Sei sulla pagina 1di 19

es

tra
tto
au
sapienza • università di roma

to
e r
dipartimento di storia, disegno e restauro dell’architettura

materiali
e
strutture
problemi di conservazione
Restaurare nella città eterna

nuova serie
v
numero 9
2016
es
tra
tto
au
materiali e strutture. problemi di conservazione

to
e r
© Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura
Piazza Borghese, 9 – 00186 – Roma
Rivista semestrale, fondata nel 1990 da Giovanni Urbani
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 265 del 25/09/2012
Nuova serie, anno V (2016), 9
ISSN 1121-2373

Direttore editoriale: Donatella Fiorani

Consiglio Scientifico: Giovanni Carbonara, Paolo Fancelli, Antonino Gallo Curcio,


Augusto Roca De Amicis, Maria Piera Sette, Fernando Vegas, Dimitris Theodossopoulos
Comitato di Redazione: Maurizio Caperna, Adalgisa Donatelli, Maria Grazia Ercolino,
Rossana Mancini

In copertina: Roma, S. Stefano Rotondo, Veduta dell’ambulacro perimetrale (foto D. Fiorani)

La rivista è di proprietà dell’Università degli Studi di Roma «La Sapienza»


© Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura
Piazza Borghese, 9 – 00186 – Roma

Roma 2016 – Edizioni Quasar di Severino Tognon s.r.l.


via Ajaccio 41/43 - 00198 Roma
tel. 0685358444 - fax 0685833591
Per ordini e abbonamenti:
www.edizioniquasar.it
qn@edizioniquasar.it
es
tra
tto
au
to
Sommario

e r
5 editoriale
- maurizio caperna

SANTA MARIA MAGGIORE
9 la basilica di s. maria maggiore nel tempo:
migrazioni di statue e rinnovamenti architettonici
- augusto roca de amicis

19 il restauro dell’apparato scultoreo


in s. maria maggiore: lettura storico-artistica,
problematiche conservative e soluzioni tecniche
- sante guido

SANTO STEFANO ROTONDO
35 il tempo e il restauro: la chiesa di s. stefano
rotondo fra invenzione, palinsesto e lacune
- donatella fiorani

47 s.
stefano rotondo. pavimento e luci:
un progetto di restauro?
- riccardo d’aquino

SAN CLEMENTE
65 il coro d’inverno in s. clemente a roma.
un imprevisto e complesso restauro rivelativo
- giancarlo palmerio

73 il restauro del coro d’inverno e della cantoria


di s. clemente in roma
- romano cerro

SANTI QUATTRO CORONATI
89 il restauro del chiostro dei ss. quattro coronati:
un’esperienza fra comprensione storica e operatività
del restauro
- daniela esposito

95 un
cantiere della conoscenza tra restauro e archeologia:
il caso del chiostro dei ss. quattro coronati a roma
- lia barelli

109 restauri
d’architetture a roma:
alcuni spunti di riflessione
- giovanni carbonara

127 abstract

3
es
tra
tto
au
to
e r
Autori
Maurizio Caperna Giancarlo Palmerio
Prof. Associato, “Sapienza” Università di Roma Architetto, già Prof. Associato presso “Sapienza”
maurizio.caperna@uniroma1.it Università di Roma
mi3064@mclink.it
Augusto Roca De Amicis
Prof. Ordinario, “Sapienza” Università di Roma Romano Cerro
augusto.roca@uniroma1.it Architetto, Dottorando di ricerca
r.cerro@archiworld.it
Sante Guido
Restauratore e storico dell’arte Daniela Esposito
santeguido@hotmail.com Prof. Ordinario, “Sapienza” Università di Roma
daniela.esposito@uniroma1.it
Donatella Fiorani
Prof. Ordinario “Sapienza” Università di Roma Lia Barelli
donatella.fiorani@uniroma1.it Prof. Associato, “Sapienza” Università di Roma
lia.barelli@uniroma1.it
Riccardo D’Aquino
Architetto, Roma Giovanni Carbonara
riccardo23@libero.it Prof. Emerito, “Sapienza” Università di Roma
giovanni.carbonara@uniroma1.it

Responsabili Peer Review per il presente numero:


Stefano Della Torre, Marina Docci, Francesco Doglioni, Lorenzo Finocchi
Ghersi, Laura Moro, Stefano Francesco Musso, Andrea Pane,
Valentina Russo, Carlo Tosco, Maria Grazia Turco
es
tra
tto
au
to
Il tempo e il restauro: la chiesa di S. Stefano Rotondo

e r
fra invenzione, palinsesto e lacune
Donatella Fiorani

La presentazione degli ultimi lavori di restauro svolti sulla chiesa di S. Stefano


