Sei sulla pagina 1di 3

L’inchiesta Repubblica raddoppia l’informazione Il personaggio

Lo schiavismo soft Salvò 800 ebrei


degli ultimi baroni
dell’università
Alle 19 RSera su iPad e pc Bartali, il campione
tra i Giusti
SIMONETTA FIORI
E CORRADO ZUNINO
tutto il mondo in un clic LEONARDO COEN
E FABIO SCUTO

ALVOHXEBbahaajA CHDEDNDQDS
Fondatore Eugenio Scalfari Direttore Ezio Mauro
NZ

SS-1F ❋ www.repubblica.it
Anno 38 - Numero 225 in Italia € 1,30 martedì 24 settembre 2013 9 770390 107009 30924

SEDE: 00147 ROMA, VIA CRISTOFORO COLOMBO, 90 - TEL. 06/49821, FAX 06/49822923. SPED. ABB. POST., ART. 1, LEGGE 46/04 DEL 27 FEBBRAIO 2004 - ROMA. CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ: A. MANZONI & C. MILANO - VIA NERVESA, 21 - TEL. 02/574941. PREZZI DI VENDITA: AUSTRIA,
BELGIO, FRANCIA, GERMANIA, GRECIA, IRLANDA, LUSSEMBURGO, MALTA, MONACO P., OLANDA, PORTOGALLO, SLOVENIA, SPAGNA € 2,00; CROAZIA KN 15; REGNO UNITO LST 1,80; REPUBBLICA CECA CZK 64; SLOVACCHIA SKK 80/€ 2,66; SVIZZERA FR 3,00; UNGHERIA FT 495; U.S.A $ 1,50

Appello del presidente della Repubblica ai partiti: “Non sprecare i segnali di ripresa”. Confermato lo stop agli aumenti Iva nel 2013 Le idee

Napolitano blinda il governo Letta Lettera del Papa emerito a Odifreddi


Ratzinger scrive
allo scienziato ateo
“La politica eviti rotture”. I sindacati: giù le tasse o è scontro “Ecco chi è Gesù”
ROMA — «La politica eviti rotture».
Il retroscena Giorgio Napolitano blinda così il
Tra i terroristi 12 vengono dall’Occidente JOSEPH RATZINGER
governo Letta parlando all’apertu-
Il premier vuole la verifica ra dell’anno scolastico al Quirinale.
Il capo dello Stato intravede timidi
La lunga battaglia di Nairobi: decine di morti I
LL.mo Signor Professore Odifreddi,
(...) vorrei ringraziarLa per aver cerca-
to fin nel dettaglio di confrontarsi con
segnali di ripresa economica – «si il mio libro e così con la mia fede; proprio
ALBERTO D’ARGENIO
riaffaccia la speranza di uno svilup- questo è in gran parte ciò
CARMELO LOPAPA po su basi più solide» – e invita la che avevo inteso nel mio
ADESSO Enrico Letta pretende politica a non sprecarli. Intanto, è discorso alla Curia Ro-

E la verifica. Sarà il momento del


redde rationem. Pochi giorni e il
premier presenterà il suo «contratto»
confermato lo stop all’aumento
dell’Iva nel 2013, ma i sindacati lan-
ciano un ultimatum a Letta: giù le
mana in occasione del
Natale 2009. Devo rin-
graziare anche per il mo-
ai partiti. Prendere o lasciare, dentro o tasse o si va allo scontro. do leale in cui ha trattato
fuori. «Non sto qui a subire il tiro al pic- CIRIACO, CUZZOCREA il mio testo, cercando
cione, né da destra né da sinistra». En- DE MARCHIS, MILELLA sinceramente di render-
rico Letta vuole blindare la sua mag- PETRINI, RANDACIO gli giustizia.
gioranza. E ROSSO DA PAGINA 2 Il mio giudizio circa il
SEGUE A PAGINA 3 A PAGINA 7 Suo libro nel suo insieme è, però, in se
stesso piuttosto contrastante. Ne ho let-
to alcune parti con godimento e profitto.
La cancelliera: risultato straordinario. Si dimettono i vertici di Verdi e liberali In altre parti, invece, mi sono meraviglia-
to di una certa aggressività e dell’avven-

