Sei sulla pagina 1di 88

LEX

QUADRO DI MANOVRA SERIALE


MANUALE DELL’UTENTE

Q13

Doc. MTS-301.2 Rev.2 03/03


Microtelco si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso su ogni prodotto per
migliorarne le funzioni, il design e la disponibilità.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI


© 2003
MICROTELCO S.r.l.
MTS-301.2-IT

2
Indice

PARTE I.................................................................................................................................................................... 9

INSTALLAZIONE.................................................................................................................................................... 9
1 PROCEDURE PRELIMINARI.......................................................................................................................11
1.1 IMPIANTI A FUNE.................................................................................................................................11
1.2 IMPIANTI OLEODINAMICI ...................................................................................................................11
2 CONNESSIONI TEMPORANEE ...................................................................................................................13
2.2 FUNE VVVF ANELLO CHIUSO .............................................................................................................13
3 CONNESSIONI PERMANENTI ....................................................................................................................15
3.1 LINEE DI VANO.....................................................................................................................................15
3.1.1 FOSSA............................................................................................................................................15
3.1.2 PULSANTIERE DI PIANO E SERRATURA PORTA DI PIANO ...................................................15
3.1.3 INTERRUTTORE DI EXTRACORSA............................................................................................19
3.2 CONNESSIONI IN CABINA ....................................................................................................................19
3.2.1 TETTO CABINA ............................................................................................................................19
3.2.2 BOTTONIERA DI CABINA (C.O.P.) .............................................................................................21
3.2.3 SCHEDA DI ESPANSIONE (ESCHM-01)......................................................................................24
3.3 LOCALE MACCHINA.............................................................................................................................25
PARTE II .................................................................................................................................................................27

PROGRAMMAZIONE SCHEDE ...........................................................................................................................27


4 CENNI SULLA PROGRAMMAZIONE .........................................................................................................29
4.1 IL SOFTWARE DI PROGRAMMAZIONE................................................................................................29
4.2 IL PROGRAMMATORE ..........................................................................................................................30
4BIS SCHEDA NEL QUADRO (LEX-Q) ...........................................................................................................31
5 SCHEDA DI CABINA (LEX-C).....................................................................................................................33
6 SCHEDA DI PIANO (LEX-P1) TIPO CORTO ....................................................................................................35
7 SCHEDA DI PIANO (LEX-P) TIPO LUNGO .....................................................................................................37
PARTE III................................................................................................................................................................39

IMPOSTAZIONI DEL SISTEMA...........................................................................................................................39


8 DISPLAY LEX ..............................................................................................................................................41
8.1 DISPLAY DEL QUADRO DI MANOVRA ................................................................................................41
8.2 CHIAMATE DI PROVA DAL QUADRO DI MANOVRA ..........................................................................42
8.3 INFORMAZIONI SUL DISPLAY .............................................................................................................42
9 IMPOSTAZIONE DEI PARAMETRI.............................................................................................................45
9.1 PARAMETRI...........................................................................................................................................45
9.2 TIMERS 10 ms ........................................................................................................................................49
9.3 TIMERS 100 ms ......................................................................................................................................50
9.4 TIMERS 500 ms ......................................................................................................................................51
9.5 TIMERS 10 sec........................................................................................................................................51
9.6 LATO PORTE .........................................................................................................................................52
9.7 ERRORI..................................................................................................................................................52
9.8 DATA E ORA ..........................................................................................................................................52
9.9 VALORI DEFAULT.................................................................................................................................52
9.10 PARAM. VF REX ....................................................................................................................................52
9.11 VALORI VF REX.....................................................................................................................................53
3
9.12 ERRORI VF REX ....................................................................................................................................53
9.13 IMPOSTAZ. E11 .....................................................................................................................................53
9.14 INSER. PASSWD.....................................................................................................................................55
9.15 NUOVA PASSWD ...................................................................................................................................55
9.16 MANUT.TEMPOR...................................................................................................................................55
9.17 PIANI DUPLEX ......................................................................................................................................55
9.18 VER. SOFTWARE ...................................................................................................................................56
10 IMPOSTAZIONE DUPLEX .......................................................................................................................57
10.1 SCHEDA LEX-Q.....................................................................................................................................57
10.2 SCHEDA LEX-C .....................................................................................................................................57
10.3 SCHEDA DI PIANO................................................................................................................................57
11 MANUTENZIONE.....................................................................................................................................59
PARTE IV ................................................................................................................................................................61

APPENDICI .............................................................................................................................................................61
A CODICI DI ERRORE .....................................................................................................................................63
A.1 CODICE 70 – Contattori difettosi in partenza..........................................................................................63
A.2 CODICE 71 – Temperatura Motore.........................................................................................................63
A.3 CODICE 72 – Perdita encoder ................................................................................................................63
A.4 CODICE 73 – Mancato arresto al piano..................................................................................................63
A.5 CODICE 74 – Lunga corsa......................................................................................................................64
A.6 CODICE 75 – Rallentamento in salita .....................................................................................................64
A.7 CODICE 76 – Rallentamento in discesa ..................................................................................................64
A.8 CODICE 77 – Sovraccarico ....................................................................................................................64
A.9 CODICE 78 – Mancanza trifase ..............................................................................................................64
A.10 CODICE 79 – Sequenza fasi ................................................................................................................65
A.11 CODICE 80 – Porte di piano...............................................................................................................65
A.12 CODICE 81 – Porte di cabina .............................................................................................................65
A.13 CODICE 82 – Interruttore di Stop .......................................................................................................65
A.14 CODICE 83 – Controllo catena di sicurezza ........................................................................................65
A.15 CODICE 84 – Mancanza CC...............................................................................................................66
A.16 CODICE 85 - Start permit ...................................................................................................................66
A.17 CODICE 86 – Apertura porte difficoltosa ............................................................................................66
A.18 CODICE 87 – Chiusura porte difficoltosa............................................................................................66
A.19 CODICE 88 – Segnali di vano .............................................................................................................66
A.20 CODICE 89 – Azionamento disattivato................................................................................................67
A.21 CODICE 90 – Mancanza CAN bus ......................................................................................................67
A.22 CODICE 91 – Chiave Stop ..................................................................................................................67
A.23 CODICE 93 – Pulsante bloccato..........................................................................................................67
A.24 CODICE 95 –Reset fallito ...................................................................................................................67
A.25 CODICE 97 – Impostazioni errate .......................................................................................................68
A.26 CODICE 99 – Manutenzione ...............................................................................................................68
B DESCRIZIONE DEI CAVI ............................................................................................................................69
C VALORI PREIMPOSTATI ............................................................................................................................75
D INDICATORI SERIALI .................................................................................................................................77
D.1 DISPLAY A SETTE SEGMENTI ..............................................................................................................77
D.2 DISPLAY DOT MATRIX (A MATRICE DI PUNTI)..................................................................................78
E APPROFONDIMENTO SULLE SCHEDE DI PIANO....................................................................................81
E.1 LEX-P.....................................................................................................................................................81
E.2 LEX-P1...................................................................................................................................................84
E.3 USO SECONDO LA LEGGE DEL 9/1/89, N° 13 .....................................................................................85

4
Lista delle figure
Figura 3.1: cablaggio pulsanti e display con la scheda di piano “corta”. __________________________________ 16
Figura 3.2: cablaggio pulsanti e display con la scheda di piano “lunga”. __________________________________ 17
Figura 3.3: cablaggio pulsanti, gong e chiave manovra pompieri con la scheda di piano “lunga”. ______________ 18
Figura 3.4: connessioni scheda di cabina ___________________________________________________________ 20
Figura 3.5: schema dei connettori e dei LED sulla scheda LEX-C.________________________________________ 22
Figura 3.6: schema connessioni scheda di espansione (ESCHM-01). ______________________________________ 24
Figura 3.7: schema dei connettori e dei LED sulla scheda LEX-Q.________________________________________ 25
Figura 4.1: la finestra di dialogo del programma Fw16.________________________________________________ 29
Figura 4.2: il programmatore Lex-S. _______________________________________________________________ 30
Figura 4b.1: come individuare la porta seriale sulla scheda LEX-Q. ______________________________________ 32
Figura 5.1: posizione dei microswitch della scheda di cabina per la programmazione ed il normale funzionamento._ 33
Figura 5.2: sistemazione della scheda LEX-C nella scatola tetto cabina. ___________________________________ 34
Figura 5.3: sistemazione della scheda LEX-C nella scatola multifunzione tetto cabina, comprensiva della bottoniera di
manutenzione. _________________________________________________________________________________ 34
Figura 6.1: posizione dei ponticelli (jumper) per la programmazione ed il normale funzionamento nella scheda di piano
corta.________________________________________________________________________________________ 36
Figura 6.2: posizione dei ponticelli (jumper) per la denominazione dei piani nella scheda di piano corta. _________ 36
Figura 7.1: posizione dei microswitch per la programmazione ed il normale funzionamento nella scheda di piano
lunga. _______________________________________________________________________________________ 38
Figura 7.2: posizione dei microswitch per la denominazione dei piani nella scheda di piano. ___________________ 38
Figura 8.1: il display LEX. _______________________________________________________________________ 41
Figura 8.2: il menu di impostazione del sistema. ______________________________________________________ 41
Figura 8.3: come effettuare una chiamata dal quadro. _________________________________________________ 42
Figura 8.4: le informazioni sul display. _____________________________________________________________ 43
Figura 10.1: impostazioni delle schede e dei ponticelli su impianti duplex. _________________________________ 58
Figura 11.1: la bottoniera di manutenzione tetto cabina. _______________________________________________ 59
Figura 11.2: indicazione sul display della manovra di manutenzione. _____________________________________ 59
Figura B.1: cavo sala macchine – piano MR1 (schede LEX-P1 e LEX-P R1) ________________________________ 70
Figura B.2: cavo sala macchine – piano MR0 (schede LEX-P R0) ________________________________________ 70
Figura B.3: cavo interpiano CF1 (schede LEX-P1 e LEX-P R1) __________________________________________ 71
Figura B.4: cavo interpiano CF0 (scheda LEX-P R0) __________________________________________________ 71
Figura B.5: cavo PB1 (schede LEX-P1 e LEX-P R1)___________________________________________________ 72
Figura B.6: cavo CL1 (scheda LEX-P R0) ___________________________________________________________ 72
Figura B.7: cavo flat per display FDC______________________________________________________________ 73
Figura B.8: cavo flat per C.O.P. FCC ______________________________________________________________ 73
Figura B.9: cavo flat controllo fasi FPC ____________________________________________________________ 74
Figura B.10: cavo piatto flessibile FFC _____________________________________________________________ 74
Figura D.1: display Lex-DS ______________________________________________________________________ 77
Figura D.2: display Lex-DS1 _____________________________________________________________________ 77
Figura D.3: simboli possibili per il display a 7 segmenti. _______________________________________________ 78
Figura D.4: il display DDM8X8 completo di cavo. ____________________________________________________ 78
Figura D.5: display DDM8X8L ___________________________________________________________________ 79
Figura D.6: display DDM8X16 ___________________________________________________________________ 79
Figura D.7: display DDM8X24 ___________________________________________________________________ 79
Figura D.8: display DDM32X16 __________________________________________________________________ 79
Figura E.1: differenze fra LEX-P R0 e LEX-P R1._____________________________________________________ 81
Figura E.2: convenzione cavi CAN Bus per le schede LEX-P Rev.0._______________________________________ 82
Figura E.3: convenzione cavi CAN Bus per le schede LEX-P Rev.1._______________________________________ 82
Figura E.4: I/O scheda LEX-P. ___________________________________________________________________ 83
Figura E.5: I/O scheda LEX-P1. __________________________________________________________________ 84
Figura E.6: collegamento della LEX-P1 secondo Legge 13. _____________________________________________ 85

5
6
Lista dei simboli

Attenzione
Questo simbolo è mostrato quando una operazione incorretta può causare danneggiamenti.