Rotondo costituisce una buona occasione per condurre una riflessione di natura te-
orica, dedicata al concetto del tempo, senza perdere di vista i nessi con le ricadute
concrete riscontrabili su questo straordinario monumento paleocristiano.
Fisica e filosofia della scienza hanno approfondito, nel corso dell’ultimo secolo,
le problematiche aperte con la formulazione della teoria della Relatività di Einstein
nella concezione del tempo, data la sua distanza da quanto appare al senso comune. Al
contrario di quanto avviene per la visione dello spazio, fisiologicamente subordinata
al ‘punto di vista’, il concetto di tempo proposto dal relativismo scientifico si scontra
con il convincimento diffuso che lo interpreta come un’entità diversamente orientata,
ma comunque coerente e assoluta. Mauro Dorato ha evidenziato come un’evidente
aporia sia riscontrabile nella relazione fra i termini ‘qui’ e ‘adesso’: mentre il ‘qui’ si
confronta con un ‘altrove’ che comunque ritiene coesistere, l’‘adesso’ si misura con un
tempo, passato e futuro, che ‘non è’. In effetti, il fatto che il presente sia effettivamen-
te qualcosa di oggettivo, un’entità che, scorrendo, fa esistere le cose una dopo l’altra
in un perenne divenire, oppure risenta del medesimo condizionamento soggettivo in
gioco nel ‘qui’ può interessare altri ambiti del pensiero e dell’azione umana, anche in
riferimento alle conseguenze che tale dualismo comporta1.
L’orizzonte metafisico coerente con i principi della relatività nella fisica moderna
ha determinato importanti ricadute in ambito culturale, non ultimo in architettura. In
questo contesto, l’idea di un tempo che interferisce con la realtà prevale in una tenden-
za contemporanea specifica: la sovrapposizione di intersezioni, giaciture, interruzioni
propria dell’edificio decostruttivista può essere infatti interpretata quale tentativo di
far coincidere nell’immanenza tempi diversi2. Il rifiuto di stabilire sistemi di riferimen-
to certi e la continua mutevolezza che ne deriva generano poi in questo linguaggio
espressivo una forte indeterminatezza temporale, in cui l’architettura non ha modo di
esprimere forme compiute riconoscibili; in tal modo, essa non diventa passato, mentre

1  Il
confronto ‘qui’ e ‘adesso’ è stato formulato in no. Per un inquadramento generale delle proble-
Dorato 2013 in riferimento ad un più complesso matiche poste dal concetto di tempo in filosofia
scenario epistemologico; è stato ripreso in Rovelli cfr. Abbagnano 2001.
2014 nei termini semplificati che qui si propongo- 2  Purini 2000, p. 98.

35
es
santo stefano rotondo / donatella fiorani

tra
tto
au
to
guarda il futuro come ‘semplice accelerazione’, scivolando perpetuamente nell’effime-

e r
ro e nell’immaterialità3.
In modo ancora più evidente, l’aspetto temporale caratterizza la specificità me-
todologica del progetto di restauro. Il restauro si configura, infatti, come disciplina a
quattro dimensioni, in quanto ciò che elabora non ha a che fare soltanto con la realtà
spaziale, costruttiva e materica degli oggetti ma anche con il loro trasmettersi da un’e-
poca all’altra. In effetti, il restauro si è confrontato costantemente con il problema del
tempo sia per via empirica che attraverso mirati approfondimenti teoretici4.
Una concezione ‘soggettiva’ del tempo trapela negli assunti del restauro stili-
stico che, per restituire al ‘presente’ del XIX secolo la configurazione originaria del
monumento, proiettava su di esso l’idea ottocentesca di stile. L’idea di un tempo og-
gettivabile si accompagna invece al riconoscimento di valore della sovrapposizione
materiale che interviene sul monumento con le azioni condotte in ‘presenti’ diversi. In
questo passaggio, l’oggetto carico di forma e di segni diviene la testimonianza incarnata
dell’esistenza di un ‘prima’ che sussiste ancora ‘adesso’ e va trasmesso ad un ‘dopo’,
ribadendo con evidenza l’unidirezionalità della ‘freccia’ del tempo5.
Nel collocare il tempo dell’opera d’arte al di fuori del dominio esistenziale, Ce-
sare Brandi aveva sicuramente presente le aporie, già evidenziate in filosofia, che ren-
devano inconciliabili le concezioni del tempo di matrice fisico-naturalistica ed esisten-
ziale-fenomenologica6. Secondo i suggerimenti del critico senese, la ‘astanza’, ‘realtà
pura’, restava sospesa in un empireo scandito dai tre tempi ‘assoluti’ dell’espressione
artistica, del distacco temporale e del riconoscimento critico. Solo quest’ultimo con-
sente di stabilire una relazione fra tempo ‘oggettivo’ dell’opera e tempo ‘soggettivo’ di
coloro che ne colgono il valore (fra cui lo stesso restauratore). L’istituzione di un nesso
fra restauro delle testimonianze del passato e aspettativa umana del futuro estende
quella che era considerata da Brandi una puntuale “fulgurazione” della coscienza a una
coestensiva modalità di essere al mondo che lega il soggetto all’oggetto della conserva-
zione, vincolandone la prassi operativa.
Radicali e contrapposte nel loro percorso, alcune posizioni contemporanee, in
prevalenza di origine anglosassone, hanno aderito alla concezione di un tempo relativo,
soggettivo e mutevole, legato ad una realtà non meno sfuggente. Questa appare infatti
determinata dall’interazione fra un soggetto che interpreta, in modo condizionato e
variabile, un oggetto mai totalmente afferrabile nella sua vera essenza. Tale convinzio-
ne colloca il restauro in un presente ‘istantaneo’, unica dimensione ricettiva, e apre
alle più infinite possibilità operative, non necessariamente indirizzate dalla conoscen-
za d’un passato, considerato insondabile come la ‘cosa in sé’ di kantiana memoria. In

3  Gregotti 2008, pp. 98-99. 5  La modalità più consueta di rapportare gli approc-
4 Per un inquadramento generale del problema ci del restauro al modo di intendere il tempo è legata
del tempo nel restauro, comprensivo di un’esau- alla forma tracciata dal tempo: vettore orientato, cir-
riente bibliografia, si rimanda a Squassina 2012a e colare, spiraliforme, sinusoidale ecc. (Fancelli 1998).
Squassina 2012b. 6  Brandi 1977.