Merkel apre alla Spd


tatezza dell’argomentazione.
ALLE PAGINE 50 E 51

Il racconto

“Ora serve la stabilità” La matematica, la teologia


e la ricerca della verità
BERLINO — Angela Merkel apre
L’analisi PIERGIORGIO ODIFREDDI
ai socialdemocratici, ribadisce
l’esigenza di un governo stabile, OCHISSIME persone al mondo, ed
«e noi assolveremo a questo
compito». Annuncia che non
cambierà la politica economica.
Quel che manca ad Angela
THOMAS SCHMID
P Eugenio Scalfari è una di queste,
possono comprendere la sorpresa e
l’emozione che si provano nel ricevere a
Giudica la sua affermazione un casa propria un’inaspettata lettera di un
risultato forte per l’Europa. I L TRIONFO di Angela Merkel ha Papa. Una sorpresa e un’emozione che
conservatori di Cdu-Csu sfiora-
no la maggioranza assoluta
mentre la Spd è al 25,7 per cento.
I portato al suo partito la maggioran-
za quasi assoluta – ma solo “quasi”.
Ora la cancelliera è costretta a formare
L’assedio al centro commerciale nel quale si sono asserragliati i terroristi

dal nostro inviato VINCENZO NIGRO


non vengono scalfite dal fatto di essere
dei miscredenti, perché l’ateismo riguar-
da la ragione. A me questa sorpresa e que-
Dopo il risultato elettorale si di- una coalizione con i socialdemocratici NAIROBI st’emozione sono capitate il 3 settembre,
mettono i vertici di Verdi e libe- o con i Verdi. Entrambi i possibili part- ORSE è finita, lo sapremo solo oggi. Perché l’assalto finale al Westgate conquistato quando il postino mi ha recapitato una
rali.
BRUNELLI, CADALANU
FUBINI, OCCORSIO
ner esitano, e ne hanno motivo. Chi si
allea politicamente con Angela Merkel
non ha buone chance di sopravvivere e
F dai terroristi jihadisti non ha avuto nulla del blitz, della rapidità, della velocità mili-
tare del colpo anti-terrorismo. È stata invece una battaglia a singhiozzo, misteriosa
e isterica, che riprende all’improvviso con sparatorie e boati, e poi per ore si azzittisce ap-
busta sigillata, contenente 11 pagine
protocollo datate 30 agosto, nelle quali
Benedetto XVI rispondeva al mio Caro
STAGLIANÒ E TARQUINI tanto meno di crescere. parentemente pacificata, mentre in realtà cova ancora feroce sotto la cenere. papa, ti scrivo (Mondadori, 2011).
DA PAGINA 8 A PAGINA 13 SEGUE A PAGINA 38 SEGUE A PAGINA 14 VALERIA FRASCHETTI A PAGINA 15 A PAGINA 51

La storia Il caso

Come si insegna ai ragazzi Accordo fatto su Telecom


a non uccidere le donne è in mano agli spagnoli
MILANO — Accordo del grup-
MARIA NOVELLA DE LUCA
Stangata sul Milan po spagnolo di Telefonica con
DIEGO LONGHIN Generali, Mediobanca e Intesa
AMBINI a lezione di “ri- Balotelli Sanpaolo per salire dal 46 al