Pre-cablato.
Questo simbolo è mostrato nelle descrizioni relative a dispositivi pre-cablati.

Cacciavite.
Alcune regolazioni manuali potrebbero essere richieste.

Attenzione.
Questo simbolo è mostrato quando viene richiesta una attenzione particolare.

7
8
Parte I
INSTALLAZIONE

9
10
Capitolo I

1 PROCEDURE PRELIMINARI
Dopo aver fissato l’armadio nel locale macchina connettere la linea di alimentazione ai terminali R
S T e la terra.

NON accendere il quadro di manovra senza la connessione di terra.

Connettere i terminali U V W al motore. Per impianti a fune a 2 velocità e per oleodinamici con
avviamento stella-triangolo connettere anche i terminali X Y Z.

Utilizzare cavi appropriati per le connessioni con il motore.

1.1 IMPIANTI A FUNE


• Collegare il freno motore ai terminali BR e 100.
• Collegare le resistenze di frenatura ai terminali DC+ e DBR nel caso di regolatore di
velocità VVVF.
• Collegare l’encoder come indicato nello schema elettrico nel caso di regolatore di velocità
VVVF ad anello chiuso.

Per il regolatore di velocità VVVF utilizzare SOLO cavi schermati.

1.2 IMPIANTI OLEODINAMICI

Collegare le valvole della centralina come segue:

• Fra VL e 100 per la valvola di alta velocità,


• Fra VD e 100 per la valvola di discesa,
• Fra VP e 100 in caso di una terza valvola.

11
12
Capitolo II

2 CONNESSIONI TEMPORANEE

2.1 OLEODINAMICI, FUNE 2 VELOCITA’, VVVF ANELLO


APERTO

E’ possibile muovere la cabina in mancanza della scheda nel quadro di manovra (LEX-Q).
Utilizzare una bottoniera di manutenzione con i pulsanti SALITA, DISCESA e STOP e procedere
con le seguenti connessioni temporanee :

• _ Pulsante STOP terminali 1 e 5 (contatto normalmente chiuso),


• _ Pulsante SALITA terminali 13A e 72 (contatto normalmente aperti),
• _ Pulsante DISCESA terminali 13A e 71 (contatto normalmente aperti).

Poi effettuare i seguenti ponticelli:

• 5 - 11,
_

• 11 – 13A.

Con questa connessione temporanea NON È POSSIBILE rilevare la sovra-temperatura


del motore e NON C’È PROTEZIONE per l’extracorsa della cabina.

2.2 FUNE VVVF ANELLO CHIUSO


L’unico modo per mettere in movimento un impianto VVVF ad anello chiuso è mediante la scheda
LEX-Q.

Non è possibile muovere un impianto VVVF ad anello chiuso senza utilizzare la scheda
LEX-Q.

13
14
Capitolo III

3 CONNESSIONI PERMANENTI

3.1 LINEE DI VANO

3.1.1 FOSSA

Il pulsante STOP di fondo fossa è pre-cablato con un cavo a 3 conduttori marcato PSC 1 . Nel caso
di un altro interruttore di sicurezza (ammortizzatore, etc) collegarli tutti in serie con il contatto del
pulsante STOP di fondo fossa. Per la connessione a terra, utilizzare il conduttore giallo-verde del
cavo PSC.

Il cavo PSC è pre-cablato solo dal lato del pulsante di stop : la connessione con il
quadro di manovra non è pre-cablata.

Collegare i conduttori blu e marrone del cavo PSC con i terminali 6 e 11 per i quadri oleodinamici o
5 e 7 per quelli a fune, e il conduttore giallo-verde alla terra.

3.1.2 PULSANTIERE DI PIANO E SERRATURA PORTA DI PIANO


BOTTONIERE DI PIANO. La bottoniera di piano è completamente pre-cablata. Per collegare i
pulsanti delle bottoniere seguire le figure 3.1, 3.2 e 3.3.

Le schede di piano sono collegate tra loro con i cavi CF1 (LEX-P1 e LEX-P R1) e/o CF0 (LEX-P).
La connessione tra la scheda di piano prossima alla sala macchine e il quadro di manovra è
realizzata dai cavi MR1 (LEX-P1 e LEX-P R1) o MR0 (LEX-P).

La scheda di piano fissata al piano più distante dal locale macchina (piano terra nel caso
di locale macchina in alto, piano più alto nel caso di locale macchina in basso) necessita di un
jumper come indicato nel disegno.

Jumper JP14 Jumper JP6


1Tavola B.1, pagina 69, indica tutte le marcature dei cavi. Riferirsi a questa tabella anche per la descrizione di tutti i
cavi marcati.

15
Cavo FDC

Cavi CF1

Cavi PB1

Figura 3.1: cablaggio pulsanti e display con la scheda di piano “corta”.

16
Cavo FDC

Cavo CF0

Cavo PB0

Figura 3.2: cablaggio pulsanti e display con la scheda di piano “lunga”.

17
Cavo FDC
Cavo KSC

Cavi CF0

Cavi PB0
Cavo PB0

Figura 3.3: cablaggio pulsanti, gong e chiave manovra pompieri con la scheda di piano “lunga”.

18
3.1.3 INTERRUTTORE DI EXTRACORSA

SOLO per impianti idraulici in taglia 2:1, l’interruttore di extracorsa deve essere fissato nel vano.
La connessione con il quadro di manovra è realizzata con il cavo OLC.

Il cavo OLC è parzialmente pre-cablato. Sul lato quadro di manovra è necessario


effettuare il cablaggio secondo lo schema elettrico.

3.2 CONNESSIONI IN CABINA

3.2.1 TETTO CABINA

SCATOLA BOTTONIERA DI MANUTENZIONE. La scatola di manutenzione è pre-cablata e


il cavo deve essere collegato al morsetto JP17 della scheda LEX-C. Vedi figura 3.4 e figura 3.5 per
i dettagli.

Sono presenti anche due conduttori che devono essere connessi in serie con tutti gli altri
interruttori di sicurezza della cabina, tranne la serratura della porta. La serie deve essere collegata
ai terminali 1B e 5 del blocco A3.

OPERATORE CON REGOLATORE DI VELOCITA’ VVVF. Se presente, il regolatore di


velocità VVVF è parzialmente pre-cablato:ci sono tre cavi in uscita dal regolatore.
Il cavo 1 porta tutti i conduttori all’operatore: M1, M2 e M3 per il motore, il cavo giallo-verde
per la terra, quattro conduttori per gli interruttori del rallentamento (bianco e nero per la
chiusura, nero e grigio per l’apertura).
Il cavo 2 porta l’alimentazione del regolatore e deve essere collegato ai terminali L4, L5 (AC
220V) e 100 (terra).
Il cavo 3 è pre-cablato e deve essere collegato al connettore JP22 della scheda LEX-C.
Gli interruttori di apertura e chiusura porta sono parzialmente pre-cablati. E’ necessario utilizzare
il contatto N.C. Devono essere collegati al connettore JP18 della scheda LEX-C.

OPERATORE SENZA REGOLATORE DI VELOCITA’. Il collegamento del motore è


realizzato mediante la connessione della linea trifase con i terminali M1, M2 e M3 del blocco
A1. Gli interruttori di apertura e chiusura porta sono parzialmente pre-cablati. E’ necessario
utilizzare il contatto Normalmente Chiuso. Devono essere collegati al connettore JP18 della
scheda LEX-C. Collegare la terra dell’operatore al terminale 100 di A1.

19
Figura 3.4: connessioni scheda di cabina

20
INTERRUTTORI REED. Sono completamente pre-cablati al connettore JP6 della scheda LEX-C.
I segnali disponibili sono:
• CS: reed salita,
• CD: reed discesa,
• CZ: reed zona porte (sempre presente per idraulici; per impianti a fune è presente solo nel
caso di pre-apertura porte),
• CRS: reed di reset superiore (se presente – solo per impianti a fune con anello chiuso),
• CRD: reed di reset inferiore (solo per impianti a fune ad anello chiuso).

FINECORSA. Gli interruttori di finecorsa sono parzialmente pre-cablati. I segnali disponibili sono:
• FCS: Finecorsa superiore. Il contatto Normalmente Aperto, è pre-cablato al connettore JP16
della scheda LEX-C. Il contatto Normalmente Chiuso deve essere collegato al terminale
13A e 50 del blocco A3 sul tetto cabina.
• FCD: Finecorsa inferiore. Il contatto Normalmente Aperto, è pre-cablato al connettore JP16
della scheda LEX-C. Il contatto Normalmente Chiuso deve essere collegato al terminale
13A e 51 del blocco A3 sul tetto cabina.
• Interruttore di extracorsa (questo segnale non è presente nel caso di impianto oleodinamico
in taglia 2:1) Il contatto Normalmente Chiuso deve essere collegato in serie a tutti gli altri
interruttori di sicurezza della cabina tranne la serratura della porta di piano. La serie deve
essere collegata ai terminali 1 e 5 del blocco A3.

SERRATURA PORTA CABINA. La serratura deve essere collegata ai terminali 11 e 12 del


blocco A3.

FOTOCELLULA E BARRIERA DI SICUREZZA. La connessione deve essere realizzata


utilizzando i due cavi denominati FT del connettore JP18 della scheda LEX-C. Nel caso di un
contatto Normalmente Chiuso, realizzare una connessione in serie, nel caso di contatto
Normalmente Aperto fare una connessione in parallelo.

LUCI CABINA. Nel caso di luci permanenti, collegarle ai terminali L1 e L2 del blocco A1. Se si
utilizza un sistema automatico, collegare le luci ai terminali L1 e L3.

DISPOSITIVO DI SOVRACCARICO. Se questo segnale è presente sul tetto cabina (tipicamente


per impianti a fune con trazione 1:1), collegarlo con i cavi marcati OL uscenti dal connettore JP18
della scheda LEX-C. E’ necessario un contatto Normalmente Aperto. Se invece l’impianto è
oleodinamico, collegare il contatto nel connettore JP11 della scheda di quadro LEX-Q.

CIRCUITI DI SICUREZZA. A tutti i contatti di sicurezza della cabina (per es. interruttore di
extracorsa, paracadute, allentamento fune, ecc.) a parte la serratura della porta di cabina, devono
essere collegati in serie ai terminali 1 e 5 del blocco A1.