36
es
il tempo e il restauro: la chiesa di s. stefano rotondo

tra
tto
au
to
assenza di una ‘teoria del tutto’, diviene quindi legittimo considerare tempo e realtà

e r
nei modi più diversi, riferiti a sistemi e a orizzonti culturali distinti, dissonanti fra loro
ma perfettamente in grado di funzionare al loro interno. Di fatto, una tale visione non
pone vincoli particolari all’intervento di restauro e apre nel contempo ampi orizzonti
alla valorizzazione e alla narrazione della preesistenza7.
Viene da chiedersi se vi sia il modo di valutare l’esistenza di un tempo soggettivo
nell’architettura senza che ciò comporti la ‘smaterializzazione’ dell’oggetto progettato,
come accade in diverse realizzazioni contemporanee, o la legittimazione di qualsiasi
tipo di approccio sulla preesistenza, come appare talvolta oggi soprattutto in ambi-
to internazionale. Se occorra piuttosto rimanere ancorati alla visione tradizionale del
tempo, oggettivo e progressivo, l’unica che offra all’architettura rassicuranti, anche se
autoreferenziali, scenari di ordine logico e operativo. O se sia invece possibile accettare
l’ipotesi di un duplice binario di riferimento, e in che modo.
Le recenti formulazioni proposte dal cosiddetto ‘realismo negativo’8 hanno avuto
il merito d’insistere sul sostegno che offre al contenimento delle logiche interpreta-
tive l’oggetto in sé, sottolineandone l’inconfutabile presenza nella storia e la capacità
di modificarsi senza perdere i caratteri specifici che lo identificano nella sua unicità,
carico del bagaglio temporale che gli appartiene. L’idea di un oggetto che resiste alla
libera interpretazione e che interagisce con il soggetto per determinare gli eventi che
possono modificarlo comporta l’accettazione della duplice esistenza di un tempo ‘sog-
gettivo’, per sua natura mobile, variabile, relativo e finito, e di un tempo ‘oggettivo’ e
‘assoluto’, proprio della preesistenza. Ciò conduce alla possibilità d’istituire, nell’atto
del restauro, una sorta di finestra di collegamento temporale – simultaneità – in grado
di consentire, a determinate condizioni, l’interazione fra i due sistemi. Tale assunto
colloca le scelte conservative all’interno di un rapporto fra soggetto e oggetto non di
assimilazione ma di ‘Cura’.
Il rapporto istituito fra presente e passato in architettura è stato spesso veicolato
dall’approccio emotivo e intellettuale della ‘premura’. Ciò è osservabile almeno a par-
tire da Leon Battista Alberti, la cui pietas motivava lo studio e l’illustrazione dei monu-
menti antichi, anche se con il prioritario intento di trasmetterne le regole compositive
e formali9. Il concetto di ‘Cura’ è apparso poi nelle riflessioni sul restauro soprattutto
in relazione al parallelismo istituito con la prassi medica, sia dal punto di vista lessicale
che tecnico, e facendo riferimento alla distinzione esistente fra il ‘curare’ (contrastando
in maniera scientifica la malattia) e il ‘prendere cura’ (favorendo il miglioramento e
la crescita della persona)10. Su questa seconda strada, la filosofia ha particolarmente
insistito in merito al valore relazionale della ‘Cura’, che può essere intesa in senso inau-
tentico, come modalità di dominio (aiutare l’altro impedendogli di assumere su di sé
la propria cura), o autentico, come strumento di liberazione (sostenere l’altro nell’aver

7  Glendinning 2014. 9  Cassani 2011.


8  Fiorani 2014. 10  Treccani 1996.

37
es
santo stefano rotondo / donatella fiorani

tra
tto
au
to
cura di sé)11. Quest’ultima riflessione, in origine rivolta a caratterizzare un rapporto

e r
“non utilizzabile” fra esseri viventi, potrebbe essere traslata proprio per indicare l’i-
stituzione di una relazione non strumentale fra restauratore e oggetto del restauro:
il prender cura accoglie la possibilità del monumento di orientare il proprio destino.
Il restauro-Cura, comunque, si svolge nel tempo, lavora sul tempo e del tempo fa
il luogo di mediazione fra opera e conservatore. Ma nel restauro l’elaborazione tempo-
rale si manifesta come intervento sullo spazio: un intervento che fonde la temporalità-
durata, materica e additiva, dell’oggetto storico con la visione istantanea, sintetica e
globale, del soggetto che la percepisce come altro da sé. La Cura ‘autentica’ lavora
nella fusione di tutti i possibili status temporali della fabbrica: il passato su cui si pro-
ietta la conoscenza, il presente in cui si attua la percezione e il futuro che si delinea
nel progetto, ricomposti in un equilibrio transtemporale, in cui lo spazio diventa la
forma della comunicazione istituita fra generazioni diverse, espressione di un dialogo
fra i vivi e i morti12.
Questa appare la chiave più appropriata con cui è possibile rileggere in una pro-
spettiva ampia l’intervento condotto fra il 2000 e il 2007 sulla chiesa di S. Stefano
Rotondo in Roma.
Che la si consideri come “ultima grande architettura dell’antichità a Roma” o
come “insuccesso affascinante”13, S. Stefano Rotondo, consacrata da papa Simplicio
(468-483), occupa una posizione particolare nello scenario dell’architettura tardoanti-
ca e paleocristiana, per la considerevole persistenza materiale della fabbrica originaria,
per l’inconsueta forma circolare del suo impianto, per l’arditezza e la singolarità del
modello spaziale proposto (Fig. 1)14.
Hugo Brandenburg, nel segnalarne la vicinanza con l’architettura monumentale
romana, fa riferimento alla straordinaria volumetria, che rimanda, per le dimensioni e
il rapporto istituito fra spazio interno ed esterno, alle grandi strutture della classicità
imperiale, in specie mausolei e templi: il diametro complessivo, pari a 65,80 metri, era
nettamente più ampio di quello del mausoleo riconducibile alla figlia di Costantino
(27,74 m) o del Pantheon (43,44 m)15, cristianizzato un secolo e mezzo dopo. L’am-
piezza del cerchio di base uguagliava poi quella della Mole di Adriano, che, scriveva
Procopio, “non si oltrepassava con un tiro di sasso”16. L’accurata orchestrazione di ma-
teriali, luci e ombre determinava un contrasto calibrato fra la conclusa geometria ester-
na, priva di facciata principale e parcamente coperta ad intonaco, e il trionfo interno
dei rivestimenti marmoreo e in stucco, d’ispirazione imperiale. La percezione di questi
ultimi veniva a sua volta modulata nella luminosità diretta e indiretta degli spazi,
rispettivamente calata dall’alto del tamburo forato da 22 ampie finestre, e diffusa at-