B spetto tra i generi” per


combattere omofobia,
razzismo, e rifiutare sempre e
tre giornate
di squalifica
65% di Telco che controlla il
22,4% di Telecom. Un'opera-
zione che prevede un'opzione
comunque la violenza sulle per gli spagnoli a salire a breve
donne. Contro il femminicidio termine fino al 70% e sposta di
parte dal comune di Torino il 6 mesi la finestra per dare le di-
primo progetto istituzionale in sdette al patto Telco. Il prezzo
Italia di “educazione alla diffe- pattuito, secondo quanto si
renza” nelle scuole. apprende è di 1 euro per azio-
SEGUE A PAGINA 23 ne.
CHIARELLI E LISSIA NELLO SPORT SARA BENNEWITZ
A PAGINA 22 A PAGINA 24

Repubblica Nazionale
MARTEDÌ 24 SETTEMBRE 2013 R2CULTURA
■ 50

La fede, la scienza, il male. Un dialogo


a distanza fra Benedetto XVI e il matematico

ILPAPA
e
L’ATEO Ratzinger: “Caro Odifreddi
le racconto chi era Gesù”
BENEDETTO XVI - JOSEPH RATZINGER

I
ll.mo Signor Professore Odifreddi, (...) vorrei ringraziarLa per aver DIALOGO
cercato fin nel dettaglio di confrontarsi con il mio libro e così con Il dipinto
la mia fede; proprio questo è in gran parte ciò che avevo inteso nel Copernico
mio discorso alla Curia Romana in occasione del Natale 2009. De- conversa
vo ringraziare anche per il modo leale in cui ha trattato il mio testo, con Dio
cercando sinceramente di rendergli giustizia. del pittore
Il mio giudizio circa il Suo libro nel suo insieme è, però, in se stes- Jan Matejko
so piuttosto contrastante. Ne ho letto alcune parti con godimento (1872)
e profitto. In altre parti, invece, mi sono meravigliato di una certa
aggressività e dell’avventatezza dell’argomentazione. (...)
Più volte, Ella mi fa notare che la teologia sarebbe fantascienza.
A tale riguardo, mi meraviglio che Lei, tuttavia, ritenga il mio libro
degno di una discussione così dettagliata. Mi permetta di propor-
re in merito a tale questione

‘‘
quattro punti: Fantascienza prio origine dal fatto che un pe- In tutte le tematiche discusse portare, mentre, dall’altra,
1. È corretto affermare che sce primitivo “scelse” di andare finora si tratta di un dialogo se- dobbiamo al tempo stesso, fare
“scienza” nel senso più stretto Ella mi fa notare ad esplorare la terra, sulla qua- rio, per il quale io – come ho già tutto il possibile affinché casi
della parola lo è solo la mate- le era però incapace di spostar- detto ripetutamente – sono gra- del genere non si ripetano. Non
matica, mentre ho imparato da che la teologia si se non saltellando in modo to. Le cose stanno diversamen- è neppure motivo di conforto
Lei che anche qui occorrerebbe
distinguere ancora tra l’aritme-
sarebbe fantascienza maldestro e creando così, come
conseguenza di una modifica-
te nel capitolo sul sacerdote e
sulla morale cattolica, e ancora
sapere che, secondo le ricerche
dei sociologi, la percentuale dei
tica e la geometria. In tutte le Ma essa tiene legate zione di comportamento, la diversamente nei capitoli su sacerdoti rei di questi crimini
materie specifiche la scientifi- religione e ragione pressione selettiva grazie alla Gesù. Quanto a ciò che Lei dice non è più alta di quella presen-
cità ha ogni volta la propria for- quale si sarebbero sviluppati gli dell’abuso morale di minoren- te in altre categorie professio-
IL LIBRO ma, secondo la particolarità del arti robusti dei tetrapodi. Tra i ni da parte di sacerdoti, posso – nali assimilabili. In ogni caso,
Caro Papa, suo oggetto. L’essenziale è che discendenti di questo audace come Lei sa – prenderne atto non si dovrebbe presentare