3.2.2 BOTTONIERA DI CABINA (C.O.P.)

I pulsanti di chiamata, il display, e tutti gli altri segnali sono completamente pre-cablati. Le
connessioni tra l’indicatore nella bottoniera di cabina e la scheda LEX-C è realizzata con un cavo
piatto marcato FDC. Questo cavo deve essere collegato al connettore JP20. I pulsanti di chiamata e
altri segnali sono collegati alle schede ESCHM-01: la connessione tra la serie delle schede
ESCHM-01 e il connettore JP15 della scheda LEX-C è realizzato con un cavo piatto marcato FCC.
I conduttori del dispositivo citofonico devono essere collegati ai terminali IN1 e IN2 del blocco A2.

21
Figura 3.5: schema dei connettori e dei LED sulla scheda LEX-C.

22
LED Connettore Descrizione
FCC2 JP18 – PIN3 Finecorsa chiusura porte lato B
FT2 JP18 – PIN1 Entrata fotocellula porte lato B
INDP JP18 – PIN2 Chiave manovra indipendente
JP18-PIN9 JP18 – PIN9 Inutilizzato (entrata libera)
JP18-PIN8 JP18 – PIN8 Inutilizzato (entrata libera)
FT1 JP18 – PIN7 Entrata fotocellula porte lato A
COVL JP18 – PIN5 Segnalazione sovraccarico
FCA2 JP18 – PIN11 Finecorsa apertura porte lato B
FCC1 JP18 – PIN4 Finecorsa chiusura porte lato A
FCA1 JP18 – PIN10 Finecorsa apertura porte lato B
ENC 0 JP19 – PIN6 Inutilizzato (canale encoder 0)
ENC 1 JP19 – PIN7 Inutilizzato (canale encoder 1)
KSTP JP17 – PIN4 Chiave stop
KSF JP17 – PIN10 Chiave avvio manovra pompieri (manovra Australiana)
KFIR JP17 – PIN3 Chiave manovra pompieri
MDC JP17 – PIN9 Comando chiusura porte in manutenzione
MDO JP17 – PIN2 Comando apertura porte in manutenzione
MAD JP17 – PIN8 Discesa in manutenzione
MAS JP17 – PIN1 Salita in manutenzione
MAN JP17 – PIN7 Commutatore manutenzione
JP16-PIN6 JP16 – PIN6 Inutilizzato (entrata libera)
CRS JP16 – PIN12 Rallentamento salita
FCD JP16 – PIN10 Finecorsa discesa
CRD JP16 – PIN11 Rallentamento discesa
FCS JP16 – PIN9 Finecorsa salita
CZ JP16 – PIN8 Reed zona porte
CD JP16 – PIN1 Reed discesa
CS JP16 – PIN7 Reed salita

Tabella 3.1: significato dei connettori e dei LED sulla scheda LEX-C.

23
3.2.3 SCHEDA DI ESPANSIONE (ESCHM-01)

Le schede di espansione (ESCHM-01) devono essere collegate alla scheda LEX-C utilizzando un
cavo piatto marcato FCC. Le schede di espansione hanno ciascuna 8 connettori per i pulsanti di
chiamata di cabina e/o indicazioni luminose per funzioni speciali. Lo schema dei connettori è
rappresentato nella figura 3.6.

A = Pulsante apertura porte


B = Pulsante chiusura porte
C = Pulsante di allarme
D = Sovraccarico
E = Luce di emergenza
F = Cicalino
G = non utilizzato
H = non utilizzato
0, 1, ..., 7 = Pulsanti di chiamata in cabina

Figura 3.6: schema connessioni scheda di espansione (ESCHM-01).

24
Figura 3.7: schema dei connettori e dei LED sulla scheda LEX-Q.

3.3 LOCALE MACCHINA

Tutte le connessioni temporanee realizzate nel locale macchina sono ancora valide, tranne la
connessione tra i terminali 5 e 11 e le connessioni 11 e 13A. Queste due connessioni devono essere
rimosse. Inoltre, devono essere realizzate le seguenti connessioni:

25
DISPOSITIVO DI SOVRACCARICO. Quando il segnale è presente nel locale macchina deve
essere collegato ai terminali OL e OL1. E’ necessario utilizzare un contatto Normalmente Chiuso.

CIRCUITI DI SICUREZZA. Tutti i contatti di sicurezza nel locale macchina (per es. limitatore di
velocità, pulsante di STOP, etc.) devono essere collegati in serie ai terminali 7 e 11.

TERMISTORI MOTORE E/O OLIO. Tutti i termistori devono essere collegati in serie ai
terminali MP e MP1.

SCHEDA LEX-Q. Quando la scheda LEX-Q nel quadro di manovra è attiva, il LED di stato deve
lampeggiare. Per la lista completa dei LED e tutti i segnali, fare riferimento alla figura 3.7 e
alla tabella 3.2.

LED Connettore Descrizione


ANN JP18 Annulla allarme
ALR JP18 Allarme ricevuto
UM JP19 Manutenzione salita
DM JP19 Manutenzione discesa
MM JP19 Manutenzione
SP JP19 Start permit
TR Triangolo (non disp.)
JP20
V0 Velocità 0
SL Bassa velocità
JP20
V1 Velocità 1
FS Alta velocità
JP20
V2 Velocità 2
RS JP20 Relè salita
RD JP20 Relè discesa
RP / SI JP21 Allarme
FR JP21 Freno
RA JP21 Relè apertura porte
RC JP21 Relè chiusura porte
KM JP21 Relè manutenzione
R0 JP24 Relè di sicurezza 0
R1 JP24 Relè di sicurezza 1
R2 JP24 Relè di sicurezza 2
R3 JP24 Relè di sicurezza 3
R4 JP24 Relè di sicurezza 4
ALIM. JP14 Alimentazione presente

Tabella 3.2: significato dei connettori e dei LED sulla scheda LEX-Q.

26
Parte II

PROGRAMMAZIONE SCHEDE

27
28
Capitolo IV

4 CENNI SULLA PROGRAMMAZIONE


Il sistema CAN Bus necessita della programmazione delle schede principali dell’impianto (quadro,
cabina, piano).
Le schede vengono fornite già programmate, tuttavia per l’Utente potrebbe essere necessario dover
riprogrammarle per aggiornarne il software e per potenziare le funzioni del quadro.
Ciò è possibile tramite un software dalla semplice interfaccia e un programmatore da collegare ad
un PC; entrambi sono disponibili su richiesta.

4.1 IL SOFTWARE DI PROGRAMMAZIONE


Il software per la programmazione delle schede è l’Fw16 Microcontroller with Flash Memory
Writer ed è stato realizzato dalla Casa costruttrice delle memorie Flash montate sulle schede.
Per utilizzare correttamente il programma è sufficiente seguire con attenzione le procedure indicate
nei seguenti capitoli.
La finestra di dialogo del programma è la seguente:

Figura 4.1: la finestra di dialogo del programma Fw16.

Per effettuare la programmazione, è sufficiente impostare i seguenti parametri:

•CPU: è il modello del microprocessore montato sulla scheda;


•Speed: è la velocità di trasmissione dati dal PC alla scheda;
•Porta: è la porta del computer alla quale viene collegato il programmatore.

La versione di software con il quale programmare le schede deve essere impostata nella casella a
destra della scritta Write File. Può essere digitata o più comodamente selezionata premendo il tasto
Search(S); si aprirà una finestra di dialogo dalla quale bisognerà selezionare il file con estensione
.MHX relativo al tipo di scheda da programmare.

29
4.2 IL PROGRAMMATORE
Il programmatore delle schede seriali è una semplice scheda equipaggiata con un interfaccia RS232
da collegare alla porta seriale del computer e di un cavetto con un terminale 5x2 poli da collegare
alla porta della scheda; i due LED segnalano la comunicazione in corso fra scheda e PC.

Figura 4.2: il programmatore Lex-S.

E’ consigliabile connettere il programmatore al computer quando questo è spento, per evitare danni
alla porta seriale del PC.

Le schede LEX-Q, LEX-C, LEX-P e LEX-P1 sono tutte dotate di una porta seriale, nella fattispecie
un connettore a vaschetta da 5x2 poli.

Anche per le schede è necessario un piccolo accorgimento quando si inserisce il


programmatore: tenere premuto il pulsante di reset della scheda da programmare durante l’innesto
del cavetto; lo stesso vale per l’estrazione.

30
Capitolo IVbis

4bis SCHEDA NEL QUADRO (LEX-Q)

1. Collegare il programmatore alla porta seriale della scheda LEX-Q. Fare attenzione al
collegamento perché la porta seriale ed il controllo trifase hanno il connettore dello stesso
tipo. Seguire lo schema raffigurato in figura 4b.1

2. Alimentare la scheda.

3. Resettare la scheda. Per resettarla spegnere e accendere, oppure premere il pulsante di reset.

4. Avviare il programma Fw16 con i seguenti parametri:


• CPU = MB90F543
• Velocità = 4MHz
• Selezionare il numero della porta seriale (COM) al quale il programmatore è collegato.

5. Premere “Search(S)” per caricare il programma (estensione .MHX).

6. Premere “Auto(A)” per iniziare l’installazione del software.

7. Se tutto è stato eseguito nella maniera corretta, il software Fw16 farà apparire una finestra di
dialogo recante la scritta “All OK !!”.

8. Resettare nuovamente la scheda.

31
← Controllo fasi

← Porta seriale

Figura 4b.1: come individuare la porta seriale sulla scheda LEX-Q.

32
Capitolo V

5 SCHEDA DI CABINA (LEX-C)


1. Mettere la scheda in modalità programmazione settando i micro-interruttori come indicato
in figura 5.1.

2. Collegare il programmatore alla porta seriale della scheda.

3. Attivare la scheda.

4. Resettare la scheda. Per resettarla spegnere e accendere, oppure premere il pulsante di


reset.

5. Avviare il programma Fw16 con i seguenti parametri:


• CPU = MB90F543
• Velocità = 4MHz
• Selezionare il numero della porta seriale (COM) al quale il programmatore è collegato.

6. Premere ”Search(S)” per caricare il programma (estensione .MHX).

7. Premere “Auto(A)” per avviare il programma.

8. Se tutto è stato eseguito nella maniera corretta, il software Fw16 farà apparire una finestra
di dialogo recante la scritta “All OK !!”.

9. Impostare i micro-interruttori in modalità di normale funzionamento come indicato in


figura 5.1.

10. Resettare la scheda (vedi punto 4).

Programmazione Normale funzionamento

Figura 5.1: posizione dei microswitch della scheda di cabina per la programmazione ed il normale
funzionamento.

33
Figura 5.2: sistemazione della scheda LEX-C nella scatola tetto cabina.

Figura 5.3: sistemazione della scheda LEX-C nella scatola multifunzione tetto cabina, comprensiva
della bottoniera di manutenzione.

34
Capitolo VI
6 SCHEDA DI PIANO (LEX-P1) tipo corto
1. Collegare il programmatore alla porta seriale della scheda.

2. Impostare i jumpers per la modalità programmazione come indicato in figura 6.1.

3. Attivare la scheda.

4. Resettare la scheda. Per resettare la scheda, accendere e spegnere, o premere il pulsante di


reset.

5. Avviare il programma Fw16 con i seguenti parametri:


• CPU = MB90F497
• Velocità = 4MHz
• Selezionare la porta seriale (COM) alla quale il programmatore è connesso.

6. Premere “Search(S)” per caricare il programma (estensione .MHX).

7. Premere “Auto(A)” per iniziare il caricamento del programma.

8. Se tutto è stato eseguito nella maniera corretta, il software Fw16 farà apparire una finestra
di dialogo recante la scritta “All OK !!”.