11  Heidegger 2006. nel Liber Pontificalis (Duchesne 1886), ulteriori


12  Schlögel 2009, p. 227. testimonianze sono offerte da epigrafie e stemmi
13  Si vedano rispettivamente Brandenburg 2004a in situ.
e Krautheimer 1993, pp. 66-69. 15  Brandenburg 2004b.
14 Tutti gli interventi sulla chiesa riconducibili 16  Venuti Cortonese 1824.
ai pontefici dal V al XII sec. sono documentati

38
es
il tempo e il restauro: la chiesa di s. stefano rotondo

tra
tto
au
to
e r

Fig. 1. Ricostruzione dell’impianto originario della chiesa di S. Stefano Ro-


tondo secondo Hugo Brandenburg (Brandenburg 2000).

traverso i settori interni scoperti che, alternati ad omologhi spazi coperti, consentivano
di evidenziare all’interno del cerchio ampi e simmetrici bracci di croce, in un disegno
innovativo e coraggioso sia dal punto di vista spaziale che strutturale e liturgico.
È proprio in questa ardita innovazione e nella diversità dal modello basilicale che
si andava contemporaneamente affermando nella nuova Roma capitale della cristiani-
tà che Richard Krautheimer coglie il carattere unico, non imitabile e non durevole, del-
la chiesa rotonda. La sua mancanza di gerarchia, di assialità e di facciata, le non poche

39
es
santo stefano rotondo / donatella fiorani

tra
tto
au
to
e r
Fig. 2 Veduta interna della
chiesa con il pavimento li-
gneo prima dell’intervento di
restauro (foto R. D’Aquino).

trasformazioni necessarie per definire la sistemazione opportuna dell’altare maggiore


(legate all’indeterminatezza liturgica della pianta centrale, come spiegava, a più di
mille anni di distanza, Cesare Baronio), la fragilità delle strutture, alte, forate e sottili
hanno infatti determinato la mancata affermazione della fabbrica come modello, il suo
uso limitato e, soprattutto, la sua precoce obsolescenza, almeno parziale.
In questo senso, S. Stefano Rotondo diventa l’emblema dell’ultimo – impossibile
– tentativo di riscatto di Roma dal declino (Fig. 2). Costruita in un periodo di grande
crisi politica ed economica17 ma ancora caratterizzato dalla possibilità di utilizzare
materiale scolpito primario e di avvalersi al tempo stesso di maestranze in grado di mo-
dellare in opera l’alta trabeazione sopra il colonnato centrale, la fabbrica si compone
attorno alla combinazione di diversi elementi simbolici (i cerchi concentrici, la croce
inscritta, la luce), in una vocazione monumentale, astratta e rigida, difficilmente adat-
tabile nel tempo. A ribadire il carattere programmatico, quasi ideologico, dell’edificio
vi è la totale assenza di rapporto con la preesistenza: la chiesa s’imposta infatti con
nuove fondazioni al di sopra dei resti livellati dei Castra Peregrinorum, comprensivi di
un mitreo ristrutturato poco prima dell’avvio del cantiere di demolizione.
La chiesa a tre cerchi inscritti è rimasta tale per almeno quattro secoli, periodo
in cui fu sottoposta ad interventi minori, forse per la richiusura dei cortili con volte
a tubi fittili nel VI secolo18, sicuramente per la decorazione musiva e arredamento
liturgico e per la creazione della cappella dei SS. Primo e Feliciano in uno dei quattro
bracci della croce, con l’innesto di un’abside, durante il pontificato di papa Teodoro
I (642-649).

17  Nel455 l’imperatore Valentiniano III, figlio di timane di incendi e saccheggi che spinsero la classe
Galla Placidia, viene assassinato e Roma subisce il più abbiente ad abbandonare la città.
saccheggio dei Vandali di Gianserico, con due set- 18  Brandenburg 2004a.

