster 1998.
22 La natura contesa
lando i limiti della posizione hegeliana, non riesce ad offrire una vera
alternativa al pensiero di Hegel. Insistendo sulla libertà della mani-
festazione da un lato e sull’autonomia costruttiva del pensare dall’al-
tro, la proposta di Schelling rimane costantemente oscillante, esposta
com’è al rischio inevitabilmente ambiguo, di imporre al piano della
fatticità la logica del pensare e, insieme, di far subire al pensare le
incursioni della fatticità.
SEZIONE PRIMA

La collaborazione jenese
e le prime inconfessate divergenze
CAPITOLO PRIMO

Introduzione
Giungendo a Jena nel 1801, Hegel si stabilisce inizialmente proprio
a casa di Schelling1 . La città non è invero più quella che Schelling ha
conosciuto al suo arrivo2 : la roccaforte dei Romantici, infatti, è ormai
avviata verso un lento, inesorabile declino. A.W. Schlegel ha lasciato
la città, come anche Tieck; mentre Fichte, espulso perché accusato
di ateismo, si è già da tempo trasferito a Berlino, e Novalis morirà di
lì a poco nella non lontana Weißenfels. Mentre l’astro romantico si
oscura, è il pensiero di Schelling che, tra il 1800 e il 1801, maturato
il definitivo allontanamento da ogni dualismo, riluce3 d’inedito chia-
rore. “Il solstizio dell’identità”4 , certo, sarebbe cominciato solo nel
maggio 1801, in occasione della pubblicazione della Esposizione del
mio sistema filosofico; ma già nell’autunno 1800, Schelling ha dato al-
le stampe il saggio Sul vero concetto della filosofia della natura5 , in cui
si profila il nuovo cammino e il definitivo allontanamento da Fichte.
1 Dopo avere lasciato lo Stift di Tubinga nel 1793 ed avere soggiornato a Berna,

Tschugg e quindi a Francoforte, Hegel arriva a Jena nel gennaio 1801, e si stabilisce nel-
la casa jenese di Schelling, dove si trattiene per lungo tempo; cfr. la lettera di Hegel a
Hufnagel del 30 dicembre 1801, dove il filosofo riferisce di abitare ancora presso Schel-
ling (Hegel, Briefe, pp. 64-66; trad. cit., pp. 167-168). Schelling invece era rimasto
a Tubinga fino al 1795 e, dopo un soggiorno a Stuttgart (novembre 1795-marzo 1796) e
Lipsia, dove aveva pubblicato la Rassegna generale della letteratura filosofica più recente, il
suo primo scritto di filosofia della natura (Idee per una filosofia della natura) e il Sull’anima
del mondo, era stato chiamato a Jena come professore straordinario fin dal 1798.
2 Sandkühler distingue con precisione il clima culturale jenese nel primo soggior-

no schellinghiano (dall’ottobre 1798 al maggio 1800) dal clima culturale che Schelling
trova al suo ritorno nella stessa Jena nell’ottobre 1800, dopo la breve permanenza a
Bamberg (cfr. H.J. Sandkühler, Friedrich Wilhelm Joseph Schelling, J.B. Metzlersche
Verlagsbuchhandlung, Stuttgart 1970, pp. 68-70).
3 Cfr. la lettera di Schelling a Eschenmayer del 30 luglio 1805, dove il filosofo di

Leonberg così ripercorre il suo cammino filosofico: «fin dal momento in cui mi è apparsa
la luce nella filosofia, e cioè fin dal 1801, quando pubblicai i noti Aforismi, ma già prima,
verso la fine del mio Sistema dell’idealismo, io ho sostenuto, con tutta la chiarezza che mi
era possibile, che la filosofia non consiste in nessun modo in un’oggettivazione del modello
originario, cioè in un porre (in questo senso soggettivo) il modello originario o l’Assoluto
come un oggettivo» (Plitt, II, pp. 60-61).
4 Così lo chiama X. Tilliette nella sua Schelling biographie, Calmann-Lévy, Paris

1999, p. 133.
5 Lo scritto Über den wahren Begriff der Naturphilosophie si trova in Schelling,