9. Impostare i jumpers per la modalità di normale funzionamento come indicato in figura 6.1.

10. Per impostare la numerazione di piano, posizionare i jumpers come indicato in figura 6.2.

11. In case di impianto duplex, impostare i jumpers AD1/AD2 per indicare la posizione della
relativa cabina. Nel caso di simplex, i jumpers AD1 e AD2 devono essere aperti.

12. Resettare la scheda (vedi punto 4).

13. Per connettere le bottoniere di piano e il display delle schede seguire lo schema in figura
3.1.

35
CAN 1 2 3 4 5 6 AD1 AD2 PRG NOR
Programmazione

CAN 1 2 3 4 5 6 AD1 AD2 PRG NOR


Normale funzionamento

Figura 6.1: posizione dei ponticelli (jumper) per la programmazione ed il normale funzionamento
nella scheda di piano corta.

Piano 0 Piano 8
Piano 1 Piano 9
Piano 2 Piano 10
Piano 3 Piano 11
Piano 4 Piano 12
Piano 5 Piano 13
Piano 6 Piano 14
Piano 7 Piano 15

Figura 6.2: posizione dei ponticelli (jumper) per la denominazione dei piani nella scheda di piano
corta.

Per “Piano 0” viene inteso il piano più basso; tutti gli altri seguiranno la numerazione
progressiva. Mentre la numerazione logica dei piani è unica (da 0 al numero massimo dei piani), la
denominazione dei piani visualizzata dagli indicatori di posizione e dall’ LCD della scheda di
quadro segue esattamente le specifiche dell’impianto.
Ad esempio: Denominazione Numerazione
1, 3, 4, 5 0, 1, 2, 3
-1, 0, 1, 2 0, 1, 2, 3

36
Capitolo VII

7 SCHEDA DI PIANO (LEX-P) tipo lungo


1. Connettere il programmatore alla porta seriale della scheda.

2. Settare la scheda in modalità programmazione impostando i microinterruttori come in dicato


in figura 7.1.

3. Accendere la scheda.

4. Resettare la scheda. Per resettarla, spegnere e riaccendere, oppure premere il pulsante di


reset.

5. Avviare il programma Fw16 con i seguenti parametri :


• CPU = MB90F497
• Velocità = 4MHz
• Selezionare la porta seriale (COM) al la quale il programmatore è collegato.

6. Premere “Search(S)” per caricare il file del programma (estensione .MHX).

7. Premere “Auto(A)” per avviare il caricamento del programma.

8. Se tutto è stato eseguito nella maniera corretta, il software Fw16 farà apparire una finestra di
dialogo recante la scritta “All OK !!”.

9. Posizionare i micro-interruttori per il normale funzionamento, come indicato in figura 7.1.

10. Per impostare la numerazione dei piani, posizionare i micro-interruttori come indicato nella
figura 7.2.

11. Se l’impianto è duplex, posizionare gli interruttori 7 e 8 per indicare la posizione della
relativa cabina. Se l’impianto è simplex, gli interruttori 7 e 8 devono essere in posizione off.

12. Resettare di nuovo la scheda (vedi punto 4).

37
Programmazione Normale funzionamento

Figura 7.1: posizione dei microswitch per la programmazione ed il normale funzionamento nella
scheda di piano lunga.

Piano 0 Piano 1 Piano 2

Piano 3 Piano 4 Piano 5

Piano 6 Piano 7 Piano 8

Piano 9 Piano 10 Piano 11

Piano 12 Piano 13 Piano 14

Piano 15

Figura 7.2: posizione dei microswitch per la denominazione dei piani nella scheda di piano.

38
Parte III

IMPOSTAZIONI DEL SISTEMA

39
40
Capitolo VIII

8 DISPLAY LEX

8.1 DISPLAY DEL QUADRO DI MANOVRA

R3

D1
D2
S2 JP6
S1 S4 JP5
JP4
S3

Figura 8.1: il display LEX.

Pulsanti:

• S1: ritorno al menù o parametro precedente.


• S2: accesso ad un menù specifico e incremento del valore di un parametro menù.
• S3: riduzione del valore di un parametro.
• S4: passare al prossimo menù o parametro.

Due diverse modalità di accesso alle impostazioni del sistema:

• dopo l’accensione fare un ponte su JP4 per un istante,


• premere contemporaneamente S1 e S4 quando la cabina ferma al piano.
Il display LEX mostrerà come riportato in figura 8.2. Al termine della configurazione di tutti i
parametri di uno specifico menu, scorrere utilizzando S1 or S4 fino al menù principale. Per uscire
dalla procedura di impostazione, premere contemporaneamente i pulsanti S1 e S4. Il display
mostrerà “Aggiorno memoria”.

IMPOSTAZ.SISTEMA
1.PARAMETRI
Figura 8.2: il menu di impostazione del sistema.

41
8.2 CHIAMATE DI PROVA DAL QUADRO DI MANOVRA

Durante il normale funzionamento del quadro di manovra, è possibile effettuare una chiamata di
cabina per qualsiasi piano. Questa operazione può essere effettuata SOLO quando la cabina NON è
in movimento. Quando la cabina è ad un piano qualsiasi (per es. piano 03), il display mostrerà come
indicato in figura 8.3a. Premere il pulsante S2 del display LEX per aumentare il numero del piano
di destinazione e premere S3 per ridurre il numero del piano di destinazione. Successivamente,
rilasciare i pulsanti. Dopo circa 2 secondi la cabina riceverà la chiamata e si muoverà (figura 8.3b).

a)
03 a: 03 = 00000
[ ]

b)
03 a: 07 = 00128
] [
Figura 8.3: come effettuare una chiamata dal quadro.

8.3 INFORMAZIONI SUL DISPLAY

Durante le normali operazioni, il display mostra informazioni riguardo la cabina. Una spiegazione
più dettagliata è raffigurata in figura 8.4.
Il LED verde sul display LEX lampeggia quando la scheda LEX-C (cabina) comunica
correttamente con la scheda LEX-Q (quadro di manovra).

42
Posizione cabina:
U - Salita;
Prossima destinazione D - Discesa;
Posizione cabina = - Cabina ferma.

Questo messaggio
indica che una scheda
di piano (in queso
caso al piano 5) non
risponde.

43
Figura 8.4: le informazioni sul display.
Posizione porte Posizione porte:
Fotocellula attivata [...] Completamente aperte
Pulsante apertura porte <...> In apertura
Sovraccarico >...< In chiusura
Termico aperto ]...[ Completamente chiuse
Chiave stop
Finecorsa apertura
Finecorsa chiusura
44
Capitolo IX

9 IMPOSTAZIONE DEI PARAMETRI


9.1 PARAMETRI
00.Cabina numero

Questo parametro è il numero identificativo della cabina in un sistema in banco. Con una sola
cabina, questo parametro deve essere impostato a 00. Nel caso di un sistema duplex, la cabina
numero 00 sarà il master e la cabina 01 sarà lo slave.

01.Piano basso

Numero del piano più basso. Nota che questo parametro deve essere sempre 00 in un impianto
simplex, altri valori potrebbero causare l’errore codice 97 (Settaggio errato). Vedi appendice A.25,
pagina 68, per maggiori dettagli.

02.Piano alto

Numero del piano più alto†.

03.Piano pompier

Piano dove si ferma la cabina se la funzione pompieri è selezionata.

04.P. parch/princ

Piano dove la cabina parcheggerà successivamente ad un periodo pre-impostato (vedi timer 60.
Tempo di parcheggio) se il parametro 13.Parcheggio cabina è impostato su SI.

05.Funzione VIP

Impostando questo valore a 99, la funzione indipendente è abilitabile tramite ad esempio una
chiave o un interruttore; impostandolo a 00, la funzione è sempre abilitata.

06.Tipo chiamata

Selezionare i tipi di chiamate di piano. I valori possibili sono:


Semplice (1BN);
Con prenotazione‡.

† Per esempio: nel caso di un simplex con sette fermate, impostare il parametro a 6 e impostare il parametro 01.Piano
basso a 0.
‡ Notare che con questo sistema non c’è differenza tra chiamata con prenotazione in discesa e chiamata con
prenotazione completa. Nel caso in cui sia con prenotazione in discesa, collegare tutti i pulsanti (tranne quello al piano
più basso) al connettore di discesa sulle schede di piano; collegare quindi il pulsante del piano più basso al connettore
di salita sulla scheda di piano. Con il sistema settato in chiamata semplice non è però possibile effettuare la manovra
duplex.

45
07.Stazionamento

Selezionare lo stato di stazionamento delle porte. I valori possibili sono:


Porte chiuse;
Porte aperte.

08.Riapert. porte

Numero di tentativi falliti di riapertura/richiusura prima che il sistema segnali un problema.

09.Doppia porta

Selezionare se il secondo accesso è presente o no.


Si = con doppio accesso,
No = senza doppio accesso.

10.Tipo porte

Selezionare il tipo di porta:


Semi-automatiche = porta automatica in cabina,
Auto / AUREX Par = porta automatica al piano ed in cabina (con finecorsa a
microcontatti),
Aurex CAN bus = porta automatica al piano ed in cabina (operatore Aurex seriale),
Aurex CAN semiau = porta automatica in cabina (operatore Aurex seriale).

11.Pattino retr.

Selezionare se il pattino retrattile è presente oppure no:


Si = pattino retrattile,
No = senza pattino retrattile.

12.Tipo pompieri

Tipo di manovra pompieri:

Chiavi piano + cab = manovra pompieri con chiave in cabina e sulla porta di piano (tipo
Australia),
Chiave al piano = manovra pompieri con la SOLA chiave pompieri al piano (Hong Kong e
Europa),
Ritorno in emerg = Ritorno di emergenza al piano SOLO quando la chiave di emergenza
pompieri al piano è attivata.
Nessuna manovra = nessuna manovra pompieri attivata.

13.Parcheggio

Consente di selezionare la funzione di stazionamento della cabina. Vedi parametro 04.Piano di


parch. per selezionare il parcheggio al piano.
Si = Stazionamento cabina,
No = Senza stazionamento cabina.

46
14.Azionamento

Selezionare il tipo di trazione. I valori possibili sono:


Fune 2 velocita,
Idraulico,
VF MT standard,
VF 620 an.chiuso,
VF 584 an.aperto.

15.Livell. ausil.

Selezionare il livellamento ausiliario nel caso di ascensore oleodinamico. I valori possibili sono:
Si = livellamento ausiliario,
No = senza livellamento ausiliario.

16.Allarme Piani (*)

Selezionare la segnalazione ai piani desiderata in caso di allarme:


Allarme Legge 13,
Fuori servizio.

17.Contr. vano

Consente la verifica dei magneti durante la corsa della cabina. Se il parametro è impostato su “Si”,
il software verificherà, quando la cabina non è in movimento, se il numero di piste magnetiche CS è
uguale al numero di piste magnetiche CD. Se non è verificato, un messaggio di errore verrà
generato. I valori possibili per i parametri sono:
Si = verifica,
No = nessuna verifica.

18.Contr. 3 fasi

Specifica se le 3 fasi e la loro sequenza deve essere verificata o no:


Si = verifica delle 3 fasi,
No = nessuna verifica delle 3 fasi.