‘‘
ti scrivo applichi un metodo verificabi- Gli abusi esploratore, di questo Magella- solo con profonda costernazio- ostentatamente questa devia-
di Piergiorgio le, escluda l’arbitrio e garanti- no dell’evoluzione, alcuni pos- ne. Mai ho cercato di masche- zione come se si trattasse di un
Odifreddi sca la razionalità nelle rispetti- Quanto Lei dice sono correre a una velocità su- rare queste cose. Che il potere sudiciume specifico del cattoli-
(Mondadori) ve diverse modalità. periore ai 70 chilometri orari...» del male penetri fino a tal pun- cesimo.
È in libreria in 2. Ella dovrebbe per lo meno sull’abuso di minori (citato secondo l’edizione ita- to nel mondo interiore della fe- Se non è lecito tacere sul ma-
questi giorni riconoscere che, nell’ambito
storico e in quello del pensiero
da parte di sacerdoti liana Il caso e la necessità, Mila-
no 2001, pagg. 117 e sgg.).
de è per noi una sofferenza che,
da una parte, dobbiamo sop-
le nella Chiesa, non si deve
però, tacere neppure della
anche l'ultimo
libro di filosofico, la teologia ha prodot- mi provoca profonda
Odifreddi to risultati durevoli. costernazione
Come stanno 3. Una funzione importante
le cose. Il mio della teologia è quella di mante-
Lucrezio, nere la religione legata alla ra-
la mia Venere gione e la ragione alla religione.
(Rizzoli Ambedue le funzioni sono di
Controtempo essenziale importanza per l’u-
pagg. 311 manità. Nel mio dialogo con
euro 20) Habermas ho mostrato che esi-
stono patologie della religione
e – non meno pericolose – pato-
logie della ragione. Entrambe
hanno bisogno l’una dell’altra,
e tenerle continuamente con-
nesse è un importante compito
della teologia.
4. La fantascienza esiste, d’al-

‘‘
tronde, nell’ambito di molte La figura di Cristo
scienze. Ciò che Lei espone sul-
le teorie circa l’inizio e la fine del Le Sue opinioni
mondo in Heisenberg, Schrö-
dinger ecc., lo designerei come sulla figura di Cristo
fantascienza nel senso buono:
sono visioni ed anticipazioni,
non sono degne
per giungere ad una vera cono- del Suo rango
scenza, ma sono, appunto, sol- scientifico
tanto immaginazioni con cui
cerchiamo di avvicinarci alla
realtà. Esiste, del resto, la fanta-

‘‘
scienza in grande stile proprio La Chiesa
anche all’interno della teoria
dell’evoluzione. Il gene egoista Valuto molto
di Richard Dawkins è un esem-
pio classico di fantascienza. Il positivamente che
grande Jacques Monod ha
scritto delle frasi che egli stesso
Lei abbia cercato un
avrà inserito nella sua opera si- colloquio così aperto
curamente solo come fanta- con la Chiesa
scienza. Cito: «La comparsa dei
Vertebrati tetrapodi... trae pro-

Repubblica Nazionale
MARTEDÌ 24 SETTEMBRE 2013
@ PER SAPERNE DI PIÙ
cvc.cervantes.es/actcult/mutis/default.htm
www.vatican.va
■ 51

Il caso

COSÌ L’EX PONTEFICE MI HA RISPOSTO


PIERGIORGIO ODIFREDDI
ochissime persone al mondo, ed solito non ne realizza che il minimo. Ed era nunciare ad affrontare di petto i problemi

