Sei sulla pagina 1di 5

Barbara Bouchet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questa voce o sezione sugli argomenti attori tedeschi e attori
italiani non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono
insufficienti.
Commento: it.wiki è l'unica versione linguistica di Wikipedia che indica
"statunitense" come nazionalità di questa biografata. Nelle altre wiki viene indicata
come tedesca naturalizzata italiana. L'insufficienza delle fonti non permette di
accertare quale wiki è in errore.
Barbara Bouchet, pseudonimo di Bärbel Gutscher (Reichenberg, 15
agosto 1944), è un'attrice tedesca.

Indice
Biografia
Vita privata
Filmografia
Cinema
Televisione
Programmi televisivi
Discografia
Singoli
Riconoscimenti
Doppiatrici italiane
Note
Altri progetti Barbara Bouchet nel 2006

Collegamenti esterni

Biografia
Bärbel Gutscher è nata nel 1944[1], prima di quattro fratelli, a Reichenberg, nome tedesco di Liberec, oggi in Repubblica Ceca ma
all'epoca parte della Cecoslovacchia popolata da tedeschi[2]. Alla fine della guerra, in seguito alla conferenza di Potsdam, la
popolazione tedesca in territorio cecoslovacco fu espulsa. La famiglia fu sfollata in un campo profughi della Germania alleata e,
da lì, ottenne un visto per gli Stati Uniti grazie al Displaced Persons Act del 1948[3]. I Gutscher si stabilirono in California a Five
Points e, successivamente, a San Francisco, dove Barbel crebbe.

Lì entrò nel corpo di ballerini adolescenti The KPIX Dance Party, con il quale prese parte regolarmente a show televisivi tra la
fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta[4]. Partecipò allo show dal 1959 al 1962, quando decise di intraprendere la
carriera cinematografica e trasferirsi a Hollywood modificando il proprio nome tedesco nel meglio pronunciabile, e
francesizzante, Barbara Bouchet. Nel decennio a seguire lavorò per il cinema e la televisione statunitense e, nel 1967, comparve
anche in un episodio della seconda stagione della serie originale di Star Trek, Con qualsiasi nome, nella parte dell'aliena Kelinda.
Nei primi anni settanta tornò in Europa divenendo, grazie alla sua avvenenza,
una delle attrici più apprezzate della prima generazione della commedia sexy
all'italiana. Apparve sovente sulle copertine delle appena nate riviste soft-
erotiche come Playmen Italia cui presto fecero seguito anche le apparizioni
televisive. I primissimi anni settanta la videro impegnata in numerosi
poliziotteschi e thriller quali ad esempio Milano calibro 9 di Fernando Di Leo e
Non si sevizia un paperino di Lucio Fulci.

Con il declino del filone cinematografico si ripropose come personaggio


televisivo. Nel 1985 si dedicò al fitness, lanciando una serie di libri e
videocassette di aerobica di notevole successo e aprendo una palestra a Roma.
Dal 2008 al 2010 ha interpretato la madre di Stella (Christiane Filangieri) nella
fiction televisiva Ho sposato uno sbirro. Più recentemente, è stata impegnata
(2015) a Düsseldorf nelle riprese del film tedesco Das Wetter in geschlossenen
Räumen di Isabelle Stever.

Vita privata Barbara Bouchet assieme a Joan


Barbara Bouchet è stata sposata con l'imprenditore napoletano Luigi Borghese Collins, Ursula Andress ed Elsa
Martinelli
con il quale ha avuto due figli: Massimiliano e lo chef Alessandro Borghese.