19.Preapertura

Abilita la funzione di pre-apertura delle porte:


Si = pre-apertura,
No = apertura normale.

* Nelle versioni precedenti alla Q06, il parametro 16 impostava la velocità di manutenzione.


Dalla versione Q06 in poi, la velocità di manutenzione è preimpostata come veloce.

47
20.Tipo FT/DO/DC

Questo parametro consente di impostare se le entrate FT (fotocellula), DO (pulsante apertura porte)


e DC (pulsante chiusura porte) hanno contatti normalmente aperti (N.O.) o normalmente chiusi
(N.C.). I valori possibili sono quelli riportati nella tabella 9.1.

FT DO DC
N.O. N.C. N.C.
N.C. N.C. N.C.
N.O. N.O. N.C.
N.C. N.O. N.C.
N.O. N.C. N.O.
N.C. N.C. N.O.
N.O. N.O. N.O.
N.C. N.O. N.O.

Tabella 9.1: Valori possibili per i parametri ’FT/DO/DC’.

21.Numeraz.piani

Specifica come gli indicatori mostreranno i piani. I valori possibili sono:


[0] 0,1,2,3 = i piano sono indicati a partire da 0,
[1] 1,2,3,4 = i piano sono indicati a partire da 1,
[2] B,G,1,2 = il piano inferiore allo zero è identificato con “B”,
[3] G,1,2,3 = il piano zero è identificato con “G”,
[4] -1,0,1 = i piano sono indicati a partire da –1,
[5] 0,0,1,2 = i primi due piani sono indicati a partire da 0,
[6] 1,3,4 = il piano “2” non compare,
[7] CTR 4579-80 = denominazione dei piani specifica per i due impianti indicati,
[8] 1 + even fl.= la denominazione parte da 1 e continua con i piani pari,
[9] 1 + odd flr.= la denominazione parte da 1 e continua con i piani dispari .

22.Simplex/group

Se la cabina è simplex, impostare questo parametro come “Simplex”, altrimenti, se la cabina è parte
di un gruppo, impostare questo parametro come “Duplex”.
Simplex = cabina singola,
Duplex = duplex.

23.Lingua

Selezionare la lingua dei messaggi. I linguaggi possibili sono:


English,
Italiano,
Vietnamese.

24.Tipo Dsp Cab

Imposta il tipo di display presente nella bottoniera di cabina.

25.Tipo Dsp Hall

Imposta il tipo di display presente al piano principale.

48
26.Tipo Dsp Altr

Imposta il tipo di display presente agli altri piani.


I valori che possono assumere i parametri 24, 25 e 26 sono validi per tutti e tre.
Sono i seguenti:

000 = Display 7 segmenti (LEX-DS, LEX-DS1);


001 = Display dot-matrix 8x8 (DDM8X8, DDM8X8L);
002 = Display dot-matrix 16x8 (DDM8X16);
003 = Display dot-matrix 24x8 (DDM8X24);
004 = Display dot-matrix 32x16 (orizzontale) (DDM32X16);
005 = Display dot-matrix 16x32 (verticale) (DDM32X16);
006 = Libero;
007 = 1 filo per piano.

27.Piani in FCD

Indica quanti piani sono coperti dal segnale di rallentamento inferiore (FCD).
Normalmente il valore impostato è 1; per un piano corto al livello inferiore tale valore potrà essere
2 se entrambi i livelli sono coperti dallo scivolo di rallentamento.

9.2 TIMERS 10 ms

30.Rit. SoftStop

Tempo di ritardo alla partenza e alla fermata.

31.Rit. Std.Stop

Tempo di ritardo alla fermata.

32.Risp. al PC

Ritardo in risposta al computer o alla richiesta di stato del Microdispatcher. Questo parametro ha
effetto solo in caso di duplex (vedi parametro 22.Simplex/Group).

33.Rit. pattino

Ritardo del pattino retrattile.

34.Tempo stella

In caso di avviamento stella/triangolo, questo timer seleziona la durata della configurazione a stella.
In caso di VVVF ad anello chiuso, questo è il tempo con il quale è impostato l’allarme
dell’azionamento. Ciò significa che, se in seguito un comando di velocità dalla LEX-Q verso il
VVVF, il segnale “Drive-not-ready” è ancora presente dopo il time-out stella, viene generato un
allarme Azionamento disattivato (codice 89).

35.Stella/Triang

In caso di avviamento stella/triangolo, questo temporizzatore seleziona il ritardo fra le


configurazioni stella e triangolo.

49
36.Apert. freno

Questo parametro ha effetto solo in caso di azionamento VVVF ad anello chiuso: è il ritardo fra
l’apertura del freno e l’avviamento del motore.

9.3 TIMERS 100 ms


40.Prot. pattino

Protezione del pattino retrattile.

41.Tempo occup.

Tempo di occupato per la chiamata semplice al piano.

42.Rit. chiusura

Questo timer imposta il ritardo fra l’attivazione del segnale del finecorsa di chiusura porte e lo
spegnimento del motore porte.

43.Duplex T-Out

Non disponibile in questa versione di software.

44.Ritardo gong

Ritardo fra il segnale di rallentamento e l’attivazione del gong e/o la sintesi vocale.

45.Fermata min.

Tempo minimo di fermata.

46.Chius. freno

Questo parametro ha effetto solo in caso di azionamento VVVF ad anello chiuso: è il timeout per
chiudere il freno in caso in cui il segnale “zero speed” non sia stato ancora attivato
dall’azionamento durante la fermata.

47.Timeout CAN 0

E’ l’intervallo di comunicazione fra le schede di quadro LEX-Q nel caso di impianti in banco: deve
essere superiore a 2.50 secondi.

48.Timeout CAN 1

E’ l’intervallo di comunicazione fra le schede di cabina LEX-C e deve essere superiore a 1.50
secondi.

50
9.4 TIMERS 500 ms

50.Limite pta A

Tempo di controllo per la porta lato A.

51.Limite pta B

Tempo di controllo per la porta lato B in caso di doppio accesso.

52.Chius.p.princ.

Tempo di chiusura porte al piano principale.

53.Chius. altri p

Tempo di chiusura porte agli altri piani.

54.Richius.porta

Tempo di richiusura porte dopo la riapertura.

55.Interpiano

Massimo tempo di interpiano. Se una corsa fra due piani consecutivi supera qusto intervallo, verrà
generato un allarme Lunga corsa (codice 74). Vedi pag. 64 per ulteriori dettagli.

56.Time-out FT

Intervallo di fuori servizio per la fotocellula. Se il segnale della fotocellula è acceso per un periodo
più lungo di questo intervallo, allora la porta eseguirà una chiusura forzata. Se il parametro è
impostato a 0.00 sec., l’intervallo non è attivato.

9.5 TIMERS 10 sec.

60.Tempo parch.

Questo è l’intervallo di tempo dopo il quale la cabina si dirigerà al piano di parcheggio in caso di
impianto simplex e con il parametro 13.Parcheggio impostato su Si.

61.T-out riavvio

Durata massima della manovra di riavvio. Se il riavvio non dovesse essere finito in questo
intervallo, verrà generato un allarme Reset fallito (codice 95).

62.Luce cabina

E’ il tempo successivo all’ultima chiamata effettuata, dopo del quale la luce in cabina verrà spenta.

51
63.Rit.homing

Questo è l’intervallo di tempo dopo il quale la cabina si dirigerà al piano di parcheggio in caso di
impianto duplex. Non è attivo se il parametro 22.Simplex/Group è impostato su Simplex.

64.Stop Termico

E’ il tempo per cui la cabina resterà ferma dopo un surriscaldamento del motore. Vedi l’allarme
Temperatura motore (codice 71), pagina 63, per ulteriori dettagli.

65.Norm-Fuori Or

Valido solo per i duplex. E’ il tempo in cui il sistema si converte da condizioni di traffico normale a
condizioni di basso traffico nel caso in cui non vengano effettuate chiamate ai piani.

66.Allarme Lg.13

Time out per l’allarme come specificato dalla normativa italiana (Legge 13).

9.6 LATO PORTE

Imposta il lato delle porte che si devono aprire ai piani.


A = apre le porte sul lato A;
B = apre le porte sul lato B;
A+B = apertura contemporanea delle porte su entrambi i lati;
A< = apertura selettiva della porta lato A (sinistra);
B> = apertura selettiva della porta lato B (destra).

9.7 ERRORI

Selezionando questo menu è possibile leggere gli ultimi 8 codici di errore generati dall’ascensore
con la data e l’ora in cui sono occorsi. Per la lista dettagliata e significato dei codici di errore, vedi
appendice A, pagina 63. Per uscire dal menu senza cancellare la lista degli errori, premere S1 o S4
al termine della lista. Per cancellare gli allarmi, premere S2: il display mostrerà
“Canc:premi S3 2s”. Premendo S3 per almeno 2 la lista degli errori verrà cancellata.

9.8 DATA E ORA

Da questo menu è possibile impostare la data (in formato gg/mm) e l’ora (in 24h).

9.9 VALORI DEFAULT

Selezionando questo menu è possibile ripristinare i valori preimpostati in fabbrica dei parametri e
dei temporizzatori. Per la lista completa dei valori preimpostati, vedi Appendice C, pag. 75.

9.10 PARAM. VF REX

Non disponibile su questa versione di software.

52
9.11 VALORI VF REX

Non disponibile su questa versione di software.

9.12 ERRORI VF REX

Non disponibile su questa versione di software.

9.13 IMPOSTAZ. E11

La configurazione del VVVF ad anello chiuso utilizza un encoder per determinare la posizione
effettiva della cabina in ogni istante. Poiché l’encoder è fissato sul motore e la cabina è sul lato
motore, è possibile trasformare gli impulsi mostrati sul display LEX in una lettura di distanza,
utilizzando l’algoritmo 1 :

Algoritmo 1 – Millimetri per impulso

1 impulso = diametro puleggia x π x rapporto di trasmissione x demoltiplicatore


risoluzione encoder

Esempio:

_ Diametro puleggia = 520mm

_ Rapporto di trasmissione = 2/53

_ Demoltiplicatore = 250

Risoluzione encoder = 5000

1 impulso = 520 x 3.14 x (2/53) x 250 = 3.08 mm


5000
Algoritmo 2 – Demoltiplicatore

demoltiplicatore = risoluzione encoder


diametro puleggia x rapporto di trasmissione x π

E’ possibile impostare il demoltiplicatore per ottenere 1 impulso = 1mm. E’ possibile solo per
ascensori con una corsa inferiore a 64 metri. La formula diventerà come indicato nell’algoritmo 2.
Seguendo l’esempio precedente, il calcolo diventa:

demoltiplicatore = 5000 = 81,11


520 x(2/53) x 3.14

Ciò significa che se il demoltiplicatore è impostato come nell’algoritmo 2, il conteggio indicato dal
display può essere considerato in millimetri.

53
Rall. P5, P6, P7, P8

Queste sono le distanze di rallentamento per le velocità pre-impostate P5, P6, P7 e P8. I valori
possono essere impostati automaticamente con la procedura di Acquisizione rallentamento. Nel caso
di VVVF ad anello chiuso, se la distanza di rallentamento non è correttamente impostata,
l’ascensore non si muoverà, e verrà mostrato il codice di errore 97 (Impostazione errata, pag. 68).