40
es
il tempo e il restauro: la chiesa di s. stefano rotondo

tra
tto
au
to
Malgrado la sua monumentalità e l’importanza storica della prima significativa

e r
trasformazione, legata alla mutazione del culto delle reliquie nella cristianità, S. Ste-
fano Rotondo ha scandito la sua vicenda costruttiva fra fasi di marginalizzazione, co-
struzioni di presidi strutturali e adattamenti funzionali. Consolidamenti e adattamenti
che hanno comunque garantito, malgrado la vulnerabilità complessiva del sistema, una
persistenza significativa della fabbrica19. Le sue vicende sono testimoniate pertanto,
più che da documenti, da tracce materiali, soprattutto reperite con la lettura diretta
dell’elevato, nel corso di scavi e di cantieri di restauro20.
L’intervento di restauro della chiesa “quassatam”, con la tamponatura delle ar-
cate intermedie richiesta dall’espunzione dell’anello esterno21 e la conseguente ri-
duzione del diametro della fabbrica a 44 m, la chiusura di 14 finestre del tamburo
e la costruzione del diaframma centrale (per consentire la sistemazione di un nuovo
tetto in legno) nonché la creazione di un portico d’accesso sono preferibilmente at-
tribuiti a papa Innocenzo II (1130-43). Fra questo intervento e quello di Bernardo
Rossellino che, tre secoli dopo, non modificò lo spazio acquisito ma si limitò ad ab-
bellirne e a completarne le parti (sistemando bifore nei vani delle finestre residue,
rimodellando il vano d’ingresso e ricostruendo il pavimento ad una quota superiore)
si trovano soltanto testimonianze di ulteriori dissesti. La successione di interventi
puntuali, discontinui e separati da periodi di abbandono (nel Trecento) partecipò a
stabilizzare l’immagine dalla fabbrica, compressa, dissimmetrizzata e con palesi segni
di stratificazione; tale processo può dirsi completato con la stesura degli affreschi del
Pomarancio, nel 1582 (Fig. 3).
In questi quattro secoli si lavora per sommatoria al sovvertimento della coerenza
relazionale del monumento paleocristiano – inteso quale rigorosa sintesi di uno spazio
perfetto e rigido – per giungere alla costituzione di un palinsesto complesso, stratifi-
cato e fruibile per parti. L’ambiente tridimensionale unitario si stempera per dare ori-
gine ad una serie di spazi paralleli: quello liturgico, con l’altare principale finalmente
‘fissato’ al centro della fabbrica; quello devozionale, con il culto delle cappelle peri-
feriche; quello pedagogico, con la rassegna dei martìri illustrata dagli affreschi; quello
umanistico ed erudito, con il repertorio delle colonne e dei capitelli antichi ma anche

19  Fra gli edifici più ricordati dalla letteratura nel zio originario e delle vicende storico-costruttive
confronto figurativo e tipologico, l’Anastasis di dell’edificio nel tempo, si segnalano, senza esaurire
Gerusalemme è stata distrutta e ricostruita cinque l’abbondante bibliografia esistente, Corbett 1960;
volte, l’ultima delle quali nel XIX secolo, il santua- Krautheimer 1976; Ceschi 1982; Krautheimer
rio di Filippo a Hierapolis è oggi allo stato di rude- 1994; Brandenburg, Pál 2000; Antinori 2014;
re mentre ancora permane la più piccola chiesa di Brandenburg 2004a.
S. Michele Arcangelo a Perugia. 21 La distruzione dell’anello perimetrale esterno
20 Le maggiori problematiche interpretative po- del S. Stefano Rotondo è stata ricondotta ai ter-
ste dalle evidenze materiali hanno riguardato remoti del IX secolo (847 e 896), fatali per altre
la copertura originaria del tamburo centrale, la chiese romane, o a un arco temporale più ampio,
realizzazione del diaframma interno, la configu- che va dal IX al XII secolo, compatibile con le
razione aperta o voltata dei segmenti di circolari caratteristiche costruttive delle tamponature del
fra i bracci di croce. Per la ricostruzione dello spa- colonnato del secondo anello.

41
es
santo stefano rotondo / donatella fiorani

tra
tto
au
to
e r
Fig. 3. Veduta dell’ambula-
cro perimetrale con le arca-
te tamponate e gli affreschi
del Pomarancio.

con l’evocazione intellettuale di una dimensione monumentale che molti coglievano


come ancora classica e pagana. Il principale elemento strutturale innovativo, costituito
dal rafforzamento dell’asse nord-est/sud-ovest tramite la realizzazione di un’absidiola
e, soprattutto, dello slanciato diaframma ortogonale posizionato al centro del tamburo,
non riesce a rinserrare le diverse spazialità, anche a ragione della posizione deviata del
portico, tale da generare un’inedita dinamica interna (Fig. 4).
Il sovvertimento delle regole relazionali che tengono assieme in un tutto coeren-
te le varie componenti della fabbrica attraverso la modifica puntuale di alcuni singoli
elementi, definibile quale ‘infrazione metonimica’, è frequente nell’architettura stori-
ca e appare soprattutto evidente negli edifici monumentali, sempre che le successive
campagne di restauri stilistici l’abbiano risparmiata. Esso ha costituito spesso il neces-
sario compromesso per consentire la sopravvivenza stessa dell’edificio, che viene in
tal modo adattato, dal punto di vista funzionale o del gusto, alle esigenze del tempo
esistenziale e soggettivo22.
Il medesimo sovvertimento è, in S. Stefano, alla base di contraddizioni e squilibri
chiaramente illustrati nelle raffigurazioni redatte dal XVIII all’inizio del XX secolo.
Il rialzamento del pavimento rosselliniano, tale da coprire i dadi irregolari costruiti
per un adeguato appoggio delle colonne di reimpiego, in origine a vista; la ruderizza-
zione delle murature del cerchio esterno; le lesioni di volta in volta sanate alle pareti
evidenziano indirettamente la difficoltà di comprendere e risolvere la vicenda storico-
costruttiva e il degrado della fabbrica.
Non a caso, comprensione e conservazione costituiscono la cifra dell’interven-
to di Carlo Ceschi, condotto alla metà del Novecento e oggetto di un volume po-

22  Tale modalità ha coinvolto molti edifici con in- Quattro Coronati, si sono consolidate, altre, meno
terventi più o meno importanti, alcuni dei quali, incisive, sono state emendate dagli interventi di re-
come la riduzione della non lontana chiesa dei SS. stauro più tardi.