ZfsP, II, pp. 297-319 (=SW IV, pp. 81-103). Il testo, già in corso di stampa alla fine
del settembre 1800 (cfr. la lettera di Schelling a Eschenmayer del 22 settembre 1800, in
26 La collaborazione jenese
Fin dai tempi di Berna, Hegel ha da parte sua condiviso la po-
lemica di Schelling contro i teologi di Tubinga; ma, soprattutto, ha
seguito con interesse il confronto schellinghiano con il pensiero fich-
tiano6 . Trasferitosi a Jena, egli sceglie come tema per il suo esordio
pubblico proprio la differenza tra il sistema schellinghiano e quello
fichtiano, e dà alle stampe, nel luglio 1801, il saggio dal titolo Dif-
ferenza fra il sistema filosofico di Schelling e quello di Fichte; mentre,
in vista dell’esame di abilitazione alla libera docenza (tenutosi il 27
agosto dello stesso anno), egli si dedica alla scrittura della Disserta-

Plitt, I, pp. 312-313), uscì solo nel gennaio 1801. H. Fuhrmans ritiene improbabile che
Hegel conoscesse già questo testo prima di giungere a Jena, ma esclude che Hegel non
conoscesse le opere di Schelling e, soprattutto, il nuovo corso che stava prendendo il suo
pensiero. Egli perciò critica interpretazioni come quella di Haering o Michelet, che ten-
dono ad escludere un’influenza schellinghiana sulla maturazione del pensiero hegeliano
rilevabile nelle opere jenesi, e che insistono anzi nel sottolineare la matrice esclusivamente
hegeliana della svolta che porta Schelling a concepire il suo pensiero dell’identità. L’in-
cidenza di Hegel va riconosciuta per Fuhrmans soltanto nella definizione teorica della
svolta schellinghiana, ma non nella svolta stessa: questa maturava già da tempo all’interno
del pensiero schellinghiano (cfr. H. Fuhrmans, Schelling und Hegel. Ihre Entfremdung,
in F.W.J. Schelling, Briefe und Dokumente, 3 Bd.e, Bouvier, Bonn 1962, I, pp. 451-553,
p. 469; cfr. anche Th.L. Haering, Hegel, sein Wollen und sein Werk, B.G. Teubner,
Leipzig/Berlin 1929, I, pp. 684-685; e K.L. Michelet, Einleitung in Hegel’s philosophi-
sche Abhandlungen (Berlin 1832), Culture et civilisation, Bruxelles 1968, p. VI). Anche
Biedermann contesta l’interpretazione del rapporto tra i due filosofi, per la quale Hegel
non avrebbe nemmeno conosciuto le opere di Schelling prima del suo arrivo a Jena; egli
però segnala anche l’inconsistenza di interpretazioni, secondo le quali solo a Jena Hegel
sarebbe giunto a formulare la sua novità di pensiero, grazie alla collaborazione di Schel-
ling; e, da parte sua, rileva, già al tempo della collaborazione jenese con Schelling e, nella
fattispecie, nello Scritto sulla differenza, il profilarsi di quei tratti del pensiero di Hegel, che
porteranno alla rottura con l’amico (cfr. G. Biedermann, Bemerkungen zum Verhältnis
von Schelling und Hegel, in «Wissenschaftliche Zeitschrift» 25 (1976), pp. 35-42).
6 Nel periodo che va dal 1793 al 1795, nonostante la lontananza di Hegel da Tu-

