Sei sulla pagina 1di 2

ITALIANO:

Nel corso della nostra vita quotidiana, si presentano molte decisione che richiedono azione.
Alcune decisioni sono semplici, altre più complesse. Indipendentemente della complessità tutte
ci richiedono una certa riflessione su come procedere. Sempre più spesso, molte persone si
ritrovano a scaricare quella riflessione sul qualche tipo di dispositivo. Se su scopo specifico,
come una calcolatrice, sia multifunzione, come uno Smartphone.

Ad esempio, l’incapacità individuale di raggiungere un luogo sconosciuto in città non è rara.


Ma utilizzando la funzionalità GPS di uno Smartphone come guida, non si pensa attentamente
a dove si sta andando. In effetti, si potrebbe sostenere che non si pensa a fatto perché l’unica
necessità’ è quella di attendere ed ascoltare le istruzioni di svolta. Non c’è bisogno di prestare
attenzione a nome di strade o punti di riferimento noti incontrati lungo la strada, cose che
potrebbero aiutarci a ricordare la volta prossima. Quindi, non solo un dispositivo pensa al
posto nostro ma potremmo non imparare a tornare allo stesso posto senza fare di nuovo
affidamento sulla funzione GPS.

La matematica è un altro campo comune in cui non è difficile notare come le capacità di
pensiero critico si deteriorano a causa della dipendenza dei dispositivi. Le calcolatrici si sono
ampiamente diffuse nella materia, anche nelle scuole elementare. In realtà alcune lezioni
insegnano come utilizzare al meglio una calcolatrice per risolvere i problemi di matematica,
andando contro l’apprendimento effettivo della forma estesa. Cosi, invece di apprendere il
ragionamento critico che sta alla base della risoluzione di un’equazione matematica, si impara
come utilizzare un dispositivo che faccia il ragionamento.

Questo non accade solo nel ambito accademico; anche i calcoli economici e scientifici sono
effettuati da calcolatori e programmi di calcolo. Certamente si migliora l’elemento di precisione
quando si utilizza un dispositivo, ma la comprensione del risultato dell’equazione e di come
utilizzarli è fortemente radicata nel modo in cui sono state ottenuti. Tale comprensione deriva
soltanto dalla conoscenza di come generare il risultato senza assistenza.

ENGLISH: In our everyday lives, many decisions to be made require action. Some decisions are
simple, others are more complex. Regardless of the complexity, all of us require reflection on
how to proceed. More often, many people find themselves reflecting on which type of
electronic device could help them. If for a specific purpose, as a calculatore or as a
multifunction like a Smartphone.
For example, the inability to reach an unknown place in the city is not rare. But using the GPS
function on a Smartphone as a guide, you do not actively think about where you are going. In
fact, one could argue that one does not think at all where they are going because they only
need to wait and listen to the turning instructions. There is no need to pay attention to the
names of known streets or famous sites encountered along the way, things that could help us
remember for the next time. Not only does the device think for us, we may not know how to
return to the same place without relying on the GPS function again.

Mathematics is another common field in which it is not difficult to notice how critical thinking
skills deteriorate due to device dependency. Calculators have become widespread in the
subject, even in elementary schools. Some lessons actually teach how to use a calculator to
solve math problems, going against the actual learning in its extended form. So instead of
learning the critical reasoning behind the resolution of a mathematical equation, one learns
how to use a device that does the reasoning.

This does not happen only in the academic field; economic and scientific calculations are also
performed by calculators and calculation programs. Certainly the element of precision is
improved when using a device, but the understanding of the result of the equation and how to
use them is strongly rooted in the way in which they were obtained. This understanding derives
only from the knowledge of how to generate the result without assistance.