42
es
il tempo e il restauro: la chiesa di s. stefano rotondo

tra
tto
au
to
e r
Fig. 4. Veduta del por-
tico d’accesso.

stumo. Un aiuto determinante per questo sforzo di ricomposizione è stato fornito


dagli scavi di Antonio Colini e, più recentemente, dell’Università di Münster, i qua-
li hanno messo in luce, con la rimozione del pavimento quattrocentesco, le diver-
se stratificazioni edilizie, estese allo svuotamento del mitreo del III secolo (Fig. 5).
I diversi interventi condotti sull’edificio a cavallo del millennio hanno presentato
un prioritario carattere conservativo, avendo comportato perlopiù il trattamento delle
strutture, soprattutto in copertura, e delle superfici23. La natura di questi presidi non ha
richiesto più di tanto il confronto diretto fra la dimensione spaziale – e temporale – della
preesistenza con quella della contemporaneità, diversamente da quanto accade con i
recenti interventi di restauro e rifacimento della pavimentazione e sull’illuminazione,
che toccano l’intrinseca e primaria qualità artistica del monumento, com’è in genere
nell’architettura tardoantica e paleocristiana a Roma.
Se l’illuminazione dell’edificio è stata trasformata in maniera irreversibile con
le chiusure delle arcature del tamburo e la scomparsa dei pozzi di luce nell’anello
esterno, la nuova luce artificiale viene ordinata secondo una precisa gerarchia nei
corpi illuminanti e nella luminosità indotta. Essa cerca di dosare con equilibrio il ful-
cro liturgico dello spazio centrale e il percorso anulare seriale della galleria affrescata
alle pareti, restituendo alla fabbrica la centralità perduta senza eludere la sua ormai
irreversibile parzializzazione (Fig. 6).
Pavimenti diversi si sono sovrapposti nel tempo nella chiesa, imponendo dise-
gni, materiali e quote di livello sempre differenti, molti dei quali ancora persistenti
in tracce, frammenti e impronte. Il restauro del pavimento presso la cappella dei SS.

23  Rientrano in questo contesto la stuccatura delle mitreo sotterraneo (Filetici 2000), i restauri degli
murature esterne della cappella dei SS. Primo e Fe- affreschi (Tiberia 2012). Permangono comunque
liciano (cfr. Basile 1993), il rifacimento del tetto al ancora oggi diverse problematiche conservative da
di sopra del tamburo centrale, la sistemazione del risolvere con una certa urgenza.

43
es
santo stefano rotondo / donatella fiorani

tra
tto
au
to
e r
Fig. 5. Veduta del tratto centrale della chiesa Fig. 6. Disposizione dei corpi luminosi nel
con un’asola nella pavimentazione che lascia tratto centrale della chiesa.
in vista gli strati archeologici d’età classica.

Primo e Feliciano, intrapreso nel 2007 dalla Soprintendenza sotto la guida di Mario
Lolli Ghetti, aveva affrontato in parte problematiche analoghe, relative alla reintegra-
zione delle lacune e alla coerenza dell’impaginato complessivo, ma la porzione limitata
dell’ambiente, la sua ‘eccezionalità’ (la cappella insiste su uno dei bracci cruciformi
della chiesa), la minuta, ma significativa, permanenza materiale avevano sollecitato
una soluzione piuttosto orientata alla ricomposizione filologica del disegno antico24.
Diverso, e assai più complesso, era il problema del governo di una pavimenta-
zione moderna estesa a tutta la superficie ecclesiastica, che doveva risolvere in unità
le numerose e preziose stratificazioni conservate al di sotto del pavimento in legno
su travi metalliche, ‘reversibile’ e ‘neutro’, realizzato negli scorsi anni settanta dalla
Soprintendenza ai Monumenti di Roma25.
La scelta della quota di calpestio, del disegno e dei materiali pavimentali (ma anche
il raccordo con la fase romana sottostante la chiesa) rappresenta, nella meticolosa atten-
zione alla persistenza materiale di ogni singolo frammento e, soprattutto, nel rigoroso

24 Il pavimento della cappella è stato ricompo- messa in luce dello strato archeologico sottostate
sto – con l’uso combinato di marmi e miscele di (Lolli Ghetti 2000).
resine e graniglia e il supporto di pannelli alveo- 25  Il lavoro svolto sul pavimento della chiesa è stato
lari – sulla base della configurazione originaria ma analiticamente descritto in D’Aquino 2008, quello
con integrazioni visivamente reinterpretate e sce- nella cappella dedicata a S. Stefano d’Ungheria è in
gliendo un livello di calpestio poco più alto, così da D’Aquino 2010. Si rimanda inoltre al successivo te-
consentire l’eventuale rimozione del marmo e la sto dello stesso autore in questo numero.