P Eugenio Scalfari è una di queste,


possono comprendere la sorpre-
sa e l’emozione che si provano nel
ricevere a casa propria un’ina-
spettata lettera di un Papa. Una sorpresa e
un’emozione che non vengono scalfite dal
fatto di essere dei miscredenti, perché l’a-
anche la soddisfazione di veder finalmente
presi sul serio e non rimossi, benché non
condivisi, i miei argomenti a favore dell’a-
teismo e contro la religione in generale, e il
cattolicesimo in particolare.
D’altronde, non era certo un caso che
avessi indirizzato la mia lettera aperta a Rat-
interni della fede e i suoi rapporti esterni
con la scienza.
L’approccio evidentemente non era sba-
gliato, visto che ha raggiunto il suo scopo:
che, ovviamente, non era cercare di “scon-
vertire il Papa”, bensì esporgli onestamen-
te le perplessità, e a volte le incredulità, di un
teismo riguarda la ragione, mentre le per- zinger. Dopo aver letto la sua Introduzione matematico qualunque sulla fede. Analo-
sonalità e i simboli del potere agiscono sui al Cristianesimo, suggeritami da Sergio Val- gamente, la lettera di Benedetto XVI non cer-
sentimenti. zania, avevo capito che la fede e la dottrina ca di “convertire l’ateo”, ma gli ritorce con-
A me questa sorpresa e quest’emozione di Benedetto XVI, a differenza di quelle di al- tro onestamente le proprie simmetriche
sono capitate il 3 settembre, quando il po- tri, erano sufficientemente salde e agguer- perplessità, e a volte le incredulità, di un
stino mi ha recapitato una busta sigillata, rite da poter benissimo affrontare e soste- credente molto speciale sull’ateismo.
contenente 11 pagine protocollo datate 30 Il risultato è un dialogo tra fede e ragione
agosto, nelle quali Benedetto XVI risponde- che, come Benedetto XVI nota, ha permesso
va al mio Caro papa, ti scrivo (Mondadori, Mi è arrivata una busta a entrambi di confrontarci francamente, e
2011). Una risposta che mi ha sorpreso per sigillata: dentro, undici a volte anche duramente, nello spirito di
due ragioni. Anzitutto, perché un Papa ha quel Cortile dei Gentili che lui stesso aveva
letto un libro che, fin dalla copertina, veni- pagine che iniziavano voluto nel 2009. Se ho atteso qualche setti-
va presentato come una «luciferina intro- con una richiesta mana a rendere pubblica la sua partecipa-
duzione all’ateismo». E poi, perché l’ha vo- di scuse per il ritardo zione al dialogo, è perché volevo essere si-
luto commentare e discutere. curo che egli non volesse mantenerla priva-
Poco dopo le dimissioni di Ratzinger, ta.
avevo approfittato di un amico comune per nere attacchi frontali. Un dialogo con lui, Ora che ne ho ricevuto la conferma, anti-
chiedere all’arcivescovo Georg Gänswein benché allora immaginato soltanto a di- cipo qui una parte della sua lettera, che è co-
se fosse possibile recapitare all’ormai Papa stanza, poteva dunque rivelarsi un’impre- munque troppo lunga e dettagliata per es-
emerito una copia del mio libro, nella spe- sa stimolante e non banale, da affrontare a sere riportata integralmente, soprattutto
ranza che lo potesse vedere. E in seguito, in testa alta. nelle sezioni filosofiche iniziali. Lo sarà a
un paio di occasioni, mi era stato detto dap- Scrivendo il mio libro come un com- breve in una nuova versione del mio libro,
prima che l’aveva ricevuto e poi che lo sta- mento al suo, avevo cercato di favorire la sfrondato delle parti sulle quali lui ha deci-
va leggendo. Ma che potesse rispondermi, pur remota possibilità che un giorno il de- so di non soffermarsi, e ampliata con un re-
e addirittura commentarlo in profondità, stinatario potesse effettivamente riceverlo. soconto della nascita e degli sviluppi di
era al di là delle ragionevoli speranze. Avevo dunque abbassato i toni sarcastici di quello che risulta essere un unicum nella
Aprire la busta e trovarci 11 fitte pagine, altri saggi, scegliendo uno stile di scambio storia della Chiesa: un dialogo fra un papa
che iniziavano con una richiesta di scuse tra professori “alla pari”, ovviamente nel teologo e un matematico ateo. Divisi in
per il ritardo nella risposta, e un’offerta di senso accademico dell’espressione. E mi quasi tutto, ma accomunati almeno da un
ringraziamenti per la lealtà della trattazio- ero concentrato sugli argomenti intellet- obiettivo: la ricerca della Verità, con la
ne, era la realizzazione del massimo delle tuali che potevo sperare avrebbero mante- maiuscola.
aspettative possibili, in un mondo che di nuta viva la sua attenzione, pur senza ri- © RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO:CORBIS