Filmografia

Cinema
I guai di papà (A Global Affair), regia di Jack Arnold (1964)
La signora e i suoi mariti (Girl on Plane), regia di J. Lee Thompson
(1964)
I due seduttori (Bedtime Story), regia di Ralph Levy (1964)
Scusa, me lo presti tuo marito? (Good Neighbor Sam), regia di David
Swift (1964)
Donne, v'insegno come si seduce un uomo (Sex and the Single
Girl), regia di Richard Quine (1964) La go-go dance di Barbara Bouchet
A braccia aperte (John Goldfarb, Please Come Home!), regia di J. nel film Milano calibro 9 (1972)
Lee Thompson (1965)
Prima vittoria (In Harm's Way), regia di Otto Preminger (1965)
Agente H.A.R.M. (Agent for H.A.R.M.), regia di Gerd Oswald (1966)
James Bond 007 - Casino Royale (Casino Royale), registi vari
(1967)
La mano che uccide (Danger Route), regia di Seth Holt (1967)
Fino allo spasimo (Surabaya Conspiracy), regia di Wray Davis
(1969)
Sweet Charity - Una ragazza che voleva essere amata (Sweet
Charity), regia di Bob Fosse (1969)
Barbara Bouchet e Don Backy in
Colpo rovente, regia di Piero Zuffi (1969)
Una cavalla tutta nuda (1972)
Cerca di capirmi, regia di Mariano Laurenti (1970)
L'asino d'oro: processo per fatti strani contro Lucius Apuleius
cittadino romano, regia di Sergio Spina (1970)
Il debito coniugale, regia di Franco Prosperi (1970)
Non commettere atti impuri, regia di Giulio Petroni (1971)
Donne sopra, femmine sotto (Nokaut), regia di Boro Draskovic (1971)
Il prete sposato, regia di Marco Vicario (1971)
L'uomo dagli occhi di ghiaccio, regia di Alberto De Martino (1971)
La tarantola dal ventre nero, regia di Paolo Cavara (1971)
Le calde notti di Don Giovanni, regia di Alfonso Brescia (1971)
Forza "G", regia di Duccio Tessari (1972)
Racconti proibiti... di niente vestiti, regia di Brunello Rondi (1972)
Finalmente... le mille e una notte, regia di Antonio Margheriti (1972)
La calandria, regia di Pasquale Festa Campanile (1972) Barbara Bouchet e Michele Placido
Una cavalla tutta nuda, regia di Franco Rossetti (1972) in Sabato, domenica e venerdì
Milano calibro 9, regia di Fernando Di Leo (1972) (1979)
Alla ricerca del piacere, regia di Silvio Amadio (1972)
Valeria dentro e fuori, regia di Brunello Rondi (1972)
Casa d'appuntamento, regia di Ferdinando Merighi (1972)
La dama rossa uccide sette volte, regia di Emilio P. Miraglia (1972)
Non si sevizia un paperino, regia di Lucio Fulci (1972)
Ancora una volta prima di lasciarci, regia di Giuliano Biagetti (1973)
Il tuo piacere è il mio, regia di Claudio Racca (1973)
Un tipo con una faccia strana ti cerca per ucciderti, regia di Tulio
Demicheli (1973)
Quelli che contano, regia di Andrea Bianchi (1973) Barbara Bouchet in Spaghetti a
mezzanotte (1981)
La badessa di Castro, regia di Armando Crispino (1974)
La svergognata, regia di Giuliano Biagetti (1974)
L'anatra all'arancia, regia di Luciano Salce (1975)
L'amica di mia madre, regia di Mauro Ivaldi (1975)
Amore vuol dir gelosia, regia di Mauro Severino (1975)
Per le antiche scale, regia di Mauro Bolognini (1975)
L'adultera (To agistri), regia di Erricos Andreou (1975)
Con la rabbia agli occhi, regia di Antonio Margheriti (1976)
Spogliamoci così, senza pudor..., regia di Sergio Martino (1976)
40 gradi all'ombra del lenzuolo, regia di Sergio Martino (1976)
Tutti possono arricchire tranne i poveri, regia di Mauro Severino (1976)
Diamanti sporchi di sangue, regia di Fernando Di Leo (1977)
L'appuntamento, regia di Giuliano Biagetti (1977)
Come perdere una moglie e trovare un'amante, regia di Pasquale Festa Campanile (1978)
Liquirizia, regia di Salvatore Samperi (1979)
Domenica, episodio di Sabato, domenica e venerdì, regia di Pasquale Festa Campanile (1979)
La moglie in vacanza... l'amante in città, regia di Sergio Martino (1980)
Crema, cioccolata e pa... prika, regia di Michele Massimo Tarantini (1981)
Spaghetti a mezzanotte, regia di Sergio Martino (1981)
Perché non facciamo l'amore?, regia di Maurizio Lucidi (1982)
Per favore, occupati di Amelia, regia di Flavio Mogherini (1982)
Diamond Connection, regia di Sergio Bergonzelli (1982)
Mari del sud, regia di Marcello Cesena (2001)
Gangs of New York, regia di Martin Scorsese (2002)
Trailer for a Remake of Gore Vidal's Caligula, regia di Francesco Vezzoli (2005)
Bastardi, regia di Federico Del Zoppo (2008)
Butterfly zone - Il senso della farfalla, regia di Luciano Capponi (2009)
Giallo?, regia di Antonio Capuano (2009)
La vita dispari, regia di Luca Fantasia (2009)
Finalmente la felicità, regia di Leonardo Pieraccioni - cameo (2011)
Das Wetter in geschlossenen Räumen, regia di Isabelle Stever (2016)
Easy - Un viaggio facile facile, regia di Andrea Magnani (2017)
Metti la nonna in freezer, regia di Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi (2018)
Televisione
Gli inafferrabili (The Rogues) - serie TV, episodio 1x11 (1964)
Viaggio in fondo al mare (Voyage to the Bottom of the Sea) - serie TV, episodio 2x06 (1965)
Organizzazione U.N.C.L.E. (The Man from U.N.C.L.E.) - serie TV, episodio 2x26 (1966)
Il virginiano (The Virginian) - serie TV, episodio 6x15 (1967)
Tarzan (Tarzan) - serie TV, episodio 2x21 (1968)
Star Trek (Star Trek) - serie TV, episodio 2x22(1968)
Jefferson Keyes (Cool Million) - serie TV, episodio 1x01 (1972)
Scarlatto e nero, regia di Jerry London - miniserie TV (1983)
Quelli della speciale - serie TV (1993)
Un posto al sole - serial TV (1996)
Incantesimo - serial TV (2003)
Diritto di difesa - serie TV (2004)
La provinciale, regia di Pasquale Pozzessere - miniserie TV (2006)
Capri - serie TV (2006)
Ho sposato uno sbirro - serie TV (2008-2010)
Il tredicesimo apostolo - serie TV (2014)