Il parametro P5 deve essere inferiore a P6, P6 minore di P7, P7 minore di P8. Per
ottenere questo risultato, impostare le velocità pre-impostate nel VVVF in sequenza: velocità
preimpostata 5 minore di velocità preimpostata 6, etc.

Offset p.0

Questo offset deve essere impostato in accordo con la sovrapposizione dei magneti di salita e di
discesa (cfr. gli schemi). Deve essere impostato prima di avviare la procedura di Acquisizione piani.

Prescaler

E’ il divisore del conteggio dell’encoder. Nel caso di inverter della Eurotherm Drive e un encoder a
a 5000 impulsi, impostare il demoltiplicatore tra 150 e 300. Nel caso di un inverter Microtelco,
impostare il demoltiplicatore a 1. Un’altra opzione è calcolare il demoltiplicatore con l’algoritmo 2.
Nel caso di un inverter VVVF ad anello chiuso, se il valore del dempoltiplicatore è impostato su
zero, l’ascensore non si muoverà e verrà riportato un errore codice 97 (Impostazione errata, pag.
68).

P. 00, 01,02,... Cnt.

Questi valori rappresentano la distanza tra un particolare piano e il piano inferiore. Vengono
automaticamente determinati dalla procedure Acquisizione piani.

Acquisiz. piani

Questa procedura deve essere utilizzata prima di mettere l’ascensore il servizio, ma solo al
completamento della installazione. Quando questa funzione è selezionata, la cabina effettuerà una
corsa alla velocità di reset in discesa fino al raggiungimento del piano inferiore. Dopodiché la
cabina effettuerà una corsa in salita rilevando la posizione dei piani attraverso i magneti di salita e
discesa. Quando la cabina rileva entrambi i segnali, il valore di Offset p.0 verrà aggiunto al
conteggio in corso per ottenere l’esatto valore del livello del piano.

Se i magneti necessitassero di un riposizionamento, questa procedura deve essere


ripetuta.

54
Acquisiz.rallent.

Questa procedura deve essere utilizzata prima di mettere in servizio l’ascensore, ma


successivamente al settaggio del regolatore VVVF poiché i valori ottenuti da questa procedura sono
correlati ai parametri del VVVF legati alle velocità e alle rampe di decelerazione. Quando questa
procedura è selezionata, la cabina effettuerà una corsa in discesa fino al raggiungimento del piano
inferiore. Dopodiché, la cabina partirà in salita in velocità di preset 5 e calcolerà la distanza di
rallentamento per questa velocità particolare. Il valore ottenuto verrà salvato nel parametro P5
(Acquisiz.ralleP5). Dopo questo, la cabina ritornerà al piano inferiore e la procedura verrà
ripetuta per la velocità di preset 6, 7 e 8. I valori così ottenuti verranno salvati nei parametri P6, P7
e P8.

Qualora fosse necessario modificare alcuni parametri del regolatore VVVF relativi alla
velocità di accelerazione e decelerazione, ripetere questa procedura.

9.14 INSER. PASSWD

Non disponibile in questa versione di software.

9.15 NUOVA PASSWD

Non disponibile in questa versione di software.

9.16 MANUT.TEMPOR.

Abilita la manutenzione temporanea.


SI = abilita la funzione,
NO = non abilita la funzione.

9.17 PIANI DUPLEX


Imposta i piani serviti solo dal Master o dal Master e dallo Slave.
I parametri devono essere impostati su entrambi gli impianti e devono essere i medesimi sia per il
Master che per lo Slave.

IMPOSTAZ.SISTEMA
Flr. 00 Side MAS
Con i tasti S1 ed S4 si seleziona il piano;
con S2 ed S3 si modifica la variabile:

MAS: piani serviti solo dall’impianto Master;


M+S: piani serviti sia dal Master che dallo Slave.

È importante tenere presente che nell’impostazione dei piani bisogna considerare uguali i due
impianti e che le differenze vengono impostate tramite la variabile MAS/M+S.

55
Lo schema sotto riportato mostra un duplex in cui il Master serve 6 fermate mentre lo Slave ne
serve solo 4.

Master Slave

M+S 5 5 M+S
MAS 4 (4) MAS
M+S 3 3 M+S
M+S 2 2 M+S
M+S 1 1 M+S
MAS 0 (0) MAS

Anche se lo Slave parte con la fermata 1, bisogna comunque impostare il piano 0 e “deselezionarlo”
settando la variabile su MAS. Lo stesso vale per tutti gli altri piani non serviti dallo Slave.

9.18 VER. SOFTWARE


Questa utilità permette di controllare le versioni di software con cui sono programmate la scheda di
cabina e ogni singola scheda di piano.
Il display mostrerà la seguente finestra:

LEX-C sw: 34
LEX-P sw: 24(00)
Dove il numero fra parentesi corrisponde al piano; con i tasti S2 ed S3 si scorrono i piani presenti.

56
Capitolo X

10 IMPOSTAZIONE DUPLEX

10.1 SCHEDA LEX-Q

Nel caso di un duplex, il ponticello vicino al connettore CAN 0 (JP2) deve essere aperto. Alcuni
parametri e temporizzatori devono essere modificati:
• Parametro 00.Cabina numero: impostarlo su 0 per il master e 1 per lo slave.
• Parametro 06.Tipo chiamata: impostarlo su Con prenotazione. Non è
possibile far funzionare l’impianto in duplex se impostato con una chiamata singola.
• Parametro 22.Simplex/Group: impostarlo su Duplex.
• Timer 47.Timeout CAN0: deve essere maggiore di 2.50 secondi.
• Timer 48.Timeout CAN1: deve essere maggiore di 1.50 secondi.

10.2 SCHEDA LEX-C

La scheda LEX-C non necessita di un particolare settaggio per il funzionamento in duplex.

10.3 SCHEDA DI PIANO

Il display collegato alla scheda di piano indica la posizione della cabina. Cambiando il settaggio del
ponticello o microswitch AD1/AD2, è possibile selezionare di quale cabina mostrarne la posizione.

LEX-P1 (tipo corto). Per mostrare la posizione della cabina numero 0, aprire i jumper AD1 e AD2.
Per mostrare la posizione della cabina numero 1, chiudere SOLO il jumper AD1 e lasciare aperto
AD2.

LEX-P (tipo lungo). Per mostrare la posizione della cabina numero 0, impostare gli switch 7 e 8 su
off. Per mostrare la posizione della cabina numero 1, impostare lo switch 7 su on e 8 su off.

La figura 10.1 schematizza queste indicazioni.

57
LEX-Q LEX-Q
Cabina 0 - Master Cabina 1 - Slave

LEX-P1 LEX-P1

LEX-P LEX-P
1 2 3 4 5 6 7 8 1 2 3 4 5 6 7 8

LEX-P1 LEX-P1

Figura 10.1: impostazioni delle schede e dei ponticelli su impianti duplex.

58
Capitolo XI

11 MANUTENZIONE
La normale manutenzione permette al manutentore di usare i pulsanti SALITA e DISCESA,
escludendo ogni operazione esterna. Quando il selettore “NORMALE/ISPEZIONE” viene ruotato
sulla posizione “NOR.”, il quadro riprenderà a funzionare normalmente.

1. Ruotare il selettore sulla posizione di manutenzione (ISP.);

2. Il display mostrerà la parola “Manutenzione”; ciò significa che la manovra di ispezione


è attivata. Il quadro di manovra non eseguirà nessuna chiamata di cabina o di piano.

3. Il quadro è pronto ad eseguire la manovra di manutenzione utilizzando i pulsanti SALITA e


DISCESA nel quadro o sulla bottoniera di manutenzione.

4. La velocità di manutenzione è preimpostata come veloce.

5. Quando la manovra è terminata, riportare il selettore sulla posizione NOR.

Selettore
NORMALE/MANUTENZIONE

Figura 11.1: la bottoniera di manutenzione tetto cabina.

Manutenzione

Figura 11.2: indicazione sul display della manovra di manutenzione.

59
60
Parte IV

APPENDICI

61
62
Appendice A

A CODICI DI ERRORE
A.1 CODICE 70 – Contattori difettosi in partenza

L’ascensore non può partire perché i contattori principali non vengono eccitati. La scheda
LEX-Q determina questo problema attraverso l’entrata SP che dovrebbe essere spenta durante la
corsa. Il quadro proverà a partire per tre volte: se il problema dovesse essere ancora presente, le
porte verranno riaperte e l’ascensore andrà fuori servizio per due minuti, quindi ritornerà in normale
funzionamento.

Controlli: con l’ascensore in stand-by, il LED dell’entrata SP sulla scheda LEX-Q deve essere
acceso. Quindi, provare a “mandare sotto” il contattore manualmente e controllare che il LED si
spenga. Se ciò accade, controllare i relè RS e RD sulla scheda LEX-Q ed i contatti n.c. dei
finecorsa di rallentamento di salita e discesa.

A.2 CODICE 71 – Temperatura Motore

Il motore (per impianti a fune) o l’olio (per gli idraulici) sono surriscaldati.

Controlli: controllare il termico motore sia per i fune che per gli idraulici; per questi ultimi,
controllare anche il sensore di temperatura dell’olio. Controllare che le entrate termiche (MP-
MP1) sulla scheda LEX-Q funzionino correttamente.

A.3 CODICE 72 – Perdita encoder

Il ritorno dell’encoder alla LEX-Q non è corretto. L’ascensore verrà fermato e mandato al piano
più basso per un reset; in seguito ritornerà in normale funzionamento.

Controlli: controllare il connettore fra l’encoder e la LEX-Q (vedi figura 3.7, pag. 25, le entrate A+
e A- del morsetto JP15). Controllare l’encoder.

A.4 CODICE 73 – Mancato arresto al piano

L’ascensore si è fermato al di fuori del livello. L’ascensore verrà mandato al piano più basso per
un reset; in seguito ritornerà in normale funzionamento.

Controlli: segnali CS, CD e CZ. Controllare la posizione dei magneti. Controllare la distanza di
rallentamento (la velocità con la quale la cabina raggiunge il piano potrebbe essere troppo
elevata.

63
A.5 CODICE 74 – Lunga corsa

La marcia dell’impianto è durata troppo tempo facendo scadere il temporizzatore di sicurezza


(vedi il timer 55. Interpiano, pag. 51).

Questo allarme FERMERÀ L’IMPIANTO. E’ necessario un reset per far ritornare


l’impianto in condizioni di normale operatività.

Controlli: controllare il tempo necessario alla cabina per uscire dalle piste magnetiche. Controllare
che il timer 55.Interpiano sia sufficiente per ogni corsa fra un piano e quello successivo.
Controllare che la correttezza delle velocità ALTA e BASSA e I contattori FS e SL. Se fosse
presente il rilivellamento, controllarne il corretto funzionamento.

A.6 CODICE 75 – Rallentamento in salita

La cabina ha raggiunto il piano superiore ma non ha trovato il finecorsa di rallentamento


salita.

Controlli: la posizione del finecorsa di rallentamento salita. Deve essere minore della quota di
rallentamento.