44
es
il tempo e il restauro: la chiesa di s. stefano rotondo

tra
tto
au
to
e r
Fig. 7. Nuova pavimentazione: pianta di progetto.

controllo sintetico dello spazio, la cifra con cui si è lavorato per risolvere la diacronia
dell’edificio: la composizione del nuovo pavimento vuole infatti disvelare su un piano
bidimensionale la quarta dimensione temporale espressa dalla fabbrica. La selezione di
trame diverse in cui si relazionano lastre e frammenti lapidei con zone più o meno ampie
di conglomerato in cocciopesto si adatta puntualmente alle condizioni della preesisten-
za, in un disegno coerente desunto dalla logica geometrica dell’insieme (Figg. 7-8).
Il tempo dell’opera è visibilmente rimasto ‘incapsulato’ nel pavimento ecclesia-
stico contemporaneo e tale percezione dimostra come un restauro adeguatamente
controllato sia in grado di trasformare la diacronia in immagine, istituendo un interfac-
cia di contatto fra temporalità diverse.
Se la scienza è arrivata a negare l’esistenza del tempo, quella che essa definisce ‘il-
lusione’ temporale permane nella nostra coscienza, come analizzato da sant’Agostino,
Martin Heidegger, Henry Bergson e Paul Ricoer. La presenza di queste due visioni con-
cettuali per ora inconciliabili dal punto di vista logico non esclude comunque, come
abbiamo visto, la possibilità d’istituire interrelazioni. Per dirla con Biuso, che richiama

45
es
santo stefano rotondo / donatella fiorani

tra
tto
au
to
e r
Fig. 8. Veduta interna della chiesa con la nuova pavimentazione.

alcune proposte dei filosofi sopra richiamati, “il tempo esiste e scorre nella sostanza
umana come presente delle cose che sono state, presente delle cose che sono, presente
delle cose che saranno, come Cura rivolta al mondo a partire dalla comune finitudine
che attraversa tutti e l’intero”26.
Quando il restauro riesce a calibrarsi correttamente su vincoli e complessità
dell’esistente e a non rinunciare, nel contempo, alla definizione di un proprio carattere
unificante riflettiamo in esso in maniera tangibile il senso della ‘Cura’ sopra formulato.
Con la nuova pavimentazione, ma anche con la complessa orchestrazione dell’impian-
to illuminotecnico nel S. Stefano Rotondo, il presente si sostanzia di uno spessore più
denso di quello che si può cogliere in un mero ‘adesso’, di natura soggettiva ed esisten-
ziale: la ‘finestra’ temporale istituita fra contemporaneità e preesistenza consente di
attraversare la storia per riconoscerne i vincoli e di guardare a quei vincoli non come
limiti ma come stimoli creativi, strumenti di reciproco soccorso.

26  Biuso 2001.

46
es
santo stefano rotondo / referenze bibliografiche

tra
tto
au
to
Referenze bibliografiche

e r
Abbagnano 2001: N. Abbagnano, voce tempo in Dizionario di filosofia, Utet Libreria, Torino
2001, (1960), pp. 1075-1081
Antinori 2014: A. Antinori, Filippo Barigioni per il cardinale Antonio Saverio Gentili: il restauro
settecentesco della cappella dei Santi Primo e Feliciano in Santo Stefano Rotondo, in «Bollet-
tino d’Arte», s. VII, 2014, 21, pp. 65-86
Basile 1993: G. Basile (a cura di), Il restauro del mosaico di S. Stefano Rotondo a Roma, in «Arte
medievale», s. II, VII, 1993, 1, pp. 197-228
Battisti, Crotti 1966: E. Battisti, S. Crotti, Note sulla lettura del paesaggio antropogeografico, in
«Edilizia moderna», 1966, 87-88, pp. 53-59
Biuso 2001: A.G. Biuso, Ricoeur. La narrazione del tempo, in «Vita Pensata», 13, 2001 http://
www.vitapensata.eu/2011/07/12/ricoeur-la-narrazione-del-tempo/
Brandenburg 1996: H. Brandenburg, Il pavimento in opus sectile della chiesa paleocristiana di
S. Stefano Rotondo a Roma, in F. Guidobaldi e A. Guiglia Guidobaldi (a cura di), atti del
III Colloquio dell’Associazione Italiana per lo Studio e la Conservazione del Mosaico
(Bordighera, 6-10 dicembre 1995), Istituto internazionale di studi liguri, Bordighera
1996, pp. 553-568
Brandenburg 2004a: H. Brandenburg, S. Stefano Rotondo sul Celio, l’ultimo edificio monu-
mentale di Roma fra antichità e medioevo, in L. Paroli, L. Vendittelli (a cura di), Roma
dall’antichità al medioevo, II, Contesti tardoantichi e altomedievali, Electa, Milano 2004,
pp. 480-505
Brandenburg 2004b: H. Brandenburg, Le prime chiese di Roma: IV-VII secolo: l’inizio dell’archi-
tettura ecclesiastica occidentale, Electa, Milano 2004
Brandenburg 2010: H. Brandenburg, Sanctus Stephanus in Coelio Monte, Santo Stefano Roton-
do, Schnell + Steiner, Roma 2010
Brandenburg, Pál 2000: H. Brandenburg, J. Pál (a cura di), S. Stefano Rotondo in Roma, Arche-
ologia, storia dell’arte, restauro, atti del Convegno Internazionale (Roma 10-13 ottobre
1996), Reichert, Wiesbaden 2000
Brandi 1977: C. Brandi, Teoria del restauro, Einaudi, Torino 1977 (prima ed. 1963)
Cassani 2011: A.G. Cassani, Leon Battista Alberti: ‘conservatore’ o ‘distruttore’?, in Albertiana,
Société Internationale Leon Battista Alberti, vol. XIV, Olschki, Firenze 2011, pp. 103-
117
Ceschi 1982: C. Ceschi, S. Stefano Rotondo, L’“Erma” di Bretschneider, Roma 1982 
Commissione Episcopale per la liturgia 1996: Commissione Episcopale per la liturgia, L’ade-
guamento delle chiese secondo la riforma liturgica, Notiziario della Conferenza Episcopale
Italiana n. 4, Roma 1996, pp. 37-44
Corbett 1960: S. Corbett, Santo Stefano Rotondo, in «Rivista di Archeologia Cristiana», 3-4,
1960
D’Aquino 2008: R. D’Aquino, La nuova pavimentazione di S. Stefano Rotondo in Roma, in
G. Carbonara (diretto da), Grandi temi del restauro, Trattato di restauro architettonico.
Terzo aggiornamento, Utet, Torino 2008, pp. 171-198