grande scia luminosa di bontà e Ciò che Lei dice sulla figura di fronte a questo, ciò che Lei dice cerca storica seria, che ci ha su Gesù di Nazaret – ho chiari- bro torniamo agli aspetti posi-
di purezza, che la fede cristiana Gesù non è degno del Suo ran- su Gesù è un parlare avventato portato a conoscenze vere e si- to in modo evidente che l’ese- tivi del Suo dialogo col mio
ha tracciato lungo i secoli. Biso- go scientifico. Se Lei pone la che non dovrebbe ripetere. Che cure circa l’annuncio e la figura gesi storico-critica è necessaria pensiero. (...) Anche se la Sua
gna ricordare le figure grandi e questione come se di Gesù, in nell’esegesi siano state scritte di Gesù. per una fede che non propone interpretazione di Gv 1,1è mol-
pure che la fede ha prodotto – fondo, non si sapesse niente e di anche molte cose di scarsa se- (...) Inoltre devo respingere miti con immagini storiche, ma to lontana da ciò che l’evange-
da Benedetto di Norcia e sua so- Lui, come figura storica, nulla rietà è, purtroppo, un fatto in- con forza la Sua affermazione reclama una storicità vera e lista intendeva dire, esiste tut-
rella Scolastica, a Francesco e fosse accertabile, allora posso contestabile. Il seminario ame- (pag. 126) secondo cui avrei perciò deve presentare la realtà tavia una convergenza che è
Chiara d’Assisi, a Teresa d’Avila soltanto invitarLa in modo de- ricano su Gesù che Lei cita alle presentato l’esegesi storico- storica delle sue affermazioni importante. Se Lei, però, vuole
e Giovanni della Croce, ai gran- ciso a rendersi un po’ più com- pagine 105 e sgg. conferma sol- critica come uno strumento anche in modo scientifico. Per sostituire Dio con “La Natura”,
di Santi della carità come Vin- petente da un punto di vista sto- tanto un’altra volta ciò che Al- dell’anticristo. Trattando il questo non è neppure corretto resta la domanda, chi o che co-
cenzo de’ Paoli e Camillo de Lel- rico. Le raccomando per questo bert Schweitzer aveva notato ri- racconto delle tentazioni di che Lei dica che io mi sarei in- sa sia questa natura. In nessun
lis fino a Madre Teresa di Cal- soprattutto i quattro volumi guardo alla Leben-Jesu-For- Gesù, ho soltanto ripreso la te- teressato solo della metastoria: luogo Lei la definisce e appare
cutta e alle grandi e nobili figu- che Martin Hengel (esegeta schung (Ricerca sulla vita di Ge- si di Soloviev, secondo cui l’e- tutt’al contrario, tutti i miei quindi come una divinità irra-
re della Torino dell’Ottocento. dalla Facoltà teologica prote- sù) e cioè che il cosiddetto “Ge- segesi storico-critica può esse- sforzi hanno l’obiettivo di mo- zionale che non spiega nulla.
È vero anche oggi che la fede stante di Tübingen) ha pubbli- sù storico” è per lo più lo spec- re usata anche dall’anticristo – strare che il Gesù descritto nei Vorrei, però, soprattutto far an-
spinge molte persone all’amo- cato insieme con Maria Schwe- chio delle idee degli autori. Tali il che è un fatto incontestabile. Vangeli è anche il reale Gesù cora notare che nella Sua reli-
re disinteressato, al servizio per mer: è un esempio eccellente di forme mal riuscite di lavoro sto- Al tempo stesso, però, sempre – storico; che si tratta di storia gione della matematica tre te-
gli altri, alla sincerità e alla giu- precisione storica e di amplissi- rico, però, non comprometto- e in particolare nella premessa realmente avvenuta. (...) mi fondamentali dell’esisten-
stizia. (...) ma informazione storica. Di no affatto l’importanza della ri- al primo volume del mio libro Con il 19° capitolo del Suo li- za umana restano non consi-
derati: la libertà, l’amore e il
male. Mi meraviglio che Lei
L’iniziativa con un solo cenno liquidi la li-
bertà che pur è stata ed è il va-
Dal neoilluminismo all’ermeneutica: da oggi al Centro Gobetti di Torino lore portante dell’epoca mo-
derna. L’amore, nel Suo libro,