binga, non viene meno l’amicizia tra i due filosofi: essi intrattengono un vivace dialogo
epistolare, scambiandosi riflessioni e condividendo progetti. Schelling, che in molte lette-
re ha già espresso a Hegel la sua insoddisfazione per la situazione in cui versa la teologia
nello Stift, invia a Hegel il suo scritto del 1794, e questi non tarda a manifestare all’amico,
in una lettera del 16 aprile 1795, tutta la sua ammirazione: «vi scorgo il lavoro di una
testa, della cui amicizia possa andar fiero, e che recherà il suo grande contributo alla più
importante rivoluzione nel sistema delle idee di tutta la Germania» (Hegel, Briefe, p. 23;
trad. cit., p. 117). Cfr. anche la lettera del 21 luglio 1795, dove Schelling, inviando a
Hegel la sua dissertazione e anche l’altro suo scritto del 1795 (Dell’Io come principio della
filosofia), lo invita a prenderne visione, ma anche a leggere nel Philosophisches Journal le
sue Lettere su dogmatismo e criticismo (Hegel, Briefe, pp. 27-29; trad. cit., pp. 121-123).
Sull’influenza che le prime opere di Schelling esercitano sulla posizione che Hegel viene
maturando nei confronti dei risultati della filosofia kantiana, cfr. M. Fujita, Philosophie
und Religion beim jungen Hegel. Unter bes. Berücksichtigung seiner Auseinandersetzung
mit Schelling, «Hegel-Studien», Beiheft 26 (1985).
Capitolo primo: introduzione 27
tio philosophica de orbitis planetarum. In entrambi i suoi lavori7 si
fa evidente la consonanza speculativa con Schelling, la fedeltà ad un
identico progetto filosofico8 . Nel 1802, dopo la rottura definitiva
di Schelling con Fichte, quell’unità d’intenti si traduce nella colla-
borazione dei due pensatori alla redazione congiunta del Kritisches
Journal für Philosophie9 . Mentre Schelling non manca di acquisire e
rielaborare suggerimenti hegeliani nelle opere che in quel periodo va
pubblicando, anche Hegel fa tesoro degli insegnamenti schellinghia-
ni di filosofia della natura – che da tempo dovevano essergli familiari
– nell’ambito dei suoi corsi jenesi di Realphilosophie.
Una tensione comune unisce certamente Schelling ed Hegel; ma
il dialogo, finanche nel momento della sua massima intensità, non si
trasforma mai in un filosofare simpatetico, in cui le differenze siano
cancellate o la natura di ognuno non più identificabile. Né Schelling
né Hegel appongono la loro firma ai saggi che ognuno redige per
il Kritisches Journal; tuttavia, ognuno continua a percorrere il suo
cammino in modo autonomo e indipendente. Dopo le approfondite
ricerche di P. Ziche e W. Neuser10 , non si può più sostenere con H.

7 La Differenz non cita mai la Darstellung 1801, e non ne utilizza nemmeno la

terminologia. È così possibile che lo scritto di Hegel sia stato cominciato «prima che la
Darstellung di Schelling fosse finita» (H. Fuhrmans, Schelling und Hegel. Ihre Entfrem-
dung, cit., p. 472). È tuttavia evidente che Hegel conosce già – forse da discussioni con
Schelling, forse anche dalla lettura del saggio Sul vero concetto della filosofia della natura –
il nuovo punto di vista che la filosofia dell’amico ha guadagnato. Anche la Dissertatio de
orbitis planetarum evidenzia in Hegel la condivisione del progetto schellinghiano.
8 Dagli scritti hegeliani d’esordio, secondo H. Fuhrmans, è possibile evincere con

certezza che non solo Hegel aderì al progetto schellinghiano del definitivo superamento
dei limiti della filosofia fichtiana, ma contribuì anche alla maturazione del confronto (cfr.
H. Fuhrmans, Schelling und Hegel. Ihre Entfremdung, cit., p. 472).
9 Cfr. G.W.F. Hegel & F.W.J. Schelling, Kritisches Journal für Philosophie,

Cotta, Tübingen 1802/1803 (rist. Hegel/Schelling, Kritisches Journal für Philosophie,


hrsg. v. S. Dietzsch, deb, Westberlin 1985). Schelling e Hegel avevano organizzato anche
inizialmente un corso di lezioni diretto da entrambi (cfr. F. Nicolin, Aus Schellings und
Hegels Disputatorium im Winter 1801/1802, in «Hegel-Studien» 9 (1974), pp. 43-48).
Sulla vanità delle dispute relative all’attribuzione dei vari scritti contenuti nel Kritisches
Journal, cfr. X. Tilliette, Schelling. Une philosophie en devenir, 2 voll., Vrin, Paris 1970,
I, p. 296.
10 A proposito degli stimoli che Schelling avrebbe tratto dalla lettura della Disser-