A.7 CODICE 76 – Rallentamento in discesa

La cabina ha raggiunto il piano inferiore ma non ha trovato il finecorsa di rallentamento


discesa.

Controlli: la posizione del finecorsa di rallentamento discesa. Deve essere minore della quota di
rallentamento.

A.8 CODICE 77 – Sovraccarico

La cella di carico indica che è presente un sovraccarico in cabina. Questa resterà ferma a porte
aperte fintanto che il sovraccarico non venga eliminato. Nel caso in cui il sovraccarico sia stato
attivato a porte chiuse, le porte verranno riaperte.

Nel caso di impianti idraulici, l’operazione di rilivellamento non è attuabile durante il


sovraccarico.

Controlli: controllare che la cella di carico funzioni correttamente. Controllare le entrate di


sovraccarico (OL-OL1) sulla scheda di quadro LEX-Q e sulla scheda di cabina LEX-C (COVL).

A.9 CODICE 78 – Mancanza trifase

Almeno una delle tre fasi non è presente.

64
Controlli: la tensione (morsetti R, S e T). Controllare la scheda di controllo fasi. Controllare la
connessione tra la LEX-Q e la LEX-FASI.

A.10 CODICE 79 – Sequenza fasi

La sequenza delle tre fasi non è corretta.

Controlli: cambiare la sequenza dei cavi nei morsetti R, S, e T.

A.11 CODICE 80 – Porte di piano

La serratura delle porte di piano è stata aperta durante la corsa. Se la catena di sicurezze
dovesse aprirsi per un periodo brevissimo, l’ascensore ripartirebbe nella direzione precedente per
raggiungere il piano designato. Se invece la catena di sicurezza dovesse restare aperta per un
periodo più lungo, la cabina partirebbe in discesa per un reset.

Controlli: controllare le serrature ai piani. Controllare il rele’ R4 sulla scheda LEX-Q.

A.12 CODICE 81 – Porte di cabina

La serratura delle porte di piano è stata aperta durante la corsa. Se la catena di sicurezze
dovesse aprirsi per un periodo brevissimo, l’ascensore ripartirebbe nella direzione precedente per
raggiungere il piano designato. Se invece la catena di sicurezza dovesse restare aperta per un
periodo più lungo, la cabina partirebbe in discesa per un reset.

Controlli: controllare le serrature ai piani. Controllare il rele’ R4 sulla scheda LEX-Q.

A.13 CODICE 82 – Interruttore di Stop

La linea di sicurezza tra I morsetti 5 e 11 è stata aperta durante la corsa. Qualora tale linea
venga richiusa, la cabina partirebbe in discesa per un reset.

Controlli: controllare l’interruttore di sicurezza collegato tra i morsetti 5 e 11. controllare il rele’
R2 sulla LEX-Q.

A.14 CODICE 83 – Controllo catena di sicurezza

La scheda segnala che è stato attivato il segnale di extracorsa superiore.

In caso di impianto idraulico, questo allarme FERMERÀ L’IMPIANTO. E’ necessario un


reset per far ritornare l’impianto in condizioni di normale operatività.

Controlli: controllare la catena di sicurezza. Controllare che i finecorsa di salita e di discesa (FCS e
FCD) siano collegati correttamente alla scheda LEX-C. Controllare il rele’ R1 sulla LEX-Q.

65
A.15 CODICE 84 – Mancanza CC

L’alimentazione CC non è presente sul morsetto 1. Nel caso in cui ciò accada durante una corsa,
l’ascensore partirà in discesa per effettuare un reset. Il reset non è invece necessario nel caso in cui
il problema si sia verificato mentre l’ascensore era in stand-by.

Controlli: controllare il rele’ R0 sulla LEX-Q.

A.16 CODICE 85 - Start permit

I teleruttori sono eccitati prima del comando di partenza.

Controlli: verificare il circuito che controlla I teleruttori. Controllare gli ausiliari dei teleruttori;
questi ausiliari forniscono il segnale SP (start permit) alla scheda LEX-Q.

A.17 CODICE 86 – Apertura porte difficoltosa

La scheda LEX-Q ha tentato varie volte di aprire completamente le porte senza successo. Il
numero di tentativi di apertura è impostato nel parametro 08.Riapert. porte.

Controlli: controllare i finecorsa apertura porte (FCA1 e FCA2) e le relative connessioni alla
scheda LEX-C. Controllare la serratura porte. Controllare che il tempo di apertura porte sia
inferiore a quello impostato nel timer 50.Limite pta A (o B), pag. 51.

A.18 CODICE 87 – Chiusura porte difficoltosa

La scheda LEX-Q ha tentato varie volte di chiudere completamente le porte senza successo. Il
numero di tentativi di chiusura è impostato nel parametro 08.Riapert. porte.

Controlli: controllare i finecorsa chiusure porte (FCC1 e FCC2) e le relative connessioni alla
scheda LEX-C. Controllare la serratura porte. Controllare che il tempo di chiusura porte sia
inferiore a quello impostato nel timer 50.Limite pta A (o B), pag. 51.

A.19 CODICE 88 – Segnali di vano

Il software ha trovato un errore nella disposizione delle piste magnetiche. Negli impianti
idraulici questo allarme viene generato anche quando la cabina si fermi al piano ma il segnale CZ
(quando fornito), non sia attivato.

L’impianto eseguirà un reset automaticamente.

Controlli: controllare i segnali CS, CD e CZ. Controllare la distanza fra i reed e le piste magnetiche
e la corretta disposizione di queste ultime.

66
A.20 CODICE 89 – Azionamento disattivato

Il segnale di azionamento non pronto (drive-not-ready) diventa attivo durante una corsa.
Questo allarme compare anche nel caso in cui il precedente segnale sia attivo anche dopo un
periodo impostato in seguito ad un comando di avviamento.

Questo allarme imporrà un reset.

Controlli: controllare che il rele’ E8 e il suo contatto sia inserito nell’entrata drive ready sulla
LEX-Q. Verificare che il timer 34.Tempo stella sia sufficiente.

A.21 CODICE 90 – Mancanza CAN bus

Il sistema CAN bus non funziona.

Controlli: controllare che i cavi CAN bus (CMR, CBF, e CLC) siano connessi. Controllare che i
due ponticelli necessari alla chiusura delle linee CAN bus siano presenti. Verificare che il LED
verde sulla destra del display lampeggi.

A.22 CODICE 91 – Chiave Stop

La chiave di stop in cabina (door hold) è stata attivata. La cabina si fermerà al piano più
prossimo, aprirà le porte e resterà al piano fuori servizio. Una volta disattivata la chiave, l’impianto
riprenderà il normale servizio senza effettuare reset.

A.23 CODICE 93 – Pulsante bloccato

Un pulsante di chiamata è rimasto premuto per più di un minuto. L’ascensore ignorerà questo
pulsante fino a quando non sarà rilasciato.

Controlli: il pulsante potrebbe essere incastrato. Verificare anche la connessione fra la scheda
LEX-P ed il pulsante.

A.24 CODICE 95 –Reset fallito

Il software ha provato ad effettuare una manovra di reset, ma non è riuscito a terminarla.

Controlli: controllare i segnali CS, CD e CZ. Controllare la distanza fra i reed e le piste magnetiche
e la corretta disposizione di queste ultime. Verificare che il timer 61.T-out riavvio sia sufficiente
per permettere al software di effettuare correttamente la manovra di reset. Se non dovesse
esserlo, aumentarla. Controllare i contattori FS e SL.

67
A.25 CODICE 97 – Impostazioni errate

Alcuni parametri non combaciano, quindi non è possibile far funzionare l’impianto in
maniera corretta.

Controlli: controllare il parametro 01.Piano basso. Questo parametro deve essere “0” in caso di
simplex. Verificare il demoltiplicatore (vedi pag. 53, il parametro deve essere maggiore di 0) e la
distanza di rallentamento (in caso di azionamento VVVF ad anello chiuso). La distanza di
rallentamento P5 deve essere minore di P6, P6 deve essere minore di P7 e così via.

A.26 CODICE 99 – Manutenzione

La cabina è in manovra di manutenzione.

Controlli: controllare che i segnali MAN, MAS e MAD siano connessi con la scheda LEX-C.
verificare inoltre l’entrata MM sulla scheda LEX-Q (il relativo LED deve essere acceso durante
il normale funzionamento e spento durante la manutenzione, vedi figura 3.7, pag. 25).

68
Appendice B

B DESCRIZIONE DEI CAVI


Tutti i cavi sono identificati da un codice di tre lettere. Nella seguente tabella (tabella B.1) viene
riportata la lista dei cavi ed una breve descrizione degli stessi.

Codice Figura Descrizione Note


MR1 B.1 CAN bus sala macchine Cavo schermato 4 x 0.75 mm²
MR0 B.2 CAN bus sala macchine Cavo schermato 4 x 0.75 mm²
CF1 B.3 CAN bus interpiano Cavo schermato 4 x 0.75 mm²
CF0 B.4 CAN bus interpiano Cavo schermato 4 x 0.75 mm²
PB1 B.5 Cavo pulsante Cavetto 4 poli preintestato
PB0 B.6 Cavo pulsante Cavetto 4 poli preintestato
FDC B.7 Cavo flat per display Flat 10x2
FCC B.8 Cavo flat per C.O.P. Flat 17x2
FPC B.9 Cavo flat controllo fasi Flat 5x2
KSC - Cavo inter. a chiave Cavetto 2 poli preintestato
FFC B.10 Cavo flessibile 20x0.75 mm²+2x2x0.5 mm²
OLC - Cavo extracorsa 2x1 mm²
PSC - Cavo stop fondo fossa 3Gx1 mm²

Tabella B.1: descrizione cavi.

69
MR1

Figura B.1: cavo sala macchine – piano MR1 (schede LEX-P1 e LEX-P R1)

MR0

Figura B.2: cavo sala macchine – piano MR0 (schede LEX-P R0)

70
CF1

Figura B.3: cavo interpiano CF1 (schede LEX-P1 e LEX-P R1)

CF0

Figura B.4: cavo interpiano CF0 (scheda LEX-P R0)

71
PB1

Figura B.5: cavo PB1 (schede LEX-P1 e LEX-P R1)

PB0

Figura B.6: cavo CL1 (scheda LEX-P R0)

72
FDC

Figura B.7: cavo flat per display FDC

FCC

Figura B.8: cavo flat per C.O.P. FCC

73
FPC

Figura B.9: cavo flat controllo fasi FPC

FFC

Figura B.10: cavo piatto flessibile FFC

74
Appendice C

C VALORI PREIMPOSTATI
In questa appendice sono elencati i valori preimpostati per i parametri ed i timers. Le tabelle hanno
due colonne libere chiamate Configurazione 1 e Configurazione 2. In queste colonne è possibile
annotare i parametri ed i timers. Se dovesse verificarsi qualche problema sull’impianto, prima di
chiamare l’assistenza, copiare i valori su una colonna e approntarsi ad inviare le seguenti tabelle via
fax.