62
es
santo stefano rotondo / referenze bibliografiche

tra
tto
au
to
D’Aquino 2010: R. D’Aquino, Il minimo intervento nel restauro reintegrazione della antica pa-

e r
vimentazione della cappella di S. Stefano d’Ungheria nella basilica di S. Stefano Rotondo in
Roma, in «Arkos», n.s., 23, 2010, pp. 59-67
Dorato 2013: M. Dorato, Che cos’è il tempo? Einstein, Gödel e l’esperienza comune, Carocci,
Roma 2013
Duchesne 1886: Duchesne L., Le Liber Pontificalis. Texte, introduction et commentaire, Paris
1886
Fancelli 1998: P. Fancelli, Il restauro, la reversibilità e il tempo, in Idem, Il restauro dei monu-
menti, Nardini, Firenze 1998, pp. 189-199
Feiffer 2005: C. Feiffer, Modifica e Compatibilità, in «Recupero e Conservazione», XI, 2005,
62-63, pp. 20-21
Filetici 2000: M.G. Filetici, Il restauro del Mitreo di Santo Stefano Rotondo nel quadro degli in-
terventi di conservazione dei monumenti archeologici al Celio, in Brandenburg, Pál 2000,
pp. 145-150
Fiorani 2014: D. Fiorani, Materiale/Immateriale. Frontiere del restauro, in «Materiali e Struttu-
re. Problemi di conservazione», 5-6, 2014, pp. 9-23
Glendinning 2014: M. Glendinning, The Conservation Movement: A History of Architectural
Preservation, Routledge, London 2014
Gregotti 2008: V. Gregotti, Contro la fine dell’architettura, Einaudi, Torino 2008
Guidobaldi 1982: F. Guidobaldi, Il pavimento di S. Stefano Rotondo, in C. Ceschi, S. Stefano
Rotondo, “L’Erma” di Bretschneider, Roma 1982, pp. 183-186
Guidobaldi, Guiglia Guidobaldi 1983: F. Guidobaldi, A. Guiglia Guidobaldi, Pavimenti mar-
morei di Roma dal IV al IX secolo, Studi di Antichità Cristiana pubblicati per cura del
Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, 36, Città del Vaticano 1983
Heidegger 2006: M. Heidegger, Essere e tempo, ed. it. a cura di F. Volpi, Longanesi, Milano
2006, pp. 149-154 (prima ed. 1926)
Illuminare le chiese antiche 1998: Illuminare le chiese antiche, in Luce e chiese. Appendice, atti
del Seminario Tecnico, Biblioteca della Luce Reggiani 1998
Krautheimer 1976: R. Krautheimer, Corpus Basilicarum Christianarum Romae, The Early
Christian Basilicas of Rome (IV-IX Cent.), vol. IV, Città del Vaticano 1976 (seconda ed.),
pp. 191-229
Krautheimer 1993: R. Krautheimer, Architettura sacra paleocristiana e medievale e altri saggi su
Rinascimento e Barocco, Bollati Boringhieri, Torino 1993
Krautheimer 1994: R. Krautheimer, Santo Stefano Rotondo: New conjectures, Wasmuth, Tübin-
gen 1994 pp. 1-18
Lolli Ghetti 2000: M. Lolli Ghetti, Basilica di S. Stefano Rotondo cappella dei SS. Primo e
Feliciano; restauro della pavimentazione paleocristiana in opus sectile, in Brandenburg,
Pál 2000, pp. 139-143 
Purini 2000: F. Purini, Comporre l’architettura, Laterza, Roma-Bari 2000
Rovelli 2014: C. Rovelli, Sette brevi lezioni di fisica, Adelphi, Milano 2014
Ruskin 1982: J. Ruskin. Le sette lampade dell’Architettura, Jaca Book, Milano 1982
Schlögel 2009: K. Schlögel, Leggere il tempo nello spazio. Saggi di storia e geopolitica, Bruno
Mondadori, Milano 2009
Squassina 2012a: P. Squassina, Tempo che distrugge tempo che conserva. Sentimento del tempo nel
restauro, Il prato, Saonara (Pd) 2012

63
es
santo stefano rotondo / referenze bibliografiche

tra
tto
au
to
Squassina 2012b: P. Squassina, Tiempo que destruye, tiempo que conserva: Sentido del tiempo y

e r
conciencia conservativa, in «Loggia», 24-25, 2012, pp. 26-43
Tiberia 2012: V. Tiberia, Il restauro di affreschi martirologici in Santo Stefano Rotondo, in «An-
nali della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Lettere dei Virtuosi al Pantheon»,
12, 2012, pp. 155-186
Treccani 1996: G.P. Treccani, In principio era la cura. Medico e restauratore: un paragone da
rivisitare, in «TeMa. Tempo Materia Architettura», 3-4, 1996, pp. 133-138
Venezia 2014: F. Venezia, Museo en plain air, in Memoria dell’abbandono, Seminario di Paeso-
logia a cura di Francesco Ventura, Dida, Firenze 2014
Venuti Cortonese 1824: R. Venuti Cortonese, Accurata descrizione topografica delle antichità
di Roma, Pietro Piale e Mariano De Romanis, Roma 1824

64