tatio de orbitis e delle tesi hegeliane di abilitazione, oltre a X. Tilliette, Schelling. Une
philosophie en devenir, cit., I, pp. 298 e sgg., cfr. in particolare P. Ziche, op. cit., pp.
142 e sgg.; a proposito dell’influenza che la lettura delle tesi hegeliane avrebbe esercitato
sulla concezione di molte parti delle Ulteriori esposizioni, cfr. W. Neuser, Schelling und
Hegels Habilitationsthesen, in «Philosophia naturalis» 23 (1986), pp. 288-292, spec. p.
289; cfr. anche le annotazioni manoscritte di Schelling alle tesi di Hegel, apposte in oc-
casione dell’esame di abilitazione cui Schelling partecipava come “Opponens”, in Hegel,
28 La collaborazione jenese
Fuhrmans che Hegel abbia esercitato su Schelling un influsso presso-
ché trascurabile11 . Tuttavia va precisato che, pur recependo stimoli
hegeliani, Schelling non cessa di flettere le intuizioni di Hegel a ser-
vizio delle istanze sue proprie. Così, proprio per la radicalità con cui
ognuno tende sempre ad evidenziare l’aspetto che più gli preme, già
negli anni della collaborazione jenese, si profila tra i due filosofi una
sottile divergenza12 . Ricostruire questo dissidio, ancora inconsape-
vole ed aurorale, permetterà di far emergere in tutta la sua specificità
l’interesse filosofico di Schelling.

I. Preidealismo e metafisica assoluta∗


Dal 1797, com’è noto, Schelling si era impegnato con ogni energia
nella concezione di una filosofia capace di superare la visione mecca-
nicistica della natura e di pensare quest’ultima in quella sua interna

Dissertatio Philosophica de Orbitis Planetarum, hrsg. v. W. Neuser, Acta humaniora,


Weinheim 1986, pp. 141-145.
11 Cfr. H. Fuhrmans, Schelling und Hegel. Ihre Entfremdung, cit., p. 479. Fuhr-

mans precisa che «non va diversamente per i lavori di Hegel. Anzi, essi stupiscono ancora
di più: proprio mai, o solo raramente (forse nel “sistema dell’etica”) essi parlano la lin-
gua di Schelling e utilizzano ben poco la sua terminologia» (ibidem). Fuhrmans sottolinea
opportunamente quanto sia superfluo ribadire l’originalità di tutti i corsi jenesi di Hegel,
e critica dunque quanti sostengono che Hegel si sarebbe allontanato da Schelling molto
presto: «piuttosto – mi pare giusto sottolinearlo ancora una volta – Hegel non fu mai
schellinghiano, e non ebbe perciò mai bisogno di “allontanarsi” da Schelling» (ivi, p. 480).
Il fatto che però ognuno procedesse sul suo cammino non esclude la condivisione di temi,
lo scambio; anzi, il fatto che ognuno, nonostante l’identità di intenti, procedesse tuttavia
in assoluta autonomia, rende il loro rapporto ancora più significativo. L’analisi di questo
rapporto si presenta come necessaria proprio in vista di una migliore comprensione delle
istanze profonde che animano il filosofare di ognuno dei due.
12 A proposito del rapporto di Schelling con Hegel a Jena, così si pronuncia X.

Tilliette: «sarebbe misconoscere la sua psicologia, la coscienza gelosa che egli ha del
suo genio, se lo si raffigurasse alacremente attento alle spiegazioni altrui. Proprio mentre
egli attira a sé, come limatura, i grani di verità prodotti dai suoi amici e dagli avversari,
egli non perde la sua diffidenza suscettibile, li utilizza per precisare e rinsaldare la propria
ricerca. Durante questa fase di osservazione reciproca, egli è lontano dal prevedere che
un rivale è apparso al suo fianco, ma un presentimento lo avverte che Hegel è ben altro
che un seguace. Di qui un impercettibile equivoco sulle loro relazioni» (Schelling. Une
philosophie en devenir, cit., p. 297).
∗ Già negli anni ottanta, K. Düsing distingueva una prospettiva pre-idealistica,