Parametri Default Configurazione 1 Configurazione 2


00.Cabina numero 00
01.Piano basso 00
02.Piano alto 07
03.Piano pompier 00
04.Piano parch. 00
05.Funzione VIP 00
06.Tipo chiamata Con prenotazione
07.Stazionamento Porte chiuse
08.Riapert. porte 007
09.Doppia porta No
10.Tipo porte Auto / AUREX Par
11.Pattino retr. No
12.Tipo pompieri No
13.Parcheggio No
14.Azionamento VF 620 an.chiuso
15.Livell. ausil. No
16.Allarme Piani Allarme Legge 13
17.Contr. vano No
18.Contr. 3 fasi No
19.Preapertura No
20.Tipo FT/DO/DC FT+DO+DC n.o.
21.Numeraz.piani [1] 1,2,3,4
22.Simplex/group Simplex
23.Lingua English
24.Tipo Dsp Cab 000
25.Tipo Dsp Hall 000
26.Tipo Dsp Altr 000
27.Piani in FCD 1

Tabella C.1: valori di default per i parametri.

75
Timer Default Configurazione 1 Configurazione 2
30.Rit. SoftStop 0.10 sec.
31.Rit. Std.Stop 0.10 sec.
32.Risp. al PC 0.03 sec.
33.Rit. pattino 0.20 sec.
34.Tempo stella 1.50 sec.
35.Stella/Triang 0.10 sec.
36.Apert. freno 0.10 sec.

Tabella C.2: valori di default per i timers con base 10 millisecondi.

Timer Default Configurazione 1 Configurazione 2


40.Prot. pattino 5.00 sec.
41.Tempo occup. 2.50 sec.
42.Rit. chiusura 0.00 sec.
43. Duplex T-Out 3.00 sec.
44.Ritardo gong 2.00 sec.
45.Fermata min. 3.00 sec.
46.Chius. freno 2.00 sec.
47.Timeot CAN 0 5.00 sec.
48.Timeot CAN 1 2.50 sec.

Tabella C.3: valori di default per i timers con base 100 millisecondi.

Timer Default Configurazione 1 Configurazione 2


50.Limite pta A 15.0 sec.
51.Limite pta B 15.0 sec.
52.Chius.p.princ. 4.0 sec.
53.Chius. altri p 3.0 sec.
54.Richius.porta 2.0 sec.
55.Interpiano 45.0 sec.
56.Time-out FT 30.0 sec.

Tabella C.4: valori di default per i timers con base 500 millisecondi.

Timer Default Configurazione 1 Configurazione 2


60.Tempo parch. 10 min. 00 sec.
61.T-out riavvio 2 min. 30 sec.
62.Luce cabina 2 min. 00 sec.
63.Rit. homing 1 min. 00 sec.
64.Stop termico 1 min. 00 sec.
65.Norm-Fuori Or 5 min. 00 sec.
66.Allarme Lg.13 2 min. 00 sec.

Tabella C.5: valori di default per i timers con base 10 secondi.

76
Appendice D

D INDICATORI SERIALI
La scheda di cabina e le schede di piano possono essere collegate a display tramite cavi flat 10x2
poli (cavi FDC).
Gli indicatori disponibili per il quadro seriale sono con posizione a sette segmenti e frecce di
direzione, o display a matrice di punti (dot matrix).
I display non necessitano di programmazione, in quanto le informazioni necessarie agli indicatori
sono contenute nella scheda di quadro.

E’ buona norma connettere i display alle schede di cabina e piano con le schede spente.
Soprattutto per gli indicatori dot-matrix, connettere il cavo in presenza di tensione può provocare
danni piuttosto gravi, rendendo inutilizzabili i display.

E’ da notare che dalle versioni Q04, C22, e P22 in poi è necessario impostare il tipo di
display tramite i parametri 24, 25, 26. Questa operazione è più che compensata dal fatto che con le
nuove versioni è possibile aggiungere o cambiare il tipo di display montati senza dover
riprogrammare tutte le schede.

D.1 DISPLAY A SETTE SEGMENTI


Il display mostrerà la posizione e la direzione della cabina. Nel caso di manovra in ispezione, si
accenderanno i segmenti orizzontali del display.
I simboli possibili per il display a sette segmenti sono indicati in figura D.3.

Figura D.1: display Lex-DS Figura D.2: display Lex-DS1

77
Figura D.3: simboli possibili per il display a 7 segmenti.

D.2 DISPLAY DOT MATRIX (A MATRICE DI PUNTI)


La scheda di cabina e le schede di piano possono essere collegate in serie ad un display dot matrix
di differenti dimensioni. I simboli mostrati sul display possono essere completamente
personalizzati; è solamente necessario contattare il fornitore.
Nelle figure seguenti vengono mostrati i vari tipi di display DM; sono visualizzati nella posizione
corretta per il montaggio.

Figura D.4: il display DDM8X8 completo di cavo.

78
Il display DM 8x8 da 20mm deve essere collegato con un cavo “ibrido” flat /AMP; bisogna
perciò prestare bene attenzione che il display ed il cavo siano orientati e collegati esattamente come
in figura D.4.

Figura D.5: display DDM8X8L Figura D.6: display DDM8X16

Figura D.7: display DDM8X24 Figura D.8: display DDM32X16

79
80
Appendice E

E APPROFONDIMENTO SULLE SCHEDE


DI PIANO
Ci sono due differenti tipi di schede di piano, LEX-P e LEX-P1.

E.1 LEX-P
La LEX-P è la versione lunga, con diverse entrate ed uscite, che permettono lo svolgimento di tutte
le principali funzioni, come la chiave per la manovra pompieri, il gong di arrivo al piano o le frecce
di prossima direzione.
Queste schede sono state prodotte in due differenti lotti.
La revisione 0, o LEX-P R0, appartiene al primo lotto di produzione.
La revisione 1, o LEX-P R1, appartiene al secondo lotto di produzione, cominciato nel gennaio
2001.
Le LEX-P R1 sono state create per poter standardizzare i connettori ed i cavi con le LEX-P1.
Se si utilizza una R1 per sostituire una vecchia R0, bisogna prestare attenzione sia ai cavi di
collegamento interpiano, sia a quelli dei pulsanti. Le differenze fra le schede sono mostrate nella
figura E.1: i connettori dei pulsanti sono ruotati di 180°; il numero di identificazione della revisione
è indicato fra la porta di programmazione e il condensatore.

LEX-P R0 LEX-P R1

Figura E.1: differenze fra LEX-P R0 e LEX-P R1.

81
Come indicato nell’ Appendice B – Descrizione dei cavi, le vecchie LEX-P R0 venivano utilizzate
con cavi di collegamento al quadro MR0, cavi interpiano CF0 e cavi pulsante PB0, mentre le più
recenti LEX-P R1 utilizzano cavi MR1, CF1 e PB0, come le schede LEX-P1.
Ciò significa che la sequenza dei cavi CAN Bus nei connettori è cambiata: la figura E.2 mostra la
vecchia sequenza, mentre la figura E.3 mostra quella nuova.
Quindi, se si sta sostituendo una vecchia scheda, è necessario modificare il cablaggio dei cavi.

Il cattivo cablaggio dei cavi nei connettori può provocare dei corto-circuiti, danneggiando le
schede.

Anche i connettori dei pulsanti sono cambiati, quindi è necessario ricablarne i cavi.

Cambiare la sequenza dei cavi nei connettori precablati è un’operazione che può risultare
pericolosa se non eseguita in maniera corretta; si consiglia quindi di richiedere un nuovo set di
cavi per sostituire quelli vecchi.

Can H: bianco
Can L: giallo
-: verde + schermo
+24: marrone

Figura E.2: convenzione cavi CAN Bus per le schede LEX-P Rev.0.

+24: marrone
Can H: bianco
Can L: giallo
-: verde + schermo
Figura E.3: convenzione cavi CAN Bus per le schede LEX-P Rev.1.

Tutte le altre entrate ed uscite (chiave manovra pompieri, allarme ai piani, indicatori, ecc.) sono
rimasti uguali alla versione precedente; fare riferimento alla pagina 6 degli schemi ed alla figura
E.4.

82
Figura E.4: I/O scheda LEX-P.

83
E.2 LEX-P1
Le schede LEX-P1 sono state progettate per tutte quelle applicazioni che non richiedono funzioni
speciali.
Questo tipo di schede prevede infatti solo le funzioni principali delle LEX-P: la gestione dei
pulsanti e del display.
Nella figura E.5 sono indicate le connessioni della scheda.

Figura E.5: I/O scheda LEX-P1.

84
E.3 USO SECONDO LA LEGGE DEL 9/1/89, N° 13
Come noto, la legge del 9/1/89, N° 13 dispone che ad ogni piano sia presente la segnalazione di
allarme in cabina.
Ciò significa che ogni scheda di piano necessita di un’uscita dedicata, come per le schede LEX-P.
In caso di manovra con prenotazione in discesa o completa, è perciò necessario usare le LEX-P.
E’ altrettanto vero però, che nella maggior parte dei casi gli impianti con Legge 13 siano a chiamata
semplice.
Solo in quest’ultimo caso, è possibile utilizzare le schede LEX-P1, impostando adeguatamente i
seguenti parametri:

• 06.Tipo Chiamata: impostare Chiamata Semplice (1BN);


• 16.Allarme Piani: impostare Allarme Legge 13.

I cavi per i pulsanti dovranno essere collegati nel connettore JP2, mentre quelli della segnalazione
allarme andrà nel connettore JP1. Cfr. figura E.6.

JP1 JP2

Figura E.6: collegamento della LEX-P1 secondo Legge 13.

85
Per maggiore chiarezza, nella tabella E.1 vengono indicati i valori dei parametri 06 e 16 ed i
connettori in cui collegare i pulsanti, in base alla manovra utilizzata. Per il riconoscimento dei
connettori sulle schede, fare riferimento alle figure E.4 per le schede “lunghe” LEX-P ed E.5 per le
schede “corte” LEX-P1.

Connettori pulsanti
Tipo chiamata Scheda Param. 06 Param.16 Piano Piani Piano
inferiore intermedi super.
Semplice
LEX-P Fuori servizio JP4 JP4 JP4
Chiamata (1BN)
semplice Semplice
LEX-P1 Fuori servizio JP2 JP2 JP2
(1BN)
Semplice
LEX-P Fuori servizio JP4 JP4 JP4
Chiamata (1BN)
semplice + L.13 Semplice Allarme
LEX-P1 JP2 JP2 JP2
(1BN) Legge 13
Con
LEX-P Fuori servizio JP3 JP4 JP4
Prenotazione prenotazione
discesa Con
LEX-P1 Fuori servizio JP1 JP2 JP2
prenotazione
Con Allarme
Prenotazione LEX-P JP3 JP4 JP4
prenotazione Legge 13
discesa + L.13
LEX-P1 - Non utilizzabile -
Con
LEX-P Fuori servizio JP3 JP3 & JP4 JP4
Prenotazione prenotazione
completa Con
LEX-P1 Fuori servizio JP1 JP1 & JP2 JP2
prenotazione
Con
Prenotazione LEX-P Fuori servizio JP3 JP3 & JP4 JP4
prenotazione
completa + L.13
LEX-P1 - Non utilizzabile -

Tabella E.1: impostazioni e connessioni schede di piano in base al tipo di chiamata.

86
87
MICROTELCO S.r.l.

Via Torino, 31
20063 Cernusco S/N (Milano)

Tel.: ++39 02 92723401


Fax: ++39 02 92723499
E-mail: microtelco@elexspa.com
microtelco@galactica.it

88