IL LABORATORIO DI FILOSOFIA non compare e anche sul male


non c’è alcuna informazione.
Qualunque cosa la neurobio-
NEL SEGNO DI BOBBIO logia dica o non dica sulla li-
bertà, nel dramma reale della
nostra storia essa è presente
TORINO – Con una lezione introduttiva sul pensiero come realtà determinante e
filosofico italiano della seconda metà del secolo scor- deve essere presa in conside-
so, tenuta da Massimo Ferrari, comincia oggi (alle 18) razione. Ma la Sua religione
al Centro studi Piero Gobetti di Torino il secondo cor- matematica non conosce al-
so del Laboratorio di Filosofia. Il progetto didattico cuna informazione sul male.
Un secolo di filosofia. Tappe nel pensiero italiano del Una religione che tralascia
‘900 è portato avanti da un gruppo di studiosi in pre- queste domande fondamen-
valenza giovani. Si articola in undici lezioni e in due tali resta vuota.
incontri, fino a giugno. È un’iniziativa anche nel se- Ill.mo Signor Professore, la
gno di Norberto Bobbio. Le sue carte, l’archivio e la mia critica al Suo libro in parte
biblioteca, del resto, sono depositate al Centro Go- è dura. Ma del dialogo fa parte
FILOSOFO betti, che a ottobre varerà il programma di manife- la franchezza; solo così può
Norberto stazioni per ricordare il filosofo della politica nel de- crescere la conoscenza. Lei è
Bobbio cennale della morte, avvenuta nel gennaio del 2004. stato molto franco e così accet-
(1909 – 2004) Le lezioni del Laboratorio di Filosofia del Centro terà che anch’io lo sia. In ogni
è stato uno Gobetti spazieranno dal neoilluminismo, che vide caso, però, valuto molto positi-
dei massimi tra i protagonisti lo stesso Bobbio, alla filosofia della vamente il fatto che Lei, attra-
intellettuali scienza, alla fenomenologia, all’esistenzialismo di verso il Suo confrontarsi con la
italiani Nicola Abbagnano; ma si parlerà pure dell’ermeneu- mia Introduzione al cristiane-
tica e del nuovo realismo, di filosofia e religione, dei simo, abbia cercato un dialogo
marxismi, della filosofia delle donne, di filosofia e così aperto con la fede della
psicoanalisi. Un percorso, aperto a studenti, profes- Chiesa cattolica e che, nono-
sori, appassionati, che si concluderà con una tavola stante tutti i contrasti, nell’am-
rotonda, nell’autunno del prossimo anno, sullo sta- bito centrale, non manchino
to odierno della filosofia oggi. La frequentazione del del tutto le convergenze.
ciclo di lezioni costa 50 euro. Per i giovani sotto i 25 Con cordiali saluti e ogni
anni, la quota è di 40 anno. buon auspicio per il Suo lavo-
(Massimo Novelli) ro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

Repubblica Nazionale