nella quale «l’Assoluto all’interno di questo rapporto [e cioè del rapporto tra l’Assolu-
to e l’Io] viene concepito certo come fondamento, e però pur sempre come inconosci-
bile per la filosofia nelle sue determinazioni essenziali» (Absolute Identität und Formen
der Endlichkeit, cit., p. 105), e una prospettiva idealistica, nella quale invece «l’Assoluto-
può oramai [. . . ] essere conosciuto completamente attraverso il pensare speculativo o la
ragione speculativa» (ivi, p. 121).
Preidealismo e metafisica assoluta 29
vitalità per cui essa è essenzialmente organica. Il tentativo di gua-
dagnare un punto di vista più alto rispetto a quello fichtiano, una
dimensione più radicale e originaria che permettesse anche di pensa-
re la natura nella sua autonomia, aveva indotto il filosofo nell’estate
1799, precisamente nell’Introduzione al suo Primo abbozzo, a con-
cepire la filosofia della natura e la filosofia trascendentale come due
scienze opposte e ugualmente necessarie.
Se la filosofia trascendentale subordina il reale all’ideale, la filo-
sofia della natura, invece, spiega l’ideale a partire dal reale13 e, ri-
guardando la natura come un tutto autonomo che sussiste in forza
di sé, penetra al di là delle connessioni meccanicistiche superficiali14 ,
per raggiungere il fondo assolutamente non oggettivo della stessa na-
tura15 , il suo interno impulso, che si dispiega nell’antagonismo tra
l’infinita produttività e gli ostacoli da cui questa si trova impedita16 .

13 Cfr. Schelling, Einleitung 1799, p. 30 (trad. cit., p. 148). Nella Vorrede

del System 1800, datata fine marzo 1800, egli descrive le due scienze come «eternamente
contrapposte, [e tali] che giammai possono fondersi in una sola», ma sono indispensabili
entrambe (Schelling, System 1800, p. 25; trad. cit., p. 47). Nell’Einleitung, egli precisa
poi che i due orientamenti del sapere sono «simultanei e uno [gleichzeitig und Eins]» (ivi,
p. 29; trad. cit., p. 53). Sulle difficoltà che questo rapporto comporta, cfr. anche V. Hös-
le, Hegels System. Der Idealismus der Subjektivität und das Problem der Intersubjektivität,
2 Bd.e, Meiner, Hamburg 1988, I, p. 48.
14 Sulla critica alla visione meccanicistica della natura e in particolare all’atomismo

di G.L. Lesage, cfr. B.-O. Küppers, Natur und Organismus. Schellings frühe Naturphi-
losophie und ihre Bedeutung für die moderne Biologie, V. Klostermann, Frankfurt a.M.
1992.
15 La natura, nel 1799, è ‘soggetto’, proprio dal punto di vista di una considera-

zione che mira a attingere l’essere al di sotto degli enti e, dunque, ad inserirsi nell’auto-
nomo prodursi della natura stessa, a generarla, deducendo l’intero dei fenomeni da un
presupposto assolutamente necessario. Il termine ‘costruzione’ va perciò ad indicare, da
un lato, l’Assoluto che si costruisce come natura, dall’altro, la filosofia che costruisce il
processo della genesi dispiegando un costrutto trascendental-concettuale, che si serve di
concetti come attività, produttività, etc. Così, se nei suoi Primi principi Kant parte dal
prodotto già dato e di questo ricostruisce le condizioni a priori, all’interno delle quali la
materia è in generale possibile, mentre Lesage fa precedere al prodotto i suoi elementi
originari (gli atomi), per Schelling il compito della costruzione consiste invece nel ricon-
durre l’esserci a un atto di libertà e nel portare ad esposizione quella produzione, che
può essere pensata solo come auto-produzione (cfr. H. Krings, Natur als Subjekt. Ein
Grundzug der spekulativen Physik Schellings, in Natur und Subjektivität. Zur Auseinan-
dersetzung mit der Naturphilosophie des jungen Schelling, hrsg. v. R. Heckmann/H.
Krings/R.W. Meyer, frommann-holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 1985, pp. 111-
128 e M. Rudolphi, Produktion und Konstruktion. Zur Genese der Naturphilosophie
in Schellings Frühwerk, frommann-holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 2001).
16 La produttività della natura, impedita nel suo impulso infinito, dà luogo a un

prodotto che è solo apparente, nel senso che è continuamente riprodotto ed è finito solo
all’interno di uno sviluppo infinito (cfr. Schelling, Einleitung 1799, pp. 45-46; trad. cit.,