Programmi televisivi
Beauty Center Show (Italia 1, 1983)
Saint Vincent Estate (Rai 1, 1984)
Body Body - appuntamento settimanale per essere in forma (Rai 2, 1986)
In forma con Barbara Bouchet (Rai 2, 1986)

Discografia

Singoli
1983 – Se tu fossi bello/Vegetable rap (Baby Records, BR-50303, 7")
1985 – Anni sessanta/Capirsi (Dischi Ricordi, BBM 80002, 7") con Gianni Belfiore
1986 – Move Your Body (Lupus, LUX-2901, 7")

Riconoscimenti
12 luglio 2008 - Gran Galà dello Sport e della Tv-Grand Prix Corallo di Alghero: premio alla carriera.

Doppiatrici italiane
Vittoria Febbi in Donne, v'insegno come si seduce un uomo, Sweet Charity - Una ragazza che voleva essere
amata, Con la rabbia agli occhi, Diamanti sporchi di sangue, Amore vuol dire gelosia, Spaghetti a mezzanotte,
Capri
Maria Pia Di Meo in Non si sevizia un paperino, Colpo rovente
Valeria Valeri in La calandria
Mirella Pace in L'uomo dagli occhi di ghiaccio
Noemi Gifuni in Milano calibro 9
Rita Savagnone in La svergognata
Fiorella Betti in Un tipo con una faccia strana ti cerca per ucciderti
Germana Dominici in Sabato, domenica e venerdì
Rossella Izzo in Scarlatto e nero
Franca Lumachi in Gangs of New York

Note
1. ^ (FR) Stefano Masi, Enrico Lancia, Les séductrices du cinéma italien, Gremese Editore, 1997, p. 183, ISBN 978-
88-7301-075-3. URL consultato il 5 giugno 2014.
2. ^ (EN) Barbara Bouchet, su Glamour Girls of the Silver Screen.
3. ^ (EN) DeZayas, Alfred Maurice, Palgrave Macmillan, A Terrible Revenge, seconda, 2006, ISBN 1-4039-7308-3.
4. ^ (EN) Manny Interiano, KPIX Dance Party, su kpixdanceparty.org. URL consultato il 16 luglio 2007 (archiviato dall'url
originale il 5 giugno 2007).

Altri progetti
Wikiquote contiene citazioni di o su Barbara Bouchet
Wikimedia Commons (https://commons.wikimedia.org/wiki/?uselang=it) contiene immagini o altri file su
Barbara Bouchet (https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Barbara_Bouchet?uselang=it)

Collegamenti esterni

(EN) Barbara Bouchet, su Discogs, Zink Media.


Barbara Bouchet, su MYmovies.it, Mo-Net Srl.
Barbara Bouchet, su Movieplayer.it.
(EN) Barbara Bouchet, su Internet Movie Database, IMDb.com.
(EN) Barbara Bouchet, su AllMovie, All Media Network.
(DE, EN) Barbara Bouchet, su filmportal.de.

(EN) Barbara Bouchet, in Memory Alpha, Wikia.


VIAF (EN) 7314899 (https://viaf.org/viaf/7314899) · ISNI (EN) 0000 0001 1437 2946 (h
ttp://isni.org/isni/0000000114372946) · LCCN (EN) nr2001006294 (http://id.loc.gov/au
Controllo di
thorities/names/nr2001006294) · GND (DE) 1062351924 (https://d-nb.info/gnd/10623
autorità
51924) · BNF (FR) cb138917182 (https://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb138917182)
(data) (https://data.bnf.fr/ark:/12148/cb138917182)

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Barbara_Bouchet&oldid=105655495"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 13 giu 2019 alle 17:43.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono
applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.